Titolo del Progetto. To Be HuMan Spazi per l infanzia - Supporto alla genitorialità. Sintesi

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Titolo del Progetto. To Be HuMan Spazi per l infanzia - Supporto alla genitorialità. Sintesi"

Transcript

1 Titolo del Progetto To Be HuMan Spazi per l infanzia - Supporto alla genitorialità Sintesi Il progetto To Be HuMan vuole contribuire al miglioramento dei servizi socio-assistenziali all interno del territorio del Municipio VI di Roma e al sostegno dei nuclei familiari in situazioni di grave disagio economico e sociale nel quartiere di Tor Bella Monaca. Il progetto prevede all'interno di una programmazione più ampia la possibilità di supportare con attività specifiche i bambini e i genitori e le famiglie nel loro insieme, in spazi dedicati all'infanzia e supporto alla genitorialità, attraverso diverse attività innovative. Sia i bambini accolti che i genitori, potranno essere seguiti dai diversi servizi interni previsti dal progetto e beneficiare delle attività strutturate. Inoltre attraverso il lavoro di Equipe tutti i professionisti coinvolti potranno garantire una corretta informazione sui bisogni dei beneficiari e le modalità con cui questi ultimi rispondono alle richieste dei singoli servizi attivati. Il progetto si pone come Obiettivi: a. Obiettivo generale dell intervento Concorrere al miglioramento del contesto sociale e della qualità della vita della popolazione del Municipio VI di Roma. Questo processo si innesca attraverso la costruzione di interventi di promozione umana, sociale ed economica rivolti a tutta la comunità e volti a creare un ambiente in cui i diritti umani sono rispettati, protetti e promossi. La difesa di una condizione sociale che, partendo dal rispetto dei diritti e salvaguardando le persone da eventuali stigmatizzazioni, potrà proporre uno scenario di opportunità e di crescita per tutta la comunità. b. Obiettivo specifico dell intervento Obiettivo specifico del progetto è quello di contribuire al miglioramento della qualità dei servizi socioassitenziali nel Municpio VI a favore di minorenni, giovani, adulti, persone in difficoltà. Il progetto ha come utilità sociale il miglioramento dei servizi socio-assistenziali all interno del territorio del Municipio VI di Roma e al sostegno dei nuclei familiari in situazioni di grave disagio economico e sociale nel quartiere di Tor Bella Monaca. Risultati Attesi I risultati attesi previsti dal progetto sono: a. Servizi di Accoglienza e Supporto alla Persona migliorati: - Migliorato il Servizio Accoglienza Infanzia; - Migliorato il Servizio di Consulenza - Intervento Psicologico; b. Migliorato il Servizio del Centro di Ascolto Caritas c. Migliorato il coinvolgimento della comunità e la relazione Genitori / Figli. Le attività di progetto prevedono la costituzione di un Coordinamento e di una equipe di lavoro professionale che si occuperà di avviare importanti interventi territoriali, fondamentali per il

2 supporto alla genitorialità, come lo spazio dedicato all Accoglienza Infanzia. Le attività prevedono, inoltre, l avviamento dei seguenti servizi: Servizio di consulenza ed intervento psicologico, Centro di Ascolto, Attività ludico-ricreative. I beneficiari diretti sono bambini, adolescenti, giovani adulti, famiglie Italiane e straniere appartenenti al territorio del Municipio VI che vivono gravi situazioni di disagio sociale, psicologico ed economico. Nello specifico beneficeranno dei servizi: Attività di supporto alla genitorialità Sportelli di Consulenza 200 beneficiari (adulti/bambini) Spazio Infanzia 10 bambini Attività Integrative 40 beneficiari (adulti/bambini) Durata Novembre 2015 Maggio 2016 Contesto di Riferimento Il territorio è fortemente caratterizzato da una presenza elevata di adulti che ha fatto ricorso all assistenza economica e risulta essere tra gli ultimi posti della classifica cittadina in base al reddito procapite. Il Ministero della Giustizia (Centro per la Giustizia Minorile per il Lazio e Roma) indica il Municipio VI di Roma come quello che ha avuto il più forte incremento di interventi rivolti a minori presi in carico dai Servizi Sociali. un alto tasso di dispersione scolastica nella fascia dell obbligo; alto tasso di criminalità un alto numero di minori e giovani adulti sottoposti a provvedimenti penali (27% su base regionale); un elevato numero di giovani assistiti dal SERT - "Servizi pubblici per le tossicodipendenze del Sistema Sanitario Nazionale"; un elevato numero di minori in stato di indigenza; tassi molto significativi di disoccupazione giovanile, femminile e di lavoro nero. oltre le famiglie convivono con problematiche legate alla disabilità. Da una prima fotografia emerge come, in buona parte, si opera sempre e solo in presenza di una vera e propria emergenza, in termini soprattutto di carenza di capitale sociale. E avvertita una forte necessità di interventi sociali di ricostruzione della solidarietà ma soprattutto di una programmazione che possa garantire, nel tempo, un percorso vero di crescita e condivisione. L esclusione sociale e la precarietà dei legami sociali sono i parametri all interno dei quali si inserisce la categoria delle nuove povertà, che evidenzia la presenza di un insieme eterogeneo di situazioni di disagio, fragilità e marginalità. I servizi socio - assistenziali devono confrontarsi con questo pubblico eterogeneo che rappresenta un utenza dai confini incerti. In questo modo si

3 rischia sempre più l invisibilità, di non essere intercettati dal welfare pubblico locale, perché non più definiti solo da una mancanza specifica che non le consente la sopravvivenza economica ma da una multidimensionalità delle problematiche relazionali, culturali e identitarie. C è l urgenza, quindi, di partecipare alla costruzione di percorsi di inclusione sociale incentrati sull ascolto con un approccio olistico e integrato al benessere globale delle persone, promuovendo progetti personalizzati per fornire adeguati strumenti e competenze, affinché si possa costruire insieme un percorso di accompagnamento sociale alla cittadinanza e all identità. Il progetto aderisce perfettamente al contesto e vuole rispondere alle esigenze del territorio, prevede diverse attività come la costituzione di un Coordinamento e di una equipe di lavoro professionale che si occuperà di avviare importanti interventi territoriali come lo spazio dedicato all Accoglienza Infanzia, Servizio di Consulenza ed Intervento Psicologico, Centro di Ascolto, Attività ludico-ricreative. L intento è quello di facilitare l accesso dei cittadini e favorire l'orientamento degli utenti rispetto al sistema complessivo delle risorse territoriali, promuovendo l'uso appropriato dei servizi e riducendone le disuguaglianze nell'accesso, il tutto seguendo un percorso di sostegno alla genitorialità. Mappa del Territorio della Parrocchia di S. Rita 1 1

4 La Parrocchia di S. Rita In questo contesto, estremamente complesso, opera la Parrocchia di Santa Rita che, nel corso degli anni, ha avviato molti servizi di sostegno e accoglienza per la popolazione del quartiere. Questo grafico presenta la provenienza delle persone accolte e assistite all interno degli spazi della Parrocchia, attraverso la collaborazione con alcune Associazioni, come la Caritas, che da anni si occupano di assistere e supportare le famiglie del territorio, circa 700 nei 3 anni precedenti al Grafico 3 2. Nazionalità delle accoglienze Caritas Le persone in difficoltà sono assistite su diversi aspetti attraverso il supporto Psicologico Legale e attraverso il servizio del Banco Alimentare. Le condizioni di disagio delle famiglie assistite sono, come risulta anche dall analisi dei dati del Municipio VI, molto particolareggiate e si differenziano perché sfiorano diversi gradi di povertà. Dalle indagini realizzate in fase di progettazione, risulta che sono 384 le persone entrate in contatto con la Parrocchia e la Caritas solo per il periodo Gennaio Aprile La condizione familiare in cui si trovano è illustrata attraverso il grafico 4. 2 Dati rielaborati dall archivio delle schede di accoglienza della Caritas della Parrocchia di S. Rita. 3 Caritas Parrocchia S. Rita

