GESTIONE DELLA MANUTENZIONE AIR SIDE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "GESTIONE DELLA MANUTENZIONE AIR SIDE"

Transcript

1 CON IL PATROCINIO DI: GESTIONE DELLA MANUTENZIONE AIR SIDE Analisi delle procedure operative e implicazione sulla sicurezza aeroportuale sullo scalo di Malpensa Marco SCLIP IN COLLABORAZIONE CON: Matr Tutor aziendale: Enrico Barolo I PARTNER:

2 Alla mia famiglia

3 INDICE Introduzione La struttura manutentiva SEA Competenze tecniche La manutenzione in cifre Documentazione di riferimento Manuale di Aeroporto Amministrazione Tecnica Procedure Operative Regolamento per la Costruzione e l Esercizio degli Aeroporti Impianti Elettrici, Speciali e di Sollevamento Struttura manutentiva U.O.I.E.S.S Intervento a guasto e manutenzione programmata Principali attività di assistenza al volo Friction Test Ispezione AVL Rilievi ENAC su PROCOP Caso Studio: Inclinazione unità P.A.P.I I P.A.P.I Cronistoria del progetto per la misurazione dell inclinazione dei P.A.P.I Infrastrutture e viabilità Struttura manutentiva U.O.I.V Ispezione Giornaliera (PROCOP ) FOD Rilievo ENAC su STRIP Area di sicurezza della pista: STRIP Interventi di bonifica STRIP Ruolo di controllo di ENAC La certificazione aeroportuale Audit Gestione dei Rilievi ENAC Conclusioni e sviluppi futuri... 57

4 - Introduzione - Introduzione Questo lavoro è frutto di un esperienza di tirocinio svolta presso la società SIEMENS S.p.a. in collaborazione con la struttura manutentiva di SEA S.p.a.. Durante questi mesi di stage mi è stata data l opportunità di vedere in prima persona le principali realtà della manutenzione aeroportuale, focalizzando la mia attenzione su tutti quegli aspetti che riguardano la sicurezza delle infrastrutture di volo (piste, impianti di assistenza al volo,etc.). In questa relazione tratterò in primo luogo l organizzazione della SEA nell ambito manutentivo, per poi analizzare nello specifico gli aspetti legati alle ispezioni ai sistemi di assistenza al volo e alle infrastrutture aeroportuali. L obiettivo è quello di creare una panoramica sui processi manutentivi in cui vengano esplicitati i ruoli degli attori coinvolti nelle procedure aeroportuali (dall Accountable Manager, al Post Holder Manutenzione Infrastrutture e Sistemi, ai responsabili delle varie unità organizzative), le loro funzioni e i legami con ENAC, che rappresenta il legislatore e l ente di controllo

5 - La struttura manutentiva SEA - 1 La struttura manutentiva SEA La struttura della Manutenzione Malpensa comprende circa 230 persone tra dirigenti, quadri, impiegati ed operai. A questa struttura rispondono diverse unità organizzative: impianti termomeccanici; impianti elettromeccanici; fabbricati; impianti elettrici; infrastrutture e viabilità. In staff alla Manutenzione Malpensa c è una Control Room con turnazione H24 che provvede alle seguenti funzioni: presidio operativo-tecnico dell aeroporto e funzione di call-center; tele-controllo, tele-misure e tele-gestione della rete e delle cabine elettriche di media tensione a 15 KV; tele-controllo e tele-gestione dell impianto antincendio; tele-controllo degli ascensori, delle scale mobili e dei tappeti mobili; monitoraggio dei parametri elettrici; monitoraggio e verifiche di Energia Termica

6 - La struttura manutentiva SEA - Figura 1-1: Organigramma Direzione Operazioni - 4 -

7 - La struttura manutentiva SEA Competenze tecniche Come già anticipato la Manutenzione Malpensa è costituita da 5 unità organizzative; di seguito sono elencate le competenze e le attività di ciascuna di queste strutture. Impianti Elettrici, Speciali e di Sollevamento Con una turnazione H24 questa unità si occupa di interventi di manutenzioni programmate, a guasto e pronto intervento per quanto riguarda: impianti AVL di piste, raccordi e piazzali; cabine elettriche MT/BT; gruppi elettrogeni di continuità e di emergenza; ascensori, scale mobili e tappeti mobili; impianti elettrici di forza motrice ed illuminazione; impianti video, diffusione sonora e teleallertamento multimediale; impianti rete dati, antenne e telefonia; impianti antincendio ed antintrusione; macchine x-ray e metal detector. Impianti Termomeccanici Con una turnazione H24 questa unità si occupa di interventi di manutenzioni programmate, a guasto e pronto intervento per quanto riguarda: centrali termiche e frigorifere; termocondizionamento; pozzi idrici e rete potabile; rete fognaria; centrali e reti antincendio; vasche di prima pioggia; de-icing; cogenerazione e teleriscaldamento; torri evaporative; gruppi frigo ed assorbimento; - 5 -

8 - La struttura manutentiva SEA - disoleatori; trattamento acqua. Impianti Elettromeccanici Con una turnazione H24 questa unità si occupa di interventi di manutenzioni programmate, a guasto e pronto intervento per quanto riguarda: impianti BHS (Baggage Handling System); impianto automatizzato movimentazione merci UHS (Uld Handling System); bridge: pontili mobili, 400 Hz, guida ottica, Cdz, acqua potabile; bilance check-in e merci. Infrastrutture e viabilità Con una turnazione H16 questa unità si occupa di interventi di manutenzioni programmate, a guasto e pronto intervento per quanto riguarda: piazzali aeromobili, piste e raccordi; segnaletica orizzontale; strade interne ed esterne; FOD; sgommatura; aree verdi; parcheggi; sfalcio erba; recinzioni; piano emergenza neve. Fabbricati Con una turnazione H16 questa unità si occupa di interventi di manutenzioni programmate e di guasto per quanto riguarda: opere civili ed infrastrutturali; porte automatiche e portoni; servizi generali e pulizie; disinfestazioni e derattizzazioni; facchinaggio

9 - La struttura manutentiva SEA - La certificazione aeroportuale di Malpensa ha contribuito a confermare ed incentivare le politiche manutentive basate su un maggior coinvolgimento delle risorse interne. La SEA ha quindi deciso di svolgere esclusivamente con risorse interne le attività correlate ad impianti e strutture strategici sia per l operatività aeroportuale (gruppi elettrogeni, de-icing, smistamenti bagagli, meccanizzazione merci, pontili mobili) sia per la sicurezza del trasporto aereo (aiuti visivi luminosi, pavimentazioni delle aree di manovra). Oltre alle attività sopra elencate, la Manutenzione svolge anche attività strettamente legate alla gestione dell aeroporto, quali: assicura l informativa aeronautica (aggiornamento e controllo della pubblicazione AIP Italia, richiesta e controllo dell emissione di Notam di chiusura delle infrastrutture di volo); garantisce il contatto radio con la Torre di Controllo per ispezioni, manutenzioni e nuove realizzazioni; assicura le attività legate alle ordinanze emesse dall ENAC; partecipa alla gestione delle emergenze aeroportuali a garanzia della corretta operatività del volo (sgombero neve, operazioni di bassa visibilità, crash aereo, antincendio); effettua la verifica del coefficiente di frenata di pista; gestisce le ispezioni di pista ed AVL; assicura il presidio tecnico-operativo dell aeroporto

10 - La struttura manutentiva SEA La manutenzione in cifre Sono riportate di seguito alcune cifre significative dell aeroporto di Malpensa. AEROPORTO di MALPENSA Superficie Sedime aeroportuale Superficie a verde Lunghezza recinzione m 2 Superfici Pavimentate m 2 Segnaletica orizzontale m m 2 37 Km Fabbricati 170 Rifiuti prodotti Kg Acqua prelevata m 3 Potenza installata KVA Luci di pista 5000 Tabelle luminose 280 Torri faro 105 Luci segna ostacoli 750 Lampade emergenza Lampioni stradali 700 Ristorazione 47 Telecamere Rilevatori fumo Altoparlanti Lettori badge 600 Ascensori, scale e tappeti mobili Telefoni, postazioni internet e fax 180 Lampade illuminazione Posti auto

11 2 Documentazione di riferimento 2.1 Manuale di Aeroporto Dipartimento di Ingegneria Aerospaziale - Documentazione di riferimento - Il Manuale di Aeroporto è approvato dall ENAC e contiene tutte le informazioni e le istruzioni necessarie per consentire al personale aeroportuale di svolgere le proprie mansioni. La SEA è tenuta a rendere disponibile al proprio personale ed agli altri operatori aeroportuali interessati una copia del Manuale di Aeroporto o una copia di ciascuna parte del Manuale relativa alle specifiche competenze e ad assicurarsi che tali copie siano sempre aggiornate. L obiettivo principale di questo documento è quello di definire come il gestore adempie ai propri compiti al fine di garantire le condizioni di corretta gestione dell aeroporto e di sicurezza delle operazioni. Il manuale definisce le politiche e gli standard di prestazioni adottati dal gestore nonché le procedure tramite le quali raggiungerli. Il Manuale di Aeroporto deve quindi: contenere tutte le informazioni per descrivere la struttura organizzativa del gestore; indicare per ciascun compito descritto le figure responsabili con le relative attribuzioni; descrivere i servizi e le strutture dell aeroporto; contenere tutte le procedure operative necessarie. È il documento di riferimento per verificare l adeguatezza del gestore e della sua organizzazione ai fini dell ottenimento e del mantenimento della certificazione dell aeroporto; è la fonte documentale che descrive come devono essere condotte le procedure operative e la loro gestione in sicurezza. Oltre a rispondere a questi requisiti, rappresenta un mezzo di diffusione di tutte le procedure e informazioni relative ad una sicura gestione dell aeroporto. Il Manuale deve contenere le informazioni e le procedure che riguardano l attività di competenza del gestore, fornendo anche le indicazioni in merito agli aspetti di - 9 -

