Poveri noi! Ai nostri lettori

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Poveri noi! Ai nostri lettori"

Transcript

1 L altra voce del Liceo Il Curieoso...come un moscone sopra un cavallo, alto e di buona razza, ma alquanto pigro per la sua stessa mole e bisognoso di essere sempre stimolato Platone, Apologia di Socrate Poveri noi! Ai nostri lettori Questo è quello che viene da pensare ultimamente analizzando la situazione del nostro istituto: poveri noi! Dopo esserci resi conto di come nella nostra scuola la partecipazione attiva o almeno la riflessione su temi d attualità molto importanti sia bellamente evitata, abbiamo deciso di attivarci per una pubblicazione autogestita, in cui potessimo scrivere di argomenti che, a nostro modo parere, è bene che siano portati all attenzione di uno studente liceale, il quale dovrebbe essere formato anche in questi campi che esulano dai programmi scolastici ufficiali, ma che costituiscono una base indispensabile per poi poter esprimere un opinione valida e il più possibile autonoma, come si addice a una persona colta e consapevole del mondo che la circonda. È impensabile che uno studente liceale esca da un istituto, nel quale si impara la cultura dei classici e delle scienze, senza però saper riportare tali nozioni alla situazione attuale e contestualizzarle correttamente per meglio capire i fenomeni e gli avvenimenti dei nostri tempi. Infine non possiamo non esprimere il nostro rammarico per la scarsa precisione e serietà riscontrati nella gestione del giornalino ufficiale della scuola; basti vedere in che modo sia stato storpiato il nome del nostro gruppo (gruppo di formazione libera?). Vorremmo inoltre ricordare ai responsabili di Sottobanco che la loro non è l unica voce del Marie Curie, ma che ne esistono altre. Noi speriamo di rappresentarle e soddisfarle almeno in parte. Sentiamo l esigenza di presentare chi siamo e quali obiettivi ci poniamo. Siamo un gruppo di studenti che, in occasione della recente riforma scolastica Gelmini, si sono ritrovati spontaneamente per esprimere il loro dissenso. Dopo aver collaborato per qualche tempo siamo giunti alla conclusione di voler ampliare gli argomenti da trattare ed abbiamo quindi optato per un diverso tipo di pubblicazione rispetto al volantino. Questa edizione è il frutto del lavoro che ci ha tenuti impegnati per diverse settimane, per poter fornire un punto di vista valido e sempre supportato da dati, su tematiche d attualità che ci preme approfondire. Cerchiamo di presentarci come un gruppo di studenti che scrivono per altri studenti volendoli rendere partecipi di un punto di vista originale sui più svariati temi possibili. Speriamo di poter avere la vostra attenzione e il vostro interesse per poter continuare a pubblicare, nell intento che il lavoro da noi iniziato sia duraturo e sempre di qualità. Beltra ed il Gruppo Informazione Libera 1

2 ISRAELE PALESTINA: UNA PRIGIONE A CIELO APERTO Hamas, Israele, Palestina, Gaza. Nelle ultime settimane queste parole hanno aperto le edizioni dei telegiornali e dei quotidiani di tutto il mondo. Il territorio mediorientale che si affaccia sul Mediterraneo si è infatti reso triste protagonista della ripresa del conflitto arabo-israeliano, tuttora in corso fra l organizzazione terroristica palestinese di Hamas e le forze armate Israeliane. Le radici di questo conflitto, però, non vanno ricercate nei tempi recenti. I primi asti fra le due fazioni esplodono manifestamente nel 1948, anno in cui, secondo una risoluzione delle Nazioni Unite, sarebbero dovuti nascere nella regione due stati: quello palestinese e quello ebraico. Tale provvedimento non trova però attuazione a causa delle aspre proteste da parte della popolazione araba, contraria alla frantumazione di quello che era sempre stato il suo territorio. Sostenuti da gran parte dei Paesi arabi, i palestinesi iniziano così le prime azioni di guerriglia, alle quali fa seguito una massiccia risposta delle armate israeliane, che riescono a impossessarsi di gran parte del territorio palestinese, ad eccezione della striscia di Gaza e della Cisgiordania. La Palestina non viene riconosciuta come stato. Gli scontri si riaccendono nel 1956, quando Israele, sfruttando la crisi del canale di Suez, attacca l Egitto, stato membro della Lega Araba e sostenitore della causa palestinese. Israele viene bloccato dall intervento della comunità internazionale e l Egitto è costretto alla ritirata. La terza guerra arabo-israeliana inizia nel 1967, una decina d anni più tardi, conosciuta con il nome di guerra dei sei giorni. Si risolve infatti con una fulminea vittoria israeliana ai danni dei palestinesi, che si vedono privati della striscia di Gaza, della Cisgiordania e di Gerusalemme est. È in questo frangente che fa la sua comparsa sulla scena Yasser Arafat, leader della neonata Organizzazione per la Liberazione della Palestina (OLP), da lui guidata fino alla morte nel Nel 1973 si crea un ulteriore crisi che sfocia nell ennesimo conflitto bellico, finito sotto il nome di guerra dello Yom Kippur, dal nome di una festività religiosa ebraica. Egitto e Siria attaccano insieme Israele, guidato da Ariel Sharon. La fine di questo conflitto viene siglata da un accordo di pace con l Egitto, il quale riconosce Israele come stato. Da questo momento allo stato ebraico si opporrà solo l OLP. Alla fine degli anni 80, la popolazione palestinese si organizza in una forma di resistenza chiamata Intifada, basata su disobbedienza civile, scioperi o semplici lanci di pietre contro l esercito israeliano presente sul territorio; resistenza che si riproporrà nel 2000, dopo la provocatoria passeggiata di Ariel Sharon sulla spianata delle Moschee. Nel 1988 il Consiglio Nazionale Palestinese dichiara la nascita dello stato palestinese e il riconoscimento di Israele. A seguito della morte di Arafat, l OLP viene guidata da Abu Mazen, che instaura una forma di dialogo con Israele e due anni dopo, nel 2006, le elezioni palestinesi vedono la vittoria del partito di Hamas, fazione estremista e violenta di Al Fatah, gruppo di maggioranza dell OLP. Hamas farà da questo momento in poi sempre più ricorso ad atti terroristici a danno della popolazione israeliana. Dietro questi lunghi conflitti che si sono lasciati alle spalle migliaia e migliaia di morti stanno molteplici ragioni, e quelle etniche non sono che la punta di un intricato iceberg fatto di motivi economici, strategici e in parte religiosi. I dati sopra riportati e la cronologia storica degli eventi non possono che dare solo una pallida immagine della realtà concreta nella quale sono costrette a vivere migliaia di persone. Continueremo a giudicare, a dare ragione o torto ad una parte o all altra, ma non capiremo mai davvero quali sono i carcerati e quali i carcerieri di questa prigione a cielo aperto. Chiara Tagliabue, Arianna Conte e Chiara Corbetta 2