5 Grafico 4 4. Condizione familiare delle persone assiste. La maggior parte si trova in una situazione abitativa precaria in strutture affidate da enti pubblici o in subaffitto e occupazione abusiva. Un altro dato importante all interno del contesto territoriale è legato alla presenza territoriale dei Servizi per l infanzia. Le scuole gestite dal servizio di competenza Comunale o Municipale offrono circa 1700 posti nell annualità 2014/2015 in età prescolare, un offerta non adeguata alla richiesta. La maggior parte delle famiglie a reddito mediobasso non può quindi sopportare le spese delle scuole d infanzia o dei servizi di babysitteraggio. I bambini accolti per annualità all interno delle strutture del territorio sono nella totalità circa Questo comporta un impegno costante da parte della famiglia, soprattutto in quelle composte da nuclei Madre/Bambino, lì dove il genitore non ha la possibilità di intraprendere, pur volendo, un percorso lavorativo per l impossibilità di delegare la cura del figlio ad altri. Spesso quindi le problematiche legate all accoglienza dell infanzia riproducono e generano involontariamente dei processi all interno della famiglia che difficilmente riescono ad essere affrontate perché rientrano, una volta presentate ai Servizi del territorio, come problematiche multifattoriali, spesso alle problematiche economiche se ne aggiungono altre di carattere culturale e sociale o di emergenza abitativa e sanitaria. Partendo dall osservazione dell andamento degli anni si può notare come ci sia un incremento stabile delle nascite che ad oggi offre un dato per il 2015 di circa bambini all interno della fascia d età che va dai 3 ai 5 anni 5 su tutto il territorio del Municipio VI. 4 Caritas Parrocchia S. Rita 5 Elaborazione dati attraverso le tabelle contenute nel sito:

6 Grafico 5 6. Il Grafico contiene l andamento delle nascite nel triennio 2010/2011/2012 in base all età della madre. BENEFICIARI I beneficiari diretti sono bambini, adolescenti, giovani adulti, famiglie Italiane e straniere appartenenti al territorio del Municipio VI che vivono gravi situazioni di disagio sociale, psicologico ed economico. Nello specifico beneficeranno dei servizi: Attività di supporto alla genitorialità Sportelli di Consulenza 200 beneficiari (adulti/bambini) Spazio Infanzia 10 bambini Attività Integrative 40 beneficiari (adulti/bambini) CONTROPARTE LOCALE Associazione Grazia Cancrini L'Associazione Grazia Cancrini è costituita da Psicologi (iscritti ai loro rispettivi Ordini Professionali) e Psicoterapeuti a indirizzo Sistemico Relazionale che negli anni si sono occupati di problematiche individuali, di coppia e familiari. L Associazione di Promozione Sociale Grazia Cancrini nasce a Roma dall'incontro di diversi professionisti con l intento di promuovere un integrazione e un confronto tra vari ambiti di intervento, per creare nuove soluzioni che portino al miglioramento della qualità di vita della collettività. I vari progetti promossi dall'associazione mirano a realizzare una serie di servizi in sinergia con istituzioni e strutture del territorio, andando incontro alle 6 Il grafico è una elaborazione dei dati contenuti nell archivio del Comune di Roma

7 esigenze personali in modo da sostenere la crescita positiva e il sostegno dell individuo, della coppia e della famiglia. Associazione Eduraduno L'Eduraduno, Associazione di Educatori Professionali, dal 2007 si impegna per la promozione e la valorizzazione della figura dell educatore professionale per rafforzarne l identità; promuovere la cultura attraverso pubblicazioni, seminari, eventi; creare occasioni di incontro e formazione specifica; sottolineare l importanza del lavoro in gruppo e della partecipazione attiva; creare una rete tra i vari protagonisti del sociale, dando visibilità alle associazioni che operano in ambito socio-educativo; creare un ponte tra il mondo universitario e il mondo del lavoro; presentare strumenti, metodologie e tecniche innovative in ambito educativo. La metodologia si basa su un apprendimento non formale, che supera la lezione frontale e statica per un metodo ludicopartecipativo incentrato sulla persona, dove questa è chiamata a mettersi in gioco per imparare sperimentando. Le attività sono complementari alla formazione universitaria e forniscono, in tal modo, spazi di riflessione e discussione. Le attività vengono affidate a professionisti del settore socio-educativo già operanti sul campo e sono aperte ai tanti protagonisti del mondo del sociale. Parrocchia S. Rita - Caritas La Caritas Italiana è l'organismo pastorale costituito dalla Conferenza Episcopale Italiana al fine di promuovere, anche in collaborazione con altri organismi, la testimonianza della carità della comunità ecclesiale italiana, in forme consone ai tempi e ai bisogni, in vista dello sviluppo integrale dell'uomo, della giustizia sociale e della pace, con particolare attenzione agli ultimi e con prevalente funzione pedagogica. All interno della Parrocchia di Santa Rita gestisce il Centro di Ascolto offrendo supporto a centinaia di famiglie ogni anno. Associazione Teatro per le Perle In collaborazione con Il Centro di Ricerca e Sperimentazione Metaculturale si occupa, da diversi anni, di promozione sociale e opera nel campo della didattica, della ricerca psicopedagogica, della formazione professionale, della progettazione di attività socio-culturali. Hanno per scopo la ricerca, la sperimentazione, l elaborazione e la diffusione di servizi educativi, formativi, culturali e metaculturali nell ambito della promozione sociale. Il fine che il Centro di Ricerca e Sperimentazione Metaculturale si propone di perseguire, così come riportato nel suo statuto, è favorire l affermazione, la diffusione e la valorizzazione dei principi di libertà, uguaglianza, pace e giustizia sociale, pari opportunità, rispetto delle diversità, tutela dei diritti umani e dei diritti dell infanzia, di solidarietà tra le generazioni e tra i gruppi sociali, della solidarietà sociale, umana, civile, culturale e di ricerca etica.

8 STRATEGIA DELL INTERVENTO La strategia dell'intervento utilizza il percorso logico creato attraverso la definizione degli obiettivi, generale e specifico, la prospettiva suggerita dalla formulazione dei risultati attesi e lo sviluppo delle singole attività che concorrono al raggiungimento sia dei risultati sia degli obiettivi stessi. a. Obiettivo generale dell intervento Concorrere al miglioramento del contesto sociale e della qualità della vita della popolazione del Municipio VI di Roma. Questo processo si innesca attraverso la costruzione di interventi di promozione umana, sociale ed economica rivolti a tutta la comunità e volti a creare un ambiente in cui i diritti umani sono rispettati, protetti e promossi. La difesa di una condizione sociale che, partendo dal rispetto dei diritti e salvaguardando le persone da eventuali stigmatizzazioni, potrà proporre uno scenario di opportunità e di crescita per tutta la comunità. b. Obiettivo specifico dell intervento Obiettivo specifico del progetto è quello di contribuire al miglioramento della qualità dei servizi socioassitenziali nel Municpio VI a favore di minorenni, giovani, adulti, persone in difficoltà. Il progetto ha come utilità sociale il miglioramento dei servizi socio-assistenziali all interno del territorio del Municipio VI di Roma e al sostegno dei nuclei familiari in situazioni di grave disagio economico e sociale nel quartiere di Tor Bella Monaca. Risultati Attesi I risultati attesi previsti dal progetto sono: d. Servizi di Accoglienza e Supporto alla Persona migliorati: - Migliorato il Servizio Accoglienza Infanzia; - Migliorato il Servizio di Consulenza - Intervento Psicologico; e. Migliorato il Servizio del Centro di Ascolto Caritas f. Migliorato il coinvolgimento della comunità e la relazione Genitori / Figli. Attività Spazi per l infanzia Una delle attività previste riguarda l'accoglienza diurna di bambini da 3 a 5 anni all interno di uno spazio attrezzato con strumenti tecnici ed operativi ed equipaggiato in maniera opportuna per iniziare il percorso pedagogico strutturato dagli Educatori Professionali e genitori volontari impegnati nell accoglienza. I bambini coinvolti, segnalati dai servizi territoriali, esclusi dalle graduatorie comunali per le scuole dell infanzia non avrebbero altrimenti accesso a tali servizi. Le attività interne al servizio riguardano: a. Assistenza quotidianità bambini accolti b. Accoglienza bisogni primari d. Coinvolgimento e Supporto alla Genitorialità e. Supporto Psicologico f. Laboratorio di Musicoterapia g. Report / Documentazione dei casi Nello specifico all interno della scuola per l infanzia si prevede di strutturare un Laboratorio di musicoterapia per l integrazione e l interazione di tutti i bambini, favorendo un percorso

