GESTIONE DELLA MANUTENZIONE AIR SIDE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "GESTIONE DELLA MANUTENZIONE AIR SIDE"

Transcript

1 CON IL PATROCINIO DI: GESTIONE DELLA MANUTENZIONE AIR SIDE Analisi delle procedure operative e implicazione sulla sicurezza aeroportuale sullo scalo di Malpensa Marco SCLIP IN COLLABORAZIONE CON: Matr Tutor aziendale: Enrico Barolo I PARTNER:

2 Alla mia famiglia

3 INDICE Introduzione La struttura manutentiva SEA Competenze tecniche La manutenzione in cifre Documentazione di riferimento Manuale di Aeroporto Amministrazione Tecnica Procedure Operative Regolamento per la Costruzione e l Esercizio degli Aeroporti Impianti Elettrici, Speciali e di Sollevamento Struttura manutentiva U.O.I.E.S.S Intervento a guasto e manutenzione programmata Principali attività di assistenza al volo Friction Test Ispezione AVL Rilievi ENAC su PROCOP Caso Studio: Inclinazione unità P.A.P.I I P.A.P.I Cronistoria del progetto per la misurazione dell inclinazione dei P.A.P.I Infrastrutture e viabilità Struttura manutentiva U.O.I.V Ispezione Giornaliera (PROCOP ) FOD Rilievo ENAC su STRIP Area di sicurezza della pista: STRIP Interventi di bonifica STRIP Ruolo di controllo di ENAC La certificazione aeroportuale Audit Gestione dei Rilievi ENAC Conclusioni e sviluppi futuri... 57

4 - Introduzione - Introduzione Questo lavoro è frutto di un esperienza di tirocinio svolta presso la società SIEMENS S.p.a. in collaborazione con la struttura manutentiva di SEA S.p.a.. Durante questi mesi di stage mi è stata data l opportunità di vedere in prima persona le principali realtà della manutenzione aeroportuale, focalizzando la mia attenzione su tutti quegli aspetti che riguardano la sicurezza delle infrastrutture di volo (piste, impianti di assistenza al volo,etc.). In questa relazione tratterò in primo luogo l organizzazione della SEA nell ambito manutentivo, per poi analizzare nello specifico gli aspetti legati alle ispezioni ai sistemi di assistenza al volo e alle infrastrutture aeroportuali. L obiettivo è quello di creare una panoramica sui processi manutentivi in cui vengano esplicitati i ruoli degli attori coinvolti nelle procedure aeroportuali (dall Accountable Manager, al Post Holder Manutenzione Infrastrutture e Sistemi, ai responsabili delle varie unità organizzative), le loro funzioni e i legami con ENAC, che rappresenta il legislatore e l ente di controllo

5 - La struttura manutentiva SEA - 1 La struttura manutentiva SEA La struttura della Manutenzione Malpensa comprende circa 230 persone tra dirigenti, quadri, impiegati ed operai. A questa struttura rispondono diverse unità organizzative: impianti termomeccanici; impianti elettromeccanici; fabbricati; impianti elettrici; infrastrutture e viabilità. In staff alla Manutenzione Malpensa c è una Control Room con turnazione H24 che provvede alle seguenti funzioni: presidio operativo-tecnico dell aeroporto e funzione di call-center; tele-controllo, tele-misure e tele-gestione della rete e delle cabine elettriche di media tensione a 15 KV; tele-controllo e tele-gestione dell impianto antincendio; tele-controllo degli ascensori, delle scale mobili e dei tappeti mobili; monitoraggio dei parametri elettrici; monitoraggio e verifiche di Energia Termica

6 - La struttura manutentiva SEA - Figura 1-1: Organigramma Direzione Operazioni - 4 -

7 - La struttura manutentiva SEA Competenze tecniche Come già anticipato la Manutenzione Malpensa è costituita da 5 unità organizzative; di seguito sono elencate le competenze e le attività di ciascuna di queste strutture. Impianti Elettrici, Speciali e di Sollevamento Con una turnazione H24 questa unità si occupa di interventi di manutenzioni programmate, a guasto e pronto intervento per quanto riguarda: impianti AVL di piste, raccordi e piazzali; cabine elettriche MT/BT; gruppi elettrogeni di continuità e di emergenza; ascensori, scale mobili e tappeti mobili; impianti elettrici di forza motrice ed illuminazione; impianti video, diffusione sonora e teleallertamento multimediale; impianti rete dati, antenne e telefonia; impianti antincendio ed antintrusione; macchine x-ray e metal detector. Impianti Termomeccanici Con una turnazione H24 questa unità si occupa di interventi di manutenzioni programmate, a guasto e pronto intervento per quanto riguarda: centrali termiche e frigorifere; termocondizionamento; pozzi idrici e rete potabile; rete fognaria; centrali e reti antincendio; vasche di prima pioggia; de-icing; cogenerazione e teleriscaldamento; torri evaporative; gruppi frigo ed assorbimento; - 5 -

8 - La struttura manutentiva SEA - disoleatori; trattamento acqua. Impianti Elettromeccanici Con una turnazione H24 questa unità si occupa di interventi di manutenzioni programmate, a guasto e pronto intervento per quanto riguarda: impianti BHS (Baggage Handling System); impianto automatizzato movimentazione merci UHS (Uld Handling System); bridge: pontili mobili, 400 Hz, guida ottica, Cdz, acqua potabile; bilance check-in e merci. Infrastrutture e viabilità Con una turnazione H16 questa unità si occupa di interventi di manutenzioni programmate, a guasto e pronto intervento per quanto riguarda: piazzali aeromobili, piste e raccordi; segnaletica orizzontale; strade interne ed esterne; FOD; sgommatura; aree verdi; parcheggi; sfalcio erba; recinzioni; piano emergenza neve. Fabbricati Con una turnazione H16 questa unità si occupa di interventi di manutenzioni programmate e di guasto per quanto riguarda: opere civili ed infrastrutturali; porte automatiche e portoni; servizi generali e pulizie; disinfestazioni e derattizzazioni; facchinaggio

9 - La struttura manutentiva SEA - La certificazione aeroportuale di Malpensa ha contribuito a confermare ed incentivare le politiche manutentive basate su un maggior coinvolgimento delle risorse interne. La SEA ha quindi deciso di svolgere esclusivamente con risorse interne le attività correlate ad impianti e strutture strategici sia per l operatività aeroportuale (gruppi elettrogeni, de-icing, smistamenti bagagli, meccanizzazione merci, pontili mobili) sia per la sicurezza del trasporto aereo (aiuti visivi luminosi, pavimentazioni delle aree di manovra). Oltre alle attività sopra elencate, la Manutenzione svolge anche attività strettamente legate alla gestione dell aeroporto, quali: assicura l informativa aeronautica (aggiornamento e controllo della pubblicazione AIP Italia, richiesta e controllo dell emissione di Notam di chiusura delle infrastrutture di volo); garantisce il contatto radio con la Torre di Controllo per ispezioni, manutenzioni e nuove realizzazioni; assicura le attività legate alle ordinanze emesse dall ENAC; partecipa alla gestione delle emergenze aeroportuali a garanzia della corretta operatività del volo (sgombero neve, operazioni di bassa visibilità, crash aereo, antincendio); effettua la verifica del coefficiente di frenata di pista; gestisce le ispezioni di pista ed AVL; assicura il presidio tecnico-operativo dell aeroporto

10 - La struttura manutentiva SEA La manutenzione in cifre Sono riportate di seguito alcune cifre significative dell aeroporto di Malpensa. AEROPORTO di MALPENSA Superficie Sedime aeroportuale Superficie a verde Lunghezza recinzione m 2 Superfici Pavimentate m 2 Segnaletica orizzontale m m 2 37 Km Fabbricati 170 Rifiuti prodotti Kg Acqua prelevata m 3 Potenza installata KVA Luci di pista 5000 Tabelle luminose 280 Torri faro 105 Luci segna ostacoli 750 Lampade emergenza Lampioni stradali 700 Ristorazione 47 Telecamere Rilevatori fumo Altoparlanti Lettori badge 600 Ascensori, scale e tappeti mobili Telefoni, postazioni internet e fax 180 Lampade illuminazione Posti auto

11 2 Documentazione di riferimento 2.1 Manuale di Aeroporto Dipartimento di Ingegneria Aerospaziale - Documentazione di riferimento - Il Manuale di Aeroporto è approvato dall ENAC e contiene tutte le informazioni e le istruzioni necessarie per consentire al personale aeroportuale di svolgere le proprie mansioni. La SEA è tenuta a rendere disponibile al proprio personale ed agli altri operatori aeroportuali interessati una copia del Manuale di Aeroporto o una copia di ciascuna parte del Manuale relativa alle specifiche competenze e ad assicurarsi che tali copie siano sempre aggiornate. L obiettivo principale di questo documento è quello di definire come il gestore adempie ai propri compiti al fine di garantire le condizioni di corretta gestione dell aeroporto e di sicurezza delle operazioni. Il manuale definisce le politiche e gli standard di prestazioni adottati dal gestore nonché le procedure tramite le quali raggiungerli. Il Manuale di Aeroporto deve quindi: contenere tutte le informazioni per descrivere la struttura organizzativa del gestore; indicare per ciascun compito descritto le figure responsabili con le relative attribuzioni; descrivere i servizi e le strutture dell aeroporto; contenere tutte le procedure operative necessarie. È il documento di riferimento per verificare l adeguatezza del gestore e della sua organizzazione ai fini dell ottenimento e del mantenimento della certificazione dell aeroporto; è la fonte documentale che descrive come devono essere condotte le procedure operative e la loro gestione in sicurezza. Oltre a rispondere a questi requisiti, rappresenta un mezzo di diffusione di tutte le procedure e informazioni relative ad una sicura gestione dell aeroporto. Il Manuale deve contenere le informazioni e le procedure che riguardano l attività di competenza del gestore, fornendo anche le indicazioni in merito agli aspetti di - 9 -

