SOMMARIO 1. DATI TECNICI CARATTERISTICHE GENERALI... 7

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "SOMMARIO 1. DATI TECNICI... 5 2. CARATTERISTICHE GENERALI... 7"

Transcript

1

2 ! $"$ $' #$,"&&&&$'""#"&& "& ( " "''# $* "## &"$'"&&'"'" # &!$#'-&'#$&& "'& )!&$' #")%"$% "&!!" && #$%""! *" '" *+*'"" & "&$ &$%"# "!" "'! #

3 MX3VIR016B MDI/D SOMMARIO 1. DATI TECNICI CARATTERISTICHE GENERALI DESCRIZIONE FUNZIONAMENTO Protezione di minima tensione Protezione di massima tensione Protezione di minima sequenza diretta di tensione Protezione di massima sequenza inversa di tensione Protezione di massima tensione omopolare Protezione di minima frequenza Protezione di massima frequenza Mancata apertura interruttore (BF) Protezione relè di frequenza a sblocco voltmetrico (81V) Regolazioni principali e di riserva FUNZIONI ACCESSORIE Diagnostica Circuiti di uscita Circuiti di segnalazione LED Ingressi digitali Temporizzatori addizionali Contatori Registrazione eventi Misure Test Codice alfanumerico Lingua Impostazione LCD Inibizione funzionamento - deconfigurazione da rete Comunicazione su bus di campo Comunicazione seriale RS485 protocollo MODBUS Oscilloperturbografia Controllo continuità circuiti di scatto INTERFACCIA LOCALE STRUTTURA MENU' SU LCD MENU' PRINCIPALE DI LETTURA Modifica lingua di dialogo Modifica data e ora Visualizzazione delle tarature in uso Visualizzazione valori tarature principali Visualizzazione valori tarature di riserva Visualizzazione valori di misura attuali Visualizzazione contatori Visualizzazione eventi Visualizzazione relè di uscita Visualizzazione ingressi digitali Visualizzazione led Visualizzazione dati relè Visualizzazione diagnostica MENU' PRINCIPALE DI MODIFICA IMPOSTAZIONE Scelta gruppo di tarature attivo Modifica valori tarature principali Modifica valori tarature di riserva Configurazione relè di uscita Configurazione ingressi digitali Configurazione LED Impostazione codice alfanumerico Retroilluminazione LCD MENU' TEST pag. 3

4 MX3VIR016 B MDI/D APPLICAZIONE ED USO INSTALLAZIONE - TRASPORTO Cariche elettrostatiche ESD Accettazione - immagazzinamento Montaggio e collegamento MESSA IN SERVIZIO Norme di sicurezza Verifica dei dati nominali di targa Verifica finale pag. 4

5 1. DATI TECNICI Il dispositivo appartiene alla linea Modulex 3, ed elabora le quattro tensioni per fornire una protezione di minima-massima tensione, massima tensione omopolare e minima-massima frequenza. L'interfaccia utente è possibile in loco tramite visualizzatore e a distanza per mezzo di un bus MODBUS con un sistema di controllo e di supervisione. E' inoltre in grado di colloquiare, tramite il connettore posto sul fronte del relè e un programma di interfaccia, con un Personal Computer; il che rende più agevole e sicura la programmazione dei parametri di regolazione e configurazione e la lettura dei valori impostati, delle misure e delle registrazioni; la programmazione può anche essere eseguita da files precedentemente predisposti. Funzioni aggiunte dalla versione 3.00: Ÿ misura mediata delle tensioni UA, UB e UC (con aggregazione di 10 minuti dei valori di tensione e aggiornamento ogni 3 secondi) Ÿ soglia U> a tempo indipendente associabile ai valori mediati delle tensioni Ÿ ingresso Ap-52, per la verifica dello stato di aperto/chiuso dell'interruttore, con associate le seguenti funzionalità: Ÿ disabilitazione della PI (inibizione della funzione di protezione) all'attivazione dell'ingresso digitale Ap-52 (DDI aperto) Ÿ alla disabilitazione dell'ingresso Ap-52, per il tempo impostato in T-tAp52, le soglie Uo> e Uo>> e le soglie f>> e f<< utilizzano il tempo di intervento impostato nel temporizzatore tap52. Funzioni di protezione: Ÿ possibilità di due gruppi di regolazioni, principali e di riserva Ÿ tutte le soglie hanno caratteristica di intervento a tempo indipendente Ÿ minima tensione tripolare a due soglie con logica di intervento OR o AND rispetto alle tre tensioni di ingresso impostabile separatamente su ogni soglia. Ÿ massima tensione tripolare a due soglie con logica di intervento OR o AND rispetto alle tre tensioni di ingresso impostabile separatamente su ogni soglia. Ÿ massima tensione omopolare a due soglie con ingresso diretto del segnale di tensione omopolare da TV a triangolo aperto o possibilità di ricostruzione della tensione omopolare dalle tre tensioni stellate Ÿ minima frequenza a due soglie Ÿ massima frequenza a due soglie Funzioni di misura: Ÿ valori efficaci di tensione (fase o fase-fase e omopolare), espressi in multipli di Un e Uon Ÿ valori efficaci di tensione di fase (o fase-fase), espressi in volt primari Ÿ valore di frequenza espresso in Hz Ÿ registrazione degli ultimi otto eventi con memorizzazione dei valori di soglia intervenuta, data, ora e valore delle grandezze UA,UB,UC,Uo e frequenza. Ÿ oscilloperturbografia: registrazione, per un tempo totale di 2.5 s, dei valori istantanei (12 campioni al periodo) delle Ÿ grandezze in ingresso (UA,UB,UC,Uo), e dei 19 stati logici relè finali,leds, ingressi digitali e temporizzatori addizionali RCE: registrazione degli ultimi 32 cambiamenti di stato (con relativa data e ora); resi disponibili esclusivamente mediante PC o rete. Altre funzioni: Ÿ selezione della lingua di dialogo (Italiano,Inglese,Francese e Spagnolo) Ÿ autodiagnosi con dettaglio del tipo di guasto e allarme tramite LEDs e relè di uscita (X6) "normalmente eccitato" Ÿ possibilità di comunicazione seriale sia verso un PC locale che su bus MODBUS. Ÿ disponibilità di tre temporizzatori ausiliari assegnabili agli ingressi digitali Ÿ possibilità di assegnare una o più funzioni del dispositivo a ciascun relè di uscita ed a ciascun LED Ÿ possibilità di predisporre i relè di uscita come "tutti normalmente eccitati" o "tutti normalmente diseccitati" Ÿ possibilità di scegliere per ciascun relè di uscita e per ciascun LED, il modo di funzionamento monostabile o bistabile (memorizzato) Ÿ possibilità di assegnare a ciascun relè di uscita una durata minima d'impulso Ÿ ingressi digitali optoisolati (configurabil DC e/o AC) programmabili per funzioni di blocco, comando e reset attivabili singolarmente a lancio o a mancanza. Possibilità di utilizzo per realizzare il controllo della continuità del circuito di scatto Ÿ numeratori parziali e totali per ogni soglia di scatto PROTEZIONE DI TENSIONE DI FASE (o FASE-FASE) tensione nominale: Un: V a gradini di 0.1 V campo di misura: V campo di frequenza di funz. per le misure per fn 50Hz: Hz campo di frequenza di funz. per le misure per fn 60Hz: Hz sovraccaricabilità permanente: 200 V sovraccaricabilità per 10 s: 250 V consumo a 100 V: 0.6 VA per fase Protezione di minima tensione U< (27) prima soglia U<: Un / OFF modo di funzionamento OR / AND ritardo segnalazione di avviamento tstart: s ritardo scatto t1: s seconda soglia U<<: Un / OFF modo di funzionamento OR / AND ritardo segnalazione di avviamento tstart: s ritardo scatto t2: s risoluzione regolazioni soglie: risoluzione regolazioni tempi: Protezione di massima tensione U> (59) Un 0.01 s prima soglia U>: Un / OFF modo di funzionamento OR/AND/MED ritardo segnalazione di avviamento tstart: s ritardo scatto t3: s seconda soglia U>>: Un / OFF modo di funzionamento OR / AND ritardo segnalazione di avviamento tstart: s ritardo scatto t4: s risoluzione regolazioni soglie: risoluzione regolazioni tempi: Un 0.01 s pag. 5

6 Protezione di minima sequenza diretta di tensione U1< (47<) soglia U1<: Un / OFF ritardo segnalazione di avviamento tstart: s ritardo scatto t5: s Protezione di massima sequenza inversa di tensione U2> (47>) soglia U2>: Un / OFF ritardo segnalazione di avviamento tstart: s ritardo t6: s risoluzione regolazioni soglie: risoluzione regolazioni tempi: Un 0.01 s REGOLAZIONI ACCESSORIE tensione nominale primaria TV di fase: V a gradini di: 1 V frequenza nominale fn: 50 o 60 Hz durata minima impulso relè finali timp: s temporizzatore addizionale tx1: s temporizzatore addizionale tx2: s temporizzatore addizionale tx3: s 81V ritardo scatto t 81V: s 81V ritenuta LFSM tr81v: s 81V ritenuta ingresso digitale trindig: s tempo mancata apertura interruttore tbf: s tempo utilizzo t Ap52 T-tAp52: s tempo t Ap52 (alla richiusura del DDI) tap52: s PROTEZIONE DI TENSIONE OMOPOLARE Uo> (59N) misura di Uo: diretta / ricostruita Uo=(UA+UB+UC): 3 tensione nominale con misura diretta: Uon: V a gradini di 0.1 V tensione nominale con misura ricostuita: Uon: Uon= 3 Un misura di Uo ricostruita attiva per max(ua,ub,uc) > 0.1 Un campo di misura: V sovraccaricabilità permanente: 200 V sovraccaricabilità 10 s: 250 V consumo a 100 V: 0.6 VA Alimentazione ausiliaria versioni MX3VIR016B.11,.61 e.71 versioni MX3VIR016B.12,.62 e.72 frequenza per Uaux in c.a.: consumo (minimo/massimo) in c.c.: consumo (minimo/massimo) in c.a.: Uaux: Uaux: Uaux: Uaux: Vcc Vca Vcc Vca Hz 5 W / 10 W 10VA / 20VA Regolazioni prima soglia Uo>: Uon / OFF ritardo segnalazione di avviamento tstart: s ritardo scatto to1: s tempo di ritenuta treset: s seconda soglia Uo>>: Uon / OFF ritardo segnalazione di avviamento tstart: s ritardo scatto to2: s tempo di ritenuta treset: s risoluzione regolazioni soglie: risoluzione regolazioni tempi: Uon 0.01 s PROTEZIONE DI FREQUENZA 0.01s frequenza nominale fn: 50 o 60 Hz blocco per minima tensione max(ua,ub,uc) 0.1 Un Protezione di minima frequenza f< (81<) prima soglia fn:50 Hz f<: Hz / OFF ritardo segnalazione di avviamento tstart: s ritardo scatto t5: s seconda soglia fn:50 Hz f<<: Hz / OFF ritardo segnalazione di avviamento tstart: s ritardo scatto t6: s risoluzione regolazioni soglie: risoluzione regolazioni tempi: Protezione di massima frequenza (81>) 0.01 Hz 0.01 s prima soglia fn:50 Hz f>: Hz / OFF ritardo segnalazione di avviamento tstart: s ritardo scatto t7: s prima soglia fn:50 Hz f>>: Hz / OFF ritardo segnalazione di avviamento tstart: s ritardo scatto t8: s risoluzione regolazioni soglie: risoluzione regolazioni tempi: 0.01 Hz 0.01 s Caratteristiche contatti corrente nominale: 5 A potere di interruzione (110 Vcc; L/R= 40 ms; 10 5 manovre): 0.3 A chiusura e portata per 0.5 s: 30 A vita meccanica: 10 6 manovre Ingressi digitali versioni MX3VIR016B.11,.61 e.71 Uaux IN DIG: resistenza di ingresso: versioni MX3VIR016B.12,.62 e.72 Uaux IN DIG: resistenza di ingresso: Errori dell'equipaggio di misura Soglie di tensione errore relativo : errore di fedeltà : Soglie di frequenza errore relativo : errore di fedeltà : Variazione degli errori Vcc Vca 9 kohm Vcc Vca 48 kohm 2.5% sul punto V 1% sul punto V al variare della frequenza nel campo ± 5% fn (per misure di tensione) ± 10Hz (per misure di frequenza) e con fattore di distorsione 5% Ÿ Soglia di tensione errore relativo : Ÿ Soglia di frequenza errore relativo : Ÿ errore relativo : 0.01 Hz 0.01 Hz 1% sul punto V 0.01 Hz al variare della temperatura e della Uaux nel campo di funzionamento Soglia di tensione omopolare errore relativo : Soglia di frequenza per grandezze asimmetriche 0.5% sul punto V 0.01 Hz errore Ÿ relativo in presenza di unidirezionale: 5% pag. 6