3 LE RECENSIONI DEL CURIEOSO Film e libri consigliati dalla redazione, per approfondire gli argomenti trattati. VALZER CON BASHIR SOGNANDO PALESTINA Un film di Ari Folman Storico/Drammatico Durata: 87 minuti Titolo originale: Waltz with Bashir Un libro di Randa Ghazy (Ex-studentessa del Liceo Marie Curie) Fabbri Editori La guerra è una sconfitta, sempre. È questo uno dei messaggi più presenti in Valzer con Bashir, film di animazione di Ari Folman, regista israeliano che ricostruisce la sua esperienza della guerra in Libano del 1982 nella quale assistette, ancora giovanissimo, agli eventi che portarono alla strage avvenuta nei campi profughi di Sabra e Chatila. Ritrovando vecchi compagni e rievocando scene del passato, emerge che alcuni soldati israeliani, vincitori, sono ancora tormentati 20 anni dopo da incubi di quella guerra; allo stesso modo altri sono rimasti tanto colpiti da essere stati costretti a rimuovere ricordi per difendersi da una realtà che non avrebbero voluto vivere. Rimorsi per colpe non proprie ritornano vivi e attuali, a riaprire una ferita mai sanata. Una fotografia dall interno di un mondo che non vorremmo esistesse. E il mondo ASSISTE. Assiste e non interviene, spettatore involontario (?) di una lotta che dura da tempo, quella tra Israele e Palestina, senza che nessuno dei due fronti decida di giungere ad un compromesso. I protagonisti di Sognando Palestina combattono per il proprio popolo, che si è visto privato di ciò che più ha a cuore: la giustizia. Perché non c è pace senza giustizia. I personaggi arrancano sulla salita della salvezza. Rabbia e delusione pervadono tutto il romanzo: come sopportare gli attacchi senza essere privati della propria umanità? Donne massacrate, uccisioni improvvise e desolanti, sangue, devastazioni: risulta difficile rimanere lucidi e l odio per il nemico converge nelle pietre scagliate. Quelle pietre, manifesto dell angoscia di un popolo che non ce la fa più, che agogna di ritornare a sentire con serenità il profumo della terra bagnata sotto i piedi dopo l imperversare di una tempesta. Nonostante le grida di dolore, che non possono più essere soffocate, resiste l amicizia, vera perché vince anche la paura della morte, e l amore, che scavalca il cadavere dell ingiustizia. Ecco una faccia della guerra, dal punto di vista palestinese. Ma cosa ci fa credere che un Israeliano non desideri la pace? Non basta più parlare, non bastano più i diamoci un taglio, i facciamo qualcosa. Stavolta c è davvero bisogno di un intervento concreto, in modo che questo romanzo non possa più essere definito, come ora, sempre attuale. Riccardo Buraschi La locandina del film: Chi. Li. 3

4 AUTOGESTIONE: DOLCE-FAR-NIENTE O AUDACE OPPORTUNITÀ? Noi, studenti liceali, ci confrontiamo con la nostra capacità di autogestirci. Sondaggio: se dovessi dare la tua preferenza ad una delle aule proposte durante l autogestione, quale sceglieresti? I giorni 10 e 11 febbraio scorsi si è tenuta nella nostra scuola la cosiddetta assemblea d istituto delocalizzata. Organizzata dai rappresentanti d istituto ha occupato la mattinata dalle h 8.15 alle h13.00 e ha offerto diversi tipi di attività: come scopo quello di dare una visione della scuola differente, non solo legata a quella di ambiente di studio, ma anche come luogo di crescita, confronto e dove sviluppare i propri interessi. Le attività presenti erano diversificate nelle aule adatte: tenute sia da studenti che da professori variavano dalla politica al cinema, dalla musica allo sport. Si parla di aule come Cibo e Cinema, Primo Soccorso, Laboratorio di Scienze, oltre al seguitissimo Torneo di Calcetto. Se da una parte si può riconoscere la serietà e l organizzazione di alcune, bisogna osservare però che altre si sono dedicate prettamente al semplice svago e sono state perciò caratterizzate da una minore affluenza. Ad esempio l aula di Playstation e quella in cui proiettavano il film Lo svarione degli Anelli. A dispetto dell opinione comune, secondo cui spesso organizzazioni studentesche di questo genere rappresentano solo il pretesto almeno non si fa lezione, in questo caso si è potuto riscontrare una buona partecipazione e un discreto interesse. Sulla base di statistiche effettuate all interno della scuola di 843 alunni si sono verificate 669 presenze il primo giorno e 554 il secondo. Tutto ciò a dimostrazione del fatto che studenti di Liceo, come noi, sanno non solo affrontare la scuola come semplice attività di studio, ma anche confrontarsi con una realtà scolastica, per così dire, atipica che porta a rendersi studenti attivi e capaci di autogestirsi. Musica Cibo e strumentale cinema 6 % 14% Altre 12% Sito web 5% Primo soccorso 13% Calcetto Esp erimenti 39% 11% Dal sondaggio, effettuato su 85 studenti scelti a caso (o meglio, incontrati dal sottoscritto nel suo errare scolastico), è emersa un elevata partecipazione al torneo di calcetto svoltosi in palestra. Molti ragazzi intervistati hanno però affermato di aver partecipato solo a quest attività. La percentuale risultante è quindi, in alcuni casi, dovuta ad una scelta forzata, ma sempre indicativa. Oltre allo strapotere dell aula sportiva, si attesta su buone cifre anche l aula del professor Clerici, il quale, dopo il successo riscosso l anno scorso con Guccini, ha voluto replicare con un tema più insolito ma non meno interessante. Sul podio sale anche Daniele Beltrametti con Primo soccorso. Infine, ottiene un buon piazzamento anche il laboratorio di esperimenti scientifici tenuto dal trio Gattanini - Sciortino - Lorenzini. Anche l approccio alla scienza, se accompagnato da accattivanti applicazioni pratiche, può destare l interesse di noi studenti! Federico Passerini Giulia Di Gregorio e Riccardo Colombo 4

