Progetto di solidarietà sociale AFFIDAMENTO FAMILIARE: UNA FAMIGLIA PER OGNI BAMBINO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Progetto di solidarietà sociale AFFIDAMENTO FAMILIARE: UNA FAMIGLIA PER OGNI BAMBINO"

Transcript

1 Progetto di solidarietà sociale AFFIDAMENTO FAMILIARE: UNA FAMIGLIA PER OGNI BAMBINO Ente proponente: Associazione Rimettere le Ali ONLUS Via di Prenestina Roma Indirizzato all attenzione di: Autostrade per l Italia spa Associazione Rimettere le Ali ONLUS Sede Legale: Via Prenestina Roma Cod. Fisc P.Iva Tel. e Fax Mail:

2 AFFIDAMENTO FAMILIARE: UNA FAMIGLIA PER OGNI BAMBINO PREMESSA: IL BISOGNO L istituzione della famiglia si trova oggi in una condizione di grave difficoltà, dovuta ad un insieme di fattori quali l aumento della povertà, l esponente crescita delle famiglie monogenitoriali con a capo una madre sola (circa il 78,8% delle famiglie monogenitoriali totali, dove quindi va a pesare una peggiore posizione contrattuale e salariale delle donne nel mercato del lavoro) e l elevato numero di minori in condizioni di sostegno educativo non sufficiente. Secondo il Dossier Famiglia 2011 pubblicato dall Assessorato alla Famiglia, Educazione e Giovani del Comune di Roma Capitale, l incidenza della povertà a Roma è pari al 13,8% della popolazione e al crescere del numero dei componenti della famiglia l incidenza della povertà sale in modo esponenziale. Altro dato importante è la crescita delle famiglie monogenitoriali, che sono il 16,6% di tutte le famiglie residenti; sui territori interessati al progetto le famiglie monogenitoriali rappresentano il 22% di tutte le famiglie monogenitoriali residenti a Roma. I territori del V, VI e VII Municipio del Comune di Roma inoltre presentano uno dei più alti tassi di famiglie straniere residenti, provenienti per lo più dall'egitto, dal Marocco, dalle Filippine e dal Bangladesh; a questi va aggiunta una forte presenza di famiglie nomadi e di famiglie di immigrati clandestini 1. Questo dato va a incidere non solo sulla qualità delle possibilità educative e formative che la famiglia può offrire ai minori ma, nei casi più devianti (malattie mentali, tossicodipendenza, detenzione di uno o di entrambi i genitori, ecc..) può portare a fenomeni di forte disagio sociale minorile, quali l incuria, la fuoriuscita dal sistema scolastico, la disoccupazione giovanile, l aumento delle dipendenze e, in alcuni casi, l allontanamento del minore dalla propria famiglia d origine 2. Il quadro che ne emerge è quello quindi di una famiglia in difficoltà, non sempre in grado di assicurare il mantenimento, l educazione, l istruzione e le indispensabili relazioni affettive del minore. Alcune di queste problematiche portano le famiglie ad una condizione di fragilità, soprattutto nei confronti dei figli, a cui bisogna rispondere attraverso politiche familiari nuove, integrate e sostenibili, che prevedano il coinvolgimento attivo e l autorganizzazione delle famiglie stesse per assicurare a ciascun bambino la possibilità di sperimentare l accoglienza, l affetto e la cura di una famiglia. L AFFIDAMENTO FAMILIARE COME RISPOSTA INNOVATIVA AL PROBLEMA Dal punto di vista legislativo, la legge italiana 28 marzo 2001, n. 149 stabilisce che il minore temporaneamente privo di un ambiente familiare idoneo è affidato ad una famiglia, preferibilmente con figli minori, o ad una persona singola, in grado di assicurargli il mantenimento, l educazione, l istruzione e le relazioni affettive di cui egli ha bisogno. 1 2 Malizia G., Mion R. et alii, Il minore alato. Bisogni formativi degli adolescenti dei Municipi Roma 6 e 7: vecchie e nuove povertà, Franco Angeli, L indagine Bambine e bambini temporaneamente fuori dalla famiglia d origine. Affidamenti familiari e collocamenti in comunità al 31 Dicembre 2010 realizzata dal Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, individua, tra i motivi che determinano l allontanamento dei minori dalla propria famiglia d origine: - inadeguatezza genitoriale (37%) - dipendenza dei genitori (9%) - problemi relazionali tra genitori (8%) - maltrattamenti e incuria (7%) - problemi sanitari dei genitori (6%)

3 Le ultime rilevazioni 3 hanno individuato che attualmente in Italia vivono fuori della propria famiglia d origine più di bambini e ragazzi tra gli 0 e i 17 anni, più della metà dei quali (quasi ) vivono in comunità residenziali. I dati segnalano che risulta in gran parte inattuato il principio sancito dal legislatore, e ciò appare ancora più preoccupante in relazione all età dei minori : il numero di bambini compresi nella fascia di età da zero a due anni o quella dei ragazzi a ridosso della maggiore età, tra i 15 e i 17 anni affidati alle strutture è particolarmente elevato rispetto alle altre fasce anagrafiche. Nella Regione Lazio sono i bambini ed i ragazzi collocati all esterno della cerchia familiare e parentale, e di questi minori 2 su 3 sono ancora collocati in comunità residenziali. L associazione Rimettere le Ali Onlus lavora dal 2011 per la promozione dell accoglienza, dell educazione, della formazione e dell inserimento nella società di giovani e famiglie che versano in stato di disagio ed emarginazione e crede fortemente nell importanza della famiglia per un sano sviluppo psicofisico del minore. Pertanto lavora alacremente per offrire ad ogni minore che viene allontanato dalla sua famiglia d origine, la possibilità di essere inserito in una famiglia del suo territorio adeguatamente formata e sostenuta, per il s tempo necessario al recupero della situazione che ha prodotto l allontanamento. Con questo Progetto l Associazione Rimettere Le ali Onlus intende potenziare l attività svolta a favore dei minori e delle famiglie in difficoltà, promuovendo politiche minorili e familiari che portino ad un auspicabile aumento del ricorso all affidamento familiare rispetto all inserimento del minori in comunità. OBIETTIVI PROGETTUALI L obiettivo generale del progetto, è quello di promuovere e sviluppare l Istituto dell Affidamento Familiare nel Comune di Roma Capitale, attraverso il protagonismo e l auto-organizzazione delle famiglie, in un ottica di sussidiarietà con le istituzioni sociali e pubbliche del territorio. Obiettivi specifici: I. Aumento del numero delle famiglie disponibili all affidamento familiare, attraverso azioni di sensibilizzazione, informazione e formazione delle famiglie del territorio. II. III. Crescita psico-pedagogica ed empowerment delle famiglie affidatarie durante tutta l esperienza dell affidamento familiare. Consolidamento motivazionale e operativo degli stakeholder dell affidamento familiare. BENEFICIARI DELL INTERVENTO 350 famiglie del territorio della periferia Est di Roma Capitale che saranno sensibilizzate ed informate rispetto all affidamento familiare di cui: 50 famiglie disponibili all affidamento familiare o che già accolgono minori in affido, che parteciperanno attivamente al progetto attraverso attività di formazione, di sostegno e di accoglienza di minori in difficoltà. 40 minori in difficoltà che saranno accolti e sostenuti da famiglie affidatarie del territorio. 20 operatori sociali pubblici di tre municipi di Roma Capitale che saranno sensibilizzati e sostenuti ad avviare progetti di affidamento familiare. L intera comunità territoriali che sarà oggetto di una campagna di sensibilizzazione sull affidamento e sulla solidarietà familiare (1500\2.000 persone). 3 Bambine e bambini temporaneamente fuori dalla famiglia d origine. Affidamenti familiari e collocamenti in comunità al 31 Dicembre 2010 realizzata dal Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali.

