M o p p. Medical oncology progress & perspectives. Update 42. a cura di GISCAD. Pubblicazione di informazione scientifica oncologica

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "M o p p. Medical oncology progress & perspectives. Update 42. a cura di GISCAD. Pubblicazione di informazione scientifica oncologica"

Transcript

1 M o p p Medical oncology progress & perspectives a cura di GISCAD Pubblicazione di informazione scientifica oncologica Update 42 Luglio 2012

2 EDIZIONI TECNOGRAF S.r.l. Via Piave, Canegrate (MI) Tel. (+39) Fax (+39) Tutti i diritti riservati. È vietato riprodurre, archiviare in un sistema di riproduzione o trasmettere sotto qualsiasi forma o con qualsiasi mezzo, elettronico, meccanico, per fotocopia, registrazione o altro, qualsiasi parte di questa pubblicazione senza autorizzazione scritta dell Editore. L Editore non si assume alcuna responsabilità per qualsiasi lesione e/o danno a persona o beni in quanto responsabilità di prodotto, negligenza o altrimenti, oppure a operazione di qualsiasi metodo, prodotto, istruzione o idea contenuti nel materiale di cui trattasi. A causa del rapido progresso nella scienza medica, l Editore raccomanda la verifica indipendente delle diagnosi e del dosaggio dei medicinali. Progetto grafico: Tecnograf s.r.l. Stampato in Italia da Tecnograf s.r.l. Edizione speciale fuori commercio riservata ai Sigg. Medici In copertina Pablo Picasso - Arlecchino con chitarra 1916 (Collezione Marina Picasso)

3 Pubblicazione di informazione scientifica oncologica Update 42 M O P P Medical Oncology Progress & Perspectives a cura del GISCAD

4

5 Medical Oncology Progress & Perspectives Update 42 EDITORIALE - ASCO 2012: la ricerca italiana è tutta (o quasi) al femminile Roberto Labianca 5.. a proposito di ricerca italiana: TOSCA Silvia Rota 7 ASCO 2012 La parola a giovani esperti Sessione plenaria Antonio Ghidini 9 Neoplasie del colon-retto Sara Lonardi 19 Neoplasie gastro-pancreatico-epatiche Mario Scartozzi, Alessandro Bittoni, Riccardo Giampieri 31 Neoplasie della mammella Fausto Petrelli, Karen Borgonovo 39 Melanomi Mario Mandalà 47 Neoplasie del polmone Marina Chiara Garassino 55 Nuovi Farmaci Stefania Mosconi, Cristina Tasca 63 Cambiamenti nella pratica clinica dopo ASCO 2012 Alberto Zaniboni 71 SPAZIO GISCAD

6

7 EDITORIALE - ASCO 2012: la ricerca italiana è tutta (o quasi) al femminile Mai come quest anno a farsi onore all ASCO sono state soprattutto le nostre colleghe: brave, giovani e (scusate il bieco maschilismo) anche di bell aspetto. Non vorrei dimenticarne nessuna, come non vorrei dimenticare qualche impavido italico giovanotto che abbia sfidato le belve dell arena dell Illinois per portare i propri dati all attenzione della comunità oncologica internazionale ma insomma: ognuno di noi ha le proprie preferenze e io vi dico senza pudori le mie. Voglio qui raccontarvi le gesta di tre piccole grandi donne che ho visto all opera a Chicago e ve le racconto in ordine rigorosamente alfabetico: 1. Lorenza (Rimassa): fanciulla di delicato ed etereo aspetto, ma con una grinta che dopo due parole già traspare. Ha presentato i promettenti dati con tivantinib nell epatocarcinoma in fase avanzata resistente alla prima linea di terapia e ci ha aperto interessanti prospettive nel trattamento di una patologia troppo spesso disperante e nella quale l oncologo medico è portato ad arrendersi prematuramente o addirittura a non impegnarsi affatto. La cavalcata di Lorenza ha aperto la strada all intervento a Barcellona, meno di un mese dopo, di un autentico panzer quale Camillo Porta che ha ribadito e rinforzato il messaggio da par suo. Come sempre accade, la disponibilità di nuove molecole allarga i nostri orizzonti terapeutici e assistenziali e fa onore alla ricerca italiana, ampiamente rappresentata in questo studio ( corporate, certo, ma di elevato impatto clinico). 2. Maria (Di Bartolomeo): dolcissima e materna, ma rigorosa e implacabile nel rovesciare sull auditorio i solidi dati di uno studio di terapia adiuvante nel carcinoma gastrico (ITACA-S) di dimensioni mai viste prima, almeno nel mondo occidentale. Per la prima volta siamo stati capaci di sfidare gli invincibili samurai del Sol Levante sul loro terreno anche in termini numerici e siamo stati in grado di dimostrare che se, (come ci insegnano le meta-analisi) preferiamo ricorrere a una chemioterapia post-operatoria, possiamo affidarci con eguale efficacia, minore tossicità e costi inferiori a un trattamento meno intensivo a base di 5-fluorouracile e acido folinico, certi di nulla togliere ai nostri pazienti. Ho detto siamo, perché GISCAD è stato un partner molto attivo di questo studio, accanto agli altri maggiori Gruppi Cooperativi del nostro Paese: credo tuttavia che il legittimo orgoglio non mi tolga obiettività e serenità di valutazione. Si tratta di una ricerca clinica con unico sponsor, ma ideata in modo autonomo e non condotta a fini registrativi, essendo le molecole in gioco 5

8 MOPP Medical Oncology Progress & Perspectives - Update 42 (irinotecan e docetaxel) uscite dal brevetto già negli anni scorsi. Disegno statistico e data management sono a cura dell Istituto Mario Negri: grazie allora a un altra donna tostissima (Irene Floriani) e al suo staff in gran parte femminile, che lavora dietro le quinte ma il cui ruolo è fondamentale. E grazie, ovviamente, a un senior saggio come Emilio Baietta, Principal Investigator dello studio, che ha lasciato ampio e meritato spazio a Maria. 3. Marina (Garassino): intrepida e tenerissima, quasi commovente (non lo penso solo io: lo ha dichiarato anche Alberto Sobrero ) nel respingere i feroci attacchi dei dinosauri che a Chicago e poi in Italia (non faccio nomi per carità di patria, ma tutti sanno a chi mi riferisco) hanno cercato di sbranare chi ha avuto l enorme merito di condurre uno studio (il TAILOR) totalmente indipendente, laddove (neoplasia del polmone non a piccole cellule EGFR-non mutata, in seconda linea di trattamento) ve ne era davvero bisogno e dove la più qualificata comunità scientifica internazionale, pur avvertendone la necessità, non aveva avuto il coraggio di mettere mano. Ebbene, un manipolo di coraggiosi sanculotti (ricordate la vittoria di Valmy del 1792, quando gli straccioni soldati della Rivoluzione Francese sono riusciti a sconfiggere i più numerosi e meglio armati eserciti della coalizione Europea?), composto da saggi ed esperti oncologi medici, ma con relativa poca esperienza nella ricerca sul carcinoma del polmone, oltre che da patologi e biologi molecolari, è stato capace in buona parte per la spinta e l entusiasmo di Marina di farsi finanziare da AIFA e di portare avanti uno studio oggettivamente difficile e persino impopolare. Come GISCAD non possiamo non riconoscerci in questo spirito, uno spirito che ci ha via via portato a dimostrare che le basse dosi di acido folinico equivalevano alla alte, che era possibile dare al paziente le tanto sospirate pause terapeutiche e aspettiamo di vedere cosa ci dirà TOSCA sulla ridotta durata della terapia adiuvante E davvero questa la ricerca indipendente, quella che non ha paura di lavorare indipendentemente dalla Case Farmaceutiche e che non si lascia censurare i dati. Grazie, quindi, a Marina e a tutto il team di ricercatori (e ancora una volta ricercatrici: Flavia, Olga, Gabriella, Anna, Silvia e di nuovo Irene e le sue collaboratrici ) che ha dato corpo all impresa. Mi scuso dell enfasi per me non abituale, ma è in queste concrete testimonianze che ho visto con entusiasmo il futuro, se non addirittura il presente, della ricerca oncologica italiana, con altre ancor più giovani forze che già compaiono all orizzonte. Che avessero ragione i nostri padri storici, il grande Gianni e il grande Umberto, quando pronosticavano una oncologia in gran parte declinata al femminile anche nel campo della ricerca clinica? Roberto Labianca Presidente GISCAD 6

9 A PrOPOsitO di ricerca italiana: AlcUne riflessioni A proposito di ricerca italiana: alcune riflessioni Silvia Rota D.M. Ufficio Operativo Fondazione GISCAD Ma TOSCA è ancora attivo? Domanda ricorrente. Se è pur vero che uno studio, con il tempo perde il suo fascino iniziale è anche vero che TOSCA ha un quesito scientifico ancora attuale e galvanizzante. Ho provato a chiedere ai Ricercatore dei Centri che non randomizzano da tempo perché? Qualcuno dice: Ci sono altri studi sul colon Ci sono sempre e per fortuna sempre ci saranno studi e non solo sul colon! Ma in questo caso non c è nulla di analogo, né in Italia né al di fuori, visto che TOSCA, vi ricordo, è parte integrante e fondamentale di un progetto internazionale che vede coinvolti 5 clinical trial internazionali (GERCOR, SCOT, SWOG, HORG e TOSCA). Ad oggi sono stati coinvolti 6000 pazienti e l obiettivo di questo progetto denominato IDEA (International Duration Evaluation of Adjuvant chemotherapy) è migliorare la collaborazione tra studi condotti individualmente nel mondo al fine di arrivare ad una sola analisi e risposta al quesito primario: 3 mesi di chemioterapia non sono inferiori in DFS alla stessa terapia somministrata in 6 mesi in pazienti con tumore del colon in stadio II ad alto rischio e III. Ho già randomizzato x pazienti Bene! E perché non continuare allora? Non vi è limite nell arruolare pazienti. Anche se avete indicato un numero preciso di soggetti nel commitment statement inziale, vi è comunque la possibilità di estenderlo basta comunicarlo all Ufficio Operativo e procediamo con l estensione dell accrual alle autorità competenti. Se un trattamento funziona, se i pazienti sono soddisfatti, se la tossicità è sotto controllo (anzi potrebbe essere inferiore o minima). perché non continuare a proporlo? Non vedo casi eleggibili E qui il commento è veramente difficile e tortuoso. Non vedete pazienti con adenocarcinoma (stadio II e III) operati per tumore del colon? Non sto ad elencare i criteri di eleggibilità ma, converrete con me, che è un target di popolazione molto ampio è difficile credere che vi siano difficoltà di questo tipo. Problemi con i chirurghi? Parliamone scriveteci, diteci quali sono le difficoltà Sono il nuovo Principal Investigator e non sono interessato allo studio - Non mi interessa più partecipare - Non ho nessuno che mi compila le CRFs

