VERBALE CONSIGLIO COMUNALE DEL ( prima convocazione) E DEL (seconda convocazione)

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "VERBALE CONSIGLIO COMUNALE DEL 15.11.2008 ( prima convocazione) E DEL 22.11.2008 (seconda convocazione)"

Transcript

1 ALLEGATO A) a verbale di deliberazione di C.C. N. 34 del VERBALE CONSIGLIO COMUNALE DEL ( prima convocazione) E DEL (seconda convocazione) PRIMA CONVOCAZIONE ORE Sala del Consiglio Comunale Si procede con l appello. Risultano presenti n. 8 consiglieri. Assenti i consiglieri Fanetti, Raoul, Levi Federico, Gianera Alfieri, Usai Stefania, Raineri Paolo. APPROVAZIONE VERBALE SEDUTA CONSILIARE PRECEDENTE (DEL ). Si procede subito alla votazione. APPROVAZIONE CAPITOLATO PER L APPALTO DEL SERVIZIO DI TESORERIA COMUNALE. Il Sindaco spiega che è in scadenza la convenzione per il servizio di tesoreria comunale. La convenzione in scadenza aveva una durata di 9 anni, mentre ora si propone una convenzione di 5 anni, dal La presenza di uno sportello all interno del territorio comunale è un requisito necessario per la partecipazione alla gara. Le banche presenti sul territorio sono due ( Popolare di Sondrio e Credito Valtellinese). Il Sindaco illustra la bozza di convenzione. Di seguito si procede alla votazione. PIANO PER IL DIRITTO ALLO STUDIO - ANNO SCOLASTICO 2008/2009 Il Sindaco illustra il piano, che ricalca in gran parte quello dell anno scolastico 2007/2008. L importo del contributo dovuto alla scuola materna centro verrà definito con un successivo provvedimento. L Amministrazione comunale sta dialogando con la scuola materna per trovare una nuova formulazione della convenzione in essere. Questo perché sono note le difficoltà finanziarie della scuola. Si procede alla votazione.

2 Verifica interventi per la realizzazione di edifici di culto e d'attrezzature destinate a servizi religiosi, previsti nei programmi di cui alla Legge Regionale n. 12 del 11 marzo 2005, art. 73.ANNO Il Sindaco spiega che il progetto presentato riguarda solo la Parrocchia San Giovanni Battista di Campodolcino, per un importo pari a ,00. ( entra il consigliere Gianera Alfieri) Il progetto riguarda il rifacimento della parte prospiciente la canonica.il contributo è calcolato in % sugli oneri versati nell anno Si procede alla votazione. OPERAZIONI DI VARIAZIONI E ASSESTAMENTO DEI FONDI AI SENSI DELL'ART.175, COMMA 8, DEL T.U. SULL ORDINAMENTO DEGLI ENTI LOCALI APPROVATO CON DECRETO LEGISLATIVO 18 AGOSTO 2000, N.267 Il provvedimento viene illustrato dal Sindaco. Tra le maggiori entrate spiccano ,00 di fondi regionali per gli interventi di messa in sicurezza della sponda sinistra del paese, nelle frazioni di Pietra e Prestone e ,00 quali oneri rivieraschi arretrati dovuti da Edipower. Si procede alla votazione Consiglieri votanti: 6 (sei) Voti favorevoli: 6 (sei) Astenuti: 3 (tre) ( Albiniano Carmine, Del Curatolo Giacinto, Bresciani Fabrizio) ADOZIONE PIANO CIMITERIALE. Il sindaco introduce l argomento. Gli architetti Cola e Favaron illustrano il piano. La legge prevede che la distanza degli edifici dal cimitero sia di 200 metri, ma è data facoltà alle singole realtà, in relazione a documentate esigenze, di ridurre tale fascia di rispetto fino a 50m. L attuale piano regolatore prevede una distanza di 50m quale ambito di rispetto. Se il vincolo cimiteriale fosse portato a 200m, come previsto dalla legge, buona parte degli edifici circostanti sarebbero interessati dalla fascia di rispetto e i proprietario dovrebbero rispettare una serie di vincoli. Il Piano cimiteriale è composto da una serie di analisi, ad esempio nati e morti degli ultimi anni. Per i cimiteri di Campodolcino e Fraciscio il piano tiene conto anche di possibili ampliamenti. Per quanto riguarda invece Starleggia, considerando che il cimitero è molto distante dalla parte edificabile, è stato mantenuto un vincolo che va da 200 a 100m, in modo tale escludere tutti gli

3 edifici che fanno parte del nucleo consolidato. Per il cimitero di Starleggia non è stato previsto alcun ampliamento. Adottando il Piano cimiteriale si creeranno due situazioni sul PGT. Fino a quando l iter del piano non sarà concluso nel PGT scatta la salvaguardia a 200m, che a iter concluso, dovrebbe però tornare a 50m, comprensivi delle aree di ampliamento cimiteriale previsto per Campodolcino e Fraciscio. Per quanto attiene Starleggia solo un edificio è interessato da questo discorso, cioè un solo edificio ricade nei 200m. Interviene il Consigliere Delcuratolo chiedendo se non sarebbe stato più opportuno subordinare l adozione del Piano Cimiteriale all adozione del PGT. L Arch. Favaron spiega che è meglio procedere prima all adozione del Piano Cimiteriale in modo tale che esso venga recepito dal PGT. In caso contrario si sarebbe dovuto adottare il PGT con la distanza a 200m e poi si sarebbe dovuto procedere all adozione del piano cimiteriale, con una notevole perdita di tempo. In questo modo invece i due strumenti vanno in parallelo. Si procede alla votazione. Consiglieri votanti: 6 (sei) Voti favorevoli: 6 (sei) Astenuti: 3 (tre) ( Albiniano Carmine, Del Curatolo Giacinto, Bresciani Fabrizio) ADOZIONE PIANO DELL ILLUMINAZIONE COMUNALE AD INTEGRAZIONE DEL P.R.G. VIGENTE, AI SENSI DELLA LEGGE REGIONALE 23 GIUGNO 1997, N. 23 Illustra l Ing. Ricciardini, estensore del Piano di Illuminazione Comunale. La L.R. 17/2000 prevede per i Comuni l adozione e l approvazione di un piano di illuminazione che regoli le attività di illuminazione su tutto il territorio comunale. Obiettivi del piano sono, tra gli altri, la riduzione dell inquinamento luminoso e l azzonamento del territorio comunale. Infatti, a seconda della destinazione urbanistica del territorio, si hanno diverse tipologie di illuminazione. L illuminazione comunale, nella maggior parte dei casi, è legata alla viabilità, regolata dal codice della strada, che prescrive le caratteristiche illuminotecniche delle varie strade. Il piano prende questi input per identificare sul territorio gli azzonamenti e propone una tipologia di illuminazione che è divisa in due grosse categorie: illuminazione a luce gialla a vapore di sodio (utilizzata nelle zone residenziali, artigianali) illuminazione a luce bianca a vapore di mercurio ( utilizzata nelle zone storiche perché restituisce il calore naturale delle cose). Nelle zone agricole non è prevista illuminazione pubblica, fatta eccezione per le zone agricole a vocazione turistica o che abbiano frequenza di pubblico o frequenza veicolare che renda necessaria l illuminazione. La L.R. vieta lo sbordamento di luce verso l alto. Ogni strada è stata classificata a seconda della classificazione illuminotecnica prevista dalle norme UNI 10432, che indica il valore di illuminazione a terra minimo che la strada deve avere. Uno degli interventi di miglioramento previsti è la programmazione del flusso luminoso in base alle fasce orarie, finalizzato al risparmio energetico. Tale programmazione si realizza attraverso l inserimento di quadri elettrici particolari e variatori di flusso, apparati elettrici ed elettronici che fanno diminuire la tensione sulla linea elettrica e quindi il flusso luminoso. Interviene poi Acquistapace che illustra quali siano i vantaggi conseguenti all inserimento di variatori di flusso luminoso. Oltre al risparmio energetico, abbassano e stabilizzano la tensione e allungano la durata delle lampade.

