APPARECCHI DI SOLLEVAMENTO IMPIEGATI IN EDILIZIA GUIDA PER LA VALUTAZIONE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "APPARECCHI DI SOLLEVAMENTO IMPIEGATI IN EDILIZIA GUIDA PER LA VALUTAZIONE"

Transcript

1 Apparecchi Dipartimento di sollevamento di Scienza impiegati e Tecnologia in edilizia dell Ambiente Guida per la valutazione Costruito Building nvironment Science and Tecnology BST APPARCCHI DI SOLLVAMNTO IMPIGATI IN DILIZIA GUIDA PR LA VALUTAZION GRUPPO DI LAVORO Prof. Arie Gottfried, responsabile scientifico Arch. Luigi Carretta Arch. Giuseppe Martino Di Giuda Ing. Luca Scotti Dipartimento BST TL Data di emissione: GNNAIO 2006 Aggiornamento:

2 Data di emissione GNNAIO 2006 Titolo Apparecchi di sollevamento impiegati in edilizia Guida per la valutazione Sommario La guida specifica i requisiti, la destinazione, le condizioni d impiego, le procedure di movimentazione meccanica, le note tecniche di movimentazione dei prefabbricati, e i riferimenti normativi degli apparecchi di sollevamento maggiormente impiegati in edilizia Campo di applicazione Carrucola a mano, argani motorizzati a bandiera, argani motorizzati a cavalletti, gru a torre, autogrù, impiegati nei cantieri per l edilizia civile e industriale. Scopo Fornire al personale di vigilanza e ispezione della A.S.L. di Pavia, le indicazioni di base per la valutazione sia degli apparecchi di sollevamento maggiormente impiegati in edilizia sia della condotta dei destinatari della relativa normativa. La guida è di ausilio all azione di vigilanza ed è finalizzata a ridurre le incertezze e le discrezionalità nelle valutazioni e nelle contestazioni. La guida non ha carattere di esaustività ed è sussidiaria e non alternativa alla letteratura tecnica, scientifica e giuridica in materia. Premessa La guida distingue tra ciò che deve essere esigibile e ciò che può essere raccomandabile. Nel primo caso le eventuali carenze integrano la violazione di norme di prevenzione e devono formare oggetto di contestazione e prescrizione. Nel secondo caso le situazioni illustrate dalla guida sono di ausilio alla valutazione della situazione reale ed anche alla formulazione della prescrizione ed al controllo dell adempimento. Dipartimento BST TL Data di emissione: GNNAIO 2006 Aggiornamento:

3 Riferimenti normativi La guida rimanda mediante riferimenti citati nei punti appropriati a disposizioni legislative e regolamentari. Tali riferimenti sono di seguito sommariamente elencati. D.P.R. 547/55 Art. 168 Mezzi ed apparecchi di sollevamento e di trasporto Art. 169 Stabilità del mezzo e del carico Art. 172 Ganci Art. 175 Dispositivi di segnalazione Art. 179 Coefficienti di sicurezza per funi e catene Art. 180 Attacchi ed estremità libere delle funi Art. 181 Imbracatura dei carichi Art. 182 Posti di manovra D.P.R. 164/55 Art. 55 Castelli per elevatori Art. 56 Impalcati e parapetti dei castelli Art. 57 Montaggio degli elevatori Art. 58 Argani - Salita e discesa dei carichi D.Lgs. 626/94 Art Obblighi del datore di lavoro D.M Attribuzione dei compiti e determinazione delle modalità e delle documentazioni relative all'esercizio delle verifiche e dei controlli previste dalle norme di prevenzione degli infortuni sul lavoro D.P.R. 459/96 Regolamento per l'attuazione delle direttive 89/392/C, 91/368/C, 93/44/C e 93/68/C concernenti il riavvicinamento delle legislazioni degli Stati membri relative alle macchine Dipartimento BST TL Data di emissione: GNNAIO 2006 Aggiornamento:

4 Definizioni sigibile Prescrizione inequivocabile contenuta in una norma legislativa o regolamentare. Ad esempio: Per altezze superiori a m 5 la carrucola deve essere provvista.. Raccomandabile R Indicazione presente in letteratura tecnica o scientifica. Ad esempio: Nell impiego delle carrucole azionate a mano è bene che il carico non superi il peso di kg 50 e comunque non sia mai superiore alla metà del peso dell operatore. Informazione Obbligo stabilito dall art. 21 del D.Lgs. 626/94. L attività informativa deve essere documentata ed allegata al POS: art. 6 lett. l) D.P.R. 222/03 Formazione Obbligo stabilito dall art. 22 del D.Lgs. 626/94. L attività formativa deve essere documentata ed allegata al POS: art. 6 lett. l) D.P.R. 222/03 Addestramento Obbligo stabilito dall art. 38 del D.Lgs. 626/94. Procedura Il complesso delle norme (di legge, regolamentari, di buona tecnica, aziendali) che regolano un attività determinandone le modalità operative corrette in rapporto alle circostanze. La procedura può essere scritta oppure orale. Istruzione Direttiva impartita da un soggetto sovraordinato ad una o più persone sott ordinate in relazione a funzioni o compiti specifici. L istruzione può essere scritta oppure orale. Dipartimento BST TL Data di emissione: GNNAIO 2006 Aggiornamento:

5 CARRUCOLA 1 Carrucola 1.1 lementi costitutivi principali e requisiti di conformità dell apparecchio lemento di vincolo Freno off / on Gola della puleggia Guancia Puleggia La carrucola deve essere provvista di un idoneo elemento di vincolo Per altezze superiori a m 5 la carrucola deve essere provvista di un dispositivo autofrenante in grado di bloccare il carico in caso di rilascio improvviso da parte dell operatore. La carrucola è da considerarsi una macchina art. 1 c. 5 del D.Lgs. 459/95 pertanto: - deve essere marcata C (se immessa sul mercato dopo il settembre 1996); - deve essere provvista di istruzioni per l uso art. 2 c. 1 e artt e All. I del D.Lgs. 459/ Descrizione delle principali non conformità Carrucola priva di dispositivo autofrenante impiegata per altezze superiori a m 5 Violazione dell art. 58 c. 2 del D.P.R. 164/56 punita dall art. 77 lett. b) stesso Decreto Carrucola sprovvista di idoneo elemento di vincolo. Violazione dell art. 57 c. 3 del D.P.R. 164/56 punita dall art. 77 lett. b) stesso Decreto Dipartimento BST TL Situazione irregolare Data di emissione: GNNAIO 2006 Aggiornamento: Situazione regolare

6 CARRUCOLA 1.3 Modalità d impiego R È impiegabile per carichi modesti perché la forza da applicare è pari al peso del carico R R R R R È bene che il carico non superi il peso di kg 50 e comunque non sia mai superiore alla metà del peso dell operatore, o comunque entro i limiti prescritti dalle istruzioni per l uso. Non è accettabile che la fune di sollevamento sia impiegata per imbracare il carico. Vedi in proposito i sistemi di imbracatura. I ganci per apparecchi di sollevamento devono essere provvisti di dispositivi di chiusura dell'imbocco Vedi in proposito i sistemi di imbracatura. La fune di sollevamento può essere sia in tessile naturale (canapa) sia in fibre artificiali (poliammide) Il coefficiente di sicurezza per la fune è 10 (secondo il D.P.R. 547/55) oppure non minore di 8 (secondo il D.P.R. 164/56) quindi per carichi di 40 kg la fune deve portarne 400 (secondo il 547) o almeno 320 (secondo il 164). Nei cantieri edili deve essere applicato il D.P.R. 164/56. Il diametro della fune deve anche consentire all operatore una presa comoda, quindi è bene impiegare diametri non minori di cm 1,5. La lunghezza della fune deve essere tale da impedirne lo sfilamento, quindi è bene impiegare funi aventi lunghezza totale pari ad almeno 2,5 volte l altezza del sollevamento. Resistenze indicative di corde in poliestere Mm Kg UNI N Corde di fibra - Poliammide - Corde a 3, 4 e 8 legnoli - Requisiti delle corde in poliammide per usi diversi, corde commesse a 3 e 4 legnoli, corde trecciate a 8 legnoli Regole per la loro designazione. 1.4 Descrizione delle principali non conformità Carico imbracato mediante la fune di sollevamento. R Gancio sprovvisto di dispositivo di chiusura dell'imbocco. Violazione dell art. 172 del D.P.R. 547/55 punita dall art. 389 lett. c) stesso Decreto Dipartimento BST TL Data di emissione: GNNAIO 2006 Aggiornamento: Situazione irregolare

7 CARRUCOLA 1.5 Il contesto R Il posto di carico e di manovra a terra deve essere delimitato con barrirere per impedire la permanenza e il transito sotto i carichi. Le barriere possono essere costituite da piedistalli con catenelle, cavalletti, grigiati metallici o altri analoghi provedimenti. La barriera deve essere scelta in base al tipo di transito del quale è posta a presidio: maggiore è l intensità e l eterogeneità del transito maggiore deve essere il potere d arresto della barriera Il posto di carico e di manovra in quota deve essere protetto con parapetti normali; se non è possibile allestirli o se è necessario rimuoverli, anche temporaneamente, l operatore deve fare uso della cintura di sicurezza R Posto in quota: la carrucola deve essere installata decisamente più in alto dell operatore in modo che il carico possa passare al disopra del parapetto; la distanza tra l operatore e il carico deve essere di cm (il braccio dell operatore) in modo da non doversi sporgere e da far entrare o uscire il carico senza trazioni diagonali eccessive. 1.6 Descrizione delle principali non conformità Assenza di delimitazioni a terra Violazione dell art. 9 c. 2 del D.P.R. 164/56 punita dall art. 77 lett. c) stesso Decreto Dipartimento BST Assenza di parapetto in quota, se è tecnicamente possibile allestirlo e mantenerlo. Mancato utilizzo della cintura di sicurezza dell operatore, se è tecnicamente necessario non allestire o rimuovere il parapetto. Violazione dell art. 57 c. 5 del D.P.R. 164/56 punita dall art. 77 lett. c) stesso Decreto 1) Se il datore di lavoro non ha fornito la cintura al lavoratore: violazione dell art. 4 comma 5 lett. c) del D.Lgs. 626/94 punita dall art. 89 comma 2 lett. b) stesso Decreto. 2) Se il datore di lavoro ha fornito la cintura al lavoratore ma non ne ha preteso l impiego, mediante adeguata sovrintendenza in cantiere o altra proporzionata condotta: violazione dell art. 4 comma 5 lett. f) del D.Lgs. 626/94 punita dall art. 89 comma 2 lett. b) stesso Decreto. 3) Se il datore di lavoro ha fornito la cintura al lavoratore e ne ha preteso l impiego, mediante adeguata sovrintendenza in cantiere, o altra proporzionata condotta: a carico dell eventuale preposto: violazione dell art. 4 comma 5 lett. f) del D.Lgs. 626/94 punita dall art. 90 comma 1 lett. b) stesso Decreto. 4) Se il datore di lavoro ha fornito la cintura al lavoratore e ne ha preteso l impiego, mediante adeguata sovrintendenza in cantiere, o altra proporzionata condotta: a carico del lavoratore: violazione dell art. 44 comma 2 del D.Lgs. 626/94 punita dall art. 93 comma 1 lett. a) stesso Decreto. 5) Se trattasi di lavoratore autonomo: violazione dell art. 7 comma 1 lett. b) del D.Lgs. 494/96 punita dall art. 23 stesso Decreto. TL Data di emissione: GNNAIO 2006 Aggiornamento:

