IL POPOLO SAHARAWI PONTASSIEVE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "IL POPOLO SAHARAWI PONTASSIEVE"

Transcript

1 COMITATO PER L AMICIZIA CON IL POPOLO SAHARAWI PONTASSIEVE Con il patrocinio di Provincia di Firenze Pontassieve Bagno a Ripoli Dicomano Fiesole Incisa Valdarno Loda Pelago Reggello Rignano sull Arno Rufina San Godenzo Comunità di Vicchio Bussoleno (TO) COMITATO TERRITORIALE DI FIRENZE UNICOOP FIRENZE Sezione Soci VALDISIEVE

2 REGIONE TOSCANA Il Presidente Cari amici, sono contento di avere ancora una volta l occasione per esprimervi, a nome di tutti i toscani, la mia stima e la mia gratitudine per il lavoro che da anni svolgete per la causa della libertà del popolo del deserto. Anche per il 0 il Comitato per l amicizia con il popolo Saharawi di Pontassieve ha realizzato - per i genitori affidatari, per gli amici e i simpatizzanti - un bellissimo calendario che, attraverso il racconto fotografico, ci parla della vita e delle tradizioni di un popolo che da troppi anni vive una situazione ai limiti della sopravvivenza, dipendente in tutto dalla solidarietà internazionale. Il referendum per l autodeterminazione, che fino a pochi anni fa sembrava di imminente celebrazione, è ancora di là da venire, insieme al riconoscimento per un intero popolo del diritto a decidere del proprio futuro. Tutti quanti abbiamo motivo di sperare che, con l ingresso dell Italia nel Consiglio di sicurezza dell Onu, venga dedicata maggiore attenzione alla causa dei Saharawi. Anche per questo motivo è estremamente prezioso il lavoro dei comitati, delle associazioni, dei semplici cittadini che sostengono i Saharawi sia moralmente che economicamente. Oltre a fornire aiuto materiale, è importante tenere viva l attenzione sulla causa dell indipendenza, ed esercitare pressioni politiche sulle autorità che hanno la responsabilità e la competenza per fare finalmente giustizia, restituendo al popolo del deserto la terra e la libertà. Negli ultimi anni, l amicizia fra la nostra regione e il popolo Saharawi si è concretizzata in molti modi, basti pensare ai gemellaggi fra tutte le Province e 0 Comuni toscani con le Province e i villaggi del deserto; oppure alle adozioni a distanza e all accoglienza estiva di bambini Saharawi; o ancora, all invio delle carovane di solidarietà con generi alimentari e di prima necessità, fino alla costruzione di condotti per l acqua e nuovi pozzi. Ma voglio ricordare anche le ultime realizzazioni del vostro Comitato, come l attivazione del servizio postale, l adozione delle 0 cammelle per garantire il latte agli anziani, fino all invio del furgone con il materiale per le attività dell istituto per non vedenti della Provincia di Smara. Tutti progetti accomunati da una caratteristica, quella di non essere semplici azioni di beneficenza, ma iniziative per ridare ai Saharawi l autonomia perduta. Il calendario 0, dedicato alla donna Saharawi, può essere un nuovo, ed utile, metodo per diffondere sempre di più la conoscenza della questione Saharawi, oltre che per far conoscere le attività del Comitato. A quanti lo sfoglieranno, e a chi lo ha realizzato, vanno il mio saluto e il mio ringraziamento. Sono certo che ognuno di voi, come ha fatto in passato, continuerà a dare il proprio prezioso contributo perché, finalmente, i Saharawi possano riacquistare l indipendenza. Provincia di Firenze Claudio Martini REPUBBLICA SAHARAWI FRONTE POLISARIO RAPPRESENTANZA PER L ITALIA Carissimi amici con grande gioia ho accolto la notizia della dedica del calendario 0 del Comitato per l Amicizia con il Popolo Saharawi di Pontassieve alle Donne Saharawi Le Donne saharawi attualmente sono le uniche che veramente reggono egregiamente l organizzazione di base degli accampamenti di rifugiati saharawi; su di loro ricade l organizzazione politica sociale e familiare, un peso non affatto semplice dovuto al prolungamento di una attesa innaturale a cui e stato soggetto il nostro popolo. Sono 0 anni che le donne saharawi lottano per il loro diritto all autodeterminazione, e loro diritto ad una normalità per i propri figli. Il loro contributo alla pace è ammirevole: non hanno mai spinto i propri figli al martirio o alla disperata scelta della violenza. Le donne saharawi hanno sempre scelto la strada del dialogo la loro organizzazione (UNMS) è stata la prima a porgere la mano alle colleghe marocchine per avere un dialogo franco ed amichevole. Se oggi c è un momento di pace, ancorché duro perché vissuto nel mezzo di un deserto, in attesa di una soluzione pacifica, è in gran parte grazie alle donne, per non parlare delle saharawi che vivono sotto l occupazione e con grande coraggio lottano pacificamente pagando un prezzo molto alto. Queste donne hanno scelto di esistere come Nazione, sanno di dover fare i conti con 0 anni di divisioni, di guerra; la ricostruzione della nazione e della società saharawi non sarà facile ma loro sono consapevoli del compito che le aspetta. Speriamo che la Comunità internazionale dia al popolo saharawi l opportunità di costruire un stato laico nel magreb e non getti l esperienza del nostro popolo e delle nostre donne nel dimenticatoio. Grazie alla solidarietà di associazioni come il Comitato per l Amicizia con il Popolo Saharawi di Pontassieve noi Saharawi sentiamo il conforto umano che ci è indispensabile a trovare energie morali e materiali per continuare ad affrontare questo deserto che ci separa dall indipendenza. Presidenza Nazionale La vicenda del popolo Saharawi è un monito per la nostra coscienza democratica, perché, fra tanti conflitti dimenticati dai riflettori dell informazione, la situazione del Sahara occidentale è ancor più rimossa. Un caso emblematico di impotenza e indifferenza da parte della diplomazia e della politica, di vera e propria latitanza della legalità internazionale di fronte alle violazioni dei diritti dei popoli. A nulla sono valse le risoluzioni Onu che sanciscono il diritto all autodeterminazione dei Saharawi o le denunce delle violazioni dei diritti umani attuate dal regno del Marocco. Eppure 0 anni di esilio nel deserto non hanno scalfito la dignità, la resistenza e l identità culturale di un popolo straordinario, pacifico e tollerante, di grande apertura culturale, attento ai diritti umani e alla dignità di ciascuno. Una società che riserva particolare attenzione ai giovani e all istruzione, all emancipazione delle donne, che hanno un ruolo fondamentale nell organizzazione della comunità. I Saharawi rappresentano nel mondo arabo un punto di riferimento prezioso per contribuire al dialogo fra le culture in un momento in cui invece da più parti si agita lo spettro dello scontro di civiltà. In Italia è cresciuto un grande movimento popolare a sostegno del popolo Saharawi, fatto di comunità locali, associazionismo, istituzioni pubbliche. Si batte per ottenere risultati politici e dare al tempo stesso sostegno concreto alla vita delle persone. E fondamentale, perché da un lato dobbiamo sostenere il diritto negato del popolo Saharawi alla sua terra e batterci perché un giorno possa tornarvi, coinvolgendo sempre più cittadini in una campagna di mobilitazione, informazione, pressione politica. Ma contemporaneamente dobbiamo aiutare quel popolo a vivere oggi nelle difficilissime condizioni in cui è costretto. Allora i Saharawi hanno bisogno di aiuti materiali e beni di prima necessità, ma anche di opportunità di incontro, socializzazione, formazione, cultura, che sono strumenti decisivi per un popolo che deve resistere all ingiustizia e costruirsi un futuro. Il sostegno alla causa dei Saharawi e l aiuto alla popolazione dei campi profughi caratterizzano da anni l impegno del Comitato per l amicizia con il popolo Saharawi di Pontassieve. Sono anche gli obbiettivi di una diffusa mobilitazione dei circoli e delle associazioni dell Arci, attivi nell organizzazione di aiuti materiali e in progetti per la cultura e l alfabetizzazione, in particolare per i bambini, i giovani e le donne del campo. Le attività internazionali dell Arci partono infatti dal basso, dalle comunità dei nostri soci, e tengono sempre insieme impegno politico e solidarietà. Pacifismo, sostegno ai popoli in lotta per i propri diritti e aiuto concreto alle società locali possono e devono andare di pari passo. Paolo Beni Presidente nazionale Arci Fatima MahfudOOOOOOOOOOOOO (Membro della Rappresentanza per l Italia del Fronte POLISARIO) arci - Via dei Monti di Pietralata - 00 Roma tel fax. 0.0 e mail: sito internet: Via Principe Eugenio, 1 (int. ) - 00 ROMA - Tel. e Fax 0

