CARTA DEL SERVIZIO DI BUONANOTTE FIORELLINO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CARTA DEL SERVIZIO DI BUONANOTTE FIORELLINO"

Transcript

1 CARTA DEL SERVIZIO DI BUONANOTTE FIORELLINO CHI SIAMO La Ludus è una cooperativa di produzione lavoro nata nel 2002 e che dal 2005 gestisce il suo primo Asilo Nido, recuperando uno spazio vandalizzato situato nel XIII Municipio, in via Decio Azzolino 33. Dal 2006 il Nido viene convenzionato con il Comune di Roma per 39 bambini. Nel 2008, portando a regime l utilizzo della struttura, viene inaugurato sempre nella stessa sede l Asilo Momo, anch esso poi convenzionato con il Comune nel Ad oggi gli Asili Ludus e Momo, rispettivamente al 1 e al 2 piano della struttura di via Decio Azzolino, ospitano circa 145 bambini, erogando un servizio altamente professionale in un quadrante di Roma (Torrevecchia, Montespaccato e Primavalle) critico per tanti aspetti, anche per quelli inerenti i servizi alle famiglie. Abbiamo maturato negli anni esperienze nelle attività per l infanzia e le famiglie, organizzando lo Spazio Ludoteca e i Centri Estivi 0-6 anni - implementando attività e laboratori per bambini e genitori, feste ed eventi per tutte le famiglie - sostenendo i progetti sociali dei Servizi Comunali (Municipio XIII). Ci siamo messi in gioco con professionalità, flessibilità, risorse, creatività, spirito d impresa. Credendo fortemente nel valore del nostro progetto. MISSION La nostra vocazione è diffondere nei territori la cultura dell infanzia e dei servizi educativi, ponendo al centro della nostra attività la qualità delle relazioni ed il benessere dei bambini e delle famiglie. Crediamo fortemente nel valore dell educazione per lo sviluppo integrale della persona. Il nostro approccio, orientato verso una prospettiva ecologica dello sviluppo umano, considera il contesto educativo come un sistema complesso di relazioni ed azioni, in cui i diversi protagonisti si influenzano reciprocamente. La nostra Mission si concretizza nell essere al servizio dei bambini e delle loro famiglie, promuovendo l affermarsi di un modello pedagogico innovativo, integrato, in grado di apportare contributi originali alla diffusione della cultura dell infanzia. 1

2 QUALITA' Tutti i nostri fornitori possiedono le certificazioni di qualità. Aggiorniamo periodicamente il nostro Piano di Autocontrollo e il Documento di Valutazione dei Rischi. Monitoriamo sistematicamente tutte le procedure attivate e ne valutiamo l efficacia per offrirvi un servizio sempre migliore. Principi generali I nostri principi generali e fondanti della gestione dell asilo nido sono i seguenti: 1. Uguaglianza L asilo nido garantisce uguaglianza e parità di trattamento in ogni fase dell erogazione del servizio a tutti i bambini e alle famiglie interessate, senza nessuna preferenza o discriminazione. In particolare ci impegniamo a garantire l uguaglianza delle opportunità, dando risposte personalizzate alle differenti esigenzedei bambini, nei limiti dell organizzazione del servizio. 2. Imparzialità L agire degli educatori dell asilo nido è estraneo a qualsiasi interesse di parte e non è condizionato da preconcetti o pregiudizi. Nei processi valutativi usiamo criteri oggettivi e strumenti in grado di garantire la massima obiettività possibile. 3. Continuità I servizi sono erogati in maniera regolare e stabile, sulla base di una programmazione comunicata in tempo utile alle famiglie. L asilo nido si impegna a comunicare preventivamente eventuali cambiamenti o interruzioni dipendenti da terzi in modo da garantire, per quanto possibile, una riduzione dei disagi agli utenti. 4. Partecipazione, trasparenza e responsabilità sociale I nostri servizi favoriscono la partecipazione attiva alle decisioni che riguardano la gestione del servizio di tutti i portatori di interesse, compresi gli stessi bambini. Trasparenza e responsabilità sociale sono i nostri principi fondativi, realizzati mediante l attuazione di regole, strumenti e procedure specifiche. 5. Efficienzaed efficacia I servizi sono orientati al conseguimento di risultati educativi utilizzando risorse e modalità pianificate e con chiarezza di incarichi, ruoli e compiti. Siamo impegnati a valutare regolarmente l efficienza e l efficacia effettiva restituita dall asilo nido. FUNZIONAMENTO BUONANOTTE FIORELLINO Il servizio di nido/materna serale e notturno è un progetto sperimentale L attività di Buonanotte Fiorellino si innesta nel pieno rispetto dei requisiti presenti nella Convenzione sottoscritta dalla Ludus coop. con Roma Capitale, Dipartimento Servizi Educativi e Scolastici, per gli Asili Nido Ludus e Momo. È un servizio di sostegno alle famiglie che, nella maggior parte dei casi, non hanno reti di sostegno. Si svolge dentro la struttura degli Asili nido Ludus e Momo, in particolare al secondo piano, presso l Asilo Momo, un ambiente a misura di 2

3 bambino, qual è un asilo nido che si rispetti. Anche se non è un servizio educativo, nel senso stretto del concetto di progetto educativo (asse portante nella strutturazione a 360 di un asilo nido) che ha una sua strutturazione temporale con il bambino (mentre Buonanotte Fiorellino è su prenotazione), ne condivide lo spazio e la professionalità del personale educativo e ausiliario. Per questo ci è piaciuta l idea di chiamarlo asilo serale e notturno. La nostra metodologia si basa su di un approccio che prende spunto dall esperienza decennale nell implementare e sviluppare il/i progetto/i educativo/i con i bambini e le loro famiglie. Le attività, soprattutto nella seconda parte della serata, dopo cena, sono pensate per accompagnare dolcemente i bambini alla nanna, mentre nella prima parte si svolgono attività motorie, di manipolazione, di gioco più fisico al fine di coinvolgere il bambino in attività ed esperienze sane, educative, socializzanti e rilassanti. La cena è un momento di socializzazione, in cui la preparazione dei cibi è effettuata da cuochi esperti, seguendo scrupolosamente le tabelle alimentari del Comune di Roma. È un servizio di sostegno alle famiglie che si trovano in una situazione di difficoltà nella gestione del carico lavorativo e di riflesso famigliare, di criticità nelle reti parentali ed amicali e più in generale relazionali, senza escludere chi si trova in un emergenza (si pensi ad un ricovero di un famigliare) e non saper come gestire i figli piccoli. Riteniamo che, offrire una risposta a questi contesti di vita mediante un accudimento e un attenzione accurati nei confronti del bambino e dei suoi bisogni, significhi incidere positivamente sulla qualità della vita del/i genitore/i e, in un ottica sistemica, della famiglia e del bambino stesso (tenendo a mente sempre quei contesti di gestione della vita famigliare complessi). Di seguito spieghiamo ed approfondiamo quegli elementi che contraddistinguono il nostro servizio innovativo per le famiglia con bambini dai 0 ai 6 anni, in orario serale e notturno. Obiettivi 1) Offrire al bambino uno spazio, un ambiente e delle relazioni confortevoli, sicure, di accudimento e attenzione alle sue necessità; 2) Soddisfare un bisogno e/o una necessità temporanea del nucleo familiare (soprattutto con bambini piccoli 0-6 anni); 3) Soddisfare il bisogno di quelle famiglie, con bambini piccoli e con genitori che svolgono lavori notturni (medici, infermieri, forze dell ordine, ecc.); 4) Soddisfare un bisogno temporaneo di quelle famiglie, con bambini piccoli, che attraversano difficoltà emergenziali di varia natura (es. accudire familiari presso strutture ospedaliere); 5) Incrementare l autonomia per le situazioni familiari particolari come le famiglie monoparentali, o che vivono lontane dal loro paese d origine e che non possono quindi contare sull aiuto, nei casi di emergenza, dei nonni o dei parenti più stretti. 3

