Insegnamento di abilità sociali in bambini con autismo nella scuola dell infanzia: il gruppo scuola

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Insegnamento di abilità sociali in bambini con autismo nella scuola dell infanzia: il gruppo scuola"

Transcript

1 Insegnamento di abilità sociali in bambini con autismo nella scuola dell infanzia: il gruppo scuola Giuseppe Farci e Tania Sulis Servizio Psicopedagogico Secondo Circolo Quartu S.E. Sommario Scopo del presente articolo è quello di diffondere un attività che può migliorare le condizioni per un proficuo passaggio dalla scuola dell infanzia alla scuola primaria di bambini con disturbi dello spettro autistico, preparandoli alle richieste sociali del nuovo ambiente. Più in generale, si sottolinea l importanza che la scuola si occupi di incidere sulle abilità deficitarie nell autismo, a cominciare dalle abilità sociali. Si invitano, quindi, i docenti a programmare attività in piccolo gruppo che facilitino l acquisizione nei bambini con disturbi dello spettro autistico di comportamenti socio-relazionali adeguati al contesto. Ciò è possibile solamente se si predispongono in maniera intenzionale specifiche attività finalizzate ad aggredire le difficoltà tipiche della sindrome. Il gruppo scuola si caratterizza, in questo senso, anche per un più oculato utilizzo della risorsa rappresentata dai compagni di scuola. Edizioni Erickson Trento AUTISMO e disturbi dello sviluppo Vol. 8, n. 2, maggio 2010 (pp. xxx) 99

2 AUTISMO e disturbi dello sviluppo Vol. 8, n. 2, maggio 2010 Questo articolo intende presentare una forma di insegnamento di un abilità sociale specifica a soggetti con disturbi dello spettro autistico (DSA) in età prescolare. Più precisamente verrà descritta una modalità operativa di insegnamento delle abilità socio-relazionali (Tsung-Renet et al., 2003) utili ad affrontare l esperienza scolastica per alunni con DSA che si accingono a passare dalla frequenza della scuola dell infanzia alla frequenza della scuola primaria. L intervento educativo chiamato «gruppo scuola» è una modalità di intervento sperimentata da alcuni anni in condizioni altamente strutturate (esperienza promossa dal centro per i disturbi pervasivi dello sviluppo dell azienda ospedaliera «Brotzu» di Cagliari, riportata in Doneddu e Fadda, 2007) e da noi mutuata in ambito scolastico (Farci, 2005; 2008). Questa particolare simulazione rientra in una serie di attività volte a sollecitare e favorire l apprendimento di competenze socio-relazionali attraverso simulazioni strutturate di situazioni sociali come il gioco (Farci e Sulis, in preparazione) e altre condizione sociali tipiche dei vissuti dell infanzia. La descrizione di questa specifica attività non è tanto finalizzata alla presentazione pratica di un attività da svolgere in ambito scolastico. Non è nostra intenzione, infatti, proporre ricette, in quanto, come sa bene chi opera a livello educativo o psico-educativo con soggetti con DSA, nessun soggetto e nessuna situazione sono esattamente sovrapponibili ad altri. La scelta di divulgare questa attività è, semmai, mossa dalla convinzione che sia fondamentale porsi obiettivi di insegnamento/apprendimento di contenuto sociale per soggetti con DSA (Frith et al., 2009) anche in ambito scolastico. Si ritiene, infatti, che nella predisposizione dei progetti educativi individualizzati rivolti a questi specialissimi alunni vengano riconosciuti i bisogni educativi relativi all abilitazione delle competenze sociali non possedute o possedute, talvolta, in maniera parziale e/o inconsueta. Il perché se ne debba occupare «anche» la scuola va meglio precisato e, secondo noi, esistono due buone ragioni che giustificano tale scelta. La prima riguarda il fatto che i bambini con disabilità in Italia, in genere, passano molto più tempo in ambito scolastico che in ambito riabilitativo; questo comporta che la scuola deve, necessariamente, coprire un ventaglio molto ampio di apprendimenti determinanti per la futura qualità della vita di queste persone, apprendimenti che non riguardino esclusivamente la didattica, ma che comprendano tutte quelle abilità che si definiscono «adattive», relative, cioè, a tutte quelle competenze che facilitano lo svolgimento delle diverse attività e la partecipazione alla vita sociale della comunità di appartenenza, secondo l orientamento codificato dall ICF (OMS, 2007). La seconda e più importante ragione risiede nel fatto che solamente in ambito scolastico un bambino con DSA può fare esperienze significative di tipo sociale con coetanei a sviluppo tipico. È questa la vera valenza positiva dell esperienza italiana finalizzata all integrazione degli alunni con disabilità nelle «classi di tutti» (Cottini, 2002; Vianello et al., 2005). 100

3 G. Farci e T. Sulis Insegnamento di abilità sociali in bambini con autismo nella scuola dell infanzia: il gruppo scuola Queste esperienze, però, non possono e non devono essere proposte senza tener conto delle compromissioni proprie della sindrome comportamentale (SIPES, 2008). Ciò significa che la metodologia di esposizione alle diverse situazioni sociali ha bisogno, in modo speciale in ambito scolastico, di una programmazione intenzionale, attenta e specifica sul versante sia dei contenuti delle abilità sociali che si intendono far apprendere sia delle metodologie che meglio rispettano il funzionamento e i processi di apprendimento di questi bambini (Schopler, 2004; Cottini, 2009). La risorsa compagni La metodologia educativa che ci accingiamo a esporre vuole anche essere una concreta esemplificazione di come, a nostro parere, debba essere inteso un reale processo di integrazione scolastica degli alunni con disabilità (Cottini, 2002). Solitamente, infatti, per integrazione si intende una metodologia di semplificazione e di adattamento dei contenuti didattici e educativi previsti per il resto del gruppo classe. Si dimentica che una modalità operativa siffatta è tutta tesa a una richiesta che si può definire nel seguente modo: devi essere tu, alunno con disabilità, a adattarti alle esigenze degli altri. Certo, questa richiesta ha anche una sua ragion d essere. Se l intera azione educativa deve essere volta verso l apprendimento e il padroneggiamento di abilità adattive alle richieste reali dei diversi ambienti sociali (OMS, 2007) che consentano al soggetto con disabilità di sviluppare processi di autonomia (Meazzini, 1997), processi che determineranno il livello della qualità della loro vita (Montalbano e Rocella, 2009), diventa determinante richiedere fin dalle prime esperienze scolastiche all alunno disabile di imparare comportamenti e apprendimenti che a questo lo preparano. Tuttavia a noi sembra che la realizzazione dell integrazione debba avere il significato di richiedere che anche i coetanei «si pieghino» alle esigenze del loro compagno con disabilità, nel senso che se ne prendano cura e che compartecipino ai processi finalizzati all inclusione. Ciò, tra le altre cose, consente loro di assumere un ruolo attivo in tali processi. Se questo non avviene, infatti, si rischia, come purtroppo accade ancora troppo spesso, che ai compagni del bambino con disabilità si chieda una sorta di «tolleranza» e «sopportazione» rispetto alla presenza in classe di questo particolare compagno. La descrizione del gruppo scuola, quindi, vuole anche essere un esemplificazione di come possa essere utilizzata la «risorsa compagni», specie nella scuola dell infanzia dove, come sa bene chi vi opera, nei coetanei si ritrovano atteggiamenti di disponibilità, interesse, curiosità che li rendono dei veri e propri tutor spontanei e naturali. 101

