TECNOLOGIA IN MOVIMENTO NELLA SCUOLA DELL INFANZIA: QUATTRO PRATICI ESEMPI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "TECNOLOGIA IN MOVIMENTO NELLA SCUOLA DELL INFANZIA: QUATTRO PRATICI ESEMPI"

Transcript

1 UNIVERSITA DEGLI STUDI DI FIRENZE FACOLTA DI SCIENZE DELLA FORMAZIONE PRIMARIA CORSO DI LAUREA IN SCIENZE DELLA FORMAZIONE PRIMARIA INDIRIZZO INFANZIA TECNOLOGIA IN MOVIMENTO NELLA SCUOLA DELL INFANZIA: QUATTRO PRATICI ESEMPI RELATORE Professor Umberto Cattabrini CANDIDATA Ilaria Volpi A. A. 2011/2012 1

2 Ad Arianna,che ha atteso con pazienza, a Mamma e Babbo che sono sempre stati lì per me, a Massimiliano che nonostante tutto mi è sempre rimasto accanto. Grazie 2

3 Introduzione p.5 1. La storia dei videogiochi: Pong p Breve excursus sulla storia dei videogiochi p I primi videogiochi p Pong: semplicità ed innovazione p La relazione tra gioco e apprendimento p Gioco e apprendimento: una prospettiva psicologica p Gioco e apprendimento: una prospettiva pedagogica p Videogiochi e scuola dell infanzia p Scuola e tecnologia p Elementi chiave p La Media Education p Scuola dell infanzia e scuola primaria: cosa p.85 cambia?... (se cambia) 4. Usare supporti didattici tecnologici nella scuola dell infanzia: utopia o possibilità? p Ipotesi di lavoro p Tappeto interattivo, LIM, Kinect, WII p Quali software per la scuola dell infanzia? p Quali funzioni andiamo a sollecitare? p Tecnologia e scuola dell infanzia: osservazione p Il tappeto interattivo p La LIM p La WII p Il Kinect p.135 Conclusioni p.141 Bibliografia p.151 3

4 4

5 Introduzione Il gioco nell era post-moderna: la disputa tra apocalittici ed integrati Il gioco è uno degli elementi oramai più noti nella vita dell uomo. Come sostiene lo stesso Fink, infatti, il gioco è un fenomeno della vita che ognuno conosce dall interno. Ognuno ha già una volta giocato e può parlare del gioco a partire dalla propria esperienza ( ) Il gioco è conosciuto universalmente. 1 Il gioco è piacere, libertà, creatività, ma soprattutto, appartiene a tutti gli uomini, di tutti i tempi e di tutte le età. Oggi, con l affermarsi dei videogiochi e di internet, si va verso una nuova definizione dell uomo fortemente influenzata dall elemento gioco che Pecchinenda definisce Homo games 2, data la grande centralità e rilevanza che il videogioco ha assunto nell era post-moderna, venendo così a delineare una nuova tipologia di uomo, che si muove tra reale e virtuale, un uomo che grazie alla tecnologia non conosce più limiti di spazio e di tempo. Il pericolo maggiormente legato all uso dei videogiochi, specie con i ragazzi, è quello della sovraesposizione, cioè il pericolo effettivo è che non vengano considerati come un semplice passatempo o come strumento didattico, ma come una sorta di 1 E. Fink, Oasi del gioco Trento, ed. Cortina, 2008, p. 5 2 G. Pecchinenda, Videogiochi e cultura della simulazione Bari, ed. Laterza, 2004, p. VII 5

6 baby-sitter. Ecco perché allora ritorna sulla scena la disputa tra apocalittici ed integrati: i primi che lanciano una severa condanna nei confronti dei giochi elettronici, sottolineando solo gli effetti negativi sulla sfera cognitiva degli utenti; i secondi, che invece ne riconoscono la positività e la possibilità di dare vita, attraverso tali strumenti ad un pensiero creativo. Apocalittici e integrati 3 è un'espressione che trae origine da un saggio di Umberto Eco pubblicato quasi cinquant'anni orsono. In esso il famoso scrittore faceva alcune considerazioni su quella che allora si definiva "letteratura di massa", individuando in essa aspetti positivi e negativi. Oggi, a distanza di tanto tempo, non saprei dire se esiste ancora una letteratura di massa, anche perché, con la caduta delle barriere politiche, mentali e ideologiche, le "masse" sono diventate un'altra cosa. Oggi, in questo nuovo secolo del terzo millennio, gli apocalittici e integrati fanno parte degli scenari esistenziali di ogni giorno. In particolar modo quelli che sono riferiti ai nuovi mezzi di comunicazione. C è chi ne è fortemente entusiasta e chi è contro senza riserve. Come nel caso della tavoletta, vale a dire l Ipad, che viene in un certo qual modo, enfatizzando la situazione, alle nuove tavole della legge dettate a Mosè sul Monte Sinai. Queste ultime oggi sembrano, invece, provenire da Cupertino, una città situata nella Contea di Santa Clara in California, USA, patria del così detto high tech. Un neuro scienziato dell università della California a San Francisco, che già da qualche tempo si era posto la domanda 3 Cfr. U. Eco, Apocalittici e integrati ed. Bompiani,

7 se l esposizione al web ci sta facendo diventare tutti più stupidi, cambiando a livello neuronale il nostro cervello, rincara la dose con un altro libro, affermando che la vita online altera e danneggia il nostro cervello. Mi riferisco allo studioso Nicolas Carr 4, il quale ha da poco pubblicato un libro facendo calare sul titolo di copertina dell edizione americana The Shallows una domanda di partenza che dà il senso a tutto, vale a dire: Che cosa Internet sta facendo ai nostri cervelli?. Il titolo del libro è stato abbastanza fedelmente tradotto in italiano con I superficiali anche se le immagini che suscita la parola in inglese sono più articolate e complesse. Nicolas Carr sembra far parte della categoria degli apocalittici, vale a dire di chi vede nei nuovi media più danni che vantaggi. All opposto, invece, un altro esimio studioso dell argomento che va sotto il nome di Steven Pinker 5. Vediamo allora di capire meglio chi è un apocalittico e chi invece un integrato. Socrate fu forse uno dei primi intellettuali della storia a temere la tecnologia. Platone nel suo Fedro fa esprimere a Socrate il suo timore sull invenzione dei libri. Questi, a suo dire, facilitano la dimenticanza nell anima dell uomo. Invece di ricordare essi stessi, i lettori, leggendo i libri, si sarebbero fidati ciecamente nella scrittura. In poche parole, la biblioteca rovinava la mente. E superfluo ricordare che con l avvento della stampa i timori aumentarono. Poi subentrarono la radio e la televisione le quali, che a detta di molti, danneggiavano oltre agli occhi anche la mente ed il corpo. I libri, fu detto, scompariranno. 4 Cfr. N. Carr, The Shallows ed. Cortina, Cfr. S. Pinker, L istinto del linguaggio: come la mente crea il linguaggio ed. Mondadori,

8 E questo avrebbe fatto piacere a Socrate. Nicholas Carr apre il suo libro con il ricordo melodrammatico delle ultime ore di vita del supercomputer HAL nel famoso film 2001: Odissea nello spazio. Tutti ricordiamo le sue parole quando il computer viene smontato la mia mente se ne va, lo sento. Per Carr l analogia con la fine del nostro cervello è simile a quella di HAL. Egli scrive letteralmente: I can feel it too. Over the last few years, I ve had an uncomfortable sense that someone, or something, has been tinkering with my brain, remapping the neural circuitry, reprogramming the memory. (Lo sento anche io. Nel corso degli ultimi anni ho avuto come la terribile sensazione che qualcuno, qualcosa, stesse stagnando il mio cervello, rimodellando i circuiti neurali, riprogrammando la memoria). Mentre HAL era stato messo a tacere dagli uomini che lo usavano, Carr sostiene che sono gli uomini, siamo noi stessi a farci del male distraendo la serietà della nostra attenzione verso la frenetica superficialità di Internet. Aveva già sostenuto una cosa del genere avanzando la domanda se Google ci stesse rendendo tutti più stupidi. Carr con le sue affermazioni pare oscillare senza forse accorgersene tra gli apocalittici e gli integrati. Vale a dire, mentre afferma che la rete fa scemare l attenzione per la profondità, non nega la sua utilità e ci conduce nelle acque immobili ma infinite del sapere. Il problema, allora, resta: come fare per impiegare al meglio le nostre qualità umane per gestire quanto ci sembra importante per la conoscenza? Si tratta di acque di superficie, è vero, ma solo per chi vuole restare superficiale. Egli aggiunge che gli effetti negativi della rete superano quelli positivi. E il caso dei 8

