Punti inaccessibili e artifici

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Punti inaccessibili e artifici"

Transcript

1 Appunti di Topografia Volume 1 Goso Massimiliano Punti inaccessibili e artifici

2 Punti inaccessibili e Artifici. Revisione 1-06/11/2009 Autore : Massimiliano Goso Copyright (c) 2009 Massimiliano GOSO. Tutti i diritti sono di esclusiva proprietà dell autore. Nomi e marchi citati nel testo sono generalmente depositati o registrati dalle rispettive case produttrici. Revisione 1 Pag. 2

3 Introduzione Spesso durante le operazioni di rilievo ci si trova a dover battere dei punti che di fatto non sono rilevabili. A seconda dei casi avremo: - punti non accessibili: sono quei punti che non possono essere raggiunti per posizionarvi il prisma o l antenna o per effettuarvi delle misure dirette; - punti non visibili: sono quei punti che non sono visibili con lo strumento da una stazione celerimetrica. Spesso il numero di stazioni da aggiungere al rilievo per collegarli può abbassare di molto la precisione del rilievo oltre che essere molto oneroso in termini di tempo. - punti non occupabili: sono quei punti sui quali non c è ricezione del segnale GPS e che pertanto non possono essere rilevati con questa strumentazione. Nel tempo sono stati sviluppati molteplici procedimenti, detti anche artifici, per poter determinare il valore di quelle misure che non è possibile effettuare. Tali procedure hanno avuto un evoluzione costante, correlata allo sviluppo degli strumenti di misura e delle tecniche di elaborazione. Revisione 1 Pag. 3

4 Revisione 1 Pag. 4

5 1. Intersezione corta Con questa procedura si può determinare uno spigolo quando non è occupabile con l'antenna GPS o non è visiile da una stazione.occorre pertanto rilevare due punti vicini allo spigolo e si misurano le distanze tra i p'unti e lo spiolo. Revisione 1 Pag. 5

6 Le coordinate del punto inaccessibile possono essere determinate con il seguente procedimento: Per la compilazione del libretto delle misure si utilizzano direttamente gli elementi misurati in campagna: d1 50 spigolo d2 50spigolo Revisione 1 Pag. 6

7 Per la parte altimetrica è necessario misurare il dislivello tra i punti battuti e lo spigolo. Nel caso in cul le distanze d1 e d2 siamo molto piccole ( fino a i uno o due metr) è possibile che i punti battuti siano alla stessa quota quota del punto da determinare. In questo caso nel libretto delle misure occorre inserire: spigolo dove il valore 1.50 è fttizio. Nel caso in cui tra i punti esista un dislivello è necessario determinarne l'entità. Per fare questo si può effettuare una misura diretta, magari sfruttando elementi presenti sul posto (gradini, cordoli o altro), oppure si può ricorrere a strumenti semplici (paline, rotella, lenza e bolla da carpentiere) La misura del dislivello si può effettuare anche con il disto. Si posiziona il disto sull'asta e si misura la distanza orizzontale tra l'asta e lo spigolo. Per avere la distanza orizzontale si utilizza una bolla da posizionare sul disto oppure si procede per tentativi, misurando più volte la distanza fino a trovare quella più corta, che è per l'appunto quella orizzontale. Revisione 1 Pag. 7

8 Facendo poi ruotare il disto mantenendolo alla stessa altezza sull'asta si và a misurare la distanza sul piede del muro. si misura infine l'altezza da terra del disto. Con il teorema di Pitagora si determina poi la distanza tra il piede del muro ed il piano orizzontale passante per il disto. Nel libretto dele misure si andrà ad inserire una riga di tipo 4 per definire una livellazione da un estremo: hd hp spigolo Revisione 1 Pag. 8

9 2. Punto in linea Con questa metodo è possibile determinare la posizione di un punto non occupabile in GPS e è visibile da una stazione celerimetrica utiliuzzando due punti allineati con quello inaccessibile. Note le coordinate cartesiane dei punti 101 e 102 le coordinate cartesiane del punto inaccessibile si ottengono con il seguente procedimento: Per l inserimento dei dati nel libretto delle misure si utilizzano direttamente gli elementi misurati in campagna: liv 5 1 d1 0 spigolo Revisione 1 Pag. 9

10 Per determinare la quota del punto possono essere utilizzati I metodi descritti per intersezione corta. Revisione 1 Pag. 10

11 3. Punto a Squadro. Questa procedura permette di determinare le coordinate di un punto a squadro rispetto ad un allineamento di cui sono note le coordinate dei punti estremi. Fig. 1 Fig. 2 Noti: d: distanza dal primo estremo dell'allineamento s: squadro rispetto all'allineamento X1,Y1: coordinate del primo estremo dell'allinea mento X2,Y2: coordinate del secondo estremo dell'allineamento Le coordinate del punto P si ottengono con i seguenti passaggi: Revisione 1 Pag. 11

12 q 12 =atn Y 2 Y 1 X 2 X 1 d 2 = d 2 + s 2 a =atn s d X P =X 1 + d 2 cos ( a ) q 12 Y P =Y 1 + d 2 sin( a ) q 12 A seconda dei casi riportati in figura 2 avremo: Punto Distanza Squadro P1 >0 >0 P2 >0 <0 P3 <0 <0 P4 <0 >0 Nel libretto delle misure di Pregeo il rilievo eseguito in questa modalità deve essere inserito con le seguenti righe: nota 5 1 d s nota Revisione 1 Pag. 12

13 4. Punto a squadro zoppo. E un caso particolare del rilievo per allineamenti e squadri in cui l allineamento non è parallelo all oggetto del rilievo. Le cordinate dei punti 1 e 2 possono essere determinate con la seguente proedura: Revisione 1 Pag. 13

14 Attraverso l area S del triangolo si può determi-nare l altezza h rispetto alla base. Le coordinate del punto 3 possono essere determinate con: Le coordinate dei punti 1 e 2 possono essere determinate con: Nella compilazione del libretto delle misure si utilizzerarro le seguenti righe: d h d1 5 2 db b1 Per determinare la quota del punto possono essere utilizzati I metodi descritti per intersezione corta. Revisione 1 Pag. 14

15 5. Doppia Base Con il termine doppia base si intende il procedimento usato per determinare la distanza tra una stazione ed un punto inaccessibile. Tale procedimento si basa sulla doppia applicazione dell'intersezione in avanti. Operazioni di rilievo. Durante il rilievo, oltre alla stazione che deve battere il punto che da ora in poi verrà denominata "Stazione Principale", occorre utilizzare due stazioni aggiuntive dette "Ausiliarie". Dalla stazione principale si deve rilevare angolarmente il punto inaccessibile e si devono battere le stazioni ausiliarie. Dalle stazioni ausiliarie si batte la stazione principale e si rileva angolarmente il punto inaccessibile. P Figura 1 Configurazione. La configurazione della doppia base, ossia la posizione relativa tra le stazioni ed il punto P, influisce direttamente sulla precisione che si ottiene sulla distanza. La configurazione migliore è quella che vede i triangoli S,S1,P ed S,S2,P isosceli e simili tra loro. Per questo motivo le stazioni S1 ed S2 dovrebbero essere posizionate a breve distanza. Revisione 1 Pag. 15 S S1 S2

