Obj105 I FARMACI BIOLOGICI IN AMBITO REUMATOLOGICO-INTERNISTICO. Paola Faggioli, Antonio Tamburello, Antonino Mazzone UO Medicina Interna Legnano

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Obj105 I FARMACI BIOLOGICI IN AMBITO REUMATOLOGICO-INTERNISTICO. Paola Faggioli, Antonio Tamburello, Antonino Mazzone UO Medicina Interna Legnano"

Transcript

1 Obj105 L OPINIONE DELL ESPERTO - N 3 I FARMACI BIOLOGICI IN AMBITO REUMATOLOGICO-INTERNISTICO FARMACI BIOLOGICI: COSA SONO? Paola Faggioli, Antonio Tamburello, Antonino Mazzone UO Medicina Interna Legnano I farmaci biotecnologici sono farmaci prodotti con tecniche di ingegneria genetica, in grado di interferire con la cascata citochinica, a vari livelli, modulando quindi l attivazione incontrollata del processo infiammatorio. I tre meccanismi che sono alla base dell interazione terapeutica sono: 1) la limitazione della cascata citochinica 2) l inibizione del secondo segnale richiesto per l attivazione delle T cell 3) l azione sulla deplezione delle B cell. Il Target della terapia è lo stimolo della downregulation o dell azione pro infiammatoria di Th1 (citotossica) o la up regulation o l azione antiinfiammatoria della riduzione di Th2 (anticorpale). Da ormai oltre 15 anni questi farmaci hanno fatto la loro comparsa nel panorama della Reumatologia italiana e dopo un iniziale fase di sperimentazione e di utilizzo ad uso compassionevole molte molecole fanno ormai parte a pieno titolo dell armamentario terapeutico del reumatologo, con indicazioni progressivamente sempre più ampie. Sono state introdotte nel 1998 per il trattamento della artrite reumatoide con un completo sovvertimento dello scenario terapeutico disponibile ottenendo ottimi outcomes in termini di qualità della vita, disabilità, morbilità e mortalità grazie anche ad una graduale estensione delle indicazioni di nuove e vecchie molecole. Attualmente in Italia sono già commercializzati 11 farmaci biologici utilizzati per varie indicazioni nel campo della reumatologia, mentre diversi altri sono per ora confinati ad un utilizzo nell ambito di protocolli e trials di studio in via di completamento in Italia e all estero. 1. Anakinra (KINERET): Antagonista umano del recettore dell interleuchina-1 (r-methuil-1ra) prodotto in cellule di Escherichia coli mediante la tecnologia del DNA ricombinante. Tale molecola nasce con la singola indicazione all uso nell artrite reumatoide non responsiva ai DMARDs (Disease Modifying Antirheumatic Drugs) non biologici e al morbo di Still. Esistono numerosi dati sull efficacia di tale molecola nella terapia dell artrite idiopatica giovanile e nel trattamento dell artrite da cristalli (UMS e pirofosfato). Il farmaco ha lo svantaggio di essere somministrato sottocute quotidianamente, con una conseguente bassa compliance del paziente. 2. Infliximab (REMICADE) è un anticorpo monoclonale umano-murino chimerico IgG1 prodotto in cellule di ibridoma murino con tecnologia DNA ricombinante. Nasce con l indicazione all uso nei pazienti affetti da Artrite reumatoide non responsiva ai DMARDs tradizionali, con successiva estensione all uso nella psoriasi ed artrite psoriasica, nella spondilite anchilosante, nelle spondiloartriti IBD (Inflammatory Bowel Disease) correlate e nelle IBD isolate. Ha il vantaggio di essere somministrato in ambiente ospedaliero (utile in caso di bassa compliance del paziente), con una dose di carico iniziale pro Kg/peso corporeo a t0-t2-t6 settimane, (variabile sulla base della malattia), ha una rapida efficacia d azione, con una somministrazione di mantenimento ogni 8 settimane. Numerosi i dati di efficacia su alcune vasculiti sistemiche (in particolare su Behçet). 3. Etanercept (ENBREL) è una proteina di fusione del recettore umano p75 del fattore di necrosi tumorale con la frazione Fc, ottenuta tramite tecniche di DNA ricombinante attraverso un sistema mammifero di espressione in cellule ovariche di criceto Cinese (CHO). Etanercept è un dimero di una proteina chimerica geneticamente preparata tramite fusione del dominio extracellulare del recettore-2 del fattore di necrosi tumorale umano (TNFR2/p75) responsabile del legame con il ligando, con la frazione Fc dell immunoglobulina umana IgG1. Questa frazione Fc contiene la regione cerniera, la regione CH2 e CH3 ma non la regione CH1 dell IgG1.

2 Primo antitnfa a somministrazione sottocutanea, quindi gestibile a domicilio. La somministrazione settimanale sc con penna/siringa preriempite garantisce una buona compliance del paziente. Ha indicazione per artrite reumatoide, artrite psoriasica e spondilite anchilosante. Esistono numerosi dati di efficacia su malattie IBD correlate. 4. Adalimumab (HUMIRA) è un anticorpo monoclonale completamente umano ricombinante espresso in cellule ovariche di criceto cinese (Chinese Hamster Ovary). La somministrazione è bisettimanale sc con penna/siringa preriempite. Garantisce un ottimale compliance del paziente. È indicato per artrite reumatoide, psoriasi, artrite psoriasica, spondilite anchilosante, spondiloartriti IBD correlate. di recente è stata autorizzato l uso nelle spondiloartriti assiali non radiografiche con prescrizione sottoposta a monitoraggio AIFA. Numerosi sono i dati in letteratura di efficacia su alcune vasculiti sistemiche (Behçet) 5. Abatacept (ORENCIA) è una proteina di fusione prodotta con tecnologia del DNA ricombinante in cellule ovariche di criceto cinese. Agisce con un meccanismo d azione differente rispetto ai classici anti TNFa (effetti sul co-stimolatore del linfocita T) intervenendo più a monte sulla cascata citochinica. Ben tollerato, si somministra per infusione endovenosa con una dose di carico iniziale (t0-t2-t4) poi ogni 4 settimane. Esiste anche la formulazione sc in siringhe pre-riempite con somministrazione settimanale. L unica indicazione rimane l artrite reumatoide non responsiva ai DMARDs non biologici. 6. Rituximab (MABTHERA) è un anticorpo monoclonale chimerico murino/umano ottenuto con tecniche di ingegneria genetica, costituito da una immunoglobulina glicosilata con le regioni costanti IgG1 di origine umana e con le sequenze della regione variabile della catena leggera e della catena pesante di origine murina. L anticorpo viene prodotto utilizzando una coltura di cellule di mammifero in sospensione (ovariche di Hamster Cinese) e purificato con cromatografia affine e scambio ionico, incluse procedure specifiche di inattivazione e rimozione virale. È il primo farmaco biotecnologico che ha come bersaglio in maniera predominante la linea B linfocitica. Ha come indicazione attuale l artrite reumatoide non responsiva ad almeno un farmaco anti TNFa. Si somministra per infusione endovenosa lenta (con uno specifico protocollo terapeutico) al dosaggio di 1000 mg a t0 e t2 settimane con successivo mantenimento semestrale. Numerosi gli studi di efficacia nel trattamento delle vasculiti dei grossi vasi oltre alle già note indicazioni in ambito ematologico/oncologico. 7. Tocilizumab (RoActemra): anticorpo monoclonale umanizzato IgG1 contro il recettore umano dell'interleuchina-6 (IL-6) prodotto in cellule ovariche di criceto cinese (CHO) mediante tecnologia del DNA ricombinante. Innovativo nel meccanismo d azione ha come indicazione l artrite reumatoide e l artrite idiopatica giovanile. Numerosi i dati di efficacia sulle vasculiti dei grossi vasi (numerosi i dati di efficacia sulla fibrosi retroperitoneale idiopatica). E l unico farmaco biotecnologico che ha dimostrato efficacia superiore in monoterapia rispetto ai DMARDs tradizionali. 8. Golimumab (SIMPONI): Anticorpo monoclonale umano IgG1κ prodotto da una linea cellulare di ibridomi murini con tecnologia DNA ricombinante. Prevede una somministrazione sc mensile con ottimale compliance del paziente ed ha come indicazione l artrite reumatoide non responsiva ai DMARDs tradizionali, l artrite psoriasica e la spondilite anchilosante. 9. Certolizumab pegol (CYMZIA) è un frammento Fab' di anticorpo ricombinante umanizzato diretto contro il fattore di necrosi tumorale alfa (TNFα) espresso in Escherichia Coli e coniugato con polietilenglicole (PEG). Prevede una somministrazione sc con dose di carico iniziale e successivo mantenimento bisettimanale ed ha come indicazione l artrite reumatoide non responsiva ai DMARDs tradizionali. un cenno a parte meritano 2 nuovi farmaci biotecnologici: belimumab e denosumab 1. Belimumab (BENLYSTA) è un anticorpo monoclonale IgG1λ specifico per la proteina solubile umana che stimola i linfociti B (BLyS, chiamato anche BAFF e TNFSF13B). Benlysta blocca il legame del BLyS solubile, un fattore di sopravvivenza della cellula B, con i suoi recettori sulle cellule B. Benlysta non lega le cellule B direttamente, ma con il legame BLyS, Benlysta inibisce la sopravvivenza delle cellule B, incluse le cellule B autoreattive, e riduce la differenziazione delle cellule B a cellule plasmatiche producenti immunoglubuline. I livelli di BLyS sono elevati nei pazienti affetti da LES e altre malattie autoimmuni. Vi è un associazione tra i livelli plasmatici di BLyS e l attività della malattia LES. Il contributo relativo dei livelli di BLyS alla patofisiologia del LES non è del tutto compreso. 2. Denosumab (PROLIA) è un anticorpo monoclonale umano (IgG2) diretto contro il RANKL (Receptor Activator of Nuclear factor Kappa-B Ligand), al quale si lega con elevata affinità e specificità, prevenendo l attivazione del suo recettore RANK, presente sulla superficie degli

