METTI IN MOTO LA PRUDENZA Anno scolastico

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "METTI IN MOTO LA PRUDENZA Anno scolastico 2012 2013."

Transcript

1 METTI IN MOTO LA PRUDENZA Anno scolastico Gruppo di lavoro: Mauro Brusa: Coordinatore PEAS Massimo Coppola: S.O.C. SISP Acqui Terme, Carlo Di Pietrantonj: Servizio Sovrazonale Epidemiologia ASL AL Mauro Gastaldo: S.O.C. SISP Ovada, Luisa Morano: S.O.C. SISP Casale Monferrato, Daniela Novelli: S.O.C. SISP Tortona Alessandro Peano: S.O.C. SISP Casale Monferrato. Franca Susani: S.O.C. SISP Tortona, Istituti Comprensivi: Istituto Comprensivo Molare Ovada, Istituto Comprensivo Pertini Ovada, Sacro Cuore Casale Monferrato, Istituto Comprensivo Cerrina Casale Monferrato,, Istituto Comprensivo Don Milani Casale Monferrato, Istituto Comprensivo Trevigi Casale Monferrato. Introduzione Gli incidenti stradali in Italia sono la principale causa di morte e di disabilità nella popolazione sotto i 40 anni ed il 25% dei decessi per tale causa interessa i ragazzi con meno di 23 anni. Nel 20 gli incidenti stradali che hanno causato lesioni a persone e in cui è stato coinvolto un ciclomotore o un motociclo sono stati 7593, causando il decesso di.088 persone e il ferimento di Rispetto al 200, l Italia ha registrato una diminuzione del numero di morti del 45,6% negli incidenti stradali, ma risulta ancora distante l'obiettivo dell'unione Europea che prevedeva la riduzione della mortalità del 50% entro il 20. Le cause principali sono attribuibili al consumo di alcol, alla distrazione alla guida e al mancato rispetto delle regole del Codice della Strada. Il Progetto Il progetto rientra nelle attività previste dal Piano Regionale di Prevenzione della Regione Piemonte - Prevenzione Incidenti Stradali, e si pone come obiettivo di informare e sensibilizzare gli studenti al corretto utilizzo dei dispositivi di sicurezza e alla messa in atto di comportamenti corretti alla guida. Gli interventi sono stati realizzati nelle classi terze della Scuola Secondaria di Primo grado. Al fine di valutare l efficacia del progetto formativo, gli insegnanti hanno somministrato un questionario prima dopo l intervento degli operatori. Gli operatori coinvolti sono Tecnici della Prevenzione del SISP dei Distretti di Casale Monferrato e di Ovada. La metodologia ha previsto l utilizzo di materiale proposto dal Programma Nazionale Prevenzione Incidenti Stradali con lezioni frontali

2 alternate ad attività interattive (es. brainstorming, situazioni stimolo con momenti di confronto fra gli studenti). Sono stati raccolti n.350 questionari pre intervento e n. 346 questionari post intervento. I risultati sono stati inseriti nel database Epidata 3.0 e successivamente analizzati con Epidata Analisys. Risultati Il campione risulta composto da 88 maschi (54%) e 57 femmine (45%) e da 5 soggetti (%) che non hanno dichiarato il genere, l età prevalente risulta essere 3 anni (pari al 68%) e 4 anni (pari al 25%). Il questionario prevede tre sezioni oltre la descrizione anagrafica: la prima misura le conoscenze relative alle cause che possono provocare l incidente stradale, la seconda misura la conoscenza e la loro applicazione delle norme sulla sicurezza stradale prevista dal Codice della Strada. La quarta sezione, prevista solo nel post intervento, misura il gradimento dichiarato dagli studenti all intervento proposto. prima sezione il 94% degli studenti riconosce nel fattore umano la principale causa degli incidenti stradali già al pre test, nel post test, pur stabilizzando il valore, possiamo notare lo spostamento positivo verso gli altri fattori che entrano in gioco nel verificarsi dell incidente stradale. Nella figura è possibile rilevare lo spostamento delle risposte verso il fattore ambientale e la condizione del veicolo che concorrono all'evento accidentale. Tabella : Pre 350 Post 346 ambientale 20 ( 6%) 29 ( 8,%) umano 328 (94%) 330 (95%) Condizioni del veicolo 6 ( 2%) 6 ( 5%) Figura : ripartizione delle risposte multiple alla domanda sui fattori coinvolti in un incidente stradale Umano 37 Umano Condizione del Veicolo Ambientale Condizione del Veicolo Ambientale Figura a: ripartizione delle risposte al Pre Test N=350 Figura b: ripartizione delle risposte al post test N=346 In tabella 2 sono riportare le percentuali di risposta alla domanda riguardo la tipologia di strada su cui avviene la maggior parte degli incidenti, la lettura dei risultati, confrontando i due periodi (pre/post) di intervento, sembra suggerire che il corso abbia accresciuto la consapevolezza che la maggior pare degli incidenti avvengono in strade urbane. In effetti gli incidenti stradali nel complesso avvengono più spesso sulle strade urbane, ma è sulle strade extraurbane che si verificano gli incidenti più gravi. Nel 20 sulle strade urbane si sono verificati incidenti, sulle autostrade gli incidenti sono stati 2.079, sulle altre strade extraurbane, ad esclusione delle autostrade, si sono verificati incidenti. Tabella 2: Pre 350 Post 346 Autostrada 69 (48%) 37 (2%) Strada extra urbana (fuori della città) 72 (20%) 74 (2%) Strada urbana (in città) 6 (30%) 227 (65%) 2

3 Dall'analisi delle circostanze accertate o presunte di causa di incidente che coinvolge almeno un motoveicolo mette in evidenza come, nell'ambito di comportamenti errati di guida, la distrazione, la velocità troppo elevata e il mancato rispetto di precedenza sono le prime tre cause di incidenti raggiungendo il 47,6% dei casi. Nella tabella 3, sono indicati i fattori/comportamenti che rendono meno sicura la guida. In generale emerge un consolidamento generale delle risposte dal pre al post, tuttavia le risposte relative alle norme previste dal Codice della Strada, rispettare la velocità e l'uso del casco alla guida, vengono riconosciute fattori di rischio in misura minore rispetto l'atteso. Il non mantenere la distanza di sicurezza viene riconosciuto come fattore di rischio solo dal 60% di studenti indicando una sottostima del rischio che comporta l'inosservanza di tale norma. Tabella 3: Pre 350 Post 346 Sonnolenza 32 (89%) 326 (94%) Disattenzione 330 (94%) 327(94%) Rispondere al telefonino 296 (84%) 305 (88%) Mantenere la distanza di sicurezza (no) 204 (59%) 2 (60%) Assunzione di alcol 336 (96%) 333 (96%) Assunzione di sostanze stupefacenti 320 (9%) 322 (93%) Guida senza casco 243 (69%) 294 (85%) Superare il limite di velocità 260 (74%) 293 (85%) Premesso che, alla guida di veicoli la quantità di alcol sicura è 0,0 g/l, per la legge italiana dal 20 vige il divieto di mettersi alla guida dopo aver bevuto alcolici per i minori di 2 anni, per chi ha conseguito la patente di guida da meno di tre anni e per i conducenti professionisti. Nella tabella 4 vengono riportate le risposte alla domanda che indaga il tasso di alcolemia previsto dal Codice Stradale. Rispetto l'atteso solo il 52% degli studenti risponde in modo corretto (0,00 g/l), tuttavia si può osservare che uno spostamento in positivo dal pre al post è avvenuto in tutte le risposte previste. Seconda sezione Tabella 4 Pre 350 Post 346 0,5 g/l 76 (50%) 35 (39%) 0,8 g/l 37 (%) 9 (2%) 0,00 g/l 54 (5%) 83 (52%) non so 83 (24%) 6 (5%) Il D.L. 30/4/992 n. 285 art.72, prevede l'obbligo dell'uso delle cinture di sicurezza in auto e del casco alla guida di un motoveicolo. Con le domande successive si indaga il comportamento adottato dagli studenti riguardo l'uso delle cinture di sicurezza, in auto seduti sui sedili anteriori e l'utilizzo del casco. Alla domanda Secondo il Codice della Strada allacciare le cinture posteriori è... vediamo che nel questionario post intervento possiamo ipotizzare lo spostamento delle risposte verso quella corretta senza però raggiungere il 0%. Tabella 5 Pre 350 Post 346 obbligatorio se chi guida è un neopatentato 27 (7%) 20 (5%) sempre obbligatorio 28 (80%) 35 (9%) obbligatorio solo su macchine di alta cilindrata 9 (2%) 4 (%) non lo so 33 (9%) 6 (%) 3

