LA STORIA DEL SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LA STORIA DEL SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE"

Transcript

1 LA STORIA DEL SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE

2

3

4

5 L legge Pagliai (Legge Riforma sanitaria) istituzione Medici Comunali istituzione Medici Provinciali istituzione Direzione Generale Sanità L legge Crispi (Legge di Riforma ospedaliera) netta distinzione tra le Opere Pie ed i Servizi di Pubblica Assistenza 1907 Testo Unico delle Leggi Sanitarie L igiene viene valorizzata

6

7 Si sviluppa un sistema di mutualità sanitaria originato dalle società di mutuo soccorso e dalla solidarietà operaia Grande Guerra: morti Malattie infettive: Malaria, Tubercolosi

8 L ITALIA TRA LE DUE GUERRE SISTEMA DELLE MUTUE - Grande frammentazione. - 1/3 cittadini escluso LOTTA ALLE M. INFETTIVE Specie contro TBC e malaria. Assicurazione delle malattie professionali e della tubercolosi come avvio per l assicurazione generale

9 Seconda Grande Guerra Grandi passi indietro sul fronte igienico sanitario Nasce l Ente Mutualità che diverrà poi INAM (Istituto Nazionale Assicurazione contro le Malattie) IL DOPOGUERRA Scoperta degli antibiotici e miglioramento condizioni igienico-sanitarie portano ad una svolta epidemiologica con discesa della mortalità per m.infettive e ascesa di quella per m. metabolico-degenerative

10 LA SVOLTA EPIDEMIOLOGICA 1,7 TUMORI, M. C-V 1,27 m.infettive Mortalità per 1000 abitanti m.metabolico-degenerative 0,86 0,

11 Art. 32 Costituzione Italiana 1948 La Repubblica tutela la salute come fondamentale diritto dell individuo e interesse della collettività, e garantisce cure gratuite agli indigenti. Nessuno può essere obbligato a un determinato trattamento sanitario se non per disposizioni di legge.la legge non può in nessun caso violare i limiti imposti dal rispetto della persona umana.

12 LO SVILUPPO DEI SISTEMI SANITARI IN ITALIA 1 FASE ( ) La domanda è organizzata dagli enti mutualistici - principio assicurativo con contributi stato - molteplicità enti - diversità coperture rischio Sistema ospedaliero - origina dalle fondazioni religiose, opere pie, ecc

13 LO SVILUPPO DEI SISTEMI SANITARI IN ITALIA 1 FASE ( ): LA CONTRATTAZIONE SINDACALE E LO STATO CENTRALE 1958 Legge 296 Istituzione del Ministero Sanità per tendere ad una unica direzione di politica sanitaria Legge 132 di Riforma Ospedaliera Gli ospedali sono riformati in enti autonomi, classificati in base alle dimensioni ed alla presenza di specializzazioni e riorganizzati su tutto il territorio nazionale. Alle Regioni è affidato il compito di pianificare i bisogni e la programmazione ospedaliera.

14 LO SVILUPPO DEI SISTEMI SANITARI IN ITALIA 1970: sono istituite le Regioni a statuto ordinario, enti politici territoriali, costituzionalmente titolari delle competenze in materia di cure sanitarie e di assistenza 2 FASE ( ) 1974: lo Stato trasferisce alle regioni le competenze in materia di assistenza sanitaria legge. Le regioni provano ad assumere il ruolo di programmazione.

15 LO SVILUPPO DEI SISTEMI SANITARI IN ITALIA 3 FASE ( ): NASCITA DEL SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE 1978 Legge 833 di Riforma Sanitaria Istituzione del Servizio Sanitario Nazionale Il SSN viene definito: complesso delle funzioni, delle strutture, dei servizi destinati alla promozione, al mantenimento e al recupero della salute fisica e psichica di tutta la popolazione, senza distinzioni di condizioni individuali o sociali e secondo modalità che assicurino l eguaglianza dei cittadini nei confronti del servizio

16 LO SVILUPPO DEI SISTEMI SANITARI IN ITALIA 3 FASE ( ): NASCITA DEL SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE La Riforma Sanitaria - vengono liquidate le mutue - si istituisce il Fondo sanitario nazionale - le regioni ripartiscono il fondo tra le USL La politica dei tagli e dei ticket - la Corte Costituzionale dichiarerà la responsabilità dello stato per l equilibrio economico e finanziario delle USL

17 Il servizio sanitario nazionale L. 833/78 Organizzazione del sistema di tutela della salute in modo: unitario: tutti i cittadini alla stesso modo globale: prevenzione, diagnosi, cura e riabilitazione territoriale: coordinamento tra ospedale e territorio con i servizi sociali

18 Il servizio sanitario nazionale L. 833/78 Livello Nazionale Livello Regionale Livello Locale

19 LO SVILUPPO DEI SISTEMI SANITARI IN ITALIA 4 FASE ( ): LA RIFORMA DELLA RIFORMA Decreto Legislativo n. 502 del 30/12/1992 Riordino della disciplina in materia sanitaria Decreto Legislativo n. 517 del 7/12/1993 Modifiche del D.L. 502: Riordino della disciplina in materia sanitaria

20 LO SVILUPPO DEI SISTEMI SANITARI IN ITALIA 4 FASE ( ): LA RIFORMA DELLA RIFORMA Il 502 e il 517 attribuzione alle USL della natura giuridica di azienda pubblica di servizi ridefinizione ambiti territoriali delle USL rete nazionale di ospedali altamente specializzati (aziende ospedaliere) vincolo di pareggio in bilancio ridefinizione del finanziamento del SSN

21 LO SVILUPPO DEI SISTEMI SANITARI IN ITALIA 4 FASE ( ): LA RIFORMA DELLA RIFORMA Il 502 e il 517 Previsione di una quota capitaria uniforme a copertura dei livelli di assistenza definiti dal PSN responsabilizzazione delle Regioni in caso di sfondamento del finanziamento assegnato introduzione di indicatori di efficienza e qualità come strumento ordinario e sistematico per l autovalutazione e la verifica gestionale dei risultati conseguiti.

