GESTIONE ALER. Fondo sociale

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "GESTIONE ALER. Fondo sociale"

Transcript

1 GESTIONE ALER Fondo sociale A più di due anni di applicazione della Legge 27/2007 la Commissione Fondo Sociale prevista dall art. 7 e dell art. 11 comma 3d per gli assegnatari di Sesto San Giovanni (ma anche degli altri comuni dell hinterland) per cui i maggiori introiti garantiti dalla legge sono stati pretesi subito da tutti gli inquilini, ma gli obblighi di esborso sempre previsti dalla legge a favore delle famiglie in difficoltà vengono procrastinati continuamente. Manutenzioni Vengono formulati piani triennali per le manutenzioni straordinarie (i piani di intervento manutentivo sono resi obbligatori dalla legge 27/2007 art. 5 comma 4), ma poi i tempi non vengono rispettati e spesso le cifre stanziate vengono modificate di anno in anno e molti interventi non vengono realizzati (via Cairoli 115, via Mincio 62/74, viale Edidon 448); inoltre la legge prevede la partecipazione degli inquilini e delle loro rappresentanze alla predisposizione dei programmi di manutenzione, ma tale norma risulta inapplicata. Gli interventi per l abbattimento delle barriere architettoniche previsti dalle legge 27/2007 non vengono attuati e l ufficio istituito da ottobre dello scorso anno per la programmazione di tali interventi non funziona (esempio: le pratiche Grammatica via Marx 495/A e D Assaro via Livorno 276/L aspettano rispettivamente da 2 anni e da 7 mesi interventi che rendano i bagni accessibili alle persone disabili) Le rassegnazioni degli appartamenti di risulta non vengono sempre effettuate in base a quanto previsto dai regolamenti regionali per cui molti assegnatari assillati dallo sfratto esecutivo sono costretti ad accettare appartamenti che mancano di alcuni dei requisiti minimi di vivibilità (sanitari non igienici, serramenti che non tengono agli agenti atmosferici, impianti elettrici non a norma, ecc.). Il fatto più grave però rimane il rifiuto di rimborsare agli inquilini le spese che sono stati costretti a sostenere per rendere abitabile l alloggio come nel caso della Sig.ra Sangiorgi Maria di viale Edison 446 a Sesto San Giovanni che, dopo l assegnazione ha cambiato la vasca da bagno ruggine e si è vista rifiutare qualsiasi forma di contributo per un intervento manutentivo che era dovuto (vedi foto allegato n 3). Servizi Le spese a carico degli assegnatari sono: servizi di pulizia scale, rotazione sacchi dell immondizia, riscaldamento, piccola manutenzione, acqua potabile, energia elettrica parti comuni, portineria, manutenzione verde, manutenzione impianti antincendio, manutenzione impianti autoclave, manutenzione ascensori, spurgo fognature, derattizzazione, deblatizzazione. La spesa per tali servizi è onerosa e per molti pensionati supera l ammontare dell affitto. A queste spese però spesso non corrispondono servizi adeguati; molto spesso le ditte appaltatrici non rispettano i capitolati e l Aler non è in grado di effettuare le verifiche necessarie anche se tali controlli sono previsti dalla normativa regionale (legge 27/2007 art.4 comma 39) e siano costantemente sollecitate dagli inquilini. In alcuni caseggiati le spese con l inizio dell anno sono aumentate di percentuali pesanti (ad esempio spese di riscaldamento aumentate tra il 30 e il 40%, vedi allegato n 1) senza comunicazioni preventive agli inquilini; gli aumenti delle spese si sono sommate a quelli degli affitti che con gennaio sono stati aggiornati in base allo scaglionamento delle maggiorazioni

2 previste dalla legge 27. Tali scelte stanno creando gravi problemi alle famiglie che in molti casi non sono in grado di mantenere la regolarità dei pagamenti. Sprechi I costi di amministrazione dell Aler risultano molto elevati e tale situazione ricade sugli inquilini in vari modi: la Regione ha deciso di far pagare agli inquilini una parte delle spese amministrative cosa che non avviene per l edilizia privata; i problemi di bilancio dell Aler vengono risolti con aumento degli affitti invece che con l eliminazione degli sprechi come: - creazione di nuovi dipartimenti che sembrano rispondere più ad esigenze di sistemazione di direttori vari che a criteri di efficienza (vedi Area gestionale) - interventi di ristrutturazione a costi che risultano fuori mercato - consulenze esterne anche in presenza di professionalità adeguate interne all Azienda - collaborazioni a favore di tutti i dirigenti che vanno in pensione Gestione spese La rendicontazione delle spese poi è realizzata in modo impreciso perché: gli inquilini non ricevono la distinta analitica degli oneri accessori; non ricevono la pianta millesimale completa; le spese dell acqua e dell elettricità non si calcolano sulla base delle presenze, ma dei metri quadri per cui una persona singola può arrivare a pagare per l acqua potabile cifre di molto superiori a quelle chiesta a famiglie numerose. Emblematica poi è la situazione che si è venuta a creare nella gestione della centrale termica di viale Edison 446, 448, 458. Sulla base delle sollecitazioni degli inquilini il Sindacato ha avviato una pratica per contestare la divisione delle spese di riscaldamento tra proprietà e inquilini per le gestioni 2005/2006 e 2006/2007. Dopo solleciti e lettere del legale del Sindacato giunge la risposta: è vero ci sono degli errori, questi errori sono stati corretti, ma vengono compensati dall attribuzione agli inquilini delle spese di assicurazione dello stabile (vedi allegato n 2). Siamo arrivati allo sberleffo arrogante di chi pensa che gli inquilini delle case popolari debbano stare sempre zitti. Relazioni sindacali Oltre alla mancata consultazione degli inquilini e delle loro organizzazioni sindacali su temi come la gestione dei servizi e la definizione dei piani manutentivi (gli unici incontri ottenuti con i responsabili di zona sono stati ottenuti solo su richiesta degli inquilini e dopo infinite sollecitazioni) la vertenza sull applicazione della Legge regionale 27/2007 è significativa della scorrettezza con cui i vertici dell Aler trattano con gli assegnatari: - sono decine le lettere di richiesta di informazioni o di intervento che giacciono prezzo l Aler senza risposta nonostante la direzione sia stata informata e coinvolta nelle varie vertenze - per parlare con i vari uffici, con la direzione, con i responsabili di settore bisogna abituarsi a performance telefoniche stressanti e spesso inconcludenti perché l ufficio competente è sempre un altro - dal luglio 2009 è pronta una bozza di accordo sull applicazione della legge 27/2007; l Aler chiede tempo perché sta assumendo la gestione delle case comunali di Milano, poi chiede rinvii tecnici per verificare l impatto economico dell accordo, poi chiede tempo per problemi familiari dei suoi dirigenti; alla fine rinvia l incontro decisivo ai giorni immediatamente successivi a quelli delle votazioni regionali per annunciare, alla luce dei risultati elettorali, che di tutto quanto si è discusso per mesi verrà concessa solo qualche briciola. Sulla base della mancanza di rispetto e dell irresponsabilità (migliaia di famiglie non riescono a pagare i nuovi affitti voluti dalla regione) non è possibile costruire delle relazioni sindacali minime.

