MINISTERO ISTRUZIONE UNIVERSITÀ E RICERCA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "MINISTERO ISTRUZIONE UNIVERSITÀ E RICERCA"

Transcript

1 MINISTERO ISTRUZIONE UNIVERSITÀ E RICERCA I STITUTO STATALE di ISTRUZIONE SPECIALIZZATA per SORDI Sede Legale: Vicolo del Casal Lumbroso, Roma C.F pec: Tel 06/ /3 Fax 06/ IPSIA Magarotto SMSS Fabriani 173 C.D. Silvestri e S. Media IPSIA Magarotto ITCG Magarotto V.lo del Casal Lumbroso, ROMA Via Don Carlo Gnocchi, ROMA Via Nomentana, ROMA Via Monte Corno, TORINO Via Cave, PADOVA Tel /3 Fax Tel Fax Tel Fax Tel Fax Tel Fax PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA COOPERARE NELLA DIVERSITA PER CRESCERE INSIEME ANNO SCOLASTICO 2013/2014

2 PREMESSA Il P.O.F. è il documento fondamentale costitutivo dell identità culturale e progettuale delle istituzioni scolastiche ed esplicita la progettazione curricolare, extracurricolare, educativa e organizzativa che le singole scuole adottano nell ambito della loro autonomia (art.3 Regolamento in materia di autonomia delle istituzioni scolastiche). Il Piano dell Offerta Formativa della Scuola Media Statale Specializzata per i Sordi S. Fabriani è lo strumento attraverso il quale si vuole rendere visibile il lavoro scolastico, le attività e gli interventi mirati all integrazione tra ragazzi sordi e udenti, la collaborazione e l interazione tra scuola, famiglia, convitti, alunni e territorio. STORIA DELLA SCUOLA Prima del passaggio alla gestione statale, avvenuto nel 1978, esistevano due scuole medie, una maschile, annessa all'istituto professionale ed al Convitto per sordi dell'ente Nazionale Sordomuti, situata nel complesso scolastico convittuale di Vicolo Casal Lumbroso, e una femminile, in via Don Carlo Gnocchi, vicino alla via Boccea, dove la Congregazione delle Suore della Divina Provvidenza per le Sordomute, fondata nel 1828 a Modena dal sacerdote Severino Fabriani, aveva aperto nel 1968 un grande convitto per le ragazze sorde. Dal 1978 la scuola media, con la statizzazione prese il nome del fondatore dell'ordine delle suore del vicino convitto e divenne quindi la Scuola Media Statale "Severino Fabriani". Dal 2000 la Scuola media "Severino Fabriani" è diventata una delle scuole dell'isiss (Istituto Statale di Istruzione Specializzata per Sordi). Dall'anno scolastico 2008/2009, è attiva la sede succursale con progetto sperimentale, in via Nomentana 56, Roma. L UTENZA La Scuola Media S. Fabriani è l unica scuola statale specializzata per l insegnamento ai sordi su tutto il territorio nazionale. La popolazione scolastica, dunque, non è costituita solo da ragazzi residenti nei quartieri di Roma (Boccea, Nomentana) in cui è ubicata la scuola, ma anche da ragazzi originari di altre regioni, determinando un contesto socio culturale eterogeneo, arricchito inoltre dalla presenza di studenti provenienti da etnie diverse. 2

3 CARTA D IDENTITA DELLA SCUOLA MEDIA S. FABRIANI Denominazione e sede: SCUOLA MEDIA STATALE SPECIALIZZATA PER I SORDI S. FABRIANI Sede centrale: via Don Carlo Gnocchi, Roma Tel/Fax 06/ Sede succursale: via Nomentana, Roma Tel/Fax: 06/ Dirigente Scolastico Prof. Paolo Maria Reale Circoscrizione Sede centrale: XVIII Via Aurelia 475/479 Tel. 06/ Sede succursale: III Municipio - via Goito, 35 Tel: 06/ ASL di appartenenza Sede centrale: RME Via Boccea 625 Tel. 06/ Sede succursale: RMA - via Dei Frentani,6 Tel: 06/ / / Contatti Come raggiungerci Sede centrale: La Scuola che sorge all interno di un vasto spazio verde è facilmente raggiungibile con i mezzi di trasporto, infatti è situata vicino alla fermata della metro A "Battistini" da cui si prende l autobus 146 che ferma proprio davanti all ingresso della scuola (seconda fermata di via Don Carlo Gnocchi). Ciò permette di spostarsi senza difficoltà e di raggiungere musei, sedi 3

4 espositive, luoghi di interesse storico ed archeologico. Con i mezzi propri bisogna prendere uscita Boccea-Casalotti del GRA Sede succursale: Vicina al polmone verde di Villa Torlonia, la zona è ben collegata e la rete dei trasporti risulta più che soddisfacente. Ciò permette di spostarsi senza difficoltà per raggiungere musei, sedi espositive, luoghi di interesse storico e archeologico. Metro A direzione Anagnina, scendere a Termini o Repubblica e prendere uno dei seguenti bus: 90,82,60D,60,62. Altre scuole del gruppo ISISS in Roma 173 Circolo Via Nomentana, 56 Tel. e fax 06/ Istituto Professionale Statale per l Industria e l Artigianato A. Magarotto Vicolo del Casal Lumbroso, Roma Tel. 06/ Fax 06/

