LA SICUREZZA NELLE ATTIVITA DI PRODUZIONE, DEPOSITO E VENDITA DI SOSTANZE ESPLODENTI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LA SICUREZZA NELLE ATTIVITA DI PRODUZIONE, DEPOSITO E VENDITA DI SOSTANZE ESPLODENTI"

Transcript

1 LA SICUREZZA NELLE ATTIVITA DI PRODUZIONE, DEPOSITO E VENDITA DI SOSTANZE ESPLODENTI (da dispense VVF crs 818 rdine ingegneri NA) La parla "esplsiv" appare spess cme l'esatta antitesi della "sicurezza". E, purtrpp, il frequente ripetersi di incidenti, svente luttusi, sembran vler cnfermare la triste fama che tali materiali si sn fatta. Il prim cncett cui bisgna sempre cnfrmarsi è che le leggi della chimica e della fisica sn fisse ed immutabili nel temp. Il cmprendere il cme ed il perché gli esplsivi scppian significa aver già cmpres, in buna parte, ciò che si deve e nn si deve fare. La cnsapevlezza che gli eventi incidentali sn quasi sempre il frutt amar di cmprtamenti di sttvalutazine se nn di sfida dei pericli, dvrebbe indurre all'sservanza quasi maniacale della nrmativa di sicurezza. Ancra ggi il lavr del pirtecnic nn è distribuit unifrmemente nell arc dell ann, ma è più cncentrat nei mesi estivi, peraltr i men indicati per questini climatiche. Gran parte dei manufatti sn allestiti nell'immediatezza dell'esecuzine, cn i cnseguenti prblemi cnnessi al depsit della merce. Tutt ciò, però, nn esime gli peratri dall'adzine di tutte le misure dettate dalla vigente nrmativa e sprattutt dal bun sens e dalla prfessinalità. Il pirtecnic è e deve rimanere un artigian, ma ciò nn l esime dall'bblig di assunzine di una sempre maggire prfessinalità. 1

2 QUADRO NORMATIVO DI RIFERIMENTO Le fabbriche, i depsiti, gli esercizi di minuta vendita di sstanze espldenti sn sggetti al cntrll del C.N.VV.F. in quant attività individuate ai numeri 24 e 25 dell elenc dei depsiti e industrie periclse sggetti alle visite di cntrll di prevenzine incendi allegat al D.M N. 24 Stabilimenti ed impianti ve si prducn, impiegan detengn sstanze espldenti classificati cme tali dal reglament di esecuzine del TULPS apprvat cn R.D n. 635 e succ. md. e integraz. nnché perssidi rganici (peridicità della visita 3 anni) N. 25 Esercizi di minuta vendita di sstanze espldenti di cui al capitl VI dell All.t B al Reglament di esecuzine del TULPS apprvat cn R.D. 635/40 e succ. md. e integraz. (peridicità della visita 6 anni) LEGISLAZIONE R.D , n. 773 Test unic delle leggi di pubblica sicurezza Cap V Della prevenzine di infrtuni e disastri R.D , n. 635 Reglament di attuazine del TULPS A Classificazine dei prdtti esplsivi Allegat B, Capitl II (Nrme per l impiant di fabbriche di esplsivi della 4ª categria - Artifici) Allegat B, Capitl IV (Depsiti di fabbrica) Allegat B, Capitl X (Recinzine cantieri, fabbriche e depsiti) Allegat B, Capitl XI (Igiene e sicurezza degli perai) Allegat C, Capitl II (Nrme per il trasprt degli esplsivi) Allegat D (Prtezine cntr le scariche elettriche atmsferiche depsiti sstanze esplsive) D.P.R. 547/55 Nrme di prevenzine sugli infrtuni D.P.R n. 302 Nrme di prevenzine degli infrtuni sul lavr integrative di quelle generali emanate cn D.P.R. 547/55 D.P.R. 303/56 Nrme generali per l igiene del lavr D.M. 18.1O.1973 (Mdifiche all allegat B al reglament per l esecuzine del T.U. delle leggi di P.S., apprvat cn R.D , n. 635) L , mdificata cn D.L , n. 152, cnv. in L , n. 203 (Nrme integrative della disciplina vigente per il cntrll delle armi, delle munizini e degli esplsivi) L , n. 533 (Dispsizini in materia di rdine pubblic) D.t L.v 626/94 cme mdificat del D.t L.v 242/96 Decret Mdificazine agli allegati A e B al Reglament di esecuzine del TULPS (riguarda sprattutt gli esercizi di minuta vendita) 2

3 L articl 82 del Reglament per l esecuzine del TULPS classifica prdtti esplsivi: ESPLOSIVI DI I CATEGORIA Plveri e prdtti affini negli effetti espldenti ESPLOSIVI DI II CATEGORIA Dinamiti e prdtti affini negli effetti espldenti ESPLOSIVI DI III CATEGORIA Detnanti e prdtti affini negli effetti espldenti ESPLOSIVI DI IV CATEGORIA Artifici e prdtti affini negli effetti espldenti ESPLOSIVI DI V CATEGORIA Munizini di sicurezza e gicattli pirici Quelli di cmune interesse sn: Tra gli esplsivi della I categria: la plvere pirica nera rdinaria da mina e da pirtecnici di qualunque prvenienza e frma, il clrat di bari e il clrat di ptassi Tra gli esplsivi di IV categria: fuchi e miscugli pirtecnici di tutte le specie e da segnale Tra gli esplsivi di V categria: le cartucce cariche per fucili e pistle, le micce a lenta cmbustine, i gicattli pirici (bengala, candele, stelle giappnesi, ecc.) In pratica: gli artifici che vediam utilizzati in ccasine delle cmuni ricrrenze tip feste patrnali appartengn alla IV categria ciò che ci prcuriam ed acquistiam nelle festività natalizie sn talvlta di IV ma più spess di V categria gli artifici che nn ricadn in nessuna della categrie indicate, pure se nell us hann un cert effett snr e di illuminazine, sn stati giudicati inffensivi, nn più periclsi di una scatla di fiammiferi di un accendin: sn i csiddetti declassificati. ORGANI AUTORIZZATIVI Crp Nazinale dei Vigili del Fuc: rilascia il Certificat di Prevenzine Incendi Prefettura: rilascia la Licenza di Esercizi Il C.P.I. cstituisce un att il cui rilasci è prpedeutic all tteniment della Licenza prefettizia Per la valutazine tecnica dei siti d interesse (fabbriche, depsiti, esercizi di minuta vendita) la lcale Prefettura si avvale della Cmmissine Tecnica Prvinciale per gli Esplsivi, istituita ai sensi dell art. 49 del TULPS e cstituita cme da art. 89 del relativ Reglament di attuazine. REGIME AUTORIZZATIVO Art. 47 del TULPS Senza licenza del prefett è vietat fabbricare, tenere in depsit, vendere trasprtare plveri piriche qualsiasi altr esplsiv divers da quelli Art. 48 del TULPS Chi fabbrica accende fuchi artificiali deve dimstrare la sua capacità tecnica Art. 49 del TULPS Una cmmissine tecnica nminata dal prefett detrermina le cndizini alle quali devn sddisfare i lcali destinati alla fabbricazine al depsit di materie espldenti 3

4 Art. 89 del Reglament di esecuzine La cmmissine tecnica prvinciale di cui all art. 49 della legge è cmpsta di un ufficiale dell esercit, della marina dell aernautica; del cmandante prvinciale dei vigili del fuc; di un ingegnere dell uffici tecnic di finanza del geni civile delle miniere cmpetente in materie di esplsivi, nnché di un funzinari di pubblica sicurezza. Art. 101 del Reglamet di esecuzine Chi chiede la licenza per fabbricare accendere fuchi d artifici deve ttenere un certificat di idneità rilasciat dal prefett su cnfrme parere della cmmissine tecnica prevista dall art. 49 del TULPS, integrata da due ispettri del lavr, di cui un laureat in ingegneria chimica e l altr in medicina. L aspirante deve dimstrare, mediante un esperiment pratic, la cnscenza delle sstanze impiegate nella preparazine dei fuchi artificiali e la tecnica della lr fabbricazine e accensine. PROCEDIMENTO RELATIVO ALLA PREVENZIONE INCENDI E reglamentat del DPR e prevede, cme per gni attività sggetta al cntrll del C.N.VV.F. i seguenti passaggi: a) parere di cnfrmità al prgett (i cntenuti della dmanda sn specificati cn D.M ) b) sprallug per il rilasci del C.P.I. (espletat dal Cmand VVF nell ambit della C.T.P.E.) c) rinnv del C.P.I., mediante il prcediment di cui all art. 4 ( dichiarazine del respnsabile dell attività attestante che la situazine riscntrata alla data del rilasci del CPI nn è mutata perizia giurata resa da prfessinista iscritt negli elenchi del M.I. attestante l efficienza dei dispsitivi, sistemi ed impianti di prtezine attiva antincendi) mediante sprallug La peculiarità delle attività in questine è cstituita dall esistenza, per esse, di un dppi regime autrizzativi: quell istruit press il C.P.VV.F. e quell della lcale Prefettura. Cme già dett, l iter press il Cmand Prv.le VV.F. è prpedeutic all att finale del rilasci della licenza di vendita di fabbricazine, da parte della Prefettura. MODIFICA DI ATTIVITA ESISTENTE La prcedurra di apprvazine da parte del Cmand VVF della mdifica dell attività esistente passa per le fasi di esame di cnfrmità alla nrmativa anrtrincendi del prgett e di sprallug di verifica, cndtte entrambe cn le prcedure tecnic-amministrative stabilite per le nuve attività. SOPRALLUOGHI DI PREVENZIONE INCENDI In generale l attività ispettiva finalizzata alla prevenzine incendi è cndtta, ltre che in ccasine del rilasci del C.P.I., anche a seguit di espsti e visite a campine. Il risultat dell accertament cndtt press le attività della quali si tratta in tali circstanze è cmunicat al cmpetente uffici delle Prefettura al fine di cnsentire l adzine dei prvvedimenti di cmpetenza. 4

5 ARTIFICI PIROTECNICI E GIOCATTOLI PIRICI NON CLASSIFICATI TRA I PRODOTTI ESPLODENTI L assegnazine della categria di appartenenza di un artifici pirtecnic, ad esmpi, di nuva creazine, viene stabilita da un rgan centrale: la Cmmissine cnsultiva per le sstanze esplsive ed infiammabili. Talvlta detta cmmissine può giudicare l artifici - vui per la minima quantità di sstanze esplsive presenti nel su intern, vui per la sua struttura, per la presenza di sstanze inerti praticamente inffensiv e nn assegnarl a nessuna delle citate categrie. Si parla allra di prdtt nn classificat declassificat, se appartenente riginariamente alla V ctg e ne sia stat successivamente esclus. Questa pssibilità, nn senza effetti sulle nrme di prevenzine incendi, è stata intrdtta cn il D.M Al test riginari dell allegat A del reglament di attuazine del TULPS, riguardante per l appunt le categrie degli esplsivi, si è aggiunt il test cntenut nel citat decret, che ha stabilit la nn classificazine tra i prdtti espldenti di: a) artifici pirtecnici ad effett illuminante esenti da accensine spntanea ed di impssibile esplsine b) artifici pirtecnici ad effett di scppi esenti da accensine spntanea e giudicati inffensivi dalla cmmissine cnsultiva per le sstanze esplsive e infiammabili c) artifici pirtecnici tip dischi di carta, capsule sddisfacenti i requisiti stabiliti cn l stess decret L effett di tale mdifica del test riginari dell Allegat A al reglament di esecuzine del TULPS ha determinat di fatt che le attività di rivendita e depsit dei prdtti suindicati: a) nn sian più sggetti al cntrll della cmmissine tecnica prvinciale per gli esplsivi e quindi dalla Prefettura b) nn sian più sggetti ai cntrlli del C.N.VV.F. in quant le attività n. 24 e n. 25 del D.M si riferiscn a sstanze esplsive prpriamente dette, incluse, ciè nell Allegat A del reglament per l esecuzine del TULPS Tale situazine, accettabile per esercizi di vendita e depsit di tip ccasinale, è apparsa imprpnibile per i depsiti di grssisti srti anche nell area urbana napletana, stt la spinta della cnvenienza ecnmica che induce gli imprenditri del settre a rifrnirsi di cspicui quantitativi direttamente dai Paesi asiatici di prduzine. La questine, pur se alcuni interventi crrettivi è stat tentat di intrdurre, è all stat attuale irrislta e l assggettabilità ai cntrlli di prevenzine incendi è all stat di fatt cllegata alle dimensini del lcale di espsizine e vendita (att. n. 87 del DM )) dei depsiti (att. n. 88 del DM ) piuttst che al tip di merce venduta depisitata. 5