3 Allegati:

4 DS0000 ARGE/corc MO/ms SPETT.LE STUDIO AVV. MONTALTO GIANLUIGI VIA FONTANA MILANO MI OGGETTO: Condominio C.T. Edison/Diaz Sesto S. Giovanni Conguagli spese reversibilii esercizi 2005/ /07 In riferimento a Vs/ del relativa all oggetto, si precisa che gli inquilini corrispondono le spese di riscaldamento all Aler, unitamente al canone di affitto. L Ufficio Contabilità e Rendicontazioni Condominiali provvede annualmente a contabilizzare i relativi conguagli sulla base dei consuntivi approvati dall assemblea. Da una verifica dei rendiconti degli esercizi in oggetto elaborati dall amministratore, sono state rilevate le seguenti inesatte imputazioni di spesa: Esercizio 2005/06 - Proprietari/inquilini: manutenzione ordinaria ,43 da imputare alla proprietà - Proprietà: Assicurazione 1.040,56 da imputare agli inquilini (Regolamento Regionale punto 3 comma 53) Esercizio 2006/07 - Proprietà: Assicurazione 1.040,56 da imputare agli inquilini Totale differenze 185,69 Si informa, pertanto, che in fase di contabilizzazione dei conguagli agli inquilini per l esercizio 2007/08 si provvederà ad addebitare l importo di 185,69 a rettifica degli esercizi precedenti. Distinti saluti. AREA GESTIONALE Il Direttore Marco Osnato

5

COMUNE DI PALERMO Settore Risorse Immobiliari Servizio Fitti

COMUNE DI PALERMO Settore Risorse Immobiliari Servizio Fitti COMUNE DI PALERMO Settore Risorse Immobiliari Servizio Fitti Regolamento per l autogestione degli alloggi E.R.P. e dei relativi servizi accessori e degli impianti e degli spazi comuni condominiali in edifici

Dettagli

CONFERENZA STAMPA 21 GENNAIO 2014 MANIFESTAZIONE. Mercoledì 22 gennaio 2014 alle ore 16:30. sotto la sede dell Aler di Milano di viale Romagna,26

CONFERENZA STAMPA 21 GENNAIO 2014 MANIFESTAZIONE. Mercoledì 22 gennaio 2014 alle ore 16:30. sotto la sede dell Aler di Milano di viale Romagna,26 Unione Inquilini CONFERENZA STAMPA 21 GENNAIO 2014 MANIFESTAZIONE Mercoledì 22 gennaio 2014 alle ore 16:30 sotto la sede dell Aler di Milano di viale Romagna,26 A seguito della decisione della Presidenza

Dettagli

Il Settore Territoriale Aler di Sesto San Giovanni

Il Settore Territoriale Aler di Sesto San Giovanni Il Settore Territoriale Aler di Sesto San Giovanni ALER PIÙ VICINA AI SUOI CLIENTI ANCHE IN PROVINCIA Comuni dell hinterland milanese che possono rivolgersi al Settore Territoriale COMUNE N. ALLOGGI N.

Dettagli

IL RENDICONTO DELLA GESTIONE DEL CONDOMINIO DA PARTE DELL AMMINISTRATORE ----------------------------

IL RENDICONTO DELLA GESTIONE DEL CONDOMINIO DA PARTE DELL AMMINISTRATORE ---------------------------- IL RENDICONTO DELLA GESTIONE DEL CONDOMINIO DA PARTE DELL AMMINISTRATORE ---------------------------- Art. 1130 codice civile L amministratore deve riscuotere i contributi (deliberati dall assemblea),

Dettagli

Regolamento sullo svolgimento delle assemblee separate di UniAbita Soc.

Regolamento sullo svolgimento delle assemblee separate di UniAbita Soc. REGOLAMENTO ATTUATIVO PER L APPLICAZIONE DEI CRITERI SPECIFICI DI ATTRIBUZIONE DELLE SPESE AI SENSI DEGLI ART. 16,17, 18 E 19 DEL REGOLAMENTO RELATIVO ALL ASSEGNAZIONE IN GODIMENTO DEGLI ALLOGGI, DEI BOX

Dettagli

REGOLAMENTO TIPO PER L AUTOGESTIONE DEI SERVIZI ACCESSORI E DEGLI SPAZI COMUNI RELATIVI AGLI ALLOGGI DI EDILIZIA RESIDENZIALE PUBBLICA ART.

REGOLAMENTO TIPO PER L AUTOGESTIONE DEI SERVIZI ACCESSORI E DEGLI SPAZI COMUNI RELATIVI AGLI ALLOGGI DI EDILIZIA RESIDENZIALE PUBBLICA ART. REGOLAMENTO TIPO PER L AUTOGESTIONE DEI SERVIZI ACCESSORI E DEGLI SPAZI COMUNI RELATIVI AGLI ALLOGGI DI EDILIZIA RESIDENZIALE PUBBLICA ART.1 ( Oggetto dell autogestione ) Gli assegnatari in locazione semplice

Dettagli

I. Nota sintetica esplicativa Condominio

I. Nota sintetica esplicativa Condominio I. Nota sintetica esplicativa Condominio Via. Gentili Sig.ri Condomini, Il Condominio di Via, è un complesso di n. palazzine, con un totale di n.. Appartamenti e n. negozi. Elenco dei servizi comuni e

Dettagli

GIULIANO MARRUCCI FUORI CAMPO Mentre le alte sfere sono occupate a sognare la Milano che sarà, Cesare Moreschi fa i conti con la Milano che c è.

GIULIANO MARRUCCI FUORI CAMPO Mentre le alte sfere sono occupate a sognare la Milano che sarà, Cesare Moreschi fa i conti con la Milano che c è. DAR CASA Di Giuliano Marrucci MILENA GABANELLI IN STUDIO La buona notizia di oggi è ambientata a Milano ma potrebbe essere ambientata ovunque. Parliamo di case, per la maggior parte dei comuni mortali

Dettagli

All. 5 LOCAZIONE ABITATIVA PARZIALE DI APPARTAMENTO A STUDENTI UNIVERSITARI TIPO DI CONTRATTO (Legge 9 dicembre 1998, n. 431, articolo 5, comma 2)

All. 5 LOCAZIONE ABITATIVA PARZIALE DI APPARTAMENTO A STUDENTI UNIVERSITARI TIPO DI CONTRATTO (Legge 9 dicembre 1998, n. 431, articolo 5, comma 2) All. 5 LOCAZIONE ABITATIVA PARZIALE DI APPARTAMENTO A STUDENTI UNIVERSITARI TIPO DI CONTRATTO (Legge 9 dicembre 1998, n. 431, articolo 5, comma 2) Il/La sig./sig.ra..di seguito denominato/ a locatore (assistito/a

Dettagli

CORSO AMMINISTRATORI DI CONDOMINIO

CORSO AMMINISTRATORI DI CONDOMINIO CORSO AMMINISTRATORI DI CONDOMINIO Gennaio, febbraio, marzo 2011 dalle ore 17.00 alle ore 20.00 Bologna, Via del Cane n.9 Croce Rossa Italiana provinciale Evento formativo accreditato da: Consiglio dell

Dettagli

SERVIZI DI GESTIONE E ORGANIZZAZIONE AFFITTI

SERVIZI DI GESTIONE E ORGANIZZAZIONE AFFITTI SERVIZI DI GESTIONE E ORGANIZZAZIONE AFFITTI Pagina 1 INDICE 1. Gestione fornitori 2. Servizi di gestione affitto (segreteria) 3. Organizzazione e gestione in loco 4. Costi di intermediazione per prenotazioni

Dettagli

XXXIX CORSO DI FORMAZIONE PROFESSIONALE PER AMMINISTRATORI CONDOMINIALI E IMMOBILIARI

XXXIX CORSO DI FORMAZIONE PROFESSIONALE PER AMMINISTRATORI CONDOMINIALI E IMMOBILIARI ANACI Associazione Nazionale Amministratori Condominiali e Immobiliari XXXIX CORSO DI FORMAZIONE PROFESSIONALE PER AMMINISTRATORI CONDOMINIALI E IMMOBILIARI 25 OTTOBRE 2012-23 MAGGIO 2013 Elenco docenti:

Dettagli

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO ART.1 Poste Italiane S.p.A., con sede in Roma, Viale Europa 190, codice fiscale n.97103880585, (di seguito denominata) Poste o locatore in persona del dirigente

Dettagli

Il/La sig./soc. (1).di seguito denominato/a locatore (assistito/a da (2). in persona di ) concede in locazione al/ai signori......

