+ t v. v 3. x = p + tv, t R. + t. 3 2 e passante per il punto p =

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "+ t v. v 3. x = p + tv, t R. + t. 3 2 e passante per il punto p ="

Transcript

1 5. Rette e piani in R 3 ; sfere. In questo paragrafo studiamo le rette, i piani e le sfere in R 3. Ci sono due modi per desrivere piani e rette in R 3 : mediante equazioni artesiane oppure mediante equazioni parametrihe. Cominiamo on le equazioni parametrihe delle rette. La situazione è molto simile a quella in R. Un equazione parametria di una retta in R 3 ha la forma x x = p p v v = p + tv p + tv, t R, x 3 p 3 v 3 p 3 + tv 3 ossia p + tv, t R, ponendo ome al solito x, p = p e v = v. Il vettore v è un vettore parallelo alla x x 3 p p 3 retta e il punto p è un punto sulla retta. Al variare del parametro t R vengono desritti tutti i punti della retta: il punto p orrisponde a t =. Ad esempio, l equazione parametria v v 3 3, t R, definise la retta parallela al vettore v = 3 e passante per il punto p =. Fig.. La retta ( + t ( 3 Per t =, t = e t = /3 troviamo rispettivamente i punti della retta, 4 3, /3. Come nel aso di R due equazioni parametrihe distinte possono desrivere la stessa retta: se p è un altro punto sulla retta e v è un vettore parallelo a v, le equazioni. p + tv, t R p + sv, s R desrivono la stessa retta.

2 Similmente si hanno equazioni parametrihe per i piani in R 3. Un equazione parametria di un piano in R 3 ha la forma x x = p p v v w w = p + tv + sw p + tv + sw, t, s R, x 3 p 3 v 3 w 3 p 3 + tv 3 + sw 3 ossia p + tv + sw, t, s R, ponendo ome al solito x, p = p, v = v, w = w. Il punto p è un punto del piano, x x 3 p p 3 i vettori v e w sono vettori paralleli al piano. Per ottenere effettivamente un piano è neessario he v e w, oltre ad essere non nulli, non siano uno multiplo dell altro, ioè v λw. Al variare dei parametri t ed s R vengono desritti tutti i punti del piano: il punto p orrisponde a t = s =. Ad esempio, l equazione parametria definise il piano parallelo ai vettori v = 3 3 e w = v v 3 w w 3, t, s R,, e passante per il punto p =. Fig.. Il piano ( + t ( 3 + s (. Assegnando ai parametri i valori t = s =, oppure t =, s =, oppure t = /3, s = si trovano rispettivamente i punti del piano, 4 3, /3. Anhe in questo aso, due equazioni parametrihe distinte possono desrivere lo stesso piano: se p è un altro punto del piano e v, w sono vettori tali he spanv, w } = spanv, w}, allora p + t v + s w, t, s R è un altra equazione dello stesso piano.

3 Le rette ed i piani nello spazio si possono anhe rappresentare mediante equazioni artesiane. I punti x R 3 he soddisfano un equazione lineare ax + bx + x 3 = d, ( dove a, b,, d R ed a, b, non sono tutti nulli, formano un piano. Questo si vede failmente risolvendo il sistema lineare di una sola equazione in tre inognite (*. Le soluzioni dipendono da due parametri liberi. Per esempio, risolvendo l equazione x + x 3 = 4 possiamo segliere ome parametri liberi x e x 3. Se hiamiamo x = s ed x 3 = t, allora x = 4 x 3 = 4 t e troviamo il piano di equazione parametria x x = s 4 t = 4. x 3 t L equazione artesiana di un piano non è unia. Se λ è un numero reale non nullo, le equazioni ax + bx + x 3 = d e λax + λbx + λx 3 = λd definisono lo stesso piano. Definizione. Un vettore normale ad un piano è un vettore n he è perpendiolare al piano. Proposizione 5.. Sia π il piano di equazione artesiana ax + bx + x 3 = d. Allora, il vettore n = è un vettore normale a π. Dimostrazione. Notiamo he n = non è zero perhè a, b, non sono tutti nulli. Controlliamo he n è perpendiolare al piano. Dati due punti distinti x e y del piano, il vettore x y è parallelo al piano. Calolando (x y n = x y x y a b = (x y a + (x y b + (x 3 y 3 x 3 y 3 = (ax + bx + x 3 (ay + by + y 3 = d d = troviamo he, per ogni x, y π, il prodotto salare (x y n è zero. Poihé tutti i vettori paralleli al piano π sono di questa forma, si ha he n è perpendiolare a π, ome rihiesto. 3

4 x y Osservazione. Se Fig.. x y è parallelo al piano. ax + by + z = d e p + tv + sw, t, s R sono rispettivamente un equazione artesiana ed un equazione parametria dello stesso piano, allora il vettore normale n = è perpendiolare ai vettori v e w. I punti di R 3 he soddisfano un sistema lineare di due equazioni in tre inognite ax + bx + x 3 = d a x + b x + x 3 = d, ( ove le terne a, b, e a, b, sono entrambe non nulle, sono preisamente i punti ontenuti sia nel piano di equazione ax + bx + x 3 = d he nel piano di equazione a x + b x + x 3 = d. Quando l intersezione dei due piani è una retta, si die he le equazioni del sistema sono equazioni artesiane per la retta. Per esempio, i punti x R 3 tali he x x + 3x 3 = x + x 3 = 4 formano una retta in R 3. Poihé il sistema è già a sala, ponendo x 3 = s ome parametro libero, riaviamo x = (4 x 3 / = s/ ed x = 3s + ( s/ = 5 4s. Troviamo osì la retta 5 4s s/ = 5 4 /, t R. s Come si intuise failmente, le equazioni artesiane di una retta non sono unihe: i sono infatti infinite oppie di piani he si inontrano in una data retta. 4

5 Proposizione 5.. Siano ax + bx + x 3 = d a x + b x + x 3 = d, equazioni artesiane di una retta r in R 3. Allora i vettori n = perpendiolare ad r. ed n = a b generano un piano ν Dimostrazione. Poihé la retta r è ontenuta sia nel piano di equazione ax + bx + x 3 = d he in quello di equazione a x + b x + x 3 = d, essa è ortogonale sia ad n he a n. Sia x un generio punto di r. Poihé x (tn + sn = tx n + sx n =, per ogni s, t R si ha he la retta r è perpendiolare a ν ome rihiesto. Osservazione. Come onseguenza della Proposizione 5., il prodotto vettoriale n n definise un vettore parallelo ad r. Abbiamo visto i due modi per desrivere rette e piani in R 3. Abbiamo spiegato ome passare da equazioni artesiane ad equazioni parametrihe. Vediamo adesso, mediante esempi espliiti, ome passare da equazioni parametrihe ad equazioni artesiane. Esempio 5.3. Sia l la retta data da, s R. Per trovare delle equazioni artesiane di l, eliminiamo il parametro s dal sistema x = + s x = + s x 3 = s. Il parametro s si può eliminare in diversi modi. Riavando ad esempio s dalla seonda equazione, troviamo s = x +, he sostituito nelle altre due equazioni, i dà: Queste sono delle equazioni artesiane della retta l. + (x + = x + 3 x 3 = (x + = x. Esempio 5.4. Sia π il piano di equazione parametria, s, t R. Per srivere un equazione artesiana ax + bx + x 3 = d 5

