41CPE012 CENTRALE DI ALLARME ANTINCENDIO ATENA EASY INDIRIZZABILE ATENA EASY MANUALE DI INSTALLAZIONE E PROGRAMMAZIONE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "41CPE012 CENTRALE DI ALLARME ANTINCENDIO ATENA EASY INDIRIZZABILE ATENA EASY MANUALE DI INSTALLAZIONE E PROGRAMMAZIONE"

Transcript

1 41CPE012 CENTRALE DI ALLARME ANTINCENDIO ATENA EASY INDIRIZZABILE ATENA EASY MANUALE DI INSTALLAZIONE E PROGRAMMAZIONE ATTENZIONE: leggere attentamente le istruzioni prima di iniziare l installazione del prodotto e conservarle per eventuali necessità future. Le informazioni contenute in questo documento possono essere soggette a cambiamenti senza preavviso

2 Indice 1. INTRODUZIONE Descrizione generale Caratteristiche generali Principali caratteristiche tecniche Ambiente di lavoro Caratteristiche elettriche INSTALLAZIONE Montaggio I componenti del sistema Pannello frontale Disposizione dei moduli nella centrale Descrizione delle connessioni alla scheda madre Collegamento di dispositivi Collegamento delle sirene Collegamento di dispositivi di segnalazione Collegamento degli ingressi specializzati Scheda Espansione loop Lunghezza massima consentita del cavo di cablaggio Collegamento alla rete elettrica Collegamento della batteria ricaricabile Collegamento di una stampante Collegamento della scheda di espansione bus ridondante 41ECB Collegamento del modulo di comunicazione AJAX LAN MODI DI PROGRAMMAZIONE Programmazione mediante il software AtenaProg Programmazione mediante la tastiera della centrale Aggiornamento (update) del firmware Aggiornamento da un PC Aggiornamento da chiavetta USB (USB drive) Come scaricare un file immagine dalla centrale salvarlo su chiavetta USB (USB drive) RESET HARDWARE COMPLETO PROGRAMMAZIONE DELLA CENTRALE Considerazioni generali sulla programmazione e sul funzionamento Codici e livelli di accesso DESCRIZIONE DELLE VISUALIZZAZIONI Visualizzazione degli eventi di allarme Visualizzazione degli eventi di guasto Visualizzazione delle esclusioni impostate Visualizzazione dei test attivi Visualizzazione degli eventi Tacitazione del buzzer interno Tacitazione delle sirene Invio del segnale Evacuazione Funzione Reset Test dell indicazione DESCRIZIONE DEI MENU DI PROGRAMMAZIONE Visualizzazione storico eventi Visualizzazione di tutti gli eventi salvati Visualizzazione di singoli eventi salvati Cancellazione degli eventi salvati nel file di log Stampa di eventi Impostazioni stampante Lavoro con le zone Sottomenu di impiego generale Test della zona Esclusione di una zona Programmazione di parametri di zona Immissione di nome della zona Modalità di funzionamento della zona Immissione di ritardo Т

3 7.2.8 Immissione del gruppo Programmazzione di dispositivi Sottomenu di impiego generale Salvataggio di nuovi dispositivi Eliminazione di dispositivi Esclusione di dispositivi Programmazione dei parametri di un dispositivo Indirizzamento di dispositivi Imposta indirizzo Cambio di indirizzo Autoindirizzamento Programmazione delle uscite della centrale Uscite sirene Uscita per estinzione d incendio Uscita Incendio Uscita Guasto Uscite Relè Le impostazioni principali della centrale Codici di accesso Data e ora Modalità di funzionamento Giorno/Notte Impostazioni della centrale Ritardo Т Modalità di funzionamento sirene Salva configurazione Ripristinare le impostazioni di fabbrica Versione di software Rete Impostazioni Centrali Isolatori attivi Accesso livello ALLEGATO А ALLEGATO B ALLEGATO D ALLEGATO E DoP No: 002 Comelit Group S.p.A. Via Don Arrigoni Rovetta S. Lorenzo BG Italy tel fax EN 54-2:1997/A1:2006/AC:1999 ; EN 54-4:1997/A2:2006/AC: CPE012 Requisiti per la progettazione di centrali di controllo e segnalazione controllate via software Caratteristiche essenziali Prestazioni in caso di incendio Ritardo nella risposta (tempo di risposta all incendio) Affidabilità di funzionamento Durabilità dell affidabilità di funzionamento, resistenza termica Durabilità dell affidabilità di funzionamento, resistenza alle vibrazioni Durabilità dell affidabilità di funzionamento, stabilità elettrica Durabilità dell affidabilità di funzionamento, resistenza all umidità Passato Passato Passato Passato Passato Passato Passato 3

4 1. INTRODUZIONE 1.1. Descrizione generale 41CPE012 è una centrale di allarme antincendio indirizzabile, espandibile fino a 16 zone e fino a 2 loop. La centrale supporta il protocollo di comunicazione Comelit. Ad ogni loop si possono collegare fino a 250 dispositivi (moduli e/o rivelatori, indipendentemente dal tipo) o 180 se con isolatore integrato. Ad ogni zona può essere assegnato un numero casuale di dispositivi, assicurando così l adattamento facile del sistema ad ogni tipo di configurazione. Per evitare o ridurre considerevolmente i problemi durante l installazione del sistema, le operazioni da effetuare vanno pianificate attentamente prima del montaggio definitivo della centrale e dei rivelatori. Ciò comprende l impostazione di indirizzo per ogni dispositivo e l assegnazione di un nome con una lunghezza di fino a 40 caratteri (compresi gli spazi), assicurando così il suo facile rintracciamento nella configurazione del sistema. I dispositivi devono essere raggruppati per aree in conformità alle norme vigenti per la realizzazione di sistemi antincendio e al piano dell edificio Caratteristiche generali Il pannello frontale è composto da un display alfanumerico LCD (4 righe x 40 caratteri), pulsanti funzionali e indicazioni LED. L accesso alle funzioni della centrale è organizzato in tre livelli. La centrale di allarme antincendio è di tipo modulare, nel box c è uno spazio riservato allea scheda di espansione supplementare per il Loop 2 (il Loop 1 è integrato nella scheda madre) e per il modulo per la scheda ridondante. La centrale di allarme antincendio 41CPE012 ha un orologio incorporato ed un calendario, che permettono il funzionamento diurno e notturno. La commutazione tra le due modalità si esegue automaticamente o manualmente. Eventi quali: FIRE (Incendio), RESET, FAULT (Guasto) ecc., vengono salvati nella memoria, creando un file di log degli eventi. Esso contiene l ora e la data dell evento, l indirizzo e il nome del dispositivo, il numero e il nome della zona, ecc Principali caratteristiche tecniche Loop - da 1 a 2 Loop: o Il loop 1 è integrato nella scheda madre o Il loop 2 opzionale, viene collegato alla scheda madre Numero di dispositivi in un loop: o Fino a 250 dispositivi (moduli e/o rivelatori, indipendentemente dal tipo) per ogni loop (fino ad un massimo di 500) o Fino a 180 dispositivi su ogni loop possono avere l isolatore (fino ad un massimo di 360 in totale) 16 zone 4

5 16 gruppi per organizzare le zone 5 uscite supervisionate: o SND1 (Sirena 1) o SND2 (Sirena 2) o FIRE (Incendio) o FAULT (Guasto) - ATTENZIONE: questa uscita si disattiva in caso di guasto. o EXT (Sistema di estinzione) 3 ingressi specializzati: o In AmC* (Ingresso di segnalazione di conferma di allarme inviato dal sistema di estinzione incendio) o In PC* (Ingresso di segnalazione della conferma di attivazione del Sistema di estinzione) In FP (Ingresso di segnalazione di guasto del Sistema di estinzione inviato dal Sistema di estinzione incendio) 4 uscite a relé non supervisionate programmabili Display alfanumerico a LCD (4 righe x 40 caratteri) Orologio alimentato da una batteria al litio integrata - 3V, del tipo CR3032 Memoria per eventi con data e ora Possibilità di programmare la modalità di funzionamento giorno/notte Due livelli di ritardo di allarme (Т1 e Т2) Menu multilingue Aggiornamento del software attraverso un PC o chiavetta USB Conforme alle norme EN54-2/4 Scatola metallica per montaggio a parete: fondo (306х412х81mm) e coperchio (310х416 mm) Ambiente di lavoro Classe di protezione: IP30 Temperatura ambiente di funzionamento: -10ºС a +50ºC Umidità relativa: fino a 95% (senza condensa) Temperatura di immagazzinamento: -10ºС a +60ºC Peso (senza la batteria): ~ 4.2 kg Caratteristiche elettriche Messa a terra La messa a terra va realizzata in conformità alle regole di sicurezza elettrica, la resistenza totale del conduttore di messa a terra deve essere inferiore a 10Ω. È indispensabile che il conduttore di messa a terra sia collegato all ingresso di terra del morsetto della centrale di allarme antincendio vedere il paragrafo 2.4 Collegamento alla rete elettrica. La centrale di allarme antincendio non deve essere installata in prossimità di fonti di forti campi elettromagnetici (radiotrasmittenti, motori elettrici, ecc.)! Alimentazione principale In condizioni normali la centrale di allarme antincendio viene alimentata dalla rete elettrica. In caso di mancanza di alimentazione dalla rete, viene assicurata un alimentazione di backup da una batteria ricaricabile. Le caratteristiche dell alimentatore principale sono le seguenti: Tensione di alimentazione: VAC Frequenza: Hz Uscita: 4.2 А Alimentazione a batteria Tensione all uscita (U): 13,65V Batteria ricaricabile: 1 x 12V / 18Ah, del tipo al piombo, sigillata Resistenza interna della batteria ricaricabile Ri: < 0.3Ω Dimensione massima della batteria ricaricabile: 167х181х76mm Tipo di allacciamento della batteria: con terminale ad occhiello, Ø5mm (M5) e capicorda (a seconda del tipo dei terminali della batteria ricaricabile) 5

6 Capacità di carico Carico massimo per loop: 500 ma DC Carico massimo dell AUX: 500 ma DC Carico massimo delle uscite SND1 e SND2: 500 ma DC Carico massimo delle uscite FIRE, FAULT e EXT: 300 ma DC Uscite programmabili a relè: 15A/24V DC Consumo Dalla rete elettrica in modalità standby: o In configurazione minima: 60 ma o Con il secondo loop supplementare: 65 ma Dall alimentazione a batteria con guasto Mancanza dell alimentazione dalla rete : o In configurazione minima: 125 ma o Con il secondo loop supplementare: 213 ma Elenco dei fusibili Alimentazione principale: 4А, del Tipo Т, lento 5х20mm Uscita per alimentazione supplementare: 0,5А, del Tipo PTC, ripristinabile Batteria: 7.0А, del Tipo РТС, ripristinabili AUX 0.5А, del tipo PTC, ripristinabile FAULT, EXT, FIRE 0.3A, del tipo PTC, ripristinabile BATT 7A, del tipo PTC, ripristinabile Lista degli elementi supplementari, inclusi nella dotazione della centrale di allarme antincendio 41CPE012 1 Resistenza 10k ± 5%, 0.25W n. 6 2 Resistenza 20k ± 5%, 0.25W n. 3 3 Resistenza 47k ± 5%, 0.25W n. 4 4 Vite rapida 4.2х38, a stella DIN7981 n. 4 5 Tassello con collare di contenimento 6х30mm n. 4 6 Fusibile 4А, del tipo lento 5x20mm (per l alimentazione) n. 4 ATTENZIONE! l installazione della centrale va effettuata soltanto da personale qualificato. I componenti elettronici nella centrale sono vulnerabili alle scariche elettrostatiche. Non fare mai modifiche ai collegamenti con l alimentazione principale inserita o la batteria collegata! 6

7 2. INSTALLAZIONE 2.1. Montaggio Centrale di allarme antincendio Atena Easy - 41CPE012 Manuale di installazione e programmazione Scegliere la posizione migliore per la centrale (Figura 1), lontano da caloriferi, locali polverosi o con presenza di acqua, con temperatura ambiente tra -5 C e +50 C. Aprire la scatola della centrale verificare l integrità di tutti i componenti. Aprire il coperchio anteriore e staccare il cavo a nastro per il pannello di visualizzazione frontale e il cavo di terra (Figura 2). Figura 1 Figura 2 Rimuovere il coperchio anteriore, staccando i cardini nel fondo (Figura 3). Figura 3 Scegliere l apertura per il passaggio del cavo di alimentazione principale, i cavi per i loop, sirene, comandi, ecc. Rimuovere solamente gli elementi metallici necessari per il passaggio dei cavi (Figura 4). Figura 4 Elementi sul fondo per montaggio: а) Vista dall alto; b) Vista frontale; c) Vista dal basso. 1 Fori centrali di montaggio. 2 Aperture per passaggio cavi. 3 Aperture per passaggio cavo di alimentazione di rete, protetti con tappo metallico. 4 Aperture supplementari per passaggio cavi, protetti con tappo metallico. 7

8 Usare il disegno presente nella scatola o sul retro di questa per segnare in modo corretto i fori per il montaggio sulla superficie di montaggio. Praticare dei fori nella parete e fissare la scatola usare i tasselli (6х30mm) e fissarlo utilizzando le viti (М4,2х35, DIN7981). Far passare tutti i cavi esterni nella scatola per eseguire i collegamenti, NON COLLEGARLI. FAR PASSARE IL CAVO DI ALIMENTAZIONE ATTRAVERSO L APERTURA SCELTA TENENDOLO LONTANO DALLE CONNESSIONI A BASSA TENSIONE. Collegare i cavi per l alimentazione e la messa a terra al terminale senza dare alimentazione (vedere Figura 16). Inserire la batteria ricaricabile. Riporre il coperchio anteriore, attaccando i cardini sul fondo in ordine inverso a quello descritto nella Figura 3. Collegare il cavo a nastro per il pannello di visualizzazione frontale e il cavo di terra (Figura 2). Chiudere il coperchio anteriore I componenti del sistema Pannello frontale Descrizione degli elementi: 1 Indicazione LED con descrizione degli eventi. 2 - Indicazione LED per le zone. 3 - Display alfanumerico LCD (4х40). 4 - Tasti funzione digitali. 5 - Tasti per navigazione e comando. Figura Descrizione dell indicazione LED degli eventi: LED Indicazione / Descrizione Allarme Incendio (rosso) Guasto (giallo) Guasto CPU (giallo) Ritardo (giallo) Esclusioni (giallo) Test (giallo) Sirene Guaste/ Escluse (giallo) Conferma Allarme Incendio (giallo) Uscita Allarme Guasta/ Esclusa (giallo) Estinzione Avviata (giallo) Guasto Estinzione (giallo) Tensione di Rete (verde) Tacitazione Sirene (giallo) Acceso fisso in caso di evento di allarme, dopo l invio di un segnale da un rivelatore o da un pulsante, o da altro dispositivo esterno. Acceso fisso in caso di guasto nel sistema. Acceso fisso in caso di guasto nel processore della centrale. Acceso fisso se impostata la modalità giorno o se è stato impostato un ritardo per una o più uscite. Acceso fisso se sono state effettuate delle esclusioni nel Sistema. Acceso fisso in modalità TEST. Acceso fisso in caso di esclusione di una o più sirene. Lampeggiante in caso di guasto di una o più sirene. Acceso fisso in caso di attivazione dell ingresso In AmC Acceso fisso in caso di esclusione dell uscita allarme FIRE. Lampeggiante in caso di guasto dell uscita allarme FIRE. Acceso fisso quando viene confermata l attivazione del Sistema di estinzione rilevato sull ingresso In PC. Acceso fisso in caso di attivazione dell ingresso In FP per la segnalazione di guasto del Sistema di estinzione. LED acceso fisso nel funzionamento normale, indica la presenza della tensione di alimentazione di rete. Acceso fisso con sirene tacitate nel sistema (il LED si trova accanto al pulsante). 8

9 2 Descrizione dell indicazione LED per le zone usate: LED Indicazione/ Descrizione Indicazioni delle zone 1 16 Acceso fisso in caso di allarme in una zona. Lampeggiante quando la zona è in modalità TEST. 3 Descrizione del display LCD La centrale antincendio 41CPE012 - ATENA EASY per sistemi indirizzati ha un display LCD da 4 righe per 40 simboli. L utente può inserire i nomi dei dispositivi e delle zona utilizzando i pulsanti di navigazione e regolare l intensità della retroilluminazione. 4 Descrizione dei tasti funzione digitali: Tasto Descrizione Pulsante funzione 1-4 I pulsanti sono attivi per I livelli di accesso utente 2 e 3 e hanno le seguenti funzioni: - Inserimento del codice di accesso - Accesso ai sotto menu di funzione - Cambio dei valori o parametri 5 Descrizione dei pulsanti di navigazione e controllo: Pulsante Azione Descrizione Tacitazione buzzer Tacitazione sirene Reset Evacuazione Test del buzzer e dei LED ENTER Il pulsante è attivo con livello utente 1, 2 e 3. Il pulsante tacita il buzzer interno (ad eccezione per l evento di guasto del sistema di estinzione). Il pulsante è attivo con livello utente 2 e 3. Il pulsante tacita le sirene in caso di allarme. Dopo aver premuto il pulsante il LED giallo presente su di esso si accende. La pressione successiva attiva nuovamente le sirene e disattiva il LED. Il pulsante è attivo con livello utente 2 e 3. Il pulsante resetta la centrale senza togliere l alimentazione. Il pulsante è attivo con livello utente 1*,2 e 3. Il pulsante attiva immediatamente le sirene, il ritardo eventualmente impostato viene ignorato. *Nel caso di evento allarme incendio in una zona. Il pulsante attiva tutti i LED del pannello frontale della centrale. La pressione successiva disattiva il test. Il pulsante è attivo con livello utente 1, 2 e 3. Utilizzare il pulsante per confermare l inserimento dei parametri di programmazione. Nei menu dei dispositivi e delle zone utilizzare il pulsante per entrare nei sottomenu per cambiare i nomi e gli stati. CANCEL Pulsanti di navigazione Il pulsante è attivo con livello utente 1,2 e 3. Utilizzare il pulsante per annullare l inserimento dei parametri di programmmazione. Ogni pressione permette di tornare al menu precedente. Premere più volte il pulsante per uscire dal menu di programmazione. Il pulsante è attivo con livello utente 2 e 3. Utilizzare le frecce per scorrere i menu. Nel menu di programmazione i pulsanti cambiano i valori e permettono di muoversi nei campi modificabili. 9

10 2.2.2 Disposizione dei moduli nella centrale 1 - Scheda madre 2 - Scheda di espansione per il Loop 2 (potrebbe non essere presente nella configurazione del vostro sistema) 3 - Alimentatore 4 - Terminale 220V per collegamento del cavo principale di alimentazione 5 - Vano batteria ricaricabile, 1 х 12V/ 18Ah 6 - Spazio per il montaggio del modulo di comunicazione AJAX LAN 7 - Spazio per il montaggio del modulo RS485 per la rete ridondante Figura 6 Disposizione dei moduli nella centrale: Descrizione delle connessioni alla scheda madre Figura 7 Scheda madre della centrale di allarme antincendio Atena Easy - 41CPE012 10

11 Descrizione della morsettiera (da sinistra a destra): RELAY 1-4 Uscite a relé programmabili con contatto libero da potenziale. Corrente massima per ogni uscita: 15A/24V DC. Ogni uscita ha un contatto in scambio NO (normalmente aperto) e NC (normalmente chiuso). FAULT - Uscita supervisionata per connessione di dispositivi ausiliari, 24 VDC/ 0.3А. Questa uscita si disattiva in caso di guasto. EXT - Uscita supervisionata per Sistema di estinzione, 24 VDC/ 0.3А. FIRE - Uscita supervisionata per il collegamento di dispositivi ausiliari (ad esempio dispositivi di segnalazione), 24 VDC/ 0.3А. Questa uscita si attiva in caso di incendio. AUX - Uscita alimentazione per dispositivi ausiliairi, 24 VDC/ 0.5А. SND 1, SND 2 - Uscite supervisionate per il collegamento di sirene, 24 VDC/ 0.5А. IN PC - (Input Protection Alarm Confirmation) Ingresso di segnalazione della conferma di attivazione del Sistema di estinzione inviato dal Sistema di estinzione incendio. IN FP - (Input Fault Protection Panel) Ingresso di segnalazione di guasto del Sistema di estinzione inviato dal Sistema di estinzione incendio. IN AmC (Input Alarm Confirmation) Ingresso di segnalazione di conferma di allarme inviato dal sistema di estinzione incendio. LOOP 1 (-LOOP+ / +ERT / -LOOP+) Morsetti di collegamento del Loop 1. LOOP 2 - Connettore per l aggiunta di una scheda di espansione 1 Loop 41CPE012 (per Loop 2). INDICATION Connettore per il collegamento del pannello di commando frontale. POWER Connettore di collegamento dell alimentatore. JP7 Jumper per abilitare/disabilitare la batteria interna per mantenere ora e data in caso di mancanza dell alimentazione e della batteria di backup PRINTER Connettore per collegamento stampante RS232. USB UTG Connettore micro USB A/B per aggiornamento firmware del microprocessore principale e per la programmazione della centrale attraverso il software di programmazione Atena Prog. BATT Connettore con cavi rosso e nero per il collegamento della batteria di backup del sistema. I 2 connettori dispongono di un puntale che può essere rimosso per il collegamento a diversi tipi di batteria. Restore Defaults Jumper per il reset hardware della centrale per il ripristino delle condizioni di fabbrica. Earth Fault Jumper for abilitare/disabilitare l indicazione del guasto messa a terra. NET Connettore per il collegamento della scheda di espansione BUS ridondante. Ajax Connettore per il collegamento dell interfacia AJAX LAN. Indicazioni LED: LED 1 (rosso) Indicazione della scansione dei dispositivi nel Loop 1. Nella modalità di funzionamento normale lampeggia ogni 10 sec. LED 2 (verde) Indicazione di scambio di dati tra il microprocessore principale della centrale ed il controllore del Loop1. Nella modalità di funzionamento normale lampeggia continuamente. Figura 8 Struttura di un contatto relè Figura 9 Collegamento alla scheda di espansione Loop Sonda di temperatura: Nella parte inferiore della scheda della centrale è presente un cavetto con la sonda di temperatura per la rilevazione della temperatura di funzionamento della batteria. E' necessario posizionare la sonda di temperatura sotto la batteria. 11

