Bambini al Nido Benessere

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Bambini al Nido Benessere"

Transcript

1 Bambini al Nido Benessere Roma Via Porcari (Riferimento provvisorio)

2 «Lo sviluppo del bambino è olistico 1». «La salute e l alimentazione del bambino, il suo sviluppo cognitivo, sociale ed affettivo dipendono l uno dall altro e non possono essere separati e trattati individualmente». (Virginia Stagno) Un progetto unico ed innovativo, una Scuola di Pensiero Il Metodo Benessere, nato nel 2003 è stato il frutto di un esperienza di oltre 25 anni, maturata attraverso la gestione di numerosi Asili Nido, Scuole Materne, Ludoteche e di qualificati servizi all infanzia e alla famiglia; creati, proposti e gestiti dall Infanzia sas nelle più importanti città italiane. Oggi il Grande Albero della nostra vita professionale ha messo solide radici. Dai suoi forti rami, i fiori dell esperienza si propongono come ambasciatori di un messaggio forte e innovativo che potrà fornire ad educatori, bambini e genitori, un efficace chiave di lettura della propria sfera emozionale. Il Metodo Benessere è una concreta risposta alle crescenti richieste di Qualità dei servizi per l infanzia, da parte delle famiglie italiane. Nasce in un Asilo Nido di Milano, nell agosto del 2003, in un periodo in cui in Italia le proposte dei Comuni e delle Regioni erano orientate ad aumentare la quantità dei posti bambino. Erano gli anni dei Nidi Condominiali (bambini fino ai tre anni ospitati in semplici appartamenti di condominio) e dei Micronidi; due realtà che, pur soddisfacendo la necessità di aumentare i posti bambino, per la loro caratteristica non rappresentavano una risposta di qualità alle crescenti esigenze da parte delle famiglie italiane. Erano anche gli anni del boom degli Asili Nido Aziendali, proposti come grande novità anche se già esistenti negli anni 60, (furono proprio i Nidi aperti nelle fabbriche ad essere i primi Asili Nido privati in Italia); realizzati come risposta alla crescita delle presenze delle donne lavoratrici nelle aziende. Oggi la famiglie, sempre più attente e informate, sono ben consapevoli di quanto i condizionamenti emotivi, affettivi e sociali, vissuti nei primi tre anni di vita, incidono profondamente e, forse irreversibilmente, sul futuro dei propri figli. L esigenza di proposte innovative che comprendano e gestiscano in maniera personalizzata i bisogni individuali e che tendano, in maniera particolare, a considerare il bambino, la bambina e i genitori, nel loro complesso, senza distinzioni tra le esigenze fisiche e la sfera psichica ed emozionale, è oggi una necessità. Il Metodo Benessere, in ragione della sua particolarità, basata sull utilizzo delle discipline Olistiche e della Pedagogia Olistica, affiancata nella sua evoluzione, alla Pedagogia tradizionale, fornisce un efficace risposta ad ogni tipo di esigenza, poiché offre qualcosa di particolarmente nuovo o, forse sarebbe meglio dire, «riscopre un metodo molto antico», ormai ai più dimenticato. 1 La definizione lo sviluppo del bambino è olistico La salute e l alimentazione del bambino. è stata utilizzata per la prima volta, alla fine degli anni novanta, dalla dott.ssa Virginia Stagno; questa sua considerazione del bambino è stata la base di partenza per lo studio e la realizzazione del Metodo Benessere. Dieci anni dopo l intuizione e l affermazione della dott.ssa Stagno, nelle conferenze sui nuovi orientamenti dei servizi all infanzia della Comunità Europea, si è iniziato a parlare di un approccio pedagogico olistico nei confronti dei bambini. (Fonte: Bambini in Europa L infanzia e i servizi per l infanzia: verso un approccio europeo). Bambini al Nido Benessere 2

3 Tutta la vita è come una pianta che non contiene soltanto quello che si presenta all occhio, ma che nasconde pure, nelle sue recondite profondità, anche uno stadio futuro. Chi osserva una pianta rivestita di sole foglie sa perfettamente che, dopo qualche tempo, sul ramo frondoso, vi saranno anche fiori e frutti. Però, come si potrebbe dire quale sarà l aspetto di tali organi, se della pianta si volesse studiare soltanto quello che essa offre ora al nostro sguardo, lo si potrà soltanto conoscendo la natura della pianta. (Rudolf Steiner) Come è la pianta, così è un Asilo Nido Benessere Non contiene soltanto quello che gradevolmente colpisce i nostri organi sensori, ma uno stadio presente e futuro. Un approccio di tipo Olistico, che tende a considerare il bambino, la bambina, gli educatori, operatori e i genitori, nel loro complesso, senza distinzioni tra le esigenze fisiche e la sfera psichica ed emozionale. Auguro a tutti voi una gradevole lettura di questa presentazione sulle caratteristiche di un Asilo Nido Benessere e sul Metodo Benessere che, nella corso della sua gestione, sarà sviluppato. Virginia Stagno Bambini al Nido Benessere 3

4 L accoglienza del bambino in un Asilo Nido che utilizza il Metodo Benessere sarà ideata e realizzata in uno scenario di fantastici personaggi nel bosco, affinché la natura sia presente nei suoi vari aspetti e stimoli la fantasia del bambino. L impatto cromatico che ne conseguirà sarà molto gradevole e sarà mirato ad un effetto di percezione e mutamento. Il colore aiuta il bambino a sviluppare le proprie sensazioni ed a porre dentro di se una luce che dia tono e vita alle emozioni. Il colore è un mezzo che può aiutare ogni bambino a sviluppare la propria reattività ad esprimere le emozioni in modo non verbale. Il Metodo Benessere prevede l'impiego del colore abbinato a suoni e profumi (fono-cromo-auro-terapia); dall'integrazione di questa triade olistica si sviluppa un armonica condizione di benessere che favorisce il riequilibrio tra corpo e mente. La calda luce dei toni del bianco e dell arancio, emanate dalle lampade in salgemma, dona una sensazione di benessere riequilibrante e stimolante; poiché, la luce arancione favorisce l allegria e il buon umore, promovendo la creatività e la gioia di vivere, e la luce bianca facilita la concentrazione. Negli Asili Nido Benessere le lampade in salgemma sono utilizzate con la finalità di diffondere la forza positiva dei suoi colori; queste lampade di sale, assolutamente naturali, hanno anche un grande effetto purificatore e reali proprietà benefiche legate alla capacità di riduzione degli ioni positivi (+), estremamente nocivi in un ambiente dove soggiornano per molte ore i bambini. Da Rudolf Steiner: Dovrà essere trattato diversamente in relazione al suo ambiente un cosiddetto bambino nervoso ed eccitato oppure un bambino apatico e inerte, tutto va considerato, dal colore della camera e degli altri oggetti che stanno attorno al bambino fino al colore dei vestiti. E ancora se il bambino eccitato ha del rosso accanto a sé, nella sua interiorità egli fa nascere il verde complementare, l attività svolta per produrre il verde agisce in modo da calmare, gli organi acquistano la tendenza alla calma. Bambini al Nido Benessere 4

5 Un discreto e gradevole profumo di oli essenziali rapisce chi entra e chi permane negli ambienti di un Asilo Nido Benessere. Profumi che emotivamente conducono in solari giardini di agrumi, in campi di lavanda, in dolci cespugli di gelsomino, in fresche foreste di eucalipti. Profumi che seducono e rallegrano lo spirito, perché come l amore essi toccano il cuore, aprono alla bellezza e schiudono le porte segrete del nostro profondo. Diversamente agli altri stimoli sensoriali, gli stimoli olfattivi raggiungono direttamente il sistema limbico, senza passare preventivamente la censura della corteccia cerebrale. Questi raggiungono, così, la parte più profonda della nostra centrale di comando, dove i profumi ci arrivano direttamente al cuore. Prima ancora di renderci conto di un profumo, esso ha già fatto effetto sul nostro inconscio. La scienza oggi ci insegna che gli aromi degli oli essenziali naturali influenzano direttamente i centri nervosi ipotalamici e il nostro sistema nervoso vegetativo, poiché questi generano un effetto benefico sulla reattività, su tutte le funzioni organiche, sull umore e sull apprendimento. Le essenze vegetali, diffuse negli ambienti, hanno moltissime proprietà benefiche. L essenza di pompelmo, ad esempio, è scientificamente provato, manda in circolo l enchefalina, l ormone che stimola l allegria e la serenità. Una nota d amore: se fosse possibile diffondere l essenza di pompelmo intorno al mondo, l allegria e la serenità delle persone bloccherebbe sul nascere conflitti e guerre. Bambini al Nido Benessere 5