6 di π abbiamo bisogno innanzitutto di un vettore n = v = e w = ortogonale a π ed, in partiolare, ortogonale a. Le oordinate di n devono dunque soddisfare le ondizioni n v =. = a + b =, n w =. = b + =, ossia il sistema lineare a + b = b + =. Poihé il sistema è a sala, possiamo riavare b = ed a = ( b/ = ( + / = in funzione del parametro libero, osihé =, R. = Ponendo ad esempio =, troviamo n =. Determiniamo infine il termine noto d sostituendo nell equazione un punto del piano. Usando per esempio il punto p = troviamo ( + = d e quindi d = 4. L equazione erata è x x + x 3 = 4. dell equazione parametria, Osservazione. Un altro modo per ottenere il vettore n è quello di alolare il prodotto vettoriale dei vettori v e w n = v w = = 4 4. Esempio 5.5. (piano per 3 punti Come determinare il piano π passante per tre punti dati in R 3? C è da osservare he il piano è unio se e solo se i tre punti non stanno sulla stessa retta. Siano dati, per esempio, p =, q = Allora i vettori v = p q e w = p r dati da v = =, r =. 3, w = =

7 sono linearmente indipendenti e paralleli al piano π erato. Un equazione parametria di π è data dunque da p + tv + sw, per s, t R, ossia 3, s, t R. 4 Esempio 5.6 (Intersezioni. Siano dati due piani π e π. Come alolare l intersezione π π? Se π e π sono dati mediante equazioni artesiane, è da risolvere un sistema lineare di due equazioni nelle tre inognite x, x, x 3. Se l intersezione di due piani non è una retta, i sono due possibilità: i due piani sono paralleli. Questo orrisponde al aso in ui il sistema orrispondente non ha soluzioni. Ad esempio, il sistema x x + x 3 = x 4x + x 3 = 3 è inompatibile e i due piani x x + x 3 = e x 4x + x 3 = 3 sono paralleli. I due piani oinidono. Questo orrisponde al aso in ui le equazioni del sistema orrispondente hanno esattamente le stesse soluzioni, dipendenti da due parametri liberi. Per esempio, il sistema è equivalente al sistema a sala x x + x 3 = x 4x + x 3 = x x + x 3 = = le ui soluzioni hanno x ed x 3 ome parametri liberi. Se uno dei due piani è dato in forma parametria, i si può riondurre al aso di due equazioni artesiane on i metodi sopra esposti. Per esempio, sia π il piano di equazione x + x 3 = e sia π il piano dato da, s, t R. Allora un vettore normale a π è dato da, per ui un equazione artesiana di π è x + x + x 3 =. Per alolare l intersezione dei due piani, risolviamo il sistema lineare x + + x 3 = x + x + x 3 =. Sommando due volte la prima equazione alla seonda, troviamo il sistema a sala x + + x 3 = x + 5x 3 = 3. 7

8 Ponendo x 3 = s ome parametro libero, riaviamo x = (3 5s/ = 3/ 5s/ ed x = s. In onlusione, l intersezione è una retta di equazione parametria s 3/ 5/ s = s 3/ 5/, s R.. Sia π un piano in R 3 dato in forma artesiana e sia l una retta in forma parametria. La loro intersezione onsiste nei punti della retta l he soddisfano l equazione di π. Per esempio, sia π il piano di equazione x 3x 3 = e sia l la retta data da, s R. Allora un punto x della retta l è ontenuto in π se e soltanto se ( + s + ( + 5 3( + s =, ioè se e solo se s = 4. Questo valore di s orrisponde all unio punto di intersezione 7 3. Può 5 suedere he la retta sia paralella a π oppure ontenuta in π. Nel primo aso nessun punto della retta soddisfa l equazione del piano, nel seondo la soddisfano tutti. 3. Siano l ed m due rette in R 3. Ci sono tre possibilità: le rette si interseano in un punto, le rette oinidono, le rette sono parallele oppure sono sghembe. Due rette sono sghembe se non hanno punti in omune e non sono parallele. Fig.3. Due rette sghembe. Consideriamo, ad esempio, le rette l ed m di equazioni parametrihe, s R,, t R. Le rette l ed m non sono parallele. Per trovare l intersezione di l ed m poniamo 8 =

9 e risolviamo il sistema lineare di tre equazioni nelle inognite s e t. Si verifia failmente he il sistema non ha soluzioni e le due rette sono sghembe. Lasiamo al lettore il ompito di trovare metodi per alolare l intersezione di due rette l ed m quando non sono date entrambe in forma parametria. Il prinipio è sempre quello di trovare i punti he soddisfano sia le equazioni di l he quelle di m. Alla fine i si riondue sempre a risolvere un sistema lineare. Teorema 5.7. Sia p un punto in R 3 e sia π il piano di equazione Allora, la distanza di p dal piano π è data da ax + bx + x 3 + d =. ap + bp + p 3 + d a + b +. Dimostrazione. Poihé n = p ha equazione parametria è un vettore normale a π, la retta l perpendiolare a π e passante per p p a b, s R. p 3 Per alolare il punto di intersezione q fra l e π, sostituiamo il punto generio di l nell equazione del piano e riaviamo s Il punto q orrispondente è: a(p + sa + b(p + sb + (p 3 + s + d = s = ap + bp + p 3 + d a + b +. q = p p ap + bp + p 3 + d a p + b + 3 La distanza fra p e il piano π è uguale alla distanza fra p e q d(p, π = d(p, q = ap + bp + p 3 + d a + b + ome rihiesto.. = ap + bp + p 3 + d a + b + Esempio 5.8. (distanza fra due rette sghembe Come alolare la distanza fra due rette sghembe l ed m in R 3? Un metodo è quello di alolare un equazione artesiana di un piano π he passa per una delle due rette ed è parallelo all altra. Dopodihé la distanza d(l, m è uguale alla distanza fra π e un qualsiasi punto dell altra retta. Per esempio, siano l ed m le rette date da l : x x = x + x x 3 = m :, s R. Per trovare un equazione parametria del piano π ontenente m e parallelo ad l, aloliamo innanzitutto un equazione parametria di l: l :, t R. 5 9

10 Il piano π ha vettore normale n = e ontiene il punto ; dunque un equazione artesiana di π è data da x + x =. Prendiamo infine il punto p = uguale alla distanza fra π e p, ioè d(l, m = d(p, π = = 3 5. sulla retta l. Allora la distanza d(l, m è l m Fig.4. La distanza fra l ed m. Definizione. Una sfera in R 3 di entro e raggio r è l insieme dei punti he ha distanza uguale ad r da. Siome i punti x sulla sfera di entro e raggio r sono i punti he soddisfano x = r, l equazione della sfera è data da (x + (x + (x 3 3 = r. Proposizione 5.9. Sia (x + (x + (x 3 3 = r una sfera S in R 3 di entro e raggio r. Un equazione del piano tangente alla sfera nel punto q S è data da (q (x q + (q (x q + (q 3 3 (x 3 q 3 =. Dimostrazione. Sia x un punto arbitrario su detta tangente. Poihé il piano tangente in q è perpendiolare alla retta passante per q ed il entro della sfera, si ha he: ome rihiesto. (q (x q =

11 q Fig.5. Il piano tangente alla sfera nel punto q. Esempio 5.. (Intersezione fra una retta e una sfera Tramite un esempio espliito, onsideriamo ora il problema di alolare l intersezione fra una retta ed una sfera. Sia S la sfera di equazione (x + (x + (x 3 = 9 e sia l la retta di equazione parametria 3, t R. Per alolare l intersezione S l sostituiamo il punto generio della retta l nell equazione della sfera S: (( + t + ((3 + t + (( + t = 9. L equazione diventa 6t + t 4 =. Risolvendo troviamo t = oppure t = /3, orrispondenti ai punti di intersezione e y = 5/3 /3. 7/3 In generale, a seonda he l equazione quadratia in t ammetta due, una o nessuna soluzione reale, si ha rispettivamente he la retta intersea la sfera in due punti, un punto (in questo aso la retta è tangente alla sfera o nessun punto. Analogamente, l intersezione di una sfera on un piano può essere una ironferenza in R 3, un punto (aso di un piano tangente, o può essere vuota. Osserviamo he è impossibile desrivere una ironferenza in R 3 tramite una sola equazione di grado. Esempio 5.. Dati un piano π ed una sfera S in R 3, ome alolare il raggio della ironferenza π S? Basterà alolare la distanza d fra il entro della sfera ed il piano π e poi appliare il Teorema di Pitagora ome nella Figura 6.

