VERBALE CONSIGLIO COMUNALE DEL ( prima convocazione) E DEL (seconda convocazione)

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "VERBALE CONSIGLIO COMUNALE DEL 15.11.2008 ( prima convocazione) E DEL 22.11.2008 (seconda convocazione)"

Transcript

1 ALLEGATO A) a verbale di deliberazione di C.C. N. 34 del VERBALE CONSIGLIO COMUNALE DEL ( prima convocazione) E DEL (seconda convocazione) PRIMA CONVOCAZIONE ORE Sala del Consiglio Comunale Si procede con l appello. Risultano presenti n. 8 consiglieri. Assenti i consiglieri Fanetti, Raoul, Levi Federico, Gianera Alfieri, Usai Stefania, Raineri Paolo. APPROVAZIONE VERBALE SEDUTA CONSILIARE PRECEDENTE (DEL ). Si procede subito alla votazione. APPROVAZIONE CAPITOLATO PER L APPALTO DEL SERVIZIO DI TESORERIA COMUNALE. Il Sindaco spiega che è in scadenza la convenzione per il servizio di tesoreria comunale. La convenzione in scadenza aveva una durata di 9 anni, mentre ora si propone una convenzione di 5 anni, dal La presenza di uno sportello all interno del territorio comunale è un requisito necessario per la partecipazione alla gara. Le banche presenti sul territorio sono due ( Popolare di Sondrio e Credito Valtellinese). Il Sindaco illustra la bozza di convenzione. Di seguito si procede alla votazione. PIANO PER IL DIRITTO ALLO STUDIO - ANNO SCOLASTICO 2008/2009 Il Sindaco illustra il piano, che ricalca in gran parte quello dell anno scolastico 2007/2008. L importo del contributo dovuto alla scuola materna centro verrà definito con un successivo provvedimento. L Amministrazione comunale sta dialogando con la scuola materna per trovare una nuova formulazione della convenzione in essere. Questo perché sono note le difficoltà finanziarie della scuola. Si procede alla votazione.

2 Verifica interventi per la realizzazione di edifici di culto e d'attrezzature destinate a servizi religiosi, previsti nei programmi di cui alla Legge Regionale n. 12 del 11 marzo 2005, art. 73.ANNO Il Sindaco spiega che il progetto presentato riguarda solo la Parrocchia San Giovanni Battista di Campodolcino, per un importo pari a ,00. ( entra il consigliere Gianera Alfieri) Il progetto riguarda il rifacimento della parte prospiciente la canonica.il contributo è calcolato in % sugli oneri versati nell anno Si procede alla votazione. OPERAZIONI DI VARIAZIONI E ASSESTAMENTO DEI FONDI AI SENSI DELL'ART.175, COMMA 8, DEL T.U. SULL ORDINAMENTO DEGLI ENTI LOCALI APPROVATO CON DECRETO LEGISLATIVO 18 AGOSTO 2000, N.267 Il provvedimento viene illustrato dal Sindaco. Tra le maggiori entrate spiccano ,00 di fondi regionali per gli interventi di messa in sicurezza della sponda sinistra del paese, nelle frazioni di Pietra e Prestone e ,00 quali oneri rivieraschi arretrati dovuti da Edipower. Si procede alla votazione Consiglieri votanti: 6 (sei) Voti favorevoli: 6 (sei) Astenuti: 3 (tre) ( Albiniano Carmine, Del Curatolo Giacinto, Bresciani Fabrizio) ADOZIONE PIANO CIMITERIALE. Il sindaco introduce l argomento. Gli architetti Cola e Favaron illustrano il piano. La legge prevede che la distanza degli edifici dal cimitero sia di 200 metri, ma è data facoltà alle singole realtà, in relazione a documentate esigenze, di ridurre tale fascia di rispetto fino a 50m. L attuale piano regolatore prevede una distanza di 50m quale ambito di rispetto. Se il vincolo cimiteriale fosse portato a 200m, come previsto dalla legge, buona parte degli edifici circostanti sarebbero interessati dalla fascia di rispetto e i proprietario dovrebbero rispettare una serie di vincoli. Il Piano cimiteriale è composto da una serie di analisi, ad esempio nati e morti degli ultimi anni. Per i cimiteri di Campodolcino e Fraciscio il piano tiene conto anche di possibili ampliamenti. Per quanto riguarda invece Starleggia, considerando che il cimitero è molto distante dalla parte edificabile, è stato mantenuto un vincolo che va da 200 a 100m, in modo tale escludere tutti gli

3 edifici che fanno parte del nucleo consolidato. Per il cimitero di Starleggia non è stato previsto alcun ampliamento. Adottando il Piano cimiteriale si creeranno due situazioni sul PGT. Fino a quando l iter del piano non sarà concluso nel PGT scatta la salvaguardia a 200m, che a iter concluso, dovrebbe però tornare a 50m, comprensivi delle aree di ampliamento cimiteriale previsto per Campodolcino e Fraciscio. Per quanto attiene Starleggia solo un edificio è interessato da questo discorso, cioè un solo edificio ricade nei 200m. Interviene il Consigliere Delcuratolo chiedendo se non sarebbe stato più opportuno subordinare l adozione del Piano Cimiteriale all adozione del PGT. L Arch. Favaron spiega che è meglio procedere prima all adozione del Piano Cimiteriale in modo tale che esso venga recepito dal PGT. In caso contrario si sarebbe dovuto adottare il PGT con la distanza a 200m e poi si sarebbe dovuto procedere all adozione del piano cimiteriale, con una notevole perdita di tempo. In questo modo invece i due strumenti vanno in parallelo. Si procede alla votazione. Consiglieri votanti: 6 (sei) Voti favorevoli: 6 (sei) Astenuti: 3 (tre) ( Albiniano Carmine, Del Curatolo Giacinto, Bresciani Fabrizio) ADOZIONE PIANO DELL ILLUMINAZIONE COMUNALE AD INTEGRAZIONE DEL P.R.G. VIGENTE, AI SENSI DELLA LEGGE REGIONALE 23 GIUGNO 1997, N. 23 Illustra l Ing. Ricciardini, estensore del Piano di Illuminazione Comunale. La L.R. 17/2000 prevede per i Comuni l adozione e l approvazione di un piano di illuminazione che regoli le attività di illuminazione su tutto il territorio comunale. Obiettivi del piano sono, tra gli altri, la riduzione dell inquinamento luminoso e l azzonamento del territorio comunale. Infatti, a seconda della destinazione urbanistica del territorio, si hanno diverse tipologie di illuminazione. L illuminazione comunale, nella maggior parte dei casi, è legata alla viabilità, regolata dal codice della strada, che prescrive le caratteristiche illuminotecniche delle varie strade. Il piano prende questi input per identificare sul territorio gli azzonamenti e propone una tipologia di illuminazione che è divisa in due grosse categorie: illuminazione a luce gialla a vapore di sodio (utilizzata nelle zone residenziali, artigianali) illuminazione a luce bianca a vapore di mercurio ( utilizzata nelle zone storiche perché restituisce il calore naturale delle cose). Nelle zone agricole non è prevista illuminazione pubblica, fatta eccezione per le zone agricole a vocazione turistica o che abbiano frequenza di pubblico o frequenza veicolare che renda necessaria l illuminazione. La L.R. vieta lo sbordamento di luce verso l alto. Ogni strada è stata classificata a seconda della classificazione illuminotecnica prevista dalle norme UNI 10432, che indica il valore di illuminazione a terra minimo che la strada deve avere. Uno degli interventi di miglioramento previsti è la programmazione del flusso luminoso in base alle fasce orarie, finalizzato al risparmio energetico. Tale programmazione si realizza attraverso l inserimento di quadri elettrici particolari e variatori di flusso, apparati elettrici ed elettronici che fanno diminuire la tensione sulla linea elettrica e quindi il flusso luminoso. Interviene poi Acquistapace che illustra quali siano i vantaggi conseguenti all inserimento di variatori di flusso luminoso. Oltre al risparmio energetico, abbassano e stabilizzano la tensione e allungano la durata delle lampade.