9 motori di ricerca. Per non dire poi del modo in cui i computer stanno distruggendo la nostra capacità di concentrazione. Il PC è ormai diventato un ecosistema di tecnologie interrotte : ormai trascorriamo le nostre giornate saltando di sito in sito, passando da controllare la posta elettronica, per poi dare una sbirciatina su Facebook. Siamo fermamente convinti, mentre facciamo ciò, di stare acquisendo nuove ed interessanti informazioni, ma è davvero così? Oppure si tratta solo di un illusione, poiché si tratta solo di nozioni inutili e superficiali che, in un certo senso, ci scivolano addosso, senza lasciarci niente più di prima. L essere umano è da sempre aperto alle novità e di conseguenza anche al cambiamento provocato da queste, ma questa sua flessibilità, secondo l ottica di Carr, non ha solo risvolti positivi. A Carr preoccupa il fatto che questa malleabilità cerebrale ci fa schiavi e succubi della tecnologia dalla quale siamo continuamente riprogrammati. Se allora Internet sta cambiando il nostro cervello perché ogni cosa esterna ad esso lo può influenzare, non è detto che questa influenza sia sempre necessariamente negativa. Il grande pericolo rappresentato da internet sembra stare nell illusione di avere tutto a portata di mano e di poter tutto dominare. Il libro di Carr ci ricorda anche le perdite che dobbiamo sperimentare ogni qualvolta subentra una nuova tecnologia. Egli ricorda, per esempio, che l invenzione della parola scritta condusse alla scomparsa del racconto e della poesia nella loro oralità. L invenzione dei caratteri mobili a stampa fece scomparire i manoscritti illustrati. Gli spettacoli alla TV hanno fatto morire il teatro radiofonico. Il rumore, la dinamicità ed i colori di Internet 9

10 hanno trasformato il testo del libro in una reliquia obsoleta. Internet diventa così il nuovo libro aperto sul mondo intero. Il lettore diventa il mondo e con esso si fonde. O si confonde? La disputa tra apocalittici e integrati è destinata allora a continuare. Mi sembra una cosa del tutto ovvia e naturale. In fondo nessuno è in grado di prevedere come sarà il futuro e come la tecnologia cambierà noi stessi e il mondo e del resto, nessuno è nella posizione per stabilire da quale parte sta la ragione. L uso delle tecnologie in ambito educativo: in Europa ed in Italia Ma vediamo più da vicino come le tecnologie, ed in particolare i videogiochi, influenzano la nostra vita quotidiana, specie quella delle nuove generazioni. I ragazzi di oggi vivono la tecnologia come un passatempo, o riescono ad andare oltre?quali sono i cambiamenti che le nuove tecnologie apportano alle relazioni e alle modalità di apprendimento? Come comunicano le nuove generazioni? A queste domande hanno cercato di rispondere docenti e altri esperti in occasione del convegno L'educazione ai tempi di Internet 6, che si è tenuto il 23 e 24 settembre 2011 a Torino. Obiettivo del convegno, infatti, era proprio quello di «realizzare un'opportunità di riflessione e confronto su un tema che sta cambiando i modi di vivere di tutti, in particolare dei 6 verificato il 4/10/

11 giovani, analizzandone specificamente le implicazioni psicologiche ed educative».tra gli argomenti affrontati ed approfonditi durante le due giornate di studio troviamo: Nuove Tecnologie e Media Education; L'utilizzo delle nuove tecnologie per compensare le difficoltà di apprendimento; La valorizzazione della dimensione informatica della cultura nelle scuole; Uso delle tecnologie del 3D per la didattica: esempi pratici interattivi. La ricerca pubblicata nel Quaderno 38 7 e curata da Marina D'Amato, indaga sul rapporto tra l'infanzia e i media e sull influenza di questi ultimi nella formazione dei ragazzi. È ormai evidente che i mezzi di comunicazione di massa, con tecnologie tradizionali e più innovative, occupano un posto importante nella vita quotidiana dei giovani già a partire dai primi anni di vita. Se esaminiamo ciò che viene offerto dalla televisione, dal cinema, dalla letteratura, dalla radio, da Internet e videogiochi e dall'analisi della rappresentazione dell'infanzia nei media emergono quelli che ormai sono i nuovi miti e si delinea l'identità dei giovanissimi di oggi. Nel 1962 al MIT (Massachusetts Institute of Technology) nasce Spacewar, il primo videogioco della storia e con lui una nuova modalità ludica interattiva destinata ad animare la fantasia di milioni di bambini, giovani e adulti. A partire dai primi anni Settanta infatti, novità multimediali come Pong e Asteroids iniziarono a popolare le sale giochi, conquistando un successo sempre maggiore all interno delle società industrializzate. Solo intorno agli anni Ottanta però, grazie all arrivo dei personal computer e delle nuove consolle 7 verificato il 4/10/

12 Nintendo, i videogiochi hanno cominciato a diffondersi nelle case degli appassionati. Da allora il mercato internazionale di videogame ha acquisito una potenza tale da arrivare attualmente a competere con quello dei giocattoli tradizionali. Persone di tutte le età e di tutto il mondo si ritrovano quindi a vivere le stesse avventure e sconfiggere gli stessi nemici senza limiti di tempo e di spazio, in qualità di veri e propri eroi di un mondo virtuale. È perciò importante studiare le caratteristiche di questi personaggi e in particolare di quelli attuali, per evidenziare di quali valori e modelli di comportamento sono il simbolo. Ci sono dei casi, però, in cui il giocatore non veste i panni di un personaggio ben preciso, perciò si trova a dover giocare al di fuori della modalità. Il gioco diventa così ancora più appassionante e coinvolgente in quanto è il giocatore stesso che diventa protagonista e che guarda attraverso lo schermo e in prima persona l effetto delle sue azioni. L'utilizzo dei videogiochi nelle scuole europee è una pratica in crescita. Lo rivela il rapporto conclusivo del progetto Games in schools 8, realizzato da European Schoolnet - rete di ministeri dell'istruzione europei - su commissione dell'isfe, associazione europea degli editori di videogiochi. Attraverso un'inchiesta che ha coinvolto, fra gli altri, oltre cinquecento insegnanti in tutta Europa, i redattori del rapporto si sono proposti di rilevare quali sono le aspettative dei docenti sull'utilizzo dei videogiochi, qual è l'impatto dei nuovi strumenti didattici sulla motivazione e sui risultati degli studenti e in che modo alcune scuole li hanno 8 games.eun.org verificato il 5/ 10/

13 inseriti nei loro percorsi educativi. Lo studio, in conclusione, tenta di stabilire in che misura l'uso dei videogiochi permette di rispondere alle molteplici sfide degli attuali sistemi educativi. Dal rapporto emerge che il settanta per cento degli insegnanti intervistati ha iniziato a utilizzare i videogiochi in classe, indipendentemente dal genere di appartenenza, dall'età, dall'esperienza professionale, dalla familiarità con i videogiochi, dalla materia insegnata e dal grado di scuola. L'ottanta per cento ha dichiarato di volerne sapere di più sul tema. L'uso dei videogiochi spazia dalle lingue straniere alla letteratura, dalla matematica alla storia e comprende non solo videogiochi educativi in senso stretto, ma anche videogiochi di intrattenimento in commercio. Per quanto riguarda gli studenti, dal rapporto emerge che sembrano essere più motivati quando il videogioco viene integrato nel processo di educazione e apprezzano il fatto che il nuovo approccio si avvicina alla loro vita quotidiana, affida un ruolo attivo nell'apprendimento e introduce, infine, una componente di gioco nell'attività scolastica. In relazione alle modalità di utilizzo dei videogiochi e alla loro diffusione nelle scuole, il rapporto evidenzia che l'uso dei nuovi strumenti didattici è una pratica in crescita, mai lasciata al caso ma programmata con rigore, nell'ambito di un quadro pedagogico ben strutturato. Dai risultati dello studio emergono, inoltre, differenti livelli di coinvolgimento delle istituzioni e differenti approcci e obiettivi, a seconda dei diversi sistemi educativi dei vari paesi europei. Danimarca, Olanda e Gran 13

14 Bretagna sono tra quelli con il più elevato sostegno istituzionale alla sperimentazione dei videogiochi a scuola In alcune scuole primarie della Francia i bambini, per imparare a leggere e scrivere, assistiti dagli insegnanti, muovono i primi passi nel linguaggio grazie ai messaggini di uno dei più famosi social network: Twitter. Si legge infatti sulla Stampa.it 9, nella sezione dedicata alla tecnologia, in un articolo di C. Leonardi, che Twitter è ormai diventato maestro di scuola, dato è l'account col quale tweetano i bambini della scuola elementare di Dunkerque, nel nord della Francia, la prima a lanciarsi nell'avventura dei pensierini in versione digitale. «È un iniziativa ancora poco diffusa, ma sta avendo un discreto successo tra gli insegnanti», scrive la giornalista Cécil Bontron. Secondo quanto racconta il giornale francese, dal 2010, anno di esordio dell'iniziativa, sarebbero ormai ottantuno le classi francofone che utilizzano Twitter (di cui cinquanta in Francia). Bertrand Formet, uno dei promotori del progetto ci spiega che esistono vari progetti, in base all ordine scolastico in cui vengono applicate, dalla scuola dell infanzia fino all ambito universitario. Ai bambini viene insegnato ad approcciarsi ai social network secondo modalità ben precise, per esempio ad usarlo solo in presenza dei genitore o dell insegnante, essere gentili quando si è in rete, ma senza fornire informazioni personali o password a nessuno. L'esperimento comunque dà esiti incoraggianti. È la conclusione di Yann Leroux, psicologo e psicanalista: I bambini imparano molto presto che quello che 9 verificato il 1/04/

