Dialogo tra medici e economisti sociosanitari

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Dialogo tra medici e economisti sociosanitari"

Transcript

1 TACCUINO PRESIDENZIALE Dialogo tra medici e economisti sociosanitari È possibile un dialogo tra economisti sociosanitari e medici sul futuro del sistema sanitario svizzero? Il sistema sanitario svizzero è uno dei più complessi al mondo. In ragione del federalismo, infatti, sarebbe più corretto parlare di 26 sistemi sanitari essendo la sanità un ambito di competenza soprattutto cantonale. Oggi, a più livelli si fa un gran parlare di sanità. Essenzialmente per una ragione: mai come di questi tempi si è preso coscienza della scarsità delle risorse mentre la sanità costa sempre di più. Le spese sanitarie globali in Svizzera, che a fine 2002 ammontavano a circa 45 miliardi di franchi, assorbono l'11,2% del PIL. C'è stato un raddoppio dagli anni '70 ad oggi: una tendenza analoga la si è registrata anche negli altri paesi industrializzati. Quanto a spesa sanitaria per rapporto al PIL, la Svizzera è al secondo posto dopo gli Stati Uniti. I premi delle casse malati nello stesso lasso di tempo sono aumentati ad un ritmo ancora più sostenuto, in particolare con l'entrata in vigore nel 1996 della LAMal. Tra i vari sistemi sanitari troviamo da un lato quello americano caratterizzato da una regolamentazione molto minima da parte dello Stato, da un'assicurazione privata contro le malattie e da una concorrenza tra i diversi fornitori di prestazioni. Sul versante opposto vi sono i sistemi sanitari pubblici come in Gran Bretagna e in Italia, dove lo Stato assume la responsabilità delle prestazioni sanitarie finanziate con le risorse fiscali generali. Il sistema sanitario svizzero si basa invece su un'assicurazione sociale contro le malattie finanziata con premi pro capite che non tengono conto della situazione economica degli assicurati. Vi sono contributi da parte dello Stato essenzialmente sotto forma di sussidi ai premi delle casse malati per gli assicurati meno abbienti, in Ticino persone e agli ospedali pubblici. Ma il ruolo dello Stato nel finanziamento della sanità è minoritario in Svizzera: solo il 27% della spesa sanitaria è finanziata direttamente dai poteri pubblici. Tutto il rimanente, ben i due terzi, sono finanziati in modo indipendente dalla capacità contributiva del cittadino. Da questo lato, in Europa, il sistema sanitario svizzero è molto particolare. Eppure l'intervento dello Stato nel settore sanitario si giustifica economicamente per garantire equità d'accesso ad un bene meritorio come la salute. Chi predica la concorrenza come unica soluzione si sbaglia di grosso: la concorrenza implica l'esistenza di un prodotto omogeneo (la sanità non lo è affatto) e, soprattutto, un'informazione corretta e completa da parte dei consumatori. La sanità, invece, è proprio caratterizzata da un'asimmetria sul piano delle conoscenze tra medico e paziente ed è piuttosto l'offerta ad indurre la domanda. Il problema di quante risorse vadano destinate alla sanità è un problema eminentemente politico. Vari Stati in Europa hanno cercato di risolvere il problema attuando delle riforme di più o meno ampia portata. Così, negli anni '70, la Gran Bretagna è stato il primo paese ad introdurre i budget globali per il finanziamento del sistema sanitario. In Svizzera, invece, dal 1911 al 1996 tutti i tentativi di riformare la vecchia LAMI sono falliti. Al punto che alcuni cantoni hanno legiferato in modo autonomo vista l'evoluzione dei costi: nel 1979, il Canton Vaud è stato il primo a fissare un limite massimo di spesa per il finanziamento degli ospedali pubblici (il cosiddetto enveloppe budgetaire ); il Ticino, dove già vigeva l'obbligatorietà dell'assicurazione malattia dal 1963, ha compiuto un passo analogo nel 1983 con l'istituzione dell'ente ospedaliero cantonale (EOC). Sul piano nazionale nel 1994 il popolo ha approvato con una debole maggioranza la LAMal che entra in vigore nel Il Consiglio federale, è riuscito a far passare la legge anche con argomentazioni demagogiche: le promesse fatte sul contenimento dei costi e sull'evoluzione dei premi si sono rivelate promesse da marinaio. 49

2 TACCUINO PRESIDENZIALE La LAMal ha portato ad un trasferimento occulto di competenze dai Cantoni alla Confederazione che comanda sempre di più mentre sono i Cantoni ad accollarsi i maggiori oneri finanziari. A oltre 10 anni dalla sua entrata in vigore, la LAMal non è riuscita a diminuire in modo sostanziale le differenze di premio nonostante la concorrenza tra casse malati che sembra non funzionare affatto; la spesa sanitaria per abitante varia notevolmente da cantone a cantone. Ad incidere su queste differenze la percentuale di popolazione superiore ai 75 anni, l'influsso della democrazia diretta, la densità dei medici e il tasso di disoccupazione. Attualmente le Camere federali, su proposta del consigliere federale Pascal Couchepin stanno cercando di riformare a tappe la LAMal dopo che la seconda revisione è stata respinta dal Parlamento. Il legislatore sta focalizzando tutta l'attenzione sul lato della domanda anche per celare i fallimenti dal lato dell'offerta. Tra le misure proposte spiccano l'introduzione di reti d'assistenza integrata ( managed care ) e l'abolizione per le casse malati dell'obbligo di contrarre. Ma, l'attenzione va prestata anche all'offerta, poiché sussiste una correlazione diretta tra densità di fornitori di prestazioni e livello di spesa sanitaria. Due soluzioni che difficilmente raccoglieranno il necessario consenso sul piano politico. Ma una conclusione è chiara ed è che: oggi nella sanità dobbiamo avere pochi attori che abbiano una panoramica globale dell'intero settore e che condividano un approccio comune. Tra questi attori oltre agli economisti sanitari, con la loro razionalità volta ad ottenere il migliore risultato possibile tra risorse investite e risultati clinici ottenuti e vanno annoverati i medici con la nostra razionalità medica volta in primo luogo al ristabilimento della salute dei pazienti. Due razionalità diverse che possono e devono trovare un punto d'incontro. Ad esempio a livello politico e nella gestione degli ospedali delle cliniche dove, i medici devono assumere anche funzioni di management. Franco Denti Infine, si possono delineare due soluzioni, l'una agli antipodi dell'altra, per cercare di superare l'attuale impasse. La prima, ultraliberale, basata sull'abolizione dell'obbligo assicurativo, il sistema di finanziamento monista, la liberalizzazione delle tariffe e l'introduzione della concorrenza a tutti i livelli. La seconda, interventista, basata su maggiori competenze alla Confederazione, l'istituzione di una cassa malati unica e l'introduzione di una pianificazione ospedaliera nazionale. Il federalismo in ambito sanitario costa e, come detto, le risorse sono sempre più scarse. 50 TRIBUNA MEDICA TICINESE 72 FEBBRAIO 2007

3 SEZIONE SCIENTIFICA DRUG ELUTING STENT (DES) E RISCHIO DI TROMBOSI Care Colleghe, Cari Colleghi, recenti comunicazioni scientifiche hanno sollevato la questione sulla sicurezza degli stent coronarici medicalizzati, i cosiddetti Eluting stent. All'argomento, giudicato dagli americani un vero e proprio firestorm, è stata dedicata enorme attenzione che ha inevitabilmente attirato anche la curiosità dei media. Ora l'argomento è di dominio pubblico. Nell'interesse di un'informazione corretta e costruttiva, vi alleghiamo una valutazione, rispettivamente una presa di posizione dei cardiologi interventisti del Cardiocentro in merito a questo importante problema. A nome del gruppo dei cardiologi interventistici del Cardiocentro Ticino, Prof. Dr. med. Tiziano Moccetti Primario di Cardiologia Dr. med. Giovanni Pedrazzini Capo Servizio di Cardiologia 1 Definizione Come stent medicalizzati o Eluting si intendono gli stent coronarici della nuova generazione impregnati da un particolare medicamento di efficacia documentata nella prevenzione della ristenosi coronarica. Attualmente sono disponibili sul mercato i seguenti stent: - Chypher (Cordis, principio attivo: sirolimus) - Taxus (Boston, principio attivo: paclitaxel) - Endeavor (Medtronik, principio attivo: zotarolimus) - Costar (Biotronik, principio attivo: paclitaxel) N.B.: per gli stent Cypher, Taxus, Endeavor, il prodotto attivo è fissato su un polimero neutro (rilascio del principio attivo progressivo). Nel caso del Costar il medicamento è contenuto in apposite microvaschette scavate all'interno della matrice metallica (rilascio variabile). 2 DES e ristenosi Grazie all'uso di sostanze antiproliferative, il rischio globale di ristenosi - definito come neoproliferazione di tipo cicatriziale a livello intimale - è sceso sotto il 10%. Con gli stent metallici (cosiddetti bare metal stent ), oscilla fra il 20-30% a dipendenza del tipo di lesioni trattate. Per la valutazione delle ristenosi vengono utilizzati sia criteri angiografici (principalmente late loss corrispondente alla riduzione di diametro assoluto rispetto al diametro iniziale) che clinici (target vessel revascularization, target lesion revascularization). Nei diversi studi effettuati tutti gli Eluting stent attualmente in commercio hanno dimostrato una chiara superiorità sia in termini di riduzione angiografica della ristenosi, che dei surrogati clinici rispetto ai bare metal stent. In termini di efficacia angiografica, il Cypher sembra più efficace del Taxus, entrambi sono superiori all'endeavor. 3 Terapia antiaggregante La durata della biantiaggregazione dopo Eluting stent è definita su base empirica: nessun trial ha finora investigato la durata minima/massima del trattamento. In caso di sindrome coronarica acuta (studio CURE e CURE - PCI), viene raccomandata una doppia antiaggregazione per un periodo da 9 a 12 mesi. Nelle altre situazioni, la durata è stata definita empiricamente dagli studi e varia dai 3 (Endeavor, Cypher, Costar) ai 6 mesi (Taxus). Le nostre direttive propongono un trattamento con Plavix di 9-12 mesi. 4 DES e rischio di trombosi Come primo dato va ricordato che una trombosi di uno stent coronarico, che sia medicalizzato o no, ha un rischio di mortalità legato all'evento coronarico, statisticamente dal 30% al 50%. La safety dei DES è stata rimessa in discussione nelle seguenti 4 analisi: - An indipendent physician directed meta-analysis off the pivotal Cypher and Taxus randomized trials (E. Camenzind, Comunicazione al Word Cardiology Congress di Barcellona, settembre 2006): dalla metanalisi cumulativa su tutti gli studi pubblicati con gli stent Chypher (878 pazienti) e Taxus (1685 pazienti) risulterebbe (fino al limite osservazionale dello studio) un aumento degli avventi avversi nel follow up tardivo (morte + infarto miocardico) dal 3.9% per i BMS, al 6.3% per i DES (P < 0.03). - Basket late: in questo studio prospettico single Center (Universitätsspital Basilea) si segnala un aumento degli end-points cumulativi tardivi (da 7 a 18 mesi) da 6 a 10%. Questa differenza risulta particolarmente significativa in pazienti trattati su vasi coronarici nativi con diametro uguale o superiore a 3 mm. 51

