REPERTORIO DI ATTIVITÀ SUL NUMERO 1

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "REPERTORIO DI ATTIVITÀ SUL NUMERO 1"

Transcript

1 Intervista sui numeri REPERTORIO DI ATTIVITÀ SUL NUMERO 1 Avvio Nella scuola dell infanzia e nei primi giorni di prima elementare è importante per l insegnante capire a che punto stanno gli alunni rispetto al numero. Gli strumenti per raccogliere questo tipo di informazioni sono due: la discussione in classe e l intervista individuale. La discussione in classe (o in un piccolo gruppo) è una modalità che permette, se ben orchestrata dall insegnante, di condividere le conoscenze e quindi può già contribuire all evoluzione delle idee iniziali. Il punto di partenza è una domanda o un problema posto dall insegnante. L intervista individuale è una modalità per individuare le conoscenze di partenza di ogni singolo alunno, è onerosa perché implica che un insegnante si occupi della classe e un altra lavori con un bambino per volta fuori dalla classe. Sia le interviste che le discussioni è bene che siano registrate per poter essere riascoltate dall insegnante e all occorrenza trascritte. Si possono utilizzare entrambi gli strumenti lasciando alcune domande per la discussione in classe e altre per l intervista individuale, oppure fare l intervista solo ad alcuni alunni scelti a campione in base alle segnalazioni della scuola materna. Un cartellone può riassumere le idee degli alunni. Si può anche preparare una sintesi della discussione con i passaggi più significativi facendo attenzione ad inserire almeno un intervento per ogni bambino e darla in fotocopia a tutti gli alunni. Nei primi giorni di scuola si possono proporre questi due argomenti: i numeri e il contare. Le domande precedute da un asterisco sono state utilizzate per interviste individuali. Sui numeri Che cosa sono i numeri? Dove sono? Dove li vedi? Chi li usa? A che cosa servono? *Quanti sono i numeri? *Chi li ha inventati? *Qual è il numero più grande che conosci? *Qual è il numero più piccolo che conosci? 3 *Chi è più grande tra questi numeri: o 5? Sul contare Che cosa vuol dire contare? Perché si conta? Fino a quanto si può contare? Come si fa a contare? Che cosa si può contare? 1 Il repertorio si basa sulle attività progettate nel corso degli anni all interno del Nucleo di Ricerca in Didattica della Matematica del Dipartimento di Matematica dell Università di Torino e sperimentate da vari insegnanti del gruppo. 1

2 Che cosa non si può contare? Come si fa a contare quello che non si può contare? Che cosa si può contare Obiettivi: individuare che cosa è contabile e confrontare le strategie che si usano nel contare grandezze discrete con quelle usate nel contare grandezze continue. Materiali: materiali indicati nella scheda per gli insegnanti o altri scelti dall insegnante, fogli bianchi per i disegni, matite, pennarelli. Prima di proporre questa attività è bene trovare un modo per contestualizzarla perchè i bambini abbiano delle motivazioni ad agire: ad esempio si può inventare una storia o un gioco che li inviti a dare i numeri agli oggetti nel modo che abbiamo visto. Dopo aver giocato con diversi tipi di oggetti ai bambini si può chiedere di confrontare i diversi modi di contare ponendo domande tipo: è lo stesso contare pongo o contare caramelle? Per contare acqua e contare farina gialla si fa nello stesso modo? Cosa c è di uguale e cosa c è di diverso? Dal confronto fra i diversi modi di contare i bambini possono trarre le loro prime generalizzazioni che consistono nel trovare i tratti comuni, le somiglianze che esistono tra il conteggio di quantità discrete e quello di quantità continue. Giochi di magia Obiettivi: verificare l'abilità dei bambini nell'uso dei principi del conteggio. Materiali: quattro piatti di plastica uguali, un certo numero di gettoni dello stesso colore, premi. Presentare ai bambini due piatti contenenti differenti numeri di gettoni (ad esempio 5 e 6), indicare uno dei due vassoi e dire: "Questo é il piatto vincente", ricoprire i piatti e mescolarli in modo da far perdere la traccia del piatto da indovinare, chiedere ad un bambino di indovinare (a piatti coperti) dove si trova il "vincente", scoprire il vassoio indicato e far verificare al bambino se é giusto: se non ha indovinato e se ne accorge, il bambino scopre anche il secondo piatto e deve dire se era quello da indovinare, poi l'insegnante gli chiede di giustificare la sua identificazione ponendogli la domanda "Perché é questo il vincente?". Se il bambino individua il piatto vincente riceve una conferma verbale e un premio. Prendi e porta Obiettivi: verificare l'abilità dei bambini nell'uso del principio di cardinalità. Materiali: oggetti vari che si trovano in classe (quaderni, pennarelli..). Chiedere agli alunni di portare a un compagno un certo numero di oggetti: il bambino deve contare e riconoscere la quantità (il cardinale dell insieme), il compagno che riceve gli oggetti a sua volta deve controllare che il numero sia giusto. 2

3 Caramelle e bambini Filone Collezioni Obiettivo: avvio all uso di segnature, confronto tra segnature e confronto tra collezioni diverse Materiali: un pacchetto di caramelle, una scheda con disegnati dei bambini (più di 20), un altra scheda con disegnate delle caramelle (più di 20) La prima parte del lavoro si svolge in classe con bambini e caramelle vere che avrà portato l insegnante in numero maggiore rispetto a quello dei bambini. I bambini devono dire come si può fare per essere sicuri di dare una caramella ad ogni bambino senza sbagliare dandone ad esempio due ad un solo bambino o dimenticando di darla ad un bambino. L insegnante mostra il pacchetto e ad esempio dice: Bisogna distribuire le caramelle in modo che ciascun bambino ne abbia una sola e che nessuno rimanga senza. Sapete dire come si può fare per essere sicuri di non sbagliare? Gli alunni dovranno trovare una modalità che consenta di evitare errori ad esempio suggerendo di allineare i bambini oppure mandare fuori dalla classe i bambini a mano a mano che ricevono la caramella e così via. Successivamente (in un giorno diverso) riceveranno due schede che riproducono la stessa situazione: su una scheda sono disegnati dei bambini e sull altra delle caramelle. Le schede sono separate per favorire l uso di segnature e non le frecce che rendono l attività automatica e non stimolano l uso di strategie spontaneamente inventate dai bambini. I numeri devono essere abbastanza grandi da non consentire un conteggio immediato (oltre il 20). Gli alunni per non sbagliare dovranno produrre delle segnature. Si confronteranno sia le risposte date dai bambini (bastano o non bastano le caramelle) sia le diverse modalità utilizzate per le segnature (crocette, numerazione, colori ecc.): entrambe (risposte e segnature) dovranno essere oggetto di discussione. Si possono preparare altre schede con la stessa modalità. Il castello Obiettivo: seguire un ordine per non perdere il segno. Materiali: una piccola casa con sei finestre, con imposte che si aprono, alle quali sono nascosti diversi personaggi, una finestra resta vuota. Situazione: inventare una storia per cui i bambini non debbano aprire due volte la stessa finestra (ad esempio se si apre una seconda volta una finestra già aperta spariscono i personaggi di le altre finestre). Poi chiedere a turno ai bambini di aprire le finestre e segnare su un foglio i personaggi che hanno trovato. Vince chi li trova tutti. Il gioco del memory è un esempio di situazione analoga in cui è importante avere una strategia per non girare sempre le stesse carte. dietro poter tutte Il tesoro di Capitan Uncino Obiettivi: utilizzare vari tipi di segnature e la corrispondenza biunivoca per controllare l esattezza di un conteggio. Materiali: scheda con la storia, forziere, 9 scatolette, 13 chiavi, fogli per i disegni, scheda di controllo con tutte le chiavi disegnate. La storia Il Pirata Barbanera ha saputo da una spia che il suo grande nemico, il Capitan Uncino, ha trovato un ricchissimo tesoro. decide allora di rubarlo. Con il suo galeone arriva di nascosto nell'isola che non c'è mentre Uncino e i suoi pirati si trovano lontano. Entra nella grotta dei pirati e scopre il grande forziere che contiene il tesoro. Purtroppo Capitan Uncino ha chiuso il forziere con tanti lucchetti. Come farà Barbanera ad aprirlo? Dove saranno le chiavi? Cerca, cerca, finalmente nel cassetto d un vecchio armadio Barbanera trova una mappa dove legge che le chiavi sono chiuse dentro nove scatole magiche: per trovare tutte le chiavi dovrà aprire tutte le scatole, senza dimenticarne nessuna. Ma dovrà anche fare attenzione a non aprire due volte la stessa scatola, altrimenti tutte le scatole si chiuderanno e Barbanera non potrà più prendere le chiavi che ancora gli mancano. Vuoi aiutare Barbanera a scoprire un trucco che gli consenta di trovare tutte le chiavi necessarie ad aprire il forziere? 3

