Per i progetti ammessi all intervento, i relativi costi decorrono dal novantesimo giorno successivo alla data di presentazione della relativa domanda

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Per i progetti ammessi all intervento, i relativi costi decorrono dal novantesimo giorno successivo alla data di presentazione della relativa domanda"

Transcript

1 FIRB Fondo per gli Investimenti della Ricerca di Base 35(0(66$ Il FIRB (Fondo per gli Investimenti della Ricerca di Base) istituito con la Legge 388/00 (Finanziaria 2001) rappresenta uno strumento d intervento a disposizione del MIUR, affiancandosi al FISR (Fondo Integrativo Speciale per la Ricerca) ed al FAR (Fondo Agevolazioni per la Ricerca) da utilizzare per il raggiungimento degli obiettivi individuati nel PNR (Programma Nazionale Ricerca). Malgrado il FI RB sia prevalentemente destinato alle Università ed agli Enti pubblici di Ricerca, va evidenziato che rappresenta una opportunità anche per il settore produttivo nell ambito della strategia di stretta collaborazione tra soggetti pubblici e privati che il PNR pone tra gli obiettivi principali per dare maggiore impulso al sistema ricerca Paese. 2**(772 Il FIRB interviene a sostegno di attività di Ricerca di Base definite come attività volte all ampliamento delle conoscenze scientifiche e tecniche non connesse a specifici ed immediati obiettivi industriali o commerciali. $=,21,LQL]LDWLYHDPPLVVLELOLHPRGDOLWjSURFHGXUDOL Gli specifici interventi di sostegno alle attività sono realizzati secondo modalità procedurali di carattere valutativo e negoziale: Secondo modalità procedurali di carattere YDOXWDWLYR sono realizzati interventi di sostegno a favore di: D Progetti autonomamente presentati per lo svolgimento di attività di ricerca di base di alto contenuto scientifico e tecnologico anche a valenza internazionale Secondo modalità procedurali di carattere QHJR]LDOH sono realizzati interventi di sostegno a favore di: E Progetti di potenziamento delle grandi infrastrutture di ricerca pubbliche o pubbliche/ private F Progetti strategici per lo sviluppo di tecnologie pervasive e multisettoriali G Progetti per la costituzione, il potenziamento e la messa in rete di centri di alta qualificazione scientifica, pubblici/ privati anche su scala internazionale %(1(),&,$5, I soggetti eleggibili sono distinti in relazione alla tipologia dei progetti: * per i Progetti autonomamente presentati per lo svolgimento di attività di ricerca di base di alto contenuto scientifico e tecnologico anche a valenza internazionale, (sub punto a),

2 possono accedere: 8QLYHUVLWj, statali e non statali, legalmente riconosciute ed istituite nel territorio dello Stato; (QWL GL 5LFHUFD, di cui all art.8 del DPCM 30 dicembre 1993, n.593, e successive modifiche ed integrazioni, Enea ed ASI; 5LFHUFDWRUL XQLYHUVLWDUL, purché i relativi regolamenti universitari ne abbiano disciplinato la procedura autorizzativa e abbiano definito la disciplina per i diritti di proprietà intellettuale; 5LFHUFDWRUL H WHFQRORJL GLSHQGHQWL GDJOL HQWL GL ULFHUFD di cui al precedente punto 2: per tali soggetti si osservano i principi dettati dall art.13 del dlg 381/ 99; $OWULVRJJHWWL con personalità giuridica, pubblici o privati, che, per prioritarie finalità statutarie, siano impegnati nello svolgimento, senza fini di lucro, di attività di ricerca. * per i Progetti di potenziamento delle grandi infrastrutture di ricerca pubbliche o pubbliche/private, (sub punto b), possono accedere: e dei ricercatori e tecnologi degli enti di ricerca (punto 4) * per i Progetti strategici per lo sviluppo di tecnologie pervasive e multisettoriali, (sub punto c), possono accedere: e dei ricercatori e tecnologi degli enti di ricerca (punto 4); nella selezione degli stessi verrà tenuta in particolare considerazione l aspetto del partenariato pubblico privato realizzato anche attraverso la partecipazione di Associazioni di categoria * per i Progetti per la costituzione, il potenziamento e la messa in rete di centri di alta qualificazione scientifica, pubblici/privati anche su scala internazionale, (sub punto d), possono accedere: e dei ricercatori e tecnologi degli enti di ricerca (punto 4); sono inoltre ammissibili le Fondazioni di diritto privato che, per prioritarie finalità statutarie, siano impegnate nella promozione di attività di ricerca, o costituite nel rispetto dei principi di cui all'art. 59 della L. 388/ 00 (Fondazioni costituite fra una o più Università, con la partecipazione di enti ed amministrazioni pubbliche, nonchè di soggetti privati). Nei casi in cui, nella realizzazione dei progetti, sia SUHYLVWD OD SDUWHFLSD]LRQH GL LPSUHVH LQGXVWULDOL SURGXWWULFL GL EHQL H VHUYL]L, il contributo sopra citato viene concesso alle seguenti condizioni alternative: a) che sia prevista larga diffusione dei risultati della ricerca, che non possono essere oggetto di diritti di proprietà intellettuale; b) che gli eventuali diritti di proprietà intellettuale sui risultati siano integralmente versati ai soggetti sopra indicati; oppure: c) che i soggetti elegibili, coinvolti nel progetto, ricevano dalle imprese industriali un compenso equivalente al prezzo di mercato per i diritti di proprietà intellettuale derivanti dal progetto e per la parte di cui siano detentori tali imprese; d) che sia prevista larga diffusione dei risultati della ricerca, che non possono essere oggetto di diritti di proprietà intellettuale.

3 63(6($00,66,%,/, Le spese ammissibili risultano essere: spese di personale (ricercatori, tecnici, ed altro personale ausiliario adibito all attività di ricerca, dipendente dal soggetto proponente e/ o in rapporto di lavoro subordinato a termine e/ o di collaborazione coordinata e continuativa, ivi inclusi dottorati, assegni di ricerca, e le borse di studio che prevedano attività di formazione attraverso la partecipazione al progetto); spese generali direttamente imputabili all attività di ricerca nella misura forfetizzata del 60% del costo del personale; spese per l acquisizione di strumentazioni, attrezzature e prodotti software limitatamente alle quote impiegate per lo svolgimento dell attività oggetto del progetto; spese per stages e missioni all estero di ricercatori coinvolti nel progetto; costo dei servizi di consulenza e simili utilizzati per l attività di ricerca; altri costi di esercizio (ad es. costo dei materiali, delle forniture e di prodotti analoghi) direttamente imputabili all attività di ricerca Per i progetti ammessi all intervento, i relativi costi decorrono dal novantesimo giorno successivo alla data di presentazione della relativa domanda 7(55,725,2',$33/,&$=,21( Territorio nazionale 7,32/2*,(H0,685$GHOO $*(92/$=,21( Ai progetti viene assicurato un contributo nella spesa, in misura pari al 70% dei costi riconosciuti ammissibili, tra cui rientrano anche gli stipendi del personale strutturato impegnato nel progetto di ricerca (L'importo massimo rendicontabile mese/ uomo per il personale dipendente dell'istituzione sede dell'unità di Ricerca è pari a: costo annuale del personale/ 1512* 70), salvo che per i "progetti negoziali ed a bando", i cui costi sono generalmente a totale carico del MIUR. Si può prevedere la concessione di un anticipazione, fino ad un massimo del 30% del contributo, subordinata alla presentazione di idonea garanzia ove tra i beneficiari vi siano soggetti privati limitatamente alle quote di relativa competenza. 67$1=,$0(172 Le legge 388/ 00 (Finanziaria 2001) ha assegnato (in lire): 0OG per l annualità OG per l annualità OG per l annualità 2003 al FIRB sono stati assegnati, inoltre, 729 Mld (circa 377 milioni di Euro), a titolo di una tantum, in sede di ripartizione delle risorse provenienti dalle entrate della gara per le licenze UMTS come previsto dall art.103 L.388/ &('85(