4 SEZIONE SCIENTIFICA - Registro Bern-Rotterdam: dall'analisi di questo registro cumulativo realizzato su più di 7000 impianti di Eluting stent, viene segnalata un'incidenza annua di trombosi di stent medicalizzati dello 0.6%. Questa tendenza si conferma anche al secondo e terzo anno di osservazione. - Safety of Drug Eluting stent: analysis from a physician directed clinical trial meta-analysis (M. Briel): da questo studio, statisticamente piuttosto fragile, si rileva addirittura un possibile aumento delle neoplasie nei pazienti trattati con Eluting stent. Secondo numerosi osservatori, queste differenze si spiegherebbero con una valutazione non corretta dei casi di tumore. Alla luce di queste analisi, sono state effettuate tutta una serie di contro analisi, presentate al recente congresso interventistico a Washington (TCT, ottobre 2006). - Da una estensiva rianalisi dei dati Taxus (Martin Leon) e Chypher (Gregg Stone), si conferma una minima differenza negli end-points a sfavore dei DES, che non risulta tuttavia in nessuna delle analisi eseguite, statisticamente significativa. - Basandosi su una ridefinizione delle trombosi acute degli stent (la definizione usata nei precedenti studi è stata unanimemente definita insufficiente) non è più stata rilevata alcuna differenza nell'analisi dei dati Cypher, rispettivamente Endeavor (Donald Cutlip). Conclusioni a. In merito alla Safety degli Eluting stent, tutti sono concordi nel dire che il rischio di occlusione di uno stent medicalizzato corrisponde circa allo 0.6% all'anno ed è probabilmente in relazione con l'incompleta guarigione, rispettivamente riendotelizzazione della parete arteriosa con conseguente persistente esposizione del materiale metallico alla circolazione sanguigna. Come risulta evidente da osservazioni anatomopatologiche, il trombo coronarico tende a formarsi a diretto contatto con la parte di stent esposta alla circolazione e non dove lo stent può apparire riendotelizzato. Che sia il metallo stesso o eventualmente il polimero di cui è ricoperta la superficie dello stent a favorire la trombosi, si tratta di ipotesi del tutto speculativa. b. I fattori predittivi principali per l'occlusione trombotica di uno stent sono la presenza iniziale di una sindrome coronarica acuta, rispettivamente, quale parametro indiretto, l'utilizzazione degli inibitori delle glicoproteine IIb/IIIa. c. Durata della terapia antitrombotica: da un registro multicentrico risulta che il 90% circa delle occlusioni trombotiche si manifestano durante i primi 6 mesi dall'intervento quasi esclusivamente nei pazienti sotto monoantiagreggazione. Dopo questo periodo il rischio diminuisce sensibilmente senza che vi sia più una chiara differenza fra mono e biantiagreggazione. Risultati simili sono stati osservati nel registro Bern-Rotterdam dal quale emerge che 1/4 delle occlusioni si manifesta sotto doppia antiagreggazione, la metà sotto mono ed il restante 1/4 senza trattamento. La nostra linea Al momento non riteniamo che vi siano sufficienti dati da giustificare un drastico cambiamento di strategia. Nei pazienti a basso rischio di ristenosi (lesioni corte, diametro superiore mm) tenderemo ad utilizzare più frequentemente stent non medicalizzati, mentre priviligereremo comunque l'uso di stent medicalizzati nelle lesioni di piccoli vasi, rispettivamente nel trattamento dei graft coronarici. Durata della terapia antitrombotica: in assenza di una chiara evidenza medica, rispettivamente in assenza di controindicazioni, proponiamo un trattamento combinato di Aspirina e Plavix per un periodo di 12 mesi in tutti i pazienti che ricevono uno stent medicalizzato, rispettivamente che vengono trattati per una sindrome coronarica acuta. 52 TRIBUNA MEDICA TICINESE 72 FEBBRAIO 2007

5 SEZIONE SCIENTIFICA COME VALUTARE LO STATO DI SALUTE DI UN PAZIENTE CON DISTURBI DELL APPARATO LOCOMOTORE E MONITORARNE IL DECORSO? MISURAZIONE DEI RISULTATI IN REUMATOLOGIA E RIABILITAZIONE C. Marti e team della Clinica di riabilitazione di Novaggio Introduzione Nella prassi quotidiana si valutano l'anamnesi, l'esame obiettivo, il laboratorio e le radiografie. Ma come si può valutare una menomazione dovuta ad un'affezione reumatologica? In reumatologia si usano da anni delle scale di misurazione del decorso della poliartrite reumatoide e del morbo di Bechterew. Con l'aiuto di un sistema informatico, dei risultati di laboratorio e delle radiografie, vengono integrati questionari compilati dai pazienti. Anche in riabilitazione sono stati sviluppati sistemi per valutare l'impatto delle malattie sulla vita quotidiana. In un ambito di restrizione sempre più forte da parte delle CM, è importante valutare l'impatto delle affezioni reumatologiche sulla qualità di vita dei pazienti e di documentare l'effetto delle cure riabilitative a corto e lungo termine. L'assessment del paziente secondo i criteri ICF (International Classification of Functioning, Disability and Health) e la misurazione dei risultati (outcome measure), fanno parte dei requisiti necessari per i criteri di qualità delle cliniche di riabilitazione svizzere. Grazie ad un progetto dell'università di Zurigo, della clinica di riabilitazione di Zurzach e della Scuola Tecnica Superiore di Argovia è stato sviluppato fra il 1994 ed il 2001 un sistema di misurazione della qualità. Nel 1999 i collaboratori del progetto hanno vinto il premio del Dr. med Arthur ed Estela Hirzel Callegari. Dal 1999 il sistema viene usato in 8 cliniche di riabilitazione in Svizzera ed ha permesso di valutare le condizioni di più di 9'000 pazienti e la clinica di Novaggio con la clinica di Brissago vi partecipano dal 2002, rispettivamente Con importanti lavori di riorganizzazione raggruppati in 25 progetti la clinica militare è stata trasformata negli anni in una moderna clinica di riabilitazione. Dopo questi lavori di miglioramento, la direzione della clinica ha voluto valutare se era possibile misurare i risultati di una riabilitazione nella routine di una clinica e se i risultati delle riabilitazione a Novaggio erano comparabili con le altre cliniche di riabilitazione della Svizzera. I risultati di due studi condotti sulla base di questo sistema sono stati pubblicati sulla rivista medica Praxis. Nel primo studio è stato valutato l'effetto di una fisioterapia ambulatoriale rispetto alla riabilitazione stazionaria (Stoll 2002). I risultati confermano l'effetto positivo dei due tipi di trattamento e dimostrano che i pazienti ospedalizzati sono nettamente più gravi ed handicappati di quelli curabili in modo ambulatoriale. Nel secondo studio si è dimostrato l'effetto positivo di cure riabilitative su pazienti sottoposti ad artroplastica dell'anca con comorbidità e cattivo stato funzionale (Rogenmoser 2003). Presentazione della metodologia e dei risultati Il sistema si basa sull'autovalutazione del paziente mediante questionario. I questionari usati sono strumenti riconosciuti a livello internazionale e scientificamente validati, una parte dei quali convalidati anche in italiano: il questionario sulla comorbidità, SF 36, HAQ e NASS lumbal. Per tutti i pazienti si usano 3 questionari, 2 dei quali di carattere generico: 1. Questionario sulla salute generale (Medical Outcome Trust Short Form 36). Permette di valutare le menomazioni nell'attività quotidiana e la partecipazione del paziente alle attività della società, comprende 36 voci che possono essere raggruppate in 8 categorie: 1 funzionamento fisico (salute fisica) 2 limitazioni dei ruoli a causa dei problemi fisici (ruoli/fisico) 3 dolore corporeo (dolore) 4 percezione complessiva della salute (salute) 5 vitalità 6 funzionamento sociale (vita sociale) 7 salute mentale generale (salute mentale) 8 limitazione dei ruoli dovuti a problemi emozionali (ruoli/psiche) 2. Questionario sulla comorbidità Questo questonario si riempie una volta all'inclusione dello studio e serve a valutare le malattie concomitanti. È composto da 12 domande sulle malattie internistische più frequenti e sui problemi psichici. Nello studio di Sangha (2003) si è dimostrato come valido strumento per le comorbidità. 3. Questionari mirati per le differenti regioni corporee Il terzo questionario usato è invece mirato e scelto a dipendenza della regione corporea coinvolta (vedi tabella 1). La scelta del questionario corrispondeva anche al percorso terapeutico della clinica: per esempio per la riabilitazione cervicolombare il NASS, per la riabilitazione degli arti superiori il DASH, per la riabilitazione degli arti inferiori il WOMAC, per la riabilitazione precoce post-operatoria a dipendenza della zona operata, per la riabilitazione in pazienti con patologie 53