12 - Documentazione di riferimento - coordinamento con i soggetti non controllati per le attività e servizi attinenti la sicurezza delle operazioni da essi garantiti. Andiamo ora a riproporre alcuni degli elementi contenuti all interno del Manuale di Aeroporto che rappresentano i punti fondamentali della manutenzione land side, con riferimento alle procedure che interessano le unità organizzative di Assistenza al Volo e dell Infrastrutture e Viabilità Amministrazione Tecnica La figura a capo della manutenzione di scalo SEA è rappresentata dal Post Holder Manutenzione Infrastrutture e Sistemi che per l area di interesse assicura ad ENAC lo svolgimento in sicurezza delle attività aeroportuali, assumendo se necessario le opportune decisioni operativo-gestionali atte a garantire il rispetto del Regolamento. Al Post Holder Manutenzione Infrastrutture e Sistemi e alla sua struttura organizzativa sono attribuite queste funzioni: la predisposizione dei programmi manutentivi di tutti gli apparati, edifici, segnaletica, AVL, piste, taxiway, raccordi, strade aeroportuali, recinzioni, drenaggi, equipaggiamenti, mezzi di trasporto ed attrezzature speciali, alimentazioni, etc. che concernono l aeroporto nella sua completezza; l effettiva e corretta attuazione della manutenzione programmata e straordinaria, al fine di garantire la costante efficienza di infrastrutture ed impianti per il mantenimento di un adeguato livello di sicurezza delle operazioni; la gestione dei servizi connessi con il volo (ispezione delle piste, controllo dei sistemi di illuminazione piste e segnaletica luminosa, controllo del coefficiente di attrito della pista, etc.); la verifica delle corrette caratteristiche dei cantieri aperti nelle aree aeroportuali comprese entro la recinzione doganale e il loro mantenimento per tutta la durata dei lavori ai fini di garantire la sicurezza delle operazioni degli aeromobili a terra ed in volo;

13 - Documentazione di riferimento - la verifica del ripristino delle condizioni di agibilità delle aree di movimento interessate dai lavori e la relativa attestazione ai fini operativi riguardo sia alle infrastrutture preesistenti sia a quelle appena realizzate; il monitoraggio ostacoli in relazione alle superfici ostacoli connesse alla pista, al decollo e all avvicinamento; il controllo dello stato della pista, delle taxiway e dei raccordi, della segnaletica orizzontale, verticale e luminosa e degli AVL; il coordinamento delle informazioni aeronautiche e la definizione delle comunicazioni (NOTAMS) da emettere nei casi di lavori di manutenzione e di realizzazione di nuove opere nelle aree aeroportuali con riferimenti alle limitazioni operative dovute al cantiere e/o agli ostacoli realizzati Procedure Operative Il gestore nel predisporre le procedure operative del Manuale di Aeroporto tiene conto delle informazioni e delle procedure che riguardano la propria competenza fornendo anche indicazioni in merito agli aspetti di coordinamento con i soggetti non controllati e delle specifiche esigenze dell aeroporto. Sono di seguito evidenziate le procedure operative contenute nel Manuale di Aeroporto e riferite alla manutenzione aeroportuale: PROCOP 020: Ispezioni di Routine: Aiuti Visivo Luminosi (AVL); PROCOP 030: Ispezioni di Routine: Infrastrutture di Volo; PROCOP 040: Ispezioni del piazzale, della pista e delle vie di rullaggio a seguito di presenza segnalata di detriti nell area di movimento; PROCOP 050: Pulizia delle piste, delle vie di rullaggio e del piazzale; PROCOP 060: Protezione delle piste durante le procedure per bassa visibilità (LVPs) PROCOP 070: Misurazione e diffusione delle informazioni relative all altezza dell acqua, della neve e neve mista ad acqua (slush) sulle piste e sulle vie di rullaggio; PROCOP 080: Misurazione e diffusione delle informazioni relative all azione frenante di pista;

14 - Documentazione di riferimento - PROCOP 110: Apertura cantieri e rilascio aree a seguito di lavori di manutenzione ordinaria, straordinaria e di esecuzione di nuove opere sulle infrastrutture o sugli impianti aeroportuali nelle aree di manovra e/o movimento; PROCOP 170: Piano emergenza neve; PROCOP 180: Piano per la riduzione del rischio di impatto con uccelli e animali selvatici; PROCOP 240: Controllo della recinzione aeroportuale; PROCOP 260: Sversamenti di carburanti e olii in area di movimento; PROCOP 270: Ubicazione degli ostacoli e procedure relative all illuminazione degli stessi; PROCOP 280: Piano di Manutenzione; Capitolo V: Aiuti Visivi. Andando ad analizzare le varie procedure elencate nel Manuale di Aeroporto e focalizzando la nostra attenzione solamente su quelle che coinvolgono la sicurezza delle piste, siamo stati in grado di schematizzare le diverse operazioni con riferimento agli enti coinvolti nel processo. RUOLI I.E.S.S. I.V. R.D.L. Control Room Post Holder ENAV ENAC Manutenzione Malpensa AVL * * Ispezioni * * * * Pulizia * * * * LVP * * * * * Acqua, neve, fango * * Azione * * * * * * * frenante Cantieri * * * * * Rimozione * * * * neve

15 - Documentazione di riferimento Regolamento per la Costruzione e l Esercizio degli Aeroporti Il presente Regolamento prescrive i requisiti, in materia di sicurezza delle operazioni, per l emissione ed il mantenimento della certificazione degli aeroporti. Esso richiede la certificazione degli aeroporti utilizzati per attività di trasporto pubblico con velivoli di massa massima al decollo superiore a 5700 Kg o con 10 o più posti passeggeri. L ENAC, con la precedente edizione del Regolamento, adottata in virtù delle attribuzioni conferite dal decreto legislativo 250/97 e secondo le previsioni di cui all articolo 26 della legge 166/2002, ha provveduto a dare attuazione all Annesso 14 ICAO relativo alla sicurezza delle operazioni aeroportuali. Nello sviluppo dei requisiti regolamentari l ENAC ha considerato la realtà aeroportuale nazionale ed ha avviato una prima fase di adeguamento alla normativa internazionale che tenesse conto delle infrastrutture esistenti e dei tempi necessari per il loro ammodernamento, con riserva di procedere ad ulteriori adeguamenti in tempi successivi. Il testo regolamentare inizialmente pubblicato è stato quindi oggetto di modifiche riguardanti tutti i capitoli. Il Regolamento è stato elaborato sulla base degli standard e raccomandazioni di cui all emendamento n. 4 dell Annesso 14 ICAO, vol. 1 3 a edizione. Tale emendamento ha introdotto la certificazione dell aeroporto e il sistema di gestione della sicurezza (Safety Management System - SMS). Il Regolamento contiene alcune differenze rispetto agli standard e raccomandazioni dell annesso 14 ICAO. Tali differenze, di portata limitata, sono state introdotte per tener conto della realtà nazionale e della tempistica necessaria per l adeguamento ai nuovi requisiti. Il Regolamento determina le condizioni di applicabilità, attuazione e regolarità dei servizi di soccorso ed antincendio rimandando alla regolamentazione del Ministro dell Interno Dipartimento dei Vigili del Fuoco del Soccorso Pubblico e della Difesa Civile - i requisiti tecnici per l istituzione del servizio di soccorso e lotta antincendio in accordo alle prescrizioni di legge. Nel testo sono fornite le indicazioni per armonizzare le procedure di emergenza dell aeroporto con le operazioni di soccorso e antincendio. Analogamente sono

16 - Documentazione di riferimento - fornite indicazioni procedurali per armonizzare le funzioni del gestore con la fornitura dei servizi di assistenza al volo. Nel compiere le valutazioni finalizzate al rilascio di un certificato o al suo mantenimento l ENAC adotta un approccio flessibile coerente con il raggiungimento e mantenimento di un soddisfacente livello di sicurezza. Ove esistano delle difficoltà oggettive per il soddisfacimento dei requisiti da parte di aeroporti già aperti al traffico commerciale alla data di entrata in vigore del presente regolamento, l ENAC può accettare mezzi alternativi di rispondenza purché sia mantenuto un accettabile livello di sicurezza. Quando previste dal regolamento, le valutazioni di accettabilità delle proposte sono effettuate dall ENAC sulla base delle disposizioni nazionali applicabili avendo a riferimento quanto contenuto nelle pubblicazioni ICAO