12 π S Fig.6. Il raggio della ironferenza π S. Per esempio, onsideriamo π il piano di equazione x x +x 3 = e la sfera S di equazione x +(x +x 3 = 5. La distanza d fra il entro della sfera ed il piano π è d = = 3. Il raggio della sfera è uguala a 5. Il raggio r della ironferenza π S soddisfa ( r + 3 = ( 5, da ui si riava r = /3. Eserizi. ( (5.A Sia x il vettore 4 ( (5.B Siano e y =. Trovare altri tre punti sulla retta r passante per ed x. ( due vettori in R 3. (i Calolare il punto medio fra x e y. (ii Trovare altri tre punti sul piano he passa per, x e y. (iii Trovare un equazione parametria della retta passante per x ed y. (5.C Siano π e π due piani in R 3 di equazioni artesiane x 3x + =, 3x + x 3 =. (i Trovare equazioni parametrihe per π e π. (ii Calolare un equazione parametria per la retta intersezione π π. (5.D Siano π e π due piani in R 3 di equazioni parametrihe e ( ( + s ( + u ( + t ( + v (, s, t R, u, v R.

13 (i Calolare un equazione artesiana dell intersezione π π. (ii Calolare un equazione parametria dell intersezione π π. (5.E Siano l e m le rette in R 3 di equazioni parametrihe ( + t ( 3 (i Calolare l intersezione l m. (ii Trovare una retta he inontra sia l he m. (5.F Sia π il piano in R 3 di equazione x x 3 = 3. (i Trovare un vettore normale a π. (ii Trovare un altro vettore normale a π. (iii Calolare un equazione parametria per π. (iv Calolare un altra equazione parametria per π., t R, ( 3 + s (, s R. (5.G Sia l la retta di equazioni artesiane x + x = x + x 3 = Sia m la retta di equazione parametria (i Calolare l intersezione di l ed m. (ii Calolare l angolo fra l ed m. ( (5.H Sia π il piano di equazione x + x x =. Sia p = + t (, t R. ( (i Calolare un equazione artesiana per il piano π he passa per p ed è parallelo a π. (ii Calolare un equazione parametria per la retta l he passa per p ed è ortogonale a π. (iii Trovare i punti di intersezione π l e π l. (iv Calolare la distanza fra i due punti nella parte (iii. (5.I Sia q = ( 3 e sia π il piano di equazione parametria ( 3 ( ( + t + s, t, s R. (i Calolare la proiezione ortogonale del punto q sul piano π (ii Calolare la distanza fra q e π. (5.J Sia p R 3 il punto di oordinate ( e sia π il piano di equazione parametria ( ( ( + t + s, t, s R. (i Calolare la distanza fra p e π. (ii Calolare la proiezione ortogonale di p su π. (iii Calolare le oordinate del punto q simmetrio di p rispetto a π. (5.K Sia S la sfera di equazione (x + + x + (x 3 + = 4. (i Far vedere he p = ( sta sulla sfera S. Trovare un altro punto sulla sfera. 3.

14 (ii Calolare il piano π tangente ad S nel punto p. (iii Calolare il piano π tangente ad S nel punto q. (5.L Sia S la sfera di equazione (x + (x + (x 3 + = 4. Sia π il piano di equazione x + x + x 3 =. (i Calolare la distanza fra π e il entro di S. (ii Far vedere he l intersezione S π è una ironferenza. Calolarne il raggio. (5.M Sia p R 3 il punto di oordinate ( e sia m la retta di equazione parametria ( + s (, s R. (i Calolare un equazione artesiana del piano he passa per m e p. (ii Calolare un equazione parametria della retta l passante per p e perpendiolare ad m. (iii Calolare il punto di intersezione l m. (iv Calolare la distanza fra p e la retta m. 4

Figura 2.1. A sottoinsieme di B

Figura 2.1. A sottoinsieme di B G Sammito, ernardo, Formulario di matematia Insiemi F Cimolin, L arletta, L Lussardi Insiemi Generalità Un insieme è una ollezione distinguibile di oggetti, detti elementi dell'insieme Quando un elemento

Dettagli

RETTE, PIANI, SFERE, CIRCONFERENZE

RETTE, PIANI, SFERE, CIRCONFERENZE RETTE, PIANI, SFERE, CIRCONFERENZE 1. Esercizi Esercizio 1. Dati i punti A(1, 0, 1) e B(, 1, 1) trovare (1) la loro distanza; () il punto medio del segmento AB; (3) la retta AB sia in forma parametrica,

Dettagli

MATEMATICA. { 2 x =12 y 3 y +8 x =0, si pone il problema di trovare, se esistono, un numero x ed un numero y che risolvano entrambe le equazioni.

MATEMATICA. { 2 x =12 y 3 y +8 x =0, si pone il problema di trovare, se esistono, un numero x ed un numero y che risolvano entrambe le equazioni. MATEMATICA. Sistemi lineari in due equazioni due incognite. Date due equazioni lineari nelle due incognite x, y come ad esempio { 2 x =12 y 3 y +8 x =0, si pone il problema di trovare, se esistono, un

Dettagli

Funzioni di più variabili. Ottimizzazione libera e vincolata

Funzioni di più variabili. Ottimizzazione libera e vincolata libera e vincolata Generalità. Limiti e continuità per funzioni di 2 o Piano tangente. Derivate successive Formula di Taylor libera vincolata Lo ordinario è in corrispondenza biunivoca con i vettori di

Dettagli

Esercizi di Algebra Lineare. Claretta Carrara

Esercizi di Algebra Lineare. Claretta Carrara Esercizi di Algebra Lineare Claretta Carrara Indice Capitolo 1. Operazioni tra matrici e n-uple 1 1. Soluzioni 3 Capitolo. Rette e piani 15 1. Suggerimenti 19. Soluzioni 1 Capitolo 3. Gruppi, spazi e

Dettagli

Funzioni in più variabili

Funzioni in più variabili Funzioni in più variabili Corso di Analisi 1 di Andrea Centomo 27 gennaio 2011 Indichiamo con R n, n 1, l insieme delle n-uple ordinate di numeri reali R n4{(x 1, x 2,,x n ), x i R, i =1,,n}. Dato X R

Dettagli

1 2-6 7-74 Commento * Continuazione riga! Viene ignorato tutto quello che viene scritto dopo questo carattere [etichett a]

1 2-6 7-74 Commento * Continuazione riga! Viene ignorato tutto quello che viene scritto dopo questo carattere [etichett a] La programmazione è l'arte di far ompiere al omputer una suessione di operazioni atte ad ottenere il risultato voluto. Srivere un programma è un po' ome dialogare ol omputer, dobbiamo fornirgli delle informazioni

Dettagli

Lezione del 28-11-2006. Teoria dei vettori ordinari

Lezione del 28-11-2006. Teoria dei vettori ordinari Lezione del 8--006 Teoria dei vettori ordinari. Esercizio Sia B = {i, j, k} una base ortonormale fissata. ) Determinare le coordinate dei vettori v V 3 complanari a v =,, 0) e v =, 0, ), aventi lunghezza

