NEWSLETTER DATA PRIVACY

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "NEWSLETTER DATA PRIVACY"

Transcript

1 NEWSLETTER DATA PRIVACY

2 ATTIVITÀ ISPETTIVA 2014/2015 DEL GARANTE DELLA PRIVACY Il Garante della Privacy ha annunciato il piano ispettivo per il primo semestre del 2015 e con l occasione ha fatto un primo bilancio delle sanzioni irrogate nel Nel 2014 le sanzioni applicate a pubbliche amministrazioni e società private, aumentate del 20% rispetto al precedente anno, fino ad arrivare alla quota di 5 milioni di Euro, hanno riguardato in prevalenza violazioni della privacy per mancata adozione delle misure di sicurezza, l omessa o carente informativa e l uso illecito di dati personali. I 385 accertamenti ispettivi hanno interessato diversi settori, tra i quali spiccano: società farmaceutiche, app mediche, società che gestiscono i mobile payment, operatori telefonici e call center. È inoltre interessante notare come le segnalazioni inviate dal Garante all autorità giudiziaria hanno riguardato per la maggior parte la mancata adozione delle misure minime di sicurezza e le violazioni connesse al controllo a distanza dei lavoratori, tematiche sulle quali il Garante conferma la propria attenzione. Per il primo semestre del 2015, oltre alla prosecuzione dei controlli già avviati, il Garante ha in programma 150 accertamenti per la verifica della regolarità dei trattamenti di dati personali effettuati nei settori del mobile payment di prossimità (es. pagamenti effettuati con una carta di credito virtuale inserita nella sim telefonica), del fascicolo sanitario elettronico e dossier sanitario, del telemarketing e dei call center operanti all'estero. Sempre a dire del Garante, particolare attenzione sarà posta anche sulla verifica del rispetto dell'obbligo di informativa agli utenti e della richiesta del consenso nei casi in cui questo è necessario.

3 VIDEOSORVEGLIANZA: TERMINI DI CONSERVAZIONE PIÙ LUNGHI Il Garante della Privacy, con provvedimento n. 142 del 12 marzo 2015, pronunciandosi a seguito richiesta di verifica preliminare ai sensi dell art. 17 del Codice Privacy di una società multinazionale farmaceutica, ha ritenuto ammissibile il prolungamento dei termini di conservazione delle immagini raccolte attraverso un sistema di videosorveglianza. Nel caso di specie, la società farmaceutica intende sottoporre a videoregistrazione presso il proprio stabilimento, una determinata fase del processo di riempimento dei flaconi. Il termine lungo di videosorveglianza (60 giorni) consentirà alla società di rivedere le operazioni in caso di esito non conforme e identificare l operazione che ne ha determinato la non conformità. Il Garante, considerate le peculiari attività svolte e la finalità perseguita dai controlli, ovvero la salute pubblica, ha ritenuto lecita la richiesta di estensione del periodo di conservazione svolta dalla società farmaceutica. Quest ultima dovrà comunque fornire a tutti gli operatori e il personale coinvolti nel processo un'informativa relativa al trattamento dei dati personali e dovrà rispettare le previsioni dell'art. 4, comma 2, l , n. 300 in materia di controllo a distanza dei lavoratori. Le immagini potranno essere raccolte attraverso l'utilizzo di telecamere manuali limitando quanto più possibile le inquadrature alle mani degli operatori oppure, secondo un'ipotesi allo stato in fase di esame, installando in alternativa telecamere fisse con raggio d'azione limitato. Tali immagini non saranno utilizzate per finalità di contestazione di illeciti disciplinari né come strumento di controllo delle abilità delle singole persone o come mezzo utile a giudicare comportamenti dei lavoratori. Il titolare del trattamento, infine, disporrà la custodia delle immagini all'interno di un armadio chiuso a chiave e l'accesso alle immagini, in caso di esito non conforme agli standard delle operazioni descritte, sarà consentito solo ai responsabili Quality Assurance, Produzione e Biology Division e loro diretti riporti.

4 COOKIE: SEMPRE PIÙ VICINO IL TERMINE PER ADEGUARE IL PROPRIO SITO WEB È ormai prossimo il 3 giugno 2015, termine del periodo transitorio individuato dal Garante Privacy per l adeguamento alla disciplina sui cookie. Lo scorso 8 maggio 2014, infatti, il Garante Privacy rendeva noto un provvedimento, successivamente pubblicato in Gazzetta Ufficiale n. 126 del 3 giugno 2014, finalizzato all individuazione di modalità semplificate per l informativa e l acquisizione del consenso per l utilizzo dei cookie. Espressamente, il Garante, consapevole dell impatto, anche economico, che la disciplina sui cookie avrà sul settore della società dei servizi dell informazione e, quindi, del fatto che la realizzazione delle misure necessarie a dare attuazione al presente provvedimento richiederà un notevole impegno, anche in termini di tempo, prevedeva un periodo transitorio di un anno a decorrere dalla pubblicazione del citato provvedimento in Gazzetta Ufficiale. Cosa prevede, in breve, la disciplina sui Cookie? Fatta chiarezza sulle tipologie di Cookie: tecnici e di profilazione, nonché sui rispettivi ruoli dei soggetti coinvolti: editori e terze parti; il Garante ha precisato la necessità di: i) fornire l informativa all utente; ii) acquisire il consenso dell utente; iii) rispettare il c.d. principio dell opt-in e iv) notificare il trattamento al Garante nel caso di profilazione dell interessato. Riguardo all informativa, in particolare, è stata prevista la possibilità di fornirne una prima «breve», tramite un banner che informi l utente della presenza di cookie sulla pagina, della provenienza degli stessi e che lo indirizzi verso un informativa «estesa» con l indicazione che, nella pagina dell informativa estesa, l utente potrà negare il proprio consenso, mentre la prosecuzione della navigazione comporta la prestazione del consenso. Il Garante non ha mancato, infine, di precisare le conseguenze del mancato rispetto della disciplina in materia di cookie, ovvero: - per l ipotesi di omessa informativa o informativa inidonea è prevista una sanzione amministrativa che va da 6 mila a 36 mila Euro; - l installazione di cookie sui terminali degli utenti in assenza del consenso degli stessi è sanzionata con il pagamento di una somma che va da 10 mila a 120 mila Euro; - l omessa o incompleta notifica al Garante è sanzionata con il pagamento di una somma che va da 20 mila a 120 mila Euro.