8 ARGANO A BANDIRA 2 Argano a bandiera 2.1 lementi costitutivi principali e requisiti di conformità dell apparecchio L argano deve essere provvisto di un idoneo elemento di vincolo L argano deve essere provvisto del dispositivo di extra corsa superiore L argano è da considerarsi una macchina art. 1 commi 2 e 5 del D.Lgs. 459/95 pertanto deve essere marcato C (se immesso sul mercato dopo il settembre 1996) L equipaggiamento elettrico a bordo macchina deve essere integro Se l argano ha portata non superiore a 200 kg deve essere provvisto di: - targhetta affissa in posizione visibile e con caratteri indelebili riportante almeno le seguenti indicazioni: o nome del fabbricante e suo indirizzo; o la marcatura C; o la designazione della serie o del tipo; o eventualmente numero di serie; o anno di costruzione art. 2 c. 2 lett. a) e artt e All. I del D.Lgs. 459/95; - istruzioni per l uso art. 2 c. 1 e artt e All. I del D.Lgs. 459/95. Se l argano ha portata superiore a 200 kg deve essere provvisto di: - targhetta affissa in posizione visibile e con caratteri indelebili riportante almeno le seguenti indicazioni: o nome del fabbricante e suo indirizzo; o la marcatura C; o la designazione della serie o del tipo; o o eventualmente numero di serie; anno di costruzione art. 2 c. 2 lett. a) e artt e All. I del D.Lgs. 459/95; - istruzioni per l uso art. 2 c. 1 e artt e All. I del D.Lgs. 459/95; - libretto o modello ove annotare le verifiche trimestrali delle funi e delle catene artt. 179 e 194 D.P.R. 547/55 e artt. 11 e 12 D.M ; - denuncia di installazione all ISPSL art. 11 c. 3 del D.Lgs. 459/ Descrizione delle principali non conformità Argano sprovvisto di idoneo elemento di vincolo Violazione dell art. 57 c. 3 del D.P.R. 164/56 punita dall art. 77 lett. b) stesso Decreto Argano privo di interruttore di extra corsa o con extra corsa non funzionante Violazione dell art. 58 c. 1 del D.P.R. 164/56 punita dall art. 77 lett. b) stesso Decreto Argano con equipaggiamento elettrico a bordo macchina lesionato Violazione dell art. 35 c. 4 lett. c) del D.Lgs. 626/94 punita dall art. 89 c. 2 lett. a) stesso Decreto Dipartimento BST Argano privo delle istruzioni per l uso La legge non prescrive che le istruzioni siano tenute in cantiere Se l argano è stato acquistato, noleggiato o concesso in uso privo delle istruzioni d uso: 1) a carico del datore di lavoro: violazione dell art. 36 c. 1 D.Lgs. 626/94 non punita TL Data di emissione: GNNAIO 2006

9 ARGANO A BANDIRA 2) a carico del venditore, noleggiatore o concessore: violazione dell art. 6 c. 2 del D.Lgs. 626/94 punita dall art. 91 comma 1 dello stesso Decreto Argano privo di libretto o modello conforme al d.m. 1959) ove annotare le verifiche trimestrali delle funi e delle catene La legge prescrive che la documentazione delle verifiche sia tenuta a disposizione dell organo di vigilanza Se l argano è stato acquistato, noleggiato o concesso in uso privo di libretto o modello conforme al d.m. 1959) ove annotare le verifiche trimestrali delle funi e delle catene: 1) a carico del datore di lavoro: violazione dell art. 35 c. 4-quinquies D.Lgs. 626/94 non punita 2) a carico del venditore, noleggiatore o concessore: violazione dell art. 6 c. 2 del D.Lgs. 626/94 punita dall art. 91 comma 1 dello stesso Decreto Argano con verifiche non effettuate secondo la periodicità prescritta o non annotate La non annotazione equivale alla non effettuazione Violazione dell art. 35 c. 4-quater D.Lgs. 626/94 punita dall art. 89 c. 2 lett. a) stesso Decreto Argano con portata superiore a 200 kg per il quale non è stata effettuata la denuncia d installazione all ISPSL Violazione dell art. 36 c. 1 del D.Lgs. 626/94 in relazione all art. 11 c. 3 del D.Lgs. 459/96: entrambe le violazioni non sono punite 2.3 Modalità d impiego È impiegabile per carichi con peso entro i limiti di portata e con ingombro compatibile con lo spazio di corsa R I ganci per apparecchi di sollevamento devono essere provvisti di dispositivi di chiusura dell'imbocco Vedi in proposito i sistemi di imbracatura La fune di sollevamento è in cavo d acciaio con attacco eseguito manicotto pressato o almeno con morsetti e redancia La fune ed il suo attacco devono essere in perfette condizioni di conservazione e manutenzione: deve essere presente la redancia; devono esserci almeno tre morsetti; la fune non deve presentare rotture dei fili o deformazioni con pieghe permanenti e accentuate Il coefficiente di sicurezza per la fune è 10 (secondo il D.P.R. 547/55) oppure non minore di 8 (secondo il D.P.R. 164/56) quindi per carichi di 200 kg la fune deve portarne 2000 (secondo il 547) o almeno 1600 (secondo il 164). Nei cantieri edili deve essere applicato il D.P.R. 164/56. Dipartimento BST TL Carichi di rottura minimi di cavi d acciaio per apparecchi di sollevamento (fonte TCI) Ø mm Tipo Classe 6x36 FC S kgf 2600 kgf 3000 kgf Classe 6x36 FC S kgf 4370 kgf Classe 6x19 PPC S kgf 3280 kgf 4280 kgf Classe 6x19 PPC S kgf 3410 kgf 4400 kgf Classe 6x36 IWRC S9 AR 3000 kgf 4080 kgf 5320 kgf Data di emissione: GNNAIO 2006

10 ARGANO A BANDIRA LMNTI TCNICI DLLA FUN IN ACCIAIO DLL ATTACCO secuzione corretta di attacco della fune in acciaio con redancia e morsetti: minimo 3 morsetti; distanza tra i morsetti 6 cm circa; tutti i morsetti posizionati nello stesso modo; parte a U del morsetto verso il lato corto. La portata dell attacco è circa l 80% della portata della fune. secuzione scorretta: morsetti con lato a U alternato. secuzione scorretta: morsetti con lato a U verso il lato lungo. secuzione corretta di attacco della fune con redancia e manicotto pressato Manicotti Morsetti Redance Trefoli (n 7) Legnuoli (n 7) Cavo Ø 6 mm 7 x 7 Dipartimento BST TL Data di emissione: GNNAIO 2006

11 ARGANO A BANDIRA 2.4 Descrizione delle principali non conformità La fune e l attacco sono in cattive condizioni di manutenzione (es.: redancia mancante; fune deformata o con fili rotti; morsetti in numero insufficiente o allentati) R Violazione dell art. 35 c. 4 lett. c) D.Lgs. 626/94 punita dall art. 89 c. 2 lett. a) stesso Decreto Gancio sprovvisto di dispositivo di chiusura dell'imbocco. Violazione dell art. 172 del D.P.R. 547/55 punita dall art. 389 lett. c) stesso Decreto 2.5 Il contesto R I montanti dei ponteggi metallici su cui è direttamente fissato l argano devono essere almeno due. Se l argano viene fissato mediante puntelli su un balcone o su un solaio in prossimità di una finestra, i puntelli devono essere almeno due e devono essere fissati alla struttura mediante ancoraggi a cravatta o ad anello. Il posto di carico e di manovra a terra deve essere delimitato con barrirere per impedire la permanenza e il transito sotto i carichi. Le barriere possono essere costituite da piedistalli con catenelle, cavalletti, grigiati metallici o altri analoghi provedimenti. La barriera deve essere scelta in base al tipo di transito del quale è posta a presidio: maggiore è l intensità e l eterogeneità del transito maggiore deve essere il potere d arresto della barriera Il posto di carico e di manovra in quota deve essere protetto con parapetti normali; se non è possibile allestirli o se è necessario rimuoverli, anche temporaneamente, l operatore deve fare uso della cintura di sicurezza R Posto in quota: la carrucola deve essere installata decisamente più in alto dell operatore in modo che il carico possa passare al disopra del parapetto; la distanza tra l operatore e il carico deve essere di cm (il braccio dell operatore) in modo da non doversi sporgere e da far entrare o uscire il carico senza trazioni diagonali eccessive. 2.6 Descrizione delle principali non conformità Argano presente su un balcone o su un solaio in prossimità di una finestra, fissato ad un unico puntello, non ancorato Violazione dell art. 57 c. 1 del D.P.R. 164/56 punita dall art. 77 lett. a) stesso Decreto Argano fissato ad un unico montante di ponteggio Violazione dell art. 57 c. 2 del D.P.R. 164/56 punita dall art. 77 lett. a) stesso Decreto Assenza di delimitazioni a terra Violazione dell art. 9 c. 2 del D.P.R. 164/56 punita dall art. 77 lett. c) stesso Decreto Dipartimento BST TL Assenza di parapetti in quota, se è tecnicamente possibile allestirlo e mantenerlo. Data di emissione: GNNAIO 2006 Violazione dell art. 57 c. 5 del D.P.R. 164/56 punita dall art. 77 lett. c) stesso Decreto

