XUS LT 3/65. Movimentazione, imballaggio, ecc. Protezione delle dita (14 mm) o delle mani (30 mm)

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "XUS LT 3/65. Movimentazione, imballaggio, ecc. Protezione delle dita (14 mm) o delle mani (30 mm)"

Transcript

1 0 Movimentazione, imballaggio, ecc Protezione delle dita (14 mm) o delle mani (0 mm) Barriere di sicurezza multifascio a emissione infrarosso Modello compatto, con uscite statiche di sicurezza (PNP) NSI/I 15.06, NSI B11: , OSH (C), OSH , IC per il tipo 4 SP Direttiva Macchine 98/7/C, Direttiva Sociale 89/655/C e Direttiva MC 89/6/C C, TUV, UL, CS mm (protezione delle dita) mm (protezione delle mani) 0, 7,5 m (protezione delle dita) 0, 9 m o 0, 20 m (protezione delle mani) In base all altezza protetta: ms (protezione delle dita) In base all altezza protetta: 20 5 ms (protezione delle mani) 2 uscite statiche PNP (N/O). c 24 V, 500 m Protezione contro i cortocircuiti Sì (con modulo esterno) c 24 V ± 20 %, 2 XUS LT da /81 a /85 /65

2 Generalità Barriere di sicurezza Presentazione Protezione delle persone Le barriere di sicurezza sono dispositivi di protezione elettrosensibili (SP) destinati alla protezione degli operatori che intervengono sulle macchine industriali arrestando il movimento pericoloso nel momento in cui uno dei fasci luminosi viene occultato. Più in particolare sono protezioni che garantiscono la sicurezza del personale che lavora sulle macchine pericolose (allegato IV della Direttiva 98/7/C) ma anche su numerose altre macchine. Consentono di proteggere le persone lasciando tuttavia libero accesso alle macchine. Direttive e norme Settori applicativi Norme di sicurezza L'assenza di protezioni meccaniche consente di ridurre il tempo necessario alle operazioni di caricamento, ispezione o regolazione, facilitando inoltre l accesso. Conformità alle norme Queste barriere di sicurezza sono conformi: b alla Direttiva europea sulla sicurezza delle macchine 98/7/C e alla Direttiva sociale europea 89/655/C, b alle Direttive bassa tensione 7/2/C e 9/68/C, oltre che alla Direttiva sulla compatibilità elettromagnetica 89/6/C, b alla norma IC , IC (sistemi di protezione elettrosensibili: SP), b alla norma N (potenza di emissione), b alla norma N 999 (condizioni d installazione), Le barriere di sicurezza sono omologate UL, CS e TÜV. Principali applicazioni b Settori di applicazione dei prodotti di tipo 2: - impianti di imballaggio ed assemblaggio, - impianti di trasferimento e movimentazione, - impianti di immagazzinaggio e stoccaggio, - macchine compattatrici di rifiuti. b Tipi di macchine per l impiego dei prodotti di tipo 4: - presse (tutti i tipi), cesoie e taglierine, - apparecchi per il sollevamento, - seghe (tutti i tipi), - macchine utensili (torni, fresatrici, centri di lavorazione), - macchine per la lavorazione del legno (piallatrici, torni, fresatrici, aratri da scasso), - macchine tessili (cardatrici, telai, essicatrici), - macchine per il montaggio, - aree robotizzate di assemblaggio. ilevamento dei danni ilevamento dei danni che possono compromettere la sicurezza e l arresto della macchina La concezione e i comandi della macchina devono corrispondere al livello di sicurezza della barriera di sicurezza allo scopo di garantire che in caso di un eventuale ingresso nella zona protetta, la macchina sia immediatamente in grado di interrompere il movimento pericoloso. Non deve essere assolutamente possibile entrare all interno della zona protetta senza interrrompere i fasci luminosi di protezione: la barriera di sicurezza deve dunque essere installata in modo tale, che sia impossibile evitare lo schermo luminoso. La rimessa in funzione della macchina non deve essere possibile se non in assenza totale di pericoli e di persone all interno della zona pericolosa. l di fuori dei fasci luminosi di protezione c è il rischio che le persone che si trovano all interno della zona pericolosa non vengano più rilevate. /66

3 0 Norme di installazione Zona pericolosa S sse ottico Sono definite dalla norma N 999. In particolare: - la distanza di sicurezza tra la barriera e la zona pericolosa, - la velocità di penetrazione del corpo, - i dispositivi monofascio multipli, - le barriere multifascio. Calcolo della distanza di sicurezza minima S tra la barriera e la zona pericolosa S = K (t1 + t2) + C (formula generale) mettitore Fasci luminosi icevitore S = distanza minima, in mm K = velocità di penetrazione del corpo (o di una parte del corpo), in mm/s t1 = tempo di risposta della barriera, in s t2 = tempo di arresto della macchina (movimenti pericolosi), in s C = distanza supplementare, in mm b Caso delle barriere monofascio: K = 1600 mm/s C = 1200 mm nel caso di un fascio C = 850 mm nel caso di più fasci Le altezze protette sono le seguenti: Numero di fasci ltezze protette (mm) 4 00, 600, 900, , 700, , b Caso delle barriere multifascio: K = 2000 mm/s C = 8 (d - 14) con d = capacità di rilevamento della barriera ttenzione: in tutti i casi: S 500 mm Norme specifiche per le presse L'utilizzo delle barriere di sicurezza e delle barriere meccaniche sulle presse destinate alla lavorazione dei metalli è regolato da norme e regole specifiche. Le norme stabiliscono che come dispositivi di sicurezza vengano utilizzate solo le barriere di sicurezza o le barriere meccaniche, al fine di garantire l arresto della macchina nel più breve tempo possibile nel caso in cui una persona entri nel campo di protezione quando il movimento pericoloso è in corso. Per arresto rapido si intende l arresto della slitta prima che l operatore sia in grado di raggiungere la zona pericolosa, tenendo conto della sua velocità di movimento. La funzione di autocontrollo permanente delle barriere di sicurezza è fondamentale nel caso di presse per metalli. Se nel dispositivo di sicurezza si verifica un guasto, il movimento della macchina che può rappresentare un pericolo per l operatore deve essere automaticamente interrotto. Inoltre, una volta liberata la zona protetta, il movimento iniziato e interrotto non deve poter riprendere la sua corsa normale, nemmeno in seguito ad azionamento del pulsante di messa in funzione. La macchina dovrà riprendere il movimento dall inizio del ciclo. La barriera di sicurezza autorizzerà l inizio di un movimento pericoloso solo dopo aver constatato il corretto funzionamento (tramite l introduzione di un bastone-test all interno della zona pericolosa o con un dispositivo automatico) e in seguito alla riattivazione del pulsante di riarmo (blocco dell avviamento). La distanza di sicurezza S si calcola in modo particolare per le: - presse meccaniche: consultare la norma N 692, - presse idrauliche, piegatrici pneumatiche, tranciatrici, macchine per centratura e piegatura: consultare la norma prn 69. /67

4 Generalità (segue) Barriere di sicurezza Protezione in caso di accesso al di sopra della barriera Dispositivi complementari di sicurezza Le barriere di sicurezza possono essere utilizzate solo su macchine in grado di fermare in qualsiasi momento di una fase pericolosa il movimento degli elementi mobili che le costituiscono. Queste barriere forniscono un informazione di arresto e non di comando. Questa informazione di arresto deve essere memorizzata. La liberazione dello sbarramento luminoso non deve provocare la rimessa in funzione degli elementi mobili. Il riavviamento potrà essere effettuato solo con azione volontaria sull apposito strumento di comando e dopo essersi assicurati dell assenza di pericolo. Senza dispositivo complementare: grado di protezione insufficiente Con dispositivo complementare: fasci coperti, la macchina si arresta Protezione in caso di accesso al di sotto della barriera STOP L'interfacciamento elettrico tra la barriera di sicurezza e i circuiti della macchina deve corrispondere alle specifiche normative della macchina. Quando le barriere di sicurezza non garantiscono un grado di protezione sufficiente a causa della loro posizione, è necessario ricorrere a dispositivi di sicurezza complementari appropriati o ad ulteriori barriere di sicurezza allo scopo di impedire agli operatori di superare la barriera di protezione e di raggiungere la zona pericolosa (N 294, N 811), o ancora di stazionare fra la zona pericolosa e la barriera di sicurezza (N 999). I dispositivi di sicurezza complementari devono essere disposti e dimensionati in modo tale che risulti impossibile per gli operatori raggiungere la zona pericolosa in qualunque modo: (da sopra, da sotto, da dietro, da un lato) senza nascondere i fasci luminosi. I dispositivi di sicurezza complementari devono essere: b fissi (se possibile avvitati o saldati alla macchina), b mobili (la loro posizione sarà controllata continuamente nel caso in cui sia necessaria una loro apertura). Senza dispositivo complementare: grado di protezione insufficiente Con dispositivo complementare: fasci coperti, la macchina si arresta Dovrà essere impossibile per gli operatori mettere fuori servizio i circuiti di commutazione dei dispositivi complementari di sicurezza. Protezione in caso di accesso da dietro la barriera STOP Senza dispositivo complementare: grado di protezione insufficiente Con dispositivo complementare: fasci coperti, la macchina si arresta Campo di rilevamento Barriera luminosa Ostruzione Barriera luminosa Zôna di selezione dei canali Protezione per le funzioni "blanking" o "floating blanking" Le funzioni "blanking" (inibizione del fascio) o "floating blanking" (inibizione del fascio flottante) consentono di creare delle aree non protette all interno del campo di rilevamento. Queste aree non protette sono necessarie per alcune applicazioni. Se un ostruzione non copre completamente le aree non protette, è necessario effettuare una delle due seguenti operazioni: - aumentare la distanza di sicurezza per tener conto di una maggiore apertura della barriera, - proteggere con una protezione materiale (barriere meccaniche: foglio di lamiera o di metallo) l area non coperta da un ostruzione. ggiunta di una protezione solida alla barriera luminosa durante l utilizzo della selezione dei canali /68

5 0 Consigli d installazione Superficie riflettente I dispositivi devono essere installati in modo che l emettitore ed il ricevitore corrispondente siano posti uno di fronte all altro ed allineati in altezza e orientamento. Superficie riflettente L'angolo di apertura degli strumenti ottici e la tolleranza di allineamento dell emettitore e del ricevitore è dell ordine di ± 2,5. mettitore L D icevitore sse ottico Superfici riflettenti poste di fianco all asse ottico potranno causare riflessioni parassite sui fasci luminosi più lontani dall asse e impedire quindi il rilevamento di un oggetto all interno della zona pericolosa. Il raggio diretto potrà essere raddoppiato con un raggio parassita riflesso non interrotto quando l oggetto si trova nell asse. Per questo motivo, le norme prn e 2 e IC prevedono una distanza minima D pari a: - per 0 < L < m, D = 11 mm, - per L > m, D = (0,05 x L) + 5 (con un valore limite minimo di 11 mm). D = distanza minima tra la barriera e la superficie riflettente, in mm L = portata della barriera, in mm Influenze reciproche lcune configurazioni possono portare all installazione affiancata di 2 o più barriere di sicurezza. In questo caso si consigliano gli esempi di installazione qui di seguito riportati. o Schermo mbienti disturbati Le applicazioni industriali richiedono talvolta l installazione dei prodotti in condizioni d impiego estreme dovute in particolare a: b Disturbi elettromagnetici generati dalla vicinanza di variatori di velocità, saldatrici o walkie-talkie. La particolare progettazione dei prodotti della gamma XUS L garantisce una protezione perfetta. Sono conformi a: - livello secondo IC , - tenuta ai disturbi provocati dai variatori di velocità. b Disturbi luminosi (conformità alla norma IC ). /69

