ALLEGATO CONCLUSIONI SCIENTIFICHE E MOTIVI DEL RIFIUTO PRESENTATI DALL EMEA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ALLEGATO CONCLUSIONI SCIENTIFICHE E MOTIVI DEL RIFIUTO PRESENTATI DALL EMEA"

Transcript

1 ALLEGATO CONCLUSIONI SCIENTIFICHE E MOTIVI DEL RIFIUTO PRESENTATI DALL EMEA

2 RIASSUNTO GENERALE DELLA VALUTAZIONE SCIENTIFICA DI IMPULSOR Impulsor contiene milnacipran, un principio attivo noto che appartiene alla classe degli inibitori della ricaptazione della noradrenalina e della serotonina (NSRI) che agiscono inibendo di preferenza la ricaptazione della noradrenalina rispetto alla serotonina (5-HT). L'indicazione richiesta riguarda il trattamento della sindrome fibromialgica. Qualità Le informazioni presentate riguardanti sviluppo, produzione e controllo del principio attivo milnacipran idrocloruro e del medicinale Impulsor capsule rigide da 25 mg, 50 mg e 100 mg sono state ritenute soddisfacenti. I risultati indicano fabbricazione corretta e stabilità del medicinale. Farmacologia e tossicologia non cliniche I test sulla tossicità acuta per via orale hanno dimostrato che milnacipran è moderatamente tossico. I valori LD50 erano 240 mg/kg, p.o. e 36 mg/kg, i.v, nel topo e 228 mg/kg, p.o. e 51,2 mg/kg, i.v. nel ratto. Tra i principali segni clinici sono state riscontrate convulsioni, ipoattività e prostrazione. Negli studi subcronici il principale organo coinvolto è stato il fegato. Sono stati osservati un aumento ponderale del fegato da lieve a moderato e/o ipertrofia epatocellulare centrolobulare. Queste variazioni non hanno portato ad alterazioni biochimiche avverse o istologiche importanti. Con dosi superiori al NOAEL è stata osservata principalmente ipertrofia degli epatociti associata a vacuolizzazione, in particolare nell'area centrolobulare, talvolta insieme a un leggero accumulo lipidico, tuttavia senza effetti significativi sugli enzimi epatici. Negli studi preclinici milnacipran non ha dimostrato potenziali effetti cancerogeni, genotossici, embriotossici, teratogeni, fototossici o immunotossici. Gli studi tossicocinetici dimostrano che milnacipran viene prontamente assorbito e non presenta accumuli importanti. Efficacia L'efficacia di milnacipran nella sindrome fibromialgica (FMS) è stata valutata in otto studi clinici sull'efficacia: uno studio di fase II in doppio cieco, controllato con placebo, quattro studi cardine di fase III in doppio cieco controllati con placebo e tre studi di fase III di estensione a lungo termine in doppio cieco. L'obiettivo principale degli studi cardine è stato valutare l'efficacia di milnacipran somministrato a dosi di 200 mg/die (due volte al giorno) (anche di 100 mg/die (due volte al giorno) negli studi statunitensi) rispetto a placebo nel trattamento della sindrome fibromialgica nel suo complesso, compresi dolore ed esiti fisici ed emotivi. Per quanto concerne le analisi principali dei tre studi cardine (studio FMS031: analisi a posteriori) è stato possibile osservare miglioramenti statisticamente significativi per il criterio composito principale che prevedeva la somministrazione di milnacipran 200 mg/die e in parte anche per la somministrazione di 100 mg/die dopo 3 mesi. Tuttavia, per quanto concerne gli end point primari di efficacia e le ulteriori analisi sui soggetti responsivi l'effetto clinico era modesto, inconsistente e di dubbia rilevanza. Inizialmente, lo studio FMS031 non è riuscito a dimostrare un effetto statisticamente significativo per la richiesta di trattamento del dolore fibromialgico e di trattamento della sindrome fibromialgica per nessuno dei due dosaggi. Nonostante la rilevanza

3 statistica osservata in un'analisi a posteriori suggerita dalla FDA dopo aver apportato tre modifiche alle analisi predefinite, questo studio non offre prove di efficacia sufficientemente attendibili. Le analisi di sensibilità non hanno confermato in maniera coerente la fondatezza dei miglioramenti. Ulteriori analisi degli end point primari nonché le analisi di altre variabili di efficacia secondarie hanno dimostrato che l effetto tendeva a essere migliore nel trattamento con milnacipran senza rigorosa coerenza con i parametri di esito principali.

4 Le analisi presentate e le ulteriori spiegazioni fornite dal richiedente non sono ritenute sufficienti a dimostrare un vantaggio costante e clinicamente rilevante per quanto riguarda il miglioramento del dolore e della funzionalità dei pazienti. Quanto affermato si riferisce al trattamento con milnacipran in dosi da 100 mg/die, ma in particolare in dosi da 200 mg/die. La mancanza di effetti convincenti per il dosaggio maggiore (200 mg/die) mette in dubbio la rilevanza dei risultati dello studio sul dosaggio terapeutico inferiore (100 mg/die). Gli studi presentati non hanno spiegato se fosse migliore l'approccio con somministrazione una volta al giorno o quello con somministrazione due volte al giorno. Per questa ragione la risposta alla dose non è stata definita appieno e non è stata definita la dose ottimale. Le analisi aggiuntive presentate, stratificate per pazienti maschi e femmine, non hanno dimostrato effetti significativi e rilevanti dal punto di vista clinico per la popolazione maschile. Sulla popolazione europea è stato condotto un solo studio sull'efficacia a breve termine. Sono state riscontrate svariate incongruenze metodiche tra questo studio e i due studi cardine statunitensi. Il richiedente non ha fornito spiegazioni esaurienti per giustificare queste differenze. Sulla base di tali discrepanze, si dubita che i dati raccolti possano dimostrare l'efficacia. Non va dimenticato che nonostante la tendenza all'effetto, uno dei tre studi non ha superato le analisi principali. Ciò deve essere tenuto in considerazione nel valutare le analisi raccolte e presentate dal richiedente. Dal momento che il farmaco testato ha proprietà antidepressive, deve essere chiaro che l'entità dell'effetto osservato non si può attribuire a un miglioramento dell'umore. Allo stato attuale, alla luce dei dati presentati, non è possibile stabilire se l'effetto del trattamento nella fibromialgia sia indipendente dal miglioramento dei sintomi depressivi. Comunque, sembra esserci un collegamento tra l'effetto del farmaco e l'umore. L'efficacia a lungo termine di milnacipran non è stata dimostrata in maniera convincente nella popolazione statunitense. La discussione relativa al mantenimento dell'effetto si è basata su studi condotti nei soli Stati Uniti. La validità esterna di questa evidenza, comunque opinabile, nella popolazione europea è incerta in quanto esistono palesi differenze nell'atteggiamento verso la fibromialgia, la terapia e la percezione della malattia e dell'efficacia. Questo impone di determinare il mantenimento dell'efficacia nella popolazione europea. Rispondendo all'elenco delle questioni non risolte (LoOI) al 180 giorno, il richiedente ha presentato lo studio GE 304, uno studio a lungo termine non controllato finalizzato a valutare la sicurezza a lungo termine di milnacipran nel trattamento della FM nel corso di 12 mesi di esposizione alle dosi target di 100, 150 e 200 mg/die. L'efficacia a lungo termine (compresa la durata dell'efficacia) di queste dosi di milnacipran in termini di diminuzione del dolore, miglioramento delle valutazioni globali dei pazienti sui cambiamenti e riduzione dei sintomi associati alla FM è stata studiata come obiettivo secondario. Lo studio si è svolto in doppio cieco. Il numero di pazienti ritirati è stato elevato, in particolare a motivo di eventi avversi, fallimento terapeutico e decisione del paziente. In generale, dai dati presentati si è potuto osservare che milnacipran ha esercitato sui pazienti affetti da fibromialgia un effetto modesto. Si è riscontrata una tendenza verso un maggiore effetto all'end point della dose da 200 mg. Tuttavia, data la mancanza di un gruppo di controllo con placebo, la rilevanza clinica degli effetti stimati non è del tutto chiara. Dal momento che l'obiettivo principale era valutare la sicurezza a lungo termine e data la mancanza di un gruppo di controllo con placebo, lo studio GE 304 ha unicamente valore di supporto per la valutazione dell'efficacia di milnacipran nel trattamento della fibromialgia. Al momento si ritiene ancora necessario produrre dati a lungo termine sulla popolazione europea.