3 GENNAIO IMPOSTA DI PUBBLICITÀ A CARICO DI CHI LO ESPONE AL PUBBLICO GENNAIO FEBBRAIO FEBBRAIO

4 MARZO IMPOSTA DI PUBBLICITÀ A CARICO DI CHI LO ESPONE AL PUBBLICO MARZO APRILE APRILE

5 MAGGIO IMPOSTA DI PUBBLICITÀ A CARICO DI CHI LO ESPONE AL PUBBLICO MAGGIO GIUGNO GIUGNO

6 LUGLIO IMPOSTA DI PUBBLICITÀ A CARICO DI CHI LO ESPONE AL PUBBLICO LUGLIO AGOSTO AGOSTO

7 SETTEMBRE IMPOSTA DI PUBBLICITÀ A CARICO DI CHI LO ESPONE AL PUBBLICO SETTEMBRE OTTOBRE OTTOBRE

8 NOVEMBRE IMPOSTA DI PUBBLICITÀ A CARICO DI CHI LO ESPONE AL PUBBLICO NOVEMBRE DICEMBRE DICEMBRE

9 CENNI SULLA STORIA DEL POPOLO SAHARAWI un popolo fiero un popolo dimenticato Legenda Territori occupati dal Marocco Territori liberati dal POLISARIO MURO (.00 Km.) Campi profughi Saharawi I confini del Sahara Occidentale sono stati tracciati dai colonizzatori europei e sanciti dal trattato di Berlino del. Questo territorio, sull Oceano Atlantico, dove vivono i Saharawi, venne occupato dagli spagnoli, mentre gli stati confinanti, Marocco, Mauritania e Algeria divennero colonie francesi. In seguito all indipendenza di molti Stati africani anche i Saharawi si organizzarono per rivendicare il loro diritto all autodeterminazione. Nel nasce il Fronte POLISARIO (Fronte Popolare di Liberazione del Saguiat al Hamra e Rio de Oro dal nome delle due regioni che compongono il Sahara Occidentale) che ha come scopo ottenere l indipendenza del Sahara Occidentale dai colonizzatori spagnoli. Negli stessi anni anche l ONU riconosce al Popolo Saharawi il diritto all autodeterminazione. La Spagna, consapevole del fatto che dovrà lasciare una delle ultime colonie rimaste nel continente africano, organizza un censimento della popolazione al fine di prepararsi alla celebrazione di un referendum. Alla morte del dittatore Franco, i colonizzatori spagnoli preferiscono ritirarsi dal Sahara Occidentale cedendolo a Marocco e Mauritania che nel frattempo si erano accordati per spartirsi le ingenti risorse del territorio (fosfati, uranio e pesce). Nel i Saharawi, invece di giungere finalmente all indipendenza, si trovano ad essere invasi da nord dal Marocco e da sud dalla Mauritania. Il sovrano Hassan II del Marocco cerca di mascherare l invasione con la cosiddetta Marcia Verde attraverso la quale di coloni marocchini varcano la frontiera e si insidiano nel Sahara Occidentale Questa marcia è accompagnata da bombardamenti alla popolazione saharawi che è costretta ad abbandonare le proprie case e fuggire verso l Algeria. Il Fronte POLISARIO organizza la resistenza e protegge la fuga delle migliaia di persone che con ogni mezzo cercano di mettersi in salvo. Nei pressi di Tindouf, in pieno deserto algerino vengono organizzati i campi profughi in immense tendopoli. I Saharawi in esilio proclamano la RASD (Repubblica Araba Saharawi Democratica) che verrà riconosciuta da più di settanta paesi di Africa, Asia e America Latina. Intanto la guerra continua. Nel la Mauritania viene sconfitta ed è costretta a ritirarsi. IL MAROCCO OCCUPA L INTERO TERRITORIO. Parallelamente allo sforzo bellico nei confronti di uno stato assai più potente, i Saharawi si adoperano anche in campo diplomatico. Un importante successo è l ammissione nel all OUA (Organizzazione dell Unità Africana) da cui il Marocco, per protesta si dissocia. Per proteggere dalle incursioni del Fronte POLISARIO i territori utili ovvero quelli più ricchi di minerali e quelli lungo la costa, re Hassan II fa costruire, in tempi successivi, muri, per un totale di.00 Km. dal sud del Marocco fino alla costa atlantica al confine della Mauritania e racchiude circa Kmq. di territorio (tutto il Sahara Occidentale ha un estensione di.000 Kmq.) I muri costruiti con sabbia e pietrame sono circondati da campi minati. La guerra è in una situazione di stallo; è ormai chiaro al Marocco che non potrà eliminare velocemente l esercito di Liberazione Saharawi come aveva pensato in un primo tempo. Anche il POLISARIO sa bene che non potrà essere questa la via per la risoluzione del conflitto. Re Hassan II ha comunque tutto l interesse ad allungare i tempi, intanto i Saharawi sono costretti a sopravvivere in immense tendopoli in mezzo al deserto in condizioni terribili. Nonostante le difficoltà i Saharawi continuano a resistere dando prova anche di un eccezionale capacità organizzativa. Le grandi tendopoli prendono i nomi delle città abbandonate nel Sahara Occidentale. Ognuna delle province (WILAYA) viene dotata di scuole, di un ospedale e di strutture in muratura per ricevere i numerosi ospiti stranieri che si susseguono per manifestare la solidarietà dei comitati sorti spontaneamente in molti stati europei. Nei campi profughi si sopravvive grazie agli aiuti internazionali poiché il deserto non permette nessun tipo di coltivazione o allevamento sufficiente al sostentamento delle centinaia di migliaia di persone. Verso la fine degli anni 0 sembra che qualcosa si muova. Nel con la risoluzione ONU / viene istituita la MINURSO (Missione delle Nazioni Unite per il Referendum del Sahara Occidentale) e stabilito un piano di pace. Il Marocco accettato l idea di un referendum che però considera solo confermativo dello status del Sahara Occidentale. Questo confidando nel fatto che in tutti questi anni avendo attuato una politica di colonizzazione massiccia ha portato la popolazione del Sahara Occidentale ad essere in prevalenza marocchina. Nel 1 Marocco e Fronte POLISARIO accettano una tregua e si fissa il referendum per il gennaio. L accordo prevede che per stabilire gli aventi diritto, il voto avrà come base il censimento effettuato dalla Spagna nel. Già dagli inizi si capisce che il re Hassan II non ha alcuna intenzione di rispettare i patti e di procedere seriamente verso la risoluzione del conflitto. Infatti nell ottobre del 1 organizza una seconda marcia verde che porta altri.000 coloni marocchini nel Sahara occidentale. Questo, insieme ad altri innumerevoli fatti, rendono evidente che si tenta ancora una volta di allungare i tempi, essendo ciò a solo svantaggio dei Saharawi. In effetti il referendum non viene celebrato e, vista anche l incapacità dell ONU di agire in maniera concreta in questo senso, si minaccia ilo ritorno alla guerra. Nel qualcosa cambia; il nuovo Segretario Generale dell ONU, Kofi Annan, nomina inviato speciale per il Sahara Occidentale James Baker, ex segretario di stato americano. Questi nel giro di pochi mesi riesce a far trovare un accordo a Marocco e Fronte POLISARIO ed il piano di pace riprende vigore. Viene stabilito un calendario che, al termine dell identificazione degli aventi diritto al voto avrebbe dovuto portare al referendum nel dicembre. Le prime fasi procedono anche più lentamente del previsto; alla fine del l identificazione è conclusa La data di dicembre non è però stata rispettata. Re Hassan II tergiversa per allontanare una consultazione che potrebbe avere enormi ripercussioni all interno del suo regime e che, nel contempo, sembra al mondo intero l unica via pacifica per consentire ai Saharawi di riappropriarsi dell agognata libertà. Il luglio del muore all età di 0 anni re Hassan II del Marocco che era al potere dal 1, gli succede al trono il figlio SIDI MOHAMMED che sembra avere una visione un po più aperta del potere, ma a tutt oggi il referendum è ancora un miraggio per il Popolo Saharawi che, nonostante tutto, continua a percorrere la strada più difficile per l indipendenza: quella della diplomazia e della non-violenza. Nel Giugno 0, dopo sette anni di mediazioni diplomatiche, James Baker, decide di lasciare l incarico dopo il fallimento della sua ultima proposta, che prevedeva che il Sahara Occidentale conservasse un regime di semiautonomia all interno del Marocco per quattro o cinque anni, nell attesa di poter organizzare un referendum. Il piano è stato accettato dal Polisario, ma rifiutato ancora una volta, dal Marocco. La vita, nei Campi Profughi di Tindouf, procede attualmente, come sempre, tra mille difficoltà, dovute sia alla completa dipendenza per la sopravvivenza dagli aiuti umanitari internazionali sia alla estrema durezza del deserto dove la temperatura in estate sale oltre i 0 all ombra I Saharawi rimasti oltre il muro nei Territori Occupati del Sahara Occidentale, vengono sottoposti alla repressione messa in atto dalle autorità di Rabat, le manifestazioni pacifiche vengono soffocate nel sangue e gli arresti, le torture ed i desaparesidos sono sempre più numerosi; così come lo sono le denunce per il mancato rispetto dei diritti umani di Amnesty International. Le autorità Marocchine hanno negato più volte il permesso ad Osservatori Europei (parlamentari e giornalisti) a recarsi nei Territori Occupati. Il Silenzio che copre, da sempre, la Causa Saharawi è indubbiamente una dei motivi che stanno condannando i Saharawi alla sofferenza ed all esilio. Ali Salem TAMEK (Presidente del Comitato di sostegno alla campagna internazionale per la protezione degli attivisti Saharawi dei diritti umani e premio Sacharov per la difesa dei diritti umani) in occasione della sua visita in Italia ha affermato: Chiedo agli italiani di aiutarci ad abbattere il muro del silenzio. Un muro che è più resistente dei mattoni che spezzano in due il nostro paese e più crudele delle torture che subiamo. Altre notizie La religione dei Saharawi è quella musulmana (sunniti). La lingua parlata è l HASSANYA, un dialetto arabo caratteristico di molte popolazioni nomadi di tutto il Maghreb, soprattutto mauritane. Le risorse del Sahara Occidentale (il territorio rivendicato dal Fronte Polisario) sono: i fosfati (maggiore riserva al mondo dopo il Marocco) il ferro, il vanadio e la pesca. i CAMPI I Campi sono strutturati in provincie (wilayas) e comuni (Dairas) e scuole residenziali. Essendo stati costituiti per ospitare rifugiati da una guerra in atto, risentono, nella dislocazione di considerazioni tattiche oltre che di disponibilità di acqua. La tendopoli più distante è situata a circa 0 Km. dal centro dei campi e le altre sono raggiungibili in un raggio di 0-0 Km. Le Wilayas e le dairas hanno i nomi delle città del Sahara Occidentale, così da far restare ancorate in qualche modo le famiglie ai loro luoghi d origine; ritroviamo, allora, le wilayas di El- Ayun (la capitale), Smara, Ausert, Dakhla. La Provincia di SMARA (nella quale il Comitato per l amicizia con il Popolo Saharawi sta effettuato le adozioni) è suddivisa in dairas: TIFARITI, EGDEIRIA, HAUZA, MAHBES, FARSIA, BIR LAHLU. I Bambini Ogni anno centinaia di bambini Saharawi vengono accolti in Italia nei mesi estivi; possono essere così sottoposti a controlli medici e, in caso di necessità, alle dovute cure. I bambini vengono da tutti chiamati: PICCOLI AMBASCIATORI DI PACE. CuriositA La bandiera Saharawi è costituita da tre strisce orizzontali (in alto una nera, al centro una bianco e una verde in basso) ed un triangolo di colore rosso con il lato maggiore verso l asta; al centro sulla striscia bianca c è la mezzaluna rossa ed una stella rossa a cinque punte. Quando i Saharawi saranno un Popolo Libero ed Indipendente nel loro territorio la Bandiera verrà capovolta: il nero sarà in basso ed il verde in alto.

