Qualità della comunicazione nei programmi di screening: Revisione critica della letteratura. Angela Guarino, Grazia Serantoni, Giulia Colasante

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Qualità della comunicazione nei programmi di screening: Revisione critica della letteratura. Angela Guarino, Grazia Serantoni, Giulia Colasante"

Transcript

1 Qualità della comunicazione nei programmi di screening: Revisione critica della letteratura Angela Guarino, Grazia Serantoni, Giulia Colasante Gli screening di prevenzione oncologica rappresentano interventi di provata efficacia per la riduzione della mortalità per cancro. L'adesione della popolazione e l'adeguata comunicazione rappresentano requisiti fondamentali per la riuscita di ogni programma. A partire dalle campagne di adesione, i processi di comunicazione costituiscono uno strumento di relazione con gli utenti, a livelli diversi, in grado di influenzare fortemente la loro partecipazione al programma nel corso degli anni. Le modalità e gli stili comunicativi possono richiedere adattamenti di Linee Guida più generali a culture e contesti locali. La sistematizzazione delle informazioni esistenti può fornire una base per definire delle raccomandazioni utili a pianificare ed organizzare i processi comunicativi dei programmi di screening in specifiche realtà geografiche. Obiettivo L obiettivo di questo lavoro è quello di condurre una revisione sistematica degli studi sull efficacia della comunicazione negli screening attraverso: l identificazione degli studi, la valutazione metodologica e la sintesi dei risultati. Metodo Identificazione dei quesiti È necessario definire una popolazione di riferimento, quali interventi si intendono studiare e quali esiti si vogliono misurare; a tal proposito, nella presente revisione, sono stati identificati i seguenti parametri: a) la popolazione sottoposta a screening; b) gli interventi finalizzati all implementazione dello screening; c) gli esiti relativi all importanza della comunicazione in tutte le fasi dello screening. Identificazione delle parole chiave L identificazione delle parole chiave si è concentrata in due fasi principali: il brain storming del gruppo di lavoro partendo dalle parole chiave degli studi noti utilizzando una griglia standardizzata; l adattamento alle basi dati per l utilizzazione dei thesauri e degli booleani. Interrogazione delle basi di dati I motori di ricerca utilizzati, per l identificazione degli articoli di interesse, sono stati: Medline, Psychinfo, Sociological Abstracts, Eric, Health and Safety Science e Cochrane Library (Consumers Network). Non sono stati posti limiti temporali (tutti i database partono dal 1965) né relativi alla lingua utilizzata. È da sottolineare che tutte le bibliografie degli studi pertinenti sono state controllate. Predisposizione di una scheda di valutazione e di estrazione dei dati È stata predisposta una griglia di valutazione metodologica e di estrazione dei dati partendo dalle schede utilizzate per le Linee Guida da Scottish Intercollegiate Guidelines Network (S.I.G.N.) adattate a contenuti psicologici e sociali. 1

2 Risultati Sono stati identificati 1184 articoli di cui sono stati letti gli abstract e i full-text ove disponibili e ne sono stati selezionati 100 (85 sono stati ottenuti in formato elettronico e cartaceo). Gli studi e le revisioni sono state sintetizzate e le principali indicazioni sono state sottoposte ad analisi per l elaborazione delle raccomandazioni. Campione Qui di seguito, vengono riportate, in forma scritta e grafica, frequenze e percentuali relative alle voci prese in considerazione per la descrizione dei 100 articoli compresi nel campione. Tabella 1 Crosstab Tipo Autore X Tipo Screening TIPO_SCREENING Tipo autore Cervice altro o non Mammella CR uterina PSA specificato Totale Medico ,90% 64,70% 75,00% 75,00% 29,40% 47,00% Psicologo Medico e psicologo Altro Tabella 2 Crosstab Tipo Autore X Fase Screening 40,50% 29,40% 25,00% 12,50% 50,00% 39,00% ,80% 5,90% 0,00% 0,00% 14,70% 10,00% ,70% 0,00% 0,00% 12,50% 5,90% 4,00% ,00% 100,00% 100,00% 100,00% 100,00% 100,00% Tipo autore Medico Psicologo Medico e psicologo Altro FASE_SCREENING Tutte le Reclutamento Partecipazione Conseguenze fasi Totale ,50% 57,90% 15,80% 36,80% 47,00% ,90% 21,10% 73,70% 31,60% 39,00% ,70% 10,50% 10,50% 21,10% 10,00% ,00% 10,50% 0,00% 10,50% 4,00% ,00% 100,00% 100,00% 100,00% 100,00% 2

3 Tabella 3 Tipo Autore X Tipo Studio Tipo autore TIPO_STUDIO Longitudinale Trasversale Review Totale Medico ,90% 45,90% 57,10% 47,00% Psicologo Medico e psicologo Altro Tabella 4 Tipo Lettore X Tipo Screening 55,60% 37,70% 28,60% 39,00% ,60% 9,80% 14,30% 10,00% ,00% 6,60% 0,00% 4,00% ,00% 100,00% 100,00% 100,00% TIPO_SCREENING Tipo Lettore Cervice altro o non Mammella CR uterina PSA specificato Totale Medico ,90% 64,70% 75,00% 75,00% 38,20% 50,00% Psicologo Medico e psicologo Altro Tabella 5 Tipo Lettore X Fase Screening 37,80% 23,50% 0,00% 12,50% 47,10% 35,00% ,50% 11,80% 25,00% 0,00% 11,80% 12,00% ,70% 0,00% 0,00% 12,50% 2,90% 3,00% ,00% 100,00% 100,00% 100,00% 100,00% 100,00% Tipo Lettore Medico Psicologo Medico e psicologo Altro FASE_SCREENING Tutte le Reclutamento Partecipazione Conseguenze fasi Totale ,50% 63,20% 15,80% 47,40% 50,00% ,60% 10,50% 73,70% 26,30% 35,00% ,00% 15,80% 10,50% 21,10% 12,00% ,00% 10,50% 0,00% 5,30% 3,00% ,00% 100,00% 100,00% 100,00% 100,00% 3

4 Tabella 6 Tipo Lettore X Tipo Studio TIPO_STUDIO Medico Psicologo Medico e psicologo Altro Longitudinale Trasversale Review Totale ,40% 47,50% 61,90% 50,00% ,90% 36,10% 28,60% 35,00% ,70% 11,50% 9,50% 12,00% ,00% 4,90% 0,00% 3,00% ,00% 100,00% 100,00% 100,00% Dalla lettura della Tabella 1, si evince che lo screening alla mammella viene preso in considerazione in 17 (45,9%) articoli per i medici, in 15 (40,5%) articoli per gli psicologi, in 4 (10,8%) articoli per medici e psicologi e infine in 1 (2,7%) articolo per altri tipologie di autore. Per quanto riguarda il tumore al colon retto si riscontra una frequenza pari a: 11 (64,7%) per i medici, 5 (29,4%) per gli psicologi, 1 (5,9%) per medici e psicologi e 0 (0,0%) per altre tipologie di autore. Lo screening per tumore alla cervice uterina conta 3 (75,0%) articoli tra i medici, 1 (25,0%) articolo tra gli psicologi e 0 (0,0%) articoli sia per medici e psicologi che per altre tipologie di autore. Per ciò che concerne il tumore alla prostata si riscontra una frequenza uguale a: 6 (75,0%) per i medici, 1 (12,5%) per gli psicologi, 0 (0,0%) per medici e psicologi e 1 (12,5%) per altre tipologie di autore. Infine, per quanto riguarda la categoria altro o non specificato è possibile notare una frequenza pari a: 10 (29,4%) per i medici, 17 (50,0%) per gli psicologi, 5 (14,7%) per medici e psicologi e 2 (5,9%) per altre tipologie di autore. La Tabella 2 mostra i risultati relativi all incrocio tra tipo di autore e fase di screening considerata nell articolo. Per ciò che concerne il reclutamento si riscontra una frequenza pari a 26 (60,5%) per i medici, pari a 15 (34,9%) per gli psicologi, uguale a 2 per medici e psicologi (4,7%) e pari a 0 (0,0%) per altre tipologie di autore. La fase relativa alla partecipazione allo screening viene presa in considerazione da 11 (57,9%) articoli per i medici, 4 (21,1%) per gli psicologi, 2 (10,5%) sia per medici e psicologi che per altre tipologie di autore. Per quanto riguarda le conseguenze psicologiche dello screening la tabella illustra una frequenza pari a 3 (15,8%) per i medici, pari a 14 (73,7%) per gli psicologi, pari a 2 (10,5%) per medici e psicologi; altre tipologie di autore non sembrano affrontare questo tipo di fase, con una frequenza uguale a 0 (0,0%). Infine, sono: 7 (36,8%) per i medici, 6 (31,6%) per gli psicologi, 4 (21,1%) per medici e psicologi e 2 (10,5%) per altre tipologie di autore, gli articoli che vanno a prendere in considerazione tutte le fasi dello screening. La Tabella 3 illustra i risultati relativi all incrocio dei dati concernenti il tipo di autore e il tipo di studio presente nell articolo. Per quanto riguarda la categoria longitudinale si riscontra una frequenza pari a 7 (38,9%) per i medici, pari a 10 (55,6%) per gli psicologi, pari a 1 (5,6%) per medici e psicologi e uguale a 0 (0,0%) per altre tipologie di autore. Gli studi trasversali vengono presi in considerazione da 28 (45,9%) articoli per i medici, 23 (37,7%) articoli per gli psicologi, 6 (9,8%) articoli per medici e psicologi e 4 (6,6%) per altre tipologie di autore. Infine gli articoli proposti come review sono: 12 (57,1%) tra i medici, 6 (28,6%) tra gli psicologi, 3 (14,3%) tra medici e psicologi e 0 (0,0%) per altre tipologie di autore. La Tabella 4 fa riferimento all incrocio tra i dati relativi alla tipologia di lettore e i dati relativi al tipo di screening preso in considerazione nell articolo. Lo screening alla mammella viene considerato in 17 (45,9%) articoli per i medici, in 14 (37,8%) articoli per gli psicologi, in 5 (13,5%) articoli per medici e psicologi e infine in un (2,7%) solo artico- 4

5 lo per altri tipologie di autore. Per quanto riguarda il tumore al colon retto è possibile riscontrare una frequenza pari a 11 (64,7%) per i medici, pari a 4 ( 23,5%) per gli psicologi, uguale a 2 (11,8%) per medici e psicologi e relativa a 0 (0,0%) per altre tipologie di autore. Lo screening per tumore alla cervice uterina conta 3 (75,0%) articoli tra i medici, 0 (0,0%) articoli tra gli psicologi e altre tipologie di autore e infine 1 (25,0%) articolo tra medici e psicologi. Per ciò che concerne il tumore alla prostata abbiamo una frequenza uguale a: 6 (75,0%) per i medici, 1 (12,5%) per gli psicologi, 0 (0,0%) per medici e psicologi e 1 (12,5%) per altre tipologie di autore. Infine, per quanto riguarda la categoria altro o non specificato possiamo notare una frequenza pari a: 13 (38,2%) per i medici, 16 (47,1%) per gli psicologi, 5 (11,8%) per medici e psicologi e 2 (2,9%) per altre tipologie di autore. La Tabella 5 mostra i risultati relativi all incrocio tra tipo di lettore e fase di screening considerata nell articolo. Per ciò che concerne il reclutamento si riscontra una frequenza pari a 26 (60,5%) per i medici, pari a 14 (32,6%) per gli psicologi, uguale a 3 (7,0%) per medici e psicologi e pari a 0 (0,0%) per altre tipologie di autore. La fase relativa alla partecipazione allo screening viene presa in considerazione da 12 (63,2%) articoli per i medici, 2 (10,5%) per gli psicologi, 3 (15,8%) per medici e psicologi e 2 (10,5%) per altre tipologie di autore. Per quanto riguarda le conseguenze psicologiche dello screening la tabella illustra una frequenza pari a 3 (15,8%) per i medici, pari a 14 (73,7%) per gli psicologi, pari a 2 (10,5%) per medici e psicologi; altre tipologie di autore non sembrano affrontare questo tipo di fase, con una frequenza uguale a 0 (0,0%). Infine, sono: 9 (47,4%) per i medici, 5 (26,3%) per gli psicologi, 4 (21,1%) per medici e psicologi e 1 (5,3%) per altre tipologie di autore, gli articoli che vanno a prendere in considerazione tutte le fasi dello screening. La Tabella 6 illustra i risultati relativi all incrocio dei dati concernenti il tipo di lettore e il tipo di studio presente nell articolo. Per quanto riguarda la categoria longitudinale si riscontra una frequenza pari a 8 (44,4%) per i medici, pari a 7 (38,9%) per gli psicologi, pari a 3 (16,7%) per medici e psicologi e uguale a 0 (0,0%) per altre tipologie di autore. Gli studi trasversali vengono presi in considerazione da 29 (47,5%) articoli per i medici, 22 (36,1%) articoli per gli psicologi, 7 (11,5%) articoli per medici e psicologi e 3 (4,9%) per altre tipologie di autore. Infine gli articoli proposti come review sono: 13 (61,9%) tra i medici, 6 (28,6%) tra gli psicologi, 2 (9,5%) tra medici e psicologi e 0 (0,0%) per altre tipologie di autore. Tabella 7 Frequenze relative al paese d origine degli articoli Frequenza USA 58 Australia 8 Asia 2 Europa 27 Italia 5 La Tabella 7 mostra i dati relativi al paese cui gli articoli fanno riferimento. Si riscontra una frequenza pari a 58 (58,0%) per gli USA, pari a 8 (8,0%) per l Australia, pari a 2 (2,0%) per l Asia, pari a 27 (27,0%) per l Europa e uguale a 5 (5,0%) per l Italia. Tabella 8 Frequenze relative alla tipologia professionale dell autore degli articoli Frequenza Medico 47 Psicologo 39 Medico e psicologo 10 Altro 4 5

