Ministero della Pubblica Istruzione

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Ministero della Pubblica Istruzione"

Transcript

1 Ministero della Pubblica Istruzione I.C. San Colombano Via O. Steffenini, 96/b San Colombano al Lambro (Mi) Tel Fax Acquisire competenze non significa mai percorrere una strada lineare, sommatoria, rettilinea, stabilita una volta per tutte, ma vuol dire fare un percorso ricco di occasioni, con molte opportunità, con possibilità di itinerari laterali, di scorciatoie e anche di lunghi percorsi panoramici, con anche la presenza di panchine su cui riposarsi per ammirare il cammino fatto, gli ostacoli superati e per riprendere con entusiasmo il viaggio. (M.G. Cantoni) POF A.s. 2014/2015

2 Che cos è il POF? Il POF, che significa Piano dell Offerta Formativa, è la carta d identità del nostro Istituto ed è il documento con il quale esso si presenta alle famiglie e agli alunni dei vari ordini di scuola. Il POF dichiara l insieme unitario delle scelte educative, didattiche ed organizzative, che convergono tutte nella formazione dell alunno, e che si adatta continuamente alle situazioni. Analisi del contesto Dall analisi socio-ambientale emerge che l utenza dell Istituto risulta eterogenea dal punto di vista della provenienza e del tempo di residenza, ma vi è una forte attenzione alla realizzazione di un integrazione effettiva ed efficace; ad ora non si sono verificati casi di abbandono scolastico, vi è stato qualche sporadico caso di dispersione scolastica e si sono a volte evidenziati momenti di difficile convivenza fra alcuni allievi. La maggior parte degli alunni proviene da famiglie nelle quali entrambi i genitori lavorano, per cui sono affidati ai nonni o ad altri adulti. L Istituto presenta alunni con bisogni educativi particolari: stranieri da alfabetizzare, alunni in situazione di handicap e alunni in situazione di svantaggio di tipo relazionale e socio-culturale. Dalle più recenti indagini risulta che la maggioranza dell utenza richiede per tutti e tre gli ordini di scuola il massimo del tempo-scuola previsto. Le scuole L Istituto Comprensivo aggrega in un solo organismo le scuole dell infanzia, primaria e secondaria di 1 grado di uno stesso territorio per migliorare e rendere più coerente il proprio progetto educativo. Identità culturale L Istituto ha individuato alcuni traguardi fondamentali che devono essere perseguiti con metodo graduale, ma costante: Unità del servizio scolastico CONDIVISIONE delle scelte programmatiche dell Istituto da parte di tutte le sue componenti : docenti, genitori, alunni e personale ATA RACCORDO con gli enti locali COSTRUZIONE dei Piani di studio personalizzati per gli alunni. Centralità dell alunno Analisi e monitoraggio costante della situazione di apprendimento di ogni singolo alunno a partire dal contesto socio familiare in cui è inserito. Consulenza psico-pedagogica permanente con enti ed esperti accreditati. INSEGNAMENTO INDIVIDUALIZZATO, nel senso che ciascun alunno possa trovare occasioni, strumenti, motivazioni e sostegno per il proprio sviluppo cognitivo e formativo. Scuola aperta e moderna LINGUA INGLESE a partire dall ultimo anno della Scuola dell Infanzia. Metodologia generalizzata del LABORATORIO, del PROGETTO, della RICERCA, dell AGGIORNAMENTO culturale e professionale; Utilizzo delle tecnologie INFORMATICHE e MULTIMEDIALI come strumento di didattica TRASVERSALE per tutti i docenti e gli alunni. Attenzione all aspetto della MOTRICITÀ giovanile mediante proposte di Progetti/Attività che sollecitino condotte motorie di base non unicamente finalizzate all attività sportiva ed adattate alle capacità ed esigenze della gioventù attuale. Attività di orientamento per favorire la conoscenza delle nuove Scuole (fra i tre ordini di scuola nell ambito della Continuità e fra l ultimo anno della secondaria di primo grado e gli Istituti di Istruzione secondaria di secondo grado presenti sul territorio). Identità dell istituto Identità dell istituto TRE EDIFICI: Uffici e Scuola Secondaria di Primo grado Scuola dell Infanzia e Scuola Primaria. SCUOLA DELL INFANZIA: tempo scuola di 40 ore, tre Sezioni, 6 docenti + 1 Religione+ assistente educativa. SCUOLA PRIMARIA: tempo scuola di 40 ore, 16 classi, 30 docenti + 2 Religione + 5 Sostegno + 3 Assistenti educative. SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO: tempo scuola di 36 ore, 9 classi, 21 docenti,4+1part-time per il Sostegno + 1 Religione+ 1 Assistente educativa. PERSONALE: 1 Dirigente Scolastico, 3 Assistenti amministrativi, 13 Collaboratori. ORGANISMI: Ufficio di Direzione Docenti Collaboratori di Presidenza Insegnanti referenti di plesso - Funzioni Strumentali Rappresentanti sindacali - Commissioni Responsabili di Progetto e dei Laboratori Addetti alla sicurezza e alla prevenzione Consiglio d Istituto Giunta esecutiva- Collegi Docenti Consigli di Classe, Interclasse, Intersezione-

3 Finalità che la Scuola intende perseguire Il lavoro collegiale degli insegnanti e la realizzazione dell unitarietà dell intervento educativo. La trasversalità culturale per l integrazione dei diversi saperi. L orientamento agli utenti ( alunni, famiglie e territorio ). La personalizzazione dei percorsi per tutti gli alunni. L attenzione alle dimensioni affettive e relazionali. La valorizzazione delle persone e delle altre culture. La formazione degli insegnanti finalizzata alla crescita della cultura organizzativa dell Istituto. La condivisione di processi e di strumenti di valutazione. Il raccordo tra i diversi ordini di scuola. La realizzazione di progetti che qualificano e ampliano l offerta formativa della scuola. I Compiti formativi della Scuola Funzione primaria della scuola è quella di agenzia culturale che promuova, attraverso stimoli diversificati, l interesse per il sapere ed educhi alla convivenza civile. La scuola si propone di essere: Una comunità dove alunni, famiglie e tutto il personale, nella ricchezza delle relazioni, costruiscono insieme un ambiente positivo, attento ai bisogni di ognuno Un centro di cultura capace di fondere e integrare, in un percorso unitario di conoscenze e di approfondimento, la varietà delle proposte educative offerte dalla famiglia, dal territorio e dalle varie agenzie culturali Un luogo bellissimo dove i bambini apprendano e crescano in un ambiente sereno di vita e di convivenza. In particolare la scuola mira alla formazione di un alunno che sia un cittadino: Consapevole di sé e degli altri Capace di collaborare in modo costruttivo Abituato a porsi delle domande e a ricercare delle risposte Solidale e aperto verso chi è diverso per etnia, cultura, credenze, abitudini, stato sociale, condizioni fisiche In grado di leggere criticamente i messaggi diversi in linguaggi diversi; di esprimersi in modo chiaro ed efficace in relazione alle situazioni; che abbia acquisito conoscenze in modo organico ed esauriente nell ambito di saperi disciplinari strutturati. Gli interventi educativi e i percorsi didattici proposti dagli insegnanti consentono di: Offrire un approccio ai contenuti più stimolante, in grado di rafforzare la motivazione Rispettare i diversi stili di apprendimento e rispondere quindi in modo più adeguato ai bisogni formativi di ciascuno Consolidare la comprensione, l uso dei diversi linguaggi e dei saperi disciplinari Permettere un ampia gamma di esperienze, utili a sviluppare capacità di scegliere in modo autonomo Potenziare l acquisizione di atteggiamenti maturi e responsabili anche verso gli altri. Scuola dell Infanzia La scuola dell Infanzia, di durata triennale, concorre all educazione ed allo sviluppo armonico ed integrale della persona, all interno dei principi della Costituzione italiana e della tradizione culturale europea.essa si pone la finalità di promuovere nei bambini lo sviluppo dell identità, dell autonomia, della competenza e li avvia alla cittadinanza.(da Indicazioni nazionali per il curricolo della scuola d infanzia- 2012) Scelte culturali-formative La Scuola dell Infanzia si pone come istituzione attenta alle esigenze degli alunni nella società contemporanea per: recepire i bisogni dei bambini/e e della famiglia nel loro territorio creare continuità educativa con la famiglia, l ambiente, i mass-media e l universo dell educazione informale, il successivo grado scolastico sostenere le emozioni, i sentimenti, i pensieri e le idee dell alunno in una dimensione di comunità come centro di sviluppo della cultura della solidarietà e dell accoglienza come ambiente educativo che valorizza, promuove e sostiene il fare, il riflettere e l apprendere dei bambini promuove la professionalità dei docenti nel processo dinamico dell aggiornamento e della evoluzione delle strategie didattiche, nella costruzione di progetti mirati introduce sistemi di monitoraggio e di verifica dei processi attuati per favorire una crescita qualitativa e continuativa

