Convegno nazionale (Reggio Emilia, 2 Dicembre 2011)

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Convegno nazionale (Reggio Emilia, 2 Dicembre 2011)"

Transcript

1 Convegno nazionale (Reggio Emilia, 2 Dicembre 2011) Organizzazione per la ricerca ed esperienze di ricerca. Research goal: risultati di salute dei pazienti e delle famiglie che vivono con malattie croniche Hanna Burkhalter 1+2 MSc, RN, Sabina De Geest 1+3 PhD, RN 1 Institute of Nursing Science, University of Basel, Switzerland 2 Department of Immunology and Transplant, University Hospital Basel, Switzerland 3 Center for Health Services and Nursing Research, Katholieke Universiteit Leuven, Belgium Institute of Nursing Science Faculty of Medicine, University of Basel, Switzerland

2 Forza lavoro indispensabile Cosa vediamo all orizzonte? Imperativo di nuova ricerca I bisogni della sanità pubblica stanno cambiando Imperativi Giuridici, politici e della salute economica Sicurezza dei pazienti e l'imperativo di qualità

3 L' aumento globale della malattia a causa di malattie croniche Annuaire statistique de la Suisse. Neuchâtel: Office fédéral de la statistique; BMJ 2002;325(7370) cover

4 La popolazione della Svizzera invecchia % +53% +82% Total Proporzioni nella popolazione Anni 12.2% 17.4% 80+ Anni 4.9% 8.3% 65+ Anni 17.1% 25.7%

5 L influsso UNIVERSITY OF BASEL di malati cronici sulla permanenza in ospedale 5% dei pazienti ospedalizzati contribuiscono al 42% di tutti i ricoveri ospedalieri in giorni 10% dei pazienti ospedalizzati contribuiscono al 55% di tutti i ricoveri ospedalieri in giorni 50% dei pazienti ospedalizzati contribuiscono al 10% di tutti i ricoveri ospedalieri nei giorni Wilson et al. Rising to the challenge: will the NHS support people with long term conditions? BMJ 2005; 330:

6 Il peso delle malattie croniche è pesante: Le persone sottoposte a delle malattie croniche, utilizzano: 78% delle emissioni/ spese della sanità 55% delle consultazioni nel servizio d urgenza. 70% delle entrate ospedaliere 80% dei soggiorni ospedalieri 1 Health and Health Care 2010 The Forecast the Challenge, Institute of the Future, 2003

7 Il sistema sanitario italiano è preparato per questa nuova sfida? Il sistema svizzero è nel processo di sfida, con alti e bassi come nell immagine. Siegbert Hahn

8 I servizi sanitari tradizionale: Paradigma dell approvigionamento acuto Sindrome radar L offerta del sistema sanitario Paziente viene al pronto soccorso => Appare sul radar Riceve trattamento o cura per quello che li manca Paziente è licenziato a casa => Paziente scompare dal radar

9 Approvvigionamento Radar non è adeguato inefficiente- ineffettivo Si orienta al management di malattie acute La dimensione psicosociale e il comportamento non sono integrati Nessuna considerazione del ruolo del paziente Follow-up è sporadico Nessuno bada alla prevenzione L offerta del sistema sanitario Povero outcome e alti costi Yach, WHO, 2002

10 Cos è la nostra meta? Il triangolo 20/80 3 o 2 o 1 o Offerta di approvvigionamento professionale 80% Patient preferences Readiness for treatment Compliance Symptom management Fostering patient self-management

11 Cos è la nostra meta? Il triangolo 20/ % 80-99% 3 o 2 o 1 o Self-management Aderenza Preferenze del paziente Competenza sanitaria Management dei sintomi Offerta di approvvigionamento professionale Promuovere il Selfmanagement del paziente Informazione continua, management continuo e interazione/relazione continua

12 I sistemi sanitari persistenti battono contro i propri limiti. Ancora più sforzo, non serve. Ci vuole un cambiamento del sistema! IOM, Crossing the quality chasm, 2001

13 Automobili più verdi, più ecologici Cambiamento del sistema

14 Infermiere/a Infermiere/a Infermiere/a Grande diversità.per il meglio, ma anche per il peggio. Preparazione scolastica Possibilità tecniche fino ad un dottorato. Diversità cliniche Cure intense, cure geriatriche, cure acute, cure a lungo termine, cure palliative. Varietà dalla cura di base alla massima tecnologia Ruoli diversi Infermiere/a generalista a specialista Ruoli di infermiere/a di pratica avanzata (anvanced practice nurse) con a volte autorità prescrittiva. Gestione & strategia o direttive

15 Nuovi Modelli di cura Triage pronto soccorso pratica interdisciplinare Centri Walk-in Assessment Teams geriatrici Programmi di visita di prevenzione Case management Nurse led clinics Percorsi clinici Clinical pathways Call centers Telemedicina Giger & De Geest, SäZ, 2008

16 Ruota motrice per lo sviluppo ANP Questione forza lavoro Nuova ricerca, educazione Contesto giuridico, politico e della salute pubblica Sicurezza dei pazienti e l'imperativo di qualità De Geest, S et al. (2008). Introducing Advanced Practice Nurses. Swiss Medical Weekly, 138(43-44),

17 Curriculum Advanced Practice Nurse (Master s level) - Avanzate conoscenze cliniche e avanzate competenze - Metodi di ricerca e applicazione - Leadership e collaborazione Competenze che permettono di far parte di team interdisciplinari sul fronte per ottimizzare i processi assistenziali e gli esiti dei pazienti per una popolazione specifica

18 Educazione universitaria Certificato/Diploma Pratica centrata sul paziente/famiglia Hamric, Spross & Hanson, 2008 ICN,

19 Educazione universitaria Certificato/Diploma Pratica centrata sul paziente/famiglia (Hamric et al., 2008)

20 Educazione universitaria Certificato/Diploma Pratica centrata sul paziente/famiglia (Hamric et al., 2008)

21 Elementi critici nel ambiente della APN Educazione universitaria Certificato/Diploma Pratica centrata sul paziente/famiglia Requisiti die regolazione e validità die diplomi/studi Struttura organizzativa e cultura Mercato e contratti Valutazione degli outcome e miglioramento della performance Meccanismo di pagamento e rimborso Aspetti economici Politica della sanità pubblica (Hamric et al., 2008)

22 Institute of Nursing Science Bernoullistrasse 28, 4056 Basel Ospedale

23 Institute of Nusing Science (INS) (L istituto di scienza infermieristica di Basilea) L INS é uno dei centri additanti in europa che fortifica la pratica infermieristica e migliora gli outcome tramite educazione accademica, ricerca e sviluppo della pratica clinica in un contesto interdisciplinare. Guidati dai bisogni sanitari della popolazione, l INS mette il focus sul self-management delle persone con una malattia cronica, sulla sicurezza dei pazienti (patient safety) e su nuovi modelli di cura.