5 PROPOSTA FORMATIVA Nella nostra scuola si utilizza una didattica specializzata che mira a superare le difficoltà individuali ed a potenziare le capacità di tutti gli alunno, sia sordi che udenti. Particolare attenzione è rivolta alla ricerca di strategie adeguate e differenziate in rapporto alle caratteristiche di ciascun ragazzo (uso di software didattici mirati, nuove tecnologie, etc.). Viene privilegiato inoltre l uso di strumenti atti a trasformare i contenuti didattici in immagini visuo-spaziali così da rendere più efficace per tutti gli allievi l apprendimento degli stessi. Pertanto le attività didattiche vengono svolte mediante l utilizzo della LIM (lavagne interattive multimediali) presenti in ogni aula. Tutti i docenti hanno, in aggiunta ai titoli validi per l insegnamento nelle scuole per udenti, un diploma di specializzazione per l insegnamento ad alunni sordi. Le nostre classi sono composte da piccoli gruppi di alunni per favorire gli apprendimenti e facilitare il rapporto docente-allievi, anche attraverso il lavoro a classi aperte. Gli alunni sordi hanno il vantaggio di vivere in una realtà che non li isola e che favorisce il loro benessere psicofisico grazie alla presenza di altri alunni sordi e all opportunità di poter condividere l esperienza scolastica con compagni udenti. Su richiesta delle famiglie, è prevista la presenza in classe di assistenti alla comunicazione. Queste figure professionali, competenti in LIS, hanno il compito di facilitare la trasmissione dei contenuti delle varie discipline e concorrono su richiesta dei docenti, ad applicare le strategie ed i canali comunicativi più idonei all apprendimento di ciascun allievo. Gli alunni udenti si trovano in un contesto educativo stimolante, nel quale poter conoscere anche la LIS. OBIETTIVI EDUCATIVI Favorire la formazione dell identità personale e sociale dell alunno; Acquisire e consolidare atteggiamenti di confronto costruttivo con persone e culture diverse; Promuovere l integrazione fra ragazzi sordi ed udenti. OBIETTIVI FORMATIVI Facilitare lo sviluppo di tutte le potenzialità comunicative (verbali e non), sociali e cognitive; Arricchire lo sviluppo cognitivo individuale potenziando le capacità di ogni studente; Sviluppare una competenza linguistica bilingue (LIS Italiano); Garantire un primo approccio alle nuove tecnologie informatiche; 5

6 Promuovere il lavoro di gruppo. VERIFICHE E VALUTAZIONI L anno scolastico è diviso in tre trimestri (dicembre, marzo e giugno). Le verifiche tendono ad accertare i livelli di partenza individuali, i livelli di apprendimento, i progressi e i ritardi degli alunni. Tutte le prove di verifica, sia scritte che orali, tengono conto dei diversi livelli di apprendimento e sono sempre idonee agli alunni sordi, per rispondere alle esigenze di tutte le discipline. Riguardo agli alunni che seguono una Piano educativo individualizzato (P.E.I) con piano di studio personalizzato (PSP), le verifiche saranno mirate ad accertare il raggiungimento degli obiettivi minimi previsti dalla programmazione o, eventualmente, a valutare i progressi dell allievo rispetto ad un percorso educativo e didattico cucito su misura sull alunno. RAPPORTI SCUOLA- FAMIGLIA Viene data grande importanza ai rapporti scuola- famiglia al fine di stabilire una fattiva collaborazione e una conoscenza reciproca. Il Dirigente Scolastico e tutti i docenti assicurano la loro disponibilità a ricevere i genitori per qualsiasi problema riguardante gli alunni, previo appuntamento. Le famiglie sono informate sull andamento didattico-disciplinare mediante: Pagelle; Quadri affissi al termine dell anno scolastico; Convocazione da parte del Coordinatore di Classe o dei docenti; Ricevimenti; Comunicazioni via telefono o via mail. 6

7 QUADRO ORARIO SETTIMANALE L orario scolastico si sviluppa in 38 ore settimanali: 8 ore giornaliere ( ) dal lunedì al giovedì, 6 ore giornaliere il venerdì ( ), per cui i ragazzi hanno l opportunità di trascorrere l intero fine settimana con la propria famiglia. Dalle ore 13:30 alle 14:30 c'è il servizio mensa con menù stilato dai dietologi del Comune di Roma. Una volta al mese ci sono piatti tipici regionali, una ghiotta occasione per approfondire la conoscenza dei diversi paesi d'italia. MATERIE I MEDIA II MEDIA III MEDIA Lettere Matematica e Scienze Lingua Straniera (Inglese) Tecnologia Arte e Immagine Musica Scienze Motorie e Sportive Religione

8 PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA Il Protocollo di Accoglienza è uno strumento condiviso da: D.S., Docenti, Amministrativi-Tecnici- Ausiliari (ATA), Assistenti alla comunicazione, Assistenti Educativi Culturali (AEC), Genitori, Enti esterni. Ha la finalità di favorire un clima emotivo-relazionale caratterizzato dalla scoperta e riconoscimento positivo delle Diversità come valore (tra bambini, operatori scolastici, genitori e il territorio). Il Protocollo di Accoglienza si propone di: - facilitare l integrazione a scuola dei bambini sordi, udenti e stranieri - facilitare le relazioni fra la scuola e le famiglie - favorire e sostenere lo scambio interculturale; - favorire un atteggiamento di ascolto dell altro; - promuovere la collaborazione tra la scuola, il territorio e le istituzioni FASI DELL ACCOGLIENZA L ISCRIZIONE ISCRIZIONI ORDINARIE In prima istanza il contatto è con la segreteria che, per l iscrizione dell alunno: - consegna i moduli di iscrizione - raccoglie documentazione varia: vaccinazioni, opzioni religiose, diagnosi funzionale ASL di competenza, iter scolastico precedente - consegna materiale informativo sulla scuola - distribuisce una scheda per i dati biografici dell alunno straniero e della famiglia - in caso di famiglia sorda e/o straniera si organizza un incontro con il coordinatore/referente scolastico e l interprete e/o il mediatore linguistico culturale. ISCRIZIONI IN CORSO D ANNO Oltre alle procedure sopra indicate, laddove si riscontrino condizioni possibili, si utilizzano i criteri indicati successivamente per l ammissione e l assegnazione alla classe. LA PRIMA CONOSCENZA NEL PERCORSO DI ACCOGLIENZA DEGLI ALUNNI PROVENIENTI DA ALTRE SCUOLE 8