7 Errori sui tempi errore relativo sui tempi indipendenti: Ÿ errore di fedeltà sui tempi indipendenti: Variazione Ÿ degli errori sui tempi Altre caratteristiche rapporto di ricaduta soglie di massima: > 0.95 rapporto di ricaduta soglie di minima: < 1.03 ricaduta soglie di massima frequenza: (soglia ) Hz ricaduta soglie di minima frequenza: (soglia ) Hz tempo di ricaduta: 50 ms tempo di inerzia (overshoot): 30 ms Campi di impiego temperatura di funzionamento: -10 C +60 C temperatura di magazzinaggio e trasporto: -25 C +80 C umidità relativa: < 95% senza formazione di condensa vibrazioni: IEC ; classe 2; 0.075mm 10-60Hz; 1g Hz Peso totale: Grado di protezione dispositivo: a richiesta fronte quadro: morsettiera con copertura montata: Isolamento Verso massa e tra due qualsiasi circuiti indipendenti: 2 kv, 50 Hz per un minuto Tenuta a impulso: 5 kv 1.2/50 µs Compatibilità elettromagnetica Direttiva 2004/108/CE : CEI EN CEI EN Per ambienti industriali UNIPEDE NORM(SPEC)13 "Automation and control apparatus for generating station and substation" ENEL R_EMC_02 "Apparati di automazione e controllo per centrali e stazioni elettriche". condizioni di compatibilità elettromagnetica: CEI EN liv.5; 1000 A/m CEI EN liv.5; 100 A/m CEI EN liv.3; 10 V/m CEI ENV liv.3; 10 V/m CEI EN liv.4; 8kV contatto;15kv in aria CEI EN liv.4 / 3; 300V / V CEI EN liv.4; 4kV 1.2/50 µs CEI EN liv.3; 2 kv CEI EN liv.3; 2.5 kv CEI EN liv.4; 4 kv CEI EN liv.3; 10 V CEI EN classe 3 CEI EN > 20 ms IEC/CISPR 11 EN gruppo 1 classe A Normative di riferimento CEI EN CEI EN CEI EN Direttiva bassa tensione 2006/95/CE CEI EN CEI EN CEI EN CEI EN CEI EN % o 20 ms 1% o 20 ms al variare della temperatura e della Uaux nel campo di funzionamento errore relativo sui tempi indipendenti: 0.5% o 10 ms 2.5 Kg IP52 IP66 IP20 2. CARATTERISTICHE GENERALI Il dispositivo è caratterizzato da una struttura meccanica di altezza 4U e larghezza tale da consentirne l'alloggiamento fino a 4 pezzi in un rack 19" oltre che il normale montaggio ad incasso. La custodia è composta da una struttura in lamiera zincata a caldo, rivestita in PVC, entro la quale, mediante guide, scorre la parte mobile portante tutta la circuiteria elettronica e l'interfaccia locale. Il movimento di estrazione è facilitato dall'utilizzo di apposite 'maniglie', che in condizioni di dispositivo inserito servono al bloccaggio delle due parti. La struttura in alluminio della parte mobile ne garantisce una buona rigidità. Le morsettiere di interfaccia con l'impianto sono poste sulla parte posteriore della custodia e per ogni collegamento elettrico è disponibile un morsetto a vite atto a ricevere fino a due capicorda da 4mm 2 ; mediante opportuno accessorio fornito a corredo il collegamento può essere eseguito anche a faston. Appositi codici antisbaglio evitano l'introduzione di relé diversi da quelli compatibili con la custodia. Il montaggio di una copertura garantisce alla morsettiera un grado di protezione IP20. All'estrazione della parte mobile, si ha il cortocircuito automatico degli ingressi amperometrici e il sezionamento dei circuiti voltmetrici e ausiliari. Sul fronte del dispositivo sono previste due targhette: una riportante la configurazione di fabbrica dell'apparecchiatura relativa a tensione ausiliaria, corrente nominale e frequenza; l'altra, sempre secondo la configurazione di fabbrica, esplicativa delle segnalazioni a LED. Entrambe le etichette possono essere facilmente sostituite da altre riportanti diciture secondo le esigenze dell'utente. Per la configurazione di fabbrica relativa a: relè di uscita, LEDs, ingressi digitali e regolazioni vedere tabelle A, B e C. pag. 7

8 3. DESCRIZIONE FUNZIONAMENTO 3.1 Protezione di minima tensione La protezione di minima tensione, che può operare con logica di intervento OR o AND impostabile, opera comparando ciascun ingresso di tensione UA, UB e UC con le soglie U<, U<<. Con logica di intervento impostata OR, quando una o più tensioni scendono sotto la soglia si ha l'avviamento sia dei temporizzatori tstart che quelli di scatto t1, t2. Se la condizione permane, allo scadere del tempo tstart associato, viene emesso il comando di avviamento ritardato. Se anche i temporizzatori di scatto raggiungono il valore di fine tempo impostato, viene emesso il comando di scatto ed eventualmente la segnalazione corrispondente alle fasi guaste; vengono inoltre incrementati i contatori totali e parziali relativi alla soglia intervenuta e viene attivata la registrazione eventi. Con logica di intervento impostata AND, è necessario che tutte le tensioni scendano sotto la soglia per determinare l'avviamento dei temporizzatori tstart e di scatto t1, t2. Se la condizione permane, allo scadere del tempo tstart associato, viene emesso il comando di avviamento ritardato. Se anche i temporizzatori di scatto raggiungono il valore di fine tempo impostato, viene emesso il comando di scatto ed eventualmente la segnalazione corrispondente alle fasi guaste; vengono inoltre incrementati i contatori totali e parziali relativi alla soglia intervenuta e viene attivata la registrazione eventi. I temporizzatori tstart, t1 e t2 hanno caratteristica a tempo indipendente. Se viene attivato un opportuno ingresso digitale a cui è stata attribuita la funzione di blocco soglie, i registri di avviamento vengono tenuti a zero,impedendo ogni intervento, fino alla disattivazione dell' ingresso stesso. 3.2 Protezione di massima tensione La protezione di massima tensione, che può operare con logica di intervento OR, AND o MED impostabile, opera comparando ciascun ingresso di tensione UA, UB e UC (istantaneo o mediato) con le soglie U>, U>>. Con logica di intervento impostata OR, il superamento di una soglia da parte di una o più tensioni istantanee determina l'avviamento sia dei temporizzatori tstart che quelli di scatto t3, t4. Se la condizione permane, allo scadere del tempo tstart associato, viene emesso il comando di avviamento ritardato. Se anche i temporizzatori di scatto raggiungono il valore di fine tempo impostato, viene emesso il comando di scatto ed eventualmente la segnalazione corrispondente alle fasi guaste; vengono inoltre incrementati i contatori totali e parziali relativi alla soglia intervenuta e viene attivata la registrazione eventi. Con logica di intervento impostata AND, solo il superamento da parte di tutte tre le tensioni istantanee della soglia impostata determina l'avviamento dei temporizzatori tstart e di scatto t3, t4. Se la condizione permane, allo scadere del tempo tstart associato, viene emesso il comando di avviamento ritardato. Se anche i temporizzatori di scatto raggiungono il valore di fine tempo impostato, viene emesso il comando di scatto ed eventualmente la segnalazione corrispondente alle fasi guaste; vengono inoltre incrementati i contatori totali e parziali relativi alla soglia intervenuta e viene attivata la registrazione eventi. La logica di intervento MED, applicabile solo alla soglia U>, ha lo stesso comportamento dell'impostazione OR, con la differenza che le soglie sono confrontate con i valori mediati delle tensioni. Il calcolo delle tensioni mediate si basa sulla misura dell'aggregazione di 10 minuti delle tensioni, con aggiornamenti ogni 3 secondi. I temporizzatori tstart, t3 e t4 hanno caratteristica a tempo indipendente. Se viene attivato un opportuno ingresso digitale a cui è stata attribuita la funzione di blocco soglie i registri di avviamento vengono tenuti a zero,impedendo ogni intervento, fino alla disattivazione dell' ingresso stesso. 3.3 Protezione di minima sequenza diretta di tensione La protezione opera comparando la misura di sequenza diretta con la soglia impostata U1<: la discesa della tensione sotto la soglia determina l'avviamento sia del temporizzatore tstart che quello di scatto t5. Se la condizione permane, allo scadere del tempo tstart, viene emesso il comando di avviamento ritardato. Se anche il temporizzatore di scatto raggiunge il valore di fine tempo t5 impostato, viene emesso il comando di scatto; vengono inoltre incrementati i contatori totali e parziali relativi alla soglia di minima sequenza diretta e viene attivata la registrazione eventi. I temporizzatori tstart e t5 hanno caratteristica a tempo indipendente. Se nessuna delle tensioni UA,UB e UC è maggiore di 0.2Un, la tensione U1 è assunta a zero volt. Se viene attivato un opportuno ingresso digitale a cui è stata attribuita la funzione di blocco il registro di avviamento viene tenuto a zero,impedendo ogni intervento, fino alla disattivazione dell' ingresso stesso. 3.4 Protezione di massima sequenza inversa di tensione La protezione opera comparando la misura di sequenza inversa con la soglia impostata U2>: il superamento della soglia determina l'avviamento sia del temporizzatore tstart che quello di scatto t6. Se la condizione permane, allo scadere del tempo tstart, viene emesso il comando di avviamento ritardato. Se anche il temporizzatore di scatto raggiunge il valore di fine tempo t6 impostato, viene emesso il comando di scatto; vengono inoltre incrementati i contatori totali e parziali relativi alla soglia di massima sequenza inversa e viene attivata la registrazione eventi. I temporizzatori tstart e t6 hanno caratteristica a tempo indipendente. Se nessuna delle tensioni UA,UB e UC è maggiore di 0.2Un, la tensione U2 è assunta a zero volt. Se viene attivato un opportuno ingresso digitale a cui è stata attribuita la funzione di blocco il registro di avviamento viene tenuto a zero,impedendo ogni intervento, fino alla disattivazione dell' ingresso stesso. pag. 8

9 3.5 Protezione di massima tensione omopolare La protezione di massima tensione omopolare opera comparando la tensione omopolare Uo rilevata (segnale proveniente direttamente dal TV a triangolo aperto) o ricostruita (calcolata dalle tensioni stellate) con le soglie Uo>, Uo>>. La ricostruzione è corretta solo se il relè è inserito sulle tre tensioni di fase (stellate) ed è operativa solo con tensionemax(ua,ub,uc)>0.1un. Il superamento di una soglia determina l'avviamento sia dei temporizzatori tostart che quelli di scatto to1, to2. Se la condizione permane, allo scadere del tempo tstart associato, viene emesso il comando di avviamento ritardato. Se anche i temporizzatori di scatto raggiungono il valore di fine tempo impostato, viene emesso il comando di scatto ed eventualmente la segnalazione corrispondente alle fasi guaste; vengono inoltre incrementati i contatori totali e parziali relativi alla soglia intervenuta e viene attivata la registrazione eventi. I temporizzatori tstart, to1 e to2 hanno caratteristica a tempo indipendente. Se viene attivato un opportuno ingresso digitale a cui è stata attribuita la funzione di blocco soglie i registri di avviamento vengono tenuti a zero,impedendo ogni intervento, fino alla disattivazione dell' ingresso stesso. La protezione di massima tensione omopolare risulta bloccata quando la misura di frequenza è esterna alla banda passante di un filtro passa-banda, centrato a 50 Hz, con attenuazione maggiore di 60 db/decade di frequenza Se l'ingresso digitale Ap-52 è abilitato e attivo, a seguito di una transizione dell'interruttore da aperto a chiuso e per tutta la durata del tempo T-tAp52, il temporizzatore di scatto, di entrambe le soglie Uo> e Uo>>, è sostituito dal temporizzatore tap52. Se anche i temporizzatori di scatto raggiungono il valore di fine tempo impostato, viene emesso il comando di scatto; vengono inoltre incrementati i contatori totali e parziali relativi alla soglia di minima frequenza e viene attivata la registrazione eventi. I temporizzatori tstart, t7 e t8 hanno caratteristica a tempo indipendente. Se viene attivato un opportuno ingresso digitale a cui è stata attribuita la funzione di blocco soglie i registri di avviamento vengono tenuti a zero,impedendo ogni intervento, fino alla disattivazione dell' ingresso stesso. Se l'ingresso digitale Ap-52 è abilitato e attivo, a seguito di una transizione dell'interruttore da aperto a chiuso e per tutta la durata del tempo T-tAp52, il temporizzatore di scatto, della soglia f<<, è sostituito dal temporizzatore tap Protezione di massima frequenza La protezione, attiva con tensione max(ua,ub,uc)>0.2un, opera comparando la misura di frequenza con le soglie impostate f>, f>>: il superamento della soglia determina l'avviamento sia dei temporizzatori tstart che quelli di scatto associati (t9, t10). Se la condizione permane, allo scadere del tempo tstart, viene emesso il comando di avviamento ritardato. Se anche i temporizzatori di scatto raggiungono il valore di fine tempo impostato, viene emesso il comando di scatto; vengono inoltre incrementati i contatori totali e parziali relativi alla soglia di massima frequenza e viene attivata la registrazione eventi. I temporizzatori tstart, t9 e t10, hanno caratteristica a tempo indipendente. Se viene attivato un opportuno ingresso digitale a cui è stata attribuita la funzione di blocco soglie i registri di avviamento vengono tenuti a zero,impedendo ogni intervento, fino alla disattivazione dell' ingresso stesso. Se l'ingresso digitale Ap-52 è abilitato e attivo, a seguito di una transizione dell'interruttore da aperto a chiuso e per tutta la durata del tempo T-tAp52, il temporizzatore di scatto, della soglia f>>, è sostituito dal temporizzatore tap52. Ap Mancata apertura interruttore (BF) 3.6 Protezione di minima frequenza La protezione, attiva con tensione max(ua,ub,uc)>0.2un, opera comparando la misura di frequenza con le soglie impostate f< e f<< quando la frequenza scende sotto la soglia si ha l'avviamento dei temporizzatori tstart e di scatto associati (t7 e t8). Se la condizione permane, allo scadere del tempo tstart, viene emesso il comando di avviamento ritardato. La protezione di mancata apertura interruttore si avvia contemporaneamente alla emissione di un qualsiasi comando di scatto (fra le soglie attivate nella configurazione della protezione) con lo stato di chiuso dell'interruttore. Le condizioni suddette provocano l'avvio del temporizzatore e solo la ricaduta delle soglie di avviamento, o l'apertura dell'interruttore, ne provoca l'azzeramento. Il comando di mancata apertura interruttore viene emesso alle seguenti condizioni: - temporizzatore tbf scaduto - presenza segnale interruttore chiuso sull'ingresso digitale programmato per questa funzione (come indicato nello schema seguente) pag. 9

10 BF Alla emissione del comando di BF vengono incrementati i corrispondenti contatori totali e parziali. Le soglie che possono essere configurate per avviare la pro- tezione sono le seguenti: U<, U<<, U>, U>>, U1<, U2>, Uo>, Uo>>, f>, f>>, f<, f<< e 81V 3.9 Protezione relè di frequenza a sblocco voltmetrico (81V) La logica implementata per la protezione relè di frequenza a sblocco voltmetrico (81V) è rappresentata nella schema seguente. Nello schema sono elencate le protezioni che possono essere abilitate per la logica: U1<, U2>, Uo>, Uo>>, f>, f>>, f< e f<<. Ogni soglia elencata abilita la funzione 81V allo scadere del relativo tempo di avviamento impostato (tstart). Sono presenti due segnali esterni: - ingresso digitale (Inclusione 81V) o comando da rete Modbus, per l'abilitazione della logica - ingresso digitale (81V) o comando da rete Modbus, per l'abilitazione delle soglie restrittive di frequenza Tutte le soglie abilitate per la funzione 81V, ad esclusione delle soglie Uo> e Uo>>, non generano comando di scatto (e relativa registrazione eventi e incremento contatori). Per queste soglie è comunque possibile associare relè o led all'avviamento. Se le soglie non sono associate alla funzione 81V, il loro comportamento segue le regole descritte nei paragrafi precedenti (possibilità di associare allo scatto relè e/o led con relativa registrazione eventi e incremento contatori). E' possibile associare all'uscita logica LFSM (Limited Frequency Sensitive Mode), rappresentata nello schema, uno o più relè (e/o led) per inviare informazioni all'inverter. Si definiscono i seguenti temporizzatori presenti nella logica: - trindig: tempo di reset dell'ingresso digitale (solo sugli ingressi associati alla funzione 81V) - tr81v: tempo di reset dell'uscita logica LFSM - t81v: tempo d'intervento della protezione relè di frequenza a sblocco voltmetrico (81V) PROTEZIONE RELE' DI FREQUENZA A SBLOCCO VOLTMETRICO (81V) pag. 10

