Uso empirico degli antibiotici: l epidemiologia locale alla base delle scelte di profilassi e terapia

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Uso empirico degli antibiotici: l epidemiologia locale alla base delle scelte di profilassi e terapia"

Transcript

1 Uso empirico degli antibiotici: l epidemiologia locale alla base delle scelte di profilassi e terapia Marcello Meledandri (UOC M&V SFN) Clinical Conference EBM Terapia antibiotica empirica: vantaggi e svantaggi ore / 16.30

2 This idea of "patient-oriented evidence that matters" (POEMs) was developed specifically for primary care physicians in 1994 by family physician David Slawson, MD, and Allen Shaughnessy, PharmD. POEMs allow physicians to disregard much of the medical literature and focus only on what's important, which simplifies EBM. This Information mastery is the practical application of EBM, just like infectious disease practice is the practical application of microbiology," explains Shaughnessy. "Knowledge of microbiology is necessary but not sufficient to treat people with infections. In the same way, some EBM knowledge is necessary but not sufficient to practice medicine in this age of information."

3 Il dogma centrale della terapia antibiotica mirata S I R In altre parole

4 It is well established that with susceptibility tests in vitro, the datum of resistance is more predictive than that of susceptibility. Indeed, if the laboratory test indicates that a clinical isolate is resistant in vitro to a particular antibiotic and that agent is used in therapy,, the treatment is very likely to fail. But the converse is not necessarily true: if the laboratory test indicates that a clinical isolate is susceptible in vitro to a particular antibiotic, there is no guarantee that therapy with that agent will be successful, the clinical outcome depending on a wide range of other factors besides in vitro susceptibility (site of infection, pharmacological properties of the antibiotic, concomitance of other diseases, efficiency of specific and non-specific defence mechanisms, etc.).

5 Eccezioni alla regola Under particular conditions drugs with limited antibacterial activity may appear more efficacious than they really are Pollyanna phenomenon Marchant, C. D., Carli, S. A., Johnson, C. E. & Shurin, P. A. (1992). Measuring the comparative efficacy of antibacterial agents for acute otitis media: the Pollyanna phenomenon. Journal of Pediatrics120, Pietro E. Varaldo. Antimicrobial resistance and susceptibility testing: an evergreen topic. Journal of Antimicrobial Chemotherapy (2002) 50, 1 4

6 Pollyanna phenomenon: una (possibile) spiegazione nalisi di un modello derivato dai tassi di risoluzione pontanea di alcune patologie infettivive (a.v.r)

7

8 Quando la microbiologia non aiuta Perché non c è un esame colturale Perché il risultato arriva tardi Perché il risultato è negativo, oppure di scarsa utilità clinica (contaminanti, colonizzatori) d in qualunque altro caso la microbiologia non rnisce un dato utile per l outcomel clinico

9 limbing the Health Outcome Mountain: are clinical microbiologists in the diagnostic team? (G.Giocoli 2003) As Professor Feinstein recently pointed out, diagnostic technologies should not only be evaluated on their diagnostic accuracy (their ability to determine the presence or absence of the disease), but also on their ability to change patient outcome (f.i. bacterial sensitivity to antibiotics or test influence on the treatment choices).

10 Changing needs, opportunities and constraints for the 21 century microbiology laboratory (1) J. Van Eldere Clin Microbiol Infect 2005; 11 (Suppl. 1): The change in the medical environment is particularly apparent in the increasing emphasis on evidence-based medicine and the use of guidelines. The emphasis on evidence-based diagnostics and the proven impact of diagnostic interventions on patient outcome will also put further pressure on clinical microbiology to prove its cost- effectiveness. Unfortunately, the real impact of clinical microbiology on the acute management of infectious diseases is a matter of dispute. Although the majority of antibiotics are prescribed in the outpatient setting, microbiological testing in the community setting is very limited. Even in the hospital setting, microbiological analyses are only performed in approximately 60% of patients who are treated with antibiotics because of an infection.

11 Changing needs, opportunities and constraints for the 21 century microbiology laboratory (2) J. Van Eldere Clin Microbiol Infect 2005; 11 (Suppl. 1): When a result is eventually returned from the laboratory to the clinician, several studies from 1981 onwards document with somewhat surprising unanimity that in only of the cases are these results known or used by clinicians. Publications and guidelines on the diagnosis and treatment of serious infections such as pneumonia (community-acquired and hospital-acquired) or intra-abdominal infections all indicate that the initial and adequate antibiotic treatment is the most important prognostic factor. Identifying the microbial cause of the infection may aid in clinical management, but, to date, there are few data showing that aetiological diagnostic testing can improve outcomes or reduce overall medical costs. This controversy will continue and will put increasing pressure on clinical microbiology laboratories until rapid and accurate tests become available and have proven cost-effectiveness in the management of infectious diseases.

12 Il Il problema Antimicrobial treatment is defined as appropriate when a documented microbiologic infection (i.e., a positive culture result) is treated with an agent that demonstrates in vitro activity against the organism at the time the pathogen is identified on culture. Failure to provide treatment with an appropriate initial antimicrobial regimen may increase morbidity and mortality rates.

13 mpact of adequate empirical antibiotic therapy on the outcome of patients admitted to the intensive care unit with sepsis Garnacho-Montero J, Garcia-Garmendia JL, Berrero-Almodovar A, et al. Crit Care Med 2003;31: The confirms that giving inadequate antimicrobial therapy increases the risk of death 8-fold in patients with sepsis. However, the choice of antimicrobial therapy only affected the 28- and 60-day mortality rate and did not have an impact on early (<3 days) death rate. Early death rate was associated with the development of respiratory, hepatic or renal failure and with the presence of pre-existing comorbidities.

14 2005, the Infectious Diseases Society of America Gram-Negative Bacterial Resistance: Evolving Patterns and Treatment Paradigms Marin H. Kollef Clinical Infectious Diseases, volume 40 (2005), pages S85 S88 Successful treatment of patients with nosocomial pneumonia depends primarily on providing adequate initial antibiotic treatment in a timely manner, because an inappropriate course is closely associated with increased mortality. Gram-negative bacteria are commonly responsible for nosocomial pneumonia, and the increasing prevalence of drug resistance among these bacteria complicates decision making with regard to treatment with antibiotics. Infections due to Pseudomonas aeruginosa are particularly problematic because of their intrinsic resistance to multiple classes of antibiotics and their ability to acquire adaptive resistance during a therapeutic course. Future success in treating nosocomial infections depends on the appropriate and responsible use of antibiotics in the intensive care unit, to ensure that the antibiotics available today maintain their effectiveness in the future.

15 Il menù Seguire le indicazioni fornite dalla letteratura scientifica, dalle revisioni e dai lavori EBM, dalle linee guida accreditate

16 Livello di prova Forza I. Sperimentazione clinica controllata o metanalisi II. Sperimentazione clinica controllata, ma con basso valore statistico III. Studi di singoli gruppi, caso controllo, studi non randomizzati IV. Studi descrittivi o di casistica V. Rapporto su singoli casi o di tipo aneddotico Quali linee guida adottare? A. Esistono buone evidenze scientifiche che validano le raccomandazioni dell utilizzo nella pratica B. Esistono discrete evidenze scientifiche che validano le raccomandazioni nella pratica C. Esistono scarse evidenze scientifiche per consigliare l uso dell intervento nella pratica, ma si possono fare raccomandazioni in riferimento ad altre raccomandazioni D. Esistono discrete evidenze scientifiche che sostengono le raccomandazioni di non utilizzare l intervento nella pratica E. Esistono buone evidenze scientifiche che supportano la raccomandazione di non utilizzare l intervento

17 Aggiustare le indicazioni farmacologiche in base alla epidemiologia locale,, ai dati di farmacoresitenza, ai possibili effetti da pressione selettiva in più Il concetto di terapia empirica mirata

18 Mayo Clin Proc. September 2005;80(9): Mayo Clin Proc. September 2005;80(9): lue, lue, no no randomized controlled trials; trials; ellow, ellow, randomized controlled trials trialsavailable, no no systematic review; review;

19 The choice of initial antibiotic may depend on the local hospital resistance rates, the risk of inducing resistant bacteria (which has been frequently reported for cephalosporins and carbapenems and drug acquisition costs

20

21

22 Am AmJ Respir RespirCrit CritCare Care Med MedVol Vol172. pp pp , Despite a growing evidence base, whether appropriate empirical antibiotic therapy improves medical outcomes for CAP remains open to debate. Although several prospective and retrospective cohort studies showed a positive association between guideline adherence for initial antibiotic selection and shortterm mortality, others did not. A recent metaanalysis of 24 clinical trials failed to demonstrate any survival benefit to inpatients with CAP receiving additional antibiotic coverage for atypical pathogens, a practice recommended by specialty society guidelines and supported by empiric observational data.