6 CRITERI DI PREVENZIONE INCENDI Reglament di esecuzine del T.U.L.P.S. ALLEGATO "B" CAPITOLO II. Nrme per l'impiant di fabbriche di materie esplsive della quarta categria (Artifici) Struttura e psizine l. -Le fabbriche di esplsivi della quarta categria, nelle quali nn si pssn fabbricare plveri, dinamiti, fulmictne, fulminati, ne altri prdtti similari, devn srgere in lug islat, lntan nn men di cent metri dai lughi di pubblic ritrv, da strade pubbliche, da fiumi e canali navigabili e da qualunque casa abitata, fatta eccezine per quella del fabbricante del guardian e rispettiva famiglia, di cui al successiv n. 4. La sua cstituzine e struttura è dipendente dalla principale misura di prevenzine cnsiderata dalla nrma, cstituita nella fattispecie dalle distanze di sicurezza, interne ed esterne. 2. -L 'impiant della fabbrica dev'essere fatt in md che l'fficina di preparazine dei fuchi artificiali, e il depsit di questi, dp ultimati, sian ciascun in lcali distinti e lntani l'un dall'altr almen venti metri, riducibili però della metà quand sian divisi da terrapien da tagliafuc in muratura, senza aperture e dell spessre di almen quaranta centimetri. Le diverse lavrazini dei fuchi d'artifici devn essere fatte, secnd la lr natura, in lcali distinti e lntani l'un dall'altr, cme spra è dett, in md che nella fabbrica esistan almen: - un casell per la cnfezine delle bmbe, per il caricament dei mrtai e simili; - un casell per i preparati esplsivi, ma nn detnanti; - un casell per la preparazine delle miscele clranti, per il cnfezinament dei bengala e simili. La nrma prevede strutture distinte per: la cnfezine dei fuchi artificiali (labratri) il depsit delle plveri e dei clrati la preparazine delle miscele clranti il depsit di prdtti finiti l allggi del guardian Nrmalmente ad esse si aggiungn le altre strutture di servizi (servizi igienici, spgliati, uffici) depsit inerti (carta, cartne, il crp dei mrtai, spag e simili) allggi mlazza, pressa, betniera Le distanze di sicurezza sn stabilite in: - 30m tra il depsit delle plveri e qualunque altr lcale della fabbrica - 20m tra i lcali periclsi e tra questi e i lughi che nn l sn (depsiti inerti, pressa, ecc.) - 30m tra l allggi del fabbricante del guardian e i lcali periclsi 6

7 Tali distanze di sicurezza interne sn riducibili alla metà quand si interpne tra i lcali periclsi un mur tagliafuc in muratura, senza aperture, dell spessre di almen 40cm un terrapien Il quantitativ massim di plvere nera che è pssibile detenere è di 100 Kg Il quantitativ massim di clrat di ptassi di bari che è pssibile detenere è stabilit in 100Kg Tali sstanze, in virtù di un recente chiariment avvenut da parte della CCSEI, pssn essere detenute nell stess castt se quest presenta una separazine cstituita da mur tagliuafuc ed ingressi separanti per due distinti lcali cntenenti le due distinte sstanze (plvere nera e clrat) 3. -Il depsit delle plveri ccrrenti alla preparazine degli esplsivi della quarta categria, può cntenere chilgrammi 100 di plveri e dev'essere situat alla distanza di almen trenta metri, riducibili della metà, cme al n. 2, dagli altri lcali della fabbrica. Nel cas in cui si vglia impiantare un depsit di plveri per quantità superire ai 100 chilgrammi, devn sservarsi le nrme stabilite al Capitl IV del presente allegat. 4. -L 'allggi del fabbricante, quell del guardian e rispettiva famiglia, deve distare nn men di trenta metri dal depsit delle plveri e da quell dve si lavran si cnservan i fuchi d'artifici. 5. -Nell'impiant e nell'esercizi delle fabbriche di esplsivi della quarta categria, devn sservarsi le nrme cntenute nelle lettere a), b), c), d), i ), del n. 5 del capitl precedente. Inltre, l'apertura delle casse, delle btti e di qualunque recipiente cntenente materie espldenti dev'essere fatta cn utensili di legn, rame, ttne, brnz allumini. 6. -Nn si pssn impiegare, nella cmpsizine dei fuchi artificiali, materie prime, che, per la lr natura per il lr stat di impurità, pssan dar lug a decmpsizine reazini suscettibili di prdurre accensini spntanee degli artifici. È pribit inltre rimpieg delle dinamiti, e quelle del miscugli di clrat di ptassi, zlf e antimni, ppure quell di clrat di ptassi e fsfr. È permess invece rimpieg di miscugli di clrat di ptassi, zlf e carbne, ppure di clrat di ptassi, zlf e pece greca, anche di clrat di ptassi, gmma lacca e slfat di rame ammniacale (slf-ammniur di rame), a cndizine che tali miscugli sian preparati in lcale speciale e limitati alla quantità strettamente necessaria per la preparazine di vlta in vlta dei fuchi artificiali, senza lasciare residui. Al sl scp di sicurezza cntr intrusine dall estern la fabbrica va dtata di pprtuna recinzine cntinua di accertata efficacia cstituita da rete metallica alta 2,5 m mur nn scalabile. Tale recinzine deve essere dispsta a nn men di 40m dai lcali periclsi, riducibili a 20m se esistn stacli naturali artificiali. In quest cas la recinzine viene innalzata a 3,50m. I caselli destinati a cnteniment di inerti pssn essere anche a ridss della recinzine. Di recinzine è d us circndare anche il lcale materie prime e il depsit prdtti finiti. 7

8 Caselli I tetti dei lcali devn essere realizzati cn materiali leggeri ed infrangibili all stess temp. Quest in md che il tett ffra: il minim stacl pssibile all azine dirmpente la resistenza alla ricaduta di materiali e frammenti dvuti alla esplsine di un altr castt la salvaguardia da ricaduta di frammenti incendiati csì che sia scngiurat un effett dmin che cinvlga successivamente i vari castti. Le finestre devn essere munite di vetri di sicurezza atti ad impedire l spargiment di frammenti di vetr in cas di esplsine. Le prte devn aprirsi vers l estern e devn essere mntate su cardini di metall antiscintilla e dtate di serrature dell stess metall. Le pareti dei castti sn in muratura e talvlta in legn, trattate, almen esternamente, cn pprtune vernici al fine di miglirarne la caratteristica di reazine al fuc del materiale. Nrme di esercizi A parte il rispett dei cntenuti generali di cui alle nrme di prevenzine infrtuni vigenti si raccmanda in particlare: negli edifici destinati alla fabbricazine di materie espldenti gli perai devn utilizzare abiti da lavr fatti cnfezinare appsitamente devn evitarsi nelle calzature chidate elementi in metall che nn sian di ttne rame durante le lavrazini, quand il temp l permetta, le prte, di massima, devn restare aperte, in cas divers, i lr battenti devn essere semplicemente scchiusi e nn mai fissati, né cn serrature a chiave, né cn saliscendi, né cn chiavistelli, né in alcun altr md, talchè sia sempre pssibile agli perai di uscire rapidamente dai lcali in gni istante il riscaldament degli essiccati per gli esplsivi e dei lcali ve si fabbrican maniplan gli esplsivi deve essere esclusivamente a vapre, a liquidi caldi, ad aria elettrici. Lalimentazine elettrica degli essiccati e la realizzazine dell impianmt di illuminazine e frzamtrice va realizzat secnd la regla dell arte (nrme CEI 64-2) nei lcali destinati alla fabbricazine, maniplazine depsiti degli esplsivi deve essere pribit al persnale di fumare e di tenere fiammiferi altre sstanze atte a far fuc i lcali devn essere peridicamente puliti le aperture di casse, delle btti e di qualunque recipiente cntenente materie espldenti deve essere fatta cn utensili di legn, rame, ttne, brnz allumini nn pssn utilizzarsi materie prime che per la lr natura presenza di impurità, pssn decmprsi dare lug a reazini suscettibili di prdurre accensini spntanee degli artifici della miscele diviet di lavr ntturn Altre raccmandazini: - Nei labratri deve trvare pst sl il minim indispensabile di materiali attivi. Tutt il rest, sia ess esplsiv inerte, deve essere sistemat altrve, in rdine e nel rispett dei criteri di cmpatibilità che tutti cnscn, ma che ben pchi rispettan. - Avventurarsi nell'impieg di miscele che nn hann mai avut il suffragi di una crretta sperimentazine significa slamente creare ingiustificabili rischi. 8

9 - All'intern della fabbrica nn si devn intrdurre fiammiferi, accendini ed gni altra fnte di fuc di fiamma. E nn fumare! - Tenere materie prime ed artifici finiti lntani dall'azine dei raggi diretti del sle, specie nei mesi caldi. - Trasprtare gli esplsivi e gli artifici evitand urti e cadute in idnei cntenitri nei lr imballaggi. - Evitare altresì lunghi tragitti a piedi e pesi eccessivi; la stanchezza fa perdere lucidità. - Distruggere il materiale deterirat, evitand asslutamente di recuperarl attravers incaute perazini di smntaggi. - Maneggiare cn attenzine le cnfezini, specie di esplsiv scilt; nn aprirle mai all'intern - di depsiti. - Impiegare sl attrezzi di materiale antiscintilla quand si maniplan esplsivi quand si aprn i lr imballaggi. - Richiudere sempre gli imballaggi che cntengn ancra dell'esplsiv. Materiali La pirtecnica è l arte di mesclare sstanze atte a frnire ssigen cn i cmbustibili. Tipica sstanza pirtecnica è la plvere pirica plvere nera che è per l appunt una miscela di nitrat di ptassi, zlf e carbne vegetale. E usata cme spacc per l apertura delle bmbe, cme mina di lanci, per la cnfezine degli stppini. In generale in una fabbrica di prdtti pirtecnici ritrviam i seguenti materiali: - avvlgenti: sn la carta di imballaggi per la preparazine dei cartcci e l spag impecciat per rivestire btti e bmbe; - agglutinanti: servn a fare presa e sn, tra gli altri, la destrina e la gmma arabica; - islanti: il terren stacciat, la creta e la segatura usata in fnd ai bengala per esempi; - cmbustibili: metallici, quali l allumini, il magnesi, il titani; nn metallici: zlf, fsfr (trpp reattiv); rganici; - ssidanti: slidi inici che decmpngn cn l increment di temperatura liberand ssigen quali nitrat di ptassi, perclrat di ptassi, clrat di ptassi, clrat di bari, perclrat di ammni; - clranti delle fiamme. Si vule sttlineare che il clrat di ptassi, errneamente annverat tra i cmbustibili in più di un articl appars anche su riviste specializzate, è un ssidante: Per la periclsità e reattività delle sue miscele cn i cmbustibili e perché cinvlt direttamente nella maggir parte dei disastri cinvlgenti fabbriche di prdtti pirtecnici ess è riprtat nell Allegat A al reglament cme prdtt espldente d prima categria grupp B. La quantità di tale sstanza presente nella fabbrica è limitata a 100 Kg in presenza di appsit depsit, seppure ricavat in adiacenza a quell della plvere nera e separat da ess da mur tagliafuc di pprtun spessre. 9

