FONDO ITALIANO DI INVESTIMENTO FONDO COMUNE DI INVESTIMENTO MOBILIARE DI TIPO CHIUSO RISERVATO AD INVESTITORI QUALIFICATI REGOLAMENTO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "FONDO ITALIANO DI INVESTIMENTO FONDO COMUNE DI INVESTIMENTO MOBILIARE DI TIPO CHIUSO RISERVATO AD INVESTITORI QUALIFICATI REGOLAMENTO"

Transcript

1 FONDO ITALIANO DI INVESTIMENTO FONDO COMUNE DI INVESTIMENTO MOBILIARE DI TIPO CHIUSO RISERVATO AD INVESTITORI QUALIFICATI REGOLAMENTO APPROVATO DALLA BANCA D ITALIA CON DELIBERA N. 613 DEL MODIFICATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DELLA SGR CON DELIBERE IN DATA E , E DALL ASSEMBLEA DEI PARTECIPANTI AL FONDO CON DELIBERE DEL E DEL

2 INDICE PARTE A - SCHEDA IDENTIFICATIVA... 3 A.1 DENOMINAZIONE E TIPOLOGIA DEL FONDO... 3 A.2 DESTINATARI... 3 A.3 DURATA DEL FONDO E DELL ESERCIZIO FINANZIARIO... 3 A.4 SOCIETÀ DI GESTIONE DEL RISPARMIO... 4 A.5 BANCA DEPOSITARIA... 4 A.6 CALCOLO DEL VALORE DELLA QUOTA, PERIODICITÀ DEL CALCOLO E MODALITÀ DI COMUNICAZIONE... 4 PARTE B - CARATTERISTICHE DEL PRODOTTO... 6 B.1. SCOPO, OGGETTO, POLITICHE DI INVESTIMENTO ED ALTRE CARATTERISTICHE... 6 B.1.1. Scopo del Fondo... 6 B.1.2. Oggetto del Fondo... 6 B.1.3. Politiche di investimento e altre caratteristiche... 8 B.1.4. Limiti di investimento... 9 B.1.5. Limiti alle operazioni con parti correlate e politica di gestione dei conflitti di interessi B.1.6. Assunzione di prestiti B.2. AMMONTARE DEL FONDO B.3. RIMBORSI PARZIALI, PROVENTI, RISULTATI DELLA GESTIONE E MODALITÀ DI RIPARTIZIONE B.4. SPESE ED ONERI PARTE C MODALITÀ DI FUNZIONAMENTO C.1. SOCIETÀ DI GESTIONE DEL RISPARMIO (SGR), CORPORATE GOVERNANCE E PROCEDURE PER LA SCELTA DEGLI INVESTIMENTI C.1.1. Società di Gestione del Risparmio e corporate governace C.1.2. Procedure per la scelta degli investimenti C.2. BANCA DEPOSITARIA C.3. ASSEMBLEA DEI PARTECIPANTI C.3.1. Compiti dell Assemblea C.3.2. Convocazione e intervento in Assemblea C.3.3. Presidente dell Assemblea C.3.4. Costituzione e validità delle deliberazioni C.4. PARTECIPAZIONE AL FONDO C.5. SOTTOSCRIZIONE DI QUOTE C.5.1. Sottoscrizione di quote e Chiusura parziale delle Sottoscrizioni C.5.2. Investimenti successivi alla Chiusura Parziale delle Sottoscrizioni C.5.3. Periodo di Investimento C.5.4. Penali in caso di mancato versamento C.6. VALORE NOMINALE DELLA QUOTA C.7. TRASFERIMENTO DELLE QUOTE C.7.1. Verifica della Società di Gestione C.7.2. Diritto di prelazione dei Partecipanti C.7.3. Nozione di trasferimento C.8. SOSTITUZIONE DELLA SOCIETÀ DI GESTIONE C.9. QUOTE E CERTIFICATI DI PARTECIPAZIONE C.10. CALCOLO DEL VALORE UNITARIO DELLA QUOTA C.11. SCRITTURE CONTABILI, DOCUMENTAZIONE SPECIFICA AGGIUNTIVA E REVISIONE CONTABILE C.12. MODIFICHE REGOLAMENTARI C.13. LIQUIDAZIONE DEL FONDO E RIMBORSO FINALE DELLE QUOTE C.14. MODALITÀ DI COMUNICAZIONE AI PARTECIPANTI C.15. FORO COMPETENTE * * * * * 2

3 Il presente Regolamento si compone di tre parti: PARTE (A) - Scheda Identificativa; PARTE (B) - Caratteristiche del Prodotto; PARTE (C) - Modalità di funzionamento. PARTE A - SCHEDA IDENTIFICATIVA A.1 DENOMINAZIONE E TIPOLOGIA DEL FONDO A.2 DESTINATARI A.3 DURATA DEL FONDO E Fondo Italiano di Investimento SGR S.p.A. (la Società di Gestione o la SGR ), autorizzata all esercizio del servizio di gestione collettiva del risparmio ed iscritta al n. 297 dell Albo delle società di gestione del risparmio (SGR) ex articolo 35, primo comma, del d. lgs. 24 febbraio 1998, n. 58 (il TUF ), ha istituito il fondo comune di investimento mobiliare di tipo chiuso, riservato ad Investitori Qualificati (così come definiti al Paragrafo A.2 del presente Regolamento), denominato Fondo Italiano di Investimento (il Fondo ), con delibera del consiglio di amministrazione del 16 giugno 2010, che ha contestualmente approvato il presente regolamento (il Regolamento ). Il Fondo prevede l emissione di un unica classe di quote (le Quote e, ciascuna, una Quota ) che attribuiscono uguali diritti ai possessori delle stesse nei termini e secondo le condizioni stabilite dal Regolamento (i sottoscrittori delle Quote sono di seguito indicati come Partecipanti e, ciascuno, come Partecipante ). La sottoscrizione delle Quote è riservata esclusivamente alle seguenti categorie di investitori qualificati ( Investitori Qualificati ), come definiti all articolo 1, primo comma, lettera h), del Decreto Ministeriale 24 maggio 1999, n. 228, come successivamente modificato, e dal Provvedimento della Banca d Italia del 14 aprile 2005, ossia: (i) imprese di investimento, banche, agenti di cambio, società di gestione del risparmio (SGR), società di investimento a capitale variabile (SICAV), fondi pensione, imprese di assicurazione, società finanziarie capogruppo di gruppi bancari e soggetti iscritti negli elenchi previsti dagli articoli 106 e 107 del Decreto Legislativo del 1 settembre 1993, n. 385, contenente il testo unico delle leggi in materia bancaria e creditizia; (ii) soggetti esteri autorizzati a svolgere, in forza della normativa in vigore nel proprio paese di origine, le medesime attività svolte dai soggetti di cui al precedente punto (i); (iii) fondazioni bancarie; e (iv) le persone fisiche e giuridiche e gli altri enti in possesso di specifica competenza ed esperienza in operazioni in strumenti finanziari espressamente dichiarata per iscritto dalla persona fisica o dal legale rappresentante della persona giuridica o dell ente. 1. (a) La durata del Fondo è fissata in 12 (dodici) anni (tale 3

4 DELL ESERCIZIO FINANZIARIO A.4 SOCIETÀ DI GESTIONE DEL RISPARMIO A.5 BANCA DEPOSITARIA termine, il Termine di Durata del Fondo ) a decorrere dalla Chiusura Parziale delle Sottoscrizioni (come definita al paragrafo B.2. del presente Regolamento), con scadenza alla data di chiusura del primo esercizio annuale successivo alla scadenza dell undicesimo anno dalla suddetta data di efficacia, fatti salvi i casi di liquidazione anticipata del Fondo ai sensi del presente Regolamento, ovvero di proroga del Termine di Durata del Fondo ai sensi del successivo punto (b); (b) La Società di Gestione ha altresì la facoltà di prorogare il Termine di Durata del Fondo, per un periodo massimo non superiore a 3 (tre) anni, ovvero per il diverso termine eventualmente previsto dalla normativa pro tempore vigente, per il completamento dello smobilizzo al meglio degli investimenti effettuati (il Periodo di Grazia ). La Società di Gestione darà comunicazione alla Banca d Italia e alla Consob dell effettuazione della proroga, specificando le motivazioni poste a supporto della relativa decisione. 2. L esercizio del Fondo si chiude il 31 dicembre di ciascun anno. 3. Il primo esercizio finanziario ha inizio alla data di Chiusura parziale delle sottoscrizioni o, in mancanza, alla scadenza del Termine Massimo di Sottoscrizione, come definiti al paragrafo B.2. e si chiude il 31 dicembre dello stesso anno solare. La Società di Gestione del Risparmio incaricata della gestione del Fondo è Fondo Italiano di Investimento SGR S.p.A., con sede legale in Milano, via Turati 16/18. La Società di Gestione è stata autorizzata alla prestazione del servizio di gestione collettiva del risparmio con provvedimento della Banca d Italia del 24 agosto 2010, che ha iscritto la medesima nell Albo delle società di gestione del risparmio al n. 297, ai sensi dell articolo 35, primo comma, del TUF. L incarico di banca depositaria del Fondo è stato conferito a Société Générale Securities Services S.p.A., con sede legale e direzione generale in Milano (MI), via Benigno Crespi, 19/A, iscritta all Albo delle Banche tenuto presso la Banca d Italia al n , indirizzo internet: (di seguito, SGSS o la Banca Depositaria ). Le funzione di emissione e di rimborso delle quote del Fondo sono svolte presso la sede legale della Banca Depositaria. Presso la medesima sede sono inoltre tenuti a disposizione i prospetti contabili del Fondo. La consegna dei certificati di partecipazione al Fondo avviene presso la sede della SGR, sita in Milano, via Turati n. 16/18 o, se richiesto, mediante spedizione all indirizzo indicato dal partecipante a sue spese. Il ritiro dei medesimi certificati avviene 4

5 presso la suddetta sede della SGR. A.6 CALCOLO DEL VALORE DELLE QUOTE, PERIODICITÀ DEL CALCOLO E MODALITÀ DI COMUNICAZIONE Il valore unitario delle Quote, conformemente alle disposizioni della Banca d Italia, è calcolato con cadenza semestrale al 30 giugno ed al 31 dicembre di ogni anno (con riferimento all ultimo giorno lavorativo di ogni semestre) dal primo semestre completo a partire dalla Chiusura Parziale delle Sottoscrizioni, tenuto conto del valore proporzionale delle attività che lo compongono al netto delle passività. Il calcolo del valore delle Quote sarà effettuato dalla Società di Gestione con le modalità previste dal presente Regolamento. Il valore delle Quote così rilevato è comunicato ai Partecipanti entro 15 (quindici) giorni lavorativi dal termine previsto per tale rilevazione, con le modalità indicate al paragrafo C.14. del presente Regolamento, a mezzo raccomandata a.r., via fax o tramite posta elettronica, entro il secondo venerdì del terzo mese successivo alla scadenza di ciascun semestre di riferimento, ed è pubblicato altresì sul sito web del Fondo:www.fondoitaliano.it. Il valore complessivo netto (NAV) è pari al valore delle attività che lo compongono determinato sulla base dei criteri stabiliti dalla Banca d Italia al netto delle eventuali passività. La comunicazione di cui sopra può essere inviata in un momento successivo rispetto alle cadenze consuete in presenza di eventi eccezionali e imprevedibili. Ove ricorrano tali casi, la Società di Gestione informa direttamente la Banca d Italia, nonché i Partecipanti mediante comunicazione effettuata con le modalità di cui al paragrafo C.14. del presente Regolamento. Nella comunicazione sono indicati sia il rinvio, sia la nuova data individuata per il calcolo del valore unitario della Quota. * * * 5

6 PARTE B - CARATTERISTICHE DEL PRODOTTO B.1. SCOPO, OGGETTO, POLITICHE DI INVESTIMENTO ED ALTRE CARATTERISTICHE. B.1.1. Scopo del Fondo. Il Fondo nasce dal progetto condiviso tra il Ministero dell Economia e delle Finanze ( MEF ), Associazione Bancaria Italiana ( ABI ), Confederazione Generale dell Industria Italiana ( Confindustria ), Cassa Depositi e Presititi S.p.A. ( CDP ), Intesa Sanpaolo S.p.A. ( Intesa ), Unicredit S.p.A. ( Unicredit ) e Banca Monte dei Paschi di Siena S.p.A. ( MPS ), di creazione di uno strumento per il sostegno finanziario a favore delle imprese di piccole e medie dimensioni. Scopo del Fondo è la valorizzazione del patrimonio del Fondo, con l obiettivo di garantire una redditività adeguata del capitale investito, attraverso operazioni ed interventi di sostegno finanziario, diretto ed indiretto, a favore delle imprese di piccole e medie dimensioni. In particolare, il Fondo, mediante l investimento del proprio patrimonio, persegue i seguenti obiettivi: (a) favorire la patrimonializzazione delle imprese di piccole e medie dimensioni per permettere un più facile accesso al credito e sostenere progetti di sviluppo a medio-lungo termine, specialmente al fine di favorire una più ampia presenza sui mercati esteri; (b) incentivare il processo di aggregazione tra imprese di piccole e medie dimensioni (i) appartenenti allo stesso settore od operanti nello stesso distretto industriale; (ii) appartenenti a settori adiacenti (integrazione c.d. orizzontale); (iii) operanti a monte o a valle di un medesimo processo produttivo o di servizi (integrazione c.d. verticale), permettendo la nascita di realtà caratterizzate da una dimensione più significativa, in grado di rafforzare la propria competitività nei rispettivi settori e di indirizzarsi sempre più verso i mercati internazionali. Più in dettaglio, il Fondo potrà fornire a favore delle imprese di piccole e medie dimensioni, tramite investimenti, diretti o indiretti, nel capitale di rischio, un sostegno finanziario nell ambito di operazioni di expansion, finalizzate a finanziare lo sviluppo di imprese già avviate al fine di consentirne l espansione geografica e/o merceologica, anche tramite acquisizioni. Attenzione potrà essere altresì riservata alle operazioni di replacement, finalizzate alla ristrutturazione della base azionaria, in cui il Fondo potrà sostituirsi ai soci di minoranza, non più interessati a proseguire l attività, nonchè di management buy in/ buy out, finalizzate a sostenere l acquisizione di imprese condizionate da difficoltà dovute a passaggi generazionali e a sviluppare possibili aggregazioni, con il coinvolgimento di manager interni o esterni all impresa. B.1.2. Oggetto del Fondo. La valorizzazione del patrimonio del Fondo potrà essere perseguita dalla Società di Gestione attraverso interventi di sostegno finanziario, diretti e indiretti, a favore delle imprese di piccole e medie dimensioni, in conformità con quanto di seguito specificato. (a) Interventi diretti. Il Fondo potrà effettuare operazioni di investimento diretto, prevalentemente con quote di minoranza, nel capitale di rischio di società aventi le caratteristiche di cui al successivo paragrafo B.1.3. Gli investimenti potranno avere ad oggetto i seguenti strumenti finanziari: 6