6 La Tabella 8 fa riferimento alle frequenze relative alla tipologia professionale degli degli articoli considerati. Si possono contare: 47 (47,0%) medici, 39 (39,0%) psicologi, 10 (10,0%) medici e psicologi e infine 4 (4,0%) appartenenti ad altre tipologie professionali. Tabella 9 Frequenze relative alla tipologia professionale del lettore cui gli articoli si rivolgono Frequenza Medico 50 Psicologo 35 Medico e psicologo 12 Altro 3 La Tabella 9 indica la tipologia professionale del lettore cui gli articoli si rivolgono. Si riscontra una frequenza pari a 50 (50,0%) per i medici, pari a 35 (35,0%) per gli psicologi, pari a 12 (12,0%) per medici e psicologi e infine uguale a 3 (3,0%) per altre tipologie professionali. Tabella 10 Frequenze relative al tipo di Screening considerato negli articoli Frequenza Mammella 37 CR 17 Cervice uterina 4 PSA 8 altro o non specificato 34 La Tabella 10 riporta le frequenze relative al tipo di screening considerato negli articoli. Si riscontra una frequenza pari a 37 (37,0%) per lo screening alla mammella, pari a 17 (17,0%) per lo screening relativo al colon retto, pari a 4 per lo screening alla cervice uterina, uguale a 8 (8,0%) per lo screening alla prostata (PSA) e infine una frequenza pari a 34 relativa ad articoli i quali non specificano il tipo di screening cui fanno riferimento. Tabella 11 Frequenze relative alla fase di Screening considerata negli articoli Frequenza Reclutamento 43 Partecipazione 19 Conseguenze 19 Tutte le fasi 19 La Tabella 11 mostra le frequenze relative alla fase dello screening cui gli articoli fanno riferimento. Si può notare come la maggioranza degli articoli considerino la fase di reclutamento della popolazione bersaglio, con una frequenza pari a 43 (43,0%); la stessa frequenza, pari a 19 (19,0%) viene riportata per le due fasi successive: partecipazione e conseguenze psicologiche dello screening, nonché per quegli articoli che prendono in considerazione tutte le fasi dello screening. Tabella 12 Frequenze relative al tipo di Popolazione considerata negli articoli 6

7 Frequenza Pop. normale 85 Pop. specifica 15 La Tabella 12 riporta le frequenze relative alla popolazione di riferimento degli studi riportati negli articoli. Un numero pari a 85 (85,0%) di articoli fa riferimento ad una popolazione normale, mentre il restanti 15 (15,0%) sono relativi ad una popolazione specifica. Tabella 13 Frequenze relative al tipo studio utilizzato negli articoli Frequenza Longitudinale 18 Trasversale 61 Review 21 La Tabella 13 mostra le frequenze relative al tipo di studio cui fanno riferimento gli articoli. Si riscontra una frequenza pari a 18 (18,0%) per gli studi longitudinali, una frequenza pari a 61 (61,0%) per gli studi trasversali e infine una frequenza uguale e 21 (21,0%) per le review. Tabella 14 Frequenze relative alla validità degli articoli Frequenza No 43 Sì 57 La Tabella 14 fa riferimento alle frequenze relativa alla validità degli articoli considerati. Gli studi non validi risultano essere 43 (43,0%) mentre quelli validi 57 (57,0%). Analisi dei concetti psicologi presenti negli articoli analizzati Tabella 15 Frequenze relative ai concetti psicologici presenti negli articoli (1) COPING STRESS/DISTRESS PAURA SOSTEGNO SELF RISCHIO SOCIALE EFFICACY PSICOLOGI MEDICI Il concetto di Coping, riscontrato 34 volte tra gli psicologi e una sola volta tra i medici, indica: gli sforzi della persona, sul piano cognitivo e comportamentale, per gestire le richieste interne ed esterne poste da quelle interrelazioni persona ambiente che vengono valutate come eccedenti le risorse possedute (Lazarus e Folkman, 1984 in Zani e Cicognani, 2000, 33-34). Vengono distinti due processi di coping: centrato sul problema (finalizzato a gestire e modificare il problema) e centrato sulle emozioni (finalizzato alla gestione della tensione emotiva). La misura in cui la situazione viene vissuta come stressante varia da individuo a individuo e dipende anche e soprattutto dal possesso di risorse di coping, che sono proprietà della persona o dell ambiente. 7

8 Un altro costrutto presente con maggior frequenza tra gli psicologi piuttosto che tra i medici, è quello di Stress/Distress, con un numero di riferimenti pari rispettivamente a 77 e 10. Lo stress consiste in una transizione fra la persona e l ambiente nella quale la situazione è valutata dall individuo come eccedente le proprie risorse e tale da mettere in pericolo il suo benessere (Lazarus e Folkman, 1984 in Zani e Cicognani, 2000, 33-34). Questa definizione descrive lo stress come un processo che include gli stressor e le risposte messe in atto dal soggetto, ma aggiunge la relazione fra la persona e l ambiente, fra le richieste e le risorse personali per farvi fronte. Si tratta di un processo che implica degli aggiustamenti continui chiamati transizioni. In questa prospettiva il soggetto è considerato un agente attivo che può influenzare l impatto di un fattore stressante mediante strategie cognitive, emozionali e comportamentali; qualora queste strategie falliscano si parla di distress, il cosiddetto stress nocivo, il quale si estende lungo un continuum, che va dai più che frequenti sentimenti di vulnerabilità, tristezza e paura sino a problemi che possono diventare disabilitanti, come la depressione, l ansia, il panico, l isolamento sociale e la crisi spirituale. Al contrario, il concetto di Paura viene riscontrato maggiormente tra i medici, con una frequenza pari a 18 e meno tra gli psicologi, con una frequenza uguale a 3. Essa fa riferimento ad un emozione primaria di difesa, provocata da una situazione di pericolo che può essere reale, anticipata dalla previsione, evocata dal ricordo o prodotta dalla fantasia. La paura è spesso accompagnata da una reazione organica, di cui è responsabile il sistema nervoso autonomo, che prepara l organismo alla situazione d emergenza disponendolo, anche se in modo non specifico, all apprestamento delle difese che si traducono solitamente in atteggiamenti di lotta e di fuga. Il Sostegno Sociale è stato definito come l informazione, proveniente da altri, di essere oggetto di amore e cure, di essere stimati e apprezzati e di far parte di una rete di comunicazione e di obbligo reciproco (Cobb, 1976). Esso indica il contenuto funzionale delle relazioni sociali e può essere distinto da altre funzioni nel senso che la sua finalità è sempre quella di aiutare il ricevente. Il sostegno sociale è fornito consapevolmente, cosa che lo distingue dall influenza sociale esercitata attraverso l osservazione del comportamento altrui e dai processi del confronto sociale attivati spontaneamente dal ricevente. Come si legge in Tabella 15, il sostegno sociale è un costrutto riscontrato 53 volte tra gli psicologi e 36 volte tra i medici. C è poi il Rischio, il quale è presente con una frequenza pari a 157 per gli psicologi e con una frequenza pari a 166 per i medici. Il rischio viene riconosciuto come una fattore centrale nella spiegazione dei comportamenti di salute. Nelle teorie del comportamento di salute ad orientamento cognitivista la percezione del rischio è esaminata come fattore motivazionale che influenza l adozione di comportamenti salutari o la cessazione di comportamenti nocivi. Il rischio viene definito in alcuni casi come prodotto della probabilità circa il sopraggiungere di avvenimenti negativi e del valore attribuito alle loro conseguenze, mentre in altri casi ci si limita alla componente della vulnerabilità senza includere le stime probabilistiche. Definito percezione di suscettibilità (H.B.M.) o percezione di vulnerabilità (Teoria della Motivazione a Proteggersi), questo costrutto fa riferimento alla credenza di essere personalmente vulnerabile nei confronti di determinate minacce per la salute. Il concetto di Self-efficacy fa riferimento all insieme di credenze di un individuo, riguardo le proprie capacità di mettere in atto i comportamenti necessari per raggiungere determinati risultati. (Bandura, 2000). Questo costrutto esercita effetti importanti nella salute su almeno due aspetti: nel fronteggiare gli eventi stressanti e nella modificazione dei comportamenti nocivi. Ad un livello di base, le credenze delle persone nelle proprie capacità di fronteggiare gli eventi stressanti possono attivare i sistemi biologici che agiscono come mediatori fra la salute e la malattia. Il secondo aspetto in cui la self-efficay è importante per la salute riguarda l esercizio del controllo diretto sugli aspetti del comportamento modificabili, in particolare i comportamenti rilevanti per la salute. Essa viene riscontrata 19 volte tra gli psicologi e 36 volte tra i medici. 8

9 Tabella 16 Frequenze relative ai concetti psicologici presenti negli articoli (2) LOCUS OF CONTROL SODDISFAZIONE BARRIERE ANSIA DEPRESSIONE PSICOLOGI MEDICI Il Locus of Control viene riscontrato 106 volte tra gli psicologi e 121 volte tra i medici. L origine del costrutto di locus of control è da ricondursi alla teoria dell apprendimento sociale di Rotter (1966), nell abito della quale esso si riferiva all aspettativa generalizzata circa una relazione fra le proprie azioni e determinati risultati. Rotter distinse gli orientamenti al controllo interno ed esterno: gli interni credono che gli eventi siano una conseguenza delle proprie azioni, mentre gli esterni credono che le cause degli eventi riguardino fattori al di fuori del controllo personale, come la fortuna o il controllo da parte delle persone. La Soddisfazione può essere definita come il risultato dell esperienza del paziente con il sistema di cura della salute; essa dipende da fattori di tipo emotivo, fattori di tipo cognitivo e dal tipo di comunicazione che si istaura tra medico e paziente. La relazione medico-paziente risulta fondamentale, quindi, per quella che sarà la partecipazione terapeutica e l adesione del paziente. La Tabella 16 indica una frequenza maggiore nei medici che negli psicologi, rispettivamente pari a 29 e 9. Anche la variabile Barriere si presenta maggiormente nei medici, precisamente 48 volte, rispetto agli psicologi, i quali vi fanno riferimento solamente 12 volte. Essa indica i potenziali aspetti negativi di una particolare azione per la salute e può agire come impedimento all intraprendere il comportamento raccomandato. Un inconscia analisi, costi/benefici, avviene quando l individuo soppesa l efficacia attesa dell azione contro la percezione che possa essere costosa, pericolosa (che abbia effetti collaterali negativi o esiti iatrogeni), spiacevole (dolorosa, difficile, disturbante), che sia imbarazzante, che prenda tempo e così via. L Ansia, al contrario, si riscontra tra gli psicologi piuttosto che tra i medici, con delle frequenze rispettivamente pari a 42 e 19. Essa rappresenta una condizione di generale attivazione delle risorse fisiche e mentali del soggetto e contenuta entro certi limiti produce un effetto di ottimizzazione delle prestazioni; se tali limiti vengono superati diventa patologica e compromette l efficienza funzionale del soggetto. La Depressione indica un alterazione del tono dell umore verso forme di tristezza profonda, con riduzione dell autostima e bisogno di autopunizione. Quando l intensità della depressione supera certi limiti o si presenta in circostanze che non la giustificano diventa di competenza psichiatrica, dove si distingue una depressione endogena che, come vuole l aggettivo, nasce dal di dentro senza rinviare a cause esterne e una depressione reattiva che è patologica solo quando la reazione ad avvenimenti luttuosi o tristi appare eccessiva. Essa si presenta 28 volte tra gli psicologi e 9 volte tra i medici. Figura 1 Frequenze relative ai concetti psicologici presenti negli articoli RISCHIO RISCHIO STRESS/ DISTRESS 80 STRESS/ DISTRESS SOSTEGNO 60 SOSTEGNO 60 SOCIALE SOCIALE COPING COPING PAURA 20 PAURA LOCUS OF LOCUS OF CONTROL CONTROL PSICOLOGI PSICOLOGI MEDICI MEDICI SELF- SELF- BARRIERE EFFICACY BARRIERE EFFICACY ANSIA ANSIA SODDISFAZIONE DEPRESSIONE SODDISFAZIONE DEPRESSIONE 9

10 Relazioni tra i concetti psicologici I concetti psicologici ricavati dalla revisione dei 100 articoli considerati, sono stati ulteriormente analizzati; essi sono stati posti in collegamento tra loro, per andare a costituire due visualizzazioni grafiche relative all approccio cognitivo del medico e dello psicologo, rispetto allo screening. Figura 2 Diagramma radiale relativo alla visione del medico rispetto allo screening LOCUS of CONTROL RISCHIO SOSTEGNO SOCIALE BARRIERE Il diagramma riportato in Figura 2 rappresenta lo schema mentale del medico nell approccio allo screening. Esso viene definito più esattamente come un diagramma radiale, in quanto utilizzato per visualizzare le relazioni di un elemento di base. L elemento di base, in questo caso, è rappresentato dal Rischio, il quale è presente con un numero di citazioni pari a 166 negli articoli dei medici considerati nel campione (vedi Tabella 15); può quindi essere riconosciuto come un fattore centrale nella spiegazione dei comportamenti di salute. Legati al concetto cardine di rischio, sono presenti nel diagramma altri concetti cosiddetti gregari, in quanto collegati e dipendenti da quello centrale; tali costrutti sono: il Locus of Control, il quale indica l aspettativa generalizzata circa una relazione fra le proprie azioni e determinati risultati; le Barriere, le quali possono rappresentare degli impedimenti nell intraprendere un comportamento raccomandato; il Sostegno Sociale, il quale indica un azione di aiuto o supporto offerta consapevolmente. È importante sottolineare come i concetti sopra elencati, siano stati opportunamente non numerati, in quanto equivalenti fra di loro, aventi quindi lo stesso peso. Da un analisi globale risulta perciò evidente come i medici, a sostegno dei loro studi utilizzino costrutti piuttosto generici e non specificatamente psicologici. Ad una disamina più approfondita, si può notare come il rischio e di conseguenza gli altri fattori gregari siano collegati ad un obiettivo primario nell ambito dello screening: l adesione. 10