4 Target Bambini in età da asilo nido (3 mesi - 3 anni); Bambini in età da materna (dai 4 ai 6 anni); Coppie in cui i genitori lavorano su turni anche di notte e che hanno in questa fascia oraria difficoltà nella gestione dei figli; Genitori che devono affrontare delle emergenze (ricovero del coniuge o di un parente) e che necessitano di una soluzione tampone; Famiglie monoparentali, in cui il genitore, che nella maggior parte dei casi è la donna/mamma, ha così la possibilità di affrontare meglio le emergenze ed il tempo di vita; Coppie che desiderano riappropriarsi di un momento di svago, in tranquillità e sicurezza per i propri figli. Specifiche Tecniche Di seguito sono descritte le specifiche tecniche del servizio, divise per argomenti: Orario di apertura/chiusura: il servizio è attivo dalle 19:00 alle 07:00 del mattino, ora di uscita dalla struttura. Prenotazione del servizio: il servizio serale e notturno funziona su prenotazione. Per la sera (19:00-24:00) ci si deve prenotare entro i 3 giorni antecedenti (x es. entro mercoledì per sabato), mentre per il servizio notturno la prenotazione deve essere fatta 5 giorni prima (il lunedì per il sabato); Conoscenza del nucleo - inserimento - osservazione: anche se con tempistiche diverse, perché è evidente che non vi può essere lo stesso periodo di ambientamento di un nido diurno, la procedura è analoga, nel senso che il/i genitore/i, la prima volta che usufruiscono del servizio, devono sostenere un colloquio di conoscenza con il coordinamento. Questo step è obbligatorio e propedeutico all inserimento del bambino. Anche se con tempi e modalità diverse, si applicheranno le stesse metodologie di inserimento e osservazione dei bambini, al fine di ridurre lo stress di un esperienza diversa dal solito. Documentazione da produrre per l inserimento: la stessa che viene prodotta e sottoscritta dal nido diurno, che elnchiamo di seguito: Domanda di ammissione; Scheda info famiglia; Informativa tutela privacy; Consenso dati personali; Delega a terzi ritiro bimbo; Corredino nido; Liberatoria foto; Liberatoria nido; Modulo dieta differenziata; Richiesta dieta per allergia; 4

5 Regolamento riammissione-allontanamento Certificato allontanamento. Suddivisione fasce di età: mesi / mesi / 3-6 anni; Divisione degli spazi di gioco: spazio specifico per i piccoli 3-12 mesi / spazio specifico mesi / spazio comune 3-6 anni. Sono rispettati i rapporti metri/bambino vigenti nella convenzione in essere. Attività: Bambini piccoli, 3-12 mesi: iniziale fase di gioco - attività sensoriali, motorie, cognitive - pasto, attività rilassante propedeutica all addormentamento (storie, favole, canzoncine e/o filastrocche); Bambini 2-4 anni: iniziale fase di gioco - attività sensoriali, motorie, cognitive in gruppo - pasto, attività rilassanti - canzoncine, fiabe interattive di gruppo, attività laboratoriali soft - addormentamento; Bambini 4-6 anni: iniziale fase di gioco tramite laboratori - pasto - gioco post cena, disegno, letture, fiabe interattive di gruppo, visione di cartoni animati educativi (da valutare); I lenzuolini e le coperte per il sonno sono forniti, puliti, dalla famiglia, che li riprenderà a fine servizio, inoltre la famiglie deve portare 4 pannolini se necessari, 1 cambio, pigiamino ed eventuale oggetto transizionale; Divisione degli spazi notturni: stanza mesi / stanza mesi / stanza 3-6 anni. Sono rispettati i rapporti metri/bambino vigenti nella convenzione in essere. Rapporto educatori/bambini e compresenza degli stessi: rapporto educatore/bambini pari ad almeno 1/6, oltre la presenza di un ausiliaria (con funzione anche di cuoca), con un numero minimo di 2 operatori anche in presenza di 1 solo bambino. Il personale è costituito da 4 educatrici (minimo 2 per ciascun turno - comunque con il rapporto 1 a 6), 1 ausiliaria con funzioni di cuoca per ciascun turno (mantenendo sempre il rapporto 1 a 15), 1 referente/coordinatore del servizio; I turni sono suddivisi in 2 (di 6 ore ciascuno), dalle 19:00 alle 01:00 e dalle 24:00 alle 07:00; Il Referente/Coordinatore del servizio avrà le stesse caratteristiche previste per il servizio diurno in convenzione, oltre che la reperibilità notturna, che sarà sempre assicurata; Funzionamento dei pasti per fasce di età: per i piccoli in fase di allattamento: latte materno o in polvere, fornito dal/i genitore/i. Per i più grandi si applicano i menù e le tabelle dietetiche come per il nido diurno e la materna. I pasti, in base alle fasce di età, sono somministrati fra le 19:30 (piccoli fino ai 12 mesi) e le 20:00 (dai 2 anni in poi). La colazione è servita fra le 06:30 e le 06:40. Alle 07:00 vi è l uscita dalla struttura (orario limite per permettere la predisposizione delle attività diurne). 5

6 Gestione delle emergenze: per tutto il personale sarà prevista una piccola formazione oltre che la partecipazione al corso di disostruzione pediatrica. La gestione delle emergenze è analoga al nido diurno. È allertato l ospedale Bambino Gesù dell apertura del servizio, al fine di avere un ulteriore riferimento in caso di necessità (per procedure non urgenti). Sicurezza e Vigilanza: considerato il servizio notturno, al fine di incrementare la sicurezza della struttura e degli ospiti, sono installate videocamere al cancello di accesso e sono informate le forse dell ordine (il Comando dei Carabinieri di Montespaccato e il Commissariato di Polizia Aurelio) per avere un monitoraggio della zona e della struttura. Metodologia Le Educatrici hanno un approccio educativo di tipo ludico/ricreativo. Rispetto al lavoro quotidiano dell asilo nido, che si basa sull implementazione di un progetto educativo, l asilo H24 è da considerarsi un servizio di contenimento mediante un progetto ludico, nel senso che è incentrato a far svolgere ai bambini attività di svago, rilassanti e di socializzazione che li accompagnino al riposo e al sonno. Le Educatrici hanno delle caratteristiche professionali, ma soprattutto umane, ben precise e cioè la dolcezza, l empatia, la capacità di saper leggere ed interpretare i segnali e i linguaggi dei bambini. Cioè sono valorizzate quelle qualità necessarie alla distensione, alla calma, ma anche alla gestione dei momenti critici caratteristici dei bambini piccoli, come i risvegli notturni, le crisi di pianto, etc. In tal senso un altra caratteristica fondamentale è costituita da un approccio assertivo ed equilibrato, per affrontare e gestire appunto i momenti critici. Un ulteriore elemento imprescindibile è costituito dalla formazione e conoscenza delle tecniche di primo soccorso per bambini e infanti. Le attivitàsono costituite da giochi di insieme, dalla visione di brevi cartoni animati educativi, da giochi di ruolo, letture per bambini. Il concetto comunque è lo stesso del nido diurno e cioè quello di offrire una gamma di possibilità educative/ricreative ai bambini, ma allo stesso tempo lasciarli liberi di scegliere, al fine di incrementare la loro capacità di scelta e la loro autonomia. L accoglienza e l inserimento avvengono con delle modalità simili a quelle del nido diurno, soprattutto per i bambini molto piccoli (dai 3 mesi ad 1 anno) e piccoli (dai 2 ai 3 anni), per cui ci sarà una fase di conoscenza tramite colloquio con il/i genitore/i e presenza degli stessi nella prima fase di inserimento del bambino. Per i bambini più grandi, fino ai 6 anni, l inserimento sarà organizzato e gestito a mo di gioco/avventura in un esperienza speciale, fuori dal normale da condividere con i coetanei. Anche per questa fascia più grande ci sarà comunque una fase di conoscenza e osservazione insieme al/i genitore/i. 6