11 3.10 Regolazioni principali e di riserva Il dispositivo è in grado di memorizzare due gruppi di regolazioni denominati 'principali' e 'riserva' selezionabili mediante programmazione da tastiera, da Personal Computer o da rete. L' indicazione del gruppo di regolazione attivo è visualizzato sul display come 'TARATURE IN USO'. Il dispositivo indipendentemente da quanto selezionato, può essere 'forzato' ad utilizzare le regolazioni di RISERVA. Tale forzatura può essere eseguita da rete o mediante attivazione permanente dell' ingresso digitale (IN DIG 1) configurato a tale scopo. Questa situazione è segnalata dalla comparsa dei caratteri <!> in corrispondenza del gruppo già selezionato; alla disattivazione dell'ingresso si ritorna automaticamente al gruppo delle regolazioni precedentemente selezionate e i caratteri <!> scompaiono (vedi paragrafafo 6.1.3). 4. FUNZIONI ACCESSORIE 4.1 Diagnostica Sono previste attività di diagnostica che, eseguite automaticamente sia all'accensione del dispositivo sia ciclicamente durante il funzionamento, consentono: - la segnalazione di stato di guasto o anomalia attraverso la diseccitazione del relè di diagnostica, lo spegnimento del LED verde di dispositivo funzionante e l'accensione del LED rosso di dispositivo guasto. - il blocco del dispositivo nel caso di difetti che possono determinare l'intervento intempestivo (GUASTI VITALI) - l'indicazione in codice sul display del tipo di guasto. Sono definiti GUASTI NON VITALI le seguenti anomalie - relè di uscita (X1 - X5) guasto/i - comunicazione guasta - orologio interno guasto Sono definiti GUASTI VITALI le seguenti anomalie - alimentatore guasto - EEPROM guasta - RAM interna o esterna guasta - convertitore Analogico/Digitale guasto In presenza di guasti vitali, il dispositivo automaticamente visualizza il codice di guasto; da questa condizione, se l'apparecchio lo consente è possibile uscire solo attivando 'modifica impostazioni'. Nel caso in cui allo start-up, per guasto sulla EEPROM, sia impossibile recuperare i dati relativi alla lingua, il dispositivo continuerà a funzionare nella sola lingua italiana. Il dispositivo prevede la funzione di 'Watch Dog'. L'attività di diagnostica è utilizzata anche per segnalare la condizione di dispositivo inibito; tale condizione viene automaticamente segnalata sul display con un opportuno codice, il relè di diagnostica si diseccita e il LED rosso di dispositivo guasto si accende. Dalla condizione di dispositivo inibito è possibile uscire solo attivando 'modifica impostazioni'. Nel menù di diagnostica è disponibile anche la data dell'ultima modifica impostata sull'apparecchiatura. 4.2 Circuiti di uscita I circuiti di uscita sono realizzati con sei relè ciascuno dotato di due contatti (vedi schema a blocchi). Il relè X6, normalmente eccitato, è rigidamente assegnato alla funzione di diagnostica. Ciascuno dei restanti cinque relè, mediante programmazione da tastiera, da Personal Computer o da rete, può essere: - configurato per una o più funzioni - predisposto per: - funzionamento monostabile: ritorno spontaneo alla posizione di riposo al decadere della causa che lo ha azionato - funzionamento bistabile (MEMOR): mantenimento della posizione di intervento fino alla ricezione di un comando di reset da pulsante sul fronte, da ingresso digitale o da collegamento seriale. - predisposti come normalmente eccitali o diseccitati - predisposto con un tempo minimo di durata della segnalazione o comando (t_imp). pag. 11

12 4.3 Circuiti di segnalazione LED I circuiti di segnalazione sono realizzati con dodici LED (vedi fig. 3). Quattro LEDS sono rigidamente assegnati a segnalazioni predefinite: - LED verde (Uaux) acceso in presenza di alimentazione e con tensioni di uscita dell'alimentatore corrette - LED verde (RUN) acceso a luce fissa in condizioni normali e acceso a luce intermittente durante le attività di modifica impostazione o di test - LED rosso (RUN) acceso a luce fissa quando la diagnostica rileva un guasto o dispositivo inibito. - LED verde (Rx Tx), acceso a luce fissa con dispositivo correttamente collegato alla rete; acceso a luce intermittente con scheda di comunicazione non attivata o non configurata, spento per dispositivo senza scheda di comunicazione. Ciascuno dei restanti otto LED, mediante programmazione da tastiera, da Personal Computer o da rete, possono essere: - configurati per una o più funzioni - predisposti per: - funzionamento monostabile; spegnimento spontaneo al decadere della causa che li ha accesi - funzionamento bistabile (MEMOR); mantenimento della accensione fino alla ricezione di un comando di reset da pulsante sul fronte, da ingresso digitale o da collegamento seriale. La mancanza della tensione ausiliaria comporta la perdita solo momentanea delle informazioni luminose che si ripristinano al ritorno della tensione. A lato dei led è prevista una tasca ove riporre una targhetta esplicative delle segnalazioni. 4.4 Ingressi digitali A ciascuno dei 5 ingressi optoisolati può essere assegnata una o più funzioni della protezione mediante programmazione da tastiera, da Personal Computer o da rete. La tensione di ingresso (configurabile in DC e/o AC) può non coincidere con la tensione ausiliaria del dispositivo. L'attivazione degli ingressi digitali può essere programmata a lancio o a mancanza di tensione. 4.5 Temporizzatori addizionali Ciascuno degli ingressi optoisolati (IN DIG 1,IN DIG 2,IN DIG3, IN DIG 4,IN DIG 5) possono essere, da impostazione, associati a dei temporizzatori addizionali (t_x1, t_x2, t_x3). L'attivazione dell'ingresso programmato determina l'avviamento del temporizzatore addizionale ad esso associato, se il temporizzatore giunge a fine tempo, viene emesso il comando di scatto che viene mantenuto fino al ripristino dell'ingresso stesso. 4.7 Registrazione eventi Al verificarsi di uno scatto vengono registrate su memoria circolare le seguenti informazioni: - prima soglia intervenuta - giorno,mese,anno,ora,minuto,secondo e millesimo di secondo dell'istante dello scatto - valori delle tensioni di ingresso, della tensione Uo e della frequenza misurati all'atto dello scatto. L'insieme delle informazioni relative ad uno scatto è denominato evento. La memoria circolare consente il mantenimento degli ultimi otto eventi e quando viene superato tale numero ogni nuova registrazione sostituisce la più vecchia: l'ultimo evento è memorizzato come EVENTO 1. Gli eventi registrati sono disponibili per lettura da fronte o da collegamento seriale mediante PC. Il dispositivo ha inoltre la possibilità di registrare gli ultimi 32 cambiamenti di stato (con relativa data e ora) e di renderli disponibili esclusivamente mediante PC o rete. 4.8 Misure Il dispositivo è in grado di visualizzare i valori attuali delle tensioni di ingresso (istantanee e mediate), espressi in multipli della tensione nominale Un, la tensione omopolare espressa in multipli di Uon e la frequenza di rete; i valori delle tensioni di ingresso sono disponibili anche in valore assoluto come Volt primari. 4.9 Test Oltre alla normale diagnostica di cui si è già trattato, è disponibile, in modalità TEST, la verifica della funzionalità dei led,del display e dei relè di uscita. - Il test sui LED accende per due secondi tutti i LED da L1 a L8 e il visualizzatore (LCD). Al termine del test rimangono accesi i soli LED che ne hanno motivo a prescindere dal test stesso ed il visualizzatore torna all'indicazione iniziale; il test può essere eseguito durante qualsiasi situazione di funzionamento senza che la stessa venga influenzata. - Il test sui relè permette di selezionare in modo sequenziale i relè di uscita da X1 a X5 e verificarne l'intervento permettendo in questo modo di verificare anche l'eventuale circuito esterno di segnalazione o comando. L'eccitazione del relè in prova ha una durata compresa tra i 150 e i 200 ms. Se sono già presenti comandi di avviamento o scatto il test non ha luogo ed è segnalato da un'opportuna scritta sul display. Il test sui relè ausiliari non ha alcun effetto su contatori, registratori di eventi e LED. 4.6 Contatori Ciascuna soglia di scatto ha associato un numeratore totale e parziale. I contatori operano nel campo ; al superamento del valore 9999 vengono azzerati automaticamente ed il conteggio ricomincia. Tutti i contatori parziali possono essere azzerati da tastiera, da Personal Computer o da rete Codice alfanumerico Il dispositivo dispone della possibilità di essere individuato sull'impianto da un codice alfanumerico impostabile dall'utente direttamente sull'apparecchio o mediante PC. Con dispositivo inrete la modifica del codice alfanumerico è possibile solo dalla rete stessa. pag. 12

13 4.11 Lingua Il dispositivo ha la possibilità di visualizzare le informazioni in quattro lingue: italiano, inglese, francese e spagnolo. La scelta della lingua avviene mediante tastiera sul dispositivo Impostazione LCD E' possibile predisporre il display con retroilluminazione fissa(off) o a tempo (ON); in quest'ultimo caso il display si illumina,per 300s, ad ogni azione su tastiera Inibizione funzionamento - deconfigurazione da rete L'inibizione del dispositivo si rende necessaria negli impianti già in funzione, per evitare possibili disservizi quando si debba alimentare una protezione di cui non si conoscano le regolazioni impostate o le si vogliano modificare. L'inibizione avviene tenendo premuto, per circa 2 s, il pulsante di modifica impostazione contemporaneamente all'applicazione della tensione ausiliaria fino alla visualizzazione del messaggio: [ BLOC ] 4.14 Comunicazione su bus di campo Il dispositivo, nella versione con apposita scheda bus, possiede la capacità di comunicazione con un sistema di supervisione e controllo centrale. Il collegamento al bus di campo è realizzato utilizzando i morsetti: 43 e 45. La scheda di comunicazione, che può essere aggiunta anche successivamente, risulta attivata solo se previsto l'apposito cavaliere in S6 mentre risulta non attivata con cavaliere posto in verticale tra S5 e S6 (vedi figura 1). Il posizionamento del cavaliere in S6 senza scheda di comunicazione, al pari di un guasto sulla scheda stessa determina da parte della funzione di diagnostica un messaggio di anomalia. Nell' appendice A vengono riportati i dati disponibili per la rete. Al rilascio del pulsante la condizione di dispositivo inibito viene segnalata con un messaggio in diagnostica di guasto P. Il ripristino del funzionamento è possibile solo passando alla funzione di modifica taratura che risulta comunque attiva; una momentanea perdita dell'alimentazione ausiliaria non modifica lo stato di inibizione dell'apparecchio. Se il dispositivo è equipaggiato anche con scheda di rete, dallo stato di BLOC, tenendo pigiato ulteriormente per circa 2s il pulsante di modifica impostazione il dispositivo visualizza: [ NET RESET? ] [_ NO YES _] previa conferma è possibile fargli perdere anche la sua configurazione di rete. La procedura completa di inibizione e di deconfigurazione da rete è necessaria ogni qualvolta si debba sostituire l'apparecchio. Il ripristino di un apparecchio inibito e deconfigurato visualizza la messaggistica di guasto K fino ad una nuova riconfigurazione dell'apparecchio stesso. Il ripristino del funzionamento è possibile solo passando alla funzione di modifica taratura che risulta comunque attiva. fig. 1 I AVVERTENZA tensioni pericolose possono essere presenti nel dispositivo anche dopo che è stato disalimentato o dopo che è stato estratto dalla custodia (memoria condensatori) pag. 13

14 4.15 Comunicazione seriale RS485 protocollo MODBUS Per dispositivi con versione software 2.00 e successive sono possibili due differenti edizioni relative alla comunicazione: - nessuna scheda di comunicazione (versione MX3VIR016B.11 e.12); - scheda di comunicazione Modbus (versione MX3VIR016B.71 e.72); Nel caso di dispositivo con comunicazione Modbus, la configurazione di ciascun relè può essere eseguita attraverso l'interfaccia posteriore, o il programma IRMA2 installato su PC collegato alla porta seriale anteriore. La configurazione può essere eseguita anche su relè non ancora collegati tra di loro, e può essere eventualmente predisposta su file insieme alle altre impostazioni. La configurazione della scheda di comunicazione Modbus necessita dei seguenti parametri: PARAMETRO Velocità Parità VALORE 300 Baud 600 Baud 1200 Baud 2400 Baud 4800 Baud 9600 Baud Baud Baud NESSUNA PARI DISPARI Bit di dati 7 8 Bit di stop 1 2 Indirizzo (0 broadcast) Tali parametri possono essere modificati in loco o da rete. A tale scopo è stata prevista la seguente estensione del menù 'DATI RELE': [MX3VIR016B ] tipo relè [Sw Vers 2.00/01] versione software [IDENTIF. UTENTE] [GenPan ] ðidentificazione utente [VELOC Bb] ðimpostazione velocità [PARITA NESSUNA ] ðimpostazione parità [BIT DATI 8 ] ðimpostazione bit di dati [BIT STOP 1 ] ðimpostazione bit di stop [INDIRIZZO 111 ] ðimpostazione indirizzo Su richiesta sono forniti i documenti descrittivi della messaggistica Modbus Oscilloperturbografia Il dispositivo ha la possibilità di registrare l'andamento delle tensioni di ingresso (Ua, Ub, Uc), della tensione omopolare Uo diretta e ricostruita e gli stati logici degli: 8 LEDs, 5 relè ausiliari, 5 ingressi digitali e dei 3 temporizzatori addizionali. Nel caso in cui la Uo sia ricostruita, il dispositivo registrando comunque la tensione d'ingresso ai morsetti presenterà una traccia di Uo diretta nulla. Il tempo totale di registrazione è pari a 2.5s, scindibile fra tempo pre-avviamento e postavviamento regolabile. L'avviamento della funzione di oscilloperturbografia può avvenire per: tstart, scatto,attivazione ingressi digitali e temporizzatori. La scelta dei parametri di avvio, la visualizzazione grafica e il reset dell'oscilloperturbografia può avvenire mediante PC o rete. Il reset della funzione è possibile anche togliendo momentaneamente la tensione ausiliaria Controllo continuità circuiti di scatto L'uso combinato di un ingresso digitale attivo a mancanza con uno dei temporizzatori addizionali TX consente di realizzare la supervisione della continuità del circuito della bobina di scatto sia a interruttore aperto che chiuso. pag. 14

