Poveri noi! Ai nostri lettori

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Poveri noi! Ai nostri lettori"

Transcript

1 L altra voce del Liceo Il Curieoso...come un moscone sopra un cavallo, alto e di buona razza, ma alquanto pigro per la sua stessa mole e bisognoso di essere sempre stimolato Platone, Apologia di Socrate Poveri noi! Ai nostri lettori Questo è quello che viene da pensare ultimamente analizzando la situazione del nostro istituto: poveri noi! Dopo esserci resi conto di come nella nostra scuola la partecipazione attiva o almeno la riflessione su temi d attualità molto importanti sia bellamente evitata, abbiamo deciso di attivarci per una pubblicazione autogestita, in cui potessimo scrivere di argomenti che, a nostro modo parere, è bene che siano portati all attenzione di uno studente liceale, il quale dovrebbe essere formato anche in questi campi che esulano dai programmi scolastici ufficiali, ma che costituiscono una base indispensabile per poi poter esprimere un opinione valida e il più possibile autonoma, come si addice a una persona colta e consapevole del mondo che la circonda. È impensabile che uno studente liceale esca da un istituto, nel quale si impara la cultura dei classici e delle scienze, senza però saper riportare tali nozioni alla situazione attuale e contestualizzarle correttamente per meglio capire i fenomeni e gli avvenimenti dei nostri tempi. Infine non possiamo non esprimere il nostro rammarico per la scarsa precisione e serietà riscontrati nella gestione del giornalino ufficiale della scuola; basti vedere in che modo sia stato storpiato il nome del nostro gruppo (gruppo di formazione libera?). Vorremmo inoltre ricordare ai responsabili di Sottobanco che la loro non è l unica voce del Marie Curie, ma che ne esistono altre. Noi speriamo di rappresentarle e soddisfarle almeno in parte. Sentiamo l esigenza di presentare chi siamo e quali obiettivi ci poniamo. Siamo un gruppo di studenti che, in occasione della recente riforma scolastica Gelmini, si sono ritrovati spontaneamente per esprimere il loro dissenso. Dopo aver collaborato per qualche tempo siamo giunti alla conclusione di voler ampliare gli argomenti da trattare ed abbiamo quindi optato per un diverso tipo di pubblicazione rispetto al volantino. Questa edizione è il frutto del lavoro che ci ha tenuti impegnati per diverse settimane, per poter fornire un punto di vista valido e sempre supportato da dati, su tematiche d attualità che ci preme approfondire. Cerchiamo di presentarci come un gruppo di studenti che scrivono per altri studenti volendoli rendere partecipi di un punto di vista originale sui più svariati temi possibili. Speriamo di poter avere la vostra attenzione e il vostro interesse per poter continuare a pubblicare, nell intento che il lavoro da noi iniziato sia duraturo e sempre di qualità. Beltra ed il Gruppo Informazione Libera 1

2 ISRAELE PALESTINA: UNA PRIGIONE A CIELO APERTO Hamas, Israele, Palestina, Gaza. Nelle ultime settimane queste parole hanno aperto le edizioni dei telegiornali e dei quotidiani di tutto il mondo. Il territorio mediorientale che si affaccia sul Mediterraneo si è infatti reso triste protagonista della ripresa del conflitto arabo-israeliano, tuttora in corso fra l organizzazione terroristica palestinese di Hamas e le forze armate Israeliane. Le radici di questo conflitto, però, non vanno ricercate nei tempi recenti. I primi asti fra le due fazioni esplodono manifestamente nel 1948, anno in cui, secondo una risoluzione delle Nazioni Unite, sarebbero dovuti nascere nella regione due stati: quello palestinese e quello ebraico. Tale provvedimento non trova però attuazione a causa delle aspre proteste da parte della popolazione araba, contraria alla frantumazione di quello che era sempre stato il suo territorio. Sostenuti da gran parte dei Paesi arabi, i palestinesi iniziano così le prime azioni di guerriglia, alle quali fa seguito una massiccia risposta delle armate israeliane, che riescono a impossessarsi di gran parte del territorio palestinese, ad eccezione della striscia di Gaza e della Cisgiordania. La Palestina non viene riconosciuta come stato. Gli scontri si riaccendono nel 1956, quando Israele, sfruttando la crisi del canale di Suez, attacca l Egitto, stato membro della Lega Araba e sostenitore della causa palestinese. Israele viene bloccato dall intervento della comunità internazionale e l Egitto è costretto alla ritirata. La terza guerra arabo-israeliana inizia nel 1967, una decina d anni più tardi, conosciuta con il nome di guerra dei sei giorni. Si risolve infatti con una fulminea vittoria israeliana ai danni dei palestinesi, che si vedono privati della striscia di Gaza, della Cisgiordania e di Gerusalemme est. È in questo frangente che fa la sua comparsa sulla scena Yasser Arafat, leader della neonata Organizzazione per la Liberazione della Palestina (OLP), da lui guidata fino alla morte nel Nel 1973 si crea un ulteriore crisi che sfocia nell ennesimo conflitto bellico, finito sotto il nome di guerra dello Yom Kippur, dal nome di una festività religiosa ebraica. Egitto e Siria attaccano insieme Israele, guidato da Ariel Sharon. La fine di questo conflitto viene siglata da un accordo di pace con l Egitto, il quale riconosce Israele come stato. Da questo momento allo stato ebraico si opporrà solo l OLP. Alla fine degli anni 80, la popolazione palestinese si organizza in una forma di resistenza chiamata Intifada, basata su disobbedienza civile, scioperi o semplici lanci di pietre contro l esercito israeliano presente sul territorio; resistenza che si riproporrà nel 2000, dopo la provocatoria passeggiata di Ariel Sharon sulla spianata delle Moschee. Nel 1988 il Consiglio Nazionale Palestinese dichiara la nascita dello stato palestinese e il riconoscimento di Israele. A seguito della morte di Arafat, l OLP viene guidata da Abu Mazen, che instaura una forma di dialogo con Israele e due anni dopo, nel 2006, le elezioni palestinesi vedono la vittoria del partito di Hamas, fazione estremista e violenta di Al Fatah, gruppo di maggioranza dell OLP. Hamas farà da questo momento in poi sempre più ricorso ad atti terroristici a danno della popolazione israeliana. Dietro questi lunghi conflitti che si sono lasciati alle spalle migliaia e migliaia di morti stanno molteplici ragioni, e quelle etniche non sono che la punta di un intricato iceberg fatto di motivi economici, strategici e in parte religiosi. I dati sopra riportati e la cronologia storica degli eventi non possono che dare solo una pallida immagine della realtà concreta nella quale sono costrette a vivere migliaia di persone. Continueremo a giudicare, a dare ragione o torto ad una parte o all altra, ma non capiremo mai davvero quali sono i carcerati e quali i carcerieri di questa prigione a cielo aperto. Chiara Tagliabue, Arianna Conte e Chiara Corbetta 2

3 LE RECENSIONI DEL CURIEOSO Film e libri consigliati dalla redazione, per approfondire gli argomenti trattati. VALZER CON BASHIR SOGNANDO PALESTINA Un film di Ari Folman Storico/Drammatico Durata: 87 minuti Titolo originale: Waltz with Bashir Un libro di Randa Ghazy (Ex-studentessa del Liceo Marie Curie) Fabbri Editori La guerra è una sconfitta, sempre. È questo uno dei messaggi più presenti in Valzer con Bashir, film di animazione di Ari Folman, regista israeliano che ricostruisce la sua esperienza della guerra in Libano del 1982 nella quale assistette, ancora giovanissimo, agli eventi che portarono alla strage avvenuta nei campi profughi di Sabra e Chatila. Ritrovando vecchi compagni e rievocando scene del passato, emerge che alcuni soldati israeliani, vincitori, sono ancora tormentati 20 anni dopo da incubi di quella guerra; allo stesso modo altri sono rimasti tanto colpiti da essere stati costretti a rimuovere ricordi per difendersi da una realtà che non avrebbero voluto vivere. Rimorsi per colpe non proprie ritornano vivi e attuali, a riaprire una ferita mai sanata. Una fotografia dall interno di un mondo che non vorremmo esistesse. E il mondo ASSISTE. Assiste e non interviene, spettatore involontario (?) di una lotta che dura da tempo, quella tra Israele e Palestina, senza che nessuno dei due fronti decida di giungere ad un compromesso. I protagonisti di Sognando Palestina combattono per il proprio popolo, che si è visto privato di ciò che più ha a cuore: la giustizia. Perché non c è pace senza giustizia. I personaggi arrancano sulla salita della salvezza. Rabbia e delusione pervadono tutto il romanzo: come sopportare gli attacchi senza essere privati della propria umanità? Donne massacrate, uccisioni improvvise e desolanti, sangue, devastazioni: risulta difficile rimanere lucidi e l odio per il nemico converge nelle pietre scagliate. Quelle pietre, manifesto dell angoscia di un popolo che non ce la fa più, che agogna di ritornare a sentire con serenità il profumo della terra bagnata sotto i piedi dopo l imperversare di una tempesta. Nonostante le grida di dolore, che non possono più essere soffocate, resiste l amicizia, vera perché vince anche la paura della morte, e l amore, che scavalca il cadavere dell ingiustizia. Ecco una faccia della guerra, dal punto di vista palestinese. Ma cosa ci fa credere che un Israeliano non desideri la pace? Non basta più parlare, non bastano più i diamoci un taglio, i facciamo qualcosa. Stavolta c è davvero bisogno di un intervento concreto, in modo che questo romanzo non possa più essere definito, come ora, sempre attuale. Riccardo Buraschi La locandina del film: Chi. Li. 3