10 CAPITOLO IV. Cndizini da sddisfarsi nell'impiant, adattament, di un fabbricat ad us di depsit di materie esplsive. l. -I depsiti di esplsivi si dividn in: - depsiti di fabbrica di cantiere di scaricament, ripristin e caricament priettili; - depsiti di vendita; - depsiti di cnsum permanenti tempranei; - depsiti girnalieri; - depsiti per usi agricli. Depsiti di fabbrica. 2. -Per depsit di fabbrica s'intende quel lcale magazzin, grupp di lcali, situat entr il recint della fabbrica, destinat a cntenere gli esplsivi fabbricati e destinati alla vendita. L 'esercizi di tale depsit è subrdinat alla sservanza delle cndizini di cui alle lettere c) ed f) del n. 4 del precedente Capitl I. Le distanze che debbn intercrrere tra detti depsiti e gli abitati, le strade ferrate, strade pubbliche, ecc., sn quelle derivanti dall'applicazine della frmula d = K*radC, in cui i valri del cefficiente di sicurezza K, sn dati dalla seguente tabella: TABELLA 2 Ovviamente il cefficiente K è tant più grande quant maggire è la periclsità dell esplsiv e quant più imprtanti sn i siti da prteggere. Tali distanze pssn essere dimezzate quand i depsiti esplsivi sn terrapienati cnvenientemente, ed anche ulterirmente ridtte quand esistn stacli naturali (clline, ecc.) quand la strada ferrvia, casa islata da prteggere abbian scarsa imprtanza. Il giudizi in prpsit sarà dat, cas per cas, e previ esame sul terren, dalla Cmmissine Cnsultiva per le sstanze esplsive ed infiammabili. Depsiti di vendita e depsiti di cnsum permanenti (1). (1) Si veda il D.M. 181ugli 2001, recante mdificazini a quest allegat nella parte relativa ai depsiti di fabbrica. di vendita e di cnsum permanente per cartucce per armi di piccl calibr. Per depsit di vendita e di cnsum permanente si intende quel lcale islat, grupp di lcali, che è autrizzat, cn licenza della cmpetente autrità, a cntenervi gli esplsivi in quantità dai 200 Kg in su, per l esercizi della vendita, per la frnitura a lavri cntinuativi diversi. La distanza minima in linea retta che deve intercrrere tra il lcale, gruppi di lcali che cstituiscn il depsit prpriamente dett, e i lughi abitati, strade pubbliche simili è stabilit cn il criteri dett precedentemente. Il fabbricat deve essere cstruit in muratura, ad un sl pian, cn il tett cme indicat alla lett. d) del n. 6 del Cap. 1 del presente Allegat, ssia in md da ffrire il minim pssibile stacl all azine dirmpente, evitand la pssibilità di priezine di materiali pesanti e frtemente dannsi Il depsit deve essere circndat a distanza nn minre di 3 metri da un recint, senza finestre né discntinuità, cstruit da una rbusta palizzata reticlat metallic, ppure in muratura, altr nn men di 2,50 metri e munit di una sla prta, rbusta e pesante. 3. -Per depsit di vendita e per depsit di cnsum permanente si intende quel lcale islat, grupp di lcali, che è autrizzat, cn licenza della cmpetente autrità, a cntenervi gli esplsivi 10

11 in quantità dai chilgrammi 200 in su, per l'esercizi della vendita, per la frnitura a lavri cntinuativi diversi. 4. -L 'autrizzazine per aprire tali depsiti, è subrdinata alle seguenti cndizini: a) la distanza minima in linea retta che deve intercedere tra il lcale, grupp di lcali che cstituiscn il depsit prpriamente dett e i lughi abitati, strade pubbliche e simili, deve essere, per i vari casi, quella che risulta dai seguenti prspetti: TABELLA 3 - TABELLA 4 - TABELLA 5 AVVERTENZE. -Le distanze dei prspetti, sn dimezzate se il depsit è terrapienat, e ptrann essere ulterirmente ridtte se sussistan cndizini di prtezine particlarmente favrevli cme indicat alla lettera c) del n. 2 del Cap. I. Nel cas di depsit cstituit da più magazzini cntenenti esplsivi di diverse categrie, il cmput delle distanze da strade, pifici, abitati, ecc. dev'essere riferit alla smma cmplessiva degli esplsivi cntenuti nel depsit, cnsiderati cme appartenenti tutti alla categria per la quale il cefficiente K è più elevat. b) il fabbricat deve essere cstruit in muratura, a un sl pian, cl tett cme indicat alla lett. d) del n. 6 del Cap. I, e che nessuna parte del depsit può essere destinata ad us di abitazine. Ove pssibile, ed all scp di creare un'efficace difesa antiaerea, i magazzini per la cnservazine delle sstanze esplsive pssn essere situati in grtte avvertend però che gli sbcchi delle gallerie di access ai vari magazzini, nn debbn essere rivlti vers sbcchi di altre gallerie, ne vers strade, pifici, abitati, ecc. In quest cas le distanze che debbn intercedere tra i vari magazzini, e quelle che debbn separarli da strade, pifici, abitati, ecc., ptrann essere ridtte ad un quart di quelle risultanti dalla applicazine delle nnne spra indicate; c) il depsit dev'essere circndat a distanza nn minre di tre metri, da un recint, senza finestre ne discntinuità, cstruit cn rbusta palizzata reticlat metallic, ppure in mura- tura, alt nn men di metri due e cinquanta centimetri, e munit di una sla prta rbusta e resistente; d) gli ambienti destinati al depsit della dinamite devn essere bene ventilati, in md che siavi la sicurezza che, anche nelle girnate più calde, la temperatura nn si elevi a più di 50 centigradi; e) l'abitazine del guardian e della sua famiglia deve essere cllcata a nn men di trenta metri e nn più di metri duecentcinquanta dal depsit e sempre in tale psizine da ptere esercitare una cntinua vigilanza; f) le finestre del depsit devn essere munite di inferriata e di reticlat metallic a piccle maglie, in md da impedire l'intrduzine di crpi d ggetti nell'intern del lcale; g) nell'impiant e nell'esercizi dei depsiti di esplsivi si sservan le prescrizini stabilite dai nn. 4, lett..f) e 5, lettere d), i), l), m), del Capitl I, nnché dal capvers del n. 5 del Capitl II del presente allegat; h) è vietat cllcare nell stess lcale di un depsit esplsivi di categria diversa cmunque incmpatibili tra essi. Ogni lcale destinat a cntenere esplsivi della prima della secnda della terza categria deve avere sede e cstruzine prprie, secnd le nrme del presente allegat. Nell stess depsit (lcale unic grupp di lcali) nn pssn essere cntenuti più di 80 tnn. dell stess esplsiv, di esplsivi tra lr cmpatibili. Qualra tale quantitativ dvesse essere superat, vann cstituiti depsiti distinti, ciascun della capacità nn superire alle 80 tnn. e fra lr dvrann intercrrere le distanze risultanti dall'applicazine della frmula di cui alla lett. c) del n. 4 del Cap. I. Se trattasi di acid picric di esplsivi che abbian caratteristiche analghe, il dett quantitativ massim sarà ridtt a 60 tnn. e se trattasi di esplsivi della terza categria sarà invece ridtt a 3 tnnellate. Le distanze di rispett ptrann essere dimezzate d ulterirmente ridtte cme dett per i depsiti di fabbrica (V. n. 2, lett. c del Cap. I). Le micce di sicurezza e gli inneschi privi di detnatre pssn essere cnservati cn esplsivi di qualunque categria in quantità illimitata; i) le capsule detnanti e gli inneschi muniti di detnatre debbn essere cnservati in appsit lcale la cui distanza dai depsiti di esplsivi di altre categrie, nn deve essere inferire a quella 11

12 che risulta dall'applicazine della frmula d =, indicata alla lettera c) del n. 4 del Cap. I, e, in gni cas, mai inferire a m 25. L 'applicazine di detta frmula va riferita al quantitativ di esplsiv cntenut nelle capsule detnanti negli inneschi muniti di detnatre; l) le cartucce cariche da fucili per caccia per tir pssn essere cllcate in lcale adiacente a quelli delle plveri piriche e delle plveri infumi (prima categria), ma separat da questi cn tagliafuc in muratura ed avente un prpri ingress. Nel cmput del quantitativ cmplessiv di esplsivi per il quale il depsit è autrizzat, le cartucce da caccia cariche devn calclarsi in ragine di cinque chilgrammi di esplsiv per gni 1500 cartucce; m) nei depsiti deve essere permanentemente assicurata la buna cnservazine degli esplsivi che debbn rimanere negli stessi imballaggi cn i quali prvengn dalle fabbriche. Le casse i barili, cntenenti gli esplsivi, debbn essere situati in appsiti scaffali ppure in cataste; sia gli scaffali che le cataste, nn debbn superare in altezza m. 1,60 dal paviment del depsit. Le casse, i barili, nn debbn essere gettate a terra trascinate spinte capvlgendle, ma debbn essere trasprtate cn precauzine in md da evitare urti scsse; n) la dinamite, scilta d in cartucce, che trasuda ppure sviluppa dre acre vapri rutilanti, segni della sua imperfetta preparazine della sua alterazine, deve essere rimssa, infssandla in terren umid ed appartat ed in lug sicur, prcedend, appena sia pssibile, alla sua distruzine. La distruzine dev'essere fatta bruciand la dinamite per piccle quantità dispnendla a strisce in cartucce aperte ai due capi, una di seguit all'altra, e dandvi fuc ad un degli estremi cn una miccia stppin slfrat (esclusa gni capsula materia fulminante), di lunghezza sufficiente perchè, dp l'accensine della miccia stppin, l'perante abbia il temp necessari per allntanarsi e mettersi al ripar. Tale perazine dev'essere fatta all'apert e in lug nn pietrs, seguend tutte le prescrizini per evitare danni nel cas che la dinamite espldesse, anziche bruciare lentamente; ) il cmpnente slid del «Prmèthèe» di qualsiasi esplsiv frmat dall'unine per imbeviment di due prdtti - l'un slid (cmburente) e l'altr liquid (cmbustibile) -può essere cnservat insieme cn le plveri cn le dinamiti, nn cn le capsule detnanti. Il cmpnente liquid può essere custdit in lcale adatt, nella casa del guardian, se il titlare del depsit nn preferisca cstruire appsit casell nei mdi suggeriti dalla Cmmissine prvinciale. I due cmpnenti debbn essere cnservati divisi e racchiusi nei rispettivi recipienti, cme prvengn dalla fabbrica, fin al mment dell'us. L 'unine di essi dev'essere fatta furi del depsit, in lcalità adatta prssima a quella in cui l'esplsiv dev'essere impiegat e nella stretta misura del cnsum, in md che nelle re di rips serale nn spravanzi alcuna quantità di prdtt cnfezinat; pssn essere cstruiti appsiti vascni interrati, a pareti rbuste e rivestite di materiale impermeabile, pprtunamente prtetti da cperture leggere ignifugate e circndati da rbusti terrapieni. L 'esplsiv dev'essere cstantemente ricpert da un strat d'acqua, di almen 20 centimetri, da rinnvarsi quand si presenti in essa una reazine nettamente acida. La capacità massima di gni singl vascne e le distanze di rispett sarann, cas per cas, fissate dalla Cmmissine Cnsultiva per le sstanze esplsive ed infiammabili. 5. -Cn licenza del prefett pssn aut- rizzarsi depsiti di cnsum dirett destinati a cntenere cmplessivamente nn più di 200 kg. di esplsivi di prima e di secnda categria pur- che situati in lcale islat, in castt di legn imbevut di sstanze ignifughe secnd il tip apprvat dal Minister dell'intern, per gli esplsivi da impiegarsi nell'agricltura. 12

13 Per tali impianti nn è necessaria la visita della Cmmissine tecnica prvinciale; ma de- vn essere in tutti i casi sservate le distanze stabilite nel prspett anness alle nrme per l'impiant di depsiti per 2 quintali di esplsivi. Agli esplsivi di secnda categria pssn essere aggiunti nn più di 2000 detnatri da cnservarsi in rbusta cassa di legn chiusa cn lucchett a chiave. 6. -Le licenze per trasprtare fin a 5 chili di esplsivi di secnda categria e fin a 50 capsule detnanti, indicate nell'ultim cmma dell'art. 97 del reglament, pssn, dal prefett, essere rilasciate, per una più vlte determinate, alle persne che prvin di avere bisgn di materie espldenti per l'esercizi della lr prfessine, arte mestiere, ma debbn essere vinclate all'bblig di cnsumarli nel girn stess dell'arriv sul pst in cui debbn essere impiegati. Per il depsit di detti esplsivi è sufficiente una cassa di legn chiusa cn lucchett a chiave. Depsiti di cnsum temprane Sn magazzini tempranei quelli stabiliti per il depsit degli esplsivi, in quantità nn superire a Kg, da impiegarsi nell0esecuzine di un lavr determinat, che ne segun l svilupp e che sn destinati a sparire quand il lavr sia ultimat. Ferma l sservanza delle nrme già dettate e il limite stabilit circa la quantità massima, le altre cndizini di sicurezza devn essere stabilite dalla cmmissine tecnica di vlta in vlta a secnda dell imprtanza del lavr e tenut cnt dell ubicazine dei medesimi. 7. -Sn magazzini tempranei quelli stabiliti per il depsit di esplsivi, in quantità nn superire a chilgrammi , da impiegarsi nella esecuzine di un determinat lavr, che ne segun 10 svilupp e che sn destinati a scmparire, quand il lavr sia ultimat. 8. -Tali depsiti magazzini pssn esse- re autrizzati per la durata presunta del lavr e devn srgere islati dagli altri edifici. 9. -Nei depsiti tempranei pssn cl- lcarsi plveri e dinamiti, a cndizine che si trvin in lcali distinti nn cmunicanti fra lr, e divisi da mur tagliafuc. Pssn esservi depsitati anche detnanti in numer che nn ltrepassi i 5000, ma sempre in lcale distint nn cmunicante direttamente cgli altri e di- vis da tagliafuc in muratura. Ove ne ccrresse un numer maggire, si deve stabilire per questi un magazzin speciale, la cui distanza è determinata cn le mdalità indicate alla lettera c) del n. 4 del Cap. I Ferma l'sservanza delle nnne sulle distanze cntenute nel n. 4 del Capitl IV, le altre cndizini di sicurezza cui devn sddisfare i depsiti tempranei, e la quantità di esplsivi che si pssn autrizzare a cntenere, entr il limite massim di cui al precedente n. 7, devn essere di vlta in vlta stabilite dalla Cmmissine tecnica, di cui all'art. 89 del reglament, a secnda dell'imprtanza dei lavri e tenut cnt della ubicazine dei medesimi. Depsiti girnalieri Appartengn a questa classe quei magazzini che, ai sensi dell art. 100 del Reglament, servn per i bisgni girnalieri di un determinat lavr a carattere temprane e che nn imprtin la necessità di depsitarvi più di 200 Kg di esplsivi della prima della secnda categria, ppure 200 Kg delle due categrie cmplessivamente. I depsiti girnalieri devn essere situati a nn men di 50 metri da altri depsiti dell stess genere da case islate e abitate Appartengn a questa classe quei magazzini che, ai sensi dell'art. 100 del reglament, servn per i bisgni girnalieri di un determinat lavr a carattere temprane, bisgni da descriversi sulla relativa licenza, e che nn imprtin la necessità di depsitarvi più di chilgrammi 200 di esplsivi della prima della secnda categria, ppure di chilgrammi 200 delle due 13