15 5. INTERFACCIA LOCALE Pulsante Consente lo scorrimento del menù verso sinistra o la scelta della cifra da modificare se è abilitata la modifica delle impostazioni. [ï] Pulsante Consente il ripristino delle segnalazioni a LEDs memorizzate se la causa è scomparsa, o il reset dei contatori parziali se si è nel menu di visualizzazione contatori. Riposiziona i relè finali nella condizione di riposo quando sono impostati per funzionamento bistabile. L'interfaccia locale è composta da: - Un visualizzatore LCD organizzato su due righe di sedici caratteri ciascuna. Il visualizzatore permette, attraverso opportuna scansione comandata dalla tastiera, la lettura e la modifica delle impostazioni, la lettura delle misure, dei contatori, degli eventi registrati e delle informazioni diagnostiche. - Una tastiera composta da sei tasti di cui cinque accessibili anche a calotta montata mediante opportuno rinvio. La tastiera, oltre alla scansione di cui sopra, permette la modifica delle impostazioni, attività di test con emissioni di comandi e il ripristino delle segnalazioni memorizzate; con i tasti accessibili anche a calotta montata sono possibili solo azioni di lettura e di reset. Pulsante Pulsante Pulsante Consente lo scorrimento del menù verso l'alto o l'aumento del valore se è abilitata la modifica delle impostazioni. [ñ] Consente lo scorrimento del menù verso il basso o la diminuzione del valore se è abilitata la modifica delle impostazioni. [ò] Consente lo scorrimento del menù verso destra o la scelta della cifra da modificare se è abilitata la modifica delle impostazioni.[ð] Pulsante Pulsanti Premuto per almeno 2s consente la modifica delle impostazioni; quando la modifica è abilitata si accende ad intermittenza il LED verde di RUN. Premuto nuovamente per almeno 2s si ritorna in condizioni di funzionamento normali e previa conferma diventano attive le nuove impostazioni (il pulsante è accessibile solo mediante asportazione della calotta). Durante le operazioni di modifica taratura il dispositivo continua ad operare con le regolazioni originali. Se alla conferma delle modifiche si è in presenza di guasto l'acquisizione viene sospesa fino al termine dell'evento: lo stato di sospensione viene segnalato per 3s da un apposito messaggio sul display dopo di che viene riproposta la conferma delle modifiche. Il pulsante se premuto contemporaneamente all'applicazione della tensione ausiliaria fino alla visualizzazione sul display di un messaggio di guasto inibisce il funzionamento del dispositivo. Premuti per almeno 2s contemporaneamente, consentono il Test della protezione.quando il test è abilitato si accende ad intermittenza il LED verde di RUN. Premuti contemporaneamente per almeno 2s durante la routine di TEST permette di uscirne. pag. 15

16 - Dodici LED, quattro dei quali rigidamente assegnati a segnalazioni generali di funzionalità. - Un connettore a quattro poli a norma FCC 68. Esso permette, mediante un adattatore elettro-ottico, un cavo in fibra ottica ed un convertitore ottico-rs232, l'interfacciamento locale con un personal computer. Il P.C. mediante un opportuno programma di interfaccia, consente la lettura e la modifica delle impostazioni, la lettura delle misure, dei contatori, degli eventi registrati, delle informazioni diagnostiche e dell'oscilloperturbografia. 6. STRUTTURA MENU' SU LCD 6.1 MENU' PRINCIPALE DI LETTURA Il dispositivo consta di un menù principale da cui si può entrare in vari sottomenù (struttura ad albero). Tutte le visualizzazioni sono permamentemente possibili. [UA Un ] Valore attuale tensione A [UB Un ] Valore attuale tensione B [MENU: ITALIANO] Lingua di dialogo ð modifica lingua di dialogo [DATA ] data e ora corrente [ORA ] ð modifica data e ora [TARATURE IN USO:] visualizzazione tarature in uso [ PRINCIPALI] [LETTURA TARATURE] ð visualizzazione valori di [PRINCIPALI ] regolazione principali impostati [LETTURA TARATURE] ð visualizzazione valori di [DI RISERVA ] regolazione di riserva impostati [ MISURE ] ð visualizzazione valori di misura attuali [ CONTATORI ] ð visualizzazione contatori e [ P=AZZERABILI ] reset contatori parziali [ EVENTI ] ð visualizzazione [EVENTO 1=ULTIMO] eventi memorizzati [RELE' DI USCITA ] ð visualizzazione configurazione relè di uscita [ INGRESSI ] ð visualizzazione [ DIGITALI ] configurazione ingressi digitali [ LED ] ð visualizzazione configurazione LED [ DATI RELE' ] ð visualizzazione modello- vers. software e codice alfanumerico [ DIAGNOSTICA ] ð visualizzazione anomalie data dell' ultima modifica Tutti gli esempi che seguono hanno come inizio 'percorso' il menù principale Modifica lingua di dialogo La lingua di dialogo iniziale è ITALIANO. Come esempio illustrativo di come sia possibile modificare la lingua supponiamo di voler impostare INGLESE. [MENU: ITALIANO] b) Premendo il pulsante ð si attiva la possibilità di modificare la lingua di dialogo e sul display [MENU: ITALIANO] pag. 16

17 c) Premendo il pulsante ò o ñ si scorre il menù delle lingue memorizzate. Per il nostro esempio occorre fermarsi in corrispondenza di: [MENU: ENGLISH ] d) Premendo ora il pulsante ï si conferma la lingua di dialogo selezionata e si ritorna al menù principale. Sul display [MENU: ENGLISH ] Modifica data e ora L'accesso alla modifica data/ora è negato con la protezione in rete. Se il collegamento della rete avviene successivamente all'ingresso di modifica, le modifiche locali non vengono rese operative. Come esempio illustrativo supponiamo di voler modificare la data iniziale 10/06/93 nella nuova data 24/05/95. [DATA 10/06/93] [ORA 09:38:43] b) Premendo il pulsante ð si attiva la possibilità di modifica e sul display [DATA 10/06/93] [ORA 09:38:43] c) Con il pulsante ð si seleziona la cifra da modificare. Per selezionare l'ultima cifra della data premere quindi 6 volte il pulsante ð, sul display [DATA 10/06/93] [ORA 09:38:43] d) Premendo ora il pulsante ñ si aumenta il valore del numero selezionato. Pigiare fino a quando sul display [DATA 10/06/95] [ORA 09:38:43] e) Premendo ora il pulsante ï,si seleziona la quarta cifra della data, sul display [DATA 10/06/95] [ORA 09:38:43] f) Premendo ora il pulsante ò si diminuisce il numero selezionato fino a quando sul display [DATA 10/05/95] [ORA 09:38:43] g) Premendo ulteriormente per 2 volte il pulsante ï, si seleziona così anche la seconda cifra della data e sul display [DATA 10/06/95] [ORA 09:38:43] h) Premendo il pulsante ñ si modifica il numero selezionato (al raggiungimento del numero 9 si avrà l'incremento delle decine di una unità) fino a quando sul display [DATA 24/05/95] [ORA 09:38:43] i) Premere il pulsante ï fino a portarsi a inizio riga. Sul display [DATA 24/05/95] [ORA 09:38:43] j) Premendo il tasto ò si attiva la modifica dell'ora, le operazioni da eseguire sono analoghe a quelle descritte nei punti da c) a i). Il dispositivo non permette l'impostazioni di ore o date inesistenti L'avvio del conteggio del tempo si ha nel passaggio dal numero relativo alle ore alla dicitura ORA di inizio riga. k) Premendo il pulsante ï si confermano le modifiche eseguite e si ritorna al menù principale, sul display [DATA 24/05/95] [ORA 09:38:43] Visualizzazione delle tarature in uso compare ad esempio: [TARATURE IN USO:] [ PRINCIPALI] la seconda riga visualizza il gruppo di tarature con il quale attualmente il dispositivo funziona. Una eventuale visualizzazione anche dei caratteri <!> indipendentemente da quanto riportato nella seconda riga sta a indicare che il dispositivo lavora con le regolazioni di RISERVA [TARATURE IN USO] [ <!> PRINCIPALI] Il dispositivo continuerà a lavorare con le regolazioni di RISER- VA fino a quando persisterà il comando di cambio tarature ad opera dell'ingresso digitale IN DIG1. La scomparsa dei caratteri <!> sta ad indicare che il dispositivo è tornato a lavorare con il gruppo di regolazioni visualizzato sul display Visualizzazione valori tarature principali [LETTURA TARATURE] [PRINCIPALI ] b) Premendo il pulsante ð si entra nel sottomenù di visualizzazione della taratura principale, e con i pulsanti ò o ñ si scorre lungo il sottomenù contenente: frequenza nominale fn tensione nominale Un misura di Uo tipo 0) tensione nominale di terra Uon 1) funzionamento prima soglia minima tens. modo 2) prima soglia di minima tensione U< ritardo segnalazione di avviamentou< tstart ritardo scatto U< t1 funzionamento seconda soglia minima tens. modo 2) seconda soglia di minima tensione U<< ritardo segnalazione di avviamento U<< tstart ritardo scatto U<< t2 funzionamento prima soglia massima tens. modo 2) prima soglia di massima tensione U> ritardo segnalazione di avviamento U> tstart ritardo scatto U> t3 funzionamento seconda soglia massima tens. modo 2) seconda soglia di massima tensione U>> ritardo segnalazione di avviamento U>> tstart ritardo scatto U>> t4 soglia di minima tensione sequenza diretta U1< ritardo segnalazione di avviamento U1< tstart ritardo scatto U1< t5 soglia di massima tensione sequenza inversa U2> ritardo segnalazione di avviamento U2> tstart ritardo scatto U2> t6 prima soglia di max tensione omopolare Uo> ritardo segnalazione di avviamento Uo> tstart ritardo scatto Uo> to1 tempo ritenuta Uo> treset seconda soglia di max tensione omopolare Uo>> ritardo segnalazione di avviamento Uo>> tstart ritardo scatto Uo>> t02 tempo ritenuta Uo>> treset prima soglia di minima frequenza f< ritardo segnalazione di avviamento f< tstart ritardo scatto f< t7 seconda soglia di minima frequenza f<< ritardo segnalazione di avviamento f<< tstart ritardo scatto f<< t8 pag. 17

18 prima soglia di massima frequenza f> ritardo segnalazione di avviamento f> tstart ritardo scatto f> t9 seconda soglia di massima frequenza f>> ritardo segnalazione di avviamento f>> tstart ritardo scatto f>> t10 soglie associabili a 81V (ON-OFF) U1< U2> Uo> Uo>> f> f>> f< f<< ritardo scatto 81V t 81V tempo ritenuta LFSM (81V) tr81v tempo ritenuta InDig abilit. soglie restrittive (81V) trindig soglie associabili a BF (ON-OFF) U< U<< U> U>> U1< U2> Uo> Uo>> f> f>> f< f<< 81V ritardo scatto BF t BF tempo utilizzo t Ap52 tempo t Ap52 (alla richiusura del DDI) durata minima impulso relè finali temporizzatore addizionale temporizzatore addizionale temporizzatore addizionale tensione nominale primaria TV di fase 0 ) se ingresso diretto ENTRATA 11-12; se ricostruito (UA+UB+UC)/ 3 1 ) con ingresso ricostruito automaticamente viene assunto Uon= 3Un 2 ) OFF o OR o AND c) Premendo da qualsiasi punto del sottomenù il pulsante ï,si ritorna nel menù principale di lettura: [LETTURA TARATURE] [PRINCIPALI ] Visualizzazione valori tarature di riserva [LETTURA TARATURE] [DI RISERVA ] b) Premendo il pulsante ð si entra nel sottomenù di visualizzazione della taratura di riserva, e con i pulsanti ò o ñ si scorre lungo il sottomenù contenente: funzionamento prima soglia minima tens. modo 2) prima soglia di minima tensione U< ritardo segnalazione di avviamentou< tstart ritardo scatto U< t1 funzionamento seconda soglia minima tens. modo 2) seconda soglia di minima tensione U<< ritardo segnalazione di avviamento U<< tstart ritardo scatto U<< t2 funzionamento prima soglia massima tens. modo 2) prima soglia di massima tensione U> ritardo segnalazione di avviamento U> tstart ritardo scatto U> t3 funzionamento seconda soglia massima tens. modo 2) seconda soglia di massima tensione U>> ritardo segnalazione di avviamento U>> tstart ritardo scatto U>> t4 soglia di minima tensione sequenza diretta U1< ritardo segnalazione di avviamento U1< tstart ritardo scatto U1< t5 soglia di massima tensione sequenza inversa U2> ritardo segnalazione di avviamento U2> tstart ritardo scatto U2> t6 prima soglia di max tensione omopolare Uo> ritardo segnalazione di avviamento Uo> tstart ritardo scatto Uo> to1 tempo ritenuta Uo> treset pag. 18 T-tAp52 tap52 t_imp t_x1 t_x2 t_x3 Un TV seconda soglia di max tensione omopolare Uo>> ritardo segnalazione di avviamento Uo>> tstart ritardo scatto Uo>> t02 tempo ritenuta Uo>> treset prima soglia di minima frequenza f< ritardo segnalazione di avviamento f< tstart ritardo scatto f< t7 seconda soglia di minima frequenza f<< ritardo segnalazione di avviamento f<< tstart ritardo scatto f<< t8 prima soglia di massima frequenza f> ritardo segnalazione di avviamento f> tstart ritardo scatto f> t9 seconda soglia di massima frequenza f>> ritardo segnalazione di avviamento f>> tstart ritardo scatto f>> t10 2 ) OFF o OR o AND I parametri non presenti nel menù i RISERVA asssumono gli stessi valori impostati nella taratura PRINCIPALE c) Premendo da qualsiasi punto del sottomenù il pulsante ï,si ritorna nel menù principale di lettura: [LETTURA TARATURE] [DI RISERVA ] Visualizzazione valori di misura attuali [ MISURE ] b) Premendo il pulsante ð si entra nel sottomenù di visualizzazione delle misure, e con i pulsanti ò o ñ si scorre lungo il sottomenù contenente: valori attuali tens. A, B e C in multipli di Un UA UB UC valore attuale della tens. omopolare in multipli di Uon Uo valori mediati tens. A, B e C in multipli di Un UAmed UCmed UBmed valore attuale sequenza diretta in multipli di Un U1 valore attuale sequenza inversa in multipli di Un U2 valore attuale di frequenza f valore attuale tensione A in Volt UA' valore attuale tensione B in Volt UB' valore attuale tensione C in Volt UC' c) Premendo da qualsiasi punto del sottomenù il pulsante ï,si ritorna nel menù principale di lettura: [ MISURE ] Visualizzazione contatori [ CONTATORI ] [ P=AZZERABILI ] b) Premendo il pulsante ð si entra nel sottomenù di visualizzazione dei contatori, e con i pulsanti ò o ñ si scorre lungo il sottomenù contenente: scatti totali della prima soglia di minima tensione U< T scatti parziali della prima soglia di minima tensione U< P scatti totali della seconda soglia di minima tensione U<< T scatti parziali della seconda soglia di min. tensione U<<P scatti totali della prima soglia di massima tensione U>T scatti parziali della prima soglia di massima tensione U>P scatti totali della seconda soglia di max. tensione U>> T scatti parziali della seconda soglia di max. tensione U>>P scatti totali minima sequenza diretta U1<T scatti parziali minima sequenza diretta U1<P scatti totali massima sequenza inversa U2>T scatti parziali massima sequenza inversa U2>P scatti totali della prima soglia di tensione omopolare Uo> T scatti parziali della prima soglia di tens. omopolare Uo> P

