PUBMED. questo sconosciuto!!! Assistere secondo. le migliori. evidenze scientifiche disponibili.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PUBMED. questo sconosciuto!!! Assistere secondo. le migliori. evidenze scientifiche disponibili."

Transcript

1 PUBMED questo sconosciuto!!! Assistere secondo le migliori evidenze scientifiche disponibili. 1

2 LA RICERCA DEFINIZIONE: La ricerca ha l obiettivo di sviluppare le conoscenze nell assistenza alla persona sana o ammalata: E volta alla comprensione dei meccanismi genetici,fisiologici, sociali, comportamentali ed ambientali che influiscono sulla capacità della persona o della famiglia a mantenere o migliorare una funzionalità ottimale e ridurre gli effetti negativi della malattia consiste in un processo scientifico e sistematico allo scopo di generare nuove conoscenze, rispondere a domande o risolvere problemi Intenational Council of Nurses I.C.N 2001 EVIDENCE BASED NURSING Si fonda su un processo di apprendimento che, partendo dall'individuazione di un problema clinico e dalla sua esplicita e corretta formulazione, si realizza nella ricerca e nella valutazione dei dati consegnati alla letteratura concernenti quel problema (autoapprendimento). Attraverso tale processo, le infermiere e gli infermieri assumono le decisioni cliniche utilizzando le migliori ricerche disponibili, la loro esperienza clinica e le preferenze del paziente, in un contesto di risorse disponibili (DiCenso A, CullumN, Ciliska D. 1998) l EBN offre una strategia 1 - Riflettere sulla pratica e identificare le aree di incertezza. 2 - Tradurre queste aree di incertezza in quesiti focalizzati e ricercabili. 3 - Ricercare nella letteratura gli studi che utilizzano disegni appropriati per aiutare a rispondere al quesito. 4 - Valutare in modo critico la ricerca. 5 -Cambiare la pratica, se la ricerca suggerisce che sia necessario. CAMPI DI AZIONE Pratica clinica Educazione terapeutica Aspetti legali-amministrativi Organizzazione dei servizi Sanitari 2

3 IL QUESITO DI RICERCA Il quesito di ricerca nasce da una lacuna nella conoscenza nella popolazione alla quale il ricercatore vuole dare una risposta attraverso uno studio originale nel campione dei partecipanti E il dubbio che ciascun professionista fa insorgere nella pratica quotidiana ( ma quel trattamento è veramente utile per il paziente e se provassi ) Come definire un quesito clinico che ci permetta di ricercare la risposta nella letteratura? P= PATIENT I= INTERVENTION C= COMPARISON O= OUTCOME Un buon quesito risulta solitamente costituito dalle seguenti componenti: P=PATIENT:La chiara definizione delle caratteristiche del soggetto da assistere; I= INTERVENTION: Il tipo di azione che si intende attuare nei confronti del soggetto C= COMPARISON: Formulazione sintetica dell intervento attuato fino a quel momento; O= OUTCOME: I risultati che si vogliono conseguire o gli eventi che si vogliono evitare RICERCA IN PUBMED 1. Formula il PICO 2. Segui la guida che trovi in allegato 3. Se non conosci l inglese a. contemporaneamente a Pubmed, apri una pagina con un traduttore come BabelFish ( ). b. Traduci dall italiano all inglese, i termini che intendi ricercare c. Copia da Pubmed e incolla in BabelFish, per tradurre in italiano i contenuti che trovi in inglese. d. Attenzione: la traduzione è letterale! Utilizza intuito e logica per comprendere il significato IL GIOCO E FATTO!!! Di seguito troverai un esempio, che spero possa esserti utile.. BUON LAVORO..!!!!! 3

4 RICERCA IN PUBMED, DI STRATEGIE UTILI ALLA PREVENZIONE DI ECCHIMOSI E DOLORE, ASSOCIATI ALLA SOMMINISTRAZIONE DI EPARINA A BASSO PESO MOLECOLARE SOTTO CUTE (Infermiera Patrizia Nunziante- Master in Management delle Professioni Sanitarie Infermieristiche e Ostetriche) QUESITO Formazione di ecchimosi, ematomi e sensazione di dolore, causati dalla somministrazione di eparina a basso peso molecolare, per via sottocutanea, tramite siringhe pre riempite. OBIETTIVO Individuare strategie nella tecnica dell iniezione s. c. di eparina, che eliminino o attenuino il dolore e la formazione di ecchimosi ed ematomi. PICO 1 Patient: persona in terapia eparinica s. c. Intervention: applicazione di impacchi di ghiaccio sul punto di repere, 5 minuti prima e per 5 minuti dopo, l iniezione Comparison: nessuna applicazione Outcome 1: eliminazione o diminuzione del dolore (di almeno 3 punti in scala da 1 a 10), provocato dall iniezione s. c. di eparina Outcome 2: riduzione del numero e dell estensione di ecchimosi ed ematomi localizzati, provocati dall iniezione s. c. di eparina 4

5 PICO 2 Patient: persona in terapia eparinica s. c. Intervention: iniezione s. c. di eparina della durata di 30 sec Comparison: iniezione s. c. di eparina della durata di 10 sec Outcome 1: eliminazione o diminuzione del dolore (di almeno 3 punti in scala da 1 a 10), provocato dall iniezione s. c. di eparina Outcome 2: riduzione del numero e dell estensione di ecchimosi ed ematomi localizzati, provocati dall iniezione s. c. di eparina 1. Accesso a Pubmed tramite l URL: PICO 1 2. Ricerca delle keywords e creazione della stringa di ricerca tramite Mesh: 5

6 6

7 7

8 8

9 History #7Search ((("Injections, Subcutaneous"[Mesh] AND "Heparin"[Mesh]) AND "Pain"[Mesh]) AND "Contusions"[Mesh]) AND "Cold"[Mesh] 3. Lanciata la ricerca su Pubmed: esito negativo (no item found) 4. Sostituita nella stringa di Mesh : contusions con "bruising" e cold con ice 9

10 10

11 History #10Search "Injections, Subcutaneous"[Mesh] AND "Heparin"[Mesh] AND "Pain"[Mesh] AND "bruising"[all Fields] AND "ice"[all Fields] 5. Lanciata la ricerca su Pubmed: trovato 1 articolo 1: Int J Nurs Stud Feb;38(1):51-9. The effect of cold on the occurrence of bruising, haematoma and pain at the injection site in subcutaneous low molecular weight heparin. Kuzu N, Ucar H. Vocational School of Health Services, Pamukkale University, Denizli, Turkey. The purpose of this study was to investigate the effect of local dry cold application on the occurrence of bruising, haematoma and pain at the injection site in subcutaneous low molecular weight heparin injections. The research involved 63 patients who had received 2 x 20 mg enoxaparine and who were divided into four treatment groups. In the first group, cold was not applied. Cold was applied to the injection site for 5 min before the injection in the second group, and for 5 min after the injection in the third group. In the fourth group, it was applied to the injection site for 5 min pre and post injection. Following each injection, the patients' pain intensity and duration were measured, and the presence of bruise and haematoma were measured at 48 and 72 h after the injection. Results showed that a haematoma did not occur at the injection site of any subject, and there was no significant difference in the incidence or size of bruise among the groups; however, the subjects' perception of pain was significantly less with ice application. PMID: [PubMed - indexed for MEDLINE] 11

