Rivelazioni su virtù e vizi (i mali: maleducazione sportiva di genitori, atleti e qualche allenatore) del dietro le quinte del mondo agonistico

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Rivelazioni su virtù e vizi (i mali: maleducazione sportiva di genitori, atleti e qualche allenatore) del dietro le quinte del mondo agonistico"

Transcript

1 Versione integrale TUTTO IL BENE DELL'AGONISMO Rivelazioni su virtù e vizi (i mali: maleducazione sportiva di genitori, atleti e qualche allenatore) del dietro le quinte del mondo agonistico Intervista a cura di Marco Tornatore Happy Aquatics quasi mai tocca argomenti afferenti l'agonismo, trattati con ben più autorevolezza da testate specializzate (Mondo del Nuoto su tutti). Tuttavia, l'abbrivio dato dall'articolo di Federico Gross e i successivi commenti più o meno edificanti di alcuni lettori, ma soprattutto il valore altamente educativo, quindi socialmente rilevante, che ha nei ragazzi l'esperienza agonistica, ci hanno indotti a chiedere il parere ad allenatori molto esperti, completando il confronto con l'opinione di alcuni componente la Redazione (Linda Marabello ex azzurra di syncro e allenatrice-istruttrice; Elena Piatto, ex azzurra di nuoto, e prima allenatrice di Federica Pellegrini; Marco Tornatore, ex nuotatore ed ex allenatore di buon livello). Stefano Candidoni Ex nuotatore, manager fra i più capaci e presidente di Amatori Nuoto Perugia; nonostante il suo carico d'impegni, con passione allena da oltre vent'anni il suo club. Corrado Sorrentino Ex campione e primatista nazionale, per anni nella nazionale maggiore e riferimento del movimento natatorio sardo; più volte primatista e campione mondiale master; allenatore emergente e molto capace, alla guida di Atlantide Elmas (CA). Massimo Giuliani Colonna della Nazionale, ha portato a medaglie olimpiche e iridate i migliori atleti di fondo dell'italia. Ex atleta, apprezzatissimo allenatore di club, è da anni guida insostituibile del Fondo Azzurro, conciliando tale impegno con quello di assessore del Comune di Piombino. Gianni Nagni Ex campione e primatista italiano, per anni azzurro; allenatore di levatura internazionale, già componente del Team Azzurro e guida inarrivabile dello storico club CC Aniene Roma. Oggi è il general manager di Aquaniene e supervisiona il settore agonistico del suo club. Cosa si sentirebbe di suggerire ad un genitore per non danneggiare e penalizzare un figlio che vive l'esperienza agonistica? Stefano Candidoni - Suggerirei di assecondare l attività agonistica del figlio, con un linguaggio adatto ad ogni fascia del bambino/ragazzo. Tutti i passaggi sono sfumati, bisogna seguire la crescita della persona nell attività agonistica, come nel resto della vita. Corrado Sorrentino - Ai genitori dei miei atleti dico sempre: se mi state affidando i vostri figli è perché vi fidate di me, perciò lasciatemi FARE anche quando non condividete certe mie scelte. Il tecnico dev essere libero di FARE il proprio lavoro, con invito esplicito ai genitori a non atteggiarsi ad allenatori dei propri figli: non sarebbero riconosciuti come tali causando solo confusione nella testa dell atleta. Aggiungo che nel momento in cui fallisco sono pronto ad assumermi le responsabilità e conseguenze del caso. Nuoto o altro sport non fa differenza, in un epoca sociale come questa in cui cadere in errore è facilissimo abbiamo l obbligo morale di tenere i ragazzi nei contesti sportivi a prescindere dalle loro capacità o prospettive agonistiche; come già detto, un ragazzo che frequenta un centro sportivo è un ragazzo che non frequenta la strada. Massimo Giuliani - Premetto che il dialogo con i genitori è fondamentale: impensabile comportarsi con l atleta come se non avesse una famiglia, tanto più se questa mi ha criticato o se ritengo non abbia ben educato il figlio. L Allenatore è un educatore che deve integrare il suo ruolo in una comunità e in una rete educante, di cui la famiglia rappresenta il nodo più importante. Ecco perché se ci definiamo anche educatori non possiamo che ricercare il giusto dialogo e la collaborazione della famiglia, comprendendo non solo l'atleta, ma anche il nucleo familiare cui appartiene. Un piccolo suggerimento ai colleghi: anche noi sbagliamo e, talvolta, un colloquio con i genitori aiuta a correggere nostri possibili errori. Suggerimenti ai genitori: incoraggiare il ragazzo, senza sostituirsi all istruttore o all allenatore; valutare i risultati del proprio figlio in funzione alle sue possibilità e capacità, esaltando ed incoraggiando l impegno profuso. Dare equilibrata importanza alle cose: alle vittorie e, soprattutto, alle sconfitte, il tutto

2 programmando insieme gli obiettivi: si può perdere ed essere ugualmente soddisfatti delle proprie prestazioni o performances. Gianni Nagni - I genitori che si accingono ad affrontare l'esperienza agonistica del proprio figlio, devono essere informati che avranno l'opportunità di vivere momenti appassionanti nel percorso della loro crescita, ma allo stesso tempo di essere pronti a sopportare grossi sacrifici senza però farli pesare ai figli stessi. Nella vita è ovvio che i genitori si sacrifichino per loro. Pertanto rinfacciare ai propri figli i sacrifici fatti si ritorcerà contro i ragazzi nel futuro, nello sport come nella vita. Redazione - Che si limiti, da genitore, ad apprezzare impegno e determinazione profusi (mancando i quali è lecito qualche rimbrotto), assolutamente senza considerare il risultato agonistico immediato: dalle sconfitte si impara molto di più che dalle vittorie (facili). Rispettando sempre le regole, anche se non sempre piacciono. Nella sua carriera pluriennale di allenatore, quali sono i modelli più negativi di genitori che portano i figli a nuotare o praticare altre discipline acquatiche? Stefano Candidoni - Sono quelli che non si accontentano, che vedono per forza la malafede nei comportamenti degli allenatori, che non osservano i figli ed il loro comportamento, che pensano sia sempre vera l equazione allenamento = risultato = tutto bene. Quelli che non si confrontano civilmente, che tramano alle spalle, che hanno la supponenza di sapere nella loro immensa ignoranza del settore. Corrado Sorrentino - Quelli che hanno la presunzione di sapere ciò che è giusto a livello sportivo per il proprio figlio, senza averne le conoscenze e le esperienze. Massimo Giuliani - Purtroppo sono molte famiglie in cui uno o entrambi i genitori non vivono in modo equilibrato l attività agonistica dei propri figli; alcuni esempi di genitore che: - proietta nel figlio i propri desideri, imponendogli di entrare nell'ambiente piscina e di continuare anche se il ragazzino non gradisce. - vuole essere sempre l'artefice delle scelte del figlio, precludendogli quell'autonomia che metterà a repentaglio il senso di responsabilità del figlio, rendendolo un eterno insicuro; - introietta nel figlio le proprie aspirazioni, vivendo l'esperienza agonistica del ragazzo come se fosse lui il protagonista; - eccesso opposto è il genitore che si disinteressa completamente dell'esperienza sportiva del figlio: il fanciullo apparirà come uno sbandato o si rivelerà uno spavaldo, ineducato, sgarbato e irresponsabile. Gianni Nagni - Purtroppo il modello negativo per eccellenza è quello del genitore frustrato da insuccessi personali nello sport o nella vita, che riversa enormi responsabilità sul proprio figlio quale riscatto per il proprio fallimento. La cosa peggiore è quando si sente dire io ho investito su mio figlio. Redazione - Coloro che proiettano le proprie aspirazioni di successo nell avventura sportiva dei figli. Nove volte su dieci l'atleta diventa un perdente (spesso anche nella vita) o è destinato all'abbandono precoce. Quali, invece, le motivazioni alla base di una scelta agonistica di un bambino e i punti cardine che questi deve osservare per una buona educazione sportiva? Stefano Candidoni - Un bambino non sceglie l attività agonistica consapevolmente. All inizio le basi debbono essere il gruppo, il divertimento, il riferimento allenatore, la felicità dei genitori che credono in quello che fa. Poi verrà tutto il resto, la parte più tecnica e legata ai risultati ma salvaguardando le basi con le quali tutto è nato. Corrado Sorrentino - Nella mia filosofia sportiva c'è prima di tutto l'obiettivo sociale, inteso come integrazione in gruppi di persone con principi di vita puliti, quindi la prima motivazione è quella dell educazione alla condivisione e all integrazione, anteposta a qualsiasi obiettivo agonistico. I punti cardine sono la disciplina, il rispetto per se stessi nonché delle persone con le quali si condivide il progetto sportivo, senza dimenticare una buona dose umiltà e positiva considerazione degli avversari. Massimo Giuliani - L agonismo è un utile mezzo di auto ed etero educazione, e questi sono i punti cardine: nulla è sempre facile o sempre poco faticoso. La fatica, l applicazione, la perseveranza saranno necessari nello sport quanto nella vita: imparare il rispetto dei ruoli, delle figure e delle regole; instaurare, nel rispetto dei ruoli, complicità, fiducia, amicizia con il proprio allenatore;