15 scrivono sulla carta, rimane. Mentre con il computer si può correggere: viene meno il senso di colpa dovuto agli errori e possono sperimentare senza paura 10. Il Council for Industry and Higher Education ha infatti detto la sua, con la voce di un gruppo di esperti, trattando come argomento principale il mondo dei videogiochi legato a quello della scuola. Da tempo il Regno Unito sta vivendo un periodo nero per quanto riguarda lo sviluppo di nuove tecnologie ed industria digitale e un tentativo interessante, sarebbe quello di intraprendere un percorso formativo al riguardo proprio nelle scuole. Tutti i ragazzi giovani utilizzano il computer, Facebook e ovviamente i videogames, ma proprio approfittando di questa passione, sarebbe utile introdurre come materia il videogioco, non come passatempo, come lo si vive a casa, ma analizzandolo nella struttura e nell efficacia sul mercato. Questo sarebbe, a mio parere, un grosso passo in avanti nel campo della media education, anche se ovviamente, non ci si può affidare al caso, ma la procedura dovrebbe essere studiata e progettata nei minimi dettagli, poiché si andrebbero ad utilizzare degli strumenti al di fuori del campo per il quale sono stati progettati, cioè al di fuori del ludico, ma all interno del campo formativo. In Italia il panorama, a tal proposito muta notevolmente: come sostiene Gabriele Ferri, semiotico e ricercatore in game studies 11 in uno dei suoi articoli, l'idea che un gioco possa essere uno strumento didattico non è nuova, ma la dicitura "videogioco educativo" sembra ancora una verificato il 1/04/ verificato il 1/10/

16 contraddizione in termini, tanto a molti giocatori quanto alla grande maggioranza degli insegnanti italiani. Invece l'utilità di particolari giochi a scuola sta avendo molti riscontri positivi all'estero, soprattutto nei confronti di allievi definiti con elegante eufemismo "resistant to classroom education", cioè resistenti all'istruzione in classe. Per certi versi l'italia è stata all'avanguardia nella didattica multimediale (chi ricorda i Cd'Art, contenenti grandi raccolte di immagini di pittori famosi, distribuiti in edicola a metà degli anni novanta?) ma la spinta sembra essersi esaurita negli ultimi anni: un paragone con quanto accade a New York ne costituisce l'esempio lampante. Nel 2005 a New York, alla South Shore High School di Brooklyn, l'associazione Global Kids ha portato avanti il progetto Ayiti - The Cost of Life 12. Gli sponsor dell'iniziativa erano UNICEF e Microsoft: i medesimi di Missione "Internet Sicuro!" 13. Gli studenti di Brooklyn sono stati guidati nella progettazione di un videogioco che simulasse la difficoltà della vita ad Haiti, ribattezzata Ayiti nella finzione videoludica. Ma, al di là dei fortunati che hanno avuto l'opportunità di progettare le meccaniche di gioco, Ayiti - The Cost of Life, è stato poi realizzato dagli sviluppatori professionisti di GameLab seguendo fedelmente le indicazioni dei ragazzi ed ora è a disposizione, assieme ad altro materiale didattico, di tutti gli insegnati che ne vogliano fare uso. Ayiti non è solo un videogioco tipo SimCity, semplice e divertente, ma è anche un buon punto di partenza per la didattica che non sarebbe 12 verificato il 1/10/ verificato il 2/10/

17 realizzabile con mezzi diversi dal computer. Il punto di forza che deve stare alla base dei giochi didattici ben progettati è la possibilità di schematizzare, semplificare e simulare un problema chiedendo al giocatore di risolverlo. Spesso si confonde il videogioco didattico con uno strumento di valutazione ma la specificità di un gioco non è quella di sostituire un'interrogazione o un test. Un buon videogioco scolastico, come Ayiti, astrae i punti fondamentali di un problema complesso, permette agli studenti di tentare approcci alternativi e ha comunque sempre bisogno di una discussione finale guidata dall'insegnante. Missione "Internet Sicuro!", realizzato invece in Italia, d'altro canto, non è un gioco ed è scarsamente multimediale: avrebbe potuto essere stampata su un libro di testo senza cambiare la sua natura. Non ci sono elementi di simulazione, gli allievi sono semplicemente spettatori di una normale lezione, con la differenza che si parla di sicurezza online invece che di storia. Il massimo dell'interazione offerta da Missione "Internet Sicuro!" è rappresentato dal concorso-cruciverba finale. Vista l'alta qualità del prodotto che Microsoft e UNICEF hanno promosso negli Stati Uniti, ci si potrebbe aspettare dalle medesime organizzazioni ampi miglioramenti nei progetti per il pubblico italiano. Attualmente, il Ministro dell Istruzione Gelmini, si è pronunciato in materia di videogiochi, sottolineando l importanza di questi come uno strumento didattico per le scuole e le università. I videogiochi oggi rappresentano un'opportunità per introdurre nella scuola linguaggi digitali e nuove strategie di apprendimento, ha commentato al Corriere il 17

18 ministro Gelmini. Dalla ricerca, infatti, emerge chiaramente come i genitori attribuiscano ai giochi elettronici un valore dal punto di vista cognitivo. La nuova generazione di videogiochi didattici offre molte opportunità e non è un caso che siano ormai utilizzati anche all interno di percorsi universitari. 18

19 Capitolo primo La storia dei videogiochi: Pong Nel primo capitolo, il mio scopo, è quello di tracciare a grandi linee la storia dei videogiochi, per cercare di capire quali siano le origini delle nostre moderne console. Il videogioco è un media alquanto giovane. Esso viene definito come gioco le cui regole sono gestite automaticamente da un dispositivo elettronico che utilizza un interfaccia uomomacchina basata sul display come sistema di output 14. È circa dieci anni fa che Paul Saffo 15, direttore dell'institute for the Future di Menlo Park (California) ha formulato "la regola dei trenta anni" secondo la quale occorrono circa trenta anni per la completa penetrazione di nuove idee all'interno di una cultura. Nel corso di questi anni il media ludico ha subito molti stadi di trasformazione, passando da "passatempo ludico" a "esperienza senso motoria- ludico - interattiva" grazie alle nuove sperimentazioni in questo campo ed è cambiato molto l'atteggiamento delle persone rispetto a questo nuovo media. 14 verificato il 15/11/ V. Paul Saffo and the 30 years rule, Design World,

20 1.1 Breve excursus sulla storia dei videogiochi La storia dei videogiochi viene spesso fraintesa, quindi è necessario spiegare cosa è successo nel 1950 prima, per poi passare attraverso la vera storia dei videogiochi che ha avuto inizio nel Già nel 1951, un giovane di 29 anni, ingegnere esperto nella progettazione di televisori di nome Ralph Baer, ha lavorato presso Loral, una società di TV. Il suo capo ingegnere, Sam Lackoff, gli commissionò un progetto per un televisore che fosse all avanguardia per l epoca. Questo sarebbe risultato un compito facile per Ralph, che però voleva aggiungere un nuovo concetto, un tocco di innovazione ed originalità al suo progetto, che il suo capo, ovviamente, al momento non comprese: giochi sul televisore. Il concetto di videogioco era quindi ormai nato, ma non poteva essere attuato in quanto mancavano le basi per mettere in pratica il progetto, in quanto Lackoff aveva respinto l idea di Baer. Nel settembre del 1966, Ralph tornò alla sua idea originale, ossia di installare giochi su televisori e così iniziò a costruire i primi prototipi di videogiochi. Ecco perché Ralph Baer è pertanto considerato come l'inventore del videogioco. Nel 1967, Ralph Baer ha dato vita al primo videogioco giocato su un televisore, un gioco chiamato Chase 16. Il videogioco è stato introdotto negli anni settanta sul 16 verificato il 15/10/

21 mercato e, nel corso degli anni, ha subito varie trasformazioni, passando dall essere da una semplice meraviglia elettronica ad un prodotto complesso, grazie all incalzante rivoluzione digitale. Siamo passati a parlare del gioco non più in termini di ludico, ma coniando il termine di ludiforme 17, ossia, intendendo con tale termine tutto ciò che può essere proposto ad un individuo per farlo divertire, ma che allo stesso tempo, produce forme di apprendimento. Mentre il videogiocatore, nei primi anni ottanta, veniva classificato come NERD (cioè una strana tipologia di essere umano, introverso, asociale, riservato, con pochi amici e dall aspetto esteriore non particolarmente attraente), oggi video giocare è diventato "cool", soprattutto con l'aumento delle prestazioni grafiche della pubblicità martellante della multinazionali del divertimento. Il videogamer, prodotto dell homo ludens, non è più al limite della società,ma viene situato al centro di essa, poiché sembra comprenderne a pieno il funzionamento, le interazioni. Egli non viene più rappresentato come il ragazzino pieno di lentiggini che se ne sta imbambolato davanti allo schermo e ogni tanto fa un ghigno che sta a metà tra la schizofrenia e l'epilessia, ma come una persona che gioca e che "ha una vita sociale ben salda" e che il giocare e la tecnologia comunicativa hanno reso ancor più solida, vasta. La compagnia che attualmente porta il nome Atari fu fondata nel 1993 sotto il nome GT Interactive. La GT Interactive fu acquisita dall'iesa nel 1999 e rinominata Infogrames, che acquisisce il marchio Atari dall'acquisto di Hasbro Interactive. La originale Atari era una pioniera nei giochi 17 Cfr. Visalberghi A., Insegnare ad apprendere: un approccio evolutivo, Firenze, La Nuova Italia,

