PIANO OPERATIVO DI SICUREZZA COOPERAZIONE E COORDINAMENTO Art. 26 D.Lgs 81/08 (soddisfacente per la compilazione da parte del Committente del DUVRI)

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PIANO OPERATIVO DI SICUREZZA COOPERAZIONE E COORDINAMENTO Art. 26 D.Lgs 81/08 (soddisfacente per la compilazione da parte del Committente del DUVRI)"

Transcript

1 Ragione sociale Sede legale Legale rappresentante ANAGRAFICA AZIENDA Iscrizione R.E.A. CCIAA Iscrizione INAIL Iscrizione INPS Tipo attività ISS Facility Services Via E. Bugatti 2, Milano (MI) Dott. Antonio Ive /61 Via Boncompagni, 41 Milano P.zza Missori 8/10 Milano Integrated Facility Services Datore di lavoro Nominativo del RSPP Nominativo del RLS Nominativo del Medico Competente Nominativo del Preposto Addetti alle emergenze (primo soccorso e antincendio) NOMINATIVI ADDETTI ALLA SICUREZZA Dott. Antonio Ive Ing. Lorenzo Bozzini Elisabetta Di Meo Sergio Prato Anna Salvati Dott.ssa Maria Giorgiana Barrilà La nomina dei preposti per i diversi siti oggetto di appalto è formalizzata e resa nota al cliente preventivamente all allestimento del cantiere Sarà fornito l elenco in fase di allestimento del cantiere ATTIVITÀ OGGETTO DELL APPALTO Cleaning Facchinaggio / Handyman Housekeeping Revisione Data Motivo della revisione 0 17/09/2013 Nuova stesura Elaborato SPP Approvato AD FIRMATO IN ORIGINALE

2 MANSIONI, RISCHI, MISURE DI PREVENZIONE ADOTTATE MANSIONE: OPERATORE CLEANING Informativa generale: Tutti i dipendenti cleaning sono tenuti ad osservare le procedure, istruzioni e modelli ISS al fine di garantire una maggiore sicurezza nei luoghi di lavoro. In particolare per l appalto UBS si richiede l applicazione dell istruzione operativa IO_SPP026 Scheda HSE pulizie civili (cfr. allegati). L'uso di prodotti chimici (detergenti, sgrassanti etc.) fa parte integrante dell'attività propria alle imprese di pulizie. Va da sé che la massima cura va posta nel maneggiare con sicurezza i vari prodotti in uso. È fatto obbligo di: Attenersi alle informazioni riportate sulla confezione. Non utilizzare prodotti di cui non sia provata l'origine (prodotti senza etichetta, ecc.). Non utilizzare prodotti in modo improprio. Non miscelare prodotti tra di loro. Non travasare i prodotti in recipienti impropri anche se privi di altre etichette. Attenzione alle frasi di rischio (R) e ai dettami di sicurezza (S) riportati sulle etichette. Utilizzare sempre i dispositivi di protezione individuale (DPI) previsti. FASI DI RISCHIO E DETTAMI DI SICUREZZA I produttori sono obbligati ad indicare sulle confezioni dei prodotti le pericolosità e le norme di prudenza nell utilizzo degli stessi. Le indicazioni sono suddivise in tre gruppi: Frasi di rischio R: indicano i pericoli rappresentati dal prodotto. Frasi di prudenza S: indicano come usare correttamente ed in sicurezza il prodotto. Simboli (o pittogrammi): rappresentano graficamente il pericolo/i più significativi rappresentati dal prodotto. Con decorrenza 2011 i prodotti riporteranno in etichetta e sulle schede tecniche e di sicurezza la nuova simbologia prevista dal regolamento Europeo CLP (reg.1272/2008). Pertanto le indicazioni di sicurezza diventeranno : Frasi di rischio H:indicano i pericoli rappresentati dal prodotto. Frasi di prudenza P: indicano come usare correttamente ed in sicurezza il prodotto Nuovi pittogrammi a losanga:rappresentano graficamente il pericolo/i più significativi rappresentati dal prodotto. Pagina 2 di 25

3 Significato Simbolo Nuovi pittogrammi 2011 Descrizione dei rischi Esempi di prodotti Precauzioni da osservare Tossico (T) Molto tossico (T+) Nocivo (Xn) Sostanze e preparati tossici e nocivi che comportano un rischio per la salute anche in piccole quantità Quando la gravità dell'effetto sulla salute si manifesta con piccole quantità, il prodotto è segnalato dal simbolo tossico Tali prodotti penetrano nell'organismo per inalazione, ingestione o attraverso la pelle Metanolo, alcool combustibile, smacchiatori, spray impermeabilizzanti Disinfettanti (creolina) Vernici spray per Smacchiatori, autovetture ad triclorene esempio Solventi per vernice Prodotti per pulitura Prodotti per la protezione e il trattamento del legno Decapanti per vernici Per evitare qualsiasi contatto con la pelle utilizzare i mezzi di protezione forniti (guanti) Lavorare preferibilmente all'esterno in un locale ben ventilato Osservare le norme igieniche: lavarsi le mani, non mangiare o fumare durante il lavoro I più pericolosi sono i prodotti sotto forma di aerosol (inalazione!) Conservare fuori portata dei minori Facilmente infiammabile (F) Estremamen te infiammabile (F+) Comburente (O) Corrosivo (C) (F) I prodotti facilmente infiammabili si innescano in presenza di una fiamma di una fiammata, di una fonte di calore (superficie riscaldata) o di scintille. Per la combustione è necessaria la presenza di una sostanza combustibile, dell ossigeno, e di una fonte di infiammazione, la combustione è notevolmente accelerata in presenza di un prodotto comburente (sostanza ricca di ossigeno) - Le sostanze corrosive danneggiano gravemente i tessuti viventi e attaccano anche altre sostanze. La reazione può verificarsi in presenza di acqua o umidità. Petrolio, benzina Alcool combustibile o metanolo Essenza di trementina, white spirit Acetone, detersivi per spazzole, sol venti per vernici Verniciatura con aerosol, vernici metalliche Antigelo per vetri Autocollanti, colle(neoprene) Purificatori d'aria Sostanze per disintasare condotte e servizi igienici. Soda caustica, decapanti Tutti gli Acidi. Detersivi per toilette Prodotti per lavatrici (allo stato umido) Conservare i prodotti in un locale ben ventilato Mai utilizzarli vicino ad una fonte di calore, ad una superficie calda, in prossimità di scintille o di fiamma non protetta. Vietato fumare Non indossare indumenti di nylon e tenere sempre a portata di mano un estintore durante il periodo di utilizzazione di prodotti infiammabili. Conservare i prodotti infiammabili (simbolo F) lontano dai prodotti comburenti (O) Conservare i prodotti nell imballaggio originale (recipienti perfettamente chiusi, tappo di sicurezza). Conservare i prodotti fuori portata dei minori. Curarne la disposizione Proteggere gli occhi, la pelle, ecc., contro le proiezioni. Fare attenzione quando si travasa o si spande il prodotto. Utilizzare sempre i DPI protettivi. Pagina 3 di 25

4 Irritante (Xi) - Il contatto ripetuto con prodotti irritanti provoca reazione d infiammazione della pelle e delle mucose Varechina Essenza di trementina Ammoniaca Esplosivo (E) L'esplosione è una combustione estremamente rapida, dipendente dalle caratteristiche del prodotto, dalla temperatura (fonte di calore), dal contatto con altri prodotti (reazione) dagli urti, da attriti, ecc. I contenitori spray di qualsiasi tipo(anche vuoti) sono vere e proprie bombe potenziali al di sopra dei 50 C. Evitare il surriscaldamento, gli urti, proteggere contro i raggi solari Non conservarlo mai vicino a fonti di calore, lampade, radiatori Divieto assoluto di fumare Pericoloso per l ambiente (<<N) Sostanza: molto tossica per gli organismi presenti nelle acque tossica per la fauna pericolosa per lo strato di ozono Prodotti attivi presenti nei pesticidi Clorofluorocarburi Eliminare il prodotto o i residui analogamente ai rifiuti pericolosi Evitare la contaminazione dell'ambiente grazie ad un immagazzinamento adeguato Pagina 4 di 25

5 1. USO DETERGENTI NEUTRI O IRRITANTI RISCHIO Informazione e formazione insufficienti Contatto cutaneo Contatto con occhi Ingestione Inalazione 2. USO DETERGENTI A BASE SOLVENTE (infiammabili) RISCHIO Informazione e formazione insufficienti Incendio AZIONI CORRETTIVE Informazione e formazione sui rischi specifici connessi alla manipolazione ed all utilizzo dei prodotti di pulizia Presenza in cantiere delle Schede di Sicurezza di tutti i prodotti chimici utilizzati. Divieto assoluto di miscelare i prodotti chimici fra loro. Accurata chiusura dei contenitori dopo l uso e ricovero nei luoghi previsti presso il cantiere. DPI: guanti. Divisa da lavoro (non DPI). Non previsto adozione di occhiali. In caso di contatto accidentale lavare abbondantemente con acqua Conservazione dei prodotti nei contenitori originali muniti di etichetta originale o nei dispenser professionali, quando previsti. Divieto d utilizzo, anche estemporaneo, di altri contenitori (es. bottiglie vuote d acqua o di bibite). Quando possibile, aerare i locali durante l esecuzione di mansioni con utilizzo di prodotti chimici. AZIONI CORRETTIVE Informazione e formazione sul rischio incendio connesso all utilizzo ed all immagazzinamento di detergenti e deceranti a base di solventi, in concentrazione superiore al 5%. Presenza in cantiere delle Schede di Sicurezza di tutti i prodotti chimici utilizzati. Divieto assoluto di miscelare i prodotti chimici fra loro. Accurata chiusura dei contenitori dopo l uso e loro custodia separata da materiali infiammabili nei luoghi previsti presso il cantiere. Divieto d utilizzo di questi prodotti in locali in cui sono esposti cartelli di rischio d incendio. Conservare in locali aerati lontani da fonti di calore e dotati di estintori. Divieto di utilizzo di macchinari elettrici che producano scintille. Evitare l uso di materiali ed indumenti che accumulino cariche elettrostatiche. Pagina 5 di 25