12 ARGANO A BANDIRA Mancato utilizzo della cintura di sicurezza dell operatore, se è tecnicamente necessario non allestire o rimuovere il parapetto. 1) Se il datore di lavoro non ha fornito la cintura al lavoratore: violazione dell art. 4 comma 5 lett. c) del D.Lgs. 626/94 punita dall art. 89 comma 2 lett. b) stesso Decreto. 2) Se il datore di lavoro ha fornito la cintura al lavoratore ma non ne ha preteso l impiego, mediante adeguata sovrintendenza in cantiere o altra proporzionata condotta: violazione dell art. 4 comma 5 lett. f) del D.Lgs. 626/94 punita dall art. 89 comma 2 lett. b) stesso Decreto. 3) Se il datore di lavoro ha fornito la cintura al lavoratore e ne ha preteso l impiego, mediante adeguata sovrintendenza in cantiere, o altra proporzionata condotta: a carico dell eventuale preposto: violazione dell art. 4 comma 5 lett. f) del D.Lgs. 626/94 punita dall art. 90 comma 1 lett. b) stesso Decreto. 4) Se il datore di lavoro ha fornito la cintura al lavoratore e ne ha preteso l impiego, mediante adeguata sovrintendenza in cantiere, o altra proporzionata condotta: a carico del lavoratore: violazione dell art. 44 comma 2 del D.Lgs. 626/94 punita dall art. 93 comma 1 lett. a) stesso Decreto. 5) Se trattasi di lavoratore autonomo: violazione dell art. 7 comma 1 lett. b) del D.Lgs. 494/96 punita dall art. 23 stesso Decreto. Dipartimento BST TL Data di emissione: GNNAIO 2006

13 ARGANO A CAVALLTTI 3 Argano a cavalletti Argano su cavalletti con carrello portagancio scorrevole su trave a sbalzo 3.1 lementi costitutivi principali e requisiti di conformità dell apparecchio Puntoni per contrasto con il solaio sovrastante Staffoni di protezione Cassoni per zavorra Squadra d arresto del carrello scorrevole Dispositivo di extra corsa superiore Piattello per fine corsa quipaggiamento elettrico a bordo macchina Pulsantiera di comando Dipartimento BST TL Data di emissione: GNNAIO 2006

14 ARGANO A CAVALLTTI La struttura a cavalletti deve essere provvista degli elementi occorrenti a garantirne la stabilità nella situazione nella quale è impiegato (es.: se è installato ad un piano intermedio è sufficiente che sia sbadacchiato con i puntoni di contrasto posteriori e pertanto i cassoni per la zavorra possono essere assenti) La struttura a cavalletti deve essere provvista degli staffoni di protezione La struttura a cavalletti deve essere provvista di tavola fermapiede h cm La trave di scorrimento dell argano deve essere provvista di squadre d arresto del carrello scorrevole L equipaggiamento elettrico a bordo macchina deve essere integro L argano deve essere provvisto del dispositivo di extra corsa superiore L argano è da considerarsi una macchina art. 1 commi 2 e 5 del D.Lgs. 459/95 pertanto deve essere marcato C (se immesso sul mercato dopo il settembre 1996). Se l argano ha portata non superiore a 200 kg deve essere provvisto di: - targhetta affissa in posizione visibile e con caratteri indelebili riportante almeno le seguenti indicazioni: o nome del fabbricante e suo indirizzo; o la marcatura C; o la designazione della serie o del tipo; o eventualmente numero di serie; o anno di costruzione art. 2 c. 2 lett. a) e artt e All. I del D.Lgs. 459/95; - istruzioni per l uso art. 2 c. 1 e artt e All. I del D.Lgs. 459/95. Se l argano ha portata superiore a 200 kg deve essere provvisto di: - targhetta affissa in posizione visibile e con caratteri indelebili riportante almeno le seguenti indicazioni: o nome del fabbricante e suo indirizzo; o la marcatura C; o la designazione della serie o del tipo; o o eventualmente numero di serie; anno di costruzione art. 2 c. 2 lett. a) e artt e All. I del D.Lgs. 459/95; - istruzioni per l uso art. 2 c. 1 e artt e All. I del D.Lgs. 459/95; - libretto o modello ove annotare le verifiche trimestrali delle funi e delle catene artt. 179 e 194 D.P.R. 547/55 e artt. 11 e 12 D.M ; - denuncia di installazione all ISPSL art. 11 c. 3 del D.Lgs. 459/96. Dipartimento BST TL Data di emissione: GNNAIO 2006

15 ARGANO A CAVALLTTI 3.2 Descrizione delle principali non conformità Argano sprovvisto (o provvisto in modo insufficiente) degli elementi occorrenti a garantirne la stabilità nella situazione nella quale è impiegato A seconda dei casi: 1) violazione dell art. 169 del D.P.R. 547/55 punita dall art. 389 lett. c) stesso Decreto. 2) violazione dell art. 35 c. 4 lett. a) del D.Lgs. 626/94 punita dall art. 89 c. 2 lett. a) stesso Decreto Argano sprovvisto di tavola fermapiede h cm 30 Violazione dell art. 56 c. 2 del D.P.R. 164/56 punita dall art. 77 lett. b) stesso Decreto Argano sprovvisto di staffoni di protezione Violazione dell art. 56 c. 3 del D.P.R. 164/56 punita dall art. 77 lett. b) stesso Decreto Argano privo di fine corsa o con fine corsa non funzionante Violazione dell art. 58 c. 1 del D.P.R. 164/56 punita dall art. 77 lett. b) stesso Decreto Argano con equipaggiamento elettrico a bordo macchina lesionato Violazione dell art. 35 c. 4 lett. c) del D.Lgs. 626/94 punita dall art. 89 c. 2 lett. a) stesso Decreto Se l argano è stato acquistato, noleggiato o concesso in uso privo delle istruzioni d uso: Argano privo delle istruzioni per l uso La legge non prescrive che le istruzioni siano tenute in cantiere 1) a carico del datore di lavoro: violazione dell art. 36 c. 1 D.Lgs. 626/94 non punita 2) a carico del venditore, noleggiatore o concessore: violazione dell art. 6 c. 2 del D.Lgs. 626/94 punita dall art. 91 comma 1 dello stesso Decreto Argano privo di libretto o modello conforme al d.m. 1959) ove annotare le verifiche trimestrali delle funi e delle catene La legge prescrive che la documentazione delle verifiche sia tenuta a disposizione dell organo di vigilanza Se l argano è stato acquistato, noleggiato o concesso in uso privo di libretto o modello conforme al d.m. 1959) ove annotare le verifiche trimestrali delle funi e delle catene: 1) a carico del datore di lavoro: violazione dell art. 35 c. 4-quinquies D.Lgs. 626/94 non punita 2) a carico del venditore, noleggiatore o concessore: violazione dell art. 6 c. 2 del D.Lgs. 626/94 punita dall art. 91 comma 1 dello stesso Decreto Argano con verifiche non effettuate secondo la periodicità prescritta o non annotate La non annotazione equivale alla non effettuazione Violazione dell art. 35 c. 4-quater D.Lgs. 626/94 punita dall art. 89 c. 2 lett. a) stesso Decreto Argano con portata superiore a 200 kg per il quale non è stata effettuata la denuncia d installazione all ISPSL Violazione dell art. 36 c. 1 del D.Lgs. 626/94 in relazione all art. 11 c. 3 del D.Lgs. 459/96: entrambe le violazioni non sono punite Dipartimento BST TL Data di emissione: GNNAIO 2006

16 ARGANO A CAVALLTTI 3.3 Modalità d impiego R È impiegabile per carichi con peso entro i limiti di portata e con ingombro compatibile con lo spazio di corsa I ganci per apparecchi di sollevamento devono essere provvisti di dispositivi di chiusura dell'imbocco Vedi in proposito i sistemi di imbracatura La fune di sollevamento è in cavo d acciaio con attacco eseguito manicotto pressato o almeno con morsetti e redancia La fune ed il suo attacco devono essere in perfette condizioni di conservazione e manutenzione: deve essere presente la redancia; devono esserci almeno tre morsetti; la fune non deve presentare rotture dei fili o deformazioni con pieghe permanenti e accentuate Il coefficiente di sicurezza per la fune è 10 (secondo il D.P.R. 547/55) oppure non minore di 8 (secondo il D.P.R. 164/56) quindi per carichi di 200 kg la fune deve portarne 2000 (secondo il 547) o almeno 1600 (secondo il 164). Nei cantieri edili deve essere applicato il D.P.R. 164/56. Carichi di rottura minimi di cavi d acciaio per apparecchi di sollevamento (fonte TCI) Ø mm Tipo Classe 6x36 FC S kgf 2600 kgf 3000 kgf Classe 6x36 FC S kgf 4370 kgf Classe 6x19 PPC S kgf 3280 kgf 4280 kgf Classe 6x19 PPC S kgf 3410 kgf 4400 kgf Classe 6x36 IWRC S9 AR 3000 kgf 4080 kgf 5320 kgf Dipartimento BST TL Data di emissione: GNNAIO 2006

17 ARGANO A CAVALLTTI LMNTI TCNICI DLLA FUN IN ACCIAIO DLL ATTACCO secuzione corretta di attacco della fune in acciaio con redancia e morsetti: minimo 3 morsetti; distanza tra i morsetti 6 cm circa; tutti i morsetti posizionati nello stesso modo; parte a U del morsetto verso il lato corto. La portata dell attacco è circa l 80% della portata della fune. secuzione scorretta: morsetti con lato a U alternato. secuzione scorretta: morsetti con lato a U verso il lato lungo. secuzione corretta di attacco della fune con redancia e manicotto pressato Manicotti Morsetti Redance Trefoli (n 7) Legnuoli (n 7) Cavo Ø 6 mm 7 x 7 Dipartimento BST TL Data di emissione: GNNAIO 2006