14 categrie cmplessivamente. Vi si pssn cntempraneamente cllcare sin a 1000 detnatri. Gli esplsivi devn essere cnservati nei rispettivi recipienti cme prvengn dalla fabbrica, e i detnatri, ltre a ciò, devn essere chiusi cn lucchett a chiave, in appsita cassa I depsiti girnalieri devn essere situati a nn men di cinquanta metri da altri depsiti dell stess genere da case islate e abitate Nei magazzini girnalieri si pssn depsitare anche le micce e gli inneschi privi di detnatre. Circ. Min. Int Del 14/10/1995 depsiti di fabbrica e depsiti di vendita di esplsivi di I, IV e V categria - interpretazine delle nrme previste nel cap. IV punti 2 e 3 dell'allegat "B" al reglament di esecuzine DPL T.U.L.P.S. Sn pervenuti negli ultimi tempi, a quest Minister, numersi quesiti in merit alla pssibilità di immagazzinare nel depsit di fabbrica ltre che gli esplsivi fabbricati anche quelli imprtati prvenienti da altre scietà, nnchè alla pssibilità di cstruire entr il recint di fabbrica un depsit di vendita. Quest minister in cnsiderazine della necessità di frnire una più cmpiuta interpretazine delle nrme in materia cntenute nel reglament di esecuzine del T.U.L.P.S., ha sttpst la questine ad un accurat esame della Cmmissine Cnsultiva Centrale per il cntrll delle armi - Per le funzini cnsultive in materia di sstanze esplsive ed infiammabili. Tale cllegi si è prnunciat al riguard nei termini di seguit specificati, che quest Minister pienamente cndivide; Depsit di fabbrica: ferm restand quant espressamente previst nel punt 2 del cap IV dell'allegat "B" al reglament di esecuzine del T.L.P.S. - attes che palesemente il grad di periclsità nn risulta mdificat qualra in un depsit sian cnservati manufatti prdtti dalla stessa fabbrica di altra prvenienza purchè ricnsciuti e classificati ed appartenenti alla medesima categria - si ritiene pssan essere immagazzinati in un medesim depsit sia gli esplsivi fabbricati dalla stessa ditta sia quelli imprtati prvenienti da altre scietà, a cndizine che nn venga mai superat cmplessivamente il quantitativ massim di esplsiv autrizzat per dett depsit e che l'access al medesim venga permess sl al persnale appsitamente incaricat. Depsit di vendita: la cmmissine ribadisce che all'intern della recinzine di una fabbrica di esplsivi di I, IV e V categria, nn è cnsentit l'esercizi della minuta vendita csì cme previst dal cap VI dell'allegat "B" al reglament di esecuzine del T.U.L.P.S.. Tuttavia, ferme restand le dispsizini di cui ai punti 2 e 3 del cap IV del citat allegat "B" cncernente i depsiti di fabbrica, di vendita e di cnsum permanente, è cnsentit, mediante la riduzine dell'area riginaria di fabbrica, edificare al su intern un depsit di vendita purchè ubicat all'estern della nuva recinzine di fabbrica che si verrà a creare e purchè sian rispettate tute le cndizini di sicurezza previste dal T.U.L.P.S. e da reglament di esecuzine al T.U.L.P.S.. In particlare deve escludersi la pssibilità al tett lcale direttamente della fabbrica. Per l'esercizi di minuta vendita si applican tassativamente le dispsizini previste nel cap VI del citat allegat. 14

15 CAPITOLO VI 1 Esercizi di minuta vendita. Gli esercizi di minuta vendita di sstanze espldenti - attività n. 25 del DM sn disciplinati dai DM e che mdifican il Regi Decret n Negli esercizi di minuta vendita di esplsivi si pssn tenere e vendere: - plveri della prima categria - cartucce per armi cmuni della V categria grupp A - manufatti della IV categria e V categria grupp C Nn pssn tenersi né vendere: - prdtti espldenti cmunque destinati all impieg bellic - manufatti che pssn espldere per semplice urt per decmpsizine spntanea Nessun limite è pst alla detenzine e vendita dei seguenti cmpnenti di munizini per armi cmuni: priettili, pallini, bssli, inneschi e bssli innescati. Nessun limite altresì è pst alla detenzine e vendita dei manufatti nn classificati tra i prdtti espldenti ai sensi del decret ministeriale 4 aprile La vendita delle plveri deve essere fatta per recipienti interi, riginali di fabbrica, dal cntenut massim di 1 kg nett. È vietat tenere nell'esercizi e vendere recipienti di plvere aperti. I manufatti della IV e della V categria grupp C devn essere apprvviginati nei lr imballaggi di fabbrica sigillati. Pssn essere cmmercializzati sl se racchiusi nelle prprie cnfezini riginali sigillate, single multiple in ragine delle dimensini del manufatt. 3. Le indicazini sulla massa (cme definita nel decret del Presidente della Repubblica 12 agst 1982, n. 802, «Attuazine della direttiva CEE 80/181 relativa alle unità di misura») frnite al successiv art. 3 si riferiscn alla massa netta dei prdtti attivi (sn prdtti attivi quelli esplsivi, incendivi, clranti, fumgeni ed illuminanti); la massa netta (il quantitativ nett) di prdtti attivi deve essere indicata sul singl manufatt di IV e di V categria e/ sulla cnfezine, in cnfrmità a quant riprtat nel relativ decret di ricnsciment e classificazine. La massa degli invlucri e di quant'altr frmi la struttura dei manufatti, ancrché cstituita da materiale cmbustibile, quale carta, legn, plimeri, ecc., è esclusa dal cmput della massa dei prdtti attivi. 4. Negli esercizi di minuta vendita si pssn tenere e vendere fin a cmplessivi kg 200 netti di prdtti espldenti. Oltre tale limite trva applicazine il capitl IV del presente allegat. 5. Sulle istanze per il rilasci delle licenze per gli esercizi di minuta vendita il prefett acquisirà il parere della cmmissine tecnica prvinciale. Prescrizini sui lcali. l. I lcali degli esercizi di minuta vendita nn devn essere interrati seminterrati vver cntigui, svrastanti sttstanti a lcali di lavrazine depsit di materie facilmente cmbustibili infiammabili; nn devn inltre avere cmunicazine diretta cn abitazini e cn 1 Quest capitl è stat csì mdificat dalla parte secnda, art. l, del D.M. 23 settembre

16 ambienti che nn abbian attinenza cn l'attività dell'esercizi stess, fatta eccezine per i lcali di servizi. Nn devn essere ubicati in edifici nei quali vi sian anche asili, scule, case di cura, cmunità religise, alberghi, grandi magazzini, lughi di cult, di pubblic spettacl e simili. Negli esercizi di minuta vendita nn devn essere tenute ne pste in vendita materie infiammabili, cme tali individuate dalla circlare Minister dell'intern n. 2452/4179 del 3 maggi Derghe a tali divieti pssn essere cnsentite previ parere favrevle della cmmissine tecnica prvinciale, che ptrà prescrivere le cautele ritenute pprtune nei singli casi per la tutela dell'inclumità pubblica. Negli ambienti in cui è ammess il pubblic ptrann essere tenuti, cme mstra, manufatti della IV e della V categria grupp C inertizzati (privi di prdtti attivi) e/ simulacri; le perazini di inertizzazine dei manufatti devn essere cmpiute da sggett legittimat alla fabbricazine dei manufatti stessi. Si pssn altresì esprre i manufatti nn classificati tra i prdtti espldenti ai sensi del decret ministeriale 4 aprile Il caric cmplessiv di prdtti espldenti sarà fissat in accrd cn gli articli le 3 e in funzine dei limiti derivanti dalle dimensini del lcale ( dei lcali), cme di seguit specificat. Ogni lcale in cui sn tenuti prdtti espldenti deve avere una altezza nn inferire a m 2,40, una superficie nn inferire a mq 6 e una cubatura nn inferire a mc 18; inltre la cubatura nn deve essere inferire a mc 1 per gni chilgramm nett di plveri di I categria, a mc 1 per gni chilgramm nett di manufatti di IV e di V categria e a mc 1 per gni 3,5 kg netti di plvere stt frma di cartucce, in accrd alle equivalenze indicate all'art. 3, lettera h). Le plveri di I categria e le cartucce di V categria grupp A devn essere custdite in lcale ( lcali) distint, anche se cntigu a quell ( a quelli) nel quale sn custditi i ma nufatti di IV e di V categria grupp C. Questi ultimi pssn essere cnservati insieme; nel medesim lcale ( lcali) pssn altresì tenersi manufatti nn classificati tra i prdtti espldenti ai sensi del decret ministeriale 4 aprile È vietat l'access al pubblic nel lcale ( nei lcali) ve vengn custditi i manufatti di IV e di V categria. I prdtti espldenti devn essere cllcati su scaffali metallici di legn ignifugat, di adeguata resistenza meccanica, alti nn ltre m 2,10, chiusi eventualmente sl ai lati, ed ancrati in md da garantirne la stabilità; gli scaffali metallici devn essere cllegati a dispersri di terra. I prdtti espldenti pssn altresì essere cnservati su pallets; tra pallets e scaffali deve restare una luce libera nn inferire a m 1,20. In relazine alle dimensini del lcale ( dei lcali) è ammessa la presenza di un massim di 5 pallets; ltre tale limite i pallets devn essere realizzati cn materiale ignifug res tale. Le munizini per armi crte devn essere custdite in armadi metallici cn sprtelli dtati di serratura di sicurezza. Negli ambienti in cui è ammess il pubblic sn cnsentiti sl gli scaffali 2, sui quali pssn essere cllcati plveri di I categria, cartucce di V categria grupp A per armi lunghe, manufatti di IV e V categria inertizzati e/ lr simulacri, manufatti nn classificati tra i prdtti espldenti ai sensi del decret ministeriale 4 aprile devn essere cllcati in md da impedire il facile access da parte del pubblic stess. 16

17 Negli esercizi islati si può cncedere licenza per tenere e vendere prdtti espldenti della I, IV e V categria grupp A e grupp C in quantitativi elevabili fin al tripl di quant stabilit nell'art. 3, fermi restand i limiti di cubatura anzi indicati. Qualra, per cause spravvenute, l'esercizi nn si trvi più in cndizini tali da pter essere cnsiderat islat, dvrann in ess limitarsi la detenzine dei prdtti espldenti e il caricament delle cartucce secnd le nrme che reglan gli esercizi di minuta vendita nell'abitat. I muri perimetrali degli ambienti dell'esercizi in cui sn tenuti prdtti espldenti devn essere in mattni pieni da almen due teste in altra struttura muraria di resistenza equivalente (REI 120), cn pareti interne intnacate. Sn ammesse anche strutture nn murarie di resistenza equivalente. I slai di cpertura e di calpesti devn essere in cement armat cn sletta di spessre nn inferire a cm 7 realizzati cn altra struttura di resistenza equivalente, cn caratteristiche REI 120; tale prescrizine nn si applica nel cas in cui la sletta di calpesti sia psta a dirett cntatt cn terren sttstante il fabbricat. I serramenti pssn essere di metall di legn; in quest'ultim cas devn essere trattati cn prdtti vernicianti mlgati di classe «1» di reazine al fuc, secnd le mdalità e le indicazini cntenute nel decret ministeriale 6 marz In gni cas devn avere caratteristiche REI 120. Qualra muniti di vetri, questi devn essere infrangibili retinati altrimenti prtetti per evitare l'eventuale priezine di schegge vers l'estern in cas di esplsine all'intern. Il lcale ( i lcali) in cui sn psti i manufatti di IV e di V categria deve ( devn) essere separat dagli altri mediante prta cn apertura vers l'estern, cn caratteristiche REI 120. L'impiant elettric deve essere realizzat in cnfrmità alla legge l marz 1968, n La rispndenza alle vigenti nrme deve essere attestata cn le prcedure di cui alla legge 5 marz 1990, n. 46, e relativ reglament di attuazine (decret del Presidente della Repubblica n. 477 del 6 dicembre 1991). L'impiant di riscaldament deve essere realizzat cn generatri di calre cllcati in ambiente islat dai lcali dell'esercizi, eseguiti a regla d'arte in cnfrmità alle vigenti dispsizini (UNI-CIG 7129 vver dal decret ministeriale 12 aprile 1996 qualra gli apparecchi abbian ptenza superire a 34,8 Kw); nn sn ammessi caminetti, stufe ed apparecchi a fclare dirett in genere. La dtazine di mezzi antincendi dell'esercizi deve risultare dal certificat di prevenzine incendi rilasciat dal cmand prvinciale dei vigili del fuc a mente del decret del Presidente della Repubblica n. 37 del 12 gennai In gni cas all'ingress del lcale ( dei lcali) in cui sn custditi manufatti della IV e della V categria dvrann essere installati nn men di n. 2 estintri prtatili di tip apprvat ai sensi del decret ministeriale 20 dicembre 1982, cn capacità estinguente nn inferire a 21A 89 BC. 17