6 Un sottofondo musicale, diffuso da un appropriato sistema computerizzato, accoglie i nostri piccoli in un clima che riporta ai suoni della natura: il rumore dell acqua incita ad essere più fluidi e ripropone vibrazioni già conosciute nel ventre materno; il verso allegro dei delfini avvolge completamente, chi lo ascolta, in una nuvola di particelle musicali in continuo movimento. L energia (forza vitale), nei bambini fluisce liberamente. Eventi delicati e ripetuti, come il distacco quotidiano dalla mamma, possono ostacolare la circolazione e creare un blocco ; in questi momenti la musica può essere di grande aiuto. La musica va considerata un linguaggio non verbale, un mezzo di comunicazione delle emotività, di fatto, gli effetti terapeutici del suono e della musica sono in grado di modificare l'attività del sistema nervoso vegetativo, offrendo un'efficace supporto terapeutico nel momento in cui il bambino vive situazioni di disagio. Oltre all'emozione, la musica comporta reazioni positive a carico della sfera vegetativa poiché, è scientificamente dimostrato, all ascolto di una musica gradita si verificano situazioni di riequilibrio della pressione sanguigna, di regolarizzazione della frequenza cardiaca e della respirazione. Tali situazioni si accentuano proprio quando la musica, appositamente diffusa nell ambiente, viene percepita inconsciamente. Le musiche, appositamente selezionate, sono dolcemente diffuse nell ambiente di un Asilo Nido Benessere al fine di generare vibrazioni positive che accompagnano i piccoli ospiti durante tutto l arco della giornata. L alternarsi dei momenti e delle attività : l accoglienza, il gioco, la pappa, la nanna, il risveglio e il commiato, sono accompagnate dal sottofondo musicale più adatto, appositamente scelto dal musicoterapeuta per la specifica attività. Bambini al Nido Benessere 6

7 Bambini al Nido Benessere PROPRIETA : Infanzia & Benessere* *Infanzia & Benessere, Associazione del Gruppo L infanzia sas, opera da oltre 30 anni in Italia nella gestione dei servizi per l infanzia e la famiglia. Negli anni 70 ha fondato a Torino la prima Scuola di Formazione Professionale per Operatrici d infanzia e nello stesso periodo è stata artefice della nascita in Italia dei primi servizi di babysitting e Animazione, attraverso il Pronto Baby Service, con sedi operative a Torino, Milano e Roma. Il Gruppo L infanzia sas, ha gestito, nei suoi 30 anni di attività, svariati Asili Nido in Italia, nei quali hanno trovato ospitalità migliaia di bambini. L Asilo Nido di Milano nel Settembre 2006, attraverso il Percorso di Accreditamento, effettuato in collaborazione con l ufficio Qualità e Accreditamento della Direzione Centrale Educazione del Comune di Milano, ha raggiunto il livello di Eccellenza EFQM. (Massimo riconoscimento europeo). Bambini al Nido Benessere 7

8 Il servizio è attivo dal mese di Settembre fino a tutto il mese di Luglio dal Lunedì al Venerdì dalle ore 7.30 alle ore con le seguenti fasce orarie giornaliere: o Par-Time fino alle ore o Intermedio fino alle ore o Full-Time fino alle ore Quota iscrizione annuale 350,00 Retta full-time Pagamento in unica soluzione 7.480,00 (costo annuale) (possibilità di Finanziamento) Pagamento in n 3 rate da 2.460,00 (singola rata) (con scadenza: 01/Sett 01/Dic 01/ Marzo) Pagamento in 11 rate 680,00 (singola rata) (tramite Rid bancario moduli disponibili in Segreteria) Retta Intermedia Pagamento in unica soluzione 6.710,00 (costo annuale) (possibilità di Finanziamento) Pagamento in n 3 rate da 2.210,00 (singola rata) (con scadenza: 01/Sett 01/Dic 01/ Marzo) Pagamento in 11 rate 610,00 (singola rata) (tramite Rid bancario moduli disponibili in Segreteria) Retta Part- Time Pagamento in unica soluzione 6.380,00 (costo annuale) (possibilità di Finanziamento) Pagamento in n 3 rate da 2.100,00 (singola rata) (con scadenza: 01/Sett 01/Dic 01/ Marzo) Pagamento in 11 rate 580,00 (singola rata) (tramite Rid bancario moduli disponibili in Segreteria) Bambini al Nido Benessere 8

9 Il servizio è organizzato e gestito sulla base delle disposizioni della Legge Regionale sugli Asili Nido. L'asilo nido accoglie bambini d'età compresa tra i 3 mesi e i 36 mesi ed è organizzato in sezioni, secondo le diverse fasce d'età: Il delicato compito di garantire il benessere psico-fisico del bambino, di inserirlo serenamente nel nuovo ambiente, di condurlo verso una graduale conquista dell'autonomia e di sempre maggiori capacità cognitive relazionali è affidato alle nostre brave e motivate EDUCATRICI, dotate di specifiche competenze, di grande professionalità e profonda passione. La presenza costante delle EDUCATRICI è di fondamentale importanza per favorire il processo di inserimento e per consolidare la vita comunitaria del bambino all'interno del nido: Per i bambini che incontrano difficoltà nel distacco dall'ambiente familiare sono un punto di riferimento e di rassicurazione che aiuta a superare gli eventuali momenti di disagio. Nella conversazione individuale e di gruppo stabiliscono contatti con i bambini, ricostruendo insieme a loro le esperienze comuni precedenti e arricchendo la memoria collettiva. Con il loro lavoro di sapiente regia, programmano situazioni che favoriscono il gioco libero dei bambini e la loro comunicazione. Nel corso di tutte le situazioni osservano, coinvolgendosi nel gruppo, (osservazione partecipante), atteggiamenti, strategie, modalità e stili comportamentali che i bambini rivelano. La scelta di assegnare una EDUCATRICE DI RIFERIMENTO ad ogni bambino permette di creare un rapporto privilegiato basato sulla fiducia e sull'affetto, favorisce un più facile ambientamento alla vita del nido e, conseguentemente, genera una diminuzione dello stress del distacco. Ogni educatrice è responsabile di un piccolo gruppo di bambini e ne cura direttamente i momenti del cambio, del pranzo, del sonno, dello stare in braccio per essere consolati o coccolati. Le Educatrici, nei quotidiani interventi educativi possono essere assistite dalle Tirocinanti Operatrici d'infanzia la cui funzione è quella di affiancamento nelle attività ludico-ricreative e nelle attività di routine. La suddivisione dei bambini in PICCOLI GRUPPI permette alle educatrici di considerare le emozioni e i vissuti di ogni piccolo ospite e di comprenderne i bisogni individuali in maniera personalizzata. Bambini al Nido Benessere 9