22 LO SVILUPPO DEI SISTEMI SANITARI IN ITALIA 4 FASE ( ): LA RIFORMA DELLA RIFORMA Il 502 e il 517 introduzione nel rapporto di lavoro di istituti giuridici propri dei contratti di diritto privato garanzia di libertà di scelta della struttura da parte dell utente canalizzazione dei contributi sanitari direttamente alle regioni nuovi rapporti tra USL e Università

23 LO SVILUPPO DEI SISTEMI SANITARI IN ITALIA IL CAMBIAMENTO ORGANIZZATIVO L AZIENDA SANITARIA E LA SUA ARCHITETTURA LA PROGRAMMAZIONE NAZIONALE, REGIONALE E AZIENDALE

24 LO SVILUPPO DEI SISTEMI SANITARI IN ITALIA L AZIENDA SANITARIA L USL è azienda dotata di personalità giuridica pubblica, di autonomia organizzativa, amministrativa, patrimoniale, gestionale e tecnica Provvede ad assicurare i livelli di assistenza definiti dal Piano sanitario nazionale nel proprio ambito territoriale (DL. 517, art 3) Le regioni costituiscono in Azienda Ospedaliera, con le stesse caratteristiche dell azienda USL, gli ospedali di rilievo nazionale e di alta specializzazione, nonché i policlinici universitari. Gli ospedali non costituiti in azienda Ospedaliera conservano la natura di presidi dell USL.

25 Decreto Legislativo 502/92 e 517/93 Aziende USL: Presidi ospedalieri Distretti Aziende ospedaliere

26 Decreto Legislativo 502/92 e 517/93 I distretti sono: articolazioni territoriali organizzative e funzionali delle aziende.. Gestiscono le strutture e i servizi ubicati nel territorio di competenza e destinati all assistenza sanitaria di base e specialistica di 1 livello Attività socio-assistenziale di base

27 LO SVILUPPO DEI SISTEMI SANITARI IN ITALIA DIRETTORE GENERALE Al Direttore Generale, che ha un contratto di diritto privato, quinquennale, rinnovabile, sono riservati: I poteri di gestione e di rappresentanza legale dell azienda La verifica della corretta ed economica gestione delle risorse attribuite L imparzialità e il buon andamento dell azione amministrativa Nomina, con provvedimento motivato, un Direttore Sanitario e un Direttore Amministrativo

28 LO SVILUPPO DEI SISTEMI SANITARI IN ITALIA COLLEGIO DEI REVISORI Il collegio dei revisori (oggi collegio sindacale) dura anch esso in carica cinque anni e vigila: Sull osservanza delle leggi Sulla corretta tenuta della contabilità

29 LO SVILUPPO DEI SISTEMI SANITARI IN ITALIA Decreto Legislativo 502/92 e 517/93 - rapporti tra Servizio sanitario nazionale e Università - formazione del personale infermieristico, tecnico e della riabilitazione - erogazione delle prestazioni - concorso alla spesa - controllo di qualità e carta dei servizi - finanziamenti (quota capitaria, autofinanziamento regionale)

30 Decreto Legislativo 502/92 e 517/93 Diritti dei cittadini: personalizzazione ed umanizzazione dell assistenza diritto all informazione alle prestazioni alberghiere alle attività di prevenzione delle malattie

31 L organizzazione delle Aziende sanitarie Dipartimenti Ospedalieri (es. Cardiovascolare) Dipartimenti Territoriali (es. Cure primarie) Dipartimenti misti (es. Salute mentale) Residenze sanitarie assistenziali (RSA) Hospice Il Dipartimento di Prevenzione (Sanità Pubblica)

32 Piano sanitario nazionale Strumento essenziale per la politica sanitaria stabilisce i livelli essenziali di assistenza (LEA) garantiti dal S.S.N. a titolo gratuito o con partecipazione alla spesa

33 Piano sanitario nazionale Contiene strategie, obiettivi ed indirizzi per: Piano sanitario Regionale Piano attuativo locale

34 Piano Sanitario Nazionale (PSN) Aree di intervento LEA e qualità dell assistenza Quota capitaria Progetti-obiettivo Ricerca biomedica Formazione di base e continua Linee guida e percorsi diagnosticoterapeutici

35 Successive riforme ed integrazioni normative

BISOGNO, DOMANDA E OFFERTA

BISOGNO, DOMANDA E OFFERTA BISOGNO, DOMANDA E OFFERTA Bisogno e domanda Il particolare stato di bisogno che accompagna l insorgenza di una malattia non è confrontabile con altri bisogni (ad es. fame, sete, sonno) Per molti bisogni

Dettagli

ORGANIZZAZIONE SANITARIA. Prof. A. Mistretta

ORGANIZZAZIONE SANITARIA. Prof. A. Mistretta ORGANIZZAZIONE SANITARIA Prof. A. Mistretta ASL Nell'ordinamento italiano l'azienda sanitaria locale (ASL) è un ente pubblico locale. In passato ente strumentale della regione, al quale competeva l'organizzazione

Dettagli

Organizzazione dei Servizi Sociali. La riforma sanitaria. Scienze filosofiche e dell educazione Prof. Mauro Serio

Organizzazione dei Servizi Sociali. La riforma sanitaria. Scienze filosofiche e dell educazione Prof. Mauro Serio Organizzazione dei Servizi Sociali La riforma sanitaria Scienze filosofiche e dell educazione Prof. Mauro Serio 1 2 Premessa alla riforma Legge 132/1968 - Riforma ospedaliera. Istituisce gli Enti Ospedalieri.

Dettagli

Corso OSS 2009/2010. Luca Cecchetto Corso OSS 2010 1

Corso OSS 2009/2010. Luca Cecchetto Corso OSS 2010 1 Corso OSS 2009/2010 Luca Cecchetto Corso OSS 2010 1 Concetto di salute "Uno stato di completo benessere fisico, mentale e sociale e non la semplice assenza dello stato di malattia o di infermità." (OMS,

Dettagli

SISTEMI SANITARI EUROPEI. Il sistema sanitario italiano

SISTEMI SANITARI EUROPEI. Il sistema sanitario italiano SISTEMI SANITARI EUROPEI MODELLI A CONFRONTO Il sistema sanitario italiano Domenico Iscaro Presidente Nazionale Anaao-Assomed Firenze, 13 febbraio 2015 IN ITALIA PRIMA DEL 1978 Sistema mutualistico (modello

Dettagli

5) I livelli uniformi di assistenza vengono determinati: 6) Qual è la natura giuridica della Asl?

