I T A L I A N J O U R N A L O F P U B L I C H E A L T H. Panoramica sui farmaci biologici disponibili per il trattamento dell Artrite Reumatoide

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "I T A L I A N J O U R N A L O F P U B L I C H E A L T H. Panoramica sui farmaci biologici disponibili per il trattamento dell Artrite Reumatoide"

Transcript

1 Panoramica sui farmaci biologici disponibili per il trattamento dell Artrite Reumatoide Maria Rosaria Gualano, Chiara Cadeddu, Nicola Nicolotti, Chiara de Waure, Giuseppe La Torre, Carlomaurizio Montecucco, Walter Ricciardi Introduzione L obiettivo fondamentale della terapia farmacologica dell Artrite Reumatoide (AR) in fase precoce è ridurre l attività di malattia per prevenire il danno articolare e la disabilità funzionale [1]. Se la malattia è invece già in fase avanzata si cerca comunque di raggiungere una completa e prolungata remissione, con farmaci che abbiano un profilo di tossicità il più tollerabile possibile [2]. I farmaci a disposizione per il trattamento dell AR sono rappresentati da [3]: Farmaci in grado di modificare il decorso della malattia (i cosiddetti DMARDs, Disease Modifying Antirheumatic Drugs); Glucocorticoidi; Farmaci biologici; Analgesici e FANS. I DMARDs, rappresentati principalmente da methotrexate, sulfasalazina, antimalarici, leflunomide, ciclosporina (Tabella 1) costituiscono, da soli o in associazione, la terapia di fondo dell AR, primo approccio in tutti i casi in cui si è di fronte a una sinovite persistente idiopatica. Ciò è giustificato dal fatto che introdurre il prima possibile questi farmaci sfrutta la cosiddetta finestra di opportunità, in modo da eliminare l infiammazione ed evitare che essa progredisca verso l irreversibile danno articolare [3-4]. Il DMARD attualmente più impiegato per il trattamento dell AR, ma anche per altre malattie reumatiche, è il methotrexate (MTX). Recentemente un gruppo di 37 reumatologi italiani ha elaborato 15 raccomandazioni su vari aspetti correlati all uso del MTX nella pratica clinica, sulla base dei criteri della Evidence Based Medicine e del giudizio di esperti. Tali raccomandazioni possono fornire uno strumento utile per indirizzare in modo corretto il reumatologo nelle scelte cliniche quotidiane [5]. I glucocorticoidi sono stati i primi farmaci utilizzati nella terapia orale dell AR nel 1948 ma, a causa dei numerosi effetti collaterali, vengono Tabella 1. DMARDs attualmente disponibili. Modificato da van Vollenhoven 2009 [9]. S 1 4 C A P I T O L O 3

2 oggi riservati come terapia sistemica a casi selezionati e preferiti invece nelle formulazioni iniettabili per il trattamento intrarticolare [6]. Recenti evidenze hanno tuttavia dimostrano che l impiego di glucocorticoidi in fase iniziale di malattia è in grado di ridurre la progressione del danno radiografico [7] e di indurre remissioni più durature [8]. I farmaci biologici, rappresentati in particolare dagli anti-tnf (inibitori del fattore di necrosi tumorale) e dai bloccanti recettoriali sono indicati come terapia di seconda linea per una serie di motivi riguardanti efficacia, somministrazione, tollerabilità, oltre che per aspetti economici ed organizzativi [3, 9]. Analgesici e FANS sono infine appropriati per il trattamento sintomatico del dolore, componente non meno importante della malattia, preferendo sempre i primi ai secondi per il loro profilo di tollerabilità e utilizzando il minimo dosaggio efficace [1]. È necessario ricordare che la scelta della terapia deve basarsi sull accurata valutazione degli indicatori prognostici attualmente disponibili, rivelatisi maggiormente predittivi nei confronti dell evoluzione della malattia [1]. In presenza di fattori prognostici che indichino una malattia persistente e attiva è indicato iniziare la terapia di fondo con MTX (monoterapia), trattandosi al momento del farmaco di riferimento [1, 5]. Alla luce delle evidenze sino ad ora disponibili il MTX e la sulfasalazina sono i farmaci con miglior profilo efficacia/tossicità [1]. In casi selezionati di AR aggressiva può essere considerata una terapia di combinazione con due o più DMARDs come terapia d attacco [1]. Nel caso in cui non si osservasse una soddisfacente risposta dopo 3 mesi di terapia di combinazione, è indicato in prima battuta l utilizzo dei farmaci biologici (in alternativa o, più efficacemente, in associazione al MTX o ad un altro DMARD), la cui azione principale sia caratterizzata dal blocco selettivo di citochine ritenute importanti nella sequenza patogenetica della malattia quali TNF alfa, IL1 o IL6 [1]. L aggiunta dei farmaci biologici alla terapia tradizionale riduce la progressione del danno articolare nella maggior parte dei pazienti. Di conseguenza viene limitata l invalidità e migliorata la qualità di vita dei soggetti affetti, come ribadito anche in una recente lettera aperta della Società Italiana di Reumatologia [10]. Secondo le recenti Linee Guida del NICE [3], i dati disponibili non permettono di definire se per il paziente che non ha risposto alla terapia con un DMARD si debba scegliere un altro DMARD convenzionale o la terapia biologica, in quanto non esistono studi di confronto. Gli unici studi che paragonano direttamente i biologici con i DMARDs convenzionali suggeriscono che etanercept è superiore alla sulfasalazina [11] e che tocilizumab in monoterapia è superiore al MTX in monoterapia [12] per il controllo dei sintomi e il beneficio funzionale. Tuttavia una comparazione di etanercept con MTX ha mostrato poche differenze nel controllo dei sintomi o nel beneficio funzionale, nonostante etanercept fosse superiore al MTX per il rallentamento della progressione radiologica [13, 14]. Ciò suggerisce una discrepanza tra la capacità dei biologici da un lato di influenzare l attività di malattia e dall altro di rallentare la progressione della malattia radiologicamente rilevabile [3]. Tutti gli studi, tuttavia, suggeriscono che, nei pazienti con malattia attiva, l utilizzo dei DMARDs, con l aggiunta di un farmaco biologico conferisce benefici significativi per il controllo dei sintomi, la funzionalità e la qualità di vita [13, 15-22]. Questi studi inoltre hanno dimostrato che, in relazione al miglioramento dei sintomi e della funzionalità, alla qualità di vita e al danno articolare dimostrato radiologicamente, l associazione di un biologico al MTX è superiore rispetto al MTX da solo [13, 14, 17]. Per valutare l efficacia dei trattamenti per l artrite reumatoide nella maggior parte degli studi clinici si fa riferimento ai criteri di risposta proposti dall American College of Rheumatology (ACR 20, 50 e 70). Essi indicano una percentuale di miglioramento (20%, 50% e 70%, rispettivamente) del numero di articolazioni dolenti e tumefatte e di 3 dei seguenti 5 criteri [23]: 1) valutazione globale dell attività di malattia da parte del medico espressa mediante scala analogica (VAS medico); 2) valutazione globale dell attività di malattia da parte del paziente espressa mediante scala analogica (VAS paziente); 3) valutazione della funzionalità/disabilità mediante HAQ (Health Assessment Questionnaire); 4) il rilievo del grado di dolore riferito dal paziente espresso su scala visuo-analogica (VAS dolore); 5) valutazione degli esami di laboratorio (velocità di eritrosedimentazione (VES), proteina C-reattiva (PCR). C A P I T O L O 3 S 1 5

3 IJPH - Year 8, Volume 7, Number 2, Suppl. 2, 2010 ITALIAN JOURNAL I farmaci biologici Con il termine farmaci biologici si designa un gruppo di agenti terapeutici con proprietà biologiche, che include anticorpi monoclonali e recettori solubili delle citochine [24]. Il meccanismo che sottende lo sviluppo dell artrite reumatoide è caratterizzato dalla rottura dell equilibrio fisiologico tra proteine pro infiammatorie (che favoriscono l infiammazione) e anti-infiammatorie (che inibiscono l infiammazione): nelle sedi articolari dei soggetti affetti da AR i livelli delle proteine pro infiammatorie permangono cronicamente elevati. Con l introduzione dei nuovi farmaci biologici si è offerta la possibilità di sintetizzare e produrre anticorpi e recettori in grado di mimare la normale funzione delle proteine naturali antiinfiammatorie o di inibire selettivamente la funzione di quelle pro-infiammatorie o espresse da particolari stipiti cellulari coinvolti nella patogenesi della malattia. Nel trattamento dell AR, i primi due farmaci biologici approvati sono stati gli anti-tnf etanercept e infliximab. Ad essi ne sono seguiti altri, in particolare anakinra, una forma OF PUBLIC ricombinante dell antagonista fisiologico del recettore dell IL-1, e adalimumab, un altro anticorpo monoclonale contro il TNF [24]. Il successo clinico e commerciale di questi farmaci ha fortemente condizionato i produttori a sviluppare nuove molecole che inibiscono specificamente le interazioni (intracellulari, intercellulari e tra cellula e matrice) caratteristiche dei processi infiammatori ed autoimmuni. Per questo motivo oggi si tende a parlare di immunomodulatori o di targeted therapy, che differenziano questi più specifici agenti antinfiammatori dai meno specifici farmaci immunosoppressori, come gli agenti citotossici e i corticosteroidi [24]. I farmaci biologici inibitori del TNF e dell IL-1 rappresentano un importante opzione per il trattamento dell AR, avendo una notevole capacità di ridurre i sintomi e i segni della malattia, nonché di arrestare la progressione del danno strutturale [25]. Tuttavia, tali farmaci possono determinare eventi avversi gravi tra cui infezioni, patologie autoimmuni e reazioni di ipersensibilità. Inoltre una percentuale significativa di pazienti è risultata Tabella 2. Farmaci biologici per il trattamento dell AR. Modificato da van Vollenhoven 2009 [9]. S16 HEALTH CAPITOLO 3

4 IJPH - Year 8, Volume 7, Number 2, Suppl. 2, 2010 ITALIAN JOURNAL non responsiva al trattamento. Recenti studi segnalano peraltro lo sviluppo di resistenze in seguito all impiego prolungato di alcuni farmaci anti-tnf; questo comporta o un incremento del dosaggio somministrato, con conseguente aumento del costo della terapia, oppure il passaggio ad un secondo o a un terzo inibitore del TNF [26,27]. In Tabella 2 e in Figura 1 sono riportate le caratteristiche dei farmaci biologici che sono trattati in maniera più dettagliata nei paragrafi che seguono. Abatacept Abatacept è una proteina di fusione formata dal dominio extracellulare dell antigene 4 associato al linfocita T citotossico umano (CTLA4) legato alla porzione Fc modificata dell IgG1. Agisce modulando selettivamente un segnale chiave di costimolazione necessario per la piena attivazione dei linfociti T che esprimono il CD28, attraverso il legame specifico al CD80 ed al CD86 [28]. In combinazione con MTX, è utilizzabile per OF PUBLIC HEALTH il trattamento dell AR attiva da moderata a grave in pazienti adulti che hanno avuto una risposta insufficiente o un intolleranza ad altri farmaci antireumatici modificanti la malattia incluso almeno un inibitore del TNF [29]. Viene somministrato tramite infusione endovenosa, con dosaggio che varia a seconda del peso corporeo del paziente, da 500 a 1000 mg, e lo schema di somministrazione prevede l utilizzo 2 e 4 settimane dopo la prima infusione e successivamente ogni 4 settimane [28]. Sono stati condotti diversi studi di fase 3, tra cui l AIM (Abatacept in Inadequate responders to Methotrexate) che ha valutato la combinazione abatacept più MTX in pazienti con storia di fallimento del trattamento con DMARDs [3032], l ATTEST (Abatacept or infliximab versus placebo, a Trial for Tolerability, Efficacy and Safety in Treating RA) [33], che ha comparato abatacept a infliximab, l ATTAIN (Abatacept Trial in Treatment of Anti-TNF INadequate responders) [34], in cui sono stati somministrati abatacept più methotrexate in pazienti non rispondenti alla terapia con anti-tnf, e infine Figura 1. Meccanismi fisiopatologici dell AR e relativi target dei farmaci biologici ad oggi disponibili. Modificato da: van Vollenhoven 2009 [9]. APCA = anticorpi anti-proteina/peptide citrullinato; APC = cellula presentante l antigene; GM-CSF = fattore stimolante le colonie di granulociti-macrofagi, IL = interleuchina; RF = fattore reumatoide; TNF = fattore di necrosi tumorale; TREG = cellule T regolatorie. CAPITOLO 3 S17