12 2.3. Collegamento di dispositivi Le uscite supervisionate SND erogano Le uscite supervisionate FAULT, EXT e FIRE erogano È necessario collegare la resistenza di terminazione da 10kОhm su ognuna delle uscite in parallelo al dispositivo più lontano dalla centrale. vedere figure 10 e 11! Collegamento delle sirene Ad ogni uscita supervisionata SND si possono collegare più sirene come indicato in Figura 10. Il numero massimo di sirene che possono essere inserite nel circuito, dipende dalla somma del loro consumo, il quale non deve superare 0.5А. In parallelo al circuito si deve aggiungere obbligatoriamente una resistenza di terminazione del valore di 10kΩ. Sirena 1 Sirena 2 Sirena N Figura 10 Collegamento di sirene alle uscite SND Collegamento di dispositivi di segnalazione Ad ogni uscita supervisionata FAULT, EXT e FIRE si possono collegare dispositivi di segnalazione o altro come indicato in Figura 11. La somma dei consumi dei dispositivi collegati non deve superare 0.3А. In parallelo al circuito si deve aggiungere obbligatoriamente una resistenza di terminazione del valore di 10kΩ. Figura 11 Esempio di collegamento di un dispositivo di indicazione all uscita FIRE Collegamento degli ingressi specializzati Le Figure 12 а) e b) rappresentano gli schemi di collegamento degli ingressi specializzati della centrale 41CPE012. а) Schema di collegamento di un relé ad un ingresso Figura 12 Esempi di collegamento agli ingressi specializzati IN XX b) Schema di collegamento di un uscita open collector ad un ingresso 12

13 2.3.4 Scheda Espansione loop La centrale 41CPE012 supporta il collegamento della scheda di espansione 1 loop 41ECL022 tramite il protocollo di comunicazione Comelit. Esso ha due funzioni principali: Raccogliere dati dai dispositivi connessi al loop e trasmetterli verso la centrale; Ricevere comandi dalla centrale e trasmetterli verso i dispositivi connessi al loop. Alla scheda di espansione 41ECL022 possono essere collegati al massimo 250 dispositivi (fino a 180 con isolatore). Lo schema di collegamento dei dispositivi al loop è mostrato in Figura13. La corrente massima che può essere assorbita dai dispositivi connessi con il bus di comunicazione, è Imax = 500mA. Se il consumo supera tale valore, scatta la protezione di sovraccarico. Rivelatore 1 Rivelatore 2 Rivelatore N Figura 13 Collegamento di rivelatori alla scheda di espansione Alla centrale indirizzabile 41CPE012 è possibile collegare un loop. Per aggiungere il secondo loop è necessario aggiungere l espansione 41ECL022 vedere Figura14. ATTENZIONE! Disconnettere sempre l alimentazione dalla rete e la batteria quando si aggiunge o si toglie una scheda di espansione dalla configurazione della centrale! 41CPE012 Scheda madre 41ECL022 LOOP - Collegare la scheda aggiuntiva del loop al connettore LOOP 2 della scheda madre della centrale. - Fissare l espansione con le viti. LED 1/ LED 2 Le indicazioni LED relative agli stati sono le stesse della centrale vedere la descrizione a pag. 11. Figura 14 Aggiunta dell espansione loop 41ECL022 13

14 2.3.5 Lunghezza massima consentita del cavo di cablaggio La lunghezza del loop varia a seconda della sezione e della resistenza del cavo usato per collegare i singoli rivelatori all espansione 41ECL022. ATTENZIONE! Al controllore di loop 41ECL022 Loop possono essere collegati fino a 250 dispositivi, indipendentemente dal tipo, 180 con isolatore interno! Per assicurare un funzionamento corretto del sistema, è necessario eseguire i seguenti calcoli: 1. Affinché la centrale possa ricevere i segnali dai dispositivi, calcolare: L C1max 123 / R C 2. Affinché la centrale possa individuare gli indirizzi duplicati nel sistema, calcolare: L C2max 62 / R C 3. Affinché i dispositivi possano ricevere comandi dalla centrale, calcolare: L C3max (12 / Imax - R i ) / R C ove: L C1max, L C2max, L C3max sono le lunghezze massime consentite del cavo usato, [km]; R C è la resistenza complessiva dei due conduttori del cavo usato per cablaggio; il suo valore indica la resistenza del cavo, con una lunghezza di 1km [Ω/km]; R i - è la resistenza degli isolatori nel loop; I max - è la corrente massima del loop la somma dei consumi massimi di tutti i dispositivi nel loop*. *N.B.: se si utilizzano dispositivi Comelit: 41RCS000, 41RFU000, 41RML000, 41SAI000, 41SCI000, 41SAB000, 41PAM000 e 41ISC000, in Imax è necessario includere il consumo massimo in stato di allarme dei 15 dispositivi aventi il consumo maggiore, mentre per i rimanenti dispositivi è neessario inserire il consumo nella modalità standby. LC - è la lungezza necessaria del cavo, con il quale si farà cablaggio dei dispositivi del loop. Dopo aver effettuato i calcoli, la lunghezza massima del cavo viene determinata nel seguente modo: Con LC LC2max e LC LC3max la centrale può comunicare con i dispositivi e individuare la presenza di indirizzi duplicati. Con LC2max < LC LC1max e LC LC3max la centrale può comunicare con i dispositivi, ma non individuerà la presenza di indirizzi duplicati. ATTENZIONE! Calcolare sempre la lunghezza massima consentita del cavo secondo le formule impostate! Se L C > L C1max o L C > L C3max la centrale non potrà comunicare con i dispositivi. Il collegamento di rivelatori, pulsanti manuali e moduli, mostrato in Figura 15, permette di preservare il circuito ed evitare messa fuori servizio dell intero impianto in caso di corto circuito. Per esempio un corto circuito nel Gruppo 2 non si rifletterà sul funzionamento dei gruppi 1 e 3. Gli isolatori all inizio e alla fine del Gruppo 2 lo isoleranno, mentre i Gruppi 1 e 3 continueranno a funzionare, il Gruppo 1 sarà alimentato dal Canale А, mentre il Gruppo 3 dal Canale В. Siccome la centrale non potrà comunicare con i dispositivi del Gruppo 2, essa genererà un segnale di linea interrotta, e di perdita dei dispositivi del Gruppo 2. Il numero massimo consigliato di dispositivi, che possono essere collegati tra due isolatori (modulo isolatore oppure uso di isolatori incorporato nei dispositivi), è 30! 14

15 Dispositivo con isolatore Dispositivo con isolatore Gruppo 2 Gruppo 1 Gruppo 3 Canale А Canale В Figura 15 Collegamento tipico di rivelatori, pulsanti manuali e moduli ad un loop (quello integrato nella scheda madre, o la scheda di espansione 41ECL022 Loop) 2.4. Collegamento alla rete elettrica L alimentazione di rete della centrale 41CPE012 viene portata atraverso il cavo di alimentazione al terminale 220V, montato nella scatola della centrale sotto l alimentatore. La connessione del cavo di alimentazione al terminale 220V è mostrato in Figura16. Controllare sempre, prima di collegare l alimentazione di rete, le connessioni ai loop, alle sirene, nonché i collegamenti di tutti gli ingressi e uscite alla centrale! 41CPE012 Scheda madre Fusibile 4А di tipo lento Alimentatore Figura 16. Collegamento del cavo di alimentazione al terminale 220V 2.5. Collegamento della batteria ricaricabile I terminali per collegamento della batteria ricaricabile si trovano alla base della scheda madre della centrale. Il collegamento alla batteria ricaricabile è mostrato in Figura 17. ATTENZIONE: non collegare la batteria ricaricabile prima di collegare l alimentazione di rete! La carica della batteria ricaricabile si fa a corrente massima di I = 2A e tensione U = 13.65V ±1%. 15

16 41CPE012 Scheda madre Attenzione: Nel collegare la batteria ricaricabile alla centrale, vanno presi in considerazione alcuni particolari. Usare soltanto una batteria che ha le caratteristiche elettriche e le dimensioni indicate dal produttore. Prima del collegamento verificare la polarità della batteria. Figura 17. Collegamento della batteria Nero Batteria ricaricabile Rosso Posizionare l'estremità del conduttore con la sonda di temperatura (connesso alla scheda madre della centrale) sotto la batteria per rilevare la sua temperatura di funzionamento corretta Collegamento di una stampante La centrale indirizzabile 41CPE012 dispone del connettore di interfaccia RS232, ubicato nel centro della scheda madre per il collegamento di una stampante termica esterna. Ciò permette al tecnico di assistenza di stampare gli eventi salvati nella memoria della centrale, relativi ad allarmi, guasti e azioni nella programmazione. La capacità della memoria è di eventi, nei quali vengono riportati data e ora vedere il paragrafo La centrale indirizzabile 41CPE012 è compaibile con stampanti esterne del tipo Kafka e Datecs. Per collegare la centrale alla stampante è necessario realizzare un cavo speciale collegare due connettori maschi DB9-DB9 (Datecs) e DB9-DIN5 (Kafka), come indicato nella Figura 18. Prima di iniziare a stampare dal livello di accesso Manutenzione o Installatore, accertarsi che la stampante termica sia collegata al connettore PRINTER della scheda madre e che sia alimentata. Al pannello Alla stampante Datecs DB9 DB9 Al pannello Alla stampante Kafka DB9 DIN5 Figura Collegamento della scheda di espansione bus ridondante 41ECB000 (supportata dalla versione firmware 2.8 o superiore) La centrale indirizzabile 41CPE012 può essere collegata in una rete di centrali dello stesso tipo e/o a centrali ATENA (fino a 32 centrali in rete). La scheda di rete viene montata sotto la scheda madre e i suoi terminali vengono collegati al connettore NET vedere Figura 19. La scheda viene attaccata con viti al fondo del contenitore. La lunghezza massima del cavo tra due schede di rete è di 1000 metri. Attenzione: La scheda espansione 41ECB000 deve essereaggiunta alla configurazione della centrale e collegata alla scheda madre della centrale 41CPE012 solo CON L ALIMENTAZIONIE PRINCIPALE E LA BATTERIA SCOLLEGATE! 41CPE012 Pannello Figura 19 Scheda di rete 41ECB Collegamento del modulo di comunicazione AJAX LAN La centrale indirizzabile 41CPE012 è predisposta per il monitoraggio dell impianto per mezzo di uno speciale modulo di comunicazione AJAX. Il monitoraggio si può effettuare con connessione LAN, a seconda del tipo di modulo usato. Il modulo di comunicazione viene montato sotto il circuito stampato della seconda scheda di espansione, e attaccato con viti al fondo del contenitore. Il collegamento si effettua con un cavo tra il connettore di interfaccia AJAX della scheda madre della centrale 41CPE012 e il connettore di interfaccia del modulo di comunicazione. Attenzione: Il modulo di comunicazione deve essere aggiunto alla configurazione della centrale e collegato alla scheda madre della centrale 41CPE012 solo CON L ALIMENTAZIONIE DI RETE E LA BATTERIA SCOLLEGATE! 16

17 3. MODI DI PROGRAMMAZIONE Centrale di allarme antincendio Atena Easy - 41CPE012 Manuale di installazione e programmazione 3.1. Programmazione mediante il software AtenaProg Il software specializzato AtenaProg è stato progettato per programmare centrali di allarme antincendio Atena e Atena Easy. Per programmare la centrale Atena Easy 41CPE012 mediante il software AtenaProg, si deve installare il software su un PC. Per collegarlo alla scheda madre viene usato il cavo MicroUSB / B - USB / A, vedere la Figura CPE012 Scheda madre AtenaProg Figura 20. Programmazione con il software AtenaProg 3.2. Programmazione mediante la tastiera della centrale La centrale indirizzabile Atena Easy 41CPE012 può essere programmata direttamente per mezzo dei pulsanti del pannello frontale. I pulsanti del pannello frontale sono distribuiti in tre gruppi: Tasti funzione digitali per ingresso nei sottomenu, variazione dello stato di un parametro, introduzione di combinazioni di codice per l accesso come Installatore e Manutenzione. Tasti per navigazione frecce per spostamento del cursore e passaggio tra diversi campi per l editing, conferma di parametri introdotti, rifiuto di impostazioni, e passo indietro nei menu di programmazione. Pulsanti specializzati per funzioni Utente - Tacitazione buzzer, Tacitazione sirene, Reset, Evacuazione, Test del buzzer e dei LED. La descrizione di tutti i pulsanti presenti sul pannello frontale è riportata dettagliatamente nel paragrafo La descrizione dei menu per programmazione da Installatore e Manutenzione, è riportata nel paragrafo Aggiornamento (update) del firmware ATTENZIONE! L aggiornamento del firmware del microcontrollore principale della centrale 41CPE012 va effettuato soltanto da personale qualificato! Aggiornamento da un PC Per eseguire l aggiornamento da un PC, è necessario avere il file per l aggiornamento (con estensione *.bin) salvato sul PC. Collegare la centrale al PC con un cavo MicroUSB / B - USB / A. Immettere una password per il livello di accesso 2 o 3, e scegliere il menu 9) VERSIONE SOFTWARE. Attendere che nelle periferiche di archivio del PC venga riconosciuta la centrale e appaia come un nuovo dispositivo di archiviazione. Sulla centrale viene visualizzato automaticamente quanto segue: Rilevato Host USB 1. Copia file immagine su disco removibile 2. Espelli disco removibile > Centrale configurata Copiare dal PC il file immagine (con espansione *.bin) nella nuova periferica visualizzata come disco rimovibile. Dopo aver eseguito la copia del file rimuovere il disco rimovibile cliccando con il tasto destro e selezionando Rimuovi. 17

18 Se i dati nel file immagine copiato sono corretti, la centrale inizia la procedura di aggiornamento del firmware del microprocessore principale della centrale, accompagnata da suono intermittente. Staccare il cavo USB. Dopo la conclusione dell aggiornamento, la centrale verrà riavviata automaticamente Aggiornamento da chiavetta USB (USB drive) Per fare l aggiornamento da una chiavetta USB, è necessario copiare preliminarmente il file con l aggiornamento (con espansione *.bin) nella directory principale dela chiavetta. Il nome del file non deve superare 8 caratteri. Collegare il cavo USB MicroUSB / A - USB / A alla centrale. Immettere la password per il livello di accesso 2 o 3, e selezionare il menu 9) VERSIONE SOFTWARE. Inserire la chiavetta USB, che contiene il nuovo file immagine (con espansione *.bin). N.B.: 1. La centrale esegue la scansione dei file soltanto dalla directory principale (route). 2. Il nome del file deve obbligatoriamente avere una lunghezza massima di 8 caratteri. Attendere la fine della procedura di sincronizzazione. Nella riga inferiore del display della centrale apparirà il testo lampeggiante Premere "ENTER" per continuare. Premere il tasto ENTER e attendere che appaia l informazione sulla capacità della chiave USB. Nella riga più in basso del display della centrale appaiono due tasti attivi (2) INVIA e (3) RICEVI. Premere il tasto (2) INVIA. Sul display appare l elenco dei file immagine presenti nella chiavetta USB (con espansione *.bin), e la versione del software viene mostrata a destra, per esempio: 0:/41CPE012/41CPE0122_0.BIN v 2.80 Selezionare il file da caricare usando i tasti con le frecce il file selezionato lampeggia. Selezionare il file desiderato e confermare con il tasto ENTER. La centrale inizia a caricare il file dalla chiavetta USB. Attendere un suono intermittente. Disinserire il cavo USB. Finita la procedura di aggiornamento la centrale si riavvia automaticamente Come scaricare un file immagine dalla centrale salvarlo su chiavetta USB (USB drive) Collegare il cavo MicroUSB / B - USB / A alla centrale Immettere la password per il livello di accesso 2 o 3, e selezionare il menu 9) VERSIONE SOFTWARE.. Inserire la chiavetta USB. Attendere la fine della procedura di sincronizzazione. Nella riga inferiore del display della centrale apparirà il testo lampeggiante. Premere il tasto ENTER e attendere che appaia l informazione sulla capacità della chiave USB. Nella riga più in basso del display della centrale appaiono due tasti attivi (2) INVIA e (3) RICEVI. Premere il tasto (3) INVIA la centrale scarica e salva il file immagine del firmware caricato nella centrale, nella chiave USB all interno della cartella 41CPE RESET HARDWARE COMPLETO Il reset hardware completo della centrale permette di ripristinare tutte le impostazioni di fabbrica, nonché le password di accesso impostate di default, sia per il livello 2 (Manutenzione) che per il livello 3 (Installatore). Per effettuare un reset completo procedere come segue: 1. Togliere l alimentazione di rete scollegare la batteria della centrale. 2. Inserire il jumper presente sulla scheda madre RESTORE DEFAULTS. 3. Inserire l alimentazione di rete e collegare la batteria. 4. Attendere la procedura di inizializzazione della centrale. 5. Rimuovere il jumper dai morsetti RESTORE DEFAULTS. 18

19 5. PROGRAMMAZIONE DELLA CENTRALE 5.1. Considerazioni generali sulla programmazione e sul funzionamento La programmazione e l impostazione dei parametri della centrale 41CPE012 si possono fare direttamente dai tasti funzione sul pannello frontale della centrale. I menu di programmazione sono organizzati in una struttura ad albero e vengono visualizzati sul display alfanumerico LCD (4 righe x 40 caratteri). L accesso alle funzioni della centrale è organizzato in tre livelli di accesso vedere paragrafo 5.2. Quando sviene alimentata, la centrale passa sempre attraverso una procedura di caricamento di parametri, che si svolge in circa 5-6 sec. Durante tale procedura non è possibile accedere ai menu della centrale. Al primo avvio, nella centrale non c è alcuna configurazione memorizzata. L inizializzazione può richiedere da 30 secondi a qualche minuto. Il tempo dipende dal numero dei dispositivi di loop collegati su entrambi i loop. Durante l esecuzione della procedura il simbolo appare in alto a destra sul display. Questo simbolo apparirà sempre quando sono in corso procedure simili (reset o riconoscimento dispositivi). Immediatamente dopo l alimentazione e dopo l inizializzazione, sul display della centrale appaiono i messaggi di allarmi e guasti, se presenti. Le informazioni possono essere visualizzate da tutti i livelli di utente. Le indicazioni appaiono con la seguente priorità: Indicazioni - Gruppi ALLARMI GUASTI ESCLUSIONI TEST AVVISI Priorità Massima Alta Normale Normale Bassa Il nome del gruppo di indicazioni che appaiono lampeggia insieme al numero del messaggio. Dopo aver premuto il tasto ENTER sul display appare informazione relativa alla data e ora dell evento. Il gruppo ALLARMI ha la massima priorità di visualizzazione. La centrale di allarme antincendio indirizzabile 41CPE012 supporta diverse lingue. Per impostare una lingua all accensione della centrale accedere al menu SETUP GENERALE CONFIGURAZIONE CENTRALE. Usare il tasto ENTER per entrare nei menu di programmazione e confermare l impostazione immessa, i tasti funzione digitali per introdurre codici di accesso, e le frecce in su e in giù per spostarsi tra i menu Codici e livelli di accesso Sono presenti tre livelli di accesso per Utente, Manutenzione e Installatore, i quali hanno accesso a differenti funzioni. Per l accesso ai menu Manutenzione e Installatore è necessario immettere il relativo codice di accesso. Livello Descrizione Codice di fabbrica 1 Utente - 2 Manutenzione Installatore 3333 Accesso Sono attivi soltanto i tasti Tacitazione buzzer ed Evacuazione*. Non è permesso l accesso ai menu Manutenzione e Installatore. * Soltanto nei casi in cui è presente un allarme inviato da un dispositivo Sono attivi i tasti Tacitazione buzzer, Tacitazione sirene, Azzeramento ed Evacuazione. È permesso l accesso al menu Manutenzione, il quale permette la parziale programmazione e visualizzazione delle impostazioni. Sono attivi i tasti Tacitazione buzzer, Tacitazione sirene, Azzeramento ed Evacuazione. È permesso l accesso al menu Installatore, il quali permette la completa programmazione e impostazione di parametri. L inserimento dei codici viene visualizzata con il simbolo. Dopo aver immesso un codice valido, l ingresso al menu è automatico. I codici di accesso possono essere modificati soltanto dal menu Installatore IMPOSTAZIONI GENERALI CODICI DI ACCESSO. Per ogni livello di accesso è possibile eseguire diverse operazioni mostrate nella tabella seguente: 19