5) I livelli uniformi di assistenza vengono determinati: 6) Qual è la natura giuridica della Asl? QUIZ TEM: Legislazione 6 Quiz estratti dalla banca dati del sito www.infermiereonline.altervista.org e La banca dati contiene oltre 10000 quiz dei concorsi svolti sino ad ora in tutta Italia. 1) L attuazione

Dettagli

I Sistemi Sanitari influenza sullo stato di salute della comunità

I Sistemi Sanitari influenza sullo stato di salute della comunità Facoltà di Psicologia Corso di Medicina Sociale I Sistemi Sanitari influenza sullo stato di salute della comunità Prof. Plinio Fabiani 20/11/2008 L evoluzione Un sistema sanitario è l insieme delle organizzazioni,

Dettagli

Accesso ai servizi sanitari per chi si trova in condizione di fragilità sociale e culturale

Accesso ai servizi sanitari per chi si trova in condizione di fragilità sociale e culturale Roma 2010 Accesso ai servizi sanitari per chi si trova in condizione di fragilità sociale e culturale Salvatore Geraci Area Sanitaria Caritas di Roma Società Italiana di Medicina delle Migrazioni Nostre

Dettagli

INDICE CAPITOLO PRIMO LE LEGGI SULLA SANITÀ CHE HANNO PRECEDUTO LA COSTITUZIONE REPUBBLICANA

INDICE CAPITOLO PRIMO LE LEGGI SULLA SANITÀ CHE HANNO PRECEDUTO LA COSTITUZIONE REPUBBLICANA INDICE Prefazione... Pag. XIII CAPITOLO PRIMO LE LEGGI SULLA SANITÀ CHE HANNO PRECEDUTO LA COSTITUZIONE REPUBBLICANA 1.1. La concezione arcaica della salute pubblica... Pag. 1 1.2. Le prime leggi amministrative

Dettagli

Organizzazione Sanitaria internazionale i e nazionale Perugia, Ottobre 2010 Dr. Paolo Menichetti 1. Organizzazione sanitaria internazionale 2. Organizzazione sanitaria italiana: fasi storiche 3. Organizzazione

Dettagli

I sistemi sanitari dei Paesi sviluppati, quelli che appartengono all OCSE, hanno realizzato 3 modelli istituzionalizzati

I sistemi sanitari dei Paesi sviluppati, quelli che appartengono all OCSE, hanno realizzato 3 modelli istituzionalizzati SISTEMA SANITARIO Insieme delle istituzioni, attori e risorse (umane e materiali) che concorrono alla promozione, al recupero ed al mantenimento della salute. Finalità di questo sistema è produrre salute.

Dettagli

ORGANIZZAZIONE SANITARIA. Prof. A. Mistretta

ORGANIZZAZIONE SANITARIA. Prof. A. Mistretta ORGANIZZAZIONE SANITARIA Prof. A. Mistretta LEGISLAZIONE ED ORGANIZZAZIONE Il Servizio Sanitario Nazionale Il Servizio Sanitario Nazionale (S.S.N.) è nato con una legge n. 833 del 23 dicembre del 1978;

Dettagli

Organizzazione Sanitaria internazionale e nazionale Perugia, Ottobre 2012 Dr. Paolo Menichetti 1. Organizzazione sanitaria internazionale 2. Organizzazione sanitaria italiana: fasi storiche 3. Organizzazione

Dettagli

Il Servizio Sanitario in Italia

Il Servizio Sanitario in Italia Il Servizio Sanitario in Italia Corso di Economia e Gestione delle Amministrazioni Pubbliche A.A. 2014/2015 Docente: Prof. Giuseppe Catalano 17/12/2014 A cura di: Silvia Danella Gemma Oranges Marco Salvatore

Dettagli

Corso di Igiene Scolas0ca

Corso di Igiene Scolas0ca Lezioni gruppo 6 Corso di Igiene Scolas0ca I SEMESTRE A.A. 2011-2012 Walter Mazzucco Medico Specialista in Igiene e Medicina Preven0va Epidemiologo Roma, 10.1.2012 waltermazzucco@gmail.com SALUTE DELLA

Dettagli

REGOLAMENTO ORGANICO DELL IRCCS FONDAZIONE SANTA LUCIA

REGOLAMENTO ORGANICO DELL IRCCS FONDAZIONE SANTA LUCIA REGOLAMENTO ORGANICO DELL IRCCS FONDAZIONE SANTA LUCIA Con modifiche ed integrazioni al regolamento del 19 maggio 2004 approvate dal Consiglio di Amministrazione il 28/09/2009 per completare l adeguamento

Dettagli

Organizzazione sanitaria. Bruno Federico b.federico@unicas.it

Organizzazione sanitaria. Bruno Federico b.federico@unicas.it Organizzazione sanitaria Bruno Federico b.federico@unicas.it Docenti Corso integrato «Management sanitario e didattica» Federico, Palombo, Scafarto Organizzazione sanitaria (2 CFU) Medicina legale e delle

Dettagli

Art. 1 Rivisitazione tariffario per le prestazioni ospedaliere e specialistiche ambulatoriali

Art. 1 Rivisitazione tariffario per le prestazioni ospedaliere e specialistiche ambulatoriali LEGGE REGIONALE 7 agosto 2002, n. 29 Approvazione disposizioni normative collegate alla legge finanziaria regionale relative al Settore Sanità. (BUR n. 14 dell 1 agosto 2002, supplemento straordinario

Dettagli

Organizzazione sanitaria e

Organizzazione sanitaria e Università Cattolica del Sacro Cuore Facoltà di Economia Organizzazione sanitaria e Sistemi sanitari comparati Prof. Gualtiero Ricciardi Direttore, Istituto di Igiene Professore Ordinario di Igiene presso

Dettagli

CORSO DI ECONOMIA AZIENDALE

CORSO DI ECONOMIA AZIENDALE Andrea Bellucci Facoltà di Economia Dipartimento di Discipline Giuridiche e Aziendali Corso di Laurea Specialistica in Medicina e Chirurgia CORSO DI ECONOMIA AZIENDALE Docente: Andrea Bellucci Parte I:

Dettagli

MATERIALI PER UNA NUOVA CONTABILITÀ DEGLI ENTI PUBBLICI

MATERIALI PER UNA NUOVA CONTABILITÀ DEGLI ENTI PUBBLICI MATERIALI PER UNA NUOVA CONTABILITÀ DEGLI ENTI PUBBLICI Organo ufficiale di cultura delle istituzioni pubbliche dell Istituto Max Weber 1. Materiali per una nuova contabilità degli enti pubblici. Lezioni

Dettagli

EVOLUZIONE DELL ASSISTENZA SANITARIA IN ITALIA

EVOLUZIONE DELL ASSISTENZA SANITARIA IN ITALIA EVOLUZIONE DELL ASSISTENZA SANITARIA IN ITALIA Organizzazione sanitaria: storia (1) Prima del XIX secolo Rapporto individuale fra medico e paziente a pagamento -> classi abbienti enti caritatevoli religiosi

Dettagli

enrico.bollero@ptvonline.it l Università di Roma con 110 e lode

enrico.bollero@ptvonline.it l Università di Roma con 110 e lode ENRICO BOLLERO Curriculum vitae INFORMAZIONI PERSONALI Tel 06 2090.0025 E-mail enrico.bollero@ptvonline.it Nazionalità Italiana Data di nascita Roma, 12 Dicembre 1940 TITOLI ACCADEMICI DI STUDIO 1966 Laureato

Dettagli

La specializzazione in Medicina di Comunità è stata collocata nella classe della Medicina Clinica Generale.