5 Sicurezza Tutte le reazioni avverse presenti nel database sulla sicurezza riportate negli studi clinici e dopo la commercializzazione del prodotto sono state incluse nel riassunto delle caratteristiche del prodotto. Date le proprietà farmacologiche di milnacipran in qualità di inibitore della ricaptazione della serotonina e della noradrenalina il profilo degli effetti avversi non presenta elementi di novità. Tra gli effetti di questa classe di farmaci si annoverano innalzamento della pressione arteriosa e della frequenza cardiaca, potenziali interazioni con farmaci anti-mao, sindrome serotoninergica e innalzamento delle aminotransferasi. Le reazioni avverse riportate più di frequente durante gli studi sui pazienti affetti da sindrome fibromialgica erano nausea, cefalea, costipazione, iperidrosi e vampate di calore. La tipologia non sembrava molto diversa dal profilo degli eventi avversi in pazienti trattati con milnacipran per disturbi depressivi maggiori. Le interruzioni della terapia in seguito agli eventi avversi sono state nettamente più elevate nel gruppo di pazienti trattati con milnacipran rispetto al gruppo placebo, con intensità di nausea, cefalea, iperidrosi, insonnia, accelerazione del ritmo cardiaco, vomito, costipazione e dolore addominale chiaramente dipendenti dalla dose. Il profilo degli eventi avversi nello studio di 12 settimane MLN-MD-O3 presentato come relazione breve con la risposta all'elenco delle questioni non risolte (LoOI) al 180 giorno non differiva dai dati a breve termine riportati in precedenza. Questo studio non ha segnalato eventi avversi legati all'apparato urinario. Il profilo di sicurezza osservato nello studio europeo a lungo termine F02207 GE 3 04 presentato con la risposta all'elenco delle questioni non risolte (LoOI) al 180 giorno è stato ritenuto soddisfacente e con la somministrazione a lungo termine di milnacipran per il trattamento della FM non sono state segnalate reazioni avverse inaspettate, né vi sono stati riscontri relativi alla sicurezza. Per gli eventi avversi, i dati non supportavano una dipendenza a lungo termine dalla dose. La percentuale di abbandoni, comunque, è considerata elevata (39,5 %). Il 28,6 % dei pazienti ha sofferto di eventi avversi che hanno portato alla sospensione del trattamento. Milnacipran agisce modulando la neurotrasmissione noradrenergica e pertanto può provocare variazioni della pressione arteriosa e della frequenza cardiaca, predisponendo il paziente ad effetti avversi di natura cardiovascolare. Nei pazienti trattati con milnacipran è ben documentata un'elevata incidenza di aumento della pressione sistolica e diastolica, così come della frequenza cardiaca. Esistono alcune evidenze secondo cui la fibromialgia si associa in modo indipendente ad un aumentato rischio di patologie cardiovascolari. Il trattamento della fibromialgia in presenza di ipertensione sottostante aumenta il rischio. Pertanto è stata inserita una controindicazione relativa ai pazienti affetti da grave deficit della funzionalità cardiaca o con altissimo rischio accertato di grave aritmia cardiaca (ovvero pazienti con grave disfunzione ventricolare sinistra, classe NYHA III/IV), ipertensione incontrollata, coronaropatia grave o instabile, in quanto queste condizioni sottostanti possono peggiorare con l'innalzamento della pressione arteriosa o della frequenza cardiaca. Inoltre questi pazienti dovrebbero rientrare nel programma di gestione dei rischi. Sulla base di quanto appena esposto, il CHMP, in data 23 luglio 2009, ha considerato sfavorevole il rapporto rischio/beneficio di Impulsor per il trattamento della sindrome fibromialgica e ha

6 raccomandato il rifiuto della domanda di autorizzazione all'immissione in commercio per i motivi di seguito esposti. 1. Mancano prove attendibili sull'efficacia a breve termine, in particolare per la dose raccomandata di 100 mg/die. Inoltre, l'effetto osservato non sembra avere un significato clinico convincente. 2. Non esistono studi sulla rilevanza nella popolazione dell Unione europea che dimostrino a sufficienza il mantenimento dell'effetto. 3. I risultati degli studi statunitensi non possono essere estrapolati alla popolazione dell Unione europea, a motivo delle differenze procedurali. 4. Data la mancanza di prove attendibili di efficacia non si ritiene che i vantaggi superino il profilo di sicurezza, seppure ben caratterizzato. 5. Viste le perplessità appena esposte, non è possibile in questa fase concordare un riassunto delle caratteristiche del prodotto soddisfacente. PROCEDURA DI RIESAME In data 24 settembre 2009 il richiedente ha presentato le ragioni dettagliate per il riesame dei motivi del rifiuto, accludendo le proprie argomentazioni a supporto del riesame. A seguito di una domanda del richiedente, il CHMP ha altresì consultato il SAG-CNS (Scientific Advisory Group on Clinical Neuroscience, gruppo consultivo scientifico sulle neuroscienze cliniche) in merito ai motivi della procedura di riesame. Il CHMP ha ricevuto la relazione del SAG e ne ha tenuto conto nel formulare il parere. Il richiedente ha anche fornito una spiegazione verbale nel corso della seduta del CHMP tenutasi nel novembre del Per quanto concerne il primo motivo del rifiuto, il richiedente ha sostenuto che il programma di sviluppo clinico svolto su milnacipran è completo e ha incluso sia studi meccanicistici (pre-clinici e clinici) sia un programma completo di efficacia/sicurezza. Pertanto il richiedente ritiene che la struttura e la portata del programma siano sufficienti a dimostrare adeguatamente efficacia e sicurezza. In tutti gli studi l'efficacia di milnacipran è stata valutata in modo molto esauriente e adeguato: i risultati clinici hanno valutato i diversi sintomi della fibromialgia utilizzando PRO (patient-reported-outcome, esiti riferiti dal paziente) convalidati. La principale obiezione del CHMP riguardava la questione della rilevanza clinica dei risultati osservati, che riveste particolare importanza per la fibromialgia in quanto più interventi sembrano avere qualche effetto, mentre la risposta a qualsiasi tipo di trattamento singolo sembra essere scarsa. Il CHMP ha anche espresso perplessità in merito alla dimostrazione del mantenimento dell'effetto (secondo motivo del rifiuto). Il richiedente ha presentato un riesame dei dati a sostegno dell'effetto a lungo termine del trattamento con milnacipran ed ha proposto un'indicazione limitata al trattamento a breve termine della fibromialgia nell'adulto, con la possibilità di continuare la terapia nei pazienti responsivi dopo tre mesi di trattamento. Il CHMP ha ritenuto

7 che l'efficacia a lungo termine di milnacipran nel trattamento della fibromialgia non fosse dimostrato a sufficienza in quanto questi dati non erano controllati e sussisteva la possibilità di un effetto svezzamento. Per quanto concerne l'estrapolazione dei risultati ottenuti negli studi statunitensi alla popolazione europea (terzo motivo del rifiuto), il MAH ha fornito giustificazioni in merito alle analogie tra le caratteristiche demografiche dei pazienti e i risultati sull'efficacia degli studi condotti nelle due aree geografiche (USA ed Europa). Quanto affermato viene riconosciuto, tuttavia il CHMP ritiene che la sindrome fibromialgica presenti caratteristiche singolari per cui le condizioni locali, la percezione e l'accesso a interventi sanitari aggiuntivi rivestono una particolare importanza. Pertanto in questo contesto sono necessari dati attendibili che dimostrino l'efficacia (e la sicurezza) per la popolazione europea, e i risultati di altre aree geografiche (ovvero i dati statunitensi) si possono considerare di supporto. Per quanto concerne il quarto motivo del rifiuto, il CHMP concorda con il richiedente sul fatto che il profilo di sicurezza a lungo termine di milnacipran sia ragionevolmente noto e che i rischi principali siano stati attualmente individuati in modo plausibile. Questo non comporta l'assenza di rischi per i pazienti trattati con il medicinale. Pertanto, solo una valutazione sull'efficacia inequivocabilmente positiva avrebbe potuto superare i rischi potenziali di un trattamento a lungo termine significativo. Il CHMP ha ritenuto che questo punto non fosse risolto.