16 Il Decreto Ministeriale 19 Gennaio 19/88 prevede espressamente due condizioni: - l'angolo in P deve essere compreso tra i 35 ed i 165 gradi centesimali; - le due basi S-S1 ed S-S2 devono avere lunghezza non inferiore ai 2/3 di SP. Sviluppo dei Calcoli. Durante la restituzione, risolvendo con il teorema dei seni i due triangoli che vengono a formarsi unendo S,S1,P e S,S2,P si può determinare due volte la distanza SP. La media dei due valori darà la distanza cercata. Con riferimento alla figura 1 lo sviluppo dei calcoli è il seguente: - si calcolano gli angoli a 1 e a 2 in S: a 1 =q S.S1 a 2 =q S.S2 q S.P q S.P b 1 - si calcola l'angolo in S1: b 1 =q S1.P q S1.S b 2 - si calcola l'angolo in S2: b 2 =q S2.P q S2.S g 1 g 2 - si calcolano gli angoli e in P: g 1 = 200 c a 1 b 1 g 2 = 200 c a 2 b 2 S - S 1 S - S 2 - si calcola la media delle basi e : d SS1 = d' SS1 + 2 d'' SS1 d SS2 = d' SS2 d'' SS2 Revisione 1 Pag

17 - applicando ai due triangoli il teorema dei seni otteniamo: d' sin b 1 = d SS1 sin g 1 d' = d SS1 sin b 1 sin g 1 d'' sin b2 = d SS2 sin g 2 d'' = d SS2 sin b 2 sin g 2 Sd P - il valore della distanza si determina con la media dei valori d' e d": d = d' + d'' 2 Se i valori delle distanze derivate dai due triangoli scartano tra loro in modo rilevante occorre ripetere le osservazioni di campagna. Calcolo della quota del punto inaccessibile. Misurando l'angolo verticale (VA1, VA2, VA3) dalle varie stazioni al punto da determinare sarà possibile calcolarne la quota. Infatti, nota la distanza orizzontale tra la stazione ed il punto avremo: Q P = Q S DI 1 = DO 1 sinva 1 + HS + DI 1 cosva 1 Revisione 1 Pag. 17

18 Revisione 1 Pag. 18

19 6. Asta con due prismi. Spesso capita che un punto non sia visibile da una stazione a causa di un ostacolo, anche di piccole dimensioni. In altri casi può capitare che un punto sia impossibile da battere con una normale asta porta prisma. Tre esempi di queste situazioni sono visualizzati nelle figure sottostanti: a) il punto da determinare è posizionato all'interno di un foro (vista in sezione); b) il punto da determinare è posizionato dietro uno spigolo (vista in pianta); c) il punto da determinare è posizionato al piede di un muro, sotto uno sbalzo (vista in sezione). Revisione 1 Pag. 19

20 In questi casi è possibile utilizzare un'asta a 2 prismi posizionata, con qualsiasi inclinazione, sul punto per determinarne le coordinate. In alternativa è possibile utilizzare una comune asta porta prismi ed effettuare due battute ad altezza diversa. In questo caso è però difficile mantenere l'asta immobile sul punto nel cambio altezza. L'immobilità dell'asta è fondamentale per ottenere un risultato preciso, sia con un'asta a due prismi sia con un'asta tradizionale. Per ottenere la massima precisione occorre che la distanza tra i 2 prismi sia la maggiore possibile e che la distanza del punto dal prisma inferiore sia la minore possibile. In campagna vanno misurati l'angolo orizzontale (HA1), l'angolo verticale (VA1), la distanza inclinata (DI1) e l'altezza prisma (HP1) sul prisma superiore e l'angolo orizzontale (HA2), l'angolo verticale (VA2), la distanza inclinata (DI2) e l'altezza prisma (HP2) sul prisma inferiore. Durante l'elaborazione si pongono le coordinate di stazione (XS, YS e ZS) pari a zero. Si calcolano le coordinate di P1 e P2 con: ( X 1, Y 1, Z 1 ) = PRT ( X S, Y S, Z S, HA 1, VA 1, DI 1 ) ( X 2, Y 2, Z 2 ) = PRT ( X S, Y S, Z S, HA 2, VA 2, DI 1 ) Di seguito si calcolano le coordinate polari di P2 rispetto a P1 con: HA 12,VA 12,DI 12 = AZD3D ( X 1, Y 1, Z 1, X 2, Y 2, Z 2 ) Si aggiunge alla distanza calcolata DI12 l'altezza HP2 e si calcolano le coordinate di P: DI 1P = DI 12 + HP 2 X P,Y P,Z P = P R ( X 1, Y 1, Z 1, HA 12, VA 12, DI P ) Le battute di P dalla stazione sono: Revisione 1 Pag. 20

21 7. Altezza inaccessibile (REM) In alcuni casi ci si può trovare a dover battere dei punti inaccessibili per il prisma. L'esempio classico è rappresentato dai cavi elettrici, ma ci possono essere anche altre applicazioni. La strumentazione senza prisma permette di cavarsela in molte situazioni ma può capitare di dover ricorrere a metodi più complicati. Con questa procedura è possibile calcolare la distanza e l'altezza prisma su di un punto inaccessibile posizionando il prisma sulla sua verticale. In campagna occorre misurare l'angolo orizzontale (HA1), l'angolo verticale (VA1), la distanza inclinata (DI1) e l'altezza prisma (HP1) sul prisma e l'angolo verticale (VA2) sul punto inaccessibile. Revisione 1 Pag. 21

22 Il calcolo prevede i seguenti passaggi: - calcolo della distanza orizzontale sul punto: DO = DI 1 sin VA 1 - calcolo della distanza inclinata sul punto: DI 2 = DO sin VA 2 - calcolo dell'altezza prisma sul punto: HP 2 = HP 1 + DI 2 cos VA 2 DI 1 cos VA 1 Revisione 1 Pag. 22

23 8. Altezza prisma fittizia (Calcolo dell'altezza prisma fittizia al piano di paragone per punti battuti in modalità senza prisma.) Questa procedura permette di calcolare l'altezza prisma di un punto battuto in modalità senza prisma utilizzando una stazione ausiliaria. Per prima cosa occorre battere il punto dalla stazione principale in modalità senza prisma riferito ad un elemento altimetrico facilmente individuabile. La misura deve essere poi ripetibile anche a distanza di tempo. Successivamente si utilizza una stazione ausiliaria nelle vicinanze del punto da determinare, posizionata in modo tale che possa collimare sia il punto a terra sia il punto battuto. Determinata la quota del punto a terra mediante battuta diretta e la quota del punto in alto mediante una battuta senza prisma si ricava l'altezza prisma della battuta principale per differenza di quota. Le formule per il calcolo sono le seguenti: Q 1 = DI 1 cos VA 1 HP 1 Q 2 = DI 2 cos VA 2 HP 2 = QP 2 QP 1 Revisione 1 Pag. 23

24 L'errore che si commette con l'altezza prisma fittizia può essere maggiore di quello commesso con la misura diretta, non tanto per un problema di calcolo ma soprattutto perché maggiore è la distanza spigolo-stazione più è difficile collimare in modo preciso il piano di paragone. Si può aumentare la precisione utilizzando più piani di paragone per mediare poi i risultati. Nel caso in cui non sia possibile determinare la distanza sul punto P2 si può applicare la procedura REM, inserendo però un errore maggiore nel valore dell'altezza cercata. Revisione 1 Pag. 24

25 Revisione 1 Pag. 25

PERCORSO ESTIVO PER STUDENTI CON DEBITO FORMATIVO IN TOPOPGRAFIA

PERCORSO ESTIVO PER STUDENTI CON DEBITO FORMATIVO IN TOPOPGRAFIA I. I. S."MOREA-VIVARELLI" ----- FABRIANO ********************************************************* sez. COSTRUZIONI AMBIENTE TERRITORIO - a.s.2013/2014 corso di TOPOGRAFIA prof. FABIO ANDERLINI nella classe

Dettagli

Geoute. Versione 8.01 Gestione dati da Stazioni Totali PENTAX. GUIDO VERONESI S.r.l.

