Test bed per la valutazione della Qualità del Servizio in reti ottiche integrate IP

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Test bed per la valutazione della Qualità del Servizio in reti ottiche integrate IP"

Transcript

1 Test bed per la valutazione della Qualità del Servizio in reti ottiche integrate IP Francesco Matera, Vittorio Baroncini, Luca Rea, Alessandro Tarantino, Paolo Pasquali, Francesca Matteotti Fondazione Ugo Bordoni Giancarlo Gaudino, Domenico Ciavatta, Giuseppe Del Prete ISCOM

2 SOMMARIO...6 INTRODUZIONE...8 CAPITOLO STATO ATTUALE DELLE RETI E PROSPETTIVE DI EVOLUZIONE FUTURE ARCHITETTURA DELLA RETE FISSA Infrastrutture di Trasmissione La rete di accesso...14 Accesso commutato su doppino telefonico...14 Accesso su doppino: la tecnologia xdsl...14 Accesso dedicato in fibra ottica La rete di giunzione La rete dorsale Numerizzazione delle centrali di Commutazione nella rete pubblica TECNOLOGIE DI COMMUTAZIONE I Sistemi SDH La tecnologia ATM La tecnologia IP LE RETI NAZIONALI E PROSSIMI SVILUPPI Le reti di raccolta e le reti dorsali...21 Collegamento tra nodi...22 Piano di Controllo...22 Trattamento del traffico da parte dei nodi SVILUPPO DEL CONTROL-PLANE ED EVOLUZIONE DELLE RETI DI TELECOMUNICAZIONI IN AREA METRO E CORE Nuovi servizi e vantaggi economici dall adozione di reti ASON/GMPLS CONCLUSIONI...31 CAPITOLO EVOLUZIONE DELLO STANDARD ETHERNET NELLE RETI MAN INTRODUZIONE LO STANDARD ETHERNET IL MECCANISMO DI ACCESSO CSMA/CD IL DOMINIO DI COLLISIONE DALLE LAN ALLE MAN: SWITCHING ETHERNET SERVIZI DI CONNETTIVITA ETHERNET PUNTO-PUNTO LA GIGABIT ETHERNET LA STANDARDIZZAZIONE DEI SERVIZI ETHERNET SDH/SONET, OTH ED ETHERNET NELLE RETI DI TRASPORTO:VISIONE DEGLI STANDARD INTERNAZIONALI E PROSPETTIVE PER IL FUTURO Un modello semplificato per una rete di trasporto Descrizione funzionale del modello SDH ED OTH ETHERNET: STANDARD FUTURI ETHERNET SU MPLS (MPLS ED OAM) ETHERNET PROVIDER BRIDGE ETHERNET PROVIDER BACKBONE BRIDGE ETHERNET OAM CONSIDRAZIONI FINALI...56 CAPITOLO QUALITA DEL SERVIZIO: CARATTERIZZAZIONE ED IMPLEMENTAZIONE QUALITA DEL SERVIZIO

3 3.1.1 SLA: Service Level Agreement LA GESTIONE DELLA QUALITA DEL SERVIZIO IntServ: Integrated Service Il Protocollo RSVP Il protocollo RTP DiffServ (Differentiated Services) Il campo DSCP PHB: Per-Hop Behaviour SCHEDULING E ALGORITMI WRR: Weighted Round Robin Priority queuing Controllo della Congestione Coesistenza IntServ, DiffServ DIFFSERV OVER MPLS L architettura MPLS MPLS e ingegneria del traffico Implementazione della QoS DiffServ su MPLS ARCHITETTURA GMPLS...94 CAPITOLO STRUTTURA ED ELEMENTI DEL...97 TEST- BED TEST-BED MPLS PER LE MISURE OGGETTIVE DELLA QUALITA DEL SERVIZIO Struttura del test-bed Presentazione del Test-bed ELEMENTI DELLA RETE Router Juniper M Architettura generale dei router Router Juniper M10: architettura Software JUNOS Generatore/analizzatore di traffico Chariot: Server e Client U.S.Robotics Wireless AP US Anrtitsu MN9610B PRINCIPIO DI FUNZIONAMENTO DEL SISTEMA Switch Ottico La Porta parallela Amplificatore di corrente CAPITOLO CONFIGURAZIONE DELLA RETE E PROVE OGGETTIVE TIPOLOGIE DI PROVE E NORMATIVE DI RIFERIMENTO Settaggio delle schede di rete CONFIGURAZIONE DEI ROUTER Misure per il dimensionamento dell Expedited Forwarding Misure per il dimensionamento dell Assured Forwarding Configurazione definitiva TEST SUI SERVIZI Test sui servizi di video conferenza Test su servizio VoIP (Voice over IP) Servizio di trasferimento dati Servizi audio-video non real time CAPITOLO PROVE SOGGETTIVE E QUALITA PERCEPITA DALL UTENTE FINALE

4 6.1 TEST-BED SPERIMENTALE PER LA VALUTAZIONE SOGGETTIVA DELLA QUALITA DEL SERVIZIO PROVE SOGGETTIVE Scelta delle immagini televisive Registrazione delle sequenze Scelta del metodo di valutazione e preparazione della camera afonica LA SESSIONE DI TEST Preparazione delle sequenze Fase di elaborazione dei dati RISULTATI OTTENUTI Analisi globale delle sequenze via cavo ANALISI DELLE SEQUENZE VIA CAVO Automobilismo Tennis Nuoto Sincronizzato Ciclismo Musica ANALISI DELLE SEQUENZE WI-FI CAPITOLO MISURE OGETTIVE DEL TEMPO DI RIPRISTINO INTRODUZIONE TEMPO DI INTERRUZIONE DEL COLLEGAMENTO TEMPO DI REAZIONE DEL ROUTER AL GUASTO TEST SUI SERVIZI TEST BED UTILIZZATO PER LE MISURE CON IL SOFTWARE CHARIOT Test sui servizi simulati Test di ripristino su servizi di video conferenza Commutazione volontaria del mezzo trasmissivo Test di ripristino su servizio VoIP (Voice over IP) Test di ripristino su servizi audio-video non real time Test di ripristino su servizio di trasferimento dati RISPRISTINO DEL SERVIZIO MEDIANTE PROTOCOLLO OSPF CAPITOLO PROVE SOGGETTIVE E QUALITA PERCEPITA DALL UTENTE FINALE ELEMENTI NORMATIVI PER LA VALUTAZIONE SOGGETTIVA DELLA QUALITA DEL SERVIZIO NORMATIVE ITU-T ED ITU-R Enti per la valutazione delle QoS QoS della rete QoS del contenuto e QoS percepita dall utente TEST BED SPERIMENTALE (CON BACK_UP) PER LA VALUTAZIONE SOGGETTIVA DELLA QUALITA DEL SERVIZIO SVOLGIMENTO DELLE PROVE SOGGETTIVE Scelta delle immagini televisive Registrazione delle sequenze Scelta del metodo di valutazione e preparazione della camera afonica LA SESSIONE DEI TEST Preparazione delle sequenze Fase di elaborazione dei dati RISULTATI OTTENUTI Analisi globale delle sequenze via cavo ANALISI DELLE SEQUENZE SINGOLE Automobilismo Tennis Musica

5 APPENDICE TECNICHE DI PROTEZIONE INTRODUZIONE MECCANISMI DI PROTEZIONE Protezione lineare Protezione lineare 1: La topologia ad anello Unidirectional Path Switched Ring (UPSR) Bidirectional Line Switched Ring (BLSR) TECNICHE DI PROTEZIONE PROPIETARIE BASATE SUL PROTOCOLLO MPLS L architettura MPLS MPLS e ingegneria del traffico Resilience in MPLS Tecniche di ripristino MPLS su JUNIPER M ALGORITMO DI ROUTING OSPF Analisi del tempo di attivazione di adiacenza tra router APPENDICE IL SOFTWARE DI MANAGEMENT PER IL RIPRISTINO LE SOCKET Dichiarazione Dichiarazione delle librerie utilizzate Dichiarazione delle costanti definite Dichiarazione delle funzioni utilizzate Dichiarazione e semantica delle variabili utilizzate nel main Verifica della correttezza dell input Creazione della socket strutture dati delle socket Inizializzazione delle strutture d interesse Inizializzazione della struttura controllore Richiesta di una porta al SO Sdoppiamento dei processi La funzione fork() Ricezione del messaggio inviato dal router Processamento del pacchetto ricevuto Gestione dei segnali Cattura dei segnali e gestione della porta parallela La funzione close( ) FUNZIONI DI UTILITA CHARIOT: SESRVER E CLIENT APPENDICE ELEMENTI NORMATIVI PER LA VALUTAZIONE SOGGETTIVA DELLA QUALITA DEL SERVIZIO NORMATIVE ITU-T E ITU-R Enti per la valutazione delle QoS QoS della rete QoS del contenuto e QoS percepita dall utente NORMATIVA DI RIFERIMENTO PER I TEST Normativa ITU-R BT

