Società Italiana di Neurologia. Congresso Annuale. SezioneÊT osco-umbra. Green Park Resort Tirrenia - Pisa Dicembre Programma.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Società Italiana di Neurologia. Congresso Annuale. SezioneÊT osco-umbra. Green Park Resort Tirrenia - Pisa - 1-2 Dicembre 2009. Programma."

Transcript

1 Società Italiana di Neurologia Congresso Annuale SezioneÊT osco-umbra Green Park Resort Tirrenia - Pisa Dicembre 2009 Programma Tirrenia

2

3

4 4

5 PROGRAMMA Martedì 1 dicembre 9:30 - Inaugurazione e Saluto Autorità 10:00 - Comunicazioni scientifiche Auditorium - Casi Clinici Moderatori: Luigi Murri, Roberto Massetani, Renato Galli 1. Low doses of olanzapine in a patient with advanced Parkinson s disease and thoracic muscles dystonia G. Gambaccini, M.P. Virgili, G. Moscato, F. Manfredonia, G. Geri, C. Lucchesi, C. Frittelli, R. Sposito, R. Galli PONTEDERA 2. Levetiracetam nel trattamento del mioclono frammentario E. Di Coscio, E. Bonanni, M. Fabbrini, M. Maestri, M. Barsotti, A. Bruni, R. Calabrese, F. Sartucci, L. Murri PISA 3. Malattia di Alzheimer e mutazione del DNA mitocondriale nel gene ATPasi 8: solo una coincidenza? E. Caldarazzo Ienco, V. Calsolaro, D. Orsucci, C. Nesti, G. Solaini, L. Pollina, G. Alì, M. Mancuso, G. Siciliano - PISA 4. Reversible dementia and pilomotor seizures in a patient affected by limbic encephalitis A. La Licata, F. Pescini, E. Rosati, M. Moretti, B. Chiocchetti, C. Solinas, E. Vannini, S. Matà, G.C. Muscas - FIRENZE 5. Un caso di Stiff-Man-Syndrome in paziente affetto da BPCO, asma bronchiale G. Gialdini, A. Napolitano, M. Renna, S. Salvetti, M. Mazzoni LUCCA 6. Malattia di Parkinson Parkin atipica S. Gallerini, R. Marconi GROSSETO 7. Sindrome coreica in corso di granulomatosi di Wegener E. Unti, L. Kiferle, P. De Feo, D. Frosini, D. Martino, R. Ceravolo PISA 8. Epilessia parziale continua: è possibile una correlazione con la vaccinazione contro il papillomavirus? E. Vannini, E. Rosati, F. Pescini, A. La Licata, F. Pizzo, M. Moretti, G.C. Muscas FIRENZE 9. L uomo che aveva perso la memoria C. Sonnoli, S. Bartolini PISTOIA 10. Epilessia e malattia del neurone di moto: descrizione di un caso di possibile associazione. T.A. Cantisani, A. Bartocci, G. Perticoni - PERUGIA 5

6 Sala B Comunicazioni Moderatori: Ferdinando Sartucci, Enrica Bonanni, Giuseppe Meucci 1. Funzione dopaminergica nigrostriatale nella Sindrome Corticobasale: evidenze da uno studio SPECT multicentrico C. Rossi, R. Cilia, D. Volterrani, D. Frosini, P. De Feo, C. Pagni, L. Kiferle, L. Murri, U. Bonuccelli, R. Ceravolo PISA 2. Ruolo delle proiezioni transcallosali nel processamento delle informazioni visive: il contrast-gain control e la rtms a bassa frequenza. T. Bocci, M. Caleo, E. Giorli, D. Barloscio, L. Murri, S. Rossi, B. Rossi, F. Sartucci PISA 3. Malattia di Parkinson: è possibile utilizzare la nutraceutica nella patologia neurodegenerativa? D. Dini, E. Tortoli, L.Mellini, M.Fusco, P. Zolo AREZZO 4. Il controllo dei disturbi del comportamento nei pazienti con demenza: aspetti etici A. Tiezzi AREZZO 5. Anedonia e dopaminoagonisti. E. Grassi, P. Piersanti, A. Scoto di Luzio, E. Torre, P. Palumbo PRATO 6. Sub-clinical multiple sclerosis: clinical, neuropsychological and MRI follow-up B. Hakiki, B. Goretti, E. Portaccio, V. Zipoli, R. Lorenzo, M. Roscio, M. L. Stromillo, L. Bartolozzi, E. Giunti, L. Guidi, N. De Stefano, A. Ghezzi, M. P. Amato FIRENZE 7. Relating structural brain damage and functional cortical reorganisation in patients with benign Multiple Sclerosis A. Giorgio, E. Portaccio, M.L. Stromillo, S. Marino, V. Zipoli, G. Siracusa, M. Battaglini, ML. Bartolozzi, A. Blandino, L. Guidi, S. Sorbi, A. Federico, MP. Amato, N. De Stefano SIENA 8. Clinical and genetic association study between serotonin trasporter gene polymorphism (5-htt) and italian memory complaints. S. Marini, B. Nacmias, S. Bagnoli, V. Bessi, I. Piaceri, A. Tedde, L. Bracco, S. Sorbi - FIRENZE 12:00 Miniletture: progressi nelle malattie neurodegenerative Moderatori: Paolo Calabresi, Claudio Paradiso 1. Sandro Sorbi, Laura Bracco (FIRENZE) - Demenze 2. Gabriele Siciliano (PISA) - SLA 13:00 Lunch 14:00 - Comunicazioni Auditorium - Casi Clinici Moderatori: Stefano Bartolini, Lionello Guidi, Aroldo Rossi 1. Un caso di encefalite atipica. Clinical problem solving. What is it? A. Vinattieri PRATO 6

7 2. Ascessi cerebrali da Listeria Monocytogenes in paziente immunodepresso R. Valenti, E. Molesti, A. Barilaro, A. Repice, M. La Massa, F. Bartalesi, M. Bartelli, W. Borsini, M. Paganini FIRENZE 3. Caso clinico. Encefalite autoimmune atipica ad esordio acuto in un paziente maschio di 20 anni. G. Bellini, R. Catalani, R. Risaliti, L. Boncompagni, G. Meucci LIVORNO 4. Alpha-pattern coma: a case report. M. Petri, A. Baratta, W. Corsini, L. Gabrielli, S. Milanta, R. Massetani MASSA-CARRARA 5. A case of recurrent basilar artery occlusion: the woman who lived three times. A. Chiti, C. Pizzanelli, E. Terni, G. Gialdini, M. Cosottini, M. Puglioli, G. Orlandi PISA 6. Stroke e sindrome platipnea-ortodeoxia: case management dalla fase acuta alla riabilitazione S. Gallerini, B. Calchetti, C. Cianchi, A.M. Di Troia, R. Madonna, M. Zocchi, A. Cresti, M. Mancuso GROSSETO 7. Epilessia ad evoluzione favorevole in un caso di distrofia muscolare congenita S. Siliquini, F. Galletti, V. Belcastro, C. Costa, P. Prontera, M. Giuglietti, M. Elia, P. Calabresi PERUGIA 8. Central vibration-induced nystagmus: a case report F. Rosini, E. Pretegiani, A. Rubegni, A. Rufa, A. Federico SIENA 9. Descrizione del genotipo di una famiglia di un paziente con diagnosi clinica di distrofia facio-scapolo-omerale. G. Ricci, V. Calsolaro, L. Volpi, E. Caldarazzo Ienco, G. Alì, G. Pallabazzer, M. Govi, F. Greco, R. Tupler, G. Siciliano MODENA, PISA 10. Statine e motor neuron disease: sla sporadica o sla-like syndrome? case report. G. Stipa, R. De Ciantis, D. Frondizi, C. Fanelli, L. Giorgi, D. Gobbi, P. Mazzetelli, S. Sabatini, P. Ottaviano, I. Aprile, P. Sarchielli - PERUGIA Sala B Comunicazioni Moderatori: Maria Pia Amato, Pasquale Palumbo, Mauro Zampolini 1. La trombolisi venosa nell ictus ischemico. Esperienza della Stroke Unit dell Ospedale di Prato. A. Caruso. A. Vinattieri. A. Scotto di Luzio. E. Torre. C. Giorgi. P. Palumbo PRATO 2. Un Centro Ictus nella rete ospedaliera dell Umbria: l esperienza iniziale di Branca L. M. Greco, T. Mazzoli, R. Volpi, S. Ricci CITTA DI CASTELLO 3. Fibrinolisi sistemica nell ictus ischemico: 3 anni di esperienza all Ospedale di Lucca A. Napolitano, G. Gialdini, S. Salvetti, G. Nocita, G. Cafforio, M. Vista, M. Mazzoni LUCCA 7

8 4. Riabilitazione e neuroni a specchio: trattamento di un gruppo di pazienti con ictus nella fase degli esiti. M. Mancuso, M. Franceschini, A. Cantagallo, C. Cianchi, S. Gallerini, A.M. Di Troia, B. Calchetti, G.Buccino GROSSETO 5. Emorragia subaracnoidea perimesencefalica. Osservazioni clinico-neuroradiologiche in tre casi. G. Linoli, M. Guadagni, S. Cioni, C. Venturi AREZZO 6. Telemedicina presso la struttura di neurofisiopatologia dell aos s. maria di terni. dal referto digitale al fascicolo sanitario elettronico G. Stipa, C. Fanelli, R. De Ciantis, D. Frondizi, P. Mazzetelli, D. Gobbi, L. Giorgi, D. Addario, M. Domiziani TERNI 7. Risonanza magnetica funzionale nello studio del lobo limbico: valutazione di un paradigma di stimolazione audio-visivo. F. Pizzo, M. Moretti, S. Chiti, F. Pescini, E. Rosati, G. Giordano, S. Sorbi, G. C. Muscas FIRENZE 8. Malformazioni arterovenose occipitali ed emicrania: un link patogenetico? F. Galletti, C. Costa, M. Hamam, V. Belcastro, P. Sarchielli, P. Calabresi PERUGIA 16:00 - Coffee break Auditorium 16:30 Tavola Rotonda: Ictus, Neuro-Imaging e Neuro-Interventistica Moderatori: Michele Puglioli, Domenico Inzitari, Noè Battistini 1. Giovanni Orlandi (PISA)- Novità nella trombolisi 2. Paolo Zolo (AREZZO)- L unità di imaging e neurologia interventistica 3. Carlo Venturi (SIENA)- Interventistica nell ictus ischemico 4. Stefano Ricci (CITTA DI CASTELLO)- EBM dell interventistica 18:30 -Riunione Organizzativa Moderatori: Ubaldo Bonuccelli, Alfio Cantini Relatore: Francesco Pinto (FIRENZE) 8