Il/La sig./soc. (1).di seguito denominato/a locatore (assistito/a da (2). in persona di ) concede in locazione al/ai signori...... All. 4 LOCAZIONE ABITATIVA PARZIALE DI APPARTAMENTO DI NATURA TRANSITORIA TIPO DI CONTRATTO (Legge 9 dicembre 1998, n. 431, articolo 5, comma 1) Il/La sig./soc. (1).di seguito denominato/a locatore (assistito/a

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA PER LA STIPULA DEI CONTRATTI DI LOCAZIONE COMUNE DI LIVORNO

PROTOCOLLO DI INTESA PER LA STIPULA DEI CONTRATTI DI LOCAZIONE COMUNE DI LIVORNO Stipulato in data 14 marzo 2007- Prot. gen. 26339 del 02.04.2007 PROTOCOLLO DI INTESA PER LA STIPULA DEI CONTRATTI DI LOCAZIONE (ex art. 2, comma 3 e art. 5, commi 1, 2 e 3 Legge 09.12.1998 n 431) COMUNE

Dettagli

I lavori da eseguire devono essere conformi all art. 8 del DM 14 giugno 1989, n.236.

I lavori da eseguire devono essere conformi all art. 8 del DM 14 giugno 1989, n.236. Tra gli interventi previsti per il superamento delle barriere architettoniche negli edifici privati, rientrano sia le installazioni di piattaforme elevatrici, sia le installazioni di impianti servoscala

Dettagli

Il Sottoscritto nato il a (Prov. ) abitante in Via Comune di (Prov ) Documento di identità numero

Il Sottoscritto nato il a (Prov. ) abitante in Via Comune di (Prov ) Documento di identità numero Al Sindaco del Comune di Cormano All attenzione del Servizio Case P.zza Scurati n. 1 20032 C O R M A N O Oggetto : Alloggi ERP anno 2015 Il Sottoscritto nato il a (Prov. ) abitante in Via Comune di (Prov

Dettagli

C.S.C. PROGRAMMA Corso di Formazione Iniziale (1 anno del Piano di Formazione Triennale) AMMINISTRATORI di CONDOMINIO.

C.S.C. PROGRAMMA Corso di Formazione Iniziale (1 anno del Piano di Formazione Triennale) AMMINISTRATORI di CONDOMINIO. C.S.C. PATROCINIO Sede delle Lezioni Alessandria Segreteria per le iscrizioni 34 147020339rRr GESTORE Rosalba Conte PROGRAMMA Corso di Formazione Iniziale (1 anno del Piano di Formazione Triennale) AMMINISTRATORI

Dettagli

COMMISSIONE PROVINCIALE DEGLI USI DI MILANO IMMOBILI URBANI ITER DELL ACCERTAMENTO

COMMISSIONE PROVINCIALE DEGLI USI DI MILANO IMMOBILI URBANI ITER DELL ACCERTAMENTO COMMISSIONE PROVINCIALE DEGLI USI DI MILANO IMMOBILI URBANI ITER DELL ACCERTAMENTO Primo accertamento: 18 ottobre 1929 Ultime revisioni a) Approvazione del testo da parte della Commissione Provinciale

Dettagli

RELAZIONE TECNICO-AMMINISTRATIVA BILANCIO DI PREVISIONE ANNO 2015

RELAZIONE TECNICO-AMMINISTRATIVA BILANCIO DI PREVISIONE ANNO 2015 RELAZIONE TECNICO-AMMINISTRATIVA BILANCIO DI PREVISIONE ANNO 2015 Il Bilancio di Previsione dell esercizio 2015 (All.A), è stato redatto in conformità alle norme contenute nel regolamento di cui al D.M.

Dettagli

33100 Udine Via Cjavecis, 7 Tel. 0432 421084 Fax 0432 425196 e-mail info@roncoweb.it www.roncoweb.it

33100 Udine Via Cjavecis, 7 Tel. 0432 421084 Fax 0432 425196 e-mail info@roncoweb.it www.roncoweb.it Questo opuscolo, ha lo scopo di fornire informazioni sui contributi previsti dalla legge N 13/1989 (disposizioni per il superamento e l eliminazione delle barriere architettoniche, negli edifici privati)

Dettagli

1 di 16 CONVENZIONE TRA IL COMUNE DI SECUGNAGO E L'AZIENDA LOMBARDA PER L EDILIZIA RESIDENZIALE DELLA PROVINCIA DI LODI PER LA

1 di 16 CONVENZIONE TRA IL COMUNE DI SECUGNAGO E L'AZIENDA LOMBARDA PER L EDILIZIA RESIDENZIALE DELLA PROVINCIA DI LODI PER LA 1 di 16 CONVENZIONE TRA IL COMUNE DI SECUGNAGO E L'AZIENDA LOMBARDA PER L EDILIZIA RESIDENZIALE DELLA PROVINCIA DI LODI PER LA GESTIONE DI ALLOGGI E DI UNITA' IMMOBILIARI AD USO DIVERSO DALL'ABITAZIONE.

Dettagli

Regolamento per l autogestione dei servizi accessori e degli spazi comuni da parte degli assegnatari degli alloggi di edilizia residenziale pubblica

Regolamento per l autogestione dei servizi accessori e degli spazi comuni da parte degli assegnatari degli alloggi di edilizia residenziale pubblica Regolamento per l autogestione dei servizi accessori e degli spazi comuni da parte degli assegnatari degli alloggi di edilizia residenziale pubblica Approvato con delibera di Consiglio dell Unione n. 32

Dettagli

SFRATTI DA CASE PRIVATE

SFRATTI DA CASE PRIVATE Unione Inquilini SFRATTI DA CASE PRIVATE UN EMERGENZA CHE NON SI PUO CONTINUARE AD IGNORARE. SUBITO LA GRADUAZIONE DELLE ESECUZIONI E IL PASSAGGIO DA CASA A CASA PER LE FAMIGLIE SFRATTATE. Conferenza Stampa

Dettagli

Formazione civica. Materiali per la programmazione di percorsi di cittadinanza per adulti stranieri

Formazione civica. Materiali per la programmazione di percorsi di cittadinanza per adulti stranieri Formazione civica Materiali per la programmazione di percorsi di cittadinanza per adulti stranieri ABITARE ABITARE IN ITALIA E IN TRENTINO TANTE PAROLE PER DIRE CASA DOMICILIO RESIDENZA IMMOBILE ALLOGGIO

Dettagli

LE CASE DELL ASL MILANO 1

LE CASE DELL ASL MILANO 1 LE CASE DELL ASL MILANO 1 L Asl di Milano è titolare di un patrimonio di circa 179 unità immobiliari abitative, di cui 35 sfitte (cui si aggiungono altri 9 spazi commerciali sfitti). Si tratta di caseggiati,

Dettagli

Protocollo d intesa per l individuazione delle prestazioni dell amministratore condominiale esercente l attività nella provincia di Ravenna.