4 ATTIVITÀ Il progetto si svolgerà secondo le seguenti azioni e metodologie: Obiettivo I: Aumento del numero delle famiglie disponibili all affidamento familiare attraverso azioni di sensibilizzazione informazione, formazione delle famiglie del territorio Per raggiungere l obiettivo I saranno organizzate azioni per individuare e coinvolgere le famiglie ed i singoli a cui proporre percorsi di affidamento familiare. In particolare: Att. 1.1 Organizzazione di attività di sensibilizzazione presso scuole, associazioni e luoghi di ritrovo per le famiglie sul territorio. L attività di sensibilizzazione sarà svolta da un gruppo di coordinamento, composto da una pedagogista esperta di lavoro di comunità e 4\5 famiglie del territorio che si incontrerà a cadenza quindicinale per programmare e realizzare le attività. Gli incontri si svolgeranno presso le sedi delle realtà contattate, per coinvolgere e sensibilizzare nuove famiglie all affidamento familiare (7/8 incontri di sensibilizzazione l anno); Att. 1.2 Organizzazione di incontri informativi diretti a tutti coloro che vogliano maggiori informazioni sull affidamento familiare. Gli incontri informativi si realizzeranno presso la sede dell Associazione o presso la sede dei municipi coinvolti. Saranno condotti da una pedagogista e da una assistente sociale del municipio, con il coinvolgimento di personale specializzato sull Affidamento Familiare (famiglie affidatarie, educatori, esperti, ecc ) (5/6 incontri Informativi l anno); Att. 1.3 Organizzazione di un percorso di formazione intensiva per famiglie interessate ad intraprendere percorsi di affidamento familiare. Il percorso formativo consiste in 5 incontri condotti da un team integrato di professionisti (uno psicoterapeuta formatore, una pedagogista, un assistente sociale del Municipio e una famiglia affidataria tutor). Il corso è condotto con una metodologia teorico esperienziale ormai consolidata negli anni e coinvolge circa 8\10 nuclei familiari. Obiettivo II: Crescita psico-pedagogica ed empowerment delle famiglie affidatarie durante tutta l esperienza dell affidamento Per accompagnare e sostenere adeguatamente le famiglie che si aprono all affidamento familiare saranno organizzate durante tutto il percorso dell affido le seguenti attività 4 : Att. 2.1 Elaborazione e monitoraggio del progetto di sostegno psicopedagogico per ciascuna famiglia affidataria coinvolta. Il Progetto di sostegno verrà elaborato all inizio di ciascun affido da un equipe di professionisti (1 pedagogista, 1 assistente sociale, 1 psicoterapeuta) e sarà condiviso 4 La ricerca Il Processo di crescita della famiglia affidatari pubblicata in M. Toso, A. Farina, Famiglie Affidatarie e welfare society, Edizioni LAS, Roma 2008, individua un forte legame tra l aumento delle capacità genitoriali e l andamento positivo del percorso di affidamento familiare. Coloro che non ricevono un sostegno genitoriale durante il percorso dell Affidamento familiare si sentono meno capaci nella cura fisica ed emotiva del minore, nella cura delle sue esigenze educative e relazionali, nella gestione delle proprie risorse interne. Coloro che invece ricevono un sostegno psicopedagogico riportano di ritenersi molto soddisfatti del sostegno ricevuto, sia quello di gruppo (97%) che quello individuale (88%). Pagg

5 con la famiglia e con il Servizio Sociale di riferimento. Il progetto verrà monitorato mensilmente dall equipe di professionisti. Att. 2.2 Avvio di colloqui di sostegno psicopedagogico individuale per ciascuna coppia\famiglia. Se necessario, all interno dei colloqui di sostegno saranno coinvolti anche i figli naturali della coppia affidataria. Il sostegno psicopedagogico verrà condotto da uno psicoterapeuta esperto di affidamento familiare e avrà cadenza quindicinale per ciascun nucleo familiare coinvolto nel progetto. Att. 2.3 Avvio di un gruppo di sostegno per le famiglie affidatarie, per condividere riflessioni, emozioni ed esperienze vissute. Il gruppo sarà composto da 8\10 famiglie, avrà cadenza mensile e sarà condotto da uno psicologo psicoterapeuta esperto di affidamento familiare. Att. 2.4 Avvio di attività di auto-mutuo aiuto tra famiglie, per consentire la suddivisione del carico educativo, organizzativo ed emotivo di un affido, prevenendo situazioni di fallimento ed abbandono del minore da parte delle Famiglie Affidatarie. Att. 2.5 Realizzazione di incontri di formazione permanente per famiglie affidatarie. La formazione permanente è finalizzata all acquisizione e al consolidamento di maggiori competenze genitoriali rispetto ai minori accolti. E organizzata per tutte le famiglie coinvolte nel progetto, è condotta da operatori esperti (psicoterapeuti, avvocati, giudici minorili, ecc..) e coinvolge, in una sorta di peer education anche tutti gli operatori dell Associazione (1 incontro l anno). Obiettivo III: Consolidamento operativo e motivazionale degli stakeholder dell affidamento familiare Per promuovere un reale aumento del numero degli affidi nella città di Roma Capitale, occorre prevedere azioni di forte integrazione e sinergia tra diversi servizi pubblici e privati e il coinvolgimento dell intera comunità locale, attraverso: Att. 3.1 Costituzione di Tavoli interistituzionali con i municipi del quadrante Est della città di Roma, per facilitare la segnalazione di minori, l abbinamento tra minori e famiglie (sulla base delle anamnesi, della conoscenza delle singole situazioni e delle caratteristiche delle famiglie affidatarie), e il monitoraggio di ogni singolo affido. Al tavolo parteciperanno esponenti dei municipi, delle Asl di riferimento, uno psicologo psicoterapeuta e un assistente sociale dell Associazione; Att. 3.2 Avvio consulenze specifiche sui progetti di affidamento familiare per famiglie, servizi pubblici e privati che ne facciano richiesta sostenendoli nel proprio ruolo; Att. 3.3 Partecipazione ai tavoli di co-progettazione territoriale sul tema dell affido, insieme a Enti locali, Asl ed altre associazioni che si occupano del tema per Potenziare una rete territoriale di attenzione ai minori ed alla famiglia sia tra le Istituzioni pubbliche e private, sia coinvolgendo attivamente la comunità locale. N.B. Tutti gli operatori e le famiglie coinvolte lavoreranno in equipe integrate, che coinvolgono più professionalità, e parteciperanno ad incontri mensili di supervisione condotti dal Prof. Giancarlo Cursi, dell Università Pontificia Salesiana.

6 CONSIDERAZIONI SULLA SOSTENIBILITÀ E SULLA FATTIBILITÀ DEL PROGETTO Il progetto presentato ha durata annuale e rappresenta una progettualità ragionata insieme ad altri stakeholders pubblici e privati; finito il periodo di sperimentazione e potenziamento del progetto per cui si richiede un contributo, si prevede che: - Una volta terminato il Progetto, il Municipio V di Roma Capitale, inserirà il Progetto all interno del Piano Regolatore Sociale Municipale, aumentando la quota di finanziamento, in modo tale da costituire le fondamenta per la sostenibilità dello stesso nel tempo. - I Salesiani del Borgo Ragazzi Don Bosco, con i quali si è attivata da anni una stretta sinergia e collaborazione, proseguiranno anche in futuro a mettere a disposizione dell associazione tutti gli ambienti necessari per lo svolgimento delle attività, sollevando il progetto da ulteriori costi. - Per quanto riguarda le risorse umane necessarie al progetto, l associazione è fin dalla sua costituzione, appoggiata e sostenuta da una rete di solidarietà che coinvolge circa 100 volontari e 20 tirocinanti, e potenziato grazie all impegno ed alla costanza delle famiglie che fanno parte dell Associazione. AMBITO TERRITORIALE IN CUI IL PROGETTO VERRÀ SVILUPPATO Il progetto si svolgerà sull attuale territorio dei Municipi V, VI, VII, del Comune di Roma, alcuni dei quali sono considerati dal Ministero degli Interni come zone a rischio, in quanto trattasi di territori particolarmente segnati da problemi connessi a dispersione scolastica, disoccupazione giovanile, e di lunga durata, lavoro sommerso, immigrazione, oltre che da un alto tasso di devianza e microcriminalità minorile. PIANIFICAZIONE DEI TEMPI PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO inizio 01 /01 /2015 termine 31/12/2015 CHI PRESENTA IL PROGETTO L associazione Rimettere le Ali Onlus lavora dal 2011 in stretta integrazione con i Salesiani del Borgo Ragazzi don Bosco per la promozione dell accoglienza, dell educazione, della formazione e dell inserimento nella società di giovani e famiglie che versino in stato di disagio ed emarginazione. Dal 2011 cura l accoglienza, l ascolto e l accompagnamento di minori italiani e stranieri in situazione di disagio e di emarginazione e/o sottoposti a misure penali alternative al carcere, stranieri di prima e seconda generazione; minori stranieri non accompagnati; minori appartenenti a minoranze etniche, minori richiedenti asilo politico e minori istituzionalizzati. Per essi vengono redatti progetti educativi personalizzati orientati all offerta di un sostegno perché crescano come cittadini attivi, attraverso percorsi di inclusione e responsabilizzazione civile. Dal 2012 ha cominciato a offrire percorsi formativi per tutti coloro che sono a contatto con gli adolescenti in difficoltà: educatori, volontari, animatori e genitori. In particolare per questi ultimi organizza attraverso la collaborazione con psicoterapeuti esperti: Percorsi di ascolto e consulenza psico-pedagogica per genitori e figli adolescenti Incontri formativi per famiglie Incontri di sostegno alla genitorialità Cammini di formazione e sostegno per famiglie solidali e affidatarie.