Dettagli

1 Definizione: lunghezza di una curva.

1 Definizione: lunghezza di una curva. Abstract Qui viene affrontato lo studio delle curve nel piano e nello spazio, con particolare interesse verso due invarianti: la curvatura e la torsione Il primo ci dice quanto la curva si allontana dall

Dettagli

Soluzione Punto 1 Si calcoli in funzione di x la differenza d(x) fra il volume del cono avente altezza AP e base il

Soluzione Punto 1 Si calcoli in funzione di x la differenza d(x) fra il volume del cono avente altezza AP e base il Matematica per la nuova maturità scientifica A. Bernardo M. Pedone 74 PROBLEMA Considerata una sfera di diametro AB, lungo, per un punto P di tale diametro si conduca il piano α perpendicolare ad esso

Dettagli

GUIDA DELL UTENTE CARATTERISTICHE PRINCIPALI

GUIDA DELL UTENTE CARATTERISTICHE PRINCIPALI DORO Analisi e verifia di sezioni in.a., preompresso/post-teso e miste aiaio-alestruzzo v. 3.01.29 del 17 marzo 2015 dott. ing. FERRARI Alberto www.ferrarialberto.it GUIDA DELL UTENTE CARATTERISTICHE PRINCIPALI

Dettagli

FUNZIONI CONVESSE. + e x 0

FUNZIONI CONVESSE. + e x 0 FUNZIONI CONVESSE Sia I un intervallo aperto di R (limitato o illimitato) e sia f(x) una funzione definita in I. Dato x 0 I, la retta r passante per il punto P 0 (x 0, f(x 0 )) di equazione y = f(x 0 )

Dettagli

13. EQUAZIONI ALGEBRICHE

13. EQUAZIONI ALGEBRICHE G. Smmito, A. Bernrdo, Formulrio di mtemti Equzioni lgerihe F. Cimolin, L. Brlett, L. Lussrdi. EQUAZIONI ALGEBRICHE. Prinipi di equivlenz Si die identità un'uguglinz tr due espressioni ontenenti un o più

Dettagli

FASCI DI RETTE. scrivere la retta in forma esplicita: 2y = 3x + 4 y = 3 2 x 2. scrivere l equazione del fascio di rette:

FASCI DI RETTE. scrivere la retta in forma esplicita: 2y = 3x + 4 y = 3 2 x 2. scrivere l equazione del fascio di rette: FASCI DI RETTE DEFINIZIONE: Si chiama fascio di rette parallele o fascio improprio [erroneamente data la somiglianza effettiva con un fascio!] un insieme di rette che hanno tutte lo stesso coefficiente

Dettagli

Indice generale. Modulo 1 Algebra 2

Indice generale. Modulo 1 Algebra 2 Indice generale Modulo 1 Algebra 2 Capitolo 1 Scomposizione in fattori. Equazioni di grado superiore al primo 1.1 La scomposizione in fattori 2 1.2 Raccoglimento a fattor comune 3 1.3 Raccoglimenti successivi

Dettagli

Rette e piani con le matrici e i determinanti

Rette e piani con le matrici e i determinanti CAPITOLO Rette e piani con le matrici e i determinanti Esercizio.. Stabilire se i punti A(, ), B(, ) e C(, ) sono allineati. Esercizio.. Stabilire se i punti A(,,), B(,,), C(,, ) e D(4,,0) sono complanari.

Dettagli

Funzione reale di variabile reale

Funzione reale di variabile reale Funzione reale di variabile reale Siano A e B due sottoinsiemi non vuoti di. Si chiama funzione reale di variabile reale, di A in B, una qualsiasi legge che faccia corrispondere, a ogni elemento A x A

Dettagli

GEOMETRIA I Corso di Geometria I (seconda parte)

GEOMETRIA I Corso di Geometria I (seconda parte) Corso di Geometria I (seconda parte) anno acc. 2009/2010 Cambiamento del sistema di riferimento in E 3 Consideriamo in E 3 due sistemi di riferimento ortonormali R e R, ed un punto P (x, y, z) in R. Lo

Dettagli

f(x, y, z) = (x + ky + z, x y + 2z, x + y z) f(x, y, z) = (x + 2y z, x + y z, x + 2y) F (f(x)) = (f(0), f(1), f(2))

f(x, y, z) = (x + ky + z, x y + 2z, x + y z) f(x, y, z) = (x + 2y z, x + y z, x + 2y) F (f(x)) = (f(0), f(1), f(2)) Algebra Lineare e Geometria Analitica Politecnico di Milano Ingegneria Applicazioni Lineari 1. Sia f : R 3 R 3 l applicazione lineare definita da f(x, y, z) = (x + ky + z, x y + 2z, x + y z) per ogni (x,

Dettagli

Esistenza di funzioni continue non differenziabili in alcun punto

Esistenza di funzioni continue non differenziabili in alcun punto UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CAGLIARI FACOLTÀ DI SCIENZE MATEMATICHE, FISICHE E NATURALI CORSO DI LAUREA IN MATEMATICA Esistenza di funzioni continue non differenziabili in alcun punto Relatore Prof. Andrea

Dettagli

x 1 + x 2 3x 4 = 0 x1 + x 2 + x 3 = 0 x 1 + x 2 3x 4 = 0.

x 1 + x 2 3x 4 = 0 x1 + x 2 + x 3 = 0 x 1 + x 2 3x 4 = 0. Problema. Sia W il sottospazio dello spazio vettoriale R 4 dato da tutte le soluzioni dell equazione x + x 2 + x = 0. (a. Sia U R 4 il sottospazio dato da tutte le soluzioni dell equazione Si determini

Dettagli

A i è un aperto in E. i=1

A i è un aperto in E. i=1 Proposizione 1. A è aperto se e solo se A c è chiuso. Dimostrazione. = : se x o A c, allora x o A = A o e quindi esiste r > 0 tale che B(x o, r) A; allora x o non può essere di accumulazione per A c. Dunque

Dettagli

Maturità Scientifica PNI, sessione ordinaria 2000-2001

Maturità Scientifica PNI, sessione ordinaria 2000-2001 Matematica per la nuova maturità scientifica A. Bernardo M. Pedone Maturità Scientifica PNI, sessione ordinaria 000-00 Problema Sia AB un segmento di lunghezza a e il suo punto medio. Fissato un conveniente

Dettagli

METODI ITERATIVI PER SISTEMI LINEARI

METODI ITERATIVI PER SISTEMI LINEARI METODI ITERATIVI PER SISTEMI LINEARI LUCIA GASTALDI 1. Metodi iterativi classici Sia A R n n una matrice non singolare e sia b R n. Consideriamo il sistema (1) Ax = b. Un metodo iterativo per la soluzione

Dettagli

a) Si descriva, internamente al triangolo, con centro in B e raggio x, l arco di circonferenza di π π

a) Si descriva, internamente al triangolo, con centro in B e raggio x, l arco di circonferenza di π π PROBLEMA Il triangolo rettangolo ABC ha l ipotenusa AB = a e l angolo CAB =. a) Si descriva, internamente al triangolo, con centro in B e raggio, l arco di circonferenza di estremi P e Q rispettivamente

Dettagli

Parte 3. Rango e teorema di Rouché-Capelli

Parte 3. Rango e teorema di Rouché-Capelli Parte 3. Rango e teorema di Rouché-Capelli A. Savo Appunti del Corso di Geometria 203-4 Indice delle sezioni Rango di una matrice, 2 Teorema degli orlati, 3 3 Calcolo con l algoritmo di Gauss, 6 4 Matrici

Dettagli

EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE

EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE 1. EQUAZIONI Definizione: un equazione è un uguaglianza tra due espressioni letterali (cioè in cui compaiono numeri, lettere

Dettagli

Equazione della Circonferenza - Grafico di una Circonferenza - Intersezione tra Circonferenza e Retta

Equazione della Circonferenza - Grafico di una Circonferenza - Intersezione tra Circonferenza e Retta Equazione della Circonferenza - Grafico di una Circonferenza - Intersezione tra Circonferenza e Retta Francesco Zumbo www.francescozumbo.it http://it.geocities.com/zumbof/ Questi appunti vogliono essere

Dettagli

bensì una tendenza a ruotare quando vengono applicate in punti diversi di un corpo

bensì una tendenza a ruotare quando vengono applicate in punti diversi di un corpo Momento di una forza Nella figura 1 è illustrato come forze uguali e contrarie possono non produrre equilibrio, bensì una tendenza a ruotare quando vengono applicate in punti diversi di un corpo esteso.