6 SEZIONE SCIENTIFICA internistiche e reumatologiche a carattere sistemico (per es. poliartrite) lo HAQ, ecc. Qui di seguito è riprodotto a titolo di esempio il questionario per la zona lombare (NASS): per la zona lombare si usa il Northern American Spine Society Outcome Assessment Instrument (NASS) comprendente 17 domande sul dolore e sulla funzione e 6 sulla sintomatologia neurologica. Le domande sono rivolte agli ultimi 7 giorni trascorsi e si valutano con uno score da 1 a 6; per la zona cervicale si usa il Northern American Spine Society Outcome Assessment Instrument (NASS) con 19 domande delle quali 11 concernono il dolore e la funzione, 8 concernono la sintomatologia neurologica. Le domande hanno uno score da 1 a 6 e sono rivolte agli ultimi 7 giorni trascorsi; per le estremità inferiori si usa il Western Ontario and McMaster Universities Osteoarthritis Index (WOMAC) con 22 domande delle quali 5 inerenti il dolore, 17 la funzionalità. Le domande si valutano con uno score da 0 a 10 e sono rivolte agli ultimi 2 giorni trascorsi; per le estremità superiori si usa il Disabilities of the Arm, Shoulder and Hand Questionnaire (DASH) con 30 domande che prendono in considerazione i sintomi, la funzionalità ed i ruoli sociali. Le domande toccano gli ultimi 7 giorni trascorsi; per le attività della vita quotidiana (che coinvolgono il corpo intero) è stato scelto il Health assessment Questionnaire (HAQ) usato in prima linea in pazienti affetti da poliartrite cronica. Questo questionario si utilizza maggioramente per pazienti affetti da fibromialgia o da dolore cronico. Il questionario è composto da 22 domande inerenti la funzionalità fisica, le attività relative alla cura della propria persona, afferrare ed aprire oggetti e la marcia. Le domande si riferiscono agli ultimi 7 giorni trascorsi. Tab TRIBUNA MEDICA TICINESE 72 FEBBRAIO 2007

7 SEZIONE SCIENTIFICA Per lo studio condotto nella nostra clinica si è cercato di far partecipare alla valutazione tutti o il maggior numero possibile di pazienti. All'entrata il medico assistente sceglieva il modulo più confacente alla problematica del paziente; una parte dei pazienti è stata esclusa dallo studio a causa dei seguenti motivi: problemi linguistici, analfabetismo, disturbi neuro-psicologici, impedimento alla scrittura (disturbi neurologici) o rifiuto da parte del paziente stesso (tabella 2). Durante la prima e l'ultima settimana di degenza i pazienti venivano convocati per l'attività definita questionario della salute. Dopo una spiegazione inerente il senso dell'indagine e le sue modalità i pazienti compilavano i questionari aiutati dalle collaboratrici del servizio medico. Il terzo formulario veniva spedito loro a casa dopo tre mesi (senza richiamo). Il tempo necessario per compilare i questionari era in media di 30 minuti. Durante la degenza il medico assistente prendeva visione dei risultati il giorno medesimo della compilazione del questionario. Le sintesi dei differenti gruppi venivano in seguito presentate alla direzione della clinica. 55

8 SEZIONE SCIENTIFICA Il grafico seguente presenta i dati di un paziente di 29 anni affetto da una lomboischialgia su ernia del disco L4/L5 e dimostra un decorso positivo. Nella parte superiore i risultati sono rappresentati in modo grafico e nelle tabelle in modo numerico. Clinica di riabilitazione di Novaggio (1947/f) dal al TRIBUNA MEDICA TICINESE 72 FEBBRAIO 2007

9 SEZIONE SCIENTIFICA Questionario sulla salute generale (Medical Outcome Trust Short Form. 36) Data salute ruoli/ dolore salute in vitalità vita salute ruoli/ dati fisica fisico generale sociale mentale psiche mancanti Referenza Zona lombare (Northtern American Spine Society Outcome Assessment Instrument) Data Dolore e funzionalità Sintomatologia neurologica Dati mancanti Referenza lombalgia acuta: Daltroy et al. (1996) Risultati Popolazione pazienti esclusi problemi linguistici 19,8% 34% 31,2% analfabetismo 6% disturbi neuro-psicologici 6,5% 15,3% 16% impedimento alla scrittura 10,3% 4,3% 9% rifiuti 4,7% 7% 1,7% altri 52,6% 39,6% 41% pazienti inclusi 61% 57% 45% n=427 n=551 n=394 pazienti follow up 27 % 22% 17,3% n=192 n=213 n=151 Tab. 2 Questionario sulla comorbidità Malattie concomitanti Tab % (34%) 19% (25%) 31% (33%) % (58%) 61 % (61%) 53% (55%) >3 9% (8%) 19% (14%) 16% (12 %) Le tabelle 2 e 3 descrivono tutta la casistica della clinica. Una valutazione separata per regione non è stata fatta. Nei pazienti esclusi la grande maggioranza lo è stata per motivi organizzativi. La maggioranza dei pazienti esclusi da parte del medico hanno difficoltà linguistiche. Pochissimi pazienti hanno rifiutato la valutazione. Nei primi due anni si è potuto inserire più della metà dei pazienti ricoverati; il motivo del calo sull'arco dei tre anni sembra essere dovuto all'aumento di pazienti con disturbi linguistici o neuropsicologici. Il calo dei pazienti rispondenti al follow up potrebbe essere dovuto ad un minore lavoro di motivazione. Piu di due terzi della casistica soffre di malattie concomitanti. Non è stata elaborata una analisi statistica delle differenti malattie e della loro gravità. Le percentuali tra parentesi sono i dati relativi alla casistica delle Cliniche di riabilitazione svizzere (SWISS REHA). 57

10 SEZIONE SCIENTIFICA Di seguito si presentano i risultati dei pazienti affetti da lombalgia che rappresentano la maggioranza dei pazienti inclusi annualmente e che hanno concluso lo studio (256 su un totale di 556). Questionario per pazienti (2004) Questionario sulla salute generale (Medical Outcome Trust Short Form 36) Grafico 1: un valore di 0 corrisponde a una limitazione massima nella categoria. Un valore di 100 corrisponde a un stato di salute ottimale. Anche nella popolazione normale i valori tendono a calare con l'età (nel grafico la popolazione di riferimento è in una fascia di età tra i 51 e i 60 anni). Rispetto alla popolazione di riferimento i pazienti affetti da lombalgia sono, all'entrata in clinica, nettamente più handicappati. I valori di 2 categorie sono estremamente bassi: la limitazione dei ruoli a causa di problemi fisici e la salute mentale in generale Grafico 3: i risultati nella nostra clinica sono paragonabili a quelli di altri istituti (pazienti SWISS REHA), con una lieve differenza nelle categorie di vitalità, vita sociale e salute mentale.queste differenze possono essere dovute sia a patologie non omogenee che alla realtà socioculturale non paragonabile tra diverse regioni. affetti da lombalgia (NASS) Grafico 5: più alto è il valore (massimo 6), più problemi ha la persona (il valore 1 è il migliore risultato). In paragone con una popolazione di pazienti affetti da lombalgia cronica in ambito ambulatoriale (Daltroy 1996), i pazienti all'entrata in clinica presentano un grado di dolore, una limitazione della funzionalità nella vita quotidiana e in particolare una sintomatologia neurologica maggiori. Questi risultati confermano i dati già pubblicati da Stoll (2002). Grafico 4: ad eccezione delle categorie salute fisica e limitazioni dei ruoli dovuti a problemi emozionali, i pazienti affetti da lombalgia cronica presentano un handicap (o grado di limitazione) uguale o superiore a quelli affetti da coxartrosi prima di un intervento di artroplastica (J. of Bone Joint Surgery-2004: 86-B: ). Questo handicap si evidenzia in modo nettamente superiore nelle seguenti categorie: percezione complessiva della salute, vitalità, limitazione nella vita sociale e salute mentale in generale. Grafico 2: il grado di limitazione nelle differenti categorie è stabile sull'arco dei 3 anni. 58 TRIBUNA MEDICA TICINESE 72 FEBBRAIO 2007