10 IL POPOLO SAHARAWI un popolo fiero un popolo dimenticato Cos è il COMITATO PER L AMICIZIA CON IL POPOLO SAHARAWI DI PONTASSIEVE? Il Comitato per l Amicizia con il Popolo Saharawi di Pontassieve è costituito da un gruppo di amici che si occupano di SOLIDARIETÀ a favore del Popolo Saharawi. È nato da un nucleo di persone che si sono trovate spontaneamente a collaborare all accoglienza dei bambini Saharawi che ogni anno sono ospitati, dal Pontassieve, nel periodo estivo. Il Pontassieve è gemellato, secondo Comune in Italia, dopo Sesto Fiorentino, fin dal con il comune Saharawi di TIFARITI. I viaggi nei campi profughi di Tindouf hanno accresciuto nel corso degli anni il legame tra Pontassieve ed il territorio circostante con i Saharawi. Le periodiche visite, durante le quali erano portati solo i pochi aiuti alle famiglie dei bambini conosciuti nel periodo estivo, sono divenute più frequenti e nel Marzo del 01 il Comitato ha deciso di dare una svolta al modo di aiutare i Saharawi iniziando a promuovere progetti specifici a favore di tutta la popolazione della Provincia di Smara (prov. a cui appartiene Tifariti). Attualmente due volte l anno i volontari del Comitato si recano nei campi di Tindouf per gestire il progetto di adozioni a distanza UN SORRISO PER LA VITA ; a loro spesso si affiancano gli affidatari che per l occasione collaborano alla realizzazione del progetto ed hanno così la possibilità di incontrare il proprio bambino. Tutte le iniziative a favore del Popolo Saharawi sono il frutto dei frequenti contatti con le autorità Locali (con il Governatore della Provincia di Smara, con i Sindaci dei Comuni della Provincia, con i responsabili degli Istituti), con la gente comune incontrata nel corso delle numerose Assemblee pubbliche nei campi e con Omar Mih, il Rappresentante in Italia della RASD (Repubblica Araba Saharawi Democratica) e del Fronte Polisario (Organizzazione per la Liberazione del Sahara Occidentale). COSA FA E COSA HA FATTO IL COMITATO Il Comitato ha ideato e sta sostenendo il progetto di ADOZIONE A DISTANZA nato nel marzo del 00 denominato: UN SORRISO PER LA PACE Dalle prime adozioni si è raggiunto il traguardo di 0 bambini affidati a distanza; la maggior parte dei quali sono orfani del padre. L obiettivo del progetto è quello di portare un modesto contributo alle famiglie più bisognose, stabilire un legame diretto tra il bambino, la sua famiglia e l affidatario e non per ultimo, promuovere la conoscenza della Causa Saharawi. Il Comitato è impegnato a far si che ogni anno il numero diventi sempre più grande e sempre più affidatari rafforzino il loro legame con il Popolo Saharawi. La caratteristica principale, della quale i Volontari vanno particolarmente fieri, è che i denari relativi alle adozioni sono consegnati, direttamente da loro, nelle mani delle madri dei bambini, senza alcun intermediario. Alcune decine di affidatari nel corso delle periodiche missioni nei Campi Profughi hanno potuto visitare le tendopoli ed incontrare il bambino affidato a distanza. Un forte appoggio al progetto viene da un piccolo Comune della Val di Susa, il COMUNE DI BUSSOLENO che ormai da alcuni anni partecipa ad UN SORRISO PER LA PACE. Il Bussoleno ha stabilito di attivare adozioni a distanza di bambini Saharawi in occasione dei matrimoni civili e, in base ad un accordo con la Parrocchia locale, per i matrimoni religiosi sono attivate adozioni di bimbi in Mongolia o in Etiopia. In sostanza per ogni matrimonio celebrato in Bussoleno è prevista, automaticamente, un adozione a distanza. Se i neo sposi sono d accordo sull iniziativa ne sostengono la spesa, diversamente questa viene posta a carico dell Ente. Per maggiori informazioni in merito o aderire all iniziativa del Bussoleno è possibile inviare una a: Il Comitato, in collaborazione con il Pontassieve e con tanti amici ha realizzato inoltre il progetto UN CAMMELLO PER LA LIBEReTÀ grazie al quale sono state acquistate e quindi donate alla provincia di Smara 0 cammelle da latte. Giornalmente circa 00 anziani possono disporre di 1/ litro di latte fresco. Oggi il numero delle cammelle è più che raddoppiato e progetti simili sono stati realizzati in tutte le altre Province dei campi profughi Altra operazione, che inorgoglisce tutto il Comitato, riguarda la LIBERAZIONE DI UN PRIGIONIERO DI GUERRA MAROCCHINO, che il Comitato è riuscito ad ottenere grazie alla mediazione del Governatore di Smara e alla disponibilità del Presidente della Repubblica Saharawi MOHAMED ABDLELAZIZ al quale il Comitato si è rivolto in occasione della missione nel dicembre 0 per ottenerne la liberazioni. Nel febbraio 0 il prigioniero, ha potuto riabbracciare i propri familiari dopo anni era stato fatto prigioniero durante un azione militare, quando aveva anni ed al momento della liberazione di anni ne aveva!!! L ultimo progetto, in ordine di tempo, che il Comitato ha realizzato è stato l invio di un PULMINO FORD TRANSIT nei Campi dopo che questi, nel febbraio del 0, erano stati colpiti da una disastrosa ALLUVIONE che aveva provocato il crollo della maggior parte delle case (che sono costruite in mattoni di fango cotti al sole) L automezzo, completamente revisionato e disegnato da un giovane artista è stato riempito di materiale destinato all Istituto per non vedenti di Smara. Alla realizzazione del progetto hanno collaborato in tanti, istituzioni e privati, con piccoli e grandi contributi, hanno fatto donazioni tanti amici e sostenitori del Comitato che hanno voluto così ricordare persone care che non ci sono più, sono stati organizzati eventi e cene da Circoli e Associazioni Sportive, Assessori e Consiglieri comunali hanno devoluto il loro gettone di presenza, le scuole del Circolo Didattico di Pontassieve hanno organizzato l iniziativa Un soldino per i Saharawi che ha permesso di raccogliere una cifra importante per sostenere il progetto. Il Comitato per l Amicizia con il Popolo Saharawi di Pontassieve riesce ad aiutare e sostenere il Popolo Saharawi perché in tanti aiutano e sostengono il Comitato. Certi della collaborazione delle Istituzioni del territorio e della generosità dei cittadini i volontari del Comitato hanno allo studio altri progetti che prenderanno vita nei prossimi mesi. È utile ricordare che ogni iniziativa del Comitato viene concordata con le autorità Saharawi. PROVERBI SAHARAWI - Il coraggio è vivere per la libertà. - Prima di ogni oasi c'è un deserto da affrontare. - Chi porta il bastone rischia di essere picchiato. - Scegli bene il tuo compagno prima di intraprendere un viaggio. - Una mano sola non applaude. - Il vero fratello è colui che ti sta sempre vicino. - È cieco chi vede solo con gli occhi. - I sogni della notte sono cancellati dalla realtà del giorno. - Il peso diviso fra tutti diventa piuma. - Se è forte il leone lo è anche la leonessa. - Solo le donne riescono a far fiorire l Hammada.

11 Progetto un sorriso per la pace un popolo fiero un popolo dimenticato Il Comitato per l Amicizia con il Popolo Saharawi di Pontassieve dal mese di marzo 00 è impegnato nella realizzazione del proprio progetto denominato UN SORRISO PER LA PACE. Obiettivi: Il progetto è finalizzato ad effettuare ADOZIONI A DISTANZA di BAMBINI SAHARAWI, rifugiati con le loro famiglie nei campi profughi del deserto di TINDOUF (Sahara algerino). Mediante tali adozioni sarà possibile: - portare un modesto aiuto alle famiglie più bisognose (che potranno decidere in piena autonomia come utilizzarlo) - stabilire un legame diretto tra il bambino, la sua famiglia e l affidatario italiano - promuovere la conoscenza della Causa Saharawi Chi può aderire: Tutti possono aderire al progetto. Modalità di adesione: È possibile aderire al progetto sottoscrivendo una domanda di adesione, mediante la quale ci si impegna moralmente, per la durata minima di un anno, a versare una quota annuale di 0,00 per adozione. Modalità per i versamenti: È possibile effettuare i versamenti mediante bollettino di c/c postale o bonifico bancario: - c/c postale n. - c/c bancario n. della Banca Toscana Ag. di Fiesole ABI 00 CAB I conti sono intestati al Comitato per l Amicizia con il Popolo Saharawi di Pontassieve. Modalità di consegna della quota: Una, se possibile due volte ogni anno, i volontari del Comitato si recheranno nei campi Profughi di Tindouf per effettuare la consegna del contributo direttamente nelle mani della MADRE del bambino/a verranno consegnati un totale di,00. La differenza, ovvero 0,00 -,00 =,00 sarà utilizzata dal Comitato per le spese di gestione del progetto. Documentazione: In occasione delle missioni dei volontari saranno raccolte notizie e scattate foto al bambino ed alla madre; le foto e le notizie saranno consegnate all affidatario italiano. Identificazione dei bambini: Le autorità Saharawi identificheranno le famiglie che più necessitano di aiuti e su tale base presenteranno la lista dei bambini da adottare a distanza ai volontari del Comitato. Scambio di corrispondenza: Gli affidatari italiani, in occasione delle missioni dei volontari, potranno inviare, tramite loro, ai bambini e alle loro famiglie corrispondenza e foto ed altro. Visite ai bambini: Sarà possibile visitare i bambini e le loro famiglie; per farlo è necessario comunicare tale volontà al Comitato che provvederà ad organizzare i contatti con i rappresentanti Saharawi in Italia per le necessarie autorizzazioni e per il visto d ingresso in Algeria. Periodicamente vengono organizzati dall associazione Nazionale voli charter per i campi di Tindouf, è inoltre possibile, e gradito, aggregarsi ai volontari in occasione delle missioni. Risorse per supportare il progetto: Il progetto verrà supportato grazie alla differenza tra il contributo versato dagli affidatari (0.00 ) e la cifra consegnata nelle mani delle madri dei bambini (.00 ). Attualmente le spese del viaggio nei campi sono interamente a carico dei volontari che vi prendono parte.

