Titolo del Progetto. To Be HuMan Spazi per l infanzia - Supporto alla genitorialità. Sintesi

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Titolo del Progetto. To Be HuMan Spazi per l infanzia - Supporto alla genitorialità. Sintesi"

Transcript

1 Titolo del Progetto To Be HuMan Spazi per l infanzia - Supporto alla genitorialità Sintesi Il progetto To Be HuMan vuole contribuire al miglioramento dei servizi socio-assistenziali all interno del territorio del Municipio VI di Roma e al sostegno dei nuclei familiari in situazioni di grave disagio economico e sociale nel quartiere di Tor Bella Monaca. Il progetto prevede all'interno di una programmazione più ampia la possibilità di supportare con attività specifiche i bambini e i genitori e le famiglie nel loro insieme, in spazi dedicati all'infanzia e supporto alla genitorialità, attraverso diverse attività innovative. Sia i bambini accolti che i genitori, potranno essere seguiti dai diversi servizi interni previsti dal progetto e beneficiare delle attività strutturate. Inoltre attraverso il lavoro di Equipe tutti i professionisti coinvolti potranno garantire una corretta informazione sui bisogni dei beneficiari e le modalità con cui questi ultimi rispondono alle richieste dei singoli servizi attivati. Il progetto si pone come Obiettivi: a. Obiettivo generale dell intervento Concorrere al miglioramento del contesto sociale e della qualità della vita della popolazione del Municipio VI di Roma. Questo processo si innesca attraverso la costruzione di interventi di promozione umana, sociale ed economica rivolti a tutta la comunità e volti a creare un ambiente in cui i diritti umani sono rispettati, protetti e promossi. La difesa di una condizione sociale che, partendo dal rispetto dei diritti e salvaguardando le persone da eventuali stigmatizzazioni, potrà proporre uno scenario di opportunità e di crescita per tutta la comunità. b. Obiettivo specifico dell intervento Obiettivo specifico del progetto è quello di contribuire al miglioramento della qualità dei servizi socioassitenziali nel Municpio VI a favore di minorenni, giovani, adulti, persone in difficoltà. Il progetto ha come utilità sociale il miglioramento dei servizi socio-assistenziali all interno del territorio del Municipio VI di Roma e al sostegno dei nuclei familiari in situazioni di grave disagio economico e sociale nel quartiere di Tor Bella Monaca. Risultati Attesi I risultati attesi previsti dal progetto sono: a. Servizi di Accoglienza e Supporto alla Persona migliorati: - Migliorato il Servizio Accoglienza Infanzia; - Migliorato il Servizio di Consulenza - Intervento Psicologico; b. Migliorato il Servizio del Centro di Ascolto Caritas c. Migliorato il coinvolgimento della comunità e la relazione Genitori / Figli. Le attività di progetto prevedono la costituzione di un Coordinamento e di una equipe di lavoro professionale che si occuperà di avviare importanti interventi territoriali, fondamentali per il

2 supporto alla genitorialità, come lo spazio dedicato all Accoglienza Infanzia. Le attività prevedono, inoltre, l avviamento dei seguenti servizi: Servizio di consulenza ed intervento psicologico, Centro di Ascolto, Attività ludico-ricreative. I beneficiari diretti sono bambini, adolescenti, giovani adulti, famiglie Italiane e straniere appartenenti al territorio del Municipio VI che vivono gravi situazioni di disagio sociale, psicologico ed economico. Nello specifico beneficeranno dei servizi: Attività di supporto alla genitorialità Sportelli di Consulenza 200 beneficiari (adulti/bambini) Spazio Infanzia 10 bambini Attività Integrative 40 beneficiari (adulti/bambini) Durata Novembre 2015 Maggio 2016 Contesto di Riferimento Il territorio è fortemente caratterizzato da una presenza elevata di adulti che ha fatto ricorso all assistenza economica e risulta essere tra gli ultimi posti della classifica cittadina in base al reddito procapite. Il Ministero della Giustizia (Centro per la Giustizia Minorile per il Lazio e Roma) indica il Municipio VI di Roma come quello che ha avuto il più forte incremento di interventi rivolti a minori presi in carico dai Servizi Sociali. un alto tasso di dispersione scolastica nella fascia dell obbligo; alto tasso di criminalità un alto numero di minori e giovani adulti sottoposti a provvedimenti penali (27% su base regionale); un elevato numero di giovani assistiti dal SERT - "Servizi pubblici per le tossicodipendenze del Sistema Sanitario Nazionale"; un elevato numero di minori in stato di indigenza; tassi molto significativi di disoccupazione giovanile, femminile e di lavoro nero. oltre le famiglie convivono con problematiche legate alla disabilità. Da una prima fotografia emerge come, in buona parte, si opera sempre e solo in presenza di una vera e propria emergenza, in termini soprattutto di carenza di capitale sociale. E avvertita una forte necessità di interventi sociali di ricostruzione della solidarietà ma soprattutto di una programmazione che possa garantire, nel tempo, un percorso vero di crescita e condivisione. L esclusione sociale e la precarietà dei legami sociali sono i parametri all interno dei quali si inserisce la categoria delle nuove povertà, che evidenzia la presenza di un insieme eterogeneo di situazioni di disagio, fragilità e marginalità. I servizi socio - assistenziali devono confrontarsi con questo pubblico eterogeneo che rappresenta un utenza dai confini incerti. In questo modo si

3 rischia sempre più l invisibilità, di non essere intercettati dal welfare pubblico locale, perché non più definiti solo da una mancanza specifica che non le consente la sopravvivenza economica ma da una multidimensionalità delle problematiche relazionali, culturali e identitarie. C è l urgenza, quindi, di partecipare alla costruzione di percorsi di inclusione sociale incentrati sull ascolto con un approccio olistico e integrato al benessere globale delle persone, promuovendo progetti personalizzati per fornire adeguati strumenti e competenze, affinché si possa costruire insieme un percorso di accompagnamento sociale alla cittadinanza e all identità. Il progetto aderisce perfettamente al contesto e vuole rispondere alle esigenze del territorio, prevede diverse attività come la costituzione di un Coordinamento e di una equipe di lavoro professionale che si occuperà di avviare importanti interventi territoriali come lo spazio dedicato all Accoglienza Infanzia, Servizio di Consulenza ed Intervento Psicologico, Centro di Ascolto, Attività ludico-ricreative. L intento è quello di facilitare l accesso dei cittadini e favorire l'orientamento degli utenti rispetto al sistema complessivo delle risorse territoriali, promuovendo l'uso appropriato dei servizi e riducendone le disuguaglianze nell'accesso, il tutto seguendo un percorso di sostegno alla genitorialità. Mappa del Territorio della Parrocchia di S. Rita 1 1

4 La Parrocchia di S. Rita In questo contesto, estremamente complesso, opera la Parrocchia di Santa Rita che, nel corso degli anni, ha avviato molti servizi di sostegno e accoglienza per la popolazione del quartiere. Questo grafico presenta la provenienza delle persone accolte e assistite all interno degli spazi della Parrocchia, attraverso la collaborazione con alcune Associazioni, come la Caritas, che da anni si occupano di assistere e supportare le famiglie del territorio, circa 700 nei 3 anni precedenti al Grafico 3 2. Nazionalità delle accoglienze Caritas Le persone in difficoltà sono assistite su diversi aspetti attraverso il supporto Psicologico Legale e attraverso il servizio del Banco Alimentare. Le condizioni di disagio delle famiglie assistite sono, come risulta anche dall analisi dei dati del Municipio VI, molto particolareggiate e si differenziano perché sfiorano diversi gradi di povertà. Dalle indagini realizzate in fase di progettazione, risulta che sono 384 le persone entrate in contatto con la Parrocchia e la Caritas solo per il periodo Gennaio Aprile La condizione familiare in cui si trovano è illustrata attraverso il grafico 4. 2 Dati rielaborati dall archivio delle schede di accoglienza della Caritas della Parrocchia di S. Rita. 3 Caritas Parrocchia S. Rita