24 Visioni per il 2013 Essere il leader svizzero e un centro Europeo di scienza infermieristica EDUCAZIONE Un curricolo di diploma Master di scienze infermieristiche che sia un riferimento nazionale e internazionale per ANP centrata sui bisogni della popolazione. Un programma di dottorato riconosciuto per il suo curriculo di alta qualità e eccellenti laureati (Programmi clinici). RICERCA Riconoscimento come principale centro di ricerca infermieristica internazionale Incorporamento nel università interdisciplinare e nelle infrastrutture ospedaliere Guida la cooperazione nella comunità e l assistenza di salute a lungo termine SVILUPPO CLINICO Riconoscimento per la funzione pacemaker riguardo ANP, nuovi modelli di cura e partnership accademico Funziona incorporato nella rete interdisciplinare sanitaria (compresa la comunità) DIREZIONE GENERALE Organizzazione efficiente e proattiva che attiva l INS (struttura, contenuti, finanza, politica)

25 Collaborazione nazionale ed internazionale Educazione Ricerca Sviluppo clinico

26 Academic-service Partnership Partenariato tra accademia e prestazioni di servizio (ospedale, azienda) Pratica Ricerca Educazione Un attiva triade sincronizzata è fondamentale per una vera professionalizzazione La congiunzione strutturata tra l accademia e le entità di servizio hanno dimostrato livelli di innovazione più alti.

27 Reparto di ricerca clinica Sostiene i gruppi interdisciplinari nella qualità delle cure. Investe nello sviluppo delle cure, nella ricerca traslazionale e nello sviluppo di ruoli di pratica avanzata. Centra sulla pratica avanzata: Advanced Nursing Practice (ANP) Rete nazionale e internazionale con altri centri di ricerca e sviluppo pratica di cure.

28 I tre settori del reparto Sviluppo Cura pratica Ricerca traslazionale Sviluppo di ruoli In collaborazione con i professionisti nell ospedale e importanti partner al di fuori.

29 Appartenenza del INS Università di Basilea Rettorato Faculty of Medicine Phil II Faculty Other Faculties Department Public Health Institute of Exercise and Health Sciences Istituto di scienza infermieristica Other Departments European Center of Pharmaceutical Medicine Swiss Tropical and Public Health Institute Scienza infermieristica clinica Dept. of Medical and Health Ethics University Hospital Basel Basel Institute for Clinical Epidemiology and Biostatics

30 Struttura del INS Aziende Ospedali NN SDG NN KPW Director Leadership Team Advisory Board Università/ Accademia Basilea Berna Zurigo Head Clinical Field Develop. NN + team Department of Clin. Nursing Science CuKo Head of Education RSch + team Curriculum Development & Quality control External relations Head of Research SDG + team Research group I: Patient safety & quality of care Research group II: Self-management in chronic illness Head of Administration GVM + team Administrative assistance Finan./ Control. Futuro: Collaborazione con centri di cura, medici di famiglia. Continuing education Stud. relations Teaching Research developm- & enhancement PhD Research group III: New care models Fundraising Event manag. Marketing IT- support Administration curriculum Reparti clinici, sviluppo. Educazione Ricerca

31 Ospedale Basilea Capo Sviluppo delle professioni sanitarie 1x mese Università Documentazione Clinica Capo reparto di scienza infermieristica clinica Controlling e Rendimento delle prestazioni Dipartimento Medicina Dipartimento Chirurgia Dipartimento sezione transversale Dipartimento cliniche speciali Nefrologia Oncologia Geriatria. Dialisi Dialisi peritonea Ambulatorio Susanna Carla Nicole PhD Università Manuela Hanna Susanna: Capo strategico nefrologia e dialisi Manuela: Capo per questioni infermieristiche Hanna: ANP, per questioni di evidence based practice, ricerca, progetti Gruppo ANP, strategia di educazione per pazienti

32 Programma di educazione al INS Bachelor s Master s PhD in Medical Sciences - Nursing

33 Scopo del programma master s Preparare gli infermieri per ruoli di pratica clinica avanzati (ANP) con un fuoco specifico sulla cura dei pazienti e dei loro familiari o altre persone significative che vivono con una malattia cronica. To prepare nurses for advanced clinical nursing practice (ANP) with a specific focus on care of patients and their families or significant others living with a chronic illness.

34 Progetti infermiristici research/projects/ ABC Ascertaining Barriers for Compliance: policies for safe, effective and cost-effective use of medicines in Europe CIMI-BRIGHT - Chronic illness management and adherence in Transplantation DEMDEL - Effects of the Interdisciplinary Basel Delirium and Dementia Prevention MAESTRO-Study - Medication Adherence Enhancing Strategies in Transplantation OPTIMA II - Optimized Patient Transfer using an Innovative Multidisciplinary Assessment PASAF - PAatient SAfety climate and Falls PaSaI - Patient Safety Climate and Healthcare associated Infections PEINCA - Pilot study to test the feasibility and pre-test the efficacy of the German language adapted PRO-SELF Plus PROVIVO - Patient Reported Outcomes in view of symptom experience of late effects and self-management of adult long-term survivors after allogeneic haematopoietic stem cell transplantation RN4CAST Nurse Forecasting: Human Resources Planning in Nursing SHURP Swiss Nursing Homes Human Resources Project SleepTx - Daily Light Intervention in Renal Transplant Recipients Having a Sleep-Wake Dysregulation SYCAP Prevalence and evolution of symptom experience in cancer patients with focus on fatigue and anemia WOMAN-PRO - Creating and validating a patient-reported outcome instrument to assess symptom experience related to surgical wounds in women with vulvar neoplasms

35 Progetti di ostetrica PAMINA II - Pain Management in Neonates II Pilotstudie: Variability in pain responses to a non-pharmacological intervention across repeated routine pain exposure in preterm infants in a neonatal intensive care unit (NICU): A pilot study. PAMINA IV - Pain Management in Neonates II Substudie von PAMINA II Do contextual factors influence pain reaction in preterm infants during heel stick across time? PICMA - Postnatal Infant Crying and Maternal Tiredness: Examining their evolution and interaction in the first 12 weeks postpartum The Experience within the Transition to Parenthood after Preterm Birth and the Impact on perceived Family Stress Three Years later: A Mixed Methods Approach

36 PEINCA Studio pilota sulla fattibilità ed effettività del PRO-SELF Plus Pain Control Program Un Programma educativo per pazienti oncologici con i suoi familiari per ridurre i dolori oncologici e i sintomi connessi Antje Koller, MNS, PhD cand, Institut für Pflegewissenschaft, Universität Basel, Schweiz Elisabeth Spichiger, RN, PhD, Institut für Pflegewissenschaft, Universität Basel, Schweiz Sabina De Geest, PhD, Institut für Pflegewissenschaft, Universität Basel, Schweiz Christine Miaskowski PhD, Department of Physiological Nursing, UCSF, San Francisco, USA Professor Opitz, Tumorzentrum Ludwig Heilmeyer - Comprehensive Cancer Center Freiburg, Deutschland

37 PRO-SELF Plus Pain Control Program 3 strategie chiave: Informazione Impostazione di abilità Accompagnamento tramite il personale di cura Programma di educazione per 10 settimane 6 Visite, 4 telefoni Parte strutturata (abilità e eseguire: ad es. Tenere un diario dei dolori) Parte individuale Insegnamento e chiarificazione di dubbi o malintesi sulla terapie contro i dolori (academic detailing). Adattamento dell assunzione dei medicamenti a seconda dei bisogni individuali e scopi individuali (ad es: dormire di notte, giocare a golf). (Miaskowski, et al.,2004; West, et al., 2003)

38 Risultati Moderata ma significativa riduzione di dolori Più informazione e consapevolezza del management del dolore Analisi dei sottogruppi 30% dei pazienti mostrano una significativa riduzione dei dolori. 30% dei pazienti mostrano und riduzione ma non significativa. 30% dei pazienti non hanno nessuna riduzione.