4 E previsto un risparmio di circa il 20% del costo energetico annuo, a fronte di un costo di ,00 euro per l acquisto e l istallazione di un regolatore di flusso. Interviene poi il consigliere Delcuratolo, chiedendo se siano previste altre modifiche all illuminazione del paese, oltre a quelle già effettuate. Il Consigliere evidenzia infatti che parecchie zone di Campodolcino risultano essere buie, a scapito della sicurezza. Inoltre chiede se in determinate zone non sarebbe stato meglio prevedere luci bianche, che avrebbero sicuramente garantito migliore illuminazione, rispettando comunque i vincoli imposti dalla legge. Risponde l Ing. Ricciardini, spiegando che, quando vengono eseguiti adeguamenti agli impianti di illuminazione, di norma si ha l impressione che l intensità della luce sia minore. Una volta non si badava al risparmio energetico. Per questo in alcune zone venivano installate lampade da 250 watt che rendevano ridondante l illuminazione al suolo, ma con elevati consumi. Confrontando la luce bianca e la luce gialla, certamente quest ultima da la sensazione di maggiore visione. Le zone a luce gialla e a luce gialla sono state individuate in base alle norme regionali. Per quanto riguarda invece il rapporto criticità /sicurezza, il piano cerca di rispondere alla normativa, ma prevede anche che ci possano essere delle situazioni particolari in cui si può derogare, ad esempio situazioni di sicurezza (zone pericolose, zone con disagio) dove è previsto un aumento dell illuminazione rispetto alla classificazione illuminotecnica prevista dalla norma U.NI Il Sindaco aggiunge che, in base alle richieste pervenute e alle successive valutazioni, sono previsti altri 10/12 punti luminosi, per cui potrà essere che alcuni punti segnalati dal consigliere Delcuratolo siano tra questi. Il Piano di Illuminazione Comunale definisce i criteri, ma non è un progetto. Si procede alla votazione. Consiglieri votanti: 6 (sei) Voti favorevoli: 6 (sei) Astenuti: 3 (tre) ( Albiniano Carmine, Del Curatolo Giacinto, Bresciani Fabrizio) ADOZIONE, AI SENSI DELLA L.R. 12/2005, DEGLI ATTI COSTITUENTI IL PIANO DI GOVERNO DEL TERRITORIO. Il Sindaco spiega che si è nella fase di adozione e non di approvazione. La fase successiva sarà la pubblicizzazione dei documenti e poi l approvazione, a distanza di almeno 60 giorni. Il PGT e il risultato di un lungo periodo di lavoro svolto dagli urbanisti, dai geologi, dai tecnici, sul quale ci si è confrontati, tra gli altri, con la cittadinanza e con la commissione intergruppo. Al PGT e stata data la più ampia diffusione possibile e il punto al quale si è giunti tiene conto delle osservazioni pervenute dalle varie parti (Provincia, Enti Locali, Comunità Montana, Cittadini, operatori economici). Non tutte le richieste pervenute sono state accolte, per vincoli normativi. Si è partiti da un Piano Regolatore risalente agli anni ottanta, che aveva grande necessità di aggiornamento. La L.R. 12/2005 ha poi introdotto il PGT e ha apportato numerose novità normative. Il PGT è uno strumento dinamico soggetto ad affinamenti e miglioramenti. Dalla fase di adozione a quella di approvazione si potranno apportare miglioramenti. Oltre a questo è prevista la sua revisione dopo 5 anni. La parola passa agli architetti che illustrano il lavoro svolto. Il consigliere Delcuratolo è d accordo su quanto esposto dal Sindaco, ma per la regolarità dello svolgimento del Consiglio comunale, chiede che, ai sensi dell art. 78, 2 comma del TUEL, i consiglieri, direttamente o indirettamente interessati con l approvazione dell adozione del PGT, si allontanino dall aula. Il Sindaco risponde che l unico consigliere che ha inoltrato richiesta scritta

5 per il mantenimento di un piano di lottizzazione, peraltro già esistente, è il Consigliere Renato Levi. Il consigliere Albiniano Carmine chiede l allontanamento anche del Consigliere Gianera, poiché risulta che il fratello del Consigliere in questione ha presentato un istanza. Interviene il Segretario Comunale che fa presente che, come disposto dal TUEL, chiunque abbia interesse al momento della votazione deve uscire dall aula. Il consigliere Delcuratolo sostiene che i consiglieri debbano astenersi dal prendere parte anche alla discussione. Il Segretario spiega che i Consiglieri non possono prendere parola a tutela dei propri interessi. Il sindaco evidenzia che in un paese di 1000 abitanti è difficile non avere parenti interessati, quando si esaminano argomenti di questo tipo. Interviene nuovamente il Consigliere Delcuratolo affermando che non trattasi di una questione personale verso i Consiglieri interessati ed evidenziando che un eventuale esposto potrebbe essere fatto da un qualsiasi cittadino, qualora non si verificassero determinate condizioni. Chiede quindi che, per la legalità dell atto, si prosegua nella discussione senza i consiglieri interessati. Il Segretario spiega che si può risolvere la situazione effettuando una votazione a stralcio, ovvero facendo votazioni distinte. In ciascuna votazione il Consigliere interessato esce. Si apre poi una discussione sulla possibile incompatibilità del Consigliere Guanella Ezio, avanzata dalla minoranza, che si rivela poi infondata, poiché il Consigliere in questione non risulta soggetto in alcun modo interessato per sé o per suoi parenti. Si analizza poi la posizione del Sindaco relativamente ai terreni di sua proprietà in località Quetta. Il Sindaco non ha presentato alcuna istanza e l adozione del PGT non comporterà alcuna modifica alle proprietà del Sindaco, rispetto a quanto già approvato con il P.I.I. ambito 2. La minoranza lascia l aula alle La seduta viene sospesa in attesa di verifica del numero legale Sono presenti 6 Consiglieri e la seduta termina per mancanza del numero legale SECONDA CONVOCAZIONE ORE Sala del Consiglio Comunale Il Segretario procede con l appello. Sono presenti 11 consiglieri. Assenti i consiglieri Raineri Paolo e Usai Stefania. Il Sindaco propone l inversione dei punti all ordine del giorno. L assemblea all unanimità accetta la proposta. PRIMA ADOZIONE PIANO DI RECUPERO IN LOCALITÀ CORTI ( FG. 30 MAPP. 421, 422, 423, 867, 868, 1160, 1161, 1164). E previsto un arretramento dell immobile, finalizzato all eliminazione della strettoia, e la realizzazione di un porticato, che rappresenta un grosso vantaggio per la viabilità a Corti. E previsto una pedonalizzazione verso la via Iseli. Il consigliere Bresciani chiede come sono state recuperate le volumetrie perse a causa dell arretramento. Il Sindaco spiega che sono recuperate, non tanto nell edificio prospiciente la strada, quanto nella parte posteriore dell immobile. Il Consigliere Delcuratolo chiede se non sia opportuno porre un vincolo sulla destinazione d uso della parte commerciale prevista dal progetto, per evitare che tale destinazione venga poi tramutata da commerciale ad abitativa. L arch. Favaron spiega che questo è regolato dalle norme del PGT. La minoranza presenterà un osservazione relativa a quanto espresso dal Consigliere Delcuratolo, che verrà valutata dai tecnici prima dell approvazione del progetto. Si procede con la votazione. Consiglieri presenti: 11 (undici) Consiglieri votanti: 11 (undici) Voti favorevoli: 11 (undici)

