Bambini In. Insieme. Con il Kosovo

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Bambini In. Insieme. Con il Kosovo"

Transcript

1 Bambini In Comune Insieme Con il Kosovo

2

3 Obiettivo generale promozione dell accoglienza attraverso il volontariato obiettivi specifici Realizzare gemellaggio Roma - Kosovo promuovere la cultura della solidarietà e della cittadinanza attiva a Roma; attivare sinergie tra reti familiari, professionisti esperti di settore, artisti, volontari a Roma per il Kosovo; raccogliere fondi per il Kosovo creare un ponte di relazioni virtuose Roma - Kosovo Il BIC è uno modo per fare volontariato, stare insieme, imparare, giocare, fare squadra e attivare il proprio talento in favore di una giusta causa

4

5 BAMBINI IN COMUNE, IL THINK TANK DELL ACCOGLIENZA Bambini in Comune è il Think Tank dell accoglienza che Ai.Bi. Associazione Amici dei Bambini promuove nelle varie regioni italiane in cui è presente, con l intento di attivare gemellaggi solidali tra le città italiane e nei 28 paesi esteri, nei quali opera a sostegno dei minori fuori famiglia. Bambini in Comune è un metodo di lavoro in rete, un laboratorio di pensiero; un processo, più che un progetto, che intende rilanciare la solidarietà e l equità attraverso la promozione e la valorizzazione di relazioni umane, prima che economiche. Nasce quindi un ponte di relazioni, di talenti da mettere in rete, in primo luogo sul territorio, per costruire pian piano un clima di reciprocità con i paesi esteri, nello spirito della cooperazione decentrata. Gli strumenti per poter partecipare possono essere i più disparati e creativi: dal sostegno a distanza, al volontariato, dalla cucina allo sport, all arte... A Roma, Bambini in Comune sostiene il Kosovo, essendo presente in entrambe le realtà un Centro Servizi alla Famiglia Pan di Zucchero che Ai.Bi. ha attivato in collaborazione con le Istituzioni locali, rispondendo ai bisogni del territorio, con l obiettivo della prevenzione dell abbandono e dell aiuto alle famiglie in difficoltà e ai bambini fuori dalla famiglia. Con Bambini in Comune, la messa in rete della solidarietà passa attraverso la contaminazione virtuosa di multidisciplinarietà e talenti, oltre che di intergenerazionalità: lo stesso nome Bambini in Comune è un invito affinché l infanzia sia al centro di ogni comunità/comune, a livello di cittadinanza attiva e a livello istituzionale.

6 MINORI IN KOSOVO IN CARICO AI SERVIZI SOCIALI PER MOTIVI FAMILIARI Minori abbandonati post-partum 39 Vittime di violenza familiare 273 Bambini abbandonati post-partum 32 accolti al SOS Kinderdorf Accoglienza residenziale per minori in 15 difficoltà, vittime di abuso Affido intra-familiare 614 Affido etero-familiare 40 Reintegrazioni familiari 6 Adozioni 30 TOTALE 1049 Il rapporto annuale 2008 del DSS (Department of Social Services) aggiornato evidenzia l aumento delle cifre di cui sopra, fino a bambini sono sotto la tutela. AiBi porta come modello di esperienza e buona prassi il Centro Servizi alla Famiglia (CSF) Pan di Zucchero come luogo di accoglienza, di cittadinanza attiva in cui in maniera sussidiaria interagiscono il pubblico e il privato. IL PROGETTO PAN DI ZUCCHERO IN KOSOVO Il Pan di Zucchero attualmente funzionante in Kosovo si trova a Pristina, all interno di un Centro di formazione per giovani Don Bosco. Il CSF è stato inaugurato nel 2008 e ad oggi è molto attivo. Il Pan di Zucchero funge da struttura polivalente di servizi sociali indirizzati ai minori fuori dalla famiglia e alle famiglie (di origine e accoglienti) sul territorio. Anche a Pristina il CSF PAN DI ZUCCHERO non si connota come Consultorio Familiare, unità di Servizi Socio-Sanitari, ma mantiene forte la propria identità familiare. Il cuore del CSF Pan di Zucchero in Kosovo è rappresentato dalla Casa Famiglia Laura Scotti, gestita da una coppia sposata che accoglie minori in affido da ben 10 anni, aperta all accoglienza di minori in affido o disponibile/preparata per interventi di emergenza, al fine di consentire l accoglienza immediata e temporanea dei minori allontanati di urgenza dalla famiglia, in vista di un loro collocamento presso una famiglia sostitutiva.

7 La Casa Famiglia Laura Scotti, nata in Kosovo nel 2009, non si limita quindi all accoglienza diretta, essendo anche nodo di una rete territoriale di famiglie accoglienti, capace cioè di stimolare, diffondere e supportare l accoglienza familiare. IL MODELLO PAN DI ZUCCHERO C.S.F. PAN DI ZUCCHERO FAMIGLIE AFFIDATARIE FAMIGLIE DI SUPPORTO VOLONTARI PROFESSIONISTI AREA BAMBINO AREA FAMIGLIA

8 STRUTTURA DEL C.S.F. PAN DI ZUCCHERO IL cuore del CSF PAN DI ZUCCHERO in Kosovo è costituito da tre aree ben distinte: l area Accoglienza, costituita dall abitazione della famiglia che gestisce il CSF Pan Di Zucchero l area Bambino, costituita da uno spazio Ludoteca e uno spazio Scuola, dove i bambini della rete territoriale (figli naturali delle coppie affidatarie, bambini in affidamento diurno o continuativo, bambini adottati, figli delle famiglie volontarie di supporto) possono trascorrere i loro momenti di gioco, di compiti e di ricreazione, con l ausilio di educatori e volontari che facilitino la relazionalità sociale, l integrazione multiculturale e l inserimento scolastico; l area Famiglia, costituita da ambienti dove organizzare percorsi di confronto. Qui si organizzano momenti di auto-formazione e formazione permanente per le famiglie (formazione alla genitorialità responsabile, all accoglienza affidataria e adottiva, gruppi di mutualità familiare, ) e per gli operatori del territorio (operatori psico-sociali, educatori, volontari di supporto, insegnanti delle scuole del territorio, amministratori pubblici del quartiere, ). Sono previsti anche spazi neutri per l incontro tra bambini, genitori naturali, genitori affidatari (soprattutto nei casi di affidamento giudiziario o di difficoltà relazionali tra famiglie). L accesso all area Famiglia consente, inoltre, alle famiglie che lo desiderino, di usufruire di un servizio di consulenza legale in tema di diritto di famiglia. Gli ambiti di servizio sono i seguenti: o o La Mutualità Familiare: il progetto punta molto sulla valorizzazione della reciprocità e della solidarietà tra famiglie accoglienti (affidatarie di diverso tipo, adottive), famiglie volontarie di supporto, famiglie affidate (famiglie di origine a rischio o in difficoltà), da sensibilizzare, coinvolgere, formare e sostenere nel tempo; La Promozione Culturale dell accoglienza familiare: su questo aspetto si lavora attraverso la promozione del volontariato. Per molte famiglie una prima graduale esperienza di volontariato a supporto delle famiglie accoglienti o in difficoltà può rappresentare, infatti, l occasione utile a maturare la scelta di un proprio percorso di accoglienza (prima temporaneo, diurno, e poi definitivo). Inoltre il volontario, adeguatamente supportato, è il migliore testimone che può portare l esperienza