4 AUTOGESTIONE: DOLCE-FAR-NIENTE O AUDACE OPPORTUNITÀ? Noi, studenti liceali, ci confrontiamo con la nostra capacità di autogestirci. Sondaggio: se dovessi dare la tua preferenza ad una delle aule proposte durante l autogestione, quale sceglieresti? I giorni 10 e 11 febbraio scorsi si è tenuta nella nostra scuola la cosiddetta assemblea d istituto delocalizzata. Organizzata dai rappresentanti d istituto ha occupato la mattinata dalle h 8.15 alle h13.00 e ha offerto diversi tipi di attività: come scopo quello di dare una visione della scuola differente, non solo legata a quella di ambiente di studio, ma anche come luogo di crescita, confronto e dove sviluppare i propri interessi. Le attività presenti erano diversificate nelle aule adatte: tenute sia da studenti che da professori variavano dalla politica al cinema, dalla musica allo sport. Si parla di aule come Cibo e Cinema, Primo Soccorso, Laboratorio di Scienze, oltre al seguitissimo Torneo di Calcetto. Se da una parte si può riconoscere la serietà e l organizzazione di alcune, bisogna osservare però che altre si sono dedicate prettamente al semplice svago e sono state perciò caratterizzate da una minore affluenza. Ad esempio l aula di Playstation e quella in cui proiettavano il film Lo svarione degli Anelli. A dispetto dell opinione comune, secondo cui spesso organizzazioni studentesche di questo genere rappresentano solo il pretesto almeno non si fa lezione, in questo caso si è potuto riscontrare una buona partecipazione e un discreto interesse. Sulla base di statistiche effettuate all interno della scuola di 843 alunni si sono verificate 669 presenze il primo giorno e 554 il secondo. Tutto ciò a dimostrazione del fatto che studenti di Liceo, come noi, sanno non solo affrontare la scuola come semplice attività di studio, ma anche confrontarsi con una realtà scolastica, per così dire, atipica che porta a rendersi studenti attivi e capaci di autogestirsi. Musica Cibo e strumentale cinema 6 % 14% Altre 12% Sito web 5% Primo soccorso 13% Calcetto Esp erimenti 39% 11% Dal sondaggio, effettuato su 85 studenti scelti a caso (o meglio, incontrati dal sottoscritto nel suo errare scolastico), è emersa un elevata partecipazione al torneo di calcetto svoltosi in palestra. Molti ragazzi intervistati hanno però affermato di aver partecipato solo a quest attività. La percentuale risultante è quindi, in alcuni casi, dovuta ad una scelta forzata, ma sempre indicativa. Oltre allo strapotere dell aula sportiva, si attesta su buone cifre anche l aula del professor Clerici, il quale, dopo il successo riscosso l anno scorso con Guccini, ha voluto replicare con un tema più insolito ma non meno interessante. Sul podio sale anche Daniele Beltrametti con Primo soccorso. Infine, ottiene un buon piazzamento anche il laboratorio di esperimenti scientifici tenuto dal trio Gattanini - Sciortino - Lorenzini. Anche l approccio alla scienza, se accompagnato da accattivanti applicazioni pratiche, può destare l interesse di noi studenti! Federico Passerini Giulia Di Gregorio e Riccardo Colombo 4

5 LA POLITICA VIENE A SCUOLA Martedì 10 marzo, primo giorno di autogestione. Nell aula magna dell istituto si è tenuto un dibattito con due esponenti della politica locale, Roberto Rampi (PD Lissone) e Francesca Manzotti (Lega Nord Desio). Nonostante fossero presenti solo una ventina di studenti, il dibattito si è tenuto comunque e sono emersi argomenti interessanti e che coinvolgono molto anche noi giovani. Il primo argomento riguardava come affrontare la dimensione politica a scuola. Le posizioni dei due politici presenti sono state abbastanza concordanti: entrambi hanno sostenuto l utilità dell impegno politico, specie per cominciare a formare un senso di appartenenza ad un gruppo e anche una coscienza politica, fondamentale per la vita futura; l importante è sperimentare ed evitare di finire tra gli ignavi danteschi. Una preoccupazione legittima, dato che molti giovani si allontanano dalla politica perché tanto sono tutti uguali o perché è una cosa troppo distante da noi. Tuttavia, è estremamente importante sviluppare una coscienza politica per portare avanti le proprie posizioni e i propri ideali nella vita. Come riavvicinare allora i giovani alla politica? Manzotti ha parlato, per rispondere a questa domanda, del suo stesso partito: i giovani si sentono più rappresentati nelle posizioni della Lega perché, pur mancando di un idealismo forte e unitario come quello dei partiti di un tempo, riesce a coinvolgere la gente nelle attività, sia politiche sia ricreative. Su questo Rampi è stato costretto a riconoscere l incapacità del PD di attirare allo stesso modo le persone; ha insistito tuttavia sulla libertà di partecipare all attività politica, dicendo che solo chi se la sente davvero di mettersi in gioco si debba impegnare a tempo pieno, e che chi invece no debba solo ricordarsi ogni tanto di dare il suo contributo. Un discorso carico di significato: la politica deve essere considerata un impegno a tempo pieno, se la si vuole intraprendere seriamente. Ben vengano poi le iniziative di svago, per riunire le persone e coinvolgerle in vari progetti politici e non. Finita la riflessione sulla scuola, il dibattito si è poi spostato sulla questione dell immigrazione irregolare. La priorità della Lega, ha sostenuto Manzotti, è quella di regolarizzare chi lavora in modo irregolare, per garantire a tutti una vita dignitosa e la possibilità di riconoscere un immigrato, che, altrimenti, può cambiare facilmente identità ; per Rampi, l obiettivo del PD è invece quello di combattere la clandestinità per portare alla luce queste persone con delle riforme istituzionali, combattendo al contempo anche la tentazione della clandestinità. Purtroppo non tutti i politici hanno in comune queste buone intenzioni, che andrebbero perseguite con costanza per gettare luce sulla vita di queste persone e integrarle nella società con successo, garantendogli diritti e, ovviamente, doveri riconosciuti dallo Stato. Infine, è stato chiesto ai due di spiegare meglio due presunti provvedimenti della Lega da inserire nel Pacchetto Sicurezza, le ronde di cittadini e la possibilità per i medici di denunciare gli immigrati irregolari che si rivolgano a strutture pubbliche. Manzotti ha difeso entrambi, spiegando che non si tratta di provvedimenti estremisti, ma metodi necessari per la lotta alla criminalità, pur essendo criticabili, specificando inoltre la natura innocua delle ronde, parlando di Desio stessa: da tempo privati cittadini, di notte, pattugliano le strade della città in macchina, chiamando i Carabinieri quando succede qualcosa di sospetto. Rampi ha tuttavia evidenziato sia l inutilità di una legge sulle ronde, sostenendo che sarebbe meglio fornire più fondi alle forze dell ordine, sia la pericolosità dell altra proposta, in quanto porterebbe a diversi risultati negativi: dalla diffusione della sanità illegale ai conflitti morali nella classe medica. Le questioni sollevate da Rampi sono legittime: provvedimenti del genere potrebbero davvero generare situazioni pericolose dal punto di vista sanitario e della criminalità, mentre la legge sulle ronde appare quantomeno non necessaria, avendo a disposizione le forze dell ordine, e sembra quasi un contentino, come egli stesso lo ha definito, per tener buona la Lega. In conclusione, è stato un dibattito interessante. Peccato che molti se ne freghino. Eugenio Assenzi 5