Geoute. Versione 8.01 Gestione dati da Stazioni Totali PENTAX. GUIDO VERONESI S.r.l. Geoute Versione 8.01 Gestione dati da Stazioni Totali PENTAX GUIDO VERONESI S.r.l. Via Caselle, 46 40068 San Lazzaro di S. (BOLOGNA) +39 (051) 454733-453229 Fax +39 (051) 453181 Web site: www.veronesi.org

Dettagli

Laboratorio di restauro Topografia e rilevamento. Lezione n.6 : Strumenti topografici per la misura di distanze e angoli

Laboratorio di restauro Topografia e rilevamento. Lezione n.6 : Strumenti topografici per la misura di distanze e angoli Laboratorio di restauro Topografia e rilevamento Dott. Andrea Piccin andrea_piccin@regione.lombardia.it Lezione n.6 : Strumenti topografici per la misura di distanze e angoli Breve storia degli strumenti

Dettagli

Geodimeter 400 500 600 Trimble 3600 5600 & Scarico dati con Transfer

Geodimeter 400 500 600 Trimble 3600 5600 & Scarico dati con Transfer www.agea.info www.ageasrl.eu SISTEMI PER LA TOPOGRAFIA info@agea.info ferraro@agea.info Geodimeter 400 500 600 Trimble 3600 5600 & Scarico dati con Transfer Edizione 20/03/2002 Tel. 0823.469333 0823.495055;

Dettagli

Stazione totale. TheoDist FTD 05. Powered by

Stazione totale. TheoDist FTD 05. Powered by Stazione totale TheoDist FTD 05 Powered by geo-fennel TheoDist Il geo-fennel TheoDist costruito in collaborazione con TECNIX è una nuova Stazione Totale da cantiere semplice e facile da usare. Il TheoDist

Dettagli

LEZIONI DI TOPOGRAFIA

LEZIONI DI TOPOGRAFIA Prof. Ing. Paolo Saija LEZIONI DI TOPOGRAFIA (Appunti per l esame di abilitazione alla professione di Geometra) Anno 2006 II a Edizione 1 SOMMARIO LA TOPOGRAFIA Grandezze geometriche e unità di misura

Dettagli

INDICE. Pregeo Rilievo Crea righe 3 2. Pregeo Rilievo Crea righe 4, 5 3. Pregeo Rilievo Crea righe 7 9

INDICE. Pregeo Rilievo Crea righe 3 2. Pregeo Rilievo Crea righe 4, 5 3. Pregeo Rilievo Crea righe 7 9 Prodotto da INDICE Pregeo Rilievo Crea righe 3 2 Pregeo Rilievo Crea righe 4, 5 3 Pregeo Rilievo Crea righe 7 9 Pregeo Rilievo Crea righe 7 vertice/direzione 11 Pregeo Rilievo Crea righe per frazionamento

Dettagli

Il rilievo topografico di dettaglio

Il rilievo topografico di dettaglio Il rilievo topografico di dettaglio Gli strumenti e le operazioni elementari In qualsiasi tipo di rilievo, per prima cosa, si deve procedere ad un accurato sopralluogo e redigere a vista un accurato schizzo

Dettagli

Stazioni Totali serie RTS700

Stazioni Totali serie RTS700 Stazioni Totali serie RTS700 Comunicazione dati tramite porta USB oppure RS232 L ampio doppio display grafico da 3,8 con touch screen ed il CAD grafico ad aggiornamento in tempo reale del lavoro in svolgimento

Dettagli

Disciplina Competenze da recuperare Contenuti di studio. Acquisire una buona conoscenza del sistema grafico in genere;

Disciplina Competenze da recuperare Contenuti di studio. Acquisire una buona conoscenza del sistema grafico in genere; CORSO CAT/Geometra Classe prima Disciplina Competenze da recuperare Contenuti di studio TECNOLOGIA E TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA 1 FONDAMENTI DEL DISEGNO convenzioni ed elementi base del disegno

Dettagli

OROLOGIO SOLARE Una meridiana equatoriale

OROLOGIO SOLARE Una meridiana equatoriale L Osservatorio di Melquiades Presenta OROLOGIO SOLARE Una meridiana equatoriale Il Sole, le ombre e il tempo Domande guida: 1. E possibile l osservazione diretta del Sole? 2. Come è possibile determinare

Dettagli

11 - Rilievo tridimensionale di un edificio con distanziometro senza prisma e restituzione dei prospetti in 2D

11 - Rilievo tridimensionale di un edificio con distanziometro senza prisma e restituzione dei prospetti in 2D 11 - Rilievo tridimensionale di un edificio con distanziometro senza prisma e restituzione dei prospetti in 2D Vediamo in questo capitolo una procedura molto importante di PFCAD CATASTO quale il disegno

Dettagli

Relazione sull attività svolta per il settore di documentazione nell ambito del progetto Is.I.A.O. nel Kurdistan Iracheno Novembre Dicembre 2007.

Relazione sull attività svolta per il settore di documentazione nell ambito del progetto Is.I.A.O. nel Kurdistan Iracheno Novembre Dicembre 2007. Relazione sull attività svolta per il settore di documentazione nell ambito del progetto Is.I.A.O. nel Kurdistan Iracheno Novembre Dicembre 2007. La convenzione stipulata tra la Soprintendenza per i Beni

Dettagli

1 CONFIGURAZIONE SISTEMA GPS Hiper pro... 4 2 REGISTRAZIONE PUNTI...14

1 CONFIGURAZIONE SISTEMA GPS Hiper pro... 4 2 REGISTRAZIONE PUNTI...14 Rev. 1.1 1 CONFIGURAZIONE SISTEMA GPS Hiper pro... 4 1.1 SETTAGGIO RICEVITORI (BASE/ROVER)...4 1.2 VISUALIZZAZIONE STATO DI CARICA RICEVITORE - CONTROLLER...12 1.3 VISUALIZZAZIONE SATELLITI...13 2 REGISTRAZIONE

Dettagli

MATERIA: GENIO RURALE PROGRAMMAZIONE CLASSI TERZE: INDIRIZZO GESTIONE

MATERIA: GENIO RURALE PROGRAMMAZIONE CLASSI TERZE: INDIRIZZO GESTIONE MATERIA: GENIO RURALE PROGRAMMAZIONE CLASSI TERZE: INDIRIZZO GESTIONE 1. OBIETTIVI 1.1 COMPETENZE CHIAVE DI CITTADINANZA: Si tratta di competenze che la reciproca integrazione e interdipendenza fra i saperi

Dettagli

ELEMENTI DI TOPOGRAFIA - ESERCIZI

ELEMENTI DI TOPOGRAFIA - ESERCIZI ELEMENTI I TOPOGRFI ESERIZI 1. ato il quadrilatero, i cui vertici si seguono in senso antiorario, di cui si conoscono le coordinate dei vertici e rispetto a un sistema di assi ortogonali: E = 23,55 m N

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ODINAMENTO 2011. Il candidato risolva uno dei due problemi e 5 dei 10 quesiti scelti nel questionario 1.