12 TRADUZIONE L EFFETTO DEL FREDDO SULLA FORMAZIONE DI ECCHIMOSI, L EMATOMA E IL DOLORE, SUL SITO DI INIEZIONE S. C. DI EPARINA A BASSO PESO MOLECOLARE L'effetto del freddo sulla formazione di ecchimosi, ematoma e dolore sul sito di iniezione in eparina a basso peso molecolare sottocutanea. Kuzu N, Ucar H. Scuola professionale dei servizi medico-sanitari, università di Pamukkale, Denizli, Turchia. Lo scopo di questo ricerca era di studiare l'effetto dell'applicazione freddo-asciutta locale sulla formazione di ecchimosi, ematoma e dolore, sul sito di puntura, nelle iniezioni a basso peso molecolare sottocutanee di eparina. La ricerca ha fatto partecipare 63 pazienti che avevano ricevuto il enoxaparine di mg 2 x 20 e che sono stati divisi in quattro gruppi di trattamento. Nel primo gruppo, il freddo non è stato applicato. Nel secondo gruppo il freddo è stato applicato sul sito di puntura, 5 prima dell'iniezione e, nel terzo gruppo per 5 minuti dopo l'iniezione. Nel quarto gruppo, si è applicato sul sito di puntura, 5 pre e per 5 post l'iniezione. A seguito di ogni iniezione, sono state misurate l'intensità e la durata di dolore del paziente e è stata misurata la presenza di contusione e di ematoma a 48 e a 72 h dopo l'iniezione. I risultati hanno indicato che non si è presentato ematoma sul sito dell'iniezione di alcun soggetto e non c era differenza significativa nell'incidenza o nel formato dell ecchimosi fra i gruppi; tuttavia, la percezione di dolore era significativamente inferiore con l'applicazione di ghiaccio. 1. Aperto il seguente articolo correlato: 12

13 1: J Adv Nurs Mar;21(3): Heparin and haematoma: does ice make a difference? Ross S, Soltes D. Department of Education Resources, Calgary General Hospital, Alberta, Canada. Subcutaneous heparin injections are frequently prescribed for the prevention of deep vein thrombosis. One of the most commonly encountered adverse physiological responses to this intervention is the formation of a haematoma at the injection site. This creates a challenge for the nurse attempting to minimize haematoma formation and/or patient discomfort during the treatment regime. The purpose of this study was to determine if the application of ice to subcutaneous heparin injection sites decreases the incidence and size of haematoma formation and/or minimizes patient discomfort. The study used a quasi-experimental design with the subjects as their own control. A convenience sample of 70 subjects was each given two injections of subcutaneous heparin, 12 hours apart. Ice was applied pre- and postinjection to one of the sites. Immediately following each injection, the subjects were asked to rate the level of perceived discomfort at the time of the injection using a visual analogue scale. Forty-eight hours post-injection, the nurse inspected the injection sites for the presence of haematoma. Results showed that when ice was applied there was no significant difference in the incidence or size of haematoma; however, the subject's perception of pain was significantly less. TRADUZIONE Eparina e ematoma: il ghiaccio fa una differenza? Ross S, Soltes D. Risorse del Dipartimento di Educazione, Ospedale Generale di Calgary, Alberta, Canada. Le iniezioni sottocutanee di eparina sono prescritte frequentemente per la prevenzione della trombosi venosa profonda. Una delle risposte fisiologiche avverse più comunemente incontrate a causa di questo intervento è la formazione di ematoma sul luogo dell'iniezione. Ciò genera una sfida per l'infermiera che tenta di minimizzare la formazione del ematoma e/o il disagio del paziente durante il regime di trattamento. Lo scopo di questo studio era di determinare se l'applicazione di ghiaccio sul sito di iniezione sottocutanea di eparina fa diminuire l'incidenza ed il formato nella formazione dell ematoma e/o minimizza il disagio paziente. Lo studio ha usato un disegno quasi-sperimentale con soggetti come controllo di se stessi. Un campione di convenienza di 70 soggetti, di cui ognuno riceveva 2 iniezioni di 13

14 eparina sottocutanea, in siti diversi, a distanza di 12 ore. Il ghiaccio era applicato pre e post-iniezione in 1 dei 2 siti. Subito dopo ogni iniezione, ai soggetti è stato chiesto di valutare il livello di disagio percepito nel momento dell'iniezione, usando una scala di analogico visiva. 48 ore dopo l iniezione, l'infermiera ha controllato i siti di puntura, per la presenza di ematoma. I risultati hanno indicato che quando è stato applicato il ghiaccio, non c era differenza significativa nell'incidenza o nel formato dell ematoma; tuttavia, la percezione di dolore nel soggetto, era significativamente inferiore. RISULTATI PICO 1 L applicazione di ghiaccio sul sito di puntura 5 min prima e per 5 min dopo l iniezione di eparina s.c., riduce la sensazione di dolore, associata. L applicazione di ghiaccio sul sito di puntura, non ha alcun effetto sulla formazione di ematomi ed ecchimosi Il campione numericamente limitato, può rendere meno certi i risultati. Ci sarebbe necessità di ulteriori approfondimenti IMPLICAZIONI PER LA PRATICA La strategia di applicazione di ghiaccio 5 min prima e, per 5 min dopo la somministrazione di eparina sc, allo scopo di ridurre il dolore locale, potrà essere adottata, in casi selezionati, di persone molto sensibili (come adolescenti e bambini), psicologicamente instabili (come coloro che hanno problemi psichiatrici); allo stato attuale dell organizzazione della mia U.O. (PS di La Spezia), non è possibile metterla in pratica, per tutte le somministrazioni. 14

15 PICO 2 1. Nella stringa di ricerca relative al PICO 1, ho sostituito la keyword ice con duration History #12Search "Injections, Subcutaneous"[Mesh] AND "Heparin"[Mesh] AND "Pain"[Mesh] AND "bruising"[all Fields] AND "duration"[all Fields] 2. Lanciata la ricerca su Pubmed: trovati 3 articoli di cui 1 non pertinente. 15

16 16

17 1.J Clin Nurs Feb;17(3): Epub 2007 Oct 11. A study on the effect of the duration of subcutaneous heparin injection on bruising and pain. Zaybak A, Khorshid L. Department of Fundamentals of Nursing, School of Nursing, Ege University Izmir, Izmir, Turkey. AIM: This study was carried out to determine the effect of injection duration on bruising and pain following the administration of the subcutaneous injection of heparin. BACKGROUND: Although different methods to prevent bruising and pain following the subcutaneous injection of heparin have been widely studied and described, the effect of injection duration on the occurrence of bruising and pain is little documented. DESIGN: This study was designed as within-subject, quasi-experimental research. METHOD: The sample for the study consisted of 50 patients to whom subcutaneous heparin was administered. Heparin was injected over 10 seconds on the right abdominal site and 30 seconds on the left abdominal site. Injections areas were assessed for the presence of bruising at 48 and 72 hours after each injection. Dimensions of the bruising on the heparin applied areas were measured using transparent millimetric measuring paper. The visual analog scale (VAS) was used to measure pain intensity and a stop-watch was used to time the pain period. Data were analysed using chi-square test, Mann-Whitney U, Wilcoxon signed ranks tests and correlation. RESULTS: The percentage of bruising occurrence was 64% with the injection of 10 seconds duration and 42% in the 30-second injection. It was determined that the size of the bruising was smaller in the 30-second injection. Pain intensity and pain period were statistically significantly lower for the 30-second injection than for the 10-second injection. CONCLUSIONS: It was determined that injection duration had an effect on bruising and pain following the subcutaneous administration of heparin. This study should be repeated on a larger sample. RELEVANCE TO CLINICAL PRACTICE: When administering subcutaneous heparin injections, it is important to extend the duration of the injection. TRADUZIONE Uno studio sull'effetto della durata dell'iniezione sottocutanea di eparina sull'ecchimosi e sul dolore. Zaybak A, Khorshid L. Dipartimento dei fondamenti di professione d'infermiera, scuola di professione d'infermiera, università Smirne, Smirne, Turchia di Ege. ege.edu.tr SCOPO: Questo studio è stato effettuato per determinare l'effetto della durata dell'iniezione sull'echimosi e sul dolore nella gestione dell'iniezione sottocutanea di eparina. 17