5 Grafico 4 4. Condizione familiare delle persone assiste. La maggior parte si trova in una situazione abitativa precaria in strutture affidate da enti pubblici o in subaffitto e occupazione abusiva. Un altro dato importante all interno del contesto territoriale è legato alla presenza territoriale dei Servizi per l infanzia. Le scuole gestite dal servizio di competenza Comunale o Municipale offrono circa 1700 posti nell annualità 2014/2015 in età prescolare, un offerta non adeguata alla richiesta. La maggior parte delle famiglie a reddito mediobasso non può quindi sopportare le spese delle scuole d infanzia o dei servizi di babysitteraggio. I bambini accolti per annualità all interno delle strutture del territorio sono nella totalità circa Questo comporta un impegno costante da parte della famiglia, soprattutto in quelle composte da nuclei Madre/Bambino, lì dove il genitore non ha la possibilità di intraprendere, pur volendo, un percorso lavorativo per l impossibilità di delegare la cura del figlio ad altri. Spesso quindi le problematiche legate all accoglienza dell infanzia riproducono e generano involontariamente dei processi all interno della famiglia che difficilmente riescono ad essere affrontate perché rientrano, una volta presentate ai Servizi del territorio, come problematiche multifattoriali, spesso alle problematiche economiche se ne aggiungono altre di carattere culturale e sociale o di emergenza abitativa e sanitaria. Partendo dall osservazione dell andamento degli anni si può notare come ci sia un incremento stabile delle nascite che ad oggi offre un dato per il 2015 di circa bambini all interno della fascia d età che va dai 3 ai 5 anni 5 su tutto il territorio del Municipio VI. 4 Caritas Parrocchia S. Rita 5 Elaborazione dati attraverso le tabelle contenute nel sito:

6 Grafico 5 6. Il Grafico contiene l andamento delle nascite nel triennio 2010/2011/2012 in base all età della madre. BENEFICIARI I beneficiari diretti sono bambini, adolescenti, giovani adulti, famiglie Italiane e straniere appartenenti al territorio del Municipio VI che vivono gravi situazioni di disagio sociale, psicologico ed economico. Nello specifico beneficeranno dei servizi: Attività di supporto alla genitorialità Sportelli di Consulenza 200 beneficiari (adulti/bambini) Spazio Infanzia 10 bambini Attività Integrative 40 beneficiari (adulti/bambini) CONTROPARTE LOCALE Associazione Grazia Cancrini L'Associazione Grazia Cancrini è costituita da Psicologi (iscritti ai loro rispettivi Ordini Professionali) e Psicoterapeuti a indirizzo Sistemico Relazionale che negli anni si sono occupati di problematiche individuali, di coppia e familiari. L Associazione di Promozione Sociale Grazia Cancrini nasce a Roma dall'incontro di diversi professionisti con l intento di promuovere un integrazione e un confronto tra vari ambiti di intervento, per creare nuove soluzioni che portino al miglioramento della qualità di vita della collettività. I vari progetti promossi dall'associazione mirano a realizzare una serie di servizi in sinergia con istituzioni e strutture del territorio, andando incontro alle 6 Il grafico è una elaborazione dei dati contenuti nell archivio del Comune di Roma

7 esigenze personali in modo da sostenere la crescita positiva e il sostegno dell individuo, della coppia e della famiglia. Associazione Eduraduno L'Eduraduno, Associazione di Educatori Professionali, dal 2007 si impegna per la promozione e la valorizzazione della figura dell educatore professionale per rafforzarne l identità; promuovere la cultura attraverso pubblicazioni, seminari, eventi; creare occasioni di incontro e formazione specifica; sottolineare l importanza del lavoro in gruppo e della partecipazione attiva; creare una rete tra i vari protagonisti del sociale, dando visibilità alle associazioni che operano in ambito socio-educativo; creare un ponte tra il mondo universitario e il mondo del lavoro; presentare strumenti, metodologie e tecniche innovative in ambito educativo. La metodologia si basa su un apprendimento non formale, che supera la lezione frontale e statica per un metodo ludicopartecipativo incentrato sulla persona, dove questa è chiamata a mettersi in gioco per imparare sperimentando. Le attività sono complementari alla formazione universitaria e forniscono, in tal modo, spazi di riflessione e discussione. Le attività vengono affidate a professionisti del settore socio-educativo già operanti sul campo e sono aperte ai tanti protagonisti del mondo del sociale. Parrocchia S. Rita - Caritas La Caritas Italiana è l'organismo pastorale costituito dalla Conferenza Episcopale Italiana al fine di promuovere, anche in collaborazione con altri organismi, la testimonianza della carità della comunità ecclesiale italiana, in forme consone ai tempi e ai bisogni, in vista dello sviluppo integrale dell'uomo, della giustizia sociale e della pace, con particolare attenzione agli ultimi e con prevalente funzione pedagogica. All interno della Parrocchia di Santa Rita gestisce il Centro di Ascolto offrendo supporto a centinaia di famiglie ogni anno. Associazione Teatro per le Perle In collaborazione con Il Centro di Ricerca e Sperimentazione Metaculturale si occupa, da diversi anni, di promozione sociale e opera nel campo della didattica, della ricerca psicopedagogica, della formazione professionale, della progettazione di attività socio-culturali. Hanno per scopo la ricerca, la sperimentazione, l elaborazione e la diffusione di servizi educativi, formativi, culturali e metaculturali nell ambito della promozione sociale. Il fine che il Centro di Ricerca e Sperimentazione Metaculturale si propone di perseguire, così come riportato nel suo statuto, è favorire l affermazione, la diffusione e la valorizzazione dei principi di libertà, uguaglianza, pace e giustizia sociale, pari opportunità, rispetto delle diversità, tutela dei diritti umani e dei diritti dell infanzia, di solidarietà tra le generazioni e tra i gruppi sociali, della solidarietà sociale, umana, civile, culturale e di ricerca etica.

8 STRATEGIA DELL INTERVENTO La strategia dell'intervento utilizza il percorso logico creato attraverso la definizione degli obiettivi, generale e specifico, la prospettiva suggerita dalla formulazione dei risultati attesi e lo sviluppo delle singole attività che concorrono al raggiungimento sia dei risultati sia degli obiettivi stessi. a. Obiettivo generale dell intervento Concorrere al miglioramento del contesto sociale e della qualità della vita della popolazione del Municipio VI di Roma. Questo processo si innesca attraverso la costruzione di interventi di promozione umana, sociale ed economica rivolti a tutta la comunità e volti a creare un ambiente in cui i diritti umani sono rispettati, protetti e promossi. La difesa di una condizione sociale che, partendo dal rispetto dei diritti e salvaguardando le persone da eventuali stigmatizzazioni, potrà proporre uno scenario di opportunità e di crescita per tutta la comunità. b. Obiettivo specifico dell intervento Obiettivo specifico del progetto è quello di contribuire al miglioramento della qualità dei servizi socioassitenziali nel Municpio VI a favore di minorenni, giovani, adulti, persone in difficoltà. Il progetto ha come utilità sociale il miglioramento dei servizi socio-assistenziali all interno del territorio del Municipio VI di Roma e al sostegno dei nuclei familiari in situazioni di grave disagio economico e sociale nel quartiere di Tor Bella Monaca. Risultati Attesi I risultati attesi previsti dal progetto sono: d. Servizi di Accoglienza e Supporto alla Persona migliorati: - Migliorato il Servizio Accoglienza Infanzia; - Migliorato il Servizio di Consulenza - Intervento Psicologico; e. Migliorato il Servizio del Centro di Ascolto Caritas f. Migliorato il coinvolgimento della comunità e la relazione Genitori / Figli. Attività Spazi per l infanzia Una delle attività previste riguarda l'accoglienza diurna di bambini da 3 a 5 anni all interno di uno spazio attrezzato con strumenti tecnici ed operativi ed equipaggiato in maniera opportuna per iniziare il percorso pedagogico strutturato dagli Educatori Professionali e genitori volontari impegnati nell accoglienza. I bambini coinvolti, segnalati dai servizi territoriali, esclusi dalle graduatorie comunali per le scuole dell infanzia non avrebbero altrimenti accesso a tali servizi. Le attività interne al servizio riguardano: a. Assistenza quotidianità bambini accolti b. Accoglienza bisogni primari d. Coinvolgimento e Supporto alla Genitorialità e. Supporto Psicologico f. Laboratorio di Musicoterapia g. Report / Documentazione dei casi Nello specifico all interno della scuola per l infanzia si prevede di strutturare un Laboratorio di musicoterapia per l integrazione e l interazione di tutti i bambini, favorendo un percorso