La specializzazione in Medicina di Comunità è stata collocata nella classe della Medicina Clinica Generale. La specializzazione in Medicina di Comunità è stata collocata nella classe della Medicina Clinica Generale. Decreto MIUR su Riassetto delle Scuole di specializzazione di area sanitaria G.U. n. 285 del

Dettagli

Dinamica di affermazione dello Stato sociale

Dinamica di affermazione dello Stato sociale 1 Dinamica di affermazione dello Stato sociale Avvento della società industriale: crescita proletariato urbano e dei processi organizzativi che ne conseguono (nascita movimenti operai, sindacati, partiti

Dettagli

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI DELL UOMO Art. 25

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI DELL UOMO Art. 25 DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI DELL UOMO Art. 25 Tutte le persone hanno diritto a un livello di vita sufficiente a garantire la propria salute, il proprio benessere e quello della propria famiglia,

Dettagli

LINEE GUIDA PER I PIANI DI ZONA

LINEE GUIDA PER I PIANI DI ZONA Milano Milano LINEE GUIDA PER I PIANI DI ZONA La legge 328/00 attribuisce agli enti locali, alle regioni ed allo Stato il compito di realizzare la programmazione degli interventi e delle risorse del sistema

Dettagli

a cura di: Società Italiana di Psicologia dei Servizi Ospedalieri e Territoriali

a cura di: Società Italiana di Psicologia dei Servizi Ospedalieri e Territoriali EROGATA DALLE STRUTTURE ORGANIZZATIVE COMPLESSE DI PSICOLOGIA, TERRITORIALI ED OSPEDALIERE, DEL S. S. N. E PER GLI INTERVENTI A FAVORE DELLO SVILUPPO DELL INTEGRAZIONE SOCIO SANITARIA. a cura di: Società

Dettagli

Elementi di politica sanitaria

Elementi di politica sanitaria Elementi di politica sanitaria 1 Nella lezione prec. abbiamo visto: Concetto di salute e sua evoluzione Economia ed economia sanitaria Domanda, offerta ed elasticità Mercato e fallimenti del mercato Misuratori

Dettagli

Il contributo della Professione amministrativa

Il contributo della Professione amministrativa Regione FVG - ASS N. 5 Bassa Friulana Il contributo della Professione amministrativa dott.ssa Paola Menazzi Convegno interregionale CARD Tra corsi e ricorsi regionali, i migliori percorsi di governance

Dettagli

Interventi a sostegno dei diritti della popolazione detenuta della regione Lazio

Interventi a sostegno dei diritti della popolazione detenuta della regione Lazio Proposta di Legge regionale n. 11 del 28 giugno 2005 di iniziativa dei consiglieri Nieri, Tibaldi, Pizzo, Luciani e Peduzzi Oggetto: Interventi a sostegno dei diritti della popolazione detenuta della regione

Dettagli

C U R R I C U L U M STUDI E ATTIVITA FORMATIVA ABILITAZIONI PROFESSIONALI

C U R R I C U L U M STUDI E ATTIVITA FORMATIVA ABILITAZIONI PROFESSIONALI Giorgio Giulio SANTONOCITO Nato a Gela (CL), il 22 Maggio 1968 Residenza: Catania Via S. Paola, 8 Tel. 095/553888 cell. 333/3778665 Mail: g.santonocito@alice.it, g.santonocito@comune.catania.it STUDI E

Dettagli

ATTO AZIENDALE 2013-2015 DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO AZIENDA ULSS 12 VENEZIANA

ATTO AZIENDALE 2013-2015 DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO AZIENDA ULSS 12 VENEZIANA AZIENDA ULSS 12 VENEZIANA ATTO AZIENDALE DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO 2013-2015 D. Lgs. 30 dicembre 1992, n. 502 D.G.R. 19 novembre 2013, n. 2122 D.G.R. 10 dicembre 2013, n. 2271 INDICE TITOLO I -

Dettagli

LA SCOMMESSA SANITA IN VENETO E NELL AMERICA DI OBAMA. Assetto istituzionale Veneto e sistema di finanziamento

LA SCOMMESSA SANITA IN VENETO E NELL AMERICA DI OBAMA. Assetto istituzionale Veneto e sistema di finanziamento Agenzia Regionale Socio Sanitaria del Veneto LA SCOMMESSA SANITA IN VENETO E NELL AMERICA DI OBAMA Assetto istituzionale Veneto e sistema di finanziamento Dr. F. Antonio Compostella Il Sistema Sanitario

Dettagli

BOLLETTINO UFFICIALE SOMMARIO REPUBBLICA ITALIANA. Supplemento - Venerdì 14 agosto 2015

BOLLETTINO UFFICIALE SOMMARIO REPUBBLICA ITALIANA. Supplemento - Venerdì 14 agosto 2015 Anno XLIV N. 210 Iscritto nel registro Stampa del Tribunale di Milano (n. 656 del 21 dicembre 2010) Proprietario: Giunta Regionale della Lombardia Sede Direzione e redazione: p.zza Città di Lombardia,

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA

PROTOCOLLO DI INTESA PROTOCOLLO DI INTESA per l attuazione della Medicina Penitenziaria ex Decreto Lgs. 22.6.1999, n. 230 tra - Regione Puglia, - Provveditorato Regionale dell Amministrazione Penitenziaria per la Puglia, -

Dettagli

Capitolo 1. Organizzazione sanitaria

Capitolo 1. Organizzazione sanitaria Capitolo 1 Organizzazione sanitaria Sommario: 1. Nascita del sistema sanitario nazionale. - 2. Istituzione del Servizio sanitario nazionale (SSN) e creazione delle Unità sanitarie locali (USL). - 3. Il

Dettagli

Linee guida per la gestione della contabilità analitica e per la costruzione del modello LA

Linee guida per la gestione della contabilità analitica e per la costruzione del modello LA REGIONE BASILICATA DIPARTIMENTO SALUTE, SICUREZZA E SOLIDARIETA SOCIALE, SERVIZI ALLA PERSONA E ALLA COMUNITA Linee guida per la gestione della contabilità analitica e per la costruzione del modello LA

Dettagli

MiMS. Master in Management Sanitario. Il territorio

MiMS. Master in Management Sanitario. Il territorio 1 Il territorio 2 Il territorio: tendenze evolutive Aumentata l aspettativa di vita: U = 76 anni D = 82,4 anni Patologie croniche prevalgono su quelle acute Possibilità di eseguire piccoli interventi chirurgici