6 ADOZIONE A DISTANZA NELLE CLASSI: UN PROGETTO PER REGALARE VITA Mancavano pochi giorni alla fine della scuola. Nell aria c era già atmosfera di festa. Quasi tutti erano in preda ad un duplice sentimento: insofferenza per le ultime interrogazioni e spasmodica attesa della fine. Il Natale era alle porte: finestre decorate con allegre scritte, buffi Babbo Natale appesi nei corridoi e persino qualche alberello multicolore all interno delle classi. Come sempre il pensiero andava ai regali: affanno e paura di non riuscire a comprare tutti quelli di amici e parenti e aspettative fantasiose per i propri. Una di queste mattine il prof. Clerici propose ad alcune classi la partecipazione ad un progetto di adozione a distanza di un bambino etiope: un espediente per portare un briciolo di solidarietà a chi vive, giorno per giorno, alle prese con fame e povertà. In Etiopia, come del resto in molti altri paesi del mondo, si vive certamente un altra realtà rispetto alla nostra. Per molti ragazzi etiopi Natale è solamente un altro giorno da trascorrere sopportando i morsi della fame. Ma grazie ad un irrisorio contributo economico, Shamisu Lahona, un ragazzino di 10 anni che vive nel piccolo villaggio di Dida, non solo ha la possibilità di avere un istruzione, ma gli viene garantito vitto, alloggio e assistenza medica in un paese in cui perfino la vita è considerata un lusso. Ma da dove nasce il progetto? Tutto è cominciato nel 2006, quando alcuni studenti della 5F proposero al professor Clerici di adottare un bambino a distanza. Inizialmente il progetto venne esteso agli studenti del quinto anno di tutti i corsi in cui insegnava, mentre a partire da quest anno sono state coinvolte tutte le classi del corso A e B dello scientifico, del ginnasio A, del triennio classico A e B e la 2ªF. In questo modo una semplice iniziativa diventa un gesto simbolico che garantisce libertà d iniziativa, ed evita così di divenire un obbligo morale; in aggiunta risulta molto più semplice raggiungere la quota minima annuale di 260 euro, cifra che grazie ad un elevata adesione è stata ampiamente superata: sono stati infatti raccolti 450 euro, che sono stati devoluti all associazione umanitaria internazionale dei Salesiani, che si dedica a tempo pieno al servizio dei giovani più bisognosi. Tramite il loro progetto adozioni a distanza il denaro raccolto permetterà a Shamisu e ai suoi coetanei di avere una vita più dignitosa. Un piccolo contributo può davvero donare un futuro a chi purtroppo sembra non averlo. È con la speranza di aver portato informazione tra i ragazzi che Clerici ci saluta dopo una breve intervista: se non altro ora tutti sanno che esiste questa modalità che con un piccolo gesto porta un briciolo di solidarietà alle persone più bisognose di noi ; e si augura di veder proseguire questo progetto negli anni futuri, magari gestito dagli stessi studenti, di modo che, qualora lui dovesse lasciare la scuola, questa iniziativa possa continuare a portare aiuto laddove ce n è davvero bisogno. Giulia Dragonetti e Federico Passerini CHI SONO I SALESIANI? L organizzazione internazionale dei salesiani si occupa di aiutare e sostenere i giovani di tutto il mondo, in particolare quelli più bisognosi. Il progetto Adozioni a distanza è nato nel 1989 quando don Arturo Lorini, dopo aver visitato per la prima volta le missioni in Etiopia, decise di portare un aiuto decisivo a bambini che avevano l unico torto di essere nati dalla parte sbagliata del mondo. Il progetto opera oggi in Etiopia, Ecuador, Brasile, Sri Lanka, Sudan e Darfur. I fondi raccolti vengono utilizzati in svariati modi: dall acquisto di alimenti, indumenti, medicine e materiale scolastico, alla costruzione di strutture per assicurare la continuità dell assistenza ai bambini. Quando si avvia una nuova adozione si riceve una foto del bambino accompagnata dalle informazioni personali essenziali; non è tuttavia possibile intrattenere una corrispondenza con il bambino adottato, a causa della diversità della lingua e soprattutto perché la traduzione e l invio di lettere per ogni singolo bambino adottato comportano un grande dispendio di tempo, energie e denaro, che possono invece essere usati per aiutare chi ne ha più bisogno. 6

7 7

8 L INIZIATIVA PER EDUCAZIONE FISICA Segnaliamo la raccolta di firme promossa nella nostra scuola del professor Pagani volta all abrogazione dell art. 304 del decreto legislativo 16 aprile 1994, n. 297 testo unico delle disposizioni legislative in materia di istruzione che è ritenuto un testo discriminatorio verso l insegnamento dell educazione fisica, in quanto si legge nel primo paragrafo Il voto di educazione fisica non è compreso nel calcolo della media dei punti ai fini dell ammissione ad esami, dell iscrizione alle scuole e della dispensa dal pagamento delle tasse scolastiche. LE ULTIME DAL CONSIGLIO D ISTITUTO L ultimo consiglio d istituto si è tenuto nella serata del 27 gennaio. È stata discussa una proposta per la raccolta differenziata dei rifiuti all interno dell'istituto ed è stato stabilito di incrementare la raccolta dei rifiuti standard (carta e cartone, plastica, alluminio, vetro, rifiuti organici), ma è stata bocciata, a maggioranza schiacciante, la proposta di attivare la raccolta dei rifiuti particolari (sughero, tappi di plastica, lampadine, pile usate, bombolette, polistirolo). La proposta per l ingresso mattutino anticipato degli studenti in gennaio e febbraio 2009 e in novembre e dicembre 2009 è stata bocciata, anch essa con un voto schiacciante; i rappresentanti degli studenti si sono spaccati sulla proposta, votando in disaccordo fra loro. È stata invece rinviata ad una futura riunione la discussione sul regolamento d istituto ed il regolamento sulle uscite d istruzione. La prossima riunione è venerdì 20 febbraio, alle in presidenza: si discuterà il bilancio d istituto. I NUMERI DELL ASSEMBLEA DELOCALIZZATA Studenti presenti: 1 giorno: 705 studenti su 883 (80%) 2 giorno: 580 studenti su 883 (66%) La partecipazione più alta si è avuta nelle classi del primo anno, quella più bassa, come prevedibile, in quelle dell ultimo anno. 8 SI RINGRAZIANO PER LA PARTECIPAZIONE: Beltra, Tithus, Chiara Tagliabue, Arianna Conte, Chiara Corbetta, Riccardo Buraschi, Chi. Li., Giulia Di Gregorio, Riccardo Colombo, Federico Passerini, Eugenio Assenzi, Giulia Dragonetti, Federico Passerini, Antonio Pascarella, Mattia Cabiati, Andrea Delfino, Giorgio Castiglione, tutti i membri del GIL per il supporto e i consigli che ci hanno fornito, i docenti che si sono prestati al gioco a pagina 7. CONTATTI Domande? Curiosità? Spiegazioni? Opinioni diverse? Per ogni evenienza, ecco i nostri contatti: FACEBOOK: Gruppo Informazione Libera (in Gruppi) A SCUOLA: potete rivolgervi a Daniele Beltrametti (IIª lc B) e ad Eugenio Assenzi (4ª A) per ogni domanda riguardo al gruppo. A presto l apertura di un blog aperto Se volete che le vostre lettere siano pubblicate, annotatelo in calce. Chiuso il copie in distribuzione, stampate autonomamente Deposito legale c/o BNC Firenze e Biblioteca civica Monza Distribuzione gratuita Gruppo Informazione Libera

Manifesto TIDE per un Educazione allo Sviluppo accessibile

Manifesto TIDE per un Educazione allo Sviluppo accessibile Manifesto TIDE per un Educazione allo Sviluppo accessibile Pagina 2 Contenuto Il progetto TIDE...4 Il manifesto TIDE...6 La nostra Dichiarazione...8 Conclusioni...12 Pagina 3 Il progetto TIDE Verso un

Dettagli

Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013

Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013 Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013 Breve saluto con tre slides. Chi siamo: fondamentalmente siamo genitori per genitori

Dettagli

GENNAIO CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL SIENA. Giuseppe Di Vittorio 1954 MARTEDÌ MERCOLEDÌ GIOVEDÌ VENERDÌ DOMENICA

GENNAIO CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL SIENA. Giuseppe Di Vittorio 1954 MARTEDÌ MERCOLEDÌ GIOVEDÌ VENERDÌ DOMENICA GENNAIO 1 17 2 3 18 19 4 20 5 6 21 22 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 23 24 25 26 27 28 29 30 31 Vedo davanti a me tante facce, vedo dei neri,...dei bianchi, dei gialli, dei mezzi neri come me, ma tutti insieme,

Dettagli

Il trailer di Handy sbarca al cinema: una mano protagonista sul grande schermo

Il trailer di Handy sbarca al cinema: una mano protagonista sul grande schermo Il trailer di Handy sbarca al cinema: una mano protagonista sul grande schermo di Redazione Sicilia Journal - 09, ott, 2015 http://www.siciliajournal.it/il-trailer-di-handy-sbarca-al-cinema-una-mano-protagonista-sul-grandeschermo/

Dettagli

Programma per i bambini

Programma per i bambini Report finale Progetto Solidarietà a.s. 2014/2015 prima tappa: 25^ Giornata Internazionale dei Diritti dell Infanzia e dell Adolescenza - sabato 22 novembre 2014 con il patrocinio morale Programma per