23 I I dati dati di di resistenza dalla dalla letteratura

24

25 L aggiornamento (periodico) sullo stato delle infezioni e delle multiresistenze

26 Microrganismi di maggiore isolamento nelle tre aree cliniche (presso ACO SFN: 1 1 semestre 2007) area intensiva e sub-intensiva 1 semestre 2007 med chg int Pseudomonas aeruginosa 7,9% 8,8% 18,1% Escherichia coli 35,4% 21,2% 14,1% Staphylococcus aureus 6,5% 14,0% 12,8% Staphylococcus epidermidis 3,1% 6,8% 7,1% Candida albicans 4,3% 6,1% 6,4% Klebsiella pneumoniae 4,3% 2,9% 5,7% Enterococcus faecalis 7,3% 6,1% 4,4% Enterobacter cloacae 1,5% 2,5% 4,0% Proteus mirabilis 6,8% 6,1% 2,7% Enterrococcus faecium Acinetobacter 1,7% baumannii 3,2% 1,7% 1% Candida glabrata 1,4% 0,5% 1,0% Acinetobacter baumannii 1,5% 0,2% 1,0% Citrobacter koseri Enterobacter 1,5% 0,2% cloacae 0,7% 4% Providencia stuartii 1,4% 1,4% 0,3% Streptococcus agalactiae 2,0% 0,5% 0,0% altro totale Enterrococcus 13,4% 19,8% faecium 21,1% 2% 100,0% 100,0% 101,0% altro 22% AREA INTENSIVA E SUB-INTENSIVA Escherichia coli 14 % P seudomonas aeruginosa 18 % Staphylococcus epidermidis 7% Enterococcus faecalis 4% Klebsiella pneumoniae 6% Candida albicans 6% Staphylococcus aureus 13 % P ro teus mirabilis 3%

27 Le infezioni da MRSA in ospedale (pazienti degenti + paz.sottoposti a follow up post-chirurgico; aa ; ACO SFN, sorveglianza di laboratorio) MRSA (paz.coinvolti) a colpo d'occhio. Andamento 3D del numero di esami positivi (Num.pazienti coinvolti) suddivisi per: Anno / Raggruppamento Materiali / Raggruppamento Reparti. FILTRO APPLICATO: {Filtraggio microrganismi ATTIVO} [FENOTIPO: (Antibiotico\Nome = Oxacillin AND RisultatoRSI\RSI = R)]Microrganismo: Sigla =staaur, totale>=1 Area intensiva e sub-intensiva Area intensiva e sub-intensiva Conteggio nteggio Basse vie respiratorie Batteriemie e sepsi Infezioni urinarie Sito chirurgico

28 Trend storico dei principali Alert Organism multiresistenti presso ACO SFN: periodo (frequenza % dei ceppi R/I sul totale della specie considerata) MRSA (%): ,0% 90,0% 80,0% 70,0% 60,0% 50,0% 40,0% 30,0% 20,0% 10,0% 0,0% 01 2nd 02 1st 02 2nd 03 1st 03 2nd 04 1st 04 2nd 05 1st 05 2nd 06 1st 06 2nd 07 1st med chg int

29 Standardization of Antibiogram Reporting In 2002, the National Committee for Clinical Laboratory Standards (NCCLS; now known as the Clinical and Laboratory Standards Institute [CLSI]) published the M39-A guidelines. These guidelines, which were updated in November 2005, provide recommendations for the collection, analysis, and presentation of cumulative antimicrobial susceptibility test data, including specific standards for preparation and dissemination of an institution's antibiogram.

30 Standardization of of Antibiogram Reporting The guidelines suggest inclusion of only the first isolate of a given species/patient/analysis period (e.g., year), irrespective of body site, antimicrobial susceptibility profile, or other phenotypic characteristics in compilations of susceptibility data. Two other recommendations of the guidelines are to avoid reporting susceptibility data for fewer than 10 isolates of a single bacterial species (now changed to 30 isolates in the M39-A2 update) in any analysis period and to exclude surveillance cultures in susceptibility analyses. It is further advised that susceptibility results be reported for all antimicrobials tested in accordance with CLSI guidelines for a given organism. The guidelines recommend subgroup analyses for guiding clinicians in choosing appropriate empiric therapy for select clinical situations. These analyses might stratify susceptibility data for organisms isolated from patients in a specific location, such as a particular ward (e.g., ICU) The recent HICPAC guidelines, "Management of Multidrug-Resistant Organisms in Healthcare Settings, recommend that antibiograms be designed to provide clinicians with information on current trends s in resistance. To this end, they call for updating antibiograms at least annually. The authors note that more frequent updates may be limited in accuracy by a small number of isolates.

31 La tabella ti aiuta a impostare la terapia empirica!

32 Microrganismi isolati da SANGUE in pazienti "interni" nel BIENNIO "luglio giugno 2006" Riepilogo RIEPILOGO n isolati %isolati int.conf. Gram POSITIVI % ±3% Gram NEGATIVI % ±3% Lieviti % ±2% totale %

33 Prevalenza di isolamento in caso di emocoltura positiva (c.i. 95%) Prelievi da vena periferica (in pazienti che non richiedono anche emocoltura da CVC) Prelievi da CVC Gram positivi % % Gram negativi % % Lieviti 1 5 % 9 15 %

34 Come fare quando non c è ancora un antibiogramma? Se si ha a disposizione un dato microbiologico preliminare (colorazione di Gram da emocoltura positiva, crescita in piastra di microrganismi identificabili solo morfologicamente, si può COMUNQUE provare a mettere in atto una terapia empirica mirata. Le tabelle seguenti mostrano un possibile approccio.

35 La tabella ti aiuta a impostare la terapia empirica! AM POSITIVI icrorganismi testati (numero) Percentuale di microrganismi sensibili (CONSIDERATI SOLO AGENTI DI BATTERIEMIE/SEPSI) Amox./clavAmpicillinaChinupr./DCiprofloxa ClindamicinEritromicinGentamicinImipenem LevofloxacLinezolid Oxacillina Penicillina TeicoplaninTetraciclinTrimet./SuVancomicin aphylococcus aureus (220) aphylococcus epidermidis (199) nd nd nd (ç) aphylococcus haemolyticus (74) nd nd nd (ç) terococcus faecalis (54) nd ( ) nd nd terococcus faecium (32) nd ( ) nd nd AM NEGATIVI icrorganismi testati (numero) Percentuale di microrganismi sensibili (CONSIDERATI SOLO AGENTI DI BATTERIEMIE/SEPSI) Amikacina Amox./clavAmpic./sul Cefazolina Cefepime Cefotaxim CeftazidimCeftriaxonCiprofloxa GentamicinImipenem LevofloxacMeropenemPip./tazobaPiperacillinTrimet./Su cherichia coli (133) ebsiella pneumoniae (87) eudomonas aeruginosa (80) terobacter cloacae (29) inetobacter baumannii (28) nd rratia marcescens (19) nd oteus mirabilis (16) nd nd EVITI icrorganismi testati (numero) Percentuale microrganismi sens NOTE:. Amfoteric Fluconazol Itraconazo - nd. = antibiotico non testato, o dato non valido per cause diverse - l'antimicogramma (per Candida) è stato effettuato mediante "E-test" ndida, altre specie (61) ( ). Gentamicina alta concentrazione - (ç) Presenza di rari ceppi "pseudo-gise" o "GISH" ndida albicans (52)

36 ronologia dei microrganismi associati a infezioni nosocomiali el torrente circolatorio; ICU S.Filippo Neri Roma ( ) batteriemie/sepsi noso.: t.medio positività Cerchiate: specie con > 10 isolati giorni dal ricovero Enterococcus faecium Staphylococcus aureus Stenotrophomonas maltophilia Staphylococcus haemolyticus Enterobacter cloacae Acinetobacter baumannii Proteus mirabilis Escherichia coli Serratia marcescens Staphylococcus epidermidis Pseudomonas aeruginosa Klebsiella pneumoniae Enterococcus faecalis Candida albicans

