Gli strumenti di osservazione. Marco Lorenzini

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Gli strumenti di osservazione. Marco Lorenzini"

Transcript

1 Gli strumenti di osservazione 1

2 Fare chiarezza Cosa vuol dire osservare in ambito scolastico? 1 qualità pedagogica fondante lo stile educativo 2 strumento di impostazione della programmazione e delle metodologie 3 feedback continuo per l operato educativo 4 metodo educativo 5 strumento di formazione 6 metodo per attuare cambiamenti 2

3 Definizioni L osservazione è un luogo di incontro tra i bisogni dell adolescente e l intenzionalità educativa dell adulto Non è infatti possibile osservare, senza attribuire all adolescente qualcosa delle nostre intenzioni e dei nostri sentimenti 3

4 Come osservare L osservazione diretta è quella che non prevede l uso di strumenti di osservazione e accompagnamento L osservazione indiretta è quella che prevede l uso d strumenti 4

5 Cosa osservare L organizzazione dei tempi L organizzazione dello spazio Il materiale didattico Le metodologie di lavoro Le relazioni I sistemi comunicativi Le dinamiche di gruppo Le prestazioni 5

6 Strumenti per osservare e accompagnare Diario di bordo Analisi degli incidenti critici Analisi delle buone pratiche Prospetti sintetici Descrizione delle competenze Osservazione dinamiche di gruppo 6

7 In quale contesto sono inseriti? In altri termini: la nostra relazione di tutoraggio e gli strumenti (di osservazione, di accompagnamento, di registrazione) che usiamo, in quale contesto sono inseriti? 7

8 Orientamento e costruttivismo Nel costruttivismo l individuo dà significato al mondo ed è centrale la dimensione soggettiva. Nell orientamento secondo questo approccio: Viene dato maggior peso alla relazione E posta più attenzione all esperienza di vita Il soggetto è maggiormente coinvolto Il docente tutor è principalmente un ascoltatore attento, piuttosto che un valutatore che consegna una diagnosi. Viene promosso l empowerment 8

9 L orientamento è anche uno strumento di manutenzione dell io (Giddens 1998) poiché senza un rafforzamento dell io molti individui non sono in grado di attivare risorse. Viene così dato ampio spazio al racconto bibliografico (orientamento narrativo). Tra le tecniche più utilizzate ci sono 1. Il disegno della propria mappa mentale 2. Il disegno del campo di forze che facilitano o ostacolano un cambiamento desiderato 9

10 3. La linea della vita 4. Esercizi che invitano ad immaginarsi nel futuro 5. Racconto del proprio percorso formativo e professionale con individuazione delle motivazioni, dei punti forti e dei punti deboli. 6. Questionari di autovalutazione per le attitudini, aspirazioni, valori. Queste tecniche possono essere utilizzate nella consulenza individuale e di gruppo, nel bilancio di competenze orientativo o nel counselling orientativo. 10

11 Definizioni di competenze Le competenze sono: una combinazione creativa e funzionale di conoscenze, capacità, atteggiamenti con lo scopo di dominare situazioni problematiche in maniera adeguata ed efficace. Le conoscenze sono: il sapere dichiarativo; i saperi acquisiti su un tema determinato Le capacità sono:il sapere procedurale; sono l espressione del sapere finalizzato al fare. Esse sono cognitive, comunicative, sociali. 11

12 Gli atteggiamenti sono: i modi di porsi di fronte alla realtà, forme di comportamento negli ambiti intellettuale, personale e sociale. Conoscenze, capacità ed atteggiamenti costituiscono LE RISORSE di ciascun individuo e rappresentano la base per lo sviluppo delle competenze nelle situazioni reali. 12

13 I prodotti della descrizione delle competenze sono: -il portafoglio di competenze: descrive le competenze acquisite dalla persona e le potenzialità sviluppate nel corso della storia personale e scolastica. -il progetto scolastico o professionale: descrive gli obiettivi di sviluppo scolastico, professionale e formativo; è ciò che il soggetto vuol fare. -il documento di sintesi o profilo: descrive le circostanze del bilancio, le risorse, le competenze da sviluppare i punti di forza e di debolezza, gli elementi base del suo progetto. 13

14 Gli strumenti utili alla descrizione delle competenze Colloquio Lavoro di gruppo Schede e test 14

15 Il colloquio -Qual è la sua situazione familiare? -Qual è il suo percorso scolastico? E come sono avvenute le scelte scolastiche? - Quali sono stati i passaggi più importanti per la sua vita? Ci sono stati eventi di vita che hanno avuto un impatto particolare? - Le decisioni della sua vita come sono state prese? - Se ha avuto insuccessi scolastici come li ha vissuti? - Se non studia come occupa la sua giornata? - Quali sono i suoi interessi? 15

16 Lavori di gruppo -Creazione di situazioni stimolo volte a stimolare e verificare la capacità di problem solving, la leadership, la capacità di lavorare in gruppo, la collaborazione, la cooperazione ecc. - Role-playing utili a favorire la riflessione su potenzialità, punti di forza ed aree di sviluppo delle competenze di tipo psicosociale. - Discussione e confronto di schede di autoanalisi 16

17 Esercitazioni individuali Alcuni esempi: Scheda della Biografia: è divisa in tre capitoli anni, 18 anni in poi, sintesi Scheda di costruzione del Curriculum formativo: conoscenze acquisite Scheda di costruzione del Curriculum professionale Scheda- Cosa pensano di me gli altri :come sei visto all esterno: Affidabile o inaffidabile; Puntuale; Rigoroso; Deciso; Volenteroso;.. 17

18 Scheda di definizione dei punti di forza e dei punti deboli. Scheda identifica la tue priorità personali Scheda Vocabolario costruttivo ed atteggiamento positivo Scheda autovalutazione dei propri interessi 18

19 grazie per la cordialità 19

20 Ministero Pubblica Istruzione STRUMENTI DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE A.A. V.V AMOS Trento : Erickson, 2005 A.A. V.V Project Spectrum: Manuale di valutazione prescolare. - Bergamo :Junior, 2002 A.A. V.V. ACCES Integrazione e disabilità. - Milano : Angeli Editore, 2000 A.A. V.V. Ma come parla Paperino?. - Tirrenia, PI : Edizioni del Cerro, 1999 A.A.V.V BVN. Batteria di valutazione neuropsicologica per l'età evolutiva. - Trento :Erickson, 2005 A.A.V.V. CEO Classificazione degli errori ortografici. - Trento : Erickson, 2000 A.A.V.V. DDO Diagnosi dei disturbi ortografici in età evolutiva. - Trento : Erickson, 2008 A.A.V.V. K-SADS-PL Intervista diagnostica per la valutazione dei disturbi psicopatologici in bambini e adolescenti. - Trento : Erickson, 2004 A.A.V.V. Matematica e metacognizione. - Trento : Erickson, 1995 AID Disturbi evolutivi specifici di apprendimento. - Trento : Erickson, 2009 AMERICAN ASSOCIATION ON MENTAL RETARDATION Ritardo mentale Definizione, Classificazione e sistemi di sostegno (Manuale. Quaderno di lavoro). - Brescia : Vannini, p. ANDRICH, MIATO Lettura di base (3 CD ROM). - Trento : Erickson, 2002 ANDRICH, MIATO Memoria verbale CD ROM. - Trento : Erickson, 2007 ANDRICH, MIATO Memoria visiva CD ROM. - Trento : Erickson, 2006

