Obj105 I FARMACI BIOLOGICI IN AMBITO REUMATOLOGICO-INTERNISTICO. Paola Faggioli, Antonio Tamburello, Antonino Mazzone UO Medicina Interna Legnano

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Obj105 I FARMACI BIOLOGICI IN AMBITO REUMATOLOGICO-INTERNISTICO. Paola Faggioli, Antonio Tamburello, Antonino Mazzone UO Medicina Interna Legnano"

Transcript

1 Obj105 L OPINIONE DELL ESPERTO - N 3 I FARMACI BIOLOGICI IN AMBITO REUMATOLOGICO-INTERNISTICO FARMACI BIOLOGICI: COSA SONO? Paola Faggioli, Antonio Tamburello, Antonino Mazzone UO Medicina Interna Legnano I farmaci biotecnologici sono farmaci prodotti con tecniche di ingegneria genetica, in grado di interferire con la cascata citochinica, a vari livelli, modulando quindi l attivazione incontrollata del processo infiammatorio. I tre meccanismi che sono alla base dell interazione terapeutica sono: 1) la limitazione della cascata citochinica 2) l inibizione del secondo segnale richiesto per l attivazione delle T cell 3) l azione sulla deplezione delle B cell. Il Target della terapia è lo stimolo della downregulation o dell azione pro infiammatoria di Th1 (citotossica) o la up regulation o l azione antiinfiammatoria della riduzione di Th2 (anticorpale). Da ormai oltre 15 anni questi farmaci hanno fatto la loro comparsa nel panorama della Reumatologia italiana e dopo un iniziale fase di sperimentazione e di utilizzo ad uso compassionevole molte molecole fanno ormai parte a pieno titolo dell armamentario terapeutico del reumatologo, con indicazioni progressivamente sempre più ampie. Sono state introdotte nel 1998 per il trattamento della artrite reumatoide con un completo sovvertimento dello scenario terapeutico disponibile ottenendo ottimi outcomes in termini di qualità della vita, disabilità, morbilità e mortalità grazie anche ad una graduale estensione delle indicazioni di nuove e vecchie molecole. Attualmente in Italia sono già commercializzati 11 farmaci biologici utilizzati per varie indicazioni nel campo della reumatologia, mentre diversi altri sono per ora confinati ad un utilizzo nell ambito di protocolli e trials di studio in via di completamento in Italia e all estero. 1. Anakinra (KINERET): Antagonista umano del recettore dell interleuchina-1 (r-methuil-1ra) prodotto in cellule di Escherichia coli mediante la tecnologia del DNA ricombinante. Tale molecola nasce con la singola indicazione all uso nell artrite reumatoide non responsiva ai DMARDs (Disease Modifying Antirheumatic Drugs) non biologici e al morbo di Still. Esistono numerosi dati sull efficacia di tale molecola nella terapia dell artrite idiopatica giovanile e nel trattamento dell artrite da cristalli (UMS e pirofosfato). Il farmaco ha lo svantaggio di essere somministrato sottocute quotidianamente, con una conseguente bassa compliance del paziente. 2. Infliximab (REMICADE) è un anticorpo monoclonale umano-murino chimerico IgG1 prodotto in cellule di ibridoma murino con tecnologia DNA ricombinante. Nasce con l indicazione all uso nei pazienti affetti da Artrite reumatoide non responsiva ai DMARDs tradizionali, con successiva estensione all uso nella psoriasi ed artrite psoriasica, nella spondilite anchilosante, nelle spondiloartriti IBD (Inflammatory Bowel Disease) correlate e nelle IBD isolate. Ha il vantaggio di essere somministrato in ambiente ospedaliero (utile in caso di bassa compliance del paziente), con una dose di carico iniziale pro Kg/peso corporeo a t0-t2-t6 settimane, (variabile sulla base della malattia), ha una rapida efficacia d azione, con una somministrazione di mantenimento ogni 8 settimane. Numerosi i dati di efficacia su alcune vasculiti sistemiche (in particolare su Behçet). 3. Etanercept (ENBREL) è una proteina di fusione del recettore umano p75 del fattore di necrosi tumorale con la frazione Fc, ottenuta tramite tecniche di DNA ricombinante attraverso un sistema mammifero di espressione in cellule ovariche di criceto Cinese (CHO). Etanercept è un dimero di una proteina chimerica geneticamente preparata tramite fusione del dominio extracellulare del recettore-2 del fattore di necrosi tumorale umano (TNFR2/p75) responsabile del legame con il ligando, con la frazione Fc dell immunoglobulina umana IgG1. Questa frazione Fc contiene la regione cerniera, la regione CH2 e CH3 ma non la regione CH1 dell IgG1.

2 Primo antitnfa a somministrazione sottocutanea, quindi gestibile a domicilio. La somministrazione settimanale sc con penna/siringa preriempite garantisce una buona compliance del paziente. Ha indicazione per artrite reumatoide, artrite psoriasica e spondilite anchilosante. Esistono numerosi dati di efficacia su malattie IBD correlate. 4. Adalimumab (HUMIRA) è un anticorpo monoclonale completamente umano ricombinante espresso in cellule ovariche di criceto cinese (Chinese Hamster Ovary). La somministrazione è bisettimanale sc con penna/siringa preriempite. Garantisce un ottimale compliance del paziente. È indicato per artrite reumatoide, psoriasi, artrite psoriasica, spondilite anchilosante, spondiloartriti IBD correlate. di recente è stata autorizzato l uso nelle spondiloartriti assiali non radiografiche con prescrizione sottoposta a monitoraggio AIFA. Numerosi sono i dati in letteratura di efficacia su alcune vasculiti sistemiche (Behçet) 5. Abatacept (ORENCIA) è una proteina di fusione prodotta con tecnologia del DNA ricombinante in cellule ovariche di criceto cinese. Agisce con un meccanismo d azione differente rispetto ai classici anti TNFa (effetti sul co-stimolatore del linfocita T) intervenendo più a monte sulla cascata citochinica. Ben tollerato, si somministra per infusione endovenosa con una dose di carico iniziale (t0-t2-t4) poi ogni 4 settimane. Esiste anche la formulazione sc in siringhe pre-riempite con somministrazione settimanale. L unica indicazione rimane l artrite reumatoide non responsiva ai DMARDs non biologici. 6. Rituximab (MABTHERA) è un anticorpo monoclonale chimerico murino/umano ottenuto con tecniche di ingegneria genetica, costituito da una immunoglobulina glicosilata con le regioni costanti IgG1 di origine umana e con le sequenze della regione variabile della catena leggera e della catena pesante di origine murina. L anticorpo viene prodotto utilizzando una coltura di cellule di mammifero in sospensione (ovariche di Hamster Cinese) e purificato con cromatografia affine e scambio ionico, incluse procedure specifiche di inattivazione e rimozione virale. È il primo farmaco biotecnologico che ha come bersaglio in maniera predominante la linea B linfocitica. Ha come indicazione attuale l artrite reumatoide non responsiva ad almeno un farmaco anti TNFa. Si somministra per infusione endovenosa lenta (con uno specifico protocollo terapeutico) al dosaggio di 1000 mg a t0 e t2 settimane con successivo mantenimento semestrale. Numerosi gli studi di efficacia nel trattamento delle vasculiti dei grossi vasi oltre alle già note indicazioni in ambito ematologico/oncologico. 7. Tocilizumab (RoActemra): anticorpo monoclonale umanizzato IgG1 contro il recettore umano dell'interleuchina-6 (IL-6) prodotto in cellule ovariche di criceto cinese (CHO) mediante tecnologia del DNA ricombinante. Innovativo nel meccanismo d azione ha come indicazione l artrite reumatoide e l artrite idiopatica giovanile. Numerosi i dati di efficacia sulle vasculiti dei grossi vasi (numerosi i dati di efficacia sulla fibrosi retroperitoneale idiopatica). E l unico farmaco biotecnologico che ha dimostrato efficacia superiore in monoterapia rispetto ai DMARDs tradizionali. 8. Golimumab (SIMPONI): Anticorpo monoclonale umano IgG1κ prodotto da una linea cellulare di ibridomi murini con tecnologia DNA ricombinante. Prevede una somministrazione sc mensile con ottimale compliance del paziente ed ha come indicazione l artrite reumatoide non responsiva ai DMARDs tradizionali, l artrite psoriasica e la spondilite anchilosante. 9. Certolizumab pegol (CYMZIA) è un frammento Fab' di anticorpo ricombinante umanizzato diretto contro il fattore di necrosi tumorale alfa (TNFα) espresso in Escherichia Coli e coniugato con polietilenglicole (PEG). Prevede una somministrazione sc con dose di carico iniziale e successivo mantenimento bisettimanale ed ha come indicazione l artrite reumatoide non responsiva ai DMARDs tradizionali. un cenno a parte meritano 2 nuovi farmaci biotecnologici: belimumab e denosumab 1. Belimumab (BENLYSTA) è un anticorpo monoclonale IgG1λ specifico per la proteina solubile umana che stimola i linfociti B (BLyS, chiamato anche BAFF e TNFSF13B). Benlysta blocca il legame del BLyS solubile, un fattore di sopravvivenza della cellula B, con i suoi recettori sulle cellule B. Benlysta non lega le cellule B direttamente, ma con il legame BLyS, Benlysta inibisce la sopravvivenza delle cellule B, incluse le cellule B autoreattive, e riduce la differenziazione delle cellule B a cellule plasmatiche producenti immunoglubuline. I livelli di BLyS sono elevati nei pazienti affetti da LES e altre malattie autoimmuni. Vi è un associazione tra i livelli plasmatici di BLyS e l attività della malattia LES. Il contributo relativo dei livelli di BLyS alla patofisiologia del LES non è del tutto compreso. 2. Denosumab (PROLIA) è un anticorpo monoclonale umano (IgG2) diretto contro il RANKL (Receptor Activator of Nuclear factor Kappa-B Ligand), al quale si lega con elevata affinità e specificità, prevenendo l attivazione del suo recettore RANK, presente sulla superficie degli