8 Conclusioni generali sui motivi del riesame Il CHMP ha valutato tutti i motivi del riesame e le argomentazioni presentate dal richiedente e ha tenuto conto dei pareri del SAG. Con le motivazioni per il riesame, il richiedente ha ribadito la sua posizione in merito alle carenze riscontrate nella valutazione del CHMP e ha ulteriormente discusso i punti a motivo del rifiuto del CHMP. Il richiedente ha proposto un'indicazione limitata al trattamento a breve termine della sindrome fibromialgica nell'adulto. Tuttavia, il CHMP ha sostenuto che la valutazione della portata dell'effetto non fosse rassicurante. Questo riguarda non solo il dolore, ma anche le valutazioni funzionali. Pertanto il CHMP ha concluso che anche per detta indicazione limitata la valutazione del rapporto rischio/beneficio di milnacipran rimane negativa, in quanto la portata dell'effetto è ritenuta modesta e di dubbia rilevanza clinica. Senza il supporto di dati a lungo termine attendibili il ridotto effetto a breve termine non si ritiene sufficiente ad ottenere un'indicazione per una condizione cronica. Pertanto il CHMP ha mantenuto invariati i motivi iniziali del rifiuto.

9 MOTIVI DEL RIFIUTO Considerato che: Mancano prove attendibili sull'efficacia a breve termine, in particolare per la dose raccomandata di 100 mg/die. Inoltre, l'effetto osservato non sembra avere un significato clinico convincente. Non esistono studi opportunamente concepiti sulla rilevanza nella popolazione dell Unione europea che dimostrino a sufficienza il mantenimento dell'effetto. I risultati degli studi statunitensi non possono essere estrapolati alla popolazione dell Unione europea, a motivo delle differenze procedurali. Data la mancanza di solide prove di efficacia non si ritiene che i vantaggi superino il profilo di sicurezza, seppure ben caratterizzato. Viste le perplessità appena esposte, non è possibile in questa fase concordare un riassunto delle caratteristiche del prodotto soddisfacente. Prendendo in considerazione le perplessità appena esposte, il CHMP ha raccomandato il rifiuto dell'autorizzazione all'immissione in commercio di Impulsor.

SINTESI GENERALE DELLA VALUTAZIONE SCIENTIFICA DEI MEDICINALI CONTENENTI ACIDO VALPROICO/VALPROATO (cfr. allegato I)

SINTESI GENERALE DELLA VALUTAZIONE SCIENTIFICA DEI MEDICINALI CONTENENTI ACIDO VALPROICO/VALPROATO (cfr. allegato I) ALLEGATO II CONCLUSIONI SCIENTIFICHE E MOTIVI DELLA MODIFICA DEI RIASSUNTI DELLE CARATTERISTICHE DEL PRODOTTO E DEI FOGLIETTI ILLUSTRATIVI PRESENTATI DALL AGENZIA EUROPEA PER I MEDICINALI 108 CONCLUSIONI

Dettagli

Richiedente Nome di fantasia Dosaggio Forma farmaceutica Via di somministrazione. 40 mg tablet uso orale. 40 mg tablet uso orale

Richiedente Nome di fantasia Dosaggio Forma farmaceutica Via di somministrazione. 40 mg tablet uso orale. 40 mg tablet uso orale Allegato I Elenco dei nomi, delle forme farmaceutiche, dei dosaggi di prodotti medicinali, delle vie di somministrazione, dei titolari dell autorizzazione all immissione in commercio negli Stati membri

Dettagli

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono?

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono? STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? Si definisce sperimentazione clinica, o studio clinico controllato, (in inglese: clinical trial), un esperimento scientifico che genera dati

Dettagli

RIASSUNTO DELLE CARATTERISTICHE DEL PRODOTTO

RIASSUNTO DELLE CARATTERISTICHE DEL PRODOTTO RIASSUNTO DELLE CARATTERISTICHE DEL PRODOTTO 1. DENOMINAZIONE DEL MEDICINALE ACICLOVIR ABC 800 mg COMPRESSE ACICLOVIR ABC 400 mg/5 ml SOSPENSIONE ORALE 2. COMPOSIZIONE QUALITATIVA E QUANTITATIVA Aciclovir

Dettagli

Metodi in vivo e in vitro per : il riconoscimento dei farmaci lo studio delle loro proprietà farmacologiche lo studio del loro meccanismo d azione

Metodi in vivo e in vitro per : il riconoscimento dei farmaci lo studio delle loro proprietà farmacologiche lo studio del loro meccanismo d azione Metodi in vivo e in vitro per : il riconoscimento dei farmaci lo studio delle loro proprietà farmacologiche lo studio del loro meccanismo d azione Metodi generali Metodi mirati Scoperta e sviluppo di nuovi

Dettagli

RACCOMANDAZIONI DELL ASL CN1 2010

RACCOMANDAZIONI DELL ASL CN1 2010 Appropriatezza prescrittiva nella terapia dell ipercolesterolemia RACCOMANDAZIONI DELL ASL CN1 2010 PREMESSE L'ipercolesterolemia è uno dei maggiori fattori di rischio cardiovascolare e la sua riduzione

Dettagli

Allegato II. Conclusioni scientifiche e motivazioni del rifiuto presentati dall'ema

Allegato II. Conclusioni scientifiche e motivazioni del rifiuto presentati dall'ema Allegato II Conclusioni scientifiche e motivazioni del rifiuto presentati dall'ema 29 Conclusioni scientifiche Riassunto generale della valutazione scientifica di Norditropin SimpleXx, Norditropin NordiFlex,

Dettagli

IDROSSIZINA. Redazione scientifica: S. Bertella. E. Clementi, M. Molteni, M. Pozzi, S. Radice

IDROSSIZINA. Redazione scientifica: S. Bertella. E. Clementi, M. Molteni, M. Pozzi, S. Radice a cura di: IRCCS E. MEDEA LA NOSTRA FAMIGLIA (Direttore sanitario Dott. M. Molteni) UO FARMACOLOGIA CLINICA AO L. SACCO (Direttore Prof. E. Clementi) Redazione scientifica: S. Bertella. E. Clementi, M.