Dettagli

Il sistema sanitario italiano

Il sistema sanitario italiano Il sistema Il Sistema Sanitario Nazionale (SSN) viene istituito nel 1978 (legge 833/1978). Tre livelli di governo: 1) Stato, Ministero della Sanità. 2) Regioni (istituite a inizio anni 70), Assessorati

Dettagli

LA MUTUALITA IN VENTI DEFINIZIONI

LA MUTUALITA IN VENTI DEFINIZIONI LA MUTUALITA IN VENTI DEFINIZIONI MUTUALITA E SOCIETA Inclusione sociale Condizione che consente a tutti i cittadini di accedere ai percorsi di assistenza più efficaci ed appropriati in relazione ai propri

Dettagli

Origini e sviluppo della sanità pubblica

Origini e sviluppo della sanità pubblica Origini e sviluppo della sanità pubblica Sanità pubblica azione della comunità rivolta ad evitare le malattie e ogni altra minaccia alla salute ed al benessere degli individui e della popolazione Origini

Dettagli

Il sistema sanitario italiano

Il sistema sanitario italiano Il sistema sanitario italiano 3 livelli di assistenza: assistenza ospedaliera assistenza medico-generica e specialistica assistenza farmaceutica Finanziamento: IRAP, addizionale IRPEF, IVA, accisa sulla

Dettagli

Progetto Casa della Salute Regione Toscana 1

Progetto Casa della Salute Regione Toscana 1 Progetto Presidio Casa della Salute ( CdS ) Regione Toscana Adeguamento ed implementazione 1. Introduzione IL CONTESTO Negli ultimi anni i mutamenti e le nuove dinamiche dello scenario epidemiologico e

Dettagli

REGIONANDO 2000. REGIONE EMILIA ROMAGNA SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE AZIENDA U.S.L. di CESENA

REGIONANDO 2000. REGIONE EMILIA ROMAGNA SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE AZIENDA U.S.L. di CESENA REGIONANDO 2000 REGIONE EMILIA ROMAGNA SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE AZIENDA U.S.L. di CESENA PROGETTO SALEM PER L ASSISTENZA SANITARIA AI CITTADINI STRANIERI IMMIGRATI E AGLI INDIGENTI SENZA FISSA DIMORA

Dettagli

Specializzato in Statistica Sanitaria con indirizzo in programmazione socio-sanitaria presso l Università dell Aquila con votazione 70/70 e lode.

Specializzato in Statistica Sanitaria con indirizzo in programmazione socio-sanitaria presso l Università dell Aquila con votazione 70/70 e lode. DOTT. IVAN TERSIGNI CURRICULUM FORMATIVO E PROFESSIONALE STUDI Laureato in Medicina e Chirurgia presso l'universita' Cattolica del Sacro Cuore di Roma il 21-7-1978, con votazione 110/110 e lode. Specializzato

Dettagli

Ospedale e territorio, esperienze ed evoluzione futura

Ospedale e territorio, esperienze ed evoluzione futura Ospedale e territorio, esperienze ed evoluzione futura Enrico Bollero Direttore Generale, Fondazione Policlinico Tor Vergata Coordinatore Forum Direttori Generali FEDERSANITÀ - Anci 1 Il problema La continuità

Dettagli

LA RIFORMA SANITARIA Quater. LA PROPOSTA della CIMO-ASMD

LA RIFORMA SANITARIA Quater. LA PROPOSTA della CIMO-ASMD LA RIFORMA SANITARIA Quater LA PROPOSTA della CIMO-ASMD in schede riassuntive MINISTERO SANITÀ Normativa nazionale Controllo attività e statistica Quota nazionale di solidarietà Profilassi Piano Sanitario

Dettagli

FIGURA PROFESSIONALE DI OPERATORE SOCIO-SANITARIO

FIGURA PROFESSIONALE DI OPERATORE SOCIO-SANITARIO Allegato A alla D.G.R. 28.09.2012, nr. 621 FIGURA PROFESSIONALE DI OPERATORE SOCIO-SANITARIO ARTICOLO 1 NOZIONE 1. Il profilo professionale dell operatore socio-sanitario è stato regolamentato a livello

Dettagli

PROPOSTA DI DISEGNO DI LEGGE INFERMIERI DI FAMIGLIA CONVENZIONATI

PROPOSTA DI DISEGNO DI LEGGE INFERMIERI DI FAMIGLIA CONVENZIONATI PROPOSTA DI DISEGNO DI LEGGE INFERMIERI DI FAMIGLIA CONVENZIONATI 1 / 8 RELAZIONE Egregi colleghi, la legislazione vigente riconosce già all infermiere un ruolo fondamentale in assistenza domiciliare,

Dettagli

"La forza è nelle differenze, non nelle similitudini" Stephen Covey (scrittore)

La forza è nelle differenze, non nelle similitudini Stephen Covey (scrittore) "La forza è nelle differenze, non nelle similitudini" Stephen Covey (scrittore) Modelli di interazione tra Dipartimento di Prevenzione e Distretti nella ASL Roma A 5 Ottobre 2013 Angelo Barbato Barbara

Dettagli

158 infosalute 08. 3.6 La spesa sanitaria di parte corrente

158 infosalute 08. 3.6 La spesa sanitaria di parte corrente 3.6 La spesa sanitaria di parte corrente La spesa corrente del Servizio sanitario nazionale si è attestata per l anno 2008 a 106.621.951 migliaia di euro (nel 2007=103.095.707 migliaia di euro; nel 2006=99.231.005

Dettagli

MASTER per il Coordinamento

MASTER per il Coordinamento MASTER per il Coordinamento L. Briziarelli con M. Dellai, M. Giontella, A. Mastrillo e il contributo straordinario di L. Saiani Aggiornamento 2006-07 38 Corsi di Master 23 a Roma (7 Sapienza,16 Torvergata)

Dettagli

IN EUROPA. OMS Europa. Prestazioni e servizi sociosanitari. La normativa nazionale Franco Pesaresi (Anoss)

IN EUROPA. OMS Europa. Prestazioni e servizi sociosanitari. La normativa nazionale Franco Pesaresi (Anoss) Corso di formazione: I servizi sociosanitari nella legislazione nazionale e della regione Marche Prestazioni e servizi sociosanitari. La normativa nazionale Franco Pesaresi (Anoss) Moie di Maiolati (An)

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PERUGIA Facoltà di Medicina e Chirurgia Corso di Laurea Magistrale Medicina e Chirurgia I anno, II semestre

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PERUGIA Facoltà di Medicina e Chirurgia Corso di Laurea Magistrale Medicina e Chirurgia I anno, II semestre UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PERUGIA Facoltà di Medicina e Chirurgia Corso di Laurea Magistrale Medicina e Chirurgia I anno, II semestre Modulo: ORGANIZZAZIONE E PROGRAMMAZIONE SANITARIA DI BASE Docente:

Dettagli

Art. 1. Istituzione dei Servizi

Art. 1. Istituzione dei Servizi LEGGE REGIONALE 5 febbraio 2010, n.13 Istituzione dei servizi delle professioni sanitarie infermieristiche, ostetriche, riabilitative, tecnico sanitarie e tecniche della prevenzione e delle professioni

Dettagli

Regolamento di Organizzazione della Società della Salute della Valdinievole

Regolamento di Organizzazione della Società della Salute della Valdinievole Regolamento di Organizzazione della Società della Salute della Valdinievole INDICE Art. 1 Premessa Art. 2 Attività di indirizzo e di controllo Art. 3 Principi relativi all organizzazione della SdS Art.