9 Mercoledì 2 Dicembre 8:00 - Comunicazioni Moderatori: Gianfranco Perticoni, Luigi De Santis, Alfonso Iudice 1. Efficacia e tollerabilità delo Zonisamide in pazienti affetti da epilessia parziale farmaco-resistente. E. Bartolini, D. Perini, A. Iannielli, M. Baldini, A. Caserta, A. Amidei, M. Guida, A. Iudice, L. Murri. PISA 2. Dissecazione delle arterie cerebro-afferenti come causa di intensa ed inusuale cefalea in donne puerpere: descrizione di 2 casi P. Borelli, F. Baldacci, C. Berti, C. Lucetti, M. Giuntini, C. Logi, C. Dolciotti, U. Bonuccelli VIAREGGIO 3. Sindrome delle gambe senza riposo e altri disturbi del sonno in una popolazione di pazienti con insufficienza renale cronica E. Di Coscio, E. Bonanni, M. Fabbrini, M. Maestri, S. Beati, S. Paoletti, V. Panichi, G. Barsotti, L. Murri PISA 4. A novel point mutation in the mitochondrial trna (Trp) gene produce late-onset encephalomyopathy plus additional features E. Malfatti, C. Battisti, E. Cardatoli, P. Da Pozzo, A. Malandrini, A. Rufa, R. Rocchi, A. Federico - SIENA 5. Lo studio del network epilettogeno e il network di chirurgia dell'epilessia in Toscana. Primi risultati e osservazioni di un esperienza quinquennale a Firenze ( )" F. Giordano, N. Zaccara, F. Balestrieri, A. Ragazzoni, C. Barba, T. Metitieri, R. Guerrini, L. Genitori FIRENZE 6. Xantomatosi cerebrotendinea: una malattia rara con fenotipi neurologici comuni A. Mignarri, F. Rossi, G. N. Gallus, F. Sicurelli, A. Federico, M. T. Dotti - SIENA 7. Neuro-psychiatric disturbances in CADASIL: a pilot study on mood disorders and recognition of facial expressions R. Valenti, F. Pescini, A. Poggesi, G. Castellini, S. Antonini, S. Pallanti, D. Inzitari, L. Pantoni FIRENZE 8. Stress ossidativo e miopatie mitocondriali. Livelli basali e dopo trattamento con un integratore donatore di cisteina D. Orsucci, M. Mancuso, A. Lo Gerfo, F. Galetta, G. Santoro, G. Siciliano - PISA 9

10 10:00 - Poster coffee Gruppo 1 - Moderatori: Gian Carlo Muscas, Gaetano Zaccara 1. Markers clinici e polimorfismi del gene abcb1 dell epilessia farmacoresistente V. Pelliccia, D. Perini, A. Amidei, A. Caserta, M. Guida, F.S. Giorgi, A. Iudice, C. Pizzanelli, L. Murri PISA 2. Cross-modal olfactory effects on human motor system in normal subjects and in patients with anosmia G. Bianco, S. Rossi, A. De Capua, V. Falzarano, S. Bartalini, M. Ulivelli, L. Salerni, A. Romano, D. Nuti SIENA 3. Un caso di arterite di Takayasu presentatosi con attacchi ischemici transitori ricorrenti ed ictus: implicazioni diagnostiche e terapeutiche. A. Chiti, E. Terni, G. Gialdini, I. Pesaresi, M. Cosottini, M. Puglioli, G. Orlandi PISA 4. Migralepsy? E. Grassi, M. Fabbri, M. Falcini, P. Palumbo PRATO 5. Breastfeeding is not related with the risk of post-partum relapses in women with multiple sclerosis E. Portaccio, A. Ghezzi, B. Hakiki, V. Zipoli, L. Razzolini, V. Martinelli, L. Moiola, F. Patti, L. La Mantia, G.L. Mancardi, C. Solaro, M.R. Tola, C. Pozzilli, L. De Giglio, R. Totaro, A. Lugaresi, V. Di Tommaso, D. Paolicelli, M.G. Marrosu, G. Comi, M. Trojano, M.P. Amato FIRENZE 6. La prevenzione della Disabilità nelle Malattie Neurodegenerative: il Progetto A.Vi.Se nel Valdarno Aretino E. Tortoli, L. Mellini, M. Fusco, D. Dini, P. Zolo AREZZO 7. PICALM and ApoE polymorphisms in Italian Patients with Alzheimer s disease I. Piaceri,S. Bagnoli, V. Bessi, A. Tedde, S. Marini, L. Bracco, S. Sorbi, B. Nacmias FIRENZE 8. Parkinson-demenza in paziente con ipermetabolismo striatale ed anticorpi antifosfolipidi V. Nicoletti, C. Rossi, P. De Feo, U. Bonuccelli, R. Ceravolo PISA 9. Malattia a corpi di lewy ad esordio atipico: case report E. Torre, A. Vinattieri, M. Briccoli Bati, R. Campostrini, A. Caruso, M. Fabbri, M. Falcini, P. Forleo, C. Giorgi, E.Grassi, P. Piersanti, A. Scotto, S. Sestini, P. Palumbo PRATO 10. Miastenia gravis e timoma in un paziente affetto da distrofia miotonica tipo 1: un caso clinico. L. Volpi, E. Caldarazzo Ienco, V. Calsolaro, G. Ricci, A. LoGerfo, L. Petrozzi, M. Serradori, N. Ambrosino, D. Orsucci, G. Siciliano PISA 10

11 Gruppo 2 Moderatori: Nicola De Stefano, Francesco Lolli 11. Poliradicolonevrite acuta ad esordio atipico in paziente affetto da mieloma multiplo sottoposto a trapianto allogenico G. Ricci, A. Chiti, V. Pelliccia, E. Bartolini, M. Baldini, D. Perini, C. Pizzanelli, M. Mancuso, R. Calabrese, R. Ceravolo, G. Orlandi, P. Moretti, G. Siciliano PISA 12. Un caso di poliradicoloneuropatia assonale motoria subentrante a mielite recidivante: una congiura sul sistema nervoso ordita da un perfido e remoto mandante? A. Chiti, D. Perini, F. Giorgi, R. Calabrese, N. Ambrosino, L. Gabbrielli, T. Bocci, M. Bartolotta, F. Sartucci - PISA 13. MNGIE: l importanza di riconoscere una malattia rara M. A. Carluccio, F. Sicurelli, E. Cardaioli, P. Da Pozzo, M. Mondelli, A. Federico, M.T. Dotti. - SIENA 14. Valutazione di alcuni markers di stress ossidativo in pazienti affetti da Sclerosi Laterale Amiotrofica sporadica all esordio di malattia. A. LoGerfo, M. Mancuso, C. Carlesi, E. Caldarazzo Ienco, V. Calsolaro, L. Pasquali, S. Piazza, G. Siciliano PISA 15. Encefalite autoimmune paraneoplastica? C. Sonnoli, S. Bartolini PISTOIA 16. Apparenza sindonica nella dermatomiosite M.Falcini, P.Forleo, P.Palumbo, E. Grassi PRATO 17. Ipertensione endocranica primitiva in gravidanza: descrizione di un caso. P. Borelli, P. Del Dotto, C.Logi, C. Dolciotti, F. Baldacci, U. Bonuccelli VIAREGGIO 18. Gonalgia parestesica: descrizione di un caso clinico e delle metodica di studio elettroneurografico del ramo infrapatellare del nervo safeno G. Moscato, F. Manfredonia, G. Gambaccini, M.P.Virgili, G. Geri, C. Lucchesi, D. Perini, V. Pelliccia, R. Sposito, C. Frittelli, R. Galli PONTEDERA 19. Eccessiva sonnolenza diurna critica ed intercritica in pazienti affetti da emicrania episodica. C. Lucchesi, M.R. Maluccio, N. Morelli, N. Sassi A. Amidei, M. Maestri, E. Bonanni, S. Gori PISA 20. Costanza e variazione dei geni Homeobox implicati nella evoluzione filo-ontogenetica del cervello e nelle alterazioni tumorali (medulloblastoma e neuroblastoma) nell Uomo e nei Primati non umani. Ricostruzione della proteina, traslazione e confronto fra le sequenze esoniche dei vari geni homeobox esaminati M.G. Fiore - FIRENZE 21. Patterns EEG dopo deprivazione parziale di sonno nell algoritmo diagnostico dell epilessia D. Perini, A. Caserta, E. Bartolini, E. Bonanni, M. Baldini, C. Pizzanelli, A. Iudice, F Giorgi, L. Murri 11

12 11:00 Forum: I percorsi delle malattie neurologiche Moderatori: Laura Bracco, Gloria Tognoni Monica Mazzoni, Marco Vista (LUCCA)-La valutazione neuropsicologica tra neurologo: collaborazione o competizione? 11:30 - Comunicazioni (casi clinici) Moderatori: Fabio Giannini, Leonardo Pantoni 1. Un caso di cefalea nummulare responsivo all indometacina e revisione della letteratura sulla gestione terapeutica F. Baldacci, A. Nuti, C. Lucetti, C. Berti, C. Logi, P. Borelli, C. Dolciotti, P. Del Dotto, M. Giuntini, U. Bonuccelli VIAREGGIO 2. Placche ateromasiche dell arco aortico nell ictus ischemico: possibile utilita dell angio-tc E. Gallinella, S. Cenciarelli, A. Mattioni, F. Coppola, S. Misuri, R. Ricci, S. Ricci CITTA DI CASTELLO 3. Emicrania emiplegica sporadica: case report E. Molesti, R. Valenti, M. Bartelli, A. Barilaro, A. Repice, M. Paganini,W. Borsini, M. La Massa, L. Massacesi FIRENZE 4. Description of a case of atypical Parsonage-Turner syndrome treated with intravenous immune -globulin. C. Scarselli, F. Ginanneschi, A. Malandrini, L. Monti, E. Malfatti, A. Rossi SIENA 5. Guyon s syndrome due to crutch-walking: contribution of the ultrasonographic imaging C. Marotti, F. Ginanneschi, G. Filippou, C. Conti, A. Rossi SIENA 12:30 Miniletture Parkinson Moderatori: Roberto Ceravolo, Paolo Del Dotto 1. Nicola Tambasco (PERUGIA)-Neuroimaging 2. Simone Rossi (SIENA)-DBS 3. Roberto Marconi (GROSSETO)-Sintomi non motori 14:30 - Forum su Indicazioni delle NCH dell epilessia: casi esemplificativi Riunione congiunta SIN Tosco-Umbra / L.I.C.E. Toscana Moderatori: Roberto Campostrini, Renato Galli Introduzione (Roberto Campostrini) 1. Strategia chirurgica in paziente con lesione evolutiva temporale sinistra ed epilessia farmacoresistente dopo prolungato periodo di remissione. F. Melani, F. Giordano, C. Barba, I. Sardi, L.Genitori, R. Guerrini- FIRENZE 2. DNET temporale posteriore SN: contributo dell'esplorazione invasiva nella definizione dei rapporti tra aree eloquenti e zona epilettogena C. Barba, F. Giordano, T. Metitieri, L. Genitori, R. Guerrini- FIRENZE 12

