Reti di Calcolatori I - Domande di verifica - Lezioni 10-19

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Reti di Calcolatori I - Domande di verifica - Lezioni 10-19"

Transcript

1 Reti di Calcolatori I - Domande di verifica - Lezioni Fornire una definizione di LAN e commentarla. In base alla definizione IEEE 802, una LAN è un sistema di comunicazione che permette ad apparecchiature indipendenti di comunicare tra di loro entro un'area delimitata utilizzando un canale fisico a velocità elevata e con basso tasso di errore. Analizzando più a fondo questa definizione possiamo cogliere alcuni aspetti importanti quali: l'indipendenza delle apparecchiature: tutti i sistemi connessi alla LAN hanno lo stesso "peso" (sono considerati paritetici). In questo modo una qualsiasi risorsa LAN viene indistintamente ripartita tra tutti i sistemi in quel momento connessi alla rete locale. L'indipendenza dei sistemi permette inoltre alla LAN di mantenere inalterate le sue funzionalità anche in presenza di guasti sui sistemi o comunque in caso di inoperabilità di questi ultimi; l'area delimitata: le LAN, considerando il fatto che sono estranee agli standard CCITT, non prevedono l'attraversamento di suolo pubblico; è consentito comunque collegare più fondi attraverso strutture permanenti quali sovrappassi sui quali far passare eventuali cavi di collegamento; l'utilizzo di canali fisici ad alta velocità: un utente che opera tramite LAN, per la maggior parte del tempo non utilizza la LAN stessa; nel momento in qui ne diventa proprietario (seppur per poche frazioni di secondi) egli ne chiede la massima capacità trasmissiva (questo tipo di utilizzo viene detto "a burst", ossia un utilizzo di tipo impulsivo). Per permettere la trasmissione di tipo broadcast a tutti i sistemi è necessario l'arbitraggio del mezzo trasmissivo; di particolare importanza è anche la presenza degli indirizzi per stabilire mittente e destinatario della trasmissione; basso tasso di errore: ciò è dovuto dalla limitata estensione della rete. Ne deriva che non si ha necessità di correggere gli errori a livello 2 OSI, utilizzando così protocolli di livello 2 non connessi e ad alte prestazioni. Descrivere le principali caratteristiche di una LAN. Una LAN è una rete: a commutazione di pacchetto; privata; ad altre prestazioni; a basso costo. A queste caratteristiche principali si affiancano le seguenti: affidabilità: la tecnologia LAN è caratterizzata da un'eccellente affidabilità; flessibilità: consente una perfetta integrazione tra architetture di rete tra loro incompatibili ai livelli superiori del modello di riferimento OSI; modularità: una LAN può essere costruita impiegando componenti di costruttori diversi; espandibilità: facilità di ampliamento nel tempo della rete; gestibilità: componenti della LAN possono essere gestiti mediante accessi remoti. Sistemi distribuiti di questo tipo sono concorrenziali con i mainframe. Come vengono considerate le LAN nel modello ISO/OSI? Per dare una risposta esaustiva, occorre innanzitutto rappresentare graficamente la LAN nel modello ISO/OSI:

2 La LAN è pertanto riconducibile ai primi due livelli del modello ISO/OSI. Occorre ricordare che le LAN sono reti di tipo broadcast in cui ogni stazione riceve i frame inviati da tutte le altre stazioni. Il broadcast può essere realizzato sia con topologie a broadcast, sia con topologie punto a punto (es. anello). La LAN non ha il compito di correggere errori perché a questo livello i mezzi trasmissivi sono affidabili; nelle LAN vi è inoltre un unico canale di trasmissione che viene condiviso da tutte le stazioni della rete. Che cosa si intende per arbitraggio del canale nel contesto delle reti LAN? Per sua definizione, una LAN ha sempre un solo canale trasmissivo ad alta velocità condiviso nel tempo da tutti i sistemi collegati; un sistema che trasmette diventa proprietario di tutta la capacità trasmissiva della rete. La trasmissione è inoltre di tipo broadcast: Questo tipo di organizzazione introduce pertanto alcune complicazioni quali lo stabilire chi sono il destinatario ed il mittente di un messaggio e l'arbitraggio per accedere al mezzo comune di trasmissione. Problemi di questo tipo vengono risolti: in trasmissione, determinando chi ha la facoltà di utilizzare il canale in un determinato momento; in questo caso entra in gioco il MAC (Media Access Control) ossia il sottolivello inferiore del Data Link che ha il compito appunto di eseguire le procedure che gestiscono la condivisione del mezzo trasmissivo. Occorre ricordare che il MAC espleta servizi non connessi al sottolivello di LLC (Logical Link Control); in ricezione, discriminando quali messaggi sono destinati alla stazione tramite l'utilizzo di indirizzi.

3 Quali sono le principali caratteristiche della rete Ethernet? Ethernet, la più diffusa tecnologia LAN, è stata ideata dalla Xerox Corporation e sviluppata successivamente dalla stessa Xerox insieme ad Intel e Digital Equipment Corporation. La tecnologia Ethernet utilizza il protocollo CSMA/CD per spostare i pacchetti tra computer. Opera su vari tipi di cavi (coassiali o doppini telefonici) ad una velocità di 10 Mb/s e con un throughput massimo di 4 Mb/s. Altre caratteristiche della rete Ethernet risultano essere l'equidistribuzione della risorsa trasmissiva ed il protocollo non deterministico con un tempo di attesa non limitato superiormente. Descrivere le fasi del protocollo CSMA/CD per la gestione della comunicazione su Ethernet. Nella rete Ethernet l'utilizzo del canale trasmissivo avviene tramite l'arbitraggio CSMA/CD (Carrier Sense Multiple Access with Collision Detection) consistente in un protocollo totalmente distribuito e che opera in tre diverse fasi: carrier sense: la stazione che ha intenzione di trasmettere ascolta il bus ed effettua la trasmissione solamente se questo è libero (fase di listen before tolking); multiple access: se due stazioni decidono contemporaneamente di trasmettere sul bus, si verifica una collisione; ciò è dovuto sostanzialmente al fatto che la propagazione del segnale è non nullo; collision detection: ogni stazione trasmittente "ascolta" i segnali sul mezzo trasmissivo (fase di listen while talking), notando eventuali sovrapposizioni di trasmissioni. Se si verifica una collisione, la stazione che sta trasmettendo il pacchetto sospende tale operazione ed inizia a trasmettere una sequenza di jamming per "avvertire" le stazioni in ascolto in modo che queste possano scartare i bit finora ricevuti. La stazione che ha subito una collisione sul proprio messaggio tenterà di ripetere una trasmissione, dopo un tempo ricavabile mediante algoritmo pseudo-causuale (back-off), per un numero di volte non superiore a 16. Se in una rete su cui opera il protocollo CSMA/CD si ha un aumento sensibile delle stazioni e di conseguenza si intensifica il traffico, vi è la possibilità che le collisioni siano più frequenti. A questo punto è utile suddividere la rete in sottoreti su cui fare agire la contesa. Ogni sottorete descrive così un collision domain a cui appartengono tutte le stazioni ad essa collegate, comprese le stazioni separate da repeater. Non fanno parte dello stesso collision domain le stazioni separate da apparati appartenenti a livelli OSI superiori a quello fisico come i bridge o i router. Che cosa si intende per progetto IEEE 802? Il progetto IEEE 802 è stato posto in essere per avere, a partire da tecnologie trasmissive differenziate a livello fisico, un'unica interfaccia con il livello network:

4 Considerando che le LAN sono reti di tipo broadcast in cui ogni stazione connessa al mezzo trasmissivo riceve a livello data link i frame inviati da tutte le altre stazioni, che il data link di tipo broadcast può essere realizzato sia con topologie broadcast sia con topologie punto-punto e che i canali trasmissivi sono sufficientemente affidabili, il progetto IEEE 802 ha ripartito il livello data link nei sottolivelli: LLC (Logical Link Control): è l'interfaccia comune a tutte le tecnologie di rete verso il livello network; MAC (Media Access Control): è specifica per ogni tecnologia di rete e risolve il problema della condivisione del mezzo trasmissivo. Discutere la struttura del livello Data Link di ISO/OSI nell'ambito del progetto IEEE 802. Considerando che le LAN sono reti di tipo broadcast in cui ogni stazione connessa al mezzo trasmissivo riceve a livello data link i frame inviati da tutte le altre stazioni, che il data link di tipo broadcast può essere realizzato sia con topologie broadcast sia con topologie punto-punto e che i canali trasmissivi sono sufficientemente affidabili, il progetto IEEE 802 ha ripartito il livello data link nei sottolivelli: LLC (Logical Link Control): è l'interfaccia comune a tutte le tecnologie di rete verso il livello network; MAC (Media Access Control): è specifica per ogni tecnologia di rete e risolve il problema della condivisione del mezzo trasmissivo. Il tutto può essere rappresentato dalla seguente figura: Quali sono le caratteristiche dei sottolivelli LLC e MAC? Considerando che le LAN sono reti di tipo broadcast in cui ogni stazione connessa al mezzo trasmissivo riceve a livello data link i frame inviati da tutte le altre stazioni, che il data link di tipo broadcast può essere realizzato sia con topologie broadcast sia con topologie punto-punto e che i canali trasmissivi sono sufficientemente affidabili, il progetto IEEE 802 ha ripartito il livello data link nei sottolivelli: sottolivello LLC: la funzione essenziale dell'llc, comune a tutti i sottolivelli MAC, consiste nel fornire un'interfaccia unica e omogenea verso il livello superiore (cioè quello di rete), dal momento che esiste un sottolivello MAC per ogni specifica tecnologia trasmissiva. Per quanto riguarda la trama PDU (ossia il pacchetto dati che viene trasmesso tra entità dello stesso livello) di LLC, esso è così formato:

5 I primi due campi contengono gli indirizzi di destinazione e di partenza, il terzo campo invece "marca" il pacchetto che, a seconda del suo valore, può essere unnumbered, supervisor o di information. I SAP di LLC servono invece ad indicare quale protocollo di livello superiore ha originato il pacchetto; in proposito, possiamo dire che la condivisione LLC si basa sulla scelta dell'llc-dsap. I SAP di questo livello sono grandi un solo Byte contenete due bit riservati all'i/g (Individual, Group) e all'u (Non Universal, Universal). Le SNAP (Subnetwork Access Protocol) PDU vengono invece utilizzate quando i pacchetti contengono dati generati da protocolli di livello 3 non standard. Per quanto riguarda i servizi offerti dal sottolivello LLC al livello 3, questi possono essere: di tipo 1 (unacknowledged connectionless service): è un servizio in cui non viene attivata alcuna connessione logica tra gli utenti LLC e che semplicemente permette di trasmettere e ricevere le unità dati di protocollo LLC o LLC-PDU senza alcuna forma di riscontro che ne assicuri la consegna e senza meccanismi di controllo di flusso e dell'errore. Questo servizio supporta indirizzamenti di tipo punto-punto, multicast o broadcast; di tipo 2 (connection oriented service): questo servizio permette a due utenti LLC di comunicare tra loro stabilendo una connessione logica prima di attivare un trasferimento dati. Fornisce procedure attraverso le quali un utente LLC può richiedere o ricevere notifica dell'apertura o della chiusura di una connessione logica. Fornisce anche meccanismi di controllo di flusso, di correttezza sequenza, e di recupero da situazioni di errore. Con questo servizio sono supportati solo indirizzamenti di tipo punto-punto; di tipo 3 (semireliable service): il servizio senza connessione con riscontro fornisce un meccanismo attraverso cui un utente LLC può trasmettere unità dati e ricevere un riscontro che ne indichi la corretta consegna, senza la necessità di attivare una connessione logica tra due utenti LLC. Questo tipo di servizio è pensato in particolare modo per le architetture usate in ambito di fabbrica. sottolivello MAC: le funzioni di questo sottolivello, specifico per ogni LAN, sono le seguenti: in fase di trasmissione, l'assemblaggio dei dati forniti all'interno di una frame che contenga anche un campo indirizzi e un campo di intercettazione degli errori; in fase di ricezione, il disassemblaggio della frame e l'esecuzione del controllo dell'errore e del riconoscimento degli indirizzi; l'arbitraggio dell'accesso al mezzo trasmissivo della rete locale. La struttura della MAC-PDU è così formata: I quattro campi hanno il seguente significato: il MAC-DSAP indica l'indirizzo del destinatario; il MAC-SSAP indica l'indirizzo del mittente; l'llc-pdu indica l'informazione relativa al pacchetto di livello LLC; la Frame Check (o Control) Sequence contiene il Codice di Ridondanza Ciclica per l'identificazione degli errori di trasmissione. Per quanto riguarda il problema dell'assegnazione degli indirizzi MAC, il cui scopo è quello di identificare univocamente il mittente ed il destinatario della trasmissione di

6 frame, questo è risolto imponendo un codice identificativo a ciascuna scheda di rete. Per evitare una saturazione dei codici, si è pensato di utilizzare una rappresentazione a 6 byte in formato esadecimale. I primi 3 byte indicano l'oui (Organization Unique Identifier) del costruttore della scheda, gli ultimi 3 byte indicano la numerazione interna progressiva decisa dal costruttore della scheda. Notevole importanza rivestono i primi due bit trasmessi lungo il canale: il primo (I/G Individual/Group) permette di stabilire se l'indirizzo si riferisce ad un singolo nodo oppure ad un gruppo di nodi; il secondo (U/L Universal/Local) indica se l'indirizzo è stato assegnato ufficialmente oppure è stato deciso su base locale. Gli indirizzi MAC possono essere di tre tipi: singolo, se riferito ad un singolo nodo; multicast, se riferito ad un gruppo di nodi; broadcast, se riferito a tutti i nodi. Quando una scheda di rete locale riceve un pacchetto, non lo passa automaticamente al livello superiore (LLC), ma effettua una serie di controlli. Per prima cosa verifica che il pacchetto sia integro, ossia abbia una FCS corretta, con le dovute dimensioni. Successivamente analizza l'indirizzo di destinazione (MAC- DSAP) col seguente effetto: se il MAC-DSAP è broadcast, il pacchetto viene sempre inoltrato verso il livello LLC; se il MAC-DSAP è singolo, il pacchetto passa al livello LLC solo nel caso che l'indirizzo indicato sia lo stesso dell'indirizzo hardware della scheda oppure quello caricato dal software in un apposito buffer; se il MAC-DSAP è multicast, si verifica se la sua ricezione è stata abilitata dal software del livello superiore, cioè se la scheda appartiene al gruppo abilitato. Per quanto riguarda gli indirizzi di gruppo, questi servono principalmente per scoprire quali altri nodi sono collegati alla rete locale, quali servizi sono messi a disposizione e le relazioni esistenti fra gli indirizzi MAC e quelli del livello di rete. La modalità di impiego degli indirizzi di gruppo sono due: solicitation: la stazione che intende usufruire di un servizio invia un pacchetto multicast all'indirizzo di quel servizio; la stazione che espleta tale servizio risponde alla solicitation; advertisement: le stazioni che offrono un servizio lo comunicano periodicamente mediante pacchetti multicast. Descrivere, ad alto livello, la struttura di un pacchetto al sottolivello MAC. La struttura della MAC-PDU è così formata: I quattro campi hanno il seguente significato: il MAC-DSAP indica l'indirizzo del destinatario; il MAC-SSAP indica l'indirizzo del mittente; l'llc-pdu indica l'informazione relativa al pacchetto di livello LLC; la Frame Check Sequence contiene il Codice di Ridondanza Ciclica per l'identificazione degli errori di trasmissione.

7 In fase di ricezione, in quali casi la scheda passa il pacchetto ricevuto ai livelli superiori? Quando una scheda di rete locale riceve un pacchetto, non lo passa automaticamente al livello superiore (LLC), ma effettua una serie di controlli. Per prima cosa verifica che il pacchetto sia integro, ossia abbia una FCS corretta, con le dovute dimensioni. Successivamente analizza l'indirizzo di destinazione (MAC-DSAP) col seguente effetto: se il MAC-DSAP è broadcast, il pacchetto viene sempre inoltrato verso il livello LLC; se il MAC-DSAP è singolo, il pacchetto passa al livello LLC solo nel caso che l'indirizzo indicato sia lo stesso dell'indirizzo hardware della scheda oppure quello caricato dal software in un apposito buffer; se il MAC-DSAP è multicast, si verifica se la sua ricezione è stata abilitata dal software del livello superiore, cioè se la scheda appartiene al gruppo abilitato. Quali sono le primitive di servizio a livello MAC? Le primitive di servizio a livello MAC sono tre: Request (si chiede al servizio di fare qualcosa); Indication (si viene avvertiti, dal servizio, di qualche evento); Confirm (la risposta che si attendeva è arrivata, generata dal protocollo locale o dal protocollo remoto). Il tutto in grafico risulta essere: Quali tipi di connessione può offrire il sottolivello LLC? Le connessioni, e con loro i servizi, offerti dal sottolivello LLC al livello 3 sono: di tipo 1 (unacknowledged connectionless service): è un servizio in cui non viene attivata alcuna connessione logica tra gli utenti LLC e che semplicemente permette di trasmettere e ricevere le unità dati di protocollo LLC o LLC-PDU senza alcuna forma di riscontro che ne assicuri la consegna e senza meccanismi di controllo di flusso e dell'errore. Questo servizio supporta indirizzamenti di tipo punto-punto, multicast o broadcast. di tipo 2 (connection oriented service): questo servizio permette a due utenti LLC di comunicare tra loro stabilendo una connessione logica prima di attivare un trasferimento dati. Fornisce procedure attraverso le quali un utente LLC può richiedere o ricevere notifica dell'apertura o della chiusura di una connessione logica. Fornisce anche meccanismi di controllo di flusso, di correttezza sequenza, e di recupero da situazioni di errore. Con questo servizio sono supportati solo indirizzamenti di tipo punto-punto. di tipo 3 (semireliable service): il servizio senza connessione con riscontro fornisce un meccanismo attraverso cui un utente LLC può trasmettere unità dati e ricevere