9 o dell accoglienza familiare in tutti quegli ambienti con cui si relaziona: innanzitutto la scuola, parrocchia, realtà di aggregazione sociale del territorio, ecc ; Il Sostegno: la famiglia accogliente viene supportata, in ogni fase del cammino, nel portare avanti la propria scelta di accoglienza, attraverso servizi specialistici. All interno del CSF l équipe psico-socio-educativa di supporto, è preposta alle seguenti attività: la selezione delle famiglie; l analisi dei casi segnalati dai Servizi Sociali; l elaborazione di un progetto di vita per l accoglienza temporanea e per il ritorno del bambino nella famiglia di origine; la proposta di abbinamento minore-famiglia, scegliendo per ciascun bambino la famiglia che può rappresentare la migliore risorsa di accoglienza; la preparazione all inserimento familiare; il momento dell incontro della famiglia accogliente con il bambino e con i genitori naturali; l accompagnamento dell inserimento; la costruzione della relazione della famiglia accogliente con il bambino e con la famiglia di origine; il post-inserimento; la conduzione e la gestione di gruppi di mutuo aiuto familiare; la formazione permanente delle famiglie, degli operatori e dei volontari; la valutazione e la verifica costante del progetto di vita; la ricerca, lo studio e l analisi circa il fenomeno sociale del disagio familiare nel territorio di riferimento e circa la casistica dell affidamento, al fine di capitalizzare le esperienze in termini di programmazione educativa e metodologie di intervento. Le famiglie che frequentano il CSF, per poter portare i figli a fare visite o sedute dalla psicologa del Pan di Zucchero, non hanno disponibilità economica, quindi in molti casi si provvede a fornire loro il trasporto; così pure quando ci sono momenti di aggregazione o di formazione che altrimenti sarebbero loro preclusi. L organigramma del CSF Pan di Zucchero, ha all attivo le seguenti risorse umane: una o più famiglie accoglienti - disponibile, motivata, preparata a questa scelta di vita;

10 l èquipe psico-socio-educativa di supporto - per le attività di selezione e formazione, consulenza e assistenza nel post-inserimento, valutazione e studio - composta da uno psicologo, un pedagogista, un assistente sociale e da due tutor familiari; un coordinatore di tutto il servizio di Amici dei Bambini le famiglie o i singoli aderenti alla rete di volontariato di supporto familiare (soprattutto negli ambiti ludoteca, scuola, baby-sitting e gestione domestica)

11 I BENEFICIARI DEL C.S.F. PAN DI ZUCCHERO DI PRISTINA I beneficiari diretti e primari del progetto sono i minori accolti, le famiglie accoglienti e le famiglie di origine dei bambini in affidamento, che usufruiscono dei servizi e delle possibilità offerte dal CSF PAN DI ZUCCHERO e dalla rete integrata di servizi. Indicativamente, sulla base del gruppo di famiglie di partenza già costituito, si stima un coinvolgimento costante biennale di almeno 63 minori (con altrettante famiglie di origine) e 48 famiglie accoglienti. Beneficiari indiretti sono considerate le famiglie di supporto, gli operatori (assistenti sociali, insegnanti, ) ed i volontari coinvolti nella erogazione, promozione e diffusione dei servizi sul territorio, stimati nell ordine di 120 persone a biennio. COME FUNZIONA - IL PDZ è aperto tutti i gg dalle 10 alle L equipe multi disciplinare degli operatori è presente al PDZ e fa anche visite domiciliari - I servizi sono tutti gratuiti - I bambini ospitati dalla Casa famiglia sono in affido, il tempo di permanenza è stabilito dai servizi in base alla situazione della famiglia biologica, se presente. - I bambini che vengono ospitati dalla struttura frequentano regolarmente le attività scolastiche previste - Nella Casa famiglia sono attualmente ospitate 3 bambine e 2 bambini di cui uno disabile e l altro neonato

12 PAN DI ZUCCHERO KOSOVO SUPPORTO DI BASE materiale attività minori fondo emergenza famiglie Affitto annuo locali PDZ servizio psicologico servizio pedagogico servizio pediatrico coordinamento trasporto PDZ

13 ANCHE A ROMA AI.BI HA UN CENTRO PAN DI ZUCCHERO Attualmente inserito nel progetto 285 Bambini al Centro Del IV Municipio

14 LA LOCANDINA DELLE ATTIVITÀ DEL PAN DI ZUCCHERO A ROMA

15 STRUMENTI PER ATTIVAZIONE DEL GEMELLAGGIO Da un punto di vista sia personale che collettivo, essere parte di un BIC in una delle città italiane in cui Amici dei Bambini opera, conduce ad un coinvolgimento dell individuo che divertendosi aiuta se stesso e il prossimo. Ai.Bi Roma propone la partecipazione al BIC Kosovo, secondo le modalità che cittadini ed eventuali partner sentiranno a loro più consone. Qui di seguito riportiamo una ipotetica griglia di possibilità in cui ognuno potrà partecipare e fare proposte. STRUMENTI STRUMENTO GENERALE STRUMENTO SPECIFICO (esempi) VOLONTARIATO - Mi formo sui servizi e la mission di AiBi - Divento volontario di Ai.Bi. o nella sede istituzionale o al Pan di Zucchero per supportare le attività di Bambini in Comune - Metto a disposizione il mio tempo gratuitamente per implementare il progetto SAD - Attivo o promuovo un SAD Comunitario (1x25), sostegno a distanza adozione spirituale RETE Utilizzo le piattaforme Aibisocial facebook.. ai fini della promozione del progetto COOPERAZIONE - Promuovo attività di cooperazione finalizzate a sviluppo di relazioni e conoscenza Roma- Kosovo LOBBY - Costruisco rete di rapporti istituzionali in favore del progetto EVENTI - Organizzo aperitivi, letture, concerti, cene, saggi, attività sportive, convegni, spettacoli FUND RAISING - Organizzo raccolte fondi, aiuto a scrivere progetti che implementino le attività del Pan di Zucchero EDUCAZIONE (ALUNNI) - Strutturo in collaborazione con l associazione un percorso educativo relazionale di sensibilizzazione degli alunni/studenti TESTIMONIANZA - Divento testimone - testimonial Goodwill Ambassador del progetto ALTRO - ATTIVO UN MIO TALENTO O UNA MIA COMPETENZA PROFESSIONALE PROPONGO UN IDEA

16 BAMBINI IN COMUNE ALBUM FOTOGRAFICO momenti e luoghi del C.S.F. Pan di Zucchero in Kosovo Formazione e famiglie - Kosovo attività di gioco - Kosovo momenti e luoghi del C.S.F. Pan di Zucchero a Roma Ginnastica - Roma laboratorio di Regia creativa Roma

17 ASSOCIAZIONE PROPONENTE ASSOCIAZIONI PARTNER DI BAMBINI IN COMUNE IN KOSOVO AICEM Le attività in corso - Formazione giovani universitari - Attività di raccolta fondi - Promozione del SAD (Sostegno a distanza) in favore del Kosovo OFFICINE SONORE - talent musicale pro Bambini in Comune (BIC) - Formazione alla responsabilità sociale di giovani artisti - Promozione del SAD (Sostegno a distanza) in favore del Kosovo LA SELCETTA

18 - sensibilizzazione bambini e famiglie - Promozione del SAD (Sostegno a distanza) in favore del Kosovo TEATRO VERDE - Sensibilizzazione bambini e famiglie - Organizzazione Eventi AMICI 2011 SOCIETA CIVILE Famiglie, bambini, nonni.