18 BACKGROUND: Anche se metodi differenti per evitare l'ecchimosi e il dolore che seguono l'iniezione sottocutanea di eparina, sono stati ampiamente studiati e descritti, l'effetto della durata dell'iniezione sull evenienza di ecchimosi e dolore è poco documentato. DISEGNO: Questo studio è stato progettato come entro-soggetto, la ricerca quasisperimentale. METODO: Il campione per lo studio ha consistito di 50 pazienti ai quali è stata somministrata l'eparina sottocutanea. L'eparina è stata iniettata oltre 10 secondi sul sito addominale di destra e 30 secondi sul sito addominale di sinistra. Le zone delle iniezioni sono state valutate per la presenza di ecchimosi a 48 e 72 ore dopo ogni iniezione. Le dimensioni dell'ecchimosi sulle zone in cui è stata iniettata l'eparina sono state misurate usando la carta di misurazione millimetrica trasparente. La scala di analogico visiva (VAS) è stata usata per misurare l'intensità di dolore e un cronometro è stato usato per cronometrare la durata del dolore. I dati sono stati analizzati usando le prove del "chi"-quadrato, Mann-Whitney U, di Wilcoxon firmano il test e la correlazione. RISULTATI: La percentuale di dell'evento di ecchimosi era 64% con l'iniezione della durata di 10 secondi e 42% nell iniezione di 30 sec. È stato determinato che l estensione dell'ecchimosi era più piccola nell iniezione di 30sec. L'intensità e la durata del dolore erano statisticamente significativamente più bassi per l iniezione di 30 sec che per l iniezione 10 sec. CONCLUSIONI: È stato determinato che la durata dell'iniezione ha avuta un effetto sull'ecchimosi e sul dolore che segue la somministazione sottocutanea dell'eparina. Questo studio dovrebbe essere ripetuto su un più grande campione. ATTINENZA CON PRATICA CLINICA: Nella somministrazione di iniezioni sottocutanee di eparina, è importante estendere la durata dell'iniezione. 18

19 1.J Adv Nurs Sep;35(6): Effects of injection duration on site-pain intensity and bruising associated with subcutaneous heparin. Chan H. Postgraduate Neuroscience Nursing Program, Centre for Postgraduate Nursing Education, Sir Charles Gairdner Hospital, Nedlands, Western Australia, Australia. AIM: The research evaluated two subcutaneous heparin injection techniques to determine the effects of different injection duration (10- and 30-seconds) on site-pain intensity and bruising. BACKGROUND: The research was instigated because nurses and patients in the hospital under investigation reported a high incidence of site-pain and bruising associated with subcutaneous heparin therapy. This research was conducted over a period of 7 months between September 1998 and April The Ethic Committees of the University and the hospital approved the research. METHODS: The research used a within-subjects, quasiexperiment, which would yield more convincing causal inferences, owing to the assumption that pain perception and physiological factors affecting coagulation varied less in the same subject than in two comparable subjects. The research involved 34 stroke patients receiving low-molecular weight heparin. For each subject, one of the two injection techniques was used as the first injection and 12 hours later the other injection technique as the second injection. Subjects rated the level of perceived site-pain intensity using the vertical visual analogue scale (VAS). Injection-site bruising were measured at 48 and 60 hours after each injection. Digital planimetry was used to measure the surface-area of bruise tracings. The final data set for analysis consisted of 68 VAS pain scores and 136 bruise sizes. As normality of the data could not met after transformations, Wilcoxon Signed-Rank tests were used to determine the effects caused by injection duration on site-pain and bruise size. The level of significance was determined at P < RESULTS: Results indicated that the 30-second duration injection technique resulted in significantly less intense site-pain and fewer and smaller bruises. CONCLUSIONS: It was concluded that administering a subcutaneous heparin injection over longer duration reduces injection site-pain and bruising. However, the convenience, relatively small sample may limit the generalisability of the research findings. 19

20 TRADUZIONE Effetti della durata dell'iniezione sull intensità del dolore locale e sull ecchimosi connessi con eparina sottocutanea. Chan H. Programma postlaurea di professione d'infermiera di neuroscienza, centro per formazione postlaurea di professione d'infermiera, sir Charles Gairdner Hospital, Nedlands, Australia occidentale, Australia. health.wa.gov.au SCOPO: La ricerca ha valutato due tecniche sottocutanee dell'iniezione di eparina per determinare gli effetti della durata differente dell'iniezione (10 - e 30 secondi) sull'intensità di dolore locale e sull'ecchimosi. BACKGROUND: La ricerca è stata incentivata, perché le infermiere ed i pazienti nell'ospedale in esame hanno segnalato un'alta incidenza di dolore locale e di ecchimosi connessi con la terapia sottocutanea dell'eparina. Questa ricerca è stata condotta durante 7 mesi fra il settembre 1998 e aprile I comitati etici dell'università e dell'ospedale hanno approvato la ricerca. METODI: La ricerca ha utilizzato la entro-soggetto, quasi-sperimentale, che avrebbe minimizzato gli errori casuali, a causa del presupposto che la percezione di dolore ed i fattori fisiologici della coagulazione sono meno variabili nel medesimo soggetto che in due soggetti diversi. Studio: La ricerca ha fatto partecipare 34 pazienti con stroke, che ricevono l'eparina a basso peso molecolare. Per ogni soggetto, una delle due tecniche di iniezione è stata usata come prima iniezione e 12 ore, successivamente l'altra tecnica, come la seconda iniezione. E stato stimato il livello di intensità di dolore locale percepito, usando la scala di analogico visiva verticale (VAS). L ecchimosi del sito di iniezione è stata valutata a 48 e 60 ore dopo ogni iniezione. La planimetria di Digitahi è stata usata per misurare la superficie dell ecchimosi. L'insieme dei dati finale per l'analisi ha consistito di 68 segni di dolore del VAS e di 136 estensioni dell ecchimosi. Poichè la normalità dei dati non potrebbe incontrato dopo le trasformazioni, Wilcoxon Signed-Rank test, è stato usato per determinare gli effetti causati dalla durata dell iniezione sull estensione dell ecchimosi e sul dolore locale. Il livello di importanza era stabilito al P < RISULTATI: I risultati hanno indicato che la tecnica dell'iniezione di durata 30 sec ha provocato dolore locale significativamente meno intenso e minor numero e più piccole ecchimosi. CONCLUSIONI: È stato concluso che somministrare un'iniezione sottocutanea dell'eparina con una maggiore durata riduce il dolore locale dell'iniezione e l'ecchimosi. Tuttavia, il campione relativamente piccolo può limitare l attendibilità dei risultati di questa ricerca. 20

21 RISULTATI PICO 2 Prolungare la durata a 30 sec, nella somministrazione di eparina s.c., riduce l intensita e la durata del dolore locale connesso Prolungare la durata a 30 sec, nella somministrazione di eparina s.c., riduce la formazione di ematomi, ecchimosi e la sua estensione Il campione numericamente limitato, può rendere meno certi i risultati. Ci sarebbe necessità di ulteriori approfondimenti. IMPLICAZIONI PER LA PRATICA La strategia di prolungare la durata dell iniezione di eparina sc, a 30 sec, può essere utilizzata fin da subito, per l ecchimosi e eliminare o ridurre il dolore, correlati. 21

22 BIBLIOGRAFIA L Evidence-Based Nursing e il Centro Studi EBN- Dott. Paolo Chiari- Responsabile Centro Studi EBN-Dipartimento di Medicina Interna e Gastroenterologia - Università di Bologna Dispense Master Management per le prof. Sanitarie-Università di Genova - LA RICERCA E LE EVIDENZE SCIENTIFICHE Centanaro Roberta 22

Editoriale VALUTAZIONE PER L E.C.M.: ANALISI DEI QUESTIONARI DI GRADIMENTO

Editoriale VALUTAZIONE PER L E.C.M.: ANALISI DEI QUESTIONARI DI GRADIMENTO Lo Spallanzani (2007) 21: 5-10 C. Beggi e Al. Editoriale VALUTAZIONE PER L E.C.M.: ANALISI DEI QUESTIONARI DI GRADIMENTO IL GRADIMENTO DEI DISCENTI, INDICATORE DI SODDISFAZIONE DELLE ATTIVITÀ FORMATIVE

Dettagli

Gi-Gi Art. 859 - User's Guide Istruzioni d'uso

Gi-Gi Art. 859 - User's Guide Istruzioni d'uso doc.4.12-06/03 Gi-Gi Art. 859 - User's Guide Istruzioni d'uso A belaying plate that can be used in many different conditions Una piastrina d'assicurazione che può essere utilizzata in condizioni diverse.

