METTI IN MOTO LA PRUDENZA Anno scolastico

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "METTI IN MOTO LA PRUDENZA Anno scolastico 2012 2013."

Transcript

1 METTI IN MOTO LA PRUDENZA Anno scolastico Gruppo di lavoro: Mauro Brusa: Coordinatore PEAS Massimo Coppola: S.O.C. SISP Acqui Terme, Carlo Di Pietrantonj: Servizio Sovrazonale Epidemiologia ASL AL Mauro Gastaldo: S.O.C. SISP Ovada, Luisa Morano: S.O.C. SISP Casale Monferrato, Daniela Novelli: S.O.C. SISP Tortona Alessandro Peano: S.O.C. SISP Casale Monferrato. Franca Susani: S.O.C. SISP Tortona, Istituti Comprensivi: Istituto Comprensivo Molare Ovada, Istituto Comprensivo Pertini Ovada, Sacro Cuore Casale Monferrato, Istituto Comprensivo Cerrina Casale Monferrato,, Istituto Comprensivo Don Milani Casale Monferrato, Istituto Comprensivo Trevigi Casale Monferrato. Introduzione Gli incidenti stradali in Italia sono la principale causa di morte e di disabilità nella popolazione sotto i 40 anni ed il 25% dei decessi per tale causa interessa i ragazzi con meno di 23 anni. Nel 20 gli incidenti stradali che hanno causato lesioni a persone e in cui è stato coinvolto un ciclomotore o un motociclo sono stati 7593, causando il decesso di.088 persone e il ferimento di Rispetto al 200, l Italia ha registrato una diminuzione del numero di morti del 45,6% negli incidenti stradali, ma risulta ancora distante l'obiettivo dell'unione Europea che prevedeva la riduzione della mortalità del 50% entro il 20. Le cause principali sono attribuibili al consumo di alcol, alla distrazione alla guida e al mancato rispetto delle regole del Codice della Strada. Il Progetto Il progetto rientra nelle attività previste dal Piano Regionale di Prevenzione della Regione Piemonte - Prevenzione Incidenti Stradali, e si pone come obiettivo di informare e sensibilizzare gli studenti al corretto utilizzo dei dispositivi di sicurezza e alla messa in atto di comportamenti corretti alla guida. Gli interventi sono stati realizzati nelle classi terze della Scuola Secondaria di Primo grado. Al fine di valutare l efficacia del progetto formativo, gli insegnanti hanno somministrato un questionario prima dopo l intervento degli operatori. Gli operatori coinvolti sono Tecnici della Prevenzione del SISP dei Distretti di Casale Monferrato e di Ovada. La metodologia ha previsto l utilizzo di materiale proposto dal Programma Nazionale Prevenzione Incidenti Stradali con lezioni frontali

2 alternate ad attività interattive (es. brainstorming, situazioni stimolo con momenti di confronto fra gli studenti). Sono stati raccolti n.350 questionari pre intervento e n. 346 questionari post intervento. I risultati sono stati inseriti nel database Epidata 3.0 e successivamente analizzati con Epidata Analisys. Risultati Il campione risulta composto da 88 maschi (54%) e 57 femmine (45%) e da 5 soggetti (%) che non hanno dichiarato il genere, l età prevalente risulta essere 3 anni (pari al 68%) e 4 anni (pari al 25%). Il questionario prevede tre sezioni oltre la descrizione anagrafica: la prima misura le conoscenze relative alle cause che possono provocare l incidente stradale, la seconda misura la conoscenza e la loro applicazione delle norme sulla sicurezza stradale prevista dal Codice della Strada. La quarta sezione, prevista solo nel post intervento, misura il gradimento dichiarato dagli studenti all intervento proposto. prima sezione il 94% degli studenti riconosce nel fattore umano la principale causa degli incidenti stradali già al pre test, nel post test, pur stabilizzando il valore, possiamo notare lo spostamento positivo verso gli altri fattori che entrano in gioco nel verificarsi dell incidente stradale. Nella figura è possibile rilevare lo spostamento delle risposte verso il fattore ambientale e la condizione del veicolo che concorrono all'evento accidentale. Tabella : Pre 350 Post 346 ambientale 20 ( 6%) 29 ( 8,%) umano 328 (94%) 330 (95%) Condizioni del veicolo 6 ( 2%) 6 ( 5%) Figura : ripartizione delle risposte multiple alla domanda sui fattori coinvolti in un incidente stradale Umano 37 Umano Condizione del Veicolo Ambientale Condizione del Veicolo Ambientale Figura a: ripartizione delle risposte al Pre Test N=350 Figura b: ripartizione delle risposte al post test N=346 In tabella 2 sono riportare le percentuali di risposta alla domanda riguardo la tipologia di strada su cui avviene la maggior parte degli incidenti, la lettura dei risultati, confrontando i due periodi (pre/post) di intervento, sembra suggerire che il corso abbia accresciuto la consapevolezza che la maggior pare degli incidenti avvengono in strade urbane. In effetti gli incidenti stradali nel complesso avvengono più spesso sulle strade urbane, ma è sulle strade extraurbane che si verificano gli incidenti più gravi. Nel 20 sulle strade urbane si sono verificati incidenti, sulle autostrade gli incidenti sono stati 2.079, sulle altre strade extraurbane, ad esclusione delle autostrade, si sono verificati incidenti. Tabella 2: Pre 350 Post 346 Autostrada 69 (48%) 37 (2%) Strada extra urbana (fuori della città) 72 (20%) 74 (2%) Strada urbana (in città) 6 (30%) 227 (65%) 2

