CURRICULUM VITAE et STUDIORUM di Alessandra Cordiano

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CURRICULUM VITAE et STUDIORUM di Alessandra Cordiano"

Transcript

1 CURRICULUM VITAE et STUDIORUM di Alessandra Cordiano Formazione e posizione accademica: - Si laurea in Giurisprudenza presso la Facoltà di Trento, in data 21 luglio 1999, con una tesi di ricerca dal titolo La struttura giuridica del genoma umano, relatori i Proff. A. Chianale e U. Mattei - Dall A.A componente della Commissione di esami dell insegnamento di Istituzioni di Diritto privato e dall A.A componente della Commissione di esami dell insegnamento di Diritto di famiglia della Facoltà di Giurisprudenza dell Università degli studi di Verona, responsabile Prof. Francesco Ruscello. - Nell A.A risulta vincitrice di una Borsa di studio della Banca popolare di Verona, messa a concorso con bando del 20 marzo 2000, di durata biennale. - Nell A.A è iscritta al Corso di Dottorato di Ricerca in Diritto privato europeo dei diritti patrimoniali (XV Ciclo), istituito presso la Facoltà di Giurisprudenza dell Università di Verona e coordinato dal Prof. Alessio Zaccaria; dopo aver frequentato i tre anni di corso è stata ammessa all esame finale e consegue il titolo di Dottore di ricerca, con una tesi dal titolo Sicurezza generale dei prodotti e tutela del consumatore (Tutor Prof. Francesco Ruscello). - Nell A.A risulta vincitrice di borsa di studio triennale presso la Scuola di specializzazione in Diritto civile presso l Università di Camerino, dove ha sostenuto con il massimo dei voti gli esami del triennio. Si diploma con lode nell A.A , con una tesi dal titolo Evoluzione del concetto di salute. Dall art. 32 Cost. ai riflessi privatistici della medicina predittiva. - Ha concluso la pratica forense, iscritta all Ordine degli Avvocati di Verona, presso l Avvocato Barbara Maria Lanza, specialista in Diritto di Famiglia. - Dal 1 ottobre 2007 è Ricercatrice di Diritto privato (settore scientifico IUS/01) presso la Facoltà di Scienze della Formazione dell Università degli studi di Verona; dal marzo 2011 ha ottenuto la Conferma in Ruolo. - Dal 2007 è Professore aggregato della Facoltà di Scienze della Formazione dell Università degli studi di Verona. - E risultata idonea per la II fascia di Professore associato nell Abilitazione scientifica nazionale, Tornata Dal 1 novembre 2014 è Professore associato di Diritto privato (settore scientifico-disciplinare IUS/01) presso il Attività di Progettazione nazionale e internazionale: 1) Dal 2001 ad oggi - Collaborazione ai seguenti Progetti di ricerca (Responsabile Prof. Francesco Ruscello): Procreazione assistita e determinazione della paternità e della maternità, finanziato dal CNR; Rapporti di diritto civile tra diritto interno e normativa comunitaria; Potestà dei genitori e tutela dei figli. 2) Negli anni Responsabile del Progetto di ricerca Giovani Ricercatori-CNR finanziato dall Università di Verona, dal titolo Sicurezza dei prodotti e conformità del bene al contratto. Tutele contrattuali ed extracontrattuali del consumatore ( ). 3) Membro dell Unità locale del progetto Prin, valutato positivamente, Diritto, tutela del minore e società virtuali, responsabile Prof. Francesco Ruscello. 4) Legal expert dell Unità locale del Prin finanziato , Le competenze interculturali nella società complessa, Responsabile dell Unità locale, Prof. Agostino Portera. 5) Membro del team del progetto di miglioramento dei Corsi di studio, elaborato a seguito dell Autovalutazione del Corso di laurea in Scienze del Servizio sociale, Professioni sociali e mercato del lavoro. Un percorso per la costruzione di strumenti di monitoraggio del Cds Scienze del Servizio Sociale, finanziato dalla Commissione didattica di Ateneo dell Università di Verona. 6) Dal 2010 ad oggi, Legal expert al progetto Foster care from children's perspective in Italy, France, Roumania, gestito da CRED, Centro di Ricerca Educativa e Didattica Responsabile, Prof.ssa Mortari, Dipartimento di Filosofia, Pedagogia e Psicologia, Università di Verona. 7) Membro dell Unità locale del progetto Prin 2011, valutato positivamente, Le famiglie internazionali contributo all elaborazione di standard, modelli normativi e giurisprudenziali e best practices per l armonizzazione e l'applicazione uniforme del diritto internazionale privato nazionale, europeo e internazionale, Responsabile Prof.ssa Maria Caterina Baruffi.

2 8) Membro del team nazionale, Responsabile dell Unità italiana, Prof.ssa Donata Gottardi, del progetto Marie Curie Initial Training Networks, Self-med 2011, Responsabile europeo, Uniwersytet Jagiellonski Collegium Medicum, valutato positivamente. 10) Membro del team coordinatore europeo del Progetto VIIPQ, Longevity as a challenge, (Resp. Prof.ssa Donata Gottardi). 11) 2007 ad oggi - Responsabile dei seguenti progetti di ricerca (Fondi ex 60%): Le disposizioni del corpo nel contesto delle nuove scienze; Costi sociali e costi individuali del conflitto familiare: strumenti giuridici e strumenti di sostegno di composizione dei conflitti. 12) Membro del Progetto "Modelli di Integrazione e di Innovazione delle pratiche di documentazione e Valutazione di Esito degli interventi educativi e socio-sanitari sui minori in affidamento"(mives), siglato fra l Università di Verona, e l Università di Trento e finanziato dalla Caritro (Resp. Prof.ssa Monica Pedrazza). Rapporti con il territorio: 1) A.a , Referente del Dipartimento di Scienze giuridiche per la Convenzione fra il Dipartimento di Scienze giuridiche dell Università di Verona, il Tribunale di Verona, e gli Ordini degli Avvocati e dei medicichirurghi di Verona, l Ordine degli Psicologi e l Ordine degli Assistenti sociali del Veneto, per L elaborazione di Linee guida di applicazione virtuosa, e responsabile del progetto correlato Consulenza tecnica nei procedimenti in materia di minori e famiglia. 2) A.a , Referente del Dipartimento di Scienze giuridiche per la Convenzione con CODESS Sociale per formazione e consulenza ad operatori/educatori nell ambito del progetto R.I.M.A Rete di interventi multidisciplinari contro l abuso e lo sfruttamento sessuale su minori, finanziato dal Dipartimento per le pari opportunità. Periodi all estero: 1) Gennaio-Giugno 2001, Ospite scientifico presso il Lehrstuhl für Bürgerliches Recht, Zivilprozessrecht, Internationales Privatrecht und Rechtsvergleichung dell Università di Mannheim, docente referente Prof. Dott. Jochen Taupitz; 2) Luglio-Agosto 2001, Ospite scientifico presso l Institut für Ausländisches und Internationales Privatrecht dell Università di Heidelberg, docente referente Prof. Erik Jayme; 3) Settembre 2001-Gennaio 2002, Ospite scientifico presso il Department of Law dell Università di Sheffield, docente referente Prof. Geraint Howells; 4) Luglio-Settembre 2009, Visiting professor presso il King s College - School of Law di Londra, docente ospitante Prof.ssa Rosamund Scott; 5) Maggio Visiting professor presso la Facultad de Derecho, dell Uned di Madrid. Partecipazione a comitati editoriali e redazionali: - Dal 2010, nel Comitato di redazione della Collana Biblioteca di diritto civile, diretta dal Prof. Ruscello, edizioni Aracne. - Dal 2013, Membro del Comitato scientifico della rivista Italian sociological Review. Altro: - A.a , Valutatore per la VQR-prodotti. - A.a , Valutatore per la VQR-progetti. Pubblicazioni Articoli su riviste Inseminazione artificiale eterologa: il cammino di un parto ancora lungo, in Rass. dir. civile, 2001, p Tutela delle coppie omosessuali ed esigenze di regolamentazione, in Familia, 2004, p La nuova direttiva sulla sicurezza dei prodotti n. 2001/95/CE e lo stato di applicazione nell ordinamento nazionale, in Vita not., 2004, p La disciplina sulla sicurezza generale dei prodotti e la dottrina tedesca del Schutzgesetz, in Rass. dir. civile, 2005, p Fondo patrimoniale e obbligazioni ex delicto, in Vita notarile, 2005, p DLGS. 21 maggio 2004, nùm. 127, de trasposiciòn de la Directiva 2001/95/CE, in Anuario der. civil, 2005, p Danno non patrimoniale per violazione dei doveri genitoriali, 5 novembre 2004, in Familia, 2006, p La dichiarazione di incostituzionalità dell art. 274 c.c. e i problemi di coordinamento con il rinvio operato dall art. 279 c.c. L interesse del minore come questione aperta, in Rass. diritto civile, 2008, p Procreazione medicalmente assistita e diagnosi preimpianto: a proposito di una recente sentenza del Tar del Lazio, in Familia, 2008, p. 21; Contenuto e attualità del dovere di mantenimento dei figli, n , in Familia, 2008, p Il disegno di legge sul testamento biologico: l autodeterminazione mancata e alcune antinomie sistematiche, in Nuova giur. civ. comm., 2009, p Donazione indiretta: il caso della contestazione di conto corrente bancario, in Famiglia e dir., 2010, p Profili di responsabilità civile nella produzione di organismi geneticamente modificati, in Rass. diritto civile, 2011, p. 400.