7 Tariffe (*) Turno serale 19:00-24:00 = 19,50 Turno notturno 19:00-07:00 = 60,00 Sottoscrizione della tessera Ludus Card per fruire dei servizi, del costo di 10,00. (*) Le tariffe sono soggette a rivalutazione in caso di convenzione Codice ETICO Considerate la delicatezza e la novità del servizio, ci siamo dati alcune regole "etiche", in modo da venire incontro alle esigenze/problematiche dei genitori, ma al contempo rispettando i bisogni del bambino. Alcuni esempi: la coppia che vuole usufruire del servizio serale per mangiare una pizza o andare al cinema, lo può fare "una tantum"; vuol dire che se per 3 settimane continuativamente prenotano il servizio, si chiamano a colloquio e si cerca di capire le motivazioni che sottendono alla loro volontà, potendo anche rifiutare la prenotazione se non motivata. Se un genitore porta il bambino per un turno di notte, ma il bambino non si riesce a rilassare e piange in continuazione, si avvisa il genitore che deve venire a riprenderlo. In questo caso, vengono fatti dai 2 ai 4 tentativi, con la presenza del genitore, valutando quindi se il servizio è adeguato o meno per il bambino o se è il caso di non fruirne. Procedura di reclamo e rimedio La procedura di reclamo: informare il coordinatore dell asilo per segnalare una disfunzione. Questa informativa, può essere sia formale, mediante la compilazione del modulo a ciò predisposto, sia verbale (di cui, però verrà tenuta traccia scritta). Il modulo, debitamente compilato, va depositato nell apposita cassetta posta all ingresso del nido o inviato via mail all indirizzo o spedito all indirizzo del nido stesso. I tempi di risposta sono stabiliti dagli standard dichiarati. I rimedi vengono proposti dal servizio (se si tratta del mancato rispetto di uno standard, questo va ripristinato quanto prima). Sede Via Decio Azzolino , Roma (zona Torrevecchia) Per info: Roma, lì 08/04/15 Il Presidente Ing Gaetano Debilio 7

Micronido BIM BUM BAM!!

Micronido BIM BUM BAM!! Micronido BIM BUM BAM!! Per i bimbi fino ai 3 anni aperto tutto l'anno dalle 07.30 alle 18.30 (orari e frequenze liberi!!) per info.: 049 9387559 via Dante, 5\B a Trebaseleghe CARTA DEI SERVIZI settembre

Dettagli

Via M. Gioia, 51-20124 MILANO Tel: 02.66981648 fax: 02.66984364e mail: primaria@consolatricemilano.it www.consolatricemilano.it

Via M. Gioia, 51-20124 MILANO Tel: 02.66981648 fax: 02.66984364e mail: primaria@consolatricemilano.it www.consolatricemilano.it Via M. Gioia, 51-20124 MILANO Tel: 02.66981648 fax: 02.66984364e mail: primaria@consolatricemilano.it www.consolatricemilano.it 1 PREMESSA Il Nido Gioia è diviso in due sezioni che, indicativamente corrispondono

Dettagli

LUDUS IN FABULA Baby Parking - Spazio Bimbi 13 36 mesi

LUDUS IN FABULA Baby Parking - Spazio Bimbi 13 36 mesi LUDUS IN FABULA Baby Parking - Spazio Bimbi 13 36 mesi Premessa Il Baby Parking/Spazio Bimbi è un servizio socio-educativo che può accogliere bambini dai 13 ai 36 mesi, dal lunedì al venerdì, fino a 6

Dettagli

Carta dei Servizi anno educativo 2013/2014. Asilo Nido Baby Flower, Piazza degli Incontri 15/17, 20090 Assago Milanofiori (MI).

Carta dei Servizi anno educativo 2013/2014. Asilo Nido Baby Flower, Piazza degli Incontri 15/17, 20090 Assago Milanofiori (MI). Carta dei Servizi anno educativo 2013/2014 Asilo Nido Baby Flower, Piazza degli Incontri 15/17, 20090 Assago Milanofiori (MI). 1 Carta dei servizi educativi anno educativo 2013/2014 Asilo nido Baby Flower

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI ASILO NIDO COMUNALE GIANNI RODARI ANNO SCOLASTICO 2014/2015. Pag. 1 di 18

CARTA DEI SERVIZI ASILO NIDO COMUNALE GIANNI RODARI ANNO SCOLASTICO 2014/2015. Pag. 1 di 18 CARTA DEI SERVIZI ASILO NIDO COMUNALE GIANNI RODARI ANNO SCOLASTICO 2014/2015 Pag. 1 di 18 Sommario PRESENTAZIONE DELLA CARTA DEI SERVIZI.... 3 LA CARTA DEI SERVIZI.... 4 LE MODALITÀ DI ACCESSO ALL ASILO

Dettagli

Azienda Pubblica di Servizi alla Persona CARTA DEI SERVIZI DEL CENTRO DIURNO PER PERSONE AUTOSUFFICIENTI E NON PREMESSA

Azienda Pubblica di Servizi alla Persona CARTA DEI SERVIZI DEL CENTRO DIURNO PER PERSONE AUTOSUFFICIENTI E NON PREMESSA Azienda Pubblica di Servizi alla Persona Giovanni Chiabà San Giorgio di Nogaro CARTA DEI SERVIZI DEL CENTRO DIURNO PER PERSONE AUTOSUFFICIENTI E NON Gentile Utente, PREMESSA il presente documento Carta

Dettagli

Allegato 6 PROGETTO EDUCATIVO. Obiettivi e principi psico-pedagogici

Allegato 6 PROGETTO EDUCATIVO. Obiettivi e principi psico-pedagogici Allegato 6 PROGETTO EDUCATIVO Obiettivi e principi psico-pedagogici L istituzione dell asilo nido per bambine e bambini da tre mesi a tre anni di vita, rappresenta un ulteriore servizio rivolto al personale

Dettagli

Linee guida per il mansionario Operatore Socioassistenziale Opzione assistenza all infanzia

Linee guida per il mansionario Operatore Socioassistenziale Opzione assistenza all infanzia Linee guida per il mansionario Operatore Socioassistenziale Opzione assistenza all infanzia PREMESSA L OSA (operatore/operatrice socioassistenziale) - Ha uno statuto di professionista qualificato con Attestato

Dettagli

COMUNE DI SARMATO Provincia di Piacenza

COMUNE DI SARMATO Provincia di Piacenza COMUNE DI SARMATO Provincia di Piacenza SERVIZIO SOCIALE PUBBLICA ISTRUZIONE REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI RISTORAZIONE SCOLASTICA approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 19 del 29.06.2012 regolamento

Dettagli

ROMA CAPITALE MUNICIPIO 13 IL NIDO SERVIZIO EDUCATIVO PER BAMBINI FINO A TRE ANNI

ROMA CAPITALE MUNICIPIO 13 IL NIDO SERVIZIO EDUCATIVO PER BAMBINI FINO A TRE ANNI ROMA CAPITALE MUNICIPIO 13 IL NIDO SERVIZIO EDUCATIVO PER BAMBINI FINO A TRE ANNI INDICE FINALITA pag. 1 COME FUNZIONA IL NIDO pag. 2 L ORGANIZZAZIONE DEL NIDO pag.3 LA GIORNATA AL NIDO pag. 4 L ALIMENTAZIONE

Dettagli

PROGETTO DEL CENTRO SOCIO EDUCATIVO IL MELOGRANO

PROGETTO DEL CENTRO SOCIO EDUCATIVO IL MELOGRANO COMUNE DI SERRAVALLE PISTOIESE PROVINCIA DI PISTOIA PROGETTO DEL CENTRO SOCIO EDUCATIVO IL MELOGRANO Premessa La progettazione di un centro socio educativo sul territorio di Serravalle P.se nasce dall

Dettagli

1. Quali sono le procedure per aprire una struttura che presta servizi socioassistenziali? 3. Quali sono le strutture socioassistenziali per minori?