17 - Impianti Elettrici, Speciali e di Sollevamento - 3 Impianti Elettrici, Speciali e di Sollevamento In questo capitolo viene fornita una panoramica sulla manutenzione degli impianti elettrici in generale, prendendo in considerazione tutte quelle attività che interessano la pista. Sono state analizzate la struttura organizzativa dell assistenza al volo (ASVO) e le sue attività di competenza. 3.1 Struttura manutentiva U.O.I.E.S.S. Come precedentemente detto, la SEA dispone di una unità organizzativa dedicata alla manutenzione degli impianti elettrici, speciali e di sollevamento (U.O.I.E.S.S.). Compito di questa struttura è quello di dare sostegno ai fabbricati e all assistenza al volo, che comprende tutti gli impianti di pista e altre attività connesse alle operazioni in area di movimento. L unità organizzativa impianti elettrici è così strutturata: 1 responsabile; 1 assistente tecnico area Assistenza al Volo; 2 impiegati tecnici di manutenzione; 1 coordinatore tecnico di manutenzione; 8 capisquadra; 27 elettricisti specializzati turnisti H24 con nomina di PES e PAV. La manutenzione è eseguita seguendo la normativa vigente: DOC. ICAO 9137 part. 9; Norme CEI EN ; Circolare ENAC APT 13-A ; Circolare ENAC APT 11; Regolamento ENAC per la Costruzione e l Esercizio degli Aeroporti

18 - Impianti Elettrici, Speciali e di Sollevamento - Gli impianti oggetto degli interventi di manutenzione preventiva, correttiva ed ispettiva sono: impianti AVL (Aiuti Visivi Luminosi) di piste e raccordi e componenti dei circuiti (auto-regolatori CCR, cavi primari di media tensione dei circuiti in serie, trasformatori, fuochi a filamento e a LED, etc.); cabine elettriche di trasformazione media tensione/bassa tensione (MT/BT); stazioni di energia di soccorso, gruppi elettrogeni Short-Break e UPS (Uninterruptible Power Supplies); impianto di rilevazione lampade guaste, sistema RLG, sistema VAMAC CLP; impianto di telecomando di luci piste, raccordi e Stop-Bar; impianto di telecomando con sistema CLP di raccordi e Stop-Bar I.H.P. (Intermediate Holding Position) Tabelle R.G.L. (Runway Guard Lights) BARRE LUMINOSE; impianto di monitoraggio isolamento cavi (in fase realizzazione). L unità organizzativa Impianti Elettrici, Speciali e di Sollevamento è presente H24 ed il suo compito è quello di intervenire su tutti gli impianti sopra descritti oltre a garantire: assistenza a ditte esterne per lavori in area di manovra (sbarramenti e accompagnamento); interventi su richiesta Control Room o ENAC/ENAV di misurazione azione frenante con macchina ASFT (Airport Surface Friction Tester). Il servizio dispone di una Control Room ubicata presso la cabina elettrica 3 e dotata dei seguenti sistemi di supervisione, controllo e riporto dei dati relativi agli impianti AVL, quali: sistema di telecomando AVL VAMAC CLP per il controllo di tutte le periferiche delle cabine, per lo stato di on-off degli impianti, per lo stato degli allarmi ed avarie. Visualizza inoltre lo stato della rete trasmissione dati tra periferiche e nodo principale, lo stato degli allarmi presenti in

19 - Impianti Elettrici, Speciali e di Sollevamento - Torre di Controllo (TWR). Su autorizzazione della TWR la postazione può operare con comandi in locale sugli impianti AVL di interesse; sistema RLG Rilevamento Lampade Guaste per la segnalazione puntuale di lampada guasta per ogni specifico impianto di pista e per il controllo di tutte le periferiche delle cabine alle quali fanno capo i microprocessori di Rilevazione Lampade Guaste; supervisione sistema VAMAC CLP che segnala di ogni impianto gestito da CLP il guasto o l anomalia di ogni lampada; supervisione della rete elettrica e gruppi elettrogeni per il controllo della rete di MT-BT che interessa le piste di volo, supervisiona e controlla lo stato dei gruppi elettrogeni e UPS a servizio di piste e raccordi. Per gli interventi manutentivi sulle piste e raccordi il servizio è attrezzato con mezzi ed attrezzature specifici tra i quali 2 automezzi furgonati adibiti al solo servizio di manutenzione AVL (attrezzati per interventi sulle infrastrutture di volo, con disponibilità continua di materiali di ricambio, etc.); 2 mezzi Friction Tester adibiti alla misurazione dell azione frenante ed un mezzo dotato di tecnologia per la rilevazione dei LUX. 3.2 Intervento a guasto e manutenzione programmata La struttura manutentiva U.O.I.E.S.S. è organizzata in modo da poter gestire sia le manutenzioni programmate, sia gli interventi a guasto. Per quanto riguarda le attività di primo intervento, queste si attivano in seguito ad avvisi di manutenzione aperti dalla Control Room o in seguito alla chiamata di qualsiasi altra unità organizzativa che opera sul sedime aeroportuale (per esempio in seguito ad ispezione giornaliera della MIKE - Infrastrutture e Viabilità che verifica eventuali anomalie quali la presenza di tabelle abbattute). Diversamente le manutenzioni programmate richiedeno una pianificazione molto più accurata che deve tener conto oltre alle esigenze operative (traffico

20 - Impianti Elettrici, Speciali e di Sollevamento - aeroportuale, personale a disposizione, lavori sul campo) anche della normativa vigente ENAC. Per questo motivo risulta essere importante la figura del coordinatore il quale deve provvedere alla pianificazione dei lavori e fornire alle squadre in turno tutte le informazioni relative al piano di lavoro. Nella gestione delle manutenzioni programmate si è dimostrata di grande importanza la realizzazione di un programma home made per registrare ed organizzare i vari cicli manutentivi che consente un utilizzo immediato e di facile impiego anche da parte di operai e capisquadra. Riportiamo di seguito alcune schermate significative di tale programma: Figura 3-1: Schermata principale

21 - Impianti Elettrici, Speciali e di Sollevamento - Figura 3-2: Schema impianti AVL Figura 3-3: Schema impianto di avvicinamento

22 - Impianti Elettrici, Speciali e di Sollevamento - Figura 3-4: Scadenze manutenzioni Figura 3-5: Scadenze manutenzioni

23 - Impianti Elettrici, Speciali e di Sollevamento - Figura 3-6: Inserimento intervento manutenzione Figura 3-7: Archivio storico interventi

24 - Impianti Elettrici, Speciali e di Sollevamento - Di seguito riportiamo l intero piano di manutenzione dell unità organizzativa Impianti Elettrici, Speciali e di Sollevamento:

25 - Impianti Elettrici, Speciali e di Sollevamento Principali attività di assistenza al volo Di seguito sono descritte alcune delle principali attività svolte dall unità di Assistenza al Volo ed in particolare le operazioni che riguardano la sicurezza delle piste di volo o in generale dell area di movimento Friction Test L attività di Friction Test è descritta all interno del Manuale di Aeroporto nella procedura operativa 080 Misurazione e diffusione delle informazioni relative all azione frenante di pista. Questa procedura ha lo scopo di definire le attività operative finalizzate ad attuare le misurazioni e la diffusione dei coefficienti dell azione frenante di pista, in riferimento all APT 10. Le piste di volo sono soggette al fenomeno progressivo di abbattimento del coefficiente di attrito dovuto al deposito di residui gommosi, originati dalla toccata degli aeromobili in atterraggio, con la conseguente possibilità di ridotta o scarsa azione frenante, soprattutto in condizioni di pista bagnata (wet). Le misurazioni del coefficiente d attrito della pista avvengono con frequenza periodica, ogni 10 giorni, durante la chiusura notturna delle piste oppure su richiesta della torre di Controllo, della Direzione Aeroportuale o della Control Room SEA. In questo modo, con l impiego di specifici strumenti installati su un autoveicolo appositamente allestito secondo le richieste delle norma ICAO (Surface Friction Tester Vehicle) si riesce a valutare e monitorare lo stato della superficie al fine di programmare gli interventi di riqualificazione delle piste di volo. L unità Impianti Elettrici, Speciali e di Sollevamento ha a disposizione due mezzi Friction Tester allestiti con parametri diversi in funzione delle condizioni meteo (mezzo settato per condizioni di pista bagnata e mezzo per pista asciutta con un serbatoio d acqua più capiente che supera i 700 litri)

26 Dipartimento di Ingegneria Aerospaziale - Impianti Elettrici, Speciali e di Sollevamento - La strumentazione tecnica di bordo è costituita da: un computer di misurazione; una centralina elettronica; un sistema idraulico; una cella di carico verticale; sensori