3 osteoclasti e dei loro precursori. Il blocco dell interazione tra RANKL e RANK inibisce la formazione, la funzionalità e la sopravvivenza degli osteoclasti, riducendo in tal modo il riassorbimento osseo, sia a livello corticale che trabecolare. Ha come indicazione l osteoporosi post-menopausale ed è prescritto con nota 79, al pari dei più noti bifosfonati. Prevede una somministrazione sc ogni 6 mesi con una compliance ottimale del paziente. WORK IN PROGRESS Numerosissime sono le molecole ancora in fase di sperimentazione, alcune delle quali già commercializzate in altri paesi e non ancora autorizzate in Europa. INIBITORE DI SEGNALE INTRACELLULARE Tofacitinib, un nuovo agente non biologico, è il primo inibitore di Janus chinasi (JAK) approvato dalla FDA e da altre agenzie di regolamentazione in vari altri paesi (Giappone, Svizzera, Russia, Argentina, Kuwait ed Emirati Arabi Uniti) per il trattamento dell'artrite reumatoide. Al contrario, EMEA non ha ancora approvato questo farmaco. Gli enzimi JAK sono un gruppo di quattro tirosin chinasi citoplasmatiche: JAK1, JAK2, JAK3 e TYK. Questi enzimi si legano alla porzione intracellulare di vari recettori di citochine e, dopo stimolazione del recettore tirosina chinasi associato, trasmettono il segnale dalla superficie cellulare nel nucleo. Gli enzimi JAK sono coinvolti nella differenziazione e attivazione dei linfociti e nella secrezione di citochine proinfiammatorie. Un certo numero di citochine note per essere coinvolte nella fisiopatologia dell artrite reumatoide (come IL-2, IL-4, IL-6, IL-7, IL-9, IL-15 e IL-21) sono regolate dalle vie JAK-dipendenti. Tofacitinib è un inibitore della Janus chinasi 1 e 3 (con molto minore affinità per JAK2 e TYK). È il primo a somministrazione per via orale e la dose raccomandata è di 5 mg due volte al giorno. Può essere utilizzato come monoterapia o in combinazione con metotressato o altri sdmards, per il trattamento dell artrite reumatoide da moderata a grave, in pazienti che hanno avuto una risposta inadeguata al metotressato. L'efficacia clinica di tofacitinib si è dimostrata essere molto simile a quella di adalimumab. AGENTI BIOSIMILARI I brevetti per molti agenti biologici stanno per scadere nei prossimi anni, e questo ha scatenato grande interesse per lo sviluppo di "biosimilari" da parte di diverse società. L'avvento di queste alternative potenzialmente meno costose potrebbe rendere il trattamento di artrite reumatoide più conveniente, potendo permettere l'accesso ai farmaci biologici ad un maggior numero di pazienti con artrite reumatoide in tutto il mondo. Tuttavia, i biosimilari non possono essere identici agli originali biologici; ciò è dovuto in parte alla variabilità stocastica e in parte a potenziali differenze nelle condizioni di produzione. Queste differenze hanno sollevato alcune preoccupazioni riguardanti l'efficacia, immunogenicità e profilo di sicurezza di tali copie. Di conseguenza, il processo di registrazione e approvazione per i biosimilari è molto più impegnativo che per i comuni farmaci generici (ma sempre meno indaginoso rispetto ad un nuovo farmaco). Poiché i costi di produzione dei biosimilari non saranno diversi da farmaci biologici, essi rimangono ancora costosi, e il risparmio rispetto ai farmaci biologici originali potrebbe essere relativamente modesto. I NUOVI AGENTI ANTI-REUMATICI IN CANTIERE Emergenti terapie includono anti-il-17 e anti-il-15. I livelli sierici di IL-17A ed, in misura maggiore, i livelli di IL-17A nel liquido sinoviale, sono elevati in molti pazienti con artrite reumatoide, e ciò sembra essere correlato con la degradazione della cartilgine e dell osso. Gli anticorpi monoclonali anti-il-17, secukinumab e ixekizumab, e l anticorpo monoclonale diretto contro la subunità A del recettore della IL-17, brodalumab, sono in corso di sperimentazione, attualmente in fase II. Di questi, secukinumab è la molecola più avanzata, con alcuni studi di fase III in corso, in pazienti che avevano una risposta inadeguata alla precedente terapia con anti TNF-a. Un'altra citochina che è stata individuata a svolgere un ruolo nella patogenesi dell'artrite reumatoide è IL-20. Questa citochina è aumentata nella sinovia e nel liquido sinoviale di pazienti con artrite reumatoide. NNC , un IgG4 umano ricombinante che si lega e neutralizza IL-20, è ora in studi di fase II. Uno studio in doppio cieco sembra avere già dimostrato mostrato risultati promettenti, con evidenti miglioramenti della malattia in termini di attività, funzione fisica e dolore, in particolare nei pazienti con artrite reumatoide sieropositiva. Tra le terapie che hanno come bersaglio i recettori cellulari ci sono stati recentemente degli studi sull anticorpo BT-061 (tregalizumab), che non riduce il pool delle cellule T che si pensa possa agire attivando le cellule T regolatorie, le quali sembrano malfunzionare nelle malattie autoimmuni come la psoriasi e l'artrite reumatoide. Poiché soltanto i meccanismi di regolazione naturale verrebbero ad essere attivati da BT-061, ci si aspetta che tale sistema sia più sicuro di altre terapie disponibili, in quanto il sistema immunitario rimane principalmente efficace per combattere le infezioni. Il TREAT 2b è uno studio di fase IIb che sta indagando la sicurezza e l'efficacia di tregalizumab in combinazione con metotressato per il trattamento di soggetti con artrite reumatoide attiva che hanno avuto una risposta inadeguata al metotressato.

4 Inoltre, grazie al successo del JAK inibitore, diversi JAK inhibitors sono attualmente in fase di sperimentazione a diversi stadi di sviluppo, tra cui baricitinib, un inibitore JAK1 2, e VX-509, un inibitore JAK3, che sembra produrre un miglioramento clinico superiore al placebo. Altre molecole intracellulari che sono state considerate bersagli terapeutici idonei, a causa del loro ruolo nella trasduzione dei segnali infiammatori, tra cui la (SYK) e le proteine chinasi (MAP) p38 mitogeno-attivata, hanno portato allo sviluppo di nuove classi di farmaci valutati in studi clinici sull'artrite reumatoide, ma che sono stati in seguito abbandonati a causa della mancanza di efficacia. DECISION MAKING Il target terapeutico delle diverse malattie reumatiche è sempre la remissione di malattia o la bassa attività di malattia. Fondamentale, quindi, è eseguire precocemente la stratificazione della popolazione affetta dalle diverse malattie reumatiche (ogni tipo di patologia ormai ha un assessment ben definito) per individuare il fenotipo di malattia che necessita di cure più aggressive e più costose (terapia biologica) onde eseguire una giusta distribuzione delle risorse e garantire una cura sostenibile ed efficace. Per eseguire questa stratificazione sono stati individuati degli indicatori anche numerici di attività, di severità e prognostici di malattia. Sempre più utilizzata è la clinometria anche per monitorizzare il paziente e per valutare il raggiungimento dei outcomes. L appropriatezza clinica e la decision making dei farmaci biologici si avvale anche del tight control che prevede controlli clinici ravvicinati per il paziente al fine di aggiustare la terapia in caso di inefficacia. Solo in questi casi gli outcomes di malattia possono essere raggiunti riducendo la limitazione funzionale o il danno d organo irreversibile Un altro strumento che si deve prendere in considerazione è il self management. Solo un paziente informato ed istruito può avere un ruolo attivo anche nella scelta terapeutica ed avere un ruolo nell efficacia terapeutica Gli strumenti quali indicatori di attività di malattia e di danno d organo e gli indici di remissione oggi sono validati non solo per l artrite reumatoide ma anche per le connettiviti e le vasculiti sia dei gradi che dei piccoli vasi EFFICACIA E SAFETY Nel corso dell ultimo quindicennio sono stati condotti numerosi trials di valutazione di ognuno dei farmaci biologici attualmente in commercio, testati di volta in volta con indicazioni e condizioni differenti. I farmaci biologici si sono sicuramente dimostrati più efficaci dei farmaci tradizionali (DMARDs) nel controllo a breve e medio termine della sintomatologia e nella capacità di rallentare la progressione della malattia e di ritardare il danno radiologico e la conseguente disabilità con un certo miglioramento della qualità della vita. Di norma i farmaci biologici sono ben tollerati,. Prima di introdurre una terapia con farmaci biologici, ad eccezione del denosumab, va effettuata una valutazione preliminare al fine di escludere eventuali controindicazioni assolute alla prescrizione del farmaco, o di intraprendere dei protocolli specifici profilattici. Lo screening prevede: Marcatori HCV-HBV (esistono ancora 2 linee di pensiero in caso di pregresso contatto (anticore+): profilassi con lamivudina o stretto monitoraggio con marcatori e DNA quantitativo. Intradermoreazione sec. Mantoux/Quantiferon TB gold test. Rx torace. Va inoltre sempre valutata la classe funzionale NYHA essendo tali farmaci controindicati in classe NYHA III- IV. I dati relativi alla sicurezza a breve e medio termine sembrano dimostrare come i farmaci biologici presentino un profilo di safety del tutto paragonabile a quello dei DMARDs tradizionali, a patto che venga eseguito accuratamente, prima dell arruolamento del paziente e durante il trattamento un insieme di test di screening e di monitoraggio volti ad accertare l idoneità del soggetto per tale trattamento e la non esistenza di possibili controindicazioni e/o fattori di rischio L Importanza del tight control si è evidenziata non solo nella valutazione di efficacia del farmaco, ma anche per la valutazione di potenziali eventi avversi drugs correlati e quindi sulla safety. I farmaci a somministrazione endovenosa si prestano ottimamente al tight control essendo di esclusiva somministrazione ospedaliera presso centri specializzati. Riguardo ai farmaci a somministrazione domiciliare, la limitazione della prescrizione ai soli centri accreditati e la necessità di stilare un piano terapeutico per il ritiro dello stesso nelle farmacie ospedaliere o territoriali delle ASL, consente di effettuare comunque un attento monitoraggio sia in termini di efficacia che di safety. LA FARMACOECONOMIA Uno degli aspetti che influenza significativamente l effettivo impiego dei farmaci biologici nella pratica clinica quotidiana è certamente quello farmaco-economico. Il costo annuo per il trattamento di un paziente è elevato (variabile a seconda della molecola usata e dello schema di trattamento impostato), e certamente di gran lunga superiore a quello di qualunque terapia di fondo tradizionale normalmente utilizzata in reumatologia. L importanza di una giusta collocazione delle risorse in sanità ha fatto sì che, fin dalla loro introduzione sul mercato, i farmaci biologici siano stati soggetti ad una regolamentazione precisa al fine anche di limitare una spesa sanitaria che da sempre rappresenta un problema per il sistema sanitario nazionale italiano e sono stati però eseguiti numerosi studi internazionali di costo efficacia che hanno dimostrato come i farmaci biologici, a fronte di un costo diretto iniziale più elevato, abbiano di fatto la capacità di ridurre i costi indiretti