Protocollo d intesa per l individuazione delle prestazioni dell amministratore condominiale esercente l attività nella provincia di Ravenna. Protocollo d intesa per l individuazione delle prestazioni dell amministratore condominiale esercente l attività nella provincia di Ravenna. ART. 1 OGGETTO DELL ARTICOLATO L articolato individua la natura

Dettagli

1 - OGGETTO DELL ASSICURAZIONE

1 - OGGETTO DELL ASSICURAZIONE OGGETTO E DELIMITAZIONE DELL' ASSICURAZIONE PROFESSIONAL Amministratore di stabili condominiali SCHEDA DI COPERTURA 005 Le condizioni che seguono integrano le Condizioni di Assicurazione previste dal mod.

Dettagli

Immigrati? LA CASA. Sportello Immigrazione. Provincia di Grosseto. Progetto Il Ponte. I Comuni della provincia di Grosseto

Immigrati? LA CASA. Sportello Immigrazione. Provincia di Grosseto. Progetto Il Ponte. I Comuni della provincia di Grosseto la casa Italiano 5-02-2003 13:40 Pagina 1 Provincia di Grosseto Regione Toscana I Comuni della provincia di Grosseto Progetto Il Ponte Sportello Immigrazione Provincia di Informazioni Grosseto Immigrati?

Dettagli

CONTROVERSIE IN MATERIA CONDOMINIALE. Nella eventualità in cui il singolo condomino proceda alla sostituzione del tetto

CONTROVERSIE IN MATERIA CONDOMINIALE. Nella eventualità in cui il singolo condomino proceda alla sostituzione del tetto CONTROVERSIE IN MATERIA CONDOMINIALE Tetto: sostituzione con un terrazzo ad uso esclusivo Nella eventualità in cui il singolo condomino proceda alla sostituzione del tetto dell edificio con un terrazzo

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA per la promozione dell'utilizzo del contratto di locazione a canone concordato nel territorio del Comune di Rimini

PROTOCOLLO D INTESA per la promozione dell'utilizzo del contratto di locazione a canone concordato nel territorio del Comune di Rimini Allegato A) delibera G.C. n. 13 del 27.01.2015 PROTOCOLLO D INTESA per la promozione dell'utilizzo del contratto di locazione a canone concordato nel territorio del Comune di Rimini Il giorno del mese

Dettagli

E PREVENZIONE NEI LUOGHI DI LAVORO

E PREVENZIONE NEI LUOGHI DI LAVORO Condominio in sicurezza I principali obblighi di sicurezza del condominio SICUREZZA E PREVENZIONE NEI LUOGHI DI LAVORO Datore di lavoro nel condominio Il Ministero del lavoro ha chiarito che il datore

Dettagli

Rendiconto tipo. per gli Amministratori. Condominiali

Rendiconto tipo. per gli Amministratori. Condominiali Rendiconto tipo per gli Amministratori Condominiali Rendiconto tipo per gli Amministratori Condominiali UN RENDICONTO TIPO DI MODERNA CONCEZIONE Com è noto, l art. 1130 del Codice Civile prevede che l

Dettagli

SEMINARIO SUL CONDOMINIO

SEMINARIO SUL CONDOMINIO Fondazione Forense Bolognese (Consiglio dell'ordine degli Avvocati) SEMINARIO SUL CONDOMINIO 7, 24 OTTOBRE e 14 NOVEMBRE 2011 ore 15.00 18.00 Sede del corso Fondazione Forense Bolognese Via del Cane, 10/a

Dettagli

ANACI. Associazione Nazionale Amministratori Condominiali e Immobiliari Sezione di Padova in collaborazione con

ANACI. Associazione Nazionale Amministratori Condominiali e Immobiliari Sezione di Padova in collaborazione con ANACI Associazione Nazionale Amministratori Condominiali e Immobiliari Sezione di Padova in collaborazione con XXXII Corso di Diritto e Tecnica Immobiliare per Amministratori di Condominio Anno 2010 Didacta.com

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI VIII Commissione Permanente (Ambiente, Territorio e Lavori Pubblici)

CAMERA DEI DEPUTATI VIII Commissione Permanente (Ambiente, Territorio e Lavori Pubblici) CAMERA DEI DEPUTATI VIII Commissione Permanente (Ambiente, Territorio e Lavori Pubblici) Audizione Rappresentanti Federcasa nell ambito dell indagine conoscitiva sul mercato immobiliare Mercoledì, 9 giugno

Dettagli

Assessorato Casa, Housing sociale e Valorizzazione patrimonio

Assessorato Casa, Housing sociale e Valorizzazione patrimonio Area Pianificazione urbana, Tutela ambientale e Casa Assessorato Casa, Housing sociale e Valorizzazione patrimonio Servizio Housing sociale e Piani di Zona Servizio Patrimonio ed Inventari Servizio Casa

Dettagli

CONTRATTO DI LOCAZIONE ABITATIVA AGEVOLATA (Legge 9 dicembre 1998, n. 431, articolo 2, comma 3)

CONTRATTO DI LOCAZIONE ABITATIVA AGEVOLATA (Legge 9 dicembre 1998, n. 431, articolo 2, comma 3) CONTRATTO DI LOCAZIONE ABITATIVA AGEVOLATA (Legge 9 dicembre 1998, n. 431, articolo 2, comma 3) La sig.ra..nata a.. e residente a in corso. (c.f..), di seguito denominata locatore, concede in locazione

Dettagli

Chiedere subito all'agenzia il costo del servizio di intermediazione per evitare sorprese.

Chiedere subito all'agenzia il costo del servizio di intermediazione per evitare sorprese. Guida pratica e giuridica per la ricerca di un alloggio in Italia Affittare una casa 1 Leggi di riferimento Legge 27 Luglio 1078 n. 392 (equo canone) Legge 8 Agosto 1992, n.359 (patti in deroga) Legge

Dettagli

COPIA IN VISIONE LA NUOVA SOLUZIONE ENERGETICA PER IL CONDOMINIO: L INVESTIMENTO REDDITIZIO

COPIA IN VISIONE LA NUOVA SOLUZIONE ENERGETICA PER IL CONDOMINIO: L INVESTIMENTO REDDITIZIO linea CONDOMINI LA NUOVA SOLUZIONE ENERGETICA PER IL CONDOMINIO: L INVESTIMENTO REDDITIZIO RISCALDAMENTO CLIMATIZZAZIONE ENERGIE ALTERNATIVE LO STATO SOSTIENE IL 55% DEI COSTI. L IMPORTO RESTANTE SI RIPAGA

Dettagli

TITOLO III COMPRAVENDITA E LOCAZIONE DI IMMOBILI URBANI

TITOLO III COMPRAVENDITA E LOCAZIONE DI IMMOBILI URBANI TITOLO III COMPRAVENDITA E LOCAZIONE DI IMMOBILI URBANI SEZIONE I: MEDIAZIONE IN TEMA DI COMPRAVENDITA E DI LOCAZIONE DI IMMOBILI URBANI Mediazione semplice Art. 1 Elementi dell incarico di vendita» 2