10 Guardare il bambino, capirlo e condividere i pensieri e pareri, consente di migliorare la conoscenza individuale di ogni singolo bambino. Tale atteggiamento genera una condizione di particolare attenzione alle esigenze individuali; il bambino è più pensato, più aiutato, più visto nella globalità delle sue esigenze di crescita e di benessere. Ognuna delle figure professionali contribuisce, con le proprie specifiche conoscenze, alla costruzione di una comprensione del bambino più ricca ed approfondita. Un gesto semplice: rispondere ai bisogni del bambino. Il risultato sarà una sua migliore comprensione, una più semplice possibilità di individuazione degli stimoli, stili educativi ed esperienze, adeguate a favorire un ricco e sereno percorso di crescita del bambino. Il nostro lavoro e la nostra esperienza saranno messi a disposizione dei genitori, fonte preziosa di informazioni sui bambini. L interazione e la collaborazione con il nostro Staff, in alcuni momenti di difficoltà e di dubbi, sarà estremamente utile al fine di facilitarne una maggiore comprensione. La Coordinatrice è una figura interna all asilo nido e si occupa, in collaborazione con la Direzione e con le Educatrici, della programmazione delle attività e dell allestimento degli spazi, tenendo conto delle fasce d età e delle esigenze del singolo bambino. Attraverso riunioni periodiche, sono programmate le attività e, in particolare, saranno effettuano le opportune verifiche sul lavoro svolto con i bambini e sui loro progressi. Le programmazioni e le verifiche poggiano sulle esperienze delle Educatrici e sui continui aggiornamenti, effettuati attraverso specifici corsi e seminari. L Asilo Nido possiede, inoltre, una propria biblioteca interna a cui il personale può liberamente accedere. La figura della Coordinatrice che agisce sul campo, ovvero, che partecipa direttamente alla vita del nido, è decisamente più proficua, poiché può osservare direttamente l andamento delle attività, le reazioni dei bambini e gli interventi delle Educatrici. Bambini al Nido Benessere 10

11 L'ingresso dei bambini in un ambiente nuovo è un importante momento di crescita poiché segna il passaggio, dalla famiglia, ad una condizione di semi autonomia. Rappresenta, a volte, un momento difficile e delicato per le implicazioni emotivo-affettive del distacco. Al fine di evitare o ridurre, nel bambino, la sensazione di abbandono, è stata creata una condizione di continuità tra la famiglia e il nido, in maniera da garantire al piccolo ospite la comprensione dei suoi bisogni e delle sue abitudini. L'inserimento inizia con un primo colloquio con l'educatrice di riferimento attraverso uno scambio di informazioni particolarmente utili al fine di: Acquisire informazioni per conoscere la storia personale del bambino. Stimolare nel bambino curiosità, interesse, sensazioni piacevoli e impressioni positive nei riguardi del suo nuovo ambiente di vita. Trasmettere ai genitori la sicurezza che il bambino si inserirà in un ambiente di benessere. Instaurare subito una relazione personalizzata, individuale e positiva con ogni bambino. Progettare, insieme ai genitori, le opportune modalità operative per l'accoglienza e l'inserimento. Individuare una prima serie di attività, giochi e proposte operative per ciascun bambino. Obiettivo primario delle Educatrici è far capire al bambino che la mamma non lo abbandonerà, si allontanerà solo temporaneamente e che presto tornerà da lui. Questa certezza lo porterà ad acquistare sicurezza, fiducia in se stesso e nelle persone che lo circondano. L'INSERIMENTO GRADUALE si rende necessario per dare il tempo al bambino di prendere conoscenza del nuovo ambiente e di adattarsi ai nuovi ritmi di vita; consente, inoltre, di favorire l insorgere di un rapporto affettivo con le nuove persone che si occuperanno di lui. In questa fase, estremamente delicata, è richiesta la presenza della mamma o del papà o di una persona della famiglia che possa essere di riferimento per il bambino e per la bambina. Il periodo di inserimento, in linea generale, si articola nel seguente modo: primo e secondo giorno: breve permanenza del bambino con il genitore (1/2 ora circa); terzo giorno: il genitore, dopo una breve permanenza con il bambino, si allontana dalla sezione e ritorna prima dell'ora di pranzo; quarto giorno: l'educatrice può proporre il pranzo al bambino e, se necessario, richiedere la presenza del genitore; quinto giorno: il bambino rimane in asilo durante la mattinata e per il pranzo; il genitore, pur non permanendo nella struttura, si rende reperibile in caso di bisogno. L'educatrice di riferimento valuterà, insieme ai genitori, le modalità di proseguimento e, se necessario, richiederà alla famiglia un ulteriore periodo di disponibilità, fino al raggiungimento di una buona condizione di adattamento ed ambientamento al nido e al consolidamento di un rapporto affettivo con il personale educativo. Bambini al Nido Benessere 11

12 L ISLI (International Life Scienze Institute) definisce Funzionali quei cibi che oltre ad avere un adeguato contenuto nutrizionale sono riconosciuti come agenti benefici per una o più funzionalità sull organismo, cibi che per le loro caratteristiche, portano ad un miglioramento dello stato di salute e di benessere o ad una riduzione del rischio di malattia. Nutrire un bambino sembra un azione semplice, in realtà, questo compito fa emergere le grandi difficoltà che si incontrano nel mondo dell alimentazione della prima infanzia: un vero e proprio universo, fatto di schemi alimentari, di formule, di calcoli dei fabbisogni calorici, proteici, lipidici, ma anche di interessi economici delle aziende produttrici, di pericoli per l insorgenza precoce delle malattie, di consigli ed a volte di ordini impartiti ai genitori da parte di tecnici esperti di alimentazione infantile. In tema di alimentazione sarebbe, in realtà, più opportuno ascoltare i reali bisogni dei bambini, poiché, l ansia manifestata dai genitori è spesso legata all inappetenza del loro bambino. Fin dall antichità, e in particolare, in questo momento di grande benessere sociale ed economico, per la maggior parte dei genitori, il problema dell alimentazione è la principale fonte di angoscia e di insicurezza; di sensazioni di incapacità e di inadeguatezza a svolgere il proprio compito di nutrire i propri figli. La modificazione della struttura della famiglia, i consigli degli esperti, i falsi modelli creati ad arte per scopi commerciali dai mezzi di comunicazione di massa, contribuiscono in modo determinante ad alimentare ed accentuare queste sensazioni. Dove non c è divertimento il cibo si colora di beige affermava Raymond Blanc, chef di fama mondiale. Bambini al Nido Benessere 12

13 L alimentazione è una tappa significativa che il bambino sperimenta con l ingresso al Nido. Ogni bambino si presenta con il proprio temperamento, le proprie abitudini alimentari, i propri gusti. Bambini che vivono un rapporto conflittuale con gli alimenti o considerano la pappa un obbligo imposto, hanno probabilmente bisogno di trovare l approccio giusto con il cibo. L ingresso del bambino al nido, spesso coincide con la delicata fase dello svezzamento. La visione olistica del bambino ci porta ad avere un diverso punto di vista sulle esigenze dei nostri piccoli, poiché Un approccio di tipo Olistico tende a considerare il bambino e la bambina nel loro complesso, senza distinzioni tra le esigenze fisiche e la sfera psichica ed emozionale. Il momento della pappa necessita di un clima rilassante, ricordando che l olfatto è più che mai un senso, custode di sensazioni, di ricordi e di esperienze. Non sono rari i casi in cui fanno ingresso in asilo nido bambini con intolleranze alimentari o difficoltà nell assunzione di alcuni cibi; questi sono i primi segnali con cui la natura ci consiglia uno stile di vita più appropriato; difatti, molti disturbi si possono evitare o attenuare conducendo una vita più in sintonia con l ambiente. Il cibo, ovviamente, non ha solo a che fare con la sopravvivenza, ma anche con il piacere e la compagnia, per questo è indispensabile considerare il momento del pranzo, un evento molto speciale, che necessità di un proprio magico rituale. Al Nido Benessere il rituale del pranzo mette in movimento un allegro trenino : con l educatrice, tutti in fila con le manine sulle spalle del compagno davanti, si va in bagno per lavarsi le manine, ci prepariamo ad accogliere il cibo. E un momento importante di socializzazione, favorito dal contatto, si entra in relazione; camminare vicini e uniti l un l altro, consente ai bambini di esprimersi in totale libertà: parlare, ridere, intonare una filastrocca, accarezzarsi o semplicemente camminare insieme. Ogni giorno, nuove dinamiche, che nel tempo portano, inevitabilmente, verso un livello di amicizia e solidarietà molto importanti. Poi, tutti a tavola. Il proprio posto a tavola, sempre lo stesso, evita confusione e disorientamento e previene conflitti che i bambini non sono ancora un grado di gestire. I bambini più grandi, con maggiore capacità di esprimersi, quando lo desiderano, Bambini al Nido Benessere 13