13 3. Crisi con caratteristiche elettrocliniche di epilessia del lobo temporale associata a Ganglioglioma occipito-temporale: strategie diagnostico-chirurgiche. G. Vatti, D. Marino, A, Mariottini, S. Francione, G. Lorusso, R Rocchi - SIENA, MILANO 4. Epilessia del lobo temporale criptogenica a semeiologia neocorticale. Tayloring della resezione mediante ECoG intraoperatoria G. Vatti, D. Marino, A, Mariottini, S. Francione, G. Lorusso, R Rocchi - SIENA, MILANO 16: 30 - Tavola Rotonda: La valutazione del fisiatra nella definizione del percorso riabilitativo del paziente con cerebro lesione acquisita anche grave. Moderatori: Bruno Rossi, Mauro Mancuso 1. Valutare le funzioni cognitive in ambiente riabilitativo M. Mancuso, GROSSETO 2. Nuove metodologie per la valutazione delle funzioni attentive e protocolli riabilitativi B. Rossi, PISA 3. Dal test di valutazione all esercizio terapeutico - L. Ferroni, LUCCA 4. Valutare con l ottica dell outcome - M. C. Carboncini, PISA 5. Definire i percorsi in riabilitazione - A. Battaglia, VIAREGGIO 13

14 INFORMAZIONI GENERALI Le comunicazioni orali non dovranno superare i 10 minuti di durata e saranno seguite da 5 minuti di discussione. Le comunicazioni orali dei casi clinici non dovranno superare gli 8 minuti di durata e saranno seguite da 4 minuti di discussione. ISTRUZIONI PER POSTER Gli autori potranno affiggere i propri lavori in corrispondenza al numero di pannello loro assegnato esclusivamente la mattina del 1 Dicembre I pannelli hanno le misure 100x140 cm e l'occorrente per l'affisione dei poster sara' disponibile presso la segreteria 14

15 ABSTRACTS COMUNICAZIONI ORALI E POSTER 15

16 Un caso di cefalea nummulare responsivo all indometacina e revisione della letteratura sulla gestione terapeutica Filippo Baldacci MD 1, Angelo Nuti MD 2, Claudio Lucetti MD 2, Caterina Berti MD 2, Chiara Logi MD 2, Paolo Borelli MD 2, Cristina Dolciotti MD 2, Paolo Del Dotto MD 2, Martina Giuntini MD 1, Ubaldo Bonuccelli MD 1. 1 Department of Neurosciences - University of Pisa, Pisa, Italy 2 Neurology Unit - Hospital of Viareggio, Lido di Camaiore (LU), Italy Introduzione: nell appendice dell International Classification of Headache Disorders II (ICHD-II A13.7.1), la Nummular headache (NH) è definita come una cefalea i) di dolore lieve-moderato ii) localizzata esclusivamente in un area di forma circolare o ellittica (circa 2-6 cm di diametro) sulla superficie del cranio iii) cronica continua o con remissioni spontanee della durata di settimane/mesi. Riportiamo un caso di NH con completa risposta all indometacina e una revisione della letteratura sulla gestione terapeutica. Caso clinico: uomo di 40 anni con storia di cefalea da 6 mesi. Il dolore è cronico continuo, con esacerbazioni quotidiane di durata variabile. La cefalea è confinata a un area di dimensioni circolari (diametro 3 cm) sulla superficie della regione parietale destra. L esame neurologico, le analisi del sangue di routine e le indagini neuroradiologiche erano normali. I comuni antinfiammatori non sono risultati efficaci, così come trials con gabapentin 900 mg/die, amitriptilina 30 mg/die, desametasone 8 mg. Abbiamo osservato una rapida e totale scomparsa della cefalea dopo somministrazione in acuto di indometacina 50 mg i.m. (Indotest) e, in seguito, di indometacina 50 mg/die per os per 2 mesi. In 3 mesi di follow-up la cefalea non si è ripresentata. Discussione: il numero dei casi di NH descritti è limitato. La NH è rara con una lieve prevalenza nel sesso femminile e picco intorno alla quinta decade di vita. La patogenesi è ignota, ma una neuropatia periferica dei rami terminali trigeminali potrebbe essere all origine del dolore. Sebbene la NH possa rispondere al solo trattamento antinfiammatorio al bisogno, nelle forme con dolore di forte intensità è necessaria una profilassi. Alcuni successi sono stati ottenuti con antiepilettici (gabapentin, topiramato), antidepressivi triciclici (clomipramina, nortriptilina), tossina botulinica, ma diversi casi risultano invece refrattari. Il paziente descritto ha risposto completamente e in modo duraturo all indometacina e, quindi, in assenza di chiare linee guida, suggeriamo di eseguire un Indotest e/o un trial con indometacina per os in tutti i pazienti con NH, in quanto l indometacina potrebbe costituire una valida alternativa terapeutica. 16

17 Efficacia e tollerabilità delo Zonisamide in pazienti affetti da epilessia parziale farmacoresistente. E. Bartolini*, D. Perini*, A. Iannielli*, M. Baldini*, A. Caserta*, A. Amidei*, M. Guida*, A. Iudice*, L. Murri* *Dipartimento di Neuroscienze, Sezione di Neurologia, Università di Pisa Department of Clinical and Experimental Epilepsy, Institute of Neurology, University College London, Queen Square, London, United Kingdom Abbiamo valutato l efficacia e la tollerabilità dello Zonisamide come terapia in add-on in pazienti con epilessia parziale farmacoresistente. Sono stati inclusi nello studio 15 pazienti (8F/7M), età media di 38 anni affetti da epilessia farmaco-resistente. L etiologia dell epilessia era criptogenica nel 47% dei pazienti, e sintomatica nei casi rimanenti. Le crisi erano parziali semplici in 1 caso, parziali complesse in 12 casi e secondariamente generalizzate in 2 pazienti. Tutti i pazienti presentavano crisi da molti anni (durata mediana 28 anni). Zonisamide è stato somministrato al dosaggio medio di 200 mg/die, in aggiunta a uno (n=1), due (n=5), tre farmaci antiepilettici (n=4), o tre farmaci antiepilettici in aggiunta allo stimolatore del nervo vago (n=3). Il follow-up medio è stato di 9 mesi dopo l introduzione dello Zonisamide. Due pazienti hanno sospeso Zonisamide per assenza di efficacia (n=1) o intolleranza (eccessiva sonnolenza, n=1). Il 33% dei pazienti trattati ha presentato una riduzione della frequenza delle crisi di almeno il 50% dopo l introduzione di Zonisamide. Effetti avversi sono stati riferiti da 5 pazienti, ma non di entità tale da far interrompere la terapia (sedazione in 2 pazienti, vertigini in 3 pazienti). In conclusione, nella popolazione di pazienti analizzata abbiamo confermato l efficacia e tollerabilità di Zonisamide come terapia in add-on nell epilessia farmacoresistente. 17

18 Caso clinico. Encefalite autoimmune atipica ad esordio acuto in un paziente maschio di 20 anni. G. Bellini, R. Catalani, R. Risaliti, L. Boncompagni, G. Meucci. U.O. Neurologia - USL 06 di Livorno Si descrive il caso di una encefalite autoimmune atipica ad esordio acuto in un uomo di 20 anni esordita con episodio critico generalizzato seguito da episodi critici parziali sensitivomotori (ASdx) ed afasia con successiva generalizzazione, recidivanti e resistenti alla terapia anticomiziale. Deficit motorio distale ed afasia espressiva persistevano oltre la fase postcritica, rallentamento ideo-motorio si alternava ad episodi di agitazione psicomotoria. Le RMN encefalo con mdc seriate sono risultate sostanzialmente negative eccetto che per un aspetto rigonfio delle circonvoluzioni segnalato in sede parietale sin e successivamente nell'ippocampo di sin; il monitoraggio EEG non ha evidenziato una corrispondenza clinico- EEG in occasione delle singole crisi; gli esami del liquor sono stati indicativi di attiva reazione immunitaria trattata con metilprednisolone ev associato ad Ig ev. Le indagini infettivologiche, la ricerca di Ab anti-neurone IgG, il dosaggio di canca, ANA, Prot C reattiva, Fattore reumatoide sono risultate negative; rilevata positività ad Ab antimuscolo liscio. In anamnesi segnalato: uso di cannabis, pregressa mononucleosi infettiva; all'ingresso l'anamnesi familiare risultava negativa per patologie croniche. Per la comparsa di stato di male non risolto con carico di fenitoina ev, il paziente è stato trasferito in UO Rianimazione, sedato con Propofol e Remifentanil cloridrato, intubato e ventilato meccanicamente con transitorio controllo delle crisi. Ogni tentativo di riduzione della sedazione determinava la comparsa di nuovi episodi critici con opistotono, movimenti flesso-estensione e rotazione del capo; ulteriori associazione con antiepilettici non hanno avuto effetto ed è stata effettuata burst-soppression con pentobarbital. A quarantacinque gg circa dall'esordio il paziente ha presentato una iniziale ripresa del contatto con l'ambiente, a due mesi è stato trasferito in UO di Riabilitazione. Ha gradualmente riacquisito una completa autonomia nelle normali attività della vita quotidiana con ripresa anche della propria attività sportiva. 18