19 PARTNER ISTITUZIONALI PATROCINI ISTITUZIONALI anno 2011

20 Assessorato alle Politiche Sociali e per la Famiglia e ai Rapporti Istituzionali Dicono di noi «La vera scommessa di Bambini in Comune è l investimento nella Relazione. La relazione è l ingrediente fondamentale per ricostruire l anima sociale del nostro Paese. L anima non è quantificabile in termini economici, ma è ciò che prima di tutto determina il Benessere di una società che, dall oggi, costruisce il futuro proprio e dei propri figli». Francesco Alvaro, Garante dell Infanzia e dell Adolescenza della Regione Lazio

21 Ambasciatori di Buona Volontà Emma D Aquino Continua con te

22

23 I PRIMI PASSI IMPORTANTI PIANO PIANO SI PASSERA DA BAMBINI IN COMUNE IN KOSOVO A BAMBINI IN COMUNE PER IL KOSOVO VERSO BAMBINI IN COMUNE CON IL KOSOVO

24 19 dicembre 2011 COMUNICATO STAMPA DI AI.BI. - ASSOCIAZIONE AMICI DEI BAMBINI BAMBINI IN COMUNE INSIEME PER IL KOSOVO IL THINK TANK DELL ACCOGLIENZA firmato l accordo con il Garante Regionale dell Infanzia e dell Adolescenza della Regione Lazio, tenuto a battesimo oggi in Campidoglio dalla prestigiosa Sala delle Bandiere. La conferenza stampa ha visto intervenire tutti i partner dell iniziativa e l Assessore Gianluigi de Palo - Assessore alla Famiglia, all Educazione e ai Giovani di Roma Capitale, che in sede di Conferenza stampa ha dichiarato: C è una famiglia umana da tutelare, indipendentemente dal luogo in cui vive. Così come i bambini, che devono essere salvaguardati sempre. Il progetto dell Ai.Bi. è molto importante perché vuole, partendo da Roma e attraverso gli strumenti positivi di questa città, porre nuovamente l attenzione sul Kosovo. Soprattutto dopo che l interesse mediatico è venuto meno nel tempo. Roma è la Capitale dei bambini. I più giovani sono un capitale, il futuro e il presente della società. Non c è una vera attenzione sui minori se non c è una reale attenzione alla famiglia. E importante trovare le sinergie giuste. Quando ho assunto la carica da Assessore, ho voluto fortemente cambiare il nome dell Assessorato per dare l idea di quali sono le priorità in questo settore: la famiglia è una di queste, il luogo principale dove risolvere problematiche che potrebbero altrimenti degenerare. Sono convinto che le politiche per l Infanzia, sia in Italia che in Kosovo, non possano prescindere da quelle per la famiglia. Spero che Ai.Bi. possa diventare una di quelle associazioni che definisco cellule staminali adulte della nostra città: delle realtà silenziose, bellissime, che non hanno finanziamenti, ma lavorano facilitando i percorsi delle famiglie e della città. E fondamentale il servizio sussidiario che queste associazioni offrono al tessuto sociale della capitale. Francesco Alvaro, Garante Regionale dell Infanzia e dell Adolescenza annuncia: Siamo appena all inizio, continuiamo a tenere a noi vicine realtà come quelle di oggi, il resto verrà da sé. L accordo firmato prevede, tra le altre attività, la realizzazione alcuni incontri informativi e di stimolo sulla figura del Garante e sull accoglienza infanzia abbandonata dedicati alle famiglie, agli adolescenti, ai giovani, con particolare riguardo per i partner di Ai.Bi. sul Progetto Bambini in Comune Insieme per il Kosovo. Aver firmato l Accordo con il Garante Regionale dell Infanzia e dell Adolescenza della Regione Lazio oggi, a cavallo tra l anno del volontariato e il 2012 che sarà l anno della cooperazione dichiara Marzia Masiello di Ai.Bi. Roma - è stato motivo di gioia e soddisfazione. Bambini in Comune Insieme per il Kosovo come think tank, laboratorio, cantiere dell accoglienza, era una grande scommessa. Inizialmente i timori erano tanti. Puntare sulla rete, concetto anche forse troppo abusato ma poco realizzato, a Roma, dove già tutto esiste, ci sembrava quasi un impresa impossibile: troppe le offerte e troppo poche le risorse. La grande intuizione di Bambini in Comune è stata quella di far parlare tra di loro progetti già esistenti, di varia natura e ispirazione, dando loro un anima sociale comune, attraverso la diffusione della cultura della reciprocità e dell accoglienza. Vedere la collaborazione di cittadini, associazioni e Istituzioni intorno a Bambini in Comune Insieme per il Kosovo è una bella risposta alla crisi di senso e di significato che stiamo attraversando in questo momento storico tanto complesso. Bambini in Comune dimostra che una via diversa, solidale e equa, a misura di famiglia e di bambino, è possibile. L appuntamento è al prossimo anno in cui auspichiamo che questo processo virtuoso si trasformi da Insieme per il Kosovo in insieme CON il Kosovo

25 gli inizi di Bambini in Comune - Lettera a un gruppo di famiglie..

26 lettere dal Kosovo

27 LO SPETTACOLO DI HENSEL E GRETEL CON IL TEATRO VERDE IL 25 APRILE 2012

28

29 FORMAZIONE GIOVANI E SERATA AL TALENT SHOW FESTIVAL NETTUNO 30 GIUGNO 2012

30 Abbreviazioni utili BIC Bambini in Comune CSF Centro Servizi alla Famiglia DSS - Department of Social Services PDZ Pan di Zucchero SAD Sostegno a Distanza APPUNTI PER UNA PROPOSTA

31 APPUNTI PER UNA PROPOSTA

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA Ente proponente il progetto: CONGREGAZIONE SUORE ORSOLINE DEL SACRO CUORE DI MARIA Codice di accreditamento: NZ00039 Albo e classe

Dettagli

La Casa Famiglia: affetto e accoglienza a misura di bambino

La Casa Famiglia: affetto e accoglienza a misura di bambino La Casa Famiglia: affetto e accoglienza a misura di bambino Premessa AiBi - Amici dei Bambini è un Organizzazione Umanitaria Internazionale costituita il 21 gennaio 1986, i cui principi ispiratori nascono

Dettagli

Centro per la Famiglia

Centro per la Famiglia Il Piano Locale Unitario dei Servizi alla Persona PLUS 21, in esecuzione del Contratto di Servizio sottoscritto con le Cooperative Koinos e Anteros in ATS, promuove e gestisce il Centro per la Famiglia

Dettagli

UNA VISIONE DELL ADOZIONE E DELL AFFIDAMENTO

UNA VISIONE DELL ADOZIONE E DELL AFFIDAMENTO UNA VISIONE DELL ADOZIONE E DELL AFFIDAMENTO Benedetta Baquè Psicologa - Psicoterapeuta I BISOGNI DEI BAMBINI E DEI RAGAZZI Ogni bambino ha diritto a crescere in una famiglia, la propria o se questa non

Dettagli

Carta dei Servizi della Cooperativa Sociale Il Sogno

Carta dei Servizi della Cooperativa Sociale Il Sogno Carta dei Servizi della Cooperativa Sociale Il Sogno 1 PRESENTAZIONE Gentili lettori, la Cooperativa Sociale Il Sogno ha scelto da tempo di impostare il proprio lavoro nell'ottica di un alto livello di

Dettagli

REGOLAMENTO AFFIDAMENTO FAMILIARE

REGOLAMENTO AFFIDAMENTO FAMILIARE REGOLAMENTO AFFIDAMENTO FAMILIARE AMBITO TERRRITORIALE VALLE SERIANA Comuni di Albino, Alzano Lombardo, Aviatico, Casnigo, Cazzano S.A., Cene, Colzate, Fiorano al Serio, Gandino, Gazzaniga, Leffe, Nembro,

Dettagli

PROGETTO AFFIDO FAMILIARE sintesi Attività di sensibilizzazione e formazione Famiglie affidatarie (Ottobre 2001 Ottobre 2002)

PROGETTO AFFIDO FAMILIARE sintesi Attività di sensibilizzazione e formazione Famiglie affidatarie (Ottobre 2001 Ottobre 2002) L Affidamento etero familiare inteso come risposta qualificata a garantire il diritto di tanti bambini e ragazzi ad avere una famiglia, in grado anche temporaneamente di aiutarli a crescere ha costituito

Dettagli

I bambini e le famiglie

I bambini e le famiglie 3.8 I bambini e le famiglie ambiti bisogni SERVIZI C.I.S.S. DOMICILIARITà Continuare a vivere ASSISTENZA DOMICILIARE nel proprio ambiente di vita Vivere in un contesto familiare, AFFIDAMENTO FAMILIARE