18 ARGANO A CAVALLTTI 3.4 Descrizione delle principali non conformità La fune e l attacco sono in cattive condizioni di manutenzione (es.: redancia mancante; fune deformata o con fili rotti; morsetti in numero insufficiente o allentati) R Violazione dell art. 35 c. 4 lett. c) D.Lgs. 626/94 punita dall art. 89 c. 2 lett. a) stesso Decreto Gancio sprovvisto di dispositivo di chiusura dell'imbocco. Violazione dell art. 172 del D.P.R. 547/55 punita dall art. 389 lett. c) stesso Decreto 3.5 Il contesto R La struttura sollecitata dall argano a cavalletto (solaio su cui l argano appoggia; solaio a cui l argano è agganciato; solaio su cui premono gli elementi di contrasto) deve avere sufficiente resistenza Il posto di carico e di manovra a terra deve essere delimitato con barrirere per impedire la permanenza e il transito sotto i carichi Le barriere possono essere costituite da piedistalli con catenelle, cavalletti, grigiati metallici o altri analoghi provedimenti. La barriera deve essere scelta in base al tipo di transito del quale è posta a presidio: maggiore è l intensità e l eterogeneità del transito maggiore deve essere il potere d arresto della barriera L area di carico in quota deve essere protetta con parapetti normali Assenza di parapetti, tecnicamnente fattibili Assenza di tavola fermapiede Situazione di contesto irregolare 3.5 Descrizione delle principali non conformità Insufficinte resistenza della struttura sollecitata dall argano Violazione dell art. 169 del D.P.R. 547/55 punita dall art. 389 lett. c) stesso Decreto Assenza di delimitazioni a terra Violazione dell art. 9 c. 2 del D.P.R. 164/56 punita dall art. 77 lett. c) stesso Decreto Dipartimento BST TL Assenza di parapetti in quota, se è tecnicamente possibile allestirlo e mantenerlo. Data di emissione: GNNAIO 2006 Violazione dell art. 57 c. 5 del D.P.R. 164/56 punita dall art. 77 lett. c) stesso Decreto

19 ARGANO A CAVALLTTI Mancato utilizzo della cintura di sicurezza dell operatore, se è tecnicamente necessario non allestire o rimuovere il parapetto. 1) Se il datore di lavoro non ha fornito la cintura al lavoratore: violazione dell art. 4 comma 5 lett. c) del D.Lgs. 626/94 punita dall art. 89 comma 2 lett. b) stesso Decreto. 2) Se il datore di lavoro ha fornito la cintura al lavoratore ma non ne ha preteso l impiego, mediante adeguata sovrintendenza in cantiere o altra proporzionata condotta: violazione dell art. 4 comma 5 lett. f) del D.Lgs. 626/94 punita dall art. 89 comma 2 lett. b) stesso Decreto. 3) Se il datore di lavoro ha fornito la cintura al lavoratore e ne ha preteso l impiego, mediante adeguata sovrintendenza in cantiere, o altra proporzionata condotta: a carico dell eventuale preposto: violazione dell art. 4 comma 5 lett. f) del D.Lgs. 626/94 punita dall art. 90 comma 1 lett. b) stesso Decreto. 4) Se il datore di lavoro ha fornito la cintura al lavoratore e ne ha preteso l impiego, mediante adeguata sovrintendenza in cantiere, o altra proporzionata condotta: a carico del lavoratore: violazione dell art. 44 comma 2 del D.Lgs. 626/94 punita dall art. 93 comma 1 lett. a) stesso Decreto. 5) Se trattasi di lavoratore autonomo: violazione dell art. 7 comma 1 lett. b) del D.Lgs. 494/96 punita dall art. 23 stesso Decreto. Dipartimento BST TL Data di emissione: GNNAIO 2006

20 GRU A TORR 5 Gru a torre: con rotazione in alto o con rotazione in basso 5.1 lementi costitutivi principali e requisiti di conformità dell apparecchio lementi costitutivi principali della gru a torre con rotazione in alto Stralli Braccio Cuspide Contrappeso Controbraccio Torre Indicatore di portata sul braccio Zavorra Carrello Bozzello Ralla Principali dispositivi di sicurezza Limitatore di carico Limitatore di momento Limitatore di rotazione Fine corsa carrello Fine corsa carico, superiore e inferiore Discesa controllata carico Dipartimento BST TL Data di emissione: GNNAIO 2006

OPERE SPECIALI PREFABBRICATI

OPERE SPECIALI PREFABBRICATI OPERE SPECIALI PREFABBRICATI (Circ. Min. 13/82) ISTRUZIONI SCRITTE (Articolo 21) Il fornitore dei prefabbricati e della ditta di montaggio, ciascuno per i settori di loro specifica competenza, sono tenuti

Dettagli

OPERE PROVVISIONALI CADUTE DALL ALTO

OPERE PROVVISIONALI CADUTE DALL ALTO CORSO DI INFORMAZIONE PER STUDENTI PREVENZIONE E SICUREZZA NEI CANTIERI EDILI OPERE PROVVISIONALI CADUTE DALL ALTO DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE MEDICA Servizio Prevenzione Ambienti Lavoro RISCHI DI CADUTA

Dettagli

CADUTA DALL ALTO E LINEE VITA LA LEGGE PAROLARI

CADUTA DALL ALTO E LINEE VITA LA LEGGE PAROLARI CORSO DI AGGIORNAMENTO PER LA FORMAZIONE DELLE COMPETENZE PROFESSIONALI IN MATERIA DI SICUREZZA NEI CANTIERI EDILI ALLA LUCE DELL ENTRATA IN VIGORE DEL NUOVO TESTO UNICO SULLA SICUREZZA D.Lgs. 9 aprile

Dettagli

Corsi di:produzione EDILIZIA E SICUREZZA - ORGANIZZAZIONE DEL CANTIERE OPERE PROVVISIONALI. prof. ing. Pietro Capone

Corsi di:produzione EDILIZIA E SICUREZZA - ORGANIZZAZIONE DEL CANTIERE OPERE PROVVISIONALI. prof. ing. Pietro Capone Corsi di:produzione EDILIZIA E SICUREZZA - ORGANIZZAZIONE DEL CANTIERE prof. ing. Pietro Capone Opere realizzate provvisoriamente allo scopo di consentire l esecuzione dell opera, la loro vita è legata

Dettagli

I LAVORI IN QUOTA. Expo Edilizia - Roma, 14 novembre 2008. I Dispositivi di Protezione Individuale. Problematiche e soluzioni

I LAVORI IN QUOTA. Expo Edilizia - Roma, 14 novembre 2008. I Dispositivi di Protezione Individuale. Problematiche e soluzioni Expo Edilizia - Roma, 14 novembre 2008 I LAVORI IN QUOTA I Dispositivi di Protezione Individuale Problematiche e soluzioni Luigi Cortis via di Fontana Candida 1, 00040 Monte Porzio Catone (Roma) telefono

Dettagli

Seminario Tecnico Piacenza 31/01/2013

Seminario Tecnico Piacenza 31/01/2013 Seminario Tecnico Piacenza 31/01/2013 Misure di prevenzione e protezione collettive e individuali in riferimento al rischio di caduta dall alto nei cantieri edili A cura dei Tec. Prev. Mara Italia, Marco

Dettagli

S.F.S. Scuola per la Formazione e Sicurezza in Edilizia della provincia di Massa Carrara - Ing. Antonio Giorgini

S.F.S. Scuola per la Formazione e Sicurezza in Edilizia della provincia di Massa Carrara - Ing. Antonio Giorgini CADUTE DALL ALTO CADUTE DALL ALTO DA STRUTTURE EDILI CADUTE DALL ALTO DA OPERE PROVVISIONALI CADUTE DALL ALTO PER APERTURE NEL VUOTO CADUTE DALL ALTO PER CEDIMENTI O CROLLI DEL TAVOLATO CADUTE DALL ALTO

Dettagli

Linee guida per il montaggio e smontaggio di. ponti a torre su ruote

Linee guida per il montaggio e smontaggio di. ponti a torre su ruote Opere Provvisionali Linee guida per il montaggio e smontaggio di ANVVFC,, Presidenza Nazionale, dicembre 2008 pag 1 Il DECRETO LEGISLATIVO 9 aprile 2008, n. 81 (Pubblicato sulla G.U del 30 aprile 2008)

Dettagli

RELAZIONE TECNICA 1. 1 - DESCRIZIONE GENERALE DELLE LAVORAZIONI

RELAZIONE TECNICA 1. 1 - DESCRIZIONE GENERALE DELLE LAVORAZIONI RELAZIONE TECNICA 1. 1 - DESCRIZIONE GENERALE DELLE LAVORAZIONI Le lavorazioni oggetto della presente relazione sono rappresentate dalla demolizione di n 14 edifici costruiti tra gli anni 1978 ed il 1980

Dettagli

Procedure tecniche da seguire nel caso di sollevamento persone con attrezzature non previste a tal fine

Procedure tecniche da seguire nel caso di sollevamento persone con attrezzature non previste a tal fine Procedure tecniche da seguire nel caso di sollevamento persone con attrezzature non previste a tal fine INDICE 1. Premessa 2. Scopo della procedura e campo di applicazione 3. Definizioni 4. indicazioni

Dettagli

LA PROTEZIONE DA RISCHI DI CADUTA DAI LUCERNARI nelle coperture industriali

LA PROTEZIONE DA RISCHI DI CADUTA DAI LUCERNARI nelle coperture industriali LA PROTEZIONE DA RISCHI DI CADUTA DAI LUCERNARI nelle coperture industriali MANUALE TECNICO APPLICATIVO A CURA DI ASSOCOPERTURE PERCHÈ PROTEGGERE I VUOTI Riteniamo necessario parlare ai tecnici del settore

Dettagli

- Seminario tecnico -

- Seminario tecnico - Con il contributo di Presentano: - Seminario tecnico - prevenzione delle cadute dall alto con dispositivi di ancoraggio «linee vita» Orario: dalle 16,00 alle 18,00 presso GENIOMECCANICA SA, Via Essagra

Dettagli

ISTRUZIONI PER LA PROGETTAZIONE DEI SISTEMI DI PROTEZIONE CONTRO LE CADUTE DALL ALTO

ISTRUZIONI PER LA PROGETTAZIONE DEI SISTEMI DI PROTEZIONE CONTRO LE CADUTE DALL ALTO Dipartimento di Prevenzione SERVIZIO SPISAL Via S. Andrea, 8 32100 Belluno Tel. 0437 516927 Fax 0437 516923 e-mail: serv.spisal.bl@ulss.belluno.it Dipartimento di Prevenzione SERVIZIO SPISAL Via Borgo

Dettagli

Il rischio di caduta dall alto: dalla prevenzione/protezione all edilizia acrobatica

Il rischio di caduta dall alto: dalla prevenzione/protezione all edilizia acrobatica Laboratorio di sicurezza degli impianti industriali Docente: Prof. Ing. Lorenzo Fedele Il rischio di caduta dall alto: dalla prevenzione/protezione all edilizia acrobatica Andrea Spaziani 1318099 A. A.

