PIANO DELL'OFFERTA FORMATIVA ANNO SCOLASTICO 2011/2012

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PIANO DELL'OFFERTA FORMATIVA ANNO SCOLASTICO 2011/2012"

Transcript

1 Anno scolastico 2011/2012 Macrino C.so Europa,1 - Alba PIANO DELL'OFFERTA FORMATIVA ANNO SCOLASTICO 2011/2012 FINALITA EDUCATIVE La Scuola Secondaria di primo grado accoglie gli studenti nel periodo del passaggio dalla fanciullezza all adolescenza, ne prosegue l orientamento educativo, eleva il livello di educazione e di istruzione personale di ciascun cittadino e generale di tutto il popolo italiano, accresce le capacità di partecipazione e di contributo ai valori della cultura e della civiltà e costituisce, infine, la premessa indispensabile per l ulteriore impegno dei ragazzi nel secondo ciclo di istruzione e di formazione (dalle Indicazioni Nazionali per i Piani di studio personalizzati). La Scuola Media Macrino tende al raggiungimento di queste finalità mediante il Piano dell Offerta Formativa, nel quale vengono esplicitati gli obiettivi educativi e didattici, le scelte metodologiche, le attività curricolari e integrative, i modelli organizzativi ed i servizi di supporto forniti agli utenti. La scuola offre occasioni per la formazione di un preadolescente: aperto al confronto e al dialogo con le persone, a qualsiasi ambiente culturale, sociale, religioso esse appartengano; solidale verso i più deboli, verso tutti coloro che vivono in situazioni di svantaggio; aperto ai valori etico-religiosi universali, alla conoscenza e alla valorizzazione delle diverse culture e tradizioni; rispettoso dell ambiente e delle regole di vita civile; autonomo negli impegni scolastici e nelle scelte individuali; capace di sviluppare e di utilizzare le proprie capacità ed attitudini secondo un progetto di vita personale. OBIETTIVI DIDATTICI GENERALI Una società complessa e in rapida evoluzione, qual è quella in cui viviamo, richiede alla scuola un adeguamento dei contenuti e delle metodologie didattiche, che punti non tanto sull acquisizione di nozioni e conoscenze prevalentemente mnemoniche e strettamente disciplinari, quanto piuttosto sull acquisizione di competenze trasversali relative ad aree o ambiti cognitivi più ampi. Obiettivo comune delle diverse aree sarà l acquisizione di un metodo di studio autonomo. Tale competenza, nel percorso triennale, dovrà diventare personalizzata e dinamica, applicabile all evoluzione del sapere ed alle diverse discipline fino a raggiungere l abilità di autoapprendimento anche in contesti non scolastici. Area della comunicazione In questo ambito l allievo dovrà acquisire la capacità di ascoltare e comprendere i contenuti di vari tipi di messaggi, interpretando ed utilizzando in modo appropriato codici diversi (verbale, mimico, gestuale, iconico, grafico, pittorico, plastico, musicale e informatico), di esprimersi nella propria lingua e in due lingue straniere in modo corretto. La programmazione pertanto si fonderà il più possibile su moduli interdisciplinari, permettendo ai ragazzi di ampliare i propri orizzonti culturali nel rispetto delle diversità individuali. 1

2 Area storico-geografica e delle scienze sociali. L alunno sarà guidato a cogliere nell evoluzione della storia non solo gli eventi, ma anche le relazioni causa-effetto, gli aspetti socio-economici, le relazioni tra scienze della natura e mondo sociale, la produzione artistico-culturale, i progressi tecnologico-scientifici. Saranno sviluppate quindi unità didattiche a carattere interdisciplinare che consentiranno all alunno una visione globale delle epoche storiche e delle aree geografiche considerate. Verrà valorizzata l educazione civica, finalizzandola alla formazione di un cittadino critico e responsabile. Area artistico-espressiva Per favorire la maturazione espressiva e comunicativa degli alunni, la scuola attribuisce importanza alla padronanza e all uso consapevole dei linguaggi artistici più svariati (grafico, musicale, gestuale), promuovendo così la conoscenza e la fruizione del patrimonio artistico e culturale della civiltà umana del passato e del presente. Intende aiutare altresì il preadolescente ad orientarsi in un mondo della comunicazione sempre più caratterizzato dalla multimedialità. Area matematico-scientifico-tecnica Gli obiettivi fondamentali di tale area disciplinare consisteranno nell acquisizione di un linguaggio tecnico-scientifico e di un metodo di lavoro che favorisca un apprendimento rispondente a criteri progettuali. Si promuoverà dunque l acquisizione della capacità di "problem solving", di ideazione e di progettazione, di raccolta ed interpretazione di dati, trasferendo l applicazione di tali metodologie anche in altri ambiti. Dall anno scolastico 2004/05 tra le attività curriculari è stato introdotto lo studio dell informatica Area motoria Obiettivo primario delle Scienze Motorie e Sportive è concorrere allo sviluppo psico-motorio equilibrato e graduale dei preadolescenti. Si porteranno gli allievi ad individuare le proprie potenzialità, cercando di migliorarle, a riconoscere i vantaggi che provengono da una costante attività fisica, a conoscere le regole della pratica ludico-sportiva intesa nel suo più ampio valore educativo di corretta competizione con se stessi e con gli altri. In collaborazione con altre materie saranno proposte tematiche interdisciplinari come l educazione stradale, ambientale e alla sicurezza. Area dell educazione alla convivenza civile Gli obiettivi relativi a quest area sono trasversali a tutte le discipline, in quanto riguardano la sfera relazionale ed emotiva che sta alla base di ogni rapporto educativo. Gli alunni saranno guidati verso la consapevolezza di essere titolari di diritti ma anche soggetti a doveri per lo sviluppo qualitativo della vita civile. In questa prospettiva si educheranno alla responsabilità e al rispetto delle regole comportamentali che, insieme, saranno formulate e condivise. Si educherà al dialogo, all accoglienza, alla valorizzazione delle diversità, alla capacità di gestire i conflitti in modo creativo e nonviolento; si punterà al rispetto e alla custodia dell ambiente; saranno promosse iniziative di educazione alla salute e alla sicurezza. METODI E STRUMENTI Finalità ed obiettivi vengono perseguiti attraverso un organizzazione delle attività didattiche ed educative attenta ai bisogni degli alunni ed aperta all innovazione, che si avvale di vari strumenti, quali: lezioni frontali; lavori di gruppo (da realizzarsi mediante flessibilità didattica con classi aperte e gruppi di livello); libri di testo; sussidi didattici vari (audiocassette, videocassette, lavagna luminosa, videocamera, quotidiani, giornali, carte geografiche, CD rom, DVD, Internet, ecc.); attività nei laboratori; interventi di esperti; visite guidate, soggiorni di studio e viaggi d istruzione; utilizzo di tecniche multimediali finalizzate all apprendimento di tutte le discipline, alla raccolta ed elaborazione dei dati, alla produzione di testi in lingua madre ed in lingua straniera, al collegamento con il mondo del lavoro; collaborazione con Enti locali, Servizi sociali ed altre istituzioni: Ufficio comunale Informagiovani, per le attività di orientamento, Ufficio stranieri e Ufficio Pace, per garantire l integrazione degli allievi stranieri, sempre in numero crescente, e per educare gli adolescenti al senso di giustizia sociale e solidarietà verso i più deboli; 2