5 MOBILE PAYMENT: TEMPO SCADUTO, LE NUOVE REGOLE SONO OPERATIVE A partire dal 1 aprile 2015 le compagnie telefoniche che forniscono il servizio di pagamento tramite cellulare, le società che forniscono l'interfaccia tecnologica, le aziende che offrono contenuti digitali e servizi, nonché tutti gli altri soggetti coinvolti nella transazione tramite il sistema di c.d. mobile payment dovranno essere in regola con le previsioni del provvedimento generale del Garante Privacy del 22 maggio 2014, pubblicato in Gazzetta Ufficiale n. 137 del 16 giugno Tramite il suddetto provvedimento il Garante ha voluto assicurare adeguata tutela ai dati personali recepiti dai vari soggetti coinvolti durante l utilizzo del servizio cercando, soprattutto, limitando l utilizzabilità di tali informazioni per finalità differenti ed ulteriori rispetto a quelle legate all acquisto vero e proprio, come ad esempio campagne pubblicitarie, analisi delle abitudini degli acquirenti o addirittura profilazioni degli stessi. I soggetti coinvolti sono quindi obbligati a fornire agli utenti un informativa privacy chiara e completa, che rechi indicazioni non soltanto circa le finalità di erogazione del servizio, ma anche riguardo agli ulteriori scopi per i quali i dati vengono trattati. In particolare il Garante, conscio delle peculiarità del servizio di specie e dei mezzi con i quali l utente si interfaccia al suo utilizzo, ha previsto particolari misure relative al momento del rilascio e alla forma dell informativa, così come anche per la prestazione del consenso. I dati degli utenti, infine, saranno soggetti ad un limite massimo di conservazione e a particolari misure di sicurezza.

N O T A U T I L E Individuazione delle modalità semplificate per l'informativa e l'acquisizione del consenso per l'uso dei cookie - 8 maggio 2014

N O T A U T I L E Individuazione delle modalità semplificate per l'informativa e l'acquisizione del consenso per l'uso dei cookie - 8 maggio 2014 N O T A U T I L E Individuazione delle modalità semplificate per l'informativa e l'acquisizione del consenso per l'uso dei cookie - 8 maggio 2014 (Pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 126 del 3 giugno

Dettagli

Normativa sui cookie: consigli legali suggerimenti operativi per i Webmaster

Normativa sui cookie: consigli legali suggerimenti operativi per i Webmaster Normativa sui cookie: consigli legali suggerimenti operativi per i Webmaster AVV. FABIO MONTALCINI WWW.PCLEX.IT 8 novembre 2014 - Milano - Direttiva 2009/136/CE Riferimenti Normativi - D.Lgs. 69/2012,

Dettagli

Siti internet: privacy cookie.

Siti internet: privacy cookie. Passione Portiere www.passioneportiere.it Roma 3 settembre 2015 Siti internet: privacy cookie. Il 3 giugno 2015 è entrato in vigore il Regolamento del Garante della privacy recante individuazione delle

Dettagli

I CONTROLLI DEL GARANTE: le banche

I CONTROLLI DEL GARANTE: le banche VIDEOSORVEGLIANZA E PRIVACY: COSA EMERGE DALLE RECENTI VERIFICHE DOTT. ALDO AGOSTINI Presidente di SSSy Security Studio System S.r.l. I CONTROLLI DEL GARANTE: le banche N. 302 del 29 febbraio 2008 - No

Dettagli

PRIVACY-VIDEOSORVEGLIANZA

PRIVACY-VIDEOSORVEGLIANZA Circolare n. 1/08 del 20 novembre 2008* PRIVACY-VIDEOSORVEGLIANZA Riferimenti normativi La forma di sorveglianza legata all utilizzo di sistemi di ripresa delle immagini, definita videosorveglianza, è

Dettagli

Il sito www.educazioneadulti.brescia.it non utilizza cookies

Il sito www.educazioneadulti.brescia.it non utilizza cookies Il sito www.educazioneadulti.brescia.it non utilizza cookies Ciò significa che: non vengono raccolte informazioni sul visitatore del sito non vengono tracciato i dati di navigazione nessuno script o cookies

Dettagli

DAL 2 GIUGNO 2015 TUTTI I SITI WEB IN REGOLA CON I COOKIES: COME FARE IN 10 FAQ

DAL 2 GIUGNO 2015 TUTTI I SITI WEB IN REGOLA CON I COOKIES: COME FARE IN 10 FAQ DAL 2 GIUGNO 2015 TUTTI I SITI WEB IN REGOLA CON I COOKIES: COME FARE IN 10 FAQ Giugno 2015 - Avv. Andrea Michinelli a.michinelli@dammassa.com Versione 2.0 1) DA DOVE PROVENGONO QUESTI NUOVI OBBLIGHI SUI

Dettagli

----------------------------------------------------------------------------------------------------

---------------------------------------------------------------------------------------------------- Le regole sui cookies: gli adempimenti pratici e le semplificazioni su informativa e consenso ai sensi del provvedimento del Garante privacy dell 8 Maggio 2014. di: Prof. Avv. Alessandro del Ninno Studio

Dettagli

federfarma federazione nazionale unitaria dei titolari di farmacia italiani

federfarma federazione nazionale unitaria dei titolari di farmacia italiani federfarma federazione nazionale unitaria dei titolari di farmacia italiani Videosorveglianza Vademecum per i titolari di Farmacia Ottobre 2015 A cura di B.Foresti, ufficio legale Federfarma Fonti normative

Dettagli

Registro Pubblico delle Opposizioni. Dedicato agli Abbonati

Registro Pubblico delle Opposizioni. Dedicato agli Abbonati Registro Pubblico delle Opposizioni Dedicato agli Abbonati Che cos è il Registro? Il Registro Pubblico delle Opposizioni è stato istituito con il D.P.R. 178/2010 per salvaguardare la privacy del cittadino

Dettagli

Alcuni consigli per adeguarsi alle regole privacy sull uso dei cookie

Alcuni consigli per adeguarsi alle regole privacy sull uso dei cookie Alcuni consigli per adeguarsi alle regole privacy sull uso dei cookie Il 3 giugno scorso è divenuto operativo il Provvedimento del Garante privacy sull uso dei cookie (Provvedimento n. 229/2014). Il Provvedimento,

Dettagli

Informativa Cookies. Informativa Cookie del portale CercoEsperto.it. Definizione di Cookie. Gli obblighi di legge

Informativa Cookies. Informativa Cookie del portale CercoEsperto.it. Definizione di Cookie. Gli obblighi di legge Informativa Cookies Con il provvedimento n. 229 dell 8 maggio 2014, il Garante per la protezione dei dati personali ha individuato le modalità semplificate per l informativa e l acquisizione del consenso

Dettagli

PRIVACY Due terzi dei siti web italiani violano la privacy Cosa possiamo fare?

