I servizi sociali aziendali Stefano Musso

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "I servizi sociali aziendali Stefano Musso"

Transcript

1 Stefano Musso 2010 Testo per Storiaindustria.it 1 Ad esclusivo uso didattico. Gli altri diritti riservati.

2 I servizi sociali aziendali costituiscono un fenomeno diffuso nell intera storia dell età industriale: si tratta della tendenza di buona parte delle aziende grandi e medie a fornire ai propri dipendenti - per fidelizzarli all impresa, si direbbe in linguaggio odierno - un aiuto nell affrontare una serie di problemi della vita individuale e familiare. I servizi tipici erano le case per i dipendenti, gli asili aziendali per i figli delle lavoratrici, i servizi aziendali di assistenza sanitaria, le colonie per i figli dei dipendenti, i piccoli prestiti, gli aiuti in casi di necessità particolari, i servizi dopolavoristici di carattere ricreativo, sportivo e culturale; di particolare importanza erano le casse mutue di infortunio, malattia, anzianità e in generale i piani aziendali di previdenza e sicurezza sociale: tali iniziative prima surrogavano la previdenza sociale pubblica, quando ancora non esisteva, poi la integravano, quando era ancora embrionale e deficitaria. A seconda dei casi, venivano infine attivati altri tipi di servizi: trasporti, dormitori per operai, convitti per giovani operaie, refettori provvisti di scaldavivande, mense, spacci aziendali per l acquisto di generi a prezzi calmierati, vendita a prezzi di favore dei prodotti aziendali, scuole aziendali con accesso preferenziale per i figli dei dipendenti. L origine dei servizi sociali aziendali e la loro evoluzione nel tempo rappresentano un aspetto importante della storia della società industriale, in quanto interagiscono con le politiche assistenziali, private e pubbliche, con l avvento dei sistemi previdenziali e dello Stato del benessere, nonché con i rapporti di lavoro tra imprenditori e lavoratori dipendenti. I servizi sociali e la legittimazione dell impresa industriale La nascita dei servizi assistenziali va ricondotta alla prime fasi dell industrializzazione nella seconda metà dell Ottocento. Gli industriali, al loro emergere nella società italiana come nuovi esponenti del ceto produttivo e dirigente, si trovarono nella condizione di dover legittimare il proprio ruolo e costruire consenso intorno alle proprie imprese. L avvento della società industriale spezzava infatti vecchi equilibri e creava nuovi problemi sociali, che preoccupavano ampie componenti delle vecchie classi dirigenti, l aristocrazia e il clero. L industrializzazione comportava infatti fenomeni quali l emigrazione, l abbandono delle campagne con i loro tradizionali assetti gerarchici, l allentamento dei vincoli parentali e la crisi della famiglia patriarcale, per non parlare dell emergere di nuove forme di tensione sociale, non a caso in seguito indicate con l espressione conflitto industriale. Gli scioperi e l urbanesimo erano additati come i grandi mali provocati dall industria. Essi costituivano le fonti di quella che alla svolta del secolo sarebbe stata chiamata la questione sociale. Gli scioperi rappresentavano un danno economico e comportavano rischi di sovvertimento dell ordine pubblico; erano inoltre considerati pericolosi veicoli di diffusione delle idee sovversive, socialiste e anarchiche. Il lavoro dei giovani in fabbrica li rendeva economicamente indipendenti dalla famiglia, dando vita a fenomeni additati quali la casa albergo, dove i figli consegnavano ai genitori solo una parte dei loro guadagni. [E. Sella, L ultima fase dell industria laniera nel biellese, in Giornale degli economisti, gennaio 1902]. La ricerca di occupazione nell industria comportava lo spostamento in città, e l urbanesimo era considerato fonte di gravi mali sociali: l allentamento del controllo familiare e sociale sui comportamenti individuali; il sovraffollamento e la promiscuità delle povere abitazioni che 2

3 rischiavano di generare degradazione morale; la concorrenza tra immigrati e manodopera locale sul mercato del lavoro urbano che provocava la disoccupazione. La disoccupazione rappresentava un fenomeno nuovo, connesso allo sradicamento dalle campagne; nelle campagne infatti, la sovrabbondanza di braccia veniva assorbita dalla famiglia allargata: il sottoccupato agricolo, isolato nelle piccole comunità contadine, rischiava di diventare in città un disoccupato a tutti gli effetti, a contatto con altri disoccupati, potenzialmente pericolosi per l ordine pubblico. Per la legittimazione dell impresa gli industriali percorsero tre vie principali: la tutela pedagogica e sociale nei confronti delle proprie maestranze; la rivendicazione della funzione essenziale svolta dalle proprie imprese per la potenza economica e militare della nazione; il ruolo propulsivo dell industria nello sviluppo economico e nella diffusione del benessere. A queste tre vie corrisposero, schematicamente, tre tipi di imprenditori, connotabili come l imprenditore paternalistico, l imprenditore politico, l imprenditore tecnocratico. In una certa misura, ai tre tipi si può assegnare una prevalenza in successione cronologica: inizialmente fu maggiormente diffuso l imprenditore paternalistico, tipico della prima fase dell industrializzazione tessile, situata allo sbocco della vallate alpine e lungo i corsi d acqua per sfruttare l energia idraulica; a seguire, l imprenditore politico dell industria siderurgica, della meccanica pesante e della cantieristica, operante in stretto rapporto con i poteri pubblici e sotto la protezione dello Stato; infine, in una fase più matura dell industrializzazione delle aree urbane a cavaliere tra Ottocento e Novecento, l imprenditore tecnocratico della meccanica di serie, dell elettromeccanica e della gomma. Il primo, l imprenditore paternalistico, sosteneva che l impresa era una grande famiglia, di cui egli era il buon padre, pronto a preoccuparsi del benessere dei figli, i lavoratori cioè, ai quali offriva aiuto in cambio di obbedienza: il padrone-padre si dichiarava disposto ad ascoltare le necessità dei singoli operai, ad aiutarli se meritevoli; in quanto provvedeva ai bisogni dei propri dipendenti, negava che la sua impresa potesse ingenerare problemi sociali; al contempo, riproduceva i rapporti gerarchici di stampo tradizionale. Si trattò di un tipo di imprenditore particolarmente restio ad accettare l idea che il contratto di lavoro potesse trasformarsi da individuale a collettivo, che gli operai potessero darsi un organizzazione sindacale, che egli dovesse accettare di discutere con sindacalisti estranei all azienda e riconoscerne il ruolo come rappresentanti dei suoi lavoratori. Il secondo, l imprenditore politico, nell affermare il ruolo fondamentale dell industria - e in particolare delle imprese di base di cui era titolare - per la potenza militare e il peso della nazione nel panorama internazionale, rivendicava la legittimità non solo dell impresa ma anche del sostegno e degli aiuti che lo Stato le garantiva. Nell evoluzione degli schieramenti politici alle soglie della prima guerra mondiale, questo imprenditore divenne il campione del nazionalismo, arrivando a prefigurare un patto tra i produttori, vale a dire a un alleanza tra industriali e operai per sollecitare il drenaggio di risorse da parte dello Stato a favore dell industria, la quale avrebbe così potuto pagare salari adeguati agli operai impegnati a sostenere lo sforzo produttivo nazionale. Il terzo tipo, l imprenditore tecnocratico, legittimava l impresa per il suo ruolo nell innovazione tecnologica e nel progressivo miglioramento delle condizioni sociali. Forte delle prime evidenti manifestazioni delle potenzialità del progresso economico, era anche disposto - entro precisi limiti e di fronte del cambiamento che giudicava ineluttabile - a riconoscere che un certo grado di conflitto di interessi tra imprenditori e operai fosse intrinsecamente legato allo sviluppo industriale: di conseguenza, non escludeva la convenienza tattica di aderire agli inviti giolittiani a riconoscere i 3

4 dirigenti sindacali riformisti e moderati quali interlocutori per conseguire assetti regolati dei rapporti di lavoro che limitassero la conflittualità spontanea e incontrollata. Utile a fini conoscitivi, la distinzione tipologica degli imprenditori è assai meno netta nella pratica, nelle figure storiche concrete. Infatti, i tre tipi di argomentazioni e politiche imprenditoriali furono per lo più compresenti nei singoli protagonisti della scena industriale. In particolare, l azione in campo sociale che qui ci interessa, tipica dell imprenditore paternalistico, era ampiamente condotta anche dalle altre figure: la logica che guidava le famiglie imprenditoriali, specie le maggiori, rispondeva infatti a principi di responsabilità sociale delle élite nei confronti delle comunità di riferimento, comunità spesso non solo aziendali ma estese alle comunità dei territori di insediamento delle fabbriche. Tale principi di responsabilità affondavano le radici nella tradizione aristocratica, improntata allo scambio tra protezione da parte del signore e deferenza da parte dei sottoposti. I servizi sociali aziendali tra Ottocento e Novecento A fine Ottocento, i servizi aziendali furono opera di imprenditori attenti tanto alle condizioni di vita delle maestranze quanto agli effetti stabilizzatori sulle relazioni tra impresa e maestranze. Il mondo del lavoro a fine Ottocento era caratterizzato dalla totale mancanza di sistemi di sicurezza sociale, che generava difficoltà di ogni genere in caso di malattia, disoccupazione prolungata, infortuni, con il rischio continuo, per le famiglie operaie, di cadere dalle file del proletariato a quelle dei poveri che vivevano di carità e di espedienti. Solo nel 1898 fu introdotta l assicurazione obbligatoria per gli infortuni sul lavoro; nello stesso anno fu creata l assicurazione di vecchiaia, ma su basi volontarie, tanto che ebbe ben poco riscontro tra i lavoratori, i quali preferivano ricorrere alle vecchie società di mutuo soccorso. I datori di lavoro illuminati offrivano servizi e forme di assistenza ai propri lavoratori che si limitavano per lo più, in questa prima fase, alla creazione di casse di mutuo soccorso su base aziendale; alle casse concorrevano i lavoratori e spesso vi venivano versati gli importi derivanti dalle multe per infrazioni al regolamento disciplinare; ma la casse mutue riuscivano a erogare sussidi significativi grazie al cospicuo contributo dell imprenditore. A motivare queste iniziative erano sia lo spirito filantropico sia la convenienza di politiche atte a conquistare il consenso, la fedeltà dei lavoratori all impresa, la pace sociale negli stabilimenti. Alle casse mutue si aggiungevano talora le abitazioni per i lavoratori, che servivano anche e in special modo - in una realtà produttiva caratterizzata dalla forte stagionalità di molte produzioni che rendeva fluttuante il numero dei lavoratori - a rafforzare il legame con l azienda dei gruppi centrali dei lavoratori più qualificati, ai quali si affiancava di volta in volta, a seconda delle necessità, una quota più o meno ampia di manodopera generica e instabile. Anche se non molto diffusi, di particolare interesse furono i villaggi operai, costituiti da abitazioni e servizi - compresa la scuola - nei pressi della fabbrica, in località relativamente isolate. Per la fine dell Ottocento, il caso piemontese più interessante è quello del Villaggio Leumann di Collegno. [AA.VV., Villaggi operai in Italia, Torino, Einaudi, 1981; L ubicazione dei maggiori impianti tessili lungo i corsi d acqua nelle basse vallate alpine e appenniniche creava problemi di reclutamento della manodopera. Gli stabilimenti, infatti, sorgevano in aree che spesso non offrivano da sole la base demografica sufficiente alla 4