9 particolareggiato per i bambini diversamente abili e con bisogni educativi speciali. L intervento vuole essere sia di carattere preventivo (inteso come il lavorare per il benessere psicofisico della persona) che integrativo, nel caso di presenza di bambini con vari disagi, dalle compromissioni biologiche (ritardo mentale, autismo, sindrome di Down) alle problematiche derivanti da appartenenza ad altre culture (rom, migranti), al disagio dovuto a problematiche familiari. L integrazione di bambini con esigenze educative specifiche è un processo in cui il bambino deve avere la possibilità di sviluppare e progredire a tutti i livelli: psicofisico, cognitivo, affettivo, motorio, relazionale verso l ambiente in cui si trova a crescere e nel quale dovrà trovare una collocazione il più possibile gratificante e autonoma. Attraverso questo percorso si cercherà il più possibile il coinvolgimento dei genitori, supportandoli proprio attraverso un percorso ad hoc sulle competenze genitoriali. Il Sostegno alla genitorialità è focalizzato sul coinvolgimento di entrambi i genitori, aiutando ciascuno di essi a valorizzare l altro come risorsa nella gestione dei problemi posti dai figli, sia a livello comportamentale che educativo. A questi interventi, nell ottica di integrazione perseguita dall intero progetto della parrocchia, lo psicologo affianca l osservazione dei bambini presso lo spazio per l infanzia; L attività di sportello Servizio di consulenza ed intervento psicologico offre una consultazione psicologica breve finalizzata ad orientare l individuo, la coppia o la famiglia in difficoltà. La metodologia di intervento, basata su un ottica sistemico-relazionale, utilizza colloqui clinici individuali, di coppia e familiari. Tale servizio si propone l intento di rispondere al bisogno della coppia genitoriale, del singolo genitore o del figlio per un sostegno professionale rispetto a varie forme di disagio che possono manifestarsi nel corso del ciclo di vita familiare. Obiettivo primario degli incontri è sostenere e riattivare le risorse individuali e relazionali, offrendo uno spazio ed un tempo di riflessione all interno del quale gli utenti possono riappropriarsi delle proprie competenze, affrontando con maggiore consapevolezza i compiti evolutivi che la particolare fase di crisi richiede. Centro di Ascolto Il Centro di Ascolto Caritas opera attraverso l accoglienza dei beneficiari delle singole persone o famiglie in difficoltà, cercando appunto attraverso un approccio empatico di entrare in contatto con loro. Dopo una prima analisi si passa dall'ascolto all Accoglienza: 1. Presa in carico del vissuto e dell anamnesi familiare delle situazioni di sofferenza cercando, dove possibile, di accompagnare le persone all interno di un percorso per affrontare le proprie difficoltà. 2. Individuare i bisogni e indirizzare i beneficiari verso soluzioni più efficaci attraverso servizi adeguati presenti sul territorio. 3. Sensibilizzazione e Coinvolgimento delle altre famiglie e di tutta la comunità per iniziare un percorso di solidarietà diffusa e di associazionismo tra le famiglie stesse. Attività ludico-ricreative per il coinvolgimento della comunità Laboratorio Giocoleria Teatro per adulti e bambini Percorsi di supporto alla genitorialità All interno del progetto saranno previste diverse attività integrative, promosse proprio per garantire un maggiore coinvolgimento di tutta la comunità. Sono già state sperimentate in diverse

10 occasioni attività di supporto opportunamente individuate per facilitare il dialogo e l intercultura. Un Animatore/Educatore in coordinamento con gli altri professionisti avrà il compito di strutturare attività sia per bambini che per adolescenti e adulti attraverso la comprovata esperienza nel settore. Spazi e Servizi Il progetto per una sua migliore realizzazione potrà utilizzare altri spazi e servizi che fanno parte della Parrocchia di S. Rita: Auditorium Biblioteca Bar Spazio Gioco Bimbi protetto Campi attrezzati: Calcio - Tennis - Basket Area Pattinaggio

ASS. INMEDIA ONLUS VILLAFRANCA TIRRENA (ME)

ASS. INMEDIA ONLUS VILLAFRANCA TIRRENA (ME) ASS. INMEDIA ONLUS VILLAFRANCA TIRRENA (ME) Anno scolastico 2013/2014 Proponente: Associazione INMEDIA ONLUS Sede legale: Via Consortile, 32 - Villafranca Tirrena (ME) Tel. 3480457173 e-mail: inmediaonlus@libero.it

Dettagli

Progetto di solidarietà sociale AFFIDAMENTO FAMILIARE: UNA FAMIGLIA PER OGNI BAMBINO

Progetto di solidarietà sociale AFFIDAMENTO FAMILIARE: UNA FAMIGLIA PER OGNI BAMBINO Progetto di solidarietà sociale AFFIDAMENTO FAMILIARE: UNA FAMIGLIA PER OGNI BAMBINO Ente proponente: Associazione Rimettere le Ali ONLUS Via di Prenestina 468 00171 Roma Indirizzato all attenzione di:

Dettagli

Azioni di sistema. FNPS 72.659,77 Totale 72.659,77

Azioni di sistema. FNPS 72.659,77 Totale 72.659,77 Comuni del Baianese: Avella Baiano Mugnano del C.le Quadrelle Sirignano Sperone Comuni del Vallo Lauro: Domicella Lauro Marzano di Nola Moschiano Pago del V.L. Quindici Taurano Ufficio di Piano Sede Via

Dettagli

Progetto V.A.I. Valorizzazione Accoglienza Integrata. Guida ai servizi degli Enti aderenti alla Rete. Centro di Orientamento dell Alto Friuli

Progetto V.A.I. Valorizzazione Accoglienza Integrata. Guida ai servizi degli Enti aderenti alla Rete. Centro di Orientamento dell Alto Friuli Centro di Orientamento dell Alto Friuli Azienda per i Servizi Sanitari n. 3 Alto Friuli Distretto Socio-sanitario n. 1 Distretto Socio-sanitario n. 2 C.I.C. Centro Informazione e Consulenza Dipartimento

Dettagli

AFFRONTARE INSIEME L AUTISMO Percorso di parent training

AFFRONTARE INSIEME L AUTISMO Percorso di parent training AFFRONTARE INSIEME L AUTISMO Percorso di parent training Premessa Le famiglie con un figlio disabile si differenziano dalle altre famiglie a partire dalla nascita del figlio: problemi di accettazione,

Dettagli

Genitori con la patente

Genitori con la patente Genitori con la patente Associazione di Promozione Sociale Via Don Tonino Bello, 20 00132 ROMA Iniziativa di SOSTEGNO ALLA GENITORIALITA E PRESIDIO PSICOLOGICO RELAZIONE DESCRITTIVA A cura di Dott.ssa

Dettagli

il Presidente della Cooperativa I Percorsi Maurizio Cavalli

il Presidente della Cooperativa I Percorsi Maurizio Cavalli Cooperativa SoCiale i percorsi è importante costruire ponti, reti, sinergie, lavorare per la creazione di comunità locali nelle quali mettere sempre più al centro la persona, svantaggiata o meno, nuova

Dettagli

Consulta DS per l infanzia e l adolescenza Gianni Rodari. Adozione e Affido Familiare Una famiglia per ogni bambino

Consulta DS per l infanzia e l adolescenza Gianni Rodari. Adozione e Affido Familiare Una famiglia per ogni bambino I figli non sono vostri figli. Sono i figli e le figlie della sete che di sé stessa ha la vita... Voi siete gli archi da cui i figli, come frecce vive, sono scoccate in avanti. L'Arciere vede il bersaglio