11 SEZIONE SCIENTIFICA Questionario per pazienti affetti da lombalgia (NASS) La tabella mostra, sull'arco dei tre anni, l'evoluzione tra il momento del ricovero e la dimissione, rispettivamente il follow-up a tre mesi. Un valore positivo dimostra un miglioramento dello score rispetto al valore riscontrato al momento del ricovero. L'effetto positivo rimane anche dopo 3 mesi (persistenza dei risultati) ma tende a diminuire. Le altre cliniche della Svizzera hanno riscontrato una variabilità tra +0,4 e + 0,6. Discussione e conclusione: L'interpretazione dei risultati richiede particolare cautela per i seguenti motivi: mancano in letteratura valori di riferimento per un cosiddetto miglioramento signicativo per determinati gruppi di pazienti, il numero limitato di pazienti che hanno terminato lo studio fino al follow-up, la differenza della casistica della nostra clinica rispetto a quella delle altre cliniche e le differenti regioni linguistiche in cui lo studio è stato effettuato. Il lavoro con questo sistema di assessment e di controllo dei risultati, ha evidenziato anche alcune difficoltà. Pazienti di un certa età o pazienti non di lingua madre italiana, fanno fatica a compilare i formulari. Pazienti in depressione hanno un'autovalutazione probabilmente peggiore del loro stato di salute. Quelli con una richiesta assicurativa in sospeso manifestano delle preoccupazioni riguardo all'uso dei loro dati. I pazienti ospedalizzati hanno notevoli difficoltà nel rispondere a domande dimissione follow up dimissione follow up dimissione follow up dolore+funzionalità + 0,2 +0,1 + 0,4 + 0,2 + 0,5 + 0,4 sintomatologia + 0,2 + 0,2 + 0,4 + 0,2 + 0, neurologica Tab. 4 inerenti le attività nella vita quotidiana. I questionari con domande standardizzate per defizione non riescono a riflettere la situazione individuale del paziente. Sarebbe interessante fare un'analisi sui cosiddetti pazienti responder e quelli non responder, per identificare prima della riabilitazione i pazienti con un buon potenziale riabilitativo. Uno scopo dello studio era anche integrare un assessment nella routine del team interdisciplinare. Solo i medici hanno usufruito della possibilità di avere i risultati individuali e hanno integrato i risultati dell'assessment nella valutazione dei pazienti. Gli altri collaboratori non sono riusciti a integrare i dati nella loro pratica. L'integrazione dell'uso degli strumenti di assessment nella pratica quotidiana della clinica è ancora da sviluppare. Visto il numero molto limitato di pazienti che hanno compilato i 3 formulari in futuro, dal punto di vista organizzativo, dovremmo intensificare il monitoraggio dei pazienti e richiamare coloro che dimenticano di compilare il follow-up. L'uso di questi strumenti nella routine di una clinica di riabilitazione è possibile, ma impegnativo dal punto di vista organizzativo. Non sono da dimenticare anche i costi (sistema informatico e personale). Per quello che concerne invece la casistica dei pazienti anziani affetti da sintomatologia complessa, deficit mentale ed una polimorbidità, dovremmo introdurre altri sistemi di valutazione quali per esempio Barthel o FIM. Due terzi dei pazienti presentano malattie concomitanti. La comorbidità è un importante fattore prognostico per la mortalità, i risultati di interventi chirurigici, le complicanze, lo stato funzionale del paziente, la durata di ospedalizzazione e lo stato del paziente all'uscita. Per una popolazione anziana l'associazione di particolari malattie croniche, quali la cardiopatia e l'osteoartrosi, aumenta il rischio relativo di disabilità di 13,6 volte rispetto ad un RR di 4,4 per l'osteoartrosi e 2,3 per la cardiopatia prese isolatamente (Abete 2004) e l'associazione di differenti problemi dell'apparato locomotorio aumenta l'handicap delle persone (HSJ Picavet 2004). I risultati del questionario sullo stato di salute in generale dimostrano chiaramente le limitazioni per gli aspetti psicosociali (grafico1). Questo dato conferma l'associazione tra problemi psicosociali e lombalgie croniche. I risultati ottenuti nelle misurazioni delle problematiche specifiche dei pazienti affetti da lombalgia dimostrano un effetto positivo (tabella 4) delle cure riabilitative.come nella letteratura descritta (Work conditioning, work hardening and functional restoration for workers with back pain and neck pain. Cochrane Review 2006) i risultati del nostro approccio mutidisciplinare con ricondizionamento intenso, apporta un beneficio che perdura in pazienti affetti da lombalgia. I dati sono importanti anche sotto il profilo socio-economico nel senso che una riabilitazione effettuata con successo in pazienti affetti da lombalgia cronica è la base per una reintegrazione professionale. Dr. med. Christopher Marti e team della Clinica di riabilitazione di Novaggio 59

Progetto Memento. Diagnosi precoce della malattia di Alzheimer e mantenimento della autonomia psicofisica

Progetto Memento. Diagnosi precoce della malattia di Alzheimer e mantenimento della autonomia psicofisica Progetto Memento Diagnosi precoce della malattia di Alzheimer e mantenimento della autonomia psicofisica Progetto Memento Diagnosi precoce della malattia di Alzheimer e mantenimento della autonomia psicofisica

Dettagli

La Malattia di Alzheimer: approccio neuropsicologico

La Malattia di Alzheimer: approccio neuropsicologico La Malattia di Alzheimer: approccio neuropsicologico Dott.ssa Sara Fascendini Centro Alzheimer, Fondazione Europea di Ricerca Biomedica (FERB), Ospedale Briolini, Gazzaniga (BG) CHE COSA È LA DEMENZA?

Dettagli

Il Morbo di Alzheimer

Il Morbo di Alzheimer Il Morbo di Alzheimer Il morbo di Alzheimer, detta anche demenza senile di tipo Alzheimer, demenza degenerativa primaria di tipo Alzheimer o semplicemente di Alzheimer, è la forma più comune di demenza

Dettagli

COSA VUOLE DIRE DEMENZA DEGENERATIVA PRIMARIA?

COSA VUOLE DIRE DEMENZA DEGENERATIVA PRIMARIA? CHE COSA È LA MALATTIA DI ALZHEIMER? La malattia di Alzheimer è una forma di demenza degenerativa primaria legata alla progressiva perdita di cellule nervose della corteccia cerebrale, dette neuroni. Essa

Dettagli

I PROBLEMI NELLE FASI INIZIALI DELLA DEMENZA E I MODI PER AFFRONTARLI

I PROBLEMI NELLE FASI INIZIALI DELLA DEMENZA E I MODI PER AFFRONTARLI I PROBLEMI NELLE FASI INIZIALI DELLA DEMENZA E I MODI PER AFFRONTARLI Dr. Emiliano Petrò Responsabile Unità Valutativa Alzheimer Policlinico San Marco, Zingonia Importanza della diagnosi precoce Esclude

Dettagli

COS E LA MALATTIA DI ALZHEIMER?

COS E LA MALATTIA DI ALZHEIMER? COS E LA MALATTIA DI ALZHEIMER? E la forma più frequente di demenza. La DEMENZA è la perdita delle funzioni intellettive (il RICORDARE, il PENSARE, il RAGIONARE) di gravità tale da rendere la persona malata

Dettagli

Le demenze. Manuel Soldato Geriatra RSA S. F. Cabrini - Codogno

Le demenze. Manuel Soldato Geriatra RSA S. F. Cabrini - Codogno Le demenze Manuel Soldato Geriatra RSA S. F. Cabrini - Codogno LE DEMENZE DEFINIZIONE 1. La demenza definisce uno stato di progressivo decadimento delle funzioni cognitive prodotto da una patologia cerebrale

Dettagli

Il RUOLO DEL MEDICO DI MEDICINA GENERALE NELLA IDENTIFICAZIONE DELLE PERSONE CON SOSPETTA DEMENZA. T. Mandarino (MMG ASL RMA )

Il RUOLO DEL MEDICO DI MEDICINA GENERALE NELLA IDENTIFICAZIONE DELLE PERSONE CON SOSPETTA DEMENZA. T. Mandarino (MMG ASL RMA ) Il RUOLO DEL MEDICO DI MEDICINA GENERALE NELLA IDENTIFICAZIONE DELLE PERSONE CON SOSPETTA DEMENZA T. Mandarino (MMG ASL RMA ) La Malattia di Alzheimer La malattia di Alzheimer è la forma più frequente

Dettagli

MILD COGNITIVE IMPAIRMENT

MILD COGNITIVE IMPAIRMENT MILD COGNITIVE IMPAIRMENT - Rapporto del Gruppo di Lavoro Internazionale sul - Winblad B et al. (2004). Mild Cognitive Impairment: beyond controversies, towards a consensus. Journal of Internal Medicine;

Dettagli

ALZHEIMER: PERCHE UNA DIAGNOSI PRECOCE

ALZHEIMER: PERCHE UNA DIAGNOSI PRECOCE ALZHEIMER: PERCHE UNA DIAGNOSI PRECOCE Negli ultimi anni stiamo assistendo ad un progressivo allungamento della durata media della vita, e quindi ad un invecchiamento della popolazione, che determina l

Dettagli

Percorso Preventivo-Diagnostico-Terapeutico-Assistenziale Riabilitativo (PDTAR) per la popolazione e i pazienti con demenza Sintesi

Percorso Preventivo-Diagnostico-Terapeutico-Assistenziale Riabilitativo (PDTAR) per la popolazione e i pazienti con demenza Sintesi e le Aziende Ospedaliere, IRCCS, ASP(Aziende di Servizi alla Persona), Università elencate nel Documento Integrale Percorso Preventivo-Diagnostico-Terapeutico-Assistenziale Riabilitativo (PDTAR) per la

Dettagli

MASTER ANNUALE DI II LIVELLO in: (Scadenza iscrizioni 11 GENNAIO 2014) Organizzato da: Con il patrocinio di:

MASTER ANNUALE DI II LIVELLO in: (Scadenza iscrizioni 11 GENNAIO 2014) Organizzato da: Con il patrocinio di: PROGRAMMA MASTER ANNUALE DI II LIVELLO in: DIAGNOSI NEUROPSICOLOGICA NELL ADULTO E NELL ANZIANO I EDIZIONE TORINO 19 GENNAIO 2014-14 DICEMBRE 2014 (Scadenza iscrizioni 11 GENNAIO 2014) Organizzato da:

Dettagli

LINEE DI RICERCA SOSTENUTE DAL 5xMILLE 2013

LINEE DI RICERCA SOSTENUTE DAL 5xMILLE 2013 LINEE DI RICERCA SOSTENUTE DAL 5xMILLE 2013 I Ricercatori del Centro di Genomica e Bioinformatica Traslazionale stanno lavorando a linee di ricerca legate a 1. Sclerosi Multipla 2. Tumore della Prostata

Dettagli

Cosa cambia con i nuovi criteri diagnostici? Dr.ssa Laura Bracco

Cosa cambia con i nuovi criteri diagnostici? Dr.ssa Laura Bracco Cosa cambia con i nuovi criteri diagnostici? Dr.ssa Laura Bracco DEMENZA Sindrome clinica caratterizzata dal deterioramento della memoria e delle altre funzioni cognitive rispetto al livello di sviluppo

Dettagli

Cosa sono i Disturbi Specifici di Apprendimento?