19 scatti totali della seconda soglia di tens. omopolare Uo>> T scatti parziali seconda soglia di tens. omopolare Uo>> P scatti totali della prima soglia di minima frequenza f< T scatti parziali della prima soglia di minima frequenza f< P scatti totali della seconda soglia di minima frequenza f<< T scatti parziali della seconda soglia di min. frequenza f<<p scatti totali della prima soglia di massima frequenza f>t scatti parziali della prima soglia di massima frequenza f> P scatti totali della seconda soglia di max frequenza f>> T scatti parziali della seconda soglia di max. frequenza f>>p scatti totali della protezione breaker failure BF T scatti parziali della protezione breaker failure BF P scatti totali della logica 81V 81V T scatti parziali della logica 81V 81V P c) Premendo il pulsante di RESET è possibile azzerare il contatore parziale oggetto della visualizzazione. d) Premendo da qualsiasi punto del sottomenù il pulsante ï,si ritorna nel menù principale di lettura: [ CONTATORI ] [ P=AZZERABILI ] Visualizzazione eventi [ EVENTI ] [EVENTO 1=ULTIMO] b) Premendo il pulsante ð si entra nel sottomenù di selezione degli otto eventi, sul display [EVEN. 1 GG/MM/AA] [ hh:mm:ss.xxx ] la prima riga visualizza il numero dell'evento, il giorno, mese e l'anno mentre la seconda riga riporta ora, minuti, secondi e millesimi di secondo dell'istante dell' evento. c) Premendo il pulsante ò o ñ si seleziona l'evento da visualizzare, eseguita la scelta premere il pulsante ð ; si entra così nel sottomenù di visualizzazione dell'evento, e con i pulsanti ò o ñ si scorre lungo il sottomenù contenente: soglia scattata TRIP valori delle tensioni A B C (multipli Un) allo scatto UX_G valore della tensione omopolare (Uon) allo scatto Uo_G medie delle tens. A B C (multipli Un) allo scatto UXm_G valore della tensione U1 (multipli Un) allo scatto valore della tensione U2 (multipli Un) allo scatto valore della frequenza al momento dello scatto U1_G U2_G f_g d) Premendo da qualsiasi punto del sottomenù il pulsante ï si ritorna nel sottomenù di lettura eventi; per visualizzare altri eventi ripetere il punto c). Premendo da qualsiasi punto del sottomenù il pulsante ï si ritorna nel menù principa le di lettura: [ EVENTI ] [EVENTO 1=ULTIMO] Visualizzazione relè di uscita [RELE' DI USCITA ] b) Premendo il pulsante ð si entra nel sottomenù che visualizza l'assegnazione dei relé ausiliari di uscita, sul display [REL X12345] [ATTIVO ] che rappresenta l'attivazione a lancio ( ) o a mancanza ( )dei singoli relé. Con il pulsante ò si scorre lungo il sottomenù, sul display [R< [REL START] X..3.5] la prima riga visualizza la funzione associata al relè o ai relè riportati nella seconda riga. Con i pulsanti ò o ñ si scorre lungo il sottomenù Le funzioni alle quali è possibile assegnare i relè di uscita sono: avviamento ritardato prima soglia di minima tens. U<START scatto prima soglia di minima tensione U< TRIP avviamento ritardato seconda soglia di min.tens. U<<START scatto seconda soglia di minima tensione U<< TRIP avviamento ritardato prima soglia di max. tens. U>START scatto prima soglia di massima tensione U>TRIP avviamento ritardato seconda soglia di max.tens.u>>start scatto seconda soglia di massima tensione U>>TRIP avviamento ritardato minima sequenza diretta U1<START scatto minima sequenza diretta U1<TRIP avviamento ritardato max. sequenza inversa U2>START scatto massima sequenza inversa U2>TRIP avv. ritardato prima soglia tensione omopolare Uo>START scatto prima soglia tensione omopolare Uo>TRIP avv. ritardato seconda soglia tens. omopolare Uo>>START scatto seconda soglia tensione omopolare Uo>>TRIP avv. ritardato prima soglia di minima frequenza f<start scatto prima soglia di minima frequenza f< TRIP avv. ritardato seconda soglia di min. frequenza f<<start scatto seconda soglia di minima frequenza f<< TRIP avv. ritardato prima soglia di massima frequenza f>start scatto prima soglia di massima frequenza f>trip avv. ritardato seconda soglia di max. frequenza f>>start scatto seconda soglia di massima frequenza f>>trip scatto breaker failure BF TRIP ritenuta LFSM (tr81v) LFSM scatto 81V 81V TRIP fine tempo temporizzatore tx1 t_x1 TRIP fine tempo temporizzatore tx2 t_x2 TRIP fine tempo temporizzatore tx3 t_x3 TRIP primo ingresso digitale alimentato IN DIG 1 secondo ingresso digitale alimentato IN DIG 2 terzo ingresso digitale alimentato IN DIG 3 quarto ingresso digitale alimentato IN DIG 4 quinto ingresso digitale alimentato IN DIG 5 Inoltre è possibile la visualizzazione per quali relè di uscita sono previste le seguenti impostazioni: durata minima impulso t_imp funzionamento bistabile MEMOR La predisposizione per tutti i relè di uscita ad essere normalmente eccitati o no è indicata dalla variabile NORMAL.ON c) Premendo da qualsiasi punto del sottomenù il pulsante ï si ritorna nel menù principale di lettura: [RELE' DI USCITA ] Visualizzazione ingressi digitali [ INGRESSI ] [ DIGITALI ] b) Premendo il pulsante ð si entra nel sottomenù che visualizza l'impostazione DC o AC degli ingressi, sul disply [IN DIG AC ] o [IN DIG DC ] pag. 19

20 Con i pulsanti ò o ñ si scorre lungo il sottomenù c) Premendo il pulsante ò si entra nel sottomenù che visualizza l'assegnazione degli ingressi digitali, sul disply [BLOC. U>..U>> ] [IN DIG.2...] la prima riga visualizza la funzione a cui sono associati gli ingressi digitali riportati nella seconda riga. Le funzioni alle quali è possibile assegnare gli ingressi sono: blocco scatto soglie di minima tensione. BLOC.U<.. << blocco scatto soglie massima tensione BLOC.U>.. >> blocco scatto soglie max tens.omop. BLOC.Uo>.. >> blocco scatto soglia minima seq. diretta e scatto soglia max seq. inversa BLOC. U1< U2> blocco scatto soglie di minima frequenza BLOC.f<..<< blocco scatto soglie di massima frequenza BLOC.f>.. >> stato interruttore per breaker failure BF abilitazione soglie restrittive 81V 81V inclusione 81V INCL 81V stato di aperto DDI Ap-52 avviamento temporizzatore tx1 t_x1 avviamento temporizzatore tx2 t_x2 avviamento temporizzatore tx3 t_x3 commutazione taratura di riserva SCAMBIO TARATURE reset LEDs e relè di uscita RESET Inoltre è possibile la visualizzazione per quali ingressi digitali è prevista l'attivazione a lancio ( ) o a mancanza ( ) d) Premendo da qualsiasi punto del sottomenù il pulsante ï,si ritorna nel menù principale di lettura: [ INGRESSI ] [ DIGITALI ] Visualizzazione led [ LED ] b) Premendo il pulsante ð si entra nel sottomenù che visualizza l'assegnazione dei LED, sul disply [U> START] [LED L ] la prima riga visualizza la funzione a cui sono associati i LED riportati nella seconda riga. Con i pulsanti ò o ñ si scorre lungo il sottomenù. Le funzioni alle quali è possibile assegnare i LED sono: avviamento ritardato prima soglia di minima tens. U<START scatto prima soglia di minima tensione U< TRIP avviamento ritardato seconda soglia di min.tens. U<<START scatto seconda soglia di minima tensione U<< TRIP avviamento ritardato prima soglia di max. tens. U>START scatto prima soglia di massima tensione U>TRIP avviamento ritardato seconda soglia di max.tens.u>>start scatto seconda soglia di massima tensione U>>TRIP scatto per segnale A (utilizzare il LED L1) UA TRIP scatto per segnale B (utilizzare il LED L2) UB TRIP scatto per segnale C (utilizzare il LED L3) UC TRIP avviamento ritardato minima sequenza diretta U1<START scatto minima sequenza diretta U1<TRIP avviamento ritardato max. sequenza inversa U2>START scatto massima sequenza inversa U2>TRIP avv. ritardato prima soglia tensione omopolare Uo>START scatto prima soglia tensione omopolare Uo>TRIP avv. ritardato seconda soglia tens. omopolare Uo>>START scatto seconda soglia tensione omopolare Uo>>TRIP pag. 20 avv. ritardato prima soglia di minima frequenza f<start scatto prima soglia di minima frequenza f< TRIP avv. ritardato seconda soglia di min. frequenza f<<start scatto seconda soglia di minima frequenza f<< TRIP avv. ritardato prima soglia di massima frequenza f>start scatto prima soglia di massima frequenza f>trip avv. ritardato seconda soglia di max. frequenza f>>start scatto seconda soglia di massima frequenza f>>trip scatto breaker failure BF TRIP ritenuta LFSM (tr81v) LFSM scatto 81V 81V TRIP fine tempo temporizzatore tx1 t_x1 TRIP fine tempo temporizzatore tx2 t_x2 TRIP fine tempo temporizzatore tx3 t_x3 TRIP primo ingresso digitale alimentato IN DIG 1 secondo ingresso digitale alimentato IN DIG 2 terzo ingresso digitale alimentato IN DIG 3 quarto ingresso digitale alimentato IN DIG 4 quinto ingresso digitale alimentato IN DIG 5 Inoltre è possibile la visualizzazione per quali LEDs è prevista l'impostazione: funzionamento bistabile MEMOR c) Premendo da qualsiasi punto del sottomenù il pulsante ï,si ritorna nel menù principale di lettura: [ LED ] Visualizzazione dati relè [ DATI RELE' ] b) Premendo il pulsante ð si entra nel sottomenù e sul display compare modello del dispositivo e versione del software implementato: [MX3VIR016B ] [Soft Vers 2.00] c) Premendo ulteriormente il pulsante ò si visualizza sulla seconda riga il codice alfanumerico di identificazione attribuito dall'utente al dispositivo, ad esempio: [IDENTIF. UTENTE] [CELLA N. 17bis ] d) Premendo da qualsiasi punto del sottomenù il pulsante ï,si ritorna nel menù principale di lettura: [ DATI RELE' ] Visualizzazione diagnostica 1) individuazione guasti [ DIAGNOSTICA ] In presenza di GUASTI VITALI il dispositivo automaticamente visualizza la finestra senza che sia necessario entrare nel menù di diagnostica. b) Premendo il pulsante ð si entra nel sottomenù che visualizza lo stato di funzionamento del relè, sul display [ULTIMA MOD. IMP.] [GG/MM/AA hh:mm] La seconda riga riporta giorno, mese, anno, ora, minuti dell'ultima modifica dei parametri.

DIA4N. Dispositivo di interfaccia per autoproduttori a specifica Enel DK5740

DIA4N. Dispositivo di interfaccia per autoproduttori a specifica Enel DK5740 DIVISIONE ELETTRONICA & SISTEMI DIA4N Dispositivo di interfaccia per autoproduttori a specifica Enel DK5740 Il relè di protezione DIA4N appartiene alla linea di protezioni numeriche SIGMA-N e svolge funzioni

Dettagli

DUEMMEGI. VISUALIZZATORE DI ALLARMI E MESSAGGI Manuale d'uso. Versione 1.0 - Gennaio 2007

DUEMMEGI. VISUALIZZATORE DI ALLARMI E MESSAGGI Manuale d'uso. Versione 1.0 - Gennaio 2007 DUEMMEGI minidisp2 minidisp2 VISUALIZZATORE DI ALLARMI E MESSAGGI Manuale d'uso Versione 1.0 - Gennaio 2007 HOME AND BUILDING AUTOMATION Via Longhena 4-20139 MILANO Tel. 02/57300377 - FAX 02/55213686 www.duemmegi.it

Dettagli

L i n e a M o d u l e x 3. Linea Modulex3 GRID

L i n e a M o d u l e x 3. Linea Modulex3 GRID Linea Modulex3 GRID 1 Gamma dei prodotti numerici CODICE DESCRIZIONE CODICI NUMERICI MX3AM30A Relè di massima corrente di fase e di terra 51-51 - 50-51N - 51N - 50N MX3AM0A Relè di massima corrente di

Dettagli

VISUALIZZATORE DI ALLARMI E MESSAGGI DISP 2. Manuale d uso

VISUALIZZATORE DI ALLARMI E MESSAGGI DISP 2. Manuale d uso VISUALIZZATORE DI ALLARMI E MESSAGGI DISP 2 Manuale d uso Note: Le informazioni contenute in questa documentazione possono essere modificate senza preavviso. Per ulteriori informazioni contattare: DUEMMEGI

Dettagli

VISUALIZZATORE DI ALLARMI E MESSAGGI CON INGRESSI IN CODICE BINARIO DISP XXXB. Manuale d uso

VISUALIZZATORE DI ALLARMI E MESSAGGI CON INGRESSI IN CODICE BINARIO DISP XXXB. Manuale d uso VISUALIZZATORE DI ALLARMI E MESSAGGI CON INGRESSI IN CODICE BINARIO DISP XXXB Manuale d uso Note Rel.: 1.2 Gennaio 2001 Le informazioni contenute in questa documentazione possono essere modificate senza

Dettagli

VISUALIZZATORE DI ALLARMI E MESSAGGI DISP 16D. Manuale d uso

VISUALIZZATORE DI ALLARMI E MESSAGGI DISP 16D. Manuale d uso VISUALIZZATORE DI ALLARMI E MESSAGGI DISP 16D Manuale d uso Note Rel.: 1.2 Gennaio 2001 Le informazioni contenute in questa documentazione possono essere modificate senza preavviso. MS-DOS e WINDOWS sono

Dettagli

Istruzioni per l uso Orologio programmatore giornaliero/settimanale/annuale 230V~ 442023GSR Serie LIFE 44