11 I dati prodotti dall incrocio tra le variabili tipologia professionale degli e fase dello screening considerata, indicano come, su un totale di 47 articoli scritti da medici, 26 siano riferibili alla fase di reclutamento della popolazione bersaglio (vedi Tabella 2); in altre parole, più della metà degli articoli proposti da medici mirano allo studio della migliore strategia attraverso la quale reclutare la popolazione oggetto di screening ed aumentare quindi i tassi di adesione ai programmi. Il rischio rappresenta qui una variabile centrale nello schema mentale del medico, in quanto indica il fattore motivazionale principale ad influenzare l adozione di comportamenti salutari, in questo caso lo screening. Intorno al concetto di rischio, o più precisamente di percezione del rischio, ruotano altre variabili, le quali possono incentivare o meno questo processo di adesione: le barriere possono ostacolarlo; il sostegno sociale incoraggiarlo; il locus of control incoraggiarlo oppure ostacolarlo, a seconda dell orientamento al controllo intrapreso, il quale può essere interno (gli interni credono che gli e- venti siano una conseguenza delle proprie azioni) o esterno (gli esterni credono che le cause degli eventi riguardino fattori al di fuori del controllo personale). La visione dello screening da parte del medico risulta essere parziale, in quanto considera in maniera riduttiva importanti fattori psicologici implicati nella fase di reclutamento e in tutte le fasi dello screening; variabili quali lo Stress/Distress e il Coping, infatti, vengono riportate con una frequenza, rispettivamente, pari a 10 e 1 tra i medici. Inoltre la fase relativa alle conseguenze psicologiche dello screening viene esaminata marginalmente, con sole 3 citazioni su un totale di 47 articoli scritti da medici (vedi Tabella 2); sappiamo perfettamente che uno studio che riguardi lo screening oncologico, non può prescindere da quelle che sono le sue conseguenze. Figura 3 Organigramma relativo alla visione dello psicologo rispetto allo screening STRESS DISTRESS COPING PAURA SELF-EFFICACY ANSIA DEPRESSIONE SODDISFAZIO- NE Il diagramma riportato in Figura 3 rappresenta l approccio cognitivo dello psicologo allo screening. Esso viene denominato più precisamente come organigramma e indica uno schema in grado di visualizzare le relazioni gerarchiche tra le variabili considerate. L elemento di base, in questo caso, è rappresentato dallo Stress/Distress, il quale è presente con un numero di citazioni pari a 77, negli articoli degli psicologi considerati nel campione (vedi Tabella 15); può quindi essere riconosciuto come un fattore primario nell ambito dello screening. Questo tipo di gerarchia indica un ordinamento per gradi di una serie di elementi, ognuno dei quali è subordinato a quello immediatamente superiore. A livello più alto troviamo quindi lo stress/distress, che indica una transizione, fra il soggetto e l ambiente, nella quale la situazione è va- 11

12 lutata dall individuo come eccedente le proprie risorse e tale da mettere in pericolo il suo benessere. Subordinate allo stress/distress abbiamo il Coping, la Paura e la Self-Efficacy, variabili che ne rappresentano una risposta e che risultano avere lo stesso peso nell organigramma. Il coping rappresenta una strategia di gestione dello stress, che impegna il soggetto sul piano cognitivo, emotivo e comportamentale; a questo proposito esistono due processi di coping: centrato sul problema (finalizzato a gestire e modificare il problema) e centrato sulle emozioni (finalizzato alla riduzione della tensione emotiva). C è poi la paura, la quale può essere considerata come una risposta difensiva allo stress, in quanto prepara il soggetto a reazioni di lotta o di fuga. Sullo stesso piano troviamo la self-efficacy, ovvero l insieme di credenze di un soggetto circa la propria efficacia personale; da questa dipende la capacità di fronteggiare una situazione stressante. Ad un livello ancora inferiore troviamo poi variabili quali l Ansia, la Depressione e la Soddisfazione; esse risultano associate, o per meglio dire subordinate, rispettivamente al coping, alla paura e alla self-efficacy e sono tra di loro equivalenti. Più in dettaglio si può notare come l ansia, la quale rappresenta una condizione di generale attivazione delle risorse del soggetto che può ottimizzare o comprometterne l efficienza, sia dipendente dalle strategie di coping; la depressione, al contrario, risulta essere subordinata alla paura, in quanto rappresenta una risposta di fuga da una condizione stressante, una risposta interna caratterizzata da chiusura e tristezza. Infine troviamo la soddisfazione, la quale, nel caso dello screening, fa riferimento alla condizione del paziente nel rapporto con l efficacia del programma stesso; questa risulta essere collegata sia alla comunicazione medico-paziente che alla self-efficacy, nei termini di una capacità percepita nella gestione di una situazione stressante, quale è lo screening. Ad una visione globale, quello che può essere definito come l organigramma mentale dello psicologo sembra caratterizzato da variabili psicologiche, le quali si collegano con le conseguenze di una diagnosi di screening e non di certo alla fase di reclutamento della popolazione bersaglio. Risulta quindi evidente la differenza che esiste tra la visione del medico e quella dello psicologo di fronte allo screening oncologico, l uno diretto all adesione, l altro indirizzato alla gestione dello stress; obiettivi, questi, che dovrebbero trovare condivisione all interno di uno schema complesso e multidisciplinare. Modelli teorici di riferimento Andando oltre il paradigma biomedico, diventa centrale conoscere i modi in cui la salute è costruita socialmente, indagare le sue rappresentazioni soggettive e sociali, poter intervenire negli stessi processi di costruzione della salute. Questo richiede teorie, metodi adeguati, riflessione critica. La situazione attuale è caratterizzata dalla diffusione di modelli quasi tutti derivanti dalla corrente a chiaro orientamento sociocognitivo. Questi partono dal presupposto che le determinanti del comportamento sono gli atteggiamenti e le credenze delle persone e appartengono perciò al gruppo dei modelli valore-aspettativa, secondo cui le decisioni fra linee di azioni diverse si fondano su due tipi di valutazioni cognitive: probabilità soggettiva che una certa azione conduca a un insieme di risultati; valutazione dei risultati dell azione. Si assume che gli individui scelgano, tra le varie linee di azione possibili, quella con maggiore probabilità di esito positivo. Le singole teorie costituiscono delle elaborazioni di questo modello di base, nel senso che specificano i tipi di credenze e di atteggiamenti che si presume predicano un particolare insieme di comportamenti; in alcuni casi, incorporano variabili aggiuntive accanto a quelle di base. Da un analisi bibliografica di partenza, i modelli teorici della salute di maggiore rilevanza risultano essere (vedi Tabella 17): Health Belief Model; Teoria della Motivazione a Proteggersi; 12

13 Modello della Probabilità di Elaborazione delle Informazioni; Teoria del Comportamento Pianificato; Modello Autoregolatorio; Modello Transteoretico. Tabella 17 - I Modelli Teorici della Salute MODELLO Health Belief Model (H.B.M.) Rosenstock (1966), Becker (1974) Teoria della Motivazione a Proteggersi Rogers (1983) Modello della Probabilità di Elaborazione delle Informazioni. Petty & Cacioppo (1990) Teoria Del Comportamento Pianificato. Fishbein & Ajzen (1975). Modello Autoregolatorio Leventhal (1970). CARATTERISTICHE Gli assunti teorici del modello presuppongono che la probabilità che una persona adotti comportamenti sani è il risultato di una valutazione congiunta del grado di minaccia associato ad una malattia e dei benefici e dei costi dell azione preventiva. La percezione della minaccia di malattia è influenzata dalla misura in cui il soggetto si sente personalmente vulnerabile o a rischio nei confronti di una data malattia (percezione di vulnerabilità) e dalle credenze circa la gravità delle conseguenze associate alla malattia (percezione di gravità). Il modello include inoltre altri elementi, come i fattori demografici (es. età e sesso) e socio-psicologici (es. classe sociale), che agiscono come moderatori nella percezione della minaccia di malattia, e gli elementi induttori, necessari per stimolare un comportamento, la cui origine può essere sia interna che esterna. La teoria afferma che la motivazione a proteggersi da una malattia è il prodotto della percezione della gravità della minaccia, della risposta della vulnerabilità personale e dell efficacia della risposta di coping nel ridurre la minaccia. La versione modificata, poi, include anche la credenza nella propria capacità di far fronte alla situazione (coping response) ed assume che la motivazione ad eseguire la risposta di coping sia influenzata negativamente dai costi di tale risposta e dai potenziali benefici delle risposte disadattive. Le assunzioni alla base del modello sono che la motivazione di un individuo a proteggersi da una malattia è massima quando: a) la minaccia alla salute è grave; b) l individuo si sente vulnerabile; c) la risposta adattiva è giudicata efficace nell allontanare la minaccia; d) l individuo nutre fiducia nelle proprie capacità di riuscire a realizzare la risposta adatti va; e) le ricompense al comportamento disadattivo sono limitate; f) i costi associati alla risposta adattiva sono bassi. Il modello sostiene che l influenza di un messaggio è l esito di una interazione tra fattori relativi al messaggio e lo stato cognitivo del ricevente. Gli individui sono motivati a elaborare i messaggi in modo diversificato secondo le convinzioni e gli interessi preesistenti, le loro capacità intellettuali e la congruenza o la rilevanza dei contenuti. Se si verificano queste condizioni, l informazione è elaborata in un percorso detto centrale e l atteggiamento nuovo è durevole nel tempo. D altro canto, l effetto del messaggio dipenderà da altri fattori più connessi alla confezione del messaggio, come la credibilità o la piacevolezza della fonte o il rilievo dato alle emozioni nel messaggio; in questo percorso periferico, il nuovo atteggiamento risulterebbe transitorio e poco predittivo del comportamento. La premessa centrale della Teoria del comportamento pianificato, che nella sua prima versione era stata definita Teoria dell azione ragionata (1975), è che le decisioni riguardo a comportamenti da a- dottare si fondino su una valutazione ragionata delle informazioni disponibili e, rispetto ai modelli precedenti, introduce un altro elemento di mediazione tra credenze/atteggiamenti e comportamento effettivo, cioè l intenzione di mettere in atto il comportamento; essa viene definita come il prodotto degli atteggiamenti nei confronti del comportamento e delle norme soggettive. Entrambi questi fattori includono delle credenze valutative, contenenti elementi di aspettativa e di valore: gli atteggiamenti sono influenzati dalle credenze delle persone riguardo alle conseguenze del comportamento in questione e dalla valutazione di tali conseguenze; le norme soggettive includono, invece, le credenze dell individuo circa ciò che le altre persone si aspettano da lui, oltre alla motivazione a comportarsi secondo tali aspettative. Il Modello Autoregolatorio si basa sulla concezione dell individuo come parte attiva nel processo di mantenimento del proprio stato di salute. Il soggetto valuta di volta in volta le variabili da cui poter trarre informazioni sulla propria salute e da queste ricava una rappresentazione mentale dell eventuale problema e le emozioni connesse, in modo da mettere in atto un piano strategico di intervento. La fase finale comprende una verifica sia del comportamento che delle emozioni provate in modo da potere ovviare e modificare le singole componenti. Questo modello è dinamico; esso po- 13