6 Generalità (segue) Barriere di sicurezza Definizioni d Capacità di rilevamento (d) appresenta il diametro minimo (oggetto) che la barriera di sicurezza di tipo 4 è in grado di rilevare in modo assoluto. d = P + e P e P: distanza tra gli assi di 2 fasci adiacenti e: diametro dei fasci Gamma XUS L P (mm) e (mm) d (mm) XUS Lp 10,7, 14 Protezione delle dita XUS Lp Protezione delle mani ltezza protetta (Hp) In base al prn , rappresenta la zona (o altezza) all interno della quale un oggetto di diametro pari alla capacità di rilevamento d viene rilevato in modo assoluto. d 1 fascio Hp ultimo fascio d Tempo di risposta La norma europea N 999 integra completamente i diversi aspetti della nozione tempo di risposta nella formula di calcolo della distanza di sicurezza minima (vedere pagina /67): S = K (t1 + t2) + C con in particolare: - t1: tempo di risposta del dispositivo di protezione (in s). È quello indicato per le gamme XPS-C e XUS-L. appresenta il tempo totale tra il rilevamento da parte dell apparecchio e lo spostamento dell organo di uscita. - t2: tempo di arresto della macchina e in particolare dei movimenti pericolosi (in s). È un dato costruttore. appresenta il tempo compreso tra l ordine di arresto e l'arresto effettivo degli organi meccanici pericolosi. /70

7 0 Funzioni Modo di protezione UTO/MN (automatico/manuale): è quello che la norma N chiama blocco dell avviamento (o riavviamento) della barriera di sicurezza: b in UTO: alla messa sotto tensione o in seguito alla liberazione dei fasci luminosi la barriera di sicurezza si riarma automaticamente (chiusura dei circuiti di sicurezza di uscita OSSD), b in MNUL: alla messa sotto tensione o in seguito alla liberazione dei fasci luminosi la barriera di sicurezza mantiene i circuiti di sicurezza di uscita in posizione aperta. L'azionamento (e il rilascio) del pulsante di riarmo attiverà l inserimento effettivo della barriera di sicurezza (e la chiusura dei circuiti di sicurezza di uscita OSSD). Nota: in tutti i casi un ordine di riarmo generale della macchina attiverà la sua messa in funzione effettiva. Controllo dei relè esterni Detto anche DM (xternal Devices Monitoring) dalla norma IC 61496, rappresenta il controllo della funzione (aperto o chiuso), con il tempo per raggiungerli, degli organi di commutazione dei circuiti di potenza della macchina. llarme È un uscita statica di potenza ridotta destinata ad informare il sistema di controllo. Questa uscita si chiude quando la barriera passa in modo allarme. Segnalazione Visualizzazione dei modi di funzionamento e allarme mediante LD. iuto all allineamento Visualizzazione di ogni fascio interrotto mediante LD a infrarossi visibile. Muting (inibizione) lla sua attivazione la funzione muting inibisce la funzione di rilevamento della barriera di sicurezza. L'attivazione (o la disattivazione) è realizzata da sensori standard (interruttori fotoelettrici o di altro tipo). l momento dell attivazione viene trasmessa un informazione al sistema di controllo. Questa funzione è utilizzata per consentire l accesso degli oggetti alle zone pericolose durante il processo. Una spia di visualizzazione informa l operatore o gli operatori della mancanza di protezione. "Blanking" Questa funzione permette di inibire il rilevamento di un gruppo di fasci luminosi selezionati della barriera (e non tutti i fasci della barriera come nella funzione muting). Questa funzione (adattata alle dimensioni degli oggetti) consente il passaggio degli oggetti durante le operazioni di lavorazione. ttenzione: in questo caso, si verificherà un cambiamento della capacità di rilevamento che imporrà l adozione di una distanza di sicurezza maggiore. È inoltre necessario prevedere delle protezioni supplementari da ciascun lato dell oggetto presente per impedire qualsiasi inserimento negli spazi lasciati liberi. "Floating blanking" Questa funzione permette di inibire uno o due fasci, contigui o non contigui, in un punto qualsiasi all interno della barriera luminosa. Questa configurazione viene utilizzata, ad esempio, nelle applicazioni di installazione di lamiere su piegatrici o tranciatrici. "Blanking plus floating blanking" Le funzioni Blanking (inibizione fissa di fasci) e Floating Blanking (inibizione di uno o due fasci mobili) possono essere associate. ttenzione: queste applicazioni richiedono l adozione di misure di sicurezza supplementari. /71

8 Principio Barriere di tipo 2 Moduli di sicurezza Preventa tipo XPSCM e fotocellule monofascio di sicurezza Principio di funzionamento I moduli di sicurezza XPS-CM formano con le fotocellule monofascio di sicurezza XU2-S (testate periodicamente) una barriera di sicurezza di categoria 2 conforme alle norme N parti 1 e 2 e N Il collegamento da 1 a 4 coppie di fotocellule XU2-S consente di creare un campo di protezione fino a 1200 mm di altezza secondo N 999 e 8 m di lunghezza. La funzione muting integrata consente il passaggio automatico dei pezzi da lavorare o delle palette di carico senza interruzione del movimento di trasporto. Quando il sistema è inserito mediante ordine di marcia (in serie con l anello di reazione del circuito principale) e la barriera di sicurezza non è interrotta, il circuito principale è chiuso dai due relè di sicurezza del modulo XPS CM. L interruzione del campo di protezione provoca l apertura immediata delle uscite di sicurezza; il controllore riceve un comando di arresto. Il LD sul fronte del modulo XPS CM passa dal verde al rosso. L apertura dei relè persiste fino al momento del riavviamento che viene autorizzato con un nuovo ordine di marcia. La funzione muting consente l'inibizione della protezione. Questa possibilità autorizza il passaggio di un carrello di trasporto materiali senza attivare il circuito principale. La funzione muting può essere attivata solo alimentando i dispositivi di inibizione previa messa sotto tensione delle uscite di sicurezza. I dispositivi d'inibizione devono essere azionati in un intervallo di tempo di secondi perchè venga attivata la funzione muting. Questo tempo di sincronizzazione per i due ingressi di inibizione può essere disattivato mediante collegamento dei due morsetti di configurazione. Il ciclo muting ha una durata massima di 60 secondi. Durante questo periodo di tempo il trasporto di materiali attraverso il campo di protezione può avvenire senza che le uscite di sicurezza vengano disattivate. La durata limite di 60 secondi del ciclo muting può essere prolungata all infinito mediante semplice connessione dei due morsetti di configurazione. Quando la funzione muting è attiva il modulo XPS CM comanda l accensione di una spia luminosa che segnala lo stato di funzionamento in muting. Qualsiasi problema (cortocorcuito, circuto aperto) viene rilevato istantaneamente con conseguente disattivazione della funzione muting. La spia luminosa si accende quando viene generato un segnale di muting indicando l inibizione della funzione di protezione. Segnalazione muting Zona pericolosa m Ingresso carrello D4 D Carrello trasporto materiale M1 MB1 D2 D1 MB2 M2 Carrello trasporto materiale D1, D2, D, D4: fotocellule monofascio di sicurezza. M1, MB1, M2, MB2: fotocellule per funzione muting. m = lunghezza del carrello dm = distanza tra M1, MB1 e M2, MB2. Condizioni da rispettare per la funzione muting b Le fotocellule muting devono essere a sbarramento XU2 M18PP40, a riflessione polarizzata XU9 M18PP40 o finecorsa meccanici con contatti integrati. b dm m per ottenere una validazione continuata della funzione muting. b vitare l'intrusione di persone durante la fase di muting. Tale fase viene segnalata dalle spie luminose collegate sull uscita di segnalazione muting del modulo XPS CM. b Un carrello di trasporto materiali deve generare il segnale muting prima di entrare all interno del campo di protezione e disattivarlo nel momento in cui libera nuovamente la zona controllata dalle fotocellule del campo di protezione. dm pagina /7 iferimenti: pagine /74 e /75 Funzionamento: pagina /76 Schemi, collegamento: pagine da /77 a /79 /72

9 Caratteristiche Barriere di tipo 2 Moduli di sicurezza Preventa tipo XPSCM e fotocellule monofascio di sicurezza Caratteristiche dei moduli di sicurezza Tipo di moduli XPS CM1144 XPS CM1144P Categoria massima d impiego secondo N Categoria 2 (tipo 2 secondo IC/N ) Temperatura ambiente C Per funzionamento: , per immagazzinaggio: Grado di protezione secondo IC 529 Morsetti: IP 20, involucro: IP 40 limentazione Tensione V c 24, limiti di tensione: % Consumo massimo W < 15, con fotocellule a sbarramento e segnalazione muting Protezione del modulo mediante fusibile Con fusibile elettronico interno Tensione nominale d isolamento (Ui) V 00 (grado di inquinamento 2 secondo IC , DIN VD 0110 parti 1 e 2) Tensione nominale di tenuta agli impulsi elettrici (Uimp) kv 4 (categoria di sovratensione III secondo IC , DIN VD 0110 parti 1 e 2) Ingressi per fotocellule - numero d ingressi da controllare 4 (morsetti Z1, Z2, Z, Z4) - tensione d ingresso V c 24 - tensione d alimentazione delle fotocellule V c 24 (morsetto U+/U-) - corrente d alimentazione delle fotocellule m < 200 Ingressi per funzione muting Numero d ingressi muting 2 (morsetti M, MB) Tensione d ingresso V c 24 (morsetto U+/U-) Corrente massima m < 200 Tempo di sincronizzazione per attivazione del segnale muting M/MB s (+/- 20 %) Durata massima del muting s 60 ( %) Fotocellule a sbarramento monofascio per controllo ingresso Z1-Z2-Z-Z4 - fotocellule consentite per il campo di protezione, max 4 XU2 S18PP40ppp (infrarosso) - fotocellula muting XU2 M18PP40ppp o XU9 M18PP40ppp fotocellule o finecorsa XC esistività nell alimentazione delle fotocellule Ω 10 max Uscite - numero e tipo di circuiti di sicurezza 2 NO (morsetti 1-14, 2-24), liberi di potenziale - potere d interruzione uscite statiche 4 NO 24 V/20 m, (Y-Y4, Y-Y44, Y-Y54, Y-Y64) - potere d interruzione in C-15 V C00: spunto 1800, mantenimento potere d interruzione in DC-1 24 V/1,5, L/ = 50 ms - corrente termica max (Ithe) 5,6 - somma corrente termica massima 11 - corrente minima (contatto a secco) m 10 - tensione minima (contatto a secco) V 17 - protezione contro i cortocircuiti Fusibile 4 gg o 6 a interv. rapido, secondo IC , e DIN VD 0660 parte 200 Uscite di segnalazione muting per lampada ad incandescenza Numero 1 (morsetto H1), potenza massima: 6, 5 W/c 24 V, potenza minima: 4 W/c 24 V Tempo di risposta su cambiamento di stato dell ingresso ms < 25 Durata elettrica Vedere pagina 4/20 Visualizzazione 4 LD Collegamento Tipo Morsetti a vite imperdibili Morsetti a vite imperd., morsett. estr. a parte - collegamento 1 cavo Senza terminale Cavo rigido o fless.: 0,14 2,5 mm 2 Cavo rigido o fless.: 0,2 2,5 mm 2 Con terminale Senza ghiera, cavo fless.: 0,25 2,5 mm 2 Senza ghiera, cavo fless.: 0,25 2,5 mm 2 Con terminale Con ghiera, cavo fless.: 0,25 1,5 mm 2 Con ghiera, cavo fless.: 0,25 2,5 mm 2 - collegamento 2 cavi Senza terminale Cavo rigido o fless.: 0,14 0,75 mm 2 Cavo rigido: 0,2 1 mm 2, cavo fless.: 0,2 1,5 mm 2 Con terminale Senza ghiera, cavo fless.: 0,25 1 mm 2 Senza ghiera, cavo fless.: 0,25 1 mm 2 Con terminale Doppio con ghiera, cavo fless.: 0,5 1,5 mm 2 Doppio con ghiera, cavo fless.: 0,5 1,5 mm 2 Caratteristiche delle fotocellule Omologazione dei prodotti e, conforme a N /-2 e N Temperatura ambiente Per funzionamento C (fotocellule a emissione infrarossa) Per immagazzinaggio C Tenuta alle vibrazioni 7 gn (f = Hz), secondo IC N Tenuta agli urti 0 gn, assi: volte, secondo IC N Grado di protezione IP 67 secondo IC/N Modo di collegamento Con cavo Cavo PVC diametro 5 mm, lunghezza 5 m, sezione dei cavi: 4 x 0,4 mm 2 ( x 0,4 mm 2 per emettitore sbarramento) Con connettore Connettore M12 maschio, 4 pin (prolunghe e connettori femmina adattabili M12, 4 contatti, vedere catalogo Componenti per equipaggiamento macchine ) Materiali Involucro: ottone nichelato (fotocellule a emissione infrarossa). Lenti: PMM Portata nominale m 8 (fotocellule a emissione infrarossa) Tensione nominale d alimentazione V c (con protezione contro l inversione dei cavi) Limiti di tensione V c 10 0 (ondulazione compresa) Corrente commutata (al mantenimento) m 100 (con protezione contro i sovraccarichi e i cortocircuiti) Caduta di tensione, stato passante V 1,5 Corrente consumata senza carico m 5 Frequenza massima di commutazione Hz 500 itardi ms ll'azione: 1; al rilascio: 1 Principio: pagina /72 iferimenti: pagine /74 e /75 Funzionamento: pagina /76 Schemi, collegamento: pagine /77 a /79 /7

