ELEZIONI COMUNALI DI AGRIGENTO 31 MAGGIO - 1 GI GNO 2015

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ELEZIONI COMUNALI DI AGRIGENTO 31 MAGGIO - 1 GI GNO 2015"

Transcript

1 ELEZIONI COMUNALI DI AGRIGENTO 31 MAGGIO - 1 GI GNO 2015 MARCOLIN co Nato a Monte Belluna (TV) il 11/03/1957 Residente a Cornu a (TV) Via Dante Alighieri 14/A PROGRAMMAAMMINI TRATIVO Candidato Sind co

2 1 Marcolin PROGRAMMA EL ORALE del Candidato Sindaco Marco PUNTI PROGRAMMATICI: 1) Organizzazione della Macchina Comunale 2) Risanamento del Bilancio Comunale 3) Acqua e Rifiuti: ricalèolo dei canoni e realizzazione dell nuova rete idrica e fognante. 4) Iniziative volte all'incremento turistico; rappresentanza mministrativa all'interno del Consiglio del Parco archeologico dei Templi. 5) Solidarietà sociale: Iniziativ~indirizzate alle famiglie ag igentine meno abbienti, agli anziani ed ai diversamente abili. 6) Sicurezza ed Immigrazione: concertazione con le Forz dell'ordine per controllare il territorio e ridare decoro alla citta'. 7) Contrasto al commercio ambulante abusivo. 8) Universita'. Asili. Interventi di manutenzione delle scuol e servizio di mensa scolastica. 9) Recupero e completamento delle strutture sportive attr verso Project Financing. 10) Riqualificazione dei quartieri periferici di Agrigento e re upero del Centro Sorico. PRG. Sportello Unico delile Imprese 11) Trasporti e mobilità tra i quartieri cittadini. 12) Manutenzione delle vie cittadine. 13) Manutenzione del verde pubblico. 14) Tutela ambientale: monitoraggio dello stato di salute del are, delle spiagge e dell'ari.a; eliminazione delle discariche abusive e sanzioni. 15) Soluzioni per il randagismo; interventi programmati pe la derattizzazione e disinfestazione dalle specie nocive all'uomo ed agli animali (zanzare, scarafa i, zecche e leishmania) ********************** ***

3 2 Negli ultimi anni la gestione amministrativa di Agrigento può, in tutta tranquillità, essere definita disastrosa. E', infatti, sotto gli occhi di tutti lo stato di completo abbandono che non è sicuramente migliorato con l'insediamento del Commissario a seguito delle dimissioni dell'ultimo Sindaco. La prossima elezione amministrativa vede impegnato il candidato Sindaco Marcolin, insieme ai candidati al Consiglio comunale a lui vicini, a dove'r raccogliere le macerie amministrative e ricostruire quella sana gestione della "cosa pubblica" nell'interesse e per il benessere degli agrigentini. Gli spunti certamente non mancano e si trovano in ogni settore civico ed economico. Prioritariamente è necessario stilare un elenco di interventi suddividendoli in opportuni settori, ciò per evitare di considerare prioritario ciò che, invece, può considerarsi secondari~; cercando di creare delle aree che possano intersecare più interventi, in modo da evitare spreco di risorse di qualsiasi natura. Innanzitutto bisogna considerare lo "stato di salute" delle casse comunali; sappiamo "che il malato è grave", anzi, "gravissimo". Innumerevoli sono i debiti fuori bilancio, molte le cause che" hanno creati. Prendiamo ad esempio i risarcimenti che il Comune di Agrigento ha dovuto,riconoscere a quei cittadini che, a causa delle strade dissestate, hanno subito incidenti (a volte mortali) o hanno avuto guasti alle macchine, oppure hanno subìto danni fisici. In questi casi, oltre ai risarcimenti vi sono stati anche i pagamenti delle, spese legali. Tutto ciò poteva essere evitato da una attenta e puntuale manutenzione delle strade, azione questa che rientra nella ordinaria amministrazione di una Città, e che invece ad Agrigento diventa straordinaria. Andiamo adesso alla disamina delle numerose problematiche che affliggono Agrigento, cercando di suggerirne le soluzioni in armonia con il contesto economi,co, sociale, culturale e, soprattutto, normativo. ORGANIZZAZIONE DELLA MACCHINA COMUNALE Una buona Amministrazione comunale si awale della importantiss-ima struttura deglr Uffici. E' quindi necessario intervenire prioritariamente su questo aspetto, awalendosi di un organismo di controllo in grado di individuare eventuali falle oppure incentivando e motivando il personale. ""Nucleo di Valutazione" previsto dalla legge finora nella citta' di Agrigento non ha brillato per i risultati, quindi bisognera' attivarsi e vigilare su questo organismo fondamentale. E' utile creare una struttura amministrativa in grado di progettare e programmare interventi ad ampio respiro per la Città, al fine di poter fruire di risorse economiche provenienti dall'unione Europea tramite gli Uffici regionali competenti; per questo scopo bisogna individuare tra i dipendenti comunali figure competenti in grado di progettare gli interventi ed awiare un dialogo costruttivo con i funzionari regionali. In tal senso si può dar vita a quell'ufficio Europa già annunciato dalla precedente Amministrazione ma che non ha mai visto la luce.

4 3 Creata una struttura comunale predisposta a progettare int rventi che possano essere finanziati con fondi Europei, si può programmare il recupero del Centro Storico dei quartieri decentrati della Città. RISANAMENTO CASSE COMUNALI Tematica di difficilissima soluzione che, forse, necessitereb più di un miracolo che di interventi umani. Nell'attesa di un intervento divino, proviamo a cercarne la soluzione con le umani capacità di cui disponiamo. Nella distinzione tra entrate ed uscite, queste ultime so o state sproporzionate per moltissime cause. Innanzitutto è utile individuare le uscite in eccesso ali interno degli uffici comunali, tagliando, ove, ' possibile, il superfluo e riducendo eventuali ore di I voro straordinario o premi incentivanti a dirigenti, a volte elargiti più per aspetto politico che r reali attività lavorative. Semmai, il premio incentivante andrebbe elargito al dipendente che m stri di lavorare alacremente velocizzando l'attività amministrativa. Il nostro auspicio, è che il nuovo Consiglio Comun le dovra' attivarsi per una modifica del Regolamento dei lavori Consiliari indirizzato a riveder lo spirito e le modalita' dei lavori. " tutto, \.," perche' mai piu' nessuno potra' gettare nel fango rigento sul senso di responsabilita' degli Amministratori. La recente vicenda della gettonopoli a rigentina docet. Quindi una collaborazione attiva tra Sindaco/Giunta e Consiglio finalizzata anch a stimolare un comportamento Etico ed efficiente. " tutto anche volto a razionalizzare spese per rimborsi ed appannaggi agri amministratori. Le "entrate" al Comune di Agrigento sono costituite in larga parte dal'acquisizione del pagamento delle tasse che, tuttavia, non è sufficiente a risanare la rave patologia economica di cui soffre. Ma non tutti pagano le tasse. E' necessaria una seria lotta a l'evasione, istituendo un apposito Ufficio in grado di incrociare i dati provenienti da altri Uffici (Soci tà elettriche, del gas, dell'acqua, etc.) con i dati provenienti dagli Uffici del settore civile del Comun. Si possono anche "stimolare" i cittadini a pagare le tasse attraverso la riduzione di esse. La riduzione dell'imu, ad esempio, servirebbe anche a dare un po' di sollievo economico ai cittadini., Accattivarsi la simpatia dei commercianti attraverso tti riduzione dei canoni relativi al pagamento del!' occupazione del suolo pubblico con la direttiva i mantenere pulito e decoroso lo spazio occupato (ed anche le zone circostanti), pena multe salate. (ciò è necessario per gli esercizi commerciali del Lungomare di S. Leone). Questa soluzio e può servire ad economizzare sulle esigue unità di netturbini che, invece, potrebbero essere destin te alle zone più abbandonate. Ajtra possibilita' di economizzare e dare efficienza ai ervizi e' la "razionalizzazione delle risorse umane". Infatti una ricognizione di tutto il Personale e ei "carichi di lavoro" servira' ad arrivare ad una nuova "Pianta Organica Il Cio' finalmente consentir ' di valorizzare al meglio anche il Personale precario (ex art. 23, ex cooperative I ex Isu, ecc., ). Un parte di queste Persone potranno essere