Cosa sono i Disturbi Specifici di Apprendimento? Cosa sono i Disturbi Specifici di Apprendimento? Considerati parte della famiglia dei Disturbi Evolutivi Specifici, i Disturbi Specifici di Apprendimento (DSA) affliggono alcune specifiche abilità che

Dettagli

MODELLO ARD Advanced Rehabilitation in Dementia Castellanza, 24 marzo 2015 a cura di DOTT. LIVIO DAL BOSCO DOTT. DAVIDE BARRA

MODELLO ARD Advanced Rehabilitation in Dementia Castellanza, 24 marzo 2015 a cura di DOTT. LIVIO DAL BOSCO DOTT. DAVIDE BARRA WORKSHOP BEST PRACTICE E INNOVAZIONE NELLE RSA: ESPERIENZE A CONFRONTO 3 Edizione MODELLO ARD Advanced Rehabilitation in Dementia Castellanza, 24 marzo 2015 a cura di DOTT. LIVIO DAL BOSCO DOTT. DAVIDE

Dettagli

LA VALUTAZIONE NEUROPSICOLOGICA COME MISURA CHIAVE PER LA DIAGNOSI PRECOCE DEL DNC LIEVE: L ESPERIENZA DELLA REGIONE PIEMONTE

LA VALUTAZIONE NEUROPSICOLOGICA COME MISURA CHIAVE PER LA DIAGNOSI PRECOCE DEL DNC LIEVE: L ESPERIENZA DELLA REGIONE PIEMONTE VIII Convegno IL CONTRIBUTO DELLE UNITA VALUTAZIONE ALZHEIMER NELL ASSISTENZA DEI PAZIENTI CON DEMENZA LA VALUTAZIONE NEUROPSICOLOGICA COME MISURA CHIAVE PER LA DIAGNOSI PRECOCE DEL DNC LIEVE: L ESPERIENZA

Dettagli

Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia

Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia Introduzione I percorsi di Arte Terapia e Pet Therapy, trattati ampiamente negli altri contributi, sono stati oggetto di monitoraggio clinico, allo

Dettagli

La Malattia di Alzheimer. Manuel Soldato

La Malattia di Alzheimer. Manuel Soldato La Malattia di Alzheimer Manuel Soldato Caratteristiche Più frequente forma di demenza Deterioramento ingravescente delle capacità cognitive Comparsa di disturbi comportamentali e dell affettività Progressiva

Dettagli

LA GESTIONE DEL DOLORE NELLA PERSONA AFFETTA DA DEMENZA: PRESENTAZIONE DI UN ESPERIENZA. Albese con Cassano, Dicembre 2011 Infermiera GIUSY MIRAGLIA

LA GESTIONE DEL DOLORE NELLA PERSONA AFFETTA DA DEMENZA: PRESENTAZIONE DI UN ESPERIENZA. Albese con Cassano, Dicembre 2011 Infermiera GIUSY MIRAGLIA LA GESTIONE DEL DOLORE NELLA PERSONA AFFETTA DA DEMENZA: PRESENTAZIONE DI UN ESPERIENZA Albese con Cassano, Dicembre 2011 Infermiera GIUSY MIRAGLIA OBIETTIVO: Presentare il percorso intrapreso per superare

Dettagli

Centro Le Pozzette, Villa Verucchio 27.01.12. Dott.ssa Ilenia Zanotti

Centro Le Pozzette, Villa Verucchio 27.01.12. Dott.ssa Ilenia Zanotti LA STIMOLAZIONE COGNITIVA PER IL BENESSERE DELLA PERSONA AFFETTA DA DEMENZA Centro Le Pozzette, Villa Verucchio 27.01.12 Dott.ssa Ilenia Zanotti COS E LA STIMOLAZIONE COGNITIVA La Stimolazione Cognitiva

Dettagli

LA PANDEMIA SILENTE DEL DIABETE: UN EMERGENZA SANITARIA, SOCIALE ED ECONOMICA

LA PANDEMIA SILENTE DEL DIABETE: UN EMERGENZA SANITARIA, SOCIALE ED ECONOMICA LA PANDEMIA SILENTE DEL DIABETE: UN EMERGENZA SANITARIA, SOCIALE ED ECONOMICA Antonio Nicolucci Direttore Dipartimento di Farmacologia Clinica e Epidemiologia, Consorzio Mario Negri Sud Coordinatore Data

Dettagli

DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO: DIAGNOSI E INTERVENTO IN AMBITO SCOLASTICO

DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO: DIAGNOSI E INTERVENTO IN AMBITO SCOLASTICO DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO: DIAGNOSI E INTERVENTO IN AMBITO SCOLASTICO «Figlio della borghesia di stato, cresciuto in una famiglia affettuosa, senza conflitti, circondato da adulti responsabili

Dettagli

LE FRAGILITA DELL ANZIANO FRAGILITA

LE FRAGILITA DELL ANZIANO FRAGILITA LE FRAGILITA DELL ANZIANO Motoria FRAGILITA Cerebro-vascolare Cognitiva Ambientale Metabolica STROKE 80 % ISCHEMICO EMORRAGICO 20 % CORTICALE A. cerebrale ant. A. cerebrale media A. cerebrale post. SOTTOCORTICALE

Dettagli

LO STRUMENTO DELL INDAGINE CLINICA. Prof. Leonardo Cocito DINOGMI, Università di Genova

LO STRUMENTO DELL INDAGINE CLINICA. Prof. Leonardo Cocito DINOGMI, Università di Genova LO STRUMENTO DELL INDAGINE CLINICA Prof. Leonardo Cocito DINOGMI, Università di Genova L INDAGINE CLINICA perché è insostituibile? A tutt oggi la definizione di demenza si fonda su aspetti clinici (integrati

Dettagli

LO STRUMENTO NEUROPSICOLOGICO LUISA BOSIA U.O. NEUROLOGIA IRCCS AZIENDA OSPEDALIERA SAN MARTINO-IST

LO STRUMENTO NEUROPSICOLOGICO LUISA BOSIA U.O. NEUROLOGIA IRCCS AZIENDA OSPEDALIERA SAN MARTINO-IST LO STRUMENTO NEUROPSICOLOGICO LUISA BOSIA U.O. NEUROLOGIA IRCCS AZIENDA OSPEDALIERA SAN MARTINO-IST Le Malattie dell encefalo comunemente causano modificazioni del comportamento capacitàdi mantenere una

Dettagli

definisce le modalità della presa in carico da parte di una specifica struttura dell'area riabilitativa; www.ilfisiatra.it 1

definisce le modalità della presa in carico da parte di una specifica struttura dell'area riabilitativa; www.ilfisiatra.it 1 All'interno del progetto riabilitativo, il programma riabilitativo definisce le aree di intervento specifiche, gli obiettivi a breve termine, i tempi e le modalità di erogazione degli interventi, gli operatori

Dettagli

Premessa. Il Presidente della Federazione Nazionale ALICE Dr. Giuseppe D Alessandro

Premessa. Il Presidente della Federazione Nazionale ALICE Dr. Giuseppe D Alessandro Premessa L Ictus Cerebrale, pur essendo in Italia la prima causa di invalidità, la seconda di demenza e la terza di morte, non ha ricevuto finora, a differenza di altre malattie altrettanto gravi per l

Dettagli

Importanza della Riabilitazione Cardiologica

Importanza della Riabilitazione Cardiologica Prevenire lo scompenso e le sue recidive Sessione II - Prevenzione, Terapia e Riabilitazione dello Scompenso Cardiaco Importanza della Riabilitazione Cardiologica Prevenire lo scompenso e le sue recidive

Dettagli

Flow-chart: Percorso del paziente con sospetto diagnostico di demenza MMG. Visita neurologica per sospetta demenza presso CDC

Flow-chart: Percorso del paziente con sospetto diagnostico di demenza MMG. Visita neurologica per sospetta demenza presso CDC Flow-chart: Percorso del paziente con sospetto diagnostico di demenza MMG Esami ematochimici: emocromo, glicemia, creatinina, ALT, Colesterolo, Trigliceridi, Na, K, Cl, VES, TSH reflex, Dosaggio vit B12

Dettagli

SCHEDA SANITARIA (redatta da MMG)

SCHEDA SANITARIA (redatta da MMG) Cognome me Nata/o a prov. il Residente a prov. c.a.p. via n. Anamnesi patologica remota Anamnesi patologica prossima Barthel Index [A] [B] [C] [A] dipende [B] con aiuto o saltuariamente [C] indipendente

Dettagli

Studio sulla capacità decisionale in relazione all abilità di scrittura e di firma in soggetti affetti da Mild Cognitive Impairment e da demenza.