9 particolareggiato per i bambini diversamente abili e con bisogni educativi speciali. L intervento vuole essere sia di carattere preventivo (inteso come il lavorare per il benessere psicofisico della persona) che integrativo, nel caso di presenza di bambini con vari disagi, dalle compromissioni biologiche (ritardo mentale, autismo, sindrome di Down) alle problematiche derivanti da appartenenza ad altre culture (rom, migranti), al disagio dovuto a problematiche familiari. L integrazione di bambini con esigenze educative specifiche è un processo in cui il bambino deve avere la possibilità di sviluppare e progredire a tutti i livelli: psicofisico, cognitivo, affettivo, motorio, relazionale verso l ambiente in cui si trova a crescere e nel quale dovrà trovare una collocazione il più possibile gratificante e autonoma. Attraverso questo percorso si cercherà il più possibile il coinvolgimento dei genitori, supportandoli proprio attraverso un percorso ad hoc sulle competenze genitoriali. Il Sostegno alla genitorialità è focalizzato sul coinvolgimento di entrambi i genitori, aiutando ciascuno di essi a valorizzare l altro come risorsa nella gestione dei problemi posti dai figli, sia a livello comportamentale che educativo. A questi interventi, nell ottica di integrazione perseguita dall intero progetto della parrocchia, lo psicologo affianca l osservazione dei bambini presso lo spazio per l infanzia; L attività di sportello Servizio di consulenza ed intervento psicologico offre una consultazione psicologica breve finalizzata ad orientare l individuo, la coppia o la famiglia in difficoltà. La metodologia di intervento, basata su un ottica sistemico-relazionale, utilizza colloqui clinici individuali, di coppia e familiari. Tale servizio si propone l intento di rispondere al bisogno della coppia genitoriale, del singolo genitore o del figlio per un sostegno professionale rispetto a varie forme di disagio che possono manifestarsi nel corso del ciclo di vita familiare. Obiettivo primario degli incontri è sostenere e riattivare le risorse individuali e relazionali, offrendo uno spazio ed un tempo di riflessione all interno del quale gli utenti possono riappropriarsi delle proprie competenze, affrontando con maggiore consapevolezza i compiti evolutivi che la particolare fase di crisi richiede. Centro di Ascolto Il Centro di Ascolto Caritas opera attraverso l accoglienza dei beneficiari delle singole persone o famiglie in difficoltà, cercando appunto attraverso un approccio empatico di entrare in contatto con loro. Dopo una prima analisi si passa dall'ascolto all Accoglienza: 1. Presa in carico del vissuto e dell anamnesi familiare delle situazioni di sofferenza cercando, dove possibile, di accompagnare le persone all interno di un percorso per affrontare le proprie difficoltà. 2. Individuare i bisogni e indirizzare i beneficiari verso soluzioni più efficaci attraverso servizi adeguati presenti sul territorio. 3. Sensibilizzazione e Coinvolgimento delle altre famiglie e di tutta la comunità per iniziare un percorso di solidarietà diffusa e di associazionismo tra le famiglie stesse. Attività ludico-ricreative per il coinvolgimento della comunità Laboratorio Giocoleria Teatro per adulti e bambini Percorsi di supporto alla genitorialità All interno del progetto saranno previste diverse attività integrative, promosse proprio per garantire un maggiore coinvolgimento di tutta la comunità. Sono già state sperimentate in diverse

10 occasioni attività di supporto opportunamente individuate per facilitare il dialogo e l intercultura. Un Animatore/Educatore in coordinamento con gli altri professionisti avrà il compito di strutturare attività sia per bambini che per adolescenti e adulti attraverso la comprovata esperienza nel settore. Spazi e Servizi Il progetto per una sua migliore realizzazione potrà utilizzare altri spazi e servizi che fanno parte della Parrocchia di S. Rita: Auditorium Biblioteca Bar Spazio Gioco Bimbi protetto Campi attrezzati: Calcio - Tennis - Basket Area Pattinaggio

ASSOCIAZIONE ONLUS CERCHI D ONDA

ASSOCIAZIONE ONLUS CERCHI D ONDA ASSOCIAZIONE ONLUS CERCHI D ONDA PROGETTO FAMIGLIE SOLIDALI 2012 S ommario Premessa 1. Il contesto 2. Finalità 3. Obiettivi specifici 4. Attività 5. Destinatari 6. Durata del progetto 7. Cronogramma 8.

Dettagli

Azioni di sistema. FNPS 72.659,77 Totale 72.659,77

Azioni di sistema. FNPS 72.659,77 Totale 72.659,77 Comuni del Baianese: Avella Baiano Mugnano del C.le Quadrelle Sirignano Sperone Comuni del Vallo Lauro: Domicella Lauro Marzano di Nola Moschiano Pago del V.L. Quindici Taurano Ufficio di Piano Sede Via

Dettagli

PROGETTO : SPORTELLO DI ASCOLTO PSICOLOGICO PER LA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO

PROGETTO : SPORTELLO DI ASCOLTO PSICOLOGICO PER LA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO PROGETTO : SPORTELLO DI ASCOLTO PSICOLOGICO PER LA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO Dottor. ssa Valentina Cerri Psicologa e Psicoterapeuta PREMESSA L adolescenza e la preadolescenza costituiscono fasi

Dettagli

Protocollo di Intesa per la realizzazione di una casa per la semiautonomia per donne e minori

Protocollo di Intesa per la realizzazione di una casa per la semiautonomia per donne e minori In data 26 Settembre 2008 è stato firmato il seguente protocollo: Protocollo di Intesa per la realizzazione di una casa per la semiautonomia per donne e minori Tra Solidea, Istituzione di genere femminile

Dettagli

I SERVIZI SOCIO-EDUCATIVI IN PROVINCIA DI TRENTO

I SERVIZI SOCIO-EDUCATIVI IN PROVINCIA DI TRENTO I SERVIZI SOCIO-EDUCATIVI IN PROVINCIA DI TRENTO SERVIZI RESIDENZIALI I SERVIZI DI PRONTA ACCOGLIENZA: IL CENTRO PER L INFANZIA IL CENTRO DI PRONTA ACCOGLIENZA Il Centro per l Infanzia accoglie bambini

Dettagli

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA (Allegato 1) SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA ENTE 1) Ente proponente il progetto: ARCI NAPOLI 2) Codice di accreditamento: NZ05738 3) Albo e classe di iscrizione:

Dettagli

ANIMATORE di COMUNITÁ

ANIMATORE di COMUNITÁ M.I.U.R. ISTITUTO PROFESSIONALE di STATO per i SERVIZI SOCIO SANITARI Giuseppe Moscati Via Urbano II - Salerno - Tel. 089253151 Fax 089253794 Codice Fiscale: 80023220652 Codice Meccanografico: SARF04000N

Dettagli

Essere fratelli di. Supporto psicologico ai fratelli di persone con gravi disabilità EDIZIONE 2012

Essere fratelli di. Supporto psicologico ai fratelli di persone con gravi disabilità EDIZIONE 2012 Essere fratelli di Supporto psicologico ai fratelli di persone con gravi disabilità EDIZIONE 2012 Contesto di riferimento e obiettivi generali La famiglia è senza dubbio il luogo più importante per la

Dettagli

Pronto Intervento Lule Carta dei servizi

Pronto Intervento Lule Carta dei servizi Pronto Intervento Lule Carta dei servizi Cooperativa sociale LULE onlus Sede legale: Via Novara 35-20081 Abbiategrasso (MI) Sede operativa: Via Novara 35-20081 Abbiategrasso (MI) tel (02) 94965244 tel

Dettagli

Una rete che cresce. Al centro la persona Guida ai servizi di Sol.Co. Mantova

Una rete che cresce. Al centro la persona Guida ai servizi di Sol.Co. Mantova Una rete che cresce. Al centro la persona Guida ai servizi di Sol.Co. Mantova solidar Chi siamo La mission Sol.Co. Mantova (Solidarietà e Cooperazione) è un consorzio di cooperative sociali impegnate nella

Dettagli

AFFRONTARE INSIEME L AUTISMO Percorso di parent training

AFFRONTARE INSIEME L AUTISMO Percorso di parent training AFFRONTARE INSIEME L AUTISMO Percorso di parent training Premessa Le famiglie con un figlio disabile si differenziano dalle altre famiglie a partire dalla nascita del figlio: problemi di accettazione,