22 arcade ("videogioco da sala giochi" si riferisce, in generale, a un videogioco cui si gioca in una apposita postazione pubblica a gettoni o a monete, dotata di monitor, joystick, pulsanti, trackball o altro), nelle console domestiche (una console è un dispositivo elettronico di elaborazione di tipo special purpose concepito esclusivamente o primariamente per giocare con videogiochi. Le console si possono suddividere in varie tipologie: esistono, infatti, quelle portatili come il Game Boy che fa il suo ingresso in Europa nel 1990 (oggi in disuso); Nintendo DS nato nel 2004, anche se nel 2011 è stato introdotto sul mercato il Nintendo 3DS; o la Playstation Portable (PSP) nata nel 2004; le console "da tavolo", invece, sono caratterizzate da maggiori dimensioni, circuiteria più complessa, che consente loro di poter essere collegate, attraverso un cavo specifico, anche ad un televisore e ad un personal computer ( un personal computer è un qualsiasi computer di uso generico le cui dimensioni, prestazioni e prezzo di acquisto lo rendano adatto alle esigenze del singolo individuo). Un 22

23 personal computer può essere un "desktop PC" cioè un PC da scrivania o fisso, un "portatile", un "tablet PC", cioè un PC a tavoletta o un "palmare" e può essere utilizzato a casa, in ufficio o in viaggio. Un PC è pensato per essere utilizzato direttamente da un utente finale, senza l'intervento di un tecnico informatico specializzato, grazie all interfaccia grafica. Il suo dominio in quelle aree la resero la più grande forza nell'industria dell'intrattenimento elettronico dagli inizi fino alla metà degli anni ottanta. Atari sviluppa, pubblica e distribuisce giochi per tutte le maggiori console di videogiochi e personal computer, ed è una delle più grandi case di pubblicazione di videogiochi negli Stati Uniti. Nel 1972 Nolan Bushnell fonda la Atari e nello stesso anno viene messo sul mercato Pong; così nacque l'industria dei videogiochi e Higgin, Botan, Rassel, Bear e Bushnell consapevolmente o no, riuscirono ad incanalare le nostre paure collettive nello loro creazioni virtuali; era evidente che il mondo era stanco, che c era bisogno di qualcosa di nuovo che esorcizzasse le paure di ognuno, che permettesse ad ogni individuo di esternare le proprie emozioni, di misurarsi con ciò che più temeva. Ecco che quindi i videogiochi erano la perfetta arma di distrazione di massa in tutto il globo. I primi videogiochi furono prodotti collaterali della guerra fredda, come Harpoon, uscito nel 1989 e sviluppato da Apeiron. Si tratta di un interessante simulatore di combattimenti navali basato 23

Giuseppe Riva L come libro, T come tablet. Come si studia meglio? Il Mulino Anno LXIII, Numero 475, Pagine 790-794 http://www.rivistailmulino.

Giuseppe Riva L come libro, T come tablet. Come si studia meglio? Il Mulino Anno LXIII, Numero 475, Pagine 790-794 http://www.rivistailmulino. Giuseppe Riva L come libro, T come tablet. Come si studia meglio? Il Mulino Anno LXIII, Numero 475, Pagine 790-794 http://www.rivistailmulino.it/ L approvazione della legge n. 128/2013 consente da quest

Dettagli

I QUATTRO ELEMENTI ARIA ACQUA

I QUATTRO ELEMENTI ARIA ACQUA Scuola dell Infanzia Porto Cervo 1 SEZIONE Insegnanti: Derosas Antonella, Sanna Paola I QUATTRO ELEMENTI ARIA ACQUA TERRA FUOCO SETTEMBRE: Progetto accoglienza: Tutti a scuola con i quattro elementi OTTOBRE-

Dettagli

GIOCHIAMO CHE IO ERO...?

GIOCHIAMO CHE IO ERO...? QUADERNO DIDATTICO GIOCHIAMO CHE IO ERO...? SI APRE IL SIPARIO Il titolo del quaderno, che riprende una delle frasi spontanee più ricorrenti nei giochi dei bambini, esprime da solo la relazione esistente

Dettagli

DIOCESI DI RIETI Ufficio per la Pastorale della Salute IL DIRETTORE

DIOCESI DI RIETI Ufficio per la Pastorale della Salute IL DIRETTORE Grazie a voi ragazzi, ai vostri Professori, ai vostri Presidi che vi hanno dato il permesso di partecipare al nostro incontro. Il nostro incontro formativo di oggi ha un titolo particolare: Facebook: Dalla

Dettagli

Psicologia e videogames

Psicologia e videogames Prof.ssa Michela De Luca Corso Cyberpsicologia-Lumsa Dott. Massimiliano Marzocca Psicologo - Psicoterapeuta massimilianomarzocca.blogspot.it wwww.massimilianomarzocca.it Psicologia e videogames CHE COSA

Dettagli

I LABORATORI ESPRESSIVI: CREATIVITA E METODOLOGIA. EDUCAZIONE VISIVA IL LINGUAGGIO DELLE IMMAGINI

I LABORATORI ESPRESSIVI: CREATIVITA E METODOLOGIA. EDUCAZIONE VISIVA IL LINGUAGGIO DELLE IMMAGINI I LABORATORI ESPRESSIVI: CREATIVITA E METODOLOGIA. EDUCAZIONE VISIVA IL LINGUAGGIO DELLE IMMAGINI Nel laboratorio vengono presentati e analizzati, attraverso la sperimentazione di materiali e tecniche

Dettagli

Le nuove frontiere della tecnologia: realizzare un Cartone Animato può parlare Inglese ed. Educare al Riciclo

Le nuove frontiere della tecnologia: realizzare un Cartone Animato può parlare Inglese ed. Educare al Riciclo Le nuove frontiere della tecnologia: realizzare un Cartone Animato può parlare Inglese ed Educare al Riciclo Mavi Ferramosca, Valeria Rizzello, Antonella Natale Scuola Primaria Gianni Rodari Via Caduti

Dettagli

Geppetto, Pinocchio e i loro compagni di viaggio Dai mondi virtuali a quelli reali tramite la narrazione

Geppetto, Pinocchio e i loro compagni di viaggio Dai mondi virtuali a quelli reali tramite la narrazione Geppetto, Pinocchio e i loro compagni di viaggio Dai mondi virtuali a quelli reali tramite la narrazione Donatella Merlo (*) Scuola di Robotica La motivazione che deve sempre accompagnare le attività che

Dettagli

Bloggiornalismo. Dal web publishing alle comunità di blog per la classe in rete

Bloggiornalismo. Dal web publishing alle comunità di blog per la classe in rete Bloggiornalismo. Dal web publishing alle comunità di blog per la classe in rete Giulia Caminada Professoressa di Materie Letterarie Scuola Media G. Segantini di Asso giulia.caminada@tiscali.it - www.bloggiornalismo.it

Dettagli

10 INDICAZIONI PER REALIZZARE MATERIALI INTERATTIVI E MULTIMEDIALI ALLA LIM FACILITANTI PER L'APPRENDIMENTO DI TUTTI (ANCHE DI ALUNNI CON DSA)

10 INDICAZIONI PER REALIZZARE MATERIALI INTERATTIVI E MULTIMEDIALI ALLA LIM FACILITANTI PER L'APPRENDIMENTO DI TUTTI (ANCHE DI ALUNNI CON DSA) 10 INDICAZIONI PER REALIZZARE MATERIALI INTERATTIVI E MULTIMEDIALI ALLA LIM FACILITANTI PER L'APPRENDIMENTO DI TUTTI (ANCHE DI ALUNNI CON DSA) FRANCESCO ZAMBOTTI LIBERA UNIVERSITÀ DI BOLZANO, GRIIS www.integrazioneinclusione.wordpress.com

Dettagli

INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile

INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile Novembre 2011 Nel primo incontro di questo giornalino ognuno di noi ha proposto la sua definizione di lavoro minorile e ha raccontato la sua esperienza. personale.

Dettagli

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana 1. LA MOTIVAZIONE Imparare è una necessità umana La parola studiare spesso ha un retrogusto amaro e richiama alla memoria lunghe ore passate a ripassare i vocaboli di latino o a fare dei calcoli dei quali

Dettagli

Pensavamo fosse. invece..