20 I menu di programmazione e impostazione Le modalità dal display principale e dai tasti Centrale di allarme antincendio Atena Easy - 41CPE012 Manuale di installazione e programmazione Modalità/ Menu Descrizione Livello di accesso ALLARMI Visualizzazione dei messaggi su eventi di allarme. GUASTI Visualizzazione dei messaggi relativi a guasti. ESCLUSIONI Visualizzazione delle esclusioni. TEST Visualizzazione dei test attualmente attivi. AVVISI Visualizzazione dei messaggi di avvertimento. Tacitazione buzzer Tacitazione della segnalazione sonora del buzzer interno. Tacitazione sirene Reset Evacuazione Test Visualizzazione di eventi Tacitazione della segnalazione sonora delle sirene. Il LED accanto al tasto si accende fisso. Riavvio del pannello senza togliere l alimentazione principale e di backup. Invio del segnale di evacuazione; i ritardi di attivazione immessi vengono ignorati e le sirene si attivano subito. Esecuzione di un test generale delle indicazioni LED e del buzzer. Visualizzazione di tutti gli eventi nel sistema; stampa di tutti gli eventi o di parte di essi; cancellazione della memoria. * Zone Stato delle zone; impostazione di nome; programmazione di parametri; prova della capacità di lavoro. Programmazione di dispositivi Impostazione del nome; programmazione di parametri. Indirizzamento: Menu per indirizzamento dispositivi. - Impostazione di indirizzo Impostazione dell indirizzo del singolo dispositivo. Cambio di indirizzo Cambio indirizzo del dispositivo. Autoindirizzamento Modalità automatica di autoindirizzamento. Programmazione dei parametri delle uscite integrate nella Uscite del pannello centrale: SIRENE, ESTINZIONE, INCENDIO, GUASTO, USCITE RELÈ. Impostazioni principali: Impostazioni generali sul funzionamento del pannello. - Codici di accesso Cambio dei codici di accesso Manutenzione e Installatore; abilitazione / disabilitazione di uscita automatica dal menu Installatore. Data e ora Impostazione di data e ora. Modalità Diurna/ Notturna Impostazioni del pannello Programmazione di modalità diurna/ notturna. Cambio della lingua, impostazione della luminosità della retroilluminazione dello schermo. Ritardo Т1 Programmazione del ritardo Т1. Modalità sirene Programmazione del funzionamento delle uscite SIRENE. Salvataggio della configurazione Salvataggio della configurazione del sistema. Impostazioni di fabbrica Ripristino delle impostazioni di fabbrica. Versione software Visualizzazione dell attuale revisione del software. Rete Impostazioni sul collegamento in rete della centrale. Isolatori attivi Visualizzazione degli isolatori che sono intervenuti nel sistema. Accesso livello 1 Ritorno al livello di accesso 1. * Soltanto per i casi in cui vi è un segnale di allarme inviato da un dispositivo - Le modalità o i menu non sono supportati per questo livello di accesso - Le modalità o i menu possono essere soltanto visualizzati o parzialmente programmati 20

21 6. DESCRIZIONE DELLE VISUALIZZAZIONI In questo punto si possono trovare descrizioni dettagliate delle visualizzazioni della centrale 41CPE012. Le visualizzazioni dei messaggi sono accessibili dal Livello 1 senza richiedere l introduzione di un codice. In mancanza di messaggi di allarme, guasto o avvertimenti, e in caso non ci siano esclusioni o test di zone in corso, la centrale si trova in modalità normale e sul display sono visualizzate soltanto informazioni relative al giorno, la data e l ora. All accesso con ogni livello la centrale mostra informazioni e messaggi di testo relativi ad eventi. Una lista degli eventi visualizzabili è riportata nell Allegato А Visualizzazione degli eventi di allarme Gli eventi relativi ad allarmi verificatisi hanno la priorità più alta. In caso di situazione di allarme sul display viene mostrata una lista di eventi, la modalità ALLARMI lampeggia, insieme al numero del primo allarme. Sopra il pulsante 1 viene scritto anche il numero totale di allarmi presenti. Il LED ALLARME INCENDIO si accende insieme al numero della zona dove l allarme si è verificato. Il buzzer della centrale si attiva. E possibile disattivarlo premendo il tasto TACITAZIONE BUZZER. Le sirene si disattivano premendo TACITAZIONE SIRENE dai livelli di accesso 2 e 3. Esempio: L utente può visualizzare informazioni supplementari su ogni evento di allarme, selezionandolo con le frecce su/giù (il numero dell evento selezionato lampeggia). Premendo il tasto ENTER appaiono le informazioni supplementari sul numero del loop dove si è verificato l allarme, l indirizzo del rivelatore che si è attivato e data e ora dell evento. Le informazioni supplementari variano a seconda del tipo di messaggio. Per uscire dalla modalità di visualizzazione degli allarmi premere il tasto CANCEL Visualizzazione degli eventi di guasto Gli eventi relativi a guasti hanno la priorità più alta dopo gli eventi di allarme. I messaggi vengono visualizzati e poi cancellati automaticamente dopo il ripristino del guasto. Esempio: L utente può visualizzare informazioni supplementari su ogni evento di guasto, selezionandolo con le frecce su/giù (il numero dell evento selezionato lampeggia) e premendo il tasto ENTER. Nel caso in cui nel sistema ci sono allarmi attivi, ma l utente vuole visualizzare le informazioni relative a guasti, si deve premere il tasto 2 GUASTI. Sul display verranno visualizzati i messaggi di guasto. La visualizzazione si esegue come descritto nel paragrafo 6.1. Con il tasto 1 l utente può ritornare alla visualizzazione dei messaggi di allarme. Per visualizzare i GUASTI in modalità allarmi attivi: 21

22 6.3. Visualizzazione delle esclusioni impostate La visualizzazione delle esclusioni impostate ha una priorità normale. In mancanza di eventi di allarme o guasti in centrale, se ci sono esclusioni, viene visualizzato il messaggio sul display. Si accende il LED ESCLUSIONI. Esempio: L utente può visualizzare informazioni supplementari su ogni esclusione, selezionandola con le frecce (il numero dell esclusione selezionata lampeggia) e premendo il tasto ENTER. Nel caso in cui nel sistema ci sono allarmi e/o guasti attivi, ma l utente vuole visualizzare le esclusioni impostate, premere il pulsante 3 - ESCLUSIONI. Sul display verranno visualizzate le esclusioni presenti. Con il pulsante 1 l utente può ritornare alla visualizzazione dei messaggi di allarme. Per visualizzare le ESCLUSIONI in modalità di allarmi attiva: Per uscire dal menu di visualizzazione delle ESCLUSIONI premere il tasto CANCEL Visualizzazione dei test attivi La visualizzazione di test attivi ha una priorità normale. In mancanza di eventi di allarme e/o guasti e mancanza di esclusioni in centrale, se ci sono dei test attivi, la modalità TEST lampeggia, insieme al numero del primo test attivo. Il LED TEST si accende. Con un rivelatore attivato in una zona che si trova in modalità test, il suo numero lampeggia. Esempio: L utente può verificare il numero della zona, selezionando il messaggio con le frecce su/giù (il numero del messaggio selezionato lampeggia) e premendo il pulsante ENTER. Nel caso in cui nel sistema ci sono allarmi e/o guasti attivi, ma si vuole visualizzare i test attivi, scegliere il pulsante 4 AVANTI > la modalità TEST lampeggia, e sul display vengono visualizzati i test attivi con numero progressivo. Con il pulsante 1 l utente può ritornare alla visualizzazione dei messaggi di allarme. Per visualizzare i TEST attivi in modalità di allarmi attiva: 22

23 Per uscire dal menu di visualizzazione dei test attivi premere il tasto CANCEL Visualizzazione degli eventi La visualizzazione di eventi, ha una priorità bassa. In mancanza di eventi di allarmi, guasti, disabilitazioni o test attivi nella centrale, ma in presenza di eventi, la modalità AVVISI lampeggia, insieme al numero del primo evento. Non c è alcuna indicazione LED. Esempio: L utente può visualizzare informazioni supplementari su ogni evento, selezionandolo con le frecce su/giù (il numero dell evento lampeggia) e premendo il pulsante ENTER. Sul display appaiono informazioni supplementari sul numero del loop e l indirizzo del dispositivo insieme alla data e all ora. Le informazioni supplementari variano secondo il tipo di messaggio. Nel caso in cui nel sistema ci sono allarmi e/o guasti attivi, ma l utente vuole verificare messaggi di eventi deve premere il pulsante 4 AVANTI>. Con il pulsante 1 l utente può ritornare alla visualizzazione dei messaggi di allarme. Per visualizzare gli AVVISI con modalità di allarmi attiva: Per uscire dalla visualizzazione degli eventi premere il tasto CANCEL. NOTE: se si stanno programmando parametri con livello di accesso 2 (Manutenzione) o 3 (Installatore) ed è presente un allarme o un guasto nel sistema, la centrale passerà automaticamente alla pagina di visualizzazione di questi. E possibile ritornare al menu di programmazione precedente premendo il pulsante CANCEL Tacitazione del buzzer interno Il buzzer interno della centrale 41CPE012 si attiva per indicare eventi di allarme, o guasti avvenuti nel sistema. La tacitazione del buzzer si può fare da tutti i livelli d accesso. Per tacitare il buzzer interno premere il pulsante. 23

24 6.7. Tacitazione delle sirene La tacitazione delle sirene si può fare dai livelli d accesso 2 e 3. Per tacitare le sirene, premere consecutivamente: Codice Manutenzione 2222 Codice Installatore 3333 Il LED Sirene tacitate si accende fisso. Per far ritornare la centrale nella modalità di funzionamento normale, premere il pulsante RESET Invio del segnale Evacuazione L invio del segnale di evacuazione del sito si può fare da tutti i livelli d accesso nelle seguenti condizioni: Livello 1: Nel caso in cui è stato inviato un segnale di incendio da un rivelatore d incendio automatico o manuale, l Utente può lanciare un segnale diretto di evacuazione del sito, premendo il pulsante Livelli 2 e 3: Anche nel caso in cui non sia stato inviato un segnale di incendio da un rivelatore d incendio automatico o manuale, l Utente può lanciare un segnale di evacuazione del sito, dopo essere entrato nel livello d accesso 2 o 3: Codice Manutenzione 2222 Codice Installatore Funzione Reset L azzeramento (reset) dello stato corrente della centrale 41CPE012 si fa dai livelli d accesso 2 o 3. La funzione di reset si usa per far ritornare la centrale nella modalità di funzionamento normale, avendo rettificato le ragioni per la comparsa di allarmi o guasti. Per azzerare la centrale, immettere consecutivamente: Codice Manutenzione 2222 Codice Installatore 3333 Dopo il reset vengono cancellati tutti i test impostati per zone, allarmi e guasti. I ritardi immessi vengono conservati. La centrale ritorna alla modalità normale di funzionamento Test dell indicazione Lo svolgimento del test delle indicazioni LED sul pannello frontale della centrale offre all utente l opportunità di verificare il funzionamento dei LED, del buzzer interno della centrale e il funzionamento di tutti i segmenti del display LCD. Il test generale si può fare da tutti i livelli d accesso. Per svolgere il test generale premere il tasto T sul pannello frontale tutti i LED e il buzzer interno si devono accendere. 24

25 7. DESCRIZIONE DEI MENU DI PROGRAMMAZIONE L utente può accedere ai menu di programmazione dal livello 2 (Manutenzione) e dal livello 3 (Installatore) soltanto dopo aver immesso il codice. Dal livello 2 si possono fare modifiche parziali dell impostazione mentre altri valori possono essere soltanto visualizzati. Dal livello 3 si possono fare modifiche complete delle impostazioni, aggiungere dispositivi nuovi, ripristinare le impostazioni di fabbrica, ecc. I tasti di navigazione hanno le seguenti funzioni: Tasto Funzione Accesso al menu; conferma dei valori e delle impostazioni immesse. Negazione dei valori e dei parametri immessi; Passo indietro nei menu di programmazione. Transizione tra i menu; Aumento del valore; Immissione di simboli e caratteri. Transizione tra i menu; Riduzione del valore; Immissione di simboli e caratteri. Commutazione tra i campi per l editing Visualizzazione storico eventi Da questo menu l Utente può visualizzare e stampare gli eventi salvati nella memoria della centrale. La capacità di memorizzazione è di eventi. Il menu permette la stampa di tutti gli eventi, o l estrazione e la stampa soltanto di eventi filtrati per data e ora. Il menu è accessibile dai livelli 2 e 3. Dopo l ingresso nel menu, viene visualizzato: Nel display del menu principale VISUALIZZA ARCHIVIO EVENTI vengono mostrate informazioni generali su: Numero totale di ingressi Indica il numero totale di eventi, salvati nel file di log. Numero totale di allarmi Indica il numero totale degli eventi d allarme registrati. I tasti funzione servono per entrare nei sottomenu supplementari Visualizzazione di tutti gli eventi salvati Dal menu VISUALIZZA ARCHIVIO EVENTI premere il pulsante (1) MOSTRA TUTTO. Sul display compare l ultimo evento salvato. Usare le frecce su/giù, per visualizzare tutti gli eventi uno dopo l altro, ciascuno di essi viene visualizzato sul display con la data e l ora. Per la visualizzazione possono essere usati anche i tasti funzione digitali: 1 - NUOVO. Mostra l ultimo evento salvato. 2 - VECCHIO. Mostra il primo evento salvato. 3 - AZZERO. Vedere la descrizione nel paragrafo STAMPA. Vedere la descrizione nel paragrafo Per uscire dal menu VISUALIZZA ARCHIVIO EVENTI premere il tasto CANCEL. 25

26 7.1.2 Visualizzazione di singoli eventi salvati Dal menu VISUALIZZA ARCHIVIO EVENTI premere il pulsante (1) DA. Sul display compare un campo per immissione della data, dalla quale si avvia la visualizzazione degli eventi. Il valore sottoposto all editing lampeggia. Nel campo Dalla data immettere una nuova data, usando i pulsanti con frecce: i pulsanti su/giù variare il valore mentre i pulsanti a (2) sinistra/ a destra per commutare tra i campi per l editing. Premere il pulsante ENTER sul display compare il primo evento che si è verificato alla data immessa. Per uscire dal menu VISUALIZZA ARCHIVIO EVENTI premere il tasto CANCEL Cancellazione degli eventi salvati nel file di log Nel display principale del menu VISUALIZZA ARCHIVIO EVENTI premere il pulsante (3) AZZERO. Sul display vengono mostrate informazioni relative al numero totale di eventi salvati. Il sistema richiede una conferma dell azione effettuata. Con la selezione del pulsante (2) SÌ, tutti gli eventi salvati nel file di log saranno cancellati. Per uscire dal menu VISUALIZZA ARCHIVIO EVENTI premere il tasto CANCEL. N.B.: Il sottomenu non è accessibile dal livello Stampa di eventi Attenzione: Per realizzare la stampa degli eventi salvati nella memoria della centrale, è necessario disporre di una stampante collegata al connettore PRINTER della scheda madre! Usare sempre i modelli di stampanti consigliati dal produttore! Sul display principale del menu VISUALIZZA ARCHIVIO EVENTI premere il pulsante (4) STAMPA. Sul display vengono mostrati campi per la ricerca di eventi per data, e sottomenu supplementari per l impostazione dei parametri della stampante. Immettere nei campi Dalla data е Alla data un intervallo di tempo, per il quale si desidera fare una stampa. Usare anche i tasti funzione per: 1 SETUP STAMPA. Ingresso in sottomenu per impostazioni della stampante. Vedere anche il paragrafo STAMPA TUTTO. Stampa diretta di tutti gli eventi salvati nella memoria. Dopo aver immesso l intervallo di tempo, per avviare la stampa, premere il pulsante ENTER. Il sistema richiede una conferma supplementare per iniziare la stampa Impostazioni stampante Nel display principale del menu STAMPA DEL LOG premere il pulsante (1) SETUP STAMPA. Sul display vengono mostrati parametri per impostazione della stampante. Usare i tasti funzione digitale per modificare. 2 Premere il pulsante, per cambiare il protocollo usato: Protocollo 1: stampante Kafka Protocollo 2: stampante Datecs 4 Premere il pulsante, per cambiare la dimensione della carta usata. I formati possibili sono 37/ 57/ 80 mm. Le modifiche vengono confermate con il pulsante ENTER. Per uscire dal menu VISUALIZZA ARCHIVIO EVENTI premere il tasto CANCEL. 26

27 7.2. Lavoro con le zone Da questo menu l Utente può visualizzare e cambiare la modalità di funzionamento, realizzare test ed esclusioni di zone. La centrale 41CPE012 supporta fino a 16 singole zone. Il numero della zona attualmente sottoposta all editing lampeggia. Il menu è accessibile dai livelli 2 e 3. Accedere al menu Zone: Sul display principale del menu vengono visualizzate le informazioni sullo stato di ogni zona e sul suo nome (se è stato immesso). Gli stati possibili della zona sono i seguenti: NORMALE La zona è nello stato normale. DISABILITATO La zona è esclusa. Vedere il paragrafo TEST La zona è nella modalità Test. Vedere il paragrafo GUASTO Sui dispositivi della zona è presente un guasto. INCENDIO Il dispositivo nella zona ha emesso un segnale di allarme incendio. PREALLARME La zona è in uno stato di preallarme incendio. Vedi la descrizione della modalità 2DISPOS e DOPPIO AL paragrafo Sottomenu di impiego generale Nel display principale del menu ZONE l Utente può selezionare: (1) VAI A e (2) DISP.NUM. Il sottomenu (1) VAI A offre all Utente la possibilità di immettere direttamente il numero della zona per accedere alle impostazioni. Premendo il pulsante 1, il display visualizzerà: Usare le frecce in su/ in giù, per immettere il numero della zona, poi premere il pulsante ENTER. Il sistema ritorna al display principale del menu ZONE, e il numero della zona scelta lampeggia. Il sottomenu (2) DISP.NUM. offre all Utente la possibilità di vedere il numero totale dei dispositivi che presenti nella zona selezionata. Selezionare il numero della zona con le frecce in su/ in giù e premere il pulsante 2. Sul display vengono visualizzateinformazioni relative al numero totale dei dispositivi collegati nella zona, indipendentemente dallo stato corrente. Esempio: Per uscire da menu ZONE premere il pulsante ENTER o CANCEL. 27

28 7.2.2 Test della zona Attenzione: Il test delle zone può essere effettuato soltanto dal livello d accesso 3! Nel display principale del menu ZONE, selezionare il numero della zona con le frecce in su/ in giù e premere il tasto digitale (3) TEST. Il sistema richiederà una conferma se il test deve essere applicato soltanto per la zona selezionata (il pulsante (2) QUESTO) o per tutte (il pulsante (3) TUTTO). La condizione della zona cambia in TEST. Il LED Test si accende fisso. Nella modalità di test, l Installatore manda in allarme i dispositivi nella zona, e verifica l invio corretto di segnali d allarme. La ricezione dell allarme in centrale viene confermato da un breve segnale acustico ad ogni allarme ricevuto, e il numero della zona in test lampeggia. Dopo la fine del test nella zona, uscire dal test premendo il pulsante (3) STOP TEST. La zona ritorna nella modalità di funzionamento normale. Dopo l uscita da tutti i test nelle zone, effettuare il reset della centrale, come descritto nel paragrafo 6.9, per cancellare lo stato dei dispositivi e far ritornare la centrale nella modalità di funzionamento normale Esclusione di una zona Sul display principale del menu ZONE, selezionare il numero della zona con le frecce in su/ in giù e premere il tasto digitale (4) ESCLUSO. Lo stato della zona cambia a DISABILITATO la centrale non verifica lo stato dei dispositivi di tale zona, e non terrà conto dei segnali in ingresso. Il LED Esclusioni è acceso fisso. Per abilitare di nuovo la zona, premere il tasto (4) INCLUSO: N.B.: Se nel momento di esclusione della zona, in essa ci sono dispositivi nella modalità di incendio, la centrale riconoscerà ciò immediatamente! Programmazione di parametri di zona La programmazione di parametri può essere eseguita soltanto dal livello d accesso 3! Sul display principale del menu ZONE l Utente può programmare parametri per ciascuna zona utilizzata nel sistema. Per programmare parametri di zona, selezionare il suo numero con le frecce in su/ in giù e premere il pulsante ENTER. Nella schermata che appare è possibile impostare un nome per la zona, la modalità di funzionamento, il ritardo Т2, e il numero del gruppo al quale la zona appartiene Immissione di nome della zona L utente può impostare un nome specifico per ciascuna zona. Il nome della zona viene immesso nella seconda riga e può avere una lunghezza fino a 40 caratteri (spazi inclusi). Per immettere simboli e caratteri usare le frecce in su e in giù. E possibile spostare il cursore utilizzando le frecce a sinistra e a destra. Dopo aver immesso il nome della zona, esso deve essere confermato con il pulsante ENTER. Vedere l Allegato B Simboli e caratteri per immettere nomi. 28

