ELEZIONI COMUNALI DI AGRIGENTO 31 MAGGIO - 1 GI GNO 2015

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ELEZIONI COMUNALI DI AGRIGENTO 31 MAGGIO - 1 GI GNO 2015"

Transcript

1 ELEZIONI COMUNALI DI AGRIGENTO 31 MAGGIO - 1 GI GNO 2015 MARCOLIN co Nato a Monte Belluna (TV) il 11/03/1957 Residente a Cornu a (TV) Via Dante Alighieri 14/A PROGRAMMAAMMINI TRATIVO Candidato Sind co

2 1 Marcolin PROGRAMMA EL ORALE del Candidato Sindaco Marco PUNTI PROGRAMMATICI: 1) Organizzazione della Macchina Comunale 2) Risanamento del Bilancio Comunale 3) Acqua e Rifiuti: ricalèolo dei canoni e realizzazione dell nuova rete idrica e fognante. 4) Iniziative volte all'incremento turistico; rappresentanza mministrativa all'interno del Consiglio del Parco archeologico dei Templi. 5) Solidarietà sociale: Iniziativ~indirizzate alle famiglie ag igentine meno abbienti, agli anziani ed ai diversamente abili. 6) Sicurezza ed Immigrazione: concertazione con le Forz dell'ordine per controllare il territorio e ridare decoro alla citta'. 7) Contrasto al commercio ambulante abusivo. 8) Universita'. Asili. Interventi di manutenzione delle scuol e servizio di mensa scolastica. 9) Recupero e completamento delle strutture sportive attr verso Project Financing. 10) Riqualificazione dei quartieri periferici di Agrigento e re upero del Centro Sorico. PRG. Sportello Unico delile Imprese 11) Trasporti e mobilità tra i quartieri cittadini. 12) Manutenzione delle vie cittadine. 13) Manutenzione del verde pubblico. 14) Tutela ambientale: monitoraggio dello stato di salute del are, delle spiagge e dell'ari.a; eliminazione delle discariche abusive e sanzioni. 15) Soluzioni per il randagismo; interventi programmati pe la derattizzazione e disinfestazione dalle specie nocive all'uomo ed agli animali (zanzare, scarafa i, zecche e leishmania) ********************** ***

3 2 Negli ultimi anni la gestione amministrativa di Agrigento può, in tutta tranquillità, essere definita disastrosa. E', infatti, sotto gli occhi di tutti lo stato di completo abbandono che non è sicuramente migliorato con l'insediamento del Commissario a seguito delle dimissioni dell'ultimo Sindaco. La prossima elezione amministrativa vede impegnato il candidato Sindaco Marcolin, insieme ai candidati al Consiglio comunale a lui vicini, a dove'r raccogliere le macerie amministrative e ricostruire quella sana gestione della "cosa pubblica" nell'interesse e per il benessere degli agrigentini. Gli spunti certamente non mancano e si trovano in ogni settore civico ed economico. Prioritariamente è necessario stilare un elenco di interventi suddividendoli in opportuni settori, ciò per evitare di considerare prioritario ciò che, invece, può considerarsi secondari~; cercando di creare delle aree che possano intersecare più interventi, in modo da evitare spreco di risorse di qualsiasi natura. Innanzitutto bisogna considerare lo "stato di salute" delle casse comunali; sappiamo "che il malato è grave", anzi, "gravissimo". Innumerevoli sono i debiti fuori bilancio, molte le cause che" hanno creati. Prendiamo ad esempio i risarcimenti che il Comune di Agrigento ha dovuto,riconoscere a quei cittadini che, a causa delle strade dissestate, hanno subito incidenti (a volte mortali) o hanno avuto guasti alle macchine, oppure hanno subìto danni fisici. In questi casi, oltre ai risarcimenti vi sono stati anche i pagamenti delle, spese legali. Tutto ciò poteva essere evitato da una attenta e puntuale manutenzione delle strade, azione questa che rientra nella ordinaria amministrazione di una Città, e che invece ad Agrigento diventa straordinaria. Andiamo adesso alla disamina delle numerose problematiche che affliggono Agrigento, cercando di suggerirne le soluzioni in armonia con il contesto economi,co, sociale, culturale e, soprattutto, normativo. ORGANIZZAZIONE DELLA MACCHINA COMUNALE Una buona Amministrazione comunale si awale della importantiss-ima struttura deglr Uffici. E' quindi necessario intervenire prioritariamente su questo aspetto, awalendosi di un organismo di controllo in grado di individuare eventuali falle oppure incentivando e motivando il personale. ""Nucleo di Valutazione" previsto dalla legge finora nella citta' di Agrigento non ha brillato per i risultati, quindi bisognera' attivarsi e vigilare su questo organismo fondamentale. E' utile creare una struttura amministrativa in grado di progettare e programmare interventi ad ampio respiro per la Città, al fine di poter fruire di risorse economiche provenienti dall'unione Europea tramite gli Uffici regionali competenti; per questo scopo bisogna individuare tra i dipendenti comunali figure competenti in grado di progettare gli interventi ed awiare un dialogo costruttivo con i funzionari regionali. In tal senso si può dar vita a quell'ufficio Europa già annunciato dalla precedente Amministrazione ma che non ha mai visto la luce.

4 3 Creata una struttura comunale predisposta a progettare int rventi che possano essere finanziati con fondi Europei, si può programmare il recupero del Centro Storico dei quartieri decentrati della Città. RISANAMENTO CASSE COMUNALI Tematica di difficilissima soluzione che, forse, necessitereb più di un miracolo che di interventi umani. Nell'attesa di un intervento divino, proviamo a cercarne la soluzione con le umani capacità di cui disponiamo. Nella distinzione tra entrate ed uscite, queste ultime so o state sproporzionate per moltissime cause. Innanzitutto è utile individuare le uscite in eccesso ali interno degli uffici comunali, tagliando, ove, ' possibile, il superfluo e riducendo eventuali ore di I voro straordinario o premi incentivanti a dirigenti, a volte elargiti più per aspetto politico che r reali attività lavorative. Semmai, il premio incentivante andrebbe elargito al dipendente che m stri di lavorare alacremente velocizzando l'attività amministrativa. Il nostro auspicio, è che il nuovo Consiglio Comun le dovra' attivarsi per una modifica del Regolamento dei lavori Consiliari indirizzato a riveder lo spirito e le modalita' dei lavori. " tutto, \.," perche' mai piu' nessuno potra' gettare nel fango rigento sul senso di responsabilita' degli Amministratori. La recente vicenda della gettonopoli a rigentina docet. Quindi una collaborazione attiva tra Sindaco/Giunta e Consiglio finalizzata anch a stimolare un comportamento Etico ed efficiente. " tutto anche volto a razionalizzare spese per rimborsi ed appannaggi agri amministratori. Le "entrate" al Comune di Agrigento sono costituite in larga parte dal'acquisizione del pagamento delle tasse che, tuttavia, non è sufficiente a risanare la rave patologia economica di cui soffre. Ma non tutti pagano le tasse. E' necessaria una seria lotta a l'evasione, istituendo un apposito Ufficio in grado di incrociare i dati provenienti da altri Uffici (Soci tà elettriche, del gas, dell'acqua, etc.) con i dati provenienti dagli Uffici del settore civile del Comun. Si possono anche "stimolare" i cittadini a pagare le tasse attraverso la riduzione di esse. La riduzione dell'imu, ad esempio, servirebbe anche a dare un po' di sollievo economico ai cittadini., Accattivarsi la simpatia dei commercianti attraverso tti riduzione dei canoni relativi al pagamento del!' occupazione del suolo pubblico con la direttiva i mantenere pulito e decoroso lo spazio occupato (ed anche le zone circostanti), pena multe salate. (ciò è necessario per gli esercizi commerciali del Lungomare di S. Leone). Questa soluzio e può servire ad economizzare sulle esigue unità di netturbini che, invece, potrebbero essere destin te alle zone più abbandonate. Ajtra possibilita' di economizzare e dare efficienza ai ervizi e' la "razionalizzazione delle risorse umane". Infatti una ricognizione di tutto il Personale e ei "carichi di lavoro" servira' ad arrivare ad una nuova "Pianta Organica Il Cio' finalmente consentir ' di valorizzare al meglio anche il Personale precario (ex art. 23, ex cooperative I ex Isu, ecc., ). Un parte di queste Persone potranno essere