12 IL POPOLO SAHARAWI un popolo fiero un popolo dimenticato COMITATO PER L AMICIZIA CON IL POPOLO SAHARAWI PONTASSIEVE Comitato per l Amicizia con il Popolo Saharawi di Pontassieve c/o Circolo 1 Maggio via Mascagni, - 00 SIECI (FI) Tel. + C/C Postale n. C/C Bancario n. - ABI 00 - CAB c/c Banca Toscana Ag. di Fiesole Codice Fiscale: 00 Il Comitato per l Amicizia con il Popolo Saharawi di Pontassieve DEDICA il CALENDARIO 0 alle DONNE SAHARAWI, a TUTTE le DONNE SAHARAWI, migliaia e migliaia di donne che insieme al loro popolo nell inverno /, sono state costrette ad abbandonare le proprie case e la propria terra: il Sahara Occidentale, cercando rifugio nell Hammada algerino e vivere, da allora, profughe, nel deserto più deserto che si possa immaginare. Le donne Saharawi hanno fatto della memoria, dell accoglienza, della trasmissione dei saperi e delle tradizioni e della tenace difesa dell identità saharawi i valori da mantenere con fierezza e con dignità anche nella loro difficilissima condizione di esuli. Nel deserto dell Hammada è iniziata la costruzione della Società Saharawi, fondata sulla partecipazione di tutti, uomini e donne, ed è anche iniziata, da parte delle donne, la conquista della propria emancipazione. Il compito avviato nel era arduo: da una parte c era e c è da garantire la sopravvivenza di un Popolo, dall altra organizzare una Nazione su base democratica, capace di non perdere la propria identità e la propria cultura e di progettare il ritorno in Patria. Mentre gli uomini, ad esclusione dei vecchi e dei bambini erano e sono occupati nella difesa militare, l organizzazione della vita civile nelle tendopoli è completamente gestita dalle donne. Le donne saharawi si occupano della famiglia, della cura dei figli e degli anziani, di fare il pane e procurarsi l acqua potabile e di tenere viva la cultura insegnando ai figli i canti e le danze della loro tradizioni; alle donne è riservato il compito di conservare e distribuire le derrate alimentari, provenienti dagli aiuti umanitari internazionali; le donne sono i medici e le infermiere negli ospedali e nei dispensari, sono le maestre nelle scuole, dove tutti i bambini e tutte le bambine studiano; le donne saharawi sono le responsabili delle radio nei campi dove leggono gli articoli che loro scrivono, accompagnano in qualità di interpreti i volontari delle organizzazioni umanitarie. Le donne saharawi hanno conquistato il diritto a partecipare alle assemblee pubbliche, hanno conquistato il diritto di voto e quello di essere votate concorrendo alla pari degli uomini a tutte le cariche politiche; sono chiamate ad assumere decisioni importanti ed farsi portavoce della causa del loro Popolo nel mondo. Lottano per il diritto alla loro terra sia nei campi profughi di Tindouf sia nel Sahara Occidentale occupato, al di la di quel muro, che chiamano muro della vergogna, eretto dal Re del Marocco, dove insieme ai loro uomini manifestano per la LIBERTÁ e per l INDIPENDENZA del Sahara Occidentale, dove, insieme ai loro uomini vengono arrestate e torturate, dove insieme ai loro uomini sognano di riunire le loro famiglie divise da troppi anni dove, insieme ai loro uomini sognano di poter crescere i loro figli e seppellire i loro morti nella loro terra, nel loro SAHARA OCCIDENTALE LIBERO ed INDIPENDENTE. Un proverbio Saharawi dice: Solo le donne riescono a far fiorire l'hammada queste donne sono le DONNE SAHARAWI. Il Comitato per l Amicizia con il Popolo Saharawi di Pontassieve ringrazia tutti coloro che collaborano e sostengono l operato del Comitato In particolare ringrazia per la realizzazione di questo calendario: - il Membro della Rappresentanza per l Italia del Fronte Polisario FATIMA MAHFUD - il Presidente della Regione Toscana CLAUDIO MARTINI - il Presidente della Provincia di Firenze MATTEO RENZI - il Presidente Nazionale dell ARCI PAOLO BENI SERGIO STAINO per la copertina i Sindaci dei Comuni di: - PONTASSIEVE - BAGNO A RIPOLI - DICOMANO - FIESOLE - INCISA VALDARNO - LONDA - PELAGO - REGGELLO - RIGNANO SULL ARNO - RUFINA - SAN GODENZO - VICCHIO Il Presidente della COMUNITÁ MONTANA della MONTAGNA FIORENTINA Un grazie particolare agli Amministratori e a tutti gli abitanti del COMUNE di BUSSOLENO (TO) Grazie ai Circoli ARCI del Comitato Territoriale di Firenze Grazie: - all Associazione Valdisieve Terra d Incontri - alla COOP sez. soci Valdisieve Il Comitato ringrazia inoltre: La tipografia STAMPA NOVA per la pazienza e la professionalità nella progettazione grafica e nella stampa del Calendario. Ringrazia naturalmente tutti coloro che collaborano alla diffusione. Un grazie anche a tutti coloro che ogni anno collaborano a vario titolo nell accoglienza dei bambini Saharawi ospitati dal Pontassieve: tutte le associazioni, i circoli delle parrocchie e delle case del popolo ed i tanti volontari che danno una mano e che regalano un sorriso ai bambini Saharawi. Foto: FIRENZEFOTO Piero Taddei Foto: Archivio Fotografico del Comitato

BAMBINI SAHRAWI AMBASCIATORI di PACE

BAMBINI SAHRAWI AMBASCIATORI di PACE ANSPS ASSOCIAZIONE NAZIONALE DI SOLIDARIETÀ CON IL POPOLO SAHRAWI BAMBINI SAHRAWI AMBASCIATORI di PACE Presentazione del Programma Estate 2012 Alle associazioni e agli Enti locali interessati al Programma

Dettagli

OGGETTO: Autorizzazione alla partecipazione di delegazione Municipale in visita nel territorio del popolo Saharawi.

OGGETTO: Autorizzazione alla partecipazione di delegazione Municipale in visita nel territorio del popolo Saharawi. PAG. 1 OGGETTO: Autorizzazione alla partecipazione di delegazione Municipale in visita nel territorio del popolo Saharawi. L anno duemilasette, addì diciassette del mese di ottobre in Macerata e nella

Dettagli

Programma di adozioni a distanza

Programma di adozioni a distanza Programma di adozioni a distanza Tutti noi siamo stati bambini, certamente più fortunati di molti altri perchè abbiamo avuto chi ci ha seguito e ci ha consentito di diventare adulti. Ma in tutto il mondo

Dettagli

Se io fossi nei vostri panni quale sarebbe la cosa che più mi urgerebbe? Che cosa resta di tutti i vostri tentativi, di tutti i vostri

Se io fossi nei vostri panni quale sarebbe la cosa che più mi urgerebbe? Che cosa resta di tutti i vostri tentativi, di tutti i vostri Se io fossi nei vostri panni quale sarebbe la cosa che più mi urgerebbe? Che cosa resta di tutti i vostri tentativi, di tutti i vostri sforzi?...abbiamo il coraggio di verificare quello che stiamo facendo

Dettagli

La mia scuola per la pace

La mia scuola per la pace La mia scuola per la pace Programma nazionale di educazione alla pace e ai diritti umani Anno scolastico 2005-2006 promosso dal Coordinamento Nazionale degli Enti Locali per la pace e i diritti umani e

Dettagli

IL SAHARA OCCIDENTALE E LA QUESTIONE SAHRAWI

IL SAHARA OCCIDENTALE E LA QUESTIONE SAHRAWI "Così questo paese,dove non sono nato, ho creduto per molto tempo che fosse tutto il mondo. Adesso che il mondo l'ho visto davvero e so che è fatto di piccoli paesi, non so se da ragazzo mi sbagliavo poi

Dettagli

L ADOZIONE A DISTANZA UNA SCELTA FATTA CON IL CUORE

L ADOZIONE A DISTANZA UNA SCELTA FATTA CON IL CUORE L ADOZIONE A DISTANZA UNA SCELTA FATTA CON IL CUORE ANCHE TU AVRAI UNA NUOVA FAMIGLIA. Se c è qualcosa di cui un bambino abbandonato o rimasto senza i genitori ha bisogno, questa è la famiglia. Non solo

Dettagli

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini Associazione ALE G. dalla parte dei bambini Comune di OSNAGO AI BAMBINI E ALLE BAMBINE Il 20 novembre 1989 è entrata in vigore

Dettagli

IL RISORGIMENTO LE SOCIETÀ SEGRETE

IL RISORGIMENTO LE SOCIETÀ SEGRETE IL RISORGIMENTO LE SOCIETÀ SEGRETE Gli Italiani vogliono essere indipendenti. Gli Italiani cercano di liberarsi dagli austriaci e dagli amici degli austriaci. Questo periodo si chiama RISORGIMENTO. Gli