Dettagli

Il test valuta la capacità di pensare?

Il test valuta la capacità di pensare? Il test valuta la capacità di pensare? Per favore compili il seguente questionario senza farsi aiutare da altri. Cognome e Nome Data di Nascita / / Quanti anni scolastici ha frequentato? Maschio Femmina

Dettagli

GLI INDICATORI COME STRUMENTO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITA ASSISTENZIALE

GLI INDICATORI COME STRUMENTO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITA ASSISTENZIALE GLI INDICATORI COME STRUMENTO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITA ASSISTENZIALE D r. C a r l o D e s c o v i c h U.O.C. Governo Clinico Staff Direzione Aziendale AUSL Bologna Bologna 26 Maggio 2010 INDICATORE

Dettagli

Guida ai Parametri di negoziazione dei mercati regolamentati organizzati e gestiti da Borsa Italiana

Guida ai Parametri di negoziazione dei mercati regolamentati organizzati e gestiti da Borsa Italiana Guida ai Parametri di negoziazione dei mercati regolamentati organizzati e gestiti da Borsa Italiana Versione 04 1/28 INTRODUZIONE La Guida ai Parametri contiene la disciplina relativa ai limiti di variazione

Dettagli

Informazioni per i pazienti e le famiglie

Informazioni per i pazienti e le famiglie Che cos è l MRSA? (What is MRSA? Italian) Reparto Prevenzione e controllo delle infezioni UHN Informazioni per i pazienti e le famiglie Patient Education Improving Health Through Education L MRSA è un

Dettagli

Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia

Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia Introduzione I percorsi di Arte Terapia e Pet Therapy, trattati ampiamente negli altri contributi, sono stati oggetto di monitoraggio clinico, allo

Dettagli

Rilascio dei Permessi Volo

Rilascio dei Permessi Volo R E P U B L I C O F S A N M A R I N O C I V I L A V I A T I O N A U T H O R I T Y SAN MARINO CIVIL AVIATION REGULATION Rilascio dei Permessi Volo SM-CAR PART 5 Approvazione: Ing. Marco Conti official of

Dettagli

PROTOCOLLO DI STUDIO MEDIANTE TEST ALLA FLECAINIDE NELLA SINDROME DI BRUGADA

PROTOCOLLO DI STUDIO MEDIANTE TEST ALLA FLECAINIDE NELLA SINDROME DI BRUGADA PROTOCOLLO DI STUDIO MEDIANTE TEST ALLA FLECAINIDE NELLA SINDROME DI BRUGADA 2 La SINDROME DI BRUGADA è una malattia generalmente ereditaria, a trasmissione autosomica dominante, che coinvolge esclusivamente

Dettagli

Oncologici: Iniziative e sostenibilità della Regione. Valeria Fadda Unità di HTA di ESTAV centro, Regione Toscana

Oncologici: Iniziative e sostenibilità della Regione. Valeria Fadda Unità di HTA di ESTAV centro, Regione Toscana Oncologici: Iniziative e sostenibilità della Regione Valeria Fadda Unità di HTA di ESTAV centro, Regione Toscana 2.760.000.000 Euro 14.4% della spesa farmaceutica 32.8% della spesa farmaceutica ospedaliera

Dettagli

AGREE nella valutazione della qualità delle LG per la diagnosi e terapia delle cefalee in età pediatrica

AGREE nella valutazione della qualità delle LG per la diagnosi e terapia delle cefalee in età pediatrica AGREE nella valutazione della qualità delle LG per la diagnosi e terapia delle cefalee in età pediatrica Pasquale Parisi, MD PhD et. al. Outpatience Service of Paediatric Neurology Child Neurology, Chair

Dettagli

2. Cos è una buona pratica

2. Cos è una buona pratica 2. Cos è una buona pratica Molteplici e differenti sono le accezioni di buona pratica che è possibile ritrovare in letteratura o ricavare da esperienze di osservatori nazionali e internazionali. L eterogeneità

Dettagli

DIPARTIMENTO DELLA QUALITÀ DIREZIONE GENERALE DELLA PROGRAMMAZIONE SANITARIA, DEI LIVELLI DI ASSISTENZA E DEI PRINCIPI ETICI DI SISTEMA UFFICIO III

DIPARTIMENTO DELLA QUALITÀ DIREZIONE GENERALE DELLA PROGRAMMAZIONE SANITARIA, DEI LIVELLI DI ASSISTENZA E DEI PRINCIPI ETICI DI SISTEMA UFFICIO III Ministero della Salute DIPARTIMENTO DELLA QUALITÀ DIREZIONE GENERALE DELLA PROGRAMMAZIONE SANITARIA, DEI LIVELLI DI ASSISTENZA E DEI PRINCIPI ETICI DI SISTEMA UFFICIO III RAZIONALE Scopo di queste Raccomandazioni

Dettagli

U.O.C. di Chirurgia Endoscopica

U.O.C. di Chirurgia Endoscopica Congresso Nazionale Palermo 28/30 Ottobre 2010 Azienda Ospedaliera Universitaria Policlinico Seconda Università degli Studi di Napoli Dipartimento di Chirurgia generale e specialistica U.O.C. di Chirurgia

Dettagli

Misurazione e monitoraggio della complessità assistenziale Monitoraggio dei livelli ottimali di staffing Strumenti disponibili e tendenze

Misurazione e monitoraggio della complessità assistenziale Monitoraggio dei livelli ottimali di staffing Strumenti disponibili e tendenze Misurazione e monitoraggio della complessità assistenziale Monitoraggio dei livelli ottimali di staffing Strumenti disponibili e tendenze Filippo Festini Università di Firenze, Dipartimento di Pediatria,

Dettagli

Date da 10/2003 a 01/2004 Lavoro o posizione ricoperti Dirigente medico ex I livello, a tempo determinato, Disciplina di Medicina Interna

Date da 10/2003 a 01/2004 Lavoro o posizione ricoperti Dirigente medico ex I livello, a tempo determinato, Disciplina di Medicina Interna Principali attività e medico presso la Medicina e Chirurgia di Accettazione ed Urgenza (MCAU) del Pronto Soccorso Generale P.O. Garibaldi Centro. Attività svolta presso gli ambulatori di Medicina del Pronto

Dettagli

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono?

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono? STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? Si definisce sperimentazione clinica, o studio clinico controllato, (in inglese: clinical trial), un esperimento scientifico che genera dati

Dettagli

NEUROSCIENZE EEDUCAZIONE

NEUROSCIENZE EEDUCAZIONE NEUROSCIENZE EEDUCAZIONE AUDIZIONE PRESSO UFFICIO DI PRESIDENZA 7ª COMMISSIONE (Istruzione) SULL'AFFARE ASSEGNATO DISABILITÀ NELLA SCUOLA E CONTINUITÀ DIDATTICA DEGLI INSEGNANTI DI SOSTEGNO (ATTO N. 304)

Dettagli

COMINCIAMO A SENTIRCI UNA FAMIGLIA

COMINCIAMO A SENTIRCI UNA FAMIGLIA COMINCIAMO A SENTIRCI UNA FAMIGLIA IL PRIMO GIORNO CON LA FAMIGLIA OSPITANTE FIRST DAY WITH THE HOST FAMILY Questa serie di domande, a cui gli studenti risponderanno insieme alle loro famiglie, vuole aiutare

Dettagli

Data Alignment and (Geo)Referencing (sometimes Registration process)

Data Alignment and (Geo)Referencing (sometimes Registration process) Data Alignment and (Geo)Referencing (sometimes Registration process) All data aquired from a scan position are refered to an intrinsic reference system (even if more than one scan has been performed) Data

Dettagli

Narrare i gruppi. Rivista semestrale pubblicata on-line dal 2006 Indirizzo web: www.narrareigruppi.it - Direttore responsabile: Giuseppe Licari