5 4 utilizzate per servizi esterni, che altrimenti comporterebbero costi enormi per le casse Comunali, come del resto finora è stato. Un'altra possibilita' sara' quella di dare alcuni servizi importanti ai cittadini attraverso l'affidamento di strutture esistenti (ville, giardini, impianti sportivi, parchi, parcheggi, ecc.l col sistema del "financing projet". Tale normativa è regolata dalla legge e consente di risparmiare notevoli risorse economiche, ma anche di dare migliori servizi ai cittadini. In piu' talora i canoni che enti ed imprese andranno a pagare al comune sono risorse economiche non indifferenti. ACQUA: RICALCOLO DEI CANONI E FINANZIAMENTO PUBBLICO PER LE OPERE IDRICHE La gestione delle risorse idriche del territorio comunale è stata affidata dal Comune di Agrigento ad un soggetto privato in ottemperanza al Contratto di affidamento stipulato anni fa tra l'allora Provincia Regionale ed il soggetto privato. La "battaglia per l'acqua pubblica" di questi anni suggerisce di monitorare attentamente l'aspetto giuridico dell'affidamento al gestore privato; sia perché l'organismo di controllo (alias Provincia regionale di Agrigento) non esiste più J sia perché pare che il mancato affidamento delle risorse idriche da parte di alcuni Comuni della provincia agrigentina, renda inapplicabile il Contratto stesso. Owiamente l'importanza della vicenda va approfondita sotto l'aspetto giuridico tralasciando gli scoop giornalistici. Sicuramente J un ritorno alla gestione pubblica dell'acqua abbatterebbe quei costi esorbitanti che i cittadini sono costretti puntualmente a pagare. In attesa di ulteriori modifiche normative sull'affidamento delle risorse idriche J la prossima, I Amministrazione comunale dovrà orientarsi a ricalcolare i canoni presenti in bolletta e per far ciò dovrà awiare un deciso dialogo con il gestore privato e con il Consiglio comunale. Inoltre, il ricalcolo dei canoni dovrà tener conto di alcune voci presenti in bolletta, cioè depurazione e fognatura J a tutela degli utenti abitanti in quelle aree del territorio comunale sprowiste di > fognatura e, di conseguenza, prive di sistema di convogliamento delle acque reflue ad un impianto di depurazione., Tutta la rete idrica e fognante del territorio comunale va sostituita perché è causa di continue perdite,,. che provocano il dissesto stradale, creando pericolosi awallamenti. A tal fine la nuova ammine l comunale dovra' attivarsi con la Regione e gli enti competenti per finanziamenti (peraltro gia' esistenti ed in itinere da anni )per le opere sucitate. Altro versante dei tributi riguarda i Rifiuti. Il "Piano Finanziario dei rifiuti" evidenzia costi incredibili,!. ", per il servizio e quindi le bollette a cascata sono dawero pesanti., Tale Piano che consiste, in circa 15 milioni di euro è da rivedere al ribasso. Infatti ci sono cifre su costi vari che non convincono. Per cui da subito la nuova ammine proprorra' un nuovo Piano Finanziario dei Rifiuti nei limiti delle norme vigenti.

6 5 INIZIATIVE VOLTE ALL'INCREMENTO TURISTICO E RAPPRESEN ANZA AMMINISTRATIVA ALL'INTERNO DEL CONSIGLIO DEL PARCO ARCHEOLOGICO DEI TEMPLI La fortuna di possedere un grande patrimonio archeologie e chilometri di spiagge, fa sl che Agrigento possa fare del turismo la basilare fonte economica. Tuttavia l non è stanzia/e, bensl di passaggio, ciò dovuto al fatto ch la tipologia di turismo presente in Agrigento finora poco o nulla è stato progettato per prolungare la permanenza dei turisti. La carenza di servizi, di iniziative di grande impatto culturale, di una vera e propria "cultura del turismo", hanno reso sterile il con etto di turismo ad Agrigento. Bisogna aprire un dialogo con le associazioni di categoria (albergatori l turistiche l guide turistiche etc.) e con le associazioni culturali presenti ad Agrigento affinché si pos pianificare e progettare -a lungo e breve termlne- iniziative in grado di attrarre un turismo stanziale. / izlative che rendano Agrigento epicentro di un turismo che abbracci anche le numerose e variegate ris rse culturali, naturalistiche e monumentali present in provincia (Maccalube l Terme di Sciacca ll Caltabellotta l etc.). Per realizzare cio' l'amministrazione comunale intende re lizzare una "Conferenza permanente del Turismo" dove vengano rappresentate tutte le catego e economiche e professionali coinvolte nell' attivita' turistica (albergatori, B e B, trasportatori, Gui Per ridare ossigeno al turismo bisogna impegnarsi in mod Turistiche, r.istoratori, commercianti, ecc. costante e promuovere il territorio con strumenti moderni ed efficaci. La B.I.T. di Milano sara' ta pa obbligata per /a citta' ogni anno, ed in quella occasione insieme agli operatori si organizzeranno d i meeting specifici sull'"offerta Turistica di Agrigento". Altresi' si valutera' di partecipare a Fiere Speciali iche del Turismo naz.le e non solo relative al Turismo Congressuale (progetto di destagionallzzazlone de turismo J ma anche a quelle degli operatori del settore. Poi si potra' organizzare un Borsino del Turismo ella citta' di Agrigento preceduto da uno o piu' "Educational" del settore dei touroperators.. Studio di R cupero del Palacongressi ed utilizzo per il turismo Congressuale. Recupero "Parco Icory" ed affida ento in financing projet finalizzato ad a realizzare un'area di spettacolo (la cavea di 4500 posti a se ere ) ed al contempo di centro Fieristico.Altresi' si potrebbe realizzare un "Parco Tematico della Gre ita' "con una magna Grecia in miniatura che vedrebbe un ritorno enorme a cominciare da un turismo s olastlco regionale da concordare con varie autorita' scolastiche regionali. Queste le principali iniziative c e se ben fatte e concertate potrebbero in pochi anni trasformare Agrlgentoln una nuova Taormina, ve endo la realizzazione di centinaia di posti di lavoro. Calendario Annuale Eventi di Cultura e Spettacolo, Guld Turistica del Centro Storico, da Giugno a Settembre progetto "attivita' commerciali aperte fino alle 2,00, rivitalizzazione attivita' culturali nel

7 6 centro storico ed altro. Anche queste attivita' dovranno essere di complemento all'attivita' del settore turistico. Poi aprire un dialogo attivo con il Consiglio del Parco Archeologico della Valle dei Templi di cui il Sindaco della Città è componente. In questa veste, il Sindaco può intervenire ad ampio raggio nell'interesse del territorio che amministra, seppure ricadente nell'area del Parco Archeologico. A tal proposito, il Sindaco può sollecitare i seguenti interventi: Disserbamento delle strade comunali -e dei marciapiedi- inserite all'interno del Parco Archeologico. Illuminazione della Via Panoramica dei Templi (tratto dal bar La Promenade al Piazzale del Posto di Ristoro). Realizzazione di nuovi marciapiedi e ristrutturazione di quelli esistenti lungo i percorsi utilizzati dai turisti. Realizzazione di tettoie ombreggianti da allocare alle fermate degli autobus urbani (a tal proposito sarebbe utile allocare anche le tabelle orarie). SOLIDARIETA' SOCIALE: INIZIATIVE INDIRIZZATE ALLE FAMIGLIE AGRIGENTINE MENO ABBIENTI, AGLI ANZIANI ED AI DIVERSAMENTE ABILI " l La grave crisi economica che da qualche anno attanaglia il Paese, l'incremento-delle tasse e l'introduzione di nuove ha impoverito le famiglie italiane. Tale fenomeno è maggiormente presente nel meridione e la città di Agrigento risulta tra gli ultimi posti delle classifiche stilate da autorevoli giornali sulle condizioni economiche e sociali. Il numero delle famiglie che ad Agrigento si "Impoveriscono" aumenta di anno In anno; a tale fenomeno si aggiunge l'aumento della disoccupazione, una piaga che in Sicilia oramai s'è incancrenita. \ Finora le maggiori" attenzioni sono state poste nei confronti degli immigrati, infatti, tutto ciò che ruota intorno al fenomeno dell'immigrazione trova Immediato riscontro; è tutto un fiorire di centri di accoglienza gestite da Associazioni -più o meno- di volontariato "retribuite" con i fondi Europei. Nessun fondo è Indirizzato alle famiglie, al pensionati o al disoccupati che soprawlvono tra gli stenti. Il futuro Assessore alla Solidarietà sociale del Comune di Agrigento dovrà porre massima attenzione a questa tematlca cercando, anche, di coinvolgere le Associazioni di volontarlato presenti in Città affinché possano collaborare prestando tutto l'ausilio possibile. Aggiornare l'elenco delle persone meno abbienti attraverso le opportune verifiche del redditi.! Verificare le condizioni abitative delle loro case (numero delle stanze, condizione dei locali igienici, assenza di umldltà,"etc.)

8 7 Verificare le condizioni di salute dei soggetti interessat, con particolare riguardo ai bambini ed agli anziani, ed eventualmente chiedere la collaborazio e del!' ASP a fornire gli ausili necessari. (campagna Farmadono) Owiamente, la collaborazione delle Associazioni di volon ariato, che si impegneranno con serietà in questa collaborazione con l'assessorato alla Solidarietà ciale, saranno ricompensate attraverso la fruizione a titolo gratuito di adeguati locali comunali e con fondi che dovranno essere rendicontati con la massima trasparenza e onestà. Altro aspetto fondamentale dell'attlvita' della nuova a mine sara' un'attenzione particolare alla disabilita'. " comune interverra' sempre tramite la coli borazione col volontariato enon solo, per realizzare servizi finora disattesi. In particolare saran o realizzate in citta' aree specifiche per diversamente abili con parchi giochi dedicati, giustappunt adatti al coinvolgimento di queste giovani Persone. SICUREZZA ED IMMIGRAZIONE: tra i problemi dell'immi razione clandestina la difficolta' economica a sostenere i Centri d'accoglienza. Tali centri comportano ia' costi milionari per Il comune di Agrigento che spesso ha dovuto tagliare servizi sociosanitari ai pr pri cittadini. Altresi' comporta un rischio sicurezza per la gente. E non ultimo contribuisce al degrado Iffuso nella' citta', vedi presidi permanente ai semafori e/o presso centri commerciali dove si pratica l' ccattonaggio. Intal senso anche la categoria dei parchegglatori abusivi italiani si rafforza con la prese za degli immigrati. Un quadro di degrado generale che contrasta il "Decoro" necessario per una citta' che vuole essere Turistica. Percio' la nuova ammine puntera' sul controllo del territorio concordando con le forze dell'ordine un vero protocollo d'intesa. Sul problema centri d'accoglienza si vuole realizzare un "Acc rdo" Istituzionale con con la Curia Vescovlle e il volontariato cattolico e non (caritas, organizzazioni no p ofit, ecc. ). Tale accordo dovra' prevedere centri d'accoglienza che abbiano costi limitati per evitare ch la speculazione politico ed affaristica anche qui metta le mani, col rischio di degenerazioni criminali co e altrove gia' accaduto. Cio' se realizzato permettera' alla collettlvlta' forti risparmi da rlutlllzzare per le famiglie di cittadini Italiani In dlfflcolta'. CONTRASTO Al COMMERCIO AMBULANTE ABUSIVO Una politica di equita' e di riduzione di tasse per chi vorra' sercltare un'attivita' economica ambulante, sara' la stella polare di questa nuova ammine. Quindi spazi pu blici con minori costi per le imprese, ma tolleranza zero per gli abusivi. Cio' comportera' maggiori entr te per le casse comunali e migliori servizi e decoro per la citta'.