5 4 utilizzate per servizi esterni, che altrimenti comporterebbero costi enormi per le casse Comunali, come del resto finora è stato. Un'altra possibilita' sara' quella di dare alcuni servizi importanti ai cittadini attraverso l'affidamento di strutture esistenti (ville, giardini, impianti sportivi, parchi, parcheggi, ecc.l col sistema del "financing projet". Tale normativa è regolata dalla legge e consente di risparmiare notevoli risorse economiche, ma anche di dare migliori servizi ai cittadini. In piu' talora i canoni che enti ed imprese andranno a pagare al comune sono risorse economiche non indifferenti. ACQUA: RICALCOLO DEI CANONI E FINANZIAMENTO PUBBLICO PER LE OPERE IDRICHE La gestione delle risorse idriche del territorio comunale è stata affidata dal Comune di Agrigento ad un soggetto privato in ottemperanza al Contratto di affidamento stipulato anni fa tra l'allora Provincia Regionale ed il soggetto privato. La "battaglia per l'acqua pubblica" di questi anni suggerisce di monitorare attentamente l'aspetto giuridico dell'affidamento al gestore privato; sia perché l'organismo di controllo (alias Provincia regionale di Agrigento) non esiste più J sia perché pare che il mancato affidamento delle risorse idriche da parte di alcuni Comuni della provincia agrigentina, renda inapplicabile il Contratto stesso. Owiamente l'importanza della vicenda va approfondita sotto l'aspetto giuridico tralasciando gli scoop giornalistici. Sicuramente J un ritorno alla gestione pubblica dell'acqua abbatterebbe quei costi esorbitanti che i cittadini sono costretti puntualmente a pagare. In attesa di ulteriori modifiche normative sull'affidamento delle risorse idriche J la prossima, I Amministrazione comunale dovrà orientarsi a ricalcolare i canoni presenti in bolletta e per far ciò dovrà awiare un deciso dialogo con il gestore privato e con il Consiglio comunale. Inoltre, il ricalcolo dei canoni dovrà tener conto di alcune voci presenti in bolletta, cioè depurazione e fognatura J a tutela degli utenti abitanti in quelle aree del territorio comunale sprowiste di > fognatura e, di conseguenza, prive di sistema di convogliamento delle acque reflue ad un impianto di depurazione., Tutta la rete idrica e fognante del territorio comunale va sostituita perché è causa di continue perdite,,. che provocano il dissesto stradale, creando pericolosi awallamenti. A tal fine la nuova ammine l comunale dovra' attivarsi con la Regione e gli enti competenti per finanziamenti (peraltro gia' esistenti ed in itinere da anni )per le opere sucitate. Altro versante dei tributi riguarda i Rifiuti. Il "Piano Finanziario dei rifiuti" evidenzia costi incredibili,!. ", per il servizio e quindi le bollette a cascata sono dawero pesanti., Tale Piano che consiste, in circa 15 milioni di euro è da rivedere al ribasso. Infatti ci sono cifre su costi vari che non convincono. Per cui da subito la nuova ammine proprorra' un nuovo Piano Finanziario dei Rifiuti nei limiti delle norme vigenti.

6 5 INIZIATIVE VOLTE ALL'INCREMENTO TURISTICO E RAPPRESEN ANZA AMMINISTRATIVA ALL'INTERNO DEL CONSIGLIO DEL PARCO ARCHEOLOGICO DEI TEMPLI La fortuna di possedere un grande patrimonio archeologie e chilometri di spiagge, fa sl che Agrigento possa fare del turismo la basilare fonte economica. Tuttavia l non è stanzia/e, bensl di passaggio, ciò dovuto al fatto ch la tipologia di turismo presente in Agrigento finora poco o nulla è stato progettato per prolungare la permanenza dei turisti. La carenza di servizi, di iniziative di grande impatto culturale, di una vera e propria "cultura del turismo", hanno reso sterile il con etto di turismo ad Agrigento. Bisogna aprire un dialogo con le associazioni di categoria (albergatori l turistiche l guide turistiche etc.) e con le associazioni culturali presenti ad Agrigento affinché si pos pianificare e progettare -a lungo e breve termlne- iniziative in grado di attrarre un turismo stanziale. / izlative che rendano Agrigento epicentro di un turismo che abbracci anche le numerose e variegate ris rse culturali, naturalistiche e monumentali present in provincia (Maccalube l Terme di Sciacca ll Caltabellotta l etc.). Per realizzare cio' l'amministrazione comunale intende re lizzare una "Conferenza permanente del Turismo" dove vengano rappresentate tutte le catego e economiche e professionali coinvolte nell' attivita' turistica (albergatori, B e B, trasportatori, Gui Per ridare ossigeno al turismo bisogna impegnarsi in mod Turistiche, r.istoratori, commercianti, ecc. costante e promuovere il territorio con strumenti moderni ed efficaci. La B.I.T. di Milano sara' ta pa obbligata per /a citta' ogni anno, ed in quella occasione insieme agli operatori si organizzeranno d i meeting specifici sull'"offerta Turistica di Agrigento". Altresi' si valutera' di partecipare a Fiere Speciali iche del Turismo naz.le e non solo relative al Turismo Congressuale (progetto di destagionallzzazlone de turismo J ma anche a quelle degli operatori del settore. Poi si potra' organizzare un Borsino del Turismo ella citta' di Agrigento preceduto da uno o piu' "Educational" del settore dei touroperators.. Studio di R cupero del Palacongressi ed utilizzo per il turismo Congressuale. Recupero "Parco Icory" ed affida ento in financing projet finalizzato ad a realizzare un'area di spettacolo (la cavea di 4500 posti a se ere ) ed al contempo di centro Fieristico.Altresi' si potrebbe realizzare un "Parco Tematico della Gre ita' "con una magna Grecia in miniatura che vedrebbe un ritorno enorme a cominciare da un turismo s olastlco regionale da concordare con varie autorita' scolastiche regionali. Queste le principali iniziative c e se ben fatte e concertate potrebbero in pochi anni trasformare Agrlgentoln una nuova Taormina, ve endo la realizzazione di centinaia di posti di lavoro. Calendario Annuale Eventi di Cultura e Spettacolo, Guld Turistica del Centro Storico, da Giugno a Settembre progetto "attivita' commerciali aperte fino alle 2,00, rivitalizzazione attivita' culturali nel

7 6 centro storico ed altro. Anche queste attivita' dovranno essere di complemento all'attivita' del settore turistico. Poi aprire un dialogo attivo con il Consiglio del Parco Archeologico della Valle dei Templi di cui il Sindaco della Città è componente. In questa veste, il Sindaco può intervenire ad ampio raggio nell'interesse del territorio che amministra, seppure ricadente nell'area del Parco Archeologico. A tal proposito, il Sindaco può sollecitare i seguenti interventi: Disserbamento delle strade comunali -e dei marciapiedi- inserite all'interno del Parco Archeologico. Illuminazione della Via Panoramica dei Templi (tratto dal bar La Promenade al Piazzale del Posto di Ristoro). Realizzazione di nuovi marciapiedi e ristrutturazione di quelli esistenti lungo i percorsi utilizzati dai turisti. Realizzazione di tettoie ombreggianti da allocare alle fermate degli autobus urbani (a tal proposito sarebbe utile allocare anche le tabelle orarie). SOLIDARIETA' SOCIALE: INIZIATIVE INDIRIZZATE ALLE FAMIGLIE AGRIGENTINE MENO ABBIENTI, AGLI ANZIANI ED AI DIVERSAMENTE ABILI " l La grave crisi economica che da qualche anno attanaglia il Paese, l'incremento-delle tasse e l'introduzione di nuove ha impoverito le famiglie italiane. Tale fenomeno è maggiormente presente nel meridione e la città di Agrigento risulta tra gli ultimi posti delle classifiche stilate da autorevoli giornali sulle condizioni economiche e sociali. Il numero delle famiglie che ad Agrigento si "Impoveriscono" aumenta di anno In anno; a tale fenomeno si aggiunge l'aumento della disoccupazione, una piaga che in Sicilia oramai s'è incancrenita. \ Finora le maggiori" attenzioni sono state poste nei confronti degli immigrati, infatti, tutto ciò che ruota intorno al fenomeno dell'immigrazione trova Immediato riscontro; è tutto un fiorire di centri di accoglienza gestite da Associazioni -più o meno- di volontariato "retribuite" con i fondi Europei. Nessun fondo è Indirizzato alle famiglie, al pensionati o al disoccupati che soprawlvono tra gli stenti. Il futuro Assessore alla Solidarietà sociale del Comune di Agrigento dovrà porre massima attenzione a questa tematlca cercando, anche, di coinvolgere le Associazioni di volontarlato presenti in Città affinché possano collaborare prestando tutto l'ausilio possibile. Aggiornare l'elenco delle persone meno abbienti attraverso le opportune verifiche del redditi.! Verificare le condizioni abitative delle loro case (numero delle stanze, condizione dei locali igienici, assenza di umldltà,"etc.)

8 7 Verificare le condizioni di salute dei soggetti interessat, con particolare riguardo ai bambini ed agli anziani, ed eventualmente chiedere la collaborazio e del!' ASP a fornire gli ausili necessari. (campagna Farmadono) Owiamente, la collaborazione delle Associazioni di volon ariato, che si impegneranno con serietà in questa collaborazione con l'assessorato alla Solidarietà ciale, saranno ricompensate attraverso la fruizione a titolo gratuito di adeguati locali comunali e con fondi che dovranno essere rendicontati con la massima trasparenza e onestà. Altro aspetto fondamentale dell'attlvita' della nuova a mine sara' un'attenzione particolare alla disabilita'. " comune interverra' sempre tramite la coli borazione col volontariato enon solo, per realizzare servizi finora disattesi. In particolare saran o realizzate in citta' aree specifiche per diversamente abili con parchi giochi dedicati, giustappunt adatti al coinvolgimento di queste giovani Persone. SICUREZZA ED IMMIGRAZIONE: tra i problemi dell'immi razione clandestina la difficolta' economica a sostenere i Centri d'accoglienza. Tali centri comportano ia' costi milionari per Il comune di Agrigento che spesso ha dovuto tagliare servizi sociosanitari ai pr pri cittadini. Altresi' comporta un rischio sicurezza per la gente. E non ultimo contribuisce al degrado Iffuso nella' citta', vedi presidi permanente ai semafori e/o presso centri commerciali dove si pratica l' ccattonaggio. Intal senso anche la categoria dei parchegglatori abusivi italiani si rafforza con la prese za degli immigrati. Un quadro di degrado generale che contrasta il "Decoro" necessario per una citta' che vuole essere Turistica. Percio' la nuova ammine puntera' sul controllo del territorio concordando con le forze dell'ordine un vero protocollo d'intesa. Sul problema centri d'accoglienza si vuole realizzare un "Acc rdo" Istituzionale con con la Curia Vescovlle e il volontariato cattolico e non (caritas, organizzazioni no p ofit, ecc. ). Tale accordo dovra' prevedere centri d'accoglienza che abbiano costi limitati per evitare ch la speculazione politico ed affaristica anche qui metta le mani, col rischio di degenerazioni criminali co e altrove gia' accaduto. Cio' se realizzato permettera' alla collettlvlta' forti risparmi da rlutlllzzare per le famiglie di cittadini Italiani In dlfflcolta'. CONTRASTO Al COMMERCIO AMBULANTE ABUSIVO Una politica di equita' e di riduzione di tasse per chi vorra' sercltare un'attivita' economica ambulante, sara' la stella polare di questa nuova ammine. Quindi spazi pu blici con minori costi per le imprese, ma tolleranza zero per gli abusivi. Cio' comportera' maggiori entr te per le casse comunali e migliori servizi e decoro per la citta'.