12 - Documentazione di riferimento - coordinamento con i soggetti non controllati per le attività e servizi attinenti la sicurezza delle operazioni da essi garantiti. Andiamo ora a riproporre alcuni degli elementi contenuti all interno del Manuale di Aeroporto che rappresentano i punti fondamentali della manutenzione land side, con riferimento alle procedure che interessano le unità organizzative di Assistenza al Volo e dell Infrastrutture e Viabilità Amministrazione Tecnica La figura a capo della manutenzione di scalo SEA è rappresentata dal Post Holder Manutenzione Infrastrutture e Sistemi che per l area di interesse assicura ad ENAC lo svolgimento in sicurezza delle attività aeroportuali, assumendo se necessario le opportune decisioni operativo-gestionali atte a garantire il rispetto del Regolamento. Al Post Holder Manutenzione Infrastrutture e Sistemi e alla sua struttura organizzativa sono attribuite queste funzioni: la predisposizione dei programmi manutentivi di tutti gli apparati, edifici, segnaletica, AVL, piste, taxiway, raccordi, strade aeroportuali, recinzioni, drenaggi, equipaggiamenti, mezzi di trasporto ed attrezzature speciali, alimentazioni, etc. che concernono l aeroporto nella sua completezza; l effettiva e corretta attuazione della manutenzione programmata e straordinaria, al fine di garantire la costante efficienza di infrastrutture ed impianti per il mantenimento di un adeguato livello di sicurezza delle operazioni; la gestione dei servizi connessi con il volo (ispezione delle piste, controllo dei sistemi di illuminazione piste e segnaletica luminosa, controllo del coefficiente di attrito della pista, etc.); la verifica delle corrette caratteristiche dei cantieri aperti nelle aree aeroportuali comprese entro la recinzione doganale e il loro mantenimento per tutta la durata dei lavori ai fini di garantire la sicurezza delle operazioni degli aeromobili a terra ed in volo;

13 - Documentazione di riferimento - la verifica del ripristino delle condizioni di agibilità delle aree di movimento interessate dai lavori e la relativa attestazione ai fini operativi riguardo sia alle infrastrutture preesistenti sia a quelle appena realizzate; il monitoraggio ostacoli in relazione alle superfici ostacoli connesse alla pista, al decollo e all avvicinamento; il controllo dello stato della pista, delle taxiway e dei raccordi, della segnaletica orizzontale, verticale e luminosa e degli AVL; il coordinamento delle informazioni aeronautiche e la definizione delle comunicazioni (NOTAMS) da emettere nei casi di lavori di manutenzione e di realizzazione di nuove opere nelle aree aeroportuali con riferimenti alle limitazioni operative dovute al cantiere e/o agli ostacoli realizzati Procedure Operative Il gestore nel predisporre le procedure operative del Manuale di Aeroporto tiene conto delle informazioni e delle procedure che riguardano la propria competenza fornendo anche indicazioni in merito agli aspetti di coordinamento con i soggetti non controllati e delle specifiche esigenze dell aeroporto. Sono di seguito evidenziate le procedure operative contenute nel Manuale di Aeroporto e riferite alla manutenzione aeroportuale: PROCOP 020: Ispezioni di Routine: Aiuti Visivo Luminosi (AVL); PROCOP 030: Ispezioni di Routine: Infrastrutture di Volo; PROCOP 040: Ispezioni del piazzale, della pista e delle vie di rullaggio a seguito di presenza segnalata di detriti nell area di movimento; PROCOP 050: Pulizia delle piste, delle vie di rullaggio e del piazzale; PROCOP 060: Protezione delle piste durante le procedure per bassa visibilità (LVPs) PROCOP 070: Misurazione e diffusione delle informazioni relative all altezza dell acqua, della neve e neve mista ad acqua (slush) sulle piste e sulle vie di rullaggio; PROCOP 080: Misurazione e diffusione delle informazioni relative all azione frenante di pista;

14 - Documentazione di riferimento - PROCOP 110: Apertura cantieri e rilascio aree a seguito di lavori di manutenzione ordinaria, straordinaria e di esecuzione di nuove opere sulle infrastrutture o sugli impianti aeroportuali nelle aree di manovra e/o movimento; PROCOP 170: Piano emergenza neve; PROCOP 180: Piano per la riduzione del rischio di impatto con uccelli e animali selvatici; PROCOP 240: Controllo della recinzione aeroportuale; PROCOP 260: Sversamenti di carburanti e olii in area di movimento; PROCOP 270: Ubicazione degli ostacoli e procedure relative all illuminazione degli stessi; PROCOP 280: Piano di Manutenzione; Capitolo V: Aiuti Visivi. Andando ad analizzare le varie procedure elencate nel Manuale di Aeroporto e focalizzando la nostra attenzione solamente su quelle che coinvolgono la sicurezza delle piste, siamo stati in grado di schematizzare le diverse operazioni con riferimento agli enti coinvolti nel processo. RUOLI I.E.S.S. I.V. R.D.L. Control Room Post Holder ENAV ENAC Manutenzione Malpensa AVL * * Ispezioni * * * * Pulizia * * * * LVP * * * * * Acqua, neve, fango * * Azione * * * * * * * frenante Cantieri * * * * * Rimozione * * * * neve

15 - Documentazione di riferimento Regolamento per la Costruzione e l Esercizio degli Aeroporti Il presente Regolamento prescrive i requisiti, in materia di sicurezza delle operazioni, per l emissione ed il mantenimento della certificazione degli aeroporti. Esso richiede la certificazione degli aeroporti utilizzati per attività di trasporto pubblico con velivoli di massa massima al decollo superiore a 5700 Kg o con 10 o più posti passeggeri. L ENAC, con la precedente edizione del Regolamento, adottata in virtù delle attribuzioni conferite dal decreto legislativo 250/97 e secondo le previsioni di cui all articolo 26 della legge 166/2002, ha provveduto a dare attuazione all Annesso 14 ICAO relativo alla sicurezza delle operazioni aeroportuali. Nello sviluppo dei requisiti regolamentari l ENAC ha considerato la realtà aeroportuale nazionale ed ha avviato una prima fase di adeguamento alla normativa internazionale che tenesse conto delle infrastrutture esistenti e dei tempi necessari per il loro ammodernamento, con riserva di procedere ad ulteriori adeguamenti in tempi successivi. Il testo regolamentare inizialmente pubblicato è stato quindi oggetto di modifiche riguardanti tutti i capitoli. Il Regolamento è stato elaborato sulla base degli standard e raccomandazioni di cui all emendamento n. 4 dell Annesso 14 ICAO, vol. 1 3 a edizione. Tale emendamento ha introdotto la certificazione dell aeroporto e il sistema di gestione della sicurezza (Safety Management System - SMS). Il Regolamento contiene alcune differenze rispetto agli standard e raccomandazioni dell annesso 14 ICAO. Tali differenze, di portata limitata, sono state introdotte per tener conto della realtà nazionale e della tempistica necessaria per l adeguamento ai nuovi requisiti. Il Regolamento determina le condizioni di applicabilità, attuazione e regolarità dei servizi di soccorso ed antincendio rimandando alla regolamentazione del Ministro dell Interno Dipartimento dei Vigili del Fuoco del Soccorso Pubblico e della Difesa Civile - i requisiti tecnici per l istituzione del servizio di soccorso e lotta antincendio in accordo alle prescrizioni di legge. Nel testo sono fornite le indicazioni per armonizzare le procedure di emergenza dell aeroporto con le operazioni di soccorso e antincendio. Analogamente sono

16 - Documentazione di riferimento - fornite indicazioni procedurali per armonizzare le funzioni del gestore con la fornitura dei servizi di assistenza al volo. Nel compiere le valutazioni finalizzate al rilascio di un certificato o al suo mantenimento l ENAC adotta un approccio flessibile coerente con il raggiungimento e mantenimento di un soddisfacente livello di sicurezza. Ove esistano delle difficoltà oggettive per il soddisfacimento dei requisiti da parte di aeroporti già aperti al traffico commerciale alla data di entrata in vigore del presente regolamento, l ENAC può accettare mezzi alternativi di rispondenza purché sia mantenuto un accettabile livello di sicurezza. Quando previste dal regolamento, le valutazioni di accettabilità delle proposte sono effettuate dall ENAC sulla base delle disposizioni nazionali applicabili avendo a riferimento quanto contenuto nelle pubblicazioni ICAO

17 - Impianti Elettrici, Speciali e di Sollevamento - 3 Impianti Elettrici, Speciali e di Sollevamento In questo capitolo viene fornita una panoramica sulla manutenzione degli impianti elettrici in generale, prendendo in considerazione tutte quelle attività che interessano la pista. Sono state analizzate la struttura organizzativa dell assistenza al volo (ASVO) e le sue attività di competenza. 3.1 Struttura manutentiva U.O.I.E.S.S. Come precedentemente detto, la SEA dispone di una unità organizzativa dedicata alla manutenzione degli impianti elettrici, speciali e di sollevamento (U.O.I.E.S.S.). Compito di questa struttura è quello di dare sostegno ai fabbricati e all assistenza al volo, che comprende tutti gli impianti di pista e altre attività connesse alle operazioni in area di movimento. L unità organizzativa impianti elettrici è così strutturata: 1 responsabile; 1 assistente tecnico area Assistenza al Volo; 2 impiegati tecnici di manutenzione; 1 coordinatore tecnico di manutenzione; 8 capisquadra; 27 elettricisti specializzati turnisti H24 con nomina di PES e PAV. La manutenzione è eseguita seguendo la normativa vigente: DOC. ICAO 9137 part. 9; Norme CEI EN ; Circolare ENAC APT 13-A ; Circolare ENAC APT 11; Regolamento ENAC per la Costruzione e l Esercizio degli Aeroporti