9 8 UNIVERSITA' - INTERVENTI DI MANUTENZIONE DELLE SCUOLE E SERVIZIO DI MENSA SCOLASTICA L'Universita' ad Agrigento (CUPA) resta un punto fermo nel futuro della nostra citta'. Quindi sara' necessario un massimo impegno nelle relazioni con Autorita' Accademiche, MIUR ed Amministrazione Regionale Altra attivita da rafforzare è quella che riguarda la ricerca dei fondi Europei destinati alla Cultura ed alle Universita'. Cio' dovra' partire dalla specificita' della "Iocation" Agrigento /Valle dei Templi sito Unesco. L'ammine comunale di Agrigento dovra' dare un impulso alla morente struttura societaria del CUPA morente sostituendo possibilmente l'ente Provincia di AG che è di fatto deceduto. Nella citta' tra le ultime d'italia deve assolutamente essere prioritaria l'atti vita' del diritto allo studio nelle scuole primarie dando massimo impulso ed efficienza al settore Garantire sempre piu' il servizio di Asili Nido per dare respiro a famiglie disagiate dove i genitori sono alla continua ricerca del lavoro elo in difficolta' nel gestire la famiglia per l'attivita' lavorativa. Oltre ad intervenire sotto il profilo della m~nutenzione degli edifici scolastici ed istituire il servizio di mensa ove manca, sarebbe interessante proporre ai Dirigenti scolastici una nuova iniziativa: l'istituzione del "libro usato" per le scuole medie inferiori. Tale iniziativa prevede l'utilizzo di libri scolastici di proprietà dell'istituto che prowede ad "affidarli" a titolo gratuito agli studenti a condizione che siano restituiti nelle medesime condizioni con cui sono stati

10 9 affidati. In caso contrario, se i libri si presentano sciupati, si applica una sanzione pecuniaria. L'iniziativa serve sia a contrastare il fenomeno del caro-libri, che p ntualmente si presenta alle famiglie degli studenti, che ad educare questi ultimi al rispetto della prop ietà altrui (in questo caso, i libri di proprietà dell'istituto scolastico). Tuttavia, l'iniziativa non sarà facilm nte attuabile in quanto gli Istituti scolastici tendono a modificare annualmente i testi, facendo anche a quistare libri che non verranno mai utilizzati dagli studenti. Un vero e proprio business per le Case Editric ; un vero e proprio "salasso" per le famigtie. RECUPERO E COMPLETAMENTO DElLE STRUTTURE AnRAVERS le numerose strutture sportive presenti in Città soffrono il PROJECT FINANCING rado. Impianti quali lo Stadio di calcio o il Palazzetto dello sport necessitano di robusti interventi di recupero. Non da meno sono gli impianti sportivi presenti in quasi tutti i quartieri di Agrigento. In pa icolare il complesso sportivo di Villa seta, la piscina comunale, i campetti di S. Leone, Villaggio Mos, Fontanelle necessitano di interventi di ristrutturazione possibilmente affidati in project financing. Come gia' detto altre strutture saranno affidate a privati. Tra queste il Parcheggio PI,uripiano" di piaz aie Rosselli, il Parco Icory ed altro. In alcuni casi quest~ tipo, di attivita' affidate aprivate oltre a ga antire servizi alla Comunita', prevedono l'acquisizione di canoni per le casse comunali. RIQUAlIFICAZIONE DEI QUARTIERI PERIFERICI DI AGRIGENTO SPORTELLO UNICODElLE IMPRESE. RECUPERO DEL CENTRO STORICO- PRG- Questo delicatissimo capitolo della progettualita' potico/a ministrativa va collegato alla necessita' di avere un Ufficio Fondi Europei. Chi dovra'farsi carico di qu sto ruolo dovra' esprimere il meglio della professi9néljit~' tra i dipenqenti Comunali e se necess rio verranno "assunti" esperti pagati a raggiungi mento di risultati. Per quanto attiene al Piano Regolatore generale della itta', bisognera' riorganizzare gli uffici valorizzando il personale che finora per motivi politico/client lari è stato emarginato.ai contempo anche i Funzionari leali e preparati saranno recuperati e immessi in na nuova struttura orientata alfefficienza verso la citta'. I cittadini non dovranno aspettare lunga ini burocratiche per avere un diritto alle legittime concessioni. " tutto nella massima trasparenza am va ed anche inattesa che vengano chiarite le responsabilita' anche penali di alcuni soggetti in merito al e inchiesta in corso da parte della Procura di AG. Altra importante questione politico/amministrativa sa a' l'esistente area del Parco Archeologico. Noi riteniamo che "estensione attuale sia eccessiva rispetto 'territorio della citta',e che il Patrimonio Archeologico deve e puo' essere tutelato anche in presenza i un'area non cosi' vasta. Infatti da diversi studi si evince che basterebbe limitare l'area del Parco all'in erno dei due famosi fiumi Ipsas ed Akrgas.In tal senso la nuova giunta presieduta dawon. Marcolln si es rimera' per una progettualita' futura.cio'

11 finalizzato a dare respiro ad un territorio che a tratti è stato ingessato economicamente per limiti e vincoli eccessivi. L'amministrazione comunale si fara' carico, finalmente, di organizzare uno Sportello Unico delle Imprese. Uno strumento indispensabile per assistere tutti coloro che vogliono awiare un'attivita' economica nel territorio comunale. L'ufficio si fara' carico velocemente di autorizzare le nuove attivita' curandosi di tutta la documentazione necessaria. (questo gia' awiene in numerose citta' italiane ed europee) TRASPORTI E MOBILITA' TRA I QUARTIERI CITIADINI " servizio di trasporto pubblico nel territorio comunale di Agrigento è stato affidato alla Società T.U.A. (Trasporti Urbani Agrigento) attraverso apposito contratto 1 stipulato tra il CO~lme di Agrigento e la stessa TUA. "servizio di trasporto'pubbliéo va migliorato: > ' I lo. Innanzitutto con I~~ tilizzo di mezzi nuovi, più piccoli e ri~pondenti ai requisiti in' materia di comfort dei passeggeri e delle emissioni dei gas di scarico. Potenziare i collegamenti tra le aree periferiche ed il centro Città. Collocare ad ogni fermata bus opportune pensiline e tabelle orarie e -ove possibilè- panchine di attesa. Incentivare l'utilizzo del mezzo pubblico, vista, anche, la abnorme creazione di "aree blu" di sosta che limitano la possibilità di posteggio gratuito. Creare aree di parcheggio nelle zone periferiche (ad uso dei pendolari e degli utenti provenienti da comuni limitrofi) da collegare con il Centro. con mini.bus, navetta ed offrire biglietto unico ed a prezzo vantaggioso per il posteggio ed il trasporto. Medesimo ragig~amentova fa,ttp p,er,c.pllegare I~ zona di S. Leone sopra.ttu~o > d u, r~ fjte.ii perjodo estivo: nelle aree cosiddette "ad inedificabilità assoluta", 'creàre delle aree dr sosta (attrezzate) e collegate al ceritro di S. Leone con bus-navetta. In questo modo si pùò alleggerire la mole di tràffico che puntualmente ogni estate congestiona il quartiere marinaro, trasformando l'intero Lu~gomare in "isola pedonale" a tutto vantaggio dei residenti' e' dei commercianti. MANUTENZIONE DELLE VIE CITIADINE - utilizzo del personale del 'comune e massimizzazioné'del'risparmio del pubblico denaro,. ;,.\ 1 dd 09/dd pd'f. [, - -, i on line/anno%20i0!2/determimizioni dirigenziali/dd 983' 2oi2.pdf

12 11 MANUTENZIONE DEl VERDE PUBBLlCO- utilizzo del personale omunale per ridurre costi del bilancio che consentira' il potenziamento dei servizi sociali. TUTELA AMBIENTALE: MONITORAGGIO DELLO STATO DI SALU E DEL MARE, DElLE SPIAGGE E DELL'ARIA; ELIMINAZIONE DELLE DISCARICHE ABUSIVE ED EVENTUALI SANZ ONI SOLUZIONI PER IL RANDAGISMO; INTERVENTI PROGRAMMATI P R LA DERATIIZZAZIONE E DISINFESTAZIONE DALLE SPECIE NOCIVE ALL'UOMO ED AGLI ANIMALI (ZANZARE, S RAFAGGI, ZECCHE E PAPPATACI)

13 INDICAZIONE DEGLI A SESSORI: GIW~ 11.. ~ t(l..lc.e nato a G~\ GE il D3-~2- A~15 2 {)lonw MARGH5R\IA nato a AGf<IG E 3GwS~Pf'NA AL BA nato a POf~.:-tO thf6t> f.lt, Ab il OjrOlA ~.)~6~O il ()j-(%-.,{35j A norma dell'art. 21, comma 2, del D.P.R ,n. 445, certifico vera ed autentica la firma, apposta in mia 2res,enza, dal Sig... ~ç9.(,..!.!.,:-:"...'t.t.~.. ~... nato a... ~~.~?-4)..y"""/.l.-.. il... ~,(p..3.1-{.fp.?:... domiciliato in.~~~.m..... Via... ~.8~. ~.~H.{. ~ :. lj../ fj... della cui ident tà personale sono certo per identificazione mediante... ~"'... /},(.. ~~~:;:~... numero I+.a~.?~r~ rilasciata il...t4i.o/.f~ dal.. ~<,(.. ~.. (}.;:... ~.w..~.... Il sottoscrittore è stato preventivamente ammonito sulla resp nsabilità penale nella quale può incorrere in caso di falsa dichiarazione. - 2 MAG COM~~.;... P.t.AGRlaENTQ..., lì... l... ~.~... ~~.~ ~ Firma leggibile (nome e cognome per esteso) e qualifica del pubhlico ufficiale che procede ali 'autenticazione

Montecassiano Bene Comune

Montecassiano Bene Comune Montecassiano Bene Comune Programma per l amministrazione comunale 2014-2019 non abbiamo bisogno di chissà quali grandi cose o chissà quali grandi uomini; abbiamo solo bisogno di più gente onesta (b.c.)