6 3. USO DI PRODOTTI DISINCROSTANTI PER BAGNI (ACIDI/ALCALINI) USO DI DISINFETTANTI / IPOCLORITI RISCHIO AZIONI CORRETTIVE Informazione e formazione insufficienti Contatto cutaneo Contatto con occhi Ingestione Inalazione Informazione e formazione sui rischi specifici connessi alla manipolazione ed all utilizzo dei disinfettanti adottati. Presenza in cantiere delle Schede di Sicurezza di tutti i prodotti chimici utilizzati. Divieto assoluto di miscelare i prodotti chimici fra loro. Accurata chiusura dei contenitori dopo l uso e ricovero nei luoghi previsti presso il cantiere DPI: guanti. Divisa da lavoro (non DPI). Informazione e formazione sui rischi specifici connessi alla manipolazione ed all utilizzo dei disincrostanti adottati. Conservazione dei prodotti nei contenitori originali muniti di etichetta originale o nei dispenser professionali quando previsti. Divieto d utilizzo, anche estemporaneo, di altri contenitori (es. bottiglie vuote d acqua o di bibite). Quando possibile, aerare sempre i locali durante lo svolgimento della mansione. DPI: mascherina EN 149 FFP1 (a richiesta). 4. RISCHI CONNESSO CON L USO DI MACCHINE ED ATTREZZATURE DI LAVORO Uso macchine ad alimentazione elettrica RISCHIO AZIONI CORRETTIVE Rischi Meccanici (contatto con organi in movimento): Impigliamento Trascinamento Schiacciamento Cesoiamento Inciampo Informazione e formazione. Utilizzo di attrezzatura idonea e conforme alle norme tecniche e cogenti di riferimento. Formazione sul corretto cambio degli accessori. Cambio degli accessori a macchina scollegata elettricamente. Divieto assoluto di rimozione dei ripari e dei dispositivi di sicurezza. Obbligo, in caso di malfunzionamento, di avvisare tempestivamente il responsabile del cantiere. Divieto, in caso di guasti ed anomalie, di procedere di propria iniziativa a tentativi di riparazione o ripristino. Formazione sul corretto posizionamento del cavo d alimentazione durante il lavoro. A fine lavoro, disposizione di ricovero dell attrezzatura utilizzata nei luoghi predisposti. DPI: guanti EN 388. Pagina 6 di 25

7 Rischi Meccanici macchine uomo a bordo Ribaltamento mezzo Rischi Elettrici: Elettrocuzione Rischi da agenti fisici L utilizzo delle macchine uomo a bordo è riservato al solo personale debitamente informato, formato ed addestrato. Utilizzo di macchine idonee e conformi alle norme tecniche e cogenti di riferimento Non operare in prossimità (distanza < m.2) di gradini o aperture nel vuoto. Non percorrere pendenze superiori al 90% della pendenza massima percorribile dichiarata dal costruttore. In assenza d indicazioni da parte del costruttore, la pendenza massima percorribile è intesa del 10%. Informazione e formazione. Controllo dell integrità di cavi, spine, prolunghe ed avvolgicavo prima e dopo l uso. Controllo dell idoneità delle prese. Verifica della conformità dell impianto elettrico tramite le informazioni fornite dal Committente ex art. 26. Non collegare contemporaneamente più macchine alla stessa presa. Non tentare riparazioni o modifiche delle spine e dei cablaggi in dotazione alle macchine. Avvisare tempestivamente il responsabile del cantiere in caso si rilevino cavi usurati, spine non più adeguatamente isolate o avvengano guasti alle macchine. Il livello di rumorosità e quello di vibrazione delle macchine in uso sono inferiore ai rispettivi livelli di azione 5. RISCHI DA MOVIMENTAZIONE MANUALE DEI CARICHI E IMMAGAZINAMENTO Carico e scarico del materiale RISCHIO AZIONI CORRETTIVE Lesioni dorso-lombari, lesioni a carico delle strutture osteomiotendinee e nervovascolari: Carico in equilibrio instabile Carico pesante Carico difficile da maneggiare Rischi Meccanici (associati a M.M.C.) Caduta del carico Contusioni, urti contro Informazione e formazione sulla natura dei rischi e sulla corretta esecuzione della M.M.C. Verificare che, il peso del carico sia inferiore ai 25 Kg. (per le donne 15 Kg.), anche nel caso di movimentazioni occasionali. Divieto di movimentazione di pesi di qualunque entità alle donne in stato di gravidanza. Evitare movimenti bruschi del corpo. Verificare che la pavimentazione sia uniforme e non scivolosa. Verificare che la struttura esterna e/o la consistenza del carico non comporti lesioni alle mani o al corpo. Verificare l equilibrio del carico e che il contenuto non rischi di spostarsi durante la movimentazione. Evitare movimentazioni con il corpo in posizione instabile. Predisporre l area di lavoro eliminando ingombri e sporgenze. Pagina 7 di 25

8 sporgenze DPI: scarpe antinfortunistiche EN 345 S2-S3; guanti EN 388. Rischi Meccanici (accatastamento): Caduta masse Urti Inciampi Schiacciamenti Rischi Meccanici (scaffalature) Caduta masse Urti Inciampi Schiacciamenti Cedimenti/crolli Accatastamento stabile in altezza ridotta di materiali ed attrezzature. Impilamento delle sole merci di cui: forma, caratteristiche di resistenza e peso dei contenitori lo permettano. Osservare eventuali indicazioni riportate sugli imballi. Utilizzo di bancali in buono stato e di idonea portata. Utilizzare i DPI a disposizione: guanti EN 388; scarpe antinfortunistiche EN 345 S2-S3. Non ingombrare le uscite d emergenza, i passaggi, i dispositivi antincendio e gli interruttori elettrici e di controllo. Affiggere segnaletica specifica al materiale riposto (infiammabile, irritante, tossico, ecc.). In presenza di sostanze infiammabili, posizionare opportuni estintori omologati all ingresso del magazzino. Ancorare stabilmente e saldamente la scaffalatura a parete e/o a pavimento. Controllare la livellatura dei ripiani. Utilizzare scaffalature idonee, di resistenza adeguata alle merci da riporre. Verificare portata massima (Kg/mq) ed indicarla con cartelli sui piani. Riporre il materiale in modo stabile e in base alle sue caratteristiche. Osservare le indicazioni riportate sugli imballi. Non salire sulle scaffalature. Tra le scaffalature, predisporre corridoi di almeno un metro per il passaggio. 6. STOCCAGGIO PRODOTTI PRODOTTO RISCHIO AZIONI CORRETTIVE Prodotti Spray Prodotti a base di solvente Manutentori per spray-cleaning Smacchiatori per superfici tessili Prodotti a base alcolica Insetticidi Incendio Immagazzinare i prodotti in aree distinte e separate. Conservare possibilmente in locali aerati. Osservare le eventuali indicazioni riportate sugli imballi. Dotarsi di estintori idonei ed omologati. Affiggere segnaletica specifica ( divieto di fumare, divieto uso di fiamme libere ). Presenza in cantiere delle Schede di Sicurezza dei prodotti utilizzati. Disinfettanti Esalazioni gas irritanti Immagazzinare i prodotti a rischio in aree distinte e separate. Pagina 8 di 25

9 Deceranti Cristallizzanti Disincrostanti Pulitori per moquette Conservare possibilmente in locali aerati. Osservare le eventuali indicazioni riportate sugli imballi. Presenza in cantiere delle Schede di Sicurezza dei prodotti utilizzati. 7. RISCHI RESIDUI GENERICAMENTE ASSOCIATI ALLE MANSIONI Attività con pavimento bagnato RISCHIO AZIONI CORRETTIVE Rischi meccanici Scivolamenti Urti Informazione e formazione. Chiusura al transito e/o segnalazione dell area di lavoro con opportuna segnaletica. Verificare la presenza d ostacoli e/o dislivelli nell ambiente di lavoro. Uso dei DPI messi a disposizione: scarpe antiscivolo EN 347 S2. Posture scorrette e prolungate RISCHIO AZIONI CORRETTIVE Lesioni dorso-lombari Informazione e formazione sulle corrette posture e modalità operative. Pagina 9 di 25

10 8. CADUTE Le cadute (inciampi, scivolamenti etc.) rappresentano un rischio specifico tipico per chi opera nel settore delle pulizie. Le cadute possono essere così suddivise: CADUTE A LIVELLO. CADUTE DALL'ALTO. CADUTE IN APERTURA. CADUTE A LIVELLO: sono le cadute da terra normalmente determinate da inciampi o scivolamenti. Allo scopo di minimizzare tale rischio è fatto obbligo di: Evitare di lasciare oggetti od ostacoli sul pavimento. Non correre nei corridoi e nelle scale. Usare sempre le scarpe di sicurezza. Segnalare l'eventuale stato di scivolosità (es. se bagnato) del pavimento. Segnalare sempre al proprio responsabile le condizioni di pericolo. CADUTE DALL'ALTO: sono le cadute con conseguenze più gravi, causate principalmente da: Non appropriato utilizzo di scale, ponteggi, trabattelli ecc. Non utilizzo, ove necessario, di dispositivi personali di sicurezza. Posizioni pericolose o precarie. Allo scopo di ridurre tale rischio è fatto obbligo di: Evitare di usare in maniera impropria le scale. Non appoggiare le scale su superfici fragili o instabili. Non usare mezzi di fortuna (es. sedie) per eseguire lavori in alto. Non salire sulle scale in modo inadeguato o con le mani occupate. Evitare di lasciare oggetti sul piano della scala. Nessuno deve trovarsi sulla scala quando se ne effettua lo spostamento. Indossare, quando previsto, le scarpe di sicurezza. E' vietata la presenza contemporanea di più persone sulla stessa scala. Pagina 10 di 25