Dettagli

PIANO DI FORMAZIONE CONTINUA PER IL PERSONALE SOCIO-SANITARIO, SOCIO-ASSISTENZIALE E SOCIO-EDUCATIVO PER L ANNO 2015

PIANO DI FORMAZIONE CONTINUA PER IL PERSONALE SOCIO-SANITARIO, SOCIO-ASSISTENZIALE E SOCIO-EDUCATIVO PER L ANNO 2015 PIANO DI FORMAZIONE CONTINUA PER IL PERSONALE SOCIO-SANITARIO, SOCIO-ASSISTENZIALE E SOCIO-EDUCATIVO PER L ANNO 2015 Approvato con deliberazione della Giunta regionale n. 642 in data 8 maggio 2015. PREMESSA

Dettagli

SINTESI SCHEDA PROGETTUALE BANDO SCN 2015

SINTESI SCHEDA PROGETTUALE BANDO SCN 2015 UFFICIO SERVIZIO CIVILE SINTESI SCHEDA PROGETTUALE BANDO SCN 2015 Titolo progetto AXIA FAMIGLIA - RETE INFORMATIVA Ambito/settore di intervento Settore E: Educazione e promozione culturale Area d intervento:

Dettagli

Progetto TRA CASA E CITTA : PERCORSI DI INCLUSIONE SOCIALE

Progetto TRA CASA E CITTA : PERCORSI DI INCLUSIONE SOCIALE Progetto TRA CASA E CITTA : PERCORSI DI INCLUSIONE SOCIALE PREMESSA I concetti di cura e territorio sono al centro di iniziative ed interventi realizzati da più enti che aderiscono al sotto tavolo sulla

Dettagli

Comunità Familiare per Minori La Goccia. Progetto Generale di Comunità

Comunità Familiare per Minori La Goccia. Progetto Generale di Comunità Comunità Familiare per Minori La Goccia Progetto Generale di Comunità Premessa: il valore della famiglia La Comunità familiare per Minori La Goccia nasce nella consapevolezza che la famiglia rappresenta

Dettagli

AZIONI DEL SUCCESSO FORMATIVO

AZIONI DEL SUCCESSO FORMATIVO AZIONI DEL SUCCESSO FORMATIVO Premessa La scuola,oggi, trova la sua ragione di essere nell assicurare ad ogni alunno il successo formativo, inteso come piena formazione della persona umana nel rispetto

Dettagli

Centro Polifunzionale di Gavirate. Centro di Accoglienza di Cittiglio. Fondazione FELICITA MORANDI. Associazione IL PASSO onlus

Centro Polifunzionale di Gavirate. Centro di Accoglienza di Cittiglio. Fondazione FELICITA MORANDI. Associazione IL PASSO onlus Centro di Accoglienza di Cittiglio Centro Polifunzionale di Gavirate Fondazione FELICITA MORANDI Associazione IL PASSO onlus Luglio 2012 FONDAZIONE FELICITA MORANDI Servizi e interventi a favore dei minori

Dettagli

Aspetti innovativi e caratteristiche sperimentali del progetto :

Aspetti innovativi e caratteristiche sperimentali del progetto : PUNTO D INCONTRO: accoglienza, informazione e mappatura dei bisogni delle Persone affette da AUTISMO e delle loro famiglie Descrizione del progetto Punto d incontro dovrebbe costituire una sorta di sportello

Dettagli

SPORTELLI D ASCOLTO PSICOLOGICO

SPORTELLI D ASCOLTO PSICOLOGICO SPORTELLI D ASCOLTO PSICOLOGICO Il Centro di Psicoterapia e Psicologia Clinica è un Associazione Professionale di psicoterapeuti di formazione psicoanalitica e di psicologi clinici che opera nell ambito

Dettagli

La Bussola. 1. Titolo del progetto. 2. Nuovo progetto - No. 3. Progetto già avviato - Si

La Bussola. 1. Titolo del progetto. 2. Nuovo progetto - No. 3. Progetto già avviato - Si 1. Titolo del progetto La Bussola 2. Nuovo progetto - No 3. Progetto già avviato - Si 4. Se il progetto dà continuità a servizi/strutture già attivati, indicare se amplia l ambito territoriale e/o l utenza

Dettagli

4.1- L OFFERTA FORMATIVA CONSULTORIO FAMILIARE E CENTRO FAMIGLIA ZELINDA

4.1- L OFFERTA FORMATIVA CONSULTORIO FAMILIARE E CENTRO FAMIGLIA ZELINDA PIANO INTEGRATO DIRITTO ALLO STUDIO Anno Scolastico 2012 2013 4.1- L OFFERTA FORMATIVA CONSULTORIO FAMILIARE E CENTRO FAMIGLIA ZELINDA SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI 1 GRADO

Dettagli

Formulario Allegato 2. 1. Dati sul soggetto richiedente

Formulario Allegato 2. 1. Dati sul soggetto richiedente Formulario Allegato 2 1. Dati sul soggetto richiedente - Denominazione Associazione Rimettere le ali Onlus - Data costituzione 14 Aprile 2011 - Codice Fiscale 97650020585 - P.IVA _12112461004 (se in possesso)

Dettagli

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA ENTE 1) Ente proponente il progetto: ASSOCIAZIONE PENELOPE Coordinamento Solidarietà Sociale 2) Codice di accreditamento: NZ00321

Dettagli

Politiche di contrasto della povertà e grave emarginazione: priorità di intervento

Politiche di contrasto della povertà e grave emarginazione: priorità di intervento 2.7 Politiche di contrasto della povertà e grave emarginazione: priorità di intervento Obiettivi di integrazione - Si rileva una disomogeneità nelle modalità di raccordo e collaborazione tra il Servizio

Dettagli

La dimensione pedagogico educativa: cardine degli interventi efficaci sul Sistema Scuola-Famiglia-Territorio

La dimensione pedagogico educativa: cardine degli interventi efficaci sul Sistema Scuola-Famiglia-Territorio COMUNE DI MASSA Assessorato Turismo, Cultura, Pubblica Istruzione e Gemellaggi La dimensione pedagogico educativa: cardine degli interventi efficaci sul Sistema Scuola-Famiglia-Territorio COMUNE DI MASSA

Dettagli

Obiettivi Impegno degli ambiti distrettuali

Obiettivi Impegno degli ambiti distrettuali Allegato 3 Delibera di Giunta regionale n. 1206 del 30/7/2007 Linee di indirizzo per favorire la qualificazione e la regolarizzazione del lavoro di cura delle assistenti familiari nell ambito delle azioni

Dettagli

Azienda Speciale Servizi alla Persona

Azienda Speciale Servizi alla Persona Azienda Speciale Servizi alla Persona AREA PSICOLOGI SERVIZIO PSICOLOGICO TUTELA MINORI e AFFIDI FAMILIARI DISTRETTUALE SERVIZIO PSICOLOGICO TUTELA MINORI Il servizio ha l obiettivo di garantire in sinergia

Dettagli

SCHEMA DI PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DI PERCORSI DI ACCOGLIENZA E DI INSERIMENTO SCOLASTICO DEDICATO AI BAMBINI E AI RAGAZZI ADOTTATI

SCHEMA DI PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DI PERCORSI DI ACCOGLIENZA E DI INSERIMENTO SCOLASTICO DEDICATO AI BAMBINI E AI RAGAZZI ADOTTATI Allegato A SCHEMA DI PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DI PERCORSI DI ACCOGLIENZA E DI INSERIMENTO SCOLASTICO DEDICATO AI BAMBINI E AI RAGAZZI ADOTTATI Il giorno., dell anno. alle ore., presso la sede

Dettagli

1) MOTIVAZIONE SCOLASTICA: promuovere le risorse personali degli studenti per aiutarli a stare e andare bene a scuola.