Narrare i gruppi. Rivista semestrale pubblicata on-line dal 2006 Indirizzo web: www.narrareigruppi.it - Direttore responsabile: Giuseppe Licari Narrare i gruppi Etnografia dell interazione quotidiana Prospettive cliniche e sociali ISSN: 2281-8960 Narrare i gruppi. Etnografia dell'interazione quotidiana. Prospettive cliniche e sociali è una Rivista

Dettagli

Castello di San Donato in Perano Matrimoni nel Chianti Weddings in Chianti

Castello di San Donato in Perano Matrimoni nel Chianti Weddings in Chianti Castello di San Donato in Perano Matrimoni nel Chianti Weddings in Chianti Sede di Rappresentanza: Castello di San Donato in Perano 53013 Gaiole in Chianti (Si) Tel. 0577-744121 Fax 0577-745024 www.castellosandonato.it

Dettagli

e-spare Parts User Manual Peg Perego Service Site Peg Perego [Dicembre 2011]

e-spare Parts User Manual Peg Perego Service Site Peg Perego [Dicembre 2011] Peg Perego Service Site Peg Perego [Dicembre 2011] 2 Esegui il login: ecco la nuova Home page per il portale servizi. Log in: welcome to the new Peg Perego Service site. Scegli il servizio selezionando

Dettagli

Corretto utilizzo delle soluzioni concentrate di Potassio cloruro. ed altre soluzioni contenenti Potassio

Corretto utilizzo delle soluzioni concentrate di Potassio cloruro. ed altre soluzioni contenenti Potassio cloruro cloruro Data Revisione Redazione Approvazione Autorizzazione N archiviazione 00/00/2010 e Risk management Produzione Qualità e Risk management Direttore Sanitario 1 cloruro INDICE: 1. Premessa

Dettagli

Istruzione N. Versione. Ultima. modifica. Funzione. Data 18/12/2009. Firma. Approvato da: ASSEMBLAGGIO COLLAUDO TRAINING IMBALLO. service 07.

Istruzione N. Versione. Ultima. modifica. Funzione. Data 18/12/2009. Firma. Approvato da: ASSEMBLAGGIO COLLAUDO TRAINING IMBALLO. service 07. Istruzione N 62 Data creazione 18/ 12/2009 Versione N 00 Ultima modifica TIPO ISTRUZIONE ASSEMBLAGGIO COLLAUDO TRAINING MODIFICA TEST FUNZIONALE RIPARAZIONE/SOSTITUZIONE IMBALLO TITOLO DELL ISTRUZIONE

Dettagli

Cattedra e Divisione di Oncologia Medica. Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia. Il Port

Cattedra e Divisione di Oncologia Medica. Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia. Il Port Cattedra e Divisione di Oncologia Medica Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia Il Port Dott. Roberto Sabbatini Dipartimento Misto di Oncologia ed Ematologia Università degli Studi di Modena

Dettagli

Aggiornamenti CIO Rivista ufficiale del Club Italiano Osteosintesi

Aggiornamenti CIO Rivista ufficiale del Club Italiano Osteosintesi Aggiornamenti CIO Rivista ufficiale del Club Italiano Osteosintesi Istruzioni per gli Autori Informazioni generali Aggiornamenti CIO è la rivista ufficiale del Club Italiano Osteosintesi e pubblica articoli

Dettagli

Comparazione dello stress dei caregiver di pazienti affetti da Malattia di Alzheimer o Demenza Vascolare

Comparazione dello stress dei caregiver di pazienti affetti da Malattia di Alzheimer o Demenza Vascolare Comparazione dello stress dei caregiver di pazienti affetti da Malattia di Alzheimer o Demenza Vascolare Grazia D Onofrio 1, Daniele Sancarlo 1, Francesco Paris 1, Leandro Cascavilla 1, Giulia Paroni 1,

Dettagli

ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2

ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2 ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2 Il processo infermieristico espresso con un linguaggio comune: sviluppo delle competenze professionali attraverso la capacità di formulare diagnosi infermieristiche

Dettagli

Efficacia dei probio-ci nelle mala1e diges-ve

Efficacia dei probio-ci nelle mala1e diges-ve Efficacia dei probio-ci nelle mala1e diges-ve Le aree di incertezza nelle Cure Primarie: Quali sono le evidenze di efficacia dei probio-ci nelle patologie del tra9o gastrointes-nale? Edoardo Benede*o 1907

Dettagli

NE e Disfagia:Terapia farmacologica per os, come fare?

NE e Disfagia:Terapia farmacologica per os, come fare? NE e Disfagia:Terapia farmacologica per os, come fare? Marica Carughi Servizio Farmaceutico Nutrizionale A.O Sant Anna Como Milano, 21 maggio 2014 WHAT EVIDENCE SAYS? LINEE GUIDA: SI Making the best

Dettagli

Informazioni su questo libro

Informazioni su questo libro Informazioni su questo libro Si tratta della copia digitale di un libro che per generazioni è stato conservata negli scaffali di una biblioteca prima di essere digitalizzato da Google nell ambito del progetto

Dettagli

I was not you were not he was not she was not it was not we were not you were not they were not. Was I not? Were you not? Was she not?

I was not you were not he was not she was not it was not we were not you were not they were not. Was I not? Were you not? Was she not? Il passato Grammar File 12 Past simple Il past simple inglese corrisponde al passato prossimo, al passato remoto e, in alcuni casi, all imperfetto italiano. Con l eccezione del verbo be, la forma del past

Dettagli

APPLICATION FORM 1. YOUR MOTIVATION/ LA TUA MOTIVAZIONE

APPLICATION FORM 1. YOUR MOTIVATION/ LA TUA MOTIVAZIONE APPLICATION FORM Thank you for your interest in our project. We would like to understand better your motivation in taking part in this specific project. So please, read carefully the form, answer the questions

Dettagli

LA VIOLENZA NEI LUOGHI DI LAVORO. CLAUDIO CORTESI cld.cortesi@gmail.com

LA VIOLENZA NEI LUOGHI DI LAVORO. CLAUDIO CORTESI cld.cortesi@gmail.com LA VIOLENZA NEI LUOGHI DI LAVORO CLAUDIO CORTESI cld.cortesi@gmail.com VIOLENZE NEI LUOGHI DI LAVORO: COSA SONO? any action, incident or behaviour, that departs from reasonable conduct in which a person

Dettagli

Per far sviluppare appieno la

Per far sviluppare appieno la 2008;25 (4): 30-32 30 Maria Benetton, Gian Domenico Giusti, Comitato Direttivo Aniarti Scrivere per una rivista. Suggerimenti per presentare un articolo scientifico Riassunto Obiettivo: il principale obiettivo

Dettagli

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM 1. Introduzione 2. Pianificazione dell attività formativa ECM 3. Criteri per l assegnazione dei crediti nelle diverse tipologie di formazione ECM

Dettagli

Principali prove meccaniche su materiali polimerici

Principali prove meccaniche su materiali polimerici modulo: Proprietà viscoelastiche e proprietà meccaniche dei polimeri Principali prove meccaniche su materiali polimerici R. Pantani Scheda tecnica di un materiale polimerico Standard per prove meccaniche

Dettagli

Tecnica ed esperienza per prestazioni elevate.