11 CADUTE IN APERTURA: anche se statisticamente meno frequenti, sono di estrema pericolosità. Allo scopo di ridurre tale rischio è fatto obbligo di: Prestare attenzione ai segnali appositamente predisposti. Segnalare la loro eventuale mancanza. Se per motivi inerenti al lavoro in corso, l'operatore debba aprire botole, tombini, vani ecc., segnalare la presenza del pericolo a chiunque transiti nelle prossimità. 9. RISCHIO ELETTRICO Allo scopo di ridurre tale rischio è fatto obbligo di: Non improvvisarsi elettricista. né prendere mai iniziative personali, ma avvisare il personale addetto. Non maneggiare cavi elettrici, spine o prese con le mani bagnate. Verificare l'integrità delle attrezzature elettriche e dei cavi prima di usarle su superfici bagnate. Staccare gli apparecchi elettrici prima di qualsiasi intervento di normale pulizia e manutenzione. Non aprire i quadri elettrici presenti in cantiere. Segnalare sempre guasti o anomalie. Usando lampade elettriche, osservare le relative norme di sicurezza. Non usare prese di derivazione a tre o più ingressi. Non estrarre le spine tirandole dal cavo. 10. RISCHIO INCENDIO L'incendio è una reazione di combustione, che si manifesta in presenza di ossigeno (comburente). Gli elementi della combustione sono tre e agiscono in concomitanza: Una sostanza combustibile Una sostanza comburente Una energia termica di innesco PREVENZIONE: chi opera nelle imprese di pulizia presso committenti, si trova in un ambiente che deve essere organizzato nella prevenzione degli incendi con mezzi estinguenti (estintori, naspi) e procedure d intervento immediato. E' dovere di tutti contribuire alla sicurezza generale, osservando sempre le norme di prevenzione e sicurezza: Pagina 11 di 25

12 Leggere attentamente il piano di sicurezza del luogo di lavoro. Rispettare i divieti "NON FUMARE". Segnalare sempre agli addetti eventuali anomalie o guasti nei sistemi di spegnimento. Assicurarsi che le uscite di sicurezza siano sempre agibili. NORME DI COMPORTAMENTO IN CASO DI INCENDIO Evitare di generare o farsi prendere dal panico. Qualora non fosse già stato fatto, lanciare l'allarme mediante le segnalazioni stabilite dall'azienda (piano di sicurezza). Il personale addestrato all'uso degli estintori, in condizioni di sicurezza, interviene nello spegnimento. In condizioni ambientali giudicate pericolose, per il fumo o per il calore, abbandonare il locale. Nel caso di incendio ad apparecchiature elettriche, prima di intervenire con gli appositi estintori, scollegarle dall'alimentazione elettrica. NON USARE MAI ACQUA. Non esporsi ad inutili avventure, mantenere la calma e il raziocinio, rispettando le norme di sicurezza. Non usare MAI gli ascensori. Pagina 12 di 25

13 MANSIONE: OPERATORE LAVORI IN ALTEZZA 1. CADUTE Le cadute (inciampi, scivolamenti etc.) rappresentano un rischio specifico tipico per chi opera nel settore delle pulizie. Le cadute possono essere così suddivise: CADUTE A LIVELLO. CADUTE DALL'ALTO. CADUTE IN APERTURA. CADUTE A LIVELLO: sono le cadute da terra normalmente determinate da inciampi o scivolamenti. Allo scopo di minimizzare tale rischio è fatto obbligo di: Evitare di lasciare oggetti od ostacoli sul pavimento. Non correre nei corridoi e nelle scale. Usare sempre le scarpe di sicurezza. Segnalare l'eventuale stato di scivolosità (es. se bagnato) del pavimento. Segnalare sempre al proprio responsabile le condizioni di pericolo. CADUTE DALL'ALTO: sono le cadute con conseguenze più gravi, causate principalmente da: Non appropriato utilizzo di scale, ponteggi, trabattelli ecc. Non utilizzo, ove necessario, di dispositivi personali di sicurezza. Posizioni pericolose o precarie. Allo scopo di ridurre tale rischio è fatto obbligo di: Evitare di usare in maniera impropria le scale. Non appoggiare le scale su superfici fragili o instabili. Non usare mezzi di fortuna (es. sedie) per eseguire lavori in alto. Non salire sulle scale in modo inadeguato o con le mani occupate. Evitare di lasciare oggetti sul piano della scala. Nessuno deve trovarsi sulla scala quando se ne effettua lo spostamento. Indossare, quando previsto, le scarpe di sicurezza. E' vietata la presenza contemporanea di più persone sulla stessa scala. Pagina 13 di 25

14 CADUTE IN APERTURA: anche se statisticamente meno frequenti, sono di estrema pericolosità. Allo scopo di ridurre tale rischio è fatto obbligo di: Prestare attenzione ai segnali appositamente predisposti. Segnalare la loro eventuale mancanza. Se per motivi inerenti al lavoro in corso, l'operatore debba aprire botole, tombini, vani ecc., segnalare la presenza del pericolo a chiunque transiti nelle prossimità 2. RISCHIO ELETTRICO Allo scopo di ridurre tale rischio è fatto obbligo di:. Non improvvisarsi elettricista. né prendere mai iniziative personali, ma avvisare il personale addetto. Non maneggiare cavi elettrici, spine o prese con le mani bagnate. Verificare l'integrità delle attrezzature elettriche e dei cavi prima di usarle su superfici bagnate. Staccare gli apparecchi elettrici prima di qualsiasi intervento di normale pulizia e manutenzione. Non aprire i quadri elettrici presenti in cantiere. Segnalare sempre guasti o anomalie. Usando lampade elettriche, osservare le relative norme di sicurezza. Non usare prese di derivazione a tre o più ingressi. Non estrarre le spine tirandole dal cavo. 3. USO DI SCALE FONTE RISCHIO AZIONI CORRETTIVE Utilizzo di Scale per raggiungere altezze elevate Squadre Tecniche Caduta addetti Informazione/formazione. Utilizzo di scale a norma ed in ottimo stato di manutenzione. Le scale utilizzate su terreno cedevole o superfici irregolari devono essere appoggiate su un unica tavola di ripartizione. Il sito dove è installata la scala deve essere privo d ingombri. Le scale non vincolate devono essere trattenute al piede da altra persona. Presenza di rompitratta nelle scale ad elementi innestati oltre 8 m. Durante l utilizzo di scale ad elementi innestati, una persona deve esercitare da terra una continua vigilanza sulla scala. Pagina 14 di 25

15 Caduta di attrezzi o di altro materiale dall alto Presenza continua di una persona a terra munita di elmetto per i lavori con rischi di caduta >2 m. Durante gli spostamenti laterali nessun lavoratore deve trovarsi sulla scala. Utilizzo della scala da una sola persona per volta. La salita e la discesa vanno effettuate con il viso rivolto verso la scala. Nel caso di rottura di pioli non si procederà ad alcuna riparazione, ma la scala dovrà essere sostituita. Durante l utilizzo di una scala, chiusura al transito e segnalazione dell area di lavoro e predisposizione di opportuna segnaletica: cartello rotondo azzurro con pittogramma bianco di protezione individuale obbligatoria contro le cadute. Per lavoratori con rischi di caduta >2m. DPI: cinture di sicurezza EN 358; elmetto; scarpe antinfortunistiche EN 345 S2-S3 La scala deve essere utilizzata da una sola persona per volta. Limitare il peso di prodotti e materiali da trasportare in altezza. Gli utensili di pulizia devono essere leggeri e dotati di dispositivi anticaduta. Durante l utilizzo di una scala, chiusura al transito dell area di lavoro con apposita segnaletica:cartelli triangolari gialli con pittogramma nero di pericolo caduta oggetti ; cartello rotondo azzurro con pittogramma bianco: passaggio obbligatorio pedoni. DPI: scarpe antinfortunistiche EN 345 S2-S3 ed elmetto. 4. USO DI TRABATTELLI FONTE RISCHIO AZIONI CORRETTIVE Utilizzo di Scale per raggiungere altezze elevate Squadre Tecniche Caduta addetti Informazione/formazione. Utilizzo di trabattelli a norma ed in perfetto stato di manutenzione. Altezza massima consentita: metri 15 dall ultimo piano di lavoro. In caso di terreno cedevole o superfici irregolari, rendere il piano d appoggio solido e livellato mediante l interposizione di tavoloni ripartitori. Durante gli spostamenti laterali nessun lavoratore deve trovarsi sul trabattello. Utilizzare i trabattelli per l altezza massima prevista dal costruttore senza aggiungervi ulteriori sovrastrutture. Pagina 15 di 25

16 Caduta di attrezzi o di altro materiale dall alto Ribaltamento o cedimenti del trabattello Per la salita e la discesa dal trabattello, disporre, all interno della struttura, scale adeguatamente protette dalla caduta. I trabattelli con altezza superiore a m. 6 devono essere dotati di stabilizzatori. Durante i lavori, le ruote devono essere opportunamente bloccate da entrambi i lati (cunei o stabilizzatori). Utilizzare unicamente gli impalcati in dotazione e non ripiani di fortuna. Gli impalcati devono essere completi e ben fissato sugli appoggi. Il piano di lavoro deve essere dotato di parapetto normale (h 1m.) e tavola fermapiede di altezza non inferiore a cm. 20. Per l utilizzo ad altezze considerevoli, i trabattelli devono essere ancorati alla costruzione almeno ogni due piani. DPI: cinture di sicurezza EN 358; elmetto; scarpe antinfortunistiche EN 345 S2-S3 per lavoratori con rischi di caduta >2m.Per lavoratori con rischi di caduta >2m. DPI: cinture di sicurezza EN 358; elmetto; scarpe antinfortunistiche EN 345 S2-S3 Obbligo d idonea assicurazione degli utensili e dei materiali utilizzati in altezza. Predisporre regolarmente sotto il piano di lavoro un sottoponte a non più di m. 2,50. Prima dello spostamento del trabattello sgombrare tutti i carichi dagli impalcati. Non installare sul trabattello apparecchi di sollevamento. Durante l utilizzo del trabattello, chiusura al transito dell area operativa con opportuna segnaletica (cartelli triangolari gialli con pittogramma nero di pericolo caduta oggetti ; cartello rotondo azzurro con pittogramma bianco: passaggio obbligatorio pedoni ; cartello rotondo azzurro con pittogramma bianco: protezione individuale obbligatoria contro le cadute ). DPI: scarpe antinfortunistiche EN 345; elmetto. Informazione/formazione. Scrupoloso rispetto delle prescrizioni e le indicazioni fornite dal costruttore. Verifica del buono stato d elementi, incastri, collegamenti. Montaggio del trabattello in tutte le sue parti, con tutti gli elementi previsti. Pagina 16 di 25