6 SOMMARIO In questo rapporto riportiamo i risultati sperimentali che sono stati ottenuti sul test bed di rete che è stato realizzato presso i laboratori ISCOM nell ambito della collaborazione tra FUB e ISCOM nel progetto FUB QoSIP. Scopo di tale progetto sono lo studio e la sperimentazione di modalità per la diffusione di servizi multimediali interattivi su reti IP con alta Qualità del Servizio, anche in condizioni di alta congestione della rete, con particolare interesse verso la IP-TV. Per queste ragioni è stato costituito un test bed di rete ottica integrata multiservizio che rappresenta un esempio di rete regionale con diversi tipi di accesso. In particolare essa è costituita da una parte core realizzata con core router ad alta capacità connessi con lunghi collegamenti in fibra ottica (multipli di 25 km) che rappresenta una rete regionale, a cui sono collegati diversi dispositivi di accesso per valutare le prestazioni dell utenza. In particolare sono disponibili connessioni del tipo Fibre-to-the-Building (FTTB) e Fibre-to-the Curb (FTTC), WI-FI e VDSL. In questo rapporto faremo riferimento ai soli collegamenti FTTB, FTTC e WI-FI, mentre le prestazioni VDSL saranno riportate in un successivo rapporto. Per garantire la QoS abbiamo introdotto nella rete la metodologia denominata DiffServ-MPLS che permette una particolare etichettatura dei pacchetti che garantisce un trattamento differenziato della informazione. In particolare abbiamo utilizzato una mappatura innovativa proposta da noi e basata sull etichettatura del campo DSCP, che si è rivelata particolarmente efficace. Su tale rete sono state inoltre studiato, proposto e introdotte anche tecniche di ripristino molto innovative e che si sono rivelate molto efficienti e poco costose. Inoltre sono state studiate metodologie per l instradamento del traffico in presenza di nuovi dispositivi di commutazione ottici come OXC e convertitori di frequenza. 6

7 Tale metologie permettono di effettuare commutazioni di cammini fisici in rete senza introdurre alterare la qualità percepita da parte degli utenti. Una svariata serie di misure oggettive (di rete) e soggettive (percepite) su diversi tipi di servizi ci ha permesso di concludere che la tecniche da noi proposte per reti IP permettono la fruizione di tali servizi con alta QoS anche in condizioni di forte congestione della rete. In particolare la tecnica denominata Expedited Forwarding del DiffServ-MPLS è quella che permette un altissima percezione di servizi IP- TV anche in condizioni di estrema congestione della rete nel caso dell architettura FTTB e FTTC (ma si prevede che analoghe prestazioni saranno ottenute con accessi VDSL). Resta invece da sottolineare i limiti in termini di QoS per la tecnica WI-FI anche quando le condizioni di traffico della rete core garantirebbero alte prestazioni per l accesso. 7

8 INTRODUZIONE Il sensazionale sviluppo di Internet ha avuto un impatto forte sull industria delle telecomunicazioni determinando progressivamente l affermazione dei concetti e dei paradigmi connessi con la tecnologia Internet e in particolare con il protocollo IP. La crescita delle applicazioni ha fatto sì che in molte direttrici di telecomunicazioni internazionali e in reti nazionali dei paesi più avanzati il volume del traffico dati superasse quello relativo ai servizi di telecomunicazione tradizionali (fonia, fax, ecc). Tuttavia, nonostante il grande volume di traffico determinato da Internet, i margini di profitto connessi sono piuttosto modesti ed in ogni caso molto inferiori a quelli relativi ai servizi di fonia. A tale riguardo alcune studi dimostrano che in una prospettiva di medio termine il rapporto fra i volumi dei traffici IP e dei servizi tradizionali è stimato circa uguale a dieci, mentre il rapporto dei relativi introiti è stimato circa uguale ad un decimo. La necessità di ripagare gli investimenti sulle reti IP, insieme alla prospettiva di sviluppo di una rete integrata (capace cioè di trasportare tutti i tipi di servizi con un unica piattaforma di rete), spinge gli operatori di reti IP a fornire su queste reti anche i servizi di telecomunicazione tradizionali. Lo sviluppo di una rete integrata multiservizio è stato da sempre perseguito dai principali operatori di rete, e ciò ha portato a sviluppi importanti delle reti come ad esempio l ISDN e successivamente l ATM. Oggi la prospettiva di una rete integrata multiservizio basata su tecnologia IP comincia a concretizzarsi con reti di operatori, sia emergenti che storici, in grado di offrire anche servizi fonici e video. L integrazione dei servizi di fonia e dati assume attualmente una valenza anche più forte che nel passato, in quanto apre la possibilità di sviluppo di nuovi servizi e di nuovi modi di comunicazione. Oltre ai servizi multimediali già considerati nel passato, come ad esempio la videocomunicazione e la multivideoconferenza, è possibile fornire servizi come la 8

9 messaggistica unificata (unified messaging con , fax e casella vocale), conferenze multimediali, accessi contemporanei a pagine WWW e a servizi informativi, computing e progettazione collaborative, home working, teleshopping, giochi interattivi, e cosi via. La crescita del volume dei dati da trasportare e la fornitura di servizi con requisiti di tempo reale pongono, insieme alle esigenze di affidabilità e di sicurezza, una serie di nuovi requisiti per le reti e gli apparati IP. Lo scopo di questo lavoro è appunto quello di analizzare i trend di sviluppo delle architetture di rete, i requisiti emergenti per i router e le loro tendenze strutturali in un ottica di rete integrata multiservizio. A partire da un analisi dei servizi da supportare, si concentra in prima istanza l attenzione sulle caratteristiche richieste alle nuove reti ottiche metropolitane (MAN; Metropolitan Area Network) che costituiscono i nuclei di base delle nuove reti IP. Si analizza in particolare il ruolo della tecnologia Ethernet sia sulla rete di accesso, dove essa si va affermando come la soluzione più favorevole per l insieme dei benefici che comporta, sia come livello di trasporto nella MAN stessa. Le tecnologie Internet ed in particolare l architettura protocollare IP, da un lato soddisfano in pieno i requisiti di flessibilità e scalabilità richieste, dall altro però necessitano di significativi adeguamenti architetturali che consentano alle prossime reti di essere in grado di assicurare adatte prestazioni in termini di QoS e robustezza ai guasti. Per raggiungere questi obiettivi occorre lavorare su due aspetti chiave: l Ingegneria del Traffico e la differenziazione dei servizi. Le reti di trasporto ad alta velocità cui si fa riferimento comprendono le reti di giunzione e le reti dorsali. Queste ultime in particolare hanno sperimentato in tempi recenti un notevole potenziamento in Italia: migliaia di Km di fibra sono stati stesi su tutto il territorio nazionale con grande impegno economico dovuto agli alti costi del cablaggio. Le fibre ottiche, oltre a rappresentare un vero e proprio patrimonio infrastrutturale, costituiscono il mezzo trasmissivo più veloce. Ne consegue che gli eventuali cambiamenti necessari per rispondere alle nuove esigenze di traffico riguarderanno soprattutto gli apparati di rete. Si prevede a questo proposito un impiego sempre più elevato di dispositivi ottici e di router più flessibili. 9

10 La gestione della rete deve essere accompagnata da un adeguato piano di controllo che tenga conto dei problemi di disponibilità di risorse e di tipologia di traffico offerto. Lo scenario che si prospetta è quello di una rete ottica, eterogenea, multiservizio, basata sul protocollo IP e gestita in modo distribuito. Gli apparati di rete devono avere la capacità di instradare il traffico in modo veloce ed efficiente, e soprattutto devono essere in grado di gestire in modo opportuno le politiche di QoS (Quality of Service). In questo contesto si colloca questo Progetto svolto dalla Fondazione Ugo Bordoni in collaborazione con l ISCOM (Istituto Superiore per le Comunicazioni e delle Tecnologie dell Informazione). La principale finalità è stata lo studio di reti ottiche dinamiche in presenza di diverse condizioni di traffico e di politiche di QoS; a tal scopo è stato realizzato un test-bed sperimentale di rete ottica utilizzando come modalità di accesso la soluzione nota come FTTB (Fiber To The Bilding). Le architetture di rete basate sul protocollo Ethernet per il trasporto di pacchetti IP/MPLS direttamente su fibra ottica (1 e 10 Gigabit Ethernet) costituisono una soluzione efficiente per il superamento delle congestioni che da sempre limitano la velocità di trasmissione dati fra reti locali e reti geografiche. Sistemi basati su connessioni GbE ottiche trovano oggi impiego non solo per il collegamento fra switch di livello 2 in reti locali, ma anche per il collegamento diretto fra router che operano a livello 3 in reti metropolitane. Tuttavia la completa diffusione di GbE è inficiata dalla mancanza di alcune importanti funzioni per la gestione e manutenzione della rete (OAM), come la protezione delle connessioni in caso di guasto. Lo schema di protezione di tipo 1+1, estremamente semplice e veloce, è quello più usato, per contro richiede la duplicazione delle risorse quali costose interfacce sui router e fibre ottiche. Soluzioni più avanzate basate su tecnologia WDM riducono le necessità di fibre aumentano però il costo complessivo dell infrastruttura di rete. In questo lavoro viene dapprima implementato un test-bed per la riservazione della qualità del servizi secondo l approccio DiffServ over MPLS, poi vengono valutati sperimentalmente i principali limiti che caratterizzano la protezione di 10

