IL POPOLO SAHARAWI PONTASSIEVE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "IL POPOLO SAHARAWI PONTASSIEVE"

Transcript

1 COMITATO PER L AMICIZIA CON IL POPOLO SAHARAWI PONTASSIEVE Con il patrocinio di Provincia di Firenze Pontassieve Bagno a Ripoli Dicomano Fiesole Incisa Valdarno Loda Pelago Reggello Rignano sull Arno Rufina San Godenzo Comunità di Vicchio Bussoleno (TO) COMITATO TERRITORIALE DI FIRENZE UNICOOP FIRENZE Sezione Soci VALDISIEVE

2 REGIONE TOSCANA Il Presidente Cari amici, sono contento di avere ancora una volta l occasione per esprimervi, a nome di tutti i toscani, la mia stima e la mia gratitudine per il lavoro che da anni svolgete per la causa della libertà del popolo del deserto. Anche per il 0 il Comitato per l amicizia con il popolo Saharawi di Pontassieve ha realizzato - per i genitori affidatari, per gli amici e i simpatizzanti - un bellissimo calendario che, attraverso il racconto fotografico, ci parla della vita e delle tradizioni di un popolo che da troppi anni vive una situazione ai limiti della sopravvivenza, dipendente in tutto dalla solidarietà internazionale. Il referendum per l autodeterminazione, che fino a pochi anni fa sembrava di imminente celebrazione, è ancora di là da venire, insieme al riconoscimento per un intero popolo del diritto a decidere del proprio futuro. Tutti quanti abbiamo motivo di sperare che, con l ingresso dell Italia nel Consiglio di sicurezza dell Onu, venga dedicata maggiore attenzione alla causa dei Saharawi. Anche per questo motivo è estremamente prezioso il lavoro dei comitati, delle associazioni, dei semplici cittadini che sostengono i Saharawi sia moralmente che economicamente. Oltre a fornire aiuto materiale, è importante tenere viva l attenzione sulla causa dell indipendenza, ed esercitare pressioni politiche sulle autorità che hanno la responsabilità e la competenza per fare finalmente giustizia, restituendo al popolo del deserto la terra e la libertà. Negli ultimi anni, l amicizia fra la nostra regione e il popolo Saharawi si è concretizzata in molti modi, basti pensare ai gemellaggi fra tutte le Province e 0 Comuni toscani con le Province e i villaggi del deserto; oppure alle adozioni a distanza e all accoglienza estiva di bambini Saharawi; o ancora, all invio delle carovane di solidarietà con generi alimentari e di prima necessità, fino alla costruzione di condotti per l acqua e nuovi pozzi. Ma voglio ricordare anche le ultime realizzazioni del vostro Comitato, come l attivazione del servizio postale, l adozione delle 0 cammelle per garantire il latte agli anziani, fino all invio del furgone con il materiale per le attività dell istituto per non vedenti della Provincia di Smara. Tutti progetti accomunati da una caratteristica, quella di non essere semplici azioni di beneficenza, ma iniziative per ridare ai Saharawi l autonomia perduta. Il calendario 0, dedicato alla donna Saharawi, può essere un nuovo, ed utile, metodo per diffondere sempre di più la conoscenza della questione Saharawi, oltre che per far conoscere le attività del Comitato. A quanti lo sfoglieranno, e a chi lo ha realizzato, vanno il mio saluto e il mio ringraziamento. Sono certo che ognuno di voi, come ha fatto in passato, continuerà a dare il proprio prezioso contributo perché, finalmente, i Saharawi possano riacquistare l indipendenza. Provincia di Firenze Claudio Martini REPUBBLICA SAHARAWI FRONTE POLISARIO RAPPRESENTANZA PER L ITALIA Carissimi amici con grande gioia ho accolto la notizia della dedica del calendario 0 del Comitato per l Amicizia con il Popolo Saharawi di Pontassieve alle Donne Saharawi Le Donne saharawi attualmente sono le uniche che veramente reggono egregiamente l organizzazione di base degli accampamenti di rifugiati saharawi; su di loro ricade l organizzazione politica sociale e familiare, un peso non affatto semplice dovuto al prolungamento di una attesa innaturale a cui e stato soggetto il nostro popolo. Sono 0 anni che le donne saharawi lottano per il loro diritto all autodeterminazione, e loro diritto ad una normalità per i propri figli. Il loro contributo alla pace è ammirevole: non hanno mai spinto i propri figli al martirio o alla disperata scelta della violenza. Le donne saharawi hanno sempre scelto la strada del dialogo la loro organizzazione (UNMS) è stata la prima a porgere la mano alle colleghe marocchine per avere un dialogo franco ed amichevole. Se oggi c è un momento di pace, ancorché duro perché vissuto nel mezzo di un deserto, in attesa di una soluzione pacifica, è in gran parte grazie alle donne, per non parlare delle saharawi che vivono sotto l occupazione e con grande coraggio lottano pacificamente pagando un prezzo molto alto. Queste donne hanno scelto di esistere come Nazione, sanno di dover fare i conti con 0 anni di divisioni, di guerra; la ricostruzione della nazione e della società saharawi non sarà facile ma loro sono consapevoli del compito che le aspetta. Speriamo che la Comunità internazionale dia al popolo saharawi l opportunità di costruire un stato laico nel magreb e non getti l esperienza del nostro popolo e delle nostre donne nel dimenticatoio. Grazie alla solidarietà di associazioni come il Comitato per l Amicizia con il Popolo Saharawi di Pontassieve noi Saharawi sentiamo il conforto umano che ci è indispensabile a trovare energie morali e materiali per continuare ad affrontare questo deserto che ci separa dall indipendenza. Presidenza Nazionale La vicenda del popolo Saharawi è un monito per la nostra coscienza democratica, perché, fra tanti conflitti dimenticati dai riflettori dell informazione, la situazione del Sahara occidentale è ancor più rimossa. Un caso emblematico di impotenza e indifferenza da parte della diplomazia e della politica, di vera e propria latitanza della legalità internazionale di fronte alle violazioni dei diritti dei popoli. A nulla sono valse le risoluzioni Onu che sanciscono il diritto all autodeterminazione dei Saharawi o le denunce delle violazioni dei diritti umani attuate dal regno del Marocco. Eppure 0 anni di esilio nel deserto non hanno scalfito la dignità, la resistenza e l identità culturale di un popolo straordinario, pacifico e tollerante, di grande apertura culturale, attento ai diritti umani e alla dignità di ciascuno. Una società che riserva particolare attenzione ai giovani e all istruzione, all emancipazione delle donne, che hanno un ruolo fondamentale nell organizzazione della comunità. I Saharawi rappresentano nel mondo arabo un punto di riferimento prezioso per contribuire al dialogo fra le culture in un momento in cui invece da più parti si agita lo spettro dello scontro di civiltà. In Italia è cresciuto un grande movimento popolare a sostegno del popolo Saharawi, fatto di comunità locali, associazionismo, istituzioni pubbliche. Si batte per ottenere risultati politici e dare al tempo stesso sostegno concreto alla vita delle persone. E fondamentale, perché da un lato dobbiamo sostenere il diritto negato del popolo Saharawi alla sua terra e batterci perché un giorno possa tornarvi, coinvolgendo sempre più cittadini in una campagna di mobilitazione, informazione, pressione politica. Ma contemporaneamente dobbiamo aiutare quel popolo a vivere oggi nelle difficilissime condizioni in cui è costretto. Allora i Saharawi hanno bisogno di aiuti materiali e beni di prima necessità, ma anche di opportunità di incontro, socializzazione, formazione, cultura, che sono strumenti decisivi per un popolo che deve resistere all ingiustizia e costruirsi un futuro. Il sostegno alla causa dei Saharawi e l aiuto alla popolazione dei campi profughi caratterizzano da anni l impegno del Comitato per l amicizia con il popolo Saharawi di Pontassieve. Sono anche gli obbiettivi di una diffusa mobilitazione dei circoli e delle associazioni dell Arci, attivi nell organizzazione di aiuti materiali e in progetti per la cultura e l alfabetizzazione, in particolare per i bambini, i giovani e le donne del campo. Le attività internazionali dell Arci partono infatti dal basso, dalle comunità dei nostri soci, e tengono sempre insieme impegno politico e solidarietà. Pacifismo, sostegno ai popoli in lotta per i propri diritti e aiuto concreto alle società locali possono e devono andare di pari passo. Paolo Beni Presidente nazionale Arci Fatima MahfudOOOOOOOOOOOOO (Membro della Rappresentanza per l Italia del Fronte POLISARIO) arci - Via dei Monti di Pietralata - 00 Roma tel fax. 0.0 e mail: sito internet: Via Principe Eugenio, 1 (int. ) - 00 ROMA - Tel. e Fax 0