3 imparare a perdere, ma anche a saper vincere senza umiliare l avversario: il vincitore, che ha di più deve condividere le proprie vittorie con coloro che hanno di meno. Gianni Nagni - Per poter affrontare un giusto percorso agonistico le motivazioni ci devono essere sia per i genitori che per gli atleti. Per i primi, le motivazioni sono poche e sempre le stesse: ambiente, salute, formazione del carattere, principi e valori dello sport quali il rispetto del prossimo e delle regole, oltre che l impegno per il raggiungimento dell obiettivo. Per i giovani, invece, le motivazioni maggiori sono il gruppo e il confronto; difficilmente, almeno all'inizio, prevale la passione per il nuoto. Comunque la motivazione genitori e figli è necessaria finché il giovane non raggiunge una certa maturità, che sia anche sinonimo di autonomia. A questo punto la famiglia può, anzi deve, farsi da parte lasciandolo sciolto alle sue esperienze. Redazione - Alla base di ogni attività sportiva, agonistica e non, ci dev essere al primo posto il divertimento del bambino. Anche la scelta dell'allenatore e della società, intesi come educatori e non necessariamente forgiatori di campioni, è premiante. Che dire di atleti e genitori che pensano gli uni di essere dei campionissimi e gli altri di avere diritto di eccedere nello spalleggiare derive negative dei figli e/o pronunciarsi su decisioni tecnico-metodologiche-programmatiche degli allenatori? Stefano Candidoni - Se un allenatore è in gamba i suoi atleti non cresceranno avendo mire irragionevoli, frutto solo di voli pindarici. I genitori spesso s intromettono nelle scelte tecniche ed in questo caso sono un ostacolo nella crescita agonistica dei ragazzi, soprattutto accentuando la sovrastima o sottostima delle potenzialità oggettive degli atleti. Corrado Sorrentino - C'è sempre qualcuno migliore pronto a dare l'anima per battere l'avversario: colui che pensa di essere il migliore presto prenderà sonore batoste, con scarsa attitudine a superare l'insuccesso. Come al punto uno, i genitori che si intromettono senza competenze determinano l'effetto di disorientare l'atleta. Ripeto: NON devono fare gli allenatori ma affidarsi al professionista (l'allenatore, appunto) e al suo operato; questo per assicurare il meglio ai propri figlioli, che vivranno bene l'esperienza sportiva. Massimo Giuliani - Imprescindibile che si rispettino ruoli e regole ed è fondamentale il corretto rapporto di responsabilità e competenze della terna Allenatore, Atleta, Famiglia. L'allenatore deve essere autorevole, professionale a tal punto da infondere fiducia; e deve sapere che il suo comportamento fuori e dentro la piscina non può essere disgiunto dal lavoro che svolge. Forte di tale retta posizione, avrà il diritto/ dovere di spiegare all'atleta campioncino i propri limiti, fissando con lui obiettivi commisurati alle sue possibilità, agendo alla stessa stregua con i genitori. Se non ci fosse la piena condivisione di obiettivi e metodi, mai forzerei per continuare la strada insieme. Redazione - Un genitore che pontifica su tematiche tecniche, dimostra la sua ignoranza e danneggia irrimediabilmente l'atleta. Noi stessi siamo genitori e, pur avendo competenza in ambito natatorio, non ingeriamo assolutamente su scelte del tecnico. Gianni Nagni - Una delle prerogative degli atleti di alto livello è l autostima estremamente accentuata. Di conseguenza ai giovani che credono di essere i migliori o che hanno l'ambizione di diventarlo non si può rimproverare molto, sempre che si insegni loro il concetto di umiltà e spirito di sacrificio. È fondamentale nella crescita del giovane agonista che ambizione ed umiltà vadano di pari passo. Ai genitori invece bisogna insegnare a non invadere il campo. Oggigiorno questo succede sempre più frequentemente nello sport come nella scuola. Troppo spesso sento che la colpa è dell'allenatore o del professore, giustificando sempre il proprio figlio. Per avere successo ognuno deve ricoprire il proprio ruolo. L'allenatore deve fare il proprio mestiere prendendosi le sue responsabilità e soprattutto non si deve sostituire ai genitori cosa che potrebbe accadere molto facilmente per il grande ascendente che ha sui ragazzi. L'atleta deve impegnarsi senza mettere in discussione la proposta d'allenamento del suo allenatore. I genitori anziché prevaricare occupandosi di tecnica e metodologia dovrebbero concentrarsi su un aspetto fondamentale e allo stesso tempo difficilissimo: trasmettere equilibrio al proprio figlio! Sovente osserviamo genitori esaltarsi in tribuna a fronte delle prime vittorie così come la volta dopo amareggiarsi o imprecare in caso di sconfitta. In pratica dovrebbe succedere l'esatto contrario. Incitare il proprio figlio nei momenti difficili, standogli vicino nelle sconfitte e allo stesso tempo non esaltarsi più di tanto ma gioire con la giusta moderazione per l'eventuale vittoria. Quali responsabilità effettive ha un allenatore sulla crescita progressiva, pedagogica e fisiologica di atleti in erba, perché possano avere un carriera natatoria positiva, prescindendo dalla grande performance, che in genere, è riservata solo ai grandi talenti?

