I T A L I A N J O U R N A L O F P U B L I C H E A L T H. Panoramica sui farmaci biologici disponibili per il trattamento dell Artrite Reumatoide

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "I T A L I A N J O U R N A L O F P U B L I C H E A L T H. Panoramica sui farmaci biologici disponibili per il trattamento dell Artrite Reumatoide"

Transcript

1 Panoramica sui farmaci biologici disponibili per il trattamento dell Artrite Reumatoide Maria Rosaria Gualano, Chiara Cadeddu, Nicola Nicolotti, Chiara de Waure, Giuseppe La Torre, Carlomaurizio Montecucco, Walter Ricciardi Introduzione L obiettivo fondamentale della terapia farmacologica dell Artrite Reumatoide (AR) in fase precoce è ridurre l attività di malattia per prevenire il danno articolare e la disabilità funzionale [1]. Se la malattia è invece già in fase avanzata si cerca comunque di raggiungere una completa e prolungata remissione, con farmaci che abbiano un profilo di tossicità il più tollerabile possibile [2]. I farmaci a disposizione per il trattamento dell AR sono rappresentati da [3]: Farmaci in grado di modificare il decorso della malattia (i cosiddetti DMARDs, Disease Modifying Antirheumatic Drugs); Glucocorticoidi; Farmaci biologici; Analgesici e FANS. I DMARDs, rappresentati principalmente da methotrexate, sulfasalazina, antimalarici, leflunomide, ciclosporina (Tabella 1) costituiscono, da soli o in associazione, la terapia di fondo dell AR, primo approccio in tutti i casi in cui si è di fronte a una sinovite persistente idiopatica. Ciò è giustificato dal fatto che introdurre il prima possibile questi farmaci sfrutta la cosiddetta finestra di opportunità, in modo da eliminare l infiammazione ed evitare che essa progredisca verso l irreversibile danno articolare [3-4]. Il DMARD attualmente più impiegato per il trattamento dell AR, ma anche per altre malattie reumatiche, è il methotrexate (MTX). Recentemente un gruppo di 37 reumatologi italiani ha elaborato 15 raccomandazioni su vari aspetti correlati all uso del MTX nella pratica clinica, sulla base dei criteri della Evidence Based Medicine e del giudizio di esperti. Tali raccomandazioni possono fornire uno strumento utile per indirizzare in modo corretto il reumatologo nelle scelte cliniche quotidiane [5]. I glucocorticoidi sono stati i primi farmaci utilizzati nella terapia orale dell AR nel 1948 ma, a causa dei numerosi effetti collaterali, vengono Tabella 1. DMARDs attualmente disponibili. Modificato da van Vollenhoven 2009 [9]. S 1 4 C A P I T O L O 3

2 oggi riservati come terapia sistemica a casi selezionati e preferiti invece nelle formulazioni iniettabili per il trattamento intrarticolare [6]. Recenti evidenze hanno tuttavia dimostrano che l impiego di glucocorticoidi in fase iniziale di malattia è in grado di ridurre la progressione del danno radiografico [7] e di indurre remissioni più durature [8]. I farmaci biologici, rappresentati in particolare dagli anti-tnf (inibitori del fattore di necrosi tumorale) e dai bloccanti recettoriali sono indicati come terapia di seconda linea per una serie di motivi riguardanti efficacia, somministrazione, tollerabilità, oltre che per aspetti economici ed organizzativi [3, 9]. Analgesici e FANS sono infine appropriati per il trattamento sintomatico del dolore, componente non meno importante della malattia, preferendo sempre i primi ai secondi per il loro profilo di tollerabilità e utilizzando il minimo dosaggio efficace [1]. È necessario ricordare che la scelta della terapia deve basarsi sull accurata valutazione degli indicatori prognostici attualmente disponibili, rivelatisi maggiormente predittivi nei confronti dell evoluzione della malattia [1]. In presenza di fattori prognostici che indichino una malattia persistente e attiva è indicato iniziare la terapia di fondo con MTX (monoterapia), trattandosi al momento del farmaco di riferimento [1, 5]. Alla luce delle evidenze sino ad ora disponibili il MTX e la sulfasalazina sono i farmaci con miglior profilo efficacia/tossicità [1]. In casi selezionati di AR aggressiva può essere considerata una terapia di combinazione con due o più DMARDs come terapia d attacco [1]. Nel caso in cui non si osservasse una soddisfacente risposta dopo 3 mesi di terapia di combinazione, è indicato in prima battuta l utilizzo dei farmaci biologici (in alternativa o, più efficacemente, in associazione al MTX o ad un altro DMARD), la cui azione principale sia caratterizzata dal blocco selettivo di citochine ritenute importanti nella sequenza patogenetica della malattia quali TNF alfa, IL1 o IL6 [1]. L aggiunta dei farmaci biologici alla terapia tradizionale riduce la progressione del danno articolare nella maggior parte dei pazienti. Di conseguenza viene limitata l invalidità e migliorata la qualità di vita dei soggetti affetti, come ribadito anche in una recente lettera aperta della Società Italiana di Reumatologia [10]. Secondo le recenti Linee Guida del NICE [3], i dati disponibili non permettono di definire se per il paziente che non ha risposto alla terapia con un DMARD si debba scegliere un altro DMARD convenzionale o la terapia biologica, in quanto non esistono studi di confronto. Gli unici studi che paragonano direttamente i biologici con i DMARDs convenzionali suggeriscono che etanercept è superiore alla sulfasalazina [11] e che tocilizumab in monoterapia è superiore al MTX in monoterapia [12] per il controllo dei sintomi e il beneficio funzionale. Tuttavia una comparazione di etanercept con MTX ha mostrato poche differenze nel controllo dei sintomi o nel beneficio funzionale, nonostante etanercept fosse superiore al MTX per il rallentamento della progressione radiologica [13, 14]. Ciò suggerisce una discrepanza tra la capacità dei biologici da un lato di influenzare l attività di malattia e dall altro di rallentare la progressione della malattia radiologicamente rilevabile [3]. Tutti gli studi, tuttavia, suggeriscono che, nei pazienti con malattia attiva, l utilizzo dei DMARDs, con l aggiunta di un farmaco biologico conferisce benefici significativi per il controllo dei sintomi, la funzionalità e la qualità di vita [13, 15-22]. Questi studi inoltre hanno dimostrato che, in relazione al miglioramento dei sintomi e della funzionalità, alla qualità di vita e al danno articolare dimostrato radiologicamente, l associazione di un biologico al MTX è superiore rispetto al MTX da solo [13, 14, 17]. Per valutare l efficacia dei trattamenti per l artrite reumatoide nella maggior parte degli studi clinici si fa riferimento ai criteri di risposta proposti dall American College of Rheumatology (ACR 20, 50 e 70). Essi indicano una percentuale di miglioramento (20%, 50% e 70%, rispettivamente) del numero di articolazioni dolenti e tumefatte e di 3 dei seguenti 5 criteri [23]: 1) valutazione globale dell attività di malattia da parte del medico espressa mediante scala analogica (VAS medico); 2) valutazione globale dell attività di malattia da parte del paziente espressa mediante scala analogica (VAS paziente); 3) valutazione della funzionalità/disabilità mediante HAQ (Health Assessment Questionnaire); 4) il rilievo del grado di dolore riferito dal paziente espresso su scala visuo-analogica (VAS dolore); 5) valutazione degli esami di laboratorio (velocità di eritrosedimentazione (VES), proteina C-reattiva (PCR). C A P I T O L O 3 S 1 5

3 IJPH - Year 8, Volume 7, Number 2, Suppl. 2, 2010 ITALIAN JOURNAL I farmaci biologici Con il termine farmaci biologici si designa un gruppo di agenti terapeutici con proprietà biologiche, che include anticorpi monoclonali e recettori solubili delle citochine [24]. Il meccanismo che sottende lo sviluppo dell artrite reumatoide è caratterizzato dalla rottura dell equilibrio fisiologico tra proteine pro infiammatorie (che favoriscono l infiammazione) e anti-infiammatorie (che inibiscono l infiammazione): nelle sedi articolari dei soggetti affetti da AR i livelli delle proteine pro infiammatorie permangono cronicamente elevati. Con l introduzione dei nuovi farmaci biologici si è offerta la possibilità di sintetizzare e produrre anticorpi e recettori in grado di mimare la normale funzione delle proteine naturali antiinfiammatorie o di inibire selettivamente la funzione di quelle pro-infiammatorie o espresse da particolari stipiti cellulari coinvolti nella patogenesi della malattia. Nel trattamento dell AR, i primi due farmaci biologici approvati sono stati gli anti-tnf etanercept e infliximab. Ad essi ne sono seguiti altri, in particolare anakinra, una forma OF PUBLIC ricombinante dell antagonista fisiologico del recettore dell IL-1, e adalimumab, un altro anticorpo monoclonale contro il TNF [24]. Il successo clinico e commerciale di questi farmaci ha fortemente condizionato i produttori a sviluppare nuove molecole che inibiscono specificamente le interazioni (intracellulari, intercellulari e tra cellula e matrice) caratteristiche dei processi infiammatori ed autoimmuni. Per questo motivo oggi si tende a parlare di immunomodulatori o di targeted therapy, che differenziano questi più specifici agenti antinfiammatori dai meno specifici farmaci immunosoppressori, come gli agenti citotossici e i corticosteroidi [24]. I farmaci biologici inibitori del TNF e dell IL-1 rappresentano un importante opzione per il trattamento dell AR, avendo una notevole capacità di ridurre i sintomi e i segni della malattia, nonché di arrestare la progressione del danno strutturale [25]. Tuttavia, tali farmaci possono determinare eventi avversi gravi tra cui infezioni, patologie autoimmuni e reazioni di ipersensibilità. Inoltre una percentuale significativa di pazienti è risultata Tabella 2. Farmaci biologici per il trattamento dell AR. Modificato da van Vollenhoven 2009 [9]. S16 HEALTH CAPITOLO 3

4 IJPH - Year 8, Volume 7, Number 2, Suppl. 2, 2010 ITALIAN JOURNAL non responsiva al trattamento. Recenti studi segnalano peraltro lo sviluppo di resistenze in seguito all impiego prolungato di alcuni farmaci anti-tnf; questo comporta o un incremento del dosaggio somministrato, con conseguente aumento del costo della terapia, oppure il passaggio ad un secondo o a un terzo inibitore del TNF [26,27]. In Tabella 2 e in Figura 1 sono riportate le caratteristiche dei farmaci biologici che sono trattati in maniera più dettagliata nei paragrafi che seguono. Abatacept Abatacept è una proteina di fusione formata dal dominio extracellulare dell antigene 4 associato al linfocita T citotossico umano (CTLA4) legato alla porzione Fc modificata dell IgG1. Agisce modulando selettivamente un segnale chiave di costimolazione necessario per la piena attivazione dei linfociti T che esprimono il CD28, attraverso il legame specifico al CD80 ed al CD86 [28]. In combinazione con MTX, è utilizzabile per OF PUBLIC HEALTH il trattamento dell AR attiva da moderata a grave in pazienti adulti che hanno avuto una risposta insufficiente o un intolleranza ad altri farmaci antireumatici modificanti la malattia incluso almeno un inibitore del TNF [29]. Viene somministrato tramite infusione endovenosa, con dosaggio che varia a seconda del peso corporeo del paziente, da 500 a 1000 mg, e lo schema di somministrazione prevede l utilizzo 2 e 4 settimane dopo la prima infusione e successivamente ogni 4 settimane [28]. Sono stati condotti diversi studi di fase 3, tra cui l AIM (Abatacept in Inadequate responders to Methotrexate) che ha valutato la combinazione abatacept più MTX in pazienti con storia di fallimento del trattamento con DMARDs [3032], l ATTEST (Abatacept or infliximab versus placebo, a Trial for Tolerability, Efficacy and Safety in Treating RA) [33], che ha comparato abatacept a infliximab, l ATTAIN (Abatacept Trial in Treatment of Anti-TNF INadequate responders) [34], in cui sono stati somministrati abatacept più methotrexate in pazienti non rispondenti alla terapia con anti-tnf, e infine Figura 1. Meccanismi fisiopatologici dell AR e relativi target dei farmaci biologici ad oggi disponibili. Modificato da: van Vollenhoven 2009 [9]. APCA = anticorpi anti-proteina/peptide citrullinato; APC = cellula presentante l antigene; GM-CSF = fattore stimolante le colonie di granulociti-macrofagi, IL = interleuchina; RF = fattore reumatoide; TNF = fattore di necrosi tumorale; TREG = cellule T regolatorie. CAPITOLO 3 S17