Dettagli

Agenda 21 Locale Casamarciano Sostenibile

Agenda 21 Locale Casamarciano Sostenibile . Comune di Casamarciano Regione Campania Agenda 21 Locale Casamarciano Sostenibile Questionario conoscitivo ed analisi percettiva della qualità dell ambiente e della situazione socio-economica nel Comune

Dettagli

Lista Civica CAVALIER GORGO NAVOLE - OBIETTIVO COMUNE

Lista Civica CAVALIER GORGO NAVOLE - OBIETTIVO COMUNE Lista Civica CAVALIER GORGO NAVOLE - OBIETTIVO COMUNE Programma Elettorale Elezioni Amministrative 25 Maggio 2014 1 Presentazione La lista civica OBIETTIVO COMUNE nasce dalla volontà di una numerosa squadra

Dettagli

ITALIA: suddivisione amministrativa. 20 regioni di cui 5 a statuto speciale. oltre 100 province. oltre 8000 comuni

ITALIA: suddivisione amministrativa. 20 regioni di cui 5 a statuto speciale. oltre 100 province. oltre 8000 comuni ITALIA: suddivisione amministrativa 20 regioni di cui 5 a statuto speciale oltre 100 province oltre 8000 comuni informazioni turistiche musei, geografia, hotel ristoranti su tutte le province italiane

Dettagli

Questa lettera aperta vuole informare sulla grave situazione economica dei Comuni e che potrà riversarsi direttamente sui cittadini e le imprese.

Questa lettera aperta vuole informare sulla grave situazione economica dei Comuni e che potrà riversarsi direttamente sui cittadini e le imprese. I COMUNI RISPARMIANO, MA LE AMMINISTRAZIONI CENTRALI SPENDONO. TAGLIARE ANCORA VUOL DIRE TOGLIERE 6 MILIARDI DI EURO ALLE IMPRESE E MOLTI SERVIZI AI CITTADINI. I Comuni sono oggetto di una ingiusta campagna

Dettagli

LA REGIONE SICILIANA ASSESSORATO DEI BENI CULTURALI E DELL IDENTITA SICILIANA (di seguito Assessorato)

LA REGIONE SICILIANA ASSESSORATO DEI BENI CULTURALI E DELL IDENTITA SICILIANA (di seguito Assessorato) PROTOCOLLO D INTESA PER LA INDIVIDUAZIONE DI AZIONI COMUNI VOLTE A MIGLIORARE LA VALORIZZAZIONE DEL PATRIMONIO CULTURALE DELLE CITTA D ARTE DELLA SICILIA TRA LA REGIONE SICILIANA ASSESSORATO DEI BENI CULTURALI

Dettagli

Partecipazione. Pianificazione. Responsabilità

Partecipazione. Pianificazione. Responsabilità Programma Elezioni Comunali Rimini 2011 Partecipazione Non ci sono politici di mestiere, i cittadini partecipano al governo della città Pianificazione Si condivide un progetto complessivo, si attua per

Dettagli

LA NORMA ISO 14001 APPLICATA AI COMUNI

LA NORMA ISO 14001 APPLICATA AI COMUNI LA NORMA ISO 14001 APPLICATA AI COMUNI 1. ASPETTI GENERALI Negli ultimi anni, in gran parte dei Paesi europei, si assiste a un crescente interesse verso l attuazione di una pianificazione locale del territorio

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA PROGETTO CITTA SOSTENIBILI E AMICHE DEI BAMBINI E DEGLI ADOLESCENTI

PROTOCOLLO D INTESA PROGETTO CITTA SOSTENIBILI E AMICHE DEI BAMBINI E DEGLI ADOLESCENTI Inserire il Logo del Comune PROTOCOLLO D INTESA PROGETTO CITTA SOSTENIBILI E AMICHE DEI BAMBINI E DEGLI ADOLESCENTI Seconda annualità 2014/15 Premesso che i diritti dell Infanzia e dell Adolescenza sono

Dettagli

C O M U N E D I V I L L A D A L M E

C O M U N E D I V I L L A D A L M E C O M U N E D I V I L L A D A L M E (Provincia di Bergamo) REGOLAMENTO PER I RAPPORTI DI COLLABORAZIONE CON SINGOLI VOLONTARI PER LO SVOLGIMENTO DI ATTIVITA SOLIDARISTICHE Pagina 1 di 7 Art. 1 1. Il Comune,

Dettagli

CRITERI PER L UTILIZZO DI VOLONTARI PER SCOPI DI PUBBLICA UTILITA

CRITERI PER L UTILIZZO DI VOLONTARI PER SCOPI DI PUBBLICA UTILITA CRITERI PER L UTILIZZO DI VOLONTARI PER SCOPI DI PUBBLICA UTILITA Approvato con deliberazione Giunta Comunale n 97 del 23.04.2013 Sommario: PREMESSA Art. 1 DEFINIZIONE DI VOLONTARIO Art. 2- DEFINIZIONE

Dettagli

ASOLA IMPEGNO COMUNE PROGRAMMA PER LE ELEZIONI AMMINISTRATIVE 2014

ASOLA IMPEGNO COMUNE PROGRAMMA PER LE ELEZIONI AMMINISTRATIVE 2014 ASOLA IMPEGNO COMUNE PROGRAMMA PER LE ELEZIONI AMMINISTRATIVE 2014 La situazione economico e sociale dalla quale partiamo per la elaborazione del nostro programma elettorale è completamente variata rispetto

Dettagli

SCUOLA E TERRITORIO LINEE DI INDIRIZZO PER UNA FATTIVA COLLABORAZIONE

SCUOLA E TERRITORIO LINEE DI INDIRIZZO PER UNA FATTIVA COLLABORAZIONE 21 SCUOLA E TERRITORIO LINEE DI INDIRIZZO PER UNA FATTIVA COLLABORAZIONE Il servizio offerto dalle Scuole dell Istituto Comprensivo si è caratterizzato negli anni anche per una diversificata ed organica

Dettagli

COMUNE DI SAN MARTINO SICCOMARIO PROVINCIA DI PAVIA REGOLAMENTO COMUNALE GRUPPO VOLONTARI CIVICI

COMUNE DI SAN MARTINO SICCOMARIO PROVINCIA DI PAVIA REGOLAMENTO COMUNALE GRUPPO VOLONTARI CIVICI COMUNE DI SAN MARTINO SICCOMARIO PROVINCIA DI PAVIA REGOLAMENTO COMUNALE GRUPPO VOLONTARI CIVICI APPROVATO CON DELIBERAZIONE DI CONSIGLIO COMUNALE N. 10 DEL 29.04.2013 I N D I C E Art. 1 - OGGETTO DEL

Dettagli

Città di Sesto San Giovanni

Città di Sesto San Giovanni Il forum dei ragazzi INDICAZIONI PER LO SVILUPPO SOSTENIBILE DI SESTO SAN GIOVANNI L assemblea del Forum dei Ragazzi, dopo aver ricevuto dall Amministrazione Comunale l incarico di elaborare indicazioni

Dettagli

Comune di Paterno. ( Provincia di Potenza ) P.zza Isabella Morra n. 2 - Tel. 0975.340301

Comune di Paterno. ( Provincia di Potenza ) P.zza Isabella Morra n. 2 - Tel. 0975.340301 Comune di Paterno ( Provincia di Potenza ) P.zza Isabella Morra n. 2 - Tel. 0975.340301 Avviso pubblico per volontariato individuale ai fini di attività utili alla collettività Il Responsabile dell Area

Dettagli

Il Progetto Scuola è sempre stato un punto importante nel programma del Comune.