4 $FKLSUHVHQWDUHODGRPDQGDGLILQDQ]LDPHQWR La domanda di finanziamento andrà presentata nel rispetto delle modalità di seguito indicate al Miur Ministero Istruzione Università e Ricerca 0RGDOLWjFRPSLOD]LRQHGHOODGRPDQGD Per compilazione della domanda di finanziamento si rimanda alla modalità online definita dal MIUR all indirizzo : firb.miur.it/ accesso.html 9DOXWD]LRQHGHOODGRPDQGD Il MIUR cura l istruttoria dei progetti avvalendosi di una specifica Commissione nominata dal Ministro. La Commissione per la valutazione degli aspetti di natura tecnico-scientifica delle iniziative, acquisisce il parere, con onere a carico del FIRB, di esperti, anche internazionali, all uopo nominati dal MIUR. La Commissione, per gli adempimenti di propria competenza, si riunisce con cadenza almeno mensile ed è composta da: un componente designato dal MIUR, con funzioni di Presidente; un componente designato dal CUN unitamente al relativo supplente; un componente designato dalla CRUI unitamente al relativo supplente; un componente designato dal Comitato di Esperti per la Politica della Ricerca (CEPR), unitamente al relativo supplente; un componente designato dal Comitato di Indirizzo per la Valutazione della Ricerca (CIVR) unitamente al relativo supplente; un componente designato dall Assemblea della Scienza e della Tecnologia (AST) unitamente al relativo supplente; due componenti designati dal Comitato Nazionale per l Economia e il Lavoro (CNEL) unitamente ai relativi supplenti, in rappresentanza, rispettivamente, del mondo imprenditoriale e delle forze sociali; un componente designato dalla IV Commissione del Comitato Interministeriale per la Programmazione Economica (CIPE) unitamente al relativo supplente; il Presidente del Comitato di cui all articolo 7, comma 2, del decreto legislativo 27 luglio 1999, n. 297, e relativo supplente.,whughoodgrpdqgd Relativamente ad attività finanziabili con procedimento valutativo: Le domande verranno valutate da uno o più esperti cui le domande devono essere trasmesse dal Miur entro 15 giorni dal ricevimento. L'esperto deve effettuare l'istruttoria entro 45 giorni dalla data di trasmissione del progetto sulla base dei seguenti criteri: rilevanza scientifica, individuale e/ o collettiva, dei proponenti e dei partecipanti; collegamento delle strutture coinvolte con reti di ricerca nazionale ed internazionale, nonché con studiosi di chiara fama internazionale; risultati attesi e al relativo impatto sul contesto scientifico nazionale e internazionale; coerenza con gli indirizzi del Programma Nazionale della Ricerca; eventuale previsione di inserimento di giovani competenze all interno dei progetti con meccanismi contrattuali flessibili ed economicamente competitivi. Il Miur, acquisito il parere della Commissione, espresso sulla base della valutazione dell esperto adotta, con proprio decreto, la relativa determinazione. I progetti sono ammessi al finanziamento nel rispetto dell ordine cronologico di presentazione al MIUR che, in caso di esaurimento delle risorse disponibili, ne da

5 tempestiva comunicazione in Gazzetta Ufficiale. Relativamente ad attività finanziabili con procedimento negoziale: Fatto salvo quanto disposto nell accordo, tra Miur ed il soggetto ammissibile, per la realizzazione di specifiche attività si applicano generalmente le disposizione di cui sopra. 0RGXOLVWLFD Scaricabile dal sito dedicato firb.miur.it/ bandi_firb.html (17((52*$725( MIUR Ministero Istruzione Università e Ricerca 5()(5(17( MINISTERO ISTRUZIONE, UNIVERSITA E RICERCA DIP. per la Programmazione il Coordinamento e gli Affari Economici Servizio per lo Sviluppo e il Potenziamento delle Attività di Ricerca (SSPAR) Per informazioni di RUGLQHDPPLQLVWUDWLYR: tel Per informazioni di FDUDWWHUHWHFQLFR: tel ,)(5,0(17,1250$7,9, Legge finanziaria 2001 ( L. 388/00) - art Fondo per gli investimenti della ricerca di base e norme sul programma Antartide D.M. 30 gennaio " Criteri e modalità procedurali per l assegnazione delle risorse finanziarie del Fondo per gli Investimenti della Ricerca di Base" ASTER non assume alcuna responsabilità per quanto riguarda il contenuto della scheda e ricorda che fanno fede unicamente i testi della legislazione ufficiale pubblicati nelle edizioni cartacee della Gazzetta Ufficiale e/o Bollettino Ufficiale Regionale

Dr.ssa Anna Maria Scuderi

Dr.ssa Anna Maria Scuderi D.M. MAP 593/2000 E SS.MM.II.: MODALITÀ PROCEDURALI PER LA CONCESSIONE DELLE AGEVOLAZIONI PREVISTE DAL DECRETO LEGISLATIVO DEL 27 LUGLIO 1999, N. 297 (ARTT. DA 5 A 16) Tale decreto riunisce in un unico

Dettagli

Bando INVITO A PRESENTARE PROPOSTE PER PROGETTI DI RICERCA FONDAMENTALE O DI BASE ORIENTATA A SETTORI PRIORITARI

Bando INVITO A PRESENTARE PROPOSTE PER PROGETTI DI RICERCA FONDAMENTALE O DI BASE ORIENTATA A SETTORI PRIORITARI UNIONE EUROPEA REPUBBLICA ITALIANA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE AUTONOMA DELLA LA SARDEGNA LEGGE REGIONALE 7 AGOSTO 2007, N. 7 PROMOZIONE DELLA RICERCA SCIENTIFICA E DELL INNOVAZIONE TECNOLOGICA IN SARDEGNA

Dettagli

8 2000 593/2000 MODALITA PROCEDURALI PER LA CONCESSIONE DELLE AGEVOLAZIONI PREVISTE DAL DECRETO LEGISLATIVO 27 LUGLIO 1999, N.

8 2000 593/2000 MODALITA PROCEDURALI PER LA CONCESSIONE DELLE AGEVOLAZIONI PREVISTE DAL DECRETO LEGISLATIVO 27 LUGLIO 1999, N. Decreto Ministeriale 8 agosto 2000 prot. n. 593/2000 MODALITA PROCEDURALI PER LA CONCESSIONE DELLE AGEVOLAZIONI PREVISTE DAL DECRETO LEGISLATIVO 27 LUGLIO 1999, N. 297 VISTA la legge 9 maggio 1989, n.