5 LA POLITICA VIENE A SCUOLA Martedì 10 marzo, primo giorno di autogestione. Nell aula magna dell istituto si è tenuto un dibattito con due esponenti della politica locale, Roberto Rampi (PD Lissone) e Francesca Manzotti (Lega Nord Desio). Nonostante fossero presenti solo una ventina di studenti, il dibattito si è tenuto comunque e sono emersi argomenti interessanti e che coinvolgono molto anche noi giovani. Il primo argomento riguardava come affrontare la dimensione politica a scuola. Le posizioni dei due politici presenti sono state abbastanza concordanti: entrambi hanno sostenuto l utilità dell impegno politico, specie per cominciare a formare un senso di appartenenza ad un gruppo e anche una coscienza politica, fondamentale per la vita futura; l importante è sperimentare ed evitare di finire tra gli ignavi danteschi. Una preoccupazione legittima, dato che molti giovani si allontanano dalla politica perché tanto sono tutti uguali o perché è una cosa troppo distante da noi. Tuttavia, è estremamente importante sviluppare una coscienza politica per portare avanti le proprie posizioni e i propri ideali nella vita. Come riavvicinare allora i giovani alla politica? Manzotti ha parlato, per rispondere a questa domanda, del suo stesso partito: i giovani si sentono più rappresentati nelle posizioni della Lega perché, pur mancando di un idealismo forte e unitario come quello dei partiti di un tempo, riesce a coinvolgere la gente nelle attività, sia politiche sia ricreative. Su questo Rampi è stato costretto a riconoscere l incapacità del PD di attirare allo stesso modo le persone; ha insistito tuttavia sulla libertà di partecipare all attività politica, dicendo che solo chi se la sente davvero di mettersi in gioco si debba impegnare a tempo pieno, e che chi invece no debba solo ricordarsi ogni tanto di dare il suo contributo. Un discorso carico di significato: la politica deve essere considerata un impegno a tempo pieno, se la si vuole intraprendere seriamente. Ben vengano poi le iniziative di svago, per riunire le persone e coinvolgerle in vari progetti politici e non. Finita la riflessione sulla scuola, il dibattito si è poi spostato sulla questione dell immigrazione irregolare. La priorità della Lega, ha sostenuto Manzotti, è quella di regolarizzare chi lavora in modo irregolare, per garantire a tutti una vita dignitosa e la possibilità di riconoscere un immigrato, che, altrimenti, può cambiare facilmente identità ; per Rampi, l obiettivo del PD è invece quello di combattere la clandestinità per portare alla luce queste persone con delle riforme istituzionali, combattendo al contempo anche la tentazione della clandestinità. Purtroppo non tutti i politici hanno in comune queste buone intenzioni, che andrebbero perseguite con costanza per gettare luce sulla vita di queste persone e integrarle nella società con successo, garantendogli diritti e, ovviamente, doveri riconosciuti dallo Stato. Infine, è stato chiesto ai due di spiegare meglio due presunti provvedimenti della Lega da inserire nel Pacchetto Sicurezza, le ronde di cittadini e la possibilità per i medici di denunciare gli immigrati irregolari che si rivolgano a strutture pubbliche. Manzotti ha difeso entrambi, spiegando che non si tratta di provvedimenti estremisti, ma metodi necessari per la lotta alla criminalità, pur essendo criticabili, specificando inoltre la natura innocua delle ronde, parlando di Desio stessa: da tempo privati cittadini, di notte, pattugliano le strade della città in macchina, chiamando i Carabinieri quando succede qualcosa di sospetto. Rampi ha tuttavia evidenziato sia l inutilità di una legge sulle ronde, sostenendo che sarebbe meglio fornire più fondi alle forze dell ordine, sia la pericolosità dell altra proposta, in quanto porterebbe a diversi risultati negativi: dalla diffusione della sanità illegale ai conflitti morali nella classe medica. Le questioni sollevate da Rampi sono legittime: provvedimenti del genere potrebbero davvero generare situazioni pericolose dal punto di vista sanitario e della criminalità, mentre la legge sulle ronde appare quantomeno non necessaria, avendo a disposizione le forze dell ordine, e sembra quasi un contentino, come egli stesso lo ha definito, per tener buona la Lega. In conclusione, è stato un dibattito interessante. Peccato che molti se ne freghino. Eugenio Assenzi 5

6 ADOZIONE A DISTANZA NELLE CLASSI: UN PROGETTO PER REGALARE VITA Mancavano pochi giorni alla fine della scuola. Nell aria c era già atmosfera di festa. Quasi tutti erano in preda ad un duplice sentimento: insofferenza per le ultime interrogazioni e spasmodica attesa della fine. Il Natale era alle porte: finestre decorate con allegre scritte, buffi Babbo Natale appesi nei corridoi e persino qualche alberello multicolore all interno delle classi. Come sempre il pensiero andava ai regali: affanno e paura di non riuscire a comprare tutti quelli di amici e parenti e aspettative fantasiose per i propri. Una di queste mattine il prof. Clerici propose ad alcune classi la partecipazione ad un progetto di adozione a distanza di un bambino etiope: un espediente per portare un briciolo di solidarietà a chi vive, giorno per giorno, alle prese con fame e povertà. In Etiopia, come del resto in molti altri paesi del mondo, si vive certamente un altra realtà rispetto alla nostra. Per molti ragazzi etiopi Natale è solamente un altro giorno da trascorrere sopportando i morsi della fame. Ma grazie ad un irrisorio contributo economico, Shamisu Lahona, un ragazzino di 10 anni che vive nel piccolo villaggio di Dida, non solo ha la possibilità di avere un istruzione, ma gli viene garantito vitto, alloggio e assistenza medica in un paese in cui perfino la vita è considerata un lusso. Ma da dove nasce il progetto? Tutto è cominciato nel 2006, quando alcuni studenti della 5F proposero al professor Clerici di adottare un bambino a distanza. Inizialmente il progetto venne esteso agli studenti del quinto anno di tutti i corsi in cui insegnava, mentre a partire da quest anno sono state coinvolte tutte le classi del corso A e B dello scientifico, del ginnasio A, del triennio classico A e B e la 2ªF. In questo modo una semplice iniziativa diventa un gesto simbolico che garantisce libertà d iniziativa, ed evita così di divenire un obbligo morale; in aggiunta risulta molto più semplice raggiungere la quota minima annuale di 260 euro, cifra che grazie ad un elevata adesione è stata ampiamente superata: sono stati infatti raccolti 450 euro, che sono stati devoluti all associazione umanitaria internazionale dei Salesiani, che si dedica a tempo pieno al servizio dei giovani più bisognosi. Tramite il loro progetto adozioni a distanza il denaro raccolto permetterà a Shamisu e ai suoi coetanei di avere una vita più dignitosa. Un piccolo contributo può davvero donare un futuro a chi purtroppo sembra non averlo. È con la speranza di aver portato informazione tra i ragazzi che Clerici ci saluta dopo una breve intervista: se non altro ora tutti sanno che esiste questa modalità che con un piccolo gesto porta un briciolo di solidarietà alle persone più bisognose di noi ; e si augura di veder proseguire questo progetto negli anni futuri, magari gestito dagli stessi studenti, di modo che, qualora lui dovesse lasciare la scuola, questa iniziativa possa continuare a portare aiuto laddove ce n è davvero bisogno. Giulia Dragonetti e Federico Passerini CHI SONO I SALESIANI? L organizzazione internazionale dei salesiani si occupa di aiutare e sostenere i giovani di tutto il mondo, in particolare quelli più bisognosi. Il progetto Adozioni a distanza è nato nel 1989 quando don Arturo Lorini, dopo aver visitato per la prima volta le missioni in Etiopia, decise di portare un aiuto decisivo a bambini che avevano l unico torto di essere nati dalla parte sbagliata del mondo. Il progetto opera oggi in Etiopia, Ecuador, Brasile, Sri Lanka, Sudan e Darfur. I fondi raccolti vengono utilizzati in svariati modi: dall acquisto di alimenti, indumenti, medicine e materiale scolastico, alla costruzione di strutture per assicurare la continuità dell assistenza ai bambini. Quando si avvia una nuova adozione si riceve una foto del bambino accompagnata dalle informazioni personali essenziali; non è tuttavia possibile intrattenere una corrispondenza con il bambino adottato, a causa della diversità della lingua e soprattutto perché la traduzione e l invio di lettere per ogni singolo bambino adottato comportano un grande dispendio di tempo, energie e denaro, che possono invece essere usati per aiutare chi ne ha più bisogno. 6

