ing. Maurizio De Napoli SPISAL ULSS 9

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ing. Maurizio De Napoli SPISAL ULSS 9"

Transcript

1 CRITERI DI SCELTA E USO DEI DPI: IMBRACATURE E ELMETTI Treviso, 11 Marzo 2015 ing. Maurizio De Napoli SPISAL ULSS 9

2 INTRODUZIONE Per prima cosa è necessario valutare se sia possibile eliminare il rischio o contenerlo mediante misure tecniche di prevenzione e/o con procedure organizzative L uso dei DPI si rende necessario solo dopo aver constatato la presenza di rischi residui non eliminabili con misure tecniche/organizzative o con forme di protezione collettiva

3 DPI III a CATEGORIA TERZA CATEGORIA ADDESTRAMENTO SPECIFICO Sono quelli destinati a proteggere da rischi di morte o di lesioni gravi o di carattere permanente, compresi quelli per cui i lavoratori non hanno la possibilità di recepire tempestivamente l esposizione a fattori lesivi (ad es. l esposizione all amianto). certificazioni obbligatorie DICHIARAZIONE DI CONFORMITA E MARCATURA CE ATTESTATO DI CERTIFICAZIONE CE il fabbricante deve far verificare da Organismo Notificato una copia conforme all originale del DPI prodotto ADOZIONE DI UN SISTEMA DI CONTROLLO QUALITA CHE CERTIFICHI E CONSENTA IL CONTROLLO DELLA PRODUZIONE Accanto alla sigla CE dovrà essere riportato anche il codice identificativo del sistema di qualità stesso

4 IMBRACATURE DI SICUREZZA Trattenuta e posizionamento: tecnica che serve ad impedire all operatore di raggiungere una zona che presenta un rischio di caduta dall alto (Imbracatura o cintura e cordino di posizionamento UNI - EN ). Anticaduta: tecnica che permette l arresto di una caduta dall alto e la riduzione della forza sviluppata durante la caduta (Imbracatura anticaduta UNI - EN 361 e cordino con assorbitore di energia UNI - EN 355).

5 SISTEMI DI TRATTENUTA

6 SISTEMI ANTICADUTA

7 EFFETTO PENDOLO

8 Per limitare l effetto pendolo si può fare una triangolazione mediante l uso contemporaneo di due ancoraggi, oppure si devono inserire dei punti di deviazione che, non essendo definibile la direzione di tiro, devono resistere ad una forza multi-direzionale (ex Classe A1)

9

10

11 FATTORE DI CADUTA E DISPOSITIVI DI PROTEZIONE

12 DEFINIZIONI Caduta contenuta o limitata 60 cm Quando lo spazio di caduta è superiore a 60 cm. si entra nell area della caduta libera. In questo ambito le forze dinamiche applicate al corpo umano possono superare i 6 KN; di conseguenza si rende necessario l utilizzo del dissipatore di energia.

13 FATTORE DI CADUTA Per valutare la pericolosità di una situazione di lavoro e quindi i DPI da utilizzare viene definito il Fattore di Caduta che viene calcolato con la seguente formula: F Q = = L Altezza di caduta (quota persa nella caduta) Lunghezza del cordino Nel caso in cui il fattore di caduta sia 0 e quindi l operatore si trovi al di sotto del punto di ancoraggio con il cordino teso, oppure nel caso di fattore di caduta fino a 1 ma con una libertà di movimento massima di 0.6 m, è possibile utilizzare equipaggiamento per il posizionamento. Negli altri casi è obbligatorio l utilizzo di dispositivi anticaduta. IL FATORE DI CADUTA NON PUO COMUNQUE ESSERE SUPERIORE A 2

14 FATTORE DI CADUTA

15 Il cordino anticaduta non deve superare i 2 m. di lunghezza e non può mai essere allungato, perché altrimenti si cambiano i parametri rispetto al progetto del costruttore

16 ARROTOLATORI (UNI EN 360) Se ancorati all altezza del piano di calpestio devono avere un dissipatore interno

17 IMBRAGHI Cintura di posizionamento e cordino uni en 358 Imbracatura bassa per lavori sospesi uni en 813 Imbracatura anticaduta uni en 361

18 IL TIRANTE D ARIA distanza minima, misurata in verticale, necessaria ad arrestare in sicurezza un lavoratore in un sistema di arresto caduta.

19 1. Distanza libera di caduta 2. Tirante d aria 3. Distanza di Arresto 1. Distanza libera di caduta La distanza misurata in verticale dal punto di caduta al punto dove un operatore può impattare. 2. Tirante d aria Minimo spazio libero di caduta in sicurezza. Secondo le norme UNI è la distanza minima, misurata in verticale, necessaria ad arrestare in sicurezza un lavoratore in un sistema di arresto caduta. Si compone dalla distanza di arresto più lo spazio libero di 1 metro che deve rimanere sotto i piedi dell utilizzatore, al fine di evitare la collisioni in una caduta. 3. Distanza di arresto Distanza verticale misurata dal punto di inizio caduta alla posizione finale di equilibrio dopo l arresto; la distanza di arresto varia in funzione dei sistemi utilizzati. Per questo motivo: la distanza libera di caduta Il Tirante d aria La distanza di arresto

20 SISTEMA DI ARRESTO CADUTA CON DISPOSITIVO COMPOSTO DA CORDINO UNI E ASSORBITORE DI ENERGIA-UNI Il valore massimo del tirante d aria con un cordino di lunghezza massima pari a 200 cm è dato da: Ta= X cm. Dove x è la freccia dovuta al possibile sistema flessibile utilizzato che deve essere sempre indicato dal produttore del sistema

21 MARCATURA La marcatura deve contenere, in modo chiaro e indelebile, le seguenti indicazioni: Il nome o il marchio identificativo del fabbricante Il marchio di identificazione del modello/tipo dell imbracatura La data di produzione Il numero della norma europea di riferimento La marcatura CE con il codice identificativo del sistema di qualità Un pittogramma per indicare che gli utilizzatori devono leggere le informazioni fornite dal fabbricante

22 MARCATURA DEVE ESSERE APPOSTA UNA LETTERA MAIUSCOLA A SU OGNI ELEMENTO DI ATTACCO PER L ARRESTO CADUTA

23 CONNETTORI TUTTI I CONNETTORI HANNO UNA DOPPIA SICUREZZA PER EVITARE L APERTURA ACCIDENTALE

24 DURATA MASSIMA La durata massima delle corde è di 10 anni. Poi vanno sostituite. Nel caso di uso intenso o condizioni d uso particolari la durata può essere molto inferiore. I connettori metallici (uni en 362) non hanno invece scadenza

25 ELMETTI E CASCHI UNI EN 397 ELMETTO DI PROTEZIONE PER L INDUSTRIA Copricapo il cui scopo primario è quello di proteggere la parte superiore della testa dell utilizzatore contro lesioni che possono essere provocate da oggetti in caduta. Devono essere dotati di sottogola o di dispositivi per fissarne uno. UNI EN 812 CASCO ANTIURTO PER L INDUSTRIA E destinato a proteggere la testa dell utilizzatore dalle lesioni causate da un urto della testa contro oggetti duri e immobili. Sono destinati prevalentemente a degli utilizzatori che lavorano in interni e non possono in nessun caso sostituire un elmetto di protezione per l industria regolato dalla norma uni en 397. UNI EN 443 ELMO IGNIFUGO Garantisce la protezione della testa dell utilizzatore dai pericoli che potrebbero insorgere durante le operazioni condotte dai Vigili del fuoco.