Istruzioni per l uso Orologio programmatore giornaliero/settimanale/annuale 230V~ 442023GSR Serie LIFE 44 Istruzioni per l uso Orologio programmatore giornaliero/settimanale/annuale 230V~ 442023GSR Serie LIFE 44 1.Generalità L articolo 442023GSR è un programmatore orario elettronico, contenuto in 2 moduli

Dettagli

RELE' DI SOVRACORRENTE E GUASTO A TERRA

RELE' DI SOVRACORRENTE E GUASTO A TERRA RELE' DI SOVRACORRENTE E GUASTO A TERRA MC04-R6 MC LINE 50/51, 50N/51N, 51BF Tre elementi di fase indipendenti Tre elementi di Guasto a Terra indipendenti Curve di intervento selezionabili in accordo agli

Dettagli

1000 0-16, CEI 0-21, AEEG 84/2012/R/EEL,

1000 0-16, CEI 0-21, AEEG 84/2012/R/EEL, Dispositivo automatico di prova per sistemi protezione interfaccia (SPI) e sistemi protezione generale (SPG), secondo gli standard CEI 0-16, CEI 0-21, AEEG 84/2012/R/EEL, allegato A.70 di TERNA Strumento

Dettagli

CE1_AD/P2 DISPOSITIVO ELETTRONICO PROGRAMMABILE. Caratteristiche tecniche Collegamenti elettrici Calibratura Note di funzionamento e installazione

CE1_AD/P2 DISPOSITIVO ELETTRONICO PROGRAMMABILE. Caratteristiche tecniche Collegamenti elettrici Calibratura Note di funzionamento e installazione DISPOSITIVO ELETTRONICO PROGRAMMABILE CE1_AD/P2 Caratteristiche tecniche Collegamenti elettrici Calibratura Note di funzionamento e installazione Versione 01.10/12 CE1_AD/P2: dispositivo elettronico programmabile

Dettagli

Sistema PICnet - PN Digiterm

Sistema PICnet - PN Digiterm Sistema PICnet - PN Digiterm PN DIGITERM - modulo di termoregolazione e gestione camera Il modulo PN DIGITERM è costituito da un modulo da guida DIN (6m) per le connessioni con le apparecchiature e da

Dettagli

Trattamento aria Regolatore di pressione proporzionale. Serie 1700

Trattamento aria Regolatore di pressione proporzionale. Serie 1700 Trattamento aria Serie 7 Serie 7 Trattamento aria Trattamento aria Serie 7 Serie 7 Trattamento aria +24VDC VDC OUTPUT MICROPROCESS. E P IN EXH OUT Trattamento aria Serie 7 Serie 7 Trattamento aria 7 Trattamento

Dettagli

-V- Novità. Unità operative FED, Front End Display 7.1. Interfaccia Ethernet (opzionale) Semplice progettazione con l editor designer 6.

-V- Novità. Unità operative FED, Front End Display 7.1. Interfaccia Ethernet (opzionale) Semplice progettazione con l editor designer 6. D07_01_010_F-FED D07_01_009_E-FED Unità operative FED, Interfaccia Ethernet (opzionale) Semplice progettazione con l editor designer 6.02 Interfaccia PC/stampante (FED-90) Clock interno 2003/10 Con riserva

Dettagli

WIN6. Limitatore di carico. Limitazione del carico rilevato tramite l intervento di soglie di allarme e preallarme.

WIN6. Limitatore di carico. Limitazione del carico rilevato tramite l intervento di soglie di allarme e preallarme. WIN6 Limitatore di carico Limitazione del carico rilevato tramite l intervento di soglie di allarme e preallarme. Limitazione del carico a doppia sicurezza mediante connessione di 2 unità. Limitazione

Dettagli

- INGRESSO LINEARE - FILTRO DI INGRESSO - RITRASMISSIONE PV ISOLATA - ALIMENTAZIONE AUSILIARIA 24V C.C. PER TRASMETTITORI - 2 ALLARMI INDIPENDENTI -

- INGRESSO LINEARE - FILTRO DI INGRESSO - RITRASMISSIONE PV ISOLATA - ALIMENTAZIONE AUSILIARIA 24V C.C. PER TRASMETTITORI - 2 ALLARMI INDIPENDENTI - INDICATORE PROGRAMMABILE/ TRASMETTITORE - INGRESSO LINEARE - FILTRO DI INGRESSO - RITRASMISSIONE PV ISOLATA - ALIMENTAZIONE AUSILIARIA 24V C.C. PER TRASMETTITORI - 2 ALLARMI INDIPENDENTI - MEMORIZZAZIONE

Dettagli

SCOPO FUNZIONALE DELL'APPARECCHIO

SCOPO FUNZIONALE DELL'APPARECCHIO H2X_2 H2X02 = 5 Vac H2X2 = 230 Vac H2X22 = 24 Vac H2X32 = 24 Vdc OHMETRO CON DUE SOGLIE DI ALLARME DOTAZIONE All'interno dell'imballaggio sono presenti:! manuale d'uso! avvertenze! dispositivo! due staffe

Dettagli

DIVISIONE ELETTRONICA E SISTEMI DIA4N DISPOSITIVO DI PROTEZIONE E CONTROLLO PER AUTOPRODUTTORI MT MANUALE D USO

DIVISIONE ELETTRONICA E SISTEMI DIA4N DISPOSITIVO DI PROTEZIONE E CONTROLLO PER AUTOPRODUTTORI MT MANUALE D USO DIVISIONE ELETTRONICA E SISTEMI DIA4N DISPOSITIVO DI PROTEZIONE E CONTROLLO PER AUTOPRODUTTORI MT MANUALE D USO P500D831 Maggio 2012 INDICE INDICE 1 CARATTERISTICHE GENERALI...1 1.1 Soglie di minima tensione

Dettagli

Schemi elettrici. Indice. Informazioni per la lettura - interruttori... 8/2. Informazioni per la lettura - unità ATS010... 8/6

Schemi elettrici. Indice. Informazioni per la lettura - interruttori... 8/2. Informazioni per la lettura - unità ATS010... 8/6 Schemi elettrici Indice Informazioni per la lettura - interruttori... /2 Informazioni per la lettura - unità ATS010... /6 Segni grafici (Norme IEC 60617 e CEI 3-14... 3-26)... /7 Schemi circuitali Interruttori...

Dettagli

Schema del terminale di potenza. Inverter MONOFASE 230V 0.2~0.75kW. L1 L2 P B U V W

Schema del terminale di potenza. Inverter MONOFASE 230V 0.2~0.75kW. L1 L2 P B U V W ITALIANO TT100 Adattamento dal manuale esteso dell operatore degli inverter serie TT100 Collegamenti di potenza Nei modelli con ingresso trifase, collegare i terminali R/L1, S/L2 e T/L3 alla linea trifase

Dettagli

BY10870 AVVISATORE DISTACCO/RIPRISTINO DA DISTRIBUTORE. Sistema di sorveglianza e avviso GSM via SMS per sistema BY10850

BY10870 AVVISATORE DISTACCO/RIPRISTINO DA DISTRIBUTORE. Sistema di sorveglianza e avviso GSM via SMS per sistema BY10850 BY10870 AVVISATORE DISTACCO/RIPRISTINO DA DISTRIBUTORE Sistema di sorveglianza e avviso GSM via SMS per sistema BY10850 (versione firmware: BY10850-M1-V2) La presente documentazione è di proprietà esclusiva

Dettagli

Trasduttori MHIT MHIT-RI CONVERTITORE PER MISURE DI TENSIONE E CORRENTE C.C. Convertitore per misure di tensione e/o di corrente continua.

Trasduttori MHIT MHIT-RI CONVERTITORE PER MISURE DI TENSIONE E CORRENTE C.C. Convertitore per misure di tensione e/o di corrente continua. CONVERTITORE PER MISURE DI TENSIONE E CORRENTE C.C. -RI Convertitore per misure di tensione e/o di corrente continua. Inserzione diretta fino a 4 kvcc -RV Alimentazione ausiliaria multitensione totalmente

Dettagli

Manuale istruzioni. 01941 Comunicatore GSM.

Manuale istruzioni. 01941 Comunicatore GSM. Manuale istruzioni 094 Comunicatore GSM. Indice. Descrizione................................................................ 2 2. Campo di applicazione.......................................................

Dettagli

Centrale di rilevazione incendio analogica-indirizzabile

Centrale di rilevazione incendio analogica-indirizzabile Centrale di rilevazione incendio analogica-indirizzabile Rivelatori analogici HFA-2000 Centrale incendio analogica-indirizzabile Progettata per funzionare esclusivamente con i rivelatori incendio Serie

Dettagli

KERN YKB-01N Versione 2.2 11/2011 I

KERN YKB-01N Versione 2.2 11/2011 I KERN & Sohn GmbH Ziegelei 1 D-72336 Balingen Email info@kern-sohn.com Istruzioni d uso Stampante termica Tel.: +49-[0]7433-9933-0 Fax.: +49-[0]7433-9933-149 Internet www.kern-sohn.com KERN YKB-01N ersione

Dettagli

FACILE QA-OMNI. Guida veloce

FACILE QA-OMNI. Guida veloce FACILE QA-OMNI Guida veloce PRIMO PASSAGGIO Dopo aver lanciato il programma, viene visualizzata la pagina iniziale. E possibile modificare la lingua del programma attraverso il pulsante Azioni in alto

Dettagli

SISTEMA DI MONITORAGGIO QUADRO SCAMBIO RETE ELETTRICA E GRUPPO ELETTROGENO VIGILANT VGL-02 DESCRIZIONE

SISTEMA DI MONITORAGGIO QUADRO SCAMBIO RETE ELETTRICA E GRUPPO ELETTROGENO VIGILANT VGL-02 DESCRIZIONE SISTEMA DI MONITORAGGIO QUADRO SCAMBIO RETE ELETTRICA E GRUPPO ELETTROGENO VIGILANT VGL-02 DESCRIZIONE Il sistema VIGILANT è stato progettato per il controllo e la supervisione dei quadri di scambio utilizzati

Dettagli

Manuale Easy Tronic Micro II (firmware V06)

Manuale Easy Tronic Micro II (firmware V06) (firmware V06) Il presente manuale prende in esame la scheda Easy Troni Micro II, prodotto che si prefigge di controllare e di eseguire il processo di funzionamento di un compressore d aria a vite. Definizione

Dettagli

Interfaccia EIB - centrali antifurto

Interfaccia EIB - centrali antifurto Interfaccia EIB - centrali antifurto GW 20 476 A 1 2 3 1 2 3 4 5 Terminali bus LED di programmazione indirizzo fisico Tasto di programmazione indirizzo fisico Cavo di alimentazione linea seriale Connettore

Dettagli

CENTRALE ANTINCENDIO PMT-300/330 MKII

CENTRALE ANTINCENDIO PMT-300/330 MKII CENTRALE ANTINCENDIO PMT-300/330 MKII MANUALE DI PROGRAMMAZIONE Prog300.doc Rev. 04 del 01.07. 1998 SOMMARIO GENERALITA...4 Descrizione del sistema PMT - 300/330... 4 La centrale antincendio PMT - 300/330...

Dettagli

Bytronic s.r.l. Via Como, 55 21050 Cairate (VA) Tel. 0331/312523 Fax. 0331/313077 - WEB: www.bytronic.it - e-mail: bytronic@bytronic.

Bytronic s.r.l. Via Como, 55 21050 Cairate (VA) Tel. 0331/312523 Fax. 0331/313077 - WEB: www.bytronic.it - e-mail: bytronic@bytronic. AGSC - 05 SCHEDA A MICROPROCESSORE PER IL CONTROLLO DI UN GRUPPO ELETTROGENO AD INTERVENTO AUTOMATICO REV 03 La presente documentazione è di proprietà esclusiva di Bytronic S.r.l. Via Como 55 21050 Cairate

Dettagli

MP508M/TG MP508TG. Manuale di Programmazione. Centrale di allarme telegestibile IS0239-AB

MP508M/TG MP508TG. Manuale di Programmazione. Centrale di allarme telegestibile IS0239-AB I MP508M/TG MP508TG Centrale di allarme telegestibile Manuale di Programmazione IS0239-AB Le informazioni contenute in questo documento sono state raccolte e controllate con cura, tuttavia Elkron S.p.A.

Dettagli

Pos.n. 510158. CONTROLLER 2518 Manuale utente

Pos.n. 510158. CONTROLLER 2518 Manuale utente Pos.n. 510158 CONTROLLER 2518 Manuale utente Sezione 1 INTRODUZIONE Grazie per aver scelto il controller Martin 2518. E un controller DMX facile da usare e robusto, che resterà affidabile per molti anni

Dettagli

Telecomando TM per interruttore C60 86. Ausiliario di riarmo ATm per telecomando Tm C60 87. Teleruttore TL, Teleruttore-invertitore TLI 88

Telecomando TM per interruttore C60 86. Ausiliario di riarmo ATm per telecomando Tm C60 87. Teleruttore TL, Teleruttore-invertitore TLI 88 Telecomando Telecomando TM per interruttore C60 86 Ausiliario di riarmo ATm per telecomando Tm C60 87 Teleruttore T, Teleruttore-invertitore TI 88 Teleruttori ad alte prestazioni T+ 90 Teleruttori a funzione

Dettagli

LINETRAXX VMD460-NA. Sistema di protezione d'interfaccia per connessioni di Utenti attivi alle reti di distribuzione BT. Energia in sicurezza

LINETRAXX VMD460-NA. Sistema di protezione d'interfaccia per connessioni di Utenti attivi alle reti di distribuzione BT. Energia in sicurezza LIETRAXX -A Sistema di protezione d'interfaccia per connessioni di Utenti attivi alle reti di distribuzione BT -A_D00001_01_D_XXIT/09.2015 Energia in sicurezza LIETRAXX -A Sistema di protezione d'interfaccia

Dettagli

CENTRALE ALLARME ANTINTRUSIONE G8 PLUS

CENTRALE ALLARME ANTINTRUSIONE G8 PLUS CENTRALE ALLARME ANTINTRUSIONE G8 PLUS Le centrali di allarme G-Quattro plus (4 zone) e G-Otto plus (8 zone) nascono con lo scopo di facilitare la realizzazione e la gestione di impianti di allarme di

Dettagli

Sch.1067/032 Sch.1067/042

Sch.1067/032 Sch.1067/042 Mod. 1067 DS1067-007A LBT8376 CENTRALE BUS 8/32 INGRESSI Sch.1067/032 Sch.1067/042 MANUALE UTENTE INDICE PREFAZIONE... 4 1 ORGANI DI COMANDO... 5 1.1 TASTIERA DISPLAY 1067/021... 5 1.2 LETTORE CHIAVE ELETTRONICA