4 AUTISMO e disturbi dello sviluppo Vol. 8, n. 2, maggio 2010 Perché il gruppo scuola? Qual è la finalità dell attività del gruppo scuola? Tale azione è finalizzata alla riduzione delle oggettive e facilmente rilevabili difficoltà che i soggetti con DSA manifestano nel processare (Tsatsanis, 2008; Embregts e Van Nieuwenhuijzen, 2009), comprendere (Gray, 2004) e applicare (Grandin, 2007) le più elementari (per noi) norme di comportamento sociale. Cuore della sindrome comportamentale dello spettro autistico è, infatti, la compromissione dell area delle abilità sociali, compromissione che troviamo come una costante sia nei bassi che negli alti funzionamenti, anche se con modalità espressive differenti. Un altra finalità risiede nel fatto che, per quanto il funzionamento della scuola sia tendenzialmente molto routinario e ricco di ritualità, le norme di comportamento sociale che i bambini, tutti i bambini, si trovano ad affrontare nelle fasi iniziali della loro esperienza scolare sono in gran parte sconosciute. Possiamo dire che queste prime esperienze determinano e influenzano, anche nello sviluppo tipico, i processi di senso di autoefficacia (Farci, 2007; 2009) in ambito scolastico. In concreto, prima ci si adegua (ci riferiamo a un adeguamento appunto sociale, non morale-regolativo) alle nuove norme di comportamento sociale a scuola, più efficientemente si risponde alle sollecitazioni e alle richieste portate dalle quotidiane attività educative e didattiche. Tali difficoltà sono amplificate, talvolta in maniera esponenziale, nei soggetti con DSA. Esporre un bambino con DSA a una situazione totalmente nuova, soprattutto in termini sociali, significa senz altro metterlo in una condizione di grande e pericoloso disorientamento, talvolta di vero e proprio panico, fornendo involontariamente, fin dal primo giorno di scuola, condizioni di apprendimento di ciò che non va appreso. Ci riferiamo a tutta una serie di comportamenti problema, dal rifugiarsi in comportamenti rigidi iper-ritualistici e stereotipati fino a comportamenti etero e auto-aggressivi, che possono essere facilmente appresi in ambito scolastico (Micheli, 2004) e che possono minare alla base tutti i processi di integrazione scolastica di questi alunni (Farci, 2005). Descrizione dell attività Nella nostra esperienza l attività preparatoria all ingresso nella scuola primaria è predisposta anche da una serie di altre attività che prevedono la coprogrammazione e il coinvolgimento attivo dei genitori: foto dei nuovi ambienti scolastici (da descrivere a casa quando si parlerà col bambino del prossimo ingresso nella nuova scuola), visite guidate nella nuova scuola con la conoscenze, laddove questo sia possibile, dei nuovi insegnanti, svolgimento di brevi e conosciutissime attività nel nuovo ambiente (prima dell inizio delle attività didattiche). 102

5 G. Farci e T. Sulis Insegnamento di abilità sociali in bambini con autismo nella scuola dell infanzia: il gruppo scuola Come già accennato, l attività del gruppo scuola è una simulazione di una situazione scolastica piuttosto tipica, che richiede l attivazione e la comprensione di alcuni comportamenti sociali ricorrenti durante le normali occupazioni didattiche. Nella simulazione si riproduce non tanto un attività tipica della prima classe della scuola primaria, quanto piuttosto la richiesta diretta di specifiche abilità sociali. Nell implementazione dell attività si applicano tutte le strategie dell insegnamento strutturato (Maurice, Green e Foxx, 2001), in modo particolare attraverso l uso di supporti visivi e di schedule (agende visive delle attività: a questo proposito vedi Arpinati et al., 2006 e Doneddu e Fadda, 2007), la predisposizione accurata dell ambiente in maniera tale che faciliti l apprendimento target, l uso di forme di rinforzo orientate alle modalità tipiche della token economy. Copione Forniamo dunque una descrizione del gruppo scuola attualmente attivato a favore degli alunni che frequentano le scuole dell infanzia del nostro circolo. Il copione descritto nella tabella 1 deve essere considerato in termini meramente esemplificativi. Pertanto, un suo riutilizzo deve essere adattato alle reali condizioni ambientali e alle reali caratteristiche comportamentali e di funzionamento del soggetto con DSA. La simulazione, così come nella lezione di Schopler e del TEACCH (Schopler, 1991; Mesibov, 1997), tende a utilizzare una caratteristica del funzionamento autistico, cioè l attivazione di rituali disfunzionali, rigidi e ripetitivi, in rituali per finalità e scopi funzionali e volti al miglioramento delle generali condizioni di benessere. La numerazione della sequenza ha, in questo senso, un significato gerarchico. Curatori dell attività I soggetti responsabili dell attività sono, ovviamente, insegnanti e/o assistenti educativi. Nella simulazione è importante che non manchino i ruoli di: 1. insegnante di classe/insegnante di sostegno o altro operatore che impersona l insegnante con funzione di guida dell attività della classe, cioè nella situazione reale l insegnante curricolare; 2. facilitatore/insegnante di sostegno o altro operatore con funzione di facilitare l alunno con DSA nella partecipazione alle diverse fasi del gruppo scuola. È opportuno ricordare che il facilitatore deve possedere, per rivestire adeguatamente il suo ruolo, una sufficiente competenza sulle tecniche del prompting e del fading. 103

6 AUTISMO e disturbi dello sviluppo Vol. 8, n. 2, maggio 2010 TABELLA 1 Contenuti e copione della simulazione del gruppo scuola Step Condizione ambientale Istruzione verbale dell insegnante Comportamenti sociali richiesti e promptati dal facilitatore 1 Mettersi in fila con lo zaino in spalla per entrare in aula (l ambiente allestito ad hoc) 2 Entrare in aula, avviarsi al proprio banco e salutare 3 Presentazione delle attività da parte dell insegnante su una schedule da par e t e ( a g e n d a iconica delle attività) 4 Svolgimento della prima attività 5 Disposizione del materiale «Bambini, mettetevi in fila per entrare in aula» «Bambini andate al vostro posto/banco» «O g g i f a r e m o [pre sentazione delle diverse attività previste durante la simulazione]» «Bambini facciamo l appello [nome del bambino]» «Bambini, prendete il quaderno e l astuccio» Tenere lo zaino in spalla Dare la mano a un compagnetto Tenere la fila (mettersi dietro a e/o davanti a ) Avviarsi in fila verso l aula Avviarsi e sedersi al proprio posto Salutare la maestra e i compagni verso l insegnante verso la schedule da parete Controllare la propria schedule da tavolo (se è prevista) verso l insegnante Rispondere «Presente!» quando chiamato dall insegnante Aspettare il proprio turno verso l insegnante Prendere dallo zaino solo il materiale indicato, posandolo sul banco (continua) 104

7 G. Farci e T. Sulis Insegnamento di abilità sociali in bambini con autismo nella scuola dell infanzia: il gruppo scuola (continua) 6 Svolgimento della seconda attività 7 Presentazione dell attività svolta alla maestra 8 Svolgimento della terza attività «Ora disegneremo un albero. Seguite la maestra alla lavagna. Prendiamo la matita e disegniamo così il tronco. Avete fatto? Bene! Adesso disegniamo la chioma così. Avete fatto? Bene! Adesso prendiamo il pennarello marrone e coloriamo il tronco. Avete fatto? Bene! Adesso prendiamo il pennarello verde e coloriamo la chioma. Avete fatto? Bene!» «Adesso avvicinatevi alla cattedra per farmi vedere come avete fatto il disegno» [Come meglio specificato più avanti, nella realizzazione di queste fasi si gestiranno le contingenze rinforzanti] «Adesso in questa scheda [l insegnante mostra la scheda contenente cerchi grandi e cerchi piccoli] dovrete cerchiare così [dimostrazione alla lavagna] solo i cerchi grandi [nome del bambino] per cortesia distribuisci ai tuoi compagni la scheda. Grazie. Adesso svolgete il compito» verso l insegnante sulla lavagna Alternare il focus dell attenzione maestra-lavagna Eseguire sul quaderno le indicazioni della maestra Portare l elaborato alla maestra per farglielo controllare Focalizzare l attenzione sul quaderno Aspettare la valutazione della maestra sulla maestra sulla scheda sulla lavagna Avvicinarsi alla maestra per prendere le schede Distribuire le schede ai compagni Tornare al posto Svolgere il compito (continua) 105