3 L esercizio delle situazioni esistenziali del beneficiario dell amministrazione di sostegno, in Dir. fam. pers., 2011, p Proporzionalità e adeguatezza nel mantenimento della prole: riflessioni sulle modalità attuative del dovere, in Riv. Aiaf, 2011, n. 3, p. 51. Deflationary measures and the reduction of individual costs in family crises, in Italian Sociological Review, 2011, n. 3, p. 21. Consulenza tecnica e relazioni dei servizi sociali territoriali: analogie formali e sostanziali, in Rass. serv. sociale, 2012, n. 2, p ; Nuovi contesti sociali e nuove esigenze di tutela: strumenti deflattivi e risoluzione dei costi individuali nella crisi familiare, in Fam. pers. succ., 2012, p ; La consulenza tecnica nei procedimenti in materia di famiglia: ricostruzione teorica e profili di responsabilità professionale, settembre 2012, p. 1-23; Dal principio dell ascolto all autodeterminazione dispositiva del minore: il consenso informato in pediatria, in Comp. dir. civ., ottobre 2012, p Funzioni e ruoli genitoriali nelle famiglie allargate e ricomposte: una comparazione fra modelli normativi e alcune riflessioni evolutive, in Comp. dir. civ., novembre 2012, p L ingiuria nella revocazione per ingratitudine: gravità della lesione e tutela del patrimonio morale del donante, in Fam. dir., 2013, p Court-ordered assessments of family resources in family law proceedings: the technical advisor and other non-juridical professionals compared and contrasted, in Italian Sociological Review, 2013, n. 3, 1, p The most significant dispositions concerning participation of minors in decision-making processes regarding health matters: relevant legislation and Codes of Ethics, in Italian Sociological Review, 2013, n. 3, 2, p Gli strumenti della conciliazione, costi sociali e costi individuali della crisi familiare nel diritto europeo e in quello interno, 2014; in Organizzazione del lavoro e relazioni familiari, Atti di "Organizzazione del lavoro e relazioni familiari", 2013, 2014, pp Producción normativa multinivel y función supletoria de las normas de soft law. el caso de los biobancos de investigación entre lo obligatorio, lo persuasivo y lo justiciable, in Revista de Derecho UNED, 2014, p La soft law nel diritto di famiglia, in Avvocati di famiglia, n. 2, 2014, pp Monografie: Sicurezza dei prodotti e tutela preventiva del consumatore, Padova, Cedam, Identità della persona e disposizioni del corpo (La tutela della salute nelle nuove scienze), Roma, Aracne, Capitoli di Libro: Attualità dell art. 148 c.c. e affidamento condiviso della prole, in Studi in onore di Davide Messinetti, ed. Esi,, 2008, p Commento agli artt (Sicurezza generale dei prodotti); Commento agli artt , , 127 (Responsabilità per danno da prodotti difettosi), in Codice del consumo annotato con la dottrina e la giurisprudenza a cura di E. Capobianco e G. Perlingieri, ed. Esi, Napoli, Commento agli artt c.c. (Dei modi di estinzione diversi dall adempimento: Della novazione; Della remissione; Della Compensazione; Dell impossibilità sopravvenuta per causa non imputabile al debitore), Commento agli artt bis c.c. (Dei privilegi), Commento agli artt c.c. (Delle ipoteche: Disposizioni generali; Dell ipoteca legale; Dell ipoteca giudiziale; Dell ipoteca volontaria), aggiornamento al Codice Civile annotato con la dottrina e la giurisprudenza a cura di G. Perlingieri,ed. Esi, Napoli, 2010, Competenze interculturali nel settore giuridico, in A. PORTERA (a cura di), Competenze interculturali. Teoria e pratica (Ricerca nei settori scolastico-educativo, giuridico, aziendale, sanitario e della mediazione culturale), FrancoAngeli, 2013, p ; In corso di pubblicazione e lavorazione: Voce Diritto alla salute, in Dizionario di Bioetica e Scienza giuridica, ed. Esi, Napoli; L integrazione delle differenti professionalità nei processi separativi delle famiglie, Il diritto all identità di genere nella transizione sessuale alla luce dei più recenti interventi normativi e giurisprudenziali, destinato agli Studi in onore di Maurizio Pedrazza Gorlero, Transizione sessuale e rapporti familiari, inviato alla Rassegna di diritto civile. Didattica: Dall a.a ad oggi, docente per l insegnamento di Diritto privato e della famiglia (36 ore, 6 cfu) presso il Corso di Laurea triennale in Scienze del Servizio sociale; di Istituzioni di Diritto Privato (36 ore, 6 cfu) presso il Corso di Laurea triennale in Scienze dell Educazione; di Diritto di famiglia e dei minori (36 ore, 6 cfu), presso il Corso di Laurea Magistrale in Servizio sociale e Politiche sociali; di Diritto privato (30 ore, 4 cfu), presso il Corso di Laurea quadriennale in Scienze della Formazione primaria interateneo Verona-Padova; di Diritto privato presso la Scuola di Specializzazione in Medicina legale dell Università degli Studi di Verona. Svolge attività didattica nel Corso Donne Politica e Istituzioni La dimensione di genere tra pubblico e privato (Corso di formazione organizzato presso l Università di Verona, con il sostegno del Dipartimento per le Pari