9 8 UNIVERSITA' - INTERVENTI DI MANUTENZIONE DELLE SCUOLE E SERVIZIO DI MENSA SCOLASTICA L'Universita' ad Agrigento (CUPA) resta un punto fermo nel futuro della nostra citta'. Quindi sara' necessario un massimo impegno nelle relazioni con Autorita' Accademiche, MIUR ed Amministrazione Regionale Altra attivita da rafforzare è quella che riguarda la ricerca dei fondi Europei destinati alla Cultura ed alle Universita'. Cio' dovra' partire dalla specificita' della "Iocation" Agrigento /Valle dei Templi sito Unesco. L'ammine comunale di Agrigento dovra' dare un impulso alla morente struttura societaria del CUPA morente sostituendo possibilmente l'ente Provincia di AG che è di fatto deceduto. Nella citta' tra le ultime d'italia deve assolutamente essere prioritaria l'atti vita' del diritto allo studio nelle scuole primarie dando massimo impulso ed efficienza al settore Garantire sempre piu' il servizio di Asili Nido per dare respiro a famiglie disagiate dove i genitori sono alla continua ricerca del lavoro elo in difficolta' nel gestire la famiglia per l'attivita' lavorativa. Oltre ad intervenire sotto il profilo della m~nutenzione degli edifici scolastici ed istituire il servizio di mensa ove manca, sarebbe interessante proporre ai Dirigenti scolastici una nuova iniziativa: l'istituzione del "libro usato" per le scuole medie inferiori. Tale iniziativa prevede l'utilizzo di libri scolastici di proprietà dell'istituto che prowede ad "affidarli" a titolo gratuito agli studenti a condizione che siano restituiti nelle medesime condizioni con cui sono stati

10 9 affidati. In caso contrario, se i libri si presentano sciupati, si applica una sanzione pecuniaria. L'iniziativa serve sia a contrastare il fenomeno del caro-libri, che p ntualmente si presenta alle famiglie degli studenti, che ad educare questi ultimi al rispetto della prop ietà altrui (in questo caso, i libri di proprietà dell'istituto scolastico). Tuttavia, l'iniziativa non sarà facilm nte attuabile in quanto gli Istituti scolastici tendono a modificare annualmente i testi, facendo anche a quistare libri che non verranno mai utilizzati dagli studenti. Un vero e proprio business per le Case Editric ; un vero e proprio "salasso" per le famigtie. RECUPERO E COMPLETAMENTO DElLE STRUTTURE AnRAVERS le numerose strutture sportive presenti in Città soffrono il PROJECT FINANCING rado. Impianti quali lo Stadio di calcio o il Palazzetto dello sport necessitano di robusti interventi di recupero. Non da meno sono gli impianti sportivi presenti in quasi tutti i quartieri di Agrigento. In pa icolare il complesso sportivo di Villa seta, la piscina comunale, i campetti di S. Leone, Villaggio Mos, Fontanelle necessitano di interventi di ristrutturazione possibilmente affidati in project financing. Come gia' detto altre strutture saranno affidate a privati. Tra queste il Parcheggio PI,uripiano" di piaz aie Rosselli, il Parco Icory ed altro. In alcuni casi quest~ tipo, di attivita' affidate aprivate oltre a ga antire servizi alla Comunita', prevedono l'acquisizione di canoni per le casse comunali. RIQUAlIFICAZIONE DEI QUARTIERI PERIFERICI DI AGRIGENTO SPORTELLO UNICODElLE IMPRESE. RECUPERO DEL CENTRO STORICO- PRG- Questo delicatissimo capitolo della progettualita' potico/a ministrativa va collegato alla necessita' di avere un Ufficio Fondi Europei. Chi dovra'farsi carico di qu sto ruolo dovra' esprimere il meglio della professi9néljit~' tra i dipenqenti Comunali e se necess rio verranno "assunti" esperti pagati a raggiungi mento di risultati. Per quanto attiene al Piano Regolatore generale della itta', bisognera' riorganizzare gli uffici valorizzando il personale che finora per motivi politico/client lari è stato emarginato.ai contempo anche i Funzionari leali e preparati saranno recuperati e immessi in na nuova struttura orientata alfefficienza verso la citta'. I cittadini non dovranno aspettare lunga ini burocratiche per avere un diritto alle legittime concessioni. " tutto nella massima trasparenza am va ed anche inattesa che vengano chiarite le responsabilita' anche penali di alcuni soggetti in merito al e inchiesta in corso da parte della Procura di AG. Altra importante questione politico/amministrativa sa a' l'esistente area del Parco Archeologico. Noi riteniamo che "estensione attuale sia eccessiva rispetto 'territorio della citta',e che il Patrimonio Archeologico deve e puo' essere tutelato anche in presenza i un'area non cosi' vasta. Infatti da diversi studi si evince che basterebbe limitare l'area del Parco all'in erno dei due famosi fiumi Ipsas ed Akrgas.In tal senso la nuova giunta presieduta dawon. Marcolln si es rimera' per una progettualita' futura.cio'

11 finalizzato a dare respiro ad un territorio che a tratti è stato ingessato economicamente per limiti e vincoli eccessivi. L'amministrazione comunale si fara' carico, finalmente, di organizzare uno Sportello Unico delle Imprese. Uno strumento indispensabile per assistere tutti coloro che vogliono awiare un'attivita' economica nel territorio comunale. L'ufficio si fara' carico velocemente di autorizzare le nuove attivita' curandosi di tutta la documentazione necessaria. (questo gia' awiene in numerose citta' italiane ed europee) TRASPORTI E MOBILITA' TRA I QUARTIERI CITIADINI " servizio di trasporto pubblico nel territorio comunale di Agrigento è stato affidato alla Società T.U.A. (Trasporti Urbani Agrigento) attraverso apposito contratto 1 stipulato tra il CO~lme di Agrigento e la stessa TUA. "servizio di trasporto'pubbliéo va migliorato: > ' I lo. Innanzitutto con I~~ tilizzo di mezzi nuovi, più piccoli e ri~pondenti ai requisiti in' materia di comfort dei passeggeri e delle emissioni dei gas di scarico. Potenziare i collegamenti tra le aree periferiche ed il centro Città. Collocare ad ogni fermata bus opportune pensiline e tabelle orarie e -ove possibilè- panchine di attesa. Incentivare l'utilizzo del mezzo pubblico, vista, anche, la abnorme creazione di "aree blu" di sosta che limitano la possibilità di posteggio gratuito. Creare aree di parcheggio nelle zone periferiche (ad uso dei pendolari e degli utenti provenienti da comuni limitrofi) da collegare con il Centro. con mini.bus, navetta ed offrire biglietto unico ed a prezzo vantaggioso per il posteggio ed il trasporto. Medesimo ragig~amentova fa,ttp p,er,c.pllegare I~ zona di S. Leone sopra.ttu~o > d u, r~ fjte.ii perjodo estivo: nelle aree cosiddette "ad inedificabilità assoluta", 'creàre delle aree dr sosta (attrezzate) e collegate al ceritro di S. Leone con bus-navetta. In questo modo si pùò alleggerire la mole di tràffico che puntualmente ogni estate congestiona il quartiere marinaro, trasformando l'intero Lu~gomare in "isola pedonale" a tutto vantaggio dei residenti' e' dei commercianti. MANUTENZIONE DELLE VIE CITIADINE - utilizzo del personale del 'comune e massimizzazioné'del'risparmio del pubblico denaro,. ;,.\ 1 dd 09/dd pd'f. [, - -, i on line/anno%20i0!2/determimizioni dirigenziali/dd 983' 2oi2.pdf

12 11 MANUTENZIONE DEl VERDE PUBBLlCO- utilizzo del personale omunale per ridurre costi del bilancio che consentira' il potenziamento dei servizi sociali. TUTELA AMBIENTALE: MONITORAGGIO DELLO STATO DI SALU E DEL MARE, DElLE SPIAGGE E DELL'ARIA; ELIMINAZIONE DELLE DISCARICHE ABUSIVE ED EVENTUALI SANZ ONI SOLUZIONI PER IL RANDAGISMO; INTERVENTI PROGRAMMATI P R LA DERATIIZZAZIONE E DISINFESTAZIONE DALLE SPECIE NOCIVE ALL'UOMO ED AGLI ANIMALI (ZANZARE, S RAFAGGI, ZECCHE E PAPPATACI)