4 L insegnante prima che i bambini entrino in classe prepara le scatolette mettendo in alcune 1 chiave, in altre 2, in altre nessuna chiave. Leggere la storia e avviare il gioco che consiste nel trovare tutte le chiavi del forziere (13) che si trovano dentro le scatolette senza mai aprire una scatoletta due volte, altrimenti, per magia, tutte le scatolette si chiuderanno e non potranno più essere aperte da quel bambino. Mentre un bambino cerca le chiavi, gli altri fungono da giudici per controllare che non apra due volte la stessa scatoletta. Quando sbaglia subentra un altro e il gioco si ripete. Ogni volta la maestra fa allontanare il giocatore, rimette le chiavi nelle scatolette e le mescola. Alla fine del suo turno ogni bambino segna sul foglio quante chiavi ha trovato. Alla fine del gioco, quando tutti avranno disegnato le chiavi l insegnante darà loro la scheda di controllo: i bambini dovranno controllare se hanno trovato tutte le chiavi mettendo in corrispondenza le chiavi dei due disegni. Di nuovo possono operare con corrispondenze biunivoche e segnature oppure con il conteggio. La rappresentazione allo stesso modo potrà essere un numero o una segnatura, tipo crocette, palline o il disegno delle chiavi. I pirati e le barchette Obiettivi: raggruppare per 2 e per 3 Materiali e strumenti: scheda con la storia, barchette di carta e pupazzetti che fungono da pirati, sfondo disegnato su carta con le due isole, fogli bianchi per disegnare La storia I pirati di Barbanera sono riusciti a rubare il tesoro di Capitan Uncino. Ora sono sulla spiaggia e devono fuggire con il forziere. Tra poco Capitan Uncino tornerà e quando scoprirà che il forziere è sparito, cercherà i ladri e farà tagliare loro la testa. Nel porticciolo dell'isola ci sono tante barchette: - barchette a 2 posti per 2 pirati, - barchette a 3 posti per 3 pirati. Aiuta i pirati a imbarcarsi per ritornare sulla loro isola dove saranno in salvo. Attenzione: potranno partire solo le barchette che hanno tutti i posti occupati. E ricordati: nessun pirata deve rimanere sulla spiaggia! Leggere la storia. I bambini devono produrre un messaggio scritto o un disegno che spieghi ai pirati come si devono disporre sulle barchette, per essere sicuri che nessuno resti a terra. Dare l incarico ad un bambino di disporre i pirati sulle barchette. Alla fine, chiedere agli altri se ha fatto bene e se c è un solo modo. Una volta individuati tutti i modi possibili, chiedere ai bambini di scrivere il messaggio da mandare ai pirati. Dopo si discuterà su quale messaggio risulta più chiaro e comprensibile e questo verrà riprodotto su un cartellone. La scatola delle cianfrusaglie Obiettivo: individuare criteri per ordinare oggetti, classificare, numerare Materiali: cianfrusaglie varie (bottoni, pupazzetti, perline, macchinine, giochino degli ovetti kinder, noci, semi, fagioli, castagne ), sacchettini da freezer e laccetti per chiuderli Si possono fare varie attività: 1. ordinare gli oggetti in base a diversi criteri e metterli nei sacchettini, ogni gruppo dovrà spiegare in base a quali criteri li ha organizzati; ridistribuendo le cianfrusaglie fra i gruppi potranno venire fuori criteri diversi per ordinare gli stessi oggetti e quindi si porrà l accento sulle loro proprietà (collegamenti con scienze) 2. confrontare i sacchettini per proprietà e anche per numero (cosa c è di uguale e cosa c è di diverso) 3. mettere nella stessa scatola i sacchettini con lo stesso numero di oggetti (sulla scatola mettere dei simboli per riconoscerle senza aprirle (incollare gettoni colorati, disegnare pallini con una disposizione che faciliti la memorizzazione es. come nei dadi o nelle carte da gioco) 4. ordinare le scatole in base al criterio uno in più uno in meno o altri inventati dai bambini 4

5 Il tesoro Obiettivi: elaborare una lista e numerarla Materiali: una collezione di oggetti qualsiasi (meno di 10), una scatola La maestra mostra una collezione di oggetti e quindi li nasconde in una scatola. Si deve ritrovare il contenuto esatto della scatola (il tesoro), ricordandosi di tutti gli oggetti che vi sono stati posti. Gli oggetti andranno elencati e numerati. Le automobiline Obiettivi: raggruppare seguendo una regola Materiali: tondi, rettangoli e quadrati del blocchi logici L insegnante dice agli alunni: Questa è una automobilina e costruisce una mettendo insieme due tondi (le ruote), un rettangolo e un quadrato (la poi chiede: Quante automobiline si potrebbero costruire con i pezzi che ci tavolo? Lo stesso problema si può riproporre utilizzando una scheda con i pezzi disegnati o con altri tipi di costruzioni. automobilina carrozzeria), sono sul Gli indumenti della bambola Obiettivi: la numerazione e la determinazione di una collezione. Materiali: disegni delle bambole, disegni dei vestiti (le bamboline di carta da ritagliare e i vestiti si trovano sul sito Ciascun bambino ha davanti a sé il disegno di una bambola. Deve progettare di andare a cercare in una volta sola gli abiti necessari. Prima, la maestra e i bambini si sono messi d'accordo sui vestiti necessari. Ciascun indumento è nominato: il passamontagna, il pullover, il vestito, le calze. Collettivamente, maestra e bambini, scelgono gli indumenti necessari per una bambola. Si tratta dunque di una attività di numerazione di una collezione (gli indumenti). Il controllo della numerazione di questo insieme si fonda sullo schema corporeo che permette una determinazione (dunque almeno una numerazione) della collezione. La strega Obiettivi: la numerazione come controllo di una esplorazione dell'insieme. Materiali: 24 carte tutte differenti. Ciascuna carta rappresenta una strega. Ciascuna strega differisce dalle altre: i copricapo possono essere un cappello, un foulard o un berretto; il pipistrello può essere al di sopra o al di sotto della strega; il gatto può essere presente o assente; le calze possono essere rosse o verdi (si possono usare altri tipi di carte che abbiano caratteristiche simili e permettano quindi una numerazione) L'attività consiste nel nascondere una carta e nel porre delle domande a chi ha nascosto la carta in modo da poter scoprire la carta mancante. È un gioco tipo indovina chi. Le forme mancanti Obiettivo: ricercare un oggetto mancante in una collezione. Materiali: una scatola di blocchi logici Data una scatola di blocchi logici con le classiche 4 forme, 2 grandezze, 2 spessori e 3 colori, si vuol sapere se vi sono tutti i blocchi della collezione o qual è l'oggetto che manca. L insegnante dovrà decidere prima di dare la scatola se togliere qualche pezzo o lasciare tutti i pezzi. I bambini dovranno inventare un modo per mettere in ordine i pezzi in modo da scoprire se la collezione è completa oppure no. La strategia seguita andrà esplicitata. Il gioco della posta Obiettivo: riconoscere le caratteristiche degli elementi di una collezione, classificare Materiali: una scatola di blocchi logici 5

6 Dividere la classe in 3 gruppi: la famiglia Azzurrini, la famiglia, Rossetti e la famiglia Gialletti. In ogni famiglia ci saranno il papà, la mamma e i figli, maschi e femmine. Un bambino svolge il ruolo del postino che dovrà recapitare la posta (i blocchi logici). Il postino parte con il suo sacco e distribuisce la posta azzurra alla famiglia Azzurrini, la posta gialla alla famiglia Gialletti e quella rossa alla famiglia Rossetti. Quando ricevono la posta i vari membri della famiglia se la dividono così: i genitori la posta più grande, i figli la posta più piccola, i maschi le lettere (rettangoli) e le raccomandate (triangoli), le femmine i pacchi (cerchi) e le cartoline (quadrati). Le regole vanno ben spiegate prima del gioco facendo una simulazione tutti insieme. Alla fine del gioco i pezzi devono essere esposti sul banco seguendo un ordine e ogni famiglia disegnerà su un foglio la sta ben ordinata. Seguirà la discussione sulle regole seguite per mettere in ordine la posta. Fare attenzione all uso delle parole grande e piccolo: non si può classificare in grande e piccolo come i blocchi inviterebbero a fare essendo un insieme finito e strutturato, ciò che in questo particolare insieme è grande si ricava per confronto con altri elementi che sono meno grandi. Nella realtà non esiste un grande o un piccolo in assoluto! Questo succede con tutte le grandezze continue (peso, lunghezza, volume ). I giochi di carte Obiettivo: numerare per controllare l'assenza di un elemento. Materiali: un mazzo di carte Nascondere alcune carte. I bambini dovranno scoprire quali carte sono state nascoste. Per farlo dovranno mettersi d accordo su una strategia da seguire che poi andrà esplicitata. Il gioco delle differenze Obiettivi: numerare per costruire una collezione. Materiali: due disegni che si differenziano per alcuni particolari Due disegni apparentemente identici sono proposti ai bambini. In realtà questi due disegni differiscono per un certo numero di dettagli che occorre scoprire, elencare e contare. I giochi nascosti Obiettivi: conoscenza della scrittura dei numeri. Materiali: vassoio, oggetti vari, una tovaglietta per coprire il vassoio Presentare a tutta la classe un vassoio con degli oggetti (6 o 7), chiedere di osservarli attentamente, poi coprire il vassoio con la tovaglietta e chiedere ai bambini di disegnare tutti gli oggetti. Invitare i bambini a verificare quanti oggetti hanno disegnato segnando un punto per ogni oggetto giusto e scrivendo i punti totalizzati. Le tavole da apparecchiare Obiettivi: produrre scritture spontanee di numeri Materiali: nessuno I bambini devono produrre un messaggio per le cuoche in modo che sappiano quanti piatti, quanti bicchieri,. mettere sui tavoli della classe in mensa. Il messaggio può anche essere un disegno ma si possono invitare i bambini a scrivere dei numeri per far comprendere meglio le quantità. La modalità andrebbe negoziata e condivisa a partire da rappresentazioni spontanee. 6