4 Scelte didattiche Progettare in modo interdisciplinare percorsi di apprendimento significativi per i singoli alunni, cioè rispondenti alle loro motivazioni, adeguati ai loro stili cognitivi ponendo il bambino al centro del proprio processo formativo. Valorizzare il gioco, nelle sue molteplici forme, quale veicolo privilegiato del processo di apprendimento. Rendere gli alunni protagonisti dei propri percorsi educativi promuovendone gli atteggiamenti di ricerca, scoperta e conoscenza attraverso esperienze reali e concrete. Individuare e valorizzare i diversi stili di apprendimento e le potenzialità di ciascuno offrendo molteplici strumenti di crescita. Coinvolgere i genitori nel progetto educativo dei loro figli anche attraverso la partecipazione attiva ai progetti ed attività laboratoriali. Costruire progetti formativi flessibili ed integrati, centrati sull acquisizione di competenze e capacità attraverso modalità differenziate. Incentivare il lavoro di gruppo e la cooperazione nella realizzazione di progetti comuni. Conoscere ed affrontare le problematiche infantili allo scopo di prevenire situazioni di disagio e di svantaggio. Progettare interventi e percorsi individualizzati per il recupero di difficoltà. Verificare e valutare il proprio lavoro nell ambito della collegialità docente. Scuola Primaria Secondaria di 1 grado Scelte didattiche Gli interventi educativi ed i percorsi didattici proposti dalla Scuola Primaria e Secondaria di 1 grado si pongono, in armonia con le finalità didattiche dell Istituto Comprensivo, alcuni obiettivi fondamentali: l educazione formativa della persona: valorizzare la personalità dell alunno e svilupparne le potenzialità; promuovere la conoscenza, il rispetto, la cura sia di sé sia della propria salute; favorire lo sviluppo dell autonomia e del senso di responsabilità; potenziare le capacità di intervenire costruttivamente nel gruppo e nella società; stimolare nell alunno l impegno e la ricerca di soluzioni personali incrementando la motivazione a reagire positivamente di fronte ad eventuali difficoltà; l educazione alla convivenza civile: educare al rispetto degli altri e delle loro individualità riconoscendo e superando i pregiudizi; educare alla conoscenza, al rispetto ed alla valorizzazione di culture diverse sostenendo i principi della tolleranza e della solidarietà; educare al rispetto delle risorse e dell ambiente; educare alla democrazia, alla legalità, al rispetto ed alla difesa dei diritti umani; l acquisizione di competenze: fornire, oltre alle conoscenze, ovvero al sapere, anche il saper essere ed il saper fare; sviluppare la capacità di organizzare le conoscenze, di adottare adeguati metodi e strategie di studio e di lavoro, di utilizzare linguaggi funzionali e specifici. La scuola si propone di portare ogni allievo a sviluppare, in ogni ambito, le proprie potenzialità attraverso una didattica operativa, progettuale, orientativa, individualizzata, multimediale ed in relazione con il territorio. Operativa, in quanto prevede il lavoro attivo e la partecipazione costante dello studente. Progettuale, in quanto i Collegi docenti ed i Consigli di classe ed interclasse possono elaborare percorsi autonomi mirati riguardo alla strutturazione dell attività ed ai contenuti e, dove possibile, finalizzati alla realizzazione di un prodotto. Orientativa, in quanto tutte le aree disciplinari e tutte le attività contribuiscono alla realizzazione di finalità formative per ogni alunno: riconoscere le proprie potenzialità, i propri bisogni, i propri limiti, i propri interessi; partecipare consapevolmente alla realizzazione del proprio percorso di apprendimento. Individualizzata, in quanto, nel rispetto dei molteplici stili di apprendimento, l attività didattica si propone di promuovere e di valorizzare le diversità, di potenziare le abilità e di recuperare gli svantaggi. Multimediale, in quanto è possibile, attraverso l utilizzo di approcci multimediali, avviare gli alunni alla conoscenza, o ad un uso consapevole, delle nuove tecnologie, allo scopo di recuperare svantaggi, applicare ed approfondire conoscenze, costruire soddisfacenti competenze. In relazione con il territorio, in quanto si ritiene auspicabile stabilire rapporti e mantenere collaborazioni con gli Enti Locali ed altri centri di aggregazione presenti sul territorio, per la valorizzazione dello stesso e per operare in sinergia allo scopo di costruire una rete sociale ed umana di supporto educativo-formativo. Obiettivi generali del processo formativo Scuola dell infanzia Nella progettazione didattico-educativa, come già indicato negli ORIENTAMENTI del 91 e riconfermato dall attuale normativa, si evidenzia l importanza dello sviluppo AFFETTIVO-SOCIALE-INTELLETTIVO che rappresenta la missione educativa specifica della scuola dell Infanzia per conseguire tali finalità: maturazione dell identità; conquista dell autonomia; sviluppo delle competenze.

5 Le indicazioni nazionali per i piani personalizzati delineano gli obiettivi specifici di apprendimento che sono configurati in cinque aree di sviluppo interagenti ed interattive tra di loro : 1 il se e l altro 2 il corpo e il movimento 3 immagini, suoni, colori 4 i discorsi e le parole 5 la conoscenza del mondo Scuola Primaria Alla Scuola Primaria è affidato il compito di: Sviluppare la personalità di ciascun alunno, nel rispetto delle diversità individuali Far acquisire e sviluppare le conoscenze e le abilità di base Far apprendere i mezzi espressivi, ivi inclusa l alfabetizzazione in almeno una lingua straniera dell Unione Europea oltre la lingua italiana Porre le basi per l utilizzazione di metodologie scientifiche nello studio del mondo naturale, dei suoi fenomeni e delle sue leggi Valorizzare le capacità relazionali e di orientamento nello spazio e nel tempo Educare ai principi fondamentali della convivenza civile. Le discipline curricolari sono: Italiano Inglese Storia Geografia Matematica Scienze Tecnologia e Informatica Musica Arte e immagine Scienze motorie e sportive Religione Cattolica o Attività Alternative Educazione alla Cittadinanza e Costituzione Scuola secondaria di 1 grado Fondamentali tratti educativi spettanti alla Scuola Secondaria di 1 grado: Scuola dell educazione integrale della persona Scuola che colloca nel mondo Scuola orientativa Scuola dell identità Scuola della motivazione e del significato Scuola della prevenzione dei disagi e del recupero degli svantaggi Scuola della relazione educativa Ambiti e orari Modulo organizzativo Scuola dell Infanzia La Scuola dell Infanzia si compone di tre sezioni con bambini di età eterogenea ( anni). SEZ. A MARGHERITE, 2 insegnanti di classe SEZ. B ARCOBALENO, 2 insegnanti di classe+assistente educativa SEZ. C COCCINELLE, 2 insegnanti di classe L orario delle docenti è di 25 ore settimanali strutturate in turni e con compresenza giornaliera dalle ore 10, 30 alle ore 12, 30. L orario di funzionamento della scuola è dalle 8,00 alle 16,00 per complessive 40 ore settimanali. L organizzazione didattica prescelta struttura la giornata scolastica in momenti differenziati: entrata 8,00 9,00 uscita straordinaria 13,30 (per eventuali necessità della famiglia) uscita 15,45 16,00 E presente una docente di religione cattolica con una attività specifica che si svolge una volta alla settimana ( h 1,30 ) in ogni sezione; è previsto un percorso alternativo per gli alunni che non si avvalgono di tale insegnamento oppure l uscita anticipata dalla scuola

6 . Scuola Primaria Obiettivo fondamentale nell organizzazione dell orario degli insegnanti, delle classi e delle discipline elaborato anche per l anno scolastico , è stato l evitare la presenza in una classe di un eccessivo numero di insegnanti, a garanzia di un intervento educativo non frammentario. Nella Scuola Primaria è praticata la Scelta alternativa al libro di testo Discipline ore Italiano 8 Matematica 7 Storia 2 Geografia 2 Scienze 2 Arte e Immagine 2 Musica 1 Attività Motoria e Sportive 1 Religione 2 Inglese 2 Tecnologia Informatica 1 L Educazione alla Cittadinanza e Costituzione è inserita nell ambito storico- geografico. Il monte ore non utilizzato per l insegnamento frontale e per l assistenza alla mensa ed eventuale contitolarità con insegnante specialista (Religione Cattolica) per le classi che se ne avvalgono è investito complessivamente su tutta la Scuola per sostituzioni e progetti di potenziamento- prevenzione- rinforzo agli apprendimenti. Orario,Mensa, Uscita: L orario di ingresso al mattino è dalle ore 8.25 alle ore Le lezioni del mattino iniziano alle ore 8.30 e sono intervallate da un intervallo definito breve dalle ore10.30 alle ore in cui si consuma la merenda. L accesso alla mensa è regolato secondo due turni, pertanto le lezioni del mattino terminano alle ore per le classi che pranzano per prime e riprendono alle ore 14.10, mentre terminano alle ore e riprendono alle ore per le classi che pranzano nel secondo turno. L uscita dalla scuola avviene alle ore per tutti. Coloro che non si avvalgono del servizio pullman vengono riaccompagnati a casa da un adulto presente fuori dalla scuola al termine delle lezioni. Scuola Secondaria di Primo Grado Il quadro orario settimanale delle discipline per gli insegnamenti della scuola secondaria di I grado a tempo prolungato è così determinato fatto salvo quanto previsto dall articolo 4, comma 2, del d.p.r. n. 275 del 1999: Italiano, Storia, Geografia 10 Matematica e Scienze 6 Orario: Tecnologia 2 Lunedì, Mercoledì, Giovedì dalle ore 8.00 alle ore (intervallo mensa dalle alle 14.00) Inglese 3 Seconda lingua comunitaria 2 Martedì, Venerdì dalle ore 8.00 alle ore Arte e immagine 2 Scienze motorie e sportive 2 Musica 2 Religione cattolica 1 Compresenze 3 Compresenze con contitolari 3 h. di compresenza lettere/matematica per classi o per gruppi. Nelle classi terze compresenza di inglese durante i laboratori. Fonte normativa: Schema di Regolamento approvato dal CDM

