SCHEDE PER ATTIVITA DIDATTICHE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "SCHEDE PER ATTIVITA DIDATTICHE"

Transcript

1 MUSEO DEL TRASPORTO FERROVIARIO ATTRAVERSO LE ALPI BUSSOLENO ( TORINO ) SCHEDE PER ATTIVITA DIDATTICHE FICHES POUR ACTIVITEES DIDACTIQUES Materiale preparato da: Matériel préparée par LICEO DELLA COMUNICAZIONE ISTITUTO FLORA v. S. Francesco da Paola 42 TORINO PROGRAMMA DI INIZIATIVA COMUNITARIA INTERREG III A Alpi Latine Cooperazione Transfrontaliera Italia - Francia (Alpi)

2 Scuola materna: - CERCA E TROVA - IL TRENO TUO BERSAGLIO - LE DIFFERENZE - LE DIVISE IN MEMORY - DOMINO - FAVOLA MAGICA - INCASTRO - MAXI PUZZLE - PUZZLE CLASSICO - RICOMPORRE PER VINCERE - ROMA PARIGI - SMISTAMENTO - TOMBOLA Scuola elementare: - CRUCIVERBA - I NOMI DEI TRENI - IL CAPOSTAZIONE - IL CERCA CARTELLI - LA TROTTOLA - MEMORY - TRENINO DI CARTA - TRENOPOLI Scuola media: ELENCO ATTIVITA' - GEOGRAFIA FERROVIARIA - GRANDEZZE E MISURE - MOVIMENTO - ROMA - PARIGI - PUZZLE ROMPICAPO - FERROVIE DA SCOPRIRE - DA TORINO A CHAMBERY - VIAGGIO NEL MONDO DELLE FERROVIE - LA RUOTA Scuola superiore: - PROBLEMI DI ELETTROTECNICA - GEOGRAFIA FERROVIARIA - MEMORARIO - MOVIMENTO - ORARIO FERROVIARIO - VARIE - QUIZ - DOMANDE

3 SCHEDA ATTIVITA' CERCA E TROVA Destinatari: bambini della scuola materna ( 2,5 3 anni ) Tipo gioco: Obbiettivi: tranquillo da farsi su un tavolo o su un tappeto Riconoscere figure e colori Esercitare le capacità di attendere il proprio turno Sviluppare la memoria Materiali: Cartoncini colorati (29 x 21) (100 x 70) Figure colorate di ferrovieri e persone che lavorano in ferrovia Figure di una locomotiva Figure di alcuni vagoni Figure di alcune stazioni Durata: Regole: 15 minuti con 4 bambini rispettare il proprio turno Svolgimento: 1 : si attende il via del capo-gioco 2 : ognuno sceglie un colore dal cartoncino grosso 3 : si mescolano le carte e si possono voltare sul tavolo 4 : si gira una carta per volta tra quelle sistemate sul tavolo 5 : si guarda se la carta girata è uguale alla figura situata nel tabellone: se c è, la si posa sopra 6 : se si gira una carta che si trova nel tabellone, ma non appartiene alla riga da voi scelta si rigira e si lascia sul tavolo. 7 : vince chi completa per primo la sua riga

4 SCHEDA ATTIVITA IL TRENO TUO BERSAGLIO Destinatari: Tipo di gioco : bambini della scuola materna di movimento controllato Numero di giocatori: indeterminato Obiettivo: Materiali: Durata: Regole: Svolgimento: sviluppo dell autocontrollo, esercizio oculo-motorio 5 palline o tappi cartellone grande già predisposto circa 15 minuti stare sulla linea di tiro tirare a turno una volta per bambino ricomporre la fila. - preparare il cartellone del gioco in verticale, - disporre i bambini in fila indiana, ognuno con un tappo, - chi guida il gioco da il via, - a turno ogni bambino tira il tappo, - se colpisce il bersaglio, acquista i punti segnati.

5 SCHEDA ATTIVITA LE... DIFFERENZE Destinatari: Tipo di gioco: Obiettivo: Materiali: Durata: bambini della scuola materna. da tavolo. - Sviluppo della percezione oculo - motoria. - Salvabuchi colorati per segnare le differenze. - 2 cartelloni - Una clessidra Indefinita Regole e svolgimento: - il capo gioco predispone i due cartelloni sul tappeto sufficientemente vicini. - il cartellone numero 1 presenta la figura completa; - il cartellone numero 2 può avere figure di oggetti in più o in meno. - ai bambini viene indicata la scatoletta con i salvabuchi colorati da usare per indicare la figura impropria - il capo gioco invita tutti i bambini ad osservare le immagini, poi dà a ogni bambino un numero in crescente ( ecc) - al via del capo gioco, inizia il gioco. - ogni bimbo, secondo l ordine dato, deve indicare la figura dell oggetto mancante o in esubero entro il tempo segnato dalla clessidra altrimenti viene penalizzato. - la pena viene decisa dai compagni. - si continua il gioco fino alla scoperta di tutte le differenze.

6 SCHEDA ATTIVITA LE DIVISE IN MEMORY Destinatari: Tipo di gioco: bambini della scuola materna tranquillo Numero giocatori: 4 Obiettivo: Materiali: Durata: Regole: Svolgimento: Gioco di osservazione e di attenzione nel riconoscimento delle divise usate dal personale ferroviario 16 schedine uguali a coppie 5-10 minuti Girare una sola figura per volta per trovare quella uguale - Predisporre le carte sul tavolo nascondendo le immagini. - Ad ogni giocatore viene dato un numero crescente:1,2,3,. - Inizia il giocatore numero 1 e solleva una carta, la fa vedere ai compagni e poi ricerca la coppia con una sola mossa, - Il turno passa al seguente - Chi riesce ad indovinare più coppie vince.

7 SCHEDA ATTIVITA DOMINO Destinatari: bambini della scuola materna ( 2,5 3 anni ) Tipo gioco: Obbiettivi: tranquillo da farsi su un tavolo o su un tappeto Riconoscere figure e colori Esercitare le capacità di attendere il proprio turno Sviluppare la memoria Materiali: Durata: Regole: 15 minuti con 4 bambini rispettare il proprio turno Svolgimento: 1) Facile: coppie di ½ figure varie ( loco, vagoni, vetture a fantasia ) 2) Facile: coppie di ½ figure varie per formare un treno 3) Difficile tipo Kinder

8 SCHEDA ATTIVITA FAVOLA MAGICA Destinatari: Tipo di gioco : bambini della scuola materna da tavola o da tappeto Numero di giocatori: 14 Obiettivo: Materiali: Durata: Regole: Svolgimento: attenzione al racconto, percezione visiva, motricità fine 14 forme di cartone Cartellone Testo del racconto circa 15 minuti ciascun bambino deve inserire l immagine richiesta dietro scelta di chi guida il gioco. - preparare il cartellone del gioco sul tavolo o sul tappeto, - spargere per terra le 14 immagini di cartone, - chi guida il gioco inizia la lettura del racconto, - giunto ad una figura invita un bambino a cercarla, dirne il nome e posizionarla sul tabellone - ogni figura vale un punto - se si sbaglia la prima volta ma si fa giusto al secondo tentativo, il punteggio vale ½ - vince il bambino che ha raggiunto il maggior numero di punti.

9 SCHEDA ATTIVITA INCASTRO Destinatari: bambini della scuola materna. Tipo di gioco: tranquillo, da fare su un tavolo o su un tappeto Obiettivi: Materiali: Durata: Regole: - capacità di riconoscere il pezzo mancante; - intuizione spaziale; - motricità fine. 6 tavole e per ogni figura più pezzi da inserire negli appositi spazi. 15 minuti con 4 o 6 bambini rispettare il proprio turno Svolgimento: 1 - il capo-gioco predispone le tavole-incastro con i pezzi da incastrare: - verificare che vi siano tutti i pezzi, - suddividere i pezzi in due gruppi equivalenti; 2 - il capo-gioco divide i bambini in due gruppi, oppure li fa giocare a turno 3 - ogni squadra gioca con 3 tavole 4 - al via del capo-gioco, ogni capo-squadra deve incastrare i pezzi. 5 - vince chi completa gli incastri per primo

10 SCHEDA ATTIVITA MAXI PUZZLE Destinatari: Tipo di gioco : bambini della scuola materna dai 3 ai 5 anni gioco da tavola o da tappeto Numero di giocatori: 9 Obiettivo: Materiali: Durata: Regole: Svolgimento: sviluppo dell informazione/discriminazione/motricità fine, percezione spaziale 9 pezzi mancanti. Cartellone base. circa 15 minuti ciascun bambino può inserire solo un pezzo mancante a turno - preparare il cartellone del gioco sul tavolo o sul tappeto, - distribuire ad ogni bambino un pezzo mancante, - assegnare un numero crescente ( 1, 2, 3, ) ad ogni bambino, - al via dell insegnante il numero 1 mette il pezzo mancante entro il tempo in cui si conta fino a 3. - se il bambino non colloca il pezzo nel tempo utile viene penalizzato con una pena scelta da un compagno. - il gioco poi continua fino alla collocazione di tutti i pezzi.