37 ronologia dei microrganismi associati a infezioni nosocomiali el polmone; ICU S.Filippo Neri Roma ( ) i.o. basse vie respiratorie: t.m edio positività Cerchiate: specie con > 10 isolati giorni dal ricovero Serratia marcescens Escherichia coli Staphylococcus aureus Enterobacter cloacae Acinetobacter baumannii Stenotrophomonas maltophilia Klebsiella pneumoniae Proteus mirabilis Pseudomonas aeruginosa

38 nfezioni del torrente circolatorio: ritardo (non significativo nella comparsa di MRSA sangue (18.6 t.medio gg) positiv. rispetto a MSSA (15.5 gg) giorni Enterococcus faecium 15.5 gg MSSA Sangue: confronto tra la cinetica di comparsa di MRSA e quella di varianti MDR di microrganismi gram negativi p=0.545 MSSA Stenotrophomonas maltophilia (MRSA S.aureus (MRSA (MRSA vs vs MSSA) vs MSSA) MSSA) P.aeruginosa vs vs altri PANRPA vs altri altri fenotipi fenotipi fenotipi K.pneumoniae (ESBL (ESBL vs vs not- (ESBL vs not- not- ESBL) ESBL) ESBL) 18.6 gg MRSA diff. diff. T.medio T.medio MDR MDR Sangue: diff. T.medio positivizzazione MDR not-mdr 3,1 3,1 3,1 MRSA Staphylococcus haemolyticus Enterobacter cloacae 27,0 27,0 27,0 29,4 29,4 29, giorni giorni giorni

39 nfezioni del polmone: ritardo (significativo) nella comparsa di MRSA (19.9 gg) mat.respir. rispetto t.medio positiv. a MSSA (11.3 gg) giorni Polmone: confronto tra la cinetica di comparsa di MRSA e quella di varianti MDR di microrganismi gram negativi Serratia marcescens Escherichia coli 11.3 gg MSSA MSSA Enterobacter cloacae p=0.032 S.aureus S.aureus (MRSA S.aureus (MRSA (MRSA vs vs MSSA) vs MSSA) MSSA) Acinetobacter baumannii 19.9 gg MRSA diff. diff. T.medio T.medio MDR MDR not-mdr Mat.respiratori: diff. T.medio positivizzazione MDR not-mdr not-mdr P.aeruginosa PANRPA PANRPA vs vs altri PANRPA vs altri altri fenotipi fenotipi fenotipi K.pneumoniae (ESBL (ESBL vs vs not- (ESBL vs not- not- ESBL) ESBL) ESBL) 3,5 3,5 3,5 8,6 8,6 8,6 MRSA Stenotrophomonas maltophilia 24,9 24,9 24, giorni giorni giorni

40 La pressione di uso degli antibiotici in ospedale (dati SFN 01-07)

41 Tabella 1: consumo antibiotici in area intensiva (e sub-intensiva)

42 Figura II: consumo antibiotici in area intensiva (e sub-intensiva); dettaglio area intensiva DDD/1000 gg pazien carbapenemici chinolonici 3gen-cefalosp. glicopeptidi st 04 2nd 05 1st 05 2nd 06 1st 06 2nd

43 igura III: consumo antibiotici in area intensiva (e sub-intensiva); globale e trend SFN: CONSUMO MAGGIORI CLASSI ATB DDD/1000 gg p somma Lineare (somma) st 04 2nd 05 1st 05 2nd 06 1st 06 2nd

44 IN SINTESI (1) Il consumo di antibiotici dell area intensiva/sub-intensiva è ~3 volte superiore dell area medica e dell area chirurgica (p = 0,0001). L analisi stratificata del consumo, per classi, mostra come in area intensiva/sub-intensiva l uso di 4 classi di antibiotici (pen.protette, carbapenemici, cef.3 gen., glicopeptidi) sia significativamente superiore a quello delle altre aree. Occorre peraltro rilevare il grande incremento dell uso delle penicilline protette in area chirurgica nell anno 2006, probabilmente come effetto della utilizzazione estensiva in terapia empirica. La pressione d uso dei fluorochinolonici, al contrario, sembra paragonabile nelle tre aree. Indipendentemente da qualunque considerazione su protocolli di impiego delle varie molecole, la pressione di uso di tutti gli antibiotici sorvegliati nel triennio sembra in aumento (il trend della media globale semestrale è significantemente inclinato ). Di fatto, la pressione antibiotica sul paziente è significativamente maggiore (sicuramente in chirurgia ed in area critica), rispetto all inizio del Un ruolo decisivo, nel determinare il trend, ha giocato l uso empirico delle penicilline protette in chirurgia (vedi punto 1) e l aggiustamento (al rialzo) dei dosaggi dei glicopeptidi (teicoplanina!).

45 IN SINTESI (2) La resistenza di Pseudomonas aeruginosa ai carbapenemici sembra essere l effetto ritardato del consumo dei carbapenemici stessi. I ceppi VRE sembrano incrementati dalla pressione antibiotica complessiva. I fluorochinolonici (come già, in passato, le cefalosporine di 3 generazione) sembrano avere un effetto booster su MRSA. Acinetobacter baumanni MDR sembra avere una dinamica epidemica del tutto indipendente dal consumo di antibiotici.

DISINFETTANTI ED ANTISETTICI: è già stato tutto scritto? La nuova procedura aziendale

DISINFETTANTI ED ANTISETTICI: è già stato tutto scritto? La nuova procedura aziendale DISINFETTANTI ED ANTISETTICI: è già stato tutto scritto? La nuova procedura aziendale Il rischio infettivo connesso alla struttura ospedaliera Pietro Caramello Malattie Infettive A Malattie Infettive A,

Dettagli

Attuale spazio terapeutico per le cefalosporine orali in pediatria. N. Principi

Attuale spazio terapeutico per le cefalosporine orali in pediatria. N. Principi Attuale spazio terapeutico per le cefalosporine orali in pediatria N. Principi Attuale spazio terapeutico per le cefalosporine orali in pediatria Nicola Principi Principali cefalosporine orali Farmaco

Dettagli

RIANIMAZIONE EPIDEMIOLOGIA 2014

RIANIMAZIONE EPIDEMIOLOGIA 2014 RIANIMAZIONE EPIDEMIOLOGIA 2014 1 RIANIMAZIONE 2014 RICHIESTE INDAGINI BATTERIOLOGIA indagine neg pos tot indagine neg pos tot ANTIGENE ADENOVIRUS 4 0 4 PROTESI 7 3 10 ANTIGENE CLOSTRIDIUM DIFFICILE 5

Dettagli

Dati microbiologici I semestre Azienda Ospedaliera S.Orsola-Malpighi AREA CRITICA

Dati microbiologici I semestre Azienda Ospedaliera S.Orsola-Malpighi AREA CRITICA Dati microbiologici I semestre 2015 Azienda Ospedaliera S.Orsola-Malpighi AREA CRITICA Dott. Simone Ambretti U.O.Microbiologia simone.ambretti@aosp.bo.it Come interpretare i dati TIPI DI TABELLE 1. TABELLA

Dettagli

MALATTIA TROMBOEMBOLICA VENOSA 2014 : NUOVI FARMACI = NUOVI PERCORSI? Rino Migliacci

MALATTIA TROMBOEMBOLICA VENOSA 2014 : NUOVI FARMACI = NUOVI PERCORSI? Rino Migliacci MALATTIA TROMBOEMBOLICA VENOSA 2014 : NUOVI FARMACI = NUOVI PERCORSI? Rino Migliacci Choice of Initial Anticoagulant Regimen in Patients With Proximal DVT In patients with acute DVT of the leg, we

Dettagli

Dati microbiologici I semestre Azienda Ospedaliera S.Orsola-Malpighi AREA INTERNISTICA

Dati microbiologici I semestre Azienda Ospedaliera S.Orsola-Malpighi AREA INTERNISTICA Dati microbiologici I semestre 2015 Azienda Ospedaliera S.Orsola-Malpighi AREA INTERNISTICA Dott. Simone Ambretti U.O.Microbiologia simone.ambretti@aosp.bo.it Come interpretare i dati TIPI DI TABELLE 1.