19 Cross-modal olfactory effects on human motor system in normal subjects and in patients with anosmia G. Bianco 1, S. Rossi 1, A. De Capua 2, V. Falzarano 2, S. Bartalini 1, M. Ulivelli 1, L. Salerni 3, A. Romano 3, D. Nuti 3 1 Diartimento di Neuroscienze, Sezione Neurologia, Siena Italy 2 Dipartimento di Neuroscienze, Sezione Psichiatria, Siena, Italy 3 Istituto di Discipline Otorinolaringologiche, Siena, Italy Objective. Actions observation and action sounds facilitate corticospinal output. Even food odour could additionally facilitate corticospinal output in humans (Rossi et al. 2008), possibly through direct olfacto-motor cross-modal interactions. We aimed to verify whether such affects are still present in patients with idiopathic or acquired anosmia. Methods. In 20 anosmic/hyposmic patients and 10 healthy controls, 5 pairs of MEPs/condition were recorded simultaneously from the resting right FDI and ADM muscles. In a random block design, subjects had to sniff synthetic odorants delivered by a standard pencil-like odour dispencer, that could be olfactory (O), olfacto-gustative (OG), olfactotrigeminal (OT), OTG or neutral as control. A motor imagery task (alone or in combination with a trigeminal odorant) tested subliminal corticopsinal excitability changes. Results. Motor imagery clearly increased MEPs amplitude in all subjects. In normal subjects, sniffing alimentary odorants increased the MEPs evoked by TMS of the motor cortex in hand muscles, unless odorants included a trigeminal component. In the patients, the MEP amplitude increase due to OG and O odorants was lacking, whilst OTG and OT odorants induced a clear amplitude reduction of the MEPs s size in both muscles. Conclusions. Olfacto-motor cross-modal interactions in anosmic patients may be altered. In particular, the corticospinal output of these patients seem to be more susceptible to the influence of trigeminal (potentially noxious) stimuli. Reference S. Rossi, A. De Capua, P. Pasqualetti, M. Ulivelli, L.Fadiga, V. Falzarano, S. Bartalini, S. Passero, D. Nuti, P.M. Rossini. Distinct olfactory cross-modal effects on the human motor system. Plos One, 2008, 3: e1702:

20 Ruolo delle proiezioni transcallosali nel processamento delle informazioni visive: il contrast-gain control e la rtms a bassa frequenza. T. Bocci*, M. Caleo, E. Giorli*, D. Barloscio*, L. Murri*, S. Rossi, B. Rossi *, F. Sartucci *. *Dipartimento di Neuroscienze, Clinica Neurologica, Università degli Studi di Pisa, Pisa; Dipartimento di Neuroscienze, Policlinico Le Scotte, Università degli Studi di Siena, Siena; Istituto di Neuroscienze, CNR, Pisa; S.O.D. Attività Neurologica Ambulatoriale, AOUP, Pisa. Introduzione: Le funzioni del corpo calloso (CC), nonostante numerosi studi, sono ancora oggi misconosciute: l organizzazione retinotopica che caratterizza le vie visive lungo l intero loro decorso sembra mantenuta a livello transcallosale. Recenti studi indicano che solo alcuni stimoli visivi sono processati bilateralmente. Al fine di comprendere il ruolo del CC nel guadagno di contrasto, abbiamo provocato lesioni virtuali e transitorie mediante rtms a carico dell area visiva primaria di un lato e registrato le risposte elettrofisiologiche evocate bilateralmente. Materiali e metodi: un coil a farfalla è stato posizionato sullo scalpo di 16 volontari sani (età media 25.5±4.3 anni), al confine tra le aree 17 e 18 secondo la classificazione citoarchitettonica di Broadman, laddove le afferenze transcallosali sono più numerose. Nessun soggetto aveva deficit della funzione visiva, soffriva di emicrania o era affetto da patologie neurologiche o psichiatriche al momento dell inclusione nello studio. Ciascun volontario è stato sottoposto a 20 di stimolazione magnetica transcranica ripetitiva a singolo impulso e a bassa frequenza (0.5Hz), registrando i potenziali evocati visivi basalmente (T 0 ), immediatamente dopo (T 1 ) e dopo 45 (T 2 ) dal termine della stimolazione. Come stimolo visivo è stato utilizzato un pattern sinusoidale ad emicampo a barre bianche e nere (0.3 c/deg, invertito a 3.6 Hz), a diversi contrasti (K); 90%, 50%, 20%. L analisi statistica è stata condotta mediante l ANOVA per misure ripetute, per confrontare più variabili sperimentali ed a tempi diversi, ed il test post-hoc di Student-Neumann-Keuls per valutare la riproducibilità interindividuale dei risultati. Risultati: Tutti i soggetti esaminati hanno mostrato agli alti contrasti un aumento di ampiezza delle componenti N70 e P100 a livello dell emisfero controlaterale alla sede di stimolazione subito dopo il periodo di deprivazione (p<0.01); dopo 45 l effetto invariabilmente svaniva. A livello ipsilaterale, invece, si è registrata una riduzione in ampiezza (p<0.05), sempre per gli alti contrasti. Per i bassi contrasti (K50%, 20%) non è stata evidenziata alcuna variazione né controlateralmente, né omolateralmente all applicazione del coil (p>0.05). Similmente, non sono state individuate significative modificazioni in termini di latenza media tra T 0, T 1 e T 2 né ai bassi né agli alti contrasti. Discussione: I dati ottenuti sembrano suggerire un ruolo preminentemente disinibente delle vie interemisferiche nel sistema visivo; inoltre, si può ragionevolmente supporre che, come peraltro recentemente dimostrato in alcuni modelli animali, il corpo calloso si comporti come filtro per le basse frequenze temporali e gli alti contrasti. 20

Disturbi ossessivi compulsivi? Sono disturbi invalidanti? Trattamento farmacologico?

Disturbi ossessivi compulsivi? Sono disturbi invalidanti? Trattamento farmacologico? ALCUNE DOMANDE DEL COMPITO SCRITTO DI NEUROLOGIA DEL 31 GENNAIO Mielite trasversa, caratteristiche cliniche. SLA Lobo più colpito nel morbo d Alzheimer Sede più frequente di emorragia intraparenchimale

Dettagli

Il punto di vista del Pediatra ospedaliero

Il punto di vista del Pediatra ospedaliero Torino, 27 novembre 2010 Tumori cerebrali in età pediatrica: dalla clinica al trattamento Il punto di vista del Pediatra ospedaliero Dott. Luigi Besenzon Dott. Nicola Sardi Pediatria, Ospedale SS. Annunziata,

Dettagli

I Convegno di Neuroautoimmunità. Prato, Polo Universitario. 20-21 Febbraio 2015

I Convegno di Neuroautoimmunità. Prato, Polo Universitario. 20-21 Febbraio 2015 I Convegno di Neuroautoimmunità Prato, Polo Universitario 20-21 Febbraio 2015 PATROCINI RICHIESTI Patrocini richiesti Carissimi, Lettera dei Presidenti è con grande piacere che Vi invitiamo il 21 e 22

Dettagli

Ictus Cerebri Management Ospedaliero Quadri clinici e Iter diagnostici. Dr P. Morana

Ictus Cerebri Management Ospedaliero Quadri clinici e Iter diagnostici. Dr P. Morana Ictus Cerebri Management Ospedaliero Quadri clinici e Iter diagnostici. Dr P. Morana Definizione. ICTUS Ischemico: arresto del flusso di sangue in un arteria del cervello ICTUS Emorragico: dalla rottura

Dettagli

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD)

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Che cos è? Il deficit di mevalonato chinasi è una malattia genetica. E un errore congenito

Dettagli

EMORRAGIA SUBARACNOIDEA (ESA)

EMORRAGIA SUBARACNOIDEA (ESA) L. Tadini EMORRAGIA SUBARACNOIDEA (ESA) E caratterizzata da un sanguinamento nello spazio subaracnoideo con spandimento di sangue tra le due leptomeningi. Può manifestarsi in qualsiasi fascia di età ma

Dettagli

COSA FARE DOPO IL RISCONTRO DI ATEROSCLEROSI ASINTOMATICA DELLE CAROTIDI

COSA FARE DOPO IL RISCONTRO DI ATEROSCLEROSI ASINTOMATICA DELLE CAROTIDI Lega Friulana per il Cuore COSA FARE DOPO IL RISCONTRO DI ATEROSCLEROSI ASINTOMATICA DELLE CAROTIDI Materiale predisposto dal dott. Diego Vanuzzo, Centro di Prevenzione Cardiovascolare, Udine a nome del

Dettagli

INTERVENTI PREVENTIVI INTERVENTI CURATIVI

INTERVENTI PREVENTIVI INTERVENTI CURATIVI INTERVENTI PREVENTIVI ICV Ischemia Cerebro Vascolare ICM Insufficienza Celiaco Mesenterica IR Insufficienza Renale INTERVENTI CURATIVI OAI Ostruzione Aorto-iliaca OFP Ostruzione Femoro-Poplitea INSUFFICIENZA

Dettagli

Cos è la stenosi carotidea. Perchè succede. Quali rischi si corrono

Cos è la stenosi carotidea. Perchè succede. Quali rischi si corrono Cos è la stenosi carotidea La stenosi carotidea è il restringimento del lume dell arteria carotide uno dei vasi principali che porta il sangue al cervello dovuto alla presenza di una placca ateromasica.

Dettagli

Stato di male super-refrattario: due casi clinici esemplificativi. Edoardo Ferlazzo

Stato di male super-refrattario: due casi clinici esemplificativi. Edoardo Ferlazzo Stato di male super-refrattario: due casi clinici esemplificativi Edoardo Ferlazzo RIUNIONE ANNUALE SIN CALABRIA, T-HOTEL LAMEZIA TERME 08/11/2014 15% Shorvon et al. Brain 2011 G.C., anni 47 Anamnesi familiare

Dettagli

Paolo Liberini II U.O. Neurologia, Spedali Civili Brescia

Paolo Liberini II U.O. Neurologia, Spedali Civili Brescia Paolo Liberini II U.O. Neurologia, Spedali Civili Brescia Anamnesi EON Diagnostica Strumentale 60% ISCHEMICO 30% EMORRAGICO ANALISI CLUSTER DI PROBABILITA Età M > F Familiarità Fumo Estroprogestinici Ipertensione

Dettagli

Foglio informativo per il paziente

Foglio informativo per il paziente DIPARTIMENTO CARDIO-TORACO-VASCOLARE E DI AREA CRITICA STRUTTURA COMPLESSA DI CHIRURGIA VASCOLARE DOTT. ENRICO VECCHIATI - DIRETTORE ANGIOPLASTICA STENTING DELLE CAROTIDI Foglio informativo per il paziente

Dettagli

VISITE, PRELIEVI. ed ESAMI GUIDA PER L UTENTE. www.istituto-besta.it

VISITE, PRELIEVI. ed ESAMI GUIDA PER L UTENTE. www.istituto-besta.it VISITE, PRELIEVI ed ESAMI GUIDA PER L UTENTE www.istituto-besta.it LA FONDAZIONE CARLO BESTA La Fondazione I.R.C.C.S. Istituto Neurologico Carlo Besta è un polo sanitario e di ricerca di rilevanza nazionale

Dettagli

SORDITA IMPROVVISE EZIOLOGIA

SORDITA IMPROVVISE EZIOLOGIA SORDITA IMPROVVISE Il termine sordità improvvisa indica una perdita uditiva ad insorgenza rapida e brusca, in un periodo non superiore alle 12 ore, a carico dell orecchio interno, uni- (85%) o bilaterale.