39 Progetto SleepTx: Sonno dopo il trapianto rene Hanna Burkhalter 1+4 ; Anna Wirz-Justice 2, Christian Cajochen 2, Terri Weaver 3, Jürg Steiger 4, Thomas Fehr 5, Reto Venzin 6, Sabina De Geest Institute of nursing science, University Basel; Swizerland 2 Chronobiologie Basel, Universitätsspital Basel; Swizerland 3 Department of Biobehavioral and Health Sciences, University of Illinois Chicago, USA 4 Universitätsspital Basel, Swizerland 5 Universitäts Spital Zürich, Swizerland 6 Inselspital Universitätsspital Bern, Swizerland 7 Center for Health Services and Nursing Research, Katholieke Universiteit Leuven, Belgium

40 Progetto di ricerca Study 1: Prevalenza di disturbi di sonno Study 2: Valutazione dei disturbi del sonno, seguendo la classificazione internazionale dei disturbi del sonno Study 3:Intervento di luce terapeutica per pazienti che hanno una disregolazione del ritmo sonnoveglia

41 Progetto di ricerca Study 1 Cross sectional survey N=750 Study 2 Cross sectional assessment N=200 Study 3 Feasibility RCT with Light intervention N=30 Mail survey RTx with poor sleep RTx with good sleep Assessment Sleep-wake disregulation R 21d Baseline 21d Baseline 21d Light 21d Control 21d Withdrawl 21d Control 21d Light Other sleep disorders and symptomatology

42 Conclusion Sonnolenza emerge come una barriera per non aderenza, soprattutto per la dimensione della presa al momento giusto. 1/5 dei trapiantati soffre di sonnolenza diurna e più della metà dicono di avere una povera qualità del sonno.

43 Grazie per la vostra attenzione Institute of Nursing Science Faculty of Medicine, University of Basel, Switzerland

Outcome assistenziali. Il Governo Assistenziale: una risposta alle esigenze della sanità che cambia?

Outcome assistenziali. Il Governo Assistenziale: una risposta alle esigenze della sanità che cambia? I Congresso Internazionale Il Governo Assistenziale: una risposta alle esigenze della sanità che cambia?, soddisfazione dei professionisti e governo assistenziale 13 novembre 2007 1 2 1 OBIETTIVO dello

Dettagli

Palliative Care in Older Patients

Palliative Care in Older Patients Palliative Care in Older Patients Perchèla cura palliativa degli anziani sta diventando una prioritàsanitaria mondiale? 1) Population Ageing Chi cura chi Proiezioni in % 2) Polipatologie croniche Cause

Dettagli

Le legge del marzo 2010 nonché il Piano Oncologico previsto dal Ministero della. Sanità per il bienno 2010-2012 propongono e rafforzano il modello del

Le legge del marzo 2010 nonché il Piano Oncologico previsto dal Ministero della. Sanità per il bienno 2010-2012 propongono e rafforzano il modello del Progetto di un ambulatorio multidisciplinare di oncologia - cure palliative per pazienti in fase avanzata di malattia gestito dalla Associazione di Cure Palliative della Zona Elba Dott. A. Massaro Premessa

Dettagli

Priorità di Governo Clinico

Priorità di Governo Clinico Convention Nazionale Clinical Governance e Management Aziendale Sostenibilità delle innovazioni organizzative nell era del federalismo sanitario Bologna, 15-16 ottobre 2010 Survey Priorità di Governo Clinico

Dettagli

Cosa cambia con la Direttiva 24/2011 del Parlamento Europeo. Silvio Brusaferro

Cosa cambia con la Direttiva 24/2011 del Parlamento Europeo. Silvio Brusaferro Cosa cambia con la Direttiva 24/2011 del Parlamento Europeo Silvio Brusaferro L intervento L evoluzione del contesto europeo La direttiva 24/2011/UE Le reti di riferimento Prospettive L intervento L evoluzione

Dettagli

Gestione del fine vita in RSA

Gestione del fine vita in RSA CONVEGNO SIGG LIGURIA GENOVA, 28 FEBBRAIO 2014 Gestione del fine vita in RSA Vito Curiale Centre Hospitalier Princesse Grace, Monaco Centre de Gérontologie Clinique Rainier III Cour t Séjour Gériarique

Dettagli

Collaboratore Professionale Sanitario Esperto. OFTALMICO DI MILANO Posizione Organizzativa - Corso di Laurea in Infermieristica

Collaboratore Professionale Sanitario Esperto. OFTALMICO DI MILANO Posizione Organizzativa - Corso di Laurea in Infermieristica INFORMAZIONI PERSONALI Nome Fanari Francesco Data di nascita 20/06/1962 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio Collaboratore Professionale Sanitario Esperto AZIENDA OSPEDALIERA

Dettagli

INFORMAZIONI PERSONALI ESPERIENZE LAVORATIVE, ISTRUZIONE E FORMAZIONE. FRISON TIZIANA Data di nascita 09/08/1955. Cognome e Nome

INFORMAZIONI PERSONALI ESPERIENZE LAVORATIVE, ISTRUZIONE E FORMAZIONE. FRISON TIZIANA Data di nascita 09/08/1955. Cognome e Nome INFORMAZIONI PERSONALI Cognome e Nome FRISON TIZIANA Data di nascita 09/08/1955 Qualifica Collaboratore Professionale Sanitario Esperto Infermiere esperto Ds 2 Amministrazione Incarico attuale In servizio

Dettagli

CURRICULUM FORMATIVO E PROFESSIONALE

CURRICULUM FORMATIVO E PROFESSIONALE CURRICULUM FORMATIVO E PROFESSIONALE BRUNO Emiliano Nato a Torre Annunziata il 01/04/1973 residente a Beinasco (To) Via Principe Amedeo 31 Recapito tel. 011 3497206 / 3383088341 e-mail: unosettetre@libero.it

Dettagli

Responsabile Scientifico: Prof.ssa Loredana Sasso (IT) Project Manager: Dott.ssa Annamaria Bagnasco (IT)

Responsabile Scientifico: Prof.ssa Loredana Sasso (IT) Project Manager: Dott.ssa Annamaria Bagnasco (IT) Responsabile Scientifico: Prof.ssa Loredana Sasso (IT) Project Manager: Dott.ssa Annamaria Bagnasco (IT) Membri del Gruppo di Ricerca: Prof. Roger Watson (UK) Prof. Giancarlo Icardi (IT) Dott.ssa Antonella

Dettagli

Nursing Sensitive Outcomes: prospettive internazionali ed esperienze italiane. Dr. Annamaria Ferraresi Az. Ospedaliero Universitaria di Ferrara

Nursing Sensitive Outcomes: prospettive internazionali ed esperienze italiane. Dr. Annamaria Ferraresi Az. Ospedaliero Universitaria di Ferrara Nursing Sensitive Outcomes: prospettive internazionali ed esperienze italiane Dr. Annamaria Ferraresi Az. Ospedaliero Universitaria di Ferrara Le fasi del processo di assistenza ACCERTAMENTO DIAGNOSI OBIETTIVI

Dettagli

Bruno Meduri. Radioterapia Oncologica - A.O.U. Policlinico di Modena. Associazione Italiana di Radioterapia Oncologica

Bruno Meduri. Radioterapia Oncologica - A.O.U. Policlinico di Modena. Associazione Italiana di Radioterapia Oncologica Bruno Meduri Radioterapia Oncologica - A.O.U. Policlinico di Modena Associazione Italiana di Radioterapia Oncologica Follow up condiviso Il follow-up attivo della donna trattata è parte integrante del

Dettagli

CURRICULUM VITAE. Maturita classica conseguita presso il Liceo Classico di Melito P.S. (RC) nell anno scolastico 1978/79.