21 ANTONIETTI Progettare il portfolio delle competenze. - Roma : Carocci editore, 2005 ANTONIETTI, VIGANÒ Il diario del mio apprendimento. - Trento : Erickson, 2007 ATTWOOD Guida alla sindrome di Asperger. - Trento : Erickson, 2006 BENZONI Portfolio delle competenze e processi di personalizzazione. - Bergamo :Junior, 2004 BONIFACIO, HVASTJA STEFANI Modelli di intervento precoce per il bambino Parlatore Tardivo: il modellointeract. - Tirrenia, PI : Edizioni del Cerro, 2004 BRACKEN TRI Test delle relazioni interpersonali. - Trento : Erickson, 1996 BROTINI Le difficoltà di apprendimento. - Tirrenia, PI : Edizioni del Cerro, 1990 BROTINI I pre-requisiti. - Tirrenia, PI : Edizioni del Cerro, 1990 BROWN, LEIGH ABI. Test di valutazione del comportamento adattivo nell'handicappato. - Trento : Erickson, 1987 CAMAIONI, BASCETTA, AURELI L'osservazione del bambino nel contesto educativo. - Bologna : Il Mulino,1988 CAPRARA La valutazione dell'autoefficacia. - Trento : Erickson, 2001 CASSIBBA, D ODORICO Osservare per educare. - Roma : Carocci editore CASTOLDI Portfolio a scuola. - Brescia : La scuola, 2005 CENDRON BVN Batteria di valutazione neuropsicologica per l'adolescenza. Trento :Erickson, 2005 CHADE Il linguaggio del bambino. - Trento : Erickson, 2004 CHILOSI, CERRI Disprassia verbale. - Trento : Erickson, 2009 CHILOSI, CIPRIANI Il bambino disfasico. - Tirrenia, PI : Edizioni del Cerro, 1994 CIANCHETTI, SANNIO FANCELLO TVL Test di valutazione del linguaggio. Livello prescolare. - Trento : Erickson, 1997 CIDI Osservare e organizzare la comunicazione in classe. Milano: UNICOPLI, 1985 CIONI, FERRARI Le forme discinetiche delle paralisi cerebrali infantili. - Tirrenia, PI : Edizioni del Cerro, 1997 CISOTTO Scrittura e metacognizione. - Trento : Erickson, 1998 COHEN, WOLKMAR Autismo e disturbi generalizzati dello sviluppo (2 volumi). - Brescia : Vannini, 2004 CORMAN Il disegno della famiglia: test per bambini. - Torino : Editore Boringhieri, 1970

22 CORNOLDI Le difficoltà di apprendimento a scuola. Bologna : Il Mulino, 1999 CORNOLDI, CAPONI Memoria e metacognizione. - Trento : Erickson, 1991 CORNOLDI, CAZZOLA AC.MT Test di valutazione delle abilità di calcolo - Trento : Erickson, 2003 CORNOLDI, GARDENALE, MASI, PETTENÒ Impulsività e autocontrollo. - Trento : Erickson, 1996 CORNOLDI, LUCANGELI, BELLINA AC.MT Test di valutazione delle abilità di calcolo - Trento : Erickson, 2003 CORNOLDI, MIATO, MOLIN, POLI La prevenzione e il trattamento delle difficoltà di lettura e scrittua. - Firenze : Organizzazioni speciali, 1987 CORNOLDI, MIATO, MOLIN, POLI La prevenzione e il trattamento delle difficoltà di lettura e scrittura.firenze Organizzazioni speciali, 1985 CRETTI, TOWNSEND Comprensione del testo (3 CD ROM) - Trento : Erickson, 2002 CZERWINSKI DOMENIS La discussione intelligente. - Trento : Erickson, 2000 D AMICO, DEVESCOVI Comunicazione e linguaggio nei bambini. - Roma : Carocci editore, D ODORICO L'osservazione del comportamento infantile. - Milano : Cortina,1990 DE BENI, CORNOLDI, CARRETTI, MENEGHETTI Nuova guida alla comprensione del testo Volume 1, 2, 3,4. - Trento : Erickson,2003 DE BENI, CORNOLDI, MOÈ AMOS Abilità e motivazione allo studio: prove di valutazione e orientamento.trento : Erickson, 2003 DE BENI, MOÈ, RAVAZZOLO Stili attributivi motivazionali. - Trento : Erickson, 2005 DE BENI, PAZZAGLIA Lettura e metacognizione. - Trento : Erickson, 1991 DE FILIPPIS CIPPONE Nuovo manuale di logopedia. - Trento : Erickson, 1998 DEMCHAK, BOSSERT L'assessment dei comportamenti problema. - Brescia : Vannini, 2004 DI NUOVO Attenzione e concentrazione CD ROM. - Trento : Erickson, 2000 DI PIETRO L'educazione razionale-emotiva. - Trento : Erickson, 1992 DI PIETRO, BASSI, FILORAMO L'alunno iperattivo in classe. - Trento : Erickson, 2001 FABIO TIP Test d'intelligenza potenziale. - Trento : Erickson, 2007 FEDRIZZI La valutazione delle funzioni adattive nel bambino con paralisi cerebrale.

23 FERRABOSCHI Recupero in ortografia. - Trento : Erickson, 1995 FERRARI, CIONI Paralisi cerebrali infantili. - Tirrenia, PI : Edizioni del Cerro,1998 FRIGNANI, BONAZZA Le prove oggettive di profitto. - Roma : Carocci editore, 2003 FRISO, TRESSOLDI TAP-D Test delle abilità prassiche nella disabilità. - Trento : Erickson, 2005 GARDIN Come valutare le abilità matematiche (2 volumi) - Brescia : Vannini, 2005 GIOVANARDI ROSSI, MALAGUTI Test GIO-MA. Batteria di prove per la valutazione precoce delle abilità e dei disturbi di lettura. - Tirrenia, PI : Edizioni del Cerro,1999 GIOVANARDI ROSSI, MALAGUTI Valutazione delle abilità matematiche (manuale generale. Classi 1, 2, 3, 4, 5). - Trento : Erickson,1994 GIOVANARDI ROSSI, MALAGUTI Valutazione delle abilità di scrittura. (Manuale generale. Classi 1, 2, 3, 4, 5). - Trento : Erickson,1994 GITTENS, AARONS È autismo? Test di valutazione psicopedagogia. - Trento : Erickson, 1990 GOLDMAN VVCA Valutazione della comunicazione aumentativa e alternativa. - Trento :Erickson, 2006 HAMMILL TINV Test di intelligenza non verbale. - Trento : Erickson, 1998 HUNTER Sindrome di Rett. - Brescia : Vannini, 2005 HUTTON, ROBERTS SEDS. Test di valutazione dei problemi comportamentali ed emozionali. Trento : Erickson, 1986 INTRIERI Le prove oggettive nella scuola. Brescia : La Scuola, 1997 JAIMES Linguaggio e disabilità di apprendimento. - Tirrenia, PI : Edizioni del Cerro,1993 JOHNSON, JOHNSON, HOLUBEC Apprendimento cooperativo in classe. - Trento : Erickson JORDAN, POWELL Autismo e intervento educativo. - Trento : Erickson, 1997 KIERNAN, JONES BAB Test di valutazione per l'handicappato grave. - Trento : Erickson, 1984 KIRBY, GRIMLEY Disturbi dell'attenzione e iperattività. - Trento : Erickson, 1989 KRAIJER STA-DI Scala di valutazione dei tratti autistici nelle persone con disabilità intellettiva. - Trento : Erickson, 2006 KURTZ Disturbi della coordinazione motoria. - Trento : Erickson, 2006