3 osteoclasti e dei loro precursori. Il blocco dell interazione tra RANKL e RANK inibisce la formazione, la funzionalità e la sopravvivenza degli osteoclasti, riducendo in tal modo il riassorbimento osseo, sia a livello corticale che trabecolare. Ha come indicazione l osteoporosi post-menopausale ed è prescritto con nota 79, al pari dei più noti bifosfonati. Prevede una somministrazione sc ogni 6 mesi con una compliance ottimale del paziente. WORK IN PROGRESS Numerosissime sono le molecole ancora in fase di sperimentazione, alcune delle quali già commercializzate in altri paesi e non ancora autorizzate in Europa. INIBITORE DI SEGNALE INTRACELLULARE Tofacitinib, un nuovo agente non biologico, è il primo inibitore di Janus chinasi (JAK) approvato dalla FDA e da altre agenzie di regolamentazione in vari altri paesi (Giappone, Svizzera, Russia, Argentina, Kuwait ed Emirati Arabi Uniti) per il trattamento dell'artrite reumatoide. Al contrario, EMEA non ha ancora approvato questo farmaco. Gli enzimi JAK sono un gruppo di quattro tirosin chinasi citoplasmatiche: JAK1, JAK2, JAK3 e TYK. Questi enzimi si legano alla porzione intracellulare di vari recettori di citochine e, dopo stimolazione del recettore tirosina chinasi associato, trasmettono il segnale dalla superficie cellulare nel nucleo. Gli enzimi JAK sono coinvolti nella differenziazione e attivazione dei linfociti e nella secrezione di citochine proinfiammatorie. Un certo numero di citochine note per essere coinvolte nella fisiopatologia dell artrite reumatoide (come IL-2, IL-4, IL-6, IL-7, IL-9, IL-15 e IL-21) sono regolate dalle vie JAK-dipendenti. Tofacitinib è un inibitore della Janus chinasi 1 e 3 (con molto minore affinità per JAK2 e TYK). È il primo a somministrazione per via orale e la dose raccomandata è di 5 mg due volte al giorno. Può essere utilizzato come monoterapia o in combinazione con metotressato o altri sdmards, per il trattamento dell artrite reumatoide da moderata a grave, in pazienti che hanno avuto una risposta inadeguata al metotressato. L'efficacia clinica di tofacitinib si è dimostrata essere molto simile a quella di adalimumab. AGENTI BIOSIMILARI I brevetti per molti agenti biologici stanno per scadere nei prossimi anni, e questo ha scatenato grande interesse per lo sviluppo di "biosimilari" da parte di diverse società. L'avvento di queste alternative potenzialmente meno costose potrebbe rendere il trattamento di artrite reumatoide più conveniente, potendo permettere l'accesso ai farmaci biologici ad un maggior numero di pazienti con artrite reumatoide in tutto il mondo. Tuttavia, i biosimilari non possono essere identici agli originali biologici; ciò è dovuto in parte alla variabilità stocastica e in parte a potenziali differenze nelle condizioni di produzione. Queste differenze hanno sollevato alcune preoccupazioni riguardanti l'efficacia, immunogenicità e profilo di sicurezza di tali copie. Di conseguenza, il processo di registrazione e approvazione per i biosimilari è molto più impegnativo che per i comuni farmaci generici (ma sempre meno indaginoso rispetto ad un nuovo farmaco). Poiché i costi di produzione dei biosimilari non saranno diversi da farmaci biologici, essi rimangono ancora costosi, e il risparmio rispetto ai farmaci biologici originali potrebbe essere relativamente modesto. I NUOVI AGENTI ANTI-REUMATICI IN CANTIERE Emergenti terapie includono anti-il-17 e anti-il-15. I livelli sierici di IL-17A ed, in misura maggiore, i livelli di IL-17A nel liquido sinoviale, sono elevati in molti pazienti con artrite reumatoide, e ciò sembra essere correlato con la degradazione della cartilgine e dell osso. Gli anticorpi monoclonali anti-il-17, secukinumab e ixekizumab, e l anticorpo monoclonale diretto contro la subunità A del recettore della IL-17, brodalumab, sono in corso di sperimentazione, attualmente in fase II. Di questi, secukinumab è la molecola più avanzata, con alcuni studi di fase III in corso, in pazienti che avevano una risposta inadeguata alla precedente terapia con anti TNF-a. Un'altra citochina che è stata individuata a svolgere un ruolo nella patogenesi dell'artrite reumatoide è IL-20. Questa citochina è aumentata nella sinovia e nel liquido sinoviale di pazienti con artrite reumatoide. NNC , un IgG4 umano ricombinante che si lega e neutralizza IL-20, è ora in studi di fase II. Uno studio in doppio cieco sembra avere già dimostrato mostrato risultati promettenti, con evidenti miglioramenti della malattia in termini di attività, funzione fisica e dolore, in particolare nei pazienti con artrite reumatoide sieropositiva. Tra le terapie che hanno come bersaglio i recettori cellulari ci sono stati recentemente degli studi sull anticorpo BT-061 (tregalizumab), che non riduce il pool delle cellule T che si pensa possa agire attivando le cellule T regolatorie, le quali sembrano malfunzionare nelle malattie autoimmuni come la psoriasi e l'artrite reumatoide. Poiché soltanto i meccanismi di regolazione naturale verrebbero ad essere attivati da BT-061, ci si aspetta che tale sistema sia più sicuro di altre terapie disponibili, in quanto il sistema immunitario rimane principalmente efficace per combattere le infezioni. Il TREAT 2b è uno studio di fase IIb che sta indagando la sicurezza e l'efficacia di tregalizumab in combinazione con metotressato per il trattamento di soggetti con artrite reumatoide attiva che hanno avuto una risposta inadeguata al metotressato.