17 Rischi elettrici: Elettrocuzione Folgorazione Per impedirne lo sfilo, bloccare gli innesti degli elementi verticali, correnti e diagonali. Prima dell uso, verifica, mediante idonei strumenti, della perfetta planarità e verticalità della struttura. Prima dell uso, verifica dell efficacia dei dispositivi di blocco ruote. DPI: calzature di sicurezza ed elmetto. Informazione/formazione. Verifica che nella zona di lavoro non vi siano linee elettriche aeree che possano essere raggiunte dagli impalcati del trabattello. 5. USO DI PIATTAFORME FONTE RISCHIO AZIONI CORRETTIVE Utilizzo di Scale per raggiungere altezze elevate Squadre Tecniche Caduta addetti Caduta di attrezzi o di altro materiale dall alto Informazione/formazione. Utilizzo d attrezzature adeguate, conformi ai requisiti di legge, compresa l evidenza oggettiva dell esecuzione delle verifiche periodiche previste dalla norma cogente. Posa in opera da parte di personale altamente qualificato, informato e formato. Manovre eseguite esclusivamente da personale altamente qualificato, informato e formato. DPI: imbracature anticaduta EN 358; elmetto; scarpe antinfortunistiche EN 345 S2-S3. Obbligo di opportuna assicurazione di utensili e materiali utilizzati in altezza. Presenza di un addetto di sorveglianza a terra durante i lavori. Durante l utilizzo di mezzi meccanici per i lavori in altezza, chiusura al transito dell area di lavoro con apposita segnaletica (cartelli triangolari gialli con pittogramma nero di pericolo caduta oggetti ; cartello rotondo azzurro con pittogramma bianco: passaggio obbligatorio pedoni ; cartello rotondo azzurro con pittogramma bianco: protezione individuale obbligatoria contro le cadute ). DPI: scarpe antinfortunistiche EN 345 S2-S3; elmetto. Pagina 17 di 25

18 Rischi elettrici: Elettrocuzione Folgorazione Informazione/formazione. Verifica che nella zona di lavoro non vi siano linee elettriche aeree che possano essere raggiunte dagli impalcati del trabattello. Pagina 18 di 25

19 ELENCO ATTREZZATURE E MACCHINE ADOTTATE NELL APPALTO ATTREZZATURA RISCHIO AZIONI CORRETTIVE Lavasciuga con/senza uomo a bordo Aspiraliquidi Monospazzola Battitappeto Idropulitrice Incidenti/ribaltamento Incendio in fase di ricarica Elettrocuzione e danni meccanici e rumore Elettrocuzione e danni meccanici e rumore Proiezione di parti meccaniche Impiego esclusivo da parte di personale autorizzato Rispetto delle norme viabilistiche interne Ricarica in zona esterna/aerata appositamente allestita Scelta attrezzature ed apparecchiature a norma Regolare manutenzione Formazione e rispetto delle procedure Regolare manutenzione Scelta attrezzature ed apparecchiature a norma Rispetto delle procedure (delimitazione area) Formazione e utilizzo dei DPI Note: ulteriori integrazioni saranno comunicate preventivamente da parte del Site Manager / Preposto. L uso delle macchine è disciplinato dalle relative istruzioni di lavoro (cfr. allegati). SOSTANZE IMPIEGATE, RISCHI, MISUREDI PREVENZIONE / PROTEZIONE ADOTTATE NELL APPALTO Le schede di sicurezza di tutti i prodotti che utilizziamo saranno consegnate in fase di esecuzione lavori da parte del Site Manager / Preposto ai dipendenti interessati. Pagina 19 di 25

20 ELENCO RIASSUNTIVO DEI D.P.I. DA UTILIZZARSI AREA DI PROTEZIONE Capo Occhi Mani ATTIVITÀ PERICOLOSA Disinfestazione/ derattizzazione/ pulizie in cunicoli, spazi confinati o c/o cantieri che ne richiedono obbligo d'impiego lavoro in quota Preparazione prodotti chimici (CL/PC). Disinfestazione. Taglio materiali con utensili manuali Disinfestazione/ disinfezione contatto non continuativo con prodotti chimici manipolazione prodotti chimici contatto non continuativo con prodotti chimici movimentazione di oggetti/rifiuti abrasivi, taglienti, con possibile presenza di aghi movimentazione carichi non abrasivi, taglienti RISCHIO Urto Urto esposizi one a prodotti chimici penetrazi one corpi estranei esposizi one a sostanze tossiche e polveri esposizi one a prodotti chimici esposizi one a prodotti chimici esposizi one a prodotti chimici taglio, abrasion e, puntura danni meccani DIV. / DIR. CL, CL, CL CL CL CL CL CL, CL, DPI PROPOSTO FATTORE DI PROTEZIONE NORMA DI RIFERIMENTO Elemetto n.d. EN 397 casco con sottogola occhiali chiusi/ panoramici occhiali chiusi/ panoramici maschera pieno facciale + filtro polveri e vapori organici guanti monouso nitrile o lattice o polietilene guanto durevole in nitrile guanto gomma durevole guanto antitaglio, antiabrasione, antistrappo guanto antistrappo, n.d. EN 398 n.d. EN 166 CRITERI PRESTAZIONE Capacità di ammortizzare gli urti. Capacità di ammortizzare gli urti. impenetrabilità delle sostanze chimiche. CRITERI COMFORT Regolabile, leggero, visiera corta, fascia antisudore. Regolabile lente antiappannante n.d. EN 166 resistenza all'urto lente antiappannante filtri A2 P3 / A2B2E2K2 n.d. n.d. n.d. da 3 a 5 su taglio da 1 a 2 su taglio EN 136 EN 420 EN 455 EN 420 EN 456 EN 420 EN 455 EN 420 EN 388 EN 420 EN 388 gas e vapori organici con punto di ebollizione > 65 C + filtro polveri/vapori tossici bassa permeabilità. impermeabilità. bassa permeabilità. resistente alla penetrazione e al taglio. Antiabrasione, allungamento e antistrappo resistenza allo strappo, Filtri lunga durata Taglie differenziate. Assenza talco/ polvere Taglie differenziate. Spessore minimo. Assenza talco/ polvere Assenza talco/ polvere. Taglie differenziate taglie differenziate taglie differenziate Pagina 20 di 25

PIANO OPERATIVO DI SICUREZZA COOPERAZIONE E COORDINAMENTO Art. 26 D.Lgs 81/08 (soddisfacente per la compilazione da parte del Committente del DUVRI)

PIANO OPERATIVO DI SICUREZZA COOPERAZIONE E COORDINAMENTO Art. 26 D.Lgs 81/08 (soddisfacente per la compilazione da parte del Committente del DUVRI) Ragione sociale Sede legale Legale rappresentante ANAGRAFICA AZIENDA Iscrizione R.E.A. CCIAA 848748 Iscrizione INAIL Iscrizione INPS Tipo attività ISS Facility Services Via E. Bugatti 2, 20142 Milano (MI)

Dettagli

NUOVI OBBLIGHI del DATORE di LAVORO

NUOVI OBBLIGHI del DATORE di LAVORO NUOVI OBBLIGHI del DATORE di LAVORO Valutazione dei rischi Formazione e informazione Nomina addetti alle emergenze Istituisce il SPP Gestione DPI Riunione periodica RISCHI SPECIFICI Possibilità che si

Dettagli

SIMBOLI CONSIGLI DI PRUDENZA S1 - S2 - S3 - S13 - S20 - S27 - S28 - S35 TOSSICO S36 - S37 - S38 - S39 - S46 - S53

SIMBOLI CONSIGLI DI PRUDENZA S1 - S2 - S3 - S13 - S20 - S27 - S28 - S35 TOSSICO S36 - S37 - S38 - S39 - S46 - S53 CONSIGLI DI PRUDENZA S1 - S2 - S3 - S13 - S20 - S27 - S28 - S35 TOSSICO S36 - S37 - S38 - S39 - S46 - S53 CONSERVARE SOTTO CHIAVE - FUORI DALLA PORTATA DEI BAMBINI - LONTANO DA LOCALI ABITAZIONE - LONTANO

Dettagli

ALLEGATO 1. Edizione Novembre 2015 FORNITURA DI SEGNALETICA DI SICUREZZA

ALLEGATO 1. Edizione Novembre 2015 FORNITURA DI SEGNALETICA DI SICUREZZA ALLEGATO Edizione Novembre 05 FORNITURA DI SEGNALETICA DI SICUREZZA SEGNALETICA DI SICUREZZA PER TUTTI GLI AMBIENTI DI LAVORO ANTINCENDIO Cartello fotoluminescente o dell estintore Cartello fotoluminescente

Dettagli

PIANO DI SICUREZZA - Articolo 26 D. Lgs. 81/2008

PIANO DI SICUREZZA - Articolo 26 D. Lgs. 81/2008 Committente Sito Operativo PIANO DI SICUREZZA - Articolo 26 D. Lgs. 81/2008 (Soddisfacente per la compilazione, da parte del Committente, del D.U.V.R.I.) A N A G R A F I C A Appaltatore Sede Legale ANTICIMEX

Dettagli

Corso Operatore C.R.I. nel Settore Emergenza Antincendio e sostanze pericolose

Corso Operatore C.R.I. nel Settore Emergenza Antincendio e sostanze pericolose Corso Operatore C.R.I. nel Settore Emergenza Antincendio e sostanze pericolose Sicurezza Antincendio La combustione è la reazione chimica tra due sostanze diverse: il COMBUSTIBILE (materiale capace di

Dettagli

2) REGOLAMENTO D ACCESSO E COMPORTAMENTO ALL INTERNO DEL CENTRO DI RACCOLTA

2) REGOLAMENTO D ACCESSO E COMPORTAMENTO ALL INTERNO DEL CENTRO DI RACCOLTA ALLEGATO B 1) SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE La presente procedura ha lo scopo di realizzare le condizioni di massima sicurezza per tutti coloro che intendono conferire materiali/rifiuti nel CENTRO DI RACCOLTA

Dettagli

Documento di Valutazione dei Rischi ai sensi del D.Lgs. 81 del 9 aprile 2008

Documento di Valutazione dei Rischi ai sensi del D.Lgs. 81 del 9 aprile 2008 INTRODUZIONE Pagina 1 In applicazione del D.lgs. 81/08 e s.m.i. Titolo III, art. 69 che definisce le attrezzature di lavoro: 1. Agli effetti delle disposizioni di cui al presente titolo si intende per:

Dettagli

Committente Provincia Regionale di Catania

Committente Provincia Regionale di Catania cantiere sito nel comune di Grammichele e Ramacca Rev. 00 Committente Provincia Regionale di Catania DOCUMENTO ELABORATO AI SENSI DELL ART. 100 DEL D. LGS. 81/2008 COORDINATO CON IL D. LGS. 3 AGOSTO 2009,

Dettagli

È assolutamente vietato utilizzare apparecchiature elettriche non a norma. Evitare l uso di prese multiple. Non utilizzare apparecchiature

È assolutamente vietato utilizzare apparecchiature elettriche non a norma. Evitare l uso di prese multiple. Non utilizzare apparecchiature LAVORO ELETTRICO In Italia la norma CEI 11-48 del 1998 stabilisce le prescrizioni generali per l esercizio sicuro degli impianti elettrici e per l esecuzione dei lavori su od in prossimità di tali impianti.