Dettagli

Regione Veneto Agevolazioni per la Ricerca Industriale e lo Sviluppo Sperimentale

Regione Veneto Agevolazioni per la Ricerca Industriale e lo Sviluppo Sperimentale Regione Veneto Agevolazioni per la Ricerca Industriale e lo Sviluppo Sperimentale Fondo di Rotazione ex LR 5/2001 (Sezione C) Contributi ex LR 9/2007!1 RIEPILOGO NORMATIVA Requisiti soggetto proponente

Dettagli

Il FAR - Fondo per le Agevolazioni alla Ricerca

Il FAR - Fondo per le Agevolazioni alla Ricerca Il FAR - Fondo per le Agevolazioni alla Ricerca Pisa, 8 febbraio 08 Aula Magna Polo didattico Carmignani, Il nuovo sistema di sostegno alla ricerca industriale dal 2001 è operativo il Decreto Ministeriale

Dettagli

Gli incentivi nazionali alla Ricerca. Unit Coordinamento Operativo e Sviluppo Strategico Department Finanza per lo Sviluppo

Gli incentivi nazionali alla Ricerca. Unit Coordinamento Operativo e Sviluppo Strategico Department Finanza per lo Sviluppo Gli incentivi nazionali alla Ricerca Unit Coordinamento Operativo e Sviluppo Strategico Department Finanza per lo Sviluppo Fondo per le Agevolazioni alla Ricerca (FAR) - MIUR Caratteristiche generali (1)

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca QUADRO NORMATIVO (Allegato A) IL DECRETO LEGISLATIVO N. 297/99 E LE DISPOSIZIONI DEL DECRETO MINISTERIALE N. 593 DELL 8 AGOSTO 2000 E SS.MM.II. PREMESSA Gli interventi a sostegno delle attività di ricerca

Dettagli

Produzione di beni e servizi.

Produzione di beni e servizi. Produzione di beni e servizi. Dalla tua idea alla tua impresa. Guida alle agevolazioni per le Imprese Giovani Decreto Legislativo 185/2000 Titolo I Capo I e Capo II Le norme nazionali e comunitarie hanno

Dettagli

MINISTERO DELL'ISTRUZIONE, DELL'UNIVERSITA' E DELLA RICERCA

MINISTERO DELL'ISTRUZIONE, DELL'UNIVERSITA' E DELLA RICERCA MINISTERO DELL'ISTRUZIONE DELL'UNIVERSITA' E DELLA RICERCA DECRETO maggio 01 Ammissione alle agevolazioni del progetto DM 78 presentato ai sensi dell'art. 10 del D.M. 59/000. (Decreto n. 5/Ric.). (1A0896)

Dettagli

IN ATTESA DI REGISTRAZIONE DELLA CORTE DEI CONTI IL CAPO DIPARTIMENTO

IN ATTESA DI REGISTRAZIONE DELLA CORTE DEI CONTI IL CAPO DIPARTIMENTO Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca DIPARTIMENTO PER LA FORMAZIONE SUPERIORE E PER LA RICERCA Direzione Generale per il Coordinamento, la Promozione e Valorizzazione della Ricerca

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA. Il Ministro dell Università e della Ricerca. Il Ministro per le Politiche Giovanili e le Attività Sportive

PROTOCOLLO D INTESA. Il Ministro dell Università e della Ricerca. Il Ministro per le Politiche Giovanili e le Attività Sportive Il Ministro per le Politiche Giovanili e le Attività Sportive Il Ministro per le Riforme e le Innovazioni nella Pubblica Amministrazione Il Ministro dell Università e della Ricerca PROTOCOLLO D INTESA

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DI PROFESSORI STRAORDINARI E DI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO AI SENSI DELL ARTICOLO 1, COMMA 12 DELLA LEGGE 4 NOVEMBRE 2005, N. 230 E DELL ARTICOLO 24 DELLA LEGGE 30

Dettagli

Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali

Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali Criteri e modalità di erogazione dei contributi in favore dei partecipanti nazionali per la realizzazione dei progetti eleggibili a finanziamento nell ambito dell azione ERANET PLUS CORE ORGANIC PLUS.

Dettagli

Finanziamenti ai comuni per il governo della domanda di mobilità (mobility management).

Finanziamenti ai comuni per il governo della domanda di mobilità (mobility management). DECRETO DEL 20 dicembre 2000 (Gazzetta Ufficiale, 5 aprile, n. 80) Finanziamenti ai comuni per il governo della domanda di mobilità (mobility management). IL DIRETTORE GENERALE del servizio inquinamento

Dettagli

Schema di decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri recante: Attuazione del principio della valutazione tra pari per la selezione dei

Schema di decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri recante: Attuazione del principio della valutazione tra pari per la selezione dei Schema di decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri recante: Attuazione del principio della valutazione tra pari per la selezione dei progetti di ricerca ai sensi dell articolo 20, comma 1, della

Dettagli

TITOLO I Disposizioni Generali. Articolo 1 Oggetto e finalità

TITOLO I Disposizioni Generali. Articolo 1 Oggetto e finalità REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DI ASSEGNI PER LO SVOLGIMENTO DI ATTIVITA DI RICERCA, AI SENSI DELL ARTICOLO 22 DELLA LEGGE 30 DICEMBRE 2010, N. 240 (emanato con Decreto Rettorale del 29 marzo 2011, numero

Dettagli

SERVIZIO INQUINAMENTO ATMOSFERICO, ACUSTICO E RISCHI INDUSTRIALI

SERVIZIO INQUINAMENTO ATMOSFERICO, ACUSTICO E RISCHI INDUSTRIALI SERVIZIO INQUINAMENTO ATMOSFERICO, ACUSTICO E RISCHI INDUSTRIALI VISTA la legge 8 luglio 1986, n. 349, che ha istituito il Ministero dell Ambiente e ne ha definito le funzioni; VISTA la legge 3 marzo 1987,

Dettagli

Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca di concerto con il Ministro dell Economia e delle Finanze Classificazione della spesa delle università per missioni e programmi VISTI gli articoli

Dettagli

Scheda di sintesi Bando regionale Ricerca industriale delle imprese

Scheda di sintesi Bando regionale Ricerca industriale delle imprese Scheda di sintesi Bando regionale Ricerca industriale delle imprese 1. Oggetto dell intervento Sono finanziabili progetti che prevedono le seguenti attività: Ricerca industriale e Sviluppo sperimentale.