26 ELMETTI DI PROTEZIONE DEVONO RISPETTARE QUANTO PREVISTO NELLA NORMA EUROPEA UNI EN 397 SOPRATTUTTO PER QUANTO RIGUARDA L ASSORBIMENTO DEGLI URTI, LA RESISTENZA ALLA PENETRAZIONE E LA RESISTENZA ALLA FIAMMA. LA NORMA RIPORTA POI SPECIFICI REQUISITI DIMENSIONALI E SUI MATERIALI

27 GLI ELMETTI DEVONO DUNQUE POSSEDERE UNA ADEGUATA RESISTENZA MECCANICA ELEVATA CAPACITA AMMORTIZZANTE UN PESO NON ELEVATO

28 MARCATURA Ogni elmetto dovrà riportare una marcatura stampata o impressa che fornisca le seguenti informazioni: a)il numero della Norma europea di riferimento b)il nome o il marchio identificativo del fabbricante c)l anno ed il trimestre di costruzione d)il tipo di elmetto (indicazione del costruttore) e)la taglia o la gamma di taglie (in centimetri) f)l abbreviazione del materiale della calotta, che deve essere conforme alla EN ISO 472 (ABS, PC, HDPE, ecc.)

29 REQUISITI FACOLTATIVI ETICHETTA - 20 C oppure - 30 C Temperatura molto bassa +150 C Temperatura molto alta 440 V c.a. Isolamento elettrico LD Deformazione laterale MM Spruzzo di metallo fuso

30

31

32 IMPORTANTE QUALSIASI ELMETTO CHE ABBIA SUBITO UN GRAVE IMPATTO, ANCHE SE NON SONO VISIBILI DANNI, DEVE ESSERE SOSTITUITO

33 UTILIZZI PARTICOLARI Nel procedimento di scelta si dovranno considerare esigenze particolari, ad esempio: Se vengono utilizzate pistole sparachiodi la calotta deve essere più resistente, generalmente in poliestere rinforzato con fibra di vetro; inoltre non dovranno avere aperture di aereazione. In caso di utilizzo con basse temperature o temperature elevate, il dispositivo dovrà avere i requisiti specifici. In agricoltura o lavori forestali deve essere provvisto di aperture per l aerazione, chiuse verso l alto ed a forma di abbaino ; esso dovrà anche essere dotato di una canaletta per la pioggia e rispondere al requisito di protezione per temperature molto basse. Per lavoratori che hanno subito lesioni al capo sono forniti rivestimenti interni particolari, utilizzando fasce in tessuto o in pelle oppure cuscinetti in schiuma espansa, al fine di ripartire il peso dell elmetto sul capo, evitando di premere sulla parte sensibile.

34 Grazie per l attenzione!

CHE COSA E UNA CADUTA? UN SALTO UNA CADUTA. Anche da una piccola altezza una caduta può avere conseguenze drammatiche!! È volontario.

CHE COSA E UNA CADUTA? UN SALTO UNA CADUTA. Anche da una piccola altezza una caduta può avere conseguenze drammatiche!! È volontario. Sistemi anticaduta CHE COSA E UNA CADUTA? UN SALTO È volontario UNA CADUTA È involontaria E quindi è ammortizzato E quindi non è ammortizzata Buon assorbimento d energia IMPATTO DEBOLE Minimo assorbimento

Dettagli

(FAQ) ANTICADUTA. Catalogo on-line www.iapir.it DA OLTRE 40 ANNI LA SICUREZZA IN ITALIA

(FAQ) ANTICADUTA. Catalogo on-line www.iapir.it DA OLTRE 40 ANNI LA SICUREZZA IN ITALIA (FAQ) ANTICADUTA Che cos è un impatto d urto? All'arresto di una caduta l'operatore subisce un impatto d'urto che può provocare delle lesioni. 400 dan : comparsa di postumi cervicali 600 dan : soglia accettabile

Dettagli

Scelta e gestione dei dispositivi di protezione individuale (D.P.I.)

Scelta e gestione dei dispositivi di protezione individuale (D.P.I.) MASTER SICUREZZA Scelta e gestione dei dispositivi di protezione individuale (D.P.I.) Alessandro Cauduro Creazzo 1 luglio 2010 DPI Anticaduta Generalità I dispositivi di protezione individuale (DPI) sono:

Dettagli

COPERTURE: LUOGHI DI LAVORO?

COPERTURE: LUOGHI DI LAVORO? COPERTURE: LUOGHI DI LAVORO? FASE DI LAVORO: MANUTENZIONE IMPIANTI EDIFICI e COPERTURE ELEMENTI CONDIZIONANTI EDIFICI e COPERTURE ELEMENTI CONDIZIONANTI OBIETTIVO MANUTENZIONI IN SICUREZZA ELABORATO TECNICO

Dettagli

PREVENIRE LE CADUTE DALL ALTO

PREVENIRE LE CADUTE DALL ALTO PREVENIRE LE CADUTE DALL ALTO Gemona del Friuli, 23 maggio 2012 Dott.ssa Francesca Piva Tecnico della Prevenzione A.S.S. n. 3 Alto Friuli CLASSIFICAZIONE COPERTURE CLASSIFICAZIONE COPERTURE TIPOLOGIA Fortemente

Dettagli

INDICE DISPOSITIVI ANTICADUTA

INDICE DISPOSITIVI ANTICADUTA INDICE DISPOSITIVI ANTICADUTA CINTURE DI POSIZIONAMENTO Pag. 37 IMBRAGATURA ANTICADUTA Pag. 38 CORDINO DI ANCORAGGIO E ACCESSORI Pag. 323 ASSORBITORI DI ENERGIA E ANTICADUTA Pag. 324 FUNE ANTICADUTA Pag.

Dettagli

SISTEMI DI ARRESTO CADUTA UN SISTEMA DI ARRESTO CADUTA È SEMPRE COMPOSTO DA TRE ELEMENTI BASILARI: - ANCORAGGIO - COLLEGAMENTO - IMBRACATURA

SISTEMI DI ARRESTO CADUTA UN SISTEMA DI ARRESTO CADUTA È SEMPRE COMPOSTO DA TRE ELEMENTI BASILARI: - ANCORAGGIO - COLLEGAMENTO - IMBRACATURA SISTEMI DI ARRESTO CADUTA UN SISTEMA DI ARRESTO CADUTA È SEMPRE COMPOSTO DA TRE ELEMENTI BASILARI: - ANCORAGGIO - COLLEGAMENTO - IMBRACATURA Prima dell uso occorre predisporre una procedura per il recupero

Dettagli

I LAVORI IN QUOTA. Expo Edilizia - Roma, 14 novembre 2008. I Dispositivi di Protezione Individuale. Problematiche e soluzioni

I LAVORI IN QUOTA. Expo Edilizia - Roma, 14 novembre 2008. I Dispositivi di Protezione Individuale. Problematiche e soluzioni Expo Edilizia - Roma, 14 novembre 2008 I LAVORI IN QUOTA I Dispositivi di Protezione Individuale Problematiche e soluzioni Luigi Cortis via di Fontana Candida 1, 00040 Monte Porzio Catone (Roma) telefono

Dettagli

DEFINIZIONE di D.P.I.

