+ t v. v 3. x = p + tv, t R. + t. 3 2 e passante per il punto p =

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "+ t v. v 3. x = p + tv, t R. + t. 3 2 e passante per il punto p ="

Transcript

1 5. Rette e piani in R 3 ; sfere. In questo paragrafo studiamo le rette, i piani e le sfere in R 3. Ci sono due modi per desrivere piani e rette in R 3 : mediante equazioni artesiane oppure mediante equazioni parametrihe. Cominiamo on le equazioni parametrihe delle rette. La situazione è molto simile a quella in R. Un equazione parametria di una retta in R 3 ha la forma x x = p p v v = p + tv p + tv, t R, x 3 p 3 v 3 p 3 + tv 3 ossia p + tv, t R, ponendo ome al solito x, p = p e v = v. Il vettore v è un vettore parallelo alla x x 3 p p 3 retta e il punto p è un punto sulla retta. Al variare del parametro t R vengono desritti tutti i punti della retta: il punto p orrisponde a t =. Ad esempio, l equazione parametria v v 3 3, t R, definise la retta parallela al vettore v = 3 e passante per il punto p =. Fig.. La retta ( + t ( 3 Per t =, t = e t = /3 troviamo rispettivamente i punti della retta, 4 3, /3. Come nel aso di R due equazioni parametrihe distinte possono desrivere la stessa retta: se p è un altro punto sulla retta e v è un vettore parallelo a v, le equazioni. p + tv, t R p + sv, s R desrivono la stessa retta.

2 Similmente si hanno equazioni parametrihe per i piani in R 3. Un equazione parametria di un piano in R 3 ha la forma x x = p p v v w w = p + tv + sw p + tv + sw, t, s R, x 3 p 3 v 3 w 3 p 3 + tv 3 + sw 3 ossia p + tv + sw, t, s R, ponendo ome al solito x, p = p, v = v, w = w. Il punto p è un punto del piano, x x 3 p p 3 i vettori v e w sono vettori paralleli al piano. Per ottenere effettivamente un piano è neessario he v e w, oltre ad essere non nulli, non siano uno multiplo dell altro, ioè v λw. Al variare dei parametri t ed s R vengono desritti tutti i punti del piano: il punto p orrisponde a t = s =. Ad esempio, l equazione parametria definise il piano parallelo ai vettori v = 3 3 e w = v v 3 w w 3, t, s R,, e passante per il punto p =. Fig.. Il piano ( + t ( 3 + s (. Assegnando ai parametri i valori t = s =, oppure t =, s =, oppure t = /3, s = si trovano rispettivamente i punti del piano, 4 3, /3. Anhe in questo aso, due equazioni parametrihe distinte possono desrivere lo stesso piano: se p è un altro punto del piano e v, w sono vettori tali he spanv, w } = spanv, w}, allora p + t v + s w, t, s R è un altra equazione dello stesso piano.

3 Le rette ed i piani nello spazio si possono anhe rappresentare mediante equazioni artesiane. I punti x R 3 he soddisfano un equazione lineare ax + bx + x 3 = d, ( dove a, b,, d R ed a, b, non sono tutti nulli, formano un piano. Questo si vede failmente risolvendo il sistema lineare di una sola equazione in tre inognite (*. Le soluzioni dipendono da due parametri liberi. Per esempio, risolvendo l equazione x + x 3 = 4 possiamo segliere ome parametri liberi x e x 3. Se hiamiamo x = s ed x 3 = t, allora x = 4 x 3 = 4 t e troviamo il piano di equazione parametria x x = s 4 t = 4. x 3 t L equazione artesiana di un piano non è unia. Se λ è un numero reale non nullo, le equazioni ax + bx + x 3 = d e λax + λbx + λx 3 = λd definisono lo stesso piano. Definizione. Un vettore normale ad un piano è un vettore n he è perpendiolare al piano. Proposizione 5.. Sia π il piano di equazione artesiana ax + bx + x 3 = d. Allora, il vettore n = è un vettore normale a π. Dimostrazione. Notiamo he n = non è zero perhè a, b, non sono tutti nulli. Controlliamo he n è perpendiolare al piano. Dati due punti distinti x e y del piano, il vettore x y è parallelo al piano. Calolando (x y n = x y x y a b = (x y a + (x y b + (x 3 y 3 x 3 y 3 = (ax + bx + x 3 (ay + by + y 3 = d d = troviamo he, per ogni x, y π, il prodotto salare (x y n è zero. Poihé tutti i vettori paralleli al piano π sono di questa forma, si ha he n è perpendiolare a π, ome rihiesto. 3

4 x y Osservazione. Se Fig.. x y è parallelo al piano. ax + by + z = d e p + tv + sw, t, s R sono rispettivamente un equazione artesiana ed un equazione parametria dello stesso piano, allora il vettore normale n = è perpendiolare ai vettori v e w. I punti di R 3 he soddisfano un sistema lineare di due equazioni in tre inognite ax + bx + x 3 = d a x + b x + x 3 = d, ( ove le terne a, b, e a, b, sono entrambe non nulle, sono preisamente i punti ontenuti sia nel piano di equazione ax + bx + x 3 = d he nel piano di equazione a x + b x + x 3 = d. Quando l intersezione dei due piani è una retta, si die he le equazioni del sistema sono equazioni artesiane per la retta. Per esempio, i punti x R 3 tali he x x + 3x 3 = x + x 3 = 4 formano una retta in R 3. Poihé il sistema è già a sala, ponendo x 3 = s ome parametro libero, riaviamo x = (4 x 3 / = s/ ed x = 3s + ( s/ = 5 4s. Troviamo osì la retta 5 4s s/ = 5 4 /, t R. s Come si intuise failmente, le equazioni artesiane di una retta non sono unihe: i sono infatti infinite oppie di piani he si inontrano in una data retta. 4

5 Proposizione 5.. Siano ax + bx + x 3 = d a x + b x + x 3 = d, equazioni artesiane di una retta r in R 3. Allora i vettori n = perpendiolare ad r. ed n = a b generano un piano ν Dimostrazione. Poihé la retta r è ontenuta sia nel piano di equazione ax + bx + x 3 = d he in quello di equazione a x + b x + x 3 = d, essa è ortogonale sia ad n he a n. Sia x un generio punto di r. Poihé x (tn + sn = tx n + sx n =, per ogni s, t R si ha he la retta r è perpendiolare a ν ome rihiesto. Osservazione. Come onseguenza della Proposizione 5., il prodotto vettoriale n n definise un vettore parallelo ad r. Abbiamo visto i due modi per desrivere rette e piani in R 3. Abbiamo spiegato ome passare da equazioni artesiane ad equazioni parametrihe. Vediamo adesso, mediante esempi espliiti, ome passare da equazioni parametrihe ad equazioni artesiane. Esempio 5.3. Sia l la retta data da, s R. Per trovare delle equazioni artesiane di l, eliminiamo il parametro s dal sistema x = + s x = + s x 3 = s. Il parametro s si può eliminare in diversi modi. Riavando ad esempio s dalla seonda equazione, troviamo s = x +, he sostituito nelle altre due equazioni, i dà: Queste sono delle equazioni artesiane della retta l. + (x + = x + 3 x 3 = (x + = x. Esempio 5.4. Sia π il piano di equazione parametria, s, t R. Per srivere un equazione artesiana ax + bx + x 3 = d 5