3 Dall'analisi delle circostanze accertate o presunte di causa di incidente che coinvolge almeno un motoveicolo mette in evidenza come, nell'ambito di comportamenti errati di guida, la distrazione, la velocità troppo elevata e il mancato rispetto di precedenza sono le prime tre cause di incidenti raggiungendo il 47,6% dei casi. Nella tabella 3, sono indicati i fattori/comportamenti che rendono meno sicura la guida. In generale emerge un consolidamento generale delle risposte dal pre al post, tuttavia le risposte relative alle norme previste dal Codice della Strada, rispettare la velocità e l'uso del casco alla guida, vengono riconosciute fattori di rischio in misura minore rispetto l'atteso. Il non mantenere la distanza di sicurezza viene riconosciuto come fattore di rischio solo dal 60% di studenti indicando una sottostima del rischio che comporta l'inosservanza di tale norma. Tabella 3: Pre 350 Post 346 Sonnolenza 32 (89%) 326 (94%) Disattenzione 330 (94%) 327(94%) Rispondere al telefonino 296 (84%) 305 (88%) Mantenere la distanza di sicurezza (no) 204 (59%) 2 (60%) Assunzione di alcol 336 (96%) 333 (96%) Assunzione di sostanze stupefacenti 320 (9%) 322 (93%) Guida senza casco 243 (69%) 294 (85%) Superare il limite di velocità 260 (74%) 293 (85%) Premesso che, alla guida di veicoli la quantità di alcol sicura è 0,0 g/l, per la legge italiana dal 20 vige il divieto di mettersi alla guida dopo aver bevuto alcolici per i minori di 2 anni, per chi ha conseguito la patente di guida da meno di tre anni e per i conducenti professionisti. Nella tabella 4 vengono riportate le risposte alla domanda che indaga il tasso di alcolemia previsto dal Codice Stradale. Rispetto l'atteso solo il 52% degli studenti risponde in modo corretto (0,00 g/l), tuttavia si può osservare che uno spostamento in positivo dal pre al post è avvenuto in tutte le risposte previste. Seconda sezione Tabella 4 Pre 350 Post 346 0,5 g/l 76 (50%) 35 (39%) 0,8 g/l 37 (%) 9 (2%) 0,00 g/l 54 (5%) 83 (52%) non so 83 (24%) 6 (5%) Il D.L. 30/4/992 n. 285 art.72, prevede l'obbligo dell'uso delle cinture di sicurezza in auto e del casco alla guida di un motoveicolo. Con le domande successive si indaga il comportamento adottato dagli studenti riguardo l'uso delle cinture di sicurezza, in auto seduti sui sedili anteriori e l'utilizzo del casco. Alla domanda Secondo il Codice della Strada allacciare le cinture posteriori è... vediamo che nel questionario post intervento possiamo ipotizzare lo spostamento delle risposte verso quella corretta senza però raggiungere il 0%. Tabella 5 Pre 350 Post 346 obbligatorio se chi guida è un neopatentato 27 (7%) 20 (5%) sempre obbligatorio 28 (80%) 35 (9%) obbligatorio solo su macchine di alta cilindrata 9 (2%) 4 (%) non lo so 33 (9%) 6 (%) 3

4 Alla domanda Quando vai in auto, sia in città sia fuori, metti la cintura di sicurezza quando sei seduto sui sedili anteriori? si evidenzia come solo l'8% (sommando sempre/spesso) indossa la cintura di sicurezza. Tabella 6 Pre 350 Post 346 Sempre 206 (59%) 207 (60%) Spesso 69 (9%) 72 (2%) A volte 57 (6%) 5 (5%) Mai 8 (5%) 6 (5%) Alla domanda Secondo il Codice della Strada l uso del casco in motorino è... seppur al di sotto dell'atteso, il 95% degli studenti risponde correttamente. Tabella 7 Pre 350 Post 346 obbligatorio per i conducenti di ciclomotori a due ruote, solo se minorenni (3%) 8 (2%) obbligatorio sempre 38 (90%) 330 (95%) obbligatorio solo su moto di alta cilindrata 8 (2%) 2 (0,5%) non so 3 (3,7%) 5 (%) Alla domanda Secondo te la distanza di sicurezza è il 90% degli studenti individua la risposta corretta riconoscendo nel rispetto della distanza di sicurezza il modo per evitare collisioni tra i veicoli. Tabella 8 Pre 350 Post 346 La distanza minima consentita fra due veicoli parcheggiati. 5 (4,2%) 2 (3,4%) Una distanza che garantisce l arresto tempestivo per evitare collisioni con i veicoli ) 284 (8%) 3 (90%) La distanza prevista tra i veicoli per il sorpasso sicuro. 25 (7%) 2 (3%) Non so 26 (7,4%) 5 (%) Confrontando i risultati delle quattro domande emerge come la conoscenza delle norme stradali e la continuità di interventi di prevenzione, non sempre corrisponda all'adozione di un comportamento salutare: il corretto utilizzo del casco e delle cinture di sicurezza sono il modo efficace per evitare lesioni e/o traumi gravi. Studi del settore indicano come tra i patentati che guidano veicoli a due ruote risulta più frequente violare il Codice della Strada rispetto coloro che guidano veicoli, bicicletta e pedoni. L'errata percezione del rischio e della propria vulnerabilità sono gli aspetti più frequenti alla base della sottovalutazione del pericolo e del mantenimento di comportamenti di guida insicura. Quarta sezione I 346 questionari del post intervento ci consentono di valutare l'intervento effettuato: il 92% degli studenti ritiene che le informazioni ricevute siano state utili e il 90,7% dichiara che lo aiuteranno ad essere più prudente alla guida del motoveicolo. Per quanto riguarda la metodologia adottata il 74,5% afferma che abbia stimolato la discussione e il confronto coi compagni. Conclusione. I tempi dedicati all'intervento e la presenza di un insegnante potrebbero in qualche modo aver ridotto e/o alterato la 4

5 possibilità di discussione libera fra il gruppo classe, favorendo l'ascolto all'esposizioni di opinioni ed idee personali. I risultati ottenuti confermano la necessità di un approccio educativo integrato e continuativo. Per migliorare la lettura dei risultati è ipotizzabile per i prossimi interventi l'adozione di un codice auto generato che consenta la tracciabilità del compilatore garantendone l'anonimato e la privacy. Bibliografia: Incidenti stradali dei veicoli a due ruote. Focus ISTAT 20 Alcol e giovani riflettere prima dell'uso. Beccaria F. Giunti 203 Rapporto ACI-ISTAT 20 Rapporto ACI Censis 20 Rapporto ISTSAN 06/39 Rapporto ISTISAN /3 5

Progetto Giovani = Strade Sicure Anno Scolastico 2014-2015

Progetto Giovani = Strade Sicure Anno Scolastico 2014-2015 Progetto Giovani = Strade Sicure Anno Scolastico 2014-2015 0 Progetto Giovani = Strade Sicure Anno Scolastico 2014-2015 Gruppo di lavoro Carlo Di Pietrantonj, Servizio Sovrazonale Epidemiologia SSEpi-SeREMI-ASL

Dettagli

I dati integrati dei sistemi di sorveglianza sugli eventi infortunistici in ambito stradale

I dati integrati dei sistemi di sorveglianza sugli eventi infortunistici in ambito stradale AZIENDA USL ROMA F Dipartimento di Prevenzione I dati integrati dei sistemi di sorveglianza sugli eventi infortunistici in ambito stradale Gli incidenti stradali sono in Italia la principale causa di morte

Dettagli

Incidenti stradali con morti o feriti in Italia e nel Lazio 2010

Incidenti stradali con morti o feriti in Italia e nel Lazio 2010 I dati integrati dei sistemi di sorveglianza sugli incidenti stradali Gli incidenti stradali sono in Italia la principale causa di morte e di disabilità sotto ai 40 anni. Rappresentano quindi un fenomeno

Dettagli

I dati integrati dei sistemi di sorveglianza sugli incidenti stradali

I dati integrati dei sistemi di sorveglianza sugli incidenti stradali Piano Regionale della Prevenzione 2010-2012 I dati integrati dei sistemi di sorveglianza sugli incidenti stradali Gli incidenti stradali sono, in Italia, la principale causa di morte e di disabilità sotto