Dettagli

SOS VILLAGGI DEI BAMBINI ONLUS. Il calore di una casa per ogni bambino

SOS VILLAGGI DEI BAMBINI ONLUS. Il calore di una casa per ogni bambino SOS VILLAGGI DEI BAMBINI ONLUS Il calore di una casa per ogni bambino La nostra storia L Associazione SOS Villaggi dei Bambini fu fondata in Austria da Hermann Gmeiner nel 1949 al fine di aiutare i bambini

Dettagli

1) Ente proponente il progetto: UNA MANO PER TE SOCIETA COOPERATIVA SOCIALE ONLUS REGIONE PUGLIA

1) Ente proponente il progetto: UNA MANO PER TE SOCIETA COOPERATIVA SOCIALE ONLUS REGIONE PUGLIA Estratto scheda Progetto ENTE 1) Ente proponente il progetto: UNA MANO PER TE SOCIETA COOPERATIVA SOCIALE ONLUS 2) Codice di accreditamento: NZ04068 3) Albo e classe di iscrizione: REGIONE PUGLIA 4 CARATTERISTICHE

Dettagli

I SERVIZI SOCIO-EDUCATIVI IN PROVINCIA DI TRENTO

I SERVIZI SOCIO-EDUCATIVI IN PROVINCIA DI TRENTO I SERVIZI SOCIO-EDUCATIVI IN PROVINCIA DI TRENTO SERVIZI RESIDENZIALI I SERVIZI DI PRONTA ACCOGLIENZA: IL CENTRO PER L INFANZIA IL CENTRO DI PRONTA ACCOGLIENZA Il Centro per l Infanzia accoglie bambini

Dettagli

Consulta DS per l infanzia e l adolescenza Gianni Rodari. Adozione e Affido Familiare Una famiglia per ogni bambino

Consulta DS per l infanzia e l adolescenza Gianni Rodari. Adozione e Affido Familiare Una famiglia per ogni bambino I figli non sono vostri figli. Sono i figli e le figlie della sete che di sé stessa ha la vita... Voi siete gli archi da cui i figli, come frecce vive, sono scoccate in avanti. L'Arciere vede il bersaglio

Dettagli

Deliberazione Consiglio Comunale n 119 del 6 ottobre 2009

Deliberazione Consiglio Comunale n 119 del 6 ottobre 2009 Deliberazione Consiglio Comunale n 119 del 6 ottobre 2009 Regolamento Affidamento Familiare Art. 1 Oggetto Il presente Regolamento disciplina i principi e le modalità cui devono uniformarsi la gestione,

Dettagli

REGOLAMENTO SOVRACOMUNALE SULL AFFIDO FAMILIARE

REGOLAMENTO SOVRACOMUNALE SULL AFFIDO FAMILIARE AZIENDA SPECIALE CONSORTILE Isola Bergamasca - Bassa Val San Martino azienda territoriale per i servizi alla persona REGOLAMENTO SOVRACOMUNALE SULL AFFIDO FAMILIARE Premessa I Comuni dell Ambito Territoriale

Dettagli

cfr. Resilienza Il Pozzo dei Desideri scritto da Gabriella Ferraro Bologna, edito dalla biblioteca di VIVARIUM

cfr. Resilienza Il Pozzo dei Desideri scritto da Gabriella Ferraro Bologna, edito dalla biblioteca di VIVARIUM Associazione FA.T.A. Onlus FA.T.A. FAmiglie Temporanea Accoglienza (www.fataonlus.org) ospita e sostiene bambini e adolescenti che il Tribunale dei Minori allontana dalla famiglia per disagio. L Associazione

Dettagli

opuscolo depressione 21-03-2003 11:21 Pagina 1

opuscolo depressione 21-03-2003 11:21 Pagina 1 opuscolo depressione 21-03-2003 11:21 Pagina 1 opuscolo depressione 21-03-2003 11:21 Pagina 3 opuscolo depressione 21-03-2003 11:21 Pagina 5 opuscolo depressione 21-03-2003 11:21 Pagina 7 opuscolo depressione

Dettagli

Guide per i cittadini

Guide per i cittadini PIANO DI ZONA AREA FAMIGLIA, INFANZIA ADOLESCENZA E MINORI Guida per i cittadini - Anno 2011 Guide per i cittadini S c h e d e P r o g e t t i Interventi Pablo Picasso Maternità INDICE Interventi di accesso,

Dettagli

Adozione e Affidamento: storie di integrazione famigliare

Adozione e Affidamento: storie di integrazione famigliare Adozione e Affidamento: storie di integrazione famigliare Indice Affidamento familiare Più forme di accoglienza I veri protagonisti dell affidamento: i bambini La Famiglia del bambino La Famiglia affidataria

Dettagli

Scuola Di Donato - Via Nino Bixio 83-85 PROGETTO

Scuola Di Donato - Via Nino Bixio 83-85 PROGETTO Scuola Di Donato - Via Nino Bixio 83-85 PROGETTO PUNTO DI INCONTRO E SPAZIO DI ASCOLTO 1. Premessa 1.1 - Il percorso fatto nella scuola e nel rione Esquilino L Associazione Genitori Scuola Di Donato nasce

Dettagli

Centro affidi e Centro adozioni: esperienze e prospettive

Centro affidi e Centro adozioni: esperienze e prospettive Nuove forme per l accoglienza familiare Firenze, 6 marzo 2013 Centro affidi e Centro adozioni: esperienze e prospettive Dott.ssa Sandra Di Rocco Responsabile P.O. Interventi per Minori e Famiglia del Comune

Dettagli

COOPERAZIONEFAMIGLIE

COOPERAZIONEFAMIGLIE COOPERAZIONEFAMIGLIE Chi siamo La Cooperativa Sociale CAF nasce nel 2011 a Romano di Lombardia ( BG ) dalla filiazione dell Associazione di Volontariato Sociale CAF Centro Aiuto Famiglia, sorta nel 1986,

Dettagli

INDICE 2. SCHEDE DESCRITTIVE DEI SERVIZI E DELLE RELATIVE MODALITA'DI ACCESSO 3. ORGANIZZAZIONE DELL AMBITO SOCIALE

INDICE 2. SCHEDE DESCRITTIVE DEI SERVIZI E DELLE RELATIVE MODALITA'DI ACCESSO 3. ORGANIZZAZIONE DELL AMBITO SOCIALE Edizione : 02 Data : 15/11/2004 Pag. 1 di 40 INDICE 1. ELENCO DEI SERVIZI DISPONIBILI 1.1 Il sistema integrato dei Servizi Sociali 1.2 Gli interventi erogati dall'ente di Ambito Sociale 2. SCHEDE DESCRITTIVE

Dettagli

TAGESMUTTER - IL SORRISO Cooperativa sociale di Servizi per l Infanzia

TAGESMUTTER - IL SORRISO Cooperativa sociale di Servizi per l Infanzia Un nido a dimensione familiare TAGESMUTTER - IL SORRISO Cooperativa sociale di Servizi per l Infanzia La Cooperativa sociale Tagesmutter del Trentino - Il Sorriso nasce per valorizzare il lavoro educativo

Dettagli

Servizi sociali di Ambito

Servizi sociali di Ambito Regolamento sull affido familiare dell Ambito territoriale di Seriate Comuni di: Seriate, Albano S. Alessandro, Bagnatica, Brusaporto, Cavernago, Costa di Mezzate, Grassobbio, Montello, Pedrengo, Scanzorosciate,

Dettagli

Corso di aggiornamento Inserimento scolastico dei minori adottati o in affidamento familiare

Corso di aggiornamento Inserimento scolastico dei minori adottati o in affidamento familiare Corso di aggiornamento Inserimento scolastico dei minori adottati o in affidamento familiare 1 incontro 11 aprile 2011 Assistente sociale Maria Grazia Pensabene Servizio politiche sociali e abitative -