10 iferimenti Barriere di tipo 2 Moduli di sicurezza Preventa tipo XPSCM e fotocellule monofascio di sicurezza Moduli di sicurezza Descrizione Moduli di sicurezza per controllo delle fotocellule monofascio a ingresso test con funzione muting integrata Tipo di morsettiera di collegamento Integrata al modulo N di Uscite circuiti ausiliarie di statiche sicurezza limentazione iferimento Peso kg 2 4 c 24 V XPS CM1144 0,50 XPS CM1144p Separata, estraibile dal modulo 2 4 c 24 V XPS CM1144P 0,50 Principio: pagina /72 pagina /7 Funzionamento: pagina /76 Schemi, collegamento: pagine /77 a /79 /74

11 iferimenti (segue) Barriere di tipo 2 Fotocellule monofascio di sicurezza XU2 S18pP40L5 Fotocellule monofascio a ingresso test Descrizione Tipo di emissione Tipo di visione Collegamento iferimento Peso kg Coppia Infrarossi ssiale Con cavo, L = 5 m XU2 S18PP40L5 0,485 sbarramento PNP (emettitore + ricevitore) Funzione chiaro o buio programmabile Portata: 8 m Con connettore M12 XU2 S18PP40D 0,155 Laterale a 90 Con cavo, L = 5 m XU2 S18PP40WL5 0, Con connettore M12 XU2 S18PP40WD 0, XU2 S18pP40WL5 XU2 S18KP40L5T mettitore sbarramento, singolo (per XPS CM1144p) Infrarossi ssiale Con cavo, L = 5 m XU2 S18KP40L5T 0,25 Con connettore M12 XU2 S18KP40DT 0,075 Laterale a 90 Con cavo, L = 5 m XU2 S18KP40WL5T 0, XU2 S18KP40WL5T Con connettore M12 XU2 S18KP40WDT 0, XU2 S18PP40D icevitore sbarramento PNP, singolo (per XPS CM1144p) Infrarossi ssiale Con cavo, L = 5 m XU2 S18PP40L5 0,250 Con connettore M12 XU2 S18PP40D 0, Laterale a 90 Con cavo, L = 5 m XU2 S18PP40WL5 0,250 XU2 S18PP40WL5 Con connettore M12 XU2 S18PP40WD 0,080 ltri prodotti Fotocellule con altre lunghezze di cavo. Consultare la nostra organizzazione regionale. Principio: pagina /72 pagina /7 Funzionamento: pagina /76 Schemi, collegamento: pagine /77 a /79 /75

12 Funzionamento Barriere di tipo 2 Moduli di sicurezza Preventa tipo XPSCM e fotocellule monofascio di sicurezza Diagramma funzionale del modulo XPS CM Tensione di alimentazione Fascio libero Fascio interrotto Fascio libero Morsetti 1-2 Fotocellule Z1-Z4 Pulsante di riarmo Uscita 1-14/2-24 Uscita statica Y-Y4 (1/2 - Fusibile) Uscita statica Y-Y44 (vviamento necessario) Uscita statica Y-Y54 (OSSD attivati) Uscita statica Y-Y64 (muting in difetto) Legenda 0 1 iarmo iarmo Diagramma funzionale del modulo XPS CM con funzione muting Tensione di alimentazione Fascio libero Muting M attivato Muting MB attivato Fascio interrotto Fascio libero Muting disattivato Muting M attivato Muting MB attivato Fascio interrotto Fascio libero Muting disattivato Muting M attivato Muting MB attivato Fascio interrotto Muting Fascio in libero errore Muting disattivato Morsetti 1-2 Fotocellule Z1-Z4 Pulsante di riarmo Uscita 1-14/2-24 Uscita statica Y-Y4 (1/2 Fusibile) Uscita statica Y-Y44 (avviamento necessario) Uscita statica Y-Y54 (OSSD attivati) Uscita statica Y-Y64 (muting in difetto) Ingresso muting M Ingresso muting MB Lampada Muting Legenda 0 1 iarmo < s < 00 ms < 60 s > s iarmo > 60 s Significato dei LD Tensione d alimentazione 1-2, stato fusibile elettronico interno 2 Segnalazione per riavviamento Uscita di sicurezza chiusa 4 Uscita di sicurezza aperta Principio: pagina /72 /76 pagina /7 iferimenti: pagine /74 e /75 Schemi, collegamento: pagine /77 a /79 i

13 Funzionamento (segue), curve, dimensioni d ingombro, collegamenti Barriere di tipo 2 Fotocellule monofascio di sicurezza Funzionamento Stato dell uscita (PNP) e della spia gialla (accesa con fotocellula allo stato passante) Curve Curva di rilevamento infrarossi Ø del fascio cm Funzione chiaro Funzione buio Oggetto non presente nel fascio Oggetto presente nel fascio Controllo funzionamento corretto Livello 1,5 del 1 segnale 0,7 Oggetto non presente nel fascio Oggetto presente nel fascio 11 m Dimensioni d ingombro XU2 S18PP40L5, XU2 S18PP40L5L 4 M18x1 (2) (1) LD rosso LD spento llineamento ottimale LD acceso XU2 S18PP40D 4 M18x1 (2) (1) (1) LD Coppia di serraggio dei dadi: 24 N.m (2) Potenziometro Coppia di serraggio del connettore: 2 N.m XU2 S18PP40WL5 XU2 S18PP40WD 4 M18x1 (2) (1) 4 M18x1 (2) (1) (1) LD Coppia di serraggio dei dadi: 24 N.m (2) Potenziometro Coppia di serraggio del connettore: 2 N.m Schemi di collegamento (tipo fili c) Collegamento con cavo mettitore icevitore icevitore Funzione chiaro (oggetto non presente). Funzione buio (oggetto non presente). Uscita PNP Uscita PNP + + VI + Collegamento con connettore mettitore icevitore icevitore Funzione chiaro (oggetto non presente). Funzione buio (oggetto non presente). Uscita PNP Uscita PNP Collegamento del cavo Collegamento del connettore di interruzione (solo per emettitore) Vista lato morsetti della fotocellula missione abilitata missione interrotta ( ) (+) (OUT) (Prog.) () VI (Blu) (Marrone) (Nero) (ricevitore) (rancione) (ricevitore) (Viola) (emettitore) mettitore icevitore 1 (+) 1 (+) 2 ( ) 4 2 Programmazione 4 Uscita ( ) /1 VI/2 / + /1 VI/2 / + Principio: pagina /72 pagina /7 iferimenti: pagine /74 e /75 Schemi, collegamento: pagine /78 e /79 i /77

14 Collegamenti (segue) Barriere di tipo 2 Moduli di sicurezza Preventa tipo XPSCM e fotocellule monofascio di sicurezza Collegamento del modulo XPS CM con 4 coppie di fotocellule monofascio XU2 S (Collegamento da 1 a 4 coppie fotocellule XU2 S su XPS CM, vedere pagina /79) 24 V F1 VI STM VI (1) Fotocellula (1) Fotocellula 1 S1 iarmo SC K K4 Disattivazione degli intervalli di tempo s disattivato 60 s disattivato H1 Muting 1 U U T1 Z1 Z Y1 Y2 Y Y4 Y5 UV H1 1 2 Y T K1 Logica K2 XPS CM 2 U U T2 T Z2 Z4 UV M MB Y4 Y44 Y54 Y64 (1) Fotocellula 2 (1) Fotocellula 1 (2) Fotocellula 2 VI VI (1) Fotocellula 4 (2) Fotocellula B1 (2) Fotocellula B2 1/2 - Fusibile vviamento necessario OSSD attivati Muting in difetto N ( ) Significato dei LD per le fotocellule XU2-S: MTTITO - n. 1 led verde: CCSO (emettitore alimentato) K K4 lemento di comando principale del motore ICVITO - n. 1 led rosso: SPNTO (allineamento ottimale) - n. 1 led giallo: In programmazione chiaro (morsetto programmazione collegato al positivo) CCSO senza rilevamento SPNTO con rilevamento In programmazione buio (morsetto programmazione collegato al negativo) CCSO - LUMINOSITÀ BSS senza rilevamento SPNTO - LUMINOSITÀ LT con rilevamento Le fotocellule XU2-S possono essere programmate in funzione chiaro o in funzione buio (esempio con fotocellule 1 e in funzione buio e fotocellule 2 e 4 in funzione chiaro). SC: condizioni di avviamento esterne Y1-Y2: anello di reazione. STM: per misura del tempo di arresto. (1) Fotocellule del campo di protezione (2) Fotocellule di muting. Principio: pagina /72 /78 pagina /7 iferimenti: pagine /74 e /75 Funzionamento: pagina /76 i

15 0 Collegamento del modulo XPS CM con 1 coppia fotocellule XU2 S (funzione buio) Collegamento del modulo XPS CM con 2 coppie fotocellule XU2 S (funzione buio) Fotocellula 1 Fotocellula 1 VI VI 1 U+ U T1 Z1 Z 1 U+ U T1 Z1 Z XPS CM 2 U+ U T2 T Z2 Z4 XPS CM 2 U+ U T2 T Z2 Z4 Fotocellula 2 + VI Collegamento del modulo XPS CM con coppie fotocellule XU2 S Collegamento del modulo XPS CM con 4 coppie fotocellule XU2 S (2 in funzione buio, 1 in funzione chiaro) (2 in funzione buio, 2 in funzione chiaro) Fotocellula Fotocellula + VI + VI Fotocellula 1 Fotocellula 1 VI VI 1 U+ U T1 Z1 Z 1 U+ U T1 Z1 Z XPS CM XPS CM 2 U+ U T2 T Z2 Z4 2 U+ U T2 T Z2 Z4 + VI Fotocellula 2 + VI Fotocellula 2 Fotocellula 4 VI Principio: pagina /72 pagina /7 iferimenti: pagine /74 e /75 Funzionamento: Pagina /76 i /79