Dettagli

Dati microbiologici I semestre Azienda Ospedaliera S.Orsola-Malpighi

Dati microbiologici I semestre Azienda Ospedaliera S.Orsola-Malpighi Dati microbiologici I semestre 2016 Azienda Ospedaliera S.Orsola-Malpighi AREA CHIRURGICA Dott. Simone Ambretti U.O.Microbiologia simone.ambretti@aosp.bo.it Come interpretare i dati TIPI DI TABELLE 1.

Dettagli

Terapia delle principali infezioni correlate all assistenza: assistenza: gli aspetti da considerare

Terapia delle principali infezioni correlate all assistenza: assistenza: gli aspetti da considerare Corso aziendale Uso responsabile degli antibiotici Terapia delle principali infezioni correlate all assistenza: assistenza: gli aspetti da considerare Rosario Cultrera Dip. Medico - UOC Malattie Infettive

Dettagli

Gestione del rischio KPC nella donazione e trapianto di organi

Gestione del rischio KPC nella donazione e trapianto di organi CNT Centro Nazionale Trapianti ISS 5 giugno 2012 Gestione del rischio KPC nella donazione e trapianto di organi Francesco Procaccio ISS-CNT - Roma Neuro ICU University City Hospital - Verona CNT Centro

Dettagli

Germi multiresistenti Profilo microbiologico

Germi multiresistenti Profilo microbiologico Germi multiresistenti Profilo microbiologico Valeria Gaia Servizio di microbiologia EOLAB Bellinzona Gli antibiotici Farmaci antibatterici - Battericidi (uccidono) - Batteriostatici (impediscono la crescita)

Dettagli

Epidemiologia isolamenti batteri e miceti e sorveglianza antibiotico-resistenze. IV trimestre Azienda Ospedaliera S.

Epidemiologia isolamenti batteri e miceti e sorveglianza antibiotico-resistenze. IV trimestre Azienda Ospedaliera S. Epidemiologia isolamenti batteri e miceti e sorveglianza antibiotico-resistenze IV trimestre 2011 Azienda Ospedaliera S.Orsola-Malpighi AREA PEDIATRICA Dott. Simone Ambretti U.O.Microbiologia simone.ambretti@aosp.bo.it

Dettagli

Dati microbiologici I semestre Azienda Ospedaliera S.Orsola-Malpighi AREA PEDIATRICA

Dati microbiologici I semestre Azienda Ospedaliera S.Orsola-Malpighi AREA PEDIATRICA Dati microbiologici I semestre 2015 Azienda Ospedaliera S.Orsola-Malpighi AREA PEDIATRICA Dott. Simone Ambretti U.O.Microbiologia simone.ambretti@aosp.bo.it Come interpretare i dati 2 TIPI DI TABELLE 1.

Dettagli

Epidemiologia isolamenti batteri e miceti e sorveglianza antibiotico-resistenze. II trimestre Azienda Ospedaliera S.Orsola-Malpighi AREA CRITICA

Epidemiologia isolamenti batteri e miceti e sorveglianza antibiotico-resistenze. II trimestre Azienda Ospedaliera S.Orsola-Malpighi AREA CRITICA Epidemiologia isolamenti batteri e miceti e sorveglianza antibiotico-resistenze II trimestre 2012 Azienda Ospedaliera S.Orsola-Malpighi AREA CRITICA Dott. Simone Ambretti U.O.Microbiologia simone.ambretti@aosp.bo.it

Dettagli

Gruppo Fides. Dr Giuliano Grillo

Gruppo Fides. Dr Giuliano Grillo Gruppo Fides Dr Giuliano Grillo Medio di assistenza medica, infermieristica e riabilitativa Alto di assistenza tutelare e alberghiera Completamento cicli riabilitativi Trattamenti socio sanitari di mantenimento

Dettagli

Sistema regionale dell Emilia-Romagna per la sorveglianza dell antibioticoresistenza

Sistema regionale dell Emilia-Romagna per la sorveglianza dell antibioticoresistenza 140-2006 Sistema regionale dell Emilia-Romagna per la sorveglianza dell antibioticoresistenza 2003-2005 Rischio infettivo 140-2006 Sistema regionale dell Emilia-Romagna per la sorveglianza dell antibioticoresistenza

Dettagli

R.M.Dorizzi, Strumenti per interpretare gli esami di laboratorio? Forlì, 9 ottobre 2012

R.M.Dorizzi, Strumenti per interpretare gli esami di laboratorio? Forlì, 9 ottobre 2012 1 Half of what you are taught as medical students will in 10 years have been shown to be wrong. And the trouble is, none of your teachers know which half. Sydney Burwell, Dean Harvard Medical School 1935-1949

Dettagli

USO ED ABUSO DEGLI ANTIBIOTICI NEL BAMBINO. Alfredo Guarino

USO ED ABUSO DEGLI ANTIBIOTICI NEL BAMBINO. Alfredo Guarino USO ED ABUSO DEGLI ANTIBIOTICI NEL BAMBINO Alfredo Guarino Outline della presentazione Dimensioni del problema Cause e conseguenze dell uso inappropriato di antibiotici Strategie per la razionalizzazione

Dettagli

LABORATORIO CHIMICO CAMERA DI COMMERCIO TORINO

LABORATORIO CHIMICO CAMERA DI COMMERCIO TORINO LABORATORIO CHIMICO CAMERA DI COMMERCIO TORINO Azienda Speciale della Camera di commercio di Torino clelia.lombardi@lab-to.camcom.it Criteri microbiologici nei processi produttivi della ristorazione: verifica

Dettagli

OSSERVATORIO EPIDEMIOLOGICO (presidi ospedalieri Faenza Lugo Ravenna) anno 2006:

OSSERVATORIO EPIDEMIOLOGICO (presidi ospedalieri Faenza Lugo Ravenna) anno 2006: OSSERVATORIO EPIDEMIOLOGICO (presidi ospedalieri Faenza Lugo Ravenna) anno 2006: L osservatorio epidemiologico locale fornisce una analisi periodica dei dati microbiologici e costituisce uno strumento

Dettagli

Automazione in batteriologia: Roberto Rigoli Direttore Dipartimento Patologia Clinica ULSS n.9 Treviso

Automazione in batteriologia: Roberto Rigoli Direttore Dipartimento Patologia Clinica ULSS n.9 Treviso Automazione in batteriologia: nuove frontiere tecnologiche Roberto Rigoli Direttore Dipartimento Patologia Clinica ULSS n.9 Treviso Cambiamenti in batteriologia: raccolta del campione Comparison of 3 swab

Dettagli

GRADE applicato alle Linee Guida ARIA

GRADE applicato alle Linee Guida ARIA GRADE applicato alle Linee Guida ARIA Sergio Bonini Professor di Medicina Interna Seconda Università di Napoli INMM-CNR, ARTOV, Roma se.bonini@gmail.com The ARIA initiative was developed As a state-of-the-art

Dettagli

Paola Diamante - SOC Microbiologia e Virologia

Paola Diamante - SOC Microbiologia e Virologia Paola Diamante - SOC Microbiologia e Virologia Azienda Ospedaliera S.Maria degli Angeli Pordenone LRTI etiological diagnosis: the real problem At present there is stilla great deficit in the etiologic

Dettagli

Angelo Maurizio Clerici U.O.C. Neurologia Direttore Prof. Giorgio Bono Ospedale di Circolo e Fondazione Macchi Università degli Studi dell Insubria

Angelo Maurizio Clerici U.O.C. Neurologia Direttore Prof. Giorgio Bono Ospedale di Circolo e Fondazione Macchi Università degli Studi dell Insubria Angelo Maurizio Clerici U.O.C. Neurologia Direttore Prof. Giorgio Bono Ospedale di Circolo e Fondazione Macchi Università degli Studi dell Insubria Disease Oriented-Therapy (if available) Primarily life-prolongation

Dettagli

Epidemiologia isolamenti batteri e miceti e sorveglianza antibiotico-resistenze. I trimestre Azienda Ospedaliera S.

Epidemiologia isolamenti batteri e miceti e sorveglianza antibiotico-resistenze. I trimestre Azienda Ospedaliera S. Epidemiologia isolamenti batteri e miceti e sorveglianza antibiotico-resistenze I trimestre 2012 Azienda Ospedaliera S.Orsola-Malpighi AREA INTERNISTICA Dott. Simone Ambretti U.O.Microbiologia simone.ambretti@aosp.bo.it

Dettagli

Presentazione. Infezioni correlate all assistenza sanitaria (I.C.A.)