Dettagli

LA CARTA DEI SERVIZI

LA CARTA DEI SERVIZI Carta dei Servizi LA CARTA DEI SERVIZI La Carta dei Servizi è il principale strumento di un organizzazione per far conoscere i progetti che realizza, per informare sulle risorse e le attività a disposizione,

Dettagli

C O M U N E DI C A I V A N O. Provincia di Napoli SETTORE POLITICHE SOCIALI CORSO UMBERTO N. 413 80023 CAIVANO (NA) TEL. 0818800812/13 FAX 0818305224

C O M U N E DI C A I V A N O. Provincia di Napoli SETTORE POLITICHE SOCIALI CORSO UMBERTO N. 413 80023 CAIVANO (NA) TEL. 0818800812/13 FAX 0818305224 C O M U N E DI C A I V A N O Provincia di Napoli SETTORE POLITICHE SOCIALI CORSO UMBERTO N. 413 80023 CAIVANO (NA) TEL. 0818800812/13 FAX 0818305224 GUIDA AI SERVIZI 2011 Comune di Caivano - Guida ai Servizi

Dettagli

AMBITO TERRITORIALE SOCIALE di CASARANO. Regolamento sull Affido Familiare

AMBITO TERRITORIALE SOCIALE di CASARANO. Regolamento sull Affido Familiare CASARANO COLLEPASSO MATINO PARABITA RUFFANO SUPERSANO TAURISANO VISTI AMBITO TERRITORIALE SOCIALE di CASARANO Regolamento sull Affido Familiare la L.184/1983 Disciplina dell'adozione e dell'affidamento

Dettagli

Allegato B Strutture soggette a Dich. Inizio Attività (regol. di cui alla L.R. 11/2007 del C.S.S. Alta Irpinia)

Allegato B Strutture soggette a Dich. Inizio Attività (regol. di cui alla L.R. 11/2007 del C.S.S. Alta Irpinia) DENOMINAZIONE SERVIZIO 01 ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA CON SERVIZI SANITARI Il servizio di assistenza domiciliare integrata consiste in interventi da fornire ai cittadini al fine di favorire la permanenza

Dettagli

una grande famiglia modulo 1-31gennaio 2009 La famiglia nel sistema locale dei servizi alla persona docente Gabriele Di Bucchianico

una grande famiglia modulo 1-31gennaio 2009 La famiglia nel sistema locale dei servizi alla persona docente Gabriele Di Bucchianico una grande famiglia Corso di Formazione Le risorse per il ben-essere della famiglia, tra servizi di assistenza, strumenti di tutela e opportunità di integrazione nella comunità modulo 1-31gennaio 2009

Dettagli

AZIONI DI PROMOZIONE, FORMAZIONE E SOSTEGNO PER L AFFIDAMENTO e LA SOLIDARIETA FAMILIARE

AZIONI DI PROMOZIONE, FORMAZIONE E SOSTEGNO PER L AFFIDAMENTO e LA SOLIDARIETA FAMILIARE BORGO RAGAZZI DON BOSCO MOVIMENTO FAMIGLIE AFFIDATARIE e SOLIDALI PROGETTO AFFIDAMENTO FAMILIARE PROPOSTA DI PROSECUZIONE PROGETTO AZIONI DI PROMOZIONE, FORMAZIONE E SOSTEGNO PER L AFFIDAMENTO e LA SOLIDARIETA

Dettagli

Siamo qui per raccontarvi la storia di un progetto e la costruzione di un Opera. Il Punto di Partenza Società Cooperativa Sociale a.r.l.

Siamo qui per raccontarvi la storia di un progetto e la costruzione di un Opera. Il Punto di Partenza Società Cooperativa Sociale a.r.l. Siamo qui per raccontarvi la storia di un progetto e la costruzione di un Opera Il Punto di Partenza Società Cooperativa Sociale a.r.l. onlus IL PUNTO DI PARTENZA Società Cooperativa sociale a.r.l. ONLUS

Dettagli

COOPERAZIONEFAMIGLIE

COOPERAZIONEFAMIGLIE COOPERAZIONEFAMIGLIE Chi siamo La Cooperativa Sociale CAF nasce nel 2011 a Romano di Lombardia ( BG ) dalla filiazione dell Associazione di Volontariato Sociale CAF Centro Aiuto Famiglia, sorta nel 1986,

Dettagli

Educare alla solidarietà, scoprire il volontariato

Educare alla solidarietà, scoprire il volontariato Educare alla solidarietà, scoprire il volontariato Il progetto Educare alla solidarietà, scoprire il volontariato è nato in seguito ad un progetto pilota avviato durante l anno scolastico 1999/2000 e presentato

Dettagli

MADRE ANNUNCIATA COCCHETTI IL PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA

MADRE ANNUNCIATA COCCHETTI IL PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA SCUOLA PARITARIA dell INFANZIA e PRIMARIA MADRE ANNUNCIATA COCCHETTI IL PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA Chi è chiamato ad educare e ad animare educazione, deve offrire nutrimento, nascondendo la mano che

Dettagli

SINTESI SCHEDA PROGETTUALE BANDO SCN 2015

SINTESI SCHEDA PROGETTUALE BANDO SCN 2015 UFFICIO SERVIZIO CIVILE SINTESI SCHEDA PROGETTUALE BANDO SCN 2015 Titolo progetto AXIA FAMIGLIA - RETE INFORMATIVA Ambito/settore di intervento Settore E: Educazione e promozione culturale Area d intervento:

Dettagli

VOLONTARIATO, FILANTROPIA E BENEFICENZA

VOLONTARIATO, FILANTROPIA E BENEFICENZA VOLONTARIATO, FILANTROPIA E BENEFICENZA ORGANIZZAZIONE OPERA DI PADRE MARELLA Fondo straordinario di solidarietà da destinare al servizio mensa ANTONIANO DEI FRATI MINORI Fondo straordinario di solidarietà

Dettagli

IL PROGETTO NEONATI DELLA CITTA DI TORINO

IL PROGETTO NEONATI DELLA CITTA DI TORINO Corso finanziato dalla Provincia di Torino SEMINARIO IL PROGETTO NEONATI DELLA CITTA DI TORINO Storia e prospettive dell affidamento di bambini piccolissimi Considerazioni e questioni aperte, a partire

Dettagli

Regolamento. L affido è istituito e regolamentato dalla Legge N.184/83, dalla Legge N.149/01 e dalla D.G.R 79-11035 del 17.11.2003.

Regolamento. L affido è istituito e regolamentato dalla Legge N.184/83, dalla Legge N.149/01 e dalla D.G.R 79-11035 del 17.11.2003. Regolamento Premessa L affidamento familiare aiuta i bambini ed i ragazzi a diventare grandi, nutrendo il loro bisogno di affetto e di relazione con figure adulte che si prendano cura di loro, al fine

Dettagli

CBM MILANO SETTORE FORMAZIONE

CBM MILANO SETTORE FORMAZIONE CBM MILANO SETTORE FORMAZIONE Da quasi 30 anni istituzioni ed enti si rivolgono a CBM per avere risposta a bisogni di implementazione delle conoscenze, delle competenze e delle capacità degli operatori

Dettagli

nome progetto ambito d intervento ambito territoriale breve descrizione del progetto

nome progetto ambito d intervento ambito territoriale breve descrizione del progetto nome progetto ambito d intervento ambito territoriale breve descrizione del progetto Lottare contro i pregiudizi, sguardi diversi sulla disabilità 2014: Rete Bianca e Bernie Assistenza; Salute Associazione

Dettagli

Progetto TRA CASA E CITTA : PERCORSI DI INCLUSIONE SOCIALE

Progetto TRA CASA E CITTA : PERCORSI DI INCLUSIONE SOCIALE Progetto TRA CASA E CITTA : PERCORSI DI INCLUSIONE SOCIALE PREMESSA I concetti di cura e territorio sono al centro di iniziative ed interventi realizzati da più enti che aderiscono al sotto tavolo sulla

Dettagli

EDUCATIVA TERRITORIALE

EDUCATIVA TERRITORIALE EDUCATIVA TERRITORIALE L attivazione di questo servizio è subordinata al finanziamento della L. 285/97 (Disposizioni per la promozione di diritti e opportunità per l infanzia e l adolescenza). DEFINIZIONE

