Piano Di Miglioramento

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Piano Di Miglioramento"

Transcript

1 Piano Di Miglioramento Anno Scolastico : Anno Scolastico : Anno Scolastico : Composizione Nucleo di Valutazione : Izzo Adriana Valerio Piera La Rocca Maria Augusta Di Maio Nunzia : Dirigente Scolastico : Referente Autovalutazione : FS Area Curricolo Progettazione Valutazione : FS Area Alunni, Inclusione Pagina 1 di 17

2 Priorità di miglioramento, traguardi di lungo periodo e monitoraggio dei risultati Esiti degli studenti Priorità Traguardi Risultati nelle prove standardizzate Riduzione della varianza tra le classi negli esiti delle prove di italiano e matematica Collocare i valori della varianza tra le classi negli esiti delle prove di italiano e matematica nella media nazionale e regionale Risultato Primo Anno: Risultato Secondo Anno: Risultato Terzo Anno: Pagina 2 di 17

3 Relazione tra obiettivi di processo, aree di processo e priorità di miglioramento Nel corso degli studi del primo ciclo si assiste ad un progressivo innalzamento dei livelli prestazionali cui fa riscontro all interno delle classi e tra le classi una sempre maggiore disomogeneità di risultati causata nella maggior parte dei casi dallo svantaggio socio economico e/o linguistico -culturale degli alunni Tale situazione emerge dall alto indice di varianza tra le classi presente negli esiti delle prove INVALSI, che aumenta con la progressione della scolarità Occorre pertanto essere capaci di intercettare le criticità nei percorsi di apprendimento dei singoli allievi ed approntare efficaci risposte di natura metodologico didattica per prevenire e/o colmare ritardi ed arresti del percorso La costruzione di un curricolo di scuola condiviso è la base di partenza su cui innestare pratiche metodologico -didattiche efficaci Esso infatti sancisce dei traguardi uguali per tutti ma si concretizza in interventi diversi e diversificati individuati all'interno delle "buone pratiche" presenti in ogni istituzione scolastica Le pratiche condivise consentono ai docenti di superare l' autoreferenzialità e prevedere di fronte alle criticità interventi di recupero, consolidamento e potenziamento atti ad innalzare il livello di rendimento di tutti gli alunni e promuovere così il successo formativo di ognuno A tal fine è fondamentale che i docenti utilizzino criteri di valutazione omogenei e condivisi anche in continuità tra gli ordini di scuola Area di processo Obiettivi di processo Priorità Costruire un Curricolo in continuità di matematica Curricolo, progettazione e Utilizzare criteri di valutazione omogenei e valutazione condivisi per la matematica nella scuola primaria Ambiente di Apprendimento Inclusione e differenziazione Continuità e orientamento Orientamento strategico e organizzazione della scuola Sviluppo e valorizzazione delle risorse umane Integrazione con il territorio e rapporti con le famiglie Promuovere attività metodologiche innovative Promuovere approcci metodologici situazionali che favoriscano lo sviluppo delle competenze chiave di cittadinanza Monitorare il successo scolastico degli studenti stranieri Promuovere percorsi di orientamento finalizzati alla conoscenza del sé Promuovere incontri tra docenti per la formazione delle classi Implementare strumenti di monitoraggio sul raggiungimento degli obiettivi di processo Promuovere la collaborazione tra gli insegnanti attraverso la composizione di gruppi di lavoro Promuovere attività di formazione per i docenti su didattiche innovative Promuovere attività di formazione per i docenti in reti territoriali Pagina 3 di 17

4 Pianificazione operativa e monitoraggio dei processi Priorità: Riduzione della varianza tra le classi negli esiti delle prove di italiano e matematica Area di processo: Curricolo, progettazione e valutazione Obiettivo di processo: Costruire un Curricolo in continuità di matematica Azioni previste : Costruzione di un Curricolo in continuità per traguardi di competenze elaborato ai sensi del Regolamento recante Indicazioni Nazionali per il Curricolo della scuola dell Infanzia e del primo ciclo d istruzione, a norma dell articolo 1, comma 4 del DPR 20 marzo/2009 n 89 Soggetti responsabili dell attuazione: Dipartimenti Commissione Curricolo Termine previsto di conclusione: novembre 2015 Risultati attesi per ciascuna azione: stesura di un Curricolo di Istituto predisposto dalla comunità professionale, nel rispetto delle Indicazioni Nazionali, articolato per campi di esperienza nella scuola dell infanzia e per discipline nel primo ciclo Adeguamenti effettuati in itinere (eventuali): sì inserimento nell offerta formativa di un Curricolo di Istituto al quale i docenti fanno riferimento per individuare le esperienze di apprendimento più efficaci e le strategie più idonee Pagina 4 di 17

5 Area di processo: Curricolo, progettazione e valutazione Obiettivo di processo: Utilizzare criteri di valutazione omogenei e condivisi per la matematica Azioni previste: definizione di prove di competenza per la matematica per le classi terze, quinte della scuola primaria e terza classe secondaria di I grado Soggetti responsabili dell attuazione: Commissione Valutazione, Funzione Strumentale Area 1 Curricolo, Progettazione e Valutazione e Consigli Tecnici di Interclasse Termine previsto di conclusione: Fine giugno Risultati attesi per ciascuna azione: Prove per compiti autentici, con rubriche di valutazione per le competenze Adeguamenti effettuati in itinere (eventuali): gennaio - Si ritiene opportuno coinvolgere i Docenti di matematica per classi parallele in un percorso di ricerca-azione Area di processo: Ambiente di Apprendimento Obiettivo di processo: Promuovere attività metodologiche innovative Azioni previste: Progettualità legata ai Fondi Strutturali Europei- Una sul mondo- Programma il futuro, a scuola di Coding- esperienza di Flipped Classroom- Learning English Today Soggetti responsabili dell attuazione: Referenti di Progetto Termine previsto di conclusione: fine anno scolastico Risultati attesi per ciascuna azione: - Sperimentazione sonora coadiuvata dalle nuove tecnologie e da applicazioni ricercate ed utilizzate ad hoc -Introduzione del computer e della LIM nella scuola Pagina 5 di 17

6 dell infanzia come strumento di sviluppo dell apprendimento e della conoscenza del Sé -Introduzione nel Curricolo del Coding quale avvio al pensiero computazionale -Realizzazione di esperienze di apprendimento in ambienti in rete: google classroom Adeguamenti effettuati in itinere (eventuali): i progetti prenderanno l avvio in seguito alla realizzazione degli interventi infrastrutturali di rete previsti nei FESR-PON a cui la scuola ha aderito con la candidatura del progetto 20 da nativi digitali a studenti digitali PON Realizzazione Ambienti Digitali WE Area di processo: Ambiente di Apprendimento Obiettivo di processo: Promuovere approcci metodologici situazionali che favoriscono lo sviluppo delle Competenze di Cittadinanza Azioni previste: Progetti Noi cittadini del Mondo Soggetti responsabili dell attuazione: Referenti di Progetto Termine previsto di conclusione: fine anno scolastico Risultati attesi per ciascuna azione: - Saper cooperare ed essere solidali verso gli altri - Elaborare idee e formulare semplici giudizi - Conoscere l importanza dei valori sanciti dalla Costituzione e dalle principali Carte Costituzionali Adeguamenti effettuati in itinere (eventuali): Pagina 6 di 17

7 Area di processo: Inclusione e differenziazione Obiettivo di processo: Monitorare il successo scolastico degli alunni stranieri Azioni previste: Realizzazione di interventi per il successo formativo degli alunni Attivazione di metodologie inclusive (co-teaching, attività laboratoriali e apprendimento cooperativo) Soggetti responsabili dell attuazione: Funzione Strumentale Area 3 Alunni, Inclusione Organico Potenziato Termine previsto di conclusione: fine anno scolastico Risultati attesi per ciascuna azione: Verifica dell efficacia delle azioni intraprese Adeguamenti effettuati in itinere (eventuali): Intervento dei docenti dell organico potenziato dalla seconda metà del mese di gennaio Area di processo: Continuità e orientamento Obiettivo di processo: Promuovere percorsi di orientamento finalizzati alla conoscenza del sé Azioni previste: Progetti Mind and Heart - Orientamenti Orientamento in entrata: open day per presentare le risorse, gli ambienti, le attività e l offerta formativa della scuola Orientamento in itinere: insegnamento/apprendimento disciplinare per l acquisizione delle competenze orientative generali Orientamento in uscita: percorso orientativo di carattere informativo Soggetti responsabili dell attuazione: Commissione Orientamento - Referente progetto Termine previsto di conclusione: Risultati attesi per ciascuna azione: -Sapersi orientare in situazioni note e nuove Pagina 7 di 17