3 GENNAIO IMPOSTA DI PUBBLICITÀ A CARICO DI CHI LO ESPONE AL PUBBLICO GENNAIO FEBBRAIO FEBBRAIO

4 MARZO IMPOSTA DI PUBBLICITÀ A CARICO DI CHI LO ESPONE AL PUBBLICO MARZO APRILE APRILE

5 MAGGIO IMPOSTA DI PUBBLICITÀ A CARICO DI CHI LO ESPONE AL PUBBLICO MAGGIO GIUGNO GIUGNO

6 LUGLIO IMPOSTA DI PUBBLICITÀ A CARICO DI CHI LO ESPONE AL PUBBLICO LUGLIO AGOSTO AGOSTO

7 SETTEMBRE IMPOSTA DI PUBBLICITÀ A CARICO DI CHI LO ESPONE AL PUBBLICO SETTEMBRE OTTOBRE OTTOBRE

8 NOVEMBRE IMPOSTA DI PUBBLICITÀ A CARICO DI CHI LO ESPONE AL PUBBLICO NOVEMBRE DICEMBRE DICEMBRE

9 CENNI SULLA STORIA DEL POPOLO SAHARAWI un popolo fiero un popolo dimenticato Legenda Territori occupati dal Marocco Territori liberati dal POLISARIO MURO (.00 Km.) Campi profughi Saharawi I confini del Sahara Occidentale sono stati tracciati dai colonizzatori europei e sanciti dal trattato di Berlino del. Questo territorio, sull Oceano Atlantico, dove vivono i Saharawi, venne occupato dagli spagnoli, mentre gli stati confinanti, Marocco, Mauritania e Algeria divennero colonie francesi. In seguito all indipendenza di molti Stati africani anche i Saharawi si organizzarono per rivendicare il loro diritto all autodeterminazione. Nel nasce il Fronte POLISARIO (Fronte Popolare di Liberazione del Saguiat al Hamra e Rio de Oro dal nome delle due regioni che compongono il Sahara Occidentale) che ha come scopo ottenere l indipendenza del Sahara Occidentale dai colonizzatori spagnoli. Negli stessi anni anche l ONU riconosce al Popolo Saharawi il diritto all autodeterminazione. La Spagna, consapevole del fatto che dovrà lasciare una delle ultime colonie rimaste nel continente africano, organizza un censimento della popolazione al fine di prepararsi alla celebrazione di un referendum. Alla morte del dittatore Franco, i colonizzatori spagnoli preferiscono ritirarsi dal Sahara Occidentale cedendolo a Marocco e Mauritania che nel frattempo si erano accordati per spartirsi le ingenti risorse del territorio (fosfati, uranio e pesce). Nel i Saharawi, invece di giungere finalmente all indipendenza, si trovano ad essere invasi da nord dal Marocco e da sud dalla Mauritania. Il sovrano Hassan II del Marocco cerca di mascherare l invasione con la cosiddetta Marcia Verde attraverso la quale di coloni marocchini varcano la frontiera e si insidiano nel Sahara Occidentale Questa marcia è accompagnata da bombardamenti alla popolazione saharawi che è costretta ad abbandonare le proprie case e fuggire verso l Algeria. Il Fronte POLISARIO organizza la resistenza e protegge la fuga delle migliaia di persone che con ogni mezzo cercano di mettersi in salvo. Nei pressi di Tindouf, in pieno deserto algerino vengono organizzati i campi profughi in immense tendopoli. I Saharawi in esilio proclamano la RASD (Repubblica Araba Saharawi Democratica) che verrà riconosciuta da più di settanta paesi di Africa, Asia e America Latina. Intanto la guerra continua. Nel la Mauritania viene sconfitta ed è costretta a ritirarsi. IL MAROCCO OCCUPA L INTERO TERRITORIO. Parallelamente allo sforzo bellico nei confronti di uno stato assai più potente, i Saharawi si adoperano anche in campo diplomatico. Un importante successo è l ammissione nel all OUA (Organizzazione dell Unità Africana) da cui il Marocco, per protesta si dissocia. Per proteggere dalle incursioni del Fronte POLISARIO i territori utili ovvero quelli più ricchi di minerali e quelli lungo la costa, re Hassan II fa costruire, in tempi successivi, muri, per un totale di.00 Km. dal sud del Marocco fino alla costa atlantica al confine della Mauritania e racchiude circa Kmq. di territorio (tutto il Sahara Occidentale ha un estensione di.000 Kmq.) I muri costruiti con sabbia e pietrame sono circondati da campi minati. La guerra è in una situazione di stallo; è ormai chiaro al Marocco che non potrà eliminare velocemente l esercito di Liberazione Saharawi come aveva pensato in un primo tempo. Anche il POLISARIO sa bene che non potrà essere questa la via per la risoluzione del conflitto. Re Hassan II ha comunque tutto l interesse ad allungare i tempi, intanto i Saharawi sono costretti a sopravvivere in immense tendopoli in mezzo al deserto in condizioni terribili. Nonostante le difficoltà i Saharawi continuano a resistere dando prova anche di un eccezionale capacità organizzativa. Le grandi tendopoli prendono i nomi delle città abbandonate nel Sahara Occidentale. Ognuna delle province (WILAYA) viene dotata di scuole, di un ospedale e di strutture in muratura per ricevere i numerosi ospiti stranieri che si susseguono per manifestare la solidarietà dei comitati sorti spontaneamente in molti stati europei. Nei campi profughi si sopravvive grazie agli aiuti internazionali poiché il deserto non permette nessun tipo di coltivazione o allevamento sufficiente al sostentamento delle centinaia di migliaia di persone. Verso la fine degli anni 0 sembra che qualcosa si muova. Nel con la risoluzione ONU / viene istituita la MINURSO (Missione delle Nazioni Unite per il Referendum del Sahara Occidentale) e stabilito un piano di pace. Il Marocco accettato l idea di un referendum che però considera solo confermativo dello status del Sahara Occidentale. Questo confidando nel fatto che in tutti questi anni avendo attuato una politica di colonizzazione massiccia ha portato la popolazione del Sahara Occidentale ad essere in prevalenza marocchina. Nel 1 Marocco e Fronte POLISARIO accettano una tregua e si fissa il referendum per il gennaio. L accordo prevede che per stabilire gli aventi diritto, il voto avrà come base il censimento effettuato dalla Spagna nel. Già dagli inizi si capisce che il re Hassan II non ha alcuna intenzione di rispettare i patti e di procedere seriamente verso la risoluzione del conflitto. Infatti nell ottobre del 1 organizza una seconda marcia verde che porta altri.000 coloni marocchini nel Sahara occidentale. Questo, insieme ad altri innumerevoli fatti, rendono evidente che si tenta ancora una volta di allungare i tempi, essendo ciò a solo svantaggio dei Saharawi. In effetti il referendum non viene celebrato e, vista anche l incapacità dell ONU di agire in maniera concreta in questo senso, si minaccia ilo ritorno alla guerra. Nel qualcosa cambia; il nuovo Segretario Generale dell ONU, Kofi Annan, nomina inviato speciale per il Sahara Occidentale James Baker, ex segretario di stato americano. Questi nel giro di pochi mesi riesce a far trovare un accordo a Marocco e Fronte POLISARIO ed il piano di pace riprende vigore. Viene stabilito un calendario che, al termine dell identificazione degli aventi diritto al voto avrebbe dovuto portare al referendum nel dicembre. Le prime fasi procedono anche più lentamente del previsto; alla fine del l identificazione è conclusa La data di dicembre non è però stata rispettata. Re Hassan II tergiversa per allontanare una consultazione che potrebbe avere enormi ripercussioni all interno del suo regime e che, nel contempo, sembra al mondo intero l unica via pacifica per consentire ai Saharawi di riappropriarsi dell agognata libertà. Il luglio del muore all età di 0 anni re Hassan II del Marocco che era al potere dal 1, gli succede al trono il figlio SIDI MOHAMMED che sembra avere una visione un po più aperta del potere, ma a tutt oggi il referendum è ancora un miraggio per il Popolo Saharawi che, nonostante tutto, continua a percorrere la strada più difficile per l indipendenza: quella della diplomazia e della non-violenza. Nel Giugno 0, dopo sette anni di mediazioni diplomatiche, James Baker, decide di lasciare l incarico dopo il fallimento della sua ultima proposta, che prevedeva che il Sahara Occidentale conservasse un regime di semiautonomia all interno del Marocco per quattro o cinque anni, nell attesa di poter organizzare un referendum. Il piano è stato accettato dal Polisario, ma rifiutato ancora una volta, dal Marocco. La vita, nei Campi Profughi di Tindouf, procede attualmente, come sempre, tra mille difficoltà, dovute sia alla completa dipendenza per la sopravvivenza dagli aiuti umanitari internazionali sia alla estrema durezza del deserto dove la temperatura in estate sale oltre i 0 all ombra I Saharawi rimasti oltre il muro nei Territori Occupati del Sahara Occidentale, vengono sottoposti alla repressione messa in atto dalle autorità di Rabat, le manifestazioni pacifiche vengono soffocate nel sangue e gli arresti, le torture ed i desaparesidos sono sempre più numerosi; così come lo sono le denunce per il mancato rispetto dei diritti umani di Amnesty International. Le autorità Marocchine hanno negato più volte il permesso ad Osservatori Europei (parlamentari e giornalisti) a recarsi nei Territori Occupati. Il Silenzio che copre, da sempre, la Causa Saharawi è indubbiamente una dei motivi che stanno condannando i Saharawi alla sofferenza ed all esilio. Ali Salem TAMEK (Presidente del Comitato di sostegno alla campagna internazionale per la protezione degli attivisti Saharawi dei diritti umani e premio Sacharov per la difesa dei diritti umani) in occasione della sua visita in Italia ha affermato: Chiedo agli italiani di aiutarci ad abbattere il muro del silenzio. Un muro che è più resistente dei mattoni che spezzano in due il nostro paese e più crudele delle torture che subiamo. Altre notizie La religione dei Saharawi è quella musulmana (sunniti). La lingua parlata è l HASSANYA, un dialetto arabo caratteristico di molte popolazioni nomadi di tutto il Maghreb, soprattutto mauritane. Le risorse del Sahara Occidentale (il territorio rivendicato dal Fronte Polisario) sono: i fosfati (maggiore riserva al mondo dopo il Marocco) il ferro, il vanadio e la pesca. i CAMPI I Campi sono strutturati in provincie (wilayas) e comuni (Dairas) e scuole residenziali. Essendo stati costituiti per ospitare rifugiati da una guerra in atto, risentono, nella dislocazione di considerazioni tattiche oltre che di disponibilità di acqua. La tendopoli più distante è situata a circa 0 Km. dal centro dei campi e le altre sono raggiungibili in un raggio di 0-0 Km. Le Wilayas e le dairas hanno i nomi delle città del Sahara Occidentale, così da far restare ancorate in qualche modo le famiglie ai loro luoghi d origine; ritroviamo, allora, le wilayas di El- Ayun (la capitale), Smara, Ausert, Dakhla. La Provincia di SMARA (nella quale il Comitato per l amicizia con il Popolo Saharawi sta effettuato le adozioni) è suddivisa in dairas: TIFARITI, EGDEIRIA, HAUZA, MAHBES, FARSIA, BIR LAHLU. I Bambini Ogni anno centinaia di bambini Saharawi vengono accolti in Italia nei mesi estivi; possono essere così sottoposti a controlli medici e, in caso di necessità, alle dovute cure. I bambini vengono da tutti chiamati: PICCOLI AMBASCIATORI DI PACE. CuriositA La bandiera Saharawi è costituita da tre strisce orizzontali (in alto una nera, al centro una bianco e una verde in basso) ed un triangolo di colore rosso con il lato maggiore verso l asta; al centro sulla striscia bianca c è la mezzaluna rossa ed una stella rossa a cinque punte. Quando i Saharawi saranno un Popolo Libero ed Indipendente nel loro territorio la Bandiera verrà capovolta: il nero sarà in basso ed il verde in alto.