1) MOTIVAZIONE SCOLASTICA: promuovere le risorse personali degli studenti per aiutarli a stare e andare bene a scuola. Passo dopo Passo Insieme supporta la motivazione scolastica dei preadolescenti, promuovendo percorsi che mettano al centro le risorse personali dei ragazzi e offrendo progetti di formazione e sensibilizzazione

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO THIESI

ISTITUTO COMPRENSIVO THIESI ISTITUTO COMPRENSIVO THIESI INFANZIA-PRIMARIA-SECONDARIA PROGETTO SPAZIO D ASCOLTO PSICOLOGICO PER ALLIEVI E FAMIGLIE E SUPPORTO ALLE DINAMICHE PONTE NEL CONTESTO SCOLASTICO Insegnante Valeria Sassu ISTITUTO

Dettagli

PROGETTO DEL CENTRO SOCIO EDUCATIVO IL MELOGRANO

PROGETTO DEL CENTRO SOCIO EDUCATIVO IL MELOGRANO COMUNE DI SERRAVALLE PISTOIESE PROVINCIA DI PISTOIA PROGETTO DEL CENTRO SOCIO EDUCATIVO IL MELOGRANO Premessa La progettazione di un centro socio educativo sul territorio di Serravalle P.se nasce dall

Dettagli

Famiglie, Giovani ed opportunità, interventi sociali per l infanzia e l adolescenza in Emilia-Romagna:

Famiglie, Giovani ed opportunità, interventi sociali per l infanzia e l adolescenza in Emilia-Romagna: Famiglie, Giovani ed opportunità, interventi sociali per l infanzia e l adolescenza in Emilia-Romagna: la legislazione di riferimento, alcune priorità di lavoro e di prospettiva Ferrara 15 gennaio 2013

Dettagli

LAUREA MAGISTRALE PSICOLOGIA CLINICA E DI COMUNITÀ

LAUREA MAGISTRALE PSICOLOGIA CLINICA E DI COMUNITÀ LAUREA MAGISTRALE PSICOLOGIA CLINICA E DI COMUNITÀ CLASSE LM 51 SECONDO CICLO: LICENZA O LAUREA MAGISTRALE IN PSICOLOGIA Il secondo ciclo di Licenza o Laurea Magistrale in Psicologia si propone di formare

Dettagli

Esiti del laboratorio Lavoro di comunità

Esiti del laboratorio Lavoro di comunità Attuazione del Programma regionale per la promozione e tutela dei diritti, la protezione e lo sviluppo dei soggetti in età evolutiva e il sostegno alla genitorialità ai sensi della Legge regionale n. 14/08

Dettagli

Una finestra sul mondo

Una finestra sul mondo Domus Coop Una finestra sul mondo LA CARTA DEI SERVIZI La Carta dei Servizi è uno strumento che noi della Cooperativa Sociale Domus Coop mettiamo a disposizione di chi vuole conoscerci per orientarsi al

Dettagli

PROGETTO SOSTEGNO ALLE FAMIGLIE INTERVENTI PER LA PRESA IN CARICO E IL TRATTAMENTO DI MINORI VITTIME DI ABUSO NELL AREA VASTA FIRENZE

PROGETTO SOSTEGNO ALLE FAMIGLIE INTERVENTI PER LA PRESA IN CARICO E IL TRATTAMENTO DI MINORI VITTIME DI ABUSO NELL AREA VASTA FIRENZE Allegato B PROGETTO SOSTEGNO ALLE FAMIGLIE INTERVENTI PER LA PRESA IN CARICO E IL TRATTAMENTO DI MINORI VITTIME DI ABUSO NELL AREA VASTA FIRENZE PREMESSA Negli ultimi anni l attenzione al disagio in generale,

Dettagli

Leonardo da Vinci Tra-Pre-Vi Training for the Prevention and Treatment of Youth Violent Behaviour.

Leonardo da Vinci Tra-Pre-Vi Training for the Prevention and Treatment of Youth Violent Behaviour. Centro di Solidarietà di Reggio Emilia/Italy Leonardo da Vinci Tra-Pre-Vi Training for the Prevention and Treatment of Youth Violent Behaviour. Relazione 1: Il sistema della protezione di minori con problemi

Dettagli

AZIONI DI PROMOZIONE, FORMAZIONE E SOSTEGNO PER L AFFIDAMENTO e LA SOLIDARIETA FAMILIARE

AZIONI DI PROMOZIONE, FORMAZIONE E SOSTEGNO PER L AFFIDAMENTO e LA SOLIDARIETA FAMILIARE BORGO RAGAZZI DON BOSCO MOVIMENTO FAMIGLIE AFFIDATARIE e SOLIDALI PROGETTO AFFIDAMENTO FAMILIARE PROPOSTA DI PROSECUZIONE PROGETTO AZIONI DI PROMOZIONE, FORMAZIONE E SOSTEGNO PER L AFFIDAMENTO e LA SOLIDARIETA

Dettagli

CENTRO LA TENDA - Napoli

CENTRO LA TENDA - Napoli OSSERVATORIO NAZIONALE SUL DISAGIO E LA SOLIDARIETÀ NELLE STAZIONI ITALIANE CENTRO LA TENDA - Napoli STAZIONE DI NAPOLI CENTRALE SCHEDA DI PRESENTAZIONE DEL CENTRO E DEL PROGETTO HELP CENTER Referente

Dettagli

Ente: CARITAS DIOCESANA DI CARPI Titolo del Progetto 1 : PERCORSI D'INCLUSIONE. Obiettivi del progetto

Ente: CARITAS DIOCESANA DI CARPI Titolo del Progetto 1 : PERCORSI D'INCLUSIONE. Obiettivi del progetto Ente: CARITAS DIOCESANA DI CARPI Titolo del Progetto 1 : PERCORSI D'INCLUSIONE Obiettivi del Produrre un miglioramento nella condizione di vita delle famiglie in situazione di difficoltà che abitano il

Dettagli

Associazione non profit La mela e il seme

Associazione non profit La mela e il seme Associazione non profit La mela e il seme per l educazione di bambini e ragazzi al ben-essere e per la prevenzione del disagio giovanile SONO UN GRANDE!!!! Progetto per l accrescimento dell autostima di

Dettagli

LA SCUOLA DELL INFANZIA E LA SCUOLA DELL ACCOGLIENZA, DELLA RELAZIONE, DELLA CURA

LA SCUOLA DELL INFANZIA E LA SCUOLA DELL ACCOGLIENZA, DELLA RELAZIONE, DELLA CURA Mirella Pezzin - Marinella Roviglione LA SCUOLA DELL INFANZIA E LA SCUOLA DELL ACCOGLIENZA, DELLA RELAZIONE, DELLA CURA Nelle Indicazioni per il curricolo del 2007, alla sezione Centralità della persona

Dettagli

Le principali differenze psicologiche, comportamentali e di ruolo tra maschi e femmine.

Le principali differenze psicologiche, comportamentali e di ruolo tra maschi e femmine. Dott.ssa Panaghia Facchinelli, Pedagogista clinica Tel 348-8742827 panaghia@email PERCORSO DI EDUCAZIONE ALL AFFETTIVITA E ALLA SESSUALITA Questo progetto di educazione all affettività e sessualità è rivolto

Dettagli

SCHEDA PROGETTO QdF 2015/_55

SCHEDA PROGETTO QdF 2015/_55 SCHEDA PROGETTO _55 PROMOTORE Persona Comunità Ente/Istituto X Associazione cognome, nome denominazione (ente / associazione) posta elettronica sito web Breve presentazione (mission, identità, attività,

Dettagli

Sintesi del PROGETTO FAMILIARMENTE

Sintesi del PROGETTO FAMILIARMENTE Comune di Codogno Assessorato alle Politiche Sociali Sintesi del PROGETTO FAMILIARMENTE Comune di Codogno - Centro Servizi Sociali Pag. 1 di 5 La Responsabile del Servizio e del Procedimento: A.S. Tassi

Dettagli

1. Quali sono le procedure per aprire una struttura che presta servizi socioassistenziali? 3. Quali sono le strutture socioassistenziali per minori?