10 MOPP Medical Oncology Progress & Perspectives - Update 42 A tutte queste domande rispondo.. comunque GRAZIE. Grazie per aver creduto in uno studio che ci ha impegnati tutti e che produrrà risultati sia dal punto di vista scientifico che amministrativo, legale e normativo. Colgo l occasione, infatti, per comunicarvi che i dati sulla tempistica dei Comitati Etici, delle Delibere Amministrative e dei tempi di randomizzazione sono serviti in un lavoro prodotto da Perrone e dal suo Gruppo Time required to start multicentre clinical trial within the program of support to on dependent research by Italian Medicine Agency (De Feo G., Frontini L., Rota S.et al.) Grazie anche e soprattutto a chi ha messo un solo paziente il mare, si sa, non esisterebbe se non ci fossero tante piccole gocce e tutte importanti, e tutte essenziali per la maestosità del risultato finale Grazie per la collaborazione, sempre propositiva, delle vostre Data Manager con cui l Ufficio Operativo ha interagito (spesso stressandole ) in questi 4 anni solo per la raccolta dei documenti per l ISF hanno dato tanto e continuano a dare. Grazie ai grandi randomizzatori. lo diciamo sempre e non smetteremo mai di dirlo! E quindi Grazie anche per l ultimo sforzo che vi chiediamo di compiere: mancano meno di 200 pazienti e siete più di 100 Centri: 2 pazienti a testa in 6 mesi. Ce la faremo? Per concludere rispondo a chi ha pensato ma chi me lo fa fare? Tanti sforzi per il GISCAD. Non è un solo Gruppo a trarre vantaggi nella ricerca, non è una gara dove c è un solo vincitore. La ricerca è di tutti, per tutti soprattutto per i pazienti. Recentemente ho letto un bellissimo libro consigliatomi dal mio capo (L Imperatore del Male) dove l autore, Siddhartha Mukherjee, tenendosi alla larga dai toni celebrativi, narra delle sconfitte e delle vittorie, delle illusioni e delle speranze della guerra contro il cancro, e della straordinaria personalità di numerosi medici e scienziati, della loro ostinazione nel credere in una certa via chirurgica o in un certo farmaco, e della loro pervicacia nelle prime battaglie e nei primi screening, contro il fumo, per il PAP test e per la mammografia. Fino ad oggi, fino a offrirci un idea plastica del rapporto tra genetica e fattori ambientali e del profilo biologico dei tumori, per accostare nuove scale al fossato e alle torri. Per vincere questa guerra, anche solo per continuare a combatterla c è bisogno dell aiuto di tutti. Forse anche del mio, che ho cercato di spronarvi in uno studio in cui credo! 8

11 AscO 2012: sessione PlenAriA ASCO 2012: sessione plenaria Antonio Ghidini Oncologia Medica Casa di Cura IGEA - Milano All ASCO di quest anno, contrariamente a quella precedente, la Plenary Session è stata dedicata a patologie con sicuramente maggior impatto in termini di frequenza, fatta eccezione per l ambito dei tumori primitivi cerebrali. I dati presentati sono sicuramente importanti perché in grado di poter cambiare la pratica clinica nel prossimo futuro. Affronteremo quindi nel dettaglio i quattro abstracts, così come presentati. Abstr LBA1 - Siamo nell ambito della patologia mammaria ove HER2, come target, ha rivoluzionato il trattamento sia nel setting metastatico che in quello adiuvante e neo-adiuvante. In particolare due sono i farmaci correntemente utilizzati nella pratica clinica: trastuzumab e lapatinib; altre molecole, pertuzumab, neratinib e TDM1, sono in fase di sviluppo più o meno avanzato. L associazione di lapatinib (inibitore duale HER1-HER2) con capecitabina è attualmente considerata terapia di scelta nelle pazienti in stadio avanzato in progressione dopo terapia con trastuzumab (HER2 inibitore) e chemioterapia. T-DM1 è un nuovo farmaco, un immunoconiugato costituito dall unione di trastuzumab con un chemioterapico inibitore della polimerizzazione dei microtubuli; l associazione permette di rilasciare il citotossico direttamente all interno della cellula bersaglio grazie al legame e successiva internalizzazione del recettore HER2. Lo studio EMILIA, studio randomizzato di fase III in aperto, su quasi 1000 pazienti con carcinoma mammario metastatico, deriva da precedenti esperienze di fase II in cui T-DM1 aveva già mostrato ottimi risultati in termini di risposte e di PFS (in particolare un fase II randomizzato presentato lo scorso anno, primo nome Hurvitz, in prima linea di confronto con trastuzumab e docetaxel). Le pazienti dovevano essere pretrattate con trastuzumab e taxani in prima linea metastatica o in adiuvante, ma con ripresa di malattia entro sei mesi, e randomizzate a ricevere T-DM1 oppure capecitabina e lapatinib (disegno dello studio in Figura 1). Figura 1: disegno dello studio 9

12 MOPP Medical Oncology Progress & Perspectives - Update 42 Le caratteristiche delle pazienti erano ben bilanciate nei due bracci di trattamento. Obiettivi primari dello studio erano PFS (revisione indipendente) e OS, nonché la tollerabilità del farmaco. Era stata pianificata un analisi dei dati di sopravvivenza ad interim ed un analisi finale a 632 eventi. Come obiettivi secondari vi erano i dati sulla risposta e sulla durata della risposta. Di seguito riportiamo le curve e le tabelle di PFS e di OS (interim analysis), che dimostrano un vantaggio statisticamente significativo a favore del braccio sperimentale. Figura 2: PFS e di OS (interim analysis) Il tasso di risposta è risultato maggiore nel braccio delle pazienti trattate con T-DM1 e pari al 43.6% rispetto al 30.8% del braccio delle pazienti trattate con capecitabina e lapatinib, con maggiore durata della risposta. Per quanto concerne la tossicità occorre segnalare maggiore tossicità ematologica nelle pazienti trattate con T-DM1 (piastrinopenia G3 nel 12.9% dei casi contro il 0.2%) e incremento delle transaminasi G3 (AST 4.3% vs 0.8%; ALT 2.9% vs 1.4%); nel braccio di controllo vi era invece maggiore frequenza di tossicità gastroenterica (diarrea 20.7% vs 1.6%; vomito 4.5% vs 0.8%), H&F syndrome (16.4% vs 0), sempre di grado 3. Da segnalare inoltre che la riduzione di dose si è resa necessaria nel 16.3% dei pazienti del braccio T-DM1, contro una riduzione di dose di capecitabina e lapatinib rispettivamente del 53.4% e 27.3%. In conclusione possiamo dire: studio positivo, ben condotto su un campione numeroso di pazienti, che dimostra un vantaggio nell utilizzo di un nuovo farmaco di nuova concezione che sfrutta il sinergismo di due differenti meccanismi d azione. T-DM1 è un farmaco molto efficace e con un buon profilo di tollerabilità che offrirà una nuova e importante opzione terapeutica nel trattamento delle pazienti con carcinoma mammario avanzato HER2 positivo. Abstr 2 - I gliomi rappresentano la famiglia di tumori cerebrali primitivi più frequente dal punto di vista epidemiologico ed in particolare gli oligodendrogliomi, insieme agli astrocitomi, rientrano come classificazione nei tumori di grado III (anaplastici) con sopravvivenza di pochi anni. In sessione plenaria sono stati presentati importanti dati di follow-up dello studio EORTC che prende in considerazione il trattamento chemioterapico adiuvante in aggiunta alla radioterapia nelle neoplasie oligodendrogliali anaplastiche. Lo studio era già stato presentato in passato con dati di vantaggio relativi alla PFS ed ora vengono qui presentati i dati relativi alla sopravvivenza. Lo studio dell EORTC è uno studio randomizzato di fase III nel quale 368 pazienti con PS 0-2 sono stati arruolati tra il 1996 e il 2002 a ricevere la sola RT (183 pz.) oppure quest ultima seguita da chemioterapia secondo regime PCV (185 pz.), regime comprendente procarbazina, lomustina (CCNU) e vincristina. Al momento dell analisi (follow-up mediano di 140 mesi) 281 pazienti sono deceduti e quindi circa il 25% dei pazienti sono ancora vivi; i pazienti in progressione nel braccio di RT hanno ricevuto ulteriori trattamenti chemioterapici nel 75% dei casi (PCV nel 56% dei casi), e quindi cross-over in circa il 70% dei casi, mentre i pazienti del braccio RT + PCV hanno ricevuto successivamente altri regimi chemioterapici. I risultati dello studio dimostrano un vantaggio statisticamente significativo in termini di PFS e OS per i pazienti che hanno ricevuto RT e PCV (p = e p = 0.018, rispettivamente). Tale beneficio, 10

13 AscO 2012: sessione PlenAriA presente nei sottogruppi con la metilazione di MGMT e la mutazione di IDH, è risultato ancora più evidente nel sottogruppo di pazienti portatori della co-delezione 1p/19q e trattati con terapia sequenziale, che raggiunge una PFS di 157 mesi (HR = 0.42, 95% CI: ; p = 0.002) contro i 50 mesi dei pazienti trattati con la sola radioterapia. Per quanto riguarda invece il risultato di sopravvivenza non si è ancora raggiunta la OS mediana dopo 12 anni, sempre nel braccio sperimentale (HR = 0.56, 95% CI: ; p = 0.059), verso i 9 anni del braccio RT. Le curve sottoriportate ben evidenziano tale vantaggio. Figura 3: PFS e OS nei casi con co-delezione 1p/19q In sintesi questo studio conferma un effetto favorevole della chemioterapia adiuvante in aggiunta alla RT sia per quanto riguarda PFS che OS, nei pazienti affetti da oligodendroglioma anaplastico ed in particolare nel sottogruppo con co-delezione 1p/19q. Questi dati sono in linea con quanto emerso da un altro studio (RTOG) nel quale si confrontava la sola radioterapia con la sequenza inversa (PCV-- >RT). In futuro occorreranno nuovi studi per stabilire quindi la giusta sequenza dei due trattamenti nonché la scelta di eventuali altri regimi chemioterapici, ma il dato appare consistente per poter considerare il trattamento combinato in sede adiuvante, specialmente in presenza di co-delezione. Abstr 3 - Nello studio del gruppo tedesco, a primo nome Rummel, è stato presentato l'aggiornamento dei risultati dello studio multicentrico di fase III condotto su pazienti affetti da linfomi indolenti (e in particolare il linfoma follicolare) e da linfoma mantellare. Si tratta di uno studio randomizzato di fase III di non inferiorità, di confronto tra la combinazione del chemioterapico alchilante bendamustina con il rituximab (B-R) e il regime standard CHOP-R (Figura 4). Figura 4: disegno dello studio 11