18 - Impianti Elettrici, Speciali e di Sollevamento - Gli impianti oggetto degli interventi di manutenzione preventiva, correttiva ed ispettiva sono: impianti AVL (Aiuti Visivi Luminosi) di piste e raccordi e componenti dei circuiti (auto-regolatori CCR, cavi primari di media tensione dei circuiti in serie, trasformatori, fuochi a filamento e a LED, etc.); cabine elettriche di trasformazione media tensione/bassa tensione (MT/BT); stazioni di energia di soccorso, gruppi elettrogeni Short-Break e UPS (Uninterruptible Power Supplies); impianto di rilevazione lampade guaste, sistema RLG, sistema VAMAC CLP; impianto di telecomando di luci piste, raccordi e Stop-Bar; impianto di telecomando con sistema CLP di raccordi e Stop-Bar I.H.P. (Intermediate Holding Position) Tabelle R.G.L. (Runway Guard Lights) BARRE LUMINOSE; impianto di monitoraggio isolamento cavi (in fase realizzazione). L unità organizzativa Impianti Elettrici, Speciali e di Sollevamento è presente H24 ed il suo compito è quello di intervenire su tutti gli impianti sopra descritti oltre a garantire: assistenza a ditte esterne per lavori in area di manovra (sbarramenti e accompagnamento); interventi su richiesta Control Room o ENAC/ENAV di misurazione azione frenante con macchina ASFT (Airport Surface Friction Tester). Il servizio dispone di una Control Room ubicata presso la cabina elettrica 3 e dotata dei seguenti sistemi di supervisione, controllo e riporto dei dati relativi agli impianti AVL, quali: sistema di telecomando AVL VAMAC CLP per il controllo di tutte le periferiche delle cabine, per lo stato di on-off degli impianti, per lo stato degli allarmi ed avarie. Visualizza inoltre lo stato della rete trasmissione dati tra periferiche e nodo principale, lo stato degli allarmi presenti in

19 - Impianti Elettrici, Speciali e di Sollevamento - Torre di Controllo (TWR). Su autorizzazione della TWR la postazione può operare con comandi in locale sugli impianti AVL di interesse; sistema RLG Rilevamento Lampade Guaste per la segnalazione puntuale di lampada guasta per ogni specifico impianto di pista e per il controllo di tutte le periferiche delle cabine alle quali fanno capo i microprocessori di Rilevazione Lampade Guaste; supervisione sistema VAMAC CLP che segnala di ogni impianto gestito da CLP il guasto o l anomalia di ogni lampada; supervisione della rete elettrica e gruppi elettrogeni per il controllo della rete di MT-BT che interessa le piste di volo, supervisiona e controlla lo stato dei gruppi elettrogeni e UPS a servizio di piste e raccordi. Per gli interventi manutentivi sulle piste e raccordi il servizio è attrezzato con mezzi ed attrezzature specifici tra i quali 2 automezzi furgonati adibiti al solo servizio di manutenzione AVL (attrezzati per interventi sulle infrastrutture di volo, con disponibilità continua di materiali di ricambio, etc.); 2 mezzi Friction Tester adibiti alla misurazione dell azione frenante ed un mezzo dotato di tecnologia per la rilevazione dei LUX. 3.2 Intervento a guasto e manutenzione programmata La struttura manutentiva U.O.I.E.S.S. è organizzata in modo da poter gestire sia le manutenzioni programmate, sia gli interventi a guasto. Per quanto riguarda le attività di primo intervento, queste si attivano in seguito ad avvisi di manutenzione aperti dalla Control Room o in seguito alla chiamata di qualsiasi altra unità organizzativa che opera sul sedime aeroportuale (per esempio in seguito ad ispezione giornaliera della MIKE - Infrastrutture e Viabilità che verifica eventuali anomalie quali la presenza di tabelle abbattute). Diversamente le manutenzioni programmate richiedeno una pianificazione molto più accurata che deve tener conto oltre alle esigenze operative (traffico

20 - Impianti Elettrici, Speciali e di Sollevamento - aeroportuale, personale a disposizione, lavori sul campo) anche della normativa vigente ENAC. Per questo motivo risulta essere importante la figura del coordinatore il quale deve provvedere alla pianificazione dei lavori e fornire alle squadre in turno tutte le informazioni relative al piano di lavoro. Nella gestione delle manutenzioni programmate si è dimostrata di grande importanza la realizzazione di un programma home made per registrare ed organizzare i vari cicli manutentivi che consente un utilizzo immediato e di facile impiego anche da parte di operai e capisquadra. Riportiamo di seguito alcune schermate significative di tale programma: Figura 3-1: Schermata principale

21 - Impianti Elettrici, Speciali e di Sollevamento - Figura 3-2: Schema impianti AVL Figura 3-3: Schema impianto di avvicinamento

22 - Impianti Elettrici, Speciali e di Sollevamento - Figura 3-4: Scadenze manutenzioni Figura 3-5: Scadenze manutenzioni

23 - Impianti Elettrici, Speciali e di Sollevamento - Figura 3-6: Inserimento intervento manutenzione Figura 3-7: Archivio storico interventi

24 - Impianti Elettrici, Speciali e di Sollevamento - Di seguito riportiamo l intero piano di manutenzione dell unità organizzativa Impianti Elettrici, Speciali e di Sollevamento:

25 - Impianti Elettrici, Speciali e di Sollevamento Principali attività di assistenza al volo Di seguito sono descritte alcune delle principali attività svolte dall unità di Assistenza al Volo ed in particolare le operazioni che riguardano la sicurezza delle piste di volo o in generale dell area di movimento Friction Test L attività di Friction Test è descritta all interno del Manuale di Aeroporto nella procedura operativa 080 Misurazione e diffusione delle informazioni relative all azione frenante di pista. Questa procedura ha lo scopo di definire le attività operative finalizzate ad attuare le misurazioni e la diffusione dei coefficienti dell azione frenante di pista, in riferimento all APT 10. Le piste di volo sono soggette al fenomeno progressivo di abbattimento del coefficiente di attrito dovuto al deposito di residui gommosi, originati dalla toccata degli aeromobili in atterraggio, con la conseguente possibilità di ridotta o scarsa azione frenante, soprattutto in condizioni di pista bagnata (wet). Le misurazioni del coefficiente d attrito della pista avvengono con frequenza periodica, ogni 10 giorni, durante la chiusura notturna delle piste oppure su richiesta della torre di Controllo, della Direzione Aeroportuale o della Control Room SEA. In questo modo, con l impiego di specifici strumenti installati su un autoveicolo appositamente allestito secondo le richieste delle norma ICAO (Surface Friction Tester Vehicle) si riesce a valutare e monitorare lo stato della superficie al fine di programmare gli interventi di riqualificazione delle piste di volo. L unità Impianti Elettrici, Speciali e di Sollevamento ha a disposizione due mezzi Friction Tester allestiti con parametri diversi in funzione delle condizioni meteo (mezzo settato per condizioni di pista bagnata e mezzo per pista asciutta con un serbatoio d acqua più capiente che supera i 700 litri)

26 Dipartimento di Ingegneria Aerospaziale - Impianti Elettrici, Speciali e di Sollevamento - La strumentazione tecnica di bordo è costituita da: un computer di misurazione; una centralina elettronica; un sistema idraulico; una cella di carico verticale; sensori

27 - Impianti Elettrici, Speciali e di Sollevamento - La strumentazione di bordo fornisce la stampa del tracciato del coefficiente d attrito e calcola tre valori medi relativi ai tre segmenti (A, B, C) longitudinali della pista nonché il valor medio complessivo. I segmenti sono così definiti: A: si riferisce al tratto iniziale delle piste 17L e 17R; B: si riferisce al tratto intermedio delle piste; C: si riferisce alle zone di toccata delle piste 35L e 35R. Figura 3-8: Stampa Friction Test 0,86 ASFT Friction Tester - periodici 2008 Pista 35R / 17L 0,84 0,82 valore 0,80 0,78 0,76 0,74 03/01/ /01/ /02/ /03/ /04/ /05/ /06/ /06/ /07/ /08/ /09/ /10/ /10/ /11/ /12/2008 data Figura 3-9: Riepilogo ASFT R/17L Allo scopo di confrontare i dati e avere un trend dello stato di ammaloramento delle piste, tutti i dati sono registrati e trasmessi mensilmente a U.O. Manutenzione Malpensa e U.O. Infrastrutture e Viabilità

28 - Impianti Elettrici, Speciali e di Sollevamento - Nel caso in cui la strumentazione fornisse dei dati sotto la soglia di sicurezza impostata sulla macchina (0.50 se si effettua la misurazione a 65 Km/h o 0.34 con prova effettuata alla velocità di 95 Km/h) il Post Holder Manutenzione, Infrastrutture e Sistemi o il responsabile della Manutenzione Malpensa valutano se procedere alle operazioni di riqualifica che consistono nella sgommatura della zona di toccata (800m * 16m) mediante spallinatura

29 - Impianti Elettrici, Speciali e di Sollevamento - Figura 3-10: Ispezione Friction Test

30 - Impianti Elettrici, Speciali e di Sollevamento Ispezione AVL L attività di ispezione agli impianti AVL è descritta all interno del Manuale di Aeroporto nella procedura operativa 020 Ispezioni di routine: Aiuti Visivo Luminosi (AVL). Questa procedura ha lo scopo di definire le attività operative finalizzate ad attuare le ispezioni di routine agli impianti AVL nell area di movimento secondo quanto previsto dal Regolamento ENAC per la Costruzione e l Esercizio degli Aeroporti. Nel dettaglio le operative, che vengono effettuate quotidianamente dal personale in turno notturno, consistono nel controllo visivo dello stato di efficienza degli impianti AVL (tabelle di guida, tabelle di segnalazione luminosa, sistemi stop-bar, sistemi no-entry e luci di segnalazioni) installati su piste, raccordi e piazzali. Il funzionamento degli impianti AVL è monitorato da un sistema di tele-controllo che rileva e segnala automaticamente eventuali lampade guaste e qualsiasi anomalia. Tale sistema di Rilevazione Lampade Guaste (R.L.G.) controlla e monitora tutti gli impianti sensibili di pista, stop-bar e no-entry. L ispezione consiste in: posizionamento in prossimità dell area da ispezionare: il PES e/o PAV si posizionano in zona di sicurezza in prossimità dell area di manovra da ispezionare; richiesta di autorizzazione a TWR: il PES e/o PAV richiedono via radio alla Torre di Controllo l autorizzazione ad accedere all area di manovra in esame; ispezione AVL: il PES e/o PAV effettuano un controllo visivo degli impianti AVL controllando il funzionamento delle luci e la loro efficienza; intervento: il PES e/o PAV eliminano direttamente, se possibile, l anomalia riscontrata richiedendo l intervento della squadra di manutenzione e lo comunicano alla Control Room SEA;