4 Opportunità), sul tema Le nuove famiglie; docente del modulo di Le nuove forme familiari (8 ore) al Master di I Livello in Mediazione familiare, organizzato presso l Università di Verona, Dirett. Prof.ssa Paola Di Nicola. Ulteriore Attività didattica: 1) Gennaio 2004, Lezione presso la Scuola di specializzazione per le professioni legali dell Università degli studi di Verona sui temi Trascrizione e usucapione. 2) Gennaio 2008, Lezione presso il Corso di perfezionamento e aggiornamento per amministratori di condominio organizzato dalla Cattedra di Diritto privato della Facoltà di Giurisprudenza dell Università di Verona, in tema di Responsabilità contrattuale ed extracontrattuale in condominio. 3) Marzo 2009, Attività didattica presso l Istituto superiore Lavinia Mondin di Verona, tenendo un seminario sul tema La produzione transgenica di Ogm e la disciplina europea. 4) 30 Novembre 2010, Attività didattica nel Corso per amministratori di sostegno, organizzato dall Ordine degli Avvocati di Verona, in tema di Tutela dei diritti personali e personalissimi del beneficiario. 5) 21 maggio 2013, Attività didattica nel Dottorato in Diritto europeo dei contratti civili, commerciali e del lavoro, consorziato fra Università di Venezia Ca Foscari, Università di Cagliari, Università di Catania, Università di Foggia, Luiss Guido Carli Roma, Seconda Università di Napoli, Università Pubblica di Navarra, Università di Salamanca, sul tema Persona e Autorità della scienza; 6) 31 maggio-28 giugno 2013, Attività didattica (8 ore di didattica frontale) nel Corso di formazione Rete di interventi multidisciplinari contro abuso e sfruttamento sessuale su minore, organizzato dal Codess sociale e finanziato dal Dipartimento per le pari opportunità, sul tema Il tribunale per i minorenni e Competenze giurisdizionali e servizi territoriali. Attività convegnistica: 1) Febbraio 2011, Presiede e modera il seminario di studi La tutela dell impresa e del Patrimonio familiare anche in previsione di eventuali successioni per causa di morte e in correlazione con i fenomeni di disgregazione della famiglia, organizzato dall Aiaf (Associazione italiana degli avvocati per la famiglia e per i minori) e dall Ordine degli Avvocati di Verona. 2) Aprile 2011, Relatrice nel Convegno di studi in tema di Nuovi contesti familiari e tutela giuridica, organizzato dalla Camera minorile InCamMiNo e dall Ordine degli Avvocati di Vicenza. 3) Maggio 2011, Relatrice al Convegno La volontaria giurisdizione dalla culla al bastone, organizzato all Accademia degli Avvocati di Verona e dall Ordine degli Avvocati di Verona. 4) Novembre 2011, Relatrice al Convegno Lo statuto della Matrigna. Figli, padri e madri nelle famiglie ricomposte, organizzata dall Osservatorio Nazionale sul diritto di Famiglia Sezione di Verona. 5) Aprile 2012, Relatrice al Convegno di studi Etica, deontologia e responsabilità dell avvocato di famiglia. Come riconoscere il disagio del minore e quali le forme di tutela?, organizzato dalla Camera minorile InCamMiNo e dall Ordine degli Avvocati di Verona. 6) Ottobre 2012, Relatrice al Convegno Funzioni e ruoli genitoriali nelle famiglie allargate, organizzata dall Ordine degli Avvocati di Brescia. 7) Ottobre 2012, Relatrice al Convegno Dalla scoperta di sé alla transizione: il percorso medico/psicologico per le persone transessuali e transgender, organizzato dal Dipartimento di Sanità pubblica e Medicina di Comunità e dal Dipartimento di Scienze giuridiche dell Università degli studi di Verona e dal Servizio Accoglienza Trans (SAT- PINK) di Verona. 8) Novembre 2012, Relatrice al Convegno sulla Presentazione delle Linee Guida in materia di Consulenza tecnica nei procedimenti di diritto di famiglia e sottoscrizione del Protocollo, organizzato dall Ordine degli Avvocati di Verona e dal 9) Febbraio 2013, Relatrice alla Tavola Rotonda Orizzonti per le nuove famiglie: vecchi conflitti, inedite relazioni, organizzato da OfficinaMentis Associazione Psicoanalitica per la formazione e la ricerca clinica di Bologna. 10) Marzo 2013, Relatrice e Componente del Comitato scientifico del Convegno Il minore nel processo civile tra teoria e prassi, organizzato da Osservatorio nazionale sul diritto di famiglia, Camera minorile e Unione giuristi cattolici italiani di Verona, con l adesione dell Associazione donne magistrato, dell Ordine degli Avvocati di Verona e del 11) Marzo 2013, Relatrice alla Presentazione dei risultati del Progetto di Ricerca di Rilevante interesse nazionale (Prin 2008) Le competenze interculturali nella società complessa, Centro studi interculturali, Dipartimento di Filosofia, Pedagogia, Psicologia dell Università di Verona. 12) Giugno 2013, Relatrice al Convegno I doveri nascenti dal matrimonio e la loro violazione tra addebito e risarcimento del danno, organizzato all Accademia degli Avvocati di Verona e dall Ordine degli Avvocati di Verona, Osservatorio nazionale sul diritto di famiglia-sezione di Verona. 13) Settembre 2013, Relatrice al Convegno Organizzazione del lavoro e relazioni familiari, organizzato con il sostegno del Ministero per il Lavoro e per le Politiche sociali, della Consigliera di parità, della Provincia di Pisa, con la

5 collaborazione di AGI (Avvocati giuslavoristi italiani) e Aiaf-Sezione di Pisa, in tema di Gli strumenti della conciliazione, costi sociali e costi individuali della crisi familiare nel diritto europeo e in quello interno. 14) Novembre 2013, Moderatrice alla giornata seminariale L integrazione delle differenti professionalità nei processi separativi delle famiglie, organizzata dal Comune di Verona, Azienda sanitaria Ulss20, Ordine degli avvocati di Verona, Aiaf-Sezione di Verona. 15) Dicembre 2013, Relatrice al seminario Maschio o femmina? Il binarismo sessuale è davvero indispensabile al diritto?, organizzato dal Centro di ricerca Politesse, Politiche e Teorie della Sessualità, del Dipartimento di Filosofia, Pedagogia e Psicologia dell Università di Verona, con un intervento dal titolo Intersessualità, transessualismo e transgenderismo: il diritto all identità di genere fra tutela del soggetto e autotutela dell ordinamento. 16) Febbraio Relatrice al Convegno Il danno non patrimoniale esofamiliare ad endofamiliare: quando, come e quanto?, organizzato dll Osservatorio nazionale sul diritto di famiglia, dall Ordine degli Avvocati di Verona e dal 17) Marzo Relatrice al Convegno sulla Sottoscrizione del Protocollo Famiglia in materia di Separazione, divorzio e crisi della famiglia di fatto, organizzato dall Ordine degli Avvocati di Verona e dal Dipartimento di Scienze giuridiche dell Università di Verona. 18) Settembre-ottobre Relatrice ai seminari formativi Come cambia la scrittura giuridica nel processo telematico, organizzato dall Ordine degli Avvocati di Verona e dall Osservatorio nazionale sul diritto di famiglia-sezione di Verona. 19) Ottobre Relatrice alla presentazione del libro Diritti in transito. La condizione giuridica delle persone transessuali di Anna Lorenzetti, organizzata dal Centro di ricerca Politesse, Politiche e Teorie della Sessualità dell Università di Verona e dal Dipartimento di Filosofia, Pedagogia, Psicologia dell Università di Verona. 20) Ottobre Relatrice al Convegno In ascolto di storie indicibili, del progetto R.I.M.A Rete di interventi multidisciplinari contro l abuso e lo sfruttamento sessuale su minori, finanziato dal Dipartimento per le pari opportunità, organizzato dal CODESS Sociale, Ulss 20 e 21, Comune di Verona e Dipartimento di Scienze giuridiche dell Università di Verona. 21) Novembre Relatrice al Convegno internazionale Fable of the Law, organizzato dal Dipartimento di Lingue e letterature straniere e dal Dipartimento di Scienze giuridiche dell Università di Verona, e da Aidel- Associazione Italiana Diritto e Letteratura, con un intervento dal titolo Archetypes and Family models. 22) Novembre 2014 Relatrice al Convegno internazionale La famiglia nella società contemporanea, organizzato dal Dipartimento di Scienze giuridiche dell Università di Verona, dall Osservatorio nazionale sul diritto di famiglia-sezione di Verona, da Uned - Universidad Nacinal a Distancia, e dall Idadfe - Instituto de Desarrollo y Análisis del Derecho de Familia en España, con un intervento dal titolo Rapporti familiari e transizione sessuale. 23) Novembre 2014 Relatrice al Convegno Legami e crisi familiari nella genitorialità multietnica, organizzato dall Ulss 20, dal Comune di Verona e dal 24) Dicembre 2014, Relatrice al Convegno Passaggio di informazioni tra Servizi Scolastici, Socio-Educativi e Socio-Sanitari per minori, nell ambito del progetto Modelli di Integrazione e di Innovazione delle pratiche di documentazione e Valutazione di Esito degli interventi educativi e socio-sanitari sui minori in affidamento"(mives), organizzato dal Dipartimento di Lettere e Filosofia dell Università degli studi di Trento. Altra attività professionale: - Attività di consulenza scientifica presso l Avvocato Barbara Maria Lanza, specialista in Diritto di Famiglia. - Partecipazione alla trasmissione radiofonica Diritto e Rovescio, organizzata Rai Bolzano (dicembre 2011). - Partecipazione alla trasmissione radiofonica My Generation, organizzata Radio Verona (marzo 2012). - Partecipazione come relatore ad un evento compreso in Infinitamente, organizzato dall Università degli studi di Verona (marzo 2014). - Membro di Aidel - Associazione Italiana Diritto e Letteratura. Verona, gennaio 2015 Alessandra Cordiano

REGOLAMENTO SUI CULTORI DELLA MATERIA

REGOLAMENTO SUI CULTORI DELLA MATERIA Articolo 1 Ambito di applicazione REGOLAMENTO SUI CULTORI DELLA MATERIA 1. Il presente Regolamento disciplina le modalità di nomina dei Cultori della materia e le loro attività. Articolo 2 Funzioni 1.