Tecnica ed esperienza per prestazioni elevate. Tecnica ed esperienza per prestazioni elevate. INDICE La presente guida contiene suggerimenti e indicazioni di carattere generale e a scopo puramente informativo. Non si deve prescindere dal leggere attentamente

Dettagli

Percorso adolescenza:l agoiniezione di vit K nel punto San Yinjiao per la dismenorrea, risultati di uno studio pilota

Percorso adolescenza:l agoiniezione di vit K nel punto San Yinjiao per la dismenorrea, risultati di uno studio pilota Percorso adolescenza:l agoiniezione di vit K nel punto San Yinjiao per la dismenorrea, risultati di uno studio pilota Grazia Lesi1 Liviana Gammi1 Francesco Cardini2 Annagiulia Gramenzi3 1- Dipartimento

Dettagli

Rete Oncologica Piemonte Valle d Aosta

Rete Oncologica Piemonte Valle d Aosta Rete Oncologica Piemonte Valle d Aosta Il CAS (Centro Assistenza Servizi): Aspetti organizzativi e criticità Dott. Vittorio Fusco ASO Alessandria La Rete Oncologica: obiettivi Rispondere all incremento

Dettagli

Ministero della Salute Direzione Generale della Ricerca Scientifica e Tecnologica Bando Giovani Ricercatori - 2007 FULL PROJECT FORM

Ministero della Salute Direzione Generale della Ricerca Scientifica e Tecnologica Bando Giovani Ricercatori - 2007 FULL PROJECT FORM ALLEGATO 2 FULL PROJECT FORM FORM 1 FORM 1 General information about the project PROJECT SCIENTIFIC COORDINATOR TITLE OF THE PROJECT (max 90 characters) TOTAL BUDGET OF THE PROJECT FUNDING REQUIRED TO

Dettagli

FORMAZIONE SUL CAMPO (FSC) E CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ECM ALLE ATTIVITA di FSC

FORMAZIONE SUL CAMPO (FSC) E CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ECM ALLE ATTIVITA di FSC FORMAZIONE SUL CAMPO (FSC) E CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ECM ALLE ATTIVITA di FSC La formazione sul campo (di seguito, FSC) si caratterizza per l utilizzo, nel processo di apprendimento, delle

Dettagli

A BEST PRACTICE APPROACH PER PROMUOVERE SALUTE

A BEST PRACTICE APPROACH PER PROMUOVERE SALUTE A BEST PRACTICE APPROACH PER PROMUOVERE SALUTE IL MODELLO PRECEDE-PROCEED E L INTERACTIVE DOMAIN MODEL A CONFRONTO A cura di Alessandra Suglia, Paola Ragazzoni, Claudio Tortone DoRS. Centro Regionale di

Dettagli

Mario Sbriccoli, Ercole Sori. Alberto Grohmann, Giacomina Nenci, UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DELLA REPUBBLICA DI SAN MARINO CENTRO SAMMARINESE

Mario Sbriccoli, Ercole Sori. Alberto Grohmann, Giacomina Nenci, UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DELLA REPUBBLICA DI SAN MARINO CENTRO SAMMARINESE copertina univ. 21 11-04-2005 16:30 Pagina 1 A State and its history in the volumes 1-20 (1993-1999) of the San Marino Center for Historical Studies The San Marino Centre for Historical Studies came into

Dettagli

La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno

La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno Metodo epidemiologici per la clinica _efficacia / 1 La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno La buona ricerca clinica Non è etico ciò che non è rilevante scientificamente Non è

Dettagli

Virtualizzazione con Microsoft Tecnologie e Licensing

Virtualizzazione con Microsoft Tecnologie e Licensing Microsoft Virtualizzazione con Microsoft Tecnologie e Licensing Profile Redirezione dei documenti Offline files Server Presentation Management Desktop Windows Vista Enterprise Centralized Desktop Application

Dettagli

DICHIARAZIONE DEI DIRITTI SESSUALI

DICHIARAZIONE DEI DIRITTI SESSUALI DICHIARAZIONE DEI DIRITTI SESSUALI Riconoscendo che i diritti sessuali sono essenziali per l ottenimento del miglior standard di salute sessuale raggiungibile, la World Association for Sexual Health (WAS):

Dettagli

Zeroshell come client OpenVPN

Zeroshell come client OpenVPN Zeroshell come client OpenVPN (di un server OpenVpn Linux) Le funzionalità di stabilire connessioni VPN di Zeroshell vede come scenario solito Zeroshell sia come client sia come server e per scelta architetturale,

Dettagli

LABORATORIO di RICERCA BIBLIOGRAFICA SUI TEST

LABORATORIO di RICERCA BIBLIOGRAFICA SUI TEST LABORATORIO di RICERCA BIBLIOGRAFICA SUI TEST emanuela.canepa@unipd.it Biblioteca di psicologia Fabio Metelli Università degli Studi di Padova Materiale didattico: guida corso Casella della biblioteca

Dettagli

PMI. Management Maturity Model, OPM3 Second Edition 2008

PMI. Management Maturity Model, OPM3 Second Edition 2008 Nuovi standard PMI, certificazioni professionali e non solo Milano, 20 marzo 2009 PMI Organizational Project Management Maturity Model, OPM3 Second Edition 2008 Andrea Caccamese, PMP Prince2 Practitioner

Dettagli

Un aiuto per prendere decisioni più informate 1-5

Un aiuto per prendere decisioni più informate 1-5 Un aiuto per prendere decisioni più informate 1-5 L'unico test che fornisce una valutazione accurata dell aggressività del cancro alla prostata Un prodotto di medicina prognostica per il cancro della prostata.

Dettagli

group HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE

group HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE edizione/edition 04-2010 HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE DESCRIZIONE GENERALE GENERAL DESCRIPTION L'unità di controllo COBO è una centralina elettronica Multiplex Slave ; la sua

Dettagli

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Francesco Clabot Responsabile erogazione servizi tecnici 1 francesco.clabot@netcom-srl.it Fondamenti di ITIL per la Gestione dei Servizi Informatici Il

Dettagli

Conduzione di uno Studio: GCP e Farmacovigilanza

Conduzione di uno Studio: GCP e Farmacovigilanza Irene Corradino Clinical Operations Unit Fondato nel 1998 con sede a Milano Studi clinici di fase I-II in oncologia, soprattutto in Italia, Svizzera, Spagna ARO = Academic Research Organization Sponsor/CRO

Dettagli

Qual è l errore più comune tra i Trader sul Forex e come possiamo evitarlo? David Rodriguez, Quantitative Strategist drodriguez@dailyfx.

Qual è l errore più comune tra i Trader sul Forex e come possiamo evitarlo? David Rodriguez, Quantitative Strategist drodriguez@dailyfx. Qual è l errore più comune tra i Trader sul Forex e come possiamo evitarlo? David Rodriguez, Quantitative Strategist drodriguez@dailyfx.com Avvertenza di Rischio: Il Margin Trading su forex e/o CFD comporta

Dettagli

LA DOCUMENTAZIONE INFERMIERISTICA. Obiettivi della giornata. Obiettivi del progetto

LA DOCUMENTAZIONE INFERMIERISTICA. Obiettivi della giornata. Obiettivi del progetto LA DOCUMENTAZIONE INFERMIERISTICA Obiettivi della giornata Conoscere i presupposti normativi, professionali e deontologici della documentazione del nursing Conoscere gli strumenti di documentazione infermieristica

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome MONTU DOMENICO Data di nascita 26-03-1956 Amministrazione ASL CN1 Incarico attuale DIRETTORE SISP AMBITO FOSSANO-SALUZZO SAVIGLIANO Numero telefonico ufficio

Dettagli

WWW.TINYLOC.COM CUSTOMER SERVICE GPS/ RADIOTRACKING DOG COLLAR. T. (+34) 937 907 971 F. (+34) 937 571 329 sales@tinyloc.com

WWW.TINYLOC.COM CUSTOMER SERVICE GPS/ RADIOTRACKING DOG COLLAR. T. (+34) 937 907 971 F. (+34) 937 571 329 sales@tinyloc.com WWW.TINYLOC.COM CUSTOMER SERVICE T. (+34) 937 907 971 F. (+34) 937 571 329 sales@tinyloc.com GPS/ RADIOTRACKING DOG COLLAR MANUALE DI ISTRUZIONI ACCENSIONE / SPEGNERE DEL TAG HOUND Finder GPS Il TAG HOUND

Dettagli

La disassuefazione dal fumo

La disassuefazione dal fumo Piano regionale del Veneto per la prevenzione delle malattie legate al fumo La disassuefazione dal fumo Obiettivi Nei paesi industrializzati occidentali gli interventi che riducono i danni da fumo sono

Dettagli

I n d i c e. 163 Appendice B Questionari su utilità e uso delle Strategie di Studio (QS1 e QS2)

I n d i c e. 163 Appendice B Questionari su utilità e uso delle Strategie di Studio (QS1 e QS2) I n d i c e 9 Introduzione 11 CAP. 1 I test di intelligenza potenziale 17 CAP. 2 La misura dell intelligenza potenziale nella scuola dell infanzia 31 CAP. 3 La misura dell intelligenza potenziale nella