Dettagli

Risposte alle domande (FAQ)

Risposte alle domande (FAQ) ASSESSORATO DELLA PROGRAMMAZIONE, BILANCIO, CREDITO E ASSETTO DEL TERRITORIO CENTRO REGIONALE DI PROGRAMMAZIONE DIREZIONE CENTRALE PROGRAMMAZIONE INTEGRATA STRUTTURA UNIVERSITÀ E RICERCA Bando di invito

Dettagli

CONTRATTI DI SVILUPPO 2015/2016

CONTRATTI DI SVILUPPO 2015/2016 CONTRATTI DI SVILUPPO 2015/2016 Capitali per lo sviluppo industriale, commerciale e turistico in Italia Finanziamento agevolato e contributo a fondo perduto per grandi progetti di investimento Il Contratto

Dettagli

Contratti di Sviluppo Informativa sulle domande presentate al 31 maggio 2012 Comitato di Sorveglianza Roma, 15 giugno 2012

Contratti di Sviluppo Informativa sulle domande presentate al 31 maggio 2012 Comitato di Sorveglianza Roma, 15 giugno 2012 Punto 5 dell Ordine del Giorno: Contratti di Sviluppo Informativa sulle domande presentate al 31 maggio 2012 Comitato di Sorveglianza Roma, 15 giugno 2012 Cosa sono i Contratti di Sviluppo Strumento attuativo

Dettagli

CRITERI DI AMMISSIBILITÀ DEI COSTI

CRITERI DI AMMISSIBILITÀ DEI COSTI Bando per la concessione di agevolazioni finanziarie a start-up innovative nell ambito del programma di supporto SpinAREA CRITERI DI AMMISSIBILITÀ DEI COSTI L'attività di supporto alla creazione di imprese

Dettagli

CIRCOLARE PER LA CONCESSIONE DELL AGEVOLAZIONE SUI FINANZIAMENTI RELATIVI ALLA PARTECIPAZIONE DI IMPRESE ITALIANE IN SOCIETA O IMPRESE ALL ESTERO AI

CIRCOLARE PER LA CONCESSIONE DELL AGEVOLAZIONE SUI FINANZIAMENTI RELATIVI ALLA PARTECIPAZIONE DI IMPRESE ITALIANE IN SOCIETA O IMPRESE ALL ESTERO AI CIRCOLARE PER LA CONCESSIONE DELL AGEVOLAZIONE SUI FINANZIAMENTI RELATIVI ALLA PARTECIPAZIONE DI IMPRESE ITALIANE IN SOCIETA O IMPRESE ALL ESTERO AI SENSI DELLA LEGGE 24.4.1990 N.100, ART. 4, E SUCCESSIVE

Dettagli

MINISTERO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE

MINISTERO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE MINISTERO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE DECRETO 10 ottobre 2003 Criteri e modalita' di concessione delle agevolazioni previste dagli interventi a valere sul Fondo per le agevolazioni alla ricerca. (F.A.R.).

Dettagli

Finalità e caratteristiche delle agevolazioni, soggetti beneficiari, spese ammissibili

Finalità e caratteristiche delle agevolazioni, soggetti beneficiari, spese ammissibili Circolare del 30 ottobre 2013 Pag. 1 di 7 Circolare Numero 38/2013 Oggetto INCENTIVI FINANZIARI DELLA REGIONE VENETO PER PROGRAMMI DI RICERCA E SVILUPPO: I FONDI EX L.R. N.5/2001 SEZ.C E L.R. 9/2007 Contenuto

Dettagli

MINISTERO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE

MINISTERO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE MINISTERO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE DECRETO 23 febbraio 2015 Modalita' di utilizzo delle risorse non utilizzate del Fondo rotativo per il sostegno alle imprese e gli investimenti di ricerca e riparto

Dettagli

Fondo per la crescita sostenibile

Fondo per la crescita sostenibile Fondo per la crescita sostenibile Intervento a favore dei Progetti di R&S negli ambiti tecnologici di Horizon 2020 (Decreti del Ministro dello sviluppo economico 20 giugno 2013 e 15 ottobre 2014) Roma,

Dettagli

Circolare Informativa n 45/2012. Microcredito Regione Campania

Circolare Informativa n 45/2012. Microcredito Regione Campania Circolare Informativa n 45/2012 Microcredito Regione Campania e-mail: info@cafassoefigli.it - www.cafassoefigli.it Pagina 1 di 7 INDICE Premessa pag.3 1) Soggetti beneficiari pag. 3 2) Linee di intervento

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri

Presidenza del Consiglio dei Ministri Criteri per la concessione da parte del Dipartimento della Protezione Civile dei contributi per il finanziamento di progetti presentati dalle Organizzazioni di Volontariato di Protezione Civile nel triennio

Dettagli

7995 05/09/2013 DIREZIONE GENERALE ISTRUZIONE, FORMAZIONE E LAVORO. Identificativo Atto n. 738

7995 05/09/2013 DIREZIONE GENERALE ISTRUZIONE, FORMAZIONE E LAVORO. Identificativo Atto n. 738 Identificativo Atto n. 738 7995 05/09/2013 DIREZIONE GENERALE ISTRUZIONE, FORMAZIONE E LAVORO APPROVAZIONE DELLA GRADUATORIA DI PRE-SELEZIONE DEI PROGETTI DI CUI ALL AVVISO PUBBLICO PER L ASSEGNAZIONE

Dettagli

PoCN Regolamento del Progetto PROOF OF CONCEPT NETWORK REGOLAMENTO DEL PROGETTO

PoCN Regolamento del Progetto PROOF OF CONCEPT NETWORK REGOLAMENTO DEL PROGETTO PROOF OF CONCEPT NETWORK REGOLAMENTO DEL PROGETTO REGOLAMENTO PoCN Articolo 1 - Definizione del Progetto Proof of Concept Network (PoCN) è un progetto finalizzato a favorire la valorizzazione commerciale

Dettagli

Cooperative sociali. Un impresa sociale, la tua. Guida alle agevolazioni per le Imprese Giovani Decreto Legislativo 185/2000 Titolo I Capo IV

Cooperative sociali. Un impresa sociale, la tua. Guida alle agevolazioni per le Imprese Giovani Decreto Legislativo 185/2000 Titolo I Capo IV Cooperative sociali. Un impresa sociale, la tua. Guida alle agevolazioni per le Imprese Giovani Decreto Legislativo 185/2000 Titolo I Capo IV Le norme nazionali e comunitarie hanno la prevalenza sui contenuti

Dettagli

Il Ministro dello Sviluppo Economico

Il Ministro dello Sviluppo Economico Il Ministro dello Sviluppo Economico Visto l articolo 1, comma 845, della legge 27 dicembre 2006, n. 296 (legge finanziaria 2007) e successive modificazioni e integrazioni, che prevede che il Ministro

Dettagli

Il Ministro dello Sviluppo Economico

Il Ministro dello Sviluppo Economico Il Ministro dello Sviluppo Economico Visto l articolo 1, comma 845 della legge 27 dicembre 2006, n. 296, che prevede che il Ministro dello Sviluppo economico con proprio decreto istituisca appositi regimi

Dettagli

POR FESR 07/13 Innovazione dei processi produttivi Edizione 2014 (Micro e Piccole imprese) Domande frequenti

POR FESR 07/13 Innovazione dei processi produttivi Edizione 2014 (Micro e Piccole imprese) Domande frequenti POR FESR 07/13 Innovazione dei processi produttivi Edizione 2014 (Micro e Piccole imprese) 1. COME PRESENTARE DOMANDA Domande frequenti 1.1. Come si presenta una domanda?... 6 1.2. E previsto un termine

Dettagli

FONDAZIONE UNIVERSITA MAGNA GRECIA DI CATANZARO

FONDAZIONE UNIVERSITA MAGNA GRECIA DI CATANZARO FONDAZIONE UNIVERSITA MAGNA GRECIA DI CATANZARO REGOLAMENTO PER IL RICONOSCIMENTO DELLE ASSOCIAZIONI STUDENTESCHE E PER LA PROMOZIONE E IL SOSTEGNO DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E RICREATIVE DEGLI STUDENTI

Dettagli

MINISTERO DELL'ISTRUZIONE, DELL'UNIVERSITA' E DELLA RICERCA

MINISTERO DELL'ISTRUZIONE, DELL'UNIVERSITA' E DELLA RICERCA MINISTERO DELL'ISTRUZIONE, DELL'UNIVERSITA' E DELLA RICERCA DECRETO 24 aprile 2012 Modifiche del decreto 11 dicembre 2006 di ammissione agli interventi agevolativi dei progetti di ricerca e formazione,

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Direzione Generale per l Internazionalizzazione della Ricerca Uff.