Presentazione. Infezioni correlate all assistenza sanitaria (I.C.A.) Presentazione Infezioni correlate all assistenza sanitaria e resistenza antimicrobica costituiscono due speciali problematiche sanitarie sulle quali importanti istituzioni internazionali, quali l OMS,

Dettagli

Domanda. L approccio interprofessionale in sanità: razionale ed evidenze. Programma. Programma

Domanda. L approccio interprofessionale in sanità: razionale ed evidenze. Programma. Programma Domanda L approccio interprofessionale in sanità: razionale ed evidenze Perché è necessario un approccio interprofessionale in sanità? Giorgio Bedogni Unità di Epidemiologia Clinica Centro Studi Fegato

Dettagli

Stefano Goldwurm Medical geneticist Centro Parkinson - Parkinson Institute Istituti Clinici di Perfezionamento-Milan neurodegenerative diseases,

Stefano Goldwurm Medical geneticist Centro Parkinson - Parkinson Institute Istituti Clinici di Perfezionamento-Milan neurodegenerative diseases, Stefano Goldwurm Medical geneticist Centro Parkinson - Parkinson Institute Istituti Clinici di Perfezionamento-Milan neurodegenerative diseases, movement disorders, Parkinson disease 1- genetic counselling

Dettagli

CHIRURGIE: FALCONE, MIGLIORI, VASCOLARE, GINECOLOGIA, CARDIOLOGIA INTERVENTISTICA, UROLOGIA, SENOLOGIA EPIDEMIOLOGIA 2014

CHIRURGIE: FALCONE, MIGLIORI, VASCOLARE, GINECOLOGIA, CARDIOLOGIA INTERVENTISTICA, UROLOGIA, SENOLOGIA EPIDEMIOLOGIA 2014 CHIRURGIE: FALCONE, MIGLIORI, VASCOLARE, GINECOLOGIA, CARDIOLOGIA INTERVENTISTICA, UROLOGIA, SENOLOGIA EPIDEMIOLOGIA 2014 1 CHIRURGIA FALCONE, MIGLIORI, VASCOLARE, GINECOLOGIA, CARDIOLOGIA INTERVENTISTICA,

Dettagli

I programmi e i sistemi di sorveglianza

I programmi e i sistemi di sorveglianza Società Italiana di Medicina di Laboratorio Sezione Abruzzo Gruppo di Studio di MALATTIE INFETTIVE Gruppo di Studio di RISK MANAGEMENT Montesilvano 7 Marzo 2008 I programmi e i sistemi di sorveglianza

Dettagli

La gestione dell urgenza cardiologica: il punto di vista del medico d urgenza Ivo Casagranda

La gestione dell urgenza cardiologica: il punto di vista del medico d urgenza Ivo Casagranda La gestione dell urgenza cardiologica: il punto di vista del medico d urgenza Ivo Casagranda Key points: 1 Funzioni e organizzazione del PS 2 Position paper ANMCO SIMEU 3 Real world It is one thing to

Dettagli

Le infezioni multiresistenti sul territorio una realtà emergente

Le infezioni multiresistenti sul territorio una realtà emergente Le infezioni multiresistenti sul territorio una realtà emergente Alessandro Bartoloni SOD Malattie Infettive e Tropicali Azienda Ospedaliero Universitaria Careggi Clinica di Malattie Infettive, Dipartimento

Dettagli

V.E.Q. Regione Toscana Batteriologia - ciclo Identificazioni materiali biologici

V.E.Q. Regione Toscana Batteriologia - ciclo Identificazioni materiali biologici V.E.Q. Regione Toscana Batteriologia - ciclo 2012 Identificazioni materiali biologici Dip. Biotecnologie Sez. di Microbiologia Università degli Studi di Siena Stefania Cresti U.O.C. Microbiologia e Virologia

Dettagli

Overlapping areas that must be addressed together

Overlapping areas that must be addressed together Overlapping areas that must be addressed together Health-careassociated infections (HAI) Antimicrobial resistance (AMR) Usually associated with a weak health care system 359 Ospedali 114853 pazienti 6%

Dettagli

Macrolide per il mal di gola? Resistenza ai macrolidi di Str. pyogenes isolati da T. faringei, RER 2011= 12,8% ( Grande variabilità tra le Aziende ).

Macrolide per il mal di gola? Resistenza ai macrolidi di Str. pyogenes isolati da T. faringei, RER 2011= 12,8% ( Grande variabilità tra le Aziende ). Macrolide per il mal di gola? Resistenza ai macrolidi di Str. pyogenes isolati da T. faringei, RER 2011= 12,8% ( Grande variabilità tra le Aziende ). Antibiotic selection pressure and Resistance in S.

Dettagli

Dalla Diagnostica Tradizionale Ai Nuovi Metodi:

Dalla Diagnostica Tradizionale Ai Nuovi Metodi: Dalla Diagnostica Tradizionale Ai Nuovi Metodi: Appropriatezza del percorso analitico ed interpretativo Manuela Avolio Microbiologia Clinica e Virologia-Pordenone WHY ETIOLOGIC DIAGNOSIS? MICROBIOLOGICAL

Dettagli

La terapia farmacologica

La terapia farmacologica La terapia farmacologica Angelo Bianchetti Gruppo di Ricerca Geriatrica, Brescia Dipartimento Medicina e Riabilitazione, Istituto Clinico S.Anna, Brescia Gli outcome del trattamento del delirum Prevenzione

Dettagli

PATOGENI NOSOCOMIALI IN UN MONDO CHE CAMBIA

PATOGENI NOSOCOMIALI IN UN MONDO CHE CAMBIA PATOGENI NOSOCOMIALI IN UN MONDO CHE CAMBIA Caterina Mammina, Dip. Scienze per la Promozione della Salute e Materno-Infantile «G. D Alessandro», UniPA World Health Organization 2011 Fattori di rischio

Dettagli

Il contributo dell ECDC nella sorveglianza e controllo dell antibiotico-resistenza a livello europeo

Il contributo dell ECDC nella sorveglianza e controllo dell antibiotico-resistenza a livello europeo Il contributo dell ECDC nella sorveglianza e controllo dell antibiotico-resistenza a livello europeo Dott, Fortunato Paolo D Ancona Centro Nazionale Epidemiologia, Sorveglianza e Promozione della Salute

Dettagli

Indicazioni per la Sorveglianza dei Microrganismi Sentinella

Indicazioni per la Sorveglianza dei Microrganismi Sentinella Gestione del rischio clinico Indicazioni per la Sorveglianza dei Microrganismi Sentinella Direzione centrale salute, integrazione sociosanitaria, Direzione politiche sociali centrale e famiglia salute,

Dettagli

Il test valuta la capacità di pensare?

Il test valuta la capacità di pensare? Il test valuta la capacità di pensare? Per favore compili il seguente questionario senza farsi aiutare da altri. Cognome e Nome Data di Nascita / / Quanti anni scolastici ha frequentato? Maschio Femmina

Dettagli

AO Cosenza UOC Microbiologia e Virologia. Epidemiologia Microbiologia e Virologia AO Cosenza

AO Cosenza UOC Microbiologia e Virologia. Epidemiologia Microbiologia e Virologia AO Cosenza AO Cosenza UOC Microbiologia e Virologia Epidemiologia 2013 MICROORGANISMI ISOLATI NEL 2013 ACHROMOBACTER SPP. ACHROMOBACTER XYLOSOXIDANS ACINETOBACTER BAUMANNII ACINETOBACTER SPP. AGROBACTERIUM RADIOBACTER

Dettagli

Misure di prevenzione e controllo delle infezioni da CPE Indicazioni del Ministero della Salute

Misure di prevenzione e controllo delle infezioni da CPE Indicazioni del Ministero della Salute Klebsiella pneumoniae resistente ai carbapenemi: un problema emergente di sanità pubblica Roma, 5 giugno 2012 - ISTITUTO SUPERIORE DI SANITA' Misure di prevenzione e controllo delle infezioni da CPE Indicazioni

Dettagli

I RISULTATI DELLO STUDIO ICEA1

I RISULTATI DELLO STUDIO ICEA1 Ricerca I RISULTATI DELLO STUDIO ICEA1 ALESSANDRO ROSSI *, VINCENZO ARCORACI **, ACHILLE P. CAPUTI **, GIUSEPPE NICOLETTI ***, GIAN CARLO SCHITO **** * Società Italiana di Medicina Generale; ** Università