Dettagli

Il linguaggio Pascal. Piero Gallo Fabio Salerno

Il linguaggio Pascal. Piero Gallo Fabio Salerno Il linguaggio Pasal Piero Gallo Fabio Salerno Introduzione alla programmazione in Pasal In ogni momento della nostra vita siamo hiamati a risolvere dei problemi. A volte operiamo senza riflettere, spinti

Dettagli

LEZIONE 14. a 1,1 v 1 + a 1,2 v 2 + a 1,3 v 3 + + a 1,n 1 v n 1 + a 1,n v n = w 1

LEZIONE 14. a 1,1 v 1 + a 1,2 v 2 + a 1,3 v 3 + + a 1,n 1 v n 1 + a 1,n v n = w 1 LEZIONE 14 141 Dimensione di uno spazio vettoriale Abbiamo visto come l esistenza di una base in uno spazio vettoriale V su k = R, C, permetta di sostituire a V, che può essere complicato da trattare,

Dettagli

Richiami di algebra lineare e geometria di R n

Richiami di algebra lineare e geometria di R n Richiami di algebra lineare e geometria di R n combinazione lineare, conica e convessa spazi lineari insiemi convessi, funzioni convesse rif. BT.5 Combinazione lineare, conica, affine, convessa Un vettore

Dettagli

Analisi funzionale. Riccarda Rossi Lezione 9

Analisi funzionale. Riccarda Rossi Lezione 9 Riarda Rossi Lezione 9 Caratterizzazione della onvergenza debole in L p (Ω) Siano 1 < p < e {f n}, f L p (Ω): allora f n f in L p (Ω) Teorema di ompattezza debole in L p (Ω) Teorema Siano 1 < p < e {f

Dettagli

Proposta di soluzione della prova di matematica Liceo scientifico di Ordinamento - 2014

Proposta di soluzione della prova di matematica Liceo scientifico di Ordinamento - 2014 Proposta di soluzione della prova di matematica Liceo scientifico di Ordinamento - 14 Problema 1 Punto a) Osserviamo che g (x) = f(x) e pertanto g () = f() = in quanto Γ è tangente all asse delle ascisse,

Dettagli

I numeri complessi. Mario Spagnuolo Corso di Laurea in Fisica - Facoltà di Scienze - Università Federico II di Napoli

I numeri complessi. Mario Spagnuolo Corso di Laurea in Fisica - Facoltà di Scienze - Università Federico II di Napoli I numeri complessi Mario Spagnuolo Corso di Laurea in Fisica - Facoltà di Scienze - Università Federico II di Napoli 1 Introduzione Studiare i numeri complessi può sembrare inutile ed avulso dalla realtà;

Dettagli

Amministrazione, finanza e marketing - Turismo Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER U. di A.

Amministrazione, finanza e marketing - Turismo Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER U. di A. UdA n. 1 Titolo: Disequazioni algebriche Saper esprimere in linguaggio matematico disuguaglianze e disequazioni Risolvere problemi mediante l uso di disequazioni algebriche Le disequazioni I principi delle

Dettagli

IV-1 Funzioni reali di più variabili

IV-1 Funzioni reali di più variabili IV- FUNZIONI REALI DI PIÙ VARIABILI INSIEMI IN R N IV- Funzioni reali di più variabili Indice Insiemi in R n. Simmetrie degli insiemi............................................ 4 2 Funzioni da R n a R

Dettagli

ESAME DI STATO 2002 SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO

ESAME DI STATO 2002 SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO ARCHIMEDE 4/ 97 ESAME DI STATO SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO Il candidato risolva uno dei due problemi e 5 dei quesiti in cui si articola il questionario. PROBLEMA In un

Dettagli

ELEMENTI DI GEOMETRIA ANALITICA: LA RETTA.

ELEMENTI DI GEOMETRIA ANALITICA: LA RETTA. ELEMENTI DI GEOMETRIA ANALITICA: LA RETTA. Prerequisiti I radicali Risoluzione di sistemi di equazioni di primo e secondo grado. Classificazione e dominio delle funzioni algebriche Obiettivi minimi Saper

Dettagli

Risposta: L area del triangolo è dove sono le misure di due lati e è l ampiezza dell angolo tra essi compreso ;

Risposta: L area del triangolo è dove sono le misure di due lati e è l ampiezza dell angolo tra essi compreso ; 1. Un triangolo ha area 3 e due lati che misurano 2 e 3. Qual è la misura del terzo lato? : L area del triangolo è dove sono le misure di due lati e è l ampiezza dell angolo tra essi compreso ; nel nostro

Dettagli

Momento di una forza rispettto ad un punto

Momento di una forza rispettto ad un punto Momento di un fo ispettto d un punto Rihimimo lune delle definiioni e popietà sui vettoi già disusse ll iniio del oso Podotto vettoile: ϑ ϑ sin sin θ Il vettoe è dietto lungo l pependiole l pino individuto

Dettagli

(V) (FX) Z 6 è un campo rispetto alle usuali operazioni di somma e prodotto.

(V) (FX) Z 6 è un campo rispetto alle usuali operazioni di somma e prodotto. 29 giugno 2009 - PROVA D ESAME - Geometria e Algebra T NOME: MATRICOLA: a=, b=, c= Sostituire ai parametri a, b, c rispettivamente la terzultima, penultima e ultima cifra del proprio numero di matricola

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 2004

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 2004 ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 004 Il candidato risolva uno dei due problemi e 5 dei 10 quesiti in cui si articola il questionario. PROBLEMA 1 Sia f la funzione definita da: f

Dettagli

VERSO L ESAME DI STATO LA DERIVATA DI UNA FUNZIONE

VERSO L ESAME DI STATO LA DERIVATA DI UNA FUNZIONE VERSO L ESAME DI STATO LA DERIVATA DI UNA FUNZIONE Soluzioni di quesiti e prolemi trtti dl Corso Bse Blu di Mtemti volume 5 [] (Es. n. 8 pg. 9 V) Dell prol f ( ) si hnno le seguenti informzioni, tutte

Dettagli

Da una a più variabili: derivate

Da una a più variabili: derivate Da una a più variabili: derivate ( ) 5 gennaio 2011 Scopo di questo articolo è di evidenziare le analogie e le differenze, relativamente al calcolo differenziale, fra le funzioni di una variabile reale

Dettagli

4 Quarta lezione: Spazi di Banach e funzionali lineari. Spazio duale

4 Quarta lezione: Spazi di Banach e funzionali lineari. Spazio duale 4 Quarta lezione: Spazi di Banach e funzionali lineari. Spazio duale Spazi Metrici Ricordiamo che uno spazio metrico è una coppia (X, d) dove X è un insieme e d : X X [0, + [ è una funzione, detta metrica,

Dettagli

Appunti sul corso di Complementi di Matematica - prof. B.Bacchelli. 03 - Equazioni differenziali lineari omogenee a coefficienti costanti.