5 manodopera necessaria; inoltre, la mancanza di sistemi di trasporto e la lunghezza degli orari di lavoro riducevano drasticamente il raggio del pendolarismo. Ciò spingeva alla creazione di convitti, per lo più gestiti da personale religioso, che ospitavano giovani operaie provenienti a volte anche da zone molto distanti e da altre regioni. E questo il caso del Cotonificio Ligure, creato a Rossiglione, in provincia di Genova, lungo il torrente Stura che scende verso Ovada attraverso la vallata del passo del Turchino. Fondato a partire dal 1875, il Cotonificio Ligure contava già 650 operai nel 1881, per arrivare a 808 nel La Valle Stura, dove altre attività produttive - tanto industriali che agricole - assorbivano parte delle forze di lavoro, non dava che un limitato contributo occupazionale al Cotonificio Ligure. Ai primi del Novecento fu creato un convitto, affidato alla gestione delle suore di Maria Ausiliatrice, che avrebbe operato fino alla seconda guerra mondiale, ospitando dalle 100 alle 150 ragazze, molte delle quali, specie negli anni venti e trenta, provenivano dal Veneto e dal Friuli, attraverso il reclutamento operato tramite la rete delle parrocchie e delle case consorelle dell ordine di Maria Ausiliatrice. Si trattava di ragazze giovanissime, tra i 12 e i 21 anni, che in maggioranza restavano a lavorare al Cotonificio per un periodo variabile tra uno e tre anni. [M. Fortuna, Fabbrica e società in Valle Stura. Rossiglione e il Ligure, tesi di laurea, a.a , Facoltà di Lettere e Filosofia, rel. S. Musso] L evoluzione dei servizi aziendali tra le due guerre A cavaliere tra Ottocento e Novecento i servizi sociali aziendali erano più diffusi nel settore tessile, quello maggiormente organizzato su matrici industriali e che contava gli impianti produttivi di dimensioni più cospicue; successivamente la fase di sviluppo del primo quindicennio del secolo - considerata da alcuni storici il vero e proprio decollo incentrato sui settori tipici della seconda rivoluzione industriale, vale a dire la metallurgia e meccanica, la chimica, l industria elettrica - fornì le basi strutturali per l estensione quantitativa e qualitativa dei servizi sociali aziendali che si registrò nel periodo fra le due guerre. Due furono i fattori di tale estensione: la pressione esercita dal fascismo; l introduzione di modalità organizzative ricalcate sull organizzazione scientifica del lavoro di stampo americanista. Il corporativismo fascista spingeva le imprese a creare servizi che cementassero tra operai e datori di lavoro uno spirito di collaborazione capace di superare quelli che venivano chiamati gli egoismi di classe, i quali dovevano essere subordinati ai superiori interessi della nazione ; tra questi ultimi andava annoverato il buon andamento della produzione. Con la riduzione dell orario di lavoro alle otto ore giornaliere, conquistate dal movimento operaio nell immediato primo dopoguerra in tutto il mondo industrializzato, si poneva la questione del tempo libero. Il fascismo diede vita nel 1925 all Opera nazionale dopolavoro (OND), un organismo di coordinamento delle iniziative avviate nelle singole imprese. Nel 1929 un accordo tra Partito nazionale fascista e Confindustria creò una scuola per assistenti sociali di fabbrica. All interno delle strutture dopolavoristiche, oltre alle attività ricreative, sportive, culturali, veniva diffusa l informazione e gestita l erogazione delle prestazioni dei vari servizi assistenziali. La penetrazione del partito fascista prima e del sindacato fascista poi nella gestione dei dopolavoro aziendali faceva dell OND una delle numerose organizzazioni di massa del fascismo utilizzate come strumento della propaganda del regime. Ogni opera assistenziale attuata dalle imprese veniva presentata come una realizzazione del fascismo. Al di là delle esagerazioni propagandistiche, alle masse lavoratrici venivano offerti servizi di notevole importanza. Nella varietà delle attività sportive, ricreative, artistiche, educative, professionali, assistenziali i lavoratori potevano trovare risposte a bisogni e interessi reali, che il salario operaio, tenuto basso dal venir 5

6 meno della libertà di organizzazione e di sciopero, impediva di soddisfare autonomamente. Le imprese spendevano, sotto le insegne del fascismo, una parte del reddito che non diventava salario in servizi le cui modalità di fruizione perseguivano l indottrinamento, la creazione di spirito di corpo, il controllo della socialità e del tempo libero dei lavoratori, prevenendo comportamenti in senso lato devianti, tanto sul piano politico che della produttività economica della manodopera. [V. De Grazia, La taylorizzazione del tempo libero operaio nel regime fascista, in Studi storici, 1978, n. 2; id., Consenso e cultura di massa nell Italia fascista, Bari, Laterza, 1981] Un impulso alle cosiddette provvidenze sussidiarie e integrative venne con la creazione del sistema di imprese a partecipazione statale facenti capo all IRI, l istituto creato nel 1933 per fronteggiare la grande crisi. Le imprese pubbliche - che esistevano sin dai primi del Novecento, create dai comuni nella forma di imprese municipalizzate - erano state all avanguardia nella promozione di nuove politiche sociali e del lavoro, introducendo garanzie normative e servizi sociali. Tali erano stati i casi, a Torino come a Genova, delle aziende tranviarie ed elettriche municipali. L IRI ebbe una presenza notevole a Genova, nelle produzioni siderurgiche, di grande meccanica e cantieristiche facenti capo in particolare all Ansaldo. Le prime esperienze di organizzazione scientifica del lavoro condotte nella grande industria meccanica negli anni venti imponevano a un numero crescente di lavoratori mansioni ripetitive e ritmi di lavoro intensificati. Il consenso dei dipendenti fu cercato, oltre che con gli incentivi salariali collegati al rendimento (i cottimi), con l offerta di servizi sociali aziendali di prim ordine. Al di là delle pressioni del corporativismo fascista, dunque, i sistemi di welfare aziendale, creati con maggior o minor liberalità da tutte le grandi imprese, erano finalizzati alla manutenzione sociale dei dipendenti, a salvaguardarne il benessere psico-fisico e la produttività, a conquistarne il consenso, o quantomeno l acquiescenza e l accettazione pragmatica delle condizioni poste dall impresa. Giovanni Agnelli, il fondatore della FIAT, pur rientrando appieno nella dimensione dell imprenditore tecnocrate, percorse al contempo le strade del paternalismo, ancorché modernizzante e riplasmato per adattarlo agli albori del fordismo. A Torino, in effetti, nonostante la Fiat esistesse sin dal 1899, le prime misure assistenziali nei confronti dei dipendenti furono attivate nel dopoguerra, in coincidenza con l inaugurazione del Lingotto, lo stabilimento progettato sul modello degli impianti Ford di Highland Park. Al 1921, infatti, risale la cassa mutua impiegati FIAT, al 1923 la cassa mutua operai (le due casse sarebbero state fuse nel 1945 nella MALF, la Mutua aziendale lavoratori Fiat); nel 1924 arrivò la prima colonia per i figli dei dipendenti, a Challant St. Victoire, seguita nel 1925 dalla colonia marina di Finale Ligure e da quella Montana di Pomaretto; nel 1925 fu creato il dopolavoro aziendale, che nel 1928 ebbe la nuova sede sulla riva destra del Po, tra i ponti della Gran Madre e di Corso Vittorio. Nel 1933 fu inaugurata la torre della colonia di Marina di Massa, mentre risale al 1937 la colonia di Ulzio; alle colonie per i figli si aggiungevano i vari centri di vacanza per i dipendenti adulti e le famiglie, da Riccione ai Piani di Luzza in Cadore. La RIV di Villar Perosa Alle connotazioni fordiste della politica sociale della FIAT a Torino si assommarono, nel caso della RIV a Villar Perosa - l azienda di famiglia creata dagli Angelli nel borgo natio - ulteriori caratterizzazioni che, senza alcuna contraddizione, rimandano a modelli più marcatamente tradizionali e di stampo aristocratico. A Villar Perosa, infatti, il ruolo della famiglia Agnelli fu rilevante prima ancora della creazione della RIV: nel 1905, ad esempio, l aiuto di Giovanni Agnelli 6