PRIVACY Due terzi dei siti web italiani violano la privacy Cosa possiamo fare? PRIVACY Due terzi dei siti web italiani violano la privacy Cosa possiamo fare? POLICYPRIVACY Lezione di Privacy 2014 ANDREA CHIOZZI Sommario Attività Il Contesto? Il Quadro Normativo Sanzioni Informativa/Consenso

Dettagli

LUNCH IL PROVVEDIMENTO DEL GARANTE PRIVACY IN MATERIA DI COOKIES MILANO 23 GIUGNO COMMUNICATION 2014

LUNCH IL PROVVEDIMENTO DEL GARANTE PRIVACY IN MATERIA DI COOKIES MILANO 23 GIUGNO COMMUNICATION 2014 COMMUNICATION LUNCH IL PROVVEDIMENTO DEL GARANTE PRIVACY IN MATERIA DI COOKIES MILANO 23 GIUGNO COMMUNICATION 2014 LUNCH IL PERCORSO La Direttiva 2009/136/CE, direttiva sui servizi di comunicazione elettronica,

Dettagli

Comune di Campofelice di Roccella REGOLAMENTO COMUNALE SULLA VIDEOSORVEGLIANZA

Comune di Campofelice di Roccella REGOLAMENTO COMUNALE SULLA VIDEOSORVEGLIANZA Comune di Campofelice di Roccella REGOLAMENTO COMUNALE SULLA VIDEOSORVEGLIANZA Indice Art. 1 Premessa Art. 2 Finalità Art. 3 Definizioni Art. 4 Modalità di raccolta dei dati Art. 5 Informativa Art. 6 Finalità

Dettagli

Individuazione delle modalità semplificate per l'informativa e l'acquisizione del consenso per l'uso dei cookie. 8 maggio 2014

Individuazione delle modalità semplificate per l'informativa e l'acquisizione del consenso per l'uso dei cookie. 8 maggio 2014 Individuazione delle modalità semplificate per l'informativa e l'acquisizione del consenso per l'uso dei cookie 8 maggio 2014 (Pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 126 del 3 giugno 2014) Registro dei

Dettagli

[doc. web n. 3671057] Impianto di videosorveglianza installato presso una farmacia - 20 novembre 2014 Registro dei provvedimenti n.

[doc. web n. 3671057] Impianto di videosorveglianza installato presso una farmacia - 20 novembre 2014 Registro dei provvedimenti n. [doc. web n. 3671057] Impianto di videosorveglianza installato presso una farmacia - 20 novembre 2014 Registro dei provvedimenti n. 559 del 20 novembre 2014 IL GARANTE PER LA PROTEZIONE DEI DATI PERSONALI

Dettagli

Comune di Nibionno Provincia di Lecco. Regolamento comunale per l installazione e l utilizzo di impianti di videosorveglianza del territorio

Comune di Nibionno Provincia di Lecco. Regolamento comunale per l installazione e l utilizzo di impianti di videosorveglianza del territorio Comune di Nibionno Provincia di Lecco Regolamento comunale per l installazione e l utilizzo di impianti di videosorveglianza del territorio INDICE Articolo 1 Finalità e definizioni Articolo 2 Ambito di

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE SULLA VIDEOSORVEGLIANZA

REGOLAMENTO COMUNALE SULLA VIDEOSORVEGLIANZA REGOLAMENTO COMUNALE SULLA VIDEOSORVEGLIANZA Indice CAPO I Art. 1 - Premessa Art. 2 - Principi generali Art. 3 - Ambito di applicazione Art. 4 - Informativa Art. 5 - Accertamenti di illeciti e indagini

Dettagli

IL CAPO DEL SETT. AMMINISTRATIVO SAVONA PIETRO

IL CAPO DEL SETT. AMMINISTRATIVO SAVONA PIETRO SETTORE AMMINISTRATIVO SERVIZIO AFFARI GENERALI E PERSONALE COPIA DI DETERMINA N. 396 ANNO 2015 DEL 14-07-2015 NUMERO DETERMINA DI SETTORE: 148 OGGETTO: TRAPANI - IACP ADEGUAMENTO DEL SITO WEB DELL'ENTE

Dettagli

COMUNE DI MALEO Provincia di Lodi REGOLAMENTO COMUNALE PER L INSTALLAZIONE E L UTILIZZO DI IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA SUL TERRITORIO COMUNALE

COMUNE DI MALEO Provincia di Lodi REGOLAMENTO COMUNALE PER L INSTALLAZIONE E L UTILIZZO DI IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA SUL TERRITORIO COMUNALE REGOLAMENTO COMUNALE PER L INSTALLAZIONE E L UTILIZZO DI IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA SUL TERRITORIO COMUNALE Approvato con Deliberazione Consiglio Comunale n. 62 del 6.11.2008 INDICE CAPO I - PRINCIPI

Dettagli

COMUNE DI COLLEFERRO Provincia di Roma DISCIPLINARE PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI VIDEOSORVEGLIANZA

COMUNE DI COLLEFERRO Provincia di Roma DISCIPLINARE PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI VIDEOSORVEGLIANZA COMUNE DI COLLEFERRO Provincia di Roma DISCIPLINARE PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI VIDEOSORVEGLIANZA approvato con delibera G.C. n. 291 del 18 ottobre 2007 1 Indice Art. 1 - Premessa Art. 2 - Principi

Dettagli

Ordinanza di ingiunzione nei confronti di Banca popolare Sant'Angelo S.C.P.A. - 9 febbraio 2012 IL GARANTE PER LA PROTEZIONE DEI DATI PERSONALI

Ordinanza di ingiunzione nei confronti di Banca popolare Sant'Angelo S.C.P.A. - 9 febbraio 2012 IL GARANTE PER LA PROTEZIONE DEI DATI PERSONALI [doc. web n. 1901698] Ordinanza di ingiunzione nei confronti di Banca popolare Sant'Angelo S.C.P.A. - 9 febbraio 2012 IL GARANTE PER LA PROTEZIONE DEI DATI PERSONALI Registro dei provvedimenti n. 53 del

Dettagli

Il mio sito utilizza. Cosa devo fare? GL CONSULTING - www.glconsulting.com 031 6872783 info@glconsulting.com

Il mio sito utilizza. Cosa devo fare? GL CONSULTING - www.glconsulting.com 031 6872783 info@glconsulting.com Il mio sito utilizza Cosa devo fare? GL CONSULTING - www.glconsulting.com 031 6872783 info@glconsulting.com Il contesto Il 2 giugno 2015 è scaduto il termine per attuare le prescrizioni del Garante in