CURRICULUM VITAE. Maturita classica conseguita presso il Liceo Classico di Melito P.S. (RC) nell anno scolastico 1978/79. CURRICULUM VITAE Dottor SERRANO FRANCESCO nato a Melito P.S. (RC) il 09-04-1960 abitante a Siderno M. in via Fiume 64 RC Cell. 348-9041758. e mail: serranofrancesco çyahoo,it Dal 01.10.1999 a tutt oggi,

Dettagli

Lo stato dell arte del Risk Management in Italia

Lo stato dell arte del Risk Management in Italia Sicurezza del Paziente e degli Operatori Sanitari: obiettivo comune per un assistenza di qualità A.O. San Filippo Neri Roma, 14 Dicembre 2011 Lo stato dell arte del Risk Management in Italia Alessandro

Dettagli

01/02/2008 DANILO MASSAI / ALESSANDRO MANCINI

01/02/2008 DANILO MASSAI / ALESSANDRO MANCINI LA SALUTE PER TUTTI EFFICACIA Qualità dell assistenza (uso ottimale delle risorse) SERVIZI SANITARI (sistema sanitario, strutture, operatori) EQUITA Razionamento (uso appropriato delle risorse) RISORSE

Dettagli

C U R R I C U L U M V I T A E. F r a n c e s c o T o r r e

C U R R I C U L U M V I T A E. F r a n c e s c o T o r r e C U R R I C U L U M V I T A E F r a n c e s c o T o r r e C U R R I C U L U M V I T A E F r a n c e s c o T o r r e Luogo e data di nascita: Nazionalità: Stato Civile: Lingue Straniere Titoli di Studio:

Dettagli

L Infermiere della Riabilitazione

L Infermiere della Riabilitazione L Infermiere della Riabilitazione 5 marzo 2008 dott. Marco Martinelli RIABILITAZIONE: oggetto misterioso? La riabilitazione è tutto quanto consente un recupero - anche parziale - della funzione compromessa

Dettagli

Gli strumenti di appropriatezza infermieristica nelle cure domiciliari e gli esiti sensibili all'assistenza, presentazione di un'esperienza

Gli strumenti di appropriatezza infermieristica nelle cure domiciliari e gli esiti sensibili all'assistenza, presentazione di un'esperienza Gli strumenti di appropriatezza infermieristica nelle cure domiciliari e gli esiti sensibili all'assistenza, presentazione di un'esperienza Laura Tibaldi, Tiziana Lavalle Lo sviluppo del ragionamento Caratteristiche

Dettagli

Igiene delle mani il biglietto da visita di una sanità più sicura Bologna, 5 maggio 2015

Igiene delle mani il biglietto da visita di una sanità più sicura Bologna, 5 maggio 2015 Igiene delle mani il biglietto da visita di una sanità più sicura Bologna, 5 maggio 2015 Progetto pilota Joint Commission per migliorare l igiene delle mani nell Azienda Ospedaliero-Universitaria di Udine

Dettagli

RIFORMA AZIENDE SANITARIE, DISTRETTI E INTEGRAZIONE: MODELLO SACILE. Più salute e servizi sul territorio. Fabio SAMANI

RIFORMA AZIENDE SANITARIE, DISTRETTI E INTEGRAZIONE: MODELLO SACILE. Più salute e servizi sul territorio. Fabio SAMANI RIFORMA AZIENDE SANITARIE, DISTRETTI E INTEGRAZIONE: MODELLO SACILE. Più salute e servizi sul territorio Fabio SAMANI RESPONSABILE NAZIONALE AREA DELLA RICERCA SOCIETÀ ITALIANA DI MEDICINA GENERALE Il

Dettagli

PAZIENTI CON DEMENZA E LORO CAREGIVER Progetto Sperimentale: dati preliminari

PAZIENTI CON DEMENZA E LORO CAREGIVER Progetto Sperimentale: dati preliminari VI Convegno IL CONTRIBUTO DELLE UNITA DI VALUTAZIONE ALZHEIMER (UVA)NELL ASSISTENZA DEI PAZIENTI CON DEMENZA Roma 16 novembre 2012 ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA ADI PER PAZIENTI CON DEMENZA E LORO CAREGIVER

Dettagli

00 Risk romane 18-01-2006 16:38 Pagina V. Introduzione

00 Risk romane 18-01-2006 16:38 Pagina V. Introduzione 00 Risk romane 18-01-2006 16:38 Pagina V Indice Autori Introduzione XV XVII Capitolo 1 Il Sistema Qualità Aziendale e il miglioramento continuo della qualità dei servizi sanitari 1 Premessa 1 La Qualità

Dettagli

CURRICULUM VITAE DOTT. SABINO CIRULLI

CURRICULUM VITAE DOTT. SABINO CIRULLI CURRICULUM VITAE DOTT. SABINO CIRULLI Nato a Roma il 12-04-1961 e ivi residente in Via Antonino Giuffrè 129 Laureato in Medicina e Chirurgia presso l Università degli Studi di Roma La Sapienza il 07-04-1988

Dettagli

IL PERCORSO DEL PAZIENTE ONCOLOGICO ANZIANO

IL PERCORSO DEL PAZIENTE ONCOLOGICO ANZIANO IL PERCORSO DEL PAZIENTE ONCOLOGICO ANZIANO ALESSANDRIA 28 MARZO 2013 DOTT.SSA DEMICHELIS M ONCOLOGIA MEDICA TORINO L'infermiere e la VALUTAZIONE DELL ANZIANO L INVECCHIAMENTO E processo attraverso il

Dettagli

Date da 10/2003 a 01/2004 Lavoro o posizione ricoperti Dirigente medico ex I livello, a tempo determinato, Disciplina di Medicina Interna

Date da 10/2003 a 01/2004 Lavoro o posizione ricoperti Dirigente medico ex I livello, a tempo determinato, Disciplina di Medicina Interna Principali attività e medico presso la Medicina e Chirurgia di Accettazione ed Urgenza (MCAU) del Pronto Soccorso Generale P.O. Garibaldi Centro. Attività svolta presso gli ambulatori di Medicina del Pronto

Dettagli

Domanda. L approccio interprofessionale in sanità: razionale ed evidenze. Programma. Programma

Domanda. L approccio interprofessionale in sanità: razionale ed evidenze. Programma. Programma Domanda L approccio interprofessionale in sanità: razionale ed evidenze Perché è necessario un approccio interprofessionale in sanità? Giorgio Bedogni Unità di Epidemiologia Clinica Centro Studi Fegato

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome SANTAPAOLA GIOVANNI Indirizzo (Via Olimpia) cpl. E.N.E.S. pal. I n 4 98168 Messina Telefono 090-356785 cell.