24 LE SAEC Disturbi dell articolazione - Tirrenia, PI : Edizioni del Cerro, 2005 LINDBERG Capire la sindrome di Rett. - Tirrenia, PI : Edizioni del Cerro, p. LINO, COCUZZA I pre-requisiti per l apprendimento della matematica. - Tirrenia, PI : Edizioni del Cerro, 2002 LUCANGELI, TRESSOLDI, CENDRON SPM.Test delle abilità di soluzione dei problemi matematici. - Trento : Erickson,1998 LUCANGELI, TRESSOLDI, FIORE ACA. Test delle abilità di calcolo aritmetico. - Trento : Erickson,1998 MacBEAT, McGLYNN Autovalutazione nella scuola. - Trento : Erickson, 2006 MAINARDI TLR Test di valutazione del linguaggio ricettivo. - Trento : Erickson, 1992 MAJANI, CALLEGARI SAT-P Soddisfazione soggettiva e qualità della vita. - Trento : Erickson,1998 MARIANI Portfolio. - Bologna : Zanichelli, 2000 MARTINI Le difficoltà di apprendimento della lingua scritta. - Tirrenia, PI : Edizioni del Cerro, 1995 MARZOCCHI, PORTOLAN, USILLA Autoregolare l'attenzione CD ROM. - Trento : Erickson, 2006 McGINNIS Manuale di insegnamento delle abilità sociali. - Trento : Erickson, 1986 NEWCOMER, BARENBAUM, BRYANT TAD Test dell'ansia e depressione. - Trento : Erickson, 1995 ORSOLINI Il suono delle parole. - Firenze : La nuova Italia, 2000 ORSOLINI, CAPRIOLO, SANTESE Suono o sono?. INFANTIAE.ORG, 2005 PASCOLETTI Imparare a scrivere. (2 volumi). - Brescia : Vannini, 2005 PASSOLUNGHI, DE BENI I test per la scuola. - Bologna : Il mulino, 2001 PAVONE Valutare gli alunni in situazione di handicap. - Trento : Erickson, 1997 PENNISI, CAVALIERI Patologie del linguaggio e scienze cognitive. - Bologna : Il mulino, 2001 PILONE, MUZIO La valutazione del pensiero strategico. - - Brescia : Vannini, 2003 PILONE, MUZIO, LEVRERO Test di valutazione degli aspetti psicopatologici dell'handicap. - Trento :Erickson, 2000 POPE, McALE, CRAIGHEAD Migliorare l'autostima. - Trento : Erickson, 1992

25 PRATELLI Le difficoltà di apprendimento e la dislessia. Bergamo : Edizioni Junior, 2004 PRATELLI Disgrafia e recupero delle difficoltà grafo-motorie. - Trento : Erickson, 1995 QUILL Comunicazione e reciprocità sociale nell'autismo. - Trento : Erickson, 2007 REID E' dislessia!. - Trento : Erickson, 2006 RICCARDI RIPAMENTI Le difficoltà di letto-scrittura (3 volumi). - Trento : Erickson, 2003 SABBADINI La disprassia in età evolutiva: criteri di valutazione ed intervento. Milano : Sprinter, 2005 SANFORD, ZELMAN LAP Schede per la diagnosi di sviluppo nell'handicappato. - Trento : Erickson,1984 SARTORI Cartella Pedagogica. - Brescia : Vannini, 2002 SARTORI, JOB, TRESSOLDI Batteria per la valutazione della dislessia e della disortografia evolutiva. Firenze : Organizzazioni Speciali, 2005 SAUNDERS La sindrome di X fragile. - Bergamo : Junior, 2004 SAVELLI, PULGA Dislessia evolutiva. - Trento : Erickson, 2006 SCHALOCK Il comportamento adattivo e la sua misurazione. - Brescia : Vannini, 2002 SCHINDLER, BONAZZI Dico bene? Principi di dizione analisi acustica e articolatoria. Torino : Omega SCHOPLER, MESIBOV, KUNCE Sindrome di Asperger e autismo high-functioning. - Trento : Erickson, 2001 SCHOPLER, WATSON, LORD, SCHAFFER La comunicazione spontanea nell'autismo. - Trento : Erickson, 1998 SORESI Guida all'osservazione in classe. - Firenze : Giunti-Barbera, 1978 SORESI, CORCIONE Prove oggettive di matematica per la scuola elementare. - Firenze : Organizzazioni speciali, 1992 STROCCHI Balbuzie. - Trento : Erickson, 2003 TERRENI, TRETTI IPDA Questionario osservativo per l'identificazione precocce delle difficoltà di apprendimento. - Trento : Erickson, 2002 TRESSOLDI, VIO Diagnosi dei disturbi dell'apprendimento scolastico. - Trento : Erickson, TRIANI Leggere il disagio scolastico. - Roma : Carocci editore, 2006!

26 TZURIEL La valutazione dinamica delle abilità cognitive. - Trento : Erickson, 2004 ULRICH TGM. Test di valutazione delle abilità grosso-motorie. - Trento : Erickson,1992 VENUTI L'osservazione del comportamento. - Roma : Carocci editore, 2001 VERMIGLI, TRAVAGLIA ACCESS Analisi degli indicatori cognitivo-emozionali del successo scolastico. - Trento : Erickson, 2002 VICARI, MAROTTA, TRASCIANI CMF Valutazione delle competenze metafonologiche. - Trento : Erickson, 2004 VIO Dalla diagnosi all intervento psicoeducativo. - Brescia : Vannini, 2005 WATERS La sindrome di Prader-Willi. - Bergamo : Junior, 2003 WILLIAMS TCD Test della creatività e pensiero divergente. - Trento : Erickson, 1993 ZAMBELLI L'osservazione e l'analisi del comportamento. - Bologna : Patron, 1983 ZANETTI, MIAZZA SR 4-5 Prove per l'individuazione delle abilità di base nel passaggio dalla scuola materna alla scuola elementare. - Trento : Erickson, 2002

Progetto DSA. Disturbo Specifico dell Apprendimento. Progetto DSA. Istituto Cesare Arici

Progetto DSA. Disturbo Specifico dell Apprendimento. Progetto DSA. Istituto Cesare Arici Istituto Cesare Arici A.S. 2010-2011 Sommario 1. Premessa... 3 2. Responsabile progetto:... 3 3. Finalità... 4 4. Obiettivi... 4 5. Destinatari... 4 6. Attività... 5 7. Metodi... 6 8. Strumenti... 6 9.