Dettagli

Comune di Corbetta Provincia di Milano. Regolamento comunale per l installazione e l utilizzo di impianti di videosorveglianza del territorio

Comune di Corbetta Provincia di Milano. Regolamento comunale per l installazione e l utilizzo di impianti di videosorveglianza del territorio Comune di Corbetta Provincia di Milano Regolamento comunale per l installazione e l utilizzo di impianti di videosorveglianza del territorio INDICE Articolo 1 Finalità e definizioni Articolo 2 Ambito di

Dettagli

COMUNE DI PUTIGNANO - Provincia di Bari - www.comune.putignano.ba.it REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEL SISTEMA DI VIDEOSORVEGLIANZA

COMUNE DI PUTIGNANO - Provincia di Bari - www.comune.putignano.ba.it REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEL SISTEMA DI VIDEOSORVEGLIANZA REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEL SISTEMA DI VIDEOSORVEGLIANZA (APPROVATO CON DELIBERAZIONE di C.C. n. 3 del 18/03/2008) INDICE Articolo 1 Oggetto del regolamento Articolo 2 Principi e finalità Articolo 3

Dettagli

SOMMARIO. Parte Prima LA GESTIONE DEI DATI. Capitolo 1 PRIVACY E DIRITTO ALLA PROTEZIONE DEI DATI

SOMMARIO. Parte Prima LA GESTIONE DEI DATI. Capitolo 1 PRIVACY E DIRITTO ALLA PROTEZIONE DEI DATI SOMMARIO Presentazione... V Introduzione... VII Nota curatore e autori... IX Parte Prima LA GESTIONE DEI DATI Capitolo 1 PRIVACY E DIRITTO ALLA PROTEZIONE DEI DATI 1. Definizione... 3 1.1. Privacy... 3

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA COMUNE DI CALLIANO Provincia Autonoma di Trento REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 32 di data 28 novembre 2013 CAPO I Principi Generali

Dettagli

ELENCO DEGLI ADEMPIMENTI RICHIESTI A TITOLARI DEL TRATTAMENTO PRIVATI DALLA NORMATIVA PRIVACY.

ELENCO DEGLI ADEMPIMENTI RICHIESTI A TITOLARI DEL TRATTAMENTO PRIVATI DALLA NORMATIVA PRIVACY. ELENCO DEGLI ADEMPIMENTI RICHIESTI A TITOLARI DEL TRATTAMENTO PRIVATI DALLA NORMATIVA PRIVACY. Il presente documento ha lo scopo di illustrare gli adempimenti di natura legale e di natura tecnico-informatica

Dettagli

Le domande ricorrenti

Le domande ricorrenti Le domande ricorrenti di chi sono i contenuti dei social media? posso salvare (e usare) dati presi dai social media? posso condividere i dati con store in franchising? Di chi sono i contenuti dei social

Dettagli

INFOSECURITY 2005 La privacy nelle PMI Gabriele Faggioli. Milano febbraio 2005

INFOSECURITY 2005 La privacy nelle PMI Gabriele Faggioli. Milano febbraio 2005 INFOSECURITY 2005 La privacy nelle PMI Gabriele Faggioli Milano febbraio 2005 Sostituisce tutta la normativa previgente in materia di tutela dei dati personali Introduce significative modifiche soprattutto

Dettagli

Piacenza, 8 giugno 2015 Alle Cooperative in indirizzo

Piacenza, 8 giugno 2015 Alle Cooperative in indirizzo SERVIZIO SINDACALE Piacenza, 8 giugno 2015 Alle Cooperative in indirizzo Prot. n. 78 Oggetto: Vademecum privacy Il Garante per la protezione dei dati personali ha diffuso un breve vademecum sul trattamento

Dettagli

COMUNE DI SAN COLOMBANO AL LAMBRO Provincia di Milano

COMUNE DI SAN COLOMBANO AL LAMBRO Provincia di Milano COMUNE DI SAN COLOMBANO AL LAMBRO Provincia di Milano REGOLAMENTO COMUNALE PER L INSTALLAZIONE E L UTILIZZO DI IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA SUL TERRITORIO COMUNALE INDICE CAPO I - PRINCIPI GENERALI Articolo

Dettagli

Privacy e lavoro, le indicazioni del Garante della Privacy per una corretta gestione del lavoro pubblico e privato

Privacy e lavoro, le indicazioni del Garante della Privacy per una corretta gestione del lavoro pubblico e privato SUPPLEMENTO N. 17 25 maggio 2015 Reg. Tribunale di Milano n. 51 del 1 marzo 2013 IN QUESTO NUMERO Privacy e lavoro, le indicazioni del Garante della Privacy per una corretta gestione del lavoro pubblico

Dettagli

VIDEOSORVEGLIANZA Aggiornato 12/2008

VIDEOSORVEGLIANZA Aggiornato 12/2008 Aggiornato 12/2008 IMPIANTO VIDEOSORVEGLIANZA: NOTE SULLA NORMATIVA L installazione di sistemi di videosorveglianza non sono di libero uso, in quanto sono soggetti alla normativa sulla Privacy. Eventuali

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE SULLA VIDEOSORVEGLIANZA ADOTTATO CON DELIBERA DI CONSIGLIO COMUNALE N.125 DEL 26.05.2005

REGOLAMENTO COMUNALE SULLA VIDEOSORVEGLIANZA ADOTTATO CON DELIBERA DI CONSIGLIO COMUNALE N.125 DEL 26.05.2005 REGOLAMENTO COMUNALE SULLA VIDEOSORVEGLIANZA ADOTTATO CON DELIBERA DI CONSIGLIO COMUNALE N.125 DEL 26.05.2005 Modificato con delibera di C.C. 138 del 09 giugno 2006 Indice Art. 1 - Premessa Art. 2 - Principi

Dettagli

IL DIRETTORE GENERALE ALL ORGANIZZAZIONE, PERSONALE, SISTEMI INFORMATIVI E TELEMATICA

IL DIRETTORE GENERALE ALL ORGANIZZAZIONE, PERSONALE, SISTEMI INFORMATIVI E TELEMATICA Prot. n.. (DOR/08/110767) IL DIRETTORE GENERALE ALL ORGANIZZAZIONE, PERSONALE, SISTEMI INFORMATIVI E TELEMATICA Visto il Decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 Codice in materia di protezione di dati

Dettagli

Fonti normative. D.lgs del 30 giugno 2003, n. 196. Provvedimento generale del Garante del 18 maggio 2006.