4 Inoltre, grazie al successo del JAK inibitore, diversi JAK inhibitors sono attualmente in fase di sperimentazione a diversi stadi di sviluppo, tra cui baricitinib, un inibitore JAK1 2, e VX-509, un inibitore JAK3, che sembra produrre un miglioramento clinico superiore al placebo. Altre molecole intracellulari che sono state considerate bersagli terapeutici idonei, a causa del loro ruolo nella trasduzione dei segnali infiammatori, tra cui la (SYK) e le proteine chinasi (MAP) p38 mitogeno-attivata, hanno portato allo sviluppo di nuove classi di farmaci valutati in studi clinici sull'artrite reumatoide, ma che sono stati in seguito abbandonati a causa della mancanza di efficacia. DECISION MAKING Il target terapeutico delle diverse malattie reumatiche è sempre la remissione di malattia o la bassa attività di malattia. Fondamentale, quindi, è eseguire precocemente la stratificazione della popolazione affetta dalle diverse malattie reumatiche (ogni tipo di patologia ormai ha un assessment ben definito) per individuare il fenotipo di malattia che necessita di cure più aggressive e più costose (terapia biologica) onde eseguire una giusta distribuzione delle risorse e garantire una cura sostenibile ed efficace. Per eseguire questa stratificazione sono stati individuati degli indicatori anche numerici di attività, di severità e prognostici di malattia. Sempre più utilizzata è la clinometria anche per monitorizzare il paziente e per valutare il raggiungimento dei outcomes. L appropriatezza clinica e la decision making dei farmaci biologici si avvale anche del tight control che prevede controlli clinici ravvicinati per il paziente al fine di aggiustare la terapia in caso di inefficacia. Solo in questi casi gli outcomes di malattia possono essere raggiunti riducendo la limitazione funzionale o il danno d organo irreversibile Un altro strumento che si deve prendere in considerazione è il self management. Solo un paziente informato ed istruito può avere un ruolo attivo anche nella scelta terapeutica ed avere un ruolo nell efficacia terapeutica Gli strumenti quali indicatori di attività di malattia e di danno d organo e gli indici di remissione oggi sono validati non solo per l artrite reumatoide ma anche per le connettiviti e le vasculiti sia dei gradi che dei piccoli vasi EFFICACIA E SAFETY Nel corso dell ultimo quindicennio sono stati condotti numerosi trials di valutazione di ognuno dei farmaci biologici attualmente in commercio, testati di volta in volta con indicazioni e condizioni differenti. I farmaci biologici si sono sicuramente dimostrati più efficaci dei farmaci tradizionali (DMARDs) nel controllo a breve e medio termine della sintomatologia e nella capacità di rallentare la progressione della malattia e di ritardare il danno radiologico e la conseguente disabilità con un certo miglioramento della qualità della vita. Di norma i farmaci biologici sono ben tollerati,. Prima di introdurre una terapia con farmaci biologici, ad eccezione del denosumab, va effettuata una valutazione preliminare al fine di escludere eventuali controindicazioni assolute alla prescrizione del farmaco, o di intraprendere dei protocolli specifici profilattici. Lo screening prevede: Marcatori HCV-HBV (esistono ancora 2 linee di pensiero in caso di pregresso contatto (anticore+): profilassi con lamivudina o stretto monitoraggio con marcatori e DNA quantitativo. Intradermoreazione sec. Mantoux/Quantiferon TB gold test. Rx torace. Va inoltre sempre valutata la classe funzionale NYHA essendo tali farmaci controindicati in classe NYHA III- IV. I dati relativi alla sicurezza a breve e medio termine sembrano dimostrare come i farmaci biologici presentino un profilo di safety del tutto paragonabile a quello dei DMARDs tradizionali, a patto che venga eseguito accuratamente, prima dell arruolamento del paziente e durante il trattamento un insieme di test di screening e di monitoraggio volti ad accertare l idoneità del soggetto per tale trattamento e la non esistenza di possibili controindicazioni e/o fattori di rischio L Importanza del tight control si è evidenziata non solo nella valutazione di efficacia del farmaco, ma anche per la valutazione di potenziali eventi avversi drugs correlati e quindi sulla safety. I farmaci a somministrazione endovenosa si prestano ottimamente al tight control essendo di esclusiva somministrazione ospedaliera presso centri specializzati. Riguardo ai farmaci a somministrazione domiciliare, la limitazione della prescrizione ai soli centri accreditati e la necessità di stilare un piano terapeutico per il ritiro dello stesso nelle farmacie ospedaliere o territoriali delle ASL, consente di effettuare comunque un attento monitoraggio sia in termini di efficacia che di safety. LA FARMACOECONOMIA Uno degli aspetti che influenza significativamente l effettivo impiego dei farmaci biologici nella pratica clinica quotidiana è certamente quello farmaco-economico. Il costo annuo per il trattamento di un paziente è elevato (variabile a seconda della molecola usata e dello schema di trattamento impostato), e certamente di gran lunga superiore a quello di qualunque terapia di fondo tradizionale normalmente utilizzata in reumatologia. L importanza di una giusta collocazione delle risorse in sanità ha fatto sì che, fin dalla loro introduzione sul mercato, i farmaci biologici siano stati soggetti ad una regolamentazione precisa al fine anche di limitare una spesa sanitaria che da sempre rappresenta un problema per il sistema sanitario nazionale italiano e sono stati però eseguiti numerosi studi internazionali di costo efficacia che hanno dimostrato come i farmaci biologici, a fronte di un costo diretto iniziale più elevato, abbiano di fatto la capacità di ridurre i costi indiretti

5 (grazie alla capacità di prevenire nel tempo la disabilità legata alla malattia analizzando i QALYs (qualità di vita aggiustata per anno di vita) negli studi di costo utilità. PROBLEMI APERTI Il paziente complesso con co-patologie e quindi con co-terapie con una malattia reumatica nella fase attiva è una sfida diagnostico terapeutica che richiede notevole esperienza nella decision making. Obiettivo è sempre il raggiungimento della remissione o della bassa attività di malattia per ridurre l invalidità e la cronicizzazione del danno d organo, ma la coesistenza di malattie croniche può essere un linite al raggiungimento del target (la presenza di epatite B e C, di scompenso cardiaco, di BPCO ad elevato stadio con continue riacutizzazioni). In questo caso l internista/reumatologo ha un ruolo importante perché è il vero regista che coordina i PDTI più sicuri per il paziente e nello stesso tempo nel non far perdere l opportunità di trattamento appropriato BIBLIOGRAFIA Edwards JC, Szczepanski L, Szechinski J, et al. Efficacy of B-cell-targeted therapy with rituximab in patients with rheumatoid arthritis. N Engl J Med 2004; 350:2572. Schlesinger N, Alten RE, Bardin T, et al. Canakinumab for acute gouty arthritis in patients with limited treatment options: results from two randomised, multicentre, active-controlled, double-blind trials and their initial extensions. Ann Rheum Dis 2012; 71:1839. Chizzolini C, Chicheportiche R, Alvarez M, de Rham C, Roux- Lombard P, Ferrari-Lacraz S, Dayer JM: Prostaglandin E2 syner- gistically with interleukin-23 favors human Th17 expansion. Blood 2008, 112: Tracey D, Klareskog L, Sasso EH, Salfeld JG, Tak PP: Tumor necrosis factor antagonist mechanisms of action: a comprehensive review. Pharmacol Ther 2008, 117: Dayer JM, Chicheportiche R, Juge-Aubry C, Meier C: Adipose tissue has anti-inflammatory properties: focus on IL-1 recep- tor antagonist (IL-1Ra). Ann N Y Acad Sci 2006, 1069: Zheng Y, Danilenko DM, Valdez P, Kasman I, Eastham-Anderson J, Wu J, Ouyang W: Interleukin-22, a T(H)17 cytokine, medi- ates IL-23-induced dermal inflammation and acanthosis. Nature 2007, 445: Boissier MC, Assier E, Biton J, Denys A, Falgarone G, Bessis N: Regulatory T cells (Treg) in rheumatoid arthritis. Joint Bone Spine 2009, 76:10-14 National Institute for Health and Clinical Excellence. Adalimumab, etanercept, infliximab, rituximab and abatercept for the treatment of rheumatoid arthritis after the failure of a TNF inhibitor - Technology Appraisal TA195. London: NICE, Tosh J, Brennan A, Wailoo A, Bansback N. The Sheffield rheumatoid arthritis health ecomomic model. Rheumatology 2011;50(Suppl 4):iv2631. National Institute for Health and Clinical Excellence. Guide to the methods of technology appraisal. London: NICE, 2008:176. Miossec P: Diseases that may benefit from manipulating the Th17 pathway. Eur J Immunol 2009, 39: Micheloud D, Nuno L, Rodriguez-Mahou M et al. Efficacy and sefety of etanercept, high-dose intravenous gammaglobulin and plasmapheresis combined therapy for lupus diffuse proliferative nephritis complicating pregnancy. Lupus 2006; 15: Carter J, Valeriano J, Vasey FB. Tumor necrosis factor-alpha inhibition and VATER association: a causal relationship? J Rheumatology 2006;33: Chambers CD, Johnson DL, Jones KL. Pregnancy outcome in women exposed to adalimumab: the OTIS autoimmune diseases in pregnancy project. Arthritis Rheum Kay J, Matteson EL, Dasgupta B, et al. Golimumab in patients with active rheu- matoid arthritis despite treatment with methotrexate: a randomized, double-blind, placebo-controlled, dose-ranging study. Arthritis Rheum 2008;58: [Erra- tum, Arthritis Rheum 2010;62:3518.] Genovese MC, McKay JD, Nasonov EL, et al. Interleukin-6 receptor inhibition with tocilizumab reduces disease activity in rheumatoid arthritis with inadequate response to disease-modifying antirheu- matic drugs: the tocilizumab in combina- tion with traditional disease-modifying antirheumatic drug therapy study. Arthritis Rheum 2008;58: Maska L, Anderson J, Michaud K. Measures of functional status and quali- ty of life in rheumatoid arthritis: Health Assessment Questionnaire Disability In- dex (HAQ), Modified Health Assessment Questionnaire (MHAQ), Multidimen- sional Health Assessment Questionnaire (MDHAQ), Health Assessment Questionnaire II (HAQ-II), Improved Health As- sessment Questionnaire (Improved HAQ), and Rheumatoid Arthritis Quality of Life (RAQoL). Arthritis Care Res (Hoboken) 2011;63:Suppl 11:S4-S13. Cutolo M: The kinase inhibitor tofacitinib in patients with rheumatoid arthritis: latest findings and clinical potential. Ther Adv Musculoskelet Dis 2013, 5:3-11. van Vollenhoven RF, Fleischmann R, Cohen S, Lee EB, García Meijide JA, Wagner S, Forejtova S, Zwillich SH, Gruben D, Koncz T, Wallenstein GV, Krishnaswami S, Bradley JD, Wilkinson B; ORAL Standard