8 un riscontro che ne indichi la corretta consegna, senza la necessità di attivare una connessione logica tra due utenti LLC. Questo tipo di servizio è pensato in particolare modo per le architetture usate in ambito di fabbrica. Come si differenzia IEEE da Ethernet V 2.0? A livello fisico, Ethernet V 2.0 presenta le seguenti caratteristiche: velocità trasmissiva di 10 Mb/s; 2.8 km di distanza massima ammessa tra le due stazioni più distanti; 1024 stazioni al massimo in una LAN; utilizzo del cavo coassiale di tipo thick come mezzo trasmissivo; topologia a bus; IEEE presenta invece, sempre a livello fisico, le seguenti caratteristiche: velocità trasmissiva identica a Ethernet V 2.0; 4 km di distanza massima ammessa tra le due stazioni più distanti; 1024 stazioni la massimo in una LAN; cavo thick, cavo coassiale di tipo thin, fibre ottiche (multimodali), cavo CATV come mezzi trasmissivi; topologie a bus, punto-punto, stella. Entrambi utilizzano il CSMA/CD come metodo di accesso. La differenza sostanziale è quella che si presenta nel livello data link: L'IEEE 802.3, a differenza di Ethernet V 2.0, presenta infatti, oltre al sottolivello MAC, anche un sottolivello LLC che definisce i protocolli usati per realizzare una o più connessioni logiche su di un singolo mezzo fisico. Tale differenza comporta che, nel caso di Ethernet, la PDU di livello 3 è contenuta nel pacchetto MAC mentre, nel caso 802.3, la PDU di livello 3 è contenuta nella PDU di livello LLC a sua volta contenuta nel campo dati MAC. Per capire meglio il problema dell'imbustamento occorre riportare i formati dei pacchetti Ethernet V 2.0 e IEEE 802.3: Ethernet V 2.0: Il campo type contiene il codice associato al protocollo di livello superiore che ha generato la PDU contenuta nel campo data. IEEE 802.3:

9 Il campo lenght indica la lunghezza, in ottetti, del campo data il quale contiene le LLC-PDU; il campo PAD viene inserito in coda al campo data qualora quest'ultimo sia più corto di 46 ottetti o per portare il pacchetto ad una lunghezza minima di 64 ottetti. È facile trovare reti miste con hardware conforme a IEEE 802 ma con formato dei pacchetti Ethernet V 2.0 essendo i due standard interoperabili fra di loro. Sarà allora compito della rete locale discriminare in fase di ricezione i pacchetti Ethernet da quelli IEEE 802.3; ciò avviene analizzando i campi type e lenght: se type/lenght è minore o uguale a 1500: abbiamo un campo lenght; la trama è 802.3; il protocol type è nella busta LLC, contenuta del campo dati MAC; se type/lenght è maggiore di 1500: abbiamo un campo protocol type; la trama è ethernet; il protocol type è direttamente disponibile. Un'altra differenza risiede nel controller che, a differenza di quello Ethernet, può avere il transceiver integrato al suo interno. Che cos'è il Round Trip Collision Delay? Il Round Trip Collision Delay è un parametro di progetto in ambito IEEE Questo parametro misura il tempo massimo che può intercorre da quando una stazione trasmette il suo primo bit a quando percepisce una collisione sulla rete. Lo standard fissa questo tempo in 49.9 microsecondi e la durata di minima di un pacchetto in 51.2 microsecondi. La presenza del Round Trip Collision Delay pone inoltre alcuni limiti sulla lunghezza minima dei pacchetti IEEE e sul tempo massimo di propagazione. Il caso limite è infatti la trasmissione di un sistema inserito a capo di una rete; affinché si evidenzino errori, la stazione trasmittente dovrà "ascoltare" il canale per un tempo almeno il doppio impiegato dal pacchetto per raggiungere l'altra estremità del canale. Questo tempo dovrà pertanto rispettare i 49.9 microsecondi sopracitati. Descrivere la connessione hardware ad una LAN Ethernet o IEEE La scheda di rete locale, presente all'interno del DTE (Data Terminal Equipment, ossia un dispositivo di elaborazione) viene collegata al transceiver (o MAU Medium Attachment Unit) mediante il transceiver cable. Il transceiver è "ancorato" al cavo (ad esempio tramite TAP connector o "connessione a vampiro" su cavo coassiale) e presenta al suo interno le seguenti componenti: un driver che trasmette all'interfaccia di rete i dati ricevuti dal canale trasmissivo; un driver che invia all'interfaccia un segnale di collisione in caso si presenti tale evento. Lo stesso driver ha anche il compito di inviare all'interfaccia un segnale di Collision Presence Test alla fine di ogni trasmissione; questo test viene effettuato per avvisare l'interfaccia del corretto funzionamento del circuito di collisione; un receiver che accoglie i dati dall'interfaccia e li trasmette sul canale trasmissivo;

10 un alimentatore. Descrivere le caratteristiche del livello fisico 10baseT. Il livello fisico 10baseT è riferito ai mezzi trasmissivi con velocità di 10 Mb/s su segmenti di twisted pair ed è stato concepito per applicazioni prettamente d'ufficio. Oltre a presentare la caratteristica del basso costo a causa dell'utilizzo di UTP, il 10baseT è anche di facile connettorizzazione in quanto si utilizza il jack ad 8 contatti RJ45. È uno standard di tipo punto-punto e pertanto richiede l'utilizzo di HUB (ossia un concentratore per LAN) o di un repeater per collegare tutte le stazioni della rete. Il MAU (Medium Attachment Unit elemento di connessione al mezzo trasmissivo in Ethernet e IEEE 802.3) trasmette e riceve i segnali su segmenti UTP con lunghezza massima consigliata di 100 m. Le funzioni di questo particolare transceiver, oltre a quelle di trasmissione e di ricezione, sono: funzione di rilevamento della collisione; SQE (Signal Quality Error) test, ossia un segnale di test sul circuito delle collisioni per verificarne l'integrità; funzione di loopback: il MAU invia al DTE una coppia dei dati trasmessi in modo da emulare il mezzo di trasmissione. In questo modo il DTE può sapere se il MAU è connesso ed operante; funzione di link integrity test: se il MAU non riceve più dati od il TP_IDL (segnale di cavo libero) si pone in uno stato di link test fail in quanto vi è sicuramente un problema sul cavo. Il segnale TP_IDLE è caratterizzato da uno start of TP_IDL interrotto da dei brevi momenti di silenzio (8 24 millisecondi) o da impulsi di link test. Descrivere le principali funzionalità di un ripetitore. Esiste sia una tipologia di ripetitore Ethernet sia una tipologia di ripetitore IEEE 802. Per entrambi vale il seguente schema: La funzione principale di un ripetitore Ethernet è quella di estendere la lunghezza del canale trasmissivo e di realizzare inoltre delle topologie ad albero. A questa funzione se ne affiancano altre quali: la ripetizione delle stringhe in ricezione su un segmento e trasmissione delle stesse sugli altri segmenti mediante utilizzo di un'ampiezza idonea di segnale;

11 la decodificazione delle stringhe seriali di bit ricevute su una porta e la ricodificazione delle stesse sulle altre porte in trasmissione; la rilevazione di eventuali collisioni, con la conseguente segnalazione tramite una qualsiasi porta; l'assicurazione che la simmetria dei segnali sia quella richiesta dalle specifiche del transceiver. Un ripetitore Ethernet non rigenera il preambolo (che rappresenta una sequenza di bit posti all'inizio di una trama per sincronizzare il clock del ricevitore) del pacchetto e pertanto bisogna porre un limite massimo alla quantità di ripetitori che un pacchetto deve attraversare. Sostanzialmente il ripetitore IEEE 802 presenta le stesse caratteristiche di base di un ripetitore Ethernet; le differenze principali risultano essere: in caso di collisione, viene generata una sequenza di jam (sequenza illegale) di 96 bit su tutte le porte; rigenerazione del preambolo e conseguente disabilitazione del SEQ test sui transceiver; "rigenerazione" di un frammento di collisione qualora sia inferiore ai 96 bit; protezione dei segmenti da errori di jabber interrompendo la trasmissione se questa supera i 5 millisecondi continuativi e riprendendola dopo un tempo variabile tra i 9.6 e gli 11.6 millisecondi; disabilitazione di una porta se su questa si verificano più di 30 collisioni consecutive. Che cos'è un analizzatore di protocollo? L'analizzatore di protocollo (o analizzatore di rete) è uno strumento concepito per la manutenzione delle reti. Attraverso un analizzatore di protocollo si può monitorare sia l'imbustamento sulle reti sia verificare come le entità di protocollo ai vari livelli sono in grado di separare i dati dalle intestazioni e interpretare le informazioni di controllo. Descrivere le caratteristiche principali di una rete token ring. La rete Token Ring è nata da un'idea della IBM e consiste in un certo numero di stazioni collegate serialmente tramite un mezzo trasmissivo e racchiuse ad anello. I pacchetti che circolano al suo interno, ad una velocità di 4 Mb/s (IBM cablaggio a stella - cavo STP di tipo 1) o 16 Mb/s (IEEE utilizzo di concentratori passivi e cavi di tipo STP), vengono trasferiti da una stazione all'altra serialmente; ogni stazione ripete e rigenera la trasmissione verso la stazione successiva. Per ragioni di affidabilità si è successivamente pensato di cablare la rete a stella. I collegamenti tra il centro-stella e la stella prendono il nome di "lobi". Quando una stazione è spenta o subisce un guasto, il centro-stella (o concentratore) la esclude temporaneamente dalla rete. Il metodo di accesso (MAC) è a token. Il token (o gettone) è un particolare pacchetto, generato in precedenza da una stazione eletta ad active monitor, che circola sull'anello ed è così strutturato: Lo starting e l'end delimiter indicano inizio e fine del token; l'access control contiene invece le informazioni di accesso al ring. Una stazione che intende trasmettere sull'anello deve attendere l'arrivo del token, catturarlo e quindi trasmettere il pacchetto. Quest'ultimo è così strutturato:

12 I primi due ottetti indicano l'inizio del pacchetto mentre gli ultimi due ne indicano la fine. I campi destination address e source address indicano l'indirizzo di destinazione del pacchetto e l'indirizzo della stazione generante il pacchetto. Il routing information contiene le informazioni di instradamento del pacchetto qualora si trattasse di una rete locale estesa. Il Frame Control definisce se il pacchetto è una trama MAC o se contiene una LLC-PDU. Il Frame Check Sequence contiene il codice di ridondanza ciclica. Quando una stazione cattura il token, essa può trasmettere uno o più pacchetti, in funzione della loro lunghezza e di un parametro detto THT (Time Holding Token) che indica il tempo massimo per cui una stazione può trattenere il token. Tutte le stazioni che non hanno il possesso del token ripetono i bit in ingresso verso la stazione successiva. Se durante tale operazione riscontrano degli errori, li evidenziano modificando in modo opportuno il bit E dell'ending delimiter. Ogni stazione osserva i pacchetti che ripete per verificare se l'indirizzo di destinazione (DA) è uguale al proprio indirizzo MAC. Tale uguaglianza si verifica unicamente sulla stazione cui è destinato il pacchetto. Essa, oltre a continuare a ripetere il pacchetto, ne effettua una copia locale e modifica in modo opportuno l'address recognized bit ed il copied bit, nel campo frame status (FS). Per quanto riguarda il rilascio del token, salvo restando il THT, normalmente la stazione trasmittente rigenera il gettone solo dopo aver tolto dalla rete il proprio pacchetto; se il pacchetto è più corto dell'anello, la stazione trasmittente inserisce nella rete dei bit di riempimento (con conseguente spreco di banda). Una modalità alternativa di rilascio del token è detta Early Token Release e consiste in una rigenerazione del token immediatamente dopo la trasmissione del pacchetto sull'anello; una conseguenza diretta è la presenza di più pacchetti sulla rete e dunque vi è un maggiore sfruttamento della banda. Come avviene la comunicazione su una rete token ring? La rete Token Ring è un'idea della IBM e consiste in un certo numero di stazioni collegate serialmente tramite un mezzo trasmissivo e racchiuse ad anello. I pacchetti che circolano al suo interno, ad una velocità di 4 o 16 Mb/s, vengono trasferiti da una stazione all'altra serialmente; ogni stazione ripete e rigenera la trasmissione verso la stazione successiva. Per ragioni di affidabilità si è successivamente pensato di cablare la rete a stella. I collegamenti tra il centro-stella e la stella prendono il nome di "lobi". Quando una stazione è spenta o subisce un guasto, il centro-stella (o concentratore) la esclude temporaneamente dalla rete. Il metodo di accesso (MAC) è a token. Il token (o gettone) è un particolare pacchetto, generato in precedenza da una stazione eletta ad active monitor, che circola sull'anello ed è così strutturato:

13 Lo starting e l'end delimiter indicano inizio e fine del token; l'access control contiene invece le informazioni di accesso al ring. Una stazione che intende trasmettere sull'anello deve attendere l'arrivo del token, catturarlo e quindi trasmettere il pacchetto. Quest'ultimo è così strutturato: I primi due ottetti indicano l'inizio del pacchetto mentre gli ultimi due ne indicano la fine. I campi destination address e source address indicano l'indirizzo di destinazione del pacchetto e l'indirizzo della stazione generante il pacchetto. Il routing information contiene le informazioni di instradamento del pacchetto qualora si trattasse di una rete locale estesa. Il Frame Control definisce se il pacchetto è una trama MAC o se contiene una LLC-PDU. Il Frame Check Sequence contiene il codice di ridondanza ciclica. Quando una stazione cattura il token, essa può trasmettere uno o più pacchetti, in funzione della loro lunghezza e di un parametro detto THT (Time Holding Token) che indica il tempo massimo per cui una stazione può trattenere il token. Tutte le stazioni che non hanno il possesso del token ripetono i bit in ingresso verso la stazione successiva. Se durante tale operazione riscontrano degli errori, li evidenziano modificando in modo opportuno il bit E dell'ending delimiter. Ogni stazione osserva i pacchetti che ripete per verificare se l'indirizzo di destinazione (DA) è uguale al proprio indirizzo MAC. Tale uguaglianza si verifica unicamente sulla stazione cui è destinato il pacchetto. Essa, oltre a continuare a ripetere il pacchetto, ne effettua una copia locale e modifica in modo opportuno l'address recognized bit ed il copied bit, nel campo frame status (FS). Per quanto riguarda il rilascio del token, salvo restando il THT, normalmente la stazione trasmittente rigenera il gettone solo dopo aver tolto dalla rete il proprio pacchetto; se il pacchetto è più corto dell'anello, la stazione trasmittente inserisce nella rete dei bit di riempimento (con conseguente spreco di banda). Una modalità alternativa di rilascio del token è detta Early Token Release e consiste in una rigenerazione del token immediatamente dopo la trasmissione del pacchetto sull'anello; una conseguenza diretta è la presenza di più pacchetti sulla rete e dunque vi è un maggiore sfruttamento della banda.

Lo Stack TCP/IP: Le Basi

Lo Stack TCP/IP: Le Basi Lo Stack TCP/IP: Le Basi I livelli TCP/IP hanno questa relazione con i livelli di OSI. Lo stack di protocolli TCP/IP implementa un livello network (livello 3) di tipo: packet-switched; connectionless.

Dettagli

Introduzione alle Reti Telematiche Centro Multimediale Montiferru

Introduzione alle Reti Telematiche Centro Multimediale Montiferru Domande di verifica: Standard IEEE 802.2, IEEE802.3 1. I protocolli di sottolivello MAC (Medium Access Control) hanno lo scopo A. di permettere la condivisione di un canale punto-punto B. di permettere

Dettagli

Sottolivello MAC - Medium Access Protocol

Sottolivello MAC - Medium Access Protocol Sottolivello MAC - Medium Access Protocol Sottolivello del data link Regola l accesso al mezzo per reti broadcast LAN e WAN satellitari allocazione statica - a priori allocazione dinamica - in base allo

Dettagli

Networking e Reti IP Multiservizio

Networking e Reti IP Multiservizio Networking e Reti IP Multiservizio Modulo 2: Introduzione alle reti per dati IEEE802.3 (Ethernet) Gabriele Di Stefano: gabriele@ing.univaq.it Argomenti già trattati: Lezioni: Concetti fondamentali Entità

Dettagli

Reti Locali. www.vincenzocalabro.it 1

Reti Locali. www.vincenzocalabro.it 1 Reti Locali 1 LAN (LocalArea Network) Rete di calcolatori Rete a commutazione di pacchetto; Reti Private; Alte prestazioni; Basso tasso di errore; Basso Costo. Sistema di comunicazione che permette ad

Dettagli

Reti locali LAN (Local Area Networks)

Reti locali LAN (Local Area Networks) Reti locali LAN (Local Area Networks) Una LAN è un sistema di comunicazione che permette ad apparecchiature indipendenti di comunicare tra di loro, entro un'area delimitata, utilizzando un canale fisico

Dettagli

Nelle reti locali il livello 2 dlla pila OSI è suddiviso in: . delimitazione di trama (effettuata dal sottostrato MAC);

Nelle reti locali il livello 2 dlla pila OSI è suddiviso in: . delimitazione di trama (effettuata dal sottostrato MAC); Standard Lan Introduzione Nelle reti locali il livello 2 dlla pila OSI è suddiviso in:. strato MAC (Medium Access Control);. strato LLC (Logical Link Control). Le funzioni del livello 2 sono:. delimitazione

Dettagli

CLASSIFICAZIONE DELLE RETI

CLASSIFICAZIONE DELLE RETI CLASSIFICAZIONE DELLE RETI A seconda dei ruoli dei computer le reti si classificano in: Reti Client Server in cui sono presenti computer con ruoli diversi, alcuni funzionano da client e uno o più da server