5 lo studio di efficacia ASSURE (Abatacept Study of Safety in Use with other Rheumatoid arthritis therapies) [35]. Risultati positivi dal punto di vista della risposta ACR sono stati raggiunti in particolare con lo studio AIM e con l ATTAIN: il primo ha evidenziato miglioramenti radiologici dalla terapia di combinazione con MTX, mentre il secondo ha dimostrato che abatacept è una buona opzione terapeutica nei pazienti che non rispondono agli anti-tnf. Infatti, dopo 6 mesi di terapia, avevano raggiunto una risposta ACR20, ACR50 e ACR70 rispettivamente: il 50% dei pazienti trattati con abatacept, contro il 19,5% di coloro che erano stati trattati con placebo (p<0,01), il 20,3% dei pazienti del gruppo abatacept contro il 3,8% dei pazienti nel gruppo placebo (p<0,01) e infine il livello ACR70 era stato raggiunto dal 10,2% dei pazienti trattati con abatacept mentre solo nell 1,5% dei pazienti del gruppo placebo [34]. Inoltre, abatacept sembra indurre un miglioramento della funzionalità e della qualità di vita: questo è stato confermato da numerosi studi pubblicati in letteratura [30, 34-38]. Abatacept si è dimostrato accettabile dal punto di vista della sicurezza e della tollerabilità in pazienti con AR, al pari degli altri farmaci biologici antireumatici [33, 39, 40]. Fra i principali effetti collaterali di lieve entità si riscontrano nasofaringite, cefalea e nausea [41]. Come per gli altri farmaci biologici, è stato inoltre segnalato un aumento di suscettibilità alle infezioni e di reazioni infusionali [28, 30]. Si raccomanda infine di evitare la co-somministrazione di abatacept con altri agenti biologici, a causa del dimostrato aumento di incidenza di infezioni gravi e di neoplasie maligne [39, 42]. Adalimumab Adalimumab è un anticorpo monoclonale interamente umano ricombinante diretto contro il TNFalfa. La sua azione consiste nel legarsi a tale fattore, neutralizzandone quindi la funzione biologica attraverso il blocco dell interazione con gli specifici recettori cellulari di superficie p55 e p75 [43]. Esso è indicato per il trattamento dell AR attiva, da moderata a severa, in pazienti adulti, quando la risposta ai DMARDs, incluso il MTX, è risultata inadeguata. Per ottenere la massima efficacia, si utilizza in combinazione con il MTX. Può essere tuttavia somministrato anche in monoterapia in caso di intolleranza al MTX o quando il trattamento prolungato con quest ultimo risulti inappropriato La dose raccomandata è di 40 mg, per via sottocutanea, a settimane alterne. Durante il trattamento con adalimumab, è possibile continuare l assunzione di MTX, glucocorticoidi, salicilati, FANS o analgesici [43]. Il farmaco risulta indicato anche nell artrite psoriasica attiva grave, nella psoriasi a placche, nella spondilite anchilosante e nella malattia di Crohn attiva grave. Una recente metanalisi ha valutato l efficacia e la sicurezza di adalimumab, prendendo in considerazione otto studi clinici randomizzati controllati [44]. Negli studi considerati adalimumab veniva somministrato a dosaggio di 20 o 40 mg, da solo o in combinazione con MTX, tutte le settimane o a settimane alterne, e confrontato con il placebo, da solo o associato al MTX. È emerso che la probabilità, espressa come Rischio Relativo (RR), di raggiungimento di tutte e tre le risposte (ACR20, 50, 70) è risultata superiore per adalimumab rispetto al placebo, da solo o in combinazione con MTX, dopo sei mesi e anche dopo più di un anno di terapia: per un trattamento a lungo termine (1-3 anni), adalimumab combinato con MTX si è dimostrato superiore al solo MTX con valori di RR=1,85 (IC95%: 1,07 3,19), RR=2,80 (IC95%: 1,16 6,77) e RR=3,23 (IC95%: 1,37 7,61) rispettivamente per livelli di risposta ACR20, ACR50 e ACR70 [44]. Analogamente, i risultati dello studio PREMIER [45], in cui si è valutata la superiorità del trattamento con adalimumab associato a MTX rispetto alla monoterapia con MTX o con adalimumab, hanno evidenziato che la terapia di associazione è, in effetti, superiore, non solo in quanto porta al miglioramento dei segni e dei sintomi di malattia, ma anche poiché inibisce la progressione radiografica e di conseguenza permette il raggiungimento della remissione clinica. Dopo il primo anno di terapia, il 62% dei pazienti trattati con la terapia di combinazione ha presentato una risposta ACR50 rispetto al 46% e 41% dei pazienti che hanno ricevuto il solo methotrexate o il solo adalimumab (p < ). Per quanto riguarda la sicurezza, nella metanalisi di Wiens e colleghi [44], adalimumab è stato messo a confronto con il placebo in relazione a reazioni avverse gravi, infezioni gravi, tumori maligni e decessi; tuttavia non si sono riscontrate differenze statisticamente significative tra i due gruppi. Inoltre, un maggior numero di soggetti in terapia con adalimumab, a confronto con quelli trattati con il placebo, hanno abbandonato lo studio a causa di reazioni S 1 8 C A P I T O L O 3

6 avverse, come ipercolesterolemia, emorragia, nausea, sindrome influenzale, rash, cefalea e reazioni nel sito di iniezione [15, 46-48]. In una precedente metanalisi [49] si era osservata una maggiore frequenza di reazioni avverse nel gruppo trattato con adalimumab rispetto al placebo e si sono confermate differenze statisticamente significative anche in termini di abbandono dallo studio a causa di eventi indesiderati. Non significative, invece, le differenze riguardanti reazioni avverse gravi, tumori maligni e decessi, a conferma di quanto mostrato nella metanalisi di Wiens e colleghi [44]. Si può concludere quindi che il profilo di sicurezza di adalimumab è analogo a quello degli altri farmaci anti-tnf: di conseguenza si segnala l aumento del rischio di infezioni, di tubercolosi e di altre infezioni opportunistiche, di episodi neurologici demielinizzanti e la possibile formazione di autoanticorpi. Non sono state inoltre segnalate gravi reazioni legate alla somministrazione e si è osservata una bassa incidenza di reazioni a livello del sito di iniezione [43]. Anakinra Anakinra è un antagonista competitivo dei recettori dell IL-1, prodotto tramite la tecnologia del DNA ricombinante utilizzando E. coli come sistema di espressione [50]. Il farmaco inibisce l attività delle interleuchine 1a e 1b, che sono considerati mediatori importanti del processo infiammatorio e della distruzione articolare, pertanto è indicato per il trattamento dei segni e dei sintomi dell AR, in associazione con methotrexate nei pazienti con risposta inadeguata alla sola monoterapia con methotrexate. La dose raccomandata è di 100 mg somministrata una volta al giorno per iniezione sottocutanea. La somministrazione deve essere effettuata ogni giorno alla stessa ora e le concentrazioni plasmatiche raggiungono il picco dopo 3-7 ore. Il primo trial valutativo su anakinra, condotto nel 1998 da Bresnihan et al., evidenziò un efficacia nel determinare una risposta ACR20 nel 43% dei pazienti con AR che avevano assunto 150 mg/die di anakinra rispetto al 27% del gruppo trattato con placebo [51]. Secondo lo studio condotto da Cohen et al., pubblicato nel 2004, l efficacia di anakinra rispetto al placebo è stata significativamente più alta, inducendo una risposta ACR20, ACR50 e ACR70 rispettivamente nel 38%, nel 17% nel 6% dei casi, rispetto al 22%, 8% e 2% nei pazienti trattati con placebo [52]. L impiego di anakinra in associazione con etanercept si è rivelato inefficace sotto il profilo clinico (per assenza di beneficio) e rischiosa in termini di sicurezza (per aumentato rischio di infezioni e di neutropenia): per tali motivi non è raccomandato l uso combinato dei due farmaci [53, 54]. Dai risultati del trial condotto da Fleishmann et al., in cui pazienti, con comorbosità e in trattamento con FANS, corticosteroidi e/o DMARDs, sono stati randomizzati a 100mg/die di anakinra o a placebo, è emerso che l incidenza di effetti indesiderati importanti è stata molto simile tra i due gruppi (7,7% e 7,8%, rispettivamente) dopo 6 mesi di follow-up. D altra parte le infezioni gravi, soprattutto polmoniti, celluliti e infezioni osteoarticolari, sono state più frequenti nel gruppo trattato con anakinra rispetto a quello trattato con placebo (2,1% contro 0,4%). Inoltre la percentuale di interruzioni del trattamento dovute alla comparsa di effetti indesiderati è stata del 13,4% nel gruppo trattato con anakinra e del 9,2% nel gruppo assegnato al placebo [55]. Anakinra è un farmaco con un discreto profilo di efficacia e sicurezza; anche se non sono stati effettuati confronti diretti con gli altri biologici, dai confronti indiretti è emerso un ridotto miglioramento dell AR nei pazienti che ne hanno fatto uso, rispetto a quelli in cura con gli altri biologici. Ulteriori studi per indagare tutti gli aspetti di sicurezza ed efficacia, anche a lungo termine e in confronto con le altre terapie, sono necessari [56]. Etanercept L Etanercept è una proteina di fusione costituita da un dimero della porzione extracellulare del recettore p75 per il TNFα associato al frammento Fc di una IgG1 umana. È somministrato per via sottocutanea, con uno schema terapeutico che prevede un unica somministrazione da 50 mg a settimana o una somministrazione di 25 mg due volte a settimana. Il trattamento anti-tnfa si é dimostrato efficace sia in monoterapia (etanercept) che in terapia di combinazione con methotrexate. È indicato per il trattamento dell AR in fase attiva, da moderata a grave, negli adulti, in combinazione con methotrexate o in monoterapia in caso di intolleranza al methotrexate o ove il methotrexate risulti inadeguato [57]. Inoltre, può essere impiegato anche in pazienti affetti da AR grave, mai trattati in precedenza con methotrexate. Altre indicazioni per questo farmaco sono: artrite idiopatica giovanile poliarticolare, artrite C A P I T O L O 3 S 1 9