14 MOPP Medical Oncology Progress & Perspectives - Update 42 Sono stati reclutati 549 pazienti, di cui 514 valutabili, con linfoma in stadio III o IV non pretrattati, con obiettivo primario di dimostrare una non inferiorità del trattamento B-R in termini di PFS a 3 anni e come obiettivi secondari la sopravvivenza, le risposte oggettive e la tossicità. Con una mediana di follow-up di 45 mesi la PFS è risultata di 69.5 mesi nel gruppo B-R e di 31.2 mesi nel gruppo R- CHOP (p = ); la superiorità del regime con bendamustina emerge anche nei sottogruppi di pazienti con linfoma follicolare, linfoma mantellare e macroglobulinemia di Waldenström, ma non nel sottogruppo di pazienti con linfoma della zona marginale. Nelle curve sottoriportate (Figura 5) si dimostra la chiara superiorità del trattamento B-R rispetto allo standard CHOP-R. Figura 5: PFS nei linfomi follicolari e mantellari Per quanto riguarda gli obiettivi secondari lo studio non ha evidenziato differenze in termini di OS, mentre in merito alla tossicità il regime sperimentale ha dimostrato un profilo più favorevole rispetto al regime standard. Se entriamo nel dettaglio degli effetti collaterali infatti, occorre segnalare un maggior grado di neutropenia (69% vs 29%), parestesie, stomatiti, alopecia e infezioni con RCHOP; nel braccio con bendamustina si segnala viceversa una maggior incidenza di tossicità cutanea e maggiore linfocitopenia (74% vs 43%). In conclusione possiamo dire che il trattamento di prima linea con bendamustina e rituximab, rispetto al trattamento standard con il regime CHOP associato sempre a rituximab, raddoppia la sopravvivenza libera da malattia, con un migliore profilo di tossicità. Tale combinazione potrà quindi rappresentare la base per un nuovo standard di terapia nei linfomi indolenti e nei linfomi mantellari non suscettibili di procedure trapiantologiche; occorrerà però meglio chiarire eventuali elementi di confondimento legati alla scelta di considerare nello stesso gruppo patologie eterogenee fra loro con caratteristiche, storie naturali e prognosi diverse (ad es. il linfoma follicolare e il linfoma mantellare), nonché aver compreso nell'analisi un discreto numero di pazienti che hanno fatto B-R come terapia di salvataggio dopo RCHOP. 12

15 AscO 2012: sessione PlenAriA Abstr 4 - Nel carcinoma prostatico avanzato la deprivazione androgenica rappresenta lo standard di cura; tale terapia viene generalmente proseguita per lunghi periodi fino a progressione di malattia. La deplezione del testosterone può comportare alterazioni di tipo metabolico che vanno a peggiorare la qualità di vita del paziente, nonché possono far emergere resistenze tumorali. Precedenti esperienze sperimentali avevano esplorato la possibilità di utilizzare strategie ad intermittenza con il fine di ridurre effetti collaterali (ed in particolare la possibilità di avere una periodica attività sessuale) e costi del trattamento, non a discapito del controllo della malattia. Lo studio SWOG9346 (INT-0162) è uno studio randomizzato di fase III, in aperto, collaborativo fra cinque gruppi cooperativi di USA, Canada ed Europa su più di 3000 pazienti affetti da carcinoma prostatico metastatico ormonosensibile. Dal 1995 al 2008 sono stati arruolati 3040 pazienti con nuova diagnosi e con un PSA maggiore di 5 ng/ml, a ricevere blocco androgenico totale per 7 mesi e successivamente, nei pazienti (1543) con riduzione del valore di PSA a 4 ng/ml o meno, randomizzati 1:1 a proseguire con la stessa terapia in continuo (CAD 765 pazienti) o a intermittenza (IAD 770 pazienti). Nel braccio a intermittenza la terapia veniva ripresa quando il PSA aumentava oltre il livello di 20 ng/ml o comunque oltre il valore di partenza prima della cura. Dopo altri 7 mesi di deprivazione androgenica, nel caso di normalizzazione del PSA, si procedeva ad una ulteriore pausa terapeutica, oppure in alternativa il paziente proseguiva fino a progressione di malattia. Il trial è stato disegnato per dimostrare come obiettivo primario una non inferiorità in termini di sopravvivenza del regime a intermittenza rispetto al continuo; in particolare veniva specificato che si riteneva non inferiore l'intermittenza se il 95% dell'intervallo di confidenza per l'hazard ratio (HR; IAD vs CAD) avesse escluso 1.2 e quindi un 20% di differenza. Altro obiettivo primario era il riscontro di non inferiorità in termini di qualità di vita. La mediana della sopravvivenza globale nel braccio sperimentale è risultata di 5.1 anni rispetto ai 5.8 anni del braccio standard, con HR pari a 1,09 e intervallo di confidenza al 95% fra 0,95 e 1,24 (Figura 6) come emerge dalle curve sottoriportate. Figura 6: OS ed omogeneità degli effetti del trattamento in sottogruppi di pazienti Dal momento che il valore di HR di 1.2 era compreso nell'intervallo di confidenza ( ) non è possibile confermare l ipotesi di non-inferiorità del braccio intermittente verso il braccio continuo. Se però andiamo ad analizzare i sottogruppi emerge che nei pazienti con malattia estesa il criterio di non inferiorità sembra essere soddisfatto, infatti 1.2 rimane al di fuori dell'intervallo di confidenza; le ragioni di tale dato rimangono poco chiare, anche secondo il parere degli autori: potrebbe comunque essere un riscontro non veritiero, cioè casuale, legato alla scarsa potenza dello studio. Da analisi preliminari sui questionari della qualità di vita appare che i pazienti nel braccio sperimentale riferiscono una minor frequenza di impotenza e calo della libido. 13

16 MOPP Medical Oncology Progress & Perspectives - Update 42 In sintesi possiamo dire che aspetti positivi dello studio sono il coinvolgimento di diversi gruppi cooperativi a dimostrazione della sempre maggior importanza di collaborazione anche fra diversi paesi, la scelta dell'os come endpoint principale e la scelta del cut-off del 20% come limite superiore dell intervallo di confidenza dell HR. Un aspetto negativo è la scelta arbitraria del valore di PSA pari a 20 ng/ml per la ripresa del trattamento nel braccio a intermittenza. In conclusione la deprivazione androgenica continuativa rimane al momento lo standard di cura per il carcinoma prostatico ormonosensibile: questo studio al momento sembra ridimensionare l ipotesi intermittenza; nel singolo paziente che risponde al trattamento e che presenta importanti effetti collaterali può però essere giustificata una discussione sui rischi e benefici di una sospensione temporanea della terapia. 14

17 AscO 2012: sessione PlenAriA 15

18 MOPP Medical Oncology Progress & Perspectives - Update 42 Primary results from EMILIA, a phase III study of trastuzumab emtansine (T-DM1) versus capecitabine (X) and lapatinib (L) in HER2-positive locally advanced or metastatic breast cancer (MBC) previously treated with trastuzumab (T) and a taxane Kimberly L. Blackwell, David Miles, Luca Gianniet Al. J Clin Oncol 30, 2012 (suppl; abstr LBA1) Background: Castration resistance occurs in the vast majority of HSM1PC pts treated with AD, with a median survival of 2.5 years (y). It is in part an adaptive process with activation of genes resulting in the production of autocrine/paracrine growth factors that contribute to maintaining the viability of PC cells. Replacing androgens before castration resistance is hypothesized to maintain PC androgendependence. Preclinically IAD prolonged time to castration resistance and early clinical data indicated feasibility and potential for better quality of life. Methods: HSM1PC pts with performance status (PS) 0-2, PSA 5 ng/ml were treated with 7 months (m) of goserelin + bicalutamide. Pts achieving PSA 4 ng/ml on m 6 and 7 were stratified by prior neoadjuvant AD/finasteride, PS and disease extent (minimal, extensive) and randomized to CAD or IAD. Primary objective: To assess if overall survival (OS) with IAD is noninferior to CAD using a one-sided test with an upper bound hazard ratio=1.20, adjusting for stratification factors. Sample size: 756 pts/arm, type I and II error rates of 0.05 and Results: 3,040 pts were accrued by SWOG, CALGB, ECOG, NCIC, and EORTC (5/95-9/08). After 7 m of CAD, 1535 eligible pts achieved PSA 4.0 (median age 70 yrs, 4% PS 2, 48% extensive disease, 12% prior neoadjuvant AD) and were randomized to CAD (759 pts) or IAD (770 pts). Grade 3/4 related adverse events: IAD 30.3%, CAD 32.6%. Median follow-up was 9.2 yrs. Median and 10 yr OS: All eligible pts from study entry: 3.6 yrs, 17%; from randomization CAD: 5.8 yrs, 29%; IAD: 5.1 yrs, 23%, HR (IAD/CAD) = 1.09 (95% CI 0.95, 1.24). No interaction with therapy was significant (p>0.25) except suggestion with disease extent (p=0.08): extensive disease HR=0.96 (95% CI 0.79, 1.15, p=0.64); minimal disease: HR=1.23 (95% CI 1.02, 1.48, p=0.035). PC was cause of death in 56% of CAD and 64% IAD pts. OSby race was not different (p=0.44). Conclusions: In HSM1PC, IAD is not proven to be noninferior to CAD. For extensive disease pts IAD was noninferior; however, IAD was statistically inferior in minimal disease pts suggesting that CAD is the preferred treatment in this group. 16