10 IL POPOLO SAHARAWI un popolo fiero un popolo dimenticato Cos è il COMITATO PER L AMICIZIA CON IL POPOLO SAHARAWI DI PONTASSIEVE? Il Comitato per l Amicizia con il Popolo Saharawi di Pontassieve è costituito da un gruppo di amici che si occupano di SOLIDARIETÀ a favore del Popolo Saharawi. È nato da un nucleo di persone che si sono trovate spontaneamente a collaborare all accoglienza dei bambini Saharawi che ogni anno sono ospitati, dal Pontassieve, nel periodo estivo. Il Pontassieve è gemellato, secondo Comune in Italia, dopo Sesto Fiorentino, fin dal con il comune Saharawi di TIFARITI. I viaggi nei campi profughi di Tindouf hanno accresciuto nel corso degli anni il legame tra Pontassieve ed il territorio circostante con i Saharawi. Le periodiche visite, durante le quali erano portati solo i pochi aiuti alle famiglie dei bambini conosciuti nel periodo estivo, sono divenute più frequenti e nel Marzo del 01 il Comitato ha deciso di dare una svolta al modo di aiutare i Saharawi iniziando a promuovere progetti specifici a favore di tutta la popolazione della Provincia di Smara (prov. a cui appartiene Tifariti). Attualmente due volte l anno i volontari del Comitato si recano nei campi di Tindouf per gestire il progetto di adozioni a distanza UN SORRISO PER LA VITA ; a loro spesso si affiancano gli affidatari che per l occasione collaborano alla realizzazione del progetto ed hanno così la possibilità di incontrare il proprio bambino. Tutte le iniziative a favore del Popolo Saharawi sono il frutto dei frequenti contatti con le autorità Locali (con il Governatore della Provincia di Smara, con i Sindaci dei Comuni della Provincia, con i responsabili degli Istituti), con la gente comune incontrata nel corso delle numerose Assemblee pubbliche nei campi e con Omar Mih, il Rappresentante in Italia della RASD (Repubblica Araba Saharawi Democratica) e del Fronte Polisario (Organizzazione per la Liberazione del Sahara Occidentale). COSA FA E COSA HA FATTO IL COMITATO Il Comitato ha ideato e sta sostenendo il progetto di ADOZIONE A DISTANZA nato nel marzo del 00 denominato: UN SORRISO PER LA PACE Dalle prime adozioni si è raggiunto il traguardo di 0 bambini affidati a distanza; la maggior parte dei quali sono orfani del padre. L obiettivo del progetto è quello di portare un modesto contributo alle famiglie più bisognose, stabilire un legame diretto tra il bambino, la sua famiglia e l affidatario e non per ultimo, promuovere la conoscenza della Causa Saharawi. Il Comitato è impegnato a far si che ogni anno il numero diventi sempre più grande e sempre più affidatari rafforzino il loro legame con il Popolo Saharawi. La caratteristica principale, della quale i Volontari vanno particolarmente fieri, è che i denari relativi alle adozioni sono consegnati, direttamente da loro, nelle mani delle madri dei bambini, senza alcun intermediario. Alcune decine di affidatari nel corso delle periodiche missioni nei Campi Profughi hanno potuto visitare le tendopoli ed incontrare il bambino affidato a distanza. Un forte appoggio al progetto viene da un piccolo Comune della Val di Susa, il COMUNE DI BUSSOLENO che ormai da alcuni anni partecipa ad UN SORRISO PER LA PACE. Il Bussoleno ha stabilito di attivare adozioni a distanza di bambini Saharawi in occasione dei matrimoni civili e, in base ad un accordo con la Parrocchia locale, per i matrimoni religiosi sono attivate adozioni di bimbi in Mongolia o in Etiopia. In sostanza per ogni matrimonio celebrato in Bussoleno è prevista, automaticamente, un adozione a distanza. Se i neo sposi sono d accordo sull iniziativa ne sostengono la spesa, diversamente questa viene posta a carico dell Ente. Per maggiori informazioni in merito o aderire all iniziativa del Bussoleno è possibile inviare una a: Il Comitato, in collaborazione con il Pontassieve e con tanti amici ha realizzato inoltre il progetto UN CAMMELLO PER LA LIBEReTÀ grazie al quale sono state acquistate e quindi donate alla provincia di Smara 0 cammelle da latte. Giornalmente circa 00 anziani possono disporre di 1/ litro di latte fresco. Oggi il numero delle cammelle è più che raddoppiato e progetti simili sono stati realizzati in tutte le altre Province dei campi profughi Altra operazione, che inorgoglisce tutto il Comitato, riguarda la LIBERAZIONE DI UN PRIGIONIERO DI GUERRA MAROCCHINO, che il Comitato è riuscito ad ottenere grazie alla mediazione del Governatore di Smara e alla disponibilità del Presidente della Repubblica Saharawi MOHAMED ABDLELAZIZ al quale il Comitato si è rivolto in occasione della missione nel dicembre 0 per ottenerne la liberazioni. Nel febbraio 0 il prigioniero, ha potuto riabbracciare i propri familiari dopo anni era stato fatto prigioniero durante un azione militare, quando aveva anni ed al momento della liberazione di anni ne aveva!!! L ultimo progetto, in ordine di tempo, che il Comitato ha realizzato è stato l invio di un PULMINO FORD TRANSIT nei Campi dopo che questi, nel febbraio del 0, erano stati colpiti da una disastrosa ALLUVIONE che aveva provocato il crollo della maggior parte delle case (che sono costruite in mattoni di fango cotti al sole) L automezzo, completamente revisionato e disegnato da un giovane artista è stato riempito di materiale destinato all Istituto per non vedenti di Smara. Alla realizzazione del progetto hanno collaborato in tanti, istituzioni e privati, con piccoli e grandi contributi, hanno fatto donazioni tanti amici e sostenitori del Comitato che hanno voluto così ricordare persone care che non ci sono più, sono stati organizzati eventi e cene da Circoli e Associazioni Sportive, Assessori e Consiglieri comunali hanno devoluto il loro gettone di presenza, le scuole del Circolo Didattico di Pontassieve hanno organizzato l iniziativa Un soldino per i Saharawi che ha permesso di raccogliere una cifra importante per sostenere il progetto. Il Comitato per l Amicizia con il Popolo Saharawi di Pontassieve riesce ad aiutare e sostenere il Popolo Saharawi perché in tanti aiutano e sostengono il Comitato. Certi della collaborazione delle Istituzioni del territorio e della generosità dei cittadini i volontari del Comitato hanno allo studio altri progetti che prenderanno vita nei prossimi mesi. È utile ricordare che ogni iniziativa del Comitato viene concordata con le autorità Saharawi. PROVERBI SAHARAWI - Il coraggio è vivere per la libertà. - Prima di ogni oasi c'è un deserto da affrontare. - Chi porta il bastone rischia di essere picchiato. - Scegli bene il tuo compagno prima di intraprendere un viaggio. - Una mano sola non applaude. - Il vero fratello è colui che ti sta sempre vicino. - È cieco chi vede solo con gli occhi. - I sogni della notte sono cancellati dalla realtà del giorno. - Il peso diviso fra tutti diventa piuma. - Se è forte il leone lo è anche la leonessa. - Solo le donne riescono a far fiorire l Hammada.