Dettagli

Newsletter di Aggiornamento sui Progetti di Amici dei Bambini. Numero 01, Gennaio 2009. In questo numero:

Newsletter di Aggiornamento sui Progetti di Amici dei Bambini. Numero 01, Gennaio 2009. In questo numero: in Kosovo Newsletter di Aggiornamento sui Progetti di Amici dei Bambini Numero 01, Gennaio 2009 In questo numero: Benvenuto caro sostenitore! Un regalo per me! I bambini dimostrano quello che sanno sull

Dettagli

Mani Unite Onlus. Sintesi attività 2014

Mani Unite Onlus. Sintesi attività 2014 Mani Unite Onlus Nel 2014 le attività svolte in Mozambico, oltre ad essere state realizzate come negli anni precedenti nell ambito degli obiettivi istituzionali (sostegno scolastico e nutrizionale), si

Dettagli

La Santa Sede PELLEGRINAGGIO APOSTOLICO IN AUSTRALIA DISCORSO DI GIOVANNI PAOLO II AL «WILLSON TRAINING CENTRE» Hobart (Australia), 27 novembre 1986

La Santa Sede PELLEGRINAGGIO APOSTOLICO IN AUSTRALIA DISCORSO DI GIOVANNI PAOLO II AL «WILLSON TRAINING CENTRE» Hobart (Australia), 27 novembre 1986 La Santa Sede PELLEGRINAGGIO APOSTOLICO IN AUSTRALIA DISCORSO DI GIOVANNI PAOLO II AL «WILLSON TRAINING CENTRE» Hobart (Australia), 27 novembre 1986 Cari, amici, cari abitanti della Tasmania. 1. La mia

Dettagli

SABRINA LIFE FOR CHILD ONLUS PROGETTO CASA FAMIGLIA ISOLA DI GOREE

SABRINA LIFE FOR CHILD ONLUS PROGETTO CASA FAMIGLIA ISOLA DI GOREE SABRINA LIFE FOR CHILD ONLUS PROGETTO CASA FAMIGLIA ISOLA DI GOREE PRINCIPI DELLO STATUT0 DELLA ONLUS CF.97738100581 SABRINA LIFE FOR CHILD ONLUS nasce nel 2013 per espresso desiderio del Presidente Stefania

Dettagli

difendiamo i nostri figli * 20 giugno - AMDG

difendiamo i nostri figli * 20 giugno - AMDG difendiamo i nostri figli * 20 giugno - AMDG intervento di alfredo mantovano Care amiche e cari amici! una giornalista poco fa mi chiedeva di riassumere in poche parole-chiave il messaggio che il popolo

Dettagli

IL RAPIMENTO DELLA NOSTRA COLLEGA ROSSELLA URRU NEI CAMPI SAHRAWI. Roma 22 Aprile 2012

IL RAPIMENTO DELLA NOSTRA COLLEGA ROSSELLA URRU NEI CAMPI SAHRAWI. Roma 22 Aprile 2012 IL RAPIMENTO DELLA NOSTRA COLLEGA ROSSELLA URRU NEI CAMPI SAHRAWI Roma 22 Aprile 2012 Sono passati sei mesi dal rapimento della nostra rappresentante nei campi Saharawi, Rossella Urro, prelevata nella

Dettagli

GENNAIO CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL SIENA. Giuseppe Di Vittorio 1954 MARTEDÌ MERCOLEDÌ GIOVEDÌ VENERDÌ DOMENICA

GENNAIO CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL SIENA. Giuseppe Di Vittorio 1954 MARTEDÌ MERCOLEDÌ GIOVEDÌ VENERDÌ DOMENICA GENNAIO 1 17 2 3 18 19 4 20 5 6 21 22 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 23 24 25 26 27 28 29 30 31 Vedo davanti a me tante facce, vedo dei neri,...dei bianchi, dei gialli, dei mezzi neri come me, ma tutti insieme,

Dettagli

MISSIONE ISTITUZIONALE DELLA REGIONE EMILIA ROMAGNA NEI CAMPI PROFUGHI SAHARAWI IN ALGERIA 26 febbraio 2 marzo 2011

MISSIONE ISTITUZIONALE DELLA REGIONE EMILIA ROMAGNA NEI CAMPI PROFUGHI SAHARAWI IN ALGERIA 26 febbraio 2 marzo 2011 MISSIONE ISTITUZIONALE DELLA REGIONE EMILIA ROMAGNA NEI CAMPI PROFUGHI SAHARAWI IN ALGERIA 26 febbraio 2 marzo 2011 Composizione della Delegazione: Consiglieri Luciano Vecchi, Mauro Manfredini, Gian Guido

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

Buona estate!! Newsletter alisolidali onlus N. 7/2015 del 14 Luglio 2015 INDICE AIUTIAMO I BAMBINI COLPITI DAL TORNADO

Buona estate!! Newsletter alisolidali onlus N. 7/2015 del 14 Luglio 2015 INDICE AIUTIAMO I BAMBINI COLPITI DAL TORNADO Newsletter alisolidali onlus N. 7/2015 del 14 Luglio 2015 Buona estate!! INDICE AIUTIAMO I BAMBINI COLPITI DAL TORNADO UN RIGRAZIAMENTO PER LE DONAZIONI RICEVUTE ALISOLIDALI AUGURA A TUTTI UNA BUONA ESTATE

Dettagli

"Macerie dentro e fuori", il libro di Umberto Braccili

Macerie dentro e fuori, il libro di Umberto Braccili La presentazione venerdì 14 alle 11 "Macerie dentro e fuori", il libro di Umberto Braccili "Macerie dentro e fuori" è il libro scritto dal giornalista Umberto Braccili, inviato della Rai Abruzzo, insieme

Dettagli

L'esperienza di giovani fotografi ugandesi raccontata alle scuole italiane

L'esperienza di giovani fotografi ugandesi raccontata alle scuole italiane Nuovi sviluppi Un percorso didattico per cambiare il proprio punto di vista L'esperienza di giovani fotografi ugandesi raccontata alle scuole italiane Ottobre 2009 Premessa Cesvi lavora in Uganda dal 2001

Dettagli

La rivoluzione Francese: cade la Bastiglia, crollano feudalesimo e assolutismo dei re. Guglielmo Spampinato

La rivoluzione Francese: cade la Bastiglia, crollano feudalesimo e assolutismo dei re. Guglielmo Spampinato La rivoluzione Francese: cade la Bastiglia, crollano feudalesimo e assolutismo dei re. Guglielmo Spampinato Data l indecisione sul metodo della votazione ( per stato o per testa) il terzo stato si riunì

Dettagli

LA RIVOLUZIONE FRANCESE

LA RIVOLUZIONE FRANCESE LA RIVOLUZIONE FRANCESE LA SOCIETÀ FRANCESE NEL 1700 In Francia, nel 1700, il re Luigi XVI ha tutti i poteri. I nobili sono amici del re. I nobili hanno molti privilegi. Anche il clero (vescovi e cardinali)

Dettagli

Mani Unite. Unite Onlus. Sintesi attività 2011

Mani Unite. Unite Onlus. Sintesi attività 2011 Mani Unite Unite Onlus Presentiamo anche quest anno, come doverosa consuetudine, la sintesi delle attività realizzate nel corso del 2011 a favore dei bambini che soffrono ingiustizie, fame e carenze non

Dettagli

Carabiniere e Fiumefreddesi volontari in Tanzania. Esempio di carità e altruismo.

Carabiniere e Fiumefreddesi volontari in Tanzania. Esempio di carità e altruismo. Carabiniere e Fiumefreddesi volontari in Tanzania. Esempio di carità e altruismo. Carissimi colleghi, non è il titolo di un articolo di giornale, ma la sintesi di una esperienza vera, reale e concreta.

Dettagli

Che cosa è il sostegno a distanza

Che cosa è il sostegno a distanza Che cosa è il sostegno a distanza Educare un bambino, è costruire il futuro di un popolo! Un investimento sul futuro del mondo Il sostegno a distanza è una forma di solidarietà che mira a migliorare la

Dettagli

CAMBIARE È POSSIBILE. SD children-onlus SOSTENIAMO I FIGLI DELLA GUERRA. www.childrenonlus.it

CAMBIARE È POSSIBILE. SD children-onlus SOSTENIAMO I FIGLI DELLA GUERRA. www.childrenonlus.it CAMBIARE È POSSIBILE CON IL NOSTRO E IL VOSTRO IMPEGNO, CAMBIARE LA VITA DI UN BAMBINO È POSSIBILE. children-onlus SOSTENIAMO I FIGLI DELLA GUERRA. PROGETTO DI SOSTEGNO A DISTANZA PER I BAMBINI DEL CONGO.

Dettagli

Migrazioni e narrazioni in una quinta elementare di Rizziconi (RC)

Migrazioni e narrazioni in una quinta elementare di Rizziconi (RC) Tesi di Laurea: Per un archivio scolastico della memoria. Migrazioni e narrazioni in una quinta elementare di Rizziconi (RC) Lorena Maugeri Indice PREMESSA pag.4 PARTE PRIMA: MIGRAZIONI pag.12 Cap. I.

Dettagli

ASSOCIAZIONE PROGETTO BAOBAB

ASSOCIAZIONE PROGETTO BAOBAB L Associazione è nata nell aprile 2009 dalla volontà di due persone residenti a Milano, di nazionalità italiana e senegalese, uniti da una profonda amicizia e dalla condivisione dell idea che la formazione

Dettagli

Le categorie protette dal diritto internazionale umanitario

Le categorie protette dal diritto internazionale umanitario Diritto internazionale umanitario (DIU) Le categorie protette dal diritto internazionale umanitario Elena Castiglione Vds Roma Nord Istruttore DIU Monitore CRI Istruttore TI PS Che cosa è il Diritto Internazionale

Dettagli

ActionAid e le Aziende per la Giustizia Sociale!