Appunti sul corso di Complementi di Matematica - prof. B.Bacchelli. 03 - Equazioni differenziali lineari omogenee a coefficienti costanti. Appunti sul corso di Complementi di Matematica - prof. B.Bacchelli 03 - Equazioni differenziali lineari omogenee a coefficienti costanti. Def. Si dice equazione differenziale lineare del secondo ordine

Dettagli

Matematica B - a.a 2006/07 p. 1

Matematica B - a.a 2006/07 p. 1 Matematica B - a.a 2006/07 p. 1 Definizione 1. Un sistema lineare di m equazioni in n incognite, in forma normale, è del tipo a 11 x 1 + + a 1n x n = b 1 a 21 x 1 + + a 2n x n = b 2 (1) = a m1 x 1 + +

Dettagli

APPLICAZIONI LINEARI

APPLICAZIONI LINEARI APPLICAZIONI LINEARI 1. Esercizi Esercizio 1. Date le seguenti applicazioni lineari (1) f : R 2 R 3 definita da f(x, y) = (x 2y, x + y, x + y); (2) g : R 3 R 2 definita da g(x, y, z) = (x + y, x y); (3)

Dettagli

SIMULAZIONE DI PROVA D ESAME CORSO DI ORDINAMENTO

SIMULAZIONE DI PROVA D ESAME CORSO DI ORDINAMENTO SIMULAZINE DI PRVA D ESAME CRS DI RDINAMENT Risolvi uno dei due problemi e 5 dei quesiti del questionario. PRBLEMA Considera la famiglia di funzioni k ln f k () se k se e la funzione g() ln se. se. Determina

Dettagli

Esercizi della 8 lezione sulla Geomeria Linere ESERCIZI SULLA CIRCONFERENZA ESERCIZI SULLA PARABOLA ESERCIZI SULL' ELLISSE ERCIZI SULL' IPERBOLE

Esercizi della 8 lezione sulla Geomeria Linere ESERCIZI SULLA CIRCONFERENZA ESERCIZI SULLA PARABOLA ESERCIZI SULL' ELLISSE ERCIZI SULL' IPERBOLE Eserizi dell lezione sull Geomeri Linere ESERCIZI SULLA CIRCONFERENZA ESERCIZI SULLA PARABOLA ESERCIZI SULL' ELLISSE ES ERCIZI SULL' IPERBOLE ESERCIZI SULLA CIRCONFERENZA. Determinre l equzione dell ironferenz

Dettagli

ED. Equazioni cardinali della dinamica

ED. Equazioni cardinali della dinamica ED. Equazioni cardinali della dinamica Dinamica dei sistemi La dinamica dei sistemi di punti materiali si può trattare, rispetto ad un osservatore inerziale, scrivendo l equazione fondamentale della dinamica

Dettagli

ESAME DI STATO 2010 SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO

ESAME DI STATO 2010 SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO Archimede ESAME DI STATO SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO ARTICOLO Il candidato risolva uno dei due problemi e risponda a 5 quesiti del questionario. Sia ABCD un quadrato di

Dettagli

Geometria nel piano complesso

Geometria nel piano complesso Geometria nel piano complesso Giorgio Ottaviani Contents Un introduzione formale del piano complesso 2 Il teorema di Napoleone 5 L inversione circolare 6 4 Le trasformazioni di Möbius 7 5 Il birapporto

Dettagli

LE FUNZIONI MATEMATICHE

LE FUNZIONI MATEMATICHE ALGEBRA LE FUNZIONI MATEMATICHE E IL PIANO CARTESIANO PREREQUISITI l l l l l conoscere il concetto di insieme conoscere il concetto di relazione disporre i dati in una tabella rappresentare i dati mediante

Dettagli

Rango: Rouchè-Capelli, dimensione e basi di spazi vettoriali.

Rango: Rouchè-Capelli, dimensione e basi di spazi vettoriali. CAPITOLO 7 Rango: Rouchè-Capelli, dimensione e basi di spazi vettoriali. Esercizio 7.1. Determinare il rango delle seguenti matrici al variare del parametro t R. 1 4 2 1 4 2 A 1 = 0 t+1 1 A 2 = 0 t+1 1

Dettagli

Appunti di Algebra Lineare

Appunti di Algebra Lineare Appunti di Algebra Lineare Indice 1 I vettori geometrici. 1 1.1 Introduzione................................... 1 1. Somma e prodotto per uno scalare....................... 1 1.3 Combinazioni lineari e

Dettagli

Fuoco, direttrice ed equazione di una parabola traslata. Bruna Cavallaro, Treccani scuola

Fuoco, direttrice ed equazione di una parabola traslata. Bruna Cavallaro, Treccani scuola Fuoco, direttrice ed equazione di una parabola traslata Bruna Cavallaro, Treccani scuola 1 Traslare parabole con fuoco e direttrice Su un piano Oxy disegno una parabola, con fuoco e direttrice. poi traslo

Dettagli

Manuale di riferimento

Manuale di riferimento Manuale di riferimento Copyright 2011 2014 JetLab S.r.l. Tutti i diritti riservati è un marhio di JetLab S.r.l. Mirosoft, Windows, Windows NT, Windows XP, Windows Vista, Windows 7 e il logo di Windows

Dettagli

Calcolo differenziale Test di autovalutazione

Calcolo differenziale Test di autovalutazione Test di autovalutazione 1. Sia f : R R iniettiva, derivabile e tale che f(1) = 3, f (1) = 2, f (3) = 5. Allora (a) (f 1 ) (3) = 1 5 (b) (f 1 ) (3) = 1 2 (c) (f 1 ) (1) = 1 2 (d) (f 1 ) (1) = 1 3 2. Sia

Dettagli

FOGLIO 4 - Applicazioni lineari. { kx + y z = 2 x + y kw = k. 2 k 1

FOGLIO 4 - Applicazioni lineari. { kx + y z = 2 x + y kw = k. 2 k 1 FOGLIO 4 - Applicazioni lineari Esercizio 1. Si risolvano i seguenti sistemi lineari al variare di k R. { x y + z + 2w = k x z + w = k 2 { kx + y z = 2 x + y kw = k Esercizio 2. Al variare di k R trovare

Dettagli

LE TRASFORMAZIONI GEOMETRICHE NEL PIANO

LE TRASFORMAZIONI GEOMETRICHE NEL PIANO LE TRASFORMAZIONI GEOMETRICHE NEL PIANO Una trasformazione geometrica è una funzione che fa corrispondere a ogni punto del piano un altro punto del piano stesso Si può pensare come MOVIMENTO di punti e

Dettagli

LEZIONI DI MATEMATICA PER I MERCATI FINANZIARI VALUTAZIONE DI TITOLI OBBLIGAZIONARI E STRUTTURA PER SCADENZA DEI TASSI DI INTERESSE

LEZIONI DI MATEMATICA PER I MERCATI FINANZIARI VALUTAZIONE DI TITOLI OBBLIGAZIONARI E STRUTTURA PER SCADENZA DEI TASSI DI INTERESSE LEZIONI DI MATEMATICA PER I MERCATI FINANZIARI Dipartimeto di Sieze Eoomihe Uiversità di Veroa VALUTAZIONE DI TITOLI OBBLIGAZIONARI E STRUTTURA PER SCADENZA DEI TASSI DI INTERESSE Lezioi di Matematia per

Dettagli

Problema n. 1: CURVA NORD

Problema n. 1: CURVA NORD Problema n. 1: CURVA NORD Sei il responsabile della gestione del settore Curva Nord dell impianto sportivo della tua città e devi organizzare tutti i servizi relativi all ingresso e all uscita degli spettatori,

Dettagli

A.1 Definizione e rappresentazione di un numero complesso

A.1 Definizione e rappresentazione di un numero complesso 441 APPENDICE A4 NUMERI COMPLESSI A.1 Definizione e rappresentazione di un numero complesso Si riepilogano i concetti e le operazioni elementari relativi ai numeri complessi. Sia z un numero complesso;

Dettagli

Compito di SISTEMI E MODELLI. 19 Febbraio 2015

Compito di SISTEMI E MODELLI. 19 Febbraio 2015 Compito di SISTEMI E MODELLI 9 Febbraio 5 Non é ammessa la consultazione di libri o quaderni. Le risposte vanno giustificate. Saranno rilevanti per la valutazione anche l ordine e la chiarezza di esposizione.