7 consentì la costruzione dei nuovi locali della scuola comunale e degli uffici comunali. Le politiche sociali connesse all insediamento della RIV, risalente al 1908, partirono prima che non a Torino: furono pertanto in larga misura indipendenti dalla riorganizzazione fordista dei processi produttivi, anche se nel caso della RIV si può osservare come la fabbricazione di cuscinetti a sfera fosse particolarmente adatta alla produzione in serie, tanto che proprio lo stabilimento di Villar Perosa sarebbe stato scelto per sperimentare il sistema Bedaux. Peraltro, la scelta dello stabilimento di Villar era anche legata alla minor conflittualità sociale che lo connotava, non solo grazie all ambiente rurale, ma anche al particolare rilievo assunto dalla politica sociale degli Agnelli nel territorio villarese, dove la RIV non solo dominava il mercato del lavoro locale ma interveniva anche come attore principale nei processi di modernizzazione dei servizi, in stretta collaborazione con l amministrazione comunale. Giovanni Agnelli divenne sindaco di Villar Perosa fin dal 1895, tredici anni prima dell insediamento della RIV, e mantenne la carica (dal 1926 come podestà) fino alla fine della seconda guerra mondiale, a pochi mesi prima della morte, avvenuta nel dicembre dello stesso anno. Suo nipote Gianni gli successe nel maggio 1945, e avrebbe mantenuto la carica fino al 1980, ben oltre dunque la cessione della RIV alla svedese SKF, avvenuta quindici anni prima, nel La famiglia Agnelli resse dunque per quasi un secolo l amministrazione di Villar Perosa, salvo una brevissima interruzione: all indomani della Liberazione, il 2 maggio 1945 il Comitato di liberazione nazionale di Villar Perosa nominò sindaco il partigiano comunista Anselmo Ferrero, il quale tenne però la carica solo quattro giorni: dati i meriti della famiglia, fu egli stesso a proporre la nomina di Gianni Agnelli, il 6 maggio. Nel 1946, alle elezioni per il Consiglio comunale vinsero i comunisti, ma sindaco restò Gianni Agnelli, che si era presentato in una lista indipendente. I comunisti locali lasciarono la carica ad Agnelli nonostante le polemiche suscitate dal caso nel PCI a livello provinciale e nazionale. La vicenda è significativa della natura quasi feudale dei rapporti tra la famiglia Agnelli e la comunità locale. Le necessità dello stabilimento RIV - in termini di reclutamento e trasporto della manodopera, di approvvigionamento di materiali ed energia, di sistemi di comunicazione - rappresentarono altrettante occasioni per l avvio o il potenziamento di servizi e public utilities per l intera comunità locale. Nel 1911 Agnelli creò la SAPAV, per il collegamento con torpedoni della Valle Chisone con Pinerolo. Nel 1912 fu la volta di una conduttura elettrica a uso illuminazione pubblica portata dalla RIV al paese per un modesto compenso. La tranvia che collegava Pinerolo con Perosa Argentina fu rilevata e ammodernata dagli Agnelli nel Quanto ai servizi aziendali, la costruzione delle prime abitazioni operaie fu avviata nel 1911: due grandi case per operai e palazzine per gli impiegati. Seguì nel 1918 l avvio della costruzione del villaggio operaio, composto da 24 casette, tutte con giardinetto, affittate a operai, capi, impiegati; a queste si aggiungevano le abitazioni del direttore e dei capi officina. Negli anni venti il Villaggio Agnelli ospitò la sede del dopolavoro, collocata in prossimità della stazione della tranvia, vicino alla quale, sempre su iniziativa e copertura parziale dei costi da parte della RIV, furono installati l ufficio postale, la farmacia, l ambulatorio, i bagni pubblici, la sede della cooperativa di consumo dotata di panificio; collegato al dopolavoro era il cinematografo, con una sala da 500 posti. Anche l arrivo del medico condotto nel comune, risalente al 1928, fu favorito dalla RIV, che si accollò la metà del costo. Con l ampliamento della stabilimento RIV nel 1925, la fabbrica ospitò una rimessa per le biciclette, lo spogliatoio con gli armadietti portavivande, gli scalda ranci e le docce, la cucina, le sale mediche e di allattamento. Vi erano due refettori, uno per gli operai e uno per gli impiegati, mentre per i dirigenti vi era la sala da pranzo. L asilo infantile per i figli dei dipendenti, affidato alle suore del Santissimo Natale, poteva ospitare 120 bambini. Gestito dalle suore era anche il convitto per giovani operaie, reclutate prevalentemente in Veneto, impiantato nel 1909 e 7

8 soppresso nel 1935, quando il suo edificio fu adibito a sede della scuola professionale aziendale, creata nel 1930, nei cui corsi triennali si formavano operai specializzati, operatori, capi squadra, disegnatori, cronometristi: la RIV assumeva tutti coloro che ultimavano i corsi. Il Dopolavoro RIV era articolato in 14 sezioni: biblioteca, corsi di lingue, radio, auto-motociclistica, escursionismo, fotografia, filodrammatica, musica, bocciofila, atletica, tiro a volo, frutti-floricoltura, corso di guida, calcio. Nel 1929 furono avviati i sanatori di Prà Catinat, donati all INFPS nel Nello stesso anno fu avviata la costruzione del complesso turistico del Sestiere. Negli anni tra le due guerre la RIV curava la manutenzione di edifici, strade, reti elettrica e telefonica, lo sgombero neve, i servizi di trasporto ammalati. La RIV provvedeva, pagava e il comune rimborsava, per lo più solo in parte, le spese alla RIV medesima; il costo non veniva quasi mai coperto per intero dalla RIV, ma il contributo dell impresa, a seconda dei casi più o meno generoso, era sempre essenziale per consentire l allestimento di servizi pubblici di qualità elevata. Nel 1937, con un decreto podestarile, il direttore della RIV, l ingegner Pietro Bertolone, fu nominato tecnico comunale, un ruolo occupato a titolo gratuito: a quel punto l amministrazione comunale venne gestita direttamente dalla RIV. Bertolone fece parte del Consiglio comunale anche nel secondo dopoguerra, facendo le veci del sindaco Gianni Agnelli, impegnato altrove. [G.V. Avondo, V. Bruno, L. Tibaldo, RIV. Storia dello stabilimento di Villar Perosa, Pinerolo, Alzani, 1999] Casi come quello della RIV a Villar Perosa non furono unici: si presentarono in numerose altre realtà locali, seppur con modalità e dimensioni differenti, dovute al peso più o meno preponderante di una impresa nel mercato del lavoro e nell economia locale. Nella sua tipica dimensione familiare, l impresa si impersonava nella famiglia imprenditoriale, conferendo agli esponenti di quest ultima caratteri aristocratici d ancien régime, riprodotti nella società industriale. Si possono in proposito ricordare, oltre al ruolo di grandi famiglie quali Marzotto a Valdagno, Rossi a Schio, Crespi a Crespi sull Adda, Feltrinelli a Campione sul Garda, i casi della Borsalino ad Alessandria e della Zegna a Trivero. In quest ultimo centro, Mario Zegna, fratello di Ermenegildo, occupò la carica di sindaco e podestà nell intero periodo interbellico, creando una interconnessione tra azienda e comunità locale non dissimile da quella di Villar Perosa: dagli impianti sportivi messi a disposizione della cittadinanza, all intervento sul territorio con le infrastrutture e le iniziative turistiche (la Panoramica Zegna). I servizi aziendali durante la seconda guerra mondiale alla FIAT: dai piccoli privilegi alla sopravvivenza Durante la guerra, quando a partire dai bombardamenti dell inverno 1942 iniziò a mancare tutto, l assistenza fornita dalle aziende assunse una dimensione nuova: diventò infatti, per molte famiglie operaie, una fonte insostituibile per il mantenimento di condizioni vitali minime. Se i lavoratori avevano in precedenza sviluppato il senso della convenienza di essere parte dell azienda per i vantaggi di cui godevano in confronto agli altri lavoratori, ora vedevano i servizi trasformarsi nel grande privilegio di poter disporre di generi essenziali, grazie agli spacci di stabilimento e agli acquisti di legna e carbone. A Torino, il gigantismo ormai raggiunto dalla FIAT la trasformò in una vera e propria istituzione, che si sostituì a quelle pubbliche e alle organizzazioni fasciste, la cui capacità di intervento fu quasi completamente annullata dalla disarticolazione dell autorità politica. Con un numero di dipendenti che nel 1941 superava i , la FIAT garantiva la sopravvivenza ad almeno un terzo della popolazione cittadina. Alla FIAT si aggiungevano le altre numerose aziende medio-grandi, la 8

9 Lancia, la Nebiolo, la Savigliano, la Venchi Unica, l Italgas, la SIP, l ATM e così via, anch esse impegnate, anche se con minori mezzi, a garantire la capacità produttiva delle maestranze difendendole dalla fame e dal freddo. Nella primavera del 1943, il quadro delle provvidenze, ordinarie e per l emergenza, offerte dalla FIAT ai dipendenti divenne impressionante. Gli interventi d urgenza vennero coordinati nel Servizio assistenza Fiat, finalizzato al soccorso e durante e dopo le incursioni aeree; esso operava a favore dell intera popolazione, in collaborazione con la Croce rossa, attraverso un centinaio di volontari provenienti dal personale della Mutua operai Fiat; articolato in tre centrali e 16 posti di soccorso, disponeva di numerose autovetture, autoambulanze e autocarri attrezzati. Per i dipendenti sinistrati esisteva un ufficio centrale di assistenza presso il Lingotto, dal quale dipendevano altrettanti uffici sezionali presso ciascun stabilimento del gruppo; l azienda offriva ai sinistrati un sussidio di 200 lire per ogni persona a carico, e assisteva i dipendenti nelle pratiche per il riconoscimento dei danni di guerra, anticipando fino a un massimo di lire sul risarcimento dovuto dallo Stato; in caso di sfollamento, la FIAT provvedeva al trasporto gratuito del mobilio in altra località entro il raggio di 50 chilometri; offriva inoltre anticipi, ospitalità gratuita per i figli fino a 12 anni nelle colonie, integrava i servizi pubblici di trasporto con i propri camion, e facilitava gli abbonamenti tranviari con sconti e rateizzazioni. Qualora durante i bombardamenti sugli stabilimenti si fossero verificati danni a effetti personali (bicicletta, portavivande, indumenti), gli uffici provvedevano alla sostituzione, in collaborazione con gli spacci aziendali. Per l acquisto di biciclette e relative gomme, mobili e suppellettili per la casa, stufe e combustibile, vestiario, biancheria, calzature, esisteva uno spaccio aziendale centrale, che operava prezzi scontati e rateizzazioni, in particolare per beni di consumo durevoli di tipo standardizzato; si potevano inoltre utilizzare vari laboratori di riparazione. Quanto ai generi alimentari e ai prodotti per l igiene e la pulizia, oltre agli spacci interni agli stabilimenti, la Fiat aveva aperto 12 punti vendita in Torino, nei rioni dove era più elevata la presenza di lavoratori, oltre a diversi spacci nei centri di sfollamento (Moncalieri, Chieri, Gassino, Carmagnola). Negli stabilimenti veniva distribuita la minestra Fiat. Funzionavano inoltre gli orti di guerra aziendali, per la produzione di ortaggi e l allevamento di animali. Ma il pilastro dell assistenza Fiat restava la mutua. I lavoratori iscritti erano in complesso , cui si aggiungevano familiari. Vi operavano, a vario titolo, 725 medici, tra i quali 218 specialisti; ai sei poliambulatori si aggiungevano ben 240 punti di visita. La mutua forniva assistenza medica gratuita, anche a domicilio, i servizi di guardia medica e ostetrica, i ricoveri ospedalieri, i soggiorni in convalescenziari, le attrezzature sanitarie, l assistenza farmaceutica (che si avvaleva di 9 farmacie condotte in proprio e di uno stabilimento di produzione medicinali; per i centri di sfollamento era stato allestito un autotreno sanitario, che a periodi fissi si muoveva nelle zone di maggior affluenza. Oltre all assistenza sanitaria, la mutua garantiva l assistenza economica, con i sussidi di malattia, di parto, di natalità (anche per le mogli casalinghe), i sussidi funerari, i sussidi straordinari in casi particolari. Alla mutua facevano capo anche cinque colonie, che in tempi normali ospitavano circa bambini per giornate di presenza, ma che nel 1943 funzionavano in permanenza come centri di sfollamento per i figli dei dipendenti. Ai lavoratori bisognosi era possibile richiedere sussidi anche alla Fondazione Agnelli, mentre per i bambini in età prescolare la Fiat sussidiava alcune scuole materne allo scopo di ottenere la precedenza nell accettazione. L istruzione e la formazione professionale dei figli dei dipendenti e dei giovani lavoratori era ormai inquadrata nella Gioventù italiana del Littorio, che organizzava tre reparti per la preparazione tecnica e premilitare dei giovani (pre-autieri, pre-marinai, pre-avieri), cui potevano accedere i dipendenti fino ai 20 anni; ai corsi di tirocinio interni alle officine (della durata di 2-3 anni) erano 9