7 La mission dell Associazione Rimettere le Ali ONLUS Accogliere, chiunque abbia bisogno di un supporto educativo, al di là del proprio credo, della situazione economica, o della cultura d appartenenza; Credere che ogni singolo ragazzo sia portatore di potenzialità peculiari e uniche rispetto a qualunque altro; Progettare un percorso educativo e formativo ad hoc per ogni ragazzo, al di fuori di ogni format educativo massificato, creando un armonia tra gli strumenti educativi. Co-responsabilizzare alla presa in carico dei minori in difficoltà il contesto territoriale in cui l Associazione opera, attraverso percorsi di sensibilizzazione, formazione e sostegno di animatori, educatori, famiglie, aziende e istituzioni. CRONOPROGRAMMA Gen Feb Mar Apr Mag Giu Lug 15 Ago Sett Ott Nov Dic Attività 1.1 X X X X X X X X Attività 1.2 X X X X X X Attività 1.3 X X Attività 2.1 X X X X X X X X X X Attività 2.2 X X X X X X X X X X Attività 2.3 X X X X X X X X X X Attività 2.4 X X X X X X X X X X Attività 2.5 X Attività 3.1 X X X X X X X X X X Attività 3.2 X X X X X Attività 3.3 X X X Supervisione X X X X X X X X X X monitoraggio Il Presidente Dott. Alessandro Iannini

Formulario Allegato 2. 1. Dati sul soggetto richiedente

Formulario Allegato 2. 1. Dati sul soggetto richiedente Formulario Allegato 2 1. Dati sul soggetto richiedente - Denominazione Associazione Rimettere le ali Onlus - Data costituzione 14 Aprile 2011 - Codice Fiscale 97650020585 - P.IVA _12112461004 (se in possesso)

Dettagli

AZIONI DI PROMOZIONE, FORMAZIONE E SOSTEGNO PER L AFFIDAMENTO e LA SOLIDARIETA FAMILIARE

AZIONI DI PROMOZIONE, FORMAZIONE E SOSTEGNO PER L AFFIDAMENTO e LA SOLIDARIETA FAMILIARE BORGO RAGAZZI DON BOSCO MOVIMENTO FAMIGLIE AFFIDATARIE e SOLIDALI PROGETTO AFFIDAMENTO FAMILIARE PROPOSTA DI PROSECUZIONE PROGETTO AZIONI DI PROMOZIONE, FORMAZIONE E SOSTEGNO PER L AFFIDAMENTO e LA SOLIDARIETA

Dettagli

ASSOCIAZIONE ONLUS CERCHI D ONDA

ASSOCIAZIONE ONLUS CERCHI D ONDA ASSOCIAZIONE ONLUS CERCHI D ONDA PROGETTO FAMIGLIE SOLIDALI 2012 S ommario Premessa 1. Il contesto 2. Finalità 3. Obiettivi specifici 4. Attività 5. Destinatari 6. Durata del progetto 7. Cronogramma 8.

Dettagli

Curriculum sintetico. Associazione Rimettere le Ali Onlus. Dati di riferimento. Natura dell organizzazione. Attività ed esperienze

Curriculum sintetico. Associazione Rimettere le Ali Onlus. Dati di riferimento. Natura dell organizzazione. Attività ed esperienze Dati di riferimento Denominazione: Associazione rimettere le ali onlus Tipologia: Associazione non Profit Onlus Riconoscimenti: Iscritta all anagrafe delle Onlus regionale del Lazio al protocollo 0036191

Dettagli

Una famiglia per una famiglia Verso una nuova forma di affiancamento familiare 2015-2016

Una famiglia per una famiglia Verso una nuova forma di affiancamento familiare 2015-2016 Una famiglia per una famiglia Verso una nuova forma di affiancamento familiare 2015-2016 Perché aiutate solo me? Perché non aiutate anche i miei genitori, la mia famiglia ne ha bisogno quanto me Un minore

Dettagli

A. PROGETTO. A.1. Descrizione dettagliata

A. PROGETTO. A.1. Descrizione dettagliata A. PROGETTO A.1. Descrizione dettagliata Analisi dei bisogni: a quale bisogno risponde il progetto, e come questo bisogno è stato individuato Il progetto denominato Rimettere le ali alla formazione nasce

Dettagli

TITOLO DEL PROGETTO: A.A.A. OPPORTUNITÀ DI CRESCITA CERCASI.

TITOLO DEL PROGETTO: A.A.A. OPPORTUNITÀ DI CRESCITA CERCASI. TITOLO DEL PROGETTO: A.A.A. OPPORTUNITÀ DI CRESCITA CERCASI. RAPPRESENTANTE LEGALE e REFERENTE RESPONSABILE DEL PROGETTO: Don Raffaele Panno (Responsabile Area Educativa Rimettere le ali del Borgo Don

Dettagli

Azienda Speciale Servizi alla Persona

Azienda Speciale Servizi alla Persona Azienda Speciale Servizi alla Persona AREA PSICOLOGI SERVIZIO PSICOLOGICO TUTELA MINORI e AFFIDI FAMILIARI DISTRETTUALE SERVIZIO PSICOLOGICO TUTELA MINORI Il servizio ha l obiettivo di garantire in sinergia

Dettagli

DGR 361/07 Sostegno famiglie affidatarie

DGR 361/07 Sostegno famiglie affidatarie DGR 361/07 Sostegno famiglie affidatarie Oggetto:. DGR 11/2007. Utilizzazione delle risorse provenienti dal fondo nazionale per le politiche sociali di cui al capitolo di spesa n. H41106 per il sostegno

Dettagli

Titolo del Progetto. To Be HuMan Spazi per l infanzia - Supporto alla genitorialità. Sintesi

Titolo del Progetto. To Be HuMan Spazi per l infanzia - Supporto alla genitorialità. Sintesi Titolo del Progetto To Be HuMan Spazi per l infanzia - Supporto alla genitorialità Sintesi Il progetto To Be HuMan vuole contribuire al miglioramento dei servizi socio-assistenziali all interno del territorio

Dettagli

Anno Scolastico 2013/14 STUDIO DELLA FAMIGLIA DELLA COPPIA E DELL INDIVIDUO

Anno Scolastico 2013/14 STUDIO DELLA FAMIGLIA DELLA COPPIA E DELL INDIVIDUO STUDIO DI PSICOTERAPIA SISTEMICO RELAZIONALE DELLA FAMIGLIA DELLA COPPIA E DELL INDIVIDUO Dott.ssa Alessandra Ferraris C e l l. 3 2 8 7 0 2 3 7 4 8 E m a i l a l e s s a n d r a _ f e r r a r i s @ l i