7 7

8 L INIZIATIVA PER EDUCAZIONE FISICA Segnaliamo la raccolta di firme promossa nella nostra scuola del professor Pagani volta all abrogazione dell art. 304 del decreto legislativo 16 aprile 1994, n. 297 testo unico delle disposizioni legislative in materia di istruzione che è ritenuto un testo discriminatorio verso l insegnamento dell educazione fisica, in quanto si legge nel primo paragrafo Il voto di educazione fisica non è compreso nel calcolo della media dei punti ai fini dell ammissione ad esami, dell iscrizione alle scuole e della dispensa dal pagamento delle tasse scolastiche. LE ULTIME DAL CONSIGLIO D ISTITUTO L ultimo consiglio d istituto si è tenuto nella serata del 27 gennaio. È stata discussa una proposta per la raccolta differenziata dei rifiuti all interno dell'istituto ed è stato stabilito di incrementare la raccolta dei rifiuti standard (carta e cartone, plastica, alluminio, vetro, rifiuti organici), ma è stata bocciata, a maggioranza schiacciante, la proposta di attivare la raccolta dei rifiuti particolari (sughero, tappi di plastica, lampadine, pile usate, bombolette, polistirolo). La proposta per l ingresso mattutino anticipato degli studenti in gennaio e febbraio 2009 e in novembre e dicembre 2009 è stata bocciata, anch essa con un voto schiacciante; i rappresentanti degli studenti si sono spaccati sulla proposta, votando in disaccordo fra loro. È stata invece rinviata ad una futura riunione la discussione sul regolamento d istituto ed il regolamento sulle uscite d istruzione. La prossima riunione è venerdì 20 febbraio, alle in presidenza: si discuterà il bilancio d istituto. I NUMERI DELL ASSEMBLEA DELOCALIZZATA Studenti presenti: 1 giorno: 705 studenti su 883 (80%) 2 giorno: 580 studenti su 883 (66%) La partecipazione più alta si è avuta nelle classi del primo anno, quella più bassa, come prevedibile, in quelle dell ultimo anno. 8 SI RINGRAZIANO PER LA PARTECIPAZIONE: Beltra, Tithus, Chiara Tagliabue, Arianna Conte, Chiara Corbetta, Riccardo Buraschi, Chi. Li., Giulia Di Gregorio, Riccardo Colombo, Federico Passerini, Eugenio Assenzi, Giulia Dragonetti, Federico Passerini, Antonio Pascarella, Mattia Cabiati, Andrea Delfino, Giorgio Castiglione, tutti i membri del GIL per il supporto e i consigli che ci hanno fornito, i docenti che si sono prestati al gioco a pagina 7. CONTATTI Domande? Curiosità? Spiegazioni? Opinioni diverse? Per ogni evenienza, ecco i nostri contatti: FACEBOOK: Gruppo Informazione Libera (in Gruppi) A SCUOLA: potete rivolgervi a Daniele Beltrametti (IIª lc B) e ad Eugenio Assenzi (4ª A) per ogni domanda riguardo al gruppo. A presto l apertura di un blog aperto Se volete che le vostre lettere siano pubblicate, annotatelo in calce. Chiuso il copie in distribuzione, stampate autonomamente Deposito legale c/o BNC Firenze e Biblioteca civica Monza Distribuzione gratuita Gruppo Informazione Libera

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini Associazione ALE G. dalla parte dei bambini Comune di OSNAGO AI BAMBINI E ALLE BAMBINE Il 20 novembre 1989 è entrata in vigore

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

La Carta di Montecatini

La Carta di Montecatini La Carta di Montecatini Le origini e le ragioni della Carta di Montecatini La Carta di Montecatini è il frutto del lavoro del secondo Campus che si è svolto nella città termale dal 27 al 29 ottobre 2005.

Dettagli

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA 2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA Discorso del Prefetto Angelo Tranfaglia Piazza Maggiore Bologna, 2 giugno 2013 Autorità, cittadini tutti di Bologna e della sua provincia, un cordiale saluto a tutti.

Dettagli

EUROBAROMETRO 63.4 OPINIONE PUBBLICA NELL UNIONE EUROPEA PRIMAVERA 2005 RAPPORTO NAZIONALE

EUROBAROMETRO 63.4 OPINIONE PUBBLICA NELL UNIONE EUROPEA PRIMAVERA 2005 RAPPORTO NAZIONALE Standard Eurobarometer European Commission EUROBAROMETRO 63.4 OPINIONE PUBBLICA NELL UNIONE EUROPEA PRIMAVERA 2005 Standard Eurobarometer 63.4 / Spring 2005 TNS Opinion & Social RAPPORTO NAZIONALE ITALIA

Dettagli

ISBN-88-89285-12-5 978-88-89285-12-1

ISBN-88-89285-12-5 978-88-89285-12-1 ISBN-88-89285-12-5 978-88-89285-12-1 Comitato Italiano per l UNICEF Onlus Direzione Attivita` culturali e Comunicazione Via Palestro, 68-00185 Roma tel. 06478091 - fax 0647809270 scuola@unicef.it pubblicazioni@unicef.it

Dettagli

Rileggere oggi Lettera a una professoressa. Una lente attraverso cui esaminare la nostra scuola e capire se è cambiata e quanto vale.

Rileggere oggi Lettera a una professoressa. Una lente attraverso cui esaminare la nostra scuola e capire se è cambiata e quanto vale. Rileggere oggi Lettera a una professoressa Una lente attraverso cui esaminare la nostra scuola e capire se è cambiata e quanto vale. 1. Lettera a una professoressa Lettera a una professoressa è un libro

Dettagli

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ)

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) La musica è l'armonia dell'anima Alessandro Baricco, Castelli di rabbia Premessa L insegnamento di uno strumento musicale nella

Dettagli

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Il romanzo Tra donne sole è stato scritto da Pavese quindici mesi prima della sua morte, nel 1949. La protagonista, Clelia, è una

Dettagli

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso LIBERI PENSIERI PER LIBERI SENTIMENTI La riflessione circa In viaggio verso l incontro come ci è stato proposto, nasce attorno alla lettura del romanzo : C è nessuno?