7 La donnina che contava gli starnuti Filone Storie e Filastrocche Obiettivi: individuare i numeri all'interno di un contesto fantastico, rappresentare quantità. Materiali: scheda con la storia, fogli bianchi per i disegni. La storia C'era una volta una donnina che passava le sue giornate a contare gli starnuti della gente, poi riferiva alle amiche i risultati dei suoi calcoli: "Il farmacista ne ha fatti 7. Il parroco ne ha fatti 4,'. Una volta la donnina e le sue amiche si misero tutte insieme, ed erano più di 5, sotto la finestra del signor Delio a spiare. ma il signor Delio non starnutiva per nulla. neanche uno starnuto! Così le sentì e soffiò addosso a quelle pettegole una manciata di pepe. "Etcì" fece la donnina "Etcì! Etcì!" fecero le sue amiche. E giù tutte insieme a fare uno starnuto dopo l'altro. "Ne ho fatti di più io!" disse la donnina. "Di più noi!" dissero le sue amiche. Si presero per i capelli, si strapparono i vestiti e persero un dente ciascuna. Dopo quella volta la donnina non parlò più con le amiche, comprò un libretto e una matita e andava in giro tutta soletta e per ogni starnuto che sentiva faceva una crocetta. Quando morì trovarono quel libretto pieno di crocette e dicevano: "Deve aver segnato tutte le sue buone azioni. Se non va in paradiso lei, non ci va proprio nessuno!" Leggere la storia e porre ai bambini le seguenti domande: Che cosa faceva la donnina? Cosa ha fatto il farmacista? Cosa ha fatto il parroco? Cosa ha fatto il signor Delio? Chi c'era sotto la finestra del signor Delio? Che cosa segnava sul libretto la donnina? Ci sono dei numeri in questa storia? Quali? Chiedere ai bambini di disegnare su dei foglietti il parroco, il farmacista, il signor Delio, in modo che si capisca quanti starnuti hanno fatto. Se necessario rileggere la storia una seconda volta. Dare la scheda con la storia ai bambini, far ricercare e sottolineare i numeri presenti. Fare un cartellone collettivo che tenga conto delle diverse rappresentazioni fatte dai bambini (discutere su quale fa capire meglio). Chiedere ancora ai bambini: Ricordate che la donnina e le sue amiche spiavano il signor Delio? Disegnatele in modo che si capisca che sono più di 5. Completare il cartellone rappresentando anche quest'ultima parte della storia. I cinque volpacchiotti Obiettivi: individuare i numeri all'interno di un contesto fantastico Materiali: scheda con la storia, fogli bianchi per i disegni, matite, pennarelli. La storia Oggi il tasso Rolando ha pulito la sua tana: ha cambiato l'erba secca nella camera e ha tolto dal corridoio un filo di paglia capitato lì chissà come! Si stava riposando quando passò di lì la volpe Gervasia: "Come stai?" disse "Ti trovo bene!" "Carissimo Tasso, io vorrei abitare nella tua tana: è molto comoda e andrebbe benissimo per i miei cuccioli." "Ah no!" disse il tasso "Io amo l'ordine e qui non ti voglio!" "E io invece ci verrò!" Gervasia la volpe lo guardò mostrando i denti e con uno scatto formidabile assalì il tasso mordendolo qua e là. Per fortuna la cornacchia scese a svolazzare sul muso di Gervasia proprio al momento giusto e il tasso riuscì a scappare e a correre lontano. Si fermò tra un cespuglio, solo quando le zampe gli fecero male, per leccarsi le ferite. "Se almeno trovassi il gatto Martino!" Ma il tasso Rolando non aveva più la forza di andare avanti e piangeva. Passarono di lì un riccio con la sua ricciolina, ma non si fermarono per non avere noie. Una tartaruga che stava dormendo lì vicino gli chiese: "Chi sei?" e senza aspettare la risposta ritirò il muso sotto il guscio. 7

8 Il tasso Rolando non si era mai sentito tanto infelice, quando ad un tratto una coniglietta bianca gli saltellò davanti: "Io sono la piccola Lu e tu chi sei?" E Rolando rispose tristemente "Io sono un tasso sfrattato e cerco l'unico amico che ho: il gatto Martino. Lo conosci?" La piccola Lu non lo conosceva, ma volle accompagnare il tasso per il bosco. Mentre camminavano arrivò una donnola molto agitata: "Che guaio! Gervasia la volpe è andata a finire in una tagliola!" E poi arrivò anche la cornacchia che aveva salvato la vita a Rolando e raccontò che la volpe, presa in una trappola vicino al pollaio, era stata portata via dentro un sacco. Il tasso allora tornò nella sua tana e chi trovò? 5 volpacchiotti che aspettavano la loro mamma: erano i figli di Gervasia! Rolando andò a caccia e portò loro della carne per farli mangiare e dell'erba fresca per farli dormire meglio. I volpacchiotti si avvicinarono ed annusarono il tasso: probabilmente nella sua pelliccia sentivano l'odore della loro mamma e così si calmarono e si addormentarono. "È proprio un buffo mondo questo!" pensò Rolando e non si mosse per non svegliare i volpacchiotti che dormivano addosso a lui buoni buoni. Leggere la storia e poi porre alcune domande per verificare se il testo è stato compreso: - quali animali vengono nominati in questa storia? - quali sono quelli che ci sono davvero? - ci sono dei numeri in questa storia? quali? Poi dare questa consegna: Disegnate tutti gli animali che compaiono nella storia e scrivete quanti sono. Confrontare i disegni e le risposte date dai bambini. Dal confronto dovrebbero nascere discussioni tra chi ha dato risposte differenti. Come si fa per essere sicuri di aver disegnato tutti gli animali della storia? Si può rappresentare la storia drammatizzandola in modo che ogni bambino interpreti un animale, poi si potrà contare dal vero e confrontare la situazione con la rappresentazione sul foglio. Per preparare la rappresentazione i bambini dovranno confrontarsi nuovamente con il testo scritto e fare corrispondenze biunivoche e/o conteggi per controllare l esattezza del numero dove necessario. Caccia ai numeri Obiettivo: cardinalità dei numeri e loro scrittura Materiali: nessuno Dopo avere cercato i numeri nelle storie si posso cercare nel mondo reale La maestra dice: A caccia del numero 3! I bambini senza muoversi dal loro banco devono cercare nella classe degli oggetti che siano nella quantità indicata, li devono indicare a parole (es. le finestre sono 3), poi disegnano sul quaderno gli oggetti. Si dovrà fare la pagina della caccia al 3, della caccia al 4 e così via. Lo stesso gioco si può dare come compito a casa: i bambini dovranno disegnare su un foglietto gli oggetti contati e scrivere il numero corrispondente. Una variante consiste nell assegnare un numero ad ogni bambino che dovrà cercare a casa solo gli oggetti che sono in quella quantità. Una differenza su cui sicuramente si dovrà discutere è questa: ci sono numeri che si trovano già scritti (i numeri etichetta) e numeri nascosti che derivano dal conteggio di collezioni di oggetti. Il numero sul portone di casa è del primo tipo, il numero dei cassetti delle scrivania è un numero nascosto perché per scoprirlo devo contare. Questo gioco si propone più volte sia durante i primi mesi quando si devono imparare le cifre da 0 a 9 sia successivamente per quantità da 10 in su. La Chiocciola Serafina Obiettivo: imparare i numeri da 0 a 4, scoprire la +1 Materiali: filastrocca, disegni della sequenza della disordine regola del storia in La storia La Chiocciola Serafina partì per un lungo viaggio sola soletta. Che noia! Non poteva parlare con nessuno! 8

9 All orto verde incontrò il bruco Leonardo che decise di partire con lei: ora non era più sola! Erano in. e potevano parlare ridere e scherzare! Al giardino fiorito incontrarono la Coccinella Isidora che si unì a loro. Ora non erano più in. : erano un. e si divertivano ancora di più! Allo stagno perlato incontrarono la libellula che li invitò a casa sua. Ora non erano più in. : erano in. e si divertivano come matti. I bambini devono ritagliare le figurine, riordinare la storia incollando le figure giuste vicino al testo diviso in 4 parti e inserire i numeri dove mancano. È anche un esercizio di lettura perché l insegnante li guida nel riconoscere le parole e nel trovare il posto giusto per i numeri sui puntini. La filastrocca di Gallo Re Obiettivo: imparare i numeri da 0 a 7, scoprire la regola del +1 Materiali: filastrocca, disegni degli animali La filastrocca Era mattino presto. Per la strada che portava a Roma non c era nessuno. Gallo Re decise di andare a Roma a comprare la corona. E va. Incontra Gallina Regina che gli chiede: Dove vai? Vado a Roma a comprare la corona! Vengo anch io! Va bene, andiam! e van e van. Incontra Topo Roco che chiede: Dove andate? Andiamo a Roma a comprare la corona! Vengo anch io! Va bene, andiam! e van e van. Incontra Gatto Matto che chiede: Dove andate? Andiamo a Roma a comprare la corona! Vengo anch io! Va bene, andiam! e van e van. Incontra Can Guardiano che chiede: Dove andate? Andiamo a Roma a comprare la corona! Vengo anch io! Va bene, andiam! e van e van. Incontra Caprone Barbone che chiede: Dove andate? Andiamo a Roma a comprare la corona! Vengo anch io! Va bene, andiam! e van e van. Incontra Lupo Cupo che chiede: Dove andate? Andiamo a Roma a comprare la corona! Vengo anch io! Va bene, andiam! e van e van. Domande da porre ai bambini alla fine della lettura della filastrocca per avviare la discussione: 9

10 Ci sono dei numeri in questa storia? Quali? All inizio ci sono 0 animali, alla fine sono 7, ogni volta si aggiunge 1 animale. Un obiettivo è far riconoscere ai bambini la regola ricorsiva del +1 ma ce ne possono anche essere altri (contare fino 7, scrivere i numeri da 0 a 7, mettere in ordine i numeri da 0 a 7 ) dipende dal punto di partenza dei bambini a cui si propone la filastrocca. Se si preparano le figurine degli animali della storia per tutti i bambini si possono far incollare in ordine ripetendo insieme la filastrocca e poi si possono numerare. Altre domande: Quali animali ci sono all inizio della storia? E poi chi si aggiunge? Se si preparano più serie di figurine si possono incollare gli animali in modo da formare una scaletta: prima nessuno (0), poi 1, poi 2, poi 3 Questa filastrocca può essere il punto di partenza per cercarne altre con altre regole ( ). La filastrocca deve essere prima letta e poi drammatizzata. Alla fine si può richiedere una rappresentazione spontanea della filastrocca e concordare poi una rappresentazione condivisa da esporre su un cartellone. Gli elefanti sulla ragnatela Obiettivi: comprendere il significato di ecc. Materiali: la filastrocca, fogli bianchi per disegnare, matite, pennarelli La filastrocca Un elefante si dondolava sopra un filo di ragnatela e trovando la cosa interessante mandò a chiamare un altro elefante. Due elefanti si dondolavano sopra un filo di ragnatela e trovando la cosa interessante mandarono a chiamare un altro elefante. Tre elefanti. L insegnante legge la filastrocca e i bambini dovranno interpretare gli elefanti. Si gioca diverse volte cambiando sempre il numero di elefanti che vengono chiamati: si comincia con questa regola sempre uno in più poi si passa a due in più e così via. I bambini dovranno capire che più è alto il numero che si aggiunge meno dura il gioco se il numero di bambini da chiamare è sempre lo stesso e si vogliono far giocare tutti. Domande che si possono porre: Se voglio fra durare il gioco il più possibile quanti bambini devo chiamare ogni volta? E se voglio farlo durare un po di più? E se voglio che ne vengano un numero sempre diverso? La situazione si può far rappresentare chiedendo ai bambini di scegliere una delle storie interpretate. I risultati delle chiamate si possono poi organizzare in una tabella da cui risulti quanti bambini sono stati chiamati ogni volta e quante chiamate sono state fatte. Gli amici della foresta Obiettivo: scoprire la regola del -1, trovare lo zero come risultato del -1 ripetuto tante volte Materiali: filastrocca, disegni degli animali La filastrocca Al paese c è una gran festa: si mangia, si balla, si gioca alla palla. Partono in cinque dalla foresta Per recarsi alla grande festa: Lucertola Berta, Lepre Piè Veloce, Riccio Capriccio, Ghiro Casimiro e Tartaruga Carolina, con in bocca l insalatina. 10