11 SCHEDA ATTIVITA PUZZLE CLASSICO Destinatari: Tipo di gioco : bambini della scuola materna dai 3 ai 5 anni gioco da tavola o da tappeto Numero di giocatori: dipende dal numero di insiemi dei 35 tasselli del puzzle Obiettivo: Materiali: Durata: sviluppo dell informazione/discriminazione/motricità fine, percezione spaziale collaborazione tra i bambini 35 gruppi di tasselli del puzzle per ogni gruppo di partecipanti stessa quantità di fogli con il modello circa 15 minuti Regole: Svolgimento: - dividere i bambini in un numero di gruppi corrispondenti al materiale esistente - distribuire ad ogni gruppo i 35 tasselli del puzzle ed il modello - al via di chi guida il gioco, ogni gruppo inizia a ricomporre la figura - vince il gruppo che completa per primo la figura

12

13 SCHEDA ATTIVITA RICOMPORRE PER VINCERE Destinatari: Tipo di gioco : bambini della scuola materna da tappeto Numero di giocatori: in numero pari, al massimo 8 Obiettivo: Materiali: Durata: Regole: Svolgimento: esercitare l attenzione e la discriminazione 16 tessere del puzzle circa 15 minuti posizionare il pezzo del puzzle secondo il proprio turno - chi guida il gioco fa vedere l immagine completa, - consegnare due ( quattro otto ) tessere a caso ad ogni partecipante, - assegnare ad ogni bambino un numero crescente ( 1, 2, 3,.. ), - a turno ogni bambino cerca di posizionare un tassello.

14 SCHEDA ATTIVITA' ROMA - PARIGI Destinatari: bambini della scuola materna Tipo di gioco: tranquillo, da fare a tavolino o su un tappeto Obbiettivi: Materiali: Durata: Regole: Esercizio di autocontrollo, Ascolto e attenzione grande cartellone con 40 caselle 4 pedine 1 dado con le indicazioni circa mezz ora attenersi con rigore alle indicazioni scritte sulle facciate del dado Svolgimento: 1 il gioco è per 2 4 bambini, oppure in squadre 2 si sceglie chi deve iniziare il gioco 3 si lancia il dado e si eseguono le indicazioni riportate sulla faccia superiore 4 vince chi arriva prima a Parigi

15 SCHEDA ATTIVITA' SMISTAMENTO Destinatari: bambini della scuola materna Tipo di gioco: di movimento meglio se fatto all esterno o all interno del centro in ampi spazi Obiettivi: Materiali: Durata: Regole: generali: muoversi in maniera coordinata con i compagni geografia specifici: conoscere il funzionamento dello smistamento ferroviario a) tabelloni con disegnati monumenti tipici per richiamare le città di partenza e destinazione dei treni: - es. Milano, Genova, Roma, Parigi - Torino per lo smistamento - le città possono essere sia di partenza/arrivo oppure diverse b) tabelle con disegnati carri merce da appendere al collo dei partecipanti - i tipi di carri diversi devono essere tanti quante sono le destinazioni c) tabelle con disegnate locomotive d) eventualmente strisce o riferimenti sul pavimento per la zona dello smistamento e) fischietto per il Capo-Gioco ¾ d ora, 1 ora 1) rispettare le posizioni assegnate nel treno 2) rispettare le disposizioni date dal Capo-Gioco Svolgimento: 1) Il capo-gioco deve suddividere i partecipanti in tanti gruppi quanti sono i trenini che si vuole organizzare (se possibile gruppi di almeno 6 bambini) 2) un partecipante deve rimanere inizialmente fuori ( sarà poi la locomotiva dello smistamento ) 3) sistemare i tabelloni delle città in vari punti del locale 4) ogni gruppo deve essere sistemato in una stazione di partenza 5) il primo di ogni treno riceve la tabella con una locomotiva 6) gli altri componenti di ogni treno ricevono le tabelle dei carri in modo da creare convogli con vagoni di tipo diverso 7) il capo-gioco da l'ordine di partenza con un fischio 8) per un certo tempo i vari treni girano per la sala facendo ciuf-ciuf ( le locomotive a vapore) e tu-tu 9) ad un segnale ( fischio del capo-gioco ) tutti i treni si affiancano paralleli nello smistamento secondo lo schema allegato 10) le locomotive si allontanano momentaneamente 11) il partecipante rimasto fuori gioco si mette in coda al primo treno e spinge ( adagio! )

16 SCHEDA ATTIVITA' SMISTAMENTO 12) il treno avanza secondo lo schema allegato ed ogni vagone, passando in un unico punto, va a formare il treno con gli altri vagoni dello stesso tipo oppure diventa il primo di uno nuovo 13) la locomotiva di smistamento ripete il lavoro per ogni treno arrivato 14) le locomotive si mettono in testa ai nuovi treni 15) si comunica ad ogni locomotiva la destinazione e partenza 16) come 8) 17) ad un segnale i trenini raggiungono le destinazioni Schema di "Smistamento" arrivi partenze

17 SCHEDA ATTIVITA' TOMBOLA di pittogrammi ferroviari Destinatari: bambini della scuola materna Tipo di gioco: tranquillo da farsi su tavolo o su tappeto. Obiettivi: Materiali: generali: riconoscere simboli grafici specifici: conoscere i cartelli segnaletici presenti nelle stazioni ed i simboli dell orario ferroviario a) cartoncini ( cartelle della tombola ) con disegnati gruppi di segnali e simboli b) tasselli con su disegnato un simbolo o un cartello Durata gioco: circa 30 minuti con 10 bambini Regole: Aspettare il proprio turno Dar segno, come indicato dal capo-gioco, quando la forma sorteggiata corrisponde a quella della cartella personale Svolgimento: 1 - il capo-gioco distribuisce le schede 2 - il capo-gioco estrae un tassello per volta, lo descrive e lo fa vedere 3 - il bambino che ha il simbolo sulla sua scheda lo segnala e riceve il tassello 4 - vince chi completa per primo la sua scheda

18 SCHEDA ATTIVITA' CRUCIVERBA Destinatari: bambini della scuola elementare Tipo di gioco: tranquillo da farsi al tavolo o sul tappeto Obbiettivi: Sviluppare la prontezza di riflessi Sviluppare la memoria Acquisire nuove informazioni Materiali: tavola con cruciverba e domande ( vedere allegato ) Durata: Regole: 5 minuti rispondere alle domande scrivendo nelle caselle Il gioco può essere svolto da ogni partecipante o in squadra Svolgimento: - si inizia contemporaneamente, - vince il partecipante o il gruppo che per primo termina correttamente lo schema, - se nessuno completa lo schema nei 5 minuti, si contano le risposte esatte.

19 SCHEDA ATTIVITA' CRUCIVERBA ALLEGATI a) Schema 2 1 L E G N O 3 S 4 P 5 P E N D O L I N O R U R E 6 M E R C I 7 T G V 8 S A C S 9 M A C C H I N I S T A O U R O B V O A N 10 E U R O S T A R b) Domande Orizzontali 1) Di quale materiale erano fatti i sedili dei primi vagoni? 5) Come si chiama un treno italiano che si inclina in curva per poter andare più veloce? 6) Come si chiama un treno che trasporta materiali? 7) Qual è la sigla del treno che va da Milano a Parigi? 9) Come si chiama il conducente del treno? 10) Qual è il nome dei treni italiani più veloci? Verticali 2) Un treno passeggeri a lunga percorrenza 3) Come si chiama la principale stazione di Torino? 4) Quante classi ci sono sui treni? 8) Con quale combustibile funzionavano i primi treni?

20 SCHEDA ATTIVITA' I NOMI DEI TRENI Destinatari: Bambini di 5^ elementare e 1^ media Tipo di gioco: tranquillo da farsi al tavolo Obbiettivi: Sviluppare la prontezza di riflessi Riconoscere le parole Materiali: due schede uguali da completare ( vedere allegato ) Durata: Regole: 5 minuti Completare le posizioni vuote scegliendo le parole dall elenco, Fare attenzione alle lettere già presenti Il gioco può essere svolto da ogni partecipante o in squadra Svolgimento: 1 : dividere i partecipanti in due squadre, ogni squadra riceve una scheda 2 : si inizia contemporaneamente, 3 : vince il gruppo che per primo termina correttamente lo schema, 4 : se nessuno completa lo schema nei 5 minuti, si contano le risposte esatte.

21 SCHEDA ATTIVITA' I NOMI DEI TRENI ALLEGATO SCHEDA DI LAVORO c) Elenco parole INTERREGIONALE REGIONALE DIRETTO INTERCITY INTERCITY NOTTE ESPRESSO ESPRESSO NOTTE EUROSTAR ITALIA TGV d) Traccia da completare E E Y T I _ O R _ A E

22 SCHEDA ATTIVITA' IL CAPOSTAZIONE Destinatari: bambini della scuola elementare Descrizione: Attività in cui i bambini realizzano vari ruoli del personale ferroviario che interviene per regolare il movimento di due treni passeggeri che si devono incrociare partendo da due stazioni vicine. Se la realizzazione viene fatta presso la sede del Museo FERALP, è utile presentare prima la dimostrazione dell'apparato di blocco presente nella sala. La realtà viene semplificata ed adattata ai partecipanti, ma potrebbe facilmente essere anche più complessa. Obiettivi: generali: eseguire e rispettare ordini scritti precisi specifici: conoscere esempi di regole per lavorare in sicurezza Ruoli: "capostazione": 2 "capotreno": 2 "macchinista": 2 "segnale": 4 "trenino": 2 Materiali: 4 cartoncini rossi e 4 cartoncini verdi ( per segnali ) 2 palette da capostazione Berretti: 2 rossi ( capistazione ), 2 verdi ( capitreno ), 2 neri ( macchinisti ) 2 segnalatori di posizione degli scambi ( cubi con disegnate " " e "/" ) Scheda di istruzione per il ruolo di capostazione ( allegato 1 ) Descrizione percorsi da segnare sul pavimento ( allegato 2 ) Impianto elettrico a pila per comunicare tra le due "stazioni" ( vedere allegato 2 ) Svolgimento: 1) preparare il percorso sul pavimento e disporre il circuito di comunicazione Nota: è meglio se le stazioni non sono visibili una dall'altra ( locali diversi ) 2) distribuire le parti: i bambini che non hanno uno dei ruoli principali, formeranno i due trenini 3) tutti i segnali sono sul "rosso" 3) il capostazione1 chiede il consenso per la partenza al capostazione2 ( 1 colpo ) 4) il capostazione2 ( stazione2 ) controlla l'esistenza del binario libero nella sua stazione 5) il capostazione2 concede il consenso ( 2 colpi ) 6) il capostazione1 predispone lo scambio per l'uscita 7) il capostazione1 "apre" segnale1 8) il capotreno1 controlla che i vagoni del suo treno siano a posto e segnala al capostazione1