7 (i) azioni, quote e, in generale, titoli rappresentativi del capitale di rischio di società aventi le caratteristiche di cui al successivo paragrafo B.1.3; (ii) obbligazioni emesse dalle medesime società e/o altre forme di supporto finanziario, alle quali sono di norma associati diritti di conversione, parziale o totale, in azioni o quote del capitale della società finanziata, a condizioni prefissate; (iii) altri strumenti finanziari partecipativi ai quali sono di norma associati diritti di conversione parziale o totale in azioni o quote del capitale della società emittente e/o diritti di acquisto o di sottoscrizione di azioni o quote del capitale (warrants) della società finanziata o delle società da questa partecipate o a questa partecipanti; (iv) qualsiasi altro strumento o titolo che permetta di acquisire gli strumenti finanziari indicati nei punti (i), (ii) e (iii) che precedono; (v) contratti di opzione per l acquisto e/o la sottoscrizione degli strumenti finanziari indicati nei punti (i), (ii), (iii) e (iv) che precedono; (vi) altri strumenti di debito nonché liquidità in relazione alle esigenze di tesoreria del Fondo. (b) Interventi indiretti. La valorizzazione del patrimonio del Fondo potrà essere altresì perseguita dalla Società di Gestione attraverso operazioni di investimento (c.d. fondo di fondi) in strumenti finanziari non quotati rappresentativi di quote di OICR o di società finanziarie, con l obiettivo della loro valorizzazione entro un periodo di medio lungo termine. In particolare, l investimento potrà avere ad oggetto: (i) quote di OICR, anche di nuova costituzione, che presentino una durata ed una politica di investimento e di gestione del rischio sostanzialmente in linea con quella del Fondo, e i cui gestori siano dotati di comprovata esperienza nel settore del private equity o settori consulenziali, con particolare riguardo all operatività nei confronti delle imprese di piccole e medie dimensioni, in coerenza con gli obiettivi e la politica di investimento del Fondo; (ii) quote di OICR di nuova istituzione, costituiti mediante spin-off di una quota parte del commitment già sottoscritto, che presentano le medesime caratteristiche di cui al punto (i) che precede; (iii) quote di società finanziarie di partecipazione ex artt. 106 e 107 TUB, anche di nuova costituzione, che presentino le medesime caratteristiche di cui al punto (i) che precede; (iv) società per azioni, anche di nuova costituzione: 1) che hanno previsto per statuto di esercitare, in modo professionale e non occasionale, l attività di assunzione, a carattere temporaneo, di partecipazioni o interessenze in altre imprese nonché l acquisizione, detenzione e gestione dei diritti, rappresentati o meno da titoli, sul capitale di tali imprese, e le attività strumentali e connesse alle attività precedenti, ivi comprese quelle di consulenza e di finanziamento a favore di società partecipate; 2) il cui organo amministrativo ha attestato la presenza dei requisiti di onorabilità dei partecipanti al capitale e dei requisiti di onorabilità, professionalità e indipendenza degli esponenti aziendali, ai sensi dell art. 107, comma 1, lett. e) TUB e relative disposizioni ministeriali di attuazione; 3) che hanno adottato il Codice di autodisciplina elaborato dall Associazione di categoria di riferimento; 4) che presentano le medesime caratteristiche di cui al punto (i) che precede. 7

8 (v) quote di OICR o azioni di società di cui sub (iv), anche di nuova istituzione, che presentano una durata in linea con quella del Fondo, sono gestiti da soggetti dotati di comprovata esperienza nel settore del private equity o in settori consulenziali, e sono volti a svolgere attività di venture capital, ossia di sostegno all avvio e alle prime fasi di sviluppo di nuove imprese. La scelta degli investimenti da parte della Società di Gestione avverrà nell ambito di fondi target con particolare attenzione a quelli territoriali e/o settoriali, e nell ambito di fondi target che prevalentemente investano in imprese di piccola e media dimensione operanti in Italia, o che in tali imprese si impegnano ad investire quantomeno una quota pari al commitment che il Fondo ha sottoscritto, selezionati in maniera professionale che: - presentino una politica di investimenti ed una durata, come risultanti dai singoli regolamenti o dagli statuti, sostanzialmente in linea con quelli del Fondo: in particolare, con riferimento alla durata, questa dovrà essere funzionale al progetto della società target; con riferimento alla redditività, questa dovrà essere adeguata e presupporre un equilibrata leva finanziaria a sostegno dell operazione; - siano gestiti da manager con comprovata esperienza nel settore del private equity ed una speciifica conoscenza del mercato italiano; - siano in grado di fornire rendiconti tempestivi ed accurati; - siano sottoposti al controllo di una primaria società di revisione contabile. Gli investimenti indiretti non potranno, di norma, superare il 50% del commitment complessivo di ciascuno dei fondi investiti, come risultante alla chiusura delle sottoscrizioni. Tale limite non si applica qualora oggetto dell investimento sia un veicolo parallelo che co-investe a condizioni predefinite con un OICR o una società di cui ai punti da (i) a (iv) del presente paragrafo. Nell ambito degli investimenti, sia diretti che indiretti, il Fondo potrà inoltre concedere prestiti, senza vincoli di forma tecnica, a condizione che gli stessi siano funzionali o complementari all acquisto o alla detenzione, da parte del Fondo, degli strumenti finanziari di cui al presente paragrafo. B.1.3. Politiche di investimento ed altre caratteristiche. Il Fondo si rivolge prevalentemente alle imprese di piccole e medie dimensioni operanti in Italia, in fase di sviluppo e con ambizioni di crescita, interna ed esterna, con preferenza per lo sviluppo nell ambito del commercio internazionale. Il Fondo investirà, di norma, in imprese con un fatturato indicativamente compreso tra Euro ,00 (diecimilioni/00) ed Euro ,00 (duecentocinquantamilioni/00) per singola impresa. Nell ipotesi di investimenti diretti nell ambito di operazioni di aggregazione tra imprese, ai fini della verifica del limite di Euro ,00 (diecimilioni/00) di cui sopra, si terrà conto anche del totale aggregato risultante dall operazione di aggregazione. Il Fondo investirà prevalentemente in imprese operanti in Italia e, di norma, nei settori dell industria, del commercio, dei servizi e del terziario in generale, dotate di una buona solidità patrimoniale, di un adeguata redditività attuale e/o prospettica, e di un significativo potenziale di creazione del valore. Nell ambito della politica di investimento del patrimonio del Fondo, e nel rispetto degli obiettivi di cui al paragrafo B.1.1. che precede, sarà data priorità agli investimenti in favore di imprese di piccole e medie dimensioni: 8

9 (i) che presentano interessanti prospettive di sviluppo, sia a livello nazionale che, soprattutto, internazionale; (ii) che intendano intraprendere concreti progetti di aggregazione finalizzati al rafforzamento sul mercato nazionale e/o internazionale (iii) con prospettive di valorizzazione di marchi, brevetti o know-how particolari, ovvero che utilizzino processi e tecnologie avanzate ed innovative; (iv) a gestione familiare, in presenza di ricambio generazionale o imprenditoriale; (v) la cui gestione sia affidata ad un management efficiente e di elevata esperienza e professionalità. Sono esclusi, di norma, investimenti in società quotate in un ottica speculativa, in società di nuova costituzione (c.d. start up), non intendendosi per tali le c.d. newco create per rilevare imprese oggetto di nuovo investimento, nonché in imprese immobiliari e in imprese esercenti servizi finanziari in genere. Sono altresì esclusi interventi in favore di imprese in stato di crisi, ad eccezione delle imprese che abbiano già intrapreso e/o realizzato un processo di turnaround e presentino concrete possibilità di rilancio, anche attraverso un nuovo gruppo manageriale e/o societario, e con il supporto già acquisito di nuova finanza di impresa. Sono esclusi, in particolare, interventi a favore di imprese che siano soggette a procedure concorsuali, ovvero nell ambito e in esecuzione di piani di risanamento ai sensi dell art. 67, comma 4, lett. d), R.D. 16 marzo 1942, n. 267 ( L.F. ), ovvero di accordi di ristrutturazione dei debiti ai sensi dell art. 182bis L.F. Nell ambito degli investimenti diretti, il Fondo opererà in prevalenza mediante l acquisto di partecipazioni di minoranza. In tale ambito, il Fondo potrà altresì effettuare operazioni di coinvestimento, anche tramite newco, con altri operatori di private equity che presentino una durata ed una politica di investimento e di gestione sostanzialmente in linea con quella del Fondo. In casi eccezionali, il Fondo potrà acquistare altresì partecipazioni di maggioranza, anche in coinvestimento con altri fondi, al fine del perseguimento degli obiettivi prioritari di cui ai punti da (i) a (v) che precedono, e in particolare con l obiettivo di garantire la continuità aziendale ovvero di consentire ricambi generazionali. Tali investimenti potranno essere effettuati in presenza di un valido management team coinvolto nell investimento. Il Fondo garantirà il continuo monitoraggio sull andamento delle società nelle quali siano stati effettuati investimenti, in qualunque forma, anche mediante la partecipazione di rappresentanti designati dalla Società di Gestione all interno degli organi sociali, l analisi e la valutazione periodica dei dati economici e finanziari e delle informazioni gestionali, sia storiche che prospettiche. In considerazione delle sue finalità istituzionali, il Fondo potrà operare entro orizzonti temporali più ampi rispetto a quelli normalmente propri degli investimenti di private equity. In particolare, la durata degli investimenti diretti del Fondo sarà, di norma, superiore a quella media di mercato e, dunque, indicativamente pari a 5 (cinque) anni, anche al fine di consentire il conseguimento degli obiettivi di cui al paragrafo B.1.1. che precede. B.1.4. Limiti di investimento. Gli investimenti in titoli rappresentativi del capitale di società non quotate, sia direttamente, sia indirettamente per il tramite degli altri fondi e/o società oggetto di investimento, potranno raggiungere il 100% del totale dell attivo del Fondo. Gli investimenti indiretti non potranno comunque superare l ammontare del 50% del totale 9

10 dell attivo del Fondo. La Società di Gestione ha inoltre la facoltà di impiegare, nel rispetto delle norme vigenti, gli opportuni strumenti di copertura e di riduzione dei rischi al fine di consentire un accorta gestione del Fondo. L importo di ciascun investimento sarà indicativamente non superiore ad Euro ,00 trentamilioni/00), con riferimento agli investimenti diretti, e sarà indicativamente compreso tra Euro ,00 quindicimilioni/00) ed Euro ,00 (cinquantamilioni/00), con riferimento agli investimenti indiretti (fondi di fondi). Investimenti per ammontari superiori potranno essere autorizzati eccezionalmente dal Consiglio di Amministrazione della Società di Gestione per il perseguimento di particolari finalità economico-sociali, ovvero nel contesto di interventi di filiera. Nella selezione degli investimenti sarà comunque tenuto conto degli opportuni criteri di diversificazione del rischio. La Società di Gestione potrà altresì detenere parte del patrimonio del Fondo in disponibilità liquide, per esigenze di tesoreria e/o nell interesse dei partecipanti ed in relazione all andamento congiunturale dei mercati. La Società di Gestione non potrà costituire nuovi fondi sino a che il totale del capitale richiamato dal Fondo ai Partecipanti, comprensivo degli impegni assunti per investimenti indiretti, non sia almeno il 70% del totale del commitment del Fondo, al netto delle commissioni di gestione che si prevede di pagare. La Società di Gestione potrà assumere, in relazione a specifiche situazioni congiunturali, scelte anche diverse da quelle ordinariamente previste. Fino al termine del periodo di richiamo degli impegni, così come nell'ipotesi in cui si proceda al rimborso parziale pro quota a fronte di disinvestimenti, i limiti di investimento sono riferiti all ammontare sottoscritto. 10