19 AscO 2012: sessione PlenAriA Long-term follow-up results of EORTC 26951: A randomized phase III study on adjuvant PCV chemotherapy in anaplastic oligodendroglial tumors (AOD). Martin J. Van Den Bent, Khê Hoang-Xuan, Alba Ariela Brandes et Al. Clin Oncol 30, 2012 (suppl; abstr 2) Background: AOD are chemotherapy-sensitive tumors especially if 1p/19q co-deleted. Between 1995 and 2002 the EORTC Brain Tumor Group conducted a prospective phase III study on adjuvant procarbazine, CCNU and vincristine chemotherapy (PCV) in AOD. We now present long-term followup. Methods: Patients (pts) with locally diagnosed newly diagnosed AOD were randomized between radiotherapy (RT, 33 x 1.8 Gy) and the same RT followed by 6 cycles of standard PCV (RT/PCV). Primary endpoints were overall survival (OS) and progression-free survival (PFS). 1p/19q status, IDH status and MGMT promoter methylation were determined in 300, 167, and 186 pts respectively. Results: Between 1996 and 2002, 368 pts were included. At the time of analysis 281 pts (76.4%) had died. Median PFS after RT/PCV was significantly longer compared to RT alone (24.3 months versus months, hazard ratio [HR] 0.66, [95% confidence interval (95% CI) 0.52, 0.83]). More RT arm patients received chemotherapy at progression (75% vs 53%). Median OS was also significantly prolonged in the RT/PCV arm (42.3 months vs 30.6 months for the RT arm, HR 0.75 [95% CI 0.60, 0.95]). 1p/19q co-deleted patients (n = 76) treated with RT/PCV had improved OS compared to RT arm pts (median OS not reached vs 113 months; HR 0.54, p = ). In the 224 patients without 1p/19q co-deletion the difference in OS was non-significant (OS RT/PCV arm 25 months vs 22 months in the RT arm, HR 0.82, p = 0.18; test for interaction p = 0.22). There was a slight trend towards improved OS in MGMT methylated and IDH mutated tumors versus unmethylated and IDH wild type tumors (Table). Conclusions: The addition of PCV to RT increases PFS and OS in AOD. Pts with 1p/19q co-deletion appear to benefit most from the addition of PCV, with a trend for improved OS in pts with MGMT methylation and IDH mutations. Bendamustine plus rituximab (B-R) versus CHOP plus rituximab (CHOP-R) as first-line treatment in patients with indolent and mantle cell lymphomas (MCL): Updated results from the StiL NHL1 study. Mathias J. Rummel, Norbert Niederle, Georg Maschmeyer et Al. J Clin Oncol 30, 2012 (suppl; abstr 3) Background: This multicenter, randomized, phase III study compared B-R and CHOP-R as first-line treatment in indolent lymphoma and MCL and was presented at ASH 2009 including a comprehensive safety analysis. Here we present an updated analysis with a cut-off date for 31 Oct Methods: 549 patients (pts) with indolent or MCL were randomized to receive B-R or CHOP-R for a max of 6 cycles. The primary endpoint was PFS. Results: 514 pts randomized pts were evaluable (261 B-R; 253 CHOP-R). Patient characteristics were well balanced between arms; median age was 64 years. At a median follow-up of 45 months, PFS was significantly prolonged with B-R compared with CHOP-R (HR 0.58, 95% CI ; P<0.001). Median PFS was 69.5 versus 31.2 months, 17

20 MOPP Medical Oncology Progress & Perspectives - Update 42 respectively. The PFS benefit with B-R was maintained in all histological subtypes except marginal zone lymphoma. The PFS benefit with B-R was independent of age; HR 0.52 (P=0.002) in pts 60 years (n=199), and HR 0.62 (P=0.002) in pts >60 years (n=315). In pts with normal LDH (62%), PFS was significantly prolonged with B-R compared with CHOP-R (P<0.001), while in the elevated LDH group (38%) PFS was numerically, but not significantly increased with B-R compared with CHOP-R (P=0.118). In patients with follicular lymphoma, FLIPI subgroups defined by 0 2 factors (favorable) and 3 5 factors (unfavorable) had a longer PFS with B-R than with CHOP-R (P=0.043 and P=0.068 for the favorable and unfavorable FLIPI subgroups, respectively). Seventy four salvage treatments had been initiated in the B-R group; compared with 116 in the CHOP-R group, of those in the CHOP-R group 52 pts received B-R as salvage regimen. Overall survival did not differ between the treatment arms, with 43 and 45 deaths in the B-R and CHOP-R arms, respectively. Twenty secondary malignancies were observed in the B-R group compared with 23 in the CHOP-R group, with 1 hematological malignancy in each group (1 MDS in B-R, 1 AML in CHOP-R). Conclusions: In patients with previously untreated indolent lymphoma, and elderly patients with MCL, B-R demonstrates a PFS benefit and improved tolerability compared with CHOP-R. Intermittent (IAD) versus continuous androgen deprivation (CAD) in hormone sensitive metastatic prostate cancer (HSM1PC) patients (pts): Results of S9346 (INT-0162), an international phase III trial. Maha Hussain, Catherine M. Tangen, Celestia S. Higano et Al. J Clin Oncol 30, 2012 (suppl; abstr 4) Background: Castration resistance occurs in the vast majority of HSM1PC pts treated with AD, with a median survival of 2.5 years (y). It is in part an adaptive process with activation of genes resulting in the production of autocrine/paracrine growth factors that contribute to maintaining the viability of PC cells. Replacing androgens before castration resistance is hypothesized to maintain PC androgendependence. Preclinically IAD prolonged time to castration resistance and early clinical data indicated feasibility and potential for better quality of life. Methods: HSM1PC pts with performance status (PS) 0-2, PSA 5 ng/ml were treated with 7 months (m) of goserelin + bicalutamide. Pts achieving PSA 4 ng/ml on m 6 and 7 were stratified by prior neoadjuvant AD/finasteride, PS and disease extent (minimal, extensive) and randomized to CAD or IAD. Primary objective: To assess if overall survival (OS) with IAD is noninferior to CAD using a onesided test with an upper bound hazard ratio=1.20, adjusting for stratification factors. Sample size: 756 pts/arm, type I and II error rates of 0.05 and Results: 3,040 pts were accrued by SWOG, CALGB, ECOG, NCIC, and EORTC (5/95-9/08). After 7 m of CAD, 1535 eligible pts achieved PSA 4.0 (median age 70 yrs, 4% PS 2, 48% extensive disease, 12% prior neoadjuvant AD) and were randomized to CAD (759 pts) or IAD (770 pts). Grade 3/4 related adverse events: IAD 30.3%, CAD 32.6%. Median follow-up was 9.2 yrs. Median and 10 yr OS: All eligible pts from study entry: 3.6 yrs, 17%; from randomization CAD: 5.8 yrs, 29%; IAD: 5.1 yrs, 23%, HR (IAD/CAD) = 1.09 (95% CI 0.95, 1.24). No interaction with therapy was significant (p>0.25) except suggestion with disease extent (p=0.08): extensive disease HR=0.96 (95% CI 0.79, 1.15, p=0.64); minimal disease: HR=1.23 (95% CI 1.02, 1.48, p=0.035). PC was cause of death in 56% of CAD and 64% IAD pts. OSby race was not different (p=0.44). Conclusions: In HSM1PC, IAD is not proven to be noninferior to CAD. For extensive disease pts IAD was noninferior; however, IAD was statistically inferior in minimal disease pts suggesting that CAD is the preferred treatment in this group. 18

NSCLC - stadio iiib/iv

NSCLC - stadio iiib/iv I TUMORI POLMONARI linee guida per la pratica clinica NSCLC - stadio iiib/iv quale trattamento per i pazienti anziani con malattia avanzata? Il carcinoma polmonare è un tumore frequente nell età avanzata.

Dettagli

Università del Piemonte Orientale. Corso di Laurea in Medicina e Chirurgia. Corso di Statistica Medica. I modelli di studio

Università del Piemonte Orientale. Corso di Laurea in Medicina e Chirurgia. Corso di Statistica Medica. I modelli di studio Università del Piemonte Orientale Corso di Laurea in Medicina e Chirurgia Corso di Statistica Medica I modelli di studio Corso di laurea in medicina e chirurgia - Statistica Medica Disegno dello studio

Dettagli

Stato dell arte e prospettive della Target Therapy nei Tumori gastroenterici

Stato dell arte e prospettive della Target Therapy nei Tumori gastroenterici Percorsi e processi organizzativi nei trattamenti integrati dei tumori gastrointestinali Associazione Dossetti Roma, 25-26 ottobre 2011 Stato dell arte e prospettive della Target Therapy nei Tumori gastroenterici

Dettagli

Progetti di ricerca e collaborazioni

Progetti di ricerca e collaborazioni 2 Congresso Nazionale Firenze 12 14 Giugno 2014 Progetti di ricerca e collaborazioni La valutazione degli esiti nella pratica reale in oncologia: studio di sopravvivenza nel carcinoma del colon retto metastatico

Dettagli

Novità dall American Society Of Clinical Oncology Annual Meeting 2014. Mario Scartozzi

Novità dall American Society Of Clinical Oncology Annual Meeting 2014. Mario Scartozzi HER2Club in gastric cancer Novità dall American Society Of Clinical Oncology Annual Meeting 2014. Mario Scartozzi Anche quest anno il consueto appuntamento di aggiornamento per gli oncologi di tutto il

Dettagli

LINEE GUIDA ROL - COLON. Stadio I

LINEE GUIDA ROL - COLON. Stadio I Adenoma con displasia alto grado o severa Escissione locale LINEE GUIDA ROL - COLON segmentaria per lesioni non suscettibili di escissione locale Sostituisce carcinoma in situ o adenoma intramucoso. Stadio

Dettagli

Dr. Vittorio Ferrari U.O. Oncologia Medica A. Spedali Civili, Brescia

Dr. Vittorio Ferrari U.O. Oncologia Medica A. Spedali Civili, Brescia Dr. Vittorio Ferrari U.O. Oncologia Medica A. Spedali Civili, Brescia La crescita tumorale Classification Evoluzione dei trattamenti RR OS Sites of therapy STAGE II In colon cancer patients

Dettagli

SCHEDA FARMACO. Principio attivo (nome commerciale) Forma farmaceutica e dosaggio, posologia, prezzo, regime di rimborsabilità, ditta

SCHEDA FARMACO. Principio attivo (nome commerciale) Forma farmaceutica e dosaggio, posologia, prezzo, regime di rimborsabilità, ditta Principio attivo (nome commerciale) Forma farmaceutica e dosaggio, posologia, prezzo, regime di rimborsabilità, ditta Indicazione terapeutica Classificazione: Spesa per paziente trattato (euro, posologia/durata)

Dettagli

Years since Randomization No. at Risk 513 489

Years since Randomization No. at Risk 513 489 HER2Club in gastric cancer Obiettivi della terapia nel carcinoma gastrico metastatico e standard terapeutici. Carcinoma gastrico metastatico HER2-positivo: il ruolo di trastuzumab. Mario Scartozzi L ampliamento

Dettagli

Panitumumab. Raccomandazioni evidence-based. Carcinoma colon-rettale metastatico (I linea di terapia)

Panitumumab. Raccomandazioni evidence-based. Carcinoma colon-rettale metastatico (I linea di terapia) Raccomandazioni evidence-based Panitumumab Carcinoma colon-rettale metastatico (I linea di terapia) A cura del Gruppo Regionale Farmaci Oncologici (GReFO) Raccomandazione d uso n. 36 Ottobre 2014 Direzione