11 C è una pietra via fuori dal bosco, Lucertola Berta si ferma sul posto sopra ad un sasso scaldato dal sole e pronuncia queste parole: Io mi fermo qui!. Chiacchierando allegramente i quattro amici ripartono lentamente. Passano in un prato con l erbetta bagnata e Piè Veloce, molto affamata, rimane abbagliata dalla fresca insalata. Mangia con avidità e poi dice con tranquillità: Io mi fermo qua!. Chiacchierando allegramente i tre amici ripartono lentamente. In un frutteto i nostri amici sono arrivati dove ci sono alberi con frutti prelibati. Da un albero sono cadute delle mele rosse ben mature sugose e grosse. Riccio capriccio si mette a mangiare e poi la strada non vuol più continuare. Io mi fermo qui! dice alla compagnia e gli altri se ne vanno via. Chiacchierando allegramente i due amici ripartono lentamente. Passano davanti ad un cortile dove in fondo c è un fienile. Io mi fermo qui! dice Casimiro lì per lì. Poi, sulla paglia soffice e gialla, si addormenta formando una palla. Solo la Tartaruga Carolina è rimasta a camminare un po lentina. E mentre attraversa un orto lì vicino trova un bel cavolo verdino. Troppa è la voglia di fermarsi a mangiare ed anche lei rinuncia a camminare. Io mi fermo qui! pensato tra sè e sè. E adesso noi chiediamo a te: quanti amici della foresta arrivano al paese per la gran festa? La filastrocca deve essere prima letta e poi drammatizzata. Alla fine si può richiedere una rappresentazione spontanea della filastrocca e concordare poi una rappresentazione condivisa da esporre su un cartellone. Inventiamo una storia ( ) Obiettivi: far comprendere il significato delle scritture ecc. Materiali: fogli, cartoncino, strisce di carta, cordicelle, pennarelli, materiali vari per decorare i libri I bambini inventano una storia che abbia una delle regole di cui sopra e poi l insegnante li guida nella costruzione di un libro in cui ad ogni pagina corrisponda una situazione, le pagine verranno collegate da strisce di cartoncino o fettucce con la scritta ecc. 11

12 Riccioli d oro Obiettivi: mettere in ordine in base ad una dimensione Materiali: fogli, cartoncino, strisce di carta, cordicelle, pennarelli, materiali vari per decorare i libri La storia Riccioli d oro C era una volta una bambina che abitava in una casetta vicino ad un grande bosco, era bionda e si chiamava Riccioli d oro. Ogni giorno la mamma le ripeteva: Non andare nel bosco! Ma Riccioli d oro desiderava tanto vedere cosa si nascondeva dietro gli alberi! Una mattina non seppe proprio resistere alla tentazione e, raccogliendo un fiore dopo l altro, si ritrovò in mezzo al bosco. Allora si accorse che non riusciva più a trovare la strada di casa: si era perduta! Chiamò aiuto, si mise a piangere, ma nessuno la sentì. Cominciò allora a camminare, finché vide una casetta sotto tre grandi pini. Riccioli d oro bussò, ma nessuno rispose. Allora provò ad aprire la porta. Dentro una stanza c era un grosso tavolo di legno con sopra tre scodelle piene di zuppa d avena: una grossa, una media e una piccola. Vicino ad ogni scodella c era un cucchiaio: uno grosso, uno medio e uno piccolo. Ho così fame! pensò riccioli d oro entrando in casa e, e qui non c è nessuno che possa mangiare questa zuppa tranne me. Assaggiò la zuppa di ogni scodella, e mangiò tutta quella della scodella più piccola, perché era la più buona. Sul tavolo c erano anche tre bicchieri pieni d acqua: uno grosso, uno medio e uno piccolo. Ho così sete! si disse allora Riccioli d oro, e qui non c è nessuno che possa bere quest acqua fresca tranne me. Assaggiò un sorso da ogni bicchiere e bevve tutta l acqua del bicchiere più piccolo, perché era la più fresca. Poi si guardò intorno e vide che accanto al tavolo c erano tre sedie: una grossa, una media e una piccola. Sono così stanca! sospirò Riccioli d oro, e qui non c è nessuno che possa sedersi su queste sedie tranne me. Le provò tutte, ma la più piccola le sembrò la più comoda. Allora si sedette, ma la sedia si ruppe in mille pezzi. Salì allora al piano superiore dove trovò una stanzetta con tre letti: uno grosso, uno medio e uno piccolo. Ho tanto sonno! sbadigliò Riccioli d oro, e qui non c è nessuno che vuole dormire tranne me. Così provò a sdraiarsi su ogni letto, ma il più morbido era il più piccolo e lì si addormentò. Intanto la famiglia che abitava nella casetta tornò dopo aver fatto una passeggiata: erano Babbo Orso, Mamma Orsa e Orsetto. Appena entrarono in casa si accorsero che i cucchiai erano infilati nelle scodelle e che qualcuno aveva mangiato la zuppa di Orsetto. Si accorsero anche che i bicchieri non erano più pieni e che qualcuno si era bevuta tutta l acqua di Orsetto. Poi videro che le sedie erano spostate e qualcuno aveva rotto quella di Orsetto. Salirono lentamente le scale e videro nella camera i letti disfatti e una bambina che dormiva nel lettino di Orsetto. Proprio quel momento Riccioli d oro si svegliò e vide intorno a sé tre orsi che la osservavano: uno grosso, uno medio e uno piccolo. Lanciò uno strillo, si alzò dal letto, corse giù dalle scale, uscì velocemente dalla casetta e continuò a correre fino a quando non ritornò dalla sua mamma, che la stava chiamando dalla cucina. Oh mamma, mamma è stato orribile, è stato terribile, è stato spaventoso! singhiozzò Riccioli d oro e le raccontò tutto quello che le era capitato nella casetta degli orsi. La mamma le asciugò le lacrime, le diede una bella merenda, ma poi la sgridò e le disse: Ogni giorno ti ripeto di non andare nel bosco. Ora sai perché. Dopo aver letto la storia distribuire ai bambini gli oggetti della storia riprodotti su carta e chiedere loro di ordinarli spiegando come hanno fatto e perché. Evitare di fare classificare gli oggetti ( tutti i piccoli, tutti i medi, tutti i grandi) perché non è corretto: qui si tratta di individuare un ordinamento, non si possono usare i termini piccolo, medio e grande come assoluti. Per mettere in crisi questa idea basta preparare un oggetto più grande o più piccolo di quelli dati ai bambini e chiedere: E questo com è? Grande, medio o piccolo? L importante è che capiscano che si dovrebbe sempre dire Più grande di Più piccolo di perchè si tratta di una relazione di ordine non di equivalenza. Il linguaggio naturale in questo e in molti altri casi può veicolare degli errori. Si possono invece far mettere in corrispondenza gli orsi con i loro oggetti discutendo sul perché (proporzionalità). 12

Unità III Gli animali

Unità III Gli animali Unità III Gli animali Contenuti - Fattoria - Zoo - Numeri Attività AREA ANTROPOLOGICA 1. Roberto racconta L Orsoroberto si presenta e racconta ai bambini un poco di sé. L Orsoroberto ama mangiare il miele,

Dettagli

Bù! di e con Claudio Milani

Bù! di e con Claudio Milani Bù! di e con Claudio Milani Testo n Francesca Marchegiano e Claudio Milani Scenografie n Elisabetta Viganò, Paolo Luppino, Armando e Piera Milani Musiche n Debora Chiantella e Andrea Bernasconi Produzione

Dettagli

SLIP SLAP CANE POLIZIOTTO

SLIP SLAP CANE POLIZIOTTO 6 POTENZIAMENTO SLIP SLAP CANE POLIZIOTTO Slip Slap è un piccolo cane che gironzola per il quartiere a caccia di gatti da rincorrere, ma sogna di diventare un cane poliziotto. Un giorno vede un ladruncolo

Dettagli

Prove per l accertamento del livello conoscenza della lingua italiana L2

Prove per l accertamento del livello conoscenza della lingua italiana L2 Prove per l accertamento del livello conoscenza della lingua italiana L2 PRELIVELLO A1 6-8 anni PROVA N.1 Collega la parola al disegno PROVA N.2 Unisci l immagine alla parola Punteggio massimo 20 punti:

Dettagli

Modifiche da apportare al testo Per l Infanzia SI Adattare Elementare SI I, II, III Nessuna: adatto come scritto PERSONAGGI

Modifiche da apportare al testo Per l Infanzia SI Adattare Elementare SI I, II, III Nessuna: adatto come scritto PERSONAGGI TITOLO UN FIORE + UNA FARFALLA = PACE Argomento Fiaba sulla pace Il testo è adatto alle seguenti classi: Scuola Adatto Classi di riferimento Modifiche da apportare al testo Per l Infanzia SI Adattare Elementare

Dettagli

L APE CHE AMAVA LA MATEMATICA. Autore: Andrea Maffia PRESENTAZIONE OBIETTIVI METODOLOGIA FASI DI LAVORO

L APE CHE AMAVA LA MATEMATICA. Autore: Andrea Maffia PRESENTAZIONE OBIETTIVI METODOLOGIA FASI DI LAVORO L APE CHE AMAVA LA MATEMATICA Autore: Andrea Maffia PRESENTAZIONE Il laboratorio proposto in queste pagine è pensato per una prima introduzione ai numeri e alle figure geometriche attraverso il gioco con

Dettagli

2. Orsoroberto I bambini ricevono la scheda numero 1, colorano l Orsoroberto e rispondono alla domanda: Come ti chiami? scrivendo il loro nome.

2. Orsoroberto I bambini ricevono la scheda numero 1, colorano l Orsoroberto e rispondono alla domanda: Come ti chiami? scrivendo il loro nome. Unità I L identità personale Contenuti - Salutarsi - Presentarsi - Parlare di sé - Famiglia - Numeri Attività Un pupazzo di nome Roberto aiuterà i bambini ad imparare l italiano, e diventerà presto la

Dettagli

Indicazioni: Il tetto giallo. Il camino blu. I muri rossi. Le finestre verdi. La porta nera. Di che colore è? Il tetto è giallo? Giusto, indovinato!

