LA CRONICIZZAZIONE. Clinica: dalla semeiotica alla fisiopatologia. Domenico D AMICO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LA CRONICIZZAZIONE. Clinica: dalla semeiotica alla fisiopatologia. Domenico D AMICO"

Transcript

1 LA CRONICIZZAZIONE Clinica: dalla semeiotica alla fisiopatologia Domenico D AMICO

2 TERMINOLOGIA e CLASSIFICAZIONI EPIDEMIOLOGIA PRESENTAZIONE CLINICA FATTORI DI RISCHIO e COMORBILITA IMPATTO PERSONALE e SOCIALE REALTA CLINICA del paziente MECCANISMI PATOGENETICI

3 CRONICIZZAZIONE : TERMINOLOGIA e CLASSIFICAZIONI Cefalea cronica quotidiana (CCQ o CDH) presenza di mal di testa tutti i giorni o quasi per mesi o anni cefalee di «lunga» durata Proposte di sistemi di classificazione di autori americani ed europei dedicati in modo specifico alla CCQ mai ufficialmente inclusa nelle classificazioni della International Headache Society (IHS) Come sarà discusso in seguito Attuali conoscenze = varie forme cliniche di CCQ, accomunate dall andamento quotidiano o quasi ( 15 giorni al mese), ma con aspetti clinici, epidemiologici e terapeutici diversi In clinica, soprattutto casi di evoluzione peggiorativa nel tempo di una cefalea episodica, in particolare di un emicrania varie terminologie.e trasformata e E cronica (EC, CM) criteri diagnostici non univoci (IHS, 2004; ICHD-3, 2013; Silberstein, 1994; Manzoni, 1995).

4 EC : TERMINOLOGIA e CLASSIFICAZIONI Dopo accesi dibattiti nella comunità scientifica, i criteri per porre diagnosi di EC inclusi nella ICHD-3 beta version ricalcano sostanzialmente quelli inclusi nella revisione pubblicata nel 2006 (Olesen, 2006) La cefalea deve essere presente per almeno quindici giorni al mese per un periodo di almeno tre mesi ma, al contrario di quanto affermato nella ICHD-II, può avere caratteristiche cliniche sia di tipo tensivo che di tipo emicranico ( almeno 8 gg/mese la cefalea deve mantenere chiari aspetti emicranici.importante notare che quest ultimo criterio può essere soddisfatto nel caso di attacchi corrispondenti ai criteri per E senz aura ma anche di attacchi di E con aura, e ugualmente solo nel caso che la cefalea sia considerata dal paziente come di tipo emicranico e giudicata responsiva ai triplani o agli ergotaminici Necessaria una storia pregressa di E senz aura

5 Headache severity CM : semeiologia 10 Typical migraine attacks Weeks Tratto da Dowson, 2002

6 Headache severity CM : semeiologia 10 Migraine attacks superimposed over CTTH Months Tratto da Dowson, 2002

7 EC : SEMEILOGIA DOLORE e FENOMENI ASSOCIATI Possibili presentazioni, diverse tra soggetti e anche nello stesso soggetto nel tempo ATTACCHI EMICRANICI TIPICI via via piu frequenti, con brevi intervalli liberi ATTACCHI EMICRANICI TIPICI alternati ad attacchi di TIPO TENSIVO ATTACCHI EMICRANICI TIPICI intervallati da CEFALEA (SUB)CONTINUA di «tipo tensivo»

8 EC : SEMEILOGIA DOLORE e FENOMENI ASSOCIATI Possibili presentazioni, diverse tra soggetti e anche nello stesso soggetto nel temo ATTACCHI EMICRANICI con relativa perdita di alcuni caratteri specifici Es dolore non pulsante, non severo e-o fenomeni associati ridotti o assenti ATTACCHI EMICRANICI PROLUNGATI (tipo stato emicranico ) ES in rapporto con ovulazione / mestuazione Possibili intervalli liberi 1 gg 7 o piu gg NB possibile influenza anche di uso frequente/overuse di sintomatici

9 EC : SEMEILOGIA Persistenza TRIGGER EMICRANICI Frequente ONSET prime ore del MATTINO Orari «fissi» = cadenza con «astinenza» da MO?

10 EC : EVOLUZIONE NEL TEMPO Possibili presentazioni, diverse tra soggetti e anche nello stesso soggetto nel temo PROGRESSIONE GRADUALE negli anni PEGGIORAMENTO RAPIDO in rapporto a MO peggioramento/insorgenza altre patologie life events????

11 EC : TERMINOLOGIA e CLASSIFICAZIONI Problemi di classificare pazienti con coesistente MO MA alcune precisazioni nella ICHD-3 beta version nella descrizione e alcune modifiche nella definizione di cefalea da MO = utili nella pratica clinica: nei pazienti che soddisfano i criteri diagnostici di EC ma che contemporaneamente presentano MO è necessario porre entrambe le diagnosi Infatti, anche se circa il 50% dei pazienti con EC possono ritornare a un andamento episodico dopo withdrawal, questo miglioramento non è generalizzabile a tutti i pazienti === non viene più dato per scontato il rapporto causale tra MO e cronicizzazione della E Inoltre, nella trattazione delle cefalee da MO (capitolo 8) non viene più indicato come criterio essenziale per la diagnosi il passaggio a forma episodica dopo trattamento di withdrawal, con contestuale eliminazione della diagnosi di «probabile cefalea da MO»

12 CEFALEE CRONICHE non emicraniche CLASSIFICAZIONE e CLINICA CCQ non emicraniche, nella ICHD-3 beta version la Cefalea di tipo tensivo cronica (CTT cronica) viene dettagliata nel capitolo 2, sottolineando che si tratta sempre di una forma secondaria a evoluzione di una forma episodica la NDPH è sta confermata nel gruppo 4, e viene diagnosticata in caso di dolore cronico ab initio, o meglio con andamento quotidiano e senza remissioni dall esordio o che diviene tale entro 3 giorni dall inizio, con caratteristiche cliniche non tipiche (in sostanza simili alle CTTC) la Cefalea ipnica è stata confermata nel gruppo 4, e definita come una forma correlata al sonno, con esordio tipico oltre i 50 anni di età la HC è stata invece integrata nel gruppo 3 che descrive le TACS, con una descrizione che prevede dolore moderato, strettamente unilaterale, continuo, con presenza di fenomeni autonomici oculo-nasali solo durante le esacerbazioni del dolore, e con tipica risposta all indometacina.

13 EPIDEMIOLOGIA CDH / CCQ Population-based studies US population-based study : individuals = FREQUENT Hs. in 4.1% = 180 or more headaches per year (1.8:1 female to male ratio) Around 50% CTTH Around 30% (33% female, 25% male) MIGRAINOUS FEATURES Around 16% were unclassified. EU population-based study: 2252 = CDH in 4,7% (9% among women) in 31,1% + Medication Overuse Transformed Migraine: 50,6% CTTH: 47,2% NDPH: 2 cases Hemicrania continua: 0 cases Scher AI, et al. Prevalence of frequent headache in a population sample. Headache. 1998;38: Castillo J et al. Epidemiology of chronic daily headache in the general population.headache. 1999;39(3):190-6.

14 Epidemiologia della CEFALEA CRONICA QUOTIDIANA in Italia STUDIO PACE: 904 soggetti Prevalenza di pazienti con cefalea >180 gg/anno : 3,4% Torelli et al, 2010 STUDIO SPARTACUS: soggetti Prevalenza di pazienti con CDH: 3,8% MOH: 1,4% Cevoli et al, soggetti >65 anni 4,4% CDH 1,7% MOH Prencipe et al, 2001

15 EPIDEMIOLOGIA delle FORME CRONICHE In base a revisioni recenti, si può stimare che la prevalenza di EC vari tra 0,9% a 5,1% nella popolazione generale Le stime tendenzialmente inferiori fanno riferimento a studi che hanno adottato i criteri proposti dalla ICHD-II (IHS, 2004) = prevalenza 0,2% in un recente studio condotto a Parma (Ferrante et, 2012 Stime intorno al 2-3% sono le più comunemente trovate utilizzando i criteri diagnostici di EC proposti da Silberstein e Lipton Tutti gli studi citati indicano una prevalenza maggiore di CCQ nel suo complesso e delle varie tipologie nel sesso femminile

16 CRONICIZZAZIONE: FATTORI DI RISCHIO Il tentativo di individuare dei possibili fattori scatenanti o favorenti la trasformazione di una cefalea episodica in una quotidiana è molto arduo Difficile stabilire un nesso di causalità tra vari eventi fisiologici o patologici e il peggioramento della cefalea Problemi metodologici : popolazione / casistiche cliniche diversi criteri di selezione valutazioni cross sectional / studi con follow up Sembra comunque che tali fattori siano più importanti nel determinare la cronicizzazione delle forme emicraniche rispetto a quelle tensive I fattori di rischio che possono contribuire sono molteplici

17 Comorbilità & Fattori di Rischio per cronizzazione Non modificabili Sesso femminile Bassa scolarizzazione Basso livello socieconomico Trauma cranico Modificabili Frequenza attacchi Allodinia Obesità Eccessivo uso caffeina Iperuso di farmaci (MO) Life Events Eventi di vita stressanti Patologie psichiatriche Patologie somatiche (es. TMD, Ipertensione arteriosa) Disturbi del sonno