Il Progetto Scuola è sempre stato un punto importante nel programma del Comune. SCUOLA CULTURA SPORT ASSOCIAZIONISMO VOLONTARIATO Il Progetto Scuola è sempre stato un punto importante nel programma del Comune. L Amministrazione intenderà: garantire spazi sicuri, curati e funzionali

Dettagli

STRUTTURA ORGANIZZATIVA DEL COMUNE DI CIVITAVECCHIA ARCHITETTURA DELLA MACROSTRUTTURA. Sindaco e Giunta Comunale

STRUTTURA ORGANIZZATIVA DEL COMUNE DI CIVITAVECCHIA ARCHITETTURA DELLA MACROSTRUTTURA. Sindaco e Giunta Comunale STRUTTURA ORGANIZZATIVA DEL COMUNE DI CIVITAVECCHIA ARCHITETTURA DELLA MACROSTRUTTURA Staff del Sindaco Sindaco e Giunta Comunale Polizia Locale Segreteria Generale OIV Gabinetto del Sindaco Servizi Finanziari

Dettagli

La mappa delle esigenze del territorio

La mappa delle esigenze del territorio La mappa delle esigenze del territorio Settembre - Ottobre 2014 Luoghi di aggregazione Valorizzando strutture già esistenti, serve la creazione di nuovi luoghi di socializzazione e integrazione, per favorire

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA CONFERENZA CITTADINA DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE AUTONOME STATALI E PARITARIE DELL INFANZIA E DEL PRIMO CICLO DI ISTRUZIONE

REGOLAMENTO DELLA CONFERENZA CITTADINA DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE AUTONOME STATALI E PARITARIE DELL INFANZIA E DEL PRIMO CICLO DI ISTRUZIONE REGOLAMENTO DELLA CONFERENZA CITTADINA DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE AUTONOME STATALI E PARITARIE DELL INFANZIA E DEL PRIMO CICLO DI ISTRUZIONE TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI Articolo 1 Finalità 1.1 Il

Dettagli

COMUNE DI SCICLI. (Provincia di Ragusa) ISTITUZIONE DELLA CONSULTA PER LA TUTELA DEGLI ANIMALI DI AFFEZIONE E PER LA PREVENZIONE DEL RANDAGISMO

COMUNE DI SCICLI. (Provincia di Ragusa) ISTITUZIONE DELLA CONSULTA PER LA TUTELA DEGLI ANIMALI DI AFFEZIONE E PER LA PREVENZIONE DEL RANDAGISMO COMUNE DI SCICLI (Provincia di Ragusa) ISTITUZIONE DELLA CONSULTA PER LA TUTELA DEGLI ANIMALI DI AFFEZIONE E PER LA PREVENZIONE DEL RANDAGISMO PER IL FUNZIONAMENTO E PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI ALLE

Dettagli

L intervento a scala di quartiere: aspetti progettuali e di finanziabilità

L intervento a scala di quartiere: aspetti progettuali e di finanziabilità L intervento a scala di quartiere: aspetti progettuali e di finanziabilità Anna Maria Pozzo Direttore tecnico di Federcasa Premessa L efficienza energetica é una esigenza e una opportunità che va anche

Dettagli

LINEE PROGRAMMATICHE DI GOVERNO rese dal Sindaco dott. Mario Battistuta nella seduta del 6 luglio 2011

LINEE PROGRAMMATICHE DI GOVERNO rese dal Sindaco dott. Mario Battistuta nella seduta del 6 luglio 2011 LINEE PROGRAMMATICHE DI GOVERNO rese dal Sindaco dott. Mario Battistuta nella seduta del 6 luglio 2011 Il sociale continuare l'associazione con gli altri Comuni del Distretto di Codroipo; sostenere l'operato

Dettagli

Comune di Tavazzano con Villavesco Provincia di Lodi REGOLAMENTO DEL VOLONTARIATO IN ATTIVITÀ SOCIALMENTE UTILI

Comune di Tavazzano con Villavesco Provincia di Lodi REGOLAMENTO DEL VOLONTARIATO IN ATTIVITÀ SOCIALMENTE UTILI Comune di Tavazzano con Villavesco Provincia di Lodi REGOLAMENTO DEL VOLONTARIATO IN ATTIVITÀ SOCIALMENTE UTILI Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 61 del 22.12.2010 Articolo 1 Stato

Dettagli

SINDACO GABINETTO DEL SINDACO DAL QUALE DIPENDONO: UFFICIO COMUNICAZIONI AFFARI GENERALI E CERIMONIALE

SINDACO GABINETTO DEL SINDACO DAL QUALE DIPENDONO: UFFICIO COMUNICAZIONI AFFARI GENERALI E CERIMONIALE SINDACO GABINETTO DEL SINDACO DAL QUALE DIPENDONO: UFFICIO COMUNICAZIONI AFFARI GENERALI E CERIMONIALE CONSULENTE TECNICO E POLITICO AMMINISTRATIVO DEL SINDACO AVVOCATURA COMUNICAZIONE SEGRETERIA GENERALE

Dettagli

ALLEGATO alla delibera C.P. nn. 76/67066 del 13-9-2012

ALLEGATO alla delibera C.P. nn. 76/67066 del 13-9-2012 INDICE ALLEGATO alla delibera C.P. nn. 76/67066 del 13-9-2012 L.R. 1/2000 e successive modifiche Indirizzi provinciali per lo sviluppo, il consolidamento e la qualificazione dei servizi educativi rivolti

Dettagli

Regolamento per l'istituzione e la gestione del Servizio di Volontariato civico Cittadinanza Attiva

Regolamento per l'istituzione e la gestione del Servizio di Volontariato civico Cittadinanza Attiva Comune di Diano Marina - Provincia di Imperia - Regolamento per l'istituzione e la gestione del Servizio di Volontariato civico Cittadinanza Attiva Art.1 Principi Generali 1. Il presente regolamento istituisce

Dettagli

BREVE CURRICULUM DELL ASSOCIAZIONE DACCI UNA ZAMPA

BREVE CURRICULUM DELL ASSOCIAZIONE DACCI UNA ZAMPA BREVE CURRICULUM DELL ASSOCIAZIONE DACCI UNA ZAMPA INFORMAZIONI SOCIETARIE Denominazione Dacci una Zampa Onlus Forma giuridica - Organizzazione non lucrativa di utilità sociale Presidente Candida Naccarato

Dettagli

'Ez año BU 5. Comune di Inverigo LINEE PROGRAMMATICHE DI GOVERNO 2011-2016 25 OTTOBRE 2011

'Ez año BU 5. Comune di Inverigo LINEE PROGRAMMATICHE DI GOVERNO 2011-2016 25 OTTOBRE 2011 L_ 1 `_ -F ' f. _ L/ 1 I BU 5 'Ez año Comune di Inverigo LINEE PROGRAMMATICHE DI GOVERNO 2011-2016 ELEZIONI DEL 15 E 16 MAGGIQ 2011 25 OTTOBRE 2011 ai. H/ úiscúíü"'7.7 i ÈL É' i ceurnonssrnn RIBOLDI SINDACO

Dettagli

C O M U N E D I GRISIGNANO DI ZOCCO PROVINCIA DI VICENZA

C O M U N E D I GRISIGNANO DI ZOCCO PROVINCIA DI VICENZA C O M U N E D I GRISIGNANO DI ZOCCO PROVINCIA DI VICENZA REGOLAMENTO PER DISCIPLINARE I RAPPORTI TRA IL COMUNE E COLORO CHE INTENDONO ESPLETARE ATTIVITA DI VOLONTARIATO A FAVORE DELLA COLLETTIVITA IL SINDACO

Dettagli

COMUNE di ISOLA RIZZA

COMUNE di ISOLA RIZZA COMUNE di ISOLA RIZZA REGOLAMENTO COMUNALE DEL VOLONTARIATO INDIVIDUALE Allegato alla delibera di C.C. n. 71 dell 1.12.2014 Articolo 1- FINALITA E DESCRIZIONE DELLE ATTIVITA 1. Il Comune di Isola Rizza,

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA. tra

PROTOCOLLO D INTESA. tra PROTOCOLLO D INTESA tra La Regione Emilia-Romagna, con sede in Bologna, Viale Aldo Moro, 52, codice fiscale n. 80062590379, rappresentata dall Assessore Alfredo Peri, in esecuzione della deliberazione

Dettagli

Allegato 4 Tabella di raccordo tra dimensioni del BES, funzioni e obiettivi della provincia

Allegato 4 Tabella di raccordo tra dimensioni del BES, funzioni e obiettivi della provincia Allegato 4 Tabella di raccordo tra dimensioni del BES, funzioni e obiettivi della provincia Dimensione/dominio Funzioni Piano strategico Tema Descrizione Standard materiali di vita (reddito,consumi,ricchezz

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA. tra

PROTOCOLLO D INTESA. tra PROTOCOLLO D INTESA tra Il Comune di Perugia, con sede in Corso Vannucci N. 19 - PERUGIA P.IVA 00218180545 e C.F.00163570542, rappresentato dal Sindaco Wladimiro Boccali, domiciliato per le proprie funzioni

Dettagli

*** ALLEGATO "C" Funzionigramma

*** ALLEGATO C Funzionigramma COMUNE DI CAMMARATA PROVINCIA DI AGRIGENTO *** ALLEGATO "C" Funzionigramma FUNZIONIGRAMMA Struttura organizzativa del Comune : Segretario comunale Aree Servizi Unità operative o uffici Uffici speciali

Dettagli

COMUNE DI VILLA MINOZZO PROVINCIA DI REGGIO EMILIA

COMUNE DI VILLA MINOZZO PROVINCIA DI REGGIO EMILIA COMUNE DI VILLA MINOZZO PROVINCIA DI REGGIO EMILIA Regolamento per l'istituzione e la gestione del Servizio di Volontariato civico Cittadinanza Attiva Art.1 Principi Generali 1. Il presente regolamento

Dettagli

Città di Conegliano CONTO DEL BILANCIO 2005

Città di Conegliano CONTO DEL BILANCIO 2005 Città di Conegliano CONTO DEL BILANCIO 2005 I conti del cittadino: come sono stati spesi i soldi di tutti Ecco le cifre del conto del bilancio 2005 LE ENTRATE ACCERTATE NEL 2005 SONO STATE PARI AD 43.962.251,42