Dettagli

FARMACI GENERICI(EQUIVALENTI): PROBLEMI DI GESTIONE IN MEDICINA GENERALE

FARMACI GENERICI(EQUIVALENTI): PROBLEMI DI GESTIONE IN MEDICINA GENERALE FARMACI GENERICI(EQUIVALENTI): PROBLEMI DI GESTIONE IN MEDICINA GENERALE Come erogatore di assistenza di primo livello, il MMG è direttamente implicato nella scelta appropriata e nell utilizzo efficiente

Dettagli

La gestione della terapia della depressione di Salvatore Di Salvo

La gestione della terapia della depressione di Salvatore Di Salvo Associazione per la Ricerca sulla Depressione C.so G. Marconi 2 10125 Torino Tel. 011-6699584 Sito: www.depressione-ansia.it La gestione della terapia della depressione di Salvatore Di Salvo Gli Antidepressivi

Dettagli

RIASSUNTO DELLE CARATTERISTICHE DEL PRODOTTO

RIASSUNTO DELLE CARATTERISTICHE DEL PRODOTTO RIASSUNTO DELLE CARATTERISTICHE DEL PRODOTTO 1. DENOMINAZIONE DEL MEDICINALE ACKLAB 5% Crema. 2. COMPOSIZIONE QUALITATIVA E QUANTITATIVA Un grammo di crema contiene: Principio attivo: Aciclovir 50 mg Eccipienti:

Dettagli

ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC)

ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC) OSPEDALE FATEBENEFRATELLI E OFTALMICO Azienda Ospedaliera di rilievo nazionale M I L A N O S.C. RADIOLOGIA Direttore Dott. G. Oliva ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC) ESAMI DA ESEGUIRE (VALIDITA'

Dettagli

La terapia medica per la DE è sicura? Francesco Varvello

La terapia medica per la DE è sicura? Francesco Varvello La terapia medica per la DE è sicura? Francesco Varvello vietati ai cardiopatici inducono dipendenza pericolosi per il cuore sostanze dopanti sono stati segnalati gravi eventi cardiovascolari, inclusi

Dettagli

APPLICAZIONE DELLA FARMACOLOGIA ALLA PRATICA INFERMIERISTICA

APPLICAZIONE DELLA FARMACOLOGIA ALLA PRATICA INFERMIERISTICA APPLICAZIONE DELLA FARMACOLOGIA ALLA PRATICA INFERMIERISTICA Evoluzione delle responsabilità dell infermiere a proposito dei farmaci Applicazione della farmacologia alla Cura del paziente Applicazione

Dettagli

Studio SVATCH: L'autocontrollo della pressione arteriosa migliora la terapia antipertensiva?

Studio SVATCH: L'autocontrollo della pressione arteriosa migliora la terapia antipertensiva? Prof. Dr. med. Claudio Marone eoc Ospedale San Giovanni, Schweiz Studio SVATCH: L'autocontrollo della pressione arteriosa migliora la terapia antipertensiva? Keywords: ipertensione, automisurazione della

Dettagli

Sindrome premestruale (spm)

Sindrome premestruale (spm) Sindrome premestruale (spm) Gli sbalzi ormonali degli estrogeni e del progesterone nel cervello di una giovane adolescente determinano delle variazioni settimanali nella sensibilità e reattività allo stress

Dettagli

Riassunto delle caratteristiche del prodotto

Riassunto delle caratteristiche del prodotto Riassunto delle caratteristiche del prodotto 1 DENOMINAZIONE DELLA SPECIALITÀ MEDICINALE Calcio Carbonato + vitamina D3 ABC 1000 mg/880 U.I. granulato effervescente 2 COMPOSIZIONE QUALITATIVA E QUANTITATIVA

Dettagli

L ipertensione arteriosa è una tra le malattie più diffuse nei paesi industrializzati

L ipertensione arteriosa è una tra le malattie più diffuse nei paesi industrializzati ANTIPERTENSIVI (1) L ipertensione arteriosa è una tra le malattie più diffuse nei paesi industrializzati E uno dei maggiori problemi clinici dei tempi moderni. 1. Molte volte chi è iperteso lo scopre occasionalmente

Dettagli

Premesse. Lo sviluppo di nuovi medicinali è un processo molto impegnativo sia dal punto di vista procedurale che economico:

Premesse. Lo sviluppo di nuovi medicinali è un processo molto impegnativo sia dal punto di vista procedurale che economico: Premesse 2 Lo sviluppo di nuovi medicinali è un processo molto impegnativo sia dal punto di vista procedurale che economico: Su 8 molecole che presentano potenzialità terapeutiche solo 1, solitamente,

Dettagli

LA TERAPIA CON AGOPUNTURA CINESE NELL'EMICRANIA

LA TERAPIA CON AGOPUNTURA CINESE NELL'EMICRANIA LA TERAPIA CON AGOPUNTURA CINESE NELL'EMICRANIA Alberto Lomuscio Divisione di Cardiologia Ambulatorio di Agopuntura A.O. San Paolo Milano Docente Scuola Sowen www.albertolomuscio.it 1 ASPETTI CLINICI DELL

Dettagli

LA SIBO: CONDIZIONE TRASVERSALE TRASCURATA?

LA SIBO: CONDIZIONE TRASVERSALE TRASCURATA? LA SIBO: CONDIZIONE TRASVERSALE TRASCURATA? SIBO è l acronimo di Small Intestinal Bacterial Overgrowth, ovvero sovraccrescita batterica dell intestino tenue. La sua caratterizzazione clinica è variata

Dettagli

Allegato III. Modifiche agli specifici paragrafi del Riassunto delle Caratteristiche del Prodotto e del Foglio Illustrativo

Allegato III. Modifiche agli specifici paragrafi del Riassunto delle Caratteristiche del Prodotto e del Foglio Illustrativo Allegato III Modifiche agli specifici paragrafi del Riassunto delle Caratteristiche del Prodotto e del Foglio Illustrativo Nota: Queste modifiche agli specifici paragrafi del Riassunto delle Caratteristiche

Dettagli

Le basi gettate nel 2007

Le basi gettate nel 2007 420 Lexington Avenue Tel : +1-212-297-0010 Suite 1609 Fax: +1-212-297-0020 New York, NY 10170, USA www.callistopharma.com Lettera agli Azionisti 21 Dicembre 2007 Gentile Azionista Callisto, abbiamo il

Dettagli

Sei interessato a partecipare a studi clinici finalizzati allo sviluppo di nuovi farmaci in Sardegna? Diventa volontario con Fase 1 srl.

Sei interessato a partecipare a studi clinici finalizzati allo sviluppo di nuovi farmaci in Sardegna? Diventa volontario con Fase 1 srl. Sei interessato a partecipare a studi clinici finalizzati allo sviluppo di nuovi farmaci in Sardegna? Diventa volontario con Fase 1 srl. Che cos è Fase 1 srl? Fase 1 è una società a responsabilità limitata

Dettagli

Jama, 2001, 285(19):2486-2496

Jama, 2001, 285(19):2486-2496 Sommariio esecutiivo delllle lliinee-guiida ATP-III per lla prevenziione delllle mallattiie coronariiche Jama, 2001, 285(19):2486-2496 FASE 1. DETERMINARE IL PROFILO LIPIDICO-LIPOPROTEICO NEL SOGGETTO

Dettagli

MODIFICA DELLO STILE DI VITA

MODIFICA DELLO STILE DI VITA TERAPIA MEDICA MODIFICA DELLO STILE DI VITA Abolizione del fumo Riduzione del peso corporeo Riduzione dell assunzione di alcool Controllo della pressione arteriosa, glicemia Attività fisica regolare Astensione

Dettagli

Ministero della Salute Decreto ministeriale 04.07.2002 (Gazzetta Ufficiale 23 luglio 2002, n. 171)

Ministero della Salute Decreto ministeriale 04.07.2002 (Gazzetta Ufficiale 23 luglio 2002, n. 171) Ministero della Salute Decreto ministeriale 04.07.2002 (Gazzetta Ufficiale 23 luglio 2002, n. 171) Modifica degli stampati di specialità medicinali contenenti buprenorfina cloridrato indicata nella terapia

Dettagli

Educazione alimentare

Educazione alimentare Università degli Studi di Torino Azienda Ospedaliera San Luigi di Orbassano Struttura Semplice Dipartimentale di Dietetica e Nutrizione Clinica Educazione alimentare Classificazione: entità Indice di massa