Studio sulla capacità decisionale in relazione all abilità di scrittura e di firma in soggetti affetti da Mild Cognitive Impairment e da demenza. VIII Convegno IL CONTRIBUTO DELLE UNITA DI VALUTAZIONE ALZHEIMER (UVA) NELL ASSISTENZA DEI PAZIENTI CON DEMENZA 7 Novembre 2014 Istituto Superiore di Sanità Studio sulla capacità decisionale in relazione

Dettagli

Riepilogo del progetto

Riepilogo del progetto Riepilogo del progetto 1. Contesto e scopo della agenda strategica Le malattie neurodegenerative (MN) sono condizioni debilitanti e in gran parte incurabili, strettamente legate all'invecchiamento. Tra

Dettagli

49 Congresso Nazionale SIGG Firenze, 3-7 novembre 2004

49 Congresso Nazionale SIGG Firenze, 3-7 novembre 2004 49 Congresso Nazionale SIGG Firenze, 3-7 novembre 2004 Aumentato rischio di Mild Cognitive Impairment Amnesico in soggetti portatori dell allele ε 4 dell ApoE Valeria Cornacchiola, Roberto Monastero*,

Dettagli

TRIAGE NEI PAZIENTI FRAGILI

TRIAGE NEI PAZIENTI FRAGILI TRIAGE NEI PAZIENTI Infermiere Az. Osp. Univ. Policlinico di Modena Consigliere Gruppo Formazione Triage TRIAGE: Definizione delle priorità di trattamento dei pazienti sulla base della loro gravità clinica,

Dettagli

2 CONVEGNO DIABESITA

2 CONVEGNO DIABESITA 2 CONVEGNO DIABESITA La co-morbidità nel paziente con diabesità Dott. Roberto Gualdiero 7 Giugno 2014- CAVA DEI TIRRENI Diabesità è il neologismo coniato dall OMS per sottolineare la stretta associazione

Dettagli

ALLEGATO _C _ Dgr n. del pag. 1/7

ALLEGATO _C _ Dgr n. del pag. 1/7 giunta regionale 9^ legislatura ALLEGATO _C _ Dgr n. del pag. 1/7 Progetto ex Accordo Stato-Regioni rep. atti 13/CSR del 20/02/ 2014 per l utilizzo delle risorse vincolate per la realizzazione degli obiettivi

Dettagli

dr.ssa Fernanda Bernabei

dr.ssa Fernanda Bernabei I disturbi specifici dell apprendimento dr.ssa Fernanda Bernabei 1 IL DISTURBO SPECIFICO DELL APPRENDIMENTO Il disturbo specifico si presenta in genere come una difficoltà specifica isolata, in contrasto

Dettagli

sembra una Anche qui sembra questione di sesso: Aspirina e donne

sembra una Anche qui sembra questione di sesso: Aspirina e donne sembra una Anche qui sembra questione di sesso: Aspirina e donne The Women s Health Study Razionale per l uso di bassi dosaggi di aspirina nella prevenzione primaria Nella prevenzione secondaria delle

Dettagli

ASSISTENZA CONTINUATIVA INTEGRATA PER PAZIENTI AFFETTI DA TUMORI CEREBRALI Dall ospedale all assistenza domiciliare alle cure palliative.

ASSISTENZA CONTINUATIVA INTEGRATA PER PAZIENTI AFFETTI DA TUMORI CEREBRALI Dall ospedale all assistenza domiciliare alle cure palliative. ASSISTENZA CONTINUATIVA INTEGRATA PER PAZIENTI AFFETTI DA TUMORI CEREBRALI Dall ospedale all assistenza domiciliare alle cure palliative. Il modello di cure domiciliari integrate in sperimentazione all

Dettagli

Il Medico di Famiglia e la disabilità da deficit cognitivo nell anziano

Il Medico di Famiglia e la disabilità da deficit cognitivo nell anziano Il Medico di Famiglia e la disabilità da deficit cognitivo nell anziano DONATO Giuseppe*, FURNARI Giacomo, ZACCARI Clara ^ *medico di Medicina Generale (MMG) presso ASL RmF-distretto 2, medico referente

Dettagli

La palestra per la mente

La palestra per la mente La palestra per la mente Corso rivolto alla terza età Docenti: Dr.sse E. Pasquali, L. Cretella Associazione UmanaMente www.associazioneumanamente.org La palestra per la mente Corso rivolto alla terza età

Dettagli

in collaborazione con Keyword E U R O P A organizza il corso di aggiornamento scientifico OSTEOTEACH:

in collaborazione con Keyword E U R O P A organizza il corso di aggiornamento scientifico OSTEOTEACH: I t a l b i o f o r m a in collaborazione con Keyword E U R O P A organizza il corso di aggiornamento scientifico OSTEOTEACH: corso teorico-pratico sull osteoporosi postmenopausale Monza (MI) 26/05/2007

Dettagli

INDICATORI DI RISCHIO DEI DISTURBI SPECIFICI DEL LINGUAGGIO (D.S.L.)

INDICATORI DI RISCHIO DEI DISTURBI SPECIFICI DEL LINGUAGGIO (D.S.L.) INDICATORI DI RISCHIO DEI DISTURBI SPECIFICI DEL LINGUAGGIO (D.S.L.) Il ritardo del linguaggio ha un incidenza in età prescolare che varia, a seconda delle s7me, tra il 3% e il 15%. Gli studi epidemiologici

Dettagli

Foglio informativo per il paziente

Foglio informativo per il paziente DIPARTIMENTO CARDIO-TORACO-VASCOLARE E DI AREA CRITICA STRUTTURA COMPLESSA DI CHIRURGIA VASCOLARE DOTT. ENRICO VECCHIATI - DIRETTORE ANGIOPLASTICA STENTING DELLE CAROTIDI Foglio informativo per il paziente

Dettagli

I forfait per caso negli ospedali svizzeri. Informazioni di base per gli operatori sanitari

I forfait per caso negli ospedali svizzeri. Informazioni di base per gli operatori sanitari I forfait per caso negli ospedali svizzeri Informazioni di base per gli operatori sanitari Che cos è SwissDRG? SwissDRG (Swiss Diagnosis Related Groups) è il nuovo sistema tariffario per la remunerazione

Dettagli

Il case management della Suva (NCM) Thomas Mäder, responsabile Divisione prestazioni assicurative della Suva

Il case management della Suva (NCM) Thomas Mäder, responsabile Divisione prestazioni assicurative della Suva Il case management della Suva (NCM) Thomas Mäder, responsabile Divisione prestazioni assicurative della Suva Agenda 1. Il case management della Suva 1.1 Perché un nuovo approccio 1.2 Il processo di gestione

Dettagli

Infermieristica della salute mentale. Corso di Laurea in infermieristica A.A. 2014/2015 Dr. Gianfranco Preiti

Infermieristica della salute mentale. Corso di Laurea in infermieristica A.A. 2014/2015 Dr. Gianfranco Preiti Infermieristica della salute mentale Corso di Laurea in infermieristica A.A. 2014/2015 Dr. Gianfranco Preiti Le competenze dell infermiere in psichiatria e all interno dell equipe multi professionale La

Dettagli

Distretto di Carpi. Servizi socio-sanitari di sostegno al caregiver familiare 21 maggio 2011. Dr.ssa Rossana Cattabriga Dr. Giuseppe d'arienzo

Distretto di Carpi. Servizi socio-sanitari di sostegno al caregiver familiare 21 maggio 2011. Dr.ssa Rossana Cattabriga Dr. Giuseppe d'arienzo Distretto di Carpi Servizi socio-sanitari di sostegno al caregiver familiare 21 maggio 2011 Dr.ssa Rossana Cattabriga Dr. Giuseppe d'arienzo Settore Area Fragili U. O. Cure Primarie Area Disabili Area

Dettagli

Demenza Smemoratezza o qualcosa in più? Informazioni per gli interessati e i familiari

Demenza Smemoratezza o qualcosa in più? Informazioni per gli interessati e i familiari Demenza Smemoratezza o qualcosa in più? Informazioni per gli interessati e i familiari La smemoratezza non è necessariamente sinonimo di demenza, ma può esserlo. Un accertamento tempestivo conviene. Normale

Dettagli

SCLEROSI MULTIPLA: il volto quotidiano della malattia. Monza, 9 aprile 2014

SCLEROSI MULTIPLA: il volto quotidiano della malattia. Monza, 9 aprile 2014 SCLEROSI MULTIPLA: il volto quotidiano della malattia Monza, 9 aprile 2014 Diritti dei lavoratori affetti da SM Agevolazioni Legge. n. 104/92 [Permessi retribuiti, scelta, ove possibile, della sede di

Dettagli

La progressione clinica

La progressione clinica La progressione clinica I medici di fronte alla demenza nella donna e nell uomo Milano, 20 settembre 2014 Francesca Clerici Centro per il Trattamento e lo Studio dei Disturbi Cognitivi U.O. Neurologia

Dettagli

Efficacia di un nutraceutico a base di fosfatidilinositolo, acidi grassi n-3 e melatonina in pazienti affetti da Mild Cognitive Impairment: studio pilota Mariangela Rondanelli 1, Marco Mozzoni 1, Annalisa

Dettagli

CRITERI E MODALITA DI ACCESSO (ACC)

CRITERI E MODALITA DI ACCESSO (ACC) POLITICA CRITERI E MODALITA DI ACCESSO (ACC) U.O. RIABILITAZIONE PSICHIATRICA RESIDENZA FRA MOSE BONARDI L unità di recupero e rieducazione funzionale Fra Mose Bonardi è una struttura per la riabilitazione

Dettagli

il percorso assistenziale del paziente con scompenso cardiaco

il percorso assistenziale del paziente con scompenso cardiaco Consensus Conference: il percorso assistenziale del paziente con scompenso cardiaco Alessandro Filippi, Pasqualino Sforza, Pier Claudio Barsesco Area Cardiovascolare, SIMG Le patologie croniche saranno

Dettagli

Analisi costo-utilità (CUA)

Analisi costo-utilità (CUA) Analisi costo-utilità (CUA) ASPETTI FONDAMENTALI La CUA nasce per ovviare ai limiti della CEA, per analizzare i risultati dei possibili interventi di salute prendendo come riferimento la qualità in termini

Dettagli

III CONGRESSO NAZIONALE COMMISSIONE TECNICA NAZIONALE DIPARTIMENTO PSICHIATRIA

III CONGRESSO NAZIONALE COMMISSIONE TECNICA NAZIONALE DIPARTIMENTO PSICHIATRIA CORTE DI GIUSTIZIA POPOLARE PER IL DIRITTO ALLA SALUTE III CONGRESSO NAZIONALE IL DIRITTO ALLA SALUTE: UN DIRITTO INALIENABILE CRITICITA A CONFRONTO COMMISSIONE TECNICA NAZIONALE DIPARTIMENTO PSICHIATRIA

Dettagli

PROBLEMI FISICI DEL DISABILE

PROBLEMI FISICI DEL DISABILE PROBLEMI FISICI DEL DISABILE Scale di valutazione funzionale e classificazione della disabilita Classificazione malattie (eziologia, clinica) nell ICD della Organizzazione Mondiale Sanità 1970 Non riportata

Dettagli

CEDEM. Dal CeDeM alla ReteDem. Stefano De Carolis. Centro della Memoria Ospedale «Infermi» Scala B Piano VI