6 ADOZIONE, AI SENSI DELLA L.R. 12/2005, DEGLI ATTI COSTITUENTI IL PIANO DI GOVERNO DEL TERRITORIO. Il Sindaco fa una serie di annotazioni. Il PGT è frutto di un lungo lavoro di analisi fatto dagli urbanisti ed è il risultato di decisioni già adottate in Consiglio comunale, in particolare di quanto deciso il 13/04/2007 con l approvazione del documento d inquadramento delle politiche urbanistiche. Nella scorsa seduta sono state eccepite irregolarità procedurali. La votazione verrà quindi effettuata a stralcio, per cui i Consiglieri interessati saranno di volta in volta allontanati dall aula.il Consigliere Albiniano chiede in base a quale legge venga fatta la valutazione a stralci. Il Segretario risponde che non ci sono leggi e che si tratta di trovare il modo di approvare un atto deliberativo superando gli argomenti per cui è stata fatta eccezione nella scorsa seduta. Il Sindaco spiega che alla fine ci sarà una votazione finale che approverà il piano nella sua globalità. Seguendo le indicazioni emerse nella precedenze seduta da parte della minoranza saranno stralciate tre situazioni riconducibili a tre consiglieri di maggioranza presenti in aula. I consiglieri interessati verranno allontanati uno alla volta e alla fine saranno tutti in aula per la votazione globale, poiché a questo punto anche le parti riconducibili ai Consiglieri saranno state approvate o non approvate. Il Consigliere Albiniano chiede se nella parte finale della votazione tutti i consiglieri parteciperanno al voto e cosa succede ai consiglieri interessati. Gli risponde il Segretario spiegando che, se vorrà, al momento della votazione finale potrà esporre la sua opinione con una dichiarazione di voto, che sarà messa agli atti. Il Sindaco rileva che i Consiglieri interessati sono tre e che, come evidenziato anche dal parere di un giurista di estrema competenza, la valutazione finale non può che essere fatta da tutti i Consiglieri presenti. Il Consigliere Albiniano sostiene che la procedura non è corretta e che ci sono altri 2 consiglieri interessati (il Sindaco e il consigliere Guanella). Il Sindaco chiede che su questa ultima questione intervengano gli urbanisti. L arch. Favaron spiega che questi due aspetti sono già stati affrontati in sede di approvazione del documento inquadramento e di Approvazione del P.I.I. ambito 3. Quindi le proprietà del consigliere Guanella Ezio e del Sindaco Emilio Guanella sono già state oggetto di variante di piano. Il documento inquadramento e di Approvazione del P.I.I. ambito 3 vengono ripresi e inseriti tali e quali nel PGT. L eccezione andava quindi sollevata in sede di approvazione di questi due strumenti e non ora. L arch. Cola illustra la tabella di marcia con la quale verranno fatti gli stralci, estrapolando le situazioni riconducibili al Consigliere Levi Renato, Gianera Alfieri e Fanetti Raoul. L arch. Favaron spiega le modalità in base alle quali sono state accettate o rifiutate le istanze, ribadendo che non ci sono state ingerenze da parte di esterni nella redazione del piano. Il Consigliere Delcuratolo e il Consigliere Bresciani presentano e leggono le dichiarazioni di voto dai rispettivi gruppi consiliari, che verranno allegate all atto deliberativo. La parte propositiva della dichiarazione di voto del consigliere Delcuratolo verrà consegnata in copia ai tecnici a titolo di osservazione. Il Sindaco prende atto delle osservazioni presentate dalla minoranza. L arch. Cola illustra il piano. L arch. Favaron informa l assemblea che si è reso necessario sostituire le tavole PR2, quelle generali, poichè quelle vecchie non contenevano tutto l ambito sciistico del Comune, ma soltanto la parte relativa a Motta. Tutti i consiglierei si dimostrano d accordo sul fatto di sostituire le tavole. Si procede con le adozioni: 1 stralcio: tutti presenti. Si approvano i documenti del Piano, così come indicato dalle tavole PR2_a1, PR2 _b1, PR2_c1 riguardanti tutti gli ambiti e vincoli di Piano provvedendo nel contempo a stralciare i seguenti ambiti: - ambiti a media densità - ambiti a bassa densità - ambiti turistico alberghieri a medio alta densità - ambiti di trasformazione residenziale unitaria ATRU - ambiti di trasformazione residenziale unitaria convenzionata.

7 Presenti 11 (undici) Votanti 11 (undici) Favorevoli 8 (otto) Contrari 3 (tre) (Bresciani Fabrizio, Delcuratolo Giacinto, Albiniano Carmine) 2 stralcio: esce il Consigliere Levi Renato. I membri del Consiglio Comunale a seguito dell allontanamento, per le incompatibilità riscontrate su tale specifica parte di P.G.T., del Consigliere Renato Levi approvano i documenti di Piano e le tavole PR2_a2, PR2 _b2, PR2_c2, riguardanti: - ambiti a media densità - ambiti di trasformazione residenziale unitaria ATRU - ambiti di trasformazione residenziale unitaria convenzionata. Tali ambiti sono, nello specifico, contenuti all interno dell Articolo 53 delle Norme Tecniche di Attuazione del Piano delle Regole [PR5]. L arch. Favaron spiega che l istanza del Consigliere Levi Renato è stata recepita parzialmente. E stata diminuita la capacità edificatoria che il terreno di sua proprietà comportava. Presenti 10 (dieci) Votanti 10 (dieci) Favorevoli 7 (sette) Contrari 3(tre) (Bresciani Fabrizio, Delcuratolo Giacinto, Albiniano Carmine) 3 stralcio: rientra il Consigliere Levi Renato ed esce il Consigliere Fanetti Raoul. I membri del Consiglio Comunale a seguito dell allontanamento, per le incompatibilità riscontrate su tale specifica parte di P.G.T., del Consigliere Raoul Fanetti approvano i documenti di Piano e le tavole PR2_a3, PR2 _b3, riguardanti: - ambiti turistico alberghieri Tali ambiti sono, nello specifico, contenuti all interno contenuti dell Articolo 54 delle Norme Tecniche di Attuazione del Piano delle Regole [PR5]. L istanza presentata dal Consigliere Fanetti Raoul riguarda la possibilità di inserire i terreni acquistati dalla proprietà a disposizione per eventuali ampliamenti della struttura già esistente. Presenti 10 (dieci) Votanti 10 (dieci) Favorevoli 7 (sette) Contrari 3 (tre) (Bresciani Fabrizio, Delcuratolo Giacinto, Albiniano Carmine) 4 stralcio: rientra il consigliere Fanetti Raoul ed esce il Consigliere Gianera Alfieri. I membri del Consiglio Comunale a seguito dell allontanamento, per le incompatibilità riscontrate su tale specifica parte di Piano, del Consigliere Alfieri Gianera approvano i documenti di Piano e le tavole PR2_a4, PR2 _b4, riguardanti: - ambiti a bassa densità Tali ambiti sono, nello specifico, contenuti all interno contenuti dell Articolo 51 delle Norme Tecniche di Attuazione del Piano delle Regole [PR5]. E stato richiesto un ampliamento dell ambito consolidato preesistente cha va ad interessare una piccolissima area che precedentemente era agricola, in adiacenza al fabbricato esistente. L osservazione presentata dal Consigliere Gianera è molto simile a quella presentata da altri cittadini che richiedono qualche metro in più per costruire. Presenti 10 (dieci) Votanti 10 (dieci) Favorevoli 7 (sette) Contrari 3 (tre) (Bresciani Fabrizio, Delcuratolo Giacinto, Albiniano Carmine) Rientra il Consigliere Gianera per la valutazione finale e globale. Viene illustrata la VAS dal Dott. Conforti. Il Consigliere Delcuratolo ritiene che debbano essere predisposti degli strumenti per prevenire catastrofi naturali specialmente nelle zone ad elevato rischio. Il geologo spiega che il PGT non può prevenire catastrofi, ma deve fare in modo che queste non arrechino danni. All interno del piano delle regole sono contenute delle norme tecniche di realizzazione delle nuove infrastrutture volte proprio a diminuire la vulnerabilità delle stesse. Il geologo Grossi illustra lo studio geologico, integrato con quanto previsto dalla L Si apre poi una discussione sulle distanze da mantenere dai corsi d acqua. Il geologo Grossi spiega che la legge consente di derogare da 10 metri a un minimo di 4 metri nelle situazioni in cui la verifica idraulica accerti che il corso d acqua sia sicuro. Il Consigliere Delcuratolo chiede se la

8 distanza di 10 m può variare da zona a zona o se è sempre mantenuta uguale. Il geologo Grossi risponde che la distanza può variare da zona a zona su indicazione dell Amministrazione Comunale, in relazione alle oggettive condizioni di rischio geologico certificate dai tecnici preposti. Si passa alla votazione finale. Consiglieri presenti: 11 (undici) Consiglieri votanti: 11 (undici) Voti Contrari: 3 (tre) Consiglieri presenti: 11 (undici) Consiglieri votanti: 11 (undici) Voti favorevoli: 10 (dieci) Voti Contrari: 1 (uno) (Bresciani Fabrizio) La seduta si conclude alle ore

Comune di Carpineto Romano PROVINCIA DI ROMA

Comune di Carpineto Romano PROVINCIA DI ROMA Comune di Carpineto Romano PROVINCIA DI ROMA N. 37 del 16.12.2013 OGGETTO: Legge Regionale N. 1 Del 03/01/1986, Art. 8. Alienazione di terreni di proprietà collettiva di uso civico edificati o edificabili.