14 possono contrattare il proprio posto, anche se, tendenzialmente, preferiscono non cambiare. E il momento della filastrocca: tutti insieme, bambini, educatrici e operatrici, cantano e mimano gioiose e buffe filastrocche, in attesa che arrivi il momento del pranzo. L arrivo del carrello con il cibo dà inizio, con allegria, al momento da tutti più atteso; un momento di coinvolgimento e di condivisione generale, poiché anche le educatrici di riferimento consumano il proprio pasto con i bambini e con lo stesso cibo dei bambini. stato di salute nell età adulta. I pasti, ben organizzati e ben cucinati, influiscono in maniera determinante anche sul benessere del personale e ne aumentano la soddisfazione nel lavoro. Il momento del pasto necessita di molta attenzione, più di quanto ne abbia ricevuto in passato, poiché la cura dei particolari e dei rituali è la chiave per rendere questo momento piacevole ed educativo per i bambini e gratificante per il personale. I bambini sono piacevolmente accompagnati, sin da piccoli, verso i gusti naturali, al poco dolce e poco salato, ai cibi non sofisticati, alla cucina semplice, affinché possano acquisire e memorizzare un bagaglio di ricordi gustativi che permetteranno loro di apprezzare quegli alimenti che non comprometteranno il loro Al trascorrere delle stagioni, in asilo nido, si accolgono con gioia i diversi prodotti del momento: l arrivo della primavera, con le fragole e le ciliegie, dell estate, con l uva, dell autunno con le castagne, dell inverno, con le arance e i mandarini, tutto è accolto come una novità e atteso con desiderio. Il pranzo non è solo mangiare del cibo: è nutrimento per lo spirito e un momento di relazione con i propri compagni; ed è per questo che anche in questo prezioso momento, la professionalità della cuoca, la competenza e la sensibilità delle educatrici sono di fondamentale importanza. Bambini al Nido Benessere 14

15 L Asilo Nido è per i bambini un luogo di gioco e di esperienze su misura, un luogo dove possono trovare mezzi e strumenti che li aiuteranno a crescere. Queste esperienze su misura sono le attività che le Educatrici, con il supporto della Pedagogista, progettano, allestiscono e svolgono insieme ai bambini, avvalendosi delle attrezzature e dei materiali che ogni Asilo Nido dovrà possedere. L Asilo Nido Benessere utilizza particolari criteri di scelta e di gestione delle attività per i bambini. La fiaba mette a disposizione tante chiavi per entrare nella realtà mediante strade nuove, aiuta il bambino a conoscere ed esplorare il mondo, diventa un mezzo interessante per parlare, anche con il bambino piccolissimo, di molteplici situazioni ed eventi, sui quali un discorso diretto, sarebbe difficilissimo. La fiaba serve alla matematica come la matematica serve alla fiaba, serve alla poesia, serve alla musica., insomma, serve all umanità intera e non solo per fantasticare. Nel nido la fiaba entra prima di tutto sotto forma di libro, un oggetto di gioco da esplorare in tutte le sue parti: toccare, aprire, chiudere, sfogliare. Ne segue la narrazione: ripetere la fiaba, raccontarla varie volte, significa offrire al bambino il tempo necessario per rifletterci sopra, per immergersi nell'atmosfera creata, per appropriarsi gradualmente del racconto e dei suoi significati in modo da coinvolgere il bambino in un gioco di finzione. Inoltre, leggere un bel libro illustrato, ascoltare la voce dell'educatrice mentre racconta una favola, guardare un testo ricco di figure colorate è per il bambino un momento particolarmente rilassante, che favorisce l insorgere di un rapporto con l'educatrice più profondo ed intenso. Bambini al Nido Benessere 15

16 I burattini costituiscono un materiale utile e stimolante proprio per le loro caratteristiche: sono apparentemente vivi, con la capacità di muoversi e di interagire, pur essendo finti; si distinguono dalle bambole, poiché non favoriscono un rapporto intimo sul piano affettivo; sono più autonomi ed imprevedibili delle bambole; favoriscono la comunicazione, in quanto il gioco presuppone degli spettatori. Ogni fiaba è letta con la compagnia dei burattini, i quali compiono le stesse azioni lette o raccontate delle educatrici. Le attività grafico-pittoriche sono molto utili per imparare a percepire, distinguere e conoscere i colori, le forme e le linee che come elementi compositivi, assumono una funzione importantissima nelle espressioni artistiche. Il bambino utilizzando le diverse tecniche pittoriche (pastelli a cera, acquarelli, pennarelli, pittura con i piedini e le manine) può esprimere con facilità e immediatezza le emozioni, gli stati d'animo, i sentimenti e i livelli percettivi della realtà. Bambini al Nido Benessere 16

17 Manipolare, impastare, infilare, trasformare, sono attività che favoriscono lo sviluppo di competenze motorie, cognitive ed espressive. L'uso di materiali informi (pasta di sale, das, plastilina, impasti vari) e di elementi naturali (carta, stoffa, foglie, rami, fiori, etc.), permette di sviluppare numerose attività divertenti per il bambino, le quali stimolano in lui il piacere della scoperta e dell'esplorazione. Per stimolare la creatività e la fantasia dei bambini, le educatrici predispongono un apposita valigia per incollare con la quale ogni bambino può scegliere i pezzi, appiccicarli, metterli insieme, assemblarli, combinare forme, colori, sostanze diverse (carta, stoffa, fiori, foglie, velluto, pasta, etc.). Tutti i bambini si applicano con interesse e vivono intensamente il piacere di questa attività. Bambini al Nido Benessere 17

18 I travasi di materiali solidi e liquidi si prestano a molteplici scoperte, finalizzate al raggiungimento di numerosi obiettivi cognitivi e per la conquista dell'autonomia operativa. Attraverso l'utilizzo di materiali di recupero (liquidi, farine, pasta, bottiglie di plastica, imbuti, tappi, etc.) il bambino acquisisce le abilità e le competenze necessarie per lo svolgimento di attività complesse come il coordinamento motorio occhio-mano, il controllo della motricità fine della mano, la pianificazione di una attività in sequenza temporale e logica. Le educatrici invitano il bambino ad esprimere la propria creatività attraverso la progettazione e la realizzazione di piccole costruzioni. Manipolando ed utilizzando elementi naturali e materiali di recupero sperimentano diverse tecniche di costruzione. Bambini al Nido Benessere 18

19 Il gioco di finzione è la forma tipica che i bambini utilizzano per costruire una loro visione della realtà e per comunicare con gli altri. Permette di raggiungere numerosi obiettivi di tipo affettivo-relazionale, oltre che di tipo cognitivo-comunicativo. Per realizzarlo all interno del nido occorre, necessariamente, allestire appositi spazi, che ricreino situazioni di vita quotidiana, finalizzati all organizzazione autonoma dei bambini, affinché questi possano rivivere le situazioni reali della vita quotidiana, assumendo ruoli diversi con i quali elaborano e precisano la loro visione della realtà. L utilizzo di mediatori didattici quali: abiti per travestirsi, maschere, passeggini con bambolotti, mini cucine, mini assi da stiro, specchi ed oggetti di uso comune e quotidiano, sarà curata e fondamentale. E importante che ogni allestimento favorisca diverse situazioni di finzione, poiché, le funzioni del linguaggio, all interno del gioco simbolico, sono diversificate a seconda delle situazioni. In queste circostanze i bambini comunicano molto e spesso parlano anche da soli, poiché il linguaggio rafforza e dirige le azioni, (Io ero la mamma e cucinavo per papà ). Ma parlano ancora di più nei giochi di gruppo, poiché le parole servono per mettersi d accordo nell assunzione dei ruoli, ( Io ero il papà, tu facevi la mamma e tu il bambino), per proteggere e pianificare il gioco, (adesso io mi pettino e dopo usciamo.), e per farlo evolvere come desiderano. Bambini al Nido Benessere 19