4 Stefano Candidoni - Gli allenatori hanno un ruolo sempre più importante nella crescita dei ragazzi, visto che è in aumento la tendenza, scorretta, di scaricare su di esso responsabilità tipiche dei genitori. Sapere dell andamento della scuola, come di quello delle storie personali prima dei genitori è per me cosa normale. Un ottimo rapporto di fiducia con l atleta è alla base di qualsiasi risultato: il pianto, la delusione e lo sconforto, come la gioia, l esultanza e la soddisfazione non appartengono solo a coloro che lottano per le medaglie ai campionati italiani: sono sentimenti che accomunano tutti i ragazzi che fanno attività agonistica, a qualsiasi livello. Corrado Sorrentino - Il primo obiettivo è l'integrazione sociale, corroborato da educazione sportiva dell'atleta; con calma il tempo ci dirà chi diventerà un campione e chi resterà comunque un bravo atleta o si rivelerà una grande persona; aspetto, quest'ultimo, che conta molto di più di qualsiasi vittoria sportiva, ancor più se colta in tenera età. Massimo Giuliani - L allenatore ha responsabilità tecniche, ma anche affettive nella sana crescita della personalità di un giovane atleta; però l enfasi, soprattutto nei primi anni, va posta non tanto sugli obiettivi finali, quanto sulla strada, sul percorso intrapreso che rappresenta un basilare passaggio educativo. Vanno spiegati al ragazzino i giusti obiettivi e per fare questo è indispensabile chiarire 1) obiettivi personali dell'atleta (dove vuole arrivare) 2) come può arrivare a certi traguardi: in primis attraverso l'allenamento, la dedizione, la motivazione Solo con l applicazione, la pianificazione degli sforzi può arrivare a migliorarsi: ogni atleta dovrebbe puntare a superare i propri limiti e, quando non può farlo, ad esaltare comunque le proprie capacità e doti, attraverso l aiuto dell allenatore. Un percorso educativo passa anche attraverso la gestione delle fasi motivazionali negative e, tra queste, troviamo appunto la sconfitta. Quando si perde, la sconfitta deve essere vissuta come una tappa inevitabile nel cammino di ogni atleta, qualunque obiettivo egli abbia. Tutti prima o poi perdiamo, nel gioco, nello sport, nella vita possiamo insieme capire gli errori e con fiducia applicarci con maggiori forza e determinazione. Lo sport deve essere un'esperienza il cui obiettivo è di migliorarsi e non vincere a tutti i costi. Gianni Nagni - Un allenatore ha molte più responsabilità di quanto si possa pensare. Il suo ruolo sulla crescita pedagogica, fisiologica e non solo è determinante. Essendo i giovani atleti in età evolutiva, malleabili come terracotta, errori in questa fase possono essere condizionanti per l'eventuale carriera sportiva. La funzione dell'allenatore dei giovani deve essere quella del "maestro" che insegna loro gli elementi base su cui porre le fondamenta per il futuro. È aihme, troppo frequente l'applicazione di metodologie esageratamente avanzate per le categorie giovanili. Nelle fasi evolutive l'allenamento non deve mai essere finalizzato alla prestazione bensì alla costruzione del giovane nuotatore. Redazione - Il ruolo dell allenatore è fondamentale, talvolta ancor più per i meno bravi : trascorre molte ore con i ragazzi. Dev essere un EDUCATORE, magari anche una guida ferma, ma giusta (ci sono delle regole e vanno rispettate - questo vale il doppio per i genitori), con la corretta dose di autorevolezza, capacità di ascolto, comprensione, imparzialità, ironia e simpatia. Senza dimenticare la passione, che non si declina con spremitura dei ragazzi, ma con rapporto amichevole e di guida credibile. In cosa i genitori possono risultare più negativi per l'equilibrio dei figli in ambito natatorio? Stefano Candidoni - a) pretendere risultati dei quali non si conosce nemmeno la portata effettiva; b) minare costantemente il rapporto di fiducia tra allenatore e atleta; c) persuadere il figlio che l attività agonistica è positiva solo a seguito di risultati positivi continui. Un esempio: si sente spesso dire ai propri figli, dopo una gara andata male, che non capiscono nulla o che non hanno gli attributi. Sarebbe veramente interessante essere in quel momento nelle testa dei ragazzi e comprendere la devastante portata di tali affermazioni. Corrado Sorrentino - Qualche anno fa un mio ex esordiente A, dopo i 400 stile libero in cui perse contro un compagno di squadra, alla mia domanda sul perché stesse piangendo lui mi disse: piango perché mio padre adesso mi fa nero : il padre non tollerava che il figlio perdesse da un compagno di squadra che reputava "inferiore". Il bambino aveva terrore della reazione del padre e non si curava nemmeno un po' della sua gara fatta male; quel ragazzino, dopo le nostre costruttive reazioni, cambiò società convinto di scoprire l'america, ma purtroppo non solo non si migliorò, ma in pochi anni smise di nuotare. Massimo Giuliani - Se non sono chiare le motivazioni per cui i figli si avvicinano allo sport, l'intervento dei genitori sarà sempre negativo. Motivazioni ed obiettivi (molto personalizzati) dovranno essere assolutamente condivisi da Genitori, Atleta, Allenatore. Un esempio? Fra i più frequenti e tristi la progressiva delusione del genitore convinto, dai successi giovanili del figlio, che questi sia un campione: alle prime sonore sconfitte - frequenti in età adolescenziale -, insinuerà nel figlio sfiducia nell'allenatore, nella

5 società, nelle metodologie; il ragazzo, disamorato dell'ambiente in cui è cresciuto, verrà abbagliato, complice l'incauto genitore, dalle sirene dell'allenatore di grido; una scelta di cambiamento che comporta anche disagi di viaggi lunghissimi o di trasferimento in nuova sede abitativa e di studio. In genere, tempo uno o due anni, l'atleta smette. Gianni Nagni - Solitamente all'inizio la spinta motivazionale per affrontare l'attività agonistica viene più dai genitori che dai figli. Di questo gli addetti ai lavori se ne devono fare una ragione, in quanto i giovanissimi nuotatori difficilmente inizierebbero questo impegnativo percorso. Io non sono convinto, come diceva Counsilman, che la squadra ideale potrebbe essere quella di un orfanotrofio. Anzi sono del parere che il nostro movimento non può fare a meno dei genitori. Il bravo allenatore è quello che tenendoli a debita distanza riesce ad educarli (agonisticamente parlando), coinvolgendoli fattivamente nel percorso del proprio figlio. Purtroppo è anche vero che i genitori così come sono importanti nella fase di avviamento, diventano spesso determinanti per la fase di abbandono. Questo succede quasi sempre per le aspettative riversate come un macigno sulle spalle dei propri figli. Tali aspettative trasmettono ansia e paura del confronto portando inevitabilmente a delusioni che rischiano di sfociare nell'abbandono precoce visto da parte dei ragazzi come una liberazione. [versione integrale sul sito] Redazione Il giudizio è inopportuno se basato sulla valutazione prestativa, perché comunque l'atleta cerca di dare il massimo e se non riesce ad esprimere il suo potenziale è il primo ad essere deluso: va incoraggiato perché si migliori o, se è andato bene, va compiaciuto con equilibrio. Punto. Le vere, buone, corrette ragioni per nuotare o praticare qualsiasi attività agonistica. Stefano Candidoni - Un vero atleta è colui che: 1) ha le lacrime agli occhi dopo aver migliorato la propria prestazione, pur lontanissima da criteri eccellenza; 2) chiede di poter fare un allenamento ridotto, pur di non perderlo, per esigenze di studio; 3) gioisce sinceramente per un buon risultato del compagno di squadra o si preoccupa di consolarlo per una delusione; 4) dialoga con l allenatore, sia quando le cose vanno bene che quando vanno male; 5) accetta senza riserve e alibi, nel bene e nel male, ciò che la gara testimonia; 6) ha un allenatore che, nella professionalità del suo operato, è capace sempre di mettersi in discussione; 7) si diverte facendo sport; 8) offre e chiede rispetto. Corrado Sorrentino - Nuoto o altro sport non fa differenza, in un'era sociale come questa, in cui cadere in errore è facilissimo, abbiamo l'obbligo morale di tenere i ragazzi nei contesti sportivi a prescindere dalle loro capacità o prospettive agonistiche; come già affermato un ragazzo che frequenta un centro sportivo eviterà esperienze negative che altri ambienti facilitano, predisponendosi ad un futuro di adulto equilibrato, retto e capace di affrontare a testa alta le sfide della vita. Massimo Giuliani - La pratica sportiva si compenetra profondamente all opera educativa delle scuole e genitoriale. Educare significa quindi tendere alla formazione quanto più completa e stabile della personalità, aiutando il fanciullo ad interagire con l ambiente e la comunità in modo libero. L agonismo va inteso come metodo educativo e quindi con un RUOLO FORMATIVO ricco di valori intrinseci e estrinseci. In sintesi, un'educazione che porti alla piena accettazione delle differenze, al rispetto delle regole, all'opportunità di socializzare e conoscere tante persone diverse, favorendo il tutto un arricchimento interiore. Gianni Nagni - La filosofia corretta, non solo per il nuoto, ma per lo sport agonistico in genere è quella che punta al miglioramento di se stessi indipendentemente dalle medaglie o dalla vittorie. Insegnando questo ai giovani avremo sicuramente meno abbandoni in caso di qualche piazzamento deludente e sicuramente grandi atleti più capaci di reagire di fronte a cocenti sconfitte. L'attività agonistica insegna ai nostri ragazzi a sacrificarsi quotidianamente per superare se stessi, investendo sul proprio impegno per il raggiungimento dei risultati. Cosa invece sempre più rara nella nostra società odierna che, in maniera fuorviante, premia subito l'apparire (senza sacrifici) e poco i contenuti: alla lunga è la sostanza che conta e sono sicuro che i nostri ragazzi, indipendentemente dalle loro vittorie, nella vita riusciranno ad avere più successo degli altri. Perché sarà retorico dirlo ma "LO SPORT è SCUOLA DI VITA"...! Redazione - Stare bene, credere in valori autentici che lo sport insegna e crescere sereni, sapendo che si può - deve - anche perdere (per primi dovrebbero saperlo i genitori), rispettando sempre l avversario.