13 INDICAZIONE DEGLI A SESSORI: GIW~ 11.. ~ t(l..lc.e nato a G~\ GE il D3-~2- A~15 2 {)lonw MARGH5R\IA nato a AGf<IG E 3GwS~Pf'NA AL BA nato a POf~.:-tO thf6t> f.lt, Ab il OjrOlA ~.)~6~O il ()j-(%-.,{35j A norma dell'art. 21, comma 2, del D.P.R ,n. 445, certifico vera ed autentica la firma, apposta in mia 2res,enza, dal Sig... ~ç9.(,..!.!.,:-:"...'t.t.~.. ~... nato a... ~~.~?-4)..y"""/.l.-.. il... ~,(p..3.1-{.fp.?:... domiciliato in.~~~.m..... Via... ~.8~. ~.~H.{. ~ :. lj../ fj... della cui ident tà personale sono certo per identificazione mediante... ~"'... /},(.. ~~~:;:~... numero I+.a~.?~r~ rilasciata il...t4i.o/.f~ dal.. ~<,(.. ~.. (}.;:... ~.w..~.... Il sottoscrittore è stato preventivamente ammonito sulla resp nsabilità penale nella quale può incorrere in caso di falsa dichiarazione. - 2 MAG COM~~.;... P.t.AGRlaENTQ..., lì... l... ~.~... ~~.~ ~ Firma leggibile (nome e cognome per esteso) e qualifica del pubhlico ufficiale che procede ali 'autenticazione

BASE PROGRAMMATICA DELLA COALIZIONE PER IL RINNOVAMENTO DEL COMUNE DI CIVIDALE DEL FRIULI 2015-2020

BASE PROGRAMMATICA DELLA COALIZIONE PER IL RINNOVAMENTO DEL COMUNE DI CIVIDALE DEL FRIULI 2015-2020 ELEZIONI COMUNALI DI CIVIDALE DEL FRIULI DOMENICA 31 MAGGIO 2015 Candidato Sindaco: MASSIMO MARTINA Liste a sostegno: Partito Democratico Cittadini per Massimo Martina Sindaco Alternativa Libera Cividale

Dettagli

ASOLA IMPEGNO COMUNE PROGRAMMA PER LE ELEZIONI AMMINISTRATIVE 2014

ASOLA IMPEGNO COMUNE PROGRAMMA PER LE ELEZIONI AMMINISTRATIVE 2014 ASOLA IMPEGNO COMUNE PROGRAMMA PER LE ELEZIONI AMMINISTRATIVE 2014 La situazione economico e sociale dalla quale partiamo per la elaborazione del nostro programma elettorale è completamente variata rispetto

Dettagli

PROGRAMMA ELETTORALE DELLA LISTA GRANDE SUD VALENZA SINDACO

PROGRAMMA ELETTORALE DELLA LISTA GRANDE SUD VALENZA SINDACO PROGRAMMA ELETTORALE DELLA LISTA GRANDE SUD VALENZA SINDACO Il programma che viene proposto è basato su specifici obiettivi tendenti, con i mezzi disponibili, ad ottenere i massimi risultati, nel contesto

Dettagli

Agenda 21 Locale Casamarciano Sostenibile

Agenda 21 Locale Casamarciano Sostenibile . Comune di Casamarciano Regione Campania Agenda 21 Locale Casamarciano Sostenibile Questionario conoscitivo ed analisi percettiva della qualità dell ambiente e della situazione socio-economica nel Comune

Dettagli

PROGRAMMA ELETTORALE AMMINISTRATIVE 2014

PROGRAMMA ELETTORALE AMMINISTRATIVE 2014 PROGRAMMA ELETTORALE AMMINISTRATIVE 2014 Linee guida, criteri e principi ispiratori della lista N. 2 per le elezioni amministrative 25.05.2014 SOMMARIO: PREMESSA LINEE PROGRAMMATICHE CONCLUSIONI PREMESSA

Dettagli

Discorso di insediamento Mi rivolgo ai presenti tutti, nell esprimere il mio più sentito ringraziamento per l alto onore e la responsabilità che

Discorso di insediamento Mi rivolgo ai presenti tutti, nell esprimere il mio più sentito ringraziamento per l alto onore e la responsabilità che Discorso di insediamento Mi rivolgo ai presenti tutti, nell esprimere il mio più sentito ringraziamento per l alto onore e la responsabilità che comporta il compito di realizzare questo progetto che ci

Dettagli

Vogliamo una Bergamo sempre più di qualità

Vogliamo una Bergamo sempre più di qualità Vogliamo una Bergamo sempre più di qualità Cara amica bergamasca, caro amico bergamasco, sono Franco Tentorio, Sindaco di Bergamo. Ho deciso di ricandidarmi alla guida della coalizione che comprende Forza

Dettagli

Programma elettorale lista civica Libertà e Partecipazione

Programma elettorale lista civica Libertà e Partecipazione Programma elettorale lista civica Libertà e Partecipazione La lista civica Libertà e Partecipazione, con il programma di seguito riportato, propone un cambiamento del concetto di politica adottato in passato,

Dettagli

Il piano generale di sviluppo 2010-2014. Città di Seriate - www.comune.seriate.bg.it

Il piano generale di sviluppo 2010-2014. Città di Seriate - www.comune.seriate.bg.it Il piano generale di sviluppo 2010-2014 1 Cos è il piano generale di sviluppo Uno degli strumenti di programmazione e di rendicontazione finanziaria di mandato Citato (solamente citato) in due norme sull

Dettagli

WWW.CICCIODIGIOVANNI.IT

WWW.CICCIODIGIOVANNI.IT IL PROGRAMMA ECONOMIA Creare lavoro è difficile, ma porre le basi deve essere obiettivo di qualunque amministrazione che guardi con rispetto alle esigenze dei cittadini. Noi immaginiamo una città che sfrutti

Dettagli

Sviluppo del territorio e dell economia locale

Sviluppo del territorio e dell economia locale ASSESSORATO ALLE POLITICHE AMBIENTALI Settore Punti di forza Punti di debolezza Rischi Opportunità Sviluppo del territorio e dell economia locale Buoni livelli di qualità della vita a livello socio-economico,

Dettagli

Comune dell'aquila. Assessore al Bilancio. Il Bilancio 2012. Le risorse e le principali iniziative

Comune dell'aquila. Assessore al Bilancio. Il Bilancio 2012. Le risorse e le principali iniziative Il Bilancio 2012 Le risorse e le principali iniziative Lelio De Santis Assessore al Bilancio Massimo Cialente Sindaco I perché di un bilancio quasi alla fine dell anno Il Bilancio di previsione per il

Dettagli

Valorizzazione-conservazione di Lucardo e del suo territorio 1. Valorizzazione di Poggio Pagano: Parco urbano archeologico L'idea del parco, promossa dall associazione Italia Nostra, è stata da tempo discussa

Dettagli

PROGRAMMA ELETTORALE del CENTRO SINISTRA SCARPERIA E SAN PIERO

PROGRAMMA ELETTORALE del CENTRO SINISTRA SCARPERIA E SAN PIERO PROGRAMMA ELETTORALE del CENTRO SINISTRA COMUNE di SCARPERIA E SAN PIERO La fusione tra i comuni di Scarperia e San Piero a Sieve, conclusasi il 31/12/2013 con lo scioglimento dei rispettivi Consigli Comunale,

Dettagli

In questi mesi ho chiesto a ciascuno di voi di contribuire alla redazione del programma per il futuro di Torino. Mi sono rivolto direttamente a tutte

In questi mesi ho chiesto a ciascuno di voi di contribuire alla redazione del programma per il futuro di Torino. Mi sono rivolto direttamente a tutte In questi mesi ho chiesto a ciascuno di voi di contribuire alla redazione del programma per il futuro di Torino. Mi sono rivolto direttamente a tutte le donne e agli uomini che vivono in questa nostra

Dettagli

Progetto Civico PROGRAMMA ELETTORALE AMMINISTRATIVE 2015. Palombara, Maggio 2015 [Selezionare la data]

Progetto Civico PROGRAMMA ELETTORALE AMMINISTRATIVE 2015. Palombara, Maggio 2015 [Selezionare la data] Progetto Civico PROGRAMMA ELETTORALE AMMINISTRATIVE 2015 Palombara, Maggio 2015 [Selezionare la data] URBANISTICA Progetto civico si propone di realizzare i seguenti obiettivi per l area urbanistica :

Dettagli

Tavolo: VERDE URBANO

Tavolo: VERDE URBANO Contributi dai cittadini Tavolo: VERDE URBANO 24 0 5 Più verde in città a) Preservare e Aumentare il Verde comune in città. b) Se un albero va tagliato per qualunque motivo automaticamente se ne pianta

Dettagli

MANIFESTO PER PARMA UNITA

MANIFESTO PER PARMA UNITA MANIFESTO PER PARMA UNITA Parma è una città piena di risorse, ricca di intelligenze vivaci, di saperi e cultura, fatta da persone intraprendenti che non possono non avvertire la responsabilità di questo

Dettagli

BANDO DI GARA PER LA REALIZZAZIONE NELLA REGIONE SICILIANA DEI PROGRAMMI INNOVATIVI IN AMBITO URBANO DENOMINATI CONTRATTI DI QUARTIERE II ART.

BANDO DI GARA PER LA REALIZZAZIONE NELLA REGIONE SICILIANA DEI PROGRAMMI INNOVATIVI IN AMBITO URBANO DENOMINATI CONTRATTI DI QUARTIERE II ART. BANDO DI GARA PER LA REALIZZAZIONE NELLA REGIONE SICILIANA DEI PROGRAMMI INNOVATIVI IN AMBITO URBANO DENOMINATI CONTRATTI DI QUARTIERE II ART. 1 Finanziamento 1. Al finanziamento degli interventi di edilizia

Dettagli

Cinque anni passati e la sfida per i cinque anni futuri

Cinque anni passati e la sfida per i cinque anni futuri Cinque anni passati e la sfida per i cinque anni futuri E un resoconto ampio quello che attiene ai cinque anni (2009-2013) della prima amministrazione guidata da Paolo Lucchi, così come è dettagliato il

Dettagli

Sintesi degli incontri di ascolto pubblici. Terzo incontro di ascolto in Zona 2. Casa delle Associazioni, via Miramare 9.