18 3. - Cntenut della licenza. Può essere cncessa licenza per tenere nell'esercizi e vendere i prdtti espldenti elencati da a) a d) cme di seguit specificat: a) fin a cmplessivi 25 kg netti di plveri da lanci e/ da mina appartenenti alla I categria. Ogni chilgramm nett di plveri di I categria può essere sstituit cn due chilgrammi netti di plveri da lanci stt frma di cartucce cariche per armi cmuni, secnd le equivalenze indicate al successiv punt b). In cas di rinuncia ttale: alle sle plveri da mina, si ptrann tenere e vendere fin a 50 kg netti di plveri da lanci, csì suddivisi: 25 kg netti di plveri da lanci, fermi restand gli bblighi ed i divieti di cui all'art. I, punt 2; 25 kg netti di plveri da lanci stt frma di cartucce cariche per armi cmuni, in accrd cn le equivalenze di cui al successiv punt b); ai 25 kg di plveri da lanci e/ da mina si ptrann tenere e vendere: 75 kg netti di plveri da lanci stt frma di cartucce cariche per armi cmuni, in accrd cn le equivalenze indicate al successiv punt b); in alternativa si ptrann tenere e vendere manufatti della IV e della V categria, incrementandne il quantitativ previst ai successivi punti c) e d) di 10 kg netti per la IV categria e di 20 kg netti per la V categria. Si ptrà raddppiare tale ultim quantitativ ve ricrra la cndizine di cui al successiv punt d) (gicattli pirici blisterati); b) fin a 50 kg netti di plveri da lanci della I categria, stt frma di cartucce cariche per armi cmuni. Ai fini del cmput delle cartucce un chilgramm nett di plvere di lanci di I categria è cnsiderat pari a: n. 300 cartucce per armi lunghe ad anima liscia rigata caricate cn plvere nera, ppure n. 560 cartucce per armi lunghe ad anima liscia rigata caricate cn plvere senza fum, ppure n cartucce per arma crta, ppure n cartucce a percussine anulare per arma crta lunga, ppure n cartucce per armi Flbert, ppure n cartucce da salve; c) fin a 20 kg netti di prdtti attivi cntenuti in manufatti della IV categria. Ogni chilgramm nett di prdtti attivi cntenut nei manufatti della IV categria può essere sstituit cn quattr chilgrammi netti stt frma di cartucce cariche per armi cmuni, in accrd cn le equivalenze indicate al precedente punt b); in alternativa gni chilgramm della IV categria può essere sstituit cn due chilgrammi netti della V categria. In cas di rinuncia ttale ai manufatti della IV categria, questi pssn essere sstituiti cn 120 kg netti di plveri da lanci stt frma di cartucce cariche per armi cmuni, in accrd cn le equivalenze indicate al punt b); in alternativa si pssn sstituire i 20 kg netti della IV categria cn 50 kg netti della V categria. Si ptrà raddppiare tale ultim quantitativ ve ricrra la cndizine di cui al successiv punt d) (gicattli pirici blisterati); d) fin a 20 kg netti di prdtti attivi cntenuti in manufatti della V categria. Ogni chilgramm nett di prdtti attivi cntenuti nei manufatti della V categria può essere sstituit cn due chilgrammi netti stt frma di cartucce cariche per armi cmuni, in accrd cn le equivalenze indicate al punt b). In cas di rinuncia ttale ai manufatti della V categria, questi pssn essere sstituiti cn 160 kg netti di plveri da lanci stt frma di cartucce cariche per armi cmuni, in accrd cn le equivalenze indicate al punt b). 18

19 Nn è in alcun cas cnsentita la sstituzine di manufatti della V categria cn manufatti della IV categria. I 20 kg netti di prdtti attivi cntenuti nei manufatti della V categria ptrann essere raddppiati nel cas in cui si tratti di gicattli pirici in cnfezine «blister», purché i «blister» medesimi sian realizzati cn materiale plimeric autestinguente. In relazine a particlari situazini ambientali a specifiche ragini di pubblica sicurezza può essere prescritta la riduzine del quantitativ massim cnsentit di cartucce e di plveri di I categria. Nel crs di validità della licenza il titlare, previa cmunicazine alla cmpetente autrità di pubblica sicurezza, può effettuare sstituzini per categria e quantità dei prdtti espldenti autrizzati in sede di rilasci rinnv, applicand le equivalenze indicate nel presente articl e ferm restand il quantitativ massim autrizzat. Tali variazini devn essere anntate nel registr di cui all'art. 55 del T.U.L.P.S. 19

I SERVIZI DI CUI AVETE BISOGNO OVUNQUE VOI SIATE

I SERVIZI DI CUI AVETE BISOGNO OVUNQUE VOI SIATE I SERVIZI DI CUI AVETE BISOGNO OVUNQUE VOI SIATE La direttiva Servizi mira a ffrire ai cnsumatri più scelta, più qualità e un access più facile ai servizi in tutt il territri dell UE PERCHÉ LE NUOVE NORME

Dettagli

D.P.G.R n in data Eventi eccezionali del/dal..al (gg/mese/anno). MODULO PER PRIVATI

D.P.G.R n in data Eventi eccezionali del/dal..al (gg/mese/anno). MODULO PER PRIVATI Md. 1 - Privati D.P.G.R n in data Eventi eccezinali del/dal..al (gg/mese/ann). MODULO PER PRIVATI Cn il presente mdul pssn essere segnalate anche vci di dann nn ricmprese nella LR 4/97 Da cnsegnare al

Dettagli

Sconti e agevolazioni speciali in CONVENZIONE em.01 14

Sconti e agevolazioni speciali in CONVENZIONE em.01 14 Sigeim Energia srl Ftvltaic Veicli elettrici Batterie slari Scnti e agevlazini speciali in CONVENZIONE em.01 14 Negli ultimi 6 anni la Sigeim Energia si è dedicata alla prgettazine e installazine di impianti

Dettagli

MODELLO RI2 DOMANDA DI RILASCIO/RINNOVO AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO IN CORPO IDRICO SUPERFICIALE PER IMPIANTI A SCAMBIO TERMICO

MODELLO RI2 DOMANDA DI RILASCIO/RINNOVO AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO IN CORPO IDRICO SUPERFICIALE PER IMPIANTI A SCAMBIO TERMICO MODELLO RI2 DOMANDA DI RILASCIO/RINNOVO AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO IN CORPO IDRICO SUPERFICIALE PER IMPIANTI A SCAMBIO TERMICO Riepilg dcumentazine 1 2 Istanza di autrizzazine all scaric in crp idric

Dettagli

Allegato all'articolo Taglialeggi

Allegato all'articolo Taglialeggi Allegat all'articl Taglialeggi Tip att Titl dispsizi ni da abrgare 1 R.D. 773 18/06/1931 Apprvazine del test unic delle leggi di Le persne che hann l'bblig di prvvedere all'istruzine art. 12, elementare

Dettagli

Abstract: una versione sintetica della tua relazione. Il lavoro di ricerca e progettazione svolto prima di cominciare gli esperimenti.

Abstract: una versione sintetica della tua relazione. Il lavoro di ricerca e progettazione svolto prima di cominciare gli esperimenti. COME SCRIVERE LA RELAZIONE DEL PROGETTO La tua relazine finale deve includere le seguenti sezini: Titl Abstract: una versine sintetica della tua relazine. Indice. Dmanda, variabili e iptesi. Il lavr di

Dettagli

LA FATTURAZIONE ELETTRONICA VERSO LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE

LA FATTURAZIONE ELETTRONICA VERSO LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE DATALOG ITALIA SRL LA FATTURAZIONE ELETTRONICA VERSO LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE La Finanziaria 2008 ha stabilit che la fatturazine nei cnfrnti delle amministrazini dell stat debba avvenire esclusivamente

Dettagli

Aggiornamento remoto della chiave hardware

Aggiornamento remoto della chiave hardware AMV S.r.l. Via San Lrenz, 106 34077 Rnchi dei Leginari (Grizia) Italy Ph. +39 0481.779.903 r.a. Fax +39 0481.777.125 E-mail: inf@amv.it www.amv.it Cap. Sc. 10.920,00 i.v. P.Iva: IT00382470318 C.F. e Iscriz.

Dettagli

rigenerazione urbana volti a promuovere la riqualificazione Pulsano, viale dei Micenei n.70. PREMESSA

rigenerazione urbana volti a promuovere la riqualificazione Pulsano, viale dei Micenei n.70. PREMESSA RELAZIONE TECNICA OGGETTO: Prgett di un intervent sit in Pulsan, lc. La Fntana, viale dei Micenei n.70 inserit nei prgrammi integrati di rigenerazine urbana vlti a prmuvere la riqualificazine di città

Dettagli

Chi è il soggetto che procede ad erogare il servizio di scambio sul posto? Quali sono i vantaggi di aderire al regime di scambio sul posto?

Chi è il soggetto che procede ad erogare il servizio di scambio sul posto? Quali sono i vantaggi di aderire al regime di scambio sul posto? Mdalità di access alla cnvenzine (13) Csa si intende per servizi di scambi sul pst? L scambi sul pst [Deliberazine ARG/elt 74/08, Allegat A Test integrat dell scambi sul pst (TISP)], è un meccanism che

Dettagli

Dopo 30 giugno. Totale. TASSA D ISCRIZIONE 30 giugno RICHIESTE E CONDIZIONI DI PRENOTAZIONE SPAZI. DOPO QUANTITÀ 30 GIUGNO x mq

Dopo 30 giugno. Totale. TASSA D ISCRIZIONE 30 giugno RICHIESTE E CONDIZIONI DI PRENOTAZIONE SPAZI. DOPO QUANTITÀ 30 GIUGNO x mq Rma, 29-30-31 ttbre 2003, EUR, Palazz dei Cngressi DOMANDA DI AMMISSIONE A BIBLIOCOM BIBLIOTEXPO 2003 cmpilare in gni sua parte Dati aziendali DATI DELL AZIENDA TITOLARE DELLO STAND DATI PER LA FATTURAZIONE

Dettagli

Università degli Studi di Messina Anno Accademico 2014/2015. Dipartimento di Scienze Economiche, Aziendali, Ambientali e Metodologie Quantitative

Università degli Studi di Messina Anno Accademico 2014/2015. Dipartimento di Scienze Economiche, Aziendali, Ambientali e Metodologie Quantitative Università degli Studi di Messina Ann Accademic 2014/2015 Dipartiment di Scienze Ecnmiche, Aziendali, Ambientali e Metdlgie Quantitative I MASTER UNIVERSITARIO DI PRIMO LIVELLO IN ECONOMIA BANCARIA E FINANZIARIA

Dettagli

(Fonte: Vademecum Nextville 2013, Efficienza energetica, gli incentivi per il risparmio energetico, le rinnovabili termiche e la cogenerazione )

(Fonte: Vademecum Nextville 2013, Efficienza energetica, gli incentivi per il risparmio energetico, le rinnovabili termiche e la cogenerazione ) CERTIFICATI BIANCHI (TITOLI DI EFFICIENZA ENERGETICA TEE) (Fnte: Vademecum Nextville 2013, Efficienza energetica, gli incentivi per il risparmi energetic, le rinnvabili termiche e la cgenerazine ) 1) MECCANISMO

Dettagli

VERBALE DELLA COMMISSIONE PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA E DISINFEZIONE DEI LOCALI CAMERALI CIG N. 1310739808

VERBALE DELLA COMMISSIONE PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA E DISINFEZIONE DEI LOCALI CAMERALI CIG N. 1310739808 VERBALE DELLA COMMISSIONE PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA E DISINFEZIONE DEI LOCALI CAMERALI CIG N. 1310739808 L ann duemilaundici il girn 11 del mese di Aprile alle re 10:00, press la sede della

Dettagli

PROPOSTA DI LEGGE N. 4091. D iniziativa dei deputati

PROPOSTA DI LEGGE N. 4091. D iniziativa dei deputati PROPOSTA DI LEGGE N. 4091 D iniziativa dei deputati SANTULLI, ARACU, BIANCHI CLERICI, CARLUCCI, GALVAGNO, GARAGNANI, LICASTRO SCARDINO, ORSINI, PACINI, PALMIERI, RANIERI Statut dei diritti degli insegnanti

Dettagli

Cos è il Master Essere HR Business Partner?