4 Alla domanda Quando vai in auto, sia in città sia fuori, metti la cintura di sicurezza quando sei seduto sui sedili anteriori? si evidenzia come solo l'8% (sommando sempre/spesso) indossa la cintura di sicurezza. Tabella 6 Pre 350 Post 346 Sempre 206 (59%) 207 (60%) Spesso 69 (9%) 72 (2%) A volte 57 (6%) 5 (5%) Mai 8 (5%) 6 (5%) Alla domanda Secondo il Codice della Strada l uso del casco in motorino è... seppur al di sotto dell'atteso, il 95% degli studenti risponde correttamente. Tabella 7 Pre 350 Post 346 obbligatorio per i conducenti di ciclomotori a due ruote, solo se minorenni (3%) 8 (2%) obbligatorio sempre 38 (90%) 330 (95%) obbligatorio solo su moto di alta cilindrata 8 (2%) 2 (0,5%) non so 3 (3,7%) 5 (%) Alla domanda Secondo te la distanza di sicurezza è il 90% degli studenti individua la risposta corretta riconoscendo nel rispetto della distanza di sicurezza il modo per evitare collisioni tra i veicoli. Tabella 8 Pre 350 Post 346 La distanza minima consentita fra due veicoli parcheggiati. 5 (4,2%) 2 (3,4%) Una distanza che garantisce l arresto tempestivo per evitare collisioni con i veicoli ) 284 (8%) 3 (90%) La distanza prevista tra i veicoli per il sorpasso sicuro. 25 (7%) 2 (3%) Non so 26 (7,4%) 5 (%) Confrontando i risultati delle quattro domande emerge come la conoscenza delle norme stradali e la continuità di interventi di prevenzione, non sempre corrisponda all'adozione di un comportamento salutare: il corretto utilizzo del casco e delle cinture di sicurezza sono il modo efficace per evitare lesioni e/o traumi gravi. Studi del settore indicano come tra i patentati che guidano veicoli a due ruote risulta più frequente violare il Codice della Strada rispetto coloro che guidano veicoli, bicicletta e pedoni. L'errata percezione del rischio e della propria vulnerabilità sono gli aspetti più frequenti alla base della sottovalutazione del pericolo e del mantenimento di comportamenti di guida insicura. Quarta sezione I 346 questionari del post intervento ci consentono di valutare l'intervento effettuato: il 92% degli studenti ritiene che le informazioni ricevute siano state utili e il 90,7% dichiara che lo aiuteranno ad essere più prudente alla guida del motoveicolo. Per quanto riguarda la metodologia adottata il 74,5% afferma che abbia stimolato la discussione e il confronto coi compagni. Conclusione. I tempi dedicati all'intervento e la presenza di un insegnante potrebbero in qualche modo aver ridotto e/o alterato la 4

5 possibilità di discussione libera fra il gruppo classe, favorendo l'ascolto all'esposizioni di opinioni ed idee personali. I risultati ottenuti confermano la necessità di un approccio educativo integrato e continuativo. Per migliorare la lettura dei risultati è ipotizzabile per i prossimi interventi l'adozione di un codice auto generato che consenta la tracciabilità del compilatore garantendone l'anonimato e la privacy. Bibliografia: Incidenti stradali dei veicoli a due ruote. Focus ISTAT 20 Alcol e giovani riflettere prima dell'uso. Beccaria F. Giunti 203 Rapporto ACI-ISTAT 20 Rapporto ACI Censis 20 Rapporto ISTSAN 06/39 Rapporto ISTISAN /3 5

Incidenti stradali con morti o feriti in Italia e nel Lazio 2010

Incidenti stradali con morti o feriti in Italia e nel Lazio 2010 I dati integrati dei sistemi di sorveglianza sugli incidenti stradali Gli incidenti stradali sono in Italia la principale causa di morte e di disabilità sotto ai 40 anni. Rappresentano quindi un fenomeno

Dettagli

I dati integrati dei sistemi di sorveglianza sugli incidenti stradali

I dati integrati dei sistemi di sorveglianza sugli incidenti stradali Piano Regionale della Prevenzione 2010-2012 I dati integrati dei sistemi di sorveglianza sugli incidenti stradali Gli incidenti stradali sono, in Italia, la principale causa di morte e di disabilità sotto

Dettagli

I dati integrati dei sistemi di sorveglianza sugli incidenti stradali

I dati integrati dei sistemi di sorveglianza sugli incidenti stradali I dati integrati dei sistemi di sorveglianza sugli incidenti stradali Gli incidenti stradali sono in Italia la principale causa di morte e di disabilità sotto ai 40 anni. Rappresentano quindi un fenomeno

Dettagli

Incidenti stradali nella Regione Lazio e nella ASL Roma C

Incidenti stradali nella Regione Lazio e nella ASL Roma C ROMA AZIENDA USL Incidenti stradali nella Regione Lazio e nella ASL Roma C I fattori di rischio e gli interventi di prevenzione Anno 2013 PUBBLICAZIONE REALIZZATA DA ASL Roma C - Dipartimento di Prevenzione

Dettagli

INCIDENTALITA STRADALE Incidenti stradali con morti o feriti in Italia e nel Lazio - 2010

INCIDENTALITA STRADALE Incidenti stradali con morti o feriti in Italia e nel Lazio - 2010 I dati integrati dei sistemi di sorveglianza sugli incidenti stradali Gli incidenti stradali sono in Italia la principale causa di morte e di disabilità sotto ai 40 anni. Rappresentano quindi un fenomeno

Dettagli

la strada è sotto i nostri occhi, la sicurezza è nelle nostre teste

la strada è sotto i nostri occhi, la sicurezza è nelle nostre teste ASL CITTA DI MILA ASL CITTA DI MILA Dipartimento di Prevenzione STRADAIMPARANDO la strada è sotto i nostri occhi, la sicurezza è nelle nostre teste Progetto di educazione alla sicurezza stradale rivolto