8 AUTISMO e disturbi dello sviluppo Vol. 8, n. 2, maggio 2010 (continua) 9 Presentazione dell attività alla maestra 10 Presentazione delle attività ai compagni 11 Presentazione delle attività ai compagni 12 Presentazione dell attività finale di gruppo «Adesso avvicinatevi alla cattedra per farmi vedere come avete fatto la scheda» «[nome del bambino] fai vedere il tuo compito ai compagni» «[nome di un altro bambino con sviluppo tipico] fai vedere il tuo compito ai compagni» «Adesso, per terminare, cantiamo questa canzoncina. Prima ascoltatela dalla maestra. Adesso cantiamola insieme» (Questa attività è proponibile solo per soggetti con DSA verbali. Nel caso sia presente un soggetto non verbale, si può scegliere un altra attività che coinvolga l intero gruppo, come un girotondo) Portare l elaborato alla maestra per farglielo controllare Focalizzare l attenzione sul quaderno Aspettare la valutazione della maestra Mostrare l elaborato ai compagni, uno alla volta (i compagni dovranno commentare con frasi tipiche: «Che bello», «Sei stato bravo», «Anch io l ho fatto così», ecc.) Focalizzare l attenzione sul quaderno del compagno Sollecitare (compito del facilitatore) il bambino a fare qualche commento sulla maestra Imitare il canto della maestra Cantare con i compagni all unisono (continua) 106

9 G. Farci e T. Sulis Insegnamento di abilità sociali in bambini con autismo nella scuola dell infanzia: il gruppo scuola (continua) 13 Riordino del mate riale 14 Mettersi in fila e uscire dall aula «Adesso mettiamo tutto a posto e prepariamoci a uscire» «Mettiamoci in fila per uscire» Riporre il materiale nello zaino Chiudere lo zaino Aspettare ulteriori istruzioni Tenere lo zaino in spalla Dare la mano a un compagnetto Tenere la fila (mettersi dietro a e/o davanti a ) Avviarsi in fila verso l uscita Chi impersona l insegnante di classe dovrà preoccuparsi di: essere il più possibile fedele al ruolo tipico di un docente curricolare di scuola primaria; fornire le istruzioni usando un frasario semplice, chiaro, diretto all azione concreta; sollecitare, favorire e facilitare la focalizzazione dello sguardo, dell attenzione e della partecipazione corretta dell alunno con DSA; fare in modo che l alunno con DSA gli faccia le richieste e gli rivolga lo sguardo, evitando che si riferisca al facilitatore; usare in modo sistematico forme di rinforzo positivo per motivare l alunno all esecuzione dei diversi compiti, compresi quelli relativi alle regole di comportamento. Chi impersona il ruolo del facilitatore dovrà preoccuparsi di: guidare il bambino nelle diverse fasi della simulazione; guidare il bambino nel rispetto delle regole comportamentali; guidare il bambino preferendo l uso di prompt non verbali come la guida fisica e i prompt gestuali. Per svolgere in modo efficace il ruolo del facilitatore, si consiglia di posizionarsi alle spalle del bambino con DSA e di indirizzare, sempre attraverso l uso di prompt non verbali, la sua attenzione verso chi impersona l insegnante di classe. 107

10 AUTISMO e disturbi dello sviluppo Vol. 8, n. 2, maggio 2010 Partecipanti/tutor I tutor dell attività sono compagni dell alunno con DSA. È preferibile che il gruppo non superi le 6-8 unità. I compagni tutor vanno accuratamente scelti sulla base dei criteri riguardanti l età (cinquenni in uscita dalla scuola dell infanzia), la competenza sociale, la facilità di relazione con il loro compagno con disabilità. Sebbene i tutor siano, per ragioni abbastanza ovvie, di fatto cofruitori delle finalità previste dal gruppo scuola, vanno adeguatamente istruiti sull obiettivo dell attività, sui ruoli che dovranno impersonare, sulle modalità che faciliteranno la partecipazione del loro compagno con DSA; questo vale in modo particolare per il bambino che impersonerà il compagno di banco dell alunno con DSA. Partecipante/i/con DSA Al gruppo scuola possono partecipare più alunni con DSA che transiteranno nel successivo anno scolastico alla primaria. L unico accorgimento da tenere presente nel caso ci fosse più di un partecipante con DSA è quello di programmare con maggiore attenzione l implementazione del gruppo scuola. L alunno con DSA va comunque preparato alla partecipazione inserendo l attività del gruppo scuola all interno della schedule della giornata scolastica e, laddove il livello di funzionamento del bambino lo renda possibile, anche con una storia sociale che descriva per grandi linee cosa si farà nel gruppo scuola. Regole di comportamento Oltre al copione è parte integrante dell attività la presentazione, meglio se illustrata, delle regole di comportamento generale da tenere in classe. Anzi, forse la finalità più importante di tutta l attività è proprio quella di far sperimentare al bambino con DSA l applicazione di regole di comportamento tipiche del funzionamento di una classe di scuola primaria (e non solo). Queste regole sono date sempre per scontate e molto spesso non ci si pone il problema di insegnarle in maniera programmata e intenzionale. E se per gli alunni con sviluppo tipico questa scarsa preoccupazione può non avere particolari conseguenze, per un alunno con DSA (o con ADHD) è necessario, assolutamente necessario, procedere secondo un programma di insegnamento delle diverse regole che richiedono il padroneggiamento di altrettante abilità sociali. Solo a titolo esemplificativo vengono di seguito formulate alcune delle regole di comportamento essenziali per un buon funzionamento in classe e che andranno modulate a seconda delle caratteristiche dell alunno con DSA cui sono rivolte (presenza o meno di comportamenti problematici come impulsività, iperattività, oppositività), richiedendo prestazioni comportamentali a lui accessibili, senza dannosi e 108

11 G. Farci e T. Sulis Insegnamento di abilità sociali in bambini con autismo nella scuola dell infanzia: il gruppo scuola pericolosi «slittamenti verso l alto» di obiettivi irrealistici (Celi e Fontana, 2007): fissare lo sguardo sulla maestra; fissare lo sguardo sulla lavagna; ascoltare quello che dice la maestra; sollevare la mano se si deve dire o chiedere qualcosa; aspettare che la maestra dia il permesso di parlare; stare seduto durante la lezione; rispondere quando si viene chiamati; mantenere il silenzio (la bocca chiusa) durante la lezione. Come già accennato, si consiglia di predisporre un cartellone sul quale le regole siano descritte da immagini con didascalie. Tutto il gruppo deve poterle vedere, cosicché, ogni qual volta venga infranta una regola, chi impersona la maestra indicherà l icona che rappresenta la regola non rispettata e ricorderà a tutto il gruppo la regola da rispettare. Metodologie È ovviamente consigliabile l utilizzo di tutte le strategie psico-educative di origine cognitivo-comportamentale (SINPIA, 2005; Bregman e Gerdtz, 2004). La ragione di questa indicazione non sta tanto nel fatto incontestabile della loro evidenza scientifica quanto nel fatto che risultano essere le strategie di origine psico-educativa di più facile utilizzazione in ambito scolastico. Pertanto, su questo tema rimandiamo il lettore ai testi indicati in bibliografia. Considerazioni conclusive Al termine dell esposizione non si può non sottolineare ancora l importanza, per la qualità della vita futura del soggetto con DSA, rivestita dal fatto che gli operatori scolastici inseriscano nel curricolo anche e soprattutto l abilitazione delle competenze in parte o significativamente compromesse dalle peculiarità sindromiche (Vivanti, Congiu e Romano, 2006). Occuparsene significa, tra l altro, mettere in atto strategie che prevengano efficacemente futuri maladattamenti al contesto scolastico. Quello che abbiamo potuto osservare (e che ci ha fortemente motivato a descrivere l attività) è che tutte le attività in piccolo gruppo (quindi anche il gruppo scuola) finalizzate all acquisizione di competenze socio-relazionali sono foriere di una sorta di positivo «effetto alone». Abbiamo cioè rilevato che dedicare del tempo (nel nostro caso è sufficiente una o due volte la settimana per non più di un ora) a esercizi simulati di questa tipologia migliora le competenze sociali generali. Ciò che ci colpisce, in definitiva, e che vorremo studiare in maniera più sistematica nel futuro, è che l attività non solo migliora la competenza 109