4 E previsto un risparmio di circa il 20% del costo energetico annuo, a fronte di un costo di ,00 euro per l acquisto e l istallazione di un regolatore di flusso. Interviene poi il consigliere Delcuratolo, chiedendo se siano previste altre modifiche all illuminazione del paese, oltre a quelle già effettuate. Il Consigliere evidenzia infatti che parecchie zone di Campodolcino risultano essere buie, a scapito della sicurezza. Inoltre chiede se in determinate zone non sarebbe stato meglio prevedere luci bianche, che avrebbero sicuramente garantito migliore illuminazione, rispettando comunque i vincoli imposti dalla legge. Risponde l Ing. Ricciardini, spiegando che, quando vengono eseguiti adeguamenti agli impianti di illuminazione, di norma si ha l impressione che l intensità della luce sia minore. Una volta non si badava al risparmio energetico. Per questo in alcune zone venivano installate lampade da 250 watt che rendevano ridondante l illuminazione al suolo, ma con elevati consumi. Confrontando la luce bianca e la luce gialla, certamente quest ultima da la sensazione di maggiore visione. Le zone a luce gialla e a luce gialla sono state individuate in base alle norme regionali. Per quanto riguarda invece il rapporto criticità /sicurezza, il piano cerca di rispondere alla normativa, ma prevede anche che ci possano essere delle situazioni particolari in cui si può derogare, ad esempio situazioni di sicurezza (zone pericolose, zone con disagio) dove è previsto un aumento dell illuminazione rispetto alla classificazione illuminotecnica prevista dalla norma U.NI Il Sindaco aggiunge che, in base alle richieste pervenute e alle successive valutazioni, sono previsti altri 10/12 punti luminosi, per cui potrà essere che alcuni punti segnalati dal consigliere Delcuratolo siano tra questi. Il Piano di Illuminazione Comunale definisce i criteri, ma non è un progetto. Si procede alla votazione. Consiglieri votanti: 6 (sei) Voti favorevoli: 6 (sei) Astenuti: 3 (tre) ( Albiniano Carmine, Del Curatolo Giacinto, Bresciani Fabrizio) ADOZIONE, AI SENSI DELLA L.R. 12/2005, DEGLI ATTI COSTITUENTI IL PIANO DI GOVERNO DEL TERRITORIO. Il Sindaco spiega che si è nella fase di adozione e non di approvazione. La fase successiva sarà la pubblicizzazione dei documenti e poi l approvazione, a distanza di almeno 60 giorni. Il PGT e il risultato di un lungo periodo di lavoro svolto dagli urbanisti, dai geologi, dai tecnici, sul quale ci si è confrontati, tra gli altri, con la cittadinanza e con la commissione intergruppo. Al PGT e stata data la più ampia diffusione possibile e il punto al quale si è giunti tiene conto delle osservazioni pervenute dalle varie parti (Provincia, Enti Locali, Comunità Montana, Cittadini, operatori economici). Non tutte le richieste pervenute sono state accolte, per vincoli normativi. Si è partiti da un Piano Regolatore risalente agli anni ottanta, che aveva grande necessità di aggiornamento. La L.R. 12/2005 ha poi introdotto il PGT e ha apportato numerose novità normative. Il PGT è uno strumento dinamico soggetto ad affinamenti e miglioramenti. Dalla fase di adozione a quella di approvazione si potranno apportare miglioramenti. Oltre a questo è prevista la sua revisione dopo 5 anni. La parola passa agli architetti che illustrano il lavoro svolto. Il consigliere Delcuratolo è d accordo su quanto esposto dal Sindaco, ma per la regolarità dello svolgimento del Consiglio comunale, chiede che, ai sensi dell art. 78, 2 comma del TUEL, i consiglieri, direttamente o indirettamente interessati con l approvazione dell adozione del PGT, si allontanino dall aula. Il Sindaco risponde che l unico consigliere che ha inoltrato richiesta scritta

5 per il mantenimento di un piano di lottizzazione, peraltro già esistente, è il Consigliere Renato Levi. Il consigliere Albiniano Carmine chiede l allontanamento anche del Consigliere Gianera, poiché risulta che il fratello del Consigliere in questione ha presentato un istanza. Interviene il Segretario Comunale che fa presente che, come disposto dal TUEL, chiunque abbia interesse al momento della votazione deve uscire dall aula. Il consigliere Delcuratolo sostiene che i consiglieri debbano astenersi dal prendere parte anche alla discussione. Il Segretario spiega che i Consiglieri non possono prendere parola a tutela dei propri interessi. Il sindaco evidenzia che in un paese di 1000 abitanti è difficile non avere parenti interessati, quando si esaminano argomenti di questo tipo. Interviene nuovamente il Consigliere Delcuratolo affermando che non trattasi di una questione personale verso i Consiglieri interessati ed evidenziando che un eventuale esposto potrebbe essere fatto da un qualsiasi cittadino, qualora non si verificassero determinate condizioni. Chiede quindi che, per la legalità dell atto, si prosegua nella discussione senza i consiglieri interessati. Il Segretario spiega che si può risolvere la situazione effettuando una votazione a stralcio, ovvero facendo votazioni distinte. In ciascuna votazione il Consigliere interessato esce. Si apre poi una discussione sulla possibile incompatibilità del Consigliere Guanella Ezio, avanzata dalla minoranza, che si rivela poi infondata, poiché il Consigliere in questione non risulta soggetto in alcun modo interessato per sé o per suoi parenti. Si analizza poi la posizione del Sindaco relativamente ai terreni di sua proprietà in località Quetta. Il Sindaco non ha presentato alcuna istanza e l adozione del PGT non comporterà alcuna modifica alle proprietà del Sindaco, rispetto a quanto già approvato con il P.I.I. ambito 2. La minoranza lascia l aula alle La seduta viene sospesa in attesa di verifica del numero legale Sono presenti 6 Consiglieri e la seduta termina per mancanza del numero legale SECONDA CONVOCAZIONE ORE Sala del Consiglio Comunale Il Segretario procede con l appello. Sono presenti 11 consiglieri. Assenti i consiglieri Raineri Paolo e Usai Stefania. Il Sindaco propone l inversione dei punti all ordine del giorno. L assemblea all unanimità accetta la proposta. PRIMA ADOZIONE PIANO DI RECUPERO IN LOCALITÀ CORTI ( FG. 30 MAPP. 421, 422, 423, 867, 868, 1160, 1161, 1164). E previsto un arretramento dell immobile, finalizzato all eliminazione della strettoia, e la realizzazione di un porticato, che rappresenta un grosso vantaggio per la viabilità a Corti. E previsto una pedonalizzazione verso la via Iseli. Il consigliere Bresciani chiede come sono state recuperate le volumetrie perse a causa dell arretramento. Il Sindaco spiega che sono recuperate, non tanto nell edificio prospiciente la strada, quanto nella parte posteriore dell immobile. Il Consigliere Delcuratolo chiede se non sia opportuno porre un vincolo sulla destinazione d uso della parte commerciale prevista dal progetto, per evitare che tale destinazione venga poi tramutata da commerciale ad abitativa. L arch. Favaron spiega che questo è regolato dalle norme del PGT. La minoranza presenterà un osservazione relativa a quanto espresso dal Consigliere Delcuratolo, che verrà valutata dai tecnici prima dell approvazione del progetto. Si procede con la votazione. Consiglieri presenti: 11 (undici) Consiglieri votanti: 11 (undici) Voti favorevoli: 11 (undici)

6 ADOZIONE, AI SENSI DELLA L.R. 12/2005, DEGLI ATTI COSTITUENTI IL PIANO DI GOVERNO DEL TERRITORIO. Il Sindaco fa una serie di annotazioni. Il PGT è frutto di un lungo lavoro di analisi fatto dagli urbanisti ed è il risultato di decisioni già adottate in Consiglio comunale, in particolare di quanto deciso il 13/04/2007 con l approvazione del documento d inquadramento delle politiche urbanistiche. Nella scorsa seduta sono state eccepite irregolarità procedurali. La votazione verrà quindi effettuata a stralcio, per cui i Consiglieri interessati saranno di volta in volta allontanati dall aula.il Consigliere Albiniano chiede in base a quale legge venga fatta la valutazione a stralci. Il Segretario risponde che non ci sono leggi e che si tratta di trovare il modo di approvare un atto deliberativo superando gli argomenti per cui è stata fatta eccezione nella scorsa seduta. Il Sindaco spiega che alla fine ci sarà una votazione finale che approverà il piano nella sua globalità. Seguendo le indicazioni emerse nella precedenze seduta da parte della minoranza saranno stralciate tre situazioni riconducibili a tre consiglieri di maggioranza presenti in aula. I consiglieri interessati verranno allontanati uno alla volta e alla fine saranno tutti in aula per la votazione globale, poiché a questo punto anche le parti riconducibili ai Consiglieri saranno state approvate o non approvate. Il Consigliere Albiniano chiede se nella parte finale della votazione tutti i consiglieri parteciperanno al voto e cosa succede ai consiglieri interessati. Gli risponde il Segretario spiegando che, se vorrà, al momento della votazione finale potrà esporre la sua opinione con una dichiarazione di voto, che sarà messa agli atti. Il Sindaco rileva che i Consiglieri interessati sono tre e che, come evidenziato anche dal parere di un giurista di estrema competenza, la valutazione finale non può che essere fatta da tutti i Consiglieri presenti. Il Consigliere Albiniano sostiene che la procedura non è corretta e che ci sono altri 2 consiglieri interessati (il Sindaco e il consigliere Guanella). Il Sindaco chiede che su questa ultima questione intervengano gli urbanisti. L arch. Favaron spiega che questi due aspetti sono già stati affrontati in sede di approvazione del documento inquadramento e di Approvazione del P.I.I. ambito 3. Quindi le proprietà del consigliere Guanella Ezio e del Sindaco Emilio Guanella sono già state oggetto di variante di piano. Il documento inquadramento e di Approvazione del P.I.I. ambito 3 vengono ripresi e inseriti tali e quali nel PGT. L eccezione andava quindi sollevata in sede di approvazione di questi due strumenti e non ora. L arch. Cola illustra la tabella di marcia con la quale verranno fatti gli stralci, estrapolando le situazioni riconducibili al Consigliere Levi Renato, Gianera Alfieri e Fanetti Raoul. L arch. Favaron spiega le modalità in base alle quali sono state accettate o rifiutate le istanze, ribadendo che non ci sono state ingerenze da parte di esterni nella redazione del piano. Il Consigliere Delcuratolo e il Consigliere Bresciani presentano e leggono le dichiarazioni di voto dai rispettivi gruppi consiliari, che verranno allegate all atto deliberativo. La parte propositiva della dichiarazione di voto del consigliere Delcuratolo verrà consegnata in copia ai tecnici a titolo di osservazione. Il Sindaco prende atto delle osservazioni presentate dalla minoranza. L arch. Cola illustra il piano. L arch. Favaron informa l assemblea che si è reso necessario sostituire le tavole PR2, quelle generali, poichè quelle vecchie non contenevano tutto l ambito sciistico del Comune, ma soltanto la parte relativa a Motta. Tutti i consiglierei si dimostrano d accordo sul fatto di sostituire le tavole. Si procede con le adozioni: 1 stralcio: tutti presenti. Si approvano i documenti del Piano, così come indicato dalle tavole PR2_a1, PR2 _b1, PR2_c1 riguardanti tutti gli ambiti e vincoli di Piano provvedendo nel contempo a stralciare i seguenti ambiti: - ambiti a media densità - ambiti a bassa densità - ambiti turistico alberghieri a medio alta densità - ambiti di trasformazione residenziale unitaria ATRU - ambiti di trasformazione residenziale unitaria convenzionata.