9 La Commissione di Accoglienza: - esamina la prima documentazione raccolta dalla segreteria all atto dell iscrizione - raccoglie una serie di informazioni sulla storia personale del bambino, sulla situazione familiare, sul percorso scolastico, sugli interessi, le abilità, le competenze possedute - raccoglie la documentazione medica o su altro handicap - raccoglie schede informative sul sistema scolastico del paese di provenienza del nuovo alunno se straniero - si avvale della collaborazione dell equipe del CNR, l Istituto Statale Sordi o altri enti qualificati, laddove se ne reputi la necessità - incontra il/la bambino/a, proponendo una serie di prove per accertare le abilità, e le conoscenze possedute con una particolare attenzione alla rilevazione dei DSA ( Disturbi specifici di Apprendimento) - sente il parere del Dirigente Scolastico, nei casi di particolare complessità. AMMISSIONE E ASSEGNAZIONE ALLA CLASSE La Commissione di Accoglienza, svolti i precedenti passaggi, decide la composizione della classe degli aventi diritto, secondo i seguenti criteri: - sordità: ammissione di un solo alunno PHS (codice primario sordità) per ciascuna sezione/classe - parentela sorda entro il III grado - fratelli/sorelle di alunni iscritti in ogni ordine di scuola dell ISISS - provenienza dal Nido Montessori (per l accesso alla scuola di infanzia) - data di nascita - equilibrio del gruppo classe nella suddivisione maschi/femmine, sordi/udenti La somma di più criteri dà la precedenza. In caso si totalizzasse un numero superiore alle unità stabilite per sezione/classe (15 unità per la scuola di infanzia; 13 per la scuola primaria e secondaria di I grado) verrà stilata la lista d attesa. Quando l alunno proviene dallo stesso Istituto, l iscrizione risulta automatica solo nel passaggio dalla scuola primaria alla scuola secondaria di primo grado. I docenti dei gradi coinvolti nel passaggio si riuniscono, in base al calendario stabilito dal Collegio dei Docenti, per il passaggio delle informazioni. In caso di iscrizioni di alunni sordi o udenti provenienti da altri Istituti esterni all ISISS si comunicherà la loro ammissione entro i 10 giorni dalla scadenza della data di iscrizione. In base a quanto previsto dalle normative vigenti, i minori stranieri soggetti all obbligo scolastico vengono iscritti alla classe corrispondente all età anagrafica, salvo che la Commissione di 9

10 Accoglienza, in accordo con i Consigli di Classe, stabilisce l assegnazione ad una classe diversa, immediatamente inferiore o superiore rispetto a quella corrispondente all età anagrafica. L INSERIMENTO IN CLASSE La valorizzazione delle diversità avviene attraverso un sistema strutturato all interno del quale coesistono due modalità di comunicazione (Lingua vocale e Lingua dei segni), entrambe fruibili a seconda della cultura di appartenenza. La struttura pedagogico-didattica, che si avvale degli assistenti alla comunicazione, diventa un modello adulto di integrazione da trasferire al gruppo classe: in tal modo la diversità è agita attraverso un mediatore linguistico trasversale (LIS). Inoltre viene privilegiata la formazione di piccoli gruppi per valorizzare l individualità e favorire l apprendimento. La LIS viene utilizzata come mediatore culturale, anche per favorire la comunicazione con e tra i bambini provenienti da Paesi stranieri. Il vivere quotidiano a contatto con la sordità comporta una acquisizione automatica della cultura sorda (usi, abitudini, atteggiamenti, comportamenti e valori) da condividere. Durante i primi 10 gg, dell anno, è previsto un Laboratorio LIS intensivo da parte di: un docente di madrelingua LIS, i docenti curriculari, gli assistenti alla comunicazione, gli A.E.C. 10

11 AMPLIAMENTO DELL OFFERTA FORMATIVA ORIENTAMENTO L orientamento è un intervento che mira ad aiutare l allievo a risolvere i problemi inerenti l apprendimento, il metodo di studio e la scelta dei percorsi formativi. Vede protagonisti gli alunni della classe terza che si avviano alla scelta del proprio percorso formativo in base alle capacità ed attitudini maturate durante il proprio percorso scolastico. Le attività di orientamento sono pensate per guidare lo studente a potenziare la capacità di conoscere se stesso, l ambiente in cui vive, i mutamenti socio-culturali, le offerte didattiche, di modo che egli possa così divenire protagonista di un personale progetto di vita. GEMELLAGGIO Questa iniziativa intende coinvolgere anche gli allievi della scuola media nello scambio di esperienze, tradizioni ed amicizie con la scuola americana per sordi dell Ohio con la quale l ISISS Magarotto ha già da anni intessuto uno stabile rapporto. La possibilità di comunicare oltreoceano con ragazzi sordi e udenti della stessa età può fornire stimoli efficaci per l apprendimento della lingua straniera e delle tecnologie informatiche. INCONTRI Il Progetto intende favorire il contatto degli allievi con esponenti illustri del mondo della politica, dello sport, dell arte, dello spettacolo, al fine di rafforzare il livello di autostima, maturare la capacità progettuale, promuovere comportamenti equilibrati dal punto di vista fisico, cognitivo ed emotivo. CONTINUITA Vede protagonisti gli alunni della classe prima della Scuola Secondaria di I grado e gli alunni della classe quinta della Scuola Primaria. MULTIETNICITA E CONVIVENZA CIVILE La finalità di questo progetto è legare la realtà della multietnicità alla convivenza civile, affrontando la tematica da un punto di vista storico e culturale, sviluppandola come percorso interdisciplinare e multidisciplinare sotto il profilo linguistico, storico, geografico, scientifico, umanistico, artistico. CAMPO SCUOLA Si intende far acquisire la conoscenza dell ambiente attraverso l esperienza diretta; 11

12 far comprendere il rispetto dell ambiente non limitato solo ai giorni del campo scuola, ma riguarda la formazione dell individuo; Comprendere l importanza e il significato della conservazione del patrimonio naturale nella salvaguardia dell ambiente. EDUCAZIONE ALLA LEGALITA Si pone come obiettivo quello di educare alla convivenza civile rispettando il prossimo e le regole del vivere civile. EDUCAZIONE ALLA SICUREZZA Mira a far acquisire agli alunni le regole e i comportamenti da seguire in caso di pericolo. EDUCAZIONE AMBIENTALE Si intende sensibilizzare gli alunni al rapporto tra uomo e ambiente e alle problematiche ad esso legate. EDUCAZIONE ALIMENTARE/ORTO Il progetto intende promuovere un percorso educativo che favorisca negli studenti la consapevolezza di quello che siamo, di quello che mangiamo e di come è preferibile mangiare per la salvaguardia della propria salute, ponendo l attenzione su comportamenti e stili nutrizionali corretti. L alimento non rappresenta solo una necessità fisiologica, ma riveste anche un significato sociale e simbolico rappresentando una modalità attraverso cui ogni adolescente entra in relazione con l ambiente, con il gruppo di appartenenza: è un segno culturale. Attraverso la realizzazione dell orto si rendono visibili e concreti argomenti quali la nascita, la crescita e la riproduzione di alcuni esseri viventi. LABORATORIO ACQUARIO Il progetto coinvolge tutte le classi ed è un modo per rendere più tangibile la didattica e l apprendimento ha anche un coinvolgimento emozionale i ragazzi si prendono cura degli organismi viventi che vi vivono dentro. È un ecosistema in miniatura che permette di vedere le relazioni tra fattori biotici (animali e piante) e fattori abiotici (temperatura, luce). EDUCAZIONE ALLA SESSUALITÀ Rivolto ai ragazzi delle classi terze, permette agli alunni di affrontare tematiche affettive e sessuali. Le finalità di questo progetto sono: 12