Dettagli

TEST DI RETI DI CALCOLATORI I (9400N) anno 1999/2000

TEST DI RETI DI CALCOLATORI I (9400N) anno 1999/2000 TEST DI RETI DI CALCOLATORI I (9400N) anno 1999/2000 1) Quanti sono i livelli del modello ISO/OSI: A. 3 B. 7 C. 6 D. non è definito un numero massimo non è definito un numero massimo 2) Due entità ad un

Dettagli

Reti di calcolatori. Lezione del 27 maggio

Reti di calcolatori. Lezione del 27 maggio Reti di calcolatori Lezione del 27 maggio TPC/IP ed i livelli 1 e 2 TCP/IP architettura di rete focalizzata sull internetworking Mancano i primi 2 livelli Connessione ad Internet: due scenari tipici Connessione

Dettagli

Ethernet e la famiglia di protocolli IEEE 802

Ethernet e la famiglia di protocolli IEEE 802 Ethernet e la famiglia di protocolli IEEE 802 Davide Quaglia Local Area Network (LAN) Apparecchiature indipendenti Canale ad alta capacita ma condiviso da piu stazioni Basso tasso di errore nel caso di

Dettagli

Ethernet Truncated Binary Exponential Back-off (TBEB)

Ethernet Truncated Binary Exponential Back-off (TBEB) Reti di Telecomunicazioni R. Bolla, L. Caviglione, F. Davoli Standard IEEE 802 Ethernet Truncated Binary Exponential Back-off (TBEB) IEEE 802.3 20.2 Livello di Rete LLC MAC 802.3 802.2 Logical Link Control

Dettagli

http://mottatommaso.altervista.org

http://mottatommaso.altervista.org Standard IEEE 802 per reti LAN http://mottatommaso.altervista.org T. Motta Rete locale Rete LAN: rete di computer di dimensione limitata e senza attraversamento di suolo pubblico Sono di diversi tipi:

Dettagli

Reti LAN. IZ3MEZ Francesco Canova www.iz3mez.it francesco@iz3mez.it

Reti LAN. IZ3MEZ Francesco Canova www.iz3mez.it francesco@iz3mez.it Reti LAN IZ3MEZ Francesco Canova www.iz3mez.it francesco@iz3mez.it Le LAN Una LAN è un sistema di comunicazione che permette ad apparecchiature indipendenti di comunicare fra loro entro un area limitata

Dettagli

Reti e problematiche di Rete: Reti geografiche e reti locali

Reti e problematiche di Rete: Reti geografiche e reti locali Reti e problematiche di Rete: Reti geografiche e reti locali Enrico Cavalli - enrico.cavalli@unibg.it Università di Bergamo - Anno Accademico 2008-2009 Reti Locali Reti geografiche e reti locali 2 1 Applicazioni

Dettagli

Università degli Studi di Bergamo

Università degli Studi di Bergamo Università degli Studi di Bergamo Facoltà di Ingegneria 3 Reti locali.1 Architetture Prof. Filippini 2 Le reti locali (Local Area Networks-LAN) sono reti di telecomunicazione pensate e ottimizzate per

Dettagli

Lo strato di collegamento e le reti Ethernet Modulo 5 (Unità 1-2-3)

Lo strato di collegamento e le reti Ethernet Modulo 5 (Unità 1-2-3) Lo strato di collegamento e le reti Ethernet Modulo 5 (Unità 1-2-3) Il livello 2, Data-Link, è suddiviso in due sottolivelli: - il sottolivello MAC (Media Access Control) - il sottolivello LLC (Logical

Dettagli

Fast Ethernet. Caratteristiche generali

Fast Ethernet. Caratteristiche generali Fast Ethernet Caratteristiche generali Nascita di Fast Ethernet La rapida crescita delle reti locali e lo sviluppo crescenti di applicazioni e servizi multimediali ha portato all'esigenza di realizzare

Dettagli

Reti e sottoreti Componenti hardware per le reti Topologie di rete Rete con cavo UTP Tecnologie di rete Ethernet IEEE 802.3 Token Ring IEEE 802.

Reti e sottoreti Componenti hardware per le reti Topologie di rete Rete con cavo UTP Tecnologie di rete Ethernet IEEE 802.3 Token Ring IEEE 802. Reti e sottoreti LAN, MAN, WAN, PAN Nodi di rete, client e server NOS (Network Operating System) Reti Peer-to-Peer Componenti hardware per le reti Cablaggio Schede di rete (NIC-Network Interface Card)

Dettagli

Figura 1-1: Topologia delle reti e loro connessione

Figura 1-1: Topologia delle reti e loro connessione 1. Introduzione alle reti La rete è una sorta d infrastruttura, costituita da un insieme di cavi, apparati elettronici e software, che serve a mettere in comunicazione i sistemi informativi o in senso

Dettagli

Reti, Protocolli e Indirizzi. DIMENSIONE della RETE. Arpanet e Internetworking. Topologia a Stella

Reti, Protocolli e Indirizzi. DIMENSIONE della RETE. Arpanet e Internetworking. Topologia a Stella Premessa breve Reti, Protocolli e Indirizzi Lo sviluppo delle telecomunicazioni ha avuto due fattori determinanti : L esistenza di una rete esistente (quella telefonica) La disponibilita di HW e SW adeguati

Dettagli

Principali Standard per LAN. Sistemi LAN. Caratterisitche del Controllo di Accesso al Mezzo. La Storia di Ethernet

Principali Standard per LAN. Sistemi LAN. Caratterisitche del Controllo di Accesso al Mezzo. La Storia di Ethernet Sistemi LAN Università degli studi di Salerno Laurea in Informatica I semestre 03/04 Prof. Vincenzo Auletta auletta@dia.unisa.it http://www.dia.unisa.it/professori/auletta/ 2 Principali Standard per LAN

Dettagli

Ripetitori, bridge, switch, router

Ripetitori, bridge, switch, router Ripetitori, bridge, switch, router Vittorio Maniezzo Università di Bologna Vittorio Maniezzo Università di Bologna 04 Segmentazioni - 1/31 Limiti delle LAN Distanze massime tra stazioni Limitano la portata

Dettagli

Reti Locali. Tecnologie delle Reti Locali. Caratteristiche delle Reti LAN. Applicazioni di LAN. Reti che coprono un area geografica limitata

Reti Locali. Tecnologie delle Reti Locali. Caratteristiche delle Reti LAN. Applicazioni di LAN. Reti che coprono un area geografica limitata I semestre 03/04 Tecnologie delle Reti Locali Prof. Vincenzo Auletta auletta@dia.unisa.it http://www.dia.unisa.it/professori/auletta/ Reti Locali Reti che coprono un area geografica limitata un ufficio,

Dettagli

Le Reti LAN: componenti attivi

Le Reti LAN: componenti attivi Le Reti LAN: componenti attivi Descrizione dei principali componenti attivi di rete: Livello1: Repeater, Hub Livello 2: Bridge, Switch Livello 3: Router Componenti di una rete Nelle reti informatiche alcuni

Dettagli

Esame di INFORMATICA

Esame di INFORMATICA Università di L Aquila Facoltà di Biotecnologie Esame di INFORMATICA Lezione 6 COS E UNA RETE Una rete informatica è un insieme di PC e di altri dispositivi che sono collegati tra loro tramite cavi oppure

Dettagli

RETI LOCALI. 1 livello fisico 2 livello data link

RETI LOCALI. 1 livello fisico 2 livello data link 1 Topologie 2 Standard IEEE 802 3 Standard IEEE 802.3 (CSMA/CD) 4 Standard IEEE 802.5 (Token Ring) 5 Standard IEEE 802.11 (Wireless) 6 Bluetooth 7 Bridge RETI LOCALI 1 livello fisico 2 livello data link

Dettagli

Anno Accademico 2013-2014. Lucidi del corso di Reti di Calcolatori e Comunicazione Digitale. Introduzione ( parte II) Topologie di rete

Anno Accademico 2013-2014. Lucidi del corso di Reti di Calcolatori e Comunicazione Digitale. Introduzione ( parte II) Topologie di rete INFORMATICA e COMUNICAZIONE DIGITALE Anno Accademico 2013-2014 Lucidi del corso di Reti di Calcolatori e Comunicazione Digitale Introduzione ( parte II) Prof. Sebastiano Pizzutilo Dipartimento di Informatica

Dettagli

Reti in Area Locale (LAN)

Reti in Area Locale (LAN) Reti in Area Locale (LAN) A.A. 200-200 Docente: Vincenzo Eramo Reti in area locale (LAN) Scopo Interconnettere apparecchiature di calcolo (personal computers, workstations, stampanti) Caratteristiche di

Dettagli

Dispositivi di rete. Ripetitori. Hub

Dispositivi di rete. Ripetitori. Hub Ripetitori Dispositivi di rete I ripetitori aumentano la distanza che può essere ragginta dai dispositivi Ethernet per trasmettere dati l'uno rispetto all'altro. Le distanze coperte dai cavi sono limitate