Dettagli

NOVA NUOVI ORIZZONTI PER VIVERE L ADOZIONE

NOVA NUOVI ORIZZONTI PER VIVERE L ADOZIONE NOVA NUOVI ORIZZONTI PER VIVERE L ADOZIONE Resto in Famiglia! Il progetto Resto in famiglia promosso da NOVA preserva la famiglia, attraverso un adeguata accoglienza delle problematiche presenti all interno

Dettagli

In questo numero: Cari sostenitori,

In questo numero: Cari sostenitori, News letter di Agiornamento sui Progetti di Amici dei Bambini in Kosovo Cari sostenitori, In questo numero: APERTO IL PRIMO PAN DI ZUCCHERO DI AiBi ALL ESTERO I GIOVANI DI FUSHE KOSOVO PARLANO DI... GIOCHIAMO

Dettagli

IL PROGETTO NEONATI DELLA CITTA DI TORINO

IL PROGETTO NEONATI DELLA CITTA DI TORINO Corso finanziato dalla Provincia di Torino SEMINARIO IL PROGETTO NEONATI DELLA CITTA DI TORINO Storia e prospettive dell affidamento di bambini piccolissimi Considerazioni e questioni aperte, a partire

Dettagli

CENTRO DI SOSTEGNO A MINORI E FAMIGLIE e SPAZIO NEUTRO

CENTRO DI SOSTEGNO A MINORI E FAMIGLIE e SPAZIO NEUTRO ALLEGATO 3 DIRETTIVA PROGETTUALE CENTRO DI SOSTEGNO A MINORI E FAMIGLIE e SPAZIO NEUTRO Il progetto è costituito da due servizi diversi per finalità, obiettivi e metodologia, pertanto, la direttiva progettuale

Dettagli

PROGETTO CASCINA MONLUE

PROGETTO CASCINA MONLUE Associazione "La Nostra Comunità" TEL. e FAX +39 02 71 55 35 www.lanostracomunita.it E-mail: info@lanostracomunita.it Codice Fiscale n. 97026250155 PROGETTO CASCINA MONLUE non un nostro sogno ma un sogno

Dettagli

proposta di legge n. 168

proposta di legge n. 168 REGIONE MARCHE 1 ASSEMBLEA LEGISLATIVA proposta di legge n. 168 a iniziativa del Consigliere Latini presentata in data 14 dicembre 2011 DISCIPLINA DELL AFFIDAMENTO FAMILIARE IN SITUAZIONI DI EMERGENZA

Dettagli

Ciao, avevo bisogno di una mano per stare bene

Ciao, avevo bisogno di una mano per stare bene Cooperativa Sociale Mission. Promuovere e perseguire lo sviluppo d autonomie di persone con svantaggi psicofisici, favorendo l integrazione e la cultura dell accoglienza nella comunità locale, attraverso

Dettagli

REGOLAMENTO PER L AFFIDAMENTO FAMILIARE DEI MINORI

REGOLAMENTO PER L AFFIDAMENTO FAMILIARE DEI MINORI Allegato A alla deliberazione di C.C. n. 46 del 09/10/2015 IL SEGRETARIO COMUNALE Dott.ssa Maria Teresa Vella 1 REGOLAMENTO PER L AFFIDAMENTO FAMILIARE DEI MINORI INDICE Art. 1 - Oggetto PREMESSA Art.

Dettagli

L AFFIDO: RISORSA PREZIOSA PER LA COMUNITA

L AFFIDO: RISORSA PREZIOSA PER LA COMUNITA L AFFIDO: RISORSA PREZIOSA PER LA COMUNITA Testi Barbara Raffaeli - Provincia di Rimini, Servizio Politiche Sociali Micaela Donnini e Tamara Zangheri - Azienda Usl di Rimini, S.S. Responsabilità genitoriale

Dettagli

Centro Amaltea. Carta dei Servizi

Centro Amaltea. Carta dei Servizi Centro Amaltea Carta dei Servizi Presentazione Il Centro Amaltea è un progetto del Coordinamento Famiglie Affidatarie ed è nato per concretizzare e rendere operativo il suo pensiero fondante. Amaltea

Dettagli

Periferie educative 2014 - LA SPEZIA

Periferie educative 2014 - LA SPEZIA Presidenza del Consiglio dei Ministri Ufficio Nazionale per il Servizio Civile PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA della Caritas Diocesana della LA SPEZIA TITOLO DEL PROGETTO

Dettagli

MEDIAZIONE FAMILIARE INCONTRI PROTETTI SOSTEGNO NELL AFFIDO

MEDIAZIONE FAMILIARE INCONTRI PROTETTI SOSTEGNO NELL AFFIDO Il servizio di mediazione e sostegno SMS, nei suoi diversi ambiti di applicazione ha come caratteristica la restituzione di responsabilità e di autodeterminazione alle parti del sistema famiglia che si

Dettagli

Il contributo delle associazioni familiari all affermazione dei diritti dei minori

Il contributo delle associazioni familiari all affermazione dei diritti dei minori Il contributo delle associazioni familiari all affermazione dei diritti dei minori Annamaria Columbu, UBI MINOR 1994 alcune associazioni operanti in Toscana si incontrano per preparare la Conferenza Nazionale

Dettagli

Progetto V.A.I. Valorizzazione Accoglienza Integrata. Guida ai servizi degli Enti aderenti alla Rete. Centro di Orientamento dell Alto Friuli

Progetto V.A.I. Valorizzazione Accoglienza Integrata. Guida ai servizi degli Enti aderenti alla Rete. Centro di Orientamento dell Alto Friuli Centro di Orientamento dell Alto Friuli Azienda per i Servizi Sanitari n. 3 Alto Friuli Distretto Socio-sanitario n. 1 Distretto Socio-sanitario n. 2 C.I.C. Centro Informazione e Consulenza Dipartimento

Dettagli

1. Quali sono le procedure per aprire una struttura che presta servizi socioassistenziali? 3. Quali sono le strutture socioassistenziali per minori?

1. Quali sono le procedure per aprire una struttura che presta servizi socioassistenziali? 3. Quali sono le strutture socioassistenziali per minori? 1. Quali sono le procedure per aprire una struttura che presta servizi socioassistenziali? Le procedure per aprire una struttura socioassistenziale sono definite dalla normativa regionale. Il rappresentante

Dettagli

1) MOTIVAZIONE SCOLASTICA: promuovere le risorse personali degli studenti per aiutarli a stare e andare bene a scuola.

1) MOTIVAZIONE SCOLASTICA: promuovere le risorse personali degli studenti per aiutarli a stare e andare bene a scuola. Passo dopo Passo Insieme supporta la motivazione scolastica dei preadolescenti, promuovendo percorsi che mettano al centro le risorse personali dei ragazzi e offrendo progetti di formazione e sensibilizzazione

Dettagli

Il Progetto Cicogna: un progetto che nell accoglienza dei piccolissimi integra pubblico, privato, comunitàe affido.