Dettagli

Anziano fragile e rischio di incidente farmacologico

Anziano fragile e rischio di incidente farmacologico Anziano fragile e rischio di incidente farmacologico Numa Pedrazzetti Farmacista F.P.H. Spec. F.P.H. Istituti di cura Contesto generale Invecchiamento della popolazione over 65 il 6% nel 1900 16% nel 2000

Dettagli

farmaceutica Clavulanic acid 10 mg Dosaggio standard di 10 mg di amoxicillina/2,5 mg di acido clavulanico/kg di peso corporeo Repubblica Ceca

farmaceutica Clavulanic acid 10 mg Dosaggio standard di 10 mg di amoxicillina/2,5 mg di acido clavulanico/kg di peso corporeo Repubblica Ceca Allegato I Elenco dei nomi, della forma farmaceutica, del dosaggio del medicinale veterinario, della specie animale, della via di somministrazione, del richiedente/titolare dell autorizzazione all immissione

Dettagli

PRIMA DELL'USO LEGGETE CON ATTENZIONE TUTTE LE INFORMAZIONI CONTENUTE NEL FOGLIO ILLUSTRATIVO

PRIMA DELL'USO LEGGETE CON ATTENZIONE TUTTE LE INFORMAZIONI CONTENUTE NEL FOGLIO ILLUSTRATIVO PRIMA DELL'USO LEGGETE CON ATTENZIONE TUTTE LE INFORMAZIONI CONTENUTE NEL FOGLIO ILLUSTRATIVO Questo è un medicinale di automedicazione che potete usare per curare disturbi lievi e transitori facilmente

Dettagli

INFORMATIVA PROFESSIONALE n. 25 del 29.05.2009. Informazioni di sicurezza relative all uso di thalidomide celgene (principio attivo: talidomide)

INFORMATIVA PROFESSIONALE n. 25 del 29.05.2009. Informazioni di sicurezza relative all uso di thalidomide celgene (principio attivo: talidomide) Brescia, 3 giugno 2009 Circ. n. 169 INFORMATIVA PROFESSIONALE n. 25 del 29.05.2009 Informazioni di sicurezza relative all uso di thalidomide celgene (principio attivo: talidomide) La Regione Lombardia,

Dettagli

POLITERAPIE NEL PAZIENTE ANZIANO. Dipartimento Farmaceutico Azienda USL di Reggio Emilia

POLITERAPIE NEL PAZIENTE ANZIANO. Dipartimento Farmaceutico Azienda USL di Reggio Emilia POLITERAPIE NEL PAZIENTE ANZIANO Dipartimento Farmaceutico Azienda USL di Reggio Emilia PAZIENTI ANZIANI Maggiori utilizzatori di farmaci per la presenza di polipatologie spesso croniche Ridotte funzionalità

Dettagli

RIASSUNTO DELLE CARATTERISTICHE DEL PRODOTTO. ENDOREM

RIASSUNTO DELLE CARATTERISTICHE DEL PRODOTTO. ENDOREM RIASSUNTO DELLE CARATTERISTICHE DEL PRODOTTO. ENDOREM 1. DENOMINAZIONE DEL MEDICINALE ENDOREM, 11,2 mg Fe/ml, concentrato per sospensione per infusione. 2. COMPOSIZIONE QUALITATIVA E QUANTITATIVA 1 ml

Dettagli

GUIDA RAPIDA ALL USO DEGLI ANALGESICI. del Dolore e Cure Palliative

GUIDA RAPIDA ALL USO DEGLI ANALGESICI. del Dolore e Cure Palliative GUIDA RAPIDA ALL USO DEGLI ANALGESICI SSD Terapia del Dolore e Cure Palliative USO DEGLI ANALGESICI Scegliere e e via somministrazione s o più semplice Seguire la scala degli analgesici dell OMS Somministrare

Dettagli

Fabio Firenzuoli 9 dicembre 2014

Fabio Firenzuoli 9 dicembre 2014 Centro di riferimento per la Fitoterapia Cannabis terapeutica: l'esperienza della Regione Toscana. Fabio Firenzuoli 9 dicembre 2014 www.cerfit.org www.cerfit.org www.cerfit.org Immortality pills Tang Dynasty

Dettagli

Le malattie cardiovascolari (MCV) sono la principale causa di morte nelle donne, responsabili del 54% dei decessi femminili in Europa

Le malattie cardiovascolari (MCV) sono la principale causa di morte nelle donne, responsabili del 54% dei decessi femminili in Europa Red Alert for Women s Heart Compendio DONNE E RICERCA CARDIOVASCOLARE Le malattie cardiovascolari (MCV) sono la principale causa di morte nelle donne, responsabili del 54% dei decessi femminili in Europa

Dettagli

La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno

La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno Metodo epidemiologici per la clinica _efficacia / 1 La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno La buona ricerca clinica Non è etico ciò che non è rilevante scientificamente Non è

Dettagli

2 CONVEGNO DIABESITA

2 CONVEGNO DIABESITA 2 CONVEGNO DIABESITA La co-morbidità nel paziente con diabesità Dott. Roberto Gualdiero 7 Giugno 2014- CAVA DEI TIRRENI Diabesità è il neologismo coniato dall OMS per sottolineare la stretta associazione

Dettagli

Scompenso Cardiaco in pediatria

Scompenso Cardiaco in pediatria - Disease management in primary care - Workshop per pediatri, medici di medicina generale e cardiologi DI ANTONIO SCORLETTI Classificazione di Ross I Classe II Classe III Classe IV Classe -Asintomatico

Dettagli

ModiÞ cazione dell autorizzazione all immissione in commercio del medicinale per uso umano «Pentasa»

ModiÞ cazione dell autorizzazione all immissione in commercio del medicinale per uso umano «Pentasa» ModiÞ cazione dell autorizzazione all immissione in commercio del medicinale per uso umano «Pentasa» Estratto determinazione UVA/N/V n. 902 del 16 aprile 2010 Titolare AIC: FERRING S.P.A. (codice fiscale

Dettagli

Studio nazionale multicentrico di fase III, randomizzato in doppio cieco, controllato con placebo, a gruppi paralleli

Studio nazionale multicentrico di fase III, randomizzato in doppio cieco, controllato con placebo, a gruppi paralleli SINOSSI DELLO STUDIO DYDA 2 TRIAL Effects of the dipeptidyl peptidase-4 (DPP-4) inhibitor linagliptin on left ventricular myocardial DYsfunction in patients with type 2 DiAbetes mellitus and concentric

Dettagli

La modulazione della politerapia

La modulazione della politerapia Lo Scompenso Cardiaco Cronico: un modello di collaborazione ospedaleterritorio per la qualità dell assistenza e l economia delle risorse La modulazione della politerapia Laura Montagna Enrico Turbil 9

Dettagli

BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE CAMPANIA - N. 53 DEL 22 DICEMBRE 2008

BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE CAMPANIA - N. 53 DEL 22 DICEMBRE 2008 REGIONE CAMPANIA - Giunta Regionale - Seduta del 26 novembre 2008 - Deliberazione N. 1883 - Area Generale di Coordinamento N. 20 - Assistenza Sanitaria Piano di contenimento della spesa farmaceutica- Promozione

Dettagli

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI Che cos è la depressione? Tutti noi ci possiamo sentire tristi a volte, tuttavia la depressione è una cosa seria. La malattia della depressione a volte denominata Depressione

Dettagli

REGINA CETTOLIN INFERMIERA COMITATO OSPEDALE SENZA DOLORE U.O.S TERAPIA ANTALGICA E CURE PALLIATIVE U.O. ANESTESIA RIANIMAZIONE