5 lo studio di efficacia ASSURE (Abatacept Study of Safety in Use with other Rheumatoid arthritis therapies) [35]. Risultati positivi dal punto di vista della risposta ACR sono stati raggiunti in particolare con lo studio AIM e con l ATTAIN: il primo ha evidenziato miglioramenti radiologici dalla terapia di combinazione con MTX, mentre il secondo ha dimostrato che abatacept è una buona opzione terapeutica nei pazienti che non rispondono agli anti-tnf. Infatti, dopo 6 mesi di terapia, avevano raggiunto una risposta ACR20, ACR50 e ACR70 rispettivamente: il 50% dei pazienti trattati con abatacept, contro il 19,5% di coloro che erano stati trattati con placebo (p<0,01), il 20,3% dei pazienti del gruppo abatacept contro il 3,8% dei pazienti nel gruppo placebo (p<0,01) e infine il livello ACR70 era stato raggiunto dal 10,2% dei pazienti trattati con abatacept mentre solo nell 1,5% dei pazienti del gruppo placebo [34]. Inoltre, abatacept sembra indurre un miglioramento della funzionalità e della qualità di vita: questo è stato confermato da numerosi studi pubblicati in letteratura [30, 34-38]. Abatacept si è dimostrato accettabile dal punto di vista della sicurezza e della tollerabilità in pazienti con AR, al pari degli altri farmaci biologici antireumatici [33, 39, 40]. Fra i principali effetti collaterali di lieve entità si riscontrano nasofaringite, cefalea e nausea [41]. Come per gli altri farmaci biologici, è stato inoltre segnalato un aumento di suscettibilità alle infezioni e di reazioni infusionali [28, 30]. Si raccomanda infine di evitare la co-somministrazione di abatacept con altri agenti biologici, a causa del dimostrato aumento di incidenza di infezioni gravi e di neoplasie maligne [39, 42]. Adalimumab Adalimumab è un anticorpo monoclonale interamente umano ricombinante diretto contro il TNFalfa. La sua azione consiste nel legarsi a tale fattore, neutralizzandone quindi la funzione biologica attraverso il blocco dell interazione con gli specifici recettori cellulari di superficie p55 e p75 [43]. Esso è indicato per il trattamento dell AR attiva, da moderata a severa, in pazienti adulti, quando la risposta ai DMARDs, incluso il MTX, è risultata inadeguata. Per ottenere la massima efficacia, si utilizza in combinazione con il MTX. Può essere tuttavia somministrato anche in monoterapia in caso di intolleranza al MTX o quando il trattamento prolungato con quest ultimo risulti inappropriato La dose raccomandata è di 40 mg, per via sottocutanea, a settimane alterne. Durante il trattamento con adalimumab, è possibile continuare l assunzione di MTX, glucocorticoidi, salicilati, FANS o analgesici [43]. Il farmaco risulta indicato anche nell artrite psoriasica attiva grave, nella psoriasi a placche, nella spondilite anchilosante e nella malattia di Crohn attiva grave. Una recente metanalisi ha valutato l efficacia e la sicurezza di adalimumab, prendendo in considerazione otto studi clinici randomizzati controllati [44]. Negli studi considerati adalimumab veniva somministrato a dosaggio di 20 o 40 mg, da solo o in combinazione con MTX, tutte le settimane o a settimane alterne, e confrontato con il placebo, da solo o associato al MTX. È emerso che la probabilità, espressa come Rischio Relativo (RR), di raggiungimento di tutte e tre le risposte (ACR20, 50, 70) è risultata superiore per adalimumab rispetto al placebo, da solo o in combinazione con MTX, dopo sei mesi e anche dopo più di un anno di terapia: per un trattamento a lungo termine (1-3 anni), adalimumab combinato con MTX si è dimostrato superiore al solo MTX con valori di RR=1,85 (IC95%: 1,07 3,19), RR=2,80 (IC95%: 1,16 6,77) e RR=3,23 (IC95%: 1,37 7,61) rispettivamente per livelli di risposta ACR20, ACR50 e ACR70 [44]. Analogamente, i risultati dello studio PREMIER [45], in cui si è valutata la superiorità del trattamento con adalimumab associato a MTX rispetto alla monoterapia con MTX o con adalimumab, hanno evidenziato che la terapia di associazione è, in effetti, superiore, non solo in quanto porta al miglioramento dei segni e dei sintomi di malattia, ma anche poiché inibisce la progressione radiografica e di conseguenza permette il raggiungimento della remissione clinica. Dopo il primo anno di terapia, il 62% dei pazienti trattati con la terapia di combinazione ha presentato una risposta ACR50 rispetto al 46% e 41% dei pazienti che hanno ricevuto il solo methotrexate o il solo adalimumab (p < ). Per quanto riguarda la sicurezza, nella metanalisi di Wiens e colleghi [44], adalimumab è stato messo a confronto con il placebo in relazione a reazioni avverse gravi, infezioni gravi, tumori maligni e decessi; tuttavia non si sono riscontrate differenze statisticamente significative tra i due gruppi. Inoltre, un maggior numero di soggetti in terapia con adalimumab, a confronto con quelli trattati con il placebo, hanno abbandonato lo studio a causa di reazioni S 1 8 C A P I T O L O 3

6 avverse, come ipercolesterolemia, emorragia, nausea, sindrome influenzale, rash, cefalea e reazioni nel sito di iniezione [15, 46-48]. In una precedente metanalisi [49] si era osservata una maggiore frequenza di reazioni avverse nel gruppo trattato con adalimumab rispetto al placebo e si sono confermate differenze statisticamente significative anche in termini di abbandono dallo studio a causa di eventi indesiderati. Non significative, invece, le differenze riguardanti reazioni avverse gravi, tumori maligni e decessi, a conferma di quanto mostrato nella metanalisi di Wiens e colleghi [44]. Si può concludere quindi che il profilo di sicurezza di adalimumab è analogo a quello degli altri farmaci anti-tnf: di conseguenza si segnala l aumento del rischio di infezioni, di tubercolosi e di altre infezioni opportunistiche, di episodi neurologici demielinizzanti e la possibile formazione di autoanticorpi. Non sono state inoltre segnalate gravi reazioni legate alla somministrazione e si è osservata una bassa incidenza di reazioni a livello del sito di iniezione [43]. Anakinra Anakinra è un antagonista competitivo dei recettori dell IL-1, prodotto tramite la tecnologia del DNA ricombinante utilizzando E. coli come sistema di espressione [50]. Il farmaco inibisce l attività delle interleuchine 1a e 1b, che sono considerati mediatori importanti del processo infiammatorio e della distruzione articolare, pertanto è indicato per il trattamento dei segni e dei sintomi dell AR, in associazione con methotrexate nei pazienti con risposta inadeguata alla sola monoterapia con methotrexate. La dose raccomandata è di 100 mg somministrata una volta al giorno per iniezione sottocutanea. La somministrazione deve essere effettuata ogni giorno alla stessa ora e le concentrazioni plasmatiche raggiungono il picco dopo 3-7 ore. Il primo trial valutativo su anakinra, condotto nel 1998 da Bresnihan et al., evidenziò un efficacia nel determinare una risposta ACR20 nel 43% dei pazienti con AR che avevano assunto 150 mg/die di anakinra rispetto al 27% del gruppo trattato con placebo [51]. Secondo lo studio condotto da Cohen et al., pubblicato nel 2004, l efficacia di anakinra rispetto al placebo è stata significativamente più alta, inducendo una risposta ACR20, ACR50 e ACR70 rispettivamente nel 38%, nel 17% nel 6% dei casi, rispetto al 22%, 8% e 2% nei pazienti trattati con placebo [52]. L impiego di anakinra in associazione con etanercept si è rivelato inefficace sotto il profilo clinico (per assenza di beneficio) e rischiosa in termini di sicurezza (per aumentato rischio di infezioni e di neutropenia): per tali motivi non è raccomandato l uso combinato dei due farmaci [53, 54]. Dai risultati del trial condotto da Fleishmann et al., in cui pazienti, con comorbosità e in trattamento con FANS, corticosteroidi e/o DMARDs, sono stati randomizzati a 100mg/die di anakinra o a placebo, è emerso che l incidenza di effetti indesiderati importanti è stata molto simile tra i due gruppi (7,7% e 7,8%, rispettivamente) dopo 6 mesi di follow-up. D altra parte le infezioni gravi, soprattutto polmoniti, celluliti e infezioni osteoarticolari, sono state più frequenti nel gruppo trattato con anakinra rispetto a quello trattato con placebo (2,1% contro 0,4%). Inoltre la percentuale di interruzioni del trattamento dovute alla comparsa di effetti indesiderati è stata del 13,4% nel gruppo trattato con anakinra e del 9,2% nel gruppo assegnato al placebo [55]. Anakinra è un farmaco con un discreto profilo di efficacia e sicurezza; anche se non sono stati effettuati confronti diretti con gli altri biologici, dai confronti indiretti è emerso un ridotto miglioramento dell AR nei pazienti che ne hanno fatto uso, rispetto a quelli in cura con gli altri biologici. Ulteriori studi per indagare tutti gli aspetti di sicurezza ed efficacia, anche a lungo termine e in confronto con le altre terapie, sono necessari [56]. Etanercept L Etanercept è una proteina di fusione costituita da un dimero della porzione extracellulare del recettore p75 per il TNFα associato al frammento Fc di una IgG1 umana. È somministrato per via sottocutanea, con uno schema terapeutico che prevede un unica somministrazione da 50 mg a settimana o una somministrazione di 25 mg due volte a settimana. Il trattamento anti-tnfa si é dimostrato efficace sia in monoterapia (etanercept) che in terapia di combinazione con methotrexate. È indicato per il trattamento dell AR in fase attiva, da moderata a grave, negli adulti, in combinazione con methotrexate o in monoterapia in caso di intolleranza al methotrexate o ove il methotrexate risulti inadeguato [57]. Inoltre, può essere impiegato anche in pazienti affetti da AR grave, mai trattati in precedenza con methotrexate. Altre indicazioni per questo farmaco sono: artrite idiopatica giovanile poliarticolare, artrite C A P I T O L O 3 S 1 9