Dettagli

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti,

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, si è conclusa con una lezione aperta per i genitori.

Dettagli

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Per la quarta annualità ho ricoperto il ruolo di Responsabile del Piano dell'offerta Formativa e dell Autovalutazione di

Dettagli

Regole per un buon Animatore

Regole per un buon Animatore Regole per un buon Animatore ORATORIO - GROSOTTO Libretto Animatori Oratorio - Grosotto Pag. 1 1. Convinzione personale: fare l animatore è una scelta di generoso servizio ai ragazzi per aiutarli a crescere.

Dettagli

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno Indice 01. 02. 03. I tipi di house organ Dall idea al progetto I contenuti A

Dettagli

Porto di mare senz'acqua

Porto di mare senz'acqua Settembre 2014 Porto di mare senz'acqua Nella comunità di Piquiá passa un onda di ospiti lunga alcuni mesi Qualcuno se ne è già andato. Altri restano a tempo indeterminato D a qualche tempo a questa parte,

Dettagli

PIANO A.S. 2015/2016

PIANO A.S. 2015/2016 Direzione Didattica Statale 1 Circolo De Amicis Acquaviva delle Fonti (BA) BAEE03600L@ISTRUZIONE.IT - BAEE03600L@PEC.ISTRUZIONE.IT www.deamicis.gov.it PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA A.S. 2015/2016 Prendete

Dettagli

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore.

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore. Commozione Si commuove il corpo. A sorpresa, prima che l opportunità, la ragionevolezza, la buona educazione, la paura, la fretta, il decoro, la dignità, l egoismo possano alzare il muro. Si commuove a

Dettagli

a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Forza Italia - Il Popolo della Libertà - Berlusconi Presidente 22 aprile 2015

a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Forza Italia - Il Popolo della Libertà - Berlusconi Presidente 22 aprile 2015 a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Forza Italia - Il Popolo della Libertà - Berlusconi Presidente 917 RISOLUZIONE GRUPPO FORZA ITALIA Risoluzione presentata dal Gruppo Forza Italia

Dettagli

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N.

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N. FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2 ULSS n.1 Belluno Autori: PERSONALE AZIENDA ULSS N. 1 BELLUNO: Dr.ssa Mel Rosanna Dirigente medico SISP (Dipartimento

Dettagli

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO PRINCIPI FONDANTI 1. Volontario è la persona che, adempiuti i doveri di ogni cittadino, mette a disposizione il proprio tempo e le proprie capacità per gli altri, per

Dettagli

Ci relazioniamo dunque siamo

Ci relazioniamo dunque siamo 7_CECCHI.N 17-03-2008 10:12 Pagina 57 CONNESSIONI Ci relazioniamo dunque siamo Curiosità e trappole dell osservatore... siete voi gli insegnanti, mi insegnate voi, come fate in questa catastrofe, con il

Dettagli

2 e3 anno I GIORNI DELLA TARTARUGA. ROMANZO A SFONDO SOCIALE Una storia di bullismo e disagio giovanile, appassionante e coivolgente.

2 e3 anno I GIORNI DELLA TARTARUGA. ROMANZO A SFONDO SOCIALE Una storia di bullismo e disagio giovanile, appassionante e coivolgente. 2 e3 anno narrativa CONTEMPORAN scuola second. di I grado EA I GIORNI DELLA TARTARUGA ROMANZO A SFONDO SOCIALE Una storia di bullismo e disagio giovanile, appassionante e coivolgente. AUTORE: C. Elliott

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Ufficio di Segreteria: Viale Liguria Rozzano (MI) Tel. 02 57501074 Fax. 028255740 e-mail: segreteria@medialuinifalcone.it sito: www.icsliguriarozzano.gov.it Recapiti

Dettagli

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO 1. Il bambino sviluppa il senso dell identità personale, è consapevole delle proprie esigenze e dei propri sentimenti, sa controllarli ed esprimerli in modo adeguato

Dettagli

Viaggiare all estero in emodialisi con noi si può!

Viaggiare all estero in emodialisi con noi si può! Pag. 1/3 Viaggiare all estero in emodialisi con noi si può! (Articolo tratto da ALCER n 153 edizione 2010) Conoscere posti nuovi, nuove culture e relazionarsi con persone di altri paesi, di altre città

Dettagli

La Fame: una sfida da affrontare

La Fame: una sfida da affrontare La Fame: una sfida da affrontare La fame nascosta La fame è tra le minacce più grandi dell'umanità. Colpisce oltre 850 milioni di persone in tutto il mondo. Ciononostante, quante volte i giornali pubblicano

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE

AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE Presentazione La guida dell educatore vuole essere uno strumento agile per preparare gli incontri con i ragazzi.

Dettagli

Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore

Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore Crescere un bambino Indaco o Cristallo è un privilegio speciale in questo momento di turbolenze e cambiamenti. Come genitori, state contribuendo

Dettagli

Istituto Comprensivo di Pero a.s. 2014-2015 COMPLET@MENTE. Progetto di sperimentazione delle Indicazioni Nazionali- Scienze Tecnologia

Istituto Comprensivo di Pero a.s. 2014-2015 COMPLET@MENTE. Progetto di sperimentazione delle Indicazioni Nazionali- Scienze Tecnologia Istituto Comprensivo di Pero a.s. 2014-2015 COMPLET@MENTE Progetto di sperimentazione delle Indicazioni Nazionali- Scienze Tecnologia Nella prima parte dell anno scolastico 2014-2015 alcune classi del

Dettagli

Un gioco da brividi per 8 24 giocatori, da 8 anni in su. Contenuto. (Prima della prima partita rimuovete con cura i segnalini dalle fustelle.

Un gioco da brividi per 8 24 giocatori, da 8 anni in su. Contenuto. (Prima della prima partita rimuovete con cura i segnalini dalle fustelle. Un gioco da brividi per 8 24 giocatori, da 8 anni in su Nello sperduto villaggio di Tabula, alcuni abitanti sono affetti da licantropia. Ogni notte diventano lupi mannari e, per placare i loro istinti,

Dettagli

Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo

Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo Il primo maggio 2015 si inaugura a Milano l EXPO, un contenitore di tematiche grandi come l universo: "Nutrire il pianeta. Energia per la vita. Una

Dettagli

Tra reale e ideale: come gestire e far crescere un organizzazione non profit.