Fonti normative. D.lgs del 30 giugno 2003, n. 196. Provvedimento generale del Garante del 18 maggio 2006. Corso di Amministratore di condominio Privacy Privacy nei confronti delle diverse figure 1 Argomenti trattati I principi generali della legge sulla privacy. Il provvedimento generale del Garante del 18

Dettagli

Informativa Privacy Veneto Strade S.p.A.

Informativa Privacy Veneto Strade S.p.A. Informativa Privacy Veneto Strade S.p.A. Veneto Strade S.p.A. gestisce i dati trattati relativi agli utenti durante la navigazione in conformità a quanto prescritto dal D.Lgs. n.196/2003 Codice in materia

Dettagli

COMUNE DI PINASCA Città Metropolitana di Torino REGOLAMENTO SUI SISTEMI DI VIDEOSORVEGLIANZA

COMUNE DI PINASCA Città Metropolitana di Torino REGOLAMENTO SUI SISTEMI DI VIDEOSORVEGLIANZA COMUNE DI PINASCA Città Metropolitana di Torino REGOLAMENTO SUI SISTEMI DI VIDEOSORVEGLIANZA Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 25 in data 11.06.2015 Indice Capo I - Principi generali

Dettagli

COMUNE DI TREMESTIERI ETNEO PROVINCIA DI CATANIA REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEGLI IMPIANTI DI VIDEO SORVEGLIANZA

COMUNE DI TREMESTIERI ETNEO PROVINCIA DI CATANIA REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEGLI IMPIANTI DI VIDEO SORVEGLIANZA COMUNE DI TREMESTIERI ETNEO PROVINCIA DI CATANIA REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEGLI IMPIANTI DI VIDEO SORVEGLIANZA Approvato con delibera consiliare n. 8 del 28.01.2010 Corretto dei refusi evidenziati

Dettagli

NOTA INFORMATIVA SULLA TUTELA DEI DATI PERSONALI EX ART. La Ember Ars Studio, ditta individuale di Andrei Dan Dalmazio, titolare del

NOTA INFORMATIVA SULLA TUTELA DEI DATI PERSONALI EX ART. La Ember Ars Studio, ditta individuale di Andrei Dan Dalmazio, titolare del 1 NOTA INFORMATIVA SULLA TUTELA DEI DATI PERSONALI EX ART 13 D.LGS. 196/2003 La Ember Ars Studio, ditta individuale di Andrei Dan Dalmazio, titolare del trattamento, si propone di gestire il servizio nel

Dettagli

Privacy e lavoro. Le regole per il corretto trattamento dei dati personali dei lavoratori da parte di soggetti pubblici e privati

Privacy e lavoro. Le regole per il corretto trattamento dei dati personali dei lavoratori da parte di soggetti pubblici e privati Privacy e lavoro Le regole per il corretto trattamento dei dati personali dei lavoratori da parte di soggetti pubblici e privati A cura dell Unione Industriale Pisana 1 DISCIPLINA GENERALE INDICE 1. Cartellini

Dettagli

Privacy Policy. Tipi di dati trattati. Profili

Privacy Policy. Tipi di dati trattati. Profili Privacy Policy Il presente documento ha lo scopo di descrivere le modalità di gestione dei punti di accesso web relativamente al trattamento dei dati personali degli utenti/visitatori che vi accedono previa

Dettagli

COMUNE DI CIGLIANO REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA SUL TERRITORIO COMUNALE

COMUNE DI CIGLIANO REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA SUL TERRITORIO COMUNALE REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA SUL TERRITORIO Giugno 2007 INDICE CAPO I -PRINCIPI GENERALI Art. 1 Oggetto Art. 2 - Definizioni Art. 3 Finalità Art. 4 - Trattamento dei dati personali

Dettagli

Sintesi delle principali attività dell'autorità. Ricorsi 316. Pareri a Presidenza del Consiglio dei ministri e ministeri (art.

Sintesi delle principali attività dell'autorità. Ricorsi 316. Pareri a Presidenza del Consiglio dei ministri e ministeri (art. [doc. web n. 1550279] Relazione 2007-16 luglio 2008 Parte III - L'Ufficio del Garante Indice generale 23. Dati statistici (*) 23.1. Tabelle e grafici 1. Principali attività dell'autorità Sintesi delle

Dettagli

COMUNE DI CASTEL BOLOGNESE PROVINCIA DI RAVENNA

COMUNE DI CASTEL BOLOGNESE PROVINCIA DI RAVENNA COMUNE DI CASTEL BOLOGNESE PROVINCIA DI RAVENNA Settore Polizia Municipale REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA Approvato con delibera di Consiglio Comunale n. 44 del 30/07/2007 Modificato

Dettagli

TREZZANO ROSA REGOLAMENTO COMUNALE VIDEOSORVEGLIANZA

TREZZANO ROSA REGOLAMENTO COMUNALE VIDEOSORVEGLIANZA COMUNE DI TREZZANO ROSA Provincia di Milano REGOLAMENTO COMUNALE VIDEOSORVEGLIANZA APPROVATO CON DELIBERA DEL CONSIGLIO COMUNALE N 12 DEL 24.03.2011 Pagina 1 di 12 Indice generale SOMMARIO SOMMARIO...2

Dettagli

Cookie e Privacy tra regole e business

Cookie e Privacy tra regole e business Cookie e Privacy tra regole e business SERVIZI SEO SEM SMM SEA WEB DESIGN E-COMMERCE E-MAIL MARKETING PEC HOSTING CERTIFICAZIONI SEDI UFFICI ITALIA Via del Commercio, 1/N 46030 San Giorgio di Mantova

Dettagli

GARANTE PER LA PROTEZIONE DEI DATI PERSONALI

GARANTE PER LA PROTEZIONE DEI DATI PERSONALI Art. 2. La presente determinazione sarà pubblicata nella Gazzetta UfÞ ciale della Repubblica italiana e sarà notiþ cata alla Società titolare dell autorizzazione all immissione in commercio del medicinale.