7 Presenti 11 (undici) Votanti 11 (undici) Favorevoli 8 (otto) Contrari 3 (tre) (Bresciani Fabrizio, Delcuratolo Giacinto, Albiniano Carmine) 2 stralcio: esce il Consigliere Levi Renato. I membri del Consiglio Comunale a seguito dell allontanamento, per le incompatibilità riscontrate su tale specifica parte di P.G.T., del Consigliere Renato Levi approvano i documenti di Piano e le tavole PR2_a2, PR2 _b2, PR2_c2, riguardanti: - ambiti a media densità - ambiti di trasformazione residenziale unitaria ATRU - ambiti di trasformazione residenziale unitaria convenzionata. Tali ambiti sono, nello specifico, contenuti all interno dell Articolo 53 delle Norme Tecniche di Attuazione del Piano delle Regole [PR5]. L arch. Favaron spiega che l istanza del Consigliere Levi Renato è stata recepita parzialmente. E stata diminuita la capacità edificatoria che il terreno di sua proprietà comportava. Presenti 10 (dieci) Votanti 10 (dieci) Favorevoli 7 (sette) Contrari 3(tre) (Bresciani Fabrizio, Delcuratolo Giacinto, Albiniano Carmine) 3 stralcio: rientra il Consigliere Levi Renato ed esce il Consigliere Fanetti Raoul. I membri del Consiglio Comunale a seguito dell allontanamento, per le incompatibilità riscontrate su tale specifica parte di P.G.T., del Consigliere Raoul Fanetti approvano i documenti di Piano e le tavole PR2_a3, PR2 _b3, riguardanti: - ambiti turistico alberghieri Tali ambiti sono, nello specifico, contenuti all interno contenuti dell Articolo 54 delle Norme Tecniche di Attuazione del Piano delle Regole [PR5]. L istanza presentata dal Consigliere Fanetti Raoul riguarda la possibilità di inserire i terreni acquistati dalla proprietà a disposizione per eventuali ampliamenti della struttura già esistente. Presenti 10 (dieci) Votanti 10 (dieci) Favorevoli 7 (sette) Contrari 3 (tre) (Bresciani Fabrizio, Delcuratolo Giacinto, Albiniano Carmine) 4 stralcio: rientra il consigliere Fanetti Raoul ed esce il Consigliere Gianera Alfieri. I membri del Consiglio Comunale a seguito dell allontanamento, per le incompatibilità riscontrate su tale specifica parte di Piano, del Consigliere Alfieri Gianera approvano i documenti di Piano e le tavole PR2_a4, PR2 _b4, riguardanti: - ambiti a bassa densità Tali ambiti sono, nello specifico, contenuti all interno contenuti dell Articolo 51 delle Norme Tecniche di Attuazione del Piano delle Regole [PR5]. E stato richiesto un ampliamento dell ambito consolidato preesistente cha va ad interessare una piccolissima area che precedentemente era agricola, in adiacenza al fabbricato esistente. L osservazione presentata dal Consigliere Gianera è molto simile a quella presentata da altri cittadini che richiedono qualche metro in più per costruire. Presenti 10 (dieci) Votanti 10 (dieci) Favorevoli 7 (sette) Contrari 3 (tre) (Bresciani Fabrizio, Delcuratolo Giacinto, Albiniano Carmine) Rientra il Consigliere Gianera per la valutazione finale e globale. Viene illustrata la VAS dal Dott. Conforti. Il Consigliere Delcuratolo ritiene che debbano essere predisposti degli strumenti per prevenire catastrofi naturali specialmente nelle zone ad elevato rischio. Il geologo spiega che il PGT non può prevenire catastrofi, ma deve fare in modo che queste non arrechino danni. All interno del piano delle regole sono contenute delle norme tecniche di realizzazione delle nuove infrastrutture volte proprio a diminuire la vulnerabilità delle stesse. Il geologo Grossi illustra lo studio geologico, integrato con quanto previsto dalla L Si apre poi una discussione sulle distanze da mantenere dai corsi d acqua. Il geologo Grossi spiega che la legge consente di derogare da 10 metri a un minimo di 4 metri nelle situazioni in cui la verifica idraulica accerti che il corso d acqua sia sicuro. Il Consigliere Delcuratolo chiede se la

8 distanza di 10 m può variare da zona a zona o se è sempre mantenuta uguale. Il geologo Grossi risponde che la distanza può variare da zona a zona su indicazione dell Amministrazione Comunale, in relazione alle oggettive condizioni di rischio geologico certificate dai tecnici preposti. Si passa alla votazione finale. Consiglieri presenti: 11 (undici) Consiglieri votanti: 11 (undici) Voti Contrari: 3 (tre) Consiglieri presenti: 11 (undici) Consiglieri votanti: 11 (undici) Voti favorevoli: 10 (dieci) Voti Contrari: 1 (uno) (Bresciani Fabrizio) La seduta si conclude alle ore

Su relazione del Dirigente del Settore e proposta dell Assessore prof. Antonio Prencipe

Su relazione del Dirigente del Settore e proposta dell Assessore prof. Antonio Prencipe Su relazione del Dirigente del Settore e proposta dell Assessore prof. Antonio Prencipe Oggetto: Servizio di gestione e telecontrollo dell impianto di pubblica illuminazione nel territorio comunale, previo

Dettagli

Comune di Marta----Provincia di Viterbo Tel. 076187381 - Fax 0761873828

Comune di Marta----Provincia di Viterbo Tel. 076187381 - Fax 0761873828 Comune di Marta----Provincia di Viterbo Tel. 076187381 - Fax 0761873828 DELIBERAZIONE N. 7 del 16.04.2014 VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE OGGETTO:Adozione V.A.S. e nuovo P.U.C.G. del Comune

Dettagli

PROPOSTA DI DELIBERA DI CONSIGLIO COMUNALE

PROPOSTA DI DELIBERA DI CONSIGLIO COMUNALE PROPOSTA DI DELIBERA DI CONSIGLIO COMUNALE Enunciato l argomento iscritto al n. dell o.d.g., il Presidente mette in approvazione la seguente proposta di deliberazione: OGGETTO: VARIANTE AL REGOLAMENTO

Dettagli

IL CONSIGLIO COMUNALE

IL CONSIGLIO COMUNALE CONCESSIONE DELLA DEROGA AI SENSI DELLA L. 106/2011, DELLA CIRCOLARE REGIONE PIEMONTE 7/UOL E DELL ART. 72 DELLE N.T.A. DEL P.R.G.C. A ESACASE S.R.L. PER AMPLIAMENTO DELLA VOLUMETRIA, NUMERO DEI PIANI,

Dettagli

COMUNE DI NOVENTA DI PIAVE Provincia di Venezia

COMUNE DI NOVENTA DI PIAVE Provincia di Venezia COMUNE DI NOVENTA DI PIAVE Provincia di Venezia Prot. N. VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE Originale N 26 del 31/05/2006 OGGETTO: PIANO DI LOTTIZZAZIONE DI INIZIATIVA PRIVATA PN 7/A SITO

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE

VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE COMUNE DI CALOLZIOCORTE Provincia di Lecco Codice Ente 10046 N.65 VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE Registro Deliberazioni OGGETTO: CONCESSIONE DEL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE VOTIVA DEI CIMITERI