Dettagli

Il partenariato pubblico privato e le esperienze dei Comuni Italiani

Il partenariato pubblico privato e le esperienze dei Comuni Italiani Forum Banche e PA 2010 Servizi bancari e finanziari per la PA e per gli investimenti pubblici Il partenariato pubblico privato e le esperienze dei Comuni Italiani Relatore: Dott. Roberto Giovannini Roma,

Dettagli

CITTÀ DI CHIARI. Provincia di Brescia DISCIPLINARE INERENTE L'ISTITUZIONE E LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI VOLONTARIATO CIVICO CITTADINANZA ATTIVA

CITTÀ DI CHIARI. Provincia di Brescia DISCIPLINARE INERENTE L'ISTITUZIONE E LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI VOLONTARIATO CIVICO CITTADINANZA ATTIVA CITTÀ DI CHIARI Provincia di Brescia DISCIPLINARE INERENTE L'ISTITUZIONE E LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI VOLONTARIATO CIVICO CITTADINANZA ATTIVA 1 ART.1 PRINCIPI GENERALI 1. Il presente disciplinare fissa

Dettagli

PROGRAMMA ELETTORALE AMMINISTRATIVE 2014

PROGRAMMA ELETTORALE AMMINISTRATIVE 2014 PROGRAMMA ELETTORALE AMMINISTRATIVE 2014 Linee guida, criteri e principi ispiratori della lista N. 2 per le elezioni amministrative 25.05.2014 SOMMARIO: PREMESSA LINEE PROGRAMMATICHE CONCLUSIONI PREMESSA

Dettagli

ESSERE VICINI A CHI HA BISOGNO SERVIZI ALLA PERSONA E ALLA FAMIGLIA

ESSERE VICINI A CHI HA BISOGNO SERVIZI ALLA PERSONA E ALLA FAMIGLIA ESSERE VICINI A CHI HA BISOGNO SERVIZI ALLA PERSONA E ALLA FAMIGLIA Incentivare la realizzazione di corsi per la formazione continua del personale impegnato sul territorio a vario titolo. Incrementare

Dettagli

PROGRAMMA ELETTORALE ELEZIONI COMUNALI 25 MAGGIO 2014

PROGRAMMA ELETTORALE ELEZIONI COMUNALI 25 MAGGIO 2014 PROGRAMMA ELETTORALE ELEZIONI COMUNALI 25 MAGGIO 2014 La politica non è nelle competizioni degli uomini; non è nei sonanti discorsi. È, o dovrebbe essere, nell interpretare l epoca in cui si vive (..).

Dettagli

Programma elettorale lista civica Libertà e Partecipazione

Programma elettorale lista civica Libertà e Partecipazione Programma elettorale lista civica Libertà e Partecipazione La lista civica Libertà e Partecipazione, con il programma di seguito riportato, propone un cambiamento del concetto di politica adottato in passato,

Dettagli

AMMINISTRAZIONE COMUNALE DI LECCE

AMMINISTRAZIONE COMUNALE DI LECCE CONSULTAZIONE PUBBLICA Pianificazione Urbanistica Partecipata La Città non è fatta di soli edifici e piazze, ma è fatta di memoria, di segni, di linguaggi, di desideri, che sono a loro volta l espressione

Dettagli

COMUNE DI SONDRIO REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI CITTADINANZA ATTIVA

COMUNE DI SONDRIO REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI CITTADINANZA ATTIVA COMUNE DI SONDRIO REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI CITTADINANZA ATTIVA Regolamento approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 67 del 30/10/2015 ed entrato in vigore

Dettagli

SCHEDA PROGETTO BANDIERA CONTENUTI

SCHEDA PROGETTO BANDIERA CONTENUTI SCHEDA PROGETTO BANDIERA Requisiti: - respiro temporale di medio-lungo termine - coinvolgimento di più soggetti (possibilmente integrazione pubblico-privato) - intersettorialità / multidisciplinarità (non

Dettagli

STATUTO FORUM DELLE ASSOCIAZIONI FINALITA' ED AMBITO DI APPLICAZIONE (Approvato dal Consiglio Comunale con atto n.

STATUTO FORUM DELLE ASSOCIAZIONI FINALITA' ED AMBITO DI APPLICAZIONE (Approvato dal Consiglio Comunale con atto n. STATUTO FORUM DELLE ASSOCIAZIONI FINALITA' ED AMBITO DI APPLICAZIONE (Approvato dal Consiglio Comunale con atto n. 156 del 29/11/08) ART. 1 Ai sensi di quanto previsto dall art. 40 dello Statuto è istituito

Dettagli

Valorizzazione-conservazione di Lucardo e del suo territorio 1. Valorizzazione di Poggio Pagano: Parco urbano archeologico L'idea del parco, promossa dall associazione Italia Nostra, è stata da tempo discussa

Dettagli

Prefettura Ufficio territoriale del Governo di Ascoli Piceno

Prefettura Ufficio territoriale del Governo di Ascoli Piceno PATTO PER LA SICUREZZA TRA LA PREFETTURA - UFFICIO TERRITORIALE DEL GOVERNO DI ASCOLI PICENO E IL COMUNE DI SAN BENEDETTO DEL TRONTO finalizzato alla realizzazione di iniziative per un governo complessivo

Dettagli

Secondo incontro di ascolto in Zona 7 Centro anziani Il Giardino, via S. Stratico 7 11 Settembre 2015

Secondo incontro di ascolto in Zona 7 Centro anziani Il Giardino, via S. Stratico 7 11 Settembre 2015 Secondo incontro di ascolto in Zona 7 Centro anziani Il Giardino, via S. Stratico 7 11 Settembre 2015 All incontro hanno preso parte circa 10 persone. Si è trattato di alcuni liberi cittadini e di persone

Dettagli

AZIONI DI CONTRASTO ALLA POVERTA ANNO 2012

AZIONI DI CONTRASTO ALLA POVERTA ANNO 2012 Allegato n. 2 alla Delib.G.R. n. 19/4 del 8.5.2012 AZIONI DI CONTRASTO ALLA POVERTA ANNO 2012 PREMESSA Con il presente programma, parte essenziale del più complessivo programma di interventi a favore delle

Dettagli

COMUNE DI TREBASELEGHE REGOLAMENTO DEL VOLONTARIATO IN ATTIVITA SOCIALMENTE UTILI

COMUNE DI TREBASELEGHE REGOLAMENTO DEL VOLONTARIATO IN ATTIVITA SOCIALMENTE UTILI COMUNE DI TREBASELEGHE CAP 35010 Codice Fiscale 80010250282 Partita IVA 00932400286 Provincia di Padova tel 049-9319511 Fax 049-9386455 REGOLAMENTO DEL VOLONTARIATO IN ATTIVITA SOCIALMENTE UTILI 1 Art.

Dettagli

Art. 2 Finalità. LEGGE REGIONALE 4 dicembre 2009, n. 31. Norme regionali per l esercizio del diritto all istruzione

Art. 2 Finalità. LEGGE REGIONALE 4 dicembre 2009, n. 31. Norme regionali per l esercizio del diritto all istruzione Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 196 del 7-12-2009 25631 LEGGE REGIONALE 4 dicembre 2009, n. 31 Norme regionali per l esercizio del diritto all istruzione e alla formazione. La seguente legge:

Dettagli

COMUNE DI POVIGLIO REGOLAMENTO CONCERNENTE LE MODALITA' DI RAPPORTO TRA L'AMMINISTRAZIONE COMUNALE DI POVIGLIO E LE PERSONE CHE INTENDONO SVOLGERE

COMUNE DI POVIGLIO REGOLAMENTO CONCERNENTE LE MODALITA' DI RAPPORTO TRA L'AMMINISTRAZIONE COMUNALE DI POVIGLIO E LE PERSONE CHE INTENDONO SVOLGERE COMUNE DI POVIGLIO REGOLAMENTO CONCERNENTE LE MODALITA' DI RAPPORTO TRA L'AMMINISTRAZIONE COMUNALE DI POVIGLIO E LE PERSONE CHE INTENDONO SVOLGERE ATTIVITA' INDIVIDUALE DI VOLONTARIATO Approvato con atto

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER L UTILIZZO DI VOLONTARI ANZIANI PER SCOPI DI PUBBLICA UTILITÀ.