1. Quali sono le procedure per aprire una struttura che presta servizi socioassistenziali? 3. Quali sono le strutture socioassistenziali per minori? 1. Quali sono le procedure per aprire una struttura che presta servizi socioassistenziali? Le procedure per aprire una struttura socioassistenziale sono definite dalla normativa regionale. Il rappresentante

Dettagli

Comune di Figline Valdarno (Provincia di Firenze) REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI RISTORAZIONE SCOLASTICA

Comune di Figline Valdarno (Provincia di Firenze) REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI RISTORAZIONE SCOLASTICA Comune di Figline Valdarno (Provincia di Firenze) REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI RISTORAZIONE SCOLASTICA Approvato con Deliberazione del Consiglio Comunale n. 46 del 13.4.2010 ART. 1 FINALITA 1. Il servizio

Dettagli

LA CARTA DEI SERVIZI

LA CARTA DEI SERVIZI Carta dei Servizi LA CARTA DEI SERVIZI La Carta dei Servizi è il principale strumento di un organizzazione per far conoscere i progetti che realizza, per informare sulle risorse e le attività a disposizione,

Dettagli

CITTA DI OLGIATE COMASCO CARTA DEI SERVIZI DELL ASILO NIDO COMUNALE

CITTA DI OLGIATE COMASCO CARTA DEI SERVIZI DELL ASILO NIDO COMUNALE CITTA DI OLGIATE COMASCO CARTA DEI SERVIZI DELL ASILO NIDO COMUNALE Approvato con deliberazione di Giunta Comunale n. 10 del 27 giugno 2011 1 INDICE LA CARTA DEI SERVIZI Che cos è la Carta dei Servizi

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI DEL CENTRO PER L INFANZIA ANGELI DI MERGO

CARTA DEI SERVIZI DEL CENTRO PER L INFANZIA ANGELI DI MERGO COMUNE DI MERGO Provincia di Ancona 60030 MERGO Piazza G. Leopardi, 23 Tel. 0731.814820 Fax 0731.812241 ATTIVITÀ SOCIO-ECONOMICHE CONTRATTI 1 CARTA DEI SERVIZI DEL CENTRO PER L INFANZIA ANGELI DI MERGO

Dettagli

stili alimentari più consapevoli a partire dalla mensa scolastica.

stili alimentari più consapevoli a partire dalla mensa scolastica. Comune di Viareggio Settore Pubblica Istruzione Carta del Servizio Ristorazione Scolastica P. A. T. Piramide Alimentare Toscana Presentiamo nelle pagine che seguono la Carta del Servizio di ristorazione

Dettagli

ASILO AZIENDALE BPM. Il patto di valori e servizi tra BPM e BD Bimbi srl. Milano, 25 gennaio 2011

ASILO AZIENDALE BPM. Il patto di valori e servizi tra BPM e BD Bimbi srl. Milano, 25 gennaio 2011 ASILO AZIENDALE BPM Il patto di valori e servizi tra BPM e BD Bimbi srl Milano, 25 gennaio 2011 BREVE STORIA L asilo nido Il giardino di Bez nasce per volontà del consiglio di amministrazione della Banca

Dettagli

SERVIZI SOCIO-EDUCATIVI PER L INFANZIA E L ADOLESCENZA

SERVIZI SOCIO-EDUCATIVI PER L INFANZIA E L ADOLESCENZA 2 SERVIZI SOCIO-EDUCATIVI PER L INFANZIA E L ADOLESCENZA 28 Servizi per la prima infanzia 2 Sono servizi educativi che offrono ai bambini al di sotto dei tre anni uno spazio di gioco ed incontro con altri

Dettagli

FINALITA DEL SERVIZIO

FINALITA DEL SERVIZIO 1 FINALITA DEL SERVIZIO Il Centro Infanzia Pianeta Coccole, sito in Via Riviera del Brenta n. 76/C a Fiesso D Artico (Venezia), è un servizio socio educativo di interesse pubblico che mira a favorire la

Dettagli

L'approccio iniziale all esperienza nella struttura educativa sarà quindi interpretato nel rispetto dei principi di "gradualità" e "continuità".

L'approccio iniziale all esperienza nella struttura educativa sarà quindi interpretato nel rispetto dei principi di gradualità e continuità. 1 Accogliere un bambino in un servizio educativo per la prima infanzia, significa accogliere tutta la sua famiglia, individuando tutta una serie di strategie di rapporto fra nido/centro gioco e casa, volte

Dettagli

REGOLAMENTO DI GESTIONE Asilo Nido Guarda come dondolo. Anno 2015-2016

REGOLAMENTO DI GESTIONE Asilo Nido Guarda come dondolo. Anno 2015-2016 REGOLAMENTO DI GESTIONE Asilo Nido Guarda come dondolo Anno 2015-2016 L Asilo Nido Guarda come dondolo si propone di offrire a bambini di età compresa tra 12 e 36 mesi uno spazio in cui possano comunicare,

Dettagli

ALLEGATO B Dgr n. del pag. 1/12

ALLEGATO B Dgr n. del pag. 1/12 giunta regionale 9^ legislatura ALLEGATO B Dgr n. del pag. 1/12 SCHEDE DI VALUTAZIONE AREA STRUTTURALE INDICATORE DELLA PLURALIZZAZIONE DELLE OFFERTE TARIFFARIE Descrizione delle microazioni Agevolazione

Dettagli

CARTA DELLA QUALITÀ DEI SERVIZI NIDI D'INFANZIA

CARTA DELLA QUALITÀ DEI SERVIZI NIDI D'INFANZIA Area Servizi Educativi CARTA DELLA QUALITÀ DEI SERVIZI NIDI D'INFANZIA Nidi d Infanzia comunali Elenco alla pagina: www.comune.torino.it/servizieducativi/nidicomunali Settembre 2015 www.comune.torino.it/cartaqualita

Dettagli

AMIGOS servizi per l infanzia, l adolescenza e le famiglie AMIGOS CARTA DEL SERVIZIO

AMIGOS servizi per l infanzia, l adolescenza e le famiglie AMIGOS CARTA DEL SERVIZIO AMIGOS CARTA DEL SERVIZIO CONTESTO: Un percorso di crescita e continuità educativa: bambini 0-6 anni La nostra struttura si occupa dell infanzia e della gioventù dal 2002 offrendo un servizio di Nido d

Dettagli

REGOLAMENTO DI GESTIONE DELL ASILO NIDO E DEL CENTRO DI CUSTODIA ORARIA (Baby Parking)

REGOLAMENTO DI GESTIONE DELL ASILO NIDO E DEL CENTRO DI CUSTODIA ORARIA (Baby Parking) REGOLAMENTO DI GESTIONE DELL ASILO NIDO E DEL CENTRO DI CUSTODIA ORARIA (Baby Parking) Indice: SEZIONE I Asilo Nido Premessa Art. 1 - Finalita dell Asilo nido Art. 2 - Ammissioni - criteri e graduatoria

Dettagli

LUDOTECA E BABY PARKING Via M. R. Mauro, 22/30 76121-BARLETTA (BT) Tel. 0883.884069 329.0690031 388.3742370 bakmagicabarletta@libero.

LUDOTECA E BABY PARKING Via M. R. Mauro, 22/30 76121-BARLETTA (BT) Tel. 0883.884069 329.0690031 388.3742370 bakmagicabarletta@libero. Tel. 0883.884069 329.0690031 388.3742370 Progetto Educativo Il progetto educativo fa riferimento alla scelta di alcuni aspetti della Ludoteca, quali la strutturazione delle unità, l organizzazione degli

Dettagli

REGOLAMENTO DI GESTIONE

REGOLAMENTO DI GESTIONE REGOLAMENTO DI GESTIONE CENTRO SERVIZI PER L INFANZIA - Asilo Nido, Scuola dell Infanzia e Ludoteca Art. 1 Finalità L Accademia degli Scugnizzi è un Centro Servizi per l infanzia, con una Scuola dell Infanzia

Dettagli

Scopri Le Fate Turchine Asilo Nido & Scuola dell Infanzia per bambini di età compresa tra i 3 mesi e i 6 anni

Scopri Le Fate Turchine Asilo Nido & Scuola dell Infanzia per bambini di età compresa tra i 3 mesi e i 6 anni Scopri Le Fate Turchine Asilo Nido & Scuola dell Infanzia per bambini di età compresa tra i 3 mesi e i 6 anni La nuovissima sede sorge in una splendida struttura immersa nel verde, lontana dal traffico

Dettagli

ASILO NIDO MINIMONDO LIBRETTO ILLUSTRATIVO

ASILO NIDO MINIMONDO LIBRETTO ILLUSTRATIVO ASILO NIDO MINIMONDO LIBRETTO ILLUSTRATIVO 1 Il nostro nido Minimondo.un luogo che offre la possibilità di instaurare rapporti significativi, relazioni vere, partecipazione e confronto, accoglienza ed

Dettagli

Proposte Didattiche. Asilo Nido Bolle di Musica Via Somalia 1a/5 Grugliasco

Proposte Didattiche. Asilo Nido Bolle di Musica Via Somalia 1a/5 Grugliasco Proposte Didattiche Asilo Nido Bolle di Musica Via Somalia 1a/5 Grugliasco Il Progetto Un bambino è una persona piccola, con piccole mani, piccoli piedi e piccole orecchie, ma non per questo con idee piccole.