Dettagli

ALLEGATO A REGIONE LOMBARDIA. REGOLAMENTO D USO DEGLI ALLOGGI Di Edilizia Residenziale Pubblica

ALLEGATO A REGIONE LOMBARDIA. REGOLAMENTO D USO DEGLI ALLOGGI Di Edilizia Residenziale Pubblica ALLEGATO A REGIONE LOMBARDIA REGOLAMENTO D USO DEGLI ALLOGGI Di Edilizia Residenziale Pubblica 1 2 REGOLAMENTO DI USO DEGLI ALLOGGI DI EDILIZIA RESIDENZIALE PUBBLICA DELL AZIENDA LOMBARDA PER L EDILIZIA

Dettagli

AZIENDA TERRITORIALE PER L EDILIZIA RESIDENZIALE PUBBLICA DI CIVITAVECCHIA

AZIENDA TERRITORIALE PER L EDILIZIA RESIDENZIALE PUBBLICA DI CIVITAVECCHIA AZIENDA TERRITORIALE PER L EDILIZIA RESIDENZIALE PUBBLICA DI CIVITAVECCHIA RELAZIONE DEL COMMISSARIO AL BILANCIO CONSUNTIVO 2013 COMPRENSIVA DELLA RELAZIONE ANNUALE SULLE ATTIVITA SVOLTE (art.13 comma

Dettagli

Città Patrimonio dell Umanità ASSESSORATO ALLA SALUTE, SERVIZI ALLA PERSONA, IMMIGRAZIONE CENTRO H INFORMAHANDICAP

Città Patrimonio dell Umanità ASSESSORATO ALLA SALUTE, SERVIZI ALLA PERSONA, IMMIGRAZIONE CENTRO H INFORMAHANDICAP COMUNE DI FERRARA Città Patrimonio dell Umanità ASSESSORATO ALLA SALUTE, SERVIZI ALLA PERSONA, IMMIGRAZIONE CENTRO H INFORMAHANDICAP PROMEMORIA CONTRIBUTI PER IL SUPERAMENTO E L ELIMINAZIONE DELLE BARRIERE

Dettagli

CONDOMINIO PROVA RENDICONTO ORDINARIA

CONDOMINIO PROVA RENDICONTO ORDINARIA CALOGIURI ENRICO VIA DEL DUOMO 4 /MILANO P.IVA Tel. -XXXXXXXX Fax -XXXXXXXX RENDICONTO ORDINARIA 6 dal //6 al 3//6 MILANO li, 9/3/9 VIA XXV APRILE, 8 9/CINISELLO BALSAMO Cod.Fis. 95878855544 C/C INTESA

Dettagli

Guida alla. ristrutturazione. della casa

Guida alla. ristrutturazione. della casa Guida alla ristrutturazione della casa 1 Guida alla ristrutturazione della casa La ristrutturazione della casa può essere considerata un vero e proprio investimento e a volte costituisce un alternativa

Dettagli

Il conto economico e lo stato patrimoniale della contabilità complessa

Il conto economico e lo stato patrimoniale della contabilità complessa 7 1. La contabilità complessa Il conto economico e lo stato patrimoniale della contabilità complessa Nel corso di questo breve capitolo analizzeremo gli elementi gestionali che possono rendere maggiormente

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 13 DEL 10-06-1996 REGIONE LOMBARDIA

LEGGE REGIONALE N. 13 DEL 10-06-1996 REGIONE LOMBARDIA LEGGE REGIONALE N. 13 DEL 10-06-1996 REGIONE LOMBARDIA Norme per il riordino degli enti di edilizia residenziale pubblica ed istituzione delle aziende lombarde per l' edilizia residenziale (ALER) Fonte:

Dettagli

TITOLARIO DI CLASSIFICAZIONE per gli archivi delle Aziende Sanitarie Locali e delle Aziende ospedaliere

TITOLARIO DI CLASSIFICAZIONE per gli archivi delle Aziende Sanitarie Locali e delle Aziende ospedaliere TITOLARIO DI CLASSIFICAZIONE per gli archivi delle Aziende Sanitarie Locali e delle Aziende ospedaliere TITOLO I Area amministrativa I/1 AFFARI ISTITUZIONALI I/1.1 I/1.2 I/1.3 I/1.4 I/1.5 I/1.6 I/1.7 I/2

Dettagli

REVISIONE PARZIALE DEI CLASSAMENTI NEL COMUNE DI MILANO RELAZIONE

REVISIONE PARZIALE DEI CLASSAMENTI NEL COMUNE DI MILANO RELAZIONE Ufficio Provinciale di Milano Estratto da COMMA 335 ART. 1 LEGGE 311/2004 REVISIONE PARZIALE DEI CLASSAMENTI NEL COMUNE DI MILANO RELAZIONE Microzona 14 V. Monti 307 Sempione 308 Microzona 1 Mascheroni

Dettagli

Fondo Sostegno Affitti in Lombardia e nuovi interventi per edilizia residenziale pubblica verso il tracollo?!

Fondo Sostegno Affitti in Lombardia e nuovi interventi per edilizia residenziale pubblica verso il tracollo?! Unione Inquilini Conferenza Stampa Fondo Sostegno Affitti in Lombardia e nuovi interventi per edilizia residenziale pubblica verso il tracollo?! Scheda 1: Andamento della spesa destinata al fondo affitti

Dettagli

REGOLAMENTO PER L'ASSEGNAZIONE DI APPARTAMENTI DI PROPRIETA' COMUNALE DESTINATI AD ANZIANI O DISABILI.

REGOLAMENTO PER L'ASSEGNAZIONE DI APPARTAMENTI DI PROPRIETA' COMUNALE DESTINATI AD ANZIANI O DISABILI. COMUNE di SAVIGNO (PROVINCIA di BOLOGNA) REGOLAMENTO PER L'ASSEGNAZIONE DI APPARTAMENTI DI PROPRIETA' COMUNALE DESTINATI AD ANZIANI O DISABILI. - approvato con delibera di C.C. n. 47 del 21/05/2002; -

Dettagli

COMUNE DI SARONNO Servizi Sociali

COMUNE DI SARONNO Servizi Sociali COMUNE DI SARONNO Servizi Sociali Progetto Lo.ca.re. : Locazione a canone responsabile, concordato e garantito PREMESSA. Il Comune di Saronno è stato da tempo classificato tra quelli ad Alta tensione abitativa

Dettagli

Decreto del Presidente della Repubblica 14 febbraio 1975, n. 226

Decreto del Presidente della Repubblica 14 febbraio 1975, n. 226 Decreto del Presidente della Repubblica 14 febbraio 1975, n. 226 Approvazione del nuovo statuto-tipo degli istituti autonomi per le case popolari IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA Visto il R.D. 25 maggio

Dettagli

INDICE ART. 1 OGGETTO E FINALITA DELL INIZIATIVA ART. 2 MODALITA E CRITERI PER IL REPERIMENTO DEGLI ALLOGGI

INDICE ART. 1 OGGETTO E FINALITA DELL INIZIATIVA ART. 2 MODALITA E CRITERI PER IL REPERIMENTO DEGLI ALLOGGI REGOLAMENTO DELLE LOCAZIONI STIPULATE DAL COMUNE CON I PRIVATI PER LA SUBLOCAZIONE TEMPORANEA A FAVORE DI CITTADINI IN STATO DI EMERGENZA ABITATIVA, DI BISOGNO O DI EMARGINAZIONE SOCIALE INDICE ART. 1