Tra reale e ideale: come gestire e far crescere un organizzazione non profit. Tra reale e ideale: come gestire e far crescere un organizzazione non profit. NID Non profit Innovation Day Università Bocconi Milano, 12 novembre 2014 18/11/2014 1 Mi presento, da dove vengo? E perché

Dettagli

23 APRILE 2015 L IDEA

23 APRILE 2015 L IDEA IL PROGETTO 23 APRILE 2015 L IDEA Il 23 aprile è la Giornata mondiale del libro e del diritto d autore, è il giorno di San Giorgio a Barcellona, è il giorno della World Book Night in Inghilterra, è il

Dettagli

SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA

SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA LIBRO IN ASSAGGIO SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA DI ROBERT L. LEAHY INTRODUZIONE Le sette regole delle persone molto inquiete Arrovellarvi in continuazione, pensando e ripensando al peggio, è la

Dettagli

INTERVENTI DELL ON. RENATO BRUNETTA E DELL ON. LAURA RAVETTO

INTERVENTI DELL ON. RENATO BRUNETTA E DELL ON. LAURA RAVETTO 916 INTERVENTI DELL ON. RENATO BRUNETTA E DELL ON. LAURA RAVETTO Comunicazioni del presidente del Consiglio dei Ministri in vista del Consiglio europeo straordinario del 23 aprile 2015 22 aprile 2015 a

Dettagli

BANDO. II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris

BANDO. II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris BANDO II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris Spiegami i diritti dell uomo: diritto all Educazione, diritto

Dettagli

Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto

Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto Ci sono momenti nella storia in cui i popoli sono chiamati a compiere scelte decisive. Per noi europei, l inizio del XXI secolo rappresenta uno di

Dettagli

la Guida completa per aumentare il numero di Mi piace su Facebook

la Guida completa per aumentare il numero di Mi piace su Facebook wishpond EBOOK la Guida completa per aumentare il numero di Mi piace su Facebook wishpond.it indice Capitolo 1 Metodo #1 per aumentare i Mi piace su Facebook: Concorsi 5 Capitolo 5 Metodo #5 per aumentare

Dettagli

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE?

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? Storia narrata da Teresa Carbé Da oltre 10 anni, con mio marito e i miei figli, abbiamo deciso di aprirci all affidamento familiare, e ciò ci ha permesso di

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA DI MONTE VIDON COMBATTE CLASSE V INS. VIRGILI MARIA LETIZIA

SCUOLA PRIMARIA DI MONTE VIDON COMBATTE CLASSE V INS. VIRGILI MARIA LETIZIA SCUOLA PRIMARIA DI MONTE VIDON COMBATTE CLASSE V INS. VIRGILI MARIA LETIZIA Regoli di Nepero Moltiplicazioni In tabella Moltiplicazione a gelosia Moltiplicazioni Con i numeri arabi Regoli di Genaille Moltiplicazione

Dettagli

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica SCUOLA MEDIA ANNA FRANK di GRAFFIGNANA Via del Comune 26813 Graffignana (LO) tel. 037188966 Sezione staccata dell ISTITUTO COMPRENSIVO DI BORGHETTO LODIGIANO Via Garibaldi,90 26812 Borghetto Lodigiano

Dettagli

Proposta di legge «Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT). Istituzione e accesso al Registro Regionale»

Proposta di legge «Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT). Istituzione e accesso al Registro Regionale» Proposta di legge «Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT). Istituzione e accesso al Registro Regionale» La proposta di legge «Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT). Istituzione e accesso

Dettagli

GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI

GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI Indice 1 Introduzione 2 2 Come ERA collabora con i fornitori 3 Se siete il fornitore attualmente utilizzato dal cliente Se siete dei fornitori potenziali Se vi aggiudicate

Dettagli

La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio

La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio CREDO IN GESÙ CRISTO, IL FIGLIO UNIGENITO DI DIO La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio Incominciamo a sfogliare il Catechismo della Chiesa Cattolica. Ce ne sono tante edizioni. Tra le mani abbiamo

Dettagli

La bolla finanziaria del cibo Emanuela Citterio: Non demonizziamo i mercati finanziari, chiediamo solo una regolamentazione

La bolla finanziaria del cibo Emanuela Citterio: Non demonizziamo i mercati finanziari, chiediamo solo una regolamentazione Economia > News > Italia - mercoledì 16 aprile 2014, 12:00 www.lindro.it Sulla fame non si spreca La bolla finanziaria del cibo Emanuela Citterio: Non demonizziamo i mercati finanziari, chiediamo solo

Dettagli

Epidemiologia & Salute pubblica

Epidemiologia & Salute pubblica Epidemiologia & Salute pubblica a cura del Medico cantonale vol. VI nr. 3 La medicina non è una scienza esatta Con questo slogan il Dipartimento delle opere sociali è entrato nelle case dei ticinesi. L

Dettagli

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Scuola Primaria 1 Circolo di Cuneo PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Responsabile del Progetto: Ins. Rosanna BLANDI 2 INDICE PRESENTAZIONE DEL PROGETTO pag. 5 L

Dettagli

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento.

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento. DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento Anno 2014 (B) E nato per tutti; è nato per avvolgere il mondo in un abbraccio

Dettagli

IDEE DI RESISTENZA. Il progetto, nato per ricordare il 70 anno dalla Liberazione, parte da due considerazioni propedeutiche:

IDEE DI RESISTENZA. Il progetto, nato per ricordare il 70 anno dalla Liberazione, parte da due considerazioni propedeutiche: PREMESSA Insignita della Medaglia d Argento al Valor Militare della Resistenza, Pistoia, al pari di altre città toscane, è stata teatro di avvenimenti tragici, la maggior parte dei quali intercorsi tra

Dettagli

GUIDA ELETTRONICA ALLA VITA DIGITALE. 5 motivi per cui gli stratagemmi del social engineering funzionano

GUIDA ELETTRONICA ALLA VITA DIGITALE. 5 motivi per cui gli stratagemmi del social engineering funzionano GUIDA ELETTRONICA ALLA VITA DIGITALE 5 motivi per cui gli stratagemmi del social engineering funzionano Che cos è il social engineering? Il social engineering è l arte di raggirare le persone. Si tratta

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006)

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) Articolo 1 - Ente gestore, denominazione, natura e sede della scuola 1. L Ente Ispettoria Salesiana Lombardo Emiliana, Ente Ecclesiastico

Dettagli

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO?

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? 1 Ehi, ti e mai capitato di assistere o essere coinvolto in situazioni di prepotenza?... lo sai cos e il bullismo? Prova a leggere queste pagine. Ti potranno essere utili.