29 7.2.6 Modalità di funzionamento della zona Ogni zona ha 3 modalità di funzionamento: NORMALE, 2 DISPOS e DOPPIO AL. La modalità cambia ogni volta che si preme il pulsante (2) CAMBIO. Nella modalità NORMALE ogni attivazione di un sensore nel sistema genera un evento d allarme per la zona rispettiva. Nella modalità 2 DISPOS ogni attivazione di un sensore genera il segnale di PREALLARME per la zona rispettiva, attendendo l attivazione di un secondo sensore della stessa zona, per generare il segnale INCENDIO. Se per 5 minuti non viene ricevuto un secondo segnale di allarme da un altro rivelatore della zona, il segnale INCENDIO non viene generato. Nella modalità DOPPIO AL ogni attivazione di un sensore genera il segnale PREALLARME per la zona rispettiva, attendendo la seconda attivazione dello stesso rivelatore, per generare il segnale INCENDIO. Se per 5 minuti non viene ricevuto un secondo segnale di allarme dallo stesso rivelatore nella zona, il segnale INCENDIO non viene generato. Esempi di funzionamento di una zona nella modalità 2 DISPOS: ESEMPIO 1 ESEMPIO 2 D 1 D 1 D 2 5 min. 5 min. Tempo Tempo 1 Ricezione di un segnale d allarme per incendio dal Rivelatore D1; 2 Tempo di attesa per la ricezione di un secondo segnale d allarme incendio da un altro rivelatore della zona; 3 Ricezione di un secondo segnale d allarme per incendio dal Rivelatore D2. Esempi di funzionamento della zona nella modalità DOPPIO AL: ESEMPIO 3 ESEMPIO 4 D 1 D 1 D 1 5 min. 5 min. Tempo Tempo 1 Ricezione di un segnale d allarme per incendio dal Rivelatore D1; 2 Tempo di attesa per la ricezione di un secondo segnale d allarme incendio da un altro rivelatore della zona; 3 Ricezione di un secondo segnale d allarme per incendio dal Rivelatore D1. ESEMPI 1, 3: Non sarà generato allarme, siccome durante il periodo di 5 minuti non viene ricevuto un secondo segnale d incendio. ESEMPI 2, 4: Sarà generato l allarme, siccome durante il periodo di 5 minuti viene ricevuto un secondo segnale d incendio dallo stesso dispositivo o da un altro dispositivo nella zona. Con l invio del comando RESET si annullano gli eventi INCENDIO e PREALLARME, e il LED ALLARME INCENDIO si spegne. 29

30 7.2.7 Immissione di ritardo Т2 Т2 è il ritardo per l attivazione dell uscita FIRE (INCENDIO) e le uscite per le sirene SND1 e SND2. Vedere l ALLEGATO D Algoritmo per lavoro dei Due livelli dello stato d allarme (Two steps of alarming). Per entrare nel sottomenu per l immissione del ritardo Т2, premere il pulsante (3) RITARDO Т2. Nel campo SIRENE viene immesso un ritardo per l attivazione delle sirene in un intervallo da 0 a 540 secondi. Nel campo TRASMISSIONE ALLARME viene immesso un ritardo di tempo per attivare l uscita FIRE (INCENDIO) in un intervallo da 0 a 540 secondi. Come impostazione predefinita i ritardi sono impostati a 60 secondi. Il valore attualmente modificato lampeggia. Per aumentare o diminuire il valore premere il pulsante freccia su o freccia giù. Il passaggio tra i due tempi si esegue con i pulsanti freccia destra e freccia sinistra. I valori immessi vengono confermati con il pulsante ENTER Immissione del gruppo Le zone nella centrale 41CPE012 possono essere organizzate per funzionare a gruppi. Il numero massimo di gruppi che possono essere usati è 16. Come impostazione predefinita per tutte le zone è impostato il gruppo 0 (zero). L immissione del valore zero significa che la zona non è associata ad alcuno gruppo. Per entrare nel sottomenu di immissione di gruppo, premere il pulsante (4) GRUPPO nella visualizzazione della programmazione dei parametri di zona. Nel campo per la scelta del gruppo viene immesso un numero da 1 a 16. Il valore attualmente sottoposto all editing lampeggia. Per aumentare il valore premere il pulsante freccia su, e per diminuirlo - il pulsante freccia giù. Per confermare il valore visualizzato premere il tasto ENTER Programmazzione di dispositivi Da questo menu l Utente può visualizzare e modificare le impostazioni dei dispositivi collegati alla centrale. I parametri variano a seconda del tipo di dispositivo. Il numero del dispositivo attualmente sottoposto a modifica lampeggia. Il menu è accessibile per funzionamento dai livelli 2 e 3. Nel menu CONFIGURAZIONE DISPOSITIVI sono accessibili le informazioni relative a tutti i dispositivi collegati alla centrale. Esempio di visualizzazione: il display è diviso in diverse sezioni: 1 Indirizzo del dispositivo 2 Zona alla quale il dispositivo è associato 3 Loop al quale il dispositivo è collegato 4 Codice del dispositivo 5 Lo stato corrente del dispositivo: NUOVO il dispositivo è nuovo per il sistema. E possibile salvarlo mediante il pulsante SALVA vedere paragrafo NORMALE il dispositivo funziona regolarmente. DISABILITATO il dispositivo è escluso dal funzionamento. GUASTO il dispositivo non risponde. Si può eliminare selezionando il tasto (3) RIMUOVI il paragrafo ERRORE è stato trovato un dispositivo di tipo differente da quello memorizzato. 30

31 INCENDIO inviato segnale di allarme d incendio. NESSUNO nessun dispositivo è stato trovato all indirizzo corrispondente. L indirizzo del dispositivo attualmente modificato lampeggia. Dal menu è possibile accedere ad alcuni sottomenu, ai quali è possibile accedere mediante i tasti funzione digitali Sottomenu di impiego generale Dal menu CONFIGURAZIONE DISPOSITIVI è possibile accedere a sottomenu supplementari per funzionamento: (1) VAI A e (2) DISP.NUM. Il sottomenu (1) VAI A offre all utente la possibilità di accesso rapido ad un dispositivo, immettendo l indirizzo e il numero di loop. Il valore attualmente sottoposto all editing lampeggia. Per aumentare il valore premere il tasto freccia su, e per diminuirlo - premere il tasto freccia giù. Il passaggio tra i due campi si fa con i tasti freccia a destra e freccia a sinistra. Immettere il numero di indirizzo e di loop e premere ENTER. Il sottomenu (2) DISP.NUM. offre la possibilità di vedere il numero totale dei dispositivi che sono collegati alla centrale. Per uscire dal menu DISPOSITIVI premere il tasto ENTER o CANCEL Salvataggio di nuovi dispositivi Quando vengono riconosciuti nuovi dispositivi collegati al Loop 1 o al Loop 2, sul display viene visualizzato il messaggio di guasto Nuovo dispositivo da loop trovato, mostrando il numero totale di dispositivi trovati recentemente, e il numero del loop. I dispositivi di loop trovati recentemente vengono salvati nella centrale dal menu SETUP DISPOSITIVO. Lo stato di questi dispositivi viene indicato come NUOVO. Per salvare uno o tutti i nuovi dispositivi nel sistema, è necessario selezionare il relativo indirizzo e premere il pulsante (3) SALVA. Dal menu è possibile salvare la configurazione di un solo un dispositivo selezionato (il pulsante (2) QUESTO) o di tutti i dispositivi trovati nel sistema (il pulsante (3) TUTTO). Dopo la selezione, il sistema ritorna automaticamente al menu SETUP DISPOSITIVO, I dispositivi salvati passano alla modalità di funzionamento normale Eliminazione di dispositivi Ogni dispositivo di loop può essere eliminato dalla configurazione del sistema dal menu SETUP DISPOSITIVO. Per eliminare uno o tutti i dispositivi dalla configurazione, selezionare il relativo indirizzo e premere il pulsante (3) RIMUOVI. E possibile eliminare dalla configurazione solo un dispositivo appositamente selezionato (con il pulsante (2) QUESTO) o tutti i dispositivi nel sistema (con il pulsante (3) TUTTO). Dopo la selezione, il sistema ritorna automaticamente al menu SETUP DISPOSITIVO. N.B.: Se dopo l eliminazione dalla configurazione i dispositivi sul loop restano collegati fisicamente, allora la centrale li trova come dispositivi nuovi. Si consiglia di scollegare fisicamente il dispositivo dal loop, e quindi eliminarlo dalla configurazione. 31

32 7.3.4 Esclusione di dispositivi Selezionare dal menu SETUP DISPOSITIVO un indirizzo di un dispositivo con le frecce su/giù e premere il pulsante (4) ESCLUSO. Lo stato del dispositivo cambia a ESCLUSO o DISABILITATO. Da questo momento la centrale non controlla questo dispositivo (allarmi, guasti o avvertimenti dal dispositivo non verranno segnalati). Il LED ESCLUSIONI si accende fisso. Il dispositivo può essere incluso o abilitato di nuovo premendo il pulsante (4) INCLUSO. N.B.: Se nel momento dell inclusione il dispositivo è nella modalità di incendio, la centrale andrà in allarme! Programmazione dei parametri di un dispositivo La programmazione di parametri può essere effettuata soltanto dal livello di accesso 3! Dal menu SETUP DISPOSITIVO è possibile impostare i parametri di ogni dispositivo, che differiscono in base al tipo. Per programmare i parametri di un dispositivo, selezionarlo con le frecce su/giù e premere il pulsante ENTER. N.B.: Le impostazioni dei parametri di dispositivi si possono fare anche con dispositivi negli stati NUOVO e DISABILITATO/ESCLUSO. Tra i parametri comuni per tutti i dispositivi risultano l associazione ad una zona, e l immissione del nome. Associazione ad una zona. I dispositivi collegati alla centrale possono essere distribuiti in 16 zone. Come impostazione predefinita tutti i dispositivi sono associati alla zona 1. Dal menu con le frecce su/giù è possibile impostare un numero diverso di zona. Immissione di un nome. L Utente può immettere un nome specifico per ogni dispositivo, dopo essere entrato nel relativo sottomenu. Il nome del dispositivo viene immesso nella seconda riga del display e può avere una lunghezza fino a 40 caratteri. Per immettere simboli e caratteri si usano le frecce su/giù. E possibile spostare il cursore con le frecce sinistra/destra. Dopo aver immesso il nome completo, esso viene confermato con il pulsante ENTER. Vedere l Allegato B Simboli e caratteri per immettere nomi. Pulsante (2) ON/OFF LED Accende il LED del dispositivo per verificare il corretto indirizzo. La programmazione dei parametri a seconda del tipo di dispositivo è descritta nei seguenti paragrafi. 41RFU000 Rivelatore ottico di fumo indirizzato Mediante i tasti funzione vengono impostati i parametri: (1) SENSIBILITÀ Dopo aver premuto il pulsante, si va nel sottomenu per impostare il livello di sensibilità della camera di fumo sia in funzionamento diurno che in quello notturno. Premere i tasti funzione (2) е (3) per cambiare l impostazioneare fino a quando si raggiunge il livello desiderato. I livelli sono: Alto, Normale, Medio e Basso. I livelli di sensibilità impostati vengono confermati premendo ENTER. (2) ON/OFF LED Pulsante per accende il LED del dispositivo per verificare il corretto indirizzo. (3) TEST Selezionando il pulsante TEST si entra in un sottomenu di verifica dei seguenti parametri: - Fumo: Il grado di fumo presente nella camera di fumo del rivelatore viene mostrato in valore percentuale. - Livello di sporco sensore: Il grado di inquinamento della camera di fumo del rivelatore viene mostrato in percentuale. Per uscire e tornare al menu principale premere il pulsante CANCEL. (4) LAMPEGGIO LED l indicazione ON/OFF si alterna indicando lo stato del lampeggio del LED del rivelatore. 32

33 41RCS000 Rivelatore di calore indirizzato Mediante i tasti funzione vengono impostati i parametri: (1) CLASSE Selezionando il pulsante si entra in un menu supplementare per l impostazione della classe termica nella modalità di funzionamento diurno e notturno. Con i pulsanti funzione (2) e (3) si cambia la classe, fino a raggiungere quella desiderata. Le classi sono: A1R/ A2S/ BS. La classe impostata viene confermata con il pulsante ENTER. (2) ON/OFF LED Pulsante per accende il LED del dispositivo per verificare il corretto indirizzo. (3) TEST Selezionando il pulsante TEST si entra in un sottomenu di verifica dei seguenti parametri: - T incendio (T fire) Viene indicata la temperatura di attivazione del rivelatore, in gradi centigradi. - Т - Viene indicata la temperatura misurata dal sensore, in gradi centigradi. Per uscire e tornare al menu principale premere il pulsante CANCEL. (4) LAMPEGGIO LED l indicazione ON/OFF si alterna indicando lo stato del lampeggio del LED del rivelatore. 41RML000 Rivelatore multicriterio fumo/calore indirizzato La classe del rivelatore 41RML000 è fissata su A1R e non può essere cambiata. Mediante i tasti funzione vengono impostati i parametri: (1) SENSIBILITÀ entrare nel sottomenu per impostare la sensibilità di funzionamento della camera di fumo (vedere la descrizione del 41RFU000). I livelli di sensibilità impostati vengono confermati con il pulsante ENTER. (2) ON/OFF LED Pulsante per accende il LED del dispositivo per verificare il corretto indirizzo. (3) TEST Verifica di parametri correnti: livello di fumo, livello di sporco del sensore, temperatura di incendio impostata e temperatura ambente rilevata vedere le descrizioni del 41RFU000 e 41RCS000. (4) LAMPEGGIO LED l indicazione ON/OFF si alterna indicando lo stato del lampeggio del LED del rivelatore. 41PAM000 Pulsante di allarme manuale indirizzato Mediante i tasti funzione vengono impostati i parametri: (2) ON/OFF LED Pulsante per accende il LED del dispositivo per verificare il corretto indirizzo. (3) EVENTO EVACUARE/ ALLARME Ad ogni pressione del tasto cambia alternativamente il tipo dell evento d allarme generato dal pulsante manuale. - Evento EVACUARE le sirene si avviano immediatamente, ignorando i ritardi immessi Т1 e Т2. - Evento ALLARME i ritardi immessi Т1 e Т2 restano attivi. (4) LAMPEGGIO LED l indicazione ON/OFF si alterna indicando lo stato del lampeggio del LED del pulsante. 33

34 41SAI000 Sirena indirizzata per collegamento su loop Mediante i tasti funzione vengono impostati i parametri: (1) LIVELLO SONORO Con il pulsante si cambia il livello del suono ALTO/BASSO il livello cambia in base al numero di sirene installate sul loop e al loro assorbimento: - ALTO: impostare questo livello se si collegano fino a 30 sirene dei tipi 41SAI000 e 41SCI000 al loop. - BASSO: impostare questo livello se si collegano fino a 60 sirene dei tipi 41SAI000 e 41SCI000 al loop. (2) ON/OFF LED Pulsante per accende il LED del dispositivo per verificare il corretto indirizzo. 41SCI000 Sirena con lampeggiante indirizzata Mediante i tasti funzione vengono impostati i parametri: (1) LIVELLO SONORO Con il pulsante si cambia il livello del suono ALTO/BASSO il livello cambia in base al numero di sirene installate sul loop e al loro assorbimento: - ALTO impostare questo livello se si collegano fino a 30 sirene dei tipi 41SAI000 e 41SCI000 al loop. - BASSO impostare questo livello se si collegano fino a 60 sirene dei tipi 41SAI000 e 41SCI000 al loop. (2) ON/OFF LED Pulsante per accende il LED del dispositivo per verificare il corretto indirizzo. (3) MODO Con il pulsante si cambia alternativamente la modalità di funzionamento della sirena: SIRENA Viene attivata soltanto la segnalazione sonora in caso di allarme; LAMP Viene attivata soltanto la segnalazione visiva in caso di allarme; SIRENA/ LAMP Vengono attivate la segnalazione ottica e acustica in caso di allarme; 41SAB000 Base con sirena per collegamento su loop Mediante i tasti funzione vengono impostati i parametri: (1) LIVELLO SONORO Con il pulsante si cambia il livello del suono ALTO/BASSO il livello cambia in base al numero di sirene installate sul loop e al loro assorbimento: - ALTO impostare questo livello se si collegano fino a 30 sirene dei tipi 41SAB000 al loop. - BASSO impostare questo livello se si collegano fino a 100 sirene dei tipi 41SAI000 e 41SCI000 al loop. (2) ON/OFF LED Pulsante per accende il LED del dispositivo per verificare il corretto indirizzo. Attenzione: È possibile collegare al loop sirene di diversi modelli in qualunque combinazione, ma il loro consumo totale non deve superare 300mA! N.B.: I rivelatori montati alle basi 41SAB000 vengono visualizzati dalla centrale con indirizzi diversi dalla base! Per calcolare il consumo totale delle sirene nel loop e il livello del suono utilizzare la tabella che segue, inserendo il numero delle sirene utilizzate e calcolando la somma dei consumi. Sirena Numero ALTO Livello audio BASSO Livello audio 41SAI000 x 10mA x 5mA 41SCI000 x 10mA x 5mA 41SAB000 x 10mA x 3mA Consumo delle sirene entro il loop: Totale consumo, ma (ALTO + BASSO) 34

35 41IOM010 Mini modulo indirizzato un ingresso 41IOM010 è modulo con un ingresso. Il modulo controlla e trasmette alla centrale lo stato di questo. Il modulo è progettato per essere installato in scatole da incasso o di derivazione. Il funzionamento dell ingresso del 41IOM010 si può programmare a seconda dell applicazione. Per programmare il funzionamento dell ingresso, premere il pulsante (1) IN 1 (INGRESSO 1). Si passa al sottomenu dove sono presenti le impostazioni di due parametri: GENERATI Usare i pulsanti con le frecce su/giù, per impostare il funzionamento dell ingresso: INCENDIO/ EVACUAZIONE/ RESET/ MESSAGGIO DI ALLARME/ MESSAGGIO DI GUASTO/ MESSAGGIO DI AVVERTIMENTO/ TACITAZIONE BUZZER/ TACITAZIONE ALLARME/ CAMBIO CLASSE RITARDO Immettere un ritardo per attivare l ingresso in generale per tutti gli eventi, in intervalli da 0 a 600 secondi. (2) ON/OFF LED Pulsante per accende il LED del dispositivo per verificare il corretto indirizzo. ATTENZIONE: Di seguito vengono riportate le opzioni di programmazione. OPZIONE DESCRIZIONE UTILIZZO INCENDIO L'ingresso genera un ALLARME INCENDIO AUSILIARIO quando viene attivato. NON AMMESSO EVACUAZIONE Se attivato, provoca l inizio della procedura di evacuazione. NON AMMESSO RESET Se attivato, provoca il reset delle condizioni di allarme sulla centrale. NON AMMESSO GUASTO Se attivato, provoca una segnalazione di guasto in centrale. NON AMMESSO AVVISO Se attivato, provoca una segnalazione di attenzione generica in centrale. AMMESSO TACITAZIONE NON Se attivato, provoca la tacitazione delle sirene. SIRENE AMMESSO TACITAZIONE BUZZER Se attivato, provoca la tacitazione del buzzer della centrale. AMMESSO CAMBIO CLASSE Se attivato, provoca, fino al rilascio, la sola attivazione delle sirene per altre segnalazioni manuali, diverse dall allarme incendio, effettuate tramite i dispositivi sonori di allarme. Per utilizzare la funzione campanella scuola, collegare ai terminali del modulo un pulsante tradizionale con contatti puliti normalmente aperti. La modalità di funzionamento delle sirene sarà: - con l interruttore premuto un secondo suonano, un secondo non suonano; - con l interruttore rilasciato non suonano. AMMESSO Il passaggio ai campi successivi o precedenti si effettua con i pulsanti freccia sinistra e destra. Per associare il dispositivo ad un gruppo premere il pulsante (2) GRUPPO. Immettere nel campo il numero del gruppo, usando le frecce su/giù. I parametri impostati vengono confermati con il pulsante ENTER. Per uscire e tornare al menu principale premere il pulsante CANCEL. 35