Dettagli

x (x i ) (x 1, x 2, x 3 ) dx 1 + f x 2 dx 2 + f x 3 dx i x i

x (x i ) (x 1, x 2, x 3 ) dx 1 + f x 2 dx 2 + f x 3 dx i x i NA. Operatore nabla Consideriamo una funzione scalare: f : A R, A R 3 differenziabile, di classe C (2) almeno. Il valore di questa funzione dipende dalle tre variabili: Il suo differenziale si scrive allora:

Dettagli

Parte 2. Determinante e matrice inversa

Parte 2. Determinante e matrice inversa Parte. Determinante e matrice inversa A. Savo Appunti del Corso di Geometria 013-14 Indice delle sezioni 1 Determinante di una matrice, 1 Teorema di Cramer (caso particolare), 3 3 Determinante di una matrice

Dettagli

Le trasformazioni geometriche

Le trasformazioni geometriche Le trasformazioni geometriche Le trasformazioni geometriche Le trasformazioni affini del piano o affinità Le similitudini Le isometrie Le traslazioni Le rotazioni Le simmetrie assiale e centrale Le omotetie

Dettagli

QUAL È LA DISTANZA TRA ROMA E NEW YORK? UN PO' DI GEOMETRIA ANALITICA SULLA SFERA

QUAL È LA DISTANZA TRA ROMA E NEW YORK? UN PO' DI GEOMETRIA ANALITICA SULLA SFERA QUAL È LA DISTANZA TRA ROMA E NEW YORK? UN PO' DI GEOMETRIA ANALITICA SULLA SFERA Michele Impedovo Bollettino dei Docenti di Matematica del Canton Ticino (CH) n 36, maggio 98. Il problema Il lavoro che

Dettagli

CURVE DI LIVELLO. Per avere informazioni sull andamento di una funzione f : D IR n IR può essere utile considerare i suoi insiemi di livello.

CURVE DI LIVELLO. Per avere informazioni sull andamento di una funzione f : D IR n IR può essere utile considerare i suoi insiemi di livello. CURVE DI LIVELLO Per avere informazioni sull andamento di una funzione f : D IR n IR può essere utile considerare i suoi insiemi di livello. Definizione. Si chiama insieme di livello k della funzione f

Dettagli

La rappresentazione per elencazione consiste nell elencare tutte le coppie ordinate che verificano la relazione

La rappresentazione per elencazione consiste nell elencare tutte le coppie ordinate che verificano la relazione RELAZIONI E FUNZIONI Relzioni inrie Dti ue insiemi non vuoti e (he possono eventulmente oiniere), si ie relzione tr e un qulsisi legge he ssoi elementi elementi. L insieme A è etto insieme i prtenz. L

Dettagli

Esercizi su lineare indipendenza e generatori

Esercizi su lineare indipendenza e generatori Esercizi su lineare indipendenza e generatori Per tutto il seguito, se non specificato esplicitamente K indicherà un campo e V uno spazio vettoriale su K Cose da ricordare Definizione Dei vettori v,,v

Dettagli

SULLE VARIETÀ ALGEBRICHE A TRE DIMENSIONI AVENTI TUTTI I GENERI NULLI

SULLE VARIETÀ ALGEBRICHE A TRE DIMENSIONI AVENTI TUTTI I GENERI NULLI G. FANO (Torino - Italia) SULLE VARIETÀ ALGEBRICHE A TRE DIMENSIONI AVENTI TUTTI I GENERI NULLI 1. - La distinzione, che pareva tradizionale, tra scienze di ragionamento e scienze sperimentali è ormai

Dettagli

esame di stato 2013 seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento

esame di stato 2013 seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento Archimede esame di stato seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento ARTICOLO Il candidato risolva uno dei due problemi e risponda a 5 quesiti del questionario. PROBLEMA La funzione f

Dettagli

Travature reticolari piane : esercizi svolti De Domenico D., Fuschi P., Pisano A., Sofi A.

Travature reticolari piane : esercizi svolti De Domenico D., Fuschi P., Pisano A., Sofi A. Travature reticolari piane : esercizi svolti e omenico., Fuschi., isano., Sofi. SRZO n. ata la travatura reticolare piana triangolata semplice illustrata in Figura, determinare gli sforzi normali nelle

Dettagli

FUNZIONE ESPONENZIALE E FUNZIONE LOGARITMICA

FUNZIONE ESPONENZIALE E FUNZIONE LOGARITMICA FUNZIONE ESPONENZIALE E FUNZIONE LOGARITMICA DEFINIZIONE: Dato un numero reale a che sia a > 0 e a si definisce funzione esponenziale f(x) = a x la relazione che ad ogni valore di x associa uno e un solo

Dettagli

APPUNTI DI MATEMATICA LE FUNZIONI ALESSANDRO BOCCONI

APPUNTI DI MATEMATICA LE FUNZIONI ALESSANDRO BOCCONI APPUNTI DI MATEMATICA LE FUNZIONI ALESSANDRO BOCCONI Indice 1 Le funzioni nel discreto 3 1.1 Le funzioni nel discreto.................................. 3 1.1.1 La rappresentazione grafica............................

Dettagli

esame di stato 2012 seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento

esame di stato 2012 seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento RTICL rchimede 4 esame di stato seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento Il candidato risolva uno dei due problemi e risponda a 5 quesiti del questionario PRBLEM Siano f e g le funzioni

Dettagli

MACCHINE ELETTRICHE. Stefano Pastore. Macchine in Corrente Continua

MACCHINE ELETTRICHE. Stefano Pastore. Macchine in Corrente Continua MACCHINE ELETTRICHE Mahine in Corrente Continua Stefano Pastore Dipartiento di Ingegneria e Arhitettura Corso di Elettrotenia (IN 043) a.a. 2012-13 Statore Sistea induttore (Statore): anello in ghisa o

Dettagli

γ (t), e lim γ (t) cioè esistono la tangente destra e sinistra negli estremi t j e t j+1.