Dettagli

MULTIPLEXER 4 CANALI CON FUNZIONAMENTO DUPLEX E VIDEO A COLORI AXECD4X

MULTIPLEXER 4 CANALI CON FUNZIONAMENTO DUPLEX E VIDEO A COLORI AXECD4X MULTIPLEXER 4 CANALI CON FUNZIONAMENTO DUPLEX E VIDEO A COLORI AXECD4X MANUALE D INSTALLAZIONE LEGGERE ATTENTAMENTE IL PRESENTE MANUALE PRIMA DI METTERE IN FUNZIONE L'APPARECCHIATURA. INDICE Caratteristiche

Dettagli

GSM temp Manuale istruzioni GSMtemp Termometro / termostato con controllo GSM Fig. 1

GSM temp Manuale istruzioni GSMtemp Termometro / termostato con controllo GSM Fig. 1 GSMtemp Termometro / termostato con controllo GSM Fig. 1 1 Indice 1 - Descrizione generale 2 - Norme per una corretta installazione 3 - Segnalazioni luminose e connessioni elettriche 3.1 -Descrizione segnalazioni

Dettagli

TERMINALE REMOTO mod. 630 SCHEDA DECODIFICA mod. 633 ORGANO DI COMANDO PROGRAMMABILE A CODICE NUMERICO

TERMINALE REMOTO mod. 630 SCHEDA DECODIFICA mod. 633 ORGANO DI COMANDO PROGRAMMABILE A CODICE NUMERICO GESCO SECURKEY TERMINALE REMOTO mod. 630 SCHEDA DECODIFICA mod. 633 ORGANO DI COMANDO PROGRAMMABILE A CODICE NUMERICO Adatto a comandare impianti di allarme antiintrusione eda controllare accessi o apparecchiature,mediante

Dettagli

Free_ring control gsm based

Free_ring control gsm based Free_ring control gsm based 1. Introduzione Il free_ring è un apparecchio per la generazione di controllo remoto mediante rete GSM, di conseguenza possiamo utilizzare chiamate, sms o app. Facile da installare

Dettagli

CRITERI DI ALLACCIAMENTO DI CLIENTI ALLA RETE MT DI DISTRIBUZIONE SECONDO ENEL DK5600 MARZO 2004

CRITERI DI ALLACCIAMENTO DI CLIENTI ALLA RETE MT DI DISTRIBUZIONE SECONDO ENEL DK5600 MARZO 2004 1 CRITERI DI ALLACCIAMENTO DI CLIENTI ALLA RETE MT DI DISTRIBUZIONE SECONDO ENEL DK5600 MARZO 2004 CARATTERISTICHE DEL SISTEMA DI PROTEZIONE ing. Massimo Ambroggi Service Tecnico THYTRONIC S.p.A. 2 PRINCIPIO

Dettagli

ALLEGATO A7 SCHEDA TECNICA CONTATERMIE

ALLEGATO A7 SCHEDA TECNICA CONTATERMIE ALLEGATO A7 SCHEDA TECNICA CONTATERMIE CALCOLATORE F4 Campi applicativi F4 é utilizzabile per misura e monitoraggio di impianti di riscaldamento dove sono richieste le piú avanzate funzioni del calcolatore.

Dettagli

DMC926 RELE DI MASSIMA CORRENTE UNIPOLARE PER IL CONTROLLO DEL NEUTRO MT IN SISTEMI CON BOBINA DI PETERSEN MANUALE ISTRUZIONE

DMC926 RELE DI MASSIMA CORRENTE UNIPOLARE PER IL CONTROLLO DEL NEUTRO MT IN SISTEMI CON BOBINA DI PETERSEN MANUALE ISTRUZIONE DMC926 RELE DI MASSIMA CORRENTE UNIPOLARE PER IL CONTROLLO DEL NEUTRO MT IN SISTEMI CON BOBINA DI PETERSEN MANUALE ISTRUZIONE SOMMARIO M O 1 GENERALITA 3 Premessa...3 2 DESCRIZIONE 3 Caratteristiche costruttive...3

Dettagli

Catalogo. Contatori di Energia. e Comunicazione

Catalogo. Contatori di Energia. e Comunicazione Catalogo 2009 Contatori di Energia e Comunicazione indice 1 Misura Contatore di Energia Digitale Trifase 80 A connessione diretta 4 moduli DI pag. 10 o su TA.../5 A fino 10.000 A Contatore di Energia Digitale

Dettagli

NV10P K1 K1 K3 K4 K5 L5 ARF PLC. 59Uavg 59V2

NV10P K1 K1 K3 K4 K5 L5 ARF PLC. 59Uavg 59V2 RICHIUSUR UTOMTIC PER SISTEM DI PROTEZIONE DI INTERFCCI (SPI) PER UTENTI TTIVI CONFORME LL NORM ED.III Trip - U, f, df>, Uavg> Trip IN1-52B: finecorsa interruttore aperto

Dettagli

DDM/S615/24Vdc VISUALIZZATORE DI MESSAGGI

DDM/S615/24Vdc VISUALIZZATORE DI MESSAGGI DDM/S615/24Vdc DDM/S615/24Vdc = 24 Vdc VISUALIZZATORE DI MESSAGGI Indicatore a 32 caratteri (due righe da 16 caratteri) retroilluminato Sino a 251 (0 250) messaggi memorizzati richiamabili attraverso 8

Dettagli

ITALIANO. Centrale G-820 MANUALE DELL UTENTE. Omologazione IMQ SISTEMI DI SICUREZZA 1 e 2 LIVELLO

ITALIANO. Centrale G-820 MANUALE DELL UTENTE. Omologazione IMQ SISTEMI DI SICUREZZA 1 e 2 LIVELLO ITALIANO Centrale G-820 MANUALE DELL UTENTE Omologazione IMQ SISTEMI DI SICUREZZA 1 e 2 LIVELLO Indice G-820 Utente Segnalazioni Segnalazioni sulla tastiera 4 Segnalazioni dirette su display..................................

Dettagli

Manuale uso della MultiPresa MPP Serie Intell IP- USB ver. 4.2

Manuale uso della MultiPresa MPP Serie Intell IP- USB ver. 4.2 Manuale uso della MultiPresa MPP Serie Intell IP- USB ver. 4.2 Multipresa con 6 prese - fissaggio orizzontale a rack 19 Multipresa con 8-16 - 24 prese - fissaggio in verticale a rack La MultiPresa Professionale

Dettagli

TERMINALE DI RILEVAZIONE PRESENZE E CONTROLLO ACCESSI MOD. KP-02

TERMINALE DI RILEVAZIONE PRESENZE E CONTROLLO ACCESSI MOD. KP-02 1 TERMINALE DI RILEVAZIONE PRESENZE E CONTROLLO ACCESSI MOD. KP-02 Il Terminale KP-02 é stato sviluppato per consentire le modalità operative di Rilevazione Presenze e Controllo Accessi. Viene costruito

Dettagli

AR32 PLUS RICEVITORE PER INTERFACCIAMENTO A CENTRALI DI ALLARME

AR32 PLUS RICEVITORE PER INTERFACCIAMENTO A CENTRALI DI ALLARME AR32 PLUS RICEVITORE PER INTERFACCIAMENTO A CENTRALI DI ALLARME ( MANUALE PROVVISORIO DI FUNZIONAMENTO ED USO CARATTERISTICHE TECNICHE) 1.0 DESCRIZIONE GENERALE DI FUNZIONAMENTO Il ricevitore AR-32 Plus,

Dettagli

Interfaccia contatti a 2 ingressi indipendenti

Interfaccia contatti a 2 ingressi indipendenti Il dispositivo è utilizzato per collegare al sistema antintrusione i contatti magnetici di allarme normalmente chiusi, contatti elettromeccanici a fune per la protezione di avvolgibili e tapparelle e sensori

Dettagli

Contatore d impulsi S0

Contatore d impulsi S0 Informazioni tecniche www.sbc-support.com Contatore d impulsi S con Modbus Il modulo S-Modbus è un apparecchio per la raccolta di impulsi S. Con questo modulo i dati di consumo di qualsiasi contatore con

Dettagli

EG.N.4796 UNI EN ISO 9001:2008 Centrale Radio TOSCA Art.: 4092E-PLUSTOSCA

EG.N.4796 UNI EN ISO 9001:2008 Centrale Radio TOSCA Art.: 4092E-PLUSTOSCA LINCE ITALIA S.p.A. REG.N.4796 UNI EN ISO 9001:2008 Centrale Radio TOSCA Art.: 4092E-PLUSTOSCA MANUALE UTENTE MADE IN ITALY SOMMARIO 1. Premessa...3 2. La Centrale...3 2.1 LED di segnalazione...3 2.2 Display...4

Dettagli

Schemi elettrici. Indice. Schemi elettrici. Informazioni per la lettura - Interruttori... 5/2. Informazioni per la lettura - ATS010...

Schemi elettrici. Indice. Schemi elettrici. Informazioni per la lettura - Interruttori... 5/2. Informazioni per la lettura - ATS010... Indice Schemi elettrici Informazioni per la lettura - Interruttori... /2 Informazioni per la lettura - ATS010... /6 Segni grafici (Norme IEC 60617 e CEI 3-14 3-26)... /7 Schema circuitale degli interruttori

Dettagli

MP500/4 - MP500/8 MP500/16 Centrali di allarme telegestibili

MP500/4 - MP500/8 MP500/16 Centrali di allarme telegestibili I MP500/4 - MP500/8 MP500/16 Centrali di allarme telegestibili Sul sito www.elkron.com potrebbero essere disponibili eventuali aggiornamenti della documentazione fornita a corredo del prodotto. Manuale

Dettagli

SCHEDA UNIVERSALE PER CAMBIAMONETE

SCHEDA UNIVERSALE PER CAMBIAMONETE SCHEDA UNIVERSALE PER CAMBIAMONETE Scheda ASD234A - rev. 1.40 Manuale di installazione ed uso SPECIAL GAME s.r.l. Via L. Volpicella, 223 80147 Barra (NA) Tel +39 081 572 68 54 Fax +39 081 572 15 19 www.specialgame.it

Dettagli

1019 E CENTRALE POLIFUNZIONALE DI GESTIONE ALLARMI MANUALE DI INSTALLAZIONE

1019 E CENTRALE POLIFUNZIONALE DI GESTIONE ALLARMI MANUALE DI INSTALLAZIONE 1019 E CENTRALE POLIFUNZIONALE DI GESTIONE ALLARMI MANUALE DI INSTALLAZIONE MANUALE NO. TM0011 1 Pagine Preliminari: I numeri in grassetto identificano la sezione di accesso: 1 area incendio, 2 area intrusione,

Dettagli

Energia Centro Nord Soc. consortile

Energia Centro Nord Soc. consortile Energia Centro Nord Soc. consortile Quadri trifase per fornitura di energia elettrica in Media ed Alta tensione con contatore statico a 4 quadranti In collaborazione con Prodotto QME: giugno 2006 EMH Elektrizitätszähler

Dettagli

C E 2 - C S P - P 0 ( V. 10.12 )

C E 2 - C S P - P 0 ( V. 10.12 ) S.C.D. sas Sistemi di Controllo Digitali Via Cittadella 65 41100 Modena ( Italy ) Tel/fax 059 223744 www.essecidi.it e.mail:scd@essecidi.it CONTATORE ELETTRONICO PROGRAMMABILE CON INTERFACCIA SERIALE RS232

Dettagli

Manuale PC. MIra SEMPLICEMENTE SICUREZZA SIMPLY SECURITY. venitem.com

Manuale PC. MIra SEMPLICEMENTE SICUREZZA SIMPLY SECURITY. venitem.com Manuale PC MIra SEMPLICEMENTE SICUREZZA SIMPLY SECURITY venitem.com 2 venitem.com INDICE COLLEGAMENTO DEL CAVO TRA CENTRALE E PC ABILITARE LA CENTRALE PER IL COLLEGAMENTO AVVIARE IL COLLEGAMENTO MENU DI

Dettagli

Telecomando Xtra.Remote Control (mk2)

Telecomando Xtra.Remote Control (mk2) Telecomando Xtra.Remote Control (mk2) 1. INSTALLAZIONE TELECOMANDO Il telecomando comprende i seguenti accessori: Unità telecomando Adattatore (1A @ 5V DC) Coppia di batterie ricaricabili (NiMH) Protezione

Dettagli

Back-UPS Pro 1200/1500 230 V Installazione e funzionamento

Back-UPS Pro 1200/1500 230 V Installazione e funzionamento Back-UPS Pro 1200/1500 230 V Installazione e funzionamento Contenuto Sicurezza bu001a (2) Non installare l'unità Back-UPS alla luce solare diretta, in condizioni di calore o umidità eccessivi o a contatto

Dettagli

SECURBOX 226 CENTRALE DI ALLARME ANTINTRUSIONE MANUALE TECNICO

SECURBOX 226 CENTRALE DI ALLARME ANTINTRUSIONE MANUALE TECNICO SECURBOX 226 CENTRALE DI ALLARME ANTINTRUSIONE MANUALE TECNICO La centrale SECURBOX 226 è stata progettata per impianti di allarme antintrusione professionali. Adatta all'utenza che predilige la semplicità,

Dettagli

DRTS 64. Dispositivo automatico di nuova generazione per la prova di relè di protezione, contatori elettrici, convertitori e PQ meter

DRTS 64. Dispositivo automatico di nuova generazione per la prova di relè di protezione, contatori elettrici, convertitori e PQ meter Dispositivo automatico di nuova generazione per la prova di relè di protezione, contatori elettrici, convertitori e PQ meter Sistema multi-funzione per la verifica di tutte le tipologie di relè: elettromeccanici,

Dettagli

GW 90 762: ATTUATORE ANALOGICO

GW 90 762: ATTUATORE ANALOGICO FUNZIONE MONTAGGIO L Attuatore Analogico a due canali serve a estendere la gamma di applicazione dell EIB tramite l elaborazione di grandezze analogiche. Per controllare variabili differenti (es. servomotore)

Dettagli

LOGO! Avvio alla programmazione. Versione 1.0 Guida pratica per compiere i primi passi con LOGO!

LOGO! Avvio alla programmazione. Versione 1.0 Guida pratica per compiere i primi passi con LOGO! LOGO! Avvio alla programmazione Versione 1.0 Guida pratica per compiere i primi passi con LOGO! [Digitare il testo] [Digitare il testo] [Digitare il testo] CONTENUTI 1 INTRODUZIONE... 3 2 PRIMI PASSI PER

Dettagli

Serie 12 - Interruttore orario 16 A. Caratteristiche SERIE 12 12.01 12.11 12.31

Serie 12 - Interruttore orario 16 A. Caratteristiche SERIE 12 12.01 12.11 12.31 Serie - nterruttore orario 16 A SERE Caratteristiche.01.11.31 nterruttore orario elettromeccanico - Giornaliero * - Settimanale ** Tipo.01-1 contatto in scambio 16 A larghezza 35.8 mm Tipo.11-1 contatto

Dettagli

Istruzioni per l uso. Controller B 170 (MB 1) Leggere attentamente le presenti istruzioni per l uso prima di mettere in funzione il controller.