Dettagli

PRESENTAZIONE DEL LIBRO Siria MON AMOUR

PRESENTAZIONE DEL LIBRO Siria MON AMOUR PRESENTAZIONE DEL LIBRO Siria MON AMOUR Reading del libro a cura dei ragazzi della IIIA della scuola media n. 2 "S. Farina" Con la collaborazione della libreria Il Labirinto di Alghero Un matrimonio combinato,

Dettagli

La convenzione dell ONU sui diritti del fanciullo riscritta dai bambini con Mario Lodi

La convenzione dell ONU sui diritti del fanciullo riscritta dai bambini con Mario Lodi La convenzione dell ONU sui diritti del fanciullo riscritta dai bambini con Mario Lodi Articolo 1: Il bambino (o bambina) è ogni essere umano fino a 18 anni. Articolo 2: Gli Stati devono rispettare, nel

Dettagli

Curricolo verticale di Cittadinanza e Costituzione. Scuola dell infanzia - Anni 3

Curricolo verticale di Cittadinanza e Costituzione. Scuola dell infanzia - Anni 3 Curricolo verticale di Cittadinanza e Costituzione Scuola dell infanzia - Anni 3 A Identità e appartenenza. A1 Percepire e riconoscere se stesso. A1Mi conosco attraverso giochi motori sul corpo. A2 Saper

Dettagli

Chi ha una mano per combattere, anche solo con la penna e l arte dello scrivere, ha anche un cuore

Chi ha una mano per combattere, anche solo con la penna e l arte dello scrivere, ha anche un cuore Chi ha una mano per combattere, anche solo con la penna e l arte dello scrivere, ha anche un cuore grande, capace di affrontare il sacrificio per lasciarci. Enzo Baldoni non è solo. Ognuno di noi è Unico

Dettagli

Classi 1 A 1B 1C Scuola Aurelio Saffi di Siena LA POSTA DEL CUORE

Classi 1 A 1B 1C Scuola Aurelio Saffi di Siena LA POSTA DEL CUORE Classi 1 A 1B 1C Scuola Aurelio Saffi di Siena LA POSTA DEL CUORE All inizio del mese di Febbraio abbiamo chiesto ai bambini di procurarsi delle buste da lettera nuove. Quando tutti le hanno portate a

Dettagli

Nel corso del corrente anno scolastico, gli insegnanti e gli alunni dei plessi del nostro Istituto Comprensivo si sono attivati per realizzare alcune

Nel corso del corrente anno scolastico, gli insegnanti e gli alunni dei plessi del nostro Istituto Comprensivo si sono attivati per realizzare alcune Nel corso del corrente anno scolastico, gli insegnanti e gli alunni dei plessi del nostro Istituto Comprensivo si sono attivati per realizzare alcune iniziative di concreta solidarietà. Il progetto intende

Dettagli

2. II LABORATORIO. 60 minuti. 3. VISIONE DI VIDEO/FILM + COMMENTI 60 minuti 4. CONSEGNA PERSONAGGI E PRIMA LETTURA 15 minuti

2. II LABORATORIO. 60 minuti. 3. VISIONE DI VIDEO/FILM + COMMENTI 60 minuti 4. CONSEGNA PERSONAGGI E PRIMA LETTURA 15 minuti 2. II LABORATORIO OBIETTIVI: spiegare la storia del conflitto israelo-palestinese in maniera interattiva; avvicinarsi ad una situazione conflittuale attraverso molteplici canali di comunicazione (immagini,

Dettagli

Comitato Libro Parlato San Vito sezione staccata dell Associazione Centro Internazionale del Libro Parlato A.Sernagiotto Relazione giugno 2009

Comitato Libro Parlato San Vito sezione staccata dell Associazione Centro Internazionale del Libro Parlato A.Sernagiotto Relazione giugno 2009 Comitato LibroParlato SanVito sezionestaccatadell Associazione CentroInternazionaledelLibroParlato A.Sernagiotto Relazionegiugno2009 Quest anno,oltreadivulgaregliargomentiprincipalilegatialladonazionedivoce,

Dettagli

L ITALIA IN EUROPA. 1 Voyager 5, pagina 172

L ITALIA IN EUROPA. 1 Voyager 5, pagina 172 L ITALIA IN EUROPA L Italia, con altri Stati, fa parte dell Unione Europea (sigla: UE). L Unione Europea è formata da Paesi democratici che hanno deciso di lavorare insieme per la pace e il benessere di

Dettagli

Attività a Tema in Branca L/C

Attività a Tema in Branca L/C in Branca L/C Queste note fanno seguito al laboratorio sulle del 13 marzo 2013 a Roma e riprendono il sussidio, ormai introvabile, concepito nel 1973 e rivisto nel 1982. Le nascono nella Branca Lupetti

Dettagli

COMUNE DI CASTIGLIONE DELLA PESCAIA Provincia di Grosseto

COMUNE DI CASTIGLIONE DELLA PESCAIA Provincia di Grosseto COMUNE DI CASTIGLIONE DELLA PESCAIA Comunicato stampa venerdì 13 gennaio 2012 INCHIESTA DELL ASSESSORATO AL TURISMO SUL NATALE APPENA TRASCORSO: I CITTADINI RISPONDONO In conclusione del Natale, il Comune

Dettagli

o saper formulare con i compagni riflessioni ed ipotesi interpretative, non su richiesta del docente, ma in modo il più spontaneo possibile

o saper formulare con i compagni riflessioni ed ipotesi interpretative, non su richiesta del docente, ma in modo il più spontaneo possibile RELAZIONE FINALE PROGETTO COMPETENZE IN CRESCITA. Laboratorio 2 1) TITOLO: Il gusto della lettura 2) CLASSE: Classi della scuola dell infanzia (solo bambini di 5 anni) Classi prime, seconde e quarte della

Dettagli

REGOLAMENTO SOSTEGNO A DISTANZA

REGOLAMENTO SOSTEGNO A DISTANZA REGOLAMENTO SOSTEGNO A DISTANZA Principi, obiettivi e istruzioni IL SOSTEGNO A DISTANZA che cos è Con il termine Sostegno a Distanza si vuole convenzionalmente indicare una forma di solidarietà, oggi molto

Dettagli

SERVIZIO CIVILE: GIOVANI PER UN ITALIA SOLIDALE ROMA 2 GIUGNO 2015 - CAMERA DEI DEPUTATI

SERVIZIO CIVILE: GIOVANI PER UN ITALIA SOLIDALE ROMA 2 GIUGNO 2015 - CAMERA DEI DEPUTATI IL SOTTOSEGRETARIO DI STATO SERVIZIO CIVILE: GIOVANI PER UN ITALIA SOLIDALE ROMA 2 GIUGNO 2015 - CAMERA DEI DEPUTATI INTERVENTO ON.LE BOBBA On. Presidente Boldrini, signori Ministri e membri del Governo,

Dettagli

Mario Basile. I Veri valori della vita

Mario Basile. I Veri valori della vita I Veri valori della vita Caro lettore, l intento di questo breve articolo non è quello di portare un insegnamento, ma semplicemente di far riflettere su qualcosa che noi tutti ben sappiamo ma che spesso

Dettagli

IMMAGINANDO QUELLO CHE NON SI VEDE

IMMAGINANDO QUELLO CHE NON SI VEDE Laboratorio in classe: tra forme e numeri GRUPPO FRAZIONI - CLASSI SECONDE DELLA SCUOLA PRIMARIA Docenti: Lidia Abate, Anna Maria Radaelli, Loredana Raffa. IMMAGINANDO QUELLO CHE NON SI VEDE 1. UNA FIABA

Dettagli

PROGETTO ANNUALE RELIGIONE CATTOLICA

PROGETTO ANNUALE RELIGIONE CATTOLICA PROGETTO ANNUALE RELIGIONE CATTOLICA sez. B FARFALLE Anno scolastico 2012-2013 Insegnante: Bordignon Claudia PERCORSO DIDATTICO (ATTIVITÀ) per bambini di 3,4 e 5 anni PREMESSA La scuola dell infanzia rivolge

Dettagli

DESCRIZIONE ATTIVITA ANNO SCOLASTICO 2010-2011

DESCRIZIONE ATTIVITA ANNO SCOLASTICO 2010-2011 DESCRIZIONE ATTIVITA ANNO SCOLASTICO 2010-2011 1 INDICE 1. PREMESSA 2. OBIETTIVI 3. INCONTRO FORMATIVO PER GLI INSEGNANTI 4. ATTIVITA SUDDIVISE per CLASSI 5. EVENTI ORGANIZZATI: GIORNATE ECOLOGICHE 6.