3 collaborazione con il Museo civico Eusebio e con il Teatro Sociale, per ampliare ed approfondire le conoscenze storico-scientifiche, espressive e culturali offerte dal territorio; PATTO DI CORRESPONSABILITA E un patto che regola i rapporti tra le diverse componenti della scuola: docenti, alunni e genitori. La Scuola assicura di svolgere efficacemente il suo ruolo educativo e didattico: agli allievi è richiesto l impegno a raggiungere i traguardi prefissati, ai genitori un apporto costruttivo e sereno. Ciascuno ha un ruolo attivo specifico e precise responsabilità, ossia diritti e doveri. Il Patto di corresponsabilità, elaborato e condiviso con gli allievi, viene discusso e presentato ai genitori nella prima assemblea di classe. Nell ambito del progetto Antidispersione al fine di garantire il diritto allo studio, su proposta del Consiglio di Classe, in accordo con la famiglia ed i Servizi Socio-assistenziali, è possibile stipulare contratti formativi individualizzati per alunni con particolari situazioni di disagio sociale e personale; i contratti individualizzati prevedono un orario minimo di frequenza di 24 ore settimanali; limitatamente ai nomadi si può prescindere dall orario minimo. VALUTAZIONE DEGLI ALLIEVI Il processo valutativo degli allievi non è solo misurazione del profitto, ma possiede valenza formativa, in quanto fornisce all alunno una serie di informazioni che possono orientarlo nel suo percorso educativo, evidenziando non solo i risultati conseguiti, ma anche le situazioni da migliorare, gli obiettivi ancora da raggiungere, i mezzi e le finalità per poterlo fare. Poiché nella fase iniziale gli alunni presentano preparazione di base ed abilità eterogenee, i Consigli di Classe prevedono per ogni alunno o gruppi di alunni obiettivi diversificati, adattati alle singole capacità, ed attivano i relativi piani di intervento. La valutazione terrà conto, oltre che della preparazione oggettiva, anche del percorso di apprendimento compiuto individualmente. Per gli alunni in difficoltà e per i portatori di handicap vengono progettati piani educativi individualizzati; a tutti comunque viene offerta l opportunità, nell ambito delle attività curricolari o integrative, di sviluppare interessi, attitudini, di consolidare e potenziare abilità. Compatibilmente con le risorse di personale e finanziarie disponibili, sono attuati interventi di recupero, sostegno e approfondimento. La situazione di partenza dell alunno viene valutata per mezzo di test di ingresso e verifiche, opportunamente preparate, secondo indicatori sia disciplinari sia trasversali. Attraverso osservazioni sistematiche sono verificati "in itinere" i progressi consolidati rispetto ai livelli di partenza. Viene valutato sulla scheda quadrimestrale il livello di apprendimento raggiunto dall allievo nelle diverse discipline mediante un voto numerico ed eventualmente un giudizio esplicativo; viene inoltre formulato un giudizio globale in cui sono considerati l interesse, l impegno, la partecipazione alle attività didattiche, il comportamento, il metodo di lavoro, la capacità di collegamento e di rielaborazione delle conoscenze, il grado di raggiungimento degli obiettivi prefissati. Parallelamente viene stimolata negli alunni la capacità di autovalutazione delle proprie possibilità, dei progressi compiuti, delle difficoltà e delle inadeguatezze. OFFERTA FORMATIVA Modelli organizzativi L introduzione della Riforma degli ordinamenti scolastici, di cui alla legge n.53 e successive modifiche, determina per l anno scolastico 2009/10 la coesistenza di diversi modelli didattico-organizzativi. CLASSI PRIME Sede Centrale 4 classi con 36 ore settimanali, con orario prolungato 1 classe con 30 ore settimanali, Le lezioni del tempo prolungato sono distribuite in orario antimeridiano dal lunedì al sabato, con un rientro pomeridiano di 3 ore il martedì ed uno facoltativo di 2 ore il venerdì.il tempo normale è distribuito in orario antimeridiano dal lunedi al sabato. 3

4 Disciplina Orario prolungato Orario normale Italiano, Storia, Geografia 11 9 Matematica, Scienze 7 6 Tecnologia (Informatica) 2 2 Inglese Lingua comunitaria 2 2 Arte e immagine 2 2 Musica 2 2 Scienze motorie e sportive 2 2 Religione cattolica 1 1, Sostegno ed approfondimento di italiano e 2 1 matematica Mensa 2 TOTALE Sedi associate di Mussotto e Monticello 3 classi (in totale) con 32 ore settimanali Le lezioni sono distribuite in orario antimeridiano dal lunedì al sabato, con un rientro pomeridiano di 2 ore, il martedì a Mussotto, il mercoledì a Monticello. Disciplina Orario normale Italiano, Storia, Geografia 9 Matematica, Scienze 6 Tecnologia (Informatica) 2 Inglese 3 2 Lingua comunitaria 2 Arte e immagine 2 Musica 2 Scienze motorie e sportive 2 Religione cattolica 1, Sostegno ed approfondimento di italiano e matematica 1 Mensa TOTALE 30 CLASSI SECONDE Sede Centrale 1 classe a tempo normale con 30ore settimanali 6 classi a tempo prolungato con 36 ore settimanali L orario prevede un rientro pomeridiano di 3 ore il martedì, corsi di sostegno di matematica di 2 ore il giovedì.oppure laboratori facoltativi artistico -espressivi. Sedi associate di Mussotto e Monticello 3 classi (in totale) con 30 ore settimanali CLASSI TERZE Sede Centrale 1 classe a tempo normale con 30 ore settimanali 4 classi a tempo prolungato con 36 ore settimanali L orario prevede un rientro pomeridiano il martedì Sedi associate di Mussotto e Monticello 4 classi (in totale) con 30 ore settimanali 4

5 CONTENUTI E PROGETTI PROGETTI ED ATTIVITA CHE COINVOLGONO TUTTO L ISTITUTO Progetto Nuova scienza Vedi Progetto allegato (inviato alla fondazione CRC per il Bando innovazione didattica 2009 progetti formativi) Introduzione generalizzata dello studio dell informatica in orario curricolare Attivazione di uno sportello di ascolto per gli alunni Partecipazione a concerti e spettacoli teatrali Attività di educazione interculturale, con l'intervento di mediatori culturali, in collaborazione con l'ufficio Stranieri del Comune di Alba in base al Protocollo di Accoglienza per gli alunni stranieri Avviamento alla pratica sportiva e partecipazione ai Giochi sportivi studenteschi : Corsa campestre - Atletica leggera - Giochi di squadra PROGETTI ED ATTIVITA CHE COINVOLGONO PARZIALMENTE LE CLASSI DELL ISTITUTO Lingue straniere Attività pratiche legate ad usi e costumi delle civiltà studiate Corrispondenza in lingua Inglese e Francese con classi straniere Partecipazione a spettacoli teatrali in lingua straniera Informatica e multimedialità Classi 1 e 2 Partecipazione a concorsi e mostre con elaborati multimediali Laboratori pomeridiani facoltativi di informatica Classi 3 Corso di informatica (utilizzo dei servizi di Internet) in orario curricolare I corsi previsti per le diverse classi hanno l obiettivo di fornire agli alunni le competenze di base che, sotto la guida dei docenti, vengono utilizzate nelle attività didattiche ordinarie e nella realizzazione di specifici progetti. Laboratori pomeridiani facoltativi di informatica musicale e grafica al computer o Educazione ambientale e studio del territorio Classi 1 Studio delle problematiche legate al riciclaggio dei rifiuti Studio delle testimonianze storico-artistiche del territorio Classi 2 Studio delle risorse e dei servizi dei Comuni di riferimento Studio delle testimonianze storico-artistiche e delle caratteristiche naturali del territorio con riferimento alle tecniche colturali dell agricoltura Classi 3 Visite ad aziende locali e studio delle attività economiche tipiche del territorio Energia e ambiente: problematiche e soluzioni alternative; inquinamento e sviluppo sostenibile o Educazione alla salute Classi 1 Giornate dell accoglienza e iniziative di socializzazione Educazione al ben-essere e prevenzione del disagio Progetto Sicurezza in casa (in collaborazione con l ASL) Classi 2 Attività di educazione alimentare Educazione al ben-essere e prevenzione del disagio Attività di prevenzione delle dipendenze ( fumo, alcool,..) Attività di educazione alla conoscenza di sé e all'affettività 5

6 Attività di educazione alla scelta Classi 3 Attività di educazione alla conoscenza di sé e all'affettività. Educazione al ben-essere e prevenzione del disagio: pericoli connessi all abuso dell alcool; alta velocità e mancato uso dei dispositivi di sicurezza alla guida Attività di orientamento o Laboratori espressivi Partecipazione a mostre e concorsi Allestimento di spettacoli e recite Laboratorio per la comprensione del linguaggio cinematografico (Classi 2 e 3 ) Laboratori pomeridiani di creta (Classi 1 ); di es pressione corporea (Classi 1 e 2 ) Laboratori pomeridiani di fotografia 3D Realizzazione di giornalini e pubblicazioni scolastiche Laboratorio di approfondimento di lingua inglese Corso di avviamento allo studio del Latino (classi terze) o Educazione alla cittadinanza e ai diritti umani Tutte le classi Attività di educazione alla pace e alla solidarietà, in collaborazione con l'ufficio Pace del Comune di Alba Adozioni a distanza ( Monticello) Attività di educazione alla cittadinanza europea Educazione al consumo consapevole Commercio equo e solidale Attivazione Laboratori Lingua 2 o Scambi e gemellaggi N. 2 classi seconde: Corrispondenza con la Scuola Media di Caltrano (VI) o Attività sportive/educazione alla sicurezza Classi 1 Corso di nuoto Corso introduttivo di vela Classi 2 Trekking nel Roero Educazione stradale : segnaletica e regole Corso di nuoto ( Monticello) Corso di tennis Classi 3 Corso di tennis Educazione stradale: corsi di preparazione per il conseguimento dell idoneità alla guida del ciclomotore, ai sensi dell art. 6 del Decr. Leg.vo del L ampia gamma dei progetti sopra enunciati è l espressione complessiva delle proposte elaborate in sede di programmazione annuale dai diversi Consigli di classe e dai tre plessi scolastici (Sede di Alba, Mussotto e Monticello) in cui si articola l Istituto. Ai singoli Consigli di classe compete la scelta dei progetti da realizzare, tra quelli esposti. Ulteriori attività ed iniziative potranno essere realizzate nel corso dell anno, se ritenute didatticamente significative. VISITE E VIAGGI DI ISTRUZIONE Le visite di istruzione, che vengono svolte in orario scolastico o comunque nell arco di una giornata, costituiscono parte integrante dell attività didattica e sono programmate dai Consigli di Classe, tenendo conto delle proposte dei docenti delle diverse materie. 6

