Rivelazioni su virtù e vizi (i mali: maleducazione sportiva di genitori, atleti e qualche allenatore) del dietro le quinte del mondo agonistico

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Rivelazioni su virtù e vizi (i mali: maleducazione sportiva di genitori, atleti e qualche allenatore) del dietro le quinte del mondo agonistico"

Transcript

1 Versione integrale TUTTO IL BENE DELL'AGONISMO Rivelazioni su virtù e vizi (i mali: maleducazione sportiva di genitori, atleti e qualche allenatore) del dietro le quinte del mondo agonistico Intervista a cura di Marco Tornatore Happy Aquatics quasi mai tocca argomenti afferenti l'agonismo, trattati con ben più autorevolezza da testate specializzate (Mondo del Nuoto su tutti). Tuttavia, l'abbrivio dato dall'articolo di Federico Gross e i successivi commenti più o meno edificanti di alcuni lettori, ma soprattutto il valore altamente educativo, quindi socialmente rilevante, che ha nei ragazzi l'esperienza agonistica, ci hanno indotti a chiedere il parere ad allenatori molto esperti, completando il confronto con l'opinione di alcuni componente la Redazione (Linda Marabello ex azzurra di syncro e allenatrice-istruttrice; Elena Piatto, ex azzurra di nuoto, e prima allenatrice di Federica Pellegrini; Marco Tornatore, ex nuotatore ed ex allenatore di buon livello). Stefano Candidoni Ex nuotatore, manager fra i più capaci e presidente di Amatori Nuoto Perugia; nonostante il suo carico d'impegni, con passione allena da oltre vent'anni il suo club. Corrado Sorrentino Ex campione e primatista nazionale, per anni nella nazionale maggiore e riferimento del movimento natatorio sardo; più volte primatista e campione mondiale master; allenatore emergente e molto capace, alla guida di Atlantide Elmas (CA). Massimo Giuliani Colonna della Nazionale, ha portato a medaglie olimpiche e iridate i migliori atleti di fondo dell'italia. Ex atleta, apprezzatissimo allenatore di club, è da anni guida insostituibile del Fondo Azzurro, conciliando tale impegno con quello di assessore del Comune di Piombino. Gianni Nagni Ex campione e primatista italiano, per anni azzurro; allenatore di levatura internazionale, già componente del Team Azzurro e guida inarrivabile dello storico club CC Aniene Roma. Oggi è il general manager di Aquaniene e supervisiona il settore agonistico del suo club. Cosa si sentirebbe di suggerire ad un genitore per non danneggiare e penalizzare un figlio che vive l'esperienza agonistica? Stefano Candidoni - Suggerirei di assecondare l attività agonistica del figlio, con un linguaggio adatto ad ogni fascia del bambino/ragazzo. Tutti i passaggi sono sfumati, bisogna seguire la crescita della persona nell attività agonistica, come nel resto della vita. Corrado Sorrentino - Ai genitori dei miei atleti dico sempre: se mi state affidando i vostri figli è perché vi fidate di me, perciò lasciatemi FARE anche quando non condividete certe mie scelte. Il tecnico dev essere libero di FARE il proprio lavoro, con invito esplicito ai genitori a non atteggiarsi ad allenatori dei propri figli: non sarebbero riconosciuti come tali causando solo confusione nella testa dell atleta. Aggiungo che nel momento in cui fallisco sono pronto ad assumermi le responsabilità e conseguenze del caso. Nuoto o altro sport non fa differenza, in un epoca sociale come questa in cui cadere in errore è facilissimo abbiamo l obbligo morale di tenere i ragazzi nei contesti sportivi a prescindere dalle loro capacità o prospettive agonistiche; come già detto, un ragazzo che frequenta un centro sportivo è un ragazzo che non frequenta la strada. Massimo Giuliani - Premetto che il dialogo con i genitori è fondamentale: impensabile comportarsi con l atleta come se non avesse una famiglia, tanto più se questa mi ha criticato o se ritengo non abbia ben educato il figlio. L Allenatore è un educatore che deve integrare il suo ruolo in una comunità e in una rete educante, di cui la famiglia rappresenta il nodo più importante. Ecco perché se ci definiamo anche educatori non possiamo che ricercare il giusto dialogo e la collaborazione della famiglia, comprendendo non solo l'atleta, ma anche il nucleo familiare cui appartiene. Un piccolo suggerimento ai colleghi: anche noi sbagliamo e, talvolta, un colloquio con i genitori aiuta a correggere nostri possibili errori. Suggerimenti ai genitori: incoraggiare il ragazzo, senza sostituirsi all istruttore o all allenatore; valutare i risultati del proprio figlio in funzione alle sue possibilità e capacità, esaltando ed incoraggiando l impegno profuso. Dare equilibrata importanza alle cose: alle vittorie e, soprattutto, alle sconfitte, il tutto

2 programmando insieme gli obiettivi: si può perdere ed essere ugualmente soddisfatti delle proprie prestazioni o performances. Gianni Nagni - I genitori che si accingono ad affrontare l'esperienza agonistica del proprio figlio, devono essere informati che avranno l'opportunità di vivere momenti appassionanti nel percorso della loro crescita, ma allo stesso tempo di essere pronti a sopportare grossi sacrifici senza però farli pesare ai figli stessi. Nella vita è ovvio che i genitori si sacrifichino per loro. Pertanto rinfacciare ai propri figli i sacrifici fatti si ritorcerà contro i ragazzi nel futuro, nello sport come nella vita. Redazione - Che si limiti, da genitore, ad apprezzare impegno e determinazione profusi (mancando i quali è lecito qualche rimbrotto), assolutamente senza considerare il risultato agonistico immediato: dalle sconfitte si impara molto di più che dalle vittorie (facili). Rispettando sempre le regole, anche se non sempre piacciono. Nella sua carriera pluriennale di allenatore, quali sono i modelli più negativi di genitori che portano i figli a nuotare o praticare altre discipline acquatiche? Stefano Candidoni - Sono quelli che non si accontentano, che vedono per forza la malafede nei comportamenti degli allenatori, che non osservano i figli ed il loro comportamento, che pensano sia sempre vera l equazione allenamento = risultato = tutto bene. Quelli che non si confrontano civilmente, che tramano alle spalle, che hanno la supponenza di sapere nella loro immensa ignoranza del settore. Corrado Sorrentino - Quelli che hanno la presunzione di sapere ciò che è giusto a livello sportivo per il proprio figlio, senza averne le conoscenze e le esperienze. Massimo Giuliani - Purtroppo sono molte famiglie in cui uno o entrambi i genitori non vivono in modo equilibrato l attività agonistica dei propri figli; alcuni esempi di genitore che: - proietta nel figlio i propri desideri, imponendogli di entrare nell'ambiente piscina e di continuare anche se il ragazzino non gradisce. - vuole essere sempre l'artefice delle scelte del figlio, precludendogli quell'autonomia che metterà a repentaglio il senso di responsabilità del figlio, rendendolo un eterno insicuro; - introietta nel figlio le proprie aspirazioni, vivendo l'esperienza agonistica del ragazzo come se fosse lui il protagonista; - eccesso opposto è il genitore che si disinteressa completamente dell'esperienza sportiva del figlio: il fanciullo apparirà come uno sbandato o si rivelerà uno spavaldo, ineducato, sgarbato e irresponsabile. Gianni Nagni - Purtroppo il modello negativo per eccellenza è quello del genitore frustrato da insuccessi personali nello sport o nella vita, che riversa enormi responsabilità sul proprio figlio quale riscatto per il proprio fallimento. La cosa peggiore è quando si sente dire io ho investito su mio figlio. Redazione - Coloro che proiettano le proprie aspirazioni di successo nell avventura sportiva dei figli. Nove volte su dieci l'atleta diventa un perdente (spesso anche nella vita) o è destinato all'abbandono precoce. Quali, invece, le motivazioni alla base di una scelta agonistica di un bambino e i punti cardine che questi deve osservare per una buona educazione sportiva? Stefano Candidoni - Un bambino non sceglie l attività agonistica consapevolmente. All inizio le basi debbono essere il gruppo, il divertimento, il riferimento allenatore, la felicità dei genitori che credono in quello che fa. Poi verrà tutto il resto, la parte più tecnica e legata ai risultati ma salvaguardando le basi con le quali tutto è nato. Corrado Sorrentino - Nella mia filosofia sportiva c'è prima di tutto l'obiettivo sociale, inteso come integrazione in gruppi di persone con principi di vita puliti, quindi la prima motivazione è quella dell educazione alla condivisione e all integrazione, anteposta a qualsiasi obiettivo agonistico. I punti cardine sono la disciplina, il rispetto per se stessi nonché delle persone con le quali si condivide il progetto sportivo, senza dimenticare una buona dose umiltà e positiva considerazione degli avversari. Massimo Giuliani - L agonismo è un utile mezzo di auto ed etero educazione, e questi sono i punti cardine: nulla è sempre facile o sempre poco faticoso. La fatica, l applicazione, la perseveranza saranno necessari nello sport quanto nella vita: imparare il rispetto dei ruoli, delle figure e delle regole; instaurare, nel rispetto dei ruoli, complicità, fiducia, amicizia con il proprio allenatore;