11 Progetto un sorriso per la pace un popolo fiero un popolo dimenticato Il Comitato per l Amicizia con il Popolo Saharawi di Pontassieve dal mese di marzo 00 è impegnato nella realizzazione del proprio progetto denominato UN SORRISO PER LA PACE. Obiettivi: Il progetto è finalizzato ad effettuare ADOZIONI A DISTANZA di BAMBINI SAHARAWI, rifugiati con le loro famiglie nei campi profughi del deserto di TINDOUF (Sahara algerino). Mediante tali adozioni sarà possibile: - portare un modesto aiuto alle famiglie più bisognose (che potranno decidere in piena autonomia come utilizzarlo) - stabilire un legame diretto tra il bambino, la sua famiglia e l affidatario italiano - promuovere la conoscenza della Causa Saharawi Chi può aderire: Tutti possono aderire al progetto. Modalità di adesione: È possibile aderire al progetto sottoscrivendo una domanda di adesione, mediante la quale ci si impegna moralmente, per la durata minima di un anno, a versare una quota annuale di 0,00 per adozione. Modalità per i versamenti: È possibile effettuare i versamenti mediante bollettino di c/c postale o bonifico bancario: - c/c postale n. - c/c bancario n. della Banca Toscana Ag. di Fiesole ABI 00 CAB I conti sono intestati al Comitato per l Amicizia con il Popolo Saharawi di Pontassieve. Modalità di consegna della quota: Una, se possibile due volte ogni anno, i volontari del Comitato si recheranno nei campi Profughi di Tindouf per effettuare la consegna del contributo direttamente nelle mani della MADRE del bambino/a verranno consegnati un totale di,00. La differenza, ovvero 0,00 -,00 =,00 sarà utilizzata dal Comitato per le spese di gestione del progetto. Documentazione: In occasione delle missioni dei volontari saranno raccolte notizie e scattate foto al bambino ed alla madre; le foto e le notizie saranno consegnate all affidatario italiano. Identificazione dei bambini: Le autorità Saharawi identificheranno le famiglie che più necessitano di aiuti e su tale base presenteranno la lista dei bambini da adottare a distanza ai volontari del Comitato. Scambio di corrispondenza: Gli affidatari italiani, in occasione delle missioni dei volontari, potranno inviare, tramite loro, ai bambini e alle loro famiglie corrispondenza e foto ed altro. Visite ai bambini: Sarà possibile visitare i bambini e le loro famiglie; per farlo è necessario comunicare tale volontà al Comitato che provvederà ad organizzare i contatti con i rappresentanti Saharawi in Italia per le necessarie autorizzazioni e per il visto d ingresso in Algeria. Periodicamente vengono organizzati dall associazione Nazionale voli charter per i campi di Tindouf, è inoltre possibile, e gradito, aggregarsi ai volontari in occasione delle missioni. Risorse per supportare il progetto: Il progetto verrà supportato grazie alla differenza tra il contributo versato dagli affidatari (0.00 ) e la cifra consegnata nelle mani delle madri dei bambini (.00 ). Attualmente le spese del viaggio nei campi sono interamente a carico dei volontari che vi prendono parte.

12 IL POPOLO SAHARAWI un popolo fiero un popolo dimenticato COMITATO PER L AMICIZIA CON IL POPOLO SAHARAWI PONTASSIEVE Comitato per l Amicizia con il Popolo Saharawi di Pontassieve c/o Circolo 1 Maggio via Mascagni, - 00 SIECI (FI) Tel. + C/C Postale n. C/C Bancario n. - ABI 00 - CAB c/c Banca Toscana Ag. di Fiesole Codice Fiscale: 00 Il Comitato per l Amicizia con il Popolo Saharawi di Pontassieve DEDICA il CALENDARIO 0 alle DONNE SAHARAWI, a TUTTE le DONNE SAHARAWI, migliaia e migliaia di donne che insieme al loro popolo nell inverno /, sono state costrette ad abbandonare le proprie case e la propria terra: il Sahara Occidentale, cercando rifugio nell Hammada algerino e vivere, da allora, profughe, nel deserto più deserto che si possa immaginare. Le donne Saharawi hanno fatto della memoria, dell accoglienza, della trasmissione dei saperi e delle tradizioni e della tenace difesa dell identità saharawi i valori da mantenere con fierezza e con dignità anche nella loro difficilissima condizione di esuli. Nel deserto dell Hammada è iniziata la costruzione della Società Saharawi, fondata sulla partecipazione di tutti, uomini e donne, ed è anche iniziata, da parte delle donne, la conquista della propria emancipazione. Il compito avviato nel era arduo: da una parte c era e c è da garantire la sopravvivenza di un Popolo, dall altra organizzare una Nazione su base democratica, capace di non perdere la propria identità e la propria cultura e di progettare il ritorno in Patria. Mentre gli uomini, ad esclusione dei vecchi e dei bambini erano e sono occupati nella difesa militare, l organizzazione della vita civile nelle tendopoli è completamente gestita dalle donne. Le donne saharawi si occupano della famiglia, della cura dei figli e degli anziani, di fare il pane e procurarsi l acqua potabile e di tenere viva la cultura insegnando ai figli i canti e le danze della loro tradizioni; alle donne è riservato il compito di conservare e distribuire le derrate alimentari, provenienti dagli aiuti umanitari internazionali; le donne sono i medici e le infermiere negli ospedali e nei dispensari, sono le maestre nelle scuole, dove tutti i bambini e tutte le bambine studiano; le donne saharawi sono le responsabili delle radio nei campi dove leggono gli articoli che loro scrivono, accompagnano in qualità di interpreti i volontari delle organizzazioni umanitarie. Le donne saharawi hanno conquistato il diritto a partecipare alle assemblee pubbliche, hanno conquistato il diritto di voto e quello di essere votate concorrendo alla pari degli uomini a tutte le cariche politiche; sono chiamate ad assumere decisioni importanti ed farsi portavoce della causa del loro Popolo nel mondo. Lottano per il diritto alla loro terra sia nei campi profughi di Tindouf sia nel Sahara Occidentale occupato, al di la di quel muro, che chiamano muro della vergogna, eretto dal Re del Marocco, dove insieme ai loro uomini manifestano per la LIBERTÁ e per l INDIPENDENZA del Sahara Occidentale, dove, insieme ai loro uomini vengono arrestate e torturate, dove insieme ai loro uomini sognano di riunire le loro famiglie divise da troppi anni dove, insieme ai loro uomini sognano di poter crescere i loro figli e seppellire i loro morti nella loro terra, nel loro SAHARA OCCIDENTALE LIBERO ed INDIPENDENTE. Un proverbio Saharawi dice: Solo le donne riescono a far fiorire l'hammada queste donne sono le DONNE SAHARAWI. Il Comitato per l Amicizia con il Popolo Saharawi di Pontassieve ringrazia tutti coloro che collaborano e sostengono l operato del Comitato In particolare ringrazia per la realizzazione di questo calendario: - il Membro della Rappresentanza per l Italia del Fronte Polisario FATIMA MAHFUD - il Presidente della Regione Toscana CLAUDIO MARTINI - il Presidente della Provincia di Firenze MATTEO RENZI - il Presidente Nazionale dell ARCI PAOLO BENI SERGIO STAINO per la copertina i Sindaci dei Comuni di: - PONTASSIEVE - BAGNO A RIPOLI - DICOMANO - FIESOLE - INCISA VALDARNO - LONDA - PELAGO - REGGELLO - RIGNANO SULL ARNO - RUFINA - SAN GODENZO - VICCHIO Il Presidente della COMUNITÁ MONTANA della MONTAGNA FIORENTINA Un grazie particolare agli Amministratori e a tutti gli abitanti del COMUNE di BUSSOLENO (TO) Grazie ai Circoli ARCI del Comitato Territoriale di Firenze Grazie: - all Associazione Valdisieve Terra d Incontri - alla COOP sez. soci Valdisieve Il Comitato ringrazia inoltre: La tipografia STAMPA NOVA per la pazienza e la professionalità nella progettazione grafica e nella stampa del Calendario. Ringrazia naturalmente tutti coloro che collaborano alla diffusione. Un grazie anche a tutti coloro che ogni anno collaborano a vario titolo nell accoglienza dei bambini Saharawi ospitati dal Pontassieve: tutte le associazioni, i circoli delle parrocchie e delle case del popolo ed i tanti volontari che danno una mano e che regalano un sorriso ai bambini Saharawi. Foto: FIRENZEFOTO Piero Taddei Foto: Archivio Fotografico del Comitato