14 Modello Transteoretico. Di Clemente & Prochaska (1984). Modello del Processo di Adozione di Precauzioni. Weinstein (1988) Teoria della Social Cognition Bandura (2000). Cognitive-social Health Information- Processing (C-SHIP). Miller (1998). ne l individuo in una dimensione attiva e considera la decisione di mettere in atto un comportamento preventivo come un processo di problem-solving, in cui il soggetto passa attraverso le fasi di rappresentazione, coping e verifica. Tale modello si focalizza sul processo, suddiviso in cinque fasi, mediante il quale la persona decide di agire e, per ogni fase, individua il comportamento passato della persona ed i suoi piani d azione futuri: 1) Fase precontemplativa: i soggetti non sono consapevoli o interessati alle conseguenze del proprio comportamento nocivo e quindi non esprimono alcuna intenzione di cambiare nell immediato futuro. 2) Fase contemplativa: le persone dichiarano di aver pensato di cambiare il comportamento ma senza assumersi ancora impegni precisi verso una modifica. 3) Fase di preparazione: indica l intenzione ad agire nel futuro prossimo e la presenza di tentativi di cambiare il proprio comportamento in passato. 4) Fase dell azione: processi di liberazione, di rivalutazione di sé, attraverso i quali il soggetto si convince di essere capace di cambiare e si impegna nel modificare il proprio comportamento per un certo periodo. 5) Fase di mantenimento: l azione si mantiene per un tempo superiore. La progressione da uno stadio all altro raramente è lineare poiché la maggior parte dei soggetti sperimenta dei fallimenti, ritornando così a fasi precedenti. Il modello, applicato in particolare alla spiegazione dell uso di precauzioni nei confronti dell HIV, divide l adozione di precauzioni in 7 fasi distinte. 1. le persone non sono consapevoli del problema di salute; 2. le persone apprendono qualcosa ma non sono ancora impegnate a pensare a fondo al problema; 3. le persone si impegnano a riflettere sul problema e cominciano a pensare a come rispondere; 4. le persone decidono se rispondere o meno; 5. l intenzione d agire; 6. l inizio dell azione; 7. il mantenimento del comportamento nel tempo. Un punto di forza del modello è l identificazione dei fattori che promuovono le transizioni fra le fasi: 1-2: acquisizione di informazioni sul problema; 2-3: percezione di vulnerabilità; 3-4-5: sviluppo di credenze su vulnerabilità, gravità ed efficacia; 5-6-7: presenza di ostacoli e vincoli situazionali. Questa teoria è basata su un modello causale di lettura dell azione che include il sistema ambientecontesto, la persona con tutti i suoi elementi fisici, cognitivi ed affettivi e il comportamento-condotta, secondo un ottica denominata determinismo triadico reciproco. La spiegazione della condotta può essere articolata tenendo in considerazione i seguenti elementi: 1. Human Agency, principio secondo il quale la mente umana è in grado di reagire a stimoli esterni e biologici, ma anche di agire attivamente nell ambiente. 2. Perceived Self-efficacy, l insieme di credenze di un individuo riguardo le proprie capacità di mettere in atto i comportamenti necessari per raggiungere determinati risultati. 3. Moral disengagement, che consiste in una serie di strategie cognitive sociali per svincolarsi dalle norme e dalle responsabilità. Questo modello descrive due stili principali di processamento delle informazioni legate alla salute: monitor e blunter. I soggetti monitors esplorano ed amplificano le informazioni minacciose legate al rischio. Per motivare questi soggetti è importante fornire loro messaggi che contengano informazioni dettagliate riguardo al rischio per la salute nella loro specifica condizione e fornire strategie per ridurre il rischio e alleviare l ansia. I blunters, al contrario, non ricercano informazioni dettagliate riguardo al rischio per la salute; sono più portati a seguire le direttive mediche e considerano grosse moli di informazioni come stressanti. Questi soggetti valutano le procedure di screening in base a come le informazioni sono presentate e conseguentemente interpretate da loro; per tale ragione i messaggi proposti devono essere brevi e concisi. Sulla base della revisione delle 100 griglie considerate nel campione, si è potuto constatare l utilizzo di modelli teorici della salute come chiave di lettura dei comportamenti legati allo screening. Da una prima analisi emerge come l H.B.M., il Modello Transteoretico, il Modello della Probabilità di Elaborazione delle Informazioni (E.L.M.) di Petty e Cacioppo e la Teoria del Comportamento Pianificato (T.C.P.), siano i modelli maggiormente citati nell ambito della review; rispettivamente 14

15 per psicologi e medici, il numero di citazioni per ognuno di questi modelli è: 4 e 8 per l H.B.M., 8 e 3 per il Modello Transteoretico, 4 e 3 per l E.L.M. e infine 6 e 1 per il T.C.P. È importante sottolineare come questo dato sia in accordo con l analisi bibliografica presentata inizialmente. Al contrario, modelli quali, la Teoria della Motivazione a Proteggersi e il Modello Autoregolatorio, risultano essere poco utilizzati; in questo caso abbiamo una frequenza pari a 0 e 2 per Rogers e uguale a 3 e 0 per Leventhal, rispettivamente per psicologi e medici. Tra gli altri modelli citati nella revisione e nuovi rispetto alla prima analisi, i più utilizzati risultano essere: la teoria della Social Cognition di Bandura con una frequenza pari a 12 e 4 e il C-SHIP model con una frequenza pari a 8 e 2, rispettivamente per psicologi e medici; a seguire abbiamo poi il Modello del Processo di Adozione di Precauzioni di Weinstein con una frequenza pari a 2 e 0, rispettivamente per psicologi e medici. Inoltre, buona parte degli articoli considerati, pur non facendo riferimento ad alcun modello specifico, si accostano alle variabili psicologiche rilevanti per lo screening attraverso un attenzione mirata alla Comunicazione Medico-Paziente e alla Comunicazione Persuasiva. Figura 4 Frequenze relative ai Modelli Teorici citati negli articoli considerati MEDICO-PAZIENTE MEDICO-PAZIENTE COMUNICAZIONE PERSUASIVA COMUNICAZIONE PERSUASIVA C-SHIP C-SHIP SOCIAL COGNITION SOCIAL COGNITION WEINSTEIN WEINSTEIN DI CLEMENTE & PROCHASKA DI CLEMENTE & PROCHASKA LEVENTHAL-CAMERUN LEVENTHAL-CAMERUN TCP TCP ELM ELM ROGERS ROGERS BECKER-M AINMAN BECKER-M AINMAN HBM HBM Frequenze Frequenze Modelli Modelli Teorici Teorici LEVENTH DI SOCIAL COMUNIC BECKER- HBM MAINMAN ROGERS ELM TCP LEVENTH AL- CLEMENT DI WEINSTEI COGNITIO SOCIAL C-SHIP AZIONE COMUNIC MEDICO- BECKER- HBM N PAZIENTE MAINMAN ROGERS ELM TCP WEINSTEI MEDICO- CAMERU AL- CLEMENT E & COGNITIO N C-SHIP PERSUAS AZIONE N PAZIENTE CAMERU E & N PERSUAS PSICOLOGI PSICOLOGI MEDICI MEDICI PSICOLOGI PSICOLOGI MEDICI MEDICI La comunicazione medico-paziente viene presa in considerazione soprattutto dai medici, con una frequenza di citazioni pari a 12. Essa viene definita come il più potente mezzo attraverso il quale è possibile curare; la comunicazione permette di informare sulla patologia e sulle proposte terapeutiche, sull'importanza della prevenzione primaria e secondaria, sull'andamento delle condizioni di malattia (oppure di salute) della persona, e di ricevere dai pazienti (o potenziali pazienti) un giudizio sulla capacità dei medici. Saper comunicare fa parte del bagaglio culturale del medico, a tutti i livelli. Lo sviluppo del consenso informato, la sempre maggiore attenzione ai diritti del malato (e della persona in quanto tale, anche quando è sana) deve spingere la classe medica a una riflessione: è necessario che le grandi acquisizioni scientifiche e cliniche siano spiegate con chiarezza e disponibilità alla popolazione, perchè l incomprensione, che è il preludio della bassa adesione alle eventuali terapie, venga ridotto al minimo e non influenzi le scelte critiche dei pazienti. Risulta altrettanto importante incentivare una comunicazione che abbia come base modelli e teorie di riferimento e che soprattutto rimandi alle competenze di esperti di questa disciplina, quali possono essere gli psicologi. 15

16 Gli operatori sanitari hanno bisogno di training e sostegno per soddisfare le necessità di informazione dei pazienti. I punti chiave di questa attività formativa includono: dare una maggiore priorità all informazione dei pazienti, saper capire le necessità e le preferenze di questi ultimi e saper fornire il sostegno necessario per accedere alle informazioni importanti in maniera tale che le comprendano. I pazienti non sono messi nella condizione di esprimere preferenze informate sull assistenza che li concerne, di scegliere se essere coinvolti nel processo decisionale o di non prendervi parte, a meno che non siano fornite loro informazioni sufficienti e appropriate; a tal proposito, gli operatori sanitari devono acquisire le competenze utili a far emergere i bisogni dei pazienti riguardo all informazione e a capire anche quanto essi desiderino effettivamente essere coinvolti nel processo decisionale. La comunicazione persuasiva rappresenta una modalità centrale per generare e sostenere l influenza sociale, in quanto ha lo scopo di modificare uno stato mentale (credenze, valori, atteggiamenti ecc.) degli altri; essa svolge una funzione basilare per la formazione della rete di rapporti all interno di un gruppo, poiché serve a mantenere l identità di gruppo, a impedire movimenti di devianza, a influenzare i processi di decisione ecc. L efficacia della comunicazione persuasiva consiste nella capacità di ottenere successo presso i destinatari in condizioni di libertà (non di costrizione). In particolare, la persuasione mira a cambiare gli atteggiamenti, intesi come disposizioni interne e valutazioni generali di un ambito, in grado di orientare l azione conseguente. Si tratta di disposizioni apprese dall esperienza che restano relativamente stabili nel tempo. La comunicazione persuasiva va a toccare un altro obiettivo dello screening: la capacità di saper gestire in maniera adeguata i messaggi relativi alla salute, incentivando così l adesione ai programmi stessi. Questo tipo di comunicazione non può essere utilizzata a prescindere dalle competenze dello psicologo, in quanto professionista specializzato nella comunicazione e nella rilevazione delle variabili psicologiche che sono alla base dell adesione stessa. La psicologia di comunità si pone, in questo senso, come una branca della psicologia interessata a studiare e intervenire sui problemi psicologici inerenti i programmi sanitari sul territorio. Per progettare ed organizzare campagne di prevenzione è necessario rifarsi alle capacità di uno psicologo con questa specializzazione, poiché diretto alla comunità; la comunità viene intesa, in tale prospettiva, come utente e committente collettivo ed implica, per questo, una visione ed un azione psicologica simile a quella che nel mondo produttivo richiede il mercato. La comunicazione persuasiva viene presa in considerazione soprattutto tra gli psicologi con un numero di citazioni pari a 22; ciò che risulta essere paradossale è che gli psicologi stessi, pur considerando un tipo di comunicazione così importante, spesso non esaminano modelli teorici di riferimento. In conclusione si può quindi affermare l importanza delle teorie della comunicazione e dei modelli della salute nell ambito dello screening e soprattutto la necessità che questi vengano utilizzati e gestiti da psicologi esperti. Una delle evidenze di questa revisione è proprio la scarsa utilizzazione di approcci teorici di riferimento da parte degli psicologi e la cattiva gestione degli stessi approcci da parte di medici non esperti in comunicazione; nonostante siano presenti numerosi modelli legati alla salute, infatti, l uso degli stessi risulta essere basso a confronto con il totale del campione di articoli considerato nella revisione. 16

17 Griglie descrittive degli articoli utilizzati nella ricerca Titolo Increasing colorectal cancer screening 2005 Women s misconceptions about cancer screening How making a risk estimate can change the feel of that risk Anno Autore Lipkus I.M, Skinner C.S, Dement J, Pompeii L, Moser B, Samsa G.P, Ransohoff D Denberg T.D,Wong S, Beattie A. Tipo di screening Colon retto. Non specificato Fagerlin A, Zikmund-Fisher B.J, Ubel P.A. Mammella. Unwanted control 2005 Woolf S.H, Krist A.H, Johnson R.E, Stenborg P.S. Prostata. Reduction in uptake of PSA tests following decision aids 2005 Acceptance, motivators, and barriers 2005 Determinants of the demand for breast cancer screening Patients interest in discussing cancer risk Testing a culturally appropriate, theorybased intervention Men s experiences of physical exam and cancer screening Evas R, Edward A, Brett J, Bradburnc M, Watson E, Austoker J, Elwyn G. Tan-Min Chin, Sing-Huang Tan, Siew-Eng Lim, Philip Iau,Wei-Peng Yong, Seng-Weng Wong, Soo-Chin Lee. Prostata. Mammella. Keywords Carpentieri; FOBT; Weinstein; Fattori di rischio; Longitudinale. HBM; Decision-making; Fattori culturali; Comunicazione a rischio; Trasversale. Percezione del rischio; Consenso informato; Trasversale. Decision making; Comunicazione medico-paziente; Longitudinale. Decision-making; Decision aids; Review. Percezione del rischio; Barriere percepite; Agenti motivanti; Counseling genetico; Rischio familiare; Trasversale Lairson D.R, Wenvaw C, Newmark G. R. Mammella. Donne veterane; Grossman; Domanda; Trasversale Colorectal Cancer Screening 2006 Analysis of the reasons for accepting or declining 2004 Ethics committees in Italy 2003 The Psychological impact of mammographic screening The role of cancer worry in cancer screening 2005 Patient-professional communication Differences in Individual Approaches 2005 Buchanan A.H, Skinner C.S, Rawl S.M, Moser B.K, Champion V.L, Scott L.L, Strigo T.S, Bastian L. Braun K.L, Fong M, Kaanoi M.E, Kamaka M.L, Gotay C.C. Dubè C. E, Fuller B. K, Rosen R. K, Fagan M, O Donnel J. Yees-Rios M, Reimann J, Talavera A.C, Ruiz de Esparza A, Talavera G.A. Paradiso A, Bruno M, Cicoria O, Digennaro M, Longo S, Rinaldi M, Schittulli F. Mosconi P, Apolone G, Cattaneo G, Pomodoro L, Garattini S. Brett J, Bankhead C, Henderson B, Watson E, Austoker J Hay J.L, Buckley T.R, Ostroff J.S. Carlson L.E, Feldman-Stewart D, Tishelman C, Brundage M.D Lobb E.A, Butow P, Barratt A, Meiser B, Tucker K. Mammella, Cervice uterina, Colon retto. Colon retto. Colon retto, Prostata, Testicoli. Colon retto. Mammella. Non specificato. Mammella. Non specificato. Non specificato. Mammella. Percezione del Rischio; Comunicazione Medicopaziente; Cancer Risk Intake System; (CRIS), Modello Transteoretico; Trasversale. Social Learning Theory; Differenze culturali; Hawaii; Trasversale. Salute maschile; Comunicazione Medico-paziente; Metodo Qualitativo. Popolazione messico-americana, Fattori socioculturali; Locus of Control; Trasversale. Test genetico; Popolazione Ospedalizzata; Consenso Informato; Comitato etico (EC); Soddisfazione; Italia; Ricerca; Longitudinale. Ansia; Depressione; Storia Familiare; Review. Rischio percepito; Modelli teorici; Review. Feldman-Stewart framework; Comunicazione Medico-paziente; Review. Rishio familiare; Counseling Genetico; Longitudinale. 17