DEFINIZIONE di D.P.I. DEFINIZIONE di Qualsiasi attrezzatura destinata ad essere indossata e tenuta dal lavoratore allo scopo di proteggerlo contro uno o più rischi suscettibili di minacciarne la sicurezza o la salute durante

Dettagli

Modello: linea vita temporanea 2 operatori. Norma: EN 795 B CODICE: 0840112

Modello: linea vita temporanea 2 operatori. Norma: EN 795 B CODICE: 0840112 UNI EN 795:2012 Dispositivo di ancoraggio con uno o più punti di aggancio / ancoraggio fissi, senza la necessità di un ancoraggio strutturale o elemento di fissaggio per essere solidale alla struttura

Dettagli

DISPOSITIVI ANTICADUTA

DISPOSITIVI ANTICADUTA DISPOSITIVI 3 Normative EN Anticaduta La base di un sistema individuale di protezione anticaduta Punto di ancoraggio e connettore Punto di ancoraggio: punto in cui il sistema di protezione anticaduta è

Dettagli

Seminario Tecnico. Le cadute dall'alto: una priorità per la sicurezza

Seminario Tecnico. Le cadute dall'alto: una priorità per la sicurezza Seminario Tecnico Le cadute dall'alto: una priorità per la sicurezza 27 febbraio 2014 Confindustria Marche Sala Tacconi Via Filonzi 11 Ancona In collaborazione con: 2 Seminario Tecnico Le cadute dall'alto:

Dettagli

DISPOSITIVI ANTICADUTA

DISPOSITIVI ANTICADUTA I DPI presentati dalla SOCIM SpA su questo catalogo sono in grado, se utilizzati correttamente, di risolvere la totalità dei problemi derivanti dai lavori in zone pericolose a grande altezza, entro cavità,

Dettagli

UNI EN 795: Protezione contro le cadute dall alto. Requisiti e prove dei dispositivi di ancoraggio

UNI EN 795: Protezione contro le cadute dall alto. Requisiti e prove dei dispositivi di ancoraggio UNI EN 795: Protezione contro le cadute dall alto. Requisiti e prove dei dispositivi di ancoraggio Ing. Salvatore LEANZA 22 Giugno 2012 - Fondazione Ordine degli Ingegneri - Catania UNI EN 795:2002 TITOLO

Dettagli

L ELMETTO DI PROTEZIONE. di Giuseppe Bertussi Collegio di Sondrio

L ELMETTO DI PROTEZIONE. di Giuseppe Bertussi Collegio di Sondrio L ELMETTO DI PROTEZIONE di Giuseppe Bertussi Collegio di Sondrio Ovunque esista in cantiere un pericolo di offesa al capo, il buonsenso, prima ancora della normativa sulla sicurezza, impone l utilizzo

Dettagli

ELMETTO STYLE 300. In Terilene nei modelli HC315 e HC300EL, in LDPE nei modelli HC300 e HC305 80% Cotone e il 20% Nylon (usa e getta), oppure in pelle

ELMETTO STYLE 300. In Terilene nei modelli HC315 e HC300EL, in LDPE nei modelli HC300 e HC305 80% Cotone e il 20% Nylon (usa e getta), oppure in pelle ELMETTO STYLE 300 SPECIFICHE TECNICHE Materiale della calotta esterna Proprietà del HDPE Bardatura interna (sulla circonferenza della testa) Attacchi della bardatura Cinghie della bardatura (sulla parte

Dettagli

SINTESI NORMA UNI EN 795:2002 DISPOSITIVI DI ANCORAGGIO ANTICADUTA DALL ALTO PER LE COPERTURE

SINTESI NORMA UNI EN 795:2002 DISPOSITIVI DI ANCORAGGIO ANTICADUTA DALL ALTO PER LE COPERTURE SINTESI NORMA UNI EN 795:2002 DISPOSITIVI DI ANCORAGGIO ANTICADUTA DALL ALTO PER LE COPERTURE I DISPOSITIVI ANTICADUTA DALLE COPERTURE SONO SOTTOPOSTI ALLA NORMA UNI EN 795:2002 La norma UNI EN 795:2002

Dettagli

Descrizione Copertura:

Descrizione Copertura: Soluzioni Progettuali Scheda: SP09 Rev: 09/07/2009 9.47.00 Pagina 1/8 Descrizione Copertura: STATO DI FATTO COPERTURA CON PIANTA AD L E PADIGLIONE Nuova Esistente Praticabile Non Praticabile Si tratta

Dettagli

CADUTA DALL ALTO E LINEE VITA LA LEGGE PAROLARI

CADUTA DALL ALTO E LINEE VITA LA LEGGE PAROLARI CORSO DI AGGIORNAMENTO PER LA FORMAZIONE DELLE COMPETENZE PROFESSIONALI IN MATERIA DI SICUREZZA NEI CANTIERI EDILI ALLA LUCE DELL ENTRATA IN VIGORE DEL NUOVO TESTO UNICO SULLA SICUREZZA D.Lgs. 9 aprile

Dettagli

Sistemi di protezione individuale dalle cadute

Sistemi di protezione individuale dalle cadute Sistemi di protezione individuale dalle cadute Quaderni Tecnici per i cantieri temporanei o mobili Edizione 2014 Pubblicazione realizzata da INAIL Dipartimento innovazioni tecnologiche e sicurezza degli

Dettagli

La scelta delle attrezzature nella gestione del rischio di caduta dall alto. ing. PASTA NICOLA

La scelta delle attrezzature nella gestione del rischio di caduta dall alto. ing. PASTA NICOLA La scelta delle attrezzature nella gestione del rischio di caduta dall alto ing. PASTA NICOLA Quale approccio alla gestione del rischio di caduta dall alto alto D.Lgs. 81/2008 e s.m.i. - Art. 15 Le misure

Dettagli

NORME DI LEGGE E DI BUONA TECNICA LEGATE ALL UTILIZZO DI PARAPETTI E RETI ANTICADUTA CORSO AGGIORNAMENTO COORDINATORI

NORME DI LEGGE E DI BUONA TECNICA LEGATE ALL UTILIZZO DI PARAPETTI E RETI ANTICADUTA CORSO AGGIORNAMENTO COORDINATORI NORME DI LEGGE E DI BUONA TECNICA LEGATE ALL UTILIZZO DI PARAPETTI E RETI ANTICADUTA CORSO AGGIORNAMENTO COORDINATORI Per. Ind. Michele Luongo - C.P.T. LUCCA INTRODUZIONE Nelle costruzioni vengono utilizzate

Dettagli

DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE (DPI) CONTRO LE CADUTE DALL ALTO

DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE (DPI) CONTRO LE CADUTE DALL ALTO Servizio Antincendi e Protezione Civile Via Secondo da Trento, 2-38100 Trento Tel. 0461/492310 - Fax 492315 Osservatorio sugli Infortuni dei Vigili del Fuoco Documento n. 2/2007 maggio 2007 DISPOSITIVI