Dettagli

Indice PARTE PRIMA: POPOLAZIONE E SALUTE

Indice PARTE PRIMA: POPOLAZIONE E SALUTE Indice PARTE PRIMA: POPOLAZIONE E SALUTE 1. POPOLAZIONE... 17 1.1. Popolazione residente... 17 1.1.1. La distribuzione sul territorio... 19 1.1.2. Struttura della popolazione... 20 1.1.3. Speranza di vita...

Dettagli

Via Venezian, 1 20133 Milano direttore.sanitario@istitutotumori.mi.it Recapito telefonico ore ufficio 02 23902676 fax 02 23902854

Via Venezian, 1 20133 Milano direttore.sanitario@istitutotumori.mi.it Recapito telefonico ore ufficio 02 23902676 fax 02 23902854 CURRICULUM VITAE E PROFESSIONALE DOTT. VITO CORRAO Informazioni personali Data di nascita 9 agosto 1955 Luogo di nascita Mazara del Vallo (TP) Codice fiscale CRR VTI 55M09 F061M Comune iscrizione liste

Dettagli

La sanità nella manovra Finanziaria 2008 Il Patto per la salute si consolida

La sanità nella manovra Finanziaria 2008 Il Patto per la salute si consolida La sanità nella manovra Finanziaria 2008 La sanità nella manovra Finanziaria 2008/1 Più risorse per i livelli essenziali di assistenza e cresce il Fondo per i non autosufficienti Potenziato il piano pluriennale

Dettagli

Immigrazione, come dove e quando

Immigrazione, come dove e quando Immigrazione, come dove e quando Manuale d uso per l integrazione Edizione 2008 a cura del Ministero del lavoro, della Salute e Politiche Sociali Settore Politiche Sociali www.solidarietasociale.gov.it

Dettagli

Management nell Azienda Sanitaria

Management nell Azienda Sanitaria Management nell Azienda Sanitaria Dr. Paolo Menichetti Perugia, ottobre 2011 1. Finanziamento del S.S.N. 2. Management nell azienda sanitaria: budget 3. Management nell azienda sanitaria: controllo direzionale

Dettagli

Legislazione della sanità e della salute: un caso di studio. Indice

Legislazione della sanità e della salute: un caso di studio. Indice LEZIONE LEGISLAZIONE DELLA SANITA E DELLA SALUTE: UN CASO DI STUDIO DOTT.GIANLUCA D AIUTO Indice 1 I LIVELLI ESSENZIALI DI ASSISTENZA -----------------------------------------------------------------------------

Dettagli

L EVOLUZIONE DEL MODELLO COOPERATIVO: DALL ASSISTENZA DOMICILIARE ALLA COSTITUZIONE DI RETI PER L ASSISTENZA PRIMARIA

L EVOLUZIONE DEL MODELLO COOPERATIVO: DALL ASSISTENZA DOMICILIARE ALLA COSTITUZIONE DI RETI PER L ASSISTENZA PRIMARIA L EVOLUZIONE DEL MODELLO COOPERATIVO: DALL ASSISTENZA DOMICILIARE ALLA COSTITUZIONE DI RETI PER L ASSISTENZA PRIMARIA Dott. Giuseppe Maria Milanese Presidente, Federazione Sanita Confcooperative Malattie

Dettagli

Proposta di riorganizzazione della rete sanitaria per il controllo e la. Obiettivi e Strumenti

Proposta di riorganizzazione della rete sanitaria per il controllo e la. Obiettivi e Strumenti Proposta di riorganizzazione della rete sanitaria per il controllo e la cura delle infezioni da HIV nel Lazio Obiettivi e Strumenti Enrico Girardi per il gruppo tecnico HIV LaziozioSanità -ASP UOC Epidemiologia

Dettagli

strutture private. Funzioni, compiti e responsabilità del Direttore Sanitario/Tecnico

strutture private. Funzioni, compiti e responsabilità del Direttore Sanitario/Tecnico Corso per Direttori Sanitari di strutture private. Funzioni, compiti e responsabilità del Direttore Sanitario/Tecnico ORDINE PROVINCIALE DEI MEDICI CHIRURGHI E DEGLI ODONTOIATRI MODENA 8 MAGGIO 2007 Dr

Dettagli

BREVE STORIA DEI FONDI SANITARI

BREVE STORIA DEI FONDI SANITARI BREVE STORIA DEI FONDI SANITARI A. FONDI SANITARI I primi Fondi sanitari privati in Italia risalgono all ottocento. Sono le Società di Mutuo Soccorso (SMS) costituite da artigiani e operai, organizzati

Dettagli

Emendamento al PdL 228 EVOLUZIONE DEL SISTEMA SOCIO SANITARIO LOMBARDO

Emendamento al PdL 228 EVOLUZIONE DEL SISTEMA SOCIO SANITARIO LOMBARDO L art. 1 dell art. 1 è interamente sostituito dal seguente: Art. 1 (Oggetto) 1. Il Sistema Sanitario, Sociosanitario e Sociale integrato Lombardo, di seguito denominato Sistema Sociosanitario Lombardo

Dettagli

STOP ALLA TUBERCOLOSI IN ITALIA

STOP ALLA TUBERCOLOSI IN ITALIA STOP ALLA TUBERCOLOSI IN ITALIA Prefazione Alla fine degli anni 90, i programmi di controllo della tubercolosi (TBC) in Italia sono stati adeguati alla mutata realtà epidemiologica, caratteristica di un

Dettagli

Chi paga per l assistenza socio-sanitaria ai disabili? L orientamento delle regioni

Chi paga per l assistenza socio-sanitaria ai disabili? L orientamento delle regioni In APPUNTI sulle politiche sociali, n. 5-2006 Franco Pesaresi, Dirigente servizi sociali, educativi e sanità del Comune di Ancona Chi paga per l assistenza socio-sanitaria ai disabili? L orientamento delle

Dettagli

Laureato in Giurisprudenza presso l Università degli Studi di Roma nel 1954, è procuratore legale dal 1957. È entrato nell Amministrazione Pubblica

Laureato in Giurisprudenza presso l Università degli Studi di Roma nel 1954, è procuratore legale dal 1957. È entrato nell Amministrazione Pubblica NICOL A FALCITELLI Laureato in Giurisprudenza presso l Università degli Studi di Roma nel 1954, è procuratore legale dal 1957. È entrato nell Amministrazione Pubblica il 15 aprile 1955 ed ha svolto la

Dettagli

Istituzione e disciplina del dipartimento delle dipendenze patologiche nelle Aziende USL.