Dettagli

I dati integrati dei sistemi di sorveglianza sugli eventi infortunistici in ambito stradale anno 2012

I dati integrati dei sistemi di sorveglianza sugli eventi infortunistici in ambito stradale anno 2012 AZIENDA USL ROMA F Dipartimento di Prevenzione I dati integrati dei sistemi di sorveglianza sugli eventi infortunistici in ambito stradale anno 2012 Nel 2010 l Assemblea Generale delle Nazioni Unite ha

Dettagli

Anno. Gli incidenti stradali nella regione Lazio e nella A.S.L.-Rieti: i fattori di rischio e gli interventi di prevenzione

Anno. Gli incidenti stradali nella regione Lazio e nella A.S.L.-Rieti: i fattori di rischio e gli interventi di prevenzione Anno Gli incidenti stradali nella regione Lazio e nella A.S.L.-Rieti: 2013 i fattori di rischio e gli interventi di prevenzione Pubblicazione realizzata da: A.S.L Rieti Medicina Legale - Dip. Prevenzione

Dettagli

REGIONE LIGURIA Dipartimento Salute e Servizi Sociali Servizio Prevenzione SORVEGLIANZA E PREVENZIONE DEGLI INCIDENTI STRADALI

REGIONE LIGURIA Dipartimento Salute e Servizi Sociali Servizio Prevenzione SORVEGLIANZA E PREVENZIONE DEGLI INCIDENTI STRADALI REGIONE LIGURIA Dipartimento Salute e Servizi Sociali Servizio Prevenzione SORVEGLIANZA E PREVENZIONE DEGLI INCIDENTI STRADALI 1 Premessa Il determinismo degli incidenti stradali risulta in una particolare

Dettagli

Tavola 1 Incidenti stradali, morti e feriti

Tavola 1 Incidenti stradali, morti e feriti PRINCIPALI EVIDENZE DELL INCIDENTALITÀ STRADALE IN ITALIA I numeri dell incidentalità stradale italiana Nel 2011, in Italia si sono registrati 205.638 incidenti stradali, che hanno causato 3.860 morti

Dettagli

ACI ISTAT 2011: MENO INCIDENTI (-2,7%), MORTI (-5,6%) E FERITI

ACI ISTAT 2011: MENO INCIDENTI (-2,7%), MORTI (-5,6%) E FERITI Roma, 31 ottobre 2012 ACI ISTAT 2011: MENO INCIDENTI (-2,7%), MORTI (-5,6%) E FERITI (-3,5%) Obiettivo UE 2010 (-50% morti sulle strade): Italia non raggiunge target nemmeno nel 2011 ma fa meglio della

Dettagli

La sicurezza delle Due Ruote nel Comune di Roma. La sicurezza dei veicoli a due ruote nel Comune di Roma

La sicurezza delle Due Ruote nel Comune di Roma. La sicurezza dei veicoli a due ruote nel Comune di Roma La sicurezza dei veicoli a due ruote nel Comune di Roma Novembre 2009 Il progetto di ricerca nasce da una collaborazione Automobile Club d Italia - Reale Automobile Club della Catalogna ed è stato supportato

Dettagli

Violazioni che comportano la perdita di 5 punti

Violazioni che comportano la perdita di 5 punti Come è ormai noto, alcune e ben precise violazioni del Codice della Strada danno luogo alla sanzione amministrativa ed alla decurtazione dei punti della patente in misura variabile e legata alla gravità

Dettagli

Stato della sicurezza stradale in Italia: priorità. utenti deboli

Stato della sicurezza stradale in Italia: priorità. utenti deboli Stato della sicurezza stradale in Italia: priorità delle politiche nazionali e protezione degli utenti deboli LE DIMENSIONI QUANTITATIVE In Italia, nel 2011, si sono registrati 205.638 incidenti stradali.

Dettagli

ATTIVITÀ - PERCORSI FORMATIVI

ATTIVITÀ - PERCORSI FORMATIVI PROGETTO Cofinanziato nell ambito dell iniziativa BE@CTIVE promossa dall Unione delle Province d Italia (UPI) e finanziata dall Agenzia Nazionale Giovani (ANG) ATTIVITÀ - PERCORSI FORMATIVI European ICT

Dettagli

Sistema di sorveglianza PASSI

Sistema di sorveglianza PASSI Sistema di sorveglianza PASSI Sicurezza stradale 2010-2013 Azienda per l Assistenza Sanitaria n.1 - Triestina AZIENDA PER L ASSISTENZA SANITARIA N 1 Riproduzione autorizzata citando la fonte Redazione

Dettagli

Sistema di sorveglianza Passi

Sistema di sorveglianza Passi Progressi delle Aziende Sanitarie per la Salute in Italia Sistema di sorveglianza Passi Uso dei dispositivi per la sicurezza stradale periodo 2010-2013 Valle d Aosta USO DEI DISPOSITIVI DI SICUREZZA STRADALE

Dettagli

Buone pratiche sulla sorveglianza e prevenzione degli incidenti stradali e domestici

Buone pratiche sulla sorveglianza e prevenzione degli incidenti stradali e domestici Buone pratiche sulla sorveglianza e prevenzione degli incidenti stradali e domestici ROMA 5 dicembre 2011 2.1.1. Comunicazione dei dati delle sorveglianze e collaborazione con stakeholder esterni al SSR

Dettagli

Drink-driving in Italy. Dibattito Safe & Sober 14 dicembre 2009 Roma Palazzo Marini

Drink-driving in Italy. Dibattito Safe & Sober 14 dicembre 2009 Roma Palazzo Marini Drink-driving in Italy Dibattito Safe & Sober 14 dicembre 2009 Roma Palazzo Marini Umberto Guidoni, Segretario Generale Fondazione ANIA per la Sicurezza Stradale Le Compagnie di assicurazione per la sicurezza

Dettagli

Sicurezza stradale SICUREZZA

Sicurezza stradale SICUREZZA PROFILO SOCIODEMOGRAFIXCO SICUREZZA Nel 211, in Italia, si sono registrati 25.638 incidenti stradali con lesioni a persone, di cui 386 mortali. Con questi dati, l Italia conferma una costante tendenza

Dettagli

LA SICUREZZA STRADALE SULLE 2 RUOTE UN ANALISI STATISTICA PER AZIONI CONCRETE ABSTRACT ANIA. Fondazione per la Sicurezza Stradale

LA SICUREZZA STRADALE SULLE 2 RUOTE UN ANALISI STATISTICA PER AZIONI CONCRETE ABSTRACT ANIA. Fondazione per la Sicurezza Stradale LA SICUREZZA STRADALE SULLE 2 RUOTE UN ANALISI STATISTICA PER AZIONI CONCRETE ABSTRACT ANIA Fondazione per la Sicurezza Stradale LA SICUREZZA STRADALE SULLE 2 RUOTE UN ANALISI STATISTICA PER AZIONI CONCRETE

Dettagli

La patente a punti. All'atto del rilascio della patente viene attribuito al titolare un punteggio di 20 punti (per

La patente a punti. All'atto del rilascio della patente viene attribuito al titolare un punteggio di 20 punti (per La patente a punti Come funziona la patente a punti? All'atto del rilascio della patente viene attribuito al titolare un punteggio di 20 punti (per chi aveva la patente il punteggio è stato attribuito

Dettagli

Il progetto Incidenti Stradali: un po di storia, qualche dato e le prospettive future.