27 - Impianti Elettrici, Speciali e di Sollevamento - La strumentazione di bordo fornisce la stampa del tracciato del coefficiente d attrito e calcola tre valori medi relativi ai tre segmenti (A, B, C) longitudinali della pista nonché il valor medio complessivo. I segmenti sono così definiti: A: si riferisce al tratto iniziale delle piste 17L e 17R; B: si riferisce al tratto intermedio delle piste; C: si riferisce alle zone di toccata delle piste 35L e 35R. Figura 3-8: Stampa Friction Test 0,86 ASFT Friction Tester - periodici 2008 Pista 35R / 17L 0,84 0,82 valore 0,80 0,78 0,76 0,74 03/01/ /01/ /02/ /03/ /04/ /05/ /06/ /06/ /07/ /08/ /09/ /10/ /10/ /11/ /12/2008 data Figura 3-9: Riepilogo ASFT R/17L Allo scopo di confrontare i dati e avere un trend dello stato di ammaloramento delle piste, tutti i dati sono registrati e trasmessi mensilmente a U.O. Manutenzione Malpensa e U.O. Infrastrutture e Viabilità

28 - Impianti Elettrici, Speciali e di Sollevamento - Nel caso in cui la strumentazione fornisse dei dati sotto la soglia di sicurezza impostata sulla macchina (0.50 se si effettua la misurazione a 65 Km/h o 0.34 con prova effettuata alla velocità di 95 Km/h) il Post Holder Manutenzione, Infrastrutture e Sistemi o il responsabile della Manutenzione Malpensa valutano se procedere alle operazioni di riqualifica che consistono nella sgommatura della zona di toccata (800m * 16m) mediante spallinatura

29 - Impianti Elettrici, Speciali e di Sollevamento - Figura 3-10: Ispezione Friction Test

30 - Impianti Elettrici, Speciali e di Sollevamento Ispezione AVL L attività di ispezione agli impianti AVL è descritta all interno del Manuale di Aeroporto nella procedura operativa 020 Ispezioni di routine: Aiuti Visivo Luminosi (AVL). Questa procedura ha lo scopo di definire le attività operative finalizzate ad attuare le ispezioni di routine agli impianti AVL nell area di movimento secondo quanto previsto dal Regolamento ENAC per la Costruzione e l Esercizio degli Aeroporti. Nel dettaglio le operative, che vengono effettuate quotidianamente dal personale in turno notturno, consistono nel controllo visivo dello stato di efficienza degli impianti AVL (tabelle di guida, tabelle di segnalazione luminosa, sistemi stop-bar, sistemi no-entry e luci di segnalazioni) installati su piste, raccordi e piazzali. Il funzionamento degli impianti AVL è monitorato da un sistema di tele-controllo che rileva e segnala automaticamente eventuali lampade guaste e qualsiasi anomalia. Tale sistema di Rilevazione Lampade Guaste (R.L.G.) controlla e monitora tutti gli impianti sensibili di pista, stop-bar e no-entry. L ispezione consiste in: posizionamento in prossimità dell area da ispezionare: il PES e/o PAV si posizionano in zona di sicurezza in prossimità dell area di manovra da ispezionare; richiesta di autorizzazione a TWR: il PES e/o PAV richiedono via radio alla Torre di Controllo l autorizzazione ad accedere all area di manovra in esame; ispezione AVL: il PES e/o PAV effettuano un controllo visivo degli impianti AVL controllando il funzionamento delle luci e la loro efficienza; intervento: il PES e/o PAV eliminano direttamente, se possibile, l anomalia riscontrata richiedendo l intervento della squadra di manutenzione e lo comunicano alla Control Room SEA;

Il controllo del traffico Aereo

Il controllo del traffico Aereo Il controllo del traffico Aereo Dispensa a cura di Giulio Di Pinto (MED107) Rev. 03 - Mar/11 1 Il controllo del traffico aereo (ATC - Air Traffic Control) è quell'insieme di regole ed organismi che contribuiscono

Dettagli

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI Introduzione Le dimensioni delle cabine degli ascensori debbono rispettare valori minimi stabiliti dalle normative vigenti,

Dettagli

LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI

LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI Luca Menini, ARPAV Dipartimento di Vicenza via Spalato, 14-36100 VICENZA e-mail: fisica.arpav.vi@altavista.net 1. INTRODUZIONE La legge 447 del 26/10/95 Legge

Dettagli

Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini

Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini Innocenzo Mastronardi, Ingegnere Civile, professionista antincendio, PhD student in S.O.L.I.P.P. XXVI Ciclo Politecnico di Bari INTRODUZIONE Con l

Dettagli

Note inerenti chiarimenti in materia di prevenzione incendi - Trasmissione per via informatica.

Note inerenti chiarimenti in materia di prevenzione incendi - Trasmissione per via informatica. DIREZIONE CENTRALE PER LA PREVENZIONE E LA SICUREZZA TECNICA Prot. n P 810 / 4101 sott. 72/C.1 (21).4 Roma, 2 LUGLIO 2003 Allegati: n 1 -AI SIGG. ISPETTORI REGIONALI DEI VIGILI DEL FUOCO LORO SEDI -AI

Dettagli

Procedure tecniche da seguire nel caso di sollevamento persone con attrezzature non previste a tal fine

Procedure tecniche da seguire nel caso di sollevamento persone con attrezzature non previste a tal fine Procedure tecniche da seguire nel caso di sollevamento persone con attrezzature non previste a tal fine INDICE 1. Premessa 2. Scopo della procedura e campo di applicazione 3. Definizioni 4. indicazioni

Dettagli

TABELLA B. RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8

TABELLA B. RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8 TABELLA B RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8 1 B1) Disponibilità dei locali B1.1) Scansione del documento di disponibilità esclusiva dei locali della sede operativa per almeno tre

Dettagli

Capitolato Tecnico. Pagina 1

Capitolato Tecnico. Pagina 1 Gara a procedura aperta per l affidamento dei servizi di facchinaggio della sede di SACE sita in Roma Piazza Poli 37/42 - CIG 5778360584 Pagina 1 1 PREMESSA 3 2 Oggetto dell Appalto 3 3 Durata dell Appalto

Dettagli

loro sedi OGGETTO: Risposta a quesiti su questioni antincendio.

loro sedi OGGETTO: Risposta a quesiti su questioni antincendio. Milano lì Ns. Rif.: 13 novembre 2013 820038.309 Agli Ordini e Collegi aderenti al C.I.P.I. loro sedi K:\Ufficio\07 Documenti\CIPI\820038 Comitato interpr. prevenzione incendi\820038 corrispondenza dal

Dettagli

AUTOLIVELLI (orizzontalità ottenuta in maniera automatica); LIVELLI DIGITALI (orizzontalità e lettura alla stadia ottenute in maniera automatica).

AUTOLIVELLI (orizzontalità ottenuta in maniera automatica); LIVELLI DIGITALI (orizzontalità e lettura alla stadia ottenute in maniera automatica). 3.4. I LIVELLI I livelli sono strumenti a cannocchiale orizzontale, con i quali si realizza una linea di mira orizzontale. Vengono utilizzati per misurare dislivelli con la tecnica di livellazione geometrica

Dettagli

NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO

NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO In base all art. 256 del D. Lgs. 81/2008, così come modificato dal D. Lgs. 106/2009, i

Dettagli

COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova. progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci * * *

COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova. progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci * * * COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci ina 1 L Amministrazione comunale di Ronco Scrivia (provincia di Genova) intende integrare la dotazione

Dettagli

Manuale dell operatore

Manuale dell operatore Technical Publications 20 Z-30 20HD Z-30 Manuale dell operatore Modelli precedenti al numero di serie 2214 First Edition, Second Printing Part No. 19052IT Sommario Pagina Norme di sicurezza... 3 Controllo

Dettagli

2 DESCRIZIONE DELLA RETE E DELLA SUA GESTIONE

2 DESCRIZIONE DELLA RETE E DELLA SUA GESTIONE 2 DESCRIZIONE DELLA RETE E DELLA SUA GESTIONE 2.1 RETE REGIONALE RETRAGAS... 12 2.2 ELEMENTI DELLA RETE REGIONALE RETRAGAS... 12 2.2.1 Condotte... 12 2.2.2 Allacciamenti... 12 2.2.3 Impianti di ricezione

Dettagli

- - Visto l'art. 63 del testo unico delle leggi di pubblica sicurezza 18 giugno 1931, n. 773;

- - Visto l'art. 63 del testo unico delle leggi di pubblica sicurezza 18 giugno 1931, n. 773; Decreto Ministeriale del 12/09/2003 Approvazione della regola tecnica di prevenzione incendi per l'installazione e l'esercizio di depositi di gasolio per autotrazione ad uso privato, di capacita' geometrica

Dettagli

AMIANTO PIANO DI LAVORO

AMIANTO PIANO DI LAVORO AMIANTO PIANO DI LAVORO Piano di lavoro [art. 256 D. Lgs. 81/2008] I lavori di demolizione o rimozione dei materiali contenenti amianto possono essere effettuati solo da imprese iscritte all Albo nazionale

Dettagli

Settori. Personale qualificato. Chi siamo

Settori. Personale qualificato. Chi siamo Settori Pubblico Pulizia di edifici di Pubbliche amministrazioni seguendo le richieste indicate nei capitolati d oneri, controllate inoltre delle specifiche norme UNI EN ISO 9001 e SA8000. Privato personalizzati