Dettagli

Gli strumenti per una didattica inclusiva

Gli strumenti per una didattica inclusiva STRUMENTI PER UNA DIDATTICA INCLUSIVA Ottilia Gottardi CTI Monza Est Gli strumenti per una didattica inclusiva Ottilia Gottardi CTI Monza Est PRINCIPI della PEDAGOGIA INCLUSIVA Tutti possono imparare;

Dettagli

Lo sviluppo delle abilità logico-matematiche. nei bambini in età prescolare

Lo sviluppo delle abilità logico-matematiche. nei bambini in età prescolare Istituto di Riabilitazione ANGELO CUSTODE PARLARE E CONTARE ALLA SCUOLA DELL INFANZIA Lo sviluppo delle abilità logico-matematiche nei bambini in età prescolare Dott.ssa Liana Belloni Dott.ssa Claudia

Dettagli

GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI

GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI INGRESSO Si mostra sereno Ricerca gli altri bambini Porta gli oggetti a scuola SERVIZI IGIENICI Ha il controllo sfinterico

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI PREMESSA L integrazione è un processo di conoscenza di sé e dell altro, di collaborazione all interno della classe finalizzato a creare le migliori condizioni

Dettagli

Disgrafia-Disortografia, un inquadramento diagnostico

Disgrafia-Disortografia, un inquadramento diagnostico IRCCS Burlo Garofolo U.O. Neuropsichiatria Infantile Trieste Disgrafia-Disortografia, un inquadramento diagnostico Dott.ssa Isabella Lonciari Bolzano, 28 Febbraio 2008 Disortografia Aspetti linguistici

Dettagli

Psicopatologia della DI, QdC, QdV

Psicopatologia della DI, QdC, QdV La psicopatologia nella disabilità intellettiva Dr. Luigi Croce psichiatra, docente all Università Cattolica di Brescia Ravenna 09/03/2012 Luigi Croce Università Cattolica Brescia croce.luigi@tin.it Disabilità,

Dettagli

MI PIACE LA MAGGIOR PARTE DI ME. AUTOSTIMA E SCUOLA Strategie di gestione

MI PIACE LA MAGGIOR PARTE DI ME. AUTOSTIMA E SCUOLA Strategie di gestione MI PIACE LA MAGGIOR PARTE DI ME AUTOSTIMA E SCUOLA Strategie di gestione Percorsi didattico-educativi Sabato 7 febbraio 2009 Dr.ssa ANNA STROPPA psicologa e psicoterapeuta dell et età evolutiva GIUSE TIRABOSCHI

Dettagli

La disponibilità di tecnologie informatiche per favorire l apprendimento scolastico

La disponibilità di tecnologie informatiche per favorire l apprendimento scolastico Quando è opportuno proporre agli alunni con DSA l uso di tecnologie compensative? Ricerche e proposte italiane Quando è opportuno proporre agli alunni con DSA l uso di tecnologie compensative? Flavio Fogarolo

Dettagli

Pensiero logico, lettura, scrittura e abilità di calcolo in ragazzi con sindrome di Down di II e III media (Sestili, Moalli, Vianello)

Pensiero logico, lettura, scrittura e abilità di calcolo in ragazzi con sindrome di Down di II e III media (Sestili, Moalli, Vianello) Ricerca n 3 Pensiero logico, lettura, scrittura e abilità di calcolo in ragazzi con sindrome di Down di II e III media (Sestili, Moalli, Vianello) Giovanna Erba Cinzia Galletti Un po di definizioni: Pensiero

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Il documento va compilato in forma digitale per poter ampliare gli spazi dello schema (ove necessario) e togliere

Dettagli

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INTRODUZIONE L Ordine degli Psicologi del Friuli Venezia Giulia e l Ufficio Scolastico Regionale, firmatari di un Protocollo d Intesa stipulato

Dettagli

Cos è il Disturbo Specifico di Apprendimento (DSA)?

Cos è il Disturbo Specifico di Apprendimento (DSA)? Cos è il Disturbo Specifico di Apprendimento (DSA)? Si parla di disturbi specifici di apprendimento (dsa) nel caso in cui il soggetto indenne da problemi di ordine cognitivo, neurologico, sensoriale, presenti

Dettagli

PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI

PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI ALCUNI DATI L Istituto Trento 5 comprende 3 scuole primarie e 2 scuole secondarie di I grado. Il numero totale di alunni

Dettagli

Facilitare l individuazione precoce dei disturbi di apprendimento della lettura e della scrittura

Facilitare l individuazione precoce dei disturbi di apprendimento della lettura e della scrittura Laboratorio DiLCo Dipartimento di Linguistica Università degli studi di Firenze Facilitare l individuazione precoce dei disturbi di apprendimento della lettura e della scrittura Ricerca in collaborazione

Dettagli

DALL INTEGRAZIONE ALL INCLUSIONE

DALL INTEGRAZIONE ALL INCLUSIONE DALL INTEGRAZIONE ALL INCLUSIONE IL PASSAGGIO da INTEGRAZIONE a INCLUSIONE NON si basa sulla misurazione della distanza da normalità/standard ma sul processo di piena partecipazione e sul concetto di EQUITA.

Dettagli

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Indicazioni ai fini della stesura del PDP 1. Informazioni

Dettagli

DSA e EES ESIGENZE EDUCATIVE DISTURBI SPECIFICI DELL APPRENDIMENTO SPECIALI

DSA e EES ESIGENZE EDUCATIVE DISTURBI SPECIFICI DELL APPRENDIMENTO SPECIALI DSA e EES DISTURBI SPECIFICI DELL APPRENDIMENTO ESIGENZE EDUCATIVE SPECIALI DISTURBI SPECIFICI dell APPRENDIMENTO Interessano alcune specifiche abilità dell apprendimento scolastico in un contesto di funzionamento

Dettagli

STILI DI APPRENDIMENTO NEI DSA PROPOSTE OPERATIVE PER UN BUON METODO DI STUDIO E DI INSEGNAMENTO

STILI DI APPRENDIMENTO NEI DSA PROPOSTE OPERATIVE PER UN BUON METODO DI STUDIO E DI INSEGNAMENTO STILI DI APPRENDIMENTO NEI DSA PROPOSTE OPERATIVE PER UN BUON METODO DI STUDIO E DI INSEGNAMENTO FONTE: MARIANI L. 2000. PORTFOLIO. STRUMENTI PER DOCUMENTARE E VALUTARE COSA SI IMPARA E COME SI IMPARA.ZANICHELLI,

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO N.1

ISTITUTO COMPRENSIVO N.1 PIANO ANNUALE PER L INCLUSIONE ANNO SCOLASTICO 2013-2013 Sommario PIANO ANNUALE PER L INCLUSIONE... 1 Bisogni educativi speciali... 2 Sezione 1. Definizioni condivise... 3 I B.E.S. non sono una categoria...