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini Associazione ALE G. dalla parte dei bambini Comune di OSNAGO AI BAMBINI E ALLE BAMBINE Il 20 novembre 1989 è entrata in vigore

Dettagli

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana IndICe prefazione 3 Buon compleanno!! 5 chi è cittadino italiano per la legge? 6 cosa significa diventare cittadino italiano? 7 come muoverti? 8 senza cittadinanza 9 devi sapere 11 Prefazione Cari ragazzi,

Dettagli

L UNIONE EUROPEA. L Unione europea, invece, è una grande famiglia di 27 Stati 1 europei con più di 450 milioni di abitanti

L UNIONE EUROPEA. L Unione europea, invece, è una grande famiglia di 27 Stati 1 europei con più di 450 milioni di abitanti L UNIONE EUROPEA Prima di iniziare è importante capire la differenza tra Europa e Unione europea. L Europa è uno dei cinque continenti, insieme all Africa, all America, all Asia e all Oceania. Esso si

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza italiana

18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza italiana 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza italiana Edizione giugno 2014 IndICe prefazione 3 Buon compleanno!! 5 chi è cittadino italiano per la legge? 6 perchè diventare cittadini italiani?

Dettagli

La Carta di Montecatini

La Carta di Montecatini La Carta di Montecatini Le origini e le ragioni della Carta di Montecatini La Carta di Montecatini è il frutto del lavoro del secondo Campus che si è svolto nella città termale dal 27 al 29 ottobre 2005.

Dettagli

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI UMANI. Preambolo

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI UMANI. Preambolo Il 10 dicembre 1948, l'assemblea Generale delle Nazioni Unite approvò e proclamò la Dichiarazione Universale dei Diritti Umani, il cui testo completo è stampato nelle pagine seguenti. Dopo questa solenne

Dettagli

DICHIARAZIONE RELATIVA AI PRINCIPI DI DIRITTO

DICHIARAZIONE RELATIVA AI PRINCIPI DI DIRITTO DICHIARAZIONE RELATIVA AI PRINCIPI DI DIRITTO INTERNAZIONALE, CONCERNENTI LE RELAZIONI AMICHEVOLI E LA COOPERAZIONE FRA GLI STATI, IN CONFORMITÀ CON LA CARTA DELLE NAZIONI UNITE Risoluzione dell Assemblea

Dettagli

DALL ALTRA PARTE DEL MARE

DALL ALTRA PARTE DEL MARE PIANO DI LETTURA dai 9 anni DALL ALTRA PARTE DEL MARE ERMINIA DELL ORO Illustrazioni di Giulia Sagramola Serie Arancio n 149 Pagine: 128 Codice: 566-3278-1 Anno di pubblicazione: 2013 L AUTRICE La scrittrice

Dettagli

Aiuta un bambino a crescere. Farà bene anche al bambino che c è in te.

Aiuta un bambino a crescere. Farà bene anche al bambino che c è in te. Aiuta un bambino a crescere. Farà bene anche al bambino che c è in te. Nel Sud del mondo in una situazione di povertá e di emarginazione a molti bambini sono negati i diritti fondamentali alla vita, alla

Dettagli

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI DELL'UOMO DEL 1948

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI DELL'UOMO DEL 1948 DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI DELL'UOMO DEL 1948 PREAMBOLO Considerato che il riconoscimento della dignità inerente a tutti i membri della famiglia umana, e dei loro diritti, uguali ed inalienabili,

Dettagli

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di alcol L alcolismo è una malattia che colpisce anche il contesto famigliare

Dettagli

Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto

Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto Ci sono momenti nella storia in cui i popoli sono chiamati a compiere scelte decisive. Per noi europei, l inizio del XXI secolo rappresenta uno di

Dettagli

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento.

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento. DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento Anno 2014 (B) E nato per tutti; è nato per avvolgere il mondo in un abbraccio

Dettagli

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di 1 Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di N. e N. 2 Celebrare un anniversario non significa rievocare in modo nostalgico una avvenimento del passato, ma celebrare nella lode e nel rendimento

Dettagli

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO PRINCIPI FONDANTI 1. Volontario è la persona che, adempiuti i doveri di ogni cittadino, mette a disposizione il proprio tempo e le proprie capacità per gli altri, per

Dettagli

Per ulteriori informazioni visita il nostro Sito Web: www.a-light-against-human-trafficking.info

Per ulteriori informazioni visita il nostro Sito Web: www.a-light-against-human-trafficking.info Per ulteriori informazioni visita il nostro Sito Web: www.a-light-against-human-trafficking.info Ogni essere umano uomo, donna, bambino, bambina è immagine di Dio; quindi ogni essere umano è una persona

Dettagli

El valor de ser padre y de ser madre -----

El valor de ser padre y de ser madre ----- El valor de ser padre y de ser madre ----- San Luis, 27 de Octubre 2012 Vengo da un continente dove esiste una vera crisi della paternità. La figura del padre non è molto precisa, la sua autorità naturale

Dettagli

TERZO SETTORE TERZO SETTORE O SETTORE NON PROFIT

TERZO SETTORE TERZO SETTORE O SETTORE NON PROFIT TERZO SETTORE TERZO SETTORE O SETTORE NON PROFIT E quell insieme di organizzazioni che producono beni/servizi e gestiscono attività fuori dal mercato o, se operano nel mercato, agiscono con finalità non

Dettagli

Viaggiare all estero in emodialisi con noi si può!

Viaggiare all estero in emodialisi con noi si può! Pag. 1/3 Viaggiare all estero in emodialisi con noi si può! (Articolo tratto da ALCER n 153 edizione 2010) Conoscere posti nuovi, nuove culture e relazionarsi con persone di altri paesi, di altre città

Dettagli

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI (Gv 3, 17b) Ufficio Liturgico Diocesano proposta di Celebrazione Penitenziale comunitaria nel tempo della Quaresima 12 1 2 11 nella lode perenne del tuo nome

Dettagli

7ª tappa È il Signore che apre i cuori

7ª tappa È il Signore che apre i cuori Centro Missionario Diocesano Como 7 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Aprile 2009 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 7ª tappa È il Signore che apre

Dettagli

MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE. (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it)

MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE. (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it) MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it) Oggetto:Richiesta di ammissione alla Consulta delle Organizzazioni che operano nel settore delle

Dettagli

LA STORIA DEL VECCHIO F di Patrizia Toia

LA STORIA DEL VECCHIO F di Patrizia Toia Patrizia Toia Patrizia Toia (born on 17 March 1950 in Pogliano Milanese) is an Italian politician and Member of the European Parliament for North-West with the Margherita Party, part of the Alliance of

Dettagli

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO 1. Il bambino sviluppa il senso dell identità personale, è consapevole delle proprie esigenze e dei propri sentimenti, sa controllarli ed esprimerli in modo adeguato

Dettagli

Preambolo. (La Sotto-Commissione*,)

Preambolo. (La Sotto-Commissione*,) Norme sulle Responsabilità delle Compagnie Transnazionali ed Altre Imprese Riguardo ai Diritti Umani, Doc. Nazioni Unite E/CN.4/Sub.2/2003/12/Rev. 2 (2003).* Preambolo (La Sotto-Commissione*,) Tenendo

Dettagli

I Militari possono far politica?