Dettagli

3. GLI AEROSTATI: CARATTERISTICHE FUNZIONALI I E STRUTTURALI

3. GLI AEROSTATI: CARATTERISTICHE FUNZIONALI I E STRUTTURALI 3. GLI AEROSTATI: CARATTERISTICHE FUNZIONALI I E STRUTTURALI L aerostato è un aeromobile che, per ottenere la portanza, ossia la forza necessaria per sollevarsi da terra e volare, utilizza gas più leggeri

Dettagli

DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLE DIMENSIONI DELLE STRADE ED ALLE DISTANZE DI RISPETTO STRADALI E DEI TRACCIATI FERROVIARI DI PROGETTO

DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLE DIMENSIONI DELLE STRADE ED ALLE DISTANZE DI RISPETTO STRADALI E DEI TRACCIATI FERROVIARI DI PROGETTO DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLE DIMENSIONI DELLE ED ALLE DISTANZE DI RISPETTO STRADALI E DEI TRACCIATI FERROVIARI DI PROGETTO (articolo 70 della legge provinciale 5 settembre 1991, n. 22 articolo 64 della

Dettagli

TARIFFA PROFESSIONALE INGEGNERIA ANTINCENDIO

TARIFFA PROFESSIONALE INGEGNERIA ANTINCENDIO TARIFFA PROFESSIONALE INGEGNERIA ANTINCENDIO La presente tariffa individua le prestazioni che il professionista è chiamato a fornire : A per la richiesta del parere di conformità B per il rilascio del

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE BRATTI, BRAGA, TINO IANNUZZI, MARIANI

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE BRATTI, BRAGA, TINO IANNUZZI, MARIANI Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 111 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI BRATTI, BRAGA, TINO IANNUZZI, MARIANI Modifiche al codice della strada, di cui al decreto

Dettagli

Facility management. per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni

Facility management. per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni Ope Facility management per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni Ingegneria dell efficienza aziendale Società per i Servizi Integrati

Dettagli

(Gli asterischi indicano punti di interesse per i disabili visivi o modifiche richieste nel caso che la circolare fosse sottoposta a revisione).

(Gli asterischi indicano punti di interesse per i disabili visivi o modifiche richieste nel caso che la circolare fosse sottoposta a revisione). (Gli asterischi indicano punti di interesse per i disabili visivi o modifiche richieste nel caso che la circolare fosse sottoposta a revisione). CIRCOLARE N 4 del 1 MARZO 2002 OGGETTO: Linee guida per

Dettagli

Città di Spinea Provincia di Venezia

Città di Spinea Provincia di Venezia Città di Spinea Provincia di Venezia APPALTO: servizio di pulizia interna uffici comunali 2013 2014 AFFIDAMENTO: da appaltare REDATTO DA REVISIONE N. DATA APPROVATO DA 1 SOMMARIO 1. SEZIONE DESCRITTIVA...

Dettagli

Livellazione Geometrica Strumenti per la misura dei dislivelli

Livellazione Geometrica Strumenti per la misura dei dislivelli Università degli studi di Brescia Facoltà di Ingegneria Corso di Topografia A Nuovo Ordinamento Livellazione Geometrica Strumenti per la misura dei dislivelli Nota bene: Questo documento rappresenta unicamente

Dettagli

OGGI IL PRATO SI TAGLIA COSÌ

OGGI IL PRATO SI TAGLIA COSÌ ROBOT RASAERBA GARDENA R40Li OGGI IL PRATO SI TAGLIA COSÌ In completo relax! LASCIATE CHE LAVORI AL VOSTRO POSTO Il 98 % di chi ha comprato il Robot Rasaerba GARDENA lo raccomanderebbe.* Non dovrete più

Dettagli

FPL - Novità introdotte AIRAC 11/2014

FPL - Novità introdotte AIRAC 11/2014 FPL - Novità introdotte AIRAC 11/2014 enav.it Web conference 02/12/2014 Documenti fonte REGOLAMENTO DI ESECUZIONE (UE) N. 923/2012 DELLA COMMISSIONE del 26 settembre 2012 + determinazioni ENAC ad esito

Dettagli

LAVORI DI MANUTENZIONE SU IMPIANTI ELETTRICI. Disposizioni per l esecuzione di lavori in tensione -- Programma LEONARDO

LAVORI DI MANUTENZIONE SU IMPIANTI ELETTRICI. Disposizioni per l esecuzione di lavori in tensione -- Programma LEONARDO LAVORI DI MANUTENZIONE SU IMPIANTI ELETTRICI Lavori di manutenzione su impianti elettrici Manutenzione Atto, effetto, insieme delle operazioni volte allo scopo di mantenere efficiente ed in buono stato,

Dettagli

RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI TEMPORANEE DI PUBBLICO SPETTACOLO

RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI TEMPORANEE DI PUBBLICO SPETTACOLO C O M U N E D I R O V E R B E L L A Via Solferino e San Martino, 1 46048 Roverbella Tel. 0376/6918220 Fax 0376/694515 PEC PROTOCOLLO : roverbella.mn@legalmail.it RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI

Dettagli

Manuale operativo per la gestione e la manutenzione delle strade ai fini della tutela della sicurezza dei lavoratori

Manuale operativo per la gestione e la manutenzione delle strade ai fini della tutela della sicurezza dei lavoratori Manuale operativo per la gestione e la manutenzione delle strade ai fini della tutela della sicurezza dei lavoratori PRESENTAZIONE La presente pubblicazione si inserisce nell'ambito delle iniziative

Dettagli

COMUNE DI NORMA. Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee. (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007)

COMUNE DI NORMA. Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee. (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007) COMUNE DI NORMA Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007) Articolo 1 SCOPI DEL REGOLAMENTO 1. L Amministrazione Comunale, in

Dettagli

OGGETTO: Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenziali

OGGETTO: Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenziali Lettera Rischi Interferenziali Spett.le Ditta Appaltatrice Ditta Subappaltatrice Luogo, Data 2 OGGETTO: Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenziali In relazione alla necessità di una possibile

Dettagli

06/09/2013. Gianfranco Tripi. Deroghe

06/09/2013. Gianfranco Tripi. Deroghe CORSO BASE DI SPECIALIZZAZIONE DI PREVENZIONE INCENDI Analisi di rischio e individuazione delle misure di sicurezza equivalenti. Individuazione delle misure di prevenzione e/o di protezione che permettono

Dettagli

NOVITA! Sono in via di pubblicazione la nuova norma sulle reti idranti UNI 10779 e la specifica tecnica TS sulle reti idranti a secco

NOVITA! Sono in via di pubblicazione la nuova norma sulle reti idranti UNI 10779 e la specifica tecnica TS sulle reti idranti a secco NOVITA! Sono in via di pubblicazione la nuova norma sulle reti idranti UNI 10779 e la specifica tecnica TS sulle reti idranti a secco Ing. Marco Patruno Forum Prevenzione Incendi Milano : 1 ottobre 2014

Dettagli

A. 5 m / s 2. B. 3 m / s 2. C. 9 m / s 2. D. 2 m / s 2. E. 1 m / s 2. Soluzione: equazione oraria: s = s0 + v0

A. 5 m / s 2. B. 3 m / s 2. C. 9 m / s 2. D. 2 m / s 2. E. 1 m / s 2. Soluzione: equazione oraria: s = s0 + v0 1 ) Un veicolo che viaggia inizialmente alla velocità di 1 Km / h frena con decelerazione costante sino a fermarsi nello spazio di m. La sua decelerazione è di circa: A. 5 m / s. B. 3 m / s. C. 9 m / s.

Dettagli

unità D I M E N S I O N I I M P O R T I DESIGNAZIONE DEI LAVORI di Quantità misura par.ug. lung. larg. H/peso unitario TOTALE

unità D I M E N S I O N I I M P O R T I DESIGNAZIONE DEI LAVORI di Quantità misura par.ug. lung. larg. H/peso unitario TOTALE pag. 1 R I P O R T O LAVORI A CORPO 1 RIMOZIONE DI ARMATURA STRADALE P001 ESISTENTE Prezzo per rimozione a qualsiasi altezza di armatura stradale esistente, completa di accessori elettrici e lampada, previo

Dettagli

POS: Piano Operativo di Sicurezza. D.Lgs 81/08 art. 96 c.1. Contenuti minimi del POS in presenza di rischi elettrici

POS: Piano Operativo di Sicurezza. D.Lgs 81/08 art. 96 c.1. Contenuti minimi del POS in presenza di rischi elettrici Servizio Prevenzione e Sicurezza degli Ambienti di Lavoro Azienda Sanitaria Locale della Provincia di Mantova D.Lgs 81/08 art. 96 c.1 Contenuti minimi del POS in presenza di rischi elettrici Azienda Sanitaria

Dettagli

LA NORMATIVA NAZIONALE SULL INQUINAMENTO ACUSTICO

LA NORMATIVA NAZIONALE SULL INQUINAMENTO ACUSTICO LA NORMATIVA NAZIONALE SULL INQUINAMENTO ACUSTICO PREMESSA LA LEGGE QUADRO N. 447 DEL 26/10/95 I DUE DECRETI APPLICATIVI PIU IMPORTANTI GLI ALTRI DECRETI SANZIONI E CONTROLLI IL CODICE CIVILE E IL CODICE