Dettagli

COOPERAZIONEFAMIGLIE

COOPERAZIONEFAMIGLIE COOPERAZIONEFAMIGLIE Chi siamo La Cooperativa Sociale CAF nasce nel 2011 a Romano di Lombardia ( BG ) dalla filiazione dell Associazione di Volontariato Sociale CAF Centro Aiuto Famiglia, sorta nel 1986,

Dettagli

(Provincia di Perugia) Zona Sociale n. 4 REGOLAMENTO AFFIDO ETERO-FAMILIARE E SOSTEGNO FAMILIARE

(Provincia di Perugia) Zona Sociale n. 4 REGOLAMENTO AFFIDO ETERO-FAMILIARE E SOSTEGNO FAMILIARE (Provincia di Perugia) Zona Sociale n. 4 REGOLAMENTO AFFIDO ETERO-FAMILIARE E SOSTEGNO FAMILIARE Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n.35 del 28/09/2011 Art. 1 Oggetto L affido familiare

Dettagli

4.1- L OFFERTA FORMATIVA CONSULTORIO FAMILIARE E CENTRO FAMIGLIA ZELINDA

4.1- L OFFERTA FORMATIVA CONSULTORIO FAMILIARE E CENTRO FAMIGLIA ZELINDA PIANO INTEGRATO DIRITTO ALLO STUDIO Anno Scolastico 2012 2013 4.1- L OFFERTA FORMATIVA CONSULTORIO FAMILIARE E CENTRO FAMIGLIA ZELINDA SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI 1 GRADO

Dettagli

Riferimenti per la consegna della candidatura: CONSULTARE LA TABELLA ALLA FINE DELLA SCHEDA PROGETTO

Riferimenti per la consegna della candidatura: CONSULTARE LA TABELLA ALLA FINE DELLA SCHEDA PROGETTO Riferimenti per la consegna della candidatura: CONSULTARE LA TABELLA ALLA FINE DELLA SCHEDA PROGETTO Per sole informazioni: Circoscrizione Salesiana Italia Centrale Segreteria Servizio Civile Via Marsala,

Dettagli

SERVIZIO DI CONSULENZA PSICO- PEDAGOGICA PER GENITORI E DOCENTI SPORTELLO DI ACCOGLIENZA E ORIENTAMENTO SOCIALE GRUPPO APERTO GENITORI BANCA DEL TEMPO

SERVIZIO DI CONSULENZA PSICO- PEDAGOGICA PER GENITORI E DOCENTI SPORTELLO DI ACCOGLIENZA E ORIENTAMENTO SOCIALE GRUPPO APERTO GENITORI BANCA DEL TEMPO SPORTELLO DI ACCOGLIENZA E ORIENTAMENTO SOCIALE SERVIZIO DI CONSULENZA PSICO- PEDAGOGICA PER GENITORI E DOCENTI GRUPPO APERTO GENITORI BANCA DEL TEMPO SPORTELLO DI ACCOGLIENZA E ORIENTAMENTO SOCIALE Sportello

Dettagli

Comune di Comune di Comune di Comune di. San Marco in Lamis San Giovanni Rotondo Rignano Garganico San Nicandro Garganico

Comune di Comune di Comune di Comune di. San Marco in Lamis San Giovanni Rotondo Rignano Garganico San Nicandro Garganico Comune di Comune di Comune di Comune di San Marco in Lamis San Giovanni Rotondo Rignano Garganico San Nicandro Garganico PRESENTAZIONE L art. 1 della legge 149 del 2001 Diritto del minore ad una famiglia

Dettagli

IL PROGETTO NEONATI DELLA CITTA DI TORINO

IL PROGETTO NEONATI DELLA CITTA DI TORINO Corso finanziato dalla Provincia di Torino SEMINARIO IL PROGETTO NEONATI DELLA CITTA DI TORINO Storia e prospettive dell affidamento di bambini piccolissimi Considerazioni e questioni aperte, a partire

Dettagli

OCCUPIAMOCI! : SCELTI I PROGETTI PER DARE A 100 GIOVANI IN TUTTA ITALIA NUOVE OPPORTUNITÀ DI LAVORO

OCCUPIAMOCI! : SCELTI I PROGETTI PER DARE A 100 GIOVANI IN TUTTA ITALIA NUOVE OPPORTUNITÀ DI LAVORO OCCUPIAMOCI! : SCELTI I PROGETTI PER DARE A 100 GIOVANI IN TUTTA ITALIA NUOVE OPPORTUNITÀ DI LAVORO AREA TIROCINI FORMATIVI Luogo: Verona Nome progetto: INDIPENDENTI - JOB: azioni per l'inserimento professionale

Dettagli

COMUNE DI PACIANO PROVINCIA DI PERUGIA

COMUNE DI PACIANO PROVINCIA DI PERUGIA COMUNE DI PACIANO PROVINCIA DI PERUGIA Cap 06060 P.zza della Repubblica n. 4 P.IVA 00436320543 Tel. 075.830186 e-mail: info@comune.paciano.pg.it fax. 075.830447 REGOLAMENTO COMUNALE DEL SERVIZIO DI AFFIDAMENTO

Dettagli

Carta dei Servizi della Cooperativa Sociale Il Sogno

Carta dei Servizi della Cooperativa Sociale Il Sogno Carta dei Servizi della Cooperativa Sociale Il Sogno 1 PRESENTAZIONE Gentili lettori, la Cooperativa Sociale Il Sogno ha scelto da tempo di impostare il proprio lavoro nell'ottica di un alto livello di

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA Procedure per l attivazione di forme di accoglienza dei bambini in carcere con la madre

PROTOCOLLO DI INTESA Procedure per l attivazione di forme di accoglienza dei bambini in carcere con la madre PREMESSA PROTOCOLLO DI INTESA Procedure per l attivazione di forme di accoglienza dei bambini in carcere con la madre La legge Italiana n. 62 del 2012 fissa a 6 anni il limite di età dell accoglienza dei

Dettagli

CENTRO DI SOSTEGNO A MINORI E FAMIGLIE e SPAZIO NEUTRO

CENTRO DI SOSTEGNO A MINORI E FAMIGLIE e SPAZIO NEUTRO ALLEGATO 3 DIRETTIVA PROGETTUALE CENTRO DI SOSTEGNO A MINORI E FAMIGLIE e SPAZIO NEUTRO Il progetto è costituito da due servizi diversi per finalità, obiettivi e metodologia, pertanto, la direttiva progettuale

Dettagli

Adozione e Affidamento: storie di integrazione famigliare

Adozione e Affidamento: storie di integrazione famigliare Adozione e Affidamento: storie di integrazione famigliare Indice Affidamento familiare Più forme di accoglienza I veri protagonisti dell affidamento: i bambini La Famiglia del bambino La Famiglia affidataria

Dettagli

Regolamento Affido a Famiglie e/o Strutture di accoglienza Ambito:CONSORZIO DEI SERVIZI SOCIALI A6 APPROVATO CON DELIBERA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE n. 05 DEL 25.09.2009 L Affidamento familiare Premessa

Dettagli

REGIONE LAZIO Assessorato alle Politiche Sociali

REGIONE LAZIO Assessorato alle Politiche Sociali Il presente allegato è composto di n. 14 pagine Allegato 1 REGIONE LAZIO Assessorato alle Politiche Sociali SCHEMA DI PROTOCOLLO OPERATIVO PER LA COLLABORAZIONE TRA SERVIZI TERRITORIALI, ENTI AUTORIZZATI

Dettagli

REGIONE LAZIO Assessorato alle Politiche Sociali

REGIONE LAZIO Assessorato alle Politiche Sociali Il presente allegato è composto di n. 14 pagine Allegato 1 REGIONE LAZIO Assessorato alle Politiche Sociali SCHEMA DI PROTOCOLLO OPERATIVO PER LA COLLABORAZIONE TRA SERVIZI TERRITORIALI, ENTI AUTORIZZATI