11 connessione punto-punto GbE su fibra ottica fra router commerciali di ultima generazione destinati ad un utilizzo in ambito metropolitano. Si evidenzia, in particolare, il tempo impiegato dai router per rilevare e gestire il guasto della connessione, valutando la tempistica richiesta dal protocollo di instradamento Open Shortest Path First (OSPF) per il ripristino del corretto scambio di pacchetti dopo che è stata riattivata fisicamente la connessione. Al fine di migliorare il comportamente dei router nelle situazioni considerate, vengono proposte delle linee di riferimento. Lo studio presenta infine l implementazione di uno schema di protezione potenzialmente condivisibile, veloce ed economico che evita i problemi e le inefficienze evidenziate sperimentalmente dai router. Lo schema si basa sull impiego di dispositivi di commutazione ottica (PXC) controllati da segnalazione fuori-banda. L implementazione mostra la possibilità di sfruttare le potenzialità del sistema di protezione per ridurre l impiego di risorse pregiate dell infrastruttura di rete (interfacce sui router e fibre ottiche) pur garantendo tempi di ripristino della connessione di pochi millisecondi. 11

12 Capitolo 1 STATO ATTUALE DELLE RETI E PROSPETTIVE DI EVOLUZIONE FUTURE 1.1 ARCHITETTURA DELLA RETE FISSA In generale quando si parla di reti bisogna distinguere tra: Infrastrutture di trasmissione (portanti e tecniche di trasferimento) Infrastrutture di commutazione (nodi e procedure di smistamento e instradamento) Una rete di telecomunicazione è costituita da un insieme di apparecchiature e risorse per la trasmissione e la commutazione dei segnali. Dal punto di vista dell architettura, una rete fissa può essere suddivisa in tre parti principali: accesso, giunzione (o raccolta), dorsale. In letteratura è molto spesso utilizzato il concetto di rete di trasporto, come l insieme di portanti e apparati trasmissivi che permette di collegare tra loro i nodi di una rete di TLC. La rete di accesso permette la connessione dell utente alla centrale, in particolare si può dividere in rete primaria, che riguarda la connessione dalla centrale all armadio di distribuzione, e in rete secondaria, che riguarda la connessione dall armadio all utente. Va precisato che per la struttura utilizzata da Telecom Italia gli armadi in realtà sono due: il primo è connesso alla centrale ed è chiamato armadio di permutazione ed il secondo che connette l armadio di permutazione con l utente; quest ultimo è detto armadio di distribuzione.

13 La rete di raccolta o rete di giunzione è quella che connette le centrali in ambito cittadino. La rete dorsale connette le città o i grandi centri abitati. Tutto ciò rappresenta una schematizzazione di principio della rete di TLC, è molto probabile, infatti, che nel futuro questa schematizzazione sarà sempre meno realistica, nel senso che saranno più comuni connessioni tra domini che oggi sembrano profondamente distinti. Figura 0.1 : Architettura di rete fissa Infrastrutture di Trasmissione L avvento della fibra, quale mezzo trasmissivo principale nelle reti geograficamente estese, ha condotto, sin dai primi anni Novanta, ad un abbandono dei portanti coassiali in rame. L uso delle fibre ha inizialmente interessato solo la rete dorsale, sin dalla metà degli anni Novanta però si è assistito ad un lento ma inesorabile affermarsi di questo mezzo anche nella rete di giunzione, come conseguenza dell introduzione dei sistemi SDH (Syncronous Digital Hierarchy). Sempre nei primi anni Novanta la rete ha subito una profonda ristrutturazione che ha consentito la posa di alcuni milioni di nuovi rilevamenti d utente in coppia simmetrica (doppini telefonici), che hanno consentito al gestore, allora 13

14 monopolista, di rimediare ad una situazione di profonda carenza, soprattutto nelle grandi metropoli, per quello che riguarda il servizio telefonico di base. I grossi investimenti effettuati sulla rete d accesso in doppino negli anni Novanta consentono oggi di poter offrire un infrastruttura importante per la fornitura dei servizi a larga banda attraverso la tecnologie xdsl (Syncronous Subscriber Line). Tuttavia, per fare fronte all incremento di richiesta di banda sono necessarie altre soluzioni che vanno individuate nel portare una terminazione in una fibra ottica sempre più prossima a casa dell utente La rete di accesso Accesso commutato su doppino telefonico Il mezzo trasmissivo attualmente più utilizzato per la rete di accesso, nonché l unico che copra completamente il territorio, è la coppia simmetrica in rame denominata usualmente doppino telefonico. Un doppino è costituito da due fili in rame, twistati e non schermati, e costituisce il portante storicamente utilizzato per la telefonia analogica in area d accesso. Il doppino collega fisicamente la centrale locale dei servizi di telecomunicazioni (voce ed internet) con l abitazione dell utente per tratte che possono andare dalle centinaia di metri fino a qualche Km, da cui il nome di ultimo miglio. I collegamenti sono dedicati e permanenti, portando a reti con la tipica configurazione a stella. Attualmente per ragioni storiche la principale rete d accesso su doppino appartiene a Telecom Italia. La rete dispone di circa 50 milioni di doppini di cui poco più della metà sfruttati dalla clientela d accesso. In generale si tratta di una buona rete d accesso con una vita residua di qualche decina d anni. Accesso su doppino: la tecnologia xdsl Negli anni Ottanta, attraverso la ricerca sulla modulazione, è stato definito un modem di concezione innovativa, la cosiddetta tecnologia DSL (Digital Subscriber Loop) di cui l accesso base alla rete ISDN ( Integrated Service Digital Network ) costituisce un primo esempio. 14

15 Con il termine xdsl si intende una famiglia di tecniche trasmissive che consentono di fornire servizi a larga banda in area d utente utilizzando come mezzi di trasporto i portanti in rame già istallati. La realizzazione di un collegamento xdsl prevede l istallazione di un DSLAM (Digital Subscriber Line Access Multiplexer) in una sede centrale e di un NT (Network Termiation) in casa dell utente, comunemente chiamato modem. Si separa, tramite filtri, la banda fonica da quella dati, senza la necessità di intervenire sul collegamento fisico e riducendo così i costi di fornitura dei servizi. Va però osservato che, considerato lo stato di degrado di alcuni doppini, problemi di diafonia 1 rendono disponibili, per i servizi a banda larga, solo il 50% di quelli esistenti. Una caratteristica delle tecniche xdsl è la possibilità di commercializzare all utente finale un insieme di soluzioni molto variegate in termini di capacità da e verso la rete. L ADSL (Asymmetric Digital Subscriber Line) è una tecnica trasmissiva asimmetrica che prevede una maggiore capacità dalla rete downlink ed una minore verso la rete uplink. Per utenze di tipo business sono dedicati accessi di tipo SDSL (Symmetric Digital Subscriber Line), ed inoltre esiste una piattaforma xdsl che può essere resa disponibile anche per utenze domestiche e prende il nome di VDSL (Very Hight bit rate Digital Subscriber Line). Si tratta di un evoluzione dei sistemi asimmetrici ADSL verso capacità fino a 52 Mbit/s verso l utente e di alcuni Mbit/s verso la rete. E importante sottolineare che le prestazioni trasmissive delle tecniche xdsl dipendono fortemente dalla lunghezza del doppino telefonico, essendo l attenuazione proporzionale alla radice della frequenza, e dagli effetti della diafonia su sistemi trasmissivi utilizzanti lo stesso settore di cavo. Accesso dedicato in fibra ottica La fibra ottica costituisce la modalità d accesso più importante in termini di sviluppo futuro della rete, soprattutto considerando le esigenze dell industria e 1 Fenomeno di accoppiamento elettromagnetico tra i segnali che viaggiano su portanti affasciati nello stesso cavo. 15

16 degli enti che necessitano di capacità ben più elevate di quelle disponibili con l ADSL. Il costo delle tecnologie per l accesso ottico risulta meno elevato, per questo motivo, ad oggi, le fibre ottiche sono arrivate sino alla connessione degli armadi e non mancano soluzioni che tendono a portare la fibra, quindi l alta capacità, sempre più in prossimità dell utente. In questa maniera si tende a diffondere la fibra sia a livello d accesso primario che secondario. In letteratura sono presenti tre soluzioni d accesso per le fibre: la FTTH (Fiber To The Home), che consiste nel raggiungere i singoli utenti finali direttamente con la fibra ottica; la FTTB (Fiber To The Building), che consiste nell effettuare il cablaggio ottico fino agli edifici, adottando nell ultimo tratto il doppino con sistemi xdsl, o un cavo UTP Fast ethernet; la FTTC (Fibre To The Curb), che consiste nell effettuare il cablaggio fino al marciapiede, cioè in prossimità degli edifici, con una soluzione intermedia che è molto vicina a quella alla FTTB. Esistono al momento molti esempi di applicazione in Italia della FTTB soprattutto per grandi aziende, banche, università etc. Allo stato attuale Telecom Italia possiede una rete d accesso in fibra stimabile intorno a km, con una lunghezza media dei collegamenti tra centrale ed utilizzatore di circa 2 Km. Su questa rete sono forniti direttamente accessi SDH e, cosa che riguarda più da vicino questo lavoro, accessi di tipo GbE (Gigabit Ethernet) La rete di giunzione Il traffico generato dai singoli utenti o da piccoli gruppi nella rete d accesso, prima di andare sulla dorsale, viene aggregato nella rete, secondo modalità opportune, nella rete di giunzione o raccolta. Caratteristica tipica delle reti di raccolta è la presenza di architetture ad anello, che possono essere articolate su più livelli, in cui sono effettuate le operazioni di concentrazione del traffico. Si comincia da piccoli anelli di raccolta locali, in pratica le centrali di un quartiere, fino ad anelli più grandi, metropolitani, in cui 16