8 Adeguamenti effettuati in itinere (eventuali): -Promuovere la consapevolezza di sé relativamente alla conoscenza dei propri interessi e del proprio stile cognitivo -Acquisire e sviluppare la capacità progettuale Area di processo: Continuità e orientamento Obiettivo di processo: Promuovere incontri tra docenti per la formazione delle classi Azioni previste: Progetto continuità Incontri tra docenti delle classi - ponte e la commissione continuità Percorsi didattici e incontri pratico-operativi tra alunni cinquenni e insegnanti delle classi quinte della scuola primaria Percorsi didattici di alunni delle classi quinte della scuola primaria con docenti della scuola secondaria Percorsi didattici legati a festività, eventi, laboratori tra alunni cinquenni e alunni delle classi prime della scuola primaria e alunni di quinta con alunni della scuola secondaria di primo grado Soggetti responsabili dell attuazione: Commissione Continuità Termine previsto di conclusione: fine anno scolastico Risultati attesi per ciascuna azione: - Formazione di classi iniziali eterogenee con adeguata conoscenza dei livelli di partenza e degli stili di apprendimento Adeguamenti effettuati in itinere (eventuali): Pagina 8 di 17

9 Area di processo: Orientamento strategico e organizzazione della scuola Obiettivo di processo: Implementare strumenti di monitoraggio sul raggiungimento degli obiettivi di processo Azioni previste : - Azioni che tendono a monitorare le quattro Aree di processo del RAV cui fanno riferimento gli obiettivi di processo - MONITORAGGIO ATTIVITÀ PER IL SUCCESSO FORMATIVO - Monitoraggio esiti matematica classi campione - Monitoraggio successo formativo alunni non italofoni - Monitoraggio attività recupero -MONITORAGGIO ATTIVITÀ AMPLIAMENTO OFFERTA FORMATIVA - MONITORAGGIO ATTIVITÀ FORMAZIONE - MONITORAGGIO STRUTTURE ED USO ICT - MONITORAGGIO COMUNICAZIONE INTERNA ED ESTERNA Soggetti responsabili dell attuazione: Responsabili Progetti e Funzione strumentale Termine previsto di conclusione: fine anno scolastico Risultati attesi per ciascuna azione: Verifica annuale sia delle scelte didattiche sia di quelle organizzative e gestionali del PTOF Adeguamenti effettuati in itinere (eventuali): Area di processo: Sviluppo e valorizzazione delle risorse umane Obiettivo di processo: Promuovere la collaborazione tra gli insegnanti attraverso la composizione di gruppi di lavoro Azioni previste: - Promuovere scelte condivise all interno degli organi collegiali - Favorire la comunicazione interna, anche attraverso l uso delle ICT: registro elettronico, sito WEB, posta elettronica -Utilizzo cartelle e documenti condivisi di google drive per la diffusione delle buone pratiche e per la formulazione e consegna di documentazione Pagina 9 di 17

10 Soggetti responsabili dell attuazione: Funzione strumentale e animatore digitale Termine previsto di conclusione: fine anno scolastico Risultati attesi per ciascuna azione: Adeguamenti effettuati in itinere (eventuali): Area di processo: Sviluppo e valorizzazione delle risorse umane Obiettivo di processo: Promuovere attività di formazione per i docenti su didattiche innovative Azioni previste: - Definizione di un piano di formazione in coerenza con il piano triennale dell offerta formativa, con i risultati dei piani di miglioramento e sulla base delle priorità nazionali indicate nel Piano nazionale di formazione -Promozione di percorsi significativi di sviluppo e ricerca personale con rendicontazione e diffusione degli apprendimenti realizzati Soggetti responsabili dell attuazione: Funzione strumentale e Dirigente Scolastico Termine previsto di conclusione: Fine anno scolastico Risultati attesi per ciascuna azione: Adeguamenti effettuati in itinere (eventuali): Pagina 10 di 17

11 Area di processo: Integrazione con il territorio e rapporti con le famiglie Obiettivo di processo: Promuovere attività di formazione per i docenti in reti territoriali Azioni previste: - Promuovere e favorire la comunicazione interna ed esterna anche con l utilizzo delle tecnologie -Promozione di percorsi significativi di sviluppo e ricerca personale con rendicontazione e diffusione degli apprendimenti realizzati in reti di scuole -Stipula convenzioni,reti e protocolli di intesa Partecipazione a bandi Nazionali, Europei, Internazionali Soggetti responsabili dell attuazione: Dirigente scolastico, collaboratori del Dirigente, funzione strumentale Termine previsto di conclusione: fine anno scolastico Risultati attesi per ciascuna azione: Ampliamento degli stimoli culturali Condivisione di azioni di sistema per massimizzare l efficacia degli interventi formativi Adeguamenti effettuati in itinere (eventuali): Azioni specifiche del dirigente scolastico Priorità: Riduzione della varianza tra le classi negli esiti delle prove di italiano e matematica Area di processo: Curricolo, progettazione e valutazione Obiettivo di processo: Costruire un Curricolo in continuità di matematica Pagina 11 di 17

12 Azioni del dirigente scolastico: 1 Costituzione del gruppo di lavoro 2 Attribuzione incarichi 3 Coordinamento lavoro dei Dipartimenti 4 Predisposizione modelli 5 Diffusione materiale formativo/informativo 1 definizione dell identità, dell orientamento strategico e della politica dell istituzione scolastica; 2 gestione, valorizzazione e sviluppo delle risorse umane; 3 promozione della partecipazione, cura delle relazioni e dei legami con il contesto; 4 gestione delle risorse strumentali e finanziarie, gestione amministrativa e adempimenti normativi Area di processo: Curricolo, progettazione e valutazione Obiettivo di processo: Utilizzare criteri di valutazione omogenei e condivisi per la matematica nella scuola primaria Azioni del dirigente scolastico : 1 Costituzione del gruppo di lavoro 2 Attribuzione incarichi 3 Coordinamento lavoro dei Dipartimenti 4 Diffusione materiale formativo/informativo 1 definizione dell identità, dell orientamento strategico e della politica dell istituzione scolastica ; 2 gestione, valorizzazione e sviluppo delle risorse umane; 3 promozione della partecipazione, cura delle relazioni e dei legami con il contesto; 4 gestione delle risorse strumentali e finanziarie, gestione amministrativa e adempimenti normativi Pagina 12 di 17

13 Area di processo: Ambiente di Apprendimento Obiettivo di processo: Promuovere attività metodologiche innovative Azioni del dirigente scolastico : 1 Ricerca di risorse finanziarie 2 Ricerca di opportunità formative 3 Adesione a progetti ed iniziative nazionali (PON) 4 Stipula convenzioni,reti e protocolli di intesa 5 Attività negoziale 6 Costituzione del gruppo di lavoro 7 Attribuzione incarichi 1 definizione dell identità, dell orientamento strategico e della politica dell istituzione scolastica; 2 gestione, valorizzazione e sviluppo delle risorse umane; 3 gestione delle risorse strumentali e finanziarie, gestione amministrativa e adempimenti normativi; 4 monitoraggio, valutazione e rendicontazione Area di processo: Ambiente di Apprendimento Obiettivo di processo: Promuovere approcci metodologici situazionali che favoriscano lo sviluppo delle competenze chiave di cittadinanza Azioni del dirigente scolastico: 1 Ricerca di opportunità formative 2 Adesioni a progetti ed iniziative del territorio per incentivare il successo formativo degli alunni 3 Stipula convenzioni, reti e protocolli di intesa 1 definizione dell identità, dell orientamento strategico e della politica dell istituzione scolastica; 2 gestione, valorizzazione e sviluppo delle risorse umane; 3 gestione delle risorse strumentali e finanziarie, gestione amministrativa e adempimenti normativi; Pagina 13 di 17

14 Area di processo: Inclusione e differenziazione Obiettivo di processo: Monitorare il successo scolastico degli alunni stranieri Azioni del dirigente scolastico: 1 Costituzione del gruppo di lavoro 2 Attribuzione incarichi 3 Coordinamento funzioni 1 definizione dell identità, dell orientamento strategico e della politica dell istituzione scolastica; 2 gestione, valorizzazione e sviluppo delle risorse umane; 3 promozione della partecipazione, cura delle relazioni e dei legami con il contesto; 4 monitoraggio, valutazione e rendicontazione Area di processo: Continuità e orientamento Obiettivo di processo: Promuovere percorsi di orientamento finalizzati alla conoscenza del sé Azioni del dirigente scolastico : 1 Promuovere la collegialità, i gruppi di lavoro la diffusione delle best practices 2 Favorire il raccordo di pratiche e strumenti negli ordini di scuola e tra plessi (infanzia, primaria e secondaria di primo grado) 1 definizione dell identità, dell orientamento strategico e della politica dell istituzione scolastica; 2 gestione, valorizzazione e sviluppo delle risorse umane; 3 promozione della partecipazione, cura delle relazioni e dei legami con il contesto; 4 gestione delle risorse strumentali e finanziarie, gestione amministrativa e adempimenti normativi Pagina 14 di 17