7 Per non gravare eccessivamente sui bilanci delle famiglie, il Consiglio di Istituto fissa annualmente un limite massimo di spesa per ciascuna classe, prevedendo comunque contributi a carico del bilancio della Scuola per i meno abbienti. Per l anno scolastico il limite viene fissato il 80 complessivi per i viaggi di un giorno ed in 130 complessivi per i viaggi di 2 giorni. Le visite didattiche ed i viaggi di istruzione sono regolamentati dagli artt. 21 e seguenti del Regolamento di Istituto. ATTIVITA DI INTEGRAZIONE, SOSTEGNO, RECUPERO Le attività di integrazione, sostegno, recupero a favore di alunni svantaggiati (portatori di handicap, alunni con difficoltà di apprendimento, socialmente e culturalmente sfavoriti) vengono programmate e gestite dai Consigli di classe ricorrendo, compatibilmente con le risorse professionali disponibili, a forme di flessibilità didattica e organizzativa quali attività a piccoli gruppi, recupero individualizzato e laboratori (grafico-espressivi, teatrali, alimentazione e cucina, orto-botanica, creta ). Finalità comuni: - recupero e potenziamento delle abilità e delle competenze di base attraverso esperienze di tipo operativo motivanti e coinvolgenti; - acquisizione di una maggiore conoscenza di sé, delle proprie potenzialità e delle varie modalità di comunicazione; - capacità di valutazione e di autovalutazione del proprio modo di agire, di comunicare, di relazionarsi; - capacità di rapportarsi con le istituzioni e con le autorità; - assunzione di responsabilità; - conoscenza e interazione con il territorio, anche ai fini dell orientamento. Le attività di sostegno individualizzato agli alunni portatori di handicap vengono svolte nel rispetto dei seguenti criteri: - l attività di sostegno viene programmata e gestita dal Consiglio di classe; - l insegnante di sostegno rappresenta una risorsa per l intera classe; - per i soggetti più gravi, obiettivi primari sono l integrazione sociale e l acquisizione delle autonomie fondamentali; - gli insegnanti di sostegno lavorano prevalentemente all interno della classe, interagendo con i colleghi; le attività individualizzate sono finalizzate al recupero e al potenziamento di specifiche abilità e vengono comunque socializzate e opportunamente valorizzate e valutate dagli insegnanti di classe. La Scuola aderisce al progetto HRETEALBA che coinvolge i tre Circoli Didattici e le due Scuole Medie di Alba, partecipando alle iniziative di formazione e alle intese finalizzate a rendere effettiva la continuità educativa tra i diversi ordini scolastici. Su proposta del Consiglio di Classe, con un orario minimo di frequenza pari a 24, possono essere avviati progetti personalizzati, in accordo con la famiglia e i Servizi Sociali, se operanti, per alunni con particolari situazioni di disagio sociale e personale. SERVIZI AGGIUNTIVI Mensa: una o due volte la settimana, nei giorni di rientro pomeridiano, con servizio di accompagnamento ed assistenza da parte degli insegnanti presso la Mensa Comunale (Sede); Servizio pre-scuola: nei mesi invernali per gli alunni che usufruiscono dei mezzi pubblici di trasporto e dei pulmini scolastici: presso la sede con anticipo massimo di 25 minuti con assistenza dei collaboratori scolastici, a Monticello con assistenza di personale docente. FORMAZIONE ED AGGIORNAMENTO Ai fini della realizzazione del progetto formativo, la professionalità docente riveste un ruolo decisivo, pertanto la Scuola favorisce la partecipazione alle iniziative di formazione ed aggiornamento promosse dall Amministrazione scolastica, da Enti ed Agenzie accreditati, e ne organizza in proprio o in rete con altri Istituti, in sintonia con le scelte e gli orientamenti espressi dal POF. E prevista la partecipazione a corsi: sui temi dello sviluppo delle nuove tecnologie applicate alla didattica delle varie discipline; sui temi della globalizzazione, della pedagogia e didattica interculturale, dell educazione alla gestione nonviolenta dei conflitti sui temi della dislessia e disgrafia sui temi dell orientamento e delle discipline orientative di autoaggiornamento su tematiche specifiche relative ai diversi ambiti disciplinari. 7

8 Sono previsti azioni ed indicatori per valutare l efficienza delle procedure e degli strumenti attivati. Per quanto concerne il personale non docente verrà favorita la partecipazione alle iniziative di aggiornamento promosse dall Amministrazione, da altre scuole ed Enti erogatori accreditati. VALUTAZIONE DEL SERVIZIO SCOLASTICO Il controllo e la verifica delle attività progettate e realizzate vengono effettuati nelle riunioni periodiche degli organi collegiali, nell ambito delle relative competenze. Il grado di riscontro degli alunni alle proposte didattiche, l esito delle valutazioni intermedie e finali, i dati inerenti ai successi e agli insuccessi nella scuola superiore, quelli relativi alle iscrizioni, la qualità dei rapporti con le famiglie, il clima generale dell ambiente scolastico, vengono considerati indicatori significativi della validità del servizio offerto dalla scuola. "In itinere" e al termine dell anno scolastico si valutano le attività proposte, i risultati dei progetti, le iniziative di aggiornamento, la qualità del servizio offerto dall Istituto mediante griglie e questionari compilati dagli alunni e dalle famiglie. Approvato dal Collegio dei Docenti e dal Consiglio di Istituto 8

SITUAZIONE DI PARTENZA

SITUAZIONE DI PARTENZA CLASSE ISTITUTO COMPRENSIVO VIA POSEIDONE SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO PIANO DI LAVORO EDUCATIVO-DIDATTICO ANNO SCOLASTICO 2013/14 CLASSE SEZ COORDINATORE Alunni Maschi Femmine Ripetenti Altre culture

Dettagli

Istituto Comprensivo Via Casal Bianco

Istituto Comprensivo Via Casal Bianco MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA - Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio Istituto Comprensivo Via Casal Bianco PIANO DI LAVORO EDUCATIVO-DIDATTICO COORDINATO ANNO SCOLASTICO

Dettagli

Istituto Comprensivo Dante Alighieri Petilia Policastro (KR) Scuola Secondaria di Primo Grado

Istituto Comprensivo Dante Alighieri Petilia Policastro (KR) Scuola Secondaria di Primo Grado Classe: Sezione: Istituto Comprensivo Dante Alighieri Petilia Policastro (KR) Scuola Secondaria di Primo Grado PROGETTAZIONE CURRICOLARE Approvazione del Consiglio di Classe in data: Coordinatore:Prof.