17 sono inglobati nel percorso dell anello i nodi di transito più importanti della zona urbana. Nel caso di accesso in fibra, che realizza la soluzione FTTB, il collegamento tra utente e centrale locale è realizzato mediante anelli in fibra ottica, dedicati e condivisi, secondo la tipologia degli utenti, che hanno lo scopo di convogliare il traffico sugli anelli metropolitani, sempre in fibra a più elevata capacità. La tecnologia più utilizzata è l SDH ma, per il trattamento del traffico Internet, si sta diffondendo quella della LAN estesa con interfacce GbE. Già da qualche anno le reti di raccolta usano sistemi e tecnologie più moderni basate sulla trasmissione in WDM (Wavelength Division Multiplexig), che consentono d incrementare notevolmente la capacità disponibile su ogni singola fibra ottica La rete dorsale Il panorama nazionale sulle reti dorsali evidenzia a breve termine una capacità ampiamente superiore alla domanda effettiva. Per motivi storici è opportuno trattare della rete dorsale di Telecom Italia, poiché data la condizione di ex monopolista è di fatto la più grande compagnia proprietaria di infrastrutture di telecomunicazione. La dorsale è oggi costituita, in prevalenza, da cavi in fibra ottica: circa Km di fibra in Km di cavo ottico. Una della caratteristiche della dorsale Telecom è aver opportunamente sfruttato la geografia del Paese installando la cosiddetta rete a festoni, che consiste nel collegamento delle città che si affacciano sul mare mediante cavi sottomarini: anziché effettuare onerosi scavi per collegare tutto il paese, si è preferito l installazione di cavi che costeggiano tutto il paese. Un cavo a festoni ha una lunghezza che si aggira tra i 100 ed i 200 Km. La rete dorsale è per la maggior parte cablata con fibre G.653 o dispersion shifted, fibre che hanno la particolarità di avere una dispersione cromatica prossima allo zero nelle lunghezze d onda degli amplificatori convenzionali ( nm). Sfortunatamente la regione con dispersione cromatica prossima allo zero ha una forte controindicazione per i sistemi WDM, poiché si generano forti effetti non 17

18 lineari. Va però osservato che, negli ultimi anni, sono stati messi a punto nuovi amplificatori ottici che lavorano in una regione dello spettro ( nm) in cui il valore della dispersione cromatica riduce fortemente gli effetti non lineari. A partire dal 1999 la dorsale Telecom Italia è passata da una tradizionale struttura magliata ad una struttura ad anelli interconnessi, riducendo il numero dei nodi principali Numerizzazione delle centrali di Commutazione nella rete pubblica La progressiva sostituzione delle centrali analogiche con quelle numeriche nella rete di commutazione, e l utilizzo della segnalazione SSN7, hanno permesso l introduzione di nuovi servizi come l ISDN, l integrazione completa con la rete di trasporto numerica, inizialmente PDH (Plesiochronous Digital Hierarchy) e successivamente SDH. I vantaggi ottenuti con la numerizzazione delle centrali si possono elencare nei seguenti punti: Maggiore qualità del servizio telefonico in termini d intelleggibilità, affidabilità e disponibilità; Integrazione della voce con la trasmissione dati; Servizi di segnalazione automatica a tutti i livelli gerarchici della rete di commutazione; Ottimizzazione della rete; Introduzione della flessibilità nella rete e centralizzazione del controllo e della gestione; Maggiore efficacia nella gestione. La migrazione dalla tecnica analogica a quella numerica ha consentito al Paese di adeguarsi agli standard mondiali di qualità sul servizio telefonico, così come previsto dalle raccomandazioni ITU (International Telecomuncation Union) della serie G. 18

19 1.2 TECNOLOGIE DI COMMUTAZIONE I Sistemi SDH La tecnologia PDH, che aveva caratterizzato fino agli inizi degli anni Novanta le infrastrutture delle reti di trasporto numeriche, è stata affiancata e quasi completamente sostituita dai sistemi SDH anche detti sistemi sincroni. Gli apparati fondamentali dell SDH sono gli ADM (Add Drop Multiplexer) per l inserimento e il prelievo di flussi numerici e i DXC ( Digital Cross Connect ) per la permutazione del traffico a livello di flussi aggregati. Nella seconda parte degli anni Novanta questi sistemi sono stati inseriti in grande quantità sia nella rete dorsale con frequenze di cifra di 622 Mbit/s e 2,5 Gbit/s (STM-4 e 16, DXC 4/4 ), sia nella rete di giunzione con sistemi a frequenze di cifra di 155 Mbit/s e 622 Mbit/s (STM-1 e 4, DXC 4/3/1, ADM-1). Figura 0.2 : Blocchi funzionali di un DXC e di un ADM Allo stato attuale la massima penetrazione dei sistemi SDH si ha nella rete nazionale dorsale, in cui gli apparati raggiungono il 90% di presenza mentre i sistemi PDH vengono progressivamente dimessi. In area metropolitana sono presenti e molto diffusi anelli di raccolta SDH che aggregano il traffico nell area di accesso e lo canalizzano verso l area di giunzione. Gli apparati della rete SDH hanno favorito un netto miglioramento per quanto concerne la trasmissione numerica dei flussi: 19

20 Razionalizzazione nella gestione complessiva della rete, con un unica potenziale struttura di trasporto capace di supportare qualsiasi tipo di traffico (voce, dati, traffico ATM e IP, segnali video); Automatizzazione completa delle operazioni di permutazione a livello di flussi aggregati; Compatibilità con tutti i sistemi numerici precedenti; Introduzione di potenti strumenti per la gestione, il controllo, la protezione e la manutenzione della rete su base nazionale La tecnologia ATM Dal 94 Telecom ha avviato la realizzazione di una rete ATM (Asyncronous Transfer Mode), prima in ambito sperimentale all interno di un progetto con altri operatori europei e dal 1996 in ambito commerciale, sostenendo investimenti in infrastrutture di rete ATM in più di venti città italiane. Questa rete attualmente costituisce il supporto della larga banda ed è impiegata per gestire il traffico dati proveniente dalle reti ADSL La tecnologia IP L affermazione del protocollo IP (Internet Protocol ) e dei servizi di Internet ha fortemente condizionato lo sviluppo delle reti ATM che, di fatto, non costituiscono più la struttura di riferimento per le reti future. Attualmente il trasporto del traffico IP avviene con ATM per la trasmissione a livello di pacchetto ed SDH per il trasporto del segnale. Sia ATM che SDH assicurano la trasmissione del pacchetto IP, tuttavia questo doppio passaggio, IP over ATM over SDH, risulta oneroso in termini di banda in primo luogo per il notevole overhead, poi per tutta una serie di duplicazioni funzionali. Oggi sono in fase di sperimentazione avanzata tecniche di trasporto più semplici e meno costose come ad esempio IP over WDM; in queste tecniche si cerca di eliminare le ridondanze presenti tra IP ed SDH poiché il protocollo IP, 20

RETE DI TRASPORTO OTTICA

RETE DI TRASPORTO OTTICA RETE DI TRASPORTO OTTICA I sistemi di trasmissione WDM furono introdotti inizialmente per aumentare la capacità dei collegamenti punto-punto; con l introduzione di altri dispositivi come l Optical Add

Dettagli

Fondazione Ugo Bordoni

Fondazione Ugo Bordoni La Reti Ottiche nella Fondazione Ugo Bordoni Francesco Matera Responsabile Area Tecnologie per Reti NGN Fondazione Ugo Bordoni mat@fub.it Fondazione Ugo Bordoni Tecnologie fotoniche per le comunicazioni

Dettagli

Cenni sulle principali tecnologie di rete. IZ3MEZ Francesco Canova www.iz3mez.it francesco@iz3mez.it

Cenni sulle principali tecnologie di rete. IZ3MEZ Francesco Canova www.iz3mez.it francesco@iz3mez.it Cenni sulle principali tecnologie di rete IZ3MEZ Francesco Canova www.iz3mez.it francesco@iz3mez.it Oltre la LAN Perché uscire? connessione di più edifici geograficamente lontani della stessa società connessione

Dettagli

Anno Accademico 2013-2014. Lucidi del corso di Reti di Calcolatori e Comunicazione Digitale. Introduzione ( parte II) Topologie di rete

Anno Accademico 2013-2014. Lucidi del corso di Reti di Calcolatori e Comunicazione Digitale. Introduzione ( parte II) Topologie di rete INFORMATICA e COMUNICAZIONE DIGITALE Anno Accademico 2013-2014 Lucidi del corso di Reti di Calcolatori e Comunicazione Digitale Introduzione ( parte II) Prof. Sebastiano Pizzutilo Dipartimento di Informatica