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Direzione Generale per l Internazionalizzazione della Ricerca Uff. Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Direzione Generale per l Internazionalizzazione della Ricerca Uff. III/Int Bandi AAL, EUROSTARS, ARTEMIS ed ENIAC GUIDA PER I PROPONENTI ITALIANI

Dettagli

PROGETTAZIONE STATISTICA DELL'INNOVAZIONE 'CONTINUA' DI PRODOTTO

PROGETTAZIONE STATISTICA DELL'INNOVAZIONE 'CONTINUA' DI PRODOTTO PROGETTAZIONE STATISTICA DELL'INNOVAZIONE 'CONTINUA' DI PRODOTTO La collaborazione tra il sistema della ricerca pubblica e le imprese per l innovazione: efficacia, modalità e finanziamenti Maria Gabriella

Dettagli

Norme varie relative al Nucleo di Valutazione e alle sue funzioni

Norme varie relative al Nucleo di Valutazione e alle sue funzioni Norme varie relative al Nucleo di Valutazione e alle sue funzioni! Statuto del Politecnico di Torino TITOLO 2 - ORGANI DI GOVERNO DEL POLITECNICO Art. 2.3 - Senato Accademico 1. Il Senato Accademico è

Dettagli

Art. 3 Finanziamento. Art. 4 Attivazione della procedura

Art. 3 Finanziamento. Art. 4 Attivazione della procedura UNICUSANO REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE MODALITÀ DI SELEZIONE E DELLO SVOLGIMENTO DELLE ATTIVITA DEI RICERCATORI CON CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO EX ART. 24 LEGGE 30 DICEMBRE 2010, N. 240. Approvato

Dettagli

Aiuti di Stato n. N 185/2009 e N 187/2009 Italia Regime per il salvataggio e la ristrutturazione delle medie imprese in difficoltà

Aiuti di Stato n. N 185/2009 e N 187/2009 Italia Regime per il salvataggio e la ristrutturazione delle medie imprese in difficoltà COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 25.05.2009 C(2009)4152 Oggetto: Aiuti di Stato n. N 185/2009 e N 187/2009 Italia Regime per il salvataggio e la ristrutturazione delle medie imprese in difficoltà Signor

Dettagli

I finanziamenti erogati a valere sul Fondo sono destinati unicamente agli Enti locali.

I finanziamenti erogati a valere sul Fondo sono destinati unicamente agli Enti locali. Programma Enti Locali Innovazione di Sistema Guida per la presentazione dei progetti Fondo per il sostegno agli investimenti per l innovazione negli enti locali - Art. 1, comma 893, della legge 27 dicembre

Dettagli

Agenzia nazionale per l attrazione degli investimenti e lo sviluppo d impresa SpA. Lavoro autonomo. Soli, ma ben accompagnati

Agenzia nazionale per l attrazione degli investimenti e lo sviluppo d impresa SpA. Lavoro autonomo. Soli, ma ben accompagnati Agenzia nazionale per l attrazione degli investimenti e lo sviluppo d impresa SpA Soli, ma ben accompagnati Invitalia, l Agenzia nazionale per l attrazione degli investimenti e lo sviluppo d impresa, agisce

Dettagli

FONDO MICROCREDITO FSE

FONDO MICROCREDITO FSE FONDO MICROCREDITO FSE DIRETTIVE DI ATTUAZIONE Art. 1- OGGETTO E RIFERIMENTI NORMATIVI Il presente documento costituisce il riferimento e la base per l attuazione del Fondo Microcredito FSE, che ha l obiettivo

Dettagli

INCENTIVI NAZIONALI LEGGE 46/82 RETE ITALIANA PER LA DIFFUSIONE DELL INNOVAZIONE E IL TRASFERIMENTO TECNOLOGICO ALLE IMPRESE

INCENTIVI NAZIONALI LEGGE 46/82 RETE ITALIANA PER LA DIFFUSIONE DELL INNOVAZIONE E IL TRASFERIMENTO TECNOLOGICO ALLE IMPRESE RETE ITALIANA PER LA DIFFUSIONE DELL INNOVAZIONE E IL TRASFERIMENTO TECNOLOGICO ALLE IMPRESE INCENTIVI NAZIONALI LEGGE 46/82 Direzione Trasferimento di Conoscenza e Innovazione Dipartimento Centri e Reti

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DELLE AGEVOLAZIONI

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DELLE AGEVOLAZIONI Il presente Regolamento definisce i criteri, le modalità e le procedure cui i soggetti abilitati ad operare con MCC S.p.A. (di seguito MCC) devono attenersi per la concessione delle agevolazioni previste

Dettagli

ALLEGATO A Linea di intervento 1.2.1.1 Asse 1 POR FESR 2007-2013 AZIONE A Sottomisura C - MISURA 1 BANDO PER LA CONCESSIONE DI INCENTIVI PER L ACCESSO DA PARTE DI MPMI LOMBARDE A PIATTAFORME DI OPEN INNOVATION

Dettagli

Bollettino Ufficiale. Serie Ordinaria n. 22 - Mercoledì 30 maggio 2012

Bollettino Ufficiale. Serie Ordinaria n. 22 - Mercoledì 30 maggio 2012 15 D.G. Sport e giovani D.d.u.o. 24 maggio 2012 - n. 4490 Approvazione del bando Voucher sperimentale Leva Civica Regionale - percorsi di cittadinanza attiva per il potenziamento delle opportunita dei

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO Allegato al D.R. n. 172 del 23.12.2011 REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO (approvato dal Senato Accademico e dal Consiglio di Amministrazione nelle rispettive sedute del

Dettagli

FINANZIAMENTO DELLE CHIAMATE DIRETTE NEI DECRETI DI RIPARTIZIONE DEL FFO

FINANZIAMENTO DELLE CHIAMATE DIRETTE NEI DECRETI DI RIPARTIZIONE DEL FFO FINANZIAMENTO DELLE CHIAMATE DIRETTE NEI DECRETI DI RIPARTIZIONE DEL FFO Decreto Ministeriale 28 marzo 2006 n. 207 Art. 5 Chiamate dirette nei ruoli dei docenti di studiosi ed esperti stranieri o italiani