Dettagli

V ar i a nt e spec if ic a ai s ens i de l l a rt. 17 c o mm a 8 de l l a L.R. 56 /7 7 e s.m.i.

V ar i a nt e spec if ic a ai s ens i de l l a rt. 17 c o mm a 8 de l l a L.R. 56 /7 7 e s.m.i. Inquadramento generale e obiettivi delle modifiche La Variante specifica art. 17 comma 7 definita nei suoi obiettivi generali come anticipatoria di alcuni contenuti della variante Strutturale Qualità è

Dettagli

ART. 19 - G - SERVIZI GENERALI (vigenti)

ART. 19 - G - SERVIZI GENERALI (vigenti) ART. 19 - G - SERVIZI GENERALI (vigenti) La zona è destinata ad accogliere attrezzature e servizi pubblici o ad uso pubblico di interesse generale su scala territoriale: uffici pubblici o privati di interesse

Dettagli

C M Y K C M Y K. 5. La normativa

C M Y K C M Y K. 5. La normativa 5. La normativa 5.1 Il quadro normativo Numerose sono le norme di riferimento per la pianificazione e la progettazione delle strade. Vengono sinteticamente enunciate quelle che riguardano la regolazione

Dettagli

COMUNE DI ABBIATEGRASSO

COMUNE DI ABBIATEGRASSO Delibera N. 35 del 14/02/2013 COMUNE DI ABBIATEGRASSO Verbale di Deliberazione della Giunta Comunale Oggetto: PROMOZIONE APPROFONDIMENTI SULL'EDILIZIA SOCIALE AI FINI DELL' AGGIORNAMENTO DEL P.G.T.. L'anno

Dettagli

COMUNE di F AE N Z A

COMUNE di F AE N Z A All. G COMUNE di F AE N Z A Settore Territorio ADOZIONE ATTO C.C. n. 73 del 10.02.2010 PUBBLICAZIONE BUR n. 54 del 31.03.2010 APPROVAZIONE ATTO C.C. n. 290 del 21/11/2011 PUBBLICAZIONE BUR n. del ATTI

Dettagli

SETTORE TERRITORIO Servizio Urbanistica

SETTORE TERRITORIO Servizio Urbanistica SETTORE TERRITORIO Servizio Urbanistica VARIANTE CONNESSA A S.U.A. IN ZONA C3 DEL VIGENTE PRG RELAZIONE E NORME DI ATTUAZIONE IL DIRIGENTE SETTORE TERRITORIO (Ing. Gian Paolo TRUCCHI) IL PROGETTISTA (Arch.

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE OGGETTO

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE OGGETTO IMMEDIATAMENTE ESEGUIBILE Deliberazione n. 217 del 14/11/2013 VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE OGGETTO CESSIONE IN PROPRIETÀ DI AREA GIÀ CONCESSA IN DIRITTO DI SUPERFICIE NELL AMBITO DEL

Dettagli

COMUNE DI DONORI Provincia di Cagliari

COMUNE DI DONORI Provincia di Cagliari COMUNE DI DONORI Provincia di Cagliari - 2 COPIA- VERBALE DI ADUNANZA DEL CONSIGLIO COMUNALE Sessione Ordinaria Seduta Pubblica N. 2 Del 21.01.2010 OGGETTO: DETERMINAZIONE QUANTITA E QUALITA DELLE AREE

Dettagli

Regolamento per l assegnazione dei contributi per "edifici di culto ed altri edifici per servizi religiosi" e per "centri civici e sociali

Regolamento per l assegnazione dei contributi per edifici di culto ed altri edifici per servizi religiosi e per centri civici e sociali Regolamento per l assegnazione dei contributi per "edifici di culto ed altri edifici per servizi religiosi" e per "centri civici e sociali attrezzature culturali e sanitarie." (Deliberazioni del Consiglio

Dettagli

Articoli 6 e 8 dello Statuto; articoli 2, 3 e 4 del Regolamento per gli istituti di partecipazione

Articoli 6 e 8 dello Statuto; articoli 2, 3 e 4 del Regolamento per gli istituti di partecipazione Proposta di iniziativa popolare concernente il programma di recupero urbano laurentino e l'inserimento del Fosso della Cecchignola nella componente primaria della rete ecologica e destinazione dell'intera

Dettagli

AREA Pianificazione e Progettazione RELAZIONE

AREA Pianificazione e Progettazione RELAZIONE PROVINCIA DI FIRENZE AREA Pianificazione e Progettazione RELAZIONE Variante normativa al Regolamento Urbanistico vigente di adeguamento al "regolamento di attuazione dell'articolo 144 della L.R. n. 1/2005

Dettagli

Raccordo tra VAS-VIA-VIC (Valutazione ambientale, Valutazione di impatto ambientale, Valutazione di incidenza)

Raccordo tra VAS-VIA-VIC (Valutazione ambientale, Valutazione di impatto ambientale, Valutazione di incidenza) Allegato 2 Raccordo tra VAS-VIA-VIC (Valutazione ambientale, Valutazione di impatto ambientale, Valutazione di incidenza) Sono molto frequenti le situazioni in cui l obbligo di effettuare valutazioni ambientali

Dettagli

DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLE DIMENSIONI DELLE STRADE ED ALLE DISTANZE DI RISPETTO STRADALI E DEI TRACCIATI FERROVIARI DI PROGETTO

DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLE DIMENSIONI DELLE STRADE ED ALLE DISTANZE DI RISPETTO STRADALI E DEI TRACCIATI FERROVIARI DI PROGETTO DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLE DIMENSIONI DELLE ED ALLE DISTANZE DI RISPETTO STRADALI E DEI TRACCIATI FERROVIARI DI PROGETTO (articolo 70 della legge provinciale 5 settembre 1991, n. 22 articolo 64 della

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

INDICE PREMESSE... 2 1. VALUTAZIONI TERRITORIALI URBANISTICHE... 4

INDICE PREMESSE... 2 1. VALUTAZIONI TERRITORIALI URBANISTICHE... 4 INDICE PREMESSE... 2 1. VALUTAZIONI TERRITORIALI URBANISTICHE... 4 2. VALUTAZIONI DI CARATTERE ECONOMICO... 6 2.1 COSTO DI PRODUZIONE DI UN FABBRICATO... 6 2.2 INCIDENZA DEL VALORE DEL TERRENO SUL FABBRICATO...

Dettagli

Nuovo Piano Casa Regione Lazio. Legge 11 agosto 2009 n. 21, come modificata dalle leggi 13 agosto 2011 nn. 10 e 12

Nuovo Piano Casa Regione Lazio. Legge 11 agosto 2009 n. 21, come modificata dalle leggi 13 agosto 2011 nn. 10 e 12 Nuovo Piano Casa Regione Lazio Legge 11 agosto 2009 n. 21, come modificata dalle leggi 13 agosto 2011 nn. 10 e 12 AMBITO DI APPLICAZIONE (Art. 2) La Legge si applica agli edifici: Legittimamente realizzati

Dettagli

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 SETTORE SEGRETARIO GENERALE SERVIZIO ELABORAZIONE DATI OGGETTO: 97.404,80 I.C. SERVIZIO DI ASSISTENZA TECNICA INTEGRALE E FORNITURA DI MATERIALE CONSUMABILE

Dettagli

Municipio Roma V Prot. CG n.31261 del 5 Aprile 2013. (Seduta del 28 Ottobre 2013)

Municipio Roma V Prot. CG n.31261 del 5 Aprile 2013. (Seduta del 28 Ottobre 2013) Municipio Roma V (ex VI e VII) Unità di Direzione Servizio di Assistenza agli Organi Istituzionali Ufficio Consiglio Municipio Roma V Prot. CG n.31261 del 5 Aprile 2013 ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI

Dettagli

SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO ORGANIZZATO DA ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI ROMA INCONTRO - 16 SETTEMBRE 2013 ARCH. VITO ROCCO PANETTA

SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO ORGANIZZATO DA ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI ROMA INCONTRO - 16 SETTEMBRE 2013 ARCH. VITO ROCCO PANETTA SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO ORGANIZZATO DA ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI ROMA INCONTRO - 16 SETTEMBRE 2013 ARCH. VITO ROCCO PANETTA ARGOMENTI DA TRATTARE: DETERMINAZIONE DEL CONTRIBUTO DI COSTRUZIONE

Dettagli

Giunta Regionale della Campania

Giunta Regionale della Campania Avvertenze: il testo vigente qui pubblicato è stato redatto dal Settore Legislativo dell'a.g.c. 01 della Giunta Regionale al solo fine di facilitare la lettura delle disposizioni della legge, integrata

Dettagli

Provincia di Udine. Copia. N. 120 Reg.