Dettagli

DICHIARAZIONE DELLE PRESTAZIONI ENERGETICHE DEGLI EDIFICI OGGETTO DI ANNUNCIO COMMERCIALE

DICHIARAZIONE DELLE PRESTAZIONI ENERGETICHE DEGLI EDIFICI OGGETTO DI ANNUNCIO COMMERCIALE DICHIARAZIONE DELLE PRESTAZIONI ENERGETICHE DEGLI EDIFICI OGGETTO DI ANNUNCIO COMMERCIALE Delibera IX/2555 del 24/11/2011 della Giunta regionale della Lombardia L obbligo dell indicazione della classe

Dettagli

IL CONSIGLIO COMUNALE VISTO

IL CONSIGLIO COMUNALE VISTO In prosieguo di seduta il Presidente passa alla trattazione del punto 1 dell ordine del giorno aggiuntivo, avente ad oggetto: Approvazione definitiva regolamento urbanistico ai sensi dell art. 36 della

Dettagli

COMUNE DI ENDINE GAIANO Provincia di Bergamo

COMUNE DI ENDINE GAIANO Provincia di Bergamo COMUNE DI ENDINE GAIANO Provincia di Bergamo VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE ORIGINALE N 33 del 07.03.2013 OGGETTO: AVVIO DEL PROCEDIMENTO PER LA REDAZIONE DI VARIANTE AL PIANO DELLE REGOLE

Dettagli

COMUNE DI CAMPODOLCINO Provincia di Sondrio

COMUNE DI CAMPODOLCINO Provincia di Sondrio COMUNE DI CAMPODOLCINO Provincia di Sondrio COPIA VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE Prot. n. 4364 del 05.10.2010 N. Reg. Del. 101 OGGETTO: LAVORI DI RIFACIMENTO MURO DI CONTENIMENTO STRADA

Dettagli

Direzione Operativa Riqualificazione e Sviluppo del Territorio. Servizio Attività Produttive e supporto amministrativo - U.O.SUEAP

Direzione Operativa Riqualificazione e Sviluppo del Territorio. Servizio Attività Produttive e supporto amministrativo - U.O.SUEAP Piacenza, 10.06.2015 AL DIRIGENTE SERVIZIO ATTIVITA PRODUTTIVE e SUPPORTO AMMINISTRATIVO AL RESPONSABILE SUEAP AGLI ISTRUTTORI TECNICI SUEAP OGGETTO: Deliberazione Assemblea Legislativa Regione Emilia

Dettagli

IL CONSIGLIO COMUNALE. Con voti favorevoli 5 e contrari 13 resi dai 18 Consiglieri presenti e votanti, DELIBERA

IL CONSIGLIO COMUNALE. Con voti favorevoli 5 e contrari 13 resi dai 18 Consiglieri presenti e votanti, DELIBERA Dopo che il Presidente ha dato lettura dell oggetto della proposta di deliberazione, da porsi in trattazione, il Consigliere M. Parola (Gruppo Pedona Libera) pone, sulla proposta, la questione sospensiva

Dettagli

OGGETTO: Adozione della variante n.2 al Piano attuativo comunale di iniziativa pubblica della zona O comparto A. IL CONSIGLIO COMUNALE

OGGETTO: Adozione della variante n.2 al Piano attuativo comunale di iniziativa pubblica della zona O comparto A. IL CONSIGLIO COMUNALE OGGETTO: Adozione della variante n.2 al Piano attuativo comunale di iniziativa pubblica della zona O comparto A. IL CONSIGLIO COMUNALE VISTA la proposta di deliberazione in oggetto, munita dei prescritti

Dettagli

COMUNE DI PASSIRANO. Provincia di Brescia DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE. Numero 18 del 12-06-2013

COMUNE DI PASSIRANO. Provincia di Brescia DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE. Numero 18 del 12-06-2013 COMUNE DI PASSIRANO Provincia di Brescia C OPIA DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE Numero 18 del 12-06-2013 ADOZIONE DELLA VARIANTE AL DOCUMENTO DI PIANO DEL PIANO DI GOVERNO DEL TERRITORIO DEL COMUNE

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DI GIUNTA COMUNALE

VERBALE DI DELIBERAZIONE DI GIUNTA COMUNALE COMUNE DI SAN GIOVANNI IN PERSICETO Provincia di Bologna Delibera N. 144 del 14/06/2012 VERBALE DI DELIBERAZIONE DI GIUNTA COMUNALE OGGETTO: PROVVEDIMENTI URGENTI IN MATERIA DI EDILIZIA ED URBANISTICA

Dettagli

DCC n. del 16.07.2014. Oggetto: Piano Regolatore Comunale Adozione Variante parziale n. 19..

DCC n. del 16.07.2014. Oggetto: Piano Regolatore Comunale Adozione Variante parziale n. 19.. DCC n. del 16.07.2014. Oggetto: Piano Regolatore Comunale Adozione Variante parziale n. 19.. Il Sindaco, prima di iniziare la discussione relativa alla Variante Parziale n.19 dà lettura del comma 2 dell'art.

Dettagli

Norme Tecniche di Attuazione

Norme Tecniche di Attuazione COMUNE DI CASTELFRANCO VENETO SETTORE SVILUPPO DEL TERRITORIO SERVIZIO URBANISTICA SERVIZIO AMBIENTE PIANO DI CLASSIFICAZIONE ACUSTICA DEL TERRITORIO Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale

Dettagli

Copia N 08 del 07/02/2011

Copia N 08 del 07/02/2011 CITTÀ DI AGROPOLI (Provincia di Salerno) DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE Copia N 08 del 07/02/2011 OGGETTO : D.LGS. 163/2006 ART.128, COMMA 6. APPROVAZIONE PROGETTO PRELIMINARE DEI LAVORI DI COSTRUZIONE

Dettagli

Comune di Piobesi Torinese Provincia di Torino

Comune di Piobesi Torinese Provincia di Torino Comune di Piobesi Torinese Provincia di Torino COPIA VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N.75 OGGETTO: PROPOSTA PER LA REALIZZAZIONE E GESTIONE IN CONCESSIONE, CON LA FORMULA DELLA "FINANZA

Dettagli

COMUNE DI BAZZANO Città d arte Provincia di BOLOGNA C O P I A

COMUNE DI BAZZANO Città d arte Provincia di BOLOGNA C O P I A COMUNE DI BAZZANO Città d arte Provincia di BOLOGNA C O P I A Adunanza Ordinaria in prima convocazione. Seduta pubblica DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 78 DEL 29/09/2009 OGGETTO: VARIANTE AL PIANO

Dettagli

Comune di Capannoli. Provincia di Pisa REGISTRO DELLE DELIBERAZIONI DEL CONSIGLIO COMUNALE DELIBERAZIONE N.34 DEL 24/04/2002

Comune di Capannoli. Provincia di Pisa REGISTRO DELLE DELIBERAZIONI DEL CONSIGLIO COMUNALE DELIBERAZIONE N.34 DEL 24/04/2002 Comune di Capannoli Provincia di Pisa Prot.n. del REGISTRO DELLE DELIBERAZIONI DEL CONSIGLIO COMUNALE DELIBERAZIONE N.34 DEL 24/04/2002 OGGETTO: URBANISTICA ED ASSETTO DEL TERRITORIO.P.d.R. DI INIZIATIVA

Dettagli

COMUNE DI BOVEZZO. PROVINCIA DI BRESCIA Via V.Veneto 28, CAP 25073. Codice Ente : 10275 V E R B A L E D I D E L I B E R A Z I O N E D E L

COMUNE DI BOVEZZO. PROVINCIA DI BRESCIA Via V.Veneto 28, CAP 25073. Codice Ente : 10275 V E R B A L E D I D E L I B E R A Z I O N E D E L COMUNE DI BOVEZZO ROVINCIA DI BRESCIA Via V.Veneto 28, CA 25073 Codice Ente : 10275 V E R B A L E D I D E L I B E R A Z I O N E D E L CONSIGLIO COMUNALE N 58 DEL 26/11/2014 ORIGINALE OGGETTO: ADOZIONE

Dettagli

COMUNE CUMIGNANO SUL NAVIGLIO PROVINCIA di CREMONA

COMUNE CUMIGNANO SUL NAVIGLIO PROVINCIA di CREMONA COMUNE CUMIGNANO SUL NAVIGLIO PROVINCIA di CREMONA DELIBERAZIONE N 07 del 26 Aprile 2012 Cod. Ente: 10742 VERBALE di DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE Adunanza: Ordinaria di: prima convocazione - seduta:

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA ESECUTIVA N. 092/2009

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA ESECUTIVA N. 092/2009 VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA ESECUTIVA N. 092/2009 OGGETTO: Comune di Torino. Intervento di ristrutturazione del Palazzo del Lavoro Italia 61. Indirizzi dell Ente di gestione L anno duemilanove