7 Progettazioni In riferimento al POF, ogni ordine di Scuola prevede la realizzazione di Progetti didattici (individualizzati, per piccolo gruppo, di classe, di interclasse o a classi parallele) inseriti nelle tre macroaree comuni a tutto l Istituto: Area del Potenziamento- Area della Prevenzione della dispersioei Area del Rinforzo degli apprendimenti I Progetti sono attività diverse e parallele rispetto alla programmazione standard. I Progetti dell Istituto comuni ai tre ordini di Scuola 1) Continuità tra i tre ordini 2) Educazione alla Convivenza Civile ed alla Legalità Che si traducono in: Percorso di educazione all affettività Educazione alimentare: rapporto fra alimentazione e salute Percorso di prevenzione delle dipendenze Educazione stradale Preparazione al conseguimento del patentino per il ciclomotore Iniziative di solidarietà (adozioni a distanza) 3) Intercultura Si ritiene fondamentale la crescita, negli studenti, di un atteggiamento interculturale che si costruisce con la conoscenza delle realtà di vita di compagni di altri Paesi. Agli alunni non italofoni viene garantito l insegnamento dell italiano come seconda lingua, a partire dalla prima alfabetizzazione. 4) Educazione Ambientale Anche in riferimento alla specificità del territorio di San Colombano, particolare attenzione viene rivolta al rispetto dell ambiente, alla sua osservazione, alla sua tutela, alla sua valorizzazione in generale (uscite sul territorio ed uscite didattiche a tema). 6) Antidispersione Disagio Scolastico Per prevenire o, nel caso, risolvere le eventuali difficoltà che gli alunni possono incontrare nel proprio percorso scolastico, l Istituto svolge un attività di costante monitoraggio e collabora stabilmente con l Ufficio di Piano con la presenza in sede di una consulenza psicopedagogica attiva (a cui possono accedere i docenti, gli alunni, le famiglie). 7) Orientamento L orientamento è parte integrante del processo educativo e formativo dell Istituto e si attua durante tutto il percorso scolastico, con azioni finalizzate all acquisizione, da parte degli studenti, della conoscenza di sé, delle proprie attitudini e capacità, dei propri interessi. Particolare attenzione a questo percorso viene dato all inizio del terzo anno della Scuola secondaria di I grado, nei primi mesi del quale si attua un progetto specifico. 8) Potenziamento aree di educazione espressiva e motoria L Istituto è attivo per favorire la crescita culturale globale degli alunni che lo frequentano, per stimolare la loro sensibilità artistica e per valorizzare le loro capacità creative ed espressive. Si realizzano attività sportive, musicali e di teatro; uscite didattiche e viaggi di istruzione; visite a mostre, uscite per assistere a spettacoli teatrali, partecipazioni a manifestazioni sportive; si organizzano giornate sportive, spettacoli conclusivi dell anno scolastico. 9) Sicurezza Controllo della sicurezza degli ambienti e prevenzione dei rischi per lo svolgimento sereno delle attività. Costante vigilanza dei docenti e di tutto il personale. Attività di informazione agli alunni sulla necessità di adottare un comportamento responsabile per la sicurezza di tutti. (Prove di evacuazione.).

8 Progettazione Scuola dell Infanzia PROGETTI CON DOCENTI INTERNI DI SEZIONE AREA Rinforzo agli apprendimenti *CONTINUITA EDUCATIVA CON ASILI NIDO : PER GLI ALUNNI DI 3 ANNI DELLE TRE SEZIONI A B - C 3 docenti: 3 ore progettazione/ verifica *CONTINUITA EDUCATIVA SCUOLA PRIMARIA : PER GLI ALUNNI DELL ULTIMO ANNO DELLE TRE SEZIONI A / B / C 3 docenti: 3 ore prog/ verifica Richiesta pullman * BES - INCLUSIONE: -LABORATORI DI L 2 ED ATTIVITA' ATTE A FAVORIRE LA LINGUA ITALIANA E LE CONOSCENZE SOCIO-CULTURALI ( in sezione ed intersezione) -LABORATORI ED ATTIVITA' DIDATTICHE INTERDISCIPLINARI DI RECUPERO O RINFORZO DEGLI APPRENDIMENTI ( sezione/intersezione) 6 docenti: 12 ore prog/ verifica 48 ore di insegnamento aggiuntivo AREA POTENZIAMENTO LABORATORIO CREATIVO-ESPRESSIVO PER TUTTI GLI ALUNNI DELLE TRE SEZIONI A - B C Attività mirate a favorire la conoscenza e lo sviluppo dei linguaggi espressivi e creativi 3 docenti: 10 ore progettazione/verifica Richiesta di materiali didattici-espressivi specifici ( 200,00 euro per sezione) Totale 600,00 euro PROGETTI SPECIFICI con ESPERTI AREA DEL POTENZIAMENTO * AVVICINAMENTO ALLA LINGUA INGLESE : PROGETTO PER GLI ALUNNI DELL ULTIMO ANNO DELLE TRE SEZIONI A B - C 1 docente: 1 ora prog/verifica 10 ore insegnamento specialista TEATRO / SCUOLA : FINANZIAMENTO comunale specifico PER PROMUOVERE L ESPERIENZA DEL TEATRO NELLA SCUOLA. SPETTACOLI PER TUTTI GLI ALUNNI DELLE TRE SEZIONI *PROGETTO MOTORIO: Gioco-Sport PER TUTTI I B. DELLE TRE SEZIONI FAVORIRE APPRENDIMENTI SPECIFICI ATTRAVERSO ATTIVITA DINAMICO- CORPOREE E L INTEGRAZIONE DELLE TRE CLASSI. Al termine del percorso avrà luogo la manifestazione: GIORNATA SPORTIVA ( richiesta pullman) 1 docente: 2 ore prog/ verifica 20 ore insegnamento specialista Richiesta di materiali didattici specifici 150,00 euro *CONSULENZA PSICO-PEDAGOGICA ATTRAVERSO L' UFFICIO DI PIANO Consulenza e supporto a docenti e genitori nella gestione delle dinamiche educativoevolutive. Formazione alle docenti.

9 Progettazione Scuola Primaria Nel corso dell anno scolastico alcune ore del tempo-scuola sono dedicate ad attività progettate dagli insegnanti, finalizzate a : ampliare i programmi previsti dal curricolo rispondere alle necessità delle classi e dei singoli alunni Queste attività in parte costituiscono le ore facoltative-opzionali che completano l orario del tempo pieno e in parte sono inserite nel tempo scuola obbligatorio per tutti gli alunni. I progetti sono articolati in base alle seguenti MACROAREE: Potenziamento Prevenzione Antidispersione Rinforzo degli Apprendimenti Progetti area POTENZIAMENTO (Si vedano le priorità indicate dal Team dei Docenti) PROGETTO CLASSI COINVOLTE DURATA Gioco-sport Classi 1^-2^-3^ 10 ore a classe Nuoto Classe 5^ 10 lezioni a classe Mini-volley Classe 4^ 15h a classe= 45h Corso di propedeutica musicale: avvio alla pratica del flauto dolce Classi 3^-4^-5^ 10 lezioni circa a classe Parole, musica e movimento Classe 2^ 12 ore a classe Libri-amo ( Biblioteca Scolastica e Biblioteca Comunale ) TUTTE Classi 1^ = 36 Classi 2^= 60 Classi 3^= 120 Classi 4^ = 90 Classi 5^ = 50 Let s book Classe 4^ Classi 4^= 18 Due uomini in cammino: San Colombano. Beato don Carlo Gnocchi Classi 4^- 5^ Da definire Scrittura Creativa Classe 5^ Genn./Febb. 3 ore per classe Memorial Ilaria Lacchini Classi 2^ - 1^ Classi 2^ = 60h. Classi1^= 6h.

10 Laboratori creativi Classe 2^ Classe 4^ Classi 2^= 48 Classi 4^ = 20ciascuna Uscita didattica Acquario di Genova Classe 3^ Classi 3^= 30 Rilima Classi 2^ - 3^ -5^ Classi 2^ = 30 Classi3^=24 Classi5^=18 Protezione civile Classi 1^- 2^ -3^ Classi 1^ = 12 Classi 2^ = 12 Classi 3^=16 Orto+! Classe 5^ Classi 5^ = 20 ore per classe City-bike Classe 4^ Classi 4^ = 30 Teatro (visione Classe 3^ 4 ore per classe = 16 rappresentazione) ore Opera Domani Classe 5^C Classe 5^C = 20 Laboratorio teatrale con il Melograno Classe 5^ Classi 5^ = 30 Conoscenza della collina Classe 2^ 4 ore per classe Conoscenza del Parco collinare Classe 4^ 8ore per classe di S.Colombano Informatica Classi 2^-4^ Classi 2^=99ore Classi 4^=99ore Uscita Didattica- Museo di Storia Naturale, Milano Classe 3^ 8h.per classe= 32h. Alimentazione e salute Classe 3^ 26h.per classe Expo2015 Santa Lucia Classi 3^-4^-5^ 8h.per classe Una zampetta sul mio banco Classi 1^-2^-3^- 4^ 2h.per classe Progetti area PREVENZIONE - ANTIDISPERSIONE (Si vedano le priorità indicate dal Team dei Docenti) PROGETTO CLASSI COINVOLTE DURATA Inclusione ( BES ITALIANO L2) Sostituzione colleghe classi terze legge 104 Classi interessate 3^C 3^D 366 ore Ex-compr. 132 ore ex-compr. E prevista, inoltre, stretta collaborazione con l Ufficio di Piano per: -consulenza psico-pedagogica per genitori, insegnanti classi ; -corso di formazione per genitori e insegnanti delle classi 2 C, 4 B ( continuazione ), Scuola in regola costruzione di un patto di corresponsabilita educativa.