7 psoriasica, spondilite anchilosante grave, psoriasi a placche. Dopo sei mesi di terapia con etanercept, il livello di risposta clinica valutato con il criterio ACR20 è risultato del 59% (rispetto all 11% del gruppo trattato con placebo) [58]. I risultati del trial condotto da Genovese et al. nel 2002 hanno dimostrato l efficacia di etanercept anche rispetto al methotrexate; infatti, dopo 24 mesi di trattamento, i pazienti che hanno raggiunto un ACR20 sono stati il 72% e il 59% nel braccio trattato rispettivamente con etanercept e methotrexate [59]. Secondo i risultati del più recente trial TEMPO, dopo 52 settimane, la percentuale di pazienti trattati con etanercept in monoterapia che ha raggiunto un ACR50 e un ACR70 è stata del 48% e 24%, rispettivamente. Tra i pazienti trattati con etanercept in combinazione con MTX, tali percentuali sono salite rispettivamente al 69% e al 43%. Di contro, il gruppo trattato solo con MTX ha raggiunto un ACR50 nel 43% dei casi e un ACR70 nel 19% [60]. Anche i risultati del più recente trial, pubblicato da Emery et al. nel 2008, sono sulla stessa linea del lavoro di van der Heijde et al. [61]. L efficacia e la tollerabilità di etanercept è stata dimostrata anche in pazienti affetti da AR poliarticolare giovanile. Il dosaggio utilizzato nel corso dei trial clinici in pazienti dai 4 ai 17 anni è stato di 0,4 mg/kg (fino ad un massimo di 25mg) due volte alla settimana [62]. Gli eventi avversi più comuni associati al trattamento con etanercept sono stati quelli del sito di iniezione (49% nei pazienti trattati con 25 mg di etanercept, 43% in quelli che lo hanno assunto alla dose di 10 mg e il 13% di quelli del gruppo di controllo (p<0.001)) [58]. Infliximab Infliximab è un anticorpo monoclonale chimerico umano-murino ricombinante che si lega alle molecole solubili o associate alla membrana cellulare di TNF-α. A seguito di tale legame si formano complessi stabili e si impedisce il successivo legame delle molecole di TNF-α ai suoi recettori; si favorisce inoltre il distacco delle molecole già legate [63]. Il farmaco può essere somministrato solo in ospedale, in un ambito specialistico reumatologico. Sono previste infusioni endovenose lente ad un dosaggio di 3 mg/kg, seguite da successive somministrazioni dello stesso dosaggio a 2 e 6 settimane dal primo trattamento. Al termine di questo primo ciclo sono indicate infusioni ogni due mesi. Intervalli tra le somministrazioni superiori alle 16 settimane non sono raccomandati a causa dell aumentato rischio di reazioni di ipersensibilità [64, 65]. Recenti studi indicano la possibilità di infusioni con durata di non meno di un ora in pazienti che hanno già ricevuto il farmaco e l hanno ben tollerato [66]. È raccomandata l associazione con methotrexate, anche se nella pratica clinica è a volte utilizzato senza methotrexate o con altri DMARD se i pazienti sono intolleranti al methotrexate [67]. Il farmaco va somministrato in ospedale, in ambito specialistico reumatologico [64, 65]. Infliximab è autorizzato anche per il trattamento di pazienti affetti da malattia di Crohn in fase attiva, di grado grave, o fistolizzante; rettocolite ulcerosa colite ulcerosa in fase attiva, di grado moderato-severo; spondilite anchilosante; artrite psoriasica attiva e progressiva in pazienti adulti e psoriasi a placche di grado da moderato a severo. Gli effetti collaterali di più frequente riscontro sono infezioni e reazioni vasomotorie durante l infusione. Sono stati riportati casi di riaccensioni di pregresse tubercolosi. La tubercolosi latente andrebbe dunque ricercata prima dell inizio della terapia e, nel caso, profilassata. L efficacia di infliximab è stata valutata in due studi clinici pilota multicentrici, randomizzati, in doppio cieco denominati ATTRACT [68] e ASPIRE [69]. In entrambi gli studi, e ai diversi dosaggi, l utilizzo di infliximab in associazione con methotrexate si è dimostrato più efficace del methotrexate in monoterapia nel ridurre i segni e sintomi della malattia. In particolare nello studio ATTRACT [68], gli studiosi hanno evidenziato un miglioramento di ACR20 nel 53, 50, 58, e 52% dei pazienti che hanno ricevuto 3 mg/kg ogni 4 o 8 settimane o 10 mg/kg ogni 4 o 8 settimane, rispettivamente, rispetto al 20 % dei pazienti trattati con il solo methotrexate (p<0,001). Infliximab è risultato essere ben tollerato: la frequenza degli eventi avversi è stata paragonabile in tutti i gruppi di trattamento [68, 69]. Rituximab Il rituximab è un anticorpo monoclonale chimerico umano-murino ottenuto con tecniche di ingegneria genetica. Esso è costituito da una immunoglobulina glicosilata con le regioni costanti IgG1 di origine umana e con le sequenze della regione variabile della catena leggera e della catena pesante di origine murina [70]. S 2 0 C A P I T O L O 3

8 Il rituximab è stato progettato in modo da legarsi all antigene CD20, che è presente sulla superficie di tutti i linfociti B. Quando aderisce all antigene si ha come risultato la morte della cellula. È attualmente usato per curare il linfoma non Hodgkin, la leucemia linfocitica cronica e l artrite reumatoide. Ai pazienti in terapia deve essere consegnata la scheda di allerta per il paziente. Un ciclo di cura consiste di due infusioni endovenose da 1000 mg. Il dosaggio raccomandato è, infatti, di 1000 mg per infusione endovenosa, seguito da una seconda infusione di 1000 mg due settimane più tardi. Durante le varie somministrazioni i pazienti devono essere monitorati per l eventuale sviluppo di sindrome da rilascio di citochine. La premedicazione con glucocorticoidi endovena può ridurre significativamente l incidenza di eventi avversi. In alcuni pazienti, dopo il primo ciclo di rituximab, si possono sviluppare anticorpi antichimerici umani (HACA) [71]. La presenza di tali anticorpi è di solito associata ad un peggioramento delle reazioni infusionali o allergiche dopo le infusioni successive. L efficacia di rituximab nell AR è stata valutata in tre studi randomizzati, controllati, in doppio cieco, multicentrici. In tutti e tre gli studi [72-74], il rituximab ha aumentato significativamente la percentuale di pazienti che ha raggiunto almeno un ACR20, rispetto al methotrexate da solo. L effetto del trattamento è stato simile tra i pazienti, indipendentemente dalla positività del fattore reumatoide, dall età, dal sesso, dalla superficie corporea, dalla razza, dal numero di precedenti trattamenti o dallo stato della malattia. Miglioramenti clinicamente e statisticamente significativi sono stati osservati anche in tutte le singole componenti della risposta ACR (conta delle articolazioni dolenti e tumefatte, valutazione globale del paziente e del medico, indice di disabilità (HAQ), valutazione del dolore e della proteina C reattiva). Nello studio REFLEX, ad esempio, i pazienti del braccio trattati con rituximab hanno avuto una riduzione statisticamente significativa di ACR20 (51%) rispetto a quelli trattati con placebo (18%). Miglioramenti statisticamente significativi anche dei ACR50 (27%) e ACR70 (12%). Inoltre nel trial REFLEX gli Autori hanno voluto anche investigare la sicurezza del trattamento di rituximab e methotrexate versus methotrexate più placebo in pazienti con AR attiva che hanno avuto un inadeguata risposta ad una precedente terapia con anti-tnf. I maggiori effetti collaterali si sono verificati durante le prime somministrazioni del farmaco. Il trattamento ha inoltre dimostrato un miglioramento statisticamente significativo della qualità di vita dei pazienti trattati [73]. Tocilizumab Tocilizumab è il primo anticorpo monoclonale umanizzato inibitore del recettore dell interleuchina-6. Impedendo all interleuchina-6 di attaccarne i recettori, il tocilizumab riduce l infiammazione e altri sintomi dell artrite reumatoide. Dunque è indicato, in associazione con MTX, per il trattamento dell AR attiva da moderata a grave in pazienti adulti che non abbiano risposto adeguatamente o siano intolleranti a precedente terapia con uno o più farmaci DMARDs o antagonisti del fattore del TNF. Può essere impiegato anche in monoterapia in caso di intolleranza a MTX o quando sia inappropriato continuare un trattamento con MTX [75]. Tutti gli aspetti relativi al farmaco tocilizumab vengono trattati per esteso nel capitolo successivo, relativo agli aspetti biotecnologici. Conclusioni Per il trattamento dell AR oggi esistono numerose opzioni terapeutiche che la ricerca e l industria farmaceutica mettono a disposizione. Da una parte vi sono i farmaci convenzionali (DMARDs, glucocorticoidi, analgesici e FANS), che sono impiegati allo scopo di mantenere sotto controllo il dolore e l infiammazione e di rallentare l evoluzione della malattia, dall altra sono disponibili nuovi farmaci biologici che agiscono su target pro-infiammatori e che, usati da soli o in combinazione con i tradizionali, hanno lo scopo di ridurre il danno articolare, la disabilità e la perdita funzionale, migliorando pertanto la qualità della vita. I farmaci biologici hanno dimostrato la capacità di indurre un buon controllo dell artrite e dell evoluzione del danno erosivo articolare in un elevato numero di malati in cui si è osservato fallimento degli altri farmaci antireumatici, anche in tempi più brevi rispetto ai farmaci tradizionali. Tuttavia questi ultimi (principalmente il Methotrexate) vengono mantenuti in associazione con i farmaci biologici per potenziarne l azione o per prevenire un calo di efficacia nel tempo. L efficacia e la sicurezza dei farmaci biologici descritti nel presente capitolo sono state indagate da Singh et al. con un approccio di revisione sistematica della letteratura e metanalisi [76]. A titolo di completezza si riportano pertanto in Tabella 3 i dati emersi dalla suddetta metanalisi. C A P I T O L O 3 S 2 1

9 IJPH - Year 8, Volume 7, Number 2, Suppl. 2, 2010 ITALIAN JOURNAL OF PUBLIC HEALTH Tabella 3. Dati di sicurezza e di efficacia dei farmaci biologici trattati. Modificata da: Singh et al.[76]. *La qualità delle evidenze è stata valutata tramite il metodo GRADE [77]. Bibliografia 1) Società Italiana di Reumatologia (SIR). Linee guida per la diagnosi precoce e la terapia dell Artrite Reumatoide, a cura del Comitato Esecutivo SIR per lo Sviluppo delle Linee Guida Disponibile online da: S22 File/LG_AR_2004_v02.pdf. [Ultimo accesso, maggio 2010]. 2) Singh R, Robinson DB, El-Gabalawy HS. Emerging Biologic Therapies in Rheumatoid Arthritis: Cell Targets and Cytokines. Curr Opin Rheumatol 2005;17(3): ) National Institute for Health and Clinical Excellence CAPITOLO 3