Il Progetto Cicogna: un progetto che nell accoglienza dei piccolissimi integra pubblico, privato, comunitàe affido. Torino 16 ottobre 2013 Il Progetto Cicogna: un progetto che nell accoglienza dei piccolissimi integra pubblico, privato, comunitàe affido. CENTRO ACCOGLIENZA LA RUPE Dott.ssa Piera Poli Pubblico, privato

Dettagli

Comune di Comune di Comune di Comune di. San Marco in Lamis San Giovanni Rotondo Rignano Garganico San Nicandro Garganico

Comune di Comune di Comune di Comune di. San Marco in Lamis San Giovanni Rotondo Rignano Garganico San Nicandro Garganico Comune di Comune di Comune di Comune di San Marco in Lamis San Giovanni Rotondo Rignano Garganico San Nicandro Garganico PRESENTAZIONE L art. 1 della legge 149 del 2001 Diritto del minore ad una famiglia

Dettagli

1. Le Amministrazioni Comunali dell Ambito distrettuale di Cremona (di seguito denominati Enti per la gestione

1. Le Amministrazioni Comunali dell Ambito distrettuale di Cremona (di seguito denominati Enti per la gestione REGOLAMENTO PER IL LIVELLO ASSOCIATO DELL AFFIDO FAMILIARE Articolo 1 - Oggetto 1. Le Amministrazioni Comunali dell Ambito distrettuale di Cremona (di seguito denominati Enti per la gestione associata

Dettagli

Curriculum sintetico. Associazione Rimettere le Ali Onlus. Dati di riferimento. Natura dell organizzazione. Attività ed esperienze

Curriculum sintetico. Associazione Rimettere le Ali Onlus. Dati di riferimento. Natura dell organizzazione. Attività ed esperienze Dati di riferimento Denominazione: Associazione rimettere le ali onlus Tipologia: Associazione non Profit Onlus Riconoscimenti: Iscritta all anagrafe delle Onlus regionale del Lazio al protocollo 0036191

Dettagli

C O M U N E DI C A I V A N O. Provincia di Napoli SETTORE POLITICHE SOCIALI CORSO UMBERTO N. 413 80023 CAIVANO (NA) TEL. 0818800812/13 FAX 0818305224

C O M U N E DI C A I V A N O. Provincia di Napoli SETTORE POLITICHE SOCIALI CORSO UMBERTO N. 413 80023 CAIVANO (NA) TEL. 0818800812/13 FAX 0818305224 C O M U N E DI C A I V A N O Provincia di Napoli SETTORE POLITICHE SOCIALI CORSO UMBERTO N. 413 80023 CAIVANO (NA) TEL. 0818800812/13 FAX 0818305224 GUIDA AI SERVIZI 2011 Comune di Caivano - Guida ai Servizi

Dettagli

Interventi di prevenzione e promozione sociale

Interventi di prevenzione e promozione sociale Assistenziale aiuto e sostegno Sostegno psico-sociale Interventi integrativi e sostitutivi delle funzioni proprie del nucleo familiare Assistenza domiciliare Consultorio Mediazione familiare Tutela salute

Dettagli

Azienda Speciale Servizi alla Persona

Azienda Speciale Servizi alla Persona Azienda Speciale Servizi alla Persona AREA PSICOLOGI SERVIZIO PSICOLOGICO TUTELA MINORI e AFFIDI FAMILIARI DISTRETTUALE SERVIZIO PSICOLOGICO TUTELA MINORI Il servizio ha l obiettivo di garantire in sinergia

Dettagli

I disabili (di età superiore a 18 anni)

I disabili (di età superiore a 18 anni) 3.9 3.8 I disabili (di età superiore a 18 anni) ambiti bisogni SERVIZI C.I.S.S. DOMICILIARITà POVERTà LAVORO RESIDENZIALITà Continuare a vivere nel proprio ambiente di vita Avere un sostegno quando la

Dettagli

FORMULARIO DELL AZIONE

FORMULARIO DELL AZIONE FORMULARIO DELL AZIONE 1. NUMERO AZIONE 23 2. TITOLO AZIONE Servizi Residenziali per donne vittime di violenza Numero 2 case protette 3. DESCRIZIONE DELLE ATTIVITÀ Descrivere sinteticamente le attività

Dettagli

ALLEGATO A Dgr n. del pag. 1/8

ALLEGATO A Dgr n. del pag. 1/8 giunta regionale 9^ legislatura ALLEGATO A Dgr n. del pag. 1/8 PROTOCOLLO OPERATIVO PER L'ADOZIONE NAZIONALE ED INTERNAZIONALE 2012-2014 ATTUAZIONE DELL'ART. 39 BIS COMMA 1 LETT. C) LEGGE 184/83 CON MODIFICHE

Dettagli

Regolamento Affidamento Familiare

Regolamento Affidamento Familiare Art. 1 - Oggetto 1. Il presente Regolamento disciplina i principi e le modalità cui devono uniformarsi la gestione, l erogazione e l accesso all affidamento familiare rivolto ai minori e alle loro famiglie

Dettagli

TRA PREMESSO CHE VISTO CHE

TRA PREMESSO CHE VISTO CHE PROTOCOLLO D INTESA PER LA PROMOZIONE DI STRATEGIE CONDIVISE FINALIZZATE ALLA PREVENZIONE ED AL CONTRASTO DEL FENOMENO DELLA VIOLENZA NEI CONFRONTI DELLE DONNE TRA PROVINCIA DI ROMA -ASSESSORATO POLITICHE

Dettagli

PROTOCOLLO DI BUONE PRASSI ACCOGLIENZA MINORI ADOTTATI IN AMBITO SCOLASTICO

PROTOCOLLO DI BUONE PRASSI ACCOGLIENZA MINORI ADOTTATI IN AMBITO SCOLASTICO PROTOCOLLO DI BUONE PRASSI ACCOGLIENZA MINORI ADOTTATI IN AMBITO SCOLASTICO FINALITA Proposta di un protocollo di buone prassi per l accoglienza di minori adottati: - promuovere una rete di supporto, comunicazione,

Dettagli

Il territorio e la promozione dei servizi relazionali pubblici e privati. Verso il primo piano regionale per i bambini e gli adolescenti nel Veneto Padova il 18 dicembre Francesco Gallo 1 Premessa Con

Dettagli

REGIONE LAZIO Assessorato alle Politiche Sociali

REGIONE LAZIO Assessorato alle Politiche Sociali Il presente allegato è composto di n. 14 pagine Allegato 1 REGIONE LAZIO Assessorato alle Politiche Sociali SCHEMA DI PROTOCOLLO OPERATIVO PER LA COLLABORAZIONE TRA SERVIZI TERRITORIALI, ENTI AUTORIZZATI

Dettagli

REGIONE LAZIO Assessorato alle Politiche Sociali

REGIONE LAZIO Assessorato alle Politiche Sociali Il presente allegato è composto di n. 14 pagine Allegato 1 REGIONE LAZIO Assessorato alle Politiche Sociali SCHEMA DI PROTOCOLLO OPERATIVO PER LA COLLABORAZIONE TRA SERVIZI TERRITORIALI, ENTI AUTORIZZATI

Dettagli

UNA FAMIGLIA X UNA FAMIGLIA trasformare una buona prassi in una buona politica

UNA FAMIGLIA X UNA FAMIGLIA trasformare una buona prassi in una buona politica UNA FAMIGLIA X UNA FAMIGLIA trasformare una buona prassi in una buona politica Roma, 17/01/2013 Fondazione PAIDEIA onlus www.fondazionepaideia.it; info@fondazionepaideia.it Verso una nuova forma di affido

Dettagli

ALLEGATO A. Scheda di Progetto Mod. PRO rev. 0 del 04.10.06 Parte prima CENTRO FAMIGLIA STELLA POLARE. Municipio Roma XIII

ALLEGATO A. Scheda di Progetto Mod. PRO rev. 0 del 04.10.06 Parte prima CENTRO FAMIGLIA STELLA POLARE. Municipio Roma XIII ALLEGATO A Denominazione Servizio Scheda di Progetto Mod. PRO rev. 0 del 04.10.06 Parte prima CENTRO FAMIGLIA STELLA POLARE Municipio Roma XIII sostegno alle responsabilità genitoriali e di tutela del

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI AFFIDAMENTO FAMILIARE

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI AFFIDAMENTO FAMILIARE REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI AFFIDAMENTO FAMILIARE ART. 1 OGGETTO DEL REGOLAMENTO E PRINCIPI GENERALI L affidamento familiare, rappresenta uno strumento prioritario di aiuto al minore e alla sua famiglia,