18 Basic and Applied Decision Making 2005 Nelson W, Stefanek M, Petres E, McCaul K.D. Non specificato. Trasversale. Nation Cancer Institute; Decision-making; Giudizio; Linking Decision-Making Research 2005 McCaul K.D, Peters E, Nelson W, Stefank M. Non specificato. Review. Decision-making; Preferenze; Ricerca Oncologica; A Model of Stage of Change 2006 Honda K, Gorin S.S. Colon retto. Modello transteoretico; Bandura; Raccomandazioni Mediche; Colonscopia; Trasversale. Avoiding versus seeking 2005 O.Case D, Andrews J.E, Johnson D, Allard S.L. Non specificatotante; Review. Johnson; Wilson; Festinger; Comportamento Evi- Information given to women invited for Linee guida; Indagine postale; Staffordshire; Risultati 2005 Duggal H.V, Olowokure B, Castell M, Wardle S.A. Cervice uterina. cervical screening del test; Informazioni; Longitudinale. Denberg T.D, Melhado T.V, Coombes J.M, Beaty Predictors of Nonadherence 2005 B.L, Barman K, Byers T.E, Marcus A.C, Steiner Colon retto. Adherence; Indagine Telefonica; Trasversale. J.F, Ahnen D.J. Black-White Differences in Risk Perceptions Bianche/Nere; Accuratezza; Pessimismo; Trasversale. Differenze etniche; percezione del rischio; Donne 2006 Schapira M.M, Haggstrom D.A. Mammella. Why Take It If You Don t Have Anything?... D.S. venzione Primaria; Trasversale. Salant T, Ganschow S, Olopade O.I, Lauderdale Rischio percepito; Popolazione ad alto rischio; Pre Mammella. Men s Decision-Making About Predictive Hallowell N, Arden-Jones A, Eeles R, Foster C, Test Genetico; Storia Familiare; Influenza sociale; 2005 Prostata. BRCA1/2 Testing Lucassen A, Moynihan C, Watson M. Decision-making; Trasversale. Cancer and Colorectal Cancer Navkiran K. Shokar, MD, Sally W. Vernon, Susan Differenze etniche; Credenze; HBM; Conoscenze; 2005 Colon retto. C. Weller. Preferenze; Trasversale. Does peer coaching increase GP capacity to promote informed decision making 2005 Gattellari M, Donnelly N, Taylor N, Meerkin M, Hirst G and Ward JE. Prostata. Peer coaching; Decision-making; Consenso Informato; Studio Randomizzato; Medici; Trasversale. Differential effect of messages 2005 Jibaja-Weiss M.L, Volk R.J, Smith Q.W, Holcomb Modello Transteoretico; Minoranze; Pap-test; Razza Mammella. J.D, Kingery P. ed etnia; Trasversale. Knowledge, Attitudes and Beliefs 2005 Canady S.L. Prostata. Conoscenze Atteggiamento e Credenze verso lo screening; Comunicazione; Review. Colorectal Cancer Screening and Treatment 2004 Provenzale D, Gray R.N. Colon retto. Paziente; Review Sistematica. Modeling Pathways to Affective Barriers Barriere affettive; Trasversale. HBM; Differenze etniche; Popolazione Giapponese; 2005 Honda K, Gorin S.S. Colon retto. Qualitative Assessment of Local Distribution Trasversale. Screen for life ; Appalachia; Indagine Telefonica; 2006 Vanderpool RC, Coyne CA. Colon retto. Access to communication technologies in Abdullah M, Theobal D.E, Butler D, Kronke K, Non specificatorali; Trasversale. Tecnologia; Accesso ai servizi; Cliniche urbane e ru a sample of cancer patients Perkins A, Edgerton S, Dugan W.M.Jr. BRCA1/2; Storia familiare; Variabili psico-sociali; Psychosocial aspects of risk communication 2005 Hopwood P. Cervice uterina. Counseling genetico; Comunicazione a rischio; Review. Breast cancer risk perceptions 2005 Lipkus I.M, Klein W.M.P, Skinner C,S, Rimer B.K. Mammella. Cancer risk; Carcer worry; Longitudinale. 18

19 Offering Patients Colorectal Cancer Screening Randomized Trial of Different Screening Strategies 2005 Segnan N. et all. Colon retto Segnan N, Senore C, Andreoni B, Arrigoni A, Bisanti L, Cardelli A, Castiglione G, Crosta C, DiPlacido R, Ferrari A, Ferraris R, Ferrero F, Frecchia M, Gasperoni S, Malfitana G, Recchia S, Risio M, Saracco G, Spandre M, Turco D, Turco P, Zappa M. Colon retto. FOBT; Sigmoidoscopia; Adesione; Indagine Postale; Contatto Diretto; Longitudinale. FOBT; Sigmoidoscopia; Strategie di reclutamento; Studio Randomizzato; Longitudinale. Colorectal Cancer Screening 1999 Levin B. Colon retto. Review; Costi e benefici; Ansia; Improving the Cost-Effectiveness 2000 Atkin W.S, Whynes D.K. Colon retto. Costo/efficacia dello screening; Review. Evaluating the Efficacy of Screening 1998 Weiss N.S, Cook L.S. Predicting breast cancer screening intentions Callers Ability to Understand Advice Received from a Telephone Health-Line Service Patient communication skills training Monitoring Visual Status 2004 Promoting Mammography 2000 Mammography Screening Attendance 2003 Patients and Ambulatory Care Associations Bowen D.J, Helmes A, Powers P, Andersen M.R, McTiernan A, Burke W, Durfy D. Leclerc B.S, Dunnigan L, Coˆte H, Zunzunegui M.V, Hagan L, Morin D Cegala D. J. Sloan F.A, Brown D.S, Carlisle E.S, Picone G.A, Lee P.P. Costanza, M.E, Stoddard A.M, Luckmann R, White M.J, Avrunin J.S, Clemow L. Denhaerynck K, Lesaffre E, Baele J, Cortebeeck K, Van Overstraete E, Buntinx F 2004 Gornick M.E, Eggers P.V, Riley G.F. Future directions in research 2003 Di Matteo M. R. Non specificato. Mammella. Non specificato. Non specificato. Non specificato. Mammella. Mammella. Non specificato. Non specificato. Message framing and mammography screening 2002 Finney L.J, Iannotti R.J Mammella. Selection bias introduced by informed Non specificato Hannover N, Kampmann J.P. consent process. Content of invitations for publicly funded 2006 Jorgensen K.J, Gotzsche P.C. Mammella. screening mammography. Psychosocial Variables, External Barriers 2003 Mammella. Lauver D.R, Henriques J.B, Carson Bumann M, Settersten L. Ricorrenza; Ricerca oncologica; Review. Modello Autoregolatorio; Intenzioni; Variabili emotive e cognitive; HBM; Trasversale. Infermieri; Indagine telefonica; Validità; Trasversale. Abilità communicative; Paziente; Training; Adherence; Comunicazione Medico-paziente; Trasversale. Diabete mellito; Degenerazione maculare; Compliance; Longitudinale. Counseling telefonico; Intervento educazionale; HBM; Bandura; Longitudinale. Meta-analisi; Invito diretto; Comunicazione Persuasiva. Diagnosi; Prevenzione; Stadio del tumore; Razza; I- struzione; Comportamento di salute; Longitudinale. Comunicazione medico-paziente; adherence; Ricerca; Soddisfazione; Trasversale. Persuasione; Adherence; Mammografia; Longitudinale. Consenso informato; Review. Decision-making; Reclutamento popolazione; Rischi/Benefici dello Screening; Review. Triandis; Modello Transteoretico; Longitudinale. 19

20 The communication goals and needs 2005 Hack T.F, Degner L.F, parker P.A. Mammella. Resistance to persuasive messages 2003 Robin M, Miles Hewstone, and Pearl Y. M. What Is the Relationship Between Breast Cancer Risk and Mammography Screening? Matching Health Messages to Monitor Blunter Coping Styles 2005 Adherence by African American Men 1999 Information about screening 2001 Raffle A.E. Effects of mass and interpersonal communication Understanding the Results of Medical Tests 2006 Kevin D. McCaul, Ann Dyche Branstetter, Dawn M. Schroeder Russell E. Glasgow. Pamela Williams-Piehota, Judith Pizarro, Tamera R. Schneider, Linda Mowad, and Peter Salovey. Myers R.E, Chodak, G.W, Wolf T.A, Burgh D.Y, McGrory G.T, Marcus S.M, Diehl J.A, Williams M. Jones, Karyn Ogata; Denham, Bryan E; Springston, Jeffrey K. Non specificato. Mammella. Mammella. Prostata. Non specificato. Mammella Hoffrge U, Kurzenhauser S, Gigerenzer G. Mammella. Prostate Cancer and the Gay Male Santillo V.M, Lowe F.C. Prostata. Narrowing the Digital Divide 2005 Kreps G.L. Non specificato. Building a health promotion agenda in local newspapers 2005 Martinson B. E; Hindman, D. B. Mammella. Women's opinions about attending for breast cancer screening 2005 Drossaert, C H C; Boer, H; Seydel, E R. Mammella. Recommendations for care related to follow-up of abnormal cancer screening tests 2005 Puleo E, Zapka J G, Goins K.V, Yood M.U, Mouchawr J.M.M, Somkin C, Taplin S. Mammella. The emale: Prostate Cancer 2005 Broom A. Prostata. Message Framing and Pap Test Utilization 2005 Rivers S.E, Salovey P, Pizarro D.A, Pizarro J, Schneider T.R. Mammella. Posttraumatic Stress Among Women 2005 Boyer B.A; Cantor R.K Mammella. News Media Coverage of a Women's Health Controversy SteeleW.R. Mebane F.Viswanath K, Solomon J. Mammella. Self-help On-line 2005 Lieberman M.A, Goldstein B.A. Mammella. Comunicazione medico-paziente; Intenzioni e bisogni; Feldman-Stewart; Review. Teoria della conversione; Petty e Cacioppo; Resistenza; Trasversale. Percezione del rischio; Meta-analisi; Preoccupazione; HBM; Trasversale. Persuasione; C-SHIP model; Stile di Coping; Longitudinale. Afro-americani; Istruzione; Bandura; Weinstein; Trasversale. Decision-making; Autonomia; Etica; Comunicazione Persuasiva; Trasvarsale. Comunicazione interpersonale; Mass media; Comportamento di salute; Trasversale. Comunicazione persuasiva; Promozione della salute; Decision-making; Gestione del rischio; Trasversale. Omosessualità maschile; Terapia; Comportamento psico-sessuale; Testosterone; Trasversale. Comunicazione; Educazione alla salute; Medicina preventiva; NCI; Promozione della Salute; Trasversale. Campagne; Pubblicità; Riviste locali; Promozione della salute; Review. Teoria del comportamento pianificato; Variabili Cognitive; Opinione delle donne; Longitudinale. Self-report; Paziente; Raccomandazioni mediche; Validità; Trasversale. Self-help group; Comunicazione Medico-paziente; Internet; Sostegno Sociale; Esperti; Trsversale. Fattori di rischio; Comportamento di salute; Pap-test; Trasversale. Disturbo post-traumatico da stress; Figlie; Trasversale. Quotidiani; Televisione; Dibattito; New Media; Review. Self-help on-line; Benessere psico-sociale; Depressione; Crescita; Trasversale. 20

Prof G. Trovato. Facoltà di Scienza della Formazione Corso di laurea in Scienze e Tecniche Psicologiche AA 2011-2012

Prof G. Trovato. Facoltà di Scienza della Formazione Corso di laurea in Scienze e Tecniche Psicologiche AA 2011-2012 Prof G. Trovato Facoltà di Scienza della Formazione Corso di laurea in Scienze e Tecniche Psicologiche AA 2011-2012 1 Modelli e teorie sul cambiamento dei comportamenti 2 È importante conoscere i modi

Dettagli

Le undici competenze chiave del coaching secondo ICF

Le undici competenze chiave del coaching secondo ICF Le undici competenze chiave del coaching secondo ICF Le seguenti undici competenze chiave del coaching sono state sviluppate per fornire una maggiore comprensione rispetto alle capacità ed agli approcci

Dettagli

Strategie alternative ai metodi sperimentali

Strategie alternative ai metodi sperimentali Strategie alternative ai metodi sperimentali 1. 2. I quasi-esperimenti (non sperimentali) prevedono la descrizione del fenomeno in esame. Il metodo descrive le variabili in esame, non prevede alcuna manipolazione

Dettagli

L APPROCCIO POSITIVO DELLA PERSONA

L APPROCCIO POSITIVO DELLA PERSONA L APPROCCIO POSITIVO DELLA PERSONA di Andrea Canevaro L Approccio positivo 1 si fonda su 3 valori fondamentali: 1. Fiducia: credere nella persona che presenta un deficit e nelle sue possibilità. Per aiutare

Dettagli

Soroptimist International d Italia Club di Varese. Conosciamo il nostro Genoma Varese, 20 aprile 2013. Eugenia Trotti