Dettagli

STIMA DEI COSTI DELLA SICUREZZA

STIMA DEI COSTI DELLA SICUREZZA COMUNE DI SANTA MARGHERITA LIGURE Piazza Mazzini, 46 16038 SANTA MARGHERITA LIGURE (GE) REALIZZAZIONE DI IMPIANTI FOTOVOLTAICI SULLE COPERTURE DELLA SCUOLA PRIMARIA A.R. SCARSELLA, DELLA SCUOLA DELL'INFANZIA

Dettagli

PONTE SU RUOTE A TORRE (trabattelli)

PONTE SU RUOTE A TORRE (trabattelli) SCHEDA TECNICA N 25 PONTE SU RUOTE A TORRE (trabattelli) SERVIZIO PREVENZIONE E PROTEZIONE V I A M A S S A R E N T I, 9-4 0 1 3 8 B O L O G N A 0 5 1. 6 3. 6 1 4. 5 8 5 - FA X 0 5 1. 6 3. 6 4. 5 8 7 E-mail:

Dettagli

Sistemi e attrezzature per la sicurezza

Sistemi e attrezzature per la sicurezza SISTEMI E ATTREZZATURE PER LA SICUREZZA Cavalletti di segnalazione...85 Segnalatore di sicurezza fisso...85 Over-The-Spill System...85 Coni di sicurezza e accessori...86 Barriere mobili...87 Segnalatore

Dettagli

LAVORI DI MANUTENZIONE SU IMPIANTI ELETTRICI. Disposizioni per l esecuzione di lavori in tensione -- Programma LEONARDO

LAVORI DI MANUTENZIONE SU IMPIANTI ELETTRICI. Disposizioni per l esecuzione di lavori in tensione -- Programma LEONARDO LAVORI DI MANUTENZIONE SU IMPIANTI ELETTRICI Lavori di manutenzione su impianti elettrici Manutenzione Atto, effetto, insieme delle operazioni volte allo scopo di mantenere efficiente ed in buono stato,

Dettagli

Sicurezza nei lavori in quota linee Vita

Sicurezza nei lavori in quota linee Vita Sicurezza nei lavori in quota linee Vita Enrico Bernardi e Michele Cannata www.anticaduta.com* Le necessità di manutenzione oppure di accesso a vario titolo ad una coperutra determinano importanti problemi

Dettagli

ESEDRA ENERGIA. S o c i e t à C o o p. S o c. SISTEMI DI FISSAGGIO PER PANNELLI SOLARI C A T A L O G O 2 0 1 1

ESEDRA ENERGIA. S o c i e t à C o o p. S o c. SISTEMI DI FISSAGGIO PER PANNELLI SOLARI C A T A L O G O 2 0 1 1 ESEDRA ENERGIA S o c i e t à C o o p. S o c. SISTEMI DI FISSAGGIO PER PANNELLI SOLARI C A T A L O G O 2 0 1 1 La decennale esperienza di Esedra nel mondo delle energie rinnovabili ha dato vita alla linea

Dettagli

DEMOLIZIONE EDIFICI RAFFORZAMENTI E PUNTELLAMENTI (RISANAMENTI) DISTACCO OPERE ADIACENTI

DEMOLIZIONE EDIFICI RAFFORZAMENTI E PUNTELLAMENTI (RISANAMENTI) DISTACCO OPERE ADIACENTI DEMOLIZIONE EDIFICI 1. DEMOLIZIONI MANUALI E1 DEMOLIZIONI STRUTTURE RAFFORZAMENTI E UNTELLAMENTI (RISANAMENTI) DISTACCO OERE ADIACENTI DEMOLIZIONE VOLTE; DEMOLIZIONE SOLAI IN LEGNO; DEMOLIZIONE SOLAI LATERO-

Dettagli

IL MINISTRO PER IL LAVORO E LA PREVIDENZA SOCIALE

IL MINISTRO PER IL LAVORO E LA PREVIDENZA SOCIALE DECRETO MINISTERIALE 12 settembre 1959 Attribuzione dei compiti e determinazione delle modalità e delle documentazioni relative all'esercizio delle verifiche e dei controlli previste dalle norme di prevenzione

Dettagli

RISCHIO CADUTA DALL ALTO

RISCHIO CADUTA DALL ALTO MICHELE SANGINISI RISCHIO CADUTA DALL ALTO DAI PONTEGGI METALLICI FISSI @ SERVIZI GRATUITI ON LINE Questo libro dispone dei seguenti servizi gratuiti disponibili on line: filodiretto con gli autori le

Dettagli

LINEA GUIDA. Per la scelta, l uso e la manutenzione di dispositivi di protezione individuale contro le CADUTE DALL ALTO SISTEMI DI ARRESTO CADUTA

LINEA GUIDA. Per la scelta, l uso e la manutenzione di dispositivi di protezione individuale contro le CADUTE DALL ALTO SISTEMI DI ARRESTO CADUTA LINEA GUIDA Per la scelta, l uso e la manutenzione di dispositivi di protezione individuale contro le CADUTE DALL ALTO SISTEMI DI ARRESTO CADUTA LINEA GUIDA Per la scelta, l uso e la manutenzione di dispositivi

Dettagli

Aprile 2007. Prevenzione dei rischi di caduta dall alto nei lavori di manutenzione in quota su pareti e coperture

Aprile 2007. Prevenzione dei rischi di caduta dall alto nei lavori di manutenzione in quota su pareti e coperture LINEE GUIDA RELATIVE ALLE MISURE PREVENTIVE E PROTETTIVE DA PREDISPORRE NEGLI EDIFICI PER L ACCESSO, IL TRANSITO E L ESECUZIONE DEI LAVORI DI MANUTENZIONE IN QUOTA IN CONDIZIONI DI SICUREZZA Aprile 2007

Dettagli

LE CADUTE DALL ALTO E

LE CADUTE DALL ALTO E LE CADUTE DALL ALTO E LA RESPONSABILITÀ DEGLI AMMINISTRATORI A.U. Salvatore Ruocco Lecce, 15 febbraio 2014 PROGRAMMA 1) Rischio caduta: normativa e soggetti coinvolti 2) UNI EN 795 e dispositivi di ancoraggio

Dettagli

Otto regole vitali per chi lavora nell edilizia Vademecum

Otto regole vitali per chi lavora nell edilizia Vademecum Otto regole vitali per chi lavora nell edilizia Vademecum Obiettivo I lavoratori e i loro superiori conoscono le otto regole vitali da rispettare sistematicamente nell edilizia Formatori Assistenti, capi

Dettagli

Trasmissioni a cinghia dentata SIT - CLASSICA passo in pollici. Trasmissioni a cinghia. dentata CLASSICA

Trasmissioni a cinghia dentata SIT - CLASSICA passo in pollici. Trasmissioni a cinghia. dentata CLASSICA Trasmissioni a cinghia dentata SIT - CLASSICA passo in pollici Trasmissioni a cinghia dentata CLASSICA INDICE Trasmissione a cinghia dentata SIT - CLASSICA passo in pollici Pag. Cinghie dentate CLASSICE

Dettagli

SULLE COPERTURE DEGLI EDIFICI

SULLE COPERTURE DEGLI EDIFICI Comitato regionale di coordinamento art. 27 D.Lgs. 626/94 05/09/2006 A.S.S. N 1 Triestina Dipartimento di Prevenzione U.O.P.S.A.L. Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia A.S.S. n. 2 Isontina Dipartimento

Dettagli

LAVORI IN QUOTA: I SISTEMI DI PROTEZIONE CONTRO LE CADUTE DALL ALTO

LAVORI IN QUOTA: I SISTEMI DI PROTEZIONE CONTRO LE CADUTE DALL ALTO LAVORI IN QUOTA: I SISTEMI DI PROTEZIONE CONTRO LE CADUTE DALL ALTO l dilucarossi, Ricercatore, Dipartimento Tecnologie di Sicurezza, ex-ispesl Osservatorio a cura dell Ufficio Relazioni con il Pubblico

Dettagli

ing. Domenico ing. Domenico Mannelli Mannelli www mannelli info

ing. Domenico ing. Domenico Mannelli Mannelli www mannelli info ing. Domenico Mannelli www.mannelli.info info Lavori in quota Ponteggio Da Tre Metri Di Altezza Vittima un ingegnere responsabile della sicurezza di un cantiere edile di Forte dei Marmi. La notizia è stata

Dettagli

Cadute dall alto nei lavori in quota

Cadute dall alto nei lavori in quota COLLANA SICUREZZA n. 3 Cadute dall alto nei lavori in quota Cadute dall alto nei lavori in quota Testi a cura di EBAT Ente Bilaterale Artigianato Trentino, OSA Organismo Sicurezza Artigianato Coordinamento

Dettagli

La movimentazione dei materiali (material handling)

La movimentazione dei materiali (material handling) La movimentazione dei materiali (material handling) Movimentazione e stoccaggio 1 Obiettivo generale La movimentazione e stoccaggio dei materiali (material handling MH) ha lo scopo di rendere disponibile,

Dettagli

-105- 1 http://www.edilio.it; Dossier Ponteggi in sicurezza: tipologie e normativa

-105- 1 http://www.edilio.it; Dossier Ponteggi in sicurezza: tipologie e normativa I ponteggi sono definiti "opere provvisionali", cioè strutture di servizio di tipo temporaneo non facenti parte integrante della costruzione, ma allestiti o impiegati per la realizzazione, la manutenzione

Dettagli

Schede tecniche per lavoro su funi

Schede tecniche per lavoro su funi Schede tecniche per lavoro su funi Tecniche e materiali per i lavori in quota nell attività di soccorso, quadro didattico ANVVFC,, Presidenza Nazionale, marzo 2008 pag 1 Scheda : 0 PRINCIPI GENERALI: lavori

Dettagli

Cuscinetti a strisciamento e a rotolamento

Cuscinetti a strisciamento e a rotolamento Cuscinetti a strisciamento e a rotolamento La funzione dei cuscinetti a strisciamento e a rotolamento è quella di interporsi tra organi di macchina in rotazione reciproca. Questi elementi possono essere