Dettagli

MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016

MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016 MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016 Presentazione L'Università Ca' Foscari Venezia e l'escp Europe hanno ideato il Doppio Master universitario in Management

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA. Titolo I Norme comuni

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA. Titolo I Norme comuni REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA Titolo I Norme comuni Art. 1 Oggetto e finalità del Regolamento 1. Il presente regolamento disciplina il conferimento

Dettagli

MASTER IN PROJECT MANAGEMENT (VII EDIZIONE) A.A. 2010-2011

MASTER IN PROJECT MANAGEMENT (VII EDIZIONE) A.A. 2010-2011 Livello: I CFU: 60 MASTER IN PROJECT MANAGEMENT (VII EDIZIONE) A.A. 2010-2011 Direttore del corso: Comitato Scientifico: Cognome Nome Qualifica SSD Università/Facoltà/ Dipartimento Roveda Alberto Ric.

Dettagli

29, 19 30 2010, 240 24 2014, 478) INDICE

29, 19 30 2010, 240 24 2014, 478) INDICE Regolamento per l attribuzione a professori e ricercatori dell incentivo di cui all art. 29, comma 19 della legge 30 dicembre 2010, n. 240 (emanato con decreto rettorale 24 ottobre 2014, n. 478) INDICE

Dettagli

Management delle Strutture di Prossimità e delle Forme Associative nell Assistenza Territoriale

Management delle Strutture di Prossimità e delle Forme Associative nell Assistenza Territoriale - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - AREA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE, SANITÀ E NON

Dettagli

REGOLAMENTO PER GLI AFFIDAMENTI E I CONTRATTI PER ESIGENZE DIDATTICHE, ANCHE INTEGRATIVE, AI SENSI DELLA LEGGE 240/2010. Art. 1 Ambito di applicazione

REGOLAMENTO PER GLI AFFIDAMENTI E I CONTRATTI PER ESIGENZE DIDATTICHE, ANCHE INTEGRATIVE, AI SENSI DELLA LEGGE 240/2010. Art. 1 Ambito di applicazione REGOLAMENTO PER GLI AFFIDAMENTI E I CONTRATTI PER ESIGENZE DIDATTICHE, ANCHE INTEGRATIVE, AI SENSI DELLA LEGGE 240/2010 Art. 1 Ambito di applicazione L Università, in applicazione del D.M. 242/98 ed ai

Dettagli

CORSI AGGIORNAMENTO UNIVERSITARIO BANDO INPS GESTIONE E DIPENDENTI PUBBLICI - INFORMAZIONI INTEGRATIVE TIVE - A.A. 2013/2014

CORSI AGGIORNAMENTO UNIVERSITARIO BANDO INPS GESTIONE E DIPENDENTI PUBBLICI - INFORMAZIONI INTEGRATIVE TIVE - A.A. 2013/2014 CORSI AGGIORNAMENTO UNIVERSITARIO A.A. 2013/2014 BANDO INPS GESTIONE E DIPENDENTI PUBBLICI - INFORMAZIONI INTEGRATIVE TIVE - In data 10 febbraio 2014, l INPS ha pubblicato il bando che mette a concorso

Dettagli

Destinazione: IRLANDA. art. 1 SOGGETTO PROPONENTE E OGGETTO. indice una selezione

Destinazione: IRLANDA. art. 1 SOGGETTO PROPONENTE E OGGETTO. indice una selezione AVVISO DI SELEZIONE PER L ATTUAZIONE DEL PROGRAMMA LEONARDO DA VINCI Progetto M.E.D. Progetto nr. LLP-LdV-PLM-11-IT-254 Titolo M.E.D. (N. LLPLink 2011-1-IT1-LEO02-01757) Destinazione: IRLANDA art. 1 SOGGETTO

Dettagli

Regolamento per la formazione continua degli Assistenti Sociali

Regolamento per la formazione continua degli Assistenti Sociali Regolamento per la formazione continua degli Assistenti Sociali Approvato nella seduta di Consiglio del 10 gennaio 2014 Del.01/2014 IL CONSIGLIO NAZIONALE DELL ORDINE DEGLI ASSISTENTI SOCIALI CONSIDERATO

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DECRETO 30 settembre 2011. Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno, ai sensi degli articoli 5 e 13 del decreto

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE PRESSO IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA

CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE PRESSO IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA REGOLAMENTO 16 luglio 2014, n. 6 Regolamento per la formazione continua IL CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE nella seduta del 16 luglio 2014 visto l art. 11 della legge 31 dicembre 2012, n. 247, rubricato Formazione

Dettagli

ORDINE DEGLI STUDI A.A. 2012 2013 A CURA DELLA PRESIDENZA E DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE DI FACOLTA

ORDINE DEGLI STUDI A.A. 2012 2013 A CURA DELLA PRESIDENZA E DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE DI FACOLTA ORDINE DEGLI STUDI A.A. 2012 2013 A CURA DELLA PRESIDENZA E DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE DI FACOLTA Pag 2 INDICE Parte Prima 1. MANIFESTO DEGLI STUDI PER GLI IMMATRICOLATI A.A. 2012-2013 1.1 Laurea Magistrale

Dettagli

Parere in ordine all attivazione per l a.a. 2010/2011 dei corsi di studio istituiti ex DM 270/2004

Parere in ordine all attivazione per l a.a. 2010/2011 dei corsi di studio istituiti ex DM 270/2004 Parere in ordine all attivazione per l a.a. 2010/2011 dei corsi di studio istituiti ex DM 270/2004 - MAGGIO 2010 - DOC 05/10 Il NdV ha esaminato le caratteristiche dei corsi di studio istituiti sulla base

Dettagli

Didattica per l Eccellenza. Libertà va cercando, ch è sì cara L esperienza della libertà. Romanae Disputationes

Didattica per l Eccellenza. Libertà va cercando, ch è sì cara L esperienza della libertà. Romanae Disputationes Didattica per l Eccellenza Libertà va cercando, ch è sì cara L esperienza della libertà Romanae Disputationes Concorso Nazionale di Filosofia 2014-2015 OBIETTIVI DEL CONCORSO Il Concorso Romanae Disputationes

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO Art. 1 - Finalità e ambito di applicazione Il presente Regolamento, emanato ai sensi della legge 9 maggio 1989, n. 168, disciplina, in armonia con i principi generali stabiliti dalla Carta Europea dei

Dettagli

UNIVERSITA per Stranieri Dante Alighieri Reggio di Calabria

UNIVERSITA per Stranieri Dante Alighieri Reggio di Calabria di UNIVERSITA per Stranieri Dante Alighieri Reggio di Calabria Master di I livello in Manager delle imprese sociali e delle organizzazioni non lucrative di utilità sociale Indirizzi: - Manager delle Imprese

Dettagli

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica);