3 imparare a perdere, ma anche a saper vincere senza umiliare l avversario: il vincitore, che ha di più deve condividere le proprie vittorie con coloro che hanno di meno. Gianni Nagni - Per poter affrontare un giusto percorso agonistico le motivazioni ci devono essere sia per i genitori che per gli atleti. Per i primi, le motivazioni sono poche e sempre le stesse: ambiente, salute, formazione del carattere, principi e valori dello sport quali il rispetto del prossimo e delle regole, oltre che l impegno per il raggiungimento dell obiettivo. Per i giovani, invece, le motivazioni maggiori sono il gruppo e il confronto; difficilmente, almeno all'inizio, prevale la passione per il nuoto. Comunque la motivazione genitori e figli è necessaria finché il giovane non raggiunge una certa maturità, che sia anche sinonimo di autonomia. A questo punto la famiglia può, anzi deve, farsi da parte lasciandolo sciolto alle sue esperienze. Redazione - Alla base di ogni attività sportiva, agonistica e non, ci dev essere al primo posto il divertimento del bambino. Anche la scelta dell'allenatore e della società, intesi come educatori e non necessariamente forgiatori di campioni, è premiante. Che dire di atleti e genitori che pensano gli uni di essere dei campionissimi e gli altri di avere diritto di eccedere nello spalleggiare derive negative dei figli e/o pronunciarsi su decisioni tecnico-metodologiche-programmatiche degli allenatori? Stefano Candidoni - Se un allenatore è in gamba i suoi atleti non cresceranno avendo mire irragionevoli, frutto solo di voli pindarici. I genitori spesso s intromettono nelle scelte tecniche ed in questo caso sono un ostacolo nella crescita agonistica dei ragazzi, soprattutto accentuando la sovrastima o sottostima delle potenzialità oggettive degli atleti. Corrado Sorrentino - C'è sempre qualcuno migliore pronto a dare l'anima per battere l'avversario: colui che pensa di essere il migliore presto prenderà sonore batoste, con scarsa attitudine a superare l'insuccesso. Come al punto uno, i genitori che si intromettono senza competenze determinano l'effetto di disorientare l'atleta. Ripeto: NON devono fare gli allenatori ma affidarsi al professionista (l'allenatore, appunto) e al suo operato; questo per assicurare il meglio ai propri figlioli, che vivranno bene l'esperienza sportiva. Massimo Giuliani - Imprescindibile che si rispettino ruoli e regole ed è fondamentale il corretto rapporto di responsabilità e competenze della terna Allenatore, Atleta, Famiglia. L'allenatore deve essere autorevole, professionale a tal punto da infondere fiducia; e deve sapere che il suo comportamento fuori e dentro la piscina non può essere disgiunto dal lavoro che svolge. Forte di tale retta posizione, avrà il diritto/ dovere di spiegare all'atleta campioncino i propri limiti, fissando con lui obiettivi commisurati alle sue possibilità, agendo alla stessa stregua con i genitori. Se non ci fosse la piena condivisione di obiettivi e metodi, mai forzerei per continuare la strada insieme. Redazione - Un genitore che pontifica su tematiche tecniche, dimostra la sua ignoranza e danneggia irrimediabilmente l'atleta. Noi stessi siamo genitori e, pur avendo competenza in ambito natatorio, non ingeriamo assolutamente su scelte del tecnico. Gianni Nagni - Una delle prerogative degli atleti di alto livello è l autostima estremamente accentuata. Di conseguenza ai giovani che credono di essere i migliori o che hanno l'ambizione di diventarlo non si può rimproverare molto, sempre che si insegni loro il concetto di umiltà e spirito di sacrificio. È fondamentale nella crescita del giovane agonista che ambizione ed umiltà vadano di pari passo. Ai genitori invece bisogna insegnare a non invadere il campo. Oggigiorno questo succede sempre più frequentemente nello sport come nella scuola. Troppo spesso sento che la colpa è dell'allenatore o del professore, giustificando sempre il proprio figlio. Per avere successo ognuno deve ricoprire il proprio ruolo. L'allenatore deve fare il proprio mestiere prendendosi le sue responsabilità e soprattutto non si deve sostituire ai genitori cosa che potrebbe accadere molto facilmente per il grande ascendente che ha sui ragazzi. L'atleta deve impegnarsi senza mettere in discussione la proposta d'allenamento del suo allenatore. I genitori anziché prevaricare occupandosi di tecnica e metodologia dovrebbero concentrarsi su un aspetto fondamentale e allo stesso tempo difficilissimo: trasmettere equilibrio al proprio figlio! Sovente osserviamo genitori esaltarsi in tribuna a fronte delle prime vittorie così come la volta dopo amareggiarsi o imprecare in caso di sconfitta. In pratica dovrebbe succedere l'esatto contrario. Incitare il proprio figlio nei momenti difficili, standogli vicino nelle sconfitte e allo stesso tempo non esaltarsi più di tanto ma gioire con la giusta moderazione per l'eventuale vittoria. Quali responsabilità effettive ha un allenatore sulla crescita progressiva, pedagogica e fisiologica di atleti in erba, perché possano avere un carriera natatoria positiva, prescindendo dalla grande performance, che in genere, è riservata solo ai grandi talenti?