Dettagli

APPLICABILE NEL COMUNE DI FIRENZE

APPLICABILE NEL COMUNE DI FIRENZE ACCORDO TERRITORIALE SULLE LOCAZIONI ABITATIVE APPLICABILE NEL COMUNE DI FIRENZE Sottoscritto il 18.05.2009 In attuazione dell art. 2, comma 3 Legge 431/1998 e art. 5 c. 2 L.431/98 Decreto Ministero delle

Dettagli

DOMANDA ASSEGNAZIONE ALLOGGIO E.R.P. BANDO 2014 (scadenza 29 dicembre 2014) COMUNE O STATO ESTERO DI NASCITA PROV. DATA DI NASCITA CHIEDE

DOMANDA ASSEGNAZIONE ALLOGGIO E.R.P. BANDO 2014 (scadenza 29 dicembre 2014) COMUNE O STATO ESTERO DI NASCITA PROV. DATA DI NASCITA CHIEDE COMUNE DI CORBETTA Provincia di Milano SETTORE SERVIZI SOCIALI Via Roma, 17 C.F. / P.I. 03122360153 Tel. 029772339 029771448 Fax 0297485110 e.mail mailto:settore.servsoc@comune.corbetta.mi.it Spazio per

Dettagli

LA CASA PRIMA DI TUTTO Superare l emergenza Garantire il diritto alla casa

LA CASA PRIMA DI TUTTO Superare l emergenza Garantire il diritto alla casa LA CASA PRIMA DI TUTTO Superare l emergenza Garantire il diritto alla casa Conferenza Stampa 2 LA DOMANDA ABITATIVA A MILANO L emergenza abitativa, compresi gli sfratti, è sempre stata una componente storica

Dettagli

BANDO DI CONCORSO. per l assegnazione in proprietà (VENDITA) di n. 10 alloggi e box in corso di costruzione siti nel comune di TREVIGLIO Via Peschiera

BANDO DI CONCORSO. per l assegnazione in proprietà (VENDITA) di n. 10 alloggi e box in corso di costruzione siti nel comune di TREVIGLIO Via Peschiera Azienda Lombarda per l Edilizia Residenziale della Provincia di Bergamo 24128 BERGAMO Via Mazzini, 32/a Tel. 035/259595 Fax 035/251185 www.alerbg.it info@alerbg.it L A.L.E.R. informa, in applicazione della

Dettagli

Quota a carico Inquilino. Spese sostenute per immobile locato. Quota a carico Proprietario. Legge di riferimento

Quota a carico Inquilino. Spese sostenute per immobile locato. Quota a carico Proprietario. Legge di riferimento Ripartizione delle spese Un problema fondamentale che interessa il rapporto di locazione è quello relativo alle spese condominiali da porre a carico dell inquilino piuttosto che del proprietario; troppo

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA ISTITUTO AUTOMO PER LE CASE POPOLARI DELLA PROVINCIA DI SALER PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2014-2016 (art. 10, D. Lgs. n. 33 del 14.03.2013) INDICE Parte Prima - Introduttiva I.

Dettagli

LM franchising s.r.l. Centro Studi. Formazione di base degli Amministratori di Condominio

LM franchising s.r.l. Centro Studi. Formazione di base degli Amministratori di Condominio LM franchising s.r.l. Centro Studi Formazione di base degli Amministratori di Condominio Anno 2014-2015 Piano di Studi Principi di diritto immobiliare: La proprietà nel Codice Civile e nella Costituzione

Dettagli

Sesto San Giovanni, 10 Dicembre 2012

Sesto San Giovanni, 10 Dicembre 2012 Sesto San Giovanni, 10 Dicembre 2012 Spettabile A.L.E.R. MILANO Viale Romagna, 26 20133 MILANO c.a. Dott. Loris Zaffra Dott. Domenico Ippolito Arch. Enrico Galbiati Spettabile COMUNE DI SESTO SAN GIOVANNI

Dettagli

GLOBAL SERVICE PER GESTIONE INTEGRATA DEL PATRIMONIO IMMOBILIARE A DESTINAZIONE ERP ESTRATTO DELLA CARTA DEI SERVIZI

GLOBAL SERVICE PER GESTIONE INTEGRATA DEL PATRIMONIO IMMOBILIARE A DESTINAZIONE ERP ESTRATTO DELLA CARTA DEI SERVIZI GLOBAL SERVICE PER GESTIONE INTEGRATA DEL PATRIMONIO IMMOBILIARE A DESTINAZIONE ERP ESTRATTO DELLA CARTA DEI SERVIZI SPORTELLO DI CONTATTO via Benedetto Croce n.28 Sesto San Giovanni (MI) (c/o Uffici comunali)

Dettagli

i Servizi immobiliari

i Servizi immobiliari i Servizi immobiliari case in affitto case comunali a canone convenzionato G e s t i o n e E d i f i c i i requisiti per accedere a una casa comunale I requisiti per accedere a una casa comunale sono previsti

Dettagli

C I T TA D I P O T E N Z A UNITA DI DIREZIONE SERVIZI SOCIALI

C I T TA D I P O T E N Z A UNITA DI DIREZIONE SERVIZI SOCIALI C I T TA D I P O T E N Z A UNITA DI DIREZIONE SERVIZI SOCIALI Ufficio Servizi Sociali Oggetto: Progetto CONTRATTI ASSISTITI Premesso che: Relazione istruttoria/illustrativa Quello della casa non è un problema

Dettagli

AZIENDA TERRITORIALE PER L EDILIZIA RESIDENZIALE DELLA REGIONE UMBRIA

AZIENDA TERRITORIALE PER L EDILIZIA RESIDENZIALE DELLA REGIONE UMBRIA AZIENDA TERRITORIALE PER L EDILIZIA RESIDENZIALE DELLA REGIONE UMBRIA REGOLAMENTO ATTUATIVO DEL REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE (Delibera del Consiglio di Amministrazione n. 54 del 19-09-2012) TITOLO I -

Dettagli

PROGRAMMA CORSO ANACI SIENA

PROGRAMMA CORSO ANACI SIENA PROGRAMMA CORSO ANACI SIENA LEZIONE N.1 23 Settembre LEZIONE N.2 25 Settembre LEZIONE N.3 27 Settembre LEZIONE N.4 30 Settembre Saluto ai partecipanti al Corso da parte del Presidente Provinciale ANACI

Dettagli

Il termometro dell emergenza casa sta continuando a salire.

Il termometro dell emergenza casa sta continuando a salire. Autorizzazione n DCB/GROSSETO/PDI N. 008-2004 08/03/2005 1 Marzo 2007 In distribuzione gratuita - Periodico di informazione a cura dell'edilizia Provinciale Grossetana spa - Via Arno 2 - Grosseto - Tel.

Dettagli

COMUNE DI NOCI PROVINCIA DI BARI ******************** ASSESSORATO ALLE POLITICHE SOCIALI

COMUNE DI NOCI PROVINCIA DI BARI ******************** ASSESSORATO ALLE POLITICHE SOCIALI COMUNE DI NOCI PROVINCIA DI BARI ******************** ASSESSORATO ALLE POLITICHE SOCIALI Avviso pubblico per la presentazione di manifestazione di interesse da parte dei proprietari di immobili disponibili

Dettagli

Decreto casa. Un miliardo e 800 milioni per l emergenza abitativa. Che cosa prevede? Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti. Decreto Casa.