6 di π abbiamo bisogno innanzitutto di un vettore n = v = e w = ortogonale a π ed, in partiolare, ortogonale a. Le oordinate di n devono dunque soddisfare le ondizioni n v =. = a + b =, n w =. = b + =, ossia il sistema lineare a + b = b + =. Poihé il sistema è a sala, possiamo riavare b = ed a = ( b/ = ( + / = in funzione del parametro libero, osihé =, R. = Ponendo ad esempio =, troviamo n =. Determiniamo infine il termine noto d sostituendo nell equazione un punto del piano. Usando per esempio il punto p = troviamo ( + = d e quindi d = 4. L equazione erata è x x + x 3 = 4. dell equazione parametria, Osservazione. Un altro modo per ottenere il vettore n è quello di alolare il prodotto vettoriale dei vettori v e w n = v w = = 4 4. Esempio 5.5. (piano per 3 punti Come determinare il piano π passante per tre punti dati in R 3? C è da osservare he il piano è unio se e solo se i tre punti non stanno sulla stessa retta. Siano dati, per esempio, p =, q = Allora i vettori v = p q e w = p r dati da v = =, r =. 3, w = =

7 sono linearmente indipendenti e paralleli al piano π erato. Un equazione parametria di π è data dunque da p + tv + sw, per s, t R, ossia 3, s, t R. 4 Esempio 5.6 (Intersezioni. Siano dati due piani π e π. Come alolare l intersezione π π? Se π e π sono dati mediante equazioni artesiane, è da risolvere un sistema lineare di due equazioni nelle tre inognite x, x, x 3. Se l intersezione di due piani non è una retta, i sono due possibilità: i due piani sono paralleli. Questo orrisponde al aso in ui il sistema orrispondente non ha soluzioni. Ad esempio, il sistema x x + x 3 = x 4x + x 3 = 3 è inompatibile e i due piani x x + x 3 = e x 4x + x 3 = 3 sono paralleli. I due piani oinidono. Questo orrisponde al aso in ui le equazioni del sistema orrispondente hanno esattamente le stesse soluzioni, dipendenti da due parametri liberi. Per esempio, il sistema è equivalente al sistema a sala x x + x 3 = x 4x + x 3 = x x + x 3 = = le ui soluzioni hanno x ed x 3 ome parametri liberi. Se uno dei due piani è dato in forma parametria, i si può riondurre al aso di due equazioni artesiane on i metodi sopra esposti. Per esempio, sia π il piano di equazione x + x 3 = e sia π il piano dato da, s, t R. Allora un vettore normale a π è dato da, per ui un equazione artesiana di π è x + x + x 3 =. Per alolare l intersezione dei due piani, risolviamo il sistema lineare x + + x 3 = x + x + x 3 =. Sommando due volte la prima equazione alla seonda, troviamo il sistema a sala x + + x 3 = x + 5x 3 = 3. 7

8 Ponendo x 3 = s ome parametro libero, riaviamo x = (3 5s/ = 3/ 5s/ ed x = s. In onlusione, l intersezione è una retta di equazione parametria s 3/ 5/ s = s 3/ 5/, s R.. Sia π un piano in R 3 dato in forma artesiana e sia l una retta in forma parametria. La loro intersezione onsiste nei punti della retta l he soddisfano l equazione di π. Per esempio, sia π il piano di equazione x 3x 3 = e sia l la retta data da, s R. Allora un punto x della retta l è ontenuto in π se e soltanto se ( + s + ( + 5 3( + s =, ioè se e solo se s = 4. Questo valore di s orrisponde all unio punto di intersezione 7 3. Può 5 suedere he la retta sia paralella a π oppure ontenuta in π. Nel primo aso nessun punto della retta soddisfa l equazione del piano, nel seondo la soddisfano tutti. 3. Siano l ed m due rette in R 3. Ci sono tre possibilità: le rette si interseano in un punto, le rette oinidono, le rette sono parallele oppure sono sghembe. Due rette sono sghembe se non hanno punti in omune e non sono parallele. Fig.3. Due rette sghembe. Consideriamo, ad esempio, le rette l ed m di equazioni parametrihe, s R,, t R. Le rette l ed m non sono parallele. Per trovare l intersezione di l ed m poniamo 8 =

9 e risolviamo il sistema lineare di tre equazioni nelle inognite s e t. Si verifia failmente he il sistema non ha soluzioni e le due rette sono sghembe. Lasiamo al lettore il ompito di trovare metodi per alolare l intersezione di due rette l ed m quando non sono date entrambe in forma parametria. Il prinipio è sempre quello di trovare i punti he soddisfano sia le equazioni di l he quelle di m. Alla fine i si riondue sempre a risolvere un sistema lineare. Teorema 5.7. Sia p un punto in R 3 e sia π il piano di equazione Allora, la distanza di p dal piano π è data da ax + bx + x 3 + d =. ap + bp + p 3 + d a + b +. Dimostrazione. Poihé n = p ha equazione parametria è un vettore normale a π, la retta l perpendiolare a π e passante per p p a b, s R. p 3 Per alolare il punto di intersezione q fra l e π, sostituiamo il punto generio di l nell equazione del piano e riaviamo s Il punto q orrispondente è: a(p + sa + b(p + sb + (p 3 + s + d = s = ap + bp + p 3 + d a + b +. q = p p ap + bp + p 3 + d a p + b + 3 La distanza fra p e il piano π è uguale alla distanza fra p e q d(p, π = d(p, q = ap + bp + p 3 + d a + b + ome rihiesto.. = ap + bp + p 3 + d a + b + Esempio 5.8. (distanza fra due rette sghembe Come alolare la distanza fra due rette sghembe l ed m in R 3? Un metodo è quello di alolare un equazione artesiana di un piano π he passa per una delle due rette ed è parallelo all altra. Dopodihé la distanza d(l, m è uguale alla distanza fra π e un qualsiasi punto dell altra retta. Per esempio, siano l ed m le rette date da l : x x = x + x x 3 = m :, s R. Per trovare un equazione parametria del piano π ontenente m e parallelo ad l, aloliamo innanzitutto un equazione parametria di l: l :, t R. 5 9

10 Il piano π ha vettore normale n = e ontiene il punto ; dunque un equazione artesiana di π è data da x + x =. Prendiamo infine il punto p = uguale alla distanza fra π e p, ioè d(l, m = d(p, π = = 3 5. sulla retta l. Allora la distanza d(l, m è l m Fig.4. La distanza fra l ed m. Definizione. Una sfera in R 3 di entro e raggio r è l insieme dei punti he ha distanza uguale ad r da. Siome i punti x sulla sfera di entro e raggio r sono i punti he soddisfano x = r, l equazione della sfera è data da (x + (x + (x 3 3 = r. Proposizione 5.9. Sia (x + (x + (x 3 3 = r una sfera S in R 3 di entro e raggio r. Un equazione del piano tangente alla sfera nel punto q S è data da (q (x q + (q (x q + (q 3 3 (x 3 q 3 =. Dimostrazione. Sia x un punto arbitrario su detta tangente. Poihé il piano tangente in q è perpendiolare alla retta passante per q ed il entro della sfera, si ha he: ome rihiesto. (q (x q =

11 q Fig.5. Il piano tangente alla sfera nel punto q. Esempio 5.. (Intersezione fra una retta e una sfera Tramite un esempio espliito, onsideriamo ora il problema di alolare l intersezione fra una retta ed una sfera. Sia S la sfera di equazione (x + (x + (x 3 = 9 e sia l la retta di equazione parametria 3, t R. Per alolare l intersezione S l sostituiamo il punto generio della retta l nell equazione della sfera S: (( + t + ((3 + t + (( + t = 9. L equazione diventa 6t + t 4 =. Risolvendo troviamo t = oppure t = /3, orrispondenti ai punti di intersezione e y = 5/3 /3. 7/3 In generale, a seonda he l equazione quadratia in t ammetta due, una o nessuna soluzione reale, si ha rispettivamente he la retta intersea la sfera in due punti, un punto (in questo aso la retta è tangente alla sfera o nessun punto. Analogamente, l intersezione di una sfera on un piano può essere una ironferenza in R 3, un punto (aso di un piano tangente, o può essere vuota. Osserviamo he è impossibile desrivere una ironferenza in R 3 tramite una sola equazione di grado. Esempio 5.. Dati un piano π ed una sfera S in R 3, ome alolare il raggio della ironferenza π S? Basterà alolare la distanza d fra il entro della sfera ed il piano π e poi appliare il Teorema di Pitagora ome nella Figura 6.