Dettagli

LINEA GUIDA. Per la scelta, l uso e la manutenzione di dispositivi di protezione individuale contro le CADUTE DALL ALTO SISTEMI DI ARRESTO CADUTA

LINEA GUIDA. Per la scelta, l uso e la manutenzione di dispositivi di protezione individuale contro le CADUTE DALL ALTO SISTEMI DI ARRESTO CADUTA LINEA GUIDA Per la scelta, l uso e la manutenzione di dispositivi di protezione individuale contro le CADUTE DALL ALTO SISTEMI DI ARRESTO CADUTA LINEA GUIDA Per la scelta, l uso e la manutenzione di dispositivi

Dettagli

RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA Dgr Veneto n. 97 del 31 gennaio 2012

RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA Dgr Veneto n. 97 del 31 gennaio 2012 RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA Dgr Veneto n. 97 del 31 gennaio 2012 COMMITTENTE: UNIONE DEI COMUNI DEL MEDIO BRENTA Viale della Costituzione, 3 35010 Cadoneghe (PD) tipologia intervento Per i lavori di:

Dettagli

QUALITÀ ED AFFIDABILITÀ

QUALITÀ ED AFFIDABILITÀ QUALITÀ ED AFFIDABILITÀ Ogni prodotto BREBE viene realizzato in conformità alle normative vigenti in materia di prevenzione dalle cadute dall alto rispettando in oltre tutti i più alti standard di qualità.

Dettagli

Progettazione, Verifica e Calcolo dei Sistemi Anticaduta

Progettazione, Verifica e Calcolo dei Sistemi Anticaduta Progettazione, Verifica e Calcolo dei Sistemi Anticaduta (concetti di caduta libera, caduta limitata, contenuta, trattenuta spazio libero di caduta effetto pendolo punti deviazione caduta - relazione di

Dettagli

AT-100 DISPOSITIVO DI ANCORAGGIO A NORMA UNI EN 795 A2

AT-100 DISPOSITIVO DI ANCORAGGIO A NORMA UNI EN 795 A2 A NORMA UNI EN 795 A2 Uso e manutenzione Dichiarazione di conformità Relazione di calcolo degli elementi di fissaggio Istruzioni di montaggio Anticaduta Mistral Srl Corso Marconi 25-10125 TORINO tel: 011.6509102

Dettagli

Cinture di sicurezza

Cinture di sicurezza Cinture di sicurezza Sommario Principi di sicurezza delle persone Dissipazione dell energia cinetica Dispositivi di protezione individuale (DPI) anticaduta 5. Imbracatura per il corpo 5. Cinture di posizionamento

Dettagli

La sicurezza nella manutenzione degli impianti fotovoltaici su coperture

La sicurezza nella manutenzione degli impianti fotovoltaici su coperture ATTI Seminario La sicurezza nella manutenzione degli impianti fotovoltaici su coperture Venerdì 24 giugno In partnership con Seminario La sicurezza nella manutenzione degli impianti fotovoltaici su coperture

Dettagli

Manuale pratico sull uso dei D.P.I di I, II, III categoria. Collana PREVENZIONE E PROTEZIONE

Manuale pratico sull uso dei D.P.I di I, II, III categoria. Collana PREVENZIONE E PROTEZIONE kiker Manuale pratico sull uso dei D.P.I di I, II, III categoria Collana PREVENZIONE E PROTEZIONE Collana PREVENZIONE E PROTEZIONE SEGNALETICA DI SICUREZZA In prossimità di zone di rischio deve essere

Dettagli

CATALOGO. Global Safety S.r.l. Anticaduta

CATALOGO. Global Safety S.r.l. Anticaduta CATALOGO Global Safety S.r.l. Via Commercio, 2 15068 Pozzolo Formigaro (AL) Tel: 0143-1437124 Fax: 0143-1437119 info@globalsafetysrl.com www. globalsafetysrl.com P.I. 02386530063 Anticaduta Normative EN

Dettagli

LINEA GUIDA. Montaggio, smontaggio, trasformazione PONTEGGI

LINEA GUIDA. Montaggio, smontaggio, trasformazione PONTEGGI LINEA GUIDA Per l esecuzione di lavori temporanei in quota con l impiego di sistemi di accesso e posizionamento mediante ponteggi metallici fissi di facciata Montaggio, smontaggio, trasformazione PONTEGGI

Dettagli

Seminario Tecnico Piacenza 31/01/2013

Seminario Tecnico Piacenza 31/01/2013 Seminario Tecnico Piacenza 31/01/2013 Misure di prevenzione e protezione collettive e individuali in riferimento al rischio di caduta dall alto nei cantieri edili A cura dei Tec. Prev. Mara Italia, Marco

Dettagli

BONIFICA DELLE COPERTURE DI AMIANTO: DPC E DPI PER LE OPERAZIONI IN QUOTA

BONIFICA DELLE COPERTURE DI AMIANTO: DPC E DPI PER LE OPERAZIONI IN QUOTA BONIFICA DELLE COPERTURE DI AMIANTO: DPC E DPI PER LE OPERAZIONI IN QUOTA l dilucarossi ricercatore INAIL- settore Ricerca, Certificazione e Verifica- Dipartimento Tecnologie di Sicurezza Osservatorio

Dettagli

MANUALE OPERATIVO PER CHI LAVORA IN ALTEZZA

MANUALE OPERATIVO PER CHI LAVORA IN ALTEZZA Regione del Veneto DIREZIONE PER LA PREVENZIONE Azienda U.L.S.S. 15 Alta Padovana Regione del Veneto MANUALE OPERATIVO PER CHI LAVORA IN ALTEZZA Piano Regionale Amianto del Veneto IO NON CI CASCO Manuale

Dettagli

ISPESL ISTITUTO SUPERIORE PER LA PREVENZIONE E LA SICUREZZA DEL LAVORO Dipartimento Tecnologie di Sicurezza

ISPESL ISTITUTO SUPERIORE PER LA PREVENZIONE E LA SICUREZZA DEL LAVORO Dipartimento Tecnologie di Sicurezza ISPESL ISTITUTO SUPERIORE PER LA PREVENZIONE E LA SICUREZZA DEL LAVORO Dipartimento Tecnologie di Sicurezza PER L ESECUZIONE DI LAVORI TEMPORANEI IN QUOTA CON L IMPIEGO DI SISTEMI DI ACCESSO E POSIZIONAMENTO

Dettagli

Cinture e cordini per il posizionamento sul lavoro Cinture con cosciali

Cinture e cordini per il posizionamento sul lavoro Cinture con cosciali DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE CONTRO LE CADUTE DALL ALTO EN 341 Dispositivi di discesa EN 353-1 Dispositivi anticaduta di tipo guidato su una linea di ancoraggio rigida EN 353-2 Dispositivi anticaduta

Dettagli

SCHEDE di RIFERIMENTO. Per la Progettazione o per la Formazione su:

SCHEDE di RIFERIMENTO. Per la Progettazione o per la Formazione su: SCHEDE di RIFERIMENTO Per la Progettazione o per la Formazione su: Definizioni Titolo Scheda nr. Scheda Criteri Progettuali Criteri Generali Percorsi di Accesso Transito ed Esecuzione dei Lavori in Copertura

Dettagli

SEMINARIO TECNICO IL RISCHIO DI CADUTA DALL ALTO: LA STRAGE CONTINUA?