Dettagli

COMUNE DI IGLESIAS Assessorato alle Politiche Sociali

COMUNE DI IGLESIAS Assessorato alle Politiche Sociali COMUNE DI IGLESIAS Assessorato alle Politiche Sociali SCHEMA DI PROTOCOLLO OPERATIVO PER LA COLLABORAZIONE TRA IL COMUNE DI IGLESIAS, ENTI AUTORIZZATI E TRIBUNALE PER I MINORENNI DI CAGLIARI, IN MATERIA

Dettagli

REGOLAMENTO DISTRETTUALE SULL AFFIDO FAMILIARE DI MINORI

REGOLAMENTO DISTRETTUALE SULL AFFIDO FAMILIARE DI MINORI REGOLAMENTO DISTRETTUALE SULL AFFIDO FAMILIARE DI MINORI REGOLAMENTO DISTRETTUALE SULL AFFIDO FAMILIARE DI MINORI TITOLO I Finalità e soggetti Art.1 Normativa L affidamento familiare per minori è regolato

Dettagli

Le strutture residenziali e semiresidenziali per minori: standard e requisiti tra passato e presente Lorella Baggiani Regione Toscana Settore

Le strutture residenziali e semiresidenziali per minori: standard e requisiti tra passato e presente Lorella Baggiani Regione Toscana Settore Le strutture residenziali e semiresidenziali per minori: standard e requisiti tra passato e presente Lorella Baggiani Regione Toscana Settore Politiche di contrasto al disagio sociale Il sistema toscano

Dettagli

Città di Ispica Prov. di Ragusa

Città di Ispica Prov. di Ragusa Città di Ispica Prov. di Ragusa REGOLAMENTO SULL AFFIDO FAMILIARE DI MINORI Art. 1 L amministrazione comunale attua l affidamento familiare allo scopo di garantire al minore le condizioni migliori per

Dettagli

SERVIZIO DI CONSULENZA E ORIENTAMENTO ALLO STAGE

SERVIZIO DI CONSULENZA E ORIENTAMENTO ALLO STAGE SERVIZIO DI CONSULENZA E ORIENTAMENTO ALLO STAGE Lo stage in cooperativa. Un esperienza di lavoro per crescere assieme. LABORATORIO SCUOLA COOPERATIVA SOCIALE Via Santa Maria, 17-33087 Azzanello di Pasiano

Dettagli

1) MOTIVAZIONE SCOLASTICA: promuovere le risorse personali degli studenti per aiutarli a stare e andare bene a scuola.

1) MOTIVAZIONE SCOLASTICA: promuovere le risorse personali degli studenti per aiutarli a stare e andare bene a scuola. Passo dopo Passo Insieme supporta la motivazione scolastica dei preadolescenti, promuovendo percorsi che mettano al centro le risorse personali dei ragazzi e offrendo progetti di formazione e sensibilizzazione

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO TITOLO DEL PROGETTO: ACCOLTI E ACCOMPAGNATI SETTORE e Area di Intervento: Settore: ASSISTENZA Area di intervento: IMMIGRATI, PROFUGHI Codifica: A - 04 OBIETTIVI DEL PROGETTO ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO

Dettagli

1A - Attività dell Associazione Differenza Maternità. Associazione Differenza Maternità. Ampliamento del servizio "Informanascita"- linea telefonica

1A - Attività dell Associazione Differenza Maternità. Associazione Differenza Maternità. Ampliamento del servizio Informanascita- linea telefonica 1A - Attività Differenza Maternità 1 Associazione responsabile e collaborazioni. Rete/Partners coinvolti Associazione Differenza Maternità Descrizione intervento / prodotto 2 Denominazione Informamamma:

Dettagli

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA (Allegato 1) SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA ENTE 1) Ente proponente il progetto: ARCI NAPOLI 2) Codice di accreditamento: NZ05738 3) Albo e classe di iscrizione:

Dettagli

REGOLAMENTO SOVRACOMUNALE SULL AFFIDO FAMILIARE

REGOLAMENTO SOVRACOMUNALE SULL AFFIDO FAMILIARE AZIENDA SPECIALE CONSORTILE Isola Bergamasca - Bassa Val San Martino azienda territoriale per i servizi alla persona REGOLAMENTO SOVRACOMUNALE SULL AFFIDO FAMILIARE Premessa I Comuni dell Ambito Territoriale

Dettagli

UNA VISIONE DELL ADOZIONE E DELL AFFIDAMENTO

UNA VISIONE DELL ADOZIONE E DELL AFFIDAMENTO UNA VISIONE DELL ADOZIONE E DELL AFFIDAMENTO Benedetta Baquè Psicologa - Psicoterapeuta I BISOGNI DEI BAMBINI E DEI RAGAZZI Ogni bambino ha diritto a crescere in una famiglia, la propria o se questa non

Dettagli

PROGETTO PORCOSPINI PREMESSA

PROGETTO PORCOSPINI PREMESSA PROGETTO PORCOSPINI COORDINATE PSICO-PEDAGOGICHE- ORGANIZZATIVE PER L EDUCAZIONE ALL AFFETTIVITA E ALL ALFABETIZZAZIONE EMOTIVA COME PREVENZIONE AL DISAGIO E AL MALTRATTAMENTO PREMESSA Il Lions Club, associazione

Dettagli

SPERIMENTAZIONE LINEE GUIDA AFFIDO FAMILIARE

SPERIMENTAZIONE LINEE GUIDA AFFIDO FAMILIARE SPERIMENTAZIONE LINEE GUIDA AFFIDO FAMILIARE BUONE PRASSI PREMESSA L affidamento familiare, intervento di protezione e tutela nei confronti di minori temporaneamente privi di idoneo ambiente familiare,

Dettagli

C1) PROGRAMMA OPERATIVO DEI SERVIZI AI PROGETTI PROGETTAZIONE SOCIALE

C1) PROGRAMMA OPERATIVO DEI SERVIZI AI PROGETTI PROGETTAZIONE SOCIALE C1) PROGRAMMA OPERATIVO DEI SERVIZI AI PROGETTI PROGETTAZIONE SOCIALE Denominazione del progetto: Genitori in controtendenza: accogliere i bambini e camminare con le famiglie 1. Tipologia del progetto

Dettagli

LINEE GUIDA SULL AFFIDAMENTO FAMILIARE DELLA REGIONE CALABRIA

LINEE GUIDA SULL AFFIDAMENTO FAMILIARE DELLA REGIONE CALABRIA LINEE GUIDA SULL AFFIDAMENTO FAMILIARE DELLA REGIONE CALABRIA PRINCIPI GENERALI L Affidamento familiare è un intervento di protezione e tutela nei confronti dei minori temporaneamente privi di idoneo ambiente

Dettagli

SCHEMA DI PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DI PERCORSI DI ACCOGLIENZA E DI INSERIMENTO SCOLASTICO DEDICATO AI BAMBINI E AI RAGAZZI ADOTTATI

SCHEMA DI PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DI PERCORSI DI ACCOGLIENZA E DI INSERIMENTO SCOLASTICO DEDICATO AI BAMBINI E AI RAGAZZI ADOTTATI Allegato A SCHEMA DI PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DI PERCORSI DI ACCOGLIENZA E DI INSERIMENTO SCOLASTICO DEDICATO AI BAMBINI E AI RAGAZZI ADOTTATI Il giorno., dell anno. alle ore., presso la sede

Dettagli

ASS. INMEDIA ONLUS VILLAFRANCA TIRRENA (ME)

ASS. INMEDIA ONLUS VILLAFRANCA TIRRENA (ME) ASS. INMEDIA ONLUS VILLAFRANCA TIRRENA (ME) Anno scolastico 2013/2014 Proponente: Associazione INMEDIA ONLUS Sede legale: Via Consortile, 32 - Villafranca Tirrena (ME) Tel. 3480457173 e-mail: inmediaonlus@libero.it