Provincia di Udine. Copia. N. 120 Reg. COMUNE DI PALMANOVA Provincia di Udine Verbale di deliberazione della Giunta Comunale Copia N. 120 Reg. OGGETTO: Integrazione del G.C. 34 dd. 11.04.2012 "Servizi pubblici a domanda individuale 2012 - determinazione

Dettagli

DISCIPLINA DI SALVAGUARDIA DEL REGOLAMENTO URBANISTICO ADOTTATO

DISCIPLINA DI SALVAGUARDIA DEL REGOLAMENTO URBANISTICO ADOTTATO DIREZIONE URBANISTICA SERVIZIO Edilizia Privata, DISCIPLINA DI SALVAGUARDIA DEL REGOLAMENTO URBANISTICO ADOTTATO Deliberazione Consiglio Comunale n. 13/2014 SCHEDA INFORMATIVA Aprile 2014 In data 25 marzo

Dettagli

COMUNE DI GAVORRANO PROVINCIA DI GROSSETO. DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 15 del 30/06/2011

COMUNE DI GAVORRANO PROVINCIA DI GROSSETO. DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 15 del 30/06/2011 COMUNE DI GAVORRANO PROVINCIA DI GROSSETO DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 15 del 30/06/2011 ================================================================= OGGETTO: CORREZIONE ERRORE MATERIALE

Dettagli

REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U.

REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U. REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U. DISCIPLINA DEI LIMITI E DEI RAPPORTI RELATIVI ALLA FORMAZIONE DI NUOVI STRUMENTI URBANISTICI

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE OGGETTO: IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA. DETERMINAZIONE ALIQUOTE ANNO 2014

VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE OGGETTO: IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA. DETERMINAZIONE ALIQUOTE ANNO 2014 COMUNE DI TAINO Provincia di Varese Prot. N. 3207 VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE Copia N. 6 del 28/04/2014 OGGETTO: IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA. DETERMINAZIONE ALIQUOTE ANNO 2014 L'anno

Dettagli

(Omissis) Art. 1. (Campo di applicazione).

(Omissis) Art. 1. (Campo di applicazione). DECRETO MINISTERIALE 2 aprile 1968, n. 1444 (pubblicato nella g. u. 16 aprile 1968, n. 97). Limiti inderogabili di densità edilizia, di altezza, di distanza fra i fabbricati e rapporti massimi tra spazi

Dettagli

DELIBERAZIONE N X / 2525 Seduta del 17/10/2014

DELIBERAZIONE N X / 2525 Seduta del 17/10/2014 DELIBERAZIONE N X / 2525 Seduta del 17/10/2014 Presidente ROBERTO MARONI Assessori regionali MARIO MANTOVANI Vice Presidente VALENTINA APREA VIVIANA BECCALOSSI SIMONA BORDONALI PAOLA BULBARELLI MARIA CRISTINA

Dettagli

Su segnalazione dello Studio Legale Associato Fontana Ferrari di Brescia.

Su segnalazione dello Studio Legale Associato Fontana Ferrari di Brescia. Su segnalazione dello Studio Legale Associato Fontana Ferrari di Brescia. Commento di B. Bosetti In seguito a ricorso straordinario al Capo dello Stato, è annullato il Piano di Governo del territorio (PGT)

Dettagli

REGIONE MARCHE GIUNTA REGIONALE

REGIONE MARCHE GIUNTA REGIONALE DELIBERAZIONE DELLA DGR n 896 del 24/06/2003 Pubblicata sul Bur n 62 del 11/07/2003 2 OGGETTO: Legge n.447/1995 Legge quadro sull inquinamento acustico e legge regionale 14 novembre 2001, n.28 Norme per

Dettagli

N. 68/11 del 19 ottobre 2011

N. 68/11 del 19 ottobre 2011 COPIA EDUCATORIO DELLA PROVVIDENZA VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE OGGETTO: N. 68/11 del 19 ottobre 2011 ADEGU DEGUAMENTO ALLA NORMATIVA A DI PREVENZIONE INCENDI ENDI: : IMPIANTO

Dettagli

SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO

SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO Il disegno di legge 1212 Disposizioni sulle Città metropolitane, sulle Province, sulle unioni e fusioni di Comuni approvato dal Senato ha

Dettagli

COMUNE DI SANTA CROCE SULL ARNO

COMUNE DI SANTA CROCE SULL ARNO COMUNE DI SANTA CROCE SULL ARNO Provincia di Pisa DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE Nr. 263 di Mercoledi 7 Dicembre 2011 Oggetto: Determinazione dei valori minimi delle aree edificabili ai fini dell'imposta

Dettagli

Istituzione della figura di Agente Ambientale.

Istituzione della figura di Agente Ambientale. Estratto del verbale della seduta della Giunta Comunale NUMERO DI REGISTRO SEDUTA DEL 7 21 gennaio 2015 Oggetto : Istituzione della figura di Agente Ambientale. Il giorno 21 gennaio 2015 in Cremona, con

Dettagli

Comune di Grado Provincia di Gorizia

Comune di Grado Provincia di Gorizia Comune di Grado Provincia di Gorizia REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI INCENTIVI PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI LAVORI PUBBLICI, AI SENSI DELL ART.11 DELLA LEGGE REGIONALE 31 MAGGIO 2002,

Dettagli

Articolo 3, comma 3- Viene così riformulato Il Contrassegno è predisposto per una validità di cinque anni. Approvato unanime.

Articolo 3, comma 3- Viene così riformulato Il Contrassegno è predisposto per una validità di cinque anni. Approvato unanime. 1 2 3 Preso atto, inoltre, che la I Commissione consiliare permanente - Affari Generali e Istituzionali con verbale del 29 settembre 2011, qui allegato, ha espresso parere favorevole, sulla proposta in

Dettagli

GUIDA ALL APPLICAZIONE DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA (I.M.U.) ANNO 2013

GUIDA ALL APPLICAZIONE DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA (I.M.U.) ANNO 2013 COMUNE DI VIGONZA UNITA OPERATIVA TRIBUTI GUIDA ALL APPLICAZIONE DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA (I.M.U.) ANNO 2013 Il decreto legge 21 maggio 2013 n 54 ha sospeso il versamento dell'acconto IMU per alcuni

Dettagli

COMUNE DI MARUGGIO. (Provincia di Taranto) REGISTOR ORIGINALE DELIBERAZIONE GIUNTA COMUNALE

COMUNE DI MARUGGIO. (Provincia di Taranto) REGISTOR ORIGINALE DELIBERAZIONE GIUNTA COMUNALE COMUNE DI MARUGGIO (Provincia di Taranto) N. 231 del Reg. delib. REGISTOR ORIGINALE DELIBERAZIONE GIUNTA COMUNALE Oggetto: Riqualificazione dell area comunale in Campomarino denominata Parco Comunale Via

Dettagli

e r r e 3 s t u d i o t e c n i c o a s s o c i a t o a r c h. c r i s t i n a r o s t a g n o t t o

e r r e 3 s t u d i o t e c n i c o a s s o c i a t o a r c h. c r i s t i n a r o s t a g n o t t o Come disposto nelle norme di attuazione, artt. 15, 16, 17 e dall Allegato 5 alle NTA del PTC2 gli strumenti urbanistici generali e le relative varianti assumono l obbiettivo strategico e generale del contenimento

Dettagli

Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica

Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica Marco Citterio, Gaetano Fasano Report RSE/2009/165 Ente per le Nuove tecnologie,

Dettagli

COMUNE DI VENEZIA. Estratto dal registro delle deliberazioni del COMMISSARIO STRAORDINARIO nella competenza del Consiglio comunale

COMUNE DI VENEZIA. Estratto dal registro delle deliberazioni del COMMISSARIO STRAORDINARIO nella competenza del Consiglio comunale COMUNE DI VENEZIA Estratto dal registro delle deliberazioni del COMMISSARIO STRAORDINARIO nella competenza del Consiglio comunale N. 87 DEL 14 MAGGIO 2015 E presente il COMMISSARIO STRAORDINARIO: VITTORIO

Dettagli

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo.