Dettagli

NESSUNO STUDIO METODOLOGICAMENTE SCORRETTO PUO ESSERE CONSIDERATO ETICO

NESSUNO STUDIO METODOLOGICAMENTE SCORRETTO PUO ESSERE CONSIDERATO ETICO COME E QUANDO GLI ASPETTI TECNICI DEI PROTOCOLLI POSSONO-DEVONO ESSERE OGGETTO-ARGOMENTO DI DECISIONI ETICHE? Fausto Roila Oncologia Medica, Terni NESSUNO STUDIO METODOLOGICAMENTE SCORRETTO PUO ESSERE

Dettagli

Tumore del colon-retto metastatico

Tumore del colon-retto metastatico Raccomandazioni d'uso Tumore del colon-retto metastatico Parte B: Cetuximab A cura del Gruppo Regionale Farmaci Oncologici (GReFO) per l'elaborazione di raccomandazioni evidence based Direzione Generale

Dettagli

SCHEDA FARMACO (a cura di UOS Farmacoeconomia e HTA, Area Centro) Nintedanib (VARGATEF)

SCHEDA FARMACO (a cura di UOS Farmacoeconomia e HTA, Area Centro) Nintedanib (VARGATEF) Principio attivo (nome commerciale) Forma farmaceutica e dosaggio, posologia, prezzo, regime di rimborsabilità, ditta SCHEDA FARMACO (a cura di UOS Farmacoeconomia e HTA, Area Centro) Nintedanib (VARGATEF)

Dettagli

Il punto di vista del clinico

Il punto di vista del clinico Il punto di vista del clinico Giulio Metro S.C. Oncologia Medica Ospedale Santa Maria della Misericordia, Azienda Ospedaliera di Perugia Registri di monitoraggio AIFA: stato dell arte ed esperienze a confronto

Dettagli

Trial clinici in oncologia. Corrado Magnani

Trial clinici in oncologia. Corrado Magnani Trial clinici in oncologia Corrado Magnani Check-list Protocollo Definizione degli obiettivi Chiarezza Aggiornamento rispetto alle conoscenze scientifiche Non replicazione / giustificazione Formulazione

Dettagli

16th World Conference on Lung Cancer (WCLC): highlights

16th World Conference on Lung Cancer (WCLC): highlights 16th World Conference on Lung Cancer (WCLC): highlights RISULTATI PRELIMINARI STUDIO ITACA Lo studio Itaca è uno studio multicentrico italiano di Fase III che confronta un trattamento chemioterapico tailored

Dettagli

Terapia in fase Avanzata

Terapia in fase Avanzata IL CARCINOMA DEL COLON-RETTO 14 OTTOBRE 2011, ROMA Terapia in fase Avanzata Maria Sofia Rosati Oncologia A Policlinico Umberto I Roma Numeri.. e persone!! ***Solo il 56% *50% dei pz con CRC è over 70 degli

Dettagli

GRAVIDANZA DOPO CANCRO: QUANDO? Giovanna Scarfone - Stefania Noli Fondazione IRCCS Ca Granda Opsedale Maggiore Policlinico, Milano

GRAVIDANZA DOPO CANCRO: QUANDO? Giovanna Scarfone - Stefania Noli Fondazione IRCCS Ca Granda Opsedale Maggiore Policlinico, Milano GRAVIDANZA DOPO CANCRO: QUANDO? Giovanna Scarfone - Stefania Noli Fondazione IRCCS Ca Granda Opsedale Maggiore Policlinico, Milano Timing e outcome della gravidanza dopo carcinoma Inquadramento ed Entità

Dettagli

Introduzione. Dr Daniele Farci S.C. Oncologia Medica Ospedale Oncologico Businco - Cagliari Coordinatore AIOM Sardegna

Introduzione. Dr Daniele Farci S.C. Oncologia Medica Ospedale Oncologico Businco - Cagliari Coordinatore AIOM Sardegna Introduzione Dr Daniele Farci S.C. Oncologia Medica Ospedale Oncologico Businco - Cagliari Coordinatore AIOM Sardegna Il Trastuzumab ha cambiato la storia naturale del carcinoma mammario metastatizzato

Dettagli

Laura Catena Istituto di Oncologia Policlinico di Monza

Laura Catena Istituto di Oncologia Policlinico di Monza Oncologia epato-bilio-pancreatica Metastasi da tumore a sede primitiva ignota Monza, 06 Maggio 2011 Laura Catena Istituto di Oncologia Policlinico di Monza Epidemiologia Rappresentano meno del 5% di tutte

Dettagli

LA RESEZIONE DELLE METASTASI EPATICHE NEL TUMORE METASTATICO DEL COLON RETTO

LA RESEZIONE DELLE METASTASI EPATICHE NEL TUMORE METASTATICO DEL COLON RETTO LA RESEZIONE DELLE METASTASI EPATICHE NEL TUMORE METASTATICO DEL COLON RETTO Cetuximab può ridurre la massa tumorale per permettere la resezione delle metastasi, anche, in pazienti inizialmente non resecabili,

Dettagli

La malattia oligometastatica: clinica o biologia nella strategia terapeutica?

La malattia oligometastatica: clinica o biologia nella strategia terapeutica? La malattia oligometastatica: clinica o biologia nella strategia terapeutica? Lucia Del Mastro SS Sviluppo Terapie Innovative Bergamo 6 luglio 2014 IRCCS Azienda Ospedaliera Universitaria San Martino IST

Dettagli

SINOSSI DELLO STUDIO EUDRACT N. 2012-001028-36 COORDINAMENTO E RESPONSABILE DELLO STUDIO

SINOSSI DELLO STUDIO EUDRACT N. 2012-001028-36 COORDINAMENTO E RESPONSABILE DELLO STUDIO SINOSSI DELLO STUDIO TITOLO EUDRACT N. 2012-001028-36 COORDINAMENTO E RESPONSABILE DELLO STUDIO SPONSOR Sequenza ottimale di ormonoterapia in pazienti con carcinoma mammario metastatico ricadute dopo terapia

Dettagli

CASO CLINICO carcinoma mammario ErbB2+ con M+ SNC

CASO CLINICO carcinoma mammario ErbB2+ con M+ SNC CASO CLINICO carcinoma mammario ErbB2+ con M+ SNC METASTASI CEREBRALI DA CA MAMMELLA 10-30% delle pazienti con tumore mammario in fase avanzata Insorgono tardivamente nella storia naturale della malattia

Dettagli

Aggiornamenti su RAS: mutazioni di KRAS ed NRAS nel carcinoma del colon retto. Carmelo Lupo

Aggiornamenti su RAS: mutazioni di KRAS ed NRAS nel carcinoma del colon retto. Carmelo Lupo Aggiornamenti su RAS: mutazioni di KRAS ed NRAS nel carcinoma del colon retto Carmelo Lupo RAS-RAF signaling Activation of the RAS-RAF signaling cascade occurs via the following sequential steps 1 : Activation

Dettagli

Terapia target Nel melanoma maligno avanzato

Terapia target Nel melanoma maligno avanzato Terapia target Nel melanoma maligno avanzato La gestione del melanoma alla luce delle nuove evidenze Torino 07/11/2014 FABRIZIO CARNEVALE SCHIANCA DIVISIONE DI ONCOLOGIA MEDICA FPO IRCCS CANDIOLO. Outline

Dettagli

Curriculum Vitae Europass

Curriculum Vitae Europass Curriculum Vitae Europass Informazioni personali Nome / Cognome E-mail Lucia Stocchi Cittadinanza Italiana Data di nascita 05-03-1978 Il/La sottoscritta, consapevole delle sanzioni penali e leggi speciali

Dettagli

Evento Formativo accreditato ECM

Evento Formativo accreditato ECM Evento Formativo accreditato ECM INCONTRI CON L ESPERTO 2015 Aula Polo Oncologico, 6 ottobre, 10 novembre, 24 novembre 2015 ID ECM 1252-132524 ED. 1 Responsabili Scientifici: Dott. A. Fontana, Dott. A.

Dettagli

D O T T. S S A I R E N E C U T U L I

D O T T. S S A I R E N E C U T U L I D O T T. S S A I R E N E C U T U L I INFORMAZIONI PERSONALI Data di nascita: 20.01.1958 Luogo di nascita: Laureana di Borrello Residenza: Via Orto Carmine, 7 Laureana di Borrello Domicilio: Via Trento,

Dettagli

CURRICULUM VITAE. Maturita classica conseguita presso il Liceo Classico di Melito P.S. (RC) nell anno scolastico 1978/79.

CURRICULUM VITAE. Maturita classica conseguita presso il Liceo Classico di Melito P.S. (RC) nell anno scolastico 1978/79. CURRICULUM VITAE Dottor SERRANO FRANCESCO nato a Melito P.S. (RC) il 09-04-1960 abitante a Siderno M. in via Fiume 64 RC Cell. 348-9041758. e mail: serranofrancesco çyahoo,it Dal 01.10.1999 a tutt oggi,

Dettagli

Nuovi regimi terapeutici nel trattamento del mieloma multiplo in pazienti non candidabili a trapianto

Nuovi regimi terapeutici nel trattamento del mieloma multiplo in pazienti non candidabili a trapianto Nuovi regimi terapeutici nel trattamento del mieloma multiplo in pazienti non candidabili a trapianto Antonio Palumbo Divisione di Ematologia Universitaria, Ospedale Molinette, Torino Per più di quattro

Dettagli

Documento PTR n. 134 relativo a:

Documento PTR n. 134 relativo a: Direzione Generale Sanità e Politiche Sociali Commissione Regionale del Farmaco (D.G.R. 1540/2006, 2129/2010 e 490/2011) Documento PTR n. 134 relativo a: PACLITAXEL ALBUMINA Agg. Marzo 2013 Luglio 2011

Dettagli

SEBASTIANO FILETTI. Dipartimento di Medicina Interna e Specialità Mediche. Università di Roma Sapienza, Roma

SEBASTIANO FILETTI. Dipartimento di Medicina Interna e Specialità Mediche. Università di Roma Sapienza, Roma SEBASTIANO FILETTI Dipartimento di Medicina Interna e Specialità Mediche Università di Roma Sapienza, Roma La malattia tiroidea è in aumento negli ultimi anni. Quali le ragioni? Dati epidemiologici provenienti

Dettagli

I markers biologici come fattori predittivi di efficacia terapeutica nei tumori solidi: l esperienza di Varese

I markers biologici come fattori predittivi di efficacia terapeutica nei tumori solidi: l esperienza di Varese I markers biologici come fattori predittivi di efficacia terapeutica nei tumori solidi: l esperienza di Varese Daniela Furlan U.O. Anatomia Patologica, Ospedale di Circolo e Fondazione Macchi, Varese Il