Pensavamo fosse. invece.. Pensavamo fosse. invece.. La presentazione che segue racconta il percorso scolastico di uno studente straniero con una lunga serie di bocciature alle spalle. Istituto Comprensivo Darfo2 La storia O. è

Dettagli

EDUCARE È COSA DEL CUORE Educare figli adolescenti: sfida o percorso di crescita condiviso? Educare alle emozioni e all'affettività

EDUCARE È COSA DEL CUORE Educare figli adolescenti: sfida o percorso di crescita condiviso? Educare alle emozioni e all'affettività EDUCARE È COSA DEL CUORE Educare figli adolescenti: sfida o percorso di crescita condiviso? Educare alle emozioni e all'affettività Stili educativi riferiti alle emozioni Di fronte alle emozioni, alla

Dettagli

UNA SCUOLA PER AMARE

UNA SCUOLA PER AMARE UNA SCUOLA PER AMARE L iniziativa UNA SCUOLA PER AMARE vuole essere una chiave d accesso per entrare nelle scuole, ma soprattutto nella sfera affettiva dei giovani, alla quale durante il percorso scolastico

Dettagli

Asili nido comunali di Verbania PROGETTO EDUCATIVO Anno scolastico 2013-2014

Asili nido comunali di Verbania PROGETTO EDUCATIVO Anno scolastico 2013-2014 L educazione è un diritto di tutti i bambini e ragazzi, che devono poterne fruire senza limitazioni Ma è anche un bene degli adulti, di tutti gli adulti che la difendono e la arricchiscono e con la partecipazione

Dettagli

Internetopoli, alla scoperta della Rete

Internetopoli, alla scoperta della Rete Internetopoli, alla scoperta della Rete Giorgia Bassi, Beatrice Lami, Gian Mario Scanu Ludoteca.it - Registro.it Via G. Moruzzi 1, 56100 Pisa giorgia.bassi@iit.cnr.it beatrice.lami@iit.cnr.it gianmario.scanu@iit.cnr.it

Dettagli

LA DIETA MEDIATICA DEI BAMBINI

LA DIETA MEDIATICA DEI BAMBINI LA DIETA MEDIATICA DEI BAMBINI Marco Deriu Direttore responsabile de Il Resegone docente di Etica della comunicazione all Università Cattolica Milano 20 gennaio 2007 Media e bambini I media si inseriscono

Dettagli

LA COMUNICAZIONE AUMENTATIVA ALTERNATIVA. In età evolutiva, più dello 0,5% della popolazione presenta disabilità

LA COMUNICAZIONE AUMENTATIVA ALTERNATIVA. In età evolutiva, più dello 0,5% della popolazione presenta disabilità LA COMUNICAZIONE AUMENTATIVA ALTERNATIVA In età evolutiva, più dello 0,5% della popolazione presenta disabilità complesse della comunicazione che, in assenza di adeguati interventi, interferiscono in modo

Dettagli

L uso delle nuove tecnologie nella Scuola Primaria a servizio della didattica

L uso delle nuove tecnologie nella Scuola Primaria a servizio della didattica L uso delle nuove tecnologie nella Scuola Primaria a servizio della didattica Mavi Ferramosca Scuola Primaria Gianni Rodari Via Caduti Partigiani s.n., 70126 Bari E-mail: mavi.ferramosca@alice.it Un uso

Dettagli

Team Firestorm PROGETTO SCIENTIFICO

Team Firestorm PROGETTO SCIENTIFICO Team Firestorm PROGETTO SCIENTIFICO ALESSIO MICHELE AURORA LUCA MARTINA GIANLUCA DOMANDA E possibile rendere divertente l apprendimento della grammatica? PERCHE ABBIAMO SCELTO LA GRAMMATICA Abbiamo fatto

Dettagli

Giochi e videogiochi. in biblioteca.

Giochi e videogiochi. in biblioteca. Giochi e videogiochi in biblioteca. I videogiochi in biblioteca a cura di Alfonso Noviello Milano 20 giugno 2012 1. Le biblioteche non sono forse per i libri e la lettura? 2. I videogiochi non sono una

Dettagli

LABORATORIO TEATRALE PER LA SCUOLA ELEMENTARE E SCUOLA DELL INFANZIA PROGETTO: LA FIABA

LABORATORIO TEATRALE PER LA SCUOLA ELEMENTARE E SCUOLA DELL INFANZIA PROGETTO: LA FIABA LABORATORIO TEATRALE PER LA SCUOLA ELEMENTARE E SCUOLA DELL INFANZIA PROGETTO: LA FIABA L obbiettivo di questo laboratorio è quello di rielaborare ed interpretare un antica fiaba usando i significati profondi

Dettagli

Ref: 2013-1-ES1-LEO05-66260

Ref: 2013-1-ES1-LEO05-66260 Ref: 2013-1-ES1-LEO05-66260 Buone pratiche nell uso di ambienti di apprendimento collaborativo quali strumenti per favorire la creatività ed identificazione di modelli di successo nel settore metalmeccanico

Dettagli

A Le piattaforme e-learning

A Le piattaforme e-learning A Le piattaforme e-learning Paolo Fusero obiettivo didattico della lezione: introdurre lo studente all utilizzo delle piattaforme e-learning e delle nuove metodologie didattiche che utilizzano la rete

Dettagli

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Realizzata da: Commissionata da: 1 INDICE 1. Metodologia della ricerca Pag. 3 2. Genitori e Internet 2.1 L utilizzo del computer e di Internet in famiglia

Dettagli

speciale genitori per la scuola primaria

speciale genitori per la scuola primaria speciale genitori per la scuola primaria in collaborazione con Speciale Genitori Il patto di RCS EDUCATION con le famiglie Il successo formativo e scolastico delle giovani generazioni è, oggi più che mai,

Dettagli

Alla cortese attenzione del Dirigente scolastico e dei docenti METIS OPEN SCHOOL. Diciotto idee di progetti e servizi per le scuole 2015/16

Alla cortese attenzione del Dirigente scolastico e dei docenti METIS OPEN SCHOOL. Diciotto idee di progetti e servizi per le scuole 2015/16 Alla cortese attenzione del Dirigente scolastico e dei docenti METIS OPEN SCHOOL Diciotto idee di progetti e servizi per le scuole 2015/16 Open School è un insieme di progetti rivolti a studenti, insegnanti

Dettagli

1.Premessa DIDAMATICA 2011 ISBN 9788890540622

1.Premessa DIDAMATICA 2011 ISBN 9788890540622 Over the rainbow : oltre l arcobaleno per scoprire, inventare, rappresentare, ed imparare attraverso la lingua italiana, le scienze, la lingua inglese e le nuove tecnologie Mavi Ferramosca, Scuola Primaria

Dettagli

Perché affidarsi a tecnico di proget

Perché affidarsi a tecnico di proget TEC. Baroni 45 imp 2-04-2004 10:54 Pagina 50 TECNICA Perché affidarsi a tecnico di proget d i S a r a B a r o n i Uno studio di ingegneria, maturando esperienza in realtà differenti, sviluppa una competenza

Dettagli

Educare ai videogiochi

Educare ai videogiochi Educare ai videogiochi Damiano Felini Università degli Studi di Parma Insegnare i videogiochi ai ragazzini, che li sanno già usare perfettamente, può sembrare un obiettivo strano: non lo è, se si pensa

Dettagli

L e-book a scuola. 1 Al tema sono peraltro dedicati alcuni lavori specifici, fra i quali in italiano si segnala per

L e-book a scuola. 1 Al tema sono peraltro dedicati alcuni lavori specifici, fra i quali in italiano si segnala per L e-book a scuola Arriviamo così a un ultimo tema su cui vorrei spendere qualche parola. Un tema che richiederebbe peraltro, per essere trattato con l attenzione e il rigore che sarebbero necessari, ben

Dettagli

TAGESMUTTER - IL SORRISO Cooperativa sociale di Servizi per l Infanzia

TAGESMUTTER - IL SORRISO Cooperativa sociale di Servizi per l Infanzia Un nido a dimensione familiare TAGESMUTTER - IL SORRISO Cooperativa sociale di Servizi per l Infanzia La Cooperativa sociale Tagesmutter del Trentino - Il Sorriso nasce per valorizzare il lavoro educativo

Dettagli

Professor Luca Piergiovanni luca.piergiovanni@libero.it 3387594929

Professor Luca Piergiovanni luca.piergiovanni@libero.it 3387594929 CORSI DI FORMAZIONE Insegnare e apprendere con i Social Network e gli strumenti didattici 2.0 Ricordo ai corsisti questo fatto importante, ovvero che alle lezioni in presenza, le quali avranno un taglio

Dettagli

La macchina fantastica: il libro dentro un computer Percorsi di esplorazione tecnologica nella scuola dell infanzia

La macchina fantastica: il libro dentro un computer Percorsi di esplorazione tecnologica nella scuola dell infanzia 1 Difficile raccontare un esperienza vissuta in modo così coinvolgente lavorando fianco a fianco con un piccolo gruppo di bambini di cinque anni. Difficile essere credibili in una relazione tecnica che

Dettagli

A.S. 2014-2015 ATTIVITÀ FORMATIVE PER LA SCUOLA DELL INFANZIA

A.S. 2014-2015 ATTIVITÀ FORMATIVE PER LA SCUOLA DELL INFANZIA MANUALE PER IL docente II EDIZIONE A.S. 2014-2015 ATTIVITÀ FORMATIVE PER LA SCUOLA DELL INFANZIA 1 INDICE Il progetto 03 Scambio di generazioni 04 Crescendo si scambia in 4 mosse 05 Certi giochi sono sempre

Dettagli

Sinfonia di colori Progetto musicale per la scuola dell infanzia

Sinfonia di colori Progetto musicale per la scuola dell infanzia Cristina Donnini Sinfonia di colori Progetto musicale per la scuola dell infanzia Questo progetto è nato dalla richiesta delle maestre della scuola dell infanzia Sorelle Agazzi di La California (Livorno)

Dettagli

Per questo motivo l'attività online è da considerarsi come parte imprescindibile di quella in presenza.