Dettagli

AMBITO TERRITORIALE SOCIALE di CASARANO. Regolamento sull Affido Familiare

AMBITO TERRITORIALE SOCIALE di CASARANO. Regolamento sull Affido Familiare CASARANO COLLEPASSO MATINO PARABITA RUFFANO SUPERSANO TAURISANO VISTI AMBITO TERRITORIALE SOCIALE di CASARANO Regolamento sull Affido Familiare la L.184/1983 Disciplina dell'adozione e dell'affidamento

Dettagli

Azioni di sistema. FNPS 72.659,77 Totale 72.659,77

Azioni di sistema. FNPS 72.659,77 Totale 72.659,77 Comuni del Baianese: Avella Baiano Mugnano del C.le Quadrelle Sirignano Sperone Comuni del Vallo Lauro: Domicella Lauro Marzano di Nola Moschiano Pago del V.L. Quindici Taurano Ufficio di Piano Sede Via

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO AFFIDO APPOGGIO FAMILIARE AMBITO TERRITORIALE SOCIALE n. 8

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO AFFIDO APPOGGIO FAMILIARE AMBITO TERRITORIALE SOCIALE n. 8 REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO AFFIDO APPOGGIO FAMILIARE AMBITO TERRITORIALE SOCIALE n. 8 Art. 1 Oggetto Il presente Regolamento disciplina l Istituto dell Affido e dell Appoggio Familiare presso i Comuni

Dettagli

ASSOCIAZIONE ONLUS CERCHI D ONDA

ASSOCIAZIONE ONLUS CERCHI D ONDA ASSOCIAZIONE ONLUS CERCHI D ONDA PROGETTO FAMIGLIE SOLIDALI 2012 S ommario Premessa 1. Il contesto 2. Finalità 3. Obiettivi specifici 4. Attività 5. Destinatari 6. Durata del progetto 7. Cronogramma 8.

Dettagli

CBM MILANO SETTORE FORMAZIONE

CBM MILANO SETTORE FORMAZIONE CBM MILANO SETTORE FORMAZIONE Da quasi 30 anni istituzioni ed enti si rivolgono a CBM per avere risposta a bisogni di implementazione delle conoscenze, delle competenze e delle capacità degli operatori

Dettagli

AFFIDAMENTO FAMILIARE NELLA PROVINCIA DI TORINO. Storia, obiettivi e attività del tavolo

AFFIDAMENTO FAMILIARE NELLA PROVINCIA DI TORINO. Storia, obiettivi e attività del tavolo AFFIDAMENTO FAMILIARE NELLA PROVINCIA DI TORINO Il video LE STORIE DELL AFFIDO è un progetto del Tavolo permanente di Coordinamento sull Affidamento Familiare della provincia di Torino, con la realizzazione

Dettagli

SIAMO QUI MINORI MIGRANTI DAL RICONGIUNGIMENTO A PERCORSI INTEGRATI DI CITTADINANZA SUL TERRITORIO 2012/FEI/PROG-103292

SIAMO QUI MINORI MIGRANTI DAL RICONGIUNGIMENTO A PERCORSI INTEGRATI DI CITTADINANZA SUL TERRITORIO 2012/FEI/PROG-103292 Progetto cofinanziato da Fondo Europeo per l integrazione di cittadini di Paesi Terzi - Annualità 2012 SIAMO QUI MINORI MIGRANTI DAL RICONGIUNGIMENTO A PERCORSI INTEGRATI DI CITTADINANZA SUL TERRITORIO

Dettagli

O tramite PEC a (solo da un indirizzo PEC personale del /della candidato/a): serviziocivile@pec.federazionescs.org

O tramite PEC a (solo da un indirizzo PEC personale del /della candidato/a): serviziocivile@pec.federazionescs.org Federazione SCS/CNOS Salesiani per il Sociale Referente: Chiara Diella La domanda di Servizio Civile va inviata o consegnata a mano a: Via Marsala, 42 00185 - Roma Tel: 06. 4940522 O tramite PEC a (solo

Dettagli

Regolamento. Questo Servizio adotta il seguente regolamento:

Regolamento. Questo Servizio adotta il seguente regolamento: Regolamento L affidamento familiare aiuta i bambini ed i ragazzi a diventare grandi, nutrendo il loro bisogno di affetto e di relazione con figure adulte che si prendano cura di loro, al fine di diventare

Dettagli

AREE TRASVERSALI. Contesti senza confini Strumenti comunicativi Condivisone delle buone prassi Lavorare sulle contaminazioni fra servizi Mediazione

AREE TRASVERSALI. Contesti senza confini Strumenti comunicativi Condivisone delle buone prassi Lavorare sulle contaminazioni fra servizi Mediazione Disabilità Promozione e Comunità Disagio adulto Minori PIANO D AMBITO Povertà Immigrati Anziani Pagina 1 AREE TRASVERSALI La Città del Benessere Lavorare in maniera intersettoriale, coinvolgendo le diverse

Dettagli

OBIETTIVI GENERALI DEL PROGETTO

OBIETTIVI GENERALI DEL PROGETTO Piccoli PA.S.S.I.- Parrocchia di San Prospero Sostegno Scolastico Integrato di bambini e ragazzi con Disturbi Specifici dell Apprendimento e Bisogni Educativi Speciali PREMESSA In ambito scolastico e,

Dettagli

Un servizio per la famiglia, la coppia e la persona

Un servizio per la famiglia, la coppia e la persona SEDI E ORARI FELTRE - SEDE CENTRALE Via Marconi, 7 Nel Consultorio Familiare sono presenti le seguenti figure professionali: Amministrativo Tel. 0439 883170 Fax 0439 883172 Indirizzo e-mail: consultorio.familiare@ulssfeltre.veneto.i

Dettagli

PROFILO PROFESSIONALE

PROFILO PROFESSIONALE PROFILO PROFESSIONALE IL SOGNO Società Cooperativa Sociale a.r.l. 1 STORIA La Cooperativa Il Sogno agisce con finalità preventiva e di recupero a favore di minori in situazioni di disagio. Nasce come naturale

Dettagli

REGOLAMENTO SULL AFFIDO FAMILIARE

REGOLAMENTO SULL AFFIDO FAMILIARE Allegato sub lettera A) alla delibera di CC. N COMUNE DI MIRA (Provincia di Venezia) REGOLAMENTO SULL AFFIDO FAMILIARE 1 Art. 1 IL VALORE DELLA FAMIGLIA 1. La famiglia viene riconosciuta come l unità fondamentale

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO AFFIDAMENTO FAMILIARE DEL COMUNE DI FIRENZE

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO AFFIDAMENTO FAMILIARE DEL COMUNE DI FIRENZE REGOLAMENTO DEL SERVIZIO AFFIDAMENTO FAMILIARE DEL COMUNE DI FIRENZE Premessa normativa Art.1 - Principi generali Art.2 - Tipologia e modalità di affidamento Art.3 - Durata dell affidamento Art.4 - Come

Dettagli

Carta del Servizio di Consultorio Familiare

Carta del Servizio di Consultorio Familiare Carta del Servizio di Consultorio Familiare SOS Dpt Consultorio Familiare Tutela Minori e Adolescenza Azienda Ulss 18 Rovigo 1 Premessa La Carta del Servizio di Consultorio Familiare rappresenta un aggiornato

Dettagli

Un esperienza Servizio di Assistenza Domiciliare ai Minori creare legami per innescare

Un esperienza Servizio di Assistenza Domiciliare ai Minori creare legami per innescare Un esperienza Servizio di Assistenza Domiciliare ai Minori creare legami per innescare A cura di Dr.ssa BOVE Daniela Laura Cooperativa Sociale AMANI Comune di Brindisi Roma, 18 Gennaio 2010 cambiamenti

Dettagli

Piano di Interventi per il sostegno delle famiglie affidatarie di minori residenti nel Distretto Socio-Sanitario VT4