Dettagli

una grande famiglia modulo 1-31gennaio 2009 La famiglia nel sistema locale dei servizi alla persona docente Gabriele Di Bucchianico

una grande famiglia modulo 1-31gennaio 2009 La famiglia nel sistema locale dei servizi alla persona docente Gabriele Di Bucchianico una grande famiglia Corso di Formazione Le risorse per il ben-essere della famiglia, tra servizi di assistenza, strumenti di tutela e opportunità di integrazione nella comunità modulo 1-31gennaio 2009

Dettagli

IDEE IN CIRCOLO ABSTRACT DEL PROGETTO DI SERVIZIO CIVILE REGIONALE. Titolo del progetto: Idee in circolo

IDEE IN CIRCOLO ABSTRACT DEL PROGETTO DI SERVIZIO CIVILE REGIONALE. Titolo del progetto: Idee in circolo IDEE IN CIRCOLO ABSTRACT DEL PROGETTO DI SERVIZIO CIVILE REGIONALE Titolo del progetto: Idee in circolo - Settore di intervento del progetto: Area di intervento: generale - Settore specifico di intervento

Dettagli

Consulta DS per l infanzia e l adolescenza Gianni Rodari. Adozione e Affido Familiare Una famiglia per ogni bambino

Consulta DS per l infanzia e l adolescenza Gianni Rodari. Adozione e Affido Familiare Una famiglia per ogni bambino I figli non sono vostri figli. Sono i figli e le figlie della sete che di sé stessa ha la vita... Voi siete gli archi da cui i figli, come frecce vive, sono scoccate in avanti. L'Arciere vede il bersaglio

Dettagli

CURRICULUM FORMATIVO E PROFESSIONALE. Maddalena Cialdella

CURRICULUM FORMATIVO E PROFESSIONALE. Maddalena Cialdella CURRICULUM FORMATIVO E PROFESSIONALE Maddalena Cialdella TITOLI A.A. 1989/90 - Diploma di Laurea in Psicologia conseguito presso l Università degli Studi di Roma La Sapienza. 1994 - Specializzazione in

Dettagli

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA (Allegato 1) SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA ENTE 1) Ente proponente il progetto: SHALOM ASSOCIAZIONE DI VOLONTARIATO ONLUS 2) Codice di accreditamento: NZ 03078

Dettagli

PROGETTO: Con-TE-Sto

PROGETTO: Con-TE-Sto ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: Con-TE-Sto TITOLO DEL PROGETTO: Con-TE-Sto SETTORE e Area di Intervento: Settore: Educazione e Promozione culturale Area d'intervento: Centri di aggregazione

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO AFFIDO APPOGGIO FAMILIARE AMBITO TERRITORIALE SOCIALE n. 8

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO AFFIDO APPOGGIO FAMILIARE AMBITO TERRITORIALE SOCIALE n. 8 REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO AFFIDO APPOGGIO FAMILIARE AMBITO TERRITORIALE SOCIALE n. 8 Art. 1 Oggetto Il presente Regolamento disciplina l Istituto dell Affido e dell Appoggio Familiare presso i Comuni

Dettagli

Un esperienza Servizio di Assistenza Domiciliare ai Minori creare legami per innescare

Un esperienza Servizio di Assistenza Domiciliare ai Minori creare legami per innescare Un esperienza Servizio di Assistenza Domiciliare ai Minori creare legami per innescare A cura di Dr.ssa BOVE Daniela Laura Cooperativa Sociale AMANI Comune di Brindisi Roma, 18 Gennaio 2010 cambiamenti

Dettagli

Il mio futuro lo scelgo oggi

Il mio futuro lo scelgo oggi CARATTERISTICHE DEL PROGETTO TITOLO Il mio futuro lo scelgo oggi OBIETTIVI : sperimentare percorsi educativi didattici e metodologici comuni innovativi che permettano ai giovani di autogestire efficacemente

Dettagli

3. Piano Provinciale Affidamento familiare e in comunità Triennio 2005-2007. Ai sensi di:

3. Piano Provinciale Affidamento familiare e in comunità Triennio 2005-2007. Ai sensi di: 3. Piano Provinciale Affidamento familiare e in comunità Triennio 2005-2007 Ai sensi di: - Deliberazione di C.R. n. 615 del 16/11/2004 - Determinazione regionale del Servizio politiche familiari, infanzia

Dettagli

AMBITO TERRITORIALE SOCIALE di CASARANO. Regolamento sull Affido Familiare

AMBITO TERRITORIALE SOCIALE di CASARANO. Regolamento sull Affido Familiare CASARANO COLLEPASSO MATINO PARABITA RUFFANO SUPERSANO TAURISANO VISTI AMBITO TERRITORIALE SOCIALE di CASARANO Regolamento sull Affido Familiare la L.184/1983 Disciplina dell'adozione e dell'affidamento

Dettagli

bilancio sociale 2008-2012

bilancio sociale 2008-2012 ASSOCIAZIONEERCOLEPREMOLI bilancio sociale 2008-2012 dati raccolti al 4 novembre 2012 ercole premoli e l associazione Nata alla fine degli anni 90, l Associazione porta il nome di un volontario impegnato

Dettagli

COMUNE DI CATANIA REGOLAMENTO SULL AFFIDAMENTO FAMILIARE DEI MINORI

COMUNE DI CATANIA REGOLAMENTO SULL AFFIDAMENTO FAMILIARE DEI MINORI COMUNE DI CATANIA REGOLAMENTO SULL AFFIDAMENTO FAMILIARE DEI MINORI Art. 1 L Amministrazione comunale attua l affidamento allo scopo di garantire al minore le condizioni migliori per il suo sviluppo psico-fisico,

Dettagli

Comunità Familiare per Minori La Goccia. Progetto Generale di Comunità

Comunità Familiare per Minori La Goccia. Progetto Generale di Comunità Comunità Familiare per Minori La Goccia Progetto Generale di Comunità Premessa: il valore della famiglia La Comunità familiare per Minori La Goccia nasce nella consapevolezza che la famiglia rappresenta

Dettagli

REGOLAMENTO AFFIDO FAMILIARE

REGOLAMENTO AFFIDO FAMILIARE REGOLAMENTO AFFIDO FAMILIARE Premessa L affidamento etero-familiare consiste nell inserire un minore in un nucleo familiare diverso da quello originario per un tempo determinato. È un esperienza di accoglienza

Dettagli

Diventare affidatari DOCUMENTO DEL COORDINAMENTO NAZIONALE SERVIZI AFFIDI n.8 / 2011

Diventare affidatari DOCUMENTO DEL COORDINAMENTO NAZIONALE SERVIZI AFFIDI n.8 / 2011 Diventare affidatari DOCUMENTO DEL COORDINAMENTO NAZIONALE SERVIZI AFFIDI n.8 / 2011 1 PREMESSA Il CNSA riconosce e valorizza le specificità di ciascun Ente Locale, delle singole professionalità e delle

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI AFFIDAMENTO FAMILIARE

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI AFFIDAMENTO FAMILIARE REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI AFFIDAMENTO FAMILIARE ART. 1 OGGETTO DEL REGOLAMENTO E PRINCIPI GENERALI L affidamento familiare, rappresenta uno strumento prioritario di aiuto al minore e alla sua famiglia,

Dettagli

CRITERI E MODALITÀ PER L ASSEGNAZIONE E L UTILIZZO DELLE RISORSE PER IL SOSTEGNO ALL AFFIDAMENTO FAMILIARE

CRITERI E MODALITÀ PER L ASSEGNAZIONE E L UTILIZZO DELLE RISORSE PER IL SOSTEGNO ALL AFFIDAMENTO FAMILIARE ALLEGATO A CRITERI E MODALITÀ PER L ASSEGNAZIONE E L UTILIZZO DELLE RISORSE PER IL SOSTEGNO ALL AFFIDAMENTO FAMILIARE 1. PREMESSA La legge 4 maggio 1983, n. 184, come modificata dalla legge 28 marzo 2001,

Dettagli

1) Ente proponente il progetto: UNA MANO PER TE SOCIETA COOPERATIVA SOCIALE ONLUS REGIONE PUGLIA