Dettagli

Corso formazione per baby sitter: requisiti trasversali di qualità

Corso formazione per baby sitter: requisiti trasversali di qualità COMUNE DI BOLOGNA ALLEGATO al: PROTOCOLLO D INTESA tra IL COMUNE DI BOLOGNA E IMPRESE, COOPERATIVE E ASSOCIAZIONI PER L ATTUAZIONE DEL PROGETTO SPERIMENTALE TATA BOLOGNA PER UN SERVIZIO DI BABY SITTER.

Dettagli

Nido d infanzia privato Il Mago di Oz CARTA DEL SERVIZIO

Nido d infanzia privato Il Mago di Oz CARTA DEL SERVIZIO Nido d infanzia privato Il Mago di Oz CARTA DEL SERVIZIO Anno educativo 2016/2017 CARTA DEL SERVIZIO NIDO D INFANZIA PRIVATO IL MAGO DI OZ Sede Piazza Garibaldi, n. 8/9-56019 Vecchiano (Pisa) Recapiti

Dettagli

IL NOSTRO P. O. F. (Piano dell Offerta Formativa)

IL NOSTRO P. O. F. (Piano dell Offerta Formativa) SCUOLA DELL INFANZIA VIA COPPA CHIAVAZZA IL NOSTRO P. O. F. (Piano dell Offerta Formativa) ANNO SCOLASTICO 2012/2013 PERCHÈ LA SCUOLA DELL'INFANZIA? Alla scuola dell'infanzia il bambino sviluppa le proprie

Dettagli

CARTA SERVIZI SPAZIO GIOCHI MACIAO

CARTA SERVIZI SPAZIO GIOCHI MACIAO CARTA SERVIZI SPAZIO GIOCHI MACIAO 1. PREMESSA 1.1 Mission della cooperativa Maciao nei servizi alla prima infanzia La cooperativa Maciao gestisce dal 2000 servizi e strutture per la prima infanzia. Nel

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI. ASILO NIDO ISOLA DEI BIRBANTI C era una volta srl Via Luigi Cadorna, 69 Vimodrone (MI) Per l anno educativo 2014-2015

CARTA DEI SERVIZI. ASILO NIDO ISOLA DEI BIRBANTI C era una volta srl Via Luigi Cadorna, 69 Vimodrone (MI) Per l anno educativo 2014-2015 CARTA DEI SERVIZI ASILO NIDO ISOLA DEI BIRBANTI Via Luigi Cadorna, 69 Vimodrone (MI) Per l anno educativo 2014-2015 STORIA Isola dei Birbanti è un asilo nido privato che opera a Vimodrone dal 16 marzo

Dettagli

REGOLAMENTO 2010 2011. Introduzione

REGOLAMENTO 2010 2011. Introduzione REGOLAMENTO 2010 2011 Introduzione L asilo nido Nido e Sorrido snc si propone non solo di rispondere al bisogno presente in moltissime famiglie di farsi aiutare nella cura dei propri figli in alcune ore

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA GIOVANNI XXIII. Progetto Pedagogico della Sezione Primavera

SCUOLA DELL INFANZIA GIOVANNI XXIII. Progetto Pedagogico della Sezione Primavera Pagina 1 di 8 SCUOLA DELL INFANZIA GIOVANNI XXIII Progetto Pedagogico della Sezione Primavera Pagina 2 di 8 1. PREMESSA La scelta pedagogica di istituire la sezione Primavera, all interno della Scuola

Dettagli

mondo scarabocchio città futura

mondo scarabocchio città futura mondo scarabocchio città futura mondo scarabocchio Dall autunno 2014 la Cooperativa città futura ha attivato nuovi servizi complementari presso il nido Scarabocchio di Trento, con l obiettivo di implementare

Dettagli

Asilo Nido Aziendale "L Isola dei Tesori" di Bologna REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO

Asilo Nido Aziendale L Isola dei Tesori di Bologna REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO Direzione Regionale dell Emilia Romagna Asilo Nido Aziendale "L Isola dei Tesori" di Bologna REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO Premessa L Asilo Nido Aziendale L Isola dei Tesori costituisce un iniziativa per

Dettagli

CHE COS E LA CARTA DEI SERVIZI. L Asilo Nido LE GRIGNE COOPERATIVA SOCIALE ONLUS

CHE COS E LA CARTA DEI SERVIZI. L Asilo Nido LE GRIGNE COOPERATIVA SOCIALE ONLUS 1 CHE COS E LA CARTA DEI SERVIZI La carta dei servizi è uno strumento di garanzia e di tutela dove vengono dichiarate le caratteristiche e le qualità del servizio erogato, In essa vengono esplicitati,

Dettagli

Istituto Comprensivo P.D. Pollidori Fossacesia

Istituto Comprensivo P.D. Pollidori Fossacesia Istituto Comprensivo P.D. Pollidori Fossacesia Delibera Collegio dei Docenti scuola dell infanzia D 90 del 10.12.2009 Delibera Consiglio d Istituto n. 22 del 3.2.2010 e Delibera n. 8 del 17.02.2012 INDICE

Dettagli

REGOLAMENTO ASILI NIDO COMUNALI - AMBITO TERRITORIALE - VALLE SERIANA -

REGOLAMENTO ASILI NIDO COMUNALI - AMBITO TERRITORIALE - VALLE SERIANA - REGOLAMENTO ASILI NIDO COMUNALI - AMBITO TERRITORIALE - VALLE SERIANA - Art. 1 Finalità del Regolamento Questo Regolamento è finalizzato alla realizzazione del processo di coordinamento e d integrazione

Dettagli

TITOLO PROGETTO ABBRACCI

TITOLO PROGETTO ABBRACCI CASA FAMIGLIA S. OMOBONO Fondazione ONLUS Sede legale: Via Ippocastani, 14 26100 CREMONA. Tel. 0372 25500; Fax 0372 568390; e-mail: casa famiglia@fastpiu.it CASA FAMIGLIA S. OMOBONO Fondazione ONLUS Via

Dettagli

PROGETTO EDUCATIVO BABYWORLD

PROGETTO EDUCATIVO BABYWORLD PROGETTO EDUCATIVO BABYWORLD Il progetto educativo di BabyWorld nasce da una precisa intenzionalita' pedagogica e da un'esperienza professionale attenta a delineare, con chiarezza e flessibilità gli scenari

Dettagli

Le attività che verranno proposte ai bambini hanno come obiettivo pedagogico principale quello di consentire l acquisizione di una propria autonomia,

Le attività che verranno proposte ai bambini hanno come obiettivo pedagogico principale quello di consentire l acquisizione di una propria autonomia, Il Giocanido è un asilo nido nato a seguito di una ventennale esperienza di gioco con i bambini tra il 1^ ed il 3^ anno di età che si propone di cogliere, stimolare e rinforzare le manifestazioni ludiche

Dettagli

COMUNE DI OSPEDALETTO LODIGIANO PROVINCIA DI LODI LA CARTA DEI SERVIZI SOCIALI

COMUNE DI OSPEDALETTO LODIGIANO PROVINCIA DI LODI LA CARTA DEI SERVIZI SOCIALI COMUNE DI OSPEDALETTO LODIGIANO PROVINCIA DI LODI LA CARTA DEI SERVIZI SOCIALI PRESENTAZIONE La Carta dei Servizi Sociali del Comune di Ospedaletto Lodigiano nasce come strumento di cittadinanza attiva,

Dettagli

INDICE 01.09.2014 Rev. N 1

INDICE 01.09.2014 Rev. N 1 Carta Del Servizio Asilo nido Intercomunale Colceresa Comune di Molvena (provincia di VICENZA) INDICE 01.09.2014 Rev. N 1 1 PARTE PRIMA ------------------------------------------------------------------------

Dettagli

CONTRATTO E REGOLAMENTO CENTRO DIURNO COOP. SOC. CAVA

CONTRATTO E REGOLAMENTO CENTRO DIURNO COOP. SOC. CAVA CONTRATTO E REGOLAMENTO CENTRO DIURNO COOP. SOC. CAVA Art. 1 Finalità Il Centro Diurno della Cooperativa sociale Cava è una struttura socio-sanitaria d accoglienza diurna destinata a persone anziane in