Dettagli

Programmazione Attività del Consiglio di Classe (2 Biennio e 5 anno) Anno Scolastico 2015/2016. Docenti: Disciplina: Firma: 1. Analisi della Classe:

Programmazione Attività del Consiglio di Classe (2 Biennio e 5 anno) Anno Scolastico 2015/2016. Docenti: Disciplina: Firma: 1. Analisi della Classe: Programmazione Attività del Consiglio di Classe (2 Biennio e 5 anno) Anno Scolastico 2015/2016 Consiglio della Classe Sez. Indirizzo Scenografia Coordinatore: Data di approvazione: Docenti: Disciplina:

Dettagli

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA ISTITUTO COMPRENSIVO N. 1 DI BOLOGNA

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA ISTITUTO COMPRENSIVO N. 1 DI BOLOGNA PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA ISTITUTO COMPRENSIVO N. 1 DI BOLOGNA Anno scolastico 2014-2015 LE NOSTRE SCUOLE scuola dell infanzia FUTURA scuola primaria GIOVANNI XXIII scuola secondaria 1^ grado GIUSEPPE

Dettagli

a. s. 2013-2014 PIANO DI LAVORO ANNUALE DEL CONSIGLIO DELLA CLASSE 3B DOCENTE Coordinatore Teresa Persiano

a. s. 2013-2014 PIANO DI LAVORO ANNUALE DEL CONSIGLIO DELLA CLASSE 3B DOCENTE Coordinatore Teresa Persiano a. s. 2013-2014 PIANO DI LAVORO ANNUALE DEL CONSIGLIO DELLA CLASSE 3B DOCENTE Coordinatore Teresa Persiano 1. PROFILO DELLA CLASSE La classe, formata quest anno da 25 alunni, comprende 20 alunne e 1 alunno

Dettagli

SCUOLA SECONDARIA DI 1 GRADO STATALE "GUIDO CAVALCANTI

SCUOLA SECONDARIA DI 1 GRADO STATALE GUIDO CAVALCANTI SCUOLA SECONDARIA DI 1 GRADO STATALE "GUIDO CAVALCANTI Via G. Guerrazzi 178, 50019 Sesto Fiorentino (FI) Tel 055/4210541/2 FAX 055/4200419 E-mail: fimm495000x@istruzione.it Sito Web: www.scuolacavalcanti.gov.it

Dettagli

Finalità del percorso scolastico

Finalità del percorso scolastico Finalità del percorso scolastico Mettere ciascuno in condizione di raggiungere la piena realizzazione di sé, di acquisire la cultura e i valori necessari per vivere da cittadini responsabili; nessuno deve

Dettagli

CARVICO SOTTO IL MONTE G. XXIII VILLA D ADDA

CARVICO SOTTO IL MONTE G. XXIII VILLA D ADDA ISTITUTO COMPRENSIVO E. FERMI DI CARVICO SCUOLA SECONDARIA di CARVICO SOTTO IL MONTE G. XXIII VILLA D ADDA Estratto Piano dell Offerta Formativa Anno Scolastico 2015-2016 L OFFERTA FORMATIVA comune a tutti

Dettagli

Istituto Comprensivo Aldo Moro Saronno OPEN DAY 2011

Istituto Comprensivo Aldo Moro Saronno OPEN DAY 2011 Istituto Comprensivo Aldo Moro Saronno OPEN DAY 2011 L alunno al centro RISPETTO DELLE INDIVIDUALITA ATTENZIONE ALLE SPECIFICITA PERSONALI ATTENZIONE AI DIVERSI STILI DI APPRENDIMENTO CURA DELLE RELAZIONI

Dettagli

2 FINALITA FORMATIVE DELLA SCUOLA PRIMARIA

2 FINALITA FORMATIVE DELLA SCUOLA PRIMARIA 2 FINALITA FORMATIVE DELLA SCUOLA PRIMARIA Il nostro impianto educativo vuol porre al centro la ricerca del sé nella scoperta della necessità dell altro. Noi siamo tutti gli altri che abbiamo incontrato

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO STATALE A. CALINI

LICEO SCIENTIFICO STATALE A. CALINI LICEO SCIENTIFICO STATALE A. CALINI VIA MONTE SUELLO, 2 25128 BRESCIA tel. 030-304924 - fax 030-396105 E-MAIL: bscalini@ provincia.brescia.it LICEO STATALE B R E S C I A SCIENTIFICO A. CALINI via Monte

Dettagli

Istituto Comprensivo Karol Wojtyla

Istituto Comprensivo Karol Wojtyla Istituto Comprensivo Karol Wojtyla Sintesi del Piano Dell offerta Formativa A.S. 2014-2015 16 gennaio 2015: presentazione delle scelte educativo-didattiche ai genitori (ore 18.00) 17 gennaio 2015: scuola

Dettagli

SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO STATALE FILIPPO MEDA DI INVERIGO

SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO STATALE FILIPPO MEDA DI INVERIGO SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO STATALE FILIPPO MEDA DI INVERIGO Tel. 031. 607321 - E-mail: sms.inverigo@tiscali.it - Sito: www.icsinverigo.gov.it Direzione e Segreteria dell Istituto Comprensivo: Via

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO di BORGO SAN GIACOMO. Anno Scolastico 2015 / 2016

ISTITUTO COMPRENSIVO di BORGO SAN GIACOMO. Anno Scolastico 2015 / 2016 ISTITUTO COMPRENSIVO di BORGO SAN GIACOMO SCHEDA PROGETTO POF ARTICOLAZIONE ANNUALE SCUOLA PRIMARIA SECONDARIA DI PRIMO GRADO PROGETTO DI ISTITUTO DELLA SEZ. /PLESSO DI DELLA/E CLASSE/I Anno Scolastico

Dettagli

SECONDARIA "L. VERGA"

SECONDARIA L. VERGA SECONDARIA "L. VERGA" SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO LUIGI VERGA Via Trino 32, Tel. 0161-215814, E-mail vergadocenti@tiscali.it CLASSI ALUNNI INSEGNANTI 16 334 38 10 DI SOSTEGNO 1 DI RELIGIONE COLLABORATRICI

Dettagli

PIANO OFFERTA FORMATIVA Scuola Secondaria di Primo Grado Pietra Ligure - Borgio Verezzi

PIANO OFFERTA FORMATIVA Scuola Secondaria di Primo Grado Pietra Ligure - Borgio Verezzi ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DI PIETRA LIGURE PIETRA LIGURE BORGIO VEREZZI VAL MAREMOLA UFFICI VIA OBERDAN 84 17027 - PIETRA LIGURE SV Tel 019/628109 - fax 019/6295160 PIANO OFFERTA FORMATIVA Scuola Secondaria

Dettagli

Piano Offerta Formativa

Piano Offerta Formativa Piano Offerta Formativa ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di primo grado Via Venezia,15 San Giovanni Teatino Chieti I plessi Scuola dell'infanzia Dragonara Scuola

Dettagli

MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO 1 ISTITUTO COMPRENSIVO - CASSINO (FR)

MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO 1 ISTITUTO COMPRENSIVO - CASSINO (FR) Prot. n. 4723/A01 Cassino 19 settembre2015 Ai docenti dell istituto comprensivo Loro sedi Atti Oggetto: indicazioni e chiarimenti in merito al POF 2015/16 IL DIRIGENTE SCOLASTICO Vista la L. n.107/2015

Dettagli

Istituto Comprensivo di Roncoferraro

Istituto Comprensivo di Roncoferraro Istituto Comprensivo di Roncoferraro L Istituto Comprensivo ricerca la continuità con: attività di accoglienza attività trasversali d Istituto studio dei curricoli L Istituto Comprensivo promuove attività

Dettagli

ORGANIZZAZIONE DEL LAVORO

ORGANIZZAZIONE DEL LAVORO ORGANIZZAZIONE DEL LAVORO Ogni docente è libero di attuare le pratiche educative che ritiene più efficaci. Le lezioni si svolgono alternando metodologie didattiche tradizionali come lezione frontale, a

Dettagli

A tutti i genitori degli alunni e delle alunne delle classi quinte della Scuola primaria

A tutti i genitori degli alunni e delle alunne delle classi quinte della Scuola primaria Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca ISTITUTO COMPRENSIVO DI BOTTICINO Via Udine, 6 25080 Botticino Mattina - CF 80064290176 - Tel. 030 2693113 Fax: 030 2191205 email: ddbottic@provincia.brescia.it

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Ufficio di Segreteria: Viale Liguria Rozzano (MI) Tel. 02 57501074 Fax. 028255740 e-mail: segreteria@medialuinifalcone.it sito: www.icsliguriarozzano.gov.it Recapiti

Dettagli

L istituto comprensivo include : quattro scuole dell infanzia due plessi di scuola primaria la scuola secondaria di primo grado.