Soroptimist International d Italia Club di Varese. Conosciamo il nostro Genoma Varese, 20 aprile 2013. Eugenia Trotti Soroptimist International d Italia Club di Varese Conosciamo il nostro Genoma Varese, 20 aprile 2013 Implicazioni Psicologiche delle indagini genetiche Eugenia Trotti Università degli Studi dell Insubria

Dettagli

Cap. 1: Fattori di rischio e fattori di protezione

Cap. 1: Fattori di rischio e fattori di protezione Cap. 1: Fattori di rischio e fattori di protezione Il capitolo illustra in che modo i fattori di rischio e i fattori di protezione influenzano i comportamenti di abuso, i segnali precoci di rischio, i

Dettagli

LE ABILITÀ DI BASE DEL COUNSELING: ACCRESCERE L AUTOSTIMA E L AUTOEFFICACIA

LE ABILITÀ DI BASE DEL COUNSELING: ACCRESCERE L AUTOSTIMA E L AUTOEFFICACIA ALIMENTAZIONE E COUNSELING LE ABILITÀ DI BASE DEL COUNSELING: ACCRESCERE L AUTOSTIMA E L AUTOEFFICACIA PAOLA DELLA ROVERE Psicologa Metodologia fondata sul concedo di: COUNSELING ASCOLTO ATTIVO e ATTENZIONE

Dettagli

Quadro di Riferimento PISA per la Literacy Scientifica

Quadro di Riferimento PISA per la Literacy Scientifica Quadro di Riferimento PISA per la Literacy Scientifica Il testo che segue è una sintesi della prima parte dello Science Framework di PISA 2006. Il testo definitivo sarà pubblicato dall OCSE entro il mese

Dettagli

DEFUSING, DEBRIEFING e STRESS INOCULATION TRAINING

DEFUSING, DEBRIEFING e STRESS INOCULATION TRAINING DEFUSING, DEBRIEFING e STRESS INOCULATION TRAINING DEFUSING E una tecnica di pronto soccorso emotivo, si tratta di un intervento breve(20-40 minuti) che viene organizzato per le persone (6-8) che hanno

Dettagli

[Digitare il testo] Pagina 1

[Digitare il testo] Pagina 1 [Digitare il testo] Pagina 1 Il concetto di gruppo si sviluppa a partire dal 1895 con Gustave Le Bon e la Psicologia delle folle, in cui i gruppi vengono considerati come forme pericolose ed irrazionali;

Dettagli

Dr.ssa Maria Giulia Nanni Prof. Luigi Grassi

Dr.ssa Maria Giulia Nanni Prof. Luigi Grassi Dr.ssa Maria Giulia Nanni Prof. Luigi Grassi Sezione di Clinica Psichiatrica, Dipartimento di Scienze Biomediche e Chirurgico Specialistiche, Università di Ferrara; U.O.Clinica Psichiatrica - Dipartimento

Dettagli

LE RISORSE EMOTIVE NELLA SCUOLA

LE RISORSE EMOTIVE NELLA SCUOLA FORUM PER LA PROMOZIONE DELLA SALUTE NELLA SCUOLA LA PROMOZIONE DELLA SALUTE NELLA SCUOLA CONVEGNO Venerdi 19 agosto 2011 - TREVANO (Lugano) - AULA MAGNA SUPSI - 8,30/16,30 LE RISORSE EMOTIVE NELLA SCUOLA

Dettagli

LE COMPETENZE DEL TERAPISTA OCCUPAZIONALE

LE COMPETENZE DEL TERAPISTA OCCUPAZIONALE LE COMPETENZE DEL TERAPISTA OCCUPAZIONALE COMPETENZE GENERALI Competenze strumentali: Capacità di analisi e sintesi Programmazione e gestione del proprio tempo Conoscenze generali di base nel campo di

Dettagli

Università degli studi di Padova OPTIMISM, HOPE AND SATISFACTION IN ADULTS WUTH AND WITHOUT INTELLECTUAL DISABILITY

Università degli studi di Padova OPTIMISM, HOPE AND SATISFACTION IN ADULTS WUTH AND WITHOUT INTELLECTUAL DISABILITY Università degli studi di Padova OPTIMISM, HOPE AND SATISFACTION IN ADULTS WUTH AND WITHOUT INTELLECTUAL DISABILITY Schirone Maria Giovanna 2011 La psicologia positiva la Psicologia Positiva non è niente

Dettagli

Psicologia dell orientamento scolastico e professionale. Indice

Psicologia dell orientamento scolastico e professionale. Indice INSEGNAMENTO DI PSICOLOGIA DELL ORIENTAMENTO SCOLASTICO E PROFESSIONALE LEZIONE I ORIENTAMENTO E PSICOLOGIA PROF.SSA ANNAMARIA SCHIANO Indice 1 L orientamento: significato e tipologie ---------------------------------------------------------------

Dettagli

Lo stile di comando. teoria degli stili comportamentali. teoria contingente. teorie di processo. Corso di E. A. 1

Lo stile di comando. teoria degli stili comportamentali. teoria contingente. teorie di processo. Corso di E. A. 1 Lo stile di comando teoria degli stili comportamentali teoria contingente teorie di processo Corso di E. A. 1 Lo stile di comando La leadership può essere definita come il processo attraverso il quale

Dettagli

Il Counselling Onco-Genetico Colette Gallotti Psicologia Clinica Università degli Studi dell Insubria - Varese Facoltà di Medicina e Chirurgia DPT di Medicina e Sanità Pubblica 1 Problematiche Psicologiche

Dettagli

Gli obiettivi specifici di questa edizione sono:

Gli obiettivi specifici di questa edizione sono: Presentazione La ricerca è parte integrante del ruolo e della responsabilità dell infermiere. Il suo coinvolgimento nella ricerca spazia a diversi livelli, dalla progettazione e conduzione di uno studio

Dettagli

La rete HPH e il guadagno di salute in tutte le politiche: il valore della rete LA VALUTAZIONE DEL DISTRESS: SESTO PARAMETRO VITALE IN ONCOLOGIA

La rete HPH e il guadagno di salute in tutte le politiche: il valore della rete LA VALUTAZIONE DEL DISTRESS: SESTO PARAMETRO VITALE IN ONCOLOGIA III Conferenza Regionale HPH del Friuli Venezia Giulia La rete HPH e il guadagno di salute in tutte le politiche: il valore della rete LA VALUTAZIONE DEL DISTRESS: SESTO PARAMETRO VITALE IN ONCOLOGIA Maria

Dettagli

I CAPITOLO LA MALATTIA CRONICA. Introduzione

I CAPITOLO LA MALATTIA CRONICA. Introduzione I CAPITOLO LA MALATTIA CRONICA Introduzione Con il termine malattia cronica si intende una malattia che persista per un periodo di tempo prolungato, che non abbia sostanziali prospettive di guarigione,

Dettagli

Progetto per la valutazione dei comportamenti organizzativi del personale del comparto in Arpa Repertorio

Progetto per la valutazione dei comportamenti organizzativi del personale del comparto in Arpa Repertorio Allegato 1 REVISIONE DEL SISTEMA DI VALUTAZIONE DEL COMPARTO Progetto per la valutazione dei comportamenti organizzativi del personale del comparto in Arpa Repertorio SINTESI DEI COMPORTAMENTI ORGANIZZATIVI

Dettagli

Il Codice deontologico degli infermieri dell ICN

Il Codice deontologico degli infermieri dell ICN Il Codice deontologico degli infermieri dell ICN Il Codice deontologico degli infermieri del Consiglio internazionale degli infermieri Il codice internazionale di deontologia per la professione infermieristica

Dettagli

IL COLLOQUIO DI ORIENTAMENTO

IL COLLOQUIO DI ORIENTAMENTO IL COLLOQUIO DI ORIENTAMENTO Definizione Le finalità del colloquio Il contesto del colloquio Il ruolo dell orientatore La struttura del colloquio La fase di accoglienza Cenni sugli strumenti 1 Che cos

Dettagli

Lo Sviluppo delle Capacità

Lo Sviluppo delle Capacità Lo Sviluppo delle Capacità 1 Come elaborare un Piano di sviluppo: premesse e processo 3 2 Appendice A: Una guida per la Diagnosi degli ostacoli 7 3 Appendice B: Una guida per la scelta delle Tecniche 8

Dettagli

Il catalogo MANAGEMENT Si rivolge a: Imprenditori con responsabilità diretta. Quadri sulla gestione

Il catalogo MANAGEMENT Si rivolge a: Imprenditori con responsabilità diretta. Quadri sulla gestione 6 Il catalogo MANAGEMENT Si rivolge a: Imprenditori con responsabilità diretta Quadri sulla gestione Impiegati con responsabilità direttive Dirigenti di imprese private e organizzazioni pubbliche, interessati

Dettagli

Verso l autosviluppo continuo: l esigenza di nuovi approcci e di nuova strumentazione

Verso l autosviluppo continuo: l esigenza di nuovi approcci e di nuova strumentazione Verso l autosviluppo continuo: l esigenza di nuovi approcci e di nuova strumentazione Riflessioni di Luciano Perego (prima parte) CARATTERISTICHE DELLA MODALITÀ TRADIZIONALE PER LA GESTIONE DELLO SVILUPPO

Dettagli

Fase 2 Analisi Strumenti di lavoro

Fase 2 Analisi Strumenti di lavoro Fase 2 Analisi Strumenti di lavoro COMPETENZE ATTITUDINALE La mia storia di vita Nome.Cognome.. Data. LA MIA STORIA SCHEDA 2 Questa scheda ha l intento di farla riflettere sugli avvenimenti fondamentali

Dettagli

Concetti fondamentali del Comportamentismo (behaviorismo)

Concetti fondamentali del Comportamentismo (behaviorismo) Aspetti cognitivocomportamentali per la prevenzione dei tumori Enza Paola Cela Psicologa SIAN ASL FG e.cela@aslfg.it Concetti fondamentali del Comportamentismo (behaviorismo) Idea di fondo: alla nascita

Dettagli

Scritto da Giovanni Creton Domenica 27 Febbraio 2011 17:32 - Ultimo aggiornamento Domenica 27 Marzo 2011 19:43

Scritto da Giovanni Creton Domenica 27 Febbraio 2011 17:32 - Ultimo aggiornamento Domenica 27 Marzo 2011 19:43 E evidente che lo screening per un tumore può diagnosticare la malattia molto precocemente, ma nel caso del tumore alla prostata il ricorso al test del PSA può creare dati incerti e rischi sanitari in

Dettagli

Il 65% dei pazienti seguiti dagli psichiatri italiani soffre di schizofrenia, il 29% di disturbo bipolare e il 5% di disturbo schizoaffettivo.

Il 65% dei pazienti seguiti dagli psichiatri italiani soffre di schizofrenia, il 29% di disturbo bipolare e il 5% di disturbo schizoaffettivo. Keeping Care Complete Psychiatrist Survey Focus sull Italia Background Obiettivo dell indagine Keeping Care Complete è comprendere - in relazione alle malattie mentali gravi - quale ruolo e quale influenza

Dettagli

IL COUNSELING NELLE PROFESSIONI D AIUTO

IL COUNSELING NELLE PROFESSIONI D AIUTO IL COUNSELING NELLE PROFESSIONI D AIUTO Obiettivi: Conoscere le peculiarità del counseling nelle professioni d aiuto Individuare le abilità del counseling necessarie per svolgere la relazione d aiuto Analizzare

Dettagli

CORSI DI 1 e 2 LIVELLO PER FSN/DSA. OTTIMIZZARE L ORGANIZZAZIONE DI UNA SOCIETÀ SPORTIVA Stili di Leadership e Sviluppo dei Collaboratori

CORSI DI 1 e 2 LIVELLO PER FSN/DSA. OTTIMIZZARE L ORGANIZZAZIONE DI UNA SOCIETÀ SPORTIVA Stili di Leadership e Sviluppo dei Collaboratori CORSI DI 1 e 2 LIVELLO PER FSN/DSA OTTIMIZZARE L ORGANIZZAZIONE DI UNA SOCIETÀ SPORTIVA Stili di Leadership e Sviluppo dei Collaboratori Relatore: Luigi Maggi Nello sport Presidente del Comitato Regionale

Dettagli

COMPETENZE DI BASE ICF Aggiornamento 2009

COMPETENZE DI BASE ICF Aggiornamento 2009 COMPETENZE DI BASE ICF Aggiornamento 2009 Le 11 competenze di base del coaching sono state sviluppate per permettere una migliore comprensione delle competenze e degli approcci utilizzati nell ambito della

Dettagli

(PRIMA BOZZA) Milano, 15 Aprile, 2011

(PRIMA BOZZA) Milano, 15 Aprile, 2011 RETE LOMBARDA DELLE SCUOLE CHE PROMUOVONO SALUTE CORNICE METODOLOGICA (PRIMA BOZZA) Milano, 15 Aprile, 2011 PREMESSA Il presente documento è il frutto di un percorso di elaborazione a cui hanno partecipato

Dettagli

La mente nella Peak Performance. Come gestire la nostra energia. Marzio Zanato HR & Performance Manager

La mente nella Peak Performance. Come gestire la nostra energia. Marzio Zanato HR & Performance Manager La mente nella Peak Performance Come gestire la nostra energia Marzio Zanato HR & Performance Manager Fisiologia della Performance 2 Marzio Zanato HR & Performance Manager Velocità del processo (frequenza)

Dettagli

I FATTORI AFFETTIVO- RELAZIONALI-EMOTIVI ASSOCIATI AI D.S.A.