Dettagli

NICOLETTA LOCURATOLO

NICOLETTA LOCURATOLO C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Telefono E-mail Nazionalità Data di nascita NICOLETTA LOCURATOLO ESPERIENZA LAVORATIVA ATTIVITÀ CLINICO-ASSISTENZIALE Dal 1998 a tutt

Dettagli

La Neurostimolazione cerebrale profonda

La Neurostimolazione cerebrale profonda 27 Giugno 2009 AGGIORNAMENTO SULLE TERAPIE INTERVENTISTICHE PER LE DISTONIE: INCONTRO CON GLI ESPERTI La Neurostimolazione cerebrale profonda Dott.ssa S. Biguzzi U.O. di Neurologia, Ospedale dell Angelo,

Dettagli

Patologie delle vie ottiche postchiamsatiche e della corteccia visiva

Patologie delle vie ottiche postchiamsatiche e della corteccia visiva Patologie delle vie ottiche postchiamsatiche e della corteccia visiva Optic radiation: anatomy Patologie delle vie ottiche postchiamsatiche e della corteccia visiva Caratterizzati da emianopsia omonima.

Dettagli

IL RUOLO DELLA RADIOTERAPIA NEL DOLORE ONCOLOGICO. S.C. Radioterapia ASL TO4 Ivrea Maria Rosa La Porta

IL RUOLO DELLA RADIOTERAPIA NEL DOLORE ONCOLOGICO. S.C. Radioterapia ASL TO4 Ivrea Maria Rosa La Porta IL RUOLO DELLA RADIOTERAPIA NEL DOLORE ONCOLOGICO S.C. Radioterapia ASL TO4 Ivrea Maria Rosa La Porta LA RADIOTERAPIA E un metodo di cura conosciuto da più di 100 anni che prevede l utilizzo di radiazioni

Dettagli

XLI Congresso Nazionale della Società Italiana di Neurologia Pediatrica Programma Preliminare

XLI Congresso Nazionale della Società Italiana di Neurologia Pediatrica Programma Preliminare XLI Congresso Nazionale della Società Italiana di Neurologia Pediatrica Programma Preliminare 9.00-12.30 MERCOLEDI 25 novembre CORSI PRECONGRESSUALI CORSO NEUROLOGIA NEONATALE in COLLABORAZIONE CON SIN

Dettagli

Cosa cambia con i nuovi criteri diagnostici? Dr.ssa Laura Bracco

Cosa cambia con i nuovi criteri diagnostici? Dr.ssa Laura Bracco Cosa cambia con i nuovi criteri diagnostici? Dr.ssa Laura Bracco DEMENZA Sindrome clinica caratterizzata dal deterioramento della memoria e delle altre funzioni cognitive rispetto al livello di sviluppo

Dettagli

ICTUS CEREBRI. Come per le patologie cardiache acute, il fattore tempo diventa decisivo, per poter ottenere risultati soddisfacenti.

ICTUS CEREBRI. Come per le patologie cardiache acute, il fattore tempo diventa decisivo, per poter ottenere risultati soddisfacenti. ICTUS CEREBRI L ictus cerebri è un improvvisa comparsa di segni e/o sintomi riferibili a deficit focale e/o globale (coma) delle funzioni cerebrali di durata superiore alle 24 ore o ad esito infausto,

Dettagli

L Urgenza alla Moviola

L Urgenza alla Moviola L Urgenza alla Moviola a cura del Dipartimento di Emergenza Urgenza Ospedale di Circolo Fondazione Macchi Varese 08 giugno 2010 Un caso complicato di sindrome coronarica acuta Alessandro Orrù,, Marco Torretta,

Dettagli

Ambulatorio per la Malformazione di Chiari Spedali Civili. U.O. Neurologia II Dr. Paolo Liberini

Ambulatorio per la Malformazione di Chiari Spedali Civili. U.O. Neurologia II Dr. Paolo Liberini Ambulatorio per la Malformazione di Chiari Spedali Civili U.O. Neurologia II Dr. Paolo Liberini L UTENTE Si rivolge al Presidio di Rete per ottenere: -Il percorso diagnostico appropriato -La certificazione

Dettagli

SULLE SPONDE DEL TICINO

SULLE SPONDE DEL TICINO SULLE SPONDE DEL TICINO PTA CAROTIDEA Presentazione clinico- assistenziale di un caso e tecnologia G.Sasso, P.Fecchio Divisione di Cardiologia Ospedale degli Infermi Rivoli Direttore Ferdinando dr. Varbella

Dettagli

Screening neonatale: un semplice test per proteggere la salute dei bimbi

Screening neonatale: un semplice test per proteggere la salute dei bimbi Screening neonatale: un semplice test per proteggere la salute dei bimbi Informazioni per i genitori A cosa serve lo screening neonatale Questa pubblicazione serve ad illustrare perché è così importante

Dettagli

LE FRAGILITA DELL ANZIANO FRAGILITA

LE FRAGILITA DELL ANZIANO FRAGILITA LE FRAGILITA DELL ANZIANO Motoria FRAGILITA Cerebro-vascolare Cognitiva Ambientale Metabolica STROKE 80 % ISCHEMICO EMORRAGICO 20 % CORTICALE A. cerebrale ant. A. cerebrale media A. cerebrale post. SOTTOCORTICALE

Dettagli

INDICATORI NEUROFISIOLOGICI

INDICATORI NEUROFISIOLOGICI INDICATORI NEUROFISIOLOGICI GDL REGIONALE GCA REGIONALE GCA ARS TOSCANA Fase acuta Fase transizionale Fase protratta RECUPERO RECUPERO COSCIENZA STATO DI MINIMA COSCIENZA (MCS) STATO VEGETATIVO MCS CRONICO

Dettagli

LE CEFALEE SECONDARIE:

LE CEFALEE SECONDARIE: LE CEFALEE SECONDARIE: IATROGENE E CARDIOVASCOLARI SARNICO (BG), SABATO 22 SETTEMBRE 2012 Associazione Neurologica Italiana per la Ricerca sulle Cefalee Associazione per una Scuola delle Cefalee Presidente

Dettagli

49 Congresso Nazionale SIGG Firenze, 3-7 novembre 2004

49 Congresso Nazionale SIGG Firenze, 3-7 novembre 2004 49 Congresso Nazionale SIGG Firenze, 3-7 novembre 2004 Aumentato rischio di Mild Cognitive Impairment Amnesico in soggetti portatori dell allele ε 4 dell ApoE Valeria Cornacchiola, Roberto Monastero*,

Dettagli

TRATTAMENTO MINI INVASIVO CON SCLEROMOUSSE DI VENE VARICOSE DEGLI ARTI INFERIORI

TRATTAMENTO MINI INVASIVO CON SCLEROMOUSSE DI VENE VARICOSE DEGLI ARTI INFERIORI TRATTAMENTO MINI INVASIVO CON SCLEROMOUSSE DI VENE VARICOSE DEGLI ARTI INFERIORI Le varici sono dilatazioni a forma di sacco delle vene che spesso assumono andamento tortuoso. Queste rappresentano una

Dettagli

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS)

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Che cos é? Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) La sindrome di Blau è una malattia genetica. I pazienti affetti presentano rash

Dettagli

Analisi costo-utilità (CUA)

Analisi costo-utilità (CUA) Analisi costo-utilità (CUA) ASPETTI FONDAMENTALI La CUA nasce per ovviare ai limiti della CEA, per analizzare i risultati dei possibili interventi di salute prendendo come riferimento la qualità in termini

Dettagli

Le malattie cardiovascolari (MCV) sono la principale causa di morte nelle donne, responsabili del 54% dei decessi femminili in Europa

Le malattie cardiovascolari (MCV) sono la principale causa di morte nelle donne, responsabili del 54% dei decessi femminili in Europa Red Alert for Women s Heart Compendio DONNE E RICERCA CARDIOVASCOLARE Le malattie cardiovascolari (MCV) sono la principale causa di morte nelle donne, responsabili del 54% dei decessi femminili in Europa

Dettagli

ANGIOMA EPATICO Autori: Prof. A.L. Gaspari, Dott. G.S. Sica, Dott. E. Iaculli

ANGIOMA EPATICO Autori: Prof. A.L. Gaspari, Dott. G.S. Sica, Dott. E. Iaculli 1. Introduzione ANGIOMA EPATICO Autori: Prof. A.L. Gaspari, Dott. G.S. Sica, Dott. E. Iaculli Mentre un tempo la valutazione chirurgica degli angiomi epatici era limitata agli interventi in urgenza per

Dettagli

DIAGNOSI DIFFERENZIALE IN DCM. Dott.Pasquale Cozzolino Laser in DisordiniCranioMandibolari

DIAGNOSI DIFFERENZIALE IN DCM. Dott.Pasquale Cozzolino Laser in DisordiniCranioMandibolari DIAGNOSI DIFFERENZIALE IN DCM Dott.Pasquale Cozzolino Laser in DisordiniCranioMandibolari NELL AMBITO DELLE SINDROMI DA DOLORE OROFACCIALE LA NEVRALGIA DEL DEL NERVO TRIGEMINO E UNA SINDROME NEUROOGICA

Dettagli

Le Nuove Sfide Scientifiche, Tecniche ed Organizzative in Medicina di Laboratorio