QUESTIONARIO CONOSCITIVO PER GENITORI 09 10 (sommatoria delle risposte)

QUESTIONARIO CONOSCITIVO PER GENITORI 09 10 (sommatoria delle risposte) 1 QUESTIONARIO CONOSCITIVO PER GENITORI 09 10 (sommatoria delle risposte) (ALLEGATO N 2) Sono pervenuti 90 questionari compilati ma non tutti completi. Non è stata prevista una differenziazione per categorie

Dettagli

Codice di Comportamento 2015

Codice di Comportamento 2015 Codice di Comportamento 2015 Raccolta di modi di agire ai quali tendere, frutto di una ricerca e del confronto con altre società sportive, non solo nel settore pallavolo. Polisportiva D. Borgo Virgilio

Dettagli

Roberto Ghiretti Presidente Studio Ghiretti & Associati

Roberto Ghiretti Presidente Studio Ghiretti & Associati Roberto Ghiretti Presidente Studio Ghiretti & Associati 1 Lo Sport come strumento educativo Lo sport per i bambini e ragazzi rappresenta una straordinaria opportunità di crescita. Grazie all attività motoria,

Dettagli

Il mister, la squadra, i genitori, la società. Mister Roberto Babini descrive il suo ruolo e le sue competenze.

Il mister, la squadra, i genitori, la società. Mister Roberto Babini descrive il suo ruolo e le sue competenze. Il mister, la squadra, i genitori, la società. Mister Roberto Babini descrive il suo ruolo e le sue competenze. Roberto Babini (Allenatore di base con Diploma B UEFA) svolge da 13 anni l attività di allenatore.

Dettagli

Il venditore di successo deve essere un professionista competente,

Il venditore di successo deve essere un professionista competente, Ariel SIGNORELLI A vete mai ascoltato affermazioni del tipo: sono nato per fare il venditore ; ho una parlantina così sciolta che quasi quasi mi metto a vendere qualcosa ; qualcosa ; è nato per vendere,

Dettagli

PROGETTO STAR BENE INSIEME A SCUOLA

PROGETTO STAR BENE INSIEME A SCUOLA CLASSI PRIME A/B ANNO SCOLASTICO 2014 2015 PROGETTO STAR BENE INSIEME A SCUOLA Premessa Le attuali classi prime sono composte da 44 alunni, 35 dei quali provengono dalla scuola dell Infanzia del quartiere

Dettagli

INTRODUZIONE. Perché abbiamo stilato questo Codice?

INTRODUZIONE. Perché abbiamo stilato questo Codice? INTRODUZIONE Perché abbiamo stilato questo Codice? Con questo insieme di regole la società GSD MontecatiniMurialdo vuole avvicinarsi ai propri giovani calciatori, cercando di insegnare loro le fondamentali

Dettagli

Introduzione. A chi è destinato il programma? Obiettivi

Introduzione. A chi è destinato il programma? Obiettivi Introduzione Tina e Toni è un programma di prevenzione globale destinato alle strutture che accolgono bambini dai 4 ai 6 anni, come le scuole dell infanzia, le strutture d accoglienza e i centri che organizzano

Dettagli

Nozioni di psicologia applicata ai giovani atleti. Dott.ssa Claudia Fiorini, psicologa

Nozioni di psicologia applicata ai giovani atleti. Dott.ssa Claudia Fiorini, psicologa Nozioni di psicologia applicata ai giovani atleti Un po di teoria: cos è la motivazione L allenatore quale costruttore di un ambiente motivante Motivare la squadra e l atleta PER QUALE MOTIVO, QUESTA SERA,

Dettagli

Papà Missione Possibile

Papà Missione Possibile Papà Missione Possibile Emiliano De Santis PAPÀ MISSIONE POSSIBILE www.booksprintedizioni.it Copyright 2015 Emiliano De Santis Tutti i diritti riservati Non insegnate ai bambini la vostra morale è così

Dettagli

QUESTIONARIO DI EFFICACIA DELL INCONTRO. La valutazione dovrà essere espressa in scala da 1 (per niente) a 5 (pienamente).

QUESTIONARIO DI EFFICACIA DELL INCONTRO. La valutazione dovrà essere espressa in scala da 1 (per niente) a 5 (pienamente). QUESTIONARIO DI EFFICACIA DELL INCONTRO Gentile genitore, le sottoponiamo il presente questionario anonimo al termine dell incontro a cui ha partecipato. La valutazione da lei espressa ci aiuterà a capire

Dettagli

- Cassinetto - Scuola Addestramento Tennis

- Cassinetto - Scuola Addestramento Tennis - Cassinetto - Scuola Addestramento Tennis Il Tennis e la preparazione mentale Progetto per la Stagione sportiva 2011/2012 Agosto 2011 Project Leader: Chiara Valdata Obiettivi del Progetto: Il progetto

Dettagli

EBOOK GIAN PAOLO MONTALI CREDERE NEL GIOCO DI SQUADRA. www.forumeccellenze.it

EBOOK GIAN PAOLO MONTALI CREDERE NEL GIOCO DI SQUADRA. www.forumeccellenze.it EBOOK GIAN PAOLO MONTALI CREDERE NEL GIOCO DI SQUADRA. www.forumeccellenze.it 1. Del sogno dell essere sognatore Il primo dovere di un buon Capo è non accontentarsi, essere il più esigente possibile nella

Dettagli

IL COMPORTAMENTO DEL LEADER E LA REAZIONE DEI MEMBRI DEL GRUPPO IN TRE DIVERSI CLIMI AZIENDALI AUTORITARIO DEMOCRATICO LASSISTA. www.ergonomica.

IL COMPORTAMENTO DEL LEADER E LA REAZIONE DEI MEMBRI DEL GRUPPO IN TRE DIVERSI CLIMI AZIENDALI AUTORITARIO DEMOCRATICO LASSISTA. www.ergonomica. IL COMPORTAMENTO DEL LEADER E LA REAZIONE DEI MEMBRI DEL GRUPPO IN TRE DIVERSI CLIMI AZIENDALI AUTORITARIO DEMOCRATICO LASSISTA Ogni decisione sul da farsi viene presa dal leader. Tutte le cose da farsi

Dettagli

Favorire l autostima nel bambino. Mario Di Pietro www.educazione-emotiva.it segreteria@mariodipietro.it

Favorire l autostima nel bambino. Mario Di Pietro www.educazione-emotiva.it segreteria@mariodipietro.it Favorire l autostima nel bambino Mario Di Pietro www.educazione-emotiva.it segreteria@mariodipietro.it 1 Un senso di impotenza si sviluppa in seguito all incapacità di influenzare positivamente le proprie

Dettagli

Circolo Didattico di Angera

Circolo Didattico di Angera Circolo Didattico di Angera COME AIUTARE I PROPRI FIGLI A STUDIARE E A FARE I COMPITI Indicazioni della scuola per i genitori degli alunni Linee guida redatte dal Nucleo di Autovalutazione e Qualità PREMESSA

Dettagli

La felicità per me è un sinonimo del divertimento quindi io non ho un obiettivo vero e proprio. Spero in futuro di averlo.

La felicità per me è un sinonimo del divertimento quindi io non ho un obiettivo vero e proprio. Spero in futuro di averlo. Riflessioni sulla felicità.. Non so se sto raggiungendo la felicità, di certo stanno accadendo cose che mi rendono molto più felice degli anni passati. Per me la felicità consiste nel stare bene con se

Dettagli

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana 1. LA MOTIVAZIONE Imparare è una necessità umana La parola studiare spesso ha un retrogusto amaro e richiama alla memoria lunghe ore passate a ripassare i vocaboli di latino o a fare dei calcoli dei quali

Dettagli

Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013

Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013 Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013 Breve saluto con tre slides. Chi siamo: fondamentalmente siamo genitori per genitori

Dettagli

Tip #2: Come siriconosceun leader?