11 B.1.5. Limiti alle operazioni con parti correlate e politica interna per la gestione dei conflitti di interessi. In considerazione delle finalità istituzionali per le quali è stato istituito, il Fondo adotta la normativa in materia di operazioni con parti correlate ed una rigorosa politica gestione dei conflitti di interessi, atta a neutralizzare possibili interferenze o condizionamenti nel perseguimento degli scopi e degli obiettivi di cui al paragrafo B.1.1. che precede. Il patrimonio del Fondo non può essere investito in strumenti finanziari direttamente o indirettamente ceduti o conferiti da un socio, amministratore, o sindaco della Società di Gestione, né tali beni possono essere direttamente o indirettamente ceduti ai medesimi soggetti. In linea generale, il Fondo può effettuare operazioni con i soci della Società di Gestione o con soggetti appartenenti al gruppo di ciascun socio. Tali operazioni saranno effettuate nei limiti e con le cautele previste dalla normativa pro tempore vigente, nonché dal presente Regolamento. Il Fondo può negoziare beni con altri fondi gestiti dalla Società di Gestione a condizione che le singole operazioni risultino coerenti con le strategie generali di investimento preventivamente definite e che sia comunque assicurato un equo trattamento fra i vari OICR interessati, avuto anche riguardo agli oneri connessi alle operazioni da eseguire. A discrezione della Società di Gestione, le operazioni di investimento possono essere realizzate utilizzando veicoli societari controllati dal Fondo, anche congiuntamente con altri co-investitori, costituiti allo scopo esclusivo di acquistare e/o sottoscrivere gli strumenti finanziari di cui al paragrafo B.1.2. che precede. La Società di Gestione vigila per l individuazione dei conflitti di interessi e adotta procedure interne idonee a salvaguardare i diritti del Fondo e dei Partecipanti, in modo tale da ridurre al minimo il rischio potenzialmente derivante da operazioni in conflitto di interesse, anche tra il Fondo e gli altri fondi dalla stessa gestiti, derivanti da rapporti di gruppo e/o con i soci della Società di Gestione stessa, dalla prestazione congiunta di più servizi, o da rapporti di affari propri o di altra società del medesimo gruppo di appartenenza. La Società di Gestione ha elaborato una Policy interna per la gestione dei conflitti di interessi, che sarà consegnata dalla Società di Gestione a ciascun Partecipante al Fondo che ne faccia richiesta. Nella suddetta Policy si considerano rilevanti, ai fini della disciplina del conflitto di interessi, tutte le situazioni nelle quali, nell esercizio dell attività di gestione collettiva del risparmio, ovvero delle attività connesse o strumentali, possa determinarsi una contrapposizione tra: (i) gli interessi della Società di Gestione anche derivanti da rapporti economici significativi (partecipazioni azionarie, finanziamenti e rapporti in genere) e/o dalla prestazione di servizi e quelli dei Partecipanti al Fondo; (ii) gli interessi di alcuni Partecipanti al Fondo rispetto a quelli di altri partecipanti al Fondo; (iii) gli interessi di due o più Fondi in gestione. Nel considerare le situazioni di conflitto d interessi, la Società di Gestione valuta se essa stessa, un soggetto rilevante, una parte correlata alla Società di Gestione, o uno o più Partecipanti al Fondo: (a) possano realizzare un guadagno finanziario o evitare una perdita finanziaria a spese del Fondo; (b) abbiano, nel risultato del servizio di gestione collettiva o dell operazione disposta per conto del Fondo, un interesse distinto da quello del Fondo medesimo; (c) abbiano un utilità finanziaria, o di altra natura, nel privilegiare gli interessi degli investitori o di altri fondi rispetto a quelli del Fondo interessato; (d) svolgano per conto proprio o di terzi le medesime attività svolte per conto del Fondo; 11

12 (e) ricevano o possano ricevere, da soggetti diversi dagli investitori o dal Fondo, incentivi in connessione alla prestazione del servizio di gestione collettiva, sotto forma di denaro, beni o servizi, diversi e ulteriori rispetto ai compensi normalmente percepiti per il servizio. La Società di Gestione, al fine di assicurare che l attività gestoria sia esercitata in modo indipendente, nell esclusivo interesse dei Partecipanti al Fondo e coerentemente con gli obiettivi dello stesso, dopo aver individuato le situazioni di conflitto di interesse potenzialmente pregiudizievoli per il Fondo e per i Partecipanti, adotta alcuni presidi procedurali associati alle singole fattispecie, in applicazione del principio di proporzionalità, e tenuto conto della rilevanza della singola fattispecie di conflitto, che comprendono, in particolare, l acquisizione di un apposita dichiarazione da parte delle controparti di ciascuna delle operazioni di investimento/disinvestimento, utilizzata, insieme ad ogni altra informazione disponibile, ai fini di individuare l esistenza di eventuali conflitti, nonché la richiesta, in presenza di fattispecie di conflitto, di un parere da parte del Comitato per la Gestione dei Conflitti di Interesse (il Comitato Conflitti ). Il Comitato Conflitti, organo obbligatorio ai sensi dello Statuto sociale della Società di Gestione, svolge funzioni consultive e di controllo. In particolare, il Comitato Conflitti, valutati i termini, le condizioni e la struttura dell operazione, esprime un parere motivato in relazione: (i) alla compatibilità dell operazione con gli interessi del Fondo; (ii) all insussistenza del rischio che il conflitto di interessi possa arrecare pregiudizio al Fondo e/o ai Partecipanti al medesimo. Laddove il Comitato Conflitti esprima un parere favorevole, l operazione sarà deliberata dai competenti organi sociali in conformità con quanto previsto dalla legge e dallo Statuto. Laddove, viceversa, il Comitato Conflitti ravvisi un conflitto potenzialmente pregiudizievole, la decisione di investimento è sottoposta al Consiglio di Amministrazione, che adotta la relativa delibera unicamente nel rispetto dei seguenti ulteriori presidi: (i) assunzione della delibera con la maggioranza dei 5/6 (cinque sesti) dei presenti dell organo, arrotondati al numero inferiore; (ii) astensione del componente in conflitto: in aggiunta alle cautele ordinariamente derivanti dagli impegni di riservatezza e confidenzialità, i membri del Consiglio di Amministrazione che si trovino in una situazione di conflitto di interessi per proprio conto ovvero in virtù del ruolo ricoperto in, o del rapporto esistente con un soggetto per il quale sussista una delle ipotesi di conflitto, si astengono dall esercitare il diritto di voto; in tal caso i consiglieri che si astengono vengono conteggiati nel quorum deliberativo di cui sub (i); (iii) verbalizzazione: dalla verbalizzazione della delibera devono risultare esplicitamente: (a) l osservanza delle condizioni indicate ai precedenti punti (i) e (ii); (b) le motivazioni dell operazione; (c) la circostanza che il Fondo non è gravato da oneri altrimenti evitabili o escluso dalla percezione di utilità ad esso spettanti; (d) la circostanza che al Fondo siano garantiti, rispetto alle altre controparti, condizioni di parità ed autonomia con riferimento ai meccanismi di entrata/uscita nella/dalla società/oicr target; (e) qualora l operazione consista nella stipula di contratti di finanziamento e/o di servizi con (i) soci della Società di Gestione, (ii) parti correlate ai soci della Società di Gestione, (iii) Partecipanti al Fondo, ovvero ad altro fondo gestito dalla Società di Gestione, la circostanza che tali contratti prevedano condizioni non peggiori di quelle altrimenti ottenibili sul mercato per operazioni e contratti similari, o rispetto al fair market value o ad altri criteri che possano assicurare il medesimo risultato sostanziale. 12

13 B.1.6. Assunzione di prestiti. Il Fondo potrà assumere prestiti, per un ammontare non superiore al 5% del valore complessivo netto del Fondo. Il Fondo può concedere propri beni in garanzia a fronte dei finanziamenti ricevuti, se la garanzia è funzionale o complementare all operatività del Fondo. Ove la Società di Gestione non abbia ancora proceduto all integrale richiamo degli impegni, il Fondo può assumere prestiti fino al 5% degli impegni sottoscritti, finalizzati a fronteggiare sfasamenti temporanei nella gestione della tesoreria, al fine di regolare pagamenti connessi all'assunzione delle partecipazioni e alle spese ordinariamente a carico del Fondo. In tal caso la Società di Gestione provvederà tempestivamente a chiedere ai Partecipanti i versamenti necessari all'estinzione della posizione debitoria del Fondo. B.2. AMMONTARE DEL FONDO. L ammontare complessivo del Fondo é pari, a regime, fino ad un massimo di Euro ,00 (tre miliardi/00). Il patrimonio del Fondo è raccolto mediante più emissioni di quote, di eguale valore unitario, che devono essere sottoscritte entro il termine massimo di 24 (ventiquattro) mesi dalla data di approvazione del Regolamento del Fondo da parte della Banca d Italia (di seguito il Termine Massimo di Sottoscrizione ). Nel caso in cui il Fondo raggiunga, entro 60 (sessanta) giorni dalla data di approvazione del Regolamento del Fondo e, in ogni caso prima del Termine Massimo di Sottoscrizione, un ammontare di sottoscrizioni pari ad almeno Euro ,00 (un miliardo/00), tali sottoscrizioni saranno considerate definitive e vincolanti e la Società di Gestione provvederà ad una prima chiusura parziale anticipata delle sottoscrizioni (di seguito la Chiusura Parziale delle Sottoscrizioni ), che verrà comunicata ai Partecipanti con le modalità di cui al paragrafo C.14., nonché mediante pubblicazione dell avviso sul sito internet della Società di Gestione. Qualora decorso il Termine Massimo di Sottoscrizione l importo delle sottoscrizioni sia superiore all offerta, la Società di Gestione provvederà ad aumentare l ammontare del patrimonio del Fondo, dandone comunicazione alla Banca d Italia. Qualora decorso il Termine Massimo di Sottoscrizione il Fondo risulti sottoscritto per un ammontare inferiore ad Euro ,00 (un miliardo/00), la Società di Gestione comunicherà ai Partecipanti, con lettera raccomandata, entro 15 (quindici) giorni dal Termine Massimo di Sottoscrizione, l abbandono del progetto e la liberazione degli stessi dagli impegni assunti, dandone comunicazione a Banca d Italia. B.3. RIMBORSI PARZIALI, PROVENTI, RISULTATI DELLA GESTIONE E MODALITÀ DI RIPARTIZIONE. Prima della scadenza del Termine di Durata del Fondo, indicato nella Parte (A) del presente Regolamento, la Società di Gestione può, nell interesse dei partecipanti, effettuare rimborsi parziali pro-quota a fronte dei disinvestimenti. In questa ipotesi, la Società di Gestione informa prontamente gli investitori con le modalità di cui al paragrafo C.14. del presente Regolamento. In caso di rimborsi parziali, gli importi derivanti dai disinvestimenti, incluse le eventuali plusvalenze, saranno ripartiti fra i Partecipanti e la Società di Gestione secondo le modalità di seguito indicate: (a) gli importi verranno riconosciuti interamente ai Partecipanti al Fondo fino a che gli stessi non abbiano ricevuto un ammontare pari alla somma: 13

14 (i) del valore nominale del capitale investito (l Importo Investito ); (ii) dell importo dovuto a titolo di rendimento minimo, pari al 4% (quattro percento) annuo composto applicato all ammontare versato del patrimonio del Fondo, al netto delle commissioni di sovrapprezzo, tenendo conto delle effettive date dei versamenti effettuati e degli eventuali rimborsi già ricevuti (il Rendimento Ordinario ); (b) la parte residua di detti importi spetterà nella misura del 90% ai Partecipanti e nella misura del 10% alla Società di Gestione. Il risultato finale della gestione del Fondo, calcolato come differenza tra l ammontare dell attivo netto liquidato, maggiorato di eventuali rimborsi effettuati nel corso della durata del Fondo, e l ammontare del Fondo inizialmente sottoscritto e versato, oltre al valore nominale, verrà ripartito secondo i seguenti criteri: (i) fino al 4% (quattro percento) annuo composto applicato all ammontare versato del patrimonio del Fondo, al netto delle commissioni di sovrapprezzo, verrà riconosciuto interamente ai Partecipanti, in proporzione alle Quote di titolarità i ciascuno e tenendo conto delle date dei versamenti effettuati e dei rimborsi già ricevuti; (ii) l eventuale parte eccedente verrà riconosciuta per il 90% ai Partecipanti e per il 10% alla Società di Gestione. Le distribuzioni, i rimborsi e, in generale, tutti gli importi da corrispondersi ai sensi del presente paragrafo, si intendono al lordo di ogni eventuale ritenuta fiscale che la Società di Gestione sia eventualmente tenuta a prelevare in sede di ripartizione. B.4. SPESE ED ONERI. (A) Sono a carico del Fondo: (a1) il compenso spettante alla Società di Gestione per l attività svolta (management fee) come di seguito determinato: (i) qualora l ammontare del Fondo risulti compreso tra Euro ,00 (un miliardo/00) ed Euro ,00, (un miliardo cinquecento milioni/00), si applicherà una provvigione di gestione calcolata moltiplicando il valore nominale del capitale sottoscritto dai Partecipanti, indipendentemente dall ammontare effettivamente versato, per il risultato della seguente formula: (3,6 *F 1 ) + 9,6 F 2 laddove: F 1 = ammontare delle sottoscrizioni F 2 = F 1 * miliardo (ii) qualora l ammontare del Fondo risulti compreso tra Euro ,00 (un miliardo cinquecento milioni duecentocinquantamila/00) ed Euro , 00 (tre miliardi/00) si applicherà una provvigione di gestione calcolata moltiplicando il valore nominale del capitale sottoscritto dai Partecipanti, indipendentemente dall ammontare effettivamente versato, per il risultato della seguente formula: (5 *F 1 ) + 7,5 14