16 Caratteristiche Barriere di sicurezza, tipo 4 Barriere compatte a uscita statica Tipo di barriere XUS LTQ6pppp (14 mm) XUS LT5ppppp (0 mm) XUS LTY5ppppp (0 mm) Caratteristiche generali Conformità alle norme NSI/I 15.06, NSI B11: , OSH (C), OSH , IC per le tipo 4 SP Omologazione e, TUV, UL, CS Direttive europee Direttiva macchine 98/7/C, Direttiva Sociale 89/655/C e Direttiva MC 89/6 C Temperatura ambiente Per funzionamento C Per immagazzinaggio C Umidità relativa % 95 % max, senza condensa Grado di protezione IP 65 Tenuta agli urti e vibrazioni Materiali Fissaggi Secondo IC Tenuta agli urti: 10 gn, impulso di 16 ms, esistenza alle vibrazioni: Hz, ampiezza: 0,5 ± 0,05 mm Profilato: alluminio con verniciatura in poliestere (colore rosso: L000); terminale di estremità in policarbonato 20 % caricato in fibra di vetro. Squadre di estremità (fornite) Caratteristiche ottiche Capacità di rilevamento minima mm 14 (dito) 0 (mano) Portata nominale (Sn) m 0, 7,5 0, 9 0, 20 ltezza protetta mm ngolo di apertura effettivo () 2,5 a m Sorgente luminosa Diodo elettroluminescente GaIs, 850 nm Immunità alla luce ambiente Secondo IC Caratteristiche elettriche Tempo di risposta ms limentazione c 24 V ± 20 % 2 secondo IC e IC mettitore m 285 icevitore 1,4 (con carico massimo) ssorbimento massimo di corrente a vuoto mettitore m 285 icevitore m 00 Immunità ai disturbi Secondo N Uscite di sicurezza OSSD (Output Segnale Switching Device) 2 uscite statiche PNP (N/O) 500 m, c 24 V (Protezione contro i cortocircuiti) Uscita di segnalazione 1 uscita statica 100 m, c 24 V PNP o NPN in base al modello Controllo attivazione dei relè di uscita (MPC/DM) 50 m, c 24 V Segnalazione mettitore 1 LD (alimentazione) icevitore 4 LD (arresto, marcia, blocco, interruzione del fascio flottante o CS/FB (Floating Blanking)) Collegamenti (1) mettitore Connettore maschio deportato a 5 morsetti M12, con cavo di 0,25 m icevitore Connettore maschio deportato a 8 morsetti M12, con cavo di 0,25 m Sezione dei conduttori mettitore mm 2 0,4. Fili stagnati. icevitore mm 2 limentazione e segnali di uscita: 0,5 (fili bianco, arancione, giallo); 0,4 (fili grigio, rosa e viola). Fili stagnati. esistenza dei cavi mettitore Ω 0,056 al metro per un cavo di 0,4 mm 2. icevitore Ω 0,040 al metro per un cavo di 0,5 mm 2. Lunghezza dei cavi (2) m Sono disponibili a parte dei cavi di prolunga schermati (percentuale di copertura 60%) da 10, 15 e 0 m di lunghezza. La lunghezza massima del cavo è 60 m e dipende dalla corrente di carico e dall alimentazione. Coppia di serraggio Viti d assemblaggio del terminale di estremità del ricevitore: 0,9 Nm Funzioni Funzioni Controllo dei relè esterni (DM = xternal Devices Monitoring) Funzione Funzione Muting (inibizione) (1) Le prolunghe devono essere ordinate a parte, vedere pagina /8. (2) Si consiglia l utilizzo di cavi schermati per garantire l immunità dai campi elettromagnetici. - uto/manuale, - Controllo dei relè esterni (DM: xternal Devices Monitoring), - (MTS: Monitoring Signal), - Blanking fisso (CS/B), - Blanking flottante (FB), - iuto all allineamento mediante visualizzazione di ciascun fascio interrotto, - Visualizzazione tramite LD dei modi di funzionamento e allarme. La selezione delle funzioni uto/manuale, il controllo dei relè blanking fisso, blanking flottante è possibile mediante appositi commutatori di configurazione. Controllo della funzione (aperti o chiusi) e del tempo di risposta dei componenti di potenza. Configurabile mediante appositi commutatori. Provoca l ordine di arresto della barriera mediante apertura del contatto (simulazione d intrusione) Possibile con modulo di sicurezza esterno XPS LMS1150 Generalità: pagine /66 a /71 iferimenti: pagine /81 a /85 Dimensioni d ingombro: pagine /86 e /87 Schemi: pagine /88 e /89 /80

17 iferimenti Barriere di sicurezza, tipo 4 Barriere compatte a uscita statica Coppie emettitori-ricevitori per protezione delle dita (1) Capacità di rilevamento 14 mm. Portata da 0, a 7,5 m. b 2 uscite di sicurezza PNP ltezza protetta Tempo di risposta Numero di fasci Uscita di segnalazione iferimento (2) () Peso XUS LTQ6pppp mm ms kg PNP XUS LTQ , PNP XUS LTQ6050 4, PNP XUS LTQ6045 4, PNP XUS LTQ , PNP XUS LTQ , PNP XUS LTQ , PNP XUS LTQ , PNP XUS LTQ , PNP XUS LTQ , PNP XUS LTQ , PNP XUS LTQ6110 7, PNP XUS LTQ , PNP XUS LTQ6105 7, PNP XUS LTQ6190 8,050 (1) Forniti con una bacchetta test, 2 set di 2 squadre con viti e una guida all impiego con certificato di conformità e 1 kit spegniarco. Le prolunghe devono essere ordinate a parte, vedere pagina /8. (2) Per ordinare una coppia emettitore-ricevitore con uscita di segnalazione NPN, sostituire la lettera con la lettera B nel riferimento. sempio: il riferimento XUS LTQ60260 diventa XUS LTQ6B0260, con uscita di segnalazione NPN. () Per ordinare un ricevitore singolo, aggiungere in fondo al riferimento dell insieme emettitore/ricevitore corrispondente. sempio: il riferimento XUS LTQ60260 diventa XUS LTQ60260 per il ricevitore singolo. Per ordinare un emettitore singolo, sostituire la lettera o B con e aggiungere una T in fondo al riferimento dell emettitore/ricevitore corrispondente. sempio: il riferimento XUS LTQ60260 diventa XUS LTQ60260T per l emettitore singolo. ltri prodotti ssociazioni delle barriere di sicurezza, tipo 4, con modulo esterno per funzione muting. Consultare la nostra organizzazione regionale. Generalità: pagine /66 a /71 pagina /80 Dimensioni d ingombro: pagine /86 e /87 Schemi: pagine /88 e /89 /81

18 iferimenti (segue) Barriere di sicurezza, tipo 4 Barriere compatte a uscita statica Coppie emettitori-ricevitori per protezione delle mani (1) Capacità di rilevamento 0 mm. Portata da 0, a 9 m b 2 uscite di sicurezza PNP ltezza protetta Tempo di risposta Numero di fasci Uscita di segnalazione iferimento (2) () Peso mm ms kg PNP XUS LT5050 4, PNP XUS LT , PNP XUS LT , PNP XUS LT , PNP XUS LT , PNP XUS LT , PNP XUS LT5190 8, PNP XUS LT , PNP XUS LT , PNP XUS LT , PNP XUS LT ,160 Capacità di rilevamento 0 mm. Portata da 0, a 20 m b 2 uscite di sicurezza PNP Per ordinare una coppia-emettitore portata da 0, a 20 m, sostituire la lettera con la lettera Y. sempio: il riferimento XUS LT5050 diventa XUS LTY5050, con portata da 0, a 20 m. (1) Forniti con una bacchetta test, 2 set di 2 squadre con viti e una guida all impiego con certificato di conformità e 1 kit spegniarco. Le prolunghe devono essere ordinate a parte, vedere pagina /82. (2) Per ordinare una coppia emettitore-ricevitore con uscita di segnalazione NPN, sostituire la lettera con la lettera B nel riferimento. sempio: il riferimento XUS LT5050 diventa XUS LT5B050, con uscita di segnalazione NPN. () Per ordinare un ricevitore singolo, aggiungere in fondo al riferimento dell insieme emettitore/ricevitore corrispondente. sempio: il riferimento XUS LTQ60260 diventa XUS LTQ5050 per il ricevitore singolo. ordinare un emettitore singolo, sostituire la lettera o B con e aggiungere una T in fondo al riferimento dell emettitore/ricevitore corrispondente. sempio: il riferimento XUS LTQ60260 diventa XUS LTQ5050T per l emettitore singolo XUS LT/Ypppppp ltri prodotti ssociazioni delle barriere di sicurezza, tipo 4, con modulo esterno per funzione muting. Consultare la nostra organizzazione regionale. Generalità: pagine /66 a /71 pagina /80 Dimensioni d ingombro: pagine /86 e /87 Schemi: pagine /88 e /89 /82

19 0 DF56511 ccessori Descrizione Materiale Impiego per barriere Specchio di rinvio angolo con fissaggi orientabili Vetro (0,88 Sn) (2) ltezza (1) iferimento Peso mm kg XUSLTppp260 4 XUS ZM005 1,900 XUSLTppp XUS ZM0457 2,500 XUSLTppp XUS ZM0457 2,500 XUSLTppp XUS ZM0610,200 XUSLTppp XUS ZM0711,700 XUSLTppp XUS ZM0711,700 XUSLTppp XUS ZM081 4,000 XUSLTppp XUS ZM0914 4,500 XUSLTppp XUS ZM1016 5,000 XUSLTppp XUS ZM1067 5,200 XUSLTppp XUS ZM1219 5,900 XUSLTppp XUS ZM121 6,00 XUSLTppp XUS ZM121 6,00 XUSLTppp XUS ZM1422 6,700 XUSLTppp XUS ZM1626 7,600 XUSLTppp XUS ZM180 8,500 XUSLTppp XUS ZM214 9,800 XUSLTppp XUS ZM214 9,800 XUS ZM/Zpppp cciaio inossidabile (0,82 Sn) (2) XUSLTppp260 4 XUS Z005 2,000 XUSLTppp XUS Z0457 2,700 XUSLTppp XUS Z0457 2,700 XUSLTppp XUS Z0610,500 XUSLTppp XUS Z0711,900 XUSLTppp XUS Z0711,900 XUSLTppp XUS Z081 4,400 XUSLTppp XUS Z0914 4,500 XUSLTppp XUS Z1016 5,400 XUSLTppp XUS Z1067 5,600 XUSLTppp XUS Z1219 6,400 XUSLTppp XUS Z121 6,800 XUSLTppp XUS Z121 6,800 XUSLTppp XUS Z1422 7,00 XUSLTppp XUS Z1626 8,00 XUSLTppp XUS Z180 9,200 XUSLTppp XUS Z214 10,600 XUSLTppp XUS Z214 10,600 (1) ltezza riflettente utile. (2) Valore di riduzione della portata da prendere in considerazione per ciascuno specchio di rinvio d angolo utilizzato. Descrizione Impiego Lunghezza iferimento Peso m kg Kit di fissaggio (2 squadre) Per barriere XUSLT XUS LZ21 0, Prolunghe Tipo emettitore 10 XSZ TCT10 0, XSZ TCT15 0,075 0 XSZ TCT0 0,100 Tipo ricevitore 10 XSZ TC10 0, XSZ TC15 0,075 0 XSZ TC0 0,100 Terminale con connettore Tipo ricevitore XUS LZ222 0,108 XSZ TCTpp XSZ TCpp Kit di infrodabilità configurazione barriera Per barriere XUSLT XUS LZ100 0,007 Spegniarco (coppia) Tutti i tipi di barriere XUS LZ500 0, XUZ LZ100 Kit anti-vibrazioni (vedere pagina /8) Coperchio di protezione (vedere pagina /84) Guida all impiego su CD-om Tutti i tipi di barriere XUS LZ450 0,020 Generalità: pagine da /66 a /71 pagina /80 Dimensioni d ingombro: pagine /86 e /87 Schemi: pagine /88 e /89 /8