11 Progetti area RINFORZO DEGLI APPRENDIMENTI (Si vedano le priorità indicate dal Team dei Docenti) PROGETTO CLASSI COINVOLTE DURATA Successo formativo cl.5^c Classe 5^C Da definire Recupero/potenziamento Classe 2^ Classi 2^ = 102 Supporto classi prime Classe 1^ 32h Metodo di studio Classi 3^- 4^ Classi 3^=120 Classi 4 =46 per classe Uscite Didattiche Classi 2^- 1^ Classe 2^:Da definire Classe 1^: 6h.per classe Continuità Classi 1^ - 5^ Classi 1^= 10h. Classi 5^ = 6h. per classe Nella Scuola Primaria, inoltre, 96 ore annue di compresenza/contemporaneità sono state destinate alla sostituzione di colleghi assenti

12 Progettazione Scuola Secondaria di 1 grado recuperi cognitivi in piccolo gruppo o individualizzati, con utilizzo delle tecnologie informatiche e di materiale didattico apposito; recuperi motivazionali attraverso la responsabilizzazione in relazione a discipline quali Scienze motorie, Educazione musicale; alfabetizzazione di alunni stranieri in piccolo gruppo o individualizzati, con utilizzo di materiale didattico apposito e del laboratorio di Italiano L2 (seconda lingua) di recentissima costituzione. consolidamento delle conoscenze, per gruppi di livello, anche con utilizzo delle tecnologie informatiche e di supporti didattici video ed audio; supporto motivazionale attraverso l incentivazione alla realizzazione individuale di un prodotto od al raggiungimento di un risultato tangibile; coinvolgimento nel gruppo con la tecnica del cooperative learning. approfondimento di contenuti, miglioramento della capacità di operare collegamenti intra ed interdisciplinari; sviluppo di atteggiamenti critici e di autonomia di ricerca nell analisi della realtà; acquisizione della padronanza di strumenti e di competenze operative PROGETTI A.S. 2014/2015 AREA DENOMINAZIONE CLASSI DURATA PROGETTO COINVOLTE UMANISTICA Scrittura creativa Classi Prime II quadrimestre Un libro per amico Tutte Intero anno Latino Classi Terze II quadrimestre Nice to meet youu Classi Prime II quadrimestre LINGUISTICA Improve your english Classi Terze Ottobre/ Maggio (90h) Teatro in lingua Classi Seconde II quadrimestre inglese SCIENTIFICA Giochi matematici Tutte le classi Novembre Bocconi BENESSERE Promozione Classi prime / seconde I quadrimestre benessere Affettività Classi terze II quadrimestre Progetto vita Classi terze II quadrimestre Motoria Tennis da tavolo Tutte le classi I/II quadrimestre Giochi studenteschi Classi prime/seconde I/II quadrimestre Pallavolo Classi terze I/II quadrimestre Calcio Classi terze I/II quadrimestre LABORATORI/COMPRESENZE CLASSI PRIME 1A: Alfabetizzazione emotiva Programmazione di un viaggio 1B, 1C: Recupero/Potenziamento: Lettere/Matematica / Informatica 1A,1B, 1C, Laboratorio teatrale nel II quadrimestre CLASSI SECONDE CLASSI TERZE Studio assistito Laboratorio di Poesia/ Genere Giallo Laboratorio di matematica e informatica Laboratorio di scienze Laboratorio teatrale in lingua inglese Orientamento nel I quadrimestre Laboratorio di matematica nel II quadrimestre Laboratorio Inglese nel II quadrimestre Potenziamento/Recupero: Lettere/ Matematica Ogni attività si svolge con gruppi di alunni provenienti dalle tre seconde (classi aperte )

13 Rapporti Scuola-Famiglia La conoscenza, la comunicazione, il dialogo, il rispetto reciproco, il confronto educativo e la condivisione di precise responsabilità sono i presupposti necessari ad una proficua collaborazione tra scuola e famiglia: a tal fine la scuola propone ed attua sistematicamente: Momenti assembleari Riunioni Colloqui individuali Consigli di intersezione / interclasse Consigli di classe Consigli di istituto E inoltre stato predisposto un progetto di collaborazione con genitori e/o familiari degli alunni per interventi mirati o attività laboratori ali, ulteriore segno di una fattiva collaborazione Scuola-Famiglia. Servizi Territoriali Nell intento di contribuire ed arricchire l offerta formativa dell Istituto l Amministrazione Comunale fornisce i seguenti servizi: MENSA per tutti e tre i gradi scolastici con costo per fasce di reddito. TRASPORTO mezzo pullman servizio a pagamento, attivo per gli alunni della scuola primaria e della scuola secondaria di 1 grado BIBLIOTECA CONSULENZA PSICOPEDAGOGICA Servizio organizzato dall Istituto in collaborazione con l Ufficio di Piano ASSISTENZA SANITARIA LOCALE- L ASL attraverso le sue diverse componenti valuta, certifica e dispone gli interventi necessari per gli alunni diversamente abili, alunni con disagi o difficoltà, su richiesta della scuola o della famiglia. Predispone interventi di formazione/informazione per alunni, genitori e docenti, attraverso progetti di prevenzione. Fornisce informazioni sanitarie generali. Valutazione Scuola dell Infanzia (Cosa, Quando e Come valutare) La valutazione è parte integrante della programmazione, non solo come rilevatore degli apprendimenti, ma come verifica dell intervento didattico, al fine di operare con flessibilità sul progetto educativo valorizzando le esigenze e le potenzialità di ciascun bambino e del gruppo classe, ricalibrando gli interventi educativi sulla base dei risultati via via raggiunti. Cosa valutare Considerando la centralità di ciascun bambino in rapporto alla sua dimensione biologico-cognitiva, ai fattori maturativi, alla dimensione culturale e ai processi di socializzazione, la scuola dell Infanzia persegue e mette in atto metodologie di valutazione che si pongono lo scopo di: 1) Verificare l efficacia del progetto educativo 2) Conoscere i bambini e percepire i loro cambiamenti 3) Rilevare caratteristiche, competenze ed abilità raggiunti 4) Descrivere i bambini al momento del passaggio nel nuovo ordine scolastico Quando valutare 1) All inizio dell anno scolastico per conoscere la situazione di partenza e per raccogliere informazioni che riguardano esperienze precedenti. 2) Durante l anno scolastico nell ambito dei percorsi didattici proposti. 3) Al termine dell anno scolastico per una verifica degli esiti formativi raggiunti dai bambini e della qualità dell attività educativa. 4) A conclusione dell esperienza scolastica in un ottica di continuità con la famiglia e la scuola primaria.

14 Come valutare Attraverso l osservazione: 1) Occasionale: in riferimento a momenti e situazioni partitolari e di attività spontanee e informali. 2) Sistematica-Intenzionale: effettuata sulla base di un preciso progetto di indagine e di schemi di riferimento atti a comprendere e valutare i processi di sviluppo, i contesti educativo-didattici, le modalità di interazione con il contesto. L analisi dei prodotti: esame dei materiali verbali, gestuali, grafici, plastici realizzati dai bambini spontaneamente o a seguito di sollecitazioni, le relazioni con i pari e con gli adulti. Attività di verifica: 1) Esperienze e giochi finalizzati 2) Elaborati individuali, contestualizzazione, relazioni 3) Compilazione di schede di rilevazione degli obiettivi formativi ( da parte delle insegnanti passaggio alla scuola primaria ) Colloqui: scambio di informazioni e confronto tra insegnanti e genitori. Collegialità: la valutazione viene elaborata in comune dal gruppo di insegnanti che lavorano all esperienza per superare la soggettività interpretativa. Scuola Primaria La Scuola Primaria pensa ad una valutazione individuale e del gruppo-classe come momento Formativo e non punitivo Dinamico-evolutivo Scientifico (ovvero legato ad un concetto epistemologico di scientificità) Complesso La modalità operativa più opportuna perché la valutazione tenga conto contemporaneamente di tutti questi elementi appare la narrazione intesa come la formulazione di un giudizio discorsivo. L approccio proposto non si oppone comunque all utilizzo di altri strumenti come test o scale, ma li inserisce in un ottica più ampia attribuendo a questi strumenti il giusto peso. Valutazione formativa Cioè orientamento al progetto di crescita individuale e del gruppo-classe. Valutazione dinamico-evolutiva Che registra i livelli attuali dello sviluppo socio-cognitivo di ogni bambina/o, le potenzialità e le inclinazioni presenti, l evoluzione possibile od auspicabile. Epistemologicamente scientifica Ovvero non legata tanto e soltanto a numeri, statistiche, dati misurabili, ma elaborata su criteri stabiliti di volta in volta dai/dalle docenti di classe quando progettano uno specifico percorso didattico-educativo e determinano, per quanto possibile, i risultati attesi per ogni alunna/o e per il gruppo-classe. Complessa Cioè che tenga conto di tutti gli elementi elencati in precedenza, delle loro correlazioni ed interazioni, ma soprattutto possa far riferimento ad una logica dialogica, ovvero che possa esprimere due giudizi apparentemente in contraddizione. I tempi Si prevedono due momenti di valutazione degli apprendimenti: al termine del I quadrimestre ed alla fine dell anno scolastico. Scuola Secondaria di primo grado A. Gli scopi della valutazione Gli scopi della valutazione nella scuola secondaria di primo grado possono essere identificati nei seguenti punti: accertare la situazione di partenza del/la singolo/a alunno/a per riconoscere i diversi livelli di conoscenze/abilità/comportamenti (sapere, saper fare, saper essere) e stabilire così percorsi d apprendimento per permettere ai singoli alunni di raggiungere gli obiettivi stabiliti osservare e rilevare sistematicamente, sia sul piano cognitivo sia su quello formativo, il percorso di ogni alunno in modo da verificare il livello di apprendimento e l efficacia dell azione didattica favorire il processo di autovalutazione negli alunni B. I tempi della valutazione La valutazione degli apprendimenti ha tre momenti forti nel corso dell anno scolastico: 1)Alla fine del I quadrimestre