Dettagli

Scuole dell'infanzia Statali: LA GIRANDOLA di Castelfranco Emilia A.FRANK" di Panzano MAGGIOLINO di Gaggio in piano A.S. 2008-2009

Scuole dell'infanzia Statali: LA GIRANDOLA di Castelfranco Emilia A.FRANK di Panzano MAGGIOLINO di Gaggio in piano A.S. 2008-2009 Scuole dell'infanzia Statali: LA GIRANDOLA di Castelfranco Emilia A.FRANK" di Panzano MAGGIOLINO di Gaggio in piano CHI BEN COMINCIA È A METÀ DELL OPERA A.S. 2008-2009 L'accoglienza nelle Scuole dell'infanzia

Dettagli

REGOLAMENTO OPERATIVO DELL ELENCO PROVINCIALE PER BABYSITTER

REGOLAMENTO OPERATIVO DELL ELENCO PROVINCIALE PER BABYSITTER ALLEGATO 1 REGOLAMENTO OPERATIVO DELL ELENCO PROVINCIALE PER BABYSITTER INDICE 1. Definizione e finalità 2. Soggetti che possono presentare domanda di iscrizione all Elenco 3. Modalità di presentazione

Dettagli

SCUOLE BILINGUE LUCCA. bilingue si cresce... Seguici su #bilinguesicresce NIDO MATERNA

SCUOLE BILINGUE LUCCA. bilingue si cresce... Seguici su #bilinguesicresce NIDO MATERNA SCUOLE NIDO Seguici su #bilinguesicresce bilingue si cresce... SCUOLE La nostra idea di scuola nasce dalla convinzione dell importanza di creare una struttura unica che permetta alle famiglie di usufruire

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PRIMO BIENNIO PROFESSIONALE SERVIZI SOCIO-SANITARI ANNO SCOLASTICO: 2013/2014 1.

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PRIMO BIENNIO PROFESSIONALE SERVIZI SOCIO-SANITARI ANNO SCOLASTICO: 2013/2014 1. 1 di 9 21/11/2013 10.29 PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PRIMO BIENNIO PROFESSIONALE SERVIZI SOCIO-SANITARI ANNO SCOLASTICO: 2013/2014 PRIMO BIENNIO DISCIPLINA: METODOLOGIE OPERATIVE DOCENTE:

Dettagli

Le famiglie fanno Centro Progetto ai sensi della DGR n. 1216/2012

Le famiglie fanno Centro Progetto ai sensi della DGR n. 1216/2012 Comune di Gradara Provincia di Pesaro e UrBino Settore Politiche Sociali Assessore Solindo Pantucci Le famiglie fanno Centro Progetto ai sensi della DGR n. 1216/2012 A cura di: Dott.ssa Carmen Pacini Responsabile

Dettagli

"Con...Tatto" PROGETTO DI ACCOMPAGNAMENTO ALLA RESIDENZIALITA' PROTETTA per disabili gravi e/o gravissimi e loro famiglie

Con...Tatto PROGETTO DI ACCOMPAGNAMENTO ALLA RESIDENZIALITA' PROTETTA per disabili gravi e/o gravissimi e loro famiglie "Con...Tatto" PROGETTO DI ACCOMPAGNAMENTO ALLA RESIDENZIALITA' PROTETTA per disabili gravi e/o gravissimi e loro famiglie 1 "Con...Tatto" PROGETTO DI ACCOMPAGNAMENTO ALLA RESIDENZIALITA' PROTETTA per disabili

Dettagli

CARTA DEL SERVIZIO CENTRO PER LA FAMIGLIA E IL BAMBINO LA TANA DEI LEPROTTI

CARTA DEL SERVIZIO CENTRO PER LA FAMIGLIA E IL BAMBINO LA TANA DEI LEPROTTI C O M U N E D I B U S S E R O PROVINCIA DI MILANO PIAZZA DIRITTI DEI BAMBINI, 1 - C.A.P. 20060 - TEL. 02/9533335 - FAX. 02/9533337 CARTA DEL SERVIZIO CENTRO PER LA FAMIGLIA E IL BAMBINO LA TANA DEI LEPROTTI

Dettagli

CENTRO DIURNO INTEGRATO

CENTRO DIURNO INTEGRATO FONDAZIONE O.N.L.U.S. SANTA MARIA DELLA NEVE 25055 Pisogne (Bs) CENTRO DIURNO INTEGRATO CARTA DEI SERVIZI PRESENTAZIONE La struttura residenziale, che sorge su una superficie di circa mq. 10.500, è dotata

Dettagli

REGOLAMENTO DI ACCESSO AL DOPOSCUOLA AUTOGESTITO DELLA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO DANTE ALIGHIERI DI FERRARA. ANNO SCOLASTICO 2013-2014

REGOLAMENTO DI ACCESSO AL DOPOSCUOLA AUTOGESTITO DELLA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO DANTE ALIGHIERI DI FERRARA. ANNO SCOLASTICO 2013-2014 REGOLAMENTO DI ACCESSO AL DOPOSCUOLA AUTOGESTITO DELLA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO DANTE ALIGHIERI DI FERRARA. ANNO SCOLASTICO 2013-2014 1) Sono ammissibili al doposcuola, tutti gli allievi che frequentano

Dettagli

LEGGE REGIONALE 28 APRILE 2000, N.76 DIRETTIVE GENERALI DI ATTUAZIONE

LEGGE REGIONALE 28 APRILE 2000, N.76 DIRETTIVE GENERALI DI ATTUAZIONE Direzione Qualità della Vita, Beni ed Attività Culturali, Sicurezza e Promozione Sociale Servizio Servizi Sociali LEGGE REGIONALE 28 APRILE 2000, N.76 Norme in materia di servizi educativi per la prima

Dettagli

Star bene insieme per imparare a mangiare con gusto

Star bene insieme per imparare a mangiare con gusto L alimentazione esprime abitudini, usi e costumi dell individuo e risponde non solo alle esigenze fisiche, ma anche a quelle psichiche e della vita di relazione ed è in grado di fornire, accanto all esperienza

Dettagli

Ospedale privato Villa Igea

Ospedale privato Villa Igea Residenza psichiatrica il Borgo Ospedale privato Villa Igea Mission Il nostro impegno è quello di fornire, nel rispetto della persona, servizi e prestazioni sanitarie appropriate, efficaci e sicure, attraverso

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA SCUOLA DELL INFANZIA COMUNALE

REGOLAMENTO DELLA SCUOLA DELL INFANZIA COMUNALE REGOLAMENTO DELLA SCUOLA DELL INFANZIA COMUNALE Approvato con delibera di Consiglio Comunale n. 6 del 13.01.1998 Revisioni: NOTE: 1 TITOLO I FINALITA DELLE SCUOLE DELL INFANZIA COMUNALI ART. 1 - FINALITA

Dettagli

COMUNE di FORMIA REGOLAMENTO CENTRO DIURNO SOCIO-EDUCATIVO-RIABILITATIVO PER PERSONE DIVERSAMENTE ABILI. Art. 1) Definizione

COMUNE di FORMIA REGOLAMENTO CENTRO DIURNO SOCIO-EDUCATIVO-RIABILITATIVO PER PERSONE DIVERSAMENTE ABILI. Art. 1) Definizione COMUNE di FORMIA Provincia di Latina REGOLAMENTO CENTRO DIURNO SOCIO-EDUCATIVO-RIABILITATIVO PER PERSONE DIVERSAMENTE ABILI Art. 1) Definizione Il Centro Diurno Socio-educativo-riabilitativo (di seguito

Dettagli

gioco, l apprendimento, la conoscenza, l inglese

gioco, l apprendimento, la conoscenza, l inglese L Asilo nido MARAMEO, aperto nel 2006 con la collaborazione della catena BabyWorld, è una struttura privata al cui interno operano figure professionali con competenze specifiche, con l obiettivo di soddisfare

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE

REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE COMUNE DI BAGNOLO IN PIANO Provincia di Reggio Emilia REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE Approvato con Delibera di Consiglio Comunale n. 10 del 22.03.2006 Pubblicato