23 SCHEDA ATTIVITA' IL CAPOSTAZIONE 9) il capostazione1 da il via al macchinista1 10) il treno parte 11) il segnale1 diventa rosso 12) il capostazione2 predispone lo scambio per ricevere il treno 13) il capostazione2 "apre" il segnale2 14) il treno avanza fino al binario libero della stazione2 15) il segnale2 ritorna rosso 16) il capostazione2 chiede il consenso al capostazione1 ( 1 colpo ) 17) il capostazione1 concede il consenso ( 2 colpi ) 18) il capostazione2 predispone lo scambio per l'uscita 19) il capostazione2 "apre" il segnale3 20) il capotreno2 controlla che i vagoni del suo treno siano a posto e segnala al capostazione2 21) il capostazione2 da il via al macchinista2 22) il treno parte 23) il segnale3 diventa rosso 24) il capostazione1 predispone lo scambio per ricevere il treno 25) il capostazione1 "apre" il segnale4 26) il treno avanza fino ad un binario libero della stazione1 27) il segnale4 diventa rosso Allegato 1 - ruolo del capostazione a) per far partire un treno: 1) chiede il consenso con 1 colpo di campana 2) aspetta la risposta di 2 colpi 3) controlla e prepara lo scambio 4) apre il segnale di partenza mettendolo al verde 5) aspetta un segno dal capotreno 6) da il via al macchinista con la paletta 7) chiude il segnale di partenza b) per ricevere un treno: 1) aspetta la richiesta di 1 colpo di campana 2) controlla se c'è posto nella stazione 3) risponde con 2 colpi di campana 4) controlla e prepara lo scambio per ricevere il treno 5) apre il segnale di protezione mettendolo al verde

24 SCHEDA ATTIVITA' IL CAPOSTAZIONE Allegato 2 - schema percorso

25 SCHEDA ATTIVITA' IL CERCA CARTELLI Destinatari: bambini della scuola elementare Tipo di gioco: di movimento, in spazi diversi o in un ampio locale Obbiettivi: Materiali: intuizione spaziale e di creatività Cartoncini corrispondenti a vari cartelli in ambiente ferroviario, cioè nelle stazioni e sui treni. ( vedere elenco allegato ) Durata: da mezz ora a 45 minuti ( dipende da come si nascondono i cartelli ), con circa 10 bambini Regole: rispettare le normative date dal capo-gioco Svolgimento: 1-4 o 5 bambini sono mandati fuori dal locale dove si gioca 2 - il capo-gioco indica agli altri bambini rimasti, come disporre i cartelli 3 - i cartelli vengono nascosti 4 - il gruppo di bambini che era stato allontanato dal locale rientra 5 - inizia la ricerca dei cartelli 6 - il gioco termina quando sono stati trovati tutti i cartelli 7 - vince chi raggiunge un punteggio maggiore

26 Cartelli: i cartelli hanno un punteggio inversamente proporzionale alla dimensione e quindi il cartello più grande avrà 1 punto fino a quello più piccolo che vale 10 punti. posto per handicappati (12*12) punti 7 toilette per maschi (25*15) punti 3 toilette per femmine (25*15) punti 3 sala d attesa (30*15) punto 1 sala bar (8*8) punti 8 direzione per andare alla toilette (8*8) punti 8 ufficio informazioni (8*8) punti 7 attenzione non attraversare i binari (30*15) punti 1 vietato fumare 20*15) punti 4 vietato gettare oggetti dal finestrino (20*15) punti 4 vietato sporgersi da finestrino (20*15) punti 4 vietato aprire le porte quando il treno è ancora in marcia (18*15) punti 5 posto riservato agli invalidi di guerra e del lavoro (14*10) punti 6

27 SCHEDA ATTIVITA LA TROTTOLA Destinatari: Tipo gioco: Obbiettivi: Materiali: Durata: Regole: bambini della scuola elementare tranquillo, da farsi al tavolo o a tappeto capacità associativa, motricità fine, attenzione, memoria. trottola dei treni, una clessidra, un tabellone di punteggi mezz ora con dieci bambini aspettare il proprio turno e rispettare i tempi Svolgimento: 1 : disporre le descrizioni dei treni alla rinfusa nella stanza; 2 : dividere i bambini in due squadre A e B ; 3 : individuare i n. 1 delle due squadre; 4 : il capo-gioco gira la trottola; 5 : quando la trottola si ferma i ragazzini n 1 delle squadre A e B contemporaneamente devono vedere su quale immagine si è fissata e rapidamente trovare la descrizione corrispondente; 6 : la descrizione verrà posta sotto alla figura; 7 : il vincitore da un punto alla propria squadra; 8 : si procede nello stesso modo per le successive figure; 9 : vince la squadra che raccoglie più punti.

28 SCHEDA ATTIVITA' MEMORY Destinatari: bambini della scuola elementare Tipo di gioco: tranquillo da farsi al tavolo o sul tappeto Obbiettivi: Materiali: Durata: Regole: Trovare il maggior numero di coppie Intuizione spaziale, esercizio di memoria visiva spaziale 20 coppie di carte 30 minuti con circa 10 bambini attendere il proprio turno Svolgimento: - il capo-gioco mescola le carte, - le dispone liberamente capovolte sul piano di gioco, - si gioca singolarmente - al via, a turno, si sceglie una carta e con un solo tentativo si cerca quella uguale, - quando viene trovata una coppia, la si tiene in mano o per terra. - vince chi trova il maggior numero di coppie.

29 SCHEDA ATTIVITA TRENINO DI CARTA Destinatari: Tipo gioco: Obbiettivi: Materiali: Durata: Regole: bambini della scuola elementare tranquillo da fare al tavolo o a tappeto capire la dinamica delle strutture del treno costruendolo e usando la fantasia, senso cromatico e autocontrollo, motricità fine foglio di cartoncino con la sagoma dei vari vagoni, colori, colla, forbici, cordino, materiale vario ( per vagone merci ) h per bambino rispettare le indicazioni scritte sui modelli Svolgimento: 1 : Colora i vagoni e le porte e le finestre di colori diversi, 2 : Taglia lungo le linee continue, 3 : Piega lungo le linee tratteggiate e incolla le varie parti, 4 : Intaglia come è indicato sulle due testate ( i lati corti ), 5 : Ritaglia il modello a del gancio, 6 : Collega i vari vagoni.in ordine, 7 : Attacca il cordino alla locomotiva, 8 : Finalmente con il tuo bel trenino corri nel mondo della fantasia!

30 SCHEDA ATTIVITA' TRENOPOLI Destinatari: bambini della scuola elementare Tipo di gioco: tranquillo da farsi al tavolo o sul tappeto Obbiettivi: Materiali: Regole: conoscenza dei treni e delle regole civili per il loro uso corretto un tabellone, un dado, due pedine, dei cartoncini di due colori aspettare il proprio turno Svolgimento: 1 - Si dividono i bambini in due squadre o si fanno giocare a turno 2 - Si elegge un capogruppo per squadra 3 - si tira il dado 4 - si muove la pedina sul tabellone di tante caselle quante sono indicate dal numero del dado. 5 - chi capita sulla casella delle domande (?) prende il cartoncino delle domande e, se sa rispondere, prosegue il giro. 6 - chi capita sulla casella degli imprevisti (!) prende il cartoncino degli imprevisti ed eseguire quanto scritto.

31 SCHEDE ATTIVITA GEOGRAFIA FERROVIARIA Destinatari: ragazzi della scuola media e delle scuole superiori Tipo esercizio: Obbiettivi: Materiali: approfondire la conoscenza della geografia ferroviaria del Piemonte esercitare all utilizzo della documentazione ferroviaria schema delle linee ferroviarie del Piemonte orario ferroviario regionale del Piemonte schede allegate da completare Durata: Regole: Svolgimento:

32 1) Dato lo schema delle linee ferroviarie del Piemonte e Valle d Aosta, indicare in quali stazioni bisogna cambiare linea per venire a Bussoleno partendo da: 1) Biella 2) Cuneo 3) Acqui Terme 4) Casale Monferrato 5) Borgomanero 6) Varallo Sesia 7) Alba 8) Aosta 9) Saluzzo

33 2) Descrivere i percorsi possibili per andare da Domodossola a Cuneo con al massimo cambi di linea indicando anche la lunghezza in km: 1^ cambio 2^ cambio 3^ cambio km

34 SCHEDA ATTIVITA' GRANDEZZE E MISURE Destinatari: Obbiettivi: Materiali: Regole: ragazzi di 3 media operare con le grandezze di lunghezza ( distanza ), tempo, velocità convertire multipli e sottomultipli delle unità di misura usare strumenti di rappresentazione delle grandezze ( tabelle, grafici ) schede di lavoro allegate fascicoli con orari ferroviari schede e tabelle con descrizione delle locomotive carta millimetrata distribuzione delle schede ricerca dei dati calcoli e costruzioni grafiche eventuali verifiche

35 1) metri velocità cercare su tabelloni / schede : raggio ruote ( m ), vel.max ( km/h ) trovare : giri/min calcolare circonf ruota ( m ) vel ( m/min ) vel ( giri/min ) materiali: schede descrittive materiale di trazione 2) velocità e tempi cercare su orario : ora di partenza e di arrivo distanza trovare : velocità media calcolare : tempo ( min ) vel. ( km/min ) vel. ( km/h ) materiali: orario ferroviario ( regionale ) 3) tracciare il grafico orario di alcuni treni dato l orario tabellare materiali: orario ferroviario ( regionale ) 4) costruire l orario tabellare dal grafico orario materiali: orario ferroviario grafico 5) peso, peso specifico, lunghezza misurare il peso di uno spezzone di rotaia da 60 kg/m, dato il peso specifico dell acciaio trovare la lunghezza dello spezzone verificare la misura calcolata calcolare: proporzione materiali: spezzone di rotaia da 60 kg/m, bilancia adatta