Dettagli

Gestione del Rischio Clinico: l errore come occasione di crescita CORSO BASE SUL RISCHIO CLINICO 29/30 Aprile 6/7 Maggio 2011

Gestione del Rischio Clinico: l errore come occasione di crescita CORSO BASE SUL RISCHIO CLINICO 29/30 Aprile 6/7 Maggio 2011 Gestione del Rischio Clinico: l errore come occasione di crescita CORSO BASE SUL RISCHIO CLINICO 29/30 Aprile 6/7 Maggio 2011 Giuseppe Murolo Servizio 5 Qualità Governo Clinico e sicurezza dei pazienti

Dettagli

PSICOLOGO - PSICOTERAPEUTA

PSICOLOGO - PSICOTERAPEUTA Curriculum Vitae INFORMAZIONI PERSONALI Girelli Davide Nicola Via Leonardo Ximenes, 19, 90139 Palermo (Italia) nicola.davide@libero.it Sesso Maschile Data di nascita 20 OTT. 72 Nazionalità Italiana OCCUPAZIONE

Dettagli

ISTUD Osservatorio delle Cure Primarie

ISTUD Osservatorio delle Cure Primarie ISTUD Osservatorio delle Cure Primarie Convegno del 27/11/2013 L impatto dei sistemi di Patient Relationship Management (PRM): l esperienza nei Paesi Baschi Relatore: Roberto Giordano - Accenture Leadership,

Dettagli

RAPPORTI UNIVERSITA E OSPEDALI DI INSEGNAMENTO. Marco Bosio Direttore Sanitario Aziendale

RAPPORTI UNIVERSITA E OSPEDALI DI INSEGNAMENTO. Marco Bosio Direttore Sanitario Aziendale RAPPORTI UNIVERSITA E OSPEDALI DI INSEGNAMENTO Marco Bosio Direttore Sanitario Aziendale UNIVERSITA CATTOLICA DEL SACRO CUORE E stata fondata da Padre Agostino Gemelli nel 1921 E presente in 4 città: Milano,

Dettagli

La morte nelle strutture residenziali per anziani non autosufficienti in Italia Presentazione dei risultati del questionario

La morte nelle strutture residenziali per anziani non autosufficienti in Italia Presentazione dei risultati del questionario Gruppo di Studio La cura nella fase terminale della vita La morte nelle strutture residenziali per anziani non autosufficienti in Italia Presentazione dei risultati del questionario FLAVIA CARETTA Dipartimento

Dettagli

Management dei pazienti nelle strutture residenziali di assistenza

Management dei pazienti nelle strutture residenziali di assistenza Management dei pazienti nelle strutture residenziali di assistenza Maria Luisa Moro La rete dei servizi si è profondamente modificata Long term care facility with ventilator and psychiatric patients Long

Dettagli

Market Access, HTA e valutazione economica dei farmaci (claudio.jommi@pharm.unipmn.it)

Market Access, HTA e valutazione economica dei farmaci (claudio.jommi@pharm.unipmn.it) Market Access, HTA e valutazione economica dei farmaci (claudio.jommi@pharm.unipmn.it) pag. 1 Agenda Il concetto di market access ed i suoi quattro elementi base Il ruolo dell Health Technology Assessmemt

Dettagli

CURRICULUM VITAE. Annamaria Ferraresi. Redatto ai sensi dell Art 46 DPR 28 Dicembre 2000 n 445

CURRICULUM VITAE. Annamaria Ferraresi. Redatto ai sensi dell Art 46 DPR 28 Dicembre 2000 n 445 CURRICULUM VITAE Annamaria Ferraresi Redatto ai sensi dell Art 46 DPR 28 Dicembre 2000 n 445 LUOGO E DATA DI NASCITA: Ferrara, 25 Agosto 1967 FORMAZIONE 1986 Diploma di Infermiera Professionale, presso

Dettagli

Dati e Informazioni. Danilo Orlandini 7-maggio-2011

Dati e Informazioni. Danilo Orlandini 7-maggio-2011 Dati e Informazioni Danilo Orlandini 7-maggio-2011 Autoreferenza Autoda sé stesso Referenza Informazione relativa alle capacità professionali di una persona rilasciata da chi ha avuto in passato rapporti

Dettagli

Dott. Francesco Copello, nato a Genova il 7 novembre 1957, C.F.:CPLFNC57S07D969V

Dott. Francesco Copello, nato a Genova il 7 novembre 1957, C.F.:CPLFNC57S07D969V Dott. Francesco Copello, nato a Genova il 7 novembre 1957, C.F.:CPLFNC57S07D969V Attività professionale laureato nel 1983 in Medicina e Chirurgia presso l Università degli Studi di Genova con la votazione

Dettagli

c. Responsabile scientifico Corso Data Mangement, presso Azienda Ospedaliero Universitaria S. Maria della Misericordia, Udine, dal 06/03/2008 al

c. Responsabile scientifico Corso Data Mangement, presso Azienda Ospedaliero Universitaria S. Maria della Misericordia, Udine, dal 06/03/2008 al DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DELL ATTO DI NOTORIETA (D.P.R. 28 dicembre 2000, n. 445, art. 47 e successive modifiche ed integrazioni) NON SOGGETTA AD AUTENTICAZIONE-ESENTE DA BOLLO (D.P.R. 28 dicembre 2000,

Dettagli

La gestione dell urgenza cardiologica: il punto di vista del medico d urgenza Ivo Casagranda

La gestione dell urgenza cardiologica: il punto di vista del medico d urgenza Ivo Casagranda La gestione dell urgenza cardiologica: il punto di vista del medico d urgenza Ivo Casagranda Key points: 1 Funzioni e organizzazione del PS 2 Position paper ANMCO SIMEU 3 Real world It is one thing to

Dettagli

Mantova. Professione per la vita: L INFERMIERE

Mantova. Professione per la vita: L INFERMIERE Mantova Professione per la vita: L INFERMIERE Scegliere un lavoro che ti permette di essere protagonista nella vita vera, di essere un punto di riferimento per gli altri e di esercitare importanti responsabilità,

Dettagli

Sicurezza dei pazienti e gestione del rischio clinico: Quadro generale di riferimento

Sicurezza dei pazienti e gestione del rischio clinico: Quadro generale di riferimento ORDINE DEI MEDICI CHIRURGHI E DEGLI ODONTOIATRI DELLA PROVINCIA DI MASSA E CARRARA Sicurezza dei pazienti e gestione del rischio clinico: Quadro generale di riferimento Carlo Manfredi Sabato 28 novembre

Dettagli

Decisione relativa alla pianificazione della medicina altamente specializzata (MAS) nel settore dell oncologia pediatrica

Decisione relativa alla pianificazione della medicina altamente specializzata (MAS) nel settore dell oncologia pediatrica Decisione relativa alla pianificazione della medicina altamente specializzata (MAS) nel settore dell oncologia pediatrica L organo decisionale istituito in base all Accordo intercantonale sulla medicina

Dettagli

PROGRAMMA INTERNATIONAL NURSING UNA SPERANZA PER IL FUTURO EDIZIONE 2014/2015 Darfo Boario Terme

PROGRAMMA INTERNATIONAL NURSING UNA SPERANZA PER IL FUTURO EDIZIONE 2014/2015 Darfo Boario Terme PROGRAMMA INTERNATIONAL NURSING UNA SPERANZA PER IL FUTURO EDIZIONE Darfo Boario Terme INDICE 1 HINET GROUP... 3 1.1 OBIETTIVO DI HINET GROUP... 3 1.2 LA MISSIONE... 3 1.3 BOARD SCIENTIFICO... 3 1.4 I

Dettagli

COME MIGLIORARE LA COMUNICAZIONE TRA PROFESSIONISTI LA METODOLOGIA SBAR

COME MIGLIORARE LA COMUNICAZIONE TRA PROFESSIONISTI LA METODOLOGIA SBAR COME MIGLIORARE LA COMUNICAZIONE TRA PROFESSIONISTI LA METODOLOGIA SBAR INTRODUZIONE Il trasferimento di informazioni tra professionisti in ambito sanitario è condizione essenziale per garantire la continuità