10 (NICE). Rheumatoid Arthritis: National clinical guideline for management and treatment in adults (aggiornate ad Aprile 2009). Disponibile online da: uk/nicemedia/live/12131/43326/43326.pdf. [Ultimo accesso, maggio 2010]. 4) Boers M. Understanding the window of opportunity concept in early rheumatoid arthritis. Arthritis Rheum 2003;48(7): ) De Leonardis F, Alivernini S, Bonacci E, et al. Italian consensus on the recommendations about the use of methotrexate for the treatment of rheumatic diseases with a focus on rheumatoid arthritis: results from the 3E initiative. Reumatismo 2010;62(1): ) Dernis E, Ruyssen-Witrand A, Mouterde G, et al. Use of glucocorticoids in rheumatoid arthritis - Pratical modalities of glucocorticoid therapy: Recommendations for clinical practice based on data from the literature and expert opinion. Joint Bone Spine 2010 May 13. [Epub ahead of print]. 7) Gorter SL, Bijlsma JW, Cutolo M, et al. Current evidence for the management of rheumatoid arthritis with glucocorticoids: a systematic literature review informing the EULAR recommendations for the management of rheumatoid arthritis. Ann Rheum Dis 2010;69(6): ) Todoerti M, Scirè CA, Boffini N, Bugatti S, Montecucco C, Caporali R. Early disease control by low-dose prednisone comedication may affect the quality of remission in patients with early rheumatoid arthritis. Ann N Y Acad Sci 2010;1193(1): ) van Vollenhoven RF. Treatment of rheumatoid arthritis: state of the art Nat Rev Rheumatol 2009;5(10): ) Lettera aperta SIR sul corretto impiego dei farmaci biologici nei pazienti con artrite reumatoide e spondiloartriti, 12 Febbraio 2009, disponibile on line su: reumatologia.it/obj/file/farmaci/lettera-aperta-corretto-usodei-biologici.pdf. [Ultimo accesso, maggio 2010]. 11) Combe B, Codreanu C, Fiocco U, et al. Etanercept and sulfasalazine, alone and combined, in patients with active rheumatoid arthritis despite receiving sulfasalazine: a doubleblind comparison. Ann Rheum Dis 2006;65(10): ) Jones G, Sebba A, Gu J, et al. Comparison of tocilizumab monotherapy versus methotrexate monotherapy in patients with moderate to severe rheumatoid arthritis: the AMBITION study. Ann Rheum Dis 2010;69(1): ) Klareskog L, Van Der HD, de Jager JP, et al. Therapeutic effect of the combination of etanercept and methotrexate compared with each treatment alone in patients with rheumatoid arthritis: double-blind randomised controlled trial. Lancet 2004;363(9410): ) Van der Heijde D, Klareskog L, Rodriguez VV, et al. Comparison of etanercept and methotrexate, alone and combined, in the treatment of rheumatoid arthritis: twoyear clinical and radiographic results from the TEMPO study, a double-blind, randomized trial. Arthritis Rheum 2006;54(4): ) Weinblatt ME, Keystone EC, Furst DE, et al. Adalimumab, a fully human anti-tumor necrosis factor alpha monoclonal antibody, for the treatment of rheumatoid arthritis in patients taking concomitant methotrexate: the ARMADA trial. Arthritis Rheum 2003;48(1): ) Van der Heijde D, Klareskog L, Singh A, et al. Patient reported outcomes in a trial of combination therapy with etanercept and methotrexate for rheumatoid arthritis: the TEMPO trial. Ann Rheum Dis 2006;65(3): ) Keystone EC, Kavanaugh AF, Sharp JT, et al. Radiographic, clinical, and functional outcomes of treatment with adalimumab (a human anti-tumor necrosis factor monoclonal antibody) in patients with active rheumatoid arthritis receiving concomitant methotrexate therapy: a randomized, placebo-controlled, 52-week trial. Arthritis Rheum 2004;50(5): ) Furst DE, Schiff MH, Fleischmann RM, et al. Adalimumab, a fully human anti tumor necrosis factor alpha monoclonal antibody, and concomitant standard antirheumatic therapy for the treatment of rheumatoid arthritis: results of STAR (Safety Trial of Adalimumab in Rheumatoid Arthritis). J Rheumatol. 2003;30(12): ) Westhovens R, Cole JC, Li T, et al. Improved health-related quality of life for rheumatoid arthritis patients treated with abatacept who have inadequate response to anti-tnf therapy in a double-blind, placebo-controlled, multicentre randomized clinical trial. Rheumatology 2006;45(10): ) Strand V, Balbir GA, Pavelka K, et al. Sustained benefit in rheumatoid arthritis following one course of rituximab: improvements in physical function over 2 years. Rheumatology 2006;45(12): ) Emery P, Kosinski M, Li T, et al. Treatment of rheumatoid arthritis patients with abatacept and methotrexate significantly improved health-related quality of life. J Rheumatol 2006;33(4): ) Klareskog L, Gaubitz M, Rodriguez VV, et al. A longterm, open-label trial of the safety and efficacy of etanercept (Enbrel) in patients with rheumatoid arthritis not treated with other disease-modifying antirheumatic drugs. Ann Rheum Dis 2006;65(12): ) Hochberg MC, Chang RW, Dwosh I, et al. The American College of Rheumatology 1991 revised criteria for the classification of global function status in rheumatoid arthritis. Arthritis Rheum 1992;35: ) Shanahan JC, Moreland LW, Carter RH. Upcoming biologic agents for the treatment of rheumatic diseases. Curr Opin Rheumatol 2003;15(3): ) Ariza-Ariza R, Navarro-Sarabia F, Hernández-Cruz B, Rodríguez-Arboleya L, Navarro-Compán V, Toyos J. Dose escalation of the anti-tnf-alpha agents in patients with rheumatoid arthritis. A systematic review. Rheumatology 2007;46(3): ) Finckh A, Simard JF, Gabay C, Guerne PA. Evidence for differential acquired drug resistance to anti-tumour necrosis factor agents in rheumatoid arthritis. Ann Rheum Dis 2006;65(6): ) Mancarella L, Bobbio-Pallavicini F, Ceccarelli F, et al. Good clinical response, remission, and predictors of remission in rheumatoid arthritis patients treated with tumor necrosis factor-alpha blockers: the GISEA study. J Rheumatol 2007;34(8): ) Abatacept (Orencia ) - EMEA Scientific Discussion Disponibile online da: humandocs/pdfs/epar/orencia/h-701-en6.pdf. [Ultimo accesso, maggio 2010]. 29) Unità di Valutazione dell Efficacia del Farmaco (UVEF), Verona. ABATACEPT, Disponibile online da: farm=212. [Ultimo accesso, maggio 2010]. 30) Kremer JM, Genant HK, Moreland LW, et al. Effects of abatacept in patients with methotrexate-resistant Ann Intern Med 2006;144: ) Kremer JM, Genant HK, Moreland LW, et al. Results of a two-year follow-up study of patients with rheumatoid arthritis who received a combination of abatacept and methotrexate. Arthritis Rheum 2008;58: ) Genant HK, Peterfy CG, Westhovens R, et al. Abatacept inhibits structural damage progression in rheumatoid arthritis: results from the long-term extension of the AIM trial. Ann Rheum Dis 2008;67(8): ) Schiff M, Keiserman M, Codding C, et al. Efficacy and safety of abatacept or infliximab vs placebo in ATTEST: a phase III, multi-centre, randomised, double-blind, placebo-controlled study in patients with rheumatoid arthritis and an inadequate response to methotrexate. Ann Rheum Dis 2008;67: ) Genovese MC, Becker JC, Schiff M, et al. Abatacept for rheumatoid arthritis refractory to tumor necrosis factor alpha C A P I T O L O 3 S 2 3

11 inhibition. N Engl J Med 2005;353: ) Kremer JM, Westhovens R, Leon M, et al. Treatment of rheumatoid arthritis by selective inhibition of T-cell activation with fusion protein CTLA4Ig. N Engl J Med 2003;349: ) Kremer JM, Dougados M, Emery P, et al. Treatment of rheumatoid arthritis with the selective costimulation modulator abatacept: twelve-month results of a phase iib, double-blind, randomized, placebo-controlled trial. Arthritis Rheum 2005;52: ) Genovese MC, Schiff M, Luggen M, et al. Efficacy and safety of the selective co-stimulation modulator abatacept following 2 years of treatment in patients with rheumatoid arthritis and an inadequate response to anti-tnf therapy. Ann Rheum Dis 2008;67: ) Russell AS, Wallenstein GV, Li T, et al. Abatacept improves both the physical and mental health of patients with rheumatoid arthritis who have inadequate response to methotrexate treatment. Ann Rheum Dis 2007;66: ) Weinblatt M, Combe B, Covucci A, et al. Safety of the selective costimulation modulator abatacept in rheumatoid arthritis patients receiving background biologic and nonbiologic disease-modifying antirheumatic drugs: A oneyear randomized, placebo-controlled study. Arthritis Rheum 2006;54(9): ) Sibilia J, Westhovens R. Safety of T-cell co-stimulation modulation with abatacept in patients with rheumatoid arthritis. Clin Exp Rheumatol 2007;25(suppl 46):S46-S56. 41) Buch MH, Vital EM, Emery P. Abatacept in the treatment of rheumatoid arthritis. Arthritis Res Ther 2008;10(Suppl 1):S5. 42) Weinblatt M, Schiff M, Goldman A, et al. Selective costimulation modulation using abatacept in patients with active rheumatoid arthritis while receiving etanercept: a randomised clinical trial. Ann Rheum Dis 2007;66: ) Adalimumab (Humira ) - EMEA Scientific Discussion Disponibile online da: humandocs/pdfs/epar/humira/400803en6.pdf. [Ultimo accesso, maggio 2010]. 44) Wiens A, Venson R, Correr CJ, et al. Meta-analysis of the efficacy and safety of adalimumab, etanercept, and infliximab for the treatment of rheumatoid arthritis. Pharmacotherapy 2010;30(4): ) Breedveld FC, Weisman MH, Kavanaugh AF, et al. The PREMIER study: A multicenter, randomized, double-blind clinical trial of combination therapy with adalimumab plus methotrexate versus methotrexate alone or adalimumab alone in patients with early, aggressive rheumatoid arthritis who had not had previous methotrexate treatment. Arthritis Rheum 2006;54(1): ) Goekoop-Ruiterman YP, de Vries-Bouwstra JK, Allaart CF, et al. Clinical and radiographic outcomes of four different treatment strategies in patients with early rheumatoid arthritis (the BeSt study): a randomized, controlled trial. Arthritis Rheum 2008;58:S ) van de Putte LB, Rau R, Breedveld FC, et al. Efficacy and safety of the fully human anti tumour necrosis factormonoclonal antibody adalimumab (D2E7) in DMARD refractory patients with rheumatoid arthritis: a 12 week, phase II study. Ann Rheum Dis 2003;62: ) Dixon WG, Watson K, Lunt M, et al. Rates of serious infection, including site-specific and bacterial intracellular infection, in rheumatoid arthritis patients receiving anti tumor necrosis factor therapy: results from the British Society for Rheumatology biologics register. Arthritis Rheum 2006;54: ) Alonso-Ruiz A, Pijoan JI, Ansuategui E, et al. Tumor necrosis factor-alpha drugs in rheumatoid arthritis: systematic review and meta-analysis of efficacy and safety. BMC Musculoskelet Disord 2008;9:52. 50) Anakinra (Kirenet ), EMEA - riassunto caratteristiche tecniche del prodotto Disponibile on line da: [Ultimo accesso, maggio 2010]. 51) Bresnihan B, Alvaro-Gracia JM, Cobby M, et al. Treatment of rheumatoid arthritis with recombinant human interleukin-1 receptor antagonist. Arthritis Rheum 1998;41: ) Cohen SB, Moreland LW, Cush JJ, et al. A multicentre, double blind, randomised, placebo controlled trial of anakinra (Kineret), a recombinant interleukin 1 receptor antagonist, in patients with rheumatoid arthritis treated with background methotrexate. Ann Rheum Dis 2004;63(9): ) Schiff M, Bulpitt K, Weaver A, Kazazi F, Joh T, Newmark R. Safety of combination therapy with Kineret (anakinra) and etanercept in patients with rheumatoid arthritis. Ann Rheum Dis 2002;61(Suppl. 1): ) Genovese MC, Cohen S, Moreland L, et al. Combination therapy with etanercept and anakinra in the treatment of patients with rheumatoid arthritis who have been treated unsuccessfully with methotrexate. Arthritis Rheum 2004;50(5): ) Fleischmann RM, Schechtman J, Bennett R, et al. Anakinra, a recombinant human interleukin-1 receptor antagonist (r-methuil-1ra), in patients with rheumatoid arthritis: a large, international, multicenter, placebo-controlled trial. Arthritis Rheum 2003;48: ) Mertens M, Singh JA. Anakinra for rheumatoid arthritis. Cochrane Database Syst Rev 2009;1:CD ) Etanercept (Enbrel ) - EMEA Scientific Discussion Disponibile online da: humandocs/pdfs/epar/enbrel/014600en6.pdf. [Ultimo accesso, maggio 2010]. 58) Moreland LW, Schiff MH, Baumgartner SW, et al. Etanercept therapy in rheumatoid arthritis. A randomized, controlled trial. Ann Intern Med 1999;130(6): ) Genovese MC, Bathon JM, Martin RW, et al. Etanercept versus methotrexate in patients with early rheumatoid arthritis: two-year radiographic and clinical outcomes. Arthritis Rheum 2002;46(6): ) van der Heijde D, Klareskog L, Singh A, et al. Patient reported outcomes in a trial of combination therapy with etanercept and methotrexate for rheumatoid arthritis: the TEMPO trial. Ann Rheum Dis 2006;65(3): ) Emery P, Breedveld FC, Hall S, et al. Comparison of methotrexate monotherapy with a combination of methotrexate and etanercept in active, early, moderate to severe rheumatoid arthritis (COMET): a randomised, doubleblind, parallel treatment trial. Lancet 2008;372: ) Lovell DJ, Giannini EH, Reiff A, et al. Etanercept in children with polyarticular juvenile rheumatoid arthritis. Pediatric Rheumatology Collaborative Study Group. N Engl J Med 2000;342(11): ) Infliximab (Remicade ) - EMEA- Riassunto caratteristiche tecniche del prodotto Disponibile online da: Remicade/190199it1.pdf. [Ultimo accesso, maggio 2010]. 64) Griffiths I, Silman A, Symmons D, Scott DGI. BSR Biologics Registry. Rheumatology 2004;43: ) Buch MH, Marzo-Ortega H, Bingham SJ, Emery P. Longterm treatment of rheumatoid arthritis with tumour necrosis factor a blockade: outcome of ceasing and restarting biological. Rheumatology 2004;43: ) Buch MH, Linsay S, Bryer D, Fairclough A, Rees-Evans B, Emery P. Incidence of infusion related reactions in patients receiving infliximab: recommendations for administration guidelines. Ann Rheum Dis 2004;63(Suppl): ) Watson K, Hyrich KL, Lunt M, Silman A, Symmons D. Infliximab and non-methotrexate DMARDs for rheumatoid arthritis: efficacy in clinical practice. Arthritis Rheum 2004;50(Suppl):S ) Maini R, St Clair EW, Breedveld F, et al. Infliximab (chimeric anti-tumour necrosis factor alpha monoclonal antibody) versus placebo in rheumatoid arthritis patients receiving concomitant methotrexate: a randomised phase III S 2 4 C A P I T O L O 3