Dettagli

Misure di prevenzione e protezione. a seguito di eventi calamitosi

Misure di prevenzione e protezione. a seguito di eventi calamitosi ANCE GIOVANI L AQUILA ANCE GIOVANI L AQUILA Provincia di L Aquila Prevenzione e Sicurezza in Edilizia Misure di prevenzione e protezione per la manutenzione dei sistemi di sicurezza e delle opere provvisionali

Dettagli

POS: Piano Operativo di Sicurezza. D.Lgs 81/08 art. 96 c.1. Contenuti minimi del POS in presenza di rischi elettrici

POS: Piano Operativo di Sicurezza. D.Lgs 81/08 art. 96 c.1. Contenuti minimi del POS in presenza di rischi elettrici Servizio Prevenzione e Sicurezza degli Ambienti di Lavoro Azienda Sanitaria Locale della Provincia di Mantova D.Lgs 81/08 art. 96 c.1 Contenuti minimi del POS in presenza di rischi elettrici Azienda Sanitaria

Dettagli

GEOTECNICA. ing. Nunziante Squeglia 13. OPERE DI SOSTEGNO. Corso di Geotecnica Corso di Laurea in Ingegneria Edile - Architettura

GEOTECNICA. ing. Nunziante Squeglia 13. OPERE DI SOSTEGNO. Corso di Geotecnica Corso di Laurea in Ingegneria Edile - Architettura GEOTECNICA 13. OPERE DI SOSTEGNO DEFINIZIONI Opere di sostegno rigide: muri a gravità, a mensola, a contrafforti.. Opere di sostegno flessibili: palancole metalliche, diaframmi in cls (eventualmente con

Dettagli

TOP SOL TOP BRIDGE IMPALCATI IN C.A.P. AD ELEVATISSIME PRESTAZIONI E S S E INFRASTRUTTURE

TOP SOL TOP BRIDGE IMPALCATI IN C.A.P. AD ELEVATISSIME PRESTAZIONI E S S E INFRASTRUTTURE TOP SOL TOP BRIDGE E S S E D I V I S I O N E INFRASTRUTTURE E D INF IMPALCATI IN C.A.P. AD ELEVATISSIME PRESTAZIONI giulianedmp SOLUZIONI COSTRUTTIVE PER L EDILIZIA giulianedmp TOP SOL / TOP BRIDGE Impalcati

Dettagli

LINEE VITA UNI EN 795 - SISTEMI ANTICADUTA - DPI LINEE VITA QUALITÀ, TECNOLOGIA E INNOVAZIONE AL SERVIZIO DELLA SICUREZZA

LINEE VITA UNI EN 795 - SISTEMI ANTICADUTA - DPI LINEE VITA QUALITÀ, TECNOLOGIA E INNOVAZIONE AL SERVIZIO DELLA SICUREZZA LINEE VITA UNI EN 795 - SISTEMI ANTICADUTA - DPI LINEE VITA QUALITÀ, TECNOLOGIA E INNOVAZIONE AL SERVIZIO DELLA SICUREZZA LINEE VITA E LE CADUTE DALL ALTO In Italia le cadute dall alto costituiscono il

Dettagli

3. GLI AEROSTATI: CARATTERISTICHE FUNZIONALI I E STRUTTURALI

3. GLI AEROSTATI: CARATTERISTICHE FUNZIONALI I E STRUTTURALI 3. GLI AEROSTATI: CARATTERISTICHE FUNZIONALI I E STRUTTURALI L aerostato è un aeromobile che, per ottenere la portanza, ossia la forza necessaria per sollevarsi da terra e volare, utilizza gas più leggeri

Dettagli

Valutazione della vulnerabilità e interventi per le costruzioni ad uso produttivo in zona sismica

Valutazione della vulnerabilità e interventi per le costruzioni ad uso produttivo in zona sismica Valutazione della vulnerabilità e interventi per le costruzioni ad uso produttivo in zona sismica 1 Ambito operativo e inquadramento normativo Tenuto conto del rilevante impatto che gli eventi sismici,

Dettagli

VERBALE DI VERIFICA DEL P.O.S. E RELATIVE DOCUMENTAZIONI

VERBALE DI VERIFICA DEL P.O.S. E RELATIVE DOCUMENTAZIONI Contratto d Appalto : Impresa Affidataria : Importo Lavori : di cui Oneri per la Sicurezza : VERBALE DI VERIFICA DEL P.O.S. E RELATIVE DOCUMENTAZIONI Responsabile dei Lavori : Coordinatore Sicurezza in

Dettagli

Manuale dell operatore

Manuale dell operatore Technical Publications 20 Z-30 20HD Z-30 Manuale dell operatore Modelli precedenti al numero di serie 2214 First Edition, Second Printing Part No. 19052IT Sommario Pagina Norme di sicurezza... 3 Controllo

Dettagli

Allestimento del cantiere, opere di recinzione, realizzazione degli accessi, montaggio baracche di cantiere, uffici, impianti di cantiere (elettrico,

Allestimento del cantiere, opere di recinzione, realizzazione degli accessi, montaggio baracche di cantiere, uffici, impianti di cantiere (elettrico, Allestimento del cantiere, opere di recinzione, realizzazione degli accessi, montaggio baracche di cantiere, uffici, impianti di cantiere (elettrico, terra, idrico, fogna), posizionamento macchinari (betoniera

Dettagli

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI Introduzione Le dimensioni delle cabine degli ascensori debbono rispettare valori minimi stabiliti dalle normative vigenti,

Dettagli

PRODOTTI DA COSTRUZIONE CON L OBBLIGO DI DOP E MARCATURA CE (elenco aggiornato al 31 luglio 2014) ACCIAI e altri PRODOTTI DA COSTRUZIONE

PRODOTTI DA COSTRUZIONE CON L OBBLIGO DI DOP E MARCATURA CE (elenco aggiornato al 31 luglio 2014) ACCIAI e altri PRODOTTI DA COSTRUZIONE CON L OBBLIGO DI DOP E MARCATURA CE (elenco aggiornato al 31 luglio 2014) ACCIAI e altri Acciai per la realizzazione di strutture metalliche e di strutture composte (laminati, tubi senza saldatura, tubi

Dettagli

PROGETTO DI TOMBINATURA DEL RIO SALSO IN LOC. FRATTA TERME tratto con sponde libere ( m. 65 circa ) OPERE COMPUTATE 1 - SCAVI E DEMOLIZIONI

PROGETTO DI TOMBINATURA DEL RIO SALSO IN LOC. FRATTA TERME tratto con sponde libere ( m. 65 circa ) OPERE COMPUTATE 1 - SCAVI E DEMOLIZIONI PROGETTO DI TOMBINATURA DEL RIO SALSO IN LOC. FRATTA TERME tratto con sponde libere ( m. 65 circa ) OPERE COMPUTATE 1 - SCAVI E DEMOLIZIONI N. VOCE DESCRIZIONE LAVORAZIONE QUANTITA' PREZZO UNIT. TOTALE

Dettagli

PROTEZIONE DAI CONTATTI DIRETTI ED INDIRETTI

PROTEZIONE DAI CONTATTI DIRETTI ED INDIRETTI PROTEZIONE DAI CONTATTI DIRETTI ED INDIRETTI Appunti a cura dell Ing. Emanuela Pazzola Tutore del corso di Elettrotecnica per meccanici, chimici e biomedici A.A. 2005/2006 Facoltà d Ingegneria dell Università

Dettagli

Realizzazione di un. Disposizioni per la prevenzione dei rischi da caduta dall alto!!" "

Realizzazione di un. Disposizioni per la prevenzione dei rischi da caduta dall alto!! Azienda Sanitaria Locale della Provincia di Mantova Procedure di sicurezza per l installazione e la manutenzione di pannelli fotovoltaici Azienda Sanitaria Locale della Provincia di Mantova Realizzazione

Dettagli

Il D.Lgs. 8 luglio 2003, n. 235 pubblicato su G.U. del 27 agosto 2003

Il D.Lgs. 8 luglio 2003, n. 235 pubblicato su G.U. del 27 agosto 2003 Cadute dall alto Il D.Lgs. 8 luglio 2003, n. 235 pubblicato su G.U. del 27 agosto 2003 ATTUA la direttiva 2001/45/CE relativa ai requisiti minimi di sicurezza e di salute per l'uso delle attrezzature di

Dettagli

SONDE PASSACAVI DI ULTIMA GENERAZIONE

SONDE PASSACAVI DI ULTIMA GENERAZIONE SONDE PASSACAVI DI ULTIMA GENERAZIONE Linea anguila MATERIALI Comportamento delle sonde all interno di un tubo NYLON e BI-NYLON 4 Le sonde in Nylon sono molto flessibili nelle curve anguste ed hanno una

Dettagli

Nel cemento armato si valorizzano le qualità dei due materiali: calcestruzzo e acciaio, che presentano le seguenti caratteristiche

Nel cemento armato si valorizzano le qualità dei due materiali: calcestruzzo e acciaio, che presentano le seguenti caratteristiche CEMENTO ARMATO METODO AGLI STATI LIMITE Il calcestruzzo cementizio, o cemento armato come normalmente viene definito in modo improprio, è un materiale artificiale eterogeneo costituito da conglomerato

Dettagli

FAR s.r.l. ELETTRONICA ELETTROTECNICA TELECOMUNICAZIONI. Attrezzo di connessione unificato per strisce IDC centrali Matr. TELECOM 61116.

FAR s.r.l. ELETTRONICA ELETTROTECNICA TELECOMUNICAZIONI. Attrezzo di connessione unificato per strisce IDC centrali Matr. TELECOM 61116. Attrezzo di connessione unificato per strisce IDC centrali Matr. TELECOM 61116.0 Attrezzo N di connesssione moduli terminazioni. esterne IDC con testina in metallo Matr. TELECOM 31429.4 Attrezzo Inserzione

Dettagli

Nove regole vitali per chi lavora su tetti e facciate Vademecum

Nove regole vitali per chi lavora su tetti e facciate Vademecum Nove regole vitali per chi lavora su tetti e facciate Vademecum Obiettivo I lavoratori e i loro superiori conoscono le nove regole vitali per chi lavora su tetti e facciate e le rispettano sistematicamente.