10 ammessi i giovani tra i 15 e i 17 anni. La Fondazione Guido Fornaca assegnava premi annuali ai figli maschi di dipendenti che si fossero distinti per buona condotta nelle scuole professionali e di arti e mestieri; a coloro che dimostravano particolari attitudini scolastiche, venivano assegnate borse di studio intitolate a uomini benemeriti dell azienda. La direzione Fiat si sforzava di propagandare lo sforzo finanziario compiuto a favore dei dipendenti (l assistenza sanitaria sarebbe costata oltre 28 milioni annui, le colonie oltre 6 milioni) e di avvalorare l idea dell azienda come una comunità solidale, che stringeva le proprie fila nel momento della difficoltà, fino a propagandare l immagine di una comunanza di destino che riduceva la tradizionale sottolineatura delle distinzioni gerarchiche, unificate dal consumo della minestra FIAT. Oltre a mutare di significato per l accresciuta importanza, durante la guerra l attività assistenziale non fu più gestita in modo autocratico. La FIAT e le altre aziende dovettero fare i conti con il nuovo protagonismo operaio dopo gli scioperi del marzo La gestione dell apparato assistenziale dovette essere condotta in collaborazione con le rappresentanze operaie. Durante il governo Badoglio rinacquero, dopo 18 anni, le commissioni interne, che furono mantenute nell ordinamento sindacale della Repubblica di Salò. A esse si affiancarono, dopo l 8 settembre, i comitati di agitazione clandestini creati dalle forze antifasciste. La disorganizzazione produttiva, dovuta alle carenze dei rifornimenti di materie prime ed energia e ai danni causati dai bombardamenti, contribuì al rilancio delle rappresentanze dei lavoratori. Nei frangenti della guerra, le richieste avanzate dagli operai riguardavano anche questioni organizzative e assistenziali: il decentramento degli impianti, i trasporti, lo sfollamento dei lavoratori o delle loro famiglie, la sistemazione dei sinistrati, la distribuzione delle camere d aria per le biciclette, il funzionamento degli spacci aziendali creavano una serie di problemi organizzativi affrontabili al meglio solo con soluzioni concordate. Inoltre, quegli stessi problemi eliminavano ogni distinzione tra la dimensione assistenziale e quella produttiva: senza l assistenza la produzione si sarebbe fermata. Servizi e partecipazione nel dopoguerra Il nuovo protagonismo assunto dalle rappresentanze dei lavoratori negli ultimi due anni di guerra, esaltato dal contributo alla lotta resistenziale, si riverberò nel dopoguerra, spingendo il movimento operaio a rivendicare la gestione dei servizi di fabbrica, nell ambito di organismi di partecipazione dei lavoratori alla gestione delle aziende. L istituzione dei Consigli di gestione, prevista da un decreto del Comitato di liberazione nazionale del 17 aprile 1945, non divenne tuttavia obbligatoria per legge, né fu mai realizzato l articolo 46 della Costituzione che affermava il principio della collaborazione dei lavoratori alla gestione delle aziende. Tuttavia, in numerose fabbriche la forza del movimento operaio costrinse le Direzioni ad accettare accordi per l istituzione di consigli di gestione, i cui poteri furono per lo più unicamente consultivi, ma che in qualche caso, come alla Olivetti, ebbero riconosciuti alcuni poteri deliberativi proprio riguardo ai servizi aziendali, la cui importanza restò per alcuni anni la stessa della guerra, per le gravi difficoltà economiche e sociali e la carenza di generi alimentari, che non potevano essere immediatamente superate con la cessazione delle ostilità. Finita la fase della collaborazione per la ricostruzione, cui i Consigli di gestione e le commissioni interne diedero un fattivo contributo, l acuirsi dello scontro politico e sociale, connesso anche allo scoppio della guerra fredda, spinse le Direzioni d impresa a stringere le maglie della disciplina e a recuperare il proprio potere sulla fabbrica, per riaffermare l unicità dell autorità nei luoghi di lavoro. Dopo la sconfitta del Fronte popolare alle elezioni del 1948, i Consigli di gestione furono sciolti nel giro di pochi anni, con l eccezione della Olivetti. 10

11 Con la successiva ripresa produttiva, mentre i servizi aziendali venivano notevolmente ampliati, la loro gestione da parte delle imprese tornò ad essere autocratica, per meglio finalizzare le provvidenze aziendali alla conquista del consenso, o quantomeno dell acquiescenza dei lavoratori, e a mantenere le nuove schiere di operai lontane dall influenza sindacale. I servizi aziendali nel miracolo economico I servizi sociali aziendali conobbero una stagione di ulteriore, grande sviluppo, negli anni cinquanta e sessanta, in concomitanza con il lungo miracolo economico vissuto dall Italia in quel ventennio e con le ristrutturazioni attraverso le quali le industrie ammodernavano i propri impianti per renderli competitivi adottando, su scala assai più vasta che non tra le due guerre, le tecnologie e i modelli organizzativi del taylorismo e del fordismo. Sul finire degli anni cinquanta non vi era quasi più impresa di dimensioni medio alte, tanto del settore pubblico che privato, che fosse priva di iniziative assistenziali, anche se non tutte mettevano in campo la vasta gamma delle aziende all avanguardia. [E. Benenati, Cento anni di paternalismo aziendale, in Tra fabbrica e società. Mondi operai nell Italia del Novecento, a cura di S. Musso, Annali della Fondazione Giangiacomo Feltrinelli, a. XXXIII, 1997, Milano, Feltrinelli, 1999] Le iniziative sociali delle grandi aziende creavano sistemi di welfare locale che, estesi ai familiari dei dipendenti, investivano non solo le imprese ma, dato il loro grande peso occupazionale nella località di insediamento, l intera città, poiché coinvolgevano una buona parte della popolazione. Si delineava pertanto un peculiare rapporto tra le politiche sociali dell impresa e i sistemi complessivi di regolazione sociale della città. Il fordismo superava così i confini dell impresa: non era solo un modello di organizzazione del lavoro ma diventava un modello di società caratterizzato dalla grande fabbrica che concentrava migliaia di lavoratori, disciplinava i tempi di lavoro della città intera, offriva un sistema di welfare aziendale che seguiva il dipendente dalla culla alla bara. I servizi aziendali erano tanto più importanti per i lavoratori, in quanto il welfare pubblico era ancora deficitario: i servizi aziendali erano pertanto di avanguardia, e indicavano, si potrebbe dire, la direzione verso la quale avrebbe dovuto muoversi il welfare pubblico. Tra le imprese emergenti in Piemonte nel secondo dopoguerra, la Ferrero di Alba arrivò nei primi anni sessanta a occupare lavoratori fissi, ai quali di aggiungevano 500 stagionali: essi costituivano la metà di tutti gli addetti al settore secondario della città. Nel 1952 la Ferrerò diede avvio a un piano di case per i dipendenti; nel 1956 fu introdotto in fabbrica l assistente sociale; a partire dal 1957 furono istituiti servizi di trasporto gratuito con autobus di proprietà dell azienda per circa 900 dipendenti provenienti dai paesi circonvicini; nel 1961 fu creato il dopolavoro aziendale, cui seguirono le colonie marine e montane, a Spotorno e Valdieri. L Olivetti di Ivrea Tra le aziende all avanguardia nei servizi sociali va annoverata la Olivetti di Ivrea. Qui il fondatore, Camillo Olivetti, influenzato da idee di stampo socialista, sin dall anno successivo alla fondazione dell azienda, avvenuta nel 1908, aveva dato vita alle prime iniziative mutualistiche; le tappe successive erano state le prime case per dipendenti nel 1926, l istituzione nel 1932 del Fondo Domenico Burzio per l integrazione delle scarse prestazioni delle assicurazioni sociali pubbliche; 11