12 trial. ATTRACT Study Group. Lancet 1999;354(9194): ) Smolen JS, Van Der Heijde DM, St Clair EW, et al. Active- Controlled Study of Patients Receiving Infliximab for the Treatment of Rheumatoid Arthritis of Early Onset (ASPIRE) Study Group. Predictors of joint damage in patients with early rheumatoid arthritis treated with high-dose methotrexate with or without concomitant infliximab: results from the ASPIRE trial. Arthritis Rheum 2006;54(3): ) Rituximab (Mabthera ) - EMEA- Riassunto caratteristiche tecniche del prodotto Disponibile online da: emea-combined-h165it.pdf. [Ultimo accesso, maggio 2010]. 71) Albert D, Dunham J, Khan S, et al. Variability in the biological response to anti-cd20 B cell depletion in systemic lupus erythaematosus. Ann Rheum Dis 2008;67(12): ) Edwards JC, Szczepanski L, Szechinski J, et al. Efficacy of B-cell-targeted therapy with rituximab in patients with rheumatoid arthritis. N Engl J Med 2004;350(25): ) Cohen SB, Emery P, Greenwald MW, et al. Rituximab for rheumatoid arthritis refractory to anti-tumor necrosis factor therapy: Results of a multicenter, randomized, doubleblind, placebo-controlled, phase III trial evaluating primary efficacy and safety at twenty-four weeks. Arthritis Rheum 2006;54(9): ) Emery P, Fleischmann R, Filipowicz-Sosnowska A, et al. The efficacy and safety of rituximab in patients with active rheumatoid arthritis despite methotrexate treatment: results of a phase IIB randomized, double-blind, placebo-controlled, dose-ranging trial. Arthritis Rheu. 2006;54(5): ) Tocilizumab (RoActemra ) - EMEA- Riassunto caratteristiche tecniche del prodotto Disponibile online da: EPAR/RoActemra/H-955-it1.pdf. [Ultimo accesso, maggio 2010]. 76) Singh JA, Christensen R, Wells GA, et al. A network meta-analysis of randomized controlled trials of biologics for rheumatoid arthritis: a Cochrane overview. CMAJ 2009;181(11): ) Atkins D, Best D, Briss PA, et al. Grading quality of evidence and strength of recommendations. BMJ 2004;328:1490. C A P I T O L O 3 S 2 5

SCHEDA DI VALUTAZIONE PER L INSERIMENTO DI FARMACI NON PRESENTI NEL PTR

SCHEDA DI VALUTAZIONE PER L INSERIMENTO DI FARMACI NON PRESENTI NEL PTR RICHIESTA DI INSERIMENTO IN PTR DI ABATACEPT ATC L04AA24 ORENCIA Presentata da Commissione Terapeutiche della Provincia di SASSARI In data gennaio 2009 Per le seguenti motivazioni (sintesi): Trattamento

Dettagli

DMARDs Disease Modifying Anti-Rehumatic Drugs. (6 settimane-6 mesi)

DMARDs Disease Modifying Anti-Rehumatic Drugs. (6 settimane-6 mesi) DMARDs Disease Modifying Anti-Rehumatic Drugs (6 settimane-6 mesi) Disease Modifying Anti-Rheumatic Drugs DMARD (Farmaci antireumatici di fondo) Incidono sulla storia naturale della malattia Ritardano

Dettagli

PROTOCOLLO TERAPEUTICO AZIENDALE PER IL TRATTAMENTO CON FARMACI BIOLOGICI DELLA ARTRITE REUMATOIDE

PROTOCOLLO TERAPEUTICO AZIENDALE PER IL TRATTAMENTO CON FARMACI BIOLOGICI DELLA ARTRITE REUMATOIDE PROTOCOLLO TERAPEUTICO AZIENDALE PER IL TRATTAMENTO CON FARMACI BIOLOGICI DELLA ARTRITE REUMATOIDE 1. BACKGROUND L artrite reumatoide (AR) è una patologia infiammatoria cronica auto-immune ad eziopatogenesi

Dettagli

Progetto RATIL (Research on Anti-TNF-alpha Induced Lymphoma)

Progetto RATIL (Research on Anti-TNF-alpha Induced Lymphoma) Workshop I PROGETTI DI RICERCA DEI CENTRI ENCEPP 11 gennaio 2011 ISTITUTO SUPERIORE DI SANITÀ (ROMA) Progetto RATIL (Research on Anti-TNF-alpha Induced Lymphoma) A. Capuano, E. Parretta, F. Rossi Centro

Dettagli

ETANERCEPT (ALLARGAMENTI INDICAZIONI) (25-01-2005)

ETANERCEPT (ALLARGAMENTI INDICAZIONI) (25-01-2005) ETANERCEPT (ALLARGAMENTI INDICAZIONI) (25-01-2005) Specialità: Enbrel (Wieth Lederle) Forma farmaceutica: sc 4 fl 25 mg + 4 sir Prezzo: euro 805.08 sc 4 fl 50 mg + 4 sir Prezzo: euro 1610.15 Prezzi da

Dettagli

Le terapie biologiche in reumatologia

Le terapie biologiche in reumatologia : immunologia Rivista di Immunologia e Allergologia Pediatrica 04/2010 20-26 Bianca Lattanzi, Angelo Ravelli Parole chiave: Artrite idiopatica giovanile, farmaci biologici, antagonisti del tumor necrosis

Dettagli

Ustekinumab Vs Etanercept nella psoriasi: Risultati dello studio ACCEPT

Ustekinumab Vs Etanercept nella psoriasi: Risultati dello studio ACCEPT Ustekinumab Vs Etanercept nella psoriasi: Risultati dello studio ACCEPT I nuovi agenti biologici offrono un alternativa importante nel della psoriasi; spesso però, il profilo rischio-beneficio non è bene

Dettagli

Paziente con artrite reumatoide in trattamento immunosoppressivo

Paziente con artrite reumatoide in trattamento immunosoppressivo CASO CLINICO Paziente con artrite reumatoide in trattamento immunosoppressivo Antonio Carlotto UOC Malattie Infettive Ulss 4 Alto Vicentino Malattia infiammatoria sistemica a prevalente interessamento

Dettagli

INFLIXIMAB: Approvazione del primo biosimilare nel trattamento delle patologie autoimmuni

INFLIXIMAB: Approvazione del primo biosimilare nel trattamento delle patologie autoimmuni INFLIXIMAB: Approvazione del primo biosimilare nel trattamento delle patologie autoimmuni Genova 17 MAGGIO 2014 Sabrina Beltramini U.O.S. Gestione e Innovazione Tecnologica del farmaco U.O.C. Farmacia

Dettagli

I NUOVI FARMACI. Leflunomide

I NUOVI FARMACI. Leflunomide Progressi in Medicina: Nuove Terapie per le diverse Malattie Reumatiche Flavio Fantini Direttore Cattedra di Reumatologia dell Università di Milano, Istituto Ortopedico G. Pini - Milano I NUOVI FARMACI

Dettagli

Proteine terapeutiche in patologie autoimmunitarie/ infiammatorie

Proteine terapeutiche in patologie autoimmunitarie/ infiammatorie Proteine terapeutiche in patologie autoimmunitarie/ infiammatorie L artrite reumatoide (AR), una patologia sia infiammatoria che autoimmune ARTICOLAZIONE SANA PATOLOGIA TERAPIA ARTRITE REUMATOIDE FARMACI

Dettagli

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS)

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Che cos é? Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) La sindrome di Blau è una malattia genetica. I pazienti affetti presentano rash

Dettagli

Medicina off label Il farmaco sbagliato

Medicina off label Il farmaco sbagliato Medicina off label Il farmaco sbagliato carlomaurizio montecucco Unità Operativa di Reumatologia Fondazione IRCCS Policlinico S. Matteo Università di Pavia Medicina off label Il farmaco imputato. Uso improprio.

Dettagli

FARMACI BIOLOGICI I : GLI ANTI TNFα

FARMACI BIOLOGICI I : GLI ANTI TNFα FARMACI BIOLOGICI I : GLI ANTI TNFα La corrente pratica clinica reumatologica pone il curante sempre più spesso a confronto con pazienti affetti da forme artritiche resistenti ai trattamenti di fondo (es.

Dettagli

SCHEDA DI VALUTAZIONE PER L INSERIMENTO DI FARMACI NON PRESENTI NEL PTR

SCHEDA DI VALUTAZIONE PER L INSERIMENTO DI FARMACI NON PRESENTI NEL PTR RICHIESTA DI INSERIMENTO IN PTR DI MARAVIROC ATC J05AX09 (Celsentri ) Presentata da Commissione Terapeutica Provinciale Sassari In data novembre 2008 Per le seguenti motivazioni: Trattamento dell infezione

Dettagli

SCHEDA DI VALUTAZIONE PER L INSERIMENTO DI FARMACI NON PRESENTI NEL PTR

SCHEDA DI VALUTAZIONE PER L INSERIMENTO DI FARMACI NON PRESENTI NEL PTR Approvata nella seduta della del 23.05.07 Presentata da RICHIESTA DI INSERIMENTO IN PTR DI NATALIZUMAB (TYSABRI ) ATC L04AA23 Prof. Giulio Rosati, Direttore della Clinica Neurologica dell Università di

Dettagli

FARMACI BIOTECNOLOGICI E FARMACOLOGIA DELL INFIAMMAZIONE

FARMACI BIOTECNOLOGICI E FARMACOLOGIA DELL INFIAMMAZIONE FARMACI BIOTECNOLOGICI E FARMACOLOGIA DELL INFIAMMAZIONE TULLIO FLORIO Sezione di Farmacologia Dipartimento di Medicina Interna Scuola Medico-Farmaceutica Università di Genova 1 Anti-inflammatory & http://www.accessexcellence.org/ab/gg/biotechnology.html

Dettagli

Farmaci biologici e riparazione tessutale Valentina Dini

Farmaci biologici e riparazione tessutale Valentina Dini Farmaci biologici e riparazione tessutale Valentina Dini Sezione di Riparazione Tessutale Cutanea Clinica Dermatologica Università di Pisa www.sirtes.it Ulcere croniche Vascolari Diabetiche da Pressione

Dettagli

SCHEDA FARMACO (a cura di UOS Farmacoeconomia e HTA, Area Centro) Nintedanib (VARGATEF)

SCHEDA FARMACO (a cura di UOS Farmacoeconomia e HTA, Area Centro) Nintedanib (VARGATEF) Principio attivo (nome commerciale) Forma farmaceutica e dosaggio, posologia, prezzo, regime di rimborsabilità, ditta SCHEDA FARMACO (a cura di UOS Farmacoeconomia e HTA, Area Centro) Nintedanib (VARGATEF)

Dettagli

valutazione del rischio tubercolare nei pazienti affetti da reumatismi infiammatori cronici

valutazione del rischio tubercolare nei pazienti affetti da reumatismi infiammatori cronici DIAGNOSI della INFEZIONE TUBERCOLARE LATENTE: LUCI e OMBRE Torino, 20-21 21 settembre 2012 valutazione del rischio tubercolare nei pazienti affetti da reumatismi infiammatori cronici Paolo Clerico SSD

Dettagli

SCHEDA FARMACO. (a cura di UOS Farmacoeconomia e HTA, Area Centro)

SCHEDA FARMACO. (a cura di UOS Farmacoeconomia e HTA, Area Centro) SCHEDA FARMACO (a cura di UOS Farmacoeconomia e HTA, Area Centro) Principio attivo (nome commerciale) Forma farmaceutica e dosaggio, posologia, prezzo, regime di rimborsabilità, ditta Dabrafenib (Tafinlar)

Dettagli

EFFETTI DELLE CURE TERMALI NEI REUMATISMI INFIAMMATORI Nuove risultanze degli studi clinici