15 Area di processo: Continuità e orientamento Obiettivo di processo: Promuovere incontri tra docenti per la formazione delle classi Azioni del dirigente scolastico : 1 Promuovere la collegialità, i gruppi di lavoro la diffusione delle best practices 2 Favorire il raccordo di pratiche e strumenti negli ordini di scuola e tra plessi (infanzia,primaria e secondaria di primo grado) 1 definizione dell identità, dell orientamento strategico e della politica dell istituzione scolastica; 2 gestione, valorizzazione e sviluppo delle risorse umane; 3 promozione della partecipazione, cura delle relazioni e dei legami con il contesto; 4 gestione delle risorse strumentali e finanziarie, gestione amministrativa e adempimenti normativi Area di processo: Orientamento strategico e organizzazione della scuola Obiettivo di processo: Implementare strumenti di monitoraggio sul raggiungimento degli obiettivi di processo Azioni del dirigente scolastico: 1 Favorire il raccordo di pratiche e strumenti negli ordini di scuola e tra plessi (infanzia,primaria e secondaria di primo grado) 2 Promuovere la diffusione di best practices 1 definizione dell identità, dell orientamento strategico e della politica dell istituzione scolastica; 2 gestione, valorizzazione e sviluppo delle risorse umane; 3 promozione della partecipazione, cura delle relazioni e dei legami con il contesto; 4 gestione delle risorse strumentali e finanziarie, gestione amministrativa e adempimenti normativi Pagina 15 di 17

16 Area di processo: Sviluppo e valorizzazione delle risorse umane Obiettivo di processo: Promuovere la collaborazione tra gli insegnanti attraverso la composizione di gruppi di lavoro Azioni del dirigente scolastico: 1 Promuovere e favorire la comunicazione interna anche con l utilizzo delle tecnologie 2 Promuovere la diffusione di best practices e di procedure operative 3 Garantire processi trasparenti nell attribuzione di incarichi e nell allocazione delle risorse 1 definizione dell identità, dell orientamento strategico e della politica dell istituzione scolastica; 2 gestione, valorizzazione e sviluppo delle risorse umane; 3 promozione della partecipazione, cura delle relazioni e dei legami con il contesto; 4 gestione delle risorse strumentali e finanziarie, gestione amministrativa e adempimenti normativi; 5 monitoraggio, valutazione e rendicontazione Area di processo: Sviluppo e valorizzazione delle risorse umane Obiettivo di processo: Promuovere attività di formazione per i docenti su didattiche innovative Azioni del dirigente scolastico : 1 Ricerca di risorse finanziarie 2 Ricerca di opportunità formative 3 Stipula convenzioni, reti e protocolli di intesa 4 Attività negoziale 1 definizione dell identità, dell orientamento strategico e della politica dell istituzione scolastica; 2 gestione, valorizzazione e sviluppo delle risorse umane; 3 promozione della partecipazione, cura delle relazioni e dei legami con il contesto; 4 gestione delle risorse strumentali e finanziarie, gestione amministrativa e adempimenti normativi; 5 monitoraggio, valutazione e rendicontazione Pagina 16 di 17

17 Area di processo: Integrazione con il territorio e rapporti con le famiglie Obiettivo di processo: Promuovere attività di formazione per i docenti in reti territoriali Azioni del dirigente scolastico: 1 Valutare le sollecitazioni provenienti dalle diverse realtà istituzionali, culturali, sociali ed economiche del territorio 2 Promuovere incontri con le famiglie 3 Coordinare le proposte del personale e dalle famiglie provenienti dagli organi collegiali 4 Promuovere e favorire la comunicazione interna ed esterna anche con l utilizzo delle tecnologie 5 Stipulare accordi di rete 1 promozione della partecipazione, cura delle relazioni e dei legami con il contesto; 2 gestione delle risorse strumentali e finanziarie, gestione amministrativa e adempimenti normativi Risorse umane interne e relativi costi aggiuntivi Risorse umane interne alla scuola DOCENTI Collaboratori scolastici Tipologia di attività Stesura Piano di Miglioramento Revisione periodica Comunicazione interna Numero di ore aggiuntive previste Spesa prevista Fonte finanziaria 150 ore 875,00 Euro FIS Bonus 50 Risorse umane esterne e risorse strumentali Tipologia di risorsa Spesa prevista Fonte finanziaria Formazione 1000,00 Euro Consulente 600,00 Euro Consulenze esterne La scuola si è avvalsa di consulenze esterne? Si No Pagina 17 di 17

Autovalutazione di Istituto a.s. 2014/2015

Autovalutazione di Istituto a.s. 2014/2015 VARIE FASI Fase 1-1 anno Autovalutazione di Istituto a.s. 2014/2015 Fase 2-2 anno Miglioramento a.s. 2015/2016 Fase 3-3 anno Rendicontazione sociale a.s. 2016/2017 Fase di valutazione esterna, su un primo

Dettagli

Piano di Miglioramento per il triennio 2016/2019 (ai sensi del D.P.R. 80/2013)

Piano di Miglioramento per il triennio 2016/2019 (ai sensi del D.P.R. 80/2013) DIREZIONE DIDATTICA STATALE GIOVANNI LILLIU Via Garavetti 1, 09129 CAGLIARI - tel. 070492737 fax 070457687 caee09800r@istruzione.it www.direzionedidatticagiovannililliu.gov.it Piano di Miglioramento per

Dettagli

Descrittori sotto ambito a1

Descrittori sotto ambito a1 ALLEGATO 1 Ambiti di Legge e sotto ambiti (Legge 107/15) Indicatori Descrittori Descrittori sotto ambito a1 volti ad evidenziare la qualità dell insegnamento ambito a) l. 107/15: qualità dell insegnamento

Dettagli

In riferimento alle suddette Aree si propongono i seguenti obiettivi di processo:

In riferimento alle suddette Aree si propongono i seguenti obiettivi di processo: ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA DELL INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA DI 1 GRADO "GIULIO TIFONI" 54027 PONTREMOLI - Via Roma,58 - tel.0187/830205 e fax 0187/461083 E-MAIL: msic814005@istruzione.it - cod.fiscale

Dettagli

PIANO DI MIGLIORAMENTO

PIANO DI MIGLIORAMENTO PIANO DI MIGLIORAMENTO Finalità generali: realizzare una scuola aperta, quale laboratorio permanente di ricerca, sperimentazione e innovazione didattica, di partecipazione e di educazione alla cittadinanza

Dettagli

CRITERI PER LA VALORIZZAZIONE DEL MERITO DEI DOCENTI

CRITERI PER LA VALORIZZAZIONE DEL MERITO DEI DOCENTI Allegato Verb 2 del 5/5/2016 CRITERI PER LA VALORIZZAZIONE DEL MERITO DEI DOCENTI PREREQUISITI - contratto a tempo indeterminato; - assenza di azioni disciplinari con sanzioni erogate nel corso dell a.s.