7 psoriasica, spondilite anchilosante grave, psoriasi a placche. Dopo sei mesi di terapia con etanercept, il livello di risposta clinica valutato con il criterio ACR20 è risultato del 59% (rispetto all 11% del gruppo trattato con placebo) [58]. I risultati del trial condotto da Genovese et al. nel 2002 hanno dimostrato l efficacia di etanercept anche rispetto al methotrexate; infatti, dopo 24 mesi di trattamento, i pazienti che hanno raggiunto un ACR20 sono stati il 72% e il 59% nel braccio trattato rispettivamente con etanercept e methotrexate [59]. Secondo i risultati del più recente trial TEMPO, dopo 52 settimane, la percentuale di pazienti trattati con etanercept in monoterapia che ha raggiunto un ACR50 e un ACR70 è stata del 48% e 24%, rispettivamente. Tra i pazienti trattati con etanercept in combinazione con MTX, tali percentuali sono salite rispettivamente al 69% e al 43%. Di contro, il gruppo trattato solo con MTX ha raggiunto un ACR50 nel 43% dei casi e un ACR70 nel 19% [60]. Anche i risultati del più recente trial, pubblicato da Emery et al. nel 2008, sono sulla stessa linea del lavoro di van der Heijde et al. [61]. L efficacia e la tollerabilità di etanercept è stata dimostrata anche in pazienti affetti da AR poliarticolare giovanile. Il dosaggio utilizzato nel corso dei trial clinici in pazienti dai 4 ai 17 anni è stato di 0,4 mg/kg (fino ad un massimo di 25mg) due volte alla settimana [62]. Gli eventi avversi più comuni associati al trattamento con etanercept sono stati quelli del sito di iniezione (49% nei pazienti trattati con 25 mg di etanercept, 43% in quelli che lo hanno assunto alla dose di 10 mg e il 13% di quelli del gruppo di controllo (p<0.001)) [58]. Infliximab Infliximab è un anticorpo monoclonale chimerico umano-murino ricombinante che si lega alle molecole solubili o associate alla membrana cellulare di TNF-α. A seguito di tale legame si formano complessi stabili e si impedisce il successivo legame delle molecole di TNF-α ai suoi recettori; si favorisce inoltre il distacco delle molecole già legate [63]. Il farmaco può essere somministrato solo in ospedale, in un ambito specialistico reumatologico. Sono previste infusioni endovenose lente ad un dosaggio di 3 mg/kg, seguite da successive somministrazioni dello stesso dosaggio a 2 e 6 settimane dal primo trattamento. Al termine di questo primo ciclo sono indicate infusioni ogni due mesi. Intervalli tra le somministrazioni superiori alle 16 settimane non sono raccomandati a causa dell aumentato rischio di reazioni di ipersensibilità [64, 65]. Recenti studi indicano la possibilità di infusioni con durata di non meno di un ora in pazienti che hanno già ricevuto il farmaco e l hanno ben tollerato [66]. È raccomandata l associazione con methotrexate, anche se nella pratica clinica è a volte utilizzato senza methotrexate o con altri DMARD se i pazienti sono intolleranti al methotrexate [67]. Il farmaco va somministrato in ospedale, in ambito specialistico reumatologico [64, 65]. Infliximab è autorizzato anche per il trattamento di pazienti affetti da malattia di Crohn in fase attiva, di grado grave, o fistolizzante; rettocolite ulcerosa colite ulcerosa in fase attiva, di grado moderato-severo; spondilite anchilosante; artrite psoriasica attiva e progressiva in pazienti adulti e psoriasi a placche di grado da moderato a severo. Gli effetti collaterali di più frequente riscontro sono infezioni e reazioni vasomotorie durante l infusione. Sono stati riportati casi di riaccensioni di pregresse tubercolosi. La tubercolosi latente andrebbe dunque ricercata prima dell inizio della terapia e, nel caso, profilassata. L efficacia di infliximab è stata valutata in due studi clinici pilota multicentrici, randomizzati, in doppio cieco denominati ATTRACT [68] e ASPIRE [69]. In entrambi gli studi, e ai diversi dosaggi, l utilizzo di infliximab in associazione con methotrexate si è dimostrato più efficace del methotrexate in monoterapia nel ridurre i segni e sintomi della malattia. In particolare nello studio ATTRACT [68], gli studiosi hanno evidenziato un miglioramento di ACR20 nel 53, 50, 58, e 52% dei pazienti che hanno ricevuto 3 mg/kg ogni 4 o 8 settimane o 10 mg/kg ogni 4 o 8 settimane, rispettivamente, rispetto al 20 % dei pazienti trattati con il solo methotrexate (p<0,001). Infliximab è risultato essere ben tollerato: la frequenza degli eventi avversi è stata paragonabile in tutti i gruppi di trattamento [68, 69]. Rituximab Il rituximab è un anticorpo monoclonale chimerico umano-murino ottenuto con tecniche di ingegneria genetica. Esso è costituito da una immunoglobulina glicosilata con le regioni costanti IgG1 di origine umana e con le sequenze della regione variabile della catena leggera e della catena pesante di origine murina [70]. S 2 0 C A P I T O L O 3

8 Il rituximab è stato progettato in modo da legarsi all antigene CD20, che è presente sulla superficie di tutti i linfociti B. Quando aderisce all antigene si ha come risultato la morte della cellula. È attualmente usato per curare il linfoma non Hodgkin, la leucemia linfocitica cronica e l artrite reumatoide. Ai pazienti in terapia deve essere consegnata la scheda di allerta per il paziente. Un ciclo di cura consiste di due infusioni endovenose da 1000 mg. Il dosaggio raccomandato è, infatti, di 1000 mg per infusione endovenosa, seguito da una seconda infusione di 1000 mg due settimane più tardi. Durante le varie somministrazioni i pazienti devono essere monitorati per l eventuale sviluppo di sindrome da rilascio di citochine. La premedicazione con glucocorticoidi endovena può ridurre significativamente l incidenza di eventi avversi. In alcuni pazienti, dopo il primo ciclo di rituximab, si possono sviluppare anticorpi antichimerici umani (HACA) [71]. La presenza di tali anticorpi è di solito associata ad un peggioramento delle reazioni infusionali o allergiche dopo le infusioni successive. L efficacia di rituximab nell AR è stata valutata in tre studi randomizzati, controllati, in doppio cieco, multicentrici. In tutti e tre gli studi [72-74], il rituximab ha aumentato significativamente la percentuale di pazienti che ha raggiunto almeno un ACR20, rispetto al methotrexate da solo. L effetto del trattamento è stato simile tra i pazienti, indipendentemente dalla positività del fattore reumatoide, dall età, dal sesso, dalla superficie corporea, dalla razza, dal numero di precedenti trattamenti o dallo stato della malattia. Miglioramenti clinicamente e statisticamente significativi sono stati osservati anche in tutte le singole componenti della risposta ACR (conta delle articolazioni dolenti e tumefatte, valutazione globale del paziente e del medico, indice di disabilità (HAQ), valutazione del dolore e della proteina C reattiva). Nello studio REFLEX, ad esempio, i pazienti del braccio trattati con rituximab hanno avuto una riduzione statisticamente significativa di ACR20 (51%) rispetto a quelli trattati con placebo (18%). Miglioramenti statisticamente significativi anche dei ACR50 (27%) e ACR70 (12%). Inoltre nel trial REFLEX gli Autori hanno voluto anche investigare la sicurezza del trattamento di rituximab e methotrexate versus methotrexate più placebo in pazienti con AR attiva che hanno avuto un inadeguata risposta ad una precedente terapia con anti-tnf. I maggiori effetti collaterali si sono verificati durante le prime somministrazioni del farmaco. Il trattamento ha inoltre dimostrato un miglioramento statisticamente significativo della qualità di vita dei pazienti trattati [73]. Tocilizumab Tocilizumab è il primo anticorpo monoclonale umanizzato inibitore del recettore dell interleuchina-6. Impedendo all interleuchina-6 di attaccarne i recettori, il tocilizumab riduce l infiammazione e altri sintomi dell artrite reumatoide. Dunque è indicato, in associazione con MTX, per il trattamento dell AR attiva da moderata a grave in pazienti adulti che non abbiano risposto adeguatamente o siano intolleranti a precedente terapia con uno o più farmaci DMARDs o antagonisti del fattore del TNF. Può essere impiegato anche in monoterapia in caso di intolleranza a MTX o quando sia inappropriato continuare un trattamento con MTX [75]. Tutti gli aspetti relativi al farmaco tocilizumab vengono trattati per esteso nel capitolo successivo, relativo agli aspetti biotecnologici. Conclusioni Per il trattamento dell AR oggi esistono numerose opzioni terapeutiche che la ricerca e l industria farmaceutica mettono a disposizione. Da una parte vi sono i farmaci convenzionali (DMARDs, glucocorticoidi, analgesici e FANS), che sono impiegati allo scopo di mantenere sotto controllo il dolore e l infiammazione e di rallentare l evoluzione della malattia, dall altra sono disponibili nuovi farmaci biologici che agiscono su target pro-infiammatori e che, usati da soli o in combinazione con i tradizionali, hanno lo scopo di ridurre il danno articolare, la disabilità e la perdita funzionale, migliorando pertanto la qualità della vita. I farmaci biologici hanno dimostrato la capacità di indurre un buon controllo dell artrite e dell evoluzione del danno erosivo articolare in un elevato numero di malati in cui si è osservato fallimento degli altri farmaci antireumatici, anche in tempi più brevi rispetto ai farmaci tradizionali. Tuttavia questi ultimi (principalmente il Methotrexate) vengono mantenuti in associazione con i farmaci biologici per potenziarne l azione o per prevenire un calo di efficacia nel tempo. L efficacia e la sicurezza dei farmaci biologici descritti nel presente capitolo sono state indagate da Singh et al. con un approccio di revisione sistematica della letteratura e metanalisi [76]. A titolo di completezza si riportano pertanto in Tabella 3 i dati emersi dalla suddetta metanalisi. C A P I T O L O 3 S 2 1

9 IJPH - Year 8, Volume 7, Number 2, Suppl. 2, 2010 ITALIAN JOURNAL OF PUBLIC HEALTH Tabella 3. Dati di sicurezza e di efficacia dei farmaci biologici trattati. Modificata da: Singh et al.[76]. *La qualità delle evidenze è stata valutata tramite il metodo GRADE [77]. Bibliografia 1) Società Italiana di Reumatologia (SIR). Linee guida per la diagnosi precoce e la terapia dell Artrite Reumatoide, a cura del Comitato Esecutivo SIR per lo Sviluppo delle Linee Guida Disponibile online da: S22 File/LG_AR_2004_v02.pdf. [Ultimo accesso, maggio 2010]. 2) Singh R, Robinson DB, El-Gabalawy HS. Emerging Biologic Therapies in Rheumatoid Arthritis: Cell Targets and Cytokines. Curr Opin Rheumatol 2005;17(3): ) National Institute for Health and Clinical Excellence CAPITOLO 3