15 2)Alla fine dell anno scolastico C. Gli strumenti della valutazione Per la valutazione periodica ed annuale (I e II quadrimestre)il Collegio Docenti predispone un documento di valutazione, la Scheda personale dell alunno/a, all interno del quale vengono indicati: i livelli di apprendimento raggiunti dagli alunni nelle singole discipline, espressi in decimi i livelli di apprendimento raggiunti grazie alla partecipazione ad attività laboratoriali offerte dalla scuola nelle quattro ore opzionali, espressi in decimi la valutazione del comportamento, espresso in decimi un attestato finale di ammissione o non-ammissione alla classe successiva la valutazione delle competenze al termine della classe terza Tabella dei criteri di valutazione degli apprendimenti Voto Descrittore 10 Conosce in modo completo, approfondito, e organico i contenuti proposti. Sa fare e applica con sicurezza e precisione, rielaborando in modo personale 9 Conosce in modo completo e approfondito i contenuti proposti. Sa fare e applica con sicurezza e precisione 8 Conosce in modo completo i contenuti proposti: Sa fare e applica con sicurezza 7 Conosce in modo soddisfacente i contenuti proposti. Sa fare e applica con discreta abilità 6 Conosce in modo essenziale i contenuti proposti. Sa fare e applica con qualche incertezza 5 Conosce in modo limitato/frammentario e superficiale i contenuti proposti. Incontra difficoltà e mostra incertezza nell applicazione 4 Non conosce i contenuti richiesti. Non sa fare e applica in modo estremamente limitato 3 Non conosce e non sa fare Valutazione quadrimestrale Il voto finale del quadrimestre non è il risultato della media matematica delle singole prestazioni conseguite, ma viene espresso tenendo anche in considerazione: impegno, obiettivi raggiunti, il progresso rispetto ad una valutazione iniziale. La valutazione riguarderà, di conseguenza, due aspetti fondamentali, quello relativo all apprendimento di contenuti disciplinari e alla capacità di organizzare e applicare le conoscenze apprese, e quello relativo alla maturazione globale di ogni alunno. Pertanto terrà conto: del livello di partenza dell interesse, della partecipazione e dell impegno profusi nel lavoro scolastico dei progressi compiuti La valutazione del comportamento Indicatori stabilli Rispetto delle persone Rispetto delle regole Disponibilità e collaborazione con insegnanti e compagni Puntualità e regolarità nella frequenza delle lezioni. 10 Interesse e partecipazione attiva alle lezioni Svolgimento regolare e serio delle consegne scolastiche Rispetto degli altri e dell Istituzione scolastica Scrupoloso rispetto delle regole Ruolo propositivo all interno della classe e socializzazione equilibrata 9 Adempimento costante dei doveri scolastici Equilibrio nei rapporti interpersonali Rispetto assiduo delle regole Ruolo positivo e collaborativo nel gruppo classe 8 Svolgimento quasi sempre puntuale dei compiti assegnati

16 Rapporti interpersonali corretti Rispetto adeguato delle regole Ruolo non sempre collaborativo all interno del gruppo classe 7 Svolgimento non sempre puntuale dei compiti assegnati Ruolo poco collaborativo all interno del gruppo classe Rapporti problematici con gli altri Rispetto alterno delle regole 6 Svolgimento saltuario delle lezioni Rapporti non sempre corretti con insegnanti e compagni Disturbo del regolare svolgimento delle lezioni Rispetto carente delle regole Insufficienza Completo disinteresse per le attività didattiche Frequenti e reiterati comportamenti scorretti nei confronti di docenti e compagni Assiduo disturbo delle lezioni Episodi di violazione di una certa gravità del regolamento scolastico (danneggiamenti, mancata osservanza delle disposizioni organizzative e di sicurezza, utilizzo non corretto delle strutture, dei macchinari e dei sussidi didattici) La valutazione del comportamento con voto inferiore a sei decimi in sede di scrutinio è decisa dal C.d.C. nei confronti dell alunno a cui sia stata precedentemente irrogata una sanzione per gravi violazioni dei doveri degli studenti (vale a dire: mancata partecipazione, mancato rispetto delle persone e delle regole, utilizzo non corretto di strutture, macchinari e sussidi didattici, procurato danno al patrimonio della scuola) COME LA SCUOLA PROMUOVE UN ADEGUATA INCLUSIONE IL Piano annuale per l Inclusione (P.A.I) Che cos è il PAI? Il Piano Annuale per l Inclusività (PAI) consiste in un documento che riassume una serie di elementi finalizzati a migliorare l azione educativa della scuola indirizzata a tutti gli alunni che la frequentano. (D.M Strumenti di intervento per gli alunni con BES e organizzazione territoriale per l inclusione scolastica ). Chi lo predispone? Il PAI è predisposto dal Gruppo di Lavoro per l Inclusione (GLI) ed è composto dai rappresentanti di tutti i soggetti coinvolti nel processo educativo che collaborano con la scuola. Che cosa contiene? Il PAI raccoglie dati di tipo quantitativo e di tipo qualitativo che sintetizzano i punti di forza e di criticità della scuola, gli obiettivi da attuare e l assegnazione delle risorse funzionali alla realizzazione degli stessi. 1.Adozione di strategie di valutazione coerenti con prassi inclusive Si presterà attenzione alle caratteristiche e potenzialità dei singoli alunni con BES anche attraverso la somministrazione di prove graduate per il raggiungimento degli obiettivi minimi. 2. Organizzazione dei diversi tipi di supporto presenti all'interno della scuola Saranno coinvolte le seguenti categorie di persone: insegnanti che operano con alunni BES, insegnanti di sostegno affidati ai diversi alunni con diversabilità; educatori del Consorzio ai servizi alla Persona del Lodigiano assegnati agli alunni con diversabilità; volontari del territorio, personale retribuito con fondi del Piano per il Diritto allo Studio. 3. Organizzazione dei diversi tipi di sostegno presenti all'esterno della scuola, in rapporto ai diversi servizi esistenti Continuerà la collaborazione con l UONPIA di S.Angelo Lodigiano e di Lodi, con tutte le strutture convenzionate o private a cui si rivolge l utenza; con i servizi sociali del Comune, l Oratorio Don Bosco di S. Colombano al Lambro e i volontari che operano nella scuola.