1. Quali sono le procedure per aprire una struttura che presta servizi socioassistenziali? 3. Quali sono le strutture socioassistenziali per minori? 1. Quali sono le procedure per aprire una struttura che presta servizi socioassistenziali? Le procedure per aprire una struttura socioassistenziale sono definite dalla normativa regionale. Il rappresentante

Dettagli

Comune di Morlupo Provincia di Roma

Comune di Morlupo Provincia di Roma Prot. n. 8942 Morlupo, 27/07/12 OGGETTO: Attività sportive e culturali a favore di minori in età evolutiva provenienti da famiglie multiproblematiche e/o a rischio di devianza e minori disabili. PREMESSA

Dettagli

COMUNE DI CISTERNA DI LATINA

COMUNE DI CISTERNA DI LATINA COMUNE DI CISTERNA DI LATINA MEDAGLIA D ARGENTO AL VALOR CIVILE REGOLAMENTO CENTRO DIURNO PER MINORI LA TARTARUGA INDICE CAP 1 - Principi generali Art. 1 Definizione del servizio Art. 2 Finalità e obiettivi

Dettagli

Progetto di solidarietà sociale AFFIDAMENTO FAMILIARE: UNA FAMIGLIA PER OGNI BAMBINO

Progetto di solidarietà sociale AFFIDAMENTO FAMILIARE: UNA FAMIGLIA PER OGNI BAMBINO Progetto di solidarietà sociale AFFIDAMENTO FAMILIARE: UNA FAMIGLIA PER OGNI BAMBINO Ente proponente: Associazione Rimettere le Ali ONLUS Via di Prenestina 468 00171 Roma Indirizzato all attenzione di:

Dettagli

ASS. INMEDIA ONLUS VILLAFRANCA TIRRENA (ME)

ASS. INMEDIA ONLUS VILLAFRANCA TIRRENA (ME) ASS. INMEDIA ONLUS VILLAFRANCA TIRRENA (ME) Anno scolastico 2013/2014 Proponente: Associazione INMEDIA ONLUS Sede legale: Via Consortile, 32 - Villafranca Tirrena (ME) Tel. 3480457173 e-mail: inmediaonlus@libero.it

Dettagli

Tutelare l infanzia negata e garantire il diritto del minore alla famiglia

Tutelare l infanzia negata e garantire il diritto del minore alla famiglia Piano d azione: Garantire e tutelare il diritto all infanzia Area SERVIZI ALLA PERSONA Bando senza scadenza: Tutelare l infanzia negata e garantire il diritto del minore alla famiglia Procedura per la

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Ottavio Gravina De Cruyllas

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Ottavio Gravina De Cruyllas PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI L importanza di un protocollo di accoglienza L adozione di un Protocollo di Accoglienza consente di attuare in modo operativo le indicazioni stabilite

Dettagli

Viale Trastevere, 251 Roma

Viale Trastevere, 251 Roma PROGETTO SPORTELLO DI ASCOLTO ATTIVITA DI COUNSELING PSICOLOGICO RIVOLTO AGLI STUDENTI, INSEGNANTI E FAMIGLIE ISTITUTO SAN GAETANO Viale Trastevere, 251 Roma ANNO SCOLASTICO 2014-2015 Una proposta a cura

Dettagli

A più voci contro la dispersione scolastica

A più voci contro la dispersione scolastica A più voci contro la dispersione scolastica 1. Contesto dell intervento Abbandoni, interruzioni formalizzate, frequenze irregolari, ripetenze, ritardi : hanno nomi diversi le disfunzioni che caratterizzano

Dettagli

PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITÁ (DPR 249 del 1998 come modificato dal DPR 235 del 2007) Scuola Primaria.. classe.. a. s.

PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITÁ (DPR 249 del 1998 come modificato dal DPR 235 del 2007) Scuola Primaria.. classe.. a. s. PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITÁ (DPR 249 del 1998 come modificato dal DPR 235 del 2007) Scuola Primaria.. classe.. a. s. 2014 15 L obiettivo del patto di corresponsabilità è quello di impegnare le

Dettagli

Il contributo delle associazioni familiari all affermazione dei diritti dei minori

Il contributo delle associazioni familiari all affermazione dei diritti dei minori Il contributo delle associazioni familiari all affermazione dei diritti dei minori Annamaria Columbu, UBI MINOR 1994 alcune associazioni operanti in Toscana si incontrano per preparare la Conferenza Nazionale

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI ZUMBINI 6 APPRODI INNOVATIVI

CARTA DEI SERVIZI ZUMBINI 6 APPRODI INNOVATIVI CARTA DEI SERVIZI ZUMBINI 6 APPRODI INNOVATIVI La Cordata impresa sociale La Cordata è un impresa sociale che da venti anni offre accoglienza e integrazione a chiunque: turisti, studenti, lavoratori, famiglie,

Dettagli

Programma di sviluppo della partecipazione comunitaria alla definizione del PlUS 2016/2018

Programma di sviluppo della partecipazione comunitaria alla definizione del PlUS 2016/2018 Tavoli TemaTiCi 2015 Programma di sviluppo della partecipazione comunitaria alla definizione del PlUS 2016/2018 Comunità solidale, welfare di tutti: costruiamo insieme il piano dei servizi alla persona

Dettagli

RELAZIONE ILLUSTRATIVA CORSO PROGETTO 2014

RELAZIONE ILLUSTRATIVA CORSO PROGETTO 2014 Allegato al Prot. n. 78357 del 14.3.2014 RELAZIONE ILLUSTRATIVA CORSO PROGETTO 2014 RAGAZZI IN COMUNITA Comprendere l adolescente per aiutarlo a crescere 5 incontri di formazione e aggiornamento per Educatori

Dettagli

Tab. 1 Servizi per macro aree di assistenza nella diocesi di Milano

Tab. 1 Servizi per macro aree di assistenza nella diocesi di Milano INTRODUZIONE Nel corso del 2010 si è svolto il Censimento nazionale dei servizi sanitari, socio-sanitari e socioassistenziali collegati con la Chiesa Cattolica, promosso congiuntamente dall Ufficio nazionale

Dettagli

REGOLAMENTO AFFIDO FAMILIARE

REGOLAMENTO AFFIDO FAMILIARE REGOLAMENTO AFFIDO FAMILIARE Premessa L affidamento etero-familiare consiste nell inserire un minore in un nucleo familiare diverso da quello originario per un tempo determinato. È un esperienza di accoglienza

Dettagli

Affidi al servizio sociale, inserimenti in comunità, coinvolgimento autorità giudiziaria

Affidi al servizio sociale, inserimenti in comunità, coinvolgimento autorità giudiziaria Affidi al servizio sociale, inserimenti in comunità, coinvolgimento autorità giudiziaria 2008 2009 2010 Decreti Affidi servizio sociale 172 210 195 Inserimenti in comunità 49 (+15 madri) 33 (+12 madri)

Dettagli

COS E IL MICRONIDO PICCOLI PASSI E COSA OFFRE

COS E IL MICRONIDO PICCOLI PASSI E COSA OFFRE 1 COS E IL MICRONIDO PICCOLI PASSI E COSA OFFRE La Scuola dell Infanzia Silvio Moretti offre il servizio di Micro-nido ai bambini residenti e non, in età compresa dai 18 ai 36 mesi. Il nido nasce per far

Dettagli

SERVIZIO DI PSICOLOGIA

SERVIZIO DI PSICOLOGIA SERVIZIO DI PSICOLOGIA ASSOCIAZIONE ITALIANA PER L EDUCAZIONE DEMOGRAFICA SEZIONE DI ROMA SERVIZIO DI PSICOLOGIA PRESSO I CONSULTORI AIED Il servizio di psicologia nei consultori Aied, articolato nelle

Dettagli

PROGETTO: SPORTELLO DONNA CENTRO DI ORIENTAMENTO FORMAZIONE ED INTEGRAZIONE SOCIALE PER DONNE IMMIGRATE

PROGETTO: SPORTELLO DONNA CENTRO DI ORIENTAMENTO FORMAZIONE ED INTEGRAZIONE SOCIALE PER DONNE IMMIGRATE PROGETTO: SPORTELLO DONNA CENTRO DI ORIENTAMENTO FORMAZIONE ED INTEGRAZIONE SOCIALE PER DONNE IMMIGRATE SOGGETTI PROPONENTI IL PROGETTO 1) Denominazione Cooperativa Servizi & Formazione Indirizzo Viale

Dettagli

REGOLAMENTO SERVIZIO EDUCATIVA TERRITORIALE

REGOLAMENTO SERVIZIO EDUCATIVA TERRITORIALE REGOLAMENTO SERVIZIO EDUCATIVA TERRITORIALE Allegato alla determinazione direttoriale n. 681/000/DIG/14/0024 del 06.06.2014 ART. 1 PRINCIPI GENERALI Il servizio Educativa Territoriale si inserisce come

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI. Centro di Assistenza La Famiglia Ambrosiana Onlus. Consultorio Familiare. Tel. 02.58.39.13.61 Fax. 02.58.39.14.