12 AUTISMO e disturbi dello sviluppo Vol. 8, n. 2, maggio 2010 sociale specifica, ma amplia anche il suo effetto su tutte le richieste sociali: il bambino con DSA si mostra più attento all interazione socio-comunicativa, capace di attenzione congiunta (Mundy e Burnette, 2008) e meno dipendente da comportamenti disfunzionali. Le ricerche di neuroscienze (Frith e Wolpert, 2003; Iacoboni, 2008) ci stanno dando in questo senso delle conferme. Sembra infatti che le precoci esperienze di interazione sociale, dall intersoggettività fino alle complesse interazioni sociali, influenzino e condizionino lo sviluppo delle strutture anatomiche, neurofisiologiche e neurofunzionali del cervello (si veda a questo proposito il lavoro di sintesi di Cozolino). Forse non è azzardato ipotizzare che favorire l apprendimento di competenze sociali attraverso attività strutturate come quella qui presentata possa promuovere lo sviluppo o il miglior funzionamento della neurobiologia sociale del cervello (Lambiase, 2005), anche in un bambino con disturbo dello spettro autistico. Summary The reason of this article is to release an activity that may improve the conditions for a profitable passage of children with autistic spectrum disorder from the nursery school to the primary school, to prepare them for the social requests of the new setting. In general, the article underlines the importance that the school looks after to affect inadequate abilities of the autism, especially the social abilities. So the schoolteachers re invite to programme activities in a little group that make easy the acquisition of adequate social-relational behaviours in the children with autistic spectrum disorder. This is possible only if they predispose intentionally specific activities oriented to attack the typical syndrome s difficulties. Group school is characterize, in this sense, for a cautious use of the resource represented by schoolfellows. Bibliografia American Psychiatric Association (2000), DSM-IV-TR, Manuale diagnostico e statistico dei disturbi mentali, Milano, Masson. Arpinati A.M., Mariani Cerati D., Clò E. e Tasso D. (2006), Autismo, Rastignano, ANGSA. Bregman J.D. e Gerdtz J. (2004), Interventi comportamentali. In D.J. Cohen e F. Volkmar (a cura di), Autismo e disturbi generalizzati dello sviluppo, vol. 2, Gussago, Vannini. Celi F. e Fontana D. (2007), Formazione, ricerca e interventi psicoeducativi a scuola, Milano, McGraw-Hill. Cottini L. (2002), L integrazione scolastica del bambino autistico, Roma, Carocci. Cottini L. (2009), Il bambino con autismo in classe, Firenze, Giunti. Doneddu G. e Fadda R. (2007), I disturbi pervasivi dello sviluppo, Roma, Armando. 110

13 G. Farci e T. Sulis Insegnamento di abilità sociali in bambini con autismo nella scuola dell infanzia: il gruppo scuola Embregts P. e Van Nieuwenhuijzen M. (2009), Social information processing in boys with autistic spectrum disorder and mild to borderline intellectual disabilities, «Journal of intellectual disability research», London, Blackwell Scientific Publications on behalf of the Royal Society for Mentally Handicapped Children and Adults. Farci G. (2005), Per un educazione speciale dell alunno con disturbi pervasivi dello sviluppo, «Autismo e disturbi dello sviluppo», vol. 3, n. 1, pp Farci G. (2008), Integrazione ed educazione a scuola di alunni con disturbi dello spettro autistico, «Autismo e disturbi dello sviluppo», vol. 6, n. 1, gennaio Farci G. e Orrù R. (2007), I compiti della scuola nel trattamento della dislessia evolutiva, «Dislessia: giornale italiano di ricerca clinica e applicativa», vol. 3, n. 1, pp Farci G., Pani M.G., Lai F. e Espa C. (2009), Stile comunicativo dell insegnante e comportamenti problematici, «Psicologia e Scuola», n. 6, pp Farci G. e Sulis T. (in preparazione), Il gruppo gioco per alunni con disturbi dello spettro autistico nella scuola dell infanzia. Frith C. e Wolpert D. (2003), The neuroscience of social interaction, Oxford, Oxford University Press. Frith U., Frith C. e Vivanti G. (2009), Intersoggettività, mentalizzazione e autismo, «Autismo e disturbi dello sviluppo», vol. 7, n. 2, pp Grandin T. (2007), La macchina degli abbracci, Milano, Adelphi. Gray C. (2004), Il libro delle storie sociali, Gussago, Vannini. Iacoboni M. (2008), I neuroni specchio. Come capiamo ciò che fanno gli altri, Torino, Bollati Boringhieri. Lambiase M. (2005), Neuroni specchio e autismo: neuroscienza delle relazioni sociali e funzione dei lobi frontali, «American Journal on Mental Retardation», n. 2, pp Maurice C., Green G. e Foxx R.M. (2001), Making a difference: behavioural intervention for autism, Austin, Pro-ed. Meazzini P. (1997), Handicap: passi verso l autonomia, Firenze, Giunti. Mesibov G.B. (1997), Formal and Informal Measures on the Effectiveness of the TEACCH Programme, «Autism», vol. 1, pp Micheli E. (2004), Integrazione e educazione: due diritti in contrasto, «Autismo e disturbi dello sviluppo», n. 2, pp Montalbano R. e Roccella M. (2009), La qualità della vita nei bambini con disturbo generalizzato dello sviluppo, Roma, Minerva Pediatrica. Mundy P. e Burnette C. (2008), Attenzione congiunta e modelli neuroevolutivi nell autismo. In D.J. Cohen e F. Volkmar (a cura di), Autismo e disturbi generalizzati dello sviluppo, vol. 2. Gussago, Vannini. Organizzazione Mondiale della Sanità (2007), ICF-CY: Classificazione Internazionale del Funzionamento, della disabilità e della salute Versione per bambini e adolescenti, Trento, Erickson. Schopler E. (2004), L implementazione della filosofia TEACCH. In D.J. Cohen e F. Volkmar (a cura di), Autismo e disturbi generalizzati dello sviluppo, vol. 2, Gussago, Vannini. Schopler E., Reichler R. e Lansing M. (1991), Strategie educative nell autismo, Milano, Masson. 111

14 AUTISMO e disturbi dello sviluppo Vol. 8, n. 2, maggio 2010 SINPIA/Società Italiana di Neuropsichiatria dell Infanzia e dell Adolescenza (2005), Linee guida per l autismo, Trento, Erickson. SIPES/Società Italiana di Pedagogia Speciale (2008), Integrazione scolastica degli alunni con disturbi dello spettro autistico, Trento, Erickson. Tsatsanis K. (2008), Caratteristiche neuropsicologiche nell autismo e nei disturbi correlati. In D.J. Cohen e F. Volkmar (a cura di), Autismo e disturbi generalizzati dello sviluppo, vol. 3, Gussago, Vannini. Tsung-Ren Y., Pamela J. Wolfberg, Shu-Chin Wu, Pey-Yun Hwu Supporting (2003), Children on the Autism Spectrum in Peer Play at Home and School: Piloting the Integrated Play Groups Model in Taiwan, «Autism», vol. 7, pp Vianello R., Lech J., Stevenson G., Cumine V. e Lucangeli D. (2005), Bambini autistici a scuola, Bergamo, Junior. Vivanti G., Congiu S. e Romano G. (2006), Autismo e cognizione intersoggettiva, «Autismo e disturbi dello sviluppo», vol. 1, pp

Per un educazione speciale dell alunno con disturbi pervasivi dello sviluppo.

Per un educazione speciale dell alunno con disturbi pervasivi dello sviluppo. G. Farci Per un educazione speciale dell alunno con disturbi pervasivi dello sviluppo Per un educazione speciale dell alunno con disturbi pervasivi dello sviluppo. Riflessioni relative al contesto scolastico

Dettagli

DALL INTEGRAZIONE ALL INCLUSIONE

DALL INTEGRAZIONE ALL INCLUSIONE DALL INTEGRAZIONE ALL INCLUSIONE IL PASSAGGIO da INTEGRAZIONE a INCLUSIONE NON si basa sulla misurazione della distanza da normalità/standard ma sul processo di piena partecipazione e sul concetto di EQUITA.