6 Investigators: Tofacitinib or adalimumab versus placebo in rheumatoid arthritis. N Engl J Med 2012, 367: Scheinberg MA, Kay J: The advent of biosimilar therapies in rheumatology O brave new world. Nat Rev Rheumatol 2012, 8: Kellner H: Targeting interleukin-17 in patients with active rheumatoid arthritis: rationale and clinical potential. Ther Adv Musculoskelet Dis 2013, 5: Baslund B, Tvede N, Danneskiold-Samsoe B, Larsson P, Panayi G, Petersen J, Petersen LJ, Beurskens FJ, Schuurman J, van de Winkel JG, Parren PW, Gracie JA, Jongbloed S, Liew FY, McInnes IB: Targeting interleukin-15 in patients with rheumatoid arthritis: a proof- of-concept study. Arthritis Rheum 2005, 52: Senolt L ea: Improvements in patient-reported physical function, pain, and global disease activity in patients with rheumatoid arthritis after treatment with NNC (anti-il-20 mab) in a phase 2a trial Abstract SAT112. In: EULAR 2013; Madrid, Spain. Helling B, Daelken B, Wallmeier H, Aigner S, Zuber CH, Koenig M, Engling A, Osterroth F, and CN, Uherek. C: The Therapeutic Antibody Tregalizumab (BT-061) Induces Activation of Regulatory T Cells by Engaging a Unique CD4 Mediated Signaling That Strongly Differs From Signaling Events Induced by Standard Anti-CD4 Antibodies. In: ACR Annual Meeting: 2012; Rudnev A, Ragavan S, Trollmo C ea: Selective activation of naturally occurring regulatory T cells (Tregs) by the mono- clonal antibody (mab) BT-061. Markers of clinical activity and early Phase II results in patients with rheumatoid arthritis (RA). In: American College of Rheumatology Annual Meeting 2010; Genovese MC, Keystone E, Taylor P ea: 24-week results of a blinded phase 2b dose-ranging study of baricitinib, an oral janus kinase 1/janus kinase 2 inhibitor, in combination with traditional disease modifying antirheumatic drugs in patients with rheumatoid arthritis. Arthritis Rheum 2012, 64:S Smolen JS, Schlichting DE, Sterling KL ea: 12-and 24-week patient- reported outcomes from a phase 2b dose-ranging study of baricitinib, an oral janus kinase 1/janus kinase 2 inhibitor, in combination with traditional disease-modifying antirheu- matic drugs in patients with rheumatoid arthritis. Arthritis Rheum 2012, 64:S Kyttaris VC: Kinase inhibitors: a new class of antirheumatic drugs. Drug Des Devel Ther 2012, 6: Alten RE, Zerbini C, Jeka S, Irazoque F, Khatib F, Emery P, Bertasso A, Rabbia M, Caulfield JP: Efficacy and safety of pamapimod in patients with active rheumatoid arthritis receiving stable methotrexate therapy. Ann Rheum Dis 2010, 69: Helling B, Daelken B, Wallmeier H, Aigner S, Zuber CH, Koenig M, Engling A, Osterroth F, and CN, Uherek. C: The Therapeutic Antibody Tregalizumab (BT-061) Induces Activation of Regulatory T Cells by Engaging a Unique CD4 Mediated Signaling That Strongly Differs From Signaling Events Induced by Standard Anti-CD4 Antibodies. In: ACR Annual Meeting: 2012; Rudnev A, Ragavan S, Trollmo C ea: Selective activation of naturally occurring regulatory T cells (Tregs) by the mono- clonal antibody (mab) BT-061. Markers of clinical activity and early Phase II results in patients with rheumatoid arthritis (RA). In: American College of Rheumatology Annual Meeting 2010; Genovese MC, Keystone E, Taylor P ea: 24-week results of a blinded phase 2b dose-ranging study of baricitinib, an oral janus kinase 1/janus kinase 2 inhibitor, in combination with traditional disease modifying antirheumatic drugs in patients with rheumatoid arthritis. Arthritis Rheum 2012, 64:S Smolen JS, Schlichting DE, Sterling KL ea: 12-and 24-week patient- reported outcomes from a phase 2b dose-ranging study of baricitinib, an oral janus kinase 1/janus kinase 2 inhibitor, in combination with traditional disease-modifying antirheu- matic drugs in patients with rheumatoid arthritis. Arthritis Rheum 2012, 64:S Kyttaris VC: Kinase inhibitors: a new class of antirheumatic drugs. Drug Des Devel Ther 2012, 6: Alten RE, Zerbini C, Jeka S, Irazoque F, Khatib F, Emery P, Bertasso A, Rabbia M, Caulfield JP: Efficacy and safety of pamapimod in patients with active rheumatoid arthritis receiving stable methotrexate therapy. Ann Rheum Dis 2010, 69:364-7.

7 Hirata S, Dirven L, Shen Y, Centola M, Cavet G, Lems WF, Tanaka Y, Huizinga TW, Allaart CF: A multibiomarker score measures rheumatoid arthritis disease activity in the BeSt study. Rheumatology 2013, 52:

8

Citochine dell immunità specifica

Citochine dell immunità specifica Citochine dell immunità specifica Proprietà biologiche delle citochine Sono proteine prodotte e secrete dalle cellule in risposta agli antigeni Attivano le risposte difensive: - infiammazione (immunità

Dettagli

Corso di Laurea Specialistica in Biotecnologie Biomolecolari. Corso di Immunologia Molecolare

Corso di Laurea Specialistica in Biotecnologie Biomolecolari. Corso di Immunologia Molecolare Corso di Laurea Specialistica in Biotecnologie Biomolecolari ANTONELLA GROSSO Corso di Immunologia Molecolare ILAN RIESS LA MOLECOLA Interleukin 4 From Wikipedia, the free encyclopedia Interleukin-4, abbreviated

Dettagli

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS)

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Che cos é? Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) La sindrome di Blau è una malattia genetica. I pazienti affetti presentano rash

Dettagli

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono?

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono? STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? Si definisce sperimentazione clinica, o studio clinico controllato, (in inglese: clinical trial), un esperimento scientifico che genera dati

Dettagli

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD)

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Che cos è? Il deficit di mevalonato chinasi è una malattia genetica. E un errore congenito

Dettagli

Nuove terapie nelle malattie bullose autoimmuni

Nuove terapie nelle malattie bullose autoimmuni Nuove terapie nelle malattie bullose autoimmuni Federica Morelli, Specialista in Dermatologia e Venereologia, Pescara Claudio Feliciani, Professore associato in Dermatologia e Venereologia, Policlinico

Dettagli

DOMANDE E RISPOSTE 1. Che cos è un vaccino? 2. Che cosa si intende con i termini immunità, risposta immune e risposta immunitaria?

DOMANDE E RISPOSTE 1. Che cos è un vaccino? 2. Che cosa si intende con i termini immunità, risposta immune e risposta immunitaria? DOMANDE E RISPOSTE 1. Che cos è un vaccino? Un vaccino è un prodotto la cui somministrazione è in grado di indurre una risposta immunitaria specifica contro un determinato microrganismo (virus, batterio

Dettagli

DIAGNOSTICA DI LABORATORIO NELL ARTRITE REUMATOIDE

DIAGNOSTICA DI LABORATORIO NELL ARTRITE REUMATOIDE DIAGNOSTICA DI LABORATORIO NELL ARTRITE REUMATOIDE Dr.ssa ANNALISA BIANO ASL 2 SAVONESE S.S.D. LABORATORIO DI PATOLOGIA CLINICA P.O. CAIRO MONTENOTTE GRUPPO LIGURE di AUTOIMMUNITA ARTRITE REUMATOIDE: PROBLEMATICHE

Dettagli

Hotel Cascina Scova Cityspa, Via Vallone, 18-27100 Pavia - 9 maggio 2015

Hotel Cascina Scova Cityspa, Via Vallone, 18-27100 Pavia - 9 maggio 2015 Ble Consulting srl id. 363 BISFOSFONATI E VITAMINA D: RAZIONALI D'USO - 119072 Hotel Cascina Scova Cityspa, Via Vallone, 18-27100 Pavia - 9 maggio 2015 Dr. Gandolini Giorgio Medici chirurghi 8,8 crediti

Dettagli

Attivazione dei linfociti T

Attivazione dei linfociti T Attivazione dei linfociti T Attivazione linfociti T: caratteristiche generali Eventi extracellulari - Riconoscimento dell antigene - Interazione dei recettori costimolatori Eventi intracellulari - Trasduzione

Dettagli

VADEMECUM PER MISURA DELLA VITAMINA D (25-idrossivitamina D e 1,25-diidrossivitamina D)

VADEMECUM PER MISURA DELLA VITAMINA D (25-idrossivitamina D e 1,25-diidrossivitamina D) DAI Diagnostica di Laboratorio - Laboratorio Generale - Direttore Dr. Gianni Messeri Gentile Collega, negli ultimi anni abbiamo assistito ad un incremento delle richieste di dosaggio di vitamina D (25-

Dettagli

Monossido d azoto NO (Nitric Oxide) Messaggero del segnale cellulare. Molecola regolatoria nel sistema nervoso centrale e periferico