10 (NICE). Rheumatoid Arthritis: National clinical guideline for management and treatment in adults (aggiornate ad Aprile 2009). Disponibile online da: uk/nicemedia/live/12131/43326/43326.pdf. [Ultimo accesso, maggio 2010]. 4) Boers M. Understanding the window of opportunity concept in early rheumatoid arthritis. Arthritis Rheum 2003;48(7): ) De Leonardis F, Alivernini S, Bonacci E, et al. Italian consensus on the recommendations about the use of methotrexate for the treatment of rheumatic diseases with a focus on rheumatoid arthritis: results from the 3E initiative. Reumatismo 2010;62(1): ) Dernis E, Ruyssen-Witrand A, Mouterde G, et al. Use of glucocorticoids in rheumatoid arthritis - Pratical modalities of glucocorticoid therapy: Recommendations for clinical practice based on data from the literature and expert opinion. Joint Bone Spine 2010 May 13. [Epub ahead of print]. 7) Gorter SL, Bijlsma JW, Cutolo M, et al. Current evidence for the management of rheumatoid arthritis with glucocorticoids: a systematic literature review informing the EULAR recommendations for the management of rheumatoid arthritis. Ann Rheum Dis 2010;69(6): ) Todoerti M, Scirè CA, Boffini N, Bugatti S, Montecucco C, Caporali R. Early disease control by low-dose prednisone comedication may affect the quality of remission in patients with early rheumatoid arthritis. Ann N Y Acad Sci 2010;1193(1): ) van Vollenhoven RF. Treatment of rheumatoid arthritis: state of the art Nat Rev Rheumatol 2009;5(10): ) Lettera aperta SIR sul corretto impiego dei farmaci biologici nei pazienti con artrite reumatoide e spondiloartriti, 12 Febbraio 2009, disponibile on line su: reumatologia.it/obj/file/farmaci/lettera-aperta-corretto-usodei-biologici.pdf. [Ultimo accesso, maggio 2010]. 11) Combe B, Codreanu C, Fiocco U, et al. Etanercept and sulfasalazine, alone and combined, in patients with active rheumatoid arthritis despite receiving sulfasalazine: a doubleblind comparison. Ann Rheum Dis 2006;65(10): ) Jones G, Sebba A, Gu J, et al. Comparison of tocilizumab monotherapy versus methotrexate monotherapy in patients with moderate to severe rheumatoid arthritis: the AMBITION study. Ann Rheum Dis 2010;69(1): ) Klareskog L, Van Der HD, de Jager JP, et al. Therapeutic effect of the combination of etanercept and methotrexate compared with each treatment alone in patients with rheumatoid arthritis: double-blind randomised controlled trial. Lancet 2004;363(9410): ) Van der Heijde D, Klareskog L, Rodriguez VV, et al. Comparison of etanercept and methotrexate, alone and combined, in the treatment of rheumatoid arthritis: twoyear clinical and radiographic results from the TEMPO study, a double-blind, randomized trial. Arthritis Rheum 2006;54(4): ) Weinblatt ME, Keystone EC, Furst DE, et al. Adalimumab, a fully human anti-tumor necrosis factor alpha monoclonal antibody, for the treatment of rheumatoid arthritis in patients taking concomitant methotrexate: the ARMADA trial. Arthritis Rheum 2003;48(1): ) Van der Heijde D, Klareskog L, Singh A, et al. Patient reported outcomes in a trial of combination therapy with etanercept and methotrexate for rheumatoid arthritis: the TEMPO trial. Ann Rheum Dis 2006;65(3): ) Keystone EC, Kavanaugh AF, Sharp JT, et al. Radiographic, clinical, and functional outcomes of treatment with adalimumab (a human anti-tumor necrosis factor monoclonal antibody) in patients with active rheumatoid arthritis receiving concomitant methotrexate therapy: a randomized, placebo-controlled, 52-week trial. Arthritis Rheum 2004;50(5): ) Furst DE, Schiff MH, Fleischmann RM, et al. Adalimumab, a fully human anti tumor necrosis factor alpha monoclonal antibody, and concomitant standard antirheumatic therapy for the treatment of rheumatoid arthritis: results of STAR (Safety Trial of Adalimumab in Rheumatoid Arthritis). J Rheumatol. 2003;30(12): ) Westhovens R, Cole JC, Li T, et al. Improved health-related quality of life for rheumatoid arthritis patients treated with abatacept who have inadequate response to anti-tnf therapy in a double-blind, placebo-controlled, multicentre randomized clinical trial. Rheumatology 2006;45(10): ) Strand V, Balbir GA, Pavelka K, et al. Sustained benefit in rheumatoid arthritis following one course of rituximab: improvements in physical function over 2 years. Rheumatology 2006;45(12): ) Emery P, Kosinski M, Li T, et al. Treatment of rheumatoid arthritis patients with abatacept and methotrexate significantly improved health-related quality of life. J Rheumatol 2006;33(4): ) Klareskog L, Gaubitz M, Rodriguez VV, et al. A longterm, open-label trial of the safety and efficacy of etanercept (Enbrel) in patients with rheumatoid arthritis not treated with other disease-modifying antirheumatic drugs. Ann Rheum Dis 2006;65(12): ) Hochberg MC, Chang RW, Dwosh I, et al. The American College of Rheumatology 1991 revised criteria for the classification of global function status in rheumatoid arthritis. Arthritis Rheum 1992;35: ) Shanahan JC, Moreland LW, Carter RH. Upcoming biologic agents for the treatment of rheumatic diseases. Curr Opin Rheumatol 2003;15(3): ) Ariza-Ariza R, Navarro-Sarabia F, Hernández-Cruz B, Rodríguez-Arboleya L, Navarro-Compán V, Toyos J. Dose escalation of the anti-tnf-alpha agents in patients with rheumatoid arthritis. A systematic review. Rheumatology 2007;46(3): ) Finckh A, Simard JF, Gabay C, Guerne PA. Evidence for differential acquired drug resistance to anti-tumour necrosis factor agents in rheumatoid arthritis. Ann Rheum Dis 2006;65(6): ) Mancarella L, Bobbio-Pallavicini F, Ceccarelli F, et al. Good clinical response, remission, and predictors of remission in rheumatoid arthritis patients treated with tumor necrosis factor-alpha blockers: the GISEA study. J Rheumatol 2007;34(8): ) Abatacept (Orencia ) - EMEA Scientific Discussion Disponibile online da: humandocs/pdfs/epar/orencia/h-701-en6.pdf. [Ultimo accesso, maggio 2010]. 29) Unità di Valutazione dell Efficacia del Farmaco (UVEF), Verona. ABATACEPT, Disponibile online da: farm=212. [Ultimo accesso, maggio 2010]. 30) Kremer JM, Genant HK, Moreland LW, et al. Effects of abatacept in patients with methotrexate-resistant Ann Intern Med 2006;144: ) Kremer JM, Genant HK, Moreland LW, et al. Results of a two-year follow-up study of patients with rheumatoid arthritis who received a combination of abatacept and methotrexate. Arthritis Rheum 2008;58: ) Genant HK, Peterfy CG, Westhovens R, et al. Abatacept inhibits structural damage progression in rheumatoid arthritis: results from the long-term extension of the AIM trial. Ann Rheum Dis 2008;67(8): ) Schiff M, Keiserman M, Codding C, et al. Efficacy and safety of abatacept or infliximab vs placebo in ATTEST: a phase III, multi-centre, randomised, double-blind, placebo-controlled study in patients with rheumatoid arthritis and an inadequate response to methotrexate. Ann Rheum Dis 2008;67: ) Genovese MC, Becker JC, Schiff M, et al. Abatacept for rheumatoid arthritis refractory to tumor necrosis factor alpha C A P I T O L O 3 S 2 3

11 inhibition. N Engl J Med 2005;353: ) Kremer JM, Westhovens R, Leon M, et al. Treatment of rheumatoid arthritis by selective inhibition of T-cell activation with fusion protein CTLA4Ig. N Engl J Med 2003;349: ) Kremer JM, Dougados M, Emery P, et al. Treatment of rheumatoid arthritis with the selective costimulation modulator abatacept: twelve-month results of a phase iib, double-blind, randomized, placebo-controlled trial. Arthritis Rheum 2005;52: ) Genovese MC, Schiff M, Luggen M, et al. Efficacy and safety of the selective co-stimulation modulator abatacept following 2 years of treatment in patients with rheumatoid arthritis and an inadequate response to anti-tnf therapy. Ann Rheum Dis 2008;67: ) Russell AS, Wallenstein GV, Li T, et al. Abatacept improves both the physical and mental health of patients with rheumatoid arthritis who have inadequate response to methotrexate treatment. Ann Rheum Dis 2007;66: ) Weinblatt M, Combe B, Covucci A, et al. Safety of the selective costimulation modulator abatacept in rheumatoid arthritis patients receiving background biologic and nonbiologic disease-modifying antirheumatic drugs: A oneyear randomized, placebo-controlled study. Arthritis Rheum 2006;54(9): ) Sibilia J, Westhovens R. Safety of T-cell co-stimulation modulation with abatacept in patients with rheumatoid arthritis. Clin Exp Rheumatol 2007;25(suppl 46):S46-S56. 41) Buch MH, Vital EM, Emery P. Abatacept in the treatment of rheumatoid arthritis. Arthritis Res Ther 2008;10(Suppl 1):S5. 42) Weinblatt M, Schiff M, Goldman A, et al. Selective costimulation modulation using abatacept in patients with active rheumatoid arthritis while receiving etanercept: a randomised clinical trial. Ann Rheum Dis 2007;66: ) Adalimumab (Humira ) - EMEA Scientific Discussion Disponibile online da: humandocs/pdfs/epar/humira/400803en6.pdf. [Ultimo accesso, maggio 2010]. 44) Wiens A, Venson R, Correr CJ, et al. Meta-analysis of the efficacy and safety of adalimumab, etanercept, and infliximab for the treatment of rheumatoid arthritis. Pharmacotherapy 2010;30(4): ) Breedveld FC, Weisman MH, Kavanaugh AF, et al. The PREMIER study: A multicenter, randomized, double-blind clinical trial of combination therapy with adalimumab plus methotrexate versus methotrexate alone or adalimumab alone in patients with early, aggressive rheumatoid arthritis who had not had previous methotrexate treatment. Arthritis Rheum 2006;54(1): ) Goekoop-Ruiterman YP, de Vries-Bouwstra JK, Allaart CF, et al. Clinical and radiographic outcomes of four different treatment strategies in patients with early rheumatoid arthritis (the BeSt study): a randomized, controlled trial. Arthritis Rheum 2008;58:S ) van de Putte LB, Rau R, Breedveld FC, et al. Efficacy and safety of the fully human anti tumour necrosis factormonoclonal antibody adalimumab (D2E7) in DMARD refractory patients with rheumatoid arthritis: a 12 week, phase II study. Ann Rheum Dis 2003;62: ) Dixon WG, Watson K, Lunt M, et al. Rates of serious infection, including site-specific and bacterial intracellular infection, in rheumatoid arthritis patients receiving anti tumor necrosis factor therapy: results from the British Society for Rheumatology biologics register. Arthritis Rheum 2006;54: ) Alonso-Ruiz A, Pijoan JI, Ansuategui E, et al. Tumor necrosis factor-alpha drugs in rheumatoid arthritis: systematic review and meta-analysis of efficacy and safety. BMC Musculoskelet Disord 2008;9:52. 50) Anakinra (Kirenet ), EMEA - riassunto caratteristiche tecniche del prodotto Disponibile on line da: [Ultimo accesso, maggio 2010]. 51) Bresnihan B, Alvaro-Gracia JM, Cobby M, et al. Treatment of rheumatoid arthritis with recombinant human interleukin-1 receptor antagonist. Arthritis Rheum 1998;41: ) Cohen SB, Moreland LW, Cush JJ, et al. A multicentre, double blind, randomised, placebo controlled trial of anakinra (Kineret), a recombinant interleukin 1 receptor antagonist, in patients with rheumatoid arthritis treated with background methotrexate. Ann Rheum Dis 2004;63(9): ) Schiff M, Bulpitt K, Weaver A, Kazazi F, Joh T, Newmark R. Safety of combination therapy with Kineret (anakinra) and etanercept in patients with rheumatoid arthritis. Ann Rheum Dis 2002;61(Suppl. 1): ) Genovese MC, Cohen S, Moreland L, et al. Combination therapy with etanercept and anakinra in the treatment of patients with rheumatoid arthritis who have been treated unsuccessfully with methotrexate. Arthritis Rheum 2004;50(5): ) Fleischmann RM, Schechtman J, Bennett R, et al. Anakinra, a recombinant human interleukin-1 receptor antagonist (r-methuil-1ra), in patients with rheumatoid arthritis: a large, international, multicenter, placebo-controlled trial. Arthritis Rheum 2003;48: ) Mertens M, Singh JA. Anakinra for rheumatoid arthritis. Cochrane Database Syst Rev 2009;1:CD ) Etanercept (Enbrel ) - EMEA Scientific Discussion Disponibile online da: humandocs/pdfs/epar/enbrel/014600en6.pdf. [Ultimo accesso, maggio 2010]. 58) Moreland LW, Schiff MH, Baumgartner SW, et al. Etanercept therapy in rheumatoid arthritis. A randomized, controlled trial. Ann Intern Med 1999;130(6): ) Genovese MC, Bathon JM, Martin RW, et al. Etanercept versus methotrexate in patients with early rheumatoid arthritis: two-year radiographic and clinical outcomes. Arthritis Rheum 2002;46(6): ) van der Heijde D, Klareskog L, Singh A, et al. Patient reported outcomes in a trial of combination therapy with etanercept and methotrexate for rheumatoid arthritis: the TEMPO trial. Ann Rheum Dis 2006;65(3): ) Emery P, Breedveld FC, Hall S, et al. Comparison of methotrexate monotherapy with a combination of methotrexate and etanercept in active, early, moderate to severe rheumatoid arthritis (COMET): a randomised, doubleblind, parallel treatment trial. Lancet 2008;372: ) Lovell DJ, Giannini EH, Reiff A, et al. Etanercept in children with polyarticular juvenile rheumatoid arthritis. Pediatric Rheumatology Collaborative Study Group. N Engl J Med 2000;342(11): ) Infliximab (Remicade ) - EMEA- Riassunto caratteristiche tecniche del prodotto Disponibile online da: Remicade/190199it1.pdf. [Ultimo accesso, maggio 2010]. 64) Griffiths I, Silman A, Symmons D, Scott DGI. BSR Biologics Registry. Rheumatology 2004;43: ) Buch MH, Marzo-Ortega H, Bingham SJ, Emery P. Longterm treatment of rheumatoid arthritis with tumour necrosis factor a blockade: outcome of ceasing and restarting biological. Rheumatology 2004;43: ) Buch MH, Linsay S, Bryer D, Fairclough A, Rees-Evans B, Emery P. Incidence of infusion related reactions in patients receiving infliximab: recommendations for administration guidelines. Ann Rheum Dis 2004;63(Suppl): ) Watson K, Hyrich KL, Lunt M, Silman A, Symmons D. Infliximab and non-methotrexate DMARDs for rheumatoid arthritis: efficacy in clinical practice. Arthritis Rheum 2004;50(Suppl):S ) Maini R, St Clair EW, Breedveld F, et al. Infliximab (chimeric anti-tumour necrosis factor alpha monoclonal antibody) versus placebo in rheumatoid arthritis patients receiving concomitant methotrexate: a randomised phase III S 2 4 C A P I T O L O 3