Dettagli

La classificazione delle reti

La classificazione delle reti La classificazione delle reti Introduzione Con il termine rete si intende un sistema che permette la condivisione di informazioni e risorse (sia hardware che software) tra diversi calcolatori. Il sistema

Dettagli

GLI APPARATI PER L INTERCONNESSIONE DI RETI LOCALI 1. Il Repeater 2. L Hub 2. Il Bridge 4. Lo Switch 4. Router 6

GLI APPARATI PER L INTERCONNESSIONE DI RETI LOCALI 1. Il Repeater 2. L Hub 2. Il Bridge 4. Lo Switch 4. Router 6 GLI APPARATI PER L INTERCONNESSIONE DI RETI LOCALI 1 Il Repeater 2 L Hub 2 Il Bridge 4 Lo Switch 4 Router 6 Gli apparati per l interconnessione di reti locali Distinguiamo i seguenti tipi di apparati:

Dettagli

Università degli Studi di Bergamo

Università degli Studi di Bergamo Università degli Studi di Bergamo Facoltà di Ingegneria 3 Reti locali.1 Architetture Prof. Filippini 2 Le reti locali (Local Area Networks-LAN) sono reti di telecomunicazione pensate e ottimizzate per

Dettagli

Programmazione modulare 2015-2016

Programmazione modulare 2015-2016 Programmazione modulare 05-06 Indirizzo: Informatica Disciplina: SISTEMI E RETI Classe: 4 B Docente: Buscemi Letizia Ore settimanali previste: 4 ore ( teoria + ) Totale ore previste: 4 ore per 33 settimane

Dettagli

il progetto ieee 802

il progetto ieee 802 il progetto ieee 802 architettura generale g. di battista nota di copyright questo insieme di slides è protetto dalle leggi sul copyright il titolo ed il copyright relativi alle slides (inclusi, ma non

Dettagli

Reti di Calcolatori. Lezione 2

Reti di Calcolatori. Lezione 2 Reti di Calcolatori Lezione 2 Una definizione di Rete Una moderna rete di calcolatori può essere definita come: UN INSIEME INTERCONNESSO DI CALCOLATORI AUTONOMI Tipi di Rete Le reti vengono classificate

Dettagli

Parte II: Reti di calcolatori Lezione 22

Parte II: Reti di calcolatori Lezione 22 Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2013-14 Pietro Frasca Parte II: Reti di calcolatori Lezione 22 Martedì 20-05-2014 1 Ethernet Ethernet

Dettagli

Reti di calcolatori. Riferimenti: Curtin cap. 9 Console cap. 6 (vecchia ed.) o cap. 8 (nuova ed.)

Reti di calcolatori. Riferimenti: Curtin cap. 9 Console cap. 6 (vecchia ed.) o cap. 8 (nuova ed.) Reti di calcolatori Riferimenti: Curtin cap. 9 Console cap. 6 (vecchia ed.) o cap. 8 (nuova ed.) Reti di calcolatori Inizialmente, con l avvento dei PC, il mondo dell elaborazione dati era diviso in due

Dettagli

Prof.ssa Sara Michelangeli. Computer network

Prof.ssa Sara Michelangeli. Computer network Prof.ssa Sara Michelangeli Computer network Possiamo definire rete di computer (Computer network) un sistema in cui siano presenti due o più elaboratori elettronici ed i mezzi per connetterli e che consenta

Dettagli

Una Tassonomia delle Reti

Una Tassonomia delle Reti Una Tassonomia delle Reti La tabella riporta una classificazione dei vari tipi di rete, in funzione dell ambito operativo e delle distanze coperte. AMBITO DISTANZA RETE COPERTA Edificio 100 m Reti Locali

Dettagli

Capitolo ETHERNET BUS. Figura 1. Struttura della rete Ethernet

Capitolo ETHERNET BUS. Figura 1. Struttura della rete Ethernet Capitolo ETHERNET 1. Introduzione Ethernet rappresenta oggi la rete più nota e più diffusa in tutto il mondo. La nascita di Ethernet risale al 1976 quando Xerox utilizzò il protocollo CSMA/CD per realizzare

Dettagli

Reti di calcolatori. Sottolivello MAC. Samuel Rota Bulò DAIS Università Ca Foscari di Venezia. Sottolivello MAC R5.1

Reti di calcolatori. Sottolivello MAC. Samuel Rota Bulò DAIS Università Ca Foscari di Venezia. Sottolivello MAC R5.1 Reti di calcolatori Samuel Rota Bulò DAIS Università Ca Foscari di Venezia R5.1 : Medium Access Control I protocolli per decidere quale è la prossima stazione a trasmettere su un canale broadcast (detto

Dettagli

LE RETI E INTERNET. Definizione della rete Internet dal punto di vista fisico

LE RETI E INTERNET. Definizione della rete Internet dal punto di vista fisico LE RETI E INTERNET 1 Definizione della rete Internet dal punto di vista fisico LE RETI E INTERNET 2 Parla dei commutatori di pacchetto o packet switch. LE RETI E INTERNET 3 Parla dei dispositivi fisici

Dettagli

Crescita di Internet. Torna alla prima pagina

Crescita di Internet. Torna alla prima pagina Crescita di Internet Ogni computer connesso ad Internet viene univocamente identificato dal proprio IP address: stringa di 32 bit costituita dall indirizzo della rete (net-id), e dall indirizzo del computer

Dettagli

Reti di Calcolatori. Il software

Reti di Calcolatori. Il software Reti di Calcolatori Il software Lo Stack Protocollare Application: supporta le applicazioni che usano la rete; Transport: trasferimento dati tra host; Network: instradamento (routing) di datagram dalla

Dettagli

Febbraio 1998 GIGABIT ETHERNET. Pietro Nicoletti. p.nicol@inrete.it. GIGABIT - 1 Copyright: si veda nota a pag. 2

Febbraio 1998 GIGABIT ETHERNET. Pietro Nicoletti. p.nicol@inrete.it. GIGABIT - 1 Copyright: si veda nota a pag. 2 GIGABIT ETHERNET Pietro Nicoletti p.nicol@inrete.it GIGABIT - 1 Copyright: si veda nota a pag. 2 Nota di Copyright Questo insieme di trasparenze (detto nel seguito slides) è protetto dalle leggi sul copyright

Dettagli

Esame di INFORMATICA Lezione 6

Esame di INFORMATICA Lezione 6 Università di L Aquila Facoltà di Biotecnologie Esame di INFORMATICA Lezione 6 COS E UNA RETE Una rete informatica è un insieme di PC e di altri dispositivi che sono collegati tra loro tramite cavi oppure

Dettagli

Università degli Studi di Bergamo

Università degli Studi di Bergamo Università degli Studi di Bergamo Facoltà di Ingegneria 3 Reti locali.3 Interconnessione Prof. Filippini 2! Limitazioni LAN su grandi aree:! Propagazione! Disturbi! Protocolli di Accesso Multiplo! Occorrono

Dettagli

Telecomunicazioni RETI DI ELABORATORI

Telecomunicazioni RETI DI ELABORATORI Telecomunicazioni RETI DI ELABORATORI Fino a qualche anno fa, per poter gestire e trasmettere a distanza i dati elaborati si utilizzava il mainframe, in cui tutta la potenza di calcolo era concentrata

Dettagli

Reti di computer- Internet- Web. Concetti principali sulle Reti Internet Il Web

Reti di computer- Internet- Web. Concetti principali sulle Reti Internet Il Web Reti di computer- Internet- Web Concetti principali sulle Reti Internet Il Web Condivisione di risorse e comunicazione con gli altri utenti n n n Anni 70: calcolatori di grandi dimensioni, modello timesharing,

Dettagli

Esame di INFORMATICA COS E UNA RETE. Lezione 6 COMPONENTI DI UNA RETE VANTAGGI DI UNA RETE

Esame di INFORMATICA COS E UNA RETE. Lezione 6 COMPONENTI DI UNA RETE VANTAGGI DI UNA RETE Università degli Studi di L Aquila Facoltà di Biotecnologie Esame di INFORMATICA A.A. 2008/09 COS E UNA RETE Una rete informatica è un insieme di PC e di altri dispositivi che sono collegati tra loro tramite

Dettagli

PROGRAMMAZIONE MODULARE 2015-2016. Disciplina: SISTEMI E RETI Classe: QUINTA A INF SERALE Indirizzo: INFORMATICA

PROGRAMMAZIONE MODULARE 2015-2016. Disciplina: SISTEMI E RETI Classe: QUINTA A INF SERALE Indirizzo: INFORMATICA PROGRAMMAZIONE MODULARE 2015-2016 Disciplina: SISTEMI E RETI Classe: QUINTA A INF SERALE Indirizzo: INFORMATICA Docenti: Gualdi (teoria), Travaglioni (laboratorio) Ore settimanali previste: 2 TEORIA +