Dettagli

Reti di calcolatori: Introduzione

Reti di calcolatori: Introduzione Reti di calcolatori: Introduzione Vittorio Maniezzo Università di Bologna Reti di computer e Internet Rete: sistema di collegamento di più computer mediante una singola tecnologia di trasmissione Internet:

Dettagli

DigitalSubscriberLine(DSL)

DigitalSubscriberLine(DSL) DigitalSubscriberLine(DSL) 1 La famiglia di tecnologie, nota come DSL (DigitalSubscriberLine), è stata introdotta allo scopo di aumentare il ritmo binario sulle ordinarie linee d utente fino a valori dell

Dettagli

Capitolo 15 Reti di calcolatori e sistemi distribuiti

Capitolo 15 Reti di calcolatori e sistemi distribuiti Capitolo 15 Reti di calcolatori e sistemi distribuiti Indice Mezzi e tecniche di trasmissione dati Cavi in rame Fibre ottiche Onde radio e sistemi wireless Modulazione e demodulazione Reti di calcolatori

Dettagli

VIRTUAL PRIVATE NETWORK AUTOMATIZZATE IN RETI DI TRASPORTO MULTI-VENDOR

VIRTUAL PRIVATE NETWORK AUTOMATIZZATE IN RETI DI TRASPORTO MULTI-VENDOR VIRTUAL PRIVATE NETWORK AUTOMATIZZATE IN RETI DI TRASPORTO MULTI-VENDOR Luca Rea, Cristiano Zema, Sergio Pompei, Francesco Matera Fondazione Ugo Bordoni, Roma, Italy lrea@fub.it Valerio Martini, Piero

Dettagli

Reti di computer. Agostino Lorenzi - Reti di computer - 2008

Reti di computer. Agostino Lorenzi - Reti di computer - 2008 Reti di computer Telematica : termine che evidenzia l integrazione tra tecnologie informatiche e tecnologie delle comunicazioni. Rete (network) : insieme di sistemi per l elaborazione delle informazioni

Dettagli

La classificazione delle reti

La classificazione delle reti La classificazione delle reti Introduzione Con il termine rete si intende un sistema che permette la condivisione di informazioni e risorse (sia hardware che software) tra diversi calcolatori. Il sistema

Dettagli

Il collegamento delle reti aziendali: DHCP, DSL, PPPoE

Il collegamento delle reti aziendali: DHCP, DSL, PPPoE Il collegamento delle reti aziendali: DHCP, DSL, PPPoE Contenuti del corso La progettazione delle reti Il routing nelle reti IP Il collegamento agli Internet Service Provider e problematiche di sicurezza

Dettagli

Capitolo 1 - parte 2. Corso Reti ed Applicazioni Mauro Campanella

Capitolo 1 - parte 2. Corso Reti ed Applicazioni Mauro Campanella Capitolo 1 - parte 2 Corso Reti ed Applicazioni Mauro Campanella Modello a strati 5 4 applicazione trasporto Il modello che useremo prevede 5 strati che svolgono servizi per gli altri strati attraverso

Dettagli

CLASSIFICAZIONE DELLE RETI

CLASSIFICAZIONE DELLE RETI CLASSIFICAZIONE DELLE RETI A seconda dei ruoli dei computer le reti si classificano in: Reti Client Server in cui sono presenti computer con ruoli diversi, alcuni funzionano da client e uno o più da server

Dettagli

Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2014-15. Pietro Frasca. Parte II Lezione 3

Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2014-15. Pietro Frasca. Parte II Lezione 3 Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2014-15 Parte II Lezione 3 Giovedì 12-03-2015 Reti a commutazione di pacchetto datagram Le reti a commutazione

Dettagli

La TV nelle Reti di Nuova Generazione (NGN)

La TV nelle Reti di Nuova Generazione (NGN) La TV nelle Reti di Nuova Generazione (NGN) Francesco Matera Responsabile Area Tecnologie per Reti NGN mat@fub.it ; +39 06 5480 2215 Fondazione Ugo Bordoni Wireless Multicast TV Urbino, 5 maggio 2010 Sommario

Dettagli

WDM & Metro Optical Networking

WDM & Metro Optical Networking Il logo del Convegno WDM & Metro Optical Networking che si é tenuto a Cannes (Francia). WDM & Metro Optical Networking Cannes (Canada) 29 Giugno - 2 Luglio 2004 Gastone Bonaventura, Piergiorgio Pagnan.

Dettagli

i nodi i concentratori le dorsali

i nodi i concentratori le dorsali RETI LOCALI Reti di computer collegati direttamente tra di loro in un ufficio, un azienda etc. sono dette LAN (Local Area Network). Gli utenti di una LAN possono condividere fra di loro le risorse quali

Dettagli

Informatica Generale Andrea Corradini. 10 - Le reti di calcolatori e Internet

Informatica Generale Andrea Corradini. 10 - Le reti di calcolatori e Internet Informatica Generale Andrea Corradini 10 - Le reti di calcolatori e Internet Cos è una rete di calcolatori? Rete : È un insieme di calcolatori e dispositivi collegati fra loro in modo tale da permettere

Dettagli

DHCP e ISP. DHCP e ISP. DHCP e server. DHCP e server DSL. Soluzioni. Digital Subscriber Line. Regola di dimensionamento

DHCP e ISP. DHCP e ISP. DHCP e server. DHCP e server DSL. Soluzioni. Digital Subscriber Line. Regola di dimensionamento DHCP Dynamic Host Configuration Protocol 09CDUdc Reti di Calcolatori DHCP! RFC 2131, 2132! Protocollo client/server per configurare dinamicamente gli host di una rete! Permette l allocazione automatica

Dettagli

Informatica per la comunicazione" - lezione 8 -

Informatica per la comunicazione - lezione 8 - Informatica per la comunicazione - lezione 8 - Esercizio Convertire i seguenti numeri da base 10 a base 2: 8, 23, 144, 201. Come procedere per risolvere il problema? Bisogna ricordarsi che ogni sistema,

Dettagli

Si introdurranno poi le topologie delle reti di calcolatori per capire meglio come gli apparati vengono interconnessi e secondo quali standard.

Si introdurranno poi le topologie delle reti di calcolatori per capire meglio come gli apparati vengono interconnessi e secondo quali standard. Pagina 1 di 8 Installare e configurare componenti hardware di rete Topologie di rete In questo approfondimento si daranno alcune specifiche tecniche per l'installazione e la configurazione hardware dei

Dettagli

Reti locali LAN (Local Area Networks)

Reti locali LAN (Local Area Networks) Reti locali LAN (Local Area Networks) Una LAN è un sistema di comunicazione che permette ad apparecchiature indipendenti di comunicare tra di loro, entro un'area delimitata, utilizzando un canale fisico

Dettagli

SISTEMI XDSL PER L ACCESSO A LARGA BANDA SU COPPIE SIMMETRICHE

SISTEMI XDSL PER L ACCESSO A LARGA BANDA SU COPPIE SIMMETRICHE SISTEMI XDSL PER L ACCESSO A LARGA BANDA SU COPPIE SIMMETRICHE L acronimo xdsl indica una famiglia di sistemi che consente di impiegare il doppino telefonico in rame per trasportare il traffico numerico

Dettagli

Simulazione prova scritta di sistemi Abacus per l Esame di Stato. Traccia n 1

Simulazione prova scritta di sistemi Abacus per l Esame di Stato. Traccia n 1 Simulazione prova scritta di sistemi Abacus per l Esame di Stato Traccia n 1 La condivisione delle informazioni e lo sviluppo delle risorse informatiche tramite cui esse possono venire memorizzate e scambiate

Dettagli

Pianificazione e progetto di reti geografiche

Pianificazione e progetto di reti geografiche Pianificazione e progetto di reti geografiche 1 Architettura delle reti di telecomunicazioni e contesto infrastrutturale regionale 1 Indice Architettura delle reti di Telecomunicazioni Banda Larga nella

Dettagli

Networking e Reti IP Multiservizio

Networking e Reti IP Multiservizio Networking e Reti IP Multiservizio Modulo 2: Introduzione alle reti per dati IEEE802.3 (Ethernet) Gabriele Di Stefano: gabriele@ing.univaq.it Argomenti già trattati: Lezioni: Concetti fondamentali Entità

Dettagli

Standard nelle fibre ottiche

Standard nelle fibre ottiche Standard nelle fibre ottiche Il protocollo ethernet ottico Ethernet è una suite di protocolli originariamente sviluppati per realizzare LAN (Local Area Networks): Ethernet ha avuto molto successo ed è

Dettagli

Reti di computer- Internet- Web. Concetti principali sulle Reti Internet Il Web

Reti di computer- Internet- Web. Concetti principali sulle Reti Internet Il Web Reti di computer- Internet- Web Concetti principali sulle Reti Internet Il Web Condivisione di risorse e comunicazione con gli altri utenti n n n Anni 70: calcolatori di grandi dimensioni, modello timesharing,

Dettagli

Architettura della tecnologia ADSL Tipologie delle tecnologie xdsl

Architettura della tecnologia ADSL Tipologie delle tecnologie xdsl Reti di Telecomunicazioni R. Bolla, L. Caviglione, F. Davoli Aspetti generali della tecnologia xdsl Architettura della tecnologia ADSL Tipologie delle tecnologie xdsl Il DSLAM 10.2 Genericamente le tecnologie