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica); DIPARTIMENTO DI LINGUE, LETTERATURE E CULTURE STRANIERE Corso di laurea triennale in LINGUE E CULTURE STRANIERE Classe L 11/Classe dellee lauree in Lingue e culture moderne Guida breve per l orientamento

Dettagli

Tirocinio indiretto. per la classe di abilitazione 91A e 92A Piano organizzativo

Tirocinio indiretto. per la classe di abilitazione 91A e 92A Piano organizzativo Tirocinio indiretto per la classe di abilitazione 91A e 92A Piano organizzativo Studentesse/Studenti senza riduzione oraria: 75 ore indiretto, di queste 15 ore dedicate all inclusione Studentesse/Studenti

Dettagli

Regolamento per l attribuzione dei crediti formativi altre attività

Regolamento per l attribuzione dei crediti formativi altre attività UNIVERSITA DEGLI STUDI DI GENOVA Scuola Politecnica, Dipartimento di Scienze per l Architettura Regolamento per l attribuzione dei crediti formativi altre attività Corso di Laurea TRIENNALE IN DISEGNO

Dettagli

Università degli Studi di Roma Tor Vergata

Università degli Studi di Roma Tor Vergata Università degli Studi di Roma Tor Vergata DIPARTIMENTO DI ECONOMIA E FINANZA MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ECONOMIA DELLA CULTURA: POLITICHE, GOVERNO E GESTIONE modalità didattica mista presenza/distanza

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI VERONA DIREZIONE STUDENTI - AREA POST-LAUREAM

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI VERONA DIREZIONE STUDENTI - AREA POST-LAUREAM MASTER UNIVERSITARIO IN MANAGEMENT PER FUNZIONI DI COORDINAMENTO DELLE PROFESSIONI SANITARIE SEDE DI TRENTO A.A. 2012/13 Livello I Durata Annuale CFU 60 (1 anno) ANAGRAFICA DEL CORSO - A Lingua Italiano

Dettagli

Gianluca Nardone curriculum vitae 12 luglio 2013. 0. Profilo Sintetico... 2. I. Precedenti esperienze didattiche (ultimi 5 anni)...

Gianluca Nardone curriculum vitae 12 luglio 2013. 0. Profilo Sintetico... 2. I. Precedenti esperienze didattiche (ultimi 5 anni)... INDICE 0. Profilo Sintetico... 2 I. Precedenti esperienze didattiche (ultimi 5 anni)... 3 II. Titoli scientifici o di progettazione (ultimi 5 anni)... 4 III. Titoli di formazione post- laurea... 6 IV.

Dettagli

CURRICULUM VITAE ET STUDIORUM. Cavarretta Giuseppe Alfredo Via R. Sanzio 48/A 0984 33768

CURRICULUM VITAE ET STUDIORUM. Cavarretta Giuseppe Alfredo Via R. Sanzio 48/A 0984 33768 CURRICULUM VITAE ET STUDIORUM Cavarretta Giuseppe Alfredo Via R. Sanzio 48/A 0984 33768 DATI ANAGRAFICI Cavarretta Giuseppe Alfredo Nato a CROTONE (KR) il 16/02/1954 Residente a 87036 RENDE (CS) Via R.

Dettagli

che serve Corso base sui Disturbi Specifici dell Apprendimento Direttore: Dr. Marco Leonardi 26 ottobre 2013 CEFPAS Caltanissetta 6 CREDITI E.C.

che serve Corso base sui Disturbi Specifici dell Apprendimento Direttore: Dr. Marco Leonardi 26 ottobre 2013 CEFPAS Caltanissetta 6 CREDITI E.C. laformazione che serve Corso base sui Disturbi Specifici dell Apprendimento Direttore: Dr. Marco Leonardi 26 ottobre 2013 CEFPAS Caltanissetta 6 CREDITI E.C.M Premessa Di recente i disturbi specifici dell

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE DELL ORDINE DEI CONSULENTI DEL LAVORO

CONSIGLIO NAZIONALE DELL ORDINE DEI CONSULENTI DEL LAVORO CONSIGLIO NAZIONALE DELL ORDINE DEI CONSULENTI DEL LAVORO Norme attuative del Regolamento per la Formazione Continua della professione di Consulente del Lavoro. Premessa 1. Le presenti norme attuative

Dettagli

REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO

REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO Testo approvato definitivamente dal Senato Accademico e dal Consiglio di Amministrazione rispettivamente

Dettagli

AFFIDAMENTO AI SERVIZI SOCIALI: SIGNIFICATO, RISORSA, CRITICITÀ. RESPONSABILITÀ DEI SERVIZI E DEI GENITORI NELLE SCELTE DECISIONALI PER I MINORI 1

AFFIDAMENTO AI SERVIZI SOCIALI: SIGNIFICATO, RISORSA, CRITICITÀ. RESPONSABILITÀ DEI SERVIZI E DEI GENITORI NELLE SCELTE DECISIONALI PER I MINORI 1 AFFIDAMENTO AI SERVIZI SOCIALI: SIGNIFICATO, RISORSA, CRITICITÀ. RESPONSABILITÀ DEI SERVIZI E DEI GENITORI NELLE SCELTE DECISIONALI PER I MINORI 1 Daniela Turci Avvocato del Foro di Verona La normativa

Dettagli

Corso di LAUREA IN CONSULENTE DEL LAVORO E SCIENZE DEI SERVIZI GIURIDICI (CLASSE L-14)

Corso di LAUREA IN CONSULENTE DEL LAVORO E SCIENZE DEI SERVIZI GIURIDICI (CLASSE L-14) Corso di LAUREA IN CONSULENTE DEL LAVORO E SCIENZE DEI SERVIZI GIURIDICI (CLASSE L-14) Curriculum in Consulente del lavoro PIANO DI STUDIO COORTE DI RIFERIMENTO A.A. 2014-2015 I anno II anno IUS 01 - Istituzioni

Dettagli

Rapporto di Riesame - frontespizio

Rapporto di Riesame - frontespizio Rapporto di Riesame - frontespizio Denominazione del Corso di Studio : TECNOLOGIE ALIMENTARI Classe : L26 Sede : POTENZA - Scuola di Scienze Agrarie, Forestali, Alimentari ed Ambientali - SAFE Primo anno

Dettagli

Università degli Studi di Siena CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN STRUMENTI STATISTICI PER L ANALISI DELLA QUALITÀ PERCEPITA IN SANITÀ A.A.

Università degli Studi di Siena CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN STRUMENTI STATISTICI PER L ANALISI DELLA QUALITÀ PERCEPITA IN SANITÀ A.A. Università degli Studi di Siena CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN STRUMENTI STATISTICI PER L ANALISI DELLA QUALITÀ PERCEPITA IN SANITÀ A.A. 2011/2012 Art. 1 Oggetto del bando 1. L Università degli Studi di Siena

Dettagli

CORSO ANTINCENDIO BASE

CORSO ANTINCENDIO BASE Evento formativo Corso di addestramento CORSO ANTINCENDIO BASE 1. Premessa Il D.Lgs. 81/2008 e D.M. 10.03.98 stabiliscono, tra l altro, i criteri per la valutazione dei rischi incendio nei luoghi di lavoro

Dettagli

MANIFESTO DEGLI STUDI

MANIFESTO DEGLI STUDI UFFICIO ALTA FORMAZIONE ED ESAMI DI STATO MANIFESTO DEGLI STUDI MASTER DI II LIVELLO con modalità didattica multimediale, integrata e a distanza MANAGEMENT E DIRIGENZA NELLA SCUOLA (istituito ai sensi

Dettagli

CORSO UNIVERSITARIO DI AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE IN SERVIZI PUBBLICI DIPARTIMENTO DI DIRITTO ECONOMIA E CULTURE. Anno accademico 2013-2014

CORSO UNIVERSITARIO DI AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE IN SERVIZI PUBBLICI DIPARTIMENTO DI DIRITTO ECONOMIA E CULTURE. Anno accademico 2013-2014 CORSO UNIVERSITARIO DI AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE IN SERVIZI PUBBLICI DIPARTIMENTO DI DIRITTO ECONOMIA E CULTURE Anno accademico 2013-2014 Como - Varese, 15 febbraio 2014 DESCRIZIONE DELLA PROPOSTA DI