Dettagli

COMUNE D I CALASCIBETTA

COMUNE D I CALASCIBETTA COMUNE D I CALASCIBETTA PROVINCIA DI ENNA REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA NEL COMUNE DI CALASCIBETTA Approvato con Delibera del Consiglio Comunale n. 20 del 29/07/2013 INDICE CAPO

Dettagli

COMUNE DI VICOPISANO Provincia di Pisa REGOLAMENTO COMUNALE SULLA VIDEOSORVEGLIANZA

COMUNE DI VICOPISANO Provincia di Pisa REGOLAMENTO COMUNALE SULLA VIDEOSORVEGLIANZA COMUNE DI VICOPISANO Provincia di Pisa REGOLAMENTO COMUNALE SULLA VIDEOSORVEGLIANZA APPROVATO CON DELIBERAZIONE CONSIGLIO COMUNALE N.35 DEL 13/05/2008 - IN VIGORE DAL 10.6.2008 MODIFICATO CON ATTO CONSILIARE

Dettagli

COMUNE DI EMPOLI. Provincia di Firenze REGOLAMENTO COMUNALE SULLA VIDEOSORVEGLIANZA

COMUNE DI EMPOLI. Provincia di Firenze REGOLAMENTO COMUNALE SULLA VIDEOSORVEGLIANZA COMUNE DI EMPOLI Provincia di Firenze REGOLAMENTO COMUNALE SULLA VIDEOSORVEGLIANZA (approvato con deliberazione del CC n.. del /../2015, in vigore dal /../2015) Indice Art. 1 - Premessa Art. 2 - Principi

Dettagli

FIMPNAPOLI Notizie. Ottobre 2014. a cura di Antonio D Avino, Segretario Provinciale FIMP Napoli. Copia riservata agli iscritti FIMP Napoli

FIMPNAPOLI Notizie. Ottobre 2014. a cura di Antonio D Avino, Segretario Provinciale FIMP Napoli. Copia riservata agli iscritti FIMP Napoli FIMPNAPOLI Notizie Ottobre 2014 Copia riservata agli iscritti FIMP Napoli a cura di Antonio D Avino, Segretario Provinciale FIMP Napoli Privacy : vecchi obblighi, nuove sanzioni Tutto nasce quando le agenzie

Dettagli

COMUNE DI SAN LAZZARO DI SAVENA

COMUNE DI SAN LAZZARO DI SAVENA COMUNE DI SAN LAZZARO DI SAVENA (Provincia di Bologna) REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA Approvato con delibera di Consiglio Comunale n. 19 del 20 marzo 2007 Revisioni Note

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE SULLA VIDEOSORVEGLIANZA

REGOLAMENTO COMUNALE SULLA VIDEOSORVEGLIANZA COMUNE DI VIGNALE MONFERRATO Provincia di Alessandria REGOLAMENTO COMUNALE SULLA VIDEOSORVEGLIANZA Approvato con deliberazione Consiglio Comunale n. 46 del 16.11.2010 INDICE: Art. 1 - Premessa Art. 2 Principi

Dettagli

Posta elettronica, Internet e controlli sui dipendenti Relatore Avv. Giampiero Falasca

Posta elettronica, Internet e controlli sui dipendenti Relatore Avv. Giampiero Falasca Area Professionale Posta elettronica, Internet e controlli sui dipendenti Relatore Avv. Giampiero Falasca Lo Statuto dei lavoratori Art. 4 La norma vieta l utilizzo di impianti audiovisivi per finalità

Dettagli

Fatturazione elettronica verso le P.A. Archiviazione ottica sostitutiva e adempimenti Privacy

Fatturazione elettronica verso le P.A. Archiviazione ottica sostitutiva e adempimenti Privacy Fatturazione elettronica verso le P.A. Archiviazione ottica sostitutiva e adempimenti Privacy A cura di: Cristiano Cavallari Grottaferrata, 27 febbraio 2015 Viale Nazioni Unite 3, 00046 Grottaferrata (Roma)

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE SULLA GESTIONE DEL SISTEMA DI VIDEOSORVEGLIANZA NEL TERRITORIO COMUNALE

REGOLAMENTO COMUNALE SULLA GESTIONE DEL SISTEMA DI VIDEOSORVEGLIANZA NEL TERRITORIO COMUNALE REGOLAMENTO COMUNALE SULLA GESTIONE DEL SISTEMA DI VIDEOSORVEGLIANZA NEL TERRITORIO COMUNALE 1 Indice Art. 1 Premessa Art. 2 Principi generali Art. 3 Definizioni Art. 4 Ambito di applicazione Art. 5 Informativa

Dettagli

C O M U N E D I C L E S Provincia di Trento

C O M U N E D I C L E S Provincia di Trento C O M U N E D I C L E S Provincia di Trento REGOLAMENTO SULLA VIDEOSORVEGLIANZA INDICE Art. 1 - Premessa Art. 2 - Principi generali Art. 3 - Definizioni Art. 4 - Ambito di applicazione Art. 5 - Informativa

Dettagli

COMUNE DI PIANORO REGOLAMENTO COMUNALE SULLA VIDEOSORVEGLIANZA

COMUNE DI PIANORO REGOLAMENTO COMUNALE SULLA VIDEOSORVEGLIANZA COMUNE DI PIANORO REGOLAMENTO COMUNALE SULLA VIDEOSORVEGLIANZA Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 4 del 6.2.2008 INDICE Art. 1 - Premessa Art. 2 - Principi generali Art. 3 - Definizioni

Dettagli

COMUNE DI SAN VENDEMIANO Provincia di Treviso REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL SERVIZIO DI VIDEOSORVEGLIANZA SUL TERRITORIO COMUNALE

COMUNE DI SAN VENDEMIANO Provincia di Treviso REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL SERVIZIO DI VIDEOSORVEGLIANZA SUL TERRITORIO COMUNALE COMUNE DI SAN VENDEMIANO Provincia di Treviso REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL SERVIZIO DI VIDEOSORVEGLIANZA SUL TERRITORIO COMUNALE Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 8 in data 26

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA. INDICE

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA. INDICE REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA. INDICE Art. 1 - Oggetto Art. 2 - Definizioni Art. 3 - Finalità Art. 4 - Trattamento dei dati personali CAPO I PRINCIPI GENERALI CAPO II OBBLIGHI PER

Dettagli

REGOLAMENTO DI VIDEOSORVEGLIANZA AMBIENTALE PER IL CONTRASTO DELL ABBANDONO E LO SMALTIMENTO DEI RIFIUTI NEL TERRITORIO COMUNALE

REGOLAMENTO DI VIDEOSORVEGLIANZA AMBIENTALE PER IL CONTRASTO DELL ABBANDONO E LO SMALTIMENTO DEI RIFIUTI NEL TERRITORIO COMUNALE REGOLAMENTO DI VIDEOSORVEGLIANZA AMBIENTALE PER IL CONTRASTO DELL ABBANDONO E LO SMALTIMENTO DEI RIFIUTI NEL TERRITORIO COMUNALE INDICE Approvato con deliberazione C.C. n. 17 del 30 aprile 2015 CAPO I