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ODINAMENTO 2011. Il candidato risolva uno dei due problemi e 5 dei 10 quesiti scelti nel questionario 1. ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ODINAMENTO 11 Il candidato risolva uno dei due problemi e 5 dei 1 quesiti scelti nel questionario 1. PROBLEMA 1 Si considerino le funzioni f e g definite, per

Dettagli

COMPETENZE DISCIPLINARI DI BASE:

COMPETENZE DISCIPLINARI DI BASE: ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE G. CENA - IVREA SEZIONE TECNICA ANNO SCOLASTICO 2015 2016 PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI TOPOGRAFIA DOCENTE: GARAVANI MARINA CLASSE IV A CAT Il docente di Topografia concorre

Dettagli

S.C.S. - survey CAD system 4 - PARTICELLE

S.C.S. - survey CAD system 4 - PARTICELLE 4 - PARTICELLE Il menu PARTICELLE gestisce la creazione di nuove particelle mediante diversi problemi relativi alla divisione di aree. È possibile impostare l orientamento della dividente, generarla parallela

Dettagli

Corso Integrato di Rilievo e Restauro

Corso Integrato di Rilievo e Restauro Corso Integrato di Rilievo e Restauro Prof. Cardaci Gruppo: A l e s s i o T i ra p e l l e M i r ko M o n d i n i D a n i e l C o l o m b e l l i I r e n e G r e g o r i Programmi Utilizzati MricroSurvey,

Dettagli

Leica TPS800 Series Potente, efficiente, affidabile e intuitivo. PinPoint Technology

Leica TPS800 Series Potente, efficiente, affidabile e intuitivo. PinPoint Technology Leica TPS800 Series Potente, efficiente, affidabile e intuitivo PinPoint Technology potente Leica TPS800 Performance Series... con molte funzionalità in più Tre classi di precisione Le stazioni totali

Dettagli

pfcad CATASTO pfcad Compatibile con PREGEO 10.60 La scheda descrive i principali comandi e funzioni TOPOGRAFICHE

pfcad CATASTO pfcad Compatibile con PREGEO 10.60 La scheda descrive i principali comandi e funzioni TOPOGRAFICHE pfcad CATASTO Il software pfcad CATASTO permette la gestione professionale di Elaborati Grafici per la produzione, l aggiornamento e la presentazione della Cartografia presso le Agenzie del Territorio.

Dettagli

Geometria analitica di base (prima parte)

Geometria analitica di base (prima parte) SAPERE Al termine di questo capitolo, avrai appreso: come fissare un sistema di riferimento cartesiano ortogonale il significato di equazione di una retta il significato di coefficiente angolare di una

Dettagli

ESERCIZI CINEMATICA IN UNA DIMENSIONE

ESERCIZI CINEMATICA IN UNA DIMENSIONE ESERCIZI CINEMATICA IN UNA DIMENSIONE ES. 1 - Due treni partono da due stazioni distanti 20 km dirigendosi uno verso l altro rispettivamente alla velocità costante di v! = 50,00 km/h e v 2 = 100,00 km

Dettagli

- Diritto fisso: 731.86 - fino a n.40 punti battuti per ettaro: 10.98 - da n.40 a n.80 punti battuti per ettaro:

- Diritto fisso:  731.86 - fino a n.40 punti battuti per ettaro:  10.98 - da n.40 a n.80 punti battuti per ettaro: UNIONE REGIONALE DEI COLLEGI DEL PIEMONTE E DELLA VALLE D'AOSTA Integrazione della tariffa professionale per prestazioni topografiche non finalizzate ad atti catastali. Su proposta della Commissione Regionale

Dettagli

I particolari del territorio

I particolari del territorio UNITÀ UNITÀ 4 A1 I particolari del territorio TEORIA 1 Premessa Il rilievo dei particolari topografici Definizioni di 2 angolo Il sopralluogo, e di arcol eidotipo e i registri Misura degli angoli 3 Relazione

Dettagli

GEOMETRIA DELLE MASSE

GEOMETRIA DELLE MASSE 1 DISPENSA N 2 GEOMETRIA DELLE MASSE Si prende in considerazione un sistema piano, ossia giacente nel pian x-y. Un insieme di masse posizionato nel piano X-Y, rappresentato da punti individuati dalle loro

Dettagli

Livellazione Geometrica Strumenti per la misura dei dislivelli

Livellazione Geometrica Strumenti per la misura dei dislivelli Università degli studi di Brescia Facoltà di Ingegneria Corso di Topografia A Nuovo Ordinamento Livellazione Geometrica Strumenti per la misura dei dislivelli Nota bene: Questo documento rappresenta unicamente

Dettagli

SWISS Technology by Leica Geosystems. Leica Disto TM D3 Il multi-funzione per interni

SWISS Technology by Leica Geosystems. Leica Disto TM D3 Il multi-funzione per interni SWISS Technology by Leica Geosystems Leica Disto TM D Il multi-funzione per interni Misurare distanze e inclinazioni In modo semplice, rapido ed affidabile Leica DISTO D si contraddistingue per le numerose

Dettagli

STORICO NOVITA E MODIFICHE MERCURIO 2014

STORICO NOVITA E MODIFICHE MERCURIO 2014 STORICO NOVITA E MODIFICHE MERCURIO 2014 Aggiornamento 03b 12/06/15 Sono state aggiunte le specifiche per le antenne GPS PG-S1+GP e CR-GR. Aggiornamento 03a 04/05/15 E stato aggiunto il supporto ai ricevitori

Dettagli

Compatibilità Bluetooth

Compatibilità Bluetooth 0066/04 Tutorial: misurare la superficie di un tetto Caratteristiche tecniche Leica Disto D80 Portata da 0,05 a 00 metri Precisione ±,0 mm Inclinometro 360 Dimensioni 46 x 6 x 3 mm Tenuta IP54 Memoria

Dettagli

1) IL MOMENTO DI UNA FORZA

1) IL MOMENTO DI UNA FORZA 1) IL MOMENTO DI UNA FORZA Nell ambito dello studio dei sistemi di forze, diamo una definizione di momento: il momento è un ente statico che provoca la rotazione dei corpi. Le forze producono momenti se

Dettagli

SOFTWARE PER CONTROLLER

SOFTWARE PER CONTROLLER MERCURIO SOFTWARE PER CONTROLLER Il software per controller più versatile e professionale Modulo Stazione Totale Modulo Motorizzato Modulo GPS CAD Acquisizione e picchettamento Software per controller

Dettagli

FINALMENTE SUL TREPPIEDE WINDOWS con PREGEO, AutoCAD, PFCAD e tutto quello che serve per la massima autonomia ed efficienza in campagna.