Dettagli

MASTER DI II LIVELLO IN DIREZIONE E MANAGEMENT DELLE AZIENDE SANITARIE (DIMAS) - II EDIZIONE -

MASTER DI II LIVELLO IN DIREZIONE E MANAGEMENT DELLE AZIENDE SANITARIE (DIMAS) - II EDIZIONE - UNIVERSITÀ TELEMATICA LEONARDO DA VINCI A.A 2012/2013 MASTER DI II LIVELLO IN DIREZIONE E MANAGEMENT DELLE AZIENDE SANITARIE (DIMAS) - II EDIZIONE - Direttore Prof. Massimo Sargiacomo Università G. d Annunzio

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO Anno Accademico 2014 2015 X Edizione MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI In collaborazione con Federazione Relazioni Pubbliche Italiana DIRETTORE: Prof. Gennaro Iasevoli

Dettagli

Regolamento per l attribuzione a professori e ricercatori dell incentivo di cui all art. 29, comma 19, della Legge 240/2010

Regolamento per l attribuzione a professori e ricercatori dell incentivo di cui all art. 29, comma 19, della Legge 240/2010 Regolamento per l attribuzione a professori e ricercatori dell incentivo di cui all art. 29, comma 19, della Legge 240/2010 Art. 1 - Oggetto 1. Il presente regolamento disciplina i procedimenti di selezione,

Dettagli

Art. 3 Procedura di selezione

Art. 3 Procedura di selezione Regolamento per l'attribuzione a professori e ricercatori dell'incentivo di cui all'articolo 29, comma 19 della legge 240/10 (Emanato con Decreto del Rettore n.110 del 4 aprile 2014) Art. 1 Oggetto 1.

Dettagli

LINEE GUIDA per la compilazione della Scheda Unica Annuale della Ricerca Dipartimentale (SUA-RD)

LINEE GUIDA per la compilazione della Scheda Unica Annuale della Ricerca Dipartimentale (SUA-RD) LINEE GUIDA per la compilazione della Scheda Unica Annuale della Ricerca Dipartimentale (SUA-RD) Indice 1. Le basi normative e aspetti generali 2. Parte I: obiettivi, risorse e gestione del Dipartimento

Dettagli

ALLEGATO 2 A) TITOLI ABILITANTI DI ACCESSO ALLA GRADUATORIA

ALLEGATO 2 A) TITOLI ABILITANTI DI ACCESSO ALLA GRADUATORIA ALLEGATO 2 TABELLA DI VALUTAZIONE DEI TITOLI DELLA TERZA FASCIA DELLE GRADUATORIE AD ESAURIMENTO DEL PERSONALE DOCENTE ED EDUCATIVO DELLE SCUOLE ED ISTITUTI DI OGNI ORDINE E GRADO, APPROVATA CON D.M 27

Dettagli

Facoltà di Scienze e Tecnologie Corso di laurea magistrale in Gestione dell ambiente naturale e delle aree protette

Facoltà di Scienze e Tecnologie Corso di laurea magistrale in Gestione dell ambiente naturale e delle aree protette Facoltà di Scienze e Tecnologie Corso di laurea magistrale in Gestione dell ambiente naturale e delle aree protette Sede: Dipartimento di Scienze Ambientali, sez. Botanica ed Ecologia - Via Pontoni, 5

Dettagli

I FONDI IMMOBILIARI IN ITALIA E ALL ESTERO RAPPORTO 2010 I RELATORI

I FONDI IMMOBILIARI IN ITALIA E ALL ESTERO RAPPORTO 2010 I RELATORI I FONDI IMMOBILIARI IN ITALIA E ALL ESTERO RAPPORTO 2010 I RELATORI ALBERTO AGAZZI GENERALI IMMOBILIARE ITALIA Alberto Agazzi è nato a Milano il 18/06/1977 ed laureato in Ingegneria Edile presso il Politecnico

Dettagli

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI Requisiti di valutazione per un percorso di Ateneo finalizzato all accreditamento in qualità dei Corsi di Studio:

Dettagli

*** L ora è riservata per comunicazioni e riunioni (Collegio Studenti, Commissioni )

*** L ora è riservata per comunicazioni e riunioni (Collegio Studenti, Commissioni ) ORARIO LEZIONI 2 semestre - Anno accademico 2014/2015 2 semestre 1 ANNO GIORNI ORE LUNEDÌ Teologia morale fondamentale Teologia morale fondamentale Psicologia dello sviluppo I Psicologia dello sviluppo

Dettagli

Disturbi dell Apprendimento

Disturbi dell Apprendimento Master in Disturbi dell Apprendimento in collaborazione con IPS nelle sedi di MILANO ROMA PADOVA BARI CAGLIARI CATANIA RAGUSA Questo modulo d iscrizione, unitamente alla fotocopia della ricevuta del versamento

Dettagli

BIBLIOTECHE ITALIANE CHE POSSIEDONO IL PERIODICO: Il Fallimento e le altre procedure concorsuali : Rivista di dottrina e giurisprudenza

BIBLIOTECHE ITALIANE CHE POSSIEDONO IL PERIODICO: Il Fallimento e le altre procedure concorsuali : Rivista di dottrina e giurisprudenza BIBLIOTECHE ITALIANE CHE POSSIEDONO IL PERIODICO: Il Fallimento e le altre procedure concorsuali : Rivista di dottrina e giurisprudenza AN001 Centro di Ateneo di Documentazione - Polo Villarey - Facoltà

Dettagli

Carcere & Scuola: ne vale la Pena

Carcere & Scuola: ne vale la Pena PROGETTO DI EDUCAZIONE ALLA LEGALITA E CIVILTA Carcere & Scuola: ne vale la Pena Scuola di Alta Formazione in Scienze Criminologiche, Istituto FDE, Mantova Associazione LIBRA Rete per lo Studio e lo Sviluppo

Dettagli

17/04/2015 IL RETTORE

17/04/2015 IL RETTORE Protocollo 7882 VII/1 Data 26/03/2015 Rep. D.R n. 377-2015 Area Didattica Servizi agli Studenti e Alta Formazione Responsabile Dott. Antonio Formato Settore Alta Formazione Responsabile Dott. Tommaso Vasco

Dettagli

AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II.

AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II. AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II. In esecuzione della deliberazione del Direttore generale n. 765 del 30.04.2013,

Dettagli

Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it

Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it Master in 2013 10a edizione 18 febbraio 2013 MANAGEMENT internazionale Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it Durata

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BRESCIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BRESCIA Bando di ammissione al Master di II livello in BIM-BASED CONSTRUCTION PROJECT MANAGEMENT (VISUAL PM) ANNO ACCADEMICO 2014/2015 Ai sensi del comma 9 dell art. 7 del D.M. 270/99 e del Regolamento d Ateneo

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE D.R. n.1035/2015 Università degli Studi Internazionali di Roma - UNINT In collaborazione con CONFAPI MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

Dettagli

CONTRATTO CON LO STUDENTE A.A. 2014/2015

CONTRATTO CON LO STUDENTE A.A. 2014/2015 Si ricorda che alla domanda d iscrizione dovranno essere allegate 2 copie originali di questo contratto, tutte debitamente firmate dallo studente nelle parti indicate. CONTRATTO CON LO STUDENTE A.A. 2014/2015

Dettagli

Il Progetto Orient@mente

Il Progetto Orient@mente Il Progetto Orient@mente Presentazione, 25 marzo 2015 Marina Marchisio Dipartimento di Matematica G. Peano Orient@mente Progetto di UNITO che ha come scopo la realizzazione di un orientamento in ingresso

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE

CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE REGOLAMENTO PER LA FORMAZIONE CONTINUA (Testo approvato in via preliminare dal Consiglio Nazionale Forense il 21 febbraio 2014) SOMMARIO RELAZIONE DI ACCOMPAGNAMENTO... 2 BASE NORMATIVA: ARTICOLI RILEVANTI