12 π S Fig.6. Il raggio della ironferenza π S. Per esempio, onsideriamo π il piano di equazione x x +x 3 = e la sfera S di equazione x +(x +x 3 = 5. La distanza d fra il entro della sfera ed il piano π è d = = 3. Il raggio della sfera è uguala a 5. Il raggio r della ironferenza π S soddisfa ( r + 3 = ( 5, da ui si riava r = /3. Eserizi. ( (5.A Sia x il vettore 4 ( (5.B Siano e y =. Trovare altri tre punti sulla retta r passante per ed x. ( due vettori in R 3. (i Calolare il punto medio fra x e y. (ii Trovare altri tre punti sul piano he passa per, x e y. (iii Trovare un equazione parametria della retta passante per x ed y. (5.C Siano π e π due piani in R 3 di equazioni artesiane x 3x + =, 3x + x 3 =. (i Trovare equazioni parametrihe per π e π. (ii Calolare un equazione parametria per la retta intersezione π π. (5.D Siano π e π due piani in R 3 di equazioni parametrihe e ( ( + s ( + u ( + t ( + v (, s, t R, u, v R.

13 (i Calolare un equazione artesiana dell intersezione π π. (ii Calolare un equazione parametria dell intersezione π π. (5.E Siano l e m le rette in R 3 di equazioni parametrihe ( + t ( 3 (i Calolare l intersezione l m. (ii Trovare una retta he inontra sia l he m. (5.F Sia π il piano in R 3 di equazione x x 3 = 3. (i Trovare un vettore normale a π. (ii Trovare un altro vettore normale a π. (iii Calolare un equazione parametria per π. (iv Calolare un altra equazione parametria per π., t R, ( 3 + s (, s R. (5.G Sia l la retta di equazioni artesiane x + x = x + x 3 = Sia m la retta di equazione parametria (i Calolare l intersezione di l ed m. (ii Calolare l angolo fra l ed m. ( (5.H Sia π il piano di equazione x + x x =. Sia p = + t (, t R. ( (i Calolare un equazione artesiana per il piano π he passa per p ed è parallelo a π. (ii Calolare un equazione parametria per la retta l he passa per p ed è ortogonale a π. (iii Trovare i punti di intersezione π l e π l. (iv Calolare la distanza fra i due punti nella parte (iii. (5.I Sia q = ( 3 e sia π il piano di equazione parametria ( 3 ( ( + t + s, t, s R. (i Calolare la proiezione ortogonale del punto q sul piano π (ii Calolare la distanza fra q e π. (5.J Sia p R 3 il punto di oordinate ( e sia π il piano di equazione parametria ( ( ( + t + s, t, s R. (i Calolare la distanza fra p e π. (ii Calolare la proiezione ortogonale di p su π. (iii Calolare le oordinate del punto q simmetrio di p rispetto a π. (5.K Sia S la sfera di equazione (x + + x + (x 3 + = 4. (i Far vedere he p = ( sta sulla sfera S. Trovare un altro punto sulla sfera. 3.

14 (ii Calolare il piano π tangente ad S nel punto p. (iii Calolare il piano π tangente ad S nel punto q. (5.L Sia S la sfera di equazione (x + (x + (x 3 + = 4. Sia π il piano di equazione x + x + x 3 =. (i Calolare la distanza fra π e il entro di S. (ii Far vedere he l intersezione S π è una ironferenza. Calolarne il raggio. (5.M Sia p R 3 il punto di oordinate ( e sia m la retta di equazione parametria ( + s (, s R. (i Calolare un equazione artesiana del piano he passa per m e p. (ii Calolare un equazione parametria della retta l passante per p e perpendiolare ad m. (iii Calolare il punto di intersezione l m. (iv Calolare la distanza fra p e la retta m. 4

MOMENTI E CENTRAGGIO DEL VELIVOLO

MOMENTI E CENTRAGGIO DEL VELIVOLO x 1 x ISTITUZIONI DI INGEGNERIA AEROSAZIALE OENTI E CENTRAGGIO VELIVOLO OENTI E CENTRAGGIO DEL VELIVOLO er il alolo delle prestazioni in volo orizzontale rettilineo ed uniforme, il velivolo può essere

Dettagli

RETTE, PIANI, SFERE, CIRCONFERENZE

RETTE, PIANI, SFERE, CIRCONFERENZE RETTE, PIANI, SFERE, CIRCONFERENZE 1. Esercizi Esercizio 1. Dati i punti A(1, 0, 1) e B(, 1, 1) trovare (1) la loro distanza; () il punto medio del segmento AB; (3) la retta AB sia in forma parametrica,

Dettagli

1. Elementi di Calcolo Combinatorio.

1. Elementi di Calcolo Combinatorio. . Elementi di Calolo Combinatorio. Prinipio Base del Conteggio Supponiamo he si devono ompiere due esperimenti. Se l esperimento uno può assumere n risultati possibili, e per ognuno di questi i sono n

Dettagli

Figura 2.1. A sottoinsieme di B

Figura 2.1. A sottoinsieme di B G Sammito, ernardo, Formulario di matematia Insiemi F Cimolin, L arletta, L Lussardi Insiemi Generalità Un insieme è una ollezione distinguibile di oggetti, detti elementi dell'insieme Quando un elemento

Dettagli

Modelli di base per la politica economica

Modelli di base per la politica economica Modelli di base per la politia eonomia Capitolo Marella Mulino Modelli di base per la politia eonomia Corso di Politia eonomia a.a. 22-23 Modelli di base per la politia eonomia Capitolo Capitolo Modello

Dettagli

MATEMATICA. { 2 x =12 y 3 y +8 x =0, si pone il problema di trovare, se esistono, un numero x ed un numero y che risolvano entrambe le equazioni.

MATEMATICA. { 2 x =12 y 3 y +8 x =0, si pone il problema di trovare, se esistono, un numero x ed un numero y che risolvano entrambe le equazioni. MATEMATICA. Sistemi lineari in due equazioni due incognite. Date due equazioni lineari nelle due incognite x, y come ad esempio { 2 x =12 y 3 y +8 x =0, si pone il problema di trovare, se esistono, un

Dettagli

15 febbraio 2010 - Soluzione esame di geometria - 12 crediti Ingegneria gestionale - a.a. 2009-2010 COGNOME... NOME... N. MATRICOLA...

15 febbraio 2010 - Soluzione esame di geometria - 12 crediti Ingegneria gestionale - a.a. 2009-2010 COGNOME... NOME... N. MATRICOLA... 15 febbraio 010 - Soluzione esame di geometria - 1 crediti Ingegneria gestionale - a.a. 009-010 COGNOME.......................... NOME.......................... N. MATRICOLA............. La prova dura

Dettagli

CONI, CILINDRI, SUPERFICI DI ROTAZIONE

CONI, CILINDRI, SUPERFICI DI ROTAZIONE CONI, CILINDRI, SUPERFICI DI ROTAZIONE. Esercizi x + z = Esercizio. Data la curva x, calcolare l equazione del cilindro avente γ y = 0 come direttrice e con generatrici parallele al vettore v = (, 0, ).