FINALMENTE SUL TREPPIEDE WINDOWS con PREGEO, AutoCAD, PFCAD e tutto quello che serve per la massima autonomia ed efficienza in campagna. Tel. 045 797 1883 337501210 337 486191 - Fax 045 4859389 1 YES, WE CAN! LA TUA STAZIONE TOTALE HA UNA BUONA OTTICA E MECCANICA, MA HAI PROBLEMI A REGISTRARE I DATI? TI PIACEREBBE AVERE IN TEMPO REALE LA

Dettagli

Unità Didattica 3 ESERCITAZIONE IL PLASTICO. Unità Didattica 1 CURVE DI LIVELLO. Unità Didattica 2 PROFILO ALTIMETRICO

Unità Didattica 3 ESERCITAZIONE IL PLASTICO. Unità Didattica 1 CURVE DI LIVELLO. Unità Didattica 2 PROFILO ALTIMETRICO ARGOMENTO INTERDISCIPLINARE: TECNOLOGIA-SCIENZE-GEOGRAFIA Unità Didattica 1 CURVE DI LIVELLO Unità Didattica 2 PROFILO ALTIMETRICO................................. Unità Didattica 3 ESERCITAZIONE IL PLASTICO

Dettagli

Corso di ordinamento Sessione straordinaria - a.s. 2009-2010 ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO SESSIONE STRAORDINARIA

Corso di ordinamento Sessione straordinaria - a.s. 2009-2010 ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO SESSIONE STRAORDINARIA Sessione straordinaria - a.s. 9- ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO SESSIONE STRAORDINARIA Tema di: MATEMATICA a.s. 9- Svolgimento a cura di Nicola De Rosa Il candidato risolva uno

Dettagli

ELETTROMAGNETISMO CARICHE E LEGGE DI COULOMB

ELETTROMAGNETISMO CARICHE E LEGGE DI COULOMB ELETTROMAGNETISMO CARICHE E LEGGE DI COULOMB ESERCIZI SVOLTI DAL PROF. GIANLUIGI TRIVIA 1. La Legge di Coulomb Esercizio 1. Durante la scarica a terra di un fulmine scorre una corrente di.5 10 4 A per

Dettagli

Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti

Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti UNITÀ DI GESTIONE DELLE INFRASTRUTTURE PER LA NAVIGAZIONE ED IL DEMANIO MARITTIMO S.I.D. SISTEMA INFORMATIVO DEMANIO MARITTIMO GUIDA ALLA COMPILAZIONE DEL

Dettagli

ATTIVITA ESTIVA PER ALLUNNI CON GIUDIZIO SOSPESO MATERIA: TOPOGRAFIA E FOTOGRAMMETRIA DOCENTE: Prof. TONIOLO Serena

ATTIVITA ESTIVA PER ALLUNNI CON GIUDIZIO SOSPESO MATERIA: TOPOGRAFIA E FOTOGRAMMETRIA DOCENTE: Prof. TONIOLO Serena NNO SCOLSTICO 2013-2014 CLSSE 4G 4H TTIVIT ESTIV PER LLUNNI CON GIUDIZIO SOSPESO MTERI: TOPOGRFI E FOTOGRMMETRI DOCENTE: Prof. TONIOLO Serena Dopo aver rivisto i contenuti degli argomenti trattati durante

Dettagli

ISTITUTO SUPERIORE D. MILANI MONTICHIARI CORSO DI AUTOCAD 2014/15 DOCENTE :GIOACCHINO IANNELLO

ISTITUTO SUPERIORE D. MILANI MONTICHIARI CORSO DI AUTOCAD 2014/15 DOCENTE :GIOACCHINO IANNELLO ISTITUTO SUPERIORE D. MILANI MONTICHIARI CORSO DI AUTOCAD 2014/15 DOCENTE :GIOACCHINO IANNELLO AutoCAD (prodotto dall'autodesk) è, senza dubbio, il programma più diffuso nel campo del disegno tecnico assistito

Dettagli

Indica il numero delle ore giornaliere nelle quali un punto (o una superficie) è colpito dalla radiazione solare.

Indica il numero delle ore giornaliere nelle quali un punto (o una superficie) è colpito dalla radiazione solare. APPUNTI SUI PERCORSI SOLARI Bibliografia Manuale di architettura bioclimatica - Cristina Benedetti Maggioli Editore SOLEGGIAMENTO. SOLEGGIAMENTO = NUMERO DI ORE Indica il numero delle ore giornaliere nelle

Dettagli

POS 15/18. Guida rapida

POS 15/18. Guida rapida POS 15/18 Guida rapida GUIDA RAPIDA POS15/18 Stazione Totale 1. Primi passi.................................................................. 2 1.1 Tastiera, touchscreen e menu di avvio.............................................

Dettagli

SEGNO DELLA FUNZIONE. Anche in questo caso, per lo studio del segno della funzione, occorre risolvere la disequazione: y > 0 Ne segue:

SEGNO DELLA FUNZIONE. Anche in questo caso, per lo studio del segno della funzione, occorre risolvere la disequazione: y > 0 Ne segue: CAMPO DI ESISTENZA. Poiché la funzione data è una razionale fratta, essa risulta definita su tutto l asse reale tranne che nei punti in cui il denominatore della frazione si annulla, cioè: C.E. { R: 0}

Dettagli

Il rilievo architettonico degli edifici

Il rilievo architettonico degli edifici Il rilievo architettonico degli edifici 1 Premessa Distinguiamo il rilievo planimetrico diretto che viene effettuato, in genere, per punti, con lo scopo di definire la pianta di un edificio, oppure una

Dettagli

Solidi comunque inclinati nello spazio e i sistemi di riferimento ausiliari

Solidi comunque inclinati nello spazio e i sistemi di riferimento ausiliari Solidi comunque inclinati nello spazio e i sistemi di riferimento ausiliari Alla fine del capitolo saremo in grado di: Operare su forme tridimensionali comunque inclinate nello spazio rispetto ai piani

Dettagli

STRUMENTI STORICI PER LA MISURA DI ANGOLI, DISTANZE E DISLIVELLI Ottico-meccanici

STRUMENTI STORICI PER LA MISURA DI ANGOLI, DISTANZE E DISLIVELLI Ottico-meccanici STRUMENTI STORICI PER LA MISURA DI ANGOLI, DISTANZE E DISLIVELLI Ottico-meccanici STRUMENTI MODERNI PER TRACCIARE ALLINEAMENTI E PER LA MISURA DI ANGOLI E DISTANZE Squadri Ottico-meccanici Combinati ottico-elettronici

Dettagli

Leica DISTO D5/D8 Misure a colori e non solo...