36 6) peso per passeggero cercare il peso di un treno dati i componenti ( loc. e 6 vagoni ) peso medio passeggero ( 70 kg ) trovare peso del treno per passeggero materiali: schede materiale trazione e rotabile 7) pesi e forze per muovere un treno materiali: carrello su rotaia, dinamometro

37 SCHEDA ATTIVITA MOVIMENTO Destinatari: ragazzi di scuola media o superiore Obbiettivi: - trovare una strategia per risolvere un problema di tipo non scolastico - verificare la soluzione esercitando capacità critiche - esercitare capacità di astrazione Tipo di attività: a coppie o individuale Materiali: Durata: Testo: Cartoncino con disegnato il circuito di binari oppure Circuito di binari giocattolo Eventualmente ( nella versione facilitata ) segnalini per i due vagoni e la locomotiva. 30 minuti Lo schema della figura, descrive un circuito di binari su cui si trovano una locomotiva e due vagoni sui due tronchini. È anche presente una galleria sotto cui può passare solo la locomotiva. Il problema è quello di scambiare la posizione dei due vagoni utilizzando la locomotiva. Le manovre possono essere fatte sia spingendo i vagoni e sia agganciandoli e poi tirandoli. I vagoni possono essere anche agganciati tra loro. Ricordare che solo la locomotiva può passare sotto la galleria. Svolgimento:

38 SCHEDA ATTIVITA MOVIMENTO ALLEGATO Vagone A Locomotiva L Galleria G Vagone B Soluzione: 1) individuare i vari tratti di binario con un numero ( o una lettera ) 2) spostare L verso A 3) agganciare il vagone A 4) far retrocedere il treno oltre lo scambio S1 5) spostare il treno con la locomotiva in spinta oltre lo scambio S2 6) sganciare L, fare il giro completo ( sotto la galleria G ) metterla in coda ad A 7) spingere il treno verso B 8) agganciare B e retrocedere tutto il treno oltre S2 9) sganciare L e fare di nuovo tutto il giro 10) prendere solo B e tirarlo oltre S1 11) spingere B nel tronchino 12) sganciare L e fare tutto il giro attraverso G 13) spingere A nell altro tronchino

39 SCHEDA ATTIVITA ROMA - PARIGI Destinatari: ragazzi della scuola media Tipo esercizio: Obbiettivi: Materiali: - cartina con evidenziati: percorsi e lunghezze secondo quanto scritto nell allegato TABELLA A, le posizioni corrispondenti ad ogni 15 min. di percorso, città con diramazioni ( posizioni di scelta percorso ) secondo quanto scritto nell allegato B, la posizione di Modane, confine ferroviario - segnalini ( a forma di trenino? ) a colori - 2 dadi Durata: Regole: Svolgimento: - dividere i partecipanti in gruppi ( 1 lancia, 1 sposta ), - metà dei gruppi parte da Roma e gli altri da Parigi, - al primo turno si lancia un solo dado e si sceglie solo il percorso secondo i valori del dadi elencati nell allegato TABELLA B, - raggiungendo o superando una stazione con diramazioni, ci si ferma sempre ( perdendo i punti che non sono tutti utilizzati ), - fa eccezione alla regola precedente chi ha estratto l Eurostar ( Roma Torino e viceversa ) oppure il TGV ( Paris Torino e viceversa ) solo nel percorso interessato, - chi è in una posizione di scelta del percorso lancia un solo dado per scegliere secondo i valori elencati nell allegato B senza spostarsi, - nella stazione di Modane tutti si fermano un turno per cambio del locomotore, tranne i TGV Torino Paris e viceversa, - si vince arrivando a destinazione quando si raggiunge o supera Parigi o Roma.

40 Allegati TABELLA A Tratta Lunghezza 1. Roma Pisa Pisa Genova 8 3. Genova Alessandria 3 4. Alessandria Torino 4 5. Roma Firenze LL Roma Firenze DD 6 7. Firenze Pisa 4 8. Firenze Bologna 4 9. Bologna Piacenza Piacenza Alessandria Piacenza Milano Torino Milano Torino Torino Bussoleno Modane Modane Chambery Chambery Lyon Part Dieu Chambery Amberieu Amberieu Lyon Part Dieu Amberieu Dijon Lyon Paris LGV Dijon Paris linea imperiale Dijon Paris LGV 5

41 TABELLA B Direzione Sud Città Direzioni Valori dado Paris TGV Lyon Chambery Torino 1 2 Lyon LGV 3 4 Dijon LGV 5 Dijon linea imperiale 6 Lyon Amberieu Chambery Chambery Torino Alessandria 1 2 Eurostar Milano Bologna 3 4 Firenze Roma Milano 5 6 Alessandria Genova Piacenza Pisa Roma Firenze Firenze Roma via LL ( linea lenta ) 1 2 Roma via DD ( direttissima ) Direzione Nord Città Direzioni Valori dado Roma Eurostar Firenze Bologna 1 2 Milano Torino Firenze via LL ( linea lenta ) 3 Firenze via DD ( direttissima ) 4 Pisa 5 6 Firenze Bologna Pisa Piacenza Milano Alessandria 5 6 Torino TGV Chambery Lyon Paris Modane Chambery Amberieu Lyon 1 2 Amberieu - Dijon 3 4 Lyon 5 6 Dijon Paris LGV Paris linea imperiale 4 5 6

GLI ELFI DI BABBO NATALE

GLI ELFI DI BABBO NATALE Gruppo Animatori Salesiani www.gascornedo.it info@gascornedo.it GLI ELFI DI BABBO NATALE Gioco in Oratorio Genere: a stand Ambienti: sia in interno che in esterno Età: bambini delle elementari/medie AMBIENTAZIONE

Dettagli

Rilevazione degli apprendimenti. Anno Scolastico 2012 2013 PROVA DI MATEMATICA. Scuola primaria. Classe Seconda Fascicolo 1

Rilevazione degli apprendimenti. Anno Scolastico 2012 2013 PROVA DI MATEMATICA. Scuola primaria. Classe Seconda Fascicolo 1 Prova di MateMatica - Scuola Primaria - Classe Seconda Rilevazione degli apprendimenti Anno Scolastico 2012 2013 PROVA DI MATEMATICA Scuola primaria Classe Seconda Fascicolo 1 Spazio per l etichetta autoadesiva

Dettagli

GIGANTEN. Istruzioni. 12 unità con 1 sito di perforazione di valore 2, 3, o 4 (4 ciascuno);

GIGANTEN. Istruzioni. 12 unità con 1 sito di perforazione di valore 2, 3, o 4 (4 ciascuno); GIGANTEN Ideato da Wilko Manz (Traduzione ad opera di renard) Istruzioni Componenti: 4 camion (1 per ciascuno dei 4 colori); 20 piattaforme petrolifere (5 per ciascuno dei 4 colori); 5 locomotive (1 per

Dettagli

Stazioni e binari: un mondo da scoprire

Stazioni e binari: un mondo da scoprire Stazioni e binari: un mondo da scoprire LE CASE E LE SCARPE DEI TRENI Nell Europa di oggi tutti possiamo viaggiare liberamente, e per questo i treni sono importantissimi. Ma dove andrebbero i treni senza

Dettagli

Unità didattica 3. Il moto. Competenze. 1 Il moto è relativo. 2 La velocità scalare e la velocità vettoriale

Unità didattica 3. Il moto. Competenze. 1 Il moto è relativo. 2 La velocità scalare e la velocità vettoriale Unità didattica 3 Il moto Competenze Riconoscere e descrivere i principali tipi di moto. Definire la velocità scalare e vettoriale e l accelerazione scalare e vettoriale. Descrivere il moto rettilineo

Dettagli

Matematica Discreta 2005 Esercizi di preparazione

Matematica Discreta 2005 Esercizi di preparazione Matematica Discreta 2005 Esercizi di preparazione Esercizio 1. Supponiamo di avere un rettangolo di cartone di dimensioni intere n e m e di tagliarlo successivamente secondo la seguente regola: togliamo

Dettagli

INVALSI. Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca

INVALSI. Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca X MATEMATICA_COP_Layout 1 15/03/11 08:51 Pagina 2 Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca INVALSI Istituto nazionale per la valutazione del sistema educativo di istruzione e di formazione

Dettagli

Terza Edizione Giochi di Achille (13-12-07) - Olimpiadi di Matematica Soluzioni Categoria M1 (Alunni di prima media)

Terza Edizione Giochi di Achille (13-12-07) - Olimpiadi di Matematica Soluzioni Categoria M1 (Alunni di prima media) Il Responsabile coordinatore dei giochi: Prof. Agostino Zappacosta Chieti tel. 087 65843 (cell.: 340 47 47 95) e-mail:agostino_zappacosta@libero.it Terza Edizione Giochi di Achille (3--07) - Olimpiadi

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN 1 CIRCOLO SPINEA ANNO SCOLASTICO 2005-06. Prog. MATEMATICA Gruppo ANNI 5 Periodo MARZO Documentazione di MIELE GIOVANNA

SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN 1 CIRCOLO SPINEA ANNO SCOLASTICO 2005-06. Prog. MATEMATICA Gruppo ANNI 5 Periodo MARZO Documentazione di MIELE GIOVANNA SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN 1 CIRCOLO SPINEA ANNO SCOLASTICO 2005-06 Prog. MATEMATICA Gruppo ANNI 5 Periodo MARZO Documentazione di MIELE GIOVANNA Il progetto sulla Terza Dimensione Queste attività si