Dettagli

Anna Frank. C.T.P. Adulti

Anna Frank. C.T.P. Adulti Anna Frank Tito Maccio Plauto San Giorgio C.T.P. Adulti Scuola Secondaria di primo grado Via Anna Frank di Cesena Progetto Macramè MEDIATORI CULTURALI aa.ss. 2008/2009-2009/2010 2009/2011 Scuola Secondaria

Dettagli

L ESERCITO DEI BISCOTTI

L ESERCITO DEI BISCOTTI L ESERCITO DEI BISCOTTI Siamo gli alunni del Convitto Nazionale Paolo Diacono, un Istituzione Educativa dello Stato, presente a Cividale del Friuli dal 1876. L offerta formativa del Convitto comprende:

Dettagli

VADEMECUM 2012-2013. Pagina 1 di 19

VADEMECUM 2012-2013. Pagina 1 di 19 VADEMECUM 2012-2013 Pagina 1 di 19 Da compilare e inviare alla Federazione BDS (Annuali) Iscrizione federazione BDS nuovo / rinnovo ( validità anno solare); Modulo adesione Donacibo (Convenzione) Modulo

Dettagli

SOS GIOCO! ARTICOLO 31

SOS GIOCO! ARTICOLO 31 ARTICOLO 31 1. Gli Stati parti riconoscono al fanciullo il diritto al riposo ed allo svago, a dedicarsi al gioco e ad attività ricreative proprie della sua età, ed a partecipare liberamente alla vita culturale

Dettagli

Sostegno a Distanza. Scuola San José Honduras

Sostegno a Distanza. Scuola San José Honduras Sostegno a Distanza Scuola San José Honduras COMUNICAZIONE GENERALE 2010 222 I.- INTRODUZIONE- Cari amici, con la presente comunicazione desideriamo raccontarvi le attività realizzate grazie al sostegno

Dettagli

G. M. QUER, Democrazia e diritti umani in Israele. Un modello per un mondo che cambia, Milano, Proedi Editore, 2006, pp. 1-79.

G. M. QUER, Democrazia e diritti umani in Israele. Un modello per un mondo che cambia, Milano, Proedi Editore, 2006, pp. 1-79. G. M. QUER, Democrazia e diritti umani in Israele. Un modello per un mondo che cambia, Milano, Proedi Editore, 2006, pp. 1-79. di Cristina Gazzetta Il libro che qui si segnala al lettore è il risultato

Dettagli

IL CONTRIBUTO DEI GIOVANI NELLA LOTTA AI CAMBIAMENTI CLIMATICI.

IL CONTRIBUTO DEI GIOVANI NELLA LOTTA AI CAMBIAMENTI CLIMATICI. IL CONTRIBUTO DEI GIOVANI NELLA LOTTA AI CAMBIAMENTI CLIMATICI. 2 IL CONTRIBUTO DEI GIOVANI NELLA LOTTA AI CAMBIAMENTI CLIMATICI La lotta ai cambiamenti climatici prevede che tutti i cittadini europei

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO N. 4 CHIETI Scuola Secondaria di Primo Grado Giuseppe Mezzanotte BIM. Biblioteca Interculturale Mobile. Nei libri il mondo

ISTITUTO COMPRENSIVO N. 4 CHIETI Scuola Secondaria di Primo Grado Giuseppe Mezzanotte BIM. Biblioteca Interculturale Mobile. Nei libri il mondo ISTITUTO COMPRENSIVO N. 4 CHIETI Scuola Secondaria di Primo Grado Giuseppe Mezzanotte BIM Biblioteca Interculturale Mobile Nei libri il mondo Classe I - II A docente referente: prof.ssa Patrizia Monetti

Dettagli

Piacenza 21 22 ottobre 2011. Philosophy for children. Esperienze di dialogo e pratica filosofica

Piacenza 21 22 ottobre 2011. Philosophy for children. Esperienze di dialogo e pratica filosofica Piacenza 21 22 ottobre 2011 Philosophy for children Esperienze di dialogo e pratica filosofica Scuola dell infanzia statale Barbattini ( Roveleto di Cadeo ) Anni scolastici: 2007 2011 Insegnanti facilitatori:

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE a. s. 2014-2015

PROGRAMMAZIONE ANNUALE a. s. 2014-2015 Scuola Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE FRATELLI CASETTI CREVOLADOSSOLA (VB) WWW.iccasetti.gov.it PROGRAMMAZIONE ANNUALE a. s. 2014-2015 RELIGIONE CATTOLICA COMPETENZE CHIAVE - competenze sociali

Dettagli

La nuova adozione a distanza della Scuola. Secondaria di Primo Grado di Merone.

La nuova adozione a distanza della Scuola. Secondaria di Primo Grado di Merone. La nuova adozione a distanza della Scuola Secondaria di Primo Grado di Merone. Riflessione sull Associazione S.O.S. INDIA CHIAMA L' India è un' enorme nazione, suddivisa in tante regioni (circa 22) ed

Dettagli

Se io fossi nei vostri panni quale sarebbe la cosa che più mi urgerebbe? Che cosa resta di tutti i vostri tentativi, di tutti i vostri

Se io fossi nei vostri panni quale sarebbe la cosa che più mi urgerebbe? Che cosa resta di tutti i vostri tentativi, di tutti i vostri Se io fossi nei vostri panni quale sarebbe la cosa che più mi urgerebbe? Che cosa resta di tutti i vostri tentativi, di tutti i vostri sforzi?...abbiamo il coraggio di verificare quello che stiamo facendo

Dettagli

IN-COSCIENZA CIVILE. SCUOLA: Liceo Alessandro Volta - Federico Fellini di Riccione (Rimini)

IN-COSCIENZA CIVILE. SCUOLA: Liceo Alessandro Volta - Federico Fellini di Riccione (Rimini) IN-COSCIENZA CIVILE SCUOLA: Liceo Alessandro Volta - Federico Fellini di Riccione (Rimini) ARCHIVIO: Archivio del Premio Ilaria Alpi - Biblioteca comunale di Riccione ALTRI PARTNER: Associazione Ilaria

Dettagli

Ist. Viganò: i ragazzi di 3^ e 4^ G raccontano con una mostra Corleone e la lotta alla mafia di cui sono stati 'testimoni diretti'

Ist. Viganò: i ragazzi di 3^ e 4^ G raccontano con una mostra Corleone e la lotta alla mafia di cui sono stati 'testimoni diretti' Ist. Viganò: i ragazzi di 3^ e 4^ G raccontano con una mostra Corleone e la lotta alla mafia di cui sono stati 'testimoni diretti' Merate Hanno deciso di condividere con studenti, professori, amici e parenti

Dettagli

Ci vuole un fiore. Anno scolastico 2007/2008 Concorso nazionale : La classe quinta ha vinto!

Ci vuole un fiore. Anno scolastico 2007/2008 Concorso nazionale : La classe quinta ha vinto! Anno scolastico 2007/2008 Concorso nazionale : Ci vuole un fiore La classe quinta ha vinto! Sul numero 7 del giornale Scuola Italiana Moderna, la maestra Milena ci legge il bando del concorso nazionale

Dettagli

Cinema, La bugia bianca : il dramma dello stupro etnico raccontato da un siciliano

Cinema, La bugia bianca : il dramma dello stupro etnico raccontato da un siciliano Cinema, La bugia bianca : il dramma dello stupro etnico raccontato da un siciliano di Redazione Sicilia Journal - 25, ott, 2015 http://www.siciliajournal.it/cinema-la-bugia-bianca-il-dramma-dello-stupro-etnico-raccontato-da-unsiciliano/

Dettagli

La campagna di tesseramento

La campagna di tesseramento 2015 La campagna di tesseramento 2 Senza immaginazione non c è salvezza. Giulio Carlo Argan 1. La storia della campagna 2. La tessera 3. Tono & linguaggio 4. Strumenti di campagna 2015 La storia della

Dettagli

Lamezia: le scarpe rosse contro la violenza sulle donne

Lamezia: le scarpe rosse contro la violenza sulle donne Lamezia: le scarpe rosse contro la violenza sulle donne Mercoledì, 25 Novembre 2015 13:3 Lamezia Terme Una cascata di scarpe rosse ha colorato la scalinata dell edificio Scolastico Maggiore Perri di Lamezia.