12 trial. ATTRACT Study Group. Lancet 1999;354(9194): ) Smolen JS, Van Der Heijde DM, St Clair EW, et al. Active- Controlled Study of Patients Receiving Infliximab for the Treatment of Rheumatoid Arthritis of Early Onset (ASPIRE) Study Group. Predictors of joint damage in patients with early rheumatoid arthritis treated with high-dose methotrexate with or without concomitant infliximab: results from the ASPIRE trial. Arthritis Rheum 2006;54(3): ) Rituximab (Mabthera ) - EMEA- Riassunto caratteristiche tecniche del prodotto Disponibile online da: emea-combined-h165it.pdf. [Ultimo accesso, maggio 2010]. 71) Albert D, Dunham J, Khan S, et al. Variability in the biological response to anti-cd20 B cell depletion in systemic lupus erythaematosus. Ann Rheum Dis 2008;67(12): ) Edwards JC, Szczepanski L, Szechinski J, et al. Efficacy of B-cell-targeted therapy with rituximab in patients with rheumatoid arthritis. N Engl J Med 2004;350(25): ) Cohen SB, Emery P, Greenwald MW, et al. Rituximab for rheumatoid arthritis refractory to anti-tumor necrosis factor therapy: Results of a multicenter, randomized, doubleblind, placebo-controlled, phase III trial evaluating primary efficacy and safety at twenty-four weeks. Arthritis Rheum 2006;54(9): ) Emery P, Fleischmann R, Filipowicz-Sosnowska A, et al. The efficacy and safety of rituximab in patients with active rheumatoid arthritis despite methotrexate treatment: results of a phase IIB randomized, double-blind, placebo-controlled, dose-ranging trial. Arthritis Rheu. 2006;54(5): ) Tocilizumab (RoActemra ) - EMEA- Riassunto caratteristiche tecniche del prodotto Disponibile online da: EPAR/RoActemra/H-955-it1.pdf. [Ultimo accesso, maggio 2010]. 76) Singh JA, Christensen R, Wells GA, et al. A network meta-analysis of randomized controlled trials of biologics for rheumatoid arthritis: a Cochrane overview. CMAJ 2009;181(11): ) Atkins D, Best D, Briss PA, et al. Grading quality of evidence and strength of recommendations. BMJ 2004;328:1490. C A P I T O L O 3 S 2 5

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS)

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Che cos é? Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) La sindrome di Blau è una malattia genetica. I pazienti affetti presentano rash

Dettagli

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono?

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono? STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? Si definisce sperimentazione clinica, o studio clinico controllato, (in inglese: clinical trial), un esperimento scientifico che genera dati

Dettagli

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD)

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Che cos è? Il deficit di mevalonato chinasi è una malattia genetica. E un errore congenito

Dettagli

La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno

La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno Metodo epidemiologici per la clinica _efficacia / 1 La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno La buona ricerca clinica Non è etico ciò che non è rilevante scientificamente Non è

Dettagli

Nuove terapie nelle malattie bullose autoimmuni

Nuove terapie nelle malattie bullose autoimmuni Nuove terapie nelle malattie bullose autoimmuni Federica Morelli, Specialista in Dermatologia e Venereologia, Pescara Claudio Feliciani, Professore associato in Dermatologia e Venereologia, Policlinico

Dettagli

DIAGNOSTICA DI LABORATORIO NELL ARTRITE REUMATOIDE

DIAGNOSTICA DI LABORATORIO NELL ARTRITE REUMATOIDE DIAGNOSTICA DI LABORATORIO NELL ARTRITE REUMATOIDE Dr.ssa ANNALISA BIANO ASL 2 SAVONESE S.S.D. LABORATORIO DI PATOLOGIA CLINICA P.O. CAIRO MONTENOTTE GRUPPO LIGURE di AUTOIMMUNITA ARTRITE REUMATOIDE: PROBLEMATICHE

Dettagli

I linfomi non-hodgkin

I linfomi non-hodgkin LINFOMA NON HODGKIN I linfomi non-hodgkin (LNH) sono un eterogeneo gruppo di malattie neoplastiche che tendono a riprodurre le caratteristiche morfologiche e immunofenotipiche di una o più tappe dei processi

Dettagli

DOMANDE E RISPOSTE 1. Che cos è un vaccino? 2. Che cosa si intende con i termini immunità, risposta immune e risposta immunitaria?

DOMANDE E RISPOSTE 1. Che cos è un vaccino? 2. Che cosa si intende con i termini immunità, risposta immune e risposta immunitaria? DOMANDE E RISPOSTE 1. Che cos è un vaccino? Un vaccino è un prodotto la cui somministrazione è in grado di indurre una risposta immunitaria specifica contro un determinato microrganismo (virus, batterio

Dettagli

Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia

Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia Introduzione I percorsi di Arte Terapia e Pet Therapy, trattati ampiamente negli altri contributi, sono stati oggetto di monitoraggio clinico, allo

Dettagli

ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC)

ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC) OSPEDALE FATEBENEFRATELLI E OFTALMICO Azienda Ospedaliera di rilievo nazionale M I L A N O S.C. RADIOLOGIA Direttore Dott. G. Oliva ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC) ESAMI DA ESEGUIRE (VALIDITA'

Dettagli

Citochine dell immunità specifica

Citochine dell immunità specifica Citochine dell immunità specifica Proprietà biologiche delle citochine Sono proteine prodotte e secrete dalle cellule in risposta agli antigeni Attivano le risposte difensive: - infiammazione (immunità

Dettagli

Terapia a lungo termine con i bisfosfonati

Terapia a lungo termine con i bisfosfonati Raffaella Michieli 1, Antonella Toselli 2 1 Responsabile Area Salute Donna SIMG; 2 Area Osteomioarticolare SIMG Focus on Terapia a lungo termine con i bisfosfonati L osteoporosi è un difetto sistemico

Dettagli

Un aiuto per prendere decisioni più informate 1-5

Un aiuto per prendere decisioni più informate 1-5 Un aiuto per prendere decisioni più informate 1-5 L'unico test che fornisce una valutazione accurata dell aggressività del cancro alla prostata Un prodotto di medicina prognostica per il cancro della prostata.

Dettagli

La Terapia Farmacologica delle Malattie Infiammatorie Immuno-Mediate: dai Trattamenti Convenzionali ai Farmaci Biotecnologici

La Terapia Farmacologica delle Malattie Infiammatorie Immuno-Mediate: dai Trattamenti Convenzionali ai Farmaci Biotecnologici La Terapia Farmacologica delle Malattie Infiammatorie Immuno-Mediate: Presidenti Corrado Blandizzi Università di Pisa Pier Luigi Canonico Università del Piemonte Orientale BOLOGNA ROYAL HOTEL CARLTON 5-6-7

Dettagli

Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore ARTRITI DA

Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore ARTRITI DA Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore LA GOTTA ED ALTRE ARTRITI DA CRISTALLI REGGIO EMILIA,, APRILE 2007 La Gotta ed altre Artriti da Cristalli

Dettagli

Monossido d azoto NO (Nitric Oxide) Messaggero del segnale cellulare. Molecola regolatoria nel sistema nervoso centrale e periferico

Monossido d azoto NO (Nitric Oxide) Messaggero del segnale cellulare. Molecola regolatoria nel sistema nervoso centrale e periferico Monossido d azoto NO (Nitric Oxide) Ruolo biologico: Messaggero del segnale cellulare Molecola regolatoria nel sistema cardiovascolare Molecola regolatoria nel sistema nervoso centrale e periferico Componente

Dettagli

Le linee guida evidence based

Le linee guida evidence based Le linee guida evidence based Linee guida: definizione Raccomandazioni di comportamento clinico, prodotte attraverso un processo sistematico, allo scopo di assistere medici e pazienti nel decidere quali

Dettagli

Come scrivere un case report - Linee guida per gli internisti FADOI 2014

Come scrivere un case report - Linee guida per gli internisti FADOI 2014 Come scrivere un case report - Linee guida per gli internisti Un case report è una dettagliata narrazione di sintomi, segni, diagnosi, trattamento e follow up di uno o più pazienti. Sebbene nell era della