I FATTORI AFFETTIVO- RELAZIONALI-EMOTIVI ASSOCIATI AI D.S.A. ed ing u ng he I FATTORI AFFETTIVO- RELAZIONALI-EMOTIVI ASSOCIATI AI D.S.A. y in t in Dott.ssa Patrizia Nagliati Psicologo perf. Neuropsicologia cognitiva e Psicopatologia dell apprendimento DISTURBI EMOTIVI

Dettagli

Check List per la gestione della salute in azienda

Check List per la gestione della salute in azienda DIPARTIMENTO DI IGIENE E SANITA PUBBLICA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PERUGIA Check List per la gestione della salute in azienda Strumento di promozione della salute nei luoghi di lavoro Lamberto Briziarelli,

Dettagli

LINGUAGGIO E DIFFICOLTA DI APPRENDIMENTO

LINGUAGGIO E DIFFICOLTA DI APPRENDIMENTO Congresso Nazionale degli psicomotricisti LINGUAGGIO E DIFFICOLTA DI APPRENDIMENTO 1 Elettra Trucco Borgogna Il nostro gruppo opera da oltre vent anni nel Reparto Ospedaliero dell Istituto Audiologia dell

Dettagli

Filippo Ferrari, Aleph Zero Formazione e Ricerca

Filippo Ferrari, Aleph Zero Formazione e Ricerca MOTIVAZIONE AL LAVORO, TEORIA DEL GOAL SETTING E PROGETTI DI INSERIMENTO ORGANIZZATIVO (PIO) Un ipotesi di applicazione della riforma Biagi applicata ai contratti di inserimento nelle organizzazioni. Filippo

Dettagli

Elementi di successo e di ostacolo alla comunicazione efficace in un processo educativo

Elementi di successo e di ostacolo alla comunicazione efficace in un processo educativo Elementi di successo e di ostacolo alla comunicazione efficace in un processo educativo Gabriella Geraci La comunicazione La comunicazione serve per trasmettere delle informazioni per mezzo di messaggi

Dettagli

Aspetti emotivo-relazionali implicati nei disturbi specifici di apprendimento.

Aspetti emotivo-relazionali implicati nei disturbi specifici di apprendimento. Aspetti emotivo-relazionali implicati nei disturbi specifici di apprendimento. Dott.ssa Irene Arcolini Provincia di Monza e Brianza LA SCUOLA DIFRONTE AI DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO, LA DISLESSIA.

Dettagli

come nasce una ricerca

come nasce una ricerca PSICOLOGIA SOCIALE lez. 2 RICERCA SCIENTIFICA O SENSO COMUNE? Paola Magnano paola.magnano@unikore.it ricevimento: martedì ore 10-11 c/o Studio 16, piano -1 PSICOLOGIA SOCIALE COME SCIENZA EMPIRICA le sue

Dettagli

COACHING & COUNSELING, IDENTITA E DIFFERENZE.

COACHING & COUNSELING, IDENTITA E DIFFERENZE. COACHING & COUNSELING, IDENTITA E DIFFERENZE. A cura di: Domenico Nigro. Direttore didattico e trainer della Scuola IN Counseling. Consulente aziendale. Life e Business Coach. INDICE Cap.1: Coaching &

Dettagli

Psicologia dei Nuovi Media. Andrea Farinet

Psicologia dei Nuovi Media. Andrea Farinet Psicologia dei Nuovi Media Andrea Farinet 1. Psicologia dei nuovi media: riferimenti teorici e oggetti di analisi 2. Comprendere i nuovi media: da Internet all embodiment 3. Applicare la psicologia dei

Dettagli

La Famiglia come risorsa nel trattamento dei Disturbi del Comportamento Alimentare: esercitazioni guidate di empowerment.

La Famiglia come risorsa nel trattamento dei Disturbi del Comportamento Alimentare: esercitazioni guidate di empowerment. La Famiglia come risorsa nel trattamento dei Disturbi del Comportamento Alimentare: esercitazioni guidate di empowerment. A. Genovese, M. Bassetti, S. Scaramuzza Centro per i Disturbi del Comportamento

Dettagli

Strategie per il benessere: emozione e relazione. Il rapporto tra pari Dott. Federica Biassoni

Strategie per il benessere: emozione e relazione. Il rapporto tra pari Dott. Federica Biassoni Università Cattolica del Sacro Cuore Strategie per il benessere: emozione e relazione Il rapporto tra pari Dott. Federica Biassoni Restituzione esercitazioni! Lettura dell espressione: centralità degli

Dettagli

OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO

OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO 10 OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI AUTOCONTROLLO ATTENZIONE E PARTECIPAZIONE ATTEGGIAMENTO E COMPORTAMENTO

Dettagli

MATERIALE PRODOTTO DALLA COMMISSIONE ONCOLOGICA NAZIONALE (D.M. 26.5.2004)

MATERIALE PRODOTTO DALLA COMMISSIONE ONCOLOGICA NAZIONALE (D.M. 26.5.2004) Ministero della Salute Commissione oncologica nazionale (D.M. 26.5.2004) MATERIALE PRODOTTO DALLA COMMISSIONE ONCOLOGICA NAZIONALE (D.M. 26.5.2004) PER UN PIANO ONCOLOGICO NAZIONALE Roma, ottobre 2006

Dettagli

COMUNE DI BRESCIA SETTORE SERVIZI SOCIALI E POLITICHE PER LA FAMIGLIA Servizio Minori

COMUNE DI BRESCIA SETTORE SERVIZI SOCIALI E POLITICHE PER LA FAMIGLIA Servizio Minori COMUNE DI BRESCIA SETTORE SERVIZI SOCIALI E POLITICHE PER LA FAMIGLIA Servizio Minori Nel biennio 2012/2014 il progetto Principio Attivo di titolarità del Comune di Brescia - Settore servizi sociali e

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO ENEA TALPINO Nembro. Curricolo verticale IMPARARE AD IMPARARE

ISTITUTO COMPRENSIVO ENEA TALPINO Nembro. Curricolo verticale IMPARARE AD IMPARARE ISTITUTO COMPRENSIVO ENEA TALPINO Nembro Curricolo verticale IMPARARE AD IMPARARE 1 CURRICOLO INFANZIA-PRIMARIA-SECONDARIA DI I GRADO IMPARARE A IMPARARE Dal Curricolo Scuola Primaria e Secondaria di I

Dettagli

I GRUPPI DI AUTO MUTUO AIUTO

I GRUPPI DI AUTO MUTUO AIUTO I GRUPPI DI AUTO MUTUO AIUTO Origine Nel 1908 il filosofo, zoologo russo Kropotkin, diceva: esiste in natura la legge del mutuo aiuto, che, in un' ottica di lotta per la sopravvivenza e di evoluzione della

Dettagli

AREA human resources. La selezione del personale 3. L assessment e la valutazione del potenziale 4. Gli strumenti 5. L analisi di clima 7

AREA human resources. La selezione del personale 3. L assessment e la valutazione del potenziale 4. Gli strumenti 5. L analisi di clima 7 AREA human resources La selezione del personale 3 L assessment e la valutazione del potenziale 4 Gli strumenti 5 L analisi di clima 7 AREA management & behavioral training La formazione del personale 9

Dettagli

Favorire l autostima nel bambino. Mario Di Pietro www.educazione-emotiva.it segreteria@mariodipietro.it

Favorire l autostima nel bambino. Mario Di Pietro www.educazione-emotiva.it segreteria@mariodipietro.it Favorire l autostima nel bambino Mario Di Pietro www.educazione-emotiva.it segreteria@mariodipietro.it 1 Un senso di impotenza si sviluppa in seguito all incapacità di influenzare positivamente le proprie

Dettagli

TRAINING. Riservato ad agenti e venditori. (3 giornate intervallate)

TRAINING. Riservato ad agenti e venditori. (3 giornate intervallate) TRAINING Riservato ad agenti e venditori (3 giornate intervallate) 2 1. INTERPRETARE IL PROPRIO RUOLO CON ORGOGLIO, POSITIVITÀ, CREATIVITÀ E CORAGGIO, RAFFORZANDO LA PROPRIA AUTOMOTIVAZIONE AL MIGLIORAMENTO

Dettagli

Agire per modificare la nostra autostima - Valori e regole personali

Agire per modificare la nostra autostima - Valori e regole personali Agire per modificare la nostra autostima - Valori e regole personali Il vero viaggio di scoperta non consiste nel cercare nuove terre ma nell avere nuovi occhi M.Proust Per migliorare la propria autostima

Dettagli

Pensieri suicidi nelle persone affette da demenza: prese di posizione

Pensieri suicidi nelle persone affette da demenza: prese di posizione Pensieri suicidi nelle persone affette da demenza: l Associazione Alzheimer Svizzera chiede un accompagnamento e un assistenza completi per i malati di demenza. Pensieri suicidi nelle persone affette da

Dettagli

PRINCIPI DI TERAPIA COGNITIVA

PRINCIPI DI TERAPIA COGNITIVA PRINCIPI DI TERAPIA COGNITIVA Secondo la terapia cognitiva, l uomo possiede la chiave della comprensione e soluzione del suo disturbo psicologico entro il campo della sua coscienza. I problemi dell individuo

Dettagli

Seminario di aggiornamento Quadri Tecnici di base delle ASD STILI DI GUIDA E SVILUPPO DEI COLLABORATORI

Seminario di aggiornamento Quadri Tecnici di base delle ASD STILI DI GUIDA E SVILUPPO DEI COLLABORATORI Seminario di aggiornamento Quadri Tecnici di base delle ASD Poggio Mirteto, 28 aprile 2015 Casa della Cultura STILI DI GUIDA E SVILUPPO DEI COLLABORATORI Relatore: Luigi Maggi Nello sport Presidente del

Dettagli

Il ruolo dei determinanti di salute nella progettazione in cooperazione internazionale

Il ruolo dei determinanti di salute nella progettazione in cooperazione internazionale Il ruolo dei determinanti di salute nella progettazione in cooperazione internazionale Mariano Giacchi U.O.C. Promozione della salute AOUS CREPS Dip. Fisiopatologia, Medicina Sperimentale e Sanità Pubblica

Dettagli

QUAL E IL LUOGO DI RESIDENZA?

QUAL E IL LUOGO DI RESIDENZA? QUAL E IL LUOGO DI RESIDENZA? Base: 65 caregiver RESIDENZA PAZIENTE 80% 10% 9% 2% Abita con care givers Abita da solo Abita con altri familiari Altro 20 QUAL E IL GRADO DI VICINANZA TRA CG E MALATO? L

Dettagli

Il bambino con ADHD a scuola

Il bambino con ADHD a scuola Teramo 20-04-2010 Dott.ssa Adriana Sigismondi ADHD Caratteristiche DISATTENZIONE IMPULSIVITA IPERATTIVITA 1 1 ATTENZIONE I bambini con un disturbo di attenzione manifestano problemi in compiti che richiedono

Dettagli

La gestione della sfera emotiva e delle relazioni sociali per i bambini e ragazzi con ADHD. Dott.ssa Francesca Potena Pedagogista clinico

La gestione della sfera emotiva e delle relazioni sociali per i bambini e ragazzi con ADHD. Dott.ssa Francesca Potena Pedagogista clinico La gestione della sfera emotiva e delle relazioni sociali per i bambini e ragazzi con ADHD Dott.ssa Francesca Potena Pedagogista clinico Perché parlare di gestione emotiva? ADHD è un disturbo che colpisce

Dettagli

L orientamento in classe incontro 4

L orientamento in classe incontro 4 L orientamento in classe L orientamento in classe incontro 4 Patrizia Neerman UST Verona Sezione Orientamento 23 marzo 2011 L orientamento in classe Riprendiamo il filo il questionario iniziale Che tipo

Dettagli

PROVINICA DI LIVORNO SEGRETARIATO GENERALE

PROVINICA DI LIVORNO SEGRETARIATO GENERALE PROVINICA DI LIVORNO SEGRETARIATO GENERALE Benessere Organizzativo e analisi di clima nella Provincia di Livorno anno 2014 Premessa Cosa si intende per Benessere Organizzativo Il Benessere organizzativo

Dettagli

Di fronte alla diagnosi di tumore: quale comunicazione?

Di fronte alla diagnosi di tumore: quale comunicazione? Di fronte alla diagnosi di tumore: quale comunicazione? La diagnosi di cancro: Si configura come evento critico che minaccia l individuo ed interferisce con le dimensioni su cui si articola la vita: fisica,

Dettagli

A N N A G R I M A L D I

A N N A G R I M A L D I ACCOGLIENZA, ANALISI DELLA DOMANDA E CONSULENZA NEL S ERVIZIO DI ORIENTAMENTO A N N A G R I M A L D I Lo scenario di riferimento I cambiamenti strutturali degli ultimi due ultimi decenni nell ambito dell

Dettagli

MSCEIT Mayer-Salovey-Caruso Emotional Intelligence Test

MSCEIT Mayer-Salovey-Caruso Emotional Intelligence Test Mayer-Salovey-Caruso Emotional Intelligence Test John D. Mayer, Peter Salovey e David R. Caruso Adattamento italiano a cura di Antonella D'Amico e Antonietta Curci RAPPORTO INTERPRETATIVO Nominativo: Codice

Dettagli

IL COLLOQUIO DI COUNSELING

IL COLLOQUIO DI COUNSELING IL COLLOQUIO DI COUNSELING Università LUMSA di Roma Anno accademico 2014/2015 Dott. P. Cruciani Dott.ssa P. Szczepanczyk Testo di riferimento: Il colloquio di counseling di Vincenzo Calvo Cos è il Counseling

Dettagli

L avversario invisibile

L avversario invisibile L avversario invisibile Riconoscere i segni della depressione www.zentiva.it www.teamsalute.it Cap.1 IL PERICOLO NELL OMBRA Quei passi alle mie spalle quelle ombre davanti a me il mio avversario la depressione

Dettagli

Agenda degli incontri

Agenda degli incontri PROGETTO DI FORMAZIONE LEARNING BY DOING Descrizione Percorso Un percorso di formazione per supportare i docenti a formare in modo esplicito le competenze trasversali dei loro allievi. E ormai noto che

Dettagli

Comunicazione persuasiva e manipolazione

Comunicazione persuasiva e manipolazione Comunicazione persuasiva e manipolazione Il messaggio persuasivo, tipico della comunicazione pubblicitaria o politica, è quel messaggio che induce il ricevente ad un certo comportamento, perché in grado

Dettagli

Assertività. Un adeguata comunicazione deve avere al meno tre elementi. Assenza Di paure o Inibizioni sociali. di sé

Assertività. Un adeguata comunicazione deve avere al meno tre elementi. Assenza Di paure o Inibizioni sociali. di sé Assertività Un adeguata comunicazione deve avere al meno tre elementi Presenza di Affinate Abilità interpersonali Assenza Di paure o Inibizioni sociali Buona immagine di sé Privata e professionale ESSERE

Dettagli

Che cos è un emozione?