Dettagli

Comune di Tricesimo Provincia di Udine

Comune di Tricesimo Provincia di Udine Comune di Tricesimo Provincia di Udine VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE ANNO 2010 N 00032 del Reg. Delibere Originale OGGETTO: AGEVOLAZIONI SUGLI ACQUISTI DI COMBUSTIBILE PER IL RISCALDAMENTO

Dettagli

COMUNE DI PIAZZOLA SUL BRENTA Provincia di Padova

COMUNE DI PIAZZOLA SUL BRENTA Provincia di Padova N. 88 di reg. del 22.09.2010 N. di prot. COMUNE DI PIAZZOLA SUL BRENTA Provincia di Padova VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE INTERVENTI FINALIZZATI ALLA RIDUZIONE DELL INQUINAMENTO AMBIENTALE

Dettagli

COMUNE di FIVIZZANO Provincia di Massa e Carrara

COMUNE di FIVIZZANO Provincia di Massa e Carrara COMUNE di FIVIZZANO Provincia di Massa e Carrara DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 47 OGGETTO Incentivi economici a favore dell edilizia sostenibile. : L anno Duemiladodici addì Ventotto del mese

Dettagli

O M I S S I S RELAZIONE

O M I S S I S RELAZIONE O M I S S I S Durante la trattazione del presente argomento risultano presenti in aula n 27 Consiglieri: Bimbatti, Borgato, Buson, Fiorenzato, Frigato, Guarnieri, Guerrato, Libralon, Maldi, Masin, Montagnolo,

Dettagli

COMUNE DI CALVIGNASCO Provincia di Milano

COMUNE DI CALVIGNASCO Provincia di Milano COMUNE DI CALVIGNASCO Provincia di Milano DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE CODICE ENTE 10930 Adunanza ordinaria - prima convocazione - seduta pubblica Delibera N. 2 del 07/ 03 / 2011 OGGETTO: APPROVAZIONE

Dettagli

V ar i a nt e spec if ic a ai s ens i de l l a rt. 17 c o mm a 8 de l l a L.R. 56 /7 7 e s.m.i.

V ar i a nt e spec if ic a ai s ens i de l l a rt. 17 c o mm a 8 de l l a L.R. 56 /7 7 e s.m.i. Inquadramento generale e obiettivi delle modifiche La Variante specifica art. 17 comma 7 definita nei suoi obiettivi generali come anticipatoria di alcuni contenuti della variante Strutturale Qualità è

Dettagli

CITTÀ DI SPINEA PROVINCIA DI VENEZIA

CITTÀ DI SPINEA PROVINCIA DI VENEZIA CITTÀ DI SPINEA PROVINCIA DI VENEZIA ORIGINALE DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 68 del 25/05/2012 Oggetto: ADOZIONE VARIANTE AL PN 11. L anno duemiladodici il giorno venticinque del mese di maggio

Dettagli

APPROVAZIONE DEFINITIVA. RELAZIONE FINALE del Responsabile del procedimento

APPROVAZIONE DEFINITIVA. RELAZIONE FINALE del Responsabile del procedimento Variazione del tracciato della strada di collegamento tra la via vecchia e la via nuova Val D Orme in variante al PS e RU adottata con Del. C.C. n.12 del 21.02.2011. APPROVAZIONE DEFINITIVA RELAZIONE FINALE

Dettagli

CITTÀ DI SPINEA PROVINCIA DI VENEZIA

CITTÀ DI SPINEA PROVINCIA DI VENEZIA CITTÀ DI SPINEA PROVINCIA DI VENEZIA SETTORE: SETTORE URBANISTICA ED EDILIZIA ASSESSORE DI RIFERIMENTO: Riccardo Da Lio Proposta di deliberazione di CONSIGLIO COMUNALE n. 17 del 12/03/2014 OGGETTO: PIANO

Dettagli

OGGETTO: Approvazione di variante al vigente Regolamento Edilizio Comunale ed adozione di variante delle Norme Tecniche di attuazione del PRGC

OGGETTO: Approvazione di variante al vigente Regolamento Edilizio Comunale ed adozione di variante delle Norme Tecniche di attuazione del PRGC OGGETTO: Approvazione di variante al vigente Regolamento Edilizio Comunale ed adozione di variante delle Norme Tecniche di attuazione del PRGC Premesso che il Comune di Gallipoli è dotato di Regolamento

Dettagli

COMUNE DI BRESCELLO PROVINCIA DI REGGIO EMILIA

COMUNE DI BRESCELLO PROVINCIA DI REGGIO EMILIA ORIGINALE COMUNE DI BRESCELLO PROVINCIA DI REGGIO EMILIA Codice ente 35006 DELIBERAZIONE N. 64 DEL 28.12.2004 VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE OGGETTO: VARIANTE PRG.:APPROVAZIONE DEFINITIVA

Dettagli

COMUNE DI ALBANELLA (Provincia di Salerno)

COMUNE DI ALBANELLA (Provincia di Salerno) COMUNE DI ALBANELLA (Provincia di Salerno) COPIA DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE Numero 42 Del 21-04-2015 Oggetto: Interventi di ristrutturazione, adeguamento sismico e risparmio energetico del Plesso

Dettagli

COMUNE DI GAVORRANO PROVINCIA DI GROSSETO. COPIA DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 64 del 12/05/2010

COMUNE DI GAVORRANO PROVINCIA DI GROSSETO. COPIA DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 64 del 12/05/2010 COMUNE DI GAVORRANO PROVINCIA DI GROSSETO COPIA DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 64 del 12/05/2010 ================================================================= OGGETTO: INDIRIZZI SULLA VERIFICA

Dettagli

6. Che la destinazione d uso dopo l intervento: E invariata E mutata in:.

6. Che la destinazione d uso dopo l intervento: E invariata E mutata in:. 3. Che la tipologia dell intervento, delle suddette opere è riconducibile a: 4. Che lo stato attuale dell immobile/unità immobiliare risulta legittimato dai seguenti atti: Fabbricato antecedente al 1938

Dettagli

Proposta di deliberazione del Consiglio Comunale convocato per il giorno 18-12-2013

Proposta di deliberazione del Consiglio Comunale convocato per il giorno 18-12-2013 Proposta di deliberazione del Consiglio Comunale convocato per il giorno 18-12-2013 ADEMPIMENTO DI cui all art 39 del Decreto Legislativo 14 marzo 2013, n. 33 OGGETTO: ESAME CONTRODEDUZIONI ALLE OSSERVAZIONI

Dettagli

(Durante la discussione entra in aula l assessore Tentorio ed esce il consigliere Personeni; sono presenti n. 34 consiglieri).

(Durante la discussione entra in aula l assessore Tentorio ed esce il consigliere Personeni; sono presenti n. 34 consiglieri). Il Presidente propone la trattazione dell ordine del giorno urgente presentato dal gruppo consiliare Lega Nord Lega Lombarda avente per oggetto: Accesso al contributo regionale per l installazione di pannelli

Dettagli

DALLA LEGGE 46/90 E DAL DPR 47/91 AL NUOVO DM 37/08

DALLA LEGGE 46/90 E DAL DPR 47/91 AL NUOVO DM 37/08 DALLA LEGGE 46/90 E DAL DPR 47/91 AL NUOVO DM 37/08 DM del 22/01/08 n. 37 DISPOSIZIONI IN MATERIA DI ATTIVITA DI INSTALLAZIONE DEGLI IMPIANTI ALL INTERNO DEGLI EDIFICI Art. 1 - IMPIANTI SOGGETTI ALL APPLICAZIONE

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 10 DEL 28/01/2014 OGGETTO

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 10 DEL 28/01/2014 OGGETTO Provincia di Firenze DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 10 DEL 28/01/2014 OGGETTO Autorità competente in materia di valutazione ambientale strategica (VAS). Approvazione modifica composizione. L'anno

Dettagli

N. del OGGETTO: REGOLAMENTO EDILIZIO COMUNALE - SOSTITUZIONE DELL'ART. 114 BIS IN ADEGUAMENTO ALLA L.R. 28/2014 - APPROVAZIONE. PROPOSTA DI DELIBERA

N. del OGGETTO: REGOLAMENTO EDILIZIO COMUNALE - SOSTITUZIONE DELL'ART. 114 BIS IN ADEGUAMENTO ALLA L.R. 28/2014 - APPROVAZIONE. PROPOSTA DI DELIBERA N. del OGGETTO: REGOLAMENTO EDILIZIO COMUNALE - SOSTITUZIONE DELL'ART. 114 BIS IN ADEGUAMENTO ALLA L.R. 28/2014 - APPROVAZIONE. PROPOSTA DI DELIBERA Premesso: - che il vigente Regolamento Edilizio approvato

Dettagli

COMUNE DI NOVARA ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA COMUNALE OGGETTO:

COMUNE DI NOVARA ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA COMUNALE OGGETTO: COMUNE DI NOVARA ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA COMUNALE Deliberazione N. 49 OGGETTO: REGIONE PIEMONTE BANDO 2015 EDILIZIA SCOLASTICA MUTUI SCUOLE: RIMOZIONE AMIANTO SCUOLE SCUOLA

Dettagli

Il/ La sottoscritto/a nato/a a. il, residente a. in Via/Piazza n. cap.