20 Scelta, iferimenti Barriere di sicurezza, tipo 4 Barriere compatte a uscita statica Kit anti-vibrazioni Scelta in base ai pesi e alle applicazioni Classi di peso Descrizione iferimento ltezza mm Classe di peso 1 2 Tipo di barriere XUSLTQ p p XUSLT/Y p p p Tipo di specchi di rinvio d angolo XUSZM (1) 457 p p p XUSZ p p p (1) L impiego del kit anti-vibrazioni non è consigliato per gli specchi di rinvio d angolo di altezza superiore a 1016 mm. pplicazioni Classe di peso pplicazioni antichoc (1) pplicazioni antivibrazione (2) Montaggio a taglierina (4) Montaggio a compressione (5) Montaggio a taglierina (4) Montaggio a compressione (5) Numero di fissaggi per testa () iferimento Numero di fissaggi per testa () iferimento Numero di fissaggi per testa () iferimento Numero di fissaggi per testa () iferimento 1 2 o 4 XSZSMK 2 XSZSMK1 2 o 4 XSZSMK 2 XSZSMK 2 o 4 XSZSMK1 2 o 4 XSZSMK1 2 o 4 XSZSMK1 2 XSZSMK2 2 4 XSZSMK 2 XSZSMK 2 o 4 XSZSMK 2 o 4 XSZSMK 4 XSZSMK1 2 o 4 XSZSMK1 4 XSZSMK1 4 XSZSMK1 2 o 4 XSZSMK2 2 o 4 XSZSMK2 4 XSZSMK 2 XSZSMK 4 XSZSMK 2 XSZSMK 4 XSZSMK1 4 XSZSMK1 4 XSZSMK1 4 XSZSMK1 2 XSZSMK2 2 o 4 XSZSMK2 (1) pplicazioni bassa frequenza, grande ampiezza, quali le presse perforatrici ove può essere presente uno choc potente. (2) pplicazioni alta frequenza, bassa ampiezza, quali le macchine da stampa offset che possono presentare vibrazioni costanti. () a: emettitore, ricevitore o specchio. Caratteristiche degli ammortizzatori Montaggio a compressione (5) Montaggio con taglierina (4) Caratteristiche per ammortizzatore Carico max Coppia Frequenza naturale Carico max Coppia Frequenza naturale kg Nm Hz kg Nm Hz Per kit XSZSMK 8,16 25, ,6,1 9,5 anti-vibrazioni XSZSMK1 2,177 10, ,1 2,4 9 XSZSMK2 24,94 107,9 1 10,4 14,94 7,5 DF56510 iferimenti dei kit anti-vibrazioni Descrizione Impiego iferimento Peso kg Kit anti-vibrazioni kit composto da 8 ammortizzatori fissati con appositi ganci. Kit fornito con 16 rondelle e 16 dadi. Per tutti i tipi di barriere e specchi di rinvio d angolo XSZ SMK 0,00 XSZ SMK1 0,020 XSZ SMK2 0,045 XSZ SMK (4) Direzione della vibrazione perpendicolare al sistema di fissaggio. (5) Direzione della vibrazione parallela al sistema di fissaggio. Dimensioni d ingombro: pagina /87 /84

Interruttori di posizione precablati serie FA

Interruttori di posizione precablati serie FA Interruttori di posizione precablati serie FA Diagramma di selezione 01 08 10 11 1 15 1 0 guarnizione guarnizione esterna in esterna in gomma gomma AZIONATORI 1 51 5 54 55 56 5 leva leva regolabile di

Dettagli

Interruttori di sicurezza ad azionatore separato con sblocco a serratura

Interruttori di sicurezza ad azionatore separato con sblocco a serratura Interruttori di sicurezza ad azionatore separato con sblocco a serratura Diagramma di selezione VF KEYF VF KEYF1 VF KEYF2 VF KEYF3 VF KEYF7 VF KEYF AZIONATORI UNITA DI CONTATTO 1 2 21 22 2NO+1NC FD FP

Dettagli

2capitolo. Alimentazione elettrica

2capitolo. Alimentazione elettrica 2capitolo Alimentazione elettrica Regole fondamentali, norme e condotte da seguire per gestire l'interfaccia tra la distribuzione elettrica e la macchina. Presentazione delle funzioni di alimentazione,

Dettagli

Compressori serie P Dispositivi elettrici (PA-05-02-I)

Compressori serie P Dispositivi elettrici (PA-05-02-I) Compressori serie P Dispositivi elettrici (PA-05-02-I) 5. MOTORE ELETTRICO 2 Generalità 2 CONFIGURAZIONE PART-WINDING 2 CONFIGURAZIONE STELLA-TRIANGOLO 3 Isolamento del motore elettrico 5 Dispositivi di

Dettagli

Brushless. Brushless

Brushless. Brushless Motori Motori in in corrente corrente continua continua Brushless Brushless 69 Guida alla scelta di motori a corrente continua Brushless Riduttore 90 Riddutore Coppia massima (Nm)! 0,6,7 30 W 5,5 max.

Dettagli

Descrizione del prodotto

Descrizione del prodotto Dati tecnici 2CDC501067D0901 ABB i-bus KNX Descrizione del prodotto Gli alimentatori di linea KNX con bobina integrata generano e controllano la tensione del sistema KNX (SELV). Con la bobina integrata

Dettagli

VAV-EasySet per VARYCONTROL

VAV-EasySet per VARYCONTROL 5/3.6/I/3 per VARYCONTROL Per la sanificazione di regolatori di portata TROX Italia S.p.A. Telefono 2-98 29 741 Telefax 2-98 29 74 6 Via Piemonte 23 C e-mail trox@trox.it 298 San Giuliano Milanese (MI)

Dettagli

Protezione degli apparecchi utilizzatori Acti 9

Protezione degli apparecchi utilizzatori Acti 9 Protezione degli apparecchi utilizzatori Acti 9 Interruttori per protezione motore P5M 68 Ausiliari per interruttore P5M 70 Sezionatori-fusibili STI 7 Limitatori di sovratensione di Tipo PRF Master 7 Limitatori

Dettagli

Manuale d uso. Per abitazioni, baite, camper, caravan, barche

Manuale d uso. Per abitazioni, baite, camper, caravan, barche Manuale d uso Regolatore di carica EP5 con crepuscolare Per abitazioni, baite, camper, caravan, barche ITALIANO IMPORTANTI INFORMAZIONI SULLA SICUREZZA Questo manuale contiene importanti informazioni sulla

Dettagli

Elettrificatori per recinti

Elettrificatori per recinti Elettrificatori per recinti 721 Cod. R315527 Elettri catore multifunzione PASTORELLO SUPER PRO 10.000 Articolo professionale, dotato di rotoregolatore a 3 posizioni per 3 diverse elettroscariche. Può funzionare

Dettagli

Sistemi di citofonia e videocitofonia Posti interni Zenith Posti esterni Musa

Sistemi di citofonia e videocitofonia Posti interni Zenith Posti esterni Musa Sistemi di citofonia e videocitofonia Posti interni Zenith Posti esterni Musa Indice Sistemi di citofonia e videocitofonia - Tecnologia e qualità... - Installazione più facile e rapida... 4 - I sistemi

Dettagli

Citofono senza fili. Installazione. ed uso. (fascicolo staccabile all interno)

Citofono senza fili. Installazione. ed uso. (fascicolo staccabile all interno) Citofono senza fili Installazione ed uso (fascicolo staccabile all interno) Sommario Presentazione... 3 Descrizione... 4 La postazione esterna... 4 La placca esterna... 4 Il quadro elettronico... 4 La

Dettagli

Serie RTC. Prospetto del catalogo

Serie RTC. Prospetto del catalogo Serie RTC Prospetto del catalogo Bosch Rexroth AG Pneumatics Serie RTC Cilindro senza stelo, Serie RTC-BV Ø 16-80 mm; a doppio effetto; con pistone magnetico; guida integrata; Basic Version; Ammortizzamento:

Dettagli

Serie 12 - Interruttore orario 16 A. Caratteristiche SERIE 12 12.01 12.11 12.31

Serie 12 - Interruttore orario 16 A. Caratteristiche SERIE 12 12.01 12.11 12.31 Serie - nterruttore orario 16 A SERE Caratteristiche.01.11.31 nterruttore orario elettromeccanico - Giornaliero * - Settimanale ** Tipo.01-1 contatto in scambio 16 A larghezza 35.8 mm Tipo.11-1 contatto

Dettagli

Elettrovalvole a comando diretto Serie 300

Elettrovalvole a comando diretto Serie 300 Elettrovalvole a comando diretto Serie 00 Minielettrovalvole 0 mm Microelettrovalvole 5 mm Microelettrovalvole mm Microelettrovalvole mm Modulari Microelettrovalvole mm Bistabili Elettropilota CNOMO 0

Dettagli

G722/... G723/... G723H/... G724/... G725/...

G722/... G723/... G723H/... G724/... G725/... F80/MC F80/MCB F80/MMR F80/SG F80/SGB F7FA0AP-0W0 F9H0AP-0W0 = Led indicazione di guasto per cortocircuito = Led Indicazione di guast o verso terra = Pulsante interfaccia utente = Indicazione sezionamento

Dettagli

Sistema AirLINE per il pilotaggio ed il Controllo Remoto del Processo WAGO INGRESSI/USCITE remoti e Fieldbus

Sistema AirLINE per il pilotaggio ed il Controllo Remoto del Processo WAGO INGRESSI/USCITE remoti e Fieldbus Sistema AirLINE per il pilotaggio ed il Controllo Remoto del Processo 86-W Sistema integrato compatto di valvole con I/O elettronici Sistemi personalizzati premontati e collaudati per il pilotaggio del

Dettagli

Milliamp Process Clamp Meter

Milliamp Process Clamp Meter 771 Milliamp Process Clamp Meter Foglio di istruzioni Introduzione La pinza amperometrica di processo Fluke 771 ( la pinza ) è uno strumento palmare, alimentato a pile, che serve a misurare valori da 4

Dettagli

Controllare un nastro trasportatore fischertechnik con Arduino

Controllare un nastro trasportatore fischertechnik con Arduino TITOLO ESPERIENZA: Controllare un nastro trasportatore fischertechnik con Arduino PRODOTTI UTILIZZATI: OBIETTIVO: AUTORE: RINGRAZIAMENTI: Interfacciare e controllare un modello di nastro trasportatore

Dettagli

CABLAGGI ED ISTRUZIONI DI UTILIZZO

CABLAGGI ED ISTRUZIONI DI UTILIZZO VALIDO PER MOD. DTCHARGE E 1000 CABLAGGI ED ISTRUZIONI DI UTILIZZO LEGGERE CON CURA IN OGNI SUA PARTE PRIMA DI ALIMENTARE TOGLIAMO IL COPERCHIO, COSA FARE?? Il DTWind monta alternatori tri fase. Ne consegue

Dettagli

MISURARE CON INTELLIGENZA BARRIERA OPTOELETTRONICA DI MISURAZIONE LGM

MISURARE CON INTELLIGENZA BARRIERA OPTOELETTRONICA DI MISURAZIONE LGM MISURARE CON INTELLIGENZA BARRIERA OPTOELETTRONICA DI MISURAZIONE LGM Barriera optoelettronica di misurazione LGM Misurare con intelligenza - nuove dei materiali in tutti i mercati La nuova Serie LGM di

Dettagli

SOCCORRITORE IN CORRENTE CONTINUA Rev. 1 Serie SE

SOCCORRITORE IN CORRENTE CONTINUA Rev. 1 Serie SE Le apparecchiature di questa serie, sono frutto di una lunga esperienza maturata nel settore dei gruppi di continuità oltre che in questo specifico. La tecnologia on-line doppia conversione, assicura la

Dettagli

BOATRONIC M-420. Indice. Manuale di istruzioni 7134.8/5--IT

BOATRONIC M-420. Indice. Manuale di istruzioni 7134.8/5--IT Manuale di istruzioni 7134.8/5--IT BOATRONIC M-2, M-420 BOATRONIC M-2 BOATRONIC M-420 Indice Pagina 1 Generalità... 2 2 Sicurezza... 2 2.1 Contrassegni delle indicazioni nel manuale... 2 2.2 Qualifica

Dettagli

Avviatore d emergenza 12-24 Volts 4500-2250 A

Avviatore d emergenza 12-24 Volts 4500-2250 A 443 00 49960 443 00 49961 443 00 49366 443 00 49630 443 00 49963 443 00 49964 443 00 49965 976-12 V 2250 A AVVIATORE 976 C-CARICATORE AUTOM. 220V/RICAMBIO 918 BATT-BATTERIA 12 V 2250 A/RICAMBIO 955 CAVO

Dettagli

ALPHA MED Quadri per applicazioni medicali

ALPHA MED Quadri per applicazioni medicali ALPHA MED Quadri per applicazioni medicali /2 Introduzione /5 Norme di riferimento e interruttori magnetotermici /6 Trasformatore d isolamento e di sicurezza / Controllore d isolamento e pannelli di controllo

Dettagli

Centralina Compatta. Manuale d istruzioni. 04/2015 Dati tecnici soggetti a modifi che. info@psg-online.de www.psg-online.de

Centralina Compatta. Manuale d istruzioni. 04/2015 Dati tecnici soggetti a modifi che. info@psg-online.de www.psg-online.de Centralina Compatta 04/2015 Dati tecnici soggetti a modifi che info@psg-online.de www.psg-online.de Manuale d istruzioni Messa in funzione Il regolatore viene fornito con le impostazioni standard pronto

Dettagli

Misura di livello Microondo guidate Descrizione del prodotto VEGAFLEX 61 4 20 ma/hart. Livelli Soglie Pressione

Misura di livello Microondo guidate Descrizione del prodotto VEGAFLEX 61 4 20 ma/hart. Livelli Soglie Pressione Misura di livello Microondo guidate Descrizione del prodotto VEGAFLEX 61 4 20 ma/hart Livelli Soglie Pressione 2 VEGAFLEX 61 4 20 ma/hart Indice Indice 1 Descrizione dell'apparecchio...4 1.1 Struttura...