Le Nuove Sfide Scientifiche, Tecniche ed Organizzative in Medicina di Laboratorio Le Nuove Sfide Scientifiche, Tecniche ed Organizzative in Medicina di Laboratorio Roma, 6 Novembre 2012 HHV-7 ASSOCIATED MENINGOENCEPHALITIS: AN UNFORGETTABLE CLINICAL CASE Relatore: D.ssa Loria Bianchi

Dettagli

Sessione 3.2 La terapia chirurgica

Sessione 3.2 La terapia chirurgica Modulo 3 La prevenzione secondaria Sessione 3.2 La terapia chirurgica durata: 30 min. 0 di 17 Obiettivi di apprendimento della sessione delineare le tecniche chirurgiche necessarie al controllo delle recidive

Dettagli

La Malattia di Alzheimer. Manuel Soldato

La Malattia di Alzheimer. Manuel Soldato La Malattia di Alzheimer Manuel Soldato Caratteristiche Più frequente forma di demenza Deterioramento ingravescente delle capacità cognitive Comparsa di disturbi comportamentali e dell affettività Progressiva

Dettagli

Il Diabete Mellito. Mariarosaria Cristofaro UOC Diabetologia-Endocrinologia ASReM Campobasso. Campobasso 19 marzo 2014

Il Diabete Mellito. Mariarosaria Cristofaro UOC Diabetologia-Endocrinologia ASReM Campobasso. Campobasso 19 marzo 2014 Il Diabete Mellito Mariarosaria Cristofaro UOC Diabetologia-Endocrinologia ASReM Campobasso Campobasso 19 marzo 2014 DIABETE MELLITO Definizione Il diabete mellito è una malattia cronica caratterizzata

Dettagli

2 CONVEGNO DIABESITA

2 CONVEGNO DIABESITA 2 CONVEGNO DIABESITA La co-morbidità nel paziente con diabesità Dott. Roberto Gualdiero 7 Giugno 2014- CAVA DEI TIRRENI Diabesità è il neologismo coniato dall OMS per sottolineare la stretta associazione

Dettagli

EMORRAGIE SUBARACNOIDEE SPONTANEE (ESA)

EMORRAGIE SUBARACNOIDEE SPONTANEE (ESA) EMORRAGIE SUBARACNOIDEE SPONTANEE (ESA) Particolare forma di ictus emorragico caratterizzato da spandimento di sangue negli spazi subaracnoidei Alvaro Andreoli Neurochirurgia Ospedale Bellaria-Maggiore

Dettagli

PROTOCOLLI DI IDONEITÀ ALLA GUIDA

PROTOCOLLI DI IDONEITÀ ALLA GUIDA PROTOCOLLI DI IDONEITÀ ALLA GUIDA Malattie renali PREMESSA: In tutti i casi di malattia a carico dell emuntorio renale deve essere richiesta la visita specialistica nefrologica con allegati esami ematochimici

Dettagli

Terapia del dolore con Stimolazione Midollare

Terapia del dolore con Stimolazione Midollare Terapia del dolore con Stimolazione Midollare PER UNA MIGLIORE QUALITA DELLA VITA 2 Convivere con il dolore cronico Dover convivere con il dolore cronico, significa apportare alla propria vita un importante

Dettagli

Quali sono le malattie reumatiche più importanti?

Quali sono le malattie reumatiche più importanti? Quali sono le malattie reumatiche più importanti? L ARTROSI, una patologia legata alla degenerazione delle cartilagini e del tessuto osseo nelle articolazioni, è la malattia reumatica più frequente. Il

Dettagli

Nevralgia del Trigemino

Nevralgia del Trigemino Nevralgia del Trigemino Nevralgia del Trigemino Per alcuni, può voler dire brevi episodi di dolore facciale che arrivano come un fulmine a ciel sereno e scompaiono altrettanto rapidamente. Per altri, il

Dettagli

COS E LA MALATTIA DI ALZHEIMER?

COS E LA MALATTIA DI ALZHEIMER? COS E LA MALATTIA DI ALZHEIMER? E la forma più frequente di demenza. La DEMENZA è la perdita delle funzioni intellettive (il RICORDARE, il PENSARE, il RAGIONARE) di gravità tale da rendere la persona malata

Dettagli

COMUNICAZIONE E IMMAGINE

COMUNICAZIONE E IMMAGINE COMUNICAZIONE BLZ E IMMAGINE La Neurofisiologia Elettromiografia Elettroencefalogramma Potenziali Evocati m IRCCS MultiMedica m1 1 2 Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico Via Milanese, 300

Dettagli

F ORMATO EUROPEO INFORMAZIONI PERSONALI ESPERIENZA LAVORATIVA PER IL CURRICULUM VITAE

F ORMATO EUROPEO INFORMAZIONI PERSONALI ESPERIENZA LAVORATIVA PER IL CURRICULUM VITAE F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome Patrizia Perrone Indirizzo Via Fetonte 12, 20151 Milano Telefono 0331 449556 ospedale Fax 0331 449558 E-mail patrizia.perrone@ao-legnano.it

Dettagli

MILD COGNITIVE IMPAIRMENT

MILD COGNITIVE IMPAIRMENT MILD COGNITIVE IMPAIRMENT - Rapporto del Gruppo di Lavoro Internazionale sul - Winblad B et al. (2004). Mild Cognitive Impairment: beyond controversies, towards a consensus. Journal of Internal Medicine;

Dettagli

Progetto Demenze non Alzheimer (DNA) 2008-2014

Progetto Demenze non Alzheimer (DNA) 2008-2014 SIN Toscana Firenze 28 novembre 2014 Le malattie neurologiche rare Azienda USL8-Regione Toscana-ARS della Toscana Progetto Demenze non Alzheimer (DNA) 2008-2014 Responsabile del progetto Paolo Zolo - Azienda

Dettagli

MASTER ANNUALE DI II LIVELLO in: (Scadenza iscrizioni 11 GENNAIO 2014) Organizzato da: Con il patrocinio di:

MASTER ANNUALE DI II LIVELLO in: (Scadenza iscrizioni 11 GENNAIO 2014) Organizzato da: Con il patrocinio di: PROGRAMMA MASTER ANNUALE DI II LIVELLO in: DIAGNOSI NEUROPSICOLOGICA NELL ADULTO E NELL ANZIANO I EDIZIONE TORINO 19 GENNAIO 2014-14 DICEMBRE 2014 (Scadenza iscrizioni 11 GENNAIO 2014) Organizzato da:

Dettagli

IV Giornata ANIRCEF in Lombardia Le Cefalee Secondarie: Iatrogene e Cardiovascolari Sarnico (BG), Sabato 22 Settembre 2012

IV Giornata ANIRCEF in Lombardia Le Cefalee Secondarie: Iatrogene e Cardiovascolari Sarnico (BG), Sabato 22 Settembre 2012 IV Giornata ANIRCEF in Lombardia Le Cefalee Secondarie: Iatrogene e Cardiovascolari Sarnico (BG), Sabato 22 Settembre 2012 Associazione Neurologica Italiana per la Ricerca sulle Cefalee Associazione per

Dettagli

IMAGING BIO_MOLECOLARE con DaTSCAN

IMAGING BIO_MOLECOLARE con DaTSCAN IMAGING BIO_MOLECOLARE con DaTSCAN Stelvio Sestini, MD, PhD Unità di Medicina Nucleare - USL4 Prato Università degli Studi di Firenze Concetto 1. Le M. Neurodegenerative sono in aumento Concetto 2. Le

Dettagli

COSA VUOLE DIRE DEMENZA DEGENERATIVA PRIMARIA?

COSA VUOLE DIRE DEMENZA DEGENERATIVA PRIMARIA? CHE COSA È LA MALATTIA DI ALZHEIMER? La malattia di Alzheimer è una forma di demenza degenerativa primaria legata alla progressiva perdita di cellule nervose della corteccia cerebrale, dette neuroni. Essa

Dettagli

BREVE SINTESI E GLOSSARIO SUL DIABETE MELLITO

BREVE SINTESI E GLOSSARIO SUL DIABETE MELLITO BREVE SINTESI E GLOSSARIO SUL DIABETE MELLITO 1. Definizione 2. Classificazione 2.1. Diabete mellito di tipo 1 2.2. Diabete mellito di tipo 2 2.3. Diabete gestazionale 2.4. Altre forme di diabete 2.5.

Dettagli

CHE COS È LA BRONCOPNEUMOPATIA CRONICA OSTRUTTIVA (BPCO)?

CHE COS È LA BRONCOPNEUMOPATIA CRONICA OSTRUTTIVA (BPCO)? CHE COS È LA BRONCOPNEUMOPATIA CRONICA OSTRUTTIVA (BPCO)? La Broncopneumopatia Cronica Ostruttiva (BPCO) è un quadro nosologico caratterizzato dalla progressiva limitazione del flusso aereo che non è completamente

Dettagli

ARTERIOPATIE CRONICHE OSTRUTTIVE Le arterie sono un sistema di distribuzione composto da vasi in grado di adattarsi a situazioni emodinamiche

ARTERIOPATIE CRONICHE OSTRUTTIVE Le arterie sono un sistema di distribuzione composto da vasi in grado di adattarsi a situazioni emodinamiche ARTERIOPATIE CRONICHE OSTRUTTIVE Le arterie sono un sistema di distribuzione composto da vasi in grado di adattarsi a situazioni emodinamiche variabili Derivazione embriologica: Mesoderma La patologia

Dettagli

Meccanismi Biochimici delle Neurodegenerazioni

Meccanismi Biochimici delle Neurodegenerazioni Meccanismi Biochimici delle Neurodegenerazioni Lesson1 Lesson2 Lesson3 Lesson4 Lesson5 Lesson6 INDEX Intro Aggregazione proteica: ripiegamento delle proteine sistema di controllo qualità delle proteine

Dettagli

Allegato III. Modifiche attinenti i paragrafi del riassunto delle caratteristiche del prodotto e del foglio illustrativo

Allegato III. Modifiche attinenti i paragrafi del riassunto delle caratteristiche del prodotto e del foglio illustrativo Allegato III Modifiche attinenti i paragrafi del riassunto delle caratteristiche del prodotto e del foglio illustrativo 39 RIASSUNTO DELLE CARATTERISTICHE DEL PRODOTTO 40 Paragrafo 4.1. Indicazioni terapeutiche

Dettagli

La centrale operativa nell organizzazione del nuovo Distretto. Incontro CARD San Bonifacio 13 XII 2013

La centrale operativa nell organizzazione del nuovo Distretto. Incontro CARD San Bonifacio 13 XII 2013 La centrale operativa nell organizzazione del nuovo Distretto Incontro CARD San Bonifacio 13 XII 2013 Dalla multidimensionalità al Riconoscimento di Interdipendenze.interconnessioni Nodi e non solo RISOLVERLI

Dettagli

I PROBLEMI NELLE FASI INIZIALI DELLA DEMENZA E I MODI PER AFFRONTARLI

I PROBLEMI NELLE FASI INIZIALI DELLA DEMENZA E I MODI PER AFFRONTARLI I PROBLEMI NELLE FASI INIZIALI DELLA DEMENZA E I MODI PER AFFRONTARLI Dr. Emiliano Petrò Responsabile Unità Valutativa Alzheimer Policlinico San Marco, Zingonia Importanza della diagnosi precoce Esclude

Dettagli

PRESENTAZIONE. ECM Evento accreditato ECM per le categorie MEDICO CHIRURGO* e INFERMIERE. Crediti assegnati 10,5.