I Militari possono far politica? I Militari possono far politica? Il personale in servizio attivo delle Forze Armate (Esercito, Marina, Aeronautica, Arma dei Carabinieri e Guardia di Finanza) può fare politica? Siccome ci sono tanti mestatori,

Dettagli

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA 2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA Discorso del Prefetto Angelo Tranfaglia Piazza Maggiore Bologna, 2 giugno 2013 Autorità, cittadini tutti di Bologna e della sua provincia, un cordiale saluto a tutti.

Dettagli

ECONOMIA E SOCIETÀ NEL MONDO ROMANO-GERMANICO

ECONOMIA E SOCIETÀ NEL MONDO ROMANO-GERMANICO 1 2. Economia e società nel mondo romano-germanico. ECONOMIA E SOCIETÀ NEL MONDO ROMANO-GERMANICO mondo romano germanico mondo bizantino mondo arabo Cartina 1 UN MONDO CON MOLTI BOSCHI, POCHI UOMINI E

Dettagli

Concorso "La Fiorentina che vorrei". Chiara Portone (2^D) partecipa con questo bellissimo testo.

Concorso La Fiorentina che vorrei. Chiara Portone (2^D) partecipa con questo bellissimo testo. Concorso "La Fiorentina che vorrei". Chiara Portone (2^D) partecipa con questo bellissimo testo. Mi chiamo Chiara abito a Sesto Fiorentino e per iniziare voglio fare una premessa. Io di calcio ci capisco

Dettagli

Senato della Repubblica. Costituzione

Senato della Repubblica. Costituzione Senato della Repubblica Incontro con la Costituzione giugno 2010 A cura dell'ufficio comunicazione istituzionale del Senato della Repubblica La presente pubblicazione è edita dal Senato della Repubblica.

Dettagli

Flame of Hope maggio 2015

Flame of Hope maggio 2015 Flame of Hope maggio 2015 Cari amici, Quand è che si apprezza maggiormente la vita e si è consapevoli di essere vivi e ne siamo grati? Quando quel dono prezioso è minacciato e poi si apprezza la vita il

Dettagli

La Famiglia La maggior parte delle Istituzioni religiose e politiche basa la struttura sociale dell Uomo sul Semplice racchiuso nel concetto di

La Famiglia La maggior parte delle Istituzioni religiose e politiche basa la struttura sociale dell Uomo sul Semplice racchiuso nel concetto di La Famiglia La maggior parte delle Istituzioni religiose e politiche basa la struttura sociale dell Uomo sul Semplice racchiuso nel concetto di famiglia, e stabilisce condizioni proprie per assegnare questa

Dettagli

Lo scopo dell IFAD. Dove lavoriamo 1. Come lavoriamo

Lo scopo dell IFAD. Dove lavoriamo 1. Come lavoriamo L IFAD in breve Lo scopo dell IFAD La finalità del Fondo Internazionale per lo Sviluppo Agricolo (IFAD) è mettere le popolazioni rurali povere in condizione di raggiungere una maggiore sicurezza alimentare,

Dettagli

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco Sul far della sera la famiglia si riunisce in casa per la preghiera. Ove fosse possibile si suggerisce di

Dettagli

INFORM-AC FESTA DELLA PACE 2015

INFORM-AC FESTA DELLA PACE 2015 INFORM-AC FESTA DELLA PACE 2015 Il mese di gennaio da sempre rappresenta il cuore dell Iniziativa di Carità nel percorso formativo dell Acr, una traduzione concreta - a misura dei bambini e ragazzi attraverso

Dettagli

Progetto: Dai colore ai tuoi sogni

Progetto: Dai colore ai tuoi sogni Progetto: Dai colore ai tuoi sogni Un po di storia Il seme dell affido è germogliato in casa Tagliapietra nel lontano 1984 su un esigenza di affido consensuale in ambito parrocchiale. Questo seme ha cominciato

Dettagli

Convenzione sulla protezione e la promozione della diversità delle espressioni culturali

Convenzione sulla protezione e la promozione della diversità delle espressioni culturali Traduzione 1 Convenzione sulla protezione e la promozione della diversità delle espressioni culturali Conclusa a Parigi il 20 ottobre 2005 La Conferenza generale dell Organizzazione delle Nazioni Unite

Dettagli

INSIEME SI PUÒ. per una solidarietà più viva

INSIEME SI PUÒ. per una solidarietà più viva INSIEME SI PUÒ per una solidarietà più viva 1 9 9 3-2 0 1 3 Insieme Si Può 1993/2013 Insieme Si Può L Associazione ha lo scopo di sviluppare, favorire ed incentivare l adozione a distanza di bambini bisognosi,

Dettagli

Liceo Don Lorenzo Milani Romano di Lombardia

Liceo Don Lorenzo Milani Romano di Lombardia Lo Stato Cos è lo Stato Definizione ed elementi Organizzazione politica Lo Stato è un ente, un organizzazione che si forma quando un popolo che vive entro un territorio determinato, si sottopone all autorità

Dettagli

ISBN-88-89285-12-5 978-88-89285-12-1

ISBN-88-89285-12-5 978-88-89285-12-1 ISBN-88-89285-12-5 978-88-89285-12-1 Comitato Italiano per l UNICEF Onlus Direzione Attivita` culturali e Comunicazione Via Palestro, 68-00185 Roma tel. 06478091 - fax 0647809270 scuola@unicef.it pubblicazioni@unicef.it

Dettagli

Tra reale e ideale: come gestire e far crescere un organizzazione non profit.

Tra reale e ideale: come gestire e far crescere un organizzazione non profit. Tra reale e ideale: come gestire e far crescere un organizzazione non profit. NID Non profit Innovation Day Università Bocconi Milano, 12 novembre 2014 18/11/2014 1 Mi presento, da dove vengo? E perché

Dettagli

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore.

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore. Commozione Si commuove il corpo. A sorpresa, prima che l opportunità, la ragionevolezza, la buona educazione, la paura, la fretta, il decoro, la dignità, l egoismo possano alzare il muro. Si commuove a

Dettagli

Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo

Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo Il primo maggio 2015 si inaugura a Milano l EXPO, un contenitore di tematiche grandi come l universo: "Nutrire il pianeta. Energia per la vita. Una

Dettagli

Area tematica: Educazione, cultura, ricerca, formazione per uno sviluppo locale qualificato, competitivo e attrattivo

Area tematica: Educazione, cultura, ricerca, formazione per uno sviluppo locale qualificato, competitivo e attrattivo Area tematica: Educazione, cultura, ricerca, formazione per uno sviluppo locale qualificato, competitivo e attrattivo o Mobilitare la società locale per garantire la qualità dell istruzione Obiettivi Linee

Dettagli

ADOZIONE DA PARTE DI COPPIE OMOSESSUALI

ADOZIONE DA PARTE DI COPPIE OMOSESSUALI ADOZIONE DA PARTE DI COPPIE OMOSESSUALI L argomento che tratterò è molto discusso in tutto il mondo. Per introdurlo meglio inizio a darvi alcune informazioni sul matrimonio omosessuale, il quale ha sempre

Dettagli

a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Forza Italia - Il Popolo della Libertà - Berlusconi Presidente 22 aprile 2015

a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Forza Italia - Il Popolo della Libertà - Berlusconi Presidente 22 aprile 2015 a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Forza Italia - Il Popolo della Libertà - Berlusconi Presidente 917 RISOLUZIONE GRUPPO FORZA ITALIA Risoluzione presentata dal Gruppo Forza Italia

Dettagli

(adottata dal Comitato dei Ministri l 11 maggio 2010 alla sua 120 Sessione)