EFFETTI DELLE CURE TERMALI NEI REUMATISMI INFIAMMATORI Nuove risultanze degli studi clinici Cattedra e U.O.C. di Reumatologia Università-Azienda Ospedaliera di PADOVA EFFETTI DELLE CURE TERMALI NEI REUMATISMI INFIAMMATORI Nuove risultanze degli studi clinici La ricerca scientifica termale si

Dettagli

Dr.ssa Chiara Bazzani, Dr.ssa Tamara Ziglioli, Dr. Matteo Filippini, Dr. Roberto Gorla

Dr.ssa Chiara Bazzani, Dr.ssa Tamara Ziglioli, Dr. Matteo Filippini, Dr. Roberto Gorla Una persona ben informata della sua malattia e del perché deve assumere dei farmaci, potrà meglio partecipare attivamente alla gestione della sua condizione di salute. Non ci stancheremo di ripetere che

Dettagli

Lo screening nei pazienti candidati alla terapia con farmaci biologici. Sara Bonazza U.O. di Reumatologia Università degli Studi di Ferrara

Lo screening nei pazienti candidati alla terapia con farmaci biologici. Sara Bonazza U.O. di Reumatologia Università degli Studi di Ferrara Lo screening nei pazienti candidati alla terapia con farmaci biologici Sara Bonazza U.O. di Reumatologia Università degli Studi di Ferrara INDICAZIONI ARTRITE REUMATOIDE 006.714.0 ARTROPATIA PSORIASICA

Dettagli

Nuovi regimi terapeutici nel trattamento del mieloma multiplo in pazienti non candidabili a trapianto

Nuovi regimi terapeutici nel trattamento del mieloma multiplo in pazienti non candidabili a trapianto Nuovi regimi terapeutici nel trattamento del mieloma multiplo in pazienti non candidabili a trapianto Antonio Palumbo Divisione di Ematologia Universitaria, Ospedale Molinette, Torino Per più di quattro

Dettagli

ALLEGATO I RIASSUNTO DELLE CARATTERISTICHE DEL PRODOTTO

ALLEGATO I RIASSUNTO DELLE CARATTERISTICHE DEL PRODOTTO ALLEGATO I RIASSUNTO DELLE CARATTERISTICHE DEL PRODOTTO 1 1. DENOMINAZIONE DEL MEDICINALE Enbrel 25 mg polvere e solvente per soluzione iniettabile. 2. COMPOSIZIONE QUALITATIVA E QUANTITATIVA Ciascun flaconcino

Dettagli

0.4 mg/kg in 2 dosi Maximum 50 mg/dose. IV 5 mg/kg, in settimana 0, 2, 6, poi ogni 8 settimane

0.4 mg/kg in 2 dosi Maximum 50 mg/dose. IV 5 mg/kg, in settimana 0, 2, 6, poi ogni 8 settimane Le infezioni nei bambini in trattamento immunoterapico The Pediatric Infectious Disease Journal Andreas Woerner, MD, Nicole Ritz, MD, PhD Pediatr Infect Dis J. 2013;32(3):284-288. Introduzione I farmaci

Dettagli

Informazioni per i media: Questa iniziativa è stata finanziata e coordinata da AbbVie con il supporto delle seguenti associazioni pazienti

Informazioni per i media: Questa iniziativa è stata finanziata e coordinata da AbbVie con il supporto delle seguenti associazioni pazienti Informazioni per i media: Questa iniziativa è stata finanziata e coordinata da AbbVie con il supporto delle seguenti associazioni pazienti Copyright 2014 AbbVie Inc. North Chicago, Illinois, U.S.A. Data

Dettagli

Anticorpi monoclonali Anti-EGFR. -Ruolo Biologico -Evidenze terapeutiche -Problemi -Sviluppi futuri. Valentina Anrò

Anticorpi monoclonali Anti-EGFR. -Ruolo Biologico -Evidenze terapeutiche -Problemi -Sviluppi futuri. Valentina Anrò Anticorpi monoclonali Anti-EGFR -Ruolo Biologico -Evidenze terapeutiche -Problemi -Sviluppi futuri Valentina Anrò Ruolo Biologico Epidermal Growth Factor Receptor Extracellular Domain Transmembrane Domain

Dettagli

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD)

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Che cos è? Il deficit di mevalonato chinasi è una malattia genetica. E un errore congenito

Dettagli

Her2/neu Il ruolo del Pertuzumab

Her2/neu Il ruolo del Pertuzumab Università degli Studi di Torino Corso di Laurea Specialistica in Biotecnologie Mediche Her2/neu Il ruolo del Pertuzumab Corso di Immunologia Molecolare Anno Accademico 2007/08 Elisa Migliore Her2 nelle

Dettagli

Posologia La posologia raccomandata è di 162 mg per via sottocutanea una volta alla settimana.

Posologia La posologia raccomandata è di 162 mg per via sottocutanea una volta alla settimana. 1. DENOMINAZIONE DEL MEDICINALE RoActemra 162 mg soluzione iniettabile in siringa preriempita. 2. COMPOSIZIONE QUALITATIVA E QUANTITATIVA Ciascuna siringa preriempita contiene 162 mg di tocilizumab in

Dettagli

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono?

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono? STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? Si definisce sperimentazione clinica, o studio clinico controllato, (in inglese: clinical trial), un esperimento scientifico che genera dati

Dettagli

Bruno Meduri. Radioterapia Oncologica - A.O.U. Policlinico di Modena. Associazione Italiana di Radioterapia Oncologica

Bruno Meduri. Radioterapia Oncologica - A.O.U. Policlinico di Modena. Associazione Italiana di Radioterapia Oncologica Bruno Meduri Radioterapia Oncologica - A.O.U. Policlinico di Modena Associazione Italiana di Radioterapia Oncologica Follow up condiviso Il follow-up attivo della donna trattata è parte integrante del

Dettagli

FARMACI INNOVATIVI, BIOTECNOLOGICI E TERAPIE STAMINALI: FARMACOLOGIA, FARMACOTERAPIA E NORMATIVE

FARMACI INNOVATIVI, BIOTECNOLOGICI E TERAPIE STAMINALI: FARMACOLOGIA, FARMACOTERAPIA E NORMATIVE FARMACI INNOVATIVI, BIOTECNOLOGICI E TERAPIE STAMINALI: FARMACOLOGIA, FARMACOTERAPIA E NORMATIVE Roma, 14 aprile 2015 Appropriatezza ed innovazione: le sfide della ricerca Teresa Calamia ELENCO FARMACI

Dettagli

ALLEGATO I RIASSUNTO DELLE CARATTERISTICHE DEL PRODOTTO

ALLEGATO I RIASSUNTO DELLE CARATTERISTICHE DEL PRODOTTO ALLEGATO I RIASSUNTO DELLE CARATTERISTICHE DEL PRODOTTO 1/84 1. DENOMINAZIONE DEL MEDICINALE Humira 40 mg soluzione iniettabile. 2. COMPOSIZIONE QUALITATIVA E QUANTITATIVA Ciascun flacone da 0,8 ml contiene

Dettagli

ALLEGATO I RIASSUNTO DELLE CARATTERISTICHE DEL PRODOTTO

ALLEGATO I RIASSUNTO DELLE CARATTERISTICHE DEL PRODOTTO ALLEGATO I RIASSUNTO DELLE CARATTERISTICHE DEL PRODOTTO 1 1. DENOMINAZIONE DEL MEDICINALE Simponi 50 mg soluzione iniettabile in penna pre-riempita. 2. COMPOSIZIONE QUALITATIVA E QUANTITATIVA Una penna

Dettagli

Dimensioni del problema

Dimensioni del problema SIMPOSIO La stipsi severa: attualità terapeutiche Dimensioni del problema Stefano Tardivo Dipartimento di Sanità Pubblica e Medicina di Comunità Università degli Studi di Verona FC (FUNCTIONAL CONSTIPATION)

Dettagli

RIASSUNTO DELLE CARATTERISTICHE DEL PRODOTTO 1. DENOMINAZIONE DEL MEDICINALE: 2. COMPOSIZIONE QUALITATIVA E QUANTITATIVA:

RIASSUNTO DELLE CARATTERISTICHE DEL PRODOTTO 1. DENOMINAZIONE DEL MEDICINALE: 2. COMPOSIZIONE QUALITATIVA E QUANTITATIVA: RIASSUNTO DELLE CARATTERISTICHE DEL PRODOTTO 1. DENOMINAZIONE DEL MEDICINALE: SIMPONI 100 mg soluzione iniettabile in penna pre-riempita. 2. COMPOSIZIONE QUALITATIVA E QUANTITATIVA: Ogni penna pre-riempita

Dettagli

ALLEGATO I RIASSUNTO DELLE CARATTERISTICHE DEL PRODOTTO

ALLEGATO I RIASSUNTO DELLE CARATTERISTICHE DEL PRODOTTO ALLEGATO I RIASSUNTO DELLE CARATTERISTICHE DEL PRODOTTO 1 1. DENOMINAZIONE DEL MEDICINALE Humira 40 mg/0.8 ml soluzione iniettabile per uso pediatrico. 2. COMPOSIZIONE QUALITATIVA E QUANTITATIVA Ciascun

Dettagli

Position paper Biosimilari

Position paper Biosimilari Position paper Biosimilari Introduzione I farmaci biologici sono prevalentemente costituiti da prodotti proteici ottenuti mediante metodiche biotecnologiche. I farmaci biosimilari ( biosimilari ) sono

Dettagli

SCHEDA FARMACO. Principio attivo (nome commerciale) Forma farmaceutica e dosaggio, posologia, prezzo, regime di rimborsabilità, ditta

SCHEDA FARMACO. Principio attivo (nome commerciale) Forma farmaceutica e dosaggio, posologia, prezzo, regime di rimborsabilità, ditta Principio attivo (nome commerciale) Forma farmaceutica e dosaggio, posologia, prezzo, regime di rimborsabilità, ditta Indicazione terapeutica Classificazione: Spesa per paziente trattato (euro, posologia/durata)

Dettagli

METHOTREXATE. Vi raccomandiamo di leggere questo opuscolo con cura e di discuterne con il vostro medico curante.

METHOTREXATE. Vi raccomandiamo di leggere questo opuscolo con cura e di discuterne con il vostro medico curante. PATIENT INFORMATION ON Australian Rheumatology Association METHOTREXATE (Italian) (Brand names: Methoblastin) Questo opuscolo informativo èstato creato dall Associazione Remautologica Australiana per aiutarvi

Dettagli

www.pediatric-rheumathology.printo.it SPONDILOARTROPATIA GIOVANILE

www.pediatric-rheumathology.printo.it SPONDILOARTROPATIA GIOVANILE www.pediatric-rheumathology.printo.it SPONDILOARTROPATIA GIOVANILE Che cos è? La spondiloartropatia giovanile costituisce un gruppo di malattie infiammatorie croniche delle articolazioni (artrite) e dei

Dettagli

La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno

La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno Metodo epidemiologici per la clinica _efficacia / 1 La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno La buona ricerca clinica Non è etico ciò che non è rilevante scientificamente Non è

Dettagli

L automisurazione della pressione e aderenza al trattamento

L automisurazione della pressione e aderenza al trattamento Firenze, 2-3 Dicembre 2011 Aula Magna del Seminario Arcivescovile Maggiore L automisurazione della pressione e aderenza al trattamento Mauro Vannucci Elena Tamburini Il 62% delle visite dal medico danno

Dettagli

DISPOSIZIONI IN MATERIA DI ESENZIONI DALLA COMPARTECIPAZIONE ALLA SPESA SANITARIA RIGUARDANTI LE MALATTIE REUMATICHE INFIAMMATORIE.