CARTA DEI SERVIZI. Centro di Assistenza La Famiglia Ambrosiana Onlus. Consultorio Familiare. Tel. 02.58.39.13.61 Fax. 02.58.39.14. 12 SIAMO APERTI Dal Lunedì al Venerdì 9.00-12.30 e 14.00-18.00 Milano - Via S. Antonio, 5 Tel. 02.58.39.13.61 Fax. 02.58.39.14.43 COME RAGGIUNGERCI La pace e l avvenire dell umanità passano attraverso

Dettagli

Centro di Ascolto. "St'Oria Nuova" - 12/12/13- Maria Rosaria GALLO

Centro di Ascolto. St'Oria Nuova - 12/12/13- Maria Rosaria GALLO Centro di Ascolto? 1 IL CENTRO DI ASCOLTO fa dell'ascolto il suo MODO PROPRIO di SERVIZIO Ascoltare non è udire (atto puramente fisico e involontario) L ascolto implica la volontà, l atteggiamento di accoglienza,

Dettagli

1) Ente proponente il progetto: UNA MANO PER TE SOCIETA COOPERATIVA SOCIALE ONLUS REGIONE PUGLIA

1) Ente proponente il progetto: UNA MANO PER TE SOCIETA COOPERATIVA SOCIALE ONLUS REGIONE PUGLIA Estratto scheda Progetto ENTE 1) Ente proponente il progetto: UNA MANO PER TE SOCIETA COOPERATIVA SOCIALE ONLUS 2) Codice di accreditamento: NZ04068 3) Albo e classe di iscrizione: REGIONE PUGLIA 4 CARATTERISTICHE

Dettagli

ASSISTENTE SOCIALE. Aggiornato il 9 luglio 2009

ASSISTENTE SOCIALE. Aggiornato il 9 luglio 2009 ASSISTENTE SOCIALE Aggiornato il 9 luglio 2009 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 5 5. COMPETENZE... 6 Quali competenze sono necessarie?... 6 Conoscenze...

Dettagli

Scritto da Administrator Martedì 23 Aprile 2013 06:21 - Ultimo aggiornamento Martedì 23 Aprile 2013 06:29

Scritto da Administrator Martedì 23 Aprile 2013 06:21 - Ultimo aggiornamento Martedì 23 Aprile 2013 06:29 PROGETTO INSIEME E MEGLIO! SPORTELLO DSA E BES SCUOLA PRIMARIA SPORTELLO DI ASCOLTO SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO Progetto Insieme è meglio! - Sportello DSA e BES Scuola primaria. Finalità generali

Dettagli

IL PROGETTO NEONATI DELLA CITTA DI TORINO

IL PROGETTO NEONATI DELLA CITTA DI TORINO Corso finanziato dalla Provincia di Torino SEMINARIO IL PROGETTO NEONATI DELLA CITTA DI TORINO Storia e prospettive dell affidamento di bambini piccolissimi Considerazioni e questioni aperte, a partire

Dettagli

MEDIAZIONE FAMILIARE INCONTRI PROTETTI SOSTEGNO NELL AFFIDO

MEDIAZIONE FAMILIARE INCONTRI PROTETTI SOSTEGNO NELL AFFIDO Il servizio di mediazione e sostegno SMS, nei suoi diversi ambiti di applicazione ha come caratteristica la restituzione di responsabilità e di autodeterminazione alle parti del sistema famiglia che si

Dettagli

INDICE 2. SCHEDE DESCRITTIVE DEI SERVIZI E DELLE RELATIVE MODALITA'DI ACCESSO 3. ORGANIZZAZIONE DELL AMBITO SOCIALE

INDICE 2. SCHEDE DESCRITTIVE DEI SERVIZI E DELLE RELATIVE MODALITA'DI ACCESSO 3. ORGANIZZAZIONE DELL AMBITO SOCIALE Edizione : 02 Data : 15/11/2004 Pag. 1 di 40 INDICE 1. ELENCO DEI SERVIZI DISPONIBILI 1.1 Il sistema integrato dei Servizi Sociali 1.2 Gli interventi erogati dall'ente di Ambito Sociale 2. SCHEDE DESCRITTIVE

Dettagli

INTEGRAZIONE SCOLASTICA DEGLI ALUNNI DISABILI

INTEGRAZIONE SCOLASTICA DEGLI ALUNNI DISABILI Anno scolastico 2013-14 INTEGRAZIONE SCOLASTICA DEGLI ALUNNI DISABILI L educatore è impegnato sì ad esplorare il volto dell altro, la sua domanda di umanità, di infinito, ma il riscontro di questa esplorazione

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI. n. 3, 4 novembre 2013

CARTA DEI SERVIZI. n. 3, 4 novembre 2013 CARTA DEI SERVIZI n. 3, 4 novembre 2013 Cos è il Consultorio Familiare Il Consultorio Familiare è un luogo che offre interventi di tutela, di prevenzione e di promozione della salute. In modo particolare

Dettagli

PROGETTO SCUOLA SPORT E DISABILITA UN OCCASIONE DI INCONTRO E CRESCITA

PROGETTO SCUOLA SPORT E DISABILITA UN OCCASIONE DI INCONTRO E CRESCITA PROGETTO SCUOLA SPORT E DISABILITA UN OCCASIONE DI INCONTRO E CRESCITA PRESENTAZIONE Il presente progetto costituisce un iniziativa volta a promuovere un percorso di crescita dei ragazzi nel confronto,

Dettagli

Interventi nelle istituzioni

Interventi nelle istituzioni Interventi nelle istituzioni Il Minotauro Il Minotauro è formato da psicologi e psicoterapeuti che da oltre trent anni collaborano nell area della prevenzione e del trattamento del disagio psicologico,

Dettagli

LUDOTECA Equilibrio Art. 1 Definizione e Finalità Art. 2 Ammissione

LUDOTECA Equilibrio Art. 1 Definizione e Finalità Art. 2 Ammissione LUDOTECA Equilibrio Art. 1 Definizione e Finalità La ludoteca, sia pubblica che privata, si configura come un luogo finalizzato alla promozione e alla diffusione della cultura del gioco. La ludoteca in

Dettagli

Un alleanza per i diritti dei bambini e degli adolescenti del Mezzogiorno

Un alleanza per i diritti dei bambini e degli adolescenti del Mezzogiorno Un alleanza per i diritti dei bambini e degli adolescenti del Mezzogiorno Crescere al Sud rappresenta un luogo d incontro tra realtà diverse, nazionali e locali, che hanno deciso di mettere in comune le

Dettagli

COOPERATIVA SOCIALE EDI ONLUS EDUCAZIONE AI DIRITTI DELL INFANZIA E DELL ADOLESCENZA PORTFOLIO

COOPERATIVA SOCIALE EDI ONLUS EDUCAZIONE AI DIRITTI DELL INFANZIA E DELL ADOLESCENZA PORTFOLIO COOPERATIVA SOCIALE EDI ONLUS EDUCAZIONE AI DIRITTI DELL INFANZIA E DELL ADOLESCENZA PORTFOLIO PERCHÉ UN PORTFOLIO DELLE COMPETENZE La Cooperativa Sociale E.D.I. Onlus, al secondo anno di attività e raggiunto

Dettagli

SIAMO QUI MINORI MIGRANTI DAL RICONGIUNGIMENTO A PERCORSI INTEGRATI DI CITTADINANZA SUL TERRITORIO 2012/FEI/PROG-103292

SIAMO QUI MINORI MIGRANTI DAL RICONGIUNGIMENTO A PERCORSI INTEGRATI DI CITTADINANZA SUL TERRITORIO 2012/FEI/PROG-103292 Progetto cofinanziato da Fondo Europeo per l integrazione di cittadini di Paesi Terzi - Annualità 2012 SIAMO QUI MINORI MIGRANTI DAL RICONGIUNGIMENTO A PERCORSI INTEGRATI DI CITTADINANZA SUL TERRITORIO

Dettagli

Il disagio educativo dei docenti di fronte al disagio scolastico degli alunni Appunti Pierpaolo Triani (Università Cattolica del Sacro Cuore) Milano