CEDEM. Dal CeDeM alla ReteDem. Stefano De Carolis. Centro della Memoria Ospedale «Infermi» Scala B Piano VI Giovan Francesco Nagli detto il Centino (not. 1638-1675) Sant Ubaldo libera un ossessa Azienda USL Rimini Stefano De Carolis Dal CeDeM alla ReteDem Responsabile Aziendale del Progetto Demenze per il territorio

Dettagli

LA COMUNICAZIONE POSSIBILE NELLA DEMENZA DI ALZHEIMER

LA COMUNICAZIONE POSSIBILE NELLA DEMENZA DI ALZHEIMER LA COMUNICAZIONE POSSIBILE NELLA DEMENZA DI ALZHEIMER Dott. Giorgio Della Pietà Psicologo mail: giorgiodp@hotmail.com Obie%vi Cos è la comunicazione La comunicazione verbale La comunicazione non verbale

Dettagli

Progetto: Interventi Psicosociali per le Demenze. Protocollo operativo:psicoterapia di gruppo per pazienti con Demenza e i loro familiari

Progetto: Interventi Psicosociali per le Demenze. Protocollo operativo:psicoterapia di gruppo per pazienti con Demenza e i loro familiari CENTRO MEDICO H. BERGER AVERSA Convenzionato con il S.S.N. Regione Campania - I.N.P.S. NEUROLOGIA-PSICHIATRIA-PSICOLOGIA-PSICOTERAPIE Sede Legale :Via Orabona n 33 Sede Operativa: Via Vito di Jasi n 16

Dettagli

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA PROGRAMMA STRAORDINARIO DI INTERVENTI PER L AUTISMO E GLI ALTRI DISTURBI PERVASIVI DELLO SVILUPPO

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA PROGRAMMA STRAORDINARIO DI INTERVENTI PER L AUTISMO E GLI ALTRI DISTURBI PERVASIVI DELLO SVILUPPO Allegato alla Delib.G.R. n. 44/ 10 del 31.10.2007 PROGRAMMA STRAORDINARIO DI INTERVENTI PER L AUTISMO E GLI ALTRI DISTURBI PERVASIVI DELLO SVILUPPO Premessa L autismo, assieme agli altri disturbi pervasivi

Dettagli

LE CONDIZIONI DI SALUTE

LE CONDIZIONI DI SALUTE LE CONDIZIONI DI SALUTE Condizione di salute della popolazione Con l evolversi del concetto di salute a livello internazionale da un approccio biomedico ad un modello multidimensionale, maturato in particolare

Dettagli

Il ruolo della formazione nella costruzione di una cultura geriatrica e multiprofessionale

Il ruolo della formazione nella costruzione di una cultura geriatrica e multiprofessionale Il ruolo della formazione nella costruzione di una cultura geriatrica e multiprofessionale Scuola di formazione specifica in medicina di famiglia Congresso SIGG/SIMG Regione Emilia Romagna Bologna 22-Ottobre-2011

Dettagli

EPIDEMIOLOGIA & SALUTE PUBBLICA

EPIDEMIOLOGIA & SALUTE PUBBLICA EPIDEMIOLOGIA & SALUTE PUBBLICA a cura del Medico Cantonale - vol. IV no. 9 Rete sanitaria: un opportunità? LAMal: una riforma del sistema sanitario Nel secondo dopoguerra, nei paesi occidentali il settore

Dettagli

DOLORE PSICHE E QUALITA DI VITA

DOLORE PSICHE E QUALITA DI VITA Convegno Nazionale Società Italiana di Chirurgia Ginecologica Endometriosi: patologia, clinica ed impatto sociale Sabato 8 Marzo 2014 - Bergamo ENDOMETRIOSI DOLORE PSICHE E QUALITA DI VITA A. Signorelli

Dettagli

Indice. Presentazione. Unità 1 Essere anziani oggi in Italia 1

Indice. Presentazione. Unità 1 Essere anziani oggi in Italia 1 Indice Presentazione xiii Unità 1 Essere anziani oggi in Italia 1 Capitolo 1 L anziano in Italia, diritti e questioni etiche 3 1.1 Essere anziani oggi in Italia 3 1.2 I diritti 6 1.3 Invecchiare bene 10

Dettagli

Il ruolo della professione infermieristica nell evoluzione evoluzione della domanda di salute. Maria Grazia Proietti

Il ruolo della professione infermieristica nell evoluzione evoluzione della domanda di salute. Maria Grazia Proietti Il ruolo della professione infermieristica nell evoluzione evoluzione della domanda di salute Maria Grazia Proietti il campo di competenza dell infermiere è rappresentato dal complesso delle attività rivolte

Dettagli

Demenze : La sfida del Territorio. Dott. Antonio Colin Responsabile Unità Valutativa Alzheimer ASL NA5 - Distretto 81 - Portici

Demenze : La sfida del Territorio. Dott. Antonio Colin Responsabile Unità Valutativa Alzheimer ASL NA5 - Distretto 81 - Portici Demenze : La sfida del Territorio Dott. Antonio Colin Responsabile Unità Valutativa Alzheimer ASL NA5 - Distretto 81 - Portici Evoluzione Popolazione Italiana - Lori et al. 1995 DEMENZA SENILE QUARTA CAUSA

Dettagli

Lo sviluppo di demenza in pazienti anziani con deficit cognitivo e fibrillazione atriale cronica: ruolo della risposta ventricolare.

Lo sviluppo di demenza in pazienti anziani con deficit cognitivo e fibrillazione atriale cronica: ruolo della risposta ventricolare. 57 Congresso MiCo Milano Convention Center 21/11/2012-24/11/2012 Lo sviluppo di demenza in pazienti anziani con deficit cognitivo e fibrillazione atriale cronica: ruolo della risposta ventricolare. Mastrobuoni

Dettagli

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI Che cos è la depressione? Tutti noi ci possiamo sentire tristi a volte, tuttavia la depressione è una cosa seria. La malattia della depressione a volte denominata Depressione

Dettagli

Indicatori di qualità dell assistenza ospedaliera per la popolazione anziana residente nel Lazio

Indicatori di qualità dell assistenza ospedaliera per la popolazione anziana residente nel Lazio LAZIOSANITÀ AGENZIA DI SANITÀ PUBBLICA Indicatori di qualità dell assistenza ospedaliera per la popolazione anziana residente nel Lazio Anno 2005 Regione Lazio Indicatori di qualità dell assistenza ospedaliera

Dettagli

STRUMENTI PER LA DIAGNOSI DI DSA. Bruna Codogno UST Belluno CTI di Belluno 20 febbraio 2013

STRUMENTI PER LA DIAGNOSI DI DSA. Bruna Codogno UST Belluno CTI di Belluno 20 febbraio 2013 STRUMENTI PER LA DIAGNOSI DI DSA Bruna Codogno UST Belluno CTI di Belluno 20 febbraio 2013 PRINCIPALI DIFFICOLTA NEL PORRE LA DIAGNOSI (ICD-10) 1. Distinguere il disturbo dalle normali variazioni del rendimento

Dettagli

ORGANIZZAZIONE DEI SERVIZI PSICHIATRICI TERRITORIALI

ORGANIZZAZIONE DEI SERVIZI PSICHIATRICI TERRITORIALI I Sessione: Il problema del lavoro rispetto alla psicopatologia e alla psicologia Malattie psichiatriche e lavoro Milano Ospedale San Raffaele 19 Novembre 2010 ORGANIZZAZIONE DEI SERVIZI PSICHIATRICI TERRITORIALI

Dettagli

METODOLOGIE RIABILITATIVE IN LOGOPEDIA VOL. 15

METODOLOGIE RIABILITATIVE IN LOGOPEDIA VOL. 15 METODOLOGIE RIABILITATIVE IN LOGOPEDIA VOL. 15 Collana a cura di Carlo Caltagirone Carmela Razzano Fondazione Santa Lucia, IRCCS, Roma Maria Donata Orfei Carlo Caltagirone Gianfranco Spalletta I disturbi

Dettagli

RIABILITAZIONE NEUROPSICOLOGICA

RIABILITAZIONE NEUROPSICOLOGICA PROGRAMMA MASTER ANNUALE DI II LIVELLO in: RIABILITAZIONE NEUROPSICOLOGICA NELL ADULTO E NELL ANZIANO III EDIZIONE TORINO 21 FEBBRAIO 2015-20 DICEMBRE 2015 (Scadenza iscrizioni 15 GENNAIO 2015) Organizzato

Dettagli

PROVINCIA DI BERGAMO SETTORE POLITICHE SOCIALI. Lavorare con cura

PROVINCIA DI BERGAMO SETTORE POLITICHE SOCIALI. Lavorare con cura PROVINCIA DI BERGAMO SETTORE POLITICHE SOCIALI Lavorare con cura PERCORSO FORMATIVO E DI AGGIORNAMENTO PER GLI A.S.A. E O.S.S. IMPIEGATI NEI SERVIZI DOMICILIARI AMBITI TERRITORIALI VAL SERIANA E VAL SERIANA

Dettagli

Psicologia e sicurezza stradale

Psicologia e sicurezza stradale Psicologia e sicurezza stradale Molteplici sono i dati sugli incidenti stradali che compaiono quotidianamente sulla stampa, specialmente nei periodi dei grandi esodi. I dati ISTAT, comunque allarmanti,

Dettagli

DEMENZE Cenni epidemiologici

DEMENZE Cenni epidemiologici DEMENZE Cenni epidemiologici Le demenze, rappresentano la quarta causa di morte negli ultra65enni. La prevalenza aumenta con l età ed è maggiore nel sesso femminile (5,3% Uomini e 7,2% Donne >65aa), specie

Dettagli

LA MALATTIA DI ALZHEIMER: DAL SOSPETTO CLINICO ALLA DIAGNOSI (Parte II)