Dettagli

PON FESR 9035 - PROGETTO 10.8.1.A1-FESRPON-VE-2015-60

PON FESR 9035 - PROGETTO 10.8.1.A1-FESRPON-VE-2015-60 Circ. 341 Verona 23 maggio 2016 A TUTTI I DOCENTI Oggetto: Piano di Miglioramento (PDM): monitoraggio e verifica Come più volte comunicato il Piano di Miglioramento (PDM), redatto a inizio anno a seguito

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO FAENZA SAN ROCCO

ISTITUTO COMPRENSIVO FAENZA SAN ROCCO ISTITUTO COMPRENSIVO FAENZA SAN ROCCO PIANO DI MIGLIORAMENTO 1. COMPOSIZIONE DEL NUCLEO INTERNO DI VALUTAZIONE NOME Marisa Tronconi Teresa Grilli Marzia Zoli Nevio Bosi Adelaide Buti Cinzia Cornacchia

Dettagli

Indicatori Descrittori Documentazione a cura del

Indicatori Descrittori Documentazione a cura del Area A. Qualità dell insegnamento e del contributo al miglioramento dell istituzione scolastica, nonché del successo formativo e scolastico degli studenti A.1. Qualità dell insegnamento (7 indicatori)

Dettagli

Proposta Piano triennale di formazione. IPSSS E. De Amicis Collegio Docenti 24 maggio 2016

Proposta Piano triennale di formazione. IPSSS E. De Amicis Collegio Docenti 24 maggio 2016 Proposta Piano triennale di formazione IPSSS E. De Amicis Collegio Docenti 24 maggio 2016 Premessa Nella formulazione di una proposta per il piano di formazione da realizzare nel corso del prossimo triennio

Dettagli

Anno scolastico

Anno scolastico Anno scolastico 2015-16 PIANO DI MIGLIORAMENTO L Istituto Comprensivo BOTTACCHI nasce nel 2012 in seguito al Dimensionamento Scolastico decretato dall Ufficio Scolastico Regionale. In precedenza le scuole,

Dettagli

PIANO DI MIGLIORAMENTO

PIANO DI MIGLIORAMENTO Composizione del nucleo interno d valutazione PIANO DI MIGLIORAMENTO Ornella Sipala Angela Scuderi Carmela Perna Sebastiana La Mastra Michela Casciana Nome Ruolo Dirigente Scolastico Docente Scuola Secondaria

Dettagli

PIANO TRIENNALE PER L ATTUAZIONE DEL PIANO NAZIONALE SCUOLA DIGITALE ANIMATORE DIGITALE INS. RITA FERRETTI TRIENNIO 2016-2019

PIANO TRIENNALE PER L ATTUAZIONE DEL PIANO NAZIONALE SCUOLA DIGITALE ANIMATORE DIGITALE INS. RITA FERRETTI TRIENNIO 2016-2019 PIANO TRIENNALE PER L ATTUAZIONE DEL PIANO NAZIONALE SCUOLA DIGITALE ANIMATORE DIGITALE INS. RITA FERRETTI TRIENNIO 2016-2019 PREMESSA Il nostro istituto al fine di sviluppare e di migliorare le competenze

Dettagli

Il Dirigente Scolastico

Il Dirigente Scolastico Prot. n. 3587 Oggetto : DELIBERA COMITATO DI VALUTAZIONE. Il Dirigente Scolastico Vista la Legge 107/15 art. 1 comma 126,127.128.129; Viste le determinazioni assunte dal Collegio dei docenti in data 08/02/2016;

Dettagli

ISTITUTO SECONDARIA SUPERIORE LA FARINA-BASILE Messina

ISTITUTO SECONDARIA SUPERIORE LA FARINA-BASILE Messina AMBITI E AZIONI Il presente piano presenta le azioni ritenute prioritarie e percorribili nel triennio 2016 2019. Esse sono aggregate con riferimento ai tre ambiti progettuali assegnati dal PNSD all animatore

Dettagli

Piano triennale per l attuazione del piano nazionale scuola digitale

Piano triennale per l attuazione del piano nazionale scuola digitale Piano triennale per l attuazione del piano nazionale scuola digitale Animatore digitale d istituto triennio 2016-2019 docente Scafuto Teresa Premessa Il nostro istituto al fine di sviluppare e di migliorare

Dettagli

Mappa indicatori per Rapporto di Autovalutazione

Mappa indicatori per Rapporto di Autovalutazione Mappa indicatori per Rapporto di Autovalutazione Novembre 2014 INDICE della MAPPA INDICATORI 1 Contesto... 2 1.1 Popolazione scolastica... 2 1.2 Territorio e capitale sociale... 3 1.3 Risorse economiche

Dettagli

CRITERI PER LA VALORIZZAZIONE DELLA PROFESSIONALITA DOCENTE

CRITERI PER LA VALORIZZAZIONE DELLA PROFESSIONALITA DOCENTE CRITERI PER LA VALORIZZAZIONE DELLA PROFESSIONALITA DOCENTE (art. 1, comma 129, della legge 107/2015) Documento approvato dal Comitato per la valutazione dei docenti in data 2 maggio 2016 Il Comitato per

Dettagli

Istituto Comprensivo San Giacomo - La Mucone" San Giacomo d Acri (CS) Tel e Fax

Istituto Comprensivo San Giacomo - La Mucone San Giacomo d Acri (CS) Tel e Fax Istituto Comprensivo San Giacomo - La Mucone" 87040 San Giacomo d Acri (CS) Tel e Fax. 0984-952025 SITO WEB: www.ic-acrisangiacomo.it email CSIC88400A@ISTRUZIONE.IT Codice Scuola CSIC88400A- C.F. 98094150780

Dettagli

IL PROFILO PROFESSIONALE ATTESO ANNA MARIA DI NOCERA

IL PROFILO PROFESSIONALE ATTESO ANNA MARIA DI NOCERA IL PROFILO PROFESSIONALE ATTESO ANNA MARIA DI NOCERA CONTENUTI 1. La funzione docente 2. L autonomia scolastica e le nuove competenze del docente 3. Il profilo professionale nel CCNL 4. La legge n. 107/2015

Dettagli

(delibera del Collegio dei docenti del 01/09/2016) AREA 1

(delibera del Collegio dei docenti del 01/09/2016) AREA 1 (delibera del Collegio dei docenti del 01/09/2016) AREA 1 1. GESTIONE DEL PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA Stesura del P.O.F. (versione integrale e sintetica) PTOF, PdM, inclusi eventuali aggiornamenti in

Dettagli

Istituto di Istruzione Superiore Statale

Istituto di Istruzione Superiore Statale CRITERI PER LA VALORIZZAZIONE DEI DOCENTI (deliberati dal Comitato di Valutazione in data 12 aprile 2016 ai sensi dell art. 1 comma 126 e ssgg). Legge 107/2015) Area ex L.107 Descrittori Precisazioni e/o

Dettagli

ALLEGATO 1. Descrittori

ALLEGATO 1. Descrittori A1) Qualità dell'insegnamento Conseguimento di competenze professionali certificate e attestati di formazione con ricaduta sull attività professionale (rif. anno in corso) Capacità di progettazione Capacità

Dettagli

VERIFICA PIANO DI MIGLIORAMENTO IC BAGNOLO SAN VITO 2015/16 18 FEBBRAIO 2016

VERIFICA PIANO DI MIGLIORAMENTO IC BAGNOLO SAN VITO 2015/16 18 FEBBRAIO 2016 PRIORITA 1 Miglioramento delle prestazioni nelle prove standardizzate Traguardo : maggior allineamento dei risultati prove INVALSI a quelli di scuole contesti simili OBIETTIVI DI Elaborare una progettazione

Dettagli

Progetto triennale di intervento dell animatore digitale Prof. Nicola Zompa

Progetto triennale di intervento dell animatore digitale Prof. Nicola Zompa Premessa Progetto triennale di intervento dell animatore digitale Prof. Nicola Zompa L Animatore Digitale è un docente che, insieme al Dirigente Scolastico e al Direttore Amministrativo, coordinerà la

Dettagli

Gli strumenti Unioncamere per l Orientamento. Licia Cianfriglia Vicepresidente ANP

Gli strumenti Unioncamere per l Orientamento. Licia Cianfriglia Vicepresidente ANP Gli strumenti Unioncamere per l Orientamento il sistema informativo Excelsior e il portale Filo Licia Cianfriglia Vicepresidente ANP Introduzione al secondo webinar per dirigenti e docenti a cura di Anp,

Dettagli

Piano di Miglioramento (PDM) dell'istituzione scolastica

Piano di Miglioramento (PDM) dell'istituzione scolastica Piano di Miglioramento (PDM) dell'istituzione scolastica Adattamento del Modello di Piano di Miglioramento INDIRE (Pagina 1 di 12) Indice Istituto Paritario Scuola Cattolica don Bosco Sommario 1. Obiettivi

Dettagli

Percorsi formativi Moduli richiesti Tematiche

Percorsi formativi Moduli richiesti Tematiche ALLEGATO III Obiettivo specifico: 10.8 Diffusione della società della conoscenza nel mondo della scuola e della formazione e adozione di approcci didattici innovativi. Percorsi formativi Moduli richiesti

Dettagli

PROGETTO ORIENTAMENTO

PROGETTO ORIENTAMENTO PROGETTO ORIENTAMENTO anno scolastico 2014.15 Finalità: - L orientamento è un processo di apprendimento contestuale all attività curricolare, struttura non accessoria ma centrale dell azione formativa:

Dettagli

ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE E. MAJORANA ROSSANO (CS)

ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE E. MAJORANA ROSSANO (CS) ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE E. MAJORANA ROSSANO (CS) PIANO TRIENNALE DELL OFFERTA FORMATIVA AA. SS. 2016-2019 Revisione 1 Gennaio 2016 ARTICOLAZIONE DEL POF PARTE I LA SCUOLA E LA REALTÀ TERRITORIALE

Dettagli

PIANO DI MIGLIORAMENTO. Tabella 1 Composizione dell Unità di Autovalutazione

PIANO DI MIGLIORAMENTO. Tabella 1 Composizione dell Unità di Autovalutazione PIANO DI MIGLIORAMENTO Tabella 1 Composizione dell Unità di Autovalutazione Nome Prof.ssa Alessandra Fusaro Prof. ssa Paola Zanon Prof. Marco Valletta Prof. ssa Piera Del Vesco Prof. Paolo Spadetto Prof.ssa

Dettagli

Una questione complicata

Una questione complicata Una questione complicata mettere in ordine Documenti MIUR MIUR.AOODPIT.REGISTRO UFFICIALE(U).0000035.07-01-2016 OGGETTO: Indicazioni e orientamenti per la definizione del piano triennale per la formazione

Dettagli

Scheda Piano di Miglioramento. Priorità Descrizione Traguardo Migliorare i risultati delle Prove INVALSI di italiano

Scheda Piano di Miglioramento. Priorità Descrizione Traguardo Migliorare i risultati delle Prove INVALSI di italiano Scheda Piano di Miglioramento Meccanografico della scuola PDIC84300G Denominazione della scuola ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DI GRANTORTO (PD) Priorità individuate nel Rapporto di Autovalutazione Priorità

Dettagli

CRITERI PER LA VALUTAZIONE DEL MERITO DEI DOCENTI. LEGGE 107 comma 129 punto 3

CRITERI PER LA VALUTAZIONE DEL MERITO DEI DOCENTI. LEGGE 107 comma 129 punto 3 ALLEGATO 1 CRITERI PER LA VALUTAZIONE DEL MERITO DEI DOCENTI. LEGGE 107 comma 129 punto 3 QUALITA DELL INSEGNAMENTO CONTRIBUTO AL DELL ISTITUZIONE SCOLASTICA CURA DELL AZIONE DIDATTICA APPORTO AL 1. Strategie

Dettagli

PRIORITA 1 Miglioramento delle prestazioni nelle prove standardizzate

PRIORITA 1 Miglioramento delle prestazioni nelle prove standardizzate OBIETTIVI DI PRIORITA 1 Miglioramento delle prestazioni nelle prove standardizzate Elaborare una progettazione didattica condivisa, che preveda prove comuni concordate per classi parallele, soprattutto

Dettagli

DAL RAV AL PIANO DI MIGLIORAMENTO

DAL RAV AL PIANO DI MIGLIORAMENTO IC SARNELLI DE DONATO RODARI A.S. 2015-2016 DAL RAV AL PIANO DI MIGLIORAMENTO Ref. Autovalutazione Prof.ssa M. Notarachille PRIORITA' E TRAGUARDI PRIORITA' TRAGUARDI Risultati scolastici Migliorare i risultati

Dettagli

Introduzione. Il Dirigente Scolastico

Introduzione. Il Dirigente Scolastico Introduzione La L.107/2015, cosiddetta della Buona scuola, prevede che, ogni Istituzione scolastica, entro il 16 gennaio 2016, approvi il P.t.o.f. (Piano triennale dell offerta formativa), contenente le

Dettagli

MINISTERO DELL'ISTRUZIONE, DELL'UNIVERSITA' E DELLA RICERCA

MINISTERO DELL'ISTRUZIONE, DELL'UNIVERSITA' E DELLA RICERCA MINISTERO DELL'ISTRUZIONE, DELL'UNIVERSITA' E DELLA RICERCA Istituto Comprensivo Statale di Rosciano P.zza Berlinguer n.5/6 Posta elettronica: peic819009@istruzione.it Sitoweb: www.istitutocomprensivodirosciano.com

Dettagli

Piano di Miglioramento (PDM) Dell'istituzione scolastica PSPC03000N L. CLASSICO - LING. - SC. UMANE MAMIANI

Piano di Miglioramento (PDM) Dell'istituzione scolastica PSPC03000N L. CLASSICO - LING. - SC. UMANE MAMIANI Piano di Miglioramento (PDM) Dell'istituzione scolastica PSPC03000N L. CLASSICO - LING. - SC. UMANE MAMIANI Modello di Piano di Miglioramento INDIRE (Pagina 1 di 11) Indice Sommario 1. Obiettivi di processo

Dettagli

PIANO PER LA FORMAZIONE DEI DOCENTI Il 3 Ottobre 2016 il MIUR ha presentato il Piano per la formazione dei docenti

PIANO PER LA FORMAZIONE DEI DOCENTI Il 3 Ottobre 2016 il MIUR ha presentato il Piano per la formazione dei docenti PIANO PER LA FORMAZIONE DEI DOCENTI 2016-2019 Il 3 Ottobre 2016 il MIUR ha presentato il Piano per la formazione dei docenti a cura di Assunta Mirante Perché un piano per la formazione docenti La formazione

Dettagli

Via XVIII Aprile, 2/a 44011 ARGENTA (FE) Tel. e Fax 0532/804048

Via XVIII Aprile, 2/a 44011 ARGENTA (FE) Tel. e Fax 0532/804048 Prot. n. 2083/A.19 Argenta, 5 maggio 2016 Oggetto : Individuazione dei Criteri per la valorizzazione del merito del personale docente di ruolo ai fini dell assegnazione del bonus (legge n. 107/15 commi

Dettagli

ACCOGLIENZA EDUCATIVA E VERIFICA INIZIALE DIAGNOSTICA MESE DI SETTEMBRE P, 5,6 (BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI)

ACCOGLIENZA EDUCATIVA E VERIFICA INIZIALE DIAGNOSTICA MESE DI SETTEMBRE P, 5,6 (BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI) ACCOGLIENZA EDUCATIVA E VERIFICA INIZIALE DIAGNOSTICA MESE DI SETTEMBRE CONTENUTI ORGANIZZATI PER ASSI, CAMPI DI ESPERIENZA/AMBITI DISCIPLINARI/DISCIPLINE ASSE DEI LINGUAGGI VERBALI I discorsi e le parole

Dettagli

SCUOLA STATALE SECONDARIA DI 1 GRADO GOBETTI-DE FILIPPO - QUARTO (Na)

SCUOLA STATALE SECONDARIA DI 1 GRADO GOBETTI-DE FILIPPO - QUARTO (Na) SCUOLA STATALE SECONDARIA DI 1 GRADO GOBETTI-DE FILIPPO - QUARTO (Na) Progetto triennale di intervento dell animatore digitale Prof. Rossana Marino da inserire nel per il PTOF Premessa L Animatore Digitale

Dettagli

PROGETTO TRIENNALE DI INTERVENTO DELL ANIMATORE DIGITALE PNSD. Allegato al PTOF a cura della docente Angela Donatiello

PROGETTO TRIENNALE DI INTERVENTO DELL ANIMATORE DIGITALE PNSD. Allegato al PTOF a cura della docente Angela Donatiello PROGETTO TRIENNALE DI INTERVENTO DELL ANIMATORE DIGITALE PNSD Premessa Allegato al PTOF 2016-2019 a cura della docente Angela Donatiello La legge 107/2015 prevede che a partire dall anno 2016 tutte le

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO SALVEMINI - TARANTO PIANO OFFERTA FORMATIVA A.S. /

ISTITUTO COMPRENSIVO SALVEMINI - TARANTO PIANO OFFERTA FORMATIVA A.S. / ISTITUTO COMPRENSIVO SALVEMINI - TARANTO PIANO OFFERTA FORMATIVA A.S. / MODELLO Progetti PTOF: aspetto didattico A. Specifiche A.1 TITOLO Denominazione attività : Progetto curricolare extracurricolare

Dettagli

DIPARTIMENTI DISCIPLINARI VERTICALI I. C. 15 Bologna. 28 gennaio 2013 Antonio Castriotta

DIPARTIMENTI DISCIPLINARI VERTICALI I. C. 15 Bologna. 28 gennaio 2013 Antonio Castriotta DIPARTIMENTI DISCIPLINARI VERTICALI I. C. 15 Bologna 28 gennaio 2013 Antonio Castriotta CURRICOLO VERTICALE D'ISTITUTO muovendo dai soggetti dell'apprendimento e sulla base delle Indicazioni nazionali

Dettagli

RISORSE PROFESSIONALI:

RISORSE PROFESSIONALI: RISORSE PROFESSIONALI: Quantità e qualità del personale della scuola (conoscenze e competenze disponibili) Dal RAV: - La percentuale di docenti a tempo indeterminato in servizio nei tre ordini di scuola

Dettagli

C. D. A. De Gasperi - Palermo A.S

C. D. A. De Gasperi - Palermo A.S Piazza Papa Giovanni Paolo II, 906 Palermo Tel 09 599 Fax 09 67099 E-mail: paee000@istruzione.it C. D. A. De Gasperi - Palermo A.S. 05-06 CONDIZIONI DI ACCESSO ALLA VALUTAZIONE DEI DOCENTI: -Assenza di

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO NOVENTA DI PIAVE SCHEDA DI PROGETTO

ISTITUTO COMPRENSIVO NOVENTA DI PIAVE SCHEDA DI PROGETTO ISTITUTO COMPRENSIVO NOVENTA DI PIAVE SCHEDA DI PROGETTO Istituto Comprensivo Noventa di Piave Anno scolastico 2016 /2017 Referenti: Prof.ssa Cristina D Antoni NOME DEL PROGETTO: Studiare è più facile

Dettagli

Piano di Miglioramento (PDM)

Piano di Miglioramento (PDM) Piano di Miglioramento (PDM) Dell'istituzione scolastica BAIC84400D EL/7 C.D. MONTELLO - SM SANTOM Modello di Piano di Miglioramento INDIRE (Pagina 1 di 24) Indice 1. Obiettivi di processo o o o 1.1 Congruenza

Dettagli

INDICE 1.2 - PRIORITA, TRAGUARDI, OBIETTIVI INDIVIDUATI DAL RAV

INDICE 1.2 - PRIORITA, TRAGUARDI, OBIETTIVI INDIVIDUATI DAL RAV INDICE LA DEFINIZIONE DELLA VISION E DELLA MISSION DELLA SCUOLA CAP. 1 LE PRIORITÁ STRATEGICHE 1.1 - DESCRIZIONE DELL AMBIENTE DI RIFERIMENTO E DELLE RISORSE DISPONIBILI 1.1.1 - Popolazione scolastica

Dettagli

RAV perché? Permetterà alla scuola di compiere un autentica autoanalisi dei punti di forza e di criticità, grazie a dati comparabili

RAV perché? Permetterà alla scuola di compiere un autentica autoanalisi dei punti di forza e di criticità, grazie a dati comparabili RAV perché? Permetterà alla scuola di compiere un autentica autoanalisi dei punti di forza e di criticità, grazie a dati comparabili Consentirà di porre in relazione gli esiti dell apprendimento con i

Dettagli

COLLEGIO DEI DOCENTI, CONSIGLIO DI ISTITUTO, COMITATO DI VALUTAZIONE, DIRIGENTE SCOLASTICO, RSU DOPO LA LEGGE 107/15

COLLEGIO DEI DOCENTI, CONSIGLIO DI ISTITUTO, COMITATO DI VALUTAZIONE, DIRIGENTE SCOLASTICO, RSU DOPO LA LEGGE 107/15 COLLEGIO DEI DOCENTI, CONSIGLIO DI ISTITUTO, COMITATO DI VALUTAZIONE, DIRIGENTE SCOLASTICO, RSU DOPO LA LEGGE 107/15 ARGOMENTO AZIONE LEGGE DI RIFERIMENTO ORGANO COMPETENTE Prerogativa didattica Impiego

Dettagli

MODULO PER LA RICHIESTA DI VALUTAZIONE DEL MERITO DOCENTI

MODULO PER LA RICHIESTA DI VALUTAZIONE DEL MERITO DOCENTI Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca AL DIRIGENTE SCOLASTICO MODULO PER LA RICHIESTA DI VALUTAZIONE DEL MERITO DOCENTI Il/La sottoscritto/a nato/a il, domiciliato/a in via c.a.p.,

Dettagli

Piano Nazionale Scuola Digitale PER IL PTOF

Piano Nazionale Scuola Digitale PER IL PTOF MINISTERO DELL ISTRUZIONE DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA I S T I T U T O C O M P R E N S I V O S T A T A L E Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria - Via Broli, 4-24060 CASAZZA (BG) Tel 035/810016

Dettagli

INVALSI 2015 Rilevazioni Nazionali degli apprendimenti Analisi, riflessioni, formazione

INVALSI 2015 Rilevazioni Nazionali degli apprendimenti Analisi, riflessioni, formazione INVALSI 2015 Rilevazioni Nazionali degli apprendimenti Analisi, riflessioni, formazione PREMESSA Il M.I.U.R. ha fornito una anticipazione dei risultati delle prove INVALSI 2015 mediante la loro presentazione,

Dettagli

Questionario Personale ATA

Questionario Personale ATA Questionario Personale ATA DOMANDE 2 4 5 7 0 % % % % % 4"Parzialmente in accordo parzialmente in accordo % 1 La funzionalità strutturale dell edificio, lo stato di manutenzione e la funzionalità delle

Dettagli

La Valutazione e lo Sviluppo della Scuola

La Valutazione e lo Sviluppo della Scuola La Valutazione e lo Sviluppo della Scuola Roma 28 Novembre 2012 ITIS G. Galilei Dal processo al Rapporto di autovalutazione Sara Romiti Ricercatrice INVALSI Le aree del Rapporto di valutazione ANALISI

Dettagli

Progetto per l attuazione del PNSD nel PTOF 2016-2019

Progetto per l attuazione del PNSD nel PTOF 2016-2019 Premessa Progetto per l attuazione del PNSD nel PTOF 2016-2019 Il Piano nazionale scuola Digitale (PNSD) (D.M. n.851 del 27/10/2015) si pone nell ottica di scuola non più unicamente trasmissiva e di scuola

Dettagli

Corso di formazione Concorso a cattedra 2016 Le competenze e abilità del docente. Programma

Corso di formazione Concorso a cattedra 2016 Le competenze e abilità del docente. Programma Corso di formazione Concorso a cattedra Le competenze e abilità del docente Programma DESTINATARI Candidati del Concorso a Cattedra per tutte le classi di concorso di ogni ordine e grado. NUMERO PARTECIPANTI

Dettagli

Piano di miglioramento Dagli obiettivi alle azioni

Piano di miglioramento Dagli obiettivi alle azioni Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale della Sardegna Misure di accompagnamento per l avvio del Sistema Nazionale di Valutazione ORISTANO 13 Gennaio 2015

Dettagli

PON Corsi Formazione PNSD Assistenti Amministrativi

PON Corsi Formazione PNSD Assistenti Amministrativi PON Corsi Formazione PNSD Assistenti Amministrativi Il PNSD a scuola 4 Missione e visione del PNSD; azioni del PNSD Opportunità di partecipazione a bandi nazionali ed europe Docenza formazione su tematiche

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA GESTIONE DELLA CONTINUITÀ

LINEE GUIDA PER LA GESTIONE DELLA CONTINUITÀ LINEE GUIDA PER LA GESTIONE DELLA CONTINUITÀ Uno degli obiettivi principali della nostra Scuola è garantire la gradualità e la personalizzazione del percorso formativo di ogni bambino. La scuola dell infanzia,

Dettagli

PNSD PER IL PTOF LICEO STATALE "FILIPPO BUONARROTI" ALLEGATO 5. AMBITI di INTERVENTO: FORMAZIONE INTERNA COINVOLGIMENTO COMUNITA SCOLASTICA

PNSD PER IL PTOF LICEO STATALE FILIPPO BUONARROTI ALLEGATO 5. AMBITI di INTERVENTO: FORMAZIONE INTERNA COINVOLGIMENTO COMUNITA SCOLASTICA LICEO STATALE "FILIPPO BUONARROTI" PNSD PER IL PTOF ALLEGATO 5 AMBITI di INTERVENTO: ANIMATORE DIGITALE: Prof.ssa Paola Pagliariccio Liceo Statale F. Buonarroti - PISA - Piano PNSD allegato al PTOF 2016-2019

Dettagli

Piano di Miglioramento Anno Scolastico 2015/2016 Allegato al Piano Triennale dell'offerta Formativa Delibera del 11/01/2016

Piano di Miglioramento Anno Scolastico 2015/2016 Allegato al Piano Triennale dell'offerta Formativa Delibera del 11/01/2016 Piano di Miglioramento Anno Scolastico 2015/2016 Allegato al Piano Triennale dell'offerta Formativa Delibera del 11/01/2016 Pianificazione del Piano di Miglioramento a partire dalle priorità indicate nella

Dettagli

PROGETTO Educazione al patrimonio culturale e scientifico della Valle d Aosta Anno scolastico 2008/2009