Dettagli

SERIE TK20 MANUALE DI ASSEMBLAGGIO Italiano

SERIE TK20 MANUALE DI ASSEMBLAGGIO Italiano SERIE MANUALE DI ASSEMBLAGGIO Italiano PAG. 1 ESPLOSO ANTA MOBILE VISTA LATO AUTOMATISMO PAG. 2 MONTAGGIO GUARNIZIONE SU VETRO (ANTA MOBILE E ANTA FISSA) Attrezzi e materiali da utilizzare per il montaggio:

Dettagli

Interruttori di posizione precablati serie FA

Interruttori di posizione precablati serie FA Interruttori di posizione precablati serie FA Diagramma di selezione 01 08 10 11 1 15 1 0 guarnizione guarnizione esterna in esterna in gomma gomma AZIONATORI 1 51 5 54 55 56 5 leva leva regolabile di

Dettagli

Catalogo profili per strutture e banchi e linee modulari

Catalogo profili per strutture e banchi e linee modulari Profilati in alluminio a disegno/standard/speciali Dissipatori di calore in barre Dissipatori di calore ad ALTO RENDIMENTO Dissipatori di calore per LED Dissipatori di calore lavorati a disegno e anodizzati

Dettagli

tariffe da applicare alle prestazioni di cui all'allegato VII del D.L. n. 81/08 di cui al DM 11/04/2011: Disciplina delle modalità di effettuazione

tariffe da applicare alle prestazioni di cui all'allegato VII del D.L. n. 81/08 di cui al DM 11/04/2011: Disciplina delle modalità di effettuazione tariffe da applicare alle prestazioni di cui all'allegato VII del D.L. n. 81/08 di cui al DM 11/04/2011: Disciplina delle modalità di effettuazione delle verifiche periodiche delle attrezzature di lavoro,

Dettagli

Principali norme e buona prassi relative agli strumenti di sicurezza da attivare quando si utilizza una PLE

Principali norme e buona prassi relative agli strumenti di sicurezza da attivare quando si utilizza una PLE AMBIENTE LAVORO 15 Salone della salute e sicurezza nei luoghi di lavoro BOLOGNA - QUARTIERE FIERISTICO 22-24 ottobre 2014 Principali norme e buona prassi relative agli strumenti di sicurezza da attivare

Dettagli

OPERE PREFABBRICATE INDUSTRIALI

OPERE PREFABBRICATE INDUSTRIALI Cap. XIV OPERE PREFABBRICATE INDUSTRIALI PAG. 1 14.1 OPERE COMPIUTE Opere prefabbricate in cemento armato. Prezzi medi praticati dalle imprese specializzate del ramo per ordinazioni dirette (di media entità)

Dettagli

REQUISITI DELLE IMPRESE E DEI LAVORATORI AUTONOMI CHE ESEGUONO LAVORI CON RISCHIO DI CADUTA DALL ALTO PRESSO LE AZIENDE CERAMICHE IMPRESE

REQUISITI DELLE IMPRESE E DEI LAVORATORI AUTONOMI CHE ESEGUONO LAVORI CON RISCHIO DI CADUTA DALL ALTO PRESSO LE AZIENDE CERAMICHE IMPRESE PROTOCOLLO DI INTESA PER LA PREVENZIONE DEGLI INFORTUNI DA CADUTA DALL ALTO PRESSO LE INDUSTRIE CERAMICHE Allegato B REQUISITI DELLE IMPRESE E DEI LAVORATORI AUTONOMI CHE ESEGUONO LAVORI CON RISCHIO DI

Dettagli

SCHEDA RIEPILOGATIVA INTERVENTO OPCM n. 3779 e 3790

SCHEDA RIEPILOGATIVA INTERVENTO OPCM n. 3779 e 3790 SCHEDARIEPILOGATIVAINTERVENTO OPCMn.3779e3790 A)Caratteristicheedificio Esitodiagibilità: B-C (OPCM 3779) E (OPCM 3790) Superficielordacomplessivacoperta( 1 ) mqnum.dipiani Num.UnitàImmobiliaritotali B)Contributorichiestoaisensidi

Dettagli

- - Visto l'art. 63 del testo unico delle leggi di pubblica sicurezza 18 giugno 1931, n. 773;

- - Visto l'art. 63 del testo unico delle leggi di pubblica sicurezza 18 giugno 1931, n. 773; Decreto Ministeriale del 12/09/2003 Approvazione della regola tecnica di prevenzione incendi per l'installazione e l'esercizio di depositi di gasolio per autotrazione ad uso privato, di capacita' geometrica

Dettagli

D) ATTI DIRIGENZIALI. Giunta regionale. 64 Bollettino Ufficiale. Serie Ordinaria n. 44 - Giovedì 31 ottobre 2013

D) ATTI DIRIGENZIALI. Giunta regionale. 64 Bollettino Ufficiale. Serie Ordinaria n. 44 - Giovedì 31 ottobre 2013 64 Bollettino Ufficiale D) ATTI DIRIGENZIALI Giunta regionale D.G. Salute Circolare regionale 25 ottobre 2013 - n. 20 Indicazioni in ordine all applicazione dell accordo tra governo, regioni e province

Dettagli

S.p.a. 24050 ZANICA (BG) Italia Via Stezzano, 16 tel +39 035 671 013 fax +39 035 672 265 www.styl-comp.it infostylcomp@styl-comp.

S.p.a. 24050 ZANICA (BG) Italia Via Stezzano, 16 tel +39 035 671 013 fax +39 035 672 265 www.styl-comp.it infostylcomp@styl-comp. CATTANEO & Co. - BG SC_I 01/2005 S.p.a. 24050 ZANICA (BG) Italia Via Stezzano, 16 tel +39 035 671 013 fax +39 035 672 265 www.styl-comp.it infostylcomp@styl-comp.it Realizzare un connubio perfetto fra

Dettagli

LIBRETTO D ISTRUZIONI

LIBRETTO D ISTRUZIONI I LIBRETTO D ISTRUZIONI APRICANCELLO SCORREVOLE ELETTROMECCANICO girri 130 VISTA IN SEZIONE DEL GRUPPO RIDUTTORE GIRRI 130 ELETTROMECCANICO PER CANCELLI SCORREVOLI COPERCHIO COFANO SUPPORTO COFANO SCATOLA

Dettagli

PREVENZIONE DELLE CADUTE DALL ALTO NEI LAVORI IN QUOTA NEI CANTIERI EDILI (Delibera Dell Assemblea Legislativa regionale n. 149, del 17.12.

PREVENZIONE DELLE CADUTE DALL ALTO NEI LAVORI IN QUOTA NEI CANTIERI EDILI (Delibera Dell Assemblea Legislativa regionale n. 149, del 17.12. I Quaderni del RUE I Quaderni del RUE N. 10.1/2014 Città di Castel San Giovanni Provincia di Piacenza Settore IV: Sviluppo Urbano PREVENZIONE DELLE CADUTE DALL ALTO NEI LAVORI IN QUOTA NEI CANTIERI EDILI

Dettagli

NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO

NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO In base all art. 256 del D. Lgs. 81/2008, così come modificato dal D. Lgs. 106/2009, i

Dettagli

Gestione della sicurezza antincendio nei cantieri temporanei e mobili

Gestione della sicurezza antincendio nei cantieri temporanei e mobili Gestione della sicurezza antincendio nei cantieri temporanei e mobili RICHIAMO AL TESTO UNICO PER LA SICUREZZA D.lgs.vo 9 aprile 2008 n 81 Dott. Ing Luigi ABATE DPR N NN 37 3712 12 gennaio 1998 regolamento

Dettagli

ITALIANO SANO Liftkar SAL 2006 RZ.indd 1 SANO Liftkar SAL 2006 RZ.indd 1 04.07.2006 9:56:34 Uhr 04.07.2006 9:56:34 Uhr

ITALIANO SANO Liftkar SAL 2006 RZ.indd 1 SANO Liftkar SAL 2006 RZ.indd 1 04.07.2006 9:56:34 Uhr 04.07.2006 9:56:34 Uhr ITALIANO SANO Liftkar SAL 2006 RZ.indd 1 04.07.2006 9:56:34 Uhr 1 LIFTKAR, il carrello motorizzato saliscale e MODULKAR, il carrello manuale. 2 3 Caratteristiche principali: 1) Tubolare in Alluminio in

Dettagli

1.1 Descrizione e collocazione dell intervento...3 1.2 Modalità di uso corretto...3

1.1 Descrizione e collocazione dell intervento...3 1.2 Modalità di uso corretto...3 Piano di manutenzione della parte strutturale dell opera Pag. 1 SOMMARIO 1 MANUALE D USO...3 1.1 Descrizione e collocazione dell intervento...3 1.2 Modalità di uso corretto...3 2 MANUALE DI MANUTENZIONE...3

Dettagli

AMIANTO PIANO DI LAVORO

AMIANTO PIANO DI LAVORO AMIANTO PIANO DI LAVORO Piano di lavoro [art. 256 D. Lgs. 81/2008] I lavori di demolizione o rimozione dei materiali contenenti amianto possono essere effettuati solo da imprese iscritte all Albo nazionale

Dettagli

MINI-ESCAVATORE. ViO20-4. 2230/2335 kg. Call for Yanmar solutions

MINI-ESCAVATORE. ViO20-4. 2230/2335 kg. Call for Yanmar solutions MINI-ESCAVATORE 2230/2335 kg Call for Yanmar solutions COMPATTEZZA Il è un mini-escavatore con sporgenza posteriore realmente nulla. Il contrappeso e la parte posteriore del telaio superiore della macchina

Dettagli

Guida Illustrata alla sicurezza nei cantieri rev. 2009

Guida Illustrata alla sicurezza nei cantieri rev. 2009 Guida Illustrata alla sicurezza nei cantieri rev. 2009 A Cura di: A.N.Fo.S. Associazione Nazionale Formatori della Sicurezza sul Lavoro Via S.Stefano 6/b - 00061 Anguillara Sabazia (ROMA) http://www.anfos.it

Dettagli

AUTOLIVELLI (orizzontalità ottenuta in maniera automatica); LIVELLI DIGITALI (orizzontalità e lettura alla stadia ottenute in maniera automatica).