Dettagli

Allegato 1 Controllo delle infezioni correlate all assistenza: proposta di attività in Toscana per il biennio 2015 2016

Allegato 1 Controllo delle infezioni correlate all assistenza: proposta di attività in Toscana per il biennio 2015 2016 Allegato 1 Controllo delle infezioni correlate all assistenza: proposta di attività in Toscana per il biennio 2015 2016 a cura del 'Comitato di coordinamento regionale per la prevenzione e la lotta alle

Dettagli

UN ANNO DI ATTIVITA SMI focus su Alert. Bologna, 14 ottobre 2013

UN ANNO DI ATTIVITA SMI focus su Alert. Bologna, 14 ottobre 2013 UN ANNO DI ATTIVITA SMI focus su Alert Bologna, 14 ottobre 2013 Sommario Sommario Segnalazioni rapide di casi di malattia infettiva (SSCMI/2006) Segnalazioni di cluster epidemici/epidemie di infezioni

Dettagli

Esame delle urine : un percorso condiviso tra la Patologia Clinica e la Microbiologia

Esame delle urine : un percorso condiviso tra la Patologia Clinica e la Microbiologia Esame delle urine : un percorso condiviso tra la Patologia Clinica e la Microbiologia Dott. Antonio Conti 3000 2500 2013 Campioni urinari 2000 1500 1000 500 Positivi pz Ambulatoriali : 19.4 % Positivi

Dettagli

Management dei pazienti nelle strutture residenziali di assistenza

Management dei pazienti nelle strutture residenziali di assistenza Management dei pazienti nelle strutture residenziali di assistenza Maria Luisa Moro La rete dei servizi si è profondamente modificata Long term care facility with ventilator and psychiatric patients Long

Dettagli

Simposio FAPP Torino Novembre 2007

Simposio FAPP Torino Novembre 2007 L Errore Medico. Alla ricerca delle Procedure di Provata Efficacia per prevenirlo Sabato 7 Novembre 7 Fondazione Arturo Pinna Pintor - Torino Campagne per la sicurezza del paziente e costruzione di un

Dettagli

Criteri di appropriatezza diagnosticoterapeutica RADIOTERAPIA. prof Giampaolo Biti Università di Firenze

Criteri di appropriatezza diagnosticoterapeutica RADIOTERAPIA. prof Giampaolo Biti Università di Firenze Criteri di appropriatezza diagnosticoterapeutica in oncologia RADIOTERAPIA prof Giampaolo Biti Università di Firenze DEFINIZIONE Appropriatezza Capacità di assicurare, utilizzando le risorse disponibili

Dettagli

Come prevenire e gestire l infezione da Clostridium difficile nelle strutture sanitarie

Come prevenire e gestire l infezione da Clostridium difficile nelle strutture sanitarie Agenzia Sanitaria Regionale Area Rischio infettivo Unità Gestione Rischio e Sicurezza Come prevenire e gestire l infezione da Clostridium difficile nelle strutture sanitarie Pietro Ragni Reggio Emilia,

Dettagli

Azienda Ospedaliera Cosenza UOC Microbiologia e Virologia - Direttore dr. Cristina Giraldi 2014

Azienda Ospedaliera Cosenza UOC Microbiologia e Virologia - Direttore dr. Cristina Giraldi 2014 NEFROLOGIA / DIALISI 2014 RICHIESTE INDAGINI BATTERIOLOGIA indagine neg pos tot indagine neg pos tot ANTIGENE ADENOVIRUS 1 0 1 RICERCA M. TUBERCULOSIS COMPLEX MEDIANTE P.C.R. 5 0 5 ANTIGENE GALATTOMANNANO

Dettagli

U.O. Microbiologia e Virologia Ospedale S. Chiara Trento. M. Gaino 3 Congresso NewMicro Padenghe sul Garda, 20-22 Marzo 2013

U.O. Microbiologia e Virologia Ospedale S. Chiara Trento. M. Gaino 3 Congresso NewMicro Padenghe sul Garda, 20-22 Marzo 2013 U.O. Microbiologia e Virologia Ospedale S. Chiara Trento M. Gaino 3 Congresso NewMicro Padenghe sul Garda, 20-22 Marzo 2013 Emocoltura : interfaccia Reparto-Laboratorio Ogni giorno perso per giungere alla

Dettagli

Aspetti organizzativi e gestionali del laboratorio di Microbiologia

Aspetti organizzativi e gestionali del laboratorio di Microbiologia Aspetti organizzativi e gestionali del laboratorio di Microbiologia Giovanni P. Gesu S.C. Microbiologia e Virologia Ospedale Niguarda Ca Granda Milano Lazise 14 16 marzo 2012 Estimated TB incidence by

Dettagli

Endpointse disegni di studio nella malattia avanzata: valore clinico Vs valore statistico G. PAPPAGALLO

Endpointse disegni di studio nella malattia avanzata: valore clinico Vs valore statistico G. PAPPAGALLO Endpointse disegni di studio nella malattia avanzata: valore clinico Vs valore statistico G. PAPPAGALLO Endpoint surrogati e outcome nella malattia metastatica Giovanni L. Pappagallo Ufficio di Epidemiologia

Dettagli

La Medicina basata sulle evidenze è l uso coscienzioso delle evidenze attualmente disponibili sulle terapie impiegate per curare ogni paziente In

La Medicina basata sulle evidenze è l uso coscienzioso delle evidenze attualmente disponibili sulle terapie impiegate per curare ogni paziente In L. Notari DVM, MSc La Medicina basata sulle evidenze è l uso coscienzioso delle evidenze attualmente disponibili sulle terapie impiegate per curare ogni paziente In Medicina Umana l approccio evidence-based

Dettagli

CONTROVERSIE IN TEMA DI MANAGEMENT DEL PAZIENTE CON MRGE. USO ed ABUSO dei TEST DIAGNOSTICI

CONTROVERSIE IN TEMA DI MANAGEMENT DEL PAZIENTE CON MRGE. USO ed ABUSO dei TEST DIAGNOSTICI CONTROVERSIE IN TEMA DI MANAGEMENT DEL PAZIENTE CON MRGE USO ed ABUSO dei TEST DIAGNOSTICI G.Minoli Como 28 Aprile 2007 Appropriato uso di GASTROSCOPIA ph METRIA ACG Practice Guidelines: Esophageal Reflux

Dettagli

Polmoniti in RSA: prevenzione e terapia. Matteo Bassetti Clinica malattie Infettive A.O.U. San Martino, Genova

Polmoniti in RSA: prevenzione e terapia. Matteo Bassetti Clinica malattie Infettive A.O.U. San Martino, Genova Polmoniti in RSA: prevenzione e terapia Matteo Bassetti Clinica malattie Infettive A.O.U. San Martino, Genova Alterazioni delle funzionalità nell anziano Sistema respiratorio Microaspiraazioni e aumento

Dettagli

INFEZIONI Epidemiologia

INFEZIONI Epidemiologia INFEZIONI Epidemiologia Fonte d infezione diretta Sano recettivo Indiretta (veicoli e vettori) Trasmissione delle infezioni INFEZIONI OSPEDALIERE Etiologia SCHIZOMICETI FUNGHI PROTOZOI VIRUS INFEZIONI

Dettagli

IL NODULO ALLA MAMMELLA

IL NODULO ALLA MAMMELLA IL NODULO ALLA MAMMELLA SCUOLA REGIONALE DI FORMAZIONE SPECIFICA IN MEDICINA GENERALE 18.04.2012 Giancarlo Bisagni Dipartimento di Oncologia SERVIZIO SANITARIO REGIONALE EMILIA-ROMAGNA AZIENDA OSPEDALIERA

Dettagli

SORVEGLIANZA E CONTROLLO DELLE INFEZIONI CORRELATE ALL ASSISTENZA IN REGIONE LIGURIA. Camilla Sticchi. Genova, 24 febbraio 2015

SORVEGLIANZA E CONTROLLO DELLE INFEZIONI CORRELATE ALL ASSISTENZA IN REGIONE LIGURIA. Camilla Sticchi. Genova, 24 febbraio 2015 SORVEGLIANZA E CONTROLLO DELLE INFEZIONI CORRELATE ALL ASSISTENZA IN REGIONE LIGURIA Camilla Sticchi Genova, 24 febbraio 2015 STRUMENTI SISTEMI DI SORVEGLIANZA Sperimentazione e messa a regime di un network