36 41IOM004 Modulo indirizzato quattro uscite rele La programmazione di tutte le uscite è analoga. Il numero di uscite è distribuito su due pagine. Per programmare l uscita 4 è necessario premere il pulsante AVANTI. (2) ON/OFF LED Pulsante per accende il LED del dispositivo per verificare il corretto indirizzo. Selezionare con i tasti funzione il numero di uscita che si vuole impostare o modificare. Usare i pulsanti con le frecce su/giù per selezionare uno dei seguenti tipi nel campo ATTIVAZIONE. I parametri supplementari variano alla tipologia di ATTIVAZIONE impostata: DISPOSITIVO L uscita viene attivata seguendo lo stato di un singolo dispositivo del loop. Il parametro IN (INGRESSO) va completato soltanto se il dispositivo è un modulo di ingresso-uscita. GRUPPO INGRESSO L uscita segue il comportamento del gruppo assegnato. Immettere il numero di gruppo. Usare il pulsante (2) LOGICA per impostare una logica, AND/OR. INCENDIO ZONA L uscita viene attivata in caso di incendio di zona. Immettere il numero di zona. In aggiunta nel campo ALLARMI si può immettere un numero di allarmi, dopo i quali l uscita si attiva. INCENDIO GRUPPO ZONE - L uscita viene attivata da un allarme incendio di un determinato gruppo. Immettere il numero di gruppo. Usare il pulsante (2) LOGICA, per impostare una logica AND/OR. INCENDIO (comune) L uscita viene attivata in caso di allarme incendio. GUASTO ZONA L uscita viene attivata in caso di guasto di zona. Immettere il numero di zona. GUASTO GRUPPO ZONE - L uscita viene attivata in caso di guasto di un determinato gruppo. Immettere il numero di gruppo. Usare il pulsante (2) LOGICA, per impostare la logica AND/OR. GUASTO GENERALE - L uscita viene attivata in caso di guasto generale. GUASTO DI SISTEMA - L uscita viene attivata in caso di un guasto del microprocessore della centrale. PREALLARME - L uscita viene attivata in caso di preallarme. ESCLUSO (comune) - L uscita viene attivata in caso di esclusioni all interno del sistema. SIRENA ATTIVA - L uscita viene attivata in caso di attivazione delle sirene. RESET - L uscita viene attivata in caso di reset della centrale. EVACUAZIONE - L uscita viene attivata in caso di allarme evacuazione. TACITAZIONE BUZZER - L uscita viene attivata in caso di tacitazione del buzzer interno della centrale. TACITAZIONE SIRENE - L uscita viene attivata in caso di tacitazione delle sirene. ТЕSТ - L uscita viene attivata quando si svolge un test. E inoltre possibile impostare i seguenti parametri: RITARDO Immettere ritardo per azionare l uscita con un ritardo, in intervalli da 0 a 600 secondi. Usare pulsanti con le frecce a sinistra e a destra per commutare tra i campi AZIONE e RITARDO. LOGICA - Usare il pulsante (2), per impostare logica AND/OR. COMPORTAMENTO Usare il pulsante (4), per commutare il comportamento tra Reset Man e Reset Auto. Se si imposta Reset Auto l uscita torna a riposo quando l evento rientra, ad esempio se configurata come GUASTO DI SISTEMA quando il guasto viene ripristinato. Resta attiva fino al RESET dela centrale se è impostata come Reset Man. I parametri impostati vengono confermati con il pulsante ENTER. Per uscire e tornare al menu principale premere il pulsante CANCEL. 36

37 41IOM022 Modulo indirizzato due ingressi supervisionati e due uscite rele Usare i tasti funzione digitali, per impostare i parametri di ingresso o uscita. Per le impostazioni nei sottomenu INGRESSO 1/2 vedere la descrizione del modulo 41IOM010. Per le impostazioni nei sottomenu USCITE 1/2 vedere la descrizione del modulo 41IOM004. (2) ON/OFF LED Pulsante per accende il LED del dispositivo per verificare il corretto indirizzo. 41IOM040 Modulo indirizzato quattro ingressi supervisionati Usare i tasti funzione digitali per impostare i parametri degli ingressi. Per le impostazioni nei sottomenu INGRESSO 1/2/3/4 vedere la descrizione del modulo 41IOM010. (2) ON/OFF LED Pulsante per accende il LED del dispositivo per verificare il corretto indirizzo. 41IOM000 Modulo indirizzato 1 uscita supervisionata Il modulo si usa per il collegamento di sirene convenzionali. Usare i tasti funzione come segue: (1) USCITA Vengono impostati i parametri dell uscita - vedere la descrizione del modulo 41IOM004. (2) ON/OFF LED Pulsante per accende il LED del dispositivo per verificare il corretto indirizzo. (4) LAMPEGGIO LED l indicazione ON/OFF si alterna indicando lo stato del lampeggio del LED del dispositivo. I parametri impostati vengono confermati con il pulsante ENTER. Per uscire e tornare al menu principale premere il pulsante CANCEL. 41ISC000 Modulo indirizzata per zona convenzionale Il modulo 41ISC000 permette di identificare, sulla zona convenzionale collegata, le seguenti condizioni: allarme incendio, corto circuito della linea, rivelatore rimosso dalla linea e linea interrotta. Usare i tasti funzione come segue: (2) ON/OFF LED Pulsante per accende il LED del dispositivo per verificare il corretto indirizzo. (4) LAMPEGGIO LED l indicazione ON/OFF si alterna indicando lo stato del lampeggio del LED del dispositivo. I parametri impostati vengono confermati con il pulsante ENTER. Per uscire e tornare al menu principale premere il pulsante CANCEL. 37

38 Tabella 2. Tipi di attivazione Impostazione di parametri per moduli con uscite: Impostazione di parametri Tipo di attivazione Loop Gruppo Zona Numero Dispos. Ingresso Logica n. n. n. Allarmi N. n.* Ripristino (COMPORTAMENTO) Dispositivo 1/ Manuale/automatico Inserire gruppo Manuale/automatico Incendio zona Manuale Incendio gruppo ingressi Manuale INCENDIO (comune) Manuale Guasto Zone Manuale/automatico Guasto gruppo Zone Manuale/automatico Guasto (comune) Manuale/automatico Guasto di sistema Manuale/automatico Preallarme in ZONE Manuale/automatico ESCLUSO (comune) Manuale/automatico Sirena attiva Manuale/automatico Reset Non fissato Avacuazione Fissato Tacitazione buzzer Fissato/ Non fissato Tacitazione sirene Fissato/ Non fissato Test Fissato/ Non fissato * Soltanto per moduli di ingresso-uscita. 38

39 7.4. Indirizzamento di dispositivi L indirizzamento di dispositivi può essere effettuato soltanto dal livello d accesso 3! Da questo menu l installatore può impostare o modificare l indirizzo dei dispositivi collegati al loop in diversi modi. Il tipo di indirizzamento dipende dalle preferenze dell installatore e dalla dimensione del sistema. Le tipologie di indirizzamente possibili sono le seguenti: Indirizzamento con programmatore 41SPG000 (PROGRAMMAZIONE CONSIGLIATA): con l utilizzo del programmatore assegnare un indirizzo ad ogni dispositivo che verrà collegato sul loop e solo successivamente collegarli al loop e alimentare il sistema. Una volta alimentata la centrale è necessario accedere al menu SETUP DISPOSITIVO per salvare tutti i dispositivi trovati o singolarmente. Imposta indirizzo: è possibile selezionare un indirizzo da assegnare ad un nuovo dispositivo. Successivamente, collegando il dispositivo sul loop la centrale assegna automaticamente l indirizzo selezionato. Questa tipologia di indirizzamento è sconsigliata in caso di impianto complessi o con molti dispositivi. Autoindirizzamento: avviare la procedura di autoindirizzamento dal menu INDIRIZZAMENTO - AUTOINDIRIZZAMENTO. Sul display della centrale viene visualizzato il primo indirizzo libero per ogni loop. Collegare i dispositivi sul loop uno alla volta, nella sequenza desiderata. La centrale assegna l indirizzo mostrato sul display del dispositivo, e passa automaticamente al successivo indirizzo libero Imposta indirizzo In questo menu l installatore può impostare l indirizzo di un nuovo dispositivo. L impostazione di un indirizzo è un metodo conveniente per una piccola quantità o singoli dispositivi nuovi da aggiungere ad un impianto senza l utilizzo del programmatore. I dispositivi da aggiungere non devono essere collegati al loop. Per impostare l indirizzo a un dispositivo nuovo, scegliere il menu INDIRIZZAMENTO SET INDIRIZZO. Scorrere con le frecce il numero di dispositivi nel loop fino a raggiungere un indirizzo libero (al quale non corrisponde alcun dispositivo). Gli indirizzi liberi nel sistema vengono identificati in quanto appare la scritta SALVA in corrispondenza del tasto 2. Dopo aver individuato un indirizzo libero, collegare il dispositivo al loop, premere il pulsante (2) SALVA e attendere qualche secondo. Se l indirizzamento del dispositivo avviene con successo sul display verrà mostrato il messaggio RIUSCITO mentre in caso di errori verrà visualizzato il messaggio ERRORE. Il modulo che vine collegato al loop non deve avere alcun indirizzo impostato. In caso contrario verrà riconosciuto dalla centrale con l indirizzo presente al suo interno. Per uscire dal menu premere il pulsante CANCEL. Nel menu SET INDIRIZZO è possibile, per ognuno dei dispositivi già presenti nel loop, verificare qual è il dispositivo che corrisponde all indirizzo selezionato premendo il puslante (1) LED ON. In questo modo il LED del dispositivo viene attivato per un individuazione visiva. Premendo di nuovo il pulsante (1) il LED si spegnerà. Usare il pulsante (4) CAMBO per passare al Loop 2, se presente nella configurazione. Il cambio deve essere confermato con il pulsante (2) SALVA. 39

40 7.4.2 Cambio di indirizzo In questo menu l installatore può cambiare l indirizzo di un dispositivo. Per cambiare l indirizzo, selezionare INDIRIZZAMENTO - CAMBIO INDIRIZZO. Il sistema mostra automaticamente il primo indirizzo. Usare i pulsanti con le frecce su/giù, per selezionare il numero dell indirizzo che si vuole cambiare. Usare il pulsante (4) CAMBIO per passare al Loop 2, se presente. Il cambio deve essere confermato premendo il pulsante (2) SALVA. Premere il pulsante freccia destra per passare al campo del nuovo indirizzo che si desidera assegnare al dispositivo. Usare le frecce su/giù, per selezionare il nuovo indirizzo libero nel sistema il pulsante (2) SALVA verrà visualizzato in corrispondenza degli indirizzi liberi e quindi disponibili per assegnare il nuovo indirizzo. Il nuovo indirizzo del dispositivo viene salvato premendo il pulsante (2) SALVA. Se il cambio dell indirizzo ha esito positivo, il display visualizzerà un messaggio. Per uscire dal menu premdere il pulsante CANCEL Autoindirizzamento Da questo menu è possibile attivare la procedura di autoindirizzamento dei dispositivi sul loop. L autoindirizzamento è comodo per l avviamento iniziale del sistema, o per aggiungere grosse quantità di dispositivi alla configurazione corrente, senza l utilizzo del programmatore. Per avviare la procedura i moduli nuovi da aggiungere al loop non devono essere collegati a questo e devono avere l indirizzo di fabrica impostato. In caso contrario verranno visualizzati con l indirizzo precedentemente impostato. I rivelatori e le sirene non devono essere montati alle basi, i pulsanti manuali e i moduli non devono essere collegati al loop. Per avviare la procedura di autoindirizzamento, selezionare in successione: - il menu INDIRIZZAMENTO AUTOINDIRIZZAMENTO. Il display visualizza il primo indirizzo libero per ciascuno dei loop. Collegare i dispositivi uno alla volta, nell ordine in cui si desidera che siano indirizzati. La centrale imposterà sul dispositivo appena collegato l indirizzo mostrato sul display, e passerà automaticamente al successivo indirizzo libero sul e così via. Nel menu di autoindirizzamento è accessibile l informazione del numero totale di dispositivi collegati e riconosciuti ad ogni loop. Nella terza riga del display viene visualizzato il primo indirizzo libero per ciascuno dei loop. L installatore ha anche la possibilità di impostare a mano l indirizzo con l ausilio dei tasti funzione da 1 a 4. Con il segno - il numero dell indirizzo diminuisce, e con + aumenta. Se viene erroneamente immesso un numero di indirizzo che non è libero, la centrale imposterà automaticamente il primo indirizzo libero successivo. Durante la procedura di autoindirizzamento la centrale attende il collegamento di un dispositivo, ne registra l indirizzo mostrato attualmente, e passa automaticamente al prossimo indirizzo libero. Con ogni dispositivo aggiunto che segue, l informazione relativa al numero totale di dispositivi nel sistema viene aggiornata e incrementata. Per uscire dal menu premere il pulsante CANCEL. 1. Durante la procedura di autoindirizzamento, dopo il collegamento di un dispositivo al loop, attendere almeno 10 secondi prima di collegarne un altro. 2. Non collegare mai contemporaneamente nuovi dispositivi anche se su loop diversi. Collegare prima tutti i dispositivi al Loop 1, e quindi passare al Loop Dopo aver eseguito la proceudra di autoindirizzamento, attivare il LED dei singoli dispositivi dal menu INDIRIZZAMENTO SET INDIRIZZO per verificare che corrisponda al numero di indirizzo impostato. 40

41 7.5. Programmazione delle uscite della centrale In questo menu è possibile abilitare/disabilitare le uscite presenti in centrale oppure iabilitare/disabilitare il ritardo su ognuna di queste: - Uscite sirene SND 1, SND 2 - Uscita Estinzione EXT - Uscita Incendio FIRE - Uscita Guasto FAULT - Uscite relè 1-4 Il menu è accessibile dai livelli 2 e 3. Accedere al menu USCITE CENTRALE. I due sottomenu per l impostazione delle uscite sono accessibili in due schermate separate Uscite sirene Accedere al menu USCITE CENTRALE (1) SIRENA. Attenzione: Dal livello di accesso 2 lo stato del ritardo (abilitato/disabilitato) può essere soltanto visualizzato, ma non può essere cambiato! I tasti funzione hanno la seguente funzione: (2) Cambia lo stato delle uscite sirena. Ogni pressione del pulsante cambia alternativamente lo stato da ABILITATO DISABILITATO e viceversa. Quando le uscite per sirene vengono disabilitate, i LED Sirene Guaste/ Escluse e Esclusioni si accendono fissi e l uscita non verrà mai attivata. (4) Abilita/disabilita il ritardo di azionamento delle uscite. Ogni pressione del pulsante cambia lo stato del campo RITARDO tra: ON Il ritardo sarà attivo nella modalità GIORNO vedere il menu modalità di funzionamento GIORNO/NOTTE. OFF Non viene impostato alcun ritardo per le uscite sirena in caso di segnale di allarme d incendio le sirene saranno immediatamente azionate. PROGRAMMARZIONE Il ritardo delle uscite sirena sarà attivo come programmato nella schedulazione impostata nel relativo menu vedere la descrizione del menu 6.3 modalità di funzionamento GIORNO/NOTTE Uscita per estinzione d incendio Accedere al menu USCITE CENTRALE (2) ESTINZIONE. Il pulsante (2) ha la seguente azione: (2) Cambia lo stato dell uscita per estinzione d incendio. Ogni pressione del pulsante cambia alternativamente lo stato da ABILITATO DISABILITATO e viceversa. Quando l uscita per estinzione d incendio viene disabilitata, il LED ESCLUSIONI si accende fisso e l uscita non verrà mai attivata. 41

42 7.5.3 Uscita Incendio Accedere al menu USCITE CENTRALE (3) INCENDIO. Attenzione: Dal livello di accesso 2 lo stato del ritardo (abilitato/disabilitato) può essere soltanto visualizzato, ma non può essere cambiato! I tasti hanno le seguenti funzioni: (2) Cambia lo stato dell uscita Incendio. Ogni pressione del pulsante cambia alternativamente lo stato da ABILITATO DISABILITATO e viceversa. Quando l uscita per Incendio viene disabilitata, i LED Uscita Allarme Guasta/ Esclusa e Esclusioni vengono accesi fissi e l uscita non verrà mai attivata. (4) Abilita/disabilita il ritardo di azionamento delle uscite. Ogni pressione del pulsante cambia lo stato del campo RITARDO tra: ON Il ritardo sarà attivo nella modalità GIORNO vedere il menu modalità di funzionamento GIORNO/NOTTE. OFF Non viene impostato alcun ritardo per l uscita INCENDIO in caso di segnale di allarme. PROGRAMMA Il ritardo dell uscita INCENDIO sarà attivo come programmato nella schedulazione impostata nel relativo menu vedere la descrizione del menu 6.3 modalità di funzionamento GIORNO/NOTTE Uscita Guasto Accedere al menu USCITE CENTRALE - (4) AVANTI> (1) GUASTO. Il pulsante (2) ha la seguente funzione: (2) Cambia lo stato dell uscita Guasto. Ogni pressione del pulsante cambia alternativamente lo stato ABILITATO DISABILITATO e viceversa. Quando l uscita Guasto viene disabilitata, il LED ESCLUSIONI si accende fisso e l uscita non verrà mai attivata Uscite Relè Le uscite relè possono essere programmate soltanto dal livello d accesso 3! Accedere al menu USCITE DI CENTRALE - (4) AVANTI > (2) USCITE RELÈ. Attenzione! La numerazione delle uscite segue l ordine di indicazione riportato sulla scheda madre! La programmazione è uguale per tutte le uscite relè. Usare i tasti funzione come segue: (1) - Premere, per impostare i parametri del RELÈ 4 (2) - Premere, per impostare i parametri del RELÈ 3 (3) - Premere, per impostare i parametri del RELÈ 2 (4) - Premere, per impostare i parametri del RELÈ 1 Circa i parametri e le impostazioni delle uscite relè - vedere la descrizione del dispositivo 41IOM004. Per uscire dal menu premere il pulsante CANCEL. 42

43 7.6. Le impostazioni principali della centrale In questo menu è possibile accedere ai parametri generali della centrale. Il menu è accessibile dai livelli 2 e 3. Accedere al menu SETUP GENERALE, sullo scherno appare una lista di sottomenu. Il menu selezionato lampeggia. Per entrare nel sottomenu selezionarlo con le frecce su/giù e premere il pulsante ENTER per confermare Codici di accesso Il cambio dei codici può essere effettuato soltanto dal livello d accesso 3! In questo menu l installatore può cambiare i codici di accesso al livello 3 (Installatore) e al livello 2 (Manutenzione). Accedere al menu SETUP GENERALI - CODICI DI ACCESSO. Il display mostra i sottomenu accessibili, il codice di accesso impostato è visualizzato sopra il rispettivo menu: L immissione di nuovi codici è analoga per entrambi i livelli. Usare i tasti funzione: (1) - Premere, per cambiare il codice INSTALLATORE (2) - Premere, per cambiare il codice MANUTENZIONE (4) Premere, per impostare il tempo di uscita automatica dal menu di programmazione. Usare i tasti funzione, per immettere un nuovo codice di 4 cifre per l INSTALLATORE. Il sistema richiederà una conferma. Dopo la conferma torna automaticamente al menu principale del cambio dei codici. Di fabbrica il codice dell INSTALLATORE è Usare i tasti funzione per immettere un nuovo codice di 4 cifre per la MANUTENZIONE. Il sistema richiederà una conferma. Dopo la conferma torna automaticamente al menu principale del cambio dei codici. Di fabbrica il codice della MANUTENZIONE è Nel campo TEMPO LOGOUT AUTO introdurre un tempo da 0 a 60 minuti, dopo il quale la centrale uscirà automaticamente dai menu di programmazione INSTALLATORE e MANUTENZIONE. Con il pulsante 4 viene cambiato alternativamente lo stato: - ABILITATO l uscita automatica è abilitata. - DISABILITATO l uscita automatica è disabilitata. Se non si ricorda il codice INSTALLATORE è necessario effettuare un reset hardware completo, per reimpostare i codici di accesso impostati di fabbrica! 43