Dettagli

L Associazione Chiara Melle presenta il progetto educativo-formativo: terza edizione 2012

L Associazione Chiara Melle presenta il progetto educativo-formativo: terza edizione 2012 L Associazione Chiara Melle presenta il progetto educativo-formativo: terza edizione 2012 L Associazione Chiara Melle intende contribuire ad attivare nei genitori un processo di ricerca e di autoeducazione

Dettagli

Pronto Intervento Lule Carta dei servizi

Pronto Intervento Lule Carta dei servizi Pronto Intervento Lule Carta dei servizi Cooperativa sociale LULE onlus Sede legale: Via Novara 35-20081 Abbiategrasso (MI) Sede operativa: Via Novara 35-20081 Abbiategrasso (MI) tel (02) 94965244 tel

Dettagli

In Breve. n. 8/2011. I servizi alla persona: le unità di offerta sociali e socio sanitarie in Lombardia. Informativa Breve. I servizi per gli anziani

In Breve. n. 8/2011. I servizi alla persona: le unità di offerta sociali e socio sanitarie in Lombardia. Informativa Breve. I servizi per gli anziani Servizio Studi e Valutazione Politiche regionali Ufficio Analisi Leggi e Politiche regionali Dicembre 2011 Informativa Breve In Breve 8/2011 I servizi per gli anziani I servizi per la disabilità I servizi

Dettagli

GLI ADULTI GLI ADULTI. Domiciliarità Continuare a vivere nel proprio ambiente di vita, mantenendo la propria autonomia e evitando l'inserimento

GLI ADULTI GLI ADULTI. Domiciliarità Continuare a vivere nel proprio ambiente di vita, mantenendo la propria autonomia e evitando l'inserimento Carta BISOGNI BISOGNI GLI ADULTI GLI ADULTI Domiciliarità Continuare a vivere nel proprio ambiente di vita, mantenendo la propria autonomia e evitando l'inserimento in una struttura residenziale. Domiciliarità

Dettagli

LINEE GUIDA PER UNA RIFORMA

LINEE GUIDA PER UNA RIFORMA A S S E S S O R A T O A L L E P O L I T I C H E S O C I A L I E A L L O S P O R T DISCIPLINA DEL SERVIZIO PUBBLICO DI ASSISTENZA DOMICILIARE SOCIO-ASSISTENZIALE E DELL ACCREDITAMENTO DEI SOGGETTI EROGATORI

Dettagli

Sara Telasi. Educatore Sociale. Educatrice. Operatrice Volontaria ASD Verso ONLUS (Associazione Sportiva Dilettantistica Verso), Curtatone (MN)

Sara Telasi. Educatore Sociale. Educatrice. Operatrice Volontaria ASD Verso ONLUS (Associazione Sportiva Dilettantistica Verso), Curtatone (MN) INFORMAZIONI PERSONALI Sara Telasi POSIZIONE RICOPERTA Educatore Sociale ESPERIENZA PROFESSIONALE Dal 1/10/2014 Educatrice AIPD ONLUS sez. Mantova (Associazione Italiana Persone Down), Mantova. Club dei

Dettagli

Il contributo delle associazioni familiari all affermazione dei diritti dei minori

Il contributo delle associazioni familiari all affermazione dei diritti dei minori Il contributo delle associazioni familiari all affermazione dei diritti dei minori Annamaria Columbu, UBI MINOR 1994 alcune associazioni operanti in Toscana si incontrano per preparare la Conferenza Nazionale

Dettagli

LAUREA MAGISTRALE PSICOLOGIA CLINICA E DI COMUNITÀ

LAUREA MAGISTRALE PSICOLOGIA CLINICA E DI COMUNITÀ LAUREA MAGISTRALE PSICOLOGIA CLINICA E DI COMUNITÀ CLASSE LM 51 SECONDO CICLO: LICENZA O LAUREA MAGISTRALE IN PSICOLOGIA Il secondo ciclo di Licenza o Laurea Magistrale in Psicologia si propone di formare

Dettagli

Regolamento. Questo Servizio adotta il seguente regolamento:

Regolamento. Questo Servizio adotta il seguente regolamento: Regolamento L affidamento familiare aiuta i bambini ed i ragazzi a diventare grandi, nutrendo il loro bisogno di affetto e di relazione con figure adulte che si prendano cura di loro, al fine di diventare

Dettagli

COMUNE DI CISTERNA DI LATINA

COMUNE DI CISTERNA DI LATINA COMUNE DI CISTERNA DI LATINA MEDAGLIA D ARGENTO AL VALOR CIVILE REGOLAMENTO CENTRO DIURNO PER MINORI LA TARTARUGA INDICE CAP 1 - Principi generali Art. 1 Definizione del servizio Art. 2 Finalità e obiettivi

Dettagli

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INTRODUZIONE L Ordine degli Psicologi del Friuli Venezia Giulia e l Ufficio Scolastico Regionale, firmatari di un Protocollo d Intesa stipulato

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

Valle Imagna Villa d Almè. Azienda Territoriale per i Servizi alla Persona Azienda Speciale Consortile

Valle Imagna Villa d Almè. Azienda Territoriale per i Servizi alla Persona Azienda Speciale Consortile Valle Imagna Villa d Almè Azienda Territoriale per i Servizi alla Persona Azienda Speciale Consortile Comunità Familiare di Berbenno CARTA DEL SERVIZIO E PIANO EDUCATIVO GENERALE INTRODUZIONE La Carta

Dettagli

Il Centro CASA: un servizio socio-sanitario per le persone affette da HIV/AIDS

Il Centro CASA: un servizio socio-sanitario per le persone affette da HIV/AIDS Il Centro CASA: un servizio socio-sanitario per le persone affette da HIV/AIDS Maria Bona Venturi CENTRO C.A.S.A. AIDS Dipartimento delle Cure Primarie Azienda USL di Bologna 1 Il Centro C.A.S.A. (Centro

Dettagli

Guide per i cittadini

Guide per i cittadini PIANO DI ZONA AREA FAMIGLIA, INFANZIA ADOLESCENZA E MINORI Guida per i cittadini - Anno 2011 Guide per i cittadini S c h e d e P r o g e t t i Interventi Pablo Picasso Maternità INDICE Interventi di accesso,

Dettagli

LINEE GUID A SPAZIO NEUTRO

LINEE GUID A SPAZIO NEUTRO LINEE GUIDA SPAZIO NEUTRO La recente diffusione nei paesi occidentali delle pratiche di Luogo Neutro a sostegno del diritti dei bambini e degli adolescenti al mantenimento della relazione con i propri

Dettagli

TRA PREMESSO TUTTO QUANTO SOPRA PREMESSO OBIETTIVI DEL PROTOCOLLO:

TRA PREMESSO TUTTO QUANTO SOPRA PREMESSO OBIETTIVI DEL PROTOCOLLO: PROTOCOLLO D INTESA PER LA PROMOZIONE DI STRATEGIE CONDIVISE FINALIZZATE ALLA PREVENZIONE ED AL CONTRASTO DEL FENOMENO DELLA VIOLENZA NEI CONFRONTI DELLE DONNE. TRA La Prefettura di Modena, l Amministrazione

Dettagli

RICHIESTA DI ACCREDITAMENTO EVENTI FORMATICI PRESENTATA DAGLI ENTI

RICHIESTA DI ACCREDITAMENTO EVENTI FORMATICI PRESENTATA DAGLI ENTI Ordine Assistenti Sociali della Regione Campania Via Amerigo Vespucci, 9 sc. P int 823-80142 NAPOLI - RICHIESTA DI ACCREDITAMENTO EVENTI FORMATICI PRESENTATA DAGLI ENTI Agenzia/Soggetto proponente Sede

Dettagli

CENTRO RIABILITATIVO PSICOPEDAGOGICO IL TIMONE

CENTRO RIABILITATIVO PSICOPEDAGOGICO IL TIMONE CENTRO RIABILITATIVO PSICOPEDAGOGICO IL TIMONE Centro Riabilitativo Psicopedagogico Il Timone Vico San Luca 4/3 scala sn. 16123 GENOVA tel. 0102467774 P.Iva 03399250103 email: iltimone@libero.it Il Centro

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI SOCIALI

CARTA DEI SERVIZI SOCIALI CARTA DEI SERVIZI SOCIALI (ai sensi della L. n. 328/2000 e della L. R. n. 4/2007) Centro Diurno e Sostegno Educativo Domiciliare Aggiornata al Gennaio 2015 Consorzio C.S. Potenza CONFCOOPERATIVE FEDERSOLIDARIETA

Dettagli

TITOLO DEL PROGETTO: A.A.A. OPPORTUNITÀ DI CRESCITA CERCASI.