18 RISK FACTORS NOT MODIFIABLE female gender - first-generation immigrant history of head injury - low income menopause (surgery) previous marriage (widowed, divorced) MODIFIABLE RISK FACTORS stressful life events sleep disturbances (ie, snoring/sleep apnea) obesity caffeine consumption (dietary or combined analgesics) hypertension, allergies, asthma, hypothyroidism baseline headache frequency acute medication overuse Scher AI, Stewart WF, Ricci JA, Lipton RB. Factors associated with the onset and remission of chronic daily headache in a population-based study. Pain. 2003;106:81-89 Bigal ME, Sheftell FD, Rapoport AM, Tepper SJ, Lipton RB. Chronic daily headache: identification of factors associated with induction and transformation. Headache. 2002;42(7): Katsarava Z, Schneeweis S, Kurth T, et al. Incidence and predictors for chronicity of headache in patients with episodic migraine. Neurology. 2004;62:

19 STRESSFUL LIFE EVENTS Scher AI, Stewart WF, Buse D, et al. Major life changes before and after the onset of chronic daily headache: a population-based study. Cephalalgia 2008 Migraine transformation - assessed as a function of major life changes : - change of residence, - employment status, - marital status, - changes related to their children, - deaths of relatives or close friends, - and extremely stressful ongoing situations. Events that occurred during the same year or year before frequent headache onset in cases, or in an equivalent time period in controls = antecedent events. Compared with episodic headache controls, and after adjusting for age, gender, headache type, the odds of frequent headaches increased additionally with each antecedent event (OR, 1.20 [1.1, 1.3]; P<0.001), but not with subsequent events (OR, 0.94 [0.8, 1.1]; P<0.4)

20 OBESITA Bigal M, et al. Neurology 2006 Population study, 30,215 participants : prevalence of CDH was 4.1% - TM in 1.3% - CTTH in 2.8%. CDH in the normal-weight group 3.9% in obese 5.0%,OR: 1.3; 95% CI: in morbidly obese 6.8%, OR: 1.8; 95% CI: BMI had a strong influence on the prevalence of TM 0.9% of those of normal weight, 1.2% of the overweight (OR: 1.4; 95% CI: ), 1.6% of the obese (OR: 1.7; 95% CI: ) and 2.5% of the morbidly obese (OR: 2.2; 95% CI: ). The effects of the BMI on the prevalence of CTTH were far less robust Scher AI, et al. Pain US population-based study: 3% of subjects with episodic hs. developed CDH over 1 year OBESITY and baseline headache frequency significantly associated with CDH onset

21 PSYCHIATRIC COMORBIDITY Radat F, et al. Psychiatric comorbidity in the evolution from migraine to Medication overuse headache. Cephalalgia pts with Episodic migraine vs 41 with MOH MOH = higher risk for anxiety & depression (OR = 21.8,95% CI2.8,177.5) = major depressive episode OR = 21.8,95% CI 2.8,177.5 generalized anxiety disorders OR = 6,95% CI 1.7,20.8 panic disordes OR = 12.1,95% CI 1.3,14.5 = greater risk of suffering from substance-related disorders dependence/abuse of psychoact. substances OR = 7.6,95% CI 2.2, 26

22 Behavioral dependence in patients with medication overuse headache: a cross sectional study in consulting patients using the DSM-IV criteria. Radat F,..., Lantéri-Minet M. Headache 2008 METHODS Cross-sectional, multicenter study 247 MOH patients consulting in French headache specialty centers Face-to-face interviews were conducted by senior neurologists using a structured questionnaire including DSM-IV criteria for the evaluation of dependence, Hospital Anxiety and Depression Scale for the evaluation of anxiety and depression RESULTS Most MOH patients had pre-existing primary migraine (87.4%) and current migraine-type headaches (83.0%). Treatments overused included triptans (45.8%), opioid analgesics alone or in combination (43.3% of patients), and analgesics (27.9%). Nonmigraine abortive substances (tobacco, caffeine, sedatives/anxiolytics) were overused by 13.8% of patients.

23 Behavioral dependence in patients with medication overuse headache: a cross sectional study in consulting patients using the DSM-IV criteria. Radat F,..., Lantéri-Minet M. Headache 2008 RESULTS (2) Two-thirds of MOH patients (66.8%) were considered dependent on acute treatments of headaches according to the DSM-IV criteria. Most had migraine as pre-existing primary headache (85.7%) and current migraine-type headaches (87.9%), and most of them overused opioid analgesics. More dependent than nondependent MOH patients were dependent on psychoactive substances (17.6% vs 6.1%). Multivariate logistic analysis indicated that risk factors of dependence on acute treatments of headaches pertained both to the underlying disease (history of migraine, unilateral headaches) and to drug addiction (opioid overuse, previous withdrawal). Affective symptoms did not appear among the predictive factors of dependence. CONCLUSION: In some cases, MOH thus appears to belong to the spectrum of addictive behaviors.

24 PSYCHIATRIC COMORBIDITY Wang 2000, Juang 2000 Associazione più evidente: nella CM (80%) rispetto alla CTTH (64%) nella CM con MO il grado dei disturbi psichiatrici sembra essere correlato con la durata della cefalea cronica e la quantità di analgesici abusati disturbi d ansia e dell umore, disturbo di somatizzazione, di conversione e ipocondria

25 COMORBIDITA SOMATICHE Ipertensione arteriosa CM con e senza MO (Bigal 2002) MOH (61%), CTTH (55%) e CM 35% (Pietrini 2005) Ipotirodismo CM e NDPH (Bigal 2002) Asma ed allergie CM e NDPH (Bigal 2002) Artrite e diabete (Scher 2003) Fibromialgia 36% di pz con emicrania trasformata (Peres et al, 2001) Fatica 67% dei pz con CM rispondono ai criteri per la sindrome da fatica cronica e l 84% presentano il sintomo fatica (Peres et al, 2002) Nausea/disturbi della digestione 55% dei pz con CM (Maizels 2004) Dolore alle estremità e alla schiena 46% dei pz con CM (Maizels 2004)

26 ALLODINIA Bigal ME, Ashina S, Burstein R, Reed ML, Buse D, Serrano D, Lipton RB; AMPP Group. Prevalence and characteristics of allodynia in headache sufferers: a population study. Neurology 2008 Mailed questionnaires to a random sample of 24,000 headache sufferers. The questionnaire included the validated Allodynia Symptom Checklist (ASC) Complete surveys were returned by 16,573 individuals. The prevalence of CA of any severity (ASC score >or=3) varied with headache type. Prevalence significantly higher in transformed migraine (TM, 68.3%) than in episodic migraine (63.2%, p < 0.01) and significantly elevated in both of these groups compared with probable migraine (42.6%), other chronic daily headaches (36.8%), and severe episodic tension-type headache (36.7%). The prevalence of severe CA (ASC score >or=9) was also highest in TM (28.5%) followed by migraine (20.4 CA is more common and more severe in transformed migraine and migraine than in other primary headaches. Among migraineurs, CA increased with headache frequency and BMI In all groups ASC scores were higher in individuals with major depression

27 ALLODINIA Lovati C, D'Amico D, Bertora P, Rosa S, Suardelli M, Mailland E, Mariani C, Bussone G. Acute and interictal allodynia in patients with different headache forms: an Italian pilot study. Headache. 2008;48(2): AIM: To investigate allodynia in patients with different primary headaches. METHODS: A total of 260 consecutive primary headache patients presenting for the first time at a headache center, and 23 nonheadache controls answered written questions (subsequently repeated verbally) to determine the presence of acute and interictal allodynia. RESULTS: Episodic migraine (N = 177) - M without aura (N = 114), sometimes or always with aura (N = 63); episodic tension-type headache (N = 28); chronic headaches (headache > or = 15 days/month, N = 52) including chronic migraine, ACUTE ALLODYNIA was present in 132 (50.7%) significantly more often in patients with chronic headache forms and in those sometimes or always suffering migraine with aura INTERICTAL ALLODYNIA was present in 63 (24.2%) more evident in chronic headache forms, significantly higher frequency in those with aura

28 ALLODINIA Lovati C, D'Amico D, Bertora P, Rosa S, Suardelli M, Mailland E, Mariani C, Bussone G. Headache. 2008;48(2):272-7

29 ALLODYNIA = RISK FACTOR Louter MA, Bosker JE, van Oosterhout WP, van Zwet EW, Zitman FG, Ferrari MD. Cutaneous allodynia as a predictor of migraine chronification. Terwindt GM Brain Nov;136(Pt 11): In a longitudinal study, we wanted to investigate if allodynia in migraine patients is a predictor of increasing frequency of migraine days well-defined, web-based migraine patients (86% female, mean age 42.8 ± 11.4 years, 61% migraine without aura). Questionnaires on migraine characteristics (including allodynia), depression and demographic factors were applied. Multivariate regression models were used, with correction for other factors involved in the relation between allodynia and the number of migraine attacks or M days, with specific focus on depression. Of all 2331 eligible migraine patients, 1624 (70%) had allodynia. Independent risk factors for allodynia = lifetime depression (OR 1.52, 95% CI ), as well as female gender, low age at onset, and high migraine attack frequency. Analysis of the longitudinal data (follow-up period of >6 months) = allodynia was an independent predictor for increase in n. of migraine days