Dettagli

GIANLUIGI BALLARANI. I 10 Errori di Chi Non Riesce a Rendere Negli Esami Come Vorrebbe

GIANLUIGI BALLARANI. I 10 Errori di Chi Non Riesce a Rendere Negli Esami Come Vorrebbe GIANLUIGI BALLARANI I 10 Errori di Chi Non Riesce a Rendere Negli Esami Come Vorrebbe Individuarli e correggerli VOLUME 3 1 GIANLUIGI BALLARANI Autore di Esami No Problem Esami No Problem Tecniche per

Dettagli

I RISULTATI DI UN QUESTIONARIO SUL TEMA

I RISULTATI DI UN QUESTIONARIO SUL TEMA COMUNICATO STAMPA PER L 8 MARZO TANTI GIOVANI SI SONO CONFRONTATI SUL TEMA DELLA VIOLENZA SULLE DONNE CON L INIZIATIVA DELLA COMMISSIONE PROVINCIALE PARI OPPORTUNITA, DI AMNESTY INTERNATIONAL E DELL L

Dettagli

Mediterraneo, lo specchio dell Altro III edizione

Mediterraneo, lo specchio dell Altro III edizione Progetto Mediterraneo, lo specchio dell Altro III edizione Denominazione dell iniziativa: Mediterraneo. Lo specchio dell Altro III anno Ente promotore: CIPMO - Centro Italiano per la Pace in Medio Oriente

Dettagli

MOVIMENTO CULTURALE IDEELIBERE

MOVIMENTO CULTURALE IDEELIBERE All attenzione del Dirigente Scolastico del Liceo Classico Adolfo Pansini, prof. Salvatore Pace Oggetto: Progetto Scriviamo... CAMBIAMO Introduzione Il sottoscritto, Salvatore Salzano, Presidente Nazionale

Dettagli

1. LʼEDITORIALE 1. LʼEDITORIALE 1. LʼEDITORIALE 1. LʼEDITORIALE

1. LʼEDITORIALE 1. LʼEDITORIALE 1. LʼEDITORIALE 1. LʼEDITORIALE Newsletter dell associazione La Casa sull Albero, anno III, mese di aprile 2013 1. LʼEDITORIALE 1. LʼEDITORIALE 1. LʼEDITORIALE 1. LʼEDITORIALE Nella città di Firenze, lo scorso 16 marzo, migliaia e migliaia

Dettagli

Mini progetti Arrivederci! 2 UNITÀ 1

Mini progetti Arrivederci! 2 UNITÀ 1 UNITÀ 1 Sport da seguire o da praticare? A coppie individuate, secondo voi, quali sono gli sport da seguire e quali invece da praticare. Trovate su internet delle foto di vari sport. Attaccate le foto

Dettagli

UNA LEZIONE DI ARTE NELLA CLASSE 1 ^ C

UNA LEZIONE DI ARTE NELLA CLASSE 1 ^ C P A G I N A 1 UNA LEZIONE DI ARTE NELLA CLASSE 1 ^ C Giorno 27 novembre, noi alunni della classe 5^ A Primaria del plesso Romana, ci siamo recati presso la sede centrale dell Istituto comprensivo Piero

Dettagli

La cenerentola di casa

La cenerentola di casa La cenerentola di casa Audrina Assamoi LA CENERENTOLA DI CASA CABLAN romanzo www.booksprintedizioni.it Copyright 2012 Audrina Assamoi Tutti i diritti riservati Questa storia è dedicata a tutti quelli che

Dettagli

A CHI HA VISTO IL PEGGIO DEGLI ADULTI OCCORRE DONARE IL MEGLIO. www.sositalia.it

A CHI HA VISTO IL PEGGIO DEGLI ADULTI OCCORRE DONARE IL MEGLIO. www.sositalia.it A CHI HA VISTO IL PEGGIO DEGLI ADULTI OCCORRE DONARE IL MEGLIO www.sositalia.it DIVENTA UN AMICO SOS. MOSTRA A QUESTI BAMBINI IL LATO MIGLIORE DEGLI ADULTI. In Italia circa 32.300 bambini sono allontanati

Dettagli

Progetto Scuole Catalogo proposte 2012/2013

Progetto Scuole Catalogo proposte 2012/2013 Progetto Scuole Catalogo proposte 2012/2013 DC.DP.00.42 Fondazione aiutare i bambini Onlus Via Ronchi, 17-20134 Milano - Tel. 02 70.60.35.30 Email: info@aiutareibambini.it - www.aiutareibambini.it Fondazione

Dettagli

Traduzione dal romeno

Traduzione dal romeno Traduzione dal romeno Ziua pag. 3 Il Presidente della Commissione per Problemi d Immigrazione del Parlamento italiano, Sandro Gozi, ammonisce che, se la situazione continua, l Italia adottera misure dure

Dettagli

scuola dell infanzia di Vado

scuola dell infanzia di Vado ISTITUTO COMPRENSIVO DI VADO-MONZUNO (BO) scuola dell infanzia di Vado PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI IRC sezione (5 anni) anno scolastico 2014/2015 ins: Formicola Luigi UNITA DIDATTICA 1 Alla scoperta del

Dettagli

Preparare una lezione sulla favola

Preparare una lezione sulla favola LAVORO DI GRUPPO CLASSE I B Vi presentiamo la nostra Favola! Ruoli all interno del gruppo - Capogruppo: organizza il lavoro, affida i compiti, mantiene l ordine, fa in modo che tutti facciano la propria

Dettagli

Direzione generale per lo studente Ufficio III PROGETTO GENITORI E SCUOLA SCHEDA RICOGNITIVA ESPERIENZE DI PATERNARIATO GENITORI E SCUOLA

Direzione generale per lo studente Ufficio III PROGETTO GENITORI E SCUOLA SCHEDA RICOGNITIVA ESPERIENZE DI PATERNARIATO GENITORI E SCUOLA MINISTERO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA DIPARIMENTO PER L ISTRUZIONE Direzione generale per lo studente Ufficio III PROGETTO GENITORI E SCUOLA SCHEDA RICOGNITIVA ESPERIENZE

Dettagli

La scuola a 40 anni da Lettera a una professoressa dei ragazzi di Barbiana di Don Milani

La scuola a 40 anni da Lettera a una professoressa dei ragazzi di Barbiana di Don Milani La scuola a 40 anni da Lettera a una professoressa dei ragazzi di Barbiana di Don Milani Spunto per uno studio comparativo tra la scuola degli anni 60 e quella di oggi A cura dell OSP di Pisa 1 Premessa

Dettagli

SOCRATE E LE LEGGI DELLA CITTA. L esempio di un cittadino nell antichità

SOCRATE E LE LEGGI DELLA CITTA. L esempio di un cittadino nell antichità SOCRATE E LE LEGGI DELLA CITTA L esempio di un cittadino nell antichità Poiché Socrate non ha lasciato testi scritti, conosciamo la sua vita e il suo pensiero attraverso le opere di Platone, famoso filosofo,

Dettagli

Lastampa.it 03.10.2013. SCUOLA 03/10/2013 Le nostre scuole? Poco internazionali Italia in ritardo negli scambi con l estero

Lastampa.it 03.10.2013. SCUOLA 03/10/2013 Le nostre scuole? Poco internazionali Italia in ritardo negli scambi con l estero SCUOLA 03/10/2013 Le nostre scuole? Poco internazionali Italia in ritardo negli scambi con l estero Il 33% degli studenti che partono scelgono destinazioni in Europa, il 24% Usa e Canada e il 23% l America

Dettagli

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana 1. LA MOTIVAZIONE Imparare è una necessità umana La parola studiare spesso ha un retrogusto amaro e richiama alla memoria lunghe ore passate a ripassare i vocaboli di latino o a fare dei calcoli dei quali

Dettagli

I giovani del Medio Campidano

I giovani del Medio Campidano I giovani del Medio Campidano Indagine sulla condizione giovanile nella Provincia Ufficio Provinciale Giovani - Associazione Orientare Pagina 1 Il questionario è stato predisposto e realizzato dall Associazione

Dettagli

ISTITUTO MAGISTRALE T.GULLI

ISTITUTO MAGISTRALE T.GULLI PROGRAMMA OPERATIVO REGIONALE IT051PO003FSE ISTITUTO MAGISTRALE T.GULLI Anno scolastico 2012/2013 Pon Imprenditore DONNA Codice Progetto- C5 120h di Tirocinio e stage Simulazione aziendale, alternanza

Dettagli

CCR: ESPERIENZA DEL PRIMO BIENNIO 2007/2009

CCR: ESPERIENZA DEL PRIMO BIENNIO 2007/2009 CCR: ESPERIENZA DEL PRIMO BIENNIO 2007/2009 Presso la scuola media Consiglieri, insegnante ed eventuali operatori esterni 6/7 incontri all anno 1 Consapevolezza diritti e doveri 2 Funzioni propositive

Dettagli

COME SPIEGARE AI PICCOLI LE COSE DEI GRANDI. Action 1 - Youth for Europe Sub-Action 1.2 - Youth Initiatives

COME SPIEGARE AI PICCOLI LE COSE DEI GRANDI. Action 1 - Youth for Europe Sub-Action 1.2 - Youth Initiatives COME SPIEGARE AI PICCOLI LE COSE DEI GRANDI Action 1 - Youth for Europe Sub-Action 1.2 - Youth Initiatives Prefazione Se mi fosse chiesto di indicare il senso di Fiabe giuridiche, lo rintraccerei nelle

Dettagli

Il Principe Mezzanotte. Scheda di approfondimento. Materiale didattico di approfondimento per insegnanti e operatori