Dettagli

Prot. N. 4089-15/6/2010 Ai Direttori Generali degli Uffici Scolastici Regionali Loro Sedi

Prot. N. 4089-15/6/2010 Ai Direttori Generali degli Uffici Scolastici Regionali Loro Sedi Prot. N. 4089-15/6/2010 Ai Direttori Generali degli Uffici Scolastici Regionali Loro Sedi Oggetto: Disturbo di deficit di attenzione ed iperattività Premessa In considerazione della sempre maggiore e segnalata

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI PREMESSA L integrazione è un processo di conoscenza di sé e dell altro, di collaborazione all interno della classe finalizzato a creare le migliori condizioni

Dettagli

Psicopatologia della DI, QdC, QdV

Psicopatologia della DI, QdC, QdV La psicopatologia nella disabilità intellettiva Dr. Luigi Croce psichiatra, docente all Università Cattolica di Brescia Ravenna 09/03/2012 Luigi Croce Università Cattolica Brescia croce.luigi@tin.it Disabilità,

Dettagli

LA NORMATIVA SULL INCLUSIONE SCOLASTICA: LA RISPOSTA DELLA SCUOLA AI BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI

LA NORMATIVA SULL INCLUSIONE SCOLASTICA: LA RISPOSTA DELLA SCUOLA AI BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI: LA PROSPETTIVA IN BASE AL MODELLO ICF LA NORMATIVA SULL INCLUSIONE SCOLASTICA: LA RISPOSTA DELLA SCUOLA AI BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI Ins. Stefania Pisano CTS I.C. Aristide

Dettagli

Presentazione di un caso

Presentazione di un caso Presentazione di un caso Corso Tutor per l autismo (Vr) Roberta Luteriani Direzione Didattica (BS) Caso: Giorgio 8 anni! Giorgio è un bambino autistico verbalizzato inserito in seconda elementare. Più

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Che cos è il Bisogno Educativo Speciale? Il Bisogno Educativo Speciale rappresenta

Dettagli

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Indicazioni ai fini della stesura del PDP 1. Informazioni

Dettagli

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali L Istituto Leopoldo Pirelli si propone di potenziare la cultura dell inclusione per rispondere in modo efficace alle necessità di

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Il documento va compilato in forma digitale per poter ampliare gli spazi dello schema (ove necessario) e togliere

Dettagli

PROBLEMI PSICOLOGICI NEI DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

PROBLEMI PSICOLOGICI NEI DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO PROBLEMI PSICOLOGICI NEI DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Enrico Ghidoni Arcispedale S.Maria Nuova, UOC Neurologia, Laboratorio di Neuropsicologia, Reggio Emilia La situazione psicologica dei bambini

Dettagli

darioianes.itit 2005 Dario Ianes - www.darioianes.it

darioianes.itit 2005 Dario Ianes - www.darioianes.it Lavoro di rete e equipe educativa Nuove alleanze per il Piano Educativo Individualizzato e il Progetto di Vita Dario Ianes Centro Studi Erickson, Trento Università di Bolzano www.darioianes darioianes.itit

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Ministero della Salute TAVOLO NAZIONALE DI LAVORO SULL AUTISMO RELAZIONE FINALE Il Tavolo di lavoro sulle problematiche dell autismo, istituito su indicazione del Ministro della Salute, composto da rappresentanti

Dettagli

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Relatore: Prof.ssa Chiara Frassineti, genitore e insegnante Il rapporto tra genitori e ragazzo (studente)

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

La transizione all'età adulta: strumenti per identificare obiettivi di insegnamento

La transizione all'età adulta: strumenti per identificare obiettivi di insegnamento La transizione all'età adulta: strumenti per identificare obiettivi di insegnamento Percorso di Formazione Dall autismo all integrazione socio-lavorativa Organizzato da: AGSAV ONLUS Associazione Genitori

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

Come verifico l acquisizione dei contenuti essenziali della mia disciplina

Come verifico l acquisizione dei contenuti essenziali della mia disciplina Riflessione didattica e valutazione Il questionario è stato somministrato a 187 docenti di italiano e matematica delle classi prime e seconde e docenti di alcuni Consigli di Classe delle 37 scuole che

Dettagli

Metodologie di comunicazione con persone disabili

Metodologie di comunicazione con persone disabili Metodologie di comunicazione con persone disabili Eleonora Castagna Terapista della Neuropsicomotricità dell Età Evolutiva Antonia Castelnuovo Psicomotricista Villa Santa Maria, Tavernerio Polo Territoriale

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO N.1

ISTITUTO COMPRENSIVO N.1 PIANO ANNUALE PER L INCLUSIONE ANNO SCOLASTICO 2013-2013 Sommario PIANO ANNUALE PER L INCLUSIONE... 1 Bisogni educativi speciali... 2 Sezione 1. Definizioni condivise... 3 I B.E.S. non sono una categoria...

Dettagli

AUTISMO E SPORT: ASPETTI LUDICI ED EDUCATIVI. Dott.ssa Sara Ambrosetto Psicologa e Psicoterapeuta Cognitivo Comportamentale

AUTISMO E SPORT: ASPETTI LUDICI ED EDUCATIVI. Dott.ssa Sara Ambrosetto Psicologa e Psicoterapeuta Cognitivo Comportamentale AUTISMO E SPORT: ASPETTI LUDICI ED EDUCATIVI Dott.ssa Sara Ambrosetto Psicologa e Psicoterapeuta Cognitivo Comportamentale Che cos è lo sport? Lo sport viene definito come l'insieme delle attività, individuali

Dettagli

"Ogni persona, indipendentemente dal grado di. disabilità, ha il diritto fondamentale di influenzare

Ogni persona, indipendentemente dal grado di. disabilità, ha il diritto fondamentale di influenzare "Ogni persona, indipendentemente dal grado di disabilità, ha il diritto fondamentale di influenzare mediante la comunicazione le condizioni della sua vita". Questo è l'incipit della Carta dei Diritti della

Dettagli

Gli strumenti per una didattica inclusiva

Gli strumenti per una didattica inclusiva STRUMENTI PER UNA DIDATTICA INCLUSIVA Ottilia Gottardi CTI Monza Est Gli strumenti per una didattica inclusiva Ottilia Gottardi CTI Monza Est PRINCIPI della PEDAGOGIA INCLUSIVA Tutti possono imparare;

Dettagli

Renzo Vianello Con la collaborazione di Silvia Lanfranchi Funzionamento Intellettivo Limite e Disturbi Specifici di Apprendimento

Renzo Vianello Con la collaborazione di Silvia Lanfranchi Funzionamento Intellettivo Limite e Disturbi Specifici di Apprendimento Renzo Vianello Con la collaborazione di Silvia Lanfranchi Funzionamento Intellettivo Limite e Disturbi Specifici di Apprendimento Per ulteriori informazioni sui FIL: Cap. 9 del volume a cura di Cesare

Dettagli

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INTRODUZIONE L Ordine degli Psicologi del Friuli Venezia Giulia e l Ufficio Scolastico Regionale, firmatari di un Protocollo d Intesa stipulato

Dettagli

PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008. A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana

PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008. A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008 A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana LA LETTURA COME BISOGNO CULTURALE PER CRESCERE Il desiderio

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

La disponibilità di tecnologie informatiche per favorire l apprendimento scolastico

La disponibilità di tecnologie informatiche per favorire l apprendimento scolastico Quando è opportuno proporre agli alunni con DSA l uso di tecnologie compensative? Ricerche e proposte italiane Quando è opportuno proporre agli alunni con DSA l uso di tecnologie compensative? Flavio Fogarolo

Dettagli

IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD

IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD CHIARA DE CANDIA chiaradecandia@libero.it 1 IL CONCETTO DI SE È la rappresentazione delle proprie caratteristiche e capacità in relazione

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

Disturbi dell Apprendimento

Disturbi dell Apprendimento Master in Disturbi dell Apprendimento in collaborazione con IPS nelle sedi di MILANO ROMA PADOVA BARI CAGLIARI CATANIA RAGUSA Questo modulo d iscrizione, unitamente alla fotocopia della ricevuta del versamento

Dettagli

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N.