Dettagli

Reti di calcolatori. Condivisione di risorse e comunicazione con gli altri utenti

Reti di calcolatori. Condivisione di risorse e comunicazione con gli altri utenti Reti di calcolatori Condivisione di risorse e comunicazione con gli altri utenti Reti di calcolatori Anni 70: calcolatori di grandi dimensioni, modello time-sharing, centri di calcolo Anni 80: reti di

Dettagli

A cura di: Dott. Ing. Elisabetta Visciotti. e.visciotti@gmail.com

A cura di: Dott. Ing. Elisabetta Visciotti. e.visciotti@gmail.com A cura di: Dott. Ing. Elisabetta Visciotti e.visciotti@gmail.com Il termine generico rete (network) definisce un insieme di entità (oggetti, persone, ecc.) interconnesse le une alle altre. Una rete permette

Dettagli

La virtualizzazione dell infrastruttura di rete

La virtualizzazione dell infrastruttura di rete La virtualizzazione dell infrastruttura di rete La rete: la visione tradizionale La rete è un componente passivo del processo che trasporta i dati meglio che può L attenzione è sulla disponibilità di banda

Dettagli

INTRODUZIONE A RETI E PROTOCOLLI

INTRODUZIONE A RETI E PROTOCOLLI PARTE 1 INTRODUZIONE A RETI E PROTOCOLLI Parte 1 Modulo 1: Introduzione alle reti Perché le reti tra computer? Collegamenti remoti a mainframe (< anni 70) Informatica distribuita vs informatica monolitica

Dettagli

Reti di Calcolatori:

Reti di Calcolatori: Reti di Calcolatori: Internet, Intranet e Mobile Computing a.a. 2007/2008 http://www.di.uniba.it/~lisi/courses/reti/reti0708.htm dott.ssa Francesca A. Lisi lisi@di.uniba.it Orario di ricevimento: mercoledì

Dettagli

Reti di Calcolatori. Lezione 2

Reti di Calcolatori. Lezione 2 Reti di Calcolatori Lezione 2 Una definizione di Rete Una moderna rete di calcolatori può essere definita come: UN INSIEME INTERCONNESSO DI CALCOLATORI AUTONOMI Tipi di Rete Le reti vengono classificate

Dettagli

Programmazione in Rete

Programmazione in Rete Programmazione in Rete a.a. 2005/2006 http://www.di.uniba.it/~lisi/courses/prog-rete/prog-rete0506.htm dott.ssa Francesca A. Lisi lisi@di.uniba.it Orario di ricevimento: mercoledì ore 10-12 Sommario della

Dettagli

Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2013-14. Pietro Frasca. Parte II Lezione 1

Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2013-14. Pietro Frasca. Parte II Lezione 1 Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2013-14 Pietro Frasca Parte II Lezione 1 Martedì 4-03-2014 1 TESTO DI RIFERIMENTO RETI DI CALCOLATORI

Dettagli

Elementi di Reti per Telecomunicazioni

Elementi di Reti per Telecomunicazioni Elementi di Reti per Telecomunicazioni (Parte II) Topologie ed Interfacciamento di Reti Corso di Telecomunicazioni Anno Accademico 2004/2005 Contenuti Introduzione alle reti di TLC. Topologie di Reti per

Dettagli

Reti di calcolatori. Riferimenti: Curtin cap. 9 Console cap. 6 (vecchia ed.) o cap. 8 (nuova ed.)

Reti di calcolatori. Riferimenti: Curtin cap. 9 Console cap. 6 (vecchia ed.) o cap. 8 (nuova ed.) Reti di calcolatori Riferimenti: Curtin cap. 9 Console cap. 6 (vecchia ed.) o cap. 8 (nuova ed.) Reti di calcolatori Inizialmente, con l avvento dei PC, il mondo dell elaborazione dati era diviso in due

Dettagli

Modulo 8 - Reti di reti

Modulo 8 - Reti di reti Modulo 8 - Reti di reti Modulo 8 - Reti di reti Nelle precedenti lezioni abbiamo parlato dei tipi elementari di topologia di rete: a bus, ad anello, a stella. Si è detto anche che le reti vengono tradizionalmente

Dettagli

Crescita di Internet. Torna alla prima pagina

Crescita di Internet. Torna alla prima pagina Crescita di Internet Ogni computer connesso ad Internet viene univocamente identificato dal proprio IP address: stringa di 32 bit costituita dall indirizzo della rete (net-id), e dall indirizzo del computer

Dettagli

Laboratorio di Informatica Corso di laurea in Lingue e Studi interculturali. AA 2010-2011. Paola Zamperlin. Internet. Parte prima

Laboratorio di Informatica Corso di laurea in Lingue e Studi interculturali. AA 2010-2011. Paola Zamperlin. Internet. Parte prima Laboratorio di Informatica Corso di laurea in Lingue e Studi interculturali. AA 2010-2011 Paola Zamperlin Internet. Parte prima 1 Definizioni-1 Una rete di calcolatori è costituita da computer e altri

Dettagli

Architetture software per la QoS

Architetture software per la QoS Corso di architetture multimediali Università di Milano Corso di laurea specialistica in Informatica per la Comunicazione A.A. 2012-2013 Architetture software per la QoS Perché software? Le soluzioni hardware

Dettagli

Introduzione a Internet

Introduzione a Internet Contenuti Architettura di Internet Principi di interconnessione e trasmissione World Wide Web Posta elettronica Motori di ricerca Tecnologie delle reti di calcolatori Servizi Internet (come funzionano

Dettagli

Evoluzione della rete Ethernet (II parte)

Evoluzione della rete Ethernet (II parte) Evoluzione della rete Ethernet (II parte) Argomenti della lezione Richiami sul funzionamento della rete Ethernet Fast Ethernet Gigabit Ethernet Implicazioni sul cablaggio 10Gb Ethernet 10 Gigabit Ethernet:

Dettagli

Reti di computer. Tecnologie ed applicazioni

Reti di computer. Tecnologie ed applicazioni Reti di computer Tecnologie ed applicazioni Da I.T a I.C.T Con I.T (Information Tecnology) si intende il trattamento delle informazioni attraverso il computer e le nuove apparecchiature tecnologiche ad

Dettagli

Corso di Sistemi di Telecomunicazione Ottici A. A. 2009/2010. Reti di accesso. Architettura di rete HFC FTTx

Corso di Sistemi di Telecomunicazione Ottici A. A. 2009/2010. Reti di accesso. Architettura di rete HFC FTTx Corso di Sistemi di Telecomunicazione Ottici Reti di accesso Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria delle Telecomunicazioni A.A. 2009/2010 Reti di accesso (1) Reti di accesso Architettura di rete

Dettagli

Pianificazione e progetto di reti geografiche

Pianificazione e progetto di reti geografiche Pianificazione e progetto di reti geografiche 1 e contesto infrastrutturale regionale 1 2 Modello della rete Architettura delle reti ditelecomunicazioni 3 4 Principali segmenti di rete Rete di accesso

Dettagli

Guida all installazione per VDSL

Guida all installazione per VDSL Sommario 1 Introduzione... 2 2 Aree di connessione... 3 2.1 Qualità dei cavi... 4 3 Trasformazioni... 4 3.1 Zona salita e area di connessione... 4 3.2 Installazione BB internet (DSL)... 4 4 Legenda abbreviazioni...

Dettagli

Prof.ssa Sara Michelangeli. Computer network

Prof.ssa Sara Michelangeli. Computer network Prof.ssa Sara Michelangeli Computer network Possiamo definire rete di computer (Computer network) un sistema in cui siano presenti due o più elaboratori elettronici ed i mezzi per connetterli e che consenta

Dettagli

Prefazione all edizione italiana

Prefazione all edizione italiana Sommario Prefazione all edizione italiana XIII Capitolo 1 Introduzione 1.1 Applicazioni delle reti di calcolatori 2 1.1.1 Applicazioni aziendali 3 1.1.2 Applicazioni domestiche 5 1.1.3 Utenti mobili 8

Dettagli

Reti di calcolatori. Permettono la condivisione di risorse (hardware e software) e la comunicazione con gli altri utenti. Reti di calcolatori

Reti di calcolatori. Permettono la condivisione di risorse (hardware e software) e la comunicazione con gli altri utenti. Reti di calcolatori Reti di calcolatori Permettono la condivisione di risorse (hardware e software) e la comunicazione con gli altri utenti Reti di calcolatori Anni 70: calcolatori di grandi dimensioni, modello time-sharing,

Dettagli

Una Tassonomia delle Reti

Una Tassonomia delle Reti Una Tassonomia delle Reti La tabella riporta una classificazione dei vari tipi di rete, in funzione dell ambito operativo e delle distanze coperte. AMBITO DISTANZA RETE COPERTA Edificio 100 m Reti Locali

Dettagli

Reti di calcolatori protocolli

Reti di calcolatori protocolli Reti di calcolatori Reti di calcolatori Rete = sistema di collegamento tra vari calcolatori che consente lo scambio di dati e la cooperazione Ogni calcolatore e un nodo, con un suo indirizzo di rete, il