Dettagli

PRINCIPIO BASE DEL CONTEGGIO

PRINCIPIO BASE DEL CONTEGGIO Calolo ombinatorio PRINCIPIO BASE DEL CONTEGGIO Se dobbiamo ompiere due esperimenti onseutivi ed il primo esperimento può assumere N risultati diversi e per ognuno di questi il seondo esperimento ne può

Dettagli

simmetria sferica. L intensità (potenza per unità di superficie) a distanza L vale allora I = P / 4π L

simmetria sferica. L intensità (potenza per unità di superficie) a distanza L vale allora I = P / 4π L Fisia Generale Modulo di Fisia II A.A. -5 seritaione OND LTTROMAGNTICH Gb. Si onsideri un onda elettromagnetia piana sinusoidale he si propaga nel vuoto nella direione positiva dell asse x. La lunghea

Dettagli

Esercizio no.1 soluzione a pag.3

Esercizio no.1 soluzione a pag.3 Edutenia.it Modulazioni digitali eserizi risolti 1 Eserizio no.1 soluzione a pag.3 Quanti bit sono neessari per trasmettere 3 simboli e quale è la veloità di modulazione e la veloità di trasmissione se

Dettagli

CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA.

CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA. CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA. FOGLIO DI ESERCIZI 4 GEOMETRIA E ALGEBRA LINEARE 2010/11 Esercizio 4.1 (2.2). Determinare l equazione parametrica e Cartesiana della retta dello spazio (a) Passante per i

Dettagli

Algebra Lineare e Geometria

Algebra Lineare e Geometria Algebra Lineare e Geometria Corso di Laurea in Ingegneria Elettronica A.A. 2013-2014 Prova d esame del 16/06/2014. 1) a) Determinare la matrice associata all applicazione lineare T : R 3 R 4 definita da

Dettagli

CBM a.s. 2012/2013 PROBLEMA DELLE SCORTE

CBM a.s. 2012/2013 PROBLEMA DELLE SCORTE CBM a.s. 212/213 PROBLEMA DELLE SCORTE Chiamiamo SCORTA ogni riserva di materiali presente all interno del sistema produttivo in attesa di essere sottoposto ad un proesso di trasformazione o di distribuzione.

Dettagli

ALCUNE OSSERVAZIONI SUI TRIANGOLI

ALCUNE OSSERVAZIONI SUI TRIANGOLI LUNE OSSERVZIONI SUI TRINGOLI ataloghiamo i triangoli seondo i lati seondo gli angoli 115 3 67 81 Esiste sempre il triangolo? Selte a aso le misure dei lati, è sempre possibile ostruire il triangolo? Quali

Dettagli

f Le trasformazioni e il trattamento dell aria

f Le trasformazioni e il trattamento dell aria f Le trasformazioni e il trattamento dell aria 1 Generalità Risolvendo il sistema (1) rispetto ad m a si ottiene: () Pertanto, il punto di misela sul diagramma psirometrio è situato sulla ongiungente dei

Dettagli

DIMENSIONAMENTO DELLA STAZIONE DI SOLLEVAMENTO A SERVIZIO DI UN SOTTOPASSO

DIMENSIONAMENTO DELLA STAZIONE DI SOLLEVAMENTO A SERVIZIO DI UN SOTTOPASSO DIMENSIONAMENTO DELLA STAZIONE DI SOLLEVAMENTO A SERVIZIO DI UN SOTTOPASSO Appliazione: Dimensionare l impianto di sollevamento per il sottopasso illustrato alle figure 3.60 e 3.61. Elaborazione delle

Dettagli

Lezioni di Algebra Lineare III. Applicazioni lineari e matrici Struttura algebrica delle soluzioni dei sistemi lineari

Lezioni di Algebra Lineare III. Applicazioni lineari e matrici Struttura algebrica delle soluzioni dei sistemi lineari Versione ottobre novembre 2008 Lezioni di Algebra Lineare III. Applicazioni lineari e matrici Struttura algebrica delle soluzioni dei sistemi lineari Contenuto 1. Applicazioni lineari 2. L insieme delle

Dettagli

Funzioni di più variabili. Ottimizzazione libera e vincolata

Funzioni di più variabili. Ottimizzazione libera e vincolata libera e vincolata Generalità. Limiti e continuità per funzioni di 2 o Piano tangente. Derivate successive Formula di Taylor libera vincolata Lo ordinario è in corrispondenza biunivoca con i vettori di

Dettagli

ax 1 + bx 2 + c = 0, r : 2x 1 3x 2 + 1 = 0.

ax 1 + bx 2 + c = 0, r : 2x 1 3x 2 + 1 = 0. . Rette in R ; circonferenze. In questo paragrafo studiamo le rette e le circonferenze in R. Ci sono due modi per descrivere una retta in R : mediante una equazione cartesiana oppure mediante una equazione

Dettagli

LE FIBRE DI UNA APPLICAZIONE LINEARE

LE FIBRE DI UNA APPLICAZIONE LINEARE LE FIBRE DI UNA APPLICAZIONE LINEARE Sia f:a B una funzione tra due insiemi. Se y appartiene all immagine di f si chiama fibra di f sopra y l insieme f -1 y) ossia l insieme di tutte le controimmagini

Dettagli

FASCI DI RETTE. scrivere la retta in forma esplicita: 2y = 3x + 4 y = 3 2 x 2. scrivere l equazione del fascio di rette:

FASCI DI RETTE. scrivere la retta in forma esplicita: 2y = 3x + 4 y = 3 2 x 2. scrivere l equazione del fascio di rette: FASCI DI RETTE DEFINIZIONE: Si chiama fascio di rette parallele o fascio improprio [erroneamente data la somiglianza effettiva con un fascio!] un insieme di rette che hanno tutte lo stesso coefficiente

Dettagli

x 1 + x 2 3x 4 = 0 x1 + x 2 + x 3 = 0 x 1 + x 2 3x 4 = 0.

x 1 + x 2 3x 4 = 0 x1 + x 2 + x 3 = 0 x 1 + x 2 3x 4 = 0. Problema. Sia W il sottospazio dello spazio vettoriale R 4 dato da tutte le soluzioni dell equazione x + x 2 + x = 0. (a. Sia U R 4 il sottospazio dato da tutte le soluzioni dell equazione Si determini

Dettagli

Prova scritta di Geometria 2 Prof. M. Boratynski

Prova scritta di Geometria 2 Prof. M. Boratynski 10/9/2008 Es. 1: Si consideri la forma bilineare simmetrica b su R 3 associata, rispetto alla base canonica {e 1, e 2, e 3 } alla matrice 3 2 1 A = 2 3 0. 1 0 1 1) Provare che (R 3, b) è uno spazio vettoriale

Dettagli

Esercizi di Algebra Lineare. Claretta Carrara

Esercizi di Algebra Lineare. Claretta Carrara Esercizi di Algebra Lineare Claretta Carrara Indice Capitolo 1. Operazioni tra matrici e n-uple 1 1. Soluzioni 3 Capitolo. Rette e piani 15 1. Suggerimenti 19. Soluzioni 1 Capitolo 3. Gruppi, spazi e

Dettagli

MATEMATICA CORSO A COMPITINO DI RECUPERO (Tema 1) 13 Febbraio 2014

MATEMATICA CORSO A COMPITINO DI RECUPERO (Tema 1) 13 Febbraio 2014 MATEMATICA CORSO A COMPITINO DI RECUPERO (Tema 1) 13 Febbraio 2014 Soluzioni 1. In un sahetto i sono 7 palline olorate: 2 rosse, 3 verdi e 2 gialle. Si fanno 4 estrazioni on rimessa. a) Calola la probabilità

Dettagli

Definisci il Campo di Esistenza ( Dominio) di una funzione reale di variabile reale e, quindi, determinalo per la funzione:

Definisci il Campo di Esistenza ( Dominio) di una funzione reale di variabile reale e, quindi, determinalo per la funzione: Verso l'esame di Stato Definisci il Campo di Esistenza ( Dominio) di una funzione reale di variabile reale e, quindi, determinalo per la funzione: y ln 5 6 7 8 9 0 Rappresenta il campo di esistenza determinato

Dettagli

Parte 3. Rango e teorema di Rouché-Capelli

Parte 3. Rango e teorema di Rouché-Capelli Parte 3. Rango e teorema di Rouché-Capelli A. Savo Appunti del Corso di Geometria 203-4 Indice delle sezioni Rango di una matrice, 2 Teorema degli orlati, 3 3 Calcolo con l algoritmo di Gauss, 6 4 Matrici

Dettagli

LEGGE 14 NOVEMBRE 1995, N.