TITOLO DEL PROGETTO: A.A.A. OPPORTUNITÀ DI CRESCITA CERCASI. TITOLO DEL PROGETTO: A.A.A. OPPORTUNITÀ DI CRESCITA CERCASI. RAPPRESENTANTE LEGALE e REFERENTE RESPONSABILE DEL PROGETTO: Don Raffaele Panno (Responsabile Area Educativa Rimettere le ali del Borgo Don

Dettagli

METODOLOGIA Scuola dell infanzia La progettazione, l organizzazione e la valorizzazione degli spazi e dei materiali

METODOLOGIA Scuola dell infanzia La progettazione, l organizzazione e la valorizzazione degli spazi e dei materiali METODOLOGIA Scuola dell infanzia La scuola dell infanzia è un luogo ricco di esperienze, scoperte, rapporti, che segnano profondamente la vita di tutti coloro che ogni giorno vi sono coinvolti, infatti

Dettagli

SERVIZI DELLO STUDIO FARO

SERVIZI DELLO STUDIO FARO Accoglienza e ascolto della persona, delle famiglie e dei minori. Consulenza per arginare, gestire, migliorare e risolvere situazioni di crisi nelle relazioni tra coniugi, nelle relazioni genitori - figli.

Dettagli

ASSOCIAZIONE C.I.A.O. un ponte tra carcere, famiglia e territorio. Iniziativa NATALE INSIEME All interno del progetto Mamma, sempre e ovunque

ASSOCIAZIONE C.I.A.O. un ponte tra carcere, famiglia e territorio. Iniziativa NATALE INSIEME All interno del progetto Mamma, sempre e ovunque Unità d offerta accreditata dal Comune di Milano Assessorato Politiche Sociali e Cultura della Salute ASSOCIAZIONE C.I.A.O. un ponte tra carcere, famiglia e territorio Iniziativa NATALE INSIEME All interno

Dettagli

Carta dei Servizi del Consultorio UCIPEM Cremona- Fondazione ONLUS

Carta dei Servizi del Consultorio UCIPEM Cremona- Fondazione ONLUS Carta dei Servizi del Consultorio UCIPEM Cremona- Fondazione ONLUS Via Milano, 5/c 26100 Cremona Tel. 0372 20751/34402 Fax 0372-1960388 Codice fiscale 80011480193 Partita Iva 01273220192 mail: segreteria@ucipemcremona.it

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO AFFIDAMENTO FAMILIARE DEL COMUNE DI FIRENZE

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO AFFIDAMENTO FAMILIARE DEL COMUNE DI FIRENZE REGOLAMENTO DEL SERVIZIO AFFIDAMENTO FAMILIARE DEL COMUNE DI FIRENZE Premessa normativa Art.1 - Principi generali Art.2 - Tipologia e modalità di affidamento Art.3 - Durata dell affidamento Art.4 - Come

Dettagli

professionisti riconosciuti da:

professionisti riconosciuti da: professionisti riconosciuti da: riceve su appuntamento Tel: Dott.ssa Daniela Macrì: 347.5242433 Dott. Luca Oppici: 347.7176128 Dott.ssa Materdomine D Ancona: 347.6453538 Dott.ssa Michelle Mazzotti: 347.4139495

Dettagli

CURRICULUM DELL ASSOCIAZIONE

CURRICULUM DELL ASSOCIAZIONE CURRICULUM DELL ASSOCIAZIONE L'Associazione Bambini+Diritti ha per scopo l'elaborazione, la promozione, la realizzazione di progetti di solidarietà sociale, civile, culturale, caritativa tra cui l'attuazione

Dettagli

Interventi di prevenzione e promozione sociale

Interventi di prevenzione e promozione sociale Assistenziale aiuto e sostegno Sostegno psico-sociale Interventi integrativi e sostitutivi delle funzioni proprie del nucleo familiare Assistenza domiciliare Consultorio Mediazione familiare Tutela salute

Dettagli

1) MOTIVAZIONE SCOLASTICA: promuovere le risorse personali degli studenti per aiutarli a stare e andare bene a scuola.

1) MOTIVAZIONE SCOLASTICA: promuovere le risorse personali degli studenti per aiutarli a stare e andare bene a scuola. Passo dopo Passo Insieme supporta la motivazione scolastica dei preadolescenti, promuovendo percorsi che mettano al centro le risorse personali dei ragazzi e offrendo progetti di formazione e sensibilizzazione

Dettagli

L ANZIANO FRAGILE E LA RETE PER LA CONTINUITA ASSISTENZIALE. I servizi territoriali LECCO, 01.10.2010

L ANZIANO FRAGILE E LA RETE PER LA CONTINUITA ASSISTENZIALE. I servizi territoriali LECCO, 01.10.2010 L ANZIANO FRAGILE E LA RETE PER LA CONTINUITA ASSISTENZIALE I servizi territoriali LECCO, 01.10.2010 II QUADRO DEMOGRAFICO Dal Rapporto 2010 sulla non autosufficienza in Italia In Italia le persone con

Dettagli

INDICE N. SCHEDA DENOMINAZIONE DEL SERVIZIO /INTERVENTO

INDICE N. SCHEDA DENOMINAZIONE DEL SERVIZIO /INTERVENTO INDICE N. SCHEDA DENOMINAZIONE DEL SERVIZIO /INTERVENTO PAGINA 1 Asilo nido e altri servizi socio-educativi per la prima infanzia Pag.01 2 Servizi di conciliazione vita- lavoro Pag.03 3 Rete di Pronto

Dettagli

MEDIAZIONE FAMILIARE INCONTRI PROTETTI SOSTEGNO NELL AFFIDO

MEDIAZIONE FAMILIARE INCONTRI PROTETTI SOSTEGNO NELL AFFIDO Il servizio di mediazione e sostegno SMS, nei suoi diversi ambiti di applicazione ha come caratteristica la restituzione di responsabilità e di autodeterminazione alle parti del sistema famiglia che si

Dettagli

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA Ente proponente il progetto: CONGREGAZIONE SUORE ORSOLINE DEL SACRO CUORE DI MARIA Codice di accreditamento: NZ00039 Albo e classe

Dettagli

RUOLO, FUNZIONI, SERVIZI

RUOLO, FUNZIONI, SERVIZI RUOLO, FUNZIONI, SERVIZI Il tema della disabilità mette a prova tutti i passaggi dei cicli di vita delle persone. Attraverso le vicende biografiche di chi attraversa questa particolare condizione è possibile

Dettagli

PIANO DI EROGAZIONE 2015

PIANO DI EROGAZIONE 2015 Fondazione della Comunità di Monza e Brianza PIANO DI EROGAZIONE 2015 Giovedì 19 Marzo -ore 17 Casa del Volontariato - MONZA 1 Un ultimo sguardo al 2014 2 QUALCHE NUMERO sul 2014 996.000 17 patrocini euro

Dettagli

Politiche di contrasto della povertà e grave emarginazione: priorità di intervento

Politiche di contrasto della povertà e grave emarginazione: priorità di intervento 2.7 Politiche di contrasto della povertà e grave emarginazione: priorità di intervento Obiettivi di integrazione - Si rileva una disomogeneità nelle modalità di raccordo e collaborazione tra il Servizio