44 7.6.2 Data e ora Il cambio della data e dell ora si può effettuare soltanto dal livello d accesso 3! In questo menu l Installatore può impostare l ora e la data. Accedere al menu SETUP GENERALI - DATA/ORA. Aumento Diminuzione Commutazione tra i campi per fare l editing Il campo attualmente selezionato lampeggia. Usare le frecce su/giù per impostare la data e l ora. Usare le frecce a sinistra e a destra per commutare tra i campi da modificare. Sulla scheda madre è presente un jumper BATT1 per abilitare o disabilitare la batteria interna che permette di mantenere data e ora in caso di mancanza della tensione di rete. Inserire il jumper per abilitare il funzionamento della batteria. IMPORTANTE! La centrale 41CPE012 è munita di una batteria incorporata per memorizzare le impostazioni di data e ora in caso di mancanza dell alimentazione principale e della batteria. Inserire il jumper JP7 della scheda madre, per attivare la batteria incorporata e mantenere ora e data Modalità di funzionamento Giorno/Notte In questo sottomenu l Installatore imposta la modalità di funzionamento in caso di allarme della centrale. Nella modalità giorno le sirene seguono il ritardo T1 impostato in centrale e il LED RITARDO si accende sul pannello frontale della centrale. Accedere al menu SETUP GENERALI - GIORNO/NOTTE. Usare il tasto funzione (2) per impostare la modalità di funzionamento desiderata in caso di allarme: NOTTE Imposta la modalità di funzionamento NOTTE e quindi tutti i dispositivi seguiranno questa modalità di funzionamento. GIORNO - Imposta la modalità di funzionamento GIORNO e quindi tutti i dispositivi seguiranno questa modalità di funzionamento PROGRAMMARZIONE Imposta la modalità di funzionamento PROGRAMMA e quindi tutti i dispositivi seguiranno questa modalità di funzionamento. Per impostare gli orari di funzionamento della modalità PROGRAMMA, premere il pulsante (2) CAMBIA e successivamente il pulsante (4) PROGRAMMARZIONE per entrare nel sottomenu di impostazione. Nel sottomenu GIORNO/NOTTE PROGRAMMARZIONE l Installatore imposta l ora e i giorni di impostazione delle modalità di funzionamento GIORNO e NOTTE per permettere al sistema di commutare automaticamente tra queste modalità. Il valore attualmente selezionato lampeggia. (1) CAMBIO Ogni pressione del pulsante cambia il giorno della settimana per il quale vengono impostate le modalità di funzionamento diurna e notturna. Usare i pulsanti con le frecce a sinistra e a destra, per cambiare i campi selezionati. (2) TUTTO Premere, per impostare gli intervalli di tempo attualmente immessi per tutti i giorni della settimana. Confermare l impostazione con il pulsante ENTER. 44

45 7.6.4 Impostazioni della centrale Accedere al menu SETUP GENERALI - CONFIGURAZIONE CENTRALE: Usare i tasti funzione per: (1) Ogni pressione del pulsante cambia la lingua dei menu. (2) Ogni pressione del pulsante aumenta di un grado la luminosità della retroilluminazione. Il valore massimo è 20. (3) - Ogni pressione del pulsante riduce di un grado la luminosità della retroilluminazione. Il valore minimo è 0. (4) Richiamo di altre impostazioni. Confermare l impostazione con il pulsante ENTER. Usare i tasti funzione digitali per: (1) Abilitazione/disabilitazione del guasto di mesa a terra. Quando la funzione è abilitata deve essere inserito il jumper Earth Fault sulla scheda madre della centrale (il jumper è inserito di fabbrica dal produttore). (2) Esclusione/inclusione degli indicatori di resistenza elevata della batteria ricaricabile. Quando l indicatore è abilitato, la centrale controlla il valore della resistenza Ri. Nella modalità di funzionamento normale Ri<0.3Ω. Se Ri>0.3Ω, la centrale mostrerà un messaggio di guasto Elevata resistenza della batteria ricaricabile. In tale caso la batteria ricaricabile deve essere sostituita. (3) Esclusione/inclusione del buzzer sonoro interno alla centrale. (4) Ritorno al menu precedente. Confermare l impostazione con il pulsante ENTER Ritardo Т1 In questo sottomenu l Installatore immette tempo di ritardo T1. T1 rappresenta il tempo necessario per verificare l attendibilità dell allarme prima di avviare le sirene (una persona si reca sul posto e verifica la sussistenza dell allarme incendio). L algoritmo di funzionamento dei tempi di ritardo Т1 e Т2 è spiegato nell allegato D Due livelli di stato d allarme. Accedere al menu SETUP GENERALI - RITARDO Т1. Usare i pulsanti con le frecce su/giù, per impostare il valore desiderato per il ritardo T1. Il tempo di ritardo può essere impostato da 0 a 60 sec. Confermare l impostazione con il pulsante ENTER Modalità di funzionamento sirene In questo sottomenu l Installatore imposta la modalità di funzionamento delle sirene e imposta il tipo di suono in caso di evacuazione e di evento d allarme incendio. Per entrare nel sottomenu, selezionare: SETUP GENERALI - MODALITÀ SIRENE. Usare i pulsanti funzione per: (1) Selezionare il tipo di suono in caso di allarme INCENDIO. Dopo l accesso al menu usare le frecce su/giù, per scegliere il tipo di suono da 1 a 32 il tono impostato viene indicato nell ultima riga del display. (2) Selezionare il tipo di suono in caso di allarme EVACUAZIONE. Dopo l accesso al menu usare le frecce su/giù, per scegliere il tipo di suono da 1 a 32 il tono impostato viene indicato nell ultima riga del display. (3) Il pulsante è attivo soltanto nella modalità di funzionamento A ZONE. Il RITARDO in EVACUAZIONE è il ritardo prima dell attivazione del sistema di evacuazione del sito questa è una specie di preallarme. Premendo il pulsante si entra nel menu per l inserimento del ritardo che può essere tra 0 e 10 minuti usare le frecce su/giù per modificare il valore. In situazione d allarme saranno azionate soltanto le sirene della zona in INCENDIO, e dopo la scadenza del ritardo del tempo impostato, saranno attivate tutte le sirene del sito. (4) Ogni pressione del pulsante cambia alternativamente la modalità di funzionamento delle sirene: COMUNE Tutte le sirene vengono attivate indipendentemente dalla zona alla quale sono associate. A ZONE Vengono attivate soltanto le sirene della zona in stato di allarme. Confermare le impostazioni con il pulsante ENTER. 45

46 7.7. Salva configurazione Il salvataggio della configurazione può essere effettuato soltanto dal livello d accesso 3! Da questo menu l installatore può salvare velocemente la configurazione di tutti i dispositivi trovati sui loop. Viene chiesta una conferma per l esecuzione dell operazione. Usare i tasti funzione per confermare l operazione. Per uscire dal menu premere CANCEL Ripristinare le impostazioni di fabbrica Il ripristino delle impostazioni di fabbrica può essere effettuato soltanto dal livello d accesso 3! Da questo menu l installatore può ripristinare le impostazioni di fabbrica Viene chiesta una conferma per l esecuzione dell operazione. Usare i tasti funzione per confermare l operazione. Per uscire dal menu premere CANCEL Versione di software In questo menu l Installatore può visualizzare la versione software presente nella scheda madre e nella scheda di loop, ed effettuare l aggiornamento del firmware del microprocessore principale. Per uscire dal menu premere CANCEL Rete In questo menu è possibile impostare i parametri di rete per il collegamento e la comunicazione atraverso la scheda di espansione BUS ridondante per centrali ATENA e ATENA EASY. Questa scheda permette di collegare più centrali in rete tra loro Impostazioni Accedere al menu INSTALLATORE - RETE LAN CONFIGURAZIONI: Per uso futuro Dopo l acesso al menu è possibile visualizzare il numero corrente della centrale, il quale può essere cambiato con le frecce su/giù. Nella seconda riga del display si può immettere un nome fino a 40 caratteri. Con il pulsante (4) CAMBIO viene impostato il collegamento ella centrale alla rete ABILITATO (la centrale è abilitata per funzionare in rete) / DISABILITATO (la centrale è disabilitata per il funzionamento in rete). Se si imposta DISABILITATO, la centrale non può ricevere messaggi o comandi dalle altre centrali nella rete, e viene visualizzato il messaggio di GUASTO. Confermare le impostazioni con il pulsante ENTER. Uscire dal menu premendo CANCEL. 46

47 Centrali Accedere al menu INSTALLATORE - RETE LAN CENTRALI. Sul display appare la lista di tutte le centrali collegate nella rete con il loro stato corrente e il nome, se immesso: NUOVO Una centrale nuova nella rete. Per aggiungerla alla rete premere il pulsante (3) SALVA. NORMALE La centrale è collegata nella rete. QUESTO La centrale dal quale viene visualizzata attualmente la configurazione della rete ridondante. GUASTO La centrale è DISABILITATA nella rete, o vi è un altro problema con il collegamento tra le centrali. NESSUNO A questo numero non corrisponde alcuna centrale in rete. Tutte le centrali, che vengono aggiunte alla rete ridondante, vanno salvate con il pulsante (3) SALVA. Le centrali in stato NORMALE, QUESTO o GUASTO possono essere cancellate dalla rete con il pulsante (3) RIMUOVI. Se alla rete viene aggiunta una centrale, ma con un numero che è già occupato, si accende il LED GUASTO e si genera l evento di guasto Numero di Centrale duplicato. Il funzionamento di ogni centrale può essere impostato individualmente dall installatore a ricevere/inviare messaggi e/o comandi. Le impostazioni per inviare comandi possono essere immesse soltanto per le centrali con lo stato QUESTO (cioè dalla centrale dalla quale viene visualizzata attualmente la configurazione della rete ridondante). Per entrare nel sottomenu, dal menu CENTRALI scegliere con le frecce il numero di pannello con lo stato QUESTO, e premere il pulsante ENTER. Con il pulsante (3) CAMBIA vengono impostate le opzioni per l invio: NESSUNO La centrale non invierà comandi verso le altre centrali nella rete. COMANDI La centrale può inviare comandi verso le altre centrali nella rete. Le impostazioni per la ricezione dei comandi si possono modificare per tutte le centrali. Con il pulsante (1) CAMBIA vengono impostate le opzioni per la ricezione: NESSUNO La centrale non riceverà comandi e messaggi dalle altre centrali nella rete. MESSAGGI La centrale riceverà messaggi dalle altre centrali nella rete. COMANDI La centrale riceverà comandi dalle altre centrali nella rete. MESSAGGI & COMANDI La centrale può ricevere sia comandi che messaggi dalle altre centrali nella rete Isolatori attivi Questo menu permette di visualizzare gli isolatori eventualmente intervenuti nel Loop 1 e nel Loop 2(ad esempio in caso di presenza di un corto circuito sul loop) nei dispositive che hanno l isolatore integrato (sensore di fumo, sensore di temperature, pulsante manual, etc ) Accesso livello 1 Permette di uscire dal login di livello 2 (manutenzione) o livello 3 (installatore). Dopo aver premuto ENTER la centrale effettua automaticamente il login con Livello 1. Per accedere con Livello 2 o Livello 3 è necessario inserire la relativa password. 47

48 ALLEGATO А Tabella: Messaggi di eventi. Messaggio Descrizione Errore Flash Guasto nella memoria flash. Errore Ram Guasto nella memoria. Trovato nuovo dispositivo periferico Sono stati scoperti nuovi dispositivi periferici. Guasto Dispositivo Periferico Il dispositivo non risponde (non presente o guasto). Errore Tipo Dispositivo Periferico All indirizzo è stato scoperto un dispositivo di tipo differente da quello aspettato. Alimentazione persa Guasto alimentazione. Batteria Bassa Batteria ricaricabile scarica. Batteria scollegata La batteria ricaricabile è assente assente. Valore elevato (Ri>0.3Ω) della resistenza interna della batteria. È necessaria la Alta resistenza della batteria sostituzione immediata. Gausto Terra Collegamento resistivo tra qualche segnale e terra < 10k. Guasto Caricatore Guasto nel caricabatterie. Corto Sirena 1 Corto circuito nell uscita Sirene 1. Corto Sirena 2 Corto circuito nell uscita Sirene 2. Aperta Sirena 1 Interruzione del circuito per Sirene 1. Aperta Sirena 2 Interruzione del circuito per Sirene 2. Corto Uscita incendio Corto circuito nell uscita Incendio. Aperta Uscita Incendio Interruzione nell uscita Incendio. Corto Uscita EXT Corto circuito nell uscita Estinzione d incendio. Aperta Uscita EXT Interruzione nell uscita Estinzione d incendio. Corto Uscita Guasto Corto circuito nell uscita Guasto. Aperta Uscita Guasto Interruzione nell uscita Guasto. Gausto Alimentazione AUX Corto circuito (mancanza di alimentazione). Corto Ingresso Conferma Allarme Corto circuito nell ingresso Conferma d incendio. Aperto Ingresso Conferma Allarme Interruzione nell ingresso Conferma d incendio. Ingresso Conferma Allarme Attivo Attivazione dell ingresso Conferma d incendio. Corto Conferma Protezione Allarme Corto circuito nell ingresso Conferma di estinzione d incendio avviata. Aperto Conferma Protezione Allarme Interruzione nell ingresso Conferma di estinzione d incendio avviata. Conferma Protezione Allarme Attivo Attivazione dell ingresso Conferma di estinzione d incendio avviata. Corto Ingresso Guasto Protezione Centrale Corto circuito nell ingresso Guasto estinzione d incendio. Aperto Ingresso Guasto Protezione Centrale Interruzione nell ingresso Guasto estinzione d incendio. Ingresso Guasto Protezione Centrale Attivo Attivazione dell ingresso Guasto estinzione d incendio. Guasto Protezione Centrale Segnale di guasto nel pannello di estinzione d incendio. Loop Interrotto Loop interrotto. Loop in Corto Corto circuito nel loop. Trovato Nuovo Dispositivo Loop Sono stati trovati nuovi dispositivi di loop. Zero Indirizzi nel Loop C è un dispositivo con l indirizzo a 0 (non ne è stato determinato l indirizzo). Doppio numero della centrale (quando ci sono due o più centrali collegate con lo stesso Numero Centrale Doppio numero nella rete). Guasto Centrale Collegamento interrotto con la centrale. Reset È stato effettuato un reset della centrale. Tacitazione Allarme L allarme è stato tacitato. Esclusione Zona La zona è disabilitata. Funzione Guasto Terra DISABILITATA L indicatore per sorvegliare guasto a terra è disabilitato. Sirene Disabilitate Le sirene sono disabilitate. Uscita trasmissione allarme disabilitata L uscita trasmissione allarme è disabilitata. Uscita Protezione Incendio Disabilitata L uscita Estinzione d incendio è disabilitata. Uscita Guasto Dsabilitata L uscita Guasto è disabilitata. Zona in Test La zona è in modalità di test 48

49 [ Centrale di allarme antincendio Atena Easy - 41CPE012 Manuale di installazione e programmazione Segnalazione Dispositivo Attiva Uscita Estinzione Attiva Sirene Attive Disconnessione Utente Disconnessione Installatore Connessione Utente Connessione Installatore Alta Resistenza disabilitata Perdita Totale di Potenza Tacitazion buzzer Guasto rete pannelli Dispositivo Loop Disabilitato Guasto Camera Pulire dispositivo Ingresso Dispositivo Loop Guasto Uscita Dispositivo Loop Guasta Allarme PreAllarme Test Incendio Errore Tipo Dispositivo Loop Guasto Dispositivo Loop Doppio Indirizzo Evacuare Guasto registro L uscita Incendio è attivata. Attivata l uscita Estinzione d incendio. Le sirene sono state attivate. Uscita dal livello Manutenzione. Uscita dal livello Installatore. Ingresso nel livello Manutenzione. Ingresso nel livello Installatore. L indicatore per sorvegliare l elevata resistenza della batteria è disabilitato. Perdita dell alimentazione principale. Il buzzer interno è disabilitato. Presenza di interruzione nella rete ridondante tra i pannelli. Il dispositivo di loop è disabilitato. Guasto nella camera del sensore. La camera del sensore fumo è sporca. Guasto nell ingresso del dispositivo di loop Guasto nell uscita del dispositivo di loop Segnale d incendio da sensore. Incendio da sensore in zona nelle modalità 2DEVICES e DOPPIO AL (azione doppia). Incendio da sensore in zona messa in modalità test. All indirizzo è stato trovato un dispositivo di tipo differente da quello aspettato. Il dispositivo non risponde (non presente o guasto). Presenza di dispositivi con lo stesso indirizzo nel loop. Sensore o tasto Evacuazione attivato dal pannello. Guasto nell archivio con registrazioni di eventi. ALLEGATO B Tabella: Simboli e lettere per immissione di nomi di dispositivi e zone. Ogni pressione delle frecce su/giù cambia la lettera o il simbolo. Con lo spostamento ad ogni posizione nuova l immissione comincia dall inizio della tabella.! # $ % & ( ) * +, -. / : ; < = A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z [ ] ^ _ ` a b c d e f g h i j k l m n o p q r s t u v w x y z 49

50 ALLEGATO C Algoritmo per l avviamento iniziale. 50

51 ALLEGATO D Algoritmo Due livelli di stato d allarme (Two steps of alarming). 51

52 ALLEGATO E Schema strutturale dei menu. La presente struttura ad albero descrive il pieno accesso ai menu di programmazione dal livello di accesso 3 Installatore. All ingresso dal livello di accesso 2 Manutenzione la visualizzazione di alcuni menu non è permessa vedere tabella a pag

53 53

Centrale di rilevazione incendio analogica-indirizzabile

Centrale di rilevazione incendio analogica-indirizzabile Centrale di rilevazione incendio analogica-indirizzabile Rivelatori analogici HFA-2000 Centrale incendio analogica-indirizzabile Progettata per funzionare esclusivamente con i rivelatori incendio Serie

Dettagli

Syncro AS. Centrale di Rivelazione Analogico Indirizzata. Manuale Utente

Syncro AS. Centrale di Rivelazione Analogico Indirizzata. Manuale Utente Syncro AS Centrale di Rivelazione Analogico Indirizzata Manuale Utente Man-1100 Versione 1.0-2007 Indice Sezione Pag. 1. Introduzione...3 2. Sicurezza...3 3. Pannello di Controllo...4 3.1 Accesso a livello

Dettagli

MC-62 Vintage. Manuale di Istruzioni. Centrale D allarme 6 Zone Filo con Esclusione o Parzializzazione e segnalazioni a LED ITALIANO

MC-62 Vintage. Manuale di Istruzioni. Centrale D allarme 6 Zone Filo con Esclusione o Parzializzazione e segnalazioni a LED ITALIANO MC-62 Vintage Centrale D allarme 6 Zone Filo con Esclusione o Parzializzazione e segnalazioni a LED ITALIANO Manuale di Istruzioni TRE i SYSTEMS S.r.l. Via del Melograno N. 13-00040 Ariccia, Roma Italy

Dettagli

VISUALIZZATORE DI ALLARMI E MESSAGGI DISP 2. Manuale d uso

VISUALIZZATORE DI ALLARMI E MESSAGGI DISP 2. Manuale d uso VISUALIZZATORE DI ALLARMI E MESSAGGI DISP 2 Manuale d uso Note: Le informazioni contenute in questa documentazione possono essere modificate senza preavviso. Per ulteriori informazioni contattare: DUEMMEGI

Dettagli

0051-CPD-0330 ACS028. Centrale rivelazione incendio analogica Manuale per l utente

0051-CPD-0330 ACS028. Centrale rivelazione incendio analogica Manuale per l utente 0051-CPD-0330 ACS028 Centrale rivelazione incendio analogica Manuale per l utente ACS028 Copyright Manuale utente Le informazioni contenute in questo documento sono di proprietà riservata di BPT S.p.A..

Dettagli

Centrali antincendio Serie HFC

Centrali antincendio Serie HFC Centrali antincendio Serie HFC 4-24 zone Manuale d installazione e funzionamento DT00435HE1205R01 2 Sommario 1. Descrizione Generale...5 2. Indicazioni della tastiera...5 2.1 Indicazione Power (alimentazione)...6

Dettagli

ACP. Centrali antincendio analogiche indirizzabili SICUREZZA ANTINCENDIO

ACP. Centrali antincendio analogiche indirizzabili SICUREZZA ANTINCENDIO ACP Centrali antincendio analogiche indirizzabili SICUREZZA ANTINCENDIO Centrali antincendio analogiche indirizzabili Semplicità e versatilità sono le parole chiave del nuovo sistema analogico indirizzato

Dettagli

VISUALIZZATORE DI ALLARMI E MESSAGGI DISP 16D. Manuale d uso

VISUALIZZATORE DI ALLARMI E MESSAGGI DISP 16D. Manuale d uso VISUALIZZATORE DI ALLARMI E MESSAGGI DISP 16D Manuale d uso Note Rel.: 1.2 Gennaio 2001 Le informazioni contenute in questa documentazione possono essere modificate senza preavviso. MS-DOS e WINDOWS sono

Dettagli

Manuale istruzioni. 01941 Comunicatore GSM.

Manuale istruzioni. 01941 Comunicatore GSM. Manuale istruzioni 094 Comunicatore GSM. Indice. Descrizione................................................................ 2 2. Campo di applicazione.......................................................