Il/ La sottoscritto/a nato/a a. il, residente a. in Via/Piazza n. cap. Comune di Novara RELAZIONE TECNICA ASSEVERATA SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA (S.C.I.A.) (ai sensi dell art. 19 Legge 241/1990 come modificato e integrato dall art. 49 della Legge 122/2010)

Dettagli

PROVINCIA DI TORINO DELLA GIUNTA COMUNALE N.63

PROVINCIA DI TORINO DELLA GIUNTA COMUNALE N.63 C o p i a COMUNE DI TAVAGNASCO PROVINCIA DI TORINO VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N.63 OGGETTO: LEGGE REGIONALE 31 OTTOBRE 2007 N 20: " DISPOSIZION I IN MATERIA DI CREMAZIONE, AFFIDAMENTO

Dettagli

COMUNE DI VILLA D ALMÉ Provincia di Bergamo

COMUNE DI VILLA D ALMÉ Provincia di Bergamo COMUNE DI VILLA D ALMÉ Provincia di Bergamo N. 51 DEL 26/11/2009 Cod. Ente 10243 OGGETTO: ADOZIONE PIANO ATTUATIVO CASA DI RIPOSO NOBILE BAGLIONI. VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE Adunanza

Dettagli

Codice Ente N. 157006 COMUNITÀ DEL PARCO COPIA. Deliberazione n. 12 del 26/10/2015

Codice Ente N. 157006 COMUNITÀ DEL PARCO COPIA. Deliberazione n. 12 del 26/10/2015 Codice Ente N. 157006 COMUNITÀ DEL PARCO Deliberazione n. 12 del 26/10/2015 COPIA OGGETTO: VALUTAZIONI IN MERITO AI CONFINI DELLA RISERVA NATURALE VALLI DEL MINCIO PROPOSTI NEL PIANO TERRITORIALE DI COORDINAMENTO

Dettagli

ESTRATTO DAL VERBALE DELLA SEDUTA DEL 13-07-1999 (punto N. 20. ) Delibera N.788 del 13-07-1999

ESTRATTO DAL VERBALE DELLA SEDUTA DEL 13-07-1999 (punto N. 20. ) Delibera N.788 del 13-07-1999 REGIONE TOSCANA GIUNTA REGIONALE ESTRATTO DAL VERBALE DELLA SEDUTA DEL 13-07-1999 (punto N. 20. ) Delibera N.788 del 13-07-1999 Proponente CLAUDIO DEL LUNGO DIPARTIMENTO DELLE POLITICHE TERRITORIALI E

Dettagli

Allegato A REGOLAMENTO PER LA CELEBRAZIONE DEI MATRIMONI IN FORMA CIVILE ART.1

Allegato A REGOLAMENTO PER LA CELEBRAZIONE DEI MATRIMONI IN FORMA CIVILE ART.1 Allegato A REGOLAMENTO PER LA CELEBRAZIONE DEI MATRIMONI IN FORMA CIVILE ART.1 La celebrazione del matrimonio, come regolato degli art.101 e 106 e seguenti del Codice Civile, è attività istituzionale garantita.

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE

VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE COMUNE DI TORRI DEL BENACO Provincia di Verona Viale F.lli Lavanda, 3 - Cap. 37010 0456205888 - fax 0456205800 P.IVA 00661030239 sito internet: www.comune.torridelbenaco.vr.it e-mail: comune@torridelbenaco.vr.it

Dettagli

Delib. n. 187-30.11.2012 N. 27219 P.G.

Delib. n. 187-30.11.2012 N. 27219 P.G. Delib. n. 187-30.11.2012 N. 27219 P.G. OGGETTO: Adozione di modifiche del Regolamento Edilizio - Titolo V relativamente alla Commissione per il Paesaggio. La Giunta comunale propone al Consiglio l adozione

Dettagli

Regolamento per l assegnazione dei contributi per "edifici di culto ed altri edifici per servizi religiosi" e per "centri civici e sociali

Regolamento per l assegnazione dei contributi per edifici di culto ed altri edifici per servizi religiosi e per centri civici e sociali Regolamento per l assegnazione dei contributi per "edifici di culto ed altri edifici per servizi religiosi" e per "centri civici e sociali attrezzature culturali e sanitarie." (Deliberazioni del Consiglio

Dettagli

Comune di Carpineto Romano PROVINCIA DI ROMA

Comune di Carpineto Romano PROVINCIA DI ROMA Comune di Carpineto Romano PROVINCIA DI ROMA COPIA DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA MUNICIPALE N. 17 del 08/03/2012 OGGETTO: Aggiornamento degli oneri di urbanizzazione e del costo di costruzione ai sensi

Dettagli

DIREZIONE CENTRALE PIANIFICAZIONE URBANA E ATTUAZIONE P.R. SETTORE 787 SPORTELLO UNICO PER L EDILIZIA. Prot. Gen. n. 569668/05 del 9/6/05

DIREZIONE CENTRALE PIANIFICAZIONE URBANA E ATTUAZIONE P.R. SETTORE 787 SPORTELLO UNICO PER L EDILIZIA. Prot. Gen. n. 569668/05 del 9/6/05 DIREZIONE CENTRALE PIANIFICAZIONE URBANA E ATTUAZIONE P.R. SETTORE 787 SPORTELLO UNICO PER L EDILIZIA Prot. Gen. n. 569668/05 del 9/6/05 PROPOSTA DI DELIBERAZIONE - OGGETTO - ESTENSIONE DELL AMBITO DI

Dettagli

REGIONE MARCHE 1 ASSEMBLEA LEGISLATIVA IX LEGISLATURA DOCUMENTI PROPOSTE DI LEGGE E DI ATTO AMMINISTRATIVO RELAZIONI. (Seduta del 18 febbraio 2015)

REGIONE MARCHE 1 ASSEMBLEA LEGISLATIVA IX LEGISLATURA DOCUMENTI PROPOSTE DI LEGGE E DI ATTO AMMINISTRATIVO RELAZIONI. (Seduta del 18 febbraio 2015) REGIONE MARCHE 1 ASSEMBLEA LEGISLATIVA Relazione della IV Commissione permanente ASSETTO TERRITORIALE ED AMBIENTALE; URBANISTICA; ECOLOGIA; ACQUEDOTTI; LAVORI PUBBLICI; VIABILITA E TRASPORTI; CAVE E TORBIERE

Dettagli

Comune di San Giuliano Milanese

Comune di San Giuliano Milanese Codice Ente 11083 C.C. N. 11 del 9/03/2009 COPIA Verbale di deliberazione del Consiglio Comunale OGGETTO: AGGIORNAMENTO DEL PIANO GENERALE DEL TRAFFICO URBANO ESAME DELLE OSSERVAZIONI - APPROVAZIONE L

Dettagli

Settore Territorio Servizi Urbanistica Edilizia. VARIANTE AL PRG relativa agli impianti di telefonia mobile

Settore Territorio Servizi Urbanistica Edilizia. VARIANTE AL PRG relativa agli impianti di telefonia mobile J COMUNE DI BELLUNO Settore Territorio Servizi Urbanistica Edilizia copia per Urb. VARIANTE AL PRG relativa agli impianti di telefonia mobile integrazione della Variante approvata dal C.C. in data 28.1.2002

Dettagli

COMUNE DI VILLAREGGIA VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE

COMUNE DI VILLAREGGIA VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE COPIA ALBO COMUNE DI VILLAREGGIA Provincia di Torino VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 24 OGGETTO : PROGRAMMAZIONE TRIENNALE DEL FABBISOGNO DI PERSONALE PER IL TRIENNIO 2014-2016 L anno

Dettagli

OGGETTO: parere in merito al regime autorizzativo di impianti fotovoltaici collocati su serre

OGGETTO: parere in merito al regime autorizzativo di impianti fotovoltaici collocati su serre DIREZIONE GENERALE PROGRAMMAZIONE TERRITORIALE E NEGOZIATA, INTESE. RELAZIONI EUROPEE E RELAZIONI SERVIZIO AFFARI GENERALI, GIURIDICI E PROGRAMMAZIONE FINANZIARIA INTERNAZIONALI IL RESPONSABILE GIOVANNI

Dettagli

Aral 83 S.r.l. Consulenze e servizi

Aral 83 S.r.l. Consulenze e servizi Informativa per la clientela studio Aral Ai gentili Clienti OGGETTO: Decreto sblocca Italia: stop alla DIA Gentile Cliente, con il Decreto Legge Sblocca Italia gli interventi di ristrutturazione in casa

Dettagli

Tutela dei versanti e sicurezza idrogeologica

Tutela dei versanti e sicurezza idrogeologica Tutela dei versanti e sicurezza idrogeologica 20 ottobre 2004 Tutela dei versanti e sicurezza idrogeologica Norme di Attuazione: Titolo 6 Elaborati grafici di riferimento: Tavola 2 OBIETTIVI DEL PTCP COORDINAMENTO