Sintesi degli incontri di ascolto pubblici. Terzo incontro di ascolto in Zona 2. Casa delle Associazioni, via Miramare 9. Sintesi degli incontri di ascolto pubblici Terzo incontro di ascolto in Zona 2 Casa delle Associazioni, via Miramare 9 16 Settembre 2015 Il terzo incontro di ascolto con i cittadini della zona 2 ha avuto

Dettagli

LA REGIONE SICILIANA ASSESSORATO DEI BENI CULTURALI E DELL IDENTITA SICILIANA (di seguito Assessorato)

LA REGIONE SICILIANA ASSESSORATO DEI BENI CULTURALI E DELL IDENTITA SICILIANA (di seguito Assessorato) PROTOCOLLO D INTESA PER LA INDIVIDUAZIONE DI AZIONI COMUNI VOLTE A MIGLIORARE LA VALORIZZAZIONE DEL PATRIMONIO CULTURALE DELLE CITTA D ARTE DELLA SICILIA TRA LA REGIONE SICILIANA ASSESSORATO DEI BENI CULTURALI

Dettagli

Programmi Integrati di Agevolazione PIA TURISMO (Art. 50 Reg. Regionale 17/2014)

Programmi Integrati di Agevolazione PIA TURISMO (Art. 50 Reg. Regionale 17/2014) Programmi Integrati di Agevolazione PIA TURISMO (Art. 50 Reg. Regionale 17/2014) Avviso a sportello a partire dal 03 giugno 2015 La gestione del presente strumento è di competenza della Regione Puglia

Dettagli

Questa lettera aperta vuole informare sulla grave situazione economica dei Comuni e che potrà riversarsi direttamente sui cittadini e le imprese.

Questa lettera aperta vuole informare sulla grave situazione economica dei Comuni e che potrà riversarsi direttamente sui cittadini e le imprese. I COMUNI RISPARMIANO, MA LE AMMINISTRAZIONI CENTRALI SPENDONO. TAGLIARE ANCORA VUOL DIRE TOGLIERE 6 MILIARDI DI EURO ALLE IMPRESE E MOLTI SERVIZI AI CITTADINI. I Comuni sono oggetto di una ingiusta campagna

Dettagli

Programma di Consiliatura

Programma di Consiliatura Programma di Consiliatura Candidato alla carica di Sindaco RITORTO Giovanni, detto Vanni Pag. 1 di 10 PROGRAMMA Premessa In questo documento sono sintetizzati le politiche e i principali punti programmatici

Dettagli

Comune di Galzignano Terme (Prov. Pd)

Comune di Galzignano Terme (Prov. Pd) ELEZIONE DEL SINDACO E DEL CONSIGLIO COMUNALE (Art. 71, comma 2, D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267) (Comuni sino a 15.000 abitanti) Comune di Galzignano Terme (Prov. Pd) Votazioni del giorno 26 e 27 maggio

Dettagli

SOMMARIO. Presentazione Il progetto Il risultato

SOMMARIO. Presentazione Il progetto Il risultato SOMMARIO Presentazione Il progetto Il risultato PARTE I - Identità Le origini del nome La storia Ragusa patrimonio dell umanità Le persone Il territorio L amministrazione - Gli organi di governo - La struttura

Dettagli

PROVINCIA DI RAVENNA: I COSTI DELLA POLITICA E LA SPESA DI PROVINCIA E COMUNI

PROVINCIA DI RAVENNA: I COSTI DELLA POLITICA E LA SPESA DI PROVINCIA E COMUNI PROVINCIA DI RAVENNA: I POLITICA E LA SPESA DI PROVINCIA E PREMESSA Il tema dei costi della politica e della qualità della spesa pubblica assume una importanza strategica, in momento come quello attuale

Dettagli

Mazara del Vallo, Un altra città da un altra politica

Mazara del Vallo, Un altra città da un altra politica PROGRAMMA ELETTORALE DEL CANDIDATO SINDACO GIUSEPPE MARINO ELEZIONI 6-7 GIUGNO 2009 Mazara del Vallo, Un altra città da un altra politica in 10 punti programmatici il governo della città Punto 1 I cittadini

Dettagli

Comune di Budrio Provincia di Bologna. Il bilancio di previsione 2011 Presentazione sintetica

Comune di Budrio Provincia di Bologna. Il bilancio di previsione 2011 Presentazione sintetica Il bilancio di previsione 2011 Presentazione sintetica In Italia c èc un grande debito pubblico. Ma come è suddiviso? (fonte Presidenza del Consiglio dei Ministri, 29 settembre 2010) Debito pubblico sul

Dettagli

COMUNE di BRACIGLIANO BILANCIO DI PREVISIONE - ESERCIZIO 2010 PARTE I - ENTRATA : Pag. 1

COMUNE di BRACIGLIANO BILANCIO DI PREVISIONE - ESERCIZIO 2010 PARTE I - ENTRATA : Pag. 1 PARTE I - ENTRATA : Pag. 1 Risorsa Accertamenti Previsioni PREVISIONI DI COMPETENZA 1 TITOLO I ENTRATE TRIBUTARIE 1 1 Categoria 01 - IMPOSTE 1010020 I.C.I 354.100,00 374.003,00 6.731,37 367.271,63 1010021

Dettagli

PROGRAMMA COMUNE DI SINNAI irs - Indipendentzia Repùbrica de Sardigna

PROGRAMMA COMUNE DI SINNAI irs - Indipendentzia Repùbrica de Sardigna PROGRAMMA COMUNE DI SINNAI irs - Indipendentzia Repùbrica de Sardigna ELEZIONI COMUNALI SINNAI 28 MAGGIO 2006 Irs, indipendentzia repubrica de Sardigna si presenta per la prima volta alle elezioni comunali

Dettagli

PIANO TRIENNALE PER LE OO.PP. TRIENNIO 2014 2016 L U.O. LL.PP. IL DIRIGENTE DEL SETTORE

PIANO TRIENNALE PER LE OO.PP. TRIENNIO 2014 2016 L U.O. LL.PP. IL DIRIGENTE DEL SETTORE V Settore Servizi Al Territorio U.O. LL.PP. PIANO TRIENNALE PER LE OO.PP. TRIENNIO 2014 2016 L U.O. LL.PP. IL DIRIGENTE DEL SETTORE PROGRAMMA TRIENNALE OO.PP. TRIENNIO 2014-2016 RELAZIONE GENERALE Il presente

Dettagli

Quartiere San Donato

Quartiere San Donato Quartiere San Donato P.G. N.: 45884/2013 N. O.d.G.:.: 9/2013 Data Seduta : 28/02/2013 Data Pubblicazione :01/03/2013 Data Esecutività : 28/02/2013 Immediatamente Esecutivo Oggetto: LINEE DI INDIRIZZO E

Dettagli

PROGRAMMA PER LE ELEZIONI AMMINISTRATIVE 2014

PROGRAMMA PER LE ELEZIONI AMMINISTRATIVE 2014 PROGRAMMA PER LE ELEZIONI AMMINISTRATIVE 2014 CANDIDATO SINDACO Patrizia Sbardolini CANDIDATI CONSIGLIERI Luca Felappi Raffaella Zanardini Serafino Frassi Luisa Manella Davide Morgera Alessandra Frassi

Dettagli

Cittadini e Amministrazione insieme per progettare il nuovo volto del Centro Storico. Sala della Giostra 19/09/2015

Cittadini e Amministrazione insieme per progettare il nuovo volto del Centro Storico. Sala della Giostra 19/09/2015 Cittadini e Amministrazione insieme per progettare il nuovo volto del Centro Storico Sala della Giostra 19/09/2015 Presentazione Risultati - Il programma Accoglienza partecipanti e caffè di benvenuto Presentazione

Dettagli

La mappa delle esigenze del territorio

La mappa delle esigenze del territorio La mappa delle esigenze del territorio Settembre - Ottobre 2014 Luoghi di aggregazione Valorizzando strutture già esistenti, serve la creazione di nuovi luoghi di socializzazione e integrazione, per favorire

Dettagli

Con noi per la città Area Civica Merlino Sindaco di Valenza

Con noi per la città Area Civica Merlino Sindaco di Valenza COMUNE DI VALENZA ELEZIONE DIRETTA DEL SINDACO E RINNOVO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEL 31-05-2015 PROGRAMMA AMMINISTRATIVO DELLA LISTA N. 1: Con noi per la città Area Civica Merlino Sindaco di Valenza Cerchio

Dettagli

MICHELE PINO OLIVERI NEL CUORE

MICHELE PINO OLIVERI NEL CUORE PROGRAMMA ELETTORALE DEL CANDIDATO A SINDACO MICHELE PINO COLLEGATO ALLA LISTA CIVICA OLIVERI NEL CUORE La lista OLIVERI NEL CUORE si ripresenta dopo soli due anni ai cittadini di Oliveri sentendo, ora

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ECONOMICO FINANZIARIA 2009

PROGRAMMAZIONE ECONOMICO FINANZIARIA 2009 PROGRAMMAZIONE ECONOMICO FINANZIARIA 2009 Nel complesso quadro normativo di riferimento della programmazione e previsione economico-finanziaria degli enti locali, predisporre il bilancio di previsione

Dettagli

Programma amministrativo

Programma amministrativo Programma amministrativo AMBIENTE E SOSTENIBILITA Riduzione dei rifiuti: Redazione del Piano Comunale per la Riduzione della Produzione dei Rifiuti. Il Piano è uno strumento necessario per individuare