SEMINARIO TECNICO IL RISCHIO DI CADUTA DALL ALTO: LA STRAGE CONTINUA? Presenta SEMINARIO TECNICO IL RISCHIO DI CADUTA DALL ALTO: LA STRAGE CONTINUA? Con il patrocinio di: Città di GROSSETO Grosseto 4 marzo 2011 1 perché oggi parliamo di linee vita : Le cadute dall alto sono

Dettagli

LAVORI IN QUOTA: I SISTEMI DI PROTEZIONE CONTRO LE CADUTE DALL ALTO

LAVORI IN QUOTA: I SISTEMI DI PROTEZIONE CONTRO LE CADUTE DALL ALTO LAVORI IN QUOTA: I SISTEMI DI PROTEZIONE CONTRO LE CADUTE DALL ALTO l dilucarossi, Ricercatore, Dipartimento Tecnologie di Sicurezza, ex-ispesl Osservatorio a cura dell Ufficio Relazioni con il Pubblico

Dettagli

Città di Castel San Giovanni Provincia di Piacenza Settore IV: Sviluppo Urbano

Città di Castel San Giovanni Provincia di Piacenza Settore IV: Sviluppo Urbano Città di Castel San Giovanni Provincia di Piacenza Settore IV: Sviluppo Urbano N. 2/2015 LINEE VITA: MODULISTICA E NORMATIVA Disposizione tecnico organizzativa (DTO 2/2015) 1 (ai sensi dell articolo 7/III

Dettagli

- Seminario tecnico -

- Seminario tecnico - Con il contributo di Presentano: - Seminario tecnico - prevenzione delle cadute dall alto con dispositivi di ancoraggio «linee vita» Orario: dalle 16,00 alle 18,00 presso GENIOMECCANICA SA, Via Essagra

Dettagli

LAVORO IN QUOTA: DEFINZIONE

LAVORO IN QUOTA: DEFINZIONE LAVORI IN ALTEZZA - NORME DI RIFERIMENTO D.Lgs 81/2008 e s.m.i. In particolare Titolo IV Cantieri temporanei o mobili Capo II Norme per la prevenzione sul lavoro nelle costruzioni e nei lavori in quota

Dettagli

Cinture e cordini per il posizionamento sul lavoro Cinture con cosciali

Cinture e cordini per il posizionamento sul lavoro Cinture con cosciali DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE CONTRO LE CADUTE DALL ALTO EN 341 Dispositivi di discesa EN 353-1 Dispositivi anticaduta di tipo guidato su una linea di ancoraggio rigida EN 353-2 Dispositivi anticaduta

Dettagli

Linee Vita. Progettazione ed Posa in Opera D.Lgs.81/08 e s.m.i. L.R.5/2010. M.EN.S. Engineering. Dott. Ing. Corrado Giromini

Linee Vita. Progettazione ed Posa in Opera D.Lgs.81/08 e s.m.i. L.R.5/2010. M.EN.S. Engineering. Dott. Ing. Corrado Giromini M.EN.S. Engineering Dott. Ing. Corrado Giromini Sistemi Anticaduta dall Alto Linee Vita Progettazione ed Posa in Opera D.Lgs.81/08 e s.m.i. L.R.5/2010 M.EN.S. Engineering Sommario Normativa D.Lgs.81/08

Dettagli

ALLEGATO A Dgr n. 2774 del 22/09/09 pag. 1/10

ALLEGATO A Dgr n. 2774 del 22/09/09 pag. 1/10 giunta regionale 8^ legislatura ALLEGATO A Dgr n. 2774 del 22/09/09 pag. 1/10 ISTRUZIONI TECNICHE RELATIVE ALLE MISURE PREVENTIVE E PROTETTIVE DA PREDISPORRE NEGLI EDIFICI PER L ACCESSO, IL TRANSITO E

Dettagli

PROVINCIA DI VENEZIA VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE E CONTESTUALE APPROVAZIONE DEL PROGETTO DI

PROVINCIA DI VENEZIA VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE E CONTESTUALE APPROVAZIONE DEL PROGETTO DI REGIONE DEL VENETO PROVINCIA DI VENEZIA COMUNE DI CAMPAGNA LUPIA VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE E CONTESTUALE APPROVAZIONE DEL PROGETTO DI NUOVO IMPIANTO DI TRATTAMENTO E RECUPERO DI RIFIUTI SPECIALI

Dettagli

LINEE VITA Ancoraggi e linee di ancoraggio flessibili orizzontali

LINEE VITA Ancoraggi e linee di ancoraggio flessibili orizzontali Fin Group LINEE VITA Ancoraggi e linee di ancoraggio flessibili orizzontali Prodotti Conformi a UNI EN 795 FIN GROUP S.R.L. Divisione Commerciale Via Sentieri 44 24050 Cividate al Piano (BG) Tel. +39 0363

Dettagli

Per installare una parabola su un tetto oppure su superfici

Per installare una parabola su un tetto oppure su superfici Tractel Italiana www.tractel.edilio.it SICUREZZA Sistemi anticaduta per lavori in quota Per installare una parabola su un tetto oppure su superfici non protette, la cui altezza dal suolo è maggiore di

Dettagli

ISTRUZIONI PER LA PROGETTAZIONE DEI SISTEMI DI PROTEZIONE CONTRO LE CADUTE DALL ALTO

ISTRUZIONI PER LA PROGETTAZIONE DEI SISTEMI DI PROTEZIONE CONTRO LE CADUTE DALL ALTO Dipartimento di Prevenzione SERVIZIO SPISAL Via S. Andrea, 8 32100 Belluno Tel. 0437 516927 Fax 0437 516923 e-mail: serv.spisal.bl@ulss.belluno.it Dipartimento di Prevenzione SERVIZIO SPISAL Via Borgo

Dettagli

manuale di utilizzo e manutenzione

manuale di utilizzo e manutenzione Dispositivo classe A2 su tetti inclinati manuale di utilizzo e manutenzione CONFORME ALLA NORMA UNI EN 795-2005 CLASSE A2 Dispositivo classe A2 su tetti inclinati Indice 1. NOTE GENERALI DI SICUREZZA pag.

Dettagli

LINEEDIVITA CRITERI DI SCELTA

LINEEDIVITA CRITERI DI SCELTA LINEEDIVITA CRITERI DI SCELTA Si tratta di dispositivi di ancoraggio flessibili e rigidi orizzontali, costituiti generalmente da cavi metallici (esecuzione fissa), tessili (esecuzione temporanea) oppure

Dettagli

Elmetto Granite wind. Elmetto Granite peak. Sottogola. Art. CAP0000001 - Bianco Art. CAP0000002 - Giallo

Elmetto Granite wind. Elmetto Granite peak. Sottogola. Art. CAP0000001 - Bianco Art. CAP0000002 - Giallo PROTEZIONE TESTA Elmetto Granite wind Art. CAP0000001 - Bianco Art. CAP0000002 - Giallo EN397 MM -20 C +50 C Elmetto da cantiere ventilato, in ABS. Stile caschi alpinismo : senza frontino, per una migliore

Dettagli

LINEA 795 ROBUST SISTEMI DI PROTEZIONE ANTICADUTA

LINEA 795 ROBUST SISTEMI DI PROTEZIONE ANTICADUTA LINE 795 ROUST SISTEMI DI PROTEZIONE NTICDUT PUNTO DI NCORGGIO WCGRE Componente di classe C secondo norma UNI EN 795:2002 Certificati: Certificazione secondo UNI EN 795:2002 Numero operatori: Modello di

Dettagli

ELABORATO TECNICO DELLA COPERTURA

ELABORATO TECNICO DELLA COPERTURA ELABORATO TECNICO DELLA COPERTURA Legge Regionale 3 gennaio 2005, n. 1 - articolo 82, comma 16 Decreto del Presidente della Giunta Regionale 18 dicembre 2013, n. 75/R Regolamento di attuazione dell articolo

Dettagli

Norme per la prevenzione degli infortuni sul lavoro nei lavori in quota nelle costruzioni.