Dettagli

Le tecnologie ed i componenti di Ethernet

Le tecnologie ed i componenti di Ethernet Le tecnologie ed i componenti di Ethernet Hub, Bridge, Switch Ethernet Tecnologia LAN dominante: Economica:

Dettagli

b.dataline INTERCONNETTI LE SEDI DELLA TUA AZIENDA

b.dataline INTERCONNETTI LE SEDI DELLA TUA AZIENDA b.dataline INTERCONNETTI LE SEDI DELLA TUA AZIENDA DESCRIZIONE DEL SERVIZIO CARATTERISTICHE TECNICHE 2015 PAGINA 2 DI 10 DATA PRIVATE NETWORK INTRODUZIONE GENERALE Brennercom Data Private Network costituisce

Dettagli

I servizi Metro Ethernet

I servizi Metro Ethernet I servizi Metro Ethernet Attualmente i servizi Metro Ethernet stanno guadagnando una fetta di mercato sempre più considerevole, grazie ai loro attraenti benefits quali la facilità di utilizzo, economicità

Dettagli

Inoltre si è detto che le reti vengono tradizionalmente classificate in base alla distanza:

Inoltre si è detto che le reti vengono tradizionalmente classificate in base alla distanza: Pagina 1 di 5 Topologie WAN Reti di reti Nel modulo 5 si è discusso delle topologie di rete e si è affermato che una rete di telecomunicazioni può essere rappresentata con un grafo, ossia una struttura

Dettagli

Rete di accesso. Reti di accesso

Rete di accesso. Reti di accesso Rete di accesso Gruppo Reti TLC nome.cognome@polito.it http://www.telematica.polito.it/ INTRODUZIONE ALLE RETI TELEMATICHE - 1 Reti di accesso Per arrivare all utenza residenziale ( ultimo miglio ), l

Dettagli

STUDIO DI FATTIBILITA DI SERVIZI TV AD ALTA DEFINIZIONE IN UNA RETE OTTICA MULTIVENDOR

STUDIO DI FATTIBILITA DI SERVIZI TV AD ALTA DEFINIZIONE IN UNA RETE OTTICA MULTIVENDOR STUDIO DI FATTIBILITA DI SERVIZI TV AD ALTA DEFINIZIONE IN UNA RETE OTTICA MULTIVENDOR S. Pompei, L. Rea,, C. Zema, F.Matera Fondazione Ugo Bordoni, via Baldassarre Castiglione 59, 00142, Roma. E. Binnella,

Dettagli

La telematica. Informatica per le discipline umanistiche Note sulla telematica. Segnale analogico / digitale

La telematica. Informatica per le discipline umanistiche Note sulla telematica. Segnale analogico / digitale Università degli Studi di Bergamo Facoltà di Lettere e Filosofia La telematica Informatica per le discipline umanistiche Note sulla telematica Marco Lazzari A.A. 2005-2006 Telematica: telecomunicazioni

Dettagli

Il progetto METRO-CORE Stefano Giordano Gruppo di Ricerca Reti di Telecomunicazioni Dipartimento di Ingegneria della Informazione Università di Pisa

Il progetto METRO-CORE Stefano Giordano Gruppo di Ricerca Reti di Telecomunicazioni Dipartimento di Ingegneria della Informazione Università di Pisa Il progetto METRO-CORE Stefano Giordano Gruppo di Ricerca Reti di Telecomunicazioni Dipartimento di Ingegneria della Informazione Università di Pisa 27 Marzo 2001 Auditorium Centro Studi Cassa di Risparmio

Dettagli

Fondamenti di reti WAN

Fondamenti di reti WAN Indice generale Fondamenti di reti WAN...... Definizione:... Fondamenti di reti WAN Il termine Public Switched Telephone Network (PSTN) è riferito al servizio offerto dalla ditta telefonica per connettere

Dettagli

Lezione 4. Le Reti ed i Protocolli

Lezione 4. Le Reti ed i Protocolli Lezione 4 Le Reti ed i Protocolli Come nasce internet I computer, attraverso i software applicativi, consentono di eseguire moltissime attività. Nel corso degli anni è emersa la necessità di scambiare

Dettagli

Connettività Domenica 19 Dicembre 2010 17:32 - Ultimo aggiornamento Lunedì 24 Novembre 2014 19:34

Connettività Domenica 19 Dicembre 2010 17:32 - Ultimo aggiornamento Lunedì 24 Novembre 2014 19:34 La Suite di servizi Origine.net può essere erogata su reti di telecomunicazioni in tecnolgia Wired e/o Wireless. In base alle esigenze del cliente ed alla disponibilità di risorse tecnologiche, Origine.net

Dettagli

Glossario ADSL Asymmetric Digital Subscriber Line ADSL2+ Asymmetric Digital Subscriber Line ADSL ADSL2+ Browser Un browser Client Un client

Glossario ADSL Asymmetric Digital Subscriber Line ADSL2+ Asymmetric Digital Subscriber Line ADSL ADSL2+ Browser Un browser Client Un client Glossario ADSL Asymmetric Digital Subscriber Line ADSL2+ Asymmetric Digital Subscriber Line ADSL è una tecnica di trasmissione dati che permette l accesso a Internet fino a 8 Mbps in downstream ed 1 Mbps

Dettagli

PROGRAMMAZIONE MODULARE 2015-2016. Disciplina: SISTEMI E RETI Classe: QUINTA A INF SERALE Indirizzo: INFORMATICA

PROGRAMMAZIONE MODULARE 2015-2016. Disciplina: SISTEMI E RETI Classe: QUINTA A INF SERALE Indirizzo: INFORMATICA PROGRAMMAZIONE MODULARE 2015-2016 Disciplina: SISTEMI E RETI Classe: QUINTA A INF SERALE Indirizzo: INFORMATICA Docenti: Gualdi (teoria), Travaglioni (laboratorio) Ore settimanali previste: 2 TEORIA +

Dettagli

Indirizzi in Internet

Indirizzi in Internet Contenuti Architettura di Internet Principi di interconnessione e trasmissione World Wide Web Posta elettronica Motori di ricerca Tecnologie delle reti di calcolatori Servizi Internet (come funzionano

Dettagli

La rete ci cambia la vita. Le persone sono interconnesse. Nessun luogo è remoto. Reti di computer ed Internet

La rete ci cambia la vita. Le persone sono interconnesse. Nessun luogo è remoto. Reti di computer ed Internet La rete ci cambia la vita Lo sviluppo delle comunicazioni in rete ha prodotto profondi cambiamenti: Reti di computer ed Internet nessun luogo è remoto le persone sono interconnesse le relazioni sociali

Dettagli

Reti di computer ed Internet

Reti di computer ed Internet Reti di computer ed Internet La rete ci cambia la vita Lo sviluppo delle comunicazioni in rete ha prodotto profondi cambiamenti: nessun luogo è remoto le persone sono interconnesse le relazioni sociali

Dettagli

Lo scenario: la definizione di Internet

Lo scenario: la definizione di Internet 1 Lo scenario: la definizione di Internet INTERNET E UN INSIEME DI RETI DI COMPUTER INTERCONNESSE TRA LORO SIA FISICAMENTE (LINEE DI COMUNICAZIONE) SIA LOGICAMENTE (PROTOCOLLI DI COMUNICAZIONE SPECIALIZZATI)

Dettagli

Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2014-15. Pietro Frasca. Parte II Lezione 1

Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2014-15. Pietro Frasca. Parte II Lezione 1 Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2014-15 Parte II Lezione 1 Giovedì 5-03-2015 TESTO DI RIFERIMENTO RETI DI CALCOLATORI E INTERNET un

Dettagli

Verso le Next Generation Networks

Verso le Next Generation Networks Verso le Next Generation Networks Reti di nuova generazione (o Next Generation Networks) è un termine molto ampio per indicare l insieme delle reti di TLC che sono previste per i prossimi 5-10 anni e che

Dettagli

RETI DI TELECOMUNICAZIONI L B 2a parte. SISTEMI DI COMMUTAZIONE Modulo A: Architetture di reti

RETI DI TELECOMUNICAZIONI L B 2a parte. SISTEMI DI COMMUTAZIONE Modulo A: Architetture di reti RETI DI TELECOMUNICAZIONI L B 2a parte SISTEMI DI COMMUTAZIONE Modulo A: Architetture di reti Prof. Giorgio CORAZZA A.A. 2001/2002 Il corso di SISTEMI DI COMMUTAZIONE si compone di due moduli: ARCHITETTURE

Dettagli

Introduzione alle reti di calcolatori

Introduzione alle reti di calcolatori Introduzione alle reti di calcolatori Definizioni base. Collegamenti diretti e indiretti Strategie di multiplazione Commutazione di circuito e di pacchetto Caratterizzazione delle reti in base alla dimensione

Dettagli

Reti di Calcolatori: nozioni generali il modello a livelli

Reti di Calcolatori: nozioni generali il modello a livelli Reti di Calcolatori: nozioni generali il modello a livelli Percorso di Preparazione agli Studi di Ingegneria Università degli Studi di Brescia Docente: Massimiliano Giacomin Elementi di Informatica e Programmazione