Dettagli

SCUOLE PARROCCHIALI SAN BIAGIO SCUOLA DELL INFANZIA MARIA BAMBINA

SCUOLE PARROCCHIALI SAN BIAGIO SCUOLA DELL INFANZIA MARIA BAMBINA SCUOLE PARROCCHIALI SAN BIAGIO SCUOLA DELL INFANZIA MARIA BAMBINA 1 COME INSEGNAMO La nostra scuola vive e opera come comunità educante, nella quale cooperano bambini insegnanti, genitori. Si dà molta

Dettagli

COMO - LORA SCUOLA DELL'INFANZIA

COMO - LORA SCUOLA DELL'INFANZIA COMO - LORA SCUOLA DELL'INFANZIA Presentazione / struttura scolastica Gli spazi Organizzazione oraria Organizzazione delle attività didattiche giornata tipo Finalità educative Metodologia didattica Iniziative

Dettagli

COMUNE DI CISTERNA DI LATINA

COMUNE DI CISTERNA DI LATINA COMUNE DI CISTERNA DI LATINA MEDAGLIA D ARGENTO AL VALOR CIVILE REGOLAMENTO CENTRO DIURNO PER MINORI LA TARTARUGA INDICE CAP 1 - Principi generali Art. 1 Definizione del servizio Art. 2 Finalità e obiettivi

Dettagli

SEZIONE PRIMAVERA ANNO SCOLASTICO 2015-2016 REGOLAMENTO

SEZIONE PRIMAVERA ANNO SCOLASTICO 2015-2016 REGOLAMENTO SEZIONE PRIMAVERA ANNO SCOLASTICO 2015-2016 REGOLAMENTO La scuola presenta alle famiglie, all inizio di ogni anno scolastico, il POF ( Piano dell offerta Formativa) ed il PEI ( Progetto Educativo d Istituto).

Dettagli

POF ANNO SCOLASTICO 2013-2014 IL COLORE DELLE EMOZIONI

POF ANNO SCOLASTICO 2013-2014 IL COLORE DELLE EMOZIONI SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA DI ISPIRAZIONE CATTOLICA PARROCCHIA SAN ROCCO SCUOLA MATERNA VIA FORNACI 66/D - 25131 BRESCIA TEL. E FAX: 0302680472 segreteria@sanroccomaterna.it www.sanroccomaterna.it

Dettagli

SINTESI SCHEDA PROGETTUALE BANDO 2015

SINTESI SCHEDA PROGETTUALE BANDO 2015 UFFICIO SERVIZIO CIVILE SINTESI SCHEDA PROGETTUALE BANDO 2015 Titolo progetto I PAFFUTELLI (Toscana) Settore/Area di intervento A02 SETTORE: ASSISTENZA AREA: MINORI Tipologia destinatari MINORI Giorni

Dettagli

NIDO FAMIGLIA "IL RITROVO DEI MONELLINI ONLUS" REGOLAMENTO

NIDO FAMIGLIA IL RITROVO DEI MONELLINI ONLUS REGOLAMENTO NIDO FAMIGLIA "IL RITROVO DEI MONELLINI ONLUS" REGOLAMENTO Art.1- Definizione e finalità del servizio Il nido famiglia "Il ritrovo dei monellini Onlus" è un servizio educativo e sociale per la prima infanzia

Dettagli

TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI ART. 1 ELENCO DEI SERVIZI

TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI ART. 1 ELENCO DEI SERVIZI C O M U N E DI O P E R A PROVINCIA DI MILANO REGOLAMENTO DEI SERVIZI SCOLASTICI COMUNALI APPROVATO CON DELIBERAZIONE DI C. C. N. 12 DEL 10 APRILE 2013 TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI ART. 1 ELENCO DEI SERVIZI

Dettagli

A.S.P. OPUS CIVIUM Sede legale: via Conciliazione, n 10-42024 Castelnovo di Sotto (RE) GUIDA ALL ISCRIZIONE AL NIDO COMUNALE D INFANZIA

A.S.P. OPUS CIVIUM Sede legale: via Conciliazione, n 10-42024 Castelnovo di Sotto (RE) GUIDA ALL ISCRIZIONE AL NIDO COMUNALE D INFANZIA A.S.P. OPUS CIVIUM Sede legale: via Conciliazione, n 10-42024 Castelnovo di Sotto (RE) Nido Comunale Elvise Carpi i bambini e le bambine GUIDA ALL ISCRIZIONE AL NIDO COMUNALE D INFANZIA

Dettagli

Capo III Strumenti, procedure della programmazione ed ambiti territoriali

Capo III Strumenti, procedure della programmazione ed ambiti territoriali LEGGE REGIONALE 14 APRILE 1999, n.22 "Interventi educativi per l infanzia e gli adolescenti" INDICE TITOLO I Disposizioni generali art. 1. Finalità TITOLO II Soggetti, programmazione e organizzazione Capo

Dettagli

Carta Del Servizio Asilo Nido Aziendale ULSS 1 di Belluno (BL) 1.1.2011 Rev. N 0 1

Carta Del Servizio Asilo Nido Aziendale ULSS 1 di Belluno (BL) 1.1.2011 Rev. N 0 1 Carta Del Servizio Asilo Nido Aziendale ULSS 1 di Belluno (BL) 1.1.2011 Rev. N 0 1 INDICE PARTE PRIMA------------------------------------------------------------------------3 PRESENTAZIONE-----------------------------------------------------------------------------------3

Dettagli

Carta dei Servizi La presente Carta dei Servizi è stata stipulata in data 04/08/2014 Valido per l'anno scolastico 2014/2015. FINALITÀ DEL NIDO FAMIGLIA Il Nido Famiglia è un servizio sociale ed educativo

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE COMUNE DI ZOGNO REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE 1 TITOLO I NORME GENERALI DEL SERVIZIO Art. 1 Campo di intervento Il Comune di Zogno, nell ambito del Servizio Assistenza, eroga le prestazioni

Dettagli

AZIENDA DI SERVIZI ALLA PERSONA Istituzioni Assistenziali Riunite di Pavia CARTA DEI SERVIZI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA

AZIENDA DI SERVIZI ALLA PERSONA Istituzioni Assistenziali Riunite di Pavia CARTA DEI SERVIZI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA AZIENDA DI SERVIZI ALLA PERSONA Istituzioni Assistenziali Riunite di Pavia CARTA DEI SERVIZI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA Principi Generali Finalità del servizio Il servizio di Assistenza Domiciliare

Dettagli

CENTRI ESTIVI 2014 Pagina 1

CENTRI ESTIVI 2014 Pagina 1 CENTRI ESTIVI 2014 Pagina 1 CENTRI ESTIVI 2014 I centri estivi costituiscono uno spazio e un tempo speciale: il tempo dell estate, del gioco e del riposo. I centri estivi si rivolgono ai bambini dai 3

Dettagli

PROGETTO INSERIMENTO ACCOGLIENZA (2013/14)

PROGETTO INSERIMENTO ACCOGLIENZA (2013/14) ISTITUTO COMPRENSIVO S. LUCIA BERGAMO - SCUOLA DELL INFANZIA STATALE AQUILONE - Via Sylva,10 Tel. 035-402077 PROGETTO INSERIMENTO ACCOGLIENZA (2013/14) Chi ben comincia è a metà dell opera 0 Premessa Iniziare

Dettagli

ANNO SCOLASTICO 2015/2016 SCUOLA PRIMARIA PASCOLI SCUOLA SECONDARIA BONIFACIO

ANNO SCOLASTICO 2015/2016 SCUOLA PRIMARIA PASCOLI SCUOLA SECONDARIA BONIFACIO PROGETTO DOPOSCUOLA ANNO SCOLASTICO 2015/2016 SCUOLA PRIMARIA PASCOLI SCUOLA SECONDARIA BONIFACIO TAM TAM Cooperativa Sociale IVia G. Marconi n.978/b 45021 Badia Polesine (RO) Tel.3332736263 e-mail tamtamcoop@

Dettagli

NIDO D INFANZIA PRIMI AMICI INDIRIZZO: VIA SAN NAZARIO, 73 - PROSECCO TELEFONO: 040 2528135-040 225189

NIDO D INFANZIA PRIMI AMICI INDIRIZZO: VIA SAN NAZARIO, 73 - PROSECCO TELEFONO: 040 2528135-040 225189 NIDO D INFANZIA PRIMI AMICI INDIRIZZO: VIA SAN NAZARIO, 73 - PROSECCO TELEFONO: 040 2528135-040 225189 A) PRESENTAZIONE DEL SERVIZIO 1.TIPOLOGIA DEL SERVIZIO (artt. 3, 4, 5 L.R. n. 20/2005) Nido d infanzia