5 (grazie alla capacità di prevenire nel tempo la disabilità legata alla malattia analizzando i QALYs (qualità di vita aggiustata per anno di vita) negli studi di costo utilità. PROBLEMI APERTI Il paziente complesso con co-patologie e quindi con co-terapie con una malattia reumatica nella fase attiva è una sfida diagnostico terapeutica che richiede notevole esperienza nella decision making. Obiettivo è sempre il raggiungimento della remissione o della bassa attività di malattia per ridurre l invalidità e la cronicizzazione del danno d organo, ma la coesistenza di malattie croniche può essere un linite al raggiungimento del target (la presenza di epatite B e C, di scompenso cardiaco, di BPCO ad elevato stadio con continue riacutizzazioni). In questo caso l internista/reumatologo ha un ruolo importante perché è il vero regista che coordina i PDTI più sicuri per il paziente e nello stesso tempo nel non far perdere l opportunità di trattamento appropriato BIBLIOGRAFIA Edwards JC, Szczepanski L, Szechinski J, et al. Efficacy of B-cell-targeted therapy with rituximab in patients with rheumatoid arthritis. N Engl J Med 2004; 350:2572. Schlesinger N, Alten RE, Bardin T, et al. Canakinumab for acute gouty arthritis in patients with limited treatment options: results from two randomised, multicentre, active-controlled, double-blind trials and their initial extensions. Ann Rheum Dis 2012; 71:1839. Chizzolini C, Chicheportiche R, Alvarez M, de Rham C, Roux- Lombard P, Ferrari-Lacraz S, Dayer JM: Prostaglandin E2 syner- gistically with interleukin-23 favors human Th17 expansion. Blood 2008, 112: Tracey D, Klareskog L, Sasso EH, Salfeld JG, Tak PP: Tumor necrosis factor antagonist mechanisms of action: a comprehensive review. Pharmacol Ther 2008, 117: Dayer JM, Chicheportiche R, Juge-Aubry C, Meier C: Adipose tissue has anti-inflammatory properties: focus on IL-1 recep- tor antagonist (IL-1Ra). Ann N Y Acad Sci 2006, 1069: Zheng Y, Danilenko DM, Valdez P, Kasman I, Eastham-Anderson J, Wu J, Ouyang W: Interleukin-22, a T(H)17 cytokine, medi- ates IL-23-induced dermal inflammation and acanthosis. Nature 2007, 445: Boissier MC, Assier E, Biton J, Denys A, Falgarone G, Bessis N: Regulatory T cells (Treg) in rheumatoid arthritis. Joint Bone Spine 2009, 76:10-14 National Institute for Health and Clinical Excellence. Adalimumab, etanercept, infliximab, rituximab and abatercept for the treatment of rheumatoid arthritis after the failure of a TNF inhibitor - Technology Appraisal TA195. London: NICE, Tosh J, Brennan A, Wailoo A, Bansback N. The Sheffield rheumatoid arthritis health ecomomic model. Rheumatology 2011;50(Suppl 4):iv2631. National Institute for Health and Clinical Excellence. Guide to the methods of technology appraisal. London: NICE, 2008:176. Miossec P: Diseases that may benefit from manipulating the Th17 pathway. Eur J Immunol 2009, 39: Micheloud D, Nuno L, Rodriguez-Mahou M et al. Efficacy and sefety of etanercept, high-dose intravenous gammaglobulin and plasmapheresis combined therapy for lupus diffuse proliferative nephritis complicating pregnancy. Lupus 2006; 15: Carter J, Valeriano J, Vasey FB. Tumor necrosis factor-alpha inhibition and VATER association: a causal relationship? J Rheumatology 2006;33: Chambers CD, Johnson DL, Jones KL. Pregnancy outcome in women exposed to adalimumab: the OTIS autoimmune diseases in pregnancy project. Arthritis Rheum Kay J, Matteson EL, Dasgupta B, et al. Golimumab in patients with active rheu- matoid arthritis despite treatment with methotrexate: a randomized, double-blind, placebo-controlled, dose-ranging study. Arthritis Rheum 2008;58: [Erra- tum, Arthritis Rheum 2010;62:3518.] Genovese MC, McKay JD, Nasonov EL, et al. Interleukin-6 receptor inhibition with tocilizumab reduces disease activity in rheumatoid arthritis with inadequate response to disease-modifying antirheu- matic drugs: the tocilizumab in combina- tion with traditional disease-modifying antirheumatic drug therapy study. Arthritis Rheum 2008;58: Maska L, Anderson J, Michaud K. Measures of functional status and quali- ty of life in rheumatoid arthritis: Health Assessment Questionnaire Disability In- dex (HAQ), Modified Health Assessment Questionnaire (MHAQ), Multidimen- sional Health Assessment Questionnaire (MDHAQ), Health Assessment Questionnaire II (HAQ-II), Improved Health As- sessment Questionnaire (Improved HAQ), and Rheumatoid Arthritis Quality of Life (RAQoL). Arthritis Care Res (Hoboken) 2011;63:Suppl 11:S4-S13. Cutolo M: The kinase inhibitor tofacitinib in patients with rheumatoid arthritis: latest findings and clinical potential. Ther Adv Musculoskelet Dis 2013, 5:3-11. van Vollenhoven RF, Fleischmann R, Cohen S, Lee EB, García Meijide JA, Wagner S, Forejtova S, Zwillich SH, Gruben D, Koncz T, Wallenstein GV, Krishnaswami S, Bradley JD, Wilkinson B; ORAL Standard