Dettagli

Kangourou Italia Gara del 19 marzo 2009 Categoria Ecolier Per studenti di quarta o quinta della scuola primaria

Kangourou Italia Gara del 19 marzo 2009 Categoria Ecolier Per studenti di quarta o quinta della scuola primaria Testi_09.qxp 15-04-2009 20:23 Pagina 5 Kangourou Italia Gara del 19 marzo 2009 Categoria Per studenti di quarta o quinta della scuola primaria I quesiti dal N. 1 al N. 8 valgono 3 punti ciascuno 1. Hai

Dettagli

sommario Conoscere il corpo umano il mio registro 4 Chi sono 4 Come sono 5 Prove di valutazione 8

sommario Conoscere il corpo umano il mio registro 4 Chi sono 4 Come sono 5 Prove di valutazione 8 sommario Conoscere il corpo umano il mio registro 4 Chi sono 4 Come sono 5 Prove di valutazione 8 SCHEDE di valutazione 22 Classe prima 22 Classe seconda 25 Classe terza 28 Prove di abilità motorie e sportive

Dettagli

PROGETTO DI LINGUA INGLESE Panda Sezione 1A

PROGETTO DI LINGUA INGLESE Panda Sezione 1A PROGETTO DI LINGUA INGLESE Panda Sezione 1A Finalità generale: primo approccio alla lingua inglese Obiettivi: *ascoltare e ripetere vocaboli, brevi dialoghi e canzoni *avviare una prima conoscenza della

Dettagli

LE BOTTEGHE DELL INSEGNARE MATEMATICA

LE BOTTEGHE DELL INSEGNARE MATEMATICA LE BOTTEGHE DELL INSEGNARE Report dei lavori svolti durante la Convention Protagonisti nella scuola per la crescita della società Bologna 13-14 ottobre 2012 MATEMATICA Matematici, mettiamoci in gioco Responsabile

Dettagli

Conosci i vari mezzi di trasporto e i relativi vantaggi e svantaggi.

Conosci i vari mezzi di trasporto e i relativi vantaggi e svantaggi. 4.1a Che cos è il? Conosci i vari mezzi di trasporto e i relativi vantaggi e svantaggi. Scrivi i vari simboli e decidi se un determinato mezzo di trasporto è pubblico o privato. Leggi le situazioni. Scegli

Dettagli

un nuovo modo di fare calcio

un nuovo modo di fare calcio un nuovo modo di fare calcio I Piccoli Amici Si parte da qui! E l inizio del percorso calcistico, un inizio che di anno in anno viene sempre più anticipato. Un momento in cui è essenziale gettare le basi

Dettagli

FOCUS PIEMONTE OPERE IN CORSO PASSANTE DI TORINO

FOCUS PIEMONTE OPERE IN CORSO PASSANTE DI TORINO FOCUS PIEMONTE OPERE IN CORSO PASSANTE DI TORINO Quadruplicamento Torino Porta Susa Torino Stura E in fase di realizzazione, fra Torino Porta Susa e Torino Stura, il quadruplicamento, prevalentemente in

Dettagli

CENTO ANNI FA: LA GRANDE GUERRA

CENTO ANNI FA: LA GRANDE GUERRA Collegno, 17 novembre 2014 CENTO ANNI FA: LA GRANDE GUERRA PROPOSTA DI TRENO STORICO RIEVOCATIVO DA TORINO A UDINE progetto per la realizzazione di una tradotta militare rievocativa, da Torino a Udine

Dettagli

CONTENUTO: Autore: Massimo Gatto. Giocatori: 2-6 Età: 8+ Durata: 45-90 1 TABELLONE

CONTENUTO: Autore: Massimo Gatto. Giocatori: 2-6 Età: 8+ Durata: 45-90 1 TABELLONE Autore: Massimo Gatto Giocatori: 2-6 Età: 8+ Durata: 45-90 CONTENUTO: 1 TABELLONE 24 TESSERE SQUADRA SUDDIVISE NEI TRE RUOLI DI DIFESA, CENTROCAMPO E ATTACCO PER CIASCUNA DELLE 8 SQUADRE VINCITRICI DI

Dettagli

Omologazione Alta Velocità

Omologazione Alta Velocità Omologazione Alta Velocità Omologazione del treno ETR 500 PLT Verifica delle condizioni di progetto della sovrastruttura binario per l esercizio a 300 km/h nelle nuove linee AV/AC I risultati I Record

Dettagli

Anno Accademico 2013 2014 Corso di: Progettazione di Sistemi di Trasporto Docente: prof. ing. Alfonso Micucci

Anno Accademico 2013 2014 Corso di: Progettazione di Sistemi di Trasporto Docente: prof. ing. Alfonso Micucci Anno Accademico 2013 2014 Corso di: Progettazione di Sistemi di Trasporto ELEMENTI DI TECNOLOGIA FERROVIARIA (3) 14 Aprile 2014 ore 14-16 Paolo Masselli Stesura parte del corso, esercitazioni, esami, tesi.

Dettagli

PROVA DI MATEMATICA - Scuola Primaria - Classe Quinta

PROVA DI MATEMATICA - Scuola Primaria - Classe Quinta Rilevazione degli apprendimenti PROVA DI MATEMATICA - Scuola Primaria - Classe Quinta Anno Scolastico 2011 2012 PROVA DI MATEMATICA Scuola Primaria Classe Quinta Spazio per l etichetta autoadesiva ISTRUZIONI

Dettagli

Presentazioni pratiche integrate del modello culturale di riferimento

Presentazioni pratiche integrate del modello culturale di riferimento 2012 Federazione Italiana Pallacanestro SGMS Presentazioni pratiche integrate del modello culturale di riferimento A cura di Maurizio Cremonini - Tecnico Federale Settore Giovanile Minibasket Scuola 0

Dettagli

NUOVO ORARIO CADENZATO TORINO-MODANE

NUOVO ORARIO CADENZATO TORINO-MODANE NUOVO ORARIO CADENZATO TORINO-MODANE PRESENTAZIONE NEI COMUNI NOVEMBRE 11 NUOVO ORARIO CADENZATO CARATTERISTICHE Dall 11 dicembre 11 entra in vigore il nuovo orario cadenzato che prevede: MODANE BARDONECCHIA

Dettagli

Destinatari: adulti/giovani adulti di diversa provenienza linguistica e culturale che imparano l italiano in contesto L2 o LS

Destinatari: adulti/giovani adulti di diversa provenienza linguistica e culturale che imparano l italiano in contesto L2 o LS MA IL CIELO È SEMPRE PIÙ BLU di Rino Gaetano Didattizzazione di Greta Mazzocato Univerisità Ca Foscari di Venezia Destinatari: adulti/giovani adulti di diversa provenienza linguistica e culturale che imparano

Dettagli

Problematica relativa agli infortuni dei viaggiatori relativamente all uso delle porte nelle fasi di salita e discesa dai treni

Problematica relativa agli infortuni dei viaggiatori relativamente all uso delle porte nelle fasi di salita e discesa dai treni Problematica relativa agli infortuni dei viaggiatori relativamente all uso delle porte nelle fasi di salita e discesa dai treni La problematica sugli infortuni dei viaggiatori relativamente all uso delle

Dettagli

ALCUNE PROPOSTE PER INSEGNARLO

ALCUNE PROPOSTE PER INSEGNARLO I primi Giochi Easy : Il Palleggio ALCUNE PROPOSTE PER INSEGNARLO Insalata Mista. (stimolare l abitudine all utilizzo del palleggio) Dal palleggio in libertà tuttocampo dei bambini, dividere il campo in

Dettagli

2. NUMERO DA INDOVINARE

2. NUMERO DA INDOVINARE 1. L ASINO DI TOBIA (Cat. 3) Tobia è andato in paese ed ha acquistato 6 sacchi di provviste. Li vuole trasportare con il suo asino fino alla sua casa sulla cima del monte. Ecco i sacchi di provviste sui

Dettagli

Sfruttiamo quindi tutte le occasioni per far contare piccole quantità di oggetti

Sfruttiamo quindi tutte le occasioni per far contare piccole quantità di oggetti Contare oggetti In fase iniziale abbiamo accostato l operazione chiamata contare per contare con una qualsiasi sequenza ritmica. Verifichiamo anche quello usuale, chiedendo ai bambini fin dove sanno contare,

Dettagli

Hawaii. 1. I giocatori assemblano le 6 sezioni di puzzle per creare la cornice del bordo. Poi rimescolano i 10 luoghi

Hawaii. 1. I giocatori assemblano le 6 sezioni di puzzle per creare la cornice del bordo. Poi rimescolano i 10 luoghi Hawaii I giocatori vivono su questa ben nota isola in mezzo all'oceano Pacifico. L'isola principale è molto popolata e ognuno segue la propria attività. I pescatori pescano, i surfisti surfano, i ballerini

Dettagli

Rilevazione degli apprendimenti. Anno Scolastico 2012 2013 PROVA DI MATEMATICA. Scuola primaria. Classe Quinta Fascicolo 1

Rilevazione degli apprendimenti. Anno Scolastico 2012 2013 PROVA DI MATEMATICA. Scuola primaria. Classe Quinta Fascicolo 1 Prova di MateMatica - Scuola Primaria - Classe Quinta Rilevazione degli apprendimenti Anno Scolastico 2012 2013 PROVA DI MATEMATICA Scuola primaria Classe Quinta Fascicolo 1 Spazio per l etichetta autoadesiva

Dettagli

Inizia presentazione

Inizia presentazione Inizia presentazione Che si misura in ampère può essere generata In simboli A da pile dal movimento di spire conduttrici all interno di campi magnetici come per esempio nelle dinamo e negli alternatori