30 DISTURBI del SONNO Russamento abituale Più frequente in pz con CCQ rispetto ai controlli (24% vs 14%) Scher et al. Neurology 2003

31 DISTURBI del SONNO APNEE NEL SONNO CCQ sette volte più frequente in pz con riferite apnee rispetto ai controlli Sand et al. Cephalalgia 2003

32 DISTURBI del SONNO Prevalenza di vari disturbi del sonno in 147 donne con emicrania trasformata Calhoun et al. Headache 2006

33 RISK FACTORS : FREQUENCY Katsarava Z, et al. Incidence and predictors for chronicity of headache in Patients with episodic migraine. Neurology Mar 9;62(5): CLINIC-BASED STUDY 532 consecutive patients with episodic migraine from a headache center A headache specialist performed a standard telephone follow-up interview 1 year after the initial assessment Follow-up was successfully performed in 450 patients. 44 (10%) overused h. medications (any kind, on10 days/month or more) Student t-test for continuous and chi-quadrate test for categorical variables Logistic regression to assess the impact of potential risk factors 64 (14%) developed chronic headache (15 days/month) after 1 year Patients with a baseline headache frequency of 5-9 days per month = substantially increased risk = OR 6.3, P.005 === further increased in patients with a "critical" headache frequency (>10 days per month = OR 20.1, P =.001) - OR was 19.4,, P.005 for medication overuse

34 Katsarava Z, et al. Neurology 2004 The regular intake of preventive medication = univariate predictor for headache chronicity (patients with high headache frequency received preventive headache medication much more frequently than patients with lower headache frequency?) However, inclusion of preventive medication into the final multivariable model did not add to the overall prediction of chronicity. We could not control for psychological factors, which might play a role in the development of chronicity.

35 RISK FACTORS : FREQUENCY Scher AI, et al. Factors associated with the onset and remission of chronic daily headache in a population-based study. Pain 2003 POPULATION-BASED STUDY 3% of subjects with episodic headache (US) developed CDH over 1 year Potential CDH cases (180+ headaches per year) n =1134 CONTROLS (2 to 104 headaches per year) n = 798 interviewed two times over an average 11 months of follow-up. Factors associated with CDH prevalence at baseline were evaluated at 1 year follow-up. CONTROLS = 3% REPORTED CDH OBESITY and BASELINE HEADACHE FREQUENCY = significantly associated with CDH onset

36 RISK FACTORS: OVERUSE In most clinical studies overuse of acute medications appears as a prominent contributing cause Patients who overuse medications are 7 times more likely to develop CDH than those who do not 30% - 50% of patients with CM in the general population overuse acute headache medications However, also : hypothesis that overuse is a consequence rather than a potential cause or contributor to migraine progression Rapoport, Mathew, Diener,2001- Katsarava Z,2004 Bigal ME,2006

37 RISK FACTORS: OVERUSE Two studies significantly helped in our understanding of MOH Wilkinson SM,et al. Opiate use to control bowel motility may induce chronic daily headache in patients with migraine. Headache 2001 Patients with a previous history of migraine who overused opiates for total colectomy for ulcerative colitis developed CDH whereas no patient without migraine did so. Bahra A, et al. Does chronic daily headache arise de novo in association with regular use of analgesics? Headache 2003 NSAIDs used daily in large doses for medical conditions such as rheumatoid arthritis, do not induce CDH in subjects without pre-existing primary headache disorders. in those with pre-existing migraine, NSAIDs were a strong risk factor for CDH

38 CLINICAL DIFFERENCES according to OVERUSED DRUGS Marcelo E. Bigal, and Richard B. Lipton OVERUSE OF ACUTE MIGRAINE MEDICATIONS AND MIGRAINE CHRONIFICATION Current Pain & Headache Reports 2009 AVAILABLE DATA FROM POPULATION STUDIES: Zwart JA, Dyb G, Hagen K, et al. Analgesic use: a predictor of chronic pain and medication overuse headache: the Head- HUNT Study. Neurology 2003 Bigal ME, Serrano D, Buse D, et al. Acute migraine medications and evolution from episodic to chronic migraine: a longitudinal population based study. Headache AND FROM CLINICAL DATA: Limmroth V, Katsarava Z, Fritsche G, Przywara S, Diener HC. Features of medication overuse headache following overuse of different acute headache drugs. Neurology 2002

39 DISABILITY PATTERN IN CHRONIC MIGRAINE with MO Comparison with migraine without aura MIDAS D Amico et al, Headache 2005 Prospective Study MIDAS total score in CM with OVERUSE pts. more than 3 times higher than in migraine pts (P <0.001) CM + overuse Mean 84.1 SD 67.4 Median 70 EPISODIC MIGRAINE Mean 23.4 SD 17.5 Median 19

40 INDIVIDUAL MIDAS QUESTIONS: 1 Days missed at work 2 Days with work productivity 50% or less 3 Days of household act. Missed 4 Days with productivity in household act. 50% or less 5 Days social/leisure act. missed DISABILITY PATTERN CMO ** *** *** *** - piu alte quote di ridotto funzionamento in tutti i compiti * - cmq più evidente presenteismo vs. assenteismo Mann-Whitney rank sum test *p=0.252 **p=0.049 ***p< e >> impatto su attività familiari/sociali D Amico *p<0.004 et al, **p<0.001 Headache 2005

41 MEAN VALUES QUALITY OF LIFE IN TRANSFORMED MIGRAINE PATIENTS vs GENERAL POPULATION PF** RP** BP** GH** VT SF** RE** MH** SF-36 TM GENERAL POPULATION ** p<.0001 D Amico D, Usai S, Grazzi L, Solari A, Curone M, Bussone G. The impact of primary headache on patients lives: Italian experience with MIDAS and SF-36 questionnaires. Headache Care 2004 SF-36 SCALES

42 THE IMPACT of CDH & CM 2 REVIEWS OF PUBLISHED DATA: D Amico D, Grazzi L, Usai S, Raggi A, Leonardi M, Bussone G. Disability in chronic daily headache: state of the art and future directions Neurol Sci. 2011;32 Suppl 1:S71-6 DISABILITY (MIDAS and HIT-6) Lanteri-Minet M, Duru G, Mudge M, Cottrell S. Quality of life impairment, disability and economic burden associated with chronic daily headache, focusing on chronic migraine with or without medication overuse: A systematic review. Cephalalgia 2011;31(7): DISABILITY HRQoL COSTS REMARKABLE IMPACT on functioning and costs Worse than that reported in episodic migraine MORE SEVERE IMPACT in sufferers with : history of episodic migraine/ curent migrainous features = CHRONIC MIGRAINE associated MEDICATION OVERUSE may increase the disability level

43 BIOPSYCHOSOCIAL MODEL Disabilità = un processo di interazione/relazione complessa e dinamica tra condizione di salute e fattori contestuali, che possono modificarsi reciprocamente emicrania visione globale della persona una condizione di salute in un ambiente sfavorevole

44 Disabilità, qualità di vita e problematiche psico-sociali in soggetti con Emicrania Cronica associata a Medication Overuse DISCHRONIC DIS.CHRONIC Razionale: L Emicrania Cronica associata a Medication Overuse si sviluppa in pazienti che soffrono da anni di Emicrania episodica... Sebbene vi siano alcuni studi indicanti un alto grado di disabilità e di compromissione della qualità di vita in questi pazienti, non vi è una chiara correlazione con aspetti clinici importanti e/o possibili fattori di rischio, né esistono studi che abbiano valutato le possibili strategie di gestione clinica, prevenzione, provvedimenti di salute pubblica. Scopo dello studio: Aumentare le conoscenze sugli effetti dell emicrania cronica associata a Medication Overuse al fine di implementare specifici protocolli diagnostico-terapeutici e guidare interventi a livello di politiche sociali e sanitarie. Per perseguire questo obiettivo, è fondamentale giungere ad un inquadramento del problema della persona in cui le variabili cliniche siano associate a variabili di outcome legate al contesto relazionale in cui la persona vive ed all impatto di questo sul suo funzionamento e sul suoi livello di disabilità. Disegno: prospettico, osservazionale, indipendente. Valutazione Baseline e F.UP a 12 mesi. Popolazione di studio: pazienti con Emicrania Cronica associata a Medication Overuse, arroulati in occasione di ricovero ordinario o DH per trattamento di disintossicazione.

45 DISCHRONIC Variabili e strumenti di valutazione: MIDAS: valuta la perdita di produttività dovuta alla cefalea sul lavoro e in ambito domestico-familiare-sociale attraverso uno score totale. MSQ: scala di qualità di vita specifica per l emicrania, valuta con 3 scale aspetti di limitazione ed evitamento di normali attività tipici della patologia emicranica e gli effetti della cefalea sul vissuto emotivo. WHO-DAS 2: strumento generico di assessment della disabilità, misura il livello di difficoltà nell eseguire un set di attività a causa di una condizione di salute. È composto da sei sottoscale ed un punteggio generale di disabilità. MOS-SSS: strumento che valuta il livello di supporto sociale percepito che il paziente sente di avere a disposizione su quattro sottoscale (supporto emozionale, affettivo, tangibile ed interazioni sociali positive) ed uno score complessivo. GSE: scala che valuta il livello di autoefficacia, ovvero la convinzione che una persona ha in merito alle sue capacità di mettere in atto determinati compiti e ottenere i risultati attesi. BDI-2: strumento che valuta il tono dell umore, nelle sue componenti cognitive ed una somatico-affettive. Analisi statistiche: Cross-sectional = analisi di correlazione fra variabili cliniche e variabili di outcome patent-reported e differenze fra gruppi relative alle variabili di outcome (sia clinico che patient-reported). Longitudinale = analisi longitudinali volte a valutare il cambiamento nelle variabili cliniche e di outcome patient-reported, e saranno effettuate analisi di tipo predittivo per valutare quali elementi sono positivamente o negativamente associati agli outcome clinici e patient-reported.