Dettagli

PROVINCIA DI MANTOVA

PROVINCIA DI MANTOVA PROVINCIA DI MANTOVA Deliberazione della Giunta Provinciale Seduta n.1 del 29/08/2014 ore 09:00 delibera n. 102 OGGETTO: APPROVAZIONE DEL PIANO REGOLATORE PORTUALE DI MANTOVA QUALE PIANO D'AREA DEL PTCP

Dettagli

La presente deliberazione è stata dichiarata immediatamente eseguibile ai sensi dell art. 134, comma 4, D.Lgs. n. 267/2000 COPIA

La presente deliberazione è stata dichiarata immediatamente eseguibile ai sensi dell art. 134, comma 4, D.Lgs. n. 267/2000 COPIA La presente deliberazione è stata dichiarata immediatamente eseguibile ai sensi dell art. 134, comma 4, D.Lgs. n. 267/2000 COPIA Deliberazione della GIUNTA COMUNALE n 30 Seduta del 02/03/2015 All. 2 OGGETTO:

Dettagli

Oggetto: ADOZIONE PIANO DI RECUPERO (PR11A) VIA DIAZ, IN VARIANTE AL PIANO DELLE REGOLE DEL PGT. IL CONSIGLIO COMUNALE

Oggetto: ADOZIONE PIANO DI RECUPERO (PR11A) VIA DIAZ, IN VARIANTE AL PIANO DELLE REGOLE DEL PGT. IL CONSIGLIO COMUNALE Deliberazione del Consiglio Comunale n. 23 del 29/07/2013 Oggetto: ADOZIONE PIANO DI RECUPERO (PR11A) VIA DIAZ, IN VARIANTE AL PIANO DELLE REGOLE DEL PGT. IL CONSIGLIO COMUNALE VISTA la proposta di deliberazione

Dettagli

D.1.8 ISTRUZIONI GENERALI. Regione Toscana Giunta Regionale

D.1.8 ISTRUZIONI GENERALI. Regione Toscana Giunta Regionale Allegato 1 Regione Toscana Giunta Regionale LEGGE 11.01.1996 N 23 NORME PER L EDILIZIA SCOLASTICA DELIBERA DI GIUNTA REGIONALE N 65 DEL 2.02.2004 III PIANO GENERALE TRIENNALE DI FINANZIAMENTO I E II PIANO

Dettagli

SCHEMA DI CONVENZIONE PIANO DI RECUPERO

SCHEMA DI CONVENZIONE PIANO DI RECUPERO N. 11 SCHEMA DI CONVENZIONE PIANO DI RECUPERO L anno del mese di del giorno. dinanzi a me Dott. Notaio in, iscritto presso il Collegio Notarile dei Distretti di.. si costituiscono: da una parte: il Comune

Dettagli

Piano per la Pubblicità e le Pubbliche Affissioni

Piano per la Pubblicità e le Pubbliche Affissioni Piano per la Pubblicità e le Pubbliche Affissioni RELAZIONE INDICE Premessa Struttura del Piano Obiettivi del Piano Allegato A Premessa Il linguaggio pubblicitario e commerciale, se da una parte è da

Dettagli

Comune di Volterra. Provincia di Pisa VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE

Comune di Volterra. Provincia di Pisa VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE Comune di Volterra Provincia di Pisa VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N 16 del 19/01/2016 OGGETTO: L.R.n 65/2014 Art.184. Adeguamento delle tabelle per la determinazione degli oneri di urbanizzazione

Dettagli

Piano di Governo del Territorio del Comune di Buscate

Piano di Governo del Territorio del Comune di Buscate Piano di Governo del Territorio del Comune di Buscate VAS Valutazione Ambientale Strategica del Documento di Piano integrazione al rapporto ambientale in merito alle osservazioni pervenute in seguito all

Dettagli

OGGETTO: Adozione POC Tematico Darsena di città.

OGGETTO: Adozione POC Tematico Darsena di città. OGGETTO: Adozione POC Tematico Darsena di città. Relatore l'assessore all'urbanistica Libero Asioli - La Giunta Comunale sottopone all esame del Consiglio Comunale la seguente proposta di deliberazione:

Dettagli

93 del 12 OTTOBRE 2004 PROT. N. 32654 1

93 del 12 OTTOBRE 2004 PROT. N. 32654 1 93 del 12 OTTOBRE 2004 PROT. N. 32654 1 OGGETTO: ADESIONE AL PROGETTO METANO PROMOSSO DAL COMUNE DI TORINO E PREORDINATO A LIMITARE GLI EFFETTI INQUINANTI SULL AMBIENTE DEI TRADIZIONALI GAS DI SCARICO.

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DETERMINAZIONE DELL INCIDENZA DEGLI ONERI DI URBANIZZAZIONE

REGOLAMENTO PER LA DETERMINAZIONE DELL INCIDENZA DEGLI ONERI DI URBANIZZAZIONE REGOLAMENTO PER LA DETERMINAZIONE DELL INCIDENZA DEGLI ONERI DI URBANIZZAZIONE indice Art. 1 Premessa pag 5 Art. 2 Ambito di applicazione pag 5 Art. 3 Incidenza degli oneri di urbanizzazione: tabella parametrica

Dettagli

Comune di Tornaco. Provincia di Novara. Comunicato al Capogruppo di minoranza. Il 15/9/2011 N.prot. 2432

Comune di Tornaco. Provincia di Novara. Comunicato al Capogruppo di minoranza. Il 15/9/2011 N.prot. 2432 Comune di Tornaco Provincia di Novara Comunicato al Capogruppo di minoranza Il 15/9/2011 N.prot. 2432 VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 55 OGGETTO: BILANCIO DI PREVISIONE 2011 - VARIAZIONI

Dettagli

COMUNE DI ZOCCA (PROVINCIA DI MODENA) DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA MUNICIPALE NR. 50 DEL 07 GIUGNO 2012

COMUNE DI ZOCCA (PROVINCIA DI MODENA) DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA MUNICIPALE NR. 50 DEL 07 GIUGNO 2012 COMUNE DI ZOCCA (PROVINCIA DI MODENA) DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA MUNICIPALE NR. 50 DEL 07 GIUGNO 2012 OGGETTO: RIDEFINIZIONE DELL ONERE E DELLE MODALITA APPLICATIVE DEI CONTRIBUTI D ED S DI CUI ALLE TABELLE

Dettagli

Comune di Verona Sessione ordinaria di Consiglio Comunale Proposta di Deliberazione N. 42 dell ODG

Comune di Verona Sessione ordinaria di Consiglio Comunale Proposta di Deliberazione N. 42 dell ODG Comune di Verona Sessione ordinaria di Consiglio Comunale Proposta di Deliberazione N. 42 dell ODG Oggetto: URBANISTICA - PRESA D'ATTO DI UN PROGETTO PER OPERE DI RISTRUTTURAZIONE E AMPLIAMENTO IN EDIFICIO

Dettagli

COMUNE DI REGGELLO VERBALE DELLA DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE

COMUNE DI REGGELLO VERBALE DELLA DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE COMUNE DI REGGELLO (PROVINCIA DI FIRENZE) ORIGINALE DELIBERA n. 19 del 31/01/2012 VERBALE DELLA DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE OGGETTO: VERIFICA DI ASSOGGETTABILITA' ALLA VALUTAZIONE AMBIENTALE STRATEGICA

Dettagli

COMUNE DI PIAZZOLA SUL BRENTA Provincia di Padova

COMUNE DI PIAZZOLA SUL BRENTA Provincia di Padova N. 96 di reg. del 03.06.2009 N. di prot. COMUNE DI PIAZZOLA SUL BRENTA Provincia di Padova VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE INTERVENTI FINALIZZATI ALLA RIDUZIONE DELL INQUINAMENTO AMBIENTALE

Dettagli

Indice 1. PREMESSA... 3 3.2 INTERVENTO DI PROGETTO... 5 5. DETERMINAZIONE DEL CLIMA ACUSTICO... 7 5.1 RISULTATI... 7

Indice 1. PREMESSA... 3 3.2 INTERVENTO DI PROGETTO... 5 5. DETERMINAZIONE DEL CLIMA ACUSTICO... 7 5.1 RISULTATI... 7 Pag. 2 di 10 Indice 1. PREMESSA... 3 2. NORMATIVA DI RIFERIMENTO... 3 3. DESCRIZIONE DELL INTERVENTO... 4 3.1 INQUADRAMENTO GENERALE... 4 3.2 INTERVENTO DI PROGETTO... 5 4. LIMITI DI RUMOROSITÀ... 6 5.