6 Investigators: Tofacitinib or adalimumab versus placebo in rheumatoid arthritis. N Engl J Med 2012, 367: Scheinberg MA, Kay J: The advent of biosimilar therapies in rheumatology O brave new world. Nat Rev Rheumatol 2012, 8: Kellner H: Targeting interleukin-17 in patients with active rheumatoid arthritis: rationale and clinical potential. Ther Adv Musculoskelet Dis 2013, 5: Baslund B, Tvede N, Danneskiold-Samsoe B, Larsson P, Panayi G, Petersen J, Petersen LJ, Beurskens FJ, Schuurman J, van de Winkel JG, Parren PW, Gracie JA, Jongbloed S, Liew FY, McInnes IB: Targeting interleukin-15 in patients with rheumatoid arthritis: a proof- of-concept study. Arthritis Rheum 2005, 52: Senolt L ea: Improvements in patient-reported physical function, pain, and global disease activity in patients with rheumatoid arthritis after treatment with NNC (anti-il-20 mab) in a phase 2a trial Abstract SAT112. In: EULAR 2013; Madrid, Spain. Helling B, Daelken B, Wallmeier H, Aigner S, Zuber CH, Koenig M, Engling A, Osterroth F, and CN, Uherek. C: The Therapeutic Antibody Tregalizumab (BT-061) Induces Activation of Regulatory T Cells by Engaging a Unique CD4 Mediated Signaling That Strongly Differs From Signaling Events Induced by Standard Anti-CD4 Antibodies. In: ACR Annual Meeting: 2012; Rudnev A, Ragavan S, Trollmo C ea: Selective activation of naturally occurring regulatory T cells (Tregs) by the mono- clonal antibody (mab) BT-061. Markers of clinical activity and early Phase II results in patients with rheumatoid arthritis (RA). In: American College of Rheumatology Annual Meeting 2010; Genovese MC, Keystone E, Taylor P ea: 24-week results of a blinded phase 2b dose-ranging study of baricitinib, an oral janus kinase 1/janus kinase 2 inhibitor, in combination with traditional disease modifying antirheumatic drugs in patients with rheumatoid arthritis. Arthritis Rheum 2012, 64:S Smolen JS, Schlichting DE, Sterling KL ea: 12-and 24-week patient- reported outcomes from a phase 2b dose-ranging study of baricitinib, an oral janus kinase 1/janus kinase 2 inhibitor, in combination with traditional disease-modifying antirheu- matic drugs in patients with rheumatoid arthritis. Arthritis Rheum 2012, 64:S Kyttaris VC: Kinase inhibitors: a new class of antirheumatic drugs. Drug Des Devel Ther 2012, 6: Alten RE, Zerbini C, Jeka S, Irazoque F, Khatib F, Emery P, Bertasso A, Rabbia M, Caulfield JP: Efficacy and safety of pamapimod in patients with active rheumatoid arthritis receiving stable methotrexate therapy. Ann Rheum Dis 2010, 69: Helling B, Daelken B, Wallmeier H, Aigner S, Zuber CH, Koenig M, Engling A, Osterroth F, and CN, Uherek. C: The Therapeutic Antibody Tregalizumab (BT-061) Induces Activation of Regulatory T Cells by Engaging a Unique CD4 Mediated Signaling That Strongly Differs From Signaling Events Induced by Standard Anti-CD4 Antibodies. In: ACR Annual Meeting: 2012; Rudnev A, Ragavan S, Trollmo C ea: Selective activation of naturally occurring regulatory T cells (Tregs) by the mono- clonal antibody (mab) BT-061. Markers of clinical activity and early Phase II results in patients with rheumatoid arthritis (RA). In: American College of Rheumatology Annual Meeting 2010; Genovese MC, Keystone E, Taylor P ea: 24-week results of a blinded phase 2b dose-ranging study of baricitinib, an oral janus kinase 1/janus kinase 2 inhibitor, in combination with traditional disease modifying antirheumatic drugs in patients with rheumatoid arthritis. Arthritis Rheum 2012, 64:S Smolen JS, Schlichting DE, Sterling KL ea: 12-and 24-week patient- reported outcomes from a phase 2b dose-ranging study of baricitinib, an oral janus kinase 1/janus kinase 2 inhibitor, in combination with traditional disease-modifying antirheu- matic drugs in patients with rheumatoid arthritis. Arthritis Rheum 2012, 64:S Kyttaris VC: Kinase inhibitors: a new class of antirheumatic drugs. Drug Des Devel Ther 2012, 6: Alten RE, Zerbini C, Jeka S, Irazoque F, Khatib F, Emery P, Bertasso A, Rabbia M, Caulfield JP: Efficacy and safety of pamapimod in patients with active rheumatoid arthritis receiving stable methotrexate therapy. Ann Rheum Dis 2010, 69:364-7.

7 Hirata S, Dirven L, Shen Y, Centola M, Cavet G, Lems WF, Tanaka Y, Huizinga TW, Allaart CF: A multibiomarker score measures rheumatoid arthritis disease activity in the BeSt study. Rheumatology 2013, 52:

8

SCHEDA DI VALUTAZIONE PER L INSERIMENTO DI FARMACI NON PRESENTI NEL PTR

SCHEDA DI VALUTAZIONE PER L INSERIMENTO DI FARMACI NON PRESENTI NEL PTR RICHIESTA DI INSERIMENTO IN PTR DI ABATACEPT ATC L04AA24 ORENCIA Presentata da Commissione Terapeutiche della Provincia di SASSARI In data gennaio 2009 Per le seguenti motivazioni (sintesi): Trattamento

Dettagli

DMARDs Disease Modifying Anti-Rehumatic Drugs. (6 settimane-6 mesi)

DMARDs Disease Modifying Anti-Rehumatic Drugs. (6 settimane-6 mesi) DMARDs Disease Modifying Anti-Rehumatic Drugs (6 settimane-6 mesi) Disease Modifying Anti-Rheumatic Drugs DMARD (Farmaci antireumatici di fondo) Incidono sulla storia naturale della malattia Ritardano

Dettagli

INFLIXIMAB: Approvazione del primo biosimilare nel trattamento delle patologie autoimmuni

INFLIXIMAB: Approvazione del primo biosimilare nel trattamento delle patologie autoimmuni INFLIXIMAB: Approvazione del primo biosimilare nel trattamento delle patologie autoimmuni Genova 17 MAGGIO 2014 Sabrina Beltramini U.O.S. Gestione e Innovazione Tecnologica del farmaco U.O.C. Farmacia

Dettagli

Progetto RATIL (Research on Anti-TNF-alpha Induced Lymphoma)

Progetto RATIL (Research on Anti-TNF-alpha Induced Lymphoma) Workshop I PROGETTI DI RICERCA DEI CENTRI ENCEPP 11 gennaio 2011 ISTITUTO SUPERIORE DI SANITÀ (ROMA) Progetto RATIL (Research on Anti-TNF-alpha Induced Lymphoma) A. Capuano, E. Parretta, F. Rossi Centro

Dettagli

ETANERCEPT (ALLARGAMENTI INDICAZIONI) (25-01-2005)

ETANERCEPT (ALLARGAMENTI INDICAZIONI) (25-01-2005) ETANERCEPT (ALLARGAMENTI INDICAZIONI) (25-01-2005) Specialità: Enbrel (Wieth Lederle) Forma farmaceutica: sc 4 fl 25 mg + 4 sir Prezzo: euro 805.08 sc 4 fl 50 mg + 4 sir Prezzo: euro 1610.15 Prezzi da

Dettagli

I T A L I A N J O U R N A L O F P U B L I C H E A L T H. Panoramica sui farmaci biologici disponibili per il trattamento dell Artrite Reumatoide

I T A L I A N J O U R N A L O F P U B L I C H E A L T H. Panoramica sui farmaci biologici disponibili per il trattamento dell Artrite Reumatoide Panoramica sui farmaci biologici disponibili per il trattamento dell Artrite Reumatoide Maria Rosaria Gualano, Chiara Cadeddu, Nicola Nicolotti, Chiara de Waure, Giuseppe La Torre, Carlomaurizio Montecucco,

Dettagli

I NUOVI FARMACI. Leflunomide

I NUOVI FARMACI. Leflunomide Progressi in Medicina: Nuove Terapie per le diverse Malattie Reumatiche Flavio Fantini Direttore Cattedra di Reumatologia dell Università di Milano, Istituto Ortopedico G. Pini - Milano I NUOVI FARMACI

Dettagli

Proteine terapeutiche in patologie autoimmunitarie/ infiammatorie

Proteine terapeutiche in patologie autoimmunitarie/ infiammatorie Proteine terapeutiche in patologie autoimmunitarie/ infiammatorie L artrite reumatoide (AR), una patologia sia infiammatoria che autoimmune ARTICOLAZIONE SANA PATOLOGIA TERAPIA ARTRITE REUMATOIDE FARMACI

Dettagli

FARMACI BIOLOGICI I : GLI ANTI TNFα

FARMACI BIOLOGICI I : GLI ANTI TNFα FARMACI BIOLOGICI I : GLI ANTI TNFα La corrente pratica clinica reumatologica pone il curante sempre più spesso a confronto con pazienti affetti da forme artritiche resistenti ai trattamenti di fondo (es.

Dettagli

Her2/neu Il ruolo del Pertuzumab

Her2/neu Il ruolo del Pertuzumab Università degli Studi di Torino Corso di Laurea Specialistica in Biotecnologie Mediche Her2/neu Il ruolo del Pertuzumab Corso di Immunologia Molecolare Anno Accademico 2007/08 Elisa Migliore Her2 nelle

Dettagli

Meccanismi di controllo della proliferazione cellulare

Meccanismi di controllo della proliferazione cellulare Meccanismi di controllo della proliferazione cellulare Il ciclo cellulare è regolato dall azione di PROTOONCOGENI e (attivatori della proliferazione cellulare) GENI ONCOSOPPRESSORI (inibitori del ciclo

Dettagli

PROTOCOLLO TERAPEUTICO AZIENDALE PER IL TRATTAMENTO CON FARMACI BIOLOGICI DELLA ARTRITE REUMATOIDE

PROTOCOLLO TERAPEUTICO AZIENDALE PER IL TRATTAMENTO CON FARMACI BIOLOGICI DELLA ARTRITE REUMATOIDE PROTOCOLLO TERAPEUTICO AZIENDALE PER IL TRATTAMENTO CON FARMACI BIOLOGICI DELLA ARTRITE REUMATOIDE 1. BACKGROUND L artrite reumatoide (AR) è una patologia infiammatoria cronica auto-immune ad eziopatogenesi

Dettagli

IL-2R & IL-15R Alice Praduroux

IL-2R & IL-15R Alice Praduroux Università degli Studi di Torino Facoltà di Biotecnologie Molecolari Anno Accademico 2006/2007 Corso di Immunologia Molecolare IL-2R & IL-15R Alice Praduroux Classificazione Recettori appartenenti alla

Dettagli

Ustekinumab Vs Etanercept nella psoriasi: Risultati dello studio ACCEPT

Ustekinumab Vs Etanercept nella psoriasi: Risultati dello studio ACCEPT Ustekinumab Vs Etanercept nella psoriasi: Risultati dello studio ACCEPT I nuovi agenti biologici offrono un alternativa importante nel della psoriasi; spesso però, il profilo rischio-beneficio non è bene

Dettagli

Lo screening nei pazienti candidati alla terapia con farmaci biologici. Sara Bonazza U.O. di Reumatologia Università degli Studi di Ferrara

Lo screening nei pazienti candidati alla terapia con farmaci biologici. Sara Bonazza U.O. di Reumatologia Università degli Studi di Ferrara Lo screening nei pazienti candidati alla terapia con farmaci biologici Sara Bonazza U.O. di Reumatologia Università degli Studi di Ferrara INDICAZIONI ARTRITE REUMATOIDE 006.714.0 ARTROPATIA PSORIASICA