12 nel 1934 era stato allestito l asilo, seguito da scuole materne, colonie, ambulatori; nel 1935 fu creata la scuola professionale aziendale (il Centro formazione meccanici), nel 1936 fu avviato il servizio mensa, nel 1937 i servizi di trasporto per i dipendenti e l ufficio assistenti sociali. Nel secondo dopoguerra, sotto la guida di Adriano Olivetti, la gestione dei servizi sociali aziendali fu affidata al controllo e alla cogestione di un organismo partecipativo, il Consiglio di gestione, che, sotto la direzione del presidente dell azienda, era composto da un egual numero di rappresentanti eletti dai dipendenti e di membri scelti dalla Direzione. Attraverso tale organismo, chiamato a decidere della ripartizione tra i vari servizi del bilancio annuale assegnato dall azienda, la dirigenza Olivetti disponeva di uno strumento efficace per cogliere i bisogni più sentiti dai lavoratori e dare la massima efficacia alla spesa assistenziale. Il Consiglio di gestione Olivetti, unico organismo di quel tipo rimasto in vita in Italia negli anni cinquanta, sopravvisse fino al Si occupò di una vastissima gamma di servizi e iniziative: i programmi di costruzione di alloggi e i prestiti per la costruzione in proprio di case, i corsi di istruzione e formazione professionale, le borse di studio, i servizi di trasporto, le mense, gli spacci aziendali, le colonie, l asilo, l infermeria e il convalescenziario, il Centro agrario creato durante la guerra per il rifornimento di derrate alimentari, il Gruppo sportivo ricreativo Olivetti, le attività culturali, i piani integrativi dell assistenza e previdenza pubblica attraverso supplementi aziendali agli assegni familiari, l integrazione del sussidio malattia, l assistenza alle lavoratrici Olivetti durante la gravidanza e il puerperio, il piano pensioni, le cerimonie e le attività destinate agli anziani, tra cui spiccava la consegna delle spille d oro. Negli anni sessanta l assistenza aziendale compì ancora un passo avanti, nonostante la prematura scomparsa di Adriano Olivetti, con la creazione del Fondo di solidarietà interna. Nelle idee di Adriano Olivetti, i servizi aziendali dovevano svolgere il compito essenziale di armonizzare l economia e la società, l impresa e la comunità locale, il lavoro taylorizzato e lo sviluppo della persona, in una crescita equilibrata dell economia e in uno sviluppo della tecnica che sostenessero anziché minare i valori umani. Paternalismo e movimento operaio La risposta dei lavoratori all offerta dei servizi aziendali oscillò tra i poli estremi dell accettazione deferente e della denuncia contro le politiche aziendali. Il movimento operaio e sindacale, nelle sue componenti maggioritarie, dopo il fallimento della strategia partecipativa e di contropotere del dopoguerra, bollò negli anni cinquanta i servizi aziendali come paternalismo, una politica volta ad addomesticare i lavoratori allo sfruttamento capitalistico. Tuttavia, neppure i militanti più convinti e animati da spirito antagonistico rifiutavano i servizi offerti, che erano tanto più importanti per i lavoratori in quanto il welfare statale era, e sarebbe restato ancora a lungo, embrionale e insufficiente. I militanti sindacali puntarono piuttosto a trasformare in diritti quelle che i datori di lavoro presentavano come generose elargizioni, cercando di inserire il welfare aziendale tra i terreni della contrattazione sindacale. In seguito alla sconfitta subita dalla FIOM-CGIL nelle elezioni per il rinnovo delle commissioni interne alla FIAT Mirafiori nel marzo cui seguì una serie di sconfitte analoghe - il segretario generale della CGIL Giuseppe Di Vittorio ebbe ad affermare che il sindacato non aveva sufficientemente chiarito a tutti i lavoratori che questi vantaggi a volte anche considerevoli - non sono in nessun modo benefiche concessioni dei padroni dei grandi monopoli ma costituiscono un preciso diritto del lavoratori. 12

13 La diminuzione d importanza dei servizi sociali aziendali Le rivendicazioni in merito ai servizi sociali aziendali iniziarono a prendere corpo nei primi anni sessanta, quando nel pieno del boom economico la forza contrattuale delle organizzazioni sindacali crebbe anche in relazione alla drastica diminuzione della disoccupazione. Alcune materie relative ai servizi vennero inserite nei contratti nazionali di lavoro, mentre grazie ai nuovi livelli di sviluppo economico i sistemi assistenziali e previdenziali pubblici compivano notevoli passi avanti. Man mano che il welfare statale diventava più consistente, gli imprenditori cercavano di diminuire le prestazioni dei servizi aziendali che avevano funzioni integrative del sistema pubblico. Mentre i sindacati premevano sulle aziende perché i risparmi in alcuni servizi fossero dirottati su altre voci, le Direzioni puntavano a ridurre costi che, dato l aumento rapido e consistente del numero dei dipendenti, apparivano loro aver raggiunto somme eccessivamente elevate. Le scaramucce aziendali su questo terreno si trasformarono, nella nuova stagione di lotte e protagonismo operaio e sindacale iniziata alla fine degli anni sessanta, in una decisa pressione sindacale esercitata direttamente sui governi per una vasta politica di riforme che investì in rapida successione le pensioni, la casa, i trasporti, la sanità, la scuola. Nella misura in cui le prestazioni pubbliche venivano portate a un livello adeguato, erano generalizzate a tutti i lavoratori e, a seconda dei casi, a tutti i cittadini, i servizi aziendali perdevano di importanza. Il caso più eclatante fu quello della sanità: negli anni settanta, il varo del sistema sanitario nazionale portò alla scomparsa delle mutue aziendali (tra le quali, a Torino, aveva svolto un ruolo d avanguardia la mutua dell AEM, specialmente nella prevenzione e cura delle malattie professionali, grazie alla collaborazione di Ivar Oddone, un medico del lavoro particolarmente impegnato sui temi della salute dei lavoratori). La fine delle mutue aziendali lasciò qualche rimpianto nei lavoratori, in quanto il servizio nazionale non raggiunse subito gli standard elevati che spesso le mutue aziendali garantivano. [C. Accornero, La salute come democrazia partecipata. La Cassa Mutua dell Azienda Elettrica Municipale di Torino , Torino, Celid, 2006] Nonostante l affievolirsi della loro importanza nella vita dei lavoratori, i servizi sociali aziendali - dalle mense ai servizi dopolavoristici, professionali e culturali, di trasporto e di sostegno alle madri lavoratrici - mantengono ancora oggi un notevole rilievo nel caratterizzare le condizioni e le relazioni di lavoro: da un lato sono ancora giocati dalle aziende per fidelizzare i dipendenti, dall altro possono essere il segno di una responsabilità sociale dell impresa, da rinnovare e adeguare ai tempi. In un epoca come quella attuale, caratterizzata dalla tendenza al venir meno del ruolo delle grandi famiglie imprenditoriali, dalla crescente competizione sui mercati borsistici per il controllo delle imprese, dalla accentuata finanziarizzazione dell economia che privilegia le strategie di accrescimento di breve periodo del valore delle azioni scaricando le difficoltà sui livelli occupazionali, dalle difficoltà e dagli attacchi al welfare pubblico, il recupero del senso della responsabilità sociale dell impresa assume un valore importante per il mantenimento del connubio tra progresso economico e progresso sociale che la società industriale ha saputo in buona misura realizzare. 13

14

I mutamenti tecnologici fra le due guerre.

I mutamenti tecnologici fra le due guerre. I mutamenti tecnologici fra le due guerre. Vediamo ora i cambiamenti tecnologici tra le due guerre. È difficile passare in rassegna tutti i più importanti cambiamenti tecnologici della seconda rivoluzione

Dettagli

L agricoltura nell Europa industrializzata

L agricoltura nell Europa industrializzata L agricoltura nell Europa industrializzata L agricoltura delle società industrializzate europee si differenzia da quella dell età moderna per gli attrezzi, le fonti di energia, i macchinari utilizzati

Dettagli

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF)

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF) I TRIBUTI 89 APPROFONDIMENTI IL CODICE TRIBUTO Ogni pagamento effettuato con i modelli F23 o F24 deve essere identificato in modo preciso, abbinando a ogni versamento un codice di tributo. Nella tabella

Dettagli

a cura di Daniela Givogre e Riccarda Viglino

a cura di Daniela Givogre e Riccarda Viglino storia del 900 per la scuola di base a cura di Daniela Givogre e Riccarda Viglino il materiale di questa unità didattica può essere liberamente utilizzato chi lo utilizza è pregato di darne comunicazione

Dettagli

PER CONOSCERE L ITAL Breve storia del Patronato della UIL

PER CONOSCERE L ITAL Breve storia del Patronato della UIL PER CONOSCERE L ITAL Breve storia del Patronato della UIL di Gianni Salvarani Vice Presidente dell Istituto di Studi Sindacali UIL Solo con l avvento della Repubblica, conquistata con la Resistenza, anche

Dettagli

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi Questo documento vuole essere una sintetica descrizione dei servizi e delle opportunità che i servizi sociali del Comune-tipo

Dettagli

Statuto dei lavoratori indipendenti nelle assicurazioni sociali svizzere

Statuto dei lavoratori indipendenti nelle assicurazioni sociali svizzere 2.09 Contributi Statuto dei lavoratori indipendenti nelle assicurazioni sociali svizzere Stato al 1 gennaio 2015 1 In breve Questo promemoria fornisce informazioni sui contributi che i lavoratori indipendenti

Dettagli

Il vecchio contadino in viaggio verso l Europa. Dove va il diritto agrario oggi?