Dettagli

LAMBORGHINI CONTENUTO

LAMBORGHINI CONTENUTO LAMBORGHINI CONTENUTO 1 piano di gioco con due circuiti, 5 miniature Murcielago Lamborghini scala 1:87, 5 carte Automobili, 10 carte Piloti, 39 carte Tecnologia (13 di marca Rossa, 13 di marca Gialla e

Dettagli

TGV fra Italia e Francia: la nuova offerta*

TGV fra Italia e Francia: la nuova offerta* TGV fra Italia e Francia: la nuova offerta* Ogni giorno, 3 TGV collegano Milano a Parigi, passando per Lione e Torino Da centro città a centro città, sicuri, comodi e convenienti, TGV è il miglior modo

Dettagli

1865: SARDINIA 1. COMPONENTI DEL GIOCO BASE 2. PREPARAZIONE. 1865: Sardinia Proto-Rules. Proto-Regole in italiano; Versione C2

1865: SARDINIA 1. COMPONENTI DEL GIOCO BASE 2. PREPARAZIONE. 1865: Sardinia Proto-Rules. Proto-Regole in italiano; Versione C2 1865: SARDINIA Proto-Regole in italiano; Versione C2 GIOCO BASE (2-3 giocatori) 1. COMPONENTI DEL GIOCO BASE Mappa della Sardegna. Linee doppie nere rappresentano montagne, linee blu sono i fiumi; 6 esagoni

Dettagli

Modellismo ferroviario Le basi. DCC Basics

Modellismo ferroviario Le basi. DCC Basics Modellismo ferroviario Le basi DCC Basics Enzo Fortuna MOLTO PIÙ SEMPLICE DI QUANTO CREDIATE DCC: Che cosa significa DCC = Digital Command Control Controllo Comandi Digitale Loco Controllate per Blocco

Dettagli

SERVIZIO NAZIONALE DI VALUTAZIONE 2010 11

SERVIZIO NAZIONALE DI VALUTAZIONE 2010 11 SERVIZIO NAZIONALE DI VALUTAZIONE 2010 11 Rapporto tecnico sulle caratteristiche delle prove INVALSI 2011 Scuola secondaria di secondo grado classe II MATEMATICA Domanda D1 item a D1. Nella tabella che

Dettagli

GIOCHI DI ANACLETO. DOMANDE E RISPOSTE 28 Aprile. Associazione per l Insegnamento della Fisica. Materiale elaborato dal Gruppo:

GIOCHI DI ANACLETO. DOMANDE E RISPOSTE 28 Aprile. Associazione per l Insegnamento della Fisica. Materiale elaborato dal Gruppo: Associazione per l Insegnamento della Fisica GIOCHI DI ANACLETO 2006 DOMANDE E RISPOSTE 28 Aprile I. Ti viene proposto un questionario comprendente 25 quesiti ordinati in modo casuale rispetto all argomento

Dettagli

Le macchine come sistemi tecnici

Le macchine come sistemi tecnici Le macchine come sistemi tecnici L industrializzazione dell Europa e iniziata grazie alla comparsa di macchine capaci di trasformare energia termica in energia meccanica. Un motore a vapore e un esempio

Dettagli

Azionamenti elettrici per la trazione ferroviaria

Azionamenti elettrici per la trazione ferroviaria Azionamenti elettrici per la trazione ferroviaria Ing. Antonino Oscar Di Tommaso Università degli Studi di Palermo DIEET (Dipartimento di Ingegneria Elettrica, Elettronica e delle Telecomunicazioni) Ing.

Dettagli

Il progetto PVTRAIN - Trenitalia S.p.A.

Il progetto PVTRAIN - Trenitalia S.p.A. I progetti sulle energie rinnovabili tra gli impegni di sostenibilità delle Ferrovie dello Stato Il progetto PVTRAIN - Trenitalia S.p.A. Firenze, 17 Giugno 2006 Alessandro Basili Il Gruppo Ferrovie dello

Dettagli

Quale numero riportato sulla piantina identifica il Partenone? A. 19 B. 17 C. 14 D. 1

Quale numero riportato sulla piantina identifica il Partenone? A. 19 B. 17 C. 14 D. 1 E1. L immagine qui sotto è una ricostruzione dell Acropoli di Atene. L edificio indicato con P è il Partenone, tempio dedicato alla dea Atena. Osserva ora questa piantina dell Acropoli: Quale numero riportato

Dettagli

TEST INVALSI DI MATEMATICA PER LE CLASSI SECONDE (a.s. 2010-2011)

TEST INVALSI DI MATEMATICA PER LE CLASSI SECONDE (a.s. 2010-2011) TEST INVALSI DI MATEMATICA PER LE CLASSI SECONDE (a.s. 2010-2011) D1. Nella tabella che vedi sono riportati i dati relativi alla distribuzione di alunni e insegnanti nella scuola secondaria di primo grado

Dettagli

IL MOTO. 1 - Il moto dipende dal riferimento.

IL MOTO. 1 - Il moto dipende dal riferimento. 1 IL MOTO. 1 - Il moto dipende dal riferimento. Quando un corpo è in movimento? Osservando la figura precedente appare chiaro che ELISA è ferma rispetto a DAVIDE, che è insieme a lei sul treno; mentre

Dettagli

Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca ESAME DI STATO. Anno Scolastico 2013 2014 PROVA NAZIONALE

Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca ESAME DI STATO. Anno Scolastico 2013 2014 PROVA NAZIONALE Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca ESAME DI STATO Anno Scolastico 2013 2014 Prova di Matematica - Fascicolo 1 PROVA NAZIONALE Prova di Matematica Scuola Secondaria di primo grado

Dettagli

ROBERTA ( 4 ) 2008-2009 LABORATORIO MOTORIO MI PIACE CHE TI MUOVI, MI PIACE QUEL CHE MUOVI

ROBERTA ( 4 ) 2008-2009 LABORATORIO MOTORIO MI PIACE CHE TI MUOVI, MI PIACE QUEL CHE MUOVI UNITA DI APPRENDIMENTO n. 1a (Programmazione) di GIUSTI ROBERTA ( bambini di 4 anni ) Anno Scolastico 2008-2009 LABORATORIO MOTORIO MI PIACE CHE TI MUOVI, MI PIACE QUEL CHE MUOVI e allora MUOVI! da Gennaio

Dettagli

La matematica e i suoi modelli Un esempio tratto dalla vita quotidiana Scheda 2

La matematica e i suoi modelli Un esempio tratto dalla vita quotidiana Scheda 2 La matematica e i suoi modelli - 2 13 La matematica e i suoi modelli Un esempio tratto dalla vita quotidiana Scheda 2 1. Quanto costa un viaggio in treno? 2. Quale tipo di biglietto conviene? 3. La Freccia

Dettagli

Servizio Nazionale di Valutazione a.s. 2014/15 Guida alla lettura Prova di Matematica Classe seconda Scuola primaria

Servizio Nazionale di Valutazione a.s. 2014/15 Guida alla lettura Prova di Matematica Classe seconda Scuola primaria Servizio Nazionale di Valutazione a.s. 2014/15 Guida alla lettura Prova di Matematica Classe seconda Scuola primaria I quesiti sono distribuiti negli ambiti secondo la tabella seguente Ambito Numero di

Dettagli

Moto sul piano inclinato (senza attrito)

Moto sul piano inclinato (senza attrito) Moto sul piano inclinato (senza attrito) Per studiare il moto di un oggetto (assimilabile a punto materiale) lungo un piano inclinato bisogna innanzitutto analizzare le forze che agiscono sull oggetto

Dettagli

Esercizi di Probabilità e statistica. Francesco Caravenna Paolo Dai Pra

Esercizi di Probabilità e statistica. Francesco Caravenna Paolo Dai Pra Esercizi di Probabilità e statistica Francesco Caravenna Paolo Dai Pra Capitolo 1 Spazi di probabilità discreti 1.1 Proprietà fondamentali Esercizio 1 Esprimere ciascuno dei seguenti eventi in termini

Dettagli

Copyright 2010, Editrice Giochi S.p.A. Tutti i Diritti Riservati. Metropoli è un marchio registrato Editrice Giochi S.p.A. www.editricegiochi.

Copyright 2010, Editrice Giochi S.p.A. Tutti i Diritti Riservati. Metropoli è un marchio registrato Editrice Giochi S.p.A. www.editricegiochi. Copyright 2010, Editrice Giochi S.p.A. Tutti i Diritti Riservati. Metropoli è un marchio registrato Editrice Giochi S.p.A. www.editricegiochi.it SCOPO DEL GIOCO COSTRUIRE LA CITTÀ DI METROPOLI, GUADAGNARE

Dettagli

Giochi di strategia Ines Marazzani NRD - Bologna

Giochi di strategia Ines Marazzani NRD - Bologna Giochi di strategia Ines Marazzani NRD - Bologna Questo articolo è stato oggetto di pubblicazione in: Marazzani I. (2001). Giochi di strategia. La Vita Scolastica. 3, 41-45. Introduzione Lasciare che i

Dettagli

Apertura completa: il cancello si apre fino in fondo, rimane aperto per il tempo programmato e poi si richiude automaticamente.