15 F 2 laddove: F 1 = ammontare delle sottoscrizioni F 2 = F 1 * miliardo La provvigione di gestione di cui al presente punto è corrisposta in n. 4 (quattro) rate trimestrali anticipate e prelevata con valuta primo giorno lavorativo di ciascun trimestre e sarà corrisposta, per i primi 9 (nove) esercizi utili, sulla base del valore nominale del capitale sottoscritto dai Partecipanti e, per i restanti esercizi, ivi compreso l eventuale Periodo di Grazia, sulla base del NAV del Fondo; (a2) gli oneri relativi agli investimenti (arrangement fee) e ai disinvestimenti delle attività del Fondo, ivi compresi i costi relativi a prestazioni professionali rese da terzi e commissioni di intermediazione; (a3) il compenso da riconoscere alla Banca Depositaria, per le funzioni da questa svolte, così determinato: (i) per lo svolgimento dei controlli tempo per tempo previsti dalla normativa vigente, un compenso pari allo 0,013% su base annua del NAV del Fondo (oltre all IVA dovuta), come risultante dall ultima relazione semestrale o dall ultimo rendiconto annuale, corrisposto in rate semestrali posticipate prelevate con valuta al 1 gennaio e al 1 luglio di ciascun anno, computando gli investimenti in titoli al netto delle plusvalenze non realizzate; (ii) per il servizio di custodia ed amministrazione degli strumenti finanziari, una commissione forfetaria annua pari ad Euro 1.000,00 (mille/00) oltre ad IVA; L importo dei compensi relativi alla frazione di esercizio iniziale vale a dire il periodo intercorrente tra il Termine Massimo di Sottoscrizione (o l eventuale prima Chiusura Parziale delle Sottoscrizioni) e l approvazione del primo rendiconto di gestione successivo e alla frazione di esercizio finale, sarà determinato pro rata temporis su base mensile; (a4) gli oneri e spese sostenuti per la costituzione e l avvio dell operatività del Fondo (ad esempio costi relativi alla pianificazione, alla strutturazione, alla creazione del Fondo, al collocamento delle Quote e raccolta delle sottoscrizioni, compresi i compensi professionali per esigenze legali e fiscali, le spese di trasferta, le spese promozionali e propedeutiche al collocamento delle Quote, le spese di stampa e di trasmissione del Regolamento e di ogni altro documento correlato) (le Spese di Istituzione ). Le suddette spese sono considerate una tantum a carico del Fondo fino alla concorrenza, definita in via forfetaria, della somma complessiva di Euro ,00 (cinquecentomila/00); (a5) gli oneri e le spese sostenuti in relazione alle attività di investimento e disinvestimento delle attività del Fondo, ivi compresi le commissioni di sottoscrizione, di rimborso, di gestione e di performance pagate ai gestori dei fondi in cui la Società di Gestione abbia eventualmente investito, le commissioni dovute ad intermediari, gli oneri finanziari ed i costi bancari relativi a finanziamenti sostenuti in funzione dei fondi, i costi di due diligence e di assistenza legale, fiscale, contabile e notarile sostenuti in occasione di tutte le fasi di gestione del Fondo, dall acquisizione sino alla dismissione delle attività in cui è investito il Fondo; (a6) spese inerenti alla convocazione e allo svolgimento dell Assemblea dei Partecipanti; 15

16 (a7) le spese di eventuale pubblicazione sui quotidiani del valore unitario delle quote del Fondo e i costi di stampa dei documenti destinati periodicamente ai partecipanti esclusi gli oneri attinenti a propaganda o a pubblicità o comunque al collocamento delle quote; (a8) le spese degli avvisi relativi alle modifiche regolamentari richieste da mutamenti della legge, delle disposizioni di vigilanza ovvero deliberate dall assemblea dei partecipanti al Fondo; (a9) le spese di revisione e certificazione della contabilità e dei rendiconti del Fondo ivi compreso quello finale di liquidazione; (a10) gli oneri connessi con i debiti assunti dal Fondo ai sensi della normativa vigente; (a11) le spese legali, giudiziarie e di consulenza sostenute nell'esclusivo interesse del Fondo; (a12) gli oneri fiscali di pertinenza del Fondo; (a13) il costo del contributo di vigilanza che la Società di Gestione è tenuta a corrispondere annualmente alla Consob in relazione al Fondo; (a14) gli oneri, i compensi e le spese relativi ad operazioni di investimento/disinvestimento restano a carico del Fondo, anche qualora le relative operazioni non dovessero aver luogo, qualora le operazioni stesse siano state approvate dal Consiglio di Amministrazione della Società di Gestione, con parere favorevole del Comitato Tecnico degli Investimenti. (B) Sono a carico dei Partecipanti: (b1) la commissione di sovrapprezzo, ai sensi del paragrafo C.5.2.(B), Parte (C), del presente Regolamento, applicabile ai Partecipanti che sottoscrivano Quote del Fondo successivamente alla Chiusura Parziale delle Sottoscrizioni; (b2) le spese di trasformazione delle Quote da nominative al portatore e viceversa; (b3) le spese per la consegna e l invio di ogni copia del Regolamento successiva alla prima; (b4) le spese relative alla corresponsione, tramite il mezzo di pagamento all uopo prescelto da ciascun Partecipante, dei proventi in distribuzione o delle somme rivenienti da operazioni di rimborso parziale o finale delle Quote. Tali costi sono limitati alla copertura degli oneri e delle spese effettivamente sostenuti e saranno di volta in volta indicati in dettaglio al Partecipante interessato; (b5) le spese di gestione del conto eventualmente acceso presso la Banca Depositaria a fronte del mancato ritiro dei proventi in distrivuzione o delle somme rivenienti da operazioni di rimborso parziale o finale delle Quote; (b6) eventuali oneri fiscali connessi con la sottoscrizione delle Quote ed il suo perfezionamento. La Società di Gestione si riserva la facoltà di riconoscere esenzioni di spese nonché agevolazioni sugli importi da corrispondere a titolo di commissione di sovrapprezzo ai sensi del paragrafo C.5.2.(B), Parte (C), del presente Regolamento. (C) Sono a carico della Società di Gestione: (c1) le commissioni a favore del transfer agent, nonché (c2) tutti gli oneri non esplicitamente indicati come a carico del Fondo o dei Partecipanti. 16

17 PARTE C MODALITÀ DI FUNZIONAMENTO C.1. SOCIETÀ DI GESTIONE DEL RISPARMIO (SGR), CORPORATE GOVERNANCE E PROCEDURE PER LA SCELTA DEGLI INVESTIMENTI. C.1.1. Società di Gestione del Risparmio e corporate governance. L attività di promozione e gestione del Fondo è svolta dalla Società di Gestione, Fondo Italiano di Investimento SGR S.p.A., che vi provvede nell interesse comune dei Partecipanti e nel rispetto delle vigenti prescrizioni imposte dalla legge, dalla normativa regolamentare di attuazione e dal presente Regolamento. Il capitale sociale della Società di Gestione è ripartito in misura paritetica tra i sette soci promotori e sponsor del progetto, e, segnatamente, tra il MEF, ABI e Confindustria, da un lato (c.d. soci istituzionali) e CDP, Intesa, Unicredit ed MPS, dall altro (c.d. soci investitori) (collettivamente, i Soci Promotori ), i quali sono altresì i primi sottoscrittori delle Quote del Fondo, con un numero di Quote pari almeno a n (mille) ciascuno. In considerazione delle finalità istituzionali che caratterizzano l attività del Fondo, il Consiglio di Amministrazione della Società di Gestione assicura una adeguata rappresentatività a tutti i Soci Promotori Partecipanti al progetto ed è di norma composto da almeno n. 1 (un) Consigliere designato da ciascun Socio Promotore, nonché da almeno n. 2 (due) Consiglieri in possesso dei requisiti di indipendenza ai sensi delle vigenti disposizioni di legge e regolamentari; il Presidente, il quale a sua volta deve possedere i requisiti di indipendenza, e il Consigliere Delegato, sono scelti di comune accordo tra tutti i soci. L organo di controllo della Società è composto da n. 3 (tre) sindaci effettivi e da n. 2 (due) supplenti. Tra i sindaci effettivi, n. 2 (due) componenti sono espressi congiuntamente dai soci istituzionali e dai soci investitori ed il Presidente è designato, di norma, dal MEF. Il Consiglio di Amministrazione è l organo di gestione della società, al quale sono demandate, ai sensi dello Statuto sociale vigente della Società di Gestione, le principali scelte di investimento in relazione al Fondo. In particolare, è materia di competenza del Consiglio di Amministrazione della Società di Gestione determinare le politiche di investimento, le priorità settoriali o di target e l asset allocation strategica del Fondo, nonché approvare operazioni di investimento o disinvestimento del patrimonio del Fondo, in coerenza con gli obiettivi e le politiche definite nel presente Regolamento. Inoltre, è sempre riservato alla competenza esclusiva del Consiglio di Amministrazione, senza facoltà di delega, il compito di approvare le proposte di investimento o disinvestimento del patrimonio del Fondo relativamente agli investimenti c.d. indiretti, nonché i relativi criteri di eligibilità, nel rispetto dei limiti previsti dalle vigenti disposizioni di legge, regolamentari e di vigilanza, nonché dal presente Regolamento. Il Consiglio di Amministrazione ha istituito al suo interno un Comitato Esecutivo, del quale fanno parte rappresentanti dei soci della Società di Gestione che sono anche sottoscrittori del Fondo, oltre al Presidente, all Amministratore Delegato, membro di diritto ai sensi dello Statuto sociale e ad un Consigliere Indipendente. Nel rispetto di quanto previsto dallo Statuto sociale, il Consiglio ha delegato al Comitato Esecutivo la funzione disupervisionare l attività di monitoraggio degli investimenti detenuti dal Fondo, con la possibilità di fornire in merito indicazioni strategiche e di indirizzo nel rispetto dei criteri stabiliti dal Consiglio di Amministrazione. 17

18 C.1.2. Procedure per la scelta degli investimenti. Nell ambito delle procedure di investimento attivate dalla Società di Gestione, le opportunità di investimento e di disinvestimento sono individuate e selezionate dai team di investimento istituiti dalla Società di Gestione e coordinati dall Amministratore Delegato (di seguito, i Team di Investimento ), ciascuno dei quali è composto da un responsabile di team e da soggetti qualificati di adeguata professionalità. Le opportunità di investimento sono sottoposte al preventivo parere obbligatorio e non vincolante di un Comitato Tecnico per gli Investimenti, organo interno alla Società di Gestione, coordinato dall Amministratore Delegato, con funzioni consultive e con il compito di valutare preliminarmente il merito delle singole operazioni di investimento e/o disinvestimento per ciascun fondo prospettate dai singoli Team di Investimento, nonché ogni successivo intervento rilevante sugli investimenti in essere e di sottoporle al Consiglio di Amministrazione per l approvazione. Le deliberazioni adottate dal Consiglio di Amministrazione relative a singole operazioni di investimento sono attuate dall Amministratore Delegato. La Società di Gestione può avvalersi inoltre della consulenza di soggetti qualificati per l individuazione, monitoraggio e successiva dismissione degli investimenti, sia diretti che indiretti. C.2. BANCA DEPOSITARIA. Nell esercizio delle proprie funzioni previste dalla disciplina vigente, la Banca Depositaria, per la custodia degli strumenti finanziari e delle disponibilità liquide del Fondo, può avvalersi, sotto la sua esclusiva responsabilità e previo assenso della Società di Gestione, dei subdepositari individuati ai sensi della normativa vigente ed avvalersi di servizi di gestione accentrata di strumenti finanziari resi da soggetti autorizzati ai sensi del d.lgs. n. 58/98. La Banca Depositaria è nominata a tempo indeterminato. La Società di Gestione può revocare in ogni momento l incarico conferito a SGSS e designare in sua sostituzione altra banca in possesso dei requisiti di legge. La Banca Depositaria, a sua volta, può recedere dall incarico con un preavviso di almeno 6 (sei) mesi. L efficacia della revoca o del recesso è sospesa fino a che: - un altra banca depositaria in possesso dei requisiti previsti dalla normativa vigente accetti l'incarico in sostituzione della precedente; - la conseguente modifica del Regolamento sia approvata dalla Società di Gestione e dalla Banca d Italia; - i titoli inclusi nel Fondo, i diritti, ogni altra attività finanziaria e le disponibilità liquide del medesimo siano trasferiti ed accreditati, sulla base di ordini scritti impartiti dalla Società di Gestione, presso la nuova banca depositaria. C.3. ASSEMBLEA DEI PARTECIPANTI. I Partecipanti si riuniscono in un assemblea (di seguito, l Assemblea dei Partecipanti o Assemblea ) per deliberare sulle materie alla stessa riservate ai sensi del presente Regolamento, secondo le regole di funzionamento di seguito indicate. C.3.1. Compiti dell Assemblea. All Assemblea è attribuito il compito di deliberare sulle materie previste dalle vigenti disposizioni di legge e regolamentari. In particolare, l Assemblea dei Partecipanti delibera: 18