17 4. Costruzione di una pratica di solidarietà come risorsa educativa: scuola, famiglia e comunità Riconoscendolo come fondante obiettivo educativo, gli insegnanti si faranno carico di promuovere la cultura e la pratica di una reale inclusione e di solidarietà a partire dalle relazioni all interno della classe: relazioni alunni-insegnanti, relazioni tra alunni nel gruppo classe e nella scuola. 5. Valorizzazione delle risorse esistenti Potenziare a livello didattico i rapporti tra i docenti curricolari, i docenti di sostegno, gli assistenti educatori, i volontari, i docenti esterni, riconoscendo, rispettando e valorizzando le competenze e il contributo di tutti convergenti nell unitarietà programmatica di essi. La Scuola secondaria può inoltre usufruire dell intervento di un insegnante di supporto per 18 ore settimanali da suddividere fra gli alunni segnalati dai rispettivi consigli di classe. 6. Acquisizione e distribuzione di risorse aggiuntive per realizzare progetti di inclusione Si beneficerà di finanziamenti erogati dall Amministrazione Comunale finalizzati ai diversi progetti di alfabetizzazione degli alunni neo-arrivati, cercando di attuare una logica di antidispersione, di supporto agli alunni in difficoltà per contenere le carenze individuali e promuovere il successo formativo. L Amministrazione Comunale garantisce l assistenza educativa e altre figure come il Servizio Civile. 7. Attenzione dedicata alle fasi di transizione che scandiscono l'ingresso nel sistema scolastico, la continuità tra i diversi ordini di scuola Saranno incentivati i progetti di continuità tra i diversi ordini di scuola e nella Scuola Secondaria di I grado. Si effettueranno degli stages finalizzati a fornire una giusta consapevolezza nella scelta della scuola secondaria più idonea. Si presterà particolare attenzione alla proposta di Orientamento Scolastico guidato dal Servizio Disabiltà, emarginazione e integrazione sociale dell Asl Lodi. Formazione del personale L Istituto promuove ed organizza corsi di formazione/aggiornamento per tutti i docenti dei tre gradi di scuola, per il personale amministrativo ed i collaboratori scolastici secondo le esigenze individuate ogni anno e deliberate in sede di Collegio. Approvazione: Collegio dei Docenti del Consiglio d Istituto del

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Ufficio di Segreteria: Viale Liguria Rozzano (MI) Tel. 02 57501074 Fax. 028255740 e-mail: segreteria@medialuinifalcone.it sito: www.icsliguriarozzano.gov.it Recapiti

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica SCUOLA MEDIA ANNA FRANK di GRAFFIGNANA Via del Comune 26813 Graffignana (LO) tel. 037188966 Sezione staccata dell ISTITUTO COMPRENSIVO DI BORGHETTO LODIGIANO Via Garibaldi,90 26812 Borghetto Lodigiano

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof.

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof. ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE CESARE BECCARIA ISTITUTO TECNICO - SETTORE ECONOMICO - ISTITUTO PROFESSIONALE per l AGRICOLTURA e l AMBIENTE Sedi associate di - SANTADI e VILLAMASSARGIA VERBALE N. SCRUTINIO

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con:

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: V E NIDO DIPARTIMENTO MATERNO INFANTILE R ENTI LOCALI T QUARTIERE I C SCUOLA DELL INFANZIA FAMIGLIA

Dettagli

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Anno Scolastico 2010-2011 Email: icsauro@yahoo.it Fratelli Grimm La Scuola

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI Pagina 1 di 5 PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER PREMESSA Il Protocollo di Accoglienza intende presentare procedure per promuovere l integrazione di alunni stranieri, rispondere ai loro bisogni formativi e rafforzare

Dettagli

PIANO A.S. 2015/2016

PIANO A.S. 2015/2016 Direzione Didattica Statale 1 Circolo De Amicis Acquaviva delle Fonti (BA) BAEE03600L@ISTRUZIONE.IT - BAEE03600L@PEC.ISTRUZIONE.IT www.deamicis.gov.it PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA A.S. 2015/2016 Prendete

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Che cos è il Bisogno Educativo Speciale? Il Bisogno Educativo Speciale rappresenta

Dettagli

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA Istituto Comprensivo 1 F. GRAVA CONEGLIANO PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA Anno scolastico 2012/ 2013 A pagina 2 PIANO OFFERTA FORMATIVA PER LA SCUOLA MEDIA A pagina 9 PIANO OFFERTA FORMATIVA PER LA SCUOLA

Dettagli

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali L Istituto Leopoldo Pirelli si propone di potenziare la cultura dell inclusione per rispondere in modo efficace alle necessità di

Dettagli

PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI

PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI ALCUNI DATI L Istituto Trento 5 comprende 3 scuole primarie e 2 scuole secondarie di I grado. Il numero totale di alunni

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria SCHEDA PROGETTO (ex art. 9 CCNL 2006-2009) Dati identificativi dell'istituto Nome scuola/tipologia Scuola

Dettagli

GRUPPO DI LAVORO PER L INCLUSIONE DSA/BES/HANDICAP

GRUPPO DI LAVORO PER L INCLUSIONE DSA/BES/HANDICAP SCUOLA PRIMARIA PARITARIA SCUOLA PRIMARIA PARITARIA via Camillo de Lellis, 4 35128 Padova tel. 049/8021667 fax 049/850617 e-mail: primaria@donboscopadova.it website: www.donboscopadova.it GRUPPO DI LAVORO

Dettagli

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ)

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) La musica è l'armonia dell'anima Alessandro Baricco, Castelli di rabbia Premessa L insegnamento di uno strumento musicale nella

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione.

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione. RELAZIONE DEL DIRIGENTE SCOLASTICO AL CONTO CONSUNTIVO 2013 La presente relazione illustra l andamento della gestione dell istituzione scolastica e i risultati conseguiti in relazione agli obiettivi programmati

Dettagli

PROTOCOLLO DIVERS-ABILITÀ

PROTOCOLLO DIVERS-ABILITÀ PROTOCOLLO DIVERS-ABILITÀ Amministrazione Comunale Amministrazione Scolastica Zanica I.C. Zanica Commissione Inter-istituzionale La Commissione Inter-istituzionale è una commissione mista tecnico-politica

Dettagli

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1-

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1- All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI Art. 1- Diritti e doveri degli studenti I diritti e i doveri degli studenti sono disciplinati dagli art. 2 e 3 del D.P.R. 21

Dettagli

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria Adriana Volpato P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria 19 Dicembre 2011 STRUMENTO didattico educativo individua gli strumenti fa emergere il vero alunno solo con DIAGNOSI consegnata si redige

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI PREMESSA L integrazione è un processo di conoscenza di sé e dell altro, di collaborazione all interno della classe finalizzato a creare le migliori condizioni

Dettagli

Codice univoco Ufficio per fatturazione elettronica: UFNGS6

Codice univoco Ufficio per fatturazione elettronica: UFNGS6 54 Distretto Scolastico ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE AD INDIRIZZO MUSICALE De Amicis Baccelli di Sarno (Sa) Sede Legale: Corso G. Amendola, 82 - C.M.: SAIC8BB008 - C.F.:94065840657 E mail:saic8bb008@istruzione.it

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

Gli strumenti per una didattica inclusiva

Gli strumenti per una didattica inclusiva STRUMENTI PER UNA DIDATTICA INCLUSIVA Ottilia Gottardi CTI Monza Est Gli strumenti per una didattica inclusiva Ottilia Gottardi CTI Monza Est PRINCIPI della PEDAGOGIA INCLUSIVA Tutti possono imparare;

Dettagli

Carta dei Servizi. Dirigente Scolastico M.Augusta Mozzetti

Carta dei Servizi. Dirigente Scolastico M.Augusta Mozzetti M.I.U.R. - Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio Istituto Comprensivo Via Casalotti n. 259-00166 Roma tel. 06 61560257 fax 06 61566568 - C.F. 97714450588 Cod. mecc. RMIC8GM00D Plesso scuola primaria:

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI Via Pietro Maroncelli 33 59013 Montemurlo (Prato) tel. +39 0574 683312 fax +39 0574 689194 email pois00300c@istruzione.it pec pois00300c@pec.istruzione.it

Dettagli

La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015

La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015 La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015 Gentile Famiglia, nel presente opuscolo trovate il Contratto di corresponsabilità educativa e formativa ed il Contratto di prestazione educativa e formativa.

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI SCOLASTICI

CARTA DEI SERVIZI SCOLASTICI ISTITUTO COMPRENSIVO SCUOLA DELL INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO v. Marconi, 62 15058 VIGUZZOLO (AL) Tel. 0131/898035 Fax 0131/899322 Voip 0131974289 Mobile 3454738373 E_mail: info@comprensivoviguzzolo.it

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

ATTIVITA' DIDATTICA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA

ATTIVITA' DIDATTICA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA P9.07.1 attività didattica scuoleinfanzia.doc P9.07.1 Comune di Rimini p.za Cavour, 27 47921 Rimini http://qualità.comune.rimini.it Direzione e di Protezione Sociale via Ducale, 7 47900 Rimini tel. 0541/

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DECRETO 30 settembre 2011. Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno, ai sensi degli articoli 5 e 13 del decreto

Dettagli

Presentazione ai Dirigenti Scolastici

Presentazione ai Dirigenti Scolastici Il Progetto Adolescenza del Lions Quest International Presentazione ai Dirigenti Scolastici La scuola sta vivendo, da alcuni anni, un periodo molto complesso Potersi dotare di strumenti che facilitino

Dettagli

VIAGGIANDO CON LA NATURA

VIAGGIANDO CON LA NATURA VIAGGIANDO CON LA NATURA Il progetto intende, attraverso l esplorazione del mondo naturale (terra, acqua, aria e fuoco) sistematizzare le conoscenze per comprendere l organizzazione dell ecosistema naturale.

Dettagli

QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA?

QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA? QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA? La scuola è obbligatoria dai 6 ai 16 anni e comprende: 5 anni di scuola primaria (chiamata anche elementare), che accoglie i bambini da 6 a 10 anni 3 anni di scuola secondaria

Dettagli

PREMESSA QUADRO NORMATIVO

PREMESSA QUADRO NORMATIVO RACCORDI TRA I PERCORSI DEGLI ISTITUTI PROFESSIONALI E I PERCORSI DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE: L ACCORDO IN SEDE DI CONFERENZA UNIFICATA DEL 16 DICEMBRE 2010 PREMESSA Il 16 dicembre scorso

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA

ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA Via Albergati 30 40069 Zola Predosa (BO) Tel. 051/755355 755455 - Fax 051/753754 E-mail: BOIC86400N@istruzione.it - C.F. 80072450374 Pec : boic86400n@pec.istruzione.it

Dettagli

QUALE SIGNIFICATO HA LA FIRMA DEL PDP DA PARTE DELLO STUDENTE / GENITORE E DEI DOCENTI?