Dettagli

R/GB-I/3 Esemplare n.1 per l'amministrazione fiscale italiana Sheet nr.1 for the Italian tax authorities

R/GB-I/3 Esemplare n.1 per l'amministrazione fiscale italiana Sheet nr.1 for the Italian tax authorities R/GB-I/3 Esemplare n.1 per l'amministrazione fiscale Sheet nr.1 for the Italian tax authorities DOMANDA DI RIMBORSO PARZIALE-APPLICATION FOR PARTIAL REFUND * applicata sui canoni pagati da residenti dell'italia

Dettagli

Come scrivere un case report - Linee guida per gli internisti FADOI 2014

Come scrivere un case report - Linee guida per gli internisti FADOI 2014 Come scrivere un case report - Linee guida per gli internisti Un case report è una dettagliata narrazione di sintomi, segni, diagnosi, trattamento e follow up di uno o più pazienti. Sebbene nell era della

Dettagli

Il Form C cartaceo ed elettronico

Il Form C cartaceo ed elettronico Il Form C cartaceo ed elettronico Giusy Lo Grasso Roma, 9 luglio 2012 Reporting DURANTE IL PROGETTO VENGONO RICHIESTI PERIODIC REPORT entro 60 giorni dalla fine del periodo indicato all Art 4 del GA DELIVERABLES

Dettagli

Breve guida all uso di PubMed

Breve guida all uso di PubMed Breve guida all uso di PubMed http://www4.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/ I. Pagina iniziale A destra di appare una finestra di interrogazione dove è possibile inserire uno o più termini. Al di sotto di questa

Dettagli

HYPERMAP IPERTENSIONE E DANNO D'ORGANO: DALLE LINEE GUIDA ALLA GESTIONE CLINICA DEL PAZIENTE IPERTESO

HYPERMAP IPERTENSIONE E DANNO D'ORGANO: DALLE LINEE GUIDA ALLA GESTIONE CLINICA DEL PAZIENTE IPERTESO HYPERMAP IPERTENSIONE E DANNO D'ORGANO: DALLE LINEE GUIDA ALLA GESTIONE CLINICA DEL PAZIENTE IPERTESO Generalità (per informazioni specifiche sui singoli corsi (date, sedi,) consultare il sito del provider

Dettagli

5 cabins (1 main deck+ 4 lower deck) Legno: essenza di rovere naturale Rigatino Wood: striped oak

5 cabins (1 main deck+ 4 lower deck) Legno: essenza di rovere naturale Rigatino Wood: striped oak Tipo: Type: 5 cabine (1 main deck+ 4 lower deck) 5 cabins (1 main deck+ 4 lower deck) Legno: essenza di rovere naturale Rigatino Wood: striped oak Tessuti: Dedar Fanfara, Paola Lenti Fabrics: Dedar Fanfara,

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA REVISIONE SISTEMATICA DI LETTERATURA

LINEE GUIDA PER LA REVISIONE SISTEMATICA DI LETTERATURA LINEE GUIDA PER LA REVISIONE SISTEMATICA DI LETTERATURA report tecnico nr. 03/08 v. 1 indice dei contenuti 1. Utilità delle RSL Pag. 1 2. Principali metodi Pag. 2 3. Esempi di RSL Pag. 3 4. Protocollo

Dettagli

banca dati stringa di ricerca risultati trovati risultati utili referenze Cochrane vitamin K 21 1 Prophylactic vitamin

banca dati stringa di ricerca risultati trovati risultati utili referenze Cochrane vitamin K 21 1 Prophylactic vitamin EVIDENCE REPORT: PROFILASSI CON VITAMINA K NEI NEONATI PER LA PREVENZIONE DELLA MALATTIA EMORRAGICA (a cura di Baiesi Pillastrini Francesca, Battistini Silvia, Parma Dila ) banca dati stringa di ricerca

Dettagli

La profilassi con vitamina K: un approccio basato sull evidenza

La profilassi con vitamina K: un approccio basato sull evidenza La profilassi con vitamina K: un approccio basato sull evidenza Fiammengo P., Coscia A., De Donno V., Tulisso S., Maula S., Bianco M., Dall Aglio M., Farinasso D., Alessi D., Foco L., Costa L. Mentre la

Dettagli

Catalogo Trattamento dell Aria - Collezione 2009

Catalogo Trattamento dell Aria - Collezione 2009 Catalogo Trattamento dell Aria - Collezione 2009 SECCOTECH & S 8 SeccoTech & Secco Tecnologia al servizio della deumidificazione Technology at dehumidification's service Potenti ed armoniosi Seccotech

Dettagli

Corso avanzato di farmacovigilanza: approfondimenti. Corso ECM di formazione a distanza (FAD) con tutoraggio didattico

Corso avanzato di farmacovigilanza: approfondimenti. Corso ECM di formazione a distanza (FAD) con tutoraggio didattico Corso avanzato di farmacovigilanza: approfondimenti Corso ECM di formazione a distanza (FAD) con tutoraggio didattico Procedura per sottoscrivere la partecipazione Il professionista sanitario che voglia

Dettagli

GIMBE Gruppo Italiano per la Medicina Basata sulle Evidenze

GIMBE Gruppo Italiano per la Medicina Basata sulle Evidenze GIMBE Gruppo Italiano per la Medicina Basata sulle Evidenze Evidence-Based Medicine Italian Group Workshop Evidence-based Medicine Le opportunità di un linguaggio comune Como, 9-11 maggio 2003 Sezione

Dettagli

MODULO DI ISCRIZIONE - ENROLMENT FORM

MODULO DI ISCRIZIONE - ENROLMENT FORM Under the Patronage of Comune di Portofino Regione Liguria 1ST INTERNATIONAL OPERA SINGING COMPETITION OF PORTOFINO from 27th to 31st July 2015 MODULO DI ISCRIZIONE - ENROLMENT FORM Direzione artistica

Dettagli

Lavorazione artigianale Italiana Handmade in Italy. da noi ogni sapone è unico. Authentically Made in Italy Florence

Lavorazione artigianale Italiana Handmade in Italy. da noi ogni sapone è unico. Authentically Made in Italy Florence Lavorazione artigianale Italiana Handmade in Italy da noi ogni sapone è unico alveare soap gori 1919 soap factory lavorazione artigianale italiana Handmade in Italy I nostri saponi sono il frutto di un

Dettagli

HTA: PRINCIPI, LOGICHE OPERATIVE ED ESPERIENZE. Cosa è l HTA?

HTA: PRINCIPI, LOGICHE OPERATIVE ED ESPERIENZE. Cosa è l HTA? HTA: PRINCIPI, LOGICHE OPERATIVE ED ESPERIENZE Cosa è l HTA? Marco Marchetti Unità di Valutazione delle Tecnologie Policlinico Universitario "Agostino Gemelli Università Cattolica del Sacro Cuore L Health

Dettagli

Torino, 03 Gennaio 1963 Cod. Fisc. DLPLRA63A43L219E

Torino, 03 Gennaio 1963 Cod. Fisc. DLPLRA63A43L219E Curriculum Vitae Informazioni personali Cognome Nome DELPIANO Laura Indirizzo Via Torino n. 112 int. 2 10036 SETTIMO TORINESE Telefono 011.898.26.34 Mobile: 333.10.60.176 Fax 011.898.26.34 E-mail laura.delpiano@cespi-centrostudi.it

Dettagli

tmt 15 Rimozione ecologica di metalli pesanti da acque reflue

tmt 15 Rimozione ecologica di metalli pesanti da acque reflue tmt 15 Rimozione ecologica di metalli pesanti da acque reflue Rimozione ecologica di metalli pesanti da acque reflue Il problema: metalli pesanti nelle acque reflue In numerosi settori ed applicazioni

Dettagli

La valutazione degli effetti dei Programmi: il progetto PQM e altre indagini sui dati acquisiti