REGINA CETTOLIN INFERMIERA COMITATO OSPEDALE SENZA DOLORE U.O.S TERAPIA ANTALGICA E CURE PALLIATIVE U.O. ANESTESIA RIANIMAZIONE REGINA CETTOLIN INFERMIERA COMITATO OSPEDALE SENZA DOLORE U.O.S TERAPIA ANTALGICA E CURE PALLIATIVE U.O. ANESTESIA RIANIMAZIONE OSPEDALE CIVILE DI CONEGLIANO AZIENDA U.L.S.S N.7 REGIONE DEL VENETO IL DOLORE

Dettagli

L OTTIMIZZAZIONE DELL EQUILIBRIO GLICEMICO IN GRAVIDANZA DR.SSA PATRIZIA LENTINI

L OTTIMIZZAZIONE DELL EQUILIBRIO GLICEMICO IN GRAVIDANZA DR.SSA PATRIZIA LENTINI L OTTIMIZZAZIONE DELL EQUILIBRIO GLICEMICO IN GRAVIDANZA DR.SSA PATRIZIA LENTINI ESISTE UNO STRETTO RAPPORTO TRA CONTROLLO GLICOMETABOLICO E OUTCOME MATERNO FETALE. L OTTIMIZZAZIONE DELL EQUILIBRIO GLICEMICO

Dettagli

Nuovi farmaci orali nei tumori gastrointestinali

Nuovi farmaci orali nei tumori gastrointestinali Nuovi farmaci orali nei tumori gastrointestinali Sara De Dosso Istituto Oncologico della Svizzera Italiana Gruppo Interesse Oncologia Ticinese 20 novembre 2014 Outline Capecitabina, (S1) Regorafenib Sunitinib

Dettagli

AIFA - Agenzia Italiana del Farmaco

AIFA - Agenzia Italiana del Farmaco NOTA INFORMATIVA IMPORTANTE CONCORDATA CON LE AUTORITÀ REGOLATORIE EUROPEE E L'AGENZIA ITALIANA DEL FARMACO (AIFA) Marzo 2011 Restrizione dell indicazione terapeutica della specialità medicinale ZERIT

Dettagli

Allegato 1 Conclusioni scientifiche e motivazioni per la variazione dei termini dell autorizzazione all immissione in commercio

Allegato 1 Conclusioni scientifiche e motivazioni per la variazione dei termini dell autorizzazione all immissione in commercio Allegato 1 Conclusioni scientifiche e motivazioni per la variazione dei termini dell autorizzazione all immissione in commercio Conclusioni scientifiche Tenendo conto della valutazione del Comitato per

Dettagli

La ricerca di nuovi farmaci e mirata alla malattie più diffuse

La ricerca di nuovi farmaci e mirata alla malattie più diffuse La ricerca di nuovi farmaci e mirata alla malattie più diffuse Due ingredienti affinchè si inizi la ricerca: 1. Il bigogno terapeutico 2. Il numero dei pazienti o popolazione Quando la malattia è rara

Dettagli

Il ruolo del Medico di Medicina Generale

Il ruolo del Medico di Medicina Generale Il ruolo del Medico di Società Italiana di Medicina Generale Dr. Pier Carlo Pelizzari Medico di Responsabile della Scuola di Formazione Specifica in Brescia 01 dicembre 2012 Polo di Brescia In merito alle

Dettagli

GIUSEPPINA BOIDI. Che cosa sono e come funzionano?

GIUSEPPINA BOIDI. Che cosa sono e come funzionano? GIUSEPPINA BOIDI CAPITOLO 3 PSICOFARMACI: È SEMPRE NECESSARIO PRENDERLI? 99 Che cosa sono e come funzionano? Gli psicofarmaci sono medicine che agiscono su specifiche sostanze chimiche presenti nel nostro

Dettagli

BORTEZOMIB (Velcade)

BORTEZOMIB (Velcade) BORTEZOMIB (Velcade) POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI Le informazioni contenute in questo modello sono fornite in collaborazione con la Associazione Italiana Malati di Cancro, parenti ed amici ; per maggiori

Dettagli

DOCUMENTAZIONE PUBBLICA _04! 04_2012

DOCUMENTAZIONE PUBBLICA _04! 04_2012 Tabacco, Tabagismo e Sindromi d Astinenza SMETTERE. INFORMAZIONI PRELIMINARI INDICE PAG 1 INTRODUZIONE Danni e rischi relativi del fumo PAG 1-2 Caratteristiche generali e farmacologia PAG 3 La nicotina

Dettagli

Trattamento farmacologico nei setting riabilitativi

Trattamento farmacologico nei setting riabilitativi Trattamento farmacologico nei setting riabilitativi Dr. Giovanni Luca Galimberti NOA Seregno ASL Prov.MILANO3 Dr. Giovanni Luca Galimberti 1 Trattamento farmacologico nei setting riabilitativi Il trattamento

Dettagli

Presentazione di Nicola Torina Infermiere di Sala Operatoria IL Dolore e le Scale di misurazione

Presentazione di Nicola Torina Infermiere di Sala Operatoria IL Dolore e le Scale di misurazione Presentazione di Nicola Torina Infermiere di Sala Operatoria IL Dolore e le Scale di misurazione Nulla e e cosi facilmente sopportabile come il dolore degli altri Rochefoucauld Concetto di dolore L International

Dettagli

ICTUS CEREBRI. Come per le patologie cardiache acute, il fattore tempo diventa decisivo, per poter ottenere risultati soddisfacenti.

ICTUS CEREBRI. Come per le patologie cardiache acute, il fattore tempo diventa decisivo, per poter ottenere risultati soddisfacenti. ICTUS CEREBRI L ictus cerebri è un improvvisa comparsa di segni e/o sintomi riferibili a deficit focale e/o globale (coma) delle funzioni cerebrali di durata superiore alle 24 ore o ad esito infausto,

Dettagli

Trials clinici. Disegni di studio

Trials clinici. Disegni di studio Trials Clinici Dott.ssa Pamela Di Giovanni Studi descrittivi Disegni di studio Popolazioni Individui Studi analitici Osservazionali Sperimentali Studi di correlazione o ecologici Case report - Case series

Dettagli

Dia 1 L ipertensione arteriosa è una patologia più frequente nella popolazione diabetica rispetto alla popolazione generale, soprattutto da quando i criteri per definire un iperteso si sono fatti più rigorosi.

Dettagli

INFORMAZIONI PER IL PAZIENTE CHE DEVE SOTTOPORSI A: SCINTIGRAFIA MIOCARDICA DA SFORZO O

INFORMAZIONI PER IL PAZIENTE CHE DEVE SOTTOPORSI A: SCINTIGRAFIA MIOCARDICA DA SFORZO O INFORMAZIONI PER IL PAZIENTE CHE DEVE SOTTOPORSI A: SCINTIGRAFIA MIOCARDICA DA SFORZO O CON STRESS FARMACOLOGICO Per la diagnosi e il trattamento delle seguenti patologie è indicato effettuare una scintigrafia

Dettagli

PROGRAMMA DI FARMACOLOGIA

PROGRAMMA DI FARMACOLOGIA PROGRAMMA DI FARMACOLOGIA Anno accademico 2013/2014 FARMACOLOGIA GENERALE 1. Azione farmacologia 2. Meccanismo di azione dei farmaci 3. Vie di somministrazione 4. Assorbimento 5. Distribuzione, ripartizione,

Dettagli

FOGLIO ILLUSTRATIVO. CATEGORIA FARMACOTERAPEUTICA Vitamina D e analoghi, colecalciferolo.