QUALE SIGNIFICATO HA LA FIRMA DEL PDP DA PARTE DELLO STUDENTE / GENITORE E DEI DOCENTI? FAQ: AREA DELLA PROGRAMMAZIONE (PDP) QUAL È LA NORMATIVA DI RIFERIMENTO SUI DSA NELLA SCUOLA? Al momento è in vigore la Legge 170 che regola in modo generale i diritti delle persone con DSA non soltanto

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO N.1

ISTITUTO COMPRENSIVO N.1 PIANO ANNUALE PER L INCLUSIONE ANNO SCOLASTICO 2013-2013 Sommario PIANO ANNUALE PER L INCLUSIONE... 1 Bisogni educativi speciali... 2 Sezione 1. Definizioni condivise... 3 I B.E.S. non sono una categoria...

Dettagli

Carta dei servizi scolastici. Patto educativo di corresponsabilita. Premessa

Carta dei servizi scolastici. Patto educativo di corresponsabilita. Premessa Allegato 1. Carta dei servizi scolastici Patto educativo di corresponsabilita Premessa Il patto educativo di corresponsabilità ribadisce i contenuti presenti nella Carta dei Servizi dei P.O.F. precedenti.

Dettagli

Vademecum per il sostegno. Pratiche condivise di integrazione all interno del Consiglio di classe

Vademecum per il sostegno. Pratiche condivise di integrazione all interno del Consiglio di classe Vademecum per il sostegno Pratiche condivise di integrazione all interno del Consiglio di classe Gli strumenti della programmazione DIAGNOSI FUNZIONALE: descrive la situazione clinicofunzionale dello stato

Dettagli

Il Ministro della Pubblica Istruzione

Il Ministro della Pubblica Istruzione Prot. n. 30/dip./segr. Roma, 15 marzo 2007 Ai Direttori Generali Regionali Loro Sedi Ai Dirigenti degli Uffici scolastici provinciali Loro Sedi Al Sovrintendente Scolastico per la Provincia di Bolzano

Dettagli

La didattica personalizzata: utopia o realtà?

La didattica personalizzata: utopia o realtà? La didattica personalizzata: utopia o realtà? L integrazione di qualità è anche la qualità positiva per tutti gli attori coinvolti nei processi di integrazione, non solo per l alunno in difficoltà. Se

Dettagli

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione Rapporto di Autovalutazione GUIDA all autovalutazione Novembre 2014 INDICE Indicazioni per la compilazione del Rapporto di Autovalutazione... 3 Format del Rapporto di Autovalutazione... 5 Dati della scuola...

Dettagli

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri MPI - USP di Padova Comune di Padova Settore Servizi Scolastici Centro D.A.R.I. Una scuola per tutti Percorso di formazione per docenti Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri I parte a cura

Dettagli

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N.

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N. FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2 ULSS n.1 Belluno Autori: PERSONALE AZIENDA ULSS N. 1 BELLUNO: Dr.ssa Mel Rosanna Dirigente medico SISP (Dipartimento

Dettagli

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, TEATRO LA DIDATTICA DEL FARE 1 BISOGNI Sulla scorta delle numerose riflessioni che da parecchi anni aleggiano sulla realtà

Dettagli

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Workshop n. 3 Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Introducono il tema e coordinano i lavori - Irene Camolese, Confcooperative - Franca Marchesi, Istituto Comprensivo

Dettagli

qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~("c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i('

qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~(c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i(' qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~("c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i('!11~",fi:j:/lé'i7(?:/l(?/u~/(v,',f7t:{(jn~/lrt//lé':/iu kyjlf?jtf..ét:'é' h l/m f /tf7.. ~t:;'j/i'é' (~/;àk//lrt /IUXr(;/lrT~

Dettagli

CIRCOLARE N. 9 Ravenna, 13 settembre 2014. Si trasmette, in allegato, il piano delle attività per l a. s. 2014-2015.

CIRCOLARE N. 9 Ravenna, 13 settembre 2014. Si trasmette, in allegato, il piano delle attività per l a. s. 2014-2015. CIRCOLARE N. 9 Ravenna, 13 settembre 2014 Ai Docenti Agli Studenti Al Personale A.T.A. Alle Famiglie Al D.S.G.A. Oggetto: Piano delle attività a.s. 2014-2015 Si trasmette, in allegato, il piano delle attività

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 CRITERI GENERALI PER LA FORMAZIONE DELLE CLASSI La formazione delle classi e l assegnazione delle risorse di organico deve essere coerente: - con gli interventi

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3 IL SE E L ALTRO ANNI 3 Si separa facilmente dalla famiglia. Vive serenamente tutti i momenti della giornata scolastica. E autonomo. Stabilisce una relazione con gli adulti e i compagni. Conosce il nome

Dettagli

dall introduzione dell Assessore Luppi

dall introduzione dell Assessore Luppi Presenti: Giulia Luppi Assessore alla scuola Alessandra Caprari pedagogista Maurizia Cocconi insegnante Scuola Primaria De Amicis Giuliana Bizzarri insegnante Scuola d infanzia A.D Este Tondelli Rita insegnante

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO Premessa L estate per i bambini è il tempo delle vacanze, il momento in cui è possibile esprimersi liberamente, lontano dalle scadenze, dagli impegni, dai compiti, dalle

Dettagli

SERVIZI E ATTIVITA INTEGRATIVE

SERVIZI E ATTIVITA INTEGRATIVE SERVIZI E ATTIVITA INTEGRATIVE PREMESSA 1 SERVIZIO ORIENTAMENTO E RIORIENTAMENTO 2 C.I.C. (Centro di Informazione e Consulenza) 4 SERVIZIO PSICOLOGICO 7 LA BIBLIOTECA 8 ATTIVITA CULTURALI 8 ATTIVITÀ EXTRACURRICOLARI

Dettagli

Un allegro pomeriggio con Giulio Coniglio

Un allegro pomeriggio con Giulio Coniglio Scuola aperta 2015 Un allegro pomeriggio con Giulio Coniglio alla scoperta dell Asilo di Follina... l Asilo di Follina: LINEE PEDAGOGICO EDUCATIVE IL PROGETTO EDUCATIVO DIDATTICO. Il curricolo della scuola

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr AUTOVALUTAZIONE D ISTITUTO Report Progetto ERGO VALUTO SUM PON Valutazione e miglioramento (Codice 1-3-FSE-2009-3) Anno Scolastico 2012-2013 Relatore

Dettagli

PROGETTO EDUCATIVO SULL'INTEGRAZIONE E LA PREVENZIONE DEL DISAGIO E DELL'ABBANDONO SCOLASTICO PRECOCE

PROGETTO EDUCATIVO SULL'INTEGRAZIONE E LA PREVENZIONE DEL DISAGIO E DELL'ABBANDONO SCOLASTICO PRECOCE PROGETTO EDUCATIVO SULL'INTEGRAZIONE E LA PREVENZIONE DEL DISAGIO E DELL'ABBANDONO SCOLASTICO PRECOCE PREMESSA La Dispersione Scolastica è un fenomeno complesso che riunisce in sé: ripetenze, bocciature,

Dettagli

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INTRODUZIONE L Ordine degli Psicologi del Friuli Venezia Giulia e l Ufficio Scolastico Regionale, firmatari di un Protocollo d Intesa stipulato

Dettagli

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione, della cultura e dello sport Profilo e compiti istituzionali Bellinzona, novembre 2014 Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione,

Dettagli

Progetto di collaborazione Scuola Elementare di Piangipane con JAJO Sport Associazione Dilettantistica 2014-2015

Progetto di collaborazione Scuola Elementare di Piangipane con JAJO Sport Associazione Dilettantistica 2014-2015 Con la collaborazione di: EDUCAZIONE ATTRAVERSO IL MOVIMENTO Le abilità di movimento sono conquiste tangibili che contribuiscono alla formazione di un immagine di sé positiva. Progetto di collaborazione

Dettagli

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale.

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale. PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA NORME DI COMPORTAMENTO DOCENTI: I docenti si impegnano a: 1. Fornire con il comportamento in classe esempio di buona condotta ed esercizio di virtù. 2. Curare la chiarezza

Dettagli

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 TITOLO DEL PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 Settore e Area di Intervento: Settore: ASSISTENZA

Dettagli

DALL INTEGRAZIONE ALL INCLUSIONE

DALL INTEGRAZIONE ALL INCLUSIONE DALL INTEGRAZIONE ALL INCLUSIONE IL PASSAGGIO da INTEGRAZIONE a INCLUSIONE NON si basa sulla misurazione della distanza da normalità/standard ma sul processo di piena partecipazione e sul concetto di EQUITA.