Dettagli

Safe Surgery Saves Lives and Resourses. Dott. Francesco Venneri

Safe Surgery Saves Lives and Resourses. Dott. Francesco Venneri Safe Surgery Saves Lives and Resourses Dott. Francesco Venneri CLINICAL RISK MANAGEMENT Safe Surgery Saves Lives and Resourses Dott. Francesco Venneri Clinical Risk Manager Azienda Sanitaria Firenze Tutti

Dettagli

Federico Lega UK NHS. Federico Lega

Federico Lega UK NHS. Federico Lega 1 UK NHS Federico Lega 2 PRINCIPI FONDANTI Universale Integrato Accesso equo Senza costi per l utente Prevalentemente finanziato con tributi centrali 83% della spesa sanitaria UK 7,3% del PIL > 8,5% con

Dettagli

dr.ssa Enrica Capitoni 10 giugno 2014

dr.ssa Enrica Capitoni 10 giugno 2014 La proposta di regolamento europeo sulle sperimentazioni cliniche: nuove opportunità per i pazienti e per la ricerca dr.ssa Enrica Capitoni 10 giugno 2014 Clinical research nurse: (UK e USA) Contesto Italiano:

Dettagli

Il Corso di Laurea in Infermieristica

Il Corso di Laurea in Infermieristica Sessione V: Il ruolo della formazione nella costruzione di una cultura geriatrica e multiprofessionale Il Corso di Laurea in Infermieristica Dott.ssa Paola Ferri Corso di Laurea in Infermieristica Università

Dettagli

Buone pratiche assistenziali: Nursing e fatigue

Buone pratiche assistenziali: Nursing e fatigue Buone pratiche assistenziali: Nursing e fatigue «Etica e Ricerca per assistere e curare in oncologia» III Congresso Nazionale AIIAO Ancona, 29-31 Maggio 2014 Carla Pedrazzani Istituto Oncologico della

Dettagli

Errori medico-assistenziali ed organizzativi nelle attività sanitarie

Errori medico-assistenziali ed organizzativi nelle attività sanitarie Il Risk Management in sanità come opportunità di sviluppo EXPOSANITA Bologna, 25-26 Maggio 2006 Errori medico-assistenziali ed organizzativi nelle attività sanitarie Alessandro Ghirardini Ministero della

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O

F O R M A T O E U R O P E O F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome BIAVATI CATIA Indirizzo Via Albertoni, 15 40138 Bologna Telefono Lavoro 0512141226 Fax 0516361375 E-mail

Dettagli

Date (da a) 1972-1985 (1-3); 2000-2002(4) Nome e tipo di istituto di. Università G. D Annunzio Chieti-Pescara (1-3); istruzione o formazione

Date (da a) 1972-1985 (1-3); 2000-2002(4) Nome e tipo di istituto di. Università G. D Annunzio Chieti-Pescara (1-3); istruzione o formazione Formato europeo per il curriculum vitae Informazioni personali Nome Indirizzo Telefono 0871358478-9 Fax 0871358479 E-mail Amedeo Costantini (CSTMDA54E23G838I) via G.N. Durini, 5. 66100 CHIETI terapiadolore.chieti@asl2abruzzo.it

Dettagli

Dimensioni del problema

Dimensioni del problema SIMPOSIO La stipsi severa: attualità terapeutiche Dimensioni del problema Stefano Tardivo Dipartimento di Sanità Pubblica e Medicina di Comunità Università degli Studi di Verona FC (FUNCTIONAL CONSTIPATION)

Dettagli

Studio Piazza Bellingeri 1 Alpignano (Torino) PRNCRN59H49L219J- P.IVA 07028830011 Iscrizione Collegio Ipasvi Torino- Cassa Enpapi

Studio Piazza Bellingeri 1 Alpignano (Torino) PRNCRN59H49L219J- P.IVA 07028830011 Iscrizione Collegio Ipasvi Torino- Cassa Enpapi D.ssa Prandi Cesarina Via Garavella 29 10098 Rivoli (Torino) 00393333456799 Studio Piazza Bellingeri 1 Alpignano (Torino) PRNCRN59H49L219J- P.IVA 07028830011 Iscrizione Collegio Ipasvi Torino- Cassa Enpapi

Dettagli

5 years activity of CardioSim, high fidelity Cardiovascular Simulation Centre of the Sassari University

5 years activity of CardioSim, high fidelity Cardiovascular Simulation Centre of the Sassari University Antonello Ganau, Silvia Denti, Pier Sergio Saba, Giovanni Gazale 5 years activity of CardioSim, high fidelity Cardiovascular Simulation Centre of the Sassari University Alla ricerca di nuovi strumenti

Dettagli

Differenze territoriali nella qualità dell assistenza primaria per le malattie croniche in Italia: tassi di ospedalizzazione e indicatori di processo

Differenze territoriali nella qualità dell assistenza primaria per le malattie croniche in Italia: tassi di ospedalizzazione e indicatori di processo Torino 8 novembre 2011 Sessione Parallela Qualità dell Assistenza Differenze territoriali nella qualità dell assistenza primaria per le malattie croniche in Italia: tassi di ospedalizzazione e indicatori

Dettagli

Il punto di vista del Medico di famiglia

Il punto di vista del Medico di famiglia Comprendere e tutelare i diritti dei pazienti con BPCO Il punto di vista del Medico di famiglia G. Bettoncelli Il malato è padrone e colui che lo assiste è suo servitore Antica Regola dell Ospedale Santo

Dettagli

L integrazione professionale per l assistenza a domicilio: infermieri e fisioterapisti a confronto

L integrazione professionale per l assistenza a domicilio: infermieri e fisioterapisti a confronto L integrazione professionale per l assistenza a domicilio: infermieri e fisioterapisti a confronto Stefania Franciolini, Direttore U.O. Servizio Assistenza Infermieristica Territoriale Simonetta Tamburini,

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O

F O R M A T O E U R O P E O F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo GUALTIERO WALTER RICCIARDI L.go Francesco Vito.1 00168 Roma Telefono 06/35019534 Fax 06/35019535

Dettagli

Progetto di SIMULTANEOUS HOME CARE del paziente oncologico in fase avanzata di malattia.

Progetto di SIMULTANEOUS HOME CARE del paziente oncologico in fase avanzata di malattia. Progetto di SIMULTANEOUS HOME CARE del paziente oncologico in fase avanzata di malattia. Unità Operativa di Oncologia Ospedale di Circolo e Fondazione Macchi di Varese Area territoriale: Distretto di Varese,

Dettagli

Titolare di posizione organizzativa. Posizione Organizzativa - Corso universitario

Titolare di posizione organizzativa. Posizione Organizzativa - Corso universitario INFORMAZIONI PERSONALI Nome SANNAZZARO STEFANIA Data di nascita 30/05/1960 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio Titolare di posizione organizzativa ASL DI SPEZZINO

Dettagli

MASTER IN AREA CRITICA E 118 R.Mannella Responsabile 118 Caserta

MASTER IN AREA CRITICA E 118 R.Mannella Responsabile 118 Caserta 4 Congresso Nazionale SOCIETA ITALIANA SISTEMA 118 BARI 14-16 16 Dicembre 2006 La Professione Infermieristica Ieri,Oggi,Domani MASTER IN AREA CRITICA E 118 R.Mannella Responsabile 118 Caserta Che Cos è

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Cognome e Nome Destrebecq Anne Lucie Indirizzo Via Dante n.3/13 cap. 20068 Peschiera Borromeo (Milano) Italy Telefono

Dettagli

Uno spazio d incontro con paziente e famigliari

Uno spazio d incontro con paziente e famigliari Family Conference Uno spazio d incontro con paziente e famigliari Maya Monteverde e Christa Hutz-Pedrazzoli, infermiere, IOSI, EOC, Ospedale S. Giovanni, Bellinzona DEFINIZIONE La Family Conference (FC)

Dettagli

Istituzione del Master universitario di I livello in Cure palliative e terapia del dolore per professioni sanitarie

Istituzione del Master universitario di I livello in Cure palliative e terapia del dolore per professioni sanitarie Testo aggiornato al 13 novembre 2012 Decreto ministeriale 4 aprile 2012 Gazzetta Ufficiale 16 aprile 2012, n. 89 Istituzione del Master universitario di I livello in Cure palliative e terapia del dolore

Dettagli

Due obiettivi principali:

Due obiettivi principali: Massa E., Conti L., Amadori F., Pierini P., Silvestre V., Vona M. terzocentro@iol.it @ www.terzocentro.it Inclusione dei familiari nel trattamento del paziente grave. Due obiettivi principali: Potenziare

Dettagli

DOCENZE. Data 2008 Ente organizzatore Istituto clinico Città di Brescia s.p.a.