Dettagli

Tumore del colon-retto metastatico

Tumore del colon-retto metastatico Raccomandazioni d'uso Tumore del colon-retto metastatico Parte A: Bevacizumab A cura del Gruppo Regionale Farmaci Oncologici (GReFO) per l'elaborazione di raccomandazioni evidence based Direzione Generale

Dettagli

SCREENING PER LA PREVENZIONE DEL TUMORE DELLA MAMMELLA

SCREENING PER LA PREVENZIONE DEL TUMORE DELLA MAMMELLA SCREENING PER LA PREVENZIONE DEL TUMORE DELLA MAMMELLA Controversie sullo screening mammografico: pro e contro Edda Simoncini Breast Unit A.O.Spedali Civili Brescia Spedali Civili di Brescia Azienda Ospedaliera

Dettagli

IL NODULO ALLA MAMMELLA

IL NODULO ALLA MAMMELLA IL NODULO ALLA MAMMELLA SCUOLA REGIONALE DI FORMAZIONE SPECIFICA IN MEDICINA GENERALE 18.04.2012 Giancarlo Bisagni Dipartimento di Oncologia SERVIZIO SANITARIO REGIONALE EMILIA-ROMAGNA AZIENDA OSPEDALIERA

Dettagli

Disegno, misure di efficacia ed analisi dei trials clinici. 30-3-2005 Medicina e chirurgia, V anno, mod.ebm 1

Disegno, misure di efficacia ed analisi dei trials clinici. 30-3-2005 Medicina e chirurgia, V anno, mod.ebm 1 Disegno, misure di efficacia ed analisi dei trials clinici 30-3-2005 Medicina e chirurgia, V anno, mod.ebm 1 Check-list per la lettura di un protocollo di trial clinico Protocollo Definizione degli obiettivi

Dettagli

Off Label in Oncologia

Off Label in Oncologia Off Label in Oncologia Dr Daniele Farci S.C. Oncologia Medica - Osp. Oncologico Cagliari Presidente AIOM Sardegna Farmaci antitumorali Un uso appropriato dei farmaci antitumorali è la più importante premessa

Dettagli

SCHEDA DI VALUTAZIONE PER L INSERIMENTO DI FARMACI NON PRESENTI NEL PTR

SCHEDA DI VALUTAZIONE PER L INSERIMENTO DI FARMACI NON PRESENTI NEL PTR Presentata da Dott. S. Ortu ASL 2 RICHIESTA DI INSERIMENTO IN PTR DI PANITUMAB ATC L01XC08 (VECTIBIX ) In data febbraio 2010 Per le seguenti motivazioni (sintesi): Monoterapia per il trattamento di pazienti

Dettagli

MINI SCHEDA HTA AXITINIB (INLYTA )

MINI SCHEDA HTA AXITINIB (INLYTA ) 1/6 MINI SCHEDA HTA AXITINIB (INLYTA ) FARMACO IN ESAME Nome commerciale Inlyta Principio Attivo Axitinib Ditta Produttrice Pfizer Italia srl ATC L01XE17 Formulazione Compresse rivestite Dosaggio 1 mg

Dettagli

Breast Units / Centri di Senologia: verso gli standard europei

Breast Units / Centri di Senologia: verso gli standard europei Breast Units / Centri di Senologia: verso gli standard europei Approccio multidisciplinare e medicina personalizzata Roberto Labianca Direttore Cancer Center AO Papa Giovanni XXIII Direttore DIPO Bergamo

Dettagli

La gestione clinica integrata dei tumori neuroendocrini: La chemioterapia

La gestione clinica integrata dei tumori neuroendocrini: La chemioterapia La gestione clinica integrata dei tumori neuroendocrini: La chemioterapia Dr. Raffaele Addeo U.O.C. Oncologia Frattamaggiore (NA) Benevento, 5 ottobre 2012 Introduzione La chemioterapia sistemica, divenuta

Dettagli

IL RAZIONAMENTO DELLE RISORSE: COME AFFRONTARLO. Fausto Roila Oncologia Medica, Terni

IL RAZIONAMENTO DELLE RISORSE: COME AFFRONTARLO. Fausto Roila Oncologia Medica, Terni IL RAZIONAMENTO DELLE RISORSE: COME AFFRONTARLO Fausto Roila Oncologia Medica, Terni IL PROBLEMA - CRISI ECONOMICA DEI PAESI INDUSTRIALIZZATI - COSTI SEMPRE PIU ELEVATI DELLA INNOVAZIONE (nuove tecnologie,

Dettagli

C U R R I C U L U M. Tel. abitazione 070-825802 - Mobile 347 2644206 Tel. Ospedale S. Barbara 0781 3922327

C U R R I C U L U M. Tel. abitazione 070-825802 - Mobile 347 2644206 Tel. Ospedale S. Barbara 0781 3922327 C U R R I C U L U M D O T T. S S A E L I S A G R O S S O NATA A CARLOFORTE IL 20/SETTEMBRE/1963 Residente a Quartu Sanr Elena, Viale Colombo, 226 09045 Tel. abitazione 070-825802 - Mobile 347 2644206 Tel.

Dettagli

T.E.V. E CHEMIOTERAPIA. Dott. Pietro Masullo

T.E.V. E CHEMIOTERAPIA. Dott. Pietro Masullo T.E.V. E CHEMIOTERAPIA Dott. Pietro Masullo I MECCANISMI SONO MOLTEPLICI, SPESSO PRESENTI CONTEMPORANEAMENTE E NON ANCORA DEL TUTTO CHIARI LA CHEMIOTERAPIA PU0 AUMENTARE IL RISCHIO TEV ATTRAVERSO

Dettagli

mario.fiumano@aovv.it sanitaria Tirocinio Pratico Ospedaliero Gestione del paziente sanitaria Incarico di Assistente Medico Gestione del paziente

mario.fiumano@aovv.it sanitaria Tirocinio Pratico Ospedaliero Gestione del paziente sanitaria Incarico di Assistente Medico Gestione del paziente CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome FIUMANO MARIO SAVERIO Indirizzo 11, VIA GIULIANI 23100 SONDRIO (SO) ITALY Telefono +39-0342-200427//+39-33-46601//+39-0342-21167 Fax +39-0342-21166 E-mail mario.fiumano@aovv.it

Dettagli

La Sperimentazione in Chirurgia. Paolo Bruzzi Epidemiologia Clinica IST - Genova

La Sperimentazione in Chirurgia. Paolo Bruzzi Epidemiologia Clinica IST - Genova La Sperimentazione in Chirurgia Paolo Bruzzi Epidemiologia Clinica IST - Genova Difficolta metodologiche Le innovazioni in chirurgia mal si prestano alla valutazione attraverso studi randomizzati per:

Dettagli

Progetto grafico: Tecnograf s.r.l. Stampato in Italia da Tecnograf s.r.l. Direttore Responsabile: Giancarlo Martignoni

Progetto grafico: Tecnograf s.r.l. Stampato in Italia da Tecnograf s.r.l. Direttore Responsabile: Giancarlo Martignoni New Era Opened Medical Oncology Progress & Perspectives Pubblicazione di informazione scientifica oncologica a cura di N 3 Dicembre 2013 L Editore non si assume alcuna responsabilità per qualsiasi lesione

Dettagli

LA RETE ONCOLOGICA DEL PIEMONTE E VALLE D AOSTA NOVITA E CONTROVERSIE ASCO 2015 TUMORI TESTA-COLLO

LA RETE ONCOLOGICA DEL PIEMONTE E VALLE D AOSTA NOVITA E CONTROVERSIE ASCO 2015 TUMORI TESTA-COLLO LA RETE ONCOLOGICA DEL PIEMONTE E VALLE D AOSTA NOVITA E CONTROVERSIE ASCO 2015 TUMORI TESTA-COLLO Dott.ssa Marina Schena SC Oncologia Medica I AOU Città della Salute e della Scienza di Torino Head and

Dettagli

SINOSSI. Studio di Fase II: Obiettivo primario Determinare l attività antitumorale della combinazione in termini di tempo alla progressione

SINOSSI. Studio di Fase II: Obiettivo primario Determinare l attività antitumorale della combinazione in termini di tempo alla progressione SINOSSI TITOLO Studio di fase I-II con Lapatinib in combinazione con capecitabina e vinorelbina come seconda linea di trattamento in pazienti con carcinoma mammario con iperespressione di ErbB2 localmente

Dettagli

Trials clinici. Disegni di studio

Trials clinici. Disegni di studio Trials Clinici Dott.ssa Pamela Di Giovanni Studi descrittivi Disegni di studio Popolazioni Individui Studi analitici Osservazionali Sperimentali Studi di correlazione o ecologici Case report - Case series

Dettagli

FARMACEUTICA A.S.S. N.1 TRIESTINA COMPLESSA ASSISTENZA RIESTINA RESPONSABILE FF DOTT.. ABAA BA PETTINELLIETTINELLI

FARMACEUTICA A.S.S. N.1 TRIESTINA COMPLESSA ASSISTENZA RIESTINA RESPONSABILE FF DOTT.. ABAA BA PETTINELLIETTINELLI A CURA DELLA STRUTTURA COMPLESSA ASSISTENZA FARMACEUTICA A.S.S. N.1 TRIESTINA RIESTINA RESPONSABILE FF DOTT.. ABAA BA PETTINELLIETTINELLI NUMEROUMERO 25 OTTOBRE 2012 All interno: pag.2-5 Bevacizumab 1

Dettagli

Dr.ssa Enola Maria Vezzani

Dr.ssa Enola Maria Vezzani III ZOOM Journal Club 2013 NH Hotel Bologna 21 Febbraio 2014 Radioterapia loco-regionale nelle pazienti sottoposte a chemioterapia neoadiuvante Dr.ssa Enola Maria Vezzani U.O Radioterapia Oncologica di

Dettagli

Scritto da Giovanni Creton Domenica 27 Febbraio 2011 17:32 - Ultimo aggiornamento Domenica 27 Marzo 2011 19:43

Scritto da Giovanni Creton Domenica 27 Febbraio 2011 17:32 - Ultimo aggiornamento Domenica 27 Marzo 2011 19:43 E evidente che lo screening per un tumore può diagnosticare la malattia molto precocemente, ma nel caso del tumore alla prostata il ricorso al test del PSA può creare dati incerti e rischi sanitari in

Dettagli

Un test di espressione genica per predire l aggressività del carcinoma prostatico. Il test Prolaris può orientare le decisioni mediche e chirurgiche

Un test di espressione genica per predire l aggressività del carcinoma prostatico. Il test Prolaris può orientare le decisioni mediche e chirurgiche Un test di espressione genica per predire l aggressività del carcinoma prostatico Il test Prolaris può orientare le decisioni mediche e chirurgiche Che cos è Prolaris? Una misura molecolare diretta della