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA DELL UNIONE TERRE VERDIANE N. 17 DEL 09.04.2009

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA DELL UNIONE TERRE VERDIANE N. 17 DEL 09.04.2009 DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA DELL UNIONE TERRE VERDIANE N. 17 DEL 09.04.2009 OGGETTO: PIANO PER LA RIDUZIONE DELL INQUINAMENTO ATMOSFERICO: SOSTITUZIONE PUNTI LUCE AI VAPORI DI MERCURIO CON SODIO ALTA PRESSIONE

Dettagli

COMUNE DI CARUGO PROVINCIA DI COMO

COMUNE DI CARUGO PROVINCIA DI COMO COMUNE DI CARUGO PROVINCIA DI COMO AVVISO CENSIMENTO PRESENZA AMIANTO (ETERNIT) Il Sindaco Ufficiale di Igene Pubblica e L Amministrazione Comunale di Carugo, con delibera della Giunta Comunale n del ha

Dettagli

Oggetto: Regolamento per il rilascio di licenze per sale gioco. IL CONSIGLIO COMUNALE

Oggetto: Regolamento per il rilascio di licenze per sale gioco. IL CONSIGLIO COMUNALE Oggetto: Regolamento per il rilascio di licenze per sale gioco. IL CONSIGLIO COMUNALE Vista la relazione del Direttore del Settore dei Servizi Istituzionali e comunicazioni che è parte integrante del presente

Dettagli

COMUNE DI BERBENNO Provincia di Bergamo

COMUNE DI BERBENNO Provincia di Bergamo VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE ORIGINALE Codice Ente 10024 DELIBERAZIONE NUMERO 2 DEL 05-03-2013 Adunanza straordinaria di Prima convocazione, seduta pubblica Oggetto: ESAME E APPROVAZIONE

Dettagli

COMUNE DI DOLO *** PROVINCIA DI VENEZIA. Verbale di deliberazione del Consiglio Comunale n. 26 del 28.04.2011

COMUNE DI DOLO *** PROVINCIA DI VENEZIA. Verbale di deliberazione del Consiglio Comunale n. 26 del 28.04.2011 COMUNE DI DOLO *** PROVINCIA DI VENEZIA Oggetto: Determinazione del prezzo di prima cessione degli alloggi e.r.p. del Piano urbanistico attuativo PN 15/1 Cà Tron di Dolo - Indirizzi L assessore all urbanistica

Dettagli

C.U.P. COMITATO UNITARIO PERMANENTE

C.U.P. COMITATO UNITARIO PERMANENTE Prot. Modena, ALL ILL.MO SINDACO DEL COMUNE DI MARANELLO (MO) Oggetto: Osservazioni al PSC-RUE 2007, adottato con delibera di Consiglio Comunale n 51 del 31.07.2007. Il CUP (Comitato Unitario delle professioni

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 3 Reg. Delibere in data 10/02/2015

VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 3 Reg. Delibere in data 10/02/2015 COMUNE PONTE DI PIAVE Provincia di Treviso COPIA VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 3 Reg. Delibere in data 10/02/2015 Oggetto: PIANO DI CLASSIFICAZIONE ACUSTICA DEL TERRITORIO COMUNALE

Dettagli

C O M U N E D I F I A M I G N A N O Provincia di Rieti

C O M U N E D I F I A M I G N A N O Provincia di Rieti C O M U N E D I F I A M I G N A N O Provincia di Rieti Deliberazione Originale del Consiglio Comunale N. 14 Del Registro OGGETTO: IMPOSTA MUNICIPALE UNICA ( I.M.U.) - ANNO 2015 - CONFERMA ALIQUOTE. Data

Dettagli

N. 2 / 14 MESSAGGIO MUNICIPALE CONCERNENTE UN CREDITO DI FR. 146'000. PER LE INFRASTRUTTURE DELL ILLUMINAZIONE PUBBLICA

N. 2 / 14 MESSAGGIO MUNICIPALE CONCERNENTE UN CREDITO DI FR. 146'000. PER LE INFRASTRUTTURE DELL ILLUMINAZIONE PUBBLICA N. 2 / 14 MESSAGGIO MUNICIPALE CONCERNENTE UN CREDITO DI FR. 146'000. PER LE INFRASTRUTTURE DELL ILLUMINAZIONE PUBBLICA Tenero, 10 febbraio 2014 Preavviso: gestione Lodevole Consiglio comunale, Signore

Dettagli

Oggetto: Ricognizione stato di attuazione dei programmi e salvaguardia degli equilibri di bilancio.

Oggetto: Ricognizione stato di attuazione dei programmi e salvaguardia degli equilibri di bilancio. Oggetto: Ricognizione stato di attuazione dei programmi e salvaguardia degli equilibri di bilancio. RELAZIONA IL SINDACO: L art. 193 del testo unico, approvato con il D.Lgs. 18 Agosto 2000, n. 267, dispone

Dettagli

C.C. n.15 del 9.06.2008: REGOLAMENTO COMUNALE DI ILLUMINAZIONE VOTIVA APPROVAZIONE. IL CONSIGLIO COMUNALE

C.C. n.15 del 9.06.2008: REGOLAMENTO COMUNALE DI ILLUMINAZIONE VOTIVA APPROVAZIONE. IL CONSIGLIO COMUNALE C.C. n.15 del 9.06.2008: REGOLAMENTO COMUNALE DI ILLUMINAZIONE VOTIVA APPROVAZIONE. IL CONSIGLIO COMUNALE Attesa la necessità di approvare un nuovo testo del Regolamento Comunale di Illuminazione Votiva,

Dettagli

COMUNE DI POLLUTRI Provincia di Chieti

COMUNE DI POLLUTRI Provincia di Chieti COMUNE DI POLLUTRI Provincia di Chieti V E R B A L E D I D E L I B E R A Z I O N E D E L L A G I U N T A C O M U N A L E NUMERO 105 DATA 10.12.2013 OGGETTO: Adozione dei cani randagi accalappiati nel Comune

Dettagli

ART. 19 - G - SERVIZI GENERALI (vigenti)

ART. 19 - G - SERVIZI GENERALI (vigenti) ART. 19 - G - SERVIZI GENERALI (vigenti) La zona è destinata ad accogliere attrezzature e servizi pubblici o ad uso pubblico di interesse generale su scala territoriale: uffici pubblici o privati di interesse

Dettagli

C O M U N E DI T R I G O L O

C O M U N E DI T R I G O L O C O M U N E DI T R I G O L O Provincia di Cremona DELIBERAZIONE N. 8. Codice Ente : 10813 VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE Adunanza ordinaria di prima convocazione seduta pubblica OGGETTO:

Dettagli

Delibera della Giunta Regionale n. 316 del 28/06/2012

Delibera della Giunta Regionale n. 316 del 28/06/2012 Delibera della Giunta Regionale n. 316 del 28/06/2012 A.G.C. 15 Lavori pubblici, opere pubbliche, attuazione, espropriazione Settore 8 Settore provinciale del Genio civile - Caserta - Oggetto dell'atto:

Dettagli

COMUNE DI NOVENTA DI PIAVE

COMUNE DI NOVENTA DI PIAVE COMUNE DI NOVENTA DI PIAVE Quarta Variante Parziale al Piano degli Interventi (PRG) modifica dell articolo 34 Parcheggi e servizi pubblici delle N.T.A.. Ai sensi dell'art. 18 della L.R.V. 11/2004 e s.m.i..

Dettagli

Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti

Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti DIPARTIMENTO PER LE INFRASTRUTTURE, I SERVIZI INFORMATIVI E STATISTICI DIREZIONE GENERALE EDILIZIA STATALE E INTERVENTI SPECIALI CONVENZIONE TRA IL MINISTERO

Dettagli

Città di Campodarsego Provincia di Padova

Città di Campodarsego Provincia di Padova Città di Campodarsego Provincia di Padova VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 87 O G G E T T O DETERMINAZIONE DEL VALORE VENALE IN COMUNE COMMERCIO AL 1 GENNAIO DELL ANNO DI IMPOSIZIONE DELLE

Dettagli

CITTÀ DI MINERBIO PROVINCIA DI BOLOGNA

CITTÀ DI MINERBIO PROVINCIA DI BOLOGNA DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 42 del 06/06/2007 C O P I A OGGETTO: DIRETTIVE DI APPLICAZIONE DELLE DISPOSIZIONI DI CUI ALLA DELIBERA DI CONSIGLIO COMUNALE N. 23 DEL 7.05.2007, "APPROVAZIONE MODIFICHE

Dettagli

Proposta di legge Alienazione degli immobili di ERP. Documento preliminare

Proposta di legge Alienazione degli immobili di ERP. Documento preliminare ALLEGATO A Proposta di legge Alienazione degli immobili di ERP Documento preliminare 1. Inquadramento normativo La materia dell edilizia residenziale pubblica comprende il complesso delle attività delle

Dettagli

COMUNE DI OULX (PROVINCIA DI TORINO)

COMUNE DI OULX (PROVINCIA DI TORINO) COMUNE DI OULX (PROVINCIA DI TORINO) VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 37 OGGETTO: Attuazione degli indirizzi forniti dal Consiglio comunale con atto n. 57 del 22 dicembre 2009. Contratto

Dettagli