46 Raggi A, Giovannetti AM, Leonardi M, Schiavolin S, D'Amico D, Curone M, Usai S, Bussone G, Grazzi L. Disability and mood state in patients with episodic and chronic migraine associated to medication overuse. Neurol Sci. 2012;33 Suppl 1:S Observational cross-sectional study, age and gender matched patients with EM (1.1 and 1.2 codes of the ICHD II, and with CM- MO according to Silberstein s criteria EM were outpatients, CM-MO were inpatients under detoxification treatment. Difference between EM and CM-MO was assessed with the Kolmogorov-Smirnov Test; difference in distribution of patients with severe disability and low mood was tested with contingency coefficient; the correlation between MIDAS, WHO-DAS-2 and BDI-2 was tested with Spearman's index. RESULTS 70 patients were enrolled CM patients = significantly higher scores at MIDAS, significantly higher scores at most of WHO-DAS-2 scales, as well as higher Somatic-Affective and Total BDI-2 scores. more likely to have severe disability & lower mood state. than those with EM. BDI-2 scores = correlated with disability scores, particularly with WHO-DAS-2. ( Mood state has never been connected to disability, measured with a multi-domain assessment tool). DISCHRONIC

47 Raggi A, Giovannetti AM, Leonardi M, Schiavolin S, D'Amico D, Curone M, Usai S, Bussone G, Grazzi L. Disability and mood state in patients with episodic and chronic migraine associated to medication overuse. Neurol Sci 2012 EM CM+MO MIDAS (mean ± SD) 24.4 ± ± 64.6 <.001 WHO-DAS-2 (mean ± SD) Understanding and Communicating 10.9 ± ± Getting around 13.7 ± ± Self-care 2.9 ± ± Getting along with people 8.7 ± ± Daily activities household 26.0 ± ± Daily activities work/school 19.8 ± ± Participation in society 18.1 ± ± 15.5 <.001 Global disability score 14.6 ± ± 12.5 <.001 BDI-2 (mean ± SD) Somatic-Affective score 5.8 ± ± Cognitive score 3.2 ± ± Total score 9.1 ± ±

48 Economic Burden of CM (vs. Episodic M) Katsarava Z, et al. Curr Pain Headache Rep 2012 AMPP studies and IBMS DECREASE IN PRODUCTIVITY CM = lower household income levels nearly twice as likely to be occupationally disabled (CM 20.0% vs EM 11.1% P<0.001) less likely to be employed full time (CM 37.8% vs EM 52.3%; P<0.001) 19% less likely to be working for pay HEALTHCARE COSTS CM = markedly more primary care visits, specialist visits, emergency room visits, hospitalizations compared to those with EM TOTAL COST US estimates = the average per-person annual total costs were more than fourfold greater for those who had progressed to CM ($7750) compared with EM ($1757)

Comparazione dello stress dei caregiver di pazienti affetti da Malattia di Alzheimer o Demenza Vascolare

Comparazione dello stress dei caregiver di pazienti affetti da Malattia di Alzheimer o Demenza Vascolare Comparazione dello stress dei caregiver di pazienti affetti da Malattia di Alzheimer o Demenza Vascolare Grazia D Onofrio 1, Daniele Sancarlo 1, Francesco Paris 1, Leandro Cascavilla 1, Giulia Paroni 1,

Dettagli

NEUROSCIENZE EEDUCAZIONE

NEUROSCIENZE EEDUCAZIONE NEUROSCIENZE EEDUCAZIONE AUDIZIONE PRESSO UFFICIO DI PRESIDENZA 7ª COMMISSIONE (Istruzione) SULL'AFFARE ASSEGNATO DISABILITÀ NELLA SCUOLA E CONTINUITÀ DIDATTICA DEGLI INSEGNANTI DI SOSTEGNO (ATTO N. 304)

Dettagli

AGREE nella valutazione della qualità delle LG per la diagnosi e terapia delle cefalee in età pediatrica

AGREE nella valutazione della qualità delle LG per la diagnosi e terapia delle cefalee in età pediatrica AGREE nella valutazione della qualità delle LG per la diagnosi e terapia delle cefalee in età pediatrica Pasquale Parisi, MD PhD et. al. Outpatience Service of Paediatric Neurology Child Neurology, Chair

Dettagli

PROTOCOLLO DI STUDIO MEDIANTE TEST ALLA FLECAINIDE NELLA SINDROME DI BRUGADA

PROTOCOLLO DI STUDIO MEDIANTE TEST ALLA FLECAINIDE NELLA SINDROME DI BRUGADA PROTOCOLLO DI STUDIO MEDIANTE TEST ALLA FLECAINIDE NELLA SINDROME DI BRUGADA 2 La SINDROME DI BRUGADA è una malattia generalmente ereditaria, a trasmissione autosomica dominante, che coinvolge esclusivamente

Dettagli

Editoriale VALUTAZIONE PER L E.C.M.: ANALISI DEI QUESTIONARI DI GRADIMENTO

Editoriale VALUTAZIONE PER L E.C.M.: ANALISI DEI QUESTIONARI DI GRADIMENTO Lo Spallanzani (2007) 21: 5-10 C. Beggi e Al. Editoriale VALUTAZIONE PER L E.C.M.: ANALISI DEI QUESTIONARI DI GRADIMENTO IL GRADIMENTO DEI DISCENTI, INDICATORE DI SODDISFAZIONE DELLE ATTIVITÀ FORMATIVE

Dettagli

Data Alignment and (Geo)Referencing (sometimes Registration process)

Data Alignment and (Geo)Referencing (sometimes Registration process) Data Alignment and (Geo)Referencing (sometimes Registration process) All data aquired from a scan position are refered to an intrinsic reference system (even if more than one scan has been performed) Data

Dettagli

IMAGING BIO_MOLECOLARE con DaTSCAN

IMAGING BIO_MOLECOLARE con DaTSCAN IMAGING BIO_MOLECOLARE con DaTSCAN Stelvio Sestini, MD, PhD Unità di Medicina Nucleare - USL4 Prato Università degli Studi di Firenze Concetto 1. Le M. Neurodegenerative sono in aumento Concetto 2. Le

Dettagli

Guida ai Parametri di negoziazione dei mercati regolamentati organizzati e gestiti da Borsa Italiana

Guida ai Parametri di negoziazione dei mercati regolamentati organizzati e gestiti da Borsa Italiana Guida ai Parametri di negoziazione dei mercati regolamentati organizzati e gestiti da Borsa Italiana Versione 04 1/28 INTRODUZIONE La Guida ai Parametri contiene la disciplina relativa ai limiti di variazione

Dettagli

U.O.C. di Chirurgia Endoscopica

U.O.C. di Chirurgia Endoscopica Congresso Nazionale Palermo 28/30 Ottobre 2010 Azienda Ospedaliera Universitaria Policlinico Seconda Università degli Studi di Napoli Dipartimento di Chirurgia generale e specialistica U.O.C. di Chirurgia

Dettagli

Qual è la prevalenza dell ADHD?

Qual è la prevalenza dell ADHD? Che cos'è l'adhd (Attention Deficit/Hyperactivity Disorder)? La Sindrome da Deficit di Attenzione ed Iperattività è una patologia neuropsichiatrica che insorge nei bambini in età evolutiva. L ADHD consiste

Dettagli

Cefalea e donna. Emicrania e Malattie Cerebro-cardiovascolari. 13 marzo 2010. Maria Clara Tonini

Cefalea e donna. Emicrania e Malattie Cerebro-cardiovascolari. 13 marzo 2010. Maria Clara Tonini 13 marzo 2010 Cefalea e donna Emicrania e Malattie Cerebro-cardiovascolari Maria Clara Tonini Responsabile Centro Diagnosi e Cura delle Cefalee UO Neurologia Ospedale di Garbagnate M. Classificazione secondo

Dettagli

Il Form C cartaceo ed elettronico

Il Form C cartaceo ed elettronico Il Form C cartaceo ed elettronico Giusy Lo Grasso Roma, 9 luglio 2012 Reporting DURANTE IL PROGETTO VENGONO RICHIESTI PERIODIC REPORT entro 60 giorni dalla fine del periodo indicato all Art 4 del GA DELIVERABLES

Dettagli

Gi-Gi Art. 859 - User's Guide Istruzioni d'uso

Gi-Gi Art. 859 - User's Guide Istruzioni d'uso doc.4.12-06/03 Gi-Gi Art. 859 - User's Guide Istruzioni d'uso A belaying plate that can be used in many different conditions Una piastrina d'assicurazione che può essere utilizzata in condizioni diverse.