Dettagli

Incidenti stradali nella Regione Lazio e nella ASL Roma C

Incidenti stradali nella Regione Lazio e nella ASL Roma C ROMA AZIENDA USL Incidenti stradali nella Regione Lazio e nella ASL Roma C I fattori di rischio e gli interventi di prevenzione Anno 2013 PUBBLICAZIONE REALIZZATA DA ASL Roma C - Dipartimento di Prevenzione

Dettagli

I dati integrati dei sistemi di sorveglianza sugli incidenti stradali

I dati integrati dei sistemi di sorveglianza sugli incidenti stradali I dati integrati dei sistemi di sorveglianza sugli incidenti stradali Gli incidenti stradali sono in Italia la principale causa di morte e di disabilità sotto ai 40 anni. Rappresentano quindi un fenomeno

Dettagli

I dati integrati dei sistemi di sorveglianza sugli eventi infortunistici in ambito stradale anno 2012

I dati integrati dei sistemi di sorveglianza sugli eventi infortunistici in ambito stradale anno 2012 AZIENDA USL ROMA F Dipartimento di Prevenzione I dati integrati dei sistemi di sorveglianza sugli eventi infortunistici in ambito stradale anno 2012 Nel 2010 l Assemblea Generale delle Nazioni Unite ha

Dettagli

INCIDENTALITA STRADALE Incidenti stradali con morti o feriti in Italia e nel Lazio - 2010

INCIDENTALITA STRADALE Incidenti stradali con morti o feriti in Italia e nel Lazio - 2010 I dati integrati dei sistemi di sorveglianza sugli incidenti stradali Gli incidenti stradali sono in Italia la principale causa di morte e di disabilità sotto ai 40 anni. Rappresentano quindi un fenomeno

Dettagli

Allegato 3 QUESTIONARIO POST PER I PEER

Allegato 3 QUESTIONARIO POST PER I PEER Allegato 3 QUESTIONARIO POST PER I PEER Ti chiediamo di rispondere con la massima tranquillità e sincerità alle domande che troverai di seguito: tieni presente che il questionario è anonimo per ogni domanda,

Dettagli

la strada è sotto i nostri occhi, la sicurezza è nelle nostre teste

la strada è sotto i nostri occhi, la sicurezza è nelle nostre teste ASL CITTA DI MILA ASL CITTA DI MILA Dipartimento di Prevenzione STRADAIMPARANDO la strada è sotto i nostri occhi, la sicurezza è nelle nostre teste Progetto di educazione alla sicurezza stradale rivolto

Dettagli

REGIONE LIGURIA Dipartimento Salute e Servizi Sociali Servizio Prevenzione SORVEGLIANZA E PREVENZIONE DEGLI INCIDENTI STRADALI

REGIONE LIGURIA Dipartimento Salute e Servizi Sociali Servizio Prevenzione SORVEGLIANZA E PREVENZIONE DEGLI INCIDENTI STRADALI REGIONE LIGURIA Dipartimento Salute e Servizi Sociali Servizio Prevenzione SORVEGLIANZA E PREVENZIONE DEGLI INCIDENTI STRADALI 1 Premessa Il determinismo degli incidenti stradali risulta in una particolare

Dettagli

Anno. Gli incidenti stradali nella regione Lazio e nella A.S.L.-Rieti: i fattori di rischio e gli interventi di prevenzione

Anno. Gli incidenti stradali nella regione Lazio e nella A.S.L.-Rieti: i fattori di rischio e gli interventi di prevenzione Anno Gli incidenti stradali nella regione Lazio e nella A.S.L.-Rieti: 2013 i fattori di rischio e gli interventi di prevenzione Pubblicazione realizzata da: A.S.L Rieti Medicina Legale - Dip. Prevenzione

Dettagli

Tavola 1 Incidenti stradali, morti e feriti

Tavola 1 Incidenti stradali, morti e feriti PRINCIPALI EVIDENZE DELL INCIDENTALITÀ STRADALE IN ITALIA I numeri dell incidentalità stradale italiana Nel 2011, in Italia si sono registrati 205.638 incidenti stradali, che hanno causato 3.860 morti

Dettagli

Report Che Piazza! Campione. Consumo Alcolici

Report Che Piazza! Campione. Consumo Alcolici Report Che Piazza! Associazione Fuori Target La presente relazione riguarda i dati raccolti durante quattro uscite (06.04, 13.04, 04.05 e 18.05) realizzate dall associazione Fuori Target all interno dell

Dettagli

ACI ISTAT 2011: MENO INCIDENTI (-2,7%), MORTI (-5,6%) E FERITI

ACI ISTAT 2011: MENO INCIDENTI (-2,7%), MORTI (-5,6%) E FERITI Roma, 31 ottobre 2012 ACI ISTAT 2011: MENO INCIDENTI (-2,7%), MORTI (-5,6%) E FERITI (-3,5%) Obiettivo UE 2010 (-50% morti sulle strade): Italia non raggiunge target nemmeno nel 2011 ma fa meglio della

Dettagli

L uso dei dispositivi di sicurezza in Italia. I dati del Sistema Ulisse

L uso dei dispositivi di sicurezza in Italia. I dati del Sistema Ulisse L uso dei dispositivi di sicurezza in Italia. I dati del Sistema Ulisse di Giancarlo Dosi L utilità dei dispositivi di sicurezza L utilità del casco e delle cinture di sicurezza è ormai fuori discussione.

Dettagli

Incidenti stradali in Italia nel 2014

Incidenti stradali in Italia nel 2014 Incidenti stradali in Italia nel 2014 Roberta Crialesi, Silvia Bruzzone Istat 4 Roma, 3 novembre 2015 ACI - Automobile Club d Italia Sala Assemblea Gli incidenti stradali I principali risultati per l anno

Dettagli

Monitoraggio locale sull uso dei dispositivi di sicurezza in auto

Monitoraggio locale sull uso dei dispositivi di sicurezza in auto Servizio Sanitario Nazionale - Regione Veneto AZIENDA UNITA' LOCALE SOCIO-SANITARIA N. 13 Dipartimento di Prevenzione Monitoraggio locale sull uso dei dispositivi di sicurezza in auto Anno 2010 Azienda

Dettagli

INCIDENTI STRADALI IN UMBRIA

INCIDENTI STRADALI IN UMBRIA 28 novembre 2014 2 0 1 1 Anno 2013 INCIDENTI STRADALI IN UMBRIA Nel 2013 si sono verificati 2.402 incidenti che hanno causato la morte di 61 persone e il ferimento di altre 3.447. Rispetto al 2012 si registra

Dettagli

L uso di bevande alcoliche e la sicurezza stradale

L uso di bevande alcoliche e la sicurezza stradale L uso di bevande alcoliche e la sicurezza stradale I risultati dello Studio PASSI 2005 in Provincia di Savona Maria Paola Briata Savona 7 Maggio 2007 Consumo ed abuso di bevande alcoliche l alcol insieme

Dettagli

IL REATO DI OMICIDIO STRADALE

IL REATO DI OMICIDIO STRADALE Dossier n. 113 Ufficio Documentazione e Studi 29 ottobre 2015 IL REATO DI OMICIDIO STRADALE L Aula della Camera ha approvato in seconda lettura il testo unificato che prevede l introduzione del reato di