4 Stefano Candidoni - Gli allenatori hanno un ruolo sempre più importante nella crescita dei ragazzi, visto che è in aumento la tendenza, scorretta, di scaricare su di esso responsabilità tipiche dei genitori. Sapere dell andamento della scuola, come di quello delle storie personali prima dei genitori è per me cosa normale. Un ottimo rapporto di fiducia con l atleta è alla base di qualsiasi risultato: il pianto, la delusione e lo sconforto, come la gioia, l esultanza e la soddisfazione non appartengono solo a coloro che lottano per le medaglie ai campionati italiani: sono sentimenti che accomunano tutti i ragazzi che fanno attività agonistica, a qualsiasi livello. Corrado Sorrentino - Il primo obiettivo è l'integrazione sociale, corroborato da educazione sportiva dell'atleta; con calma il tempo ci dirà chi diventerà un campione e chi resterà comunque un bravo atleta o si rivelerà una grande persona; aspetto, quest'ultimo, che conta molto di più di qualsiasi vittoria sportiva, ancor più se colta in tenera età. Massimo Giuliani - L allenatore ha responsabilità tecniche, ma anche affettive nella sana crescita della personalità di un giovane atleta; però l enfasi, soprattutto nei primi anni, va posta non tanto sugli obiettivi finali, quanto sulla strada, sul percorso intrapreso che rappresenta un basilare passaggio educativo. Vanno spiegati al ragazzino i giusti obiettivi e per fare questo è indispensabile chiarire 1) obiettivi personali dell'atleta (dove vuole arrivare) 2) come può arrivare a certi traguardi: in primis attraverso l'allenamento, la dedizione, la motivazione Solo con l applicazione, la pianificazione degli sforzi può arrivare a migliorarsi: ogni atleta dovrebbe puntare a superare i propri limiti e, quando non può farlo, ad esaltare comunque le proprie capacità e doti, attraverso l aiuto dell allenatore. Un percorso educativo passa anche attraverso la gestione delle fasi motivazionali negative e, tra queste, troviamo appunto la sconfitta. Quando si perde, la sconfitta deve essere vissuta come una tappa inevitabile nel cammino di ogni atleta, qualunque obiettivo egli abbia. Tutti prima o poi perdiamo, nel gioco, nello sport, nella vita possiamo insieme capire gli errori e con fiducia applicarci con maggiori forza e determinazione. Lo sport deve essere un'esperienza il cui obiettivo è di migliorarsi e non vincere a tutti i costi. Gianni Nagni - Un allenatore ha molte più responsabilità di quanto si possa pensare. Il suo ruolo sulla crescita pedagogica, fisiologica e non solo è determinante. Essendo i giovani atleti in età evolutiva, malleabili come terracotta, errori in questa fase possono essere condizionanti per l'eventuale carriera sportiva. La funzione dell'allenatore dei giovani deve essere quella del "maestro" che insegna loro gli elementi base su cui porre le fondamenta per il futuro. È aihme, troppo frequente l'applicazione di metodologie esageratamente avanzate per le categorie giovanili. Nelle fasi evolutive l'allenamento non deve mai essere finalizzato alla prestazione bensì alla costruzione del giovane nuotatore. Redazione - Il ruolo dell allenatore è fondamentale, talvolta ancor più per i meno bravi : trascorre molte ore con i ragazzi. Dev essere un EDUCATORE, magari anche una guida ferma, ma giusta (ci sono delle regole e vanno rispettate - questo vale il doppio per i genitori), con la corretta dose di autorevolezza, capacità di ascolto, comprensione, imparzialità, ironia e simpatia. Senza dimenticare la passione, che non si declina con spremitura dei ragazzi, ma con rapporto amichevole e di guida credibile. In cosa i genitori possono risultare più negativi per l'equilibrio dei figli in ambito natatorio? Stefano Candidoni - a) pretendere risultati dei quali non si conosce nemmeno la portata effettiva; b) minare costantemente il rapporto di fiducia tra allenatore e atleta; c) persuadere il figlio che l attività agonistica è positiva solo a seguito di risultati positivi continui. Un esempio: si sente spesso dire ai propri figli, dopo una gara andata male, che non capiscono nulla o che non hanno gli attributi. Sarebbe veramente interessante essere in quel momento nelle testa dei ragazzi e comprendere la devastante portata di tali affermazioni. Corrado Sorrentino - Qualche anno fa un mio ex esordiente A, dopo i 400 stile libero in cui perse contro un compagno di squadra, alla mia domanda sul perché stesse piangendo lui mi disse: piango perché mio padre adesso mi fa nero : il padre non tollerava che il figlio perdesse da un compagno di squadra che reputava "inferiore". Il bambino aveva terrore della reazione del padre e non si curava nemmeno un po' della sua gara fatta male; quel ragazzino, dopo le nostre costruttive reazioni, cambiò società convinto di scoprire l'america, ma purtroppo non solo non si migliorò, ma in pochi anni smise di nuotare. Massimo Giuliani - Se non sono chiare le motivazioni per cui i figli si avvicinano allo sport, l'intervento dei genitori sarà sempre negativo. Motivazioni ed obiettivi (molto personalizzati) dovranno essere assolutamente condivisi da Genitori, Atleta, Allenatore. Un esempio? Fra i più frequenti e tristi la progressiva delusione del genitore convinto, dai successi giovanili del figlio, che questi sia un campione: alle prime sonore sconfitte - frequenti in età adolescenziale -, insinuerà nel figlio sfiducia nell'allenatore, nella

5 società, nelle metodologie; il ragazzo, disamorato dell'ambiente in cui è cresciuto, verrà abbagliato, complice l'incauto genitore, dalle sirene dell'allenatore di grido; una scelta di cambiamento che comporta anche disagi di viaggi lunghissimi o di trasferimento in nuova sede abitativa e di studio. In genere, tempo uno o due anni, l'atleta smette. Gianni Nagni - Solitamente all'inizio la spinta motivazionale per affrontare l'attività agonistica viene più dai genitori che dai figli. Di questo gli addetti ai lavori se ne devono fare una ragione, in quanto i giovanissimi nuotatori difficilmente inizierebbero questo impegnativo percorso. Io non sono convinto, come diceva Counsilman, che la squadra ideale potrebbe essere quella di un orfanotrofio. Anzi sono del parere che il nostro movimento non può fare a meno dei genitori. Il bravo allenatore è quello che tenendoli a debita distanza riesce ad educarli (agonisticamente parlando), coinvolgendoli fattivamente nel percorso del proprio figlio. Purtroppo è anche vero che i genitori così come sono importanti nella fase di avviamento, diventano spesso determinanti per la fase di abbandono. Questo succede quasi sempre per le aspettative riversate come un macigno sulle spalle dei propri figli. Tali aspettative trasmettono ansia e paura del confronto portando inevitabilmente a delusioni che rischiano di sfociare nell'abbandono precoce visto da parte dei ragazzi come una liberazione. [versione integrale sul sito] Redazione Il giudizio è inopportuno se basato sulla valutazione prestativa, perché comunque l'atleta cerca di dare il massimo e se non riesce ad esprimere il suo potenziale è il primo ad essere deluso: va incoraggiato perché si migliori o, se è andato bene, va compiaciuto con equilibrio. Punto. Le vere, buone, corrette ragioni per nuotare o praticare qualsiasi attività agonistica. Stefano Candidoni - Un vero atleta è colui che: 1) ha le lacrime agli occhi dopo aver migliorato la propria prestazione, pur lontanissima da criteri eccellenza; 2) chiede di poter fare un allenamento ridotto, pur di non perderlo, per esigenze di studio; 3) gioisce sinceramente per un buon risultato del compagno di squadra o si preoccupa di consolarlo per una delusione; 4) dialoga con l allenatore, sia quando le cose vanno bene che quando vanno male; 5) accetta senza riserve e alibi, nel bene e nel male, ciò che la gara testimonia; 6) ha un allenatore che, nella professionalità del suo operato, è capace sempre di mettersi in discussione; 7) si diverte facendo sport; 8) offre e chiede rispetto. Corrado Sorrentino - Nuoto o altro sport non fa differenza, in un'era sociale come questa, in cui cadere in errore è facilissimo, abbiamo l'obbligo morale di tenere i ragazzi nei contesti sportivi a prescindere dalle loro capacità o prospettive agonistiche; come già affermato un ragazzo che frequenta un centro sportivo eviterà esperienze negative che altri ambienti facilitano, predisponendosi ad un futuro di adulto equilibrato, retto e capace di affrontare a testa alta le sfide della vita. Massimo Giuliani - La pratica sportiva si compenetra profondamente all opera educativa delle scuole e genitoriale. Educare significa quindi tendere alla formazione quanto più completa e stabile della personalità, aiutando il fanciullo ad interagire con l ambiente e la comunità in modo libero. L agonismo va inteso come metodo educativo e quindi con un RUOLO FORMATIVO ricco di valori intrinseci e estrinseci. In sintesi, un'educazione che porti alla piena accettazione delle differenze, al rispetto delle regole, all'opportunità di socializzare e conoscere tante persone diverse, favorendo il tutto un arricchimento interiore. Gianni Nagni - La filosofia corretta, non solo per il nuoto, ma per lo sport agonistico in genere è quella che punta al miglioramento di se stessi indipendentemente dalle medaglie o dalla vittorie. Insegnando questo ai giovani avremo sicuramente meno abbandoni in caso di qualche piazzamento deludente e sicuramente grandi atleti più capaci di reagire di fronte a cocenti sconfitte. L'attività agonistica insegna ai nostri ragazzi a sacrificarsi quotidianamente per superare se stessi, investendo sul proprio impegno per il raggiungimento dei risultati. Cosa invece sempre più rara nella nostra società odierna che, in maniera fuorviante, premia subito l'apparire (senza sacrifici) e poco i contenuti: alla lunga è la sostanza che conta e sono sicuro che i nostri ragazzi, indipendentemente dalle loro vittorie, nella vita riusciranno ad avere più successo degli altri. Perché sarà retorico dirlo ma "LO SPORT è SCUOLA DI VITA"...! Redazione - Stare bene, credere in valori autentici che lo sport insegna e crescere sereni, sapendo che si può - deve - anche perdere (per primi dovrebbero saperlo i genitori), rispettando sempre l avversario.