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo. 17875 LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27 Disposizioni urgenti in materia di prevenzione del rischio e sicurezza delle costruzioni Istituzione del fascicolo del fabbricato. IL CONSIGLIO REGIONALE HA

Dettagli

Piano Stralcio di Bacino per l Assetto Idrogeologico (P.A.I.) (ART.1 D.L. 180/98 CONVERTITO CON MODIFICHE CON LA L.267/98 E SS.MM.II.

Piano Stralcio di Bacino per l Assetto Idrogeologico (P.A.I.) (ART.1 D.L. 180/98 CONVERTITO CON MODIFICHE CON LA L.267/98 E SS.MM.II. REPUBBLICA ITALIANA Regione Siciliana Assessorato Regionale del Territorio e dell Ambiente DIPARTIMENTO REGIONALE DELL AMBIENTE Servizio 3 "ASSETTO DEL TERRITORIO E DIFESA DEL SUOLO (P.A.I.) (ART.1 D.L.

Dettagli

VERBALEDror"**"xtzol?;?îfÈiftc4r-NTACOMUN

VERBALEDror**xtzol?;?îfÈiftc4r-NTACOMUN COMUNE DI MAGLIANO VETERE. 84050 MAGLIANO VETERE (SA) C.so Umberro t @ 0974/s92A32 _992076 COPIA VERBALEDror"**"xtzol?;?îfÈiftc4r-NTACOMUN OGGETTO: Approvazione Progetto esecutivo di efficientamento energetico

Dettagli

Norme del Documento di Piano

Norme del Documento di Piano Norme del Documento di Piano SOMMARIO: ART. 1. DISPOSIZIONI GENERALI... 3 ART. 2. CONTENUTO DEL DOCUMENTO DI PIANO... 4 ART. 3. RINVIO AD ALTRE DISPOSIZIONI DIFFORMITÀ E CONTRASTI TRA DISPOSIZIONI, DEROGHE...

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 039 del Consiglio comunale. OGGETTO: nomina del Revisore dei Conti del Comune per il triennio 2014 2017.

VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 039 del Consiglio comunale. OGGETTO: nomina del Revisore dei Conti del Comune per il triennio 2014 2017. Comune di Folgaria Provincia di Trento Via Roma, 60 - C.A.P. 38064 Tel. 0464/729333 - Fax 0464/729366 Codice Fiscale e P. IVA 00323920223 E-mail: info@comune.folgaria.tn.it PEC: comune@pec.comune.folgaria.tn.it

Dettagli

Opere di urbanizzazione

Opere di urbanizzazione Opere di urbanizzazione di Catia Carosi Con il termine opere di urbanizzazione si indica l insieme delle attrezzature necessarie a rendere una porzione di territorio idonea all uso insediativo previsto

Dettagli

Verbale di deliberazione della Giunta Municipale. Registro delibere di Giunta COPIA N. 96

Verbale di deliberazione della Giunta Municipale. Registro delibere di Giunta COPIA N. 96 COMUNE DI TREPPO GRANDE Medaglia d Oro al Merito Civile PROVINCIA DI UDINE COMUN DI TREP GRANT Medae d Aur al Merit Civil PROVINCIE DI UDIN Verbale di deliberazione della Giunta Municipale Registro delibere

Dettagli

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE Verbale n. 10 del 5 Novembre 2014 RIUNIONE Il giorno 5 Novembre 2014, alle ore 10.40, il Nucleo di Valutazione dell Università degli Studi del Sannio, si è riunito per discutere sugli argomenti iscritti

Dettagli

OGGETTO: APPROVAZIONE ALIQUOTE TASI

OGGETTO: APPROVAZIONE ALIQUOTE TASI Provincia di Bologna COPIA n. 28 del 30.04.2014 OGGETTO: APPROVAZIONE ALIQUOTE TASI Il giorno 30 aprile 2014 alle ore 20.30 nella sala consiliare del Municipio, previa l'osservanza di tutte le formalità

Dettagli

Verbale di deliberazione n. 47 della Giunta Comunale

Verbale di deliberazione n. 47 della Giunta Comunale COMUNE DI DIMARO Provincia di Trento Verbale di deliberazione n. 47 della Giunta Comunale OGGETTO: A pprovazione disciplinare per il trasferimento volontario delle attività propedeutiche alla riscossione

Dettagli

FAQ (FREQUENTLY ASKED QUESTIONS DOMANDE PIU FREQUENTI)

FAQ (FREQUENTLY ASKED QUESTIONS DOMANDE PIU FREQUENTI) FAQ (FREQUENTLY ASKED QUESTIONS DOMANDE PIU FREQUENTI) Domande frequenti inerenti la Relazione Energetico - Ambientale e la conformità delle pratiche edilizie alla normativa di settore. Aggiornamento al

Dettagli

PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI DI AFFISSIONE E ALTRI MEZZI PUBBLICITARI

PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI DI AFFISSIONE E ALTRI MEZZI PUBBLICITARI COMUNE DI SIRIGNANO PROVINCIA DI AVELLINO Piazza Aniello Colucci 83020 SIRIGNANO (AV) Tel. 081-5111570 Fax 081-5111625 CF 80004370641 P. IVA 00256240649 PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI DI AFFISSIONE E ALTRI

Dettagli

Deliberazione di Giunta Comunale

Deliberazione di Giunta Comunale Comune di Selargius Numero Data Prot. 155 25/05/99 Deliberazione di Giunta Comunale Oggetto: LAVORI DI ADEGUAMENTO E MESSA A NORMA DEGLI IMPIANTI ELETTRICI DEGLI EDIFICI SCOLASTICI. APPROVAZIONE PROGETTO

Dettagli

Per San Lazzaro. Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA. MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente)

Per San Lazzaro. Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA. MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente) TU Per San Lazzaro Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente) Territorio: Urbanistica: Cosa: Agevolazioni per la riqualificazione dell esistente:

Dettagli

TBLUE SAUNA MILANO ASSOCIAZIONE RICREATIVA CULTURALE

TBLUE SAUNA MILANO ASSOCIAZIONE RICREATIVA CULTURALE STATUTO CIRCOLO TBLUE Art. 1 COSTITUZIONE - SEDE E costituito, come associazione culturale ricreativa non riconosciuta ai sensi dell art 36 e ss. Codice Civile ed art. 148 comma 3 D.P.R. 917/1986 (T.U.I.R.),

Dettagli

COMUNE DI PERTICA ALTA PROVINCIA DI BRESCIA

COMUNE DI PERTICA ALTA PROVINCIA DI BRESCIA COMUNE DI PERTICA ALTA PROVINCIA DI BRESCIA Codice ente Protocollo n. 10388 DELIBERAZIONE N. 33 in data: 28.10.2014 Soggetta invio capigruppo Trasmessa al C.R.C. VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE

Dettagli

Premesso che: - con decreto del Direttore regionale delle foreste e dei parchi, ora Direzione centrale risorse rurali, agroalimentari e forestali, n.