Dettagli

PROGETTO EDUCAZIONE STRADALE

PROGETTO EDUCAZIONE STRADALE PROGETTO EDUCAZIONE STRADALE Siamo alunni della classe III C della Scuola Secondaria Di Primo Grado. Questo progetto è stato realizzato al fine di arricchire le nostre competenze su alcuni ambiti riguardanti

Dettagli

ASSESSORATO DELL'IGIENE E SANITA' E DELL'ASSISTENZA SOCIALE PIANO OPERATIVO DEL PRP REGIONE SARDEGNA 2010-2012

ASSESSORATO DELL'IGIENE E SANITA' E DELL'ASSISTENZA SOCIALE PIANO OPERATIVO DEL PRP REGIONE SARDEGNA 2010-2012 ASSESSORATO DELL'IGIENE E SANITA' E DELL'ASSISTENZA SOCIALE Allegato 2. PIANO OPERATIVO DEL PRP REGIONE SARDEGNA 2010-2012 Regione: Regione Autonoma della Sardegna 2) Titolo del progetto o del programma:

Dettagli

Messaggio del Segretario Generale delle Nazioni Unite

Messaggio del Segretario Generale delle Nazioni Unite Messaggio del Segretario Generale delle Nazioni Unite in occasione della Prima Settimana Mondiale della Sicurezza Stradale, 23-29 aprile 2007. L a Prima Settimana Mondiale della Sicurezza Stradale delle

Dettagli

ELABORAZIONE DEI QUESTIONARI DI VALUTAZIONE

ELABORAZIONE DEI QUESTIONARI DI VALUTAZIONE Provincia di Padova Capofila Comune di Cittadella Comune di Piove di Sacco Comune di Limena ELABORAZIONE DEI QUESTIONARI DI VALUTAZIONE IL CONTESTO Nel 2012 si sono registrati in Italia 186.726 incidenti

Dettagli

Sistema di sorveglianza Passi

Sistema di sorveglianza Passi Progressi delle Aziende Sanitarie per la Salute in Italia Sistema di sorveglianza Passi Uso dei dispositivi per la sicurezza stradale periodo 2010-2013 Valle d Aosta USO DEI DISPOSITIVI DI SICUREZZA STRADALE

Dettagli

Stato della sicurezza stradale in Italia: priorità. utenti deboli

Stato della sicurezza stradale in Italia: priorità. utenti deboli Stato della sicurezza stradale in Italia: priorità delle politiche nazionali e protezione degli utenti deboli LE DIMENSIONI QUANTITATIVE In Italia, nel 2011, si sono registrati 205.638 incidenti stradali.

Dettagli

Drink-driving in Italy. Dibattito Safe & Sober 14 dicembre 2009 Roma Palazzo Marini

Drink-driving in Italy. Dibattito Safe & Sober 14 dicembre 2009 Roma Palazzo Marini Drink-driving in Italy Dibattito Safe & Sober 14 dicembre 2009 Roma Palazzo Marini Umberto Guidoni, Segretario Generale Fondazione ANIA per la Sicurezza Stradale Le Compagnie di assicurazione per la sicurezza

Dettagli

I COMPORTAMENTI PREVENTIVI GENERALI PER LA SICUREZZA SULLA STRADA. Franco Taggi

I COMPORTAMENTI PREVENTIVI GENERALI PER LA SICUREZZA SULLA STRADA. Franco Taggi I COMPORTAMENTI PREVENTIVI GENERALI PER LA SICUREZZA SULLA STRADA Franco Taggi NORME DI COMPORTAMENTO GENERALE SULLA STRADA - I Tenete sempre in ordine il vostro mezzo (pneumatici, freni, luci, ecc.) Adeguate

Dettagli

ANNO SCOLASTICO 2008/09

ANNO SCOLASTICO 2008/09 ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA DELL INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA DI 1 GRADO 93010 DELIA (CL) ANNO SCOLASTICO 2008/09 PREMESSA L Educazione Stradale rientra nelle finalità generali che la Scuola si prefigge

Dettagli

Buone pratiche sulla sorveglianza e prevenzione degli incidenti stradali e domestici

Buone pratiche sulla sorveglianza e prevenzione degli incidenti stradali e domestici Buone pratiche sulla sorveglianza e prevenzione degli incidenti stradali e domestici ROMA 5 dicembre 2011 2.1.1. Comunicazione dei dati delle sorveglianze e collaborazione con stakeholder esterni al SSR

Dettagli

GUADAGNARE SALUTE ASL 4 DI TERNI

GUADAGNARE SALUTE ASL 4 DI TERNI GUADAGNARE SALUTE ASL 4 DI TERNI I DATI EPIDEMIOLOGICI Sez. III Consumo di Alcol e Sicurezza Stradale 2 Consumo di Alcol L alcol insieme a fumo, attività fisica e alimentazione ha assunto nell ambito della

Dettagli

Sicurezza stradale SICUREZZA

Sicurezza stradale SICUREZZA PROFILO SOCIODEMOGRAFIXCO SICUREZZA Nel 211, in Italia, si sono registrati 25.638 incidenti stradali con lesioni a persone, di cui 386 mortali. Con questi dati, l Italia conferma una costante tendenza

Dettagli

Città di Tortona Provincia di Alessandria

Città di Tortona Provincia di Alessandria Città di Tortona Provincia di Alessandria Settore Polizia Municipale Educazione stradale Introduzione L Educazione stradale o l educazione al rischio stradale ed alla mobilità sostenibile è disposta dall

Dettagli

Violazioni che comportano la perdita di 5 punti

Violazioni che comportano la perdita di 5 punti Come è ormai noto, alcune e ben precise violazioni del Codice della Strada danno luogo alla sanzione amministrativa ed alla decurtazione dei punti della patente in misura variabile e legata alla gravità

Dettagli

La sicurezza delle Due Ruote nel Comune di Roma. La sicurezza dei veicoli a due ruote nel Comune di Roma

La sicurezza delle Due Ruote nel Comune di Roma. La sicurezza dei veicoli a due ruote nel Comune di Roma La sicurezza dei veicoli a due ruote nel Comune di Roma Novembre 2009 Il progetto di ricerca nasce da una collaborazione Automobile Club d Italia - Reale Automobile Club della Catalogna ed è stato supportato

Dettagli

LA SICUREZZA STRADALE SULLE 2 RUOTE UN ANALISI STATISTICA PER AZIONI CONCRETE ABSTRACT ANIA. Fondazione per la Sicurezza Stradale

LA SICUREZZA STRADALE SULLE 2 RUOTE UN ANALISI STATISTICA PER AZIONI CONCRETE ABSTRACT ANIA. Fondazione per la Sicurezza Stradale LA SICUREZZA STRADALE SULLE 2 RUOTE UN ANALISI STATISTICA PER AZIONI CONCRETE ABSTRACT ANIA Fondazione per la Sicurezza Stradale LA SICUREZZA STRADALE SULLE 2 RUOTE UN ANALISI STATISTICA PER AZIONI CONCRETE