Il progetto Incidenti Stradali: un po di storia, qualche dato e le prospettive future. Il progetto Incidenti Stradali: un po di storia, qualche dato e le prospettive future. A cura di: Alberto Silva e Sandra Bonistalli Educazione alla Salute Azienda Usl 11 Comunicazione presentata alla Conferenza

Dettagli

Punti patente: verifica saldo, decurtazione e modalità di recupero.

Punti patente: verifica saldo, decurtazione e modalità di recupero. SERVIZI ASSICURATIVI in collaborazione con Unipol Assicurazioni Punti patente: verifica saldo, decurtazione e modalità di recupero. Il meccanismo della patente a punti viene definito dall articolo 126

Dettagli

L azione della Fondazione ANIA per la Sicurezza Stradale

L azione della Fondazione ANIA per la Sicurezza Stradale L azione della Fondazione ANIA per la Sicurezza Stradale Presentazione del Rapporto annuale L ASSICURAZIONE ITALIANA 2013-2014 Umberto Guidoni Segretario Generale Fondazione ANIA per la Sicurezza Stradale

Dettagli

È ALLARME NAZIONALE!!

È ALLARME NAZIONALE!! Il contesto La sicurezza delle persone, nella circolazione stradale, rientra tra le finalità primarie di ordine sociale ed economico perseguite dallo Stato. Questo è quanto afferma l articolo n.1 del Codice

Dettagli

Corso Laboratorio Ambiente Salute Educazione

Corso Laboratorio Ambiente Salute Educazione Corso Laboratorio Ambiente Salute Educazione Incidenti stradali e feriti (1991-2004 / valori assoluti) Incidenti stradali, morti e feriti (1991-2004 / valori assoluti) Fonte: ISTAT L'indice di mortalità:

Dettagli

Alcol, droghe. Guida sicura 2010/2011. Ce.Do.S.T.Ar. Centro di Documentazione e Ricerca sul Fenomeno delle Dipendenze Patologiche del Ser.T.

Alcol, droghe. Guida sicura 2010/2011. Ce.Do.S.T.Ar. Centro di Documentazione e Ricerca sul Fenomeno delle Dipendenze Patologiche del Ser.T. Alcol, droghe. Guida sicura 2010/2011 Ce.Do.S.T.Ar. Centro di Documentazione e Ricerca sul Fenomeno delle Dipendenze Patologiche del Ser.T. Arezzo L ambiente strada I fattori che intervengono nella guida:

Dettagli

In particolare, il progetto riesce toccare diverse classi di età, affrontando in modo diretto le problematiche più evidenti per ogni tipologia:

In particolare, il progetto riesce toccare diverse classi di età, affrontando in modo diretto le problematiche più evidenti per ogni tipologia: Il progetto Caschiamoci e tutte le iniziative ad esso connesse, coinvolgono vari soggetti della realtà locale: Provincia di Arezzo, Comune di Arezzo, Comuni della Provincia di Arezzo (n. 38), Prefettura,

Dettagli

L azione della Fondazione ANIA per la Sicurezza Stradale

L azione della Fondazione ANIA per la Sicurezza Stradale L azione della Fondazione ANIA per la Sicurezza Stradale Presentazione del rapporto annuale L'ASSICURAZIONE ITALIANA 2011-2012 Umberto Guidoni Segretario Generale Fondazione ANIA per la sicurezza stradale

Dettagli

Le donne al volante tra trasformazioni sociali e nuovi modelli

Le donne al volante tra trasformazioni sociali e nuovi modelli Le donne al volante tra trasformazioni sociali e nuovi modelli Le donne al volante Pagina 1 Una ricerca dell'università di Bradford in Inghilterra (ricercatori Amarylis Fox, Kay Marshall e Jo Neill) ha

Dettagli

Allarme Sicurezza Stradale: le idee di uno scrittore per fermare la strage

Allarme Sicurezza Stradale: le idee di uno scrittore per fermare la strage Allarme Sicurezza Stradale: le idee di uno scrittore per fermare la strage Fabio Bergamo è uno scrittore salernitano conosciuto in Italia per la sua lotta contro gli incidenti e le morti stradali. Col

Dettagli

gli incidenti stradali in toscana 2012

gli incidenti stradali in toscana 2012 Si rivolge un ringraziamento per la disponibilità dimostrata alla Provincia di Arezzo, capofila fino al 2010 del Sistema integrato regionale per la sicurezza stradale (SIRSS), per i dati sull infortunistica

Dettagli

ARGOMENTI DA TRATTARE CON I TESTIMONIAL DI 2^ E DI 4^ COME FORZE DELL ORDINE E PERSONALE SANITARIO

ARGOMENTI DA TRATTARE CON I TESTIMONIAL DI 2^ E DI 4^ COME FORZE DELL ORDINE E PERSONALE SANITARIO ARGOMENTI DA TRATTARE CON I TESTIMONIAL DI 2^ E DI 4^ COME FORZE DELL ORDINE E PERSONALE SANITARIO Azione 4 M.F.TEORICO Classe 2^ 1) PREDISPOSIZIONE DELLA SEDE DELL INCONTRO E DELL ACCOGLIENZA (A cura

Dettagli

Vedere e farsi vedere

Vedere e farsi vedere edere e farsi vedere 5 lezione Occhio allo specchio 32 Lo specchio retrovisore è un dispositivo importantissimo che permette al conducente la visibilità della strada alle sue spalle senza tuttavia distogliere

Dettagli

INFO DI GUIDA FRANCIA

INFO DI GUIDA FRANCIA INFO DI GUIDA FRANCIA - Triangolo: obbligatorio, - Estintore: obbligatorio - Valigetta pronto soccorso: obbligatoria - Lampadine di ricambio: obbligatorie Cinture di sicurezza: è obbligatorio indossarle

Dettagli

La sicurezza stradale negli. Il trasporto pubblico locale e la. di miglioramento della sicurezza

La sicurezza stradale negli. Il trasporto pubblico locale e la. di miglioramento della sicurezza Aldo Vittorio MOLINARI Ingegnere in Milano La sicurezza stradale negli spostamenti sul lavoro e casa-lavoro. Il trasporto pubblico locale e la disciplina del traffico nelle strategie di miglioramento della

Dettagli

L Evidence Based Prevention nell ambito degli Incidenti stradali

L Evidence Based Prevention nell ambito degli Incidenti stradali Sicurezza stradale nelle Province della Costa emiliano romagnola: dalla lettura dei dati alle azioni di promozione L Evidence Based Prevention nell ambito degli Incidenti stradali Nicoletta Bertozzi Patrizia

Dettagli

Premessa... 2. 1. Gli italiani al volante. La distrazione alla guida tra realtà e percezione... 3. 1.1. L esperienza vissuta... 3