PROGETTO Educazione al patrimonio culturale e scientifico della Valle d Aosta Anno scolastico 2008/2009 Allegato 1 alla D.G.R. n. 201 del 1 febbraio 2008 PROGETTO Educazione al patrimonio culturale e scientifico della Valle d Aosta Anno scolastico 2008/2009 AMBITO: promozione della valorizzazione e della

Dettagli

MINISTERO ISTRUZIONE, UNIVERSITA E RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER LA SICILIA Osservatorio Regionale Dispersione Scolastica

MINISTERO ISTRUZIONE, UNIVERSITA E RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER LA SICILIA Osservatorio Regionale Dispersione Scolastica MINISTERO ISTRUZIONE, UNIVERSITA E RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER LA SICILIA Osservatorio Regionale Dispersione Scolastica Piano regionale INNALZAMENTO COMPETENZE DI BASE SCUOLE PRIMARIE «POTENZIAMENTO»

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di 1 grado RAGAZZI D EUROPA

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di 1 grado RAGAZZI D EUROPA Prot. n. Casalnuovo di Napoli, / / ATTO D INDIRIZZO AL COLLEGIO DEI DOCENTI PER LA PREDISPOSIZIONE DEL POF TRIENNALE IL DIRIGENTE SCOLASTICO VISTO il D.P.R. n.297/94 ; VISTO il D.P.R. n. 275/99; VISTO

Dettagli

CRITERI PER LA VALORIZZAZIONE DELLA PROFESSIONALITÀ DOCENTE (art. 1, comma 129, della legge 107/2015)

CRITERI PER LA VALORIZZAZIONE DELLA PROFESSIONALITÀ DOCENTE (art. 1, comma 129, della legge 107/2015) DIREZIONE DIDATTICA STATALE di Celano via Madonna delle Grazie 67043 (AQ) TEL. 0863/791228 Fax 0863790135 Codice Fiscale 81006250666 e-mail aqee031004@istruzione.it e-mail pecaqee031004@pec.istruzione.it

Dettagli

Collegio docenti. Report FF.SS. Floriana Di Renzo (Area 1) Renata Pirozzi (Area 2) Ida Sorrentino (Area 3) 14 gennaio 2016

Collegio docenti. Report FF.SS. Floriana Di Renzo (Area 1) Renata Pirozzi (Area 2) Ida Sorrentino (Area 3) 14 gennaio 2016 Collegio docenti Report FF.SS. Floriana Di Renzo (Area 1) Renata Pirozzi (Area 2) Ida Sorrentino (Area 3) 14 gennaio 2016 PROPOSTA PROGETTUALE (Collegio docenti 10/09/15) AREA ATTIVITA' AREA 1 PROGETTAZIONE

Dettagli

AVVIO DEL S.N.V. IN Emilia-Romagna A.S. 2015/2016

AVVIO DEL S.N.V. IN Emilia-Romagna A.S. 2015/2016 AVVIO DEL S.N.V. IN Emilia-Romagna A.S. 2015/2016 «Dal R.A.V. al Piano di Miglioramento: priorità, traguardi di miglioramento e obiettivi di processo» Introduzione a cura del Dirigente Tecnico Francesco

Dettagli

ATTO DI INDIRIZZO RIGUARDANTE LA DEFINIZIONE E LA PREDISPOSIZIONE DEL PIANO TRIENNALE DELL OFFERTA FORMATIVA TRIENNIO 2016-17, 2017-18 e 2018-19

ATTO DI INDIRIZZO RIGUARDANTE LA DEFINIZIONE E LA PREDISPOSIZIONE DEL PIANO TRIENNALE DELL OFFERTA FORMATIVA TRIENNIO 2016-17, 2017-18 e 2018-19 ATTO DI INDIRIZZO RIGUARDANTE LA DEFINIZIONE E LA PREDISPOSIZIONE DEL PIANO TRIENNALE DELL OFFERTA FORMATIVA TRIENNIO 2016-17, 2017-18 e 2018-19 Al Collegio dei Docenti E, p.c. Al Consiglio d istituto

Dettagli

PIANO PER LA FORMAZIONE DEI DOCENTI

PIANO PER LA FORMAZIONE DEI DOCENTI PIANO PER LA FORMAZIONE DEI DOCENTI 2016-2019 IN SINTESI Formazione obbligatoria, permanente e strutturale Coinvolti tutti i 750mila docenti 1.4 miliardi di euro per 3 anni: 325 mln per il Piano + 1.1

Dettagli

Un esperienza di rete locale co-partecipata: il Progetto V.A.I.

Un esperienza di rete locale co-partecipata: il Progetto V.A.I. Un esperienza di rete locale co-partecipata: il Progetto V.A.I. Vincitore del PREMIO INNOVAZIONE 2007 Qualità e semplificazione A CURA DI : Rita Giannetti e Gabriella Zoff Centri Regionali di Orientamento

Dettagli

Il piano per la formazione docenti in breve

Il piano per la formazione docenti in breve Il piano per la formazione docenti in breve legge 107/2015 La formazione in servizio diventa obbligatoria, permanente e strutturale più valore al ruolo del docente per un sistema educativo di qualità in

Dettagli

SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO A. VOLTA CRITERI PER LA VALUTAZIONE DEI DOCENTI. (legge n. 107/2015 art. 1)

SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO A. VOLTA CRITERI PER LA VALUTAZIONE DEI DOCENTI. (legge n. 107/2015 art. 1) SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO A. VOLTA VIA Venezia, 75 TARANTO CRITERI PER LA VALUTAZIONE DEI DOCENTI (legge n. 107/2015 art. 1) Ambiti legge 107 Abilità-Competenze Descrittori Lettera A A1)Qualità dell

Dettagli

I DIPARTIMENTI DISCIPLINARI

I DIPARTIMENTI DISCIPLINARI I DIPARTIMENTI DISCIPLINARI Per una scuola bene organizzata Resp. Proc. DS arch. prof. paola calenda 09 1 Con il termine DIPARTIMENTO DISCIPLINARE si indica l'organismo formato dai docenti di una medesima

Dettagli

DAL RAPPORTO DI AUTOVALUTAZIONE (RAV) AL PIANO TRIENNALE OFFERTA FORMATIVA (PTOF) un percorso da condividere

DAL RAPPORTO DI AUTOVALUTAZIONE (RAV) AL PIANO TRIENNALE OFFERTA FORMATIVA (PTOF) un percorso da condividere DAL RAPPORTO DI AUTOVALUTAZIONE (RAV) AL PIANO TRIENNALE OFFERTA FORMATIVA (PTOF) un percorso da condividere (a cura della prof.ssa Mazzocco, incaricata Funzione Strumentale Area 1) Il RAV è il Rapporto

Dettagli

Il Piano di Miglioramento (PdM)

Il Piano di Miglioramento (PdM) Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Istituto Comprensivo Statale ROBERTO CASTELLANI Via della Polla, 34-5904 PRATO Tel.0574/62448 0574/624608 Fax.0574/62263 Sito: www.castellani.prato.it/

Dettagli

PIANO DI MIGLIORAMENTO RELATIVO AL RAV 2015

PIANO DI MIGLIORAMENTO RELATIVO AL RAV 2015 I.S.I.S. GIOSUE CARDUCCI DANTE ALIGHIERI Liceo Classico; Liceo Linguistico; Liceo Musicale Liceo delle Scienze Umane; delle Scienze Umane opzione Economico Sociale. 34133 TRIESTE - Via Giustiniano, 3 TSIS00400D

Dettagli

UNITARIETA DELLA SCUOLA DI BASE E CURRICOLO VERTICALE. Isp. Luciano Rondanini

UNITARIETA DELLA SCUOLA DI BASE E CURRICOLO VERTICALE. Isp. Luciano Rondanini UNITARIETA DELLA SCUOLA DI BASE E CURRICOLO VERTICALE Isp. Luciano Rondanini STRUTTURA DELLE INDICAZIONI NAZIONALI CULTURA SCUOLA PERSONA La scuola nel nuovo scenario- Centralità della persona- Per una

Dettagli

- Rilevazione situazioni di disagio e/o di difficoltà di studio e proposta di modalità/strategie didattiche di prevenzione/soluzione

- Rilevazione situazioni di disagio e/o di difficoltà di studio e proposta di modalità/strategie didattiche di prevenzione/soluzione INDIVIDUAZIONE AREE FUNZIONALI E COMPITI FF.SS. AREA 3 Gestione degli interventi e dei servizi per gli studenti 1 ORIENTAMENTO - Coordinamento delle commissioni Orientamento in entrata e in uscita - Predisposizione