Il mister, la squadra, i genitori, la società. Mister Roberto Babini descrive il suo ruolo e le sue competenze.

Il mister, la squadra, i genitori, la società. Mister Roberto Babini descrive il suo ruolo e le sue competenze. Il mister, la squadra, i genitori, la società. Mister Roberto Babini descrive il suo ruolo e le sue competenze. Roberto Babini (Allenatore di base con Diploma B UEFA) svolge da 13 anni l attività di allenatore.

Dettagli

QUESTIONARIO CONOSCITIVO PER GENITORI 09 10 (sommatoria delle risposte)

QUESTIONARIO CONOSCITIVO PER GENITORI 09 10 (sommatoria delle risposte) 1 QUESTIONARIO CONOSCITIVO PER GENITORI 09 10 (sommatoria delle risposte) (ALLEGATO N 2) Sono pervenuti 90 questionari compilati ma non tutti completi. Non è stata prevista una differenziazione per categorie

Dettagli

Codice di Comportamento 2015

Codice di Comportamento 2015 Codice di Comportamento 2015 Raccolta di modi di agire ai quali tendere, frutto di una ricerca e del confronto con altre società sportive, non solo nel settore pallavolo. Polisportiva D. Borgo Virgilio

Dettagli

Roberto Ghiretti Presidente Studio Ghiretti & Associati

Roberto Ghiretti Presidente Studio Ghiretti & Associati Roberto Ghiretti Presidente Studio Ghiretti & Associati 1 Lo Sport come strumento educativo Lo sport per i bambini e ragazzi rappresenta una straordinaria opportunità di crescita. Grazie all attività motoria,

Dettagli

L allenamento del talento e l equilibrio con la vita personale

L allenamento del talento e l equilibrio con la vita personale L allenamento del talento e l equilibrio con la vita personale A cura di Luca Stanchieri, Scuola Italiana di Life & Corporate Coaching Roma, 16 e 17 maggio 5/23/2013 GLI AUTORI Equipe di Ricerca: Scuola

Dettagli

Questo opuscolo è rivolto a voi che con il vostro

Questo opuscolo è rivolto a voi che con il vostro Stralci da Cari Genitori 1990 Si ringraziano: Carlo Tranquilli, Vincenzo Prunelli, Barbara Benedetti, Federazione Giorgio Castelli, Associazione Alessandro Bini madvertising.it Cari Genitori... Questo

Dettagli

Segreti e consigli della campionessa Italiana (17 volte) Barbara Rattazzi Presentazione di Sauro Amboni Intervista di Marcella Costato

Segreti e consigli della campionessa Italiana (17 volte) Barbara Rattazzi Presentazione di Sauro Amboni Intervista di Marcella Costato della Maestra Mery Anesa Mery Anesa Segreti e consigli della campionessa Italiana (17 volte) Barbara Rattazzi Presentazione di Sauro Amboni Intervista di Marcella Costato Giugno 2011 Osservazioni e commenti

Dettagli

Favorire l autostima nel bambino. Mario Di Pietro www.educazione-emotiva.it segreteria@mariodipietro.it

Favorire l autostima nel bambino. Mario Di Pietro www.educazione-emotiva.it segreteria@mariodipietro.it Favorire l autostima nel bambino Mario Di Pietro www.educazione-emotiva.it segreteria@mariodipietro.it 1 Un senso di impotenza si sviluppa in seguito all incapacità di influenzare positivamente le proprie

Dettagli

APPORT ASSOCIAZIONE ITALIANA PREPARATORI PORTIERI. L importanza del preparatore dei portieri nell aspetto psicologico nelle scuole calcio

APPORT ASSOCIAZIONE ITALIANA PREPARATORI PORTIERI. L importanza del preparatore dei portieri nell aspetto psicologico nelle scuole calcio ASSOCIAZIONE ITALIANA PREPARATORI PORTIERI L importanza del preparatore dei portieri nell aspetto psicologico nelle scuole calcio di Matteo Bonavolontà preparatore portieri scuola calcio S.S. Lazio L aspetto

Dettagli

Fattori r O r O g r ani n co M us u c s olari r : Fattori r a na n gra r fi f ci s t s ru r t u tur u a r li

Fattori r O r O g r ani n co M us u c s olari r : Fattori r a na n gra r fi f ci s t s ru r t u tur u a r li Il Coaching nei Giochi Sportivi Perché un atleta si allena? Per far in modo che nell organismo avvengano dei cambiamenti tali da determinare un miglioramento della prestazione. Dr. Fabrizio Perroni, Ph.D.

Dettagli

Il benessere educativo che i figli ci chiedono

Il benessere educativo che i figli ci chiedono Il benessere educativo che i figli ci chiedono Maristella Meli IL BENESSERE EDUCATIVO CHE I FIGLI CI CHIEDONO affetto e disciplina nella genitorialità www.booksprintedizioni.it Copyright 2014 Maristella

Dettagli

INTRODUZIONE. Perché abbiamo stilato questo Codice?

INTRODUZIONE. Perché abbiamo stilato questo Codice? INTRODUZIONE Perché abbiamo stilato questo Codice? Con questo insieme di regole la società GSD MontecatiniMurialdo vuole avvicinarsi ai propri giovani calciatori, cercando di insegnare loro le fondamentali

Dettagli

Codice Deontologico del Volontario adottato dalla Federazione Cure Palliative

Codice Deontologico del Volontario adottato dalla Federazione Cure Palliative Art.5. Agisce senza fini di lucro anche indiretto e non accetta regali o favori, se non di modico valore. ASSOCIAZIONE VOLONTARI ASSISTENZA PAZIENTI ONCOLOGICI Codice Deontologico del Volontario adottato

Dettagli

PROGETTARE LA MEDITAZIONE NELLE SCUOLE, NELLE COMUNITÁ E NEI CENTRI DI AGGREGAZIONE, PER BAMBINI E ADOLESCENTI, INSEGNANTI ED EDUCATORI

PROGETTARE LA MEDITAZIONE NELLE SCUOLE, NELLE COMUNITÁ E NEI CENTRI DI AGGREGAZIONE, PER BAMBINI E ADOLESCENTI, INSEGNANTI ED EDUCATORI PROGETTARE LA MEDITAZIONE NELLE SCUOLE, NELLE COMUNITÁ E NEI CENTRI DI AGGREGAZIONE, PER BAMBINI E ADOLESCENTI, INSEGNANTI ED EDUCATORI Cos è la meditazione e a cosa serve nel processo educativo La meditazione

Dettagli

EDUCARE ALLA CORRESPONSABILITA Aspetti psico-educativi nella relazione genitori-figli. Alessandro Ricci Psicologo Psicoterapeuta Università Salesiana

EDUCARE ALLA CORRESPONSABILITA Aspetti psico-educativi nella relazione genitori-figli. Alessandro Ricci Psicologo Psicoterapeuta Università Salesiana EDUCARE ALLA CORRESPONSABILITA Aspetti psico-educativi nella relazione genitori-figli Alessandro Alessandro Ricci Ricci Psicologo Psicologo Psicoterapeuta Psicoterapeuta Università Università Salesiana

Dettagli

Progetto Baseball per tutti Crescere insieme in modo sano

Progetto Baseball per tutti Crescere insieme in modo sano Progetto Baseball per tutti Crescere insieme in modo sano Il baseball, uno sport. Il baseball, uno sport di squadra. Il baseball, uno sport che non ha età. Il baseball, molto di più di uno sport, un MODO

Dettagli

L ANSIA DA PRESTAZIONE SCOLASTICA

L ANSIA DA PRESTAZIONE SCOLASTICA L ANSIA DA PRESTAZIONE SCOLASTICA Come affrontarla a scuola e in famiglia. Centro AP - Psicologia e Psicosomatica Piazza Trasimeno, 2-00198 Roma - Tel: 06 841.41.42 - www.centroap.it 1 Perché tanta attenzione?