19 (a) sulla sostituzione della Società di Gestione; (b) sulle modifiche delle politiche di gestione del Fondo e sulle altre modifiche regolamentari ai sensi del paragrafo C.12, Parte (C), del presente Regolamento; (c) in merito alla richiesta di ammissione a quotazione; (d) in merito alla liquidazione anticipata del Fondo, ai sensi del Paragrafo C.13, parte (C), del presente Regolamento. C.3.2. Convocazione e intervento in Assemblea. La convocazione dell Assemblea dei Partecipanti è disposta dal Consiglio di Amministrazione della Società di Gestione di propria iniziativa, ovvero su richiesta di tanti partecipanti che rappresentino almeno il 10% (dieci per cento) del valore delle Quote del Fondo in circolazione e indicano nella domanda gli argomenti da trattare. Ove il Consiglio di Amministrazione della Società di Gestione non provveda alla convocazione dell Assemblea, la stessa viene disposta dal Presidente dell Assemblea nominato ai sensi del successivo paragrafo C.3.3. Il Consiglio di Amministrazione della Società di Gestione informa i Partecipanti al Fondo dell avvenuta convocazione dell Assemblea mediante lettera raccomandata con avviso di ricevimento, inviata almeno 15 (quindici) giorni prima della data fissata per l Assemblea. Sono legittimati alla partecipazione all Assemblea tutti coloro i quali risultino titolari delle quote del Fondo depositate presso la Banca Depositaria alla data di invio della predetta lettera di convocazione dell Assemblea dei Partecipanti. Possono intervenire e votare in Assemblea i partecipanti che risultino titolari di Quote del Fondo da almeno 5 (cinque) giorni prima della data prevista per l adunanza. C.3.3. Presidente dell Assemblea. L Assemblea dei Partecipanti verrà tempestivamente convocata per la prima volta dal Consiglio di Amministrazione dopo la chiusura delle sottoscrizioni, al fine di eleggere il Presidente. Il Presidente dell Assemblea dei Partecipanti viene eletto dall Assemblea con il voto della maggioranza assoluta dei presenti e rimane in carica per 3 (tre) anni, fino alla data di approvazione del rendiconto di gestione relativo al terzo esercizio della sua carica. Qualora nel corso dell esercizio il Presidente dell Assemblea dei Partecipanti venisse per qualsiasi ragione a mancare, il Consiglio di Amministrazione della Società di Gestione dovrà convocare senza indugio l Assemblea dei Partecipanti affinché proceda alla sua sostituzione. Il Presidente dell Assemblea verifica la regolarità della costituzione dell Assemblea ai sensi delle disposizioni che seguono, accerta l identità e la legittimazione dei presenti, regola la discussione, accerta i risultati delle votazioni e proclama i risultati, dandone conto nel verbale di Assemblea. C.3.4. Costituzione e validità delle deliberazioni. L Assemblea dei Partecipanti è regolarmente costituita e delibera a maggioranza assoluta e con il voto favorevole di tanti Partecipanti che rappresentano almeno il 30 per cento del valore delle quote in circolazione. Anche in deroga a quanto precede, l Assemblea dei Partecipanti delibera con il voto favorevole di tanti partecipanti che rappresentino i ¾ (tre quarti) delle quote emesse in relazione alle deliberazioni 19

20 aventi ad oggetto la sostituzione della Società di Gestione. Delle riunioni dell Assemblea dei Partecipanti è redatto appposito verbale. Ai fini della verbalizzazione, il Presidente può farsi assistere da un segretario, all uopo nominato ed indicato nel verbale. Le deliberazioni dell Assemblea dei Partecipanti vengono portate a conoscenza del Consiglio di Amministrazione della Società di Gestione, nonché depositate presso la sede sociale della Società di Gestione, con comunicazione alla Banca Depositaria. Le deliberazioni dell Assemblea dei Partecipanti sono trasmesse alla Banca d Italia unitamente alle eventuali conseguenti deliberazioni del Consiglio di Amministrazione della Società di Gestione per l approvazione ai sensi delle vigenti disposizioni normative. C.4. PARTECIPAZIONE AL FONDO. La partecipazione al Fondo, riservata agli investitori indicati nella Parte (A) del presente Regolamento, si realizza attraverso la sottoscrizione di Quote del Fondo o il loro successivo acquisto a qualsiasi titolo. L ammontare minimo della partecipazione al Fondo è pari ad Euro ,00 (ventimilioni/00). La Società di Gestione si riserva la facoltà, a propria discrezione, previa delibera da parte del Consiglio di Amministrazione, di accettare sottoscrizioni per importi inferiori all ammontare minimo della partecipazione, da parte di soggetti in possesso di specifiche competenze. Le Quote del Fondo non possono essere collocate, rimborsate o cedute a soggetti diversi da quelli cui il Fondo è riservato. La Società di Gestione provvede a determinare il numero delle Quote di partecipazione da attribuire ad ogni Partecipante dividendo l importo della sottoscrizione, al netto degli oneri e dei rimborsi spese indicati nel presente Regolamento, per il valore nominale della Quota. A fronte delle sottoscrizioni, la Società di Gestione provvede a trasmettere per iscritto a ciascun sottoscrittore la conferma del numero delle Quote assegnate. I versamenti effettuati vengono attribuiti al Fondo il giorno di regolamento dei corrispettivi, che coincide con quello di valuta riconosciuto ai mezzi di pagamento prescelti dal Partecipante ai fini del versamento. La partecipazione al Fondo non può essere subordinata a condizioni, vincoli o oneri, di qualsiasi natura, diversi da quelli indicati nel presente Regolamento. C.5. SOTTOSCRIZIONE DI QUOTE. C.5.1. Sottoscrizione di quote e Chiusura Parziale delle Sottoscrizioni. La sottoscrizione delle Quote si effettua attraverso la compilazione della domanda di sottoscrizione redatta su apposito modulo. Nella domanda sono indicati, tra l altro, le generalità dei Partecipanti, l importo che si intende versare, le modalità di versamento e le istruzioni per l eventuale consegna dei certificati rappresentativi delle Quote sottoscritte. Copia del Regolamento di gestione del Fondo e della Policy interna per la gestione dei conflitti di interessi è consegnata gratuitamente in occasione delle operazioni di sottoscrizione. Chiunque sia interessato può ottenere successivamente, a proprie spese, copia del Regolamento del Fondo e della Policy interna per la gestione dei conflitti di interessi. 20

FONDO ITALIANO DI INVESTIMENTO FONDO COMUNE DI INVESTIMENTO MOBILIARE DI TIPO CHIUSO RISERVATO AD INVESTITORI QUALIFICATI REGOLAMENTO

FONDO ITALIANO DI INVESTIMENTO FONDO COMUNE DI INVESTIMENTO MOBILIARE DI TIPO CHIUSO RISERVATO AD INVESTITORI QUALIFICATI REGOLAMENTO FONDO ITALIANO DI INVESTIMENTO FONDO COMUNE DI INVESTIMENTO MOBILIARE DI TIPO CHIUSO RISERVATO AD INVESTITORI QUALIFICATI REGOLAMENTO APPROVATO DALLA BANCA D ITALIA CON DELIBERA N. 613 DEL 24.08.2010 1

Dettagli

LA SOCIETÀ DI GESTIONE DEL RISPARMIO

LA SOCIETÀ DI GESTIONE DEL RISPARMIO LA SOCIETÀ DI GESTIONE DEL RISPARMIO Oggetto sociale, capitale e soci La SGR esercita, nell interesse dei sottoscrittori del Fondo (partecipanti) e nel rispetto delle vigenti disposizioni normative e regolamentari

Dettagli

REGOLAMENTO FONDO ITALIA VENTURE I. APPROVATO VERSIONE DEFINITIVA DATA DESCRIZIONE CdA 1 29.09.2015 Regolamento Fondo Italia Venture I

REGOLAMENTO FONDO ITALIA VENTURE I. APPROVATO VERSIONE DEFINITIVA DATA DESCRIZIONE CdA 1 29.09.2015 Regolamento Fondo Italia Venture I REGOLAMENTO FONDO ITALIA VENTURE I APPROVATO VERSIONE DEFINITIVA DATA DESCRIZIONE CdA 1 29.09.2015 Regolamento Fondo Italia Venture I 1 INVITALIA VENTURES SGR REGOLAMENTO FONDO ITALIA VENTURE I PARTE A

Dettagli

PROSPETTO SEMPLIFICATO INFORMAZIONI SPECIFICHE

PROSPETTO SEMPLIFICATO INFORMAZIONI SPECIFICHE PROSPETTO SEMPLIFICATO INFORMAZIONI SPECIFICHE La parte Informazioni Specifiche del Prospetto Semplificato, da consegnare obbligatoriamente all Investitore prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare

Dettagli

Avviso di posticipazione dell assemblea ordinaria e straordinaria

Avviso di posticipazione dell assemblea ordinaria e straordinaria DMAIL GROUP S.p.A. Sede legale e amministrativa: Via San Vittore n. 40 20123 MILANO (MI) - Capitale Sociale: 15.300.000,00 euro C.F. P.IVA e Registro delle Imprese: 12925460151 Sito internet: www.dmailgroup.it

Dettagli

Fondo Italiano d'investimento - Criteri e modalità operative

Fondo Italiano d'investimento - Criteri e modalità operative Fondo Italiano d'investimento - Criteri e modalità operative Roma, 9 Novembre 2010 Circolare N.19354 Confindustria Fisco, Finanza e Welfare Il Direttore Elio Schettino Con l obiettivo di sostenere le piccole

Dettagli

PROSPETTO SEMPLIFICATO INFORMAZIONI SPECIFICHE

PROSPETTO SEMPLIFICATO INFORMAZIONI SPECIFICHE PROSPETTO SEMPLIFICATO INFORMAZIONI SPECIFICHE La parte Informazioni Specifiche del Prospetto Semplificato, da consegnare obbligatoriamente all Investitore prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare

Dettagli

Sezione Terza I Fondi comuni di investimento

Sezione Terza I Fondi comuni di investimento Sezione Terza I Fondi comuni di investimento 369. Nella valutazione dei beni del fondo comune di investimento, il valore degli strumenti finanziari ammessi alle negoziazioni su mercati regolamentati è

Dettagli

PROSPETTO SEMPLIFICATO INFORMAZIONI SPECIFICHE

PROSPETTO SEMPLIFICATO INFORMAZIONI SPECIFICHE PROSPETTO SEMPLIFICATO INFORMAZIONI SPECIFICHE La parte Informazioni Specifiche del Prospetto Semplificato, da consegnare obbligatoriamente all investitore prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare

Dettagli

Offerta al pubblico di LIFE INCOME 360 prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto UL14UI) Regolamento dei Fondi interni

Offerta al pubblico di LIFE INCOME 360 prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto UL14UI) Regolamento dei Fondi interni Offerta al pubblico di LIFE INCOME 360 prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto UL14UI) Regolamento dei Fondi interni REGOLAMENTO DEL FONDO INTERNO CREDITRAS INCOME 360 1

Dettagli

PROSPETTO SEMPLIFICATO INFORMAZIONI SPECIFICHE

PROSPETTO SEMPLIFICATO INFORMAZIONI SPECIFICHE PROSPETTO SEMPLIFICATO INFORMAZIONI SPECIFICHE La parte Informazioni Specifiche del Prospetto Semplificato, da consegnare obbligatoriamente all Investitore prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare

Dettagli

PROSPETTO SEMPLIFICATO INFORMAZIONI SPECIFICHE

PROSPETTO SEMPLIFICATO INFORMAZIONI SPECIFICHE PROSPETTO SEMPLIFICATO INFORMAZIONI SPECIFICHE La parte Informazioni Specifiche del Prospetto Semplificato, da consegnare obbligatoriamente all investitore prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare

Dettagli

Motivazioni sottese alle proposte di modifica.