Norme per la prevenzione degli infortuni sul lavoro nei lavori in quota nelle costruzioni. Arezzo, 23 settembre 2011 Norme per la prevenzione degli infortuni sul lavoro nei lavori in quota nelle costruzioni. Analisi delle novità legislative. Esperienze e modalità di applicazione. ATLAS è azienda

Dettagli

IO NON CI ASCO. terza edizione

IO NON CI ASCO. terza edizione IO NON CI ASCO terza edizione IO NON CI CASCO Manuale operativo per chi lavora in altezza Terza edizione Regione Veneto-Azienda U.L.S.S. 15 Alta Padovana Dipartimento di Prevenzione - Servizio Prevenzione

Dettagli

Ente Scuola Edile Taranto LAVORI IN QUOTA

Ente Scuola Edile Taranto LAVORI IN QUOTA Ente Scuola Edile Taranto LAVORI IN QUOTA LAVORI IN QUOTA Attività lavorativa che espone il lavoratore al rischio di caduta da una quota posta ad altezza superiore a 2 m rispetto ad un piano stabile. (art.107

Dettagli

METTIAMO IN SICUREZZA LA TUA LIBERTÀ DI AZIONE

METTIAMO IN SICUREZZA LA TUA LIBERTÀ DI AZIONE METTIAMO IN SICUREZZA LA TUA LIBERTÀ DI AZIONE Sempre più persone si affidano ai prodotti Trentino Sicurezza per la prevenzione delle cadute dall alto. Quando le condizioni di lavoro presentano un rischio

Dettagli

ME52 - Cordino con assorbitore di energia - fune da 2m. ME51 - Cordino con assorbitore di energia

ME52 - Cordino con assorbitore di energia - fune da 2m. ME51 - Cordino con assorbitore di energia ME52 - Cordino con assorbitore di energia - fune da 2m ME51 - Cordino con assorbitore di energia Cordini a nastro con assorbitore di energia Miller (EUR) Cordini elastico con assorbitore di energia Miller

Dettagli

Reti di sicurezza. Quaderni Tecnici per i cantieri temporanei o mobili

Reti di sicurezza. Quaderni Tecnici per i cantieri temporanei o mobili Reti di sicurezza Quaderni Tecnici per i cantieri temporanei o mobili Edizione 2014 Pubblicazione realizzata da INAIL Dipartimento innovazioni tecnologiche e sicurezza degli impianti, prodotti e insediamenti

Dettagli

Dipartimento di Prevenzione. Corso di aggiornamento per Coordinatori della sicurezza da 40 ore Modulo 2

Dipartimento di Prevenzione. Corso di aggiornamento per Coordinatori della sicurezza da 40 ore Modulo 2 Dipartimento di Prevenzione Struttura Complessa P.S.A.L. Via Collodi 13-17100 Savona Direttore dott. Angelo SERGI Corso di aggiornamento per Coordinatori della sicurezza da 40 ore Modulo 2 la figura del

Dettagli

DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE

DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE Servizio di Prevenzione e Sicurezza nei Luoghi di Lavoro La progettazione degli edifici e della sicurezza integrazione del regolamento locale di igiene OBIETTIVO: introdurre

Dettagli

ELABORATO TECNICO DELLA COPERTURA art. 5 del DPGR del 23.11.2005 n.62/r

ELABORATO TECNICO DELLA COPERTURA art. 5 del DPGR del 23.11.2005 n.62/r ALLEGATO alla seguente pratica: Denuncia inizio attività Richiesta Permesso di costruire Variante con sospensione lavori Variante senza sospensione lavori (art.142 L.R. 01/05) Istanza di sanatoria (art.140

Dettagli

Schede tecniche per lavoro su funi

Schede tecniche per lavoro su funi Schede tecniche per lavoro su funi Tecniche e materiali per i lavori in quota nell attività di soccorso, quadro didattico ANVVFC,, Presidenza Nazionale, marzo 2008 pag 1 Scheda : 0 PRINCIPI GENERALI: lavori

Dettagli

SICUREZZA IN CANTIERE PER I LAVORATORI CHE OPERANO IN QUOTA

SICUREZZA IN CANTIERE PER I LAVORATORI CHE OPERANO IN QUOTA SICUREZZA IN CANTIERE PER I LAVORATORI CHE OPERANO IN QUOTA Sistemi di protezione collettivi ed individuali con riferimento alle normative europee UNI EN 13374 e UNI EN 795. I lavori in quota possono esporre

Dettagli

I dispositivi di protezione ed il TU

I dispositivi di protezione ed il TU Seminario La sicurezza nel cantiere edile alla luce del DLgs 81/08 I dispositivi di protezione ed il TU Luca Rossi Bari, 24 aprile 2009 Sala Convegni Confindustria Programma Introduzione Definizioni Metodologia

Dettagli

Le problematiche di sicurezza per l allestimento del cantiere per l installazione degli impianti fotovoltaici

Le problematiche di sicurezza per l allestimento del cantiere per l installazione degli impianti fotovoltaici Seminario Tecnico GLI IMPIANTI FOTOVOLTAICI Aggiornamenti legislativi, Problematiche tecniche, Problematiche di installazione, Rapporti con gli enti Le problematiche di sicurezza per l allestimento del

Dettagli

VILLA BORROMEO Sarmeola di Rubano Padova 25 novembre 2010. Relatore: Ing. Carlo Calisse

VILLA BORROMEO Sarmeola di Rubano Padova 25 novembre 2010. Relatore: Ing. Carlo Calisse LE RETI ANTICADUTA DALLE NORME UNI EN 1263-1 1 e 2 ALLE NUOVE LINEE GUIDA AIPAA VILLA BORROMEO Sarmeola di Rubano Padova 25 novembre 2010 Relatore: Ing. Carlo Calisse INTRODUZIONE ALLE NORME UNI EN 1263-1:

Dettagli

DISPOSITIVO DI ANCORAGGIO MOBILE CON CONTRAPPESI A NORMA UNI EN 795 CLASSE E ART. NIM200

DISPOSITIVO DI ANCORAGGIO MOBILE CON CONTRAPPESI A NORMA UNI EN 795 CLASSE E ART. NIM200 Manuale DISPOSITIVO DI ANCORAGGIO MOBILE CON CONTRAPPESI A NORMA UNI EN 795 CLASSE E ART. NIM200 2 EDIZIONE APRILE 2012 Indice SOMMARIO CLASSIFICAZIONE DEI DISPOSITIVI DI ANCORAGGIO Principi generali Scopo