Istituzione e disciplina del dipartimento delle dipendenze patologiche nelle Aziende USL. LEGGE REGIONALE N. 27 DEL 6-09-1999 REGIONE PUGLIA Istituzione e disciplina del dipartimento delle dipendenze patologiche nelle Aziende USL. Fonte: BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE PUGLIA N. 94 del 8

Dettagli

Storia contemporanea WELFARE STATE Percorso analitico tra lo storico e il sociale

Storia contemporanea WELFARE STATE Percorso analitico tra lo storico e il sociale Facoltà di Scienze Sociali Lezioni di Storia contemporanea WELFARE STATE Percorso analitico tra lo storico e il sociale PROGRAMMA DELLE LEZIONI Prima parte Concezione del welfare state e caratteri generali;

Dettagli

Il profilo professionale dell operatore socio-assistenziale Evoluzione storico-normativa della figura professionale dell OS A

Il profilo professionale dell operatore socio-assistenziale Evoluzione storico-normativa della figura professionale dell OS A INDICE Parte I Il profilo professionale dell operatore socio-assistenziale Capitolo 1: Evoluzione storico-normativa della figura professionale dell OS A 1. L ausiliario socio-assistenziale (asa), l ausiliario

Dettagli

La regionalizzazione in Lombardia

La regionalizzazione in Lombardia La regionalizzazione in Lombardia Uno dei tratti caratterizzanti il riordino della sanità italiana (d.lgs. 502/92 e 517/93) è rappresentato dalla più decisa spinta alla regionalizzazione del Servizio sanitario

Dettagli

ORGANIZZAZIONE DEL SISTEMA SANITARIO IN ITALIA

ORGANIZZAZIONE DEL SISTEMA SANITARIO IN ITALIA ORGANIZZAZIONE DEL SISTEMA SANITARIO IN ITALIA Paolo Villari paolo.villari@uniroma1.it Cattedra di Igiene Dip.to di Sanità Pubblica e Malattie Infettive Sapienza Università di Roma I 3 Modelli di base

Dettagli

RAPPORTI UNIVERSITA E OSPEDALI DI INSEGNAMENTO. Marco Bosio Direttore Sanitario Aziendale

RAPPORTI UNIVERSITA E OSPEDALI DI INSEGNAMENTO. Marco Bosio Direttore Sanitario Aziendale RAPPORTI UNIVERSITA E OSPEDALI DI INSEGNAMENTO Marco Bosio Direttore Sanitario Aziendale UNIVERSITA CATTOLICA DEL SACRO CUORE E stata fondata da Padre Agostino Gemelli nel 1921 E presente in 4 città: Milano,

Dettagli

Gli Indicatori per il monitoraggio dell Assistenza: i LEA (Livelli Essenziali di Assistenza)

Gli Indicatori per il monitoraggio dell Assistenza: i LEA (Livelli Essenziali di Assistenza) Gli Indicatori per il monitoraggio dell Assistenza: i LEA (Livelli Essenziali di Assistenza) Susanna Conti Direttora dell Ufficio di Statistica dell Istituto Superiore della Sanità ALCUNE CONSIDERAZIONI

Dettagli

01/02/2008 DANILO MASSAI / ALESSANDRO MANCINI

01/02/2008 DANILO MASSAI / ALESSANDRO MANCINI LA SALUTE PER TUTTI EFFICACIA Qualità dell assistenza (uso ottimale delle risorse) SERVIZI SANITARI (sistema sanitario, strutture, operatori) EQUITA Razionamento (uso appropriato delle risorse) RISORSE

Dettagli

RELAZIONE INTRODUTTIVA DI ROSALBA CALANDRA CHECCO SEGRETARIO FP CGIL RESPONSABILE SANITA'

RELAZIONE INTRODUTTIVA DI ROSALBA CALANDRA CHECCO SEGRETARIO FP CGIL RESPONSABILE SANITA' RELAZIONE INTRODUTTIVA DI ROSALBA CALANDRA CHECCO SEGRETARIO FP CGIL RESPONSABILE SANITA' Abbiamo deciso di organizzare questo convegno per fare alcune considerazioni e valutazioni sul sistema socio sanitario

Dettagli

Accesso e diritto alla salute per la popolazione migrante in Italia

Accesso e diritto alla salute per la popolazione migrante in Italia Accesso e diritto alla salute per la popolazione migrante in Italia ALESSANDRA DIODATI Croce Rossa Italiana Direttore Sanitario monitoraggio progetti assistenza migranti COSTITUZIONE DELLA REPUBBLICA

Dettagli

Il Servizio Sociale e l Assistente Sociale

Il Servizio Sociale e l Assistente Sociale Il Servizio Sociale e l Assistente Sociale Cos è il Servizio Sociale? Per Servizio Sociale si intende l area di conoscenza scientificamente fondata, collocata all interno delle scienze sociali, e conseguentemente

Dettagli

Problema Assistenza Anziani Cronici e Non Autosufficienti

Problema Assistenza Anziani Cronici e Non Autosufficienti Problema Assistenza Anziani Cronici e Non Autosufficienti La sanità integrativa è una realtà destinata a crescere in Italia per ragioni strutturali che metteranno sottopressione soprattutto alcuni settori

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI SENSIBILI E GIUDIZIARI (Art.20-21 D.Lgs 196/2003 Codice in materia di protezione di dati personali)

REGOLAMENTO PER IL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI SENSIBILI E GIUDIZIARI (Art.20-21 D.Lgs 196/2003 Codice in materia di protezione di dati personali) Scheda n 18 REGOLAMENTO PER IL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI SENSIBILI E GIUDIZIARI (Art.20-21 D.Lgs 196/2003 Codice in materia di protezione di dati personali) DENOMINAZIONE DEL TRATTAMENTO: PRESTAZIONI

Dettagli

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA Premessa La struttura dipartimentale rappresenta il modello ordinario di gestione operativa delle

Dettagli

La mutualità integrativa volontaria in campo sanitario

La mutualità integrativa volontaria in campo sanitario RUOLO E PROSPETTIVE DELLA MUTUALITÀ NEL SISTEMA SANITARIO ITALIANO La mutualità integrativa volontaria in campo sanitario Placido Putzolu - Presidente FIMIV Federazione Italiana Mutualità Integrativa Volontaria

Dettagli

LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE INFERMIERISTICHE: QUALI ORIENTAMENTI, QUALI IMPLICAZIONI? Como, 22 febbraio 2013 Collegio Gallio

LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE INFERMIERISTICHE: QUALI ORIENTAMENTI, QUALI IMPLICAZIONI? Como, 22 febbraio 2013 Collegio Gallio LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE INFERMIERISTICHE: QUALI ORIENTAMENTI, QUALI IMPLICAZIONI? Como, 22 febbraio 2013 Collegio Gallio LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE INFERMIERISTICHE: QUALI ORIENTAMENTI, QUALI IMPLICAZIONI?