Per questo motivo l'attività online è da considerarsi come parte imprescindibile di quella in presenza. CORSO DI FORMAZIONE Insegnare e apprendere con i SocialMedia e gli Ambienti didattici 2.0 Ricordo a tutti quanti che le lezioni in presenza avranno un taglio teorico ma anche operativo dal momento che

Dettagli

Dalle aspirazioni giovanili al mondo dei mestieri e delle professioni: le aspettative e la realtà

Dalle aspirazioni giovanili al mondo dei mestieri e delle professioni: le aspettative e la realtà Dalle aspirazioni giovanili al mondo dei mestieri e delle professioni: le aspettative e la realtà Numero del Questionario Completato Attenzione! Ogni questionario completato deve riportare il numero progressivo

Dettagli

METODOLOGIA Scuola dell infanzia La progettazione, l organizzazione e la valorizzazione degli spazi e dei materiali

METODOLOGIA Scuola dell infanzia La progettazione, l organizzazione e la valorizzazione degli spazi e dei materiali METODOLOGIA Scuola dell infanzia La scuola dell infanzia è un luogo ricco di esperienze, scoperte, rapporti, che segnano profondamente la vita di tutti coloro che ogni giorno vi sono coinvolti, infatti

Dettagli

IL GIOCO. La natura vuole che i bambini siano bambini prima di diventare adulti. (J.J.ROUSSEAU)

IL GIOCO. La natura vuole che i bambini siano bambini prima di diventare adulti. (J.J.ROUSSEAU) IL GIOCO La natura vuole che i bambini siano bambini prima di diventare adulti. (J.J.ROUSSEAU) Il gioco insegna a muoversi, a immaginare, a pensare (M. LAENG) Lo sport ed il gioco sono elementi fondamentali

Dettagli

Elena Sbaraglia. Step by step La tecnica di scrittura creativa di Dario Amadei

Elena Sbaraglia. Step by step La tecnica di scrittura creativa di Dario Amadei Elena Sbaraglia Step by step La tecnica di scrittura creativa di Dario Amadei STEP BY STEP EDIZIONI SIMPLE Via Weiden, 27 62100 Macerata info@edizionisimple.it www.edizionisimple.it ISBN 978-88-6259-746-3

Dettagli

Corso di formazione CORSO DI FORMAZIONE. Prof. Marco Scancarello Prof.ssa Carolina Biscossi Email: didatticaelim@gmail.com

Corso di formazione CORSO DI FORMAZIONE. Prof. Marco Scancarello Prof.ssa Carolina Biscossi Email: didatticaelim@gmail.com Corso di formazione CORSO DI FORMAZIONE Prof. Marco Scancarello Prof.ssa Carolina Biscossi Email: didatticaelim@gmail.com IL CORSO L utilizzo sempre più frequente delle nuove tecnologie nella vita quotidiana

Dettagli

molte volte ci si distrae;

molte volte ci si distrae; FIRST LEGO LEAGUE ITALIA MILANO 6-7 marzo 2015 Squadra FLL4: LICEO ROSMINI RELAZIONE SCIENTIFICA TITOLO DEL PROGETTO: FLIP the SCHOOL ARGOMENTO STUDIATO L argomento che abbiamo deciso di affrontare si

Dettagli

È possibile caratterizzare un percorso formativo per gli studenti sulla base di due aree di specializzazione (indirizzi):

È possibile caratterizzare un percorso formativo per gli studenti sulla base di due aree di specializzazione (indirizzi): Percorsi per la Laurea Magistrale in Informatica Percorso Video Game Docenti di riferimento: Dario Maggiorini, Laura Anna Ripamonti Sede di erogazione: Milano LIKE THIS! Obiettivi generali Il mercato dei

Dettagli

Percorso Video Game. Percorsi per la Laurea Magistrale in Informatica. Obiettivi generali. Sbocchi professionali

Percorso Video Game. Percorsi per la Laurea Magistrale in Informatica. Obiettivi generali. Sbocchi professionali Percorsi per la Laurea Magistrale in Informatica Percorso Video Game Docenti di riferimento: Dr. Dario Maggiorini, Dr. Laura Anna Ripamonti Sede di erogazione: Milano Obiettivi generali Il mercato dei

Dettagli

Scuola Primaria Paritaria

Scuola Primaria Paritaria Scuola Primaria Paritaria Nel Quartiere Crocetta, all ingresso dell Isola Pedonale Cosa offriamo La B.E.S.T. - Bilingual European School of Turin è una scuola primaria (elementare) paritaria bilingue (Decreto

Dettagli

COOPERATIVA SOCIALE E.D.I. ONLUS EDUCAZIONE AI DIRITTI DELL INFANZIA E DELL ADOLESCENZA

COOPERATIVA SOCIALE E.D.I. ONLUS EDUCAZIONE AI DIRITTI DELL INFANZIA E DELL ADOLESCENZA COOPERATIVA SOCIALE E.D.I. ONLUS EDUCAZIONE AI DIRITTI DELL INFANZIA E DELL ADOLESCENZA OGGETTO: PERCORSI SULL USO RESPONSABILE DEI NUOVI MEDIA E LA CITTADINANZA DIGITALE PROPOSTA PER LE SCUOLE La Cooperativa

Dettagli

TECNICHE DI DISTRAZIONE

TECNICHE DI DISTRAZIONE TECNICHE DI DISTRAZIONE Dobbiamo renderci conto che l ansia, la paura, la preoccupazione, sono sempre associati ad alcuni Pensieri Particolari per ogni persona, ed ognuno di noi Pensa, ha Immagini Particolari

Dettagli

Relazione finale progetto Click, che racconto!

Relazione finale progetto Click, che racconto! Relazione finale progetto Click, che racconto! Corsista: - Tutor Mauro Cocchi 1. Descrizione di contenuti, tempi, luoghi, fasi, modalità, strumenti e protagonisti 2. Numero di classi coinvolte, di insegnanti,

Dettagli

PROGETTO IO & IL VIDEOGIOCO CONCORSO PER LE ISTITUZIONI SCOLASTICHE DI PRIMO E SECONDO GRADO

PROGETTO IO & IL VIDEOGIOCO CONCORSO PER LE ISTITUZIONI SCOLASTICHE DI PRIMO E SECONDO GRADO PROGETTO IO & IL VIDEOGIOCO CONCORSO PER LE ISTITUZIONI SCOLASTICHE DI PRIMO E SECONDO GRADO Oggetto: Proposta per la realizzazione di un concorso dal tema Io & il Videogioco - Anno scolastico 2007/2008

Dettagli

Dal ddl 1260 alla legge delega del governo: quali opportunità pedagogiche. Donatella Savio Università di Pavia

Dal ddl 1260 alla legge delega del governo: quali opportunità pedagogiche. Donatella Savio Università di Pavia Dal ddl 1260 alla legge delega del governo: quali opportunità pedagogiche Donatella Savio Università di Pavia Con il mio intervento intendo proporre alcune riflessioni su 3 opportunità pedagogiche per

Dettagli

Fasi. Relazione finale della Progettazione Learning English through podcasting Docente Roberta Pizzullo Classe E12- Progettazione I anno Corso DOL-

Fasi. Relazione finale della Progettazione Learning English through podcasting Docente Roberta Pizzullo Classe E12- Progettazione I anno Corso DOL- Relazione finale della Progettazione Learning English through podcasting Docente Roberta Pizzullo Classe E12- Progettazione I anno Corso DOL- Contenuti I contenuti del progetto sono stati discussi e poi

Dettagli

E' per questo che l'educazione ALLA LETTURA richiede tempi, attenzione, progettazione.