Dettagli

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 Il Master MEA Management dell Energia e dell Ambiente è organizzato dall Università degli Studi Guglielmo Marconi

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DI ATENEO AI SENSI DEL D.M. 270/04

REGOLAMENTO DIDATTICO DI ATENEO AI SENSI DEL D.M. 270/04 REGOLAMENTO DIDATTICO DI ATENEO AI SENSI DEL D.M. 270/04 1 Indice Art. 1 - Definizioni...4 Art. 2 - Autonomia Didattica... 5 Art. 3 - Titoli, Corsi di studio e Corsi di Alta Formazione.... 5 Art. 4 - Rilascio

Dettagli

Università Vita~Salute San Raffaele

Università Vita~Salute San Raffaele Università Vita~Salute San Raffaele DECRETO RETTORALE N. 4185 IL RETTORE Visto lo Statuto dell'università Vita-Salute San Raffaele approvato con Decreto del Ministero dell'università e della Ricerca Scientifica

Dettagli

CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA

CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA (Operazione 2011-796/PR - approvata con Delibera di Giunta Provinciale n. 608 del 01/12/2011) BANDO DI SELEZIONE DOCENTI E CONSULENTI La Provincia di Parma ha

Dettagli

SUA-RD. Presidio Qualità Ateneo Università di Ferrara. 8 Gennaio 2015 Presidio Qualità Ateneo 1

SUA-RD. Presidio Qualità Ateneo Università di Ferrara. 8 Gennaio 2015 Presidio Qualità Ateneo 1 SUA-RD Presidio Qualità Ateneo Università di Ferrara 8 Gennaio 2015 Presidio Qualità Ateneo 1 Finalità della presentazione Questa presentazione ha lo scopo di esaminare le modalità di compilazione della

Dettagli

Bando di concorso Master di II Livello A.A. 2015/2016

Bando di concorso Master di II Livello A.A. 2015/2016 Bando di concorso Master di II Livello A.A. 2015/2016 Art. 1 - Attivazione Master di II livello L Istituto di MANAGEMENT ha attivato presso la Scuola Superiore Sant Anna di Pisa, ai sensi dell art. 3 dello

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering ( MODIFICATO IL 29 giugno 2009) Classe 31/S Politecnico di Bari I A Facoltà

Dettagli

SUA-RD Sperimentazione anno 2013

SUA-RD Sperimentazione anno 2013 Firenze 21 Gennaio 2015 Sperimentazione anno 2013 La Scheda Unica Annuale della Ricerca Dipartimentale (SUA-RD) è strutturata in 3 parti Parte I Obiettivi, risorse e gestione del Dipartimento Parte II:

Dettagli

hoòigioò UNIVERSITA DEGLI STUDI DELL INSUBRIA Dipartimento di Diritto Economia e Culture - Como

hoòigioò UNIVERSITA DEGLI STUDI DELL INSUBRIA Dipartimento di Diritto Economia e Culture - Como hoòigioò UNIVERSITA DEGLI STUDI DELL INSUBRIA Dipartimento di Diritto Economia e Culture - Como Corso di Laurea in Scienze della Mediazione Interlinguistica e Interculturale Classe L-12 Mediazione Linguistica

Dettagli

Metodi e strategie per la redazione di una tesi di dottorato in diritto comparto

Metodi e strategie per la redazione di una tesi di dottorato in diritto comparto Metodi e strategie per la redazione di una tesi di dottorato in diritto comparto Elena Sorda Con le note del Prof. G. Rolla Premessa Questo breve scritto nasce dall idea, espressa dal Prof. Rolla, di individuare

Dettagli

(annessa quale Allegato A al Regolamento adottato con D.M. 13 giugno 2007)

(annessa quale Allegato A al Regolamento adottato con D.M. 13 giugno 2007) TABELLA 1 (annessa quale Allegato A al Regolamento adottato con D.M. 13 giugno 2007) TABELLA DI VALUTAZIONE DEI TITOLI PER L INCLUSIONE NELLE GRADUATORIE DI CIRCOLO E DI ISTITUTO DI III FASCIA (ivi compreso

Dettagli

PROGRAMMA VINCI Bando 2015

PROGRAMMA VINCI Bando 2015 PROGRAMMA VINCI Bando 2015 L Università Italo Francese / Université Franco Italienne (UIF/UFI) emette il quindicesimo bando Vinci, volto a sostenere le seguenti iniziative: I. Corsi universitari binazionali

Dettagli

MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE

MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE Master di I livello in MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE In Sigla Master 74 Anno Accademico 2009/2010 (1500 ore 60 CFU) TITOLO Management nelle organizzazioni sanitarie FINALITÀ Con la locuzione

Dettagli

Indice. BEST in Europa 3. BEST Rome Tor Vergata 4. ibec 7. Le Giornate 8. Contatti 9

Indice. BEST in Europa 3. BEST Rome Tor Vergata 4. ibec 7. Le Giornate 8. Contatti 9 Indice BEST in Europa 3 BEST Rome Tor Vergata 4 ibec 7 Le Giornate 8 Contatti 9 Chi Siamo BEST è un network studentesco europeo senza fini di lucro, di stampo volontario ed apolitico. Gli obiettivi dell

Dettagli

Classe di abilitazione C032 Calendario e modalità di svolgimento delle prove

Classe di abilitazione C032 Calendario e modalità di svolgimento delle prove Classe di abilitazione C032 Calendario e modalità di delle prove Per lo degli esami sono previste più date in tre diversi periodi (maggio/giugno 2015, luglio 2015, gennaio 2016) con la possibilità per

Dettagli

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE 7 TH QUALITY CONFERENCE Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE INFORMAZIONI DI BASE 1. Stato: Italia 2. Nome del progetto: La diffusione di Best Practice presso gli Uffici Giudiziari

Dettagli

Note di compilazione della Scheda SUA 2014-15

Note di compilazione della Scheda SUA 2014-15 Presidio di Qualità Note di compilazione della Scheda SUA 2014-15 Introduzione Al fine di uniformare e facilitare la compilazione delle schede SUA-CdS, il Presidio ha ritenuto utile pubblicare queste note

Dettagli

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Nazionalità 23, VIA GIOVANNI PAOLO II, 23861, CESANA BRIANZA, LC ITALIANA Data di nascita 09/02/1979

Dettagli

VERBALE DELLA RIUNIONE DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE DELL UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO. Verbale n. 1/2012

VERBALE DELLA RIUNIONE DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE DELL UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO. Verbale n. 1/2012 VERBALE DELLA RIUNIONE DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE DELL UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO Verbale n. 1/2012 Il giorno 20 marzo 2012 alle ore 15.00 presso la sede universitaria di Via dei Caniana n. 2, si

Dettagli

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA Premessa La struttura dipartimentale rappresenta il modello ordinario di gestione operativa delle

Dettagli

FACOLTA DI ECONOMIA CALCOLO MEDIA DI LAUREA

FACOLTA DI ECONOMIA CALCOLO MEDIA DI LAUREA LAUREE QUADRIENNALI: FACOLTA DI ECONOMIA CALCOLO MEDIA DI LAUREA o ECONOMIA E COMMERCIO media aritmetica dei voti degli esami di profitto con esclusione dei voti delle Teologie e di quelli riguardanti

Dettagli

STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA

STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA 1. A norma degli articoli 14 e seguenti del Codice Civile è costituita la Fondazione dell

Dettagli

I MIGLIORI SI RICONOSCONO DAI RISULTATI

I MIGLIORI SI RICONOSCONO DAI RISULTATI I MIGLIORI SI RICONOSCONO DAI RISULTATI LO STRUMENTO PER GESTIRE A 360 LE ATTIVITÀ DELLO STUDIO, CON IL MOTORE DI RICERCA PIÙ INTELLIGENTE, L UNICO CHE TI CAPISCE AL VOLO. www.studiolegale.leggiditalia.it