I PROCESSI MANUTENTIVI IN AEROPORTO

I PROCESSI MANUTENTIVI IN AEROPORTO MaintenanceStories 2013 Kilometro Rosso 13 Novembre 2013 I PROCESSI MANUTENTIVI IN AEROPORTO Ing. Felice Cottino Presidente dell Osservatorio sulle attività di Manutenzione degli Aeroporti INDICE Premessa

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI MEDITERRANEA DI REGGIO CALABRIA FACOLTA DI INGEGNERIA LAUREA MAGISTRALE INGEGNERIA CIVILE

UNIVERSITA DEGLI STUDI MEDITERRANEA DI REGGIO CALABRIA FACOLTA DI INGEGNERIA LAUREA MAGISTRALE INGEGNERIA CIVILE UNIVERSITA DEGLI STUDI MEDITERRANEA DI REGGIO CALABRIA FACOLTA DI INGEGNERIA LAUREA MAGISTRALE INGEGNERIA CIVILE CORSO DI INFRASTRUTTURE AEROPORTUALI ED ELIPORTUALI LECTURE 06 CARATTERISTICHE FISICHE DELLE

Dettagli

Contesto operativo aeroportuale Conformità delle infrastrutture e procedure operative alle norme tecniche ed alle norme di Sicurezza

Contesto operativo aeroportuale Conformità delle infrastrutture e procedure operative alle norme tecniche ed alle norme di Sicurezza Contesto operativo aeroportuale Conformità delle infrastrutture e procedure operative alle norme tecniche ed alle norme di Sicurezza SOGAER AEROPORTO di CAGLIARI - ELMAS Ing. Mario Orrù Direttore Infrastrutture

Dettagli

ICAO Doc 9774 - Manual On Certification Of Aerodromes

ICAO Doc 9774 - Manual On Certification Of Aerodromes ICAO Doc 9774 - Manual On Certification Of Aerodromes ENAC Prevede l obbligo della certificazione per tutti gli aeroporti ove viene svolta una attività di Trasporto Pubblico con velivoli con 10 posti o

Dettagli

La certificazione aeroportuale

La certificazione aeroportuale La certificazione aeroportuale Tra le attività di Enac c è anche la certificazione di aeroporto. Un aspetto particolare di questa certificazione è costituito dal fatto che la stessa riguarda sia le caratteristiche

Dettagli

Logistica e modalità di gestione dell emergenza neve sul sedime di Malpensa

Logistica e modalità di gestione dell emergenza neve sul sedime di Malpensa Manutenzione Scalo Malpensa Logistica e modalità di gestione dell emergenza neve sul sedime di Malpensa Stefano DOLCI, Marco SCLIP Malpensa, 23 aprile 2013 1 Malpensa, 23 Aprile 2013 Convegno Winter Operations

Dettagli

DIFFUSIONE DELLE INFORMAZIONI SULL OPERATIVITÀ DELL AEROPORTO

DIFFUSIONE DELLE INFORMAZIONI SULL OPERATIVITÀ DELL AEROPORTO REV. 0 PAG. 1/ DIFFUSIONE DELLE INFORMAZIONI SULL OPERATIVITÀ DELL AEROPORTO INDICE 6.0 SCOPO... 3 6.1 CAMPO DI APPLICAZIONE... 4 6.2 RIFERIMENTI... 5 6.3 RESPONSABILITÀ ED ATTIVITÀ... 6 6.4 Eventi per

Dettagli

Il Sistema di Gestione della Sicurezza (Safety Management System) Stefano Fiussello

Il Sistema di Gestione della Sicurezza (Safety Management System) Stefano Fiussello Il Sistema di Gestione della Sicurezza (Safety Management System) Stefano Fiussello 1 AERODROMO MACCHI M.C. 72 1931 Nota introduttiva.- Il presente Annesso contiene gli standard e le raccomandazioni pratiche

Dettagli

Via Attilio Benigni, 53-00156 Roma - Tel. +39 06 8207 8219-06 8207 8200, Fax +39 06 8273 672 - www.ansv.it

Via Attilio Benigni, 53-00156 Roma - Tel. +39 06 8207 8219-06 8207 8200, Fax +39 06 8273 672 - www.ansv.it Incidente occorso in data 2 febbraio 2013, sull aeroporto di Roma Fiumicino, all aeromobile ATR 72 marche di identificazione YR-ATS: raccomandazioni di sicurezza relative alle operazioni di ricerca e soccorso.

Dettagli

AREA MOVIMENTO COORDINAMENTO OPERATIVO DI SCALO

AREA MOVIMENTO COORDINAMENTO OPERATIVO DI SCALO 14 novembre 2013 CAGLIARI AIRPORT 1 Relatore: Stefano Atzeri Post Holder Movimento Responsabile Coordinamento Operativo di Scalo In Sogaer dall aprile 1995; dal gennaio del 2000 a luglio del 2007 RIT al

Dettagli

PIANO RIMOZIONE NEVE

PIANO RIMOZIONE NEVE PIANO RIMOZIONE NEVE La firma dell Accountable Manager riportata sul quadro frontespizio, costituisce approvazione da parte della Società di Gestione dell intera procedura in accordo con lo stato delle

Dettagli

IL SISTEMA DEI CONTROLLI PER LA SICUREZZA

IL SISTEMA DEI CONTROLLI PER LA SICUREZZA IL SISTEMA DEI CONTROLLI PER LA SICUREZZA 1. LA SICUREZZA DEGLI AEROMOBILI E DEGLI OPERATORI AEREI - La sicurezza delle operazioni dei vettori aerei e dei loro aeromobili è garantita da un complesso di

Dettagli

CAP. 1: Generalità sul trasporto aereo 11. CAP. 2: Lo scenario normativo del trasporto aereo 43

CAP. 1: Generalità sul trasporto aereo 11. CAP. 2: Lo scenario normativo del trasporto aereo 43 Prefazione INDICE CAP. 1: Generalità sul trasporto aereo 11 1.1 Introduzione 11 1.2 Definizione di trasporto aereo 11 1.3 Definizione della convenienza all uso dell aereo 12 1.4 Il trasporto aereo nel

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA COSTRUZIONE

REGOLAMENTO PER LA COSTRUZIONE REGOLAMENTO PER LA COSTRUZIONE E L ESERCIZIO DEGLI AEROPORTI Edizione 2 del 21 ottobre 2003 INDICE ELENCO PAGINE VALIDE INTRODUZIONE GLOSSARIO DEI TERMINI 1 Numero totale pagine Glossario: 5 CAPITOLO 1

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA COSTRUZIONE

REGOLAMENTO PER LA COSTRUZIONE REGOLAMENTO PER LA COSTRUZIONE E L ESERCIZIO DEGLI AEROPORTI Edizione 2 del 21 ottobre 2003 INDICE ELENCO PAGINE VALIDE INTRODUZIONE GLOSSARIO DEI TERMINI 1 Numero totale pagine Glossario: 5 CAPITOLO 1

Dettagli

REGOLAMENTO OPERATIVO AVIOSUPERFICIE E. MATTEI PISTICCI (MT)

REGOLAMENTO OPERATIVO AVIOSUPERFICIE E. MATTEI PISTICCI (MT) REGOLAMENTO OPERATIVO AVIOSUPERFICIE E. MATTEI PISTICCI (MT) 1 PREFAZIONE Il presente Regolamento Operativo costituisce una piccola raccolta di disposizioni,norme e criteri operativi che devono essere

Dettagli

Manuale per la guida sicura in Airside

Manuale per la guida sicura in Airside Runway Safety Manuale per la guida sicura in Airside Runway Safety 1/12 Introduzione Il traffico aumenta. Gli aeroporti si espandono. Chi guida in Airside, é tenuto a conoscere come utilizzare il veicolo

Dettagli

Regolamento per la conduzione di voli di notte con velivoli secondo le regole del volo a vista (VFR/N) nello spazio aereo italiano

Regolamento per la conduzione di voli di notte con velivoli secondo le regole del volo a vista (VFR/N) nello spazio aereo italiano Regolamento per la conduzione di voli di notte con velivoli secondo le regole del volo a vista (VFR/N) nello spazio aereo italiano Edizione 4 approvata con delibera CdA n 38/06 del 19/06/2006 Elenco delle

Dettagli

Aeroporto di Roma Fiumicino Ottimizzazione della Manutenzione

Aeroporto di Roma Fiumicino Ottimizzazione della Manutenzione Aeroporto di Roma Fiumicino Ottimizzazione della Manutenzione Maintenance Stories DUCATI Bologna, 13 Novembre 2014 Agenda Attività ordinarie Investimenti Ispezioni RSS Risultati ottenuti 2 Consistenza

Dettagli

corso di Tecnica ed Economia dei Trasporti a.a. 2004-2005 GLI AEROPORTI Umberto Crisalli crisalli@ing.uniroma2.it

corso di Tecnica ed Economia dei Trasporti a.a. 2004-2005 GLI AEROPORTI Umberto Crisalli crisalli@ing.uniroma2.it corso di Tecnica ed Economia dei Trasporti a.a. 2004-2005 GLI AEROPORTI Umberto Crisalli crisalli@ing.uniroma2.it Introduzione L aeroporto costituisce un elemento di fondamentale importanza in quanto nodo

Dettagli

AEROPORTO TREVISO - CANOVA

AEROPORTO TREVISO - CANOVA AEROPORTO TREVISO - CANOVA UNA PISTA TRA IL SILE E LA NOALESE Com.te Giuliano Mansutti Quinto di Treviso 4 marzo 2011 1 2 L AEROPORTO E UBICATO A SUD OVEST DELLA CITTA DI TREVISO, TRA LA STRADA NOALESE