20 I bambini sentono, forte, il bisogno di esplorare e scoprire, da soli, il modo in cui gli oggetti si comportano nello spazio, a seconda di come vengano maneggiati. Per raggiungere e soddisfare queste esigenze hanno necessità di un ampia varietà di oggetti, con i quali attuare questi esperimenti. Oggetti sempre nuovi e interessanti che, per la loro caratteristica, non possono essere trovati sul catalogo dei giocattoli. Il verbo greco eurisko, da cui il termine euristico, significa riuscire a scoprire o raggiungere la comprensione di. Questo è esattamente ciò che i bambini piccoli fanno da soli, senza bisogno che gli adulti li indirizzino; a condizione che i piccoli abbiano i materiali con i quali portare avanti le loro esplorazioni. Il materiale di gioco si trova in alcune sacche (in un Nido sono, di norma, appese ad una parete), dentro le quali si trovano materiali non strutturati, (bigodini, tappi grandi da bottiglie, pon-pon di lana, legno, anelli in legno per le tende, ecc..). I bambini, sistemati su un tappeto, aprono e svuotano le sacche insieme all Educatrice di riferimento, la quale si limita ad osservare le azioni dei bambini. L approccio dei bambini con il materiale è sempre diverso e interessato; ad esempio i bambini riempiono e svuotano o modulano e trasformano i vari oggetti (i bigodini si attaccano alla maglia, l anello della tenda diventa un bracciale, i tappi nascondono le dita.). L Educatrice non incoraggia e non da suggerimenti, non loda né esorta i bambini a compiere una determinata azione, si limita a riordinare quando c è troppa confusione ed a controllare il gruppo. Bambini al Nido Benessere 20

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

ASILO NIDO PARCO PINETA San Salvatore M.to

ASILO NIDO PARCO PINETA San Salvatore M.to ASILO NIDO PARCO PINETA San Salvatore M.to Progetto educativo "Le quattro stagioni" ANNO 2011-2012 Il progetto Le stagioni al nido intende proporre ai bambini un viaggio nelle stagioni e nel tempo finalizzato

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3 IL SE E L ALTRO ANNI 3 Si separa facilmente dalla famiglia. Vive serenamente tutti i momenti della giornata scolastica. E autonomo. Stabilisce una relazione con gli adulti e i compagni. Conosce il nome

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con:

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: V E NIDO DIPARTIMENTO MATERNO INFANTILE R ENTI LOCALI T QUARTIERE I C SCUOLA DELL INFANZIA FAMIGLIA

Dettagli

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Anno Scolastico 2010-2011 Email: icsauro@yahoo.it Fratelli Grimm La Scuola

Dettagli

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO Premessa L estate per i bambini è il tempo delle vacanze, il momento in cui è possibile esprimersi liberamente, lontano dalle scadenze, dagli impegni, dai compiti, dalle

Dettagli

Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO. Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13

Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO. Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13 Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13 INDICE Le tante facce della documentazione Pag.3 Il progetto per lo sviluppo e l apprendimento

Dettagli

Istituto Comprensivo E. De Filippo

Istituto Comprensivo E. De Filippo Istituto Comprensivo E. De Filippo Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di primo grado Via degli Italici, 33 - tel. 0824-956054 fax 0824-957003 Morcone Bn (seconda annualità) Il tempo per leggere,

Dettagli

Un allegro pomeriggio con Giulio Coniglio

Un allegro pomeriggio con Giulio Coniglio Scuola aperta 2015 Un allegro pomeriggio con Giulio Coniglio alla scoperta dell Asilo di Follina... l Asilo di Follina: LINEE PEDAGOGICO EDUCATIVE IL PROGETTO EDUCATIVO DIDATTICO. Il curricolo della scuola

Dettagli

L'appetito vien...assaggiando!

L'appetito vien...assaggiando! SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA MAGIC SCHOOL 2 coop. soc. VIA G. MELI, N. 8 90010 FICARAZZI PROGETTO EDUCATIVO A.S. 2014 / 2015 L'appetito vien...assaggiando! INSEGNANTI : Benfante Rosa, Bentivegna Simona,

Dettagli

Progetto Educazione al Benessere. Per star bene con sé e con gli altri. Progetto di Circolo

Progetto Educazione al Benessere. Per star bene con sé e con gli altri. Progetto di Circolo DIREZIONE DIDATTICA 3 Circolo di Carpi Progetto Educazione al Benessere Per star bene con sé e con gli altri Progetto di Circolo Anno scolastico 2004/2005 Per star bene con sé e con gli altri Premessa

Dettagli

UNA ZUPPA CON UN SASSO? E NON SOLO PERCHE LE VERDURE DANNO SAPORE!!!

UNA ZUPPA CON UN SASSO? E NON SOLO PERCHE LE VERDURE DANNO SAPORE!!! UNA ZUPPA CON UN SASSO? E NON SOLO PERCHE LE VERDURE DANNO SAPORE!!! SEDANO CAVOLO FINOCCHIO INTERPRETAZIONE GRAFICA DAL VERO CAROTA ZUCCHINA POMODORO E IL SASSO?...NON SI MANGIA MA SI USA PER GIOCARE

Dettagli

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti,

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, si è conclusa con una lezione aperta per i genitori.

Dettagli

NIDO D'INFANZIA "CARLO MARIA SPADA" PROGETTAZIONE DIDATTICA SEZIONE ANATROCCOLI BLU (12-24 MESI)

NIDO D'INFANZIA CARLO MARIA SPADA PROGETTAZIONE DIDATTICA SEZIONE ANATROCCOLI BLU (12-24 MESI) NIDO D'INFANZIA "CARLO MARIA SPADA" PROGETTAZIONE DIDATTICA SEZIONE ANATROCCOLI BLU (12-24 MESI) ANNO SCOLASTICO 2014/2015 PRESENTAZIONE DELLA SEZIONE EDUCATRICI: SANGIORGI LINDA VENTURA MARIA ANGELA PASINI

Dettagli

presenta: CUCCIOLI SPRINT (progetto di attività cognitivo-motoria per bambini dai 20 mesi ai tre anni)

presenta: CUCCIOLI SPRINT (progetto di attività cognitivo-motoria per bambini dai 20 mesi ai tre anni) presenta: CUCCIOLI SPRINT (progetto di attività cognitivo-motoria per bambini dai 20 mesi ai tre anni) Premessa: Sportivissimo a.s.d. è un associazione affiliata all ACSI e al CONI che intende promuovere

Dettagli

Il silenzio. per ascoltare se stessi, gli altri, la natura

Il silenzio. per ascoltare se stessi, gli altri, la natura Il silenzio per ascoltare se stessi, gli altri, la natura Istituto Comprensivo Monte S. Vito Scuola dell infanzia F.lli Grimm Gruppo dei bambini Farfalle Rosse (3 anni) Anno Scolastico 2010-2011 Ins. Gambadori

Dettagli

GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI

GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI INGRESSO Si mostra sereno Ricerca gli altri bambini Porta gli oggetti a scuola SERVIZI IGIENICI Ha il controllo sfinterico

Dettagli

QUALE MATEMATICA NELLA SCUOLA DELL INFANZIA. Scuola dell Infanzia Don Milani Anni 2006/2007/2008 Ins. Barbara Scarpelli

QUALE MATEMATICA NELLA SCUOLA DELL INFANZIA. Scuola dell Infanzia Don Milani Anni 2006/2007/2008 Ins. Barbara Scarpelli QUALE MATEMATICA NELLA SCUOLA DELL INFANZIA Scuola dell Infanzia Don Milani Anni 2006/2007/2008 Ins. Barbara Scarpelli ESPERIENZE MATEMATICHE A PARTIRE DA TRE ANNI QUALI COMPETENZE? L avventura della matematica

Dettagli

Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis

Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis Obiettivo dell incontro - Descrivere la fase evolutiva del bambino (fase 3-6 anni). - Attivare un confronto