Dettagli

SCREENING PER LA PREVENZIONE DEL TUMORE DELLA MAMMELLA

SCREENING PER LA PREVENZIONE DEL TUMORE DELLA MAMMELLA SCREENING PER LA PREVENZIONE DEL TUMORE DELLA MAMMELLA Controversie sullo screening mammografico: pro e contro Edda Simoncini Breast Unit A.O.Spedali Civili Brescia Spedali Civili di Brescia Azienda Ospedaliera

Dettagli

Web 2.0 per guadagnare salute

Web 2.0 per guadagnare salute Web 2.0 per guadagnare salute Eugenio Santoro Laboratorio di Informatica Medica Dipartimento di Epidemiologia Istituto di Ricerche Farmacologiche Mario Negri Il web 2.0 - La definizione forse più corretta

Dettagli

4th International Conference in Software Engineering for Defence Applications SEDA 2015

4th International Conference in Software Engineering for Defence Applications SEDA 2015 me Ho CALL FOR PAPERS: 4th International Conference in Software Engineering for Defence Applications SEDA 2015 Software Engineering aims at modeling, managing and implementing software development products

Dettagli

Assessori Regionali alla Sanità delle Regioni a Statuto Ordinario e Speciale e delle Province Autonome di Trento e Bolzano PEC

Assessori Regionali alla Sanità delle Regioni a Statuto Ordinario e Speciale e delle Province Autonome di Trento e Bolzano PEC Ministero della Salute DIPARTIMENTO DELLA SANITÀ PUBBLICA E DELL INNOVAZIONE DIREZIONE GENERALE DELLA PREVENZIONE Ufficio 05 Ex DGPREV Viale Giorgio Ribotta, 5-00144 Roma Oggetto: Circolare Sorveglianza,

Dettagli

L importanza di una strategia antibiotica de-escalating per il trattamento delle polmoniti in UTI. Gert Höffken, MD; Michael S. Niederman, MD, FCCP

L importanza di una strategia antibiotica de-escalating per il trattamento delle polmoniti in UTI. Gert Höffken, MD; Michael S. Niederman, MD, FCCP critical care review Le polmoniti nosocomiali* L importanza di una strategia antibiotica de-escalating per il trattamento delle polmoniti in UTI Gert Höffken, MD; Michael S. Niederman, MD, FCCP Le polmoniti

Dettagli

diagnostica precoce delle emocolture

diagnostica precoce delle emocolture Sviluppi della fluorescenza in situ nella diagnostica precoce delle emocolture Edoardo Carretto S.C. Microbiologia IRCCS Arcispedale Santa Maria Nuova A.O. Reggio Emilia Workshop Euroclone/Neomed: le proposte

Dettagli

COSTITUZIONE COMITATO PER IL CONTROLLO DELLE INFEZIONI OSPEDALIERE

COSTITUZIONE COMITATO PER IL CONTROLLO DELLE INFEZIONI OSPEDALIERE AZIENDA OSPEDALIERA DI COSENZA COSTITUZIONE COMITATO PER IL CONTROLLO DELLE INFEZIONI OSPEDALIERE Delibera n. 328 del 25 marzo 211 COMITATO TECNICO PREPOSTO AL CONTROLLO DELLE INFEZIONI OSPEDALIERE Dr.

Dettagli

Le infezioni in terapia intensiva

Le infezioni in terapia intensiva Le infezioni in terapia intensiva Savona, 24 Febbraio 2007 Matteo Bassetti Clinica Malattie infettive A.O.U. San Martino di Genova hepidemiologia hproblematiche di resistenza hstrategie di contenimento

Dettagli

Bruno Meduri. Radioterapia Oncologica - A.O.U. Policlinico di Modena. Associazione Italiana di Radioterapia Oncologica

Bruno Meduri. Radioterapia Oncologica - A.O.U. Policlinico di Modena. Associazione Italiana di Radioterapia Oncologica Bruno Meduri Radioterapia Oncologica - A.O.U. Policlinico di Modena Associazione Italiana di Radioterapia Oncologica Follow up condiviso Il follow-up attivo della donna trattata è parte integrante del

Dettagli

Epidemiologia delle infezioni correlate all assistenza

Epidemiologia delle infezioni correlate all assistenza Epidemiologia delle infezioni correlate all assistenza Maria Luisa Moro 1 Infezioni correlate all assistenza Sono infezioni che insorgono come risultato di interventi sanitari Possono essere acquisite

Dettagli

Sorveglianza dell antibioticoresistenza e uso di antibiotici sistemici in Emilia-Romagna

Sorveglianza dell antibioticoresistenza e uso di antibiotici sistemici in Emilia-Romagna Sorveglianza dell antibioticoresistenza e uso di antibiotici sistemici in Emilia-Romagna Rapporto 2012 Redazione e impaginazione a cura di Federica Sarti - Agenzia sanitaria e sociale regionale dell Emilia-Romagna

Dettagli

GLI ANDAMENTI TEMPORALI DELLA PATOLOGIA ONCOLOGICA IN ITALIA

GLI ANDAMENTI TEMPORALI DELLA PATOLOGIA ONCOLOGICA IN ITALIA e&p GLI ANDAMENTI TEMPORALI DELLA PATOLOGIA ONCOLOGICA IN ITALIA Linfomi: linfomi di Hodgkin e linfomi non Hodgkin Lymphomas: Hodgkin and non-hodgkin Lymphomas Massimo Federico, 1 Ettore M. S. Conti (

Dettagli

Isolamento: emarginazione o sicurezza dei dei Malati, delle delle Comunità, degli degli Operatori?

Isolamento: emarginazione o sicurezza dei dei Malati, delle delle Comunità, degli degli Operatori? Dal Dal Lazzaretto ai ai flussi laminari. Isolamento: emarginazione o sicurezza dei dei Malati, delle delle Comunità, degli degli Operatori? Precauzioni di Isolamento da Patogeni Emergenti. Prevenzione

Dettagli

Aspetti Critici degli Studi Clinici nel SNC

Aspetti Critici degli Studi Clinici nel SNC Aspetti Critici degli Studi Clinici nel SNC SSFA, Milano 10 settembre 2012 Eva J Runggaldier Clin. Ops. Therapeutic Area Leader Medical Affairs & Clinical Operations Roche SpA Summary Status della Ricerca

Dettagli

RAPPORTO DEL MEDICO DI FAMIGLIA PRIVATE MEDICAL ATTENDANT S REPORT. Compilare in stampatello

RAPPORTO DEL MEDICO DI FAMIGLIA PRIVATE MEDICAL ATTENDANT S REPORT. Compilare in stampatello RAPPORTO DEL MEDICO DI FAMIGLIA PRIVATE MEDICAL ATTENDANT S REPORT Si prega il medico di famiglia di rispondere con accuratezza ad ogni singola domanda The Medical Attendant is requested to take particular

Dettagli

Mario Sarti. Laboratorio di Microbiologia e antimicrobial stewardship nell Azienda USL di Modena

Mario Sarti. Laboratorio di Microbiologia e antimicrobial stewardship nell Azienda USL di Modena Laboratorio di Microbiologia e antimicrobial stewardship nell Azienda USL di Modena Mario Sarti Microbiologia Clinica Provinciale Azienda USL di Modena 9 STRATEGIE DI REFERTAZIONE PER FAVORIRE L USO APPROPRIATO

Dettagli

Il punto di vista del Medico di famiglia

Il punto di vista del Medico di famiglia Comprendere e tutelare i diritti dei pazienti con BPCO Il punto di vista del Medico di famiglia G. Bettoncelli Il malato è padrone e colui che lo assiste è suo servitore Antica Regola dell Ospedale Santo

Dettagli

http://clinicalevidence.bmj.com/ceweb/about/knowledge.jsp Clinical evidence, 2005

http://clinicalevidence.bmj.com/ceweb/about/knowledge.jsp Clinical evidence, 2005 http://clinicalevidence.bmj.com/ceweb/about/knowledge.jsp Clinical evidence, 2005 2011 treatment effects Beneficial 4% 15% Likely to be beneficial 45% Trade off between Benefits and 23% harms Unlikely

Dettagli

L Impegno di Novartis nella Medicina di Genere. Delia Colombo Emanuela Zagni Gilberto Bellia Modena, 20 Marzo 2015

L Impegno di Novartis nella Medicina di Genere. Delia Colombo Emanuela Zagni Gilberto Bellia Modena, 20 Marzo 2015 L Impegno di Novartis nella Medicina di Genere Delia Colombo Emanuela Zagni Gilberto Bellia Modena, 20 Marzo 2015 IMPEGNO NOVARTIS 2 CONSIDERAZIONI INIZIALI In Italia l impegno nella «terapia farmacologica

Dettagli

Tavola rotonda: La consulenza genetica come strumento fondamentale nel trasferimento delle nuove conoscenze alla clinica

Tavola rotonda: La consulenza genetica come strumento fondamentale nel trasferimento delle nuove conoscenze alla clinica Corso postcongressuale XV congresso SIGU Come refertare e comunicare varianti genomiche Tavola rotonda: La consulenza genetica come strumento fondamentale nel trasferimento delle nuove conoscenze alla

Dettagli

rappresentazione alchemica

rappresentazione alchemica La moderna diagnostica esige una impostazione sistematica del monitoraggio della qualità del dato di laboratorio, una impostazione che deve avere caratteristiche di razionalità, di globalità, di integrazione.