Indicazioni: Il tetto giallo. Il camino blu. I muri rossi. Le finestre verdi. La porta nera. Di che colore è? Il tetto è giallo? Giusto, indovinato! Unità VIII La casa Contenuti - Camere - Mobili - Azioni Attività AREA ANTROPOLOGICA 1. La casa dell Orsoroberto L Orsoroberto fa vedere ai bambini la sua casa. È una grotta ma all interno ha tutte le stanze.

Dettagli

RISCRIVI SUL FOGLIO CHE VIENE DOPO QUESTE FRASI IN ORDINE:

RISCRIVI SUL FOGLIO CHE VIENE DOPO QUESTE FRASI IN ORDINE: RISCRIVI SUL FOGLIO CHE VIENE DOPO QUESTE FRASI IN ORDINE: La frase la maestra scrive sulla lavagna Chiara una foto ai bambini fa Una torta prepara la mamma al cioccolato Giocano con la corda i ragazzi

Dettagli

Io..., papà di... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015

Io..., papà di... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015 Io..., papà di...... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015 Lettura albo, strumento utilizzato in un Percorso di Sostegno alla Genitorialità biologica EMAMeF - Loredana Plotegher, educatore professionale

Dettagli

Cosa fa l alunno. Cosa fa l insegnante. Ascolta. Ripete i tre versi più volte sino a memorizzarli.

Cosa fa l alunno. Cosa fa l insegnante. Ascolta. Ripete i tre versi più volte sino a memorizzarli. SCUOLA DELL INFANZIA _ MONTE VIDON COMBATTE scuolamaternamvc@libero,it Fase 1 Obiettivo: esprimere sensazioni in relazione alla lettura di una poesia. Cosa fa l insegnante Legge con enfasi in sezione l

Dettagli

Gruppo bambini di 5 anni Ins. VISIBELLI Maria, CHESI Carla, VALENTE Debora, NALDI Grazia, AGLIETTI Brunella

Gruppo bambini di 5 anni Ins. VISIBELLI Maria, CHESI Carla, VALENTE Debora, NALDI Grazia, AGLIETTI Brunella D.D.1 CIRCOLO ROSIGNANO SCUOLA DELL INFANZIA «GIAN BURRASCA» Gruppo bambini di 5 anni Ins. VISIBELLI Maria, CHESI Carla, VALENTE Debora, NALDI Grazia, AGLIETTI Brunella Da alcuni anni nelle scuole dell

Dettagli

C era una volta. la Coniglietta Carotina

C era una volta. la Coniglietta Carotina C era una volta la Coniglietta Carotina Storia elaborata dalle Classi Seconde delle scuole: B. Gigli Le Grazie e San Vito La Coniglietta Carotina è bella, simpatica; sorride sempre. E tutta celestina sul

Dettagli

Un racconto di Guido Quarzo. Una gita in LA BUONA STRADA DELLA SICUREZZA

Un racconto di Guido Quarzo. Una gita in LA BUONA STRADA DELLA SICUREZZA Un racconto di Guido Quarzo Una gita in LA BUONA STRADA DELLA SICUREZZA Una gita in Un racconto di Guido Quarzo è una bella fortuna che la scuola dove Paolo e Lucia frequentano la seconda elementare, ospiti

Dettagli

INSIEME A LUPO ROSSO

INSIEME A LUPO ROSSO Istituto Comprensivo n.1 Bologna Anno Scolastico 2007-2008 Scuola dell'infanzia "Giovanni XXIII" INSIEME A LUPO ROSSO IMPARIAMO LE REGOLE DELLA STRADA PROGETTO DI EDUCAZIONE STRADALE GUIDATO DA SILVIA

Dettagli

INFANZIA E PRIMARIA di Latina PER SALUTARE ARIANNA di Genova ED AUGURARLE BUON VIAGGIO in Germania

INFANZIA E PRIMARIA di Latina PER SALUTARE ARIANNA di Genova ED AUGURARLE BUON VIAGGIO in Germania INFANZIA E PRIMARIA di Latina PER SALUTARE ARIANNA di Genova ED AUGURARLE BUON VIAGGIO in Germania Cara Arianna, ciao, io sono Federica D.L. e abito a Latina e frequento la scuola elementare dell IC Don

Dettagli

Scuola Infanzia Piantedo A.S. 2012/2013. Percorso metafonologico e fonologico: GIOCO CON LE PAROLE

Scuola Infanzia Piantedo A.S. 2012/2013. Percorso metafonologico e fonologico: GIOCO CON LE PAROLE Scuola Infanzia Piantedo A.S. 2012/2013 Percorso metafonologico e fonologico: GIOCO CON LE PAROLE GRUPPO: intersezione bambini 5 anni UNITÀ DI APPRENDIMENTO TITOLO/OF OO FF Titolo: GIOCO CON LE PAROLE

Dettagli

Gita alla fattoria. Gli animali (cavallo, cane, mucca ) Elementi naturali (fiore, albero, prato...)

Gita alla fattoria. Gli animali (cavallo, cane, mucca ) Elementi naturali (fiore, albero, prato...) Funzioni comunicative Lessico Morfosintassi Esprimere e motivare preferenze riguardo agli animali (Il mio animale preferito è... perché ) Raccontare un evento accaduto nel passato Comprendere un testo

Dettagli

Scheda di lavoro n.1

Scheda di lavoro n.1 A B C Scheda di lavoro n.1 C'era una volta E se fosse un lupo buono? Reinventare il finale della famosa favola di Cappuccetto Rosso, immaginando un lupo buono! Leggere la favola di Cappuccetto Rosso in

Dettagli

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime Indice Introduzione 7 La storia delle rose: quando la mamma parte 9 Il bruco e la lumaca: quando i genitori si separano 23 La campana grande e quella piccola: quando nasce il fratellino 41 La favola del

Dettagli

ALLA RICERCA DEL PARTICOLARE

ALLA RICERCA DEL PARTICOLARE 1 ALLA RICERCA DEL PARTICOLARE Colora i disegni. Ti accorgerai che in ogni immagine manca un particolare. Spiega che cosa manca e disegnalo. Obiettivo: individuare gli elementi essenziali di immagini date

Dettagli

PROVA DI MATEMATICA. Scuola Primaria. Classe Seconda. Rilevazione degli apprendimenti INVALSI. Anno Scolastico 2009 2010

PROVA DI MATEMATICA. Scuola Primaria. Classe Seconda. Rilevazione degli apprendimenti INVALSI. Anno Scolastico 2009 2010 Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca INVALSI Istituto nazionale per la valutazione del sistema educativo di istruzione e di formazione PROVA DI MATEMATICA - Scuola Primaria - Classe

Dettagli

PROVA DI ITALIANO. Scuola Primaria. Classe Seconda. Rilevazione degli apprendimenti. Anno Scolastico 2008 2009. Spazio per l etichetta autoadesiva

PROVA DI ITALIANO. Scuola Primaria. Classe Seconda. Rilevazione degli apprendimenti. Anno Scolastico 2008 2009. Spazio per l etichetta autoadesiva Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca Rilevazione degli apprendimenti Anno Scolastico 2008 2009 PROVA DI ITALIANO Scuola Primaria Classe Seconda Spazio per l etichetta autoadesiva La

Dettagli

FIABE GIAPPONESI. La principessa del bambù. La fanciulla del melone. Le due Fortune. Luna e Stella. Le Creature delle fiabe giapponesi.

FIABE GIAPPONESI. La principessa del bambù. La fanciulla del melone. Le due Fortune. Luna e Stella. Le Creature delle fiabe giapponesi. http://web.tiscali.it La principessa del bambù. La fanciulla del melone. Le due Fortune. Luna e Stella. FIABE GIAPPONESI Le Creature delle fiabe giapponesi. LA PRINCIPESSA DEL BAMBÙ. C'erano una volta

Dettagli

Nonno Toni sentì un urlo di rabbia

Nonno Toni sentì un urlo di rabbia Operazione Oh no! Nonno Toni sentì un urlo di rabbia provenire dalla cameretta di Tino. Salì le scale di corsa, spalancò la porta e si imbatté in un bambino con gli occhi pieni di lacrime. Tino aveva in

Dettagli

Maggio 2014 San Vito. Laboratorio di narrazione con mamme straniere e italiane

Maggio 2014 San Vito. Laboratorio di narrazione con mamme straniere e italiane Maggio 2014 San Vito Laboratorio di narrazione con mamme straniere e italiane PRIMO INCONTRO In cerchio. Presentazione dell attività e delle regole Presentazione (sedute in cerchio). Mi chiamo.la favola/fiaba

Dettagli

I compiti vanno in vacanza

I compiti vanno in vacanza Strumenti per la didattica, l educazione, la riabilitazione, il recupero e il sostegno Collana diretta da Dario Ianes Camillo Bortolato I compiti vanno in vacanza 2 Il disfa-libro per la primaria CLSS

Dettagli

La principessa dal dente smarrito

La principessa dal dente smarrito La principessa dal dente smarrito LA VALLE DELLE MILLE MELE - FIABA DI MAURO NERI - ILLUSTRAZIONI DI FULBER DISEGNO DA FARE IL SOGGETTO POTREBBE ESSERE LAMPURIO COL MAL DI DENTI Come mai quel visino così

Dettagli

C era una volta. Endi il Folletto

C era una volta. Endi il Folletto C era una volta Endi il Folletto Storia elaborata dalle Classi Terze delle scuole: Le Grazie Pittura San Vito - Politi Endi, il folletto, è un fanciullo di corporatura esile e non molto alto. I suoi occhi

Dettagli

PADRE MAESTRO E AMICO

PADRE MAESTRO E AMICO PADRE MAESTRO E AMICO Padre, di molte genti padre, il nostro grido ascolta: è il canto della vita. Quella perenne giovinezza che tu portavi in cuore, perché non doni a noi? Padre, maestro ed amico noi

Dettagli

U.D.A. DALL ARTE AL PROBLEMA

U.D.A. DALL ARTE AL PROBLEMA U.D.A. DALL ARTE AL PROBLEMA Scuola dell Infanzia Gianna Carboni Vidoni Secchiano (RN) Referente Eleonora Celli eliu1979@hotmail.com MAPPA CONCETTUALE PROBLEMA situazione problematica non necessariamente

Dettagli

SCUOLA A. MANZONI CLASSE 3A. MAHAM JANJUA e DOUGLAS SILVA. presentano (RIELABORAZIONE DI UN LIBRO)

SCUOLA A. MANZONI CLASSE 3A. MAHAM JANJUA e DOUGLAS SILVA. presentano (RIELABORAZIONE DI UN LIBRO) SCUOLA A. MANZONI CLASSE 3A MAHAM JANJUA e DOUGLAS SILVA presentano (RIELABORAZIONE DI UN LIBRO) ATTIVITA ALTERNATIVA ALL INSEGNAMENTO DELLA RELIGIONE CATTOLICA CON LA COLLABORAZIONE DELL INSEGNANTE VANIA

Dettagli

Autunno: storie L aquilone

Autunno: storie L aquilone Autunno: storie L aquilone In autunno c è un giorno speciale: dal mare comincia a soffiare un dolce vento, che si fa sempre più forte e va nelle città, nei paesi, nei boschi, alla ricerca degli aquiloni.