REGOLAMENTO COMUNALE PER L UTILIZZO DI VOLONTARI ANZIANI PER SCOPI DI PUBBLICA UTILITÀ. Allegato alla Deliberazione Consiliare n. 37 del 21.12.2010 COMUNE DI BRISSAGO VALTRAVAGLIA Provincia di Varese REGOLAMENTO COMUNALE PER L UTILIZZO DI VOLONTARI ANZIANI PER SCOPI DI PUBBLICA UTILITÀ. INDICE

Dettagli

Comune dell'aquila. Assessore al Bilancio. Il Bilancio 2012. Le risorse e le principali iniziative

Comune dell'aquila. Assessore al Bilancio. Il Bilancio 2012. Le risorse e le principali iniziative Il Bilancio 2012 Le risorse e le principali iniziative Lelio De Santis Assessore al Bilancio Massimo Cialente Sindaco I perché di un bilancio quasi alla fine dell anno Il Bilancio di previsione per il

Dettagli

COMUNE DI ROVIANO (Provincia di Roma)

COMUNE DI ROVIANO (Provincia di Roma) REGOLAMENTO DEL COMUNE DI ROVIANO PER L'ISTITUZIONE E LA GESTIONE DEI VOLONTARI CIVICI Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 22 del 04/08/2014 ART. 1 OGGETTO DEL SERVIZIO 1. Il presente

Dettagli

Allegato A EVOLUZIONE DEL CUSTODE SOCIOSANITARIO NELL AREA METROPOLITANA DI MILANO

Allegato A EVOLUZIONE DEL CUSTODE SOCIOSANITARIO NELL AREA METROPOLITANA DI MILANO Allegato A EVOLUZIONE DEL CUSTODE SOCIOSANITARIO NELL AREA METROPOLITANA DI MILANO ELABORAZIONE DEL PROGETTO STRUMENTI Bando speciale che deve prevedere: a) le fonti di finanziamento b) il numero degli

Dettagli

C O M U N E D I MASSAROSA PROVINCIA DI LUCCA

C O M U N E D I MASSAROSA PROVINCIA DI LUCCA C O M U N E D I MASSAROSA PROVINCIA DI LUCCA Regolamento per l'istituzione e la gestione del Servizio di Volontariato civico Cittadinanza Attiva Art.1 Principi Generali 1. Il presente regolamento istituisce

Dettagli

REGOLAMENTO DI PARTECIPAZIONE

REGOLAMENTO DI PARTECIPAZIONE REGOLAMENTO DI PARTECIPAZIONE 1. PREMESSA Viviamo in un territorio ricco di cultura, con elevata potenzialità produttiva materiale e immateriale dove molti giovani trovano modo di esprimere la loro creatività

Dettagli

Art. 1 Principi. Art. 2 Finalità

Art. 1 Principi. Art. 2 Finalità LEGGE REGIONALE 21 agosto 2007, n. 20 Disposizioni per la promozione ed il sostegno dei centri di antiviolenza e delle case di accoglienza per donne in difficoltà. (BUR n. 15 del 16 agosto, supplemento

Dettagli

REGOLAMENTO PER L IMPIEGO DEL VOLONTARIATO IN ATTIVITÀ SOCIALMENTE UTILI

REGOLAMENTO PER L IMPIEGO DEL VOLONTARIATO IN ATTIVITÀ SOCIALMENTE UTILI COMUNE DI CANDA REGOLAMENTO PER L IMPIEGO DEL VOLONTARIATO IN ATTIVITÀ SOCIALMENTE UTILI Approvato con delibera di Consiglio Comunale n. 5 del 05.03.2009 Art. 1 Finalità 1. Il presente regolamento ha lo

Dettagli

Interventi urgenti a sostegno della crescita

Interventi urgenti a sostegno della crescita Interventi urgenti a sostegno della crescita Misure di accelerazione dell utilizzo delle risorse della politica di coesione (Fondo Sviluppo e Coesione, Piano Azione Coesione e Programmi dei Fondi Strutturali

Dettagli

COMUNE DI CHIGNOLO D ISOLA

COMUNE DI CHIGNOLO D ISOLA COMUNE DI CHIGNOLO D ISOLA SETTORE SERVIZI SOCIALI REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE Premessa 1. Il Comune di Chignolo d Isola con il presente regolamento intende disciplinare il servizio

Dettagli

ELEZIONI AMMINISTRATIVE 31 MAGGIO 2015 PROGRAMMA AMMINISTRATIVO DEL CANDIDATO LORENZA OREFICE

ELEZIONI AMMINISTRATIVE 31 MAGGIO 2015 PROGRAMMA AMMINISTRATIVO DEL CANDIDATO LORENZA OREFICE ELEZIONI AMMINISTRATIVE 31 MAGGIO 2015 PROGRAMMA AMMINISTRATIVO DEL CANDIDATO LORENZA OREFICE PREMESSA La nostra città ha bisogno di normalità. Dopo tanti anni di proclami e di promesse credo che sia giunto

Dettagli

PUC3 COMUNE DI PARRANO. Programmi Integrati di Sviluppo Urbano PUC3

PUC3 COMUNE DI PARRANO. Programmi Integrati di Sviluppo Urbano PUC3 PUC3 COMUNE DI PARRANO Programmi Integrati di Sviluppo Urbano PUC3 Interventi per la rivitalizzazione e rifunzionalizzazione delle aree urbane e dei centri storici Riqualificazione dell insediato storico

Dettagli

10. SEGRATE UN COMUNE PIU VICINO AL CITTADINO

10. SEGRATE UN COMUNE PIU VICINO AL CITTADINO 10. SEGRATE UN COMUNE PIU VICINO AL CITTADINO Ancora più efficienza della macchina comunale grazie alla costante estensione dei servizi ottenuta mediante l ottimizzazione dei costi e dei tempi. Il Comune

Dettagli

Sintesi degli incontri di ascolto pubblici. Terzo incontro di ascolto in Zona 2. Casa delle Associazioni, via Miramare 9.

Sintesi degli incontri di ascolto pubblici. Terzo incontro di ascolto in Zona 2. Casa delle Associazioni, via Miramare 9. Sintesi degli incontri di ascolto pubblici Terzo incontro di ascolto in Zona 2 Casa delle Associazioni, via Miramare 9 16 Settembre 2015 Il terzo incontro di ascolto con i cittadini della zona 2 ha avuto

Dettagli

ENTITA E TIPOLOGIA DEI BONUS

ENTITA E TIPOLOGIA DEI BONUS AVVISO PER LA CONCESSIONE DEL BONUS STRAORDINARIO UNA TANTUM ALLE FAMIGLIE CON FIGLI ANNO 2011 per complessivi Euro 23.000 Il Comune con il presente Bando persegue gli obiettivi di: Promuovere la centralità

Dettagli

BANDO DI SELEZIONE PER LA PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE DI AMMISSIONE ALLE AZIONI DI CONTRASTO ALLA POVERTA'

BANDO DI SELEZIONE PER LA PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE DI AMMISSIONE ALLE AZIONI DI CONTRASTO ALLA POVERTA' Allegato alla Determinazione n. 7 del.0.00 COMUNE DI LACONI Provincia di Oristano Servizio Sociale BANDO DI SELEZIONE PER LA PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE DI AMMISSIONE ALLE AZIONI DI CONTRASTO ALLA POVERTA'

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO MICROKYOTO - IMPRESE

PROTOCOLLO DI INTESA PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO MICROKYOTO - IMPRESE Allegato A alla delibera di Giunta n del. PROTOCOLLO DI INTESA PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO MICROKYOTO - IMPRESE PREMESSO CHE: Il 10 dicembre 1997, nell ambito della Convenzione Quadro sui Cambiamenti

Dettagli

COMUNE DI VEDUGGIO CON COLZANO. Regolamento comunale per il progetto di Volontario Civico

COMUNE DI VEDUGGIO CON COLZANO. Regolamento comunale per il progetto di Volontario Civico COMUNE DI VEDUGGIO CON COLZANO Regolamento comunale per il progetto di Volontario Civico Approvato con delibera di Consiglio Comunale n 39 del 27/11/2012 Modificato con delibera di Consiglio Comunale n

Dettagli

1. INTERVENTI ECONOMICI

1. INTERVENTI ECONOMICI PIANO DEGLI INTERVENTI IN MATERIA DI POLITICHE FAMILIARI DEL COMUNE DI TIONE DI TRENTO PER L ANNO 2016 PREMESSA La Provincia Autonoma di Trento ha approvato in data 10 luglio 2009 il Libro Bianco sulle

Dettagli

Comune di Modena. Io partecipo. Regolamento per l'albo dei Cittadini Attivi di Quartiere

Comune di Modena. Io partecipo. Regolamento per l'albo dei Cittadini Attivi di Quartiere Comune di Modena Io partecipo Regolamento per l'albo dei Cittadini Attivi di Quartiere Articolo 1 FINALITA L Amministrazione Comunale di Modena, per garantire nel proprio territorio lo svolgimento di attività

Dettagli

N. 43 del 29.09.2009. Aperto il dibattito si hanno i seguenti interventi:

N. 43 del 29.09.2009. Aperto il dibattito si hanno i seguenti interventi: OGGETTO: PRESENTAZIONE ED APPROVAZIONE LINEE PROGRAMMATICHE RELATIVE ALLE AZIONI ED AI PROGETTI DA REALIZZARE DURANTE IL MANDATO POLITICO AMMINISTRATIVO. ART. 11 DELLO STATUTO COMUNALE Introduce l argomento

Dettagli

CRITERI PER LA REALIZZAZIONE DEGLI INTERVENTI DI CONTRASTO DELLE POVERTA

CRITERI PER LA REALIZZAZIONE DEGLI INTERVENTI DI CONTRASTO DELLE POVERTA COMUNE DI MOGORO Provincia di Oristano CRITERI PER LA REALIZZAZIONE DEGLI INTERVENTI DI CONTRASTO DELLE POVERTA Finanziamento anno 2014 1 Art. 1 Oggetto Il presente documento stabilisce i criteri per la

Dettagli

Il viaggio più lungo inizia con il muovere il piede di un passo.

Il viaggio più lungo inizia con il muovere il piede di un passo. COMUNEDIMARTINENGO PROVINCIADIBERGAMO SettoreSocioCulturale PiazzaMaggiore,1 24057Martinengo Tel.0363 986002Fax0363 987765 Relazione Illustrativa sul MILLEPIEDIBUS di Martinengo ((Bg)) Ilviaggiopiùlungoiniziaconilmuovereilpiedediun

Dettagli

Oltre ad acquisire una maggiore comprensione dell ambiente sociale con cui sono a contatto, gli allievi del corso trarranno i seguenti vantaggi:

Oltre ad acquisire una maggiore comprensione dell ambiente sociale con cui sono a contatto, gli allievi del corso trarranno i seguenti vantaggi: Senso e scopo La conoscenza della realtà locale costituisce la condizione preliminare per poter prendere parte alla vita sociale del comune di residenza. Il presente strumento permette ai docenti che lavorano

Dettagli

Opere di urbanizzazione

Opere di urbanizzazione Opere di urbanizzazione di Catia Carosi Con il termine opere di urbanizzazione si indica l insieme delle attrezzature necessarie a rendere una porzione di territorio idonea all uso insediativo previsto

Dettagli

Programma Amministrativo Alla gente di Ranica chiederemo sempre di partecipare e di esprimere le opinioni e le proposte di ciascuno sui vari problemi: sarà per noi il punto di partenza per risolverli.