Apertura completa: il cancello si apre fino in fondo, rimane aperto per il tempo programmato e poi si richiude automaticamente. Funzionamento normale Il normale funzionamento prevede che il cancello si apra, rimanga aperto per il tempo programmato dall installatore e poi si richiuda, con un rallentamento della corsa che inizia

Dettagli

Milano Movimento Gioco Sport 2007-2008

Milano Movimento Gioco Sport 2007-2008 Milano Movimento Gioco Sport 2007-2008 1 1^- 2^ ELEMENTARE Il percorso ginnico individuale Giocatori: Tutti gli alunni si mettono in fila ed uno alla volta eseguono il percorso tracciato Campo di gioco:

Dettagli

10 Lezioni di Minibasket

10 Lezioni di Minibasket 10 Lezioni di Minibasket LEZIONE N. 1 FASE INIZIALE 001. Esercizi e giochi di trattamento della palla sul posto e in movimento ad elevata intensità di esecuzione. 002. SPRINT: i bambini palleggiano per

Dettagli

Progetto gruppo trazione carrello per gru a cavalletto

Progetto gruppo trazione carrello per gru a cavalletto Premessa Progetto gruppo trazione carrello per gru a cavalletto 1 La gru a cavalletto si caratterizza per la presenza di un proprio sostegno che le permette di essere installata in ambienti esterni senza

Dettagli

SPECIFICA TECNICA DELLE PROVE DA ESEGUIRE PER CARATTERIZZARE UN PANTOGRAFO

SPECIFICA TECNICA DELLE PROVE DA ESEGUIRE PER CARATTERIZZARE UN PANTOGRAFO SPECIFICA TECNICA Codifica: RFI/DI/TC.TE/ ST TE 74-C Foglio 1 di 25 PER CARATTERIZZARE UN PANTOGRAFO Parte Titolo PARTE I I. GENERALITÀ PARTE II II. PROVE AL BANCO PARTE III III. PROVE IN LINEA PARTE IV

Dettagli

Laboratori fonologici: Verifica e punto di partenza per l apprendimento della lettoscrittura

Laboratori fonologici: Verifica e punto di partenza per l apprendimento della lettoscrittura Laboratori fonologici: Verifica e punto di partenza per l apprendimento della lettoscrittura Suggerimenti per le insegnanti Ins. Formatore Orfei Carla OBIETTIVI GENERALI: Esplorare e conoscere l ambiente

Dettagli

Obiettivo Principale: Spiegare come la stessa cosa possa essere realizzata in molti modi diversi e come, a volte, ci siano modi migliori di altri.

Obiettivo Principale: Spiegare come la stessa cosa possa essere realizzata in molti modi diversi e come, a volte, ci siano modi migliori di altri. 6 LEZIONE: Algoritmi Tempo della lezione: 45-60 Minuti. Tempo di preparazione: 10-25 Minuti (a seconda che tu abbia dei Tangram disponibili o debba tagliarli a mano) Obiettivo Principale: Spiegare come

Dettagli

Azione 1 Italiano come L2- La lingua per studiare

Azione 1 Italiano come L2- La lingua per studiare Azione 1 Italiano come L2- La lingua per studiare Disciplina: Scienze Livello: A2 Gruppo 3 Autori: Belfi Antonella, Bolzan Luana, Papi Michela Prerequisiti: comprensione linguistica livello A2 per alunni

Dettagli

Lezione 1: come si descrive la posizione dei corpi

Lezione 1: come si descrive la posizione dei corpi Lezione 1 - pag.1 Lezione 1: come si descrive la posizione dei corpi 1.1. Tutto si muove Tutto intorno a noi si muove. Le nuvole nel cielo, l acqua negli oceani e nei fiumi, il vento che gonfia le vele

Dettagli

Regolamento Pinball Roulette

Regolamento Pinball Roulette Regolamento Pinball Roulette Lo scopo della Pinball Roulette è di indovinare dove andrà a cadere la pallina sulla striscia della roulette. La striscia della Pinball Roulette consiste di numeri da 1 a 36,

Dettagli

I quesiti dal N. 1 al N. 10 valgono 3 punti ciascuno

I quesiti dal N. 1 al N. 10 valgono 3 punti ciascuno Kangourou Italia Gara del 19 marzo 2015 Categoria Cadet Per studenti di terza della scuola secondaria di primo grado e prima della secondaria di secondo grado I quesiti dal N. 1 al N. 10 valgono 3 punti

Dettagli

A.S. 2014-2015 ATTIVITÀ FORMATIVE PER LA SCUOLA DELL INFANZIA

A.S. 2014-2015 ATTIVITÀ FORMATIVE PER LA SCUOLA DELL INFANZIA MANUALE PER IL docente II EDIZIONE A.S. 2014-2015 ATTIVITÀ FORMATIVE PER LA SCUOLA DELL INFANZIA 1 INDICE Il progetto 03 Scambio di generazioni 04 Crescendo si scambia in 4 mosse 05 Certi giochi sono sempre

Dettagli

Iniziamo a giocare con il digitale

Iniziamo a giocare con il digitale Iniziamo a giocare con il digitale I fondamenti di una semplice tecnologia che ci permette di giocare con i treni di ing. Raneri Epifanio www.dccworld.com ALLA PORTATA DI TUTI Analogico e Digitale Analogico

Dettagli

LAVORO, ENERGIA E POTENZA

LAVORO, ENERGIA E POTENZA LAVORO, ENERGIA E POTENZA Nel linguaggio comune, la parola lavoro è applicata a qualsiasi forma di attività, fisica o mentale, che sia in grado di produrre un risultato. In fisica la parola lavoro ha un

Dettagli

Dove metti il divano?

Dove metti il divano? Dove metti il divano? Indicazioni per l insegnante Obiettivi didattici le preposizioni a, da e di + articolo le espressioni di luogo Svolgimento Obiettivo dell attività-gioco proposta è quello di far utilizzare

Dettagli

RAJA Costruire Palazzi in India Un Gioco di Strategia per 2-5 Giocatori Di Wolfgang Kramer e Michael Kiesling

RAJA Costruire Palazzi in India Un Gioco di Strategia per 2-5 Giocatori Di Wolfgang Kramer e Michael Kiesling RAJA Costruire Palazzi in India Un Gioco di Strategia per 2-5 Giocatori Di Wolfgang Kramer e Michael Kiesling Contenuto 1.0 Introduzione 2.0 Componenti 3.0 Iniziare a Giocare 4.0 Svolgimento 5.0 Posizione

Dettagli

Che cosa è la fisica? Per arrivare ad una legge fisica si fa un insieme di cose pratiche (procedura) che si chiama metodo scientifico.

Che cosa è la fisica? Per arrivare ad una legge fisica si fa un insieme di cose pratiche (procedura) che si chiama metodo scientifico. 01 Che cosa è la fisica? In questa lezione iniziamo a studiare questa materia chiamata fisica. Spesso ti sarai fatto delle domande su come funziona il mondo e le cose che stanno attorno a te. Il compito

Dettagli

Kangourou Italia Gara del 15 marzo 2007 Categoria Ecolier Per studenti di quarta o quinta della scuola primaria

Kangourou Italia Gara del 15 marzo 2007 Categoria Ecolier Per studenti di quarta o quinta della scuola primaria Testi_07.qxp 16-04-2007 12:02 Pagina 5 Kangourou Italia Gara del 15 marzo 2007 Categoria Per studenti di quarta o quinta della scuola primaria I quesiti dal N. 1 al N. 8 valgono 3 punti ciascuno 1. Osserva

Dettagli

SCUOLA CALCIO HELLAS VERONA STAGIONE 2012/13 Categoria pulcini 2003/04

SCUOLA CALCIO HELLAS VERONA STAGIONE 2012/13 Categoria pulcini 2003/04 SCUOLA CALCIO HELLAS VERONA STAGIONE 2012/13 Categoria pulcini 2003/04 Mesociclo: settembre/ottobre Obiettivo motorio/coordinativo: sviluppo cap. oculo-manuale, oculo-podale, di anticipazione e scelta

Dettagli

APPLICATION SHEET Luglio

APPLICATION SHEET Luglio Indice 1. Descrizione dell applicazione 2. Applicazione - Dati 3. Selezione del prodotto e dimensionamento 4. Soluzione Motovario 1. Descrizione dell applicazione Gli schermi per campi da cricket fanno

Dettagli

DIE MACHER 2. BREVE DESCRIZIONE DEL GIOCO E DELLO SCOPO DEL GIOCO

DIE MACHER 2. BREVE DESCRIZIONE DEL GIOCO E DELLO SCOPO DEL GIOCO DIE MACHER 2. BREVE DESCRIZIONE DEL GIOCO E DELLO SCOPO DEL GIOCO Come giocatore, hai l obiettivo di portare alla vittoria elettorale il tuo partito attraverso 7 elezioni regionali. Il tuo più grande aiuto

Dettagli

La casa dei balocchi

La casa dei balocchi La casa dei balocchi L azienda La lavorazione L azienda L azienda nasce nel 1958 a Brescia dalla passione del suo fondatore, Ezio Rossi, per il legno, materiale, per eccellenza, naturale. Tutto ha inizio

Dettagli

Grande gioco. Cerimonia iniziale

Grande gioco. Cerimonia iniziale Grande gioco Regolamento Il numero degli stand è pari a quello degli educatori e le squadre sono una in meno rispetto agli stand (ciò per essere sicuri che ci sia sempre un gioco libero). I ragazzi scelgono

Dettagli

Scelta e verifica dei motori elettrici per gli azionamenti di un mezzo di trazione leggera

Scelta e verifica dei motori elettrici per gli azionamenti di un mezzo di trazione leggera Scelta e verifica dei motori elettrici per gli azionamenti di un mezzo di trazione leggera Si consideri un convoglio ferroviario per la trazione leggera costituito da un unità di trazione, la quale è formata

Dettagli

La sostenibilità nel trasporto pubblico locale: l esperienza del Gruppo Torinese Trasporti

La sostenibilità nel trasporto pubblico locale: l esperienza del Gruppo Torinese Trasporti La sostenibilità nel trasporto pubblico locale: l esperienza del Gruppo Torinese Trasporti 1 Tommaso Panero Amministratore Delegato GTT spa Convegno: OBIETTIVO SOSTENIBILITA : Design e Logistica a confronto