Tip #2: Come siriconosceun leader? Un saluto alla Federazione Italiana Tennis, all Istituto Superiore di Formazione e a tutti gli insegnanti che saranno presenti al SimposioInternazionalechesiterràilprossimo10 maggio al ForoItalico. Durante

Dettagli

Gestire le Risorse Umane - Costruire Fiducia Sospiro (Cremona) 19 giugno 2009

Gestire le Risorse Umane - Costruire Fiducia Sospiro (Cremona) 19 giugno 2009 Bologna - Tel. & fax 051 543101 e-mail: e.communication@fastwebnet.it www.excellencecommunication.it Gestire le Risorse Umane - Costruire Fiducia Sospiro (Cremona) 19 giugno 2009 Docente: Antonella Ferrari

Dettagli

IL PROGETTO EDUCATIVO SPORTIVO

IL PROGETTO EDUCATIVO SPORTIVO IL PROGETTO EDUCATIVO SPORTIVO Aprile 2013 1 La Polisportiva San Marco è una realtà presente all interno dell Oratorio San Marco dal 1970 e si propone di educare ai valori cristiani attraverso la pratica

Dettagli

CORSO DI FORMAZIONE PER GENITORI

CORSO DI FORMAZIONE PER GENITORI CORSO DI FORMAZIONE PER GENITORI I I figli crescono Primo incontro 25.11.06 La scuola superiore: l adolescente l tra scuola e famiglia Secondo incontro17.02.07 La relazione tra genitori e figli adolescenti:

Dettagli

IO VOGLIO VEDERE, SENTIRE, PARLARE Progetto di educazione alla legalità Scuola Secondaria di Primo Grado Leonardo da Vinci - Nerviano Febbraio -

IO VOGLIO VEDERE, SENTIRE, PARLARE Progetto di educazione alla legalità Scuola Secondaria di Primo Grado Leonardo da Vinci - Nerviano Febbraio - IO VOGLIO VEDERE, SENTIRE, PARLARE Progetto di educazione alla legalità Scuola Secondaria di Primo Grado Leonardo da Vinci - Nerviano Febbraio - Marzo 2016 LINEE GUIDA REGIONALI SULLA PREVENZIONE (DGR

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI LENO SCUOLE DELL INFANZIA DI LENO, CASTELLETTO E PORZANO PROGETTO

ISTITUTO COMPRENSIVO DI LENO SCUOLE DELL INFANZIA DI LENO, CASTELLETTO E PORZANO PROGETTO ISTITUTO COMPRENSIVO DI LENO SCUOLE DELL INFANZIA DI LENO, CASTELLETTO E PORZANO PROGETTO ANNO SCOLASTICO 2012-2013 RAGIONI DELLA SCELTA L acqua è un elemento fondamentale per la nostra vita. E importante

Dettagli

COMUNICAZIONE E ASCOLTO NELLA COPPIA

COMUNICAZIONE E ASCOLTO NELLA COPPIA COMUNICAZIONE E ASCOLTO NELLA COPPIA Comunicare vuol dire scambiare informazioni legate a fatti o ad emozioni personali con un'altra persona. La vera comunicazione avviene quando uno riceve il messaggio

Dettagli

Proposta di intervento rieducativo con donne operate al seno attraverso il sistema BIODANZA

Proposta di intervento rieducativo con donne operate al seno attraverso il sistema BIODANZA Proposta di intervento rieducativo con donne operate al seno attraverso il sistema BIODANZA Tornare a «danzare la vita» dopo un intervento al seno Micaela Bianco I passaggi Coinvolgimento medici e fisioterapiste

Dettagli

COME AIUTARE I NOSTRI FIGLI A CRESCERE BENE?

COME AIUTARE I NOSTRI FIGLI A CRESCERE BENE? COME AIUTARE I NOSTRI FIGLI A CRESCERE BENE? Ogni genitore desidera essere un buon educatore dei propri figli, realizzare il loro bene, ma non è sempre in armonia con le dinamiche affettive, i bisogni,

Dettagli

Indicazioni per la conduzione delle interviste

Indicazioni per la conduzione delle interviste Indicazioni per la conduzione delle interviste Condurre almeno due interviste sul tema della Relazione di coppia utilizzando lo schema di massima riportato di seguito. Dopo aver condotto le interviste

Dettagli

LEADERSHIP E COESIONE DI SQUADRA SECONDO I PRINCIPI DELLA METODOLOGIA OPERATIVA

LEADERSHIP E COESIONE DI SQUADRA SECONDO I PRINCIPI DELLA METODOLOGIA OPERATIVA LEADERSHIP E COESIONE DI SQUADRA SECONDO I PRINCIPI DELLA METODOLOGIA OPERATIVA Sul tema della leadership già a partire dai primi anni del novecento sono stati sviluppati diversi studi, che consideravano

Dettagli

GRUPPO SCOUT MELEGNANO 1

GRUPPO SCOUT MELEGNANO 1 GRUPPO SCOUT MELNANO 1 PROGETTO EDUCATIVO 2011 2014 Cos è il Progetto Educativo Il progetto educativo è uno strumento per la comunità capi utile a produrre dei cambiamenti nel gruppo scout. E stato pensato

Dettagli

incontro bambini-anziani

incontro bambini-anziani Progetto di integrazione sociale: incontro bambini-anziani Tirocinante Scanderebech Roberta 1 La Fondazione Edoardo Filograna è un centro polivalente per la Terza Età che ospita attualmente circa 120 anziani

Dettagli

RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST -

RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST - RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST - INIZIO Ricominciare una nuova vita da zero mi spaventa peró so che tante persone ce la fanno, posso farcela anch io! preferirei continuare

Dettagli

L allenamento del talento e l equilibrio con la vita personale

L allenamento del talento e l equilibrio con la vita personale L allenamento del talento e l equilibrio con la vita personale A cura di Luca Stanchieri, Scuola Italiana di Life & Corporate Coaching Roma, 16 e 17 maggio 5/23/2013 GLI AUTORI Equipe di Ricerca: Scuola

Dettagli

COME MOTIVARE IL PROPRIO FIGLIO NELLO STUDIO

COME MOTIVARE IL PROPRIO FIGLIO NELLO STUDIO COME MOTIVARE IL PROPRIO FIGLIO NELLO STUDIO Studiare non è tra le attività preferite dai figli; per questo i genitori devono saper ricorrere a strategie di motivazione allo studio, senza arrivare all

Dettagli

IL COUNSELING NELLE PROFESSIONI D AIUTO

IL COUNSELING NELLE PROFESSIONI D AIUTO IL COUNSELING NELLE PROFESSIONI D AIUTO Obiettivi: Conoscere le peculiarità del counseling nelle professioni d aiuto Individuare le abilità del counseling necessarie per svolgere la relazione d aiuto Analizzare

Dettagli

METODOLOGIA DELL INSEGNAMENTO

METODOLOGIA DELL INSEGNAMENTO Corso Nordic Walking Torino 04-10-2014 METODOLOGIA DELL INSEGNAMENTO CANALI DELLA COMUNICAZIONE METODI DI INSEGNAMENTO STILI DI INSEGNAMENTO ORGANIZZARE UNA SEDUTA I CANALI DELLA COMUNICAZIONE VERBALE

Dettagli

Alessandro Ricci Psicologo Psicoterapeuta Università Salesiana di Roma

Alessandro Ricci Psicologo Psicoterapeuta Università Salesiana di Roma Alessandro Ricci Psicologo Psicoterapeuta Università Salesiana di Roma LA COPPIA NON PUO FARE A MENO DI RICONOSCERE E ACCETTARE CHE L ALTRO E UN TU E COME TALE RAPPRESENTA NON UN OGGETTO DA MANIPOLARE

Dettagli

LEADLAB LAVORO 1 e 2 Incontro 1

LEADLAB LAVORO 1 e 2 Incontro 1 LEADLAB LAVORO 1 e 2 Incontro 1 Sintesi per le partecipanti Laboratorio LAVORO 1 e 2 Progetto Leadership femminile aprile-giugno 2013 Elena Martini Francesca Maria Casini Vanessa Moi 1 LE ATTESE E LE MOTIVAZIONI

Dettagli

UN REGALO INASPETTATO

UN REGALO INASPETTATO PIANO DI LETTURA dai 5 anni UN REGALO INASPETTATO FERDINANDO ALBERTAZZI Illustrazioni di Barbara Bongini Serie Bianca n 64 Pagine: 48 Codice: 566-0469-6 Anno di pubblicazione: 2012 L AUTORE Scrittore e

Dettagli

YouLove Educazione sessuale 2.0

YouLove Educazione sessuale 2.0 YouLove Educazione sessuale 2.0 IL NOSTRO TEAM Siamo quattro ragazze giovani e motivate con diverse tipologie di specializzazione, due psicologhe, una dottoressa in Servizi Sociali e una dottoressa in

Dettagli

PASSIONE e IMPEGNO AL SERVIZIO DEI RAGAZZI. Documento riservato non riproducibile