Dettagli

Ricoverarsi a Roma: le infezioni ospedaliere presso l Azienda Ospedaliera San Camillo Forlanini

Ricoverarsi a Roma: le infezioni ospedaliere presso l Azienda Ospedaliera San Camillo Forlanini Ricoverarsi a Roma: le infezioni ospedaliere presso l Azienda Ospedaliera San Camillo Forlanini Faria S.*, Di Renzi M.*, Gabriele S.*, Sodano L.** * Università degli Studi La Sapienza, Roma ** Azienda

Dettagli

Gli Antidepressivi nella depressione maggiore. Trieste, 26 Febbraio 2009

Gli Antidepressivi nella depressione maggiore. Trieste, 26 Febbraio 2009 Gli Antidepressivi nella depressione maggiore Trieste, 26 Febbraio 2009 PRINCIPI GENERALI (I) Gli antidepressivi dovrebbero essere prescritti nei soggetti con depressione maggiore di intensità media-grave

Dettagli

Sinossi dei disegni di studio

Sinossi dei disegni di studio Sinossi dei disegni di studio di intervento osservazionali serie di casi trasversale ecologici individuali quasisperimentali sperimentali (RCT) coorte caso-controllo Studi caso-controllo Il punto di partenza

Dettagli

Daniela Poli. La gestione del paziente anziano con i farmaci anti Vitamina K

Daniela Poli. La gestione del paziente anziano con i farmaci anti Vitamina K Daniela Poli La gestione del paziente anziano con i farmaci anti Vitamina K Atrial fibrillation occurred in 1 2% of the general population. Over 6 million Europeans suffer from this arrhythmia, and its

Dettagli

Convegno Regionale S.I.S.I.O.V.

Convegno Regionale S.I.S.I.O.V. Convegno Regionale S.I.S.I.O.V. Venezia Mestre, 5 marzo 2004 La sorveglianza delle infezioni ospedaliere nella Regione Veneto La Sorveglianza delle Infezioni Ospedaliere in Terapia Intensiva: l esperienza

Dettagli

I lipidi nella alimentazione del bambino. Carlo Agostoni Clinica Pediatrica, Ospedale San Paolo Università degli Studi di Milano

I lipidi nella alimentazione del bambino. Carlo Agostoni Clinica Pediatrica, Ospedale San Paolo Università degli Studi di Milano I lipidi nella alimentazione del bambino Carlo Agostoni Clinica Pediatrica, Ospedale San Paolo Università degli Studi di Milano ! I lipidi del latte materno: composizione e significato - acidi grassi -

Dettagli

Importanza e significato dell Audit. Clinico in una prospettiva sistemica

Importanza e significato dell Audit. Clinico in una prospettiva sistemica Importanza e significato dell Audit Clinico in una prospettiva sistemica Ulrich Wienand MD PhD Azienda Ospedaliera Universitaria Arcispedale S. Anna - Ferrara Clinical Audit Iniziativa condotta da professionisti

Dettagli

Acute Asthma in the Emergency Department: a neglected cause of Acute Respiratory Failure in the Elderly?

Acute Asthma in the Emergency Department: a neglected cause of Acute Respiratory Failure in the Elderly? Acute Asthma in the Emergency Department: a neglected cause of Acute Respiratory Failure in the Elderly? Rodolfo Ferrari, Fabrizio Giostra, Giorgio Monti, Mario Cavazza Unità Operativa di Medicina d'urgenza

Dettagli

Università del Piemonte Orientale. Master per data manager. Epidemiologia dei tumori. Screening in oncologia

Università del Piemonte Orientale. Master per data manager. Epidemiologia dei tumori. Screening in oncologia Università del Piemonte Orientale Master per data manager Epidemiologia dei tumori Screening in oncologia Epidemiologia Che cos è l epidemiologia Metodi e strumenti La descrizione epidemiologica di una

Dettagli

Definizione di segnale

Definizione di segnale Signal detection Laura Sottosanti Ugo Moretti Definizione di segnale Information that arises from one or multiple sources (including observations and experiments), which suggests a new potentially causal

Dettagli

Convegno Qualità Microbiologica dei Cosmetici: Aspetti Tecnici e Normativi Milano, 15 maggio Lucia Bonadonna Istituto Superiore di Sanità

Convegno Qualità Microbiologica dei Cosmetici: Aspetti Tecnici e Normativi Milano, 15 maggio Lucia Bonadonna Istituto Superiore di Sanità Convegno Qualità Microbiologica dei Cosmetici: Aspetti Tecnici e Normativi Milano, 15 maggio 2015 Lucia Bonadonna Istituto Superiore di Sanità REGOLAMENTO (CE) n. 1223/2009 DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O

F O R M A T O E U R O P E O F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo ACQUAROLO ANNAMARIA VIA SANTELLE 12 BRESCIA Telefono 0303995807 Cell 3471603497 Fax 0303996069

Dettagli

Innovazioni terapeutiche in Oncologia Medica Cagliari 23/24 Giugno 2005

Innovazioni terapeutiche in Oncologia Medica Cagliari 23/24 Giugno 2005 Innovazioni terapeutiche in Oncologia Medica Cagliari 23/24 Giugno 2005 Associazione Trastuzumab e chemioterapia nel carcinoma mammario metastatico e localmente avanzato. Nostra casistica. Carlo Floris

Dettagli

Sessione IV Ricerca e sviluppo per i programmi di screening

Sessione IV Ricerca e sviluppo per i programmi di screening Sessione IV Ricerca e sviluppo per i programmi di screening o L Adeguamento delle linee-guida dello screening del cervicocarcinoma o I Vaccini anti-hpv e gli Screening o Modelli di interazione tra screening

Dettagli

Budget Impact Analysis (Parte teorica) Claudio Jommi Professore Associato di Economia Aziendale, Università Piemonte Orientale

Budget Impact Analysis (Parte teorica) Claudio Jommi Professore Associato di Economia Aziendale, Università Piemonte Orientale Budget Impact Analysis (Parte teorica) Claudio Jommi Professore Associato di Economia Aziendale, Università Piemonte Orientale pag. 1 Confronto tra CEA e BIA La CEA stima i costi e l efficacia incrementali

Dettagli

2/1/2011 5/1/2011 10/1/2011 Influenza B

2/1/2011 5/1/2011 10/1/2011 Influenza B Caso clinico Nome: Tonina Cognome : Procalci aa 36 Gravida 23 settimana Da alcuni giorni ha febbre, tosse, rinite Il figlio di 3 anni ha avuto sintomi analoghi alcuni giorni prima 30/12/2010: Ricovero

Dettagli

Polymerase Chain Reaction - PCR

Polymerase Chain Reaction - PCR Polymerase Chain Reaction - PCR Real-Time PCR Saggio Saggio di PCR monitorato di continuo Tubi Tubi chiusi Nessuna analisi post PCR Nessuna elettroforesi Caratterizzazione del prodotto Possibilità di quantificare

Dettagli

Prof.ssa D. De Vito Ordinario di Igiene Università degli Studi di Bari

Prof.ssa D. De Vito Ordinario di Igiene Università degli Studi di Bari Prof.ssa D. De Vito Ordinario di Igiene Università degli Studi di Bari Meticillina Meropenem Penicillina G Amoxicillina Ciprofloxacina Invasione batterica delle vie urinarie inferiori I batteri possono

Dettagli