Dettagli

Il test valuta la capacità di pensare?

Il test valuta la capacità di pensare? Il test valuta la capacità di pensare? Per favore compili il seguente questionario senza farsi aiutare da altri. Cognome e Nome Data di Nascita / / Quanti anni scolastici ha frequentato? Maschio Femmina

Dettagli

Funzioni esecutive e difficoltà di apprendimento

Funzioni esecutive e difficoltà di apprendimento Funzioni esecutive e difficoltà di apprendimento Cesare Cornoldi Università di Padova Funzioni esecutive Le cosiddette funzioni esecutive si riferiscono a processi in cui la mente controlla se stessa Non

Dettagli

COMINCIAMO A SENTIRCI UNA FAMIGLIA

COMINCIAMO A SENTIRCI UNA FAMIGLIA COMINCIAMO A SENTIRCI UNA FAMIGLIA IL PRIMO GIORNO CON LA FAMIGLIA OSPITANTE FIRST DAY WITH THE HOST FAMILY Questa serie di domande, a cui gli studenti risponderanno insieme alle loro famiglie, vuole aiutare

Dettagli

LA VIOLENZA NEI LUOGHI DI LAVORO. CLAUDIO CORTESI cld.cortesi@gmail.com

LA VIOLENZA NEI LUOGHI DI LAVORO. CLAUDIO CORTESI cld.cortesi@gmail.com LA VIOLENZA NEI LUOGHI DI LAVORO CLAUDIO CORTESI cld.cortesi@gmail.com VIOLENZE NEI LUOGHI DI LAVORO: COSA SONO? any action, incident or behaviour, that departs from reasonable conduct in which a person

Dettagli

group HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE

group HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE edizione/edition 04-2010 HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE DESCRIZIONE GENERALE GENERAL DESCRIPTION L'unità di controllo COBO è una centralina elettronica Multiplex Slave ; la sua

Dettagli

Psicopatologia della DI, QdC, QdV

Psicopatologia della DI, QdC, QdV La psicopatologia nella disabilità intellettiva Dr. Luigi Croce psichiatra, docente all Università Cattolica di Brescia Ravenna 09/03/2012 Luigi Croce Università Cattolica Brescia croce.luigi@tin.it Disabilità,

Dettagli

Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia

Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia Introduzione I percorsi di Arte Terapia e Pet Therapy, trattati ampiamente negli altri contributi, sono stati oggetto di monitoraggio clinico, allo

Dettagli

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI Che cos è la depressione? Tutti noi ci possiamo sentire tristi a volte, tuttavia la depressione è una cosa seria. La malattia della depressione a volte denominata Depressione

Dettagli

PROGETTO Ambulatorio Ma.Re.A. (Malattia Renale Avanzata) Elaborato da: Delalio Alessia Guzza Lucia Resinelli Vilma Sandrini Massimo

PROGETTO Ambulatorio Ma.Re.A. (Malattia Renale Avanzata) Elaborato da: Delalio Alessia Guzza Lucia Resinelli Vilma Sandrini Massimo PROGETTO Ambulatorio Ma.Re.A. (Malattia Renale Avanzata) Elaborato da: Delalio Alessia Guzza Lucia Resinelli Vilma Sandrini Massimo Malattia Renale Cronica Stadiazione Stadio Descrizione VFG (ml/min/1.73

Dettagli

Indicatori positivi: Misurare la salute e la Qualità di vita legata alla Salute

Indicatori positivi: Misurare la salute e la Qualità di vita legata alla Salute Indicatori positivi: Misurare la salute e la Qualità di vita legata alla Salute Prof. Giovanni Capelli Cattedra di Igiene Dipartimento di Scienze Motorie e della Salute Università di Cassino Salute e Qualità

Dettagli

Oncologici: Iniziative e sostenibilità della Regione. Valeria Fadda Unità di HTA di ESTAV centro, Regione Toscana

Oncologici: Iniziative e sostenibilità della Regione. Valeria Fadda Unità di HTA di ESTAV centro, Regione Toscana Oncologici: Iniziative e sostenibilità della Regione Valeria Fadda Unità di HTA di ESTAV centro, Regione Toscana 2.760.000.000 Euro 14.4% della spesa farmaceutica 32.8% della spesa farmaceutica ospedaliera

Dettagli

Istruzione N. Versione. Ultima. modifica. Funzione. Data 18/12/2009. Firma. Approvato da: ASSEMBLAGGIO COLLAUDO TRAINING IMBALLO. service 07.

Istruzione N. Versione. Ultima. modifica. Funzione. Data 18/12/2009. Firma. Approvato da: ASSEMBLAGGIO COLLAUDO TRAINING IMBALLO. service 07. Istruzione N 62 Data creazione 18/ 12/2009 Versione N 00 Ultima modifica TIPO ISTRUZIONE ASSEMBLAGGIO COLLAUDO TRAINING MODIFICA TEST FUNZIONALE RIPARAZIONE/SOSTITUZIONE IMBALLO TITOLO DELL ISTRUZIONE

Dettagli

I disturbi del sonno Il progetto Ci piace sognare

I disturbi del sonno Il progetto Ci piace sognare I disturbi del sonno Il progetto Ci piace sognare Paolo Brambilla ASL Milano 2, Melegnano, Milano email: paolo.brambilla3@tin.it Gruppo di lavoro SIPPS Obesità e Stili di vita Sergio Bernasconi, Paolo

Dettagli

Come si prepara una presentazione

Come si prepara una presentazione Analisi Critica della Letteratura Scientifica 1 Come si prepara una presentazione Perché? 2 Esperienza: Si vedono spesso presentazioni di scarsa qualità Evidenza: Un lavoro ottimo, presentato in modo pessimo,

Dettagli

Lo spessore medio-intimale come marker di rischio cardiovascolare. Qual è il suo significato clinico e come si misura

Lo spessore medio-intimale come marker di rischio cardiovascolare. Qual è il suo significato clinico e come si misura Lo spessore medio-intimale come marker di rischio cardiovascolare. Qual è il suo significato clinico e come si misura Michele Liscio Riassunto L ecocolordoppler dei vasi sovraortici (TSA) rappresenta un

Dettagli

Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale)

Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale) Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale) 1. Definisco l obiettivo e la relazione epidemiologica che voglio studiare 2. Definisco la base dello studio in modo che vi sia massimo contrasto

Dettagli

Mod. VS/AM VALVOLE DI SFIORO E SICUREZZA RELIEF VALVES AND SAFETY DEVICES

Mod. VS/AM VALVOLE DI SFIORO E SICUREZZA RELIEF VALVES AND SAFETY DEVICES Mod VS/AM VALVOLE DI SFIORO E SICUREZZA RELIEF VALVES AND SAFETY DEVICES VALVOLE DI SFIORO E SICUREZZA RELIEF VALVES AND SAFETY DEVICES Mod VS/AM 65 1 2 VS/AM 65 STANDARD VS/AM 65 CON RACCORDI VS/AM 65

Dettagli

La richiesta di materiale biologico da struttura a struttura: «second opinion»

La richiesta di materiale biologico da struttura a struttura: «second opinion» A.O. S.Antonio Abate, Gallarate Segreteria Scientifica dr. Filippo Crivelli U.O. di Anatomia Patologica Corso di Aggiornamento per Tecnici di Laboratorio di Anatomia Patologica AGGIORNAMENTI 2011 I edizione:

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Business Process Management Come si organizza un progetto di BPM 1 INDICE Organizzazione di un progetto di Business Process Management Tipo di intervento Struttura del progetto BPM Process Performance

Dettagli

Depressione e adolescenza di S. Di Salvo, S. Cavalitto e A. Martinetto

Depressione e adolescenza di S. Di Salvo, S. Cavalitto e A. Martinetto Associazione per la Ricerca sulla Depressione C.so G. Marconi 2 10125 Torino Tel. 011-6699584 Sito: www.depressione-ansia.it Depressione e adolescenza di S. Di Salvo, S. Cavalitto e A. Martinetto Nella

Dettagli

DIAGNOSTICA CLINICA E STRUMENTALE. Dr.ssa Michela Marcon CDC NEUROLOGIA DIPARTIMENTO NEUROSCIENZE OSPEDALE SAN BORTOLO VICENZA

DIAGNOSTICA CLINICA E STRUMENTALE. Dr.ssa Michela Marcon CDC NEUROLOGIA DIPARTIMENTO NEUROSCIENZE OSPEDALE SAN BORTOLO VICENZA DIAGNOSTICA CLINICA E STRUMENTALE Dr.ssa Michela Marcon CDC NEUROLOGIA DIPARTIMENTO NEUROSCIENZE OSPEDALE SAN BORTOLO VICENZA 1984 I criteri NINCDS-ADRDA regole La diagnosi di AD è clinico-patologico:

Dettagli

PRESENT SIMPLE. Indicativo Presente = Presente Abituale. Tom s everyday life

PRESENT SIMPLE. Indicativo Presente = Presente Abituale. Tom s everyday life PRESENT SIMPLE Indicativo Presente = Presente Abituale Prerequisiti: - Pronomi personali soggetto e complemento - Aggettivi possessivi - Esprimere l ora - Presente indicativo dei verbi essere ed avere

Dettagli

NE e Disfagia:Terapia farmacologica per os, come fare?