Dettagli

Introduzione. A chi è destinato il programma? Obiettivi

Introduzione. A chi è destinato il programma? Obiettivi Introduzione Tina e Toni è un programma di prevenzione globale destinato alle strutture che accolgono bambini dai 4 ai 6 anni, come le scuole dell infanzia, le strutture d accoglienza e i centri che organizzano

Dettagli

- Cassinetto - Scuola Addestramento Tennis

- Cassinetto - Scuola Addestramento Tennis - Cassinetto - Scuola Addestramento Tennis Il Tennis e la preparazione mentale Progetto per la Stagione sportiva 2011/2012 Agosto 2011 Project Leader: Chiara Valdata Obiettivi del Progetto: Il progetto

Dettagli

Circolo Didattico di Angera

Circolo Didattico di Angera Circolo Didattico di Angera COME AIUTARE I PROPRI FIGLI A STUDIARE E A FARE I COMPITI Indicazioni della scuola per i genitori degli alunni Linee guida redatte dal Nucleo di Autovalutazione e Qualità PREMESSA

Dettagli

Gestire le Risorse Umane - Costruire Fiducia Sospiro (Cremona) 19 giugno 2009

Gestire le Risorse Umane - Costruire Fiducia Sospiro (Cremona) 19 giugno 2009 Bologna - Tel. & fax 051 543101 e-mail: e.communication@fastwebnet.it www.excellencecommunication.it Gestire le Risorse Umane - Costruire Fiducia Sospiro (Cremona) 19 giugno 2009 Docente: Antonella Ferrari

Dettagli

Codice di Comportamento Sportivo del TREVIGLIO RUGBY

Codice di Comportamento Sportivo del TREVIGLIO RUGBY PREMESSA TREVIGLIO A.S.D. la quale opera, in conformità al relativo Statuto, nel settoro sportivo, ricreativo e culturale, con lo scopo di sviluppare e diffondere il rugby inteso come mezzo di formazione

Dettagli

PROGRAMMA FORMATIVO SCUOLA CALCIO

PROGRAMMA FORMATIVO SCUOLA CALCIO PROGRAMMA FORMATIVO SCUOLA CALCIO COSA E L insieme di attività avviate dall allenatore per formare il ragazzo, attraverso lo sport, ai valori umani e cristiani PARTI COINVOLTE - ALLENATORE RESP. ANNATA

Dettagli

PROGRAMMA OFFERTA FORMATIVA (P.O.F.)

PROGRAMMA OFFERTA FORMATIVA (P.O.F.) Sede e campo sportivo U. Orlandini via Vivaldi, 8 30029 Santo Stino di Livenza - Venezia Telefono - Fax 0421 / 310914 e-mail: calciosanstino@libero.it sito web : www.calciosanstino.it Matricola F.I.G.C.:

Dettagli

La Scuola Primaria. Affrontare insieme le difficoltà

La Scuola Primaria. Affrontare insieme le difficoltà La Scuola Primaria Un percorso di crescita fondamentale nello sviluppo delle competenze e delle conoscenze. Un ambiente educativo sereno e inclusivo nel quale è possibile promuovere, sostenere ed accompagnare

Dettagli

A.S.D. PRO CALCIO ITALIA

A.S.D. PRO CALCIO ITALIA A.S.D. PRO CALCIO ITALIA Gioca a testa alta Stagione 2015-2016 PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA (POF) PREMESSA L attività calcistica giovanile è regolata sulla base dei principi dalla Carta dei diritti dei

Dettagli

LEADERSHIP E COESIONE DI SQUADRA SECONDO I PRINCIPI DELLA METODOLOGIA OPERATIVA

LEADERSHIP E COESIONE DI SQUADRA SECONDO I PRINCIPI DELLA METODOLOGIA OPERATIVA LEADERSHIP E COESIONE DI SQUADRA SECONDO I PRINCIPI DELLA METODOLOGIA OPERATIVA Sul tema della leadership già a partire dai primi anni del novecento sono stati sviluppati diversi studi, che consideravano

Dettagli

Il venditore di successo deve essere un professionista competente,

Il venditore di successo deve essere un professionista competente, Ariel SIGNORELLI A vete mai ascoltato affermazioni del tipo: sono nato per fare il venditore ; ho una parlantina così sciolta che quasi quasi mi metto a vendere qualcosa ; qualcosa ; è nato per vendere,

Dettagli

PROGETTO SCUOLA CALCIO A.S.D. TERME VIGLIATORE

PROGETTO SCUOLA CALCIO A.S.D. TERME VIGLIATORE Premessa Prima di parlare di un progetto concreto di scuola calcio, riteniamo opportuno analizzare alcuni comportamenti fondamentali che ci vengono propinati dalla società. I bambini d oggi non hanno a

Dettagli

SCUOLA CALCIO STAGIONE 2015 2016

SCUOLA CALCIO STAGIONE 2015 2016 SCUOLA CALCIO STAGIONE 2015 2016 Introduzione Carissimi Genitori, l' obiettivo principale della nostra Scuola Calcio è la formazione sportiva globale dell' allievo/a attraverso un percorso per tappe e

Dettagli

REGOLAMENTO SCUOLA CALCIO A.S.D. NINO CANTONE. Stagione 2015/16

REGOLAMENTO SCUOLA CALCIO A.S.D. NINO CANTONE. Stagione 2015/16 REGOLAMENTO SCUOLA CALCIO A.S.D. NINO CANTONE Stagione 2015/16 L attività calcistica giovanile è regolata sulla base dei principi dalla Carta dei diritti dei ragazzi allo Sport ( Ginevra 1992 Commissione

Dettagli

INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile

INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile Novembre 2011 Nel primo incontro di questo giornalino ognuno di noi ha proposto la sua definizione di lavoro minorile e ha raccontato la sua esperienza. personale.

Dettagli

IL COMPORTAMENTO DEL LEADER E LA REAZIONE DEI MEMBRI DEL GRUPPO IN TRE DIVERSI CLIMI AZIENDALI AUTORITARIO DEMOCRATICO LASSISTA. www.ergonomica.

IL COMPORTAMENTO DEL LEADER E LA REAZIONE DEI MEMBRI DEL GRUPPO IN TRE DIVERSI CLIMI AZIENDALI AUTORITARIO DEMOCRATICO LASSISTA. www.ergonomica. IL COMPORTAMENTO DEL LEADER E LA REAZIONE DEI MEMBRI DEL GRUPPO IN TRE DIVERSI CLIMI AZIENDALI AUTORITARIO DEMOCRATICO LASSISTA Ogni decisione sul da farsi viene presa dal leader. Tutte le cose da farsi

Dettagli

QUESTIONARIO DI EFFICACIA DELL INCONTRO. La valutazione dovrà essere espressa in scala da 1 (per niente) a 5 (pienamente).