Dettagli

Guida per accedere al Servizio Civile Regionale

Guida per accedere al Servizio Civile Regionale Guida per accedere al Servizio Civile Regionale Per partecipare ai progetti di Servizio Civile Regionale di questo Comune, è necessario accedere al programma Garanzia Giovani. L accesso al programma è

Dettagli

Le attività di base essenziali per ogni tipologia di struttura e l apporto delle diverse professionalità nel lavoro di equipe

Le attività di base essenziali per ogni tipologia di struttura e l apporto delle diverse professionalità nel lavoro di equipe I CONFERENZA DELLA REGIONE LAZIO SULLA SALUTE MENTALE. 3 sessione IL GOVERNO CLINICO IN SALUTE MENTALE Le attività di base essenziali per ogni tipologia di struttura e l apporto delle diverse professionalità

Dettagli

Famiglie in salita Rapporto 2009 su povertà ed esclusione sociale in Italia a cura di Caritas Italiana - Fondazione Zancan

Famiglie in salita Rapporto 2009 su povertà ed esclusione sociale in Italia a cura di Caritas Italiana - Fondazione Zancan Famiglie in salita Rapporto 2009 su povertà ed esclusione sociale in Italia a cura di Caritas Italiana - Fondazione Zancan LOMBARDIA: sintesi di alcuni dati 1. IL PUNTO DI PARTENZA: UNO SGUARDO STORICO

Dettagli

PRIMAVERA ROMANÌ MANIFESTO POLITICO

PRIMAVERA ROMANÌ MANIFESTO POLITICO PRIMAVERA ROMANÌ MANIFESTO POLITICO Siamo giovani rom, sinti e non rom, italiani e stranieri. Molti di noi vengono da una storia di disagio, soprusi ed esclusione, ma non ci siamo fermati e non ci fermeremo.

Dettagli

CURRICULUM VITAE. Via dell Olio 18-00060 Formello (RM) Da settembre 2005 a tutt oggi

CURRICULUM VITAE. Via dell Olio 18-00060 Formello (RM) Da settembre 2005 a tutt oggi CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo NOEMI MONTANI Via dell Olio 18-00060 Formello (RM) E-mail noemi.montani@virgilio.it Nazionalità Italiana di nascita 10 novembre 1960 ESPERIENZA LAVORATIVA

Dettagli

Progetto di educazione alla salute e di promozione del benessere

Progetto di educazione alla salute e di promozione del benessere Progetto di educazione alla salute e di promozione del benessere Rivolto agli studenti della scuola secondaria di primo grado PREMESSE L educazione affettiva e relazionale dei giovani d oggi pone, a quanti

Dettagli

OCCUPIAMOCI! : SCELTI I PROGETTI PER DARE A 100 GIOVANI IN TUTTA ITALIA NUOVE OPPORTUNITÀ DI LAVORO

OCCUPIAMOCI! : SCELTI I PROGETTI PER DARE A 100 GIOVANI IN TUTTA ITALIA NUOVE OPPORTUNITÀ DI LAVORO OCCUPIAMOCI! : SCELTI I PROGETTI PER DARE A 100 GIOVANI IN TUTTA ITALIA NUOVE OPPORTUNITÀ DI LAVORO AREA TIROCINI FORMATIVI Luogo: Verona Nome progetto: INDIPENDENTI - JOB: azioni per l'inserimento professionale

Dettagli

Curriculum Vitae. Associazione Capodarco Roma Formazione Onlus

Curriculum Vitae. Associazione Capodarco Roma Formazione Onlus 1 Curriculum Vitae INFORMAZIONI PERSONALI Cognome e Nome Indirizzo MARTINA STEFANIA Via Cropalati 27-00178 - Roma Telefono 067180676-347.4935246 E-mail stmartina@libero.it Nazionalità Italiana Data di

Dettagli

SER.T SERVIZIO PUBBLICO PER LE TOSSICODIPENDENZE

SER.T SERVIZIO PUBBLICO PER LE TOSSICODIPENDENZE SER.T SERVIZIO PUBBLICO PER LE T.U. 309/90 e L.n.49/06 Prov.to30/10/07 (Conferenza stato/regioni) D.M.S. 444/90 e LR n.22/02 con relativi decreti Testo unico delle leggi in materia di disciplina degli

Dettagli

in collaborazione con BANDO 2013 UN ASILO NIDO PER OGNI BAMBINO Invito

in collaborazione con BANDO 2013 UN ASILO NIDO PER OGNI BAMBINO Invito in collaborazione con BANDO 2013 UN ASILO NIDO PER OGNI BAMBINO Invito Nel confermare il loro impegno di sviluppo e promozione sociale, la Fondazione aiutare i bambini Onlus ( Aiutare i Bambini ) e la

Dettagli

NIDI E SERVIZI PER L INFANZIA

NIDI E SERVIZI PER L INFANZIA NIDI E SERVIZI PER L INFANZIA Conoscere per governare 13 novembre 2013 Sala Polifunzionale Via Santa Maria in Via, 37 R o m a I servizi per la prima infanzia: il punto sulle Intese e il Piano di Azione

Dettagli

Progetto. Educazione alla salute e psicologia scolastica

Progetto. Educazione alla salute e psicologia scolastica Progetto Educazione alla salute e psicologia scolastica Il progetto di psicologia scolastica denominato Lo sportello delle domande viene attuato nella nostra scuola da sei anni. L educazione è certamente

Dettagli

PROGETTO DEL CENTRO SOCIO EDUCATIVO IL MELOGRANO

PROGETTO DEL CENTRO SOCIO EDUCATIVO IL MELOGRANO COMUNE DI SERRAVALLE PISTOIESE PROVINCIA DI PISTOIA PROGETTO DEL CENTRO SOCIO EDUCATIVO IL MELOGRANO Premessa La progettazione di un centro socio educativo sul territorio di Serravalle P.se nasce dall

Dettagli

SINTESI PROGETTO S.M.S. Scuola Sostegno, Motivazione e Successo

SINTESI PROGETTO S.M.S. Scuola Sostegno, Motivazione e Successo SINTESI PROGETTO S.M.S. Scuola Sostegno, Motivazione e Successo POR SARDEGNA 2000/2006 Misura 3.6 Azione 3.6.a Bando 2005/2006 Il progetto denominato SMS Scuola Sportello di ascolto, orientamento e informazione

Dettagli

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi Questo documento vuole essere una sintetica descrizione dei servizi e delle opportunità che i servizi sociali del Comune-tipo

Dettagli

Finalità Obiettivi Utenza Organizzazione Coordinamento

Finalità Obiettivi Utenza Organizzazione Coordinamento PROTOCOLLO D INTESA TRA L ASL DI BRESCIA E L AZIENDA SPECIALE CONSORTILE OVEST SOLIDALE PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO TUTELA MINORI INTERESSATI DA PROVVEDIMENTI DELLA MAGISTRATURA ANNO 2011 Premessa La

Dettagli

EDUCAZIONE ALLA SALUTE

EDUCAZIONE ALLA SALUTE ISTITUTO COMPRENSIVO GARIBALDI-LEONE TRINITAPOLI EDUCAZIONE ALLA SALUTE Anno scolastico 2015/2016 La salute è creata e vissuta dalle persone all interno degli ambienti organizzati della vita quotidiana:

Dettagli

IL SISTEMA DI WELFARE: TRA TAGLI E ASSENZA DI LIVEAS

IL SISTEMA DI WELFARE: TRA TAGLI E ASSENZA DI LIVEAS IL SISTEMA DI WELFARE: TRA TAGLI E ASSENZA DI LIVEAS Contributo del tavolo nazionale di collegamento affido al Convegno CNSA 4 marzo 2011 In occasione della Conferenza Nazionale sulla Famiglia tenutasi

Dettagli

SINTESI PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA GARANZIA GIOVANI

SINTESI PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA GARANZIA GIOVANI SINTESI PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA GARANZIA GIOVANI ENTE 1) Ente proponente il progetto: FONDAZIONE DI RELIGIONE ISTITUTO MARIA REGINA 2) Titolo del progetto: HANSEL