FOGLIO ILLUSTRATIVO. CATEGORIA FARMACOTERAPEUTICA Vitamina D e analoghi, colecalciferolo. CATEGORIA FARMACOTERAPEUTICA Vitamina D e analoghi, colecalciferolo. DIBASE 25.000 U.I./2,5 ml soluzione orale DIBASE 50.000 U.I./2,5 ml soluzione orale DIBASE 100.000 U.I./ml soluzione iniettabile DIBASE

Dettagli

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI 1 Questo schema di cura impiega i seguenti farmaci: vincristina, doxorubicina (adriamicina) o epidoxorubicina, cortisone. Le informazioni contenute in questo modello

Dettagli

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD)

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Che cos è? Il deficit di mevalonato chinasi è una malattia genetica. E un errore congenito

Dettagli

Un analisi dell utilizzo del Prozac, Paxil e Zoloft negli Usa dal 1988 al 2002.

Un analisi dell utilizzo del Prozac, Paxil e Zoloft negli Usa dal 1988 al 2002. Le tabelle sui suicidi indotti dall uso di psicofarmaci. Un analisi dell utilizzo del Prozac, Paxil e Zoloft negli Usa dal 1988 al 2002. Il metodo IMR - Patient Flow Model è stato ora utilizzato per analizzare

Dettagli

STRUMENTO EDUCATIVO PER PAZIENTI CHE ASSUMONO FARMACI CHEMIOTERAPICI ORALI

STRUMENTO EDUCATIVO PER PAZIENTI CHE ASSUMONO FARMACI CHEMIOTERAPICI ORALI STRUMENTO EDUCATIVO PER PAZIENTI CHE ASSUMONO FARMACI CHEMIOTERAPICI ORALI Questo strumento è stato creato per facilitare gli operatori sanitari nella valutazione e nell educazione dei pazienti trattati

Dettagli

QUANDO FA MALE DAPPERTUTTO: LA SINDROME FIBROMIALGICA

QUANDO FA MALE DAPPERTUTTO: LA SINDROME FIBROMIALGICA QUANDO FA MALE DAPPERTUTTO: LA SINDROME FIBROMIALGICA Introduzione MF ha 40 anni, non si è mai rivolta ad un medico fino a 3 anni fa, quando ha iniziato ad avvertire dei formicolii diffusi ad ambedue le

Dettagli

GAZYVARO. Farmaco di nuova registrazione

GAZYVARO. Farmaco di nuova registrazione AllegatoallaDeterminaAIFANumero1012/2014del24/09/2014/ Inserimento,inaccordoall articolo12,comma5dellalegge189/2012,inappositasezione(denominataclasse C(nn))dedicataaifarmacinonancoravalutatiaifinidellarimborsabilitànellemoredellapresentazioneda

Dettagli

HOME INSONNIA E ANSIA. Dr. Alessandro Bernardini INSONNIA

HOME INSONNIA E ANSIA. Dr. Alessandro Bernardini INSONNIA HOME INSONNIA E ANSIA Dr. Alessandro Bernardini INSONNIA 1 L'insonnia si riferisce alla difficoltà di prendere sonno o di mantenerlo o alla perdita di benessere derivato dal sonno. L'insonnia si riferisce

Dettagli

DISTURBO OSSESSIVO COMPULSIVO (DOC) (OCD Obsessive Compulsive Disorder)

DISTURBO OSSESSIVO COMPULSIVO (DOC) (OCD Obsessive Compulsive Disorder) DISTURBO OSSESSIVO COMPULSIVO (DOC) (OCD Obsessive Compulsive Disorder) Una donna va dal dermatologo, lamentandosi di avere la pelle estremamente secca e di sentirsi sempre sporca. Sta sotto la doccia

Dettagli

COSA E LA PSICOTERAPIA? = un genere di INTERVENTO TERAPEUTICO su base PSICOLOGICA e RELAZIONALE il cui obiettivo consiste nell attenuare o eliminare:

COSA E LA PSICOTERAPIA? = un genere di INTERVENTO TERAPEUTICO su base PSICOLOGICA e RELAZIONALE il cui obiettivo consiste nell attenuare o eliminare: PSICOTERAPIE COSA E LA PSICOTERAPIA? = un genere di INTERVENTO TERAPEUTICO su base PSICOLOGICA e RELAZIONALE il cui obiettivo consiste nell attenuare o eliminare: - una SINDROME CLINICA di tipo PSICOPATOLOGICO

Dettagli

Gabriella Serio. Cattedra di Statistica Medica Facoltà di Medicina e Chirurgia - Università degli Studi di Bari

Gabriella Serio. Cattedra di Statistica Medica Facoltà di Medicina e Chirurgia - Università degli Studi di Bari Gabriella Serio Cattedra di Statistica Medica Facoltà di Medicina e Chirurgia - Università degli Studi di Bari GOOD CLINICAL PRACTICE GCP LE GCP SONO UNO STANDARD IN BASE AL QUALE GLI STUDI CLINICI SONO

Dettagli

La sperimentazione clinica con i dispositivi medici. Auditorium TAKEDA Roma, 5 novembre 2012. La valutazione del Comitato Etico

La sperimentazione clinica con i dispositivi medici. Auditorium TAKEDA Roma, 5 novembre 2012. La valutazione del Comitato Etico La sperimentazione clinica con i dispositivi medici Auditorium TAKEDA Roma, 5 novembre 2012 La valutazione del Comitato Etico Dr.ssa Elisabetta Agostini Segretario Comitato Etico IDI-IRCCS e Ospedale San

Dettagli

Canali del Calcio L-Type

Canali del Calcio L-Type Canali del Calcio L-Type Complessi etero-oligomerici in cui la subunità α 1 forma il poro ionico e lega agonisti e antagonisti 9 subunità α 1 (S,A,B,C,D,E,G,H,I) Subunità α 1 C e D formano il canale L;

Dettagli

PROGETTO DI RICERCA SU ATTIVITA MOTORIA ADATTATA E DIABETE TIPO 1

PROGETTO DI RICERCA SU ATTIVITA MOTORIA ADATTATA E DIABETE TIPO 1 PROGETTO DI RICERCA SU ATTIVITA MOTORIA ADATTATA E DIABETE TIPO 1 I l termine diabete mellito indica un insieme di malattie metaboliche, diverse fra loro per eziopatogenesi, caratterizzate da iperglicemia

Dettagli

Aspetti generali del diabete mellito

Aspetti generali del diabete mellito Il diabete mellito Aspetti generali del diabete mellito Il diabete è una patologia caratterizzata da un innalzamento del glucosio ematico a digiuno, dovuto a una carenza relativa o assoluta di insulina.

Dettagli

Il paziente con problemi psichiatrici: ANSIA, DEPRESSIONE, SUICIDIO, PILLOLE DI PROBLEM SOLVING

Il paziente con problemi psichiatrici: ANSIA, DEPRESSIONE, SUICIDIO, PILLOLE DI PROBLEM SOLVING Il paziente con problemi psichiatrici: ANSIA, DEPRESSIONE, SUICIDIO, PILLOLE DI PROBLEM SOLVING Este, sala Fumanelli, sabato 14 settembre 2013 PRINCIPI DI TERAPIA PSICHIATRICA NELL ANZIANO Dott. Lino Pasqui

Dettagli

Linee guida in ecocardiografia

Linee guida in ecocardiografia Linee guida in ecocardiografia Maria Cuonzo Cardiologia Utic Ospedale M. Sarcone Terlizzi Poche metodologie hanno subito una applicazione così vasta ed una diffusione cosi capillare nella pratica clinica

Dettagli

Menopausa e depressione: : come riconoscerla e cosa fare. Laura Musetti DPNFB Università di Pisa l.musetti@med.unipi.it

Menopausa e depressione: : come riconoscerla e cosa fare. Laura Musetti DPNFB Università di Pisa l.musetti@med.unipi.it Menopausa e depressione: : come riconoscerla e cosa fare Laura Musetti DPNFB Università di Pisa l.musetti@med.unipi.it Epidemiologia Disturbi dell Umore Prevalenza Maschi/ femmine Età di esordio Depressione