Dettagli

La transizione all'età adulta: strumenti per identificare obiettivi di insegnamento

La transizione all'età adulta: strumenti per identificare obiettivi di insegnamento La transizione all'età adulta: strumenti per identificare obiettivi di insegnamento Percorso di Formazione Dall autismo all integrazione socio-lavorativa Organizzato da: AGSAV ONLUS Associazione Genitori

Dettagli

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria Adriana Volpato P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria 19 Dicembre 2011 STRUMENTO didattico educativo individua gli strumenti fa emergere il vero alunno solo con DIAGNOSI consegnata si redige

Dettagli

Guida alla valutazione, alla diagnosi e al trattamento dei Disturbi e delle Difficoltà di Apprendimento

Guida alla valutazione, alla diagnosi e al trattamento dei Disturbi e delle Difficoltà di Apprendimento - UNITà DIDATTICHE ON LINE - Guida alla valutazione, alla diagnosi e al trattamento dei Disturbi e delle Difficoltà di Apprendimento Per Psicologi, Insegnanti, Tecnici della Riabilitazione - PARTE SECONDA

Dettagli

darioianes.itit 2005 Dario Ianes - www.darioianes.it

darioianes.itit 2005 Dario Ianes - www.darioianes.it Lavoro di rete e equipe educativa Nuove alleanze per il Piano Educativo Individualizzato e il Progetto di Vita Dario Ianes Centro Studi Erickson, Trento Università di Bolzano www.darioianes darioianes.itit

Dettagli

LA NORMATIVA SULL INCLUSIONE SCOLASTICA: LA RISPOSTA DELLA SCUOLA AI BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI

LA NORMATIVA SULL INCLUSIONE SCOLASTICA: LA RISPOSTA DELLA SCUOLA AI BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI: LA PROSPETTIVA IN BASE AL MODELLO ICF LA NORMATIVA SULL INCLUSIONE SCOLASTICA: LA RISPOSTA DELLA SCUOLA AI BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI Ins. Stefania Pisano CTS I.C. Aristide

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Relatore: Prof.ssa Chiara Frassineti, genitore e insegnante Il rapporto tra genitori e ragazzo (studente)

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Papalia Grazia Maria Data di nascita 29/06/1959

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Papalia Grazia Maria Data di nascita 29/06/1959 INFORMAZIONI PERSONALI Nome Papalia Grazia Maria Data di nascita 29/06/1959 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio I Fascia AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE DI REGGIO CALABRIA

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

che serve Corso base sui Disturbi Specifici dell Apprendimento Direttore: Dr. Marco Leonardi 26 ottobre 2013 CEFPAS Caltanissetta 6 CREDITI E.C.

che serve Corso base sui Disturbi Specifici dell Apprendimento Direttore: Dr. Marco Leonardi 26 ottobre 2013 CEFPAS Caltanissetta 6 CREDITI E.C. laformazione che serve Corso base sui Disturbi Specifici dell Apprendimento Direttore: Dr. Marco Leonardi 26 ottobre 2013 CEFPAS Caltanissetta 6 CREDITI E.C.M Premessa Di recente i disturbi specifici dell

Dettagli

RELAZIONE FINALE PROGETTO IDA VENUTI UN FORMATORE AID NELLA TUA SCUOLA

RELAZIONE FINALE PROGETTO IDA VENUTI UN FORMATORE AID NELLA TUA SCUOLA RELAZIONE FINALE PROGETTO IDA VENUTI UN FORMATORE AID NELLA TUA SCUOLA A CURA DELLA DOTT.SSA MARIANGELA BRUNO (LOGOPEDISTA E FORMATRICE AID) ANNO SCOLASTICO 2011-2012 1 INDICE 1. ARTICOLAZIONE DEL PROGETTO...

Dettagli

I DISTURBI EVOLUTIVI SPECIFICI DELL APPRENDIMENTO: inquadramento generale

I DISTURBI EVOLUTIVI SPECIFICI DELL APPRENDIMENTO: inquadramento generale Sezione di Treviso I DISTURBI EVOLUTIVI SPECIFICI DELL APPRENDIMENTO: inquadramento generale Treviso, 27.2.2009 Dr.ssa Gabriella Trevisi SCHEMA DELLA RELAZIONE 1. Alcune caratteristiche generali dei DSA

Dettagli

VADEMECUM PER LA COMPRENSIONE DELLA DIAGNOSI DI D.S.A

VADEMECUM PER LA COMPRENSIONE DELLA DIAGNOSI DI D.S.A Da consegnare agli insegnanti per comprendere la diagnosi e utilizzare i dati emersi per la compilazione del PDP. VADEMECUM PER LA COMPRENSIONE DELLA DIAGNOSI DI D.S.A 1 Elenco dei soggetti autorizzati

Dettagli

PROGETTO EDUCATIVO SULL'INTEGRAZIONE E LA PREVENZIONE DEL DISAGIO E DELL'ABBANDONO SCOLASTICO PRECOCE

PROGETTO EDUCATIVO SULL'INTEGRAZIONE E LA PREVENZIONE DEL DISAGIO E DELL'ABBANDONO SCOLASTICO PRECOCE PROGETTO EDUCATIVO SULL'INTEGRAZIONE E LA PREVENZIONE DEL DISAGIO E DELL'ABBANDONO SCOLASTICO PRECOCE PREMESSA La Dispersione Scolastica è un fenomeno complesso che riunisce in sé: ripetenze, bocciature,

Dettagli

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO.

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO. Istituto Comprensivo di Iseo a.s. 2012/2013 Progetto Di Casa nel Mondo - Competenze chiave per una cittadinanza sostenibile Gruppo lavoro Dott. Massetti Scuola Primaria Classi Terze TITOLO: I prodotti

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

L INTERVENTO FONIATRICO - LOGOPEDICO IN PIEMONTE NEI DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

L INTERVENTO FONIATRICO - LOGOPEDICO IN PIEMONTE NEI DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO L INTERVENTO FONIATRICO - LOGOPEDICO IN PIEMONTE NEI DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO A cura di: Marzo 2008 Logopedista Liliana Ferrero Logopedista Leonarda Gisoldi Logopedista Marina Maniscalco Logopedista

Dettagli

tizianamuzio@libero.it tiziana.muzio.832@psypec.it MZUTZN80R70I693G P.IVA 01826240994 Nazionalità

tizianamuzio@libero.it tiziana.muzio.832@psypec.it MZUTZN80R70I693G P.IVA 01826240994 Nazionalità C U R R I C U L U M V I T A E D O T T. S S A T I Z I A N A M U Z I O Informazioni personali Nome/Cognome Indirizzo TIZIANA MUZIO VIA DI MONTESANO 4/8 GENOVA Telefono 347 9690257 E-mail P.E.C. C.F. tizianamuzio@libero.it