Dettagli

** NOT FOR RELEASE OR DISTRIBUTION OR PUBLICATION IN WHOLE OR IN PART INTO THE UNITED STATES, AUSTRALIA, CANADA OR JAPAN **

** NOT FOR RELEASE OR DISTRIBUTION OR PUBLICATION IN WHOLE OR IN PART INTO THE UNITED STATES, AUSTRALIA, CANADA OR JAPAN ** Il Consiglio di Amministrazione di Aeroporto Guglielmo Marconi di Bologna S.p.A. approva il Bilancio Consolidato Intermedio al 31 marzo 2015: Traffico passeggeri in crescita del 4,5% nel primo trimestre

Dettagli

FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81

FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81 CARTA SEMPLICE FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81 ALL A.S.L. N. CN2 ALBA BRA DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE Servizio Prevenzione Sicurezza Ambienti di Lavoro Via Vida

Dettagli

ALLEGATO N. 1 ELENCO CATEGORIE E CLASSI MERCEOLOGICHE DI LAVORI, BENI E SERVIZI

ALLEGATO N. 1 ELENCO CATEGORIE E CLASSI MERCEOLOGICHE DI LAVORI, BENI E SERVIZI ALLEGATO N. 1 (aggiornato G.U.R.I. N. 96 26/04/2014) ELENCO CATEGORIE E CLASSI MERCEOLOGICHE DI LAVORI, BENI E SERVIZI (Barrare la categoria di specializzazione SOA) Categorie opere generali (ex D.P.R.

Dettagli

COMPUTO METRICO ESTIMATIVO DI RIFERIMENTO

COMPUTO METRICO ESTIMATIVO DI RIFERIMENTO A l l e g a t o A COMPUTO METRICO ESTIMATIVO DI RIFERIMENTO (ERRATA CORRIGE AL C.M.E. ALLEGATO ALLA GARA ED INSERITO SUL WEB) PROPRIETA ANCONAMBIENTE S.P.A. VIA DEL COMMERCIO 27, 60127 ANCONA OGGETTO OPERE

Dettagli

ACCREDIA L Ente Italiano di Accreditamento. Accreditation process for abilitation/notification: experiences and criticalities

ACCREDIA L Ente Italiano di Accreditamento. Accreditation process for abilitation/notification: experiences and criticalities ACCREDIA L Ente Italiano di Accreditamento Accreditation process for abilitation/notification: experiences and criticalities 1-32 28 giugno 2013 IL QUADRO DI RIFERIMENTO Cambiano gli scenari europei Regolamento

Dettagli

Consigli per una guida in sicurezza

Consigli per una guida in sicurezza Consigli per una guida in sicurezza cosa fare prima di mettersi in viaggio cosa fare durante il viaggio Stagione invernale 2014-2015 In caso di neve INDICE Prima di mettersi in viaggio 1 2 3 4 5 PAG 4-

Dettagli

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro.

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. N. LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi

Dettagli

Principali norme e buona prassi relative agli strumenti di sicurezza da attivare quando si utilizza una PLE

Principali norme e buona prassi relative agli strumenti di sicurezza da attivare quando si utilizza una PLE AMBIENTE LAVORO 15 Salone della salute e sicurezza nei luoghi di lavoro BOLOGNA - QUARTIERE FIERISTICO 22-24 ottobre 2014 Principali norme e buona prassi relative agli strumenti di sicurezza da attivare

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO (ai sensi dell articolo 26 del D.Lgs. 81/2008) Allegato

Dettagli

CADUTA DALL ALTO E LINEE VITA LA LEGGE PAROLARI

CADUTA DALL ALTO E LINEE VITA LA LEGGE PAROLARI CORSO DI AGGIORNAMENTO PER LA FORMAZIONE DELLE COMPETENZE PROFESSIONALI IN MATERIA DI SICUREZZA NEI CANTIERI EDILI ALLA LUCE DELL ENTRATA IN VIGORE DEL NUOVO TESTO UNICO SULLA SICUREZZA D.Lgs. 9 aprile

Dettagli

AVVISO PUBBLICO PER L ISCRIZIONE ALL ALBO FORNITORI

AVVISO PUBBLICO PER L ISCRIZIONE ALL ALBO FORNITORI AVVISO PUBBLICO PER L ISCRIZIONE ALL ALBO FORNITORI In base alla Deliberazione del Direttore Generale n. 312 del 18 ottobre 2012 si è provveduto all istituzione e disciplina dell Albo dei Fornitori dell

Dettagli

QUADRO GENERALE DELLE PARTICELLE CATASTALI RICADENTI NELLA PERIMETRAZIONE DELLA VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO DELL'AREA COLLINARE

QUADRO GENERALE DELLE PARTICELLE CATASTALI RICADENTI NELLA PERIMETRAZIONE DELLA VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO DELL'AREA COLLINARE QUADRO GENERALE DELLE PARTICELLE CATASTALI RICADENTI NELLA PERIMETRAZIONE DELLA VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO DELL'AREA COLLINARE foglio mappale dimensione in mq 23 42 1.388 mq 23 35 1.354 mq 23

Dettagli

I N F I N I T Y Z U C C H E T T I WORKFLOW HR

I N F I N I T Y Z U C C H E T T I WORKFLOW HR I N F I N I T Y Z U C C H E T T I WORKFLOW HR WORKFLOW HR Zucchetti, nell ambito delle proprie soluzioni per la gestione del personale, ha realizzato una serie di moduli di Workflow in grado di informatizzare

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO ALL AREA PEDONALE DEL COMUNE DI COURMAYEUR

REGOLAMENTO PER L ACCESSO ALL AREA PEDONALE DEL COMUNE DI COURMAYEUR REGOLAMENTO PER L ACCESSO ALL AREA PEDONALE DEL COMUNE DI COURMAYEUR Indice degli articoli Art. 1 Definizioni...2 Art. 2 Oggetto ed ambito di applicazione...2 Art. 3 Deroghe al divieto di circolazione

Dettagli

Incentivazione dell energia elettrica da altre fonti rinnovabili

Incentivazione dell energia elettrica da altre fonti rinnovabili Incentivazione dell energia elettrica da altre fonti rinnovabili Beneficiari Riferimenti normativi Finalità dello strumento Regime transitorio Impianti, alimentati da fonti rinnovabili diverse da quella

Dettagli

ISTITUTI PROFESSIONALI

ISTITUTI PROFESSIONALI ISTITUTI PROFESSIONALI Settore Industria e Artigianato Indirizzo Manutenzione e assistenza tecnica Nell indirizzo Manutenzione e assistenza tecnica sono confluiti gli indirizzi del previgente ordinamento

Dettagli

ALLEGATO D. Roma lì, / / Equitalia S.p.A. il Titolare

ALLEGATO D. Roma lì, / / Equitalia S.p.A. il Titolare 1 Premessa e quadro normativo Il Contratto sottoscritto da Equitalia S.p.A. e ha ad oggetto l affidamento dei servizi di implementazione e manutenzione del nuovo Sistema Informativo Corporate - Sistema

Dettagli

L ASCENSORE. Conoscerlo meglio per gestirlo ed usarlo correttamente. COS È L ANACAM. Saper affrontare le emergenze. Quando non usare l ascensore.

L ASCENSORE. Conoscerlo meglio per gestirlo ed usarlo correttamente. COS È L ANACAM. Saper affrontare le emergenze. Quando non usare l ascensore. L ASCENSORE Conoscerlo meglio per gestirlo ed usarlo correttamente. Saper affrontare le emergenze. Quando non usare l ascensore. Cosa fare? Cosa non fare? Questo pieghevole è offerto dal vostro ascensorista

Dettagli

Nuova edificazione in prossimità di un elettrodotto esistente

Nuova edificazione in prossimità di un elettrodotto esistente tel. 055.32061 - fax 055.5305615 PEC: arpat.protocollo@postacert.toscana.it p.iva 04686190481 Nuova edificazione in prossimità di un elettrodotto esistente Guida pratica per le informazioni sulle fasce

Dettagli

g) prescrivere orari e riservare spazi per i veicoli utilizzati per il carico e lo scarico di cose;

g) prescrivere orari e riservare spazi per i veicoli utilizzati per il carico e lo scarico di cose; articolo 7: Regolamentazione della circolazione nei centri abitati 1. Nei centri abitati i comuni possono, con ordinanza del sindaco: a) adottare i provvedimenti indicati nell'art. 6, commi 1, 2 e 4; b)

Dettagli

Dispositivi di comunicazione

Dispositivi di comunicazione Dispositivi di comunicazione Dati, messaggi, informazioni su vettori multipli: Telefono, GSM, Rete, Stampante. Le comunicazioni Axitel-X I dispositivi di comunicazione servono alla centrale per inviare

Dettagli

OPERE SPECIALI PREFABBRICATI

OPERE SPECIALI PREFABBRICATI OPERE SPECIALI PREFABBRICATI (Circ. Min. 13/82) ISTRUZIONI SCRITTE (Articolo 21) Il fornitore dei prefabbricati e della ditta di montaggio, ciascuno per i settori di loro specifica competenza, sono tenuti