Monossido d azoto NO (Nitric Oxide) Messaggero del segnale cellulare. Molecola regolatoria nel sistema nervoso centrale e periferico Monossido d azoto NO (Nitric Oxide) Ruolo biologico: Messaggero del segnale cellulare Molecola regolatoria nel sistema cardiovascolare Molecola regolatoria nel sistema nervoso centrale e periferico Componente

Dettagli

La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno

La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno Metodo epidemiologici per la clinica _efficacia / 1 La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno La buona ricerca clinica Non è etico ciò che non è rilevante scientificamente Non è

Dettagli

RENATO TOZZOLI, GRAZIANO KODERMAZ SERVIZIO DI MEDICINA DI LABORATORIO OSPEDALE CIVILE, LATISANA (UD) SPOLETO, 08 MAGGIO 2009

RENATO TOZZOLI, GRAZIANO KODERMAZ SERVIZIO DI MEDICINA DI LABORATORIO OSPEDALE CIVILE, LATISANA (UD) SPOLETO, 08 MAGGIO 2009 RENATO TOZZOLI, GRAZIANO KODERMAZ SERVIZIO DI MEDICINA DI LABORATORIO OSPEDALE CIVILE, LATISANA (UD) SPOLETO, 08 MAGGIO 2009 Cisteina di 3 gruppo (176) Unità ripetute ricche di leucina Cisteine di 2 gruppo

Dettagli

Date da 10/2003 a 01/2004 Lavoro o posizione ricoperti Dirigente medico ex I livello, a tempo determinato, Disciplina di Medicina Interna

Date da 10/2003 a 01/2004 Lavoro o posizione ricoperti Dirigente medico ex I livello, a tempo determinato, Disciplina di Medicina Interna Principali attività e medico presso la Medicina e Chirurgia di Accettazione ed Urgenza (MCAU) del Pronto Soccorso Generale P.O. Garibaldi Centro. Attività svolta presso gli ambulatori di Medicina del Pronto

Dettagli

Terapia a lungo termine con i bisfosfonati

Terapia a lungo termine con i bisfosfonati Raffaella Michieli 1, Antonella Toselli 2 1 Responsabile Area Salute Donna SIMG; 2 Area Osteomioarticolare SIMG Focus on Terapia a lungo termine con i bisfosfonati L osteoporosi è un difetto sistemico

Dettagli

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE SI PARTE DALLA VITAMINA D Relatore dr Donata Soppelsa Medico di medicina generale Associato alla Società Italiana di Nutriceutica Quali domande? E sufficiente l integrazione

Dettagli

spondilite anchilosante, artrite psoriasica e altre spondiloartriti: domande e risposte

spondilite anchilosante, artrite psoriasica e altre spondiloartriti: domande e risposte Unità Operativa Complessa di Reumatologia Ospedale S. Chiara, Trento Quaderni ATMAR 6 spondilite anchilosante, artrite psoriasica e altre spondiloartriti: domande e risposte In collaborazione con l Unità

Dettagli

La Terapia Farmacologica delle Malattie Infiammatorie Immuno-Mediate: dai Trattamenti Convenzionali ai Farmaci Biotecnologici

La Terapia Farmacologica delle Malattie Infiammatorie Immuno-Mediate: dai Trattamenti Convenzionali ai Farmaci Biotecnologici La Terapia Farmacologica delle Malattie Infiammatorie Immuno-Mediate: Presidenti Corrado Blandizzi Università di Pisa Pier Luigi Canonico Università del Piemonte Orientale BOLOGNA ROYAL HOTEL CARLTON 5-6-7

Dettagli

Nuove acquisizioni patogenetiche nell osteodistrofia renale.

Nuove acquisizioni patogenetiche nell osteodistrofia renale. Nuove acquisizioni patogenetiche nell osteodistrofia renale. Sequenza di eventi patogenetici (seconda metà anni 70 seconda metà anni 90) IRC deficit di attivazione ridotta escrezione della vitamina D di

Dettagli

I linfomi non-hodgkin

I linfomi non-hodgkin LINFOMA NON HODGKIN I linfomi non-hodgkin (LNH) sono un eterogeneo gruppo di malattie neoplastiche che tendono a riprodurre le caratteristiche morfologiche e immunofenotipiche di una o più tappe dei processi

Dettagli

DA PORTO A., NANINO E., DEL TORRE M., SECHI L.A., CAVARAPE A. CLINICA MEDICA - Azienda Ospedaliero-Universitaria S.Maria Misericordia di Udine

DA PORTO A., NANINO E., DEL TORRE M., SECHI L.A., CAVARAPE A. CLINICA MEDICA - Azienda Ospedaliero-Universitaria S.Maria Misericordia di Udine DA PORTO A., NANINO E., DEL TORRE M., SECHI L.A., CAVARAPE A. CLINICA MEDICA - Azienda Ospedaliero-Universitaria S.Maria Misericordia di Udine VITAMINA D: SINTESI, METABOLISMO E CARENZA Il 40-50% della

Dettagli

Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano

Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano Facoltà di Medicina Veterinaria Embriologia e Terapia Genica e Cellulare Le cellule staminali adulte:

Dettagli

INFLUENZA. Che cos è

INFLUENZA. Che cos è INFLUENZA Che cos è L influenza è una malattia infettiva provocata da virus del genere Othomixovirus che colpiscono le vie aeree come naso, gola e polmoni. I soggetti colpiti nel nostro Paese vanno dai

Dettagli

Emergenze emorragiche in corso di terapia anticoagulante: quale gestione?

Emergenze emorragiche in corso di terapia anticoagulante: quale gestione? Società Medico Chirurgica di Ferrara FIBRILLAZIONE ATRIALE E TROMBOSI VENOSA PROFONDA ASPETTI FISIOPATOLOGICI, CLINICI E TERAPEUTICI Emergenze emorragiche in corso di terapia anticoagulante: quale gestione?

Dettagli

I I SEGNALI COSTIMOLATORI DEI LINFOCITI T FEDERICA COLLINO

I I SEGNALI COSTIMOLATORI DEI LINFOCITI T FEDERICA COLLINO I I SEGNALI COSTIMOLATORI DEI LINFOCITI T FEDERICA COLLINO ATTIVAZIONE DEI LINFOCITI T L attivazione dei linfociti T vergini richiede la presenza di una particolare regione di contatto tra le cellule T

Dettagli

1 Capitolo 8. Sviluppo linfocitario e riarrangiamento ed espressione dei geni dei recettori antigenici

1 Capitolo 8. Sviluppo linfocitario e riarrangiamento ed espressione dei geni dei recettori antigenici 1 Capitolo 8. Sviluppo linfocitario e riarrangiamento ed espressione dei geni dei recettori antigenici La maturazione consiste in una serie di eventi che avvengono negli organi linfoidi generativi o primari:

Dettagli

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott.

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott. C. I. D. I. M. U. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI Resp. Dott. Antonio Vercelli OSTEOPOROSI *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* *Cos è l osteoporosi?* L osteoporosi

Dettagli

PROGETTO Ambulatorio Ma.Re.A. (Malattia Renale Avanzata) Elaborato da: Delalio Alessia Guzza Lucia Resinelli Vilma Sandrini Massimo

PROGETTO Ambulatorio Ma.Re.A. (Malattia Renale Avanzata) Elaborato da: Delalio Alessia Guzza Lucia Resinelli Vilma Sandrini Massimo PROGETTO Ambulatorio Ma.Re.A. (Malattia Renale Avanzata) Elaborato da: Delalio Alessia Guzza Lucia Resinelli Vilma Sandrini Massimo Malattia Renale Cronica Stadiazione Stadio Descrizione VFG (ml/min/1.73

Dettagli

Corretto utilizzo delle soluzioni concentrate di Potassio cloruro. ed altre soluzioni contenenti Potassio

Corretto utilizzo delle soluzioni concentrate di Potassio cloruro. ed altre soluzioni contenenti Potassio cloruro cloruro Data Revisione Redazione Approvazione Autorizzazione N archiviazione 00/00/2010 e Risk management Produzione Qualità e Risk management Direttore Sanitario 1 cloruro INDICE: 1. Premessa

Dettagli

Bilancia emostatica. Ipercoagulabilità. Ipocoagulabilità. Normale. Trombosi. Emorragie

Bilancia emostatica. Ipercoagulabilità. Ipocoagulabilità. Normale. Trombosi. Emorragie Coagulazione 1 Bilancia emostatica Ipercoagulabilità Ipocoagulabilità Normale Trombosi Emorragie 2 emostasi primaria emostasi secondaria Fattori coinvolti nell emostasi Vasi + endotelio Proteine della

Dettagli

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore Testo aggiornato al 29 novembre 2011 Legge 15 marzo 2010, n. 38 Gazzetta Ufficiale 19 marzo 2010, n. 65 Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore La Camera dei

Dettagli

Un aiuto per prendere decisioni più informate 1-5

Un aiuto per prendere decisioni più informate 1-5 Un aiuto per prendere decisioni più informate 1-5 L'unico test che fornisce una valutazione accurata dell aggressività del cancro alla prostata Un prodotto di medicina prognostica per il cancro della prostata.