Dettagli

SISTEMI DI TELECOMUNICAZIONI

SISTEMI DI TELECOMUNICAZIONI SISTEMI DI TELECOMUNICAZIONI RETI TELEFONICHE Generalità Nessuna dipendenza dall estensione della rete Copertura locale Interconnessione a lunga distanza Trasporto della voce a commutazione di circuito

Dettagli

Finalità delle Reti di calcolatori. Le Reti Informatiche. Una definizione di Rete di calcolatori. Schema di una Rete

Finalità delle Reti di calcolatori. Le Reti Informatiche. Una definizione di Rete di calcolatori. Schema di una Rete Finalità delle Reti di calcolatori Le Reti Informatiche Un calcolatore isolato, anche se multiutente ha a disposizione solo le risorse locali potrà elaborare unicamente i dati dei propri utenti 2 / 44

Dettagli

A cosa serve una Rete

A cosa serve una Rete La Rete Informatica Che cosa è una Rete Una rete non è altro che un insieme di computer tra loro collegati. Tali computer possono essere di marche e capacità elaborative diverse dal personal al MAIINFRAME

Dettagli

RETI -ARGOMENTI. Prof.ssa D'Angelo - Ti presento le reti - www.meatim.eu

RETI -ARGOMENTI. Prof.ssa D'Angelo - Ti presento le reti - www.meatim.eu RETI -ARGOMENTI 1. Definizione di Internet dal punto di vista fisico 2. Definizione di Internet dal punto di vista logico 3. Le reti di accesso 4. I tre tipi di connessione 5. Le reti locali (L.A.N.) 6.

Dettagli

NETWORKING: SEMINARIO DI STUDIO 1

NETWORKING: SEMINARIO DI STUDIO 1 NETWORKING: SEMINARIO DI STUDIO 1 Obiettivi: 1. Fornire una panoramica sulle reti di calcolatori, tecnologie, potenzialità, limiti, servizi, internet. 2. Fornire una panoramica sulle capacità di base per

Dettagli

Evoluzione dei sistemi informatici

Evoluzione dei sistemi informatici Evoluzione dei sistemi informatici Cos è una rete? Insieme di calcolatori autonomi tra loro collegati mediante una rete di comunicazione Gli utenti sono in grado di interagire in modo esplicito con la

Dettagli

LE RETI OTTICHE PASSIVE

LE RETI OTTICHE PASSIVE LE RETI OTTICHE PASSIVE Prof. Ing. Maurizio Casoni Dipartimento di Ingegneria Enzo Ferrari Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia INDICE La rete di accesso Le reti ottiche passive Gli Standard

Dettagli

Linee Commutate. Comunicazione telefonica:

Linee Commutate. Comunicazione telefonica: Linee Commutate Comunicazione telefonica: Un utente compone il numero del destinatario (richiesta di connessione) Il centralino (umano od elettronico), verifica se il numero desiderato esiste e se è libero,

Dettagli

Sistemi Di Elaborazione Dell informazione

Sistemi Di Elaborazione Dell informazione Sistemi Di Elaborazione Dell informazione Dott. Antonio Calanducci Lezione III: Reti di calcolatori Corso di Laurea in Scienze della Comunicazione Anno accademico 2009/2010 Reti di calcolatori Una rete

Dettagli

Telecomunicazioni RETI DI ELABORATORI

Telecomunicazioni RETI DI ELABORATORI Telecomunicazioni RETI DI ELABORATORI Fino a qualche anno fa, per poter gestire e trasmettere a distanza i dati elaborati si utilizzava il mainframe, in cui tutta la potenza di calcolo era concentrata

Dettagli

Le reti di calcolatori

Le reti di calcolatori Le reti di calcolatori 1 La storia Computer grandi e costosi Gli utenti potevano accerdervi tramite telescriventi per i telex o i telegrammi usando le normali linee telefoniche Successivamente le macchine

Dettagli

Switch di Livello 2 (L2 Switch) Tecniche di Ethernet Switching Tipologie di Switch. Switch di Livello 3 (L3 Switch)

Switch di Livello 2 (L2 Switch) Tecniche di Ethernet Switching Tipologie di Switch. Switch di Livello 3 (L3 Switch) Reti di Telecomunicazioni R. Bolla, L. Caviglione, F. Davoli Switch di Livello 2 (L2 Switch) Tecniche di Ethernet Switching Tipologie di Switch Switch di Livello 3 (L3 Switch) Virtual LAN (VLAN) 23.2 Inizialmente

Dettagli

INTEGRAZIONE ED ESPANSIONE DEL SISTEMA DI VIDEOSORVEGLIANZA DEL COMUNE DI CASTELLAMMARE DI STABIA TITOLO ELABORATO: MODULO ISOLE WI-FI HOT SPOT

INTEGRAZIONE ED ESPANSIONE DEL SISTEMA DI VIDEOSORVEGLIANZA DEL COMUNE DI CASTELLAMMARE DI STABIA TITOLO ELABORATO: MODULO ISOLE WI-FI HOT SPOT INTEGRAZIONE ED ESPANSIONE DEL SISTEMA DI VIDEOSORVEGLIANZA DEL COMUNE DI CASTELLAMMARE DI STABIA TITOLO ELABORATO: MODULO ISOLE WI-FI HOT SPOT INDICE 1. PREMESSA 4 2. ARCHITETTURA RETI MESH 5 3. DISPOSITIVI

Dettagli

Realizzazione di un commutatore ultraveloce di flussi dati ottici basato su effetti non lineari in fibra. Claudia Cantini

Realizzazione di un commutatore ultraveloce di flussi dati ottici basato su effetti non lineari in fibra. Claudia Cantini Realizzazione di un commutatore ultraveloce di flussi dati ottici basato su effetti non lineari in fibra Claudia Cantini 20 Luglio 2004 Ai miei genitori Prefazione La nostra vita di ogni giorno é sempre

Dettagli

Principi fondamentali

Principi fondamentali Principi fondamentali Elementi di base Definizione di rete di calcolatori Tipologia di connessioni Architettura di rete Prestazioni di una rete di calcolatori Conclusioni 1 1 Bit e Byte BIT = BInary digit

Dettagli

10 argomenti a favore dell over IP

10 argomenti a favore dell over IP Quello che i fornitori di telecamere analogiche non dicono 10 argomenti a favore dell over IP Le telecamere di rete non sono certo una novità, infatti il primo modello è stato lanciato nel 1996. Nei primi

Dettagli

5. Internetworking L2/L3

5. Internetworking L2/L3 Università di Genova Facoltà di Ingegneria Reti di Telecomunicazioni e Telemedicina 1 5. Internetworking L2/L3 Prof. Raffaele Bolla dist! Sia l esistenza (almeno nella fase iniziale) di tecnologie diverse,

Dettagli

Sistemi a larga banda (Broadband)

Sistemi a larga banda (Broadband) 61 Sistemi a larga banda (Broadband) Le applicazioni informatiche e i servizi multimediali (musica, film, manifestazioni sportive) offerti sulla grande rete Internet e attraverso la televisione digitale

Dettagli

Laboratorio di Informatica. Le reti telematiche e Internet

Laboratorio di Informatica. Le reti telematiche e Internet Le reti telematiche e Internet Lezione 6 1 Insieme di cavi, protocolli, apparati di rete che collegano tra loro computer distinti i cavi trasportano fisicamente le informazioni opportunamente codificate

Dettagli

Tecnologie per il web e lo sviluppo multimediale. Reti di Calcolatori e Internet

Tecnologie per il web e lo sviluppo multimediale. Reti di Calcolatori e Internet Tecnologie per il web e lo sviluppo multimediale Reti di Calcolatori e Internet Luca Pulina Corso di Laurea in Scienze della Comunicazione Università degli Studi di Sassari A.A. 2015/2016 Luca Pulina (UNISS)

Dettagli

Le Reti di Computer. Tecnologie dell'informazione e della Comunicazione. I.S.I.S.S. Sartor CASTELFRANCO V.TO. Prof. Mattia Amadori

Le Reti di Computer. Tecnologie dell'informazione e della Comunicazione. I.S.I.S.S. Sartor CASTELFRANCO V.TO. Prof. Mattia Amadori I.S.I.S.S. Sartor CASTELFRANCO V.TO Tecnologie dell'informazione e della Comunicazione Le Reti di Computer Prof. Mattia Amadori Anno Scolastico 2015/2016 COS È UNA RETE DI COMPUTER? Rete di computer è

Dettagli

RETI GEOGRAFICHE Introduzione alle reti geografiche Trasmissione dati su linea telefonica analogica. Lenee dedicate Reti a commutazione di pacchetto

RETI GEOGRAFICHE Introduzione alle reti geografiche Trasmissione dati su linea telefonica analogica. Lenee dedicate Reti a commutazione di pacchetto 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 RETI GEOGRAFICHE Introduzione alle reti geografiche Trasmissione dati su linea telefonica analogica ISDN ADSL RAS Lenee dedicate Reti a commutazione di pacchetto ATM Reti wireless

Dettagli

Materiali per il Modulo 1 E.C.D.L.

Materiali per il Modulo 1 E.C.D.L. Materiali per il Modulo 1 E.C.D.L. Queste due sigle indicano LAN Local Area Network Si tratta di un certo numero di Computer (decine centinaia) o periferici connessi fra loro mediante cavi UTP, coassiali

Dettagli