LA MALATTIA DI ALZHEIMER: DAL SOSPETTO CLINICO ALLA DIAGNOSI (Parte II) LA MALATTIA DI ALZHEIMER: DAL SOSPETTO CLINICO ALLA DIAGNOSI (Parte II) Dr. Roberto Bombardi Dirigente Medico Neurologia Ospedale San. Bassiano 11 Ottobre 2014 -Bassano del Grappa Eavluationofcognitive

Dettagli

I DISTURBI SPECIFICI DI LINGUAGGIO (DSL)

I DISTURBI SPECIFICI DI LINGUAGGIO (DSL) I DISTURBI SPECIFICI DI LINGUAGGIO (DSL) Premessa La tutela della Salute materno- infantile e la riabilitazione in età evolutiva, ha valenza strategica nei sistemi sanitari, sia per le ripercussioni sul

Dettagli

Palliative Care in Older Patients

Palliative Care in Older Patients Palliative Care in Older Patients Perchèla cura palliativa degli anziani sta diventando una prioritàsanitaria mondiale? 1) Population Ageing Chi cura chi Proiezioni in % 2) Polipatologie croniche Cause

Dettagli

ASPETTI PSICHIATRICI

ASPETTI PSICHIATRICI Le nuove droghe e addiction comportamentali Varese, 5 dicembre 2012 ASPETTI PSICHIATRICI Marcello Diurni RELAZIONE ANNUALE 2011 DELL'OSSERVATORIO EUROPEO DELLE DROGHE E TOSSICODIPENDENZE Cannabis: Prevalenza

Dettagli

INFORMAZIONI SULLO STUDIO VILLA GARDA-OXFORD

INFORMAZIONI SULLO STUDIO VILLA GARDA-OXFORD INFORMAZIONI SULLO STUDIO VILLA GARDA-OXFORD Confronto fra due forme di psicoterapia cognitivo comportamentale ospedaliera per i disturbi dell alimentazione Gentile paziente, la Casa di Cura Villa Garda

Dettagli

DIMISSIONI PROTETTE E ASSISTENZA DOMICILIARE. MARIA IMMACOLATA COZZOLINO GERIATRA DIRETTORE DISTRETTO RMF1 mariai.cozzolino@aslrmf.

DIMISSIONI PROTETTE E ASSISTENZA DOMICILIARE. MARIA IMMACOLATA COZZOLINO GERIATRA DIRETTORE DISTRETTO RMF1 mariai.cozzolino@aslrmf. DIMISSIONI PROTETTE E ASSISTENZA DOMICILIARE MARIA IMMACOLATA COZZOLINO GERIATRA DIRETTORE DISTRETTO RMF1 mariai.cozzolino@aslrmf.it Popolazione anziana Distretto RMF1 Dati 2000 65-74 75-84 >85 M 3397

Dettagli

LE CRONICITA IN MEDICINA GENERALE

LE CRONICITA IN MEDICINA GENERALE Università Vita-Salute San Raffaele Facoltà di Medicina e Chirurgia LE CRONICITA IN MEDICINA GENERALE Dott. Andrea Mangiagalli Medico di Famiglia Università Vita-Salute San Raffaele Facoltà di Medicina

Dettagli

M. Lang - Una persona nervosa 13/11/2011. Una persona nervosa

M. Lang - Una persona nervosa 13/11/2011. Una persona nervosa Una persona nervosa 1 Caso: Una persona nervosa modificato da DSM-IV-TR CASI CLINICI, p. 235 Un tappezziere coniugato di 27 anni lamenta vertigini, tremore alle mani, palpitazioni e ronzii alle orecchie

Dettagli

PROGETTO DI ANIMAZIONE

PROGETTO DI ANIMAZIONE PROGETTO DI ANIMAZIONE BRAINER RIABILITAZIONE COGNITIVA CON IL COMPUTER NELL ANZIANO INTRODUZIONE Dalla fine del 2009 con l'impiego di una postazione Brainer di stimolazione intellettiva, è iniziata una

Dettagli

Il laureato in scienze motorie: cosa fa, cosa non fa e cosa si aspetta dagli altri membri dell'équipe

Il laureato in scienze motorie: cosa fa, cosa non fa e cosa si aspetta dagli altri membri dell'équipe Relazione presentata dal Prof. Paolo Raimondi * alla Giornata di Aggiornamento del GSS del 25 ottobre 2008 * Professore associato Dipartimento di Ingegneria Meccanica Energetica e Gestionale. Facoltà di

Dettagli

FAQ LE DOMANDE PIÙ FREQUENTI. Cosa s intende per malattie cardiovascolari? Il rischio di andare incontro a infarto è uguale per uomini e donne?

FAQ LE DOMANDE PIÙ FREQUENTI. Cosa s intende per malattie cardiovascolari? Il rischio di andare incontro a infarto è uguale per uomini e donne? Cosa s intende per malattie cardiovascolari? Le malattie cardiovascolari sono tutte quelle patologie che colpiscono il cuore e/o i vasi sanguigni. In caso di malattia si verifica una lesione in uno o più

Dettagli

Prevenire mortalità e morbosità cardiovascolare mediante la valutazione del rischio individuale

Prevenire mortalità e morbosità cardiovascolare mediante la valutazione del rischio individuale ASSESSORATO DELL'IGIENE E SANITA' E DELL'ASSISTENZA SOCIALE PIANO OPERATIVO DEL PRP REGIONE SARDEGNA 200-202 ) Regione: Regione Autonoma della Sardegna Allegato 2 2) Titolo del progetto o del programma:

Dettagli

ADI per Alzheimer : un progetto sperimentale di assistenza. O. Casati; C. Negri Chinaglia, S.Chirchiglia; P. Bertolaia

ADI per Alzheimer : un progetto sperimentale di assistenza. O. Casati; C. Negri Chinaglia, S.Chirchiglia; P. Bertolaia ADI per Alzheimer : un progetto sperimentale di assistenza O. Casati; C. Negri Chinaglia, S.Chirchiglia; P. Bertolaia CONTESTO GENERALE In Italia l 80% circa dei pazienti affetti da demenza è assistita

Dettagli

ABBIGLIAMENTO PER LA NON AUTOSUFFICIENZA un opportunità di sviluppo per il distretto. Loredana Ligabue Direttore ANZIANI E NON SOLO soc.

ABBIGLIAMENTO PER LA NON AUTOSUFFICIENZA un opportunità di sviluppo per il distretto. Loredana Ligabue Direttore ANZIANI E NON SOLO soc. ABBIGLIAMENTO PER LA NON AUTOSUFFICIENZA un opportunità di sviluppo per il distretto Loredana Ligabue Direttore ANZIANI E NON SOLO soc. coop Invecchiamento della popolazione L invecchiamento della popolazione

Dettagli

I costi sociali ed economici della malattia di Alzheimer: cosa è cambiato?

I costi sociali ed economici della malattia di Alzheimer: cosa è cambiato? I costi sociali ed economici della malattia di Alzheimer: cosa è cambiato? Firenze 29 novembre 2007 Ketty Vaccaro Perché tornare a parlare di Alzheimer A sette anni dalla realizzazione dell indagine Censis

Dettagli

Il telemonitoraggio nel paziente con dispositivo impiantabile (ICD o PM): la tecnologia per la sicurezza e la qualità di vita

Il telemonitoraggio nel paziente con dispositivo impiantabile (ICD o PM): la tecnologia per la sicurezza e la qualità di vita Il telemonitoraggio nel paziente con dispositivo impiantabile (ICD o PM): la tecnologia per la sicurezza e la qualità di vita Autrici: Carlesso Giulia, Corso Marilisa 33 Congresso Nazionale ANIARTI 5-7

Dettagli

Ministero della Salute. Piano di indirizzo per la Riabilitazione

Ministero della Salute. Piano di indirizzo per la Riabilitazione Ministero della Salute Piano di indirizzo per la Riabilitazione La riabilitazione è disciplina medica - scientificamente certa - socialmente congrua - economicamente sostenibile I numeri della riabilitazione

Dettagli

PROGETTO DI CONTINUITA ASSISTENZIALE PER I PAZIENTI CON SLA E LE LORO FAMIGLIE

PROGETTO DI CONTINUITA ASSISTENZIALE PER I PAZIENTI CON SLA E LE LORO FAMIGLIE ALLEGATO 1 PROGETTO DI CONTINUITA ASSISTENZIALE PER I PAZIENTI CON SLA E LE LORO FAMIGLIE Il presente progetto è finalizzato alla sperimentazione nella Regione Piemonte di un percorso di presa in carico

Dettagli

INDICE DI MASSA CORPOREA E RISCHIO DI DEMENZA, DATI DAL KUNGSHOLMEN PROJECT

INDICE DI MASSA CORPOREA E RISCHIO DI DEMENZA, DATI DAL KUNGSHOLMEN PROJECT S.I.G.G. Società Italiana di Gerontologia e Geriatria 49 CONGRESSO NAZIONALE S.I.G.G. Firenze 3-10 Novembre 2004 INDICE DI MASSA CORPOREA E RISCHIO DI DEMENZA, DATI DAL KUNGSHOLMEN PROJECT A.R. Atti 1,2,

Dettagli

Progetto di Assistenza Domiciliare

Progetto di Assistenza Domiciliare Progetto di Assistenza Domiciliare Per curare efficacemente un malato cronico, oggi non è più sufficiente limitarsi alla corretta interpretazione dei segni e dei sintomi clinici della malattia e/o alla

Dettagli

Neuropsicologia. Corso Alta Formazione. Clinica Integrata nell adulto e nell anziano IV edizione. Associazione Spazio Iris. www.spazioiris.

Neuropsicologia. Corso Alta Formazione. Clinica Integrata nell adulto e nell anziano IV edizione. Associazione Spazio Iris. www.spazioiris. Corso Alta Formazione Neuropsicologia Clinica Integrata nell adulto e nell anziano IV edizione Milano - Novembre 2015 OBIETTIVI FORMATIVI L'obiettivo principale del corso di formazione sarà quello di fornire

Dettagli