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. GARBELLINI MARIA Data di nascita 31/03/1969. Staff - STRUTTURA COMPLESSA DI CARDIOLOGIA

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. GARBELLINI MARIA Data di nascita 31/03/1969. Staff - STRUTTURA COMPLESSA DI CARDIOLOGIA INFORMAZIONI PERSONALI Nome GARBELLINI MARIA Data di nascita 31/03/1969 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio I Fascia AZIENDA OSPEDALIERA VALTELLINA E VALCHIAVENNA

Dettagli

ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC)

ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC) OSPEDALE FATEBENEFRATELLI E OFTALMICO Azienda Ospedaliera di rilievo nazionale M I L A N O S.C. RADIOLOGIA Direttore Dott. G. Oliva ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC) ESAMI DA ESEGUIRE (VALIDITA'

Dettagli

Catene Leggere Libere nel Siero

Catene Leggere Libere nel Siero Conoscere e capire il dosaggio delle Catene Leggere Libere nel Siero International Myeloma Foundation 12650 Riverside Drive, Suite 206 North Hollywood, CA 91607 USA Telephone: 800-452-CURE (2873) (USA

Dettagli

La ricerca di nuovi farmaci e mirata alla malattie più diffuse

La ricerca di nuovi farmaci e mirata alla malattie più diffuse La ricerca di nuovi farmaci e mirata alla malattie più diffuse Due ingredienti affinchè si inizi la ricerca: 1. Il bigogno terapeutico 2. Il numero dei pazienti o popolazione Quando la malattia è rara

Dettagli

2. Cos è una buona pratica

2. Cos è una buona pratica 2. Cos è una buona pratica Molteplici e differenti sono le accezioni di buona pratica che è possibile ritrovare in letteratura o ricavare da esperienze di osservatori nazionali e internazionali. L eterogeneità

Dettagli

1. Manifestano la loro azione negativa solo in età adulta avanzata

1. Manifestano la loro azione negativa solo in età adulta avanzata Perché invecchiamo? La selezione naturale opera in maniera da consentire agli organismi con i migliori assetti genotipici di tramandare i propri geni alla prole attraverso la riproduzione. Come si intuisce

Dettagli

Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore ARTRITI DA

Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore ARTRITI DA Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore LA GOTTA ED ALTRE ARTRITI DA CRISTALLI REGGIO EMILIA,, APRILE 2007 La Gotta ed altre Artriti da Cristalli

Dettagli

COS E LA BRONCOSCOPIA

COS E LA BRONCOSCOPIA COS E LA BRONCOSCOPIA COS E LA BRONCOSCOPIA La broncoscopia è un esame con cui è possibile osservare direttamente le vie aeree, cioè laringe, trachea e bronchi, attraverso uno strumento, detto fibrobroncoscopio,

Dettagli

ORGAN ON A CHIP. Un promettente sostituto alla sperimentazione animale

ORGAN ON A CHIP. Un promettente sostituto alla sperimentazione animale ORGAN ON A CHIP Un promettente sostituto alla sperimentazione animale 1 1.Fasi di sviluppo di un farmaco La ricerca e lo sviluppo di un farmaco sono indirizzate al processo dell identificazione di molecole

Dettagli

Informazioni dal Servizio Farmaceutico Territoriale

Informazioni dal Servizio Farmaceutico Territoriale Informazioni dal Servizio Farmaceutico Territoriale Periodico di informazione per Medici & Farmacisti Anno XIII, N 2 Aprile 2013 A cura del DIP IP.. INTERAZIENDALEI ASSISTENZA FARMACEUTICA Via Berchet,

Dettagli

Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation. Sindrome di Behçet

Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation. Sindrome di Behçet Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Sindrome di Behçet Che cos è? La sindrome di Behçet (BS), o malattia di Behçet, è una vasculite sistemica (infiammazione dei vasi sanguigni) la

Dettagli

GLI INDICATORI COME STRUMENTO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITA ASSISTENZIALE

GLI INDICATORI COME STRUMENTO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITA ASSISTENZIALE GLI INDICATORI COME STRUMENTO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITA ASSISTENZIALE D r. C a r l o D e s c o v i c h U.O.C. Governo Clinico Staff Direzione Aziendale AUSL Bologna Bologna 26 Maggio 2010 INDICATORE

Dettagli

Come scrivere un case report - Linee guida per gli internisti FADOI 2014

Come scrivere un case report - Linee guida per gli internisti FADOI 2014 Come scrivere un case report - Linee guida per gli internisti Un case report è una dettagliata narrazione di sintomi, segni, diagnosi, trattamento e follow up di uno o più pazienti. Sebbene nell era della

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome MONTU DOMENICO Data di nascita 26-03-1956 Amministrazione ASL CN1 Incarico attuale DIRETTORE SISP AMBITO FOSSANO-SALUZZO SAVIGLIANO Numero telefonico ufficio

Dettagli

INFORMAZIONI PERSONALI ESPERIENZA LAVORATIVA. Dr.ssa La Seta Concetta. Direttore U.O.C. di Farmacia C U R R I C U L U M V I T A E

INFORMAZIONI PERSONALI ESPERIENZA LAVORATIVA. Dr.ssa La Seta Concetta. Direttore U.O.C. di Farmacia C U R R I C U L U M V I T A E C U R R I C U L U M V I T A E Dr.ssa La Seta Concetta INFORMAZIONI PERSONALI Cognome Nome Data di nascita Luogo di nascita Nazionalità Indirizzo Telefono La Seta Concetta 10 Febbraio 1963 Palermo Italiana

Dettagli

DI REGOLAZIONE A DUE COMPONENTI

DI REGOLAZIONE A DUE COMPONENTI LEZIONE 16 Sistemi di regolazione SISTEMI DI REGOLAZIONE A DUE COMPONENTI In che modo un batterio sente e risponde a specifici segnali provenienti dall ambiente? Per esempio, nel caso dell operone lac

Dettagli

Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo

Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo La dieta, il microbiota intestinale e la salute digestiva sono intrecciati fra loro. Questi legami e il potenziale benefico dei probiotici

Dettagli

DIPARTIMENTO DELLA QUALITÀ DIREZIONE GENERALE DELLA PROGRAMMAZIONE SANITARIA, DEI LIVELLI DI ASSISTENZA E DEI PRINCIPI ETICI DI SISTEMA UFFICIO III

DIPARTIMENTO DELLA QUALITÀ DIREZIONE GENERALE DELLA PROGRAMMAZIONE SANITARIA, DEI LIVELLI DI ASSISTENZA E DEI PRINCIPI ETICI DI SISTEMA UFFICIO III Ministero della Salute DIPARTIMENTO DELLA QUALITÀ DIREZIONE GENERALE DELLA PROGRAMMAZIONE SANITARIA, DEI LIVELLI DI ASSISTENZA E DEI PRINCIPI ETICI DI SISTEMA UFFICIO III RAZIONALE Scopo di queste Raccomandazioni

Dettagli

COMMISSIONE AZIENDALE DEL FARMACO PROCEDURA SULLA PRESCRIZIONE DI FARMACI PER INDICAZIONI NON AUTORIZZATE DALL AGENZIA ITALIANA DEL FARMACO

COMMISSIONE AZIENDALE DEL FARMACO PROCEDURA SULLA PRESCRIZIONE DI FARMACI PER INDICAZIONI NON AUTORIZZATE DALL AGENZIA ITALIANA DEL FARMACO COMMISONE AZIENDALE DEL FAMACO POCEDUA SULLA PESCIZIONE DI FAMACI PE INDICAZIONI N AUTOIZZATE DALL AGENZIA ITALIANA DEL FAMACO 1. SCOPO/OBIETTIVO Informare il Personale Medico dell Aziende Sanitarie della

Dettagli

Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia

Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia Introduzione I percorsi di Arte Terapia e Pet Therapy, trattati ampiamente negli altri contributi, sono stati oggetto di monitoraggio clinico, allo

Dettagli

I Convegno di Neuroautoimmunità. Prato, Polo Universitario. 20-21 Febbraio 2015

I Convegno di Neuroautoimmunità. Prato, Polo Universitario. 20-21 Febbraio 2015 I Convegno di Neuroautoimmunità Prato, Polo Universitario 20-21 Febbraio 2015 PATROCINI RICHIESTI Patrocini richiesti Carissimi, Lettera dei Presidenti è con grande piacere che Vi invitiamo il 21 e 22

Dettagli

ANMAR ONLUS. Conoscere le malattie reumatiche

ANMAR ONLUS. Conoscere le malattie reumatiche ANMAR ONLUS Conoscere le malattie reumatiche ANMAR Associazione Nazionale Malati Reumatici ONLUS Conoscere le malattie reumatiche A cura di: ANMAR Associazione Nazionale Malati Reumatici ONLUS Realizzato

Dettagli

INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA

INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA Particolare dell incisione chirurgica Componenti di protesi d anca 2 Immagine di atrosi dell anca Sostituzione mediante artroprotesi La protesizzazione dell anca (PTA)