Dettagli

I Classici facili raccontati da Carlo Scataglini. Pinocchio

I Classici facili raccontati da Carlo Scataglini. Pinocchio I Classici facili raccontati da Carlo Scataglini Pinocchio Indice illustrato CAPITOLO 1 Tutto comincia con un pezzo di legno............. 7 CAPITOLO 2 Quando un burattino ha fame.... 17 CAPITOLO 3 Il Gran

Dettagli

Gellindo Ghiandedoro e il triste compleanno di Bellondina

Gellindo Ghiandedoro e il triste compleanno di Bellondina Gellindo Ghiandedoro e il triste compleanno di Bellondina I RACCONTI DEL BOSCO DELLE VENTI QUERCE - FIABA DI MAURO NERI - ILLUSTRAZIONI DI FULBER Quando al mattino Gellindo si sveglia al suono della prima

Dettagli

SCUOLA DELL'INFANZIA REGINA MARGHERITA A.S. 2009 /2010 PROGETTO AMBIENTE INSEGNANTI SEZIONI A C

SCUOLA DELL'INFANZIA REGINA MARGHERITA A.S. 2009 /2010 PROGETTO AMBIENTE INSEGNANTI SEZIONI A C SCUOLA DELL'INFANZIA REGINA MARGHERITA A.S. 2009 /2010 PROGETTO AMBIENTE INSEGNANTI SEZIONI A C Il percorso didattico dedicato agli alberi è iniziato il 19 11 2010, all'interno del progetto Ambiente dedicato

Dettagli

Ombra di Lupo Chiaro di Luna SCHEDE 1/5

Ombra di Lupo Chiaro di Luna SCHEDE 1/5 Ombra di Lupo Chiaro di Luna Tratto da Lupus in Fabula di Raffaele Sargenti Narrazione e Regia Claudio Milani Adattamento Musicale e Pianoforte Federica Falasconi Soprano Beatrice Palombo Testo Francesca

Dettagli

FIABE CINESI E TIBETANE

FIABE CINESI E TIBETANE http://web.tiscali.it FIABE CINESI E L'uccello a nove teste La pantera I geni dei fiori TIBETANE Le montagne innevate e l'uccello della felicità. L'UCCELLO A NOVE TESTE C'erano una volta un re e una regina

Dettagli

LE FAVOLE inventate da noi

LE FAVOLE inventate da noi EBOOK LE FAVOLE inventate da noi Classi terze A e B ins. Fumasoni Angela Scuola Primaria A.Racchetti Istituto Comprensivo Sondrio Paesi Orobici Anno scolastico 2012/2013 Le favole inventate da noi - III

Dettagli

Comprensione di semplici testi

Comprensione di semplici testi PERCORSI DIDATTICI Comprensione di semplici testi di: Mavale scuola: Cremona area tematica: Lingua italiana pensato per: 6-8 anni scheda n : 1 OBIETTIVO DIDATTICO: Saper leggere e comprendere semplici

Dettagli

Progetto di educazione alimentare

Progetto di educazione alimentare Progetto di educazione alimentare PREMESSA Il Progetto Alimentazione, pur rientrando nel campo dell Educazione alla Salute, non vuole essere semplicemente inteso come educazione igienico sanitaria, finalizzata

Dettagli

biglietto e rimase senza parole: le era toccato l unico amico segreto che non avrebbe mai voluto: Gedeone

biglietto e rimase senza parole: le era toccato l unico amico segreto che non avrebbe mai voluto: Gedeone A Neretta piace molto andare a scuola. Anche i suoi amici della Compagnia del Cuore d Oro che frequentano la sua classe vanno volentieri. Ma le cose, all inizio di quest anno, non andavano troppo bene.

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA «G.PASCOLI» A.S.2012/13 SEZIONE TRE ANNI STORIE A COLORI

SCUOLA DELL INFANZIA «G.PASCOLI» A.S.2012/13 SEZIONE TRE ANNI STORIE A COLORI SCUOLA DELL INFANZIA «G.PASCOLI» A.S.2012/13 SEZIONE TRE ANNI STORIE A COLORI Scuola dell infanzia «G.Pascoli» a.s. 2012/13 sezione tre anni primi giorni di scuola..prima storia: «LA RANA DALLA BOCCA LARGA»

Dettagli

L OCA LOGICA Paola Concetta Mei

L OCA LOGICA Paola Concetta Mei L OCA LOGICA Paola Concetta Mei Scuola dell infanzia San Niccolò, Agliana, Scuola dell infanzia Fucini Pistoia 2004-2005 Lo scopo del presente lavoro è far sperimentare ai bambini in modo giocoso i concetti

Dettagli

Accoglienza: storie La storia del piccolo Arco Baleno

Accoglienza: storie La storia del piccolo Arco Baleno Accoglienza: storie La storia del piccolo Arco Baleno Il piccolo Arco Baleno viveva tutto solo sopra una nuvola. La sua nuvoletta aveva tutte le comodità: un letto con una grande coperta colorata, tantissimi

Dettagli

Titolo: IL QUADERNINO DEI RETICOLI

Titolo: IL QUADERNINO DEI RETICOLI Titolo: IL QUADERNINO DEI RETICOLI Autore: giulianamassaro@gmail.com Descrittori: geografia, tecnologia, Motivazione e contesto di applicazione La rappresentazione dello spazio: strumenti e strategie Le

Dettagli

LA SIGNORA MATEMATICA

LA SIGNORA MATEMATICA PROGETTO LOGICA-MENTE SEZIONE 1 SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN LA SIGNORA MATEMATICA ANNO SCOLASTICO 2012 / 2013 Numero BAMBINI 23 3 4 5 ANNI INSEGNANTI REGGIANI MARIA LUISA PANARO IRENE CATERINO MARIA

Dettagli

PROGETTO ACCOGLIENZA: All asilo con Gigi

PROGETTO ACCOGLIENZA: All asilo con Gigi PROGETTO ACCOGLIENZA: All asilo con Gigi Motivazione del gruppo Comincia l anno educativo per i bambini del nido. Alcuni bimbi entrano per la prima volta al nido e devono attraversare il periodo delicato

Dettagli

A.S. 2014-2015 ATTIVITÀ FORMATIVE PER LA SCUOLA DELL INFANZIA

A.S. 2014-2015 ATTIVITÀ FORMATIVE PER LA SCUOLA DELL INFANZIA MANUALE PER IL docente II EDIZIONE A.S. 2014-2015 ATTIVITÀ FORMATIVE PER LA SCUOLA DELL INFANZIA 1 INDICE Il progetto 03 Scambio di generazioni 04 Crescendo si scambia in 4 mosse 05 Certi giochi sono sempre

Dettagli

МИНИСТЕРСТВО НА ОБРАЗОВАНИЕТО, МЛАДЕЖТА И НАУКАТА ЦЕНТЪР ЗА КОНТРОЛ И ОЦЕНКА НА КАЧЕСТВОТО НА УЧИЛИЩНОТО ОБРАЗОВАНИЕ

МИНИСТЕРСТВО НА ОБРАЗОВАНИЕТО, МЛАДЕЖТА И НАУКАТА ЦЕНТЪР ЗА КОНТРОЛ И ОЦЕНКА НА КАЧЕСТВОТО НА УЧИЛИЩНОТО ОБРАЗОВАНИЕ МИНИСТЕРСТВО НА ОБРАЗОВАНИЕТО, МЛАДЕЖТА И НАУКАТА ЦЕНТЪР ЗА КОНТРОЛ И ОЦЕНКА НА КАЧЕСТВОТО НА УЧИЛИЩНОТО ОБРАЗОВАНИЕ ТЕСТ ПО ИТАЛИАНСКИ ЕЗИК ЗА VII КЛАС I. PROVA DI COMPRENSIONE DI TESTI ORALI Testo 1

Dettagli

I miti e le leggende inventati dai bambini. A tutti i bambini piace inventare storie...

I miti e le leggende inventati dai bambini. A tutti i bambini piace inventare storie... I miti e le leggende inventati dai bambini A tutti i bambini piace inventare storie... Con i miei bambini della classe terza ho voluto stimolare il lavoro di gruppo facendo loro scrivere un mito o una

Dettagli

Maschere a Venezia CAP I

Maschere a Venezia CAP I Maschere a Venezia 7 CAP I In un pomeriggio di fine marzo Altiero Ranelli, un giovane giornalista de Il Gazzettino di Venezia, entra nell ufficio del direttore. - Ho una grande notizia. - grida contento.

Dettagli

VENERDì 5 GIUGNO 2009 ALLE ORE 17 - PRESSO LA SCUOLA DELL INFANZIA

VENERDì 5 GIUGNO 2009 ALLE ORE 17 - PRESSO LA SCUOLA DELL INFANZIA ISTITUTO COMPRENSIVO E. TOTI - Scuola statale dell Infanzia di Musile di Piave - A.S..2008-09 VENERDì 5 GIUGNO 2009 ALLE ORE 17 - PRESSO LA SCUOLA DELL INFANZIA Siete invitati alla nostra festa che si

Dettagli

STORIE BREVI. www.comune.torino.it/centromultimediale/index.htm pag.1/7. Città di Torino

STORIE BREVI. www.comune.torino.it/centromultimediale/index.htm pag.1/7. Città di Torino STORIE BREVI La trasparenza dell acqua Esperienza di acquaticità in piscina e a scuola Scuola d Infanzia comunale Principessa Isabella di Via Gorresio, 13 in collaborazione con la Redazione del Centro

Dettagli

Quali poligoni tassellano il piano?