Dettagli

L azione della Fondazione ANIA per la Sicurezza Stradale

L azione della Fondazione ANIA per la Sicurezza Stradale L azione della Fondazione ANIA per la Sicurezza Stradale Presentazione del Rapporto annuale L ASSICURAZIONE ITALIANA 2013-2014 Umberto Guidoni Segretario Generale Fondazione ANIA per la Sicurezza Stradale

Dettagli

Corso Laboratorio Ambiente Salute Educazione

Corso Laboratorio Ambiente Salute Educazione Corso Laboratorio Ambiente Salute Educazione Incidenti stradali e feriti (1991-2004 / valori assoluti) Incidenti stradali, morti e feriti (1991-2004 / valori assoluti) Fonte: ISTAT L'indice di mortalità:

Dettagli

Tabella completa dei punteggi previsti dall art.126-bis Articolo Violazione commessa Punti

Tabella completa dei punteggi previsti dall art.126-bis Articolo Violazione commessa Punti Tabella completa dei punteggi previsti dall art.6-bis Articolo Violazione commessa Punti Velocità non commisurata alle situazioni ambientali, di sicurezza (intersezioni, centri abitati ecc.) e di visibilità

Dettagli

L epidemiologia degli incidenti stradali in Veneto

L epidemiologia degli incidenti stradali in Veneto Venezia, 26/11/2007 L epidemiologia degli incidenti stradali in Veneto Paolo Spolaore Francesco Zambon SER Sistema Epidemiologico Regionale Incidenti stradali SCENARIO Mondo: 1,2 milioni morti all anno

Dettagli

Sistema di sorveglianza PASSI

Sistema di sorveglianza PASSI Sistema di sorveglianza PASSI Sicurezza stradale 2010-2013 Azienda per l Assistenza Sanitaria n.1 - Triestina AZIENDA PER L ASSISTENZA SANITARIA N 1 Riproduzione autorizzata citando la fonte Redazione

Dettagli

Regole sulla circolazione. Violazioni alla segnaletica

Regole sulla circolazione. Violazioni alla segnaletica Articoli C. d. S. Punti Violazioni che comportano la perdita punti Velocità art. 141, comma 8 5 Circolare a velocità non commisurata alle particolari condizioni in cui si svolge la circolazione art. 142,

Dettagli

Report Conclusivo 2013-2014. A cura del gruppo di lavoro

Report Conclusivo 2013-2014. A cura del gruppo di lavoro Report Conclusivo 2013-2014 A cura del gruppo di lavoro Gruppo di Lavoro ASL AL Mauro Brusa, Coordinatore Promozione Educazione Alla Salute ASL AL Daniela Novelli, Dipartimento Prevenzione S.O.C. SISP

Dettagli

Paolo Lauriola Direttore Struttura Tematica di Epidemiologia Ambientale ARPA EMILIA ROMAGNA

Paolo Lauriola Direttore Struttura Tematica di Epidemiologia Ambientale ARPA EMILIA ROMAGNA Paolo Lauriola Direttore Struttura Tematica di Epidemiologia Ambientale ARPA EMILIA ROMAGNA OBIETTIVI DELLO STUDIO Analizzare la percezione del rischio di incidente stradale di un campione di giovani prima

Dettagli

Il progetto Incidenti Stradali: un po di storia, qualche dato e le prospettive future.

Il progetto Incidenti Stradali: un po di storia, qualche dato e le prospettive future. Il progetto Incidenti Stradali: un po di storia, qualche dato e le prospettive future. A cura di: Alberto Silva e Sandra Bonistalli Educazione alla Salute Azienda Usl 11 Comunicazione presentata alla Conferenza

Dettagli

INCIDENTALITÀ STRADALE SUI VEICOLI A DUE RUOTE IN CAMPANIA

INCIDENTALITÀ STRADALE SUI VEICOLI A DUE RUOTE IN CAMPANIA 31 luglio 2013 Anno 2011 INCIDENTALITÀ STRADALE SUI VEICOLI A DUE RUOTE IN CAMPANIA Gli obiettivi europei per la sicurezza stradale In Campania, nell anno 2011, si è registrata una diminuzione del numero

Dettagli

Regole sulla circolazione. Violazioni alla segnaletica

Regole sulla circolazione. Violazioni alla segnaletica Articoli C. d. S. Punti Violazioni che comportano la perdita punti Velocità art. 141, comma 8 5 Circolare a velocità non commisurata alle particolari condizioni in cui si svolge la circolazione art. 142,

Dettagli

Gli incidenti stradali Francesco Innocenti

Gli incidenti stradali Francesco Innocenti Gli incidenti stradali Francesco Innocenti Settore Epidemiologia dei Servizi Sociali Integrati OSSERVATORIO DI EPIDEMIOLOGIA (http://www.arsanita.toscana.it) Firenze, 10 Dicembre 2009 I FATTORI DI RISCHIO

Dettagli

ALCOOL E DROGHE CAMBI DI DIREZIONE CIRCOLAZIONE IN AUTOSTRADA. Articoli C.d.S Punti Violazioni che comportano la perdita punti

ALCOOL E DROGHE CAMBI DI DIREZIONE CIRCOLAZIONE IN AUTOSTRADA. Articoli C.d.S Punti Violazioni che comportano la perdita punti Articoli C.d.S Punti Violazioni che comportano la perdita punti ALCOOL E DROGHE art. 86, comma e 7 art. 87, comma 7 e 8 Guidare in stato di ebbrezza Guida in condizioni di alterazione fisica e psichica

Dettagli

ATTIVITÀ - PERCORSI FORMATIVI

ATTIVITÀ - PERCORSI FORMATIVI PROGETTO Cofinanziato nell ambito dell iniziativa BE@CTIVE promossa dall Unione delle Province d Italia (UPI) e finanziata dall Agenzia Nazionale Giovani (ANG) ATTIVITÀ - PERCORSI FORMATIVI European ICT

Dettagli

In calo il numero di morti sulle strade

In calo il numero di morti sulle strade 9 novembre 2011 Anno 2010 INCIDENTI STRADALI Nel 2010 sono stati registrati in Italia 211.404 incidenti stradali con lesioni a persone. Il numero dei morti è stato pari a 4.090, quello dei feriti ammonta

Dettagli

Punti patente: verifica saldo, decurtazione e modalità di recupero.