LEGGE 14 NOVEMBRE 1995, N. Relazione tenia (riferimento delibera 204/99) PRESUPPOSTI E FONDAMENTI DEL PROVVEDIMENTO PER LA REGOLAZIONE DELLA TARIFFA BASE, DEI PARAMETRI E DEGLI ALTRI ELEMENTI DI RIFERIMENTO PER LA DETERMINAZIONE

Dettagli

4.3.1. Stato limite di fessurazione.

4.3.1. Stato limite di fessurazione. DM 9/1/1996 4.3.1. Stato limite di fessurazione. 4.3.1. STATO LIMITE DI FESSURAZIONE. 4.3.1.1. Finalità. Per assiurare la funzionalità e la durata delle strutture è neessario: - prefissare uno stato limite

Dettagli

Funzioni in più variabili

Funzioni in più variabili Funzioni in più variabili Corso di Analisi 1 di Andrea Centomo 27 gennaio 2011 Indichiamo con R n, n 1, l insieme delle n-uple ordinate di numeri reali R n4{(x 1, x 2,,x n ), x i R, i =1,,n}. Dato X R

Dettagli

LE FUNZIONI A DUE VARIABILI

LE FUNZIONI A DUE VARIABILI Capitolo I LE FUNZIONI A DUE VARIABILI In questo primo capitolo introduciamo alcune definizioni di base delle funzioni reali a due variabili reali. Nel seguito R denoterà l insieme dei numeri reali mentre

Dettagli

GEOMETRIA ANALITICA 8 LE CONICHE

GEOMETRIA ANALITICA 8 LE CONICHE GEOMETRIA ANALITICA 8 LE CONICHE Tra tutte le urve, ne esistono quattro partiolari he vengono hiamate onihe perhé sono ottenute tramite l intersezione di una superfiie i-onia on un piano. A seonda della

Dettagli

] + [ ] [ ] def. ] e [ ], si ha subito:

] + [ ] [ ] def. ] e [ ], si ha subito: OPE OPERAZIONI BINARIE Definizione di operzione inri Dto un insieme A non vuoto, si him operzione (inri) su A ogni pplizione di A in A In generle, un'operzione su A viene indit on il simolo Se (x, y) è

Dettagli

Parte 6. Applicazioni lineari

Parte 6. Applicazioni lineari Parte 6 Applicazioni lineari A Savo Appunti del Corso di Geometria 203-4 Indice delle sezioni Applicazioni fra insiemi, 2 Applicazioni lineari tra spazi vettoriali, 2 3 Applicazioni lineari da R n a R

Dettagli

Lezione 7: Rette e piani nello spazio

Lezione 7: Rette e piani nello spazio Lezione 7: Rette e pini nello spzio In quest lezione i metteremo in un riferimento rtesino ortonormle dello spzio. I primi oggetti geometrii he individuimo sono le rette e i pini. Per qunto rigurd le rette

Dettagli

LEZIONE 23. Esempio 23.1.3. Si consideri la matrice (si veda l Esempio 22.2.5) A = 1 2 2 3 3 0

LEZIONE 23. Esempio 23.1.3. Si consideri la matrice (si veda l Esempio 22.2.5) A = 1 2 2 3 3 0 LEZIONE 23 231 Diagonalizzazione di matrici Abbiamo visto nella precedente lezione che, in generale, non è immediato che, data una matrice A k n,n con k = R, C, esista sempre una base costituita da suoi

Dettagli

Federico Lastaria. Analisi e Geometria 2. Matrici simmetriche. Il teorema spettrale. 1/24

Federico Lastaria. Analisi e Geometria 2. Matrici simmetriche. Il teorema spettrale. 1/24 Contenuto Endomorfismi auto-aggiunti. Matrici simmetriche. Il teorema spettrale Gli autovalori di una matrice simmetrica sono tutti reali. (Dimostrazione fatta usando i numeri complessi). Dimostrazione

Dettagli

La parabola. Fuoco. Direttrice y

La parabola. Fuoco. Direttrice y L prol Definizione: si definise prol il luogo geometrio dei punti del pino equidistnti d un punto fisso detto fuoo e d un rett fiss dett direttrie. Un rppresentzione grfi inditiv dell prol nel pino rtesino

Dettagli

Il reddito di equilibrio

Il reddito di equilibrio IL Moltipliatore Il reddito di equilibrio Riordiamo gli agenti: Famiglie, he onsumano (e risparmiano) Imprese, he investono e produono Stato, he spende G e riava T Il reddito di equilibrio: Y = [ 0 + I

Dettagli

Il fido e i finanziamenti bancari

Il fido e i finanziamenti bancari Modulo 7 Il fido e i finanziamenti anari 65 I destinatari del Modulo sono gli studenti he, dopo aver analizzato e appreso le aratteristihe fondamentali dell attività delle aziende di redito, le loro funzioni

Dettagli

PROBLEMI TRADIZIONALI SIMULAZIONE DELLA PROVA DI MATEMATICA

PROBLEMI TRADIZIONALI SIMULAZIONE DELLA PROVA DI MATEMATICA Simulazione 01/15 ANNO SCOLASTICO 01/15 PROBLEMI TRADIZIONALI SIMULAZIONE DELLA PROVA DI MATEMATICA DELL ESAME DI STATO PER IL LICEO SCIENTIFICO Il candidato risolva uno dei due problemi Problema 1 Nella

Dettagli

Equazioni di secondo grado intere letterali

Equazioni di secondo grado intere letterali Equazioni di seondo grado intere letterali Esempio. k ) x k + )x + k + 0 a k b k + ) k + Disussione. Se k 0 k l equazione si abbassa di grado. Disutiamo il aso a 0 aso in ui l equazione diventa di primo

Dettagli

LEZIONE 31. B i : R n R. R m,n, x = (x 1,..., x n ). Allora sappiamo che è definita. j=1. a i,j x j.

LEZIONE 31. B i : R n R. R m,n, x = (x 1,..., x n ). Allora sappiamo che è definita. j=1. a i,j x j. LEZIONE 31 31.1. Domini di funzioni di più variabili. Sia ora U R n e consideriamo una funzione f: U R m. Una tale funzione associa a x = (x 1,..., x n ) U un elemento f(x 1,..., x n ) R m : tale elemento

Dettagli

09 - Funzioni reali di due variabili reali

09 - Funzioni reali di due variabili reali Università degli Studi di Palermo Facoltà di Economia CdS Sviluppo Economico e Cooperazione Internazionale Appunti del corso di Matematica 09 - Funzioni reali di due variabili reali Anno Accademico 2013/2014

Dettagli

LA GEOMETRIA ANALITICA DELLO SPAZIO. Liceo G. GALILEI - Verona Venerdì 10 Aprile 2015 CONVEGNO MATHESIS VERONA

LA GEOMETRIA ANALITICA DELLO SPAZIO. Liceo G. GALILEI - Verona Venerdì 10 Aprile 2015 CONVEGNO MATHESIS VERONA LA GEOMETRIA ANALITICA DELLO SPAZIO CONVEGNO MATHESIS Liceo G. GALILEI - Verona Venerdì 10 Aprile 2015 Perché Assenza di ogni riferimento alla geometria analitica dello spazio nel quadri di Mondrian La

Dettagli

Considerate gli insiemi A = {1,2,3,4} e B = {a,b,c}; quante sono le applicazioni (le funzioni) di A in B?