Dettagli

LM2002. Manuale d installazione

LM2002. Manuale d installazione LM2002 Manuale d installazione Le informazioni incluse in questo manuale sono di proprietà APICE s.r.l. e possono essere cambiate senza preavviso. APICE s.r.l. non sarà responsabile per errori che potranno

Dettagli

DUEMMEGI. VISUALIZZATORE DI ALLARMI E MESSAGGI Manuale d'uso. Versione 1.0 - Gennaio 2007

DUEMMEGI. VISUALIZZATORE DI ALLARMI E MESSAGGI Manuale d'uso. Versione 1.0 - Gennaio 2007 DUEMMEGI minidisp2 minidisp2 VISUALIZZATORE DI ALLARMI E MESSAGGI Manuale d'uso Versione 1.0 - Gennaio 2007 HOME AND BUILDING AUTOMATION Via Longhena 4-20139 MILANO Tel. 02/57300377 - FAX 02/55213686 www.duemmegi.it

Dettagli

SCHEDA UNIVERSALE PER CAMBIAMONETE

SCHEDA UNIVERSALE PER CAMBIAMONETE SCHEDA UNIVERSALE PER CAMBIAMONETE Scheda ASD234A - rev. 1.40 Manuale di installazione ed uso SPECIAL GAME s.r.l. Via L. Volpicella, 223 80147 Barra (NA) Tel +39 081 572 68 54 Fax +39 081 572 15 19 www.specialgame.it

Dettagli

ISTRUZIONI DI INSTALLAZIONE

ISTRUZIONI DI INSTALLAZIONE AUDITGARD Serratura elettronica a combinazione LGA ISTRUZIONI DI INSTALLAZIONE Le serrature AuditGard vengono consegnate da LA GARD con impostazioni predefinite (impostazioni di fabbrica); pertanto non

Dettagli

SERIE AM. Centrali incendio analogiche. Manuale Utente

SERIE AM. Centrali incendio analogiche. Manuale Utente SERIE AM Manuale Utente AM-2000-N Versione software 0.13c AM-4000 versione software 1.66c AM-6000-N Versione software 019c Centrali incendio analogiche INDICE Definizioni 1 Comandi e segnalazioni 1 Segnalazioni

Dettagli

CE818. Centrale filare a doppio modo di funzionamento. Manuale di installazione ed uso. Made in Italy 13.05-M1.0-H0.0F0.0S0.0

CE818. Centrale filare a doppio modo di funzionamento. Manuale di installazione ed uso. Made in Italy 13.05-M1.0-H0.0F0.0S0.0 CE818 Centrale filare a doppio modo di funzionamento 13.05-M1.0-H0.0F0.0S0.0 Manuale di installazione ed uso Made in Italy 1 PRIMA DI INSTALLARE IL SISTEMA LEGGERE CON ATTENZIONE TUTTE LE PARTI DEL PRESENTE

Dettagli

Interfaccia EIB - centrali antifurto

Interfaccia EIB - centrali antifurto Interfaccia EIB - centrali antifurto GW 20 476 A 1 2 3 1 2 3 4 5 Terminali bus LED di programmazione indirizzo fisico Tasto di programmazione indirizzo fisico Cavo di alimentazione linea seriale Connettore

Dettagli

Manuale di installazione ALM-W002

Manuale di installazione ALM-W002 Manuale di installazione ALM-W002 ALM-W002 Sirena via radio - Manuale di installazione Tutti i dati sono soggetti a modifica senza preavviso. Conforme alla Direttiva 1999/5/EC. 1. Introduzione ALM-W002

Dettagli

Impianti di rilevazione incendio indirizzati ad anello (loop)

Impianti di rilevazione incendio indirizzati ad anello (loop) Impianti di rilevazione incendio indirizzati ad anello (loop) In questi impianti la linea bifilare che parte dalla centrale di controllo non termina con la resistenza di fine linea, ma si richiude sulla

Dettagli

MANUALE TECNICO PANDA 4. Combinatore Telefonico GSM CON MODULO INDUSTRIALE TRI-BAND 900+1800+1900

MANUALE TECNICO PANDA 4. Combinatore Telefonico GSM CON MODULO INDUSTRIALE TRI-BAND 900+1800+1900 MANUALE TECNICO PANDA 4 Combinatore Telefonico GSM CON MODULO INDUSTRIALE TRI-BAND 900+1800+1900 La Sima dichiara che questo prodotto è conforme ai requisiti essenziali delle direttive 1999/5/CE 89/336/CEE

Dettagli

Simple8 MANUALE: - INSTALLAZIONE - PROGRAMMAZIONE - USO

Simple8 MANUALE: - INSTALLAZIONE - PROGRAMMAZIONE - USO Simple8 MANUALE: - INSTALLAZIONE - PROGRAMMAZIONE - USO 1 CARATTERISTICHE DISPOSITIVI A BORDO Presa di comando con chiave elettronica (mod. INS/P) Tastiera ad 12 tasti per la programmazione e per le esclusioni.

Dettagli

SERIE RUNNER. Manuale veloce di installazione. Ver 15.01.08 SERIE RUNNER MANUALE VELOCE DI INSTALLAZIONE 1

SERIE RUNNER. Manuale veloce di installazione. Ver 15.01.08 SERIE RUNNER MANUALE VELOCE DI INSTALLAZIONE 1 SERIE RUNNER Manuale veloce di installazione Ver 15.01.08 SERIE RUNNER MANUALE VELOCE DI INSTALLAZIONE 1 Sommario: 0.0 Avvertenze pag. 3 0.1 Introduzione pag. 3 0.2 Prima di iniziare pag. 3 1.0 Inizio

Dettagli

VISUALIZZATORE DI ALLARMI E MESSAGGI CON INGRESSI IN CODICE BINARIO DISP XXXB. Manuale d uso

VISUALIZZATORE DI ALLARMI E MESSAGGI CON INGRESSI IN CODICE BINARIO DISP XXXB. Manuale d uso VISUALIZZATORE DI ALLARMI E MESSAGGI CON INGRESSI IN CODICE BINARIO DISP XXXB Manuale d uso Note Rel.: 1.2 Gennaio 2001 Le informazioni contenute in questa documentazione possono essere modificate senza

Dettagli

COMBY GSM BUS. Combinatore GSM su BUS 485. Manuale di installazione ed uso. Made in Italy 13.07-M1.0-H1.0F0.0S1.2

COMBY GSM BUS. Combinatore GSM su BUS 485. Manuale di installazione ed uso. Made in Italy 13.07-M1.0-H1.0F0.0S1.2 COMBY GSM BUS Combinatore GSM su BUS 485 13.07-M1.0-H1.0F0.0S1.2 Manuale di installazione ed uso Made in Italy 1 PRIMA DI INSTALLARE IL SISTEMA LEGGERE CON ATTENZIONE TUTTE LE PARTI DEL PRESENTE MANUALE.

Dettagli

DS80KT1J-004 Gestione Famiglia serie MB10. Web Server Guida all impostazione

DS80KT1J-004 Gestione Famiglia serie MB10. Web Server Guida all impostazione DS80KT1J-004 Gestione Famiglia serie MB10 Web Server Guida all impostazione Le informazioni contenute in questo documento sono state raccolte e controllate con cura, tuttavia la società non può essere

Dettagli

MANUALE DI INSTALLAZIONE E PROGRAMMAZIONE AVANZATA

MANUALE DI INSTALLAZIONE E PROGRAMMAZIONE AVANZATA VERSIONE 4 MANUALE DI INSTALLAZIONE E PROGRAMMAZIONE AVANZATA FSP SISTEMI s.r.l. - via Ada Negri, 76a - 00137 R O M A Tel. 06.8209.7666 fax: 06.8209.7677 www.fspsistemi.it e-mail: info@fspsistemi.it 19

Dettagli

Serie Runner. Sistemi di Controllo Allarmi Wireless e Filari. Manuale Utente

Serie Runner. Sistemi di Controllo Allarmi Wireless e Filari. Manuale Utente Serie Runner Sistemi di Controllo Allarmi Wireless e Filari Manuale Utente Contenuti INTRODUZIONE Pag. 3 Presentazione del sistema di controllo allarmi CROW 3 Configurazione tipica di un sistema di allarme

Dettagli

MANUALE PRATICO. CT3000 Office

MANUALE PRATICO. CT3000 Office CT3000 Office MANUALE PRATICO Via Cartesio 3/1 42100 Bagno (RE) Tel. +39 0522 262 500 Fax +39 0522 624 688 Web www.eter.it E-mail info@eter.it Data revisione: 07.2010 Schema Centralina di Cablaggio Morsetto

Dettagli

Centrale Analogica a 1 Loop per la rilevazione e la segnalazione incendio FireClass100

Centrale Analogica a 1 Loop per la rilevazione e la segnalazione incendio FireClass100 Specifiche di Capitolato A-02-FireClass100 Centrale Analogica a 1 Loop per la rilevazione e la segnalazione incendio FireClass100 1.0 Scopo Questa specifica fornisce i requisiti essenziali per un sistema

Dettagli

CENTRALE DI RIVELAZIONE INCENDIO

CENTRALE DI RIVELAZIONE INCENDIO CENTRALE DI RIVELAZIONE INCENDIO [immagine] MANUALE DI INSTALLAZIONE ED USO Dicembre 2005 - rev..2 INDICE. CENTRALE ANTINCENDIO A MICROPROCESSORE ALGOLITE.... CARATTERISTICHE PRINCIPALI:....2 GRUPPO DI

Dettagli

Centrale via filo ad 8 zone

Centrale via filo ad 8 zone Note Centrale via filo ad 8 zone Sommario Pagina 1.0. Descrizione... 2 2.0. Installazione... 3 3.0. Collegamenti... 4 4.0. Collegamento alla rete... 7 4.1. Sostituzione fusibile di rete... 7 4.2. Presa

Dettagli

C488-10-05. Cod. ACPR900A

C488-10-05. Cod. ACPR900A C488-10-05 Cod. ACPR900A 1 Introduzione... 3 1.1 Avviso... 3 1.2 Avvertimenti e precauzioni... 3 1.3 Approvazioni Nazionali... 3 2 Descrizione... 4 3 Installazione... 5 3.1 montaggio del pannello remoto

Dettagli

SOLAR-TEST Analizzatore per pannelli solari

SOLAR-TEST Analizzatore per pannelli solari INFORMAZIONE AGLI UTENTI ai sensi dell art. 13 del decreto legislativo 25 luglio 2005, n. 15 Attuazione delle Direttive 2002/95/CE, 2002/96/CE e 2003/108/CE, relative alla riduzione dell uso di sostanze

Dettagli

Tastiere 636 e 646. Manuale utente DT01451

Tastiere 636 e 646. Manuale utente DT01451 Tastiere 636 e 646 636 646 Manuale utente DT01451 Sommario Operazioni di base 3 Codici accesso 4 Inserimento e disinserimento 5 Tasti panico 9 Tasto di accesso alla programmazione 10 Caratteristiche supplementari

Dettagli

ACP01 - ACP02 CENTRALI ANALOGICHE DI RIVELAZIONE INCENDIO

ACP01 - ACP02 CENTRALI ANALOGICHE DI RIVELAZIONE INCENDIO PREVENZIONE FURTO INCENDIO GAS BPT Spa Centro direzionale e Sede legale Via Cornia, 1/b 33079 Sesto al Reghena (PN) - Italia http://www.bpt.it mailto:info@bpt.it ACP01 - ACP02 CENTRALI ANALOGICHE DI RIVELAZIONE

Dettagli

Centralina di regolazione con gestione a distanza

Centralina di regolazione con gestione a distanza Centralina di regolazione con gestione a distanza L apparecchio regola la temperatura dell acqua di mandata dell impianto di riscaldamento. Adatte per tutti i tipi di impianti di riscaldamento di condomini,

Dettagli

Simply8. Manuale d uso. v. 1.0. Cod. 27951. Centrale filare Simply8. High

Simply8. Manuale d uso. v. 1.0. Cod. 27951. Centrale filare Simply8. High Simply8 Cod. 27951 Centrale filare Simply8 High Manuale d uso v. 1.0 INTRODUZIONE Zone di allarme temporizzabili e parzializzabili con linee configurabili come N.C., N.A., bilanciate e ad impulsi (es.

Dettagli

PRESENTA. Cronometro da gara per prove di regolarità. Versione 4.19

PRESENTA. Cronometro da gara per prove di regolarità. Versione 4.19 PRESENTA Cronometro da gara per prove di regolarità Versione 4.19 Funzionamento Alla accensione lo strumento presenta la schermata di benvenuto quindi emette un bip. Alla pressione di un tasto oppure dopo

Dettagli

ISTRUZIONE TECNICA. CENTRALI 5 e 10 ZONE. Rev.B

ISTRUZIONE TECNICA. CENTRALI 5 e 10 ZONE. Rev.B ISTRUZIONE TECNICA CENTRALI 5 e 10 ZONE Rev.B Indice manuale tecnico Principi generali di funzionamento pag. 03 Installazione meccanica. pag. 06 Descrizione del frontale della centrale pag. 08 Chiave elettromeccanica.

Dettagli

Simple4 MANUALE: - INSTALLAZIONE - PROGRAMMAZIONE - USO

Simple4 MANUALE: - INSTALLAZIONE - PROGRAMMAZIONE - USO Simple4 MANUALE: - INSTALLAZIONE - PROGRAMMAZIONE - USO 1 CARATTERISTICHE DISPOSITIVI A BORDO Presa di comando con chiave elettronica (mod. INS/P) Tastiera ad 8 tasti per la programmazione ed esclusione

Dettagli

1019 E CENTRALE POLIFUNZIONALE DI GESTIONE ALLARMI MANUALE DI INSTALLAZIONE

1019 E CENTRALE POLIFUNZIONALE DI GESTIONE ALLARMI MANUALE DI INSTALLAZIONE 1019 E CENTRALE POLIFUNZIONALE DI GESTIONE ALLARMI MANUALE DI INSTALLAZIONE MANUALE NO. TM0011 1 Pagine Preliminari: I numeri in grassetto identificano la sezione di accesso: 1 area incendio, 2 area intrusione,

Dettagli

EASY 1 LOOP. Centrale Rivelazione Incendio Analogica Centrale di Estinzione. Manuale Utente

EASY 1 LOOP. Centrale Rivelazione Incendio Analogica Centrale di Estinzione. Manuale Utente EASY 1 LOOP Centrale Rivelazione Incendio Analogica Centrale di Estinzione Manuale Utente EASY 1 LOOP Manuale Utente Capitolo 1 Descrizione della centrale 1.1 Dati di identificazione del dispositivo Denominazione:

Dettagli

Manuale di installazione e d uso. Leggere attentamente questo manuale prima dell uso

Manuale di installazione e d uso. Leggere attentamente questo manuale prima dell uso DISPOSITIVO DI GESTIONE APERTURE VARCHI SU RETE GSM MANUALE DI INSTALLAZIONE E USO Leggere attentamente questo manuale prima dell uso 1 INFORMAZIONI GENERALI Manuale d installazione ed uso Il presente

Dettagli

SOLAR VIEW. pv data logger. - Manuale d installazione e uso -

SOLAR VIEW. pv data logger. - Manuale d installazione e uso - SOLAR VIEW pv data logger - Manuale d installazione e uso - INTRODUZIONE Vi ringraziamo per la scelta del nostro prodotto. L apparecchio descritto in questo manuale è un prodotto di alta qualità, attentamente

Dettagli

Impieghi. Prestazioni:

Impieghi. Prestazioni: La gamma di centrali convenzionali d allarme incendio serie HFC-800 consiste essenzialmente in due famiglie, con scheda base a 4 e scheda base a 8 zone. Partendo da queste schede, con l aggiunta di moduli

Dettagli

DCA75. Guida alla Installazione. EDINTEC S.R.L. Viale Umbria, 24 20090 Pieve Emanuele (MI) Tel. 02 91988336. www.gladiusnet.it - sales@gladiusnet.

DCA75. Guida alla Installazione. EDINTEC S.R.L. Viale Umbria, 24 20090 Pieve Emanuele (MI) Tel. 02 91988336. www.gladiusnet.it - sales@gladiusnet. RETE ON AMALIA 1 2 3 TEST 4 5 6 7 EDINTEC S.R.L. Viale Umbria, 24 20090 Pieve Emanuele (MI) Tel. 02 91988336 www.gladiusnet.it - sales@gladiusnet.it DOMOTEC SRL - Lungo Dora Liguria, 58 - I - 10143 TORI

Dettagli

SmartLine. Centrale Rivelazione Incendio Convenzionale. Centrale di Estinzione. Manuale Utente. GameOver

SmartLine. Centrale Rivelazione Incendio Convenzionale. Centrale di Estinzione. Manuale Utente. GameOver SmartLine Centrale Rivelazione Incendio Convenzionale Centrale di Estinzione Manuale Utente GameOver Capitolo 1 Descrizione della centrale 1.1 Dati di identificazione del fabbricante INIM Electronics s.r.l.

Dettagli

Ricevitore RF 8 canali EIB - da incasso GW 10 798 GW 12 798 GW 14 798

Ricevitore RF 8 canali EIB - da incasso GW 10 798 GW 12 798 GW 14 798 Ricevitore RF 8 canali EIB - da incasso GW 0 798 GW 798 GW 4 798 3 8 A 3 4 5 4 0 5 9 6 7 6 Pulsante di test canali EIB 3 4 5 6 LED multifunzione LED di programmazione indirizzo fisico Tasto di programmazione

Dettagli

- Limena (Padova) - &HQWUDOH$;,6 MANUALE PER L UTENTE. Centrale mod. AXIS 30. Omologazione IMQ - ALLARME 1 e 2 LIVELLO

- Limena (Padova) - &HQWUDOH$;,6 MANUALE PER L UTENTE. Centrale mod. AXIS 30. Omologazione IMQ - ALLARME 1 e 2 LIVELLO - Limena (Padova) - &HQWUDOH$;,6 MANUALE PER L UTENTE Centrale mod. AXIS 30 Omologazione IMQ - ALLARME 1 e 2 LIVELLO AXEL AXIS 30 6HJQDOD]LRQLFRQOHG led giallo: se acceso, indica la presenza della tensione

Dettagli

CENTRALE serie R. Utente. Manuale. - Versione 4.1 -

CENTRALE serie R. Utente. Manuale. - Versione 4.1 - CENTRALE serie R Manuale Utente - Versione 4.1-00 1 Menù Utente CODICE PERSONALE (DEFAULT utente 1= 111111) Frecciagi ù INSERIMENTO Invio ( ) Utilizzare i Tasti Numerici per configurare i Programmi da

Dettagli

SCHEDA TECNICA PA8506-V

SCHEDA TECNICA PA8506-V Sezione Evacuazione vocale Categoria Sistema Codice Certificato EN 54-16: 2008 n. 0068-CPD-081/2011 Descrizione Sistema d evacuazione compatto Il è un sistema d evacuazione vocale compatto che consente

Dettagli

MP500/4 - MP500/8 MP500/16 Centrali di allarme telegestibili

MP500/4 - MP500/8 MP500/16 Centrali di allarme telegestibili I MP500/4 - MP500/8 MP500/16 Centrali di allarme telegestibili Sul sito www.elkron.com potrebbero essere disponibili eventuali aggiornamenti della documentazione fornita a corredo del prodotto. Manuale

Dettagli

MCA 808GSM. Centrale Allarme 8 zone. Manuale Tecnico di Installazione e Programmazione

MCA 808GSM. Centrale Allarme 8 zone. Manuale Tecnico di Installazione e Programmazione MCA 808GSM Centrale Allarme 8 zone Manuale Tecnico di Installazione e Programmazione Il codice di default è 67890 All accensione La centrale effettua una serie di TEST. Tali Test sono evidenziati dall

Dettagli

DCRK5 DCRK7 DCRK8 DCRK12 Regolatore automatico del fattore di potenza

DCRK5 DCRK7 DCRK8 DCRK12 Regolatore automatico del fattore di potenza DCRK5 DCRK7 DCRK8 DCRK12 Regolatore automatico del fattore di potenza I 140 I 1203 MANUALE DEL SOFTWARE DI PROGRAMMAZIONE Sommario Introduzione... 2 Risorse minime del PC... 2 Installazione... 2 Collegamento

Dettagli

LEC. Procedura di avviamento LEC. Termoregolatore. Funzionamento di base/configurazione avanzata/ Interventi di ripristino C K. Versione 1.

LEC. Procedura di avviamento LEC. Termoregolatore. Funzionamento di base/configurazione avanzata/ Interventi di ripristino C K. Versione 1. Procedura di avviamento LEC Ciclo a secco stampo, applicare la massima forza di chiusura, ripetere - volte (chiudere tutti i conduttori prima di iniziare). Accendere l interruttore principale (posizione

Dettagli

-V- Novità. Unità operative FED, Front End Display 7.1. Interfaccia Ethernet (opzionale) Semplice progettazione con l editor designer 6.