1) Ente proponente il progetto: UNA MANO PER TE SOCIETA COOPERATIVA SOCIALE ONLUS REGIONE PUGLIA Estratto scheda Progetto ENTE 1) Ente proponente il progetto: UNA MANO PER TE SOCIETA COOPERATIVA SOCIALE ONLUS 2) Codice di accreditamento: NZ04068 3) Albo e classe di iscrizione: REGIONE PUGLIA 4 CARATTERISTICHE

Dettagli

Proposte del Coordinamento CARE sulla Riforma della Legge 4 Maggio 1983, n.184. 6 punti per gli AFFIDI SOSTENIBILI

Proposte del Coordinamento CARE sulla Riforma della Legge 4 Maggio 1983, n.184. 6 punti per gli AFFIDI SOSTENIBILI Proposte del Coordinamento CARE sulla Riforma della Legge 4 Maggio 1983, n.184 6 punti per gli AFFIDI SOSTENIBILI Premessa: i dati Per un utile analisi dei dati facciamo riferimento al rapporto del Centro

Dettagli

Deliberazione Consiglio Comunale n 119 del 6 ottobre 2009

Deliberazione Consiglio Comunale n 119 del 6 ottobre 2009 Deliberazione Consiglio Comunale n 119 del 6 ottobre 2009 Regolamento Affidamento Familiare Art. 1 Oggetto Il presente Regolamento disciplina i principi e le modalità cui devono uniformarsi la gestione,

Dettagli

Scheda progettuale DGR 1098 del 28/6/2013 (Ambito Provincia di Rovigo)

Scheda progettuale DGR 1098 del 28/6/2013 (Ambito Provincia di Rovigo) Allegato B SOS. Dpt Consultorio Familiare, Tutela Minori ed Adolescenza Tel. 0425/393752 Fax 0425/393739 La Responsabile: Dott.ssa Silvana Milanese fam.inf.ado@azisanrovigo.it Scheda progettuale DGR 1098

Dettagli

Affido Adolescenti. I bambini e gli adolescenti in affidamento familiare Firenze 1999 pg. 233

Affido Adolescenti. I bambini e gli adolescenti in affidamento familiare Firenze 1999 pg. 233 Coordinamento Nazionale Servizi Affidi Affido Adolescenti Premesse Il Coordinamento Nazionale Servizi Affido offre un documento relativo al tema dell affido familiare di adolescenti, già confrontato e

Dettagli

P R O V I N C I A D I L E C C E Assessorato Politiche Sociali Pari Opportunità Servizio Politiche Sociali e di Parità

P R O V I N C I A D I L E C C E Assessorato Politiche Sociali Pari Opportunità Servizio Politiche Sociali e di Parità P R O V I N C I A D I L E C C E Assessorato Politiche Sociali Pari Opportunità Servizio Politiche Sociali e di Parità Progetto Welfare e qualità sociale del territorio: un percorso continuo di aggiornamento

Dettagli

La Casa Famiglia: affetto e accoglienza a misura di bambino

La Casa Famiglia: affetto e accoglienza a misura di bambino La Casa Famiglia: affetto e accoglienza a misura di bambino Premessa AiBi - Amici dei Bambini è un Organizzazione Umanitaria Internazionale costituita il 21 gennaio 1986, i cui principi ispiratori nascono

Dettagli

NUOVE SPERIMENTAZIONI NEL LAVORO SOCIALE E PSICOLOGICO PER LA TUTELA DEI MINORI E IL SUPPORTO ALLE FAMIGLIE IN DIFFICOLTA

NUOVE SPERIMENTAZIONI NEL LAVORO SOCIALE E PSICOLOGICO PER LA TUTELA DEI MINORI E IL SUPPORTO ALLE FAMIGLIE IN DIFFICOLTA NUOVE SPERIMENTAZIONI NEL LAVORO SOCIALE E PSICOLOGICO PER LA TUTELA DEI MINORI E IL SUPPORTO ALLE FAMIGLIE IN DIFFICOLTA Liviana Marelli Presidente LA GRANDE CASA Società Cooperativa Sociale ONLUS Membro

Dettagli

DISTRETTO SOCIO SANITARIO 18 (PATERNO -BELPASSO-RAGALNA-ASL 3)

DISTRETTO SOCIO SANITARIO 18 (PATERNO -BELPASSO-RAGALNA-ASL 3) DISTRETTO SOCIO SANITARIO 18 (PATERNO -BELPASSO-RAGALNA-ASL 3) Allegato alla deliberazione consiliare n. 04 del 7 febbraio 2007 ART. 1 DEFINIZIONE DI AFFIDAMENTO FAMILIARE 1. L affidamento familiare è

Dettagli

REGIONE MARCHE GIUNTA REGIONALE

REGIONE MARCHE GIUNTA REGIONALE DELIBERAZIONE DELLA 2 OGGETTO: INDIRIZZI IN MATERIA DI INTERVENTI SOCIO-SANITARI TERRITORIALI RELATIVI ALL AFFIDAMENTO FAMILIARE DI CUI ALLA LEGGE 4 MAGGIO 1983, N.184, E SUCCESSIVE MODIFICHE LA VISTO

Dettagli

La tutela dei minori. Milano, 19 aprile 2013. Rebecca Zanuso (Synergia)

La tutela dei minori. Milano, 19 aprile 2013. Rebecca Zanuso (Synergia) La tutela dei minori Milano, 19 aprile 2013 Rebecca Zanuso (Synergia) Il sistema della tutela Gli attori principali del sistema della tutela sono: i servizi (il sistema di welfare), la famiglia, la magistratura.

Dettagli

Pollicino nella rete (Relazione attività progettuale anno 2006-2009)

Pollicino nella rete (Relazione attività progettuale anno 2006-2009) Casa di pronta accoglienza per bambini e bambine da 0 a 6 anni di età Suor Francesca Giannetto. (cliccare QUI per la galleria fotografica) Progetto: Pollicino nella rete (Relazione attività progettuale

Dettagli

NOVA NUOVI ORIZZONTI PER VIVERE L ADOZIONE

NOVA NUOVI ORIZZONTI PER VIVERE L ADOZIONE NOVA NUOVI ORIZZONTI PER VIVERE L ADOZIONE Resto in Famiglia! Il progetto Resto in famiglia promosso da NOVA preserva la famiglia, attraverso un adeguata accoglienza delle problematiche presenti all interno

Dettagli

Protocollo di Intesa per la realizzazione di una casa per la semiautonomia per donne e minori

Protocollo di Intesa per la realizzazione di una casa per la semiautonomia per donne e minori In data 26 Settembre 2008 è stato firmato il seguente protocollo: Protocollo di Intesa per la realizzazione di una casa per la semiautonomia per donne e minori Tra Solidea, Istituzione di genere femminile

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI EDUCATIVI E SOCIO ASSITENZIALI

CARTA DEI SERVIZI EDUCATIVI E SOCIO ASSITENZIALI SOCIETA COOPERATIVA SOCIALE CARTA DEI SERVIZI EDUCATIVI E SOCIO ASSITENZIALI Piazza I Maggio, 13 GUASTALLA (RE) TEL. 0522/ 824142 fax 0522/226311 e-mail: ilpoliedro@ilpoliedro.re.it CARTA DEI SERVIZI EDUCATIVI

Dettagli

LA GIUNTA REGIONALE. RITENUTO, per i motivi riportati nel predetto documento istruttorio e che vengono condivisi, di deliberare in merito;

LA GIUNTA REGIONALE. RITENUTO, per i motivi riportati nel predetto documento istruttorio e che vengono condivisi, di deliberare in merito; D.G.R. n. 869 del 17.6.2003, Indirizzi in materia di interventi socio-sanitari territoriali relativi all affidamento familiare di cui alla legge 4 maggio 1983, n.184, e successive modifiche (B.U.R. n.