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N. FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2 ULSS n.1 Belluno Autori: PERSONALE AZIENDA ULSS N. 1 BELLUNO: Dr.ssa Mel Rosanna Dirigente medico SISP (Dipartimento

Dettagli

PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI

PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI ALCUNI DATI L Istituto Trento 5 comprende 3 scuole primarie e 2 scuole secondarie di I grado. Il numero totale di alunni

Dettagli

UNA GUIDA PER GLI OPERATORI DEGLI ASILI NIDO

UNA GUIDA PER GLI OPERATORI DEGLI ASILI NIDO DIPARTIMENTO DI PSICOLOGIA IDENTIFICAZIONE PRECOCE DEI DISTURBI DELLO SPETTRO AUTISTICO UNA GUIDA PER GLI OPERATORI DEGLI ASILI NIDO A CURA DI Lorenza Latoni Giuseppe Maurizio Arduino Daniela Bulgarelli

Dettagli

PIANO A.S. 2015/2016

PIANO A.S. 2015/2016 Direzione Didattica Statale 1 Circolo De Amicis Acquaviva delle Fonti (BA) BAEE03600L@ISTRUZIONE.IT - BAEE03600L@PEC.ISTRUZIONE.IT www.deamicis.gov.it PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA A.S. 2015/2016 Prendete

Dettagli

MI PIACE LA MAGGIOR PARTE DI ME. AUTOSTIMA E SCUOLA Strategie di gestione

MI PIACE LA MAGGIOR PARTE DI ME. AUTOSTIMA E SCUOLA Strategie di gestione MI PIACE LA MAGGIOR PARTE DI ME AUTOSTIMA E SCUOLA Strategie di gestione Percorsi didattico-educativi Sabato 7 febbraio 2009 Dr.ssa ANNA STROPPA psicologa e psicoterapeuta dell et età evolutiva GIUSE TIRABOSCHI

Dettagli

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO Le seguenti affermazioni descrivono alcune abitudini di studio e modi di imparare. Decidi in quale misura ogni affermazione si applica nel tuo caso: metti una

Dettagli

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO.

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO. Istituto Comprensivo di Iseo a.s. 2012/2013 Progetto Di Casa nel Mondo - Competenze chiave per una cittadinanza sostenibile Gruppo lavoro Dott. Massetti Scuola Primaria Classi Terze TITOLO: I prodotti

Dettagli

Didattiche con la LIM

Didattiche con la LIM Didattiche con la LIM Modelli e prospettive Luca Ferrari Dipartimento di Scienze dell Educazione, Università di Bologna Index 1. Scenario 2. Definizione e caratteristiche 3. Un modello didattico problematico

Dettagli

Vademecum per il sostegno. Pratiche condivise di integrazione all interno del Consiglio di classe

Vademecum per il sostegno. Pratiche condivise di integrazione all interno del Consiglio di classe Vademecum per il sostegno Pratiche condivise di integrazione all interno del Consiglio di classe Gli strumenti della programmazione DIAGNOSI FUNZIONALE: descrive la situazione clinicofunzionale dello stato

Dettagli

GRUPPO DI LAVORO PER L INCLUSIONE DSA/BES/HANDICAP

GRUPPO DI LAVORO PER L INCLUSIONE DSA/BES/HANDICAP SCUOLA PRIMARIA PARITARIA SCUOLA PRIMARIA PARITARIA via Camillo de Lellis, 4 35128 Padova tel. 049/8021667 fax 049/850617 e-mail: primaria@donboscopadova.it website: www.donboscopadova.it GRUPPO DI LAVORO

Dettagli

QUALE SIGNIFICATO HA LA FIRMA DEL PDP DA PARTE DELLO STUDENTE / GENITORE E DEI DOCENTI?

QUALE SIGNIFICATO HA LA FIRMA DEL PDP DA PARTE DELLO STUDENTE / GENITORE E DEI DOCENTI? FAQ: AREA DELLA PROGRAMMAZIONE (PDP) QUAL È LA NORMATIVA DI RIFERIMENTO SUI DSA NELLA SCUOLA? Al momento è in vigore la Legge 170 che regola in modo generale i diritti delle persone con DSA non soltanto

Dettagli

DSA e EES ESIGENZE EDUCATIVE DISTURBI SPECIFICI DELL APPRENDIMENTO SPECIALI

DSA e EES ESIGENZE EDUCATIVE DISTURBI SPECIFICI DELL APPRENDIMENTO SPECIALI DSA e EES DISTURBI SPECIFICI DELL APPRENDIMENTO ESIGENZE EDUCATIVE SPECIALI DISTURBI SPECIFICI dell APPRENDIMENTO Interessano alcune specifiche abilità dell apprendimento scolastico in un contesto di funzionamento

Dettagli

I DISTURBI EVOLUTIVI SPECIFICI DELL APPRENDIMENTO: inquadramento generale

I DISTURBI EVOLUTIVI SPECIFICI DELL APPRENDIMENTO: inquadramento generale Sezione di Treviso I DISTURBI EVOLUTIVI SPECIFICI DELL APPRENDIMENTO: inquadramento generale Treviso, 27.2.2009 Dr.ssa Gabriella Trevisi SCHEMA DELLA RELAZIONE 1. Alcune caratteristiche generali dei DSA

Dettagli

Qual è la prevalenza dell ADHD?

Qual è la prevalenza dell ADHD? Che cos'è l'adhd (Attention Deficit/Hyperactivity Disorder)? La Sindrome da Deficit di Attenzione ed Iperattività è una patologia neuropsichiatrica che insorge nei bambini in età evolutiva. L ADHD consiste

Dettagli

Mario Polito IARE: Press - ROMA

Mario Polito IARE: Press - ROMA Mario Polito info@mariopolito.it www.mariopolito.it IMPARARE A STUD IARE: LE TECNICHE DI STUDIO Come sottolineare, prendere appunti, creare schemi e mappe, archiviare Pubblicato dagli Editori Riuniti University

Dettagli

PROGETTO EDUCATIVO SULL'INTEGRAZIONE E LA PREVENZIONE DEL DISAGIO E DELL'ABBANDONO SCOLASTICO PRECOCE

PROGETTO EDUCATIVO SULL'INTEGRAZIONE E LA PREVENZIONE DEL DISAGIO E DELL'ABBANDONO SCOLASTICO PRECOCE PROGETTO EDUCATIVO SULL'INTEGRAZIONE E LA PREVENZIONE DEL DISAGIO E DELL'ABBANDONO SCOLASTICO PRECOCE PREMESSA La Dispersione Scolastica è un fenomeno complesso che riunisce in sé: ripetenze, bocciature,

Dettagli

I-12 LA VALUTAZIONE AUTENTICA INTRODUZIONE 1. di Mario Comoglio

I-12 LA VALUTAZIONE AUTENTICA INTRODUZIONE 1. di Mario Comoglio I-12 LA VALUTAZIONE AUTENTICA di Mario Comoglio INTRODUZIONE 1 Non è raro imbattersi in articoli e in interventi ministeriali che affrontano la questione di come valutare l apprendimento degli studenti.

Dettagli

NEUROSCIENZE EEDUCAZIONE

NEUROSCIENZE EEDUCAZIONE NEUROSCIENZE EEDUCAZIONE AUDIZIONE PRESSO UFFICIO DI PRESIDENZA 7ª COMMISSIONE (Istruzione) SULL'AFFARE ASSEGNATO DISABILITÀ NELLA SCUOLA E CONTINUITÀ DIDATTICA DEGLI INSEGNANTI DI SOSTEGNO (ATTO N. 304)

Dettagli

RAPPORTO GLI ALUNNI CON DISABILITÀ NELLA SCUOLA ITALIANA:

RAPPORTO GLI ALUNNI CON DISABILITÀ NELLA SCUOLA ITALIANA: RAPPORTO GLI ALUNNI CON DISABILITÀ NELLA SCUOLA ITALIANA: BILANCIO E PROPOSTE Edizioni Erickson Presentano il Rapporto: Attilio Oliva Vittorio Nozza Andrea Gavosto Intervengono: Valentina Aprea Maria Letizia

Dettagli

ISTITUTO TECNICO TECNOLOGICO STATALE Alessandro Volta PERUGIA www.avolta.pg.it

ISTITUTO TECNICO TECNOLOGICO STATALE Alessandro Volta PERUGIA www.avolta.pg.it ISTITUTO TECNICO TECNOLOGICO STATALE Alessandro Volta PERUGIA www.avolta.pg.it Indirizzi di studio 1. Meccanica, Meccatronica ed Energia 2. Elettronica ed Elettrotecnica 3. Informatica e Telecomunicazioni