Il Principe Mezzanotte. Scheda di approfondimento. Materiale didattico di approfondimento per insegnanti e operatori Il Principe Mezzanotte Scheda di approfondimento Materiale didattico di approfondimento per insegnanti e operatori La Compagnia Teatropersona ha deciso di creare queste schede per dare l opportunità alle

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO LEONARDO DA VINCI LIMBIATE scuole dell infanzia don Milani e Andersen anno scolastico 2014-2015 ORGANIZZAZIONE DEL CURRICOLO

ISTITUTO COMPRENSIVO LEONARDO DA VINCI LIMBIATE scuole dell infanzia don Milani e Andersen anno scolastico 2014-2015 ORGANIZZAZIONE DEL CURRICOLO 1 programmazionescinfdonmandirc14.15 ISTITUTO COMPRENSIVO LEONARDO DA VINCI LIMBIATE scuole dell infanzia don Milani e Andersen anno scolastico 2014-2015 ORGANIZZAZIONE DEL CURRICOLO 2 GIORNATA SCOLASTICA

Dettagli

Mario Albertini. Tutti gli scritti IV. 1962-1964. a cura di Nicoletta Mosconi. Società editrice il Mulino

Mario Albertini. Tutti gli scritti IV. 1962-1964. a cura di Nicoletta Mosconi. Società editrice il Mulino Mario Albertini Tutti gli scritti IV. 1962-1964 a cura di Nicoletta Mosconi Società editrice il Mulino 822 Anno 1964 A Bernard Lesfargues Caro Bernard, Pavia, 28 novembre 1964 dato che non verrò a Lione

Dettagli

AMA TE STESSO PUOI GUARIRE LA TUA VITA

AMA TE STESSO PUOI GUARIRE LA TUA VITA AMA TE STESSO PUOI GUARIRE LA TUA VITA HEAL YOUR LIFE WORKSHOP 4/5 OTTOBRE 2014 PRESSO CENTRO ESTETICO ERIKA TEMPIO D IGEA 1 E il corso dei due giorni ideato negli anni 80 da Louise Hay per insegnare il

Dettagli

Dagli Appennini alle Ande

Dagli Appennini alle Ande Dagli Appennini alle Ande Bollettino N 34 Settembre 2010 Leggiamo insieme!... Sulla vita fuori dall hogar L importanza dell impiego La prevalenza del cuore Sulla vita fuori dall hogar Nell ambito del progetto

Dettagli

E pace in terra. raccolta di poesie di alcuni alunni delle classi 3A 3B 3E 2A. della Scuola Media C.Aschieri di S.Pietro in Cariano 13.12.

E pace in terra. raccolta di poesie di alcuni alunni delle classi 3A 3B 3E 2A. della Scuola Media C.Aschieri di S.Pietro in Cariano 13.12. E pace in terra raccolta di poesie di alcuni alunni delle classi 3A 3B 3E 2A della Scuola Media C.Aschieri di S.Pietro in Cariano 13.12.2007 INTRODUZIONE Il lavoro è stato svolto all interno di tre classi

Dettagli

Sezione Soci Coop Valtiberina. Non giochiamo con la legalità

Sezione Soci Coop Valtiberina. Non giochiamo con la legalità Sezione Soci Coop Valtiberina Non giochiamo con la legalità 1 INTRODUZIONE L Associazione Il Timone ormai da anni gestisce un doposcuola frequentato da ragazzi italiani e stranieri che vivono in Valtiberina.

Dettagli

Attività didattica per le scuole primarie GUIDA PER LA FAMIGLIA

Attività didattica per le scuole primarie GUIDA PER LA FAMIGLIA Attività didattica per le scuole primarie GUIDA PER LA FAMIGLIA CHI È BAMA? Siamo un azienda tutta italiana che da oltre tre decenni rende la vostra quotidianità più comoda e più allegra, grazie a prodotti

Dettagli

RUOLO E FINALITA DELLE ASSOCIAZIONI FEMMINILI IN UNA SOCIETA IN RAPIDA E CONTINUA EVOLUZIONE

RUOLO E FINALITA DELLE ASSOCIAZIONI FEMMINILI IN UNA SOCIETA IN RAPIDA E CONTINUA EVOLUZIONE Carissime amiche, nel ringraziare ancora per avermi eletta nel ruolo di vice Presidente del Distretto Sud Est, vi saluto augurandovi un Anno Sociale all insegna dell impegno e dell amicizia vera. Il mio

Dettagli

PROGETTO FINESTRE FOCUS

PROGETTO FINESTRE FOCUS Obiettivo Fornire, alle classi che hanno già realizzato negli anni precedenti il progetto Finestre, la possibilità di approfondire il tema del diritto d asilo attraverso specifici percorsi. La musica,

Dettagli

La lettura con la tecnica del Jigsaw

La lettura con la tecnica del Jigsaw La lettura con la tecnica del Jigsaw Abdelkrim Boussetta Centre Régional des métiers de l éducation et de la formation Rabat Per parecchio tempo l apprendimento è stato visto come un processo unidirezionale

Dettagli

Classe 5^A. a.s. 2011-2012 Scuola Primaria Statale Neria Secchi (Bibbiano, Reggio Emilia)

Classe 5^A. a.s. 2011-2012 Scuola Primaria Statale Neria Secchi (Bibbiano, Reggio Emilia) Classe 5^A a.s. 2011-2012 Scuola Primaria Statale Neria Secchi (Bibbiano, Reggio Emilia) Autori: Bagni Heloà Cadeddu Federico Caramaschi Marco Carretti Elisa Cella Samuele Collaku Selmir De Luca Annapia

Dettagli

RELAZIONE DESCRITTIVA DEL PROGETTO

RELAZIONE DESCRITTIVA DEL PROGETTO C I R C O L O D I D A T T I C O D I S A N T A G A T A L I B A T T I A T I PROGETTO NO AL BULLISMO Percorso di prevenzione dei fenomeni di bullismo A.S. 2011-2012 RELAZIONE DESCRITTIVA DEL PROGETTO PREMESSA

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA SANTA LUCIA - ISTITUTO COMPRENSIVO «GABRIELE ROSSETTI» IN COLLABORAZIONE CON LA CLASSE 4 C DEL LICEO DELLE SCIENZE UMANE

SCUOLA DELL INFANZIA SANTA LUCIA - ISTITUTO COMPRENSIVO «GABRIELE ROSSETTI» IN COLLABORAZIONE CON LA CLASSE 4 C DEL LICEO DELLE SCIENZE UMANE SCUOLA DELL INFANZIA SANTA LUCIA - ISTITUTO COMPRENSIVO «GABRIELE ROSSETTI» IN COLLABORAZIONE CON LA CLASSE 4 C DEL LICEO DELLE SCIENZE UMANE «PANTINI PUDENTE» VASTO (CH) IL MAGGIO DEI LIBRI nella SCUOLA

Dettagli

Regolamento del Consiglio dei Ragazzi di Castel Maggiore

Regolamento del Consiglio dei Ragazzi di Castel Maggiore Regolamento del Consiglio dei Ragazzi di Castel Maggiore Articolo 1 Nell'ambito del programma amministrativo rivolto alla formazione civica delle bambine e dei bambini, delle ragazze e dei ragazzi e al

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO SEGNI

ISTITUTO COMPRENSIVO SEGNI ISTITUTO COMPRENSIVO SEGNI Scuola dell infanzia Programmazione Religione Cattolica Anno scolastico 2013 2014 Insegnante:BINACO MARIA CRISTINA Motivazione dell itinerario annuale Il percorso per l I.R.C.

Dettagli

Alcuni casi interessanti osservati durante esperienze didattiche di tipo cooperativo

Alcuni casi interessanti osservati durante esperienze didattiche di tipo cooperativo Alcuni casi interessanti osservati durante esperienze didattiche di tipo cooperativo Alice (15 anni, II ITIS, 8 sett. Appr. Cooperativo, marzo-aprile 2005) E una ragazzina senza alcun problema di apprendimento

Dettagli

Gruppo G.R.E.M. Piemonte e Valle d Aosta. Attività di animazione: I CONFLITTI KIT DI ANIMAZIONE

Gruppo G.R.E.M. Piemonte e Valle d Aosta. Attività di animazione: I CONFLITTI KIT DI ANIMAZIONE Gruppo G.R.E.M Piemonte e Valle d Aosta Attività di animazione: I CONFLITTI KIT DI ANIMAZIONE Il kit, pensato per l animazione di bambini, ragazzi e adulti sul tema dei conflitti è così composto: - 1 gioco

Dettagli

Allegato 2. Anna Magnani II anno Classe C2 Tutor: Isa Maria Sozzi RELAZIONE FINALE

Allegato 2. Anna Magnani II anno Classe C2 Tutor: Isa Maria Sozzi RELAZIONE FINALE Allegato 2 Anna Magnani II anno Classe C2 Tutor: Isa Maria Sozzi RELAZIONE FINALE Il progetto è stato modificato rispetto alla griglia di progettazione presentata a giugno. Il tempo che è stato possibile

Dettagli

Vincono famiglie e studenti pendolari: fino a giugno si viaggia gratis

Vincono famiglie e studenti pendolari: fino a giugno si viaggia gratis Vincono famiglie e studenti pendolari: fino a giugno si viaggia gratis Un incontro dai toni piuttosto accesi è quello che si è svolto presso la sala consiliare del comune di Santa Croce. Da una parte genitori

Dettagli

Le attività sono proposte e condotte da operatori laici con esperienza nel contesto missionario e migratorio.