Istruzioni per l uso. Controller B 170 (MB 1) Leggere attentamente le presenti istruzioni per l uso prima di mettere in funzione il controller. Istruzioni per l uso Controller B 170 (MB 1) Leggere attentamente le presenti istruzioni per l uso prima di mettere in funzione il controller. T( C) Controller B 170 T1 7 4 8 5 9 6 Eurotherm 2132i start

Dettagli

3.2 Collegamento elettrico

3.2 Collegamento elettrico Evco S.p.A. Codice 104K404I114 pag. 1/8 EVK404 Controllore digitale universale a quattro uscite versione 1.1 I ITALIANO INDICE GENERALE 1 IMPORTANTE... pag. 1 2 DIMENSIONI E INSTALLAZIONE... pag. 1 3 COLLEGAMENTO

Dettagli

Dimensioni (mm) Programmazione settimanale con 6 orari di ON e OFF per ogni giorno. Regolazione temperatura dell acqua: 0 100 C

Dimensioni (mm) Programmazione settimanale con 6 orari di ON e OFF per ogni giorno. Regolazione temperatura dell acqua: 0 100 C Centralina di regolazione per la gestione locale e a distanza di impianti termici e tecnologici complessi - MASTER Il regolatore è utilizzato negli impianti particolarmente complessi dove, per risolvere

Dettagli

DOMOTEC SRL - Lungo Dora Liguria, 58 - I - 10143 TORINO (ITALY) TEL. 011.738.11.98 r.a. - Fax 011.733.197

DOMOTEC SRL - Lungo Dora Liguria, 58 - I - 10143 TORINO (ITALY) TEL. 011.738.11.98 r.a. - Fax 011.733.197 EDINTEC S.R.L. Viale Umbria, 0090 Pieve Emanuele (MI) Tel. 0 99 www.gladiusnet.it - sales@gladiusnet.it DOMOTEC SRL - Lungo Dora Liguria, - I - 0 TORI (ITALY) TEL. 0...9 r.a. - Fax 0..9 internet:http://www.domotec.it

Dettagli

DUCATI SISTEMI S. P. A. DUCA47-96 MANUALE UTENTE

DUCATI SISTEMI S. P. A. DUCA47-96 MANUALE UTENTE DUCATI SISTEMI S. P. A. DUCA47-96 MANUALE UTENTE Introduzione Lo strumento DUCA47-96 è un multimetro digitale per il montaggio a pannello che consente la misura delle principali grandezze elettriche in

Dettagli

MANUALE DI INSTALLAZIONE, PROGRAMMAZIONE ED USO

MANUALE DI INSTALLAZIONE, PROGRAMMAZIONE ED USO LINCE ITALIA S.p.A. REG.N.4796 UNI EN ISO 9001:2008 Combinatore Telefonico MINITRIS PSTN Art. 1799MINITRIS-PSTN MANUALE DI INSTALLAZIONE, PROGRAMMAZIONE ED USO MADE IN ITALY SOMMARIO 1 Generalità... 4

Dettagli

Rev. Data Descrizione Redazione Approvazione

Rev. Data Descrizione Redazione Approvazione MANUALE UTENTE G-MOD Manuale di installazione, uso e manutenzione A Gennaio 2015 Prima Versione S. Zambelloni M. Carbone Rev. Data Descrizione Redazione Approvazione Rev.A Pag. 1 di 16 Le informazioni

Dettagli

ISTRUZIONE TECNICA. CENTRALI 5 e 10 ZONE. Rev.B

ISTRUZIONE TECNICA. CENTRALI 5 e 10 ZONE. Rev.B ISTRUZIONE TECNICA CENTRALI 5 e 10 ZONE Rev.B Indice manuale tecnico Principi generali di funzionamento pag. 03 Installazione meccanica. pag. 06 Descrizione del frontale della centrale pag. 08 Chiave elettromeccanica.

Dettagli

Sistema computerizzato di irrigazione. Manuale tecnico. Centralina remota a 12 elettrovalvole

Sistema computerizzato di irrigazione. Manuale tecnico. Centralina remota a 12 elettrovalvole Sistema computerizzato di irrigazione Manuale tecnico Centralina remota a 12 elettrovalvole Indice generale Introduzione... 3 La centralina APRUS... 4 Installazione... 5 Luogo di installazione... 5 Fissaggio

Dettagli

Sistema di rilevazione fughe gas. per centrali termiche e luoghi similari. Descrizione. Centralina di comando. Sonda per gas metano IP44

Sistema di rilevazione fughe gas. per centrali termiche e luoghi similari. Descrizione. Centralina di comando. Sonda per gas metano IP44 s 7 601 INTELLIGAS Sistema di rilevazione fughe gas per centrali termiche e luoghi similari Centralina elettronica per la rilevazione di fughe gas ad una sonda per il comando di una elettrovalvola di intercettazione

Dettagli

Sistemi di protezione di interfaccia PMVF 20 PMVF 50

Sistemi di protezione di interfaccia PMVF 20 PMVF 50 Sistemi di protezione di interfaccia PMVF 20 (conformi CEI 0-21 edizione giugno 2012) PMVF 30 (conforme CEI 0-16 edizione dicembre 2012) electric Sistemi di protezione di interfaccia Conformi CEI 0-21

Dettagli

ITALIANO. Centrale G-820. MANUALE DELL UTENTE Omologazione IMQ SISTEMI DI SICUREZZA 1 e 2 LIVELLO

ITALIANO. Centrale G-820. MANUALE DELL UTENTE Omologazione IMQ SISTEMI DI SICUREZZA 1 e 2 LIVELLO ITALIANO Centrale G-820 MANUALE DELL UTE Omologazione IMQ SISTEMI DI SICUREZZA 1 e 2 LIVELLO Indice G-820 Utente Segnalazioni Segnalazioni sulla tastiera 4 Segnalazioni dirette su display..................................

Dettagli

DRTS 33. Dispositivo automatico di nuova generazione per la prova di relè di protezione, contatori elettrici, convertitori e PQ meter

DRTS 33. Dispositivo automatico di nuova generazione per la prova di relè di protezione, contatori elettrici, convertitori e PQ meter Dispositivo automatico di nuova generazione per la prova di relè di protezione, contatori elettrici, convertitori e PQ meter Sistema multi-funzione per la verifica di tutte le tipologie di relè: elettromeccanici,

Dettagli

CENTRALE DI ALLARME TECHNOWEB

CENTRALE DI ALLARME TECHNOWEB CENTRALE DI ALLARME TECHNOWEB La centrale Technoweb è una centrale a con 8 ingressi di allarme. Le 8 zone/ingressi sono suddivise su 2 aree. Funzione tempo di ingresso e tempo di uscita, possibilità di

Dettagli

Centralina di regolazione con gestione a distanza

Centralina di regolazione con gestione a distanza Centralina di regolazione con gestione a distanza L apparecchio regola la temperatura dell acqua di mandata dell impianto di riscaldamento. Adatte per tutti i tipi di impianti di riscaldamento di condomini,

Dettagli

Indicatori digitali per montaggio a pannello Modello DI35

Indicatori digitali per montaggio a pannello Modello DI35 Accessori Indicatori digitali per montaggio a pannello Modello DI35 Scheda tecnica WIKA AC 80.03 Applicazioni Costruzione di macchine e impianti Banchi prova Misura di livello Applicazioni industriali

Dettagli

Prodotto Descrizione Codice MDL-M3-FT10 Analizzatore di energia 0310-01-01

Prodotto Descrizione Codice MDL-M3-FT10 Analizzatore di energia 0310-01-01 MDL-M3-FT10 Analizzatore di energia Primo analizzatore di energia conforme allo standard LonWorks. Può dialogare con tutti i dispositivi dei sistemi integrati LonWorks che consentono di realizzare reti

Dettagli

ABB i-bus EIB / KNX Terminali di ingresso binari BE/S

ABB i-bus EIB / KNX Terminali di ingresso binari BE/S Manuale di prodotto ABB i-bus EIB / KNX Terminali di ingresso binari BE/S Sistemi di installazione intelligente Questo manuale descrive il funzionamento dei terminali di ingresso binari BE/S. Questo manuale

Dettagli

EosX-LAN 8+8 MODULO LAN BIDIREZIONALE PRELIMINARE SIS DATA LINK

EosX-LAN 8+8 MODULO LAN BIDIREZIONALE PRELIMINARE SIS DATA LINK EosX-LAN 8+8 MODULO LAN BIDIREZIONALE PRELIMINARE CALL SERV RESET +V AL SIS DATA LINK TAM MINI USB USCITE INGRESSI +B Uscita +12 V TO Uscita di segnalazione Time Out generale Out1 USCITA di comando n 1

Dettagli

Interfaccia di Comunicazione DFTS Manuale d'uso

Interfaccia di Comunicazione DFTS Manuale d'uso Domino Domino Interfaccia di Comunicazione DFTS Manuale d'uso Versione 1.2 - Giugno 2002 srl Via Longhena 4-20139 MILANO Tel. 02/57300377 - FAX 02/55213686 Domino - DFTS: Manuale d'uso r.1.2 Indice 1-

Dettagli

Contatto FXPRO2. FXPRO2: Programmatore- Tester per bus. Contatto

Contatto FXPRO2. FXPRO2: Programmatore- Tester per bus. Contatto FXRO2: rogrammatore- Tester per bus FXRO2 è uno strumento portatile per l'assegnazione dell'indirizzo ai moduli ; inoltre consente anche di eseguire funzioni di diagnostica ed in particolare il test della

Dettagli

REGISTRATORE DI CASSA M410 MANUALE D USO

REGISTRATORE DI CASSA M410 MANUALE D USO REGISTRATORE DI CASSA M410 MANUALE D USO Egregio cliente, La ringraziamo per la preferenza accordataci. Questo prodotto è stato progettato e fabbricato secondo i più alti standard qualitativi e la Micrelec

Dettagli

ITALIANO. Serie Atlantis MANUALE DELL UTENTE. Omologazione IMQ SISTEMI DI SICUREZZA 1 e 2 LIVELLO

ITALIANO. Serie Atlantis MANUALE DELL UTENTE. Omologazione IMQ SISTEMI DI SICUREZZA 1 e 2 LIVELLO ITALIANO Serie Atlantis MANUALE DELL UTENTE Omologazione IMQ SISTEMI DI SICUREZZA 1 e 2 LIVELLO Indice Atlantis Utente Attivazioni Utente Segnalazioni sulla tastiera 4 Segnalazioni dirette su display..................................

Dettagli

OPERA Specifiche tecniche per moduli telegestione Hardware, Quadri di campo e di rete FV

OPERA Specifiche tecniche per moduli telegestione Hardware, Quadri di campo e di rete FV SPECIFICHE TECNICHE OPERA Specifiche tecniche per moduli telegestione Hardware, Quadri di campo e di rete FV RSST04I00 rev. 0 0113 SPECIFICA SIGLA TIPO DI PRODOTTO A DIM/F TELEGESTIONE QUADRI DI CAMPO

Dettagli

SOLAR VIEW. pv data logger. - Manuale d installazione e uso -

SOLAR VIEW. pv data logger. - Manuale d installazione e uso - SOLAR VIEW pv data logger - Manuale d installazione e uso - INTRODUZIONE Vi ringraziamo per la scelta del nostro prodotto. L apparecchio descritto in questo manuale è un prodotto di alta qualità, attentamente

Dettagli

DMC971. MANUALE D'USO DMC971 Dispositivo di Protezione e Controllo Servizi Ausiliari - DV971A2 DMC971_15_A THYTRONIC DIVISIONE PROTEZIONI

DMC971. MANUALE D'USO DMC971 Dispositivo di Protezione e Controllo Servizi Ausiliari - DV971A2 DMC971_15_A THYTRONIC DIVISIONE PROTEZIONI MANUALE D'USO DMC971 Dispositivo di Protezione e Controllo Servizi Ausiliari - DV971A2 THYTRIC DIVISIE PROTEZII Indice 1 Generalità...3 2 Documenti di riferimento...3 3 Funzioni generali...4 3.1 Lettura

Dettagli

Protezione di interfaccia a norma CEI 0-21

Protezione di interfaccia a norma CEI 0-21 a norma CEI 0-21 Femto D4 SPI 2 Energy Analyzer è una protezione di interfaccia per impianti allacciati alla rete di distribuzione in BT conforme alla a norma CEI 0-21: 2012-06. Lo strumento è dotato anche

Dettagli

Analisi della qualità dell energia

Analisi della qualità dell energia Analizzatore della qualità di rete per installazione fissa QNA 412 e 413 Analizzatore della qualità di rete per installazione fissa QNA 202 e 303 Analizzatore tot ale della qualità di rete 3196 Analisi

Dettagli

Controllo fase Relè di controllo fase monofunzione - 7,5 mm Controllo su reti trifase: ordine di fase, assenza totale di fase Multitensione da x 08 a x 480 V Controlla la propria tensione d alimentazione

Dettagli

RICEVITORE RADIO SUPERVISIONATO TRX16

RICEVITORE RADIO SUPERVISIONATO TRX16 RICEVITORE RADIO SUPERVISIONATO TRX16 MANUALE TECNICO SOMMARIO SENSORI RADIO PROGRAMMAZIONE SENSORI RADIO APPRENDERE UN NUOVO SENSORE RADIO CANCELLARE UN SENSORE RADIO SUPERVISIONE RISINCRONIZZARE I SENSORI

Dettagli

CP1 PLUS Rev 1.0 Armadio a parete per schede di rivelazione gas MP0

CP1 PLUS Rev 1.0 Armadio a parete per schede di rivelazione gas MP0 SICUREZZA COMPAGNIA RIUNITE S.p.A. Manuale d uso CP1 PLUS Rev 1.0 Armadio a parete per schede di rivelazione gas MP0 SICOR S.p.A. Sede Comm. Amm.: Via Pisacane N 23/A 20016 Pero (MI) Italia Tel. +39-023539041

Dettagli

C R O C E R O S S A I T A L I A N A SERVIZIO PROVVEDITORATO C. T. N. R. PER GLI APPARATIRADIOELETTRICI DELLA RETE RADIO DELLA CROCE ROSSA ITALIANA

C R O C E R O S S A I T A L I A N A SERVIZIO PROVVEDITORATO C. T. N. R. PER GLI APPARATIRADIOELETTRICI DELLA RETE RADIO DELLA CROCE ROSSA ITALIANA C A P I T O L A T O T E C N I C O PER GLI APPARATIRADIOELETTRICI DELLA RETE RADIO DELLA CROCE ROSSA ITALIANA PARTE GENERALE Gli apparati radio devono essere omologati dal Ministero delle Comunicazioni

Dettagli