Dettagli

DIPARTIMENTO DEI VIGILI DEL FUOCO, DEL SOCCORSO PUBBLICO E DELLA DIFESA CIVILE DIREZIONE CENTRALE PER L EMERGENZA ED IL SOCCORSO TECNICO

DIPARTIMENTO DEI VIGILI DEL FUOCO, DEL SOCCORSO PUBBLICO E DELLA DIFESA CIVILE DIREZIONE CENTRALE PER L EMERGENZA ED IL SOCCORSO TECNICO DIPARTIMENTO DEI VIGILI DEL FUOCO, DEL SOCCORSO PUBBLICO E DELLA DIFESA CIVILE DIREZIONE CENTRALE PER L EMERGENZA ED IL SOCCORSO TECNICO Roma, e, per conoscenza,: COMANDI PROVINCIALI VV.F. LORO SEDI ALLE

Dettagli

MASTER PLANNING AEROPORTUALE. Paolo Sordi Processi di Scalo ed Aviazione Generale SEA Aeroporti di Milano

MASTER PLANNING AEROPORTUALE. Paolo Sordi Processi di Scalo ed Aviazione Generale SEA Aeroporti di Milano MASTER PLANNING AEROPORTUALE Paolo Sordi Processi di Scalo ed Aviazione Generale SEA Aeroporti di Milano 1 1 Definizioni Aeroporto Cos è un aeroporto? - sistema complesso - infrastruttura attrezzata per

Dettagli

INDICE CAPITOLO 1 INTRODUZIONE

INDICE CAPITOLO 1 INTRODUZIONE INDICE CAPITOLO 1 INTRODUZIONE 1.1 Scopo del manuale 1.2 Distribuzione del manuale 1.3 Procedura per l emissione, distribuzione e modifica del manuale 1.4 Prefazione del gestore 1.5 Glossario dei termini

Dettagli

Aeroporti di Milano Linate e Milano Malpensa

Aeroporti di Milano Linate e Milano Malpensa Progetto esecutivo N. di progetto: MI14/012 Progettazioni Codice: 5 ESE N. Elaborato rev. 2 D T G 0 1 0 4 3 1 REV. Data Oggetto Aeroporti di Milano Linate e Milano Malpensa Contratto quadro per lavori

Dettagli

MODALITÀ DI ACCESSO ALL AEROPORTO ED ALLE SUE AREE OPERATIVE

MODALITÀ DI ACCESSO ALL AEROPORTO ED ALLE SUE AREE OPERATIVE REV. 0 PAG. 1/11 MODALITÀ DI ACCESSO ALL AEROPORTO ED ALLE SUE AREE OPERATIVE INDICE 9.0 SCOPO... 3 9.1 CAMPO DI APPLICAZIONE... 4 9.2 RIFERIMENTI... 5 9.3 ACCESSO DELLE PEONE... 6 9.4 Generalità... 6

Dettagli

Gli acquisti in SEA Aeroporti di Milano. Roma, venerdì 11 ottobre 2013

Gli acquisti in SEA Aeroporti di Milano. Roma, venerdì 11 ottobre 2013 Gli acquisti in SEA Aeroporti di Milano Roma, venerdì 11 ottobre 2013 Il gruppo SEA: chi siamo Il Gruppo SEA gestisce il sistema aeroportuale milanese in base alla Convenzione, di durata quarantennale,

Dettagli

Problematiche (di gestione) riguardanti gli ostacoli alla navigazione aerea.

Problematiche (di gestione) riguardanti gli ostacoli alla navigazione aerea. Problematiche (di gestione) riguardanti gli ostacoli alla navigazione aerea. Contesto Normativo e Responsabilità Per il tema all attenzione le competenze normative sono affidate a ENAC Ente Nazionale per

Dettagli

ALLEGATO A1: DISCIPLINARE TECNICO PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO DELLE ACQUE METEORICHE E DI DILAVAMENTO

ALLEGATO A1: DISCIPLINARE TECNICO PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO DELLE ACQUE METEORICHE E DI DILAVAMENTO PARTE A: Ricognizione delle infrastrutture ALLEGATO A1: DISCIPLINARE TECNICO PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO DELLE ACQUE METEORICHE E DI DILAVAMENTO ALLEGATO DISCIPLINARE TECNICO PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO

Dettagli

REGOLAMENTO ACUSTICO

REGOLAMENTO ACUSTICO COMUNE DI VICOFORTE PROVINCIA DI CUNEO REGOLAMENTO ACUSTICO ai sensi del quinto comma dell articolo 5 della Legge Regionale 20/10/ 2000 n. 52 1 CAPITOLO 1: COMPETENZE DEI COMUNI IN MATERIA DI TUTELA DALL

Dettagli

Cod.: Allegato 5/A. Data: 04/03/2013. Versione: Rev. 04 Pagina 1 di 13 REGOLAMENTO DI SCALO ALLEGATO 5/A. Indice degli argomenti

Cod.: Allegato 5/A. Data: 04/03/2013. Versione: Rev. 04 Pagina 1 di 13 REGOLAMENTO DI SCALO ALLEGATO 5/A. Indice degli argomenti Pagina 1 di 13 Indice degli argomenti 1. Generalità... 2 2. Campo di applicazione... 2 3. Riferimenti... 3 4. Attività e Responsabilità... 3 5. Tipi di patenti e loro caratteristiche... 4 6. Modalità per

Dettagli

committenza SAL S.r.l. Via dell Artigianaton 1/3 Loc. San Grato 26900 Lodi (Lo) comune COMUNE DI BORGHETTO LODIGIANO

committenza SAL S.r.l. Via dell Artigianaton 1/3 Loc. San Grato 26900 Lodi (Lo) comune COMUNE DI BORGHETTO LODIGIANO Via Paolo Gorini, 12 26900 LODI (LO) Tel.: 0371/549372 STUDIO TECNICO Fax: 0371/588158 E-mail ing.bergomi@libero.it DI INGEGENRIA CIVILE Dott. Ing. GIUSEPPE BERGOMI Ordine degli Ingegneri della Provincia

Dettagli

CURRICULUM VITAE. Conoscenza di lingue estere attestata da Istituti specializzati

CURRICULUM VITAE. Conoscenza di lingue estere attestata da Istituti specializzati CURRICULUM VITAE Ing. nato il 26 marzo 1960 a Palagiano (TA) (CF DRADNT60C26G252V) residente in 70122 Bari Via Roberto da Bari, 62 Tel. 328 6112909 TITOLI CULTURALI Specializzazione universitaria, post-laurea

Dettagli

REGIONE EMILIA-ROMAGNA

REGIONE EMILIA-ROMAGNA REGIONE EMILIA-ROMAGNA SCHEDA INFORMATIVA PER RICHIESTE DI CONCESSIONE EDILIZIA, AUTORIZZAZIONE E PER NOTIFICA DI AMBIENTI DI LAVORO AL SINDACO DEL COMUNE DI (1) prot. n del AL SERVIZIO DI PREVENZIONE

Dettagli

Funzione di Guida Visual Aids Management System

Funzione di Guida Visual Aids Management System Funzione di Guida Visual Aids Management System 09/04/2002 Arg/DT/ADN/522-02 1 Obiettivi Aumento della sicurezza aeroportuale nella movimentazione degli aeromobili Risoluzione di conflitti tra aeromobili

Dettagli

REGOLAMENTO DISCIPLINA GENERALE DELLA PROTEZIONE ANTINCENDIO PER GLI AEROPORTI DI AVIAZIONE GENERALE E LE AVIOSUPERFICI

REGOLAMENTO DISCIPLINA GENERALE DELLA PROTEZIONE ANTINCENDIO PER GLI AEROPORTI DI AVIAZIONE GENERALE E LE AVIOSUPERFICI REGOLAMENTO DISCIPLINA GENERALE DELLA PROTEZIONE ANTINCENDIO PER GLI AEROPORTI DI AVIAZIONE GENERALE E LE AVIOSUPERFICI Edizione n 1 approvata con disposizione d urgenza del Direttore Generale n. 9/DG

Dettagli

REGOLAMENTO DI SCALO. Edizione 1 revisione 0

REGOLAMENTO DI SCALO. Edizione 1 revisione 0 REGOLAMENTO DI SCALO revisione 0 Indice Sez. IG INDICE PARTE GENERALE... 7 A.1 Contenuti del regolamento di scalo... 7 A.2 Aggiornamento del Regolamento di scalo... 8 A.3 Diffusione del Regolamento di

Dettagli

S.C.C. - Snow Control Center

S.C.C. - Snow Control Center Convegno Osservatorio di Manutenzione, 23 Aprile 2013. Alessandro Tovo, SEA - Aeroporti di Milano Responsabile Control Room Manutenzione Malpensa S.C.C. - Snow Control Center Circolare FAA AC 150_5200_30c.