Dettagli

Sac. Don Giuseppe Pignataro. L oratorio: centro del suo cuore

Sac. Don Giuseppe Pignataro. L oratorio: centro del suo cuore Sac. Don Giuseppe Pignataro L oratorio: centro del suo cuore L'anima del suo apostolato di sacerdote fu l'oratorio: soprattutto negli anni di Resina, a Villa Favorita per circa un decennio, dal 1957 al

Dettagli

PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia

PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia Nel mondo ci sono 150 milioni di Italici: sono i cittadini italiani d origine, gli immigrati di prima e seconda generazione, i nuovi e vecchi emigrati e i loro discendenti,

Dettagli

5.1 Complesso delle attività realizzate dall Ente e identificazione dei destinatari dal punto di vista sia qualitativo che quantitativo:

5.1 Complesso delle attività realizzate dall Ente e identificazione dei destinatari dal punto di vista sia qualitativo che quantitativo: SCHEDA 1/B SCHEDA PROGETTO PER L IMPEGNO DI GIOVANI IN SERVIZIO CIVILE REGIONALE IN EMILIA-ROMAGNA ENTE 1)Ente proponente il progetto: CARITAS DIOCESANA DI REGGIO EMILIA GUASTALLA (legata da vincoli associativi

Dettagli

Livello CILS A2. Test di ascolto

Livello CILS A2. Test di ascolto Livello CILS A2 GIUGNO 2012 Test di ascolto numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi. Poi completa le frasi. Scegli una delle tre proposte di completamento. Alla fine del test di ascolto,

Dettagli

Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO. Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13

Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO. Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13 Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13 INDICE Le tante facce della documentazione Pag.3 Il progetto per lo sviluppo e l apprendimento

Dettagli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli Siamo abituati a pensare al Natale come una festa statica, di pace, tranquillità, davanti

Dettagli

Vivere accanto a una persona con problemi di dipendenze:

Vivere accanto a una persona con problemi di dipendenze: Vivere accanto a una persona con problemi di dipendenze: che fare? Alcol, droghe illegali, medicinali, gioco d azzardo Una persona a voi cara soffre di dipendenze. Vi sentite sopraffatti? Impotenti? Avete

Dettagli

REGOLAMENTO IMPRESA IN AZIONE

REGOLAMENTO IMPRESA IN AZIONE REGOLAMENTO IMPRESA IN AZIONE Premessa Impresa in azione è il programma didattico dedicato agli studenti degli ultimi anni della Scuola Superiore e pensato per valorizzare la creatività e lo spirito imprenditoriale

Dettagli

5ª tappa L annuncio ai Giudei

5ª tappa L annuncio ai Giudei Centro Missionario Diocesano Como 5 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Febbraio 09 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 5ª tappa L annuncio ai Giudei Pagina

Dettagli

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE Verbale n. 10 del 5 Novembre 2014 RIUNIONE Il giorno 5 Novembre 2014, alle ore 10.40, il Nucleo di Valutazione dell Università degli Studi del Sannio, si è riunito per discutere sugli argomenti iscritti

Dettagli

PROGETTO CONTINUITÀ SCUOLA DELL INFANZIA - SCUOLA PRIMARIA

PROGETTO CONTINUITÀ SCUOLA DELL INFANZIA - SCUOLA PRIMARIA PROGETTO CONTINUITÀ SCUOLA DELL INFANZIA - SCUOLA PRIMARIA Progetto in rete degli Istituti Comprensivi di: Fumane, Negrar, Peri, Pescantina, S. Ambrogio di Valpolicella, S. Pietro in Cariano. Circolo Didattico

Dettagli

Che cos è un focus-group?

Che cos è un focus-group? Che cos è un focus-group? Si tratta di interviste di tipo qualitativo condotte su un ristretto numero di persone, accuratamente selezionate, che vengono riunite per discutere degli argomenti più svariati,

Dettagli

DA CHE PARTE STARE. dagli 11 anni ALBERTO MELIS

DA CHE PARTE STARE. dagli 11 anni ALBERTO MELIS PIANO DI LETTURA dagli 11 anni DA CHE PARTE STARE ALBERTO MELIS Illustrazioni di Paolo D Altan Serie Rossa n 78 Pagine: 144 Codice: 566-3117-3 Anno di pubblicazione: 2013 L AUTORE Alberto Melis, insegnante,

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI (Gv 3, 17b) Ufficio Liturgico Diocesano proposta di Celebrazione Penitenziale comunitaria nel tempo della Quaresima 12 1 2 11 nella lode perenne del tuo nome

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

Sostegno alla scuola St. Augustine

Sostegno alla scuola St. Augustine Con il ricavato della vendita del calendario del 2014 (2.500 euro), il Fermi ha potuto fare una donazione alla Scuola Secondaria St.Augustin di Isohe (Sud Sudan) per l acquisto di un computer, una stampante,

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio Croce Rossa Italiana Campagna Soci Ordinari CAMPAGNA SOCI ORDINARI Pagina 1 di 12 SOMMARIO 1. Premessa... 3 2. Quali sono gli obiettivi della Campagna Soci Ordinari... 4 3. Cosa vuol dire essere Soci Ordinari

Dettagli

(adottata dal Comitato dei Ministri l 11 maggio 2010 alla sua 120 Sessione)

(adottata dal Comitato dei Ministri l 11 maggio 2010 alla sua 120 Sessione) Raccomandazione CM/Rec(2010)7 del Comitato dei Ministri agli stati membri sulla Carta del Consiglio d Europa sull educazione per la cittadinanza democratica e l educazione ai diritti umani * (adottata

Dettagli

Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar. Classe IV. Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia

Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar. Classe IV. Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia Scuola Primaria Istituto Casa San Giuseppe Suore Vocazioniste Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar Classe IV Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia È il 19 febbraio 2011

Dettagli

La Piramide dell Odio

La Piramide dell Odio Lezione La Piramide dell Odio Partecipanti: Studenti di scuola media inferiore o superiore/ max. 40 Materiali: Foglio Domande (una copia per ciascuno studente) Lucido con la definizione di Genocidio (allegato)

Dettagli

GeMUN Genoa ModelUnited Nations

GeMUN Genoa ModelUnited Nations GeMUN Genoa ModelUnited Nations 1 Indice Checos èilgemun...3 PerchéprenderpartealGeMUN...4 ProssimieventiMUNaGenova...5 Laconferenzainpratica...6 Lastrutturadellaconferenza...7 StoriadelGeMUN...8 2 Che

Dettagli

Indice. BEST in Europa 3. BEST Rome Tor Vergata 4. ibec 7. Le Giornate 8. Contatti 9

Indice. BEST in Europa 3. BEST Rome Tor Vergata 4. ibec 7. Le Giornate 8. Contatti 9 Indice BEST in Europa 3 BEST Rome Tor Vergata 4 ibec 7 Le Giornate 8 Contatti 9 Chi Siamo BEST è un network studentesco europeo senza fini di lucro, di stampo volontario ed apolitico. Gli obiettivi dell

Dettagli

Dov è finita la voglia di studiare?

Dov è finita la voglia di studiare? Dov è finita la voglia di studiare? Demo5vazione, insicurezza, paura di me:ersi alla prova, difficoltà a ges5re gli insuccessi: vissu5 frequen5 del percorso scolas5co di oggi CERCASI VOGLIA DI STUDIARE!!!

Dettagli

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%.