PASSIONE e IMPEGNO AL SERVIZIO DEI RAGAZZI. Documento riservato non riproducibile PASSIONE e IMPEGNO AL SERVIZIO DEI RAGAZZI Documento riservato non riproducibile CHI SIAMO La XXL PALLACANESTRO è un associazione sportiva dilettantistica, nata ufficialmente nel 1989, che opera sul territorio

Dettagli

La Leadership. Salvatore Savarese

La Leadership. Salvatore Savarese La Leadership Salvatore Savarese 1 Introduzione Lavorare all interno di organizzazioni induce un evoluzione professionale ed umana in più direzioni: aumentano le competenze tecniche specifiche, si sviluppano

Dettagli

Per costruire e migliorare il rapporto di collaborazione Scuola /Famiglia

Per costruire e migliorare il rapporto di collaborazione Scuola /Famiglia Istituto Comprensivo - Monte Urano Via Vittorio Alfieri 1 - Monte Urano - prov. Ascoli Piceno - cap.63015 telefono 0734/840605 Fax 0734/840880 Per costruire e migliorare il rapporto di collaborazione Scuola

Dettagli

Alcuni casi interessanti osservati durante esperienze didattiche di tipo cooperativo

Alcuni casi interessanti osservati durante esperienze didattiche di tipo cooperativo Alcuni casi interessanti osservati durante esperienze didattiche di tipo cooperativo Alice (15 anni, II ITIS, 8 sett. Appr. Cooperativo, marzo-aprile 2005) E una ragazzina senza alcun problema di apprendimento

Dettagli

ESSERE GENITORI OGGI: AIUTARE I FIGLI NEL LORO PERCORSO DI CRESCITA

ESSERE GENITORI OGGI: AIUTARE I FIGLI NEL LORO PERCORSO DI CRESCITA ITC C. Deganutti Udine SPAZIO DEDICATO AI GENITORI TERZO INCONTRO ESSERE GENITORI OGGI: AIUTARE I FIGLI NEL LORO PERCORSO DI CRESCITA Programma specifico FSE nr.. 13 Azione B TERZO INCONTRO Istituto: ITC

Dettagli

1044 PIAZZE PER I 40 ANNI DELLA LEGGE 1044 SUI NIDI PENSIERI DEI NOSTRI GENITORI:

1044 PIAZZE PER I 40 ANNI DELLA LEGGE 1044 SUI NIDI PENSIERI DEI NOSTRI GENITORI: 1044 PIAZZE PER I 40 ANNI DELLA LEGGE 1044 SUI NIDI PENSIERI DEI NOSTRI GENITORI: L Asilo nido è un servizio essenziale per noi genitori lavoratori, sarebbe impossibile concepire l assenza di un servizio

Dettagli

EDUCAZIONE ALLA LEGALITÀ a.s. 2013/2014

EDUCAZIONE ALLA LEGALITÀ a.s. 2013/2014 questionario di gradimento PROGETTO ESSERE&BENESSERE: EDUCAZIONE ALLA LEGALITÀ a.s. 2013/2014 classi prime e seconde - Scuola Secondaria di I grado di Lavagno CLASSI PRIME Mi sono piaciute perché erano

Dettagli

Io tifo positivo nel segno di Candido

Io tifo positivo nel segno di Candido BRUGHERIO Io tifo positivo nel segno di Candido La PROPOSTA parte da un lavoro che ha visto in questi anni coinvolti circa 10000 ragazzi delle scuole primarie e secondarie di molti comuni della provincia

Dettagli

COME COMPORTARSI E RAPPORTARSI CON ALLIEVI E GIOCATORI DURANTE LE LEZIONI E GLI ALLENAMENTI.

COME COMPORTARSI E RAPPORTARSI CON ALLIEVI E GIOCATORI DURANTE LE LEZIONI E GLI ALLENAMENTI. COMECOMPORTARSIERAPPORTARSICONALLIEVIEGIOCATORI DURANTELELEZIONIEGLIALLENAMENTI. CONSIGLIESUGGERIMENTI Siribadisce,comedettoinaltreoccasioniquandosièparlatodimetodologia,il concettodifondamentaleimportanzacheè:nondilungarsitroppodurantele

Dettagli

AUTOSTIMA e l'immagine del SE' nel bambino e nell'adolescente. Dott.ssa Barbara Tonin Psicoterapeuta Analista Junghiana

AUTOSTIMA e l'immagine del SE' nel bambino e nell'adolescente. Dott.ssa Barbara Tonin Psicoterapeuta Analista Junghiana AUTOSTIMA e l'immagine del SE' nel bambino e nell'adolescente Dott.ssa Barbara Tonin Psicoterapeuta Analista Junghiana PERCHÉ PENSIAMO CHE AVERE AUTOSTIMA SIA IMPORTANTE? AUTOSTIMA E' la considerazione

Dettagli

Cosa ci può stimolare nel lavoro?

Cosa ci può stimolare nel lavoro? a Cosa ci può stimolare nel lavoro? Quello dell insegnante è un ruolo complesso, in cui entrano in gioco diverse caratteristiche della persona che lo esercita e della posizione che l insegnante occupa

Dettagli

COME NON PERDERE TEMPO NEL NETWORK MARKETING!

COME NON PERDERE TEMPO NEL NETWORK MARKETING! COME NON PERDERE TEMPO NEL NETWORK MARKETING Grazie per aver scaricato questo EBOOK Mi chiamo Fabio Marchione e faccio network marketing dal 2012, sono innamorato e affascinato da questo sistema di business

Dettagli

PROGETTO EDUCATIVO GRUPPI SPORTIVI ORATORIANI

PROGETTO EDUCATIVO GRUPPI SPORTIVI ORATORIANI PROGETTO EDUCATIVO GRUPPI SPORTIVI ORATORIANI PROGETTO EDUCATIVO LO SPORT LO SPORT come tempo di crescita personale, come mezzo per educare, come scoperta di valori, come proposta ludica, come attività

Dettagli

REALIZZA IL TUO FUTURO. Di Annamaria Iaria

REALIZZA IL TUO FUTURO. Di Annamaria Iaria REALIZZA IL TUO FUTURO Di Annamaria Iaria INDICE 1.Presentazione... 2 2.Chi sono... 2 3.Il cuore dell idea... 4 4.Come si svolge... 5 5.Obiettivo... 5 6.Dove si svolge... 6 7. Idee collegate... 6 2013-2014

Dettagli

Attività didattica per le scuole primarie GUIDA PER LA FAMIGLIA

Attività didattica per le scuole primarie GUIDA PER LA FAMIGLIA Attività didattica per le scuole primarie GUIDA PER LA FAMIGLIA CHI È BAMA? Siamo un azienda tutta italiana che da oltre tre decenni rende la vostra quotidianità più comoda e più allegra, grazie a prodotti

Dettagli

Per fare canestro nella vita

Per fare canestro nella vita IV Kids International Tournament Città di Lissone Corso di Aggiornamento 23 aprile 2011 Per fare canestro nella vita Dott.ssa Elena Ortolan Psicologa Clinica e Psicoterapeuta Famigliare Perchéfare sport?

Dettagli

Vediamo dei piccoli passi da fare:

Vediamo dei piccoli passi da fare: L assertività L assertività è una caratteristica del comportamento umano che consiste nella capacità di esprimere in modo chiaro e valido le proprie emozioni e opinioni senza offendere né aggredire l interlocutore.