13 Consapevolezza che l educazione alla sessualità è parte integrante dell educazione globale dell individuo Sviluppo di una propria identità personale positiva Valorizzare le reciproche differenze Sviluppo della capacità di ascolto delle diverse esigenze dell altro Conoscere le diversità, i significati delle relazioni uomo-donna attraverso la conoscenza degli aspetti più strettamente biologici. Acquisire sempre più consapevolezza della propria crescita fisica-psichica-emozionalesociale. Operare scelte autonome e riflettute. Comunicare in modo assertivo con l'altro sesso. Obiettivo prioritario, per tutte le classi, è quello di sviluppare un comportamento positivo generale verso la sessualità, attraverso un'azione anche decondizionante; infatti molti alunni, soprattutto i maschi, mostravano atteggiamenti frutto di stereotipi ( ridicolizzare, prendere in giro l'altro, turpiloquio). LABORATORIO TEATRO-DANZA Il Laboratorio Teatro-Danza permette di favorire il processo di maturazione ed il consolidamento della capacità di socializzazione e relazione; ha come fine quello di rendere ciascun alunno protagonista del proprio percorso formativo. Esso è una palestra dove tutti possono ripescare le proprie emozioni, manifestarle attraverso la recitazione e la danza, mostrare tutte le caratteristiche e le abilità personali. Attraverso le varie attività, infatti, la dimensione cognitiva e quella emotivo affettiva vengono interamente coinvolte per risvegliare nell alunno il desiderio di fare, il bisogno di conoscere e l interesse a reinterpretare creativamente la realtà. LABORATORIO CREATIVO L attività di lavoro in questo laboratorio nasce come risposta all esigenza degli alunni di alternare momenti di studio con altri di attività di manipolazione, da svolgersi con spontaneità e nel rispetto dei tempi individuali di ogni singolo studente. Permette di esprimere manualmente la creatività dell alunno mediante la realizzazione di lavori che verranno esposti e venduti durante il MERCATINO DI NATALE (12,13,14 dicembre 2012). LABORATORIO BILINGUISMO 13

14 Il laboratorio di bilinguismo ha le seguente finalità: Promuovere un migliore scambio comunicativo ed un processo integrativo tra la comunità sorda e quella udente. Creare un ambiente comunicativo Stimolare la modalità d espressione visivo-gestuale. Potenziare alcune aree cognitive quali l attenzione, la discriminazione e la memoria visiva. Nelle prime due settimane dell anno scolastico 2012/2013 (mese di settembre) è prevista una FULL IMMERSION IN LIS, ad opera di docenti madrelingua, supportati dagli assistenti alla comunicazione e gruppo docente. Le attività saranno proposte per gruppi di livello,verranno riprese e raccolte in un DVD. Da ottobre a giugno l attività sarà svolta dal docente madrelingua LIS una ora a settimana in ciascuna sezione/classe di scuola dell infanzia, primaria e secondaria di 1 grado, per un totale di 32 ore nel corso dell anno scolastico. 14

15 ALTRI SERVIZI BIBLIOTECA E VIDEOTECA La scuola dispone di una fornita biblioteca e videoteca dove i docenti e gli studenti possono consultare e prendere in prestito testi e pellicole sottotitolate. PROGETTI APERTI AL TERRITORIO I ragazzi organizzano e partecipano a mostre, spettacoli teatrali, visite culturali ed altre iniziative che possono contribuire ad ampliare la conoscenza del territorio in cui vivono. INCONTRI CON ALTRE SCUOLE Gli scambi culturali con altre scuole costituiscono uno dei momenti fondamentali per promuovere l integrazione e sviluppare il grado di socializzazione degli studenti. I CONVITTI Gli studenti provenienti da fuori provincia, o quelli per i quali rimane comunque difficile raggiungere quotidianamente la scuola, possono essere ospitati, durante il periodo scolastico, nei convitti, maschili e femminili, adiacenti all IPSIA A. Magarotto e alla Scuola Media S. Fabriani. 15

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Ufficio di Segreteria: Viale Liguria Rozzano (MI) Tel. 02 57501074 Fax. 028255740 e-mail: segreteria@medialuinifalcone.it sito: www.icsliguriarozzano.gov.it Recapiti

Dettagli

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Anno Scolastico 2010-2011 Email: icsauro@yahoo.it Fratelli Grimm La Scuola

Dettagli

PIANO A.S. 2015/2016

PIANO A.S. 2015/2016 Direzione Didattica Statale 1 Circolo De Amicis Acquaviva delle Fonti (BA) BAEE03600L@ISTRUZIONE.IT - BAEE03600L@PEC.ISTRUZIONE.IT www.deamicis.gov.it PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA A.S. 2015/2016 Prendete

Dettagli

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI Pagina 1 di 5 PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER PREMESSA Il Protocollo di Accoglienza intende presentare procedure per promuovere l integrazione di alunni stranieri, rispondere ai loro bisogni formativi e rafforzare

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con:

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: V E NIDO DIPARTIMENTO MATERNO INFANTILE R ENTI LOCALI T QUARTIERE I C SCUOLA DELL INFANZIA FAMIGLIA

Dettagli

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali L Istituto Leopoldo Pirelli si propone di potenziare la cultura dell inclusione per rispondere in modo efficace alle necessità di

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA Istituto Comprensivo 1 F. GRAVA CONEGLIANO PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA Anno scolastico 2012/ 2013 A pagina 2 PIANO OFFERTA FORMATIVA PER LA SCUOLA MEDIA A pagina 9 PIANO OFFERTA FORMATIVA PER LA SCUOLA

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI PREMESSA L integrazione è un processo di conoscenza di sé e dell altro, di collaborazione all interno della classe finalizzato a creare le migliori condizioni

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI Via Pietro Maroncelli 33 59013 Montemurlo (Prato) tel. +39 0574 683312 fax +39 0574 689194 email pois00300c@istruzione.it pec pois00300c@pec.istruzione.it