Dettagli

Hotel Cascina Scova Cityspa, Via Vallone, 18-27100 Pavia - 9 maggio 2015

Hotel Cascina Scova Cityspa, Via Vallone, 18-27100 Pavia - 9 maggio 2015 Ble Consulting srl id. 363 BISFOSFONATI E VITAMINA D: RAZIONALI D'USO - 119072 Hotel Cascina Scova Cityspa, Via Vallone, 18-27100 Pavia - 9 maggio 2015 Dr. Gandolini Giorgio Medici chirurghi 8,8 crediti

Dettagli

Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation. Sindrome di Behçet

Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation. Sindrome di Behçet Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Sindrome di Behçet Che cos è? La sindrome di Behçet (BS), o malattia di Behçet, è una vasculite sistemica (infiammazione dei vasi sanguigni) la

Dettagli

DA PORTO A., NANINO E., DEL TORRE M., SECHI L.A., CAVARAPE A. CLINICA MEDICA - Azienda Ospedaliero-Universitaria S.Maria Misericordia di Udine

DA PORTO A., NANINO E., DEL TORRE M., SECHI L.A., CAVARAPE A. CLINICA MEDICA - Azienda Ospedaliero-Universitaria S.Maria Misericordia di Udine DA PORTO A., NANINO E., DEL TORRE M., SECHI L.A., CAVARAPE A. CLINICA MEDICA - Azienda Ospedaliero-Universitaria S.Maria Misericordia di Udine VITAMINA D: SINTESI, METABOLISMO E CARENZA Il 40-50% della

Dettagli

banca dati stringa di ricerca risultati trovati risultati utili referenze Cochrane vitamin K 21 1 Prophylactic vitamin

banca dati stringa di ricerca risultati trovati risultati utili referenze Cochrane vitamin K 21 1 Prophylactic vitamin EVIDENCE REPORT: PROFILASSI CON VITAMINA K NEI NEONATI PER LA PREVENZIONE DELLA MALATTIA EMORRAGICA (a cura di Baiesi Pillastrini Francesca, Battistini Silvia, Parma Dila ) banca dati stringa di ricerca

Dettagli

Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo

Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo La dieta, il microbiota intestinale e la salute digestiva sono intrecciati fra loro. Questi legami e il potenziale benefico dei probiotici

Dettagli

SINOSSI PROTOCOLLO STUDIO OSSERVAZIONALE

SINOSSI PROTOCOLLO STUDIO OSSERVAZIONALE SINOSSI PROTOCOLLO STUDIO OSSERVAZIONALE Studio prospettico, non interventistico, di coorte, sul rischio di tromboembolismo venoso (TEV) in pazienti sottoposti a un nuovo trattamento chemioterapico per

Dettagli

AGREE nella valutazione della qualità delle LG per la diagnosi e terapia delle cefalee in età pediatrica

AGREE nella valutazione della qualità delle LG per la diagnosi e terapia delle cefalee in età pediatrica AGREE nella valutazione della qualità delle LG per la diagnosi e terapia delle cefalee in età pediatrica Pasquale Parisi, MD PhD et. al. Outpatience Service of Paediatric Neurology Child Neurology, Chair

Dettagli

BORTEZOMIB (Velcade)

BORTEZOMIB (Velcade) BORTEZOMIB (Velcade) POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI Le informazioni contenute in questo modello sono fornite in collaborazione con la Associazione Italiana Malati di Cancro, parenti ed amici ; per maggiori

Dettagli

Deceduti Regione LOMBARDIA

Deceduti Regione LOMBARDIA Tumore della vescica Di maggior rilievo nei maschi (più di 3/4 dei casi), presenta variazioni geografiche di entità modestissima, minori di ogni altro tipo di carcinoma. Il 9-95% circa è costituito da

Dettagli

spondilite anchilosante, artrite psoriasica e altre spondiloartriti: domande e risposte

spondilite anchilosante, artrite psoriasica e altre spondiloartriti: domande e risposte Unità Operativa Complessa di Reumatologia Ospedale S. Chiara, Trento Quaderni ATMAR 6 spondilite anchilosante, artrite psoriasica e altre spondiloartriti: domande e risposte In collaborazione con l Unità

Dettagli

IO NE PARLO. DIARIO DELLA TERAPIA per annotare i farmaci e i progressi

IO NE PARLO. DIARIO DELLA TERAPIA per annotare i farmaci e i progressi AR IO NE PARLO DIARIO DELLA TERAPIA per annotare i farmaci e i progressi Ti aiuta a tenere sotto controllo la tua artrite reumatoide e a trarre il massimo beneficio dalla terapia Visita www.arioneparlo.it

Dettagli

GLI INDICATORI COME STRUMENTO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITA ASSISTENZIALE

GLI INDICATORI COME STRUMENTO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITA ASSISTENZIALE GLI INDICATORI COME STRUMENTO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITA ASSISTENZIALE D r. C a r l o D e s c o v i c h U.O.C. Governo Clinico Staff Direzione Aziendale AUSL Bologna Bologna 26 Maggio 2010 INDICATORE

Dettagli

Edema maculare diabetico e trattamento laser

Edema maculare diabetico e trattamento laser Edema maculare diabetico e trattamento laser Diabetic macular edema and laser treatment Del Re A, Frattolillo A Centro Oculistico Del Re - Salerno Dr. Annibale Del Re e Dr. A. Frattolillo 18 RIASSUNTO

Dettagli

Bilancia emostatica. Ipercoagulabilità. Ipocoagulabilità. Normale. Trombosi. Emorragie

Bilancia emostatica. Ipercoagulabilità. Ipocoagulabilità. Normale. Trombosi. Emorragie Coagulazione 1 Bilancia emostatica Ipercoagulabilità Ipocoagulabilità Normale Trombosi Emorragie 2 emostasi primaria emostasi secondaria Fattori coinvolti nell emostasi Vasi + endotelio Proteine della

Dettagli

INFLUENZA. Che cos è

INFLUENZA. Che cos è INFLUENZA Che cos è L influenza è una malattia infettiva provocata da virus del genere Othomixovirus che colpiscono le vie aeree come naso, gola e polmoni. I soggetti colpiti nel nostro Paese vanno dai

Dettagli

Oncologici: Iniziative e sostenibilità della Regione. Valeria Fadda Unità di HTA di ESTAV centro, Regione Toscana

Oncologici: Iniziative e sostenibilità della Regione. Valeria Fadda Unità di HTA di ESTAV centro, Regione Toscana Oncologici: Iniziative e sostenibilità della Regione Valeria Fadda Unità di HTA di ESTAV centro, Regione Toscana 2.760.000.000 Euro 14.4% della spesa farmaceutica 32.8% della spesa farmaceutica ospedaliera

Dettagli

Come, reumatismo infantile? Ma esiste?

Come, reumatismo infantile? Ma esiste? Come, reumatismo infantile? Ma esiste? Dr. med. Traudel Saurenmann, Ospedale pediatrico di Zurigo Quando racconto a qualcuno che mi occupo di reumatologia infantile, spesso la reazione si tratti di un

Dettagli

Straumann Emdogain PRIMA CHE SIA TROPPO TARDI

Straumann Emdogain PRIMA CHE SIA TROPPO TARDI Straumann Emdogain PRIMA CHE SIA TROPPO TARDI CONSERVAZIONE DEL DENTE CON STRAUMANN EMDOGAIN Dal 5 al 15 % della popolazione soffre di gravi forme di parodontite, che possono portare alla caduta dei

Dettagli

RENATO TOZZOLI, GRAZIANO KODERMAZ SERVIZIO DI MEDICINA DI LABORATORIO OSPEDALE CIVILE, LATISANA (UD) SPOLETO, 08 MAGGIO 2009

RENATO TOZZOLI, GRAZIANO KODERMAZ SERVIZIO DI MEDICINA DI LABORATORIO OSPEDALE CIVILE, LATISANA (UD) SPOLETO, 08 MAGGIO 2009 RENATO TOZZOLI, GRAZIANO KODERMAZ SERVIZIO DI MEDICINA DI LABORATORIO OSPEDALE CIVILE, LATISANA (UD) SPOLETO, 08 MAGGIO 2009 Cisteina di 3 gruppo (176) Unità ripetute ricche di leucina Cisteine di 2 gruppo

Dettagli

PROGETTO Ambulatorio Ma.Re.A. (Malattia Renale Avanzata) Elaborato da: Delalio Alessia Guzza Lucia Resinelli Vilma Sandrini Massimo

PROGETTO Ambulatorio Ma.Re.A. (Malattia Renale Avanzata) Elaborato da: Delalio Alessia Guzza Lucia Resinelli Vilma Sandrini Massimo PROGETTO Ambulatorio Ma.Re.A. (Malattia Renale Avanzata) Elaborato da: Delalio Alessia Guzza Lucia Resinelli Vilma Sandrini Massimo Malattia Renale Cronica Stadiazione Stadio Descrizione VFG (ml/min/1.73

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome MONTU DOMENICO Data di nascita 26-03-1956 Amministrazione ASL CN1 Incarico attuale DIRETTORE SISP AMBITO FOSSANO-SALUZZO SAVIGLIANO Numero telefonico ufficio

Dettagli

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza Con la vaccinazione l influenza si allontana La prevenzione dell influenza La vaccinazione antinfluenzale è il mezzo più efficace di protezione dalla malattia e di riduzione delle sue complicanze per le

Dettagli

Informazioni dal Servizio Farmaceutico Territoriale

Informazioni dal Servizio Farmaceutico Territoriale Informazioni dal Servizio Farmaceutico Territoriale Periodico di informazione per Medici & Farmacisti Anno XIII, N 2 Aprile 2013 A cura del DIP IP.. INTERAZIENDALEI ASSISTENZA FARMACEUTICA Via Berchet,

Dettagli

La ricerca di nuovi farmaci e mirata alla malattie più diffuse

La ricerca di nuovi farmaci e mirata alla malattie più diffuse La ricerca di nuovi farmaci e mirata alla malattie più diffuse Due ingredienti affinchè si inizi la ricerca: 1. Il bigogno terapeutico 2. Il numero dei pazienti o popolazione Quando la malattia è rara

Dettagli

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI Che cos è la depressione? Tutti noi ci possiamo sentire tristi a volte, tuttavia la depressione è una cosa seria. La malattia della depressione a volte denominata Depressione

Dettagli

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE SI PARTE DALLA VITAMINA D Relatore dr Donata Soppelsa Medico di medicina generale Associato alla Società Italiana di Nutriceutica Quali domande? E sufficiente l integrazione

Dettagli

NE e Disfagia:Terapia farmacologica per os, come fare?

NE e Disfagia:Terapia farmacologica per os, come fare? NE e Disfagia:Terapia farmacologica per os, come fare? Marica Carughi Servizio Farmaceutico Nutrizionale A.O Sant Anna Como Milano, 21 maggio 2014 WHAT EVIDENCE SAYS? LINEE GUIDA: SI Making the best

Dettagli

FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE. Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata

FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE. Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata Cari pazienti! Vi sentite spesso fiacchi, stanchi, esauriti o giù di morale? Soffrite facilmente il freddo?