Che cos è un emozione? Che cos è un emozione? Definizione Emozione: Stato psichico affettivo e momentaneo che consiste nella reazione opposta all organismo a percezioni o rappresentazioni che ne turbano l equilibrio (Devoto

Dettagli

USO E LIMITI DEI DATABASE CLINICI: LA RICERCA NELLE BANCHE DATI SPECIALIZZATE IN EBM

USO E LIMITI DEI DATABASE CLINICI: LA RICERCA NELLE BANCHE DATI SPECIALIZZATE IN EBM SM Romano. Dip.Area Critica Medico-Chirurgica, Università degli Studi di Firenze. Centro Italiano per la Medicina Basata sulle Prove. Clin. Med. Cardiol. FI Sapere eseguire una ricerca bibliografica accurata

Dettagli

La comunicazione del rischio

La comunicazione del rischio La comunicazione del rischio Di Mauro Palazzi (modificata) A cura di Luigi Triggiano Medico di medicina generale 1 OBIETTIVI DEL CORSO migliorare le conoscenze sulla comunicazione e sulle sue criticità

Dettagli

A cura di Elena Barbera, Elisa Ferro, Claudio Tortone DoRS Regione Piemonte (Centro Regionale di Documentazione per la Promozione della Salute)

A cura di Elena Barbera, Elisa Ferro, Claudio Tortone DoRS Regione Piemonte (Centro Regionale di Documentazione per la Promozione della Salute) PROGETTARE MATERIALE COMUNICATIVO EFFICACE DI EDUCAZIONE ALLA SALUTE: PRE-TEST SPERIMENTALE DI UNA BROCHURE BASATA SU TEORIE SPECIFICHE PER AUMENTARE LE CONOSCENZE J.R.D. Whittingham 1, R.A.C. Ruiter 1,

Dettagli

La Terapia Cognitivo Comportamentale in Caso di Diabete. Dott. Alessandro Carmelita Istituto di Scienze Cognitive Srl WWW.VICINOATE.

La Terapia Cognitivo Comportamentale in Caso di Diabete. Dott. Alessandro Carmelita Istituto di Scienze Cognitive Srl WWW.VICINOATE. La Terapia Cognitivo Comportamentale in Caso di Diabete Dott. Alessandro Carmelita Istituto di Scienze Cognitive Srl WWW.VICINOATE.COM Quello che pensiamo e quello che sentiamo Spesso pensieri ed emozioni

Dettagli

Solo chi ha un apertura visiva diversa vede il mondo in un altro modo

Solo chi ha un apertura visiva diversa vede il mondo in un altro modo Solo chi ha un apertura visiva diversa vede il mondo in un altro modo B. Munari inside INSIDE è specializzata nella trasformazione organizzativa, nello sviluppo e nella valorizzazione del capitale umano

Dettagli

Il Minimum Standard per la formazione iniziale del logopedista in Europa (traduzione italiana a cura di R. Muò e I. Vernero)

Il Minimum Standard per la formazione iniziale del logopedista in Europa (traduzione italiana a cura di R. Muò e I. Vernero) Il Minimum Standard per la formazione iniziale del logopedista in Europa (traduzione italiana a cura di R. Muò e I. Vernero) Al fine di raggiungere le conoscenze, le abilità e le competenze richieste,

Dettagli

Nel 1993 il Dipartimento di Salute Mentale dell OMS ha individuato nelle Life Skills lo strumento privilegiato per la promozione della salute in

Nel 1993 il Dipartimento di Salute Mentale dell OMS ha individuato nelle Life Skills lo strumento privilegiato per la promozione della salute in Life Skills Nel 1993 il Dipartimento di Salute Mentale dell OMS ha individuato nelle Life Skills lo strumento privilegiato per la promozione della salute in ambito scolastico. Nel glossario della promozione

Dettagli

La comunicazione per il successo nella vita e nel lavoro. Corso a cura di Agape Consulting

La comunicazione per il successo nella vita e nel lavoro. Corso a cura di Agape Consulting La comunicazione per il successo nella vita e nel lavoro Corso a cura di Agape Consulting La comunicazione per il successo nella vita e nel lavoro La capacità di comunicare e di negoziare è il principale

Dettagli

EUROPEAN OSTEOPATHIC UNION L ITER FORMATIVO

EUROPEAN OSTEOPATHIC UNION L ITER FORMATIVO Capitolo 3 L ITER FORMATIVO Il programma di formazione degli osteopati ha la responsabilità di creare figure professionali del più alto livello. Il livello di preparazione dell osteopata professionista

Dettagli

PROMUOVERE LO SVILUPPO PERSONALE E SOCIALE. Laboratorio Life Skills Education 2007

PROMUOVERE LO SVILUPPO PERSONALE E SOCIALE. Laboratorio Life Skills Education 2007 PROMUOVERE LO SVILUPPO PERSONALE E SOCIALE 200 Programma di lavoro PRIMA PARTE: FONDAMENTI TEORICI la scuola dell autonomia come contesto di promozione della salute e dello sviluppo personale e sociale

Dettagli

Questo libro affronta in modo pratico e diretto le quaranta regole fondamentali da seguire per costruire un buon rapporto di aiuto.

Questo libro affronta in modo pratico e diretto le quaranta regole fondamentali da seguire per costruire un buon rapporto di aiuto. GUIDA AL COUNSELING. In 40 regole fondamentali cosa fare e non fare per costruire un buon rapporto d aiuto di Scott T. Meier e Susan R. Davis - Franco Angeli, 1994 Recensione a cura di MONICA MILANI Questo

Dettagli

7 Le situazioni di emergenza nelle scuole: approfondimenti

7 Le situazioni di emergenza nelle scuole: approfondimenti 7 Le situazioni di emergenza nelle scuole: approfondimenti 1. Generalità Nei capitoli precedenti, il tema della sicurezza nelle scuole è stato affrontato da più punti di vista: soggettivo, da un lato,

Dettagli

Osservare: sembra facile!

Osservare: sembra facile! Milano 7 maggio 2011 Strumenti di valutazione funzionale nei percorsi di vita delle persone con autismo. Introduzione Susanna Villa IRCCS Eugenio Medea Associazione La Nostra Famiglia Conegliano (TV).

Dettagli

IMPARARE AD IMPARARE DISCIPLINE DI RIFERIMENTO: TUTTE

IMPARARE AD IMPARARE DISCIPLINE DI RIFERIMENTO: TUTTE IMPARARE AD IMPARARE DISCIPLINE DI RIFERIMENTO: TUTTE IMPARARE AD IMPARARE Imparare a imparare è l abilità di perseverare nell, di organizzare il proprio anche mediante una gestione efficace del tempo

Dettagli

(La scheda non deve superare le 7 cartelle, compreso la tabella indicatori)

(La scheda non deve superare le 7 cartelle, compreso la tabella indicatori) R e g i o n e L a z i o (La scheda non deve superare le 7 cartelle, compreso la tabella indicatori) Titolo del programma: Consolidamento e qualificazione dei programmi di screening organizzati Identificativo

Dettagli

L INFORTUNIO NELLO SPORT DI ALTO LIVELLO: RISPOSTE E GESTIONE PSICOLOGICA Pisa, 19-20 Gennaio 2013

L INFORTUNIO NELLO SPORT DI ALTO LIVELLO: RISPOSTE E GESTIONE PSICOLOGICA Pisa, 19-20 Gennaio 2013 L INFORTUNIO NELLO SPORT DI ALTO LIVELLO: RISPOSTE E GESTIONE PSICOLOGICA Pisa, 19-20 Gennaio 2013 Marisa Muzio Via Bronzetti 11, 20129 Milano, Italia Mobile: +39 3395070433 Phone: 02 78621901 Fax: +39

Dettagli

I 10 Vantaggi Competitivi di una gestione del lavoro orientata alla sicurezza e allo sviluppo delle Risorse Umane

I 10 Vantaggi Competitivi di una gestione del lavoro orientata alla sicurezza e allo sviluppo delle Risorse Umane I 10 Vantaggi Competitivi di una gestione del lavoro orientata alla sicurezza e allo sviluppo delle Risorse Umane La presente pubblicazione si rivolge ai dirigenti del settore sanitario e ha come obiettivo

Dettagli

CONVITTO NAZIONALE G. LEOPARDI Piazza Marconi, 3 Macerata

CONVITTO NAZIONALE G. LEOPARDI Piazza Marconi, 3 Macerata CONVITTO NAZIONALE G. LEOPARDI Piazza Marconi, 3 Macerata Centro Regionale A.I.D.A.I. per le Marche 0733 239338 3381449353 - aidai.marche@libero.it Psicologa: Dott.ssa Federica Fini (n iscrizione Albo

Dettagli

Orientamenti pedagogico-didattici per una scuola di qualità Relazione a cura di Monica Barbolini

Orientamenti pedagogico-didattici per una scuola di qualità Relazione a cura di Monica Barbolini Orientamenti pedagogico-didattici per una scuola di qualità Relazione a cura di Monica Barbolini Il processo didattico è un processo di natura relazionale, nel senso che mira a sostenere lo studente nella

Dettagli

DI APPRENDIMENTO: GLI STILI E LE MODALITA DI

DI APPRENDIMENTO: GLI STILI E LE MODALITA DI La progettazione formativa e didattica GLI STILI E LE MODALITA DI DI APPRENDIMENTO: dalle dalle conoscenze alla alla interiorizzazione dei dei comportamenti organizzativi 1 IL IL PERCORSO DELL APPRENDIMENTO

Dettagli

Principi e requisiti di base del Risk Management. Obiettivi, standard e framework di riferimento

Principi e requisiti di base del Risk Management. Obiettivi, standard e framework di riferimento Innovazione per la Pubblica Amministrazione Principi e requisiti di base del Risk Management. Obiettivi, standard e framework di riferimento Fabio Monteduro CISPA-Università di Roma Tor Vergata fabio.monteduro@uniroma2.it

Dettagli

FARMACISTI, DONNE E FARMACI EQUIVALENTI

FARMACISTI, DONNE E FARMACI EQUIVALENTI FARMACISTI, DONNE E FARMACI EQUIVALENTI L atteggiamento delle donne verso il generico visto attraverso gli occhi del farmacista Sintesi dei risultati di ricerca per Conferenza Stampa Milano, 16 ottobre

Dettagli

Psicologia della salute di Paola Alessandra Consoli

Psicologia della salute di Paola Alessandra Consoli Psicologia della salute di Paola Alessandra Consoli Riassunto del volume che si occupa di psicologia della salute. Tale disciplina, nata neglli anni '70, si occupa dei processi psicologici e psicosociali

Dettagli

R e g i o n e L a z i o

R e g i o n e L a z i o R e g i o n e L a z i o Titolo del programma: Innovazione tecnologica PS su mammella, cervice uterina e colon-retto Identificativo della Linea di intervento generale: 3.1 Prevenzione della popolazione

Dettagli

LA GESTIONE DELLE RISORSE UMANE IL CONFLITTO

LA GESTIONE DELLE RISORSE UMANE IL CONFLITTO LA GESTIONE DELLE RISORSE UMANE IL CONFLITTO IL GIOCO DELL INTERRELAZIONE annalisa amadi Latina Scalo 22-23 giugno 2013 1 il conflitto si esprime attraverso i comportamenti 2 il comportamento è la manifestazione

Dettagli

Facciamo Sicurezza. Affrontare in modo coinvolgente, innovativo ed efficace la sfida della sicurezza sul lavoro in coerenza con il Testo Unico

Facciamo Sicurezza. Affrontare in modo coinvolgente, innovativo ed efficace la sfida della sicurezza sul lavoro in coerenza con il Testo Unico Facciamo Sicurezza Affrontare in modo coinvolgente, innovativo ed efficace la sfida della sicurezza sul lavoro in coerenza con il Testo Unico 1 Indice Premessa Finalità e destinatari dell intervento Metodologia

Dettagli

ALCUNE SIGLE. PDV= PROGETTO DI VITA si basa sulla

ALCUNE SIGLE. PDV= PROGETTO DI VITA si basa sulla DAL PEI AL PDV ALCUNE SIGLE PDV= PROGETTO DI VITA si basa sulla CLASSIFICAZIONE INTERNAZIONALE DEL FUNZIONAMENTO, DELLA DISABILITA' E DELLA SALUTE LUNGO TUTTO L ARCO DELLA VITA (ICF) rivolto ai bambini

Dettagli