Il vecchio contadino in viaggio verso l Europa. Dove va il diritto agrario oggi? Il vecchio contadino in viaggio verso l Europa. Dove va il diritto agrario oggi? Delle molte definizioni che sono state date, quella del «diritto della produzione agricola» o «diritto dell agricoltura»

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

I VERSAMENTI VOLONTARI

I VERSAMENTI VOLONTARI I VERSAMENTI VOLONTARI Le Guide Inps Direttore Annalisa Guidotti Capo Redattore Iride di Palma Testi Daniela Cerrocchi Fulvio Maiella Antonio Silvestri Progetto grafico Peliti Associati Impaginazione Aldo

Dettagli

Organizzazione scientifica del lavoro

Organizzazione scientifica del lavoro Organizzazione scientifica del lavoro 1 Organizzazione scientifica del lavoro Organizzazione scientifica del lavoro è la teoria fondata da Frederick WindsdowTaylor (1865-1915) ingegnere minerario americano

Dettagli

STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole-

STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole- STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole- A cura del dipartimento mercato del lavoro Formazione Ricerca della Camera del Lavoro Metropolitana di Milano

Dettagli

AL COMUNE DI PIAZZA ARMERINA Settore Attività Produttive 94015 - PIAZZA ARMERINA

AL COMUNE DI PIAZZA ARMERINA Settore Attività Produttive 94015 - PIAZZA ARMERINA AL COMUNE DI PIAZZA ARMERINA Settore Attività Produttive 94015 - PIAZZA ARMERINA ESERCIZIO DI SOMMINISTRAZIONE AL PUBBLICO DI ALIMENTI E BEVANDE TIPOLOGIA C " art. 3 c. 6 SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO

Dettagli

Opere di urbanizzazione

Opere di urbanizzazione Opere di urbanizzazione di Catia Carosi Con il termine opere di urbanizzazione si indica l insieme delle attrezzature necessarie a rendere una porzione di territorio idonea all uso insediativo previsto

Dettagli

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 19 del 6 febbraio 2006 e rettificato con deliberazione del Consiglio Comunale

Dettagli

la riorganizzazione della dev essere affrontata in Consiglio TORTONA. SE NE PARLERA IN UNA SEDUTA AD HOC: L HA DECISO IL SINDACO

la riorganizzazione della dev essere affrontata in Consiglio TORTONA. SE NE PARLERA IN UNA SEDUTA AD HOC: L HA DECISO IL SINDACO TORTONA. SE NE PARLERA IN UNA SEDUTA AD HOC: L HA DECISO IL SINDACO La riorganizzazione dell ospedale dev essere affrontata in Consiglio In Consiglio comunale si parlerà ancora di riorganizzazione ospedaliera.

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME ART. 1 Oggetto Il presente regolamento disciplina le procedure per la trasformazione dei rapporti di lavoro da tempo pieno a tempo parziale dei dipendenti

Dettagli

dall introduzione dell Assessore Luppi

dall introduzione dell Assessore Luppi Presenti: Giulia Luppi Assessore alla scuola Alessandra Caprari pedagogista Maurizia Cocconi insegnante Scuola Primaria De Amicis Giuliana Bizzarri insegnante Scuola d infanzia A.D Este Tondelli Rita insegnante

Dettagli

LA STORIA DI UN VIAGGIO ACCIDENTATO PER LE SCELTE DELLA POLITICA.

LA STORIA DI UN VIAGGIO ACCIDENTATO PER LE SCELTE DELLA POLITICA. DOV'ERA LA CGIL? Al quesito post ideologico che as silla il presidente del consiglio dei ministri, Matteo Renzi, tentiamo di dare una risposta per i fatti e non per l'ideologia. Era il 2009 e la CGIL scriveva

Dettagli

Gli stranieri: un valore economico per la società. Dati e considerazioni su una realtà in continua evoluzione

Gli stranieri: un valore economico per la società. Dati e considerazioni su una realtà in continua evoluzione Gli stranieri: un valore economico per la società. Dati e considerazioni su una realtà in continua evoluzione Con il patrocinio di e dal Ministero degli Affari Esteri Rapporto annuale sull economia dell

Dettagli

5. Il contratto part-time

5. Il contratto part-time 5. Il contratto part-time di Elisa Lorenzi 1. L andamento dei contratti part-time Il part-time è una modalità contrattuale che in Italia, nonostante la positiva dinamica registrata negli ultimi anni, riveste

Dettagli

LE POLITICHE DEL LAVORO

LE POLITICHE DEL LAVORO LE POLITICHE DEL LAVORO Sono l insieme di interventi pubblici rivolti alla tutela dell interesse collettivo all occupazione. Tali politiche sono strettamente connesse con altri settori: fiscale, sociale

Dettagli

Per San Lazzaro. Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA. MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente)

Per San Lazzaro. Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA. MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente) TU Per San Lazzaro Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente) Territorio: Urbanistica: Cosa: Agevolazioni per la riqualificazione dell esistente:

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014 14 luglio 2014 Anno 2013 LA POVERTÀ IN ITALIA Nel 2013, il 12,6% delle famiglie è in condizione di povertà relativa (per un totale di 3 milioni 230 mila) e il 7,9% lo è in termini assoluti (2 milioni 28

Dettagli

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO PRINCIPI FONDANTI 1. Volontario è la persona che, adempiuti i doveri di ogni cittadino, mette a disposizione il proprio tempo e le proprie capacità per gli altri, per

Dettagli

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%.

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%. COMUNE di SASSARI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI PROTOCOLLO D INTESA INTERISTITUZIONALE FINALIZZATO ALLA CONOSCENZA DEL FENOMENO DELLA DISPERSIONE SCOLASTICA E ALLA PRIMA INDIVIDUAZIONE DI MISURE DI

Dettagli

all'italia serve una buona scuola,

all'italia serve una buona scuola, all'italia serve una buona scuola, che sviluppi nei ragazzi la curiosità per il mondo e il pensiero critico. Che stimoli la loro creatività e li incoraggi a fare cose con le proprie mani nell era digitale.

Dettagli

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE Art. 1 - ISTITUZIONE E istituito presso il Comune di Golfo Aranci, un Centro di Aggregazione

Dettagli

Luigino Bruni Milano-Bicocca e Sophia (Firenze) Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio.

Luigino Bruni Milano-Bicocca e Sophia (Firenze) Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio. Luigino Bruni Milano-Bicocca e Sophia (Firenze) Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio. Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio, recita un noto proverbio africano. Perché la famiglia

Dettagli

MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE. (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it)

MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE. (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it) MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it) Oggetto:Richiesta di ammissione alla Consulta delle Organizzazioni che operano nel settore delle

Dettagli

PRESENTAZIONE PROGETTO

PRESENTAZIONE PROGETTO PRESENTAZIONE PROGETTO Serie di attività svolte per sollecitare : Un maggior impegno sociale, Coinvolgimento attivo nella vita cittadina, Crescita della cultura della solidarietà, Dedicazione di parte

Dettagli

I vantaggi dell efficienza energetica

I vantaggi dell efficienza energetica Introduzione Migliorare l efficienza energetica (EE) può produrre vantaggi a tutti i livelli dell economia e della società: individuale (persone fisiche, famiglie e imprese); settoriale (nei singoli settori

Dettagli

4.04 Prestazioni dell AI Rendite d invalidità dell AI

4.04 Prestazioni dell AI Rendite d invalidità dell AI 4.04 Prestazioni dell AI Rendite d invalidità dell AI Stato al 1 gennaio 2015 1 In breve Hanno diritto a prestazioni dell assicurazione invalidità (AI) gli assicurati cui un danno alla salute di lunga

Dettagli

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI)

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) COMPITI DELLE IMPRESE E DOCUMENTAZIONE CONTRATTUALE AI SENSI DI QUANTO PREVISTO DAL D.L.GS 8108 e s.m.i. TIPOLOGIA APPALTO: SERVIZIO DI PULIZIA

Dettagli

Le origini della società moderna in Occidente

Le origini della società moderna in Occidente Le origini della società moderna in Occidente 1 Tra il XVI e il XIX secolo le società occidentali sono oggetto di un processo di trasformazione, che investe la sfera: - economica - politica - giuridica

Dettagli

BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI

BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI Si esamina il trattamento dei benefici concessi a dipendenti, collaboratori e amministratori - collaboratori. I fringe benefits costituiscono la parte della

Dettagli

DICHIARAZIONE DEI REDDITI 730/2015 Campagna Fiscale dal 15/04 al 05/07

DICHIARAZIONE DEI REDDITI 730/2015 Campagna Fiscale dal 15/04 al 05/07 DICHIARAZIONE DEI REDDITI 730/2015 Campagna Fiscale dal 15/04 al 05/07 Bonus IRPEF 80 euro Nel nuovo modello 730/2015 trova spazio il bonus IRPEF 80 euro ricevuto nel 2014, essendo previsto l obbligo di

Dettagli

LA CONCERTAZIONE SOCIALE E DA ROTTAMARE?

LA CONCERTAZIONE SOCIALE E DA ROTTAMARE? NOTA ISRIL ON LINE N 8-2013 LA CONCERTAZIONE SOCIALE E DA ROTTAMARE? Presidente prof. Giuseppe Bianchi Via Piemonte, 101 00187 Roma gbianchi.isril@tiscali.it www.isril.it LA CONCERTAZIONE SOCIALE E DA

Dettagli

La speculazione La speculazione può avvenire in due modi: al rialzo o al ribasso. La speculazione al rialzo è attuata da quegli operatori che,

La speculazione La speculazione può avvenire in due modi: al rialzo o al ribasso. La speculazione al rialzo è attuata da quegli operatori che, La speculazione La speculazione può avvenire in due modi: al rialzo o al ribasso. La speculazione al rialzo è attuata da quegli operatori che, prevedendo un aumento delle quotazioni dei titoli, li acquistano,

Dettagli

La mobilità sociale tra Stato e mercato

La mobilità sociale tra Stato e mercato La mobilità sociale tra Stato e mercato di Carlo Lottieri, Università di Siena Nella cultura contemporanea si tende a guardare alla mobilità sociale intesa quale possibilità di ascendere da una posizione

Dettagli

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Gruppo di Lavoro ITACA Regioni/Presidenza del Consiglio dei Ministri Aggiornamento 14 novembre 2011 Dipartimento

Dettagli

COMUNE DI MULAZZO PROVINCIA DI MASSA CARRARA

COMUNE DI MULAZZO PROVINCIA DI MASSA CARRARA COMUNE DI MULAZZO PROVINCIA DI MASSA CARRARA REGOLAMENTO COMUNALE per la disciplina della concessione di sovvenzioni, contributi, sussidi ed ausili finanziari e l attribuzione di vantaggi economici 1 CAPO

Dettagli

LO SPORT PER TUTTI: BUONE PRATICHE DI BENESSERE

LO SPORT PER TUTTI: BUONE PRATICHE DI BENESSERE CAPITOLO V LO SPORT PER TUTTI: BUONE PRATICHE DI BENESSERE PREMESSA Questo capitolo affronta l analisi dello sport come diritto di cittadinanza non solo metaforico, emotivo, ma anche commerciale ed identitario.