Cos è il Master Essere HR Business Partner? Cs è il Master Essere HR Business Partner? Un percrs che aiuta i prfessinisti HR ad andare ltre in termini di autrevlezza e fcalizzazine sul cliente e sui risultati. Quali biettivi permette di raggiungere?

Dettagli

Università degli Studi di Lecce Facoltà di Ingegneria Informatica N.O. A.A. 2003/2004. Tesina Esame di Elettronica Analogica II

Università degli Studi di Lecce Facoltà di Ingegneria Informatica N.O. A.A. 2003/2004. Tesina Esame di Elettronica Analogica II Università degli Studi di Lecce Facltà di Ingegneria Infrmatica N.O. A.A. /4 esina Esame di Elettrnica Analgica II Studentessa: Laura Crchia Dcente: Dtt. Marc Panare INDICE Presentazine del prgett del

Dettagli

Manuale Amministratore. Edizione Ottobre 2008

Manuale Amministratore. Edizione Ottobre 2008 Manuale Amministratre Edizine Ottbre 2008 Manuale Amministratre PaschiInTesreria - Ottbre 2008 INDICE 1. Intrduzine 3 2. Access Amministratre 4 3. Funzini Amministrative 6 3.1. Gestine Azienda 6 3.2. Gestine

Dettagli

1. Microsoft Power Point: costruire una presentazione

1. Microsoft Power Point: costruire una presentazione Dtt. Pal Mnella Labratri di Infrmatica Specialistica per Lettere Mderne 2 semestre, A.A. 2009-2010 Dispensa n. 3: Presentazini Indice Dispensa n. 3: Presentazini...1 1. Micrsft Pwer Pint: cstruire una

Dettagli

Dati dai questionari. Report preliminare. Maggio 2015

Dati dai questionari. Report preliminare. Maggio 2015 Dati dai questinari Reprt preliminare Maggi 2015 Dati Scule Regine Abruzz 3,9% 16 Basilicata 0,5% 2 Calabria 2,4% 10 Campania 3,9% 16 Emilia Rmagna 4,6% 19 Friuli Venezia Giulia 3,4% 14 Lazi 4,1% 17 Liguria

Dettagli

Scheda di sintesi Armenia

Scheda di sintesi Armenia VI. Prgramma prmzinale 2006: ARMENIA SCHEDA DI SINTESI ATTIVITA ne altri 1. EVENTI DI PROMOZIONE TURISTICA 1.1 Manifestazini fieristiche diffusine di ntizie tramite e-mail e Sit Internet dell Ambasciata

Dettagli

MINIGUIDA SULLA CASSA INTEGRAZIONE GUADAGNI ORDINARIA NELL'INDUSTRIA (ESCLUSO SETTORE EDILE)

MINIGUIDA SULLA CASSA INTEGRAZIONE GUADAGNI ORDINARIA NELL'INDUSTRIA (ESCLUSO SETTORE EDILE) MINIGUIDA SULLA CASSA INTEGRAZIONE GUADAGNI ORDINARIA NELL'INDUSTRIA (ESCLUSO SETTORE EDILE) "per la nzine di "industria" ai fini del trattament di cig ccrre fare riferiment alla legge 9 marz 1989 n. 88

Dettagli

1. CORRENTE CONTINUA

1. CORRENTE CONTINUA . ONT ONTNUA.. arica elettrica e crrente elettrica e e e e P N NP e e arica elementare carica dell elettrne,6 0-9 Massa dell elettrne m 9, 0 - Kg L atm è neutr. Le cariche che pssn essere spstate nei slidi

Dettagli

MINISTERO DELLA DIFESA UFFICIO CENTRALE DEL BILANCIO E DEGLI AFFARI FINANZIARI

MINISTERO DELLA DIFESA UFFICIO CENTRALE DEL BILANCIO E DEGLI AFFARI FINANZIARI MINISTERO DELLA DIFESA UFFICIO CENTRALE DEL BILANCIO E DEGLI AFFARI FINANZIARI II REPARTO- COOPERAZIONE INTERNAZIONALE 2 Uffici- Trattamenti ecnmici del persnale all'ester All.8 Indirizz Pstale: Via XX

Dettagli

Progettare l ambiente di apprendimento. Valorizzare l esperienza e le conoscenze degli alunni

Progettare l ambiente di apprendimento. Valorizzare l esperienza e le conoscenze degli alunni Rendiam prduttive le riunini Per prgettare un mdell di scula: un apprcci culturale e filsfic un elabrazine pedaggica una prgettazine didattica frti cnscenze disciplinari L autnmia è: respnsabilità innvazine

Dettagli

REGOLAMENTO del CONCORSO A PREMI denominato Scopri l'azerbaijan e vinci un biglietto per Expo2015.

REGOLAMENTO del CONCORSO A PREMI denominato Scopri l'azerbaijan e vinci un biglietto per Expo2015. REGOLAMENTO del CONCORSO A PREMI denminat Scpri l'azerbaijan e vinci un bigliett per Exp2015. 1. SOCIETA PROMOTRICE Simmetric SRL Via V. Frcella 13, 20144 Milan P.IVA 05682780969 (di seguit la Prmtrice

Dettagli

EMERGENZA MEDITERRANEO E MIGRAZIONI: COME PUÒ RISPONDERE L EUROPA?

EMERGENZA MEDITERRANEO E MIGRAZIONI: COME PUÒ RISPONDERE L EUROPA? Analysis N. 284, Aprile 2015 EMERGENZA MEDITERRANEO E MIGRAZIONI: COME PUÒ RISPONDERE L EUROPA? Stefan M. Trelli La tragedia avvenuta nel Canale di Sicilia, cn circa 700 persne che si teme abbian pers

Dettagli

Nota tecnica riferita alla nota M.I.U.R. prot. n. 8409 del 30 luglio 2010

Nota tecnica riferita alla nota M.I.U.R. prot. n. 8409 del 30 luglio 2010 Nta tecnica riferita alla nta M.I.U.R. prt. n. 8409 del 30 lugli 2010 Oggett: Istruzini amministrativ-cntabili per le istituzini ggett di dimensinament. Le Istituzini sclastiche, per quant attiene all

Dettagli

Soci. Posteggio barche/canoa. Categoria Socio Tassa base Uso barche Uso natante Uso tutto. Socio attivo 150 350 550 800

Soci. Posteggio barche/canoa. Categoria Socio Tassa base Uso barche Uso natante Uso tutto. Socio attivo 150 350 550 800 TARIFFARIO 2015 Valid dal 01.02.2015 Sci Categria Sci Tassa base Us barche Us natante Us tutt Psteggi barche/cana Sci attiv 150 350 550 800 Sci attiv famiglia 160 400 600 800 Sci attiv Junir 50 *1) 100

Dettagli

Condizioni Generali sito SOSartigiani.it

Condizioni Generali sito SOSartigiani.it Cndizini Generali sit SOSartigiani.it 1. Premesse 1.1 Il presente accrd è stipulat in Italia tra il Dtt. Lrenz Caprini, via Garibaldi 2, Trezzan Rsa 20060 Milan, ideatre di SOSartigiani.it di seguit denminat

Dettagli

SPINE PER GLI IMPIANTI ELETTRICI

SPINE PER GLI IMPIANTI ELETTRICI SPINE PER GLI IMPIANTI ELETTRICI Una spina elettrica è un cnnettre elettric che può essere inserit in una presa di crrente cmplementare. Per mtivi di sicurezza, il lat cstantemente stt tensine è sempre

Dettagli

La retta è il luogo geometrico dei punti che soddisfano la seguente relazione

La retta è il luogo geometrico dei punti che soddisfano la seguente relazione RETTE Definizine intuitiva La retta linea retta è un dei tre enti gemetrici fndamentali della gemetria euclidea. Viene definita da Euclide nei sui Elementi cme un cncett primitiv. Un fil di ctne di spag

Dettagli

Silk Enterprise Content Management Collaboration, content, people, innovation.

Silk Enterprise Content Management Collaboration, content, people, innovation. Cllabratin, cntent, peple, innvatin. The Need fr an Enterprise Cntent Management System In un mercat knwledge riented, estremamente cmpetitiv e dinamic, le Imprese di success sn quelle che gestiscn in

Dettagli

PREMESSA PREMESSA PREMESSA PRE

PREMESSA PREMESSA PREMESSA PRE PREMESSA PREMESSA I Servizi via internet, cellulare e telefn le permettn di perare in md semplice e dirett cn la Banca, dvunque lei sia, a qualsiasi ra del girn, scegliend di vlta in vlta il canale che

Dettagli

Non vuoi disegnare a mano libera? Preferisci usare il computer? Nessun problema! Puoi...

Non vuoi disegnare a mano libera? Preferisci usare il computer? Nessun problema! Puoi... Idee per nn far fatica Nn vui disegnare a man libera? Preferisci usare il cmputer? Nessun prblema! Pui... Utilizzare gli emticn In quest blg ci sn numersi emticn a tua dispsizine. Clicca semplicemente

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO Breve descrizione del problema trattato

RELAZIONE PROGETTO Breve descrizione del problema trattato RELAZIONE PROGETTO Irene Maria Girnacci Fndamenti di prgrammazine I ann laurea triennale Breve descrizine del prblema trattat Il prblema assegnat cnsiste nell svilupp di una agenda elettrnica, cmpsta da

Dettagli

3) MECCANISMI DI RILASSAMENTO

3) MECCANISMI DI RILASSAMENTO 3) MECCANSM D RLASSAMENTO nuclei eccitati tendn a cedere l'energia acquisita ed a ritrnare nella "psizine" di equilibri. meccanismi del rilassament sn mlt cmplessi (sprattutt nei slidi) e pssn essere classificati

Dettagli

GLI AMMORTIZZATORI SOCIALI

GLI AMMORTIZZATORI SOCIALI GLI AMMORTIZZATORI SOCIALI Ringraziamenti Diverse persne hann cntribuit a quest lavr. Tra queste ringrazi l Avv. Rsari Salnia, che nel nstr ambiente, è cnsiderat il miglir giuslavrista di Rma ed il su

Dettagli

IL TESTO ARGOMENTATIVO

IL TESTO ARGOMENTATIVO IL TESTO ARGOMENTATIVO 1. LA STRUTTURA DI UN TESTO ARGOMENTATIVO La struttura base del test argmentativ può essere csì schematizzata: PROBLEMA TEMATICA CONFUTAZIONE DELLE SIN CONCLUSIONE Questa struttura,

Dettagli

PREVENZIONE DEL TROMBOEMBOLISMO VENOSO NEL PAZIENTE NEUROLOGICO ALLETTATO

PREVENZIONE DEL TROMBOEMBOLISMO VENOSO NEL PAZIENTE NEUROLOGICO ALLETTATO PREVENZIONE EL TROMBOEMBOLISMO VENOSO NEL PAZIENTE NEUROLOGIO ALLETTATO 1. Intrduzine ed biettivi 3 2 Sinssi delle raccmandazini 4 3. Ictus cerebri ischemic acut 10 3.1 Prfilassi meccanica 10 3.2 Prfilassi

Dettagli

MANUALE CORSO FORMAZIONE FOCHINI: GESTIONE DEGLI ESPLOSIVI IN SICUREZZA

MANUALE CORSO FORMAZIONE FOCHINI: GESTIONE DEGLI ESPLOSIVI IN SICUREZZA MANUALE CORSO FORMAZIONE FOCHINI: GESTIONE DEGLI ESPLOSIVI IN SICUREZZA AGGIORNAMENTO 2013 p.m. Luciano Selva dott. Giacomo Nardin a cura di Luciano Selva e Giacomo Nardin USO INTERNO p ag 1 5. NORMATIVA

Dettagli

CONTENUTO INTRODUZIONE. Descrizione della piattaforma Servizio di ricezione di dati Servizio di trading Materiale di supporto.