DISPOSIZIONI IN MATERIA DI ESENZIONI DALLA COMPARTECIPAZIONE ALLA SPESA SANITARIA RIGUARDANTI LE MALATTIE REUMATICHE INFIAMMATORIE. Allegato parte integrante Allegato A) DISPOSIZIONI IN MATERIA DI ESENZIONI DALLA COMPARTECIPAZIONE ALLA SPESA SANITARIA RIGUARDANTI LE MALATTIE REUMATICHE INFIAMMATORIE. Le prestazioni indicate nelle tabelle

Dettagli

RIASSUNTO DELLE CARATTERISTICHE DEL PRODOTTO

RIASSUNTO DELLE CARATTERISTICHE DEL PRODOTTO RIASSUNTO DELLE CARATTERISTICHE DEL PRODOTTO 1. DENOMINAZIONE DEL MEDICINALE: REMICADE 100 mg polvere per concentrato per soluzione per infusione. 2. COMPOSIZIONE QUALITATIVA E QUANTITATIVA: Ogni flaconcino

Dettagli

Gestione del paziente reumatologico adulto: percorso di cura per artrite reumatoide, spondilite e connettivite/vasculite

Gestione del paziente reumatologico adulto: percorso di cura per artrite reumatoide, spondilite e connettivite/vasculite Gestione del paziente reumatologico adulto: percorso di cura per artrite reumatoide, spondilite e connettivite/vasculite Per i professionisti Sommario PREMESSA... 3 1. OGGETTO E OBIETTIVI... 3 2. CAMPO

Dettagli

BE-Positive: Beyond progression after tki in Egfr-Positive NSCLC patients. Sinossi

BE-Positive: Beyond progression after tki in Egfr-Positive NSCLC patients. Sinossi BE-Positive: Beyond progression after tki in Egfr-Positive NSCLC patients Sinossi Principal Investigator e centro promotore dello studio: Dr.ssa Silvia Novello (Divisione di Oncologia Toracica, Università

Dettagli

Terapia di stimolazione del midollo spinale (SCS): documento informativo

Terapia di stimolazione del midollo spinale (SCS): documento informativo Terapia di stimolazione del midollo spinale (SCS): documento informativo Che cos è la terapia SCS? La stimolazione del midollo spinale (SCS) è un opzione chirurgica che potrebbe apportare un miglioramento

Dettagli

Quali farmaci antidolorifici utilizzare nell anziano con malattie cardiovascolari?

Quali farmaci antidolorifici utilizzare nell anziano con malattie cardiovascolari? Quali farmaci antidolorifici utilizzare nell anziano con malattie cardiovascolari? Stefano Maria Zuccaro 12 GIUGNO 2015 18 marzo 2014 Cascata dell acido arachidonico CASCATA DELL ACIDO ARACHDONICO Il mismatch

Dettagli

spondilite anchilosante

spondilite anchilosante onlus Con il patrocinio e il sostegno economico di Emilia Romagna spondilite anchilosante Codice di Esenzione per patologia SPONDILITE ANCHILOSANTE: Cod. n. 054 Grande importanza è farsi riconoscere il

Dettagli

Sostegno economico a due giovani medici italiani per partecipare al 74 th Annual Scientific Meeting of the ACR, Atlanta 6-11 Novembre 2010

Sostegno economico a due giovani medici italiani per partecipare al 74 th Annual Scientific Meeting of the ACR, Atlanta 6-11 Novembre 2010 18 ICARO COME USIAMO I SOLDI CHE CI AFFIDATE FORMAZIONE: SCADENZA BANDO 3 OTTOBRE 2010 Sostegno economico a due giovani medici italiani per partecipare al 74 th Annual Scientific Meeting of the ACR, Atlanta

Dettagli

ALLEGATO I RIASSUNTO DELLE CARATTERISTICHE DEL PRODOTTO

ALLEGATO I RIASSUNTO DELLE CARATTERISTICHE DEL PRODOTTO ALLEGATO I RIASSUNTO DELLE CARATTERISTICHE DEL PRODOTTO 1 1. DENOMINAZIONE DEL MEDICINALE Humira 40 mg/0.8 ml soluzione iniettabile per uso pediatrico. 2. COMPOSIZIONE QUALITATIVA E QUANTITATIVA Ciascun

Dettagli

ALLEGATO I RIASSUNTO DELLE CARATTERISTICHE DEL PRODOTTO

ALLEGATO I RIASSUNTO DELLE CARATTERISTICHE DEL PRODOTTO ALLEGATO I RIASSUNTO DELLE CARATTERISTICHE DEL PRODOTTO 1 1. DENOMINAZIONE DEL MEDICINALE Remicade 100 mg polvere per concentrato per soluzione per infusione. 2. COMPOSIZIONE QUALITATIVA E QUANTITATIVA

Dettagli

PROTOCOLLO TERAPEUTICO AZIENDALE PER IL TRATTAMENTO CON FARMACI BIOLOGICI DELLA PSORIASI

PROTOCOLLO TERAPEUTICO AZIENDALE PER IL TRATTAMENTO CON FARMACI BIOLOGICI DELLA PSORIASI Protocollo Terapeutico PROTOCOLLO TERAPEUTICO AZIENDALE PER IL TRATTAMENTO CON FARMACI BIOLOGICI DELLA PSORIASI Protocollo Terapeutico 1. BACKGROUND La psoriasi è una patologia cutanea infiammatoria a

Dettagli

Utilizzo dei vaccini in oncologia

Utilizzo dei vaccini in oncologia L E G U I D E Utilizzo dei vaccini in oncologia Fondazione Federico Calabresi Utilizzo dei vaccini in oncologia Michele Maio Luana Calabrò Arianna Burigo U.O.C. Immunoterapia Oncologica Azienda Ospedaliera

Dettagli

Trattamento sistemico dell Artrite Psoriasica nell adulto

Trattamento sistemico dell Artrite Psoriasica nell adulto Linee guida terapeutiche / 7 Trattamento sistemico dell Artrite Psoriasica nell adulto con particolare riferimento ai farmaci biologici SINTESI DELLE RACCOMANDAZIONI A cura del Gruppo multidisciplinare

Dettagli

Studio di Ecografia muscolo-tendinea Ecocolor-doppler - Ecocardio Suub Tuum Praesidium Nos Confugimus Sancta Dei Genetrix

Studio di Ecografia muscolo-tendinea Ecocolor-doppler - Ecocardio Suub Tuum Praesidium Nos Confugimus Sancta Dei Genetrix Dirigente Medicina Interna Specialista in Reumatologia Viale Luigi Einaudi 6 93016 Riesi (Cl) Tel. 0934/922009 Cell. 331/2515580. - www.reumatologiadebilio.de LA SINDROME DA ANTICORPI ANTIFOSFOLIPIDI La

Dettagli

www.pediatric-rheumathology.printo.it L ARTRITE LYME

www.pediatric-rheumathology.printo.it L ARTRITE LYME www.pediatric-rheumathology.printo.it L ARTRITE LYME Cos è? L artrite Lyme è causata dal batterio Borrelia burgdorferi (borreliosi di Lyme) e si trasmette con il morso di zecche quali l ixodes ricinus.

Dettagli

5 febbraio 2011 Bollate Dr. Carlo Cardile Infiltrazioni ecoguidate coxo-femorale

5 febbraio 2011 Bollate Dr. Carlo Cardile Infiltrazioni ecoguidate coxo-femorale 5 febbraio 2011 Bollate Dr. Carlo Cardile Infiltrazioni ecoguidate coxo-femorale L osteoartrosi è una malattia degenerativa in cui il dolore e la graduale perdita della funzione articolare sono associati

Dettagli

Avastin è utilizzato con altri medicinali antitumorali per il trattamento dei seguenti tipi di tumore negli adulti:

Avastin è utilizzato con altri medicinali antitumorali per il trattamento dei seguenti tipi di tumore negli adulti: EMA/175824/2015 EMEA/H/C/000582 Riassunto destinato al pubblico bevacizumab Questo è il riassunto della relazione pubblica europea di valutazione (EPAR) per. Illustra il modo in cui il comitato per i medicinali

Dettagli

www.pediatric-rheumathology.printo.it LE TERAPIE FARMACOLOGICHE E I LORO EFFETTI COLLATERALI

www.pediatric-rheumathology.printo.it LE TERAPIE FARMACOLOGICHE E I LORO EFFETTI COLLATERALI www.pediatric-rheumathology.printo.it LE TERAPIE FARMACOLOGICHE E I LORO EFFETTI COLLATERALI FANS (farmaci antinfiammatori non steroidi) Sono medicine sintomatiche antinfiammatorie, antifebbrili (antipiretiche),

Dettagli

Ricerca di bersagli per la terapia sistemica del mesotelioma

Ricerca di bersagli per la terapia sistemica del mesotelioma Ricerca di bersagli per la terapia sistemica del mesotelioma Searching for targets for the systemic therapy of mesothelioma Stahel RA, Weder W, Felley- Bosco E, Petrausch U, Curioni-Fontecedro A, Schmitt-Opitz

Dettagli

SCREENING PER LA PREVENZIONE DEL TUMORE DELLA MAMMELLA

SCREENING PER LA PREVENZIONE DEL TUMORE DELLA MAMMELLA SCREENING PER LA PREVENZIONE DEL TUMORE DELLA MAMMELLA Controversie sullo screening mammografico: pro e contro Edda Simoncini Breast Unit A.O.Spedali Civili Brescia Spedali Civili di Brescia Azienda Ospedaliera

Dettagli

Coordinamento nazionale delle Associazioni dei Malati Cronici (CnAMC)

Coordinamento nazionale delle Associazioni dei Malati Cronici (CnAMC) Coordinamento nazionale delle Associazioni dei Malati Cronici (CnAMC) INDICE 1. PERCHÉ UNA RACCOMANDAZIONE CIVICA SULL ARTRITE REUMATOIDE... 3 2. LA PATOLOGIA: ARTRITE REUMATOIDE 2.1 DESCRIZIONE... 5

Dettagli

SORBITOLO: UN ELEMENTO CHIAVE

SORBITOLO: UN ELEMENTO CHIAVE SORBITOLO: UN ELEMENTO CHIAVE I radicali liberi sono la causa dell infiammazione e del danno tissutale 1,2. Il sorbitolo presente in SYNOLIS V-A neutralizza efficacemente i radicali liberi ed ha quindi

Dettagli

Alterata regolazione del ciclo cellulare: un nuovo meccanismo patologico coinvolto nella deplezione delle cellule T CD4+ nell infezione da HIV

Alterata regolazione del ciclo cellulare: un nuovo meccanismo patologico coinvolto nella deplezione delle cellule T CD4+ nell infezione da HIV Alterata regolazione del ciclo cellulare: un nuovo meccanismo patologico coinvolto nella deplezione delle cellule T CD4+ nell infezione da HIV ADULTS AND CHILDREN ESTIMATED TO BE LIVING WITH HIV/AIDS,

Dettagli

La reumatologia oggi tra disabilità e remissione

La reumatologia oggi tra disabilità e remissione La reumatologia oggi tra disabilità e remissione Prof. Raffaele Scarpa C A T T E D R A D I R E U M A T O L O G I A C E N T R O D I R I F E R I M E N T O R E G I O N A L E P E R L A T E R A P I A B I O

Dettagli

Quali sono le malattie reumatiche più importanti?