Dettagli

Misurazione e monitoraggio della complessità assistenziale Monitoraggio dei livelli ottimali di staffing Strumenti disponibili e tendenze

Misurazione e monitoraggio della complessità assistenziale Monitoraggio dei livelli ottimali di staffing Strumenti disponibili e tendenze Misurazione e monitoraggio della complessità assistenziale Monitoraggio dei livelli ottimali di staffing Strumenti disponibili e tendenze Filippo Festini Università di Firenze, Dipartimento di Pediatria,

Dettagli

IMAGING BIO_MOLECOLARE con DaTSCAN

IMAGING BIO_MOLECOLARE con DaTSCAN IMAGING BIO_MOLECOLARE con DaTSCAN Stelvio Sestini, MD, PhD Unità di Medicina Nucleare - USL4 Prato Università degli Studi di Firenze Concetto 1. Le M. Neurodegenerative sono in aumento Concetto 2. Le

Dettagli

MANAGEMENT DELL'ASTINENZA DA DROGHE E ALCOL

MANAGEMENT DELL'ASTINENZA DA DROGHE E ALCOL MANAGEMENT DELL'ASTINENZA DA DROGHE E ALCOL Kosten Th., O'Connor P.: Management of drug and alcohol with drawal, The New England Journal of Medicine, 348: 1786-95, 2003 Tenendo conto della prevalenza dei

Dettagli

Gli Omega-3 e la Vitamina D contro l Alzheimer - Le nuove prospettive per il terzo millennio -

Gli Omega-3 e la Vitamina D contro l Alzheimer - Le nuove prospettive per il terzo millennio - nutrizione & composizione corporea fisioterapia & recupero funzionale medicina d alta quota piani di allenamento articoli, studi, ricerche dal mondo della Nutrizione, delle Terapie Fisiche, delle Neuroscienze

Dettagli

Oncologici: Iniziative e sostenibilità della Regione. Valeria Fadda Unità di HTA di ESTAV centro, Regione Toscana

Oncologici: Iniziative e sostenibilità della Regione. Valeria Fadda Unità di HTA di ESTAV centro, Regione Toscana Oncologici: Iniziative e sostenibilità della Regione Valeria Fadda Unità di HTA di ESTAV centro, Regione Toscana 2.760.000.000 Euro 14.4% della spesa farmaceutica 32.8% della spesa farmaceutica ospedaliera

Dettagli

Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT

Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT Fabrizio Muscas Firenze, 1 Luglio 2011 ANCoM chi rappresenta? 8 Consorzi regionali 98 Cooperative di MMG 5000 Medici di Medicina Generale (MMG)

Dettagli

Il Presidente: GNUDI. Il Segretario: SINISCALCHI

Il Presidente: GNUDI. Il Segretario: SINISCALCHI intermedi di lavorazione del plasma, eccedenti i fabbisogni nazionali, al Þ ne di prevenirne la scadenza per mancato utilizzo, anche con recupero dei costi di produzione. 8. Per l attuazione di quanto

Dettagli

IL RUOLO DEL LABORATORIO NELL IPOVITAMINOSI D

IL RUOLO DEL LABORATORIO NELL IPOVITAMINOSI D IL RUOLO DEL LABORATORIO NELL IPOVITAMINOSI D Manuela Caizzi (1); Giorgio Paladini (2) 1. S.C. Ematologia Clinica; Azienda Ospedaliero-Universitaria, Ospedali Riuniti di Trieste 2. S.C. Ematologia Clinica

Dettagli

Farmaci anticoagulanti. Dott. Antonello Di Paolo Divisione di Farmacologia e Chemioterapia Dipartimento di Medicina Interna

Farmaci anticoagulanti. Dott. Antonello Di Paolo Divisione di Farmacologia e Chemioterapia Dipartimento di Medicina Interna Farmaci anticoagulanti Dott. Antonello Di Paolo Divisione di Farmacologia e Chemioterapia Dipartimento di Medicina Interna Emostasi Emostasi Adesione e attivazione delle piastrine Formazione della fibrina

Dettagli

UPDATE E SECOND OPINION IN CHIRURGIA VASCOLARE

UPDATE E SECOND OPINION IN CHIRURGIA VASCOLARE L EVENTO ASSEGNERÀ CREDITI ECM Sabato 16 giugno 2012 ore 8,30 UPDATE E SECOND OPINION IN CHIRURGIA VASCOLARE SEDE DEL CORSO Via Masaccio, 19 MILANO PER ISCRIZIONI www.chirurgiavascolaremilano.it Il Convegno

Dettagli

FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE. Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata

FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE. Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata Cari pazienti! Vi sentite spesso fiacchi, stanchi, esauriti o giù di morale? Soffrite facilmente il freddo?

Dettagli

TEA vs STENT : il parere del neurochirurgo Pasquale Caiazzo

TEA vs STENT : il parere del neurochirurgo Pasquale Caiazzo TEA vs STENT : il parere del neurochirurgo Pasquale Caiazzo U.O. di Neurochirurgia Ospedale S. Maria di Loreto Nuovo ASL Napoli 1 Direttore: dr. M. de Bellis XLIX Congresso Nazionale SNO Palermo 13 16

Dettagli

banca dati stringa di ricerca risultati trovati risultati utili referenze Cochrane vitamin K 21 1 Prophylactic vitamin

banca dati stringa di ricerca risultati trovati risultati utili referenze Cochrane vitamin K 21 1 Prophylactic vitamin EVIDENCE REPORT: PROFILASSI CON VITAMINA K NEI NEONATI PER LA PREVENZIONE DELLA MALATTIA EMORRAGICA (a cura di Baiesi Pillastrini Francesca, Battistini Silvia, Parma Dila ) banca dati stringa di ricerca

Dettagli

REaD REtina and Diabetes

REaD REtina and Diabetes Progetto ECM di formazione scientifico-pratico sulla retinopatia diabetica REaD REtina and Diabetes S.p.A. Via G. Spadolini 7 Iscrizione al Registro delle 20141 Milano - Italia Imprese di Milano n. 2000629

Dettagli

Rete Oncologica Piemonte Valle d Aosta

Rete Oncologica Piemonte Valle d Aosta Rete Oncologica Piemonte Valle d Aosta Il CAS (Centro Assistenza Servizi): Aspetti organizzativi e criticità Dott. Vittorio Fusco ASO Alessandria La Rete Oncologica: obiettivi Rispondere all incremento

Dettagli

Il deficit del fatt VIII prevale (5 volte in più rispetto al IX) Prevalenza nel mondo è di 1:10000-1:50000 L alta incidenza relativa di Emofilia A è

Il deficit del fatt VIII prevale (5 volte in più rispetto al IX) Prevalenza nel mondo è di 1:10000-1:50000 L alta incidenza relativa di Emofilia A è Emofilia Malattia ereditaria X cromosomica recessiva A deficit del fatt VIII B deficit del fatt IX Il deficit del fatt VIII prevale (5 volte in più rispetto al IX) Prevalenza nel mondo è di 1:10000-1:50000

Dettagli

NE e Disfagia:Terapia farmacologica per os, come fare?

NE e Disfagia:Terapia farmacologica per os, come fare? NE e Disfagia:Terapia farmacologica per os, come fare? Marica Carughi Servizio Farmaceutico Nutrizionale A.O Sant Anna Como Milano, 21 maggio 2014 WHAT EVIDENCE SAYS? LINEE GUIDA: SI Making the best

Dettagli

LEGGE 15 Marzo 2010 n. 38: DISPOSIZIONI PER GARANTIRE L ACCESSO ALLE CURE PALLIATIVE E ALLA TERAPIA DEL DOLORE

LEGGE 15 Marzo 2010 n. 38: DISPOSIZIONI PER GARANTIRE L ACCESSO ALLE CURE PALLIATIVE E ALLA TERAPIA DEL DOLORE LEGGE 15 Marzo 2010 n. 38: DISPOSIZIONI PER GARANTIRE L ACCESSO ALLE CURE PALLIATIVE E ALLA TERAPIA DEL DOLORE SOMMARIO pag.4 Sintesi della normativa pag.6 LEGGE 15 Marzo 2010 n. 38: disposizioni per

Dettagli

BORTEZOMIB (Velcade)

BORTEZOMIB (Velcade) BORTEZOMIB (Velcade) POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI Le informazioni contenute in questo modello sono fornite in collaborazione con la Associazione Italiana Malati di Cancro, parenti ed amici ; per maggiori

Dettagli

La migliore assistenza nel Nuovo Ospedale Galliera per linee di attività a intensità di cura

La migliore assistenza nel Nuovo Ospedale Galliera per linee di attività a intensità di cura La migliore assistenza nel Nuovo Ospedale Galliera per linee di attività a intensità di cura INTRODUZIONE L obiettivo è fornire la migliore cura per i pazienti con il coinvolgimento di tutto il personale

Dettagli

Ministero della Salute Agenzia Italiana del Farmaco

Ministero della Salute Agenzia Italiana del Farmaco Ministero della Salute Agenzia Italiana del Farmaco Linee guida per la classificazione e conduzione degli studi osservazionali sui farmaci IL DIRETTORE GENERALE VISTO il Decreto del Ministero della Salute