Dettagli

BOZZA di Decreto attuativo del comma 632 dell'art. 1 della L. n. 296 del 27 dicembre 2006 (finanziaria 2007)

BOZZA di Decreto attuativo del comma 632 dell'art. 1 della L. n. 296 del 27 dicembre 2006 (finanziaria 2007) BOZZA di Decreto attuativo del comma 632 dell'art. 1 della L. n. 296 del 27 dicembre 2006 (finanziaria 2007) VISTA la Legge, art. 1, comma 632, riguardante la riorganizzazione dei centri territoriali permanenti

Dettagli

A scuola di competenze

A scuola di competenze Dipartimento di Filosofia e Scienze dell Educazione - Università di Torino Progetto di ricerca A scuola di competenze 2013-2014 2014-2015 Obiettivi 1. Rispondere ai bisogni di formazione dei docenti in

Dettagli

PROGETTI DEL CIRCOLO. Ministero dell istruzione, dell Universita e della Ricerca 1 CIRCOLO DIDATTICO VIA NANNI 13 OLBIA

PROGETTI DEL CIRCOLO. Ministero dell istruzione, dell Universita e della Ricerca 1 CIRCOLO DIDATTICO VIA NANNI 13 OLBIA PROGETTI DEL CIRCOLO Ministero dell istruzione, dell Universita e della Ricerca 1 CIRCOLO DIDATTICO VIA NANNI 13 OLBIA PROGETTO INCLUSIONE: Una Scuola Per Tutti Il progetto è volto a garantire le priorità

Dettagli

Lezione 1 L impianto del Corso di preparazione alla prova scritta. Le Indicazioni Nazionali per il Curricolo

Lezione 1 L impianto del Corso di preparazione alla prova scritta. Le Indicazioni Nazionali per il Curricolo SCUOLA PRIMARIA SCUOLA DEELL INFANZIA a cura di GIUSEPPE DUMINUCO Lezione 1 L impianto del Corso di preparazione alla prova scritta. Le Indicazioni Nazionali per il Curricolo Questo Corso di preparazione

Dettagli

Prot. N Pisa, 25/09/2015

Prot. N Pisa, 25/09/2015 Istituto Tecnico Commerciale Statale Antonio Pacinotti Via Benedetto Croce, 34 Pisa 050-23520 fax:050-40848 www.itcpacinotti.pisa.it pitd01000g@istruzione.it Prot. N Pisa, 25/09/2015 Al Collegio dei Docenti

Dettagli

Istituto Comprensivo Montelabbate PROGETTAZIONE ATTIVITA DELL ORGANICO A.S. 2016/2017. Scuola Primaria di Osteria Nuova

Istituto Comprensivo Montelabbate PROGETTAZIONE ATTIVITA DELL ORGANICO A.S. 2016/2017. Scuola Primaria di Osteria Nuova Istituto Comprensivo Montelabbate PROGETTAZIONE ATTIVITA D EI D O C E N T I DELL ORGANICO POTENZIATO A.S. 2016/2017 Scuola Primaria di Osteria Nuova INTRODUZIONE La Scuola Primaria di Osteria Nuova ha

Dettagli

SCHEDA PROGETTO. 1.1 Denominazione progetto Indicare denominazione del progetto. 1.2 Responsabile del progetto Indicare il responsabile del progetto.

SCHEDA PROGETTO. 1.1 Denominazione progetto Indicare denominazione del progetto. 1.2 Responsabile del progetto Indicare il responsabile del progetto. ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE G.CIMA di Scuola Materna, Elementare e Media Via Raimondo Scintu Tel.070/986015 Fax 070/9837226 09040 GUASILA (Cagliari) SCHEDA PROGETTO 1.1 Denominazione progetto Indicare

Dettagli

ATTO DI INDIRIZZO RIGUARDANTE LA DEFINIZIONE E LA PREDISPOSIZIONE DEL PIANO TRIENNALE DELL OFFERTA FORMATIVA. TRIENNIO , e

ATTO DI INDIRIZZO RIGUARDANTE LA DEFINIZIONE E LA PREDISPOSIZIONE DEL PIANO TRIENNALE DELL OFFERTA FORMATIVA. TRIENNIO , e ISTITUTO STATALE ISTRUZIONE SUPERIORE GIOVANNI XXIII Via Moscati, 4 84134 - SALERNO SETTORE TECNOLOGICO INDIRIZZO: TRASPORTI E LOGISTICA SETTORE SERVIZI INDIRIZZO: SERVIZI COMMERCIALI SETTORE INDUSTRIA

Dettagli

TRIENNIO ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE SCUOLA INFANZIA PRIMARIA SECONDARIA DI 1 GRADO Giovanni XXIII Monte San Biagio- Lenola (LT)

TRIENNIO ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE SCUOLA INFANZIA PRIMARIA SECONDARIA DI 1 GRADO Giovanni XXIII Monte San Biagio- Lenola (LT) I Monte San Biagio- Lenola (LT) TRIENNIO 2016-19 1. Premessa L azione #28 del Piano Nazionale Scuola Digitale prevede la nomina di un docente ad animatore digitale ossia un docente che deve elaborare progetti

Dettagli

Valorizzazione del merito

Valorizzazione del merito Valorizzazione del merito Criteri del comitato di valutazione 1 Il comitato di valutazione la composizione c. 129 Il dirigente, che lo presiede Tre docenti, di cui due scelti dal collegio uno dal consiglio

Dettagli

CURRICULUM VITAE PER ASSEGNAZIONE DELL'INCARICO

CURRICULUM VITAE PER ASSEGNAZIONE DELL'INCARICO CURRICULUM VITAE PER ASSEGNAZIONE DELL'INCARICO AMBITO: AGRIGENTO AMBITO 2 POSTO O CLASSE DI CONCORSO: SCUOLA POSTO COMUNE PRIMARIA INDIRIZZO EMAIL: //////////////////////// COGNOME: VARISANO NOME: LOREDANA

Dettagli

Incontro formativo e assemblea Comitato Genitori 24/10/2015

Incontro formativo e assemblea Comitato Genitori 24/10/2015 Incontro formativo e assemblea L incipit della l.107/2015 «decreto la buona scuola» 1. Per affermare il ruolo centrale della scuola nella società della conoscenza e innalzare i livelli di istruzione e

Dettagli

MODULO BONUS PREMIALE LEGGE 107/2015

MODULO BONUS PREMIALE LEGGE 107/2015 Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca ISTITUTO COMPRENSIVO LECCO 1 LCIC82500N C.F. 92061390131 Via A. De Gasperi, 18 23900 Lecco Tel. 0341 255243 - Fax 0341 494650 e-mail: lcic82500n@istruzione.it

Dettagli

PROGETTO INTERCULTURA Anno scolastico 2010/2011

PROGETTO INTERCULTURA Anno scolastico 2010/2011 Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca Direzione didattica di Verolanuova Via Verdi 5 25028 Verolanuova ( Bs ) Tel 030931016 Fax 0309921051 e-mail uffici: bsee15300r@istruzione.it PROGETTO

Dettagli

Il contesto normativo di riferimento

Il contesto normativo di riferimento Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale della Sardegna Misure di accompagnamento per l avvio del Sistema Nazionale di Valutazione ORISTANO 13 Gennaio 2015

Dettagli

Valutazione dell apprendimento e misurazione degli apprendimenti: percorsi di sistema

Valutazione dell apprendimento e misurazione degli apprendimenti: percorsi di sistema Valutazione dell apprendimento e misurazione degli apprendimenti: percorsi di sistema CONFERENZA DI SERVIZIO SNV PUGLIA PROVINCIA DI FOGGIA 12 MARZO 2015 Gruppo di lavoro E - D.S. L. VITULANO prof.sse

Dettagli

1. Migliorare gli esiti degli studenti nelle prove INVALSI in riferimento a matematica e italiano.

1. Migliorare gli esiti degli studenti nelle prove INVALSI in riferimento a matematica e italiano. IL PIANO DI MIGLIORAMENTO Il piano di miglioramento dell Istituto Comprensivo ha come base di partenza il RAV (Rapporto di Autovalutazione) presente sul Portale Scuola in Chiaro del MIUR e ad esso fa riferimento

Dettagli

L AUTOVALUTAZIONE CHE CONVIENE: A TUTTI

L AUTOVALUTAZIONE CHE CONVIENE: A TUTTI L AUTOVALUTAZIONE CHE CONVIENE: A TUTTI Damiano Previtali Ecco perché abbiamo bisogno di autovalutazione Premessa Input output Input Processi output Contesto Input Processi Outcome Autovalutazione VS Valutazione

Dettagli