Punti patente: verifica saldo, decurtazione e modalità di recupero. SERVIZI ASSICURATIVI in collaborazione con Unipol Assicurazioni Punti patente: verifica saldo, decurtazione e modalità di recupero. Il meccanismo della patente a punti viene definito dall articolo 126

Dettagli

Scuola Media Statale Anno Scolastico 2004-2005 Terza Circoscrizione

Scuola Media Statale Anno Scolastico 2004-2005 Terza Circoscrizione Scuola Media Statale Anno Scolastico 2004-2005 Terza Circoscrizione Premessa Le indicazioni nazionali italiane, a cui la scuola sammarinese (a norma della legge 1 agosto 1963 n. 32) deve attenersi per

Dettagli

IL SISTEMA DI MONITORAGGIO DEGLI INCIDENTI STRADALI IN TOSCANA

IL SISTEMA DI MONITORAGGIO DEGLI INCIDENTI STRADALI IN TOSCANA IL SISTEMA DI MONITORAGGIO DEGLI INCIDENTI STRADALI IN TOSCANA Fabio Voller Dirigente Settore Servizi Sociali Integrati Osservatorio di Epidemiologia Agenzia Regionale di Sanità Toscana Incidenti stradali

Dettagli

Violazioni che comportano la perdita di 10 punti Guida in stato di alterazione da sostanze stupefacenti. art. 142, comma 9 bis

Violazioni che comportano la perdita di 10 punti Guida in stato di alterazione da sostanze stupefacenti. art. 142, comma 9 bis In che modo vengono persi i punti: ll punteggio di ciascun conducente subisce riduzioni ad ogni comunicazione relativa alle violazioni che prevedono decurtazione di punteggio, come descritti nella tabella.

Dettagli

Referente/i del progetto

Referente/i del progetto PROGRAMMA DI AZIONE REGIONALE PROMOZIONE DELLA SALUTE 2005-2006 (DD 466-29.11.04) BANDO REGIONALE 2005-2006 PROGETTI DI PROMOZIONE DELLA SALUTE (DD 284-28.11.05 BURP 13 30.03.06) PRONTI A RIPARTIRE! Interventi

Dettagli

Indagine sull uso di alcol e di tabacco tra gli studenti delle scuole secondarie di secondo grado di Brescia

Indagine sull uso di alcol e di tabacco tra gli studenti delle scuole secondarie di secondo grado di Brescia Conferenza stampa per la presentazione della Indagine sull uso di alcol e di tabacco tra gli studenti delle scuole secondarie di secondo grado di Brescia Partecipano: Dr. Carmelo Scarcella Direttore Generale

Dettagli

È ALLARME NAZIONALE!!

È ALLARME NAZIONALE!! Il contesto La sicurezza delle persone, nella circolazione stradale, rientra tra le finalità primarie di ordine sociale ed economico perseguite dallo Stato. Questo è quanto afferma l articolo n.1 del Codice

Dettagli

Alcol, droghe. Guida sicura 2010/2011. Ce.Do.S.T.Ar. Centro di Documentazione e Ricerca sul Fenomeno delle Dipendenze Patologiche del Ser.T.

Alcol, droghe. Guida sicura 2010/2011. Ce.Do.S.T.Ar. Centro di Documentazione e Ricerca sul Fenomeno delle Dipendenze Patologiche del Ser.T. Alcol, droghe. Guida sicura 2010/2011 Ce.Do.S.T.Ar. Centro di Documentazione e Ricerca sul Fenomeno delle Dipendenze Patologiche del Ser.T. Arezzo L ambiente strada I fattori che intervengono nella guida:

Dettagli

La sicurezza stradale in Italia: stato dell arte e prospettive future

La sicurezza stradale in Italia: stato dell arte e prospettive future La sicurezza stradale in Italia: stato dell arte e prospettive future Ing. Valentino Iurato Direzione Generale Sicurezza Stradale DIMENSIONI QUANTITATIVE In Italia, nel 2011, si sono registrati 205.638

Dettagli

Non beviamoci la vita!. Campagna di prevenzione e indagine sul consumo di alcol e la guida sicura tra gli adolescenti del comune di Livorno.

Non beviamoci la vita!. Campagna di prevenzione e indagine sul consumo di alcol e la guida sicura tra gli adolescenti del comune di Livorno. ESTRATTO Non beviamoci la vita!. Campagna di prevenzione e indagine sul consumo di alcol e la guida sicura tra gli adolescenti del comune di Livorno. a cura di Fabio Ferroni Contesto e motivazione del

Dettagli

INCIDENTI STRADALI IN ITALIA

INCIDENTI STRADALI IN ITALIA Anno 2012 INCIDENTI STRADALI IN ITALIA 6 novembre 2013 Nel 2012 si sono registrati in Italia 186.726 incidenti stradali con lesioni a persone. I morti (entro il 30 giorno) sono stati 3.653, i feriti 264.716.

Dettagli

In particolare, il progetto riesce toccare diverse classi di età, affrontando in modo diretto le problematiche più evidenti per ogni tipologia:

In particolare, il progetto riesce toccare diverse classi di età, affrontando in modo diretto le problematiche più evidenti per ogni tipologia: Il progetto Caschiamoci e tutte le iniziative ad esso connesse, coinvolgono vari soggetti della realtà locale: Provincia di Arezzo, Comune di Arezzo, Comuni della Provincia di Arezzo (n. 38), Prefettura,

Dettagli

Il Comune di Napoli, con sede legale in Napoli, Piazza Municipio, 64, qui rappresentato dal Sindaco

Il Comune di Napoli, con sede legale in Napoli, Piazza Municipio, 64, qui rappresentato dal Sindaco PROTOCOLLO D INTENTI TRA IL COMUNE DI NAPOLI E LA FONDAZIONE ANIA PER LA SICUREZZA STRADALE FINALIZZATO ALLO SVILUPPO DI ATTIVITA CONDIVISE IN MATERIA DI PREVENZIONE DELL INCIDENTALITA E DI PROMOZIONE

Dettagli

circa il 4% oltre il 50%

circa il 4% oltre il 50% Gli infortuni : Gli incidenti stradali nell ambito dell attivitàlavorativa determinano circa il 4% di tutti gli infortuni sul lavoro ma ben oltre il 50% delle morti sul lavoro. Il settore del trasporto

Dettagli

Allarme Sicurezza Stradale: le idee di uno scrittore per fermare la strage

Allarme Sicurezza Stradale: le idee di uno scrittore per fermare la strage Allarme Sicurezza Stradale: le idee di uno scrittore per fermare la strage Fabio Bergamo è uno scrittore salernitano conosciuto in Italia per la sua lotta contro gli incidenti e le morti stradali. Col

Dettagli

L incidentalità stradale in Piemonte al 2013- Rapporto 2014 Regione Piemonte, Piazza Castello, 165, Torino, 27 ottobre 2014

L incidentalità stradale in Piemonte al 2013- Rapporto 2014 Regione Piemonte, Piazza Castello, 165, Torino, 27 ottobre 2014 Premessa : LA RILEVAZIONE STATISTICA DEGLI INCIDENTI STRADALI IN PIEMONTE Nel 2008 la Regione Piemonte, tramite l Ufficio di Statistica e la Direzione Trasporti, ha aderito al Protocollo d Intesa a livello

Dettagli

Programma 2011-2020 sulla sicurezza stradale: misure dettagliate

Programma 2011-2020 sulla sicurezza stradale: misure dettagliate MEMO/10/343 Bruxelles, 20 luglio 2010 Programma 2011-2020 sulla sicurezza stradale: misure dettagliate La Commissione ha adottato oggi un programma ambizioso sulla sicurezza stradale inteso a dimezzare