Decreto casa. Un miliardo e 800 milioni per l emergenza abitativa. Che cosa prevede? Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti. Decreto Casa. Decreto casa. Un miliardo e 800 milioni per l emergenza abitativa. Che cosa prevede? Ministero delle Infrastrutture Decreto Casa. 200 MILIONI DI EURO AL FONDO AFFITTO Ai 100 milioni di euro già stanziati

Dettagli

Norme per il recupero ad uso abitativo di immobili di proprietà pubblica e privata attraverso cooperative di autorecupero

Norme per il recupero ad uso abitativo di immobili di proprietà pubblica e privata attraverso cooperative di autorecupero Legislatura 15º - Disegno di legge N. 621 SENATO DELLA REPUBBLICA XV LEGISLATURA N. 621 DISEGNO DI LEGGE d iniziativa dei senatori RUSSO SPENA, CAPRILI, SODANO, BONADONNA, EMPRIN GILARDINI, PALERMO, CONFALONIERI,

Dettagli

Guida al corretto utilizzo del riscaldamento contabilizzato Conteggio individuale delle spese di riscaldamento

Guida al corretto utilizzo del riscaldamento contabilizzato Conteggio individuale delle spese di riscaldamento Guida al corretto utilizzo del riscaldamento contabilizzato Conteggio individuale delle spese di riscaldamento Introduzione alla contabilizzazione del calore Il riscaldamento è una fra le più rilevanti

Dettagli

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO (CANALE CONCERTATO) Tra i signori, nato a, il, residente in., alla Via, C.F. (di seguito locatore) (assistito

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO (CANALE CONCERTATO) Tra i signori, nato a, il, residente in., alla Via, C.F. (di seguito locatore) (assistito CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO (CANALE CONCERTATO) Tra i signori, nato a, il, residente in, alla Via, C.F. (di seguito locatore) (assistito da in persona di ), e, nato a, il, residente in, alla

Dettagli

Programma del corso. LEZIONE 1 Martedì, 24.2.2015 Condominio, supercondominio, consorzi. Diritti reali e rapporti tra proprietari.

Programma del corso. LEZIONE 1 Martedì, 24.2.2015 Condominio, supercondominio, consorzi. Diritti reali e rapporti tra proprietari. Programma del corso MODULO 1 IL CONDOMINIO LEZIONE 1 Martedì, 24.2.2015 Condominio, supercondominio, consorzi 1. Proprietà di beni immobiliari e contitolarità di diritti 2. Comunione e condominio: similitudini

Dettagli

FORMAZIONE PERIODICA PER AMMINISTRATORI CONDOMINIALI

FORMAZIONE PERIODICA PER AMMINISTRATORI CONDOMINIALI FORMAZIONE PERIODICA PER AMMINISTRATORI CONDOMINIALI Incontro del 11.04.2014 Avv. Monica Severin Viale Verdi n. 15/G int. 2-3 Treviso Mail: avvseverin@yahoo.it Tel.: 339 2017774 L ASSEMBLEA DEL CONDOMINIO

Dettagli

ANACI Associazione Nazionale Amministratori Condominiali e Immobiliari SEDE PROVINCIALE DI TRAPANI

ANACI Associazione Nazionale Amministratori Condominiali e Immobiliari SEDE PROVINCIALE DI TRAPANI ANACI Associazione Nazionale Amministratori Condominiali e Immobiliari SEDE PROVINCIALE DI TRAPANI PROGRAMMA DEL CORSO DI FORMAZIONE INIZIALE PER AMMINISTRATORI DI CONDOMINIO CORSO DELL ANNO 05 in ottemperanza

Dettagli

Condominio, locazione e spese

Condominio, locazione e spese Il nuovo prontuario degli oneri accessori Condominio, locazione e spese di Germano Palmieri Il 30 aprile le organizzazioni di rappresentanza dei proprietari d immobili e dei conduttori (Confedilizia da

Dettagli

Quorum costitutivi dell assemblea. Seconda convocazione: - almeno il 50% dei millesimi. - almeno 1/3 dei millesimi. - almeno 1/3 dei millesimi.

Quorum costitutivi dell assemblea. Seconda convocazione: - almeno il 50% dei millesimi. - almeno 1/3 dei millesimi. - almeno 1/3 dei millesimi. Quorum costitutivi dell assemblea Prima convocazione: - più del 50% dei condomini - almeno i 2/3 dei millesimi. Seconda convocazione: - almeno 1/3 dei condomini - almeno 1/3 dei millesimi. Quorum deliberativi

Dettagli

ACCORDI TERRITORIALI PER LA STIPULA DEI CONTRATTI DI. LOCAZIONE secondo ART. 2 Commi 3,4,5 ; ART. 4 e ART. 5

ACCORDI TERRITORIALI PER LA STIPULA DEI CONTRATTI DI. LOCAZIONE secondo ART. 2 Commi 3,4,5 ; ART. 4 e ART. 5 1 ACCORDI TERRITORIALI PER LA STIPULA DEI CONTRATTI DI LOCAZIONE secondo ART. 2 Commi 3,4,5 ; ART. 4 e ART. 5 LEGGE N. 431/1998 e secondo ART. 1 e 2 LEGGE N. 2/2002 PER IL COMUNE DI MONTEMURLO I Sindacati

Dettagli

Percorsi di cittadinanza. Materiali per docenti a sostegno della programmazione di percorsi di cittadinanza per adulti stranieri

Percorsi di cittadinanza. Materiali per docenti a sostegno della programmazione di percorsi di cittadinanza per adulti stranieri Percorsi di cittadinanza Materiali per docenti a sostegno della programmazione di percorsi di cittadinanza per adulti stranieri PROGETTO CERTIFICA IL TUO ITALIANO Abitare In Italia PER TROVARE UNA CASA

Dettagli

NOTA INTEGRATIVA AL BILANCIO CHIUSO AL 31/12/2014

NOTA INTEGRATIVA AL BILANCIO CHIUSO AL 31/12/2014 AIC Associazione Italiana Celiachia Piemonte Valle d Aosta - ONLUS Sede in Torino (TO) Via Guido Reni, 96 int. 99 Codice Fiscale 97581930019 P Iva 08710070015 REA 1038379 NOTA INTEGRATIVA AL BILANCIO CHIUSO

Dettagli

SCRITTURA PRIVATA TRA: il Distretto di dell AZIENDA REGIONALE PER L EDILIZIA ABITATIVA, con. sede in, codice fiscale 03077790905,

SCRITTURA PRIVATA TRA: il Distretto di dell AZIENDA REGIONALE PER L EDILIZIA ABITATIVA, con. sede in, codice fiscale 03077790905, DISTRETTO DI CARBONIA SCRITTURA PRIVATA TRA: il Distretto di dell AZIENDA REGIONALE PER L EDILIZIA ABITATIVA, con sede in, codice fiscale 03077790905, rappresentata dal Direttore del Sig. nato a il, domiciliato

Dettagli

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO Ai sensi dell articolo 2, comma 1, della legge 9 dicembre 1998, n. 431, la Fondazione IRCCS Ospedale Maggiore

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO Ai sensi dell articolo 2, comma 1, della legge 9 dicembre 1998, n. 431, la Fondazione IRCCS Ospedale Maggiore CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO Ai sensi dell articolo 2, comma 1, della legge 9 dicembre 1998, n. 431, la Fondazione IRCCS Ospedale Maggiore Policlinico, Mangiagalli e Regina Elena, con sede in