Dettagli

IO NE PARLO. DIARIO DELLA TERAPIA per annotare i farmaci e i progressi

IO NE PARLO. DIARIO DELLA TERAPIA per annotare i farmaci e i progressi AR IO NE PARLO DIARIO DELLA TERAPIA per annotare i farmaci e i progressi Ti aiuta a tenere sotto controllo la tua artrite reumatoide e a trarre il massimo beneficio dalla terapia Visita www.arioneparlo.it

Dettagli

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA Che cos è la degenerazione maculare? La degenerazione maculare è una malattia che interessa la regione centrale della retina (macula), deputata alla visione distinta necessaria per la lettura, la guida

Dettagli

Impiego clinico della vitamina D e dei suoi metaboliti ABSTRACT. 26 Gennaio 2013, Roma Università di Roma Sapienza

Impiego clinico della vitamina D e dei suoi metaboliti ABSTRACT. 26 Gennaio 2013, Roma Università di Roma Sapienza CORSO DI AGGIORNAMENTO E.C.M. Impiego clinico della vitamina D ABSTRACT 26 Gennaio 2013, Roma Università di Roma Sapienza CORSO DI AGGIORNAMENTO E.C.M. Roma 26/01/2013 Confronto tra 25(OH) -calcifediolo

Dettagli

La Terapia con Bifosfonati

La Terapia con Bifosfonati Capire La Terapia con Bifosfonati International Myeloma Foundation 12650 Riverside Drive, Suite 206 North Hollywood, CA 91607 USA Telephone: 800-452-CURE (United States and Canada) 818-487-7455 FAX: 818-487-7454

Dettagli

LA COMMISSIONE UNICA DEL FARMACO. Viste le proprie deliberazioni assunte nelle sedute del 25 gennaio 2000 e 7 giugno 2000; Dispone: Art. l.

LA COMMISSIONE UNICA DEL FARMACO. Viste le proprie deliberazioni assunte nelle sedute del 25 gennaio 2000 e 7 giugno 2000; Dispone: Art. l. PROVVEDIMENTO 20 luglio 2000. Istituzione dell'elenco delle specialità medicinali erogabili a totale carico del Servizio sanitario nazionale ai sensi della legge 648/96. LA COMMISSIONE UNICA DEL FARMACO

Dettagli

GIMBE Gruppo Italiano per la Medicina Basata sulle Evidenze

GIMBE Gruppo Italiano per la Medicina Basata sulle Evidenze GIMBE Gruppo Italiano per la Medicina Basata sulle Evidenze Evidence-Based Medicine Italian Group Workshop Evidence-based Medicine Le opportunità di un linguaggio comune Como, 9-11 maggio 2003 Sezione

Dettagli

Deceduti Regione LOMBARDIA

Deceduti Regione LOMBARDIA Tumore della vescica Di maggior rilievo nei maschi (più di 3/4 dei casi), presenta variazioni geografiche di entità modestissima, minori di ogni altro tipo di carcinoma. Il 9-95% circa è costituito da

Dettagli

La promozione dell attività fisica in Liguria, in Italia e nel mondo. Roberto Carloni Claudio Culotta

La promozione dell attività fisica in Liguria, in Italia e nel mondo. Roberto Carloni Claudio Culotta La promozione dell attività fisica in Liguria, in Italia e nel mondo Roberto Carloni Claudio Culotta Le politiche internazionali: l OMS World Declaration and Plan of Action on Nutrition Health for all

Dettagli

CIN 2 3: CHE FARE? P Cattani. Centro Ginecologia Oncologica Preventiva ULSS 20 - Verona

CIN 2 3: CHE FARE? P Cattani. Centro Ginecologia Oncologica Preventiva ULSS 20 - Verona CIN 2 3: CHE FARE? P Cattani Centro Ginecologia Oncologica Preventiva ULSS 20 - Verona Istologia: diagnosi e gradi della CIN biopsia cervicale o escissione maturazione cell stratificazione cell anormalità

Dettagli

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO Il nucleo familiare è composto da : - Il richiedente l esenzione - il coniuge (non legalmente ed effettivamente separato) indipendentemente dalla sua situazione reddituale - dai familiari a carico fiscalmente

Dettagli

Innovative Procurement Process. Consulting

Innovative Procurement Process. Consulting Creare un rapporto di partnership contribuendo al raggiungimento degli obiettivi delle Case di cura nella gestione dei DM attraverso soluzione a valore aggiunto Innovative Procurement Process Consulting

Dettagli

La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico.

La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico. La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico. Per migliorare il grado di informazione dei pazienti su alcuni importanti argomenti (quali ad esempio le terapie svolte, l alimentazione da seguire

Dettagli

Giovedì 26 febbraio 2015 CONGRESSO NAZIONALE STAT

Giovedì 26 febbraio 2015 CONGRESSO NAZIONALE STAT Giovedì 26 febbraio 2015 CONGRESSO NAZIONALE STAT 9.00-11.00 I SESSIONE L essenziale di... in Anestesia Presidente: A. De Monte Udine Moderatori: F.E. Agrò Roma, Y. Leykin Pordenone 9.00 La gestione delle

Dettagli

Tracciato Import-Export CareStudio 2.0

Tracciato Import-Export CareStudio 2.0 Il seguente documento definisce i contenuti ed il formato delle informazioni importabili ed esportabili del sistema. Per ciascuna tipologia di informazione è previsto un file di testo codificato secondo

Dettagli

LA CORONAROGRAFIA DOPO TROMBOLISI. FACCIAMO IL PUNTO DOPO GLI STUDI ASSENT E TRANSFER AMI

LA CORONAROGRAFIA DOPO TROMBOLISI. FACCIAMO IL PUNTO DOPO GLI STUDI ASSENT E TRANSFER AMI Rel. 01/2009 13-02-2009 13:30 Pagina 1 LA CORONAROGRAFIA DOPO TROMBOLISI. FACCIAMO IL PUNTO DOPO GLI STUDI ASSENT E TRANSFER AMI F. Orso, B. Del Taglia *, A.P. Maggioni* Dipartimento di Area Critica Medico

Dettagli

IL SISTEMA DELL INTERFERON: CENNI GENERALI.

IL SISTEMA DELL INTERFERON: CENNI GENERALI. IL SISTEMA DELL INTERFERON: CENNI GENERALI. Marco De Andrea, Raffaella Ravera, Daniela Gioia, Marisa Gariglio e Santo Landolfo Torino, Novara - Italia Riassunto Gli interferoni sono una famiglia di proteine

Dettagli

Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica)

Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica) Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica) Cos è il diabete? Il diabete mellito, meglio noto come diabete, è una malattia che compare quando l organismo non produce insulina a sufficienza

Dettagli

AGREE nella valutazione della qualità delle LG per la diagnosi e terapia delle cefalee in età pediatrica

AGREE nella valutazione della qualità delle LG per la diagnosi e terapia delle cefalee in età pediatrica AGREE nella valutazione della qualità delle LG per la diagnosi e terapia delle cefalee in età pediatrica Pasquale Parisi, MD PhD et. al. Outpatience Service of Paediatric Neurology Child Neurology, Chair

Dettagli

ANESTESIA NEUROASSIALE, ANTICOAGULANTI ED ANTIAGGREGANTI

ANESTESIA NEUROASSIALE, ANTICOAGULANTI ED ANTIAGGREGANTI Unità Operativa di Anestesia e Rianimazione Direttore Dr. Agostino Dossena Crema, lì 06/03/2013 ANESTESIA NEUROASSIALE, ANTICOAGULANTI ED ANTIAGGREGANTI Il presente documento contiene le indicazioni principali

Dettagli

Edema maculare diabetico e trattamento laser

Edema maculare diabetico e trattamento laser Edema maculare diabetico e trattamento laser Diabetic macular edema and laser treatment Del Re A, Frattolillo A Centro Oculistico Del Re - Salerno Dr. Annibale Del Re e Dr. A. Frattolillo 18 RIASSUNTO

Dettagli

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI Che cos è la depressione? Tutti noi ci possiamo sentire tristi a volte, tuttavia la depressione è una cosa seria. La malattia della depressione a volte denominata Depressione

Dettagli

COS È IL PRONTO SOCCORSO?

COS È IL PRONTO SOCCORSO? AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA INTEGRATA VERONA COS È IL PRONTO SOCCORSO? GUIDA INFORMATIVA PER L UTENTE SEDE OSPEDALIERA BORGO TRENTO INDICE 4 COS È IL PRONTO SOCCORSO? 6 IL TRIAGE 8 CODICI DI URGENZA

Dettagli

Come, reumatismo infantile? Ma esiste?

Come, reumatismo infantile? Ma esiste? Come, reumatismo infantile? Ma esiste? Dr. med. Traudel Saurenmann, Ospedale pediatrico di Zurigo Quando racconto a qualcuno che mi occupo di reumatologia infantile, spesso la reazione si tratti di un

Dettagli