L istituto comprensivo include : quattro scuole dell infanzia due plessi di scuola primaria la scuola secondaria di primo grado. Offerta formativa L istituto comprensivo include : quattro scuole dell infanzia due plessi di scuola primaria la scuola secondaria di primo grado Vi operano Il dirigente scolastico La collaboratrice del

Dettagli

I.C. DE AMICIS - Busto Arsizio

I.C. DE AMICIS - Busto Arsizio I.C. DE AMICIS - Busto Arsizio http://www.icdeamicis.gov.it Secondaria di 1 Grado E. De Amicis Anno scolastico 2016/2017 Piano Triennale dell Offerta Formativa (ex. L. 107 cd. «Buona scuola») La carta

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DI BALANGERO

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DI BALANGERO ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DI BALANGERO PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA Scuola Primaria Anno scolastico 2013/2014 Il Collegio dei Docenti della Scuola Primaria dell Istituto Comprensivo di Balangero condivide

Dettagli

Dall analisi del monitoraggio d Istituto effettuato nel maggio 2015 attraverso questionari somministrati agli alunni e ai genitori è emerso che sia

Dall analisi del monitoraggio d Istituto effettuato nel maggio 2015 attraverso questionari somministrati agli alunni e ai genitori è emerso che sia Dall analisi del monitoraggio d Istituto effettuato nel maggio 2015 attraverso questionari somministrati agli alunni e ai genitori è emerso che sia gli alunni che i genitori apprezzano: - competenze e

Dettagli

ISTITUTO STATALE COMPRENSIVO Magistri Intelvesi San Fedele Intelvi (Como) Anno Scolastico 2012-2013 PROGETTO TEATRO

ISTITUTO STATALE COMPRENSIVO Magistri Intelvesi San Fedele Intelvi (Como) Anno Scolastico 2012-2013 PROGETTO TEATRO ISTITUTO STATALE COMPRENSIVO Magistri Intelvesi San Fedele Intelvi (Como) Anno Scolastico 2012-2013 PROGETTO TEATRO Il progetto teatro nasce dalla necessità di avvicinare gli alunni al mondo teatrale perché

Dettagli

Progetto 5. Formazione, discipline e continuità

Progetto 5. Formazione, discipline e continuità Istituto Comprensivo Statale Lorenzo Bartolini di Vaiano Piano dell Offerta Formativa Scheda di progetto Progetto 5 Formazione, discipline e continuità I momenti dedicati all aggiornamento e all autoaggiornamento

Dettagli

SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO A.M.VALSALVA ALLEGATO AL POF

SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO A.M.VALSALVA ALLEGATO AL POF SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO A.M.VALSALVA ALLEGATO AL POF ALUNNI 434 INSEGNANTI 38 Anno scolastico 2014-2015 ATTIVITA DIDATTICA CURRICOLARE Le attività vengono programmate da: - Collegio dei Docenti;

Dettagli

SCHEDA PROGETTO DEL PIANO TRIENNALE DELL OFFERTA FORMATIVA (PTOF)

SCHEDA PROGETTO DEL PIANO TRIENNALE DELL OFFERTA FORMATIVA (PTOF) SCHEDA PROGETTO DEL PIANO TRIENNALE DELL OFFERTA FORMATIVA (PTOF) 1.1 Denominazione progetto Indicare denominazione del progetto Il Progetto, denominato Educare con l arte, si articola in due Sezioni :

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO CEPAGATTI a. s. 2014-2015. DIPARTIMENTI per AREE DISCIPLINARI e/o per ASSI CULTURALI

ISTITUTO COMPRENSIVO CEPAGATTI a. s. 2014-2015. DIPARTIMENTI per AREE DISCIPLINARI e/o per ASSI CULTURALI ISTITUTO COMPRENSIVO CEPAGATTI a. s. 2014-2015 DIPARTIMENTI per AREE DISCIPLINARI e/o per ASSI CULTURALI Composizione I Dipartimenti sono composti dai docenti, raggruppati per aree disciplinari e/o per

Dettagli

INDICATORI PER LA STESURA DEL RAPPORTO DI AUTOVALUTAZIONE

INDICATORI PER LA STESURA DEL RAPPORTO DI AUTOVALUTAZIONE INDICATORI PER LA STESURA DEL RAPPORTO DI AUTOVALUTAZIONE 1. CONTESTO 1.1 Popolazione scolastica Status socio economico e culturale delle famiglie Livello medio dell'indice ESCS 1.1.a degli studenti Prove

Dettagli

Progetto alunni stranieri accoglienza, integrazione, L2

Progetto alunni stranieri accoglienza, integrazione, L2 Progetto alunni stranieri accoglienza, integrazione, L2 Anno Scolastico 2012/2013 [[[Nessun bambino può essere considerato straniero, laddove ci si occupa di educazione, di trasmissione di valori, di conoscenze

Dettagli

Marco Polo descrive un ponte, pietra per pietra. "Ma qual è la pietra che sostiene il ponte?" - chiede Kublai Kan. "Il ponte non è sostenuto da

Marco Polo descrive un ponte, pietra per pietra. Ma qual è la pietra che sostiene il ponte? - chiede Kublai Kan. Il ponte non è sostenuto da LA CONCRETEZZA DELL'INVISIBILE Marco Polo descrive un ponte, pietra per pietra. "Ma qual è la pietra che sostiene il ponte?" - chiede Kublai Kan. "Il ponte non è sostenuto da questa o quella pietra, -

Dettagli

2. CAMPO DI APPLICAZIONE

2. CAMPO DI APPLICAZIONE 1. SCOPO Questo protocollo nasce con l intento di pianificare le prime azioni d inserimento degli alunni stranieri e favorire il dibattito intorno alle nuove prospettive dell educazione interculturale

Dettagli

SCHEDA PROGRAMMAZIONE CONSIGLI DI CLASSE. CLASSE 5A igea ANNO SCOLASTICO 2009/2010

SCHEDA PROGRAMMAZIONE CONSIGLI DI CLASSE. CLASSE 5A igea ANNO SCOLASTICO 2009/2010 ISTITUTO STATALE DI ISTRUZIONE SUPERIORE ARCHIMEDE Via Cento n. 38/A 40017 San Giovanni in Persiceto (BO) C.F. 80073690374 Tel 051 821832/823651 Fax 051 825226 E-Mail: informazioni@isis-archimede.it Sito

Dettagli

PROGRAMMAZIONE D ISTITUTO ARTE E IMMAGINE ANNO 2013/2014

PROGRAMMAZIONE D ISTITUTO ARTE E IMMAGINE ANNO 2013/2014 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO ALESSANDRO ANTONELLI TORINO PROGRAMMAZIONE D ISTITUTO ARTE E IMMAGINE ANNO 2013/2014 Tenendo conto dei programmi ministeriali, delle indicazioni metodologiche, degli obiettivi

Dettagli

ESITI DEGLI STUDENTI

ESITI DEGLI STUDENTI ALLEGATO Priorità e Traguardi evidenziati nel Rapporto Autovalutazione Periodo di Riferimento - 2014/15 RAV Scuola NAIC812007 "CAMPO DEL MORICINO" ESITI DEGLI STUDENTI 1. Risultati scolastici Studenti

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Foligno 1 Foligno (PG) Scuola Secondaria di primo grado Giuseppe Piermarini

Istituto Comprensivo Statale Foligno 1 Foligno (PG) Scuola Secondaria di primo grado Giuseppe Piermarini Istituto Comprensivo Statale Foligno 1 Foligno (PG) Scuola Secondaria di primo grado Giuseppe Piermarini DOCUMENTO DI PROGRAMMAZIONE ANNUALE DEL CONSIGLIO DI CLASSE 1. Situazione iniziale Anno Scolastico

Dettagli

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Istituto Comprensivo Statale D. Alighieri Scuola dell'infanzia/primaria/secondaria di primo grado Via per Duno, 10-21030 CUVEGLIO (VA) tel. 0332.650200/650152

Dettagli

Istituto d Istruzione Superiore

Istituto d Istruzione Superiore Istituto d Istruzione Superiore Alfonso M. de Liguori Sant Agata de Goti Distretto scolastico n 8 82019 SANT AGATA DEI GOTI (BN) Tel. 0823/953117 0823/953140(fax) Via S. Antonio Abate n. 32 ANNO SCOLASTICO

Dettagli

SCHEDA PROGRAMMAZIONE ATTIVITÀ EDUCATIVE E DIDATTICHE INDIRIZZO LICEO LINGUISTICO

SCHEDA PROGRAMMAZIONE ATTIVITÀ EDUCATIVE E DIDATTICHE INDIRIZZO LICEO LINGUISTICO SCHEDA PROGRAMMAZIONE ATTIVITÀ EDUCATIVE E DIDATTICHE INDIRIZZO LICEO LINGUISTICO Anno scolastico 2012 / 2013 Consiglio Classe 1^ sezione L Data di approvazione 15/10/2012 Doc.: Mod.PQ12-041 Rev.: 3 Data:

Dettagli

DISCIPLINE INSEGNATE MONTE ORE SETTIMANALE PER DISCIPLINA ITALIANO - STORIA - GEOGRAFIA - LATINO

DISCIPLINE INSEGNATE MONTE ORE SETTIMANALE PER DISCIPLINA ITALIANO - STORIA - GEOGRAFIA - LATINO OFFERTA FORMATIVA La Scuola Secondaria di 1 Grado - nel rispetto del Regolamento relativo all assetto ordinamentale, organizzativo e didattico art. 64 D.L. 25 giugno 2008 n. 112, convertito dalla Legge

Dettagli

Scuola dell Infanzia PAOLA DI ROSA Scuola Primaria SAN GIUSEPPE

Scuola dell Infanzia PAOLA DI ROSA Scuola Primaria SAN GIUSEPPE Scuola dell Infanzia PAOLA DI ROSA Scuola Primaria SAN GIUSEPPE Scuola dell Infanzia Paola di Rosa Scuola Primaria San Giuseppe La vera educazione è apertura alla realtà nella sua ricchezza la scuola è

Dettagli

5.1. OBIETTIVI EDUCATIVI GENERALI

5.1. OBIETTIVI EDUCATIVI GENERALI PARTE SECONDA 5. LA SCUOLA PRIMARIA DELL'ISTITUTO 5.1. OBIETTIVI EDUCATIVI GENERALI La scuola Primaria promuove il benessere dei bambini e si impegna ad educarli tenendo conto delle diverse dimensioni

Dettagli

OPEN DAY. Istituto Comprensivo Luigi Settembrini via Sebenico. Sito web: luigisettembrini.gov.it E-Mail: rmic8ea00r@istruzione.it

OPEN DAY. Istituto Comprensivo Luigi Settembrini via Sebenico. Sito web: luigisettembrini.gov.it E-Mail: rmic8ea00r@istruzione.it Istituto Comprensivo Luigi Settembrini via Sebenico OPEN DAY Sito web: luigisettembrini.gov.it E-Mail: rmic8ea00r@istruzione.it 1 Sede Operativa per la Formazione Continua e Superiore Attività conformi

Dettagli

SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO P.LE SAN FRANCESCO 3. Cod. Ministeriale GEMM867015

SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO P.LE SAN FRANCESCO 3. Cod. Ministeriale GEMM867015 ISTITUTO COMPRENSIVO CHIAVARI 2 Anno Scolastico 2013/14 SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO P.LE SAN FRANCESCO 3 Cod. Ministeriale GEMM867015 LINEE ESSENZIALI DEL PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA 1 FINALITÀ La nostra

Dettagli

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER ALUNNI DISABILIdell'I.C.di Belgioioso

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER ALUNNI DISABILIdell'I.C.di Belgioioso PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER ALUNNI DISABILIdell'I.C.di Belgioioso FINALITA Il presente documento contiene criteri, principi e indicazioni riguardanti le procedure e le pratiche per un ottimale inserimento

Dettagli

Piano Offerta formativa 2009-2010 AREA 1: RIDUZIONE DELLA DISPERSIONE SCOLASTICA

Piano Offerta formativa 2009-2010 AREA 1: RIDUZIONE DELLA DISPERSIONE SCOLASTICA Piano Offerta formativa 2009-2010 AREA 1: RIDUZIONE DELLA DISPERSIONE SCOLASTICA 1.1 Attività di recupero e sostegno In ottemperanza con le i disposizioni ministeriali e proseguendo sulla linea da anni

Dettagli

ISTITUTO STATALE COMPRENSIVO Magistri Intelvesi San Fedele Intelvi (Como) Anno Scolastico 2012-2013 PROGETTO CINEMA

ISTITUTO STATALE COMPRENSIVO Magistri Intelvesi San Fedele Intelvi (Como) Anno Scolastico 2012-2013 PROGETTO CINEMA ISTITUTO STATALE COMPRENSIVO Magistri Intelvesi San Fedele Intelvi (Como) Anno Scolastico 2012-2013 PROGETTO CINEMA Il progetto si propone di avvicinare i ragazzi al mondo del cinema con un approccio ludico

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO N.1 Vasto (CH) SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO RAFFAELE PAOLUCCI P.O.F. Piano dell Offerta Formativa

ISTITUTO COMPRENSIVO N.1 Vasto (CH) SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO RAFFAELE PAOLUCCI P.O.F. Piano dell Offerta Formativa ISTITUTO COMPRENSIVO N.1 Vasto (CH) SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO RAFFAELE PAOLUCCI P.O.F Piano dell Offerta Formativa tenetevi pronti per un viaggio meraviglioso Circolarità della didattica nella nuova

Dettagli

SINTESI PIANO TRIENNALE DELL OFFERTA FORMATIVA (ex art. 1 comma 14 Legge 107/2015)

SINTESI PIANO TRIENNALE DELL OFFERTA FORMATIVA (ex art. 1 comma 14 Legge 107/2015) Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO ISTITUTO COMPRENSIVO N. 7 - VIA BACHELET VIA BACHELET, 5-04100 LATINA (LT) Tel. 0773620905 Fax. 0773629059

Dettagli

SCUOLA DEL PRIMO CICLO Il primo ciclo di istruzione comprende la scuola primaria e la scuola secondaria di primo grado.

SCUOLA DEL PRIMO CICLO Il primo ciclo di istruzione comprende la scuola primaria e la scuola secondaria di primo grado. c) Compilazione del quadro sintetico riassuntivo d) Analisi dei dati a cura dei docenti e Funzione Strumentale e individuazione degli alunni a rischio e) Valutazione approfondita alunni a rischio entro

Dettagli

VI ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE B.CIARI

VI ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE B.CIARI VI ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE B.CIARI Via Madonna del Rosario, 148 35100 PADOVA Tel. 049/617932 fax 049/607023 - CF 92200190285 e-mail: pdic883002@istruzione.it sito web:6istitutocomprensivopadova.gov.it

Dettagli

Piano Offerta Formativa I.C. G.Montezemolo Via A. di Bonaiuto, 16 - Roma

Piano Offerta Formativa I.C. G.Montezemolo Via A. di Bonaiuto, 16 - Roma Linee programmatiche Pof 2013/2014 Scuola Primaria e Secondaria di Primo grado Nella consapevolezza della relazione che unisce cultura, scuola e persona, la finalità della scuola è lo sviluppo armonico

Dettagli

LA SCUOLA MEDIA DI PAINA

LA SCUOLA MEDIA DI PAINA 1 Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Istituto comprensivo don Rinaldo Beretta" Scuola secondaria di primo grado Salvo D Acquisto 20030 PAINA DI GIUSSANO - VIA A. MANZONI, 50 TEL.

Dettagli

UNA SCUOLA CHE PARLA ALLE INTELLIGENZE DI CIASCUNO

UNA SCUOLA CHE PARLA ALLE INTELLIGENZE DI CIASCUNO Istituto Comprensivo Statale Villasanta Scuola Secondaria di Primo Grado E.Fermi UNA SCUOLA CHE PARLA ALLE INTELLIGENZE DI CIASCUNO A.S. 2015/2016 1 TRADIZIONE Contenuti, abilità, competenze irrinunciabili

Dettagli

I.S.I.S.S. LUIGI SCARAMBONE. a.s. 2010-2011 PIANO DI LAVORO F.S. AREA 3 ORIENTAMENTO. Prof. Paola Perrone

I.S.I.S.S. LUIGI SCARAMBONE. a.s. 2010-2011 PIANO DI LAVORO F.S. AREA 3 ORIENTAMENTO. Prof. Paola Perrone I.S.I.S.S. LUIGI SCARAMBONE a.s. 2010-2011 PIANO DI LAVORO F.S. AREA 3 ORIENTAMENTO Prof. Paola Perrone PREMESSA Nell attuale contesto storico, che ha acquisito la tematica europea dell orientamento lungo

Dettagli

Istituto Comprensivo Cepagatti anno scolastico 2015-2016

Istituto Comprensivo Cepagatti anno scolastico 2015-2016 Finalità della Scuola del primo ciclo Compito fondamentale della scuola del primo ciclo d istruzione, che comprende la Scuola Primaria e la Scuola Secondaria di primo grado, è la promozione del pieno sviluppo

Dettagli

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER ALUNNI CON DISABILITA

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER ALUNNI CON DISABILITA PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER ALUNNI CON DISABILITA PREMESSA L Istituto opera con particolare attenzione per l integrazione degli alunni disabili, favorendo la socializzazione, l acquisizione di autonomia

Dettagli

CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA BAROLO

CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA BAROLO CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA BAROLO L ISTITUZIONE SCOLASTICA E IL NUOVO SISTEMA DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE L Istituzione Scolastica ha proceduto alla definizione del proprio Curricolo operando l essenzializzazione