Dettagli

REGIONE AUTONOMA VALLE D AOSTA REGION AUTONOME VALLEE D AOSTE REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA DEL COMUNE DI AOSTA

REGIONE AUTONOMA VALLE D AOSTA REGION AUTONOME VALLEE D AOSTE REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA DEL COMUNE DI AOSTA CITTÀ DI AOSTA REGIONE AUTONOMA VALLE D AOSTA REPUBBLICA ITALIANA VILLE D AOSTE REGION AUTONOME VALLEE D AOSTE REPUBLIQUE ITALIENNE REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA DEL COMUNE DI AOSTA

Dettagli

COMUNE DI SOAVE PROVINCIA DI VERONA REGOLAMENTO PER VIDEO SORVEGLIANZA DEL TERRITORIO COMUNALE

COMUNE DI SOAVE PROVINCIA DI VERONA REGOLAMENTO PER VIDEO SORVEGLIANZA DEL TERRITORIO COMUNALE COMUNE DI SOAVE PROVINCIA DI VERONA REGOLAMENTO PER VIDEO SORVEGLIANZA DEL TERRITORIO COMUNALE Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 50 del 30.11.05 1 CAPO I PRINCIPI GENERALI ART. 1 Finalità

Dettagli

COMUNE DI PERCILE (Provincia di ROMA) REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA SUL TERRITORIO COMUNALE

COMUNE DI PERCILE (Provincia di ROMA) REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA SUL TERRITORIO COMUNALE COMUNE DI PERCILE (Provincia di ROMA) REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA SUL TERRITORIO COMUNALE Approvato con Delibera di Consiglio Comunale n del 2013 Art. 1 Art. 2 Art. 3 Art. 4 INDICE

Dettagli

La nuova disciplina in materia di tutela della privacy (D.Lgs. 30.6.2003 n. 196) Principali novità

La nuova disciplina in materia di tutela della privacy (D.Lgs. 30.6.2003 n. 196) Principali novità La nuova disciplina in materia di tutela della privacy (D.Lgs. 30.6.2003 n. 196) Principali novità INDICE 1 Il nuovo Codice sulla privacy... 2 2 Ambito di applicazione... 2 3 Soggetti coinvolti dal trattamento

Dettagli

COMUNE DI SERDIANA PROVINCIA DI CAGLIARI REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEL SISTEMA DI VIDEOSORVEGLIANZA

COMUNE DI SERDIANA PROVINCIA DI CAGLIARI REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEL SISTEMA DI VIDEOSORVEGLIANZA COMUNE DI SERDIANA PROVINCIA DI CAGLIARI REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEL SISTEMA DI VIDEOSORVEGLIANZA ARTICOLO 1 OGGETTO DEL REGOLAMENTO. Il presente Regolamento disciplina l esercizio del sistema di videosorveglianza

Dettagli

REGOLAMENTO PER L'UTILIZZO DEL SISTEMA DI VIDEOSORVEGLIANZA NEL COMUNE DI PALAIA (approvato con deliberazione di C.C. n. 45 del 30/11/2012)

REGOLAMENTO PER L'UTILIZZO DEL SISTEMA DI VIDEOSORVEGLIANZA NEL COMUNE DI PALAIA (approvato con deliberazione di C.C. n. 45 del 30/11/2012) . COMUNE DI PALAIA Provincia di Pisa 56036 Palaia Piazza della Repubblica n. 56 C.F. 00373580505 Tel. 0587 621424 Fax 0587 622539 UFFICIO TECNICO COMUNALE " Servizio LL.PP. Ambiente, Protezione Civile,

Dettagli

IDROTERMICA CENEDESE di Cenedese Claudio & C. Snc C.so XXV Aprile, 73b/g - 13048 Santhià (VC) P.I./C.F. 02287090027

IDROTERMICA CENEDESE di Cenedese Claudio & C. Snc C.so XXV Aprile, 73b/g - 13048 Santhià (VC) P.I./C.F. 02287090027 LA PRIVACY POLICY DI QUESTO SITO Proprietario di questo sito a cui inviare le vostre richieste: IDROTERMICA CENEDESE di Cenedese Claudio & C. Snc C.so XXV Aprile, 73b/g - 13048 Santhià (VC) P.I./C.F. 02287090027

Dettagli

CONSULTAZIONE PUBBLICA SULLA COMUNICAZIONE UN APPROCCIO GLOBALE ALLA PROTEZIONE DEI DATI PERSONALI NELL UNIONE EUROPEA CONTRIBUTO DI MEDIASET S.P.A.

CONSULTAZIONE PUBBLICA SULLA COMUNICAZIONE UN APPROCCIO GLOBALE ALLA PROTEZIONE DEI DATI PERSONALI NELL UNIONE EUROPEA CONTRIBUTO DI MEDIASET S.P.A. CONSULTAZIONE PUBBLICA SULLA COMUNICAZIONE UN APPROCCIO GLOBALE ALLA PROTEZIONE DEI DATI PERSONALI NELL UNIONE EUROPEA CONTRIBUTO DI MEDIASET S.P.A. GENNAIO 2011 Premessa Mediaset accoglie con favore l

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA NEL MUSEO CIVICO

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA NEL MUSEO CIVICO REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA NEL MUSEO CIVICO INDICE CAPO I - PRINCIPI GENERALI Art. 1 - Oggetto Art. 2 - Definizioni Art. 3 - Finalità del trattamento dei dati personali Art.

Dettagli

PRIVACY POLICY - INFORMATIVA SUL TRATTAMENTO DATI PERSONALI. Informativa ai sensi dell art. 13 del D. Lgs 196/2003. Finalità del trattamento dei dati

PRIVACY POLICY - INFORMATIVA SUL TRATTAMENTO DATI PERSONALI. Informativa ai sensi dell art. 13 del D. Lgs 196/2003. Finalità del trattamento dei dati PRIVACY POLICY - INFORMATIVA SUL TRATTAMENTO DATI PERSONALI Informativa ai sensi dell art. 13 del D. Lgs 196/2003 La società Piaggio & C. S.p.a. (di seguito Piaggio o la Società ), con sede legale in Pontedera

Dettagli

Camera dei Deputati. XI^ Commissione Lavoro pubblico e privato. Indagine conoscitiva sui rapporti di lavoro presso i call center

Camera dei Deputati. XI^ Commissione Lavoro pubblico e privato. Indagine conoscitiva sui rapporti di lavoro presso i call center Camera dei Deputati XI^ Commissione Lavoro pubblico e privato Indagine conoscitiva sui rapporti di lavoro presso i call center presenti sul territorio italiano Audizione del Presidente del Garante per

Dettagli

La sicurezza del sistema informativo dello studio professionale e la normativa sulla privacy

La sicurezza del sistema informativo dello studio professionale e la normativa sulla privacy La sicurezza del sistema informativo dello studio professionale e la normativa sulla privacy A cura del Dott.: Giuseppe Mantese g.mantese@onlineconsulenza.com Quadro normativo Il 1 gennaio 2004 è entrato

Dettagli

In questa pagina si descrivono le modalità di gestione del sito in riferimento al trattamento dei dati personali degli utenti che lo consultano.