Il disagio educativo dei docenti di fronte al disagio scolastico degli alunni Appunti Pierpaolo Triani (Università Cattolica del Sacro Cuore) Milano Il disagio educativo dei docenti di fronte al disagio scolastico degli alunni Appunti Pierpaolo Triani (Università Cattolica del Sacro Cuore) Milano 9 aprile 2014 Premessa Mi è stato chiesto di mettere

Dettagli

Progetto La casa di Pollicino

Progetto La casa di Pollicino Progetto La casa di Pollicino Un servizio completo per rispondere alle necessità di bambini autistici e delle loro famiglie Mai più soli insieme si può! www.solidarietaeservizi.it 1 L ORIGINE Il progetto

Dettagli

Centro per la Famiglia

Centro per la Famiglia Il Piano Locale Unitario dei Servizi alla Persona PLUS 21, in esecuzione del Contratto di Servizio sottoscritto con le Cooperative Koinos e Anteros in ATS, promuove e gestisce il Centro per la Famiglia

Dettagli

A CASA CON SOSTEGNO Un progetto rivolto alle famiglie con figli e figlie con deficit (in età 0 14) realizzato nella città di Parma

A CASA CON SOSTEGNO Un progetto rivolto alle famiglie con figli e figlie con deficit (in età 0 14) realizzato nella città di Parma A CASA CON SOSTEGNO Un progetto rivolto alle famiglie con figli e figlie con deficit (in età 0 14) realizzato nella città di Parma ( ) Per affrontare i problemi sociali non possiamo fare a meno di ascoltare

Dettagli

SPERIMENTAZIONE LINEE GUIDA AFFIDO FAMILIARE

SPERIMENTAZIONE LINEE GUIDA AFFIDO FAMILIARE SPERIMENTAZIONE LINEE GUIDA AFFIDO FAMILIARE BUONE PRASSI PREMESSA L affidamento familiare, intervento di protezione e tutela nei confronti di minori temporaneamente privi di idoneo ambiente familiare,

Dettagli

Convitto Nazionale Amedeo di Savoia Duca d Aosta. Piano di Integrazione di Istituto

Convitto Nazionale Amedeo di Savoia Duca d Aosta. Piano di Integrazione di Istituto Convitto Nazionale Amedeo di Savoia Duca d Aosta Piano di Integrazione di Istituto Valido per il triennio scolastico 2015 / 2018 PREMESSA Con il Progetto d Istituto per l Integrazione Scolastica degli

Dettagli

ISTITUTO CESARE ARICI SCUOLA PRIMARIA PARITARIA. Progetto integrazione diversamente abili

ISTITUTO CESARE ARICI SCUOLA PRIMARIA PARITARIA. Progetto integrazione diversamente abili ISTITUTO CESARE ARICI SCUOLA PRIMARIA PARITARIA Progetto integrazione diversamente abili Anno scolastico 2010/2011 Istituto Cesare Arici - Via Trieste, 17-25121 - Brescia tel. 030.42432 fax 030.2400638

Dettagli

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA Ente proponente il progetto: CONGREGAZIONE SUORE ORSOLINE DEL SACRO CUORE DI MARIA Codice di accreditamento: NZ00039 Albo e classe

Dettagli

Target Persone straniere vittime di tratta e sfruttamento sessuale, lavativo, accattonaggio

Target Persone straniere vittime di tratta e sfruttamento sessuale, lavativo, accattonaggio Titolo DIVENTARE PROTAGONISTI DELLA PROPRIA STORIA Servizi di riferimento 1. Sportello Accoglienza vittime di tratta SEDE TORINO CORSO TRAPANI 91 B Il Servizio prevede l accoglienza delle persone in un

Dettagli

Titolo del progetto: IN.DI.A. Inclusion and Dialogue through Action. Area d invento: : Educazione e Promozione Culturale/ Ambiente

Titolo del progetto: IN.DI.A. Inclusion and Dialogue through Action. Area d invento: : Educazione e Promozione Culturale/ Ambiente Titolo del progetto: IN.DI.A Inclusion and Dialogue through Action Area d invento: : Educazione e Promozione Culturale/ Ambiente Sedi di attuazione del progetto : Bhubaneshwar, Stato di Orissa, India.

Dettagli

Via della Guardia 18 34100 Trieste Tel. 040 3478485/3499020 Fax. 040 3485453 IL NOSTRO SISTEMA. Via Besenghi, 27. 34143 Trieste. Tel - Fax 040 300300

Via della Guardia 18 34100 Trieste Tel. 040 3478485/3499020 Fax. 040 3485453 IL NOSTRO SISTEMA. Via Besenghi, 27. 34143 Trieste. Tel - Fax 040 300300 L'ARCA - CONSORZIO SERVIZI PER L'INFANZIA ASSOCIAZIONE FORMAZIONE EDUCATORI Via della Guardia 18 34100 Trieste Tel. 040 3478485/3499020 Fax. 040 3485453 IL NOSTRO SISTEMA il guscio cooperativa sociale

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO TITOLO DEL PROGETTO: IO NON HO PAURA: PROGETTO DI ACCOGLIENZA PER MINORI ADOLESCENTI 2014-2015 SETTORE e Area di intervento: A-02 MINORI Equality Cooperativa Sociale gestisce

Dettagli

NUOVE SPERIMENTAZIONI NEL LAVORO SOCIALE E PSICOLOGICO PER LA TUTELA DEI MINORI E IL SUPPORTO ALLE FAMIGLIE IN DIFFICOLTA

NUOVE SPERIMENTAZIONI NEL LAVORO SOCIALE E PSICOLOGICO PER LA TUTELA DEI MINORI E IL SUPPORTO ALLE FAMIGLIE IN DIFFICOLTA NUOVE SPERIMENTAZIONI NEL LAVORO SOCIALE E PSICOLOGICO PER LA TUTELA DEI MINORI E IL SUPPORTO ALLE FAMIGLIE IN DIFFICOLTA Liviana Marelli Presidente LA GRANDE CASA Società Cooperativa Sociale ONLUS Membro

Dettagli

IDEE IN CIRCOLO ABSTRACT DEL PROGETTO DI SERVIZIO CIVILE REGIONALE. Titolo del progetto: Idee in circolo

IDEE IN CIRCOLO ABSTRACT DEL PROGETTO DI SERVIZIO CIVILE REGIONALE. Titolo del progetto: Idee in circolo IDEE IN CIRCOLO ABSTRACT DEL PROGETTO DI SERVIZIO CIVILE REGIONALE Titolo del progetto: Idee in circolo - Settore di intervento del progetto: Area di intervento: generale - Settore specifico di intervento

Dettagli

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO Servizio politiche sociali e abitative LINEE GUIDA PER L ORGANIZZAZIONE DEL SERVIZIO DI MEDIAZIONE FAMILIARE

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO Servizio politiche sociali e abitative LINEE GUIDA PER L ORGANIZZAZIONE DEL SERVIZIO DI MEDIAZIONE FAMILIARE PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO Servizio politiche sociali e abitative LINEE GUIDA PER L ORGANIZZAZIONE DEL SERVIZIO DI Luglio 2009 Rev. 1 luglio 2009 2 di 11 INDICE PREMESSA PAG. 3 QUADRO NORMATIVO PAG.

Dettagli

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA E DI INTEGRAZIONE DI ALUNNI DISABILI

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA E DI INTEGRAZIONE DI ALUNNI DISABILI Istituto Comprensivo A. Gramsci di Campalto PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA E DI INTEGRAZIONE DI ALUNNI DISABILI Si tenga conto che il Protocollo è un documento che propone delle linee guida generali per gli

Dettagli

Cooperativa Tempo per l Infanzia ONLUS

Cooperativa Tempo per l Infanzia ONLUS CARTA DEI SERVIZI Servizi socio-educativi per disabili e loro famiglie Questo documento vuole far conoscere in modo chiaro i servizi che la Cooperativa Tempo per l Infanzia, offre nell ambito dei ragazzi

Dettagli

PROTOCOLLO D'INTESA COMUNE DIOCESI di PADOVA

PROTOCOLLO D'INTESA COMUNE DIOCESI di PADOVA PROTOCOLLO D'INTESA COMUNE DIOCESI di PADOVA 1 PROTOCOLLO D'INTESA TRA: Il Comune di Padova, in seguito denominato Comune, con sede a Padova, in via del Municipio n. 1, C.F. 00644060287, e in particolare:

Dettagli