Dettagli

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus Carta dei Servizi Famiglie Anziani Infanzia Indice di revisione n. 1 del 1/3/2014 3 INDICE CHI SIAMO IDENTITA E VALORI 4 5 COSA FACCIAMO

Dettagli

Testo Unico dell apprendistato

Testo Unico dell apprendistato Testo Unico dell apprendistato Art. 1 Definizione 1. L apprendistato è un contratto di lavoro a tempo indeterminato finalizzato alla formazione e alla occupazione dei giovani. 2. Il contratto di apprendistato

Dettagli

CONTRIBUTI FIGURATIVI

CONTRIBUTI FIGURATIVI I CONTRIBUTI COSA SONO: I contributi determinano il diritto e l'importo della pensione. SI SUDDIVIDONO IN: - mensili - settimanali - giornalieri Un anno, composto di 12 mesi, comporterà 12 contributi mensili

Dettagli

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi Tra Il Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, con sede in Via Cristoforo Colombo, 44, 00187

Dettagli

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA 27 ottobre 2014 Anno L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA Nel, in Italia, il 53,1% delle persone di 18-74 anni (23 milioni 351mila individui) parla in prevalenza in famiglia.

Dettagli

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio Croce Rossa Italiana Campagna Soci Ordinari CAMPAGNA SOCI ORDINARI Pagina 1 di 12 SOMMARIO 1. Premessa... 3 2. Quali sono gli obiettivi della Campagna Soci Ordinari... 4 3. Cosa vuol dire essere Soci Ordinari

Dettagli

L ASSEGNO PER IL NUCLEO FAMILIARE - ANF E L ASSEGNO FAMILIARE - AF

L ASSEGNO PER IL NUCLEO FAMILIARE - ANF E L ASSEGNO FAMILIARE - AF L ASSEGNO PER IL NUCLEO FAMILIARE - ANF E L ASSEGNO FAMILIARE - AF A cura di Adelmo Mattioli Direttore regionale Inca-Cgil Emilia Romagna Silverio Ghetti Segretario regionale Spi-Cgil Romagna L ASSEGNO

Dettagli

Buoni lavoro per lavoro occasionale accessorio

Buoni lavoro per lavoro occasionale accessorio Buoni lavoro per lavoro occasionale accessorio Cosa sono I buoni lavoro (o voucher) rappresentano un sistema di pagamento del lavoro occasionale accessorio, cioè di quelle prestazioni di lavoro svolte

Dettagli

IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO

IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO Patrizia Clementi IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO La legge Biagi 1 ha disciplinato sotto il profilo civilistico le collaborazioni coordinate e continuative, già presenti nel nostro

Dettagli

DAL PROGETTO PER LO SVILUPPO DI UNA COMUNITA LOCALE ACCOGLIENTE ALLA NASCITA DEL PAESE ALBERGO SAINT

DAL PROGETTO PER LO SVILUPPO DI UNA COMUNITA LOCALE ACCOGLIENTE ALLA NASCITA DEL PAESE ALBERGO SAINT DAL PROGETTO PER LO SVILUPPO DI UNA COMUNITA LOCALE ACCOGLIENTE ALLA NASCITA DEL PAESE ALBERGO SAINT SAINT-MARCEL MARCEL Storia di un idea CONVEGNO INTERNAZIONALE Esperienze di turismo in ambiente alpino:

Dettagli

GUIDE Il lavoro part time

GUIDE Il lavoro part time Collana Le Guide Direttore: Raffaello Marchi Coordinatore: Annalisa Guidotti Testi: Iride Di Palma, Adolfo De Maltia Reporting: Gianni Boccia Progetto grafico: Peliti Associati Illustrazioni: Paolo Cardoni

Dettagli

PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente

PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente Articolo 1 (Principi generali) 1. Ogni persona ha diritto all apprendimento permanente. 2. Per apprendimento permanente si

Dettagli

Decreto Part-time. Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time

Decreto Part-time. Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time Decreto Part-time Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time ARTICOLO 1 Definizioni 1.Nel rapporto di lavoro subordinato l assunzione

Dettagli

ORARIO DI LAVORO NEL SETTORE DEL COMMERCIO E DELLA DISTRIBUZIONE

ORARIO DI LAVORO NEL SETTORE DEL COMMERCIO E DELLA DISTRIBUZIONE SCHEDA INFORMATIVA ORARIO DI LAVORO NEL SETTORE DEL COMMERCIO E DELLA DISTRIBUZIONE EUROPEAN TRADE UNION CONFEDERATION (ETUC) SCHEDA INFORMATIVA ORARIO DI LAVORO NEL SETTORE DEL COMMERCIO E DELLA DISTRIBUZIONE

Dettagli

I RAPPORTI DI LAVORO IN AMBITO SPORTIVO DILETTANTISTICO

I RAPPORTI DI LAVORO IN AMBITO SPORTIVO DILETTANTISTICO SERVIZIO DECENTRAMENTO E ASSISTENZA AMMINISTRATIVA AI PICCOLI COMUNI SERVIZIO PROGRAMMAZIONE E GESTIONE ATTIVITA TURISTICHE E SPORTIVE www.provincia.torino.gov.it FORUM IN MATERIA DI ENTI SPORTIVI DILETTANTISTICI

Dettagli

TUTTO QUELLO CHE SI DEVE SAPERE SULL IMU. Guida a cura della UIL Servizio Politiche Territoriali LE ALIQUOTE

TUTTO QUELLO CHE SI DEVE SAPERE SULL IMU. Guida a cura della UIL Servizio Politiche Territoriali LE ALIQUOTE TUTTO QUELLO CHE SI DEVE SAPERE SULL IMU Guida a cura della UIL Servizio Politiche Territoriali Aliquota ordinaria rurali LE ALIQUOTE Aliquota ordinaria I casa Aliquota ordinaria altri 2 per mille 4 per

Dettagli

TERZO SETTORE TERZO SETTORE O SETTORE NON PROFIT

TERZO SETTORE TERZO SETTORE O SETTORE NON PROFIT TERZO SETTORE TERZO SETTORE O SETTORE NON PROFIT E quell insieme di organizzazioni che producono beni/servizi e gestiscono attività fuori dal mercato o, se operano nel mercato, agiscono con finalità non

Dettagli

Progetto Baseball per tutti Crescere insieme in modo sano

Progetto Baseball per tutti Crescere insieme in modo sano Progetto Baseball per tutti Crescere insieme in modo sano Il baseball, uno sport. Il baseball, uno sport di squadra. Il baseball, uno sport che non ha età. Il baseball, molto di più di uno sport, un MODO

Dettagli

INSEGNANTI ITALIANI: EVOLUZIONE DEMOGRAFICA

INSEGNANTI ITALIANI: EVOLUZIONE DEMOGRAFICA PROGRAMMA EDUCATION INSEGNANTI ITALIANI: EVOLUZIONE DEMOGRAFICA E PREVISIONI DI PENSIONAMENTO Anticipazioni per la stampa dal Rapporto 2009 sulla scuola in Italia della Fondazione Giovanni Agnelli (dicembre

Dettagli

MATERNITA E CONGEDI PARENTALI. Indice

MATERNITA E CONGEDI PARENTALI. Indice MATERNITA E CONGEDI PARENTALI Indice Interdizione.pag. 2 Interruzione della gravidanza.pag. 3 Astensione obbligatoria..pag. 4 Astensione obbligatoria della madre....pag. 4 Astensione obbligatoria del padre....pag.

Dettagli

6.02 Prestazioni dell'ipg (servizio e maternità) Indennità in caso di maternità

6.02 Prestazioni dell'ipg (servizio e maternità) Indennità in caso di maternità 6.02 Prestazioni dell'ipg (servizio e maternità) Indennità in caso di maternità Stato al 1 gennaio 2015 1 In breve Le donne che esercitano un attività lucrativa hanno diritto all indennità di maternità

Dettagli

Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari

Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari Società Cooperativa sociale onlus corso Torino 4/3 16129 Genova tel. 010 5956962 fax 010 5950871 info@cosgenova.com; coscooperativa@fastwebnet.it 1 Sede legale

Dettagli

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE)

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) 71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) di TIZIANA LANG * Finalmente è partita: dal 1 maggio i giovani italiani possono iscriversi on line al programma della Garanzia

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo Le raccomandazioni della CIDSE per la Conferenza delle Nazioni Unite sullo Sviluppo Sostenibile (Rio, 20-22 giugno 2012) Introduzione Il

Dettagli

Il lavoro nell Europa medievale La bottega artigiana come luogo dell'apprendere e del produrre

Il lavoro nell Europa medievale La bottega artigiana come luogo dell'apprendere e del produrre Il lavoro nell Europa medievale La bottega artigiana come luogo dell'apprendere e del produrre Botteghe artigiane. Partic. da Ambrogio Lorenzetti, Effetti del buon governo nella città Palazzo Pubblico,

Dettagli

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Ferrara, giovedì 27 Settembre 2012 Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Giacomo Zanni (Dipartimento di Ingegneria ENDIF, Università di Ferrara) giacomo.zanni@unife.it SOMMARIO

Dettagli

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere ...... Le partecipate...... Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere le partecipate comunali in perdita, i Comuni italiani dispongono ancora di un portafoglio di partecipazioni molto rilevante,

Dettagli

Per saperne di più. L evoluzione del sistema pensionistico in Italia

Per saperne di più. L evoluzione del sistema pensionistico in Italia Nel corso degli ultimi trent anni il sistema previdenziale italiano è stato interessato da riforme strutturali finalizzate: al progressivo controllo della spesa pubblica per pensioni, che stava assumendo

Dettagli

INDAGINE LAST CMR (COMMUNITY MEDIA RESEARCH) PER LA STAMPA

INDAGINE LAST CMR (COMMUNITY MEDIA RESEARCH) PER LA STAMPA INDAGINE LAST CMR (COMMUNITY MEDIA RESEARCH) PER LA STAMPA L epoca in cui viviamo, caratterizzata dalla velocità e dall informazione, vede limitate le nostre capacità previsionali. Non siamo più in grado

Dettagli

Sostegno alla scuola St. Augustine

Sostegno alla scuola St. Augustine Con il ricavato della vendita del calendario del 2014 (2.500 euro), il Fermi ha potuto fare una donazione alla Scuola Secondaria St.Augustin di Isohe (Sud Sudan) per l acquisto di un computer, una stampante,