In questa pagina si descrivono le modalità di gestione del sito in riferimento al trattamento dei dati personali degli utenti che lo consultano. LA PRIVACY POLICY DI QUESTO SITO Proprietario di questo sito a cui inviare le vostre richieste: Piccoli & Pachera s.a.s. di Pachera Emilio & C. Via Paiari, 17 int. 1-37017 Lazise (VR) Tel. 045-758.05.93

Dettagli

Noi ti aiutiamo a trovarlo.

Noi ti aiutiamo a trovarlo. I Dossier Expopage Il business è ovunque. Noi ti aiutiamo a trovarlo. A norma con la Privacy In partnership con www.expopage.net WPS Group opera nell'area dei servizi per le aziende, garantendo soluzioni

Dettagli

Privacy Policy di questo sito

Privacy Policy di questo sito Privacy Policy di questo sito Con il presente avviso Key Word S.r.l. di seguito KEY WORD Vi informa sulle modalità di gestione del sito web accessibile per via telematica a partire dall indirizzo https://www.energyfeedback.it

Dettagli

Normativa sui Cookie cosa dice la legge, come adeguarsi e quali siti lo devono fare

Normativa sui Cookie cosa dice la legge, come adeguarsi e quali siti lo devono fare Normativa sui Cookie cosa dice la legge, come adeguarsi e quali siti lo devono fare Nella giornata del 3 giugno 2015 è entrata in vigore in Italia la tanto discussa cookie law conformemente a quanto stabilito

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 54 del 26.07.2012 pagina 1.14 Indice CAPO I...4 PRINCIPI GENERALI...4 Art. 1 Oggetto

Dettagli

COMUNE DI MOTTA VISCONTI (Prov. di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA

COMUNE DI MOTTA VISCONTI (Prov. di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA COMUNE DI MOTTA VISCONTI (Prov. di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA Approvato con delibera di Consiglio Comunale n. 48 del 07/10/2014 Revisioni Note SOMMARIO Art.

Dettagli

Regolamento per la disciplina della videosorveglianza nel territorio comunale di Longhena_. (Approvato con deliberazione di C.C. n 24 del 04.10.

Regolamento per la disciplina della videosorveglianza nel territorio comunale di Longhena_. (Approvato con deliberazione di C.C. n 24 del 04.10. Regolamento per la disciplina della videosorveglianza nel territorio comunale di Longhena_ (Approvato con deliberazione di C.C. n 24 del 04.10.2013) Art. 1 - Oggetto Art. 2 - Definizioni Art. 3 - Finalità

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA SUL TERRITORIO COMUNALE. approvato con delibera di C.C. N 52 del 28 giugno 2006 INDICE

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA SUL TERRITORIO COMUNALE. approvato con delibera di C.C. N 52 del 28 giugno 2006 INDICE REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA SUL TERRITORIO COMUNALE approvato con delibera di C.C. N 52 del 28 giugno 2006 CAPO I - PRINCIPI GENERALI Art. 1 Oggetto Art. 2 - Definizioni Art.

Dettagli

INDICE DIRITTO ALLA PROTEZIONE DEI DATI PERSONALI PRINCIPIO DI NECESSITA NEL TRATTAMENTO DEI DATI

INDICE DIRITTO ALLA PROTEZIONE DEI DATI PERSONALI PRINCIPIO DI NECESSITA NEL TRATTAMENTO DEI DATI INDICE PARTE I DISPOSIZIONI GENERALI PRINCIPI GENERALI ART. 1 ART. 2 ART. 3 ART. 4 ART. 5 ART. 6 DIRITTO ALLA PROTEZIONE DEI DATI PERSONALI FINALITA PRINCIPIO DI NECESSITA NEL TRATTAMENTO DEI DATI DEFINIZIONI

Dettagli

IN QUESTO NUMERO. ANAC: relazione annuale del responsabile della prevenzione della corruzione.

IN QUESTO NUMERO. ANAC: relazione annuale del responsabile della prevenzione della corruzione. N. 44 1 dicembre 2014 Reg. Tribunale di Milano n. 51 del 1 marzo 2013 IN QUESTO NUMERO ANAC: relazione annuale del responsabile della prevenzione della corruzione. ANAC: Formazione Obbligatoria dei dipendenti

Dettagli

Parliamo di privacy per la farmacia. Dott.ssa Priscilla Dusi Consulente Aziendale

Parliamo di privacy per la farmacia. Dott.ssa Priscilla Dusi Consulente Aziendale Parliamo di privacy per la farmacia Dott.ssa Priscilla Dusi Consulente Aziendale Le farmacie italiane, tutte convenzionate con il Servizio Sanitario Nazionale, hanno l importante compito di collaborare

Dettagli

COMUNE DI SARMATO PROVINCIA DI PIACENZA REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA NEL TERRITORIO COMUNALE DI SARMATO

COMUNE DI SARMATO PROVINCIA DI PIACENZA REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA NEL TERRITORIO COMUNALE DI SARMATO COMUNE DI SARMATO PROVINCIA DI PIACENZA REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA NEL TERRITORIO COMUNALE DI SARMATO Approvato con delibera di Consiglio Comunale n. 44 del 27.08.2014 1 CAPO

Dettagli

PRIVACY IN AZIENDA. Introduzione Privacy in azienda

PRIVACY IN AZIENDA. Introduzione Privacy in azienda Attenzione: la Guida che state stampando è aggiornata al 21/07/2015. I file allegati con estensione.doc,.xls,.pdf,.rtf, etc. non verranno stampati automaticamente; per averne copia cartacea è necessario

Dettagli

LAVENA PONTE TRESA Provincia Di VARESE Approvato con deliberazione di C.C. N. del.

LAVENA PONTE TRESA Provincia Di VARESE Approvato con deliberazione di C.C. N. del. REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA NEL TERRITORIO COMUNALE DI LAVENA PONTE TRESA Provincia Di VARESE Approvato con deliberazione di C.C. N. del. INDICE CAPO I PRINCIPI GENERALI Art.

Dettagli