Dettagli

PROGETTO CONTINUITÀ SCUOLA DELL INFANZIA - SCUOLA PRIMARIA

PROGETTO CONTINUITÀ SCUOLA DELL INFANZIA - SCUOLA PRIMARIA PROGETTO CONTINUITÀ SCUOLA DELL INFANZIA - SCUOLA PRIMARIA Progetto in rete degli Istituti Comprensivi di: Fumane, Negrar, Peri, Pescantina, S. Ambrogio di Valpolicella, S. Pietro in Cariano. Circolo Didattico

Dettagli

LA SALUTE VIEN MANGIANDO

LA SALUTE VIEN MANGIANDO Comune di Trino Assessorato Istruzione e Cultura Settore Extrascolastico-Culturale Istituto Comprensivo di Trino Scuola dell Infanzia e Scuola Primaria Asl 21 di Casale Dipartimento di Prevenzione Servizio

Dettagli

Definizione e struttura della comunicazione

Definizione e struttura della comunicazione Definizione e struttura della comunicazione Sono state date molteplici definizioni della comunicazione; la più semplice e comprensiva è forse questa: passaggio di un'informazione da un emittente ad un

Dettagli

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola IC n 5 L.Coletti Progetto GREEN SCHOOL Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola GREEN SCHOOL Principio fondante del Progetto GREEN SCHOOL..Coniugare conoscenza, ambiente, comportamenti nell

Dettagli

Napoli. Riconosciuto dal Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca M.I.U.R.

Napoli. Riconosciuto dal Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca M.I.U.R. Napoli Centro Psicopedagogico Formazione Studi e Ricerche OIDA Scuola di Formazione riconosciuta dal M.I.U.R. Decreto 3 agosto 2011 Scuola di Formazione riconosciuta dalla P.ED.I.AS. Comunicazione Efficace

Dettagli

La didattica personalizzata: utopia o realtà?

La didattica personalizzata: utopia o realtà? La didattica personalizzata: utopia o realtà? L integrazione di qualità è anche la qualità positiva per tutti gli attori coinvolti nei processi di integrazione, non solo per l alunno in difficoltà. Se

Dettagli

Presentazione di un caso

Presentazione di un caso Presentazione di un caso Corso Tutor per l autismo (Vr) Roberta Luteriani Direzione Didattica (BS) Caso: Giorgio 8 anni! Giorgio è un bambino autistico verbalizzato inserito in seconda elementare. Più

Dettagli

" CI SON DUE COCCODRILLI... "

 CI SON DUE COCCODRILLI... PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA ANNO SCOLASTICO 2014-2015 " CI SON DUE COCCODRILLI... " Le attività in ordine all'insegnamento della religione cattolica, per coloro che se ne avvalgono, offrono

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15 Istituto «San Giuseppe» Scuole Primaria e dell Infanzia Paritarie 71121 Foggia, via C. Marchesi, 48-tel. 0881/743467 fax 744842 pec: istitutosangiuseppefg@pec.it e-mail:g.vignozzi@virgilio.it sito web:

Dettagli

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO 1. Il bambino sviluppa il senso dell identità personale, è consapevole delle proprie esigenze e dei propri sentimenti, sa controllarli ed esprimerli in modo adeguato

Dettagli

La fattoria delle quattro operazioni

La fattoria delle quattro operazioni IMPULSIVITÀ E AUTOCONTROLLO La fattoria delle quattro operazioni Introduzione La formazione dei bambini nella scuola di base si serve di numerosi apprendimenti curricolari che vengono proposti allo scopo

Dettagli

ASILO NIDO CIRIBIRICOCCOLE PROGETTO EDUCATIVO

ASILO NIDO CIRIBIRICOCCOLE PROGETTO EDUCATIVO CIRIBIRICOCCOLE s.n.c Via Don Paviolo 3, tel 011-8005349 10036 settimo torinese P.IVA. :10565620019 Asilo.ciribiricoccole@gmail.com ASILO NIDO CIRIBIRICOCCOLE PROGETTO EDUCATIVO ANNO EDUCATIVO 2012-2013

Dettagli

Yoga Nidra Yoga Nidra è una forma di riposo psichico e psicologico più efficace del sonno normale

Yoga Nidra Yoga Nidra è una forma di riposo psichico e psicologico più efficace del sonno normale Quant è difficile rilassarsi veramente e profondamente anche quando siamo sdraiati e apparentemente immobili e distesi, le tensioni mentali, le preoccupazioni della giornata e le impressioni psichiche

Dettagli

Giacinto Bonanome. Scuola dell Infanzia Asilo Nido Integrato

Giacinto Bonanome. Scuola dell Infanzia Asilo Nido Integrato Centro d Infanzia Giacinto Bonanome Via San Marco 217 37050 Isola Rizza (Vr) Asilo Nido Integrato Progetto psicopedagogico DELLA SEZIONE API Anno scolastico 2013/2014 Centro d Infanzia Giacinto Bonanome

Dettagli

TEORIA DEL SÉ E CICLO DEL CONTATTO

TEORIA DEL SÉ E CICLO DEL CONTATTO TEORIA DEL SÉ E CICLO DEL CONTATTO di Sergio Mazzei Direttore dell Istituto Gestalt e Body Work TEORIA DEL SÉ Per organismo nella psicoterapia della Gestalt si intende l individuo che è in relazione con

Dettagli

Che cos è un emozione?

Che cos è un emozione? Che cos è un emozione? Definizione Emozione: Stato psichico affettivo e momentaneo che consiste nella reazione opposta all organismo a percezioni o rappresentazioni che ne turbano l equilibrio (Devoto

Dettagli

INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12. Un Mondo Di Feste

INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12. Un Mondo Di Feste INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12 Un Mondo Di Feste Proposta di progetto e preventivo economico a cura dell Area Intercultura della Cooperativa Sociale Apriti Sesamo. 1

Dettagli

Scuola dell infanzia: Il corpo e il movimento. Scuola primaria: Educazione fisica

Scuola dell infanzia: Il corpo e il movimento. Scuola primaria: Educazione fisica Ufficio XVI - Ambito territoriale per la provincia di Reggio Emilia Ufficio Educazione Fisica e Sportiva Scuola dell infanzia: Il corpo e il movimento Scuola primaria: Educazione fisica Prof. CRONISTORIA

Dettagli

Routine per l Ora della Nanna

Routine per l Ora della Nanna SCHEDA Routine per l Ora della Nanna Non voglio andare a letto! Ho sete! Devo andare al bagno! Ho paura del buio! Se hai mai sentito il tuo bambino ripetere queste frasi notte dopo notte, con ogni probabilità

Dettagli

Un differente punto di vista

Un differente punto di vista A Different Point of View Un differente punto di vista by Serge Kahili King Traduzione a cura di Josaya http://www.josaya.com/ Come sappiamo dal primo principio Huna, (IL MONDO E' COME TU PENSI CHE SIA

Dettagli

Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore

Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore Crescere un bambino Indaco o Cristallo è un privilegio speciale in questo momento di turbolenze e cambiamenti. Come genitori, state contribuendo

Dettagli

VIAGGIANDO CON LA NATURA

VIAGGIANDO CON LA NATURA VIAGGIANDO CON LA NATURA Il progetto intende, attraverso l esplorazione del mondo naturale (terra, acqua, aria e fuoco) sistematizzare le conoscenze per comprendere l organizzazione dell ecosistema naturale.

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE?