Dettagli

Meno incidenti sulle strade italiane

Meno incidenti sulle strade italiane 2001 2002 2003 2004 2005 2006 2007 2008 2009 2010 2011 2012 2013 Anno 2013 INCIDENTI STRADALI 4 novembre 2014 Nel 2013 si sono registrati in Italia 181.227 incidenti stradali con lesioni a persone. Il

Dettagli

COSTRUZIONE DI UNA BASE DATI PER L ANALISI DEL RISCHIO TRASPORTI IN ITALIA

COSTRUZIONE DI UNA BASE DATI PER L ANALISI DEL RISCHIO TRASPORTI IN ITALIA COSTRUZIONE DI UNA BASE DATI PER L ANALISI DEL RISCHIO TRASPORTI IN ITALIA Carlo Maria Orlandelli *, Paolo Vestrucci * *Dipartimento di Ingegneria Energetica, Nucleare e del Controllo Ambientale Università

Dettagli

Gli incidenti stradali

Gli incidenti stradali Nel mondo ogni anno ci sono Gli incidenti stradali 1 milione 200 mila morti (1 ogni 25 secondi) 50 milioni feriti (1 al secondo circa) In Italia in un giorno ci sono 633 incidenti stradali in media con

Dettagli

6 Maggio 2006. Attività di promozione di campagne di sensibilizzazione per la sicurezza stradale

6 Maggio 2006. Attività di promozione di campagne di sensibilizzazione per la sicurezza stradale 6 Maggio 2006 Attività di promozione di campagne di sensibilizzazione per la sicurezza stradale Promozione di campagne di sensibilizzazione per la sicurezza stradale Motivazioni dell attività Il progetto

Dettagli

Assessore allíuniversità e Ricerca Scientifica, Innovazione Tecnologica e Nuova Economia, Sistemi Informativi e Statistica: Prof.

Assessore allíuniversità e Ricerca Scientifica, Innovazione Tecnologica e Nuova Economia, Sistemi Informativi e Statistica: Prof. Assessore allíuniversità e Ricerca Scientifica, Innovazione Tecnologica e Nuova Economia, Sistemi Informativi e Statistica: Prof. Luigi Nicolais Coordinatore Area e Dirigente Settore Sistemi Informativi

Dettagli

GLOSSARIO. Studiare sicurezza

GLOSSARIO. Studiare sicurezza 59 Studiare sicurezza In che modo le Indicazioni nazionali per i Piani di studio personalizzati relative alla scuola primaria e a quella secondaria di primo grado possono aiutare a formulare percorsi di

Dettagli

IP/07/584. Bruxelles, 27 avril 2007

IP/07/584. Bruxelles, 27 avril 2007 IP/07/584 Bruxelles, 27 avril 2007 Sicurezza stradale: il programma d azione europeo continua a registrare buoni risultati l obiettivo di salvare 25 000 vite sulle strade d Europa può essere raggiunto

Dettagli

Corsi di Guida. Il cambiamento della sicurezza nel corso del tempo. Velocità. Sostanze Stupefacenti. Alcool. Controlli stradali.

Corsi di Guida. Il cambiamento della sicurezza nel corso del tempo. Velocità. Sostanze Stupefacenti. Alcool. Controlli stradali. Il cambiamento della sicurezza nel corso del tempo Corsi di Guida Velocità Alcool Sostanze Stupefacenti Controlli stradali Sanzioni Chi siamo In collaborazione con ACI-PRA Via Gabriele d Annunzio d 99

Dettagli

La sicurezza stradale negli. Il trasporto pubblico locale e la. di miglioramento della sicurezza

La sicurezza stradale negli. Il trasporto pubblico locale e la. di miglioramento della sicurezza Aldo Vittorio MOLINARI Ingegnere in Milano La sicurezza stradale negli spostamenti sul lavoro e casa-lavoro. Il trasporto pubblico locale e la disciplina del traffico nelle strategie di miglioramento della

Dettagli

5 da 84,00 a 335,00. 3 da 168,00 a 674,00. 6 da 527,00 a 2.108,00. 10 da 821,00 a 3.287,00. 10 da 318,00 a 1.272,00. 4 da 41,00 a 168,00

5 da 84,00 a 335,00. 3 da 168,00 a 674,00. 6 da 527,00 a 2.108,00. 10 da 821,00 a 3.287,00. 10 da 318,00 a 1.272,00. 4 da 41,00 a 168,00 Art. 141 Comma 9, 3 periodo Articolo Norma violata Punti Velocità non regolata in relazione alle condizioni ambientali Non più operativo abrogato dalla Legge 214/2003 Sanzione amministrava 5 da 84,00 a

Dettagli

ARGOMENTI DA TRATTARE CON I TESTIMONIAL DI 2^ E DI 4^ COME FORZE DELL ORDINE E PERSONALE SANITARIO

ARGOMENTI DA TRATTARE CON I TESTIMONIAL DI 2^ E DI 4^ COME FORZE DELL ORDINE E PERSONALE SANITARIO ARGOMENTI DA TRATTARE CON I TESTIMONIAL DI 2^ E DI 4^ COME FORZE DELL ORDINE E PERSONALE SANITARIO Azione 4 M.F.TEORICO Classe 2^ 1) PREDISPOSIZIONE DELLA SEDE DELL INCONTRO E DELL ACCOGLIENZA (A cura

Dettagli

L incidentalità sulla rete viaria principale Anno 2014 e Focus Abruzzo

L incidentalità sulla rete viaria principale Anno 2014 e Focus Abruzzo L incidentalità sulla rete viaria principale Anno 2014 e Focus Abruzzo Lucia Pennisi Automobile Club d Italia Pescara, 19 novembre 2015 Incidentalità su rete viaria principale Incidenti 37.092 (- 0,89%)

Dettagli

Vedere e farsi vedere

Vedere e farsi vedere edere e farsi vedere 5 lezione Occhio allo specchio 32 Lo specchio retrovisore è un dispositivo importantissimo che permette al conducente la visibilità della strada alle sue spalle senza tuttavia distogliere

Dettagli

Le donne al volante tra trasformazioni sociali e nuovi modelli

Le donne al volante tra trasformazioni sociali e nuovi modelli Le donne al volante tra trasformazioni sociali e nuovi modelli Le donne al volante Pagina 1 Una ricerca dell'università di Bradford in Inghilterra (ricercatori Amarylis Fox, Kay Marshall e Jo Neill) ha

Dettagli

PREVENZIONE USO DI SOSTANZE LEGALI ED ILLEGALI:ALCoL E TABAGISMO

PREVENZIONE USO DI SOSTANZE LEGALI ED ILLEGALI:ALCoL E TABAGISMO PREVENZIONE USO DI SOSTANZE LEGALI ED ILLEGALI:ALCoL E TABAGISMO Obiettivi prioritari TABAGISMO (CLASSI PRIME) 1. Informare scientificamente sui rischi legati al consumo di tabacco 2. Disincentivare l