Dettagli

D I S C I P L I N A R E

D I S C I P L I N A R E D I S C I P L I N A R E per la concessione di contributi in abbattimento del tasso di interesse, a fondo perduto e in abbattimento dei costi di commissione alle piccole/medie imprese, operanti in provincia

Dettagli

Mission e obiettivi Invitalia

Mission e obiettivi Invitalia Fare impresa con gli strumenti di Invitalia Agenzia nazionale per l attrazione degli investimenti e lo sviluppo d impresa SpA Massimo Calzoni Business Unit Finanza e Impresa Sviluppo, Promozione e Marketing

Dettagli

/ UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MILANO

/ UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MILANO / UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MILANO Div. IV11 12 lalr11 USM 2859 del 28/01 1201 1 Al PRESIDI DI FACOLTA' Al DIREITORI DI DIPARTIMENTO Al DIREITORI DEI CENTRI DI SERVIZIO Al DIREITORI DEI CENTRI DI RICERCA

Dettagli

PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE RICERCA E COMPETITIVITA

PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE RICERCA E COMPETITIVITA QUADRO STRATEGICO NAZIONALE 2007-2013 PER LE REGIONI DELLA CONVERGENZA PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE RICERCA E COMPETITIVITA (CCI: 2007IT161PO006) ASSE III: ASSISTENZA TECNICA E ATTIVITÀ DI ACCOMPAGNAMENTO

Dettagli

COMUNE DI SAN GIORGIO DI NOGARO

COMUNE DI SAN GIORGIO DI NOGARO COMUNE DI SAN GIORGIO DI NOGARO AVVISO PUBBLICO PER L INDIVIDUAZIONE DEL SOGGETTO ATTUATORE, BENEFICIARIO DEL CONTRIBUTO A FONDO PERDUTO A COPERTURA DELLE SPESE EFFETTIVAMENTE SOSTENUTE E DOCUMENTATE FINALIZZATO

Dettagli

La Concessione dei contributi a favore delle scuole dell infanzia non statali è subordinata al possesso dei seguenti requisiti:

La Concessione dei contributi a favore delle scuole dell infanzia non statali è subordinata al possesso dei seguenti requisiti: Allegato alla Delib.G.R. n. 49/32 del 7.12.2011 L.R. 14. 5 2009 n.1, art.17. Criteri e modalità di concessione e rendicontazione dei contributi a favore delle scuole dell infanzia non statali ai sensi

Dettagli

Microimpresa Pensare in grande, da piccoli

Microimpresa Pensare in grande, da piccoli Microimpresa Pensare in grande, da piccoli Agenzia nazionale per l attrazione degli investimenti e lo sviluppo d impresa SpA Microimpresa Pensare in grande, da piccoli Invitalia, l Agenzia nazionale per

Dettagli

LINEE GUIDA ALLA RENDICONTAZIONE DEI PROGETTI

LINEE GUIDA ALLA RENDICONTAZIONE DEI PROGETTI FONDO ROTATIVO DI FINANZA AGEVOLATA DENOMINATO FONDO ENERGIA INTERVENTO CO-FINANZIATO DAL P.O.R. FESR 2007-2013 REGIONE EMILIA ROMAGNA, ASSE 3- QUALIFICAZIONE ENERGETICO AMBIENTALE E SVILUPPO SOSTENIBILE

Dettagli

SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE REGIONE AUTONOMA FRIULI-VENEZIA GIULIA AZIENDA PER I SERVIZI SANITARI N. 3 ALTO FRIULI REGOLAMENTO AZIENDALE

SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE REGIONE AUTONOMA FRIULI-VENEZIA GIULIA AZIENDA PER I SERVIZI SANITARI N. 3 ALTO FRIULI REGOLAMENTO AZIENDALE SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE REGIONE AUTONOMA FRIULI-VENEZIA GIULIA AZIENDA PER I SERVIZI SANITARI N. 3 ALTO FRIULI REGOLAMENTO AZIENDALE DIRITTO ALLO STUDIO PERSONALE DI COMPARTO Art. 1- PERMESSI RETRIBUITI

Dettagli

SERIE GENERALE DELLA REPUBBLICA ITALIANA. PARTE PRIMA Roma - Sabato, 21 novembre 2015 AVVISO ALLE AMMINISTRAZIONI

SERIE GENERALE DELLA REPUBBLICA ITALIANA. PARTE PRIMA Roma - Sabato, 21 novembre 2015 AVVISO ALLE AMMINISTRAZIONI SERIE GENERALE Spediz. abb. post. - art. 45% 1, - comma art. 2, 1 comma 20/b Legge 27-02-2004, 23-12-1996, n. n. 46662 - Filiale - Filiale di Roma di Roma GAZZETTA Anno 156 - Numero 272 UFFICIALE DELLA

Dettagli

Regione Umbria. Legge regionale del 23 marzo 1995, n. 12

Regione Umbria. Legge regionale del 23 marzo 1995, n. 12 Regione Umbria Legge regionale del 23 marzo 1995, n. 12 Bollettino Ufficiale Regionale del 30 marzo 1995, n. 17 Agevolazioni per favorire l'occupazione giovanile con il sostegno di nuove iniziative imprenditoriali.

Dettagli

BANDO SPORTELLO DELL INNOVAZIONE - PROGETTI CAMPANIA START-UP Data di pubblicazione 18 aprile 2014

BANDO SPORTELLO DELL INNOVAZIONE - PROGETTI CAMPANIA START-UP Data di pubblicazione 18 aprile 2014 BANDO SPORTELLO DELL INNOVAZIONE - FAQ PROGETTI CAMPANIA START-UP Data di pubblicazione 18 aprile 2014 Sommario SOGGETTI AMMISSIBILI E REQUISITI DI PARTECIPAZIONE (15)...2 CARATTERISTICHE DEI PROGETTI

Dettagli

Questa circolare fornisce le informazioni principali sulle modalità di presentazione delle domande.

Questa circolare fornisce le informazioni principali sulle modalità di presentazione delle domande. DIREZIONE AMMINISTRATIVA U~[VERS[TÀ DEGU STUDI DI PADOVA SERVIZIO RICERCA UfficI via Padovanino, 9 35123 Padova Recapito postale via 8 febbraio, 2 Ai Docenti e Ricercatori dell'ateneo e, p.c. 35122 Padova

Dettagli

BOLLETTINO UFFICIALE

BOLLETTINO UFFICIALE Anno XLIII N. 285 Iscritto nel registro Stampa del Tribunale di Milano (n. 656 del 21 dicembre 2010) Proprietario: Giunta Regionale della Lombardia Sede Direzione e redazione: p.zza Città di Lombardia,

Dettagli

Piano straordinario per l'occupazione.