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? Storia narrata da Teresa Carbé Da oltre 10 anni, con mio marito e i miei figli, abbiamo deciso di aprirci all affidamento familiare, e ciò ci ha permesso di

Dettagli

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo L utopia dell educazione L educazione è un mezzo prezioso e indispensabile che

Dettagli

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA 12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA LE CARATTERISTICHE PEDAGOGICHE DEL GRUPPO CLASSE 13 1 Le caratteristiche

Dettagli

Un workshop eccezionale

Un workshop eccezionale Un posto splendido Ischia, l isola bella nel Golfo di Napoli, nata da un vulcano. Al sud dell Isola si trova un albergo in mezzo alla natura, 200 m sopra il mare, in un giardino romantico con le palme,

Dettagli

Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione

Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione Affermazioni incentrate sulla Verità per le dodici categorie del Codice di Guarigione Troverete qui di seguito una

Dettagli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli Siamo abituati a pensare al Natale come una festa statica, di pace, tranquillità, davanti

Dettagli

PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008. A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana

PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008. A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008 A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana LA LETTURA COME BISOGNO CULTURALE PER CRESCERE Il desiderio

Dettagli

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime Indice Introduzione 7 La storia delle rose: quando la mamma parte 9 Il bruco e la lumaca: quando i genitori si separano 23 La campana grande e quella piccola: quando nasce il fratellino 41 La favola del

Dettagli

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, TEATRO LA DIDATTICA DEL FARE 1 BISOGNI Sulla scorta delle numerose riflessioni che da parecchi anni aleggiano sulla realtà

Dettagli

Pro-seguire INSIEME! - La Valigia delle Rime -

Pro-seguire INSIEME! - La Valigia delle Rime - Pro-seguire INSIEME! - La Valigia delle Rime - Progetto Continuità" Scuola dell Infanzia - Scuola Primaria 2010-11 11 Anno Scolastico 2010 Funzioni Strumentali A. Rubino Scuola Infanzia P. Stramonio Scuola

Dettagli

Unità VI Gli alimenti

Unità VI Gli alimenti Unità VI Gli alimenti Contenuti - Gusti - Preferenze - Provenienza Attività AREA ANTROPOLOGICA 1. Cosa piace all Orsoroberto L Orsoroberto racconta ai bambini quali sono i cibi che lui ama e che mangia

Dettagli

IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD

IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD CHIARA DE CANDIA chiaradecandia@libero.it 1 IL CONCETTO DI SE È la rappresentazione delle proprie caratteristiche e capacità in relazione

Dettagli

Progetto di collaborazione Scuola Elementare di Piangipane con JAJO Sport Associazione Dilettantistica 2014-2015

Progetto di collaborazione Scuola Elementare di Piangipane con JAJO Sport Associazione Dilettantistica 2014-2015 Con la collaborazione di: EDUCAZIONE ATTRAVERSO IL MOVIMENTO Le abilità di movimento sono conquiste tangibili che contribuiscono alla formazione di un immagine di sé positiva. Progetto di collaborazione

Dettagli

AUTISMO E SPORT: ASPETTI LUDICI ED EDUCATIVI. Dott.ssa Sara Ambrosetto Psicologa e Psicoterapeuta Cognitivo Comportamentale

AUTISMO E SPORT: ASPETTI LUDICI ED EDUCATIVI. Dott.ssa Sara Ambrosetto Psicologa e Psicoterapeuta Cognitivo Comportamentale AUTISMO E SPORT: ASPETTI LUDICI ED EDUCATIVI Dott.ssa Sara Ambrosetto Psicologa e Psicoterapeuta Cognitivo Comportamentale Che cos è lo sport? Lo sport viene definito come l'insieme delle attività, individuali

Dettagli

Carta del servizio Centro per l'infanzia la casa sull'albero

Carta del servizio Centro per l'infanzia la casa sull'albero Carta del servizio Centro per l'infanzia la casa sull'albero INTRODUZIONE E PRESENTAZIONE DEL SERVIZIO La scelta di redigere una Carta del Servizio significa far conoscere il servizio, garantire trasparenza

Dettagli

Il pianeta ci nutre nutriamo il pianeta!

Il pianeta ci nutre nutriamo il pianeta! Il pianeta ci nutre nutriamo il pianeta! Scuola dell Infanzia Istituto di Cultura e di Lingue Marcelline Progettazione Didattica Annuale a.s. 2014-2015 Dimensione valoriale L idea fondante del progetto

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE

PROGRAMMAZIONE ANNUALE Istituto Comprensivo Ferentino 1 SCUOLA DELL INFANZIA PROGRAMMAZIONE ANNUALE anno scolastico 2012-2013 INTRODUZIONE : il ruolo della Scuola dell Infanzia Nelle recenti Bozze delle Indicazioni Nazionali

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA DI GELLO PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE. Anno scolastico 2012-2013

SCUOLA DELL INFANZIA DI GELLO PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE. Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA DELL INFANZIA DI GELLO PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE Anno scolastico 2012-2013 INSEGNANTI Clagluna Alessandra Corvitto Giovanna De Gaetanis Antonella Ficicchia Valeria Giuliani Cristina

Dettagli

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N.

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N. FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2 ULSS n.1 Belluno Autori: PERSONALE AZIENDA ULSS N. 1 BELLUNO: Dr.ssa Mel Rosanna Dirigente medico SISP (Dipartimento

Dettagli

Civilewww.edurisk.it. Care bambine, cari bambini,

Civilewww.edurisk.it. Care bambine, cari bambini, Cari bambini, Civile questo libretto che vi viene oggi proposto vi aiuterà a conoscere i rischi e ad imparare come difendervi, in particolare dai rischi legati al terremoto. Questo come tutti sapete è

Dettagli

LA MAPPA DELLA SALUTE ovvero: com è che parlando,parlando, dalla frutta ci troviamo a discutere di salvaguardia della terra???

LA MAPPA DELLA SALUTE ovvero: com è che parlando,parlando, dalla frutta ci troviamo a discutere di salvaguardia della terra??? DIREZIONE DIDATTICA DI MARANELLO SCUOLA DELL INFANZIA STATALE J.DA GORZANO PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE LA MAPPA DELLA SALUTE ovvero: com è che parlando,parlando, dalla frutta ci troviamo a discutere

Dettagli

www.maestramary.altervista.org

www.maestramary.altervista.org Premessa ed obiettivi Il progetto "dietro le quinte" La drammatizzazione è la forma più conosciuta e diffusa di animazione nella scuola. Nell'uso più comune con il termine drammatizzazione si intendono

Dettagli

Livello CILS A2. Test di ascolto

Livello CILS A2. Test di ascolto Livello CILS A2 GIUGNO 2012 Test di ascolto numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi. Poi completa le frasi. Scegli una delle tre proposte di completamento. Alla fine del test di ascolto,

Dettagli

La natura del linguaggio e il processo di acquisizione

La natura del linguaggio e il processo di acquisizione La natura del linguaggio e il processo di acquisizione Il bambino nasce con un patrimonio genetico e con una predisposizione innata per il linguaggio. Affinché ciò avvenga normalmente è necessario che

Dettagli

10 passi. verso la salute mentale.

10 passi. verso la salute mentale. 10 passi verso la salute mentale. «La salute mentale riguarda tutti» La maggior parte dei grigionesi sa che il movimento quotidiano e un alimentazione sana favoriscono la salute fisica e che buone condizioni

Dettagli

Fin dove andrà il clonaggio?