AUTOLIVELLI (orizzontalità ottenuta in maniera automatica); LIVELLI DIGITALI (orizzontalità e lettura alla stadia ottenute in maniera automatica). 3.4. I LIVELLI I livelli sono strumenti a cannocchiale orizzontale, con i quali si realizza una linea di mira orizzontale. Vengono utilizzati per misurare dislivelli con la tecnica di livellazione geometrica

Dettagli

COMPUTO METRICO ESTIMATIVO DI RIFERIMENTO

COMPUTO METRICO ESTIMATIVO DI RIFERIMENTO A l l e g a t o A COMPUTO METRICO ESTIMATIVO DI RIFERIMENTO (ERRATA CORRIGE AL C.M.E. ALLEGATO ALLA GARA ED INSERITO SUL WEB) PROPRIETA ANCONAMBIENTE S.P.A. VIA DEL COMMERCIO 27, 60127 ANCONA OGGETTO OPERE

Dettagli

REOXTHENE TECHNOLOGY

REOXTHENE TECHNOLOGY REOXTHENE Patented REOXTHENE TECHNOLOGY MEMBRANE IMPERMEABILIZZANTI DALLA TECNOLOGIA RIVOLUZIONARIA INNOVATIVO COMPOUND BITUME POLIMERO INCREDIBILE LEGGEREZZA (fino a 4 mm = 38 kg) MAGGIORI PRESTAZIONI

Dettagli

ICUREZZA SUL LAVORO E CONDOMINIO

ICUREZZA SUL LAVORO E CONDOMINIO professione sicurezza ICUREZZA SUL LAVORO E CONDOMINIO 2 Le norme applicabili sono previste nel Testo Unico sulla salute e sicurezza sul lavoro (Decreto Legislativo 9 aprile 2008 n. 81) Sicurezza sul lavoro

Dettagli

Test di ergonomia Valutazione del carico posturale nel lavoro sedentario

Test di ergonomia Valutazione del carico posturale nel lavoro sedentario Test di ergonomia Valutazione del carico posturale nel lavoro sedentario Il lavoro sedentario può essere all origine di vari disturbi, soprattutto se il posto di lavoro è concepito secondo criteri non

Dettagli

CORSO DI SICUREZZA NEI CANTIERI

CORSO DI SICUREZZA NEI CANTIERI Corso di laurea in Ingegneria Edile CORSO DI SICUREZZA NEI CANTIERI Anno Accademico 2011/2012 Definire: Obbiettivi della lezione Rischi Interferenziali - DUVRI e PSC Rischi Propri - POS Conoscere gli aspetti

Dettagli

Elettrificatori per recinti

Elettrificatori per recinti Elettrificatori per recinti 721 Cod. R315527 Elettri catore multifunzione PASTORELLO SUPER PRO 10.000 Articolo professionale, dotato di rotoregolatore a 3 posizioni per 3 diverse elettroscariche. Può funzionare

Dettagli

1. IMBALLAGGIO E CONFEZIONAMENTO

1. IMBALLAGGIO E CONFEZIONAMENTO GUIDA AL CONFEZIONAMENTO 1. IMBALLAGGIO E CONFEZIONAMENTO Si devono rispettare i limiti massimi di dimensioni e peso indicati nella tabella: prodotto limite massimo di peso dimensioni massime Pacco ordinario

Dettagli

Sistem Cube PICCOLI APPARTAMENTI, LOCALI HOBBY, GARAGES

Sistem Cube PICCOLI APPARTAMENTI, LOCALI HOBBY, GARAGES LIMITED WARRANTY PICCOLI APPARTAMENTI, LOCALI HOBBY, GARAGES Sistem Cube La centrale Sistem Cube è una soluzione geniale per tutti gli spazi ridotti. Compattezza, razionalità e potenza la rendono adatta

Dettagli

www.altrex.com EN 1004 Manuale di montaggio e uso Ponteggi su ruote 5100 e 5200, Ponteggio con scale integrate 5300, Ponteggi pieghevoli 5400 e 5500

www.altrex.com EN 1004 Manuale di montaggio e uso Ponteggi su ruote 5100 e 5200, Ponteggio con scale integrate 5300, Ponteggi pieghevoli 5400 e 5500 Manuale di montaggio e uso Ponteggi su ruote 5100 e 5200, Ponteggio con scale integrate 5300, Ponteggi pieghevoli 5400 e 5500 EN 1004 752903 www.altrex.com 1 of 32 Manuale montaggio e uso N art. 752903

Dettagli

La manovra manuale di ritorno al piano. Ing. Raffaele Sabatino 1

La manovra manuale di ritorno al piano. Ing. Raffaele Sabatino 1 La manovra manuale di ritorno al piano Ing. Raffaele Sabatino 1 La manovra manuale di ritorno al piano D.P.R. 30 aprile 1999, n. 162 (Regolamento recante norme per l'attuazione della direttiva 95/16/CE

Dettagli

ALLEGATO XV. Contenuti minimi dei piani di sicurezza nei cantieri temporanei o mobili 1. DISPOSIZIONI GENERALI

ALLEGATO XV. Contenuti minimi dei piani di sicurezza nei cantieri temporanei o mobili 1. DISPOSIZIONI GENERALI ALLEGATO XV Contenuti minimi dei piani di sicurezza nei cantieri temporanei o mobili 1.1. - Definizioni e termini di efficacia 1. DISPOSIZIONI GENERALI 1.1.1. Ai fini del presente allegato si intendono

Dettagli

2.2. Il modello di denuncia e la documentazione

2.2. Il modello di denuncia e la documentazione 2.2. Il modello di denuncia e la documentazione Per tutte le opere e gli interventi sottoposti a denuncia e sull intero territorio regionale, la denuncia è redatta ai sensi dell art. 93 del D.P.R. 380/2001

Dettagli

Club Alpino Italiano NODI E MANOVRE DI CORDA PER L ESCURSIONISMO. Ettore Castiglioni CLUB ALPINO ITALIANO SEZIONE DI TREGNAGO

Club Alpino Italiano NODI E MANOVRE DI CORDA PER L ESCURSIONISMO. Ettore Castiglioni CLUB ALPINO ITALIANO SEZIONE DI TREGNAGO CLU LPINO ITLINO C I CLU LPINO ITLINO E S C U RSIONISMO Club lpino Italiano SEZIONE DI TREGNGO Ettore Castiglioni CLU LPINO ITLINO CLU LPINO ITLINO SEZIONE DI TREGNGO Vicolo Cipolla, 20-37039 Tregnago

Dettagli

"A1" 795 795 - "A2").

A1 795 795 - A2). manuale d'uso LINEA VITA Linee di ancoraggio flessibili orizzontali (EN 795 Classe "C"). Ancoraggi strutturali (EN 795 Classe "A1" - "A2"). Componenti testati e certificati da organismo notificato di certificazione.

Dettagli

OPERE INTERNE (art. 9 L.R. 37/85)

OPERE INTERNE (art. 9 L.R. 37/85) timbro protocollo AL RESPONSABILE Area delle Politiche Infrastrutturali e del Territorio DEL COMUNE DI SPADAFORA (ME) OPERE INTERNE (art. 9 L.R. 37/85) OGGETTO: Comunicazione opere interne ai sensi dell

Dettagli

PT-27. Torcia per il taglio con arco al plasma. Manuale di istruzioni (IT)

PT-27. Torcia per il taglio con arco al plasma. Manuale di istruzioni (IT) PT-27 Torcia per il taglio con arco al plasma Manuale di istruzioni (IT) 0558005270 186 INDICE Sezione/Titolo Pagina 1.0 Precauzioni per la sicurezza........................................................................

Dettagli

Num.Ord. TARIFFA E L E M E N T I unitario TOTALE ANALISI DEI PREZZI

Num.Ord. TARIFFA E L E M E N T I unitario TOTALE ANALISI DEI PREZZI pag. 2 Nr. 1 CHIUSURA MASSICCIATA STRADALE eseguita con fornitura e messa in opera di materiale D.0001.3 di saturazione formato esclusivamente con pietrisco minuto di cava dello spessore di mm 0-2, rispondente

Dettagli

la nuova generazione

la nuova generazione O - D - Giugno - 20 Sistemi di adduzione idrica e riscaldamento in Polibutilene la nuova generazione Push-fit del sistema in polibutilene Sistema Battuta dentellata La nuova tecnologia in4sure è alla base

Dettagli

CONSIGLI UTILI PER UNA CORRETTA ESECUZIONE DELLE MURATURE

CONSIGLI UTILI PER UNA CORRETTA ESECUZIONE DELLE MURATURE CONSIGLI UTILI PER UNA CORRETTA ESECUZIONE DELLE MURATURE a cura del Consorzio POROTON Italia VERSIONE ASPETTI GENERALI E TIPOLOGIE MURARIE Le murature si dividono in tre principali categorie: murature

Dettagli

CORPO GIREVOLE ATTORNO AD UN ASSE E MOMENTI. TORNA ALL'INDICE

CORPO GIREVOLE ATTORNO AD UN ASSE E MOMENTI. TORNA ALL'INDICE CORPO GIREVOLE ATTORNO AD UN ASSE E MOMENTI. TORNA ALL'INDICE Consideriamo adesso un corpo esteso, formato da più punti, e che abbia un asse fisso, attorno a cui il corpo può ruotare. In questo caso l

Dettagli

Hawos Pegasus 230 Volt

Hawos Pegasus 230 Volt olt Pagina 2 Pagina 3 Pagina 3 Pagina 4 Pagina 5 Pagina 5 Pagina 6 Pagina 6/7 Pagina 7 Pagina 7 Pagina 8 Introduzione a Pegasus Scegliere le dimensioni della macinatura Iniziare e terminare il processo

Dettagli

Cuscinetti radiali rigidi a sfere ad una corona Generation C. Informazione tecnica

Cuscinetti radiali rigidi a sfere ad una corona Generation C. Informazione tecnica Cuscinetti radiali rigidi a sfere ad una corona Generation C Informazione tecnica Indice Caratteristiche 2 Vantaggi dei cuscinetti FAG radiali rigidi a sfere Generation C 2 Tenuta e lubrificazione 2 Temperatura

Dettagli

FONDAMENTI TEORICI DEL MOTORE IN CORRENTE CONTINUA AD ECCITAZIONE INDIPENDENTE. a cura di G. SIMONELLI

FONDAMENTI TEORICI DEL MOTORE IN CORRENTE CONTINUA AD ECCITAZIONE INDIPENDENTE. a cura di G. SIMONELLI FONDAMENTI TEORICI DEL MOTORE IN CORRENTE CONTINUA AD ECCITAZIONE INDIPENDENTE a cura di G. SIMONELLI Nel motore a corrente continua si distinguono un sistema di eccitazione o sistema induttore che è fisicamente

Dettagli