Dettagli

SISTEMA DI SICUREZZA ACCREDITATO INSERTI QUALITÀ. Sistema anticaduta. a rapido innesto

SISTEMA DI SICUREZZA ACCREDITATO INSERTI QUALITÀ. Sistema anticaduta. a rapido innesto SISTEMA DI SICUREZZA 127 ACCREDITATO INSERTI QUALITÀ Sistema anticaduta a rapido innesto 128 Sistema anticaduta a rapido innesto Rurefast è il sistema sviluppato e brevettato da Ruredil in ottemperanza

Dettagli

Dispositivi di protezione individuale anticaduta

Dispositivi di protezione individuale anticaduta Dispositivi di protezione individuale anticaduta Sommario 1 Principi di sicurezza 3 2 Dissipazione dell energia cinetica 4 3 Dispositivi di protezione individuale (DPI) anticaduta 5 3.1 Imbracature anticaduta

Dettagli

Manuale d uso e manutenzione. Cotto San Michele: più che una copertura, una copertura completa.

Manuale d uso e manutenzione. Cotto San Michele: più che una copertura, una copertura completa. Manuale d uso e manutenzione. Cotto San Michele: più che una copertura, una copertura completa. Indice 1. Linea flessibile orizzontale Dispositivi di ancoraggio in classe C pag. 4 2. Punti di ancoraggio

Dettagli

Per iniziare vediamo alcune statistiche riguardanti gli infortuni.

Per iniziare vediamo alcune statistiche riguardanti gli infortuni. 1 sommario Statistiche Legislazione: Testo Unico e Leggi Regionali Analisi dei fattori di rischio Sistemi di arresto caduta UNI EN 362 Progettazione di un sistema anticaduta Confronto UNI EN 795 2002 e

Dettagli

I DISPOSITIVI DI PROTEZIONE COLLETTIVA PER MONTARE I PREFABBRICATI IN SICUREZZA

I DISPOSITIVI DI PROTEZIONE COLLETTIVA PER MONTARE I PREFABBRICATI IN SICUREZZA I DISPOSITIVI DI PROTEZIONE COLLETTIVA PER MONTARE I PREFABBRICATI IN SICUREZZA l di Luca Rossi ricercatore Dipartimento Tecnologie di Sicurezza- ex ISPESL Osservatorio a cura dell Ufficio Relazioni con

Dettagli

CORSO per LAVORATORI ADDETTI ai SISTEMI di ACCESSO e POSIZIONAMENTO mediante FUNI. A cura di

CORSO per LAVORATORI ADDETTI ai SISTEMI di ACCESSO e POSIZIONAMENTO mediante FUNI. A cura di CORSO per LAVORATORI ADDETTI ai SISTEMI di ACCESSO e POSIZIONAMENTO mediante FUNI A cura di Legge 2 gennaio 1989, n. 6 Ordinamento della professione di Guida Alpina È Guida Alpina chi svolge professionalmente

Dettagli

D.Lgs. 81/08. Dispositivi di Protezione Individuale DPI. Tecnico della Prevenzione Dott. Sergio Biagini

D.Lgs. 81/08. Dispositivi di Protezione Individuale DPI. Tecnico della Prevenzione Dott. Sergio Biagini Dispositivi di Protezione Individuale DPI Tecnico della Prevenzione Dott. Sergio Biagini DEFINIZIONE di DPI Per DPI si intende qualsiasi attrezzatura destinata ad essere indossata e tenuta dal lavoratore

Dettagli

UNITH TM FIX. Libretto d istruzioni e montaggio. Contiene Certificato. Dispositivo Classe A1 UNI EN 795/02

UNITH TM FIX. Libretto d istruzioni e montaggio. Contiene Certificato. Dispositivo Classe A1 UNI EN 795/02 Libretto d istruzioni e montaggio Contiene Certificato FIX Dispositivo Classe A1 UNI EN 795/02 Documento originale da conservare a cura del proprietario amministratore dell immobile UNITH TM Indice 1.0

Dettagli

Seminario su linee vita: normative, tecniche e procedure

Seminario su linee vita: normative, tecniche e procedure Seminario su linee vita: normative, tecniche e procedure Fascicolo dell opera (D.Lgs. 81/08 art.91 All. XVI) elaborato tecnico e grafico della copertura relazione tecnica illustrativa fascicolo del sistema

Dettagli

LINEA 795 ROBUST SISTEMI DI PROTEZIONE ANTICADUTA

LINEA 795 ROBUST SISTEMI DI PROTEZIONE ANTICADUTA LINE 795 ROUST SISTEMI DI PROTEZIONE NTICDUT PUNTO DI NCORGGIO WDIR Componente di classe 1 secondo norma UNI EN 795:2002 Certificati: Certificazione secondo UNI EN 795:2002 Numero operatori: descrizione

Dettagli

SISTEMI ANTICADUTA EN 795 MANUALE D INSTALLAZIONE TIRANTE SOTTOTEGOLA SU TETTI INCLINATI CT.CA.06.A2

SISTEMI ANTICADUTA EN 795 MANUALE D INSTALLAZIONE TIRANTE SOTTOTEGOLA SU TETTI INCLINATI CT.CA.06.A2 SISTEMI ANTICADUTA EN 795 MANUALE D INSTALLAZIONE TIRANTE SOTTOTEGOLA SU TETTI INCLINATI CT.CA.06.A2 Cividate al Piano (BG) - Gennaio 2013 INDICE: 1 IDENTIFICAZIONE DEL PRODUTTORE...4 2 IMMAGINE TIRANTE

Dettagli

RISCHIO CADUTA DALL ALTO

RISCHIO CADUTA DALL ALTO MICHELE SANGINISI RISCHIO CADUTA DALL ALTO DAI PONTEGGI METALLICI FISSI @ SERVIZI GRATUITI ON LINE Questo libro dispone dei seguenti servizi gratuiti disponibili on line: filodiretto con gli autori le

Dettagli

Sistema ROTOR brevettato Grandi aperture di aerazione. Frontalino antisudore termoformato GRANITE PEAK - GRANITE WIND

Sistema ROTOR brevettato Grandi aperture di aerazione. Frontalino antisudore termoformato GRANITE PEAK - GRANITE WIND GRANITE WIND 318 g in altezza Sistema ROTOR brevettato Grandi aperture di aerazione Cuffi a : ancoraggi plastici iniettati sulle fasce tessili GRANITE PEAK - GRANITE WIND Frontalino antisudore termoformato

Dettagli

SOLUZIONI PROGETTUALI. Criteri progettuali per un percorso, accesso e transito in sicurezza in una copertura

SOLUZIONI PROGETTUALI. Criteri progettuali per un percorso, accesso e transito in sicurezza in una copertura SOLUZIONI PROGETTUALI Criteri progettuali per un percorso, accesso e transito in sicurezza in una copertura PERCORSO INTERNO Percorso interno di accesso alla copertura 41 Copertura a capanna L ACCESSO