Dettagli

Dom. c) Per muoversi in città quale mezzo utilizza principalmente? L auto La moto/ il motorino I mezzi pubblici La bici Va a piedi Altro

Dom. c) Per muoversi in città quale mezzo utilizza principalmente? L auto La moto/ il motorino I mezzi pubblici La bici Va a piedi Altro Dom. a) L area in cui risiede è: Nel centro storico In centro città ma non nel centro storico In altri quartieri Dom. b) Nell area in cui risiede, attualmente: C'è una ZTL (zona a traffico limitato) Non

Dettagli

Città di Conegliano CONTO DEL BILANCIO 2005

Città di Conegliano CONTO DEL BILANCIO 2005 Città di Conegliano CONTO DEL BILANCIO 2005 I conti del cittadino: come sono stati spesi i soldi di tutti Ecco le cifre del conto del bilancio 2005 LE ENTRATE ACCERTATE NEL 2005 SONO STATE PARI AD 43.962.251,42

Dettagli

Associazione Nazionale Comuni Siciliani BOZZA UNA PROPOSTA CIVICA DAI TERRITORI

Associazione Nazionale Comuni Siciliani BOZZA UNA PROPOSTA CIVICA DAI TERRITORI Associazione Nazionale Comuni Siciliani BOZZA UNA PROPOSTA CIVICA DAI TERRITORI PER INIZIARE A CONFRONTARSI IN OCCASIONE DELL ASSEMBLEA DEL 21 APRILE 2015 PERCHE LA SICILIA SI TROVA IN UNO STATO DI CALAMITÀ

Dettagli

Presentazione Programma Amministrativo. Valle Talloria 23 marzo 2010 Ricca 25 marzo 2010 Diano Capoluogo 26 marzo 2010

Presentazione Programma Amministrativo. Valle Talloria 23 marzo 2010 Ricca 25 marzo 2010 Diano Capoluogo 26 marzo 2010 Presentazione Programma Amministrativo Valle Talloria 23 marzo 2010 Ricca 25 marzo 2010 Diano Capoluogo 26 marzo 2010 FILOSOFIA E PRINCIPI ISPIRATORI DELLA LISTA N.1 INSIEME PER DIANO - al servizio della

Dettagli

Lista Civica CAVALIER GORGO NAVOLE - OBIETTIVO COMUNE

Lista Civica CAVALIER GORGO NAVOLE - OBIETTIVO COMUNE Lista Civica CAVALIER GORGO NAVOLE - OBIETTIVO COMUNE Programma Elettorale Elezioni Amministrative 25 Maggio 2014 1 Presentazione La lista civica OBIETTIVO COMUNE nasce dalla volontà di una numerosa squadra

Dettagli

COMUNE DI NOVARA Mappa strategica 2012-2014 PROGRAMMI LA CITTA SICURA E SERENA LA CITTA SI PRENDE CURA DELLA CITTA LA SCUOLA CASA APERTA PER TUTTI

COMUNE DI NOVARA Mappa strategica 2012-2014 PROGRAMMI LA CITTA SICURA E SERENA LA CITTA SI PRENDE CURA DELLA CITTA LA SCUOLA CASA APERTA PER TUTTI COMUNE DI NOVARA Mappa strategica 2012-2014 PROGRAMMI L AMMINISTRAZION E SEMPLICE E PARTECIPATA LA CITTA CHE SI MUOVE LA CITTA SICURA E SERENA LA CITTA PER IL TEMPO LIBERO LA CITTA CHE GUARDA AL FUTURO:

Dettagli

LA NORMA ISO 14001 APPLICATA AI COMUNI

LA NORMA ISO 14001 APPLICATA AI COMUNI LA NORMA ISO 14001 APPLICATA AI COMUNI 1. ASPETTI GENERALI Negli ultimi anni, in gran parte dei Paesi europei, si assiste a un crescente interesse verso l attuazione di una pianificazione locale del territorio

Dettagli

Gruppo di lavoro territorio. I questionari conoscitivi

Gruppo di lavoro territorio. I questionari conoscitivi Gruppo di lavoro territorio I questionari conoscitivi Aprile 2010 Presentazione Questionario sul "Puc Partecipato" a cura di Alessia Fracchia e Valentina Rivera In previsione della redazione del nuovo

Dettagli

Art. 41 (Immobili uso abitativo)

Art. 41 (Immobili uso abitativo) Articolo 41 (Incremento del patrimonio immobiliare destinato alla locazione di edilizia abitativa) Per incrementare il patrimonio immobiliare destinato alla locazione di edilizia abitativa, con particolare

Dettagli

5 modi. Boeri. per cambiare città restando a Milano. I Milanesi si riprendono la città. Scopri come. www.stefanoboeri.it. Stefano

5 modi. Boeri. per cambiare città restando a Milano. I Milanesi si riprendono la città. Scopri come. www.stefanoboeri.it. Stefano www.stefanoboeri.it 5 modi per cambiare città restando a Milano. I Milanesi si riprendono la città. Scopri come. Stefano Boeri Cambiamo città. Restiamo a Milano. 5 PROPOSTE. Un altra Milano comincia da

Dettagli

RELAZIONE CONTO CONSUNTIVO 2014

RELAZIONE CONTO CONSUNTIVO 2014 RELAZIONE CONTO CONSUNTIVO 2014 Il 2014 è stato l ultimo anno completo che l attuale maggioranza si è trovata ad amministrare. Un anno che ha presentato diverse difficoltà. La prima su tutte è stata la

Dettagli

REGOLAMENTO ATTIVITA E INIZIATIVE SULL AREA NAVIGLI

REGOLAMENTO ATTIVITA E INIZIATIVE SULL AREA NAVIGLI Milano, 15/2/2008 REGOLAMENTO ATTIVITA E INIZIATIVE SULL AREA NAVIGLI 1. Premesse... 2 2. Intenti dei sottoscrittori... 3 3. Richiedente... 4 4. Rapporti Richiedente Utilizzatore... 4 5. Costi per il plateatico...

Dettagli

c. MIGLIORAMENTO ED ESPANSIONE DELLE INFRASTRUTTURE E CON- SEGUENTE VALORIZZAZIONE DEL TERRITORIO

c. MIGLIORAMENTO ED ESPANSIONE DELLE INFRASTRUTTURE E CON- SEGUENTE VALORIZZAZIONE DEL TERRITORIO INFRASTRUTTURE E TERRITORIO Pag. 51 c. MIGLIORAMENTO ED ESPANSIONE DELLE INFRASTRUTTURE E CON- SEGUENTE VALORIZZAZIONE DEL TERRITORIO Quadro di riferimento Le infrastrutture sono lo scheletro del territorio,

Dettagli

ALBERGHI E ALBERGHI RESIDENZIALI

ALBERGHI E ALBERGHI RESIDENZIALI SETTORE ATTIVITA' PRODUTTIVE, CULTURA E TURISMO COMUNICAZIONE DELLE ATTREZZATURE E DEI PREZZI ANNO 201 1 SEMESTRE (entro il 1 ottobre) 2 SEMESTRE (entro il 1 marzo) ALBERGHI E ALBERGHI RESIDENZIALI PRIMA

Dettagli

L.R. EMILIA ROMAGNA, 25 NOVEMBRE 1988, N. 47 Norme per le minoranze nomadi in Emilia Romagna

L.R. EMILIA ROMAGNA, 25 NOVEMBRE 1988, N. 47 Norme per le minoranze nomadi in Emilia Romagna L.R. EMILIA ROMAGNA, 25 NOVEMBRE 1988, N. 47 Norme per le minoranze nomadi in Emilia Romagna Articolo 1 - Finalità e principi Nel quadro dell'attività di tutela delle minoranze etniche nel proprio territorio,

Dettagli

COMUNE DI SARROCH Provincia di Cagliari

COMUNE DI SARROCH Provincia di Cagliari COMUNE DI SARROCH Provincia di Cagliari IL RESPONSABILE DEL SETTORE SERVIZI SOCIALI In attuazione delle disposizioni della deliberazione della Giunta Comunale n. 49 del 06 agosto 2014, con la quale sono

Dettagli

PIANO DI GOVERNO DEL TERRITORIO. Piano dei Servizi. Comune di Torre de Busi Provincia di Lecco

PIANO DI GOVERNO DEL TERRITORIO. Piano dei Servizi. Comune di Torre de Busi Provincia di Lecco PIANO DI GOVERNO DEL TERRITORIO Comune di Torre de Busi Provincia di Lecco Piano dei Servizi ZONA E Allegato alla tav. S6 (PdS) ( le previsioni contenute nel Piano dei Servizi e concernenti le aree necessarie

Dettagli

COMUNE DI SAN GIULIANO DI PUGLIA. La ricostruzione di San Giuliano di Puglia

COMUNE DI SAN GIULIANO DI PUGLIA. La ricostruzione di San Giuliano di Puglia La ricostruzione di San Giuliano di Puglia Cronologia avvenimenti 11.32 GIOVEDÌ 31 OTTOBRE 2002: un terremoto di 5,4 gradi della scala Richter fa tremare il Molise. La zona più colpita è San Giuliano di

Dettagli

scopri cosa HO FATTO PER TE. La tua Regione

scopri cosa HO FATTO PER TE. La tua Regione scopri cosa HO FATTO PER TE. La tua Regione 1 DELIBERE DI GIUNTA Totali 892 NEL 2014 441 NEL 2015 451 GARANZIA GIOVANI DEPURATORI PISTE CICLABILI BANDA LARGA PESCARA-ROMA VIA CIELO ZERO RIMBORSI ALLA POLITICA