Motivazioni sottese alle proposte di modifica. ASSEMBLEA DEI PARTECIPANTI DEL FONDO RISPARMIO IMMOBILIARE UNO ENERGIA FONDO COMUNE DI INVESTIMENTO IMMOBILIARE DI TIPO CHIUSO le cui Quote di Classe A sono ammesse alle negoziazioni sul mercato telematico

Dettagli

REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL FONDO BANCOPOSTA LIQUIDITÀ EURO

REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL FONDO BANCOPOSTA LIQUIDITÀ EURO appartenente al Gruppo Poste Italiane REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL FONDO BANCOPOSTA LIQUIDITÀ EURO Collocatore Pagina 1 di 12 A) SCHEDA IDENTIFICATIVA funzionamento. Denominazione, tipologia e durata del

Dettagli

IMMOBILIARE DINAMICO

IMMOBILIARE DINAMICO SUPPLEMENTO AL PROSPETTO RELATIVO ALL OFFERTA AL PUBBLICO E AMMISSIONE ALLE NEGOZIAZIONI DI QUOTE DEL FONDO COMUNE DI INVESTIMENTO IMMOBILIARE CHIUSO IMMOBILIARE DINAMICO depositato presso la Consob in

Dettagli

Regolamento del fondo interno A.G. Italian Equity Pagina 1 di 5. = oéöçä~ãéåíç= ÇÉä=ÑçåÇç= áåíéêåç=^kdk= fí~äá~å=bèìáíó=

Regolamento del fondo interno A.G. Italian Equity Pagina 1 di 5. = oéöçä~ãéåíç= ÇÉä=ÑçåÇç= áåíéêåç=^kdk= fí~äá~å=bèìáíó= = oéöçä~ãéåíç= ÇÉä=ÑçåÇç= áåíéêåç=^kdk= fí~äá~å=bèìáíó= A) Obiettivi e descrizione del fondo Il fondo persegue l obiettivo di incrementare il suo valore nel lungo termine, attraverso l investimento in

Dettagli

PROSPETTO SEMPLIFICATO INFORMAZIONI GENERALI

PROSPETTO SEMPLIFICATO INFORMAZIONI GENERALI PROSPETTO SEMPLIFICATO INFORMAZIONI GENERALI La parte Informazioni Generali del Prospetto Semplificato, da consegnare obbligatoriamente all investitore prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare

Dettagli

Il Ministro dello Sviluppo Economico

Il Ministro dello Sviluppo Economico Il Ministro dello Sviluppo Economico Visto il decreto-legge 22 giugno 2012, n. 83, convertito, con modificazioni, dalla legge 7 agosto 2012, n. 134, recante Misure urgenti per la crescita del Paese, e,

Dettagli

SEMPLIFICATO INFORMAZIONI SPECIFICHE

SEMPLIFICATO INFORMAZIONI SPECIFICHE B.P.Vi FONDI SGR S.p.A. Gruppo Bancario Banca Popolare di Vicenza S.c.p.a. PROSPETTO SEMPLIFICATO INFORMAZIONI SPECIFICHE La parte Informazioni Specifiche del Prospetto Semplificato, da consegnare obbligatoriamente

Dettagli

COMUNICAZIONE AI PARTECIPANTI AL FONDO COMUNE D INVESTIMENTO MOBILIARE APERTO ARMONIZZATO DENOMINATO BANCOPOSTA OBBLIGAZIONARIO FEBBRAIO 2014

COMUNICAZIONE AI PARTECIPANTI AL FONDO COMUNE D INVESTIMENTO MOBILIARE APERTO ARMONIZZATO DENOMINATO BANCOPOSTA OBBLIGAZIONARIO FEBBRAIO 2014 COMUNICAZIONE AI PARTECIPANTI AL FONDO COMUNE D INVESTIMENTO MOBILIARE APERTO ARMONIZZATO DENOMINATO BANCOPOSTA OBBLIGAZIONARIO FEBBRAIO 2014 LA SOSTITUZIONE DELLA SOCIETÀ GESTORE A partire dal 3 giugno

Dettagli

Relazione sulla remunerazione ai sensi dell art. 123-ter del D.Lgs. 58/1998; delibere inerenti e conseguenti.

Relazione sulla remunerazione ai sensi dell art. 123-ter del D.Lgs. 58/1998; delibere inerenti e conseguenti. RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI GRUPPO MUTUIONLINE S.P.A. SULLE PROPOSTE ALL'ORDINE DEL GIORNO DELL ASSEMBLEA ORDINARIA CONVOCATA IN PRIMA CONVOCAZIONE PER IL 23 APRILE 2013

Dettagli

PROSPETTO SEMPLIFICATO INFORMAZIONI SPECIFICHE

PROSPETTO SEMPLIFICATO INFORMAZIONI SPECIFICHE PROSPETTO SEMPLIFICATO INFORMAZIONI SPECIFICHE La parte Informazioni Specifiche del Prospetto Semplificato, da consegnare obbligatoriamente all investitore prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL VOTO MAGGIORATO

REGOLAMENTO PER IL VOTO MAGGIORATO Via Brera 21, 20121 Milano Capitale sociale i.v. Euro 306.612.100 Codice fiscale, Partita IVA ed iscrizione al Registro imprese di Milano n. 07918170015 Soggetta ad attività di direzione e coordinamento

Dettagli

Offerta al pubblico di RAIFFPLANET. Prodotto finanziario assicurativo di tipo Unit Linked REGOLAMENTO DEI FONDI INTERNI

Offerta al pubblico di RAIFFPLANET. Prodotto finanziario assicurativo di tipo Unit Linked REGOLAMENTO DEI FONDI INTERNI Offerta al pubblico di RAIFFPLANET Prodotto finanziario assicurativo di tipo Unit Linked REGOLAMENTO DEI FONDI INTERNI Raiffplanet Prudente Raiffplanet Equilibrata Raiffplanet Aggressiva (Mod. V 70REGFI-0311

Dettagli

Relazioni all Assemblea del 30 aprile 2013. Nomina Collegio Sindacale

Relazioni all Assemblea del 30 aprile 2013. Nomina Collegio Sindacale Relazioni all Assemblea del 30 aprile 2013 Nomina Collegio Sindacale Collegio Sindacale nomina dei componenti effettivi e supplenti; nomina del Presidente; determinazione dei compensi dei componenti. Signori

Dettagli

Si precisa che nessuna delle modifiche rientra tra le ipotesi che attribuiscono ai soci il diritto di recesso.

Si precisa che nessuna delle modifiche rientra tra le ipotesi che attribuiscono ai soci il diritto di recesso. RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLE MODIFICHE DEGLI ARTICOLI 15, 17, 27 E 28 DELLO STATUTO SOCIALE, E SULL INTRODUZIONE DELL ART. 28 BIS. La presente Relazione ha lo scopo di illustrare in

Dettagli

REGOLAMENTO INTERNO DEGLI AMMINISTRATORI INDIPENDENTI

REGOLAMENTO INTERNO DEGLI AMMINISTRATORI INDIPENDENTI REGOLAMENTO INTERNO DEGLI AMMINISTRATORI INDIPENDENTI Testo approvato con delibera del Consiglio di Amministrazione del 26 ottobre 2011 Art. 1 Disposizioni preliminari 1.1 Il presente regolamento interno

Dettagli

Regolamento del fondo interno A.G. Euro Blue Chips Pagina 1 di 5. = oéöçä~ãéåíç= ÇÉä=ÑçåÇç= áåíéêåç=^kdk= bìêç=_äìé=`üáéë=

Regolamento del fondo interno A.G. Euro Blue Chips Pagina 1 di 5. = oéöçä~ãéåíç= ÇÉä=ÑçåÇç= áåíéêåç=^kdk= bìêç=_äìé=`üáéë= = oéöçä~ãéåíç= ÇÉä=ÑçåÇç= áåíéêåç=^kdk= bìêç=_äìé=`üáéë= A) Obiettivi e descrizione del fondo Il fondo persegue l obiettivo di incrementare il suo valore nel lungo termine, attraverso l investimento in

Dettagli

Tutti i soci sono tenuti alla massima e più scrupolosa osservanza delle norme in esso contenute.

Tutti i soci sono tenuti alla massima e più scrupolosa osservanza delle norme in esso contenute. REGOLAMENTO DEI DEPOSITI DEI SOCI PREMESSA Il presente regolamento interno ha come scopo la disciplina dei conferimenti in denaro, a titolo di prestito, effettuati dai soci per il conseguimento dell oggetto

Dettagli

Estense Grande Distribuzione

Estense Grande Distribuzione BNP Paribas REIM SGR p.a. approva le semestrali 2013, delibera il periodo di grazia e la riduzione della commissione di gestione dei Fondi Estense Grande Distribuzione e BNL Portfolio Immobiliare Estense

Dettagli

IL FONDO ITALIANO D INVESTIMENTO

IL FONDO ITALIANO D INVESTIMENTO IL FONDO ITALIANO D INVESTIMENTO Verona 25 Novembre 2010 Le principali tappe del progetto Il Progetto del Fondo Italiano di Investimento (FII) è nato nel mese di dicembre 2009, su iniziativa del Ministero

Dettagli

REPLY S.p.A. Sede legale in Torino, Corso Francia n. 110. Capitale Sociale versato di 4.863.485,64. Registro delle Imprese di Torino n.

REPLY S.p.A. Sede legale in Torino, Corso Francia n. 110. Capitale Sociale versato di 4.863.485,64. Registro delle Imprese di Torino n. REPLY S.p.A. Sede legale in Torino, Corso Francia n. 110 Capitale Sociale versato di 4.863.485,64 Registro delle Imprese di Torino n. 97579210010 Codice fiscale n. 97579210010 Partita IVA n. 08013390011

Dettagli

Signori Azionisti, * * * 1) PRINCIPALI MOTIVAZIONI PER LE QUALI È RICHIESTA L AUTORIZZAZIONE ALL ACQUISTO E ALLA DISPOSIZIONE DI AZIONI PROPRIE.

Signori Azionisti, * * * 1) PRINCIPALI MOTIVAZIONI PER LE QUALI È RICHIESTA L AUTORIZZAZIONE ALL ACQUISTO E ALLA DISPOSIZIONE DI AZIONI PROPRIE. RELAZIONE ILLUSTRATIVA DELL ORGANO AMMINISTRATIVO ALL ASSEMBLEA ORDINARIA DEGLI AZIONISTI CONVOCATA PER IL GIORNO 29 APRILE 2015 RELATIVA AL SETTIMO PUNTO ALL ORDINE DEL GIORNO RELAZIONE DEGLI AMMINISTRATORI

Dettagli

Assemblea Ordinaria 8 e 11 maggio 2015 (I e II conv.)

Assemblea Ordinaria 8 e 11 maggio 2015 (I e II conv.) FINMECCANICA - Società per azioni Sede in Roma, Piazza Monte Grappa n. 4 finmeccanica@pec.finmeccanica.com Capitale sociale euro 2.543.861.738,00 i.v. Registro delle Imprese di Roma e Codice fiscale n.

Dettagli

1.1. Azioni di classe A e B del comparto CS Invest (Lux) SICAV Londinium Global Equities

1.1. Azioni di classe A e B del comparto CS Invest (Lux) SICAV Londinium Global Equities CS Invest (Lux) SICAV Sicav di diritto Lussemburghese con sede legale in 5, rue Jean Monnet, L-2180 Lussemburgo Informazioni di cui al provvedimento della Banca Italia del 14 aprile 2005 I paragrafi che

Dettagli

PROSPETTO SEMPLIFICATO INFORMAZIONI SPECIFICHE

PROSPETTO SEMPLIFICATO INFORMAZIONI SPECIFICHE PROSPETTO SEMPLIFICATO INFORMAZIONI SPECIFICHE La parte Informazioni Specifiche del Prospetto Semplificato, da consegnare obbligatoriamente all investitore prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare

Dettagli

Regolamento del fondo interno A.G. Global Equity Pagina 1 di 5. = oéöçä~ãéåíç= ÇÉä=ÑçåÇç= áåíéêåç=^kdk= däçä~ä=bèìáíó=

Regolamento del fondo interno A.G. Global Equity Pagina 1 di 5. = oéöçä~ãéåíç= ÇÉä=ÑçåÇç= áåíéêåç=^kdk= däçä~ä=bèìáíó= = oéöçä~ãéåíç= ÇÉä=ÑçåÇç= áåíéêåç=^kdk= däçä~ä=bèìáíó= A) Obiettivi e descrizione del fondo La gestione ha come obiettivo la crescita del capitale investito in un orizzonte temporale lungo ed è caratterizzata

Dettagli

Assegnazione Destinatari del Piano Società Controllate Gruppo Piaggio

Assegnazione Destinatari del Piano Società Controllate Gruppo Piaggio Piano di assegnazione di diritti di opzione su azioni proprie riservato al top management del Gruppo Piaggio e autorizzazione all acquisto e alla disposizione di azioni proprie previa revoca delle deliberazioni

Dettagli

IL FONDO ITALIANO D INVESTIMENTO

IL FONDO ITALIANO D INVESTIMENTO IL FONDO ITALIANO D INVESTIMENTO Roberto Del Giudice Firenze, 10 febbraio 2014 Il progetto Si tratta del più grande fondo italiano di capitale per lo sviluppo, costituito per dare impulso alla crescita

Dettagli

FONDO ITALIANO DI INVESTIMENTO

FONDO ITALIANO DI INVESTIMENTO FONDO ITALIANO DI INVESTIMENTO PER LE PICCOLE E MEDIE IMPRESE Documento di sintesi del progetto Roma, 16 dicembre 2009 Ministero dell Economia e delle Finanze Dipartimento del Tesoro Indice L obiettivo

Dettagli

Statuto BSI SA BANCHIERI SVIZZERI DAL 1873. Indice. I. Ragione sociale, sede e scopo della società 1. II. Capitale azionario, azioni 1

Statuto BSI SA BANCHIERI SVIZZERI DAL 1873. Indice. I. Ragione sociale, sede e scopo della società 1. II. Capitale azionario, azioni 1 BANCHIERI SVIZZERI DAL 1873 Statuto BSI SA 19 aprile 2012 Indice I. Ragione sociale, sede e scopo della società 1 II. Capitale azionario, azioni 1 III. Organi della società 2 IV. Conti annuali, riserve

Dettagli

DIRETTIVE DI ATTUAZIONE. Art. 1 Costituzione e finalità del fondo

DIRETTIVE DI ATTUAZIONE. Art. 1 Costituzione e finalità del fondo Allegato alla Delib.G.R. n. 46/14 del 22.9.2015 FONDO DI CAPITALE DI RISCHIO (VENTURE CAPITAL) PER INVESTIMENTI IN EQUITY PER LA CREAZIONE E LO SVILUPPO DI IMPRESE INNOVATIVE Legge regionale 29 maggio

Dettagli

AVVISO DI CONVOCAZIONE INTEGRALE ASSEMBLEA ENEL 26.05.2016

AVVISO DI CONVOCAZIONE INTEGRALE ASSEMBLEA ENEL 26.05.2016 AVVISO DI CONVOCAZIONE INTEGRALE ASSEMBLEA ENEL 26.05.2016 ENEL - S.p.A. Sede in Roma - Viale Regina Margherita, n. 137 Capitale sociale 10.166.679.946 (al 1 aprile 2016) interamente versato Codice Fiscale