Dettagli

I S T I T U T O C O M P R E N S I V O S T A T A L E Villafranca Padovana. Collegio dei docenti. Regolamento Valutazione alunni Scuola Primaria

I S T I T U T O C O M P R E N S I V O S T A T A L E Villafranca Padovana. Collegio dei docenti. Regolamento Valutazione alunni Scuola Primaria I S T I T U T O C O M P R E N S I V O S T A T A L E Villafranca Padovana Collegio dei docenti Regolamento Valutazione alunni Scuola Primaria Approvato nella seduta del Collegio del 17 gennaio 2013 Prima

Dettagli

Scuola Secondaria di primo grado "Dante Arfelli" Via Sozzi 6-47042 Cesenatico (FC)

Scuola Secondaria di primo grado Dante Arfelli Via Sozzi 6-47042 Cesenatico (FC) Scuola Secondaria di primo grado "Dante Arfelli" Via Sozzi 6-47042 Cesenatico (FC) Tel. 0547 80309 Fax 0547 672888 e-mail: fomm08900a@istruzione.it www.smcesenatico.net PIANO dell'offerta FORMATIVA S I

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale ADELAIDE RISTORI Via L. D Alagno, 16-80138 Napoli

Istituto Comprensivo Statale ADELAIDE RISTORI Via L. D Alagno, 16-80138 Napoli Prot.2429/O Napoli 28.09.2015 Al Collegio Docenti Alla DSGA All Albo AL SITO WEB IL DIRIGENTE SCOLASTICO VISTI il D.P.R. n.297/94 ; il D.P.R. n. 275/99; il D.P.R. 20 MARZO 2009, N.89, recante Revisione

Dettagli

Scuola dell infanzia di Ponte Ronca via Risorgimento 217

Scuola dell infanzia di Ponte Ronca via Risorgimento 217 ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA segreteria: Via Albergati 30 40069 Zola Predosa (BO) Tel. 051/755355 755455 - Fax 051/753754 E-mail: BOIC86400N@istruzione.it Pec : boic86400n@pec.istruzione.it sito

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI VILLONGO SCUOLA PRIMARIA. Estratto del POF

ISTITUTO COMPRENSIVO DI VILLONGO SCUOLA PRIMARIA. Estratto del POF ISTITUTO COMPRENSIVO DI VILLONGO SCUOLA PRIMARIA Estratto del POF La scuola, come ambiente educativo di apprendimento, luogo di convivenza democratica, deve offrire un clima sociale positivo ed essere

Dettagli

Delibera del Collegio dei Docenti. Piano annuale di Formazione e Aggiornamento del personale insegnante

Delibera del Collegio dei Docenti. Piano annuale di Formazione e Aggiornamento del personale insegnante Delibera del Collegio dei Docenti Piano annuale di Formazione e Aggiornamento del personale insegnante Anno scolastico 2013/2014 IL COLLEGIO DEI DOCENTI VISTI CONSIDERATO ESAMINATE PRESO ATTO TENUTO CONTO

Dettagli

Istituto Comprensivo Kennedy Ovest 3 Brescia 2015-2016

Istituto Comprensivo Kennedy Ovest 3 Brescia 2015-2016 Brescia 2015-2016 LE ISTITUZIONI SCOLASTICHE definiscono nel POF le articolazioni del tempo-scuola le Famiglie potranno RICHIEDERE Uno dei modelli a richiesta IL TEMPO SCUOLA ORDINARIO 30 ORE SETTIMANALI

Dettagli

IMPARIAMO A CONOSCERCI

IMPARIAMO A CONOSCERCI Scuola dell Infanzia Scuola Primaria Scuola Secondaria I grado ISTITUTO COMPRENSIVO CESARE CANTÙ Via Dei Braschi 12 Milano 0288448318 026468664 Codice fiscale 80124430150 Codice meccanografico MIIC8CF006

Dettagli

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER L INTEGRAZIONE

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER L INTEGRAZIONE PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER L INTEGRAZIONE FINALITA Il presente documento denominato Protocollo di Accoglienza è un documento che nasce da una più dettagliata esigenza d informazione relativamente all

Dettagli

A. MORO CERRO AL LAMBRO

A. MORO CERRO AL LAMBRO ISTITUTO COMPRENSIVO P. FRISI MELEGNANO SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO A. MORO CERRO AL LAMBRO Iscrizioni a.s. 2015/2016 1 La proposta didattica e formativa della Scuola Secondaria di Primo Grado per le

Dettagli

I.I.S. F. Brunelleschi - L. Da Vinci Istituto Tecnico per Geometri "F. Brunelleschi" Corso Serale SIRIO Frosinone A.S. 2012-2013

I.I.S. F. Brunelleschi - L. Da Vinci Istituto Tecnico per Geometri F. Brunelleschi Corso Serale SIRIO Frosinone A.S. 2012-2013 I.I.S. F. Brunelleschi - L. Da Vinci Istituto Tecnico per Geometri "F. Brunelleschi" Corso Serale SIRIO Frosinone A.S. 2012-2013 PRESENTAZIONE DEL CORSO SERALE PROGETTO SIRIO Il CORSO SERALE A partire

Dettagli

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA. PER ALUNNI DISABILI e REGOLAMENTO GLH. dell'i.c.di Belgioioso

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA. PER ALUNNI DISABILI e REGOLAMENTO GLH. dell'i.c.di Belgioioso 11/11/12 PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER ALUNNI DISABILI e REGOLAMENTO GLH dell'i.c.di Belgioioso 1 FINALITA Il presente documento contiene criteri, principi e indicazioni riguardanti le procedure e le pratiche

Dettagli

RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL DIRIGENTE SCOLASTICO ALLEGATA AL PROGRAMMA ANNUALE ANNO FINANZIARIO 2015

RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL DIRIGENTE SCOLASTICO ALLEGATA AL PROGRAMMA ANNUALE ANNO FINANZIARIO 2015 RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL DIRIGENTE SCOLASTICO ALLEGATA AL PROGRAMMA ANNUALE ANNO FINANZIARIO 2015 Il programma annuale è direttamente raccordato al Piano dell Offerta Formativa (P.O.F.) e traduce, in

Dettagli

La scuola dell infanzia è la risposta al diritto all educazione dei bambini dai 3 ai 6 anni METODOLOGIA

La scuola dell infanzia è la risposta al diritto all educazione dei bambini dai 3 ai 6 anni METODOLOGIA La scuola dell infanzia è la risposta al diritto all educazione dei bambini dai 3 ai 6 anni PRINCIPI EDUCATIVI E LINEE GUIDA Rispetto dell unità psico-fisica del bambino; centralità educativa del fare

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE CAPACCIO PAESTUM

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE CAPACCIO PAESTUM ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE CAPACCIO PAESTUM Località Villaggio 84047 CAPACCIO (SA) - C.M. SAIC8AZ00C Tel. 0828725413/0828724471 Fax. 0828720747/0828724771 e-mail SAIC8AZ00C@istruzione.it Ascolta i bambini

Dettagli

proporre iniziative comuni per realizzare la continuità attraverso le fasi dell accoglienza e la formazione delle classi iniziali;

proporre iniziative comuni per realizzare la continuità attraverso le fasi dell accoglienza e la formazione delle classi iniziali; CONTINUITA' Il concetto di continuità nella scienza educativa, si riferisce a uno sviluppo e a una crescita dell individuo che si realizza senza macroscopici salti o incidenti. La continuità nasce dall

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA 7 CIRCOLO

DIREZIONE DIDATTICA 7 CIRCOLO DIREZIONE DIDATTICA 7 CIRCOLO di PIACENZA via Emmanueli, 30-29121 Piacenza (PC) Tel. 0523/453812 - Fax 0523/753047 Email: segreteria@settimopc.it casella pec: pcee00700x@pec.istruzione.it sito web: http://www.settimopc.it

Dettagli

LINGUA INGLESE DALLE INDICAZIONI NAZIONALI

LINGUA INGLESE DALLE INDICAZIONI NAZIONALI LINGUA INGLESE DALLE INDICAZIONI NAZIONALI L apprendimento della lingua inglese e di una seconda lingua comunitaria, oltre alla lingua materna e di scolarizzazione, permette all alunno di sviluppare una