Dettagli

I dossier del Centro di Monitoraggio della Sicurezza Stradale di Regione Lombardia. L incidentalità sulle strade della provincia di Mantova

I dossier del Centro di Monitoraggio della Sicurezza Stradale di Regione Lombardia. L incidentalità sulle strade della provincia di Mantova I dossier del Centro di Monitoraggio della Sicurezza Stradale di Regione Lombardia L incidentalità sulle strade della provincia di Mantova Novembre 2014 Per accedere al data-base dell incidentalità stradale

Dettagli

I DETERMINANTI DELL INFORTUNISTICA STRADALE TRA I GIOVANI TOSCANI

I DETERMINANTI DELL INFORTUNISTICA STRADALE TRA I GIOVANI TOSCANI La salute ai tempi della crisi XXXVI Congresso Annuale AIE Bari, 29 ottobre 2012 I DETERMINANTI DELL INFORTUNISTICA STRADALE TRA I GIOVANI TOSCANI Innocenti F, Voller F Settore Servizi Sociali Integrati

Dettagli

COMUNE DI CARDANO AL CAMPO

COMUNE DI CARDANO AL CAMPO COMUNE DI CARDANO AL CAMPO Provincia di Varese COMANDO POLIZIA LOCALE Telefono: 0331-266244 / 348-2665961 - Fax: 0331-266252 e - mail: poliziam@comune.cardanoalcampo.va.it ARTICOLO INFRAZIONE PUNTI IMPORTO/SANZIONE

Dettagli

SISTEMA INFORMATIVO SULLA SICUREZZA STRADALE IN PROVINCIA DI MANTOVA

SISTEMA INFORMATIVO SULLA SICUREZZA STRADALE IN PROVINCIA DI MANTOVA SISTEMA INFORMATIVO SULLA SICUREZZA STRADALE IN PROVINCIA DI MANTOVA Arezzo, 31 gennaio 2003 Dott. Angelo Cortellazzi Responsabile Servizio Statistica e Innovazione Provincia di Mantova statistica@provincia.mantova.it

Dettagli

PROGETTO di EDUCAZIONE ALLA CONVIVENZA CIVILE

PROGETTO di EDUCAZIONE ALLA CONVIVENZA CIVILE SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO E. FIERAMOSCA DI ROCCA D EVANDRO CE A.S 2009/2010 PROGETTO di EDUCAZIONE ALLA CONVIVENZA CIVILE PREMESSA L innovazione prevista dalle Indicazioni Nazionali rispetto alla

Dettagli

Aprile 2011 IL SETTORE DEI MEZZI PESANTI IN RELAZIONE ALL INCIDENTALITÀ E LA SICUREZZA STRADALE

Aprile 2011 IL SETTORE DEI MEZZI PESANTI IN RELAZIONE ALL INCIDENTALITÀ E LA SICUREZZA STRADALE Aprile 2011 IL SETTORE DEI MEZZI PESANTI IN RELAZIONE ALL INCIDENTALITÀ E LA SICUREZZA STRADALE Sommario 1. L INCIDENTALITA DEL TRASPORTO PESANTE IN EUROPA... 3 2. IL TRASPORTO PESANTE IN ITALIA... 9 1.1

Dettagli

Gli incidenti stradali in Emilia-Romagna: 2011 (dati provvisori progetto MIStER)

Gli incidenti stradali in Emilia-Romagna: 2011 (dati provvisori progetto MIStER) Gli incidenti stradali in Emilia-Romagna: 2011 (dati provvisori progetto MIStER) Nel corso del 2011 sul territorio della regione Emilia-Romagna si sono verificati 20.415 incidenti (268 in più rispetto

Dettagli

INCIDENTI SULLE STRADE: 10 MORTI AD AGOSTO IN PROVINCIA DI TREVISO

INCIDENTI SULLE STRADE: 10 MORTI AD AGOSTO IN PROVINCIA DI TREVISO INCIDENTI SULLE STRADE: 1 MORTI AD AGOSTO IN Il 44% delle vittime viaggiava a piedi o su mezzi a due ruote IL PRESIDENTE MURARO: "ATTENZIONE, SEMPRE: NON SI MUORE SOLO IN AUTO" Il trend positivo in discesa

Dettagli

Consumo di bevande alcoliche. Indagine statistica tra gli studenti dell Istituto Scalcerle. svolta nell a.s. 2014/15 dalle classi 4 e sanitario

Consumo di bevande alcoliche. Indagine statistica tra gli studenti dell Istituto Scalcerle. svolta nell a.s. 2014/15 dalle classi 4 e sanitario Consumo di bevande alcoliche Indagine statistica tra gli studenti dell Istituto Scalcerle svolta nell a.s. 2014/15 dalle classi 4 e sanitario Presentazione del lavoro Nel corso dell anno scolastico 2014/15,

Dettagli

progetti Distretto di Acqui T.

progetti Distretto di Acqui T. progetti Distretto di Acqui T. S1 UNPLUGGED: un programma efficace per la prevenzione all'uso di tabacco, alcool e sostanze Novelli Daniela SISP Tortona tel. 0131/865307 dnovelli@aslal.it Franca Susani

Dettagli

REGIONE MARCHE INCIDENTALITA STRADALE PROGETTO 1. INCIDENTI STRADALI/SORVEGLIANZA

REGIONE MARCHE INCIDENTALITA STRADALE PROGETTO 1. INCIDENTI STRADALI/SORVEGLIANZA REGIONE MARCHE INCIDENTALITA STRADALE PROGETTO 1. INCIDENTI STRADALI/SORVEGLIANZA Il progetto è stato effettuato secondo le indicazioni ed i tempi del cronoprogramma. E stato realizzato un report epidemiologico

Dettagli

CORPO DI POLIZIA MUNICIPALE DEL COMUNE DI BOLOGNA GRUPPO EDUCAZIONE STRADALE

CORPO DI POLIZIA MUNICIPALE DEL COMUNE DI BOLOGNA GRUPPO EDUCAZIONE STRADALE 4 Giorno: MODULO A - ELEMENTI DEL CICLOMOTORE E LORO USO - CASCO Scheda n. 1 Durante la marcia dei ciclomotori è sempre obbligatorio l'uso dei proiettori a luce anabbagliante 1) in ogni condizione di tempo

Dettagli

Gli incidenti stradali in provincia di Trieste Anni 2007, 2008 e 2009

Gli incidenti stradali in provincia di Trieste Anni 2007, 2008 e 2009 Gli incidenti stradali in provincia di Trieste Anni 2007, 2008 e 2009 100,0 80,0 Variaz. % sul 2000 60,0 40,0 20,0 0,0-20,0-40,0 TS FVG ITALIA -60,0 2001 2002 2003 2004 2005 2006 2007 2008 2009 AREA RISORSE

Dettagli

Sicurezza e Sostenibilità

Sicurezza e Sostenibilità Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Dipartimento per l Istruzione Direzione Generale per lo Studente, l Integrazione, la Partecipazione e la Comunicazione Ufficio IV Educazione stradale:

Dettagli