Dettagli

CAPITOLO 6 - AIUTI VISIVI LUMINOSI

CAPITOLO 6 - AIUTI VISIVI LUMINOSI CAPITOLO 6 - AIUTI VISIVI LUMINOSI 1 REQUISITI BASE 1.1 Generalità 1.1.1 Gli Aiuti Visivi Luminosi (AVL) hanno lo scopo di fornire agli equipaggi di condotta informazioni per la stabilizzazione della traiettoria

Dettagli

Allegato alla proposta di delibera cod. n. 10/2007

Allegato alla proposta di delibera cod. n. 10/2007 Allegato alla proposta di delibera cod. n. 10/2007 EMERGENZA DERIVANTE DA RISCHIO AEROPORTUALE SUL TERRITORIO DELLA PROVINCIA DI NOVARA Progetto per la messa a punto di procedure di intervento e l organizzazione

Dettagli

REGIONE EMILIA-ROMAGNA

REGIONE EMILIA-ROMAGNA Ed.2006 REGIONE EMILIA-ROMAGNA SCHEDA INFORMATIVA PER RICHIESTE DI CONCESSIONE EDILIZIA, AUTORIZZAZIONE E PER NOTIFICA DI LUOGHI DI LAVORO AL SINDACO DEL COMUNE DI (1) prot. n del AL SERVIZIO DI PREVENZIONE

Dettagli

LINEE GUIDA per la gestione dell emergenza nelle aree pubbliche comunali

LINEE GUIDA per la gestione dell emergenza nelle aree pubbliche comunali COMUNE DI FERRARA Settore Opere Pubbliche e Mobilità - Ufficio Sicurezza sul Lavoro Settore Pianificazione Territoriale - Servizio Commercio Attività Produttive e Sviluppo Economico Corpo di Polizia Municipale

Dettagli

3. Metodologia per la redazione del piano operativo di sicurezza

3. Metodologia per la redazione del piano operativo di sicurezza 3. Metodologia per la redazione del piano operativo di sicurezza Per agire con intelligenza l uomo ha tre strade: la prima pensando, e questa è la più nobile, la seconda imitando, e questa è la più facile,

Dettagli

COMUNE DI CURCURIS vedere per le nuove costruzioni e gli ampliamenti per gli interventi sull esistente vedere vedere vedere vedere

COMUNE DI CURCURIS vedere per le nuove costruzioni e gli ampliamenti per gli interventi sull esistente vedere vedere vedere vedere COMUNE DI CURCURIS copia del documento comprovante il requisito per ottenere la concessione o dichiarazione ai sensi dell art. 4 della L. 15/68 modificata dalla L. 191/98; copia del certificato di destinazione

Dettagli

IL RUOLO DELLE DIREZIONI AEROPORTUALI DALL ATTIVITA DI VIGILANZA E DI COORDINAMENTO ALL ATTIVITA SANZIONATORIA: ASPETTI EVOLUTIVI

IL RUOLO DELLE DIREZIONI AEROPORTUALI DALL ATTIVITA DI VIGILANZA E DI COORDINAMENTO ALL ATTIVITA SANZIONATORIA: ASPETTI EVOLUTIVI Roma 15 Dicembre 2014 Dott.ssa Monica Piccirillo IL RUOLO DELLE DIREZIONI AEROPORTUALI DALL ATTIVITA DI VIGILANZA E DI COORDINAMENTO ALL ATTIVITA SANZIONATORIA: ASPETTI EVOLUTIVI Le Direzioni Aeroportuali,

Dettagli

3.1 Introduzione. 3.2 Scopo e finalità del POS

3.1 Introduzione. 3.2 Scopo e finalità del POS 3 3.1 Introduzione L introduzione del Piano Operativo di Sicurezza (POS) è avvenuta con l emanazione della L. 415/1998 che ha modificato la L. 109/1994 in materia di lavori pubblici. L articolo 31 della

Dettagli

LAUREA MAGISTRALE INGEGNERIA CIVILE

LAUREA MAGISTRALE INGEGNERIA CIVILE UNIVERSITA DEGLI STUDI MEDITERRANEA DI REGGIO CALABRIA FACOLTA DI INGEGNERIA LAUREA MAGISTRALE INGEGNERIA CIVILE CORSO DI INFRASTRUTTURE AEROPORTUALI ED ELIPORTUALI LECTURE 03 REQUISITI DI UN AREA AEROPORTUALE

Dettagli

Check-list per attività di trasporto movimentazione merci e magazzinaggio A. Documentazione

Check-list per attività di trasporto movimentazione merci e magazzinaggio A. Documentazione Check-list per attività di trasporto movimentazione merci e magazzinaggio A. Documentazione A.1. Valutazione dei rischi 1 Documento di valutazione dei rischi ( DLgs. 81/08 art. 28 c.2 ) 2 Autocertificazione

Dettagli

Gestione operativa dei movimenti nell Apron. Malpensa Layout Aeroportuale Malpensa Dati di traffico Malpensa Apron Mangement Control SEA

Gestione operativa dei movimenti nell Apron. Malpensa Layout Aeroportuale Malpensa Dati di traffico Malpensa Apron Mangement Control SEA Gestione operativa dei movimenti nell Apron Sommario: Malpensa Layout Aeroportuale Malpensa Dati di traffico Malpensa Apron Mangement Control SEA SEA Milan MXP -LIMC Layout aeroportuale 1 MXP Hub Master

Dettagli

CAV S.p.A. Concessioni ni Autostradali Venete

CAV S.p.A. Concessioni ni Autostradali Venete CAV S.p.A. Concessioni ni Autostradali Venete Sede Legale: via Bottenigo, 64 a 30175 Marghera Venezia Tel. 041 5497111 - Fax. 041 935181 R.I./C.F./P.IVA 03829590276 Iscr. R.E.A. VE 0341881 Cap. Sociale

Dettagli

Procedura accesso, circolazione, sosta mezzi ed attrezzature in air side Aeroporto di Crotone

Procedura accesso, circolazione, sosta mezzi ed attrezzature in air side Aeroporto di Crotone Procedura accesso, circolazione, sosta mezzi ed attrezzature in air side Aeroporto di Crotone 1. Descrizione e scopo La presente procedura disciplina le modalità di accesso, circolazione e sosta di mezzi

Dettagli

Decreta. gli aeroporti di aviazione generale e le aviosuperfici del 2 febbraio 2011; Services Manual (Doc 9137- AN/898 parti) (I.C.A.O.

Decreta. gli aeroporti di aviazione generale e le aviosuperfici del 2 febbraio 2011; Services Manual (Doc 9137- AN/898 parti) (I.C.A.O. VISTO l'articolo 26 del decreto legislativo 8 marzo 2006, n. 139; VISTO l'articolo 3 della legge 23 dicembre 1980. n. 930; ATTESO che, ai sensi delle richiamate norme, il servizio di soccorso pubblico

Dettagli

PROCEDURA DI SICUREZZA RELATIVA ALL ACCESSO ALL IMPIANTO BHS AREA SEGREGATA

PROCEDURA DI SICUREZZA RELATIVA ALL ACCESSO ALL IMPIANTO BHS AREA SEGREGATA N pagina 1 PROCEDURA DI SICUREZZA RELATIVA ALL ACCESSO ALL IMPIANTO BHS AREA SEGREGATA N pagina 2 1. INDICE 2. SCOPO...3 3. APPLICABILITA'...3 4. RIFERIMENTI...3 5. RESPONSABILITA'...3 6. DEFINIZIONI...3

Dettagli

REGIONE EMILIA-ROMAGNA

REGIONE EMILIA-ROMAGNA Ed.1999 REGIONE EMILIA-ROMAGNA SCHEDA INFORMATIVA PER RICHIESTE DI CONCESSIONE EDILIZIA, AUTORIZZAZIONE E PER NOTIFICA DI LUOGHI DI LAVORO AL SINDACO DEL COMUNE DI (1) prot. n del AL SERVIZIO DI PREVENZIONE

Dettagli

AZIENDA USL RIETI ALLEGATO 3 DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE

AZIENDA USL RIETI ALLEGATO 3 DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE AZIENDA USL RIETI ALLEGATO 3 DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE SCHEDA INFORMATIVA PARERE NIP SCHEDA INFORMATIVA NUOVI INSEDIAMENTI PRODUTTIVI D DITTA (ragione sociale) legale rappresentante (me,cogme, titolarità)

Dettagli

CONTRATTO DI PROGRAMMA ENAC-SEA

CONTRATTO DI PROGRAMMA ENAC-SEA CONTRATTO DI PROGRAMMA ENAC-SEA sottoperiodo 2016-2020 PIANO DELLA TUTELA AMBIENTALE Milano, 20 maggio 2015 Sommario Premessa... 3 Note riassuntive dei contenuti che caratterizzano il SGA - Sistema di

Dettagli

Ente Nazionale per l Aviazione Civile. Autorità aeronautica di Regolazione di Sorveglianza e di Controllo per l Aviazione Civile

Ente Nazionale per l Aviazione Civile. Autorità aeronautica di Regolazione di Sorveglianza e di Controllo per l Aviazione Civile Ente Nazionale per l Aviazione Civile Autorità aeronautica di Regolazione di Sorveglianza e di Controllo per l Aviazione Civile La certificazione aeroportuale La certificazione di un aeroporto e quella

Dettagli

DISCIPLINARE TECNICO. Art. 1. PREMESSA. Art. 2. SERVIZIO DI REPERIBILITA. Art. 3. GESTIONE DELLE RICHIESTE DI INTERVENTO

DISCIPLINARE TECNICO. Art. 1. PREMESSA. Art. 2. SERVIZIO DI REPERIBILITA. Art. 3. GESTIONE DELLE RICHIESTE DI INTERVENTO INDICE ART. 1. PREMESSA... 2 ART. 2. SERVIZIO DI REPERIBILITA... 2 ART. 3. GESTIONE DELLE RICHIESTE DI INTERVENTO... 2 ART. 4. PROGRAMMA DI MANUTENZIONE... 2 ART. 5. REGISTRO DEI CONTROLLI PERIODICI...