Dettagli

LINEE PROGRAMMATICHE DI GOVERNO rese dal Sindaco dott. Mario Battistuta nella seduta del 6 luglio 2011

LINEE PROGRAMMATICHE DI GOVERNO rese dal Sindaco dott. Mario Battistuta nella seduta del 6 luglio 2011 LINEE PROGRAMMATICHE DI GOVERNO rese dal Sindaco dott. Mario Battistuta nella seduta del 6 luglio 2011 Il sociale continuare l'associazione con gli altri Comuni del Distretto di Codroipo; sostenere l'operato

Dettagli

PRODUZIONE DI ENERGIA DA FONTI RINNOVABILI

PRODUZIONE DI ENERGIA DA FONTI RINNOVABILI PRODUZIONE DI ENERGIA DA FONTI RINNOVABILI Azione Come Chi 1. Il risparmio energetico come primissima fonte di energia rinnovabile 2. Promuovere attraverso sistemi di incentivi e disincentivi le scelte

Dettagli

Programma Movimento 5 Stelle Montecarotto

Programma Movimento 5 Stelle Montecarotto Sommario Programma Movimento 5 Stelle Montecarotto 1. POLITICHE SOCIALI, EQUITA ED INTEGRAZIONE... 2 2. LAVORI PUBBLICI... 3 3. VIABILITA... 4 4. GESTIONE RIFIUTI, SERVIZI DI PULIZIA CITTADINA, URBANISTICA

Dettagli

PROGRAMMA AMMINISTRATIVO LISTA CIVICA PER GALGAGNANO

PROGRAMMA AMMINISTRATIVO LISTA CIVICA PER GALGAGNANO PROGRAMMA AMMINISTRATIVO LISTA CIVICA PER GALGAGNANO 1) COME AMMINISTREREMO Al primo posto del nostro progetto c e appunto l amministrazione del paese che deve passare da una gestione monocratica ad una

Dettagli

REGIONE SARDEGNA PROVINCIA OGLIASTRA

REGIONE SARDEGNA PROVINCIA OGLIASTRA MOD. COM/ALB/RES REGIONE SARDEGNA PROVINCIA OGLIASTRA ALBERGO RESIDENZIALE Comunicazione delle attrezzatura e dei prezzi per l anno 20 1 (obbligatorio entro il 1 ottobre) 01 DENOMINAZIONE COMPLETA DELL

Dettagli

PREMESSA Piano Strutturale

PREMESSA Piano Strutturale PREMESSA il Comune ha avviato la procedura di revisione ed aggiornamento del Piano Strutturale, il documento che disegna il futuro del territorio, sia per il suo sviluppo, sia per la sua tutela. Per permettere

Dettagli

Riporta un recente comportamento della tua famiglia rappresentativo della sua irresponsabilità sociale.

Riporta un recente comportamento della tua famiglia rappresentativo della sua irresponsabilità sociale. VC Ginnasio Riporta un tuo recente comportamento individuale, rappresentativo della tua responsabilità sociale. - Rispettare la raccolta differenziata a scuola e in famiglia. Muovermi a piedi. - Attraversare

Dettagli

Allegato 4 Tabella di raccordo tra dimensioni del BES, funzioni e obiettivi della provincia

Allegato 4 Tabella di raccordo tra dimensioni del BES, funzioni e obiettivi della provincia Allegato 4 Tabella di raccordo tra dimensioni del BES, funzioni e obiettivi della provincia Dimensione/dominio Funzioni Piano strategico Tema Descrizione Standard materiali di vita (reddito,consumi,ricchezz

Dettagli

Responses. last 27 days. December 23, 2012 December 28, 2012 January 2, 2013 January 7, 2013 January 12, 2013. Sì, spesso Sì, qualche volta

Responses. last 27 days. December 23, 2012 December 28, 2012 January 2, 2013 January 7, 2013 January 12, 2013. Sì, spesso Sì, qualche volta 75 67 last 27 days 50 25 20 0 1 7 6 6 1 2 3 2 3 1 1 1 1 1 December 23, 2012 December 28, 2012 January 2, 2013 January 7, 2013 January 12, 2013 1. Lei usa i mezzi di trasporto pubblico a Lugano? Sì, spesso

Dettagli

INTEGRAZIONE E SERVIZI SOCALI NUOVA GESTIONE ED ORGANIZZAZIONE DEI SERVIZI SOCIALI: INTEGRAZIONE E SERVIZI SOCALI INTEGRAZIONE E SERVIZI SOCALI

INTEGRAZIONE E SERVIZI SOCALI NUOVA GESTIONE ED ORGANIZZAZIONE DEI SERVIZI SOCIALI: INTEGRAZIONE E SERVIZI SOCALI INTEGRAZIONE E SERVIZI SOCALI Proponente n. Azione Principale area di competenza (Nome e Cognome) 1 NUOVA GESTIONE ED ORGANIZZAZIONE DEI SERVIZI SOCIALI: PRIORITA': 1 altissima 2 alta 3 media 4 bassa FATTIBILITA': 1 Breve = entro un

Dettagli

Comune di Porto Torres Provincia di Sassari. Dichiarazioni programmatiche. Sindaco Sean Christian Wheeler

Comune di Porto Torres Provincia di Sassari. Dichiarazioni programmatiche. Sindaco Sean Christian Wheeler Comune di Porto Torres Provincia di Sassari Dichiarazioni programmatiche Sindaco Sean Christian Wheeler Elaborazione Servizio Programmazione e controllo PROGRAMMA 1 Organizzazione Ente PROGRAMMA 3 Lavoro

Dettagli

PROGRAMMA AMMINISTRATIVO 2013-2018 CANDIDATO SINDACO DOMENICO GUARNERI

PROGRAMMA AMMINISTRATIVO 2013-2018 CANDIDATO SINDACO DOMENICO GUARNERI ELEZIONI AMMINISTRATIVE 26-27 MAGGIO 2013 COMUNE DI ORBASSANO PROGRAMMA AMMINISTRATIVO 2013-2018 CANDIDATO SINDACO DOMENICO GUARNERI Il cittadino sarà al centro dell attività amministrativa dei Socialisti:

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE DELLE OPERE PUBBLICHE 2011-2013 DELL'AMMINISTRAZIONE DI PIAZZA ARMERINA ARTICOLAZIONE DELLA COPERTURA FINANZIARIA

PROGRAMMA TRIENNALE DELLE OPERE PUBBLICHE 2011-2013 DELL'AMMINISTRAZIONE DI PIAZZA ARMERINA ARTICOLAZIONE DELLA COPERTURA FINANZIARIA CITTA' DI PIAZZA ARMERINA - PTOP 2011-2013 SCHEDA 2 - Pagina 1 Legge 11 febbraio 1994, n. 109 e successive modificazioni, articolo 14, comma 12 nel testo coordinato con le norme della L.R. 2/8/2002, n.

Dettagli

Progetto MINISINDACI DEI PARCHI D ITALIA COLORIAMO IL NOSTRO FUTURO PROGETTO CCRR (CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI E DELLE RAGAZZE )

Progetto MINISINDACI DEI PARCHI D ITALIA COLORIAMO IL NOSTRO FUTURO PROGETTO CCRR (CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI E DELLE RAGAZZE ) Progetto MINISINDACI DEI PARCHI D ITALIA COLORIAMO IL NOSTRO FUTURO PROGETTO CCRR (CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI E DELLE RAGAZZE ) ANNO SCOLASTICO 2013/2014 RETE Progetto MINISINDACI DEI PARCHI D ITALIA

Dettagli

PIANO STRATEGICO Città di AGRIGENTO Insieme Oggi per costruire il Domani

PIANO STRATEGICO Città di AGRIGENTO Insieme Oggi per costruire il Domani PIANO STRATEGICO Città di AGRIGENTO Insieme Oggi per costruire il Domani Descrizione Progetto Il progetto, attraverso un processo partecipativo che coinvolge tutti i soggetti istituzionali, economici e

Dettagli

LINEE PROGRAMMATICHE

LINEE PROGRAMMATICHE LINEE PROGRAMMATICHE SVILUPPO E LAVORO VALORIZZAZIONE AMBIENTE E TURISMO LAVORI PUBBLICI ED URBANISTICA SERVIZI SOCIALI E SANITARI ISTRUZIONE CULTURA E TEMPO LIBERO SERVIZI VARI SVILUPPO E LAVORO Agricoltura,

Dettagli

PISTOIA ED IL COMMERCIO

PISTOIA ED IL COMMERCIO Pistoia PISTOIA ED IL COMMERCIO FAR VIVERE E RILANCIARE IL COMMERCIO NEL CENTRO STORICO È NECESSARIO UN ACCORDO CONDIVISO Pistoia Confesercenti ha dimostrato di avere a cuore il commercio del centro storico.