NE e Disfagia:Terapia farmacologica per os, come fare? NE e Disfagia:Terapia farmacologica per os, come fare? Marica Carughi Servizio Farmaceutico Nutrizionale A.O Sant Anna Como Milano, 21 maggio 2014 WHAT EVIDENCE SAYS? LINEE GUIDA: SI Making the best

Dettagli

APPLICATION FORM 1. YOUR MOTIVATION/ LA TUA MOTIVAZIONE

APPLICATION FORM 1. YOUR MOTIVATION/ LA TUA MOTIVAZIONE APPLICATION FORM Thank you for your interest in our project. We would like to understand better your motivation in taking part in this specific project. So please, read carefully the form, answer the questions

Dettagli

Informazioni su questo libro

Informazioni su questo libro Informazioni su questo libro Si tratta della copia digitale di un libro che per generazioni è stato conservata negli scaffali di una biblioteca prima di essere digitalizzato da Google nell ambito del progetto

Dettagli

Efficacia dei probio-ci nelle mala1e diges-ve

Efficacia dei probio-ci nelle mala1e diges-ve Efficacia dei probio-ci nelle mala1e diges-ve Le aree di incertezza nelle Cure Primarie: Quali sono le evidenze di efficacia dei probio-ci nelle patologie del tra9o gastrointes-nale? Edoardo Benede*o 1907

Dettagli

INTERNET e RETI di CALCOLATORI A.A. 2014/2015 Capitolo 4 DHCP Dynamic Host Configuration Protocol Fausto Marcantoni fausto.marcantoni@unicam.

INTERNET e RETI di CALCOLATORI A.A. 2014/2015 Capitolo 4 DHCP Dynamic Host Configuration Protocol Fausto Marcantoni fausto.marcantoni@unicam. Laurea in INFORMATICA INTERNET e RETI di CALCOLATORI A.A. 2014/2015 Capitolo 4 Dynamic Host Configuration Protocol fausto.marcantoni@unicam.it Prima di iniziare... Gli indirizzi IP privati possono essere

Dettagli

Ministero della Salute Direzione Generale della Ricerca Scientifica e Tecnologica Bando Giovani Ricercatori - 2007 FULL PROJECT FORM

Ministero della Salute Direzione Generale della Ricerca Scientifica e Tecnologica Bando Giovani Ricercatori - 2007 FULL PROJECT FORM ALLEGATO 2 FULL PROJECT FORM FORM 1 FORM 1 General information about the project PROJECT SCIENTIFIC COORDINATOR TITLE OF THE PROJECT (max 90 characters) TOTAL BUDGET OF THE PROJECT FUNDING REQUIRED TO

Dettagli

Studio del manuale. Applicazioni internazionali del case management integrato: principi e pratica Conoscenza di base ed evoluzione futura Bibliografia

Studio del manuale. Applicazioni internazionali del case management integrato: principi e pratica Conoscenza di base ed evoluzione futura Bibliografia Indice Presentazione dell edizione originale Presentazione dell edizione italiana Prefazione Ringraziamenti Panoramica sulla diffusione del Metodo INTERMED La griglia INTERMED pediatrica per la valutazione

Dettagli

BANCA BIOLOGICA ISS: proposta di utilizzo per le stime di prevalenza. Istituto Superiore di Sanità

BANCA BIOLOGICA ISS: proposta di utilizzo per le stime di prevalenza. Istituto Superiore di Sanità BANCA BIOLOGICA ISS: proposta di utilizzo per le stime di prevalenza Simona Giampaoli, Anna Rita Ciccaglione Istituto Superiore di Sanità Prevalenza e carico dell infezione cronica da virus dell epatite

Dettagli

Percorso adolescenza:l agoiniezione di vit K nel punto San Yinjiao per la dismenorrea, risultati di uno studio pilota

Percorso adolescenza:l agoiniezione di vit K nel punto San Yinjiao per la dismenorrea, risultati di uno studio pilota Percorso adolescenza:l agoiniezione di vit K nel punto San Yinjiao per la dismenorrea, risultati di uno studio pilota Grazia Lesi1 Liviana Gammi1 Francesco Cardini2 Annagiulia Gramenzi3 1- Dipartimento

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA REVISIONE SISTEMATICA DI LETTERATURA

LINEE GUIDA PER LA REVISIONE SISTEMATICA DI LETTERATURA LINEE GUIDA PER LA REVISIONE SISTEMATICA DI LETTERATURA report tecnico nr. 03/08 v. 1 indice dei contenuti 1. Utilità delle RSL Pag. 1 2. Principali metodi Pag. 2 3. Esempi di RSL Pag. 3 4. Protocollo

Dettagli

DRG e SDO. Prof. Mistretta

DRG e SDO. Prof. Mistretta DRG e SDO Prof. Mistretta Il sistema è stato creato dal Prof. Fetter dell'università Yale ed introdotto dalla Medicare nel 1983; oggi è diffuso anche in Italia. Il sistema DRG viene applicato a tutte le

Dettagli

DA PORTO A., NANINO E., DEL TORRE M., SECHI L.A., CAVARAPE A. CLINICA MEDICA - Azienda Ospedaliero-Universitaria S.Maria Misericordia di Udine

DA PORTO A., NANINO E., DEL TORRE M., SECHI L.A., CAVARAPE A. CLINICA MEDICA - Azienda Ospedaliero-Universitaria S.Maria Misericordia di Udine DA PORTO A., NANINO E., DEL TORRE M., SECHI L.A., CAVARAPE A. CLINICA MEDICA - Azienda Ospedaliero-Universitaria S.Maria Misericordia di Udine VITAMINA D: SINTESI, METABOLISMO E CARENZA Il 40-50% della

Dettagli

2. Cos è una buona pratica

2. Cos è una buona pratica 2. Cos è una buona pratica Molteplici e differenti sono le accezioni di buona pratica che è possibile ritrovare in letteratura o ricavare da esperienze di osservatori nazionali e internazionali. L eterogeneità

Dettagli

GLI INDICATORI COME STRUMENTO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITA ASSISTENZIALE

GLI INDICATORI COME STRUMENTO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITA ASSISTENZIALE GLI INDICATORI COME STRUMENTO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITA ASSISTENZIALE D r. C a r l o D e s c o v i c h U.O.C. Governo Clinico Staff Direzione Aziendale AUSL Bologna Bologna 26 Maggio 2010 INDICATORE

Dettagli

Come scrivere un case report - Linee guida per gli internisti FADOI 2014

Come scrivere un case report - Linee guida per gli internisti FADOI 2014 Come scrivere un case report - Linee guida per gli internisti Un case report è una dettagliata narrazione di sintomi, segni, diagnosi, trattamento e follow up di uno o più pazienti. Sebbene nell era della

Dettagli

WWW.TINYLOC.COM CUSTOMER SERVICE GPS/ RADIOTRACKING DOG COLLAR. T. (+34) 937 907 971 F. (+34) 937 571 329 sales@tinyloc.com

WWW.TINYLOC.COM CUSTOMER SERVICE GPS/ RADIOTRACKING DOG COLLAR. T. (+34) 937 907 971 F. (+34) 937 571 329 sales@tinyloc.com WWW.TINYLOC.COM CUSTOMER SERVICE T. (+34) 937 907 971 F. (+34) 937 571 329 sales@tinyloc.com GPS/ RADIOTRACKING DOG COLLAR MANUALE DI ISTRUZIONI ACCENSIONE / SPEGNERE DEL TAG HOUND Finder GPS Il TAG HOUND

Dettagli

BATTERIE ENERGA AL LITIO

BATTERIE ENERGA AL LITIO BATTERIE ENERGA AL LITIO Batterie avviamento ultraleggere - Extra-light starter batteries Le batterie con tecnologia al Litio di ENERGA sono circa 5 volte più leggere delle tradizionali al piombo. Ciò

Dettagli

HTA: PRINCIPI, LOGICHE OPERATIVE ED ESPERIENZE. Cosa è l HTA?