Dettagli

VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE (VIA) E LO STUDIO DI IMPATTO AMBIENTALE (SIA)

VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE (VIA) E LO STUDIO DI IMPATTO AMBIENTALE (SIA) La Valutazione di Impatto Ambientale e lo Studio di Impatto Ambientale VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE (VIA) E LO STUDIO DI IMPATTO AMBIENTALE (SIA) http://people.unica.it/maltinti/lezioni Link: SIAeVIA

Dettagli

elettrotecnico/elettrotecnica

elettrotecnico/elettrotecnica Delibera n. 748 del 24.06.2014 ordinamento formativo per la professione oggetto di apprendistato di elettrotecnico/elettrotecnica 1. Il profilo professionale 2. Durata e titolo conseguibile 3. Referenziazioni

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ORGANIZZAZIONE DEL DISTACCAMENTO COMUNALE DEI VIGILI DEL FUOCO VOLONTARI

REGOLAMENTO PER L ORGANIZZAZIONE DEL DISTACCAMENTO COMUNALE DEI VIGILI DEL FUOCO VOLONTARI REGOLAMENTO PER L ORGANIZZAZIONE DEL DISTACCAMENTO COMUNALE DEI VIGILI DEL FUOCO VOLONTARI Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 13 dell 8.04.2013 INDICE ART. 1 - OGGETTO DEL REGOLAMENTO...

Dettagli

Servizio di Pulizia della sede del Comando di Roma Carabinieri per la tutela della Salute, viale dell Aeronautica n. 122

Servizio di Pulizia della sede del Comando di Roma Carabinieri per la tutela della Salute, viale dell Aeronautica n. 122 MINISTERO DELLA SALUTE UFFICIO GENERALE DELLE RISORSE DELL ORGANIZZAZIONE E DEL BILANCIO UFFICIO VIII EX DGPOB LOTTO 2. AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA DELLA SEDE DEL COMANDO CARABINIERI PER LA TUTELA

Dettagli

AVVISO DEL 31 OTTOBRE 2013

AVVISO DEL 31 OTTOBRE 2013 AVVISO DEL 31 OTTOBRE 2013 FORMAZIONE DI UN ELENCO DI OPERATORI ECONOMICI DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE IN ECONOMIA (ART.125 D. LGS. 163/2006) Ai sensi dell art.125 del D. Lgs. 163/2006 e s.m.i, la Fondazione

Dettagli

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Gruppo di Lavoro ITACA Regioni/Presidenza del Consiglio dei Ministri Aggiornamento 14 novembre 2011 Dipartimento

Dettagli

PROVINCIA DI ROMA. Regolamento Servizio di Economato

PROVINCIA DI ROMA. Regolamento Servizio di Economato PROVINCIA DI ROMA Regolamento Servizio di Economato Adottato con delibera del Consiglio Provinciale: n. 1111 dell 1 marzo 1995 Aggiornato con delibera del Consiglio Provinciale n. 34 del 12 luglio 2010

Dettagli

Gestione delle vasche di prima pioggia: sistemi di pulizia e automazione. Andrea Mariani

Gestione delle vasche di prima pioggia: sistemi di pulizia e automazione. Andrea Mariani Gestione delle vasche di prima pioggia: sistemi di pulizia e automazione Andrea Mariani Pulizia delle vasche volano e di prima pioggia LE ACQUE PIOVANE: Contengono SEDIMENTI - DEPOSITI in vasca; - Riduzione

Dettagli

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO TEMPORANEO E/O OCCASIONALE DI SPAZI E LOCALI DELL ATENEO DA PARTE DI SOGGETTI ESTERNI

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO TEMPORANEO E/O OCCASIONALE DI SPAZI E LOCALI DELL ATENEO DA PARTE DI SOGGETTI ESTERNI REGOLAMENTO PER L UTILIZZO TEMPORANEO E/O OCCASIONALE DI SPAZI E LOCALI DELL ATENEO DA PARTE DI SOGGETTI ESTERNI (Emanato con D.R. n. 57 del 21 gennaio 2015) INDICE Pag. Art. 1 - Oggetto 2 Art. 2 - Procedura

Dettagli

Dir.P.C.M. 27 gennaio 1994 Princìpi sull erogazione dei servizi pubblici

Dir.P.C.M. 27 gennaio 1994 Princìpi sull erogazione dei servizi pubblici Dir.P.C.M. 27 gennaio 1994 Princìpi sull erogazione dei servizi pubblici IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI Visto l art. 5, comma 2, lettere b), e) ed f), della legge 23 agosto 1988, n. 400; Ritenuta

Dettagli

ISTRUZIONI PER LA PROGETTAZIONE DEI SISTEMI DI PROTEZIONE CONTRO LE CADUTE DALL ALTO

ISTRUZIONI PER LA PROGETTAZIONE DEI SISTEMI DI PROTEZIONE CONTRO LE CADUTE DALL ALTO Dipartimento di Prevenzione SERVIZIO SPISAL Via S. Andrea, 8 32100 Belluno Tel. 0437 516927 Fax 0437 516923 e-mail: serv.spisal.bl@ulss.belluno.it Dipartimento di Prevenzione SERVIZIO SPISAL Via Borgo

Dettagli

Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014. Sede di Torino. Elaborazione e Cura di:

Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014. Sede di Torino. Elaborazione e Cura di: Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014 Sede di Torino RUGGIERI Nicoletta Maria Mobility Manager Elaborazione e Cura di: CAGGIANIELLO Giorgio SAPIO Michele VENTURA Lorella Amministrazione

Dettagli

I LAVORI IN QUOTA. Expo Edilizia - Roma, 14 novembre 2008. I Dispositivi di Protezione Individuale. Problematiche e soluzioni

I LAVORI IN QUOTA. Expo Edilizia - Roma, 14 novembre 2008. I Dispositivi di Protezione Individuale. Problematiche e soluzioni Expo Edilizia - Roma, 14 novembre 2008 I LAVORI IN QUOTA I Dispositivi di Protezione Individuale Problematiche e soluzioni Luigi Cortis via di Fontana Candida 1, 00040 Monte Porzio Catone (Roma) telefono

Dettagli

EFFETTO ANTIGHIACCIO: La potenza occorrente al metro quadro per prevenire la

EFFETTO ANTIGHIACCIO: La potenza occorrente al metro quadro per prevenire la Sistema scaldante resistivo per la protezione antighiaccio ed antineve di superfici esterne Il sistema scaldante ha lo scopo di evitare la formazione di ghiaccio e l accumulo di neve su superfici esterne

Dettagli

LAMPADE A VAPORI DI MERCURIO AD ALTA PRESSIONE

LAMPADE A VAPORI DI MERCURIO AD ALTA PRESSIONE Pag. 1 di 20 LAMPADE A VAPORI DI MERCURIO AD ALTA PRESSIONE Funzione Responsabile Supporto Tecnico Descrizione delle revisioni 0: Prima emissione FI 00 SU 0002 0 1: Revisione Generale IN 01 SU 0002 1 2:

Dettagli

DIA N ANNO Allo Sportello Unico per le Attività Produttive del Comune di GALLARATE DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITA EDILIZIA

DIA N ANNO Allo Sportello Unico per le Attività Produttive del Comune di GALLARATE DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITA EDILIZIA DIA N ANNO Allo Sportello Unico per le Attività Produttive del Comune di GALLARATE DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITA EDILIZIA ai sensi degli articoli 41 e 42 L.R. 11.03.2005 n.12 e successive modifiche ed integrazioni

Dettagli

COMUNE DI TROPEA (Provincia di Catanzaro)

COMUNE DI TROPEA (Provincia di Catanzaro) COMUNE DI TROPEA (Provincia di Catanzaro) PROGETTO DEFINITIVO-ESECUTIVO Comune di TROPEA Interventi manutentivi alla rete idrica comunale per fronteggiare l emergenza idrica sul territorio di Tropea Completamento,

Dettagli

ALLEGATO XV. Contenuti minimi dei piani di sicurezza nei cantieri temporanei o mobili 1. DISPOSIZIONI GENERALI

ALLEGATO XV. Contenuti minimi dei piani di sicurezza nei cantieri temporanei o mobili 1. DISPOSIZIONI GENERALI ALLEGATO XV Contenuti minimi dei piani di sicurezza nei cantieri temporanei o mobili 1.1. - Definizioni e termini di efficacia 1. DISPOSIZIONI GENERALI 1.1.1. Ai fini del presente allegato si intendono

Dettagli

Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA)

Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA) Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA) Ai progetti sottoposti alla procedura di impatto ambientale ai sensi degli articoli 52 e seguenti, è allegato uno studio di impatto ambientale, redatto

Dettagli

Errata Corrige. Variante. &(, 2WW Guida per la definizione della documentazione di progetto degli impianti elettrici.