Dettagli

Testo proposto dall Ufficio

Testo proposto dall Ufficio REGIONE LOMBARDIA X LEGISLATURA CONSIGLIO REGIONALE ATTI 7601 Testo proposto dall Ufficio PROGETTO DI LEGGE N. 0228 di iniziativa del Presidente della Giunta regionale Titolo Evoluzione del Sistema Sociosanitario

Dettagli

INDICE SOMMARIO. Tomo II GLI ENTI OSPEDALIERI CATTOLICI (PROSPETTIVA COMPARATISTICA)

INDICE SOMMARIO. Tomo II GLI ENTI OSPEDALIERI CATTOLICI (PROSPETTIVA COMPARATISTICA) Tomo II GLI ENTI OSPEDALIERI CATTOLICI (PROSPETTIVA COMPARATISTICA) Sezione Prima PROFILI GENERALI DI COMPARAZIONE ITALIA - U.S.A. IN TEMA DI ENTI ECCLESIASTICI CAPO I IL CONFRONTO NEL CONTESTO DEI DIVERSI

Dettagli

AREA della DISABILITA

AREA della DISABILITA AREA della DISABILITA la Società della Salute ed i servizi per le persone disabili in Valdinievole Corso per Amministratore di Sostegno 16.06.2012 Alice Martini RUOTA di PRESENTAZIONE ORIGINI una cosa

Dettagli

gennaio febbraio marzo aprile maggio giugno luglio agosto settembre ottobre novembre dicembre 5 gg lavorativi 5 gg lavorativi successivi all'invio

gennaio febbraio marzo aprile maggio giugno luglio agosto settembre ottobre novembre dicembre 5 gg lavorativi 5 gg lavorativi successivi all'invio flussi invio mensile SCADENZE FLUSSI INFORMATIVI CORRELATI AL MONITORAGGIO MENSILE DI CUI AL'ART. 50 (COMMA 11) E AGLI ADEMPIMENTI DA DECRETI MINISTERO SALUTE Flusso Scadenza prevista nell'annualità per

Dettagli

Giornata Nazionale della Persona con lesion midollare

Giornata Nazionale della Persona con lesion midollare Giornata Nazionale della Persona con lesion midollare Roma 10 Aprile 2015 La salute nella Persona con Lesione Midollare stabilizzata: la rete dei servizi territoriali nella centralità del progetto individuale:

Dettagli

Azienda Ospedaliero-Universitaria di Modena: un approccio integrato a gestione e sviluppo delle HR

Azienda Ospedaliero-Universitaria di Modena: un approccio integrato a gestione e sviluppo delle HR 21 GIUGNO 2011 Azienda Ospedaliero-Universitaria di Modena: un approccio integrato a gestione e sviluppo delle HR Maurizio Pirazzoli Direttore Amministrativo Carmen Vandelli Responsabile Servizio Gestione

Dettagli

DELIBERAZIONE N. 21/29 DEL 13.6.2014

DELIBERAZIONE N. 21/29 DEL 13.6.2014 Oggetto: POR FESR 2007-2013 Linee di attività 1.2.1.a., b. e c. Rimodulazione e incremento della dotazione finanziaria per l attuazione degli interventi relativi alla dematerializzazione della prescrizione

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE FUCCI, DISTASO, SISTO, CIRACÌ, LAFFRANCO

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE FUCCI, DISTASO, SISTO, CIRACÌ, LAFFRANCO Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 2537 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI FUCCI, DISTASO, SISTO, CIRACÌ, LAFFRANCO Modifiche agli articoli 3-quinquies e 3-sexies del

Dettagli

Coordinamento Professioni Sanitarie ASL 2 Savonese

Coordinamento Professioni Sanitarie ASL 2 Savonese Coordinamento Professioni Sanitarie ASL 2 Savonese Il 26 marzo 2014 con l approvazione della legge regionale : - Disposizioni in materia di esercizio di attività professionale da parte del personale di

Dettagli

1 Sanità. 1.1 Iscrizione al Servizio Sanitario Nazionale (SSN)

1 Sanità. 1.1 Iscrizione al Servizio Sanitario Nazionale (SSN) 1 Sanità 1.1 Iscrizione al Servizio Sanitario Nazionale (SSN) Il Servizio Sanitario Nazionale è l insieme di strutture e servizi che assicurano la tutela della salute e l assistenza sanitaria a tutti i

Dettagli

Capitolo 1 Z Evoluzione legislativa del diritto sanitario

Capitolo 1 Z Evoluzione legislativa del diritto sanitario Edizioni Simone - Vol. 19/2 Compendio di diritto sanitario Capitolo 1 Z Evoluzione legislativa del diritto sanitario Sommario Z 1. Evoluzione della legislazione e dell organizzazione sanitaria in Italia,

Dettagli

Introduzione: GLI OBIETTIVI DEL PIANO

Introduzione: GLI OBIETTIVI DEL PIANO Introduzione: GLI OBIETTIVI DEL PIANO 1 OBIETTIVI DI PIANO La riorganizzazione del servizio sanitario regionale deve affrontare la questione del rapporto con il cittadino in modo innovativo rispetto al

Dettagli

DECRETO 24 luglio 1995. Contenuti e modalità di utilizzo degli indicatori di efficienza e di qualità nel Servizio sanitario nazionale.

DECRETO 24 luglio 1995. Contenuti e modalità di utilizzo degli indicatori di efficienza e di qualità nel Servizio sanitario nazionale. DECRETO 24 luglio 1995 Contenuti e modalità di utilizzo degli indicatori di efficienza e di qualità nel Servizio sanitario nazionale. IL MINISTRO DELLA SANITÀ Visto l'art. 10, comma 3, del decreto legislativo

Dettagli