Dettagli

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ)

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) La musica è l'armonia dell'anima Alessandro Baricco, Castelli di rabbia Premessa L insegnamento di uno strumento musicale nella

Dettagli

A cura dei Supervisori SSIS-Sostegno Modena. E.Tarracchini V.Bocchini A.Barbieri. La documentazione. Dall ICF alla DF al PDF al PEI

A cura dei Supervisori SSIS-Sostegno Modena. E.Tarracchini V.Bocchini A.Barbieri. La documentazione. Dall ICF alla DF al PDF al PEI A cura dei Supervisori SSIS-Sostegno Modena. E.Tarracchini V.Bocchini A.Barbieri La documentazione Dall ICF alla DF al PDF al PEI La Diagnosi Funzionale (DF) 1. Utilizzo degli items di ICF nella definizione

Dettagli

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica SCUOLA MEDIA ANNA FRANK di GRAFFIGNANA Via del Comune 26813 Graffignana (LO) tel. 037188966 Sezione staccata dell ISTITUTO COMPRENSIVO DI BORGHETTO LODIGIANO Via Garibaldi,90 26812 Borghetto Lodigiano

Dettagli

QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA?

QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA? QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA? La scuola è obbligatoria dai 6 ai 16 anni e comprende: 5 anni di scuola primaria (chiamata anche elementare), che accoglie i bambini da 6 a 10 anni 3 anni di scuola secondaria

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri MPI - USP di Padova Comune di Padova Settore Servizi Scolastici Centro D.A.R.I. Una scuola per tutti Percorso di formazione per docenti Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri I parte a cura

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria Adriana Volpato P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria 19 Dicembre 2011 STRUMENTO didattico educativo individua gli strumenti fa emergere il vero alunno solo con DIAGNOSI consegnata si redige

Dettagli

Progetto Educazione al Benessere. Per star bene con sé e con gli altri. Progetto di Circolo

Progetto Educazione al Benessere. Per star bene con sé e con gli altri. Progetto di Circolo DIREZIONE DIDATTICA 3 Circolo di Carpi Progetto Educazione al Benessere Per star bene con sé e con gli altri Progetto di Circolo Anno scolastico 2004/2005 Per star bene con sé e con gli altri Premessa

Dettagli

PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI

PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI ALCUNI DATI L Istituto Trento 5 comprende 3 scuole primarie e 2 scuole secondarie di I grado. Il numero totale di alunni

Dettagli

La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015

La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015 La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015 Gentile Famiglia, nel presente opuscolo trovate il Contratto di corresponsabilità educativa e formativa ed il Contratto di prestazione educativa e formativa.

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, TEATRO LA DIDATTICA DEL FARE 1 BISOGNI Sulla scorta delle numerose riflessioni che da parecchi anni aleggiano sulla realtà

Dettagli

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INTRODUZIONE L Ordine degli Psicologi del Friuli Venezia Giulia e l Ufficio Scolastico Regionale, firmatari di un Protocollo d Intesa stipulato

Dettagli

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 CRITERI GENERALI PER LA FORMAZIONE DELLE CLASSI La formazione delle classi e l assegnazione delle risorse di organico deve essere coerente: - con gli interventi

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) Via Acquasantianni s.n. - (Tel. 0874-871770 - Fax 0874-871770) Sito web: http://digilander.libero.it/ictrivento/ - e-mail: cbmm185005@istruzione.it

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Che cos è il Bisogno Educativo Speciale? Il Bisogno Educativo Speciale rappresenta

Dettagli

QUALE SIGNIFICATO HA LA FIRMA DEL PDP DA PARTE DELLO STUDENTE / GENITORE E DEI DOCENTI?

QUALE SIGNIFICATO HA LA FIRMA DEL PDP DA PARTE DELLO STUDENTE / GENITORE E DEI DOCENTI? FAQ: AREA DELLA PROGRAMMAZIONE (PDP) QUAL È LA NORMATIVA DI RIFERIMENTO SUI DSA NELLA SCUOLA? Al momento è in vigore la Legge 170 che regola in modo generale i diritti delle persone con DSA non soltanto

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Relatore: Prof.ssa Chiara Frassineti, genitore e insegnante Il rapporto tra genitori e ragazzo (studente)

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO PORDENONE CENTRO PORDENONE 33170 PORDENONE - Via Gaspare Gozzi, 4 SEGRETERIA - PRESIDENZA: 0434520104 0434520089

ISTITUTO COMPRENSIVO PORDENONE CENTRO PORDENONE 33170 PORDENONE - Via Gaspare Gozzi, 4 SEGRETERIA - PRESIDENZA: 0434520104 0434520089 ISTITUTO COMPRENSIVO PORDENONE CENTRO PORDENONE 33170 PORDENONE - Via Gaspare Gozzi, 4 SEGRETERIA - PRESIDENZA: 04345204 0434520089 PROT. n. 199/B19 Pordenone, 15 gennaio 2014 Ai Sigg. Genitori Oggetto:

Dettagli

presenta: CUCCIOLI SPRINT (progetto di attività cognitivo-motoria per bambini dai 20 mesi ai tre anni)

presenta: CUCCIOLI SPRINT (progetto di attività cognitivo-motoria per bambini dai 20 mesi ai tre anni) presenta: CUCCIOLI SPRINT (progetto di attività cognitivo-motoria per bambini dai 20 mesi ai tre anni) Premessa: Sportivissimo a.s.d. è un associazione affiliata all ACSI e al CONI che intende promuovere

Dettagli

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof.