E' per questo che l'educazione ALLA LETTURA richiede tempi, attenzione, progettazione. LIBRI IN GIOCO ISTITUTO COMPRENSIVO MONTEPOLLINO Monterotondo Scalo (Roma) Referente: insegnante Diana Zucchetti Scuola Infanzia-Scuola Primaria-Scuola Secondaria Analisi dei bisogni Il piacere di leggere,

Dettagli

Discussione e confronti

Discussione e confronti farescuola Elena Troglia Discussione e confronti I bambini imparano proponendo problemi, discutendone, cercando soluzioni argomentative. La discussione diviene un importante strumento didattico: i ragazzi

Dettagli

INTERVISTA A DIANE FRYMAN Amministratore Delegato Performance Technology Solutions s.r.l. su Radio24 24 gennaio 2003

INTERVISTA A DIANE FRYMAN Amministratore Delegato Performance Technology Solutions s.r.l. su Radio24 24 gennaio 2003 INTERVISTA A DIANE FRYMAN Amministratore Delegato su Radio24 24 gennaio 2003 Viaggio nelle professioni legate alla net-economy --------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

Un incontro significativo con l autore: motivazioni e obiettivi fondamentali per la realizzazione di un progetto di lettura per le scuole

Un incontro significativo con l autore: motivazioni e obiettivi fondamentali per la realizzazione di un progetto di lettura per le scuole Un incontro significativo con l autore: motivazioni e obiettivi fondamentali per la realizzazione di un progetto di lettura per le scuole Mi presento Mi chiamo Lisa Cappellazzo, ho 35 anni e son un insegnante

Dettagli

TV e INTERNET i minori e i mezzi di comunicazione. Novara 10 novembre 2007

TV e INTERNET i minori e i mezzi di comunicazione. Novara 10 novembre 2007 TV e INTERNET i minori e i mezzi di comunicazione Novara 10 novembre 2007 Chi c è in casa? i libri, il giornale (1450 in Germania - 1600 in Inghilterra nasce il primo quotidiano), la fotografia ( 1827

Dettagli

GIOCHI DIDATTICI ISPEF

GIOCHI DIDATTICI ISPEF FAUSTO PRESUTTI GIOCHI DIDATTICI ISPEF LA METODOLOGIA DEL GIOCO LE CARATTERISTICHE E LE REGOLE DEL GIOCO Le caratteristiche fondamentali delle attività di gioco sono: a) la spontaneità, cioè la mancanza

Dettagli

UNITA DI APPRENDIMENTO n. 4c di PASTORI Cristina (bambini di 5 anni) Anno Scolastico 2008-2009 Laboratorio linguistico da gennaio a maggio

UNITA DI APPRENDIMENTO n. 4c di PASTORI Cristina (bambini di 5 anni) Anno Scolastico 2008-2009 Laboratorio linguistico da gennaio a maggio UNITA DI APPRENDIMENTO n. 4c di PASTORI Cristina (bambini di 5 anni) Anno Scolastico 2008-2009 Laboratorio linguistico da gennaio a maggio 1. TIPOLOGIA DELL UNITA APPRENDIMENTO Come sottolineano Ferreiro

Dettagli

LABORATORI e progetti ANNO SCOLASTICO 2015 2016

LABORATORI e progetti ANNO SCOLASTICO 2015 2016 LABORATORI e progetti ANNO SCOLASTICO 2015 2016 L uso dei social network e della tecnologia propone nuove riflessioni e strategie educative. Dal cyberbullismo alle opportunità creative, il panorama dei

Dettagli

Un progetto di formazione, nell ambito matematico-scientifico, promosso dalla Regione Toscana

Un progetto di formazione, nell ambito matematico-scientifico, promosso dalla Regione Toscana Un progetto di formazione, nell ambito matematico-scientifico, promosso dalla Regione Toscana Il Progetto di Educazione Scientifica promosso dalla Regione Toscana ha coinvolto i docenti in un attività

Dettagli

CURRICOLO FORMATIVO CONTINUO

CURRICOLO FORMATIVO CONTINUO CURRICOLO FORMATIVO CONTINUO E' un percorso educativo e didattico perseguito nei tre ordini di scuola che rende più organico il lavoro compiuto dai docenti; sono state condivise le mete comuni ed è in

Dettagli

La radio a scuola: l esperienza lombarda della trasmissione La porta accanto Marie Pierre Bartesaghi, Atelier Radio

La radio a scuola: l esperienza lombarda della trasmissione La porta accanto Marie Pierre Bartesaghi, Atelier Radio La radio a scuola: l esperienza lombarda della trasmissione La porta accanto Marie Pierre Bartesaghi, Atelier Radio La storia di questo tipo d esperimento risale all inizio degli anni 80 quando, in Francia,

Dettagli

L'innovazione che ci renderà protagonisti della scuola

L'innovazione che ci renderà protagonisti della scuola I.T.E.Tambosi-Battisti Trento Relazione Scientifica Progetto Tamba Team L'innovazione che ci renderà protagonisti della scuola Essere protagonisti della scuola significa, per noi che presentiamo questo

Dettagli

Istituto Comprensivo B. Lorenzi Scuola dell Infanzia Torre Incantata Fumane GRUPPO GRANDI

Istituto Comprensivo B. Lorenzi Scuola dell Infanzia Torre Incantata Fumane GRUPPO GRANDI Istituto Comprensivo B. Lorenzi Scuola dell Infanzia Torre Incantata Fumane GRUPPO GRANDI Anno Scolastico 2013-2014 SITUAZIONE MOTIVANTE In una società dove le immagini proposte dai mass-media hanno un

Dettagli

IT Rossella Masi, insegnante Relazione sulla visita d insegnamento Vienna, Austria 15.12. - 19.12.2008

IT Rossella Masi, insegnante Relazione sulla visita d insegnamento Vienna, Austria 15.12. - 19.12.2008 IT Rossella Masi, insegnante Relazione sulla visita d insegnamento Vienna, Austria 15.12. - 19.12.2008 Prima della visita Ho iniziato la preparazione della mia visita partecipando a quattro sessioni di

Dettagli

Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA.

Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA. Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA. Di tutto quello che anche quest anno abbiamo cercato di fare, dei bambini della scuola dell Infanzia che continuano a giocare

Dettagli

GRAFOLOGIA & PERSONALITA

GRAFOLOGIA & PERSONALITA GRAFOLOGIA & PERSONALITA a cura della Dott.ssa Marialuisa IARUSSI La scrittura è un filo nero che emerge dal bianco del foglio rivelando qualcosa di noi. La mano è lo strumento del pensiero che dirige

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

Indice tematico CORSO DI SCIENZE UMANE E SOCIALI

Indice tematico CORSO DI SCIENZE UMANE E SOCIALI Indice tematico CORSO DI SCIENZE UMANE E SOCIALI Il presente indice dispone gli argomenti contenuti nel volume Corso di scienze umane e sociali in base alle indicazioni fornite dal Ministero dell Istruzione

Dettagli

OFFERTA SERVIZI DI ORIENTAMENTO 2012-2013 Scuola primaria Scuola secondaria primo e secondo grado

OFFERTA SERVIZI DI ORIENTAMENTO 2012-2013 Scuola primaria Scuola secondaria primo e secondo grado OFFERTA SERVIZI DI ORIENTAMENTO 2012-2013 Scuola primaria Scuola secondaria primo e secondo grado CHI SIAMO La SSF Rebaudengo di Torino è un istituzione universitaria affiliata alla Facoltà di Scienze

Dettagli

Ministero della Pubblica Istruzione Istituto Comprensivo Statale Donato Bramante 61033 Fermignano (PU) Via Carducci, 2 SCUOLA DELL INFANZIA

Ministero della Pubblica Istruzione Istituto Comprensivo Statale Donato Bramante 61033 Fermignano (PU) Via Carducci, 2 SCUOLA DELL INFANZIA Ministero della Pubblica Istruzione Istituto Comprensivo Statale Donato Bramante 61033 Fermignano (PU) Via Carducci, 2 PIANO DI LAVORO ANNUALE DISCIPLINARE a.s 2015-16 SCUOLA DELL INFANZIA Sezioni 3^A

Dettagli

Possa tu costruire la scala che conduce alle stelle e percorrerne ogni gradino (Bob Dylan)

Possa tu costruire la scala che conduce alle stelle e percorrerne ogni gradino (Bob Dylan) PROGETTO: Una vita, tante storie Possa tu costruire la scala che conduce alle stelle e percorrerne ogni gradino (Bob Dylan) Introduzione: Il racconto della propria vita è il racconto di ciò che si pensa

Dettagli

La valutazione degli insegnanti

La valutazione degli insegnanti La valutazione degli insegnanti Incipit Le considerazioni di questo breve testo in parte nascono da quanto letto in un articolo del Corriere della sera dell'11 giugno del 2008; un'intervista nella quale

Dettagli

Don t Repeat Yourself

Don t Repeat Yourself 1 Don t Repeat Yourself Knowledge can keep us warm and DRY di Giuseppe Vincenzi La sigla che cito nel titolo di questo articolo è uno dei principi della programmazione informatica: citarlo mi è sembrato

Dettagli

Ci racconti cos'è e come nasce The Global Hamlet?