CONTENUTO INTRODUZIONE. Descrizione della piattaforma Servizio di ricezione di dati Servizio di trading Materiale di supporto. CONTENUTO INTRODUZIONE Descrizine della piattafrma Servizi di ricezine di dati Servizi di trading Materiale di supprt INIZIARE A LAVORARE CON VISUAL CHART V Requisiti del sistema Cme ttenere i dati di

Dettagli

PER IMPIEGHI SPECIALI FINO A 1000 VOLT PROGRAMMA. T Giraviti VDE. T Assortimenti VDE. T Pinze VDE. T Cricchetti VDE

PER IMPIEGHI SPECIALI FINO A 1000 VOLT PROGRAMMA. T Giraviti VDE. T Assortimenti VDE. T Pinze VDE. T Cricchetti VDE ER IMIEGHI SECIALI FINO A 1000 VOL ROGRAMMA Giraviti VDE inze VDE Cricchetti VDE Assrtimenti VDE 1 2 UENSILI GEDORE VDE utti gli utensili i sicurezza GEDORE mlgati VDE in plastica mrbia sn tati i islament

Dettagli

Per risolvere le equazioni alle differenze si può utilizzare il metodo della Z-trasformata.

Per risolvere le equazioni alle differenze si può utilizzare il metodo della Z-trasformata. 8.. STRUMENTI MATEMATICI 8. Equazini alle differenze. Sn legami statici che legan i valri attuali (all istante k) e passati (negli istanti k, k, ecc.) dell ingress e k e dell uscita u k : u k = f(e 0,

Dettagli

Manuale d uso. Manuale d uso EPIC 10 codice articolo 5400321-03 Rev. H

Manuale d uso. Manuale d uso EPIC 10 codice articolo 5400321-03 Rev. H Manuale d us Manuale d us EPIC 10 cdice articl 5400321-03 Rev. H INDICE Indice... 1 Intrduzine... 4 1. Cnfezine... 5 1.1 Elenc dei cmpnenti del sistema... 5 1.2 Dati Tecnici... 5 2. Descrizine dell apparecchiatura...

Dettagli

SOAP qwerty Manuale Utente. Ver.1.0.20101105. Contenuti

SOAP qwerty Manuale Utente. Ver.1.0.20101105. Contenuti Ver.1.0.20101105 Cntenuti SOAP QWERTY 1. Per la Vstra Sicurezza... 4 2. Prfil del telefn... 7 3. Prim utilizz... 9 Installare la SIM Card... 9 Installare la Memry card... 11 Installare la Batteria... 12

Dettagli

Guida alla Convenzione TELEFONIA MOBILE 5

Guida alla Convenzione TELEFONIA MOBILE 5 TELEFONIA MOBILE 5 Realizzat da azienda cn sistema di gestine per la qualità certificat ISO 9001:2008 Smmari 1. PREMESSA... 4 1.1 CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE SIM IN CONVENZIONE AI DIPENDENTI DELLE AMMINISTRAZIONI...

Dettagli

UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI FIRENZE FACOLTA' DI SCIENZE DELLA FORMAZIONE CORSO DI LAUREA IN. Formatore Multimediale

UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI FIRENZE FACOLTA' DI SCIENZE DELLA FORMAZIONE CORSO DI LAUREA IN. Formatore Multimediale UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI FIRENZE FACOLTA' DI SCIENZE DELLA FORMAZIONE CORSO DI LAUREA IN Frmatre Multimediale METODOLOGIA METACOGNITIVA DEI SISTEMI INTEGRATI PER LA GESTIONE DELL APPRENDIMENTO E DELLA

Dettagli

Understanding VMware HA. Le meccaniche di ridondanza dei cluster VMware vsphere (v5.x)

Understanding VMware HA. Le meccaniche di ridondanza dei cluster VMware vsphere (v5.x) Understanding VMware HA Le meccaniche di ridndanza dei cluster VMware vsphere (v5.x) 1 «Chi sn?» Rcc Sicilia, IT Manager e Virtualizatin Architect. Attualmente sn respnsabile del team di Design di un System

Dettagli

Quadri fissi con interruttore automatico tipo NXPLUS C fino a 24 kv, isolati in gas

Quadri fissi con interruttore automatico tipo NXPLUS C fino a 24 kv, isolati in gas www.siemens.cm/medium-vltage-switchgear Quadri fissi cn interruttre autmatic tip NXPLUS C fin a kv, islati in gas Quadri di media tensine Catalg HA 5. 0 Answers fr infrastructure and cities. R-HA5-6.tif

Dettagli

IL MINISTRO DELL INTERNO

IL MINISTRO DELL INTERNO D.M. 16 maggio 1987, n. 246 (G.U. n. 148 del 27 giugno 1987) NORME DI SICUREZZA ANTINCENDI PER GLI EDIFICI DI CIVILE ABITAZIONE IL MINISTRO DELL INTERNO Vista la legge 27 dicembre 1941, n. 1570: Vista

Dettagli

1. Lessicologia vs terminologia... 4 2. Lessico comune e lessico specialistico... 4 3. I linguaggi speciali... 6 4. Cenni storici... 6 5.

1. Lessicologia vs terminologia... 4 2. Lessico comune e lessico specialistico... 4 3. I linguaggi speciali... 6 4. Cenni storici... 6 5. 1. Lessiclgia vs terminlgia... 4 2. Lessic cmune e lessic specialistic... 4 3. I linguaggi speciali... 6 4. Cenni strici... 6 5. La nrmazine terminlgica... 7 6. Dalla lessicgrafia alla termingrafia, dai

Dettagli

Carta dei Servizi CARTA DEI SERVIZI

Carta dei Servizi CARTA DEI SERVIZI CARTA DEI SERVIZI SERVIZIO RELATIVA AL TRASPORTO PUBBLICO LOCALE INDICE 1. Elenc mduli richiamati... 4 2. Riferimenti... 4 3. Scp e generalità... 5 4. Camp di applicazine... 5 5. Standard specifici...

Dettagli

Grilamid Poliammide 12 Tecnopolimero per le massime prestazioni

Grilamid Poliammide 12 Tecnopolimero per le massime prestazioni Grilamid Pliammide 12 Tecnplimer per le massime prestazini Indice 3 Intrduzine 4 Cnfrnt cn altre pliammidi 5 Nmenclatura Grilamid 6 Esempi di impieghi 8 Caratteristiche tipi Grilamid 10 Prprietà 20 Dati

Dettagli

Ingegneria, Qualità e Servizi Engineering Process Owner

Ingegneria, Qualità e Servizi Engineering Process Owner Engineering Prcess Owner ING. FABIO GIANOLA Dati Anagrafici Nat a Milan il 25/11/1968. Nazinalità: Italiana Residenza: Milan Prfessine: Da Nvembre 2013 Amministratre Unic di I.Q.S. Ingegneria Qualità e

Dettagli

referente e-mail PEC referente identificatore titolo descrizione

referente e-mail PEC referente identificatore titolo descrizione referente e-mail PEC referente identificatre titl descrizi Avv. Pal Brgia - resp. cmu.mnterdibisacciacb@legalmail.it Settre Affari Gerali Avv. Pal Brgia - resp. cmu.mnterdibisacciacb@legalmail.it Settre

Dettagli

loro sedi OGGETTO: Risposta a quesiti su questioni antincendio.

loro sedi OGGETTO: Risposta a quesiti su questioni antincendio. Milano lì Ns. Rif.: 13 novembre 2013 820038.309 Agli Ordini e Collegi aderenti al C.I.P.I. loro sedi K:\Ufficio\07 Documenti\CIPI\820038 Comitato interpr. prevenzione incendi\820038 corrispondenza dal

Dettagli

- - Visto l'art. 63 del testo unico delle leggi di pubblica sicurezza 18 giugno 1931, n. 773;

- - Visto l'art. 63 del testo unico delle leggi di pubblica sicurezza 18 giugno 1931, n. 773; Decreto Ministeriale del 12/09/2003 Approvazione della regola tecnica di prevenzione incendi per l'installazione e l'esercizio di depositi di gasolio per autotrazione ad uso privato, di capacita' geometrica

Dettagli

Strategia Energetica Nazionale: per un energia più competitiva e sostenibile

Strategia Energetica Nazionale: per un energia più competitiva e sostenibile Strategia Energetica Nazinale: per un energia più cmpetitiva e sstenibile Marz 2013 Premessa Il cntest nazinale e internazinale di questi anni è difficile ed incert. La crisi ecnmica ha investit tutte

Dettagli

La nuova Strategia Energetica Nazionale per un energia più competitiva e sostenibile DOCUMENTO PER CONSULTAZIONE PUBBLICA

La nuova Strategia Energetica Nazionale per un energia più competitiva e sostenibile DOCUMENTO PER CONSULTAZIONE PUBBLICA La nuva Strategia Energetica Nazinale per un energia più cmpetitiva e sstenibile DOCUMENTO PER CONSULTAZIONE PUBBLICA Settembre 2012 La Nuva Strategia Energetica Nazinale Premessa Il cntest nazinale e

Dettagli

06/09/2013. Gianfranco Tripi. Deroghe

06/09/2013. Gianfranco Tripi. Deroghe CORSO BASE DI SPECIALIZZAZIONE DI PREVENZIONE INCENDI Analisi di rischio e individuazione delle misure di sicurezza equivalenti. Individuazione delle misure di prevenzione e/o di protezione che permettono

Dettagli

Alto Apprendistato 2011-2013

Alto Apprendistato 2011-2013 Alt Apprendistat 2011-2013 Dcente: 2010 - CEFRIEL The present riginal dcument was prduced by CEFRIEL fr the benefit and

Dettagli

Annual General Meeting AGM 3-6 Aprile 2014

Annual General Meeting AGM 3-6 Aprile 2014 Annual General Meeting AGM 36 Aprile 2014 Erasmus Student Netwrk Annual General Meeting 2014 Milan Italia COS'E' ESN? Erasmus Student Netwrk (ESN) è una delle più grandi assciazini studentesche in Eurpa.

Dettagli

Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini

Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini Innocenzo Mastronardi, Ingegnere Civile, professionista antincendio, PhD student in S.O.L.I.P.P. XXVI Ciclo Politecnico di Bari INTRODUZIONE Con l

Dettagli

Gli acciai inossidabili resistenti all'urto alle basse temperature, impiegati nella costruzione di caldareria saldata

Gli acciai inossidabili resistenti all'urto alle basse temperature, impiegati nella costruzione di caldareria saldata Gli acciai inssidabili resistenti all'urt alle basse temperature, impiegati nella cstruzine di caldareria saldata dr. ing- Gabriele DI CAPRIO dirìgente del servizi tecnic del Centr Inx O Le applicazini

Dettagli

MARTINA ZIPOLI. Curriculum Vitae Martina Zipoli INFORMAZIONI PERSONALI. Sesso Femmina Data di nascita 14/12/1986 Nazionalità Italiana

MARTINA ZIPOLI. Curriculum Vitae Martina Zipoli INFORMAZIONI PERSONALI. Sesso Femmina Data di nascita 14/12/1986 Nazionalità Italiana INFORMAZIONI PERSONALI MARTINA ZIPOLI Sess Femmina Data di nascita 14/12/1986 Nazinalità Italiana ESPERIENZA PROFESSIONALE Archelga press cantieri di scav prgrammat ed emergenza, cn ruli di respnsabile

Dettagli

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI Introduzione Le dimensioni delle cabine degli ascensori debbono rispettare valori minimi stabiliti dalle normative vigenti,

Dettagli

TRASFORMAZIONI: DALL UVA AL VINO

TRASFORMAZIONI: DALL UVA AL VINO Scuola elementare istituto comprensivo Adro Classi seconde a.s. 2003 2004 TRASFRMAZINI: DALL UVA AL VIN BIETTIV: sservare, porre domande, fare ipotesi e verificarle. Riconoscere e descrivere fenomeni del

Dettagli

Requisiti per la firma di un'iniziativa dei cittadini europei

Requisiti per la firma di un'iniziativa dei cittadini europei Requisiti per la firma di un'iniziativa dei cittadini eurpei REQUISITI GENERALI Per pter sstenere un'iniziativa dei cittadini eurpei ccrre essere cittadini dell'ue (cittadini di un Stat membr) e aver raggiunt

Dettagli

Deliberazion G.C. n. 14 dai 23 de jené 2014 Tachèda fora te l albo de Comun ai 31 de jené 2014

Deliberazion G.C. n. 14 dai 23 de jené 2014 Tachèda fora te l albo de Comun ai 31 de jené 2014 Deliberazine G.C. nr. 14 dd. 23.01.2014 Pubblicata all'alb cmunale il 31.01.2014 OGGETTO: Adzine pian triennale di prevenzine della crruzine (p.t.p.c.) ai sensi della legge n. 190 del 06.11.2012. Deliberazin