Dettagli

La tua sicurezza prima di tutto

La tua sicurezza prima di tutto La tua sicurezza prima di tutto I II DEFINIZIONI Punto di ancoraggio Punto su un sistema di ancoraggio in cui è previsto il collegamento con il dispositivo di protezione individuale anticaduta. Dispositivo

Dettagli

DISPOSITIVI ANTICADUTA

DISPOSITIVI ANTICADUTA DISPOSITIVI ANTICADUTA 198 Normativa NORME EUROPEE La legislazione europea specifica che i principi generali di prevenzione devono essere applicati da ogni datore di lavoro che impiega personale che lavora

Dettagli

M.TERMOLATTONERIA SISTEMA DI PROTEZIONE CONTRO LE CADUTE DALL ALTO. Ubicazione edificio: VIA SAN MARTINO N.14/B TURATE CO

M.TERMOLATTONERIA SISTEMA DI PROTEZIONE CONTRO LE CADUTE DALL ALTO. Ubicazione edificio: VIA SAN MARTINO N.14/B TURATE CO M.TERMOLATTONERIA SISTEMA DI PROTEZIONE CONTRO LE CADUTE DALL ALTO COMMITTENTE : NORD EDIL SRL VIA SAN MARTINO N.14/B TURATE CO Ubicazione edificio: VIA SAN MARTINO N.14/B TURATE CO SARONNO 12-12-2014

Dettagli

GRANITE GRANITE PEAK GRANITE WIND GRAWIJAFL GRAPEJAFL GRAPEBCFL GRAWIBCFL GRAPEBLFL GRAWIBLFL GRAWIORFL GRAWINO GRAWIROFL

GRANITE GRANITE PEAK GRANITE WIND GRAWIJAFL GRAPEJAFL GRAPEBCFL GRAWIBCFL GRAPEBLFL GRAWIBLFL GRAWIORFL GRAWINO GRAWIROFL GRANITE GRANITE PEAK GRANITE PEAK GRANITE WIND GRANITE WIND GRAPEJAFL GRAWIJAFL GRAPEBCFL GRAWIBCFL GRAPEBLFL GRAWIBLFL GRAWIORFL BASGAA JUGAA GRAWIROFL GRAWINO GRANITE WIND GRANITE PEAK BASGAA JUGGAA

Dettagli

ISTITUTO TECNICO TECNOLOGICO "Blaise Pascal"

ISTITUTO TECNICO TECNOLOGICO Blaise Pascal Circolare n. 36-2014 10-10-2014 Ai Collaboratori Scolastici Agli Assistenti Tecnici Ai preposti laboratori di Elettronica e Chimica p.c. Ai Docenti Al Direttore SGA Agli Assistenti Amministrativi Oggetto:

Dettagli

I FONDAMENTALI DI UN CORRETTO IMPIANTO DI ANCORAGGIO

I FONDAMENTALI DI UN CORRETTO IMPIANTO DI ANCORAGGIO Federico Genovesi Pierfrancesco Miniati I FONDAMENTALI DI UN CORRETTO IMPIANTO DI ANCORAGGIO I diritti di traduzione, di memorizzazione elettronica, di riproduzione e di adattamento totale o parziale,

Dettagli

ABBIGLIAMENTO 100 % COTONE MASSAUA PESO : 280 gr / m2

ABBIGLIAMENTO 100 % COTONE MASSAUA PESO : 280 gr / m2 ABBIGLIAMENTO 100 % COTONE MASSAUA PESO : 280 gr / m2 COLORI DISPONIBILI : Taglie : 44 46 48 50 52 54 56 58 60 62-64 66-68 - 70 Possibilità di capi personalizzati, anche bicolore. CAMICI IN TERITAL ( 65

Dettagli

Gestione del rischio di caduta LAVORO IN QUOTA. www.ciprianobortolato.it. www.ciprianobortolato.it HOME HOME

Gestione del rischio di caduta LAVORO IN QUOTA. www.ciprianobortolato.it. www.ciprianobortolato.it HOME HOME 1 Gestione del rischio di caduta LAVORO IN QUOTA 2 Identificazione dei pericoli STRUTTURE O IMPIANTI CHE DEVONO ESSERE COSTRUITI O INSTALLATI, DEMOLITI O SMANTELLATI, ISPEZIONATI, TESTATI, MANTENUTI, RIPARATI

Dettagli

LA SICUREZZA in COPERTURA

LA SICUREZZA in COPERTURA INCONTRI TECNICI Progettazione, tecniche e materiali 08 giugno 2011 LA SICUREZZA in COPERTURA PROGETTAZIONE E REALIZZAZIONE DI SISTEMI ANTICADUTA IN COPERTURA Relatori: Ing. Cosimo Chines Ing. Stefano

Dettagli

SCALE FISSE CON INCLINAZIONE >75

SCALE FISSE CON INCLINAZIONE >75 PERCORSI VERTICALI Scheda: P003 Rev: 11/06/2009 19.55.00 Pagina 1/1 SCALE FISSE CON INCLINAZIONE >75 D.P.G.R. Toscana 62/R 05, Artt.3, 8 Dispositivo Interno Esterno Permanente Non Permanente Fig 1 Fig

Dettagli

PROGRAMMA LINEE VITA

PROGRAMMA LINEE VITA PROGRAMMA LINEE VITA Cosa sono le linee vita Pighi I DISPOSITIVI DI ANCORAGGIO CHE SALVANO LA VITA Cosa sono i dispositivi di sicurezza Un dispositivo di ancoraggio permette a qualunque operatore di operare

Dettagli

Normative Abbigliamento

Normative Abbigliamento Normative Abbigliamento INDUMENTI DI PROTEZIONE EN340 - Requisiti generali È la norma che specifica i requisiti prestazionali generali per ergonomia, innocuità, designazione delle taglie, invecchiamento,

Dettagli

LAVORI IN QUOTA E DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE DI III CATEGORIA + INSTALLATORE QUALIFICATO DISPOSITIVI DI ANCORAGGIO STRUTTURALE

LAVORI IN QUOTA E DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE DI III CATEGORIA + INSTALLATORE QUALIFICATO DISPOSITIVI DI ANCORAGGIO STRUTTURALE CORSO DI FORMAZIONE SPECIALISTICA LAVORI IN QUOTA E DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE DI III CATEGORIA + INSTALLATORE QUALIFICATO DISPOSITIVI DI ANCORAGGIO STRUTTURALE Corso tecnico formativo della

Dettagli

Parapetti provvisori. Quaderni Tecnici per i cantieri temporanei o mobili

Parapetti provvisori. Quaderni Tecnici per i cantieri temporanei o mobili Parapetti provvisori Quaderni Tecnici per i cantieri temporanei o mobili Edizione 2014 Pubblicazione realizzata da INAIL Dipartimento innovazioni tecnologiche e sicurezza degli impianti, prodotti e insediamenti

Dettagli

Lavori in quota. Introduzione. Definizione di lavoro in quota. scheda 03 1/8

Lavori in quota. Introduzione. Definizione di lavoro in quota. scheda 03 1/8 03 Lavori in quota Introduzione I lavori in quota possono esporre i lavoratori a rischi particolarmente gravi per la loro salute e sicurezza. Ci riferiamo in particolare ai rischi di caduta dall alto che

Dettagli