HTA: PRINCIPI, LOGICHE OPERATIVE ED ESPERIENZE. Cosa è l HTA? HTA: PRINCIPI, LOGICHE OPERATIVE ED ESPERIENZE Cosa è l HTA? Marco Marchetti Unità di Valutazione delle Tecnologie Policlinico Universitario "Agostino Gemelli Università Cattolica del Sacro Cuore L Health

Dettagli

VALUTAZIONE BEDSIDE DEI DISTURBI COGNITIVI

VALUTAZIONE BEDSIDE DEI DISTURBI COGNITIVI VALUTAZIONE BEDSIDE DEI DISTURBI COGNITIVI 90 STRUMENTI DI VALUTAZIONE DEI DISTURBI COGNITIVI: UTILITÀ E LIMITI DI IMPIEGO Marianna Amboni CEMAND, Università di Salerno IDC Hermitage-Capodimonte, Napoli

Dettagli

L Health Technology Assessment: tutti ne parlano, non. conoscono. Marco Marchetti

L Health Technology Assessment: tutti ne parlano, non. conoscono. Marco Marchetti L Health Technology Assessment: tutti ne parlano, non tutti lo conoscono Marco Marchetti L Health Technology Assessment La valutazione delle tecnologie sanitarie, è la complessiva e sistematica valutazione

Dettagli

Zeroshell come client OpenVPN

Zeroshell come client OpenVPN Zeroshell come client OpenVPN (di un server OpenVpn Linux) Le funzionalità di stabilire connessioni VPN di Zeroshell vede come scenario solito Zeroshell sia come client sia come server e per scelta architetturale,

Dettagli

REaD REtina and Diabetes

REaD REtina and Diabetes Progetto ECM di formazione scientifico-pratico sulla retinopatia diabetica REaD REtina and Diabetes S.p.A. Via G. Spadolini 7 Iscrizione al Registro delle 20141 Milano - Italia Imprese di Milano n. 2000629

Dettagli

Modificazioni dello spazio affettivo nel ciclo di vita

Modificazioni dello spazio affettivo nel ciclo di vita Modificazioni dello spazio affettivo nel ciclo di vita di Francesca Battisti Come gestiamo le nostre emozioni? Assistiamo ad esse passivamente o le ignoriamo? Le incoraggiamo o le sopprimiamo? Ogni cultura

Dettagli

RIF 101 TECNA, MECA MULTINEEDLE ROTATIVE HOOK LOCK STITCH QUILTER

RIF 101 TECNA, MECA MULTINEEDLE ROTATIVE HOOK LOCK STITCH QUILTER RIF 101 TECNA, MECA MULTINEEDLE ROTATIVE HOOK LOCK STITCH QUILTER Price ExWorks Gallarate 60.000,00euro 95 needles, width of quilting 240cm, 64 rotative hooks, Pegasus software, year of production 1999

Dettagli

Catalogo Trattamento dell Aria - Collezione 2009

Catalogo Trattamento dell Aria - Collezione 2009 Catalogo Trattamento dell Aria - Collezione 2009 SECCOTECH & S 8 SeccoTech & Secco Tecnologia al servizio della deumidificazione Technology at dehumidification's service Potenti ed armoniosi Seccotech

Dettagli

e-spare Parts User Manual Peg Perego Service Site Peg Perego [Dicembre 2011]

e-spare Parts User Manual Peg Perego Service Site Peg Perego [Dicembre 2011] Peg Perego Service Site Peg Perego [Dicembre 2011] 2 Esegui il login: ecco la nuova Home page per il portale servizi. Log in: welcome to the new Peg Perego Service site. Scegli il servizio selezionando

Dettagli

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD)

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Che cos è? Il deficit di mevalonato chinasi è una malattia genetica. E un errore congenito

Dettagli

Sistemi di gestione dei dati e dei processi aziendali. Information Technology General Controls

Sistemi di gestione dei dati e dei processi aziendali. Information Technology General Controls Information Technology General Controls Indice degli argomenti Introduzione agli ITGC ITGC e altre componenti del COSO Framework Sviluppo e manutenzione degli applicativi Gestione operativa delle infrastrutture

Dettagli

Smobilizzo pro-soluto di Lettere di Credito Import

Smobilizzo pro-soluto di Lettere di Credito Import definizione L operazione presuppone l emissione di una lettera di credito IMPORT in favore dell esportatore estero, con termine di pagamento differito (es. 180 gg dalla data di spedizione con documenti

Dettagli

scaricato da www.sunhope.it

scaricato da www.sunhope.it SECONDA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI I CLINICA NEUROLOGICA Direttore:Prof. R. Cotrufo Fisiopatologia dei disordini della sensibilità, con particolare riguardo al dolore neuropatico 2009 Organizzazione

Dettagli

LEZIONE 4: PRESENT SIMPLE / PRESENT CONTINUOUS

LEZIONE 4: PRESENT SIMPLE / PRESENT CONTINUOUS LEZIONE 4: PRESENT SIMPLE / PRESENT CONTINUOUS TEMPO PRESENTE In italiano non vi sono differenze particolari tra le due frasi: MANGIO UNA MELA e STO MANGIANDO UNA MELA Entrambe le frasi si possono riferire

Dettagli

Narrare i gruppi. Rivista semestrale pubblicata on-line dal 2006 Indirizzo web: www.narrareigruppi.it - Direttore responsabile: Giuseppe Licari

Narrare i gruppi. Rivista semestrale pubblicata on-line dal 2006 Indirizzo web: www.narrareigruppi.it - Direttore responsabile: Giuseppe Licari Narrare i gruppi Etnografia dell interazione quotidiana Prospettive cliniche e sociali ISSN: 2281-8960 Narrare i gruppi. Etnografia dell'interazione quotidiana. Prospettive cliniche e sociali è una Rivista

Dettagli

La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno

La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno Metodo epidemiologici per la clinica _efficacia / 1 La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno La buona ricerca clinica Non è etico ciò che non è rilevante scientificamente Non è

Dettagli

SINOSSI PROTOCOLLO STUDIO OSSERVAZIONALE

SINOSSI PROTOCOLLO STUDIO OSSERVAZIONALE SINOSSI PROTOCOLLO STUDIO OSSERVAZIONALE Studio prospettico, non interventistico, di coorte, sul rischio di tromboembolismo venoso (TEV) in pazienti sottoposti a un nuovo trattamento chemioterapico per

Dettagli

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS)

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Che cos é? Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) La sindrome di Blau è una malattia genetica. I pazienti affetti presentano rash

Dettagli

a state of complete physical, men al , an social well ll-bei ng an not merely the absence of disease or infirmity

a state of complete physical, men al , an social well ll-bei ng an not merely the absence of disease or infirmity SALUTE: definizione Nel 1948, la World Health Assembly ha definito la salute come a state of complete physical, mental, and social well-being and not merely the absence of disease or infirmity. Nel1986

Dettagli

VADEMECUM SUL DOLORE. La Legge 38/2010. Perché NON SOFFRIRE È UN DIRITTO sancito dalla Legge. (terapia del dolore e cure palliative)

VADEMECUM SUL DOLORE. La Legge 38/2010. Perché NON SOFFRIRE È UN DIRITTO sancito dalla Legge. (terapia del dolore e cure palliative) VADEMECUM SUL DOLORE La Legge 38/2010 (terapia del dolore e cure palliative) Perché NON SOFFRIRE È UN DIRITTO sancito dalla Legge con il patrocinio istituzionale del MINISTERO della SALUTE La guida è stata

Dettagli

iovanella@disp.uniroma2.it http://www.disp.uniroma2.it/users/iovanella Verifica di ipotesi

iovanella@disp.uniroma2.it http://www.disp.uniroma2.it/users/iovanella Verifica di ipotesi iovanella@disp.uniroma2.it http://www.disp.uniroma2.it/users/iovanella Verifica di ipotesi Idea di base Supponiamo di avere un idea del valore (incognito) di una media di un campione, magari attraverso

Dettagli

Teoria della misurazione e misurabilità di grandezze non fisiche

Teoria della misurazione e misurabilità di grandezze non fisiche Teoria della misurazione e misurabilità di grandezze non fisiche Versione 12.6.05 Teoria della misurazione e misurabilità di grandezze non fisiche 1 Il contesto del discorso (dalla lezione introduttiva)

Dettagli

Castello di San Donato in Perano Matrimoni nel Chianti Weddings in Chianti

Castello di San Donato in Perano Matrimoni nel Chianti Weddings in Chianti Castello di San Donato in Perano Matrimoni nel Chianti Weddings in Chianti Sede di Rappresentanza: Castello di San Donato in Perano 53013 Gaiole in Chianti (Si) Tel. 0577-744121 Fax 0577-745024 www.castellosandonato.it

Dettagli

DIAGNOSTICA DI LABORATORIO NELL ARTRITE REUMATOIDE

DIAGNOSTICA DI LABORATORIO NELL ARTRITE REUMATOIDE DIAGNOSTICA DI LABORATORIO NELL ARTRITE REUMATOIDE Dr.ssa ANNALISA BIANO ASL 2 SAVONESE S.S.D. LABORATORIO DI PATOLOGIA CLINICA P.O. CAIRO MONTENOTTE GRUPPO LIGURE di AUTOIMMUNITA ARTRITE REUMATOIDE: PROBLEMATICHE

Dettagli

Date da 10/2003 a 01/2004 Lavoro o posizione ricoperti Dirigente medico ex I livello, a tempo determinato, Disciplina di Medicina Interna

Date da 10/2003 a 01/2004 Lavoro o posizione ricoperti Dirigente medico ex I livello, a tempo determinato, Disciplina di Medicina Interna Principali attività e medico presso la Medicina e Chirurgia di Accettazione ed Urgenza (MCAU) del Pronto Soccorso Generale P.O. Garibaldi Centro. Attività svolta presso gli ambulatori di Medicina del Pronto

Dettagli

La valutazione degli effetti dei Programmi: il progetto PQM e altre indagini sui dati acquisiti

La valutazione degli effetti dei Programmi: il progetto PQM e altre indagini sui dati acquisiti Seminario Valutazione PON Roma, 29 marzo 2012 La valutazione degli effetti dei Programmi: il progetto PQM e altre indagini sui dati acquisiti Elena Meroni - Università di Padova e INVALSI Daniele Vidoni