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%. COMUNE di SASSARI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI PROTOCOLLO D INTESA INTERISTITUZIONALE FINALIZZATO ALLA CONOSCENZA DEL FENOMENO DELLA DISPERSIONE SCOLASTICA E ALLA PRIMA INDIVIDUAZIONE DI MISURE DI

Dettagli

Tesi per il Master Superformatori CNA

Tesi per il Master Superformatori CNA COME DAR VITA E FAR CRESCERE PICCOLE SOCIETA SPORTIVE di GIACOMO LEONETTI Scorrendo il titolo, due sono le parole chiave che saltano agli occhi: dar vita e far crescere. In questo mio intervento, voglio

Dettagli

La bellezza è la perfezione del tutto

La bellezza è la perfezione del tutto La bellezza è la perfezione del tutto MERANO ALTO ADIGE ITALIA Il generale si piega al particolare. Ai tempi di Goethe errare per terre lontane era per molti tutt altro che scontato. I viandanti erano

Dettagli

La filosofia del viaggio nel tempo ROBERTA SPARROW

La filosofia del viaggio nel tempo ROBERTA SPARROW La filosofia del viaggio nel tempo di ROBERTA SPARROW Traduzione a cura di Paolo Xabaras Montalto In lingua originale lo trovate sul sito ufficiale del film: http://www.donniedarko.com o presso il sito:

Dettagli

Ciao!! Un cielo stellato così come lo puoi vedere con i tuoi occhi. Il cielo visto da un potente telescopio molto lontano dalle città

Ciao!! Un cielo stellato così come lo puoi vedere con i tuoi occhi. Il cielo visto da un potente telescopio molto lontano dalle città 1 Ciao!! Quando guardi il cielo ogni volta che si fa buio, se è sereno, vedi tanti piccoli punti luminosi distribuiti nel cielo notturno: le stelle. Oggi si apre l immaginario Osservatorio per guardare...

Dettagli

Esempi di utilizzazione dell ADVP

Esempi di utilizzazione dell ADVP Esempi di utilizzazione dell ADVP G. Cappuccio Ipssar P. Borsellino ESERCIZIO DI REALIZZAZIONE IL VIAGGIO Guida per l insegnante Questo esercizio è un modo pratico per coinvolgere l alunno nel progetto

Dettagli

Bando di Concorso ENERGIOCHI 10

Bando di Concorso ENERGIOCHI 10 REGIONE ABRUZZO Servizio Politica Energetica, Qualità dell aria, SINA Bando di Concorso ENERGIOCHI 10 anno scolastico 2014-2015 1. PREMESSA La Regione Abruzzo - insieme al MIUR (Ministero della Pubblica

Dettagli

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola IC n 5 L.Coletti Progetto GREEN SCHOOL Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola GREEN SCHOOL Principio fondante del Progetto GREEN SCHOOL..Coniugare conoscenza, ambiente, comportamenti nell

Dettagli

RFI:Informativa e invio documentazione. Verbale di accordo e comunicato unitario. Convocazione comitato di settore

RFI:Informativa e invio documentazione. Verbale di accordo e comunicato unitario. Convocazione comitato di settore ATTIVITA FERROVIARIE RFI:Informativa e invio documentazione ACI GLOBALE Verbale di accordo e comunicato unitario AUTONOLEGGIO Comunicato unitario di proclamazione sciopero TRASPORTO MERCI LOGISTICA AUTOSTRADE

Dettagli

Corona Biblica. per chiedere a Dio, per intercessione di Maria santissima, il dono della maternità e della paternità

Corona Biblica. per chiedere a Dio, per intercessione di Maria santissima, il dono della maternità e della paternità Corona Biblica per chiedere a Dio, per intercessione di Maria santissima, il dono della maternità e della paternità Imprimatur S. E. Mons. Angelo Mascheroni, Ordinario Diocesano Curia Archiepiscopalis

Dettagli

Testo non ufficiale. La sola stampa del bollettino ufficiale ha carattere legale

Testo non ufficiale. La sola stampa del bollettino ufficiale ha carattere legale 1 1 LEGGE REGIONALE 24 giugno 2002, n. 12 #LR-ER-2002-12# INTERVENTI REGIONALI PER LA COOPERAZIONE CON I PAESI IN VIA DI SVILUPPO E I PAESI IN VIA DI TRANSIZIONE, LA SOLIDARIETÀ INTERNAZIONALE E LA PROMOZIONE

Dettagli

Dall italiano alla logica proposizionale

Dall italiano alla logica proposizionale Rappresentare l italiano in LP Dall italiano alla logica proposizionale Sandro Zucchi 2009-10 In questa lezione, vediamo come fare uso del linguaggio LP per rappresentare frasi dell italiano. Questo ci

Dettagli

MEGLIO COSÌ: TRE EVENTI PER CELEBRARE CIÒ CHE CI UNISCE

MEGLIO COSÌ: TRE EVENTI PER CELEBRARE CIÒ CHE CI UNISCE 66 Bologna, 11 febbraio 2015 MEGLIO COSÌ: TRE EVENTI PER CELEBRARE CIÒ CHE CI UNISCE Per dare feste non serve sempre un motivo. Ma quelle di Meglio Così, il ciclo di eventi che si terrà a Bologna tra febbraio

Dettagli

Una Pulce sull Albero di Babbo Natale?

Una Pulce sull Albero di Babbo Natale? Una Pulce sull Albero di Babbo Natale? Copione natalizio in rima per i bambini della Scuola dell Infanzia. Autore: Silvia Di Castro (Bisia) UNA PULCE SULL ALBERO DI BABBO NATALE? 1 Copione natalizio in

Dettagli

Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis

Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis Obiettivo dell incontro - Descrivere la fase evolutiva del bambino (fase 3-6 anni). - Attivare un confronto

Dettagli

Francesco Villa Liceo Scientifico Statale Vittorio Veneto

Francesco Villa Liceo Scientifico Statale Vittorio Veneto Francesco Villa Liceo Scientifico Statale Vittorio Veneto La Milano che (non) vorrei... 13 aprile 2014 Anche per oggi suona la campanella che annuncia la fine delle lezioni! Insieme ai miei compagni di

Dettagli

QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA?

QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA? QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA? La scuola è obbligatoria dai 6 ai 16 anni e comprende: 5 anni di scuola primaria (chiamata anche elementare), che accoglie i bambini da 6 a 10 anni 3 anni di scuola secondaria

Dettagli

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo L utopia dell educazione L educazione è un mezzo prezioso e indispensabile che

Dettagli

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco Sul far della sera la famiglia si riunisce in casa per la preghiera. Ove fosse possibile si suggerisce di

Dettagli

33. Dora perdona il suo pessimo padre

33. Dora perdona il suo pessimo padre 33. Dora perdona il suo pessimo padre Central do Brasil (1998) di Walter Salles Il film racconta la storia di una donna cinica e spietata che grazie all affetto di un bambino ritrova la capacità di amare

Dettagli