Dettagli

STILI DI APPRENDIMENTO NEI DSA PROPOSTE OPERATIVE PER UN BUON METODO DI STUDIO E DI INSEGNAMENTO

STILI DI APPRENDIMENTO NEI DSA PROPOSTE OPERATIVE PER UN BUON METODO DI STUDIO E DI INSEGNAMENTO STILI DI APPRENDIMENTO NEI DSA PROPOSTE OPERATIVE PER UN BUON METODO DI STUDIO E DI INSEGNAMENTO FONTE: MARIANI L. 2000. PORTFOLIO. STRUMENTI PER DOCUMENTARE E VALUTARE COSA SI IMPARA E COME SI IMPARA.ZANICHELLI,

Dettagli

Progetto di collaborazione Scuola Elementare di Piangipane con JAJO Sport Associazione Dilettantistica 2014-2015

Progetto di collaborazione Scuola Elementare di Piangipane con JAJO Sport Associazione Dilettantistica 2014-2015 Con la collaborazione di: EDUCAZIONE ATTRAVERSO IL MOVIMENTO Le abilità di movimento sono conquiste tangibili che contribuiscono alla formazione di un immagine di sé positiva. Progetto di collaborazione

Dettagli

25 MARZO 2011 CONVEGNO: DEFICIT DI ATTENZIONE ED IPERATTIVITÀ

25 MARZO 2011 CONVEGNO: DEFICIT DI ATTENZIONE ED IPERATTIVITÀ 25 MARZO 2011 CONVEGNO: DEFICIT DI ATTENZIONE ED IPERATTIVITÀ LABORATORIO LA GESTIONE DELLA CLASSE: UNA DIDATTICA PER FAVORIRE L AUTOREGOLAZIONE Nicoletta Cibinel, Psicopedagogista IC di Volpago (TV) E-mail:

Dettagli

Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO. Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13

Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO. Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13 Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13 INDICE Le tante facce della documentazione Pag.3 Il progetto per lo sviluppo e l apprendimento

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe o di gruppo) con compagni e insegnanti

Dettagli

Come cambiano i bisogni: dall integrazione degli alunni con disabilità all inclusione dei molti alunni con bisogni educativi speciali Dario Ianes

Come cambiano i bisogni: dall integrazione degli alunni con disabilità all inclusione dei molti alunni con bisogni educativi speciali Dario Ianes Come cambiano i bisogni: dall integrazione degli alunni con disabilità all inclusione dei molti alunni con bisogni educativi speciali Dario Ianes Ciò che caratterizza gli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Dettagli

CORSO ECM. Ausili informatici e tecnologie per la comunicazione e l apprendimento: dal bisogno all intervento. Sede corso: Viale Angelico 20/22- ROMA

CORSO ECM. Ausili informatici e tecnologie per la comunicazione e l apprendimento: dal bisogno all intervento. Sede corso: Viale Angelico 20/22- ROMA ISTITUTO «LEONARDA VACCARI» PER LA RIEDUCAZIONE DEI FANCIULLI MINORATI PSICO - FISICI CORSO ECM Ausili informatici e tecnologie per la comunicazione e l apprendimento: dal bisogno all intervento Sede corso:

Dettagli

Lo sviluppo delle abilità logico-matematiche. nei bambini in età prescolare

Lo sviluppo delle abilità logico-matematiche. nei bambini in età prescolare Istituto di Riabilitazione ANGELO CUSTODE PARLARE E CONTARE ALLA SCUOLA DELL INFANZIA Lo sviluppo delle abilità logico-matematiche nei bambini in età prescolare Dott.ssa Liana Belloni Dott.ssa Claudia

Dettagli

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con:

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: V E NIDO DIPARTIMENTO MATERNO INFANTILE R ENTI LOCALI T QUARTIERE I C SCUOLA DELL INFANZIA FAMIGLIA

Dettagli

Ufficio Scolastico Regionale per l Abruzzo. Rapporto dal Questionari Studenti

Ufficio Scolastico Regionale per l Abruzzo. Rapporto dal Questionari Studenti Rapporto dal Questionari Studenti SCUOLA xxxxxxxxx Anno Scolastico 2014/15 Le Aree Indagate Il questionario studenti ha lo scopo di indagare alcuni aspetti considerati rilevanti per assicurare il benessere

Dettagli

RELAZIONE FINALE PROGETTO IDA VENUTI UN FORMATORE AID NELLA TUA SCUOLA

RELAZIONE FINALE PROGETTO IDA VENUTI UN FORMATORE AID NELLA TUA SCUOLA RELAZIONE FINALE PROGETTO IDA VENUTI UN FORMATORE AID NELLA TUA SCUOLA A CURA DELLA DOTT.SSA MARIANGELA BRUNO (LOGOPEDISTA E FORMATRICE AID) ANNO SCOLASTICO 2011-2012 1 INDICE 1. ARTICOLAZIONE DEL PROGETTO...

Dettagli

LA VALUTAZIONE COGNITIVA NELL AUTISMO

LA VALUTAZIONE COGNITIVA NELL AUTISMO LA VALUTAZIONE COGNITIVA NELL AUTISMO Risultati di una ricerca su un campione di 135 bambini Massimiliano Petrillo Magda Di Renzo CAMPIONE DI RICERCA 135 bambini (106 M / 29 F) Età compresa tra 2,5-16,5

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr AUTOVALUTAZIONE D ISTITUTO Report Progetto ERGO VALUTO SUM PON Valutazione e miglioramento (Codice 1-3-FSE-2009-3) Anno Scolastico 2012-2013 Relatore

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO P. CARMINE. Regolamento. del gruppo di lavoro sull handicap. Regolamento GLHI. Ai sensi dell art. 15 c.

ISTITUTO COMPRENSIVO P. CARMINE. Regolamento. del gruppo di lavoro sull handicap. Regolamento GLHI. Ai sensi dell art. 15 c. ISTITUTO COMPRENSIVO P. CARMINE Regolamento Regolamento GLHI del gruppo di lavoro sull handicap Ai sensi dell art. 15 c. L 104/92 Approvato dal Consiglio di stituto in data 08/07/2013 1 Gruppo di Lavoro

Dettagli

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria Adriana Volpato P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria 19 Dicembre 2011 STRUMENTO didattico educativo individua gli strumenti fa emergere il vero alunno solo con DIAGNOSI consegnata si redige

Dettagli

Napoli. Riconosciuto dal Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca M.I.U.R.

Napoli. Riconosciuto dal Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca M.I.U.R. Napoli Centro Psicopedagogico Formazione Studi e Ricerche OIDA Scuola di Formazione riconosciuta dal M.I.U.R. Decreto 3 agosto 2011 Scuola di Formazione riconosciuta dalla P.ED.I.AS. Comunicazione Efficace

Dettagli

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti,

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, si è conclusa con una lezione aperta per i genitori.

Dettagli

Facilitare l individuazione precoce dei disturbi di apprendimento della lettura e della scrittura

Facilitare l individuazione precoce dei disturbi di apprendimento della lettura e della scrittura Laboratorio DiLCo Dipartimento di Linguistica Università degli studi di Firenze Facilitare l individuazione precoce dei disturbi di apprendimento della lettura e della scrittura Ricerca in collaborazione

Dettagli

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM 1. Introduzione 2. Pianificazione dell attività formativa ECM 3. Criteri per l assegnazione dei crediti nelle diverse tipologie di formazione ECM

Dettagli

Breve descrizione dell alunno

Breve descrizione dell alunno Breve descrizione dell alunno M.F. è un bambino di 11 anni che frequenta la classe prima della scuola secondaria di I grado G. Mompiani. È affetto da Encefalopatia mitocondriale, una grave patologia progressiva

Dettagli

ATTIVITA' DIDATTICA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA

ATTIVITA' DIDATTICA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA P9.07.1 attività didattica scuoleinfanzia.doc P9.07.1 Comune di Rimini p.za Cavour, 27 47921 Rimini http://qualità.comune.rimini.it Direzione e di Protezione Sociale via Ducale, 7 47900 Rimini tel. 0541/

Dettagli

Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore

Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore Crescere un bambino Indaco o Cristallo è un privilegio speciale in questo momento di turbolenze e cambiamenti. Come genitori, state contribuendo