Dettagli

AC Anywhere. Inverter. Manuale utente. F5C400u140W, F5C400u300W F5C400eb140W e F5C400eb300W

AC Anywhere. Inverter. Manuale utente. F5C400u140W, F5C400u300W F5C400eb140W e F5C400eb300W AC Anywhere Inverter (prodotto di classe II) Manuale utente F5C400u140W, F5C400u300W F5C400eb140W e F5C400eb300W Leggere attentamente le istruzioni riguardanti l installazione e l utilizzo prima di utilizzare

Dettagli

Manuale d'uso per Nokia Image Viewer SU-5. 9356197 Edizione 1

Manuale d'uso per Nokia Image Viewer SU-5. 9356197 Edizione 1 Manuale d'uso per Nokia Image Viewer SU-5 9356197 Edizione 1 DICHIARAZIONE DI CONFORMITÀ Noi, NOKIA CORPORATION, dichiariamo sotto la nostra esclusiva responsabilità che il prodotto SU-5 è conforme alle

Dettagli

Istruzioni per l uso Sartorius

Istruzioni per l uso Sartorius Istruzioni per l uso Sartorius Descrizione dell interfaccia per le bilance Entris, ED, GK e GW Indice Impiego previsto Indice.... 2 Impiego previsto.... 2 Funzionamento.... 2 Uscita dati.... 3 Formato

Dettagli

Altivar Process Variatori di velocità ATV630, ATV650

Altivar Process Variatori di velocità ATV630, ATV650 Altivar Process EAV64310 05/2014 Altivar Process Variatori di velocità ATV630, ATV650 Manuale di installazione 05/2014 EAV64310.01 www.schneider-electric.com Questa documentazione contiene la descrizione

Dettagli

Technical Support Bulletin No. 15 Problemi Strumentazione

Technical Support Bulletin No. 15 Problemi Strumentazione Technical Support Bulletin No. 15 Problemi Strumentazione Sommario! Introduzione! Risoluzione dei problemi di lettura/visualizzazione! Risoluzione dei problemi sugli ingressi digitali! Risoluzione di problemi

Dettagli

LIBRETTO D ISTRUZIONI

LIBRETTO D ISTRUZIONI I LIBRETTO D ISTRUZIONI APRICANCELLO SCORREVOLE ELETTROMECCANICO girri 130 VISTA IN SEZIONE DEL GRUPPO RIDUTTORE GIRRI 130 ELETTROMECCANICO PER CANCELLI SCORREVOLI COPERCHIO COFANO SUPPORTO COFANO SCATOLA

Dettagli

Pressione: Max di esercizio 12 bar (175 psi) (secondo NFPA T 3.10.17) Di scoppio 20 bar (290 psi) (secondo NFPA T 3.10.17)

Pressione: Max di esercizio 12 bar (175 psi) (secondo NFPA T 3.10.17) Di scoppio 20 bar (290 psi) (secondo NFPA T 3.10.17) FILTRI OLEODINAMICI Filtri sul ritorno con cartuccia avvitabile Pressione: Max di esercizio 12 bar (175 psi) (secondo NFPA T 3.10.17) Di scoppio 20 bar (290 psi) (secondo NFPA T 3.10.17) Corpo filtro Attacchi:

Dettagli

Sistem Cube PICCOLI APPARTAMENTI, LOCALI HOBBY, GARAGES

Sistem Cube PICCOLI APPARTAMENTI, LOCALI HOBBY, GARAGES LIMITED WARRANTY PICCOLI APPARTAMENTI, LOCALI HOBBY, GARAGES Sistem Cube La centrale Sistem Cube è una soluzione geniale per tutti gli spazi ridotti. Compattezza, razionalità e potenza la rendono adatta

Dettagli

Modulo di ricezione radio NBFP490 con telecomando master Istruzioni di montaggio, uso e manutenzione

Modulo di ricezione radio NBFP490 con telecomando master Istruzioni di montaggio, uso e manutenzione WWW.FUHR.DE Modulo di ricezione radio NBFP490 con telecomando master Istruzioni di montaggio, uso e manutenzione Le presenti istruzioni dovranno essere trasmesse dall addetto al montaggio all utente MBW24-IT/11.14-8

Dettagli

CENTRALINA ELETTRONICA FAR Art. 9600-9612 - 9613

CENTRALINA ELETTRONICA FAR Art. 9600-9612 - 9613 CENTRALINA ELETTRONICA FAR Art. 9600-9612 - 9613 MANUALE D ISTRUZIONE SEMPLIFICATO La centralina elettronica FAR art. 9600-9612-9613 è adatta all utilizzo su impianti di riscaldamento dotati di valvola

Dettagli

Guida alla scelta di motori a corrente continua

Guida alla scelta di motori a corrente continua Motori Motori in in corrente corrente continua continua 5 Guida alla scelta di motori a corrente continua Riddutore Coppia massima (Nm)! Tipo di riduttore!,5, 8 8 8 Potenza utile (W) Motore diretto (Nm)

Dettagli

IMMS-CI-HW. Interfaccia programmatore (CI) IMMS. Istruzioni per l installazione IMMS. Controller. Interface. AC From Transformer 24 VAC REM 24 VAC SEN

IMMS-CI-HW. Interfaccia programmatore (CI) IMMS. Istruzioni per l installazione IMMS. Controller. Interface. AC From Transformer 24 VAC REM 24 VAC SEN CI 4 Comm. IMMS-CI-HW Interfaccia programmatore (CI) IMMS POWER From Transformer 24 V 24 V Ground To REM Istruzioni per l installazione To SmartPort Sensor 1 Sensor 2 Sensor 3 From Sensors Sensor Common

Dettagli

PT-27. Torcia per il taglio con arco al plasma. Manuale di istruzioni (IT)

PT-27. Torcia per il taglio con arco al plasma. Manuale di istruzioni (IT) PT-27 Torcia per il taglio con arco al plasma Manuale di istruzioni (IT) 0558005270 186 INDICE Sezione/Titolo Pagina 1.0 Precauzioni per la sicurezza........................................................................

Dettagli

Informazioni per i portatori di C Leg

Informazioni per i portatori di C Leg Informazioni per i portatori di C Leg C-Leg : il ginocchio elettronico Otto Bock comandato da microprocessore per una nuova dimensione del passo. Gentile Utente, nella Sua protesi è implementato un sofisticato

Dettagli

Interfacce 24 V AC/DC con relé e zoccolo

Interfacce 24 V AC/DC con relé e zoccolo Interfacce V /D con relé e zoccolo ± Interfacce a giorno con comune ingresso negativo o positivo e comune contatti unico odice 0 0 0 0 0 0 0 00 V ± 0% V /D V /D V /D V /D V /D V /D V /D V /D contatti 0

Dettagli

PROTEZIONE DAI CONTATTI DIRETTI ED INDIRETTI

PROTEZIONE DAI CONTATTI DIRETTI ED INDIRETTI PROTEZIONE DAI CONTATTI DIRETTI ED INDIRETTI Appunti a cura dell Ing. Emanuela Pazzola Tutore del corso di Elettrotecnica per meccanici, chimici e biomedici A.A. 2005/2006 Facoltà d Ingegneria dell Università

Dettagli

AUDIOSCOPE Mod. 2813-E - Guida all'uso. Rel. 1.0 DESCRIZIONE GENERALE.

AUDIOSCOPE Mod. 2813-E - Guida all'uso. Rel. 1.0 DESCRIZIONE GENERALE. 1 DESCRIZIONE GENERALE. DESCRIZIONE GENERALE. L'analizzatore di spettro Mod. 2813-E consente la visualizzazione, in ampiezza e frequenza, di segnali musicali di frequenza compresa tra 20Hz. e 20KHz. in

Dettagli

2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA

2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA 2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA 2.1 Principio del processo La saldatura a resistenza a pressione si fonda sulla produzione di una giunzione intima, per effetto dell energia termica e meccanica. L energia

Dettagli

D-CAM 500 SENSORE PIROELETTRICO CON TELECAMERA AUDIO INTEGRATA MANUALE DI INSTALLAZIONE

D-CAM 500 SENSORE PIROELETTRICO CON TELECAMERA AUDIO INTEGRATA MANUALE DI INSTALLAZIONE D-CAM 500 SENSORE PIROELETTRICO CON TELECAMERA AUDIO INTEGRATA MANUALE DI INSTALLAZIONE 1 MORSETTIERA INTERNA Qui di seguito è riportato lo schema della morsettiera interna: Morsettiera J1 12 V + - N.C.

Dettagli

Le Armoniche INTRODUZIONE RIFASAMENTO DEI TRASFORMATORI - MT / BT

Le Armoniche INTRODUZIONE RIFASAMENTO DEI TRASFORMATORI - MT / BT Le Armoniche INTRODUZIONE Data una grandezza sinusoidale (fondamentale) si definisce armonica una grandezza sinusoidale di frequenza multipla. L ordine dell armonica è il rapporto tra la sua frequenza

Dettagli

Ingresso mv c.c. Da 0 a 200 mv 0,01 mv. Uscita di 24 V c.c. Ingresso V c.c. Da 0 a 25 V 0,001 V. Ingresso ma c.c. Da 0 a 24 ma 0,001 ma

Ingresso mv c.c. Da 0 a 200 mv 0,01 mv. Uscita di 24 V c.c. Ingresso V c.c. Da 0 a 25 V 0,001 V. Ingresso ma c.c. Da 0 a 24 ma 0,001 ma 715 Volt/mA Calibrator Istruzioni Introduzione Il calibratore Fluke 715 Volt/mA (Volt/mA Calibrator) è uno strumento di generazione e misura utilizzato per la prova di anelli di corrente da 0 a 24 ma e

Dettagli

ESEMPI APPLICATIVI. esempi di progettazione ed installazione

ESEMPI APPLICATIVI. esempi di progettazione ed installazione lighting management ESEMPI APPLICATIVI esempi di progettazione ed installazione 2 INDICE LIGHTING MANAGEMENT ESEMPI APPLICATIVI 04 L offerta di BTICINO 05 ORGANIZZAZIONE DELLA GUIDA CONTROLLO LOCALE -

Dettagli

1 Sifoni per vasca da bagno Geberit

1 Sifoni per vasca da bagno Geberit Sifoni per vasca da bagno Geberit. Sistema.............................................. 4.. Introduzione............................................. 4.. Descrizione del sistema.................................