Dettagli

Progetto BES delle Province (PSU-00003) maggio 2013, abstract. Diffusione dell innovazione tecnologica. Combattere la delocalizzazione del lavoro

Progetto BES delle Province (PSU-00003) maggio 2013, abstract. Diffusione dell innovazione tecnologica. Combattere la delocalizzazione del lavoro Standard materiali di vita/ Benessere economico Salute/ Salute attivita' in collaborazione con i Comuni nel settore economico, produttivo, commerciale e turistico Servizi sanitari, di igiene e profilassi

Dettagli

COMUNE DI MARANO SUL PANARO (PROVINCIA DI MODENA)

COMUNE DI MARANO SUL PANARO (PROVINCIA DI MODENA) COMUNE DI MARANO SUL PANARO (PROVINCIA DI MODENA) REGOLAMENTO COMUNALE PER L ISTITUZIONE DELL ALBO DEI SINGOLI VOLONTARI CIVICI Il presente regolamento(composto da n. 10 articoli) è stato approvato dal

Dettagli

PROGRAMMA ELETTORALE DELLA LISTA LA PRIMAVERA ROCCANA

PROGRAMMA ELETTORALE DELLA LISTA LA PRIMAVERA ROCCANA PROGRAMMA ELETTORALE DELLA LISTA LA PRIMAVERA ROCCANA I componenti della lista non provengono da diverse forze politiche, ma sono persone che con esperienze diverse hanno deciso di mettersi, con impegno

Dettagli

FIRMATO L ACCORDO TRA PROVINCIA DI MILANO E COMUNE DI CORMANO PER IL PROGETTO PILOTA SOCIALCITY

FIRMATO L ACCORDO TRA PROVINCIA DI MILANO E COMUNE DI CORMANO PER IL PROGETTO PILOTA SOCIALCITY Comunicato Stampa FIRMATO L ACCORDO TRA PROVINCIA DI MILANO E COMUNE DI CORMANO PER IL PROGETTO PILOTA SOCIALCITY Ieri sera l incontro con i cittadini cormanesi per parlare di territorio e residenza Cormano,

Dettagli

Sede legale: via Umberto I, 9 10088 VOLPIANO Sede operativa: via Pascoli 7/c - 10070 Caselle T.se (TO) tel. 011.99.68.133 cell. 335.711.64.

Sede legale: via Umberto I, 9 10088 VOLPIANO Sede operativa: via Pascoli 7/c - 10070 Caselle T.se (TO) tel. 011.99.68.133 cell. 335.711.64. 1 PROPOSTA PROGETTUALE.. CORSO di RISPARMIO ENERGETICO PREMESSA Il presente progetto rappresenta una proposta formativa il cui obiettivo è sensibilizzare i bambini verso una nuova consapevolezza di rispetto

Dettagli

COMUNE DI RAVELLO PROVINCIA DI SALERNO

COMUNE DI RAVELLO PROVINCIA DI SALERNO COMUNE DI RAVELLO PROVINCIA DI SALERNO Stazione di Soggiorno e turismo citta della musica REGOLAMENTO per l istituzione dell Albo Comunale dei Volontari e per la disciplina dei rapporti di collaborazione

Dettagli

Comune di Arluno. 21 Progetti

Comune di Arluno. 21 Progetti Comune di Arluno 21 Progetti Scheda di progetto 1/21 Tecnico settori urbanistica ed ecologia Piano regolatore generale con supervisione del PTCP e della VAS Tempi del progetto L intera comunità Il nuovo

Dettagli

Comune di Boscotrecase (Prov. di Napoli) - Cap: 80042 Indirizzo: Via Rio, 2 Tel. 081/5373838 5373707 Fax 081/8587201 C.F.

Comune di Boscotrecase (Prov. di Napoli) - Cap: 80042 Indirizzo: Via Rio, 2 Tel. 081/5373838 5373707 Fax 081/8587201 C.F. IL RESPONSABILE DEL 1 SETTORE In esecuzione alla deliberazione di G.C. n 69 del 29.4.2008; A V V I S A Che è indetta selezione pubblica per l affidamento dei servizi di: Assistenza domiciliare anziani

Dettagli

Nella Mia Città si Respira!

Nella Mia Città si Respira! Nella Mia Città si Respira! Un Programma Scolastico per le Scuole Medie Superiori della Provincia di Torino Unità didattica 11 La Pianificazione della Mobilità in città: misure di sostegno alla mobilità

Dettagli

Buone idee per Bologna

Buone idee per Bologna Buone idee per Bologna RILANCIAR IL NOSTRO SISTMA PRODUTTIVO IN MODO SOSTNIBIL, PROMUOVNDO L OCCUPAZION Il LAVORO DI QUALITA, VALORIZZANDO I SAPRI LA CRATIVITA 1. Come riformare il nostro sistema di sviluppo

Dettagli

Gruppo di lavoro territorio. I questionari conoscitivi

Gruppo di lavoro territorio. I questionari conoscitivi Gruppo di lavoro territorio I questionari conoscitivi Aprile 2010 Presentazione Questionario sul "Puc Partecipato" a cura di Alessia Fracchia e Valentina Rivera In previsione della redazione del nuovo

Dettagli

COMUNE DI CALCI Provincia di Pisa

COMUNE DI CALCI Provincia di Pisa COMUNE DI CALCI Provincia di Pisa REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI COMUNALI E PER IL SOSTEGNO ALLE LIBERE FORME ASSOCIATIVE Approvato con deliberazione del C.C. n. 8 del 14.02.13 1 Art. 1 -

Dettagli

IL MIO MONDO IL TUO MONDO. Punto d ascolto ammalati e disabili Garante mondo disabilità

IL MIO MONDO IL TUO MONDO. Punto d ascolto ammalati e disabili Garante mondo disabilità IL MIO MONDO IL TUO MONDO Punto d ascolto ammalati e disabili Garante mondo disabilità L'idea di creare uno sportello d'ascolto presso il Comune di Aversa nasce da un approfondito confronto tra persone

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato GIANNI

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato GIANNI Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 4536 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato GIANNI Disposizioni per ridurre il disagio abitativo mediante la partecipazione delle regioni

Dettagli

CO.SE.A. Consorzio Servizi Ambientali Via Berzantina 30/10 40030 Castel di Casio (BO)

CO.SE.A. Consorzio Servizi Ambientali Via Berzantina 30/10 40030 Castel di Casio (BO) CO.SE.A. Consorzio Servizi Ambientali Via Berzantina 30/10 40030 Castel di Casio (BO) Regolamento per la disciplina dell attività di volontariato nel Canile intercomunale di Castiglione dei Pepoli (approvato

Dettagli

REGOLAMENTO DELL ALBO COMUNALE DEL VOLONTARIATO (Approvato con Delibera di Consiglio Comunale n 64 del 26/11/2012)

REGOLAMENTO DELL ALBO COMUNALE DEL VOLONTARIATO (Approvato con Delibera di Consiglio Comunale n 64 del 26/11/2012) REGOLAMENTO DELL ALBO COMUNALE DEL VOLONTARIATO (Approvato con Delibera di Consiglio Comunale n 64 del 26/11/2012) b) promuove il contributo del volontariato al conseguimento dei fini istituzionali dei

Dettagli

Progetti di legge regionali e nazionali

Progetti di legge regionali e nazionali CONSIGLIO REGIONALE DELL EMILIA ROMAGNA OSSERVATORIO LEGISLATIVO INTERREGIONALE Roma 8-9 febbraio 2007 Progetti di legge regionali e nazionali A cura di: di Giovanni Fantozzi PROPOSTA DI LEGGE N. 108 Di

Dettagli

COMUNE DI TAORMINA Provincia di Messina. Regolamento Imposta di Soggiorno

COMUNE DI TAORMINA Provincia di Messina. Regolamento Imposta di Soggiorno COMUNE DI TAORMINA Provincia di Messina Regolamento Imposta di Soggiorno (Approvato con Delibera di Consiglio Comunale n. 80 del 06/11/2012) Art.1 Presupposto dell'imposta Presupposto dell'imposta di soggiorno

Dettagli

Project Financing e confronto con gli altri strumenti di PPP

Project Financing e confronto con gli altri strumenti di PPP PARTENARIATO PUBBLICO PRIVATO PER I SERVIZI DI GESTIONE,VALORIZZAZIONE E RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA DEL PATRIMONIO DEI COMUNI ROBERTO GIOVANNINI Project Financing e confronto con gli altri strumenti di

Dettagli

Smart city e sviluppo sostenibile. Prof. ing. Luigi Schibuola - Università IUAV di Venezia

Smart city e sviluppo sostenibile. Prof. ing. Luigi Schibuola - Università IUAV di Venezia Smart city e sviluppo sostenibile Prof. ing. Luigi Schibuola - Università IUAV di Venezia ambiti operativi Turismo & Cultura Ambiente & Risorse Mobilità& Trasporti Security & Safety Energia & Edilizia

Dettagli