Quali sono le malattie reumatiche più importanti? Quali sono le malattie reumatiche più importanti? L ARTROSI, una patologia legata alla degenerazione delle cartilagini e del tessuto osseo nelle articolazioni, è la malattia reumatica più frequente. Il

Dettagli

Sicurezza ed efficacia dei farmaci biologici nel trattamento delle malattie infiammatorie croniche intestinali in gravidanza

Sicurezza ed efficacia dei farmaci biologici nel trattamento delle malattie infiammatorie croniche intestinali in gravidanza Editoriali Recenti Prog Med 2010; 101: -401 Sicurezza ed efficacia dei farmaci biologici nel trattamento delle malattie infiammatorie croniche intestinali in gravidanza Antonio Tursi Riassunto. Le malattie

Dettagli

Valutazione randomizzata della revisione italiana dell uso dei farmaci. fornita nella farmacia di comunità utilizzando l asma come modello (RE I-MUR)

Valutazione randomizzata della revisione italiana dell uso dei farmaci. fornita nella farmacia di comunità utilizzando l asma come modello (RE I-MUR) Valutazione randomizzata della revisione italiana dell uso dei farmaci fornita nella farmacia di comunità utilizzando l asma come modello (RE I-MUR) Numero di registrazione dello studio: ISRCTN72438848

Dettagli

Piano Terapeutico per la prescrizione di Incretine/inibitori DPP-4 nel trattamento del diabete tipo 2 (aggiornamento luglio 2014)

Piano Terapeutico per la prescrizione di Incretine/inibitori DPP-4 nel trattamento del diabete tipo 2 (aggiornamento luglio 2014) Piano Terapeutico per la prescrizione di Incretine/inibitori DPP-4 nel trattamento del diabete tipo 2 (aggiornamento luglio 2014) (Da compilarsi online ai fini della rimborsabilità a cura dei centri specializzati,

Dettagli

SCHEDA DI VALUTAZIONE PER L INSERIMENTO DI FARMACI NON PRESENTI NEL PTR

SCHEDA DI VALUTAZIONE PER L INSERIMENTO DI FARMACI NON PRESENTI NEL PTR Presentata da Dott. S. Ortu ASL 2 RICHIESTA DI INSERIMENTO IN PTR DI PANITUMAB ATC L01XC08 (VECTIBIX ) In data febbraio 2010 Per le seguenti motivazioni (sintesi): Monoterapia per il trattamento di pazienti

Dettagli

Accettata dall EMEA per l esame la domanda di autorizzazione alla commercializzazione di LENALIDOMIDE

Accettata dall EMEA per l esame la domanda di autorizzazione alla commercializzazione di LENALIDOMIDE Accettata dall EMEA per l esame la domanda di autorizzazione alla commercializzazione di LENALIDOMIDE NEUCHATEL, Svizzera, 7 aprile/prnewswire/ -- - EMEA sta valutando LENALIDOMIDE come terapia orale per

Dettagli

PROFADIA ASL di MILANO

PROFADIA ASL di MILANO PROFADIA ASL di MILANO Background La patologia diabetica mostra una chiara tendenza, in tutti i paesi industrializzati, ad un aumento sia dell incidenza sia della prevalenza. L accresciuta prevalenza nel

Dettagli

Linee guida di appropriatezza per l'utilizzo dei farmaci biologici impiegati in area reumatologica, dermatologica e gastroenterologia.

Linee guida di appropriatezza per l'utilizzo dei farmaci biologici impiegati in area reumatologica, dermatologica e gastroenterologia. Linee guida di appropriatezza per l'utilizzo dei farmaci biologici impiegati in area reumatologica, dermatologica e gastroenterologia. Indice l. Introduzione 2. Farmaci disponibili 3. Schede di prescrizione

Dettagli

La spesa economica a carico del SSN per la patologia carcinoma a cellule renali metastatico

La spesa economica a carico del SSN per la patologia carcinoma a cellule renali metastatico La spesa economica a carico del SSN per la patologia carcinoma a cellule renali metastatico Stefano Capri, Alessia Marocco IJPH - Year 9, Volume 8, Number 3, Suppl. 2, 2011 Revisione della letteratura

Dettagli

Alla ricerca delle prove di efficacia

Alla ricerca delle prove di efficacia Ozzano dell Emilia EBVM e accesso a informazioni evidence-based 14 marzo 2009 Claudio Fabbri Biblioteca Centralizzata Polo Scientifico-Didattico di Rimini Università degli Studi di Bologna Alla ricerca

Dettagli

Premessa. Tratto da American Heart Journal 2004; 147: 705-712

Premessa. Tratto da American Heart Journal 2004; 147: 705-712 Effetti del cambiamento di terapia con statine sul raggiungimento delle concentrazioni lipidiche ottimali: lo studio Measuring Effective Reductions in Cholesterol Using Rosuvastatin Therapy (MERCURY I)

Dettagli

Years since Randomization No. at Risk 513 489

Years since Randomization No. at Risk 513 489 HER2Club in gastric cancer Obiettivi della terapia nel carcinoma gastrico metastatico e standard terapeutici. Carcinoma gastrico metastatico HER2-positivo: il ruolo di trastuzumab. Mario Scartozzi L ampliamento

Dettagli

Spondilite Anchilosante

Spondilite Anchilosante Spondilite Anchilosante a cura del Dott. Pierluigi Macchioni UO Reumatologia Ospedale Santa Maria Nuova Reggio Emilia e del Dott. Giuseppe Paolazzi UO Reumatologia Ospedale Santa Chiara Trento Cos è? Quali

Dettagli

La Medicina basata sulle evidenze è l uso coscienzioso delle evidenze attualmente disponibili sulle terapie impiegate per curare ogni paziente In

La Medicina basata sulle evidenze è l uso coscienzioso delle evidenze attualmente disponibili sulle terapie impiegate per curare ogni paziente In L. Notari DVM, MSc La Medicina basata sulle evidenze è l uso coscienzioso delle evidenze attualmente disponibili sulle terapie impiegate per curare ogni paziente In Medicina Umana l approccio evidence-based

Dettagli

Obj105 I FARMACI BIOLOGICI IN AMBITO REUMATOLOGICO-INTERNISTICO. Paola Faggioli, Antonio Tamburello, Antonino Mazzone UO Medicina Interna Legnano

Obj105 I FARMACI BIOLOGICI IN AMBITO REUMATOLOGICO-INTERNISTICO. Paola Faggioli, Antonio Tamburello, Antonino Mazzone UO Medicina Interna Legnano Obj105 L OPINIONE DELL ESPERTO - N 3 I FARMACI BIOLOGICI IN AMBITO REUMATOLOGICO-INTERNISTICO FARMACI BIOLOGICI: COSA SONO? Paola Faggioli, Antonio Tamburello, Antonino Mazzone UO Medicina Interna Legnano

Dettagli

ORMONI FEMMINILI E LUPUS ERITEMATOSO SISTEMICO: UN PROBLEMA REALE OPPURE UNA PAURA ESAGERATA? PL

ORMONI FEMMINILI E LUPUS ERITEMATOSO SISTEMICO: UN PROBLEMA REALE OPPURE UNA PAURA ESAGERATA? PL ORMONI FEMMINILI E LUPUS ERITEMATOSO SISTEMICO: UN PROBLEMA REALE OPPURE UNA PAURA ESAGERATA? PL Meroni Unità di Allergologia, Immunologia Clinica & Reumatologia IRCCS Istituto Auxologico Italiano Dipartimento

Dettagli

CORSI PER INFERMIERI E FISIOTERAPISTI. Rimini, 27-28 novembre 2015

CORSI PER INFERMIERI E FISIOTERAPISTI. Rimini, 27-28 novembre 2015 CORSI PER INFERMIERI E FISIOTERAPISTI Rimini, 27-28 novembre 2015 CORSO AVANZATO PER INFERMIERI PRESENTAZIONE Il Corso ha l obbiettivo di fornire agli infermieri professionali cui è dedicato: la trattazione

Dettagli

MENOZZI Guido 39, via Lusardi, 23100 SONDRIO (SO) ITALIA Cell: 3294036334 Abitaz.: 0342-216191216191 Fax 0342-521368. guidomenozzi@libero.

MENOZZI Guido 39, via Lusardi, 23100 SONDRIO (SO) ITALIA Cell: 3294036334 Abitaz.: 0342-216191216191 Fax 0342-521368. guidomenozzi@libero. C U R R I C U L U M F O R M A T I V O P R O F E S S I O N A L E D E L D O T T O R G U I D O M E N O Z Z I INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Telefono MENOZZI Guido 39, via Lusardi, 23100 SONDRIO (SO)

Dettagli

Sperimentazione Clinica: ruolo e responsabilità dell Infermiere

Sperimentazione Clinica: ruolo e responsabilità dell Infermiere Sperimentazione Clinica: ruolo e responsabilità dell Infermiere Documenti per lo studio Giuseppe Caracciolo, Cardiologist e Clinical Research Physician, Menarini Ricerche Alessandra Milani, Coordinatore

Dettagli

Panitumumab. Raccomandazioni evidence-based. Carcinoma colon-rettale metastatico (I linea di terapia)

Panitumumab. Raccomandazioni evidence-based. Carcinoma colon-rettale metastatico (I linea di terapia) Raccomandazioni evidence-based Panitumumab Carcinoma colon-rettale metastatico (I linea di terapia) A cura del Gruppo Regionale Farmaci Oncologici (GReFO) Raccomandazione d uso n. 36 Ottobre 2014 Direzione

Dettagli

Lynch TJ, Patel T, Dreisbach L, McCleod M, Heim WJ, Hermann RC, Paschold E, Iannotti NO, Dakhil S, Gorton S, Pautret V, Weber MR, Woytowitz D.

Lynch TJ, Patel T, Dreisbach L, McCleod M, Heim WJ, Hermann RC, Paschold E, Iannotti NO, Dakhil S, Gorton S, Pautret V, Weber MR, Woytowitz D. Lynch TJ, Patel T, Dreisbach L, McCleod M, Heim WJ, Hermann RC, Paschold E, Iannotti NO, Dakhil S, Gorton S, Pautret V, Weber MR, Woytowitz D. Cetuximab and First-Line Taxane/Carboplatin Chemotherapy in

Dettagli

Imagine of the colon f r. izzello rizzello

Imagine of the colon f r. izzello rizzello Imagine of the colon f. rizzello 1 passo: quadro clinico Sintomi funzionali Stipsi Sintomi regionali dolore da rallentato transito organica da defecazione ostruita Diarrea acuta (< 2-3 sett) cronica (>

Dettagli

IPOTIROIDISMO IN GRAVIDANZA

IPOTIROIDISMO IN GRAVIDANZA 1 ottobre 2011 IPOTIROIDISMO IN GRAVIDANZA Dott.ssa Elena Fachinat DATI EPIDEMIOLOGICI : Prevalenza stimata di ipotiroidismo conclamato in gravidanza : 0,3-0,5% Prevalenza stimata di ipotiroidismo subclinico

Dettagli

AIFA - Agenzia Italiana del Farmaco

AIFA - Agenzia Italiana del Farmaco NOTA INFORMATIVA IMPORTANTE CONCORDATA CON LE AUTORITÀ REGOLATORIE EUROPEE E L'AGENZIA ITALIANA DEL FARMACO (AIFA) Marzo 2011 Restrizione dell indicazione terapeutica della specialità medicinale ZERIT

Dettagli

"Evidence Based-Healthcare" - Où en sommes nous en 2009?

Evidence Based-Healthcare - Où en sommes nous en 2009? "Evidence Based-Healthcare" - Où en sommes nous en 2009? CALASS 2009 Luxembourg Bernard Burnand CHUV et Université de Lausanne Lausanne, Suisse Contenuto della presentazione Evidenza, contro-evidenza Medicina

Dettagli

A.O. Ospedali Riuniti Villa Sofia-Cervello -P.O. Vincenzo Cervello

A.O. Ospedali Riuniti Villa Sofia-Cervello -P.O. Vincenzo Cervello C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Francesco Arcoleo, Dirigente Medico strutturato a tempo indeterminato dal 1993. Indirizzo Via Giovanni Zappalà, 19-90144-Palermo Telefono 091/6802882,

Dettagli

SEBASTIANO FILETTI. Dipartimento di Medicina Interna e Specialità Mediche. Università di Roma Sapienza, Roma

SEBASTIANO FILETTI. Dipartimento di Medicina Interna e Specialità Mediche. Università di Roma Sapienza, Roma SEBASTIANO FILETTI Dipartimento di Medicina Interna e Specialità Mediche Università di Roma Sapienza, Roma La malattia tiroidea è in aumento negli ultimi anni. Quali le ragioni? Dati epidemiologici provenienti

Dettagli

Statement. Confermato in più occasioni il profilo di efficacia e sicurezza di dabigatran etexilato

Statement. Confermato in più occasioni il profilo di efficacia e sicurezza di dabigatran etexilato Confermato in più occasioni il profilo di efficacia e sicurezza di dabigatran etexilato Il British Medical Journal pubblica un articolo non equilibrato riguardante dabigatran Ingelheim, Germany, 23 luglio

Dettagli

I linfomi non-hodgkin

I linfomi non-hodgkin LINFOMA NON HODGKIN I linfomi non-hodgkin (LNH) sono un eterogeneo gruppo di malattie neoplastiche che tendono a riprodurre le caratteristiche morfologiche e immunofenotipiche di una o più tappe dei processi

Dettagli

Effetto epatoprotettivo della somministrazione di Citexivir in pazienti con epatite cronica da HCV

Effetto epatoprotettivo della somministrazione di Citexivir in pazienti con epatite cronica da HCV Relazione scientifica finale (13/10/2014) Effetto epatoprotettivo della somministrazione di Citexivir in pazienti con epatite cronica da HCV INTRODUZIONE: L'epatite C è una malattia infettiva, causata

Dettagli