QUESTIONARIO DI EFFICACIA DELL INCONTRO. La valutazione dovrà essere espressa in scala da 1 (per niente) a 5 (pienamente). QUESTIONARIO DI EFFICACIA DELL INCONTRO Gentile genitore, le sottoponiamo il presente questionario anonimo al termine dell incontro a cui ha partecipato. La valutazione da lei espressa ci aiuterà a capire

Dettagli

Manuale di autovalutazione genitoriale

Manuale di autovalutazione genitoriale Manuale di autovalutazione genitoriale Io, genitore non per caso! Figli da 6 a 10 anni Strumento di riflessione sulla qualità del buon genitore a cura di Cesarino Marchioro. Ogni genitore potrà scegliere

Dettagli

Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore

Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore Crescere un bambino Indaco o Cristallo è un privilegio speciale in questo momento di turbolenze e cambiamenti. Come genitori, state contribuendo

Dettagli

UNA RICERCA ESPLORATIVA

UNA RICERCA ESPLORATIVA UNA RICERCA ESPLORATIVA ISTRUZIONE E CAPITALE SOCIALE Prof. Adriana Fazio Anno scolastico 2009/2010 1 Istruzione e capitale sociale Capitale sociale è una rete di relazioni caratterizzate da fiducia e

Dettagli

L amore viene considerato il motore del mondo, per amore (o pseudo tale) noi compiamo la

L amore viene considerato il motore del mondo, per amore (o pseudo tale) noi compiamo la Il vero Amore L amore viene considerato il motore del mondo, per amore (o pseudo tale) noi compiamo la maggior parte delle nostre azioni, inoltre credo che esso sia la cosa più bella che Dio ci ha donato,

Dettagli

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di alcol L alcolismo è una malattia che colpisce anche il contesto famigliare

Dettagli

IL COUNSELING NELLE PROFESSIONI D AIUTO

IL COUNSELING NELLE PROFESSIONI D AIUTO IL COUNSELING NELLE PROFESSIONI D AIUTO Obiettivi: Conoscere le peculiarità del counseling nelle professioni d aiuto Individuare le abilità del counseling necessarie per svolgere la relazione d aiuto Analizzare

Dettagli

Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013

Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013 Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013 Breve saluto con tre slides. Chi siamo: fondamentalmente siamo genitori per genitori

Dettagli

U.S. VIRTUS BINASCO. Stagione Sportiva

U.S. VIRTUS BINASCO. Stagione Sportiva U.S. VIRTUS BINASCO Stagione Sportiva 2014-2015 CONSIGLIO DIRETTIVO Presidente 1.PACCALINI MASSIMO Vice Presidente 2.MALATERRA DAVIDE 3.CARENINI STEFANO Consiglieri 4.ARIOLI LUIGI 5.CICERONE SERGIO 6.CARERA

Dettagli

EDUCARE È COSA DEL CUORE Educare figli adolescenti: sfida o percorso di crescita condiviso? Educare alle emozioni e all'affettività

EDUCARE È COSA DEL CUORE Educare figli adolescenti: sfida o percorso di crescita condiviso? Educare alle emozioni e all'affettività EDUCARE È COSA DEL CUORE Educare figli adolescenti: sfida o percorso di crescita condiviso? Educare alle emozioni e all'affettività Stili educativi riferiti alle emozioni Di fronte alle emozioni, alla

Dettagli

Io tifo positivo nel segno di Candido

Io tifo positivo nel segno di Candido BRUGHERIO Io tifo positivo nel segno di Candido La PROPOSTA parte da un lavoro che ha visto in questi anni coinvolti circa 10000 ragazzi delle scuole primarie e secondarie di molti comuni della provincia

Dettagli

COME ALLENERO QUEST ANNO?

COME ALLENERO QUEST ANNO? COME ALLENERO QUEST ANNO? Io sono fatto così!!! Io ho questo carattere!!! Io sono sempre stato abituato così!!!! Io ho sempre fatto così!!!!!! Per me va bene così!!!!! Io la penso così!!! Quando si inizia

Dettagli

LEARNIT DONNE NEL SETTORE INFOMATICO

LEARNIT DONNE NEL SETTORE INFOMATICO LEARNIT DONNE NEL SETTORE INFOMATICO CLAIRE (UK) Il presente progetto è finanziato con il sostegno della Commissione europea. L'autore è il solo responsabile di questa pubblicazione (comunicazione) e la

Dettagli

LA FAMIGLIA CHE EDUCA

LA FAMIGLIA CHE EDUCA LA FAMIGLIA CHE EDUCA Messaggio alle famiglie - Pasqua 2009 Diocesi di Fano Fossombrone Cagli Pergola L educazione delle virtù umane è alla base dell educazione cristiana Il senso dell autorità La famiglia

Dettagli

nostre «certezze» sul fatto che senza di lui non potremo mai più essere felici, che durano fino a una nuova... relazione!) continueremo a infilarci

nostre «certezze» sul fatto che senza di lui non potremo mai più essere felici, che durano fino a una nuova... relazione!) continueremo a infilarci Pensieri. Perché? Cara dottoressa, credo di avere un problema. O forse sono io il problema... La mia storia? Stavo con un ragazzo che due settimane fa mi ha lasciata per la terza volta, solo pochi mesi

Dettagli

Insegnare il Basket - versione e book

Insegnare il Basket - versione e book Lezione n. 1 Metodologia d insegnamento: spiegazione, dimostrazione, correzione Introduzione La metodologia dell insegnamento è la base di una corretta crescita tecnica tattica e psicologica degli atleti.

Dettagli

Il calcio come veicolo educativo.

Il calcio come veicolo educativo. N.42 MAGGIO 2007 RIVISTA ELETTRONICA DELLA CASA EDITRICE WWW.ALLENATORE.NET REG. TRIBUNALE DI LUCCA N 785 DEL 15/07/03 DIRETTORE RESPONSABILE: FERRARI FABRIZIO COORDINATORE TECNICO: LUCCHESI MASSIMO SEDE

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

FEDERAZIONE ITALIANA GOLF

FEDERAZIONE ITALIANA GOLF Manuale Azzurro allegato D FEDERAZIONE ITALIANA GOLF Modello per la creazione e gestione di un Club dei Giovani Il modello, tratto dall esperienza maturata nei Circoli che hanno svolto con successo l Attività

Dettagli

Lezione n 1 L educazione come atto ermeneutico (1)

Lezione n 1 L educazione come atto ermeneutico (1) Lezione n 1 L educazione come atto ermeneutico (1) La conoscenza pedagogica, nella misura in cui fa riferimento alla persona considerata nel suo complesso, non si fonda sul procedimento conoscitivo della

Dettagli

Il valore della diversità. La performance non codificata

Il valore della diversità. La performance non codificata I Il valore della diversità La performance non codificata Sono salito sulla cattedra per ricordare a me stesso che dobbiamo guardare le cose sempre da angolazioni diverse" Robin Williams in "L'attimo fuggente"

Dettagli

I DIRITTI DEI BAMBINI AGENZIE EDUCATIVE DIDATTICA CONCLUSIONI RINGRAZIAMENTI

I DIRITTI DEI BAMBINI AGENZIE EDUCATIVE DIDATTICA CONCLUSIONI RINGRAZIAMENTI I DIRITTI DEI BAMBINI AGENZIE EDUCATIVE DIDATTICA CONCLUSIONI RINGRAZIAMENTI I DIRITTI DEI BAMBINI Il Table Soccer Club Black Rose 98 Roma regola l attività giovanile per quanto attiene il Subbuteo - Calcio

Dettagli

LA CHIAVE D INGRESSO

LA CHIAVE D INGRESSO LA CHIAVE D INGRESSO Una personalità così ricca e così umanamente complessa quale quella che emerge dai manoscritti di Sandra Sabattini non poteva non essere analizzata da un punto di vista psico-grafologico.

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA DI CASALGRASSO

SCUOLA DELL INFANZIA DI CASALGRASSO ISTITUTO COMPRENSIVO DI MORETTA DI CASALGRASSO ANNO SCOLASTICO 2014/2015 MAMME E PAPÀ, questa è la prima SCUOLA che incontrate da genitori e sarà un esperienza nuova, per voi e per i vostri bambini. NON

Dettagli

La Scuola dell Infanzia

La Scuola dell Infanzia La Scuola dell Infanzia Un ambiente educativo accogliente e stimolante; nel quale sia naturale sviluppare, attraverso esperienze, attività e giochi, alcune competenze di base che strutturino la crescita

Dettagli

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti,

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, si è conclusa con una lezione aperta per i genitori.

Dettagli

Noi, gli educatori e i giovani

Noi, gli educatori e i giovani Noi, gli educatori e i giovani Noi, gli educatori e i giovani Indice Presentazione pag 5 Progetto a cura di: F.I.G.C. Settore Giovanile e Scolastico Si ringrazia per il lavoro svolto nella realizzazione

Dettagli

L ETICA DELL ECCELLENZA

L ETICA DELL ECCELLENZA INTRODUZIONE Nel gestire le nostre organizzazioni e nel costruire le nostre carriere abbiamo bisogno di principi che trascendano il tempo. Abbiamo bisogno di standard elevati l'etica dell'eccellenza. Price

Dettagli

Adolescenza: la coppia scoppia?