Dettagli

Rilascio dei Permessi Volo

Rilascio dei Permessi Volo R E P U B L I C O F S A N M A R I N O C I V I L A V I A T I O N A U T H O R I T Y SAN MARINO CIVIL AVIATION REGULATION Rilascio dei Permessi Volo SM-CAR PART 5 Approvazione: Ing. Marco Conti official of

Dettagli

Official Announcement Codice Italia Academy

Official Announcement Codice Italia Academy a c a d e m y Official Announcement Codice Italia Academy INITIATIVES FOR THE BIENNALE ARTE 2015 PROMOTED BY THE MIBACT DIREZIONE GENERALE ARTE E ARCHITETTURA CONTEMPORANEE E PERIFERIE URBANE cured by

Dettagli

Un po di terminologia

Un po di terminologia La classificazione dei pazienti: non solo DRGs Un po di terminologia Dati: simboli con cui si rappresenta la realtà (numeri, date, caratteri, intere parole). Codifica: è la rappresentazione sintetica del

Dettagli

Antonio Motisi. Dipartimento di Colture Arboree Università degli Studi di Palermo

Antonio Motisi. Dipartimento di Colture Arboree Università degli Studi di Palermo Giornate di Studio: Un approccio integrato allo studio dei flussi di massa e di energia nel sistema suolo pianta atmosfera: esperienze e prospettive di applicazione in Sicilia Tecniche di misura dei flussi

Dettagli

Principali prove meccaniche su materiali polimerici

Principali prove meccaniche su materiali polimerici modulo: Proprietà viscoelastiche e proprietà meccaniche dei polimeri Principali prove meccaniche su materiali polimerici R. Pantani Scheda tecnica di un materiale polimerico Standard per prove meccaniche

Dettagli

MODULO DI ISCRIZIONE - ENROLMENT FORM

MODULO DI ISCRIZIONE - ENROLMENT FORM Under the Patronage of Comune di Portofino Regione Liguria 1ST INTERNATIONAL OPERA SINGING COMPETITION OF PORTOFINO from 27th to 31st July 2015 MODULO DI ISCRIZIONE - ENROLMENT FORM Direzione artistica

Dettagli

Misurazione e monitoraggio della complessità assistenziale Monitoraggio dei livelli ottimali di staffing Strumenti disponibili e tendenze

Misurazione e monitoraggio della complessità assistenziale Monitoraggio dei livelli ottimali di staffing Strumenti disponibili e tendenze Misurazione e monitoraggio della complessità assistenziale Monitoraggio dei livelli ottimali di staffing Strumenti disponibili e tendenze Filippo Festini Università di Firenze, Dipartimento di Pediatria,

Dettagli

SCHIZOFRENIA. 3. Eloquio disorganizzato( per es. deragliamento o incoerenza) 4. Comportamento grossolanamente disorganizzato o catatonico

SCHIZOFRENIA. 3. Eloquio disorganizzato( per es. deragliamento o incoerenza) 4. Comportamento grossolanamente disorganizzato o catatonico DSM-V DISTURBO DELLO SPETTRO DELLA SCHIZOFRENIA E ALTRI DITURBI PSICOTICI SCHIZOFRENIA A. Due o più dei seguenti sintomi, presente per una parte di tempo significativa durante il periodo di un mese. Almeno

Dettagli

1. Che cos è. 2. A che cosa serve

1. Che cos è. 2. A che cosa serve 1. Che cos è Il Supplemento al diploma è una certificazione integrativa del titolo ufficiale conseguito al termine di un corso di studi in una università o in un istituto di istruzione superiore corrisponde

Dettagli

Brixia International Conference

Brixia International Conference Brixia International Conference OPEN ISSUES IN THE CLINICAL AND THERAPEUTIC MANAGEMENT OF MAJOR PSYCHIATRIC DISORDERS Brescia, June 11 th -13 th, 2015 Siamo lieti di invitarvi al congresso annuale Brixia

Dettagli

LA VALUTAZIONE NEUROPSICOLOGICA COME MISURA CHIAVE PER LA DIAGNOSI PRECOCE DEL DNC LIEVE: L ESPERIENZA DELLA REGIONE PIEMONTE

LA VALUTAZIONE NEUROPSICOLOGICA COME MISURA CHIAVE PER LA DIAGNOSI PRECOCE DEL DNC LIEVE: L ESPERIENZA DELLA REGIONE PIEMONTE VIII Convegno IL CONTRIBUTO DELLE UNITA VALUTAZIONE ALZHEIMER NELL ASSISTENZA DEI PAZIENTI CON DEMENZA LA VALUTAZIONE NEUROPSICOLOGICA COME MISURA CHIAVE PER LA DIAGNOSI PRECOCE DEL DNC LIEVE: L ESPERIENZA

Dettagli

Catalogo Trattamento dell Aria - Collezione 2009

Catalogo Trattamento dell Aria - Collezione 2009 Catalogo Trattamento dell Aria - Collezione 2009 SECCOASCIUTT 16 SeccoAsciutto EL & SeccoAsciutto Thermo Piccolo e potente, deumidifica e asciuga Small and powerful, dehumidifies and dries Deumidificare

Dettagli

Relazione tra Vitamina D, Obesità infantile e Sindrome Metabolica: un puzzle in via di risoluzione

Relazione tra Vitamina D, Obesità infantile e Sindrome Metabolica: un puzzle in via di risoluzione 3 Maggio 2012 Relazione tra Vitamina D, Obesità infantile e Sindrome Metabolica: un puzzle in via di risoluzione Emanuele Miraglia del Giudice Seconda Università degli Studi di Napoli Dipartimento di Pediatria

Dettagli

L OPPORTUNITÀ DEL RECUPERO DI EFFICIENZA OPERATIVA PUÒ NASCONDERSI NEI DATI DELLA TUA AZIENDA?

L OPPORTUNITÀ DEL RECUPERO DI EFFICIENZA OPERATIVA PUÒ NASCONDERSI NEI DATI DELLA TUA AZIENDA? OSSERVATORIO IT GOVERNANCE L OPPORTUNITÀ DEL RECUPERO DI EFFICIENZA OPERATIVA PUÒ NASCONDERSI NEI DATI DELLA TUA AZIENDA? A cura del Professor Marcello La Rosa, Direttore Accademico (corporate programs

Dettagli

Cos e` la Psicosi da Depressione?

Cos e` la Psicosi da Depressione? Italian Cos e` la Psicosi da Depressione? (What is a depressive disorder?) Cos e` la psicosi depressiva? La parola depressione viene di solito usata per decrivere lo stato di tristezza di cui noi tutti

Dettagli

CIN 2 3: CHE FARE? P Cattani. Centro Ginecologia Oncologica Preventiva ULSS 20 - Verona

CIN 2 3: CHE FARE? P Cattani. Centro Ginecologia Oncologica Preventiva ULSS 20 - Verona CIN 2 3: CHE FARE? P Cattani Centro Ginecologia Oncologica Preventiva ULSS 20 - Verona Istologia: diagnosi e gradi della CIN biopsia cervicale o escissione maturazione cell stratificazione cell anormalità

Dettagli

CMMI-Dev V1.3. Capability Maturity Model Integration for Software Development, Version 1.3. Roma, 2012 Ercole Colonese

CMMI-Dev V1.3. Capability Maturity Model Integration for Software Development, Version 1.3. Roma, 2012 Ercole Colonese CMMI-Dev V1.3 Capability Maturity Model Integration for Software Development, Version 1.3 Roma, 2012 Agenda Che cos è il CMMI Costellazione di modelli Approccio staged e continuous Aree di processo Goals

Dettagli

Il business risk reporting: lo. gestione continua dei rischi

Il business risk reporting: lo. gestione continua dei rischi 18 ottobre 2012 Il business risk reporting: lo strumento essenziale per la gestione continua dei rischi Stefano Oddone, EPM Sales Consulting Senior Manager di Oracle 1 AGENDA L importanza di misurare Business

Dettagli

Per i primi tempi era davvero stridente la differenza tra una grande città affollata come Milano, e la

Per i primi tempi era davvero stridente la differenza tra una grande città affollata come Milano, e la Ci sono molti ricordi che rimangono impressi nella memoria, quegli eventi che rappresentano una parte importante della propria vita e di cui non ci si dimentica mai. Tra i miei c è questo viaggio, che

Dettagli

XIV Riunione AIRTUM Sabaudia 21-23 Aprile 2010

XIV Riunione AIRTUM Sabaudia 21-23 Aprile 2010 CORRELAZIONE TRA PATOLOGIA CARDIOVASCOLARE E TRATTAMENTO RADIANTE POSTOPERATORIO DOPO CHIRURGIA CONSERVATIVA NELLE NEOPLASIE MAMMARIE IN STADIO INIZIALE ANTONELLA FONTANA U. O. C. di Radioterapia Ospedale

Dettagli

Renzo Vianello Con la collaborazione di Silvia Lanfranchi Funzionamento Intellettivo Limite e Disturbi Specifici di Apprendimento

Renzo Vianello Con la collaborazione di Silvia Lanfranchi Funzionamento Intellettivo Limite e Disturbi Specifici di Apprendimento Renzo Vianello Con la collaborazione di Silvia Lanfranchi Funzionamento Intellettivo Limite e Disturbi Specifici di Apprendimento Per ulteriori informazioni sui FIL: Cap. 9 del volume a cura di Cesare

Dettagli