ActionAid e le Aziende per la Giustizia Sociale! ActionAid e le Aziende per la Giustizia Sociale! Indice dei contenuti ActionAid Italia Giornata Mondiale per la Giustizia Sociale ActionAid e la Giustizia Sociale Progetto Etiopia Aziende in azione per

Dettagli

La Nostra AfricA Onlus. for children

La Nostra AfricA Onlus. for children Presentazione associazione Dal 2008 l'associazione di volontariato "La Nostra Africa Onlus" di Bologna sta realizzando progetti a sostegno della Popolazione Maasai nel distretto di Kajiado in Kenya. Il

Dettagli

Educare alla Solidarietà, alla Pace e alla Mondialità. Metodologia applicativa per la Scuola Secondaria di I Grado

Educare alla Solidarietà, alla Pace e alla Mondialità. Metodologia applicativa per la Scuola Secondaria di I Grado Educare alla Solidarietà, alla Pace e alla Mondialità Metodologia applicativa per la Scuola Secondaria di I Grado PREMESSA LA CITTADINANZA PER I RAGAZZI CHE FREQUENTANO LE NOSTRE ISTITUZIONE SCOLASTICHE

Dettagli

F A Q. CHI è COOPI CHE TIPO DI ATTIVITA' REALIZZA COOPI ALL'ESTERO?

F A Q. CHI è COOPI CHE TIPO DI ATTIVITA' REALIZZA COOPI ALL'ESTERO? F A Q CHI è COOPI COOPI - Cooperazione Internazionale è un'organizzazione non governativa italiana laica e indipendente fondata nel 1965. COOPI è un'associazione ufficialmente riconosciuta dal Ministero

Dettagli

ASSOCIAZIONE PROGETTO ACCOGLIENZA Onlus. www.progettoaccoglienza.org

ASSOCIAZIONE PROGETTO ACCOGLIENZA Onlus. www.progettoaccoglienza.org Onlus www.progettoaccoglienza.org La Associazione Progetto Accoglienza opera a Borgo San Lorenzo (FI) dal 1992 e offre risposte alle problematiche legate al fenomeno migratorio attraverso l accompagnamento

Dettagli

L UNIONE EUROPEA. L Unione europea, invece, è una grande famiglia di 27 Stati 1 europei con più di 450 milioni di abitanti

L UNIONE EUROPEA. L Unione europea, invece, è una grande famiglia di 27 Stati 1 europei con più di 450 milioni di abitanti L UNIONE EUROPEA Prima di iniziare è importante capire la differenza tra Europa e Unione europea. L Europa è uno dei cinque continenti, insieme all Africa, all America, all Asia e all Oceania. Esso si

Dettagli

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana IndICe prefazione 3 Buon compleanno!! 5 chi è cittadino italiano per la legge? 6 cosa significa diventare cittadino italiano? 7 come muoverti? 8 senza cittadinanza 9 devi sapere 11 Prefazione Cari ragazzi,

Dettagli

La convenzione dell ONU sui diritti del fanciullo riscritta dai bambini con Mario Lodi

La convenzione dell ONU sui diritti del fanciullo riscritta dai bambini con Mario Lodi La convenzione dell ONU sui diritti del fanciullo riscritta dai bambini con Mario Lodi Articolo 1: Il bambino (o bambina) è ogni essere umano fino a 18 anni. Articolo 2: Gli Stati devono rispettare, nel

Dettagli

RELAZIONE ALLEGATA AL BILANCIO 2010

RELAZIONE ALLEGATA AL BILANCIO 2010 RELAZIONE ALLEGATA AL BILANCIO 2010 L Associazione Cuore d Africa nasce nel settembre 2008. Si occupa di fornire sostegno ed istruzione a bambini e ragazzi con gravi problemi economici e familiari, attraverso

Dettagli

CONVERSAZIONE CLINICA. Classe VA

CONVERSAZIONE CLINICA. Classe VA CONVERSAZIONE CLINICA Classe VA 1) Che cosa ti fa venire in mente la parola ''volontariato''? -Una persona che aiuta qualcuno in difficoltà. (Vittoria) -Una persona che si offre per aiutare e stare con

Dettagli

Progetto LE DONNE DI BUTARE RWANDA. Rapporto della missione (24/11/2013 08/12/2013) UMUBYEYI MWIZA ONLUS e ROMAMULTISERVIZI SPA

Progetto LE DONNE DI BUTARE RWANDA. Rapporto della missione (24/11/2013 08/12/2013) UMUBYEYI MWIZA ONLUS e ROMAMULTISERVIZI SPA Progetto LE DONNE DI BUTARE RWANDA Rapporto della missione (24/11/2013 08/12/2013) UMUBYEYI MWIZA ONLUS e ROMAMULTISERVIZI SPA Umubyeyi Mwiza è una espressione della lingua kinyarwanda che può essere tradotto

Dettagli

ESTATE 2013 COOPERAZIONE INTERNAZIONALE GUIDA AI CAMPI DI VOLONTARIATO

ESTATE 2013 COOPERAZIONE INTERNAZIONALE GUIDA AI CAMPI DI VOLONTARIATO FEBBRAIO 2013 ESTATE 2013 COOPERAZIONE INTERNAZIONALE GUIDA AI CAMPI DI VOLONTARIATO COME SCEGLIERE IL GIUSTO La buona volontà e l entusiasmo sono importanti, ma non bastano. Per trascorrere un periodo

Dettagli

INEDITO IL MARE DI SABBIA. di Daniela Corneo

INEDITO IL MARE DI SABBIA. di Daniela Corneo INEDITO IL MARE DI SABBIA di Daniela Corneo Señor, tiene caramelo? Signore, ce l ha una caramella? Poi allungano la mano, sperando, inshyallah, sempre che Allah lo voglia, dicono qui, sia la loro giornata

Dettagli

Carta dei. Valori PREMESSA. La Carta dei Valori rappresenta la sintesi dei principi e dei valori su cui si fonda l associazione

Carta dei. Valori PREMESSA. La Carta dei Valori rappresenta la sintesi dei principi e dei valori su cui si fonda l associazione PREMESSA La rappresenta la sintesi dei principi e dei valori su cui si fonda l associazione Bhalobasa. Nel perseguire questo nucleo di valori, la Carta individua le responsabilità e ispira i comportamenti

Dettagli

Grazie al percorso di intercultura attraverso:libri,foto,film e cari incontri,con persone che si occupano di questo importante argomento ho capito

Grazie al percorso di intercultura attraverso:libri,foto,film e cari incontri,con persone che si occupano di questo importante argomento ho capito Grazie al percorso di intercultura attraverso:libri,foto,film e cari incontri,con persone che si occupano di questo importante argomento ho capito che la globalizzazione ha degli effetti positivi per il

Dettagli

Storia. n. 8 La seconda guerra mondiale (A) Prof. Roberto Chiarini

Storia. n. 8 La seconda guerra mondiale (A) Prof. Roberto Chiarini Storia contemporanea n. 8 La seconda guerra mondiale (A) Prof. Roberto Chiarini Anno Accademico 2011/2012 1 9. La seconda guerra mondiale Le origini e le responsabilità: A provocare il conflitto è la politica

Dettagli

S O M M A R I O INTRODUZIONE... 3. Capitolo 1 ORIGINI E STORIA DEL POPOLO SAHARAWI... 7

S O M M A R I O INTRODUZIONE... 3. Capitolo 1 ORIGINI E STORIA DEL POPOLO SAHARAWI... 7 S O M M A R I O INTRODUZIONE... 3 Capitolo 1 ORIGINI E STORIA DEL POPOLO SAHARAWI... 7 1.1. Le origini dei Saharawi... 7 1.2. Il periodo precoloniale... 8 1.3. La colonizzazione spagnola... 9 1.4. La nascita

Dettagli

In questo numero: Cari sostenitori,

In questo numero: Cari sostenitori, News letter di Agiornamento sui Progetti di Amici dei Bambini in Kosovo Cari sostenitori, In questo numero: APERTO IL PRIMO PAN DI ZUCCHERO DI AiBi ALL ESTERO I GIOVANI DI FUSHE KOSOVO PARLANO DI... GIOCHIAMO

Dettagli

PROGETTO ADOZIONI INTERNAZIONALI A DISTANZA ITALIA UGANDA GUIDA PER I SOSTENITORI

PROGETTO ADOZIONI INTERNAZIONALI A DISTANZA ITALIA UGANDA GUIDA PER I SOSTENITORI PROGETTO ADOZIONI INTERNAZIONALI A DISTANZA ITALIA UGANDA GUIDA PER I SOSTENITORI Premessa L Uganda è il secondo Paese, in ordine cronologico, con cui Idee Migranti ha costruito rapporti di cooperazione.