Adolescenza: la coppia scoppia? Adolescenza: la coppia scoppia? Cambiamento e conflittualità in adolescenza dei genitori e dei figli Valeria D Anchise Psicologa, Psicoterapeuta, Diagnosi DSA Sonja Riva Professional Counselor, Mediatrice

Dettagli

CODICE DEONTOLOGICO DELLO PSICOLOGO CLINICO DELLO SPORT PER L ETA EVOLUTIVA PREMESSA

CODICE DEONTOLOGICO DELLO PSICOLOGO CLINICO DELLO SPORT PER L ETA EVOLUTIVA PREMESSA CODICE DEONTOLOGICO DELLO PSICOLOGO CLINICO DELLO SPORT PER L ETA EVOLUTIVA PREMESSA Lo Psicologo clinico dello Sport che voglia prestare le proprie competenze al settore dell Età evolutiva, è chiamato

Dettagli

REGOLAMENTO. Art.1 ETA :

REGOLAMENTO. Art.1 ETA : CONERO-DRIBBLING CALCIO Sede: Via Moglie snc Offagna (AN) P.I. e C.F. 02598120422 Matr. F.I.G.C. 937749 F.I.G.C. I.N.D. S.G.S. Scuola Calcio e Centro di Avviamento allo sport riconosciuta CONI Tel e Fax

Dettagli

Programmazione Annuale

Programmazione Annuale Programmazione Annuale Scuola Calcio Milan di Vieste CATEGORIE Pulcini 2001-2002-2003 I BAMBINI IMPARANO CIÒ CHE VIVONO...: Se un bambino vive nella tolleranza impara ad essere paziente. Se un bambino

Dettagli

EDUCARE. TRA ALLENATORI, GENITORI E DIRIGENTI

EDUCARE. TRA ALLENATORI, GENITORI E DIRIGENTI PER INIZIARE EDUCARE. TRA ALLENATORI, GENITORI E DIRIGENTI Dicesi dirigente un signore che dovrebbe non dirigere ma animare; non solo animare ma testimoniare, non solo testimoniare, ma motivare. Insomma,

Dettagli

Dopo la formazione i mentori saranno consapevoli che

Dopo la formazione i mentori saranno consapevoli che Modulo 2 Le tecniche del mentor/tutor 2.5. Perché e in che modo le competenze pedagogiche sono importanti per i mentori che lavorano nella formazione professionale (VET) Tempistica Tempo totale 2 ore:

Dettagli

Il Quotidiano in Classe. Classe III sez. B

Il Quotidiano in Classe. Classe III sez. B Il Quotidiano in Classe Classe III sez. B Report degli articoli pubblicati Dagli studenti sul HYPERLINK "iloquotidiano.it" Ilquotidianoinclasse.it Allestimento di Lorenzo Testa Supervisione di Chiara Marra

Dettagli

IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD

IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD CHIARA DE CANDIA chiaradecandia@libero.it 1 IL CONCETTO DI SE È la rappresentazione delle proprie caratteristiche e capacità in relazione

Dettagli

Ludovica Scarpa Che cos è la competenza sociale?

Ludovica Scarpa Che cos è la competenza sociale? Ludovica Scarpa Che cos è la competenza sociale? Come l intelligenza e l empatia, e un poco come tutte le caratteristiche che contraddistinguono gli esseri umani, anche la competenza sociale non è facile

Dettagli

COME LAVORA L ALLENATORE DEI GIOVANI

COME LAVORA L ALLENATORE DEI GIOVANI COME LAVORA L ALLENATORE DEI GIOVANI PORTIERI di: DEFLORIO VITO Laureato in Scienze Motorie Preparatore dei Portieri INTRODUZIONE Questo lavoro e frutto della mia esperienza come allenatore dei giovani

Dettagli

Un progetto di formazione, nell ambito matematico-scientifico, promosso dalla Regione Toscana

Un progetto di formazione, nell ambito matematico-scientifico, promosso dalla Regione Toscana Un progetto di formazione, nell ambito matematico-scientifico, promosso dalla Regione Toscana Il Progetto di Educazione Scientifica promosso dalla Regione Toscana ha coinvolto i docenti in un attività

Dettagli

IL COLLOQUIO DI ORIENTAMENTO

IL COLLOQUIO DI ORIENTAMENTO IL COLLOQUIO DI ORIENTAMENTO Definizione Le finalità del colloquio Il contesto del colloquio Il ruolo dell orientatore La struttura del colloquio La fase di accoglienza Cenni sugli strumenti 1 Che cos

Dettagli

PROGETTARE IL PORTFOLIO M.A. Zanetti, D. Miazza Dipartimento di Psicologia, Università di Pavia

PROGETTARE IL PORTFOLIO M.A. Zanetti, D. Miazza Dipartimento di Psicologia, Università di Pavia ABSTRACT PROGETTARE IL PORTFOLIO M.A. Zanetti, D. Miazza Dipartimento di Psicologia, Università di Pavia La riforma del sistema scolastico ha delineato nuovi possibili scenari all interno dei quali devono

Dettagli

1 CIRCOLO DIDATTICO DI ISCHIA

1 CIRCOLO DIDATTICO DI ISCHIA 1 CIRCOLO DIDATTICO DI ISCHIA PROGETTO GIOCO SPORT FINALITA Il Progetto Gioco-Sport intende rendere evidente e far comprendere il valore altamente educativo delle attività sportive, individuali e collettive

Dettagli

200 metri che fatica: Velocità o resistenza?

200 metri che fatica: Velocità o resistenza? "Siamo orgogliosi di presentare questa preziosa ed inedita opera del Prof. Vittori, che racchiude sinteticamente le indicazioni per poter realizzare, agevolmente, un 200 metri di valore assoluto." 200

Dettagli

Numero 4 Giugno 2008. A cura di Giuseppe Prencipe

Numero 4 Giugno 2008. A cura di Giuseppe Prencipe Numero 4 Giugno 2008 A cura di Giuseppe Prencipe Un bovolonese di serie A Matteo Gianello nazionalità: Italia nato a: Bovolone (VR) il: 7 Maggio 1976 ruolo: Portiere altezza: 189 cm peso: 85 kg Società

Dettagli

Donna Ì : un milione di no

Donna Ì : un milione di no Ì : un milione di no IL NOSTRO TEAM Siamo un trio ma siamo anche una coppia di fidanzati, due fratelli, due amici che da qualche anno convive e condivide esperienze di vita ma anche interessi sociali e

Dettagli

MENTAL COACHING ISTRUZIONI PER L USO. Aldo Chiari. 1 Tutti i Diritti Riservati Vietata qualsiasi duplicazione del presente ebook

MENTAL COACHING ISTRUZIONI PER L USO. Aldo Chiari. 1 Tutti i Diritti Riservati Vietata qualsiasi duplicazione del presente ebook MENTAL COACHING ISTRUZIONI PER L USO Aldo Chiari 1 A Drusiana, fonte di energia A Salvatore, meraviglioso mentore 2 Siamo quello che pensiamo. Tutto ciò che siamo nasce con i nostri pensieri. Noi creiamo

Dettagli

PROGETTO INSERIMENTO ACCOGLIENZA (2013/14)

PROGETTO INSERIMENTO ACCOGLIENZA (2013/14) ISTITUTO COMPRENSIVO S. LUCIA BERGAMO - SCUOLA DELL INFANZIA STATALE AQUILONE - Via Sylva,10 Tel. 035-402077 PROGETTO INSERIMENTO ACCOGLIENZA (2013/14) Chi ben comincia è a metà dell opera 0 Premessa Iniziare