Dettagli

Era M & Era MH. I nuovi motori per tende e tapparelle, anche con manovra di soccorso manuale. Compatti e robusti, semplici e pratici da installare.

Era M & Era MH. I nuovi motori per tende e tapparelle, anche con manovra di soccorso manuale. Compatti e robusti, semplici e pratici da installare. Era M & Era MH I nuovi motori per tende e tapparelle, anche con manovra di soccorso manuale. Compatti e robusti, semplici e pratici da installare. Era M Motore tubolare ideale per tende e tapparelle con

Dettagli

Sensore di temperatura ambiente TEMPSENSOR-AMBIENT

Sensore di temperatura ambiente TEMPSENSOR-AMBIENT Sensore di temperatura ambiente TEMPSENSOR-AMBIENT Istruzioni per l'installazione TempsensorAmb-IIT110610 98-0042610 Versione 1.0 IT SMA Solar Technology AG Indice Indice 1 Avvertenze su queste istruzioni.....................

Dettagli

Altre novità della nostra ampia gamma di strumenti!

Altre novità della nostra ampia gamma di strumenti! L innovazione ad un prezzo interessante Altre novità della nostra ampia gamma di strumenti! Exacta+Optech Labcenter SpA Via Bosco n.21 41030 San Prospero (MO) Italia Tel: 059-808101 Fax: 059-908556 Mail:

Dettagli

Wolly 2 EDILIZIA VERTICALE

Wolly 2 EDILIZIA VERTICALE LIMITED WARRANTY EDILIZIA VERTICALE Wolly 2 La centrale che per la sua versatilità di installazione ha rivoluzionato il concetto di aspirapolvere centralizzato, consentendo la sua installazione anche nei

Dettagli

Alimentazione Switching con due schede ATX.

Alimentazione Switching con due schede ATX. Alimentazione Switching con due schede ATX. Alimentatore Switching finito 1 Introduzione...2 2 Realizzazione supporto...2 3 Realizzazione Elettrica...5 4 Realizzazione meccanica...7 5 Montaggio finale...9

Dettagli

Pressostati e termostati, Tipo CAS

Pressostati e termostati, Tipo CAS MAKING MODERN LIVING POSSIBLE Opuscolo tecnica Pressostati e termostati, Tipo CAS La serie CAS consiste di una serie di interruttori controllati mediante pressione e di interruttori controllati mediante

Dettagli

Sistema FS Uno Istruzione di montaggio. 1 Generalità 2. 2 Palificazione 3. 3 Montaggio dei singoli gruppi dei componenti 4. 4 Elenco dei componenti 6

Sistema FS Uno Istruzione di montaggio. 1 Generalità 2. 2 Palificazione 3. 3 Montaggio dei singoli gruppi dei componenti 4. 4 Elenco dei componenti 6 Sistema FS Uno Istruzione di montaggio CONTENUTO Pagina 1 Generalità 2 2 Palificazione 3 3 Montaggio dei singoli gruppi dei componenti 4 4 Elenco dei componenti 6 5 Rappresentazione esplosa del sistema

Dettagli

Pannello agli infrarossi con lampada alogena ELIR Per tutte le applicazioni esterne in cui si desidera un'elevata flessibilità.

Pannello agli infrarossi con lampada alogena ELIR Per tutte le applicazioni esterne in cui si desidera un'elevata flessibilità. 1200 W Riscaldamento elettrico 1 model Pannello agli infrarossi con lampada alogena ELIR Per tutte le applicazioni esterne in cui si desidera un'elevata flessibilità. Applicazioni ELIR offre un riscaldamento

Dettagli

MBC-300-SE MBC-700-SE MBC-1200-SE MBC-300-N MBC-700-N

MBC-300-SE MBC-700-SE MBC-1200-SE MBC-300-N MBC-700-N GasMultiBloc Combinato per regolazione e sicurezza Servoregolatore di pressione MBC-300-SE MBC-700-SE MBC-10-SE MBC-300-N MBC-700-N 7.01 Max. pressione di esercizio 3 mbar (36 kpa) forma compatta grande

Dettagli

1. Generalità. 2. Applicazione 2.1 GOLD RX/PX/CX/SD versione E/GOLD LP/ COMPACT Sensore della temperatura ambiente IT.TBLZ242.

1. Generalità. 2. Applicazione 2.1 GOLD RX/PX/CX/SD versione E/GOLD LP/ COMPACT Sensore della temperatura ambiente IT.TBLZ242. IT.TLZ242.140328 Istruzioni di installazione Sensore di temp. amb. TLZ1242, per inst., IP20/ Sensore di temp. esterna TLZ1243, per inst. esterna, IP54 GOLD/OMPT 1. Generalità Il sensore della temperatura

Dettagli

domaqua m Ogni goccia conta! domaqua m - contatori sopraintonaco

domaqua m Ogni goccia conta! domaqua m - contatori sopraintonaco domaqua m Ogni goccia conta! domaqua m - contatori sopraintonaco domaqua m - contatori sopraintonaco domaqua m ista rappresenta l'alternativa economica per molte possibilità applicative. Essendo un contatore

Dettagli

Descrizione del funzionamento ITS-M-A. 46669V003-412008-0-OCE-Rev.A-2

Descrizione del funzionamento ITS-M-A. 46669V003-412008-0-OCE-Rev.A-2 I Descrizione del funzionamento ITS-M-A 46669V003-42008-0-OCE-Rev.A-2 Descrizione del funzionamento ote Copyright 2000 by SOMMER Antriebs- und Funktechnik GmbH Il presente manuale è rivolto in particolare

Dettagli

feeling feeling rf Bedienungsanleitung Operating Manual Mode d emploi Instruzioni per l uso Instrucciones de uso Manual de instruções

feeling feeling rf Bedienungsanleitung Operating Manual Mode d emploi Instruzioni per l uso Instrucciones de uso Manual de instruções feeling feeling rf D GB F E P NL CZ Bedienungsanleitung Operating Manual Mode d emploi nstruzioni per l uso nstrucciones de uso Manual de instruções Bedieningshandleiding Návod k obsluze 2 42 82 122 162

Dettagli

THE WORLD OF DC/DC-CONVERTERS. SCEGLIERE UN CONVERTITORE DC / DC Convertitori DC/DC, quali sono i criteri più importanti?

THE WORLD OF DC/DC-CONVERTERS. SCEGLIERE UN CONVERTITORE DC / DC Convertitori DC/DC, quali sono i criteri più importanti? SCEGLIERE UN CONVERTITORE DC / DC Convertitori DC/DC, quali sono i criteri più importanti? Un convertitore DC / DC è utilizzato, generalmente, quando la tensione di alimentazione disponibile non è compatibile

Dettagli

SEGNI GRAFICI E SIMBOLI ELETTRICI PER SCHEMI DI IMPIANTO

SEGNI GRAFICI E SIMBOLI ELETTRICI PER SCHEMI DI IMPIANTO LA PROTEZIONE DELLE CONDUTTURE CONTRO LE SOVRACORRENTI DEFINIZIONI NORMA CEI 64-8/2 TIPOLOGIE DI SOVRACORRENTI + ESEMPI SEGNI GRAFICI E SIMBOLI ELETTRICI PER SCHEMI DI IMPIANTO DISPOSITIVI DI PROTEZIONE

Dettagli

Termometro Infrarossi ad Alte Temperature con Puntatore Laser

Termometro Infrarossi ad Alte Temperature con Puntatore Laser Manuale d Istruzioni Termometro Infrarossi ad Alte Temperature con Puntatore Laser MODELLO 42545 Introduzione Congratulazioni per aver acquistato il Termometro IR Modello 42545. Il 42545 può effettuare

Dettagli

FAS-420-TM rivelatori di fumo ad aspirazione LSN improved version

FAS-420-TM rivelatori di fumo ad aspirazione LSN improved version Sistemi di Rivelazione Incendio FAS-420-TM rivelatori di fumo ad FAS-420-TM rivelatori di fumo ad Per il collegamento alle centrali di rivelazione incendio FPA 5000 ed FPA 1200 con tecnologia LSN improved

Dettagli

: acciaio (flangia in lega d alluminio)

: acciaio (flangia in lega d alluminio) FILTRI OLEODINAMICI Filtri in linea per media pressione, con cartuccia avvitabile Informazioni tecniche Pressione: Max di esercizio (secondo NFPA T 3.1.17): FA-4-1x: 34,5 bar (5 psi) FA-4-21: 24 bar (348

Dettagli

Manuale d uso SUNNY BOY 6000TL

Manuale d uso SUNNY BOY 6000TL Pagina del titolo Manuale d uso SUNNY BOY 6000TL SB6000TL-21-BE-it-10 IMIT-SB60TL21 Versione 1.0 ITALIANO SMA Solar Technology AG Indice Indice 1 Note relative al presente documento...7 2 Sicurezza...9

Dettagli

Pressione: Max di esercizio 12 bar (175 psi) (acc. to NFPA T 3.10.17) Di scoppio 20 bar (290 psi) (acc. to NFPA T 3.10.17)

Pressione: Max di esercizio 12 bar (175 psi) (acc. to NFPA T 3.10.17) Di scoppio 20 bar (290 psi) (acc. to NFPA T 3.10.17) FILTI OLEODINMICI Serie F-1 Filtri con cartuccia avvitabile (spin-on) Informazioni tecniche Pressione: Max di esercizio 12 bar (175 psi) (acc. to NFP T 3.10.17) Di scoppio 20 bar (290 psi) (acc. to NFP

Dettagli

SEGNI GRAFICI PER SCHEMI

SEGNI GRAFICI PER SCHEMI Corrente e Tensioni Corrente continua Trasformatore a due avvolgimenti con schermo trasformatore di isolamento CEI 14-6 Trasformatore di sicurezza CEI 14-6 Polarità positiva e negativa Convertitori di

Dettagli

Guide Guide su rotelle, guide su sfera Quadro, e sistema di estrazione portatastiere

Guide Guide su rotelle, guide su sfera Quadro, e sistema di estrazione portatastiere Guide Guide su rotelle, guide su sfera Quadro, e sistema di estrazione portatastiere Sommario Kit di assemblaggio InnoTech 2-3 Guida Quadro 6-7 Guide su sfere 8-11 Guide su rotelle 12-13 Portatastiere

Dettagli

CONDIZIONATORI DI PRECISIONE AD ESPANSIONE DIRETTA E ACQUA REFRIGERATA PER CENTRALI TELEFONICHE CON SISTEMA FREE-COOLING

CONDIZIONATORI DI PRECISIONE AD ESPANSIONE DIRETTA E ACQUA REFRIGERATA PER CENTRALI TELEFONICHE CON SISTEMA FREE-COOLING CONDIZIONATORI DI PRECISIONE AD ESPANSIONE DIRETTA E ACQUA REFRIGERATA PER CENTRALI TELEFONICHE CON SISTEMA FREE-COOLING POTENZA FRIGORIFERA DA 4 A 26,8 kw ED.P 161 SF E K 98 FC La gamma di condizionatori

Dettagli

Rexroth Pneumatics. Cilindro senz asta Cilindri senza stelo. Pressione di esercizio min/max Temperatura ambiente min./max.