Leica DISTO D5/D8 Misure a colori e non solo... Leica DISTO D5/D8 Misure a colori e non solo... Le misure con Leica DISTO semplici, rapide e precise! n Una novità mondiale Il mirino ino digitale con zoom 4x e display a colori da,4 ad alta risoluzione

Dettagli

SOFTWARE TOPOGRAFICO MERIDIANA. Il software topografico da ufficio professionale

SOFTWARE TOPOGRAFICO MERIDIANA. Il software topografico da ufficio professionale MERIDIANA SOFTWARE TOPOGRAFICO Il software topografico da ufficio professionale Catasto Curve di livello Integrazione GPS e Stazione Totale Compensazione rigorosa Progettazione stradale CAD avanzato Post-processing

Dettagli

Guida rapida al rilievo con il GPS

Guida rapida al rilievo con il GPS Guida rapida al rilievo con il GPS Accendere il GPS Zenith, attendere che il LED dei satelliti emetta una sequenza di almeno 5 lampeggi verdi. Sul palmare selezionare Start quindi Programmi. Dall elenco

Dettagli

Rette e piani con le matrici e i determinanti

Rette e piani con le matrici e i determinanti CAPITOLO Rette e piani con le matrici e i determinanti Esercizio.. Stabilire se i punti A(, ), B(, ) e C(, ) sono allineati. Esercizio.. Stabilire se i punti A(,,), B(,,), C(,, ) e D(4,,0) sono complanari.

Dettagli

AutoCAD 3D. Lavorare nello spazio 3D

AutoCAD 3D. Lavorare nello spazio 3D AutoCAD 3D Lavorare nello spazio 3D Differenze tra 2D e 3 D La modalità 3D include una direzione in più: la profondità (oltre l altezza e la larghezza) Diversi modi di osservazione Maggiore concentrazione

Dettagli

Guida alla progettazione con. RITER Informatica GUIDA PRATICA ALLA CREAZIONE, GESTIONE E RAPPRESENTAZIONE DI GRAFICI VETTORIALI

Guida alla progettazione con. RITER Informatica GUIDA PRATICA ALLA CREAZIONE, GESTIONE E RAPPRESENTAZIONE DI GRAFICI VETTORIALI RITER Informatica GUIDA PRATICA ALLA CREAZIONE, GESTIONE E RAPPRESENTAZIONE DI GRAFICI VETTORIALI Guida alla progettazione con AutoCAD Creazione entità Modifica di un disegno Gestione dei blocchi Copie

Dettagli

Semplificare il Rilievo

Semplificare il Rilievo Semplificare il Rilievo Introduzione Cari studenti, insegnanti e tecnici interessati nel rilievo, negli ultimi anni, lo sviluppo di strumenti sempre più moderni e facili da utilizzare ha permesso a sempre

Dettagli

INDICE. Vista Grafica 2. Importazione di un file AutoCAD (.DXF/.DWG) 6. Importazione di un file di coordinate 8

INDICE. Vista Grafica 2. Importazione di un file AutoCAD (.DXF/.DWG) 6. Importazione di un file di coordinate 8 Prodotto da INDICE Vista Grafica 2 Importazione di un file AutoCAD (.DXF/.DWG) 6 Importazione di un file di coordinate 8 Importazione file 3d Office-Linework file (.LN3) e 3d Office-TIN file (.TN3) 9 Trasformazione

Dettagli

Informazioni Tecniche su TachyCAD

Informazioni Tecniche su TachyCAD Informazioni Tecniche su TachyCAD Le seguenti pagine danno una panoramica dettagliata dei possibili utilizzi di TachyCAD. Per ulteriori domande o commenti, contattateci direttamente. Kubit Italia Topotek

Dettagli

Come riportare il disegno del quadrante sulla parete utilizzando il programma Orologi Solari

Come riportare il disegno del quadrante sulla parete utilizzando il programma Orologi Solari Come riportare il disegno del quadrante sulla parete utilizzando il programma Orologi Solari Una volta terminato il progetto del quadrante, occorre riportare il disegno sulla parete. Utilizzando Orologi

Dettagli

ELEMENTI DI GEOMETRIA ANALITICA: LA RETTA.

ELEMENTI DI GEOMETRIA ANALITICA: LA RETTA. ELEMENTI DI GEOMETRIA ANALITICA: LA RETTA. Prerequisiti I radicali Risoluzione di sistemi di equazioni di primo e secondo grado. Classificazione e dominio delle funzioni algebriche Obiettivi minimi Saper

Dettagli

Idrogeologia. Velocità media v (m/s): nel moto permanente è inversamente proporzionale alla superficie della sezione. V = Q [m 3 /s] / A [m 2 ]

Idrogeologia. Velocità media v (m/s): nel moto permanente è inversamente proporzionale alla superficie della sezione. V = Q [m 3 /s] / A [m 2 ] Idrogeologia Oltre alle proprietà indici del terreno che servono a classificarlo e che costituiscono le basi per utilizzare con facilità l esperienza raccolta nei vari problemi geotecnici, è necessario

Dettagli

Leica DISTO D5/D8 Misure a colori e non solo... Analist Group

Leica DISTO D5/D8 Misure a colori e non solo... Analist Group Leica DISTO D5/D8 Misure a colori e non solo... Le misure con Leica DISTO semplici, rapide e precise! n Una novità mondiale Il mirino ino digitale con zoom 4x e display a colori da,4 ad alta risoluzione

Dettagli

PROCEDURA PER IL TRATTAMENTO AUTOMATIZZATO DEGLI AGGIORNAMENTI CARTOGRAFICI PREGEO VERSIONE 7.00

PROCEDURA PER IL TRATTAMENTO AUTOMATIZZATO DEGLI AGGIORNAMENTI CARTOGRAFICI PREGEO VERSIONE 7.00 PROCEDURA PER IL TRATTAMENTO AUTOMATIZZATO DEGLI AGGIORNAMENTI CARTOGRAFICI PREGEO VERSIONE 7.00 Roma, Aprile 1993 PARTICOLARITA' DELLA VERSIONE 7.00 10.1 Evoluzioni e modifiche relative ai dati del libretto

Dettagli

PIANO DI LAVORO ANNUALE Anno Scolastico 2012/13

PIANO DI LAVORO ANNUALE Anno Scolastico 2012/13 Docente I.T.P. Materia Classi AMATA ANTONIO NESCI MATTEO TECNOLOGIE E TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA 1C PIANO DI LAVORO ANNUALE Anno Scolastico 2012/13 Libro di testo: L. Cremona, R. Demaldè, F.

Dettagli

Università degli studi di Messina facoltà di Scienze mm ff nn. Progetto Lauree Scientifiche (FISICA) Prisma ottico

Università degli studi di Messina facoltà di Scienze mm ff nn. Progetto Lauree Scientifiche (FISICA) Prisma ottico Università degli studi di Messina facoltà di Scienze mm ff nn Progetto Lauree Scientifiche (FISICA) Prisma ottico Parte teorica Fenomenologia di base La luce che attraversa una finestra, un foro, una fenditura,

Dettagli

Elementi di Disegno Architettonico e Rappresentazione del Territorio

Elementi di Disegno Architettonico e Rappresentazione del Territorio A.A. 2007-2008 2008 Corsi di Disegno tecnico e Strumenti di analisi Laboratorio di progettazione e Disegno tecnico computerizzato Elementi di Disegno Architettonico e Rappresentazione del Territorio docente

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO SPERIMENTALE P.N.I. 2002 Sessione suppletiva

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO SPERIMENTALE P.N.I. 2002 Sessione suppletiva ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO SPERIMENTALE P.N.I. Sessione suppletiva Il candidato risolva uno dei due problemi e dei quesiti in cui si articola il questionario. PROBLEMA Nel piano riferito

Dettagli

www.diemmestrumenti.it

www.diemmestrumenti.it Via Giovanni XXIII, 4 22063 Cantù (CO) tel. 031.704587 fax. 031.716208 Vers. 8.5 Manuale di istruzioni Strato Driver www.diemmestrumenti.it - PREMESSE : Il programma è gratuito, quindi copiabile e cedibile

Dettagli

C.d.L. "Scienze della Formazione Primaria" Corso Integrato di Geometria e Algebra. Modulo di GEOMETRIA. A. Gimigliano, A.A.