Dettagli

Programma di riqualificazione degli immobili agricoli (P.R.I.A.) non utilizzati o sotto utilizzati

Programma di riqualificazione degli immobili agricoli (P.R.I.A.) non utilizzati o sotto utilizzati Programma di riqualificazione degli immobili agricoli (P.R.I.A.) non utilizzati o sotto utilizzati Stato degli atti dopo il Febbraio 2010: Sono state presentate 90 proposte. L estensione complessiva delle

Dettagli

IL MIO MONDO IL TUO MONDO. Punto d ascolto ammalati e disabili Garante mondo disabilità

IL MIO MONDO IL TUO MONDO. Punto d ascolto ammalati e disabili Garante mondo disabilità IL MIO MONDO IL TUO MONDO Punto d ascolto ammalati e disabili Garante mondo disabilità L'idea di creare uno sportello d'ascolto presso il Comune di Aversa nasce da un approfondito confronto tra persone

Dettagli

QCD b INDAGINE SULLA PERCEZIONE DELTERRITORIO

QCD b INDAGINE SULLA PERCEZIONE DELTERRITORIO Piano Strutturale VERNIO Dicembre 2008 QCD b INDAGINE SULLA PERCEZIONE DELTERRITORIO Andrea Valzania La partecipazione dei cittadini: percezione del territorio e aspettative per il futuro Conoscere il

Dettagli

Piano della performance

Piano della performance CITTA DI ALTAMURA Piano della performance Valutazione della performance dell ente locale Ente : COMUNE DI ALTAMURA PRESENTAZIONE DELL ENTE INQUADRAMENTO TERRITORIALE Dove: Provincia: Zona: Regione Puglia

Dettagli

Primo Incontro di ascolto in Zona 2

Primo Incontro di ascolto in Zona 2 Sintesi degli incontri di ascolto pubblici Primo Incontro di ascolto in Zona 2 Cascina Cattabrega,via Trasimeno 49 20 luglio 2015 All incontro hanno preso parte 36 persone. I partecipanti sono stati 25

Dettagli

Città di Grosseto Il Comune che vogliamo. 2011-2016 - Programma di governo

Città di Grosseto Il Comune che vogliamo. 2011-2016 - Programma di governo 2011-2016 - Programma di governo GROSSETO OGGI La città ha superato gli 80 mila abitanti e la popolazione cresce velocemente. Si diffondono caratteri metropolitani e con essi gli elementi problematici

Dettagli

DELIBERAZIONE GIUNTA COMUNALE

DELIBERAZIONE GIUNTA COMUNALE DELIBERAZIONE GIUNTA COMUNALE COPIA Seduta in data : 29/08/2014 Atto n. 66 OGGETTO: Adesione a convenzione con il Tribunale di Lecco per svolgimento di lavoro di pubblica utilità ai sensi dell'art. 54

Dettagli

UMILTÀ E SPIRITO DI SERVIZIO

UMILTÀ E SPIRITO DI SERVIZIO IL NOSTRO STILE Prima del cosa c è il come : lo stile ed il metodo sono essenziali per capire la persona, per capire il modus operandi della squadra di governo. OSARE Buttiamo il cuore oltre l ostacolo,

Dettagli

L intervento a scala di quartiere: aspetti progettuali e di finanziabilità

L intervento a scala di quartiere: aspetti progettuali e di finanziabilità L intervento a scala di quartiere: aspetti progettuali e di finanziabilità Anna Maria Pozzo Direttore tecnico di Federcasa Premessa L efficienza energetica é una esigenza e una opportunità che va anche

Dettagli

Articolo 4 Oggetto Sociale

Articolo 4 Oggetto Sociale Articolo 4 Oggetto Sociale La Cooperativa, con riferimento ai requisiti e agli interessi dei soci, ha per oggetto: 1. Istituire o gestire comunità alloggio, a carattere residenziale o semiresidenziale,

Dettagli

Comune di SCANDICCI. Fondo europeo per l integrazione di cittadini di paesi terzi BROSHURË XHEPI E SCANDICCI-T. Udhëzues shërbimesh për qytetarët

Comune di SCANDICCI. Fondo europeo per l integrazione di cittadini di paesi terzi BROSHURË XHEPI E SCANDICCI-T. Udhëzues shërbimesh për qytetarët Progetto cofinanziato da 1 UNIONE EUROPEA Comune di SCANDICCI Fondo europeo per l integrazione di cittadini di paesi terzi SCANDICCI IN TASCA Guida ai servizi per i cittadini SCANDICCI IN YOUR POCKET Guide

Dettagli

Allegato1 FUNZIONIGRAMMA DELL ENTE

Allegato1 FUNZIONIGRAMMA DELL ENTE Allegato1 FUNZIONIGRAMMA DELL ENTE 1.1 - SEGRETARIO GENERALE SEGRETARIO GENERALE - Partecipazione con funzioni consultive, referenti e di assistenza alle riunioni di Consiglio e Giunta - Segreteria Giunta

Dettagli

PROGRAMMA AMMINISTRATIVO LISTA CIVICA VIGNATE SI CAMBIA

PROGRAMMA AMMINISTRATIVO LISTA CIVICA VIGNATE SI CAMBIA PROGRAMMA AMMINISTRATIVO LISTA CIVICA VIGNATE SI CAMBIA Vignate Elezioni Amministrative 25 maggio 2014 PREMESSA Vignate SI Cambia non è solo il nome più o meno originale della lista con cui ci presenteremo

Dettagli

CASA COMUNE. Trasparenza TRASPARENZA, PARTECIPAZIONE, EFFICIENZA DEL COMUNE, CONNETTIVITÀ, COMUNICAZIONE ELEZIONI AMMINISTRATIVE 2015 - GELA

CASA COMUNE. Trasparenza TRASPARENZA, PARTECIPAZIONE, EFFICIENZA DEL COMUNE, CONNETTIVITÀ, COMUNICAZIONE ELEZIONI AMMINISTRATIVE 2015 - GELA ELEZIONI AMMINISTRATIVE 2015 - GELA CASA COMUNE TRASPARENZA, PARTECIPAZIONE, EFFICIENZA DEL COMUNE, CONNETTIVITÀ, COMUNICAZIONE Trasparenza In questi anni il distacco dei cittadini dalla politica ha raggiunto

Dettagli

Buone idee per Bologna

Buone idee per Bologna Buone idee per Bologna RILANCIAR IL NOSTRO SISTMA PRODUTTIVO IN MODO SOSTNIBIL, PROMUOVNDO L OCCUPAZION Il LAVORO DI QUALITA, VALORIZZANDO I SAPRI LA CRATIVITA 1. Come riformare il nostro sistema di sviluppo

Dettagli

ANALISI DEI FABBISOGNI FORMATIVI E PROFESSIONALI NELLA PROVINCIA DI SIENA DICEMBRE 2010

ANALISI DEI FABBISOGNI FORMATIVI E PROFESSIONALI NELLA PROVINCIA DI SIENA DICEMBRE 2010 ANALISI DEI FABBISOGNI FORMATIVI E PROFESSIONALI NELLA PROVINCIA DI SIENA DICEMBRE 2010 INDICE Introduzione.3 1. Il settore sociale 3 2. Il settore dello spettacolo.5 3. Il settore della sicurezza..6 4.

Dettagli

MANUTENZIONE EDIFICI ISTRUZIONE

MANUTENZIONE EDIFICI ISTRUZIONE Centro di responsabilità n. 01.601 Manutenzioni Responsabile: arch. Massimiliano Filipozzi Programma RPP n.1 Area Organizzativa: Gestione Territorio Servizio Organizzativo di Riferimento Manutenzione Reti

Dettagli

AREA SERVIZI AL CITTADINO Direzione Centrale DECENTRAMENTO E SERVIZI AL CITTADINO Direzione di Progetto Area metropolitana e Municipalità

AREA SERVIZI AL CITTADINO Direzione Centrale DECENTRAMENTO E SERVIZI AL CITTADINO Direzione di Progetto Area metropolitana e Municipalità AREA SERVIZI AL CITTADINO Direzione Centrale DECENTRAMENTO E SERVIZI AL CITTADINO Direzione di Progetto Area metropolitana e Municipalità «Decentramento e Municipalità: i casi di Bologna, Napoli, Roma»

Dettagli

REGOLAMENTO AREE ADIBITE A PARCHI, GIARDINI O VERDE PUBBLICO

REGOLAMENTO AREE ADIBITE A PARCHI, GIARDINI O VERDE PUBBLICO COMUNE DI CASTENEDOLO PROVINCIA DI BRESCIA REGOLAMENTO AREE ADIBITE A PARCHI, GIARDINI O VERDE PUBBLICO Approvato con delibera del Consiglio Comunale n. 38 del 30.10.2012 1 TITOLO I NORMATIVA GENERALE

Dettagli

PROGRAMMA ELETTORALE ELEZIONI COMUNALI 25 MAGGIO 2014

PROGRAMMA ELETTORALE ELEZIONI COMUNALI 25 MAGGIO 2014 PROGRAMMA ELETTORALE ELEZIONI COMUNALI 25 MAGGIO 2014 La politica non è nelle competizioni degli uomini; non è nei sonanti discorsi. È, o dovrebbe essere, nell interpretare l epoca in cui si vive (..).

Dettagli

Linee guida. per la stesura dei Piani di. Azione e dei Piani di. Risanamento

Linee guida. per la stesura dei Piani di. Azione e dei Piani di. Risanamento Linee guida per la stesura dei Piani di Azione e dei Piani di Risanamento 1 Il Piano Regionale di Tutela e Risanamento dell'atmosfera, approvato dal Consiglio Regionale con deliberazione n. 57 dell'11

Dettagli

materiali didattici per il corso Programmi di Riqualificazione Urbana a.a. 2008-2009, Fabrizio Bottini

materiali didattici per il corso Programmi di Riqualificazione Urbana a.a. 2008-2009, Fabrizio Bottini Un caso di retail-led regeneration britannica inserito in una visione complessiva di sviluppo urbano e coinvolgimento dell impresa privata a fini complessi di carattere economico, sociale, urbanistico

Dettagli

Struttura di Università e Città

Struttura di Università e Città Sine Putimu. Università e città_allegati In occasione del quarto laboratorio tematico Sine Putimu. Università e Città, si inviano tutti i cittadini a partecipare alla costruzione del PUG (Piano Urbanistico

Dettagli