Premesso che: - con decreto del Direttore regionale delle foreste e dei parchi, ora Direzione centrale risorse rurali, agroalimentari e forestali, n. Premesso che: - con decreto del Direttore regionale delle foreste e dei parchi, ora Direzione centrale risorse rurali, agroalimentari e forestali, n. 613 di data 12 novembre 1992 è stata affidata in concessione

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA Lombardia 300/2014/PAR REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott. Gianluca Braghò dott. Donato Centrone dott. Andrea Luberti

Dettagli

Autorizzazione per l'anno 2015 all'emissione della bollettazione in acconto per il primo semestre da parte del soggetto gestore AMA

Autorizzazione per l'anno 2015 all'emissione della bollettazione in acconto per il primo semestre da parte del soggetto gestore AMA Protocollo RC n. 4480/15 ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA CAPITOLINA (SEDUTA DEL 20 FEBBRAIO 2015) L anno duemilaquindici, il giorno di venerdì venti del mese di febbraio, alle ore

Dettagli

hol~e; A--fç, ttgr (.. \ g.4 SAPIENZA UNIVERSITÀ DI ROMA 1 7 FEB. 2015 È assente giustificato: sig. Domenico Di Simone. ... OMISSIS...

hol~e; A--fç, ttgr (.. \ g.4 SAPIENZA UNIVERSITÀ DI ROMA 1 7 FEB. 2015 È assente giustificato: sig. Domenico Di Simone. ... OMISSIS... SAPIENZA 1 7 FEB. 2015 Nell'anno duemilaquindici, addì 17 febbraio alle ore 16.00, presso il Salone di rappresentanza, si è riunito il, convocato con nota rettorale prot. n. 0009903 del 12.02.2015, per

Dettagli

PROVINCIA DI TREVISO. Piazza Ercole Bottani n.4 - C.A.P. 31040 - C.F./P.I. 00529220261 UFFICIO SEGRETERIA - Tel. 0423/873400

PROVINCIA DI TREVISO. Piazza Ercole Bottani n.4 - C.A.P. 31040 - C.F./P.I. 00529220261 UFFICIO SEGRETERIA - Tel. 0423/873400 C OMUNE DI VOLPAGO DEL MONTELLO PROVINCIA DI TREVISO Piazza Ercole Bottani n.4 - C.A.P. 31040 - C.F./P.I. 00529220261 UFFICIO SEGRETERIA - Tel. 0423/873400 VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per la Lombardia. (Sezione Quarta) SENTENZA

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per la Lombardia. (Sezione Quarta) SENTENZA T.A.R. Lombardia, Milano, sez. IV, 22 agosto 2013, n. 2073 Edilizia e urbanistica - Edificabilità dei suoli - Fasce di rispetto - La disciplina derivante dai vincoli imposti sulle aree in fasce di rispetto

Dettagli

Deliberazione del Consiglio Comunale

Deliberazione del Consiglio Comunale Deliberazione del Consiglio Comunale Adunanza Ordinaria Seduta di Prima convocazione Comune di Finale Ligure Provincia di Savona Numero progressivo 56 OGGETTO Determinazione delle aliquote e detrazioni

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 031 della Giunta Comunale

VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 031 della Giunta Comunale COMUNE DI FOLGARIA Provincia di Trento Via Roma, 60 - C.A.P. 38064 Tel. 0464/729333 - Fax 0464/729366 Codice Fiscale e P. IVA 00323920223 E-mail: info@comune.folgaria.tn.it PEC: comune@pec.comune.folgaria.tn.it

Dettagli

CAPO I ORDINAMENTO DELLE COMPETENZE A REGIME

CAPO I ORDINAMENTO DELLE COMPETENZE A REGIME Legge regionale n.20 del 21 agosto 1991. Riordino delle competenze per l'esercizio delle funzioni amministrative in materia di bellezze naturali. (B.U. 11 novembre 1991, n. 12). (vedi circolare prot. n.

Dettagli

VÉÇá zä É exz ÉÇtÄx wxäät câzä t

VÉÇá zä É exz ÉÇtÄx wxäät câzä t LEGGE REGIONALE 20 MAGGIO 2014, N. 26 Disposizioni per favorire l accesso dei giovani all agricoltura e contrastare l abbandono e il consumo dei suoli agricoli 2 LEGGE REGIONALE Disposizioni per favorire

Dettagli

L AUDIT ENERGETICO DEGLI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERGETICO

L AUDIT ENERGETICO DEGLI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERGETICO COMUNE DI CANZO COMUNE DI CASTELMARTE COMUNE DI EUPILIO COMUNE DI LONONE AL SERINO COMUNE DI PROSERPIO COMUNE DI PUSIANO L AUDIT ENERETICO DELI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERETICO Una politica energetica

Dettagli

COMUNE DI SCARNAFIGI PROVINCIA DI CUNEO

COMUNE DI SCARNAFIGI PROVINCIA DI CUNEO COMUNE DI SCARNAFIGI PROVINCIA DI CUNEO OGGETTO : PIANO ESECUTIVO CONVENZIONATO PER L AREA D1 DELLA ZONA P1.8 DEL P.R.G.C. RIF. CATASTALI : FOGLIO 26 MAPP.NN.232(ex36/a), 233(ex37/a, 112, 130, 136, 171,

Dettagli

SCHEMA DI NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE SUA

SCHEMA DI NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE SUA NTA di SUA di iniziativa privata SCHEMA DI NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE SUA.. INDICE ART. 1 AMBITO DI APPLICAZIONE... pag. 2 ART. 2 ELABORATI DEL PIANO...» 2 ART. 3 DATI COMPLESSIVI DEL PIANO...» 2 ART.

Dettagli

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD -

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - REGOLAMENTO DI CONTABILITÀ SOMMARIO: Capo I - Le competenze del servizio economico-finanziario Capo II - La programmazione

Dettagli

ATTO COSTITUTIVO DI ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA. L anno 2014 il giorno 11 del mese di FEBBRAIO in Bari (BA) Torre a mare alla Via

ATTO COSTITUTIVO DI ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA. L anno 2014 il giorno 11 del mese di FEBBRAIO in Bari (BA) Torre a mare alla Via 1 ATTO COSTITUTIVO DI ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA L anno 2014 il giorno 11 del mese di FEBBRAIO in Bari (BA) Torre a mare alla Via Pitagora n. 7 alle ore 20,00 si sono riuniti i Sigg.: - Iacobellis

Dettagli

Piano Regolatore Generale comunale

Piano Regolatore Generale comunale P.r.g Comune di Baselga di Pinè, adeguamento cartografico a sensi art. 34 comma 3 L.P. 1/2008 PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO Comune di Baselga di Pinè Piano Regolatore Generale comunale RELAZIONE Adeguamento

Dettagli

Approvazione del nuovo Regolamento sull'accesso agli e documenti amministrativi.

Approvazione del nuovo Regolamento sull'accesso agli e documenti amministrativi. VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE n. 1 2 OGGETTO: Approvazione del nuovo Regolamento sull'accesso agli e documenti amministrativi. L anno 2012 (Duemiladodici) addì 27 (Ventisette) del mese

Dettagli

Indice. Parte Prima. Premessa... pag. 2. Contenuti e limiti previsti dal Piano Casa 2 3. Parte Seconda. A) Definizioni. pag. 9

Indice. Parte Prima. Premessa... pag. 2. Contenuti e limiti previsti dal Piano Casa 2 3. Parte Seconda. A) Definizioni. pag. 9 Indice Parte Prima Premessa... pag. 2 Contenuti e limiti previsti dal Piano Casa 2 3 Parte Seconda A) Definizioni. pag. 9 B) Disposizioni riguardanti aspetti generali. 10 C) Disposizioni in materia di

Dettagli

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010 PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010 approvate dal Consiglio di Amministrazione di Davide Campari-Milano S.p.A. l 11 novembre 2010 e in

Dettagli

Guida alla corretta applicazione della normativa sull abbattimento delle barriere architettoniche

Guida alla corretta applicazione della normativa sull abbattimento delle barriere architettoniche Comune di Parma Guida alla corretta applicazione della normativa sull abbattimento delle barriere architettoniche A vent anni dall entrata in vigore della più importante legge sull abbattimento delle barriere

Dettagli

B I L A NC I O DI PR E V I SI ONE 2008

B I L A NC I O DI PR E V I SI ONE 2008 T itolo 1 Spese correnti 01 Funzioni generali di amministrazione, di gestione e di con-trollo 01. 04 Gestione delle entrate tributarie e servizi fiscali 01. 01. 04. 01 Personale 01. 01. 04. 03 Prestazioni

Dettagli

dello dei E DEI Stato Sta tale dell per CF Mini e dei cotra Via 69, per delle che , con zzetta dest 63, ), ha per 147, che dest per il euro che

dello dei E DEI Stato Sta tale dell per CF Mini e dei cotra Via 69, per delle che , con zzetta dest 63, ), ha per 147, che dest per il euro che A LLEGATO Min nistero delle Infrastrutture e dei Trasporti DIPARTIMENTO PER LE INFRASTRUTTURE, I SERVIZI INFORMATIVI E STATISTICI DIREZIONE GENERALE EDILIZIA STATALE E INTERVENTI SPECIALI CONVENZIONE TRA

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 317 della Giunta Comunale

VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 317 della Giunta Comunale COMUNE DI FOLGARIA Provincia di Trento - C.A.P. 38064 Via Roma, 60 Tel. 0464/729333 - Fax 0464/729366 E-mail: info@comune.folgaria.tn.it Codice Fiscale e P. IVA 00323920223 VERBALE DI DELIBERAZIONE N.