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO Premessa L estate per i bambini è il tempo delle vacanze, il momento in cui è possibile esprimersi liberamente, lontano dalle scadenze, dagli impegni, dai compiti, dalle

Dettagli

Scuola secondaria di primo grado: Educazione fisica

Scuola secondaria di primo grado: Educazione fisica Ufficio XVI - Ambito territoriale per la provincia di Reggio Emilia Ufficio Educazione Fisica e Sportiva Scuola secondaria di primo grado: Educazione fisica Prof. CRONISTORIA DELLA DISCIPLINA DAL 1979

Dettagli

Disgrafia-Disortografia, un inquadramento diagnostico

Disgrafia-Disortografia, un inquadramento diagnostico IRCCS Burlo Garofolo U.O. Neuropsichiatria Infantile Trieste Disgrafia-Disortografia, un inquadramento diagnostico Dott.ssa Isabella Lonciari Bolzano, 28 Febbraio 2008 Disortografia Aspetti linguistici

Dettagli

Torti - Ghisla RSSPSM no. 4-1

Torti - Ghisla RSSPSM no. 4-1 Progettazione didattica e individualizzazione Idee e proposte operative di Luca Torti e Gianni Ghisla Rivista del Servizio di sostegno pedagogico della Scuola Media, no. 4, marzo 1989, pag. 26-32 1. Premesse

Dettagli

La fattoria delle quattro operazioni

La fattoria delle quattro operazioni IMPULSIVITÀ E AUTOCONTROLLO La fattoria delle quattro operazioni Introduzione La formazione dei bambini nella scuola di base si serve di numerosi apprendimenti curricolari che vengono proposti allo scopo

Dettagli

GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI

GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI INGRESSO Si mostra sereno Ricerca gli altri bambini Porta gli oggetti a scuola SERVIZI IGIENICI Ha il controllo sfinterico

Dettagli

Oggetto: reciproche interazioni tra organismo e ambiente. Metodo: scientifico-sperimentale

Oggetto: reciproche interazioni tra organismo e ambiente. Metodo: scientifico-sperimentale Università degli Studi di Parma Facoltà di Psicologia Dipartimento di Psicologia Analisi del Comportamento (Behavior Analysis) Skinner (1904-1990) Approccio Comportamentale alla Psicologia dell Educazione

Dettagli

LA PATOLOGIA DEL SE NEI DISTURBI DI PERSONALITA. Dr.ssa Anita Casadei Ph.D

LA PATOLOGIA DEL SE NEI DISTURBI DI PERSONALITA. Dr.ssa Anita Casadei Ph.D LA PATOLOGIA DEL SE NEI DISTURBI DI PERSONALITA Dr.ssa Anita Casadei Ph.D L istanza psichica del Sé è il cardine centrale della teoria di Kohut, u Quale totalità psichica che si sviluppa e si consolida

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Papalia Grazia Maria Data di nascita 29/06/1959

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Papalia Grazia Maria Data di nascita 29/06/1959 INFORMAZIONI PERSONALI Nome Papalia Grazia Maria Data di nascita 29/06/1959 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio I Fascia AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE DI REGGIO CALABRIA

Dettagli

Raccolta dati a cura di Stefano Comi. Fonti internet: Animali e personaggi da favola sono stati disegnati da F. C., bambina affetta da autismo,

Raccolta dati a cura di Stefano Comi. Fonti internet: Animali e personaggi da favola sono stati disegnati da F. C., bambina affetta da autismo, Raccolta dati a cura di Stefano Comi Fonti internet: Associazione Nazionale Genitori Soggetti Artistici Lombardia onlus Animali e personaggi da favola sono stati disegnati da F. C., bambina affetta da

Dettagli

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5 Competenza: partecipare e interagire con gli altri in diverse situazioni comunicative Scuola Infanzia : 3 anni Obiettivi di *Esprime e comunica agli altri emozioni, sentimenti, pensieri attraverso il linguaggio

Dettagli

PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO E DELL EDUCAZIONE SVILUPPO MORALE E SESSUALE. Docente: S. De Stasio

PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO E DELL EDUCAZIONE SVILUPPO MORALE E SESSUALE. Docente: S. De Stasio PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO E DELL EDUCAZIONE SVILUPPO MORALE E SESSUALE Docente: S. De Stasio Diverse dimensioni delle norme morali L acquisizione di una norma morale è un processo che contiene diverse

Dettagli

CAPITOLO CAPIT Tecnologie dell ecnologie dell info inf rmazione e controllo

CAPITOLO CAPIT Tecnologie dell ecnologie dell info inf rmazione e controllo CAPITOLO 8 Tecnologie dell informazione e controllo Agenda Evoluzione dell IT IT, processo decisionale e controllo Sistemi di supporto al processo decisionale Sistemi di controllo a feedback IT e coordinamento

Dettagli

Uno per tutti, tutti per uno.

Uno per tutti, tutti per uno. Uno per tutti, tutti per uno. Bologna, 09/02/2015 Dainese Roberto Educare attraverso il Cooperative Learning: stile attributivo e competenze metacognitive Chiara Trubini Marina Pinelli Psicologia - Università

Dettagli

Presentazione ai Dirigenti Scolastici

Presentazione ai Dirigenti Scolastici Il Progetto Adolescenza del Lions Quest International Presentazione ai Dirigenti Scolastici La scuola sta vivendo, da alcuni anni, un periodo molto complesso Potersi dotare di strumenti che facilitino

Dettagli

La natura del linguaggio e il processo di acquisizione

La natura del linguaggio e il processo di acquisizione La natura del linguaggio e il processo di acquisizione Il bambino nasce con un patrimonio genetico e con una predisposizione innata per il linguaggio. Affinché ciò avvenga normalmente è necessario che

Dettagli

La didattica personalizzata: utopia o realtà?

La didattica personalizzata: utopia o realtà? La didattica personalizzata: utopia o realtà? L integrazione di qualità è anche la qualità positiva per tutti gli attori coinvolti nei processi di integrazione, non solo per l alunno in difficoltà. Se

Dettagli

Tirocinio indiretto. per la classe di abilitazione 91A e 92A Piano organizzativo

Tirocinio indiretto. per la classe di abilitazione 91A e 92A Piano organizzativo Tirocinio indiretto per la classe di abilitazione 91A e 92A Piano organizzativo Studentesse/Studenti senza riduzione oraria: 75 ore indiretto, di queste 15 ore dedicate all inclusione Studentesse/Studenti

Dettagli

VALUTAZIONE DINAMICA DEL POTENZIALE DI APPRENDIMENTO IN UN BAMBINO CON DISTURBO DELLO SPETTRO AUTISTICO

VALUTAZIONE DINAMICA DEL POTENZIALE DI APPRENDIMENTO IN UN BAMBINO CON DISTURBO DELLO SPETTRO AUTISTICO Fondamenti teorici Vygotskji Zona di Sviluppo Prossimale Feuerstein VALUTAZIONE DINAMICA DEL POTENZIALE DI APPRENDIMENTO IN UN BAMBINO CON DISTURBO DELLO SPETTRO AUTISTICO Esperienza di Apprendimento Mediato

Dettagli

Appunti lezione 1 anno Med 48 Educatori Professionale docente Cleta Sacchetti

Appunti lezione 1 anno Med 48 Educatori Professionale docente Cleta Sacchetti Appunti lezione 1 anno Med 48 Educatori Professionale docente Cleta Sacchetti 1 L educatore professionale nasce negli anni successivi alla seconda guerra mondiale Risponde alle esigenze concrete lasciate

Dettagli

Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere!

Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere! Anna La Prova Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere! Chi sono i bambini Oppositivi e Provocatori? Sono bambini o ragazzi che sfidano l autorità, che sembrano provare piacere nel far

Dettagli

PROGRAMMA DI STUDIO. SALUTE in AUTOGESTIONE

PROGRAMMA DI STUDIO. SALUTE in AUTOGESTIONE PROGRAMMA DI STUDIO SALUTE in AUTOGESTIONE 2013 1 This project has been funded with support from the European Commission. Indice dei contenuti 1. DESTINATARI. 3 2. CARICO DI LAVORO.3 3. ento/insegnamento

Dettagli