Dettagli

I PROGETTI METROPOLITANI L AEROPORTO L. Mantecchini CdA SAB. Convegno stato attuazione PTCP Bologna, 15 Maggio 2013

I PROGETTI METROPOLITANI L AEROPORTO L. Mantecchini CdA SAB. Convegno stato attuazione PTCP Bologna, 15 Maggio 2013 I PROGETTI METROPOLITANI L AEROPORTO L. Mantecchini CdA SAB Convegno stato attuazione PTCP Bologna, 15 Maggio 2013 MASTERPLAN AEROPORTUALE ANALISI INIZIALE 1) DEFINIZIONE DI MASTERPLAN 2) STUDIO DEL TRAFFICO

Dettagli

SAFETY & SECURITY. Misure di sicurezza all interno delle aree in gestione alla Società Porto di Livorno 2000 SrL

SAFETY & SECURITY. Misure di sicurezza all interno delle aree in gestione alla Società Porto di Livorno 2000 SrL Terminal Crociere - Piazzale dei Marmi 57123 Livorno (LI) Italia Tel. (+39) 0586 20.29.01 Fax (+39) 0586 89.22.09 info@portolivorno2000.it Misure di sicurezza all interno delle aree in gestione alla Società

Dettagli

Manuale di manutenzione Opere elettromeccaniche

Manuale di manutenzione Opere elettromeccaniche Manuale di manutenzione Opere elettromeccaniche N Opera oggetto di manutenzione Risorse necessarie per l intervento manutentivo Livello minimo delle prestazioni Anomalie riscontrabili personale comune

Dettagli

GALLERIA VIRGOLO. CARATTERISTICHE STRUTTURALI ed IMPIANTISTICHE

GALLERIA VIRGOLO. CARATTERISTICHE STRUTTURALI ed IMPIANTISTICHE GALLERIA VIRGOLO CARATTERISTICHE STRUTTURALI ed IMPIANTISTICHE CARATTERISTICHE STRUTTURALI entrambe le canne sono costituite da un rivestimento in calcestruzzo conformato ad arco circolare con raggio interno

Dettagli

AFFIDAMENTO AEROPORTI DEMANIALI PER L AVIAZIONE GENERALE

AFFIDAMENTO AEROPORTI DEMANIALI PER L AVIAZIONE GENERALE REGOLAMENTO AFFIDAMENTO AEROPORTI DEMANIALI PER L AVIAZIONE GENERALE Affidamento aeroporti demaniali per l aviazione generale Ed. 1 pag. 2 di 15 STATO DI AGGIORNAMENTO Edizione/Emendamento Data Delibera

Dettagli

Aeroporto di Lugo. Modifiche alle regole dell aria

Aeroporto di Lugo. Modifiche alle regole dell aria Aeroporto di Lugo Modifiche alle regole dell aria Documenti fonte REGOLAMENTO DI ESECUZIONE (UE) N. 923/2012 DELLA COMMISSIONE del 26 settembre 2012 + determinazioni ENAC ad esito GDL SERA ENAV-ENAC-AM

Dettagli

PIANO ILLUMINAZIONE CONTENIMENTO INQUINAMENTO LUMINOSO

PIANO ILLUMINAZIONE CONTENIMENTO INQUINAMENTO LUMINOSO INDICE F - LINEE GUIDA MANUTENZIONE IMPIANTI... 2 F.1 - PIANO DI MANUTENZIONE E ATTIVITÀ MANUTENTIVE... 2 F.1.1 - MANUALE D USO E CONDUZIONE... 3 F.1.2 - MANUALE DI MANUTENZIONE... 3 F.1.3 - PROGRAMMA

Dettagli

,1',&( 35,1&,3,,1)250$725, 1.1. OGGETTO...3 1.2. CRITERI DI PROGETTO...3 1.3. PARAMETRI ELETTRICI...3 '(6&5,=,21('(*/,,03,$17,

,1',&( 35,1&,3,,1)250$725, 1.1. OGGETTO...3 1.2. CRITERI DI PROGETTO...3 1.3. PARAMETRI ELETTRICI...3 '(6&5,=,21('(*/,,03,$17, ,1',&( 35,1&,3,,1)250$725, 1.1. OGGETTO...3 1.2. CRITERI DI PROGETTO...3 1.3. PARAMETRI ELETTRICI...3 '(6&5,=,21('(*/,,03,$17, 2.1. ALIMENTAZIONI...4 2.2. IMPIANTO DI ILLUMINAZIONE PIAZZOLA DI ATTERRAGGIO...5

Dettagli

La sicurezza antincendio in ambito aeroportuale: Piazzali ed aree di manovra

La sicurezza antincendio in ambito aeroportuale: Piazzali ed aree di manovra La sicurezza antincendio in ambito aeroportuale: Piazzali ed aree di manovra A cura di P.I. Gianmario Gnecchi Vice-Responsabile Distaccamento Aeroportuale Vigili del Fuoco di Orio al Serio - 1997 - sicurezza

Dettagli

INCONVENIENTE GRAVE a/m Beech 36, marche N767CM

INCONVENIENTE GRAVE a/m Beech 36, marche N767CM INCONVENIENTE GRAVE a/m Beech 36, marche N767CM Tipo dell aeromobile e marche Beech 36 (BE36), marche N767CM. Data e ora 15 giugno 2005, ore 14.45 3. Località dell evento Descrizione dell evento Aeroporto

Dettagli

INDICAZIONI PROGETTUALI INERENTI LE ISTANZE DI AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO DI ACQUE METEORICHE PROVENIENTI DA PUNTI VENDITA E DISTRIBUZIONE CARBURANTI

INDICAZIONI PROGETTUALI INERENTI LE ISTANZE DI AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO DI ACQUE METEORICHE PROVENIENTI DA PUNTI VENDITA E DISTRIBUZIONE CARBURANTI INDICAZIONI PROGETTUALI INERENTI LE ISTANZE DI AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO DI ACQUE METEORICHE PROVENIENTI DA PUNTI VENDITA E DISTRIBUZIONE CARBURANTI Le indicazioni sotto riportate sono da riferirsi a

Dettagli

TECNICO SUPERIORE PER I SISTEMI DI RACCOLTA E SMALTIMENTO DEI RIFIUTI

TECNICO SUPERIORE PER I SISTEMI DI RACCOLTA E SMALTIMENTO DEI RIFIUTI SETTORE AMBIENTE TECNICO SUPERIORE PER I SISTEMI DI RACCOLTA E SMALTIMENTO DEI RIFIUTI STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI TECNICO SUPERIORE PER I SISTEMI DI RACCOLTA E SMALTIMENTO DEI

Dettagli

DIREZIONE DI COMANDO E CONTROLLO (DI.COMA.C)

DIREZIONE DI COMANDO E CONTROLLO (DI.COMA.C) DIREZIONE DI COMANDO E CONTROLLO (DI.COMA.C) Il Capo del Dipartimento della Protezione Civile Commissario delegato per l emergenza sismica nella provincia de L Aquila e in altri comuni della regione Abruzzo

Dettagli

MASTER PLAN 2014-2029 AEROPORTO DI FIRENZE A. VESPUCCI

MASTER PLAN 2014-2029 AEROPORTO DI FIRENZE A. VESPUCCI MASTER PLAN 2014-2029 AEROPORTO DI FIRENZE A. VESPUCCI FIRENZE PALAZZO VECCHIO 6 NOVEMBRE 2014 OBIETTIVI E ASSUNTI DEL NUOVO MASTER PLAN IL NUOVO MASTER PLAN 2014-2029 Il Nuovo Master Plan si pone l obiettivo

Dettagli

CENSIMENTO, MONITORAGGIO E RAPPRESENTAZIONE IN UN GIS 3D DEGLI OSTACOLI ALLA NAVIGAZIONE AEREA

CENSIMENTO, MONITORAGGIO E RAPPRESENTAZIONE IN UN GIS 3D DEGLI OSTACOLI ALLA NAVIGAZIONE AEREA www.gruppo-ib.com www.gisdesign.it CENSIMENTO, MONITORAGGIO E RAPPRESENTAZIONE IN UN GIS 3D DEGLI OSTACOLI ALLA NAVIGAZIONE AEREA La IB e la Gis Design IB da 30 anni è impegnata in progetti di Asset Lifecycle

Dettagli

oggetto: Adeguamenti strutturali e manutentivi relativi all applicazione della normativa di igiene e sicurezza sul lavoro

oggetto: Adeguamenti strutturali e manutentivi relativi all applicazione della normativa di igiene e sicurezza sul lavoro (Carta intestata dell Istituzione Scolastica) Al Provincia/ Comune/ Municipio ) (il destinatario deve essere il soggetto tenuto alla fornitura e manutenzione dell immobile)... data... oggetto: Adeguamenti

Dettagli

Documento di Valutazione dei Rischi Interferenti. ATAF S.p.A.

Documento di Valutazione dei Rischi Interferenti. ATAF S.p.A. Servizio di Prevenzione e Protezione Documento di Valutazione dei Rischi Interferenti in Applicazione a quanto previsto dall Art.28 del D.Lgs. 81/08 tra ATAF S.p.A e Azienda Affidataria per il servizio

Dettagli

Esemplificazione sulle caratteristiche tecniche di un impianto di recupero e trattamento

Esemplificazione sulle caratteristiche tecniche di un impianto di recupero e trattamento Allegato 1 Esemplificazione sulle caratteristiche tecniche di un impianto di recupero e trattamento Si riporta di seguito, in via del tutto esemplificativo, la strutturazione di un impianto di trattamento

Dettagli

INCONVENIENTE GRAVE aeromobile Socata TB 9, marche I-IAEP

INCONVENIENTE GRAVE aeromobile Socata TB 9, marche I-IAEP INCONVENIENTE GRAVE aeromobile Socata TB 9, marche I-IAEP Tipo dell aeromobile e marche Data e ora Località dell evento Descrizione dell evento Esercente dell aeromobile Natura del volo Persone a bordo

Dettagli

Procedura Rifornimento Carburante Aeromobili 26/03/2015

Procedura Rifornimento Carburante Aeromobili 26/03/2015 Pagina 1/13 1. Scopo La presente procedura definisce le modalità da adottare durante le fasi di rifornimento carburante (refuelling / defuelling) con o senza passeggeri a bordo o durante l imbarco o sbarco

Dettagli

BANDO ATTUATIVO REGIONE LOMBARDIA COMUNE DI CARDANO AL CAMPO (VA)

BANDO ATTUATIVO REGIONE LOMBARDIA COMUNE DI CARDANO AL CAMPO (VA) PROGETTO ESECUTIVO BANDO ATTUATIVO REGIONE LOMBARDIA COMUNE DI CARDANO AL CAMPO (VA) PROGETTO ESECUTIVO PER IMMOBILI IN CORSO DI ACQUISIZIONE CON PROCEDURA DI ESPROPRIO ATTUALMENTE CUSTODITI DAL TRIBUNALE