Considerate gli insiemi A = {1,2,3,4} e B = {a,b,c}; quante sono le applicazioni (le funzioni) di A in B? FUNZIONI E CALCOLO COMBINATORIO Il quesito assegnato all esame di stato 2004 (sientifio Ordinamento e PNI) suggerise un ollegamento tra funzioni ostruite tra insiemi finiti e Calolo Combinatorio QUESITO

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO SPERIMENTALE P.N.I. 2008

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO SPERIMENTALE P.N.I. 2008 PRVA SPERIMENTALE P.N.I. 8 ESAME DI STAT DI LICE SCIENTIFIC CRS SPERIMENTALE P.N.I. 8 Il candidato risolva uno dei due problemi e 5 dei quesiti in cui si articola il questionario. PRBLEMA Nel piano riferito

Dettagli

Parte 2. Determinante e matrice inversa

Parte 2. Determinante e matrice inversa Parte. Determinante e matrice inversa A. Savo Appunti del Corso di Geometria 013-14 Indice delle sezioni 1 Determinante di una matrice, 1 Teorema di Cramer (caso particolare), 3 3 Determinante di una matrice

Dettagli

Lezione del 28-11-2006. Teoria dei vettori ordinari

Lezione del 28-11-2006. Teoria dei vettori ordinari Lezione del 8--006 Teoria dei vettori ordinari. Esercizio Sia B = {i, j, k} una base ortonormale fissata. ) Determinare le coordinate dei vettori v V 3 complanari a v =,, 0) e v =, 0, ), aventi lunghezza

Dettagli

Rette e piani con le matrici e i determinanti

Rette e piani con le matrici e i determinanti CAPITOLO Rette e piani con le matrici e i determinanti Esercizio.. Stabilire se i punti A(, ), B(, ) e C(, ) sono allineati. Esercizio.. Stabilire se i punti A(,,), B(,,), C(,, ) e D(4,,0) sono complanari.

Dettagli

APPLICAZIONI LINEARI

APPLICAZIONI LINEARI APPLICAZIONI LINEARI 1. Esercizi Esercizio 1. Date le seguenti applicazioni lineari (1) f : R 2 R 3 definita da f(x, y) = (x 2y, x + y, x + y); (2) g : R 3 R 2 definita da g(x, y, z) = (x + y, x y); (3)

Dettagli

Equazione della Circonferenza - Grafico di una Circonferenza - Intersezione tra Circonferenza e Retta

Equazione della Circonferenza - Grafico di una Circonferenza - Intersezione tra Circonferenza e Retta Equazione della Circonferenza - Grafico di una Circonferenza - Intersezione tra Circonferenza e Retta Francesco Zumbo www.francescozumbo.it http://it.geocities.com/zumbof/ Questi appunti vogliono essere

Dettagli

IL CALCOLO VETTORIALE (SUPPLEMENTO AL LIBRO)

IL CALCOLO VETTORIALE (SUPPLEMENTO AL LIBRO) IL CALCOLO VETTORIALE SUPPLEMENTO AL LIBRO CLAUDIO BONANNO Contents. Campi di vettori e operatori 2. Il lavoro di un campo di vettori 5 2.. Lavoro e campi conservativi 6 2.2. Lavoro e campi irrotazionali:

Dettagli

MISURE DI RESISTENZA CON IL METODO DI CONFRONTO DELLE CADUTE DI TENSIONE

MISURE DI RESISTENZA CON IL METODO DI CONFRONTO DELLE CADUTE DI TENSIONE MISUR DI RSISTNZA CON IL MTODO DI CONFRONTO DLL CADUT DI TNSION 1. Premessa Oggigiorno esistono strumenti ompatti e semplii da utilizzare per la misura di resistenza: gli ohmetri (parte integrante dei

Dettagli

Prof. Silvio Reato Valcavasia Ricerche. Il piano cartesiano

Prof. Silvio Reato Valcavasia Ricerche. Il piano cartesiano Il piano cartesiano Per la rappresentazione di grafici su di un piano si utilizza un sistema di riferimento cartesiano. Su questo piano si rappresentano due rette orientate (con delle frecce all estremità

Dettagli

1 Definizione: lunghezza di una curva.

1 Definizione: lunghezza di una curva. Abstract Qui viene affrontato lo studio delle curve nel piano e nello spazio, con particolare interesse verso due invarianti: la curvatura e la torsione Il primo ci dice quanto la curva si allontana dall

Dettagli

Spazi lineari - PARTE II - Felice Iavernaro. Dipartimento di Matematica Università di Bari. 9 e 16 Marzo 2007

Spazi lineari - PARTE II - Felice Iavernaro. Dipartimento di Matematica Università di Bari. 9 e 16 Marzo 2007 Spazi lineari - PARTE II - Felice Iavernaro Dipartimento di Matematica Università di Bari 9 e 16 Marzo 2007 Felice Iavernaro (Univ. Bari) Spazi lineari 9-16/03/2007 1 / 17 Condizionamento dei sistemi lineari

Dettagli

4 Dispense di Matematica per il biennio dell Istituto I.S.I.S. Gaetano Filangieri di Frattamaggiore EQUAZIONI FRATTE E SISTEMI DI EQUAZIONI

4 Dispense di Matematica per il biennio dell Istituto I.S.I.S. Gaetano Filangieri di Frattamaggiore EQUAZIONI FRATTE E SISTEMI DI EQUAZIONI 119 4 Dispense di Matematica per il biennio dell Istituto I.S.I.S. Gaetano Filangieri di Frattamaggiore EQUAZIONI FRATTE E SISTEMI DI EQUAZIONI Indice degli Argomenti: TEMA N. 1 : INSIEMI NUMERICI E CALCOLO

Dettagli

LEZIONI DI ALGEBRA LINEARE PER LE APPLICAZIONI FINANZIARIE

LEZIONI DI ALGEBRA LINEARE PER LE APPLICAZIONI FINANZIARIE LEZIONI DI ALGEBRA LINEARE PER LE APPLICAZIONI FINANZIARIE FLAVIO ANGELINI Sommario Queste note hanno lo scopo di indicare a studenti di Economia interessati alla finanza quantitativa i concetti essenziali

Dettagli

Sommario. Introduzione. Progetto di alberi di trasmissione Concentrazione di tensioni

Sommario. Introduzione. Progetto di alberi di trasmissione Concentrazione di tensioni 3 La orsione Sommario Inroduzione Alberi saiamene indeerminai Carihi orsionali su alberi irolari Momeno dovuo a ensioni inerne Deformazioni angenziali parallele all asse Progeo di alberi di rasmissione

Dettagli

GEOMETRIA I Corso di Geometria I (seconda parte)

GEOMETRIA I Corso di Geometria I (seconda parte) Corso di Geometria I (seconda parte) anno acc. 2009/2010 Cambiamento del sistema di riferimento in E 3 Consideriamo in E 3 due sistemi di riferimento ortonormali R e R, ed un punto P (x, y, z) in R. Lo

Dettagli

bensì una tendenza a ruotare quando vengono applicate in punti diversi di un corpo

bensì una tendenza a ruotare quando vengono applicate in punti diversi di un corpo Momento di una forza Nella figura 1 è illustrato come forze uguali e contrarie possono non produrre equilibrio, bensì una tendenza a ruotare quando vengono applicate in punti diversi di un corpo esteso.