Dettagli

Formazione genitori. I percorsi

Formazione genitori. I percorsi Formazione genitori Sappiamo che spesso è difficile trovare un po di tempo per pensare a come siamo genitori e dedicarci alla nostra formazione di educatori, sappiamo però anche quanto sia importante ritagliarsi

Dettagli

La Sagrada Famiglia 2015

La Sagrada Famiglia 2015 La Sagrada Famiglia 2015 La forza che ti danno i figli è senza limite e per fortuna loro non sanno mai fino in fondo quanto sono gli artefici di tutto questo. Sono tiranni per il loro ruolo di bambini,

Dettagli

LEARNIT DONNE NEL SETTORE INFOMATICO

LEARNIT DONNE NEL SETTORE INFOMATICO LEARNIT DONNE NEL SETTORE INFOMATICO CLAIRE (UK) Il presente progetto è finanziato con il sostegno della Commissione europea. L'autore è il solo responsabile di questa pubblicazione (comunicazione) e la

Dettagli

FEDERAZIONE ITALIANA GOLF

FEDERAZIONE ITALIANA GOLF Manuale Azzurro allegato D FEDERAZIONE ITALIANA GOLF Modello per la creazione e gestione di un Club dei Giovani Il modello, tratto dall esperienza maturata nei Circoli che hanno svolto con successo l Attività

Dettagli

PROGETTO GIOCHI SPORTIVI STUDENTESCHI SCUOLA PRIMARIA

PROGETTO GIOCHI SPORTIVI STUDENTESCHI SCUOLA PRIMARIA PROGETTO GIOCHI SPORTIVI STUDENTESCHI SCUOLA PRIMARIA Premessa Il Progetto Giochi Sportivi Studenteschi si propone di rimarcare l importanza della: Corporeità e della motricità, intese come elementi portanti

Dettagli

Donna Ì : un milione di no

Donna Ì : un milione di no Ì : un milione di no IL NOSTRO TEAM Siamo un trio ma siamo anche una coppia di fidanzati, due fratelli, due amici che da qualche anno convive e condivide esperienze di vita ma anche interessi sociali e

Dettagli

Verona Innovazione 19/06/2015. Giovani e Imprese Valorizziamo i saperi. Chiara Remundos Responsabile Servizio Orientamento Verona Innovazione CCIAA Vr

Verona Innovazione 19/06/2015. Giovani e Imprese Valorizziamo i saperi. Chiara Remundos Responsabile Servizio Orientamento Verona Innovazione CCIAA Vr Verona Innovazione Chiara Remundos Responsabile Servizio Orientamento Verona Innovazione CCIAA Vr 19/06/2015 Giovani e Imprese Valorizziamo i saperi La parola ai nostri protagonisti Diario descrittivo

Dettagli

AMA TE STESSO PUOI GUARIRE LA TUA VITA

AMA TE STESSO PUOI GUARIRE LA TUA VITA AMA TE STESSO PUOI GUARIRE LA TUA VITA HEAL YOUR LIFE WORKSHOP 4/5 OTTOBRE 2014 PRESSO CENTRO ESTETICO ERIKA TEMPIO D IGEA 1 E il corso dei due giorni ideato negli anni 80 da Louise Hay per insegnare il

Dettagli

GIOVANI E FELICITA Bisogna farcela, si deve guardare avanti

GIOVANI E FELICITA Bisogna farcela, si deve guardare avanti GIOVANI E FELICITA Bisogna farcela, si deve guardare avanti (riflessione di un giovane) Considerazioni in merito agli incontri con giovani di una Scuola Media della Lombardia PRIMA DELL INCONTRO Secondo

Dettagli

IL CALCIO È UN GIOCO PER TUTTI; IL CALCIO DEVE POTER ESSERE PRATICATO DOVUNQUE; IL CALCIO È CREATIVITÀ; IL CALCIO È DINAMICITÀ; IL CALCIO È ONESTÀ;

IL CALCIO È UN GIOCO PER TUTTI; IL CALCIO DEVE POTER ESSERE PRATICATO DOVUNQUE; IL CALCIO È CREATIVITÀ; IL CALCIO È DINAMICITÀ; IL CALCIO È ONESTÀ; IL CALCIO È UN GIOCO PER TUTTI; IL CALCIO DEVE POTER ESSERE PRATICATO DOVUNQUE; IL CALCIO È CREATIVITÀ; IL CALCIO È DINAMICITÀ; IL CALCIO È ONESTÀ; IL CALCIO È SEMPLICITÀ; IL CALCIO DEVE ESSERE SVOLTO

Dettagli

MOTIVAZIONE DEL SOCCORRITORE

MOTIVAZIONE DEL SOCCORRITORE Lunedì 17 Febbraio 2014 Misericordia nel Comune di Lari Corso di Formazione di livello Base e Avanzato ASPETTI RELAZIONALI NELL APPROCCIO AL PAZIENTE RELATORE Benedetto Deri, F.M.R.T. Misericordia nel

Dettagli

L'INCREDIBILE STORIA DELLO ZEROSEI!!!

L'INCREDIBILE STORIA DELLO ZEROSEI!!! L'INCREDIBILE STORIA DELLO ZEROSEI!!! NUOTO RAGAZZI - 1976 NUOTO RAGAZZI E NUOTO PICCOLISSIMI - 1978 NUOTO PICCOLISSIMI SU FILODIRETTO 1978 NUOTO PICCOLISSIMI SU FILODIRETTO - 1979 VOLANTINO

Dettagli

La dispersione scolastica in Liguria

La dispersione scolastica in Liguria La dispersione scolastica in Liguria Ricerca quali-quantitativa sulla dimensione del rischio e l esperienza della dispersione Presentazione dei risultati Genova 8 novembre 2012 1 Metodologie dell indagine

Dettagli

Crescere nella Fede. alcune idee di fondo sul cammino di catechesi

Crescere nella Fede. alcune idee di fondo sul cammino di catechesi Crescere nella Fede alcune idee di fondo sul cammino di catechesi Due mentalità, due logiche Un cammino di fede Un corso di dottrina Due approcci educativi Strada La Rivelazione cristiana incontrare la

Dettagli

I colloqui scuola-famiglia: le basi per una comunicazione efficace Dott.ssa Claudia Trombetta Psicologa e psicoterapeuta claudia.trombetta@email.

I colloqui scuola-famiglia: le basi per una comunicazione efficace Dott.ssa Claudia Trombetta Psicologa e psicoterapeuta claudia.trombetta@email. I colloqui scuola-famiglia: le basi per una comunicazione efficace Dott.ssa Claudia Trombetta Psicologa e psicoterapeuta claudia.trombetta@email.it CTI Monza, 20 Novembre 2015 Prima parte: comprendere

Dettagli

Elena Mignani Casa di Riposo S. Giuseppe -Casnigo

Elena Mignani Casa di Riposo S. Giuseppe -Casnigo Dal progetto educativo alla creazione di reti relazionali Elena Mignani Casa di Riposo S. Giuseppe -Casnigo La forza autentica della scoperta e dell incontro con l altro può essere solamente la fede in

Dettagli

L INTERVISIONE COME STRUMENTO E SOSTEGNO PER IL FACILITATORE:

L INTERVISIONE COME STRUMENTO E SOSTEGNO PER IL FACILITATORE: L INTERVISIONE COME STRUMENTO E SOSTEGNO PER IL FACILITATORE: CARATTERISTICHE, SIGNIFICATO E POTENZIALITA' Villa d Almè, ottobre-novembre 2015 Maria Coelli 1 La supervisione e l'intervisione -Per supervisione

Dettagli

Vivere con il diabete

Vivere con il diabete Vivere con il diabete Vivere con il diabete Non è facile raccontare le sensazioni che una persona, affetta da diabete di tipo 2, provi nel corso della sua vita di ammalato cronico. Cercherò di spiegarle

Dettagli

PROMUOVERSI MEDIANTE INTERNET di Riccardo Polesel. 1. Promuovere il vostro business: scrivere e gestire i contenuti online» 15

PROMUOVERSI MEDIANTE INTERNET di Riccardo Polesel. 1. Promuovere il vostro business: scrivere e gestire i contenuti online» 15 Indice Introduzione pag. 9 Ringraziamenti» 13 1. Promuovere il vostro business: scrivere e gestire i contenuti online» 15 1. I contenuti curati, interessanti e utili aiutano il business» 15 2. Le aziende

Dettagli

Depressione e comportamento suicidario. Opuscolo informativo

Depressione e comportamento suicidario. Opuscolo informativo Depressione e comportamento suicidario Opuscolo informativo Depressione La vita a volte è difficile e sappiamo che fattori come problemi di reddito, la perdita del lavoro, problemi familiari, problemi

Dettagli

AUTOSTIMA QUESTA CHIMERA SCONOSCIUTA LUCIA TODARO, PSICOPEDAGOGISTA

AUTOSTIMA QUESTA CHIMERA SCONOSCIUTA LUCIA TODARO, PSICOPEDAGOGISTA AUTOSTIMA QUESTA CHIMERA SCONOSCIUTA Autostima = giudizio che ognuno dà del proprio valore ( dipende sia da fattori interni che esterni ) EricKson: la stima di sé deve venire da dentro, dal nocciolo di

Dettagli

Strategie e indicazioni per favorire l apprendimento. Dott.ssa Francesca Valori Pontedera, 15 maggio 2010