Dettagli

15. Data link layer: Ethernet e FastEthernet

15. Data link layer: Ethernet e FastEthernet INFO-COM Dpt. Dipartimento di Scienza e Tecnica dell Informazione e della Comunicazione Università degli Studi di Roma La Sapienza 15. Data link layer: Ethernet e FastEthernet Prof. R. R. Cusani Ethernet

Dettagli

i nodi i concentratori le dorsali

i nodi i concentratori le dorsali RETI LOCALI Reti di computer collegati direttamente tra di loro in un ufficio, un azienda etc. sono dette LAN (Local Area Network). Gli utenti di una LAN possono condividere fra di loro le risorse quali

Dettagli

5. Internetworking L2/L3

5. Internetworking L2/L3 Università di Genova Facoltà di Ingegneria Reti di Telecomunicazioni e Telemedicina 1 5. Internetworking L2/L3 Prof. Raffaele Bolla dist! Sia l esistenza (almeno nella fase iniziale) di tecnologie diverse,

Dettagli

Programmazione in Rete

Programmazione in Rete Programmazione in Rete a.a. 2005/2006 http://www.di.uniba.it/~lisi/courses/prog-rete/prog-rete0506.htm dott.ssa Francesca A. Lisi lisi@di.uniba.it Orario di ricevimento: mercoledì ore 10-12 Sommario della

Dettagli

Corso di Laurea in Ingegneria Informatica. Corso di Reti di Calcolatori I

Corso di Laurea in Ingegneria Informatica. Corso di Reti di Calcolatori I Corso di Laurea in Ingegneria Informatica Corso di Reti di Calcolatori I Roberto Canonico (roberto.canonico@unina.it) Giorgio Ventre (giorgio.ventre@unina.it) Reti locali Ethernet I lucidi presentati al

Dettagli

Il livello Data-Link e i suoi protocolli

Il livello Data-Link e i suoi protocolli Il livello Data-Link e i suoi protocolli Modulo 5 (Integrazione) Livello Data-Link Abbiamo visto che il Livello Data link provvede a: o offrire servizi al livello network con un'interfaccia ben definita;

Dettagli

Scopi e classificazioni

Scopi e classificazioni Reti di calcolatori Scopi e classificazioni Samuel Rota Bulò DAIS Università Ca Foscari di Venezia Classificazione reti R1.1 Reti Nozione di rete, molto diffusa in diversi contesti Ogni rete corrisponde

Dettagli

Introduzione alle reti locali ad alta velocità: dallo switching al Gb/s

Introduzione alle reti locali ad alta velocità: dallo switching al Gb/s Teach Convegni Networking ad Alta Velocità: le nuove LAN e il Multi-Layer switching Milano, 17-18 novembre 1997 Introduzione alle reti locali ad alta velocità: dallo switching al Gb/s Pier Luca Montessoro

Dettagli

Reti e Internetworking

Reti e Internetworking Titpi di rete - tecnologia trasmissiva Reti e Internetworking Riferimento A. Tanenbaum "Computer Networks" Prentice-Hall, 3a Ed. Elaboratori Rete una rete broadcast Titpi di rete tecnologia trasmissiva

Dettagli

5 - Reti Locali parte B

5 - Reti Locali parte B Università degli studi di Bergamo Università degli studi di Bergamo Dipartimento di Ingegneria dell Informazione e Metodi Matematici Reti di Calcolatori prof. Fabio Martignon 5 - Reti Locali parte B 1

Dettagli

RETI -ARGOMENTI. Prof.ssa D'Angelo - Ti presento le reti - www.meatim.eu

RETI -ARGOMENTI. Prof.ssa D'Angelo - Ti presento le reti - www.meatim.eu RETI -ARGOMENTI 1. Definizione di Internet dal punto di vista fisico 2. Definizione di Internet dal punto di vista logico 3. Le reti di accesso 4. I tre tipi di connessione 5. Le reti locali (L.A.N.) 6.

Dettagli

Informatica Generale Andrea Corradini. 10 - Le reti di calcolatori e Internet

Informatica Generale Andrea Corradini. 10 - Le reti di calcolatori e Internet Informatica Generale Andrea Corradini 10 - Le reti di calcolatori e Internet Cos è una rete di calcolatori? Rete : È un insieme di calcolatori e dispositivi collegati fra loro in modo tale da permettere

Dettagli

Protocolli e standard di LAN IEEE 802.3 - CSMA/CD (Ethernet)

Protocolli e standard di LAN IEEE 802.3 - CSMA/CD (Ethernet) Pagina 1 di 11 Protocolli e standard di LAN IEEE 802.3 - CSMA/CD (Ethernet) Nel documento IEEE 802.3 è standardizzato il sottolivello MAC di una rete locale basata sul protocollo Carrier Sense Multiple

Dettagli

Protocolli e reti di computer (prof. Ettore Panella)

Protocolli e reti di computer (prof. Ettore Panella) Protocolli e reti di computer (prof. Ettore Panella) Topologia delle reti locali Le strutture delle reti sono numerose ma tutte riconducibili a tre tipiche configurazioni fondamentali che sono. a) Rete

Dettagli

Le reti. Introduzione al concetto di rete. Classificazioni in base a

Le reti. Introduzione al concetto di rete. Classificazioni in base a Le reti Introduzione al concetto di rete Classificazioni in base a Software di rete OSI e TCP/IP Definizione di rete Vantaggi delle reti Reti ad architettura centralizzata e distribuita Sistemi aperti

Dettagli

Politecnico di Milano Facoltà di Ingegneria dell Informazione IEEE 802.X

Politecnico di Milano Facoltà di Ingegneria dell Informazione IEEE 802.X Politecnico di Milano Facoltà di Ingegneria dell Informazione IEEE 802.X 1 LAN Il progetto IEEE 802 Comitati IEEE per standardizzare l'evoluzione delle LAN (e MAN) 802.1 Overview, Architecture, Bridging

Dettagli

Simulazione prova scritta di sistemi Abacus per l Esame di Stato. Traccia n 1

Simulazione prova scritta di sistemi Abacus per l Esame di Stato. Traccia n 1 Simulazione prova scritta di sistemi Abacus per l Esame di Stato Traccia n 1 La condivisione delle informazioni e lo sviluppo delle risorse informatiche tramite cui esse possono venire memorizzate e scambiate

Dettagli

Reti di Calcolatori. Telematica: Si occupa della trasmissione di informazioni a distanza tra sistemi informatici, attraverso reti di computer

Reti di Calcolatori. Telematica: Si occupa della trasmissione di informazioni a distanza tra sistemi informatici, attraverso reti di computer Reti di Calcolatori 1. Introduzione 2. Storia 3. Topologia delle reti 4. Livelli della rete protocolli e servizi 5. Progetto dei livelli 6. Modello ISO OSI 7. Internet Protocol suite / / Modello TCP IP

Dettagli

A cura di: Dott. Ing. Elisabetta Visciotti. e.visciotti@gmail.com

A cura di: Dott. Ing. Elisabetta Visciotti. e.visciotti@gmail.com A cura di: Dott. Ing. Elisabetta Visciotti e.visciotti@gmail.com Il termine generico rete (network) definisce un insieme di entità (oggetti, persone, ecc.) interconnesse le une alle altre. Una rete permette

Dettagli

Reti di computer. Agostino Lorenzi - Reti di computer - 2008

Reti di computer. Agostino Lorenzi - Reti di computer - 2008 Reti di computer Telematica : termine che evidenzia l integrazione tra tecnologie informatiche e tecnologie delle comunicazioni. Rete (network) : insieme di sistemi per l elaborazione delle informazioni

Dettagli

Classificazione delle tecniche di accesso multiplo

Classificazione delle tecniche di accesso multiplo Classificazione delle tecniche di accesso multiplo Le tecniche di accesso multiplo si dividono in tre classi: Protocolli deterministici o senza contesa: evitano la possibilità che due utenti accedano al

Dettagli

Modello OSI e architettura TCP/IP

Modello OSI e architettura TCP/IP Modello OSI e architettura TCP/IP Differenza tra modello e architettura - Modello: è puramente teorico, definisce relazioni e caratteristiche dei livelli ma non i protocolli effettivi - Architettura: è

Dettagli

Reti di Calcolatori. Master "Bio Info" Reti e Basi di Dati Lezione 4

Reti di Calcolatori. Master Bio Info Reti e Basi di Dati Lezione 4 Reti di Calcolatori Sommario Software di rete Livello Trasporto (TCP) Livello Rete (IP, Routing, ICMP) Livello di Collegamento (Data-Link) Software di rete Livello Rete (IP, Routing, ICMP) Se i protocolli

Dettagli

Switch di Livello 2 (L2 Switch) Tecniche di Ethernet Switching Tipologie di Switch. Switch di Livello 3 (L3 Switch)

Switch di Livello 2 (L2 Switch) Tecniche di Ethernet Switching Tipologie di Switch. Switch di Livello 3 (L3 Switch) Reti di Telecomunicazioni R. Bolla, L. Caviglione, F. Davoli Switch di Livello 2 (L2 Switch) Tecniche di Ethernet Switching Tipologie di Switch Switch di Livello 3 (L3 Switch) Virtual LAN (VLAN) 23.2 Inizialmente