Premessa... 2. 1. Gli italiani al volante. La distrazione alla guida tra realtà e percezione... 3. 1.1. L esperienza vissuta... 3 Indice Premessa... 2 1. Gli italiani al volante. La distrazione alla guida tra realtà e percezione... 3 1.1. L esperienza vissuta... 3 1.2. Opinioni e percezioni dei guidatori italiani... 4 2. La guida

Dettagli

www.lasicurezzanoneunlimite.it

www.lasicurezzanoneunlimite.it www.lasicurezzanoneunlimite.it potremmo dirti di non fare uso di droghe IL CONSUMO DI DROGA E LA CIRCOLAZIONE STRADALE NON SONO COMPATIBILI, I RAGAZZI NE SONO CONSAPEVOLI. MA NON TUTTI 2 Mettersi al volante

Dettagli

Meno incidenti sulle strade italiane

Meno incidenti sulle strade italiane 2001 2002 2003 2004 2005 2006 2007 2008 2009 2010 2011 2012 2013 Anno 2013 INCIDENTI STRADALI 4 novembre 2014 Nel 2013 si sono registrati in Italia 181.227 incidenti stradali con lesioni a persone. Il

Dettagli

Aprile 2011 IL SETTORE DEI MEZZI PESANTI IN RELAZIONE ALL INCIDENTALITÀ E LA SICUREZZA STRADALE

Aprile 2011 IL SETTORE DEI MEZZI PESANTI IN RELAZIONE ALL INCIDENTALITÀ E LA SICUREZZA STRADALE Aprile 2011 IL SETTORE DEI MEZZI PESANTI IN RELAZIONE ALL INCIDENTALITÀ E LA SICUREZZA STRADALE Sommario 1. L INCIDENTALITA DEL TRASPORTO PESANTE IN EUROPA... 3 2. IL TRASPORTO PESANTE IN ITALIA... 9 1.1

Dettagli

COMUNE DI CARDANO AL CAMPO

COMUNE DI CARDANO AL CAMPO COMUNE DI CARDANO AL CAMPO Provincia di Varese COMANDO POLIZIA LOCALE Telefono: 0331-266244 / 348-2665961 - Fax: 0331-266252 e - mail: poliziam@comune.cardanoalcampo.va.it ARTICOLO INFRAZIONE PUNTI IMPORTO/SANZIONE

Dettagli

Alcuni indici statistici derivabili dai dati della Patente a Punti e dalle statistiche degli incidenti stradali verbalizzati

Alcuni indici statistici derivabili dai dati della Patente a Punti e dalle statistiche degli incidenti stradali verbalizzati www.iss.it/stra ISTITUTO SUPERIORE DI SANITÀ DIPARTIMENTO AMBIENTE E CONNESSA PREVENZIONE PRIMARIA REPARTO AMBIENTE E TRAUMI OSSERVATORIO NAZIONALE AMBIENTE E TRAUMI (ONAT) Franco Taggi Alcuni indici statistici

Dettagli

Il simulatore di guida per le due ruote

Il simulatore di guida per le due ruote Educazione alla Salute Progetto Incidenti Stradali Il simulatore di guida per le due ruote Manuale per l utilizzo del simulatore di guida per veicoli a due ruote per le attività didattiche e qualche dato

Dettagli

Riforma al Codice della Strada. L. 120 del 29 luglio 2010

Riforma al Codice della Strada. L. 120 del 29 luglio 2010 Riforma al Codice della Strada L. 120 del 29 luglio 2010 Automobile Club d Italia Il Club degli automobilisti che fin dai primi anni del 900 si occupa: - di problemi del traffico, delle persone e delle

Dettagli

INDAGINE CONOSCITIVA SULLA SICUREZZA STRADALE

INDAGINE CONOSCITIVA SULLA SICUREZZA STRADALE Provincia di Padova Capofila Comune di Cittadella Comune di Piove di Sacco Comune di Limena INDAGINE CONOSCITIVA SULLA SICUREZZA STRADALE PREMESSA Gli incidenti stradali sono la nona causa di morte nel

Dettagli

La strada della sicurezza

La strada della sicurezza Quaderno per l insegnante La strada della sicurezza A piedi, in bici, in motorino, in auto: la sicurezza cresce con te. PERCORSO DIDATTICO PER LE SCUOLE MATERNE LAZIOSANITÀ - AGENZIA DI SANITÀ PUBBLICA

Dettagli

GLOSSARIO. Studiare sicurezza

GLOSSARIO. Studiare sicurezza 59 Studiare sicurezza In che modo le Indicazioni nazionali per i Piani di studio personalizzati relative alla scuola primaria e a quella secondaria di primo grado possono aiutare a formulare percorsi di

Dettagli

ARCAT Liguria Associazione Regionale dei Club degli Alcolisti in Trattamento chiama lo: 010 2512125

ARCAT Liguria Associazione Regionale dei Club degli Alcolisti in Trattamento chiama lo: 010 2512125 ARCAT Liguria Associazione Regionale dei Club degli Alcolisti in Trattamento chiama lo: 010 2512125 Un uomo di 70kg può raggiungere il limite legale già con: oppure oppure Una donna di 55kg può raggiungere

Dettagli

In viaggio per lavoro

In viaggio per lavoro In viaggio per lavoro Consigli per viaggiare sicuri upi Ufficio prevenzione infortuni In viaggio per lavoro In Svizzera, gli incidenti stradali continuano a causare numerosi feriti e vittime mortali: ogni

Dettagli

ISTRUZIONI PER L USO...NON PER L ABUSO! DAL 13 NOVEMBRE 2010 PER MOLTI LOCALI È OBBLIGATORIO DOTARSI DI ETILOMETRO O PRECURSORE.

ISTRUZIONI PER L USO...NON PER L ABUSO! DAL 13 NOVEMBRE 2010 PER MOLTI LOCALI È OBBLIGATORIO DOTARSI DI ETILOMETRO O PRECURSORE. VADEMECUM ALCOOL DEF:Layout 1 15/02/11 10:57 Pagina 1 Federazione Italiana Esercenti Pubblici e Turistici Polizia di Stato ISTRUZIONI PER L USO...NON PER L ABUSO! DAL 13 NOVEMBRE 2010 PER MOLTI LOCALI

Dettagli

Tabella dei punti decurtati dalla "patente a punti" secondo il nuovo codice della strada

Tabella dei punti decurtati dalla patente a punti secondo il nuovo codice della strada Tabella dei punti decurtati dalla "patente a punti" secondo il nuovo codice della strada Descrizione Punti Articolo sottratti Art. 141 Comma 9, 2 periodo Gare di velocità con veicoli a motore decise di

Dettagli

Scheda 3 «Mobilità sostenibile» LA SOSTENIBILITÀ SOCIALE DELLA MOBILITÀ. GREEN JOBS Formazione e Orientamento

Scheda 3 «Mobilità sostenibile» LA SOSTENIBILITÀ SOCIALE DELLA MOBILITÀ. GREEN JOBS Formazione e Orientamento Scheda 3 «Mobilità sostenibile» LA SOSTENIBILITÀ SOCIALE DELLA MOBILITÀ GREEN JOBS Formazione e Orientamento Il tema della mobilità sostenibile può essere visto da un particolare punto di vista cioè concentrando