Dettagli

SCUOLA MATERNA PARITARIA DI ISPIRAZIONE CATTOLICA ASILO VITTORIA RONCADE. Signore, aiutaci a sognare in grande la vita dei nostri bambini

SCUOLA MATERNA PARITARIA DI ISPIRAZIONE CATTOLICA ASILO VITTORIA RONCADE. Signore, aiutaci a sognare in grande la vita dei nostri bambini SCUOLA MATERNA PARITARIA DI ISPIRAZIONE CATTOLICA ASILO VITTORIA RONCADE Signore, aiutaci a sognare in grande la vita dei nostri bambini PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO DIDATTICA A.S.2010/2011 APPROVATA NEL COLLEGIO

Dettagli

LA FONDAZIONE AVSI 4.000.000 beneficiari diretti La sua missione è promuovere la dignità della persona

LA FONDAZIONE AVSI 4.000.000 beneficiari diretti La sua missione è promuovere la dignità della persona LA FONDAZIONE AVSI La Fondazione AVSI è un organizzazione non governativa, ONLUS, nata nel 1972 e impegnata con oltre 100 progetti di cooperazione allo sviluppo in 37 paesi del mondo di Africa, America

Dettagli

FRANCIA: LE MOTIVAZIONI DELL INTERVENTO IN MALI

FRANCIA: LE MOTIVAZIONI DELL INTERVENTO IN MALI Sede legale e amministrativa: Palazzo Besso - Largo di Torre Argentina, 11-00186 Roma Sede secondaria: Largo Luigi Antonelli, 4-00145 Roma Web: www.ifiadvisory.com; Mail: info@ifiadvisory.com Umberto Profazio

Dettagli

CATALOGO BOMBONIERE SOLIDALI

CATALOGO BOMBONIERE SOLIDALI CATALOGO BOMBONIERE SOLIDALI Un modo speciale per festeggiare le vostre ricorrenze (battesimi, comunioni, cresime, nozze, lauree, compleanni, anniversari, ecc.) con bomboniere, cartoncini, pergamene, liste

Dettagli

Associazione per la Tutela del Bambino La Fionda di Davide ODV

Associazione per la Tutela del Bambino La Fionda di Davide ODV FIONDA/NEWS Pubblicazione non periodica dell Associazione per la Tutela del Bambino La Fionda di Davide ODV Tutti i diritti riservati. Marchio registrato 01/ 2012 EDITORIALE/ I CINQUE SASSI La terra dove

Dettagli

Solo le montagne non s incontrano mai

Solo le montagne non s incontrano mai Laura Boldrini Solo le montagne non s incontrano mai Storia di Murayo e dei suoi due padri Rizzoli Proprietà letteraria riservata 2013 RCS Libri S.p.A., Milano ISBN 978-88-17-06364-7 Prima edizione: marzo

Dettagli

DIALOGO ECUMENICO E LIBERTÀ RELIGIOSA

DIALOGO ECUMENICO E LIBERTÀ RELIGIOSA 43 ECCLESIA NONNA EUROPA DIALOGO ECUMENICO E LIBERTÀ RELIGIOSA La vista di Francesco a Strasburgo e in Turchia. Implicazioni politiche ed ecumeniche «nonna», una forte denuncia delle persecuzioni dei cristiani,

Dettagli

Viaggio in Senegal. 1 13 Gennaio 2006

Viaggio in Senegal. 1 13 Gennaio 2006 Viaggio in Senegal 1 13 Gennaio 2006 I volontari di SOS Diritti Umani Energia per i Diritti Umani onlus si sono recati in Senegal dal 1 al 13 gennaio 2006. Attività svolte 1. Campagna di Sostegno a distanza.

Dettagli

18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza italiana

18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza italiana 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza italiana Edizione giugno 2014 IndICe prefazione 3 Buon compleanno!! 5 chi è cittadino italiano per la legge? 6 perchè diventare cittadini italiani?

Dettagli

ADOZIONI A DISTANZA Burkina Faso

ADOZIONI A DISTANZA Burkina Faso ADOZIONI A DISTANZA Burkina Faso Il Sole Onlus Nel 1997 nasce, a Como, l Associazione Il Sole Onlus. Il suo obiettivo è, fin da subito, garantire ai bambini, soprattutto nei Paesi in Via di Sviluppo, uguaglianza

Dettagli

MORTALITA INFANTILE E SOTTOSVILUPPO Due dei problemi più gravi nel mondo Cerchiamo insieme una soluzione!

MORTALITA INFANTILE E SOTTOSVILUPPO Due dei problemi più gravi nel mondo Cerchiamo insieme una soluzione! MORTALITA INFANTILE E SOTTOSVILUPPO Due dei problemi più gravi nel mondo Cerchiamo insieme una soluzione! Il concetto di sottosviluppo è stato introdotto, al termine della seconda guerra mondiale, da H.S.Truman

Dettagli

Non sapevo veramente cosa aspettarmi Pensavo sarebbe stato qualcosa di simile a quello che avevo fatto a casa mia a Briarwood. Pensavo di trovare famiglie senza casa, gente povera, e senso di isolamento.

Dettagli

STORIA DELLA CROCE ROSSA

STORIA DELLA CROCE ROSSA STORIA DELLA CROCE ROSSA Corso Base Volontari Trento 28 gennaio 2013 Istruttore DIU Michele Beretta Perché?!?! Battaglia di Solferino/San Martino 24.06.1859 JEAN HENRY DUNANT (08.05.1828 30.10.1910) Creazione

Dettagli

Relazione finale del progetto

Relazione finale del progetto Sapienza Università di Roma Centro Interuniversitario di Ricerca Per lo Sviluppo sostenibile Relazione finale del progetto POTENZIAMENTO DELLE RISORSE IDRICHE A FAVORE DEI RESIDENTI DEL CENTRO CHREIEF,

Dettagli

DALL ALTRA PARTE DEL MARE

DALL ALTRA PARTE DEL MARE PIANO DI LETTURA dai 9 anni DALL ALTRA PARTE DEL MARE ERMINIA DELL ORO Illustrazioni di Giulia Sagramola Serie Arancio n 149 Pagine: 128 Codice: 566-3278-1 Anno di pubblicazione: 2013 L AUTRICE La scrittrice

Dettagli

ELENCO SERVICES CLUB DI MILANO. Anno 2006/2007

ELENCO SERVICES CLUB DI MILANO. Anno 2006/2007 L associazione Club Service Amitié Sans Frontières Milano è stata fondata nel Dicembre 2006 da giovani professionisti ed imprenditori sensibili alla missione dell associazione di promuovere iniziative

Dettagli

Percorso didattico Cittadinanza e Costituzione Rosa Sergi

Percorso didattico Cittadinanza e Costituzione Rosa Sergi A SCUOLA DI COSTITUZIONE COLORA IL TITOLO BIANCO, ROSSO E VERDE. PER VIVERE BENE IN CLASSE ABBIAMO BISOGNO DELLE DIRITTI REGOLE DOVE VI SONO DEI DIRITTI E DEI DOVERI SENZA LEGGI e REGOLE DA RISPETTARE

Dettagli

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI UMANI. Preambolo

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI UMANI. Preambolo Il 10 dicembre 1948, l'assemblea Generale delle Nazioni Unite approvò e proclamò la Dichiarazione Universale dei Diritti Umani, il cui testo completo è stampato nelle pagine seguenti. Dopo questa solenne

Dettagli

VALORE VACANZA 2012 I RISULTATI DELL INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION

VALORE VACANZA 2012 I RISULTATI DELL INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION VALORE VACANZA 2012 I RISULTATI DELL INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION Il presente report sintetizza i risultati dell indagine di customer satisfaction, condotta dall Ufficio II della Direzione Centrale

Dettagli

DICHIARAZIONE RELATIVA AI PRINCIPI DI DIRITTO

DICHIARAZIONE RELATIVA AI PRINCIPI DI DIRITTO DICHIARAZIONE RELATIVA AI PRINCIPI DI DIRITTO INTERNAZIONALE, CONCERNENTI LE RELAZIONI AMICHEVOLI E LA COOPERAZIONE FRA GLI STATI, IN CONFORMITÀ CON LA CARTA DELLE NAZIONI UNITE Risoluzione dell Assemblea

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA XV LEGISLATURA

SENATO DELLA REPUBBLICA XV LEGISLATURA SENATO DELLA REPUBBLICA XV LEGISLATURA N. 225 DISEGNO DI LEGGE d iniziativa della senatrice BURANI PROCACCINI COMUNICATO ALLA PRESIDENZA IL 4 MAGGIO 2006 Legge quadro sulla famiglia TIPOGRAFIA DEL SENATO

Dettagli

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI DELL'UOMO DEL 1948

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI DELL'UOMO DEL 1948 DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI DELL'UOMO DEL 1948 PREAMBOLO Considerato che il riconoscimento della dignità inerente a tutti i membri della famiglia umana, e dei loro diritti, uguali ed inalienabili,

Dettagli

Costruzione di una chiesa dedicata a N.S. de Guadalupe Parrocchia di Sao PEDRO. Macapa - Amapa BRASILE

Costruzione di una chiesa dedicata a N.S. de Guadalupe Parrocchia di Sao PEDRO. Macapa - Amapa BRASILE PONTIFICIO ISTITUTO MISSIONI ESTERE CENTRO DI CULTURA E ANIMAZIONE MISSIONARIA UFFICIO AIUTO MISSIONI - SETTORE PROGETTI Via Mosè Bianchi, 94 20149 MILANO Tel.: 02-43.82.01 Fax: 02 43.82.23.16 - e.mail:

Dettagli

associazione per il bambino in ospedale Amico ABIO

associazione per il bambino in ospedale Amico ABIO associazione per il bambino in ospedale numero 34 maggio 2015 Amico ABIO UDINE Periodico quadrimestrale di informazione di ABIO Udine Onlus Direttore Responsabile: Paola Del Degan Redazione: Paola Caselli,

Dettagli

Progetto incontra l autore

Progetto incontra l autore Progetto incontra l autore Il primo aprile la classe 2 C ha incontrato Viviana Mazza, la scrittrice del libro per ragazzi «Storia di Malala». Due nostre compagne l hanno intervistata sul suo lavoro e sul

Dettagli

PROTOCOLLO FACOLTATIVO ALLA CONVENZIONE SUI DIRITTI DELL INFANZIA RIGUARDANTE IL

PROTOCOLLO FACOLTATIVO ALLA CONVENZIONE SUI DIRITTI DELL INFANZIA RIGUARDANTE IL PROTOCOLLO FACOLTATIVO ALLA CONVENZIONE SUI DIRITTI DELL INFANZIA RIGUARDANTE IL COINVOLGIMENTO DEI BAMBINI NEI CONFLITTI ARMATI Gli Stati Contraenti il presente Protocollo, Incoraggiati dal travolgente

Dettagli

Parrocchie di Villadossola

Parrocchie di Villadossola I funerali nelle nostre comunità Parrocchie di Villadossola Ai familiari dei fedeli defunti Cari familiari, sono don Massimo, il parroco di Villadossola. Vi raggiungo a nome delle comunità cristiane di

Dettagli

STORIA DEGLI STATI UNITI D AMERICA (U.S.A.)