Dettagli

sembra una Anche qui sembra questione di sesso: Aspirina e donne

sembra una Anche qui sembra questione di sesso: Aspirina e donne sembra una Anche qui sembra questione di sesso: Aspirina e donne The Women s Health Study Razionale per l uso di bassi dosaggi di aspirina nella prevenzione primaria Nella prevenzione secondaria delle

Dettagli

CAPECITABINA (Xeloda)

CAPECITABINA (Xeloda) CAPECITABINA (Xeloda) 1 POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI Le informazioni contenute in questo modello sono fornite in collaborazione con la Associazione Italiana Malati di Cancro, parenti ed amici ; per maggiori

Dettagli

Silvia Calabria Assistenza Farmaceutica AUSL Imola

Silvia Calabria Assistenza Farmaceutica AUSL Imola Sicurezza e Appropriatezza d uso dei farmaci nelle strutture tt residenziali i per anziani * Silvia Calabria Assistenza Farmaceutica AUSL Imola XXII Seminario Nazionale La valutazione dell uso e della

Dettagli

Monografia di prodotto

Monografia di prodotto Monografia di prodotto Copyright 5 by Elsevier Italia Srl Via Paleocapa 7 121 Milano, Italia Tel. 2 88184.1 Fax 2 8818433 I diritti di traduzione, di memorizzazione elettronica, di riproduzione e di adattamento

Dettagli

Valutazione della tossicità dei farmaci

Valutazione della tossicità dei farmaci Valutazione della tossicità dei farmaci IT = IT DL50 ED50 maggiore sicurezza del farmaco Studi di tossicologia Definire la minima dose che produce effetti tossici e la massima che non induce alcun effetto,

Dettagli

ACE-Inibitori e Sartani nei pazienti con scompenso cardiaco e disfunzione sistolica. del ventricolo sinistro

ACE-Inibitori e Sartani nei pazienti con scompenso cardiaco e disfunzione sistolica. del ventricolo sinistro ACE-Inibitori e Sartani nei pazienti con scompenso cardiaco e disfunzione sistolica del ventricolo sinistro Le evidenze degli studi clinici Caratteristiche dei pazienti arruolati nei trial clinici Frazione

Dettagli

DIPENDENZA DA CANNABINOIDI

DIPENDENZA DA CANNABINOIDI DIPENDENZA DA CANNABINOIDI La cannabis è forse la prima pianta ad essere stata coltivata dall uomo a scopo non commestibile Da sempre è utilizzata per le sue proprietà psicoattive e per produrre fibre

Dettagli

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS)

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Che cos é? Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) La sindrome di Blau è una malattia genetica. I pazienti affetti presentano rash

Dettagli

RIASSUNTO DELLE CARATTERISTICHE DEL PRODOTTO. Medicinale equivalente

RIASSUNTO DELLE CARATTERISTICHE DEL PRODOTTO. Medicinale equivalente RIASSUNTO DELLE CARATTERISTICHE DEL PRODOTTO Medicinale equivalente 1. DENOMINAZIONE DEL MEDICINALE KESOL 50 microgrammi Spray nasale, sospensione KESOL 100 microgrammi Spray nasale, sospensione 2. COMPOSIZIONE

Dettagli

Alcune considerazioni Sul diabete. Anna Carla Babini

Alcune considerazioni Sul diabete. Anna Carla Babini Alcune considerazioni Sul diabete Anna Carla Babini Quali argomenti Assolutamente pratici Criteri diagnostici metformina come utilizzarla insulina basale? QUALE VOI VORRETE HbA1c 6,5% il cut-point diagnostico

Dettagli

DENOMINAZIONE DEL MEDICINALE

DENOMINAZIONE DEL MEDICINALE DENOMINAZIONE DEL MEDICINALE GLICOBASE 2.0 COMPOSIZIONE QUALITATIVA E QUANTITATIVA GLICOBASE 50 mg compresse Una compressa contiene: Principio attivo: acarbose 50 mg GLICOBASE 100 mg compresse Una compressa

Dettagli

SINDROME D ASTINENZA

SINDROME D ASTINENZA SINDROME D ASTINENZA Dipende dalla quantità di sostanza assunta e dalla velocità di eliminazione dall organismo. Nel caso del metadone i sintomi sono gli stessi, ma l insorgenza della sindrome è più lenta,

Dettagli

I FARMACI: dalla scoperta all immissione in commercio

I FARMACI: dalla scoperta all immissione in commercio I FARMACI: dalla scoperta all immissione in commercio Farmacologia generale FARMACO 1. Qualsiasi sostanza che introdotta in un organismo vivente modifica un processo biologico 2. Qualsiasi sostanza che

Dettagli

Premessa. Tratto da American Heart Journal 2004; 147: 705-712

Premessa. Tratto da American Heart Journal 2004; 147: 705-712 Effetti del cambiamento di terapia con statine sul raggiungimento delle concentrazioni lipidiche ottimali: lo studio Measuring Effective Reductions in Cholesterol Using Rosuvastatin Therapy (MERCURY I)

Dettagli

La concentrazione di Imatinib nel plasma: un nuovo parametro nella terapia farmacologia?

La concentrazione di Imatinib nel plasma: un nuovo parametro nella terapia farmacologia? Dott.ssa Paola Coco Struttura Semplice Trattamento Medico Sarcomi Adulto, Dott. Daniele Morelli, Responsabile Medicina di Laboratorio Fondazione IRCCS Istituto Nazionale dei Tumori, Milano Sintesi della

Dettagli

Introduzione alla psicofarmacologia: come interagiscono i farmaci con il corpo e con il cervello

Introduzione alla psicofarmacologia: come interagiscono i farmaci con il corpo e con il cervello PARTE 1 Parte 1 978-88-08-19583-8 1 Introduzione alla psicofarmacologia: come interagiscono i farmaci con il corpo e con il cervello La farmacologia è la scienza che studia come i farmaci influenzano il

Dettagli

(*)Direttore della U.O.C. di Medicina Interna di S. Arcangelo di Romagna (Rimini)

(*)Direttore della U.O.C. di Medicina Interna di S. Arcangelo di Romagna (Rimini) Dal blog di Marco Grandi, su segnalazione di Giorgio Ioli (*) vi proponiamo questo articolo: Tosse e statine (*)Direttore della U.O.C. di Medicina Interna di S. Arcangelo di Romagna (Rimini) Il presente

Dettagli

INCREMENTO DELLA VITA MEDIA NELL ULTIMO SECOLO

INCREMENTO DELLA VITA MEDIA NELL ULTIMO SECOLO INCREMENTO DELLA VITA MEDIA NELL ULTIMO SECOLO 100 uomo donna ANNI ANNI DI DI VITA VITA MEDIA MEDIA PREVISTI PREVISTI ALLA ALLA NASCITA NASCITA 80 60 40 DIFFUSIONE USO PENICILLINA VACCINAZIONE ANTIPOLIO

Dettagli

Gestione del profilo endocrinologico delle terapie biologiche. Renato Cozzi S.C. Endocrinologia Niguarda Mlano

Gestione del profilo endocrinologico delle terapie biologiche. Renato Cozzi S.C. Endocrinologia Niguarda Mlano Gestione del profilo endocrinologico delle terapie biologiche Renato Cozzi S.C. Endocrinologia Niguarda Mlano Inibitori delle tirosino-chinasi (TKI) effetti collaterali Ipertensione Perforazione gastro-intestinale

Dettagli

MODELLO PER IL CURRICULUM VITAE

MODELLO PER IL CURRICULUM VITAE MODELLO PER IL CURRICULUM VITAE DATI PERSONALI Cognome e nome MILANI LOREDANO Qualifica MEDICO CHIRURGO SPECIALISTA CARDIOLOGIA Amministrazione Incarico attuale DIRETTORE UOC DI CARDIOLOGIA OSPEDALE CIVILE

Dettagli