Dettagli

IP/07/584. Bruxelles, 27 avril 2007

IP/07/584. Bruxelles, 27 avril 2007 IP/07/584 Bruxelles, 27 avril 2007 Sicurezza stradale: il programma d azione europeo continua a registrare buoni risultati l obiettivo di salvare 25 000 vite sulle strade d Europa può essere raggiunto

Dettagli

I giovani, i telefoni cellulari e la guida: risultati preliminari dell'indagine AMR2003 condotta nelle scuole superiori italiane

I giovani, i telefoni cellulari e la guida: risultati preliminari dell'indagine AMR2003 condotta nelle scuole superiori italiane www.iss.it/stra ISTITUTO SUPERIORE DI SANITÀ DIPARTIMENTO AMBIENTE E CONNESSA PREVENZIONE PRIMARIA REPARTO AMBIENTE E TRAUMI OSSERVATORIO NAZIONALE AMBIENTE E TRAUMI (ONAT) Franco Taggi, Marco Giustini,

Dettagli

Decreto Bianchi: nuove sanzioni per limiti di velocità, cellulari, alcool e stupefacenti Decreto Legge 03.08.2007 n. 117, G.U. 04.08.

Decreto Bianchi: nuove sanzioni per limiti di velocità, cellulari, alcool e stupefacenti Decreto Legge 03.08.2007 n. 117, G.U. 04.08. Decreto Bianchi: nuove sanzioni per limiti di velocità, cellulari, alcool e stupefacenti Decreto Legge 03.08.2007 n. 117, G.U. 04.08.2008 Il governo ha varato alcune misure, in vigore dal 4 agosto 2007,

Dettagli

Come si guida in Slovenia?

Come si guida in Slovenia? Come si guida in Slovenia? CIRCOLAZIONE La Slovenia ha aderito all'accordo sulla circolazione stradale (Vienna 1968). Senso di marcia: Guida a destra, sorpasso a sinistra LIMITAZIONI DELLA CIRCOLAZIONE

Dettagli

SALUTE E SICUREZZA nell autotrasporto: le condizioni psicofisiche

SALUTE E SICUREZZA nell autotrasporto: le condizioni psicofisiche SERVIZIO SANITARIO REGIONALE EMILIA ROMAGNA Azienda Unità Sanitaria Locale di Bologna Dipartimento di Sanità Pubblica SALUTE E SICUREZZA nell autotrasporto: le condizioni psicofisiche Giorgio Ghedini Medico

Dettagli

LE DIMENSIONI QUANTITATIVE DEL PROBLEMA

LE DIMENSIONI QUANTITATIVE DEL PROBLEMA LE DIMENSIONI QUANTITATIVE DEL PROBLEMA In Italia, nel 2008, gli incidenti stradali sono stati 218.963. Hanno determinato 4.731 morti e 310.739 feriti, per un costo sociale di circa 30 miliardi di Euro

Dettagli

Gli incidenti stradali in Italia, in Toscana e a Firenze

Gli incidenti stradali in Italia, in Toscana e a Firenze Gli incidenti stradali in Italia, in Toscana e a Firenze Fonti 1 1. La dimensione del fenomeno in Italia Secondo i dati raccolti dall ISTAT, in Italia nel 2004 si sono verificati 224.553 incidenti stradali,

Dettagli

progetti Distretto di Alessandria

progetti Distretto di Alessandria progetti Distretto di Alessandria S1 UNPLUGGED: un programma efficace per la prevenzione all'uso di tabacco, alcool e sostanze Novelli Daniela SISP Tortona tel. 0131/865307 dnovelli@aslal.it Franca Susani

Dettagli

Come si guida in Croazia?

Come si guida in Croazia? Come si guida in Croazia? Senso di marcia: guida a destra, sorpasso a sinistra. Tutti i limiti per i veicoli pesanti I camion di peso superiore a 7,5 tonnellate non possono circolare in Croazia nei seguenti

Dettagli

Progetto TI MUOVI. Sottoprogetto LA STRADA E LE SUE REGOLE

Progetto TI MUOVI. Sottoprogetto LA STRADA E LE SUE REGOLE Progetto TI MUOVI Sottoprogetto LA STRADA E LE SUE REGOLE LA BUONA STRADA A cura della I A (anno scolastico 2009-2010) Scuola secondaria di primo grado CARLO LEVI - I.C. King GRUGLIASCO IL NOSTRO PERCORSO

Dettagli

Pro.Sa: P0283 VALUTAZIONE PROGETTO: 21/22 FINANZIAMENTO CONCESSO: 5000.00

Pro.Sa: P0283 VALUTAZIONE PROGETTO: 21/22 FINANZIAMENTO CONCESSO: 5000.00 PROGRAMMA DI AZIONE REGIONALE PROMOZIONE DELLA SALUTE 2004-2005 (DD 466-29.11.04) BANDO REGIONALE 2004-2005 PROGETTI DI PROMOZIONE DELLA SALUTE (DD 500-20.12.04 BURP 51 23.12.04) PRONTI? PARTENZA VIA!!!!

Dettagli

Articolo Comma Descrizione violazione Punti

Articolo Comma Descrizione violazione Punti Articolo Comma Descrizione violazione Punti Punti neopatentati 141 8 non moderava la velocità in prossimità di intersezione, scuole, luoghi frequentati da fanciulli appositamente segnalati 141 8 Alla guida

Dettagli

ESPLETAMENTO DEI SERVIZI DI POLIZIA STRADALE DISPOSITIVI DI EQUIPAGGIAMENTO DEI VEICOLI A MOTORE E LORO RIMORCHI

ESPLETAMENTO DEI SERVIZI DI POLIZIA STRADALE DISPOSITIVI DI EQUIPAGGIAMENTO DEI VEICOLI A MOTORE E LORO RIMORCHI NUMERO SPECIALE - MODIFICHE CODICE DELLA STRADA SINTESI DI NORMATIVA E PRASSI SU CIRCOLAZIONE STRADALE, MOTORIZZAZIONE E TRASPORTI Notiziario settimanale via internet di informazione, tecnica e diritto

Dettagli

La circolazione stradale dei cittadini stranieri. 1. Le sanzioni per le violazioni delle norme del Codice della strada

La circolazione stradale dei cittadini stranieri. 1. Le sanzioni per le violazioni delle norme del Codice della strada La circolazione stradale dei cittadini stranieri 1. Le sanzioni per le violazioni delle norme del Codice della strada Tutti i conducenti di veicoli devono rispettare il Codice della strada in quanto la

Dettagli

www.italy-ontheroad.it

www.italy-ontheroad.it www.italy-ontheroad.it 13 agosto 2010 Codice della strada: regole principali, documenti di guida, punti, conversione patente. Italian road rules, driving licence, points, documents, Codice della Strada:

Dettagli

«FOCUS» ANIA: R.C. AUTO

«FOCUS» ANIA: R.C. AUTO «FOCUS» ANIA: R.C. AUTO -- Numero 2 -- Marzo 2004 STATISTICA TRIMESTRALE R.C. AUTO () EXECUTIVE SUMMARY Con la disponibilità dei dati per l intero 2003 relativi ad un campione di imprese esercitanti il