Rexroth Pneumatics. Cilindro senz asta Cilindri senza stelo. Pressione di esercizio min/max Temperatura ambiente min./max. Rexroth Pneumatics 1 Pressione di esercizio min/max 2 bar / 8 bar Temperatura ambiente min./max. -10 C / +60 C Fluido Aria compressa Dimensione max. particella 5 µm contenuto di olio dell aria compressa

Dettagli

MOTORI ECCITAZIONE SERIE DERIVATA COMPOSTA 2-3-4-5-6 MORSETTI MOTORI ECCITAZIONE SEPARATA 24-48

MOTORI ECCITAZIONE SERIE DERIVATA COMPOSTA 2-3-4-5-6 MORSETTI MOTORI ECCITAZIONE SEPARATA 24-48 Motori elettrici in corrente continua dal 1954 Elettropompe oleodinamiche sollevamento e idroguida 1200 modelli diversi da 200W a 50kW MOTORI ECCITAZIONE SERIE DERIVATA COMPOSTA 2-3-4-5-6 MORSETTI MOTORI

Dettagli

Istruzioni rapide per l esercizio di pompe idrauliche tipo LP azionate con aria compressa secondo D 7280 e D 7280 H

Istruzioni rapide per l esercizio di pompe idrauliche tipo LP azionate con aria compressa secondo D 7280 e D 7280 H Istruzioni rapide per l esercizio di pompe idrauliche tipo LP azionate con aria compressa secondo D 7280 e D 7280 H 1. Aria compressa e attacco idraulico Fluido in pressione Azionamento Aria compressa,

Dettagli

Saldatura ad arco Generalità

Saldatura ad arco Generalità Saldatura ad arco Saldatura ad arco Generalità Marchio CE: il passaporto qualità, conformità, sicurezza degli utenti 2 direttive europee Direttiva 89/336/CEE del 03 maggio 1989 applicabile dall 01/01/96.

Dettagli

Istruzioni di impiego: Erkopress 300 Tp. Erkopress 300 Tp-ci. Apparecchio di termostampaggio da collegare a sistemi di aria compressa

Istruzioni di impiego: Erkopress 300 Tp. Erkopress 300 Tp-ci. Apparecchio di termostampaggio da collegare a sistemi di aria compressa Istruzioni di impiego: Erkopress 300 Tp Erkopress 300 Tp-ci Apparecchio di termostampaggio da collegare a sistemi di aria compressa Apparecchio di termostampaggio con compressore integrato e riserva di

Dettagli

POMPE ELETTRICHE 12-24 Volt DC

POMPE ELETTRICHE 12-24 Volt DC POMPE GASOLIO - 2 - POMPE ELETTRICHE 12-24 Volt DC serie EASY con pompante in alluminio DP3517-30 - 12 Volt DP3518-30 - 24 Volt Elettropompa rotativa a palette autoadescante con by-pass, pompante in alluminio

Dettagli

Manuale dell operatore

Manuale dell operatore Technical Publications 20 Z-30 20HD Z-30 Manuale dell operatore Modelli precedenti al numero di serie 2214 First Edition, Second Printing Part No. 19052IT Sommario Pagina Norme di sicurezza... 3 Controllo

Dettagli

MAGIC.SENS rivelatore d'incendio automatico LSN

MAGIC.SENS rivelatore d'incendio automatico LSN Sistemi di Rivelazione Incendio MAGIC.SENS rivelatore d'incendio automatico LSN MAGIC.SENS rivelatore d'incendio automatico LSN Proprietà del rivelatore adatte all'utilizzo in ambienti interni Regolazione

Dettagli

Calettatori per attrito SIT-LOCK

Calettatori per attrito SIT-LOCK Calettatori per attrito INDICE Calettatori per attrito Pag. Vantaggi e prestazioni dei 107 Procedura di calcolo dei calettatori 107 Gamma disponibile dei calettatori Calettatori 1 - Non autocentranti 108-109

Dettagli

NE FLUSS 20 CE LISTA PEZZI DI RICAMBIO SPARE PART LIST ERSATZSTEILE LISTE PIECES DETACHES LISTA PIEZAS DE REPUESTO CODICE EDIZIONE MERCATO VISTO

NE FLUSS 20 CE LISTA PEZZI DI RICAMBIO SPARE PART LIST ERSATZSTEILE LISTE PIECES DETACHES LISTA PIEZAS DE REPUESTO CODICE EDIZIONE MERCATO VISTO LISTA PEZZI DI RICAMBIO SPARE PART LIST ERSATZSTEILE LISTE PIECES DETACHES LISTA PIEZAS DE REPUESTO Appr. nr. B94.02 T - CE 0063 AQ 2150 Appr. nr. B95.03 T - CE 0063 AQ 2150 CODICE EDIZIONE MERCATO VISTO...

Dettagli

MODULO SOLARE A DUE VIE PER IMPIANTI SVUOTAMENTO

MODULO SOLARE A DUE VIE PER IMPIANTI SVUOTAMENTO Schede tecniche Moduli Solari MODULO SOLARE A DUE VIE PER IMPIANTI SVUOTAMENTO Il gruppo con circolatore solare da 1 (180 mm), completamente montato e collaudato, consiste di: RITORNO: Misuratore regolatore

Dettagli

MANUALE DI INSTALLAZIONE

MANUALE DI INSTALLAZIONE MANUALE DI INSTALLAZIONE La soluzione in nero La soluzione Comax La soluzione Quadmax La soluzione universale La soluzione estetica La soluzione Utility Il modulo Honey Versione IEC TSM_IEC_IM_2011_RevA

Dettagli

U500. Il nuovo standard dei sensori ad ultrasuoni

U500. Il nuovo standard dei sensori ad ultrasuoni U500 Il nuovo standard dei sensori ad ultrasuoni Flessibilità come ragione di successo Un design due tecnologie Si allarga la famiglia dei prodotti NextGen: Baumer lancia infatti l U500, la versione ad

Dettagli

Termocoppie per alte temperature serie Rosemount 1075 e 1099

Termocoppie per alte temperature serie Rosemount 1075 e 1099 Termocoppie per alte temperature serie Rosemount 1075 e 1099 Misure precise e affidabili in applicazioni ad alta temperatura, come il trattamento termico e i processi di combustione Materiali ceramici

Dettagli

FCS-320_TM rivelatori di fumo ad aspirazione convenzionali

FCS-320_TM rivelatori di fumo ad aspirazione convenzionali Sistemi di Rivelazione Incendio FCS-320_TM rivelatori di fumo ad aspirazione convenzionali FCS-320_TM rivelatori di fumo ad aspirazione convenzionali Per il collegamento a centrali di rivelazione incendio

Dettagli

DESCRIZIONE. Elettrodi per rilevazione acqua. Dimensioni contenitore ca.: 71 (L) x 71 (H) x 30 (P) mm. (Da abbinare a modulo sonda art.

DESCRIZIONE. Elettrodi per rilevazione acqua. Dimensioni contenitore ca.: 71 (L) x 71 (H) x 30 (P) mm. (Da abbinare a modulo sonda art. 1009/001 1009/002D 1009/002S 1009/005D 1009/005S Frontale piatto da 25 mm per serratura e maniglia Personal Lock Frontale destro da 40 mm per serratura e maniglia Personal Lock Frontale sinistro da 40

Dettagli

COMPRESSORE ROTATIVO A VITE CSM MAXI 7,5-10 - 15-20 HP

COMPRESSORE ROTATIVO A VITE CSM MAXI 7,5-10 - 15-20 HP LABORATORI INDUSTRIA COMPRESSORE ROTATIVO A VITE CSM MAXI HP SERVIZIO CLIENTI CSM Maxi la Gamma MAXI HP Una soluzione per ogni esigenza Versione su Basamento Particolarmente indicato per installazioni

Dettagli

TRAPANI AVVITATORI A BATTERIA QUANTO MEGLIO LO TIENI IN MANO, TANTO PIÙ CI PUOI DARE DENTRO.

TRAPANI AVVITATORI A BATTERIA QUANTO MEGLIO LO TIENI IN MANO, TANTO PIÙ CI PUOI DARE DENTRO. AVVITATORI A BATTERIA QUANTO MEGLIO LO TIENI IN MANO, TANTO PIÙ CI PUOI DARE DENTRO. Metabo è all'avanguardia nelle macchine a batteria. La nostra tecnologia innovativa di carica li rende più indipendenti

Dettagli

DC AC POWER INVERTERS ONDA SINOSOIDALE PURA AP12-1000NS / AP12-1500NS AP24-1000NS / AP24-1500NS LIBRETTO PER LA MESSA IN SERVIZIO E L UTILIZZO

DC AC POWER INVERTERS ONDA SINOSOIDALE PURA AP12-1000NS / AP12-1500NS AP24-1000NS / AP24-1500NS LIBRETTO PER LA MESSA IN SERVIZIO E L UTILIZZO DC AC POWER INVERTERS ONDA SINOSOIDALE PURA AP12-1000NS / AP12-1500NS AP24-1000NS / AP24-1500NS LIBRETTO PER LA MESSA IN SERVIZIO E L UTILIZZO - PRECAUZIONI DI SICUREZZA - LEGGERE ATTENTAMENTE PRIMA DELL

Dettagli

NE FLUSS 24 EL CE LISTA PEZZI DI RICAMBIO SPARE PART LIST ERSATZSTEILE LISTE PIECES DETACHES LISTA PIEZAS DE REPUESTO CODICE EDIZIONE MERCATO VISTO

NE FLUSS 24 EL CE LISTA PEZZI DI RICAMBIO SPARE PART LIST ERSATZSTEILE LISTE PIECES DETACHES LISTA PIEZAS DE REPUESTO CODICE EDIZIONE MERCATO VISTO LISTA PEZZI DI RICAMBIO SPARE PART LIST ERSATZSTEILE LISTE PIECES DETACHES LISTA PIEZAS DE REPUESTO Appr. nr. B94.01 A - CE 0063 AQ 2150 CODICE EDIZIONE MERCATO VISTO... 30R0032/0... 02-99... IT... MANTELLATURA

Dettagli

Attivatore Telefonico GSM

Attivatore Telefonico GSM Part. U1991B - 10/09-01 PC Attivatore Telefonico GSM art. F462 Istruzioni d uso INFORMAZIONI PER LA SICUREZZA L'impiego dell'attivatore GSM art. F462 in componenti o sistemi per supporto vita non è consentito

Dettagli

Caratteristiche principali

Caratteristiche principali Il regolatore semaforico Hydra nasce nel 1998 per iniziativa di CTS Engineering. Ottenute le necessarie certificazioni, già dalla prima installazione Hydra mostra sicurezza ed affidabilità, dando avvio

Dettagli

Alimentatore tuttofare da 10 A

Alimentatore tuttofare da 10 A IK0RKS - Francesco Silvi, v. Col di Lana, 88 00043 - Ciampino (RM) E_Mail : francescosilvi@libero.it Alimentatore tuttofare da 10 A E questa la costruzione di un alimentatore portatile che accompagna i

Dettagli

COME FAR FUNZIONARE IL CONGELATORE

COME FAR FUNZIONARE IL CONGELATORE COME FAR FUNZIONARE IL CONGELATORE In questo congelatore possono essere conservati alimenti già congelati ed essere congelati alimenti freschi. Messa in funzione del congelatore Non occorre impostare la

Dettagli

GRUPPI REFRIGERANTI ALIMENTATI AD ACQUA CALDA

GRUPPI REFRIGERANTI ALIMENTATI AD ACQUA CALDA GRUPPI REFRIGERANTI ALIMENTATI AD ACQUA CALDA 1 Specifiche tecniche WFC-SC 10, 20 & 30 Ver. 03.04 SERIE WFC-SC. SEZIONE 1: SPECIFICHE TECNICHE 1 Indice Ver. 03.04 1. Informazioni generali Pagina 1.1 Designazione

Dettagli

Cuscinetti radiali rigidi a sfere ad una corona Generation C. Informazione tecnica

Cuscinetti radiali rigidi a sfere ad una corona Generation C. Informazione tecnica Cuscinetti radiali rigidi a sfere ad una corona Generation C Informazione tecnica Indice Caratteristiche 2 Vantaggi dei cuscinetti FAG radiali rigidi a sfere Generation C 2 Tenuta e lubrificazione 2 Temperatura

Dettagli

Sepam Serie 20: note per la regolazione da tastierino frontale o da software SFT2841 secondo norma CEI 0-16

Sepam Serie 20: note per la regolazione da tastierino frontale o da software SFT2841 secondo norma CEI 0-16 Sepam Serie 20: note per la regolazione da tastierino frontale o da software SFT2841 secondo norma CEI 0-16 Sepam Serie 20: note per la regolazione da tastierino frontale o da software SFT2841 secondo

Dettagli