C.d.L. Scienze della Formazione Primaria Corso Integrato di Geometria e Algebra. Modulo di GEOMETRIA. A. Gimigliano, A.A. C.d.L. "Scienze della Formazione Primaria" Corso Integrato di Geometria e Algebra Modulo di GEOMETRIA A. Gimigliano, A.A. 009/10 Note supplementari per il corso INDICE 0. INTRODUZIONE. 1. LA GEOMETRIA

Dettagli

Il GPS nei rilievi Catastali

Il GPS nei rilievi Catastali Il GPS nei rilievi Catastali Il rilievo topografico è, in realtà il primo aspetto dell atto di aggiornamento catastale perché dalle misure assunte sul terreno discende la possibilità di determinare la

Dettagli

Maturità Scientifica PNI, sessione ordinaria 2000-2001

Maturità Scientifica PNI, sessione ordinaria 2000-2001 Matematica per la nuova maturità scientifica A. Bernardo M. Pedone Maturità Scientifica PNI, sessione ordinaria 000-00 Problema Sia AB un segmento di lunghezza a e il suo punto medio. Fissato un conveniente

Dettagli

Esercizi complementari al corso di DISEGNO TECNICO INDUSTRIALE (MECL, AUTL, MATL), a.a. 2005/06.

Esercizi complementari al corso di DISEGNO TECNICO INDUSTRIALE (MECL, AUTL, MATL), a.a. 2005/06. UNIVERSITÀ DI BRESCIA - FACOLTA DI INGEGNERIA DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA MECCANICA Gabriele Baronio, Valerio Villa. Esercizi complementari al corso di (MECL, AUTL, MATL), a.a. 2005/06. La presente raccolta

Dettagli

ICE. Introduzione 2. Importazioni definizioni temi 3. Importa file Shape 4. Gestione tabelle 5. Modifica la struttura di una tabella 7

ICE. Introduzione 2. Importazioni definizioni temi 3. Importa file Shape 4. Gestione tabelle 5. Modifica la struttura di una tabella 7 Prodotto da ICE Introduzione 2 Importazioni definizioni temi 3 Importa file Shape 4 Gestione tabelle 5 Modifica la struttura di una tabella 7 Gestione temi 9 Gestione entità grafiche 12 Crea entità 12

Dettagli

Forze come grandezze vettoriali

Forze come grandezze vettoriali Forze come grandezze vettoriali L. Paolucci 23 novembre 2010 Sommario Esercizi e problemi risolti. Per la classe prima. Anno Scolastico 2010/11 Parte 1 / versione 2 Si ricordi che la risultante di due

Dettagli

Il monitoraggio geodetico di una frana è un controllo nel tempo di tipo geometrico sulle variazioni della forma della superficie del corpo di frana.

Il monitoraggio geodetico di una frana è un controllo nel tempo di tipo geometrico sulle variazioni della forma della superficie del corpo di frana. Il monitoraggio geodetico di una frana Il monitoraggio geodetico di una frana è un controllo nel tempo di tipo geometrico sulle variazioni della forma della superficie del corpo di frana. Per determinare

Dettagli

Leica TPS400 Series Facile da usare, rapido, resistente e robusto. PinPoint Technology

Leica TPS400 Series Facile da usare, rapido, resistente e robusto. PinPoint Technology Leica TPS400 Series Facile da usare, rapido, resistente e robusto PinPoint Technology Leica TPS400 Series La soluzione ideale per ogni cantiere Misurare con le nuove Stazioni Totali della serie TPS400

Dettagli

Dalle tecniche di misurazione di Delambre e Méchain alla attuale definizione di metro

Dalle tecniche di misurazione di Delambre e Méchain alla attuale definizione di metro Dalle tecniche di misurazione di Delambre e Méchain alla attuale definizione di metro INDICE Dalle tecniche di misurazione di Delambre e Méchain alla attuale definizione di metro...1 LA TRIANGOLAZIONE...1

Dettagli

STAZIONE TOTALE LASER

STAZIONE TOTALE LASER Serie GPT-3000 STAZIONE TOTALE LASER Stazione Totale affidabile e performante Fino a 1.200 metri senza prisma Scocca resistente ed impermeabile Tastiera alfanumerica Laser classe 1 Memoria dati interna

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 2004

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 2004 ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 004 Il candidato risolva uno dei due problemi e 5 dei 10 quesiti in cui si articola il questionario. PROBLEMA 1 Sia f la funzione definita da: f

Dettagli

GIUSEPPE PERRUCCI VINCENZO MARTIMUCCI 1. Grotta di Lamalunga: rilievo topografico e restituzione tridimensionale 2

GIUSEPPE PERRUCCI VINCENZO MARTIMUCCI 1. Grotta di Lamalunga: rilievo topografico e restituzione tridimensionale 2 GIUSEPPE PERRUCCI VINCENZO MARTIMUCCI 1 Grotta di Lamalunga: rilievo topografico e restituzione tridimensionale 2 Premessa Nell ambito della realizzazione del progetto SARASTRO (Sistema teleoperato integrato

Dettagli

ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE Michele BUNIVA

ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE Michele BUNIVA DIPARTIMENTO DI DISCIPLINE TECNICHE AREA CAT Programma di TOPOGRAFIA E FOTOGRAMMETRIA Classe 3 C.A.T. COSTRUZIONI AMBIENTE E TERRITORIO Anno scolastico 0 / 03 Docente TINELLI PASQUALE VENTURA ANGELO CRISAFI

Dettagli

LA GEOMETRIA NELLE PIASTRELLE

LA GEOMETRIA NELLE PIASTRELLE LA GEOMETRIA NELLE PIASTRELLE Supponiamo di dover pavimentare delle superfici molto estese e vogliamo evitare le classiche composizioni quadrate, rettangolari o a spina di pesce, per rendere meno banale

Dettagli

FEDERAZIONE SPELEOLOGICA TOSCANA Commissione Catasto

FEDERAZIONE SPELEOLOGICA TOSCANA Commissione Catasto FEDERAZIONE SPELEOLOGICA TOSCANA Commissione Catasto CORSO DI CARTOGRAFIA E POSIZIONAMENTO GROTTE 29 30 maggio 2010 IL DISEGNO DELLE GROTTE PREMESSA Il rilievo di una grotta è destinato ad essere utilizzato

Dettagli

AGRIMENSURA E RAPPRESENTAZIONE GRAFICA

AGRIMENSURA E RAPPRESENTAZIONE GRAFICA GIOVANNI NALIN Socio AIAPP n 467 AGRIMENSURA E RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Premessa: Nella progettazione, ma anche nella gestione del "verde", sia esso pubblico o privato, riveste fondamentale importanza

Dettagli

VADEMECUM DELLA PALLAVOLO

VADEMECUM DELLA PALLAVOLO VADEMECUM DELLA PALLAVOLO A. Il campo Il campo della pallavolo misura 18x9 metri ed é diviso in due metá uguali dalla linea di metá campo sopra la quale corre le rete. La linea di metá campo appartiene