-V- Novità. Unità operative FED, Front End Display 7.1. Interfaccia Ethernet (opzionale) Semplice progettazione con l editor designer 6. D07_01_010_F-FED D07_01_009_E-FED Unità operative FED, Interfaccia Ethernet (opzionale) Semplice progettazione con l editor designer 6.02 Interfaccia PC/stampante (FED-90) Clock interno 2003/10 Con riserva

Dettagli

Digit Italia Centrale digitale di rivelazione incendio multiprocessore MANUALE UTENTE. Centrale digitale di rivelazione incendio multiprocessore

Digit Italia Centrale digitale di rivelazione incendio multiprocessore MANUALE UTENTE. Centrale digitale di rivelazione incendio multiprocessore Page 1 / 16 Manuale utente Page 2 / 16 Sira s.r.l. si riserva, senza preavviso, di apportare modifiche al presente manuale ed al prodotto in esso descritto. Sira s.r.l. non si assume alcuna responsabilità

Dettagli

RELAZIONE TECNICA SISTEMA SOLAR DEFENDER

RELAZIONE TECNICA SISTEMA SOLAR DEFENDER RELAZIONE TECNICA SISTEMA SOLAR DEFENDER ARGOMENTO: La presente relazione tecnica ha come scopo la descrizione dettagliata del sistema Solar Defender di MARSS, relativamente alla protezione di un impianto

Dettagli

Interfaccia contatti a 2 ingressi indipendenti

Interfaccia contatti a 2 ingressi indipendenti Il dispositivo è utilizzato per collegare al sistema antintrusione i contatti magnetici di allarme normalmente chiusi, contatti elettromeccanici a fune per la protezione di avvolgibili e tapparelle e sensori

Dettagli

CENTRALINA AHC 9000 scheda tecnica cet01-s01-13a

CENTRALINA AHC 9000 scheda tecnica cet01-s01-13a S Y S T E M S CETRAIA scheda tecnica cet01-s01-13a testo di capitolato impiego schemi di collegamento CETRAIA specifica per la gestione dei componenti della famiglia ahc 9000, con antenna integrata per

Dettagli

LINCE ITALIA S.p.A. REG.N.4796 UNI EN ISO 9001:2008. GR868ONDA Art.: MANUALE DI INSTALLAZIONE, PROGRAMMAZIONE ED USO MADE IN ITALY

LINCE ITALIA S.p.A. REG.N.4796 UNI EN ISO 9001:2008. GR868ONDA Art.: MANUALE DI INSTALLAZIONE, PROGRAMMAZIONE ED USO MADE IN ITALY LINCE ITALIA S.p.A. REG.N.4796 UNI EN ISO 9001:2008 GR868ONDA Art.: 4072 MANUALE DI INSTALLAZIONE, PROGRAMMAZIONE ED USO MADE IN ITALY SOMMARIO 1 Generalità...3 2 Caratteristiche Tecniche...3 3 Avvertenze...3

Dettagli

CENTRALE DI ALLARME TECHNOWEB

CENTRALE DI ALLARME TECHNOWEB CENTRALE DI ALLARME TECHNOWEB La centrale Technoweb è una centrale a con 8 ingressi di allarme. Le 8 zone/ingressi sono suddivise su 2 aree. Funzione tempo di ingresso e tempo di uscita, possibilità di

Dettagli

w w w.pr otexital i a. it DIGICOM combinatore telefonico GSM con modulo industriale MANUALE ISTRUZIONI

w w w.pr otexital i a. it DIGICOM combinatore telefonico GSM con modulo industriale MANUALE ISTRUZIONI w w w.pr otexital i a. it DIGICOM combinatore telefonico GSM con modulo industriale MANUALE ISTRUZIONI Edizione marzo 2008 1 INDICE Caratteristiche DIGICOM. Schema generale.. Descrizione morsetti. Programmazione

Dettagli

CENTRALINA DIGITALE PER IL CONTROLLO DI IMPIANTI A PANNELLI SOLARI

CENTRALINA DIGITALE PER IL CONTROLLO DI IMPIANTI A PANNELLI SOLARI CENTRALINA DIGITALE PER IL CONTROLLO DI IMPIANTI A PANNELLI SOLARI GENERALITA Questo dispositivo è una centralina per il controllo di impianti a pannelli solari termici. Dotata di 3 Uscite (2 relè dei

Dettagli

ifish64gsm MANUALE D USO MHz CENTRALE RADIO 64 ZONE CON GSM. Italian Quality Cod. 25735 CARATTERISTICHE TECNICHE

ifish64gsm MANUALE D USO MHz CENTRALE RADIO 64 ZONE CON GSM. Italian Quality Cod. 25735 CARATTERISTICHE TECNICHE ifish64gsm Cod. 25735 CENTRALE RADIO 64 ZONE CON GSM. 868 MHz MANUALE D USO CARATTERISTICHE TECNICHE - Trasmettitore ibrido con filtro SAW 868 MHz. - Alimentazione con batteria al litio da 3,6 V 1Ah con

Dettagli

Centralina di regolazione multifunzione espandibile con telegestione, con ingresso 4-20mA - MASTER. Dimensioni (mm)

Centralina di regolazione multifunzione espandibile con telegestione, con ingresso 4-20mA - MASTER. Dimensioni (mm) EV87 EV87 Centralina di regolazione multifunzione espandibile con telegestione, con ingresso 4-20mA - MASTER Il regolatore climatico è adatto alla termoregolazione climatica con gestione a distanza di

Dettagli

EUROPANEL II EUROPANEL II H

EUROPANEL II EUROPANEL II H AVS ELECTRONICS Curtarolo (Padova) MANUALE GENERALE DI INSTALLAZIONE E DI PROGRAMMAZIONE EUROPANEL II EUROPANEL II H AZIENDA CON SISTEMA QUALITA CERTIFICATO ISO9001-1 - EUROPANEL II l Centrale a microprocessore

Dettagli

USER MANUAL HT-6050/6060

USER MANUAL HT-6050/6060 USER MANUAL HT-6050/6060 HT-6050/6060 MANUALE DI ISTRUZIONI Catalogue Istruzioni per la sicurezza 1 Introduzione Operazioni 3 Risoluzione dei problemi 6 Manutenzione 7 Specifiche 8 Istruzioni per la sicurezza

Dettagli

Centrale rivelazione incendio convenzionale

Centrale rivelazione incendio convenzionale Centrale rivelazione incendio convenzionale FPC-500-2 FPC-500-4 FPC-500-8 it Guida operativa FPC-500-2 FPC-500-4 FPC-500-8 Sommario it 3 Sommario Istruzioni per la sicurezza 4 2 Breve panoramica 5 3 Panoramica

Dettagli

DS38SL Centrale Radio con display

DS38SL Centrale Radio con display DS38SL Centrale Radio con display INTRODUZIONE E CARATTERISTICHE TECNICHE La centrale è stata realizzata per permettere l installazione di un sistema d allarme dove non è possibile, o non si ritenga opportuno

Dettagli

CE818. Programmazione via software. Software di programmazione. Made in Italy 13.05-M1.0-H0.0F0.0S1.20

CE818. Programmazione via software. Software di programmazione. Made in Italy 13.05-M1.0-H0.0F0.0S1.20 CE818 Programmazione via software 13.05-M1.0-H0.0F0.0S1.20 Software di programmazione Made in Italy 1 PRIMA DI INSTALLARE IL SISTEMA LEGGERE CON ATTENZIONE TUTTE LE PARTI DEL PRESENTE MANUALE. CONSERVARE

Dettagli

MANUALE D ISTRUZIONI. Contatore di particelle video con fotocamera integrata. Modello VPC300

MANUALE D ISTRUZIONI. Contatore di particelle video con fotocamera integrata. Modello VPC300 MANUALE D ISTRUZIONI Contatore di particelle video con fotocamera integrata Modello VPC300 Introduzione Grazie per aver scelto il Contatore di particelle con fotocamera Modello VPC300 di Extech Instruments.

Dettagli

SISPA Sicurezza Incendio S. r. l.

SISPA Sicurezza Incendio S. r. l. CARATTERISTICHE DI ESERCIZIO 1.1 Normale Esercizio di Analisi Fumi. Il pannello di centrale si presenta con la spia power accesa in colore verde, simbolo della corretta alimentazione di centrale. La scritta

Dettagli

SEO 2SEV/4S-AA DISPOSITIVO SONORO ALLARME INCENDIO CONFORME EN 54-3 - ISTRUZIONI DI INSTALLAZIONE E UTILIZZO -

SEO 2SEV/4S-AA DISPOSITIVO SONORO ALLARME INCENDIO CONFORME EN 54-3 - ISTRUZIONI DI INSTALLAZIONE E UTILIZZO - IP65 C 11 0051-CPD-0315 DISPOSITIVO SONORO ALLARME INCENDIO CONFORME EN 54-3 - ISTRUZIONI DI INSTALLAZIONE E UTILIZZO - L installazione deve essere effettuata da personale specializzato rispettando le

Dettagli

Sch.1067/032 Sch.1067/042

Sch.1067/032 Sch.1067/042 Mod. 1067 DS1067-007A LBT8376 CENTRALE BUS 8/32 INGRESSI Sch.1067/032 Sch.1067/042 MANUALE UTENTE INDICE PREFAZIONE... 4 1 ORGANI DI COMANDO... 5 1.1 TASTIERA DISPLAY 1067/021... 5 1.2 LETTORE CHIAVE ELETTRONICA

Dettagli

TFPS-5 Gruppo di alimentazione indirizzato. TFPS-5 Alimentatore indirizzato. Gruppo di alimentazione TFPS-5

TFPS-5 Gruppo di alimentazione indirizzato. TFPS-5 Alimentatore indirizzato. Gruppo di alimentazione TFPS-5 Gruppo di alimentazione indirizzato Gruppo di alimentazione Gruppo di alimentazione supplementare indirizzato per sistemi di rivelazione e di segnalazione d incendio per edifici. Tensione nominale di alimentazione

Dettagli

RBAND/OS RBAND/OSB INTRODUZIONE CARATTERISTICHE TECNICHE TRASMETTITORE DESCRIZIONE USO DEL SISTEMA - 1 -

RBAND/OS RBAND/OSB INTRODUZIONE CARATTERISTICHE TECNICHE TRASMETTITORE DESCRIZIONE USO DEL SISTEMA - 1 - INTRODUZIONE DESCRIZIONE Il sistema Radioband è stato concepito per applicazioni in porte e cancelli industriali, commerciali e residenziali nei quali venga installata una banda di sicurezza. Il sistema

Dettagli

CENTRALE ALLARME ANTINTRUSIONE G8 PLUS

CENTRALE ALLARME ANTINTRUSIONE G8 PLUS CENTRALE ALLARME ANTINTRUSIONE G8 PLUS Le centrali di allarme G-Quattro plus (4 zone) e G-Otto plus (8 zone) nascono con lo scopo di facilitare la realizzazione e la gestione di impianti di allarme di

Dettagli

ALTRI DISPOSITIVI DEL SISTEMA. Rivelatore volumetrico ad IR passivo

ALTRI DISPOSITIVI DEL SISTEMA. Rivelatore volumetrico ad IR passivo Rivelatore volumetrico ad IR passivo MODIFICHE PER IMPIANTO A 4 ZONE La centrale Sch.1057/008 è preimpostata per raggruppare i rivelatori in 3 zone (ad esempio Zona giorno, Zona notte e Garage). Anche

Dettagli

MANUALE DI ISTALLAZIONE

MANUALE DI ISTALLAZIONE MANUALE DI ISTALLAZIONE CA/03 A (SR 82.03 A) CA/04 A (SR 82.04 A) CA/05 A (SR 82.05 A) CENTRALE ANTINCENDIO CONVENZIONALE A 2 ZONE CENTRALE ANTINCENDIO CONVENZIONALE A 8 ZONE CENTRALE ANTINCENDIO CONVENZIONALE

Dettagli

combinatore telefonico GSM + PSTN combinatore telefonico GSM

combinatore telefonico GSM + PSTN combinatore telefonico GSM www.protexitalia.it combinatore telefonico GSM + PSTN & combinatore telefonico GSM manuale Skorpion Dual Com (articolo SKRDCM) & manuale Skorpion Gsm (articolo SKRGSM) versione 30 luglio 2008 PROTEX Italia

Dettagli

CENTRALE C16 MANUALE TECNICO

CENTRALE C16 MANUALE TECNICO CENTRALE C16 MANUALE TECNICO Per INSTALLAZIONE E USO INGRESSO DEL MENU' TECNICO LETTURA EVENTI MENU INGRESSI Voci di Menù TECNICO (3.7) Area Ingressi Funz. Ingressi Tipo Ingressi Uscita Ingressi CENTRALE

Dettagli

IMPIANTO DI PRESSURIZZAZIONE FILTRI A PROVA DI FUMO -STABILIMENTO GRAFICO MILITARE-GAETA - Progetto Esecutivo - Manuale Uso e Manutenzione

IMPIANTO DI PRESSURIZZAZIONE FILTRI A PROVA DI FUMO -STABILIMENTO GRAFICO MILITARE-GAETA - Progetto Esecutivo - Manuale Uso e Manutenzione 1. INFORMAZIONI UTILI ALLA SICUREZZA 1.1 ALIMENTAZIONE La derivazione del sistema dovrà avvenire da circuito con presenza di tensione permanente a 230 Vca, 50 Hz con classe di isolamento I. Il morsetto

Dettagli

SLDLP GALAXY GOLD - PROGRAMMA DI TELE-ASSISTENZA

SLDLP GALAXY GOLD - PROGRAMMA DI TELE-ASSISTENZA PREVENZIONE FURTO INCENDIO GAS BPT Spa Centro direzionale e Sede legale Via Cornia, 1/b 33079 Sesto al Reghena (PN) Italia http://www.bpt.it mailto:info@bpt.it SLDLP GALAXY GOLD - PROGRAMMA DI TELE-ASSISTENZA

Dettagli

Rev. Data Descrizione Redazione Approvazione

Rev. Data Descrizione Redazione Approvazione MANUALE UTENTE G-MOD Manuale di installazione, uso e manutenzione A Gennaio 2015 Prima Versione S. Zambelloni M. Carbone Rev. Data Descrizione Redazione Approvazione Rev.A Pag. 1 di 16 Le informazioni

Dettagli

InterCom GSM. Manuale di Installazione

InterCom GSM. Manuale di Installazione Manuale di Installazione Sommario Descrizione delle funzioni del dispositivo... Pagina 3 Descrizione dei terminali della morsettiera... Pagina 3 Vantaggi... Pagina 4 Installazione e configurazione... Pagina

Dettagli

Regolatore per gruppo compatto di collegamento e gestione energia

Regolatore per gruppo compatto di collegamento e gestione energia Regolatore per gruppo compatto di collegamento e gestione energia Serie 2850.. Manuale di installazione e messa in servizio Grazie per aver acquistato questo apparecchio. Leggere attentamente queste istruzioni

Dettagli

AMICO VERO. Manuale di istruzioni-italiano -1-

AMICO VERO. Manuale di istruzioni-italiano -1- AMICO VERO Manuale di istruzioni-italiano -1- 1. INTRODUZIONE 1.1 INFORMAZIONI: Grazie per aver scelto AMICO VERO, telefono cellulare senior. Con questo manuale, è possibile comprendere il funzionamento

Dettagli

Italiano. Manuale di uso e installazione. Serie GSM. MINI Rev. 6 01/2015 MITECH srl si riserva di modificare i dati senza preavviso.

Italiano. Manuale di uso e installazione. Serie GSM. MINI Rev. 6 01/2015 MITECH srl si riserva di modificare i dati senza preavviso. Italiano Serie GSM MINI Manuale di uso e installazione MINI Rev. 6 01/2015 MITECH srl si riserva di modificare i dati senza preavviso. Indice Descrizione delle funzioni del dispositivo 3 Descrizione dei

Dettagli

A 4-8-16 Centrale modulare analogica multiprocessore 16 bit A 4-8-16 MANUALE UTENTE A 4-8-16. Centrale modulare analogica multiprocessore 16 bit

A 4-8-16 Centrale modulare analogica multiprocessore 16 bit A 4-8-16 MANUALE UTENTE A 4-8-16. Centrale modulare analogica multiprocessore 16 bit Page / 4 A 4-8-6 Centrale modulare analogica multiprocessore 6 bit A 4-8-6 0/03/2004 A 4-8-6 Centrale modulare analogica multiprocessore 6 bit Manuale utente Page 2 / 4 A 4-8-6 Centrale modulare analogica

Dettagli

EG4 Star CENTRALE A MICROPROCESSORE

EG4 Star CENTRALE A MICROPROCESSORE Curtarolo (Padova) Italy MANUALE DI INSTALLAZIONE EG4 Star CENTRALE A MICROPROCESSORE IST0571V1.3-1 - Generalità Indice Generalità... pag. 2 Caratteristiche tecniche... pag. 2 Scheda della centrale...

Dettagli

CP1 PLUS Rev 1.0 Armadio a parete per schede di rivelazione gas MP0

CP1 PLUS Rev 1.0 Armadio a parete per schede di rivelazione gas MP0 SICUREZZA COMPAGNIA RIUNITE S.p.A. Manuale d uso CP1 PLUS Rev 1.0 Armadio a parete per schede di rivelazione gas MP0 SICOR S.p.A. Sede Comm. Amm.: Via Pisacane N 23/A 20016 Pero (MI) Italia Tel. +39-023539041

Dettagli

BY10870 AVVISATORE DISTACCO/RIPRISTINO DA DISTRIBUTORE. Sistema di sorveglianza e avviso GSM via SMS per sistema BY10850

BY10870 AVVISATORE DISTACCO/RIPRISTINO DA DISTRIBUTORE. Sistema di sorveglianza e avviso GSM via SMS per sistema BY10850 BY10870 AVVISATORE DISTACCO/RIPRISTINO DA DISTRIBUTORE Sistema di sorveglianza e avviso GSM via SMS per sistema BY10850 (versione firmware: BY10850-M1-V2) La presente documentazione è di proprietà esclusiva

Dettagli

SISTEMA DIGITALE PER IL MONITORAGGIO CONTINUO GZ-1800

SISTEMA DIGITALE PER IL MONITORAGGIO CONTINUO GZ-1800 GZ-1800 Proactive SISTEMA DIGITALE PER IL MONITORAGGIO CONTINUO GZ-1800 Sistema Digitale Per il Monitoraggio Continuo MANUALE OPERATIVO MANUALE OPERATIVO Pagina 1 di 7 rev. 1.1 - NOTE PRELIMINARI E DI

Dettagli

Sch. 1043/422 Sch. 1043/424

Sch. 1043/422 Sch. 1043/424 Mod. 1043 DS1043-160 LBT8539 CENTRALI DI RIVELAZIONE INCENDIO CONVENZIONALI A 2 E 4 ZONE Sch. 1043/422 Sch. 1043/424 MANUALE UTENTE INDICE 1 DESCRIZIONE GENERALE... 3 1.1 INTRODUZIONE... 3 2 NORMATIVE...

Dettagli

ATS Centrale di controllo. Manuale dell utente

ATS Centrale di controllo. Manuale dell utente ATS Centrale di controllo Manuale dell utente ARITECH è un marchio registrato di GE Interlogix BV CPYRIGHT 2003 GE Interlogix BV. Tutti i diritti riservati. GE Interlogix BV concede il diritto di ristampa

Dettagli

www.protexitalia.it centrale antifurto 5 zone radio/filo

www.protexitalia.it centrale antifurto 5 zone radio/filo www.protexitalia.it centrale antifurto 5 zone radio/filo IInttroduziione La centrale di allarme RF5000 (LEVEL 5) nasce con lo scopo di facilitare la realizzazione e la gestione di un impianto di allarme

Dettagli

w w w.pr otexital i a. it DIGICOM combinatore telefonico GSM con modulo industriale MANUALE ISTRUZIONI Edizione aprile 2008 (dal lotto 326)

w w w.pr otexital i a. it DIGICOM combinatore telefonico GSM con modulo industriale MANUALE ISTRUZIONI Edizione aprile 2008 (dal lotto 326) w w w.pr otexital i a. it DIGICOM combinatore telefonico GSM con modulo industriale MANUALE ISTRUZIONI Edizione aprile 2008 (dal lotto 326) 1 INDICE Caratteristiche DIGICOM. Vista D insieme.. Visualizzazione

Dettagli

EG8 Star CENTRALE A MICROPROCESSORE

EG8 Star CENTRALE A MICROPROCESSORE Curtarolo (Padova) Italy MANUALE DI INSTALLAZIE EG8 Star CENTRALE A MICROPROCESSORE IST0274V3.2-1 - Generalità Indice Generalità... pag. 2 Caratteristiche tecniche... pag. 2 Scheda della centrale... pag.

Dettagli

Centralina convenzionale rivelazione incendio

Centralina convenzionale rivelazione incendio Centralina convenzionale rivelazione incendio 4 zone rivelazione e 1 spegnimento In accordo alle EN 12094-1:2003, 54-2 e 54-4 Manuale D uso INDICE Precauzioni 1 Progettazione e pianificazione 2 FUNZIONAMENTO

Dettagli

Istruzioni per l uso. Controller B 170 (MB 1) Leggere attentamente le presenti istruzioni per l uso prima di mettere in funzione il controller.

Istruzioni per l uso. Controller B 170 (MB 1) Leggere attentamente le presenti istruzioni per l uso prima di mettere in funzione il controller. Istruzioni per l uso Controller B 170 (MB 1) Leggere attentamente le presenti istruzioni per l uso prima di mettere in funzione il controller. T( C) Controller B 170 T1 7 4 8 5 9 6 Eurotherm 2132i start

Dettagli