Dettagli

AUTISMO E SPORT: ASPETTI LUDICI ED EDUCATIVI. Dott.ssa Sara Ambrosetto Psicologa e Psicoterapeuta Cognitivo Comportamentale

AUTISMO E SPORT: ASPETTI LUDICI ED EDUCATIVI. Dott.ssa Sara Ambrosetto Psicologa e Psicoterapeuta Cognitivo Comportamentale AUTISMO E SPORT: ASPETTI LUDICI ED EDUCATIVI Dott.ssa Sara Ambrosetto Psicologa e Psicoterapeuta Cognitivo Comportamentale Che cos è lo sport? Lo sport viene definito come l'insieme delle attività, individuali

Dettagli

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali L Istituto Leopoldo Pirelli si propone di potenziare la cultura dell inclusione per rispondere in modo efficace alle necessità di

Dettagli

I n d i c e. 163 Appendice B Questionari su utilità e uso delle Strategie di Studio (QS1 e QS2)

I n d i c e. 163 Appendice B Questionari su utilità e uso delle Strategie di Studio (QS1 e QS2) I n d i c e 9 Introduzione 11 CAP. 1 I test di intelligenza potenziale 17 CAP. 2 La misura dell intelligenza potenziale nella scuola dell infanzia 31 CAP. 3 La misura dell intelligenza potenziale nella

Dettagli

Prot. N. 4089-15/6/2010 Ai Direttori Generali degli Uffici Scolastici Regionali Loro Sedi

Prot. N. 4089-15/6/2010 Ai Direttori Generali degli Uffici Scolastici Regionali Loro Sedi Prot. N. 4089-15/6/2010 Ai Direttori Generali degli Uffici Scolastici Regionali Loro Sedi Oggetto: Disturbo di deficit di attenzione ed iperattività Premessa In considerazione della sempre maggiore e segnalata

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

La natura del linguaggio e il processo di acquisizione

La natura del linguaggio e il processo di acquisizione La natura del linguaggio e il processo di acquisizione Il bambino nasce con un patrimonio genetico e con una predisposizione innata per il linguaggio. Affinché ciò avvenga normalmente è necessario che

Dettagli

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, TEATRO LA DIDATTICA DEL FARE 1 BISOGNI Sulla scorta delle numerose riflessioni che da parecchi anni aleggiano sulla realtà

Dettagli

PROBLEMI PSICOLOGICI NEI DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

PROBLEMI PSICOLOGICI NEI DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO PROBLEMI PSICOLOGICI NEI DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Enrico Ghidoni Arcispedale S.Maria Nuova, UOC Neurologia, Laboratorio di Neuropsicologia, Reggio Emilia La situazione psicologica dei bambini

Dettagli

Per non perdersi. Il percorso di oggi. Prima parte COMPETENZA: DEFINIZIONE DEL COSTRUTTO. Seconda parte PROGETTARE PER COMPETENZE

Per non perdersi. Il percorso di oggi. Prima parte COMPETENZA: DEFINIZIONE DEL COSTRUTTO. Seconda parte PROGETTARE PER COMPETENZE 1 Per non perdersi. Il percorso di oggi Prima parte COMPETENZA: DEFINIZIONE DEL COSTRUTTO Seconda parte PROGETTARE PER COMPETENZE Terza parte VALUTARE LE COMPETENZE 2 COMPETENZA Definizione del costrutto

Dettagli

IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD

IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD CHIARA DE CANDIA chiaradecandia@libero.it 1 IL CONCETTO DI SE È la rappresentazione delle proprie caratteristiche e capacità in relazione

Dettagli

Percorso formativo laboratoriale DIDATTICA DELLA MATEMATICA

Percorso formativo laboratoriale DIDATTICA DELLA MATEMATICA Percorso formativo laboratoriale DIDATTICA DELLA MATEMATICA Un approccio inclusivo per Disturbi Specifici e Difficoltà di Apprendimento Anna Maria Antonucci AIRIPA Puglia Lo sviluppo dell intelligenza

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri MPI - USP di Padova Comune di Padova Settore Servizi Scolastici Centro D.A.R.I. Una scuola per tutti Percorso di formazione per docenti Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri I parte a cura

Dettagli

Per un educazione speciale dell alunno con disturbi pervasivi dello sviluppo.

Per un educazione speciale dell alunno con disturbi pervasivi dello sviluppo. G. Farci Per un educazione speciale dell alunno con disturbi pervasivi dello sviluppo Per un educazione speciale dell alunno con disturbi pervasivi dello sviluppo. Riflessioni relative al contesto scolastico

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

Lo sviluppo delle funzioni neuropsicologiche nel bambino dai 3 ai 5 anni.

Lo sviluppo delle funzioni neuropsicologiche nel bambino dai 3 ai 5 anni. Lo sviluppo delle funzioni neuropsicologiche nel bambino dai 3 ai 5 anni. Dott.ssa Irene Arcolini Provincia di Monza e Brianza LA SCUOLA DIFRONTE AI DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO, LA DISLESSIA. LO

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DECRETO 30 settembre 2011. Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno, ai sensi degli articoli 5 e 13 del decreto

Dettagli

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con:

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: V E NIDO DIPARTIMENTO MATERNO INFANTILE R ENTI LOCALI T QUARTIERE I C SCUOLA DELL INFANZIA FAMIGLIA

Dettagli

VALUTAZIONE AUTENTICA E APPRENDERE PER COMPETENZE

VALUTAZIONE AUTENTICA E APPRENDERE PER COMPETENZE E APPRENDERE PER COMPETENZE VALUTAZIONE INSEGNAMENTO APPRENDIMENTO E APPRENDERE PER COMPETENZE VALUTAZIONE VALUTARE GLI APPRENDIMENTI: UN PERCORSO A TRE STADI SIS Torino a.a. 2006/07 1 STADIO: LA VALUTAZIONE

Dettagli

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO Le seguenti affermazioni descrivono alcune abitudini di studio e modi di imparare. Decidi in quale misura ogni affermazione si applica nel tuo caso: metti una

Dettagli

Didattiche con la LIM

Didattiche con la LIM Didattiche con la LIM Modelli e prospettive Luca Ferrari Dipartimento di Scienze dell Educazione, Università di Bologna Index 1. Scenario 2. Definizione e caratteristiche 3. Un modello didattico problematico

Dettagli

Metodologie di comunicazione con persone disabili

Metodologie di comunicazione con persone disabili Metodologie di comunicazione con persone disabili Eleonora Castagna Terapista della Neuropsicomotricità dell Età Evolutiva Antonia Castelnuovo Psicomotricista Villa Santa Maria, Tavernerio Polo Territoriale

Dettagli

Monitoraggio dei processi formativi. Genova, 2 dicembre 2011

Monitoraggio dei processi formativi. Genova, 2 dicembre 2011 Monitoraggio dei processi formativi Genova, 2 dicembre 2011 Premessa: un patto!!! Nel Protocollo d Intesa le organizzazioni formative garantiscono un progressivo miglioramento e innalzamento della qualità

Dettagli

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N.