DOCENZE. Data 2008 Ente organizzatore Istituto clinico Città di Brescia s.p.a. DOCENZE Data 2010 Ente organizzatore Montedomini, centro servizi e formazione Titolo del corso Aggiornamento teorico pratico per personale operante in strutture sanitarie riabilitative Docenza Riprogettazione

Dettagli

2. Cos è una buona pratica

2. Cos è una buona pratica 2. Cos è una buona pratica Molteplici e differenti sono le accezioni di buona pratica che è possibile ritrovare in letteratura o ricavare da esperienze di osservatori nazionali e internazionali. L eterogeneità

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome NICOLA POLETTI ESPERIENZA LAVORATIVA Date (da a) Nome e indirizzo del datore di lavoro Tipo di azienda o

Dettagli

IL PROGRAMMA FULBRIGHT

IL PROGRAMMA FULBRIGHT IL PROGRAMMA FULBRIGHT Linking Minds Across Cultures Commissione per gli Scambi Culturali fra l Italia e gli Stati Uniti (The U.S. - Italy Fulbright Commission) Via Castelfidardo 8 00185 Roma Tel. 06-4888.211

Dettagli

CLINICAL RISK MANAGEMENT

CLINICAL RISK MANAGEMENT Corso di Specializzazione in CLINICAL RISK MANAGEMENT (GESTIONE DEL RISCHIO E SICUREZZA DEL PAZIENTE) Percorso formativo per Clinical Risk Manager Ente accreditato per la formazione continua e orientamento

Dettagli

GLI INDICATORI COME STRUMENTO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITA ASSISTENZIALE

GLI INDICATORI COME STRUMENTO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITA ASSISTENZIALE GLI INDICATORI COME STRUMENTO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITA ASSISTENZIALE D r. C a r l o D e s c o v i c h U.O.C. Governo Clinico Staff Direzione Aziendale AUSL Bologna Bologna 26 Maggio 2010 INDICATORE

Dettagli

III Convegno Nazionale SPES Il sovraffollamento dei servizi di emergenza Ospedale Cardarelli Napoli

III Convegno Nazionale SPES Il sovraffollamento dei servizi di emergenza Ospedale Cardarelli Napoli III Convegno Nazionale SPES Il sovraffollamento dei servizi di emergenza Ospedale Cardarelli Napoli Dott.ssa Maria Carla Attilia Pisano Medicina D Urgenza PS-AMC Primario Dott V. Piedimonte .. un unità

Dettagli

Fisioterapia Muscoloscheletrica

Fisioterapia Muscoloscheletrica Scuola universitaria professionale della Svizzera italiana Dipartimento sanità SUPSI Fisioterapia Muscoloscheletrica Certificate of Advanced Studies Date: 26-27-28 settembre 2014 14-15-16 novembre 2014

Dettagli

Dott. Nicola Balestrieri

Dott. Nicola Balestrieri CENTRO DI SENOLOGIA ULSS 9 TREVISO LILT SEZ. TREVISO Dott. Nicola Balestrieri le chance di guarigione di una paziente dipendono sempre di più dal livello di competenza del centro presso il quale viene

Dettagli

Master Universitari in. Assistenza Infermieristica

Master Universitari in. Assistenza Infermieristica Anno accademico 2005-2006 Master per Infermiere di sanità pubblica e di comunità (ISPeC) Master Universitari in Assistenza Infermieristica autonomia didattica LAUREA RIFORMA UNIVERSITARIA crediti formativi

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. GIUFFRE' SALVATORE Data di nascita 02/10/1957 AZIENDA OSPEDALIERA S. ANTONIO ABATE

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. GIUFFRE' SALVATORE Data di nascita 02/10/1957 AZIENDA OSPEDALIERA S. ANTONIO ABATE INFORMAZIONI PERSONALI Nome GIUFFRE' SALVATORE Data di nascita 02/10/1957 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio DIRIGENTE MEDICO AZIENDA OSPEDALIERA S. ANTONIO ABATE

Dettagli

16/02/1992 a tutt ora Azienda Ospedaliero-Universitaria Pisana via Roma,67 56100 PISA

16/02/1992 a tutt ora Azienda Ospedaliero-Universitaria Pisana via Roma,67 56100 PISA F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome MARCHETTI FEDERICA Indirizzo PIAZZA DELLE VETTOVAGLIE, 35 56126 PISA Telefono cell. 347/3658099 ufficio 050/995751

Dettagli

EMANUELE GRIMALDI CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Nome

EMANUELE GRIMALDI CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Nome CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome EMANUELE GRIMALDI Data di nascita 26 gennaio 1962 Qualifica Infermiere coordinatore Amministrazione Fondazione IRCCS CA GRANDA Ospedale Maggiore Policlinico

Dettagli

QUALITÀ E SICUREZZA PER I NOSTRI PAZIENTI

QUALITÀ E SICUREZZA PER I NOSTRI PAZIENTI QUALITÀ E SICUREZZA PER I NOSTRI PAZIENTI L ACCREDITAMENTO INTERNAZIONALE ALL ECCELLENZA Fondazione Poliambulanza ha ricevuto nel dicembre 2013 l accreditamento internazionale all eccellenza da parte di

Dettagli

Introduzione al Disease Management. 2008 Pfizer Italy. TUTTI I DIRITTI RISERVATI.

Introduzione al Disease Management. 2008 Pfizer Italy. TUTTI I DIRITTI RISERVATI. Introduzione al Disease Management 2008 Pfizer Italy. TUTTI I DIRITTI RISERVATI. Il costo delle condizioni croniche. Medical Expenses by Patient Condition 100% 80% 60% 40% 20% 0% % Population % Total Costs

Dettagli

L infermiere NEL sostegno nutrizionale. 29APRILE2014 Ministero della Salute Auditorium Biagio d Alba Viale Giorgio Ribotta, 5-00144 Roma VIWORKSHOP

L infermiere NEL sostegno nutrizionale. 29APRILE2014 Ministero della Salute Auditorium Biagio d Alba Viale Giorgio Ribotta, 5-00144 Roma VIWORKSHOP L infermiere NEL sostegno nutrizionale E NELLA promozione della salute VIWORKSHOP Centro di Eccellenza per la Cultura e la Ricerca Infermieristica 29APRILE2014 Ministero della Salute Auditorium Biagio

Dettagli

Luglio 1976 Laurea in Medicina e Chirurgia - Università di Pisa, Votazione 110/110 e lode.