Dettagli

Le nuove molecole in oncologia prostatica. Gianmauro Numico Direttore SC Oncologia Azienda USL della Valle d Aosta

Le nuove molecole in oncologia prostatica. Gianmauro Numico Direttore SC Oncologia Azienda USL della Valle d Aosta Le nuove molecole in oncologia prostatica Gianmauro Numico Direttore SC Oncologia Azienda USL della Valle d Aosta Castration 2013 Abiraterone 1996 Mitoxantrone 2004 Docetaxel Death Tumor volume Local Therapy

Dettagli

Innovazioni terapeutiche in Oncologia Medica Cagliari 23/24 Giugno 2005

Innovazioni terapeutiche in Oncologia Medica Cagliari 23/24 Giugno 2005 Innovazioni terapeutiche in Oncologia Medica Cagliari 23/24 Giugno 2005 Associazione Trastuzumab e chemioterapia nel carcinoma mammario metastatico e localmente avanzato. Nostra casistica. Carlo Floris

Dettagli

A cura del Gruppo Regionale Farmaci Oncologici (GReFO) (pubblicato a maggio 2014) Aggiornata alla pubblicazione della negoziazione AIFA (luglio 2014)

A cura del Gruppo Regionale Farmaci Oncologici (GReFO) (pubblicato a maggio 2014) Aggiornata alla pubblicazione della negoziazione AIFA (luglio 2014) Raccomandazioni evidence-based Pertuzumab Nel carcinoma mammario avanzato HER2/neu positivo (I linea di terapia) A cura del Gruppo Regionale Farmaci Oncologici (GReFO) Raccomandazione d uso n. 26 Settembre

Dettagli

Nuove prospettive per la diagnosi precoce del tumore al polmone!!!! Ugo Pastorino! Chirurgia Toracica, Istituto Nazionale Tumori, Milano!

Nuove prospettive per la diagnosi precoce del tumore al polmone!!!! Ugo Pastorino! Chirurgia Toracica, Istituto Nazionale Tumori, Milano! GIORNATA MONDIALE SENZA TABACCO! WORLD NO -TOBACCO DAY 2015! ISS - Roma, 29 maggio 2015! Nuove prospettive per la diagnosi precoce del tumore al polmone!!!! Ugo Pastorino! Chirurgia Toracica, Istituto

Dettagli

La chirurgia: come, quando e quale

La chirurgia: come, quando e quale La chirurgia: come, quando e quale V. Ziparo Facoltà di Medicina e Psicologia Dipartimento Medico-Chirurgico e Medicina Translazionale Azienda Ospedaliera Sant Andrea Epidemiologia dell Adenocarcinoma

Dettagli

AZIENDA OSPEDALIERA S. ANTONIO ABATE

AZIENDA OSPEDALIERA S. ANTONIO ABATE INFORMAZIONI PERSONALI Nome ANGILERI MARIA GRAZIA Data di nascita 17/05/1979 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio Dirigente Medico AZIENDA OSPEDALIERA S. ANTONIO ABATE

Dettagli

Farmaci e scheduleinnovative

Farmaci e scheduleinnovative MALATTIA METASTATICA DEL CARCINOMA DEL GROSSO INTESTINO. TECNICHE E TERAPIE INNOVATIVE Sabato 29 ottobre 2011 - Aula Magna delle Nuove Cliniche II Sessione Trattamenti sistemici e approcci integrati: quali

Dettagli

Milano, 28-30 Ottobre 2015. Carlotta Buzzoni 1, Donella Puliti 1, Alessandro Barchielli 1, Marco Zappa 1 e Jonas Hugosson 2 per ERSPC Working2 Group

Milano, 28-30 Ottobre 2015. Carlotta Buzzoni 1, Donella Puliti 1, Alessandro Barchielli 1, Marco Zappa 1 e Jonas Hugosson 2 per ERSPC Working2 Group Approccio Incidence based mortality per la valutazione della riduzione di mortalità per carcinoma prostatico nello studio randomizzato europeo sullo screening per tumore della prostata (ERSPC) Milano,

Dettagli

La radioterapia nelle metastasi cerebrali

La radioterapia nelle metastasi cerebrali La radioterapia nelle metastasi cerebrali G. Rubino, L. Pirtoli S.C. Radioterapia, Dipartimento ad Attività Integrata dell Immagine, Azienda O. U. Senese ed Università di Siena Il tumore polmonare è la

Dettagli

Scritto da RyderItalia Mercoledì 12 Maggio 2010 11:19 - Ultimo aggiornamento Mercoledì 03 Novembre 2010 15:57

Scritto da RyderItalia Mercoledì 12 Maggio 2010 11:19 - Ultimo aggiornamento Mercoledì 03 Novembre 2010 15:57 LA TERAPIA METRONOMICA Per oltre mezzo secolo, la terapia sistemica per i tumori è stata caratterizzata dalla somministrazione dei farmaci chemioterapici. La maggior parte di questi farmaci ha lo scopo

Dettagli

Tossicita da chemioterapia e differenze di genere. Ilaria Pazzagli U.O.Oncologia medica P.O.Pescia Azienda USL3 Pistoia e Valdinievole

Tossicita da chemioterapia e differenze di genere. Ilaria Pazzagli U.O.Oncologia medica P.O.Pescia Azienda USL3 Pistoia e Valdinievole Tossicita da chemioterapia e differenze di genere Ilaria Pazzagli U.O.Oncologia medica P.O.Pescia Azienda USL3 Pistoia e Valdinievole Tumori e genere:quali dati? Pochi dati prospettici e da trials clinici

Dettagli

Simposio I NETs: A CHE PUNTO SIAMO? Ruolo del debulking massimo.falconi@univr.it Chirurgia B, Verona MILANO, 20 Giugno 2008

Simposio I NETs: A CHE PUNTO SIAMO? Ruolo del debulking massimo.falconi@univr.it Chirurgia B, Verona MILANO, 20 Giugno 2008 Simposio I NETs: A CHE PUNTO SIAMO? Ruolo del debulking massimo.falconi@univr.it Chirurgia B, Verona MILANO, 20 Giugno 2008 Definizione di debulking Oncologica Resecare almeno il 90% del burden tumorale

Dettagli

CARCINOMA RETTALE CON METASTASI EPATICHE SINCRONE:

CARCINOMA RETTALE CON METASTASI EPATICHE SINCRONE: CARCINOMA RETTALE CON METASTASI EPATICHE SINCRONE: QUALE STRATEGIA CLINICA? II Congresso Interregionale AIRO Piemonte-Liguria-Valle d Aosta Grinzane Cavour, 8 ottobre 201 1 Dimensioni del problema Dal

Dettagli

D O T T. S S A I R E N E C U T U L I

D O T T. S S A I R E N E C U T U L I D O T T. S S A I R E N E C U T U L I INFORMAZIONI PERSONALI Data di nascita: 20.01.1958 Luogo di nascita: Laureana di Borrello Residenza: Via Orto Carmine, 7 Laureana di Borrello Domicilio: Via Trento,

Dettagli

Bruno Meduri. Radioterapia Oncologica - A.O.U. Policlinico di Modena. Associazione Italiana di Radioterapia Oncologica

Bruno Meduri. Radioterapia Oncologica - A.O.U. Policlinico di Modena. Associazione Italiana di Radioterapia Oncologica Bruno Meduri Radioterapia Oncologica - A.O.U. Policlinico di Modena Associazione Italiana di Radioterapia Oncologica Follow up condiviso Il follow-up attivo della donna trattata è parte integrante del

Dettagli

La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno

La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno Metodo epidemiologici per la clinica _efficacia / 1 La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno La buona ricerca clinica Non è etico ciò che non è rilevante scientificamente Non è

Dettagli

LA SETTIMANA DEL GOIRC: Lo studio clinico e le figure professionali Negrar, 29 Aprile 2014

LA SETTIMANA DEL GOIRC: Lo studio clinico e le figure professionali Negrar, 29 Aprile 2014 LA SETTIMANA DEL GOIRC: Lo studio clinico e le figure professionali Negrar, 29 Aprile 2014 Il ruolo del Clinical Research Coordinator Data manager nella fase di conduzione dello studio clinico Maurizio

Dettagli

Report dei gruppi di lavoro >> [ Mieloma multiplo ]

Report dei gruppi di lavoro >> [ Mieloma multiplo ] Report dei gruppi di lavoro >> [ Mieloma multiplo ] Relatore: M.T. PETRUCCI 27-28 ottobre 2008 Borgo S. Luigi Monteriggioni (Siena) Mieloma multiplo - Copyright FSE 1 Gruppo di lavoro 2 [ Mieloma multiplo]

Dettagli

CHEMIOTERAPIA NEL NSCLC

CHEMIOTERAPIA NEL NSCLC LA CHEMIOTERAPIA NEL TUMORE POLMONARE Dr. Antonio Ardizzoia, Dr.ssa Ilaria Colombo, Dr. Paolo Bidoli UO DI ONCOLOGIA MEDICA - AO SAN GERARDO DI MONZA CHEMIOTERAPIA NEL NSCLC Il ruolo della terapia medica

Dettagli

Gruppo C METASTASI CEREBRALI Rischio in base al sottotipo tumorale. Simona Duranti durantisimona@virgilio.it. Progetto Canoa Carcinoma Mammario

Gruppo C METASTASI CEREBRALI Rischio in base al sottotipo tumorale. Simona Duranti durantisimona@virgilio.it. Progetto Canoa Carcinoma Mammario Progetto Canoa Carcinoma Mammario Gruppo C METASTASI CEREBRALI Rischio in base al sottotipo tumorale Simona Duranti durantisimona@virgilio.it Ospedale Sacro Cuore Don Calabria Negrar Verona 22-23 marzo

Dettagli

LINEE GUIDA TERAPEUTICHE TUMORI DEL COLON

LINEE GUIDA TERAPEUTICHE TUMORI DEL COLON LINEE GUIDA TERAPEUTICHE TUMORI DEL COLON DATA DI AGGIORNAMENTO: MARZO 2012 Adenoma con displasia alto grado o severa (1) Escissione locale completa endoscopica in unica escissione (non piecemeal) Resezione

Dettagli

Il Gruppo Menarini ha appena concluso lo studio clinico denominato Florence. Cosa indica questo nome e perché è stato scelto?