Dettagli

Comunità Alloggio Minori - WALDEN

Comunità Alloggio Minori - WALDEN Che cos'è la carta dei servizi? 1 di 10 La Carta dei Servizi è il principale strumento di un'organizzazione per far conoscere i progetti che realizza, per informare sulle risorse e le attività a disposizione,

Dettagli

Descrizione sintetica del progetto

Descrizione sintetica del progetto 1 PROGETTO PER LA REALIZZAZIONE DI UN CENTRO DI COUNSELING EDUCATIVO/ABILITATIVO A FAVORE DI SOGGETTI CON AUTISMO E DISTURBI GENERALIZZATI DELLO SVILUPPO Descrizione sintetica del progetto Progetto sperimentale

Dettagli

RELAZIONE ILLUSTRATIVA CORSO PROGETTO 2014

RELAZIONE ILLUSTRATIVA CORSO PROGETTO 2014 Allegato al Prot. n. 78357 del 14.3.2014 RELAZIONE ILLUSTRATIVA CORSO PROGETTO 2014 RAGAZZI IN COMUNITA Comprendere l adolescente per aiutarlo a crescere 5 incontri di formazione e aggiornamento per Educatori

Dettagli

Fa La Cosa Giusta Fieramilanocity 30 marzo 1 aprile 2012 IL GRUPPO COOPERATIVO NAZIONALE CGM PER LA PRIMA VOLTA PARTNER DI FA LA COSA GIUSTA

Fa La Cosa Giusta Fieramilanocity 30 marzo 1 aprile 2012 IL GRUPPO COOPERATIVO NAZIONALE CGM PER LA PRIMA VOLTA PARTNER DI FA LA COSA GIUSTA Fa La Cosa Giusta Fieramilanocity 30 marzo 1 aprile 2012 IL GRUPPO COOPERATIVO NAZIONALE CGM PER LA PRIMA VOLTA PARTNER DI FA LA COSA GIUSTA CONSORZI E COOPERATIVE SOCIALI ESPORRANNO, IN UNO STAND DI 90MQ,

Dettagli

SERVIZI SOCIALI A cura di Ivan Alborghetti Assessore alle Politiche sociali

SERVIZI SOCIALI A cura di Ivan Alborghetti Assessore alle Politiche sociali SERVIZI SOCIALI A cura di Ivan Alborghetti Assessore alle Politiche sociali Il settore dei servizi sociali comprende varie aree: anziani, handicap, minori, disagio. AREA ANZIANI L'assistenza alle persone

Dettagli

PIANO DELLE POLITICHE PER LA FAMIGLIA E DEL WELFARE COMUNITARIO SOMMARIO

PIANO DELLE POLITICHE PER LA FAMIGLIA E DEL WELFARE COMUNITARIO SOMMARIO ALLEGATO ALLA DELIBERAZIONE DI C.C. DEL COMUNE DI BRESCIA IN DATA 30.5.2012 N. 101/91267 P.G. COMUNE DI BRESCIA PIANO DELLE POLITICHE PER LA FAMIGLIA E DEL WELFARE COMUNITARIO SOMMARIO PARTE PRIMA 1. PRINCIPI

Dettagli

REGIONE PUGLIA P.O. FESR 2007-2013. I servizi per l infanzia. Roma 27 ottobre 2011

REGIONE PUGLIA P.O. FESR 2007-2013. I servizi per l infanzia. Roma 27 ottobre 2011 REGIONE PUGLIA P.O. FESR 2007-2013 Politiche nel campo dell inclusione sociale I servizi per l infanzia Roma 27 ottobre 2011 1 LE PRIORITA DEL WELFARE PUGLIESE Rimettere le persone al centro delle politiche

Dettagli

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA ENTE 1) Ente proponente il progetto: ASSOCIAZIONE PENELOPE Coordinamento Solidarietà Sociale 2) Codice di accreditamento: NZ00321

Dettagli

INDICE. Nella Programmazione Didattica, suddivisa per campi di esperienza, si potranno trovare: - L INTRODUZIONE, che motiva le scelte educative;

INDICE. Nella Programmazione Didattica, suddivisa per campi di esperienza, si potranno trovare: - L INTRODUZIONE, che motiva le scelte educative; INDICE Nella Programmazione Didattica, suddivisa per campi di esperienza, si potranno trovare: - L INTRODUZIONE, che motiva le scelte educative; - LE LINEE DI METODO, che individuano le esperienze di apprendimento,

Dettagli

Curriculum Vitae Europeo. Livia Nascimben. Esperienza professionale

Curriculum Vitae Europeo. Livia Nascimben. Esperienza professionale Curriculum Vitae Europeo Livia Nascimben Settore di competenza Psicologia Esperienza professionale Date Da 06/09/2009 al 17/04/2015 Nome del datore di lavoro Ospedale Fatebenefratelli e Oftalmico di Milano

Dettagli

Un anno straordinario

Un anno straordinario Un anno straordinario L Albero della Vita L Albero della Vita è un organizzazione umanitaria che opera dal 1997 a sostegno dell infanzia in Italia e in alcuni Paesi in Via di Sviluppo, realizzando attività

Dettagli

L'approccio iniziale all esperienza nella struttura educativa sarà quindi interpretato nel rispetto dei principi di "gradualità" e "continuità".

L'approccio iniziale all esperienza nella struttura educativa sarà quindi interpretato nel rispetto dei principi di gradualità e continuità. 1 Accogliere un bambino in un servizio educativo per la prima infanzia, significa accogliere tutta la sua famiglia, individuando tutta una serie di strategie di rapporto fra nido/centro gioco e casa, volte

Dettagli

1. Quali sono le procedure per aprire una struttura che presta servizi socioassistenziali? 3. Quali sono le strutture socioassistenziali per minori?

1. Quali sono le procedure per aprire una struttura che presta servizi socioassistenziali? 3. Quali sono le strutture socioassistenziali per minori? 1. Quali sono le procedure per aprire una struttura che presta servizi socioassistenziali? Le procedure per aprire una struttura socioassistenziale sono definite dalla normativa regionale. Il rappresentante

Dettagli

SINTESI SCHEDA PROGETTUALE BANDO SCN 2015

SINTESI SCHEDA PROGETTUALE BANDO SCN 2015 UFFICIO SERVIZIO CIVILE SINTESI SCHEDA PROGETTUALE BANDO SCN 2015 Titolo progetto Trieste Naturalmente bimbi Ambito/settore di intervento Tipologia destinatari N. giovani in servizio civile richiesti Coop

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O

F O R M A T O E U R O P E O F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome CASTRICA SIMONETTA Indirizzo studio VIA DI TOR FIORENZA, 38 00199 ROMA Telefono 347 7132846 Fax E-mail simonettacastrica@psiconauti.it

Dettagli

Reddito di autonomia: determinazioni in merito a misure a sostegno della famiglia per favorire il benessere e l'inclusione sociale.

Reddito di autonomia: determinazioni in merito a misure a sostegno della famiglia per favorire il benessere e l'inclusione sociale. Deliberazione Giunta Regionale 8 ottobre 2015 n. 10/4152 Reddito di autonomia: determinazioni in merito a misure a sostegno della famiglia per favorire il benessere e l'inclusione sociale. (Lombardia,

Dettagli

Diana Dimonte. L affido: dall infanzia all adolescenza, un percorso alternativo. Un aiuto per capire, crescere, ritrovarsi

Diana Dimonte. L affido: dall infanzia all adolescenza, un percorso alternativo. Un aiuto per capire, crescere, ritrovarsi L affido: dall infanzia all adolescenza, un percorso alternativo Un aiuto per capire, crescere, ritrovarsi In occasione del Convegno sull affido Genitori di scorta si nasce o si diventa? - Strade e percorsi

Dettagli

Infermieristica della salute mentale. Corso di Laurea in infermieristica A.A. 2014/2015 Dr. Gianfranco Preiti

Infermieristica della salute mentale. Corso di Laurea in infermieristica A.A. 2014/2015 Dr. Gianfranco Preiti Infermieristica della salute mentale Corso di Laurea in infermieristica A.A. 2014/2015 Dr. Gianfranco Preiti Le competenze dell infermiere in psichiatria e all interno dell equipe multi professionale La

Dettagli