Dettagli

NOVITA! Sono in via di pubblicazione la nuova norma sulle reti idranti UNI 10779 e la specifica tecnica TS sulle reti idranti a secco

NOVITA! Sono in via di pubblicazione la nuova norma sulle reti idranti UNI 10779 e la specifica tecnica TS sulle reti idranti a secco NOVITA! Sono in via di pubblicazione la nuova norma sulle reti idranti UNI 10779 e la specifica tecnica TS sulle reti idranti a secco Ing. Marco Patruno Forum Prevenzione Incendi Milano : 1 ottobre 2014

Dettagli

Meno carte più sicurezza. Procedure semplificate per la prevenzione incendi C O R P O N A Z I O N A L E

Meno carte più sicurezza. Procedure semplificate per la prevenzione incendi C O R P O N A Z I O N A L E FUOCO DEL VIGILI Meno carte più sicurezza Procedure semplificate per la prevenzione incendi C O R P O N A Z I O N A L E Premessa La semplificazione per le procedure di prevenzione incendi entra in vigore

Dettagli

TURISMO MARITTIMO E COSTIERO SOSTENIBILE,

TURISMO MARITTIMO E COSTIERO SOSTENIBILE, TURISMO MARITTIMO E COSTIERO SOSTENIBILE, CHIAVE PER LA CRESCITA BLU COM & CAP MARINA-MED #5 SEMINARIO DI CAPITALIZZAZIONE 12 &13 Maggi, 2015 Firenze (Regines Tscana- Italia) Luca Girdan Hall, Palazz Medici

Dettagli

Consigli per la risoluzione dei problemi

Consigli per la risoluzione dei problemi Cnsigli per la risluzine dei prblei Una parte fndaentale di gni crs di Fisica è la risluzine di prblei. Rislvere prblei spinge a raginare su idee e cncetti e a cprenderli egli attravers la lr applicazine.

Dettagli

Legge 7.3.1986, n. 65 Legge quadro sull ordinamento della Polizia Municipale. Art. 1 Servizio di Polizia Municipale

Legge 7.3.1986, n. 65 Legge quadro sull ordinamento della Polizia Municipale. Art. 1 Servizio di Polizia Municipale Legge 7.3.1986, n. 65 Legge quadro sull ordinamento della Polizia Municipale Art. 1 Servizio di Polizia Municipale 1. I comuni svolgono le funzioni di polizia locale. A tal fine, può essere appositamente

Dettagli

Becomingossola.com. Politica della riservatezza

Becomingossola.com. Politica della riservatezza Becmingssla.cm Plitica della riservatezza Infrmativa per prentazini Aurive scietà cperatva sciale, sede legale Crs Cavallt 26/B Nvara, P.IVA 02101050033 Numer REA: NO 215498, e-mail inf@becmingssla.cm,

Dettagli

TESTO COORDINATO E COMMENTATO DEPOSITI BOMBOLE GPL

TESTO COORDINATO E COMMENTATO DEPOSITI BOMBOLE GPL TESTO COORDINATO E COMMENTATO DEPOSITI BOMBOLE GPL Circolare n. 74 del 20 settembre 1956 D.P.R. 28 giugno 1955, n. 620 - Decentramento competenze al rilascio di concessioni per depositi di oli minerali

Dettagli

Note inerenti chiarimenti in materia di prevenzione incendi - Trasmissione per via informatica.

Note inerenti chiarimenti in materia di prevenzione incendi - Trasmissione per via informatica. DIREZIONE CENTRALE PER LA PREVENZIONE E LA SICUREZZA TECNICA Prot. n P 810 / 4101 sott. 72/C.1 (21).4 Roma, 2 LUGLIO 2003 Allegati: n 1 -AI SIGG. ISPETTORI REGIONALI DEI VIGILI DEL FUOCO LORO SEDI -AI

Dettagli

ISTRUZIONE OPERATIVA N. 10 MANIPOLAZIONE DI ESPLODENTI

ISTRUZIONE OPERATIVA N. 10 MANIPOLAZIONE DI ESPLODENTI Revisione 01 - Maggio 2013 A cura di: Servizio Prevenzione, Protezione, Ambiente e Sicurezza 1 MANIPOLAZIONE ESPLODENTI Premessa Rientrano in questa situazione di rischio tutte le attività che prevedono

Dettagli

TARIFFA PROFESSIONALE INGEGNERIA ANTINCENDIO

TARIFFA PROFESSIONALE INGEGNERIA ANTINCENDIO TARIFFA PROFESSIONALE INGEGNERIA ANTINCENDIO La presente tariffa individua le prestazioni che il professionista è chiamato a fornire : A per la richiesta del parere di conformità B per il rilascio del

Dettagli

anno scolastico/school YEAR 2015/2016

anno scolastico/school YEAR 2015/2016 MODULO D ISCRIZIONESERVIZIO TRASPORTO ALUNNI PER LE FAMIGLIE DELLA CANADIAN SCHOOL OF MILAN SCHOOL BUS APPLICATION FORM FOR THE STUDENTS OF CANADIAN SCHOOL OF MILAN ann sclastic/school YEAR 2015/2016 SCRIVERE

Dettagli

FORUM PREVENZIONE INCENDI Roma - 18 Giugno 2008

FORUM PREVENZIONE INCENDI Roma - 18 Giugno 2008 FORUM PREVENZIONE INCENDI Roma - 18 Giugno 2008 La corretta progettazione degli impianti antincendio. Dalla 46/90 al decreto 22 gennaio 2008 n. 37: come cambiano le procedure per il rilascio del CPI nel

Dettagli

PRODOTTI DA COSTRUZIONE CON L OBBLIGO DI DOP E MARCATURA CE (elenco aggiornato al 31 luglio 2014) ACCIAI e altri PRODOTTI DA COSTRUZIONE

PRODOTTI DA COSTRUZIONE CON L OBBLIGO DI DOP E MARCATURA CE (elenco aggiornato al 31 luglio 2014) ACCIAI e altri PRODOTTI DA COSTRUZIONE CON L OBBLIGO DI DOP E MARCATURA CE (elenco aggiornato al 31 luglio 2014) ACCIAI e altri Acciai per la realizzazione di strutture metalliche e di strutture composte (laminati, tubi senza saldatura, tubi

Dettagli

D.M. 20 MAGGIO 1992, n. 569

D.M. 20 MAGGIO 1992, n. 569 D.M. 20 MAGGIO 1992, n. 569 Preambolo Il Ministro per i beni culturali e ambientali, di concerto con il Ministro dell'interno: Vista la legge 1º giugno 1939, n. 1089 (Gazzetta Ufficiale 8 agosto 1939,

Dettagli

AL COMUNE DI PIAZZA ARMERINA Settore Attività Produttive 94015 - PIAZZA ARMERINA

AL COMUNE DI PIAZZA ARMERINA Settore Attività Produttive 94015 - PIAZZA ARMERINA AL COMUNE DI PIAZZA ARMERINA Settore Attività Produttive 94015 - PIAZZA ARMERINA ESERCIZIO DI SOMMINISTRAZIONE AL PUBBLICO DI ALIMENTI E BEVANDE TIPOLOGIA C " art. 3 c. 6 SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO

Dettagli

REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U.

REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U. REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U. DISCIPLINA DEI LIMITI E DEI RAPPORTI RELATIVI ALLA FORMAZIONE DI NUOVI STRUMENTI URBANISTICI

Dettagli

Curriculum Vitae Europass

Curriculum Vitae Europass Curriculum Vitae Eurpass Infrmazini persnali Cgnme(i/)/Nme(i) Gentili Marc Cittadinanza italiana Sess Occupazine desiderata/settre prfessinale Maschile Espert Senir Esperienza prfessinale Date Lavr psizine

Dettagli

IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI

IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI LINEE D INDIRIZZO PER LA VALUTAZIONE DEI RISCHI CORRELATI ALL INSTALLAZIONE DI IMPIANTI FOTOVOTAICI SU EDIFICI DESTINATI

Dettagli

RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI TEMPORANEE DI PUBBLICO SPETTACOLO

RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI TEMPORANEE DI PUBBLICO SPETTACOLO C O M U N E D I R O V E R B E L L A Via Solferino e San Martino, 1 46048 Roverbella Tel. 0376/6918220 Fax 0376/694515 PEC PROTOCOLLO : roverbella.mn@legalmail.it RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI

Dettagli

(Omissis) Art. 1. (Campo di applicazione).

(Omissis) Art. 1. (Campo di applicazione). DECRETO MINISTERIALE 2 aprile 1968, n. 1444 (pubblicato nella g. u. 16 aprile 1968, n. 97). Limiti inderogabili di densità edilizia, di altezza, di distanza fra i fabbricati e rapporti massimi tra spazi

Dettagli

Relazione tecnica. Interferenze

Relazione tecnica. Interferenze Relazione tecnica L autorimessa interrata di Via Camillo Corsanego, viene realizzata nel V Municipio ai sensi della Legge 122/89 art.9 comma 4 (Legge Tognoli). Il dimensionamento dell intervento è stato

Dettagli

MINISTERO DELL INTERNO COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI CREMONA

MINISTERO DELL INTERNO COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI CREMONA 27/06/13 MINISTERO DELL INTERNO COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI CREMONA Gruppo Interprofessionale Provincia di Cremona Seminario di aggiornamento ai sensi del D.M. 5 agosto 2011 27 giugno 2013

Dettagli

LA NUOVA PREVENZIONE INCENDI DM 07.08.2013. Siena, 10 maggio 2013

LA NUOVA PREVENZIONE INCENDI DM 07.08.2013. Siena, 10 maggio 2013 Ministero dell Interno Dipartimento dei Vigili del Fuoco, del Soccorso Pubblico e della Difesa Civile Comando Provinciale Vigili del fuoco SIENA "Noctu et Die Vigilantes" LA NUOVA PREVENZIONE INCENDI DM

Dettagli

glazer union soluzioni per il rispetto delle norme HACCP nel settore alimentare

glazer union soluzioni per il rispetto delle norme HACCP nel settore alimentare CHE COS'È L'HACCP? Hazard Analysis and Critical Control Points è il sistema di analisi dei rischi e di controllo dei punti critici di contaminazione per le aziende alimentari. Al fine di garantire la completa

Dettagli

FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81

FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81 CARTA SEMPLICE FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81 ALL A.S.L. N. CN2 ALBA BRA DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE Servizio Prevenzione Sicurezza Ambienti di Lavoro Via Vida

Dettagli

S.F.S. Scuola per la Formazione e Sicurezza in Edilizia della provincia di Massa Carrara - Ing. Antonio Giorgini

S.F.S. Scuola per la Formazione e Sicurezza in Edilizia della provincia di Massa Carrara - Ing. Antonio Giorgini CADUTE DALL ALTO CADUTE DALL ALTO DA STRUTTURE EDILI CADUTE DALL ALTO DA OPERE PROVVISIONALI CADUTE DALL ALTO PER APERTURE NEL VUOTO CADUTE DALL ALTO PER CEDIMENTI O CROLLI DEL TAVOLATO CADUTE DALL ALTO

Dettagli

SETTORE TERRITORIO Servizio Urbanistica

SETTORE TERRITORIO Servizio Urbanistica SETTORE TERRITORIO Servizio Urbanistica VARIANTE CONNESSA A S.U.A. IN ZONA C3 DEL VIGENTE PRG RELAZIONE E NORME DI ATTUAZIONE IL DIRIGENTE SETTORE TERRITORIO (Ing. Gian Paolo TRUCCHI) IL PROGETTISTA (Arch.

Dettagli

ANALISI PREZZI AGGIUNTIVI

ANALISI PREZZI AGGIUNTIVI PA.01 Oneri di discarica valutati a mc misurato sul volume effettivo di scavo o demolizione. Oneri di discarica MC 1.000 24.76 24.76 TOTALE 24.76 PREZZO TOTALE PER MC 24.76 Pagina 1 di 11 PA.02 Fornitura

Dettagli

Gestione della sicurezza antincendio nei cantieri temporanei e mobili

Gestione della sicurezza antincendio nei cantieri temporanei e mobili Gestione della sicurezza antincendio nei cantieri temporanei e mobili RICHIAMO AL TESTO UNICO PER LA SICUREZZA D.lgs.vo 9 aprile 2008 n 81 Dott. Ing Luigi ABATE DPR N NN 37 3712 12 gennaio 1998 regolamento

Dettagli

5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio

5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio 5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio Pag. 1 di 36 DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI PER LA SALUTE E LA SICUREZZA NEGLI AMBIENTI DI LAVORO ai sensi degli artt. 17, 28 e 29 del D.lgs 81/08

Dettagli