Dettagli

2. I mobili e gli arredi devono essere disposti in modo da consentire agevoli spostamenti, lasciando libero l accesso ai locali.

2. I mobili e gli arredi devono essere disposti in modo da consentire agevoli spostamenti, lasciando libero l accesso ai locali. DISPOSIZIONI IN MATERIA DI SICUREZZA PERSONALE DOCENTE E ATA: istruzioni sull uso di mobili ed arredi, attrezzature e macchine, apparecchiature elettriche. Si evidenziano di seguito le istruzioni sull

Dettagli

SOMMARIO: Motivo revisione. Redazione. Verifica. Approvazione Autorizzazione. RSPP: P.I. M. Bolchi Dr. L. Corradini PROCEDURA DI SICUREZZA

SOMMARIO: Motivo revisione. Redazione. Verifica. Approvazione Autorizzazione. RSPP: P.I. M. Bolchi Dr. L. Corradini PROCEDURA DI SICUREZZA Pag. 1 di 6 SOMMARIO: 1. Oggetto e scopo 2. Campo di applicazione 3. Responsabilità 4. Definizioni e abbreviazioni 5. Documenti di Riferimento 6. Moduli e documenti di registrazione 7. Modalità operative

Dettagli

ETICHETTATURA DELLE SOSTANZE PERICOLOSE "Frasi di Rischio" ( R ) e "Consigli di Prudenza" ( S )

ETICHETTATURA DELLE SOSTANZE PERICOLOSE Frasi di Rischio ( R ) e Consigli di Prudenza ( S ) ETICHETTATURA DELLE SOSTANZE PERICOLOSE "Frasi di Rischio" ( R ) e "Consigli di Prudenza" ( S ) La Legge 29 Maggio 1974, N 0 256 obbliga tutti i fabbricanti di prodotti aventi determinate caratteristiche

Dettagli

della SICUREZZA per le IMPRESE di PULIZIE

della SICUREZZA per le IMPRESE di PULIZIE MANOLA ANGIOLI BARBARA LOGGINI A B C della SICUREZZA per le IMPRESE di PULIZIE Informazione dei lavoratori ai sensi dell art. 36 del D.Lgs. 9 aprile 2008 n. 81 1 A B C della SICUREZZA per le Imprese di

Dettagli

Manuale pratico sull uso dei D.P.I di I, II, III categoria. Collana PREVENZIONE E PROTEZIONE

Manuale pratico sull uso dei D.P.I di I, II, III categoria. Collana PREVENZIONE E PROTEZIONE kiker Manuale pratico sull uso dei D.P.I di I, II, III categoria Collana PREVENZIONE E PROTEZIONE Collana PREVENZIONE E PROTEZIONE SEGNALETICA DI SICUREZZA In prossimità di zone di rischio deve essere

Dettagli

Istituto d Istruzione Superiore- Carlo Pisacane ISTITUTO PROFESSIONALE DI STATO SERVIZI DI ENOGASTRONOMIA E OSPITALITA ALBERGHIERA

Istituto d Istruzione Superiore- Carlo Pisacane ISTITUTO PROFESSIONALE DI STATO SERVIZI DI ENOGASTRONOMIA E OSPITALITA ALBERGHIERA Istituto d Istruzione Superiore- Carlo Pisacane ISTITUTO PROFESSIONALE DI STATO SERVIZI DI ENOGASTRONOMIA E COMPORTAMENTO DA TENERE IN CASO DI INCENDIO SI STA VERIFICANDO UN FOCOLAIO D INCENDIO SI STA

Dettagli

Corso Operatore C.R.I. nel Settore Emergenza La sicurezza degli operatori

Corso Operatore C.R.I. nel Settore Emergenza La sicurezza degli operatori Corso Operatore C.R.I. nel Settore Emergenza La sicurezza degli operatori La Sicurezza dal latino sine cura (senza preoccupazione) può essere definita come la "conoscenza che l'evoluzione di un sistema

Dettagli

Ferrara Fiere Congressi Fascicolo Sicurezza - Allegato scheda 1 Informazioni sui rischi. Fascicolo Sicurezza. Allegato scheda 1

Ferrara Fiere Congressi Fascicolo Sicurezza - Allegato scheda 1 Informazioni sui rischi. Fascicolo Sicurezza. Allegato scheda 1 Ferrara Fiere Congressi Fascicolo Sicurezza - Allegato scheda 1 Informazioni sui rischi Fascicolo Sicurezza Allegato scheda 1 INFORMAZIONI SUI RISCHI Informazione sui rischi presenti durante le fasi di

Dettagli

Ai collaboratori scolastici

Ai collaboratori scolastici Ai collaboratori scolastici Comportamenti da seguire in caso di incendio Il piano di emergenza è uno strumento operativo attraverso il quale si adottano le operazioni da compiere in caso di evacuazione,

Dettagli

Informazioni sulla Segnaletica di Sicurezza da adottare

Informazioni sulla Segnaletica di Sicurezza da adottare Informazioni sulla Segnaletica di Sicurezza da adottare Introduzione Poiché, anche a seguito della valutazione effettuata in conformità all art. 4, comma 1, del D.Lvo 626/94, risultano rischi che non possono

Dettagli

D.Lgs 9 aprile 2008, n.81

D.Lgs 9 aprile 2008, n.81 D.Lgs 9 aprile 2008, n.81 Definizioni Ai sensi dell art.2 del decreto 81/2008, si precisa che: 1. Datore di lavoro: è il soggetto titolare del rapporto di lavoro con il lavoratore. Nel caso Suo è la persona

Dettagli

ELENCO DELLE FRASI DI RISCHIO R E DEI CONSIGLI DI PRUDENZA S E DELLE LORO RELATIVE COMBINAZIONI ELENCO DELLE FRASI DI RISCHIO R

ELENCO DELLE FRASI DI RISCHIO R E DEI CONSIGLI DI PRUDENZA S E DELLE LORO RELATIVE COMBINAZIONI ELENCO DELLE FRASI DI RISCHIO R Le sigle R e S sempre presenti sulle etichette dei prodotti chimici utilizzati in laboratorio rappresentano rispettivamente una definizione dei rischi specifici connessi con l impiego della sostanza chimica

Dettagli

VERBALE PRELIMINARE DI COORDINAMENTO

VERBALE PRELIMINARE DI COORDINAMENTO 1 di 5 DATA.. Referente di Commessa RdC Responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione RSPP Direttore Lavori DL Direttore Operativo DO Ispettore di Cantiere IC Assistente lavori AL Collaudatore

Dettagli

Scheda di sicurezza CANDOGEN 2B SCHEDA DI SICUREZZA

Scheda di sicurezza CANDOGEN 2B SCHEDA DI SICUREZZA SCHEDA DI SICUREZZA 1.0 IDENTIFICAZIONE PRODOTTO E SOCIETA' 1.1 Nome commerciale 1.2 Impieghi Riducente per l industria tessile. 1.3 Produttore ed assistenza DATT CHIMICA SRL Via Clerici, 16 22070 Bulgarograsso

Dettagli

RISCHI ADDETTO PULIZIE

RISCHI ADDETTO PULIZIE Organismo Paritetico Provinciale RISCHI ADDETTO PULIZIE Speciale Inserti: Rischi Addetto Pulizie Pagina 1 Attività svolta L attività dell addetto prevede la pulizia degli ambienti di lavoro di uffici,

Dettagli

Dispositivi di protezione individuale DPI

Dispositivi di protezione individuale DPI Cosa sono Dispositivi di protezione individuale DPI È considerato DPI qualsiasi attrezzatura destinata ad essere indossata o portata dal lavoratore per tutelarsi da uno o più rischi per la sicurezza e

Dettagli

Scheda attività ADDETTO ALL ECOCENTRO

Scheda attività ADDETTO ALL ECOCENTRO Pagina 1 di 10 Sezione 11.01 Addetto all ecocentro Descrizione Responsabilità e competenze Attività svolte Luoghi di lavoro Rischi per la sicurezza Rischi per la salute Dispositivi di protezione individuale

Dettagli

01. INFORMAZIONI GENALI SUI SERVIZI APPALTATI. Società Sede legale via

01. INFORMAZIONI GENALI SUI SERVIZI APPALTATI. Società Sede legale via Comune di San Benedetto del Tronto. Documento Unico di valutazione dei rischi da interferenze - DUVRI - Appalto Servizi Mercato Ittico all Ingrosso Revisione 0 1 San Benedetto del Tronto (AP) articolo

Dettagli

i cartelli Segnaletici Per la Sicurezza e le emergenze

i cartelli Segnaletici Per la Sicurezza e le emergenze i cartelli Segnaletici Per la Sicurezza e le emergenze LA FORMAZIONE VINCENTE. CFRM è la prima struttura in Italia ed una delle prime in Europa specializzata nella formazione ed addestramento all uso di

Dettagli

Informazioni sulla sicurezza nel Laboratorio di Chimica

Informazioni sulla sicurezza nel Laboratorio di Chimica Informazioni sulla sicurezza nel Laboratorio di Chimica (traccia gentilmente concessa da ITIS E. Fermi Bassano del Grappa) (Rielaborato da ITIS De Pretto Schio) Lo studente ha il DIRITTO di essere informato

Dettagli

Piano di Sicurezza e Coordinamento relativo al cantiere sito nel comune di MILAZZO (MESSINA) SCHEDE DI SICUREZZA