Dettagli

Catene Leggere Libere nel Siero

Catene Leggere Libere nel Siero Conoscere e capire il dosaggio delle Catene Leggere Libere nel Siero International Myeloma Foundation 12650 Riverside Drive, Suite 206 North Hollywood, CA 91607 USA Telephone: 800-452-CURE (2873) (USA

Dettagli

I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO. Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011

I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO. Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011 I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011 FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO Proteine: 1-1,2 g/kg/die; Calorie: 20-30/kg/die Es.: anziano di 60 kg 60-72 g di proteine; 1200-1800

Dettagli

VADEMECUM PER MISURA DELLA VITAMINA D (25-idrossivitamina D e 1,25-diidrossivitamina D)

VADEMECUM PER MISURA DELLA VITAMINA D (25-idrossivitamina D e 1,25-diidrossivitamina D) DAI Diagnostica di Laboratorio - Laboratorio Generale - Direttore Dr. Gianni Messeri Gentile Collega, negli ultimi anni abbiamo assistito ad un incremento delle richieste di dosaggio di vitamina D (25-

Dettagli

INFORMAZIONE E CONSENSO ALLA FLUORANGIOGRAFIA ED ALL ANGIOGRAFIA AL VERDE INDOCIANINA

INFORMAZIONE E CONSENSO ALLA FLUORANGIOGRAFIA ED ALL ANGIOGRAFIA AL VERDE INDOCIANINA INFORMAZIONE E CONSENSO ALLA FLUORANGIOGRAFIA ED ALL ANGIOGRAFIA AL VERDE INDOCIANINA FOGLIO INFORMATIVO PER IL PAZIENTE L angiografia retinica serve a studiare le malattie della retina; localizzare la

Dettagli

4. Quali possono essere le complicazioni dell influenza e quali sono le persone a rischio?

4. Quali possono essere le complicazioni dell influenza e quali sono le persone a rischio? Dipartimento federale dell'interno DFI Ufficio federale della sanità pubblica UFSP Malattie trasmissibili Stato al 05.10.2010 FAQ Influenza stagionale 1. Cos è l influenza? 2. Come si trasmette l influenza?

Dettagli

Corretto utilizzo delle soluzioni concentrate di Potassio cloruro. ed altre soluzioni contenenti Potassio

Corretto utilizzo delle soluzioni concentrate di Potassio cloruro. ed altre soluzioni contenenti Potassio cloruro cloruro Data Revisione Redazione Approvazione Autorizzazione N archiviazione 00/00/2010 e Risk management Produzione Qualità e Risk management Direttore Sanitario 1 cloruro INDICE: 1. Premessa

Dettagli

CHECKLIST PER LA VALUTAZIONE DELLA QUALITA DI LINEE-GUIDA PER LA PRATICA CLINICA. AGREE Collaboration

CHECKLIST PER LA VALUTAZIONE DELLA QUALITA DI LINEE-GUIDA PER LA PRATICA CLINICA. AGREE Collaboration APPRAISAL OF GUIDELINES for RESEARCH & EVALUATION (AGREE) CHECKLIST PER LA VALUTAZIONE DELLA QUALITA DI LINEE-GUIDA PER LA PRATICA CLINICA AGREE Collaboration Settembre 2001 Versione italiana Tradotta

Dettagli

2. Cos è una buona pratica

2. Cos è una buona pratica 2. Cos è una buona pratica Molteplici e differenti sono le accezioni di buona pratica che è possibile ritrovare in letteratura o ricavare da esperienze di osservatori nazionali e internazionali. L eterogeneità

Dettagli

Impiego clinico della vitamina D e dei suoi metaboliti ABSTRACT. 26 Gennaio 2013, Roma Università di Roma Sapienza

Impiego clinico della vitamina D e dei suoi metaboliti ABSTRACT. 26 Gennaio 2013, Roma Università di Roma Sapienza CORSO DI AGGIORNAMENTO E.C.M. Impiego clinico della vitamina D ABSTRACT 26 Gennaio 2013, Roma Università di Roma Sapienza CORSO DI AGGIORNAMENTO E.C.M. Roma 26/01/2013 Confronto tra 25(OH) -calcifediolo

Dettagli

Date da 10/2003 a 01/2004 Lavoro o posizione ricoperti Dirigente medico ex I livello, a tempo determinato, Disciplina di Medicina Interna

Date da 10/2003 a 01/2004 Lavoro o posizione ricoperti Dirigente medico ex I livello, a tempo determinato, Disciplina di Medicina Interna Principali attività e medico presso la Medicina e Chirurgia di Accettazione ed Urgenza (MCAU) del Pronto Soccorso Generale P.O. Garibaldi Centro. Attività svolta presso gli ambulatori di Medicina del Pronto

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI VERONA DIPARTIMENTO DI MEDICINA DOTTORATO DI RICERCA IN SCIENZE MEDICHE CLINICHE E SPERIMENTALI CICLO XXII TESI DI DOTTORATO

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI VERONA DIPARTIMENTO DI MEDICINA DOTTORATO DI RICERCA IN SCIENZE MEDICHE CLINICHE E SPERIMENTALI CICLO XXII TESI DI DOTTORATO UNIVERSITA DEGLI STUDI DI VERONA DIPARTIMENTO DI MEDICINA DOTTORATO DI RICERCA IN SCIENZE MEDICHE CLINICHE E SPERIMENTALI CICLO XXII TESI DI DOTTORATO VITAMINA D E ARTRITE REUMATOIDE (S.S.D. Medicina 16/Reumatologia)

Dettagli

Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale)

Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale) Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale) 1. Definisco l obiettivo e la relazione epidemiologica che voglio studiare 2. Definisco la base dello studio in modo che vi sia massimo contrasto

Dettagli

ANESTESIA NEUROASSIALE, ANTICOAGULANTI ED ANTIAGGREGANTI

ANESTESIA NEUROASSIALE, ANTICOAGULANTI ED ANTIAGGREGANTI Unità Operativa di Anestesia e Rianimazione Direttore Dr. Agostino Dossena Crema, lì 06/03/2013 ANESTESIA NEUROASSIALE, ANTICOAGULANTI ED ANTIAGGREGANTI Il presente documento contiene le indicazioni principali

Dettagli

1. Manifestano la loro azione negativa solo in età adulta avanzata

1. Manifestano la loro azione negativa solo in età adulta avanzata Perché invecchiamo? La selezione naturale opera in maniera da consentire agli organismi con i migliori assetti genotipici di tramandare i propri geni alla prole attraverso la riproduzione. Come si intuisce

Dettagli

I TUMORI COLORETTALI GIOVANILI ( 40 ANNI) IN 25 ANNI DI UN REGISTRO SPECIALIZZATO

I TUMORI COLORETTALI GIOVANILI ( 40 ANNI) IN 25 ANNI DI UN REGISTRO SPECIALIZZATO Università degli studi di Modena e Reggio Emilia I TUMORI COLORETTALI GIOVANILI ( 40 ANNI) IN 25 ANNI DI UN REGISTRO SPECIALIZZATO Domati F., Maffei S., Kaleci S., Di Gregorio C., Pedroni M., Roncucci

Dettagli

La profilassi con vitamina K: un approccio basato sull evidenza

La profilassi con vitamina K: un approccio basato sull evidenza La profilassi con vitamina K: un approccio basato sull evidenza Fiammengo P., Coscia A., De Donno V., Tulisso S., Maula S., Bianco M., Dall Aglio M., Farinasso D., Alessi D., Foco L., Costa L. Mentre la

Dettagli

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI 1 Questo schema di cura impiega i seguenti farmaci: vincristina, doxorubicina (adriamicina) o epidoxorubicina, cortisone. Le informazioni contenute in questo modello

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. GARBELLINI MARIA Data di nascita 31/03/1969. Staff - STRUTTURA COMPLESSA DI CARDIOLOGIA

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. GARBELLINI MARIA Data di nascita 31/03/1969. Staff - STRUTTURA COMPLESSA DI CARDIOLOGIA INFORMAZIONI PERSONALI Nome GARBELLINI MARIA Data di nascita 31/03/1969 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio I Fascia AZIENDA OSPEDALIERA VALTELLINA E VALCHIAVENNA

Dettagli

La Terapia con Bifosfonati

La Terapia con Bifosfonati Capire La Terapia con Bifosfonati International Myeloma Foundation 12650 Riverside Drive, Suite 206 North Hollywood, CA 91607 USA Telephone: 800-452-CURE (United States and Canada) 818-487-7455 FAX: 818-487-7454

Dettagli

CHE COS E L IPERTENSIONE ARTERIOSA E COME SI PUO CURARE

CHE COS E L IPERTENSIONE ARTERIOSA E COME SI PUO CURARE Lega Friulana per il Cuore CHE COS E L IPERTENSIONE ARTERIOSA E COME SI PUO CURARE Materiale predisposto dal dott. Diego Vanuzzo, Centro di Prevenzione Cardiovascolare, Udine a nome del Comitato Tecnico-Scientifico

Dettagli

La biopsia del linfonodo sentinella nel carcinoma. Dott. S.Folli S.C. Senologia AUSL Forlì s.folli@ausl.fo.it

La biopsia del linfonodo sentinella nel carcinoma. Dott. S.Folli S.C. Senologia AUSL Forlì s.folli@ausl.fo.it La biopsia del linfonodo sentinella nel carcinoma duttale in situ: : si,no, forse Dott. S.Folli S.C. Senologia AUSL Forlì s.folli@ausl.fo.it Definizione Il carcinoma duttale in situ della mammella è una

Dettagli

Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica)

Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica) Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica) Cos è il diabete? Il diabete mellito, meglio noto come diabete, è una malattia che compare quando l organismo non produce insulina a sufficienza

Dettagli

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità Dott. Mag. Nicola Torina Coordinatore infermieristico Unità Terapia Intensiva di Rianimazione Metodologie operative

Dettagli

Lo spessore medio-intimale come marker di rischio cardiovascolare. Qual è il suo significato clinico e come si misura

Lo spessore medio-intimale come marker di rischio cardiovascolare. Qual è il suo significato clinico e come si misura Lo spessore medio-intimale come marker di rischio cardiovascolare. Qual è il suo significato clinico e come si misura Michele Liscio Riassunto L ecocolordoppler dei vasi sovraortici (TSA) rappresenta un

Dettagli

DIPARTIMENTO DELLA QUALITÀ DIREZIONE GENERALE DELLA PROGRAMMAZIONE SANITARIA, DEI LIVELLI DI ASSISTENZA E DEI PRINCIPI ETICI DI SISTEMA UFFICIO III

DIPARTIMENTO DELLA QUALITÀ DIREZIONE GENERALE DELLA PROGRAMMAZIONE SANITARIA, DEI LIVELLI DI ASSISTENZA E DEI PRINCIPI ETICI DI SISTEMA UFFICIO III Ministero della Salute DIPARTIMENTO DELLA QUALITÀ DIREZIONE GENERALE DELLA PROGRAMMAZIONE SANITARIA, DEI LIVELLI DI ASSISTENZA E DEI PRINCIPI ETICI DI SISTEMA UFFICIO III RAZIONALE Scopo di queste Raccomandazioni

Dettagli

LA CORONAROGRAFIA DOPO TROMBOLISI. FACCIAMO IL PUNTO DOPO GLI STUDI ASSENT E TRANSFER AMI

LA CORONAROGRAFIA DOPO TROMBOLISI. FACCIAMO IL PUNTO DOPO GLI STUDI ASSENT E TRANSFER AMI Rel. 01/2009 13-02-2009 13:30 Pagina 1 LA CORONAROGRAFIA DOPO TROMBOLISI. FACCIAMO IL PUNTO DOPO GLI STUDI ASSENT E TRANSFER AMI F. Orso, B. Del Taglia *, A.P. Maggioni* Dipartimento di Area Critica Medico

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA REVISIONE SISTEMATICA DI LETTERATURA

LINEE GUIDA PER LA REVISIONE SISTEMATICA DI LETTERATURA LINEE GUIDA PER LA REVISIONE SISTEMATICA DI LETTERATURA report tecnico nr. 03/08 v. 1 indice dei contenuti 1. Utilità delle RSL Pag. 1 2. Principali metodi Pag. 2 3. Esempi di RSL Pag. 3 4. Protocollo