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof. ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE CESARE BECCARIA ISTITUTO TECNICO - SETTORE ECONOMICO - ISTITUTO PROFESSIONALE per l AGRICOLTURA e l AMBIENTE Sedi associate di - SANTADI e VILLAMASSARGIA VERBALE N. SCRUTINIO

Dettagli

Vademecum per il sostegno. Pratiche condivise di integrazione all interno del Consiglio di classe

Vademecum per il sostegno. Pratiche condivise di integrazione all interno del Consiglio di classe Vademecum per il sostegno Pratiche condivise di integrazione all interno del Consiglio di classe Gli strumenti della programmazione DIAGNOSI FUNZIONALE: descrive la situazione clinicofunzionale dello stato

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

DOMANDA DI ISCRIZIONE A.S. 2014/2015 SCUOLA DELL INFANZIA

DOMANDA DI ISCRIZIONE A.S. 2014/2015 SCUOLA DELL INFANZIA ISTITUTO COMPRENSIVO CRESPELLANO Via IV Novembre, 23 Valsamoggia (BO) 40056 Località - Crespellano Tel. 051/6722325 051/960592 Fax. 051/964154 - C.F. 91235100376 E-mail: boic862002@istruzione.it - iccrespellano@virgilio.it

Dettagli

Carta dei Servizi. Dirigente Scolastico M.Augusta Mozzetti

Carta dei Servizi. Dirigente Scolastico M.Augusta Mozzetti M.I.U.R. - Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio Istituto Comprensivo Via Casalotti n. 259-00166 Roma tel. 06 61560257 fax 06 61566568 - C.F. 97714450588 Cod. mecc. RMIC8GM00D Plesso scuola primaria:

Dettagli

La didattica personalizzata: utopia o realtà?

La didattica personalizzata: utopia o realtà? La didattica personalizzata: utopia o realtà? L integrazione di qualità è anche la qualità positiva per tutti gli attori coinvolti nei processi di integrazione, non solo per l alunno in difficoltà. Se

Dettagli

Progetto di collaborazione Scuola Elementare di Piangipane con JAJO Sport Associazione Dilettantistica 2014-2015

Progetto di collaborazione Scuola Elementare di Piangipane con JAJO Sport Associazione Dilettantistica 2014-2015 Con la collaborazione di: EDUCAZIONE ATTRAVERSO IL MOVIMENTO Le abilità di movimento sono conquiste tangibili che contribuiscono alla formazione di un immagine di sé positiva. Progetto di collaborazione

Dettagli

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO 1. Il bambino sviluppa il senso dell identità personale, è consapevole delle proprie esigenze e dei propri sentimenti, sa controllarli ed esprimerli in modo adeguato

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria SCHEDA PROGETTO (ex art. 9 CCNL 2006-2009) Dati identificativi dell'istituto Nome scuola/tipologia Scuola

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale L. d Vinci Via L. Da Vinci,73 20812 Limbiate (MB) - Tel. 02-99.05.59.08 - Fax. 02-99.05.57.57

Istituto Comprensivo Statale L. d Vinci Via L. Da Vinci,73 20812 Limbiate (MB) - Tel. 02-99.05.59.08 - Fax. 02-99.05.57.57 DOMANDA DI ISCRIZIONE Al Dirigente Scolastico Istituto Comprensivo Statale L. d Vinci Via L. Da Vinci,73 20812 Limbiate (MB) - Tel. 02-99.05.59.08 - Fax. 02-99.05.57.57 _l_ sottoscritt in qualità di padre

Dettagli

Gli strumenti per una didattica inclusiva

Gli strumenti per una didattica inclusiva STRUMENTI PER UNA DIDATTICA INCLUSIVA Ottilia Gottardi CTI Monza Est Gli strumenti per una didattica inclusiva Ottilia Gottardi CTI Monza Est PRINCIPI della PEDAGOGIA INCLUSIVA Tutti possono imparare;

Dettagli

SERVIZI E ATTIVITA INTEGRATIVE

SERVIZI E ATTIVITA INTEGRATIVE SERVIZI E ATTIVITA INTEGRATIVE PREMESSA 1 SERVIZIO ORIENTAMENTO E RIORIENTAMENTO 2 C.I.C. (Centro di Informazione e Consulenza) 4 SERVIZIO PSICOLOGICO 7 LA BIBLIOTECA 8 ATTIVITA CULTURALI 8 ATTIVITÀ EXTRACURRICOLARI

Dettagli

L ESAME DI STATO E GLI ALUNNI CON DISABILITA. I.S.I.S. "COSSAR -da VINCI" GORIZIA - prof.ssa Giancarla Giani

L ESAME DI STATO E GLI ALUNNI CON DISABILITA. I.S.I.S. COSSAR -da VINCI GORIZIA - prof.ssa Giancarla Giani L ESAME DI STATO E GLI ALUNNI CON DISABILITA I.S.I.S. "COSSAR -da VINCI" GORIZIA - prof.ssa Giancarla Giani Esso pertanto, anche per gli alunni con disabilità deve costituire l occasione per un oggettivo

Dettagli

VIAGGIANDO CON LA NATURA

VIAGGIANDO CON LA NATURA VIAGGIANDO CON LA NATURA Il progetto intende, attraverso l esplorazione del mondo naturale (terra, acqua, aria e fuoco) sistematizzare le conoscenze per comprendere l organizzazione dell ecosistema naturale.

Dettagli

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO.

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO. Istituto Comprensivo di Iseo a.s. 2012/2013 Progetto Di Casa nel Mondo - Competenze chiave per una cittadinanza sostenibile Gruppo lavoro Dott. Massetti Scuola Primaria Classi Terze TITOLO: I prodotti

Dettagli

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Indicazioni ai fini della stesura del PDP 1. Informazioni

Dettagli

La/Il sottoscritta/o.. (cognome e nome) madre padre.. dell alunna/o.. (cognome e nome) CHIEDE L iscrizione dell... stess alunn per l a.s.

La/Il sottoscritta/o.. (cognome e nome) madre padre.. dell alunna/o.. (cognome e nome) CHIEDE L iscrizione dell... stess alunn per l a.s. n..reg.iscriz. n..matr. MINISTERO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO Liceo Classico e Linguistico Statale ARISTOFANE 00139 ROMA - VIA MONTE RESEGONE, 3 068181809 - FAX

Dettagli

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola IC n 5 L.Coletti Progetto GREEN SCHOOL Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola GREEN SCHOOL Principio fondante del Progetto GREEN SCHOOL..Coniugare conoscenza, ambiente, comportamenti nell

Dettagli

Avviso prot. n. AOODGAI/11666 del 31.07.2012 conferenze informative territoriali

Avviso prot. n. AOODGAI/11666 del 31.07.2012 conferenze informative territoriali Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Puglia Direzione Generale UFFICIO III - Politiche formative e rete scolastica U.O. 2: Fondi Strutturali dell

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DECRETO 30 settembre 2011. Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno, ai sensi degli articoli 5 e 13 del decreto