La valutazione degli effetti dei Programmi: il progetto PQM e altre indagini sui dati acquisiti Seminario Valutazione PON Roma, 29 marzo 2012 La valutazione degli effetti dei Programmi: il progetto PQM e altre indagini sui dati acquisiti Elena Meroni - Università di Padova e INVALSI Daniele Vidoni

Dettagli

Straumann Emdogain PRIMA CHE SIA TROPPO TARDI

Straumann Emdogain PRIMA CHE SIA TROPPO TARDI Straumann Emdogain PRIMA CHE SIA TROPPO TARDI CONSERVAZIONE DEL DENTE CON STRAUMANN EMDOGAIN Dal 5 al 15 % della popolazione soffre di gravi forme di parodontite, che possono portare alla caduta dei

Dettagli

La richiesta di materiale biologico da struttura a struttura: «second opinion»

La richiesta di materiale biologico da struttura a struttura: «second opinion» A.O. S.Antonio Abate, Gallarate Segreteria Scientifica dr. Filippo Crivelli U.O. di Anatomia Patologica Corso di Aggiornamento per Tecnici di Laboratorio di Anatomia Patologica AGGIORNAMENTI 2011 I edizione:

Dettagli

Non solo benchmark: le prospettive nei modelli gestionali. Stefania Luzi Mefop Roma, 3 luglio 2013

Non solo benchmark: le prospettive nei modelli gestionali. Stefania Luzi Mefop Roma, 3 luglio 2013 Non solo benchmark: le prospettive nei modelli gestionali Stefania Luzi Mefop Roma, 3 luglio 2013 La cronistoria Pre 2009 Modello a benchmark basato su: Pesi delle asset class Benchmark costituito da indici

Dettagli

Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post

Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post AGENZIA SANITARIA E SOCIALE REGIONALE ACCREDITAMENTO IL RESPONSABILE PIERLUIGI LA PORTA Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post D.Lgs. 229/99 I principi introdotti dal DLgs 502/92 art. 8

Dettagli

Introduzione al linguaggio C Gli array

Introduzione al linguaggio C Gli array Introduzione al linguaggio C Gli array Vettori nome del vettore (tutti gli elementi hanno lo stesso nome, c) Vettore (Array) Gruppo di posizioni (o locazioni di memoria) consecutive Hanno lo stesso nome

Dettagli

ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC)

ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC) OSPEDALE FATEBENEFRATELLI E OFTALMICO Azienda Ospedaliera di rilievo nazionale M I L A N O S.C. RADIOLOGIA Direttore Dott. G. Oliva ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC) ESAMI DA ESEGUIRE (VALIDITA'

Dettagli

Giovedì 26 febbraio 2015 CONGRESSO NAZIONALE STAT

Giovedì 26 febbraio 2015 CONGRESSO NAZIONALE STAT Giovedì 26 febbraio 2015 CONGRESSO NAZIONALE STAT 9.00-11.00 I SESSIONE L essenziale di... in Anestesia Presidente: A. De Monte Udine Moderatori: F.E. Agrò Roma, Y. Leykin Pordenone 9.00 La gestione delle

Dettagli

Un anno di Open AIFA

Un anno di Open AIFA Il dialogo con i pazienti. Bilancio dell Agenzia Un anno di Open AIFA Un anno di Open AIFA. 85 colloqui, 250 persone incontrate, oltre un centinaio tra documenti e dossier presentati e consultati in undici

Dettagli

Present Perfect SCUOLA SECONDARIA I GRADO LORENZO GHIBERTI ISTITUTO COMPRENSIVO DI PELAGO CLASSI III C/D

Present Perfect SCUOLA SECONDARIA I GRADO LORENZO GHIBERTI ISTITUTO COMPRENSIVO DI PELAGO CLASSI III C/D SCUOLA SECONDARIA I GRADO LORENZO GHIBERTI ISTITUTO COMPRENSIVO DI PELAGO CLASSI III C/D Present Perfect Affirmative Forma intera I have played we have played you have played you have played he has played

Dettagli

Il vostro sogno diventa realtà... Your dream comes true... Close to Volterra,portions for sale of "typical tuscan"

Il vostro sogno diventa realtà... Your dream comes true... Close to Volterra,portions for sale of typical tuscan Il vostro sogno diventa realtà... Vicinanze di Volterra vendita di porzione di fabbricato "tipico Toscano" realizzate da recupero di casolare in bellissima posizione panoramica. Your dream comes true...

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Business Process Management Come si organizza un progetto di BPM 1 INDICE Organizzazione di un progetto di Business Process Management Tipo di intervento Struttura del progetto BPM Process Performance

Dettagli

È un progetto di Project by Comune di Numana Ideazione

È un progetto di Project by Comune di Numana Ideazione LA CALETTA È proprio nell ambito del progetto NetCet che si è deciso di realizzare qui, in uno dei tratti di costa più belli della Riviera del Conero, un area di riabilitazione o pre-rilascio denominata

Dettagli

L OPPORTUNITÀ DEL RECUPERO DI EFFICIENZA OPERATIVA PUÒ NASCONDERSI NEI DATI DELLA TUA AZIENDA?

L OPPORTUNITÀ DEL RECUPERO DI EFFICIENZA OPERATIVA PUÒ NASCONDERSI NEI DATI DELLA TUA AZIENDA? OSSERVATORIO IT GOVERNANCE L OPPORTUNITÀ DEL RECUPERO DI EFFICIENZA OPERATIVA PUÒ NASCONDERSI NEI DATI DELLA TUA AZIENDA? A cura del Professor Marcello La Rosa, Direttore Accademico (corporate programs

Dettagli

L Health Technology Assessment: tutti ne parlano, non. conoscono. Marco Marchetti

L Health Technology Assessment: tutti ne parlano, non. conoscono. Marco Marchetti L Health Technology Assessment: tutti ne parlano, non tutti lo conoscono Marco Marchetti L Health Technology Assessment La valutazione delle tecnologie sanitarie, è la complessiva e sistematica valutazione

Dettagli

Fondamenti di Informatica e Laboratorio T-AB T-16 Progetti su più file. Funzioni come parametro. Parametri del main

Fondamenti di Informatica e Laboratorio T-AB T-16 Progetti su più file. Funzioni come parametro. Parametri del main Fondamenti di Informatica e Laboratorio T-AB T-16 Progetti su più file. Funzioni come parametro. Parametri del main Paolo Torroni Dipartimento di Elettronica, Informatica e Sistemistica Università degli

Dettagli

Presentazione per. «La governance dei progetti agili: esperienze a confronto»

Presentazione per. «La governance dei progetti agili: esperienze a confronto» Presentazione per «La governance dei progetti agili: esperienze a confronto» Pascal Jansen pascal.jansen@inspearit.com Evento «Agile Project Management» Firenze, 6 Marzo 2013 Agenda Due parole su inspearit

Dettagli

1. Che cos è. 2. A che cosa serve

1. Che cos è. 2. A che cosa serve 1. Che cos è Il Supplemento al diploma è una certificazione integrativa del titolo ufficiale conseguito al termine di un corso di studi in una università o in un istituto di istruzione superiore corrisponde

Dettagli

Official Announcement Codice Italia Academy

Official Announcement Codice Italia Academy a c a d e m y Official Announcement Codice Italia Academy INITIATIVES FOR THE BIENNALE ARTE 2015 PROMOTED BY THE MIBACT DIREZIONE GENERALE ARTE E ARCHITETTURA CONTEMPORANEE E PERIFERIE URBANE cured by

Dettagli

CHE COS E L EUTANASIA?

CHE COS E L EUTANASIA? CHE COS E L EUTANASIA? Che cosa si intende per eutanasia? Il termine eutanasia deriva dal greco: eu=buono, e thanatos=morte. Interpretato letteralmente quindi, esso significa: buona morte. Nel significato

Dettagli

La ricerca clinica nel contesto internazionale: l esperienza svizzera

La ricerca clinica nel contesto internazionale: l esperienza svizzera La ricerca clinica nel contesto internazionale: l esperienza svizzera G. M. Zanini Convegno AFI-AFTI l impatto delle nuove normative comunitarie sulla produzione dei farmaci per uso sperimentale e sulla

Dettagli