Piano di Sicurezza e Coordinamento relativo al cantiere sito nel comune di MILAZZO (MESSINA) SCHEDE DI SICUREZZA cantiere sito nel comune di MILAZZO (MESSINA) DOCUMENTO ELABORATO AI SENSI DELL ART. 100 DEL D. LGS. 81/2008 COORDINATO CON IL D. LGS. 3 AGOSTO 2009, N 106 E CON I CONTENUTI MINIMI PREVISTI ALL'ALLEGATO

Dettagli

LICEO CLASSICO F. SCADUTO BAGHERIA

LICEO CLASSICO F. SCADUTO BAGHERIA LICEO CLASSICO F. SCADUTO BAGHERIA DIPARTIMENTO DI FISICA, CHIMICA E SCIENZE NATURALI in ottemperanza al D.lgs. 81/2008 NORME DI FORMAZIONE ED INFORMAZIONE SULLA SICUREZZA E SALUTE NEL LABORATORIO DI SCIENZE

Dettagli

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZA PER IL SERVIZIO DI ANIMAZIONE PRESSO LA LUDOTECA CITTADINA FANTASIA

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZA PER IL SERVIZIO DI ANIMAZIONE PRESSO LA LUDOTECA CITTADINA FANTASIA COMUNE DI SIENA Allegato B DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZA PER IL SERVIZIO DI ANIMAZIONE PRESSO LA LUDOTECA CITTADINA FANTASIA (ai sensi dell art. 26, comma 3 del D.lgs 81/2008)

Dettagli

L esercizio degli impianti elettrici

L esercizio degli impianti elettrici L esercizio degli impianti elettrici Dispositivi di protezione individuale (DPI) contro il rischio elettrico I dispositivi di protezione individuale stabiliscono una barriera di sicurezza fra gli operatori

Dettagli

SCHEDA DI VALUTAZIONE DEI RISCHI N. 1

SCHEDA DI VALUTAZIONE DEI RISCHI N. 1 SCHEDA DI VALUTAZIONE DEI RISCHI N. 1 Descrizione delle attività: Scavi, sbancamenti e reinterri. Lavoratori esposti a rischi potenziali: Dipendenti delle imprese appaltatrici e lavoratori autonomi presenti

Dettagli

NORME GENERALI DI COMPORTAMENTO

NORME GENERALI DI COMPORTAMENTO NORME GENERALI DI COMPORTAMENTO Il comportamento corretto e prudente di ognuno è il miglior modo di prevenzione contro ogni genere di infortunio - Non correre nei corridoi, scale, laboratori, ecc. - Non

Dettagli

Ferrara Fiere Congressi Fascicolo Sicurezza - Allegato scheda 2 Misure e dispositivi di sicurezza. Fascicolo Sicurezza.

Ferrara Fiere Congressi Fascicolo Sicurezza - Allegato scheda 2 Misure e dispositivi di sicurezza. Fascicolo Sicurezza. Ferrara Fiere Congressi Fascicolo Sicurezza - Allegato scheda 2 Misure e dispositivi di sicurezza Fascicolo Sicurezza Allegato scheda 2 MISURE E DISPOSITIVI DA PREDISPORRE DA PARTE DEI DATORI DI LAVORO

Dettagli

SOSTANZE PERICOLOSE: Istruzioni per l uso. Introduzione

SOSTANZE PERICOLOSE: Istruzioni per l uso. Introduzione Introduzione Il presente lavoro consta in una serie di schede informative sulle corrette modalità di gestione delle sostanze pericolose ed è indirizzato ai lavoratori dei diversi comparti produttivi. Esso

Dettagli

Documento INAIL sulla gestione sicura delle sostanze pericolose etichettature e stoccaggio modalità operative -

Documento INAIL sulla gestione sicura delle sostanze pericolose etichettature e stoccaggio modalità operative - Documento INAIL sulla gestione sicura delle sostanze pericolose etichettature e stoccaggio modalità operative - di Avv. Rosa Bertuzzi Il presente lavoro consta in una serie di schede informative sulle

Dettagli

OBBLIGHI CONNESSI AI CONTRATTI D APPALTO O D OPERA O DI SOMMINISTRAZIONE Documento elaborato ai sensi dell art. 26 del D.Lgs.

OBBLIGHI CONNESSI AI CONTRATTI D APPALTO O D OPERA O DI SOMMINISTRAZIONE Documento elaborato ai sensi dell art. 26 del D.Lgs. CLI:1608 Committente: COMUNITA MONTANA DELL ESINO-FRASASSI via DANTE, FABRIANO - (AN) 0732-6951 Ditta Appaltatrice: ragione sociale indirizzo recapito telefonico e fax OBBLIGHI CONNESSI AI CONTRATTI D

Dettagli

Scheda di dati di sicurezza Ai sensi del Regolamento CE 1907/2006 REACH Stampato il 01/06/08 Denominazione commerciale: EFFE 91 ACC-U-SOL ml.

Scheda di dati di sicurezza Ai sensi del Regolamento CE 1907/2006 REACH Stampato il 01/06/08 Denominazione commerciale: EFFE 91 ACC-U-SOL ml. Pagina: 1/ 6 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA Articolo numero: art.04920 Utilizzazione della Sostanza / del Preparato: Rivelatore fughe gas Produttore/fornitore: FIMI

Dettagli

DEI RISCHI DA INTERFERENZE. ENERXENIA SpA DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI INTERFERENTI DUVRI

DEI RISCHI DA INTERFERENZE. ENERXENIA SpA DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI INTERFERENTI DUVRI Pagina 1 di 10 ENERXENIA SpA DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI INTERFERENTI DUVRI TIPO DI ATTIVITA Servizio di pulizie e sanificazione DITTA CONTRATTO N. MISURE ADOTTATE PER ELIMINARE LE INTERFERENZE

Dettagli

Modulistica Servizio Protezione Prevenzione: ISTRUZIONI OPERATIVE DI SICUREZZA

Modulistica Servizio Protezione Prevenzione: ISTRUZIONI OPERATIVE DI SICUREZZA Pagina 1 di 5 Nella scuola sono state individuate ed integrate su indicazione del personale, le seguenti misure di prevenzione e protezione: MISURE ANTINCENDIO E DI EMERGENZA Tutto il personale docente

Dettagli

REGOLAMENTO AZIENDALE DI ACCESSO DEPURATORE DI BASSANO DEL GRAPPA

REGOLAMENTO AZIENDALE DI ACCESSO DEPURATORE DI BASSANO DEL GRAPPA Reg. n. 05 REGOLAMENTO AZIENDALE DI ACCESSO DEPURATORE DI BASSANO DEL GRAPPA (Art. 26 D.Lgs. 81/08) In relazione alle disposizioni previste dall art. 26 del D.Lgs. n. 81/2008 comma 1, il quale prevede

Dettagli

Relatore: Dott. Lazzaro Palumbo Rischio medio 8 ore PERCHÉ FREQUENTARE UN CORSO ANTINCENDIO? Il rischio incendio è uno dei maggiori rischi per i luoghi di lavoro Non esistono attività lavorative a rischio

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO I.S.A 10

ISTITUTO COMPRENSIVO I.S.A 10 ISTITUTO COMPRENSIVO I.S.A 10 Informazioni e disposizioni in materia di tutela della salute e sicurezza nei luoghi di lavoro [artt 36, 18 c. 1, l. f), l) D.Lgs. 81/08] Ed.1 Rev.0_14 INDICE 1. Disposizioni

Dettagli

Lavori in quota. Introduzione. Definizione di lavoro in quota. scheda 03 1/8

Lavori in quota. Introduzione. Definizione di lavoro in quota. scheda 03 1/8 03 Lavori in quota Introduzione I lavori in quota possono esporre i lavoratori a rischi particolarmente gravi per la loro salute e sicurezza. Ci riferiamo in particolare ai rischi di caduta dall alto che

Dettagli

IN COLLABORAZIONE CON ASEAMAC

IN COLLABORAZIONE CON ASEAMAC 1. CONSIDERAZIONI GENERALI SUL MARTELLO PNEUMATICO La seguente scheda mostra le norme di sicurezza che deve seguire l operatore di un MARTELLO PNEUMATICO (demolitore, perforatore, picconiere). L operatore

Dettagli

ISTRUZIONI PREVENTIVE ANTINCENDIO A TUTTO IL PERSONALE

ISTRUZIONI PREVENTIVE ANTINCENDIO A TUTTO IL PERSONALE ISTRUZIONI PREVENTIVE ANTINCENDIO A TUTTO IL PERSONALE MISURE PREVENTIVE PER TUTTI I LAVORATORI E vietato depositare e manipolare sostanze infiammabili in quantità superiori alla normale dotazione prevista.

Dettagli

PROCEDURA DI SICUREZZA UTILIZZO DELLE APPARECCHIATURE ELETTRICHE NEGLI UFFICI

PROCEDURA DI SICUREZZA UTILIZZO DELLE APPARECCHIATURE ELETTRICHE NEGLI UFFICI SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE DAI RISCHI Pagina 1 di 6 PROCEDURA DI SICUREZZA 1. UTILIZZO DELLE APPARECCHIATURE ELETTRICHE NEGLI UFFICI 2. Revisione numero Data emissione e/o ultima modifica Approvata

Dettagli

1. CONSIDERAZIONI GENERALI SUL GRUPPO 2. DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE (DPI) ELETTROGENO PORTATILE

1. CONSIDERAZIONI GENERALI SUL GRUPPO 2. DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE (DPI) ELETTROGENO PORTATILE Unione 1. CONSIDERAZIONI GENERALI SUL GRUPPO ELETTROGENO PORTATILE La seguente scheda mostra le norme di sicurezza che deve seguire l operatore di un GRUPPO ELETTROGENO PORTATILE. Le norme qui di seguito

Dettagli

OPUSCOLO PER I LAVORATORI

OPUSCOLO PER I LAVORATORI 1 OPUSCOLO PER I LAVORATORI A cura: del Dott. Davide Antonelli 2 SCALE A MANO Tale attrezzatura È prevista per superare dislivelli e per effettuare lavorazioni straordinarie a carattere eccezionale e temporaneo.

Dettagli

PROCEDURA DI SICUREZZA PER PERSONALE ESTERNO

PROCEDURA DI SICUREZZA PER PERSONALE ESTERNO PROCEDURA DI SICUREZZA PER INDICE 1 Scopo 2 Campo di applicazione e funzioni coinvolte 3 Contenuti 4 Attività e responsabilità ALLEGATI 1 Scheda informativa di sicurezza 2 Modulo di verifica di idoneità

Dettagli

D.U.V.R.I. Documento di valutazione dei rischi interferenziali ai sensi dell art. 26, comma 3 del D. Lgs. 9 aprile 2008, n. 81 e s.m.i.