Dettagli

Punto 5 all ordine del giorno dell Assemblea Straordinaria

Punto 5 all ordine del giorno dell Assemblea Straordinaria Punto 5 all ordine del giorno dell Assemblea Straordinaria Modifica del regolamento del Prestito Obbligazionario Convertendo BPM 2009/2013 6,75%. Conseguente attribuzione al Consiglio di Amministrazione

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER GLI INCENTIVI ALLE IMPRESE IL DIRETTORE GENERALE Visto il decreto-legge 22 giugno 2012, n. 83, convertito, con modificazioni, dalla legge 7 agosto

Dettagli

REGOLAMENTO DEL FONDO INTERNO CREDITRAS E AZIONARIO EUROPA

REGOLAMENTO DEL FONDO INTERNO CREDITRAS E AZIONARIO EUROPA REGOLAMENTO DEL FONDO INTERNO Il presente Regolamento è composto dall'allegato al Regolamento del Fondo interno e dai seguenti articoli specifici per il Fondo interno. 1 - PROFILI DI RISCHIO DEL FONDO

Dettagli

ASSEMBLEA ORDINARIA DEGLI AZIONISTI. 22 aprile 2015 - Prima Convocazione ed occorrendo 23 aprile 2015 Seconda Convocazione

ASSEMBLEA ORDINARIA DEGLI AZIONISTI. 22 aprile 2015 - Prima Convocazione ed occorrendo 23 aprile 2015 Seconda Convocazione Servizi Italia S.p.A. Sede legale: Via S. Pietro, 59/b 43019 Castellina di Soragna (PR) Capitale sociale: Euro 28.371.486,00 i.v. Numero Iscrizione Registro Imprese di Parma, C.F. 08531760158, Partita

Dettagli

SCHEDA TECNICA DESCRIZIONE SEZIONI DI INVESTIMENTO

SCHEDA TECNICA DESCRIZIONE SEZIONI DI INVESTIMENTO SCHEDA TECNICA DESCRIZIONE SEZIONI DI INVESTIMENTO DURATA CONTRATTUALE LIMITI ASSUNTIVI QUESTIONARI PRESTAZIONE IN CASO DI VITA DELL ASSICURATO (capitale a scadenza) PRESTAZIONE IN CASO DI DECESSO DELL

Dettagli

RISOLUZIONE N. 101/E

RISOLUZIONE N. 101/E RISOLUZIONE N. 101/E Direzione Centrale Normativa Roma, 19 novembre 2014 OGGETTO: Consulenza giuridica ai sensi dell articolo 11 della legge n. 212 del 2000 SOSTITUTO D IMPOSTA - CESSIONE QUOTE FONDI MOBILIARI

Dettagli

Regolamento del Fondo Interno Strategic Model Portfolio

Regolamento del Fondo Interno Strategic Model Portfolio Regolamento del Fondo Interno Strategic Model Portfolio Art. 1 - Aspetti generali Al fine di adempiere agli obblighi assunti nei confronti del Contraente in base alle Condizioni di Polizza, la Compagnia

Dettagli

La ristrutturazione dell impresa come opportunità di sviluppo e creazione di valore IL FONDO ITALIANO DI INVESTIMENTO

La ristrutturazione dell impresa come opportunità di sviluppo e creazione di valore IL FONDO ITALIANO DI INVESTIMENTO La ristrutturazione dell impresa come opportunità di sviluppo e creazione di valore IL FONDO ITALIANO DI INVESTIMENTO TopLegal Roma, 23 settembre 2010 Il progetto Nel mese di dicembre 2009, su iniziativa

Dettagli

SCHEDA TECNICA DESCRIZIONE SEZIONI DI INVESTIMENTO

SCHEDA TECNICA DESCRIZIONE SEZIONI DI INVESTIMENTO SCHEDA TECNICA DESCRIZIONE SEZIONI DI INVESTIMENTO DURATA CONTRATTUALE LIMITI ASSUNTIVI QUESTIONARI PRESTAZIONI IN CASO DI VITA DELL ASSICURATO (capitale a scadenza) PRESTAZIONE IN CASO DI DECESSO DELL

Dettagli

SCHEDA DI ADESIONE OFFERTA PUBBLICA DI SOTTOSCRIZIONE DEI CERTIFICATES DENOMINATI

SCHEDA DI ADESIONE OFFERTA PUBBLICA DI SOTTOSCRIZIONE DEI CERTIFICATES DENOMINATI COPIA N. 1 - PER IL COLLOCATORE SCHEDA DI ADESIONE OFFERTA PUBBLICA DI SOTTOSCRIZIONE DEI CERTIFICATES DENOMINATI "Certificati Express legati all indice EURO STOXX Banks " con scadenza febbraio 2019 emissione

Dettagli

Autorizzazione all acquisto di azioni proprie e al compimento di atti di disposizione sulle medesime.

Autorizzazione all acquisto di azioni proprie e al compimento di atti di disposizione sulle medesime. RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI ELICA S.P.A. RELATIVA ALLA PROPOSTA DI AUTORIZZAZIONE ALL ACQUISTO E ALLA DISPOSIZIONE DI AZIONI PROPRIE RELAZIONE DEGLI AMMINISTRATORI REDATTA

Dettagli

RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE

RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE predisposta ai sensi dell articolo 125-ter del D. Lgs. 24 febbraio 1998 n. 58 per l Assemblea degli Azionisti convocata per il giorno 26 aprile 2013,

Dettagli

ESTRATTO DELLA POLITICA PER LA GESTIONE DELLE SITUAZIONI DI CONFLITTO DI INTERESSE GENERALI Investments Europe S.p.A. SGR

ESTRATTO DELLA POLITICA PER LA GESTIONE DELLE SITUAZIONI DI CONFLITTO DI INTERESSE GENERALI Investments Europe S.p.A. SGR ESTRATTO DELLA POLITICA PER LA GESTIONE DELLE SITUAZIONI DI CONFLITTO DI INTERESSE GENERALI Investments Europe S.p.A. SGR Politica per la gestione dei conflitti d interesse di GENERALI INVESTMENTS EUROPE

Dettagli

Legittimazione all intervento in Assemblea e voto per delega

Legittimazione all intervento in Assemblea e voto per delega SCREEN SERVICE BROADCASTING TECHNOLOGIES S.P.A. IN LIQUIDAZIONE E IN CONCORDATO PREVENTIVO Sede legale in Brescia, via Gian Battista Cacciamali n. 71 Capitale sociale Euro 13.190.476,00 i.v. Codice Fiscale

Dettagli

Comunicazione della Società : significa quanto descritto nell articolo 3.2.

Comunicazione della Società : significa quanto descritto nell articolo 3.2. REGOLAMENTO DEI SPONSOR WARRANT SPACE S.P.A. 1 DEFINIZIONI 1.1 Nel presente Regolamento i seguenti termini hanno il significato qui attribuito. I termini definiti al singolare si intendono definiti anche

Dettagli

Il presente documento informativo è redatto ai sensi dell articolo 84 bis del Regolamento

Il presente documento informativo è redatto ai sensi dell articolo 84 bis del Regolamento PUNTO 6 DELIBERA PIANO DI ATTRIBUZIONE DI AZIONI RIVOLTO AI DIPENDENTI E AI PROMOTORI FINANZIARI NELL AMBITO DEL PREMIO AZIENDALE 2012 DOCUMENTO INFORMATIVO Ex art. 84-bis del Regolamento CONSOB n. 11971/99

Dettagli

MEDIOLANUM REAL ESTATE gestito da Mediolanum Gestione Fondi SGR p.a.

MEDIOLANUM REAL ESTATE gestito da Mediolanum Gestione Fondi SGR p.a. Offerta al pubblico e ammissione alle negoziazioni di quote del fondo comune di investimento immobiliare chiuso ad accumulazione ed a distribuzione dei proventi denominato MEDIOLANUM REAL ESTATE gestito

Dettagli

Assemblea degli Azionisti 28 ottobre 2014(prima convocazione) ore 8.30 29 ottobre 2014 (seconda convocazione) ore 8.30

Assemblea degli Azionisti 28 ottobre 2014(prima convocazione) ore 8.30 29 ottobre 2014 (seconda convocazione) ore 8.30 Assemblea degli Azionisti 28 ottobre 2014(prima convocazione) ore 8.30 29 ottobre 2014 (seconda convocazione) ore 8.30 Relazioni degli Amministratori sui punti all Ordine del Giorno dell Assemblea Ordinaria

Dettagli

IMMOBILIARE DINAMICO

IMMOBILIARE DINAMICO SUPPLEMENTO AL PROSPETTO RELATIVO ALL OFFERTA AL PUBBLICO E AMMISSIONE ALLE NEGOZIAZIONI DI QUOTE DEL FONDO COMUNE DI INVESTIMENTO IMMOBILIARE CHIUSO IMMOBILIARE DINAMICO depositato presso la Consob in

Dettagli

CASSA DI RISPARMIO DI CARRARA S.p.A. a Tasso Fisso 2,75% 15/03/04-15/03/08 CODICE ISIN IT0003632772

CASSA DI RISPARMIO DI CARRARA S.p.A. a Tasso Fisso 2,75% 15/03/04-15/03/08 CODICE ISIN IT0003632772 EMISSIONE OBBLIGAZIONARIA CASSA DI RISPARMIO DI CARRARA S.p.A. a Tasso Fisso 2,75% 15/03/04-15/03/08 CODICE ISIN IT0003632772 INDICE Documento di Sintesi. Pag. 2 Regolamento del prestito obbligazionario..

Dettagli

Altre deliberazioni Assemblea. 16-19 aprile 2010

Altre deliberazioni Assemblea. 16-19 aprile 2010 Altre deliberazioni Assemblea 16-19 aprile 2010 Autorizzazione all acquisto e alla disposizione di azioni proprie come già detto in altra parte della relazione, l Assemblea ordinaria del 17 aprile 2009

Dettagli

Milano, 24 marzo 2015. Approvato il rendiconto di gestione al 31 dicembre 2014 del Fondo immobiliare Investietico:

Milano, 24 marzo 2015. Approvato il rendiconto di gestione al 31 dicembre 2014 del Fondo immobiliare Investietico: AEDES BPM Real Estate SGR S.p.A. Sede in Milano, Bastioni di Porta Nuova n. 21, capitale sociale Euro 5.500.000,00 sottoscritto e versato, R.E.A. Milano n. 239479, Numero Registro delle Imprese di Milano

Dettagli

In caso di adesioni all OPSC per quantitativi di azioni superiori alle azioni oggetto dell Offerta, si farà luogo al riparto secondo il metodo

In caso di adesioni all OPSC per quantitativi di azioni superiori alle azioni oggetto dell Offerta, si farà luogo al riparto secondo il metodo Proposta di autorizzazione all acquisto di azioni ordinarie proprie, ai sensi dell art. 2357 del codice civile, dell art. 132 del D.Lgs. 58/1998 e relative disposizioni di attuazione, con la modalità di

Dettagli

REVISIONE DELLA DISCIPLINA SECONDARIA IN MATERIA DI GESTIONE COLLETTIVA DEL RISPARMIO

REVISIONE DELLA DISCIPLINA SECONDARIA IN MATERIA DI GESTIONE COLLETTIVA DEL RISPARMIO Vigilanza bancaria e finanziaria REVISIONE DELLA DISCIPLINA SECONDARIA IN MATERIA DI GESTIONE COLLETTIVA DEL RISPARMIO MODIFICHE AL REGOLAMENTO SULLA GESTIONE COLLETTIVA DEL RISPARMIO IN MATERIA DI APPROVAZIONE

Dettagli

Cerved Information Solutions S.p.A.

Cerved Information Solutions S.p.A. Cerved Information Solutions S.p.A. Relazione del Consiglio di Amministrazione all Assemblea degli Azionisti Unica convocazione: 27 aprile 2015 CONVOCAZIONE DI ASSEMBLEA ORDINARIA Gli aventi diritto di

Dettagli

Il presente documento informativo è redatto ai sensi dell articolo 84 bis del Regolamento

Il presente documento informativo è redatto ai sensi dell articolo 84 bis del Regolamento PUNTO 7 DELIBERA PIANO DI ATTRIBUZIONE DI AZIONI RIVOLTO AI DIPENDENTI E AI PROMOTORI FINANZIARI DI BANCA POPOLARE ETICA S.C.P.A. E AI DIPENDENTI DELLA FONDAZIONE CULTURALE RESPONSABILITÀ ETICA NELL AMBITO

Dettagli

ORDINE DEL GIORNO ASSEMBLEA ORDINARIA

ORDINE DEL GIORNO ASSEMBLEA ORDINARIA Unipol Gruppo Finanziario Relazioni degli Amministratori sulle proposte di deliberazione all Assemblea Ordinaria degli Azionisti del 18 giugno 2015 ORDINE DEL GIORNO ASSEMBLEA ORDINARIA 1. Bilancio d esercizio

Dettagli

STATUTO DEL CENTRO DI FIRENZE PER LA MODA ITALIANA

STATUTO DEL CENTRO DI FIRENZE PER LA MODA ITALIANA STATUTO DEL CENTRO DI FIRENZE PER LA MODA ITALIANA ART. 1 DENOMINAZIONE SEDE 1. Il Centro di Firenze per la Moda Italiana, in forma abbreviata CENTRO MODA, costituito il 6 novembre 1954, è una Associazione

Dettagli

REGOLAMENTO DEL FONDO INTERNO CREDITRAS UNIATTIVA (scad. 12/2017)

REGOLAMENTO DEL FONDO INTERNO CREDITRAS UNIATTIVA (scad. 12/2017) REGOLAMENTO DEL FONDO INTERNO CREDITRAS UNIATTIVA (scad. 12/2017) 1 - ISTITUZIONE, DENOMINAZIONE E CARATTERISTICHE DEL FONDO INTERNO CREDITRAS VITA S.p.A. (di seguito Società) ha istituito e gestisce,

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO DELLA FONDAZIONE PESCARABRUZZO

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO DELLA FONDAZIONE PESCARABRUZZO REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO DELLA FONDAZIONE PESCARABRUZZO Approvato dal Comitato di Indirizzo nella seduta del 20 marzo 2015 Sommario TITOLO I - PREMESSE... 3 1. Ambito di applicazione...