Dettagli

Autonomia e parità in altri paesi: alcuni esempi

Autonomia e parità in altri paesi: alcuni esempi Autonomia e parità in altri paesi: alcuni esempi 1 FRANCIA Le Scuole sous contrat d association In Francia il sistema è centralistico con un Ministero forte che regola ogni aspetto. Ci sono tre tipologie

Dettagli

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Anno Scolastico 2010-2011 Email: icsauro@yahoo.it Fratelli Grimm La Scuola

Dettagli

I TRASFERIMENTI REGIONALI ALLE PROVINCE PIEMONTESI L ANALISI DEI DATI DELL ANNO 2009 IN RAPPORTO A QUELLI DEGLI ANNI PRECEDENTI

I TRASFERIMENTI REGIONALI ALLE PROVINCE PIEMONTESI L ANALISI DEI DATI DELL ANNO 2009 IN RAPPORTO A QUELLI DEGLI ANNI PRECEDENTI I TRASFERIMENTI REGIONALI ALLE PROVINCE PIEMONTESI L ANALISI DEI DATI DELL ANNO 2009 IN RAPPORTO A QUELLI DEGLI ANNI PRECEDENTI Dall anno 2003 l Unione Province Piemontesi raccoglie, con la collaborazione

Dettagli

Principi d Azione. www.airliquide.it

Principi d Azione. www.airliquide.it Principi d Azione Codice Etico www.airliquide.it Il bene scaturisce dall'onestà; l'onestà ha in sè la sua origine: quello che è un bene avrebbe potuto essere un male, ciò che è onesto, non potrebbe essere

Dettagli

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 SEZIONE I 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI LEGGE REGIONALE 3 aprile 2006, n. 12 Norme in materia di polizia comunale. IL CONSIGLIO REGIONALE

Dettagli

STRESS DA LAVORO CORRELATO

STRESS DA LAVORO CORRELATO STRESS DA LAVORO CORRELATO Il presente documento costituisce uno strumento utile per l adempimento dell obbligo di valutazione dei rischi da stress da lavoro correlato sancito dal Testo Unico in materia

Dettagli

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna Cos è e come si costituisce una cooperativa Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna 1 Che cos è una cooperativa un'associazione autonoma di persone che si uniscono volontariamente per soddisfare i propri

Dettagli

Gli anni 1920 e l industria dell automobile

Gli anni 1920 e l industria dell automobile Gli anni 1920 e l industria dell automobile Gli anni 20 e l industria dell automobile L economia americana fu colpita nel 1921 da una dura depressione, provocata da una brusca diminuzione delle esportazioni,

Dettagli

Prime ipotesi per una fattibilità dei Programmi Integrati per la salute in Marmilla

Prime ipotesi per una fattibilità dei Programmi Integrati per la salute in Marmilla Prime ipotesi per una fattibilità dei Programmi Integrati per la salute in Marmilla Cagliari 4 dicembre 2012 Centro di ricerca FO.CU.S. Progetto di ricerca a supporto dei territori per l individuazione

Dettagli

Convenzione delle Nazioni Unite sull eliminazione di tutte le forme di discriminazione contro le donne (CEDAW)

Convenzione delle Nazioni Unite sull eliminazione di tutte le forme di discriminazione contro le donne (CEDAW) Convenzione delle Nazioni Unite sull eliminazione di tutte le forme di discriminazione contro le donne (CEDAW) Adottata dall Assemblea generale delle NU il 18.12.1979, in vigore internazionale dal 3.9.1981.

Dettagli

Aiuto alla compilazione del modulo Caratteristiche dell edificio

Aiuto alla compilazione del modulo Caratteristiche dell edificio Aiuto alla compilazione del modulo Caratteristiche dell edificio Edificio Ai sensi dell art. 3 del ordinanza sul Registro federale degli edifici e delle abitazioni, l edificio è definito come segue: per

Dettagli

Scuola fiorentina. Figura 1: Scuola del Cuoio nel 1950. Figura 3: Il corridoio della Scuola del Cuoio nel 1950 ed oggi

Scuola fiorentina. Figura 1: Scuola del Cuoio nel 1950. Figura 3: Il corridoio della Scuola del Cuoio nel 1950 ed oggi La Scuola del Cuoio è stata fondata dopo la Seconda Guerra Mondiale grazie alla collaborazione dei Frati Francescani Minori Conventuali della Basilica di Santa Croce e delle famiglie Gori e Casini, artigiani

Dettagli

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con:

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: V E NIDO DIPARTIMENTO MATERNO INFANTILE R ENTI LOCALI T QUARTIERE I C SCUOLA DELL INFANZIA FAMIGLIA

Dettagli

MGM WELFARE CASSA DI ASSISTENZA E SOCIETA DI MUTUO SOCCORSO. MGM BROKER Investement and advisor. www.mgmbroker.com

MGM WELFARE CASSA DI ASSISTENZA E SOCIETA DI MUTUO SOCCORSO. MGM BROKER Investement and advisor. www.mgmbroker.com www.mgmbroker.com MGM WELFARE CASSA DI ASSISTENZA E SOCIETA DI MUTUO SOCCORSO Le Casse di MGM WELFARE nascono con l obiettivo di offrire le migliori prestazioni assicurative presenti sul mercato, insieme

Dettagli

CONTRIBUTI PER IL DIRITTO ALLO STUDIO PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE A TORINO

CONTRIBUTI PER IL DIRITTO ALLO STUDIO PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE A TORINO CONTRIBUTI PER IL DIRITTO ALLO STUDIO PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE A TORINO Fino al 6 maggio 2011 è possibile presentare la domanda per accedere ai contributi a sostegno delle famiglie per le spese di istruzione

Dettagli

G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA

G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA AUDIMOB O SSERVATORIO SUI C OMPORTAMENTI DI M OBILITÀ DEGLI I TALIANI Maggio 2012 LE FERMATE AUDIMOB S U L L A M O B I L I T A n. 15

Dettagli

Scheda sintetica del progetto arvore da vida

Scheda sintetica del progetto arvore da vida Scheda sintetica del progetto arvore da vida Contesto AVSI collabora con FIAT Brasile dal 2004, con il progetto di responsabilità sociale Arvore da Vida, nelle aree prossime allo stabilimento di Belo Horizonte,

Dettagli

ART. 19 Costituzione delle rappresentanze sindacali aziendali

ART. 19 Costituzione delle rappresentanze sindacali aziendali 121 TITOLO III - DELL ATTIVITÀ SINDACALE ART. Costituzione delle rappresentanze sindacali aziendali Rappresentanze sindacali aziendali possono essere costituite ad iniziativa dei lavoratori in ogni unità

Dettagli

di Francesco Verbaro 1

di Francesco Verbaro 1 IL LAVORO PUBBLICO TRA PROCESSI DI RIORGANIZZAZIONE E INNOVAZIONE PARTE II - CAPITOLO 1 I L L A V O R O P U B B L I C O T R A P R O C E S S I D I R I O R G A N I Z Z A Z I O N E E I N N O V A Z I O N E

Dettagli

1. Premessa. Il contesto generale.

1. Premessa. Il contesto generale. Linee di indirizzo del Comitato interministeriale (d.p.c.m. 16 gennaio 2013) per la predisposizione, da parte del Dipartimento della funzione pubblica, del PIANO NAZIONALE ANTICORRUZIONE di cui alla legge

Dettagli

TBLUE SAUNA MILANO ASSOCIAZIONE RICREATIVA CULTURALE

TBLUE SAUNA MILANO ASSOCIAZIONE RICREATIVA CULTURALE STATUTO CIRCOLO TBLUE Art. 1 COSTITUZIONE - SEDE E costituito, come associazione culturale ricreativa non riconosciuta ai sensi dell art 36 e ss. Codice Civile ed art. 148 comma 3 D.P.R. 917/1986 (T.U.I.R.),

Dettagli

Coltivare nel Sahel si può Gli orti delle donne del progetto Il Sole per l Acqua

Coltivare nel Sahel si può Gli orti delle donne del progetto Il Sole per l Acqua Coltivare nel Sahel si può Gli orti delle donne del progetto Il Sole per l Acqua Un progetto della Rete dei Comuni Solidali: 290 piccoli comuni italiani per la solidarietà e lo sviluppo Sahel: fra le terre

Dettagli

Guida alla corretta applicazione della normativa sull abbattimento delle barriere architettoniche

Guida alla corretta applicazione della normativa sull abbattimento delle barriere architettoniche Comune di Parma Guida alla corretta applicazione della normativa sull abbattimento delle barriere architettoniche A vent anni dall entrata in vigore della più importante legge sull abbattimento delle barriere

Dettagli

Paghe. La retribuzione delle ore di viaggio Fabio Pappalardo - Consulente del lavoro

Paghe. La retribuzione delle ore di viaggio Fabio Pappalardo - Consulente del lavoro La retribuzione delle ore di viaggio Fabio Pappalardo - Consulente del lavoro Il luogo della prestazione lavorativa è un elemento fondamentale del contratto di lavoro subordinato. Per quanto nella maggior

Dettagli

LA SPESA DELLO STATO DALL UNITÀ D ITALIA

LA SPESA DELLO STATO DALL UNITÀ D ITALIA MINISTERO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE DIPARTIMENTO DELLA RAGIONERIA GENERALE DELLO STATO Servizio Studi Dipartimentale LA SPESA DELLO STATO DALL UNITÀ D ITALIA Anni 1862-2009 Gennaio 2011 INDICE PREMESSA...

Dettagli

L INFORTUNIO SUL LAVORO, IN ITINERE, LA MALATTIA PROFESSIONALE E L ASSISTENZA

L INFORTUNIO SUL LAVORO, IN ITINERE, LA MALATTIA PROFESSIONALE E L ASSISTENZA L INFORTUNIO SUL LAVORO, IN ITINERE, LA MALATTIA PROFESSIONALE E L ASSISTENZA L INAIL, IL DATORE DI LAVORO, IL LAVORATORE, COSA DEVONO FARE COSA DEVE SAPERE IL LAVORATORE QUANDO SUBISCE UN INFORTUNIO O

Dettagli