D.U.V.R.I. Documento di valutazione dei rischi interferenziali ai sensi dell art. 26, comma 3 del D. Lgs. 9 aprile 2008, n. 81 e s.m.i. Comune di Pistoia D.U.V.R.I. Documento di valutazione dei rischi interferenziali ai sensi dell art. 26, comma 3 del D. Lgs. 9 aprile 2008, n. 81 e s.m.i. INDIVIDUAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZA E MISURE

Dettagli

Come utilizzare. le scale. a mano o portatili.

Come utilizzare. le scale. a mano o portatili. Come utilizzare le scale a mano o portatili. SCALE A MANO NORME GENERALI Bisogna innanzitutto avere presente il concetto che le scale a mano devono servire esclusivamente per lavori assolutamente particolari

Dettagli

Dispositivi di Protezione Individuale

Dispositivi di Protezione Individuale Dispositivi di Protezione Individuale Introduzione Legislazione Analisi dei rischi Scelta dei DPI DPI per l antincendio boschivo Realizzato da: Dott. Ing. Paolo Ferrari INTRODUZIONE L attività di antincendio

Dettagli

DUVRI DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DERIVANTI DA INTERFERENZA

DUVRI DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DERIVANTI DA INTERFERENZA DIPARTIMENTO CIRCOLAZIONE MONETARIA SERVIZIO BANCONOTE (855) DIVISIONE QUALITA', AMBIENTE E SICUREZZA SUL LAVORO (046) Rifer. a nota n. del Classificazione XIII 8 1 Oggetto DUVRI - Attività di dismissione

Dettagli

FOSPHYCON 54. Contenuto Acido Ortofosforico 75 % p / p ( 53 BE ) Provoca gravi ustioni. I fumi fosforici sono tossici.

FOSPHYCON 54. Contenuto Acido Ortofosforico 75 % p / p ( 53 BE ) Provoca gravi ustioni. I fumi fosforici sono tossici. Corso Alba, 85/89 12043 - CANALE d Alba (CN) SCHEDA DATI DI SICUREZZA Tel. (0173) 95.433 Fax (0173) 979.464 nr. P/L/0030 FOSPHYCON 54 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA E DELLA SOCIETA Sostanza Nome Chimico

Dettagli

SEGNALETICA OFFICINA MECCANICA E PRESCRIZIONI DI COMPORTAMENTO Prof. Mariottini Antonio

SEGNALETICA OFFICINA MECCANICA E PRESCRIZIONI DI COMPORTAMENTO Prof. Mariottini Antonio ISTITUTO PROFESSIONALE PER L INDUSTRIA E L ARTIGIANATO MARGARITONE VIA FIORENTINA 179 AREZZO SEGNALETICA OFFICINA MECCANICA E PRESCRIZIONI DI COMPORTAMENTO Prof. Mariottini Antonio CORSO SERALE 1 SEGNALETICA

Dettagli

Collaboratore Scolastico

Collaboratore Scolastico A cura del Responsabile S.P.P.- 2010-2011 ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE F. M. GENCO Procedure per lo svolgimento delle mansioni professionali in condizioni di sicurezza Collaboratore Scolastico Vengono

Dettagli

UTILIZZO IN SICUREZZA DEL FAX

UTILIZZO IN SICUREZZA DEL FAX Pagina 1 di 6 SOMMARIO Generalita... 2 Scopo... 2 Riferimenti normativi... 2 Responsabilità ed aggiornamento... 2 Campo di applicazione... 3 Procedure operative e di sicurezza... 3 Scelta della posizione...

Dettagli

D.Lgs. 81/08 Titolo IX SOSTANZE PERICOLOSE

D.Lgs. 81/08 Titolo IX SOSTANZE PERICOLOSE Dipartimento Sanità Pubblica SERVIZI PREVENZIONE SICUREZZA AMBIENTI DI LAVORO DALLA SCUOLA UN LAVORO SICURO Corso L ABC della Sicurezza e Igiene sul Lavoro STOP DALLA SCUOLA UN LAVORO SICURO Corso L ABC

Dettagli

PROCEDURE PER GLI ADDETTI INTERNI ALLE PULIZIE PARTE PRIMA ELENCO DELLE SOSTANZE

PROCEDURE PER GLI ADDETTI INTERNI ALLE PULIZIE PARTE PRIMA ELENCO DELLE SOSTANZE PROCEDURE PER GLI ADDETTI INTERNI ALLE PULIZIE PARTE PRIMA ELENCO DELLE SOSTANZE Il D.S.G.A. dovrà produrre l Elenco delle Sostanze Utilizzate (prodotti per la pulizia, l igiene, ecc.). L originale del

Dettagli

LICEO GINNASIO STATALE VIRGILIO

LICEO GINNASIO STATALE VIRGILIO MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO LICEO GINNASIO STATALE VIRGILIO Via Giulia, 38 - Roma SICUREZZA NELLA SCUOLA (Opuscolo informativo per

Dettagli

SICUREZZA IN LABORATORIO In ottemperanza al D.Lgs. 81/08

SICUREZZA IN LABORATORIO In ottemperanza al D.Lgs. 81/08 SICUREZZA IN LABORATORIO In ottemperanza al D.Lgs. 81/08 Il laboratorio chimico può essere un posto di lavoro sicuro se vengono prese alcune precauzioni che possono evitare imprevisti spiacevoli ed incidenti.

Dettagli

SCHEDA DATI DI SICUREZZA Edizione riveduta no : 6. Responsab. della distribuzione

SCHEDA DATI DI SICUREZZA Edizione riveduta no : 6. Responsab. della distribuzione Pagina : 1 êc { C : Corrosivo 8 : Sostanza corrosiva. Pericolo M» Produttore Responsab. della distribuzione Avenue Albert Einstein, 15 Avenue Albert Einstein, 15 1348 Louvain-la-Neuve Belgium 1348 Louvain-la-Neuve

Dettagli

DUVRI Documento Unico di Valutazione

DUVRI Documento Unico di Valutazione DUVRI Documento Unico di Valutazione Rischi Interferenti D. Lgs. 81/08 integrato con il D. Lgs. 106/09 Committente Lavori di Università degli Studi Mediterranea di Reggio Calabria Servizio di pulizia locali

Dettagli

DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE SECONDO LA VALUTAZIONE DEI RISCHI

DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE SECONDO LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE SECONDO LA VALUTAZIONE DEI RISCHI (ALLEGATO AL DOCUMENTO DI VALUTAZIONE ED ANALISI DEI RISCHI) PREMESSA Il presente opuscolo fornisce alcune indicazioni ritenute utili

Dettagli

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI INTERFERENZIALI (DUVRI)

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI INTERFERENZIALI (DUVRI) DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI INTERFERENZIALI (DUVRI) Ai sensi dell art. 26 comma 3 del D.Lgs. 81/2008 e s.m. Committente Datore di lavoro committente Ditta appaltatrice Datore di lavoro della

Dettagli

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE Art. 26 del D.Lgs n 81 dei 9 aprile 2008 (ex Legge 3 agosto 2007 n 123) APPALTO: Servizio di Refezione scolastica per la scuola dell infanzia e

Dettagli

Mini guida sul significato dei

Mini guida sul significato dei Mini guida sul significato dei Vediamo spesso questi simboli sulle etichette dei prodotti per la pulizia, ma conosciamo davvero il loro significato? Con questa mini guida Samar ti aiuterà a scoprire il

Dettagli

EUROCORPORATION Srl VIA DE CATTANI 178 FIRENZE P.IVA: 05235640488 D.U.V.R.I DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHIO INTERFERENZE

EUROCORPORATION Srl VIA DE CATTANI 178 FIRENZE P.IVA: 05235640488 D.U.V.R.I DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHIO INTERFERENZE D.U.V.R.I EUROCORPORATIONSrl VIADE CATTANI178 FIRENZE P.IVA:05235640488 DOCUMENTOUNICODIVALUTAZIONE RISCHIOINTERFERENZE Rev.marzo2016 INDICEANALITICODELDOCUMENTO 1. Premessa 2. Soggettidiriferimento 3.

Dettagli

REGIONE PIEMONTE AZIENDA SANITARIA LOCALE BI -------------------------------------- Via Marconi, 23 13900 Biella

REGIONE PIEMONTE AZIENDA SANITARIA LOCALE BI -------------------------------------- Via Marconi, 23 13900 Biella REGIONE PIEMONTE AZIENDA SANITARIA LOCALE BI -------------------------------------- Via Marconi, 23 13900 Biella LAVORARE SICURI! Formazione e informazione dei lavoratori per l igiene e la sicurezza sul

Dettagli

BREVE APPROFONDIMENTO SULLE PRINCIPALI MISURE DI SICUREZZA

BREVE APPROFONDIMENTO SULLE PRINCIPALI MISURE DI SICUREZZA BREVE APPROFONDIMENTO SULLE PRINCIPALI MISURE DI SICUREZZA MISURE DI SICUREZZA PASSIVA: Resistenza al fuoco delle strutture e delle porte Compartimentazione Comportamento al fuoco dei materiali MISURE

Dettagli

La Gestione della Sicurezza secondo il D.Lgs. 81/08

La Gestione della Sicurezza secondo il D.Lgs. 81/08 La Gestione della Sicurezza secondo il D.Lgs. 81/08 Sicurezza e Prevenzione sui luoghi di lavoro TQSI Servizi Integrati S.r.l.-Settore Sicurezza e Ambiente dott. chim. Davide GHISLANDI - sicurezza.ambiente@tqsi.it

Dettagli

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE REDATTO AI SENSI DELL ART. 26, c. 3 ter DEL D.LGS. 81/2008 e s.m.i.

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE REDATTO AI SENSI DELL ART. 26, c. 3 ter DEL D.LGS. 81/2008 e s.m.i. REGIONE AUTONOMA FRIULI VENEZIA GIULIA CAPITOLATO SPECIALE PER L ACQUISTO DI AUTOBUS CLASSE I Allegato 7 DUVRI DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE REDATTO AI SENSI DELL ART. 26, c.

Dettagli

IMPRESA SICURA s.r.l.