Ci racconti cos'è e come nasce The Global Hamlet? C'è una vera novità nel campo editoriale. Un progetto rivoluzionario che nasce dalla creatività e dall'esperienza di Simone Barillari, noto editor e traduttore, molto apprezzato da editori e lettori. Stavolta

Dettagli

CAPISCI QUELLO CHE STAI LEGGENDO? ATTI 8,30

CAPISCI QUELLO CHE STAI LEGGENDO? ATTI 8,30 CAPISCI QUELLO CHE STAI LEGGENDO? ATTI 8,30 LEGGERE IL VANGELO A BAMBINI E RAGAZZI CON DIFFICOLTÀ DI APPRENDIMENTO dott.sa Stefania Cucconi 1. CHI ABBIAMO DI FRONTE? CHI SONO I RAGAZZI CON DSA (DISTURBI

Dettagli

Che insegnanti vogliamo formare? A cura di Ivo Mattozzi

Che insegnanti vogliamo formare? A cura di Ivo Mattozzi Clio 92. Associazione di insegnanti e ricercatori sulla didattica della storia Corso di formazione per formatori La progettazione dei corsi di formazione Clio 92 sulla storia Bellaria, 13-14 ottobre 2007

Dettagli

QUESTIONARIO SULLE DIPENDENZE da MEZZI TECNOLOGICI. elaborato dagli alunni della 3E a.s. 2012-2013

QUESTIONARIO SULLE DIPENDENZE da MEZZI TECNOLOGICI. elaborato dagli alunni della 3E a.s. 2012-2013 QUESTIONARIO SULLE DIPENDENZE da MEZZI TECNOLOGICI elaborato dagli alunni della 3E a.s. 2012-2013 F= risposta degli alunni/figli G = risposta dei genitori F: 1- Cosa pensi della dipendenza elettronica?

Dettagli

Indice 1 IL FUNZIONAMENTO INTELLETTIVO LIMITE ------------------------------------------------------------------- 3

Indice 1 IL FUNZIONAMENTO INTELLETTIVO LIMITE ------------------------------------------------------------------- 3 LEZIONE: IL FUNZIONAMENTO INTELLETTIVO LIMITE (PRIMA PARTE) PROF. RENZO VIANELLO Indice 1 IL FUNZIONAMENTO INTELLETTIVO LIMITE ------------------------------------------------------------------- 3 2 di

Dettagli

Teatrando. Scuola dell Infanzia Galciana

Teatrando. Scuola dell Infanzia Galciana Teatrando Scuola dell Infanzia Galciana TEATRANDO (Scheda 1) La nostra scuola è inserita in una realtà ancora paesana, in cui esiste da molto tempo una tradizione di teatro e di spettacolazione di piazza.

Dettagli

LIBRETTO DEL CLUB DEI GIOCHI

LIBRETTO DEL CLUB DEI GIOCHI Progetto SPEAKEASY Cod. 519162-LLP-1-2011-1-AT-KA2-KA2MP Percorsi formativi innovativi per migranti per sviluppare strategie interattive di apprendimento linguistico LIBRETTO DEL CLUB DEI GIOCHI Il presente

Dettagli

LABORATORIO INFORMATICA : IL MIO AMICO COMPUTER (5 anni)

LABORATORIO INFORMATICA : IL MIO AMICO COMPUTER (5 anni) LABORATORIO INFORMATICA : IL MIO AMICO COMPUTER (5 anni) PREMESSA Le riflessioni sulla natura del computer, sulle risorse che possiede, sui rischi che programmi sbagliati possono comportare, ci spingono

Dettagli

Meravigliarsi di tutto. è il primo passo della ragione verso la scoperta

Meravigliarsi di tutto. è il primo passo della ragione verso la scoperta Meravigliarsi di tutto è il primo passo della ragione verso la scoperta L. P a s t e u r L I C E O S C I E N T I F I C O TA L I S I O T I R I N N A N Z I O r i g i n e Il liceo scientifico è nato nell

Dettagli

IMPARARE AD IMPARARE

IMPARARE AD IMPARARE Istituto Comprensivo "E. Q. Visconti" Roma via della Palombella 4, tel 066833114, fax 0668803438 mail: rmic818005@istruzione.it IMPARARE AD IMPARARE Il laboratorio come metodo di studio: competenze, strategie,

Dettagli

Riflessioni sul valore dell amicizia Ogni uomo è un isola - Nessun uomo è un isola

Riflessioni sul valore dell amicizia Ogni uomo è un isola - Nessun uomo è un isola Riflessioni sul valore dell amicizia Ogni uomo è un isola - Nessun uomo è un isola La frase, tratta da un noto film con Hugh Grant ( About a boy ), apre la strada a importanti riflessioni sul valore a

Dettagli

Educare alla solidarietà, scoprire il volontariato

Educare alla solidarietà, scoprire il volontariato Educare alla solidarietà, scoprire il volontariato Il progetto Educare alla solidarietà, scoprire il volontariato è nato in seguito ad un progetto pilota avviato durante l anno scolastico 1999/2000 e presentato

Dettagli

OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO

OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO 10 OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI AUTOCONTROLLO ATTENZIONE E PARTECIPAZIONE ATTEGGIAMENTO E COMPORTAMENTO

Dettagli

Curricolo Scuola Infanzia

Curricolo Scuola Infanzia Curricolo Scuola Infanzia CHIAVE COMPETENZA SOCIALE E CIVICA Riconosce ed esprime le proprie emozioni, è consapevole di desideri e paure, avverte gli stati d animo propri e altrui. Acquisire consapevolezza

Dettagli

Educare al pensiero probabilistico a scuola Ines Marazzani N.R.D. Bologna

Educare al pensiero probabilistico a scuola Ines Marazzani N.R.D. Bologna Educare al pensiero probabilistico a scuola Ines Marazzani N..D. Bologna Questo articolo è stato oggetto di pubblicazione in: Marazzani I. (2002). Educare al pensiero probabilistico a scuola. In. D Amore

Dettagli

INDICE. Nella Programmazione Didattica, suddivisa per campi di esperienza, si potranno trovare: - L INTRODUZIONE, che motiva le scelte educative;

INDICE. Nella Programmazione Didattica, suddivisa per campi di esperienza, si potranno trovare: - L INTRODUZIONE, che motiva le scelte educative; INDICE Nella Programmazione Didattica, suddivisa per campi di esperienza, si potranno trovare: - L INTRODUZIONE, che motiva le scelte educative; - LE LINEE DI METODO, che individuano le esperienze di apprendimento,

Dettagli

nostre «certezze» sul fatto che senza di lui non potremo mai più essere felici, che durano fino a una nuova... relazione!) continueremo a infilarci

nostre «certezze» sul fatto che senza di lui non potremo mai più essere felici, che durano fino a una nuova... relazione!) continueremo a infilarci Pensieri. Perché? Cara dottoressa, credo di avere un problema. O forse sono io il problema... La mia storia? Stavo con un ragazzo che due settimane fa mi ha lasciata per la terza volta, solo pochi mesi

Dettagli

www.servizisocialionline.it Sezione Articoli L auto/mutuo aiuto e il conflitto:

www.servizisocialionline.it Sezione Articoli L auto/mutuo aiuto e il conflitto: www.servizisocialionline.it Sezione Articoli L auto/mutuo aiuto e il conflitto: Spunti di riflessione per operatori sociali e facilitatori di gruppi di auto/mutuo aiuto. di Silvia Clementi* Le dinamiche

Dettagli

ECDL Online Collaboration: il Web 2.0 consapevole

ECDL Online Collaboration: il Web 2.0 consapevole ECDL Online Collaboration: il Web 2.0 consapevole Marina Cabrini Membro del gruppo di lavoro ECDL presso la ECDL Foundation Dublin mcabrini@sicef.ch l mondo dell informatica è in perenne movimento ed evoluzione,

Dettagli

Una Tecnica semplice ed efficace per ritrovare l equilibrio interiore ed eliminare tensioni e stress quotidiani...

Una Tecnica semplice ed efficace per ritrovare l equilibrio interiore ed eliminare tensioni e stress quotidiani... Una Tecnica semplice ed efficace per ritrovare l equilibrio interiore ed eliminare tensioni e stress quotidiani... Incontro Introduttivo con Sergio Peterlini insegnante di Meditazione da 38 anni per Studenti,

Dettagli

Comunicare e relazionarsi in Rete. Marco Gui Marina Micheli

Comunicare e relazionarsi in Rete. Marco Gui Marina Micheli Comunicare e relazionarsi in Rete Marco Gui Marina Micheli Prima parte L evoluzione dei media STAMPA TELEVISIONE 1456 d.c. 1940 3000 a.c. fine 1800 d.c. anni 90 SCRITTURA CINEMA INTERNET I media digitali

Dettagli

identità virtuali 20 maggio 17 luglio 2011 Disegni di Giacomo Cardelli

identità virtuali 20 maggio 17 luglio 2011 Disegni di Giacomo Cardelli identità virtuali 20 maggio 17 luglio 2011 Questa mostra affronta il nostro rapporto con il computer e con gli altri strumenti digitali tramite cui possiamo accedere al mondo di internet: un mondo senza

Dettagli

INTERVISTA LICIA TROISI ASTROFISICA CON UNA MARCIA IN PIÙ

INTERVISTA LICIA TROISI ASTROFISICA CON UNA MARCIA IN PIÙ INTERVISTA LICIA TROISI ASTROFISICA CON UNA MARCIA IN PIÙ Licia Troisi ASTROFISICA CON UNA MARCIA IN PIÙ Licia Troisi, di professione astrofisica, è senza dubbio l autrice fantasy italiana più amata. All

Dettagli

MOA.TODAY. Interattività per menti curiose

MOA.TODAY. Interattività per menti curiose Interattività per menti curiose About Us Dove siamo Metodologia Servizi Space sharing Progetti 2 ABOUT US Design interattivo per menti curiose Siamo creatori appassionati dell arte multimediale, di idee

Dettagli