Dettagli

P.R.G.C. DI MATTIE - REL. ILLUSTRATIVA - VAR. IN ITINERE ALLA VAR. STRUTTUR. E DI ADEG. AL P.A.I. - D.C.C.20/ 28.09.2011

P.R.G.C. DI MATTIE - REL. ILLUSTRATIVA - VAR. IN ITINERE ALLA VAR. STRUTTUR. E DI ADEG. AL P.A.I. - D.C.C.20/ 28.09.2011 0 INDICE RELAZIONE ILLUSTRATIVA RI 2 1) PRESENTAZIONE. 3 2) LO STRUMENTO URBANISTICO DEL COMUNE DI MATTIE.. 3 3) LE MOTIVAZIONI DELLA VARIANTE ATTUALE. 4 4) I REQUISITI FORMALI DEGLI ATTI Dl VARIANTE.

Dettagli

Deliberazione n. 18 ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DEL CONSIGLIO COMUNALE

Deliberazione n. 18 ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DEL CONSIGLIO COMUNALE Protocollo RC n. 21857/08 Anno 2008 VERBALE N. 9 Deliberazione n. 18 ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DEL CONSIGLIO COMUNALE Seduta Pubblica del 12 febbraio 2008 Presidenza: CORATTI L anno duemilaotto,

Dettagli

COMUNE DI CAMINO (AL) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI. Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 3 del 25/1/2013

COMUNE DI CAMINO (AL) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI. Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 3 del 25/1/2013 COMUNE DI CAMINO (AL) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 3 del 25/1/2013 INDICE TITOLO I PRINCIPI GENERALI... 3 Articolo 1 Oggetto... 3 Articolo 2 Sistema

Dettagli

COMUNE DI VITTORIA REVISIONE PIANO REGOLATORE GENERALE PROGETTO: UFFICIO TECNICO COMUNALE - SETTORE URBANISTICA - ATTUAZIONE

COMUNE DI VITTORIA REVISIONE PIANO REGOLATORE GENERALE PROGETTO: UFFICIO TECNICO COMUNALE - SETTORE URBANISTICA - ATTUAZIONE . REGIONE SICILIA COMUNE DI VITTORIA Provincia di Ragusa REVISIONE PROGETTO: UFFICIO TECNICO COMUNALE - SETTORE URBANISTICA - ARCH. NUNZIO BARONE (Capogruppo) ARCH. EMILIO GIANSANTI ING. EMANUELE GULINO

Dettagli

RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 2009

RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 2009 RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 009 Funzion 9 0 3 Servizio. Funzion 0 Funzioni generali di amministrazione, di gestione e di controllo 0 Organi istituzionali, partecipazione e decentramento 0 Segreteria

Dettagli

RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 2007

RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 2007 RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 007 Funzion 0 Funzioni generali di amministrazione, di gestione e di con-trollo Servizio 0. 0 Organi istituzionali, partecipazione e decentramento 9 0 3 5.00 7.00.00 Servizio

Dettagli

Repertorio n. CONVENZIONE PER LA CESSIONE IN PROPRIETA DI AREA P.E.E.P. GIA CONCESSA IN DIRITTO DI SUPERFICIE REPUBBLICA ITALIANA COMUNE DI ROCCASTRADA (Provincia di Grosseto) L anno duemila il giorno

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO

CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO 1. Il presente Codice di Comportamento integrativo definisce, in applicazione dell'art. 54 del DLgs. n. 165/2001 come riformulato dall'art.1, comma

Dettagli

Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida

Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida Anche la legge sulla riqualificazione urbana è un tassello

Dettagli

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE (ai sensi dell art. 4 del Regolamento adottato da Consob con delibera n. 17221 del 12 marzo 2010, come successivamente modificato ed integrato) INDICE 1. OBIETTIVI

Dettagli

Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo

Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo DECRETO N. 12 (Disposizioni regolamentari per la costituzione dei consorzi obbligatori ai sensi dell art. 7 dell ordinanza

Dettagli

AGENZIA TERRITORIALE DELL EMILIA-ROMAGNA

AGENZIA TERRITORIALE DELL EMILIA-ROMAGNA AGENZIA TERRITORIALE DELL EMILIAROMAGNA PER I SERVIZI IDRICI E RIFIUTI CAMB/2014/71 del 30 dicembre 2014 CONSIGLIO D AMBITO Oggetto: Proroga delle scadenze temporali previste dall'art. 12 del "Regolamento

Dettagli

C O P I A DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE

C O P I A DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE C O P I A DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 140 del 25.09.2013 OGGETTO:Accordo tra Comune di Sarzana e Consorzio Sviluppo Sarzana per la realizzazione dell'edizione 2013 del L anno duemilatredici,

Dettagli

ATTIVITA DELLA REGIONE LIGURIA NELL AMBITO DEGLI STUDI E INDAGINI SULLA MICROZONAZIONE SISMICA

ATTIVITA DELLA REGIONE LIGURIA NELL AMBITO DEGLI STUDI E INDAGINI SULLA MICROZONAZIONE SISMICA STUDI DI MICROZONAZIONE SISMICA: TEORIA ED APPLICAZIONI AOSTA, Loc. Amérique Quart (AO), 18-19 Ottobre 2011 Assessorato OO.PP., Difesa Suolo e Edilizia Residenziale Pubblica - Servizio Geologico ATTIVITA

Dettagli

Guida al PIANO CASA della Regione TOSCANA

Guida al PIANO CASA della Regione TOSCANA Guida al PIANO CASA della Regione TOSCANA (aggiornata a gennaio 2014) 1 SOMMARIO INTRODUZIONE... pag. 3 IL PIANO CASA IN TOSCANA... pag. 4 INTERVENTI DI AMPLIAMENTO....pag. 5 INTERVENTI DI DEMOLIZIONE

Dettagli

LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI

LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI Luca Menini, ARPAV Dipartimento di Vicenza via Spalato, 14-36100 VICENZA e-mail: fisica.arpav.vi@altavista.net 1. INTRODUZIONE La legge 447 del 26/10/95 Legge

Dettagli

Legge regionale 10 luglio 2008, n. 12. Il Consiglio regionale ha approvato. LA PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE PROMULGA. la seguente legge:

Legge regionale 10 luglio 2008, n. 12. Il Consiglio regionale ha approvato. LA PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE PROMULGA. la seguente legge: Legge regionale 10 luglio 2008, n. 12 Norme per i centri storici. Il Consiglio regionale ha approvato. LA PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE PROMULGA la seguente legge: TITOLO I FINALITÀ E AMBITO DI APPLICAZIONE

Dettagli

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 Norme sui procedimenti e giudizi di accusa (Gazzetta Ufficiale 13 febbraio 1962, n. 39) Artt. 1-16 1 1 Articoli abrogati dall art. 9 della legge 10 maggio 1978, n. 170. Si

Dettagli

Meno carte più sicurezza. Procedure semplificate per la prevenzione incendi C O R P O N A Z I O N A L E

Meno carte più sicurezza. Procedure semplificate per la prevenzione incendi C O R P O N A Z I O N A L E FUOCO DEL VIGILI Meno carte più sicurezza Procedure semplificate per la prevenzione incendi C O R P O N A Z I O N A L E Premessa La semplificazione per le procedure di prevenzione incendi entra in vigore

Dettagli

LE DECISIONI DEI SOCI E LE ASSEMBLEE NELLA NUOVA SOCIETA A RESPONSABILITA LIMITATA Le competenze e i nuovi quorum costitutivi e deliberativi

LE DECISIONI DEI SOCI E LE ASSEMBLEE NELLA NUOVA SOCIETA A RESPONSABILITA LIMITATA Le competenze e i nuovi quorum costitutivi e deliberativi LE DECISIONI DEI SOCI E LE ASSEMBLEE NELLA NUOVA SOCIETA A RESPONSABILITA LIMITATA Le competenze e i nuovi quorum costitutivi e deliberativi di Claudio Venturi Sommario: - 1. Le decisioni dei soci. 1.1.

Dettagli