Piano di Interventi per il sostegno delle famiglie affidatarie di minori residenti nel Distretto Socio-Sanitario VT4 Piano di Interventi per il sostegno delle famiglie affidatarie di minori residenti nel Distretto Socio-Sanitario VT4 Comuni di : Barbarano Romano Bassano Romano Blera Capranica Caprarola Carbognano Monterosi

Dettagli

ALLEGATO B Dgr n. del pag. 1/7

ALLEGATO B Dgr n. del pag. 1/7 giunta regionale 8^ legislatura ALLEGATO B Dgr n. del pag. 1/7 PROCEDIMENTO ADOTTIVO E RACCOLTA DOCUMENTAZIONE Allegato al PROTOCOLLO OPERATIVO PER L'ADOZIONE NAZIONALE ED INTERNAZIONALE 2008 Il presente

Dettagli

Paolina Pistacchi, Psicologa, Ricercatrice,, Istituto degli Innocenti

Paolina Pistacchi, Psicologa, Ricercatrice,, Istituto degli Innocenti POLITICHE DI CURA, PROTEZIONE E TUTELA IN ITALIA. Criticità e prospettive per l accoglienza dal monitoraggio sullo stato di attuazione della legge 149/01 Paolina Pistacchi, Psicologa, Ricercatrice,, Istituto

Dettagli

Relazione attività esercizio 2012

Relazione attività esercizio 2012 Relazione attività esercizio 2012 maggio 2013 Il Sentiero di Morena fonda le sue radici nella storia pluriennale di un gruppo di fami-glie della provincia di Ascoli Piceno che praticano direttamente o

Dettagli

Siamo qui per raccontarvi la storia di un progetto e la costruzione di un Opera. Il Punto di Partenza Società Cooperativa Sociale a.r.l.

Siamo qui per raccontarvi la storia di un progetto e la costruzione di un Opera. Il Punto di Partenza Società Cooperativa Sociale a.r.l. Siamo qui per raccontarvi la storia di un progetto e la costruzione di un Opera Il Punto di Partenza Società Cooperativa Sociale a.r.l. onlus IL PUNTO DI PARTENZA Società Cooperativa sociale a.r.l. ONLUS

Dettagli

Assessorato alle Politiche Sociali. Oggetto: PROGETTO BIENNALE DI RETE AFFIDO FAMILIARE ED ADOZIONE MITE.

Assessorato alle Politiche Sociali. Oggetto: PROGETTO BIENNALE DI RETE AFFIDO FAMILIARE ED ADOZIONE MITE. Prot. n. Bari, Oggetto: PROGETTO BIENNALE DI RETE AFFIDO FAMILIARE ED ADOZIONE MITE. 1 Informazioni generali 1.1 Riferimenti normativi Legge 04.05.1983, n.184 Legge 28.03.2001, n. 149 Modifiche alla legge

Dettagli

Regolamento. L affido è istituito e regolamentato dalla Legge N.184/83, dalla Legge N.149/01 e dalla D.G.R 79-11035 del 17.11.2003.

Regolamento. L affido è istituito e regolamentato dalla Legge N.184/83, dalla Legge N.149/01 e dalla D.G.R 79-11035 del 17.11.2003. Regolamento Premessa L affidamento familiare aiuta i bambini ed i ragazzi a diventare grandi, nutrendo il loro bisogno di affetto e di relazione con figure adulte che si prendano cura di loro, al fine

Dettagli

LA CARTA DEI SERVIZI

LA CARTA DEI SERVIZI Carta dei Servizi LA CARTA DEI SERVIZI La Carta dei Servizi è il principale strumento di un organizzazione per far conoscere i progetti che realizza, per informare sulle risorse e le attività a disposizione,

Dettagli

PROGETTO EDUCATIVO. 1. I riferimenti pedagogici a cui la Scuola dell Infanzia Stella Mattutina fa riferimento

PROGETTO EDUCATIVO. 1. I riferimenti pedagogici a cui la Scuola dell Infanzia Stella Mattutina fa riferimento PROGETTO EDUCATIVO 1. I riferimenti pedagogici a cui la Scuola dell Infanzia Stella Mattutina fa riferimento Nella Scuola dell Infanzia Stella Mattutina l azione educativa mira al raggiungimento delle

Dettagli

Approvato con deliberazione del Consiglio dell'unione n. 8 del 19.09.2014. REGOLAMENTO per il SERVIZO MINORI TITOLO I FINALITA E ACCESSO

Approvato con deliberazione del Consiglio dell'unione n. 8 del 19.09.2014. REGOLAMENTO per il SERVIZO MINORI TITOLO I FINALITA E ACCESSO Approvato con deliberazione del Consiglio dell'unione n. 8 del 19.09.2014 REGOLAMENTO per il SERVIZO MINORI TITOLO I FINALITA E ACCESSO Art.1 - FINALITA' DEL REGOLAMENTO Il presente Regolamento disciplina

Dettagli

Testi Barbara Raffaeli - Provincia di Rimini, Servizio Politiche Sociali Micaela Donnini - Azienda Usl di Rimini, Modulo Tutela Minori

Testi Barbara Raffaeli - Provincia di Rimini, Servizio Politiche Sociali Micaela Donnini - Azienda Usl di Rimini, Modulo Tutela Minori Testi Barbara Raffaeli - Provincia di Rimini, Servizio Politiche Sociali Micaela Donnini - Azienda Usl di Rimini, Modulo Tutela Minori Progetto grafico Cilindrina - www.cilindrina.it Illustrazioni Georgia

Dettagli

Allegato 3: Progetti avviati o da avviare

Allegato 3: Progetti avviati o da avviare Allegato 3: Progetti avviati o da avviare Di seguito si allegano l elenco e le schede sintetiche dei progetti/servizi già avviati dal Servizio Sociale del Municipio con il precedente Piano di Zona, nonché

Dettagli

COMUNE DI PARMA REGOLAMENTO COMUNALE PER L AFFIDAMENTO FAMILIARE DI MINORI

COMUNE DI PARMA REGOLAMENTO COMUNALE PER L AFFIDAMENTO FAMILIARE DI MINORI COMUNE DI PARMA REGOLAMENTO COMUNALE PER L AFFIDAMENTO FAMILIARE DI MINORI Approvato con deliberazione del Commissario Straordinario n. 47/8 in data 26/01/2012 1 ART. 1 Premessa Il presente regolamento

Dettagli

PRESENTAZIONE LEGGE REGIONALE 20/2002 E RELATIVO REGOLAMENTO

PRESENTAZIONE LEGGE REGIONALE 20/2002 E RELATIVO REGOLAMENTO PRESENTAZIONE LEGGE REGIONALE 20/2002 E RELATIVO REGOLAMENTO La legge regionale n. 20 del 6 novembre 2002, ed il relativo regolamento attuativo (n. 1 dell 8 marzo 2004) come più volte integrato e modificato,

Dettagli

La provincia di Rieti Assessorato ai servizi sociali

La provincia di Rieti Assessorato ai servizi sociali La provincia di Rieti Assessorato ai servizi sociali Le Province, alla luce della riforma del titolo V della Costituzione hanno assunto un nuovo e diverso ruolo; si riduce la loro possibilità di erogare

Dettagli

ANIMATORE di COMUNITÁ

ANIMATORE di COMUNITÁ M.I.U.R. ISTITUTO PROFESSIONALE di STATO per i SERVIZI SOCIO SANITARI Giuseppe Moscati Via Urbano II - Salerno - Tel. 089253151 Fax 089253794 Codice Fiscale: 80023220652 Codice Meccanografico: SARF04000N

Dettagli

mondo scarabocchio città futura

mondo scarabocchio città futura mondo scarabocchio città futura mondo scarabocchio Dall autunno 2014 la Cooperativa città futura ha attivato nuovi servizi complementari presso il nido Scarabocchio di Trento, con l obiettivo di implementare

Dettagli