Dettagli

Sostegno economico a due giovani medici italiani per partecipare al 74 th Annual Scientific Meeting of the ACR, Atlanta 6-11 Novembre 2010

Sostegno economico a due giovani medici italiani per partecipare al 74 th Annual Scientific Meeting of the ACR, Atlanta 6-11 Novembre 2010 18 ICARO COME USIAMO I SOLDI CHE CI AFFIDATE FORMAZIONE: SCADENZA BANDO 3 OTTOBRE 2010 Sostegno economico a due giovani medici italiani per partecipare al 74 th Annual Scientific Meeting of the ACR, Atlanta

Dettagli

valutazione del rischio tubercolare nei pazienti affetti da reumatismi infiammatori cronici

valutazione del rischio tubercolare nei pazienti affetti da reumatismi infiammatori cronici DIAGNOSI della INFEZIONE TUBERCOLARE LATENTE: LUCI e OMBRE Torino, 20-21 21 settembre 2012 valutazione del rischio tubercolare nei pazienti affetti da reumatismi infiammatori cronici Paolo Clerico SSD

Dettagli

Position paper Biosimilari

Position paper Biosimilari Position paper Biosimilari Introduzione I farmaci biologici sono prevalentemente costituiti da prodotti proteici ottenuti mediante metodiche biotecnologiche. I farmaci biosimilari ( biosimilari ) sono

Dettagli

IL 12R e IL 27R. Diego Alberti

IL 12R e IL 27R. Diego Alberti IL 12R e IL 27R Diego Alberti Caratteristiche generali IL 12R e IL 27R appartengono alla famiglia di citochine/recettori di tipo I La classe I di recettori è caratterizzata da 4 residui di cisteina conservati

Dettagli

Paziente con artrite reumatoide in trattamento immunosoppressivo

Paziente con artrite reumatoide in trattamento immunosoppressivo CASO CLINICO Paziente con artrite reumatoide in trattamento immunosoppressivo Antonio Carlotto UOC Malattie Infettive Ulss 4 Alto Vicentino Malattia infiammatoria sistemica a prevalente interessamento

Dettagli

FARMACI BIOTECNOLOGICI E FARMACOLOGIA DELL INFIAMMAZIONE

FARMACI BIOTECNOLOGICI E FARMACOLOGIA DELL INFIAMMAZIONE FARMACI BIOTECNOLOGICI E FARMACOLOGIA DELL INFIAMMAZIONE TULLIO FLORIO Sezione di Farmacologia Dipartimento di Medicina Interna Scuola Medico-Farmaceutica Università di Genova 1 Anti-inflammatory & http://www.accessexcellence.org/ab/gg/biotechnology.html

Dettagli

Anticorpi monoclonali anti-egfr

Anticorpi monoclonali anti-egfr Università degli Studi di Torino Laurea Specialistica in Biotecnologie Molecolari Corso di Immunologia Prof.G.Forni Anticorpi monoclonali anti-egf Lara Fontani Famiglia recettori T erbb/her Ligandi EGF

Dettagli

Farmaci biologici e riparazione tessutale Valentina Dini

Farmaci biologici e riparazione tessutale Valentina Dini Farmaci biologici e riparazione tessutale Valentina Dini Sezione di Riparazione Tessutale Cutanea Clinica Dermatologica Università di Pisa www.sirtes.it Ulcere croniche Vascolari Diabetiche da Pressione

Dettagli

Le terapie biologiche in reumatologia

Le terapie biologiche in reumatologia : immunologia Rivista di Immunologia e Allergologia Pediatrica 04/2010 20-26 Bianca Lattanzi, Angelo Ravelli Parole chiave: Artrite idiopatica giovanile, farmaci biologici, antagonisti del tumor necrosis

Dettagli

DISPOSIZIONI IN MATERIA DI ESENZIONI DALLA COMPARTECIPAZIONE ALLA SPESA SANITARIA RIGUARDANTI LE MALATTIE REUMATICHE INFIAMMATORIE.

DISPOSIZIONI IN MATERIA DI ESENZIONI DALLA COMPARTECIPAZIONE ALLA SPESA SANITARIA RIGUARDANTI LE MALATTIE REUMATICHE INFIAMMATORIE. Allegato parte integrante Allegato A) DISPOSIZIONI IN MATERIA DI ESENZIONI DALLA COMPARTECIPAZIONE ALLA SPESA SANITARIA RIGUARDANTI LE MALATTIE REUMATICHE INFIAMMATORIE. Le prestazioni indicate nelle tabelle

Dettagli

Citochine dell immunità specifica

Citochine dell immunità specifica Citochine dell immunità specifica Proprietà biologiche delle citochine Sono proteine prodotte e secrete dalle cellule in risposta agli antigeni Attivano le risposte difensive: - infiammazione (immunità

Dettagli

Her-2 nel carcinoma mammario

Her-2 nel carcinoma mammario Her-2 nel carcinoma mammario Piera Balzarini U.O. Anatomia Patologica Università degli Studi di Brescia Spedali Civili di Brescia Il gene ERBB2 dà origine ad un recettore tirosin-chinasico appartenente

Dettagli

la storia di HER2 Citogenetica e biologia molecolare dei tumori mammari: implicazioni cliniche HER2: Human Epidermal Receptor

la storia di HER2 Citogenetica e biologia molecolare dei tumori mammari: implicazioni cliniche HER2: Human Epidermal Receptor Citogenetica e biologia molecolare dei tumori mammari: implicazioni cliniche la storia di HER2 V. Martin 28 giugno 2011 HER2: Human Epidermal Receptor HER2 e carcinoma mammario alias c-erb, ERBB2, HER-

Dettagli

Anticorpi monoclonali Anti-EGFR. -Ruolo Biologico -Evidenze terapeutiche -Problemi -Sviluppi futuri. Valentina Anrò

Anticorpi monoclonali Anti-EGFR. -Ruolo Biologico -Evidenze terapeutiche -Problemi -Sviluppi futuri. Valentina Anrò Anticorpi monoclonali Anti-EGFR -Ruolo Biologico -Evidenze terapeutiche -Problemi -Sviluppi futuri Valentina Anrò Ruolo Biologico Epidermal Growth Factor Receptor Extracellular Domain Transmembrane Domain

Dettagli

Servizi di Ricerca a Terzi. Luglio 2015

Servizi di Ricerca a Terzi. Luglio 2015 Servizi di Ricerca a Terzi Luglio 2015 Chi siamo Vera Salus Ricerca S.r.l. (VSR) è una target discovery biotech company che mette a disposizione le proprie competenze e la propria strumentazione in qualità

Dettagli

SCHEDA FARMACO (a cura di UOS Farmacoeconomia e HTA, Area Centro) Nintedanib (VARGATEF)

SCHEDA FARMACO (a cura di UOS Farmacoeconomia e HTA, Area Centro) Nintedanib (VARGATEF) Principio attivo (nome commerciale) Forma farmaceutica e dosaggio, posologia, prezzo, regime di rimborsabilità, ditta SCHEDA FARMACO (a cura di UOS Farmacoeconomia e HTA, Area Centro) Nintedanib (VARGATEF)

Dettagli

Ricerca di bersagli per la terapia sistemica del mesotelioma

Ricerca di bersagli per la terapia sistemica del mesotelioma Ricerca di bersagli per la terapia sistemica del mesotelioma Searching for targets for the systemic therapy of mesothelioma Stahel RA, Weder W, Felley- Bosco E, Petrausch U, Curioni-Fontecedro A, Schmitt-Opitz

Dettagli

SINTESI DEL LAVORI PRESENTATO: SCADENZA BANDO 28/02/2014

SINTESI DEL LAVORI PRESENTATO: SCADENZA BANDO 28/02/2014 SCADENZA BANDO 28/02/2014 Sostegno economico a due giovani medici italiani per partecipare 9 th European Lupus Meeting, Atene 23-26 Aprile 2014 Sono risultati vincitori le Dott.sse Francesca Dall Ara e

Dettagli

EFFETTI DELLE CURE TERMALI NEI REUMATISMI INFIAMMATORI Nuove risultanze degli studi clinici

EFFETTI DELLE CURE TERMALI NEI REUMATISMI INFIAMMATORI Nuove risultanze degli studi clinici Cattedra e U.O.C. di Reumatologia Università-Azienda Ospedaliera di PADOVA EFFETTI DELLE CURE TERMALI NEI REUMATISMI INFIAMMATORI Nuove risultanze degli studi clinici La ricerca scientifica termale si

Dettagli

Quali sono le malattie reumatiche più importanti?

Quali sono le malattie reumatiche più importanti? Quali sono le malattie reumatiche più importanti? L ARTROSI, una patologia legata alla degenerazione delle cartilagini e del tessuto osseo nelle articolazioni, è la malattia reumatica più frequente. Il

Dettagli

SOCIETA ITALIANA DI FARMACOLOGIA. Position paper. Equivalenza terapeutica di classe dei farmaci inibitori del tumour necrosis

SOCIETA ITALIANA DI FARMACOLOGIA. Position paper. Equivalenza terapeutica di classe dei farmaci inibitori del tumour necrosis SOCIETA ITALIANA DI FARMACOLOGIA Position paper Equivalenza terapeutica di classe dei farmaci inibitori del tumour necrosis factor: analogie e differenze farmacologiche Corrado Blandizzi Divisione di Farmacologia

Dettagli

Medicina off label Il farmaco sbagliato

Medicina off label Il farmaco sbagliato Medicina off label Il farmaco sbagliato carlomaurizio montecucco Unità Operativa di Reumatologia Fondazione IRCCS Policlinico S. Matteo Università di Pavia Medicina off label Il farmaco imputato. Uso improprio.