Dettagli

La rete: modelli di riferimento. La rete: modelli di riferimento. La rete: modelli di riferimento. La rete: modelli di riferimento Indice

La rete: modelli di riferimento. La rete: modelli di riferimento. La rete: modelli di riferimento. La rete: modelli di riferimento Indice Indice 1. Definizioni essenziali 2. Modelli di rete 3. Reti fisiche 4. Protocolli di rete 5. Modelli di riferimento 6. Raffronto tra modelli Architettura degli Elaboratori 2 - T. Vardanega Pagina 275 Definizioni

Dettagli

LAN. Interfacce di rete. La multiplazione. La commutazione

LAN. Interfacce di rete. La multiplazione. La commutazione Interfacce di rete LAN Nei sistemi UNIX, con il termine interfaccia di rete viene indicata una entità logica in grado di scambiare traffico TCP/IP a cui è assegnato un indirizzo di rete, che viene utilizzato

Dettagli

Internet e protocollo TCP/IP

Internet e protocollo TCP/IP Internet e protocollo TCP/IP Internet Nata dalla fusione di reti di agenzie governative americane (ARPANET) e reti di università E una rete di reti, di scala planetaria, pubblica, a commutazione di pacchetto

Dettagli

Linee Commutate. Comunicazione telefonica:

Linee Commutate. Comunicazione telefonica: Linee Commutate Comunicazione telefonica: Un utente compone il numero del destinatario (richiesta di connessione) Il centralino (umano od elettronico), verifica se il numero desiderato esiste e se è libero,

Dettagli

Modulo 8 Ethernet Switching

Modulo 8 Ethernet Switching Modulo 8 Ethernet Switching 8.1 Ethernet Switching 8.1.1 Bridging a livello 2 Aumentando il numero di nodi su un singolo segmento aumenta la probabilità di avere collisioni e quindi ritrasmissioni. Una

Dettagli

Le tecnologie ed i componenti di Ethernet

Le tecnologie ed i componenti di Ethernet Le tecnologie ed i componenti di Ethernet Hub, Bridge, Switch Ethernet Tecnologia LAN dominante: Economica:

Dettagli

5 - Reti locali parte A

5 - Reti locali parte A Università degli studi di Bergamo Università degli studi di Bergamo Dipartimento di Ingegneria dell Informazione e Metodi Matematici Reti di Calcolatori prof. F. Martignon 5 - Reti locali parte A 1 Reti

Dettagli

bridge / switch il cuore delle lan g. di battista, m. patrignani copyright 2011 g. di battista, m. patrignani nota di copyright

bridge / switch il cuore delle lan g. di battista, m. patrignani copyright 2011 g. di battista, m. patrignani nota di copyright bridge / switch il cuore delle lan g. di battista, m. patrignani nota di copyright questo insieme di slides è protetto dalle leggi sul copyright il titolo ed il copyright relativi alle slides (inclusi,

Dettagli

ITIS G. Fauser. Classe 4^ BI. Materia: Sistemi. Anno Scolastico 2013-2014. Docenti: prof.ssa Manuela Cesa, prof. Pasquale Pietrangelo

ITIS G. Fauser. Classe 4^ BI. Materia: Sistemi. Anno Scolastico 2013-2014. Docenti: prof.ssa Manuela Cesa, prof. Pasquale Pietrangelo ITIS G. Fauser Classe 4^ BI Materia: Sistemi Anno Scolastico 2013-2014 Docenti: prof.ssa Manuela Cesa, prof. Pasquale Pietrangelo Numero ore di lezione settimanali: 4 Testi adottati: - Materiale didattico

Dettagli

Reti di calcolatori. Permettono la condivisione di risorse (hardware e software) e la comunicazione con gli altri utenti. Reti di calcolatori

Reti di calcolatori. Permettono la condivisione di risorse (hardware e software) e la comunicazione con gli altri utenti. Reti di calcolatori Reti di calcolatori Permettono la condivisione di risorse (hardware e software) e la comunicazione con gli altri utenti Reti di calcolatori Anni 70: calcolatori di grandi dimensioni, modello time-sharing,

Dettagli

Evoluzione della rete Ethernet

Evoluzione della rete Ethernet Evoluzione della rete Ethernet Contenuti del corso La progettazione delle reti Il routing nelle reti IP Il collegamento agli Internet Service Provider e problematiche di sicurezza Analisi di traffico e

Dettagli

Elementi di Reti per Telecomunicazioni

Elementi di Reti per Telecomunicazioni Elementi di Reti per Telecomunicazioni (Parte II) Topologie ed Interfacciamento di Reti Corso di Telecomunicazioni Anno Accademico 2004/2005 Contenuti Introduzione alle reti di TLC. Topologie di Reti per

Dettagli

Brevi considerazioni sulla Tecnologia. Rete di calcolatori = insieme di nodi collegati mediante link di comunicazione

Brevi considerazioni sulla Tecnologia. Rete di calcolatori = insieme di nodi collegati mediante link di comunicazione Reti di Calcolatori Brevi considerazioni sulla Tecnologia 1 Definizioni Rete di calcolatori = insieme di nodi collegati mediante link di comunicazione Nodi: Calcolatore general purpose Switch o router

Dettagli

Linux User Group Cremona CORSO RETI

Linux User Group Cremona CORSO RETI Linux User Group Cremona CORSO RETI Cos'è una rete informatica Una rete di calcolatori, in informatica e telecomunicazioni, è un sistema o un particolare tipo di rete di telecomunicazioni che permette

Dettagli

Corso di Sistemi di Elaborazione delle informazioni

Corso di Sistemi di Elaborazione delle informazioni Corso di Sistemi di Elaborazione delle informazioni Reti di Calcolatori Claudio Marrocco Componenti delle reti Una qualunque forma di comunicazione avviene: a livello hardware tramite un mezzo fisico che

Dettagli

Reti di Calcolatori: nozioni generali il modello a livelli

Reti di Calcolatori: nozioni generali il modello a livelli Reti di Calcolatori: nozioni generali il modello a livelli Percorso di Preparazione agli Studi di Ingegneria Università degli Studi di Brescia Docente: Massimiliano Giacomin Elementi di Informatica e Programmazione

Dettagli

Lezione 4. Le Reti ed i Protocolli

Lezione 4. Le Reti ed i Protocolli Lezione 4 Le Reti ed i Protocolli Come nasce internet I computer, attraverso i software applicativi, consentono di eseguire moltissime attività. Nel corso degli anni è emersa la necessità di scambiare

Dettagli

Parte II: Reti di calcolatori Lezione 24

Parte II: Reti di calcolatori Lezione 24 Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2013-14 Pietro Frasca Parte II: Reti di calcolatori Lezione 24 Martedì 27-05-2014 1 Una volta che una

Dettagli

INFORMATICA LIVELLO BASE

INFORMATICA LIVELLO BASE INFORMATICA LIVELLO BASE INTRODUZIONE 3 Fase Che cos'è una rete? Quali sono i vantaggi di avere una Rete? I componenti di una Rete Cosa sono gi Gli Hub e gli Switch I Modem e i Router Che cos è un Firewall

Dettagli

Tecnologie per il web e lo sviluppo multimediale. Reti di Calcolatori e Internet

Tecnologie per il web e lo sviluppo multimediale. Reti di Calcolatori e Internet Tecnologie per il web e lo sviluppo multimediale Reti di Calcolatori e Internet Luca Pulina Corso di Laurea in Scienze della Comunicazione Università degli Studi di Sassari A.A. 2015/2016 Luca Pulina (UNISS)

Dettagli

La nascita di Internet

La nascita di Internet La nascita di Nel 1969 la DARPA (Defence Advanced Research Project Agency) studia e realizza la prima rete per la comunicazione tra computer (ARPAnet) fra 3 università americane ed 1 istituto di ricerca.

Dettagli

APPARECCHIATURE DI RETE Ripetitore. Concentratore (HUB) Tipi di concentratori. Connessione di più hub

APPARECCHIATURE DI RETE Ripetitore. Concentratore (HUB) Tipi di concentratori. Connessione di più hub APPARECCHIATURE DI RETE Ripetitore Su una linea di trasmissione, il segnale subisce delle distorsioni e un indebolimento tanto significativo quanto più aumenta la distanza che separa i due elementi attivi.

Dettagli

LE RETI DI COMUNICAZIONE

LE RETI DI COMUNICAZIONE LE RETI DI COMUNICAZIONE (Prima parte) Settembre 2002 I diritti di riproduzione, di memorizzazione elettronica e di adattamento totale o parziale con qualsiasi mezzo, compresi i microfilm e le copie fotostatiche

Dettagli

Lo strato di collegamento: Ethernet Hub Bridge Switch

Lo strato di collegamento: Ethernet Hub Bridge Switch Corso di Laurea in Ingegneria Informatica Corso di Reti di Calcolatori Docente: Simon Pietro Romano spromano@unina.it Lo strato di collegamento: Ethernet Hub Bridge Switch Tecnologie per le LAN Riepilogo

Dettagli