Strategie e indicazioni per favorire l apprendimento. Dott.ssa Francesca Valori Pontedera, 15 maggio 2010 Strategie e indicazioni per favorire l apprendimento Dott.ssa Francesca Valori Pontedera, 15 maggio 2010 Obiettivo: Fornire conoscenze relative alla comunicazione tra istruttore e allievo e strategie funzionali

Dettagli

HAPPY CHILDREN Crescere Felici

HAPPY CHILDREN Crescere Felici HAPPY CHILDREN Crescere Felici La formazione efficace deve tradurre il contenuto dell'educazione e dell istruzione in forme di pensiero congrue all età, stimolanti e tali da invogliare il fanciullo ad

Dettagli

Unità Didattica 4: Comunicazione e relazione con persone disabili

Unità Didattica 4: Comunicazione e relazione con persone disabili Unità Didattica 4: Comunicazione e relazione con persone disabili In questa unità didattica sono indicate alcune modalità di comportamento con persone disabili, in modo da migliorare la conoscenza rispetto

Dettagli

1 Forum Internazionale sulla Regolazione dei Servizi Idrici e la Sostenibilità

1 Forum Internazionale sulla Regolazione dei Servizi Idrici e la Sostenibilità 1 Forum Internazionale sulla Regolazione dei Servizi Idrici e la Sostenibilità Roma, 21 Gennaio 2009 Palazzo Marini Sala delle Colonne Discorso di apertura, Luciano Baggiani Presidente ANEA Illustri ospiti,

Dettagli

CSI Varese Corso Allenatori di Calcio

CSI Varese Corso Allenatori di Calcio obiettivo del corso Informazioni Un altro modo di vedere il calcio Un modo per ri-ordinare le informazioni Un metodo, base per costruire il vostro Motivazioni (vostra e nostra) Il QUADRATO Quanti quadrati

Dettagli

Gruppo G.R.E.M. Piemonte e Valle d Aosta. Attività di animazione: LA FAMIGLIA KIT DI ANIMAZIONE

Gruppo G.R.E.M. Piemonte e Valle d Aosta. Attività di animazione: LA FAMIGLIA KIT DI ANIMAZIONE Gruppo G.R.E.M Piemonte e Valle d Aosta Attività di animazione: LA FAMIGLIA KIT DI ANIMAZIONE Il kit, pensato per l animazione di bambini, ragazzi e adulti sul tema famiglia è così composto: - 1 gioco

Dettagli

Il trailer di Handy sbarca al cinema: una mano protagonista sul grande schermo

Il trailer di Handy sbarca al cinema: una mano protagonista sul grande schermo Il trailer di Handy sbarca al cinema: una mano protagonista sul grande schermo di Redazione Sicilia Journal - 09, ott, 2015 http://www.siciliajournal.it/il-trailer-di-handy-sbarca-al-cinema-una-mano-protagonista-sul-grandeschermo/

Dettagli

Donacibo 2015 Liceo classico statale Nicola Spedalieri di Catania

Donacibo 2015 Liceo classico statale Nicola Spedalieri di Catania Donacibo 2015 Liceo classico statale Nicola Spedalieri di Catania Sono Graziella, insegno al liceo classico e anche quest anno non ho voluto far cadere l occasione del Donacibo come momento educativo per

Dettagli

GIOCO DI SQUADRA: UNA MOSSA VINCENTE? IL TUTTO È PIÙ DELLA SOMMA DELLE SINGOLE PARTI

GIOCO DI SQUADRA: UNA MOSSA VINCENTE? IL TUTTO È PIÙ DELLA SOMMA DELLE SINGOLE PARTI GIOCO DI SQUADRA: UNA MOSSA VINCENTE? IL TUTTO È PIÙ DELLA SOMMA DELLE SINGOLE PARTI Raduno arbitri 2011 D.ssa Barbara Bononi Prendete un foglio e scrivete ognuno la propria definizione di.. ARBITRAGGIO

Dettagli

La ricetta del campione

La ricetta del campione La ricetta del campione INGREDIENTI Passione Coraggio Forza di volontà Grinta Onestà Impegno Costanza Sacrificio Umiltà Tenacia Gioia Temperamento Unione Sportività Sicurezza Astuzia Amicizia Rispetto

Dettagli

20 GENNAIO 2011 SCHEMA DELLA RELAZIONE DEL

20 GENNAIO 2011 SCHEMA DELLA RELAZIONE DEL 20 GENNAIO 2011 SCHEMA DELLA RELAZIONE DEL DOTT. ANDREA TOSI Chi sono i miei interlocutori Quale è il mio ruolo Quale situazione devo affrontare Quale richiesta mi viene effettuata Cosa faccio io di fronte

Dettagli

PROGETTO ACCOGLIENZA SCUOLA DELL INFANZIA

PROGETTO ACCOGLIENZA SCUOLA DELL INFANZIA DIREZIONE DIDATTICA DI CASTEL MAGGIORE PROGETTO ACCOGLIENZA SCUOLA DELL INFANZIA PREMESSA Nelle Indicazioni Nazionali per i Piani di Studio Personalizzati delle Attività Educative nella Scuola dell Infanzia

Dettagli

GRUPPI DI INCONTRO per GENITORI

GRUPPI DI INCONTRO per GENITORI Nell ambito delle attività previste dal servizio di Counseling Filosofico e di sostegno alla genitorialità organizzate dal nostro Istituto, si propone l avvio di un nuovo progetto per l organizzazione

Dettagli

CODICE DI AUTOREGOLAMENTAZIONE DELLO SPORT

CODICE DI AUTOREGOLAMENTAZIONE DELLO SPORT Osservatorio sui Diritti dei Minori CODICE DI AUTOREGOLAMENTAZIONE DELLO SPORT Per i giovani e con i giovani Presentazione Il Codice di autoregolamentazione dello Sport è una dichiarazione di intenti,

Dettagli

Q-RAS Questionario di Rilevazione delle Abilità Sociali

Q-RAS Questionario di Rilevazione delle Abilità Sociali Q-RAS Questionario di Rilevazione delle Abilità Sociali Autore: Fabio Bocci Insegnamento di Pedagogia Speciale, Università degli Studi Roma Tre 1. Quando l insegnante parla alla classe, di solito io :

Dettagli

QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE

QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE INTRODUZIONE AL QUESTIONARIO Questo questionario viene usato per scopi scientifici. Non ci sono risposte giuste o sbagliate. Dopo aver letto attentamente

Dettagli

Linee Guida. La concretezza dell oggetto di lavoro

Linee Guida. La concretezza dell oggetto di lavoro Linee Guida A partire dalle esperienze sviluppate dai singoli partner in relazione al coinvolgimento attivo dei giovani all interno delle specifiche realtà locali, il team di lavoro ha elaborato le seguenti

Dettagli

La Leadership efficace

La Leadership efficace La Leadership efficace 1 La Leadership: definizione e principi 3 2 Le pre-condizioni della Leadership 3 3 Le qualità del Leader 4 3.1 Comunicazione... 4 3.1.1 Visione... 4 3.1.2 Relazione... 4 pagina 2

Dettagli

CODICE EUROPEO DI ETICA SPORTIVA

CODICE EUROPEO DI ETICA SPORTIVA CODICE EUROPEO DI ETICA SPORTIVA (approvato dai Ministri europei responsabili per lo Sport, riuniti a Rodi per la loro 7^ conferenza, 13-15 maggio 1992) FAIR PLAY - IL MODO VINCENTE CHI GIOCA LEALMENTE

Dettagli

Persona disabile e adultità: le prospettive di integrazione sociale. carlo.lepri@unige.it

Persona disabile e adultità: le prospettive di integrazione sociale. carlo.lepri@unige.it Persona disabile e adultità: le prospettive di integrazione sociale carlo.lepri@unige.it Un dato di partenza: Le persone con disabilità intellettiva sono state, e spesso continuano ad essere mantenute

Dettagli

LA COPPIA TRA GENERATIVITÀ E GENITORIALITÀ

LA COPPIA TRA GENERATIVITÀ E GENITORIALITÀ LA COPPIA TRA GENERATIVITÀ E GENITORIALITÀ www.lezione-online.it 1 PREFAZIONE Da sempre la letteratura psicologica, pedagogica e scientifica propone modelli che sovente, negli anni, perdono di valore e

Dettagli