Dettagli

PIANI DI MANUTENZIONE DELLE INFRASTRUTTURE AEROPORTUALI

PIANI DI MANUTENZIONE DELLE INFRASTRUTTURE AEROPORTUALI PIANI DI MANUTENZIONE DELLE INFRASTRUTTURE AEROPORTUALI L Aeroporto di Torino: nel cuore dell Europa L Aeroporto di Torino è situato in un area strategica nell ambito dell Europa Occidentale, nel mezzo

Dettagli

Ente Nazionale per l'aviazione Civile. Regolamento. Operazioni Ogni Tempo nello Spazio Aereo Nazionale

Ente Nazionale per l'aviazione Civile. Regolamento. Operazioni Ogni Tempo nello Spazio Aereo Nazionale Ente Nazionale per l'aviazione Civile Regolamento Operazioni Ogni Tempo nello Spazio Aereo Nazionale Edizione 1-30/06/2003 REGOLAMENTO ENAC Operazioni ogni tempo nello spazio aereo nazionale Art. 1 Definizioni

Dettagli

GLI AEROPORTI parte 1/2 GLI AEROPORTI

GLI AEROPORTI parte 1/2 GLI AEROPORTI corso di Terminali per i Trasporti e la Logistica a.a. 2008-2009 GLI AEROPORTI GLI AEROPORTI parte 1/2 Umberto Crisalli crisalli@ing.uniroma2.it Introduzione L aeroporto costituisce un elemento di fondamentale

Dettagli

Segnaletica di sicurezza negli ambienti di lavoro. D. Lgs. 493/96

Segnaletica di sicurezza negli ambienti di lavoro. D. Lgs. 493/96 Segnaletica di sicurezza negli ambienti di lavoro D. Lgs. 493/96 Segnaletica di sicurezza negli ambienti di lavoro Il D.Lgs. 626/94 stabilisce le misure generali di tutela della salute e della sicurezza

Dettagli

REGOLAMENTO SCAVI SU STRADE COMUNALI

REGOLAMENTO SCAVI SU STRADE COMUNALI Comune di Licata Dipartimento 5 Lavori Pubblici - Servizi Tecnologici ed Operativi e Programmazione OO.PP. Approvato con Delibera del Commissario Straordinario n 3 del 23/02/2010 REGOLAMENTO SCAVI SU STRADE

Dettagli

RELAZIONE TECNICA. Elaborato Tipo / S tipo Sistema / Edificio / Argomento. Deposito D2 e Nuova Cabina Elettrica (NCE) Descrizione opere per bando

RELAZIONE TECNICA. Elaborato Tipo / S tipo Sistema / Edificio / Argomento. Deposito D2 e Nuova Cabina Elettrica (NCE) Descrizione opere per bando RELAZIONE TECNICA Elaborato Tipo / S tipo Sistema / Edificio / Argomento RT RFR Centrale / Impianto Rev. Titolo elaborato Sito di Saluggia (NCE) Descrizione opere per bando Descrizione delle revisioni

Dettagli

ASPETTI INNOVATIVI DI RECENTI INTERVENTI SU INFRASTRUTTURE AEROPORTUALI

ASPETTI INNOVATIVI DI RECENTI INTERVENTI SU INFRASTRUTTURE AEROPORTUALI 7 CONVEGNO ORGANIZZATO DALL OSSERVATORIO SULLE ATTIVITÀ DI MANUTENZIONE DEGLI AEROPORTI ASPETTI INNOVATIVI DI RECENTI INTERVENTI SU INFRASTRUTTURE AEROPORTUALI PROF. ING. MAURIZIO CRISPINO Professore Ordinario

Dettagli

ASPETTI NORMATIVI. Simona Pianese Assistenza Legale Operazioni e Rapporti con gli Enti Pubblici SEA Aeroporti di Milano 1

ASPETTI NORMATIVI. Simona Pianese Assistenza Legale Operazioni e Rapporti con gli Enti Pubblici SEA Aeroporti di Milano 1 ASPETTI NORMATIVI Simona Pianese Assistenza Legale Operazioni e Rapporti con gli Enti Pubblici SEA Aeroporti di Milano 1 Commercial Safety and Security National bodies for Safety, Security and Operations

Dettagli

REGOLAMENTO SCALO AEROPORTO. di Carpi. a cura dell Aeroclub Carpi

REGOLAMENTO SCALO AEROPORTO. di Carpi. a cura dell Aeroclub Carpi REGOLAMENTO DI SCALO AEROPORTO di Carpi a cura dell Aeroclub Carpi Edizione: Revisione: Inizio Validità: 1 0 01-01-2013 Edizione 1 Inizio Validità 01/01/2013 Revisione 0 1 2 INDICE Capitolo 1 PREMESSA

Dettagli

REGOLAMENTO della AVIOSUPERFICIE DI OLIVOLA

REGOLAMENTO della AVIOSUPERFICIE DI OLIVOLA Aviosuperficie OLIVOLA Gestore Anna ACCETTO AERO CLUB BENEVENTO Gen. Nicola COLLARILE REGOLAMENTO della AVIOSUPERFICIE DI OLIVOLA 1 COPIA N. Pubblicazione edita per gli utenti solo in formato digitale

Dettagli

corso di Terminali per i Trasporti e la Logistica parte 1/2 Umberto Crisalli crisalli@ing.uniroma2.it

corso di Terminali per i Trasporti e la Logistica parte 1/2 Umberto Crisalli crisalli@ing.uniroma2.it corso di Terminali per i Trasporti e la Logistica GLI AEROPORTI parte 1/2 Umberto Crisalli crisalli@ing.uniroma2.it Introduzione L aeroporto costituisce un elemento di fondamentale importanza in quanto

Dettagli

Segnalazione Certificata di inizio attività

Segnalazione Certificata di inizio attività 0Spett.le COMUNE DI SAN MARCELLO PISTOIESE Servizi Culturali e Turistici 51028 SAN MARCELLO Pistoiese OGGETTO: SCIA per attività di pubblico spettacolo ed intrattenimento art. 68, 69 e 80 TULPS. Il sottoscritto,

Dettagli

LA SICUREZZA DEL VOLO La Security

LA SICUREZZA DEL VOLO La Security 11 LA SICUREZZA DEL VOLO La Security 91 INTRODUZIONE Il concetto di security era già presente in nuce negli atti della Convenzione di Chicago del 1944 ed è stato successivamente sviluppato dalle convenzioni

Dettagli

LA PISTA. A < 91 B 91 / 120 C 121 / 140 D 141 / 165 E 166 / 210 (un nodo, abbreviato con il termine kt, equivale a 1,852 Km/h).

LA PISTA. A < 91 B 91 / 120 C 121 / 140 D 141 / 165 E 166 / 210 (un nodo, abbreviato con il termine kt, equivale a 1,852 Km/h). LA PISTA Un pilota, nel pianificare il suo volo, deve scegliere un aerodromo di destinazione con caratteristiche fisiche che soddisfino le esigenze del suo aeromobile. E abbastanza facile intuire che un

Dettagli

Ing. Fabio Nicolai Direttore Centrale Attività Aeronautiche. ENAC - Ente Nazionale per l Aviazione Civile

Ing. Fabio Nicolai Direttore Centrale Attività Aeronautiche. ENAC - Ente Nazionale per l Aviazione Civile Ing. Fabio Nicolai Direttore Centrale Attività Aeronautiche ENAC - Ente Nazionale per l Aviazione Civile 1 Incidenti con perdita del velivolo (Jet di costruzione occidentale) per Milione di Tratte Giugno

Dettagli

Prima Sessione Tema: Agenti Fisici

Prima Sessione Tema: Agenti Fisici IL MONITORAGGIO DEL RUMORE DELLE INFRASTRUTTURE AEROPORTUALI Angela Alberici, Italia, ARPA Lombardia, Direttore del Settore Agenti Fisici Maurizio Bassanino, Italia, ARPA Lombardia, Responsabile Rumore

Dettagli

SECURITY & SAFETY NEI TERMINAL PASSEGGERI DEL PORTO DI GENOVA

SECURITY & SAFETY NEI TERMINAL PASSEGGERI DEL PORTO DI GENOVA SECURITY & SAFETY NEI TERMINAL PASSEGGERI DEL PORTO DI GENOVA Le norme ed i comportamenti da seguire nelle aree date in concessione alla società Stazioni Marittime s.p.a. L accesso alle aree date in concessione

Dettagli

PIANO DELL'ILLUMINAZIONE PER IL CONTENIMENTO DELL'INQUINAMENTO LUMINOSO - PICIL G 0109 S2 PIANO DI MANUTENZIONE

PIANO DELL'ILLUMINAZIONE PER IL CONTENIMENTO DELL'INQUINAMENTO LUMINOSO - PICIL G 0109 S2 PIANO DI MANUTENZIONE Futuro sostenibile COMUNE DI VEGGIANO PIANO DELL'ILLUMINAZIONE PER IL CONTENIMENTO DELL'INQUINAMENTO LUMINOSO - PICIL G 0109 S2 Elab. G ETRA S.p.A. Area Ricerca, Innovazione e Sviluppo, Laboratorio, Compliance

Dettagli

CORSO DI TRASPORTI AEREI Prof. Luigi La Franca GESTIONE AEROPORTUALE

CORSO DI TRASPORTI AEREI Prof. Luigi La Franca GESTIONE AEROPORTUALE CORSO DI TRASPORTI AEREI Prof. Luigi La Franca GESTIONE AEROPORTUALE Le infrastrutture degli aeroporti statali italiani destinati al traffico commerciale sono, per la massima parte, di proprietà demaniale

Dettagli

Verifica dei requisiti minimi di sicurezza delle nuove gallerie del Progetto Salerno Porta Ovest Indice

Verifica dei requisiti minimi di sicurezza delle nuove gallerie del Progetto Salerno Porta Ovest Indice Verifica dei requisiti minimi di sicurezza delle nuove gallerie del Progetto Salerno Porta Ovest Indice 1 Introduzione... 2 2 Analisi di sicurezza della Galleria Poseidon Ligea... 4 2.1 Individuazione

Dettagli