Dettagli

EQUAZIONI DIFFERENZIALI. 1. Trovare tutte le soluzioni delle equazioni differenziali: (a) x = x 2 log t (d) x = e t x log x (e) y = y2 5y+6

EQUAZIONI DIFFERENZIALI. 1. Trovare tutte le soluzioni delle equazioni differenziali: (a) x = x 2 log t (d) x = e t x log x (e) y = y2 5y+6 EQUAZIONI DIFFERENZIALI.. Trovare tutte le soluzioni delle equazioni differenziali: (a) x = x log t (d) x = e t x log x (e) y = y 5y+6 (f) y = ty +t t +y (g) y = y (h) xy = y (i) y y y = 0 (j) x = x (k)

Dettagli

Soluzione Punto 1 Si calcoli in funzione di x la differenza d(x) fra il volume del cono avente altezza AP e base il

Soluzione Punto 1 Si calcoli in funzione di x la differenza d(x) fra il volume del cono avente altezza AP e base il Matematica per la nuova maturità scientifica A. Bernardo M. Pedone 74 PROBLEMA Considerata una sfera di diametro AB, lungo, per un punto P di tale diametro si conduca il piano α perpendicolare ad esso

Dettagli

(V) (FX) Z 6 è un campo rispetto alle usuali operazioni di somma e prodotto.

(V) (FX) Z 6 è un campo rispetto alle usuali operazioni di somma e prodotto. 29 giugno 2009 - PROVA D ESAME - Geometria e Algebra T NOME: MATRICOLA: a=, b=, c= Sostituire ai parametri a, b, c rispettivamente la terzultima, penultima e ultima cifra del proprio numero di matricola

Dettagli

f(x, y, z) = (x + ky + z, x y + 2z, x + y z) f(x, y, z) = (x + 2y z, x + y z, x + 2y) F (f(x)) = (f(0), f(1), f(2))

f(x, y, z) = (x + ky + z, x y + 2z, x + y z) f(x, y, z) = (x + 2y z, x + y z, x + 2y) F (f(x)) = (f(0), f(1), f(2)) Algebra Lineare e Geometria Analitica Politecnico di Milano Ingegneria Applicazioni Lineari 1. Sia f : R 3 R 3 l applicazione lineare definita da f(x, y, z) = (x + ky + z, x y + 2z, x + y z) per ogni (x,

Dettagli

Esercizi su lineare indipendenza e generatori

Esercizi su lineare indipendenza e generatori Esercizi su lineare indipendenza e generatori Per tutto il seguito, se non specificato esplicitamente K indicherà un campo e V uno spazio vettoriale su K Cose da ricordare Definizione Dei vettori v,,v

Dettagli

Universita degli Studi di Roma Tor Vergata Facolta di Ingegneria Elettronica

Universita degli Studi di Roma Tor Vergata Facolta di Ingegneria Elettronica Universita degli Studi di Roma Tor Vergata Facolta di Ingegneria Elettronica Terzo Appello del corso di Geometria e Algebra II Parte - Docente F. Flamini, Roma, 7/09/2007 SVOLGIMENTO COMPITO III APPELLO

Dettagli

CONTINUITÀ E DERIVABILITÀ Esercizi proposti. 1. Determinare lim M(sinx) (M(t) denota la mantissa di t)

CONTINUITÀ E DERIVABILITÀ Esercizi proposti. 1. Determinare lim M(sinx) (M(t) denota la mantissa di t) CONTINUITÀ E DERIVABILITÀ Esercizi proposti 1. Determinare lim M(sin) (M(t) denota la mantissa di t) kπ/ al variare di k in Z. Ove tale limite non esista, discutere l esistenza dei limiti laterali. Identificare

Dettagli

RETTE E PIANI. ove h R. Determinare i valori di h per cui (1) r h e α sono incidenti ed, in tal caso, determinare l angolo ϑ h da essi formato;

RETTE E PIANI. ove h R. Determinare i valori di h per cui (1) r h e α sono incidenti ed, in tal caso, determinare l angolo ϑ h da essi formato; RETTE E PIANI Esercizi Esercizio 1. Nello spazio con riferimento cartesiano ortogonale Oxyz si considerino la retta r h ed il piano α rispettivamente di equazioni x = 1 + t r h : y = 1 t α : x + y + z

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO SPERIMENTALE P.N.I. 2003 Sessione straordinaria

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO SPERIMENTALE P.N.I. 2003 Sessione straordinaria ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO SPERIMENTALE P.N.I. 3 Sessione straordinaria Il candidato risolva uno dei due problemi e 5 dei quesiti in cui si articola il questionario. PROBLEMA È assegnata

Dettagli

Diaz - Appunti di Statistica - AA 2001/2002 - edizione 29/11/01 Cap. 5 - Pag. 1

Diaz - Appunti di Statistica - AA 2001/2002 - edizione 29/11/01 Cap. 5 - Pag. 1 Diaz - Appunti di Statistia - AA 001/00 - edizione 9/11/01 Cap. 5 - Pag. 1 Capitolo 5. Chi quadro. Goodness-of-fit test. Test di simmetria. Taelle. Taelle m n. Correzione per la ontinuità. Test esatto

Dettagli

Corso di Fondamenti di Telecomunicazioni

Corso di Fondamenti di Telecomunicazioni Fondamenti di TLC - Prof. G. Shemra Corso di Fondamenti di Teleomuniazioni 8 MODULAZIONI DIGITALI Prof. Giovanni Shemra 1 Fondamenti di TLC - Prof. G. Shemra Struttura della lezione Modulazioni digitali

Dettagli

1.1. Spazi metrici completi

1.1. Spazi metrici completi SPAZI METRICI: COMPLETEZZA E COMPATTEZZA Note informali dalle lezioni 1.1. Spazi metrici completi La nozione di convergenza di successioni è centrale nello studio degli spazi metrici. In particolare è

Dettagli

LEZIONE 14. a 1,1 v 1 + a 1,2 v 2 + a 1,3 v 3 + + a 1,n 1 v n 1 + a 1,n v n = w 1

LEZIONE 14. a 1,1 v 1 + a 1,2 v 2 + a 1,3 v 3 + + a 1,n 1 v n 1 + a 1,n v n = w 1 LEZIONE 14 141 Dimensione di uno spazio vettoriale Abbiamo visto come l esistenza di una base in uno spazio vettoriale V su k = R, C, permetta di sostituire a V, che può essere complicato da trattare,

Dettagli

Funzioni. Lorenzo Pareschi. Dipartimento di Matematica & Facoltá di Architettura Universitá di Ferrara

Funzioni. Lorenzo Pareschi. Dipartimento di Matematica & Facoltá di Architettura Universitá di Ferrara Funzioni Lorenzo Pareschi Dipartimento di Matematica & Facoltá di Architettura Universitá di Ferrara http://utenti.unife.it/lorenzo.pareschi/ lorenzo.pareschi@unife.it Lorenzo Pareschi (Univ. Ferrara)

Dettagli

DOMINIO E LIMITI. Esercizio 3 Studiare gli insiemi di livello della funzione f, nei seguenti casi: 1) f(x,y) = y2 x 2 + y 2.

DOMINIO E LIMITI. Esercizio 3 Studiare gli insiemi di livello della funzione f, nei seguenti casi: 1) f(x,y) = y2 x 2 + y 2. FUNZIONI DI DUE VARIABILI 1 DOMINIO E LIMITI Domini e disequazioni in due variabili. Insiemi di livello. Elementi di topologia (insiemi aperti, chiusi, limitati, convessi, connessi per archi; punti di

Dettagli

G6. Studio di funzione

G6. Studio di funzione G6 Studio di funzione G6 Come tracciare il grafico di una funzione data Nei capitoli precedenti si sono svolti tutti gli argomenti necessari per tracciare il grafico di una funzione In questo capitolo

Dettagli

FUNZIONI CONVESSE. + e x 0

FUNZIONI CONVESSE. + e x 0 FUNZIONI CONVESSE Sia I un intervallo aperto di R (limitato o illimitato) e sia f(x) una funzione definita in I. Dato x 0 I, la retta r passante per il punto P 0 (x 0, f(x 0 )) di equazione y = f(x 0 )

Dettagli

Anno 5 4 Funzioni reali. elementari

Anno 5 4 Funzioni reali. elementari Anno 5 4 Funzioni reali elementari 1 Introduzione In questa lezione studieremo alcune funzioni molto comuni, dette per questo funzioni elementari. Al termine di questa lezione sarai in grado di definire

Dettagli

GEOMETRIA DELLE MASSE

GEOMETRIA DELLE MASSE 1 DISPENSA N 2 GEOMETRIA DELLE MASSE Si prende in considerazione un sistema piano, ossia giacente nel pian x-y. Un insieme di masse posizionato nel piano X-Y, rappresentato da punti individuati dalle loro

Dettagli

Appunti sul corso di Complementi di Matematica - prof. B.Bacchelli. 03 - Equazioni differenziali lineari omogenee a coefficienti costanti.