γ (t), e lim γ (t) cioè esistono la tangente destra e sinistra negli estremi t j e t j+1. Capitolo 6 Integrali curvilinei In questo capitolo definiamo i concetti di integrali di campi scalari o vettoriali lungo curve. Abbiamo bisogno di precisare le curve e gli insiemi che verranno presi in

Dettagli

DERIVATE DELLE FUNZIONI. esercizi proposti dal Prof. Gianluigi Trivia

DERIVATE DELLE FUNZIONI. esercizi proposti dal Prof. Gianluigi Trivia DERIVATE DELLE FUNZIONI esercizi proposti dal Prof. Gianluigi Trivia Incremento della variabile indipendente e della funzione. Se, sono due valori della variabile indipendente, y f ) e y f ) le corrispondenti

Dettagli

FUNZIONI LINEARI. FUNZIONE VALORE ASSOLUTO. Si chiama funzione lineare (o funzione affine) una funzione del tipo = +

FUNZIONI LINEARI. FUNZIONE VALORE ASSOLUTO. Si chiama funzione lineare (o funzione affine) una funzione del tipo = + FUNZIONI LINEARI. FUNZIONE VALORE ASSOLUTO Si chiama funzione lineare (o funzione affine) una funzione del tipo = + dove m e q sono numeri reali fissati. Il grafico di tale funzione è una retta, di cui

Dettagli

Esercizi svolti sui numeri complessi

Esercizi svolti sui numeri complessi Francesco Daddi - ottobre 009 Esercizio 1 Risolvere l equazione z 1 + i = 1. Soluzione. Moltiplichiamo entrambi i membri per 1 + i in definitiva la soluzione è z 1 + i 1 + i = 1 1 + i z = 1 1 i. : z =

Dettagli

OGNI SPAZIO VETTORIALE HA BASE

OGNI SPAZIO VETTORIALE HA BASE 1 Mimmo Arezzo OGNI SPAZIO VETTORIALE HA BASE CONVERSAZIONE CON ALCUNI STUDENTI DI FISICA 19 DICEMBRE 2006 2 1 Preliminari Definizione 1.0.1 Un ordinamento parziale (o una relazione d ordine parziale)

Dettagli

ALCUNE APPLICAZIONI DEL CALCOLO DIFFERENZIALE

ALCUNE APPLICAZIONI DEL CALCOLO DIFFERENZIALE ALCUNE APPLICAZIONI DEL CALCOLO DIFFERENZIALE Sia I un intervallo di R e siano a = inf(i) R { } e b = sup(i) R {+ }; i punti di I diversi dagli estremi a e b, ( e quindi appartenenti all intervallo aperto

Dettagli

LA MATEMATICA PER LE ALTRE DISCIPLINE. Prerequisiti e sviluppi universitari G. ACCASCINA, G. ANICHINI, G. ANZELLOTTI, F. ROSSO, V. VILLANI, R.

LA MATEMATICA PER LE ALTRE DISCIPLINE. Prerequisiti e sviluppi universitari G. ACCASCINA, G. ANICHINI, G. ANZELLOTTI, F. ROSSO, V. VILLANI, R. LA MATEMATICA PER LE ALTRE DISCIPLINE Prerequisiti e sviluppi universitari a cura di G. ACCASCINA, G. ANICHINI, G. ANZELLOTTI, F. ROSSO, V. VILLANI, R. ZAN Unione Matematica Italiana 2006 Ho continuato

Dettagli

esame di stato 2014 seconda prova scritta per i licei scientifici di ordinamento

esame di stato 2014 seconda prova scritta per i licei scientifici di ordinamento ARTICOLO Archimede 4 4 esame di stato 4 seconda prova scritta per i licei scientifici di ordinamento Il candidato risolva uno dei due problemi e risponda a 5 quesiti del questionario. PROBLEMA Nella figura

Dettagli

Terne pitagoriche e teorema di Pitagora, numeri e triangoli. Riccardo Ricci: Dipartimento di Matematica U.Dini ricci@math.unif.it

Terne pitagoriche e teorema di Pitagora, numeri e triangoli. Riccardo Ricci: Dipartimento di Matematica U.Dini ricci@math.unif.it 3 4 5 Terne pitagoriche e teorema di Pitagora, numeri e triangoli Riccardo Ricci: Dipartimento di Matematica U.Dini ricci@math.unif.it Qualche osservazione preliminare sul Teorema di Pitagora e le terne

Dettagli

LEZIONE 17. B : kn k m.

LEZIONE 17. B : kn k m. LEZIONE 17 17.1. Isomorfismi tra spazi vettoriali finitamente generati. Applichiamo quanto visto nella lezione precedente ad isomorfismi fra spazi vettoriali di dimensione finita. Proposizione 17.1.1.

Dettagli

Dinamica dei corpi deformabili. Conservazione della quantità di moto

Dinamica dei corpi deformabili. Conservazione della quantità di moto Capitolo 2 Dinamica dei corpi deformabili. Conservazione della quantità di moto 2.1 Forze Le forze che agiscono su un elemento B n del corpo B sono essenzialmente di due tipi: a) forze di massa che agiscono

Dettagli

Forme bilineari e prodotti scalari. Definizione Dato lo spazio vettoriale V (K) sul campo K, una funzione. b :

Forme bilineari e prodotti scalari. Definizione Dato lo spazio vettoriale V (K) sul campo K, una funzione. b : Forme bilineari e prodotti scalari Definizione Dato lo spazio vettoriale V (K) sul campo K, una funzione b : { V V K ( v, w) b( v, w), si dice forma bilineare su V se per ogni u, v, w V e per ogni k K:

Dettagli

Equazioni differenziali ordinarie

Equazioni differenziali ordinarie Capitolo 2 Equazioni differenziali ordinarie 2.1 Formulazione del problema In questa sezione formuleremo matematicamente il problema delle equazioni differenziali ordinarie e faremo alcune osservazioni

Dettagli

Convessità e derivabilità

Convessità e derivabilità Convessità e derivabilità Definizione 1 (convessità per funzioni derivabili) Sia f : (a, b) R derivabile su (a, b). Diremo che f è convessa o concava su (a, b) se per ogni 0 (a,b) il grafico di f sta tutto

Dettagli

EQUAZIONI non LINEARI

EQUAZIONI non LINEARI EQUAZIONI non LINEARI Francesca Pelosi Dipartimento di Matematica, Università di Roma Tor Vergata CALCOLO NUMERICO e PROGRAMMAZIONE http://www.mat.uniroma2.it/ pelosi/ EQUAZIONI non LINEARI p.1/44 EQUAZIONI

Dettagli

1) IL MOMENTO DI UNA FORZA

1) IL MOMENTO DI UNA FORZA 1) IL MOMENTO DI UNA FORZA Nell ambito dello studio dei sistemi di forze, diamo una definizione di momento: il momento è un ente statico che provoca la rotazione dei corpi. Le forze producono momenti se

Dettagli

STUDIO DI UNA FUNZIONE

STUDIO DI UNA FUNZIONE STUDIO DI UNA FUNZIONE OBIETTIVO: Data l equazione Y = f(x) di una funzione a variabili reali (X R e Y R), studiare l andamento del suo grafico. PROCEDIMENTO 1. STUDIO DEL DOMINIO (CAMPO DI ESISTENZA)

Dettagli

APPUNTI DI MATEMATICA LE DISEQUAZIONI NON LINEARI

APPUNTI DI MATEMATICA LE DISEQUAZIONI NON LINEARI APPUNTI DI MATEMATICA LE DISEQUAZIONI NON LINEARI Le disequazioni fratte Le disequazioni di secondo grado I sistemi di disequazioni Alessandro Bocconi Indice 1 Le disequazioni non lineari 2 1.1 Introduzione.........................................

Dettagli

Rilevazione degli apprendimenti. Anno Scolastico 2006 2007 PROVA DI MATEMATICA. Scuola Secondaria di II grado. Classe Terza Tipo A. Codici. Scuola:...

Rilevazione degli apprendimenti. Anno Scolastico 2006 2007 PROVA DI MATEMATICA. Scuola Secondaria di II grado. Classe Terza Tipo A. Codici. Scuola:... Ministero della Pubblica Istruzione Rilevazione degli apprendimenti Anno Scolastico 2006 2007 PROVA DI MATEMATICA Scuola Secondaria di II grado Classe Terza Tipo A Codici Scuola:..... Classe:.. Studente:.

Dettagli

Controllo di Gestione (CdG)

Controllo di Gestione (CdG) Controllo di Gestione (CdG) Controllo di gestione (CdG) Controllo dei risultati a. Condizioni di fattiilità ed effiaia. Elementi. Grado di rigidità d. Potenzialità e. Svantaggi f. Profili istituzionali

Dettagli