Dettagli

www.ferroviedellostato.it 00161 Roma Piazza della Croce Rossa, 1 Alta Velocità. Una storia di successi tutti italiani

www.ferroviedellostato.it 00161 Roma Piazza della Croce Rossa, 1 Alta Velocità. Una storia di successi tutti italiani Piazza della Croce Rossa, 1 00161 Roma www.ferroviedellostato.it Alta Velocità. Una storia di successi tutti italiani Alta Velocità. Una storia di successi tutti italiani La storia dell Alta Velocità inizia

Dettagli

Insegnamento di Fondamenti di Infrastrutture viarie

Insegnamento di Fondamenti di Infrastrutture viarie Insegnamento di Fondamenti di Infrastrutture viarie Territorio ed infrastrutture di trasporto La meccanica della locomozione: questioni generali Il fenomeno dell aderenza e l equazione generale del moto

Dettagli

per 2-4 giocatori da 12 anni in su ca. 60 minuti

per 2-4 giocatori da 12 anni in su ca. 60 minuti per 2-4 giocatori da 12 anni in su ca. 60 minuti Preparazione Contenuto 1 tabellone 4 tessere 50/100 punti 6 tessere Statua 165 carte 50 lavoratori 20 monete da 1 fiorino 24 monete da 3 fiorini 45 tessere

Dettagli

RTB Rilevamento Termico Boccole

RTB Rilevamento Termico Boccole RTB Rilevamento Termico Boccole DUCATI Sistemi Le tecniche del rilevamento della temperatura di organi in movimento E noto a tutti che ogni corpo emette onde elettromagnetiche, o radiazioni, a seconda

Dettagli

1865 SARDINIA 1. COMPONENTI DEL GIOCO 2. PREPARAZIONE. 1865: Sardinia Rules Summary. Sunto del regolamento in italiano; Versione regole originali E

1865 SARDINIA 1. COMPONENTI DEL GIOCO 2. PREPARAZIONE. 1865: Sardinia Rules Summary. Sunto del regolamento in italiano; Versione regole originali E 1865 SARDINIA Sunto del regolamento in italiano; Versione regole originali E Attenzione: il regolamento originale va comunque letto. Il presente sunto ha il solo scopo di fare da introduzione e veloce

Dettagli

Il principio delle «Autostrade Ferroviarie»

Il principio delle «Autostrade Ferroviarie» Milano 24 Giugno 2014 Il principio delle «Autostrade Ferroviarie» Un tipo di trasporto combinato che consiste nel trasportare, via ferrovia, dei mezzi pesanti stradali come semirimorchi o casse mobili.

Dettagli

VENERABILE ARCICONFRATERNITA MISERICORDIA DI FIRENZE GRUPPO FORMAZIONE AUTISTI VOLONTARI

VENERABILE ARCICONFRATERNITA MISERICORDIA DI FIRENZE GRUPPO FORMAZIONE AUTISTI VOLONTARI VENERABILE ARCICONFRATERNITA MISERICORDIA DI FIRENZE PERCHÉ SONO QUA: sono l istruttore che si occupa del vostro addestramento alla sicurezza nella conduzione di mezzi speciali in emergenza, il mio compito

Dettagli

Gli strumenti della geografia

Gli strumenti della geografia Gli strumenti della geografia La geografia studia lo spazio, cioè i tanti tipi di luoghi e di ambienti che si trovano sulla Terra. La geografia descrive lo spazio e ci spiega anche come è fatto, come vivono

Dettagli

di Andrea Monteverdi

di Andrea Monteverdi di Andrea Monteverdi PULCINI Stagione sportiva 2005/2006 Saranno effettuati due allenamenti al campo dove si cureranno gli obiettivi tecnico-tattici, e un allenamento in palestra dove sarà curato in particolar

Dettagli

VERONA 12-13 Maggio 2007. Norme Base FREMO ITALIA H0:

VERONA 12-13 Maggio 2007. Norme Base FREMO ITALIA H0: VERONA 12-13 Maggio 2007 Norme Base FREMO ITALIA H0: Al fine di poter svolgere meeting fra i diversi gruppi italiani di comune accordo vengono stilate una serie di norme fondamentali che ogni gruppo s

Dettagli

11. Macchine a corrente continua. unità. 11.1 Principio di funzionamento

11. Macchine a corrente continua. unità. 11.1 Principio di funzionamento 11. Macchine a corrente continua unità 11.1 Principio di funzionamento Si consideri una spira rotante con velocità angolare costante e immersa in un campo magnetico costante come in figura 11.1. I lati

Dettagli

OSSERVAZIONI SISTEMATICHE DI RILEVAZIONE PRECOCE AREA DELL INTELLIGENZA NUMERICA

OSSERVAZIONI SISTEMATICHE DI RILEVAZIONE PRECOCE AREA DELL INTELLIGENZA NUMERICA OSSERVAZIONI SISTEMATICHE DI RILEVAZIONE PRECOCE AREA DELL INTELLIGENZA NUMERICA Potenziamento dell area dell intelligenza numerica Processi lessicali Denomina su richiesta i numeri fino a 10 (come si

Dettagli

Quantità di moto e velocità

Quantità di moto e velocità S c i e n z e n a t u r a l i Quantità di moto e velocità Giubiasco, ottobre 2009 Il movimento Pagina 1 Quantità di moto e velocità Piano di svolgimento indicazioni e tempi Unità Indicazioni Tempo previsto

Dettagli

CAVALLI, SCOMESSE E VINCITE

CAVALLI, SCOMESSE E VINCITE R E I N E R K N I Z I A (traduzione curata da Michele Mura michelemura@libero.it) ROYAL TURF CAVALLI, SCOMESSE E VINCITE Ascot, estate 1898.Un favolosa giornata all ippodromo più celebre del mondo. Quale

Dettagli

MISURAZIONI E MISURE

MISURAZIONI E MISURE MISURAZIONI E MISURE Nel momento in cui studiamo una proprietà di un corpo materiale, vediamo se questa risponde in modo positivo o negativo alla nostra considerazione. Possiamo includerlo o escluderlo

Dettagli

Il progetto Scuola Leggendo

Il progetto Scuola Leggendo Il progetto Scuola Leggendo è uno dei progetti formativi della Fondazione Edoardo Garrone rivolto alle classi prime della Scuola Primaria ed è offerto agli istituti a titolo gratuito, da quest anno nella

Dettagli

Calamite Poli magnetici Forza magnetica. A cura del responsabile del laboratorio di scienze Ins. Cristina Andrini

Calamite Poli magnetici Forza magnetica. A cura del responsabile del laboratorio di scienze Ins. Cristina Andrini Calamite Poli magnetici Forza magnetica A cura del responsabile del laboratorio di scienze Ins. Cristina Andrini Chi resiste all attrazione? Cosa serve? Oggetti di materiali diversi: vetro, legno, plastica,

Dettagli

DIECI ESPERIMENTI SULL ARIA

DIECI ESPERIMENTI SULL ARIA ANNARITA RUBERTO http://scientificando.splinder.com DIECI ESPERIMENTI SULL ARIA per i piccoli Straws akimbo by Darwin Bell http://www.flickr.com/photos/darwinbell/313220327/ 1 http://scientificando.splinder.com

Dettagli

ALTRI SUGGERIMENTI PER IL PERCORSO AD OSTACOLI

ALTRI SUGGERIMENTI PER IL PERCORSO AD OSTACOLI ALTRI SUGGERIMENTI PER IL PERCORSO AD OSTACOLI Con l intento di proseguire l osservazione sulle competenze che i bambini posseggono nei confronti della matematica è stata intrapresa una rivisitazione del

Dettagli

L EQUILIBRIO 1. L EQUILIBRIO DEI SOLIDI. Il punto materiale e il corpo rigido. L equilibrio del punto materiale

L EQUILIBRIO 1. L EQUILIBRIO DEI SOLIDI. Il punto materiale e il corpo rigido. L equilibrio del punto materiale L EQUILIBRIO 1. L EQUILIBRIO DEI SOLIDI Il punto materiale e il corpo rigido Un corpo è in equilibrio quando è fermo e continua a restare fermo. Si intende, per punto materiale, un oggetto così piccolo

Dettagli

Fatta un'indagine sui lavori svolti dai genitori dei bambini della classe, ci procuriamo le immagini relative a quelle professioni.

Fatta un'indagine sui lavori svolti dai genitori dei bambini della classe, ci procuriamo le immagini relative a quelle professioni. info@didatticaperprogetti.it PROGETTO 4.3.1 TITOLO Il lavoro AREA 4 Antropologica (Studi Sociali) SCUOLA Elementare 3-4 - 5 OBIETTIVO Riflettere mediante il linguaggio verbale e il linguaggio visivo sul

Dettagli

Ins. Zanella Classe seconda. Problemi moltiplicativi

Ins. Zanella Classe seconda. Problemi moltiplicativi Ins. Zanella Classe seconda Problemi moltiplicativi FOGLI DI CARTA OGGI IN CLASSE SIAMO IN 23 ALUNNI. LA MAESTRA DA AD OGNI ALUNNO 3 FOGLI. DISEGNA QUESTA SITUAZIONE, IN MODO CHE SI CAPISCA QUANTI FOGLI

Dettagli

Esercizi di Calcolo delle Probabilità (calcolo combinatorio)

Esercizi di Calcolo delle Probabilità (calcolo combinatorio) Esercizi di Calcolo delle Probabilità (calcolo combinatorio 1. Lanciamo due dadi regolari. Qual è la probabilità che la somma delle facce rivolte verso l alto sia pari a 7? 1/6 2. Due palline vengono estratte

Dettagli

La fattoria delle quattro operazioni

La fattoria delle quattro operazioni IMPULSIVITÀ E AUTOCONTROLLO La fattoria delle quattro operazioni Introduzione La formazione dei bambini nella scuola di base si serve di numerosi apprendimenti curricolari che vengono proposti allo scopo

Dettagli