Dettagli

SERVIZI AZIENDALI INNOVATIVI

SERVIZI AZIENDALI INNOVATIVI SERVIZI AZIENDALI INNOVATIVI L AGENZIA PUBBLICA PER LA LOCAZIONE La gestione di servizi attinenti al soddisfacimento delle esigenze abitative delle famiglie rappresenta una tra le iniziative più innovative

Dettagli

ITG A. POZZO LEZIONI DI ESTIMO. Tabelle millesimali di condominio. Classi 5^ LB-LC-SA Anno scolastico 2009/10. Prof. Romano Oss

ITG A. POZZO LEZIONI DI ESTIMO. Tabelle millesimali di condominio. Classi 5^ LB-LC-SA Anno scolastico 2009/10. Prof. Romano Oss ITG A. POZZO LEZIONI DI ESTIMO Tabelle millesimali di condominio Classi 5^ LB-LC-SA Anno scolastico 2009/0 Prof. Romano Oss Condominio: quando nello stesso fabbricato vi sono delle parti di proprietà individuale

Dettagli

STUDIO AMMINISTRATIVO BELLOTTI

STUDIO AMMINISTRATIVO BELLOTTI STUDIO AMMINISTRATIVO BELLOTTI Generalità Lo Studio Bellotti, fondato dal rag. Cesare Bellotti con sede in Via Col di Lana, 162 a Ciampino (RM), svolge la sua attività nel settore condominiale dal 1975,

Dettagli

Ripartizione delle spese accessorie e dei servizi a carico dei singoli assegnatari e dell autogestione.

Ripartizione delle spese accessorie e dei servizi a carico dei singoli assegnatari e dell autogestione. ALLEGATO A Ripartizione delle spese accessorie e dei servizi a carico dei singoli assegnatari e dell autogestione. A) Ascensore: 1) forza motrice e illuminazione; 2) manutenzione ordinaria e piccole riparazioni;

Dettagli

(stipulato ai sensi dell'art.2, comma 1, L.9 dicembre 1998, n.431) TRA:

(stipulato ai sensi dell'art.2, comma 1, L.9 dicembre 1998, n.431) TRA: CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO (stipulato ai sensi dell'art.2, comma 1, L.9 dicembre 1998, n.431) TRA: la società CENTRO REGIONALE S.ALESSIO MARGHERITA DI SAVOIA PER I CIECHI con sede in ROMA

Dettagli

PRIMO CORSO DI FORMAZIONE INIZIALE PER AMMINISTRATORI DI CONDOMINIO

PRIMO CORSO DI FORMAZIONE INIZIALE PER AMMINISTRATORI DI CONDOMINIO Centro Studi e Formazione PRIMO CORSO DI FORMAZIONE INIZIALE PER AMMINISTRATORI DI CONDOMINIO Ai sensi dell art.71 bis, lettera g, Disp. Att. c.c. e del decreto del Ministro della Giustizia n. 140 del

Dettagli

Le nuove tendenze dell abitare

Le nuove tendenze dell abitare mercoledì, 25 giugno 2014 Le nuove tendenze dell abitare O s s e r v a t o r i o H o u s i n g E v o l u t i o n Mario Abis Campione e iodo di rilevamento L IMPIANTO METODOLOGICO CAMPIONE 1.200 casi età

Dettagli

I condomini intelligenti in provincia di Genova. Marco Castagna Direttore Fondazione Muvita

I condomini intelligenti in provincia di Genova. Marco Castagna Direttore Fondazione Muvita I condomini intelligenti in provincia di Genova. Marco Castagna Direttore Fondazione Muvita Il patrimonio edilizio in Italia Gli edifici del nostro paese sono stati costruiti prevalentemente con criteri

Dettagli

Accordo per il territorio del comune di Roma

Accordo per il territorio del comune di Roma Accordo per il territorio del comune di Roma in attuazione della legge 9 dicembre 1998, n 431 e del decreto 30 dicembre 2002 del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti di concerto con il Ministero

Dettagli

PROPERTY e ASSET MANAGEMENT

PROPERTY e ASSET MANAGEMENT 01 IVIO GENERALE PATRIMONIO Sistema di Gestione per la qualità Analisi giuridica Analisi giuridica Titolo e contratto di provenienza Pesi e Servitù gravanti Contratti o concessioni correlate Terreno Immobile

Dettagli

Le nuove tendenze dell abitare a Milano

Le nuove tendenze dell abitare a Milano martedì, 6 maggio 2014 Le nuove tendenze dell abitare a Milano Osservatorio Housing Evolution Mario Abis Campione e iodo di rilevamento L IMPIANTO METODOLOGICO CAMPIONE 1.000 casi età 2565 anni rappresentativi

Dettagli

Le nuove tendenze dell abitare

Le nuove tendenze dell abitare mercoledì, 18 giugno 2014 Le nuove tendenze dell abitare O s s e r v a t o r i o H o u s i n g E v o l u t i o n Mario Abis URBAN CENTER, MONZA Campione e iodo di rilevamento L IMPIANTO METODOLOGICO CAMPIONE

Dettagli

A.T.E.R. Azienda Territoriale per l Edilizia Residenziale

A.T.E.R. Azienda Territoriale per l Edilizia Residenziale A.T.E.R. Azienda Territoriale per l Edilizia Residenziale della Provincia di Verona Piazza Pozza 1/c 37123 Verona P.IVA 00223640236 Reg. Imprese C.C.I.A.A. di Verona n. 204528/1996 Regolamento per l'autogestione

Dettagli

Situazione finanziamenti edilizia al settembre 2004 e proposta di revisione programma

Situazione finanziamenti edilizia al settembre 2004 e proposta di revisione programma Situazione finanziamenti edilizia al settembre 2004 e proposta di revisione programma premessa Il programma triennale 2004-2006 è stato impostato confidando nella stima della concessione dei finanziamenti

Dettagli

EDILIZIA POPOLARE PALMARÈS FEDERCASA BRESCIAROMAANCONANOVARAPERUGIAFERRARAVICENZATORINOBOLOGNA ANNO XLIX

EDILIZIA POPOLARE PALMARÈS FEDERCASA BRESCIAROMAANCONANOVARAPERUGIAFERRARAVICENZATORINOBOLOGNA ANNO XLIX EDILIZIA POPOLARE RIVISTA TRIMESTRALE DI ARCHITETTURA E URBANISTICA 275 276 ANNO XLIX PALMARÈS FEDERCASA BRESCIAROMAANCONANOVARAPERUGIAFERRARAVICENZATORINOBOLOGNA EDIZIONI EDILIZIA POPOLARE SPED. IN ABB.

Dettagli

ISTITUTO AUTONOMO CASE POPOLARI DELLA PROVINCIA DI LECCE VIA TRINCHESE 61/D Galleria 73100 LECCE tel. 0832 446111 fax 0832 315034

ISTITUTO AUTONOMO CASE POPOLARI DELLA PROVINCIA DI LECCE VIA TRINCHESE 61/D Galleria 73100 LECCE tel. 0832 446111 fax 0832 315034 ISTITUTO AUTONOMO CASE POPOLARI DELLA PROVINCIA DI LECCE VIA TRINCHESE 61/D Galleria 73100 LECCE tel. 0832 446111 fax 0832 315034 PROGETTO DI ADEGUAMENTO E RIPRISTINO DI UN FABBRICATO DI N. 28 ALLOGGI

Dettagli