Dettagli

Punto 3 all Ordine del Giorno dell Assemblea Ordinaria

Punto 3 all Ordine del Giorno dell Assemblea Ordinaria Punto 3 all Ordine del Giorno dell Assemblea Ordinaria Autorizzazione all acquisto e alla disposizione di azioni proprie. Delibere inerenti e conseguenti. 863 Relazione del Consiglio di Gestione sul punto

Dettagli

Signori Azionisti, * * * 1) PRINCIPALI MOTIVAZIONI PER LE QUALI È RICHIESTA L AUTORIZZAZIONE ALL ACQUISTO E ALLA DISPOSIZIONE DI AZIONI PROPRIE.

Signori Azionisti, * * * 1) PRINCIPALI MOTIVAZIONI PER LE QUALI È RICHIESTA L AUTORIZZAZIONE ALL ACQUISTO E ALLA DISPOSIZIONE DI AZIONI PROPRIE. RELAZIONE ILLUSTRATIVA DELL ORGANO AMMINISTRATIVO ALL ASSEMBLEA ORDINARIA DEGLI AZIONISTI CONVOCATA PER IL GIORNO 29 APRILE 2014 RELATIVA AL PUNTO TRE ALL ORDINE DEL GIORNO RELAZIONE DEGLI AMMINISTRATORI

Dettagli

POLICY SINTETICA ADOTTATA DA BANCA LEONARDO S.P.A

POLICY SINTETICA ADOTTATA DA BANCA LEONARDO S.P.A POLICY SINTETICA ADOTTATA DA BANCA LEONARDO S.P.A. PER L INDIVIDUAZIONE E LA GESTIONE DEI CONFLITTI DI INTERESSE NELLA PRESTAZIONE DEI SERVIZI E DELLE ATTIVITA DI INVESTIMENTO E DEI SERVIZI ACCESSORI 1.

Dettagli

Società di Gestione del Risparmio S.p.A. Documento sintetico relativo alla SGR e ai servizi dalla stessa prestati

Società di Gestione del Risparmio S.p.A. Documento sintetico relativo alla SGR e ai servizi dalla stessa prestati Documento sintetico relativo alla SGR e ai servizi dalla stessa prestati Premessa La Direttiva dell'unione Europea MiFID (2004/39/CE), acronimo di Markets in Financial Instruments Directive, ha modificato,

Dettagli

GO INTERNET S.P.A. **.***.** **.***.**

GO INTERNET S.P.A. **.***.** **.***.** GO INTERNET S.P.A. **.***.** PARERE DEL COLLEGIO SINDACALE EMESSO AI SENSI DELL ART. 2441, COMMA 6, C.C., IN ORDINE ALLA CONGRUITÀ DEL PREZZO DI EMISSIONE DELLE AZIONI DI COMPENDIO RELATIVAMENTE ALL OPERAZIONE

Dettagli

Art. 2 - Condizioni per il deposito di prestito sociale presso la Cooperativa

Art. 2 - Condizioni per il deposito di prestito sociale presso la Cooperativa REGOLAMENTO DEI PRESTITI SOCIALI Art. 1 - Definizione dei prestiti sociali 1. I depositi in denaro effettuati da soci esclusivamente per il conseguimento dell oggetto sociale con obbligo di rimborso per

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO INDICE Art. 1 Ambito di applicazione TITOLO I PRINCIPI GENERALI Art. 2 Finalità del processo di gestione del patrimonio Art. 3 Fondo stabilizzazione erogazioni

Dettagli

AVVISO AGLI AZIONISTI DI NAVALE ASSICURAZIONI S.p.A.

AVVISO AGLI AZIONISTI DI NAVALE ASSICURAZIONI S.p.A. AVVISO AGLI AZIONISTI DI NAVALE ASSICURAZIONI S.p.A. Modalità e termini di esercizio del diritto di recesso ai sensi dell art. 2437 e seguenti del codice civile e di esercizio del diritto di vendita ai

Dettagli

REGOLAMENTO DEL FONDO INTERNO ASSICURATIVO PREVILINK

REGOLAMENTO DEL FONDO INTERNO ASSICURATIVO PREVILINK Allegato 4 REGOLAMENTO DEL FONDO INTERNO ASSICURATIVO PREVILINK Art. 1 - Denominazione del Fondo Interno La Società gestisce, con le modalità stabilite dal presente Regolamento, un portafoglio di valori

Dettagli

Saipem ORDINE DEL GIORNO

Saipem ORDINE DEL GIORNO Società per Azioni Sede Legale in San Donato Milanese Via Martiri di Cefalonia 67 Capitale Sociale Euro 441.177.500 i.v. Registro delle Imprese di Milano, Codice Fiscale 00825790157 Partita IVA: 00825790157

Dettagli

(iii) per adempiere alle obbligazioni di consegna delle azioni derivanti da programmi di distribuzione, a titolo oneroso o gratuito, di opzioni su

(iii) per adempiere alle obbligazioni di consegna delle azioni derivanti da programmi di distribuzione, a titolo oneroso o gratuito, di opzioni su MONCLER S.p.A. Sede sociale in Milano, Via Stendhal, n. 47 - capitale sociale euro 50.000.000,00 i.v. Registro delle Imprese di Milano, codice fiscale e partita IVA 04642290961 - REA n 1763158 Relazione

Dettagli

AIFI. Associazione Italiana del Private Equity e Venture Capital. Il capitale di rischio come strumento di sviluppo per le PMI. Lecco, 23 marzo 2011

AIFI. Associazione Italiana del Private Equity e Venture Capital. Il capitale di rischio come strumento di sviluppo per le PMI. Lecco, 23 marzo 2011 AIFI Associazione Italiana del Private Equity e Venture Capital Il capitale di rischio come strumento di sviluppo per le PMI Lecco, 23 marzo 2011 Anna Gervasoni Direttore Generale AIFI Agenda Il mercato

Dettagli

IL FONDO ITALIANO D INVESTIMENTO

IL FONDO ITALIANO D INVESTIMENTO IL FONDO ITALIANO D INVESTIMENTO Gabriele Cappellini Milano, 18 ottobre 2011 Il progetto Si tratta del più grande fondo italiano di capitale per lo sviluppo, costituito per dare impulso alla crescita patrimoniale

Dettagli

BANCA CARIGE Società per Azioni - Via Cassa di Risparmio,15-16123 Genova 1

BANCA CARIGE Società per Azioni - Via Cassa di Risparmio,15-16123 Genova 1 Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione al punto secondo dell ordine del giorno dell Assemblea Straordinaria dei Soci convocata per il giorno 23 aprile 2015 in unica convocazione, in merito

Dettagli

Condizioni Definitive alla Nota Informativa per l offerta di Banco di Sardegna S.p.A. Obbligazioni a Tasso Fisso

Condizioni Definitive alla Nota Informativa per l offerta di Banco di Sardegna S.p.A. Obbligazioni a Tasso Fisso BANCO DI SARDEGNA S.P.A. Sede legale: Cagliari - Viale Bonaria 33 Sede amministrativa e Direzione generale: Sassari - Viale Umberto 36 Capitale sociale euro 147.420.075,00 i.v. Cod. fisc. e num. iscriz.

Dettagli

Autorizzazione all acquisto e alla disposizione di azioni proprie

Autorizzazione all acquisto e alla disposizione di azioni proprie Altre deliberazioni Autorizzazione all acquisto e alla disposizione di azioni proprie Signori Azionisti, l Assemblea ordinaria del 28 aprile 2008 aveva rinnovato alla Società l autorizzazione all acquisto

Dettagli

Testo vigente. Testo proposto Articolo 5 Capitale sociale. Articolo 5

Testo vigente. Testo proposto Articolo 5 Capitale sociale. Articolo 5 1. Proposta di eliminazione del valore nominale espresso delle azioni ordinarie e di risparmio in circolazione. Conseguenti modifiche dello statuto sociale. Deliberazioni inerenti e conseguenti. Signori

Dettagli

Vigilanza bancaria e finanziaria

Vigilanza bancaria e finanziaria Vigilanza bancaria e finanziaria DISPOSIZIONI DI VIGILANZA IN MATERIA DI POTERI DI DIREZIONE E COORDINAMENTO DELLA CAPOGRUPPO DI UN GRUPPO BANCARIO NEI CONFRONTI DELLE SOCIETÀ DI GESTIONE DEL RISPARMIO

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE alla NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA

CONDIZIONI DEFINITIVE alla NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA SEZIONE 4 Società per Azioni CONDIZIONI DEFINITIVE alla NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA "BANCA CRV CASSA DI RISPARMIO DI VIGNOLA S.p.A. OBBLIGAZIONI A TASSO FISSO BANCA CRV CASSA DI RISPARMIO DI VIGNOLA

Dettagli

Condizioni Definitive alla Nota Informativa per l offerta di Banco di Sardegna S.p.A. Obbligazioni a Tasso Fisso

Condizioni Definitive alla Nota Informativa per l offerta di Banco di Sardegna S.p.A. Obbligazioni a Tasso Fisso BANCO DI SARDEGNA S.P.A. Sede legale: Cagliari - Viale Bonaria 33 Sede amministrativa e Direzione generale: Sassari - Viale Umberto 36 Capitale sociale al 31 dicembre 2007 euro 155.247.762,00 i.v. Cod.

Dettagli

Delega per l intervento in Assemblea

Delega per l intervento in Assemblea Delega per l intervento in Assemblea Il/La sottoscritto/a 1 Telefono *Indirizzo di residenza o sede legale Avente diritto al voto su numero azioni di Space S.p.A. delega con facoltà di essere sostituito

Dettagli

ASSEMBLEA DEI SOCI 11 MAGGIO 2012

ASSEMBLEA DEI SOCI 11 MAGGIO 2012 ASSEMBLEA DEI SOCI 11 MAGGIO 2012 INFORMAZIONI IN MERITO ALLA PROCEDURA DI NOMINA DEGLI AMMINISTRATORI DI UNICREDIT S.P.A. UniCredit S.p.A. - Sede Sociale: Via Alessandro Specchi 16-00186 Roma - Direzione

Dettagli

Policy su criteri e modalità di esercizio dei diritti inerenti gli strumenti finanziari di pertinenza dei patrimoni gestiti

Policy su criteri e modalità di esercizio dei diritti inerenti gli strumenti finanziari di pertinenza dei patrimoni gestiti Mediolanum Gestione Fondi S.G.R.p.A Sintesi della Policy su criteri e modalità di esercizio dei diritti inerenti gli strumenti finanziari di pertinenza dei patrimoni gestiti Edizione del giugno 2014 PREMESSA

Dettagli

AVVISO AGLI AZIONISTI DI BANCA DELL ARTIGIANATO E DELL INDUSTRIA S.p.A.

AVVISO AGLI AZIONISTI DI BANCA DELL ARTIGIANATO E DELL INDUSTRIA S.p.A. AVVISO AGLI AZIONISTI DI BANCA DELL ARTIGIANATO E DELL INDUSTRIA S.p.A. Modalità e termini di esercizio del diritto di vendita ai sensi dell art. 2505-bis del codice civile e di esercizio del diritto di

Dettagli

BNP Paribas REIM SGR p.a. approva le semestrali 2015 dei fondi BNL Portfolio Immobiliare ed Estense-Grande Distribuzione

BNP Paribas REIM SGR p.a. approva le semestrali 2015 dei fondi BNL Portfolio Immobiliare ed Estense-Grande Distribuzione BNP Paribas REIM SGR p.a. approva le semestrali 2015 dei fondi BNL Portfolio Immobiliare ed Estense-Grande Distribuzione Milano, 28 luglio 2015. Il Consiglio di Amministrazione di BNP Paribas REIM SGR

Dettagli

Regolamento per la gestione del patrimonio

Regolamento per la gestione del patrimonio Regolamento per la gestione del patrimonio Approvato dall Organo di indirizzo nella seduta del 19 aprile 2013 Art. 1 (Ambito di applicazione) Il presente regolamento, adottato ai sensi dell'art. 6 dello

Dettagli

Assemblea Ordinaria del 26 27 Aprile 2010. Relazione illustrativa degli Amministratori sul punto 1 dell ordine del giorno:

Assemblea Ordinaria del 26 27 Aprile 2010. Relazione illustrativa degli Amministratori sul punto 1 dell ordine del giorno: PIERREL S.p.A. Sede legale in Milano, Via Giovanni Lanza 3 - Capitale sociale Euro 14.420.000,00 i.v. - Codice fiscale e numero di iscrizione al Registro delle Imprese di Milano n. 04920860964 Relazione

Dettagli