Il Gruppo Menarini ha appena concluso lo studio clinico denominato Florence. Cosa indica questo nome e perché è stato scelto? Il Gruppo Menarini ha appena concluso lo studio clinico denominato Florence. Cosa indica questo nome e perché è stato scelto? Florence è il nome con cui abbiamo battezzato questo studio clinico internazionale

Dettagli

DOVREMMO USARE IL PSA PER LO SCREENING DEI TUMORI DELLA

DOVREMMO USARE IL PSA PER LO SCREENING DEI TUMORI DELLA DOVREMMO USARE IL PSA PER LO SCREENING DEI TUMORI DELLA PROSTATA? P. Vineis, G. Casetta* Servizio di Epidemiologia dei Tumori *Clinica Urologica 1, Università di Torino IL PROBLEMA Attività sistematiche

Dettagli

Un paziente su cinque con cancro al polmone sopravvive dopo 3 anni

Un paziente su cinque con cancro al polmone sopravvive dopo 3 anni http://salute24.ilsole24ore.com/articles/17936-un-paziente-su-cinque-con-cancro-al-polmone-sopravvive-dopo-3-anni Un paziente su cinque con cancro al polmone sopravvive dopo 3 anni Un paziente su cinque,

Dettagli

LA CHEMIOTERAPIA ORALE IN ASSOCIAZIONE ALLA RADIOTERAPIA

LA CHEMIOTERAPIA ORALE IN ASSOCIAZIONE ALLA RADIOTERAPIA LA CHEMIOTERAPIA ORALE IN ASSOCIAZIONE ALLA RADIOTERAPIA G.Lazzari, G. Silvano S. C. Radioterapia Oncologica ASL TA/ 1 - Taranto Taranto, 21 gennaio 2005 BACKGROUND Le formulazioni orali di chemioterapia

Dettagli

UO Qualità, Ricerca Organizzativa e Innovazione Pagina 1 di 5

UO Qualità, Ricerca Organizzativa e Innovazione Pagina 1 di 5 Contenuto ER MITO Epidemiologia e diagnosi biomolecolare le malattie mitocondriali in Emilia PUMANER1301 Studio comparativo tra neratinib più capecitabina in pazienti con carcinoma mammario metastatico

Dettagli

BE-Positive: Beyond progression after tki in Egfr-Positive NSCLC patients. Sinossi

BE-Positive: Beyond progression after tki in Egfr-Positive NSCLC patients. Sinossi BE-Positive: Beyond progression after tki in Egfr-Positive NSCLC patients Sinossi Principal Investigator e centro promotore dello studio: Dr.ssa Silvia Novello (Divisione di Oncologia Toracica, Università

Dettagli

Espressione di geni specifici per un determinato tumore

Espressione di geni specifici per un determinato tumore Espressione di geni specifici per un determinato tumore Paziente A: Non ha il cancro Espressione dei geni: Nessuna Biopsia Geni associati al cancro allo stomaco Paziente B: Ha un tumore allo stomaco Bassa

Dettagli

Anna Crispo Istitituto Nazionale dei Tumori Fondazione «G. Pascale», Napoli

Anna Crispo Istitituto Nazionale dei Tumori Fondazione «G. Pascale», Napoli Anna Crispo Istitituto Nazionale dei Tumori Fondazione «G. Pascale», Napoli VALUTAZIONE DEL PESO E CONTROLLO DELLA GLICEMIA NEI DIVERSI SOTTOTIPI MOLECOLARI DEL CANCRO DELLA MAMMELLA. Background Negli

Dettagli

IL CARCINOMA DEL COLON-RETTO METASTATICO

IL CARCINOMA DEL COLON-RETTO METASTATICO Aggiornamenti dall ESMO 2006 Istanbul, 29 settembre - 3 ottobre IL CARCINOMA DEL COLON-RETTO METASTATICO primo incontro Andrea Bonetti, Stefano Cascinu, Alfredo Falcone, Evaristo Maiello, Alberto Zaniboni

Dettagli

INTRODUZIONE ALL ANALISI DEI DATI DI SOPRAVVIVENZA

INTRODUZIONE ALL ANALISI DEI DATI DI SOPRAVVIVENZA INTRODUZIONE ALL ANALISI DEI DATI DI SOPRAVVIVENZA Dott. Simone Accordini Sezione di Epidemiologia & Statistica Medica Università degli Studi di Verona DISEGNO DI COORTE ESPOSTI (D 1 OUTCOME NON ESPOSTI

Dettagli

CHEMIOTERAPIA ADIUVANTE NEL NSCLC IN FASE INIZIALE: SÌ, MA SENZA TRASCURARE LA QUALITÀ DI VITA

CHEMIOTERAPIA ADIUVANTE NEL NSCLC IN FASE INIZIALE: SÌ, MA SENZA TRASCURARE LA QUALITÀ DI VITA CHEMIOTERAPIA ADIUVANTE NEL NSCLC IN FASE INIZIALE: SÌ, MA SENZA TRASCURARE LA QUALITÀ DI VITA In pazienti con carcinoma polmonare NSCLC in fase iniziale operabile, la chemioterapia adiuvante, aggiunta

Dettagli

GLI ANDAMENTI TEMPORALI DELLA PATOLOGIA ONCOLOGICA IN ITALIA

GLI ANDAMENTI TEMPORALI DELLA PATOLOGIA ONCOLOGICA IN ITALIA e&p GLI ANDAMENTI TEMPORALI DELLA PATOLOGIA ONCOLOGICA IN ITALIA Linfomi: linfomi di Hodgkin e linfomi non Hodgkin Lymphomas: Hodgkin and non-hodgkin Lymphomas Massimo Federico, 1 Ettore M. S. Conti (

Dettagli

SINOSSI DEL PROTOCOLLO

SINOSSI DEL PROTOCOLLO SINOSSI DEL PROTOCOLLO TITOLO DELLO STUDIO: CODICE DEL PROTOCOLLO: SPONSOR: FASE DELLO STUDIO: CENTRI PARTECIPANTI ALLO STUDIO: PERIODO DI STUDIO PIANIFICATO (PRIMO ARRUOLAMENTO ULTIMO PAZIENTE USCITO

Dettagli

MINI SCHEDA HTA CRIZOTINIB (XALKORI )

MINI SCHEDA HTA CRIZOTINIB (XALKORI ) 1/7 MINI SCHEDA HTA CRIZOTINIB (XALKORI ) Nome Commerciale XALKORI Principio Attivo Crizotinib Ditta Produttrice Pfizer Italia Srl ATC L01XE16 Formulazione Capsule rigide Dosaggio 200 mg 250 mg Altri antineoplastici

Dettagli

E.Molfese, P.Matteucci, A.Iurato, M. Fiore, L.E. Trodella, L. Poggesi, R.M. D Angelillo, E. Iannacone, L.Trodella!

E.Molfese, P.Matteucci, A.Iurato, M. Fiore, L.E. Trodella, L. Poggesi, R.M. D Angelillo, E. Iannacone, L.Trodella! Il trattamento stereotassico delle lesioni surrenaliche in pazienti oligometastatici affetti da NSCLC: una promettente arma per il controllo locale di malattia?! E.Molfese, P.Matteucci, A.Iurato, M. Fiore,

Dettagli

nel carcinoma a cellule chiare del rene avanzato (I e II linea di terapia) A cura del Gruppo Regionale Farmaci Oncologici (GReFO)

nel carcinoma a cellule chiare del rene avanzato (I e II linea di terapia) A cura del Gruppo Regionale Farmaci Oncologici (GReFO) Raccomandazioni evidence-based Pazopanib nel carcinoma a cellule chiare del rene avanzato (I e II linea di terapia) A cura del Gruppo Regionale Farmaci Oncologici (GReFO) Raccomandazione d uso n.32 Direzione

Dettagli

Commissione Regionale Farmaco (D.G.R. 1540/2006 e D.G.R. 490/2011) Documento relativo a: DEGARELIX

Commissione Regionale Farmaco (D.G.R. 1540/2006 e D.G.R. 490/2011) Documento relativo a: DEGARELIX Commissione Regionale Farmaco (D.G.R. 1540/2006 e D.G.R. 490/2011) Documento relativo a: DEGARELIX Aggiornamento Luglio 2015 Ottobre 2011 Indicazioni registrate Degarelix Il degarelix è indicato per il

Dettagli

Linfonodo sentinella. AJCC (6th edition 2002) Micrometastasi e ITC. Assenza di metastasi linfonodali

Linfonodo sentinella. AJCC (6th edition 2002) Micrometastasi e ITC. Assenza di metastasi linfonodali Dieci anni di linfonodo sentinella: un primo bilancio L. Mazzucchelli Istituto cantonale di patologia, Locarno Seno Forum 2010, Lugano Linfonodo sentinella Le metastasi linfonodali sono il fattore prognostico

Dettagli

AZIENDA OSPEDALIERA OSPEDALI RIUNITI PAPARDO- PIEMONTE

AZIENDA OSPEDALIERA OSPEDALI RIUNITI PAPARDO- PIEMONTE REGIONE SICILIANA ASSESSORATO SANITA AZIENDA OSPEDALIERA OSPEDALI RIUNITI PAPARDO- PIEMONTE MESSINA UFFICIO STAMPA tel 090-3992859 Oncologia Medica AOOR Papardo-Piemonte. Il COEP, Centro Oncologico di

Dettagli

Specialità: Avastin(Roche spa)

Specialità: Avastin(Roche spa) BEVACIZUMAB per l'indicazione: trattamento in prima linea di pazienti con carcinoma polmonare non a piccole cellule, non resecabile, avanzato, metastatico o in ricaduta in aggiunta a chemioterapia a base

Dettagli

Principi attivi e indicazioni terapeutiche autorizzate sottoposte a payment by results, cost sharing e risk sharing. Data di inizio 24/07/2006

Principi attivi e indicazioni terapeutiche autorizzate sottoposte a payment by results, cost sharing e risk sharing. Data di inizio 24/07/2006 ALLEGATO A Principi attivi e indicazioni terapeutiche autorizzate sottoposte a payment by results, cost sharing e risk sharing Principio attivo ERLOTINIB (Tarceva ) SUNITINIB (Sutent ) SORAFENIB (Nexavar

Dettagli

Stefania Corso 17 ANNI. Una lotta durata una vita

Stefania Corso 17 ANNI. Una lotta durata una vita Stefania Corso 17 ANNI Una lotta durata una vita Stefania Corso, 17 anni Copyright 2015 Edizioni del Faro Gruppo Editoriale Tangram Srl Via Verdi, 9/A 38122 Trento www.edizionidelfaro.it info@edizionidelfaro.it

Dettagli

Documento PTR n.212 relativo a:

Documento PTR n.212 relativo a: Direzione Generale Sanità e Politiche Sociali Commissione Regionale del Farmaco (D.G.R. 1540/2006, 2129/2010 e 490/2011) Documento PTR n.212 relativo a: PAZOPANIB Aprile 2014 Pazopanib Indicazioni registrate

Dettagli