Dettagli

PROGETTO EDUCATIVO SULL'INTEGRAZIONE E LA PREVENZIONE DEL DISAGIO E DELL'ABBANDONO SCOLASTICO PRECOCE

PROGETTO EDUCATIVO SULL'INTEGRAZIONE E LA PREVENZIONE DEL DISAGIO E DELL'ABBANDONO SCOLASTICO PRECOCE PROGETTO EDUCATIVO SULL'INTEGRAZIONE E LA PREVENZIONE DEL DISAGIO E DELL'ABBANDONO SCOLASTICO PRECOCE PREMESSA La Dispersione Scolastica è un fenomeno complesso che riunisce in sé: ripetenze, bocciature,

Dettagli

Progetto NUOTO. Progetto. Progetto PARLAWIKI EDUCAZIONE ALLA SALUTE. Progetto CENTRO SPORTIVO STUDENTESCO

Progetto NUOTO. Progetto. Progetto PARLAWIKI EDUCAZIONE ALLA SALUTE. Progetto CENTRO SPORTIVO STUDENTESCO CENTRO SPORTIVO STUDENTESCO EDUCAZIONE STRADALE GEMELLAGGIO EDUCAZIONE ALLA LEGALITA NUOTO XX CONCORSO LETTERARIO «POESIA A MEOLO» EDUCAZIONE ALLA SALUTE PARLAWIKI LINGUA LATINA CENTRO SPORTIVO STUDENTESCO

Dettagli

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Per la quarta annualità ho ricoperto il ruolo di Responsabile del Piano dell'offerta Formativa e dell Autovalutazione di

Dettagli

Istituto Comprensivo E. De Filippo

Istituto Comprensivo E. De Filippo Istituto Comprensivo E. De Filippo Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di primo grado Via degli Italici, 33 - tel. 0824-956054 fax 0824-957003 Morcone Bn (seconda annualità) Il tempo per leggere,

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Il documento va compilato in forma digitale per poter ampliare gli spazi dello schema (ove necessario) e togliere

Dettagli

Codice univoco Ufficio per fatturazione elettronica: UFNGS6

Codice univoco Ufficio per fatturazione elettronica: UFNGS6 54 Distretto Scolastico ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE AD INDIRIZZO MUSICALE De Amicis Baccelli di Sarno (Sa) Sede Legale: Corso G. Amendola, 82 - C.M.: SAIC8BB008 - C.F.:94065840657 E mail:saic8bb008@istruzione.it

Dettagli

Scuola secondaria di primo grado: Educazione fisica

Scuola secondaria di primo grado: Educazione fisica Ufficio XVI - Ambito territoriale per la provincia di Reggio Emilia Ufficio Educazione Fisica e Sportiva Scuola secondaria di primo grado: Educazione fisica Prof. CRONISTORIA DELLA DISCIPLINA DAL 1979

Dettagli

Un allegro pomeriggio con Giulio Coniglio

Un allegro pomeriggio con Giulio Coniglio Scuola aperta 2015 Un allegro pomeriggio con Giulio Coniglio alla scoperta dell Asilo di Follina... l Asilo di Follina: LINEE PEDAGOGICO EDUCATIVE IL PROGETTO EDUCATIVO DIDATTICO. Il curricolo della scuola

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006)

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) Articolo 1 - Ente gestore, denominazione, natura e sede della scuola 1. L Ente Ispettoria Salesiana Lombardo Emiliana, Ente Ecclesiastico

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione.

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione. RELAZIONE DEL DIRIGENTE SCOLASTICO AL CONTO CONSUNTIVO 2013 La presente relazione illustra l andamento della gestione dell istituzione scolastica e i risultati conseguiti in relazione agli obiettivi programmati

Dettagli

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione, della cultura e dello sport Profilo e compiti istituzionali Bellinzona, novembre 2014 Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione,

Dettagli

La scuola in Lombardia

La scuola in Lombardia La scuola in Lombardia Documentazione Anno scolastico 2010/2011 La scuola in Lombardia 2010/2011 pag 1 La scuola in Lombardia 2010/2011 pag 2 INDICE Sezione 1 Le scuole... 5 IL SISTEMA SCOLASTICO LOMBARDO...

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO N.1

ISTITUTO COMPRENSIVO N.1 PIANO ANNUALE PER L INCLUSIONE ANNO SCOLASTICO 2013-2013 Sommario PIANO ANNUALE PER L INCLUSIONE... 1 Bisogni educativi speciali... 2 Sezione 1. Definizioni condivise... 3 I B.E.S. non sono una categoria...

Dettagli

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N.

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N. FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2 ULSS n.1 Belluno Autori: PERSONALE AZIENDA ULSS N. 1 BELLUNO: Dr.ssa Mel Rosanna Dirigente medico SISP (Dipartimento

Dettagli

CORSO ECM. Ausili informatici e tecnologie per la comunicazione e l apprendimento: dal bisogno all intervento. Sede corso: Viale Angelico 20/22- ROMA

CORSO ECM. Ausili informatici e tecnologie per la comunicazione e l apprendimento: dal bisogno all intervento. Sede corso: Viale Angelico 20/22- ROMA ISTITUTO «LEONARDA VACCARI» PER LA RIEDUCAZIONE DEI FANCIULLI MINORATI PSICO - FISICI CORSO ECM Ausili informatici e tecnologie per la comunicazione e l apprendimento: dal bisogno all intervento Sede corso:

Dettagli

COSCIENZA COSMICA. FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto Comprensivo Statale PETRITOLI

COSCIENZA COSMICA. FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto Comprensivo Statale PETRITOLI COSCIENZA COSMICA FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? Dati identificativi ANNO SCOLASTICO periodo SCUOLA DOCENTI COINVOLTI ORDINE SCUOLA DESTINATARI FORMATRICI 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto

Dettagli

Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R.

Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R. Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R. /2007 Sommario PREMESSA COMUNE ALLE SEZIONI A E B...3 SEZIONE A - SERVIZI

Dettagli

ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE E LA CONSEGNA DELLE DOMANDE DI ISCRIZIONE ANNO SCOLASTICO 2015/2016

ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE E LA CONSEGNA DELLE DOMANDE DI ISCRIZIONE ANNO SCOLASTICO 2015/2016 ISTITUTO COMPRENSIVO DI PASIAN DI PRATO Pasian di Prato (UD) - Via Leonardo da Vinci, 23 - C.A.P. 33037 tel/fax: 0432 699954 e-mail: ddpasian@tin.it udic856004@istruzione.it udic856004@pec.istruzione.it

Dettagli

ISTITUTO TECNICO TECNOLOGICO STATALE Alessandro Volta PERUGIA www.avolta.pg.it

ISTITUTO TECNICO TECNOLOGICO STATALE Alessandro Volta PERUGIA www.avolta.pg.it ISTITUTO TECNICO TECNOLOGICO STATALE Alessandro Volta PERUGIA www.avolta.pg.it Indirizzi di studio 1. Meccanica, Meccatronica ed Energia 2. Elettronica ed Elettrotecnica 3. Informatica e Telecomunicazioni

Dettagli

CIRCOLARE N. 9 Ravenna, 13 settembre 2014. Si trasmette, in allegato, il piano delle attività per l a. s. 2014-2015.

CIRCOLARE N. 9 Ravenna, 13 settembre 2014. Si trasmette, in allegato, il piano delle attività per l a. s. 2014-2015. CIRCOLARE N. 9 Ravenna, 13 settembre 2014 Ai Docenti Agli Studenti Al Personale A.T.A. Alle Famiglie Al D.S.G.A. Oggetto: Piano delle attività a.s. 2014-2015 Si trasmette, in allegato, il piano delle attività

Dettagli

INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12. Un Mondo Di Feste

INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12. Un Mondo Di Feste INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12 Un Mondo Di Feste Proposta di progetto e preventivo economico a cura dell Area Intercultura della Cooperativa Sociale Apriti Sesamo. 1

Dettagli

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1-

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1- All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI Art. 1- Diritti e doveri degli studenti I diritti e i doveri degli studenti sono disciplinati dagli art. 2 e 3 del D.P.R. 21

Dettagli

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale.

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale. PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA NORME DI COMPORTAMENTO DOCENTI: I docenti si impegnano a: 1. Fornire con il comportamento in classe esempio di buona condotta ed esercizio di virtù. 2. Curare la chiarezza

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3 IL SE E L ALTRO ANNI 3 Si separa facilmente dalla famiglia. Vive serenamente tutti i momenti della giornata scolastica. E autonomo. Stabilisce una relazione con gli adulti e i compagni. Conosce il nome

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI SCOLASTICI

CARTA DEI SERVIZI SCOLASTICI ISTITUTO COMPRENSIVO SCUOLA DELL INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO v. Marconi, 62 15058 VIGUZZOLO (AL) Tel. 0131/898035 Fax 0131/899322 Voip 0131974289 Mobile 3454738373 E_mail: info@comprensivoviguzzolo.it

Dettagli

Oggetto: presentazione disponibilità per lo svolgimento delle attività connesse alla realizzazione del POF - Anno Scolastico 2011/2012.

Oggetto: presentazione disponibilità per lo svolgimento delle attività connesse alla realizzazione del POF - Anno Scolastico 2011/2012. Circolare interna n. 25 Ai docenti Al DSGA Alla segreteria alunni Alla segreteria docenti E, p.c. ai collaboratori scolastici Ve Mestre, 15 settembre 2011 Oggetto: presentazione disponibilità per lo svolgimento

Dettagli

ATTIVITA' DIDATTICA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA

ATTIVITA' DIDATTICA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA P9.07.1 attività didattica scuoleinfanzia.doc P9.07.1 Comune di Rimini p.za Cavour, 27 47921 Rimini http://qualità.comune.rimini.it Direzione e di Protezione Sociale via Ducale, 7 47900 Rimini tel. 0541/

Dettagli

Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca di concerto con il Ministro dell Economia e delle Finanze

Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca di concerto con il Ministro dell Economia e delle Finanze Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca di concerto con il Ministro dell Economia e delle Finanze VISTO il decreto legislativo 16 aprile 1994, n. 297, recante approvazione del testo

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr AUTOVALUTAZIONE D ISTITUTO Report Progetto ERGO VALUTO SUM PON Valutazione e miglioramento (Codice 1-3-FSE-2009-3) Anno Scolastico 2012-2013 Relatore

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

RELAZIONE a.s. 2009-10

RELAZIONE a.s. 2009-10 per l'innovazione scolastica e l'handicap "Mario Tortello RELAZIONE a.s. 2009-10 a.s. 2009-10 Ampliamento patrimonio librario Aggiornamento sito Seminario Alunni con Disturbi Specifici di Apprendimento

Dettagli

GRUPPO DI LAVORO PER L INCLUSIONE DSA/BES/HANDICAP

GRUPPO DI LAVORO PER L INCLUSIONE DSA/BES/HANDICAP SCUOLA PRIMARIA PARITARIA SCUOLA PRIMARIA PARITARIA via Camillo de Lellis, 4 35128 Padova tel. 049/8021667 fax 049/850617 e-mail: primaria@donboscopadova.it website: www.donboscopadova.it GRUPPO DI LAVORO

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F.

CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F. ISTITUTO ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE Giovanni Caboto GAETA CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F. A.S. 2013-2014 1. Richiesta per accedere alle Funzioni strumentali al P.O.F.

Dettagli

CONTRIBUTI PER IL DIRITTO ALLO STUDIO PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE A TORINO

CONTRIBUTI PER IL DIRITTO ALLO STUDIO PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE A TORINO CONTRIBUTI PER IL DIRITTO ALLO STUDIO PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE A TORINO Fino al 6 maggio 2011 è possibile presentare la domanda per accedere ai contributi a sostegno delle famiglie per le spese di istruzione

Dettagli

1) Un Liceo classico. 2) Il Liceo «Franchetti»

1) Un Liceo classico. 2) Il Liceo «Franchetti» Studenti-LRF-2013 Utenti che hanno svolto il test: 262 Famiglie-LRF-2012/2013 Utenti che hanno svolto il test: 173 1) Un Liceo classico Risp. 1) È ancora una scelta valida (Utenti: 140 Perc.: 53.44%) Risp.

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE I Progetti Personalizzati sono rivolti a minori e adulti con disabilità, residenti nel territorio dell Azienda ULSS n.

Dettagli

LA SALUTE VIEN MANGIANDO

LA SALUTE VIEN MANGIANDO Comune di Trino Assessorato Istruzione e Cultura Settore Extrascolastico-Culturale Istituto Comprensivo di Trino Scuola dell Infanzia e Scuola Primaria Asl 21 di Casale Dipartimento di Prevenzione Servizio

Dettagli