(adottata dal Comitato dei Ministri l 11 maggio 2010 alla sua 120 Sessione) Raccomandazione CM/Rec(2010)7 del Comitato dei Ministri agli stati membri sulla Carta del Consiglio d Europa sull educazione per la cittadinanza democratica e l educazione ai diritti umani * (adottata

Dettagli

5ª tappa L annuncio ai Giudei

5ª tappa L annuncio ai Giudei Centro Missionario Diocesano Como 5 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Febbraio 09 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 5ª tappa L annuncio ai Giudei Pagina

Dettagli

33. Dora perdona il suo pessimo padre

33. Dora perdona il suo pessimo padre 33. Dora perdona il suo pessimo padre Central do Brasil (1998) di Walter Salles Il film racconta la storia di una donna cinica e spietata che grazie all affetto di un bambino ritrova la capacità di amare

Dettagli

La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio

La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio CREDO IN GESÙ CRISTO, IL FIGLIO UNIGENITO DI DIO La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio Incominciamo a sfogliare il Catechismo della Chiesa Cattolica. Ce ne sono tante edizioni. Tra le mani abbiamo

Dettagli

Un'altra difesa è possibile

Un'altra difesa è possibile Un'altra difesa è possibile Campagna per il disarmo e la difesa civile. Se vuoi la PACE prepara la PACE... fiscale in sede di dichiarazione dei redditi. Obiettivo L obiettivo è quello della costituzione

Dettagli

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio Croce Rossa Italiana Campagna Soci Ordinari CAMPAGNA SOCI ORDINARI Pagina 1 di 12 SOMMARIO 1. Premessa... 3 2. Quali sono gli obiettivi della Campagna Soci Ordinari... 4 3. Cosa vuol dire essere Soci Ordinari

Dettagli

La bolla finanziaria del cibo Emanuela Citterio: Non demonizziamo i mercati finanziari, chiediamo solo una regolamentazione

La bolla finanziaria del cibo Emanuela Citterio: Non demonizziamo i mercati finanziari, chiediamo solo una regolamentazione Economia > News > Italia - mercoledì 16 aprile 2014, 12:00 www.lindro.it Sulla fame non si spreca La bolla finanziaria del cibo Emanuela Citterio: Non demonizziamo i mercati finanziari, chiediamo solo

Dettagli

Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di gioco d azzardo patologico Testo redatto sulla

Dettagli

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE?

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? Storia narrata da Teresa Carbé Da oltre 10 anni, con mio marito e i miei figli, abbiamo deciso di aprirci all affidamento familiare, e ciò ci ha permesso di

Dettagli

COSTRUIRE CITTÀ AMICHE DELLE BAMBINE E DEI BAMBINI Nove passi per l azione

COSTRUIRE CITTÀ AMICHE DELLE BAMBINE E DEI BAMBINI Nove passi per l azione UNICEF Centro di Ricerca Innocenti COSTRUIRE CITTÀ AMICHE DELLE BAMBINE E DEI BAMBINI Nove passi per l azione Per ogni bambino Salute, Scuola, Uguaglianza, Protezione Firenze, 15 marzo 2004 UNICEF Centro

Dettagli

LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE

LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE Volume VIII manuali campi volontariato Il fare e il dire di Legambiente nei campi Dal 1991 ad oggi sono stati oltre 3.000 i campi di volontariato che Legambiente

Dettagli

LO STANDARD SA8000 ALPHAITALIA GENERALITA. S.p.A.

LO STANDARD SA8000 ALPHAITALIA GENERALITA. S.p.A. GENERALITA ALPHAITALIA Spa ha deciso di adottare, integrare nel proprio sistema di gestione (insieme agli aspetti dell assicurazione qualità, della gestione ambientale e della sicurezza sul luogo di lavoro)

Dettagli

LO STATO E GLI ALTRI ORDINAMENTI. L ORDINAMENTO INTERNAZIONALE

LO STATO E GLI ALTRI ORDINAMENTI. L ORDINAMENTO INTERNAZIONALE LO STATO E GLI ALTRI ORDINAMENTI. L ORDINAMENTO INTERNAZIONALE L ordinamento giuridico internazionale Diritto internazionale generale e diritto internazionale particolare L adattamento del diritto interno

Dettagli

approfondimento e informazione CHI È LA PERSONA SENZA DIMORA OGGI i clochard esistono ancora? Fondazione Comunità Solidale

approfondimento e informazione CHI È LA PERSONA SENZA DIMORA OGGI i clochard esistono ancora? Fondazione Comunità Solidale Fondazione Comunità Solidale approfondimento e informazione CHI È LA PERSONA SENZA DIMORA OGGI i clochard esistono ancora? chi è la persona senza dimora povertà assoluta e povertà relativa Di cosa parleremo:

Dettagli

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Preambolo La Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale è il documento che definisce i valori e i princìpi condivisi da tutte le organizzazioni

Dettagli

IL TESTAMENTO: COME E PERCHÉ FARLO?

IL TESTAMENTO: COME E PERCHÉ FARLO? IL TESTAMENTO: COME E PERCHÉ FARLO? La maggior parte di noi non si pone neppure la domanda. In Italia, quella di fare testamento è una pratica poco utilizzata. Spesso ci rifiutiamo per paura, per incertezza

Dettagli

Titoli di soggiorno che consentono l esercizio di attività lavorativa

Titoli di soggiorno che consentono l esercizio di attività lavorativa Titoli di soggiorno che consentono l esercizio di attività lavorativa Per poter lavorare in Italia il cittadino straniero non comunitario deve essere in possesso del permesso di soggiorno rilasciato per

Dettagli

Luigino Bruni Milano-Bicocca e Sophia (Firenze) Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio.

Luigino Bruni Milano-Bicocca e Sophia (Firenze) Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio. Luigino Bruni Milano-Bicocca e Sophia (Firenze) Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio. Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio, recita un noto proverbio africano. Perché la famiglia

Dettagli

Le regole essenziali per raccogliere le firme per i referendum

Le regole essenziali per raccogliere le firme per i referendum Le regole essenziali per raccogliere le firme per i referendum La prima operazione da fare, una volta ricevuti i moduli per la raccolta, è quella della Vidimazione. La vidimazione. Viene effettuata dal

Dettagli

Dalla lettura di una poesia del libro di testo. Un ponte tra i cuori

Dalla lettura di una poesia del libro di testo. Un ponte tra i cuori 1 Dalla lettura di una poesia del libro di testo Un ponte tra i cuori Manca un ponte tra i cuori, fra i cuori degli uomini lontani, fra i cuori vicini, fra i cuori delle genti, che vivono sui monti e sui

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

all'italia serve una buona scuola,

all'italia serve una buona scuola, all'italia serve una buona scuola, che sviluppi nei ragazzi la curiosità per il mondo e il pensiero critico. Che stimoli la loro creatività e li incoraggi a fare cose con le proprie mani nell era digitale.

Dettagli

IDEE DI RESISTENZA. Il progetto, nato per ricordare il 70 anno dalla Liberazione, parte da due considerazioni propedeutiche:

IDEE DI RESISTENZA. Il progetto, nato per ricordare il 70 anno dalla Liberazione, parte da due considerazioni propedeutiche: PREMESSA Insignita della Medaglia d Argento al Valor Militare della Resistenza, Pistoia, al pari di altre città toscane, è stata teatro di avvenimenti tragici, la maggior parte dei quali intercorsi tra

Dettagli

STATUTO ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE

STATUTO ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE STATUTO L Associazione denominata CORILA - Consorzio per il coordinamento delle ricerche inerenti al sistema lagunare di Venezia, è costituita ai sensi degli artt. 14

Dettagli

Un pipistrello per amico Istituto di Istruzione Superiore "A. Cecchi. (Villa Caprile) Pesaro 15 Ottobre 2010 storia e risultati di un progetto nazionale di divulgazione e di ricerca Paolo AGNELLI Giacomo

Dettagli

PARMA PER GLI ALTRI ONG

PARMA PER GLI ALTRI ONG PARMA PER GLI ALTRI ONG «Il bisogno degli Altri, del prossimo che non può attendere il futuro per concretizzarsi. Quando? Ora, ma a piccoli passi : la goccia che riempie i mari, che cade in continuazione,

Dettagli

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013 Farra, 24 febbraio 2013 informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara dare alcune indicazioni pratiche suggerire alcuni percorsi Quali sono le reazioni

Dettagli

Corte Europea dei Diritti dell Uomo. Domande e Risposte

Corte Europea dei Diritti dell Uomo. Domande e Risposte Corte Europea dei Diritti dell Uomo Domande e Risposte Domande e Risposte COS È LA CORTE EUROPEA DEI DIRITTI DELL UOMO? Queste domande e le relative risposte sono state preparate dalla cancelleria e non