Luglio 1976 Laurea in Medicina e Chirurgia - Università di Pisa, Votazione 110/110 e lode. DATI PERSONALI Generalità complete Mario Carmellini Nascita: 7 Giugno 1951, Pisa Stato civile: Coniugato ( 2 figlie ed 1 figlio) Cittadinanza: Italiana Indirizzo Via del Fosso, 10 53100 Siena Lingue straniere:

Dettagli

Curriculum Vitae Europass. Informazioni personali Nome(i) / Cognome(i)

Curriculum Vitae Europass. Informazioni personali Nome(i) / Cognome(i) Curriculum Vitae Europass Informazioni personali Nome(i) / Cognome(i) Indirizzo(i) LUIGI CAVANNA Azienda USL, Ospedale di Piacenza, via Taverna, 49, 29100 Piacenza. Dipartimento di Oncologia-Ematologia.

Dettagli

HOSPITAL 08/11 AND COMMUNITY GUIDE FOR CARERS

HOSPITAL 08/11 AND COMMUNITY GUIDE FOR CARERS ITALIAN 1 GUIDA AL SISTEMA OSPEDALIERO PER ACCOMPAGNATORI (A CARERS GUIDE TO THE HOSPITAL SYSTEM) Un ricovero in ospedale può avvenire in modi diversi, ad esempio passando dal pronto soccorso o a seguito

Dettagli

L infermiere di famiglia e di comunità: una risorsa per le cure primarie prospettive nazionali ed internazionali. Relatore Paola Obbia.

L infermiere di famiglia e di comunità: una risorsa per le cure primarie prospettive nazionali ed internazionali. Relatore Paola Obbia. L infermiere di famiglia e di comunità: una risorsa per le cure primarie prospettive nazionali ed internazionali Relatore Paola Obbia Affiliazione L infermiere di famiglia e di comunità. un idea dell OMS

Dettagli

Linee guida e formazione in Day Surgery

Linee guida e formazione in Day Surgery Linee guida e formazione in Day Surgery Azienda Ospedaliero-Universitaria Udine Day Surgery Direttore: Dott. Luigi Conte Responsabile Infermieristica: Mariuccia Rizzuto Page 1 Day Surgery Gastro-enterologia

Dettagli

Tipo di azienda o settore Ospedale divisione di Medicina Interna Clinica Medica Tipo di impiego Medico

Tipo di azienda o settore Ospedale divisione di Medicina Interna Clinica Medica Tipo di impiego Medico F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE FOTO INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Telefono Fax E-mail MAURO ZENO Nazionalità Italiana Data di nascita 29/09/1950 ESPERIENZA LAVORATIVA Da anno 1977 al

Dettagli

Via Vittorio Veneto, n. 21 Albignasego (PD) C.A.P. 35020 +39 3409867729 ketty.ottolitri@sanita.padova.it

Via Vittorio Veneto, n. 21 Albignasego (PD) C.A.P. 35020 +39 3409867729 ketty.ottolitri@sanita.padova.it KETTI OTTOLITRI INFORMAZIONI PERSONALI KETTI OTTOLITRI Via Vittorio Veneto, n. 21 Albignasego (PD) C.A.P. 35020 +39 3409867729 ketty.ottolitri@sanita.padova.it Sesso F Data di nascita 31/03/1971 Nazionalità

Dettagli

Studio Re.mo.te "A randomized clinical trial on home telemonitoring for the management of metabolic and cardiovascular risk in individuals with type

Studio Re.mo.te A randomized clinical trial on home telemonitoring for the management of metabolic and cardiovascular risk in individuals with type Studio Re.mo.te "A randomized clinical trial on home telemonitoring for the management of metabolic and cardiovascular risk in individuals with type 2 diabetes" Protocollo di Studio:durata e campione La

Dettagli

Prof. FRANCESCO BASILE

Prof. FRANCESCO BASILE Prof. FRANCESCO BASILE INFORMAZIONI PERSONALI Nome Francesco Basile Indirizzo Viale O. Da Pordenone, 5 95128 Catania Telefono 095-7435151 Fax 095-7436466 E-mail Codice Fiscale Nazionalità fbasile@unict.it

Dettagli

Implementazione strumento interrai- Home Care

Implementazione strumento interrai- Home Care Implementazione strumento interrai- Home Care Francesco Landi Dipartimento di Scienze Gerontologiche-Geriatriche Geriatriche e Fisiatriche Università Cattolica Sacro Cuore - Roma MODELLI INNOVATIVI PER

Dettagli

I modelli organizzativi per la continuità assistenziale

I modelli organizzativi per la continuità assistenziale Prevenire lo scompenso e le sue recidive Sessione III - Creare la rete territoriale per la continuità assistenziale: modelli organizzativi I modelli organizzativi per la continuità assistenziale Prevenire

Dettagli

Il Programma Fulbright

Il Programma Fulbright Il Programma Fulbright Linking Minds Across Cultures Università degli Studi di Ferrara Venerdì 21 ottobre 2010 Commissione per gli Scambi Culturali fra l Italia e gli Stati Uniti The US Italy Fulbright

Dettagli

Prevenzione e sostenibilità: la collaborazione possibile tra AIFA e farmacisti

Prevenzione e sostenibilità: la collaborazione possibile tra AIFA e farmacisti Prevenzione e sostenibilità: la collaborazione possibile tra AIFA e farmacisti Prof. Sergio Pecorelli Presidente, Agenzia Italiana del Farmaco Relazione tra consumo di farmaci e aspettativa di vita in

Dettagli

Il modello di servizio @ccura

Il modello di servizio @ccura Il modello di servizio @ccura la cura con una @ in più Elisa Mattavelli Luca M. Munari @ccura Srl Chi è @ccura? @ccura è una disease management company costituita allo scopo di progettare, sviluppare e

Dettagli

414.712 Ordinanza del DFE concernente i cicli di studio, gli studi postdiploma e i titoli delle scuole universitarie professionali

414.712 Ordinanza del DFE concernente i cicli di studio, gli studi postdiploma e i titoli delle scuole universitarie professionali Ordinanza del DFE concernente i cicli di studio, gli studi postdiploma e i titoli delle scuole universitarie professionali del 2 settembre 2005 (Stato 4 ottobre 2005) Il Dipartimento federale dell economia,

Dettagli

Diabete e confini. Valerio Miselli, Reggio Emilia

Diabete e confini. Valerio Miselli, Reggio Emilia Diabete e confini Valerio Miselli, Reggio Emilia I mutamenti demografici e sociali in corso, la necessità di presa in carico del cittadino durante l intero arco della vita, pongono il tema dell integrazione

Dettagli

Nome Loris Bonetti Indirizzo Via Don Besana, 16 22070 Lurago Marinone (Co) Telefono +39333/5977466 Fax E-mail bonetti.loris@hsacco.

Nome Loris Bonetti Indirizzo Via Don Besana, 16 22070 Lurago Marinone (Co) Telefono +39333/5977466 Fax E-mail bonetti.loris@hsacco. F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Loris Bonetti Indirizzo Via Don Besana, 16 22070 Lurago Marinone (Co) Telefono +39333/5977466 Fax E-mail

Dettagli

L impegno della Regione per le. il piano di prevenzione della Regione

L impegno della Regione per le. il piano di prevenzione della Regione Impossibile visualizzare l'immagine. La memoria del computer potrebbe essere insufficiente per aprire l'immagine oppure l'immagine potrebbe essere danneggiata. Riavviare il computer e aprire di nuovo il

Dettagli