Dettagli

Sicurezza ed efficacia dei farmaci biologici nel trattamento delle malattie infiammatorie croniche intestinali in gravidanza

Sicurezza ed efficacia dei farmaci biologici nel trattamento delle malattie infiammatorie croniche intestinali in gravidanza Editoriali Recenti Prog Med 2010; 101: -401 Sicurezza ed efficacia dei farmaci biologici nel trattamento delle malattie infiammatorie croniche intestinali in gravidanza Antonio Tursi Riassunto. Le malattie

Dettagli

DONNA ED AUTOIMMUNITA : vecchie paure e nuove certezze.

DONNA ED AUTOIMMUNITA : vecchie paure e nuove certezze. DONNA ED AUTOIMMUNITA : vecchie paure e nuove certezze. Le malattie autoimmuni e gli ormoni femminili. La maggior parte delle malattie autoimmuni (artrite reumatoide, sindrome di Sjogren, sclerodermia,

Dettagli

Alterata regolazione del ciclo cellulare: un nuovo meccanismo patologico coinvolto nella deplezione delle cellule T CD4+ nell infezione da HIV

Alterata regolazione del ciclo cellulare: un nuovo meccanismo patologico coinvolto nella deplezione delle cellule T CD4+ nell infezione da HIV Alterata regolazione del ciclo cellulare: un nuovo meccanismo patologico coinvolto nella deplezione delle cellule T CD4+ nell infezione da HIV ADULTS AND CHILDREN ESTIMATED TO BE LIVING WITH HIV/AIDS,

Dettagli

SCHEDA DI VALUTAZIONE PER L INSERIMENTO DI FARMACI NON PRESENTI NEL PTR

SCHEDA DI VALUTAZIONE PER L INSERIMENTO DI FARMACI NON PRESENTI NEL PTR RICHIESTA DI INSERIMENTO IN PTR DI MARAVIROC ATC J05AX09 (Celsentri ) Presentata da Commissione Terapeutica Provinciale Sassari In data novembre 2008 Per le seguenti motivazioni: Trattamento dell infezione

Dettagli

SCHEDA DI VALUTAZIONE PER L INSERIMENTO DI FARMACI NON PRESENTI NEL PTR

SCHEDA DI VALUTAZIONE PER L INSERIMENTO DI FARMACI NON PRESENTI NEL PTR Approvata nella seduta della del 23.05.07 Presentata da RICHIESTA DI INSERIMENTO IN PTR DI NATALIZUMAB (TYSABRI ) ATC L04AA23 Prof. Giulio Rosati, Direttore della Clinica Neurologica dell Università di

Dettagli

FARMACI INNOVATIVI, BIOTECNOLOGICI E TERAPIE STAMINALI: FARMACOLOGIA, FARMACOTERAPIA E NORMATIVE

FARMACI INNOVATIVI, BIOTECNOLOGICI E TERAPIE STAMINALI: FARMACOLOGIA, FARMACOTERAPIA E NORMATIVE FARMACI INNOVATIVI, BIOTECNOLOGICI E TERAPIE STAMINALI: FARMACOLOGIA, FARMACOTERAPIA E NORMATIVE Roma, 14 aprile 2015 Appropriatezza ed innovazione: le sfide della ricerca Teresa Calamia ELENCO FARMACI

Dettagli

Linee guida di appropriatezza per l'utilizzo dei farmaci biologici impiegati in area reumatologica, dermatologica e gastroenterologia.

Linee guida di appropriatezza per l'utilizzo dei farmaci biologici impiegati in area reumatologica, dermatologica e gastroenterologia. Linee guida di appropriatezza per l'utilizzo dei farmaci biologici impiegati in area reumatologica, dermatologica e gastroenterologia. Indice l. Introduzione 2. Farmaci disponibili 3. Schede di prescrizione

Dettagli

La reumatologia oggi tra disabilità e remissione

La reumatologia oggi tra disabilità e remissione La reumatologia oggi tra disabilità e remissione Prof. Raffaele Scarpa C A T T E D R A D I R E U M A T O L O G I A C E N T R O D I R I F E R I M E N T O R E G I O N A L E P E R L A T E R A P I A B I O

Dettagli

MENOZZI Guido 39, via Lusardi, 23100 SONDRIO (SO) ITALIA Cell: 3294036334 Abitaz.: 0342-216191216191 Fax 0342-521368. guidomenozzi@libero.

MENOZZI Guido 39, via Lusardi, 23100 SONDRIO (SO) ITALIA Cell: 3294036334 Abitaz.: 0342-216191216191 Fax 0342-521368. guidomenozzi@libero. C U R R I C U L U M F O R M A T I V O P R O F E S S I O N A L E D E L D O T T O R G U I D O M E N O Z Z I INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Telefono MENOZZI Guido 39, via Lusardi, 23100 SONDRIO (SO)

Dettagli

ORMONI FEMMINILI E LUPUS ERITEMATOSO SISTEMICO: UN PROBLEMA REALE OPPURE UNA PAURA ESAGERATA? PL

ORMONI FEMMINILI E LUPUS ERITEMATOSO SISTEMICO: UN PROBLEMA REALE OPPURE UNA PAURA ESAGERATA? PL ORMONI FEMMINILI E LUPUS ERITEMATOSO SISTEMICO: UN PROBLEMA REALE OPPURE UNA PAURA ESAGERATA? PL Meroni Unità di Allergologia, Immunologia Clinica & Reumatologia IRCCS Istituto Auxologico Italiano Dipartimento

Dettagli

Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore

Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore TerapiE PER L OSTEOPOROSI Reggio Emilia, MARZO 2015 L artrite reumatoide CALCIO E VITAMINA D Nessun dato

Dettagli

ANTICORPI. Il termine anticorpo si riferisce alla proprietà di riconoscere in maniera specifica i corpi estranei (antigeni).

ANTICORPI. Il termine anticorpo si riferisce alla proprietà di riconoscere in maniera specifica i corpi estranei (antigeni). ANTICORPI Il termine anticorpo si riferisce alla proprietà di riconoscere in maniera specifica i corpi estranei (antigeni). H L Fab Fab H L Fc Vari frammenti proteici degli anticorpi possono essere utilizzabili

Dettagli

Medicina personalizzata: Trasferimento tecnologico kit IVDD di medicina iomolecolare a marchio Alphagenics

Medicina personalizzata: Trasferimento tecnologico kit IVDD di medicina iomolecolare a marchio Alphagenics Medicina personalizzata: Trasferimento tecnologico kit IVDD di medicina iomolecolare a marchio Alphagenics Milena Sinigaglia Quality Systems Management & Health S.r.l. Meetjob Oristano 23/24 Aprile 2013

Dettagli

Biofarmaci. Contributo ENEA Sviluppo di biofarmaceutici innovativi per terapie anti-metastatiche. Conferenza Stampa. Roma, 22 settembre 2011

Biofarmaci. Contributo ENEA Sviluppo di biofarmaceutici innovativi per terapie anti-metastatiche. Conferenza Stampa. Roma, 22 settembre 2011 Biofarmaci Contributo ENEA Sviluppo di biofarmaceutici innovativi per terapie anti-metastatiche Eugenio Benvenuto Laboratorio Biotecnologie UT BIORAD Conferenza Stampa Roma, 22 settembre 2011 UT BIORAD

Dettagli

Premesse. Lo sviluppo di nuovi medicinali è un processo molto impegnativo sia dal punto di vista procedurale che economico:

Premesse. Lo sviluppo di nuovi medicinali è un processo molto impegnativo sia dal punto di vista procedurale che economico: Premesse 2 Lo sviluppo di nuovi medicinali è un processo molto impegnativo sia dal punto di vista procedurale che economico: Su 8 molecole che presentano potenzialità terapeutiche solo 1, solitamente,

Dettagli

Parte generale. Laurea specialistica in Biotecnologie Molecolari,corso di Immunologia Molecolare. Francesco Mainini

Parte generale. Laurea specialistica in Biotecnologie Molecolari,corso di Immunologia Molecolare. Francesco Mainini IL-8 Parte generale Laurea specialistica in Biotecnologie Molecolari,corso di Immunologia Molecolare Francesco Mainini Struttura dell IL-8 -L IL-8 è una chemochina e viene sintetizzata come peptide di

Dettagli

Metodi in vivo e in vitro per : il riconoscimento dei farmaci lo studio delle loro proprietà farmacologiche lo studio del loro meccanismo d azione

Metodi in vivo e in vitro per : il riconoscimento dei farmaci lo studio delle loro proprietà farmacologiche lo studio del loro meccanismo d azione Metodi in vivo e in vitro per : il riconoscimento dei farmaci lo studio delle loro proprietà farmacologiche lo studio del loro meccanismo d azione Metodi generali Metodi mirati Scoperta e sviluppo di nuovi

Dettagli

Geni che codificano per il CCR5

Geni che codificano per il CCR5 Geni che codificano per il CCR5 Gli individui con due copie normali del gene CCR5 sono predominanti nella popolazione generale e sono suscettibili d infezione da parte di HIV-1. 3,9 Gli eterozigoti Δ 32

Dettagli

Dr.ssa Chiara Bazzani, Dr.ssa Tamara Ziglioli, Dr. Matteo Filippini, Dr. Roberto Gorla

Dr.ssa Chiara Bazzani, Dr.ssa Tamara Ziglioli, Dr. Matteo Filippini, Dr. Roberto Gorla Una persona ben informata della sua malattia e del perché deve assumere dei farmaci, potrà meglio partecipare attivamente alla gestione della sua condizione di salute. Non ci stancheremo di ripetere che