IMPRESA SICURA s.r.l. REGISTRO DEI CONTROLLI E DELLA MANUTENZIONE ANTINCENDIO ai sensi del D.P.R. 151/2011 IMPRESA SICURA s.r.l. Via N. Bixio n. 6 47042 - Cesenatico (FC) Tel. 0547.675661 - Fax. 0547.678877 e-mail: info@impresasicurasrl.it

Dettagli

DEFINIZIONE di D.P.I.

DEFINIZIONE di D.P.I. DEFINIZIONE di Qualsiasi attrezzatura destinata ad essere indossata e tenuta dal lavoratore allo scopo di proteggerlo contro uno o più rischi suscettibili di minacciarne la sicurezza o la salute durante

Dettagli

Materiale didattico validato da: Gestione emergenze

Materiale didattico validato da: Gestione emergenze Gestione emergenze 1. Piano di emergenza 2. Misure di prevenzione 3. Misure di Protezione 4. Estintori e fuochi 5. Evacuazione dai locali 6. Controlli periodici Rev. 1 ott. 2009 Situazioni di emergenza

Dettagli

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI INTERFERENZIALI (D.U.V.R.I.) COMUNITA ALTO GARDA e LEDRO. Attività di gestione dei CRM/CRZ

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI INTERFERENZIALI (D.U.V.R.I.) COMUNITA ALTO GARDA e LEDRO. Attività di gestione dei CRM/CRZ DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI INTERFERENZIALI (D.U.V.R.I.) COMUNITA ALTO GARDA e LEDRO Attività di gestione dei CRM/CRZ Via A. Rosmini, 5/b -38066 Riva del Garda Redazione: febbraio 2012 DECRETO

Dettagli

NORME DI PRONTO INTERVENTO IN CASO DI INCENDIO DPR 577/82

NORME DI PRONTO INTERVENTO IN CASO DI INCENDIO DPR 577/82 ALLEGATO 5 PIANO DI SICUREZZA E COORDINAMENTO ART. 91 DEL D.LGS. 81/08 ISTITUTO ZOOPROFILATTICO SPERIMENTALE DELLA LOMBARDIA E DELL EMILIA ROMAGNA Via Bianchi n. 7/9 BRESCIA TERZO LOTTO APPALTO RIMOZIONE

Dettagli

Ciò che spegne un incendio uccide anche l uomo

Ciò che spegne un incendio uccide anche l uomo 2 Ciò che spegne un incendio uccide anche l uomo 3 ESTINZIONE DI UN INCENDIO Ciò che spegne un incendio uccide anche l uomo 4 5 6 Come si spegne un incendio 7 8 9 ESTINZIONE DI UN INCENDIO Come si spegne

Dettagli

LAVORI DI MANUTENZIONE ORDINARIA. MODALITA OPERATIVE

LAVORI DI MANUTENZIONE ORDINARIA. MODALITA OPERATIVE LAVORI DI MANUTENZIONE ORDINARIA. MODALITA OPERATIVE Oggetto: D.Lgs. 81/08 dell I.to C. Colombo di Torre G. NA. LAVORI DI MANUTENZIONE ORDINARIA. MODALITÀ OPERATIVE. Ai fini di ottemperare a quanto previsto

Dettagli

APPENDICE C MISURE DI PREVENZIONE PER COLLABORATORI SCOLASTICI ADDETTI ALLA PULIZIA

APPENDICE C MISURE DI PREVENZIONE PER COLLABORATORI SCOLASTICI ADDETTI ALLA PULIZIA APPENDICE C MISURE DI PREVENZIONE PER COLLABORATORI SCOLASTICI ADDETTI ALLA PULIZIA L attività degli addetti alla pulizia consiste nella pulizia, detersione e disinfezione dei locali scolastici Lavoratori

Dettagli

SCHEDA DI SICUREZZA DEL PREPARATO

SCHEDA DI SICUREZZA DEL PREPARATO SCHEDA DI SICUREZZA DEL PREPARATO 1 IDENTIFICAZIONE PREPARATO E SOCIETA PRODUTTRICE 1.1 Denominazione commerciale : DILUENTE DELCO 1.2 Ditta produttrice : MGR ELECTRO SRL 1.3 Numero telefonico : 02/9660699

Dettagli

Piano formativo AVT/129/11II Formare per crescere finanziato da. Presentazione. Avviso 5/2011 II scadenza

Piano formativo AVT/129/11II Formare per crescere finanziato da. Presentazione. Avviso 5/2011 II scadenza Piano formativo AVT/129/11II Formare per crescere finanziato da Presentazione Avviso 5/2011 II scadenza Corso di formazione per ADDETTI ALLA PREVENZIONE INCENDI, LOTTA ANTINCENDIO E GESTIONE DELLE EMERGENZE

Dettagli

PROCEDURA GESTIONE DISPOSITIVI PROTEZIONE INDIVIDUALE DPI Servizio Prevenzione e Protezione

PROCEDURA GESTIONE DISPOSITIVI PROTEZIONE INDIVIDUALE DPI Servizio Prevenzione e Protezione Pag. 1 di 7 Indice 1. Scopo e campo di applicazione 2. Riferimenti normativi 3. Definizioni 4. Documenti interessati 5. Compiti e responsabilità 6. in uso 7. Modalità operative a. Scelta a adozione dei

Dettagli

Dispositivi di Protezione Individuale e Segnaletica

Dispositivi di Protezione Individuale e Segnaletica Dispositivi di Protezione Individuale e Segnaletica 1. Dispositivi di Protezione Individuale 2. Segnaletica di Sicurezza Rev. 2 ottobre 2009 Dispositivi di Protezione Individuale e Segnaletica slide 1

Dettagli

LA SICUREZZA DEL TIROCINANTE IN CONTESTO LAVORATIVO. Informazioni per la prevenzione e la tutela della salute e sicurezza nei luoghi di lavoro

LA SICUREZZA DEL TIROCINANTE IN CONTESTO LAVORATIVO. Informazioni per la prevenzione e la tutela della salute e sicurezza nei luoghi di lavoro LA SICUREZZA DEL TIROCINANTE IN CONTESTO LAVORATIVO SPISAL Servizio Prevenzione Igiene Sicurezza negli Ambienti di Lavoro SIL Servizio integrazione lavorativa Opuscolo realizzato nell ambito di un percorso

Dettagli

Per l utilizzo corretto della Piattaforma di Lavoro Elevabile sono stati considerati i seguenti riferimenti normativi:

Per l utilizzo corretto della Piattaforma di Lavoro Elevabile sono stati considerati i seguenti riferimenti normativi: Nel lavoro temporaneo in quota il datore di lavoro deve scegliere l attrezzatura in funzione delle caratteristiche del luogo, dell ambiente, della tipologia di attività da svolgere, della durata, della

Dettagli

SCHEDA II-1 Misure preventive e protettive in dotazione dell opera ed ausiliarie

SCHEDA II-1 Misure preventive e protettive in dotazione dell opera ed ausiliarie Tipologia dei lavori: INTERVENTI DI CONTROLLO E REVISIONE CODICE SCHEDA C 01 DISTRIBUZIONE ACQUA FREDDA E CALDA. VERIFICA FUNZIONAMENTO TERMINALI E RUBINETTI, VERIFICA DEGLI SCARICHI, VERIFICA DELLE TUBAZIONI

Dettagli

RISCHI DERIVANTI DALL USO DI APPARECCHIATURE ELETTRICHE

RISCHI DERIVANTI DALL USO DI APPARECCHIATURE ELETTRICHE Pagina 1 di 5 INDICE Scopo Riferimenti normativi Campo di applicazione Responsabilità ed aggiornamento Rischi derivanti dall uso di apparecchiature a funzionamento elettrico Cautele e misure di prevenzione

Dettagli

D.Lgs.81 Rischi per il settore terziario VALUTAZIONE DEL RISCHIO STRESS LAVORO CORRELATO

D.Lgs.81 Rischi per il settore terziario VALUTAZIONE DEL RISCHIO STRESS LAVORO CORRELATO D.Lgs.81 Rischi per il settore terziario VALUTAZIONE DEL RISCHIO STRESS LAVORO CORRELATO Le persone possono essere molto stressate per un sommarsi di fattori di stress lavorativo ed extralavorativo Rilevare

Dettagli

NORME GENERALI DI COMPORTAMENTO PER LE DITTE APPALTATRICI

NORME GENERALI DI COMPORTAMENTO PER LE DITTE APPALTATRICI Ufficio Tecnico - pag. 1 di 10 NORME GENERALI DI COMPORTAMENTO PER LE DITTE APPALTATRICI (ai sensi dell ex art. 26 comma 1 e 2 del D.Lgs 81/2008 e.s.m.i.) Ufficio Tecnico - pag. 2 di 10 COMMITTENTE Appaltante/committente:

Dettagli

LA SEGNALETICA DI SICUREZZA

LA SEGNALETICA DI SICUREZZA SCHEDA TECNICA N 23 LA SEGNALETICA DI SICUREZZA Servizio Prevenzione e Protezione V IA A LBERTONI, 15-40138 BOLOGNA! 051.63.61.371-FAX 051.63.61.358 E-mail: spp@aosp.bo.it I - DESCRIZIONE LA SEGNALETICA

Dettagli

D.Lgs. 81/08. Dispositivi di Protezione Individuale DPI. Tecnico della Prevenzione Dott. Sergio Biagini

D.Lgs. 81/08. Dispositivi di Protezione Individuale DPI. Tecnico della Prevenzione Dott. Sergio Biagini Dispositivi di Protezione Individuale DPI Tecnico della Prevenzione Dott. Sergio Biagini DEFINIZIONE di DPI Per DPI si intende qualsiasi attrezzatura destinata ad essere indossata e tenuta dal lavoratore

Dettagli

Per il Comune di Faenza SETTORE SERVIZI SOCIALI ASSOCIATI DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEL RISCHIO

Per il Comune di Faenza SETTORE SERVIZI SOCIALI ASSOCIATI DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEL RISCHIO Comune di Faenza SETTORE SERVIZI SOCIALI ASSOCIATI DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEL RISCHIO INDIVIDUAZIONE DEI RISCHI SPECIFICI DEL LUOGO DI LAVORO (art. 26 comma 1 lett. b D.Lgs 81/2008) e MISURE ADOTTATE

Dettagli