Quali poligoni tassellano il piano? Progetto SIGMA dare SIGnificato al fare MAtematica Laboratorio di Geometria a.s. 2013/14 Quali poligoni tassellano il piano? La geometria nella realtà quotidiana, nella natura e nell arte Scuola dell Infanzia

Dettagli

DAL SEME ALLA PIANTA

DAL SEME ALLA PIANTA SCHEDA N 3 DAL SEME ALLA PIANTA Un altra esperienza di semina in classe potrà essere effettuata a piccoli gruppi. Ogni gruppo sarà responsabile della crescita di alcuni semi, diversi o uguali. Es. 1 gruppo:

Dettagli

E DE D LLE PAR A OL O E

E DE D LLE PAR A OL O E LE ORME DELLE PAROLE SILVANO TROLESE Illustrazioni: Fulvia Morganti Progetto grafico: Angela Boscardin Marzo 2015 2 Continuità Scuola dell infanzia Scuola primaria Kontinuität Kindergarten - Grundschule

Dettagli

Amore in Paradiso. Capitolo I

Amore in Paradiso. Capitolo I 4 Amore in Paradiso Capitolo I Paradiso. Ufficio dei desideri. Tanti angeli vanno e vengono nella stanza. Arriva un fax. Lo ha mandato qualcuno dalla Terra, un uomo. Quando gli uomini vogliono qualcosa,

Dettagli

Processo d I integrazione nel gruppo classe di un bambino autistico,raccontato dal suo punto di vista.

Processo d I integrazione nel gruppo classe di un bambino autistico,raccontato dal suo punto di vista. Processo d I integrazione nel gruppo classe di un bambino autistico,raccontato dal suo punto di vista. 1 2 A me non piaceva andare in classe, perché non capivo che cosa si doveva fare: vedevo i bambini

Dettagli

Laboratorio L'ACQUA 1-2 Elementare

Laboratorio L'ACQUA 1-2 Elementare Laboratorio L'ACQUA 1-2 Elementare ATTIVITA' DI PRESENTAZIONE_per conoscere il nome dei bambini DURATA: 15 minuti Dopo che i bambini si sono disposti in cerchio, ci presentiamo dicendo ognuno il proprio

Dettagli

Anno 3, Numero 2 (Dicembre 2003) Redazione: Mariella, Nicola, Paola, Carla, Cristina e-mail: msala@tele2.it

Anno 3, Numero 2 (Dicembre 2003) Redazione: Mariella, Nicola, Paola, Carla, Cristina e-mail: msala@tele2.it Anno 3, Numero 2 (Dicembre 2003) Redazione: Mariella, Nicola, Paola, Carla, Cristina e-mail: msala@tele2.it U L T I M E N O T I Z I E!!!! SCASSINATO IL BAULE GIALLO DEL RONCADELLINO!!!!! Ebbene, sì, bambini,

Dettagli

COMPETENZE CHIAVE PER I BAMBINI DI TRE ANNI. Traguardi formativi

COMPETENZE CHIAVE PER I BAMBINI DI TRE ANNI. Traguardi formativi COMPETENZE PER I BAMBINI DI TRE ANNI Traguardi formativi COMUNICAZIONE NELLA MADRELINGUA I DISCORSI E LE PAROLE COMPETENZE Comprendere un nuovo argomento trattato in sezione. Sapersi esprimere migliorando

Dettagli

GAIA: sono andata sotto nel mare e ho visto i pesciolini: sono stata molto sott acqua

GAIA: sono andata sotto nel mare e ho visto i pesciolini: sono stata molto sott acqua Questo progetto è rivolto al gruppo di bambini di cinque anni ed è finalizzato a creare un filo conduttore tra il tempo dell estate che si è conclusa e il ritorno a scuola. Un tempo quindi unico, non frammentato,

Dettagli

La cavalletta in cerca di colazione

La cavalletta in cerca di colazione Questo è il titolo del racconto che poi leggerai La cavalletta in cerca di colazione Leggendo questo titolo, puoi aspettarti che il racconto parli quasi sicuramente di alcune cose. Indica quali. Ricorda

Dettagli

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica:

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica: Pasta per due 5 Capitolo 1 Libero Belmondo è un uomo di 35 anni. Vive a Roma. Da qualche mese Libero accende il computer tutti i giorni e controlla le e-mail. Minni è una ragazza di 28 anni. Vive a Bangkok.

Dettagli

Se vieni alla scuola Martiri della Libertà puoi trovare. Una scuola accogliente e divertente!

Se vieni alla scuola Martiri della Libertà puoi trovare. Una scuola accogliente e divertente! Se vieni alla scuola Martiri della Libertà puoi trovare Una scuola accogliente e divertente! Un giardino da scoprire e da giocare! Un grande portico dove far festa e divertirsi sui tricicli quando piove

Dettagli

PROVE DI VERIFICA DI ITALIANO CLASSE III II QUADRIMESTRE DIREZIONE DIDATTICA STATALE A. D ANDRADE PAVONE CANAVESE SCUOLA PRIMARIA STATALE DI

PROVE DI VERIFICA DI ITALIANO CLASSE III II QUADRIMESTRE DIREZIONE DIDATTICA STATALE A. D ANDRADE PAVONE CANAVESE SCUOLA PRIMARIA STATALE DI DIREZIONE DIDATTICA STATALE A. D ANDRADE PAVONE CANAVESE SCUOLA PRIMARIA STATALE DI PROVE DI VERIFICA DI ITALIANO CLASSE III ANNO SCOLASTICO II QUADRIMESTRE ALUNNO/A PROVE DI VERIFICA PERIODO: SECONDO

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN 1 CIRCOLO SPINEA ANNO SC. 2007-08 IL BARATTO GRUPPO ANNI 4 INS: AIOLFI ANNA L ACQUISTO

SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN 1 CIRCOLO SPINEA ANNO SC. 2007-08 IL BARATTO GRUPPO ANNI 4 INS: AIOLFI ANNA L ACQUISTO SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN 1 CIRCOLO SPINEA ANNO SC. 2007-08 IL BARATTO GRUPPO ANNI 4 INS: AIOLFI ANNA L ACQUISTO DIVISI IN TRE PICCOLI GRUPPI I BAMBINI OSSERVANO E COMMENTANO L IMMAGINE A.Ajello -A.S.

Dettagli

GIOCHI CON I COLORI!

GIOCHI CON I COLORI! ww.lagiostra.biz PROGETTO DIDATTICO SPECIALE LE FILASTROCCHE DEI COLORI Elio Giacone propone tanti GIOCHI CON I COLORI! CAMBIA E SCAMBIA (ADATTO ANCHE PER I BAMBIN IDEL NIDO) Gioco per i più piccoli. Si

Dettagli

NON PERDIAMOCI DI VISTA

NON PERDIAMOCI DI VISTA NON PERDIAMOCI DI VISTA Nicolas e la maestra un giorno hanno deciso di costruire dei dadi delle storie che potessero servire a inventare storie nuove mai esistite in nessun libro. Il primo passo è stato

Dettagli

Un percorso per la scuola Primaria

Un percorso per la scuola Primaria Un percorso per la scuola Primaria 1 Il percorso descritto propone ed utilizza strategie didattiche finalizzate allo sviluppo delle diverse abilità linguistiche del bambino in modo che l'insieme delle

Dettagli

LA REGINA MADRETERRA. Scuola dell infanzia di Podenzano

LA REGINA MADRETERRA. Scuola dell infanzia di Podenzano LA REGINA MADRETERRA Scuola dell infanzia di Podenzano AREA DI APPARTENENZA: Tutti i campi d esperienza Tutti ALUNNI DESTINATARI: IDEA E TEMA CENTRALE: Questo progetto mira a fornire ai bambini la possibilità

Dettagli

CONVEGNO 22 NOVEMBRE 2014 - VIGNOLA UN CERCHIO CHE CI UNISCE ESPERIENZE DI CONTINUITA

CONVEGNO 22 NOVEMBRE 2014 - VIGNOLA UN CERCHIO CHE CI UNISCE ESPERIENZE DI CONTINUITA CONVEGNO 22 NOVEMBRE 2014 - VIGNOLA UN CERCHIO CHE CI UNISCE ESPERIENZE DI CONTINUITA Buongiorno. Sono Antonella Barbieri, educatrice dell'unione Terre di Castelli, e sono stata chiamata a collaborare

Dettagli

Arrivo del pacco regalo... Si decide di aprire il pacco...

Arrivo del pacco regalo... Si decide di aprire il pacco... Arrivo del pacco regalo... Tutti: c'è un pacco! Uh che bello! Cosa sarà? Insegnante: c'è un biglietto, che cosa ci sarà scritto? Chiara G.: c'è scritto "scuola cinque anni" Insegnante: e dentro "c'è un

Dettagli

PROGETTO ACCOGLIENZA A Scuola con i Nanetti Di Barbara Pavesi Anno Scolastico 2009-10 Dal 21 Settembre 2009 al 16 Ottobre 2009.