Dettagli

ASSISTENZA DOMICILIARE EDUCATIVA

ASSISTENZA DOMICILIARE EDUCATIVA ASSISTENZA DOMICILIARE EDUCATIVA AI MINORI E ALLE LORO FAMIGLIE 2. Progetto già avviato Sì No 3. Tipologia di servizio Istituzionale Servizi Essenziali Altro 4. Area tematica Minori e Famiglia 5. Macrotipologia

Dettagli

PROCEDURE del SERVIZIO TUTELA MINORI e SERVIZIO AFFIDI

PROCEDURE del SERVIZIO TUTELA MINORI e SERVIZIO AFFIDI PROCEDURE del SERVIZIO TUTELA MINORI e SERVIZIO AFFIDI SCOPO Lo scopo della presente procedura è di descrivere l attività del personale psicosociale (assistente sociale, psicologo) del servizio Tutela

Dettagli

Guide per i cittadini

Guide per i cittadini PIANO DI ZONA AREA FAMIGLIA, INFANZIA ADOLESCENZA E MINORI Guida per i cittadini - Anno 2011 Guide per i cittadini S c h e d e P r o g e t t i Interventi Pablo Picasso Maternità INDICE Interventi di accesso,

Dettagli

Corso di aggiornamento Inserimento scolastico dei minori adottati o in affidamento familiare

Corso di aggiornamento Inserimento scolastico dei minori adottati o in affidamento familiare Corso di aggiornamento Inserimento scolastico dei minori adottati o in affidamento familiare 1 incontro 11 aprile 2011 Assistente sociale Maria Grazia Pensabene Servizio politiche sociali e abitative -

Dettagli

COMUNE DI PARMA REGOLAMENTO COMUNALE PER L AFFIDAMENTO FAMILIARE DI MINORI

COMUNE DI PARMA REGOLAMENTO COMUNALE PER L AFFIDAMENTO FAMILIARE DI MINORI COMUNE DI PARMA REGOLAMENTO COMUNALE PER L AFFIDAMENTO FAMILIARE DI MINORI Approvato con deliberazione del Commissario Straordinario n. 47/8 in data 26/01/2012 1 ART. 1 Premessa Il presente regolamento

Dettagli

LINEE D INDIRIZZO REGIONALI PER L AFFIDAMENTO FAMILIARE

LINEE D INDIRIZZO REGIONALI PER L AFFIDAMENTO FAMILIARE REGIONE CAMPANIA Giunta Regionale - Seduta del 30 aprile 2004 - Deliberazione N. 644 - Area Generale di Coordinamento N. 18 Assistenza Sociale, Sport - Linee d indirizzo per l affidamento familiare. LINEE

Dettagli

I SERVIZI SOCIO-EDUCATIVI IN PROVINCIA DI TRENTO

I SERVIZI SOCIO-EDUCATIVI IN PROVINCIA DI TRENTO I SERVIZI SOCIO-EDUCATIVI IN PROVINCIA DI TRENTO SERVIZI RESIDENZIALI I SERVIZI DI PRONTA ACCOGLIENZA: IL CENTRO PER L INFANZIA IL CENTRO DI PRONTA ACCOGLIENZA Il Centro per l Infanzia accoglie bambini

Dettagli

A cura di Dott. Roberto di Giuseppe

A cura di Dott. Roberto di Giuseppe Istituto Comprensivo Leonardo da Vinci Viale della Grande Muraglia, 37 00144 Roma Progetto SPORTELLO DI ASCOLTO A.S. 2014/2015 Per la Promozione del Benessere, per l Integrazione degli Alunni, per la Prevenzione

Dettagli

TUTTI AL CENTRO ABSTRACT DEL PROGETTO DI SERVIZIO CIVILE REGIONALE. Titolo del progetto: TUTTI AL CENTRO

TUTTI AL CENTRO ABSTRACT DEL PROGETTO DI SERVIZIO CIVILE REGIONALE. Titolo del progetto: TUTTI AL CENTRO TUTTI AL CENTRO ABSTRACT DEL PROGETTO DI SERVIZIO CIVILE REGIONALE Titolo del progetto: TUTTI AL CENTRO Settore di intervento del progetto: Area di intervento: generale Settore specifico di intervento

Dettagli

EDUCATIVA TERRITORIALE

EDUCATIVA TERRITORIALE EDUCATIVA TERRITORIALE L attivazione di questo servizio è subordinata al finanziamento della L. 285/97 (Disposizioni per la promozione di diritti e opportunità per l infanzia e l adolescenza). DEFINIZIONE

Dettagli

IL PERCORSO DELL ADOZIONE

IL PERCORSO DELL ADOZIONE Dipartimento Tutela Materno Infantile e della Genitorialità U.O.C. Procreazione Cosciente ------ Municipi ex V VII VIII - X IL PERCORSO DELL ADOZIONE note di informazione ed orientamento per le coppie

Dettagli

Attività 2014 Agenzia formativa Formarsi agli Innocenti

Attività 2014 Agenzia formativa Formarsi agli Innocenti Attività 2014 Agenzia formativa Formarsi agli Innocenti L offerta formativa dell Istituto degli Innocenti nasce da un esperienza consolidata di gestione di servizi e attività di ricerca e formazione a

Dettagli

ore Sala Consiliare del Comune di Bellano

ore Sala Consiliare del Comune di Bellano ore Sala Consiliare del Comune di Bellano IL PERCORSO Valutazione del Piano di Zona 2009/2011 Definizione regole di partecipazione del Terzo Settore Definizione della nuova governance Definizione delle

Dettagli

Regolamento. Questo Servizio adotta il seguente regolamento:

Regolamento. Questo Servizio adotta il seguente regolamento: Regolamento L affidamento familiare aiuta i bambini ed i ragazzi a diventare grandi, nutrendo il loro bisogno di affetto e di relazione con figure adulte che si prendano cura di loro, al fine di diventare

Dettagli

Viale Trastevere, 251 Roma

Viale Trastevere, 251 Roma PROGETTO SPORTELLO DI ASCOLTO ATTIVITA DI COUNSELING PSICOLOGICO RIVOLTO AGLI STUDENTI, INSEGNANTI E FAMIGLIE ISTITUTO SAN GAETANO Viale Trastevere, 251 Roma ANNO SCOLASTICO 2014-2015 Una proposta a cura

Dettagli

1. Proposte in merito alla promozione dei Diritti dell Infanzia e dell Adolescenza

1. Proposte in merito alla promozione dei Diritti dell Infanzia e dell Adolescenza PROPOSTE AI CANDIDATI DELLA REGIONE LIGURIA 1. Proposte in merito alla promozione dei Diritti dell Infanzia e dell Adolescenza a) Promuovere l ascolto e la partecipazione dei bambini e dei ragazzi alla

Dettagli

Centro per la Famiglia

Centro per la Famiglia Il Piano Locale Unitario dei Servizi alla Persona PLUS 21, in esecuzione del Contratto di Servizio sottoscritto con le Cooperative Koinos e Anteros in ATS, promuove e gestisce il Centro per la Famiglia

Dettagli

AMBITO TERRITORIALE DI BERGAMO COMUNE DI SORISOLE COMUNE DI GORLE COMUNE DI PONTERANICA COMUNE DI ORIO AL SERIO COMUNE DI TORRE BOLDONE

AMBITO TERRITORIALE DI BERGAMO COMUNE DI SORISOLE COMUNE DI GORLE COMUNE DI PONTERANICA COMUNE DI ORIO AL SERIO COMUNE DI TORRE BOLDONE AMBITO TERRITORIALE DI BERGAMO DI GORLE DI ORIO AL SERIO DI PONTERANICA DI SORISOLE DI TORRE BOLDONE 02 PRESENTAZIONE 03 L art.1 della legge 149 del 2001 Diritto del minore ad una famiglia sancisce che

Dettagli

per Famiglie e Adolescenti Vulesse Tel.: 0815771338 Cell.: 3357674817 VI Municipalità della Città di Napoli

per Famiglie e Adolescenti Vulesse Tel.: 0815771338 Cell.: 3357674817 VI Municipalità della Città di Napoli Centro di Psicologia e Psicoterapia Via Vicinale Maranda n. 25 80147 (NA) per Famiglie e Adolescenti Vulesse Tel.: 0815771338 Cell.: 3357674817 VI Municipalità della Città di Napoli Mail: associazionesvt@gmail.com

Dettagli