Errata Corrige. Variante. &(, 2WW Guida per la definizione della documentazione di progetto degli impianti elettrici. 1250(&(, &(, 2WW Guida per la definizione della documentazione di progetto degli impianti elettrici. &(, Legge 46/ 90 - Guida per la compilazione della dichiarazione di conformità e relativi allegati &(,9

Dettagli

PRIORITY. Precedenza

PRIORITY. Precedenza www.italy-ontheroad.it PRIORITY Precedenza Informazioni generali e consigli. Ciao, sono Namauel Sono una voce amica che prova ad aiutarti, con qualche consiglio, nella circolazione stradale. Mi rivolgo

Dettagli

QUESTIONARIO PER RACCOLTA DATI E INFORMAZIONI DI POTENZIALI IMPRESE APPALTATRICI PER LAVORI, SERVIZI ORDINARI E FORNITURE SERVIZI

QUESTIONARIO PER RACCOLTA DATI E INFORMAZIONI DI POTENZIALI IMPRESE APPALTATRICI PER LAVORI, SERVIZI ORDINARI E FORNITURE SERVIZI Pag. 1/6 SETTORI DI INTERESSE LAVORI SERVIZI Elettrici Impianti fotovoltaici Idraulici Edili Stradali Pulizie Tappezzerie Tinteggiatura e verniciatura Carpenteria metallica FORNITURE Cavi elettrici bt

Dettagli

SPAI di Puclini Carlo

SPAI di Puclini Carlo CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

IL MINISTRO DELL'AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE

IL MINISTRO DELL'AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE DECRETO 24 gennaio 2011, n. 20: Regolamento recante l'individuazione della misura delle sostanze assorbenti e neutralizzanti di cui devono dotarsi gli impianti destinati allo stoccaggio, ricarica, manutenzione,

Dettagli

ESPOSIZIONE AGLI AGENTI FISICI

ESPOSIZIONE AGLI AGENTI FISICI CAPITOLO 6 ESPOSIZIONE AGLI AGENTI FISICI Introduzione Per agenti fisici si intendono quei fattori che determinano le immissioni di energia in ambiente, potenzialmente dannose per la salute umana e per

Dettagli

COMUNE DI TERRALBA. (Provincia di Oristano) Via Baccelli n 1 09098 Terralba Tel. 078385301 Fax 078383341 P.IVA 00063150957

COMUNE DI TERRALBA. (Provincia di Oristano) Via Baccelli n 1 09098 Terralba Tel. 078385301 Fax 078383341 P.IVA 00063150957 COMUNE DI TERRALBA (Provincia di Oristano) Via Baccelli n 1 09098 Terralba Tel. 078385301 Fax 078383341 P.IVA 00063150957 Ordinanza Sindacale n. 41/2012 Prot. n. 12292 ORDINANZA SINDACALE (Adozione misure

Dettagli

CORSO DI SICUREZZA NEI CANTIERI

CORSO DI SICUREZZA NEI CANTIERI Corso di laurea in Ingegneria Edile CORSO DI SICUREZZA NEI CANTIERI Anno Accademico 2011/2012 Definire: Obbiettivi della lezione Rischi Interferenziali - DUVRI e PSC Rischi Propri - POS Conoscere gli aspetti

Dettagli

PROTEZIONE DAI CONTATTI DIRETTI ED INDIRETTI

PROTEZIONE DAI CONTATTI DIRETTI ED INDIRETTI PROTEZIONE DAI CONTATTI DIRETTI ED INDIRETTI Appunti a cura dell Ing. Emanuela Pazzola Tutore del corso di Elettrotecnica per meccanici, chimici e biomedici A.A. 2005/2006 Facoltà d Ingegneria dell Università

Dettagli

L.R. N. 19/2002: ACCREDITAMENTO ORGANISMI DI FORMAZIONE

L.R. N. 19/2002: ACCREDITAMENTO ORGANISMI DI FORMAZIONE L.R. N. 19/2002: ACCREDITAMENTO ORGANISMI DI FORMAZIONE 1 INDICE Introduzione pag. 5 Domanda (1) Cos è il sistema regionale di accreditamento? pag. 5 Domanda (2) Cosa deve fare un Ente di formazione per

Dettagli

STIMA DEI COSTI DELLA SICUREZZA

STIMA DEI COSTI DELLA SICUREZZA COMUNE DI SANTA MARGHERITA LIGURE Piazza Mazzini, 46 16038 SANTA MARGHERITA LIGURE (GE) REALIZZAZIONE DI IMPIANTI FOTOVOLTAICI SULLE COPERTURE DELLA SCUOLA PRIMARIA A.R. SCARSELLA, DELLA SCUOLA DELL'INFANZIA

Dettagli

Previsione di impatto acustico relativa a:

Previsione di impatto acustico relativa a: PROVINCIA DI MODENA COMUNE DI FIORANO M. Previsione di impatto acustico relativa a: nuovo capannone uso deposito ditta Atlas Concorde Spa ubicato in Via Viazza I Tronco - Fiorano M. (MO) Settembre 2012

Dettagli

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10 Indice La Missione 3 La Storia 4 I Valori 5 I Clienti 7 I Numeri 8 I Servizi 10 La Missione REVALO: un partner operativo insostituibile sul territorio. REVALO ha come scopo il mantenimento e l incremento

Dettagli

LA NUOVA PREVENZIONE INCENDI DM 07.08.2013. Siena, 10 maggio 2013

LA NUOVA PREVENZIONE INCENDI DM 07.08.2013. Siena, 10 maggio 2013 Ministero dell Interno Dipartimento dei Vigili del Fuoco, del Soccorso Pubblico e della Difesa Civile Comando Provinciale Vigili del fuoco SIENA "Noctu et Die Vigilantes" LA NUOVA PREVENZIONE INCENDI DM

Dettagli

ORARIO DI LAVORO DEI LAVORATORI MOBILI NEL SETTORE TRASPORTI

ORARIO DI LAVORO DEI LAVORATORI MOBILI NEL SETTORE TRASPORTI ORARIO DI LAVORO DEI LAVORATORI MOBILI NEL SETTORE TRASPORTI Sommario: 5064.0 QUADRO GENERALE 5064.1 ORARIO DI LAVORO 5064.1.1 Durata dell'orario di lavoro settimanale 5064.1.2 Riposi intermedi 5064.1.3

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

Mario Fargnoli. www.politicheagricole.it

Mario Fargnoli. www.politicheagricole.it La revisione delle macchine agricole immatricolate Mario Fargnoli Giornata di Studio www.politicheagricole.it Sicurezza del lavoro in agricoltura e nella circolazione stradale tra obblighi di legge ed

Dettagli

L ECO-UFFICIO. Buone pratiche per l efficienza energetica in ufficio

L ECO-UFFICIO. Buone pratiche per l efficienza energetica in ufficio Comune di Udine L ECO-UFFICIO Buone pratiche per l efficienza energetica in ufficio Efficienza energetica: di necessità virtù L efficienza energetica non è semplice risparmio: è riduzione del consumo di

Dettagli

Codifica: RFI DMO TVM LG SVI 001 A I.1 SCOPO I.2 CAMPO DI APPLICAZIONE I.3 DOCUMENTI CORRELATI I.4 DEFINIZIONI E ABBREVIAZIONI

Codifica: RFI DMO TVM LG SVI 001 A I.1 SCOPO I.2 CAMPO DI APPLICAZIONE I.3 DOCUMENTI CORRELATI I.4 DEFINIZIONI E ABBREVIAZIONI 1 di 29 PROGETTAZIONE DI PICCOLE STAZIONI E PARTE I PARTE TITOLO I.1 SCOPO I.2 CAMPO DI APPLICAZIONE I.3 DOCUMENTI CORRELATI I.4 DEFINIZIONI E ABBREVIAZIONI PARTE II II.1 METODOLOGIA PER IL DIMENSIONAMENTO

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ELENCO DEGLI OPERATORI ECONOMICI DI FIDUCIA DELL UNIVERSITÀ TELEMATICA UNIVERSITAS MERCATORUM - EX ART.

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ELENCO DEGLI OPERATORI ECONOMICI DI FIDUCIA DELL UNIVERSITÀ TELEMATICA UNIVERSITAS MERCATORUM - EX ART. Universita Telematica UNIVERSITAS MERCATORUM REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ELENCO DEGLI OPERATORI ECONOMICI DI FIDUCIA DELL UNIVERSITÀ TELEMATICA UNIVERSITAS MERCATORUM - EX ART. 125, COMMA 12 DEL D.L.VO

Dettagli

MODELLO DI REGOLAZIONE DEI DIRITTI AEROPORTUALI PER AEROPORTI CON TRAFFICO INFERIORE AI 3 MILIONI DI PASSEGGERI / ANNO

MODELLO DI REGOLAZIONE DEI DIRITTI AEROPORTUALI PER AEROPORTI CON TRAFFICO INFERIORE AI 3 MILIONI DI PASSEGGERI / ANNO MODELLO 3 MODELLO DI REGOLAZIONE DEI DIRITTI AEROPORTUALI PER AEROPORTI CON TRAFFICO INFERIORE AI 3 MILIONI DI PASSEGGERI / ANNO Allegato 3 alla Delibera 64/2014 1 1. AMBITO DI APPLICAZIONE... 4 2. DEFINIZIONI...

Dettagli