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N. FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2 ULSS n.1 Belluno Autori: PERSONALE AZIENDA ULSS N. 1 BELLUNO: Dr.ssa Mel Rosanna Dirigente medico SISP (Dipartimento

Dettagli

LA VALUTAZIONE COGNITIVA NELL AUTISMO

LA VALUTAZIONE COGNITIVA NELL AUTISMO LA VALUTAZIONE COGNITIVA NELL AUTISMO Risultati di una ricerca su un campione di 135 bambini Massimiliano Petrillo Magda Di Renzo CAMPIONE DI RICERCA 135 bambini (106 M / 29 F) Età compresa tra 2,5-16,5

Dettagli

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5 Competenza: partecipare e interagire con gli altri in diverse situazioni comunicative Scuola Infanzia : 3 anni Obiettivi di *Esprime e comunica agli altri emozioni, sentimenti, pensieri attraverso il linguaggio

Dettagli

Kaufman Assessment Battery for Children Second Edition

Kaufman Assessment Battery for Children Second Edition Kaufman Assessment Battery for Children Second Edition Autori Alan S. Kaufman e Nadeen L. Kaufman Data di pubblicazione 2011 Range di età Da 3 anni a 18 anni e 11 mesi Tempo di somministrazione Subtest

Dettagli

10 parole chiave sul Rapporto di Autovalutazione

10 parole chiave sul Rapporto di Autovalutazione 10 parole chiave sul Rapporto di Autovalutazione LA MAPPA Il RAV non è solo prove Invalsi, ci sono molte altre cose da guardare in una scuola: i processi organizzativi, la didattica, le relazioni, ecc.

Dettagli

Procedure Diagnostiche della Dislessia Evolutiva

Procedure Diagnostiche della Dislessia Evolutiva Procedure Diagnostiche della Dislessia Evolutiva Enrico Savelli U.O.NPI Ausl Rimini Roma, 5 Novembre 2011 Nonostante i formidabili progressi realizzati nell ultimo decennio nel campo delle Neuroscienze:

Dettagli

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Che cos è il Bisogno Educativo Speciale? Il Bisogno Educativo Speciale rappresenta

Dettagli

Presentazione di un caso

Presentazione di un caso Presentazione di un caso Corso Tutor per l autismo (Vr) Roberta Luteriani Direzione Didattica (BS) Caso: Giorgio 8 anni! Giorgio è un bambino autistico verbalizzato inserito in seconda elementare. Più

Dettagli

LA TEORIA VYGOTSKIJANA

LA TEORIA VYGOTSKIJANA LA TEORIA VYGOTSKIJANA Le ricerche di Vygotskij e quelle più recenti della psicologia cognitivista, hanno dimostrato che una buona cooperazione fornisce la base dello sviluppo individuale. Ad esempio nel

Dettagli

Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Decreto N. 5669 IL MINISTRO VISTO VISTA VISTO VISTA VISTA l articolo 34 della Costituzione; la Legge 8 ottobre 2010, n. 170, recante Nuove norme

Dettagli

LA COMUNICAZIONE NON VERBALE IN ETA' PRESCOLARE.

LA COMUNICAZIONE NON VERBALE IN ETA' PRESCOLARE. Dipartimento di studi umanistici Corso di laurea in Scienze della Formazione Primaria Modulo di Elementi di Psicometria applicata alla didattica IV infanzia A.A. 2013/2014 LA COMUNICAZIONE NON VERBALE

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria SCHEDA PROGETTO (ex art. 9 CCNL 2006-2009) Dati identificativi dell'istituto Nome scuola/tipologia Scuola

Dettagli

STRUMENTI DI ANALISI E DI INTERPRETAZIONE DEI PROBLEMI: LE TECNICHE DI PROBLEM SOLVING

STRUMENTI DI ANALISI E DI INTERPRETAZIONE DEI PROBLEMI: LE TECNICHE DI PROBLEM SOLVING STRUMENTI DI ANALISI E DI INTERPRETAZIONE DEI PROBLEMI: LE TECNICHE DI PROBLEM SOLVING Gianna Maria Agnelli Psicologa Clinica e Psicoterapeuta Clinica del Lavoro "Luigi Devoto Fondazione IRCCS Ospedale

Dettagli

IDI IRCCS Roma. CRESCERE con l EB. Elisabetta Andreoli. Servizio di Psicologia Clinica e Psicoterapia Psicosomatica

IDI IRCCS Roma. CRESCERE con l EB. Elisabetta Andreoli. Servizio di Psicologia Clinica e Psicoterapia Psicosomatica IDI IRCCS Roma CRESCERE con l EB Elisabetta Andreoli Servizio di Psicologia Clinica e Psicoterapia Psicosomatica EB: patologia organica che interessa l ambito fisico e solo indirettamente quello psicologico

Dettagli

LEGGE 8 ottobre 2010, n. 170. Nuove norme in materia di disturbi specifici di apprendimento in ambito scolastico. (10G0192)

LEGGE 8 ottobre 2010, n. 170. Nuove norme in materia di disturbi specifici di apprendimento in ambito scolastico. (10G0192) Gazzetta Ufficiale N. 244 del 18 Ottobre 2010 LEGGE 8 ottobre 2010, n. 170 Nuove norme in materia di disturbi specifici di apprendimento in ambito scolastico. (10G0192) La Camera dei deputati ed il Senato

Dettagli

Stefano Federici, Valerio Corsi, Marina E. Locatelli Asino chi non legge? Riconoscere e gestire i disturbi specifici di apprendimento

Stefano Federici, Valerio Corsi, Marina E. Locatelli Asino chi non legge? Riconoscere e gestire i disturbi specifici di apprendimento e Quante volte abbiamo sentito ripetere il proverbio chi non legge la sua scrittura è un asino di natura? Questo proverbio coglie a fondo un pregiudizio diffuso nei confronti di una persona dislessica

Dettagli

FACILITARE APPRENDIMENTI SIGNIFICATIVI, MOTIVARE E COINVOLGERE GLI STUDENTI DELLA SCUOLA SUPERIORE. Progetto di formazione

FACILITARE APPRENDIMENTI SIGNIFICATIVI, MOTIVARE E COINVOLGERE GLI STUDENTI DELLA SCUOLA SUPERIORE. Progetto di formazione FACILITARE APPRENDIMENTI SIGNIFICATIVI, MOTIVARE E COINVOLGERE GLI STUDENTI DELLA SCUOLA SUPERIORE Progetto di formazione Questo progetto si articola in due diversi interventi: - un corso/laboratorio per

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

La didattica personalizzata: utopia o realtà?