Dettagli

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE AzioneCattolicaItaliana ACR dell ArcidiocesidiBologna duegiornidispiritualitàinavvento CONMARIA PREPARIAMOCIADACCOGLIEREILSIGNORE Tutta l Azione Cattolica ha come tema dell anno l accoglienza. Anche la

Dettagli

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE FAMIGLIA IN COMPAGNIA (allegato n. 2) PREMESSA Il Progetto FAMIGLIA IN COMPAGNIA mette al

Dettagli

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa 2007 Scrivere.info Tutti i diritti di riproduzione, con qualsiasi mezzo, sono riservati. In copertina: Yacht

Dettagli

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo L utopia dell educazione L educazione è un mezzo prezioso e indispensabile che

Dettagli

====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ======================================================

====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ====================================================== -------------------------------------------------- LA LITURGIA DEL GIORNO www.lachiesa.it/liturgia ====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ======================================================

Dettagli

L ALFABETO DELLA LEGALITA

L ALFABETO DELLA LEGALITA L alfabeto, che sta alla base dell acquisizione di ogni lingua, diventa, in questo nostro giornalino, il punto di partenza per la conoscenza di quei valori fondamentali che è indispensabile interiorizzare

Dettagli

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale Protocollo N. del. Deliberazione N. del ASSESSORATO SERVIZI SOCIALI Proposta N. 66 del 24/03/2015 SERVIZIO SERVIZI SOCIALI Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Dettagli

Fin dove andrà il clonaggio?

Fin dove andrà il clonaggio? Fin dove andrà il clonaggio? Mark Post, il padrone della sezione di fisiologia dell Università di Maastricht, nei Paesi Bassi, ha dichiarato durante una conferenza tenuta a Vancouver, in Canada, che aveva

Dettagli

LA DECOLONIZZAZIONE. Nel 1947 l India diventa indipendente

LA DECOLONIZZAZIONE. Nel 1947 l India diventa indipendente LA DECOLONIZZAZIONE Nel 1939 quasi 4.000.000 km quadrati di terre e 710 milioni di persone (meno di un terzo del totale) erano sottoposti al dominio coloniale di una potenza europea. Nel 1941, in piena

Dettagli

Il Sindaco presenta la sua Giunta

Il Sindaco presenta la sua Giunta Comunicato stampa Il Sindaco presenta la sua Giunta Il primo cittadino ha svelato i nomi e le deleghe degli assessori che comporranno la Giunta. «Scelte condivise ha commentato Checchi, adottate sulla

Dettagli

IL SENSO DELLA CARITATIVA

IL SENSO DELLA CARITATIVA IL SENSO DELLA CARITATIVA SCOPO I Innanzitutto la natura nostra ci dà l'esigenza di interessarci degli altri. Quando c'è qualcosa di bello in noi, noi ci sentiamo spinti a comunicarlo agli altri. Quando

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri Commissione per le Adozioni Internazionali

Presidenza del Consiglio dei Ministri Commissione per le Adozioni Internazionali Allegato A Legenda Elenco degli enti autorizzati per paese straniero: L asterisco (*) sta ad indicare l obbligo di accreditamento nel Paese straniero secondo una specifica procedura. In questo caso e stato

Dettagli

Migrazioni dall Africa: scenari per il futuro Alessio Menonna

Migrazioni dall Africa: scenari per il futuro Alessio Menonna Migrazioni dall Africa: scenari per il futuro Alessio Menonna Il modello Attraverso un modello che valorizza un insieme di dati relativi ai tassi di attività e alla popolazione prevista nel prossimo ventennio

Dettagli

ATTO COSTITUTIVO DI ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA. L anno 2014 il giorno 11 del mese di FEBBRAIO in Bari (BA) Torre a mare alla Via

ATTO COSTITUTIVO DI ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA. L anno 2014 il giorno 11 del mese di FEBBRAIO in Bari (BA) Torre a mare alla Via 1 ATTO COSTITUTIVO DI ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA L anno 2014 il giorno 11 del mese di FEBBRAIO in Bari (BA) Torre a mare alla Via Pitagora n. 7 alle ore 20,00 si sono riuniti i Sigg.: - Iacobellis

Dettagli

La popolazione in età da 3 a 5 anni residente nel comune di Bologna. Giugno 2015

La popolazione in età da 3 a 5 anni residente nel comune di Bologna. Giugno 2015 La popolazione in età da 3 a 5 anni residente nel comune di Bologna Giugno 2015 La presente nota è stata realizzata da un gruppo di lavoro dell Area Programmazione, Controlli e Statistica coordinato dal

Dettagli

NEL 1600. Ma la prima metà del '600 fu dominata dalla guerra dei Trent'anni. combattuta dal 1618 al 1648

NEL 1600. Ma la prima metà del '600 fu dominata dalla guerra dei Trent'anni. combattuta dal 1618 al 1648 NEL 1600 1. c'erano Stati che avevano perso importanza = SPAGNA ITALIA- GERMANIA 2. altri che stavano acquisendo importanza = OLANDA INGHILTERRA FRANCIA Ma la prima metà del '600 fu dominata dalla guerra

Dettagli

STATUTO DELL'ASSOCIAZIONE Amici della Pedagogia Waldorf Emil Molt. Art. 1 (Costituzione, denominazione e sede)

STATUTO DELL'ASSOCIAZIONE Amici della Pedagogia Waldorf Emil Molt. Art. 1 (Costituzione, denominazione e sede) STATUTO DELL'ASSOCIAZIONE Amici della Pedagogia Waldorf Emil Molt Art. 1 (Costituzione, denominazione e sede) 1) E costituita, nel rispetto del Codice Civile, della Legge 383/2000 e della normativa in

Dettagli

Andiamo più a fondo nella conoscenza del Sistema Solare

Andiamo più a fondo nella conoscenza del Sistema Solare Andiamo più a fondo nella conoscenza del Sistema Solare Come abbiamo visto nelle pagine precedenti il Sistema Solare è un insieme di molti corpi celesti, diversi fra loro. La sua forma complessiva è quella

Dettagli

Convenzione per la protezione dei diritti dell uomo e la dignità dell essere umano riguardo alle applicazioni della biologia e della medicina

Convenzione per la protezione dei diritti dell uomo e la dignità dell essere umano riguardo alle applicazioni della biologia e della medicina Traduzione 1 Convenzione per la protezione dei diritti dell uomo e la dignità dell essere umano riguardo alle applicazioni della biologia e della medicina (Convenzione sui diritti dell uomo e la biomedicina)

Dettagli

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO Premessa L estate per i bambini è il tempo delle vacanze, il momento in cui è possibile esprimersi liberamente, lontano dalle scadenze, dagli impegni, dai compiti, dalle

Dettagli

SETTE BUONE RAGIONI PER COSTRUIRE UN EUROPA PER E CON I BAMBINI

SETTE BUONE RAGIONI PER COSTRUIRE UN EUROPA PER E CON I BAMBINI SETTE BUONE RAGIONI PER COSTRUIRE UN EUROPA PER E CON I BAMBINI 1. I bambini non sono mini persone, con mini diritti I bambini godono di diritti. La Convenzione delle Nazioni Unite sui diritti dell infanzia

Dettagli

La Fame: una sfida da affrontare

La Fame: una sfida da affrontare La Fame: una sfida da affrontare La fame nascosta La fame è tra le minacce più grandi dell'umanità. Colpisce oltre 850 milioni di persone in tutto il mondo. Ciononostante, quante volte i giornali pubblicano

Dettagli

MEGLIO COSÌ: TRE EVENTI PER CELEBRARE CIÒ CHE CI UNISCE

MEGLIO COSÌ: TRE EVENTI PER CELEBRARE CIÒ CHE CI UNISCE 66 Bologna, 11 febbraio 2015 MEGLIO COSÌ: TRE EVENTI PER CELEBRARE CIÒ CHE CI UNISCE Per dare feste non serve sempre un motivo. Ma quelle di Meglio Così, il ciclo di eventi che si terrà a Bologna tra febbraio

Dettagli

Porto di mare senz'acqua

Porto di mare senz'acqua Settembre 2014 Porto di mare senz'acqua Nella comunità di Piquiá passa un onda di ospiti lunga alcuni mesi Qualcuno se ne è già andato. Altri restano a tempo indeterminato D a qualche tempo a questa parte,

Dettagli

Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar. Classe IV. Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia

Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar. Classe IV. Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia Scuola Primaria Istituto Casa San Giuseppe Suore Vocazioniste Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar Classe IV Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia È il 19 febbraio 2011

Dettagli