Piano straordinario per l'occupazione. Piano straordinario per l'occupazione. Il lavoro, il futuro. COMPetitività ASSI MISURA II.1 Innovation Voucher Misura di sostegno Innovation Voucher Categorie di destinatari Favorire la nascita di nuove

Dettagli

LINEE GUIDA DI RENDICONTAZIONE AD USO DEI BENEFICIARI

LINEE GUIDA DI RENDICONTAZIONE AD USO DEI BENEFICIARI Allegato 5 al dds LINEE GUIDA DI RENDICONTAZIONE AD USO DEI BENEFICIARI AVVISO 526 FINANZIAMENTI ON-LINE (GEFO) 1. Premessa Le presenti linee guida sono destinate ai beneficiari dell avviso Generazione

Dettagli

Il Ministro delle Attività Produttive di concerto con Il Ministro dell economia e delle finanze

Il Ministro delle Attività Produttive di concerto con Il Ministro dell economia e delle finanze Il Ministro delle Attività Produttive di concerto con Il Ministro dell economia e delle finanze Visto l articolo 14 della legge 17 febbraio 1982, n. 46 e successive modifiche e integrazioni; Visto il decreto

Dettagli

Capo I disposizioni generali. Capo II contributi per il rimborso delle spese assicurative. Capo III contributi per l acquisto di attrezzature tecniche

Capo I disposizioni generali. Capo II contributi per il rimborso delle spese assicurative. Capo III contributi per l acquisto di attrezzature tecniche Regolamento per la concessione dei contributi a favore delle organizzazioni di volontariato, di cui agli articoli 9, 10 e 28 della legge regionale 9 novembre 2012, n. 23 (Disciplina organica sul volontariato

Dettagli

De Agostini Professionale - ECODEA CD 4/2001. 5. GESTIONE AMBIENTALE Bonifica siti inquinati

De Agostini Professionale - ECODEA CD 4/2001. 5. GESTIONE AMBIENTALE Bonifica siti inquinati De Agostini Professionale - ECODEA CD 4/2001 5. GESTIONE AMBIENTALE Bonifica siti inquinati D.M. 16 maggio 1989 (1) Criteri e linee guida per l'elaborazione e la predisposizione, con modalità uniformi

Dettagli

MINISTERO DELL'ISTRUZIONE, DELL'UNIVERSITA' E DELLA RICERCA DECRETO

MINISTERO DELL'ISTRUZIONE, DELL'UNIVERSITA' E DELLA RICERCA DECRETO MINISTERO DELL'ISTRUZIONE, DELL'UNIVERSITA' E DELLA RICERCA DECRETO 11 novembre 2011 Programma per il reclutamento di giovani ricercatori «Rita Levi Montalcini».(Decreto n. 486). (12A02222) (GU n. 49 del

Dettagli

bando per progetti di ricerca scientifica svolti da giovani ricercatori

bando per progetti di ricerca scientifica svolti da giovani ricercatori bando per progetti di ricerca scientifica svolti da giovani ricercatori budget complessivo del bando 500.000 euro termine per la presentazione dei progetti 15 luglio 2014 contenuti: A. NORMATIVA DEL BANDO

Dettagli

Agenzia nazionale per l attrazione degli investimenti e lo sviluppo d impresa SpA. Microimpresa

Agenzia nazionale per l attrazione degli investimenti e lo sviluppo d impresa SpA. Microimpresa Agenzia nazionale per l attrazione degli investimenti e lo sviluppo d impresa SpA Invitalia, l Agenzia nazionale per l attrazione degli investimenti e lo sviluppo d impresa, agisce su mandato del Governo

Dettagli

AUTOIMPIEGO. Diventa imprenditore di te stesso.

AUTOIMPIEGO. Diventa imprenditore di te stesso. AUTOIMPIEGO. Diventa imprenditore di te stesso. ASSUMI UNO BRAVO COME TE. Invitalia offre tre differenti opportunità di autoimpiego a chi non ha un lavoro e vuole avviare un attività in proprio: il lavoro

Dettagli

L.R. 18/2005, art. 37, c. 2, lett. b) B.U.R. 27/7/2011, n. 30

L.R. 18/2005, art. 37, c. 2, lett. b) B.U.R. 27/7/2011, n. 30 L.R. 18/2005, art. 37, c. 2, lett. b) B.U.R. 27/7/2011, n. 30 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 13 luglio 2011, n. 0163/Pres. Regolamento recante criteri e modalità per la concessione di incentivi all

Dettagli

REGOLAMENTO SPIN OFF DELL UNIVERSITA DEGLI STUDI DI GENOVA

REGOLAMENTO SPIN OFF DELL UNIVERSITA DEGLI STUDI DI GENOVA ALLEGATO A REGOLAMENTO SPIN OFF DELL UNIVERSITA DEGLI STUDI DI GENOVA TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1 Principi generali e definizioni 1. L Università degli Studi di Genova, di seguito indicata come

Dettagli

1.1 Come si presenta una domanda?... 3. 1.2 E previsto un termine per la presentazione delle domande?... 3

1.1 Come si presenta una domanda?... 3. 1.2 E previsto un termine per la presentazione delle domande?... 3 INDICE 1. COME PRESENTARE DOMANDA... 3 1.1 Come si presenta una domanda?... 3 1.2 E previsto un termine per la presentazione delle domande?... 3 1.3 Quali sono i documenti obbligatori da allegare alla

Dettagli

Art. 4 Bando Il Dipartimento procede all emanazione del bando e allo svolgimento della procedura concorsuale.

Art. 4 Bando Il Dipartimento procede all emanazione del bando e allo svolgimento della procedura concorsuale. REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DI RICERCATORI CON CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO DI TIPOLOGIA A - EX ART. 24, COMMA 3, LETT. A) LEGGE N. 240/2010. Emanato con D.R. n. 1933/2015 del 30/06/2015. Art. 1 Finalità

Dettagli

RISOLUZIONE N. 125/E. Roma, 6 maggio 2009. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso

RISOLUZIONE N. 125/E. Roma, 6 maggio 2009. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso RISOLUZIONE N. 125/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 6 maggio 2009 OGGETTO: Istanza di interpello Art. 11 della legge n. 212 del - Costi ammissibili al credito d imposta per le attività

Dettagli

ALLEGATO: PROGETTO DI FORMAZIONE

ALLEGATO: PROGETTO DI FORMAZIONE ALLEGATO: PROGETTO DI FORMAZIONE 1) DATI SALIENTI SUL PROGETTO Prima parte - Proposta di capitolato tecnico Titolo o Titolo del progetto. o Titolo del progetto in lingua inglese. o Soggetto proponente.