Dettagli

GastroPanel. Test clinico per la diagnosi di disturbi dello stomacoa partire da un campione di sangue

GastroPanel. Test clinico per la diagnosi di disturbi dello stomacoa partire da un campione di sangue GastroPanel Test clinico per la diagnosi di disturbi dello stomacoa partire da un campione di sangue Un test affidabile e di facile esecuzione che fornisce una serie di importanti indicazioni Segnala la

Dettagli

BE-Positive: Beyond progression after tki in Egfr-Positive NSCLC patients. Sinossi

BE-Positive: Beyond progression after tki in Egfr-Positive NSCLC patients. Sinossi BE-Positive: Beyond progression after tki in Egfr-Positive NSCLC patients Sinossi Principal Investigator e centro promotore dello studio: Dr.ssa Silvia Novello (Divisione di Oncologia Toracica, Università

Dettagli

Statement. Confermato in più occasioni il profilo di efficacia e sicurezza di dabigatran etexilato

Statement. Confermato in più occasioni il profilo di efficacia e sicurezza di dabigatran etexilato Confermato in più occasioni il profilo di efficacia e sicurezza di dabigatran etexilato Il British Medical Journal pubblica un articolo non equilibrato riguardante dabigatran Ingelheim, Germany, 23 luglio

Dettagli

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS)

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Che cos é? Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) La sindrome di Blau è una malattia genetica. I pazienti affetti presentano rash

Dettagli

ALLEGATO I RIASSUNTO DELLE CARATTERISTICHE DEL PRODOTTO

ALLEGATO I RIASSUNTO DELLE CARATTERISTICHE DEL PRODOTTO ALLEGATO I RIASSUNTO DELLE CARATTERISTICHE DEL PRODOTTO 1 1. DENOMINAZIONE DEL MEDICINALE Enbrel 25 mg polvere e solvente per soluzione iniettabile. 2. COMPOSIZIONE QUALITATIVA E QUANTITATIVA Ciascun flaconcino

Dettagli

In collaborazione con la Professoressa Antonella Tosti, Bologna e Professore di Dermatologia

In collaborazione con la Professoressa Antonella Tosti, Bologna e Professore di Dermatologia "Alopecia areata: update sulla ricerca e possibili terapie future " Colombina Vincenzi, Dermatologa, Bologna In collaborazione con la Professoressa Antonella Tosti, Bologna e Professore di Dermatologia

Dettagli

Palliative Care in Older Patients

Palliative Care in Older Patients Palliative Care in Older Patients Perchèla cura palliativa degli anziani sta diventando una prioritàsanitaria mondiale? 1) Population Ageing Chi cura chi Proiezioni in % 2) Polipatologie croniche Cause

Dettagli

le malattie reumatiche: attualità e prospettive

le malattie reumatiche: attualità e prospettive gallarate, 9.11. 2013 le malattie reumatiche: attualità e prospettive marco broggini L impatto delle patologie muscoloscheletriche nel nuovo millennio Le patologie muscoloscheletriche rappresentano la

Dettagli

Terapie a bersaglio molecolare nel tumore del polmone

Terapie a bersaglio molecolare nel tumore del polmone Terapie a bersaglio molecolare nel tumore del polmone I A Cura di: Simona Carnio Divisione di Oncologia Toracica - A.O.U. San Luigi - Orbassano (TO) Silvia Novello Dipartimento di Oncologia - Università

Dettagli

Market Access, HTA e valutazione economica dei farmaci (claudio.jommi@pharm.unipmn.it)

Market Access, HTA e valutazione economica dei farmaci (claudio.jommi@pharm.unipmn.it) Market Access, HTA e valutazione economica dei farmaci (claudio.jommi@pharm.unipmn.it) pag. 1 Agenda Il concetto di market access ed i suoi quattro elementi base Il ruolo dell Health Technology Assessmemt

Dettagli

Sperimentazione Clinica: ruolo e responsabilità dell Infermiere

Sperimentazione Clinica: ruolo e responsabilità dell Infermiere Sperimentazione Clinica: ruolo e responsabilità dell Infermiere Documenti per lo studio Giuseppe Caracciolo, Cardiologist e Clinical Research Physician, Menarini Ricerche Alessandra Milani, Coordinatore

Dettagli

un passo avanti nelle epatopatie croniche STEATOEPATITE STEATOSI EPATOCARCINOMA CIRROSI FIBROSI

un passo avanti nelle epatopatie croniche STEATOEPATITE STEATOSI EPATOCARCINOMA CIRROSI FIBROSI A base di SILIBINA COMPLESSATA STEATOSI STEATOEPATITE EPATOCARCINOMA CIRROSI FIBROSI un passo avanti nelle epatopatie croniche STEATOEPATITE NON ALCOLICA (NASH) è una patologia emergente (1) colpisce circa

Dettagli

(*)Direttore della U.O.C. di Medicina Interna di S. Arcangelo di Romagna (Rimini)

(*)Direttore della U.O.C. di Medicina Interna di S. Arcangelo di Romagna (Rimini) Dal blog di Marco Grandi, su segnalazione di Giorgio Ioli (*) vi proponiamo questo articolo: Tosse e statine (*)Direttore della U.O.C. di Medicina Interna di S. Arcangelo di Romagna (Rimini) Il presente

Dettagli

PROTOCOLLO TERAPEUTICO AZIENDALE PER IL TRATTAMENTO CON FARMACI BIOLOGICI DELLA PSORIASI

PROTOCOLLO TERAPEUTICO AZIENDALE PER IL TRATTAMENTO CON FARMACI BIOLOGICI DELLA PSORIASI Protocollo Terapeutico PROTOCOLLO TERAPEUTICO AZIENDALE PER IL TRATTAMENTO CON FARMACI BIOLOGICI DELLA PSORIASI Protocollo Terapeutico 1. BACKGROUND La psoriasi è una patologia cutanea infiammatoria a

Dettagli

spondilite anchilosante

spondilite anchilosante onlus Con il patrocinio e il sostegno economico di Emilia Romagna spondilite anchilosante Codice di Esenzione per patologia SPONDILITE ANCHILOSANTE: Cod. n. 054 Grande importanza è farsi riconoscere il

Dettagli

Bruno Meduri. Radioterapia Oncologica - A.O.U. Policlinico di Modena. Associazione Italiana di Radioterapia Oncologica

Bruno Meduri. Radioterapia Oncologica - A.O.U. Policlinico di Modena. Associazione Italiana di Radioterapia Oncologica Bruno Meduri Radioterapia Oncologica - A.O.U. Policlinico di Modena Associazione Italiana di Radioterapia Oncologica Follow up condiviso Il follow-up attivo della donna trattata è parte integrante del

Dettagli

FARMACOLOGIA Oncologica. www.baveno.net by G.B.

FARMACOLOGIA Oncologica. www.baveno.net by G.B. Oncologica www.baveno.net by G.B. Agg: settembre 2015 AVVERTENZE 2 I contenuti della presentazione sono estrapolati da materiale esistente, redatti e verificati da personale sanitario Le informazioni fornite

Dettagli

La metalloprotenasi di tipo 3 nel monitoraggio dell Artrite Reumatoide

La metalloprotenasi di tipo 3 nel monitoraggio dell Artrite Reumatoide CONVEGNO NAZIONALE AIRA GdS-AIA La metalloprotenasi di tipo 3 nel monitoraggio dell Artrite Reumatoide M.C.SORRENTINO Laboratorio Analisi Chimico-Cliniche e Microbiologiche ISMETT Direttore: Prof. Pier

Dettagli

METHOTREXATE. Vi raccomandiamo di leggere questo opuscolo con cura e di discuterne con il vostro medico curante.

METHOTREXATE. Vi raccomandiamo di leggere questo opuscolo con cura e di discuterne con il vostro medico curante. PATIENT INFORMATION ON Australian Rheumatology Association METHOTREXATE (Italian) (Brand names: Methoblastin) Questo opuscolo informativo èstato creato dall Associazione Remautologica Australiana per aiutarvi

Dettagli

18-NOV-2015 da pag. 10 foglio 1

18-NOV-2015 da pag. 10 foglio 1 Tiratura 08/2015: 443.177 Diffusione 08/2015: 285.582 Lettori Ed. II 2015: 2.095.000 Settimanale - Ed. nazionale Dir. Resp.: Umberto Brindani 18-NOV-2015 da pag. 10 foglio 1 Tiratura: n.d. Diffusione 12/2012:

Dettagli

Gestione del paziente reumatologico adulto: percorso di cura per artrite reumatoide, spondilite e connettivite/vasculite

Gestione del paziente reumatologico adulto: percorso di cura per artrite reumatoide, spondilite e connettivite/vasculite Gestione del paziente reumatologico adulto: percorso di cura per artrite reumatoide, spondilite e connettivite/vasculite Per i professionisti Sommario PREMESSA... 3 1. OGGETTO E OBIETTIVI... 3 2. CAMPO

Dettagli

De Leo - Fasano - Ginelli Biologia e Genetica, II Ed. Capitolo 7

De Leo - Fasano - Ginelli Biologia e Genetica, II Ed. Capitolo 7 LIFE & DEATH The term life describes a combination of phenotypes such as metabolic activity, its restriction to complex structures, growth, and the potential to identically self-reproduce. Death, of course,

Dettagli

Tecniche basate sull impiego degli anticorpi

Tecniche basate sull impiego degli anticorpi Tecniche basate sull impiego degli anticorpi Il materiale presente in questo documento viene distribuito solamente per uso interno ed esclusivamente a scopo didattico. Anticorpo o immunoglobulina! IL legame