PRESENTAZIONE. ECM Evento accreditato ECM per le categorie MEDICO CHIRURGO* e INFERMIERE. Crediti assegnati 10,5. PRESENTAZIONE I percorsi diagnostico terapeutici nell ambito delle patologie cardiovascolari sono soggetti a continua evoluzione in funzione di nuove disponibilità tecnologiche e di nuove possibilità terapeutiche

Dettagli

SELEZIONE DEI PAZIENTI. MATERIALI Stent autoespandibili Filtri di protezione cerebrale distale TECNICHE

SELEZIONE DEI PAZIENTI. MATERIALI Stent autoespandibili Filtri di protezione cerebrale distale TECNICHE SELEZIONE DEI PAZIENTI MATERIALI Stent autoespandibili Filtri di protezione cerebrale distale TECNICHE SELEZIONE DEL PAZIENTE COMPLICANZE 0-1% SELEZIONE DEL PAZIENTE Valutazione polispecialistica: Collaborazione

Dettagli

ASSISTENZA CONTINUATIVA INTEGRATA PER PAZIENTI AFFETTI DA TUMORI CEREBRALI Dall ospedale all assistenza domiciliare alle cure palliative.

ASSISTENZA CONTINUATIVA INTEGRATA PER PAZIENTI AFFETTI DA TUMORI CEREBRALI Dall ospedale all assistenza domiciliare alle cure palliative. ASSISTENZA CONTINUATIVA INTEGRATA PER PAZIENTI AFFETTI DA TUMORI CEREBRALI Dall ospedale all assistenza domiciliare alle cure palliative. Il modello di cure domiciliari integrate in sperimentazione all

Dettagli

Percorso Preventivo-Diagnostico-Terapeutico-Assistenziale Riabilitativo (PDTAR) per la popolazione e i pazienti con demenza Sintesi

Percorso Preventivo-Diagnostico-Terapeutico-Assistenziale Riabilitativo (PDTAR) per la popolazione e i pazienti con demenza Sintesi e le Aziende Ospedaliere, IRCCS, ASP(Aziende di Servizi alla Persona), Università elencate nel Documento Integrale Percorso Preventivo-Diagnostico-Terapeutico-Assistenziale Riabilitativo (PDTAR) per la

Dettagli

di conoscenza transitoria: diagnosi e terapia

di conoscenza transitoria: diagnosi e terapia Le cause psichiatriche di perdita di conoscenza transitoria: diagnosi e terapia Alessandra Alciati U.O. Psichiatria I Ospedale Universitario L.Sacco, Milano L IPOTESI PSICHIATRICA DELLA Subentra quando

Dettagli

! " # $ # % &' (' ) * $

!  # $ # % &' (' ) * $ ! " # $ # % &' (' ) * $ + + , -*$. %/) -*$ %/!!) -*$0 %!1) -*$/%1) -*$2 %!!!!!) + 3 + 45 Nervo trigemino -,*$. -,*$!11 2 6 / 7 8 7 N. trigemino VII, IX, X C2-C3 !. 5. 2 9! "#$""%&!$&"'()*+ * "#$""",$&"'-)*+

Dettagli

La sincope: Modalità di codifica

La sincope: Modalità di codifica GIAC Volume 6 Numero 3 Settembre 2003 NOTE DI ECONOMIA SANITARIA La sincope: Modalità di codifica a cura di AIAC e Medtronic G Ital Aritmol Cardiostim 2003;3:152-157 S econdo il recente accordo Stato-Regioni,

Dettagli

QUALITA DELLA VITA e PATOLOGIE CRONICHE:ATTUALITA E PROSPETTIVE

QUALITA DELLA VITA e PATOLOGIE CRONICHE:ATTUALITA E PROSPETTIVE QUALITA DELLA VITA e PATOLOGIE CRONICHE:ATTUALITA E PROSPETTIVE INSUFFICIENZA RESPIRATORIA E QUALITA DI VITA Dr Rolando Negrin U.O.C.Pneumologia O.C.Vicenza 26-10-2013 La Sclerosi Laterale Amiotrofica(SLA)

Dettagli

INDICE. Premessa... Pag. 3. Cardiologia... Pag. 5. Pag. 15. Risonanza magnetica nucleare... Pag. 19. Tac... Pag. 25 - 2 - ...

INDICE. Premessa... Pag. 3. Cardiologia... Pag. 5. Pag. 15. Risonanza magnetica nucleare... Pag. 19. Tac... Pag. 25 - 2 - ... INDICE Premessa... Pag. 3 Cardiologia... Pag. 5 Risonanza magnetica nucleare... Pag. 15... Pag. 19 Tac... Pag. 25-2 - Premessa Con la D.G.R. n. 907 del 19/6/2006 è stato approvato il Piano Attuativo Regionale

Dettagli

IL PERCORSO DEL PAZIENTE CON SLA NELL AZIENDA USL BO

IL PERCORSO DEL PAZIENTE CON SLA NELL AZIENDA USL BO IL PERCORSO DEL PAZIENTE CON SLA NELL AZIENDA USL BO Gruppo di Lavoro Coordinamento: Salvi. F (Neurologia Osp. Bellaria) Descovich C. (Governo Clinico) Alvisi S. (DH Neurologia OB) Amadori L. (Medicina

Dettagli

LA MALATTIA DI ALZHEIMER: DAL SOSPETTO CLINICO ALLA DIAGNOSI (Parte II)

LA MALATTIA DI ALZHEIMER: DAL SOSPETTO CLINICO ALLA DIAGNOSI (Parte II) LA MALATTIA DI ALZHEIMER: DAL SOSPETTO CLINICO ALLA DIAGNOSI (Parte II) Dr. Roberto Bombardi Dirigente Medico Neurologia Ospedale San. Bassiano 11 Ottobre 2014 -Bassano del Grappa Eavluationofcognitive

Dettagli

Fabio Firenzuoli 9 dicembre 2014

Fabio Firenzuoli 9 dicembre 2014 Centro di riferimento per la Fitoterapia Cannabis terapeutica: l'esperienza della Regione Toscana. Fabio Firenzuoli 9 dicembre 2014 www.cerfit.org www.cerfit.org www.cerfit.org Immortality pills Tang Dynasty

Dettagli

Flow-chart: Percorso del paziente con sospetto diagnostico di demenza MMG. Visita neurologica per sospetta demenza presso CDC

Flow-chart: Percorso del paziente con sospetto diagnostico di demenza MMG. Visita neurologica per sospetta demenza presso CDC Flow-chart: Percorso del paziente con sospetto diagnostico di demenza MMG Esami ematochimici: emocromo, glicemia, creatinina, ALT, Colesterolo, Trigliceridi, Na, K, Cl, VES, TSH reflex, Dosaggio vit B12

Dettagli

LINEE DI RICERCA SOSTENUTE DAL 5xMILLE 2013

LINEE DI RICERCA SOSTENUTE DAL 5xMILLE 2013 LINEE DI RICERCA SOSTENUTE DAL 5xMILLE 2013 I Ricercatori del Centro di Genomica e Bioinformatica Traslazionale stanno lavorando a linee di ricerca legate a 1. Sclerosi Multipla 2. Tumore della Prostata

Dettagli

Malattia di Behçet. Cosa il paziente deve conoscere. Sintomi,, Cause e Trattamento

Malattia di Behçet. Cosa il paziente deve conoscere. Sintomi,, Cause e Trattamento Malattia di Behçet Cosa il paziente deve conoscere Sintomi,, Cause e Trattamento Che cosa è la Malattia di Behçet I sintomi di questa malattia sono stati descritti per la prima volta nel 500 prima di Cristo

Dettagli

Caso clinico traslocazione criptica t (1;10) U.O. Neonatologia TIN Azienda Ospedaliera BologninI Seriate (BG) Direttore Dott.ssa A.

Caso clinico traslocazione criptica t (1;10) U.O. Neonatologia TIN Azienda Ospedaliera BologninI Seriate (BG) Direttore Dott.ssa A. Caso clinico traslocazione criptica t (1;10) U.O. Neonatologia TIN Azienda Ospedaliera BologninI Seriate (BG) Direttore Dott.ssa A. Auriemma INTRODUZIONE La monosomia distale del braccio corto del cromosoma

Dettagli

la difficile diagnosi di endocardite infettiva

la difficile diagnosi di endocardite infettiva la difficile diagnosi di endocardite infettiva N.G. è un paziente di 68 anni, iperteso, ex fumatore Portatore di protesi valvolare biologica in sede aortica per insufficienza severa (febbraio 2011) Aneurismectomia

Dettagli

POSITION PAPER: RUOLO DELLE STRUTTURE DI DIETETICA E NUTRIZIONE CLINICA

POSITION PAPER: RUOLO DELLE STRUTTURE DI DIETETICA E NUTRIZIONE CLINICA libro:layout 1 21-10-2010 15:06 Pagina 49 POSITION PAPER: RUOLO DELLE STRUTTURE DI DIETETICA E CLINICA M. L. Amerio, D. Domeniconi in collaborazione con la Rete dei Servizi di Dietetica e Nutrizione Clinica

Dettagli

TEA vs STENT : il parere del neurochirurgo Pasquale Caiazzo

TEA vs STENT : il parere del neurochirurgo Pasquale Caiazzo TEA vs STENT : il parere del neurochirurgo Pasquale Caiazzo U.O. di Neurochirurgia Ospedale S. Maria di Loreto Nuovo ASL Napoli 1 Direttore: dr. M. de Bellis XLIX Congresso Nazionale SNO Palermo 13 16

Dettagli

Premessa. Il Presidente della Federazione Nazionale ALICE Dr. Giuseppe D Alessandro

Premessa. Il Presidente della Federazione Nazionale ALICE Dr. Giuseppe D Alessandro Premessa L Ictus Cerebrale, pur essendo in Italia la prima causa di invalidità, la seconda di demenza e la terza di morte, non ha ricevuto finora, a differenza di altre malattie altrettanto gravi per l

Dettagli

CONGRESSO NAZIONALE. PRONTO SOCCORSO e NUOVE FUNZIONI : innovazioni e vincoli economici

CONGRESSO NAZIONALE. PRONTO SOCCORSO e NUOVE FUNZIONI : innovazioni e vincoli economici CONGRESSO NAZIONALE 6-8 maggio Como- Hotel Palace PRONTO SOCCORSO e NUOVE FUNZIONI : innovazioni e vincoli economici TRAUMA CRANICO LIEVE E NUOVI E VECCHI ANTICOAGULANTI QUALI STRATEGIE? Dott. Lerza Roberto

Dettagli

MA 28. DAI di NEUROSCIENZE UOC NEUROLOGIA B Borgo Roma SCHEDA INFORMATIVA UNITÀ OPERATIVE CLINICHE. Rev. 1 del 22/10/2011 Pagina 1 di 13. pag.