La didattica personalizzata: utopia o realtà? La didattica personalizzata: utopia o realtà? L integrazione di qualità è anche la qualità positiva per tutti gli attori coinvolti nei processi di integrazione, non solo per l alunno in difficoltà. Se

Dettagli

Uno per tutti, tutti per uno.

Uno per tutti, tutti per uno. Uno per tutti, tutti per uno. Bologna, 09/02/2015 Dainese Roberto Educare attraverso il Cooperative Learning: stile attributivo e competenze metacognitive Chiara Trubini Marina Pinelli Psicologia - Università

Dettagli

EDUCATRICE ed EDUCATORE PROFESSIONALE

EDUCATRICE ed EDUCATORE PROFESSIONALE EDUCATRICE ed EDUCATORE PROFESSIONALE 1. CARTA D IDENTITÀ...2 2. CHE COSA FA...4 3. DOVE LAVORA...5 4. CONDIZIONI DI LAVORO...6 5. COMPETENZE...7 CHE COSA DEVE ESSERE IN GRADO DI FARE...7 CONOSCENZE...10

Dettagli

La fattoria delle quattro operazioni

La fattoria delle quattro operazioni IMPULSIVITÀ E AUTOCONTROLLO La fattoria delle quattro operazioni Introduzione La formazione dei bambini nella scuola di base si serve di numerosi apprendimenti curricolari che vengono proposti allo scopo

Dettagli

La teoria storico culturale di Vygotskij

La teoria storico culturale di Vygotskij La teoria storico culturale di Vygotskij IN ACCORDO CON LA TEORIA MARXISTA VEDEVA LA NATURA UMANA COME UN PRODOTTO SOCIOCULTURALE. SAGGEZZA ACCUMULATA DALLE GENERAZIONI Mappa Notizie bibliografiche Concetto

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr AUTOVALUTAZIONE D ISTITUTO Report Progetto ERGO VALUTO SUM PON Valutazione e miglioramento (Codice 1-3-FSE-2009-3) Anno Scolastico 2012-2013 Relatore

Dettagli

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009 RICERCA-AZIONE ovvero l insegnamento riflessivo Gli insegnanti sono progettisti.. riflettono sul contesto nel quale devono lavorare sugli obiettivi che vogliono raggiungere decidono quali contenuti trattare

Dettagli

I-12 LA VALUTAZIONE AUTENTICA INTRODUZIONE 1. di Mario Comoglio

I-12 LA VALUTAZIONE AUTENTICA INTRODUZIONE 1. di Mario Comoglio I-12 LA VALUTAZIONE AUTENTICA di Mario Comoglio INTRODUZIONE 1 Non è raro imbattersi in articoli e in interventi ministeriali che affrontano la questione di come valutare l apprendimento degli studenti.

Dettagli

PROGRAMMA DI STUDIO. SALUTE in AUTOGESTIONE

PROGRAMMA DI STUDIO. SALUTE in AUTOGESTIONE PROGRAMMA DI STUDIO SALUTE in AUTOGESTIONE 2013 1 This project has been funded with support from the European Commission. Indice dei contenuti 1. DESTINATARI. 3 2. CARICO DI LAVORO.3 3. ento/insegnamento

Dettagli

DAI SAPERI ALLE DISCIPLINE

DAI SAPERI ALLE DISCIPLINE LEZIONE: DAI SAPERI ALLE COMPETENZE PROF.SSA ANGELA ELIA Indice 1 DAI SAPERI ALLE DISCIPLINE ----------------------------------------------------------------------------------------- 3 2 LE COMPETENZE

Dettagli

Dalle scatole alle figure piane. Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015

Dalle scatole alle figure piane. Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015 Dalle scatole alle figure piane Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015 Dalle Indicazioni nazionali per il curricolo Le conoscenze matematiche contribuiscono alla formazione

Dettagli

Come cambiano i bisogni: dall integrazione degli alunni con disabilità all inclusione dei molti alunni con bisogni educativi speciali Dario Ianes

Come cambiano i bisogni: dall integrazione degli alunni con disabilità all inclusione dei molti alunni con bisogni educativi speciali Dario Ianes Come cambiano i bisogni: dall integrazione degli alunni con disabilità all inclusione dei molti alunni con bisogni educativi speciali Dario Ianes Ciò che caratterizza gli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Dettagli

Tirocinio indiretto. per la classe di abilitazione 91A e 92A Piano organizzativo

Tirocinio indiretto. per la classe di abilitazione 91A e 92A Piano organizzativo Tirocinio indiretto per la classe di abilitazione 91A e 92A Piano organizzativo Studentesse/Studenti senza riduzione oraria: 75 ore indiretto, di queste 15 ore dedicate all inclusione Studentesse/Studenti

Dettagli

Oggetto: reciproche interazioni tra organismo e ambiente. Metodo: scientifico-sperimentale

Oggetto: reciproche interazioni tra organismo e ambiente. Metodo: scientifico-sperimentale Università degli Studi di Parma Facoltà di Psicologia Dipartimento di Psicologia Analisi del Comportamento (Behavior Analysis) Skinner (1904-1990) Approccio Comportamentale alla Psicologia dell Educazione

Dettagli

Renzo Vianello Con la collaborazione di Silvia Lanfranchi Funzionamento Intellettivo Limite e Disturbi Specifici di Apprendimento

Renzo Vianello Con la collaborazione di Silvia Lanfranchi Funzionamento Intellettivo Limite e Disturbi Specifici di Apprendimento Renzo Vianello Con la collaborazione di Silvia Lanfranchi Funzionamento Intellettivo Limite e Disturbi Specifici di Apprendimento Per ulteriori informazioni sui FIL: Cap. 9 del volume a cura di Cesare

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

L'Associazione Psionlus di Roma, provider formativo Ministero Salute per l'educazione Continua in Medicina (ECM), Ente formativo non profit già

L'Associazione Psionlus di Roma, provider formativo Ministero Salute per l'educazione Continua in Medicina (ECM), Ente formativo non profit già MASTER BIENNALE ECM NEUROSCIENZE PER LA CLINICA ESPERTA DELLE DISABILITA' COGNITIVE ASSOCIAZIONE PSIONLUS ROMA ANNO 2012-2014 L'Associazione Psionlus di Roma, provider formativo Ministero Salute per l'educazione

Dettagli

Presentazione ai Dirigenti Scolastici

Presentazione ai Dirigenti Scolastici Il Progetto Adolescenza del Lions Quest International Presentazione ai Dirigenti Scolastici La scuola sta vivendo, da alcuni anni, un periodo molto complesso Potersi dotare di strumenti che facilitino

Dettagli

Un allegro pomeriggio con Giulio Coniglio

Un allegro pomeriggio con Giulio Coniglio Scuola aperta 2015 Un allegro pomeriggio con Giulio Coniglio alla scoperta dell Asilo di Follina... l Asilo di Follina: LINEE PEDAGOGICO EDUCATIVE IL PROGETTO EDUCATIVO DIDATTICO. Il curricolo della scuola

Dettagli

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione, della cultura e dello sport Profilo e compiti istituzionali Bellinzona, novembre 2014 Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione,

Dettagli