Dettagli

CORSI E SEMINARI DI FORMAZIONE PIANIFICAZIONE DEL TRAFFICO E TECNICHE DI MODERAZIONE. giovedì 20 novembre 2014 // Centro Studi PIM - Villa Scheibler

CORSI E SEMINARI DI FORMAZIONE PIANIFICAZIONE DEL TRAFFICO E TECNICHE DI MODERAZIONE. giovedì 20 novembre 2014 // Centro Studi PIM - Villa Scheibler CORSI E SEMINARI DI FORMAZIONE PIANIFICAZIONE DEL TRAFFICO E TECNICHE DI MODERAZIONE giovedì 20 novembre 2014 // Centro Studi PIM - Villa Scheibler ATTUAZIONE PIANO NAZIONALE SICUREZZA STRADALE: condizioni

Dettagli

Bianca Maria Ribetto. Io per la strada. 7. La patente per la moto e l auto, 14 4. Le regole per chi va a piedi, 10. 8. Per viaggiare sicuri, 16

Bianca Maria Ribetto. Io per la strada. 7. La patente per la moto e l auto, 14 4. Le regole per chi va a piedi, 10. 8. Per viaggiare sicuri, 16 Ribetto 189x264:Ribetto 18,9x26,4 12-01-2009 13:43 Pagina 1 Bianca Maria Ribetto Io per la strada Il percorso 1. La strada è di tutti, 3 5. Per chi usa la bici, 11 2. Il Codice della strada, 5 6. Per chi

Dettagli

Alcol al volante. Per una guida sicura verso il futuro. upi Ufficio prevenzione infortuni

Alcol al volante. Per una guida sicura verso il futuro. upi Ufficio prevenzione infortuni Alcol al volante Per una guida sicura verso il futuro upi Ufficio prevenzione infortuni Salute! Molti incidenti stradali sono causati da un conducente in stato di ebbrezza. Sotto l influenza dell alcol

Dettagli

La strada. maestra di vita

La strada. maestra di vita Scuola Secondaria di I grado Istituto Maria Ausiliatrice via Cardinal Ferrari, 7 Castellanza - VA La strada maestra di vita La circolazione sulla strada è diventata più difficile e pericolosa a causa del

Dettagli

Strumenti avanzati per lo studio della sicurezza stradale

Strumenti avanzati per lo studio della sicurezza stradale Strumenti avanzati per lo studio della sicurezza stradale Francesco Frendo, Riccardo Bartolozzi, Francesco Bucchi Dipartimento di ingegneria Meccanica, Nucleare e della Produzione (DIMNP) - Università

Dettagli

FAQ - Frequently Asked Questions "per saperne di più"

FAQ - Frequently Asked Questions per saperne di più Ministero dell'istruzione dell'università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per il Veneto Ufficio Scolastico Provinciale di Padova servizio per la comunicazione FAQ - Frequently Asked Questions

Dettagli

COMUNITA MONTANA ALTA VALMARECCHIA Novafeltria (RN) SERVIZIO ASSOCIATO DI POLIZIA MUNICIPALE

COMUNITA MONTANA ALTA VALMARECCHIA Novafeltria (RN) SERVIZIO ASSOCIATO DI POLIZIA MUNICIPALE COMUNITA MONTANA ALTA VALMARECCHIA Novafeltria (RN) SERVIZIO ASSOCIATO DI POLIZIA MUNICIPALE Comune di Novafeltria Comune di Talamello Comune di Maiolo QUESTIONARIO SULLA PERCEZIONE DI SICUREZZA a cura

Dettagli

www.italy-ontheroad.it

www.italy-ontheroad.it www.italy-ontheroad.it 19 agosto 2015 Codice della strada: regole principali, documenti di guida, punti, conversione patente. Italian road rules, driving licence, points, documents, Codice della Strada:

Dettagli

SULLA STRADA PER LA SICUREZZA PROGETTO DELLA PROVINCIA DI PORDENONE IN ATTUAZIONE DELLA L.R. N. 9/2008

SULLA STRADA PER LA SICUREZZA PROGETTO DELLA PROVINCIA DI PORDENONE IN ATTUAZIONE DELLA L.R. N. 9/2008 Allegato Atto G.P. N.184 del 25/09/2008 SULLA STRADA PER LA SICUREZZA PROGETTO DELLA PROVINCIA DI PORDENONE IN ATTUAZIONE DELLA L.R. N. 9/2008 Il Programma d azione europeo per la sicurezza stradale mette

Dettagli

Agli stranieri che guidano un veicolo in Giappone

Agli stranieri che guidano un veicolo in Giappone 7.1.2011 Divisione Patenti Agli stranieri che guidano un veicolo in Giappone Introduzione Questo opuscolo è stato predisposto per spiegarvi le regole principali del Codice della Strada giapponese. Tenete

Dettagli

Ti M.U.O.V.I.? Mobilità Urbana autonoma per giovani e bambini. Ti M.u.O.v.I.? Mobilità Urbana autonoma per giovani e bambini

Ti M.U.O.V.I.? Mobilità Urbana autonoma per giovani e bambini. Ti M.u.O.v.I.? Mobilità Urbana autonoma per giovani e bambini CIRC. USR Prot. 10204/p/c32 - Torino 30/10/2006 ALLEGATO 2 Progetto Pluriennale Ti M.u.O.v.I.? Orientamento verso forme di mobilità alternative e prevenzione del rischio stradale Interventi di Educazione

Dettagli

6 Maggio 2006. Attività di promozione di campagne di sensibilizzazione per la sicurezza stradale

6 Maggio 2006. Attività di promozione di campagne di sensibilizzazione per la sicurezza stradale 6 Maggio 2006 Attività di promozione di campagne di sensibilizzazione per la sicurezza stradale Promozione di campagne di sensibilizzazione per la sicurezza stradale Motivazioni dell attività Il progetto

Dettagli

GUIDA SENZA PATENTE, REVOCATA O NON RINNOVATA Arresto fino a un anno, se recidivo nel biennio, oltre ad ammenda da 2.257 euro a 9.032 euro.

GUIDA SENZA PATENTE, REVOCATA O NON RINNOVATA Arresto fino a un anno, se recidivo nel biennio, oltre ad ammenda da 2.257 euro a 9.032 euro. DECRETO BIANCHI: NUOVE SANZIONI PER LIMITI DI VELOCITÀ, CELLULARI, ALCOOL E STUPEFACENTI Decreto Legge, testo coordinato 03.08.2007 n 117, G.U. 03.10.2008 Tra le numerose e rilevanti novità del Decreto

Dettagli

VI Rapporto sulla Sicurezza Stradale 1 in Puglia 1 semestre 2012

VI Rapporto sulla Sicurezza Stradale 1 in Puglia 1 semestre 2012 VI Rapporto sulla Sicurezza Stradale 1 in Puglia semestre 2012 I primi dati del 2012 Nel primo semestre 2012 sono stati rilevati 5.919 incidenti stradali che hanno provocato 121 vittime e lesioni a 9.553