Dettagli

IL RETTORE. Prot. 4 2_ 5 7.0 M. Vit.C11.1 - Visto il D.P.R. 11 luglio 1980, n. 382; - vista la legge 19 novembre 1990, n. 341;

IL RETTORE. Prot. 4 2_ 5 7.0 M. Vit.C11.1 - Visto il D.P.R. 11 luglio 1980, n. 382; - vista la legge 19 novembre 1990, n. 341; UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DICA IL RETTORE Ii[NyMITÀ DEGLI STUDI MI I ACATANIA Protocollo Generale 0 8 APR. 2014 Prot. 4 2_ 5 7.0 M. Vit.C11.1 - Visto il D.P.R. 11 luglio 1980, n. 382; - vista la legge 19

Dettagli

TABELLA B A) TITOLI DI STUDIO D ACCESSO

TABELLA B A) TITOLI DI STUDIO D ACCESSO TABELLA B TABELLA DI VALUTAZIONE DEI TITOLI PER L INCLUSIONE NELLE GRADUATORIE DI CIRCOLO E DI ISTITUTO DI III FASCIA (ivi compreso l insegnamento di strumento musicale nella scuola media), VALIDE PER

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Papalia Grazia Maria Data di nascita 29/06/1959

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Papalia Grazia Maria Data di nascita 29/06/1959 INFORMAZIONI PERSONALI Nome Papalia Grazia Maria Data di nascita 29/06/1959 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio I Fascia AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE DI REGGIO CALABRIA

Dettagli

DIRITTO ALLO STUDIO. Università degli Studi del Sannio. Costruiamo insieme il tuo FUTURO

DIRITTO ALLO STUDIO. Università degli Studi del Sannio. Costruiamo insieme il tuo FUTURO DIRITTO ALLO STUDIO I capaci e i meritevoli, anche se privi di mezzi, hanno diritto di raggiungere i gradi più alti degli studi. art. 34 Costituzione della Repubblica Italiana Diritto allo studio universitario

Dettagli

IL MINISTRO DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA ALLEGATO I parametri e i criteri, definiti mediante indicatori quali-quantitativi (nel seguito denominati Indicatori), per il monitoraggio e la valutazione (ex post) dei risultati dell attuazione dei programmi

Dettagli

Schede SUA-RD 2011-2013: Istruzioni per l Uso

Schede SUA-RD 2011-2013: Istruzioni per l Uso Schede SUA-RD 2011-2013: Istruzioni per l Uso Breve Introduzione Questo è un documento di lavoro per la composizione delle schede SUA-RD 2011, 2012 e 2013. In questa prima sezione vengono rapidamente ricapitolate

Dettagli

Master Universitario Online in Management e Coordinamento delle Professioni Sanitarie

Master Universitario Online in Management e Coordinamento delle Professioni Sanitarie Master Universitario Online in Management e Coordinamento delle Professioni Sanitarie Master Universitario Online di I Livello 60 Crediti Formativi (CFU) 1. Premesse In base al dato riportato dal Sole

Dettagli

Deliberazione n.57/pareri/2008

Deliberazione n.57/pareri/2008 Deliberazione n.57/pareri/2008 REPUBBLICA ITALIANA CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott. Nicola Mastropasqua Presidente dott. Giorgio Cancellieri

Dettagli

Organismo per la gestione degli elenchi degli agenti in attività finanziaria e dei mediatori creditizi. Circolare n. 19/14

Organismo per la gestione degli elenchi degli agenti in attività finanziaria e dei mediatori creditizi. Circolare n. 19/14 Organismo per la gestione degli elenchi degli agenti in attività finanziaria e dei mediatori creditizi Circolare n. 19/14 contenente disposizioni inerenti gli obblighi di formazione e di aggiornamento

Dettagli

Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione

Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione Delibera n.12/2013: Requisiti e procedimento per la nomina dei

Dettagli

Sintesi analitica dei Bandi di concorso 2013 per l ammissione ai corsi di laurea delle Professioni sanitarie

Sintesi analitica dei Bandi di concorso 2013 per l ammissione ai corsi di laurea delle Professioni sanitarie Sintesi analitica dei Bandi di concorso 2013 per l ammissione ai corsi di laurea delle Professioni sanitarie Introduzione... 3 Università Politecnica delle Marche (Ancona)... 4 Università degli Studi di

Dettagli

Ereditarietà legata al cromosoma X

Ereditarietà legata al cromosoma X 16 Ereditarietà legata al cromosoma X Testo modificato dagli opuscoli prodotti dall ospedale Guy s and St Thomas di Londra e dal Parco tecnologico di Londra IDEAS Genetic Knowledge Park in accordo alle

Dettagli

In questo servizio si svolgeranno le seguenti attività:

In questo servizio si svolgeranno le seguenti attività: Insieme si può Arcigay Pistoia La Fenice dopo le varie attività svolte sul territorio pistoiese e zone limitrofe, ha valutato l opportunità di realizzare un progetto con la collaborazione di personale

Dettagli

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM 1. Introduzione 2. Pianificazione dell attività formativa ECM 3. Criteri per l assegnazione dei crediti nelle diverse tipologie di formazione ECM

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO IN MANAGEMENT DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE E FORMATIVE

MASTER UNIVERSITARIO IN MANAGEMENT DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE E FORMATIVE MASTER UNIVERSITARIO IN MANAGEMENT DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE E FORMATIVE Master MES - Management of Education and School 4 a EDIZIONE APRILE 2015 - NOVEMBRE 2016 partner MASTER UNIVERSITARIO IN MANAGEMENT

Dettagli

A) COMPETENZE DI BASE

A) COMPETENZE DI BASE AVVISO DI PROCEDURA SELETTIVA PER LA COSTITUZIONE DI UN ELENCO DI FORMATORI NELL' AMBITO DEI PERCORSI TRIENNALI DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE (FORMAZIONE INIZIALE 14-18 ANNI) CUI CONFERIRE,

Dettagli

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master Il Rettore Decreto Rep. n 1339 Prot. n 13549 Data 29.04.2014 Titolo III Classe V UOR SOFPL VISTO lo Statuto del Politecnico di Milano; VISTO il D.M. 3.11.1999, n.509; VISTO Il D.M. 22.10.2004, n. 270;

Dettagli

BANDO PER LA COLLABORAZIONE PART-TIME DEGLI STUDENTI AI SERVIZI ERSU

BANDO PER LA COLLABORAZIONE PART-TIME DEGLI STUDENTI AI SERVIZI ERSU BANDO PER LA COLLABORAZIONE PART-TIME DEGLI STUDENTI AI SERVIZI ERSU Ai sensi delle seguenti disposizioni: Legge 02.12.1991, n. 390 Articolo 13 D.P.C.M. 09/04/2001 Articolo 4 comma 17 D.P.C.M. 05/12/2013

Dettagli

XX EDIZIONE. Diventa manager del sociale MASTER UNIVERSITARIO IN GESTIONE DI IMPRESE SOCIALI A.A. 2015/2016 NOVEMBRE 2015 - OTTOBRE 2016 / TRENTO

XX EDIZIONE. Diventa manager del sociale MASTER UNIVERSITARIO IN GESTIONE DI IMPRESE SOCIALI A.A. 2015/2016 NOVEMBRE 2015 - OTTOBRE 2016 / TRENTO XX EDIZIONE MASTER UNIVERSITARIO IN GESTIONE DI IMPRESE SOCIALI A.A. 2015/2016 NOVEMBRE 2015 - OTTOBRE 2016 / TRENTO Diventa manager del sociale IN BREVE DESTINATARI neo-laureati in lauree triennali, specialistiche

Dettagli

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA FORMATIVE DELLA SCUOLA SUPERIORE SANT ANNA

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA FORMATIVE DELLA SCUOLA SUPERIORE SANT ANNA REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA FORMATIVE DELLA SCUOLA SUPERIORE SANT ANNA Emanato con D.R. n. 306 del 17/07/2012 Integrato con D.R. n. 65 12/02/2014. DISPOSIZIONI PRELIMINARI Articolo 1 (Oggetto) 1. Il presente

Dettagli