Dettagli

E l e t t r o m a g n e t i s m o. Saggio Finale

E l e t t r o m a g n e t i s m o. Saggio Finale Corso abilitante IX ciclo Classe di concorso A038 ( Fisica ) Anno Accademico 2007 / 2008 (1 anno ) Specializzando: ( matr. 3801/SS ) E l e t t r o m a g n e t i s m o prof. Saggio Finale 1. Presentazione

Dettagli

RETTE, PIANI, SFERE, CIRCONFERENZE

RETTE, PIANI, SFERE, CIRCONFERENZE RETTE, PIANI, SFERE, CIRCONFERENZE 1. Esercizi Esercizio 1. Dati i punti A(1, 0, 1) e B(, 1, 1) trovare (1) la loro distanza; () il punto medio del segmento AB; (3) la retta AB sia in forma parametrica,

Dettagli

TECNICA E TATTICA VOLLEY

TECNICA E TATTICA VOLLEY TECNICA E TATTICA VOLLEY Dalla posizione di attesa, e a seconda del tipo di attacco avversario, il muro e la difesa optano per dei cambiamenti di posizione, al fine di rendere più facile la ricostruzione.

Dettagli

Serie GPT-3000. 1200m senza prisma STAZIONE TOTALE LASER

Serie GPT-3000. 1200m senza prisma STAZIONE TOTALE LASER Serie GPT-3000 1200m senza prisma STAZIONE TOTALE LASER GPT-3000 Nel nuovo millennio, per emergere, sono sempre più richieste maggiore professionalità, estrema competitività e alta redditività. Per raggiungere

Dettagli

Stampa su moduli prestampati utilizzando Reflection for IBM 2011 o 2008

Stampa su moduli prestampati utilizzando Reflection for IBM 2011 o 2008 Stampa su moduli prestampati utilizzando Reflection for IBM 2011 o 2008 Ultima revisione 13 novembre 2008 Nota: Le informazioni più aggiornate vengono prima pubblicate in inglese nella nota tecnica: 2179.html.

Dettagli

CAPITOLO VII. Cenni elementari di Topografia

CAPITOLO VII. Cenni elementari di Topografia Dispense di Fotogrammetria per il Corso di Laurea in Ingegneria dile-rchitettura CPITOLO VII Cenni elementari di Topografia Premessa. Quanto esposto in questo Capitolo ha lo scopo di dare, in un ristrettissimo

Dettagli

Materia: Tecnologie e Tecniche di Rappresentazione Grafica Classi PRIME Insegnanti: G. Lombardi, L. Nieri

Materia: Tecnologie e Tecniche di Rappresentazione Grafica Classi PRIME Insegnanti: G. Lombardi, L. Nieri PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE A. S. 2014/2015 Materia: Tecnologie e Tecniche di Rappresentazione Grafica Classi PRIME Insegnanti: G. Lombardi, L. Nieri Nuclei fondamentali di LE BASI DELLA RAPPRESENTAZIONE

Dettagli

Prima di ogni impiego è necessario accertare lo stato di conservazione della scala, in particolare:

Prima di ogni impiego è necessario accertare lo stato di conservazione della scala, in particolare: Le scale Opuscolo in materia di Salute e Sicurezza L'impiego di scale portatili, di diverso forma o tipologia, è consuetudine in ogni luogo di lavoro. L'accesso ai ripiani superiori di una scaffalatura,

Dettagli

L ERA DELLA CONDIVISIONE TOTALE

L ERA DELLA CONDIVISIONE TOTALE S O F T W A R E P E R C O N T R O L L E R L ERA DELLA CONDIVISIONE TOTALE S O F T W A R E P E R C O N T R O L L E R Piattaforma Android Comandi multi-touch Processore Dual Core 1GHz Fotocamera 5MP Dettatura

Dettagli

LEZIONE DI TOPOGRAFIA E RILIEVO

LEZIONE DI TOPOGRAFIA E RILIEVO LEZIONE DI TOPOGRAFIA E RILIEVO IS Antonio Cortigiani TOPOGRAFIA E RILIEVO Di Antonio Cortigiani La Topografia e la Cartografia La Topografia è quella disciplina che ha come scopo quello di fornire una

Dettagli

AUTOLIVELLI (orizzontalità ottenuta in maniera automatica); LIVELLI DIGITALI (orizzontalità e lettura alla stadia ottenute in maniera automatica).

AUTOLIVELLI (orizzontalità ottenuta in maniera automatica); LIVELLI DIGITALI (orizzontalità e lettura alla stadia ottenute in maniera automatica). 3.4. I LIVELLI I livelli sono strumenti a cannocchiale orizzontale, con i quali si realizza una linea di mira orizzontale. Vengono utilizzati per misurare dislivelli con la tecnica di livellazione geometrica

Dettagli

4. Proiezioni del piano e dello spazio

4. Proiezioni del piano e dello spazio 4. Proiezioni del piano e dello spazio La visualizzazione di oggetti tridimensionali richiede di ottenere una vista piana dell'oggetto. Questo avviene mediante una sequenza di operazioni. Innanzitutto,

Dettagli

r x P fig.1 coordinate cartesiane e polari nel piano

r x P fig.1 coordinate cartesiane e polari nel piano Posizione di un punto su un piano Come è noto, per definire la posizione di un punto su un piano, si usa introdurre una coppia di assi cartesiani ortogonali. Ognuno dei assi è messo in corrispondenza biunivoca

Dettagli

Costruzione di un immagine prospettica dalle proiezioni ortogonali.

Costruzione di un immagine prospettica dalle proiezioni ortogonali. Costruzione di un immagine prospettica dalle proiezioni ortogonali. Nei capitoli precedenti abbiamo visto come realizzare dei modelli grafici costruendo le viste direttamente sui piani di proiezione ortogonali

Dettagli

LA RETTA. Retta per l'origine, rette orizzontali e verticali

LA RETTA. Retta per l'origine, rette orizzontali e verticali Retta per l'origine, rette orizzontali e verticali LA RETTA Abbiamo visto che l'equazione generica di una retta è del tipo Y = mx + q, dove m ne rappresenta la pendenza e q il punto in cui la retta incrocia

Dettagli

ESERCIZI DI TOPOGRAFIA per gli Allievi Istituto per Geometri. rel. 0.1. Esercizi di Topografia distribuzione gratuita 1/6

ESERCIZI DI TOPOGRAFIA per gli Allievi Istituto per Geometri. rel. 0.1. Esercizi di Topografia distribuzione gratuita 1/6 ESERCIZI DI TOPOGRAFIA per gli Allievi Istituto per Geometri rel. 0.1 Esercizi di Topografia distribuzione gratuita 1/6 Indice generale ANNO 3...3 1.1 - Esercizi pratica calcolatrice...3 1.2 - Esercizi

Dettagli

MANUALE PRATICO per la CALIBRAZIONE SITO

MANUALE PRATICO per la CALIBRAZIONE SITO www.agea.info www.ageasrl.eu SISTEMI PER LA TOPOGRAFIA info@agea.info ferraro@agea.info MANUALE PRATICO per la CALIBRAZIONE SITO Trimble Access Vers. 2012.20 Versione TA 2012.20 Revisione A Gennaio 2013

Dettagli