Dettagli

GLI INCIDENTI STRADALI IN ITALIA, UNO SGUARDO AI PEDONI E ALLA LOCALIZZAZIONE

GLI INCIDENTI STRADALI IN ITALIA, UNO SGUARDO AI PEDONI E ALLA LOCALIZZAZIONE UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PADOVA FACOLTA DI SCIENZE STATISTICHE TESI DI LAUREA TRIENNALE IN STATISTICA E GESTIONE IMPRESE (SGI) GLI INCIDENTI STRADALI IN ITALIA, UNO SGUARDO AI PEDONI E ALLA LOCALIZZAZIONE

Dettagli

Progetto DAVID Insieme per la sicurezza

Progetto DAVID Insieme per la sicurezza Incontri di sensibilizzazione alla sicurezza stradale rivolti agli studenti delle scuole superiori Il progetto è un programma di incontri nelle scuole superiori, organizzati dalla Polizia Municipale in

Dettagli

INCONTRO CON L INGEGNERE La sicurezza all interno del veicolo Le cinture di sicurezza e l air-bag Il poggiatesta Gli effetti dell urto

INCONTRO CON L INGEGNERE La sicurezza all interno del veicolo Le cinture di sicurezza e l air-bag Il poggiatesta Gli effetti dell urto INDICE DELLE SCHEDE DIDATTICHE INCONTRI CON GLI ESPERTI INCONTRO CON LO PSICOLOGO La sicurezza sulla strada Quando sono passeggero trasportato su un auto Cinture di sicurezza: storia ed utilità Cinture

Dettagli

I VULNERABILI. di e con. Filippo Tognazzo

I VULNERABILI. di e con. Filippo Tognazzo I VULNERABILI di e con Filippo Tognazzo PER INFORMAZIONI Federica Bittante 340 936 28 03 spettacoli@zeldasrl.com NOTE Le informazioni e le statistiche riportate nel progetto sono tratte da studi pubblicati

Dettagli

Opuscolo. Informativo/Formativo. Alcol e Alcoldipendenza

Opuscolo. Informativo/Formativo. Alcol e Alcoldipendenza N Prot. Sicurezza sul Lavoro Opuscolo Informativo/Formativo per i Lavoratori della Scuola Alcol e Alcoldipendenza Salute e Benessere La salute ed il benessere sono elementi essenziali per lo sviluppo personale,

Dettagli

DRINK SMART SOCIAL SCHOOL. settembre / dicembre 2012

DRINK SMART SOCIAL SCHOOL. settembre / dicembre 2012 SOCIAL SCHOOL settembre / dicembre 2012 CAMPAGNA SOCIALE SUL DIVERTIMENTO CONSAPEVOLE NELLE SCUOLE SECONDARIE DI SECONDO GRADO DELLA PROVINCIA DI ANCONA Enti promotori / organizzazione: Provincia di Ancona

Dettagli

Sicurezza stradale nelle Province della Costa emiliano-romagnola: risultati raggiunti e nuove sfide

Sicurezza stradale nelle Province della Costa emiliano-romagnola: risultati raggiunti e nuove sfide Sicurezza stradale nelle Province della Costa emiliano-romagnola: risultati raggiunti e nuove sfide A cura di: Aziende Unità Sanitarie Locali di Cesena, Ferrara, Forlì, Ravenna, Rimini Copia del volume

Dettagli

I dossier del Centro di Monitoraggio della Sicurezza Stradale di Regione Lombardia. L incidentalità sulle strade della provincia di Brescia

I dossier del Centro di Monitoraggio della Sicurezza Stradale di Regione Lombardia. L incidentalità sulle strade della provincia di Brescia I dossier del Centro di Monitoraggio della Sicurezza Stradale di Regione Lombardia L incidentalità sulle strade della provincia di Brescia Novembre 2014 Per accedere al data-base dell incidentalità stradale

Dettagli

WORKSHOP Big Bang intergenerazionale nel mondo assicurativo. Umberto Guidoni Fondazione ANIA per la sicurezza stradale Napoli, 30 ottobre 2014

WORKSHOP Big Bang intergenerazionale nel mondo assicurativo. Umberto Guidoni Fondazione ANIA per la sicurezza stradale Napoli, 30 ottobre 2014 WORKSHOP Big Bang intergenerazionale nel mondo assicurativo Umberto Guidoni Fondazione ANIA per la sicurezza stradale Napoli, 30 ottobre 2014 La Fondazione ANIA: i numeri chiave. Nata nel 2004 per volontà

Dettagli

CLASSE QUARTA E QUINTA SCHEDA N 1

CLASSE QUARTA E QUINTA SCHEDA N 1 CLASSE QUARTA E QUINTA SCHEDA N 1 LA MAPPA DELLA CITTÀ DALLA CASA DI GERONIMO AL PARCO... Aiuta Geronimo a raggiungere il parco: traccia sulla mappa il percorso più veloce. Sulla mappa della tua città,

Dettagli

REPORT SUL MONITORAGGIO MI RISCHIO LA POLIZZA

REPORT SUL MONITORAGGIO MI RISCHIO LA POLIZZA REPORT SUL MONITORAGGIO MI RISCHIO LA POLIZZA Nell ambito del progetto Mi rischio la Polizza Cittadinanzattiva ha realizzato un monitoraggio dedicato ai temi RCAuto e Sicurezza Stradale, somministrando

Dettagli

CITTA DI MODUGNO Servizio Provveditorato-Economato

CITTA DI MODUGNO Servizio Provveditorato-Economato CITTA DI MODUGNO Servizio Provveditorato-Economato REGOLAMENTO PER UTILIZZO DEGLI AUTOMEZZI COMUNALI Approvato con deliberazione della Giunta Comunale n. 7 in data 13.04.2011 1 Art. 1 - Oggetto del regolamento

Dettagli

Le strategie del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti per la sicurezza stradale

Le strategie del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti per la sicurezza stradale www.iss.it/stra ISTITUTO SUPERIORE DI SANITÀ DIPARTIMENTO AMBIENTE E CONNESSA PREVENZIONE PRIMARIA REPARTO AMBIENTE E TRAUMI OSSERVATORIO NAZIONALE AMBIENTE E TRAUMI (ONAT) Sergio Dondolini Le strategie

Dettagli

Alcol e droghe nella circolazione stradale

Alcol e droghe nella circolazione stradale Schede didattiche per la promozione della sicurezza Safety Tool n. 4 Alcol e droghe nella circolazione stradale 16 18 anni upi Ufficio prevenzione infortuni Alcol e droghe nella circolazione stradale Safety

Dettagli

Bambini sul percorso casa-scuola

Bambini sul percorso casa-scuola Bambini sul percorso casa-scuola Sicuri e indipendenti upi Ufficio prevenzione infortuni Percorsi a misura di bambino, educazione stradale, pattugliatori scolastici, conducenti attenti e responsabili e

Dettagli

I dossier del Centro di Monitoraggio della Sicurezza Stradale di Regione Lombardia. L incidentalità sulle strade della provincia di Milano

I dossier del Centro di Monitoraggio della Sicurezza Stradale di Regione Lombardia. L incidentalità sulle strade della provincia di Milano I dossier del Centro di Monitoraggio della Sicurezza Stradale di Regione Lombardia L incidentalità sulle strade della provincia di Milano Novembre 2014 Per accedere al data-base dell incidentalità stradale

Dettagli