STORIA DEGLI STATI UNITI D AMERICA (U.S.A.) STORIA DEGLI STATI UNITI D AMERICA (U.S.A.) OGGI Oggi gli Stati Uniti d America (U.S.A.) comprendono 50 stati. La capitale è Washington. Oggi la città di New York, negli Stati Uniti d America, è come la

Dettagli

SOSTIENI A DISTANZA UN BAMBINO E IL SUO VILLAGGIO. Non puoi reclamare i tuoi diritti se non hai modo di conoscerne l esistenza!

SOSTIENI A DISTANZA UN BAMBINO E IL SUO VILLAGGIO. Non puoi reclamare i tuoi diritti se non hai modo di conoscerne l esistenza! SOSTIENI A DISTANZA UN BAMBINO E IL SUO VILLAGGIO Non puoi reclamare i tuoi diritti se non hai modo di conoscerne l esistenza! Sostieni a distanza un bambino e il suo villaggio è una campagna di sostegno

Dettagli

Sostegno a distanza SOSTEGNO A DISTANZA: IN COSA CONSISTE

Sostegno a distanza SOSTEGNO A DISTANZA: IN COSA CONSISTE SOSTEGNO A DISTANZA: IN COSA CONSISTE Sostegno a distanza Si é consolidata ed è in continua espansione una forma di solidarietà che è definita in diversi modi: adozione a distanza, sostegno a distanza,

Dettagli

PAESI ARABI. Aspetti socio-culturali

PAESI ARABI. Aspetti socio-culturali Piano Territoriale per l'integrazione Azioni di integrazione sociale e scolastica Conferenza dei Sindaci U.L.S.S.13 Azienda U.L.S.S.13 Cooperativa Giuseppe Olivotti di Mira PAESI ARABI Aspetti socio-culturali

Dettagli

La Carta di Montecatini

La Carta di Montecatini La Carta di Montecatini Le origini e le ragioni della Carta di Montecatini La Carta di Montecatini è il frutto del lavoro del secondo Campus che si è svolto nella città termale dal 27 al 29 ottobre 2005.

Dettagli

INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile

INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile Novembre 2011 Nel primo incontro di questo giornalino ognuno di noi ha proposto la sua definizione di lavoro minorile e ha raccontato la sua esperienza. personale.

Dettagli

Centro Missionario Diocesano di Trento. Progetto Missionario Annuale 2014-2015 CON I BAMBINI NEI CAMPI PROFUGHI IN ETIOPIA

Centro Missionario Diocesano di Trento. Progetto Missionario Annuale 2014-2015 CON I BAMBINI NEI CAMPI PROFUGHI IN ETIOPIA Centro Missionario Diocesano di Trento Progetto Missionario Annuale 2014-2015 CON I BAMBINI NEI CAMPI PROFUGHI IN ETIOPIA NOTIZIE SULL IMMIGRAZIONE viaggio della speranza L aiuto che diamo ai bambini del

Dettagli

Dati economico- finanziari anno 2003 e preventivo 2004.

Dati economico- finanziari anno 2003 e preventivo 2004. 2 Unannoinsiemeper Chi è FamigliAperta Onlus Progetto I care2 Progetto Autonomia Altre attività o Adozioni a distanza o Attività per bambini, per pre-adolescenti e adolescenti o Attività di volontariato

Dettagli

è con piacere che vogliamo condividere con Voi i progetti realizzati da Sidare durante il 2012, allegandovi alcune foto:

è con piacere che vogliamo condividere con Voi i progetti realizzati da Sidare durante il 2012, allegandovi alcune foto: Pianezze 04/03/2013 Carissimi Amici, è con piacere che vogliamo condividere con Voi i progetti realizzati da Sidare durante il 2012, allegandovi alcune foto: AMPLIAMENTO SCUOLA-MONASTERO NEL PAESE DI BIR

Dettagli

ULTIMO SABATO DI NOVEMBRE

ULTIMO SABATO DI NOVEMBRE Dicembre 2009 ULTIMO SABATO DI NOVEMBRE Sabato 28 novembre si è svolta la tredicesima edizione della Giornata Nazionale della Colletta Alimentare. Anche nella nostra provincia la mobilitazione è stata

Dettagli

La Giornata Nazionale degli Alberi. La Festa dell Albero. Alle radici dell accoglienza

La Giornata Nazionale degli Alberi. La Festa dell Albero. Alle radici dell accoglienza La Festa dell Albero Festa dell Albero è la campagna di Legambiente per la tutela del verde e del territorio che quest anno si realizza nell ambito della Giornata Nazionale degli Alberi, finalmente istituita

Dettagli

Giornata Mondiale dei diritti dell Infanzia

Giornata Mondiale dei diritti dell Infanzia Foto Settimio Benedusi 2 a edizione giovedì 20 novembre 2014 Giornata Mondiale dei diritti dell Infanzia Iniziativa nazionale di sensibilizzazione sui diritti dei bambini e raccolta di farmaci da banco

Dettagli

Settore Sport - Prefettura e Forze dell Ordine - Società Modena Calcio - rappresentanze di tifosi UISP Modena Progetto Ultrà

Settore Sport - Prefettura e Forze dell Ordine - Società Modena Calcio - rappresentanze di tifosi UISP Modena Progetto Ultrà Progetto/azione Il tifoso protagonista della sicurezza Responsabilità Gabinetto del Sindaco Politiche per la Sicurezza Urbana Soggetti coinvolti Settore Sport - Prefettura e Forze dell Ordine - Società

Dettagli

Emergenza rifugiati dalla Libia: ecco cosa (non) ha funzionato in questi due anni

Emergenza rifugiati dalla Libia: ecco cosa (non) ha funzionato in questi due anni 1) Emergenza rifugiati dalla Libia. Ecco cosa (non) ha funzionato in questi due anni di Matteo Colombo http://www.campusmultimedia.net/2013/03/27/emergenza-rifugiati-dalla-libia-ecco-cosa-non-hafunzionato-in-questi-due-anni/

Dettagli

Progetto Pasqua in Siria

Progetto Pasqua in Siria Progetto Pasqua in Siria L idea Il progetto Pasqua in Siria nasce da un idea di Lorenzo Locati, professore di educazione fisica presso il Liceo Artistico di Monza che, rimasto umanamente colpito dal conflitto

Dettagli

NATALINA INSERRA FABIO, UNA VITA SPEZZATA quando l errore medico cambia l esistenza Bonfirraro Editore 3

NATALINA INSERRA FABIO, UNA VITA SPEZZATA quando l errore medico cambia l esistenza Bonfirraro Editore 3 Zeta 1 1 2 NATALINA INSERRA FABIO, UNA VITA SPEZZATA quando l errore medico cambia l esistenza Bonfirraro Editore 3 2010 by Bonfirraro Editore Viale Ritrovato, 5-94012 Barrafranca - Enna Tel. 0934.464646-0934.519716

Dettagli

Le scoperte geografiche. Vasco de Gama circumnaviga (gira attorno) l Africa e arriva in India.

Le scoperte geografiche. Vasco de Gama circumnaviga (gira attorno) l Africa e arriva in India. 01 Scoperte e conquiste territoriali (di nuove terre) Gli storici pensano che la scoperta dell America nel 1492 è una data importante nella storia: infatti in questo anno finisce il periodo storico che

Dettagli

SOS GIOCO! ARTICOLO 31

SOS GIOCO! ARTICOLO 31 ARTICOLO 31 1. Gli Stati parti riconoscono al fanciullo il diritto al riposo ed allo svago, a dedicarsi al gioco e ad attività ricreative proprie della sua età, ed a partecipare liberamente alla vita culturale

Dettagli

TECNOLOGIE APPROPRIATE NELLA COOPERAZIONE INTERNAZIONALE ALLO SVILUPPO. Brescia, 18 dicembre 2009

TECNOLOGIE APPROPRIATE NELLA COOPERAZIONE INTERNAZIONALE ALLO SVILUPPO. Brescia, 18 dicembre 2009 TECNOLOGIE APPROPRIATE NELLA COOPERAZIONE INTERNAZIONALE ALLO SVILUPPO Brescia, 18 dicembre 2009 Un progetto di gestione dei rifiuti per il campo profughi Saharawi in Algeria Alessandra Bonoli Facoltà

Dettagli

RESTIAMO NELLA NOSTRA TERRA

RESTIAMO NELLA NOSTRA TERRA RESTIAMO NELLA NOSTRA TERRA Il terremoto del 20 e del 29 maggio ha danneggiato in modo significativo la sede della comunità. Si è rimediato con una sistemazione provvisoria di una tenda e due roulotte

Dettagli

PROGETTO Sostegno a distanza

PROGETTO Sostegno a distanza PROGETTO Sostegno a distanza CON MENO DI 1 EURO AL GIORNO CI PUOI AIUTARE A GARANTIRE UNA VITA DIGNITOSA AD UN BAMBINO DELLA REPUBBLICA DOMINICANA. COS E IL SOSTEGNO A DISTANZA E A CHI É RIVOLTO. Il sostegno

Dettagli

Alice Walker. Non restare muti. Traduzione di Silvia Bre. nottetempo

Alice Walker. Non restare muti. Traduzione di Silvia Bre. nottetempo Alice Walker Non restare muti Traduzione di Silvia Bre nottetempo 1. Tre anni fa Tre anni fa ho visitato il Ruanda e il Congo Orientale. A Kigali ho reso omaggio alle centinaia di migliaia di neonati,

Dettagli

MANAGE AL CONFINE. Copertina

MANAGE AL CONFINE. Copertina Copertina MANAGE AL CONFINE Carlotta Sami, classe 1970, da gennaio 2014 è portavoce per il Sud Europa dell Alto commissariato delle Nazioni Unite per i rifugiati. In precedenza è stata direttrice generale

Dettagli

AINA ONLUS Associazione Italiana Nomadi dell'amore

AINA ONLUS Associazione Italiana Nomadi dell'amore AINA ONLUS Associazione Italiana Nomadi dell'amore Newsletter Anno 4, Numero 1, marzo 2014 104! Il 19 marzo 2014 abbiamo accolto la nostra 104-esima bambina: si chiama W. Le auguriamo ogni bene e..un generoso

Dettagli