Dettagli

PARACICLISMO HANDBIKE

PARACICLISMO HANDBIKE PARACICLISMO HANDBIKE Analisi di alcuni aspetti tecnici e di gara Il modello di prestazione UN GRAZIE PARTICOLARE ALL' ATLETA VITTORIO PODESTA' ED AL TECNICO FRANCESCO CHIAPPERO PER ALCUNI DATI DELLA RELAZIONE

Dettagli

da Il piccolo principe di Antoine de Saint-Exupéry

da Il piccolo principe di Antoine de Saint-Exupéry Il mio disegno non era il disegno di un cappello. Era il disegno di un boa che digeriva un elefante. Affinchè vedessero chiaramente che cos era, disegnai l interno del boa. Bisogna sempre spiegargliele

Dettagli

La motivazione del personale 2013

La motivazione del personale 2013 La motivazione del personale 2013 Federica Bandini Concetto fondamentale Necessario garantire continua compatibilità tra: Esigenze del sistema organizzativo (ente) Esigenze di individui e gruppi Assicurare

Dettagli

Il bambino con ADHD a scuola

Il bambino con ADHD a scuola Teramo 20-04-2010 Dott.ssa Adriana Sigismondi ADHD Caratteristiche DISATTENZIONE IMPULSIVITA IPERATTIVITA 1 1 ATTENZIONE I bambini con un disturbo di attenzione manifestano problemi in compiti che richiedono

Dettagli

Paola Dell Orto presidentessa di Agedo (L Associazione di genitori di omosessuali)

Paola Dell Orto presidentessa di Agedo (L Associazione di genitori di omosessuali) Paola Dell Orto presidentessa di Agedo (L Associazione di genitori di omosessuali) Al mare, verso gli undici anni, avevo fatto amicizia con un bagnino. Una cosa innocentissima, ma mia madre mi chiedeva

Dettagli

Sindaco BERGAGNA Stefano Passiamo al successivo punto all ordine del. giorno. Cedo un attimo la presidenza al Vice Sindaco perché devo un

Sindaco BERGAGNA Stefano Passiamo al successivo punto all ordine del. giorno. Cedo un attimo la presidenza al Vice Sindaco perché devo un 1 Sindaco BERGAGNA Stefano Passiamo al successivo punto all ordine del giorno. Cedo un attimo la presidenza al Vice Sindaco perché devo un attimo assentarmi, ma è una questione di cinque minuti. Devo uscire,

Dettagli

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO 1. Il bambino sviluppa il senso dell identità personale, è consapevole delle proprie esigenze e dei propri sentimenti, sa controllarli ed esprimerli in modo adeguato

Dettagli

Ogni piccolo miglioramento è un grande miglioramento

Ogni piccolo miglioramento è un grande miglioramento Nei rapporti con le persone che ami, nell essere genitore, nella comunicazione, nel lavoro, nel business e nella vendita devi avere comportamenti eccezionali, saperti distinguere e usare una comunicazione

Dettagli

GRUPPI DI INCONTRO per GENITORI

GRUPPI DI INCONTRO per GENITORI Nell ambito delle attività previste dal servizio di Counseling Filosofico e di sostegno alla genitorialità organizzate dal nostro Istituto, si propone l avvio di un nuovo progetto per l organizzazione

Dettagli

PAOLO COLOSSO LE MIE ESPERIENZE CON IL PERSONAL COMPUTER COME RAGAZZO DIVERSAMENTE ABILE - 1 -

PAOLO COLOSSO LE MIE ESPERIENZE CON IL PERSONAL COMPUTER COME RAGAZZO DIVERSAMENTE ABILE - 1 - PAOLO COLOSSO LE MIE ESPERIENZE CON IL PERSONAL COMPUTER COME RAGAZZO DIVERSAMENTE ABILE - 1 - Indice: 1. Presentazione di me stesso. 2. Come ho imparato ad usare il p. c. 3. Che programmi ci sono nel

Dettagli

Trovare il lavorochepiace

Trovare il lavorochepiace Trovare il lavorochepiace Perché a molti sembra così difficile? Perché solo pochi ci riescono? Quali sono i pezzi che perdiamo per strada, gli elementi mancanti che ci impediscono di trovare il lavorochepiace?

Dettagli

Proposta di intervento rieducativo con donne operate al seno attraverso il sistema BIODANZA

Proposta di intervento rieducativo con donne operate al seno attraverso il sistema BIODANZA Proposta di intervento rieducativo con donne operate al seno attraverso il sistema BIODANZA Tornare a «danzare la vita» dopo un intervento al seno Micaela Bianco I passaggi Coinvolgimento medici e fisioterapiste

Dettagli

Conversazioni sulla comunicazione didattica

Conversazioni sulla comunicazione didattica Conversazioni sulla comunicazione didattica 1. La comunicazione didattica Un approccio ragionato sulla questione dell autostima e dell autoefficacia L uso dei rinforzi per il miglioramento dell autoefficacia

Dettagli

SOS GIOCO! ARTICOLO 31

SOS GIOCO! ARTICOLO 31 ARTICOLO 31 1. Gli Stati parti riconoscono al fanciullo il diritto al riposo ed allo svago, a dedicarsi al gioco e ad attività ricreative proprie della sua età, ed a partecipare liberamente alla vita culturale

Dettagli

incontro bambini-anziani

incontro bambini-anziani Progetto di integrazione sociale: incontro bambini-anziani Tirocinante Scanderebech Roberta 1 La Fondazione Edoardo Filograna è un centro polivalente per la Terza Età che ospita attualmente circa 120 anziani

Dettagli

COME MOTIVARE IL PROPRIO FIGLIO NELLO STUDIO

COME MOTIVARE IL PROPRIO FIGLIO NELLO STUDIO COME MOTIVARE IL PROPRIO FIGLIO NELLO STUDIO Studiare non è tra le attività preferite dai figli; per questo i genitori devono saper ricorrere a strategie di motivazione allo studio, senza arrivare all

Dettagli

Regole per un buon Animatore

Regole per un buon Animatore Regole per un buon Animatore ORATORIO - GROSOTTO Libretto Animatori Oratorio - Grosotto Pag. 1 1. Convinzione personale: fare l animatore è una scelta di generoso servizio ai ragazzi per aiutarli a crescere.

Dettagli

ADOZIONE E ADOLESCENZA: LA TEMPESTA DOPO LA QUIETE. Gli imprevisti e le opportunità dell'essere genitori di un adolescente adottivo

ADOZIONE E ADOLESCENZA: LA TEMPESTA DOPO LA QUIETE. Gli imprevisti e le opportunità dell'essere genitori di un adolescente adottivo ADOZIONE E ADOLESCENZA: LA TEMPESTA DOPO LA QUIETE Gli imprevisti e le opportunità dell'essere genitori di un adolescente adottivo «La crisi adolescenziale non lo è più di quanto non lo sia il parto; è

Dettagli

IL PROGETTO TUTORING : FARE SCUOLA TRA INTEGRAZIONE E ANTIDISPERSIONE

IL PROGETTO TUTORING : FARE SCUOLA TRA INTEGRAZIONE E ANTIDISPERSIONE IL PROGETTO TUTORING : FARE SCUOLA TRA INTEGRAZIONE E ANTIDISPERSIONE Guiducci Martina, insegnante Scuola Secondaria di Primo Grado Giovanni XXIII, Castellarano (RE) Il Progetto Tutoring, attivo nella

Dettagli

PUOI AVERE TUTTI I DATI E LE CIFRE, TUTTE LE PROVE, TUTTI GLI APPOGGI CHE VUOI, MA SE NON PADRONEGGI LA FIDUCIA NON ANDRAI DA NESSUNA PARTE.

PUOI AVERE TUTTI I DATI E LE CIFRE, TUTTE LE PROVE, TUTTI GLI APPOGGI CHE VUOI, MA SE NON PADRONEGGI LA FIDUCIA NON ANDRAI DA NESSUNA PARTE. FIDUCIA IN AZIONE Se tratti un uomo quale egli è, rimarrà così com è. Ma se lo tratti come se fosse quello che potrebbe essere, egli diverrà ciò che potrebbe essere. J. W. Goethe PUOI AVERE TUTTI I DATI

Dettagli