Dettagli

REaD REtina and Diabetes

REaD REtina and Diabetes Progetto ECM di formazione scientifico-pratico sulla retinopatia diabetica REaD REtina and Diabetes S.p.A. Via G. Spadolini 7 Iscrizione al Registro delle 20141 Milano - Italia Imprese di Milano n. 2000629

Dettagli

STUDI DI FASE III. Sperimentazioni Cliniche Controllate

STUDI DI FASE III. Sperimentazioni Cliniche Controllate STUDI DI FASE III Sperimentazioni Cliniche Controllate (Controlled Clinical Trials, Randomized C.T.s ) SCOPO: Valutazione dell efficacia del trattamento sperimentale EFFICACIA: Miglioramento della prognosi

Dettagli

INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA

INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA Particolare dell incisione chirurgica Componenti di protesi d anca 2 Immagine di atrosi dell anca Sostituzione mediante artroprotesi La protesizzazione dell anca (PTA)

Dettagli

Gli Omega-3 e la Vitamina D contro l Alzheimer - Le nuove prospettive per il terzo millennio -

Gli Omega-3 e la Vitamina D contro l Alzheimer - Le nuove prospettive per il terzo millennio - nutrizione & composizione corporea fisioterapia & recupero funzionale medicina d alta quota piani di allenamento articoli, studi, ricerche dal mondo della Nutrizione, delle Terapie Fisiche, delle Neuroscienze

Dettagli

MANAGEMENT DELL'ASTINENZA DA DROGHE E ALCOL

MANAGEMENT DELL'ASTINENZA DA DROGHE E ALCOL MANAGEMENT DELL'ASTINENZA DA DROGHE E ALCOL Kosten Th., O'Connor P.: Management of drug and alcohol with drawal, The New England Journal of Medicine, 348: 1786-95, 2003 Tenendo conto della prevalenza dei

Dettagli

TEA vs STENT : il parere del neurochirurgo Pasquale Caiazzo

TEA vs STENT : il parere del neurochirurgo Pasquale Caiazzo TEA vs STENT : il parere del neurochirurgo Pasquale Caiazzo U.O. di Neurochirurgia Ospedale S. Maria di Loreto Nuovo ASL Napoli 1 Direttore: dr. M. de Bellis XLIX Congresso Nazionale SNO Palermo 13 16

Dettagli

I I SEGNALI COSTIMOLATORI DEI LINFOCITI T FEDERICA COLLINO

I I SEGNALI COSTIMOLATORI DEI LINFOCITI T FEDERICA COLLINO I I SEGNALI COSTIMOLATORI DEI LINFOCITI T FEDERICA COLLINO ATTIVAZIONE DEI LINFOCITI T L attivazione dei linfociti T vergini richiede la presenza di una particolare regione di contatto tra le cellule T

Dettagli

ANEURISMA AORTA TORACICA ASCENDENTE

ANEURISMA AORTA TORACICA ASCENDENTE ANEURISMA AORTA TORACICA ASCENDENTE Definizione Dilatazione segmentaria o diffusa dell aorta toracica ascendente, avente un diametro eccedente di almeno il 50% rispetto a quello normale. Cause L esatta

Dettagli

Il trattamento farmacologico nell anziano e Linee guida

Il trattamento farmacologico nell anziano e Linee guida 5 ottobre 2013 Il trattamento farmacologico nell anziano e Linee guida Simeone Liguori U.S.C. Cure Palliative Terapia del Dolore Az. Ospedaliera Papa Giovanni XXIII Il numero degli anziani sta crescendo

Dettagli

I Convegno di Neuroautoimmunità. Prato, Polo Universitario. 20-21 Febbraio 2015

I Convegno di Neuroautoimmunità. Prato, Polo Universitario. 20-21 Febbraio 2015 I Convegno di Neuroautoimmunità Prato, Polo Universitario 20-21 Febbraio 2015 PATROCINI RICHIESTI Patrocini richiesti Carissimi, Lettera dei Presidenti è con grande piacere che Vi invitiamo il 21 e 22

Dettagli

Cosa dovrebbero sapere i genitori sulla sicurezza delle radiazioni per uso medico

Cosa dovrebbero sapere i genitori sulla sicurezza delle radiazioni per uso medico Cosa dovrebbero sapere i genitori sulla sicurezza delle radiazioni per uso medico Gli esami radiologici consentono ai medici di effettuare la diagnosi e decidere il corretto iter terapeutico dei loro pazienti.

Dettagli

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA Che cos è la degenerazione maculare? La degenerazione maculare è una malattia che interessa la regione centrale della retina (macula), deputata alla visione distinta necessaria per la lettura, la guida

Dettagli

Quello che dovete sapere sulle INTERSTIZIOPATIE POLMONARI (MALATTIE INTERSTIZIALI POLMONARI)

Quello che dovete sapere sulle INTERSTIZIOPATIE POLMONARI (MALATTIE INTERSTIZIALI POLMONARI) Quello che dovete sapere sulle INTERSTIZIOPATIE POLMONARI (MALATTIE INTERSTIZIALI POLMONARI) Cosa sono le malattie interstiziali polmonari? Le malattie interstiziali polmonari sono dette anche interstiziopatie

Dettagli

Cefalea e donna. Emicrania e Malattie Cerebro-cardiovascolari. 13 marzo 2010. Maria Clara Tonini

Cefalea e donna. Emicrania e Malattie Cerebro-cardiovascolari. 13 marzo 2010. Maria Clara Tonini 13 marzo 2010 Cefalea e donna Emicrania e Malattie Cerebro-cardiovascolari Maria Clara Tonini Responsabile Centro Diagnosi e Cura delle Cefalee UO Neurologia Ospedale di Garbagnate M. Classificazione secondo

Dettagli

MOMENT 200 mg compresse rivestite Ibuprofene

MOMENT 200 mg compresse rivestite Ibuprofene PRIMA DELL USO LEGGETE CON ATTENZIONE TUTTE LE INFORMAZIONI CONTENUTE NEL FOGLIO ILLUSTRATIVO Questo è un medicinale di AUTOMEDICAZIONE che può essere usato per curare disturbi lievi e transitori facilmente

Dettagli

Emergenze emorragiche in corso di terapia anticoagulante: quale gestione?

Emergenze emorragiche in corso di terapia anticoagulante: quale gestione? Società Medico Chirurgica di Ferrara FIBRILLAZIONE ATRIALE E TROMBOSI VENOSA PROFONDA ASPETTI FISIOPATOLOGICI, CLINICI E TERAPEUTICI Emergenze emorragiche in corso di terapia anticoagulante: quale gestione?

Dettagli

Liponax Sol. Innovativa formulazione LIQUIDA. ad elevata biodisponibilità. Acido R (+) a-lipoico

Liponax Sol. Innovativa formulazione LIQUIDA. ad elevata biodisponibilità. Acido R (+) a-lipoico Innovativa formulazione LIQUIDA ad elevata biodisponibilità L acido a lipoico è una sostanza naturale che ricopre un ruolo chiave nel metabolismo energetico cellulare L acido a lipoico mostra un effetto

Dettagli

SCREENING DI TROMBOFILIA E INDICAZIONI ALLA PROFILASSI FARMACOLOGICA IN GRAVIDANZA

SCREENING DI TROMBOFILIA E INDICAZIONI ALLA PROFILASSI FARMACOLOGICA IN GRAVIDANZA SREENING I TROMBOFILIA E INIAZIONI ALLA PROFILASSI FARMAOLOGIA IN GRAVIANZA 1. Introduzione ed obiettivi 3 2. Sinossi delle raccomandazioni 4 3. Screening di trombofilia in gravidanza 9 3.1 Test da includere

Dettagli

Altre informazioni sul papilloma virus (HPV)

Altre informazioni sul papilloma virus (HPV) Altre informazioni sul papilloma virus (HPV) Questo è un documento di approfondimento sull HPV. Prima di leggerlo guardate le informazioni di base contenute in Alcune informazioni sull esame per il papilloma

Dettagli

ORGAN ON A CHIP. Un promettente sostituto alla sperimentazione animale

ORGAN ON A CHIP. Un promettente sostituto alla sperimentazione animale ORGAN ON A CHIP Un promettente sostituto alla sperimentazione animale 1 1.Fasi di sviluppo di un farmaco La ricerca e lo sviluppo di un farmaco sono indirizzate al processo dell identificazione di molecole

Dettagli

LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI

LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI Daniela Livadiotti Società Italiana di Medicina di Prevenzione e degli Stili di Vita INVECCHIAMENTO L invecchiamento può essere definito come la regressione

Dettagli

FARMACEUTICA A.S.S. N.1 TRIESTINA COMPLESSA ASSISTENZA RIESTINA RESPONSABILE FF DOTT.. ABAA BA PETTINELLIETTINELLI

FARMACEUTICA A.S.S. N.1 TRIESTINA COMPLESSA ASSISTENZA RIESTINA RESPONSABILE FF DOTT.. ABAA BA PETTINELLIETTINELLI A CURA DELLA STRUTTURA COMPLESSA ASSISTENZA FARMACEUTICA A.S.S. N.1 TRIESTINA RIESTINA RESPONSABILE FF DOTT.. ABAA BA PETTINELLIETTINELLI NUMEROUMERO 25 OTTOBRE 2012 All interno: pag.2-5 Bevacizumab 1

Dettagli

LA VIOLENZA NEI LUOGHI DI LAVORO. CLAUDIO CORTESI cld.cortesi@gmail.com

LA VIOLENZA NEI LUOGHI DI LAVORO. CLAUDIO CORTESI cld.cortesi@gmail.com LA VIOLENZA NEI LUOGHI DI LAVORO CLAUDIO CORTESI cld.cortesi@gmail.com VIOLENZE NEI LUOGHI DI LAVORO: COSA SONO? any action, incident or behaviour, that departs from reasonable conduct in which a person

Dettagli

Ore lezione, tirocinio, ricerca OS401 BAS1A-BIO

Ore lezione, tirocinio, ricerca OS401 BAS1A-BIO modulo & componenti ANNO 1 - LIVELLO 4 - YEAR 1BSc Scienze di base/mediche 1A: BIOSCIENZE Codice OS401 BAS1A-BIO Ore lezione, tirocinio, ricerca Ore di apprendimento Crediti UK 164 300 30 15 Crediti ECTS

Dettagli

I.R.C.C.S. Oasi Maria SS. Troina (EN)

I.R.C.C.S. Oasi Maria SS. Troina (EN) I.R.C.C.S. Oasi Maria SS. Troina (EN) VALUTAZIONE DELLA TERAPIA FARMACOLOGICA PER LA CURA DEI COMPORTAMENTI PROBLEMATICI IN SOGGETTI CON SINDROME DI PRADER WILLI State per compilare un questionario sull'utilizzo

Dettagli

CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI

CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI PREMESSO CHE Nel 2001 è stata adottata in Italia la prima Carta dei diritti dei bambini in ospedale. Tale Carta era già ispirata alle norme

Dettagli

a state of complete physical, men al , an social well ll-bei ng an not merely the absence of disease or infirmity

a state of complete physical, men al , an social well ll-bei ng an not merely the absence of disease or infirmity SALUTE: definizione Nel 1948, la World Health Assembly ha definito la salute come a state of complete physical, mental, and social well-being and not merely the absence of disease or infirmity. Nel1986

Dettagli