Dettagli

AVVISO DI PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE DI FINANZIAMENTO

AVVISO DI PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE DI FINANZIAMENTO AVVISO DI PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE DI FINANZIAMENTO PROGETTI MIRATI ATTI A FAVORIRE LA PROMOZIONE INTERNAZIONALE E L INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PMI E DELLE ASDI Art. 1 - Oggetto e finalità 1. Il presente

Dettagli

BANDI 2013 2. Bando con scadenza 30 settembre 2013. Contesto di riferimento. Premessa. Linee guida

BANDI 2013 2. Bando con scadenza 30 settembre 2013. Contesto di riferimento. Premessa. Linee guida Bando con scadenza 30 settembre 2013 BANDI 2013 2 Bando ad invito Promuovere progetti internazionali finalizzati ad incrementare l attrattività del sistema ricerca regionale FASE 2 Individuazione dei progetti

Dettagli

REGOLAMENTO IN MATERIA DI DOTTORATO DI RICERCA

REGOLAMENTO IN MATERIA DI DOTTORATO DI RICERCA REGOLAMENTO IN MATERIA DI DOTTORATO DI RICERCA Oggetto ed ambito di applicazione Il presente regolamento disciplina l istituzione ed il funzionamento dei corsi di Dottorato di Ricerca presso l'università

Dettagli

NUOVE IMPRESE INN OVA TIVE

NUOVE IMPRESE INN OVA TIVE POR FESR SARDEGNA 2007 2013 Asse VI Competitività - Linea di attività 6.2.1.b Programma di aiuti per Nuove Imprese Innovative NUOVE IMPRESE INN OVA TIVE Giuseppe Serra Sardegna Ricerche Progetto cofinanziato

Dettagli

BANDO PER LA COSTITUZIONE DI RETI D'IMPRESA ANNO 2014

BANDO PER LA COSTITUZIONE DI RETI D'IMPRESA ANNO 2014 BANDO PER LA COSTITUZIONE DI RETI D'IMPRESA ANNO 2014 TITOLO I CARATTERISTICHE DEL BANDO Art. 1 - Finalità La Camera di Commercio di Livorno, riconoscendo la Rete di Impresa quale strumento innovativo

Dettagli

ART. 6 ATTIVAZIONE DELLA PROCEDURA

ART. 6 ATTIVAZIONE DELLA PROCEDURA REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL RECLUTAMENTO, DEL REGIME GIURIDICO E DEL TRATTAMENTO ECONOMICO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO (D.R. N. 501 del 31.10.2013) ART. 1 OGGETTO 1. Il presente regolamento

Dettagli

TESTO EMENDATO REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER INIZIATIVE DI COOPERAZIONE DECENTRATA DI CUI ALL ART. 272 DEL DLGS N. 267 DEL 2000.

TESTO EMENDATO REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER INIZIATIVE DI COOPERAZIONE DECENTRATA DI CUI ALL ART. 272 DEL DLGS N. 267 DEL 2000. TESTO EMENDATO REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER INIZIATIVE DI COOPERAZIONE DECENTRATA DI CUI ALL ART. 272 DEL DLGS N. 267 DEL 2000. Art. 1 Principi generali -------------------------------

Dettagli

Codici Regionali Regione: Umbria Materia: 3. sviluppo economico Capitolo: 3.1 interventi generali per l'economia Data: 23/03/1995 Numero: 12.

Codici Regionali Regione: Umbria Materia: 3. sviluppo economico Capitolo: 3.1 interventi generali per l'economia Data: 23/03/1995 Numero: 12. Codici Regionali Regione: Umbria Materia: 3. sviluppo economico Capitolo: 3.1 interventi generali per l'economia Data: 23/03/1995 Numero: 12 Sommario Art. 1. (Oggetto). 1. Con la presente legge la Regione

Dettagli

Il Ministro dello Sviluppo Economico. Il Ministro dell Economia e delle Finanze. di concerto con

Il Ministro dello Sviluppo Economico. Il Ministro dell Economia e delle Finanze. di concerto con Il Ministro dello Sviluppo Economico di concerto con Il Ministro dell Economia e delle Finanze Visto il decreto-legge 23 dicembre 2013, n. 145, convertito, con modificazioni, dalla legge 21 febbraio 2014,

Dettagli

4. Con decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri,

4. Con decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri, 6-7-2011 GAZZETTA UFFICIALE DELLA REPUBBLICA ITALIANA Serie generale - n. 155 DECRETO-LEGGE 6 luglio 2011, n. 98. Disposizioni urgenti per la stabilizzazione finanziaria. IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

Dettagli

Con la circolare del Ministero dello Sviluppo Economico n. 68032 del 10 dicembre 2014

Con la circolare del Ministero dello Sviluppo Economico n. 68032 del 10 dicembre 2014 APERTURA DOMANDE SMART ET START ON LINE Con la circolare del Ministero dello Sviluppo Economico n. 68032 del 10 dicembre 2014 sono stati definiti gli aspetti rilevanti per l accesso alle agevolazioni ed

Dettagli

Dott. Enrico Venturini Next Technology Tecnotessile

Dott. Enrico Venturini Next Technology Tecnotessile Infoday 9 febbraio 2012 ART. 10 -D.M. n. 593 dell'8 agosto2000 Progettiper il riorientamentoe il recupero di competitività delle imprese Dott. Enrico Venturini Next Technology Tecnotessile Le fonti normative

Dettagli

Ministero dello SviluppoEconomico

Ministero dello SviluppoEconomico ALLEGATO 1 Ministero dello SviluppoEconomico Dipartimento per lo Sviluppo e la Coesione Economica Direzione Generale per l Incentivazione delle Attività Imprenditoriali FONDO PER L INNOVAZIONE TECNOLOGICA

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Direzione Generale - Ufficio V Ambito Territoriale Provinciale di Cosenza Corso Telesio, n. 17, 87100 - COSENZA - Tel. 0984 894111 Prot. n 8950 Cosenza, lì 20 ottobre 2015 Ai Dirigenti Scolastici di ogni

Dettagli

POR Lombardia FESR 2007-2013 DDUO n.7128 del 29/07/2011

POR Lombardia FESR 2007-2013 DDUO n.7128 del 29/07/2011 BANDO DI INVITO A PRESENTARE PROGETTI DI RICERCA INDUSTRIALE E SVILUPPO SPERIMENTALE NEI SETTORI STRATEGICI DI REGIONE LOMBARDIA E DEL MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA POR Lombardia

Dettagli

LINEE GUIDA DI RENDICONTAZIONE AD USO DEI BENEFICIARI

LINEE GUIDA DI RENDICONTAZIONE AD USO DEI BENEFICIARI Allegato 5 al dds LINEE GUIDA DI RENDICONTAZIONE AD USO DEI BENEFICIARI 1. Premessa Le presenti linee guida sono destinate ai beneficiari dell avviso Generazione Web Lombardia, di seguito denominata GWL,

Dettagli

LINEE GUIDA. Premessa

LINEE GUIDA. Premessa LINEE GUIDA Premessa Poste Insieme Onlus nasce il 16 aprile 2015 dalla volontà di Poste Italiane SpA di promuovere e sviluppare una organica presenza istituzionale di ambito nazionale e territoriale a

Dettagli

5. Il soggetto promotore, se costituito dai Comuni, deve prevedere la partecipazione degli enti privati.

5. Il soggetto promotore, se costituito dai Comuni, deve prevedere la partecipazione degli enti privati. Regolamento concernente la concessione di finanziamenti a favore delle Amministrazioni comunali del Friuli Venezia Giulia, dei Centri di assistenza tecnica alle imprese commerciali (CAT) autorizzati e

Dettagli

2. Requisiti dei soggetti beneficiari, documentazione richiesta e modalità di presentazione delle domande dei soggetti richiedenti.

2. Requisiti dei soggetti beneficiari, documentazione richiesta e modalità di presentazione delle domande dei soggetti richiedenti. ALLEGATO A Linee guida ai Comuni per l erogazione dei contributi per la fornitura gratuita, totale o parziale, dei libri di testo, per l anno scolastico 2013-2014, a favore degli alunni residenti nel Lazio,

Dettagli