Fin dove andrà il clonaggio? Fin dove andrà il clonaggio? Mark Post, il padrone della sezione di fisiologia dell Università di Maastricht, nei Paesi Bassi, ha dichiarato durante una conferenza tenuta a Vancouver, in Canada, che aveva

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

Progetto educativo-didattico di lingua inglese per il gruppo di bambini di cinque anni

Progetto educativo-didattico di lingua inglese per il gruppo di bambini di cinque anni Progetto educativo-didattico di lingua inglese per il gruppo di bambini di cinque anni A.S. 2011/2012 Giulia Tavellin Via Palesella 3/a 37053 Cerea (Verona) giulia.tavellin@tiscali.it cell. 349/2845085

Dettagli

Introduzione ai Libri su misura

Introduzione ai Libri su misura COSTRUIAMO UN LIBRO PER TE Introduzione ai Libri su misura Antonella Costantino, Veruscha Ubbiali, Marisa Adobati, Nora Bergamaschi*, Laura Bernasconi, Daniela Biffi, Debora Bonacina *, Caterina dall Olmo*,

Dettagli

Comune di Rimini Direzione dei Servizi Educativi. Scuola infanzia Arcobaleno PROGETTO DIDATTICO

Comune di Rimini Direzione dei Servizi Educativi. Scuola infanzia Arcobaleno PROGETTO DIDATTICO Comune di Rimini Direzione dei Servizi Educativi Scuola infanzia Arcobaleno PROGETTO DIDATTICO SCUOLA INFANZIA ARCOBALENO PROGETTO DIDATTICO PREMESSA L azione del documentare necessita sempre di una fase

Dettagli

Istituto Comprensivo di Pero a.s. 2014-2015 COMPLET@MENTE. Progetto di sperimentazione delle Indicazioni Nazionali- Scienze Tecnologia

Istituto Comprensivo di Pero a.s. 2014-2015 COMPLET@MENTE. Progetto di sperimentazione delle Indicazioni Nazionali- Scienze Tecnologia Istituto Comprensivo di Pero a.s. 2014-2015 COMPLET@MENTE Progetto di sperimentazione delle Indicazioni Nazionali- Scienze Tecnologia Nella prima parte dell anno scolastico 2014-2015 alcune classi del

Dettagli

Giro, ghirotondo e altre storie ortografiche

Giro, ghirotondo e altre storie ortografiche Giro, ghirotondo e altre storie ortografiche Strumenti per la didattica, l educazione, la riabilitazione, il recupero e il sostegno Collana diretta da Dario Ianes Rossana Colli e Cosetta Zanotti Giro,

Dettagli

LETTURE PER L'INFANZIA (dai 2 ANNI)

LETTURE PER L'INFANZIA (dai 2 ANNI) LETTURE PER L'INFANZIA (dai 2 ANNI) STORIE PICCINE PICCIO' (dai 2 ai 5 anni) Una selezione di storie adatte ai piu' piccoli. Libri per giocare, libri da guardare da gustare e ascoltare. Un momento di condivisione

Dettagli

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di alcol L alcolismo è una malattia che colpisce anche il contesto famigliare

Dettagli

Scuola secondaria di primo grado: Educazione fisica

Scuola secondaria di primo grado: Educazione fisica Ufficio XVI - Ambito territoriale per la provincia di Reggio Emilia Ufficio Educazione Fisica e Sportiva Scuola secondaria di primo grado: Educazione fisica Prof. CRONISTORIA DELLA DISCIPLINA DAL 1979

Dettagli

Il canale protettivo del Kundalini Yoga

Il canale protettivo del Kundalini Yoga Il canale protettivo del Kundalini Yoga PER COMINCIARE E consigliabile avere un ora ed un luogo determinati dedicati allo yoga. Tempo e spazio sono le coordinate della relatività della nostra esistenza

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

Come moltiplicare l intelligenza del tuo bimbo da 0 a 3 anni.

Come moltiplicare l intelligenza del tuo bimbo da 0 a 3 anni. Come moltiplicare l intelligenza del tuo bimbo da 0 a 3 anni. Ebook gratuito A cura della D.ssa Liliana Jaramillo, Psicologa ed esperta in stimolazione infantile http://www.bimbifelicionline.it Copyright

Dettagli

Suggestopedia Moderna teoria e pratica capitolo

Suggestopedia Moderna teoria e pratica capitolo capitolo Fattori Introduzione suggestopedici alla Suggestopedia La dessuggestione Moderna delle barriere di apprendimento pag. 7 Se vuoi costruire una nave, non raccogliere i tuoi uomini per preparare

Dettagli

Il ciclo di Arcabas LUNGO LA STRADA

Il ciclo di Arcabas LUNGO LA STRADA Il ciclo di Arcabas Arcabas è lo pseudonimo dell artista francese Jean Marie Pirot, nato nel 1926. Nella chiesa della Risurrezione a Torre de Roveri (BG) negli anni 1993-1994 ha realizzato un ciclo di

Dettagli

Bambini vecchiette signori e signore venite a giocare con tutti i colori (2 volte)

Bambini vecchiette signori e signore venite a giocare con tutti i colori (2 volte) La canzone dei colori Rosso rosso il cane che salta il fosso giallo giallo il gallo che va a cavallo blu blu la barca che va su e giù blu blu la barca che va su e giù Arancio arancio il grosso cappello

Dettagli

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ)

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) La musica è l'armonia dell'anima Alessandro Baricco, Castelli di rabbia Premessa L insegnamento di uno strumento musicale nella

Dettagli

SE IO FOSSI UN ALBERO E INVENTASSI UNA STORIA DAL MIO DISEGNO...TI RACCONTEREI CHE...

SE IO FOSSI UN ALBERO E INVENTASSI UNA STORIA DAL MIO DISEGNO...TI RACCONTEREI CHE... SE IO FOSSI UN ALBERO E INVENTASSI UNA STORIA DAL MIO DISEGNO...TI RACCONTEREI CHE... Una volta si fece la festa degli alberi nel bosco e io e una bimba, che non lo sapevo chi era, giocavamo con gli alberi

Dettagli

DELLA REGIONE DELL UMBRIA

DELLA REGIONE DELL UMBRIA Supplemento ordinario n. 1 al «Bollettino Ufficiale» - serie generale - n. 59 del 27 dicembre 2006 Spedizione in abbonamento postale Art. 2, comma 20/c, legge 662/96 - Fil. di Potenza REPUBBLICA ITALIANA

Dettagli

Painting by Miranda Gray

Painting by Miranda Gray Guarire le antenate Painting by Miranda Gray Questa è una meditazione facoltativa da fare specificamente dopo la benedizione del grembo del 19 ottobre. Se quel giorno avete le mestruazioni questa meditazione

Dettagli

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali LA RICERCA DI DIO Gradi della fede in Dio La maggior parte delle persone non sospetta nemmeno la reale esistenza di Dio, e naturalmente non s interessa molto a Dio. Ce ne sono altre che, sotto l influsso

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) Via Acquasantianni s.n. - (Tel. 0874-871770 - Fax 0874-871770) Sito web: http://digilander.libero.it/ictrivento/ - e-mail: cbmm185005@istruzione.it

Dettagli

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013 Farra, 24 febbraio 2013 informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara dare alcune indicazioni pratiche suggerire alcuni percorsi Quali sono le reazioni

Dettagli

CORSO PER SOMMELIER. Diventare. Sommelier

CORSO PER SOMMELIER. Diventare. Sommelier Sommelier, nella prestigiosa realtà della Sommellerie di Roma e del Lazio, significa Professionismo nel vino. Chiediamo agli appassionati di essere professionisti del buon bere in maniera concreta, nella

Dettagli

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO Le seguenti affermazioni descrivono alcune abitudini di studio e modi di imparare. Decidi in quale misura ogni affermazione si applica nel tuo caso: metti una

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

PIANO A.S. 2015/2016

PIANO A.S. 2015/2016 Direzione Didattica Statale 1 Circolo De Amicis Acquaviva delle Fonti (BA) BAEE03600L@ISTRUZIONE.IT - BAEE03600L@PEC.ISTRUZIONE.IT www.deamicis.gov.it PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA A.S. 2015/2016 Prendete

Dettagli

un brand nato pensando a Voi, con l Italia nel cuore

un brand nato pensando a Voi, con l Italia nel cuore un brand nato pensando a Voi, con l Italia nel cuore VOI esprime sia una dedica ai nostri graditissimi ospiti, destinatari delle nostre attenzioni quotidiane, sia l acronimo di VERA OSPITALITÀ ITALIANA,

Dettagli

ATTIVITA' DIDATTICA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA

ATTIVITA' DIDATTICA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA P9.07.1 attività didattica scuoleinfanzia.doc P9.07.1 Comune di Rimini p.za Cavour, 27 47921 Rimini http://qualità.comune.rimini.it Direzione e di Protezione Sociale via Ducale, 7 47900 Rimini tel. 0541/

Dettagli

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso LIBERI PENSIERI PER LIBERI SENTIMENTI La riflessione circa In viaggio verso l incontro come ci è stato proposto, nasce attorno alla lettura del romanzo : C è nessuno?

Dettagli