Le attività sono proposte e condotte da operatori laici con esperienza nel contesto missionario e migratorio. Il Centro Missionario è un ufficio della Diocesi di Bergamo che svolge il suo servizio e le sue attività nel contesto dell animazione missionaria nelle Parrocchie e a sostegno di progetti nei paesi del

Dettagli

ALLEGATO P. O. F. QUESTIONARI CONOSCITIVI

ALLEGATO P. O. F. QUESTIONARI CONOSCITIVI ALLEGATO P. O. F. QUESTIONARI CONOSCITIVI 1 ISTITUTO COMPRENSIVO ALDO MORO / CAROSINO Anno scolastico 2013-2014 QUESTIONARIO CONOSCITIVO Nota: Il presente questionario è predisposto per gli alunni del

Dettagli

INTERVISTA 1 DI DEBORA ROSCIANI A MAURIZIO ZORDAN, FOCUS ECONOMIA, RADIO24

INTERVISTA 1 DI DEBORA ROSCIANI A MAURIZIO ZORDAN, FOCUS ECONOMIA, RADIO24 25 ottobre 2013 INTERVISTA 1 DI DEBORA ROSCIANI A MAURIZIO ZORDAN, FOCUS ECONOMIA, RADIO24 Audio da min. 12:00 a 20:45 su http://www.radio24.ilsole24ore.com/player.php?channel=2&idprogramma=focuseconomia&date=2013-10-25&idpuntata=gslaqfoox,

Dettagli

Durata Quattro fasi di lavoro in un arco di tempo complessivo non inferiore a quattro settimane. Si stimano non meno di 16 ore di lavoro in classe.

Durata Quattro fasi di lavoro in un arco di tempo complessivo non inferiore a quattro settimane. Si stimano non meno di 16 ore di lavoro in classe. Laboratorio consigliato per la scuola primaria (II ciclo) Il grande mosaico dei diritti Hai diritto ad avere un istruzione/educazione. Art. 28 della CRC Hai diritto a essere protetto/a in caso di guerra

Dettagli

A.S. 2015/2016. RAPPRESENTANZA, RESPONSABILITA, PARTECIPAZIONE (punti di forza e

A.S. 2015/2016. RAPPRESENTANZA, RESPONSABILITA, PARTECIPAZIONE (punti di forza e SEMINARIO RESIDENZIALE Percorso di formazione per i rappresentanti in Consulta Provinciale degli Studenti Centro Don Chiavacci Crespano del Grappa 3-4 novembre 2015 A.S. 2015/2016 Premessa A conclusione

Dettagli

2/3 - Cantieri di Cittadinanza: educare alla legalità e costruire partecipazione

2/3 - Cantieri di Cittadinanza: educare alla legalità e costruire partecipazione Regione Toscana Bando 2014 Contributi regionali per la promozione della cultura della legalità democratica www.regione.toscana.it/bandolegalita Progetti di educazione alla legalità offerti alle scuole

Dettagli

Coimbra, Portogallo DIARIO DI VIAGGIO

Coimbra, Portogallo DIARIO DI VIAGGIO Coimbra, Portogallo DIARIO DI VIAGGIO SETTEMBRE: Quando sono arrivata a Coimbra la prima sistemazione che ho trovato è stato un Ostello molto simpatico in pieno centro, vicino a Piazza della Repubblica.(http://www.grandehostelcoimbra.com/).

Dettagli

In Africa muoiono milioni di persone a causa della mancanza di cibo.

In Africa muoiono milioni di persone a causa della mancanza di cibo. Pensieri.. In Africa muoiono milioni di persone a causa della mancanza di cibo. Simone Per me non è giusto che alcune persone non abbiano il pane e il cibo che ci spettano di diritto. E pensare che molte

Dettagli

Grido di Vittoria.it

Grido di Vittoria.it COME ENTRARE A FAR PARTE DELLA FAMIGLIA DI DIO La famiglia di Dio del Pastore Mario Basile Il mio intento è quello di spiegare in parole semplici cosa dice la Bibbia sull argomento, la stessa Bibbia che

Dettagli

2 VILLAGGIO 6 COLONIE

2 VILLAGGIO 6 COLONIE 3 5 4 2 VILLAGGIO 6 COLONIE 1 6C 2V 4P 5P 3P A 1B SCEGLI LA PAROLA GIUSTA E CANCELLA QUELLA ERRATA. LA RIVOLUZIONE AMERICANA Gli Inglesi si arricchiscono/ si impoveriscono con il lavoro dei coloni. I coloni

Dettagli

COME USARE LA PIATTAFORMA ALLA LARGA DAI PERICOLI ASPETTI GENERALI

COME USARE LA PIATTAFORMA ALLA LARGA DAI PERICOLI ASPETTI GENERALI COME USARE LA PIATTAFORMA ALLA LARGA DAI PERICOLI ASPETTI GENERALI La piattaforma, per l anno scolastico 2013/2014, prevede l implementazione dei temi legati al solo rischio sismico. Per gli anni successivi

Dettagli

Programmazione 2014/2015. Elaborato da: Aiello Valentina. Scuola dell Infanzia. San Matteo. Nichelino

Programmazione 2014/2015. Elaborato da: Aiello Valentina. Scuola dell Infanzia. San Matteo. Nichelino Programmazione 2014/2015 Elaborato da: Aiello Valentina Scuola dell Infanzia San Matteo Nichelino Nella scuola dove siamo Quando in cerchio ci troviamo Si fa bella l esperienza Non possiamo farne senza!

Dettagli

A SCUOLA DI MONDO. Percorsi di educazione interculturale e di educazione allo sviluppo per la scuola primaria ANNO SCOLASTICO 2013-14

A SCUOLA DI MONDO. Percorsi di educazione interculturale e di educazione allo sviluppo per la scuola primaria ANNO SCOLASTICO 2013-14 A SCUOLA DI MONDO Percorsi di educazione interculturale e di educazione allo sviluppo per la scuola primaria ANNO SCOLASTICO 2013-14 Il commercio non è né buono né cattivo [...] può sia contribuire al

Dettagli

1044 PIAZZE PER I 40 ANNI DELLA LEGGE 1044 SUI NIDI PENSIERI DEI NOSTRI GENITORI:

1044 PIAZZE PER I 40 ANNI DELLA LEGGE 1044 SUI NIDI PENSIERI DEI NOSTRI GENITORI: 1044 PIAZZE PER I 40 ANNI DELLA LEGGE 1044 SUI NIDI PENSIERI DEI NOSTRI GENITORI: L Asilo nido è un servizio essenziale per noi genitori lavoratori, sarebbe impossibile concepire l assenza di un servizio

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI PIANELLO V.T. RILEVAZIONE BISOGNI FORMATIVI DEL TERRITORIO E SODDISFAZIONE DEI NOSTRI UTENTI

ISTITUTO COMPRENSIVO DI PIANELLO V.T. RILEVAZIONE BISOGNI FORMATIVI DEL TERRITORIO E SODDISFAZIONE DEI NOSTRI UTENTI ISTITUTO COMPRENSIVO DI PIANELLO V.T. RILEVAZIONE BISOGNI FORMATIVI DEL TERRITORIO E SODDISFAZIONE DEI NOSTRI UTENTI Questionario studenti L'offerta formativa della scuola è tanto più efficace quanto più

Dettagli

CINQUE PASSI: per organizzare Compassion Sunday 1. Prega. 5. Aiuta a compilare le schede di sostegno

CINQUE PASSI: per organizzare Compassion Sunday 1. Prega. 5. Aiuta a compilare le schede di sostegno CINQUE PASSI: per organizzare Compassion Sunday 1. Prega Chiedi a Dio di guidarti in ogni aspetto della preparazione di Compassion Sunday. 2. Condividi il tuo cuore Raccontare la tua esperienza di sostenitore

Dettagli

ASSOCIAZIONE MONFORTANA AIUTO E SOLIDARIETA' O.N.L.U.S.

ASSOCIAZIONE MONFORTANA AIUTO E SOLIDARIETA' O.N.L.U.S. 11 Gennaio 2007 Carissimi della grande tribù dell'adozione a Distanza della grande missione di Balaka. Da giorni abbiamo atteso questo momento per scrivervi anzi, possiamo dire da anni. Da quando timidamente

Dettagli