PROGETTO ACCOGLIENZA A Scuola con i Nanetti Di Barbara Pavesi Anno Scolastico 2009-10 Dal 21 Settembre 2009 al 16 Ottobre 2009. PROGETTO ACCOGLIENZA A Scuola con i Nanetti Di Barbara Pavesi Anno Scolastico 2009-10 Dal 21 Settembre 2009 al 16 Ottobre 2009. Suddivisione del gruppo Ai bambini verranno proposte le attività ed i giochi

Dettagli

Sfruttiamo quindi tutte le occasioni per far contare piccole quantità di oggetti

Sfruttiamo quindi tutte le occasioni per far contare piccole quantità di oggetti Contare oggetti In fase iniziale abbiamo accostato l operazione chiamata contare per contare con una qualsiasi sequenza ritmica. Verifichiamo anche quello usuale, chiedendo ai bambini fin dove sanno contare,

Dettagli

5 a. Soluzioni di Maxi granita al limone 2011 De Agostini Scuola SpA Novara

5 a. Soluzioni di Maxi granita al limone 2011 De Agostini Scuola SpA Novara 5 a SETTIMANA L ORTO 62 DEI BAMBINI MAXI GRANITA Fai anche tu come i bambini che stanno lavorando nell orto. Procurati un vasetto, riempilo di terra e pianta un seme di fagiolo fresco. Ricordati di bagnarlo

Dettagli

Corsista: ins.olivieri Lorenza. 1 Circolo Didattico Ortona ch

Corsista: ins.olivieri Lorenza. 1 Circolo Didattico Ortona ch Corso di formazione per docenti Titolo:sviluppare modalità di pratica per potenziare l apprendimento scientifico Sede:istituto De Titta comune Lanciano ch Corsista: ins.olivieri Lorenza 1 Circolo Didattico

Dettagli

PROGETTO CONTINUITÀ SCUOLA DELL INFANZIA G. PASCOLI - SCUOLA PRIMARIA L. DA VINCI

PROGETTO CONTINUITÀ SCUOLA DELL INFANZIA G. PASCOLI - SCUOLA PRIMARIA L. DA VINCI PROGETTO CONTINUITÀ SCUOLA DELL INFANZIA G. PASCOLI - SCUOLA PRIMARIA L. DA VINCI INSEGNANTI DELLA SEZIONE 5 ANNI G. PASCOLI INSEGNANTI DELLE CLASSI 1ª E 5ª DELLA SCUOLA PRIMARIA L. DA VINCI ANNO SCOLASTICO

Dettagli

PROVA DI ITALIANO. Scuola Primaria. Classe Seconda. Rilevazione degli apprendimenti. Anno Scolastico 2010-2011. Spazio per l etichetta autoadesiva

PROVA DI ITALIANO. Scuola Primaria. Classe Seconda. Rilevazione degli apprendimenti. Anno Scolastico 2010-2011. Spazio per l etichetta autoadesiva Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca Rilevazione degli apprendimenti Anno Scolastico 2010-2011 PROVA DI ITALIANO Scuola Primaria Classe Seconda Spazio per l etichetta autoadesiva ISTRUZIONI

Dettagli

LE NOSTRE CANZONI DI NATALE

LE NOSTRE CANZONI DI NATALE CANZONE: LE NOSTRE CANZONI DI NATALE VIENI BAMBINO TRA I BAMBINI Quando la notte è buia E buio è anche il giorno, non credi che il domani potrà mai fare ritorno. Quando la notte è fredda C è il gelo nel

Dettagli

PORCHIPINO. Periodo attuazione: ottobre/dicembre 2007

PORCHIPINO. Periodo attuazione: ottobre/dicembre 2007 PORCHIPINO Temi: L incontro, lo stare e il partire. La narrazione della storia di Porchipino, un piccolo riccio rimasto solo nel bosco, introduce i bambini al tema dell incontro, dell accoglienza del diverso

Dettagli

Le avventure di Crave

Le avventure di Crave Le avventure di Crave Damiano Alesci LE AVVENTURE DI CRAVE www.booksprintedizioni.it Copyright 2012 Damiano Alesci Tutti i diritti riservati CRAVE E GLI ANTIFURTI A. A. L. (AGENZIA ANTI LADRI) L agenzia

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO BARBERINO Scuola dell Infanzia Don Milani Percorso scientifico sperimentato nella sezione omogenea 5 anni

ISTITUTO COMPRENSIVO BARBERINO Scuola dell Infanzia Don Milani Percorso scientifico sperimentato nella sezione omogenea 5 anni ISTITUTO COMPRENSIVO BARBERINO Scuola dell Infanzia Don Milani Percorso scientifico sperimentato nella sezione omogenea 5 anni Questo percorso scientifico è stato sperimentato più volte nel corso degli

Dettagli

L ALBERO CHE NON SAPEVA DI ESSERE UN ALBERO

L ALBERO CHE NON SAPEVA DI ESSERE UN ALBERO L ALBERO CHE NON SAPEVA DI ESSERE UN ALBERO di Giovannella Massari Sopra un prato verde chiaro l alberello se ne stava e guardandosi un po in giro, tristemente sospirava. Nessun albero lì intorno, su quel

Dettagli

Unità d apprendimento per CAD: un esempio

Unità d apprendimento per CAD: un esempio Unità d apprendimento per CAD: un esempio Unità Didattica: La fiaba Riccioli d oro e i 3 orsi BARBARA D ANNUNZIO SCIENZE DELLA FORMAZIONE PADOVA Unità Didattica: La fiaba Riccioli d oro e i 3 orsi Fase

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN SPINEA I CIRCOLO ANNO SCOLASTICO 2006/07. Documentazione a cura di Quaglietta Marica

SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN SPINEA I CIRCOLO ANNO SCOLASTICO 2006/07. Documentazione a cura di Quaglietta Marica SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN SPINEA I CIRCOLO ANNO SCOLASTICO 2006/07 GRUPPO ANNI 3 Novembre- maggio Documentazione a cura di Quaglietta Marica Per sviluppare Pensiero creativo e divergente Per divenire

Dettagli

Lo sai mamma che... Il giornalino della Scuola dell Infanzia di Ponte nelle Alpi gestito dai genitori con la collaborazione delle insegnanti.

Lo sai mamma che... Il giornalino della Scuola dell Infanzia di Ponte nelle Alpi gestito dai genitori con la collaborazione delle insegnanti. Pronti per colorare? Lo sai mamma che... Il giornalino della Scuola dell Infanzia di Ponte nelle Alpi gestito dai genitori con la collaborazione delle insegnanti. Ringraziamo tutte le maestre e le mamme

Dettagli

Mediterranea INTRODUZIONE

Mediterranea INTRODUZIONE 7 INTRODUZIONE guerrieri Palermo, anno 1076. Dopo che - per più di duecento anni - gli arabi erano stati i padroni della Sicilia, a quel tempo nell isola governavano i normanni, popolo d i guerrieri venuti

Dettagli

SCUOLA INFANZIA RINASCITA

SCUOLA INFANZIA RINASCITA SCUOLA INFANZIA RINASCITA ******************** PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE MANGIARE E' UN GIOCO NON E' MAI TROPPO PRESTO PER IMPARARE A MANGIARE BENE PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE E' importante,

Dettagli

La magia delle parole

La magia delle parole SEZIONE 1 Consapevolezza fonologica Scheda 12 Avviare il bambino alla composizione e scomposizione delle parole attraverso l aggiunta e la sottrazione di fonemi. Piccolo gruppo. Aula o angolo di lettura.

Dettagli

PROVA DI ITALIANO. Scuola Primaria. Classe Seconda. Rilevazione degli apprendimenti INVALSI. Anno Scolastico 2009 2010

PROVA DI ITALIANO. Scuola Primaria. Classe Seconda. Rilevazione degli apprendimenti INVALSI. Anno Scolastico 2009 2010 Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca INVALSI Istituto nazionale per la valutazione del sistema educativo di istruzione e di formazione PROVA ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda

Dettagli

ISOLA DELLE MERAVIGLIE

ISOLA DELLE MERAVIGLIE SFONDO INTEGRATORE: Giramondo è uno strano personaggio, ama divertirsi e conoscere paesi lontani per vedere se e quanto sono diversi dal suo. Propone ai bambini uno scambio: loro guideranno Giramondo alla

Dettagli

Ricerche sulla punteggiatura

Ricerche sulla punteggiatura La punteggiatura Ricerche sulla punteggiatura La punteggiatura sembra progredire dai LIMITI ESTERNI del testo verso l interno Quando compare all interno del testo si concentra: all interno o ai margini

Dettagli

INDAGINE SUI GIOCHI E SUI GIOCATTOLI Classe 2 a A A. S. 2007/08. Intervista

INDAGINE SUI GIOCHI E SUI GIOCATTOLI Classe 2 a A A. S. 2007/08. Intervista Allegato 11 INDAGINE SUI GIOCHI E SUI GIOCATTOLI Classe 2 a A A. S. 2007/08 Proponi ai nonni e ai genitori la seguente intervista Intervista 1. Con che cosa giocavi? 2. Chi ti comprava i giochi? 3. Ne

Dettagli

LABORATORIO SUI COLORI INSIEME A BETTY E MORENA

LABORATORIO SUI COLORI INSIEME A BETTY E MORENA OTTOBRE-NOVEMBRE 2009 LABORATORIO SUI COLORI INSIEME A BETTY E MORENA CAMPO DI ESPERIENZA PRIVILEGIATO: LINGUAGGI, CREATIVITA, ESPRESSIONE OBIETTIVI Scoprire i colori derivati:(come nascono, le gradazioni,

Dettagli

di Stefan Kloß e Anna Oppolzer

di Stefan Kloß e Anna Oppolzer di Stefan Kloß e Anna Oppolzer Obiettivo I tuoi animali vogliono tutti andare alla festa. Per riuscirci, tuttavia, dovranno superare gli spintoni di una folla di concorrenti alle porte del paradiso, l

Dettagli

LA DIVERSITÀ Obiettivo: accettare la diversità propria e altrui; considerare la diversità come un valore; comprendere un racconto.

LA DIVERSITÀ Obiettivo: accettare la diversità propria e altrui; considerare la diversità come un valore; comprendere un racconto. LA DIVERSITÀ Obiettivo: accettare la diversità propria e altrui; considerare la diversità come un valore; comprendere un racconto. Attività: ascolto di un racconto. La bambola diversa Lettura dell insegnante

Dettagli

LAVORO DELL ANNO PRECEDENTE. Successione cardinale Tanti/pochi LAVORO DI QUEST ANNO

LAVORO DELL ANNO PRECEDENTE. Successione cardinale Tanti/pochi LAVORO DI QUEST ANNO BAMBINI DI 4 ANNI LAVORO DELL ANNO PRECEDENTE Confronto tra quantità Successione cardinale Tanti/pochi LAVORO DI QUEST ANNO Le varie funzioni del numero : per quantificare per misurare per.. Dall indagine

Dettagli

Laboratorio in classe: tra forme e numeri Corso organizzato dall USR Lombardia. LABORATORIO IN CLASSE TRA FORME E NUMERI - a.s.

Laboratorio in classe: tra forme e numeri Corso organizzato dall USR Lombardia. LABORATORIO IN CLASSE TRA FORME E NUMERI - a.s. Laboratorio in classe: tra forme e numeri Corso organizzato dall USR Lombardia W GRUPPO FRAZIONI SCUOLA PRIMARIA-CLASSE III a.s.2009/2010 Componenti del gruppo Mara Sartori coordinatore; Sabrina Alessandro;

Dettagli