MA 28. DAI di NEUROSCIENZE UOC NEUROLOGIA B Borgo Roma SCHEDA INFORMATIVA UNITÀ OPERATIVE CLINICHE. Rev. 1 del 22/10/2011 Pagina 1 di 13. pag. pag. 7 DAI di NEUROSCIENZE UOC Borgo Roma SCHEDA INFORMATIVA UNITÀ OPERATIVE CLINICHE MA 28 Rev. 1 del 22/10/2011 Pagina 1 di 13 AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA INTEGRATA VERONA Ultimo aggiornamento

Dettagli

UOC MEDICINA 2 - UOS DIABETOLOGIA UOCMEDICINA E CHIRURGIA ACCETTAZIONE URGENZA. Protocollo rispetto qualità della diagnosi secondo criterio APRO3

UOC MEDICINA 2 - UOS DIABETOLOGIA UOCMEDICINA E CHIRURGIA ACCETTAZIONE URGENZA. Protocollo rispetto qualità della diagnosi secondo criterio APRO3 UOC MEDICINA 2 - UOS DIABETOLOGIA UOCMEDICINA E CHIRURGIA ACCETTAZIONE URGENZA Protocollo rispetto qualità della diagnosi secondo criterio APRO3 Diabete Il Diabete Mellito rappresenta uno dei problemi

Dettagli

Orario disponibile nel calendario ufficiale del corso di Laurea di Fisioterapia ORARIO DI RICEVIMENTO DEGLI STUDENTI

Orario disponibile nel calendario ufficiale del corso di Laurea di Fisioterapia ORARIO DI RICEVIMENTO DEGLI STUDENTI FACOLTÀ MEDICINA E CHIRURGIA ANNO ACCADEMICO 201/2014 CORSO DI LAUREA (o LAUREA Laurea Fisioterapia MAGISTRALE) CORSO INTEGRATO Riabilitazione Fisioterapica in ambito pediatrico TIPO DI ATTIVITÀ Caratterizzante

Dettagli

Università degli Studi di Catania MORBO DI CROHN. U.O. di Chirurgia Laparoscopica A.O.U. Policlinico G.Rodolico - Catania Direttore: Prof. V.

Università degli Studi di Catania MORBO DI CROHN. U.O. di Chirurgia Laparoscopica A.O.U. Policlinico G.Rodolico - Catania Direttore: Prof. V. Università degli Studi di Catania MORBO DI CROHN U.O. di Chirurgia Laparoscopica A.O.U. Policlinico G.Rodolico - Catania Direttore: Prof. V. Minutolo Crohn nel 1932 definì ILEITE TERMINALE un affezione

Dettagli

LE TROMBOSI VENOSE SUPERFICIALI: DIAGNOSI E TERAPIA. Dott. Cristian Benatti UO Chirurgia Vascolare, Ospedale San Gerardo, Monza

LE TROMBOSI VENOSE SUPERFICIALI: DIAGNOSI E TERAPIA. Dott. Cristian Benatti UO Chirurgia Vascolare, Ospedale San Gerardo, Monza LE TROMBOSI VENOSE SUPERFICIALI: DIAGNOSI E TERAPIA Dott. Cristian Benatti UO Chirurgia Vascolare, Ospedale San Gerardo, Monza CENNI DI ANATOMIA Il sistema venoso Superficiale Profondo Perforanti DEFINIZIONE

Dettagli

CLASSIFICAZIONE del DIABETE

CLASSIFICAZIONE del DIABETE Il DIABETE Malattia cronica Elevati livelli di glucosio nel sangue(iperglicemia) Alterata quantità o funzione dell insulina, che si accumula nel circolo sanguigno TASSI di GLICEMIA Fino a 110 mg/dl normalità

Dettagli

European Brain Injury Society

European Brain Injury Society European Brain Injury Society GIORNATA DI STUDIO Vulnerabilita della persona con cererebrolesione acquisita : fra buon trattamento e maltrattamento. Aspetti medici, medico legali, psicologici, etici e

Dettagli

Responsabile - U.O.S. MEDICINA FISICA E RIABILITAZIONE P.O. NOTO

Responsabile - U.O.S. MEDICINA FISICA E RIABILITAZIONE P.O. NOTO INFORMAZIONI PERSONALI Nome Troja Antonino Data di nascita 07/03/1954 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio dirigente medico ASP DI SIRACUSA Responsabile - U.O.S. MEDICINA

Dettagli

LA SOLUZIONE AI NODULI BENIGNI DELLA TIROIDE

LA SOLUZIONE AI NODULI BENIGNI DELLA TIROIDE LA SOLUZIONE AI NODULI BENIGNI DELLA TIROIDE www.modilite.info MODILITE In Italia la patologia nodulare tiroidea è piuttosto frequente ed è spesso asintomatica. Circa l 80% dei noduli tiroidei sono benigni

Dettagli

GIORNATE NEUROLOGICHE IN ABBAZIA

GIORNATE NEUROLOGICHE IN ABBAZIA Con il patrocinio di 2/5 ottobre 2014 GIORNATE NEUROLOGICHE IN ABBAZIA Edizione 2014 Abbazia di Corno di Rosazzo MANZANO (UD) 2/5 ottobre 2014 GIORNATE NEUROLOGICHE IN ABBAZIA Edizione 2014 Abbazia di

Dettagli

Unità Operativa Complessa NEFROLOGIA E DIALISI PEDIATRICA. Numeri di telefono per prenotare visite ed esami

Unità Operativa Complessa NEFROLOGIA E DIALISI PEDIATRICA. Numeri di telefono per prenotare visite ed esami Unità Operativa Complessa NEFROLOGIA E DIALISI PEDIATRICA Numeri di telefono per prenotare visite ed esami Attività sanitaria Descrizione L équipe sanitaria multidisciplinare, composta da 6 medici strutturati,

Dettagli

LA MALATTIA DI PARKINSON

LA MALATTIA DI PARKINSON CORSO FAD LA MALATTIA DI PARKINSON ID ECM: 114181 CREDITI 12 CREDITI ECM DESTINATARI Farmacisti Territoriali e Ospedalieri DURATA Data di inizio 15 gennaio 2015 Data di fine 31 dicembre 2015 COSTO ABBONAMENTO

Dettagli

CURRICULUM VITAE. Capacità linguistiche

CURRICULUM VITAE. Capacità linguistiche INFORMAZIONI PERSONALI Nome POLUZZI ANDREA Data di nascita 02/06/1951 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio I Fascia ASL Responsabile - LUNGODEGENZA BONDENO 0532884261

Dettagli

PATOLOGIA ENDOCRANICA

PATOLOGIA ENDOCRANICA APPROPRIATEZZA PRESCRITTIVA IN RISONANZA MAGNETICA E PET PATOLOGIA ENDOCRANICA F. Dicuonzo Cattedra di Neuroradiologia Università di Bari Aspetto culturale Aspetto economico e finanziario Suggerire un

Dettagli

UNITA OPERATIVA NEUROPSICHIATRIA INFANTILE SCHEDA INFORMATIVA UNITA OPERATIVE CLINICHE PRESIDIO POLICLINICO GIAMBATTISTA ROSSI. pag.

UNITA OPERATIVA NEUROPSICHIATRIA INFANTILE SCHEDA INFORMATIVA UNITA OPERATIVE CLINICHE PRESIDIO POLICLINICO GIAMBATTISTA ROSSI. pag. pag. 7 AZIENDA OSPEDALIERA ISTITUTI OSPITALIERI DI VERONA SCHEDA INFORMATIVA UNITA OPERATIVE CLINICHE UNIVERSITA DEGLI STUDI DI VERONA UNITA OPERATIVA NEUROPSICHIATRIA INFANTILE PRESIDIO POLICLINICO GIAMBATTISTA

Dettagli

Tempi minimi di attesa per prime visite o prime prestazioni

Tempi minimi di attesa per prime visite o prime prestazioni Tempi minimi di attesa per prime visite o prime prestazioni GIORNI DI ATTESA MINIMA CODICE_REGIONALE PRESTAZIONI DESCRIZIONE_PRESTAZIONE 5 45.13 ESOFAGOGASTRODUODENOSCOPIA [EGD] 0 45.16 ESOFAGOGASTRODUODENOSCOPIA

Dettagli

dr Sherkat Trattamento dei gliomi maligni Terapie combinate

dr Sherkat Trattamento dei gliomi maligni Terapie combinate Trattamento dei gliomi maligni Terapie combinate Epidemiologia Epidemiologia - 1 Incidenza delle neoplasie cerebrali In Europa 5 casi su 100.000 abitanti/anno 2% di tutte le morti per cancro Negli ultimi

Dettagli

Interventistica coronarica e carotidea combinata : caso clinico complesso.

Interventistica coronarica e carotidea combinata : caso clinico complesso. Servizio di Emodinamica ASL TO5- Moncalieri Pietro Gaetano Pier Giuseppe Greco-Lucchina Primiano Lombardi Interventistica coronarica e carotidea combinata : caso clinico complesso. Caso clinico DN G uomo

Dettagli