Appunti sul corso di Complementi di Matematica - prof. B.Bacchelli. 03 - Equazioni differenziali lineari omogenee a coefficienti costanti. Appunti sul corso di Complementi di Matematica - prof. B.Bacchelli 03 - Equazioni differenziali lineari omogenee a coefficienti costanti. Def. Si dice equazione differenziale lineare del secondo ordine

Dettagli

Corso di Laurea: INGEGNERIA INFORMATICA (classe 09) Insegnamento: n Lezione: Titolo: V M. Fig. 5.1 Schematizzazione di una macchina a fluido

Corso di Laurea: INGEGNERIA INFORMATICA (classe 09) Insegnamento: n Lezione: Titolo: V M. Fig. 5.1 Schematizzazione di una macchina a fluido Corso di Laurea: INGEGNERIA INFORMATICA (lasse 09) Le equazioni del moto dei fluidi L equazione di onservazione dell energia in forma termodinamia V M Ω Ω Fig. 5. Shematizzazione di una mahina a fluido

Dettagli

Esistenza di funzioni continue non differenziabili in alcun punto

Esistenza di funzioni continue non differenziabili in alcun punto UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CAGLIARI FACOLTÀ DI SCIENZE MATEMATICHE, FISICHE E NATURALI CORSO DI LAUREA IN MATEMATICA Esistenza di funzioni continue non differenziabili in alcun punto Relatore Prof. Andrea

Dettagli

Grazie ai Colleghi di Geometria del Dipartimento di Matematica dell Università degli Studi di Torino per il loro prezioso contributo. Grazie al Prof.

Grazie ai Colleghi di Geometria del Dipartimento di Matematica dell Università degli Studi di Torino per il loro prezioso contributo. Grazie al Prof. A01 178 Grazie ai Colleghi di Geometria del Dipartimento di Matematica dell Università degli Studi di Torino per il loro prezioso contributo. Grazie al Prof. S.M. Salamon per tanti utili suggerimenti e

Dettagli

Analisi Matematica 2 per Matematica Esempi di compiti, primo semestre 2011/2012

Analisi Matematica 2 per Matematica Esempi di compiti, primo semestre 2011/2012 Analisi Matematica 2 per Matematica Esempi di compiti, primo semestre 211/212 Ricordare: una funzione lipschitziana tra spazi metrici manda insiemi limitati in insiemi limitati; se il dominio di una funzione

Dettagli

Esercizi svolti sui numeri complessi

Esercizi svolti sui numeri complessi Francesco Daddi - ottobre 009 Esercizio 1 Risolvere l equazione z 1 + i = 1. Soluzione. Moltiplichiamo entrambi i membri per 1 + i in definitiva la soluzione è z 1 + i 1 + i = 1 1 + i z = 1 1 i. : z =

Dettagli

Proposta di soluzione della prova di matematica Liceo scientifico di Ordinamento - 2014

Proposta di soluzione della prova di matematica Liceo scientifico di Ordinamento - 2014 Proposta di soluzione della prova di matematica Liceo scientifico di Ordinamento - 14 Problema 1 Punto a) Osserviamo che g (x) = f(x) e pertanto g () = f() = in quanto Γ è tangente all asse delle ascisse,

Dettagli

Funzioni periodiche. Una funzione si dice periodica di periodo T se T > 0 è il più piccolo numero reale positivo tale che

Funzioni periodiche. Una funzione si dice periodica di periodo T se T > 0 è il più piccolo numero reale positivo tale che Funzioni periodiche Una funzione si dice periodica di periodo T se T > 0 è il più piccolo numero reale positivo tale che -T T In ogni intervallo di ampiezza pari a T il grafico di tale funzione si ripete.

Dettagli

Movimento nei fluidi : prima parte Applicazioni della meccanica dei fluidi

Movimento nei fluidi : prima parte Applicazioni della meccanica dei fluidi In questa sezione vi sono argomenti he non fanno normalmente parte di un orso tradizionale di Fisia. Si tratta di una breve esursione nei viini ampi della biologia e della zoologia: appliazioni delle leggi

Dettagli

A i è un aperto in E. i=1

A i è un aperto in E. i=1 Proposizione 1. A è aperto se e solo se A c è chiuso. Dimostrazione. = : se x o A c, allora x o A = A o e quindi esiste r > 0 tale che B(x o, r) A; allora x o non può essere di accumulazione per A c. Dunque

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 2004

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 2004 ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 004 Il candidato risolva uno dei due problemi e 5 dei 10 quesiti in cui si articola il questionario. PROBLEMA 1 Sia f la funzione definita da: f

Dettagli

Forze come grandezze vettoriali

Forze come grandezze vettoriali Forze come grandezze vettoriali L. Paolucci 23 novembre 2010 Sommario Esercizi e problemi risolti. Per la classe prima. Anno Scolastico 2010/11 Parte 1 / versione 2 Si ricordi che la risultante di due

Dettagli

4. Funzioni elementari algebriche

4. Funzioni elementari algebriche ISTITUZIONI DI MATEMATICHE E FONDAMENTI DI BIOSTATISTICA 4. Funzioni elementari algebriche A. A. 2013-2014 1 Funzioni elementari Sono dette elementari un insieme di funzioni dalle quali si ottengono, mediante

Dettagli

LEZIONE II LA RELATIVITA' RISTRETTA DI EINSTEIN

LEZIONE II LA RELATIVITA' RISTRETTA DI EINSTEIN LEZIONE II LA RELATIVITA' RISTRETTA DI EINSTEIN Nel suo famoso artiolo del 905. Einstein propose un punto di ista del tutto rioluzionario. Partendo da un numero estremamente limitato di Postulati egli

Dettagli

Esempi di funzione. Scheda Tre

Esempi di funzione. Scheda Tre Scheda Tre Funzioni Consideriamo una legge f che associa ad un elemento di un insieme X al più un elemento di un insieme Y; diciamo che f è una funzione, X è l insieme di partenza e X l insieme di arrivo.

Dettagli

Indice generale. Modulo 1 Algebra 2

Indice generale. Modulo 1 Algebra 2 Indice generale Modulo 1 Algebra 2 Capitolo 1 Scomposizione in fattori. Equazioni di grado superiore al primo 1.1 La scomposizione in fattori 2 1.2 Raccoglimento a fattor comune 3 1.3 Raccoglimenti successivi

Dettagli

FUNZIONE ESPONENZIALE E FUNZIONE LOGARITMICA

FUNZIONE ESPONENZIALE E FUNZIONE LOGARITMICA FUNZIONE ESPONENZIALE E FUNZIONE LOGARITMICA DEFINIZIONE: Dato un numero reale a che sia a > 0 e a si definisce funzione esponenziale f(x) = a x la relazione che ad ogni valore di x associa uno e un solo

Dettagli

7 Settimana 7-11 novembre

7 Settimana 7-11 novembre 7 Settimana 7-11 novembre 7.1 Topologia di R Definizione 7.1 Sia x R. Un insieme U R si die intorno di x se ontiene un intervallo aperto ontenente x. Equivalentemente, se esiste ɛ > 0 tale he ]x ɛ, x +

Dettagli