Dettagli

LA NORMATIVA SULL INCLUSIONE SCOLASTICA: LA RISPOSTA DELLA SCUOLA AI BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI

LA NORMATIVA SULL INCLUSIONE SCOLASTICA: LA RISPOSTA DELLA SCUOLA AI BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI: LA PROSPETTIVA IN BASE AL MODELLO ICF LA NORMATIVA SULL INCLUSIONE SCOLASTICA: LA RISPOSTA DELLA SCUOLA AI BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI Ins. Stefania Pisano CTS I.C. Aristide

Dettagli

L ESAME DI STATO E GLI ALUNNI CON DISABILITA. I.S.I.S. "COSSAR -da VINCI" GORIZIA - prof.ssa Giancarla Giani

L ESAME DI STATO E GLI ALUNNI CON DISABILITA. I.S.I.S. COSSAR -da VINCI GORIZIA - prof.ssa Giancarla Giani L ESAME DI STATO E GLI ALUNNI CON DISABILITA I.S.I.S. "COSSAR -da VINCI" GORIZIA - prof.ssa Giancarla Giani Esso pertanto, anche per gli alunni con disabilità deve costituire l occasione per un oggettivo

Dettagli

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Per la quarta annualità ho ricoperto il ruolo di Responsabile del Piano dell'offerta Formativa e dell Autovalutazione di

Dettagli

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Una breve guida per la lettura e l utilizzo delle Indicazioni Nazionali nell elaborazione di un curricolo

Dettagli

RAPPORTO GLI ALUNNI CON DISABILITÀ NELLA SCUOLA ITALIANA:

RAPPORTO GLI ALUNNI CON DISABILITÀ NELLA SCUOLA ITALIANA: RAPPORTO GLI ALUNNI CON DISABILITÀ NELLA SCUOLA ITALIANA: BILANCIO E PROPOSTE Edizioni Erickson Presentano il Rapporto: Attilio Oliva Vittorio Nozza Andrea Gavosto Intervengono: Valentina Aprea Maria Letizia

Dettagli

Manifesto IFLA Per la Biblioteca Multiculturale

Manifesto IFLA Per la Biblioteca Multiculturale Manifesto IFLA Per la Biblioteca Multiculturale La biblioteca multiculturale Porta di accesso a una società di culture diverse in dialogo Tutti viviamo in una società sempre più eterogenea. Nel mondo vi

Dettagli

Progetto NUOTO. Progetto. Progetto PARLAWIKI EDUCAZIONE ALLA SALUTE. Progetto CENTRO SPORTIVO STUDENTESCO

Progetto NUOTO. Progetto. Progetto PARLAWIKI EDUCAZIONE ALLA SALUTE. Progetto CENTRO SPORTIVO STUDENTESCO CENTRO SPORTIVO STUDENTESCO EDUCAZIONE STRADALE GEMELLAGGIO EDUCAZIONE ALLA LEGALITA NUOTO XX CONCORSO LETTERARIO «POESIA A MEOLO» EDUCAZIONE ALLA SALUTE PARLAWIKI LINGUA LATINA CENTRO SPORTIVO STUDENTESCO

Dettagli

ISTITUTO TECNICO TECNOLOGICO STATALE Alessandro Volta PERUGIA www.avolta.pg.it

ISTITUTO TECNICO TECNOLOGICO STATALE Alessandro Volta PERUGIA www.avolta.pg.it ISTITUTO TECNICO TECNOLOGICO STATALE Alessandro Volta PERUGIA www.avolta.pg.it Indirizzi di studio 1. Meccanica, Meccatronica ed Energia 2. Elettronica ed Elettrotecnica 3. Informatica e Telecomunicazioni

Dettagli

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO 1. Il bambino sviluppa il senso dell identità personale, è consapevole delle proprie esigenze e dei propri sentimenti, sa controllarli ed esprimerli in modo adeguato

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) Via Acquasantianni s.n. - (Tel. 0874-871770 - Fax 0874-871770) Sito web: http://digilander.libero.it/ictrivento/ - e-mail: cbmm185005@istruzione.it

Dettagli

Ministero dellʼistruzione, dellʼuniversità e della Ricerca Direzione Generale per gli Affari Internazionali. Il sistema educativo italiano

Ministero dellʼistruzione, dellʼuniversità e della Ricerca Direzione Generale per gli Affari Internazionali. Il sistema educativo italiano Ministero dellʼistruzione, dellʼuniversità e della Ricerca Direzione Generale per gli Affari Internazionali Il sistema educativo italiano 29 Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca (MIUR)

Dettagli

A cura dei Supervisori SSIS-Sostegno Modena. E.Tarracchini V.Bocchini A.Barbieri. La documentazione. Dall ICF alla DF al PDF al PEI

A cura dei Supervisori SSIS-Sostegno Modena. E.Tarracchini V.Bocchini A.Barbieri. La documentazione. Dall ICF alla DF al PDF al PEI A cura dei Supervisori SSIS-Sostegno Modena. E.Tarracchini V.Bocchini A.Barbieri La documentazione Dall ICF alla DF al PDF al PEI La Diagnosi Funzionale (DF) 1. Utilizzo degli items di ICF nella definizione

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA DI GELLO PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE. Anno scolastico 2012-2013

SCUOLA DELL INFANZIA DI GELLO PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE. Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA DELL INFANZIA DI GELLO PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE Anno scolastico 2012-2013 INSEGNANTI Clagluna Alessandra Corvitto Giovanna De Gaetanis Antonella Ficicchia Valeria Giuliani Cristina

Dettagli

RELAZIONE FINALE FUNZIONE STRUMENTALE AREA 1

RELAZIONE FINALE FUNZIONE STRUMENTALE AREA 1 UNIONE EUROPEA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE SICILIANA ISTITUTO COMPRENSIVO C. LEVI MANIACE RELAZIONE FINALE FUNZIONE STRUMENTALE AREA 1 AUTOANALISI D ISTITUTO Anno scolastico 2012/2013 RELAZIONE In data

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA. SCUOLA PRIMARIA DI ALBINO Piazzale caduti 1, Tel/Fax. 035 751 492

SCUOLA PRIMARIA. SCUOLA PRIMARIA DI ALBINO Piazzale caduti 1, Tel/Fax. 035 751 492 SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA DELL'INFANZIA DI ALBINO Viale Gasparini, Tel/Fax 035 754 420 SCUOLA DELL'INFANZIA DI DESENZANO Via Loverini, Tel/Fax. 035 751 436 SCUOLA PRIMARIA SCUOLA PRIMARIA DI ALBINO Piazzale

Dettagli

Rapporto di autovalutazione

Rapporto di autovalutazione Rapporto di autovalutazione Sommario 1. Codice meccanografico istituto principale...3 2. Griglie di autovalutazione...3 1.1 Esiti...3 1.2 Contesto e risorse...4 1.3 Processi...5 3. Individuazione obiettivi

Dettagli

Avviso prot. n. AOODGAI/11666 del 31.07.2012 conferenze informative territoriali

Avviso prot. n. AOODGAI/11666 del 31.07.2012 conferenze informative territoriali Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Puglia Direzione Generale UFFICIO III - Politiche formative e rete scolastica U.O. 2: Fondi Strutturali dell

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO ALLEGATO 6 TITOLO DEL PROGETTO: ANNO RICCO MI CI FICCO SETTORE e Area di Intervento: Settore A: Assistenza Aree: A02 Minori voce 5 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO OBIETTIVI DEL PROGETTO OBIETTIVI GENERALI

Dettagli

1 Circolo Didattico di Abbiategrasso

1 Circolo Didattico di Abbiategrasso 1 Circolo Didattico di Abbiategrasso Anno Scolastico 2011/2012 1 Indice Mappa pag. 3 La struttura del Circolo pag. 4 Premessa pag. 5 Obiettivi formativi Scuola dell Infanzia pag. 7 Obiettivi Formativi

Dettagli

La/Il sottoscritta/o.. (cognome e nome) madre padre.. dell alunna/o.. (cognome e nome) CHIEDE L iscrizione dell... stess alunn per l a.s.

La/Il sottoscritta/o.. (cognome e nome) madre padre.. dell alunna/o.. (cognome e nome) CHIEDE L iscrizione dell... stess alunn per l a.s. n..reg.iscriz. n..matr. MINISTERO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO Liceo Classico e Linguistico Statale ARISTOFANE 00139 ROMA - VIA MONTE RESEGONE, 3 068181809 - FAX

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale L. d Vinci Via L. Da Vinci,73 20812 Limbiate (MB) - Tel. 02-99.05.59.08 - Fax. 02-99.05.57.57

Istituto Comprensivo Statale L. d Vinci Via L. Da Vinci,73 20812 Limbiate (MB) - Tel. 02-99.05.59.08 - Fax. 02-99.05.57.57 DOMANDA DI ISCRIZIONE Al Dirigente Scolastico Istituto Comprensivo Statale L. d Vinci Via L. Da Vinci,73 20812 Limbiate (MB) - Tel. 02-99.05.59.08 - Fax. 02-99.05.57.57 _l_ sottoscritt in qualità di padre

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Il documento va compilato in forma digitale per poter ampliare gli spazi dello schema (ove necessario) e togliere

Dettagli

PROGET PROGETTO T O DI DI ISTI TITUTO TUTO

PROGET PROGETTO T O DI DI ISTI TITUTO TUTO PROGETTO DI ISTITUTO Edizione : 31.12.2011 L Istituto Comprensivo Scola Ladina Ladino di Fassa de Fascia Canazei: Scuola dell infanzia Scuola primaria Campitello: Scuola secondaria di Primo grado Pozza:

Dettagli