Dettagli

RUOLO CENTRALE DEL DS NELL ACCOGLIENZA DEGLI ALUNNI DISABILI COME SENSIBILIZZARE E RESPONSABILIZZARE I DIRIGENTI

RUOLO CENTRALE DEL DS NELL ACCOGLIENZA DEGLI ALUNNI DISABILI COME SENSIBILIZZARE E RESPONSABILIZZARE I DIRIGENTI INTEGRAZIONE, ORIENTAMENTO E BUONE PRASSI RUOLO CENTRALE DEL DS NELL ACCOGLIENZA DEGLI ALUNNI DISABILI COME SENSIBILIZZARE E RESPONSABILIZZARE I DIRIGENTI L iscrizione degli alunni con certificazione L.104

Dettagli

Programmazione Scienze Motorie 2014/2015

Programmazione Scienze Motorie 2014/2015 ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE "G. GALILEI" AREZZO Programmazione Scienze Motorie 2014/2015 Classi del Biennio FINALITÀ EDUCATIVE Concorrere alla formazione e allo sviluppo dell area corporea e motoria della

Dettagli

Le Scuole Primaria e Secondaria di primo grado di Campione d'italia

Le Scuole Primaria e Secondaria di primo grado di Campione d'italia Le Scuole Primaria e Secondaria di primo grado di Campione d'italia IL CONTESTO Campione d'italia è un'enclave, un'isola di terra italiana in territorio straniero. È sottoposta alla legislazione italiana

Dettagli

Il Collegio dei Docenti delibera

Il Collegio dei Docenti delibera Il Collegio dei Docenti delibera MODALITÀ E CRITERI DI VALUTAZIONE ai sensi dell art. 1, comma 5, del DPR 122 /2009: Il collegio dei docenti definisce modalità e criteri per assicurare omogeneità, equità

Dettagli

CONTINUITÀ EDUCATIVO- DIDATTICA

CONTINUITÀ EDUCATIVO- DIDATTICA CONTINUITÀ EDUCATIVO- DIDATTICA mediante momenti di raccordo pedagogico, curriculare e organizzativo fra i tre ordini di scuola, promuove la continuità del processo educativo, condizione essenziale per

Dettagli

PIANO DI LAVORO ANNUALE a. s. 2012-2013

PIANO DI LAVORO ANNUALE a. s. 2012-2013 Istituto comprensivo Como-Prestino-Breccia Scuola secondaria di primo grado A.Moro Prestino Consiglio della classe 3 a B PIANO DI LAVORO ANNUALE a. s. 2012-2013 Presentazione della classe La classe 3 a

Dettagli

Scuola Primaria Trento TROVA

Scuola Primaria Trento TROVA Scuola Primaria Trento TROVA Carissimi genitori e bambini, sono lieto di farvi giungere il mio più cordiale saluto e, al tempo stesso, presentarvi il Collegio Arcivescovile. È una scuola di lunga tradizione

Dettagli

Orientamento come progetto di istituto

Orientamento come progetto di istituto L OFFERTA FORMATIVA PER IL SUCCESSO FORMATIVO DI TUTTI GLI STUDENTI Orientamento come progetto di istituto L orientamento assume un posto di assoluto rilievo nella progettazione educativa dell istituto.

Dettagli

ROSINA SALVO 2015/2016 ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE STATALE. Trapani. piano offerta formativa. piano offerta formativa

ROSINA SALVO 2015/2016 ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE STATALE. Trapani. piano offerta formativa. piano offerta formativa P.O.F. piano offerta formativa piano offerta formativa / LICEO LINGUISTICO LICEO DELLE SCIENZE UMANE LICEO ECONOMICO LICEO ARTISTICO ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE STATALE ROSINA SALVO Trapani P.O.F

Dettagli

LICEO CLASSICO LORENZO COSTA

LICEO CLASSICO LORENZO COSTA LICEO CLASSICO LORENZO COSTA La Spezia Piazza G. Verdi, 15 Tel 0187 734520 Il passato ti appartiene......costruisci il tuo futuro! IL NOSTRO LICEO da più di cento anni una presenza significativa nella

Dettagli

L'OFFERTA FORMATIVA DELLE NOSTRE SCUOLE

L'OFFERTA FORMATIVA DELLE NOSTRE SCUOLE L'OFFERTA FORMATIVA DELLE NOSTRE SCUOLE 4. LA SCUOLA DELL INFANZIA 4.1 L OFFERTA FORMATIVA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA LA SCUOLA DELL INFANZIA rimane aperta dalle ore 8.00 alle ore 15.45 ed offre un servizio

Dettagli

ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE VERONESE - MARCONI LICEO: SCIENTIFICO P.N.I. SCIENZE APPLICATE CLASSICO - SCIENZE UMANE

ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE VERONESE - MARCONI LICEO: SCIENTIFICO P.N.I. SCIENZE APPLICATE CLASSICO - SCIENZE UMANE ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE VERONESE - MARCONI LICEO: SCIENTIFICO P.N.I. SCIENZE APPLICATE CLASSICO - SCIENZE UMANE Via Togliatti 30015 - CHIOGGIA (VE) - Tel. 041/5542997-5543371 - FAX 5544315 e-mail:gveronese@legalmail.it

Dettagli

Istituto Comprensivo Via Aldo Moro Buccinasco

Istituto Comprensivo Via Aldo Moro Buccinasco Istituto Comprensivo Via Aldo Moro Buccinasco La Scuola Classi : scuola formata da 7 corsi completi 21 classi 14 tempo normale e 7 tempo prolungato Organico docenti: circa 55 docenti quasi tutti di ruolo

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Dipartimento per l Istruzione Direzione Generale per lo Studente Ufficio VI

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Dipartimento per l Istruzione Direzione Generale per lo Studente Ufficio VI EDUCAZIONE alla SICUREZZA STRADALE Il Progetto Nazionale Il Progetto ha la finalità di educare a comportamenti corretti e responsabili e, in particolare i giovani utenti della strada, ad una guida dei

Dettagli

CURRICOLO il sapere, il saper fare, il saper essere. SAPERE, SAPER ESSERE SAPER FARE COMPETENZA VALORIZZAZIONE

CURRICOLO il sapere, il saper fare, il saper essere. SAPERE, SAPER ESSERE SAPER FARE COMPETENZA VALORIZZAZIONE CURRICOLO Il Curricolo è il complesso organizzato delle esperienze di apprendimento che una scuola intenzionalmente progetta e realizza per gli alunni al fine di conseguire le mete formative desiderate.

Dettagli

Continuità di insegnante nella materia rispetto all anno precedente 1 Si X No

Continuità di insegnante nella materia rispetto all anno precedente 1 Si X No DOCENTE : FOGLI MAURIZIO BENVENUTI SERGIO MATERIA: MECCANICA, MACCHINE ED ENERGIA A.S.: 2014 / 2015 CLASSE: 4 AMS Continuità di insegnante nella materia rispetto all anno precedente 1 Si X No Gli obiettivi

Dettagli

Progetto scuole in aree a forte processo immigratorio a.s. 2011/12

Progetto scuole in aree a forte processo immigratorio a.s. 2011/12 : E VALUTAZIONE PREVISIONE DI PES SPESA Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Ist. Sec. di I Grado VIA VOLTA VIA BATTISTI Via Volta,13-20093 Cologno (MI) Tel. 0225492649-022543060

Dettagli

ISTITUTO PROFESSIONALE DI STATO PER I SERVIZI COMMERCIALI E TURISTICI "L. EINAUDI"

ISTITUTO PROFESSIONALE DI STATO PER I SERVIZI COMMERCIALI E TURISTICI L. EINAUDI PROPOSTA ATTIVITA A.S. 2008-09 M1/PA08 CURRICOLARE EXTRACURRICOLARE ALTRO Titolo del Progetto Accoglienza- Alfabetizzazione,- Educazione interculturale Responsabile del Progetto Prof. ssa Colombo Lidia

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA PROGETTAZIONE EDUCATIVA ORGANIZZAZIONE DIDATTICA

SCUOLA PRIMARIA PROGETTAZIONE EDUCATIVA ORGANIZZAZIONE DIDATTICA SCUOLA PRIMARIA La scuola Primaria si propone di introdurre i bambini nel mondo della conoscenza, maturando in ciascuno la capacità di esprimere le proprie esperienze attraverso la lettura, la scrittura,

Dettagli

Istruzione professionale statale Servizi Commerciali. Istruzione e formazione professionale regionale Promozione e accoglienza turistica

Istruzione professionale statale Servizi Commerciali. Istruzione e formazione professionale regionale Promozione e accoglienza turistica Istruzione professionale statale Servizi Commerciali Istruzione e formazione professionale regionale Promozione e accoglienza turistica All avanguardia da sempre nella formazione dei giovani L istituto

Dettagli