Dettagli

CENTRI RICREATIVI ESTIVI DAL 1 AL 31 LUGLIO 2009

CENTRI RICREATIVI ESTIVI DAL 1 AL 31 LUGLIO 2009 CENTRI RICREATIVI ESTIVI DAL 1 AL 31 LUGLIO 2009 I Centri Ricreativi Estivi SPORT ESTATE 2009 si svolgeranno presso le nuove scuole medie di Saonara e le scuole elementari di Villatora. DESTINATARI: Tutti

Dettagli

PGQ 04 Mod.01 Data 16/06/2015 Rev.0 Pag.1 di 7. Programmazione del servizio. Micro Nido Privato. Largo Città dei Ragazzi 1, Roma

PGQ 04 Mod.01 Data 16/06/2015 Rev.0 Pag.1 di 7. Programmazione del servizio. Micro Nido Privato. Largo Città dei Ragazzi 1, Roma PGQ 04 Mod.01 Data 16/06/2015 Rev.0 Pag.1 di 7 Programmazione del servizio Largo Città dei Ragazzi 1, Roma Rev. 0 del 16/06/2015 Qualifica Nominativo Elaborato da Coordinatrice Lorena Ottaviani Verificato

Dettagli

ATTIVITÀ GENERALE CURRICULUM

ATTIVITÀ GENERALE CURRICULUM ATTIVITÀ GENERALE CURRICULUM PATATRAC Società Cooperativa Sociale a R.L. ONLUS è una cooperativa sociale di tipo A, che realizza il proprio scopo attraverso la gestione di servizi sociali, educativi e

Dettagli

c::=:::> REGOLAMENTO PER L'ORGANIZZAZIONE ED IL FUNZIONAMENTO DELL'ASILO NIDO 1 L

c::=:::> REGOLAMENTO PER L'ORGANIZZAZIONE ED IL FUNZIONAMENTO DELL'ASILO NIDO 1 L >, " c::=:::> REGOLAMENTO PER L'ORGANIZZAZIONE ED IL FUNZIONAMENTO DELL'ASILO NIDO 1 L 1111111111111111I111111111111111111111111111111111I1111111 Ministero dell'ambiente e della Tutela del Terrilorio,e

Dettagli

SCUOLE DELL INFANZIA COMUNALI

SCUOLE DELL INFANZIA COMUNALI Comune di Gaggiano Provincia di Milano (Ufficio Servizi Scolastici) REGOLAMENTO SCUOLE DELL INFANZIA COMUNALI Deliberazione Consiglio Comunale n. 45 del 12/10/2012 INDICE Titolo I: FINALITA Premessa Art.

Dettagli

A tutte le famiglie. L Assessore alla Pubblica Istruzione Andrea Costi

A tutte le famiglie. L Assessore alla Pubblica Istruzione Andrea Costi A tutte le famiglie Con questo opuscolo si intende proporre a tutte le famiglie di Montecchio Emilia, con bambini dai 0 ai 5 anni, uno strumento informativo che consenta di conoscere le scuole del territorio

Dettagli

PROGETTI DI SERVIZIO CIVILE UNIVERSALE PROVINCIALE

PROGETTI DI SERVIZIO CIVILE UNIVERSALE PROVINCIALE PROGETTI DI SERVIZIO CIVILE UNIVERSALE PROVINCIALE Ente: COOPERATIVA SOCIALE VILLA MARIA Indirizzo: PIAZZA S. MARTINO - LENZIMA DI ISERA 2 - ISERA Recapito telefonico: 0464 387801 Indirizzo e-.mail: segreteria@coopvillamaria.org

Dettagli

O s p e d a l i Riuniti Papardo-Piemonte. Guida al ricovero

O s p e d a l i Riuniti Papardo-Piemonte. Guida al ricovero Az i e n d a O s p e d a l i e r a O s p e d a l i Riuniti Papardo-Piemonte M e s s i n a Guida al ricovero Gentile Signore/a, Il personale sanitario, medico ed infermieristico del Reparto desidera assicurarle

Dettagli

LA SALA DELLE FARFALLE

LA SALA DELLE FARFALLE GIOCHI D INTIMITA CON LA CREMA Obiettivi: Favorire il rilassamento. Promuovere e consolidare la percezione dello schema corporeo. Incentivare la relazione di fiducia tra adulto e bambino. Stimolare la

Dettagli

Requisiti per l autorizzazione al funzionamento delle strutture e dei servizi educativi per la prima infanzia

Requisiti per l autorizzazione al funzionamento delle strutture e dei servizi educativi per la prima infanzia Allegato alla Delib.G.R. n. 50/ 12 del 16.9.2008 Requisiti per l autorizzazione al funzionamento delle strutture e dei servizi educativi per la prima infanzia 1. REQUISITI GENERALI DELLE STRUTTURE E DEI

Dettagli

PROGRAMMAZIONE A.S. 2014/2015 EXPO: PIANETA MILANO

PROGRAMMAZIONE A.S. 2014/2015 EXPO: PIANETA MILANO SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA MARIA MATER MEA VIA PUSIANO, 57 MILANO Tel. 02/2722141 Fax 02/2722143 e-mail. Mariamatermea@ libero.it PROGRAMMAZIONE A.S. 2014/2015 EXPO: PIANETA MILANO Questo progetto

Dettagli

PROGETTO EDUCAZIONE ALIMENTARE

PROGETTO EDUCAZIONE ALIMENTARE PROGETTO EDUCAZIONE ALIMENTARE SCUOLA DELL INFANZIA VIA T. M. FUSCO a.s.2011/2012 Premessa Nel periodo della Scuola dell infanzia i bambini acquisiscono e strutturano atteggiamenti e modelli comportamentali

Dettagli

Istituto Comprensivo di Sedegliano. Tutti a scuola. Piccola guida alle nostre scuole dell infanzia

Istituto Comprensivo di Sedegliano. Tutti a scuola. Piccola guida alle nostre scuole dell infanzia Istituto Comprensivo di Sedegliano Tutti a scuola Piccola guida alle nostre scuole dell infanzia gennaio 2009 Presentazione Istituto Comprensivo di Sedegliano Questo opuscolo contiene alcune informazioni

Dettagli

INCLUSIONE TUTTI UGUALI OGNUNO DIVERSO

INCLUSIONE TUTTI UGUALI OGNUNO DIVERSO INCLUSIONE Integrazione Alunni disabili DSA BES TUTTI UGUALI OGNUNO DIVERSO.LINEE GUIDA PER L INCLUSIONE SCOLASTICA DEGLI ALUNNI CON DISABILITA LINEE GUIDA PER L INCLUSIONE SCOLASTICA L inclusione è un

Dettagli

di assistenza educativa scolastica per alunni con disabilità

di assistenza educativa scolastica per alunni con disabilità 1 di assistenza educativa scolastica 2 La Cooperativa ALEMAR ONLUS gestisce un gran numero di servizi rivolti al mondo della scuola: asili nido, scuole dell infanzia, assistenza e sostegno scolastico e

Dettagli

ALLEGATO A) al capitolato speciale d appalto. Indirizzi generali per la predisposizione del Progetto di gestione

ALLEGATO A) al capitolato speciale d appalto. Indirizzi generali per la predisposizione del Progetto di gestione ALLEGATO A) al capitolato speciale d appalto Indirizzi generali per la predisposizione del Progetto di gestione 1 PROGETTO ASILO NIDO GESTIONE DEL SERVIZIO ASILO NIDO E DEL POST-NIDO Premessa: La traccia

Dettagli

PROGETTO ACCOGLIENZA SCUOLA DELL INFANZIA

PROGETTO ACCOGLIENZA SCUOLA DELL INFANZIA DIREZIONE DIDATTICA DI CASTEL MAGGIORE PROGETTO ACCOGLIENZA SCUOLA DELL INFANZIA PREMESSA Nelle Indicazioni Nazionali per i Piani di Studio Personalizzati delle Attività Educative nella Scuola dell Infanzia

Dettagli