Dettagli

Corso di Laurea Specialistica in Biotecnologie Biomolecolari. Corso di Immunologia Molecolare

Corso di Laurea Specialistica in Biotecnologie Biomolecolari. Corso di Immunologia Molecolare Corso di Laurea Specialistica in Biotecnologie Biomolecolari ANTONELLA GROSSO Corso di Immunologia Molecolare ILAN RIESS LA MOLECOLA Interleukin 4 From Wikipedia, the free encyclopedia Interleukin-4, abbreviated

Dettagli

Le vasculiti sistemiche: un approccio multidisciplinare. 10-11 Aprile 2015. III Edizione. Firenze, AC Hotel

Le vasculiti sistemiche: un approccio multidisciplinare. 10-11 Aprile 2015. III Edizione. Firenze, AC Hotel 10-11 Aprile 2015 Le vasculiti sistemiche: un approccio multidisciplinare III Edizione Firenze, AC Hotel Lettera dei Presidenti Cari Colleghi, è con grande piacere che vi invitiamo a partecipare alla III

Dettagli

BATTERI ORALI E MALATTIE SISTEMICHE

BATTERI ORALI E MALATTIE SISTEMICHE SANIT 2008 V Forum internazionale della salute INTERVENTI DI PREVENZIONE ORALE PER LA PROMOZIONE DELLA SALUTE Roma, 23 giugno 2008 Daniela Carmagnola & Clinica Odontoiatrica Dip.. di Medicina, Chirurgia

Dettagli

L EPATITE C. Fonte: Documento inter societario SIMG AISF SIMIT sul virus dell epatite C, 2009

L EPATITE C. Fonte: Documento inter societario SIMG AISF SIMIT sul virus dell epatite C, 2009 L EPATITE C Infezione da HCV e fattori di rischio L Epatite C è un infiammazione del fegato causata da un virus della famiglia Flaviviridae appartenente al genere hepacavirus (HCV) che attacca l organo,

Dettagli

from cure to care patient support program Home Care network

from cure to care patient support program Home Care network from cure to care patient support program Home Care network disease management disease management Dal 1993 siamo il punto di riferimento dell assistenza domiciliare privata in Italia. italiassistenza privatassistenza

Dettagli

Informazioni per i media: Questa iniziativa è stata finanziata e coordinata da AbbVie con il supporto delle seguenti associazioni pazienti

Informazioni per i media: Questa iniziativa è stata finanziata e coordinata da AbbVie con il supporto delle seguenti associazioni pazienti Informazioni per i media: Questa iniziativa è stata finanziata e coordinata da AbbVie con il supporto delle seguenti associazioni pazienti Copyright 2014 AbbVie Inc. North Chicago, Illinois, U.S.A. Data

Dettagli

scaricato da www.sunhope.it

scaricato da www.sunhope.it Recettori a tirosina chinasi I recettori a tirosina chinasi presentano vari domini Una regione di legame (extracellulare) Una regione transmembrana Una coda intracellulare con numerose tirosine scaricato

Dettagli

ONCOLOGIA: I PIU IMPORTANTI PROGRESSI DEL 2012

ONCOLOGIA: I PIU IMPORTANTI PROGRESSI DEL 2012 dott. ssa Aurora Ferrari la ricerca 9 ONCOLOGIA: I PIU IMPORTANTI PROGRESSI DEL 2012 La Società Americana per l Oncologia Clinica (ASCO) ha reso noto il rapporto annuale, giunto ormai alla sua ottava edizione,

Dettagli

La modulazione della politerapia

La modulazione della politerapia Lo Scompenso Cardiaco Cronico: un modello di collaborazione ospedaleterritorio per la qualità dell assistenza e l economia delle risorse La modulazione della politerapia Laura Montagna Enrico Turbil 9

Dettagli

Piano Terapeutico per la prescrizione di Incretine/inibitori DPP-4 nel trattamento del diabete tipo 2 (aggiornamento luglio 2014)

Piano Terapeutico per la prescrizione di Incretine/inibitori DPP-4 nel trattamento del diabete tipo 2 (aggiornamento luglio 2014) Piano Terapeutico per la prescrizione di Incretine/inibitori DPP-4 nel trattamento del diabete tipo 2 (aggiornamento luglio 2014) (Da compilarsi online ai fini della rimborsabilità a cura dei centri specializzati,

Dettagli

Nuovi regimi terapeutici nel trattamento del mieloma multiplo in pazienti non candidabili a trapianto

Nuovi regimi terapeutici nel trattamento del mieloma multiplo in pazienti non candidabili a trapianto Nuovi regimi terapeutici nel trattamento del mieloma multiplo in pazienti non candidabili a trapianto Antonio Palumbo Divisione di Ematologia Universitaria, Ospedale Molinette, Torino Per più di quattro

Dettagli

Le legge del marzo 2010 nonché il Piano Oncologico previsto dal Ministero della. Sanità per il bienno 2010-2012 propongono e rafforzano il modello del

Le legge del marzo 2010 nonché il Piano Oncologico previsto dal Ministero della. Sanità per il bienno 2010-2012 propongono e rafforzano il modello del Progetto di un ambulatorio multidisciplinare di oncologia - cure palliative per pazienti in fase avanzata di malattia gestito dalla Associazione di Cure Palliative della Zona Elba Dott. A. Massaro Premessa

Dettagli

www.pediatric-rheumathology.printo.it L ARTRITE LYME

www.pediatric-rheumathology.printo.it L ARTRITE LYME www.pediatric-rheumathology.printo.it L ARTRITE LYME Cos è? L artrite Lyme è causata dal batterio Borrelia burgdorferi (borreliosi di Lyme) e si trasmette con il morso di zecche quali l ixodes ricinus.

Dettagli

finanziamenti pubblici ministeriali e regionali in ambito di ricerca biomedica e sanitaria

finanziamenti pubblici ministeriali e regionali in ambito di ricerca biomedica e sanitaria Genova 17 novembre 2009 Seminario finanziamenti pubblici ministeriali e regionali in ambito di ricerca biomedica e sanitaria dott. Cristina Grandi dott. Michela Ferlenghi finanziamenti pubblici, ministeriali

Dettagli

Utilizzo dei vaccini in oncologia

Utilizzo dei vaccini in oncologia L E G U I D E Utilizzo dei vaccini in oncologia Fondazione Federico Calabresi Utilizzo dei vaccini in oncologia Michele Maio Luana Calabrò Arianna Burigo U.O.C. Immunoterapia Oncologica Azienda Ospedaliera

Dettagli

ADHD, DAT ed autoimmunità: un possibile marker diagnostico e un innovativo target per il trattamento. Relatore Prof.

ADHD, DAT ed autoimmunità: un possibile marker diagnostico e un innovativo target per il trattamento. Relatore Prof. UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA TOR VERGATA Facoltà di Medicina e Chirurgia Scuola di Specializzazione in Neuropsichiatria Infantile Direttore Prof. Paolo Curatolo ADHD, DAT ed autoimmunità: un possibile

Dettagli

Il TCR è un eterodimero costituito da due catene polipeptidiche chiamate catena α ecatenaβ legate insieme da un ponte disolfuro. Entrambe le catene

Il TCR è un eterodimero costituito da due catene polipeptidiche chiamate catena α ecatenaβ legate insieme da un ponte disolfuro. Entrambe le catene I linfociti T sono le cellule dell immunità adattativa responsabili della protezione verso le infezioni ad opera dei microbi intracellulari. Essi derivano da cellule staminali del midollo osseo che si

Dettagli

Focus su epatite C e terapie di nuova generazione Place in Therapy: documento ARS

Focus su epatite C e terapie di nuova generazione Place in Therapy: documento ARS Focus su epatite C e terapie di nuova generazione Place in Therapy: documento ARS Genova, 9 aprile 2014 Dott.ssa M.S. Rivetti Normativa Determinazioni AIFA 26.11.2012 (G.U. n. 287 del 10.12.2012) Regime

Dettagli

Unità Operativa di Reumatologia dell Ospedale di Magenta e ambulatori di Abbiategrasso e Cuggiono. Cosa sono le Malattie. Reumatiche?

Unità Operativa di Reumatologia dell Ospedale di Magenta e ambulatori di Abbiategrasso e Cuggiono. Cosa sono le Malattie. Reumatiche? Unità Operativa di Reumatologia dell Ospedale di Magenta e ambulatori di Abbiategrasso e Cuggiono Cosa sono le Malattie Reumatiche? Chi non ha tra amici e parenti qualcuno che soffre di una malattia reumatica?

Dettagli

La Vaccinazione anti-influenzale ed anti-pneumococcica nei soggetti con Malattie Autoimmunitarie

La Vaccinazione anti-influenzale ed anti-pneumococcica nei soggetti con Malattie Autoimmunitarie La vaccinazione anti-influenzale ed anti-pneumococcica: razionale ed indicazioni nell anziano e nelle categorie a rischio - Roma, 25 ottobre 2014 La Vaccinazione anti-influenzale ed anti-pneumococcica

Dettagli

Gallarate 11 giugno 2011 ASSOCIAZIONE ITALIANA TECNICI di ISTOLOGIA e CITOLOGIA

Gallarate 11 giugno 2011 ASSOCIAZIONE ITALIANA TECNICI di ISTOLOGIA e CITOLOGIA SEZIONE LOMBARDA Aggiornamenti 2011 Corso di aggiornamento per Tecnici di Laboratorio Gallarate 11 giugno 2011 ASSOCIAZIONE ITALIANA TECNICI di ISTOLOGIA e CITOLOGIA Azienda Ospedaliera S. Antonio Abate

Dettagli